Questa è la storia di un uomo felicemente sposato, come ce ne sono tanti. Sua moglie, conosciuta tanti anni fa, è una donna importante, è la sua vita. È vero, alla passione e al sesso bollente di una volta si sono sostituite la routine, una rassicurante routine, e piacevoli rapporti più rarefatti, ma che in fondo sono il compendio di ciò che più piace a lui e a lei.

Nel suo animo profondo ciò non gli basta. Ha bisogno di vivere nuove emozioni, di corteggiare ed essere corteggiato, di scoprire nuovi corpi e nuove adrenaliniche vette di piacere.

Così, dopo anni di fedeltà, inizia a guardarsi intorno. D’improvviso, vede e desidera altre donne. Capita la prima avventura. Piacevole, gestibile e poi, alla fine, il senso di colpa non è così profondo. Certo, non gli piace mentire, ma vale la pena qualche bugia per rivivere forti emozioni.

Poi, però, si torna a casa. Sempre. La sua vita è lì. Il resto sono scappatelle, piacevoli, forse necessarie valvole di sfogo, ma fanno più bene che male, e non intaccano il menage di coppia. Anzi, la titolare godrà di un periodo di attenzioni sessuali in più, sull’onda dell’entusiasmo di lui per le nuove conquiste.

Ma a navigare negli oceani delle donne libere si possono incontrare le sirene. E così può succedere che il nostro amico incontri una Superdonna.

Libera, giocosa, non invasiva, sessualmente sconvolgente, simpatica, dinamica, perfetta. L’amante ideale ma… Mano a mano che la relazione parallela prosegue la voglia di stare con lei aumenta. I sotterfugi aumentano. Le bugie aumentano. E il tempo passato con lei non basta mai.

Lui si è innamorato di lei, lei di lui. È la fine del matrimonio, l’auto della vecchia coppia è ormai lanciata a 200 all’ora contro un muro quando… Lui frena, sterza, si ferma. E riporta la macchina nel box di casa.

Molti uomini, vivendo nuove storie d’amore, decidono di seguire la razionalità, ciò che dovrebbe essere giusto, rispetto alla passione e al cuore.

E così, la nuova possibile compagna, perfetta sotto ogni aspetto, deve cedere il passo di fronte a ragionamenti di opportunità, ragione, sensi di colpa, calcoli economici, figli, cosa diranno i miei e i suoi, convenzioni, convinzioni.

La mente prevale su desiderio e passione, sull’amore. Decretando l’infelicità per il resto della vita di quest’uomo.

Nell’Età dell’innocenza, Daniel Day Lewis, fresco di nozze, si innamora di Michel Pfeiffer. Lei, lui lo sa, è l’amore della sua vita. Lui non ama più sua moglie, ama lei. Ma figli, famiglia, società, convenzioni, lo portano a rinunciare, a mollare lei e un nuovo futuro.

Così lui vivrà una vita comoda, calma, senza scossoni, ma infelice, e con il rimpianto eterno di aver perso l’occasione di essere nuovamente vivo e felice.

Quanti uomini decidono, per paura, calcolo o vigliaccheria di non distruggere per risorgere. Certo, può convenire. Ma il prezzo è quella sorda infelicità che solo chi ha provato la vera passione e vi ha rinunciato può descrivere.

Ah, dimenticavo. Lui ha rinunciato a lei, ma non potrà più rinunciare a tutte le altre. Donne non importanti, scopate in giro, ma tutte crepe nel rapporto con sua moglie, ormai pallida ombra di quello che fu.

Ogni tanto qualche uomo, invece, osa. Who dares win

20140729-005807-3487869.jpg

Condividi:

1.685Commenti

  • Paolo, 29 Ottobre 2020 @ 18:17 Rispondi

    sono in una situazione simile, ma sono più giovane… Come è finita poi?

  • Fago, 13 Settembre 2019 @ 17:26 Rispondi

    Mi sento di fare alcune precisazioni:
    – Il sesso tra noi: ci desideriamo sì e pure parecchio ma gliel’ho sempre negato, non perché io abbia la patata d’oro e debba fargliela desiderare, ma perché mi conosco e so che dopo si creerebbe un legame ancora più forte (almeno per me) e se già così è difficile stargli lontana, dopo sarebbe ancora peggio! Certo vorrei che succedesse ma non così, non ce la faccio, sarà un mio limite boh.

    – La sua situazione a casa: per un certo periodo l’ho odiato, pensando che la crisi stesse soltanto nella sua testa e che a casa fingesse alla grande. In realtà, devo essere onesta, non è così: litigi anche pesanti con i figli presenti, lui non la desidera più, credo che non si stimino neanche più (frasi orribili che di certo una moglie amorevole non direbbe mai al suo caro maritino). Ogni tanto vado sui loro profili fb a vedere le ultime notizie, lo so che non devo farlo ma per ora è più forte di me: lui non se la fila proprio, lei se la canta e se la suona nel senso che vuole dare una parvenza di famiglia felice e unita ma da quelle poche foto insieme si vede che stanno tutti intossicati, mai un sorriso, lui senza la fede (lei non lo so).. mah! Sta di fatto che lei sa come far leva sui suoi sensi di colpa e lo ricatta.

    – Com’è lui: beh dalle frasi che vi ho riportato penso si capisca che tipo è, purtroppo non posso dire che sia uno str**** (dico purtroppo perché in tal caso sarebbe stato molto più facile staccarmi da lui). L’ha già tradita una volta la moglie, riuscì pure ad uscire di casa ma poi sta tipa lo lasciò e lui ritornò a casa anche grazie alle pressioni della sua famiglia. Quindi sensi di colpa a gogo, paura di soffrire di nuovo, casini assurdi se lei chiedesse la separazione. Sinceramente non voglio essere un ulteriore problema.

    – Il mio codice del silenzio: l’ho fatto per prendere le distanze da lui e da tutta questa situazione che messa così mi stava facendo davvero troppo male. Sono consapevole di essere stata un qualcosa di speciale per lui (se non altro per aver risposto ad un suo bisogno che non è in primis quello sessuale ma banalmente quello di essere ascoltato, compreso, apprezzato, forse anche amato) e sono consapevole di aver incontrato anch’io un’anima davvero speciale.. ma adesso devo pensare a me stessa, non escludo un suo ritorno (la speranza è veramente l’ultima a morire) ma adesso so esattamente quale frase voglio sentirmi dire, ai suoi ciao non risponderò più.
    Spero solo che la crocerossina sia morta definitivamente 🙂

  • nina, 1 Settembre 2019 @ 15:04 Rispondi

    @marco in che senso lei è ferma? non può darsi che si senta in colpa e voglia togliere al marito il meno possibile pur andando via? io gli avrei lasciato quasi tutto tranne il mio stipendio…

  • nina, 1 Settembre 2019 @ 15:02 Rispondi

    @vento grazie per la tua storia…anche mio marito non sta bene e diciamo che la sua sofferenza può essere stata per me fonte di una fatica che mi ha spinta verso l’altro…che a sua volta diceva di stare con una persona che stava male, ma la differenza è che io non ho mai qualificato mio marito come pazzo esaurito mentre lui parlava così di lei…è un enorme casino quando il coniuge sta male, sicuramente è un grosso freno, ma anche se la mia storia è finita io sto avendo grandissime difficoltà a cercare di ricomporre il mio matrimonio, con mio marito che non si smuove di un dito e con me che sono sempre più insofferente e innervosita da lui…il fatto che si siano ancora sospesi con amante non mi aiuta. il tuo viaggio sarà sicuramente un’ottima occasione per riflettere, coglilo come una grande opportunità e tienici aggiornati.

  • Piccola, 31 Agosto 2019 @ 14:07 Rispondi

    @Vento grazie. Ho pianto mentre leggevo la tua storia. Questi giorni lontano da tutti ti aiuteranno a riflettere. Non sarà facile fare chiarezza ma ti prego non scappare via da lei per paura, dille chiaramente quello che ti succede senza sbatterle la porta in faccia. Capira’ qualunque sia la tua decisione. Anch’io ho un marito che quando sta poco bene, per motivi di salute, riversa su di me la sua insoddisfazione e rabbia. Come te, per amore, negli anni ho sopportato tutto poi, quando è entrato l’altro nella mia vita , ho capito che non meritavo di essere “schiacciata ” in quel modo e sono “cambiata”. Ero felice. Purtoppo il mio lui non era come te e per paura (o altro) una volta scoperto mi ha lasciato senza parlarmi più.
    Non è facile cambiare la propria vita da un giorno all’altro però non dimenticare mai “te stesso”.
    Scrivici ancora….

  • Marco, 31 Agosto 2019 @ 12:00 Rispondi

    Bel post Vento, non hai figli e già e’ tanto, vuoi bene a tua moglie e ti fa onore, vedi cosa provi davvero per la nuova conoscenza. Se è amore vero devi volerti bene… te lo dice uno che lo sa, ma non se ne convince

    • Ariel, 31 Agosto 2019 @ 13:50 Rispondi

      Ciao Caro Marco
      Come stai? Se hai voglia di metterci al corrente del tuo adesso penso che qui sicuro troverai la accoglienza da parte di tutte/i che già conosci come a dire che si già dei nostri

      Spero veramente al meglio per te e la tua vita
      Percepisco yra te e @Vento una similitudine di presente vera sensibilità umana che fa onore ad entrambi e che
      Non sai quanto sia confortante poter pensare che gli uomini
      Non sono tutti uguali nel senso dei soliti cliché che qui sono presenti nelle esperienze di noi tutte o quasi tutte .

      Bene se vorrai tu sai che ci siamo anche per te!

    • Mic1782, 31 Agosto 2019 @ 14:38 Rispondi

      @Marco come sta andando la tua vita?

  • Vento, 29 Agosto 2019 @ 17:26 Rispondi

    Salve, sono uno dei “cattivi”, spesso additati come infantili e privi di coraggio nelle pagine di questo interessante blog in cui mi sono imbattuto di recente. La mia storia di ultracinquantenne ricalca in buona parte quella iniziale del blog, con qualche variante importante. Sposato da anni, non ho figli; non posso dire che il mio matrimonio sia finito, anche se è un po’ in crisi; prima di quattro mesi fa non avevo mai pensato ad avventure (sognato si, ma praticamente poi no), e… la Superdonna mi ha cercato lei. Mi trovo nella fase dell’accelerazione nella metafora dell’auto ai 200 km/h, e sono confuso.
    Ho letto molte storie in questo blog, ma raramente raccontate dalla parte “mia”. Molti/e danno per scontato che ci si possa lasciare all’istante, come ci si separerebbe da una macchina rotta che non va più. Non è sempre così semplice, perché le persone non sono cose.
    La mia storia di coppia gli amici la definiscono da film, tanto è stata romantica. Almeno all’inizio, e soprattutto vista dall’esterno. Ma non è stata tutta rose e fiori. Mia moglie soffre di depressione, ha un senso di persecuzione, ed è talora preda di crisi che spesso sfociano in litigi per cause minime. Straniera, molti anni fa si è trasferita in Italia per amore mio. Le crisi ci sono sempre state e le ho sempre gestite cercando di aiutarla a risolverle. Di solito con successo, anche se ciò ha comportato spesso trangugiare fiele puro (ma per amore lo si fa). Quando lei sta male, del resto fa male (tuttora) anche a me vederla così, ma mi fa male anche il modo in cui mi tratta, l’impossibilità di dialogare, le parole pesanti e insultanti che usa verso di me. Poi, passate le crisi, è molto affettuosa e premurosa. Per anni ho vissuto nella speranza che le crisi si attenuassero nel tempo, anzi sopravvalutando la mia capacità infermieristica di risolverle. Abbiamo provato anche con uno psicologo, ma dopo qualche mese ha lasciato perdere. Aggiungo: ho quasi azzerato i rapporti con mia mamma (e sono figlio unico) perché a lei non piace, così come con quasi tutti i pochi conoscenti che abbiamo. E qui ammetto di essere stato debole, ma l’ho fatto sempre nella speranza che servisse a farla star meglio. Ahimè è stato un sacrificio inutile. Ancora: la sessualità è assente da tempo fra noi.
    Nonostante tutto ciò, mi sono fatto bastare i momenti positivi della nostra relazione. Alcuni amici mi hanno chiesto come ho fatto a resistere per così tanto a fare una vita da monaco… la risposta è che non lo so neppure io… vivevo (e vivo) giorno dopo giorno pensando al presente e senza riflettere… del resto, ci si abitua a tutto.
    Poi, improvvisamente, una Sirena mi ha trovato… una sirena che risponde perfettamente alla descrizione dell’autore del blog. E, come sempre accade, è l’opposto di lei, come carattere. La donna perfetta, la Superdonna. Quasi coetanea. Dapprima incuriosito dall’interesse di una signora così fascinosa, bella e solare verso di me, abbastanza inusuale, ci siamo via-via avvicinati in una relazione basata su whatsapp, con rarissime occasioni di vederci (anche perché per me non è così facile smarcarmi: mia moglie lavora spesso a casa ed io le dedico ogni mio minuto extralavorativo). È come se di colpo mi fossi svegliato… scoprendo che ci si può innamorare anche a queste età… Lei è chiaramente attratta da me, e anche io mi sono scoperto attratto fortemente da lei… i miei pensieri da allora sono tutti sempre per lei! Ma non solo quelli sessuali: anche come persona. Per placare l’inevitabile domanda, aggiungo che, pur nella mia quasi impossibilità di liberarmi da casa, un giorno intero (24 ore filate) insieme alla Superdonna ce lo siamo regalati, con reciproca (e grande) soddisfazione. Lei mi ha detto “ti prendo in prestito per un giorno da tua moglie”. E così è stato…
    Ora so bene che tutti mi direte che, in questa situazione, ci sarebbe una sola cosa da fare… eppure… mi trovo bloccato… perché comunque, se uno quattro mesi fa mi avesse chiesto se ero felice o infelice, avrei risposto felice (magari felicissimo no). Quello che voglio dire è che ho letto di molti altri casi in cui il rapporto di coppia era chiaramente compromesso… Nel mio caso, non posso dire che si possa parlare di matrimonio finito: nonostante tutti i problemi elencati, in fondo, ci sono anche tante cose che ci accomunano, come gli hobby… e poi c’è l’intimità di molti anni trascorsi insieme… i piccoli gesti quotidiani, che comportano una complicità. Certamente, manca la passione travolgente, manca la positività (chi è depresso è solitamente negativo su tutto), e forse mancano gli amici ed i parenti “di coppia”, troppo spesso allontanati da noi. Ultimamente mi sono scoperto più insofferente verso le crisi ed i litigi.
    Dall’altra parte, avevo chiarito alla Superdonna sin da subito (dopo il primo messaggio esplicito in cui lei ha usato il pronome “noi”) la mia situazione di persona sposata e non sull’orlo della separazione: sinceramente non mi piace essere causa di sofferenza. Eppure, mi sto rendendo conto che, in queste situazioni, alla fine qualcuno ne esce sempre sofferente…
    Forse vi chiederete perché ho scritto qui… non lo so neppure io. In un certo senso, già scrivere tutto questo rappresenta un modo di cercare di riflettere, mettendo nero su bianco le cose… Forse per avere uno scambio di idee da chi ha vissuto situazioni “simili”. Probabilmente sarà necessaria una riflessione di coppia ponderata e approfondita, un’operazione troppe poche volte affrontata in passato, probabilmente per mia paura (altro errore da me commesso). La Superdonna non conosce i dettagli della mia vita matrimoniale, ha subodorato l’esistenza di problemi, sa bene che non mi libererò da un giorno all’altro, mi ha detto più volte che non vorrebbe essere lei il motivo di cambiamenti nella mia vita… ma al momento rimane comunque “nella mia vita”, e nei pochissimi momenti in cui siamo stati insieme era chiaramente felice. E… lo ero anche io.
    Il destino ora mi riserva qualche settimana di “solitudine” causa impiego all’estero in cui non potrò essere raggiunto né dalla moglie né dalla Superdonna (perché lavorano entrambe) e questo periodo sarà un benvenuto momento di riflessione tra me e me, per schiarirmi le idee. Perché, quando prima ho detto di essere confuso, ho semplificato e banalizzato molto: in realtà sono angosciato, e non nego di aver avuto, in certi attimi, anche pensieri molto negativi (su di me).

    • alessandro pellizzari, 29 Agosto 2019 @ 18:30 Rispondi

      Caro vento benvenuto. Sei uno dei rari maschi che si confessa qui non limitandosi a leggere silente per pensare o carpire “trucchi del mestiere” (ci sono ci sono). Direi che il tuo è un caso di tradimento per bisogno (cerca quanto ho scritto in proposito) e in seguito a un concorso di colpa (tua moglie ha lasciato che il matrimonio languisse, per carità capisco la malattia ma il risultato è il no sex e il no sex prima o poi fa venir fame a qualsiasi uomo). Non mi sembra che tu abbia fatto false promesse. Potresti innamorarti… lei
      Però potrebbe non voler andare oltre all’amantato Ludico
      Ps: regole del blog. Non scrivere troppo piuttosto fai più commenti
      No troppi dettagli per la tua privacy qui siamo in centinaia di migliaia

      • Vento, 30 Agosto 2019 @ 21:25 Rispondi

        Grazie Alessandro per gli utili consigli di privacy e per le parole di conforto. Andrò presto a cercare le letture che mi hai suggerito. Riguardo all’amantato ludico, non ne sono convinto… lei mi sembra innamorata davvero.

    • Ariel, 29 Agosto 2019 @ 19:09 Rispondi

      @Vento già mi piace il vento sono sempre nel vento a parte questo piccolo scherzoso inizio veramente ho apprezzato moltissimo il tuo intervento
      Ho la impressione che tu sia equilibrato e che qui abbia espresso bene la tua situazione di vita e interiore

      Sicuro che deve essere molto difficile vivere accanto alla propria partner moglie che soffre di depressione e che a causa di questo è intuitivo comprendere la sofferenza di entrambi che forse vi ha messo in una condizione di rinuncia alla vita vera sociale e soprattutto sessuale

      Ecco che umano che se si forma una falla nel legame istintivamente senza cercare si sta in uno stato di apertura fuori alla vita

      Credo che come tu stesso scrivi poter stare solo in questi giorni di lontananza da entrambe le donne e situazioni possa aiutarti a comprendere te stesso e la soluzione che sentì in te stesso più veritiera e cioè ad esempio prima di pensare alla tua Superdonna cercare di parlare chiaro a tua moglie trovare il modo valido perché tu possa aprirti e dire semplicemente esattamente ciò che hai scritto qui
      Essere te stesso verso tua moglie credo possa veramente aiutarti a intravedere una soluzione di cuore per te e per tutti

      Benvenuto @Vento e che soffi per te
      Il buon vento del cambiamento qualunque sarà la tua scelta di adesso del aprirti con tua moglie

      • Vento, 30 Agosto 2019 @ 21:58 Rispondi

        Grazie, Ariel, per il tuo consiglio e le tue belle parole, quanto mai utili e importanti per me in questa fase. Ho trovato questo sito nelle mie notti insonni, ho letto quasi tutte le storie, solo apparentemente simili tra loro, ma in realtà ognuna con la propria particolarità e le proprie pene, ed era da un po’ che meditavo se scrivere o no anche la mia… Ho imparato che è una situazione più frequente di quanto non credessi, ed ho riveduto alcune mie convinzioni precedenti dopo che… è successo anche a me. Riguardo al vento, ho molto apprezzato la metafora finale… e, a parte che piace anche a me, soprattutto mi ricorda come mi ha definito lei (la Superdonna) durante il nostro primo incontro: “si è aperta la porta ed è uscito il vento”. Un vento così forte da farci “sbandare” entrambi…

        • Whiterabbit, 31 Agosto 2019 @ 11:43 Rispondi

          @Vento, mi dispiace, la tua situazione sembra complicata.
          Vorrei aiutarti, ma sono una moglie, e temo che il mio consiglio possa rivelarsi troppo di parte.
          L’unica cosa che mi sento di dirti è di usare questo periodo da solo per fare chiarezza nel tuo cuore.
          La strada giusta non è necessariamente la più semplice, in un verso e nell’altro ci saranno enormi difficoltà, ma da donna ti prego di usare rispetto per entrambe e non prendere in giro nessuna. Quando una scelta è portata avanti con il cuore e con rispetto per le persone coinvolte, qualsiasi essa sia non può essere sbagliata.

    • Alberta, 31 Agosto 2019 @ 15:00 Rispondi

      @Vento ho apprezzato molto la descrizione della tua situazione, senza fronzoli e diretta al punto. Direi che quattro mesi sono pochi per poter prendere una decisione o addirittura contemplare una separazione, a meno che tu non ti sia reso conto di come potrebbe essere la tua vita senza tua moglie; magari eri adagiato in una situazione di coppia molto difficile ma non pensavi di essere in grado di essere affascinante per un’altra donna. E adesso ti vedi con occhi diversi. La distanza dovuta al tuo viaggio di lavoro indubbiamente ti aiuterà a pensare ma penso che vincerà la Superdonna che hai incontrato, come potrebbe non essere così? Non ti angosciare, fino ad ora non c’è niente di irrimediabile, dai a te stesso delle opportunità.

      • alessandro pellizzari, 31 Agosto 2019 @ 19:22 Rispondi

        E valuta bene che Cosa vuole davvero la Superdonna. Fate la road map insieme per bene

  • Marco, 29 Luglio 2019 @ 18:18 Rispondi

    Aggiornamento: ciao a tutti, vi ricordate di me? Ero andato dall’avvocato, il mio ha avuto un incontro con il suo. Per ora siamo fermi qui. Nel frattempo nonostante questo la mia “amante” e’ gelosa, mi dice se la sento, se gli do speranze, ma lei nel frattempo non ha chiesto ne separazione ne si fa dare soldi. È questo mi spaventa dato che lei non naviga nell’oro (ha uno stipendio basso e un mutuo), non gli chiede alimenti, ne si fa rifare soldi della comunione, e’ in arretrato con le rate del mutuo ma paga le rate scadute dell’associrazione Sulla vita del marito…. boooo sono molto confuso

    • alessandro pellizzari, 29 Luglio 2019 @ 21:28 Rispondi

      In effetti lei è ferma

  • Piccola, 28 Luglio 2019 @ 15:18 Rispondi

    To the moon and black, stesso copione del mio. Mi chiede di fare il salto, dice che esce di casa, la moglie pronuncia la frase ” separazione con addebito ” lui torna correndo sui suoi passi chiudendo con me in un istante. Decidi tu per favore. Lui ha deciso per me ed io sono rimasta come una fessa, senza un chiarimento, mazziata, insultata da lei. Lui ne é uscito bene, si é lavato le mani. Per cortesia, almeno tu rispiarmati la sua soddisfazione di decidere . Anticipa. Aspettiamo cosa? Tanto, come mi scrisse Alessandro, loro non hanno bisogno di chiarimenti e di nulla. Tornano a casa, recuperano.

    • Cossora, 28 Luglio 2019 @ 20:08 Rispondi

      Che quadro desolante, ma veritiero.

    • to the moon and back, 29 Luglio 2019 @ 09:14 Rispondi

      @Piccola, hai vissuto un’esperieza terribile! La violenza da parte della moglie l’ho subita fin di recente, quando, in ultima stoccata ha finto volendomelo consegnare ufficialmente!
      Caxxo un “pacco bambino”…
      Per me solo parole utili a farmi fare il salto, ma lontano dalla latrina…
      Persisto convinta nella decisione e non ho dubbi, paure, mancanze… Mi sento libera… Ora continuo a sperare che questa sensazione di libertà continui… la testa e gli eventi talvolta potrebbero indebolire…mi aspetto che tra un paio di giorni ritorni a sondare il terreno…io nel mentre vi leggo e mi rafforzo!
      Un abbraccio

      • Piccola, 29 Luglio 2019 @ 16:00 Rispondi

        To the moon and black, liberati da queste due persone che hanno problemi loro e scaricano tutto sugli altri. Tu, come me sei la loro valvola di sfogo. Sono entrambi bambini perché non hanno la maturità per capire che il matrimonio può finire non per colpa di una terza persona ma semplicemente perché l’amore è finito. Spero tu sia forte.

  • Sono io, 28 Luglio 2019 @ 13:42 Rispondi

    @to the moon .. intanto per amore non si muore. Partiamo da qui. Fa male ma non si muore, si guarisce. Lui ti ha fatto un regalo enorme. Si è fatto vedere per quello che è impedendoti di perdere altro tempo. Ora che la sua maschera è caduta, o forse tu ora, lo vedi per quello che è, vedrai che non farai fatica a risollevarti perché hai conosciuto l’uomo che avresti avuto accanto. Ci sono passata anch’io e l’uomo-bambino ha bisogno di una donna-mamma…ora direi che è un legame abbastanza disfunzionale e poco gratificante per una donna. Stappa una bottiglia che ti sei tolto dalle balle un peso!

    • to the moon and back, 29 Luglio 2019 @ 09:07 Rispondi

      @Sono io: hai ragione anche tu. Essersi svegliati dal torpore mi fa stare per ora meglio, pian piano andrò a stare bene e poi benissimo! 🙂
      Mi sento svuotata… ho un senso di nausea costante, si vede che mi sto disintossicando…
      Si una grande fortuna…meno male che il coglione senza volerlo si è palesato…ingenuo proprio come i bambini!

      • cossora, 29 Luglio 2019 @ 13:34 Rispondi

        @To the moon, ragazze..
        ma a voi è capitato che, senza la possibilità concreta di vederli e sentirli, iniziate a spiegarvi il comportamento di certe mogli?
        Se per noi che siamo l’ossigeno, la linfa, la passione etc. si sprecano in un messaggino al giorno.. chissà che desolazione con quella in carica.
        Non è che chiude il rubinetto, le si è prosciugato proprio il pozzo!!

        • alessandro pellizzari, 29 Luglio 2019 @ 21:22 Rispondi

          Non n dovrebbe interessarvi la moglie se non per le sue bugie

  • Verdeazzurra, 28 Luglio 2019 @ 07:36 Rispondi

    To the moon, è incredibile la malvagità di quest’uomo!
    Posso capire che abbia il dubbio fra te e lei (e già questo fa male), ma non può scaricarti addosso il fatto che sarà la moglie a decidere.
    Vuol dire che non ha sentimenti da difendere, e che te lo deve far sapere.
    Rifletti To the moon.
    Quest’uomo è da sotterrare sotto quintali di vita vera!

    • to the moon and back, 28 Luglio 2019 @ 10:59 Rispondi

      Verdeazzurra, ok le figlie, ma per quest’uomo è lo STATUS a contare più di ogni altra cosa…
      In questi giorni sono anche arrabbiata con me stessa per essermi fatta sopraffare dai sentimenti e non aver visto ciò che è in realtà…ma forse neanche lui lo sapeva, è venuto tutto fuori con la situazione!
      Bene che si sia scoperto, a me è servito per decidere di riprendere in mano il timone e virare verso una nuova isola.
      Grazie del sostegno, anche questo mi aiuta, siete i miei occhiali.

      • EP, 28 Luglio 2019 @ 18:29 Rispondi

        @tothemoon tesoro…dico ankio la mia!

        Sai cm me lo immagino in questi GG il tuo amico? Cm uno di quei pesciolini che fanno salti roccamboleschi altissimi fuori dall’acqua! Wowwww…mammina guarda cm sn bravooooo….yuhoooo…salto da un acquario all’altro…guarda mamma…torno pure indietro nell’acquario più bello, più ricco e faccio pure la capriola in aria… sn feliceeee!

        Cretino fermati che finisce male (la mamma)!!!!

        OPS…mi hanno spostato uno dei due acquari…OPS…si è allontanato pure l’altro…mammina sn finito fuori dall’acqua…S-CIAF…S-CIAF…S-CIAF…mi dimeno…sbatto la codina e le pinne sul tavolo…soffoco…mammina aiutoooo!

        Storia triste di un pesciolino stronzo… narcisista…egoista…e via discorrendo…

        Questo è cm immagino si senta il tuo amico dopo le ultime evoluzioni

        Questo è quello di cui ti deve fregare un caxx @tothemoon!

        Cm ha scritto Oldplum anche tornasse ti offrirebbe una latrina…vivrebbe pieno di rimpianti (xchè nn ha deciso niente lui…lui si lascia vivere…attende che decidano gli altri…x poi accampare un milione di scuse x essere depresso, insoddisfatto e confuso!)

        Nun se po’ sentì che tu debba aspettare le scelte di un altro acquario…continua ad allontanarti…VIVI bellissima donna…lui è già morto cmq….e ancora nn lo sa!

        Un abbraccio fortissimo…

        Una pagliaccia (che ogni tanto fa la seria)

        • to the moon and back, 29 Luglio 2019 @ 08:57 Rispondi

          @EP ti abbraccio forte anche io e ti ringrazio!
          Immaginando la scena mi viene la nausea…e continuio a chiedermi come ho potuto!
          Guardo il lato positivo: il finto ritorno mi ha aiutato a sfatare il falso mito che ho idealizzato per troppo mesi…
          Oggi sorrido, un’esperienza di vita che mi ha consentito di:
          – mettere in chiaro il rapporto con mio marito (per ora separati in casa)
          – conoscere il mondo Pelizzari e tutte Voi che siete una forza!

        • oldplum, 29 Luglio 2019 @ 09:29 Rispondi

          Esatto @Ep. Oltretutto è una banderuola. Per cui anche la moglie decidesse oggi di lasciarlo, lo potrebbe riprendere quando le pare visto le premesse. Lui è succube di lei e lei decide quando cone dove è se. To the moon non consentire che scelga questa donna per la tua vita. Scegli tu. Ovvio che se lui dovesse tirar fuori gli attributi e non far passare LE VACANZE, allora valuta. Ma altrimenti fuggi. Non è difficile trovare un soggetto capace di intendere e volere lui mi pare abbisogni di un amministratore di sostegno quantomeno.

  • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 08:30 Rispondi

    Ieri ho iniziato con il non rispondergli…speriamo duri questa mia convinzione….il male che mi ha fatto con questo ritorno fittizio non posso accettarlo!

    • anonimo, 26 Luglio 2019 @ 09:32 Rispondi

      se lo stacchi totalmenteci riesci…

      prima io lasciavo sempre una finestra aperta…lei la usava e io dicevo visto che ti pensa e ti vuole…e ritornavo indietro…sempre impantanato nel nulla naturalmente…ma così non funziona il cds…se lo fai totale…non può manovrarti +…il punto è che quando lo attui è perché veramente si è rotto qualcosa…e anche se torna con i fatti quelli veri non è detto che tu poi lo accetti…

      • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 12:04 Rispondi

        Il cds funziona solo se totale

        • anonimo, 26 Luglio 2019 @ 12:37 Rispondi

          ahimè…confermo…

        • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 14:16 Rispondi

          oggi è impazzito: 6 telefonate ed 1 email!
          è tosta da paura vedere il suo nome e non rispondere!
          MA IO RESISTO!

          • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 15:07

            Questi uomini che si rifanno vivi solo perché hanno voglia mi fanno schifo

          • Luce, 26 Luglio 2019 @ 15:25

            Resisti!!!!!
            Siamo con te
            Non rispondere alle sue telefonate e ai suoi messaggi a me dava sempre più forza.

        • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 15:05 Rispondi

          Si è rotto qualche cosa, per la prima volta mi sono arrabbiata e sono fortemente delusa e schifata per come ho lasciato si comportasse nei miei confronti…
          Se penso a quella povera donna che si trova accanto un uomo che vuole ricostruire per tenere unita la famiglia, MA che continua a cercarMI, rifletto …rifletto parecchio e valuto, arrivando alla conclusione di aver idealizzato quest’uomo!
          Ho iniziato a fare un elenco di tutto ciò che è stato, che ho sopportato da parte sua perchè ritenevo giusto: “la famiglia prima di tutto”, compresa la perdita dello status (estremamente elevato)… capivo che non riusciva a staccarsi da me, ossia il suo 20% di dipendenza a cui non riesce rinunciare… (ma io valgo oltre il 90%)..
          Il ritorno, fatto in questo modo egoistico NO … mi ha lanciato una sorta di illusione quando ha visto che lo sbattevano fuori di casa …però l’ho deluso un pò nel momento in cui ho cercato di fargli capire che non era convinto di quanto proponeva… Fa una prima seduta di coppia allora si rende conto di essere stato avventato … riprova con l’aiuto della psichiatra, che propone a lei LE VACANZE prime di decidere … Ed io devo pensare a me, non vuole crearmi aspettative, perchè non sa cosa accadrà! Io invece ora lo so!

          Ecco la scintilla e la rabbia: le mie vacanze per riflettere sono già iniziate …
          Dopo il discorso dolcissimo che ha fatto (“mi rimetto al volere di mia moglie che potrà decidere dopo le vacanze”), 2 possibilità:
          1. sparirà senza più dire nulla (ma sclerando a fine agosto perchè sa dove e con chi sarò, senza possibilità di ricevere aggiornamenti);
          2. mi chiamerà e mi dirà che non ho avuto pazienza…!
          La reazione 2 è dettata dall’amore che voglio ritrovare per me stessa ed anche dalla consapevoleza che da un vortice del genere devo solo sfuggire…non mi chiamo ALICE e nel paese delle meraviglie ci vado con un mezzo diverso!

          Incrocio le dita affinchè la forza mi accompagni…Ci saranno momenti di sconforto fortissimi, ma ho amici che mi amano, uomini che mi desiderano…ecchediamine!

          • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 15:37

            Tu non vali 9 vali zero perché zero è quello che fa per te

          • oldplum, 26 Luglio 2019 @ 15:49

            Cioè, scusami, tu dovresti aspettare che SUA moglie decida il tuo destino???
            Ma l’hai sposata tu o lui? Ma che mezzasega è quest’uomo? Quello che consentiva a sua moglie di mandarti foto di loro due sorridenti, quello che non l’ha fermata quanto ti ha contattata per insultarti (te, la donna che ama), quello che esce ed entra di casa ad un solo cenno di lei.
            Ora, tesoro, te vali . Te non sei lo straccio del pavimento. Se non inizi a stimarti lui (che già pare non avere molta stima) ti considererà una scema.
            Ora. Io direi di dare tu un termine. Diglielo. Ciao tesoro, da stasera boom boom ciao (cit) . Ti saluto, stammi bene e crepa. Con affetto, to the moon

          • cossora, 26 Luglio 2019 @ 16:27

            @To the moon sei nella fase brutta. Fatti una serata di pianto, gelato, shopping finchè non crolli. Domani mattina sarà già diverso. Dai, ne esci, lo sai <3

          • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 16:59

            @Cossora, ho pianto e vomitato e smesso di mangiare…poi sono andata a pranzo con un figo!
            @Oldplum, ricordi tutto benissimo e anche io non devo dimenticarlo… Il termine lo avevo dato, era settembre…MA, dopo la chiacchierata, direi che ho anticipato la scadenza, ops, perdindirindina, ho cambiato idea!!!!
            Non vale assolutamente la pena che gli dica qualche cosa, quando è sparito lasciando fare alla moglie non mi ha detto nulla, e per me non vale più la pena dirgli nulla!..tra l’altro di recente ho tentato di spiegargli che il percorso migliore era quello di non sentirsi più, la sua risposta è stata che lo avevo deluso perchè volevo liberarmi di lui! Io, lo ho deluso?????????? Ma per favore….
            Per me ora inizia una nuova vita e lui non ne fa parte e non gli deve essere annunciata!

          • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 18:50

            Accusano gli altri di ciò che fanno loro

          • oldplum, 27 Luglio 2019 @ 17:00

            No, no. Devi proprio fare come fa sua moglie. Decidi tu. Lui è un mezzo uomo. Masochista egoista e piagnone. Fallo marcire nella latrina in cui vive
            E in cui farebbe vivere te.

          • to the moon and back, 27 Luglio 2019 @ 22:47

            Oldplum, hai inquadrato il mezzouomo a pieno…ed io ho perso mesi soffrendo…. che co…iona!

          • Cossora, 28 Luglio 2019 @ 07:05

            @To the moon .. ma almeno bluffare e far finta di aver preso la decisione.
            Dai mi sembra il bambino che risponde agli amici al citofono “mia ma mamma ha detto che non posso scendere”.
            Mi si suicidano gli ormoni!!!

          • to the moon and back, 28 Luglio 2019 @ 11:09

            Cossara, ma lui “non può mentire non vuole farmi soffrire creandomi illusioni” … belle parole vero?
            Peccato che 15 giorni prima mi aveva chiesto di fare il salto… ma poi gli hanno detto di rientrare…et voilà “mia mamma mi ha detto di aspettare fino a settembre”…
            Le vacanze li aiuteranno a costruire ….
            Io non ho bisogno di andare in vacanze per decidere! 😀
            Un mio carissimo amico (e non solo lui!) dice da sempre che la mia vera fortuna sarà se non si prenseterà alla porta…diversamente mi troverò un uomo in mutante e senza coglioni ed allora si che mi vuole vedere come mi libererò di uno così!

          • alessandro pellizzari, 28 Luglio 2019 @ 13:13

            La mammina ?

    • Angelica2.0, 26 Luglio 2019 @ 16:26 Rispondi

      Resisti!!! Fa male a volte ma sempre meno, sei arrivata al momento giusto per tirarti fuori! E chiudi tu, approfitta delle vacanze!

      • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 17:07 Rispondi

        Si Angelica2.0 penso sia arrivata al momento giusto!..
        So benissimo che l’entisiasmo di oggi rà surclassato dalla tristezza dei prox giorni…mercoledì pv ci sarà una prova del nove, vedremo cosa succederà! 🙂

  • LEI, 25 Luglio 2019 @ 16:01 Rispondi

    Moon che brutta situazione. Io odio le cose in sospeso, mi fanno stare malissimo,
    preferisco le decisioni: dentro o fuori!

    Anonimo hai ragione, i consigli li “sentiamo” ma non li ascoltiamo. Dobbiamo romperci la testa contro le situazioni per arrivarci.

  • to the moon and back, 25 Luglio 2019 @ 13:34 Rispondi

    Conclusione del ritorno:
    Si rimette al volere della moglie: divorzieranno, non divorzieranno, questo non è ancora dato sapersi…sarà lei a decidere!
    La psichiatra di lei ora li vuole insieme in terapia, ha proposto, per la decisione, l’attesa post vacanze…
    Lui non può che riprovare a recuperare il rapporto ora che la moglie segue la terapia, la prima volta hanno provato a crudo! 😉
    Ed io, secondo lui, devo pensare a stare bene, non vuole creare illussioni perchè non sa!
    Beh certo, questo dopo essersi accertato se sono ancora legata come un salame al guinzaglio intorno al mio cuore che ogni tanto strattona!
    Poi cosa importa se a dissanguarmi sono io!
    A me del mio sangue importa eccome…Non mi frega più!
    Ed ora ho capito che devo iniziare un percorso con un/una terapista esperto!

    • cossora, 25 Luglio 2019 @ 15:20 Rispondi

      A questi ci vuole l’esorcista non il terapista.

  • Verdeazzurra, 24 Luglio 2019 @ 18:49 Rispondi

    Alessandro, perché non andava bene il mio commento?

    • Verdeazzurra, 25 Luglio 2019 @ 13:12 Rispondi

      Scusa, avevo scritto sotto un altro post… sono rintronata!

