In questo video ti racconto com’è il suo vero rientro a casa quando lo saluti o vi siete lasciati. Buona visione!

Condividi:

7Commenti

  • Titti, 24 Giugno 2022 @ 15:47 Rispondi

    @Lia condivido in toto. Io ne sono uscita quasi subito, sono stata fortissima, ma la forza che ho avuto è stata commisurata alla sofferenza disumana che ho provato. Ho creduto davvero che il cuore mi si spaccasse. La delusione, la presa di coscienza della truffa subita, della violenza psicologica, mi hanno distrutta. A fronte di questa ” velocità”, dimenticare davvero è stato un processo lunghissimo. Smettere di pensare, rimuginare, farlo uscire completamente dalla mia testa oltre che dalla mia vita ha richiesto quasi un anno. È stato un processo lento con molte ricadute,( mentali). La tentazione di chiedere ancora spiegazioni ( ancora!!!), per fortuna sempre soffocata, i continui : perché perché perché mi hanno sfinita. Ho rivisto la luce piena da poco, il pensiero si è esaurito. Passano lunghissimi giorni senza che il pensiero della questione mi sfiori. Ho perdonato me stessa, ho capito che la truffa fosse stata troppo ben congegnata perché potessi riconoscerla come tale. Se ne viene fuori, come promette @ale, ma ci vuole tantissimo impegno, è come se fosse un lavoro… E bisogna mettere in conto il fattore tempo. A me per sei mesi di storia ( ma ci conoscevamo da ragazzi, da sempre…….) , ci è voluto praticamente un anno intero.

  • Lia, 24 Giugno 2022 @ 13:54 Rispondi

    @Ariel, @elleelle ❤️❤️

  • Ariel, 24 Giugno 2022 @ 11:50 Rispondi

    Si anche io ci tengo ad aggiungermi alle ottime considerazioni e testimonianze qui sul Blog intero scritte da Cara Lia e cara Elleelle

    Proprio così ,guarda caso chi ha avuto la forza e il coraggio di intraprendere un percorso terapeutico di supporto si si riesce ad uscirne meglio e molto prima. Soprattutto con meno confusione dentro
    La terapia infatti se ci si trova bene agisce come un farmaco con sostanza di principio attivo e ci aiuta a fare ordine da sole e cioè non è il terapeuta che ci guarisce ma sempre solo noi stesse attraverso la azione sinergica di terapia di prendersi cura di se di farsi un piano B del tipo adesso al centro ci sto io e sto in grado di SENTIRE chi veramente è capace di relazionare con me in modo equilibrato e che questo travalica il ruolo sociale di relazione

    E cioè non solo verso eventuali nuovi incontri che capitano semplicemente senza manco cercarli ma basta uscire di casa e vivere in mezzo agli altri

    Così anche verso i parenti gli amici i colleghi i figli verso pure la mia amata davvero,Portinaia
    Ecco come pure le relazioni del proprio passato e presente possano davvero essere vissute finalmente in pieno equilibrio di autostima!

    Questa percezione nuova che arriva poco a poco in un crescendo giorno dopo giorno ecco nascere nuovi punti di vista interiori il sentirsi finalmente scoperti i propri motivi antichi i propri perché comportamento del passato da nascita al oggi

    Tutto questo insieme con base di terapia da farsi sempre soprattutto per chi ha vissuto vere esperienze di trattamento tipico manipolatore negativo e vere violenze psicologiche che ricordiamoci non sono fatte solo quando l’altro si esprime a voce alta o con parolacce offensive chiare ed esplicite
    Nooo la violenza psicologica è fatta appunto da arte del intorto a scopo del ingannare ed approfittarsi delle proprie naturali diff i quel preciso periodo di vita

    Infatti osservazioni scientifiche e statistica parlano di donne in maggioranza con matrimonio che non funziona nel quale soffrono
    Con donne che si sono appena separate o che ci stanno provando
    Donn che sono sofferenti da malattie personali
    Donne che hanno subito da poco tempo un lutto importante
    Come Vedove o perdita di genitori o peggio figli

    Guarda caso noi donne tutte in vera difficoltà interiore sofferenze siamo più facilmente esposte a rendersi disposte a credere a vere manipolazioni negative a cadere nella trappola del essere così convinte da mollare tutto
    Chi marito chi essere convinte di voler proprio fare la amante zerbino FOREVER e
    Aver confuso la vera autostima e equilibrio necessario a poter esprimere e scoprire nel corso della propria vita le vere se stesse