  • Anna, 24 Luglio 2019 @ 15:09 Rispondi

    Vorrei aprire un dibattito qui, @acasadiale, sulla donna intrappolata: IO!
    A volte, quando penso alla mia storia, mi annoio da sola. Momenti top e momenti down, momenti love and peace e momenti di pessimismo cosmico, momenti di “lo amo” e momenti di “lo odio”. Noioso.
    La situazione però è questa: noi due siamo insieme da tre anni, una vita. Io dopo tre anni mi sono sposata e qua sto ancora a fare l’amante adolescente. Sto sclerando.
    Uscirne? Mi è sembrato meno complicato partire con dolore due figli.
    Parlarne? Mi sembra più facile spiegare a mio figlio perchè la terra è una palla sospesa nell’universo.
    In definitiva, non ne esco.
    Se gli dico che sono stanca, non reggo più, non possiamo vivere così, mi ignora. Sminuisce. Io e te forever.
    Se gli dico non mi cercare più ho bisogno di capire, manda il monomessaggino per marcare il territorio.
    Se dico a me stessa “cazzo, ma basta” dura tre giorni.
    Sono troppo debole ancora per venirne fuori ma dentro non sono più felice.
    Consigli, critiche? Ne ho bisogno

    • Ariel, 25 Luglio 2019 @ 00:12 Rispondi

      Farsi aiutare da un terapeuta ?
      La parola Terapeuta non fa schifo

      Il più delle volte aiuta moltissimo a usvire dalla trappola

      Una cosa non esclude l’altra
      Scrivici e troverai risposte per te
      ,ma nel frattempo fai concretamente qualcosa per te stessa
      Ad esempio terapia ,almeno provaci
      Fai un incontro
      Serve tanto pure a sfogarsi

      Coraggio forza Anna !!!

      • Anna, 25 Luglio 2019 @ 11:03 Rispondi

        Grazie @Ariel!
        Non sono contro i terapeuti ma credo di poterne uscire da sola, parlando anche con voi. Il distacco ho sempre faticato a gestirlo e anche in questo caso so che sta lì il problema. Certe volte mi incaponisco sulle situazione quando dovrei solo accettarne la fine naturale. Dico no al terapista anche per questioni di tempo, lavoro fuori e torno la sera a casa, non ho mai abbastanza tempo da trascorrere con i miei figli e ritagliarmi quello spazio gliene sottrarrebbe ancora altro. Ce la devo fare da sola.
        Già scrivendoti mi sento un pò meglio.

        • Ariel, 25 Luglio 2019 @ 12:25 Rispondi

          @Anna
          ❤️

    • cossora, 25 Luglio 2019 @ 10:01 Rispondi

      Ciao @Anna,

      Problema:
      io dopo tre anni mi sono sposata e qua sto ancora a fare l’amante adolescente. Sto sclerando.

      Dati:
      no. 01 relazione di prima scelta che non ti permette più di essere felice.
      no. 01 matrimonio con una seconda scelta, basato sul presupposto sbagliato.

      Svolgimento:
      definisci gli obiettivi, mettili in ordine di priorità, fai ogni giorno qualcosa per avvicinarti.
      La SUA separazione non può essere un TUO obiettivo. Che TUO MARITO capisca e faccia qualcosa non può essere un TUO obiettivo, etc.

      Risposta:
      sei tu che gestisci la tua vita, ne sei protagonista e responsabile.
      Tutto il resto viene da se (una donna così è irresistibile!)

      • to the moon and back, 25 Luglio 2019 @ 13:57 Rispondi

        Cossora, la tua riposta vale quanto una sedua di terapia! Applauso!!!!

        • cossora, 25 Luglio 2019 @ 15:21 Rispondi

          @To the moon quanto sei bella te???
          A vederti da qua non ti riesco ad immaginare dietro a certi svitati (per essere fine)

          • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 09:05

            Cossora Siamo belle entrambe!…
            Sai che chi sa di questa situazione mi dice la stessa cosa…:-)
            In effetti anche lui su una cosa aveva ragione: “sono troppo, non mi sembra possibile”! 😛
            Ragazze ed Ale, alimentate la mia forza!

          • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 09:21

            Sei troppo per lui che non è alla tua altezza

          • cossora, 26 Luglio 2019 @ 11:19

            Noiosi.
            Io quando dicono ‘sei troppo per me’ mi viene da rispondere ‘inizia a darmi quello che hai’ .. ma è il modo migliore per farli scappare a gambe levate. Prevedibili.

            Prendi quello che di un uomo ti piace, scegli tu cosa.
            Se poi è difficile tipo l’amico di @Oscar tiragli un ultimo, grosso bidone.

            @To the moon lo sai tu chi merita cosa e in che misura!

          • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 17:01

            Cossora, la tua Risposta ha contribuito tantissimo alla mia reazione!
            tengo duro, tu anche, continua a scrivere..
            tosta tu. tosta io!
            abbraccio te, Oldplum, tutte voi e Alessandro, che mi da delle sberle non da poco!

          • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 18:51

            Sono buffetti

      • Anna, 25 Luglio 2019 @ 15:01 Rispondi

        Ciao @Cossora e grazie!!!
        Sono sempre stata una ceppa in matematica ma a questo problema mi applicherò con determinazione per arrivare al risultato finale quanto prima. Mi ha strappato prima di tutto un sorriso ma schematizzato il tutto così mi sembra anche più facile fare cerchio intorno a me.
        Hai ragione, cazzo! (@alessandro perdonami la scurrilità)
        Il mio unico obiettivo deve essere riorganizzare la mia vita per priorità.
        Ma lo sai che, pensandoci bene, mi sono accorta di aver vissuto questi ultimi mesi in funzione di un suo messaggio, di un suo invito. Mi devo disintossicare.

        “Tutto il resto viene da se”…ti ringrazio per questo scossone

        • cossora, 25 Luglio 2019 @ 15:24 Rispondi

          @Evvai Anna!!
          Sempre stata una cippa anche io in matematica.
          Ma riprendendo in mano la materia coi miei figli mi sono accorta di una cosa: se leggi con attenzione la domanda, ci trovi scritta dentro la risposta.
          Sempre!

        • Ariel, 25 Luglio 2019 @ 15:33 Rispondi

          @Anna

          Disintossicare -si

          Ottimo verbo della Consapevolezza!!
          Bravissima
          Insegni moltissimo ia tutte noi NESSUNA ESCLUSA!
          In questo tuo commento

          Perché
          ALLA FINE TUTTO ANDRÀ BENE

          Trovo veramente interessante e piena di significato questa massima che qui sopra ho scritto e che spesso se ne coglie soltanto un significato il più immediato evidente ,ma
          Ce ne stanno diversi e che aiutano proprio adesso molte di noi!!!

          Buone riflessioni!!!

          Evviva il verbo
          DISINTOSSICARE!!!!

      • EP, 26 Luglio 2019 @ 07:07 Rispondi

        @cossora… wow…wow…wow…sei in grande spolvero oggi! Splendida splendente…love u! Tutto vero ragazze! Poi ognuna può fare le scelte che vuole…andare avanti a fare l’amante…rompere cn il nn ufficiale, rompere cn l’ufficiale (rompere sempre…questo dicono di noi donne 😉 )…ma nn viviamo nel limbo…in funzione di qlcn altro! Viviamo x noi!

        • cossora, 26 Luglio 2019 @ 10:28 Rispondi

          @EP tesoro è sole che.. cavolo a un certo punto facciamo tute lo stesso passo falso (sarà genetica) mi ci metto io in testa!!

          Con la leggerezza di una libellula, vediamo sti uomini attirarci dalla gabbia e invece che dir loro ‘bellezza io vengo a trovarti, ma poi volo, non sono tua!’ ci autosabotiamo accostandoci all’uscio della gabbia (perdendo così il fascino dell’essere libere).

          Il fatto è che a livello universale per qualche strano motivo noi donne iniziamo con leggerezza a provare un amore e poi gli diamo un significato sofferto, sacrifiale, di rinuncia, abnegazione, sopportazione.

          Una libellula che volontariamente decide di non volare perchè si innamora di una formica fa solo tristezza.

          • alessandro pellizzari, 26 Luglio 2019 @ 14:59

            In una parola vi innamorate noi diciamo di esserlo

          • C., 26 Luglio 2019 @ 15:19

            Una libellula che volontariamente decide di non volare perchè si innamora di una formica fa solo tristezza

            Che dire….HAI PROPRIO RAGIONE!!!!
            Bellissima questa metafora Cossora

          • cossora, 26 Luglio 2019 @ 15:23

            Apprendo da quanto letto in questi mesi che:

            per l’uomo amare = conservare il proprio benessere, con lei
            per la donna amare = conservare il proprio e il di lui benessere e, se si rende necessario, rinunciare al proprio benessere per favorire lui

    • Piccola, 25 Luglio 2019 @ 10:55 Rispondi

      Anna, come te dentro non sono più felice. Mi sto facendo aiutare ma è dura. A differenza tua lui non c è più, è sparito, mi ha detto che deve rinunciare all’amore della sua vita per la famiglia. Intanto è sparito e non sai quanto fa male. A me manca l’aria, cone te passo giorni in cui lo odio e giorni in cui sto a terra. Consigli non ce ne sono. Solo dentro di te dovrebbe scattare qualcosa per farti fuggire da questo dolore. Non ho capito una cosa di te, ti sei sposata mentre eri nnamorata di lui? Se sì, perché lo hai fatto?

      • Anna, 25 Luglio 2019 @ 15:06 Rispondi

        @Piccola, ciao.
        No, in realtà sono sposata da più di dieci anni.
        E sì, immagino quanto sia dura vederlo sparire, io vado in tilt anche se non ci sentiamo per due giorni, ma è dura anche vivere così. Mi rende infelice lo stallo. Con mio marito ho parlato qualche tempo fa. Non gli ho detto che amo un altro ma lui mi ha detto di aver avvertito un mio sbandamento, non ha voluto sapere altro, siamo ancora qui. Lo so che è complicato ma metterei tutto in discussione per lui.

    • LEI, 25 Luglio 2019 @ 11:13 Rispondi

      Anna io sono nella tua stessa identica situazione…Non se ne esce se non cade la catena!

      • Anna, 25 Luglio 2019 @ 15:06 Rispondi

        Trovo che sia la situazione peggiore.
        Non ci lasceremo mai MA….

    • Franca, 25 Luglio 2019 @ 11:22 Rispondi

      Anna.. in una situazione di immobilismo come la tua le opzioni sono solo due a mio avviso.
      Potresti chiudere tutti i contatti e sparire senza spiegazioni. Tanto è chiaro che se provi a parlarci è sordo alle tue parole, è come andare a sbattere contro un muro di gomma, più ti schianti con potenza più ti riporta indietro. L’altra opzione è aspettare. Qualcosa in te sta cambiando. Ora non hai la forza di choudere, ci provi ancora a farti capire da lui. Arriverà il momento che non ne avrai più l’esigenza. Quello sarà il momento per andare. Sempre se le cose continueranno ad essere come descrivi

      • anonimo, 25 Luglio 2019 @ 14:50 Rispondi

        esattamente come dici tu Franca…

      • Anna, 25 Luglio 2019 @ 15:13 Rispondi

        @Franca, mi piacciono le tue soluzioni senza fronzoli.
        Sul no contact senza preavviso ci sto pensando da tempo proprio perchè lui ignora le mie parole, pur sapendo benissimo dove voglio andare a parare. Aspetto le ferie e ci provo.
        L’opzione di lasciar spegnere tutto lentamente mi logora. Ho sempre rifuggito il lento consumarsi dei sentimenti, meglio lasciare tutto nel pieno.
        Ma il silenzio lo trovo il più efficace. Potremmo capire che ci manchiamo troppo ma anche che la vita va avanti comunque e il dolore forse non era poi così forte. Devo rischiare.
        Grazie per le tue parole

        • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 09:11 Rispondi

          Anna, rischia!
          Concordo con Franca, a casa sono in una situazione analoga!
          Vogliamo che loro rischino, ma noi poi non rischiamo…
          Approfittiamo anche noi di queste vacanze per ritrovare noi stesse..io ho deciso ed oggi sento dentro al cuore un battito diverso…sono talmente emozionata per questo, che mi viene da piangere!
          Non nascondo che ho paura…ma cosa cambia…dobbiamo tentarle tutte anche per noi stesse!

          • cossora, 26 Luglio 2019 @ 09:54

            Ragazze rischiate, rischiamo sempre.
            Ma non li vedete loro?
            Sono statici, sono stanziali, sono sempre li.

            Cambiate il vostro punto di vista, non siamo noi a stare ad aspettarli, sono loro che hanno la palla al piede.
            Fuori le ali, andiamo a farci un giro e quando abbiamo bisogno del nido torniamo, tanto sono li ad aspettare col becco aperto!!

            Ma come fate ..dopo tutto quello che avete letto qui.. ad avere ancora dei dubbi??

          • C., 26 Luglio 2019 @ 15:22

            Cossora,
            oggi mi fai morire.
            Ha ragione @EP sei in grandissimo spolvero

          • cossora, 26 Luglio 2019 @ 16:25

            @C. ma non è merito mio!!
            Se passo al setaccio il cv del mio-adorato-pesciolone-ciccione e lo combino con i profili di @Ale e le gesta (eroiche no, ma bisogna riconoscere che certi hanno un bel coraggio!!) degli uomini qui descritti.. faccio fatica a capire la disperazione femminile.

            Sposati sinceri, sposati bugiardi, single, separati, vedovi: si comportano tutti nello stesso modo.
            Gli unici che si salvano sono quelli che si astengono e quelli in terapia intensiva.

            Abbiamo tante di quelle informazioni che se ci soffriamo troppo a lungo è solo perchè abbiamo deciso di farci fare del male!!

    • anonimo, 25 Luglio 2019 @ 14:49 Rispondi

      Arriverai all’esasperazione e riuscirai da sola…tanto i consigli non li si ascolta…si va sempre più giù…fino a quando qualcosa dentro veramente ti dice che non ne puoi più…ti stancherai anche di chiarire…arriverai al limite di ogni sopportazione e veramente la lontananza sarà qualcosa che vuoi non che attui perché speri in qualcos’altro…in quel caso li veramente anche se te lo trovi sotto al palazzo non basterebbe…

      Quel momento arriverà Anna…

      • Anna, 25 Luglio 2019 @ 15:17 Rispondi

        @anonimo, arriverà e anche presto. Sono satura. Sono stanca. Sono sempre stata una donna di grande slancio, le passioni tiepide mi logorano.

      • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 08:42 Rispondi

        Scusatemi se mi intrometto:
        spero arrivi quel momento anche per me! 🙂
        Oggi mi sento carica, sarà l’icaxxatura!

  • Angelina, 24 Luglio 2019 @ 09:23 Rispondi

    To the moon il mio psicologo ieri mi ha detto che loro ci usano come appoggio e sfogo,se è a senso unico non va bene…nel senso tu non puoi essere il suo sfogo e basta…lui deve anche darti…vanno stoppati mi ha detto perché il dare troppo comunque non porta da nessuna parte…anzi…appena hanno avuto spariscono.Non è essere egosti ma si tratta di tutelarsi.

  • LEI, 24 Luglio 2019 @ 07:02 Rispondi

    Ma cosa gli cambia se ha il cellulare sotto controllo? Separazione giudiziale?

    • cossora, 24 Luglio 2019 @ 09:16 Rispondi

      ma secondo me non cambia niente, sono giochi di paura e potere tra i due coniugi..

      • to the moon and back, 25 Luglio 2019 @ 13:37 Rispondi

        Esatto!
        Ti chiedo il divorzio e le figlie (oltre i 14 anni), non le vedi mai più….nel mentre ti metto il cell sottocontrollo per beccarti ogni volta che sgarri e a cena con gli amici col cavolo che ci vai!
        Un rapporto basato sulla fiducia e sullo status che non si molla!

  • To the moon and back, 23 Luglio 2019 @ 21:37 Rispondi

    Nina quanto mi racconti è la mia paura più grande!
    Oggi mi ha telefonato, non ho risposto, allora mi ha scritto per dirmi che sono nuovamente successi casini a cass perché aveva il telefono sottocontrollo!
    Avrà pure paura a mollare, ma piuttosto che farlo accetta tutto….poi però ha bisogno del mio supporto!
    Ci sarò fino a settembre…
    Vi chiederò aiuto per superare la sparizione!
    Io nel mentre sto esaurendo l’amore che sento per lui….inizio a pensare che nn ne vale la pena!
    Inizio ad aver paura di me!

    • alessandro pellizzari, 23 Luglio 2019 @ 22:56 Rispondi

      Secondo me non è successo nulla. Ti telefona lui per dirti che è sotto controllo? Ma va

    • cossora, 24 Luglio 2019 @ 09:14 Rispondi

      Mi sento sempre fuori da questi discorsi.
      @To the moon, @Ale, @Nina.. come sapete il mio pare un vedovo.
      Non gli faccio da psicologa, non mi ascolto i pipponi.
      So qualcosa del suo passato ma che mi è stato detto proprio i primi due mesi come ‘curriculum vitae’ poi zero. Della serie ‘questo sono io, andiamo avanti’.

      Addirittura se capita (e capita per carità..) che c’è un impedimento mi dice ‘tesoro stasera non riesco per le 21, arrivo per le 22 mi dispiace’ oppure ‘possiamo fare giovedì invece che mercoledì?’ e poi giovedì si scusa a cena se mi ha avvertita così tardi e mi ha fatto cambiare i programmi.

      Ma il motivo io non lo so mai. Nel senso che lo deduco: doveva uscire la moglie e lui lo aveva dimenticato? Forse forse forse.. vi dirò che omai sono abituata e di sospetti non ne ho più.

      Ma a questo punto, visto che voi sapete tutti i minimi dettagli loro, del ciclo della moglie, che vi chiama l’amico, il farmacista e il padrino.. A me che dopo un anno e mezzo ancora non ho idea di niente.. è andata di lusso? Se fosse un film, saremmo gli unici due protagonisti. Praticamente zero comparse.

      @Ale quale è la tua versione maschile?

      • Mic1782, 24 Luglio 2019 @ 14:27 Rispondi

        È un rapporto corretto secondo me.
        Perché ti deve dire cose che magari ti danno fastidio?!
        Tu sai che una moglie c’è e sai anche che molti impedimenti ai vostri incontri possono dipendere da lei o dai figli.
        Ma io trovo corretto e rispettoso nei tuoi confronti non entrare nei dettagli a meno che tu non glielo chieda.
        Il mio ex se n’è andato anche per questo.
        Non reggeva più il fatto di non potermi dire cosa faceva con la famiglia,quanto lei rompesse i maroni, quanto la suocera fosse pesante e tutte le beghe della zia della nonna e del cane.
        Perché io servivo anche a quello , forse soprattutto a quello dato che mi scopava una volta al mese se mi andava bene.
        Finita la mia utilità ciao grazie arrivederci.
        Quindi trovo corretto che lui non ti parli di lei se non quando proprio non può fare altrimenti.

        • cossora, 25 Luglio 2019 @ 09:20 Rispondi

          Grazie @Mic. Lo reputo un uomo corretto (zoommando sulla nostra storia) e mi fa piacere che da quello che riporto senza fronzoli anche tu condivida.

          So bene che non è sintomo di nessuna conseguenza particolare e che i fatti sono sempre quelli: è in ferie con moglie e figlio. Però è bello avere un bel pensiero di fondo su una persona.

          • cossora, 25 Luglio 2019 @ 09:27

            Aggiungo al ‘è in ferie con moglie e figlio’ che dai toni dei messaggi e delle telefonate quotidiane posso evincere che siano ferie tranquille.
            Si alza, va a correre, si tuffa in mare, vanno a pescare col bimbo, lo porta alle giostre, un gelato la sera.

            Fotografa scorci che mi manda pensandomi.
            Lei ovviamente non pervenuta.
            Ha trovato il modo di non farmi entrare in crisi. Chapeau.

            Ma come diceva mia nonna: vula bass e schiva i sass!

          • Mic1782, 25 Luglio 2019 @ 13:21

            @cossora credo che ti rispetti facendo così.
            Ti dimostra che è vero, lui è in vacanza con la sua famiglia perché ha scelto di restarci e diversamente sarebbe con te, ma ti sta facendo capire che ti pensa e che ci tiene.
            se a te questo basta per farti stare serena va benissimo così!!
            La più grande forma di rispetto è l’ attenzione a non ferire e lui sembra averlo compreso.

          • cossora, 25 Luglio 2019 @ 16:24

            @Mic oggi va così.
            Domattina magari mi sveglio con la carogna ed è uno stronzo immane.

            Altra cosa che ho imparato di me: ogni giorno non è uguale e lui non centra niente. Ci sono io al timone e sono padrona del mio mio mare!

      • Rosa, 25 Luglio 2019 @ 13:50 Rispondi

        anche per me è sempre stato così e ormai lo è da da molti anni.
        Lui è quello che parla al singolare, al massimo si sbilancia sulla figlia e sul nipote.
        Anche lui è premuroso e mi sono sempre sentita rispettata. Quando è con me, ci siamo noi e basta. Quando non può, non mi presenta la giustificazione, mi propone un’alternativa o semplicemente mi dice che non può, senza dilungarsi sui motivi.
        E devo dire che l’ho sempre visto come una forma di rispetto e non di elusione, anche perchè in tutta franchezza non mi interessa sapere cosa deve fare con la moglie.
        Col tempo sto cercando di imparare a vivere di ciò che mi fa star bene, e a farmelo bastare.
        Non ho ancora imparato invece, ad accettare i suoi momenti di “saturazione” dove deve necessariamente rallentare.

        • cossora, 25 Luglio 2019 @ 16:04 Rispondi

          Cara @Rosa,
          non so spiegare cosa significhi la sua ‘saturazione’ ma ho capito cosa intendi e l’ho vissuto.
          Ricordo la mia silenziosa domanda perpetua ‘ma come, io ti amo e per te è troppo?’
          Se posso darti un consiglio: non arrivarci alla saturazione.
          Se qualcosa ti spinge troppo verso di lui, decomprimi, rispondi meno, spiega meno, scrivi meno.
          Sai che puoi controllarti. Fallo per te.
          DIstanze.
          Non hai idea di quanto le cose cambino se prendi le distanze.
          E’ come abbracciare qualcuno: se stringi troppo soffochi.

  • nina, 22 Luglio 2019 @ 13:00 Rispondi

    @to the moon, guarda, io ai confusi disorientati sofferenti non ci credo. va bene che si condivide tutto e si condividono anche le paure, ok, ma quando una si ritrova a fare, da amante, la psicologa che raccoglie le paure di lui per uscire di casa…non so, secondo me è una confusione di ruoli che non promette niente di buono. posto che tutti dobbiamo essere comprensivi con le difficoltà dell’altro, ecco io però i miei dubbi e paure non glieli scaricavo addosso tutti i giorni. questa improvvisa necessità di riflettere, pensare, boh io mi sono rotta dopo due anni: dopo 9 mesi che l’aveva lasciata e dopo un mese fuori casa aveva ancora bisogno di riflettere, leggi: si scopava di brutto, però nemmeno dopo che lui è uscito di casa mai un bel pomeriggio insieme dedicato solo a noi, dubbi, incertezze, paranoie, malumori, soprattutto la sensazione per me tristissima che quello che lui “perdeva” lo rendeva più triste di quello che “guadagnava” (noi). ecco vedere sto muso sempre lungo mi ha davvero fatta esplodere. non te l’ha detto il dottore di stare con me, ci stai, bene, ma sii contento, invece se sei lì che devi pensare ancora a come era bello il caminetto mentre noi abbiamo solo uno squallido termosifone…boh ciao. tu farai quello che ti senti e probabilmente gli darai una chance. il mio mi ha detto, tornerò quando avrò risolto, è tornato ma non aveva risolto un bel niente, quindi ho risolto io. fai attenzione, quelli troppo incerti non promettono bene. e io la prossima volta mi cerco un uomo che sia davvero uomo.

  • to the moon and back, 22 Luglio 2019 @ 09:02 Rispondi

    Poi mi chiedo: ha senso stare ai suoi tempi o è meglio mollare la presa già ora e non aspettare ancora 1 mese e mezzo?

    • cossora, 22 Luglio 2019 @ 10:58 Rispondi

      Fai quello che ti pare. senza che abbia un senso ne coerenza.
      Oggi ti va di ascoltarlo? Ascoltalo.
      Domani non ti va? Prepara una scusa a una sua eventuale richiesta di spiegazioni.
      Anche ‘guarda non ci sto pensando, mi si è spento il telefono ma non ci ho fatto caso’ va benissimo.
      Comunque ti sta scendendo la catena @to the moon..

  • to the moon and back, 21 Luglio 2019 @ 16:26 Rispondi

    I fine settimana sono veramente difficili…
    è tornato a fine giugno, è tornato per chiedermi conferme, per accennarmi che tra lui e sua moglie si sta arrivando al divorzio, che però è spaventato, che io sono la sua forza e quando non ci sono gli manco…
    Lui certezze a me non ne sta dando…anche se ho provato a chiederle…ho anche provato a dirgli di non sentirci più e li si è infuriato…
    Forse è giusto che faccia questo percorso da solo, senza coinvolgermi e quando sarà uscito di casa ne riparleremo… E’ difficilissima la sua situazione in casa e lui la gestisce con difficoltà (in effetti non la gestisce lui ma la moglie!)…i sensi di colpa lo stanno devastanto e si sente giudicato e visto malissimo da tutti (proprio lui che ha sempre voluto essere amato da tutti!)
    Sono innamorata di questo uomo che mi sta facendo soffrite come mai nessuno prima!
    Lo aspetterò fin dopo le vacanze, quando dovrà a quel punto dirmi quale percorso intende intraprendere e con quali tempi…perchè così non posso andare avanti!
    C’è solo un tarlo che mi assilla: non sono certa che la decisione di divorziare sia sua,ma della moglie, la quale dopo tutta la devastazione famigliare che è riuscita a creare (a diversi livelli parentali) e alla vendetta psicologica nei miei confronti che è riuscita ad attuare, non riesca ad accettare il tradimento!…Quindi io sarei l’anternativa,colei alla quale la moglie lo ha scaricato comunicandolo!… Lo amo, ma mi fa male il pensiero di essere l’alternativa!

    • oldplum, 21 Luglio 2019 @ 17:19 Rispondi

      Ma lui è quello che ti mandava le foto con lei dopo essere stati scoperti?
      Si può proprio sopportare tutto…

    • oldplum, 21 Luglio 2019 @ 17:24 Rispondi

      Non lo conosco e non posso dire ma, MA se è così dipendente da questa donna da permetterle di farti star male (foto e telefonate), credo che abbia con tutto se stesso cercato il recupero. Credo che sia lei a non starci dentro e che lui sia ancora lì (senza darti certezza) perché spera di ricomporre. Ho visto uomini scoperti uscire di casa (con moglie che li “perdonava”) in 24h. A me uno che divorzia ma non ti da certezze e fa silenzio nei week end nonostante questo non mi pare uno affidabile. Stai attenta. Solo questo.

      • to the moon and back, 22 Luglio 2019 @ 08:33 Rispondi

        Si Oldplum è proprio così…ha cercato di recuperare, me lo ha confermato, raccontandomi che aveva mollato tutto, cell, pc, era a totale disposizione loro…
        Ed è proprio così, è lei a non starci dentro (manesca, rancorosa, controllore, fuori di testa)… Sono quasi certa che lui a tratti spera di ricomporre, ma quando gli ho detto che doveva continuare su quel percorso si è infuriato, mi ha detto che lo ho deluso, che è in una situazione che non conosce, che effettivamente ha paura di perdere la sua famiglia, ma che io gli do ottimismo, forza e quando non ci sono gli manco… Anche io sono convinta non sia affidabile, non mi fido… Però, aspetto fine agosto, voglio probvare a dargli un minimo di fiducia per ancora qualche settimana, le vacanze saranno d’aiuto per entrambi (almeno spero!!), io nel mentre ne approfitto per andare via con amiche sperando di togliermelo dalla testa!

    • Piccola, 21 Luglio 2019 @ 17:42 Rispondi

      To the moon, se vivesse di senso di colpa avrebbe deciso di recuperare a casa come ha fatto il mio rinunciando a me. Non pensi sarebbe stato più semplice per lui? Perché affermi ti stia facendo soffrire se lui c è ancora?

      • to the moon and back, 22 Luglio 2019 @ 08:36 Rispondi

        Piccola, lui ha provato a recuperare a casa, è sparito per 3 mesi, ha consentito alla sua famiglia di farmi violenza psicologica con messaggi e telefonate senza interventire..
        poi dopo 3 mesi è tornato, chiedendo conferme, dicendomi che non riesce a dimetnicarmi, che vorrebbe costruirre con me…Però poi sparisce per giorni, si giustifica dicendo che è disorientato….MA COME DISORIENTATO???? Credo lui, come me, dovrebbe farsi seguire da un terapeuta! 🙂

        • Piccola, 22 Luglio 2019 @ 11:34 Rispondi

          Mi dispiace dirti che non devi più fidarti. Ti dice e fa le stesse cose del mio. Non credo più nemmeno alla storia della moglie manesca, rabbiosa, rancorosa. È possibile che siano tutte così? Troppe coincidenze. Sai, anch’io sto male ma ormai non credo più a nulla e penso che per loro sia uguale, tanto a casa stanno bene. Poi tornano, magari per noia.. C ‘è qualcuno in questo blog che ha scritto che non è possibile generalizzare, che ci sono storie e storie ma vedo e leggo comportamenti troppo omogenei. Mariti in crisi per questioni economiche, mogli iene, amanti cattive….
          Altro che disorientati e confusi, loro sanno bene quello che vogliono. Le confuse siamo noi a stare dietro a questi bambini mai cresciuti. Io razionalmente lo so ma ci sto male. Però aiuta leggervi, aiuta Ale.

          • alessandro pellizzari, 22 Luglio 2019 @ 16:35

            La statistica dice che più la moglie è descritta come mostro meno lo è, spesso
            Ignara della crisi stessa. Ed è quella che riappare felice con lui sui social quando vi da il benservito. Quella che non scopa mai eccetera

          • cossora, 22 Luglio 2019 @ 16:53

            E se lui non parla mai male della moglie?
            Se ne ha parlato come uno spettatore esterno all’inizio senza però dare dei giudizi negativi?
            Spesso si evince che qualcosa non va solo dal fatto che se andasse tutto bene non ci sarebbe un’altra.

          • alessandro pellizzari, 23 Luglio 2019 @ 00:12

            Se non parla male della moglie è il minimo sindacale della corrrettezza

          • cossora, 24 Luglio 2019 @ 09:44

            Ok, mi ero persa la tua risposta @Ale.
            Anche a me sembra una persona corretta in termini generali.
            Ma è bello anche leggerlo scritto da un uomo.

          • Ariel, 24 Luglio 2019 @ 17:04

            Spesso sanno benissimo come siamo che cosa vogliamo sentirci dire
            O che cosa non vogliamo sentirci dire o fare

            Ragazze SVEGLIATEVI!!

            Così corretti che mai ci hanno detto cose per ingannarci

            Così corretti che mai ci hanno parlato male della moglie

            Così stupendamente corretti

            Furboni
            Manipolazione alla grande e avanti tutta
            Che ti prendo come e quando voglio perché tu sei Donna e so benissimo cos avogliono le donne
            Vogliono il romanticismo
            Il romanzo
            La fiaba

            Okkei eccoti accontentata
            So benissimo cosa vuoi da me
            E infatti TITTO È CALCOLATO
            pure dirti sfacciato
            Che lo so che stai male e quindi
            Fai un po’ come caxxo ti pare

            Fai pure i tuoi silenzi
            Che io me ne sbatto
            Perché ho già previsto che non resisterai
            E tornerai da me a prenderti LA DOSE DI DROGA

            Cara la mia ragazza
            Vale per tutte quelle relazioni in cui ci si fa domande non accade nulla
            La moglie non la mollano
            E ovvio tutta ti USO
            apartire dal tuoi buchi e a seguire mi faccio pure la psicologa che è in te
            La aiutante nei casini ( FINTI,,,.)
            E quindi

            Il TI USO IL BUCO NOSTRO FISICO
            È la BASE nella quale

            Ci USANO A 360 gradi

            Care Ragazze meditate

            BUONASERATA❤️

          • Franca, 25 Luglio 2019 @ 11:12

            Mamma mia Ariel…per come la metti tu è uno squallore ai limiti del vomito…ti leggo e mi sento male.
            Soprattutto quando riduci la donna al buco.
            Ma queste donne avranno pure un po’ di sale in zucca, un po’ di cervello, un po’ di responsabilità di trovarsi in questa storia, avranno scelto o sono solo bambole gonfiabili???
            Non mi piace questa idea. Ci impoverisce troppo.
            Troppp davvero.

          • oldplum, 25 Luglio 2019 @ 12:22

            No cara @Ariel non sono d’accordo parli da donna ferita. Pezzo di pane, lui se ne è andato e tu non ha resistito (cit).
            Concordo con Franca.

        • oldplum, 24 Luglio 2019 @ 11:54 Rispondi

          Intraprenderesti un viaggio con una persona priva di orientamento?

          • to the moon and back, 26 Luglio 2019 @ 08:39

            La bussola la ha e ha scelto di seguirla….forse non gli piace al 100%, ma vuoi mettere: la conosce, gli da quello che serve (figli e status visto che i soldi sono della bussola!) per resistere al 41bis!
            Io farò di tutto per svincolarmi…ieri una prima piccolissima vittoria…ma a breve iniziano le vacanze con gli amici vicini e che adoro…questo mi rende felice!

    • Cossora, 21 Luglio 2019 @ 19:26 Rispondi

      @To the moon allontanati e circoscrivi una parte del cuore per lui. Ma adesso prendi distanza e pensa al peggio che può farti.
      Se arrivi impreparata può essere devastante.

      • to the moon and back, 22 Luglio 2019 @ 08:43 Rispondi

        Cossora, hai ragione, questo è il mio percorso, con alti e bassi purtroppo!
        So che a tirare i fili non sono io…e questo mi fa arrabbiare!…so pertanto che alla fine non lascerà il suo status. Lui ha troppa paura, preferisce sopportare il carcere duro (41bis), ha bisogno di sentirsi dire che ci sono e che lo amo, ma solo per avere quel contentino che gli consenta di andare avanti 7-10giorni…Mi “amicchia” con il MA…
        Settembre sarà decisivo…e mi sto preparando alla sua sparizione silenziosa…
        Gli do’ ancora questa possibilità, io nel mentre vado a divertirmi con le amiche (questo ancora non lo sa il gelosone!)
        Cossora, tu non ci crederai, ma sono una donna molto affine a te … devo solo riprendermi!

        • cossora, 22 Luglio 2019 @ 10:55 Rispondi

          Perchè mai non dovrei crederci? Sei anche migliore di me.
          Magari io nelle tue circostanze preparerei già lo spazio nell’armadio.
          Brava tesoro, riprenditi.
          Nel senso di riprendi te stessa @to the moon.

          Non mi interessa cosa possa fare lui (tanto abbiamo visto che qui di novità sconvolgenti non se ne vedono da lustri) ma devi tenerti forte su di te, sta gente che si accompagna a donne manesche, che mangia silenzi, che deve sedarsi andando a correre, che non si fa rispettare.. ma .. dico io un po’ di amorproprio anche loro, sono uomini o no?

          Mah!

    • LEI, 22 Luglio 2019 @ 12:08 Rispondi

      Che abbia deciso la moglie mi sembra una cosa naturale, gli uomini non lo fanno praticamente mai.
      Che lei non riesca ad accettare il tradimento non deve riguardarti.
      Che lui stia passando un periodo difficilissimo è assolutamente comprensibile, e capisco anche che si sia arrabbiato quando si è visto negare il tuo appoggio, visto che questa situazione si è creata a seguito della vostra relazione.

      Il tarlo di essere l’alternativa mi sembra una gran cag…, sei sicuro di non aver paura di diventare la sua donna ufficiale? Perché tutti questi dubbi mi sembrano davvero irrilevanti, rispetto al fatto che vi amate e forse siete sulla strada giusta…

      • cossora, 22 Luglio 2019 @ 16:50 Rispondi

        @LEI giustissima osservazione.
        Però (nel dettaglio di @To the moon) certe cose non sono irrilevanti, sono oggettivamente abominevoli.
        Poi per carità, il limite della decenza lo stabilisce lei, però..

  • Cossora, 21 Luglio 2019 @ 14:09 Rispondi

    Scusa @Hope ho mal compreso i fatti. Tu avresti voluto una condivisione di questo suo diciamo ‘fuori programma’ in nome della coppia che siete.
    Ok ma quel che lui ha provato (magari in modo davvero superficiale) riguarda lui come individuo non la vostra coppia.
    Sentirsi turbati per una persona ‘altra’ porta a viversi le cose in segreto, non a condividerle con il partner.
    Anzi, di solito si condivide con un amico fidato proprio per alleggerire il carico emotivo senza collaterali.

    • hope, 22 Luglio 2019 @ 07:19 Rispondi

      Capisco il tuo ragionamento Cassora e lo condivido, pero’ da quel che ho capito non è che mio marito abbia provato un colpo di fulmine per la collega della quale d’altronde mi ha sempre parlato in termini di amica. Io conosco quasi tutto di lei, visto che mi raccontava se non tutto almeno una buona parte di quello che lei gli diceva. Mi aveva anche detto che era un’amica alla quale teneva molto, ma che io non avevo da preoccuparmi e siccome sono di indole comprensiva e che la signora in questione aveva dei grossi problemi personali, non ho mai voluto metterci il becco anzi sono pure stata contenta quando mi ha detto che lei avrebbe lasciato suo marito (un tipo violento). Quindi penso che lui sententendosi attratto o sentendo che i suoi sentimenti stavano evolvendo avrebbe dovuto dirmelo per rispetto nei confronti dei miei di sentimenti,
      Perché se invece di andarle a fare una dichiarazione d’amore e facciamo pure finta che non si aspettasse niente in cambio, me ne avesse parlato, forse oggi io non mi troverei a dover gestire la patata bollente.
      Devi anche sapere che lui di amici fidati non ne ha. Aveva colleghi di lavoro con cui parlava bene, ma non amici veri e per quasi trent’anni la parte dell’amico fidato l’ha fatta fare a me. E non credere che io non gli permettessi di fare quello che voleva,
      Comunque questo post mi serve più come sfogo personale che per altro, ammetto che essendo rimasta ferita ho bisogno di parlare e non ho voglia di fargli subire i miei stati d’animo).
      Il problema è che una volta che ci si è sentiti traditi è difficile dirsi che forse potrebbe farlo di nuovo.
      Magari passo anche per ridicola, visto che non c’è stato tradimento fisico. La cosa ancora più ridicola è che se sorvoliamo questo episodio, in realtà stiamo veramente bene insieme. Condividiamo passioni e attività, e onestamente dopo tutti questi anni non c’è mai stato un calo di desiderio, anche adesso malgrado questi pensieri un po’ malsani che mi porto dentro, i nostri rapporti intimi non ne hanno patito.
      Scusa lo sfogo ti sto facendo fare da psico-terapeuta.

      • alessandro pellizzari, 22 Luglio 2019 @ 10:21 Rispondi

        Colpo di fulmine per una che è già amica è una contraddizione in termini

        • hope, 22 Luglio 2019 @ 13:06 Rispondi

          Sono pienamente d’accordo ed è li che casca l’asino. (che poi un questo caso l’asino sono io). Se partiamo dal principio che non ci sia stato colpo di fulmine, ma attrazione crescente sotto un velo di amicizia. Ci doveva pur essere un momento in cui, avrebbe potuto essere sincero. Perché ammesso che non volesse perdermi, aveva tutto il tempo per riflettere alle conseguenze che una tale dichiarazione poteva avere su di me se ne fossi venuta a conoscenza a posteriori. Lui si è scaricato la coscienza, ma dopo. E adesso sono io a star male, peché a lei di lui non gliene importa un granché e lui sembra andare benone adesso. Anzi mi ha pure detto che era contento che la cosa fosse saltata fuori perché non la viveva bene.
          Se fosse stato onesto dall’inizio adesso starei bene anch’io.
          La verità a volte puo’ far male pù delle bugie, pero’ ci sono dei casi in cui è meglio essere sinceri e affrontare le conseguenze anche per il bene degli altri. Siamo d’accordo che la nostra è una società egoista, ma quando uno ha la fortuna di avere accanto una persona che gli vuol bene al punto di essere disposta a farsi da parte in punta dei piedi se necessario, le dovrà pure un po’ di rispetto.
          Questo era il mio ultimo sfogo, grazie di aver condiviso un po’ del mio malessere, Questo post penso fosse fatto più per gli sfoghi degli amanti, ho fatto un’intrusione. Magari potrà servire a qualche marito per prendere il coraggio a due mani e avere la forza di essere sincero. Che una sia la moglie ufficiale o l’amante restiamo tutte delle donne che sono sensate essere amate e a parer mio l’amore non puo’ sopravvivere se è basato sulle menzogne.

      • cossora, 22 Luglio 2019 @ 10:46 Rispondi

        Ma figurati @Hope.
        Non so che dire, tranne che sicuramente, venire a conoscenza di una cosa che “è ma non è..” lascia interdette.
        Anche secondo me i colpo di flumine non centra nulla. Lui si è avvicinato nel tempo a questa donna, hanno confidenza.
        E la confidenza non è un colpo di fulmine, anzi.
        Hope.. stai. Vedi un attimo.
        Anche ammazzarti di dubbi e di interpretazioni esterne.. sai alla fine con tutta l’umanità che ci si può mettere.. dentro ci sei tu.

        Forse vuoi sfogarti ma non sei pornta a prenderti carico di tutte le insinuazioni, io ho rispetto del tuo dolore e del tuo timore.
        Se non sai che carta giocare, salta un giro.

        • hope, 22 Luglio 2019 @ 19:37 Rispondi

          Semplicemente grazie Cossora. Lascio fare al tempo e spero di ritrovare se non l’amore della mia vita almeno la mia serenità.

  • Hope, 20 Luglio 2019 @ 13:15 Rispondi

    Salve ho trovato il post un po’ per caso. Sto cercando delle risposte ad alcune domande che mi faccio. Io sono la moglie e non l’altra donna e l’altra non è mai stata l’amante, ma da quel che mi è stato confessato un amore « platonico ». Collega di lavoro da anni, un’amicizia all’inizio, che con l’andare del tempo si è intensificata (solo da parte di lui) lui che qualche mese fa ha finito per dichiararle i suoi sentimenti. ( qualche giorno prima di partire in pre-pensionamento), senza apparentemente e a dir suo voler nulla di fisico in cambio.
    Malgrado tutto e per quanto graziosa possa sembrare la cosa, io, la moglie ci sono rimasta malissimo.
    Anche perché l’ho saputo in modo strano. E’ stato il mio intuito e neanche la gelosia a portarmi a chiedergli chiarimenti, avevo una fiducia cieca, ma ho sentito qualcosa di doloroso in me senza capire da dove venisse e da una parola ad un’altra me ne ha parlato.
    Gli voglio un bene dell’anima e figlie a parte (3) che ormai sono grandi e vivono per conto loro, resto per amore. Non ho desideri di vendetta, cerco solo di capire…
    Oggi mi dice che ama me e solo me, ma sono passati solo 9 mesi dalla sua dichiarazione, cosa sono io per lui l’Amore o un premio di consolazione ? Ha solo paura di rimanere solo o mi vuol bene veramente ?
    Non mi sono aggrappata, non l’ho pregato di restare, non foss’altro che per dignità personale.
    Gli ho solo detto la verità, che il mio amore è sincero e che se non è felice con me è libero di andarsene.
    Ma allora perché sto ancora male ? Perché ho l’impressione di vivere con uno sconosciuto ? Perché non riesco a passare un giorno senza dirmi che se lei avesse avuto una reazione diversa, forse io sarei state gettata come un volgare strofinaccio usato ? (30 di vita in comune di cui non rimpiango neanche un giorno)
    Perché restare con me se veramente innamorato di un’altra ? Se ha sentito la necessità di dirglielo, cosa sono io per lui in realtà ? E poi puo’ veramente essersi reso conto di aver sbagliato, di non provare sentimenti veri o mi illudo ciecamente?
    Ne abbiamo parlato è sembra sinceramente attaccato a me, non riesco neanche a capire cosa potesse mancargli. Non sono avara di sentimenti, né di attenzioni e anche dal punto intimo la nostra intesa fisica è ben reale.
    Forse gli piace essere amato da me, ma non ha sentimenti « suoi » veri ? Forse mi faccio troppe domande ? Io vorrei solo essere sicura che sia felice con me, al limite anche senza di me e più di tutto vorrei essere sicura che sia sincero per potergli ridare fiducia.

    • alessandro pellizzari, 20 Luglio 2019 @ 13:39 Rispondi

      I tuoi dubbi nascono dal fatto che nessuno crede agli Amori platonici così come nessuna amante dovrebbe credere all’uomo che dice che non scopa mai con la moglie. Detto questo sono i fatti che contano. Ti abbia tradito o ci abbia solo pensato ora è sempre con te? È dedicato a te o fa strani viaggi e uscite varie? Giudica dai fatti

      • hope, 21 Luglio 2019 @ 11:53 Rispondi

        Ciao grazie per la risposta,
        forse non mi sono fatta capire bene, Il fatto che sia sempre con me e che con me ci stia bene è un’evidenza. Pero’ i miei dubbi nascono dalla mia insicurezza, Non ho mai avuto la pretesa di essere la sola donna che avrebbe potuto amare in una vita, ma pensavo che la nostra relazione fosse basata sulla fiducia e mi aspettavo che prima di andare a dire ad un altra il classico “ti amo”, mi avrebbe parlato dei suoi dubbi, se non dei suoi sentimenti..
        I fatti sembrano essermi favorevoli, ma mi sento comunque tradita. Mi chiedo se possa essere veramente felice con me visto che apparentemente ha guardato altrove.
        Io in oghi caso non potrei esserlo cosi’ come non riesco ad esserlo per il momento.
        Forse ci vuole solo tempo.

        • alessandro pellizzari, 21 Luglio 2019 @ 12:48 Rispondi

          Il tempo lo dirà sì

    • Cossora, 20 Luglio 2019 @ 14:02 Rispondi

      @Hope ti metto in crisi io. Ti serve.
      Ma tu cosa vuoi? Perché dici che vorresti sapere solo che è felice con te? Così vuoi risolvere un problema che non è tuo. Non puoi vivere con la pretesa di controllare cosa pensa e cosa prova. Sarebbe un eterno calvario, inutile tra l’altro, no?

      Io sono l’amante. Voglio la nostra intesa, a prescindere da quello che fa in casa. Io valuto e vivo i nostri fatti.
      Ha ragione @Ale, valuta i fatti: ti tratta bene, ti fa divertire, ti è vicino, cerca di non darti modo di essere insicura..chi è con te?
      Chiunque può tradire indisturbato chiunque.
      E può portarsi il segreto nella tomba.
      Quindi scegli se i fatti meritano o meno la tua fiducia e poi vai avanti di conseguenza.

      • hope, 21 Luglio 2019 @ 12:02 Rispondi

        Ciao Cossora
        qui non si tratta di voler controllare un bel niente solo di sapere se è ora di lasciarlo partire (anche se l’altra non lo vuole), perché in fondo non sono solo quella che deve raccogliere gli avanzi. Oppure poter ripartire su basi sane,, se è veramente quello che desidera. Siamo una coppia e in una coppia normalmente le decisioni importanti si dicutono e prendono insieme.
        Ho bisogno di sapere che non fa finta con me e non sono fatta per le relazioni a tre.
        Forse io e te non funzioniamo nello stesso modo. .

        • Cossora, 21 Luglio 2019 @ 13:39 Rispondi

          Beh giusto così..nell’ottica della condivisione totale in una coppia..ha pensato bene di condividere con te anche il coinvolgimento con un’altra.
          Adesso la patata bollente ce l’hai tu.

          Statisticamente da ciò che si legge qui, se non prendi una decisione indipendente, rimarrai nelle sabbie mobili del dubbio. E col tempo dimenticherai che ti ci ha messa lui, trovando ogni giorno una giustificazione a come si è comportato.

          Ma qui cé spazio per tutti se non si è permalosi!

        • oldplum, 21 Luglio 2019 @ 14:31 Rispondi

          È evidente che lui è già partito e poi tornato senza aver trovato ciò che cercava. Non è che sei tu a decidere se lasciarlo partire. Uno parte a prescindere. Dopo tanti anni insieme può succedere anche di innamorarsi di nuovo. Però, però lui è tornato da te. Non è detto che non riparta o che parta tu. La vita è piena di sorprese. Si viaggia insieme ma nessuna cosa è assoluta. E ci si può continuare a voler bene.

          • hope, 22 Luglio 2019 @ 13:40

            Secondo me hai ragione solo in parte, E vero che non sono io a poter decidere se lasciarlo partire. Ma ho il diritto di sciegliere se restare o partire io, Questo posso farlo solo se sono a conoscenza dei fatti. Una moglie non è necessariamente l’antagonista dell’amante. Quando c’è rispetto reciproco anche se l’amore lascia il posto ad un sentimento meno forte, ci si puo’ lasciare in termini cordiali e l’amante puo’ prendere il ruolo di nuova compagna. Non penso che dopo tanti anni di vita in comune, basata su affetto e fiducia reciproca io adesso chieda la luna..
            E’ vero che avendo capito di non essere ricambiato ha finito per dirmi tutto e adesso a sentirlo parrebbe che non ne sia mai stato veramente innamorato e con me è un marito adorabile, solo che saro’ paranoica, ma mi chiedo cosa sarebbe successo se lei avesse reagito diversamente….e mi ritrovo a scrivere su post come questo in cerca di non so che.
            E poi come dici tu ci si puo’ continuare a voler bene e francamente non ho dubbi sul nostro bene reciproco e allora resto, ma ho paura di non essere più all’altezza….

  • nina, 22 Giugno 2019 @ 17:06 Rispondi

    @marco se tua moglie ha scelto la sua famiglia di origine non ha scelto te e anche se uno vuole mettersi da un punto di vista cattolico la famiglia è la vostra nuova non la sua di origine. lei ti ha tradito in un certo senso non entrando a pieno titolo nella vostra famiglia.
    anche io credevo la tua amante fosse single, comunque che già viva separata mi sembra buona cosa. davvero davvero ti e vi auguro ogni bene. io ho avuto una storia brutta come @sono io ma ti auguro di essere più capace dei nostri ex!

  • nina, 20 Giugno 2019 @ 20:48 Rispondi

    @marco guarda io ti auguro davvero di riuscire a superare queste insicurezze. non parli però della tua amante, come vive questo momento? ti parlo del mio punto di vista perchè spero possa aiutarti: io avrei accettato con più dolore ma meno rabbia se lui avesse scelto lei in quanto lei e se non mi avesse sempre fatto sentire che quello che lasciava era più di quello a cui andava incontro. io l’ho lasciato prima che tornasse sui suoi passi, lui dice che non lo avrebbe mai fatto, ma per me vederlo sempre solo rivolto al passato non era accettabile. e comunque la sicurezza e lo stile di vita da una parte e l’amore dall’altra sono incommensurabili, non perchè credo a due cuori e una capanna, conta che comunque io sono stata per lui un aiuto concreto anche economico e nemmeno io avrei buttato tutto via, ma si può fare tutto, basta volerlo. forse dipende anche dalla durata delle storie ed è per questo che non devono durare troppo, quello che avrei accettato un anno fa non lo accetto oggi, quindi fai attenzione anche a quell’aspetto e soprattutto se posso permettermi oltre ai tuoi interessi e pensieri ascolta cosa ti dice la tua amante e tieni in considerazione anche lei. spero davvero che tu sappia guardare al futuro e non al passato, poi per me devo dire che l’uomo insicuro è ciò che di meno attraente esista, non ti dico di essere tutto di un pezzo, ma almeno quanto me sì…poi una certa insicurezza è fisiologica, ma troppo è troppo e solo parlando con la tua amante, se ci tieni a lei, puoi capire. attento al dialogo con lei. è sparita dai tuoi scritti e non mi pare un bel segno…

    • Marco, 21 Giugno 2019 @ 12:16 Rispondi

      Non né parlo xche c’e’ ma devo affrontare altro ora. Lei mi vuole felice e felice con lei. Lo vive con rispetto ma anche con felicità, del resto io stato da avvocato, lei no. E comunque io non le chiedo, per ora, di andarci…. lei prima diceva “e’ una formalità”, non credo, ma fa nulla…

      • hara, 21 Giugno 2019 @ 15:15 Rispondi

        @Marco quanto è fortunata tua figlia. Un abbraccio di cuore

        • Marco, 21 Giugno 2019 @ 18:41 Rispondi

          Xche?

          • Hara, 21 Giugno 2019 @ 22:15

            Perché cosa è l’amore lo si impara dall’esempio che ti danno i tuoi genitori e ogni figlia vorrà un uomo come il padre. Tu le stai dimostrando il rispetto verso la vita che è una e una soltanto, verso se stessi e verso gli altri.
            Si capisce da quello che scrivi che sei innamorato e riesci a tenere un equilibrio sottilissimo ma prezioso quando guardi a quello che è stato il tuo matrimonio.

      • EP, 22 Giugno 2019 @ 07:26 Rispondi

        @marco…nn so xchè ma ho sempre pensato che la tua amante fosse libera! Speriamo nn si faccia venire lei tt i dubbi che di solito troviamo descritti qui relazione agli ometti! Anyway…io forse nn sn arrivata a passare tutto quello che ha passato @sono io cn l’amante…e quindi da ottimista quale sono di natura…voglio pensare che tu sarai capace di proseguire il tuo percorso…PER TE STESSO! Si…x te stesso…con o senza amante! Ho avuto poco tempo questa sett e ho letto a spizzichi e bocconi..ma mi sembra che tu stia scoprendo degli altarini della tua famiglia acquisita che nn sn mai stati rivelati e che ti hanno fatto arrabbiare (giustamente). A 45 anni riesco ancora a stupirmi di come a volte le famiglie più “perfette” in apparenza nascondono sotto il tappeto storie incredibili…abbasso i teatrini e viva la trasparenza!!! La libertà di nn dover nascondere niente…nn ha prezzo!!! Si sta di un bene se si vive così…senza sotterfugi o bugie!!! Liberi di essere felici…ma anche di essere tristi senza dover mettere una maschera! Buon weekend a tutti!

        • Marco, 22 Giugno 2019 @ 12:45 Rispondi

          E’ libera xche ha mandato il marito ad abitare altrove (dopo alcuni mesi che io ero uscito da casa) non è libera xche non e’ separata legalmente e non ne parla. Io non dico nulla xche ho appunto il mio percorso da fare e perché lei ha problemi economici pur lavorando (ad esempio non chiede soldi a lui) per situazioni pregresse. Si ho scoperto cose da soap opera, incredibili, come incredibile non essermi mai reso conto di nulla e non mi siano giunte voci (ma chi te le dice?? Tutti sapevano ma nessuno le riporta a te) e ancor più scoprire che una fidanzata e moglie di oltre 20 anni non abbia preso le distanze da questo schifo, abbia continuato ad idolatrare la sua famiglia lasciando influenzasse il nostro percorso, non abbia cercato confidenza con me e complicità e oggi, davanti all’evidenza, continui a negare e a non capire le gravità arrivando a dire “ma noi ci separiamo per mia madre o per altro?”

          • EP, 22 Giugno 2019 @ 16:10

            @marco…nn ho sufficienti info x dire se sarebbe stato corretto o meno che tua moglie prendesse le distanze da a qlcsa che intuisco solamente! E poi bisogna trovarcisi nelle situazioni…quello che invece mi fa veramente specie (e la dice lunga sul vostro rapporto-nonrapporto) è che lei te lo abbia sempre nascosto! A te che avresti dovuto essere il perno della sua NUOVA famiglia! Ecco il punto…la SUA FAMIGLIA temo sia rimasta quella di un tempo! Tu eri un +1. Ma girava tutto attorno a quella che era la famiglia d’origine (che ai suoi occhi andava preservata da qlsiasi cosa). Ho scoperto a mie spese negli ultimi anni che l’apparenza è cosa di vitale importanza x alcuni…l’essere considerati PERSONE PERBENE secondo le regole della ns societa bigotta (xchè se poi 50 uomini su cento tradiscono e solo 5 di questi 50 decidono di ricominciare x un’altra strada…vuol dire che 45 rimangono, spesso tristi e insoddisfatti nell’inganno e nella bugia di un matrimonio che all’apparenza è perfetto, soddisfa l’esigenza di conformità alla società bacchettona….ma sempre di bigotti stiamo parlando!)
            Mi permetto di suggerirti (anche se capisco il grande fastidio) di nn focalizzarti sul fatto che tua moglie abbia preso o meno le distanze da qlcsa che nn condividi…nn l’ha fatto …PUNTO! Nn cercare una ulteriore “scusante” alla tua scelta di separarti…nn ne hai bisogno! In questo ha ragione lei…ti stai separando x sua madre o perché le cose fra voi nn funzionavano?!? Ecco nel nn funzionavano ci sta tutto….il sesso scadente, la poca complicità, i segreti famigliari etc etc…in bocca al lupo!

          • Marco, 23 Giugno 2019 @ 12:18

            Beh amanti, ultimo che stava in casa con placet del marito, come fai a non scandalizzarti e prendere le distanze se non sei così anche tu?

  • Sono io, 20 Giugno 2019 @ 14:03 Rispondi

    E poi @Marco ti definisci troppo responsabile e troppo altruista…non è così se torni indietro dopo che hai fatto promesse… sei tra gli egoisti e opportunisti. Ti auguro di smentirmi ma i tuoi dubbi e le tue parole mi stanno dando ragione. In ogni caso assumiti le tue responsabilità.

  • Sono io, 20 Giugno 2019 @ 13:57 Rispondi

    @Marco …” So che è giusto ciò che faccio non so se sia giusto per me quel che sto facendo, temo molto mi mancheranno certe “sicurezze”.” …. stesse parole che mi sono sentita dire. Un uomo che parte così ha troppo forte il richiamo della convenienza . Non ti mancherà lei ma cio’ che rappresenta. Arriverai a chiederti al primo problema “ne è valsa la pena” e se avrai una via di fuga prenderai quella.

  • Sono io, 19 Giugno 2019 @ 22:24 Rispondi

    @Nina… anche a me ogni giorno viene in mente una balla. E sai perché? Perché non abbiamo vissuto una storia ma frammenti: frammenti di gioia e dolore. Io del mio matrimonio conservo un bel ricordo. È stata una storia, un progetto, rispetto poi è finito ma senza rabbia. Queste sono storie malate perché ci siamo avvitate su noi stesse per troppo tempo. Inutile.

    Chi ti ama vede i tuoi occhi e capisce che stai male, chi ti ama non ti inganna, non ti umilia, ti ferma se stai dando troppo. Loro no, più davi e meno apprezzavano. A partire dal nostro tempo sottratto a noi per loro.

    Come sto? Bene. Io ho chiuso e non tornerò mai più indietro. Non mi è indifferente, ci penso, per questo è indispensabile non vedersi. Evito di andare dove potrei incontrarlo. Ma cambiano le domande che mi faccio e lui inizia ad essere un immagine sfocata.

    I tempi sono i tuoi. Anni di amantato, tre. Da giugno a gennaio per uscire ( pensavo che da giugno fosse separato in casa). Fuori casa 3 mese due dei quali passati a farmi passare per gelosa e invadente…addirittura è arrivato a dirmi che non avevo fiducia in lui! Pensa se gli avessi dato fiducia…!

    Due mesi che sto bene, mangio, dormo, cazzo dormire rimette al mondo, vedo gli amici, mi godo i miei figli…sono rientrata in me stessa…era ora

    Non avevi alternative, hai fatto la cosa giusta, avanti tutta !

  • nina, 17 Giugno 2019 @ 17:13 Rispondi

    il livello di ansia che mi dava ultimamente era tale che in un anno ho perso e ripreso 10 chili, iniziavo a perdere capelli e mi sono vista davvero male. poi ho pensato che erano cose visibili anche dall’esterno e che pure lui avrebbe potuto farsi due domande invece di tirarmi fuori che magari potevo andare a correre x essere più tonica…cioè va benissimo lo sport ma non lo faccio per te che mi fai impazzire e ammalare…visto che già criticava la ex che era ingrassata, mi sono fatta due più due e ho pensato che il mio turno era vicino…ma guardate che ogni giorno che passa mi viene in mente una bastardata in più, piccole soprattutto, che lì per lì mi ero persa nella foga dell’innamoramento…

  • nina, 17 Giugno 2019 @ 17:08 Rispondi

    @sono io ancora una cosa…anche io pur stando male sto meglio e anche io penso che per me abbia avuto senso tornare dopo silenzio. non avevo capito che razza di persona fosse. poi devo dire che anche lui magari pensa che sono una stronza perchè sono scomparsa io da psicopatica stavolta ma era due anni che mi prendeva per il culo e secondo me pensava che me ne sarei stata lì bella buona per una vita. io sono molto molto molto mite e paziente ma quando è troppo è troppo e finita la pazienza è finita per sempre. per cui sono scoppiata oggettivamente per una cazzata in confronto a una serie di altri guai che mi aveva combinato e quindi il suo livello di sconvolgimento trauma etc è enorme ma solo perchè non ha ascoltato quando c’era il tempo per recuperare. o meglio ha ascoltato e poi ha pensato, me la rigiro come mi pare. invece no.

  • nina, 17 Giugno 2019 @ 16:48 Rispondi

    @sono io guarda non sai quanto ti capisco…il punto è proprio quello che hai detto e che io forse non riesco a chiarire, cioè il fatto di uscire di casa davvero è USCIRE INNANZITUTTO CON LA TESTA. credo che il tuo e il mio caso di uscita e ritorno alla base (poi il realtà io il mio non so bene dove sta ma non lo voglio davvero sapere) siano tra i più folli. quanto ci hai messo a risolvere la cosa? ora a che punto sei? considera che il mio ex ha lasciato lei estate scorsa e uscito di casa a fine di questo inverno, se voleva di tempo per chiarire e sistemare ne aveva. per questo sono scoppiata. dopo tutto questo tempo doveva e poteva avere risolto e se non l’ha fatto in sei mesi abbondanti non lo avrebbe fatto mai. io sono nel silenzio totale, blindata come un carroarmato, spero che non trovi il modo di raggiungermi mai più. tu lo senti? sei decisa? scusami se ti chiedo ma ti ho pensata tanto in questi mesi e speravo che il tuo non scrivere fosse ottimo segno…mi dispiace davvero ritrovarti messa come me e ti capisco tanto tanto tanto. ma tu mentre lo vedevi pasticciare ci credevi? io non ho mai e giuro mai avuto la sensazione che questa uscita di casa fosse autentica. mai.
    @alessandro, parli di affittare o comprare…io non posso scendere in dettagli ma ti posso dire che anche dal punto di vista immobiliare in quest’ultimo periodo ha fatto dei casini assurdi.

    • alessandro pellizzari, 17 Giugno 2019 @ 22:22 Rispondi

      In sacco di balle insomma

  • Sono io, 17 Giugno 2019 @ 14:51 Rispondi

    @oldplum…Non non sono io. Ricordo anch’io di quella ragazza…io ho iniziato il silenzio esattamente un anno fa. Tempo 15 giorni e mi dice di essersi separato in casa ( aveva per mesi raccontato di problemi economici per giustificarsi) e mi dedica molto tempo. Scopro poi che lei è stata tradita per 20 anni e sapeva che facendosi da parte lui avrebbe vissuto la sua storia per rimanere con lei. Ma lei questa volta ha capito che io ero di più. Poi prende casa in affitto, in realtà di un amico ergo non so gli accordi, parla con la figlia ed esce. Cazzate a go go pur di non chiudere la porta verso la compagna e ogni scusa era buona per sentirla. Avevo capito che stava rientrando alla base ma ho resistito perché volevo vedere come ci sarebbe saltato fuori. Ovviamente ha messo in atto comportamenti per farsi lasciare da me e riprendere da lei. Un bel dì mi rompo le palle della farsa e gli chiedo di vedere la chat con lei. Un genio del male…è rientrato a casa raccontando altre bugie…Mi blocca. Mi sblocca dopo una settimana e posta una foto di noi in cui ovviamente mi taglia come a dirmi ” ti penso”. Ti penso un cazzo. Defenestrato. Gli auguro una vita grigio topo.
    La cosa che fa più paura è il pensiero che.lui possa stare bene. Che il sesso con lei sia meglio di prima. Che lo abbia aiutato. Mi ha detto che non la ama ma non sa perché ha fatto questo. Penso sia egoismo e convenienza. Un uomo così si meriterebbe di piangere un decimo di quanto ha fatto piangere me.

    • alessandro pellizzari, 17 Giugno 2019 @ 15:12 Rispondi

      Un uomo senza vergogna

    • Whiterabbit, 17 Giugno 2019 @ 15:23 Rispondi

      Ragazze sono senza parole… a leggere alcune delle vostre storie mio marito sembra un bambino piccolo. Finisce che sono pure fortunata. Basita.

    • Whiterabbit, 17 Giugno 2019 @ 15:35 Rispondi

      Forse sto iniziando a capire il concetto di alcune di voi che mi dicono che se ora stiamo bene devo voltare pagina e andare avanti.
      Mi sembra tutto così assurdo leggere di sti uomini che vanno, vengono, spariscono da casa a qualsiasi ora del giorno è della notte, vacanze con l’amante, etc etc robe che durano anni e anni.. ma sono tutti pazzi, uomini e mogli.. bah

      • C., 17 Giugno 2019 @ 16:46 Rispondi

        Esatto,
        il rischio che ti capiti un “CEREBROLESO” di queste proporzioni è veramente alto.
        E talvolta mandare tutto all’aria per questi dissimulatori è veramente controproducente.
        Il panorama è così desolante che trovare una brava persona che ti voglia bene al giorno d’oggi è un vero miracolo.

        L’unica fortuna, nella sfortuna, che si ha in questi casi è quella di essersene accorti in tempo.

        Ma se ne esce…eccome se se ne esce.

    • C., 17 Giugno 2019 @ 15:43 Rispondi

      Non c’è mai limite al peggio…mamma che vergogna.
      Se il personaggio è questo @Sonoio ti auguro di mandarlo al diavolo senza il minimo dubbio e riprendere in mano la tua vita….perché MOOOOOOLTO meglio soli che così accompagnati.

      Ragazze,
      davvero quelli impegnati, fidanzati, sposati meglio evitarli come la peste.
      Già soli bisogna concedere loro molti benefici del dubbio.

      Che tristezza, che schifo.

    • oldplum, 17 Giugno 2019 @ 19:21 Rispondi

      Nel mio caso specifico, pensare che scopi la moglie mi pare una giusta punizione <3

    • oldplum, 17 Giugno 2019 @ 19:22 Rispondi

      Comunque è normale parlare con l’ex coniuge, sopratutto se ci sono figli o interessi in comune. Ci si prende il presente ma anche il passato.

  • LEI, 17 Giugno 2019 @ 09:15 Rispondi

    Io ho fiducia in Marco. La sua decisione mi sembra ponderata e maturata.
    Indipendentemente da quello che farà con la nuova donna, ha capito che il suo matrimonio era giunto al capolinea, ha preso il coraggio a due mani ed ha fatto la sua scelta.
    Poi ci sta anche che uno si possa ricredere. I 3 anni di separazione (in presenza di minori), servono proprio come momento di riflessione prima del passo definitivo del divorzio.

    • Marco, 20 Giugno 2019 @ 08:57 Rispondi

      Ma si, se guardo a come lei si e’ comportata in tanti anni, e a tante altre cose, agendo di pancia, e’ sicuramente giusto. Per tanto tempo non ho voluto vedere schiacciato da responsabilità e dal mio carattere accomodante, poi ho conosciuto altro. Poi avevo costruito comunque un “impero” solidità economica, una bella casa, 2 bimbi favolosi, una moglie molto carina ed affidabile, ma incapace di capirmi, di apprezzarmi, di desiderarmi , di avere dialogo e slanci. Ho momenti di “esaltazione” in cui mi sembra tutto fattibile ed altri di smarrimento ed ansia. So che è giusto ciò che faccio non so se sia giusto per me quel che sto facendo, temo molto mi mancheranno certe “sicurezze”.

      • Ariel, 20 Giugno 2019 @ 12:23 Rispondi

        @Marco secondo me,averti taciuto cose è veramente una mancanza di rispetto e fiducia in te
        Mi sarei incazzata molto e pure delusa

        Insomma ovvio sei in un passaggio importante per la tua nuova vita e quindi logico avere il timore umano nel fare il salto verso il futuro che ovviamente è ignoto ,ma lo è sempre per tutti noi

        Guarda pure quando le cose vanno benissimo
        Con mio Caro Marito stavamo così bene e siamo andati a letto una sera come tante abbracciati ricoperti da tutti i nostri anni come storie in libri scritti da noi tutto di noi
        E lui stava un incanto

        E invece mi è morto di un colpo tra le braccia

        Cazzo,scusami Marco,
        Questo esempio serve per dirti
        Tu hai sentito dentro a te stesso che questa è la tua nuova strada
        Cazzo,scusami,si vive una volta sola!!!!!!!

        L’Anima OSA!!!!!!!

        Marco OSA ENTUSISATA DI FARLO!!!!’
        Questo è VIVERE

        CARPE DIEM!!!!!

        Forza MARCO!
        Un abbraccio!!!!

      • to the moon and back, 20 Giugno 2019 @ 15:13 Rispondi

        Le sicurezze le troverai in te e ne costruirai delle altre!
        E’ un passo importante, mi sembri lucido e corretto, così come è giusto che ci siano questi momenti di smarrimento, vuol dire che usi la testa!
        Io non ho la tua forza, sto con mio marito e sicuramente lo sto facendo soffrire, ma non riesco ad essere diversa.

        Mio marito sa’ del tradimento, credo abbia capito cosa ho provato per l’altro e che come lui sono infelice, ma per lui è importante mantenere unita la coppia per il bene del bambino al quale sta dedicando la sua vita, non ha stimoli sessuali, al suo fianco a me che non sono affettuosa, ma spesso fastidiosa e nervosa.

        Anche il mio ex ha scelto da subito la sua famiglia, sta combattendo per recuperare e far risollevare una moglie caduta nella depressione dopo aver scoperto del tradimento ed arrivata a tentare il suicidio (questo è però segno di altri problemi latenti!)… So che avermi lasciato è stato per lui un grosso sacrificio, ma ha delle responsabilità dalle quali non ha voluto esimersi e che sicuramente più importanti e forti dei sentimenti per me!

        Siamo diversi, facciamo scelte diverse…
        Vorrei essere come te, coraggiosa, invece viveer la vita nel limbo e nella tristezza… in questo momento non ho stimoli che mi facciamo decidere diversamente…vorrei che qualcun altro decidesse per me!

  • Sono io, 16 Giugno 2019 @ 21:01 Rispondi

    Ciao Nina. Si é stato così. Pensi di iniziare e invece sono stati mesi assurdi. Una relazione ansiogena…quello che per me era scontato doveva continuare ad essere conquistato. Un uomo egoista e ambivalente. La cosa peggiore é che per due mesi ha cercato di vedere se il letto fosse ancora caldo dall’altra parte, ha fatto credere a lei cose non vere … bugie e bugie. Una figlia di 22 anni . La realtà che ha fatto due conti e non ha avuto coraggio. Credo che doveva pensarci prima. Ma sono contenta così perché se mi avesse lasciata libera nel momento in cui avevo iniziato il silenzio sarebbe rimasto nel mio cuore come un uomo responsabile e sincero. Invece mi ha raccontato bugie durante l’amantato, durante la sua finta separazione e durante l’uscita. Ha tradito il rapporto con la moglie fin da subito e lei lo ha sempre saputo e lo ha riaccolto in casa come un eroe sopravvissuto alla guerra. L’ennesima donna che ha cercato di portarselo via. Ma…passato un mese ha tentato un riavvicinamento. Bloccato e morto. Poi che sia un narciso, un dipendente affettivo un bugiardo cronico poco importa. Per me era veleno e senza di lui sto meglio. Mi chiedo cosa rimarrà di noi in lui ma quando avrò la risposta non mi interesserà più. Grazie Nina.

    • oldplum, 17 Giugno 2019 @ 11:57 Rispondi

      Te l’avevo già chiesto ma non trovo la risposta. Il tuo è quello che si è riavvicinato a te chiedendoti di andare con lui 10gg in vacanza, dopo un tuo lungo cds?

  • nina, 16 Giugno 2019 @ 15:58 Rispondi

    @sono io, ti avevo scritto da qualche parte nel blog perchè ti sento molto molto vicina. il mio è uscito di casa ma con la testa era sempre là, continuava ad andare e venire in un trasloco infinito (tipo porto due magliette per volta invece che uno scatolone di magliette e stop) e io a un certo punto non ci ho creduto più. e anche se fosse andato avanti per me i suoi tempi dopo due anni di amantato erano comunque eccessivi e le sue incertezze, paure, paranoie (considera che non ha figli) per me non più sopportabili. se non lo avessi lasciato forse oggi saremmo insieme, chissà, ma io non mi sono sentita di scommettere su uno che per qualunque ragione non è riuscito a darci un taglio e doveva ancora sentire la ex per dirle di dare da mangiare al cane a un anno da quando l’ha lasciata. non posso scendere nei dettagli e forse io non ho avuto la giusta pazienza nel momento giusto, ma l’avevo già finita. e comunque ora, non avendo i soldi, è tornato a casa (credo, io non ne voglio più sapere). non so se marco ce la farà, io spero tanto tanto tanto di sì. @sono io probabilmente sei pessimista perchè come me sei stata bruciata dalle oscillazioni del tuo, che sono una roba da andare fuori di testa.
    @marco il mio consiglio è di essere assolutamente fermo nelle tue decisioni. @sono io, mi dispiace tanto per te, come te anche io credevo che con uscita di casa fosse tutto risolto, invece per me è stato inizio della fine. come scriveva @angelica poi questi fanno mille pasticci…

    • alessandro pellizzari, 16 Giugno 2019 @ 18:00 Rispondi

      Ecco quelli che escono a spizzichi e bocconi non escono convinti e per davvero. Sono come le finte pause di riflessione. Sono tira e molla

  • Sono io, 16 Giugno 2019 @ 15:56 Rispondi

    Magari avete ragione voi…il tempo lo dirà…Un conto è uscire e un altro è chiudere con il passato senza ritorno (intendo con la moglie e non i figli). Senza ritorno. Noi donne lo facciamo, chiudiamo veramente, gli uomini spesso rientrano in casa. Ci saranno statistiche in merito Alessandro? Gli uomini spesso escono di casa e si mettono sul pianerottolo: uno sguardo al passato e uno sguardo al futuro. Oscillano di qua e di là poi arrivano gli eventi esterni che scelgono per lui…poi rientrano in casa e iniziano a ripensare che forse….Forse….Forse….

    • alessandro pellizzari, 16 Giugno 2019 @ 17:58 Rispondi

      Mi risulta che per fortuna se un uomo esce davvero di casa (seriamente, affittando davvero non tipo un mese di prova o comprando) solo una minoranza poi rientra.

  • Dispersa, 16 Giugno 2019 @ 14:37 Rispondi

    Ieri sera mi ha fatto questo discorso ….
    Troppo lungo da scrivere ….
    Alla fine ragione e calcolo hanno preso il sopravvento …. La sua vita è comoda e serena, una moglie non più passionale, ma cresciuta con lui, una Spa di famiglia che nonostante tutto funziona.
    Io l’ho ascoltato …. Non gli ho detto cosa fosse giusto o no …. Alla fine lui ha scelto, ed giusto così.
    Non riesco ad inca**armi …. Penso che il mio percorso di guarigione sarà diverso.

    • alessandro pellizzari, 16 Giugno 2019 @ 15:24 Rispondi

      L’uomo ha solo due pilastri che vincono su tutto il resto: egoismo e convenienza

      • Dispersa, 16 Giugno 2019 @ 16:57 Rispondi

        Quell’egoismo e quella convenienza che usa anche nel lavoro, in maniera positiva …. Ma qua si parla di persone di sentimenti, non di numeri ….
        Semplicemente me l’ha confermato!!
        Se la moglie non lo avesse scoperto avrebbe continuato così, amante a vita …. lo facevo stare bene e poco invasiva …. L’unico stress era il telefono sempre in mano.
        Doveva andare così!

    • Ariel, 16 Giugno 2019 @ 15:46 Rispondi

      Cara Dispersa vedi a poco a poco ti stai ritrovando,
      Già hai le idee chiare sulla differenza di percorso tuo
      Lui infatti lo hai lasciato parlare mentre tu già stai consapevole di ciò che fai e farai per te stessa

      Come a dire che si impara pure dagli esempi negativi
      Si guardano si ascoltano e poi si evitano

      Guarda avanti a te che ci sta il vero Sole di vita !

    • Rosa, 16 Giugno 2019 @ 16:52 Rispondi

      Dispersa ma dal momento che ha scelto, perché ti smarona ancora con questi discorsi?
      E soprattutto, se sta così un equilibrio come dice, perché di sabato sera fa i discorsi a te invece che alla moglie?
      Bene che non ti inc..zzi, ma secondo me quando inizia con queste solfe, dovresti tagliar corto.
      Cosa è che vuole, la tua benedizione?

      • Dispersa, 16 Giugno 2019 @ 19:35 Rispondi

        Era una cena di lavoro …. La prima cena da non amanti.
        Credevo fosse più dura per me, ma mi sono dovuta ricredere.
        Io mi sono divertita, lui l’ho visto ridere e scherzare, ma mi cercava ….
        Il suo è un equilibrio pari alla convenienza.
        Non credo voglia la mia benedizione.
        Credo sia un uomo, come tutti, forte e determinato ma fatto di carne ed ossa!!

        • Violetta, 17 Giugno 2019 @ 00:36 Rispondi

          Ma a ‘ste cene di lavoro devi andarci per forza?! Io mi darei malata…

          • Dispersa, 17 Giugno 2019 @ 17:30

            Non per forza!!
            Ma perchè con alcuni colleghi ho un rapporto che va oltre il lavoro …. E quindi se ho voglia ci vado, che ci sia o meno il mio ex lui ….