    Chi si cura c’è la fa di SICURO una via della cura che comprende tante cose buone verso se stesse con base di sicuro almeno una esperienza di vera terapia soprattutto quando passano anni e ancora si resta nel tunnel di veri Barbablù

    Una fiaba che dovrebbero leggere tutti quella originale perché esprime in ogni personaggio esattattamene cosa significhino queste nostre esperienze vissute

    SI RINASCE POCO A POCO
    Se solo si ha la voglia forza ed umiltà di CURARSI I NODI ANTICHI E DIPENDENZA AFFETTIVA due cose diverse che necessitano terapie diverse per metodo e intervento

    Forzaaa CARISSIME RAGAZZE e quei pochi RAGAZZI come Love che mi fa piacere citare come testimonianze valide di persone che hanno avuto questa forza interiore di prendersi cura di se stessi!!

    La via della cura passa di qui a queste nostre scritture. Che definisco tra il serio e il senso humor che mai mi abbandona per mio dna di radici antiche
    Ecco tra il sacro e il profano
    Le nostre Scritture Sacre!!!

    Ah ah ah
    BONJOUR LA VIE EST BELLE!!!

  • elleelle, 24 Giugno 2022 @ 09:04 Rispondi

    @Lia
    Mi aggiungo a quello che hai scritto.
    È vero, se ne esce, anche se cambiati. Meno fiduciosi ma più consapevoli e decisi. La paura di perdere chi ci sembrava insostituibile si trasforma e ci porta a essere più chiari con noi stessi, a stabilire cosa vorremmo e cosa no.
    Si impara non solo a perdere ma a lasciare deliberatamente quella che sembrerebbe una buona occasione ma non lo è.
    Non solo in campo sentimentale ma in altri ambiti della propria vita, l’ho visto su di me.
    Nel momento in cui fai qualcosa contro quello che hai imparato, lo senti subito dentro. Quella sensazione di aver commesso o di stare per commettere un errore diventa molto più chiara che in passato e permette di agire nel modo migliore. Ci si prende più cura di se stessi e questo fa da filtro per i “malintenzionati”.
    Bisogna abbracciare questi cambiamenti e restare aperti verso chi ci circonda, perché di persone valide ce ne sono sicuramente in giro, anche solo come amici.
    È comunque positivo che da tanto dolore si rimanga comunque capaci di evolvere e di essere positivi.

  • Lia, 23 Giugno 2022 @ 21:44 Rispondi

    @Ale, vorrei cominciare a scrivere qualcosa di utile per le altre che ci sono ancora dentro.

    Se ne esce. Io mi sento finalmente libera e non pensavo di poterne uscire. Dire che ci vuole tempo non è sufficiente. Ci vuole tempo senza di lui. Tempo lontane. Solo così ci si rende conto di quanto fosse finzione da parte sua e dipendenza affettiva da parte nostra.
    Innamoratevi della vostra libertà. Libertà da un rapporto in cui non si è le protagoniste o, peggio, qualcuno ce lo fa credere.
    I pensieri che vi legano ancora a lui sono in realtà paure. Paura di non riuscire a provare le stesse cose. Paura della solitudine affettiva. Non è così. Il mondo è pieno di pesci. Diversi da lui, certo. Ma Innamoratevi anche della voglia di conoscere qualcosa di nuovo, di diverso.
    Per sostenere un codice del silenzio che riesca dovete programmarlo. Cominciate distaccandovi da lui. Lui non deve essere una parte fondamentale della vostra vita. Cominciate a dare priorità ed energia ad altre cose che vi piacciono.
    Ogni ricaduta, ogni momento di felicità che si aggiunge vi rende più difficile poi doverne uscire.
    Mettetevi nei panni di vostra madre. Cosa augurereste a vostra figlio/figlia? Un rapporto dove schiantarsi ad un muro è quasi inevitabile?

    Infine, voletevi bene. Non accettate più compromessi. Un bacio a tutte.

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 21:58 Rispondi

      Grazie mi servirà anche per il mio nuovo libro grazie

  • Outlier, 23 Giugno 2022 @ 20:10 Rispondi

    Ciao Alessandro,
    Questo video esprime in tutto e per tutto il mio ex sposato. Quante estati e vacanze con queste scuse. Solo che ha avuto il coraggio di dire la verità dopo 7 anni. Sono tanti anni Alessandro. Comunque si, a volte non aveva timore nemmeno a rispondere davanti a me o a rispondere su whatsapp con cuori. Però era in crisi, lei non lo faceva sentire importante e io ero la donna della sua vita. Dai un ti amo alla psicoanalisi (io) è un attimo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.