        • Franca, 17 Giugno 2019 @ 09:23 Rispondi

          Questo è il solito discorsetto degli uomini che vogliono comunque assicurarsi una porta aperta.

          • Dispersa, 17 Giugno 2019 @ 17:37

            Evito di scendere in particolari …. Ma oggi questo dubbio ha assalito pure me!

  • Sono io, 16 Giugno 2019 @ 09:22 Rispondi

    Ciao Marco, non ti credo. Scusa ma non ti credo. Il mio ex per quasi un anno mi ha tenuto in ballo con questo dilemma casa vecchia o casa nuova. È uscito di casa e poi puff…ritorno alla vecchia vita. Il punto è che.in una qualunque scelta esiste un momento in cui si è sospesi…Un po’ come quando corri, per una frazione di secondo il tuo corpo è sollevato da terra. Lì si vede di che pasta è fatto un uomo. Se guarda avanti o se si volta indietro. Inaccettabile dopo un anno questa ambiguità, non sono i figli e basta, è il porto sicuro che ti manca, è il tuo egoismo. Stai combattendo contro te stesso. Tornerai all’ovile prima o poi. Ci metto la mano sul fuoco. Mi dispiace per la durezza ma di uomini ambivalenti che si creano alibi ne ho piene le palle cosi come di donne che giustificano sempre e comunque.

    • alessandro pellizzari, 16 Giugno 2019 @ 12:05 Rispondi

      No questa volta spezzo una ARANCIA per un uomo. Marco ce la farà. Anche perché innanzitutto uscire e chiudere un rapporto che non funziona lo si fa in primis per se stessi. Forza Marco per noi uomini abitudinari è più dura all’inizio ma poi si raccoglie alla grande!

      • Angelica2.0, 16 Giugno 2019 @ 12:34 Rispondi

        Credo anche io

      • Dispersa, 16 Giugno 2019 @ 14:23 Rispondi

        Marco, sono con te!!
        Un in bocca al lupo!!
        Ce la farai, ne sono certa!

    • oldplum, 16 Giugno 2019 @ 14:36 Rispondi

      Forza Marco!

    • Marco, 19 Giugno 2019 @ 15:45 Rispondi

      Hai ragione, il porto sicuro a chi non piace? Casa mia, mie comodità, i miei figli, sicurezza economica, non mi pare poi un delitto. Eppure sto facendo un salto, che pur sentendomi vivo, e’ un salto nel buio. Casa in affitto, economicamente stato meno bene, figli part time, meno agio e comodità. E nessuna garanzia che questo nuovo amore sia eterno. Eppure lo sto facendo, pur conscio che “il senso di famiglia” mi mancherà, ma non mia moglie, non il rapporto che avevamo. E allora voglio crederci che tutte le pedine possano incastrarsi ed essere davvero felice. Ma non colpevolizzare, perché scottata, chi fa scelte diverse, io non credo siano tutti approfittatori, c’è anche chi soffre a rinunciare all’amore xche vede davanti montagne troppo alte da scalare. Io ho agito di pancia con mai fatto, tropo responsabile, troppo altruista. Mi auguro di avere sempre questo coraggio, ed essere felice. Lo auguro anche a te

      • alessandro pellizzari, 19 Giugno 2019 @ 21:55 Rispondi

        Sei un coraggioso

        • Marco, 20 Giugno 2019 @ 08:49 Rispondi

          Grazie anche se le ansie non scompaiono. Posso chiedere una cosa? Trovereste grave e se si quanto se scopriste che il vostro marito/moglie è tutta la sua famiglia, per tanti anni, vi ha tenuto all’oscuro di fatti importanti all’interno di quella famiglia, fatti che alla fine in realtà erano sulla bocca di tutta una città, quindi coinvolgevano anche voi, ma voi non ne sapevate nulla?

          • alessandro pellizzari, 20 Giugno 2019 @ 12:07

            Mi incazzerei si

          • Whiterabbit, 20 Giugno 2019 @ 12:55

            Molto dipende da che fatti.
            Ma viene da chiedersi, se erano sulla bocca di tutta la città, tu perché non li sapevi?

          • Rosa, 20 Giugno 2019 @ 13:42

            sì, gravissimo.

          • Marco, 21 Giugno 2019 @ 07:30

            Ecco gravissimo, esatto, e X quanto sia indignato e X quanto nonostante le prove raccolte ancora mi si neghi sfacciatamente, io non riesco ad essere furioso. Eppure e’ grave. Grave perché che persona sei se non prendi le distanze, anzi… grave perché come puoi tenere nascosto a me, farmi stare lì dentro e farmi parlare alle spalle, ed oggi negare l’evidenza.
            @white fatti che una persona stava sempre dentro quella casa X la madre con il placet del marito e a sto punto di tutti, cene, gite, vacanze.. era un amico X tutti… pure teatrini X depistare… a me sembrava strano ma non notavo nulla di particolare, se chiedevo si chiosava, voci a me mai giunte, a mia famiglia tante ma x salvaguardare mio rapporto hanno taciuto.

          • Ariel, 21 Giugno 2019 @ 11:34

            Caro Marco
            Mi spiace si sente intuisce bene che ti senti ovviamente in comprensibile sofferenza riguardo anche a queste tue scoperte del essere stato ingannato tenuto all’oscuro in famiglia

            Sento come se non ti sentissi completamente in forza di agire per non farti calpestare la tua dignità di Uomo

            Spero che tu ,se ricordo giusto,
            Sia seguito da un terapeuta

            A tuo conforto e incoraggiamento
            Guarda conosco personalmente amica mia cara che per riuscire a trovare forza ed equilibrio è riuscita finalmente a separarsi pur con figli
            Grazie al sostegno terapeutico
            Forza Marco!!!!!

      • Rosa, 20 Giugno 2019 @ 05:49 Rispondi

        Marco, qualcuno qua una volta ha scritto che l’amore è per i coraggiosi.
        Non si tratta di colpevolizzare chi non fa come te o chi non fa ciò che vorremmo, si tratta però, proprio in nome dell’amore che si prova, di avere un comportamento coerente e onesto, troppe volte invece viene chismato amore ciò xhe non lo è, che viene presto barattato per un pò di sicurezza.
        Forza, rinnovo tutta la mia stima.

  • Rosa, 15 Giugno 2019 @ 18:32 Rispondi

    Bravo Marco, ci fai acquistare un pò di fiducia bel genere maschile.
    Allora qualcuno con le palle oltre Alessandro, esiste.
    Hai tutta la mia stima.

    • Marco, 15 Giugno 2019 @ 22:49 Rispondi

      Grazie, in realtà non mi sento meritevole di stima, credo di aver fatto solo ciò che andava fatto, non sono mai stato uno da menzogne e prese in giro, soprattutto nei sentimenti e mi ci sono trovato con tutte le scarpe, confuso colpevole e preoccupato.

      • oldplum, 16 Giugno 2019 @ 09:55 Rispondi

        Amare non è una colpa. Una colpa è mentire.

      • Ariel, 16 Giugno 2019 @ 09:56 Rispondi

        @Marco a leggerti qui veramente la stima esce spontanea
        Verso di te in questo tuo percorso e scelta di adesso

        Forse tu non ti rendi conto di quante persone indipendentemente se Donne o Uomini abbiano la tua onestà intellettuale la tua umiltà che è una delle grandissime qualità nella propria vita averla

        Perché proprio grazie a questa tua umiltà che sei pieno di consapevolezza e guarda sono certa che riuscirai a reggiungere il tuo scopo che è ciò che senti davvero nel tuo cuore che si sente che ti detta bene con equilibrio il cosa sia meglio per te tenendo sempre in conto il rispetto dovuto agli altri ,tutti i tuoi cari i figli la moglie e con l’obbiettivo di costruire una nuova vita con la tua amante innamorati seriamente

        Essere umili seri concreti e rispettosi
        Insomma mi pare ovvio che chi sta qui e ti scrive ti dica
        Marco ti stimo tanto.

        Forza Marco !!!!

        P.s. Se ci fossero più persone così ti assicuro il mondo andrebbe molto meglio!!!

      • EP, 16 Giugno 2019 @ 11:00 Rispondi

        @marco…x quanto mi riguarda hai tutta la mia stima x cm stai gestendo la situazione…cn onestà intellettuale verso tutte le persone coinvolte…senza trascinarle all’infinito in un pantano melmoso da cui dopo anni è difficile uscirne indenni e senza strascichi! E certo…ti sei trovato cn tutte le scarpe in una “cosa” che mai avresti pensato qnd hai scelto di sposarti e di mettere al mondo dei figli…e hai agito in maniera che la morale imperante considera “sporca” (peccato poi che il 60% di questi moralisti siano anch’essi traditori/peccatori…nn dimentichiamoci le percentuali di @Ale). Ok, nn sei da medaglia d’oro (che poi bisognerebbe ben vedere chi è meritevole di tale medaglia) …ma se sei qui in mezzo a noi a discutere, parlare e qualche volta sentirti anche attaccato…è xchè forse in tutto questo casino in cui ti sei ritrovato vuoi uscirne DAVVERO! Senza imprigionare nessuno degli attori nel vivere una vita fasulla e infelice. Auguro a te di ricominciare “pulito” cn la tua nuova compagna (nn affrettare i tempi di introduzione alla famiglia…è un boomerang…ci vogliono almeno 1-2 anni x digerire il tutto e farlo diventare nuova normalita) e a tua moglie di innamorarsi di qlcno che le faccia tirare fuori il suo lato passionale e capire che quello che eravate diventati era una brutta copia dell’amore tra due persone! E nn certo la normalità! X me e stato così…nn tornerei indietro…quella AMEBA dell’ultimo periodo nn ero IO…IO sn quella di oggi o di 15 anni fa! Forte, determinata, passionale, serena anche nel cercare di superare il distacco dalla persona che poi mi ha fatto battere follemente il cuore, ma che nn ha avuto il coraggio che hai avuto tu! O cm dice @Ale, semplicemente nn mi amava abbastanza da mettere in discussione tutto…pazienza…”oggi sto cn me e mi basto” buona domenica!

        • alessandro pellizzari, 16 Giugno 2019 @ 12:10 Rispondi

          Non mettiamo le mani avanti troppo lasciamo che marco faccia il suo nuovo percorso sereno e auguriamogli un bel in bocca al lupo

  • Marco, 12 Giugno 2019 @ 12:08 Rispondi

    Ieri sono stato dall’avvocato per la separazione. Speriamo bene

    • Ariel, 12 Giugno 2019 @ 15:39 Rispondi

      @Marco visto che hai scelto ê il buon inizio si questo tuo percorso verso la tua nuova vita

      La importanza di fare una vera scelta concreta come hai fatto tu
      Unita alla importanza di aver reso alla luce della conoscenza del tuo sentire verso la tua amante a tua moglie e di riflesso ai figli

      È un grande passo avanti positivo,secondo me,

      È questo che cerco di trasmettere qui a tante di noi che ancora si trovano nella doppiezza di vita
      Dove non si vive in chiarezza completa la situazione di vita

      Caro @Marco per me sei una vera luce di esempio Maschile positivo che ha molto da insegnare qui

      Non tutti gli uomini sono negativi e tanto meno manipolatori fuori di testa
      Meno male dico io!!!

      Sono stata fortunata e brava allo stesso tempo nella mia vita dove ho vissuto un lungo mio matrimonio positivo fino alla morte ,purtroppo vera di mio Caro Marito
      So quindi benissimo che non tutti gli uomoni sono negativi

      E tu ne dai esempio con questa tua capacità di fare ordine nella tua vita dando così rispetto a tua moglie alla tua amante ai tuoi figli a te stesso

      Buona strada,ti stimo molto!!!

      • Marco, 15 Giugno 2019 @ 13:10 Rispondi

        Grazie mille

    • EP, 15 Giugno 2019 @ 20:25 Rispondi

      @marco…un grande abbraccio e un grande in bocca al lupo! Sn d’accordo con le altre amiche di blog…risollevi un po’ gli animi in merito al pensare comune sul genere maschile… Sensazioni post incontro cn l’avvocato? Io le mie te le ho raccontate…un sollievo immenso per il passo in avanti fatto…tu cm ti sei sentito? Ancora tanta paura addosso?

      • Marco, 15 Giugno 2019 @ 22:46 Rispondi

        Paure meno, certo tanto da fare, casa, soldi, accordi, ma sento di agire più di pancia e abbandonare la razionalità dove razionalità non c’e. Sicuramente più sollevato ma solo xche mi sento meno sporco

  • Marco, 31 Maggio 2019 @ 18:01 Rispondi

    Il vero dilemma, almeno per me, che mi sto guardando tanto dentro come mai fatto, e’ il dilemma tra famiglia ed entusiasmi.
    Stasera, fine settimana durissima, ho immaginato facendomi i miei soliti 30 km, il tornare a casa mia, e stare in casa tranquillo, cena e magari un cartone tutti insieme sul divano. Bella scena. Poi ho pensato a quante volte miei entusiasmi sono stati frustrati, e che certi momenti prima o poi finirebbero con i bimbi che crescono (già ora sti tablet…) e che comunque, anche senza la madre accanto, potremo sempre vederci dei cartoni sul divano.
    Le ansie continuano, martedì nuovo incontro con psicologo, devo dipanare paure e ansie o capire cosa mi farebbe stare davvero bene

    • Samanta, 31 Maggio 2019 @ 21:11 Rispondi

      Ti stai mettendo in discussione ..cosa poco frequente negli uomini che vivono vite parallele. Complimenti Marco….provo una sana innocua invidia x lei.

      • Marco, 31 Maggio 2019 @ 22:22 Rispondi

        Per lei chi?

        • EP, 1 Giugno 2019 @ 07:30 Rispondi

          @marco… x la tua amante!!! Noi tutte credo vorremmo, o avremmo voluto avere un amante che si facesse tutte le domande/paranoie che ti stai facendo tu (parliamo dal punto di vista della categoria “AMANTI” …poi molte di noi sn state anche mogli, mogli tradite, mogli traditrici etc etc). Magari anche tu alla fine sceglierai di riportare la macchina in garage…e quindi ti rimetteremo nella categoria del “TI AMO MA” ma al momento sembri uno che qlche ragionamento in più rispetto alla media lo fa! Da qui l’invidia di Samanta x la tua LEI! Anche se i morti si contano alla fine…

  • Samanta, 31 Maggio 2019 @ 16:17 Rispondi

    Si…la formula vincente non esiste ma ciò di cui parla Lollo ha un peso non indifferente. D’ altronde noi genitori non abbiamo anche e soprattutto il dovere/ compito di insegnare ai nostri figli ad amare? Dopo 25 anni ..con figli ultra ventenni e un matrimonio oramai simile a un rapporto tra fratelli saremmo un buon esempio? Non credo assolutamente . E la vita è una sola….non dimentichiamolo

  • Ariel, 31 Maggio 2019 @ 16:10 Rispondi

    Evaquare la q è consapevole rafforzativo

  • lollo, 31 Maggio 2019 @ 12:12 Rispondi

    Figli .. figli sempre figli. Il solo motivo che non fa sceglere uomini e/o donne sono figli. E allora quei figli cresciuti orfani di genitori? o di uno dei due? . Qui si parla sempre di statistiche. Bene. Allora le statistiche rlative ai disturi dell’infanzia dimostrano che sono in percentuale più legate a situazioni conflittuali tra genitori. Non solo conflittuali , ma anche anaffettive. Ossia che voi lo vogliate o mene ( sempre più per comodo che per altro ) i figli odorano l’assenza di amore tra i genitori meglio di un cane da tartufo. Amateli , rispettateli e non fatene un motivo per non assumervi mai una responsabilità. Cresceranno , saranno adulti.. e capiranno. E vedranno una madre e/o un padre ormai grandi. Ingrigiti e disamorati che magari gli diranno che hanno scelto tale vita per il loro bene… No . Io proprio non ci sto!

    • alessandro pellizzari, 31 Maggio 2019 @ 14:11 Rispondi

      Su questo sai che il blog è diviso e ognuno porta statistiche pro e contro ma la formula vincente non esiste

    • Ariel, 31 Maggio 2019 @ 15:38 Rispondi

      @Lollo
      Desidero dire che siamo avanti nella contraccezione
      E che sarebbe ora di smettere di omettere che quelli che non decidono per i figli ,forse,per loro capacità sentono
      Il rimorso e responsabilità di averli avuti in totale leggerezza
      Perché così fan tutti
      Ci si sposa in leggerezza allegramente così poi si fanno i selfie e si postano e spostano e si inviano sui social planetari
      Si ricevono i like gli applausi

      Poi si fanno i figli per gli stessi motivi perché così fan tutti o perché oh cazzo sono rimasta incinta per caso passavo di lì
      E allora si rifanno i selfi e si postano le foto
      Si leggono i commenti si contano i like si commentano e confrontano quanti like hai rivcevuto??? ( non tu è un esempio)

      Si valuta e si svalutano emozioni sentimenti stando seduti sul cesso di casa in attesa di evaquare
      Altamente pericoloso usare i dispositivi elettronici in bagno,tra l’altro
      Ci possono lasciare le penne le schermate i like i post ecc.
      E venire scoperto da morti cornuti o cornificatori provvisti regolarmente di figli prima postati sui social e poi
      SPostati alla cazzo della propria convenienza

      Cara @Lollo questo penso che il mio pensiero sembra negativo e basta e tranchant e invece è un gigantesco “AVVISO AI NAVIGANTI”

      ALLARME ROSSO ,HUSTON
      C’È PIÙ DI UN PROBELMA!!!!

  • LEI, 31 Maggio 2019 @ 07:51 Rispondi

    Marco io non ci sono riuscita. Mio figlio è maggiorenne, ho il terrore che possa accusarmi di abbandonare suo padre, che a sessant’anni farebbe fatica a rifarsi una vita, e quindi allontanarsi da me. Nessun uomo e nessun amore possono valere quanto un figlio.
    Mio marito le ha provate davvero tutte per non perdermi, ma non ha capito che quando finisce l’amore, nulla può più riaccenderlo.
    Potrei compiere l’ultimo sacrificio e lasciare il mio amante, ma questo non mi riporterebbe a mio marito.
    Sarebbe solo un atto di riconoscimento per quello che ha fatto per me, dopo aver scoperto il mio tradimento.

    • alessandro pellizzari, 31 Maggio 2019 @ 14:04 Rispondi

      E chi lo dice che i sessantenni non possono rifarsi una vita? Sai quante storie conosco lui 60 lei 40? Tante

    • cossora, 31 Maggio 2019 @ 14:19 Rispondi

      @LEI.. può sempre succedere che una bella 40enne se lo porti via. Ricco. Insoddisfatto. Ci mette due secondi a salutarti, con la coscienza leggera visto che le ha provate tutte ma tu niente.

      Ogni tanto nel prendere decisioni dovremmo ricordarci che questa è l’unica vita che abbiamo. Tuo figlio a 18 anni meglio che inizi a capire che i ricatti morali non sono sentimenti, c’è speranza che domani sia un uomo migliore. di tanti altri.

      Buone decisioni, sii felice però 🙂

    • Whiterabbit, 31 Maggio 2019 @ 16:21 Rispondi

      LEI se in tutt questa storia tutti sapete tutto mi viene da dire che, visto che siete adulti, fate bene a far così.
      se tutto sommato a tuo marito basta che tu stia a casa e a sua moglie anche.. è una vostra scelta. Io non potrei mai vivere così. Ma se a voi sta bene.. ma la domanda è: Sta bene a tutti e 4 davvero?

    • Marco, 31 Maggio 2019 @ 18:08 Rispondi

      Quindi scusa, te hai tradito, tuo marito lo ha scoperto, ma te continui a frequentare l’amante. Tuo marito almeno ha fatto di tutto per riconquistarti! Tuo figlio e’ grande!! Forse sei adagiata su una vita comoda o non ami poi il tuo amante. Ma tuo marito quindi sa anche che mantieni la tua relazione con l’amante, giusto?

  • Marco, 30 Maggio 2019 @ 18:28 Rispondi

    Prendere decisioni fa stare sicuramente meglio subito, ne sono convinto, perché fa chiudere con l’empasse, che è devastante.
    Si ci vuole tanto coraggio, volersi tanto bene e molta consapevolezza. Che bello voi che ci siete riuscite e siete felici. Ma possibile che per voi donne sia più facile?

    • alessandro pellizzari, 30 Maggio 2019 @ 19:36 Rispondi

      Non n e più facile. Le donne sono più oneste

      • Lucky, 30 Maggio 2019 @ 19:41 Rispondi

        Non è solo quello Alessandro….hanno anche la certezza di non perdere il rapporto con i figli….che non è poco….

        • Marco, 30 Maggio 2019 @ 20:04 Rispondi

          Esatto a questo mi riferivo, restano o escono di casa ma portano con se i figli.

        • Ariel, 30 Maggio 2019 @ 20:07 Rispondi

          @Lucky concordo crto che per il padre marito o compagno che si separa raro che il giudice dia l’affido al Padre
          E certamente che non è mai sicuro che si riesca poi ad avere il rapporto civile che in alcuni casi funziona fortunatamente,
          Ma certo difficile per un Padre che li ama seriamente sinceramente staccarsi dalla vita quotidiana

          Perché è nel quotidiano e nella maggior presenza dei genitori che si costruisce un vero rapporto affettivo degno di essere dhiamato tale
          Ci si gioca la vita interiore dei propri figki che notoriamente nascondono profondamente il loro dolore

          “Si ride tanto a volte per non morire”

          • Lucky, 31 Maggio 2019 @ 14:54

            Proprio così….diventano la prima arma di difesa/offesa per le mogli

          • Whiterabbit, 31 Maggio 2019 @ 16:18

            Ariel a parte che ora per lo più l’affido è condiviso, stessa qt di giorni da una parte e dall’altra. Ma in realtà quanti padri richiedono l’affido? Dai su..

        • Whiterabbit, 30 Maggio 2019 @ 20:11 Rispondi

          Quello dipende molto dal tipo di padre che sei. Se durante l’amantato si inizia a trascurarli e trattarli male, e spesso accade perché anche loro sono un impedimento una cosa che toglie tempo a quello che si vorrebbe fare sicuramente loro se ne ricorderanno del fatto che papà non c’era mai..
          la verità è che molto spesso le donne non hanno paura di perdere i propri figli perché li hanno sempre messi al primo posto. E spesso per questo perdono i mariti. Certo ci sono anche le madri che si comportano male, ma numericamente sono inferiori.
          I figli li perdi a seconda di come ti sei comportato prima, non perché prendi la porta di casa dopo.

          • Marco, 31 Maggio 2019 @ 18:13

            Fosse così non correrei nessun rischio, tutti mi dicono che sono un padre fuori dal comune. Mi è capitato di estranei che mi fermassero x strada x complimentarsi di come relazionavo con loro…. tuttavia e’ proprio per questo amore e X come si è fatti che la cosa diventa difficile, fossi un padre assente, insensibile o menefreghista mica avrei ansie e preoccupazioni, no?

          • Whiterabbit, 31 Maggio 2019 @ 21:48

            Infatti MARCO, per come ti racconti come padre penso che non dovresti avere paura. Non sarà facile e ti ci dovrai impegnate, ma se sei sempre stato un buon padre continuerai ad esserlo. All’inizio saranno delusi, soffriranno è normale, non ti racconto che non sarà così, ma se continuerai a fare un buon lavoro con loro le cose si sistemeranno. La mia storia è diversa, il mio di padre mi ha sempre messa in secondo piano rispetto alla “figa” di turno, che è durata a seconda pochi mesi o 20 anni. Ma sempre in secondo piano sono stata. Sei tu che scegli che tipo di padre essere, non loro che scelgono che tipo di padre avere.

        • Cossora, 30 Maggio 2019 @ 21:07 Rispondi

          Esatto. Questo l’ho sentito da lui e da tutti tutti tutti gli amici in crisi o in rottura. Soldi e figli i problemi. Per fortuna ci sono sempre più mogli indipendenti che accettano la fine degli amori e collaborano perché i figli si identifichino coi padri, insistendo su tempi e spazi dedicati solo a loro. Si sta rompendo lentamente il cliché che ha accompagnato la nostra generazione: mio padre ha sempre lavorato, non mi ha mai portato al parco.
          Eureka!

        • oldplum, 31 Maggio 2019 @ 06:16 Rispondi

          Questa è una banalità. Il mio ex si cura più adesso dei figli di quanto lo facesse prima.

          • cossora, 31 Maggio 2019 @ 14:03

            @Oldplum, e chi ha voluto la separazione?

          • Lucky, 31 Maggio 2019 @ 14:46

            Banalità un corno…avete sempre il coltello dalla parte del manico quando si tratta di figli…è inutile prendersi in giro e fare i falsi moralisti

          • oldplum, 1 Giugno 2019 @ 08:04

            @cossora: IO

            @Lucky, dai retta a una che le frequenta professionalmente queste cose: stai dicendo banalità

          • Lucky, 1 Giugno 2019 @ 09:14

            Be ti sei risposta da sola..se è la moglie a farsi l’amante è chiaro che ha più interesse a velocizzare un eventuale separazione….

            Cmq visto che ci lavori…dovresti conoscere le statistiche…che ne so ..dei padri che sono finiti sotto i ponti ad esempio….o che mangiano alla Caritas…

            Non parlo di casi specifici

  • LEI, 30 Maggio 2019 @ 07:20 Rispondi

    Marco stai facendo un percorso coraggioso, complimenti davvero!

    • Marco, 30 Maggio 2019 @ 12:58 Rispondi

      GRazie ma quante paure, non mi vergogno a dirlo

  • Marco, 30 Maggio 2019 @ 06:37 Rispondi

    Martedì sono stato dallo psicologo, mi ha detto Mi ha detto di seguire il cuore, che ai bimbi faccio più bene così e che io mi sono negato tanto non volendomi bene, che non ho voluto vedere forse retaggio familiare più carattere, Che lei non ha dentro ciò che mi serve e che secondo lei avrei bisogno di un percorso. Ieri ero deciso ad andare dall’avvocato, non l’ho trovato, ma avevo in ansia incredibile, panico praticamente.

    • EP, 30 Maggio 2019 @ 08:01 Rispondi

      @marco…wow che flashback! sembri me a Natale di 2 anni e mezzo fa! Dopo mille domande, dubbi e crisi interiori…mi presento dall’avvocato (che fortunatamente è anche un’amica d’infanzia) e ci sn stata x circa 4 ore!!! Ero totalmente impanicata…praticamente un pulcino bagnato! Mi sembrava un delitto solo per il fatto di essere lì! Lei mi ha fatto anche da psicologa…in quella e altre occasioni! In cuor mio sapevo che era ormai l’unica strada percorribile (lo sappiamo tutti se ci guardiamo dentro) ma la paura del “dopo” era tanta! Oggi il mio pensiero va a te, amico di blog, senza prendere le parti di nessuno e senza provocazioni da blogger selvaggia! Il momento in cui uno deve decidere se buttarsi dal burrone o girarsi e tornare indietro è terribile (è la presenza di figli che ci sconquassa) Nn vorrei riviverlo neanche se mi dessero un miliardo! Un grande abbraccio!

      • Marco, 31 Maggio 2019 @ 08:10 Rispondi

        Se vuoi raccontami il dopo, cosa e’ successo?

        • EP, 31 Maggio 2019 @ 20:40 Rispondi

          @marco…è successo che sn rinata!…ma la mia era una situazione particolare…credo di essere incappata in un borderline narcisista patologico (il padre dei miei figli) ma ne ho avuto coscienza frequentando questo blog, dove sn arrivata x altri motivi. Xò dopo aver strisciato per terra, essermi quasi annullata, aver fatto il sasso grigio (istintivamente x sopravvivenza) e aver sperato che lui se ne andasse qnd ha conosciuto la sua amante dell’epoca…alla fine visto che lui nn si decideva…ho deciso io! Ma noi eravamo a livelli di guardia. Qnd sn uscita dall’avvocato mi sn sentita leggera…avevo portato finalmente alla luce il problema….ci sn voluti altri 6 mesi prima che lui se ne andasse di casa…e sn stati pesantissimi. Ma in quel periodo ho cominciato a frequentare quello che poi è diventato il mio amante…e lui è stato la mia stampella! Peccato che mi sn innamorata quasi subito…credo abbia giocato un ruolo importante il frangente in cui tutto e accaduto! Io AVEVO BISOGNO di quel sentimento, di quelle sensazioni. Dopo anni di stagnazione, di sasso grigio, di apatia (e altri dolori che nn sto qui a specificare) LUI era la bellezza, la gioia, la passione, l’amicizia, il sorriso, LA VITA! Ma lui era impegnato…TI AMO MA…e io sn qui a cercare di dimenticarlo! In questi GG mi ritrovo in difficoltà xchè l’ho rivisto x lavoro dopo quasi due mesi da qnd avevo imposto il secondo CDS. Avrei voluto saltargli addosso e limonarmelo cm una 15enne ;)…la sua è cm quella di tanti di voi una scelta di testa! Che io faccio molta fatica a capire…xchè ho fatto l’esatto opposto! Oggi nn tornerei indietro manco morta…i miei figli, 11 e 5 anni, hanno recuperato un rapporto cn il padre che prima la ns situazione aveva compromesso! Finalmente si occupa di loro (prima era totalmente assente..ora è obbligato ma credo cominci anche ad assaporarne il gusto). Io ho recuperato un po’ di tempo x me…e sn tornata ad essere LA VERA ME! Lavoro cm una pazza (ma xchè mi diverto anche), corro a dx e a manca, a volte mi perdo i pezzi in giro di qlcsa xchè nn e facile essere mamma single lavoratrice ma sn serena e la sera a casa è un sollievo nn dover recitare il teatrino o chiudersi in camera xchè nn si sostiene quel pesante silenzio! tuttavia concordo con @Ale…nonostante le mille statistiche nn c’è una scelta TOTALMENTE vincente…qlcsa si acquista e qlcsa si perde…dipende da cm sm noi! Io ero arrivata a nn avere più nulla da dare nemmeno ai miei figli…un automa avrebbe fatto meglio
          Un grande in bocca al lupo! A te e la donna che ti aspetta…mi sn già espressa su tua moglie…da quello che scrivi nn credo ti ami più! La sua appare più cm conservazione della family spa. Ho anche la sensazione che x lei sia un sollievo che tu stia fuori a vivere…ma probabilmente vuole mantenere lo status

    • oldplum, 30 Maggio 2019 @ 11:09 Rispondi

      Prendete decisioni fa subito sentire meglio.

    • Ariel, 30 Maggio 2019 @ 12:15 Rispondi

      Forza@ Marco !

      “L’anima vola ” tratto da canzone di Elisa

      “E se ti cerca è soltanto perché
      L’Anima osa
      E’ lei che si perde
      Poi si ritrova
      E come balla
      Quando si accorge che sei lì a guardarla

      Non mi portare niente
      Mi basta fermare insieme a te un istante
      E se mi riesce
      Poi ti saprò riconoscere anche tra mille tempeste “

    • Giada, 30 Maggio 2019 @ 14:22 Rispondi

      @marco ci sono passata anche io un anno esatto fa….. terapia e avvocato insieme. Se guardo quello che sono oggi lo rifarei 1000 volte…. è doloroso, ma alla fine se si ha il coraggio di saltare il premio è la vera felicità, almeno per me è stato così. In bocca al lupo!!!!

  • LEI, 24 Maggio 2019 @ 08:35 Rispondi

    Marco se una persona è fredda non può cambiare, è nella sua natura.
    Può sforzarsi di farlo per venirti incontro, ma non le verrà mai naturale.
    Sta a te decidere se puoi sopportare questo suo modo di fare per non dividere la tua famiglia.
    Il mio amante vive la tua stessa situazione. Una donna eternamente insoddisfatta della propria vita, senza il minimo entusiasmo, che però all’esterno mostra un’altra faccia.
    E questo lo sconvolge, mi dice io non so chi ho di fianco.
    Ma lui resta, resta soprattutto per le figlie. Si sta rovinando la vita, riesce a vivere solo quando è con me, ma io lo comprendo e lo giustifico.
    Sarà solo alla fine che capirà quanto ha buttato via, ma questi sono conti che deve fare solo con se stesso.

  • LEI, 24 Maggio 2019 @ 08:29 Rispondi

    Ariel, ti chiedo gentilmente, potresti scrivere commenti meno lunghi, faccio fatica a seguirti.
    Se sei un po’ più coincisa, ti seguiamo meglio. Grazie mille e scusa.

    • Ariel, 24 Maggio 2019 @ 21:56 Rispondi

      @LEI scusa soltanto adesso ho letto questo tuo commento
      ,ma certo capisco e lo so accidenti ê una mia difficoltà e certo che cerco e cercherò di impegnarmi a essere più breve

      Son una neofita della comunicazione in rete
      Dinosauro Femmina!!!!!

      Ok LEI fai bene a ricordarmelo
      E lo so sto lunga
      Dai che ci provo e riprovo ad scrivere più concisa!
      Scusami.

  • Verdeazzurra, 22 Maggio 2019 @ 14:47 Rispondi

    La lealtà secondo me esiste, ma non è meno difficile da gestire.
    Quando ci sono in ballo sentimenti così forti la verità non è sempre facile da affrontare.
    Magari uno a volte ci riesce… ma riuscirci entrambi è ugualmente difficile.
    Ma certo, miliardi di volte preferibile.
    Almeno non ci si ferisce inutilmente

  • Giada, 22 Maggio 2019 @ 14:40 Rispondi

    @marco… situazione identica a quella del mio ex amante….. scusa se mi permetto, non è un giuidizio ma credo che se non hai trovato la spinta per fare il salto fino ad ora, difficilmente lo troverai…. perdonami forse mi sono persa qualche post ma da quanto dura il tuo calvario?

    • Marco, 23 Maggio 2019 @ 09:18 Rispondi

      2 anni

  • Ariel, 22 Maggio 2019 @ 10:48 Rispondi

    @Alessandro e @ Tutte/i
    Eccomi a completare il mio pensiero del adesso perché certamente siamo esseri in movimento e la bellezza del muoversi sviluppa la capacità di cambiare tutto le idde e le azioni e i comportamenti sociali

    Okkei desidero aggiungere questa mia osservazione la difficoltà a comunicare come scritto sopra secondo mio modesto avviso,ha acuito la convinzione che ciascuno quando vive nella coppia di Amore matrimonio,ma anche amantato
    Ecco si retsa inconsapevolmente convinte di poter cambiare il partner

    Ci si aspetta che l’altro cambi proprio la propria essenza e non semplicemente un modo di comportarsi

    Si fa confusione tra la essenza che sta come un DNA indelebile
    E la abitudine acquisita dai condizionamenti della propria famiglia di origine ,questi è possibile cambiare ,in una parola è questa la Evoluzione personale

    Secondo me questa Confusione genera maggiormente la crisi di molte coppie che mollano tutto in via superficiale in generale

    E credo tantissimo che purtroppo tutto il danno
    Derivi dal NON saper più il significato delle parole espressioni che si pronunciano e si scrivono ,ma non trovano più lo spazio cncreto di una corrispondenza del significato nella vita reale

    Cultura !che bella parola,ma dove è finita nella realtà???

  • Ariel, 22 Maggio 2019 @ 10:37 Rispondi

    @Alessandro e @ Tutte/i
    Ho letto i commenti e in ognuno ho trovato un valido pensiero per poter riflettere

    Ciò che vorrei mettere in evidenza è che ,secondo me,noto da tempo ormai per via della mia lunga vita fino a qui che
    Via via abbiamo perso le parole i loro significati la capacità di sapersi esprimere dando valore a ciascuna parola

    Non voglio essere fraintesa non si tratta di essere a scuola nel senso di come ciascuno si esprime nello specifico qui sul Blog,
    Magari fosse qui e basta e no

    Ci ritorno perché desidero lanciare un altro seme del vero problema delle relazioni affettive tutte in qualunque ruolo si viva si sia
    Ecco perduta progressivamente la cultura la sapienza delle parole col loro significato corretta espressione delle esperienze reali vissute quando questo si sta cancellando da anni via via in aumento
    Si creano difficoltà igrandi di saper capire cosa vuol dire tutto
    La parola aggettivo ecc

    Se manca questo resta difficile fino a volte impossibile riusvire a comunicare tra le persone e sta ovvio in modo direttamente proporzionale al grado di relazione affettiva

    Quindi più si sta coinvolti dentro con Amore per il partner i figli ecc
    Più è difficile comunicare reciprocamente

    Ergo casino relazionare perdita della coppia della famiglia che
    Secondo me deve restare monogama per un fatto di sopravvivenza della specie ,i figli che tutti qui diciamo siano sentiti al primo posto come creature indifese e con pieno diritto a crescere in un nucleo famigliare unito

    Ora completo sotto aggiungendo un concetto che sento importante perchè ci tengo se me lo permettete a lanciare questo seme buono qui su questa terra Blog così che ognuno possa ricavarne la sua propria riflessione

  • Marco, 22 Maggio 2019 @ 08:04 Rispondi

    Grazie a tutti per le tante parole spese. Avere ragione, e io una doppia vita non la voglio proprio. Vorrei solo ritrovare serenità e felicità. So che questo passa per l’amante ma so anche di far del male. Ieri sera mia moglie si è presentata a casa, abbiamo parlato, le ho ribadito che di occasioni ce ne sono state tante e che non sono più innamorato perché in lei non trovo più stimoli, che non mi ha mai capito o voluto. Che le voglio bene X tutto il nostro percorso ma che si è rotto il vaso e la vedo come madre dei miei figli. Lei sa che mi sentivo con un’altra, non le ho detto tutto, ma le dissi che mi sentivo con um’altra, che probabilmente ho anche sbagliato xche di certo non è la cosa giusta, ma che ero solo e parlare con un’altra e’ stata logica conseguenza. Mi ha chiesto di decidere e comunque non crede sia tutto finito in me. Le ho risposto che mi frenano molto i bambini ma come coppia non ci vedo più

  • Angie, 22 Maggio 2019 @ 07:30 Rispondi

    Più leggo gli scritti di Marco, più mi viene il dubbio che sia mio marito. O potrebbe essere il marito di tutte noi o, per essere ottimiste, il marito del 60% di noi. O. Comunque, in ogni caso, preferisco dedicarmi ai figli (l’unico vero amore) e ai fiori. Sempre più convinta che non esista la lealtà nei rapporti tra uomo e donna. O forse sono di un’epoca sbagliata o nel posto sbagliato.

    • cossora, 22 Maggio 2019 @ 09:29 Rispondi

      Anche per me @Angie non esiste lealtà assoluta, tutto è alterato dalla debolezza della carne e dal bisogno del cuore di ‘possedere’ in esclusiva l’oggetto del suo amore.
      Si finisce per controllare e per pretendere SEMPRE.
      Ma il gioco è così bello che vale sempre la pena.
      Erano anni che non volevo tanto bene e non stimavo più il mio exmarito. Da quando era mio marito, appunto.

  • LEI, 22 Maggio 2019 @ 07:23 Rispondi

    Marco descrivi una situazione simile a quella del mio amante.
    La sua donna ormai è quasi un’estranea, io sono quella che vorrebbe accanto notte e giorno.
    Ma non può abbandonare la nave, perché affonderebbe.
    Situazione simile a casa mia, e poi io non so se avrei voglia di vivere con lui.
    Tutto molto complicato.

    • cossora, 22 Maggio 2019 @ 09:25 Rispondi

      Secondo me comunque è un NON VOLERE e non un NON POTERE.
      @Marco non vuole (non vogliono) perchè le conseguenze dell’outing/separazione definitiva lo spaventano da morire.
      Poi sarebbe sicuramente un decimo di quello che si aspetta (è la natura delle cose, le immaginiamo sempre più catastrofiche di quanto poi si rivelano) ma non sono ne sotto minaccia ne inchiodati al matrimonio.
      Esistono i divorzi, da un po’.

      • Marco, 23 Maggio 2019 @ 11:01 Rispondi

        Ma certo che e’ così. Vedi a mia moglie sempre detto che manca di affetto passione etc. Lei fatto nulla, né di suo ne ascoltando e capendo. Dopo essere uscito mi dice ho capito.Le dico ok riproviamo e ancora nulla. E io ribadito sempre stesse cose. Ora se fa qualcosa io lo vedo come un contentino come un accontentarmi e non ho mai voluto questo (ora mi innervosiscono xche le sento forzate e non spontanee), avrei voluto da sempre ciò che mi davl’altra, cioè affetto passione premure attenzioni xche gli escono e non xche calcolate, e a lei da tante cose posso dire che molto fa la mia presenza che risolve problemi, organizza, papà modello. Mi da X scontato. Ma mia moglie continua a tenermi psicologicamente legato li dicendo rompi famiglia e non e’ vero che non ti amo.

        • Ariel, 23 Maggio 2019 @ 17:41 Rispondi

          @Marco credo che ,forse, in effetti tu sentendoti ferito già da tempo ttu sia rimasto con rabbia dentro te stesso che riversi verso di lei in questo senso rimanendo prevenuto e cioè pur di fronte ai tentativi di tua moglie di comportartsi tenendo conto delle tue precedenti rimostranze ecco tu senti che secondo te non sono veri i suoi tentativi di fare meglio

          Guarda penso che il vero problema sia la comunicazione tra voi
          E il fatto che tu forse prima sei stato troppo disponibile bpverso di lei

          Poi però ovvio naturale ti lamenti ,ma secondo me sei arrabbiato piu verso te steeso per non essere riuscito ad amare te stesso essendo troppo di aiuto sostotuzione la hai viziata e peeò ti lamenti ,ma ci sta molta responsabilità secondo me da parte tua

          ma sta ovvio che se sei prevenuto inconsapevole chiunque di nuovo una lei nuova ê sicuro luce per i tuoi occhi

          Berg comunica meglio con lei senza pregiudizi verso tua moglie
          e sapendo non farti manipolare al tempo stesso

          secondo me ce la fai e ce la farete
          secondo me tu ami ancora tua Moglie
          sei solo incazzato con te stesso soprattutto!!

          E l’altra ma si è un bel sogno ,
          Che non ha una realtà di vita insieme perché tu ami ancora tua moglie!

          • Marco, 24 Maggio 2019 @ 05:58

            Potrebbe essere come dici te, ma allora mi chiedo: cosa dovrei amare di mia moglie? Non le sue coccole, non la sua passionalità, non i suoi baci e abbracci, non il suo entusiasmo nelle cose, non il modo in cui mi fa ridere, non il modo in cui mi guarda, non le premure verso me, e allora cosa?? Mi chiedo xche tutto questo non l’anbia Visto così nitido prima . Ritengo restino la dipendenza affettiva, i figli ed il lungo percorso insieme. Io si, me lo dicono tutti, l’ho coccolata e viziata e ritengo giustamente, xche chi vuole bene da il meglio che ha, solo dovrebbe ricevere anche e ricevere xche l’altra sente il tuo stesso bisogno di dare e darsi. La mia amante e’ tutto questo

          • alessandro pellizzari, 24 Maggio 2019 @ 07:03

            La fine dei matrimoni inizia dalla fine dell’attrazione fisica e del sesso di qualità per l’uomo

          • cossora, 24 Maggio 2019 @ 09:09

            @Marco non c’è sempre una soluzione che metta tutto al suo posto. Si fa una scelta a muso duro oppure si convive con la doppia situazione fino a che non si risolverà (non da sola, ci si lavora).
            La tua Lei.. che dire, se è presa, se siete appassionati.. soffrirete ma la carne, i sensi e l’irrazionalità di certe situazioni si nutrono proprio di questi ostacoli.
            E diventano sempre più forti.. anche questo è di una bellezza straordinaria!
            Tua moglie.. non affrontare di petto una donna che ha fatto della distanza il suo modus vivendi, ascoltala, spiegati e abbi pazienza: sarà lunga ma ce la farete. Passo dopo passo.
            Con mio marito ci ho messo due anni, all’inizio aveva un rifiuto totale.
            Ognuno ha i suoi tempi, coraggio.

          • lollo, 31 Maggio 2019 @ 12:00

            @Ale se davvero fosse solo una questione di sesso di qualità allora ci sarebbero davvero più divorzi voluti da uomini. ….. alla fine tornano dove non hanno nulla e si fanno andare bene la famosa missionaria una volta forse due a settimana. L’importante per l’uomo è l’orgasmo ..

    • Angie, 22 Maggio 2019 @ 13:34 Rispondi

      Ok, allora si scopa un’estranea 😉 Scusami, ma mai nessuna “barca” è affondata per l’assenza di un uomo: mi sa che ti sta raccontando un po’ troppe balle.

  • EP, 22 Maggio 2019 @ 06:03 Rispondi

    @marco…che casino! Nn so perché ma nella tua storia tendo a mettermi nei panni di tua moglie (mi fa sorridere che io negli ultimi due anni amante single mi immedesimo nella moglie e White, moglie tradita ti dà consigli sul non dire che c’e un’amante!!! Questo già te la dovrebbe dire lunga sulla ns capacità di NON GIUDICARE…nonostante la vivacità delle paetecipanti). Dunque caro @marco…parto dalla fine…LEI RIDE SEMPRE…IO NN CI RIESCO!!!
    Si…noi donne sm geneticamente programmate x affrontare i dolori più grandi, mantenendo il sorriso sulle labbra! Pensa…a partorire siamo noi…nn voi! Xchè lo facciamo? X nn fare pesare la cosa sui figli, genitori anziani, e parenti di grado diverso…e poi x orgoglio! Xchè nn vogliamo prestare il fianco, farci compatire, farci vedere fragili! Xchè temiamo l’affondo che ci fa inginocchiare a terra qnd NON POSSIAMO PERMETTERCELO!
    Sn stata compagna, sn stata fredda e negli ultimi anni mi è stato detto quello che tu dici di tua moglie! Qnd conclusa la burrasca familiare cn una separazione, sn stata travolta dal mio ex amante mi sn ritrovata! Già xchè io nn ero stata sempre SOLO quella PRESENTE…prima ero una furia, matta, romantica,.passionale! Ora nn so se è il caso di tua moglie…ma da quello che scrivi mi fa pensare che lei nonostante dica il contrario…NN SIA PIU INNAMORATA DI TE! Un po’ se la racconta (cm facciamo noi x i ns amanti) xchè ha paura a distruggere quell’ecquilbrio! Mi ricordo cm facevo io…mi imolavo alla causa…mi raccontavo che potevo farcela, che per i miei figli potevo sopportare il vuoto (il resto nn lo racconto ma lui nn era così collaborativo cm sei tu)…ho vissuto nella mia prigione…e ho accolto quasi con gioia l’arrivo della sua amante! Pensavo…ora finalmente se ne va…ed invece NO! Nn se ne andava mai…e chissà qnt balle raccontava a lei! Alla fine ho deciso io…ma fra un po’ ci mettavamo le mani addosso! Xchè se la convivenza è dura qnd ci si ama…qnd nn ci si ama più è quasi insopportabile! Sn d’accordo cn @ale…difficilmente la separazione in casa funziona! @marco…nn ti giudico…anzi…mi hai in parte riportato indietro cm la memoria. Oggi sn lucida e sicura…ma 3 anni fa…col caxx! Un giorno era rosso e l’altro giallo! Una fatica immensa decidere…decidere che x far star sereni i miei figli dovevo essere serena io in primis! E ora rientro nella veste di amante…LEI…la tua donna, quella povera crista che sta subendo la tua indecisione, nn è un giocattolo! L’hai presa e l’hai fatta sognare offrendole il paradiso…e ora vuoi riportare la macchina in garage…ma…forse no ..”era una provocazione la mia…nn ci riuscirei”. In realtà in garage ci vado ankio…nn solo la macchina” Basta Marco! Guarda i fatti! Mi dispiace…nn si può sempre uscirne puliti…da qlche parte si perde…tu e tua moglie dovete essere onesti fra di voi…e DECIDERE! Altrimenti…cm dice @Cossora…fra un po’ diventerai forse bravissimo a gestire la tua doppia vita…ma facendo soffrire un sacco di gente…e chissà se qnd ti guarderai allo specchio vedrai tutto quel pulito…

    • Whiterabbit, 22 Maggio 2019 @ 07:30 Rispondi

      @EP perchè la frittata è fatta, se MARCO volesse recuperare con sua moglie dovrebbe dirglielo eccome che l’ha tradita, ma MARCO vuole andare, e dovrebbe farlo nel modo meno doloroso possibile. A questo punto che senso avrebbe dire che va per un’altra? Il problema che l’ha spinto altrove è che non trova più un punto di incontro con sua moglie, amante o meno. Tirare fuori l’altra adesso farebbe solo soffrire maggiormente la moglie, e sarebbe a rischio ripicca che con due figli di mezzo non va mai bene.
      Il mio in questo caso non è buonismo ma buon senso. Con sua moglie è finita.

      • Whiterabbit, 22 Maggio 2019 @ 07:58 Rispondi

        @EP il fatto che io sia una moglie non significa che sia a prescindere a favore delle mogli. Sono però a favore dell’amore, del rispetto e contraria alle prese per il culo. Che poi sia amore per amante o per moglie non mi interessa. essere coerenti con i nostri sentimenti e non prendere in giro nessuno. In questo caso, a matrimonio che deve concludersi, far soffrire ulteriormente i protagonisti sarebbe inutile.

      • LEI, 22 Maggio 2019 @ 09:14 Rispondi

        Concordo in tutto, l’altra è solo l’effetto collaterale di un matrimonio finito.
        E i bambini la odierebbero, perché darebbero a lei la colpa della vostra separazione.

      • cossora, 22 Maggio 2019 @ 15:18 Rispondi

        @Whiterabbit comunque @Marco -da quel che ho capito- qui dice che l’amante è la sua donna ideale ma è difficile scegliere a danno dei figli.. ma all’amante cosa dice?

        Curioso come leggendo lui abbiamo un punto di vista (e una verità più o meno dichiarata) che magari l’amante, pure essendo la sua ‘scelta di cuore’, non conosce nemmeno!

        Quindi @Marco, la tua amante a che punto di consapevolezza si trova? Pensa che stai decidendo? Pensa che hai scelto per i figli? Pensa che se non si adatta la lascerai? Pensa che deve aspettare?

        Sono molto curiosa! Illuminaci!!

        • Whiterabbit, 22 Maggio 2019 @ 21:33 Rispondi

          Non saprei @Cossora, in realtà continua sempre e solo a parlare della moglie. Non è che poi alla fine ama sua moglie, anche se caratterialmente non fa per lui e invece non ama l’amante che sarebbe perfetta? Ahaha
          Scusa @marco un po’ di spirito..

          • Marco, 23 Maggio 2019 @ 09:23

            Ma figurati 🙂
            Non lo so, con l’amante sto benissimo in tutto, fare cose insieme fuori dal letto intendo, mi affascina, a volte resto a guardarci in mezzo alla vita estasiato, una complicità, una intesa in tutto, che mai avuta. Neanche pensavo potesse esistere. Stessa visione e stesso modo di divertirsi e di appassionarsi alle cose. Ci trainiamo e coinvolgiamo in tutto. Con mia moglie carretta sempre tirata io così come gli entusiasmi. Ripeto X lei nutro affetto ovvio, tanti anni e figli, ma ritengo di essere succube di lei e della nostra storia. Lo psicologo spero mi aiuterà a dipanare questa nebbia

        • Marco, 23 Maggio 2019 @ 09:27 Rispondi

          L’amante capisce mie sofferenze, mi vede innamoratissimo di lei e dei figli e di sente pena X me. Non sta bene nessuno così. Mi aspetta certo ma non si può attendere all’infinito non x mancanza di amore ma xche non è giusto e vale X lei e X me che se la amo la voglio felice e se io non dovessi riuscirci non la terrei legata a me; lei mi vuole vicino a lei ma mi vuole felice

          • cossora, 24 Maggio 2019 @ 09:17

            E’ la storia di tante di noi @Marco.
            Avete i vostri figli, eppure ci sentiamo amate.
            Vi detestiamo, vi critichiamo ma nell’attimo in cui ci si rivede spariscono tutti i dubbi.
            Se la tua Lei si sente amata, evidentemente è perchè la ami.
            Non sai decidere, non riesci a mollare, NON SAI ESSERE PREPOTENTE E NON VUOI PRENDERTI LA RESPONSABILITA’ ma la ami.
            L’amore da il coraggio e la forza per resistere. Non si può criticare o biasimare nessuna di noi quando si sente ‘investita’ da questa energia.
            Sono decisioni difficili in ogni caso. Ma l’amore se ne frega delle difficoltà.
            Buona fortuna, io tifo per il sentimento più irrazionale e totalizzante. A dispetto di tutto e di tutti!

        • Marco, 24 Maggio 2019 @ 12:36 Rispondi

          Ho risposto sotto, scusa

  • Oldplum, 21 Maggio 2019 @ 22:07 Rispondi

    Un pensiero su tronchesi della felicità e piante tropicali rampicanti by Oldplum

    Mi hanno accusata di slealtà e di scorrettezza. Sono riuscita solo a sorridere. Non devo giustificare nulla, nemmeno a me stessa. Ho preso atto della situazione e ho deciso di conseguenza, in modo coerente.
    Non farlo mi avrebbe fatto retrocedere di 12 caselle e tornare a ripetere, con più stanchezza, gli stessi percorsi. Belli ma dolorosi e che mi avrebbero riportata esattamente qui, 12 caselle avanti.
    Nel frattempo la terra avrebbe continuato a girare intorno al suo asse e le stelle a turbinarci intorno; il tempo sarebbe passato, tutti sarebbero stati un po’ più vecchi ed un po’ più stanchi e probabilmente senza speranze.
    Ho dato un’opportunità, invece, a me stessa e anche a tutti gli altri attori della vicenda di fare una rivoluzione loro, non la terra. Di avere un avvenire diverso, non rassegnato. Di cambiare e non di restare in una situazione forse comoda, ma equivalente ad rassegnato suicidio.
    Una situazione da cui tutti volevano fuggire per motivazioni diverse. Non sarebbe successo nulla di quello che è accaduto se non fosse stato così. Quando stai in una tomba scoperchiata, non importa quanto ti giri e rigiri per sistemarti: sarà sempre scomoda, sarà sempre una tomba.
    Io credo nella forza della vita, aldilà delle convenzioni umane che la vita tendono a volerla imbrigliare in regole e in “così dovrebbe essere”; la vita è selvatica e ribelle e questa cosa non la può modificare certo il nostro desiderio di sistemare tutto dentro una bacheca in modo ordinato e tranquillizzante.
    Capisco che non tutti possano reggere il disordine rispetto alle convinzioni di come le cose dovrebbero essere. Alcuni sono piante tropicali rampicanti; non li puoi contenere dentro un monolocale anche se ci sono 3 o 4 piccole piantine a cui badare. Altri sono tronchetti della felicità contenuti in piccoli vasi; si allungano anche loro verso la luce, ma senza volersi spostare dal loro piccolo vaso di plastica.
    Ognuno ha la sua indole. Ma un tronchetto ed una pianta tropicale rampicante hanno habitat diversi, bisogni diversi e non potranno convivere a lungo, per quanto siano carini insieme.
    La pianta tropicale rampicante dovrebbe uscire dalla finestra senza assecondare il desiderio di tronchetto di contenerla nel monolocale insieme a lui.
    Basta ritrovare la consapevolezza di ciò che si è.
    Quando saremo fuori, fuori di matrimoni sbagliati e da amantati riparatori, quando decideremo saremo causa della nostra crescita e prosperità. Mantenendo lo status quo si muore; la vita è fatta di rivoluzione.
    Io giro come la terra nel silenzio dell’universo. Se mi fermo ora, muoio.

    • alessandro pellizzari, 22 Maggio 2019 @ 06:42 Rispondi

      Bello

    • Angelica2.0, 22 Maggio 2019 @ 07:03 Rispondi

      Bellissimo Oldplum

    • EP, 22 Maggio 2019 @ 10:47 Rispondi

      @oldplum…<3…ti ho sempre sentita vicina…ora ancora di piu! "Quando saremo fuori da matrimoni sbagliati e da amantati riparatori, quando decideremo saremo causa della nostra crescita e prosperità"…per la prima cosa ho già dato…la seconda…ci sto provando! 42 GG CDS…nn voglio fermarmi…nn voglio morire! Grazie x ricordarmelo

    • C., 22 Maggio 2019 @ 10:54 Rispondi

      Di una bellezza sconvolgente questo scritto.
      Complimenti Olprum

    • Ariel, 22 Maggio 2019 @ 19:42 Rispondi

      @Oldplum bello e verissimo !!
      Infatti :

      “La vita è come andare in bicicletta,
      Per mantenere l’equilibrio occorre muoversi”

      Cit. Albert Einstein

    • to the moon and back, 24 Maggio 2019 @ 13:57 Rispondi

      Complimenti Olplum per il tuo scritto, bello e vero…
      Io mi sono fermata e sto morendo!

      • oldplum, 24 Maggio 2019 @ 22:45 Rispondi

        Ti rispondo dalla mia nuova casa. Mi sono separata e sono serena, lontana e pronta a crescere

        • Angelica2.0, 25 Maggio 2019 @ 07:24 Rispondi

          Brava!

          • oldplum, 25 Maggio 2019 @ 10:03

            Certo non è stata e non sarà una passeggiata. Ma quanto si sta meglio!

        • Cossora, 25 Maggio 2019 @ 07:50 Rispondi

          @Oldplum ho ancora i brividi ovunque. Bravissima ..che vita hai davanti, vedrai!! Un abbraccio forte forte!

        • Ariel, 25 Maggio 2019 @ 08:11 Rispondi

          @Oldplum
          Sono contenta per te brava e buona NUOVA VITA
          in movimento

          Pedala direbbe
          Albert Einstein!!!
          ❤️

        • EP, 25 Maggio 2019 @ 09:36 Rispondi

          @oldplum…tanto coraggio e tanto amore x la VITA! <3 good luck e benvenuta fra noi "libere" sorella di blog. Un abbraccio forte

        • Marco, 26 Maggio 2019 @ 19:31 Rispondi

          Hai figli?

          • oldplum, 26 Maggio 2019 @ 21:53

            I miei figli non l’hanno presa male. Forse un po’ più preoccupato il più grande. Non è vero che i più piccoli soffrono di più. Almeno non nel mio caso. Andare via da casa mi ha fatto respirare aria nuova, mi ha fatto rinascere in poche ore. Mi sento diversa, anche rispetto al mio amante che è rimasto là, nella sua vita che forse non ama ma ha una paura irrazionale di perdere. Io ho notato che prendere la decisione e comunicarla è la parte più laboriosa e difficile. Dopo la vita migliora. Ma tanto. Tutto pare in divenire, aperto. Non invidio chi rimane per paura. È come temere di salire su una giostra che pare pericolosa e divertente. Se si trova il coraggio di salire il gioco è fatto. Si urla di vita, si ride e il vento ti spettina i capelli.

          • Angelica2.0, 27 Maggio 2019 @ 07:36

            Non puoi immaginare Oldplum la sensazione che provai al risveglio, dopo la prima notte da sola e via da un rapporto che non aveva senso. Ricordo l’aria, la luce, il silenzio, la pace dentro. Il sorriso finalmente.

          • oldplum, 27 Maggio 2019 @ 08:27

            E ti dirò di più. Secondo la mia esperienza decidere fa staccare proprio mentalmente da tutto. Decidere per sé. Non per l’amante. Separarsi perché ci si rende conto che non funziona il tuo rapporto ufficiale, ridimensiona anche l’amante. Lo vedi sotto una luce diversa. Forse perché affrontando la cosa ti stacchi un po da tutti i legami precedenti. Che poi l’amante c’è perché il matrimonio è finito. Sono legate le due cose. Sarà forse per quello.
            Fatto sta che ora lui c’è ma non con quella carica con cui lo sentivo prima. Forse perché io danzo e lui mi guarda da una gabbia che per me non è molto attraente.

          • cossora, 27 Maggio 2019 @ 10:10

            Anche i miei due, stanno bene.
            Però ragazzi, la terapeuta che ci ha seguito nel comunicarlo a loro ci ha anche detto che i nostri figli sono esseri umani. Incontreranno traumi, delusioni, alcune feroci, che li segneranno, e non dipenderà ne da noi ne dalla nostra separazione.
            I drammi, i lutti, gli incidenti, le tragedie.. non si possono prevedere o evitare a priori. E’ importante che un genitore dia prima di tutto gli strumenti per trovare la risorsa ed affrontare ogni difficoltà.
            Quando poi vedo che per esempio il grande affronta da solo (o almeno ci prova, senza dirmelo) una difficoltà della sua età, io mi sento molto orgogliosa.

            Penso ‘magari non avrai più il week end in 4 col cagnolino, ma cazzo tu questa cosa hai voluto almeno provare ad affrontarla, e questo ti servirà nella vita’.

            Sia chiaro: non sono per il divorzio come soluzione. Ma neanche rimanere insieme comunque risolve niente. Anzi.

          • Angelica2.0, 27 Maggio 2019 @ 11:04

            Si una volta comunicato (che scatole di via crucis) va tutto da se, sempre che si sia deciso definitivamente. Li hai messi fuori entrambi oldplum…

        • Luce, 26 Maggio 2019 @ 21:15 Rispondi

          Tra un mesetto circa sarò ufficialmente libera pure io…
          @oldplum stiamo procedendo quasi alla pari

          • cossora, 27 Maggio 2019 @ 10:11

            Se avete sposato un uomo per bene, sarete genitori perfetti anche da separati. Se uno dei due è un balordo…
            Lascio finire a voi la frase.

  • Ariel, 21 Maggio 2019 @ 19:30 Rispondi

    @Marco grazie adesso inizio a capir qualcosa di più
    E da ciò che hai scritto ,forse,penso che tu dentro a te stesso pensi che l’altro possa cambiare la sua essenza natura riservata o che possa superare i suoi limiti di crescita condizionamenti che ciascuno ha dovuti ai rapporti famigliari infanzia e genitori

    Forse lei non è riuscita a comunicare con te come tu avresti non solo voluto ma preteso nel senso convinto che se tu hai dato tanto a lei in coccole e attenzioni fattive in casa e coi figli
    Sta umano aspettarsi da lei una riconoscenza un ricevere indietro quel cambiamento che pensi ti sia dovuto

    Credo ,forse,che il vero problema sia la comunicazione tra voi due
    E cioè finché tu non accetti dentro a te stesso che lei è fatta così nel senso che sta ti ida riaervata sembra fredda e lo sarà,
    Però lei continua a rassicurarti e a dirti,ma io ti amo sono innamorata di te ,credo che sia il suomodo di dirti proviamo un nuovo modo di esprimerci

    Sono convinta che se tu provi a parlarle una volta che stai convinto che nessuno può cambiare la propria natura essnza e infatti n una coppia ci sta sempre quello meno affettuoso e quello che ogni scusa è per un bacio

    Guarda mio Caro Marito era un introverso timido con chi non conosceva e assolutamente razionale pragmatico una formazione super scientifica nei suoi studi e di professione

    Matematica pura ,mentre si è innamorato di me e viceversa ovvio con me una KASINISTA SENZA CONFINI!!!!!
    Un vero animo artistico na passionale di brutto
    Senza limiti ,ma pure difficilissimo vivere con me perché non esiste tempo spazio esiste l’adesso e la ispirazione del momento

    I somma una miscela esplosiva
    Per me lui era freddo però nel sesso no si traformava
    E allora lì ci incontravamo nelle nostre sorprese e scintille piene di luce e di sfrontatezza

    La comunicazione va conquistata poco a poco
    Ma ciò che con mio marito ha funzionato ê stato il fatto che ognuno rispettava il proprio essere profondo io Kasino e lui ordine perfetto
    Lui freddo io bollente lui attivo sempre io da vero spirito artistico
    Avevo i miei periodi di buio profondo quasi depressione soffrivo moltissimo mi isolavo salivo in alto stavo a dipingere cn Chagall
    Vabbè te lo racconto un altro post.

    Forza @Marco secondo me nulla è ancora perduto soprattutto quando i vostri piccoli ecco ti e vi amano così tanto e tu sei un Bravo Papà e credo pure Marito nonostante la umana esperienza rifugio con amante

    “Il giardino del vicino ci sembra sempre più verde rispetto a ciò che già si ha da tempo,”

  • Marco, 21 Maggio 2019 @ 18:51 Rispondi

    Vi dico la verità, la proposta di separati in casa era più che altro una provocazione. Io non ci riuscirei mai, non è nelle mie corde come non lo è avere una doppia vita, volevo vedere sua reazione, …. io avrei detto si al suo posto, non fosse altro xche poi avrei potuto provare.

    • Cossora, 21 Maggio 2019 @ 21:10 Rispondi

      Vedrai che presto sarai bravo a gestire la tua doppia vita @Marco.
      Però è bello leggere le cose senza giudicare, umane seppur da un punto di vista tanto criticabile e criticato da tutte noi.
      Trovo che sia una bella opportunità. Potresti essere il mio exlui e.. come lui si immedesimava in mio marito, tu mi dai invece il suo spaccato.
      Paradossale come tu abbia, senza volerlo, versato parola dopo parola i motivi (opinabili certo) per cui non decidi. Ma sostieni di amare. In mezzo a un casino ma ami.
      Per lei non sarà facile, anzi. Ma credo anche a te.
      Perché venire a farti lapidare, se sai già come gestire? E perché venire a mentire sul casino che hai in testa?

      • Marco, 21 Maggio 2019 @ 22:46 Rispondi

        So già come gestire? Mentire? Ma di che parli scusa?

        • cossora, 22 Maggio 2019 @ 08:51 Rispondi

          @Marco, nel senso che prima o poi una soluzione a tenere in piedi tutte e due le situazioni, se questo è il tuo obiettivo, la trovi.
          Ti troverai presto a soprenderti capace di portarle avanti entrambe, se le due donne te lo consentiranno, ovviamente.
          Non credo tu menta, appunto.
          Sei sinceramente in difficoltà, senza cattiveria, è solo un po’ di egosimo e tanta paura.
          Ma chi non ce l’ha?
          Qui siamo abituate a sentire sempre e solo la campana dell’amante a casa nel week end, e lapidare ‘lo stronzo’ che non prende decisioni.
          Tu ci stai dando il tuo punto di vista, criticabile ma umano.
          Io prendo e comprendo atto di ciò che scrivi.
          Non esiste solo il punto di vista dell’amante.. evidentemente vi sentite realmente anche voi vittime della vostra incapacità di decidere.

    • Violetta, 22 Maggio 2019 @ 07:51 Rispondi

      Ciao Marco, posso dirti qual è la mia impressione? Tralasciando un attimo la questione dei figli, a me pare da quello che scrivi che tu sia ancora preso da tua moglie, nonostante tutto: dell’amante “donna della tua vita” ci hai detto pochissimo, mentre riguardo alla consorte già sappiamo che 1. le hai fatto la proposta di rientrare a casa nella speranza di smuovere qualcosa 2. credi di avere una dipendenza affettiva nei suoi confronti (accidenti! Ti pare cosa da poco?) 3. lavorate insieme, il che non aiuta il distacco. Insomma, nonostante il tuo essere confuso e le lodi sperticate nei confronti dell’amante, a me pare che il boccino sia saldamente in mano alla moglie… E sinceramente credo che passata la botta di entusiasmo iniziale, la tua indecisione nei confronti dell’amante si farà ancora più sentire e quest’ultima ti rispedirà al mittente, stanca di aspettarti.

    • cossora, 22 Maggio 2019 @ 11:22 Rispondi

      Sei disarmante @Marco.
      Lo siete tutti con la faccia incredula ‘ma che male c’è??’.
      Non so se odiarvi (ma dovrei farmi suora o darmi all’omosessualità) o adorarvi per come in fondo siete tanto assurdi che ci strappate un sorriso mentre pensiamo ‘mi arrendo’.
      Boh. Eterno dilemma.
      Comunque ti prego, tienici aggiornati. Mi sembri il mio exlui. Merveilleuse <3

  • Marco, 21 Maggio 2019 @ 18:48 Rispondi

    L’altra ti giuro e’ incredibile, mi ama mi capisce va oltre ogni aspettativa….. io credo che il tanto tempo insieme, il suo aspetto, il tanto tempo dedicatole, il mio carattere, altruista ed accomodante, il fatto che sia la madre dei miei figli, mi portino ad una dipendenza affettiva, ma sono certo, rinascessi la mia lei e’ “l’amante”

    • Whiterabbit, 21 Maggio 2019 @ 20:00 Rispondi

      Ecco allora hai già la risposta. Un buon padre non dorme necessariamente nella cosa dei propri figli. Certo sarà difficile, sarà dura, ma si può fare. Tanto per capire, la situazione di oggi, con te che dormi nella casa al mare, come gliela avete spiegata? E a tua moglie hai parlato della tua amante? Perché la tua amante può anche non comparire subito nella storia..

      • Marco, 22 Maggio 2019 @ 10:48 Rispondi

        Io spiegata che mamma e papà litigavano (loro anche assistito non per causa mia) e che non vanno d’accordo…lei non so se detto anche altro, forse si ma non ho certezza in che termini

    • Sheila, 22 Maggio 2019 @ 12:48 Rispondi

      Tranquillo, non rinascerai, non accadrà nulla di straordinario, rimarrai accasato, e starai bene e comodo, credimi. In fondo conviene!

  • Marco, 21 Maggio 2019 @ 13:26 Rispondi

    Ho qualche minuto, ci riprovo: da una parte ho una moglie con chi sto da sempre, condiviso tanto, molto carina, dolcissima nell’aspetto ma fredda, con me, e pur se educata, con la mia famiglia, dove non ha mai voluto stringere rapporti (no telefonate o spazio etc). Con me fredda xche mai cercato a letto, mai gesti spontanei affettuosi (abbracci improvvisi, baci, rannicchiarsi su me) mai parole dolci (amore, mi piaci, ti amo, che bello sei etc). Tutto scontato, X lei importante presenza e che io faccia cose (collaboro in casa, figli, organizzo, etc). Io stato sempre attento, premuroso, brillante, passionale, affettuoso. Portato avanti il tutto sia xche lei mi piaceva, sua xche mi dava equilibrio (non poco) in quanto senza grilli X la testa. Io trascinato sempre la coppia. Certo lamentavo mancanze, lei chiosava con “sono fatta così”. Complicità mai nata, ne a letto ne con il dialogo. Lei innamorata della madre. Mi aveva detto di aver capito di avermi trascurato, dato X scontato, ma nei fatti, nulla e’ cambiato. Nessuna “follia”X me, non venuta a casa (1 volta sola) nessuna telefonata, non si preoccupa X mie analisi e anzi discussioni per documenti 730 suoi che deve portare lei o altre simili e dice “tu sei un muro” cioè si aspetta ancora mia apertura x dimostrare cosa prova, quando io avrei aspettato da lei che dimostrasse cosa ha dentro. In tutto questo ho conosciuto l’altra, non cercata, che e’ come me. Ci troviamo in tutto. In mezzo due creature che adoro. E la moglie che ancora dice “ma io sono innamorata”. Lavoriamo insieme, lei ride sempre, io non ci riesco

    • Whiterabbit, 21 Maggio 2019 @ 17:52 Rispondi

      Non so @Marco descrivi una situazione complicata.. se non ci fossero i bambini sei sicuro che andresti dall’amante? O forse spero ancora che tua moglie possa cambiare? Prova a sederla seriamente e parlale..

    • Annina, 22 Maggio 2019 @ 08:59 Rispondi

      MArco io penso che tu non ti sia sposato due giorni dopo che hai conosciuto questa donna. E quindi hai avuto modo di capire com’era… perche l’hai fatto????

  • Whiterabbit, 21 Maggio 2019 @ 13:23 Rispondi

    Una coppia di amici ci sta riuscendo senza grandi problemi.
    @alessandro il commento sui figli era troppo personale? Dubito che mia figlia possa mai imbattersi nel blog e riconoscersi..

    • alessandro pellizzari, 21 Maggio 2019 @ 17:37 Rispondi

      Prudenza

  • LEI, 21 Maggio 2019 @ 11:05 Rispondi

    Leggevo la storia di Marco e riflettevo su una cosa, e chiedo il vostro parere.
    Sarebbe possibile costruire con la moglie un rapporto di convivenza amicale, di collaborazione reciproca e condivisione delle responsabilità, per continuare a crescere i figli insieme?
    Cioè potrebbe lui rientrare in casa, accordandosi con la moglie e esplicitandolo ai figli, che il suo ritorno è per poterli crescere insieme alla mamma, con la quale però c’è solo un rapporto affettivo e non di coppia?
    Questo implicherebbe dormire in stanze separate ma non escluderebbe momenti insieme come un cinema o una gita?

    • alessandro pellizzari, 21 Maggio 2019 @ 13:04 Rispondi

      SEparati in casa funziona raramente ed è difficile da realizzare

      • to the moon and back, 24 Maggio 2019 @ 13:47 Rispondi

        Questa tua risposta mi terrorizza!
        Dici veramente che è impossibile!
        Talvolta penso che finchè mio figlio non avrà termini di paragone non dovrebbe accorgersi di nulla, in fin dei conti noi non litichiamo, al contempo ci parliamo pochissimo e non ci sono gesti affettuosi!
        Cavoli mi sto rendendo conto ora che in questo modo non lo aiuto a crescere dando il buon esempio sull’importanza dei sentimenti … è così?
        Però una volta ho letto che hai scritto che ai figli non interessa l’intimità tra genitori, per loro conta che stiano insieme!!!!
        Alessandro sono devastata, ogni azione mi sembra sbagliata!

        • alessandro pellizzari, 24 Maggio 2019 @ 17:03 Rispondi

          Confermo che secondo me se non ci sono litigi pubblici ai figli interessa avere i genitori in casa

          • Whiterabbit, 24 Maggio 2019 @ 17:11

            Per quella che è la mia esperienza non è proprio così. Poi la mia ha quasi 14 anni quindi più sensibile, ma lei si è accorta che c’erano problemi

          • to the moon and back, 25 Maggio 2019 @ 14:12

            Alessandrò, La penso come te…

            Certo come donna muori dentro, senti la mancanza di un rapporto e non è affatto facile ridere e fardi vedere felice! Ci provo e tiro avanti (poi c’è la fase ormonale che ti fa’ vedere tutto più difficile, ma sono quei 15 giorni al mese nel corso dei quali cerchi di stringere di più i denti!)
            A mio marito ho detto di sentirsi libero! Mi spiace per lui che non riceve alcun gesto affettuoso da parte mia, ma non riesco oramai da anni…
            Sono in attesa di dimenticare, di non pensare al dolore che provo, a ciò che è stato e che ho vissuto, di ritrovare la mia quotidianità, fatta di lavoro, sport, amici e col cuore e la mente libera da altri pensieri.
            Mi auguro solo di riuscire ad essere una buona madre, malgrado questo periodo di tristezza.

          • alessandro pellizzari, 25 Maggio 2019 @ 15:28

            Ti incoraggio a essere una buona madre

    • Annina, 21 Maggio 2019 @ 13:35 Rispondi

      Sinceramente il buon rapporto con il mio ex è iniziato solo dopo che è uscito di casa. Averlo in casa era devastante perchè cmq si litigava per niente, non ci sopportavamo più, e nostra figlia ne soffriva. Da quando è uscito di casa abbiamo recuperato un ottimo rapporto, facciamo molte cose insieme a nostra figlia e tutto procede, ma ognuno a casa sua.
      Anche perche lui ha una compagna e io la mia vita e onestamente quando non abbiamo la bimba perchè è con l’altro è anche giusto godersi i propri spazi e farsi la propria vita.

      • alessandro pellizzari, 21 Maggio 2019 @ 17:41 Rispondi

        Ottimo

    • cossora, 21 Maggio 2019 @ 14:03 Rispondi

      Io ho un bellissimo rapporto con il mio exmarito @LEI.
      Lui ha una donna ora, non mi dispiace per niente.
      Ma se stessimo a casa insieme, per esempio, lui avrebbe delle necessità in termini di tempo e di impegni (i figli vanno tenuti) diversi da me, che al momento non esco con nessuno.
      In un modo o nell’altro.. uno dei due si troverebbe sempre ad essere quello che ‘va bene, sto io esci tu..’ insomma, c’è sempre uno dei due che ci smena. Ma non solo per l’altra, per una riunione, per una serata con amici, per il compleannoi di tizio-caio..
      Se siamo divisi e abbiamo serate fisse si organizza solo quando è libero, si arrangia senza il mio aiuto.
      Sai come si dice, patti chiari, amicizia lunga.

      No, non si fanno, se non temporanemante e con un buon motivo, i separati in casa.
      Nella vita SI DEVE SCEGLIERE sempre

      • Annina, 22 Maggio 2019 @ 08:57 Rispondi

        esattamente come noi Cossora. Se si è intelligenti si mette solo fine alla sofferenza dei figli.
        E abbiamo recuperato un ottimo rapporto che da sposati non funzionava ma da amici è fantastico. Del resto abbiamo convidiviso 15 anni insieme e per forza abbiamo stessi interessi, amici ecc ecc
        ma ognuno a casa sua e ognuno con la sua vita e i suoi spazi come è giusto che sia.

    • Luce, 24 Maggio 2019 @ 19:30 Rispondi

      In questa situazione mi trovo da quasi un anno, nel senso che sto aspettando solo che lui esca appena la casa per lui sarà pronta, (entro un mese, finalmente)
      Fretta non ne abbiamo avuta perché non ci sono stati litigi furibondi.
      I nostri figli lo sanno. E ci studiano , temono la discussione in ogni attimo.
      è tutto finto. Finta gentilezza, finta cortesia, finti accordi, finto tutto. Ciò non toglie che io gli voglia bene, ma basta poco per cadere in incomprensioni e piccole discussioni che subito mi fanno pensare
      “ ma cosa ci fa lui ancora qui…” brutto il mio pensiero ma è praticamente per me una noia trovarmelo ogni mattina in cucina per colazione .
      Credo gradirei di più invitarlo a cena ogni tanto o andare io da lui.

      • Cossora, 24 Maggio 2019 @ 21:17 Rispondi

        Io @Luce invece sono libera da quasi un anno e ti capisco benissimo. Entrava lui e io avvertivo un calo di corrente, si abbassava tutto, l’energia, la luce, il livello di ossigeno nell’aria.
        Gli voglio bene, ci scriviamo, ci sentiamo ogni sera. Ma io a giugno dell’anno scorso ho preso la decisione migliore che potessi prendere. Ero peggiorata (io, perché lui.. va bene ovunque) e i miei figli respiravano la mia energia negativa.
        Adesso siamo tutti liberi. Tutti scattiamo al primo richiamo dell’altro, se cé un problema a scuola si parla a lungo su ‘come possiamo collaborare per risolverlo? Tu che faresti? Mi fido di te’.
        È stata la decisione che ha svoltato tutto. Ci vuol tanto coraggio, ma se sei in buona fede non te ne penti mai!

  • Marco, 20 Maggio 2019 @ 19:59 Rispondi

    @Ariel ci ho provato a rispondere punto per punto ai tuoi quesiti ma Alessandro mi ha bocciato il post, magari se mi indica quali punti non gradiva li tolgo, ho il post salvato

    • Ariel, 21 Maggio 2019 @ 10:36 Rispondi

      @Marco grazie per la tua precisazione sul aver accolto le mie domande tipo

      Ora come sai @Alessandro giustamente siamo a #acasadiAle#
      Cioè a casa sua ospiti e quindi ovvio e naturale lui sa benissimo come gestire il Blog che essendo una sua creatura ha pieno diritto insindacabile e in più non ne sbaglia una ,secondo me,
      La sua Stupenda Anima e Competenza sono riuscite a dare spazio fornendo un aiuto immenso a tutte/i noi qui cresciuti come numero e cresciuti dentro grazie proprio a tutti gli scritti Di @Caro Alessandro e gli scambi tra noi nel post e risponderci tra noi guidati sempre da
      Lui @Alessandro.

      Questo ci tenevo a scriverlo per trasmetterti che se lui non pubblica dei post lui lo sa bene cosa è un BENE pubblicare e cosa no
      E questo rende la efficacia positiva di tutto il Blog

      Sono certa che lui saprà risponderti per cercare di farti capire dove non vada bene scrivere ciò che vorresti esprimere

      Guarda ad esempio io tendo sempre ad essere lunga oppure esagero ,non so lo so guarda sono una Donna difettosa ,ma BELLISSIMA interiormente sicuro e fuori non posso saperlo
      Dipingo e se esiste un dipinto difficilissimo per me da realizzare
      È il mio autoritratto

      Ho provato tante volte,ma mi manca sempre qualcosa
      Così credo sia anche questo il motivo che forte mi spinge ad essere troppo lunga scrivendo,perché sto cercando me stessa ,la mia storia antica…!!

      Grazie @ Marco .

  • Angelica2.0, 20 Maggio 2019 @ 18:06 Rispondi

    A me sembra che anche il rapporto coi figli navighi spesso delle acque della superficialità.
    Come dice Cossora, li mettiamo “al mondo”.
    Il cagnolino è un modo superficiale di concepire il rapporto. Così è facile e con meno impegno. Basta esserci.
    Coi miei figli, da separata, non bastava. Io ho spiegato loro più volte, dolcemente, e più volte hanno chiesto perché, poi hanno fatto i paragoni con le altre famiglie, ma la cosa bella è che siamo cresciuti con un dialogo profondo e bello. Sincero ecco, e di amore seppur in una famiglia non perfetta, di una madre non perfetta ma che ci prova. I miei figli già notano però ormai, dopo il classico mamma-papà-figli, quante incongruenze esistano pure nelle famiglie normali, si confidano con gli amici e riportano a me.
    Separarsi vuol dire impegnarsi coi figli, scavare, viverli in maniera più difficile ma se sei in gamba è anche bellissimo. Sopravvivono.

    • Marco, 20 Maggio 2019 @ 19:54 Rispondi

      Assolutamente d’accordo, con I miei figli faccio di tutto, dai compiti alle docce, da tagliare le unghie al cinema, dal parco all’esplorazione della città, dal parlare di tutto all’educazione, dal pediatra al dentista, dai colloqui al portarli a scuola, dalla piscina alla bici etc etc…. e mi sfiato a spiegare le cose. Anche io sarò imperfetto ma di certo ci provo

      • cossora, 21 Maggio 2019 @ 08:07 Rispondi

        E allora cerca di dare anche a loro il tempo di elaborare.
        @Marco se agisci in buona fede perchè hai tutta questa fretta? Sembra che tu abbia la coda di paglia su qualcosa.
        Tua moglie ha un atteggiamento negativo? Se si, non serve sfiatarti coi figli, serve chiarirti con lei.
        E se non vuole capire, lasciale il diritto di essere incazzata. Andate da un terapeuta insieme per gestire il dialogo con i vostri figli. Mi stupisce come tu non veda le priorità ma ti attacchi a un cagnolino.

      • hara, 21 Maggio 2019 @ 08:29 Rispondi

        @Marco è normale che i bambini continuino a chiedere rassicurazioni e l’episodio a tavola è soltanto un poco di cattiva educazione! quasi tutti i bambini di oggi si piccano subito reagendo sgarbati (uno 10 e l’altro 8 vedo amici compagni di classe e di sport) un poco assorbono i comportamenti degli adulti e un poco è l’esempio della tv e dei video e dei cartoni un altro poco e che tra attività scuola e nel tuo caso mettici anche i genitori in due case diverse sono stanchi fisicamente !!! essere genitore non è facile, capisco che rientrando in casa (ormai “loro”) pensi di semplicare ma il rapporto con loro se vuoi che sia vero ed empatico sarà sempre faticoso

        • alessandro pellizzari, 21 Maggio 2019 @ 10:25 Rispondi

          Vedrai l’adolescenza…

          • Marco, 21 Maggio 2019 @ 18:56

            Ale, chi in casa cerca da sempre di insegnare si figli l’educazione sono io, spesso lei davanti ai miei genitori diceva “lascia fare” quando si alzano da tavola o altro…. certo l’adolescenza l’abbiamo vissuta tutti, ma se le basi sono buone forse ti salvi

      • to the moon and back, 24 Maggio 2019 @ 13:28 Rispondi

        Marco, oltre ai figli, quali sentimenti provi per queste due donne? Senti di amare una delle due donne?
        E solo dipendenza ciò che provi per tua miglie? Che tipo di dipendenza? In questo periodo di alontanamento da casa, cosa ti è mancato?
        E poi, la dipedenza da tua moglie è anche economica?
        Hai parlato con l’altra donna di tutti i tuoi dubbi? Se si, cosa ti ha risposto?
        Io vivo da separata in casa, e mi comporto con mio marito come tua moglie si comporta con te (un pezzo di ghiaccio, niente sorprese, niente sorrisi, niente) e questo non è il mio essere (in natura sono appassionata, sempre positiva e sorridente, una giocherellona!)…
        Hai finalmente avuto l’opportunità di uscire di casa, spero tu abbia vuto il tempo per ragionare, per capire cosa vuoi…e se non sono ne tua moglie, ne l’altra a darti ciò che vuoi, allora aspetta e forse troverai; nel mentre costruisci i rapporto con i tuoi figli che stanno crescendo senza far loro dimenticare quanto li ami.

  • KK, 20 Maggio 2019 @ 16:52 Rispondi

    Rispondo qui, off topic perchè non riesco nella sezione del codice del silenzio.

    Mi sto prendendo i miei spazi spazi e i miei momenti. Lo scorso weekend ho anche fatto un weekend fuori con le amiche, viaggio molto per lavoro, vado in palestra e spesso esco per aperitivo e cena con amici e colleghi. Non è questo il punto.
    Inoltre come dice Ariel per ora credo sia meglio tenere le due cose separate. Adesso il mio focus deve essere la mia guarigione, poi vedro’ cosa fare a casa. Sono troppo confusa in questo momento e non voglio scatenare ulteriori casini.
    @Ariel a parte tutto non credo che il mio ex sia un seriale perchè non ne ho mai avuto conferma (almeno finora) o qualche sentore, anche se ci sono molti tratti di narcisismo patologico nella sua personalità.
    Questa mia rinascita sembra come la primavera che quest’anno tarda ad arrivare…
    Ad ogni modo mi dico che forse è tutto cosi’ difficile perchè l’ho amato (lo amo) davvero. E non si tratta di dignità e dipendenza perchè anche se sono ancora fragile sto riuscendo nel mio intento di non cercarlo e di attuare una chiusura netta, ma smettere di amarlo è un’altra cosa.

    • Ariel, 20 Maggio 2019 @ 18:21 Rispondi

      @Lollo sono d’accordo con questa tua analisi
      Aggiungo soltanto che non so o è così come appare e cioè in pratica mi pare che tutte qui abbiamo la stessa opinione in merito alla storia di Marco

      La umica cosa che mi viene in mente ,non so forse che esistano motivi troppo personali da raccontare qui e che spiegherebbero meglio questo agire di Marco??

      Non so ,ma mi sa che purtroppo è come appare qui a tutte noi!!!

      Speriamo prima di tutto che quei bambini riescano a vivere una situazione il più equilibrata e a loro tutela

      Questa secondo me è LA PRIORITÀ ASSOLUTA!!!!

      Come sempre ,mi viene da dire chi subisce i soliti maschi immaturi
      E rompi tutto ,sono i bambini figli e le donne
      Le madri mogli e pure l’amante

      Veramente che tristezza
      Ci bevo su un verre de rosé!

  • Anna, 20 Maggio 2019 @ 12:32 Rispondi

    I figli. Il tesoro più grande abbiamo, per loro faremmo tutto. In queste situazioni, però, si usano troppo spesso come paravento per nascondere la propria codardìa.

  • Marco, 20 Maggio 2019 @ 10:30 Rispondi

    Ale ma come faccio a spiegarmi senza dettagliare qualcosa? Lo vedi che non mi riesco a far capire?

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2019 @ 13:07 Rispondi

      limitati a parlare di sentimenti ed emozioni e comportamenti il resto è superfluo

  • Annina, 20 Maggio 2019 @ 09:32 Rispondi

    Scusa marco andava tutto bene fino al momento in cui hai detto che sei fuori casa da un anno……. ma i tuoi figli sono gia abituati alla vs separazione… ma di cosa stai parlando?? di tornare a casa e fingere quando avete gia messo la parola FINE a questa farsa?????

    • Marco, 20 Maggio 2019 @ 10:51 Rispondi

      Perché quando i figli ti dicono “mi manchi” o “vorrei dormire di più con te” o “perché non torni” o “ti ricordi vacanza noi 4 insieme” o come ieri che x aver ripreso che non doveva alzarsi da tavola mi ha detto “tu sei andato via, non comandi”… un padre che ama i figli si sente morire dentro. Al di là di quanto amore si prova per un’altra donna

      • hara, 20 Maggio 2019 @ 13:22 Rispondi

        @Marco se davvero il problema è la madre dei tuoi figli che invece di difenderli li destabilizza sappi che dentro o fuori casa non cambia assolutamente niente! se è questa la realtà che ti preoccupa indipendentemente da chi ami sappi che “TU SEI ANDATO VIA NON COMANDI” non cambierà al più potrà diventare tra 5 o 6 anni “TU TE NE VAI QUANDO VUOI E CREDI DI POTER TORNARE QUANDO VUOI NON COMANDI” .
        Tornare peggiorerebbe la situazione sotto questo aspetto inevitabilmente. Se la madre dei tuoi figli volesse in primis difendere la serenità dei ragazzi non avrebbe esposto i suoi figli a situazioni emotive che poi li portano a fare queste considerazioni, il tuo rientro non cambierebbe l’opinione che ha di te e quindi non cambierebbero opinione neanche i ragazzi, anzi se c’è una speranza che vedano un “te” diverso è legata al vederti lontano da chi ti discretita, incurante del male che gli fa. Il padre non è morto ha soltanto smesso di amare la madre e cambiare residenza non cambia il sentire.
        non so come spiegarmi spero che @Ale possa aiutarmi a spiegare quello che voglio dire.

        • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2019 @ 14:49 Rispondi

          Sei stata chiara

          • Whiterabbit, 20 Maggio 2019 @ 15:05

            Ragazzi e ragazze, io però una cosa la voglio scrivere, non perché sono una moglie ma perché quello che ho letto parla chiaro:
            La moglie di Marco è sempre stata così, lui se la è sposata così, evidentemente le andava bene o ha commesso l’errore di pensare che avrebbe potuto cambiarla.
            Dopo enne anni lui non la ama più, non la vuole più, prova a cambiarle e lei non cambia, perché lei è quella!
            Allora lui trova un’altra, esce di casa, confonde le carte, lancia palle a destra e sinistra e si innervosisce se i lanci sono entrambi corti e ste due donne di qua e di la non riescono ad afferrarla.
            MARCO non ha mai scritto che la madre dei suoi figli lo discrediti davanti a loro, almeno io non l’ho letto. Forse sono i suoi figli che vedono come si sta comportando MARCO e non lo riconoscono come una persona che fa i fatti. Perché di fatto non li fa.
            Io non dico a MARCO cosa deve fare, ha 3 scelte:
            1-tornare a casa e smetterla di rompere se sua moglie non è cambiata come lui.
            2-rimanere fuori casa e farsi una vita con la sua amante
            3-rimanere fuori casa e farsi la sua vita da solo, ma che allora lasciasse in pace ste due povere donne.

          • cossora, 20 Maggio 2019 @ 15:53

            D’accordo con @Whiterabbit.
            Vai alla casa al mare per passioni e impulsi sentimentali? Perfetto, ci rimani.
            Ti è passata la passione? E ci rimani da solo.
            La moglie (che è rimasta da sola..) può anche essere una stronza patentata (a parte che vorrei vedere..) o nella rabbia reagire male, ma se oggi dice a @Marco ‘stai dove sei’ ha solo ragione.
            Torni se vuoi, SE VOGLIAMO recuperare.

            Non ti fai un anno fuori e poi rientri con la scusa della famigliola felice ma facciamo i separati in casa.. e poi cosa vuoi? Che vi rimbocchi le coperte?

            Io sono (stata) un’amante fino ad ora. La moglie (stronza o meno) non ha cambiato niente delle circostanze, c’era e c’è anche oggi. E’ quel pusillanime di cui mi sono innamorata che non decide perchè (come @Marco) non potrebbe rinunciare alla quotidianità col figlio.
            Allora rinuncia a me.

            Chi troppo vuole, nulla stringe.E menomale!

      • cossora, 20 Maggio 2019 @ 13:24 Rispondi

        @Marco sei solo nel panico.
        Scusami ma cosa credi che i miei figli (4 e 10 alla sua uscita) non mi abbiano mai detto che vorrebbero papà dormisse a casa come prima?
        Sai cosa ho risposto? ‘amore lo sai che mamma e papà avevano qualche problema che non hanno risolto, ma si vogliono bene, anche tu e pinco pallino non vivete insieme ma siete tanto amici’.
        E così ci provi ogni volta, un confronto dopo l’altro. Con un esempio semplice, alla loro portata. Non li ‘rovini’ se gli dici la verità con cautela. Il mondo non sarà facile fuori dal loro nido, piano piano vanno resi consapevoli, la vita è anche questo, essere genitore è soprattutto questo: metterli al mondo, AL MONDO.

        E comunque Marco.. la delusione dei figli fa parte delle conseguenze delle decisioni che si prendono quando ci si separa.
        Si impara tutti anche perdendo. Coraggio.

      • hara, 20 Maggio 2019 @ 13:31 Rispondi

        è una richiesta di chiarezza e chiarezza non la dai tornando a casa, è una richiesta di aiuto è una richiesta di non essere più trattati da strumento di contesa di attacco o di difesa di non essere usati per i vostri giochi.
        Ci vorrà tempo ma inevitabilmente la situazione migliorerà e migliorerà prima se ti mostri irremovibile con lei. gentile sereno ma chiaro lo so sembra impossibile ma fra meno di un anno ti girarai indietro e ti accorgerai che il peggio è passato.
        tornare a casa rovinerebbe solo la vita ai tuoi ragazzi

      • Annina, 20 Maggio 2019 @ 13:44 Rispondi

        Si ma i figli come pensi che reagirebbero alla farsa???? perche tu riusciresti a tornare con tua moglie?

      • Anna, 20 Maggio 2019 @ 14:32 Rispondi

        la risposta te la sei dato da solo.

    • cossora, 20 Maggio 2019 @ 11:22 Rispondi

      @Marco scusami.. ma io ti trovo indifendibile.
      Ci hai messo un anno per capire che ti mancano i tuoi figli e che forse starebbero meglio se tu tornassi e andaste a far le ferie col cagnolino?

      Sei uscito un anno fa per passione e amore, è evidente che vuoi rientrare perchè LEI non ti convince più, non ne è valsa la pena, perchè se ne valesse la pena tu vorresti che anche lei fosse fiera di te.

      Tra un po’ ti schifa, credimi.

      Lo dico per te stesso: raccogli i testicoli e comportati da uomo. I tuoi figli ne hanno bisogno. Stai fuori e dimostra che non ti tiri indietro davanti alle tue responsabilità.

  • Marco, 20 Maggio 2019 @ 09:20 Rispondi

    Alessandro scusa, xche i miei post spariscono?

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2019 @ 10:20 Rispondi

      metto troppi dettagli

    • Ariel, 20 Maggio 2019 @ 11:33 Rispondi

      @Marco
      Credo che se vuoi puoi fare un semplice elenco della situazione del tuo adesso senza bisogno di mettere dettagli particolari

      Tipo

      Tu Marco sei giovane mezza età o anziano?
      Ti eri sposato quanti anni fa?
      Eravate innamorati ?
      Avete avuto due figli
      Li avevate cercati con amore entrambi?
      Che caspita è successi tra te e tua moglie?

      Soprattutto il sesso tra voi funziona???
      Siete complici liberi nel sesso ????

      Che cosa non ti va in tua moglie???
      Vi siete detti chiaro che cosa non ti va
      E lei ti ha detto chiaro cosa non va a lei di te???

      Quanto tempo è passato in questa vostra crisi?

      Sei entrato in crisi e poi ti sei messo con la amante
      Da quanto tempo stai con la amante?
      E la amante che ti dce?
      Vuole fare una nuova vita insieme a te?
      Oppure vuole solo scoparti pure cara e affettuosa e col viso sul petto tuo???

      Quando hai deciso di andare al mare a casa da solo?
      Lo hai deciso insieme in accordo con tua moglie???

      Cosa avete detto ai bambini???

      I bambini onestamente come li vedi?
      Soffrono secondo te?
      E con tua moglie come va questo anno di tuo sto al mare da solo?

      Come mai al mare non ti hai invitato a stare con te la tua amante?

      Ecco una possibilità per rispondere alle domande senza bisogno di spiegarci i dettagli

      Sempre che tu voglia
      E soprattutto fatta salva sempre la accettazione Importantissima fondamentale da parte del nostro @ CAROALESSANDRO!!!!
      Che è IL NOSTRO #acasadiAle#
      Stimatissimo AMATISSIMO!!!!!!!❤️

  • Marco, 20 Maggio 2019 @ 07:56 Rispondi

    Avevo scritto un papiro x spiegare bene ma non lo trovò pubblicato

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2019 @ 10:16 Rispondi

      Troppi dettagli personali e su altri

  • LEI, 20 Maggio 2019 @ 07:45 Rispondi

    Concordo con le altre. Evita assolutamente di tornare indietro.
    Ormai il passo è stato fatto, il resto sarebbe solo una finzione irresponsabile, che destabilizzerebbe i tuoi figli.
    Piuttosto trova un modo giusto per passare più tempo con loro ed in modo equilibrato.

  • Angie, 20 Maggio 2019 @ 06:17 Rispondi

    Da moglie (tradita e ripresa 3 volte), penso veramente che tu voglia tornare a casa proprio per la necessità di avere un nido caldo su cui contare, sia mai che ci scappi anche un pasto o una camicia stirata (tanto noi mogli lo sentiamo come un dovere imposto e scritto nell’atto di matrimonio!). No, secondo me non ami nè tua moglie, nè l’amante (altrimenti sarebbe lì con te, nella tua casetta al mare o in qualsiasi altra casetta). Non tornare, perchè i tuoi figli subirebbero un nuovo abbandono (che ci sarebbe al 100%). Anche il mio ex marito si è comportato così, ma è stato abbandonato dai tre figli molto prima che lo abbandonassi io. Trovati un bel appartamento in città e inizia a non raccontarti più bugie.

  • Samanta, 19 Maggio 2019 @ 21:23 Rispondi

    Marco posso capire il tuo amore verso i figli ma stai decidendo tu x tutti..hai lo scettro . Povere noi tutte !

  • Piccola, 19 Maggio 2019 @ 18:05 Rispondi

    Scusa Marco, non capisco. Dici di amare un’altra donna. Vivi solo, potresti stare con lei invece vorresti tornare a casa. Ok, lo faresti per i tuoi figli e l’amore per l’altra, lei che fine farebbe? Perdonami ma siamo alle solite, sembra sempre che l’altra sia solo e sempre colei che tanto sa che il suo uomo, quello che dice di amarla, dopo un po’ tornerà di nuovo a casetta e lei dovrà solo accettare. Mi dispiace, leggendo le tue parole mi ero illusa parlassi veramente di amore per l’altra ..

  • Rosa, 19 Maggio 2019 @ 17:56 Rispondi

    E ci stai ancora a pensare?
    Il tuo matrimonio caro mio è decotto e i tuoi figli hanno cmq già percepito che qualcosa non va
    Non è normale che papà viva in un’altra casa, anche se gli avrete raccontato che è per lavoro.
    Ora, tu sarai felice perchè vivrai con la donna che ami e ti ama, e per riflesso saranno felici loro che ri viveanno pure a part-time (come ora) ma sicuramente con una carica emotiva diversa da quella che potrai avere se deciderai di chiuderti nella gabbia del matrimonio di facciata.
    Finirai con lo spegnerti, diventerai rancoroso, e sarai lo stesso poco presente.
    Credo che la presenza con i figli sia soprattutto una questione di qualità, piu che di quantità.
    Intanto, loro nel frattempo cresceranno e capiranno.

  • Marco, 19 Maggio 2019 @ 15:39 Rispondi

    Scusate se non riuscite a seguirmi, avevo scritto tutto poi Alessandro m ha detto troppi particolari non andavano bene: si vivo da solo alla casa al mare da quasi 1 anno. Si vivo i figli part time (9 e 5 anni). Si le ho proposto X i figli di tornare a casa e fare vite separate. Parola orribile xche quando ci sono sentimenti di mezzo la parola amante, che trovo abbia un’accezzione solo sessuale, non rende giustizia. Le mie azioni non sono da esempio ma sono indotte da anni ed anni di mie richieste inascoltate e di attenzioni passione affetto premure non date. Cosa voglio? Capire se posso essere felice pur sapendo che tolgo ai miei figli lo status quo o se sia più giusta la tranquillità di una vita con loro ma con una donna che ad oggi ancora promette ma nei fatti non mantiene quando avrei chi agogna per regalarmi premure ed affetto, anche se non è la madre dei miei figli

    • Whiterabbit, 19 Maggio 2019 @ 17:24 Rispondi

      Scusate e ai figli cosa avete detto? Se ne saranno accorti che non ci sei a casa?

    • EP, 19 Maggio 2019 @ 17:44 Rispondi

      @marco ti parlo da donna separata con 2 figli! Poi diventata amante di un uomo impegnato. Magari il mio punto di vista è assolutamente viziato dalla mia esperienza personale, ma credo che se 2 decidono di riprovarci le basi di partenza debbano essere molto diverse! Sei già fuori casa da 1 anno…i tuoi figli il distacco l’hanno già vissuto…se rientri in questo modo “traballante” dai solo delle false speranze e li destabilizzi. Xchè
      il tutto nn nasce da un desiderio genuino di ricostruzione. Tanto più se il tuo cuore è impegnato altrove…sarà l’ennesima finzione! È ovvio che tua moglie di dica “non esiste”! È una prigione x 2! Cn l’aggravante x la moglie che dovrà ancora fingere di essere almeno in
      apparenza “tua moglie” (ed infatti si rifugia dalla madre xche cn ogni probabilità lei in casa cn te sta male ) e continuare a lavarti le mutante e i calzini (lo so, è molto poco romantico… xò ti assicuro che in certe situazioni la cosa assume il suo peso). Dall’altro versante invece farai soffrire incredibilmente la donna che dici di amare e che ti dà tutto quello che desideri…tornerai a tormentarla ciclicamente “al bisogno” (cm i fermenti lattici di Rosa) e tutto questo xchè? X il teatrino delle vacanze “finte” in 4 (che poi uno nn vede l’ora che finiscano xchè lì si che si sta insieme H24!)

      Ma ti pregoooooo….nn riesco proprio a comprendere come voi uomini possiate pensare a delle “soluzioni” così “brillanti”!

    • Cossora, 19 Maggio 2019 @ 18:12 Rispondi

      @Marco stai facendo casino. Sotto gli occhi e sulla pelle dei figli. No che adesso non puoi rientrare e fare i separati..hey..sono due esseri umani! Ho capito tutto, hai fatto un passo falso. E chi sbaglia paga..prima regola. Rientra e stai con tua moglie o stai fuori e cerca di costruire con loro anche part time.
      Non puoi pretendere di tenere tutto.
      SCEGLI e da’ loro questo esempio: nella vita si sceglie e ci si assume la responsabilità delle conseguenze delle proprie scelte. Sarà difficile ma ti comprenderanno col tempo.
      Attenzione perché se perdi la loro stima poi nessuno potrà consolarti. Sii onesto con loro.

    • Angelica2.0, 19 Maggio 2019 @ 18:55 Rispondi

      Quante cose leggo Marco nei tuoi discorsi, son cose che a te sembrano logiche e anzi da bravo uomo e invece sono tremende. Provo a darti il mio punto di vista, senza polemica, ma perché tu possa un po’ entrare in questo mondo più femminile. “Non esiste” lo direi anche io a un marito che ha un’altra (presumibilmente) e vive fuori casa da un anno. Tu ti senti padre modello, stai proponendo a una donna un matrimonio fasullo. La tua amata, o amante, quella che insomma come scrivi “agogna” a riempirti di premure (che cara ragazza) è là appesa a un uomo che udite udite la ama ma sta per tornare dalla moglie, e se non lo fa è solo perché quest’ultima gli dice “non esiste”. Cagata meno di zero nei tuoi progetti di vita. Sai anche tu che non la ami ma ti piace come ti fa sentire. Poi c’è lultima questione, (uomini siete tremendi, credo sia una invidia del parto:))) che io definisco “l’utero con una donna intorno” che appunto è la donna, spesso moglie, dal cui utero sono usciti i tuoi figli e quindi, dopo la mamma, “l’utero con una donna intorno” è per il maschio una sorta di sacro tempio da tenersi caro per l’eternita.
      Anche se la donna intorno all’utero fosse blu e camminasse rotolando all’indietro, niente, non cambia!
      Ecco… credo che senza volerlo, e anzi pure un pochino soffrendo, tu pensi solo per te. Te in divisa da papà col cagnolino (e utero sopportato a fianco) te maschio amato e coccolato è venerato, ma di queste due donne non c’è traccia nel tuo profondo, almeno da quello che scrivi.
      Io direi che fai il papà, il resto si sveglierà da se, sceglieranno le due donne per te. Ora ne hai due, magari prima o poi non te ne resta nessuna…

    • Confusa (Ex), 19 Maggio 2019 @ 20:02 Rispondi

      Tu hai proposto a tua moglie di tornare a vivere insieme… e questo alla donna che attualmente frequenti lo hai detto? perché io non ne sarei proprio felicissima fossi in lei

      • cossora, 20 Maggio 2019 @ 08:08 Rispondi

        Sta solo scegliendo in base a ‘cosa mi conviene di più?’
        Lo sapevamo dall’inizio, @Ale l’ha già spiegato.

    • Oldplum, 19 Maggio 2019 @ 21:03 Rispondi

      dai ragionamenti che fai mi pare tu stia scegliendo una macchina e non una donna per la vita. spero si salvino entrambe.

      • Ariel, 19 Maggio 2019 @ 22:37 Rispondi

        @Oldplum
        APPLAUSI!!!!!

        • Angie, 20 Maggio 2019 @ 06:09 Rispondi

          APPLAUSI! angelica

    • lollo, 20 Maggio 2019 @ 11:15 Rispondi

      cioè vivi sola da un anno. I tuoi figli ti vedono nei week end. proponi di tornare a casa per iniziare una sceneggiata che frantumerà tutta la famiglia. In un anno non hai capito se sei felice di stare “solo” ??? Scusa la franchezza. Come moglie avrei già chiesto il divorzio. Come ” amnate” ti avrei mollato subito.

  • Rosa, 19 Maggio 2019 @ 15:04 Rispondi

    A me qualcosa non torna @marco se tu già vivi fuori casa da 1 anno, di fatto i tuoi figli li vivi già part time o sbaglio?
    Oppure aspetti che si addormentino alla sera per andare a dormire via e torni al mattino prima che si sveglino?
    Suvvia, siamo seri. A meno che i tuoi figli non siano dei neonati, non hanno bisogno di questa pantomima.
    E parli con una che per i figli piccoli ha scelto di restare.
    A me da quello che leggo pare che i giochi siano fatti, indipendentemente dall’amante.
    Non capisco quale sia il tuo problema, davvero.

    • Angie, 19 Maggio 2019 @ 15:44 Rispondi

      Anch’io non riesco a capire quello che scrive Marco. Oppure ci sono due Marco che scrivono.

      • Oldplum, 19 Maggio 2019 @ 21:04 Rispondi

        Per me Marco è uno solo. ed è un mattacchione.

  • Marco, 19 Maggio 2019 @ 08:22 Rispondi

    Angelica forse non sono stato chiaro, la scelta non è tanto tra mia moglie e “l’amante” (parola orribile) bensì tra un amore che mi da tutto ciò che desidero con figli però part time ed un nucleo familiare (vacanza con mamma e papà, un cagnolino da prendere, etc) che a loro verrebbe negato, oppure questa “tranquillità” avendo però al mio fianco una donna incapace di darmi passione affetto in gesti e parole, e con cui non c’e Complicità.

    • alessandro pellizzari, 19 Maggio 2019 @ 14:34 Rispondi

      La solita scelta.

    • Cossora, 19 Maggio 2019 @ 14:51 Rispondi

      Parola orribile?? E le tue azioni cosa sarebbero?? @Marco.. sposta il tuo punto di vista e guardati da fuori. Le decisioni le hai prese tu. Da sposato, coi figli. Puoi chiamarla anche Regina di Cuori ma la tratti da amante.
      Possibile che quel che conta per voi sia uscirne innocenti?

    • Angelica2.0, 19 Maggio 2019 @ 15:04 Rispondi

      Ma è ovvio, la scelta non è tra due donne.. purtroppo è tra una donna vera compagna di vita e uno stile di vita, un modello, l’aspettativa del Mulino Bianco come lo chiamiamo qui.
      Fosse stata una scelta tra due donne il mio ex mi avrebbe vista col binocolo.
      Non so che dire, possono essere entrambe giuste o profondamente false e inconsistenti. La solita scelta si.

    • Whiterabbit, 19 Maggio 2019 @ 15:07 Rispondi

      Si vabbeh ma se sei già fuori di casa hai già scelto! E mi pare che la tua scelta sia nessuna delle due

      • lollo, 20 Maggio 2019 @ 11:11 Rispondi

        Risposta perfetta!

  • Marco, 19 Maggio 2019 @ 07:57 Rispondi

    Abito in un’altra casa da quasi 1 anno

    • Whiterabbit, 19 Maggio 2019 @ 08:41 Rispondi

      Quindi il tuo problema quale sarebbe? Sei già fuori casa!

    • Angie, 19 Maggio 2019 @ 09:08 Rispondi

      ???

    • Angelica2.0, 19 Maggio 2019 @ 09:15 Rispondi

      Cioè tu e tua moglie abitate in una nuova casa da quasi un anno? O le hai proposto di tornare da lei facendo i separati in casa? O ci sono due Marco? Non ho capito…

    • Ariel, 19 Maggio 2019 @ 11:02 Rispondi

      @Marco ok ,ma scusami non capisco più quale sia il tuo racconto
      Almeno ,se tu scrivi una frase così e punto e non ti spieghi meglio
      Credo sia difficile ,almeno per me,capire esattamente cosa tu abbia vissuto stia vivendo e cosa tu voglia dirci

      Cosa cerchi ????
      Cosa vuoi?????

      Queste mie domande non sono provocatorie nel senso giudicante negativo ,ma proprio scusami scritto così come hai scritto
      Non si capisce bene che cosa tu abbia visduto la tua situazione,
      Non so ,io non lo capisco.

  • Cossora, 18 Maggio 2019 @ 23:25 Rispondi

    Oggi giornata di giri e amiche. In un locale nuovo vedo oltre la vetrina passare il mio examante (due anni fa) con la moglie. Per mano. Come due fidanzatini. Lui che mi mandava borse a quattro zeri in ufficio per farmi ‘iniziare la giornata con una coccola’. Per mano con la moglie. Lui che voleva regalarmi un appartamento. Per mano con la moglie. La moglie che ha tradito per due anni con me. Ma di cosa ci stupiamo?
    Stata in giro tutto il gioeno, amiche pranzo, a spasso e cena fuori. Cé il mondo fuori, cé la vita. Lui é.. scomparso. Anzi no. Io vivo la mia vita che non si incrocia più con la sua. Ogni tanto lo penso, qualcosa nel nuovo mi ricorda qualcosa di vecchio e condiviso con lui. Poi mi ricordo: aveva i biglietti in tasca mentre piangeva.
    Vestitevi, usciamo!

    • alessandro pellizzari, 19 Maggio 2019 @ 08:24 Rispondi

      a manina con i biglietti se tutt’e poteste osservarli di nascosto vedreste molte di queste scene

      • Cossora, 19 Maggio 2019 @ 09:25 Rispondi

        @Ale Le cose sono due: o non si è accorto del favore che mi ha fatto dicendomi delle ferie già prenotate, oppure di favori me ne ha sempre fatti ma io non li ho mai visti.
        Ad ogni modo, mi reputo fortunata di aver capito tutto così presto. Se qualcuno che ami decide di portarti fino all’inferno.. sei veramente nella merda.
        Vado a correre va, buona domenica!

        • alessandro pellizzari, 19 Maggio 2019 @ 14:45 Rispondi

          Brava corri lontana. Anche perché questi “favori” sono il classico modo di dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Da una parte ti dico Mi manchi dall’altra ti faccio sapere che comunque l’altra vita continua nella sua routine, vacanze comprese. In pratica ti dice: se mi vuoi devi fare l’amante a queste condizioni. Accetti? Una domanda che riproporranno per molto tempo e a ogni loro bisogno

          • Cossora, 19 Maggio 2019 @ 14:55

            Grazie @Ale e @Ariel.. anche io ho tanta paura e tanta sfiducia nel genere maschile ora. Ho voglia di fare il riccio, di stare lontana da tutti. Che povertà.

    • Ariel, 19 Maggio 2019 @ 11:14 Rispondi

      @Cossora leggerti qui è stato una vera Bellezza ,intendo dire per la tua scrittura il come tu sia riuscita a trasmettere le emozioni di tutto il tuo scritto e decscritto

      Mi è sembrato una pagina di un libro bello da leggere
      Ma,meno molto meno bello da vivere

      Nel senso ovvio che tu abbia vissuto esperienze pure deludenti e con tua sofferenza superata benissimo grazie alla tua notevole capacità di Riprenderti ,chapeau!!!!

      Questo era per dirti che leggendo qui queste tue righe
      Mi è venuto un pensiero di tristezza o meglio come una sfiducia amarezza sul genere maschio

      Certo so bene che non tutti sono così anzi io lo so proprio bene visto che nel mio destino di vita ho passato tanti anni nel mio matrimonio positivo,

      Ma ci credi forse perché come una Bomba mi ero rimessa nella vita
      Innamorata di nuovo con il sriale di emme

      Poi a leggere qui mi si è aperto un mondo di casi simili diversi ma che poi alla resa dei conti siamo state innamorate senza scampo finché siamo riuscite a uscire dal tunnel

      Però caspita questi tuoi ex amanti entrambi
      Che emme!!!

      Bè mi fa un senso di sfiducia almeno in questo momento

      Tu sei un vero TESORO DI SUPERDONNA
      CARA COSSORA ,
      Si vado a vestirmi,
      Usciamo!!!!!!!!

  • Angelica2.0, 18 Maggio 2019 @ 22:40 Rispondi

    Il guaio è che chi è a secco di amore, come te, del sesso stiamo-insieme-ma-non-la-lascio non sa che farsene. Tu vuoi abbracci e vicinanza e calore, il sesso conta e lo sappiamo ma questa è un altro tipo di fame che ti placa solo una donna innamorata. E per tenerla innamorata servono promesse. Non so che dirti, né tanto meno posso e voglio giudicare. Ma da quanto esce nel blog, si fa tanto tanto male, c’è tanta sofferenza. Vuoi salvaguardare i tuoi figli? Fallo, stai a casa, soffri tu come è giusto che sia ma non far soffrire una donna che ha avuto l’unica colpa di fermarsi ad ascoltarti.

    • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 23:19 Rispondi

      @Angelica 2.0
      Si mi piace molto anche questo punto di vista e in effetti non lo percepisco come contrario a questo primo agire di Marco nel aver parlato con la moglie perché in effetti il tuo pensiero completa tutto il quadro
      Ed è necessario tenerne conto

      Credo che @ Marco sia suo desiderio trovare una soluzione per decidere cosa fare e cioè scegliere o la moglie o la amante
      Certo senza aspettare le calende greche per rispetto di tutti
      Moglie figlio amante se stesso.

      È giusto il tuo commento perché è nella natura delle cose
      Ovvio che tenere in illusione o il piede in due scarpe
      Non può mai come meccanismo naturale far sentire una soddisfazione personale ,ma semmai il contrario

      Cioè se non rispetti chi prima dicevi di amare e te la sei sposata e fatto figlio

      Poi passa il tempo e scopri che non è come pensavi non ti va bene
      Ok capita
      Ti innamori di un altra corrisposto

      Ok giusto se ami te stesso decidi che fare a breve tempo
      Per non far del male proprio a chi hai amato e a chi dici di amare adesso più il tuo figlio che si ,in effetti

      La vedo più complessa di prima,
      Non so o non ricordo ma quanti anni ha tuo figlio @ Marco?

      @ Marco non perdere la forsza e lucidità comunque credo che riuscirai a trovare la giusta soluzione per te e tutti

      A volte potrebbe pure servire prendersi uno stop
      E dire se fosse così il tuo caso ,
      Lparlo con la amante e se tu non senti adesso di lasciare la famiglia
      Diglielo alla amante e lasciala libera sibito onesto

      Allora potrai avere la calma che ti occorre per decidere con tua moglie e figlio che fare

      Angelica.2 mi sei piaciuta ,brava hai messo in evidenza un aspetto molto importante e fondamentale prorio per evitare la sofferenza in classico di tanti casi qui vissuti e testimoniati nel Blog.

  • Angelica2.0, 18 Maggio 2019 @ 22:34 Rispondi

    Marco, mi ha colpito il fatto che le tue ragioni, la tua solitudine in coppia, sono gli stessi di tutti gli uomini di cui parliamo qui. All’inizio. Davvero prende, dispiace. Tutti raccontano questa cosa. Gli stessi uomini che, dopo tante promesse a una donna che sembra incarnare ciò che hanno sempre desiderato, si trasformano in carnefici per farsi lasciare, o scompaiono, oppure peggio ancora iniziano ad apprezzare la consorte dopo essersi fatti un po’ di conti. All’inizio sono, si mostrano, tutti come te, sinceri e un po’ disorientati ma innamorati. Ti sei consapevole che la triturerai questa donna? Quando le dirai, le farai capire, che resterai con la madre dei tuoi figli nonostante tutto? Baci, abbracci, parole, amore a perdere. Non pensare solo a te, pensa anche a lei. Ora ne hai bisogno. Poi ti sarà di intralcio. Peserà senza che ti abbia fatto nulla di male, solo per il fatto che esiste e ti vuole, e la allontanerai perché ti ricorderà solo con la sua presenza quanto te ne sei approfittato. Non puoi non saperlo già in un angolo del tuo cuore, quando la guardi negli occhi e poi torni a casa. Ovviamente ora non ti importa, prendi il momento.

  • Marco, 18 Maggio 2019 @ 20:04 Rispondi

    Separati in casa proposto ieri, mi ha risposto “non esiste”. Non ho paura. E la colpa, certo, i sensi di colpa X non sopportare il vuoto dentro ma anche X timore di rovinare il loro mondo

    • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 21:30 Rispondi

      @Caro Marco bravissimo comunque hai fatto già il primo passo importante ,

      Ovvia la sua reazione in prima botta a caldo,
      Ma veramente desidero tanto incoraggiarti e mi complimento con te per questo tuo agire concreto onesto verso tua moglie

      Penso che tu sia ben organizzato perché hai il sostegno terapeuta che occorre per poterti esprimere libero fino in fondo
      E solo che questo fatto di potersi sfogare esternare tutte le tue emozioni sofferte di adesso serva tantissimo a contribuire al tuo proseguire poco a poco trovare la tua soluzione ottimale che rispetti il tuo vero sentire ,il tuo cuore .il tuo progetto nuovo di vita
      Che qualunque sarà sarà nuovo e nel rispetto di te stesso che non può ovvio prescindere dal trovare una via di buona soluzione condivisa con tua moglie

      Sei ,secondo me sulla buona strada
      Comprendo empaticamente che non sia affatto facile ,ma credo pure questo che nella vita ascoltare il proprio Sentire sia irrinunciabile sarebbe tradire se stessi facendo danno a te inevitabile danno agli altri

      Se non siamo contenti di noi nella vita nelle nostre scelte ovvio.
      Tutti i nostri contatti sociali ne subiscano i nostri umori
      Le nostre frustrazioni

      Forza @ Marco sei in gamba
      Ogni giorno un passo avanti nel meglio che senti per te stesso!

    • Whiterabbit, 19 Maggio 2019 @ 00:12 Rispondi

      Scusa cosa vuol dire non esiste? Che hai parlato con tua moglie e glielo hai proposto? Comunque separati in casa lo si diventa da soli, nello stesso momento in cui tu comunichi la cosa.. ma voi fate ancora sesso?

    • Angie, 19 Maggio 2019 @ 09:06 Rispondi

      Dille che ti sei innamorato di un’altra, che per loro ci sarai sempre. Non raccontare mille bugie come ha fatto il mio ex marito con noi 4. Non funziona.

  • Confusa (Ex), 18 Maggio 2019 @ 13:34 Rispondi

    Marco se questo blog è così frequentato è perché molte di noi hanno incontrato un “te”: uomo sposato che a un certo punto si è reso conto che si desidera altro, che ha accanto una donna a cui vuole bene ma non la ama, non la ha mai amata o non la ama più. Non dico sia facile però una scelta va fatta, o si mette da parte il proprio desiderio e si continua a stare nel matrimonio oppure si sceglie l’altra e una nuova vita. Noi ovviamente qui facciamo tutte il tifo per la seconda opzione, ma anche la prima se si recupera la relazione con la propria moglie va bene, l’importante è non tenerele troppo a lungo entrambe in piedi.

    • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 19:55 Rispondi

      @Confusa ex verissimo ,soprattutto ciò che conta come qui tu hai espresso è non starci troppo tempo a decidersi
      Decidersi a cosa ?

      Ma caro @ Marco a parlarne con tua moglie con calma e chiarezza e chiarezza secondo me significa ,caro @Marco dire esattamente ciò che senti al momento in cui le parlerai

      Ma certo magari non ti sentirai ancora pronto non lo so ,ma lo step importantissimo per te stesso e nel rispetto di tua moglie è
      Essere semplicemente come senti parlandole di persona a cuore e pensiero aperto

      Ti senti confuso o non sai
      Hai paura e di cosa?
      Sono esempi per dire che aprirsi con la propria moglie al più presto
      È fondamentale aiuto per te per lei e per riusvire insieme a sentire che cosa fare

      Il terapeuta ti può aiutare non a scegliere ,ma a trovare la forza in te stesso di affrontare il prima possibile la tua realtà fare luce insieme a tua moglie

      Poi tutto il resto viene di conseguenza
      Perché così avrai fatto ordine con tua moglie te stesso

      Comunicare senza paura
      Secondo me la paura del giudizio è il male di questa epoca di comunicazione di primo impatto solo virtuale e social

      Virtuale
      Fanno casino i giovani o più giovani ,non è una colpa ,ma semplice realtà se devo esprimerti che sono triste non ti mando la faccina
      E no vengo di persona ti guardo dritto in faccia ti tocco ti parlo ti abbraccio

      Emozion vere al posto del Virtuale

      Coraggio che secondo me qui siamo bella gente
      E ce la possiamo fare tutti !!!!

    • micaela1782, 18 Maggio 2019 @ 20:44 Rispondi

      Io credo non si possa essere divisi in due nel cuore. Il cuore lo sa per chi batte.
      È la ragione che semmai divide e frena le scelte.
      Ma a meno che non si sia dei traditori seriali il cuore lo sa dove andare o dove stare.
      Non è sempre possibile ragionare solo con il cuore ma la realtà è che purtroppo lo freniamo e mettiamo a tacere quasi sempre.

  • Whiterabbit, 18 Maggio 2019 @ 11:47 Rispondi

    Poi non sto qui a dire che una separazione sia una passeggiata, è una sofferenza, molto probabilmente anche per chi la desidera oltre che per chi la subisce, moglie/marito/figli, ma Santa pace una cavolo di responsabilità per le tue azioni/emozioni/desideri te la vuoi prendere??

  • Marco, 18 Maggio 2019 @ 10:36 Rispondi

    Premesso che il sesso per me oltre che un piacere e’ uno dei due modi in cui si crea la vera complicità, xche sondi l’intimo, l’altro è dato da una profonda ricerca dell’animo altrui attraverso il dialogo e lo scoprire insieme. Con questo volevo dire che non è solo il sesso ma affetto e tutta la sfera della complicità. Non puoi preferire stare fino a sera a casa di tua madre. Non puoi non avere mai voglia di regalare un abbraccio da dietro all’imprivviso o rannicchiarti sul petto del tuo uomo o dirgli quanto mi piaci quanto ti amo. Per lei tutto scorre, basta esserci.
    Per rispondere a Confusa, lo psicologo dice che m sono chiuso in uno spazio mio X non soffrire una gabbia emotiva che poi si è rotta. Comunque all’inizio il suo aspetto esteriore (dolcissima esteriormente)e il mio carattere brillante hanno portato avanti il tutto, aspettavo solo di farle uscire ciò che non poteva non avere!! È così le cose andate avanti.
    Il mio reale problema sono i figli… posso essere felice sapendo di rompergli un mondo pur avendo accanto chi mi adora?

    • Whiterabbit, 18 Maggio 2019 @ 11:40 Rispondi

      Non glielo rompi, glielo cambi. Si certo, questo cambiamento influirà sulla loro vita probabilmente per sempre, ma forse scoprire tra 10/15 anni che i loro genitori erano una farsa può fare altrettanto male. Lo accetta meglio un figlio piccolo che uno adulto. Sono figlia di genitori separati, ho sofferto ma amen, succede.
      Quando avevo 30 anni è venuto fuori che il marito di mia madre l’ha tradita, lui era il mio secondo padre, 25 anni insieme, io li sono LETTERALMENTE IMPAZZITA. E ho fatto di tutto perché mia madre rimasse li dov’era.
      Chi fa questi discorsi sui figli secondo me è viziato alla base, tu non hai paura che soffrano, tu hai paura che ti diano la colpa. Che è diverso. Oppure potresti parlare chiaro a tua moglie e potreste fare i separati in casa davvero. Ma non lo fai, perché hai paura.

      • EP, 18 Maggio 2019 @ 13:01 Rispondi

        @white la penso ankio cosi…spesso nn si ha paura che soffrano…ma che ti diano la colpa e ti mettano in discussione (ma io magari sn di parte…xchè il salto l’ho fatto). Mi incuriosisce una cosa di te…la cosa dell’essere impazzita sulla crisi del secondo matrimonio di tua mamma qnd avevi già un’età adulta (e quindi avresti dovuto teoricamente essere più lucida, distaccata, capire le ragioni e lasciar liberi tt di agire liberamente).
        Scrivi che hai fatto di tutto per tenerla lì dov’era…nn avevi timore di sentirti dire un giorno…sn infelice ed è x colpa tua? Ma alla fine cm è andata a finire?

        • Whiterabbit, 18 Maggio 2019 @ 21:33 Rispondi

          No non l’ho avuto, diciamo che allora dall’esterno, ho riconosciuto per quello che era stato, un momento di fuga dopo un evento tragico e molto doloroso per me e la nostra famiglia. Gli anni successivi mi hanno dato ragione…

    • Cossora, 19 Maggio 2019 @ 06:34 Rispondi

      Leggo te @Marco e penso che siate veramente uguali anche nel sentito. Sei onesto ha le stesse paure che ha il mio lui, che ha avuto mio marito probabilmente. La differenza? Che per mio marito ho deciso io. Ho deciso prendendomi la responsabilità delle conseguenze che avrebbe avuto separarsi, anche sui nostri figli.
      Ecco la differenza.
      Se tua moglie o la moglie del mio lui non mettono una firma a garanzia che saranno attente in primis a tutelare emotivamente i vostri figli.. la colpa vi verrà data e la sentirete per l’eternità.
      Ma tu, come il mio lui, sapete da subito se vostra moglie farà problemi o sarà collaborativa. Se li tutelerà o li userà. Sapete tutto subito. Una madre che ama con il cuore ma è anche obiettiva e cerca di CRESCERE e FAR CRESCERE i propri figli lo farà sempre, indipendentemente dalle scelte del marito.
      I padri hanno bisogno dell’elemento materno, della collaborazione materna, ed è una e una sola persona. Le madri decidono se essere collaborative o meno, perché SONO quella persona. Siamo in due posizioni diverse, abbiamo un ‘potere emotivo’ diverso.
      Il nostro è un potere dato dalla Natura stessa e noi lo sappiamo.
      Pensaci, se tua moglie fosse d’accordo, ti dicesse lasciamoci ora, ma continuiamo ad essere il loro riferimento, collaboriamo, diventiamo davvero interscambiabili. Cosa faresti?
      Andresti dalla donna che ami, col cuore in pace.
      E allora? Allora non sono i figli che impediscono di scegliere. Non sono MAI i figli.

      • alessandro pellizzari, 19 Maggio 2019 @ 08:26 Rispondi

        Genitori si dovrebbe rimanere sempre anche se ci si separa

        • Dispersa, 19 Maggio 2019 @ 16:35 Rispondi

          Vero ….
          Solo prima di qualsiasi scelta, bisogna trovare il giusto modo e un equilibrio ….
          Molte volte ci penso, e la paura è tanta!!

  • Marco, 17 Maggio 2019 @ 19:12 Rispondi

    Salve a tutti ho 44 anni da adolescente fidanzato poi sposato ho 2 figli di 9 e 5 anni che adoro e per cui faccio tutto. Ho vissuto sempre in funzione di una donna piuttosto fredda, che non mi cercava a letto non poggiava sua testa sul mio petto non mi diceva ti amo, mai baci o abbracci improvvisi. Sempre io. Ho fatto molto nel tentativo di smuoverla non riuscendoci. Lei sempre legata al cordone ombelicale con la madre. Io marito passionale brillante collaborativo e padre attento giocarellone e disponibile. Nel tempo ho mandato segnali, stroncati da frasi come “io sono così”. Oggi ho conosciuto l’amore, quello che ti mette al centro del mondo, che ti sorprende e ti appaga. Adoro la tenerezza, la dolcezza e lei lo e’. Ma come si fa con i figli? Come si può decidere tra vita familiare sicura senza complicità alcuna con il partner e vita empatica ma con i figli part time?

    • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2019 @ 21:37 Rispondi

      Leggi traditori per bisogno e seriali. Se una moglie pensa che il suo uomo con normali appetito possa vivere con un sesso banale ripetitivo unilaterale è come se smettesse di farti da mangiare. Prima o poi per la fame andrai in un altro ristorante. Quando dico che il tradimento nasce spesso da un concorso di colpa intendo proprio questo: come fa una moglie a pretendere la fedeltà azzerando il sesso? Ognuno si prenda le proprie responsabilità

      • Confusa (Ex), 17 Maggio 2019 @ 21:48 Rispondi

        Però mi sembra di capire lei sia così da sempre, allora mi chiedo perché te la sei sposata? Perché ti dava sicurezza il suo modo di essere? Capirei fosse cambiata ma se è sempre stata così avresti anche potuto pensarci prima no?

        • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2019 @ 21:52 Rispondi

          Ma scusa… ma chi se ne frega! Magari erano giovani e avevano una visione diversa. Ma poi … chi se ne frega? Saperlo servirebbe? Servirebbe?

          • Confusa (Ex), 18 Maggio 2019 @ 06:18

            Non dico che non debba chiudere una relazione in cui non è felice ci mancherebbe. Credo solo che a volte prima di mettere su famiglia bisognerebbe riflettere un attimo… Ho tanto amici e amiche che hanno scelto partner affidabili sotto tutti i punti di vista per tirare su famiglia e poi conducono vite parallele con donne/uomini che gli danno emozioni e complicità. A quel punto abbiate coraggio di sposarvi i secondi!

          • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 11:51

            @Confusa Ex
            Concordo con te
            Infatti tu hai espresso perfettamente reso la idea del mio monito scritto qui pochi giorni fa sul fatto di cosa pensavate amanti quando vi siete sposati?
            Il matrimonio è cosa SERIA.

            e ti cara Confusa ex
            Appunto hai capito benissimo che volevo esprimere nel mio monito invito a rifletterci meglio adesso

            Il potere del Adesso
            Grandissima forza della vita
            IL MOVIMENTO DELLE IDEE
            porta al CAMBIAMENTO!!!!!

          • alessandro pellizzari, 18 Maggio 2019 @ 12:27

            Non è che quando ti sposi lo fai alla leggera. Magari sei innamorato al momento è lo rimani per anni. Poi qualcosa si guasta: sesso routine molte mogli diventando madri non fanno più le partner. Non è che essere amanti significa aver preso sottogamba un matrimonio. Il matrimonio è amore non è un contratto indissolubile

          • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 13:23

            @CaroAlessandro
            Vorrei aggiungere che ovvio non è che il fatto che si viva in un lungo periodo di Decadenza dei valori significhi che pensi che qui le amiche di Blog amanti siano prive di serietà o intelligenti e capaci
            ,ma noo,

            Semmai è propio il contrario
            Proprio perché leggendole qui le SENTO CAPACI di RISOLVERE al meglio per se stesse i loro problemi ecco

            Allora Mi dico qui sul tuo Blog ci sta un campione di Potenzialità
            Fuori dal comune e cioè rispetto alla maggioranza nella vita quotidiana qui in Italia qui questo gruppo secondo me,
            È come illuminato dal poter essere la Spinta al Cambiamento di tendenza culturale

            Questo esula da se ci si sposi o ci si divida ,ma fa la differenza
            Sui perché le consapevolezze e la capacità di Scegliere nel bene in armonia tra se e gli altri cn rispetto
            Viene solamente da una Società piena e ricca di Valori

            Il Blog aecondo mio modesto avviso lo Sento come un campione Pilota di Eccelenza

          • alessandro pellizzari, 18 Maggio 2019 @ 13:32

            IL mio blog non ha la presunzione o la volontà di insegnare valori agli altri o di fare psicanalisi agli altri non è una scuola di vita è un’Agorà

          • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 12:46

            @Caro Alessandro sono d’accordo con te ,ma ,parzialmente
            Tu ovvio puoi ammettere che in questa tua risposta come umano è realtà oggettiva che dato che tu stesso hai vissuto un tuo primo sposarti
            Sta chiaro che non metto affatto in dubbio che tu lo abbia fatto motivato da tutte le tue sentite ottime intenzioni come Amore vero e seriamente convinto,

            Ma ,purtroppo vedi
            Il mio pensiero del adesso è la chiara sfiducia che ho nella diffusa ignoranza culturale in chi sta in generazioni più giovani della nostra
            Bastano pure 10 anni o anche meno

            I cambiamenti purtroppo viaggiano a due velocità differenti

            Tecnologia velocissima
            E Uomo e Donna arrancano non ce la fanno a REGGERE STUDIARE SAPER LEGGERE ESPRIMERE LA PROPRIA INDIVIDUALITÀ INESISTENTE

            TUTTI OMOLOGATI

            E la ricerca del chi si è e dei propri talenti individuali passa soltanto attraverso
            LA UMANITÀ IL TEMPO UMANO del sedersi prendersi un libro che non sia TUTTOSPORT O CONFIDENZE
            GOSSIP

            allora ovvio la tua SERIETÀ E CAPACITÀ DI DICERNERE SCEGLIERE ESSERE TE STESSO
            È INDUBBIA

            Già per il solo fatto che sei nato nel 1961

            Poi mi spiace ma ogni epoca ha le sue luci e le sue ombre e tutte ovvio hanno valore

            Ma qui OGGI E DA TEMPO
            È DECADENTISMO

            Quindi

            ERGO
            Ci si sposa così

            Perché così fan tutti
            E si, per adesso c’è penuria di Valori
            Caro Ale
            Comprendi????

          • Ariel, 18 Maggio 2019 @ 13:37

            @Caro Alessandro
            E per completare il mio pensiero su quanto senta da qui la eccelenza del gruppo del Blog

            Ecco se io spendo le mie energie qui
            È anche e non soltanto ovvio per la ricchezza di emozioni e sentimenti che mi toccano dentro arricchendomi

            ,ma anche perché mi piace pensare e credere che qui ciossano essere
            Alcune persone che contribuiranno
            A muovere le idee semplicemente con le loro capacità di scelte di come risolvere i loro problemi di relazioni affettive

            Queste persone non ho idea chi possano essere ,ma qui sinrespira un aria buona
            E costruttiva una voglia di farcela

            Allora penso ad una leggenda antichissima che tanto mi è cara

            Quella dei 36 Uomini giusti

            Si,in ogni epoca e società si nascono 36 uomini giusti
            NESSUNO SA O PUÒ RICONOSCERE CON MATEMATICA CERTEZZA CHI SIANO O SIANO STATI

            Ma SEMPRE SOLTANTO 36 UOMINI O DONNE GIUSTI
            SORREGGERANNO IL MONDO
            SALVANDOLO DAL PEGGIO.

            Caro Alessandro Nicolò Pellizzari
            Sarai mica tu uno dei 36 Uomini giusti?
            E qui secondo me ce ne stanno sparsi qua e la altri

            Paiono Superdonne Giovani Nuove luci Combattenti!!!

        • Franca, 18 Maggio 2019 @ 13:29 Rispondi

          L’ ha sposata perchè la amava.
          Le considerazioni che fa adesso scaturiscono da un uomo diverso da quello che ha scelto di sposarla. Marco adesso è cresciuto, è un uomo maturo che ha conosciuto un altro amore, un amore diverso e si chiede, guardandosi indietro, come mai è arrivato ato a questo doloroso punto della propria vita.
          Prima di raggiungere certe consapevolezze uno non si rende conto di quello che si ha e che non si ha.
          Ti capisco Marco. Ciò che ti aspetta è un viaggio dentro di te e non sarà per nulla facile.

      • Whiterabbit, 17 Maggio 2019 @ 22:08 Rispondi

        Ma perché un uomo sposato con una donna che ha sempre amato fare sesso con lui non si chiede e non le chiede cosa ci sia che non va? Ma dobbiamo fare tutto sempre noi?
        la regola del “sei in base a come vieni trattato” vale solo per voi? Una non te la da più, e tu vai altrove, ma lei, perché non te la dava più??
        Qui MARCO ha una situazione diversa, lei non ha mai amato certe manifestazioni d’amore, allora forse lui ha commesso l’errore di pensare di poterla cambiare..

  • Marco, 16 Maggio 2019 @ 13:29 Rispondi

    Troppi dettagli personali marco

    • Marco, 17 Maggio 2019 @ 09:33 Rispondi

      Ah scusa credevo fosse meglio….cosa possiamo mettere?

      • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2019 @ 16:11 Rispondi

        No dettagli pensieri emozioni il succo inutile dire che sa guidare l’elicottero o ha un tatuaggio sulla fronte

  • hara, 18 Febbraio 2019 @ 15:12 Rispondi

    @Alessandro, prima di ogni cosa grazie infinite per l’ospitalità grazie grazie mille. Scusaci se alla tua sensibilità sembriamo degli elefanti che danzano nel negozio di cristalli! Certamente mi sono persa l’articolo in cui tu spieghi il motivo per cui ti senti ferito quando ci si esprime sui figli, e a prescindere mi scuso… non era certo mia intenzione stuzzicare ferite aperte. Preciso che volevo dire solo che la situazione di @Luca è molto più comune di quanto si creda e lo dico da madre. Mi sembra inutile ribadire che prima di ogni cosa va tutelata la parte più debole, i figli, che sono il principale amore della vita, ma non bisogna dimenticare che se non si è in grado di tutelare capire amare se stessi non si può amare nessun altro…e purtroppo non è retorica. Mi sembrava di aver letto che anche lui stesso avesse deciso di restare con la moglie per il bene del piccolo ma tra il dire e il fare spesso c’è di mezzo… un figlio. Non mi permetto di giudicare nessuno il mio scrivere non era un giudizio, ognuno sa quanto costa restare e quanto costa andare, quanto pesa ogni scelta e ogni cosa, e mettere in parole il dolore di un fallimento come facciamo qui a casa tua è molto complicato.

    • alessandro pellizzari, 18 Febbraio 2019 @ 17:47 Rispondi

      Ti ringrazio. Fra tanti egoismi adulti quello del decidere di fare un infelice che non può scegliere per mille motivazioni strumentali che con l’amore di una madre o di un padre non c’entrano non lo tollero. Qui dovete sopportare decisioni di chi dice di amarvi e non lo dimostra alla resa dei fatti ma siamo adulti non siamo degli innocenti

  • Confusa, 18 Febbraio 2019 @ 13:57 Rispondi

    Lui poteva benissimo dire di non volerne e affrontare una eventuale decisione di lei di lasciarlo per questo motivo. Oppure sperava non arrivassero? E poi ne avrete anche parlato prima del matrimonio del desiderio di aver figli o meno immagino… E tu cosa hai detto a riguardo?

  • and, 18 Febbraio 2019 @ 10:59 Rispondi

    Non capisco questa condanna unanime verso Luca.
    Si parla di immaturità. Ma le donne/uomini che fanno figli a 25 anni, come conseguenza dell’unico rapporto serio mai avuto, sono forse più maturi/e?
    L’ aut/autdella moglie di Luca è stato forse più maturo? Lui ha dovuto scegliere tra l’anticipare un desiderio che cmq diceva di avere, con la donna che amava fino a quel momento, e la separazione. Qua ci sono tutti uomini/donne talmente retti che avrebbero detto “no amore, ti amo, siamo sposati e insieme da anni ma visto che non sono pronto, ci lasciamo” ??
    Per favore, un minimo di realtà. Nessuno ha detto che ha fatto la cosa giusta, ma se dovessimo metterci a giudicare tutte le cose non giuste scritte qui sopra, nessuno ne uscirebbe bene. Lui ha chiesto un supporto, proviamo a dirgli cosa può fare per sentirsi meglio e per risolvere, piuttosto che giudicarlo per quello che ha fatto.

    • alessandro pellizzari, 18 Febbraio 2019 @ 13:03 Rispondi

      Sui fogli non scherzo e gioco mai è comunque non lo faccio. Punto. Liberi tutti chi non è d’accordo questa è casa mia

      • and, 18 Febbraio 2019 @ 13:13 Rispondi

        Non capisco la replica. Nessuno sta scherzando o giocando. Ho soltanto espresso la mia opinione.

      • Ariel, 18 Febbraio 2019 @ 13:25 Rispondi

        @Alessandro
        Sono pienamente d’accordo!
        E infatti mi sono espressa chiaramente prima
        Sembra un giudizio tranchant il mio ,ma questa volta lo confermo lo è nel senso che ci tengo troppo a ribadire ciò che comunque MAI BISOGNA DIMENTICARE
        Che I FIGLI sono LA PARTE DEBOLE PURI INNOCENTI CHE NON HANNO CHIESTO DI NASCERE
        NON HANNO VOCE IN CAPITOLO
        E PER ME ,SCUSATE IL MAIUSCOLO CHE QUI STA COME SEMPLICE EVIDENZIATORE,

        È TROPPO IMPORTANTE DARE VOCE A CHI NON PUÒ DIFENDERSI ,MA SOFFRE E BASTA .

        SI PARLA DI BAMBINI ,!!!!!!
        Responsabilità questa non deve e non può avere se e ma
        Di fronte ai BAMBINI si agisce in loro favore

        Poi i motivi che hanno portato ad avere comportamenti negativi verso tutti fogli moglie amante se stessi
        Ok ognuno avrà avuto i suoi motivi,ma

        Quello che ribadisco è che I FIGLI SONO UNA PRIORITÀ
        DALLA NASCITA ALLA ETÀ ADOLESCENZA COMPIUTA.

        Questo è il mio pensiero.
        Non giudico nessuno adulto,ma è un Richiamo focus sulla parte debole bisognosa di Amore Calore Affetto Cura.

        DIFENDO I BAMBINI!!!!

    • Lucky, 18 Febbraio 2019 @ 13:14 Rispondi

      Sono d’accordo con te…

  • hara, 18 Febbraio 2019 @ 09:35 Rispondi

    Buongiorno @Alessandro, permettimi di farti notare, che questa volta, il tuo è un giudizio troppo pesante! I figli sono il motivo principale per la fine di una coppia in qualsiasi dei casi. Spesso i figli non si fanno in due spesso l’altro lo si usa soltanto
    Da qui il comportamento di @Luca a me sembra uguale a quello di tutti gli altri, forse molto “maldestro” (per non dire malvagio) nel farsi scoprire ben due volte e nel fuggire senza spiegazione alcuna, ma per chi come me, non ha la fortuna di confrontarsi con un mondo dove il bianco è bianco e il nero è nero mi sembra tutto molto pericolosamente umano.
    Lo so @Ariel … hai ragione ma i sentimenti spesso con la ragione fanno a cazzotti! Vorrei poter sinceramente sperare in quello che tu ci/ti auguri ma purtroppo per quanto mi sforzi non mi riesce.
    @Luca io mi soffermerei sulla questione che per ben due volte ti sei “voluto” far scoprire, mi chiederei se lo hai fatto perchè volevi essere “perdonato” e ridiscutere i termini della situazione matrimoniale o semplicemente volevi una valida scusa per essere invitato ad andartene di casa. Tutte le altre emozioni scaturiscono da questo punto fondamentale.
    Non la immagino neppure la confusione che ti agita ma mi sembra naturale che i sentimenti per “l’altra” siano in ogni caso subordinati ad una preventiva analisi, che possiamo definire maturità o in qualsiasi altro modo, ma è un chiarimento vitale, e certamente doloroso, ma prima si comincia ad attraversarlo il dolore prima se ne esce, a meno che tu non ti sia affezionato ad esso.

    • Ariel, 18 Febbraio 2019 @ 13:57 Rispondi

      @hara
      sui Bambini e la loro difesa priorità assoluta mi sono espressa pure nuovamente qui nel rispondere ad Alessandro a piena mia condivisione col suo pensiero.

      Qui cara @hara vorrei semplicemente spiegare meglio che per me il fatto di non riuscire subito e magari anche domani o dopodomani non posso conoscere il futuro ,ma posso conoscere il mio qui presente e ora e credo veramente che se si hanno nella propria vita degli obbiettivi positivi pure molto difficili da raggiungere perché evolvere cambiare è la cosa più dolorosa e difficile così dolorosa e difficile che viene peoprio proprio umanamente da rinunciarvi o da non credere possibile raggiungere il nuovo cambiamento

      Ecco allora mi dico e ti e vi dico che
      Siamo Vivi apposta per ogni istante di vita cercare di evolverci di smettere di farci del male da soli facendo così pure soffrire gli altri

      Quando l’obbiettivo è Buono Puro e la nostra coscienza lo sa benissimo riconoscere,
      alla fine tutto andrà bene!!!

      È il percorso della nostra vita ,importante è avere individuato e conservare dentro alle proprie emozioni e cervello

      Lo scopo positivo che ci siamo prefissi

      Non mollare mai ,questo si che non voglio mai mollare
      Mollare me stessa, i miei valori e principi che non sono teorie ,ma
      Sostanza di me stessa e della mia vita tutta da vivere
      sbagliando crollando delusioni dolori rialzarsi imparare dai maestri del passato e del mio presente apprendere modificare il mio punto di vista cambiare asciugare le mie lacrime ricominciare l
      a valigia pronta ,me stessa e i miei credo
      E via ripartire,Viaggiare in ricerca del rendere concreto il mio scopo tenere duro

      Non arrendersi Mai ,
      Magrado tutto,cambiare è il:

      Scelgo di vivere!

    • Luca, 7 Marzo 2019 @ 14:04 Rispondi

      hai ragione, i sentimenti spesso fanno a cazzotti con la ragione. Sono stato scoperto due volte perché di fondo non sono uno che di queste cose se ne intende, perché non ho distinto il rapporto con l’altra con quello che avevo con mia moglie. La sentivo tutti i giorni, sul mio numero personale e ci vedevamo in ambienti dove trovare qualcuno che ti conoscesse non era poi così difficile. Sono stato scoperto perché per vederla non ho pensato alle conseguenze di quello che sarebbe successo dopo. Forse, sono stato scoperto perché io stesso volevo che succedesse, perché l’ambiguità di non poter essere né per l’una né per l’altra quello che si vorrebbe essere mi ha distrutto, perché forse non volevo assumermi la responsabilità di una scelta e ho lasciato che fossero gli eventi a scegliere per me, lasciando andare il treno ad alta velocità addosso ad un muro per poi capire cosa si sarebbe salvato e cosa no. Lo so che questo è un ulteriore segno di immaturità ma io non mi sono mai definito tale, so di essere immaturo, egocentrico e vanesio e queste cose non aiutano o meglio, sono state tenute a bada da mia moglie fintanto ero io il soggetto principale del suo amore. Oggi le cose sono cambiate, questa storia mi ha cambiato e nutro il forte dubbio che non tornerò mai ad essere la persona che ero un tempo con mia moglie, nutro dubbi che quella che mi accingo a vivere, qualora mia moglie mi perdoni, è un surrogato di vita e questo non lo dico in relazione all’altra che nel frattempo potrebbe pure non esserci più o non accettare un mio eventuale nuovo rientro, ma lo dico più in generale

      • hara, 8 Marzo 2019 @ 10:19 Rispondi

        Buongiorno @Luca
        E buongiorno a tutti
        Vi leggo e siete sempre illuminanti
        Non pensavo sarei più intervenuta ma …mai dire mai
        La maggior parte delle persone che scrivono qui sono donne ma devo dire che i pochi uomini che intervengono a mio parere sono sempre e comunque incisivi e fondamentali.
        Quante di noi hanno invocato l’intervento del marito dell’utlimo articolo di @Alessandro “mio marito è tornato”?
        Il blog è pieno di interventi di noi ragazze, che ci mettiamo in discussione e che facciamo ammenda di ogni cosa …poi arriva @Luca e ci dice con chiarezza che “fintanto che era lui il soggetto principale dell’amore della moglie” andava tutto benissimo e anche dove (perdonami @Luca se ti prendo ad esempio) si fosse concesso una “distrazione” questa sarebbe rimasta nell’ambito circoscritto del divertimento … o per descrivere la situazione come la descrive una moglie con il marito che è tornato “Non bisogna darlo per scontato. bisogna farlo sentire accolto, capito ascoltato” qualsiasi libro di pedagogia ci indica chiaramente cosa fare …le basi proprio!!! Il sesso è relativo lo si può rimediare al di fuori della coppia ufficiale.
        Credimi @Luca non è un attacco nei tuoi confronti è soltanto la foto che ne viene fuori : donne che credono di poter far fronte a tutte le “patologie” (patologie tra virgolette) del compagno, che sono convinte che prima o poi “crescerà” e soprattutto che “maturi” esattamente come vorremmo noi e uomini che dall’altra parte si ritrovano di fronte a cambiamenti non previsti e non voluti.
        Scusami @Luca se ti ho usato come esempio, ma la tua situazione è un classico clichè! Non so se abbiate preso in considerazione l’ipotesi di andare in terapia di coppia come spesso consigliano qui, io nel mio piccolo te lo consiglierei perché in questo momento tu sei quello che sei in maggiore difficoltà, quello su cui ufficialmente ricadono tutte le colpe: una persona esterna alla coppia potrà chiarire a tua moglie che gli equilibri cambiano in continuazione e aiutarti nello spiegare le tue ragioni e le tue aspettative. Immagino che tu sappia chi ami, ma prescindere da come andrà il tuo matrimonio, valuterei la situazione con l’altra persona dopo il chiarimento con tua moglie in modo almeno da avere le idee chiare su quali possibili evoluzioni avrete di fronte.

        • Luca, 8 Marzo 2019 @ 14:40 Rispondi

          Ciao Hara, grazie della risposta e figurati non me la prendo per essere stato preso ad esempio, ci sono cose ben più gravi che ho fatto per cui dovrei prendermela con me stesso. E’ vero che fintanto eravamo io e lei soltanto le cose andavano bene e non avrei pensato mai di fare quello che ho fatto ma in questi giorni ho pensato anche che magari la mia situazione sia stata la conseguenza di “patologie” di coppia asintomatiche ovvero che magari c’era già qualcosa che non andava o non era solido nel nostro rapporto e lo squilibrio di un figlio ha portato a galla il resto. Vorrei essere preciso e corretto su questo, io non baratto con nessuno/a l’amore che provo per mia figlia e in questi 3 mesi nonostante gli errori ho cercato di essere sempre presente non perché dovevo ma perché volevo e sentivo dal profondo del mio cuore di farlo. Ho dimenticato di dire che nei mesi precedenti sono stato da una terapeuta per capire dove fosse tutto questo mio disagio e dove dovevo agire ma credo che non abbia avuto gli effetti desiderati. Raccontavo quello che accadeva ma non ne sono uscito comunque. Sulla questione terapia di coppia ci ho pensato ma mia moglie non è convinta, ritiene di non aver fatto nulla che possa giustificare quello che ho fatto. Quello che Lei sta facendo è avermi concesso un’apertura, una possibilità nella quale io dimostri con piccole attenzioni o qualsiasi altro gesto che voglio solo e soltanto lei. In definitiva si è messa sulla riva opposta del fiume ad aspettare e non la biasimo per questo, ritengo che mi abbia concesso fin troppo del suo amore e della sua attenzione. Ho paura però di sprecare quest’altra possibilità perché, pur non sentendo e vedendo l’altra, è come se avessi sempre qualcosa in sospeso e lasciarmi andare con mia moglie rappresenterebbe la fine di qualsiasi mio pensiero relativo all’altra che nel frattempo è sparita e non si è più fatta viva e giustamente credo che anche lei stia combattendo con i fantasmi di quello che c’è stato tra noi. Io lo so che la mia situazione non è tanto dissimile da quella di tanti uomini che fanno quello che ho fatto io e definirla un cliché è normale quanto ovvio, senza neanche saperlo si adottano atteggiamenti che si ritrovano in tutti quelle persone che hanno fatto quello che ho fatto io. Il punto sul quale però vorrei soffermarmi e che molte volte non è neanche preso in considerazione è che da parte mia questa situazione non è né un piacere né una passeggiata. Questa situazione è un incubo a tutti gli effetti e uscirne fuori non è cosa da poco, non è una cosa semplice perché i pensieri che ti passano per la mente sono tanti. Che mi manchi coraggio e decisione, che sia egoista è chiaro ma come ho scritto in precedenza in un post che però non vedo pubblicato, tradire è di per se un atto di egoismo puro e non certo di altruismo.

      • hara, 8 Marzo 2019 @ 16:29 Rispondi

        @Luca il mio consiglio circa la terapia di coppia era nato proprio dalla sensazione che l’unico ad aver messo in discussione qualcosa in questa coppia sia stato tu e questo al di la del modo e del perchè in cui lo abbia fatto, dall’altra parte mi sembra che il tuo disagio rispetto ai cambiamenti avvenuti non sia stato adeguatamente compreso.
        Sia chiaro non ti sto giustificando
        Da quello che scrivi sembri una persona sensibile, ma che dall’altra parte ci sia una moglie che voglia semplicemente restaurare uno stato di cose precedenti al tradimento senza prendere atto che non solo non siete più le persone di prima ma evidentemente non eravate neanche una coppia così solida e unita come credevate. Se hai la possibilità prova a chiarire che non avresti intenzione di andare in terapia per mettere in discussione lei e che non si tratta di stabilire chi ha ragione e chi ha torto (tu ripetile che ha ragione lei  è assodato), chi ha sbagliato e chi no (è sempre lei che ha fatto tutto giusto …  diglielo convinto) ma semplicemente di trovare un modo più semplice per comunicare fra di voi.
        Prima di riaffrontare il discorso “terapia” però prendi informazioni e cerca qualcuno di fiducia, perché non ho esperienza ma a quanto leggo qui non sei il primo che non riesce a trovare il professionista adatto!
        Poi allarga l’orizzonte, tutte noi abbiamo amiche o sorelle delle quali ci fidiamo e con le quali ci confidiamo e dunque valuta le possibilità di riuscire ad avere il loro perdono!
        Quanto al dolore ognuno credo conosca il suo, e chiunque vive sa che gioia e dolore sono spesso facce della stessa medaglia.
        Sono sposata e sono stata amante per un anno e mezzo di un seriale, sono stata a suo dire la relazione di gran lunga più duratura che lui abbia mai avuto su 30 anni di scappatelle. Non credo, che dove se ne sia consapevoli, perché uomini sia meno doloroso stare in un matrimonio dove non si ama e non si è riamati. Leggo sempre qui di promesse fatte e dolorosamente deluse, nel mio caso posso dire che anche dove promesse non ci sono state a fronte della fine di una storia di amore c’è sempre sofferenza e un eventuale ritorno, tuo con chiunque moglie o amante, o suo con me, non cancella la cicatrice ormai provocata.

        • Luca, 9 Marzo 2019 @ 11:44 Rispondi

          Hai perfettamente ragione e la mia paura più grande adesso è che sono consapevole che questa storia ci ha cambiato profondamente e che questo stessi cambiamenti difficilmente potranno essere celati anche perché io di mentire non ne ho più la forza. Io non sono uno”seriale” e dico questo non certo per alleggerire la mia posizione ma lo dico perché non posso prender di essere impazzito così da un giorno all’altro nè posso nascondere o mettere da parte le sensazioni e il piacere di essere stato con l’altra, mentirei a me stesso e rimanderei solo il problema. Oggi sono convinto però che se c’è qualcheq che possa recuperare con mia moglie, lo devo fare senza “distrazioni,” o doppi giochi e mi dispiace che l’altra sia stata brutalmente allontanata, non lo avrei voluto ma non io nonostante credo di private qualcosa per lei, devo concentrarmi su mia moglie e mia figlia perché solo così potrò coscientemente e senza rimpianti capire che direzione prendere. Sarebbe ingiusto ritenere l’altra una scusa o un pretesto, non può e non deve diventatarlo.

  • Angelica, 18 Febbraio 2019 @ 07:14 Rispondi

    Comunque i figli “imposti” o comunque desiderati da uno solo dei due mentre l’altro segue per debolezza sono spesso la miccia di grossi problemi nelle coppie, di poco dialogo vero, di rapporti di forza.. Luca mi ha ricordato la storia di una mia amica che ha massacrato per anni il marito per avere un figlio, con inseminazioni artificiali, e quando lei finalmente è restata incinta lui ha iniziato a tradirla, l’ha lasciata coi gemelli di pochi mesi e si è messo con l’altra. Immaturo, non la amava sicuramente, è tutto ciò è venuto fuori nel modo più brutto. Lei ha sofferto come una pazza, lui “l’aveva assecondata perché per lei era importante ma si era sentito costretto” Non posso giudicare, ne condannare, ma guardarsi allo specchio prima… è questa la maturità

  • Luca, 17 Febbraio 2019 @ 21:10 Rispondi

    Scrivo la mia personale esperienza dopo aver letto il tuo racconto. Sono un uomo di 38 anni, sposato da 3 e insieme a mia moglie da 10. Non ho mai desiderato altro che lei, non c’era attimo o momento che non la vedessi come la donna perfetta, l’unica che potesse rendermi felice. Ci sposiamo, compriamo casa e arriva il momento di pensare di avere un figlio. Io l’ho sempre desiderato ma mai voluto o perlomeno non mi sentivo ancora in grado di affrontare le rinunce che un figlio comporta, Lei lo desiderava quanto me e ad un certo punto l’ha voluto ponendomi di fronte ad un out-out. Ho commesso qui il primo errore, ho deciso di “seguire”la sua volontà per amore, per paura di perderla ma a conti fatti tutto quello che seguirà da questo momento in poi è solo la conseguenza di aver fatto qualcosa che non volevo. Lei resta incinta e io inizio a sentirmi diverso, intrappolato in una realtà nella quale non ci sarei voluto essere, la culla, i vestitini la stanzetta tutto procede velocemente e io non riseco ad adattarmi al corso degli eventi. Vado fuori per lavoro e incontro una persona che da quel momento cambierà per sempre gli equilibri della mia vita. Una donna che conoscevo da adolescente e che non vedevo da 13 anni ma il demonio sa come rendere le cose complicate e “divertenti” quindi la rincontro lì, lontano da casa e da tutti, ci innamoriamo da subito e non riusciamo a toglierci gli occhi da dosso fino a che finiamo a letto insieme. Da li è stato un susseguirsi di mie attenzioni nei suo confronti, gesti d’amore che un tempo riservavo solo per mia moglie, fine settimana fuori e io incurante che a casa avevo una moglie incinta. Lei mi scopre, io lascio l’altra ma la penso ancora, e alla prima opportunità ritorno a frequentarla perché non riesco a fare a meno di lei, non riesco a separarmi dall’illusione che tutto sia ripercorribile, tutto sia ricostruibile. Nel frattempo mia moglie mi perdona ma le cose non vanno come dovrebbero, sono freddo e distaccato e inizio a pensare davvero che tutto sia finito ma ho paura, una bambina piccola che neanche sa chi sono cosa direbbe del padre venendo a conoscenza della storia. Intanto la relazione con l’altra va avanti io mi perdo lei pure ma vengo scoperto di nuovo e di nuovo di fronte alla realtà alla paura e in preda ad una vigliaccheria che neanche immaginavo di avere, scelgo di nuovo mia moglie, smetto di colpo di sentire l’altra e non le do neanche nessuna spiegazione, la tratto come un cane, come un oggetto e ancora oggi, a distanza di mesi la incrocio per strada sentendomi in colpa perché avrei voluto altro. Oggi mia moglie vuole la separazione e io sono diviso tra l’idea di prendere coraggio ed ammettere che tutto sia finito per riconquistare l’altra, ammesso che ci siano margini, e affrontare una vita fatta di serenità per tutelare mia figlia. Quanto costa questa infelicità? quanto davvero c’è di sentimentale in tutto questo? Può un uomo a cui non è mai mancato nulla perdersi per una donna che è l’opposto della donna che ha sempre amato? Oggi non faccio altro che pensare all’altra, spio i posti in cui si trova e mento, mento a me stesso e agli altri perché la verità è che non cerco di recuperare con mia moglie ma cerco di alleggerire la mia colpa sperando che sia lei a dirmi basta nonostante i tentativi di rimediare agli errori fatti ma so che facendo questo perderò per sempre l’altra. Non so come si affronti questo, la delusione e la consapevolezza di un fallimento è dura da affrontare, il dolore che provochi a chi hai promesso amore e fedeltà è difficile da digerire, essere lontani dai propri figli con il rischio che un domani non ti amino come tu ami loro è una paura ed un tormento. Scusatemi se mi sono dilungato e perdonate se vi sembrerò un uomo senza scrupoli ma solo chi è in una situazione come questa può capire quanto difficile sia la posizione di un uomo di fronte a tutto ciò perché comunque vada si sarà perso qualcosa

    • alessandro pellizzari, 17 Febbraio 2019 @ 21:33 Rispondi

      Sai cosa mi spaventa della tua profonda immaturità ed egoismo? Non una parola sul figlio innocente. Se non quello che non lo volevi e hai accettato. La tua è una storia di egoismo e debolezza il demonio non c’entra nulla. Siamo noi gli artefici del nostro destino

      • Ariel, 17 Febbraio 2019 @ 21:59 Rispondi

        @Alessandro hai ragione in pieno!
        @luca concordo con Alessandro,anche io ho subito notato
        La tua immaturità e egoismo da paura
        Scusami ,ma di fronte a un figlio ,
        No veramente non riesco ad aggiungere altro!!!

        Ma che uomo sei?
        Dove hai messo il cuore?????
        Di Padre??????????????????????????????????????????????
        E pure marito

        Ma dai non puoi non si può proprio
        Comportarsi così fai troppo male a tutti
        Primo Tuo FIGLIO!!!!
        MOGLIE !!!!
        TE STESSO

      • Franca, 18 Febbraio 2019 @ 15:59 Rispondi

        La storia di Luca è semplicemente una storia di inconsapevolezza. Molti di noi vivono trascinati dagli eventi, dallo scandire dei tempi che ci impongono cosa fare. Poi di colpo uno si riscopre a vivere una vita nella quale non ti riconosci. Purtroppo se ci sono i figli di mezzo tutto questo crea dei danni tremendi. Perchè i figli sono l’unica scelta della nostra vita che dovremmo fare per desiderio sentito e non per accontentare qualcuno. Mai a cuor leggero e con un enorme senso di rispetto per la nuova vita che si sta mettendo al mondo. Ci vuole tanta, troppa maturità e forse a Luca è mancato/manca proprio questo.
        Condivido il pensiero di chi, qui sul blog, ha scritto che spesso i figli sono il motivo della fine di tante relazioni. Un figlio mette a dura prova l’amore coniugale, il desiderio tra uomo e donna. E si finisce spesso a ricercare altrove quello che sembra sia venuto meno nella coppia in seguito all’arrivo del piccolo. Quello che posso consigliare a Luca è di non dimenticare mai di essere un padre e di agire in funzione di questo e di rispettare e tutelate la nuova vita che, anche se non per una scelta profondamente sentita, egli ha contribuito a creare. E, in virtù di questo, mi sento, in qualità di donna e madre, di dire a questo uomo disorientato e immaturo di riflettere sul proprio rapporto con la moglie e di cercare con serietà se c’è qualcosa di salvabile e ricostruibile del loro amore, di agire non animato da impeti o impulsi del momento, ma di meditare attentamente. Prima di creare danni irreparabili, prima di pugnalare un pezzo del tuo cuore…la tua piccola.
        Buona fortuna!

    • And, 17 Febbraio 2019 @ 22:45 Rispondi

      Non sono d accordo con la condanna senza margini di Alessandro, forse perché in te vedo qualcosa di me (anzi, io sono peggio). Forse sei stato egoista, ma io ci vedo più debolezza. Capisco la tua arrendevolezza nel concedere il desiderio di maternità e anche la successiva sbandata. Il punto sta qui: tu hai detto che fino alla gravidanza amavi tua moglie. Forse il vostro rapporto ha ancora qualcosa da dire – a differenza della maggior parte dei matrimoni descritti qui – tuttavia per scoprirlo non hai scelta ossia devi compiere una scelta vera: abbandonare nella testa l’altra e provare a ricostruire con tua moglie. Solo provandoci davvero potrai poi avere la serenità per ripartire con lei o ricominciare da zero.

      • Verdeazzurra, 18 Febbraio 2019 @ 07:48 Rispondi

        And, sono d’accordo con te.
        Anche il mio matrimonio è andato in crisi con l’arrivo del figlio
        Lui è cambiato profondamente non era pronto, io lo desideravo lui si è obbligato a desiderarlo per non perdermi (io si lo avrei lasciato se non avesse accettato di averne… ma c’erano moltissimi altri motivi).
        È stata più che altro una cartina tornasole, sono emersi i problemi inconsci di entrambi.
        È un momento doloroso, ma anche una grande opportunità per capire.
        Va colta e percorsa

    • confusa, 18 Febbraio 2019 @ 07:17 Rispondi

      Non si concedono i figli perché l’altro li vuole, non è un regalo costoso, sono un impegno per la vita da portare avanti insieme. Non c’è disonestà più grande in un rapporto di quella di mentire su questo punto.

      • and, 18 Febbraio 2019 @ 14:35 Rispondi

        Se proprio dovessimo andare a fondo della cosa, allora scopriremmo che molti/e – attenzione: molti, non tutti – di coloro che desiderano un figlio non lo fanno certo per altruismo o per “coronare un sogno d’amore” ma per puro egoismo o narcisismo: desiderio di vedere una piccola copia di sé in vita, di dare un senso anche alle proprie azioni, alla propria vita o alla propria morte.
        Per questo, al di là di falsi perbenismi, mi guardo bene dal giudicare chi – per amore di una donna – decide di concederle ciò che lei ritiene sia in quel momento indispensabile, ossia un figlio.

        • alessandro pellizzari, 18 Febbraio 2019 @ 17:44 Rispondi

          Macché perbenismo qui parliamo di bambini chiuso il discorso

      • Giusy, 18 Febbraio 2019 @ 17:23 Rispondi

        Praticamente inilinea generale mi trovo d’acconto con tutti i vs commenti!!!… perché ci sono verità in ognuno di essi!

        ..ma come aiutare Luca? .che consiglio dargli,? NON SERVE sgridarlo né metterlo alla gogna ci si e già messo da solo….e poi .chi e senza peccato scagli la prima pietra,

        Non trovo nemmeno molto giusto giudicare, questa mania di giudizio che abbiamo tutti noi umani , non qui in generale intendo , a chi o a cosa serve?..fa solo male…

        Io penso che Luca dovrebbe spararsi dalla moglie, deve capire come vuole vivere la sua vita…anche temporaneamente se può..un allontanamento non subito definitivo insomma,

        Secondo me è opportuno affinché possa districarsi nella confusione che ha in testa. Magari, poi, frequentando diversamente, senza sotterfugi la sua amante potrebbe scoprire che nemmeno gli piace poi così tanto.
        Forza Luca!

        • alessandro pellizzari, 18 Febbraio 2019 @ 17:50 Rispondi

          Qui tutti giudichiamo e chiediamo giudizi e io voglio che funzioni così il mio blog

  • anonimo, 17 Gennaio 2019 @ 16:42 Rispondi

    che volete da me…ma io queste generalizzazioni uomo e donna…le trovo molto superficiali…

    • Ariel, 17 Gennaio 2019 @ 20:33 Rispondi

      @anonimo ,ok,quindi? Esprimi il tuo pensiero a riguardo
      Sei il Benvenuto !

    • Giusy, 17 Gennaio 2019 @ 20:49 Rispondi

      Siamo diversi…non è superficialità..siamo proprio diversi..eh meno male anche!!!

      Ma proprio per questo ci completiamo ..

    • TVG, 18 Gennaio 2019 @ 06:34 Rispondi

      Anche io la penso così. Il mio Lui è veramente invaso dai pensieri, si accervella sulle situazioni – anche le nostre; spesso – e anche ora ma stiamo in via di miglioramento – questo ha complicato le sue decisioni, le sue iniziative…si faceva mille scrupoli, ipotizzava mille conseguenze. Ad esempio, quando anni fa mi fece conoscere sua figlia era preparato – oltre che a emozioni forti – a chissà che “fiaccole”…e invece tutto andò bene. Io sono più lineare, più diretta…forse è anche per questo che gli ho fatto spesso da psicologa. Sono al 3 mese di Codice del Silenzio, e le cose stanno cambiando. Auguri a tutti/e!

      • Cristina, 18 Gennaio 2019 @ 13:38 Rispondi

        In che senso sei al terzo mese del codice del silenzio? State insieme o siete amanti

  • LEI, 17 Gennaio 2019 @ 11:01 Rispondi

    Dall'”alto” dei miei cinquant’anni, posso dire che il percorso di crescita che la donna svolge nella sua vita, non è assolutamente paragonabile a quello di un uomo.
    E non credo che sia per mancanza di sensibilità o intelligenza dei singoli individui, piuttosto di qualcosa che appartiene profondamente al mondo femminile. Probabilmente è una forma mentis, la donna si pone domande e cerca risposte, l’uomo resta più in superficie.

    • Ariel, 17 Gennaio 2019 @ 16:18 Rispondi

      Giusto e verissimo LEI,però sai cosa stavo pensando,
      Ecco a una tipica visualizzazione che ,forse, ho visto o abbiamo visto rappresentata in vignette umoristiche oppure a tema di qualche film oppure per averla vissuta col proprio lui:

      Lei parla a lui proprio si sta aprendo nelle sue analisi profonde gli spiega le cose si sforza di capirlo di comprendere il suo punto di vista e con amore e una infinita pazienza glielo dice,

      Sono entrambi in cucina ,la pentola al fuoco,la pasta già buttata sta fumando e lui che gli sta di fronte rigorosamente in silenzio gli fa soltanto un gesto con la mano con le dita che si aprono e chiudono e con l’altra mano con indice che indica che la PASTA È COTTAAAA!!

      Non so perchè,ma secondo me questa immagine la trovo proprio significativa e cioè che a volte meno male che ci stanno i Maschi che ci RIPORTANO ALLA REALTÀ,ALLA CONCRETEZZA
      Insomma SIAMO ENTRAMBI I SESSI PROGETTATI PER STARE INSIEME ,OGNUNO PORTA LA SUA LUCE ALL’ALTRO
      E CERTO È CHE È UNA RICERCA CONTINUA DI TROVARE INSIEME IL GIUSTO EQUILIBRIO.

  • LEI, 17 Gennaio 2019 @ 08:14 Rispondi

    Hara e Franca, è un percorso che possiamo fare solo noi, magari con l’aiuto di un bravo terapeuta.
    Il problema è che la maggior parte delle persone, e in particolare gli uomini, innanzitutto non riconoscono di avere un problema e anche se lo riconoscono, non hanno intenzione di affrontarlo. Perché costa sudore e sangue, non ti fa sconti, ti fa guardare in faccia i tuoi fantasmi. E quindi è più facile mettere in piedi situazioni incasinate, e guai alla povera, spesso donna, che vi si trova invischiata.

    • Giusy, 17 Gennaio 2019 @ 08:46 Rispondi

      Vero infatti, se ci fate caso, in qualsiasi sessione di qualsiasi terapia anche di gruppo tipo yoga o meditazione ci sono donne in larga maggioranza.

      Gli uomini non hanno voglia di risolvere e spesso nemmeno se ne accorgono..come ben dici.

    • Ariel, 17 Gennaio 2019 @ 11:18 Rispondi

      @lei e Giusy e tutte voi qui,verissimo gli Uomini sono restii a fare terapia personale perché secondo me,questo lo sentono come un qualcosa di svalutante ,come se mettere in discussione se stessi fosse qualcosa di insopportabile per loro,condizionamento atavico ,l’uomo che non deve chiedere mai ,questa immagine che deve essere forte sempre e comunque gli impedisce di essere introspettivo.
      Certo non per tutti è così,ma è pure realtà che in terapia ci vadano in maggioranza Donne.
      Fatto salvo per casi particolari come le terapie di coppia o per curarsi alcuni disturbi del comportamento che causano a chi ne soffre sofferenza appunto ,quindi in presenza di sintomi allora gli uomini si rivolgono al terapeuta.
      Uno di questi disturbi del comportamento si chiama Borderline
      Il mio Seriale è stato così e fa Terapia perché pur comportandosi
      Malissimo ha una sintomatologia dolorosa e quindi pur essendo un uomo ha chiesto aiuto Medico e Psicologico.
      Pure io sto in terapia ovviamente e sta chiaro che il fatto di essermi messa con questo tipo di seriale disturbato str…
      aver accettato di farmi manipolare
      Significa che qualcosa di me va risolto nella mia storia personale antica infantile.
      Che fatiche care le mie amiche di sventura!!!! Però
      Con un sorriso ottimista nel meglio che sicuro verrà!

      • Io, 17 Gennaio 2019 @ 19:26 Rispondi

        Il mio ex marito mi aveva chiesto di fare terapia di coppia per salvare il nostro matrimonio. Ero invece io la contraria. Non perché non credessi nel lavoro dello psicologo, ma perché non avrebbe risolto i nostri problemi. Quando l’amore è finito bisogna accettare la realtà e separarsi. Anche se ci sono dei figli, soprattutto per il bene dei figli. La mia decisione di separarmi è stata sofferta, ma era l’unica cosa da fare. Mi dispiace tremendamente che mio figlio sia figlio di genitori separati, che passi da una casa all’altra, che non lo veda per alcuni giorni (soprattutto, mi pesa la lontananza quando va in vacanza con il padre)….però adesso lui è sereno perché vede che i genitori non litigano più e sono felici. Meglio avere due genitori separati e felici che due genitori insieme ma infelici.
        Il mio ex marito ora ammette che abbiamo preso la decisione migliore. A suo tempo invece non voleva separarsi, nonostante avesse l’amante. Io a differenza di altre donne tradite, ho accettato il fatto che non ci amavamo più e ho deciso di lasciarlo libero di vivere la sua relazione con l’amante. (So che molte di voi mi farebbero un monumento!!!!) Volete sapere come è andata a finire tra lui e l’amante? Mi dispiace illudervi! Non stanno più insieme!!!! Non chiedermi perché..non gliel’ho chiesto e non mi interessa saperlo! Quanto a me…ironia della sorte, ora sono l’amante di un uomo sposato. So già che lui, anche se innamorato di me, non lascera mai la moglie e so che sua moglie non si comporterà come mi sono comportata io con il mio ex marito (magari non si è neanche accorta!). Inutile illudersi!!!

        • Giusy, 17 Gennaio 2019 @ 20:46 Rispondi

          BELLA LA TUA STORIA
          SAGGIA DONNA, BRAVA…HAI AGITO PER IL MEGLIO .

          DIVENTARE AMANTI PERCHE FORSE SI HA BISOGNO DI QUESTE RELAZIONI CON :”LA PORTA APERTA” CHE ALLA FINE CHE NON TI SOFFOCANO.

        • Ariel, 17 Gennaio 2019 @ 22:05 Rispondi

          Grazie Io per la tua testimonianza ,sai cosa mi ha trasmesso il tuo racconto di vita ?
          Caspita sei veramente una SUPERSUPERDONNA
          Credo che qui ognuno di noi possa trarre ciascuno per se stesso diversi insegnamenti ,la tua storia è piena zeppa di riflessioni da poter ricavare qualcosa di nuovo e costruttivo per se stessi sia che si possa essere di accordo su tutto ciò che hai raccontato qui sia che non ci si senta di condividere tutto.
          Insomma secondo me NON È AFFATTO così DA TUTTI riuscire ad avere il tuo equilibrio di vita e sensatezza e bellezza del lasciarsi andare ad essere te stessa pur essendo riuscita a costruire un nuovo equilibrio non soltanto verso i tuoi figli ,ma avendo preparato il terreno fertile perché poi tuo marito è riuscito a raccogliere il tuo invito al nuovo equilibrio di genitori separati ,ma bene però.
          E poi singolare destino quello di tuo marito che ha perso l’amante e tu che sei amante a tua volta di un uomo sposato ,ma lo sai che credo fermamente che tu CASPITA CHE DONNA che SEI!
          secondo me non è finita qui e PRESTO INCONTRERAI UNO LIBERO E CHE SAPPIA RICONOSCERE LA TUA LUCE INTERIORE E EVIDENTEMENTE ESTERIORE visto che non sei affatto sola adesso pure c’è chi ti apprezza!!!
          Insomma GRAZIE perché qui ci sta MATERIA IMPORTANTE PER POTER TRARRE LE PRORPIE RIFLESSIONI E magari SCRIVERNE QUI!
          DONNA NOTEVOLE RARA,questo il mio sentito pensiero!!!!!!
          Chapeau!!!!

          • Io, 18 Gennaio 2019 @ 13:33

            Grazie Giusy e Ariel per i complimenti! Fa piacere riceverli, anche perché non è stato facile!
            Indipendentemente da come andrà a finire, questa “relazione” con l’uomo sposato mi ha aiutata tantissimo. Sono riuscita a perdonare il tradimento del mio ex marito. Prima ero piena di rabbia e desiderio di vendetta. Invece ora ho capito che non si è colpevoli del tradimento. Il tradimento é il termometro, come dice Alessandro, che segna che il matrimonio è già finito. Bisogna riconoscere l’evidenza, ma è difficile!!! Inoltre, non si può decidere di non innamorarsi… Succede! Io ci sono cascata in pieno in questa nuova relazione (cretemi era l’ultima cosa che volevo in questo momento!) ed ora che ci sono dentro non riesco ad allontanarmi da lui, nonostante sappia che non ci sarà mai il lieto fine.

          • Ariel, 18 Gennaio 2019 @ 15:46

            Cara Io,grazie a te per la tua risposta
            Mi viene semplicemente spontaneamente scriverti
            Questo:
            MA,TESORO SEI UN TESORO DI DONNA
            INNAMORATA E ALLORA ADESSO STA COSÌ

            MAI DIRE MAI NELLA PROPRIA VITA
            A VOLTE,ACCADONO LE COSE QUANDO MENO CI SI ASPETTA CHE ACCADONO e se ci si fa caso succede a chi ,come te,
            Sta A VIVERE LA VITA TUTTA SENZA ARRENDERSI MAI
            E ARRENDENSOSI PROPRIO ALLA UNICA COSA CHE MUOVE TUTTA LA NOSTRA VITA

            L’EMOZIONE.

            IN UN LIBRO AVEVO LETTO QUESTA FRASE:

            “QUALUNQUE COSA TI ACCADA,

            NON CHIUDERE IL TUO CUORE”

  • hara, 16 Gennaio 2019 @ 13:10 Rispondi

    @Lei tutto quello che scrivi sui figli è bellissimo, però – a prescindere dall’infanzia che abbiamo avuto – credo che ad un certo punto della nostra vita, dobbiamo trovare la forza e il coraggio di perdonare a noi stessi l’amore non ricevuto, perchè non sempre da adulti è facile trovare un complice per il nostro disordine e con noi stessi ci dobbiamo necessariamente convivere.

    • Franca, 16 Gennaio 2019 @ 14:31 Rispondi

      No @hara, non dobbiamo trovare un complice, ma qualcuno che ci induca a scavare e affondare in noi stessi. Non lo si può fare con tutti. Ed è proprio questo che fa la differenza.

  • LEI, 16 Gennaio 2019 @ 10:31 Rispondi

    Un pensiero della psicologia mi ha sempre attratto: l’importanza dello sguardo della madre quando accoglie il suo bambino appena nato. Si sottolinea che la distanza tra i due sguardi al momento dell’allattamento, è la distanza giusta alla quale il neonato è in grado di mettere a fuoco il viso della madre. Se vi fosse una maggiore distanza, la sua vista ancora poco sviluppata gli farebbe vedere solo un’immagine sfocata.
    E’ attraverso questo sguardo che il bambino si sente accolto nel mondo. Se è uno sguardo pieno di amore, di sincero interesse e di empatia, lui si aprirà al mondo con fiducia. Perché in quel momento la madre rappresenta il “primo” mondo con cui lui viene a contatto.
    Se la madre è distratta, troppo stanca, depressa o poco coinvolta, il neonato si sentirà rifiutato e metterà in atto tutta una serie di comportamenti per attirare l’attenzione dell’unico oggetto del suo amore.
    Comportamenti che purtroppo verranno reiterati anche in età adulta, e non solo nei rapporti sentimentali. Ci sarà l’anaffettivo, che usa gli altri per colmare un vuoto ma non si “dona”per paura di essere ferito, il narcisista che mette sé stesso al primo posto, quello che implora amore, facendosi schiacciare dagli altri ecc…
    Vi consiglio di leggere “Illusioni d’amore” di Iole Baldaro Verde, parte dai miti e dagli archetipi per dare una spiegazione alla coazione a ripetere e di tutto ciò che non è sano nei rapporti d’amore.

  • LEI, 16 Gennaio 2019 @ 10:15 Rispondi

    Ariel io ho avuto un rapporto molto difficile con mia madre. Mi sono sempre sentita un “dovere” per lei. Ho provato ad indagare chiedendo a mio padre e mia sorella (mia madre è morta tantissimi anni fa), cosa fosse successo al momento della mia nascita e nei primi mesi di vita.
    Loro sostengono che fosse tutto normale, ma io “sento” che non è così.
    Ho lavorato molto su questa cosa, per non commettere gli stessi errori con mio figlio.
    Magari ne avrò fatti altri, ma sono sicura di aver piantato in lui il germe dell’amore sano, grazie ovviamente anche a mio marito.
    Da quando abbiamo deciso di avere un figlio, ho sempre pensato che la sua felicità venisse prima di ogni altra cosa. Di sicuro prima della mia.
    Tutte le cose della vita, soprattutto quelle così importanti come il progetto di un figlio, richiedono consapevolezza, che vuol dire riflessione, senso di responsabilità, abnegazione.
    Ho sentito uomini dichiarare di aver fatto un figlio perché la moglie si annoiava, o donne affrontare una gravidanza per convenzione sociale. Danni incalcolabili fatti sulla pelle di chi non ha chiesto di venire al mondo. Bambini non amati che saranno adulti con enormi difficoltà ad amare in modo sano.

    • alessandro pellizzari, 16 Gennaio 2019 @ 12:24 Rispondi

      Figli infelici di gente che vuole bene solo a se stessa. Che Dio Non li perdoni

      • anonimo, 16 Gennaio 2019 @ 13:21 Rispondi

        e quelli che fanno il secondo figlio…perché l’altro figlio deve avere una compagnia…in piena crisi matrimoniale (con l’amante di mezzo)…come li definiresti?

        • alessandro pellizzari, 16 Gennaio 2019 @ 14:23 Rispondi

          Folli e terribili per il destino dei figli

    • Ariel, 17 Gennaio 2019 @ 14:15 Rispondi

      Cara LEI pure io ho avuto un rapporto molto conflittuale con mia madre così pesante che per un sacco di anni ci avevo messo una pietra sopra ,non volevo guardare sentire per evitare di soffrire
      Stavo protetta dal amore grande di mio Padre,mi ero rifugiata in lui,
      Così per me tutti i maschi erano validi e in generale proprio mi fidavo istintivamente e naturalmente di solo maschi
      Mi sono sempre fidata,tipico comportamento da chi ha avuto un ottimo rapporto col proprio Padre.
      Così tutto il mio dolore verso mia madre lo avevo come sepolto
      Ignoravo le mie vere emozioni.

      Ma quanto sta vero che NON SI PUÒ FINGERE CON SE STESSI
      E così ci pensa il DESTINO,incredibile,ma vero,che mi ha fatto vivere per caso una relazione TOSSICA con un uomo che altro non si è rivelato mettere in evidenza quel mio antico “Problemino”
      La MANIPOLAZIONE AFFETTIVA che ho sempre subito da mia madre.
      Doloroso GUARDARE IN FACCIA LA PROPRIA REALTÀ
      ,ma è L’UNICO MODO PER EVOLVERE RITROVANDO LA PROPRIA SERENITÀ E NUOVA CONQUISTA

      È MIO PADRE CHE MI HA INSEGNATO TANTISSIMO
      E PURE QUESTO :

      “GUARDA IN TE STESSA E MUOVITI NEL DOLORE
      CON UN SORRISO IN PIÚ PERCHÈ RIDERE DI SE STESSI AIUTA AD ACCORGERSI DI UN NUOVO ASPETTO SI SE.”

      CI STO LAVORANDO ,ANCORA
      OGNI ISTANTE UN PASSO AVANTI!!!

  • LEI, 15 Gennaio 2019 @ 12:17 Rispondi

    I figli possiamo lasciarli solo quando sono loro ad andare, io credo che sia così.
    Mi ricordo quando mio figlio era molto piccolo, si allontanava velocemente sul suo triciclo, poi si voltava e mi guardava. Io ero li, sorridente, ad aspettarlo e lui era sicuro di potermi dare le spalle, senza temere che scomparissi. Credo che questo sia il compito fondamentale di noi genitori.

    • Ariel, 15 Gennaio 2019 @ 16:02 Rispondi

      Cara LEI,sei stata STUPENDA E COSÌ EFFICACE
      “ERO Lì SORRIDENTE AD ASPETTARLO
      E LUI ERA SICURO DI POTERMI DARE LE SPALLE,
      SENZA TEMERE CHE SCOMPARISSI”
      BRAVISSIMA,ci tengo particolarmente a evidenziare la BELLEZZA E LA IMPORTANZA di questo tuo pensiero fattivo
      Perché il fulcro dei problemi di comportamento negli adulti sta proprio sul tipo di sistema di ATTACCAMENTO che si riceve già fin dalla nascita e pare dagli studi pesicologici e medici che sia proprio il tipo di attacamento che si è ricevuto dalla nascita fino alla deambulazione e cioè la scoperta del mondo del bambino
      Ecco che ad esempio maggiore sia stata la carenza di questa sicurezza più si svilippano problemi di relazioni affettive sociali
      LA PSICOLOGIA SIAMO FORTUNATI CHE ESISTA È UNA SCIENZA RICONOSCIUTA ALMENO NELLA PRATICA CLINICA ANCHE DALLA MEDICINA
      E GUAI SE NON NE TENESSIMO CONTO
      CI AIUTA A CAPIRE COME FUNZIONIAMO
      CI AIUTA A FARE DA NOI STESSI CIÒ CHE VERAMENTE AUTONOMAMENTE VOGLIAMO E SIAMO
      CURA UN SACCO DI PROBLEMATICHE DI COMPORTAMENTO
      OGGIGIORNO DA TEMPO SAPPIAMO COSA SIGNIFICA AD ESEMPIO IL NARCISISMO PATOLOGICO
      I SERIALI QUELLI MALATI DI VARIE COSE CHE FANNO MALE NELLE RELAZIONI
      UOMINI CHE NOI STESSE QUI ABBIAMO INCONTRATO E CHE NON SI PRESENTANO AFFATTO PER ALIENI STRANI ,MA ESATTAMENTE COME UOMINI SANI CARI EQUILIBRATI DOLCI CHE CI AFFASCINANO E CI PARLANO DI AMORE E PROMESSE VARIE PER POI MOSTRASI NELLA LORO VERO MALSANO DANNOSO COMPORTAMENTO
      W LA PSICOLOGIA E GUAI SE NON CI FOSSE!!!
      Quindi Cara LEI SEI STATA E SEI FANTASTICA
      sembrano magari per alcuni delle ovvietà,ma,non è così per tutti
      E la COMUNICAZIONE SERVE PROPRIO TANTO ANCHE A QUESTO
      HAI PORTATO UNA GRANDE LUCE
      CHE ILLUMINA TUTTO
      IL CERVELLO
      E IL GRANDE CUORE
      UN EQUILIBRIO DI VITA AL QUALE TUTTI NOI CERCHIAMO DI RAGGIUNGERE.
      UN ABBRACCIO SENTITO,
      GRAZIE LEI

  • Franca, 15 Gennaio 2019 @ 11:12 Rispondi

    Carissima Giusy quello che tu dici nella vita reale purtroppo non esiste,se non in rarissimi casi. C’e chi riesce a rendersi conto della fine del proprio matrimonio o della propria relazione ufficiale senza l’arrivo di un’altra persona nella propria vita e c’è chi invece se ne rende conto durante o dopo. La verità è che non c’e un ordine nelle cose, negli avvenimenti, nella maturazione delle nostre consapevolezze e nell’aprire gli occhi sulla propria realtà esterna ed interna. Presi dalle nostre storie, uniche, intense, appassionate, non ci soffermiamo su un dettaglio importante, a mio parere fondamentale. Siamo tutte pronte a dire che questi uomini amano loro stessi e basta, che non amano abbastanza, che non sanno cosa è l’amore. Perchè stremate da ciò che non riusciamo ad ottenere ci convinciamo che nelle storie di amantato l’amore non esiste. Che siamo rapporti malati. Certo, in tanti casi è cosi, non lo metto in dubbio. Ci sono storie davvero ai limiti dell’inverosimile ma, attenzione, solo perchè l’amore non giunge a quel progetto di convenzionalità con il quale ci hanno educato non vuol dire che quello che si è vissuto non sia stato amore. Io penso che l’amore esiste ma dobbiamo accettare che esso ha un timer, l’amore inizia e finisce ma noi non lo vogliamo capire, accettare. Il matrimonio nasce proprio in virtu della fugacità di questo sentimento, per contrastare questa forza centrifuga che lo catatterizza. Chi resta con la propria moglie o il proprio marito non vuol dire che non sappia amare. Ci sono altre cose in ballo, un incastro non semplice da sciogliere e sì, come ha scritto Alessandro, una buona dose di vigliaccheria che, secondo me, non impedice di provare sentimenti sinceri e profondi.

    • alessandro pellizzari, 15 Gennaio 2019 @ 14:16 Rispondi

      L’amore fra amanti a un certo punto si fa progetto come tutti gli altri amori. Il vigliacco in questa fase bara perché fa finta di partecipare s un progetto sapendo già che lo farà fallire. A volte arriva addirittura a proporre lui un progetto. Ed è infame proporre di fare un figlio sapendo che è una promessa falsa

      • Franca, 15 Gennaio 2019 @ 14:40 Rispondi

        Su questo sono pienamente d’accordo. Infame e meschino scherzare in questo modo con i sentimenti degli altri. Io cerco solo di dire che ci sono bellissime storie di amantato che finiscono non perche non c’è mai stato amore ma perchè è finito l’amore. Da parte di uno dei due e spesso si ritorna a casa perche c’e un matrimonio che ti lega e non perchè si ama di più il/la marito/moglie. Triste, certo, ma reale.
        Non mi piace definire le relazioni tra amanti come relazioni tossiche, penso che anche numerosissimi matrimoni si fondino su nevrosi e proprio per questo funzionino per anni nonostante di amore non ce ne sia manco l’ombra.

        • Giusy, 15 Gennaio 2019 @ 21:30 Rispondi

          Tossiche si lo sono eccome se non sono equilibrate. ..se fanno soffrire…cavoli!

          Se invece ci si dedica del tempo, se si rimane in contatto (anche quando non ci si puo vedere), se non ci sono Black out lunghi mesi in cui non si sa niente dell’altra persona di cosa fa e di come sta,
          Se in caso di necessità ci si puo chiamare…allora c’e un certo equilibrio e allora si puo vivere la relazione .

          ..ma leggendo tutti i commenti non mi pare proprio di trovare la benche’ minima traccia di serenita’..molto dolore .invece e offerenza…che certo bene non fa… è un malessere “scelto” comunque, nessuno ci obbliga a vivere relazioni di questo tipo soprattutto se si è liberi/libere.

        • Ariel, 15 Gennaio 2019 @ 23:21 Rispondi

          @Franca condivido in pieno il tuo pensiero e vorrei aggiungere che è giustissimo che non ti piaccia definire le relazioni tra amanti tossiche.
          Le parole corrette sono importanti altrimenti falsificano il vero significato
          “Chiamare le cose con il loro vero nome”
          TOSSICO si riferisce a qualcosa di malato
          Quindi qualunque relazione affettiva sociale Matrimonio amanti conviventi fidanzati
          Se uno dei due presenta un disturbo del comportamento come Seriali Narcisisti ad esempio, ecco che allora possiamo usare l’aggettivo TOSSICA riferito a quella relazione.
          Tutto il resto tra sani è solo che sentimenti e comportamenti individuali ciascuno con la propria storia e la propria esperienza umana che pure se con problemi contingenti risulta comunque una relazione SANA e cioè una esperienza nella propria vita col suo valore preciso sempre presente.

    • Giusy, 15 Gennaio 2019 @ 21:11 Rispondi

      Franca bel commento.Hai ragione mi pare giusto quello che hai scritto.Pero’ non so c’e qualcosa che non mi “finisce”…non so dire…io penso che chi si sposa una scelta l ‘abbia fatta. Se non ci sono gravi incomprensioni l’istituzione regge per tutti i motivi che hai evidenziato anche tu..e non ci sono amanti che facilmente si sostituiscono alle mogli.

      E..non e che poi le amanti finiscono per fare funzionare meglio le unioni ufficiali ?

      • Franca, 16 Gennaio 2019 @ 14:25 Rispondi

        È vero, una scelta al momento del matrimonio è stata fatta. Ma quando viene fatta il presente ci appare così luminoso da offuscare l’intero futuro e accettiamo di ipotecarlo “finche morte non ci separi”. Quasi sperimentiamo un senso di eternità. La realtà però è ben diversa. Solo in rarissimi casi questa scelta è davvero consapevole, fondata su una solidarietà e unione di anime. Nella maggior parte dei casi credo si basi, anche se inconsapevolmente, più su amore per se stessi e allora ecco che il matrimonio rappresenta un espediente per negare la realtà della separazione. Diversamente non mi spiegherei tutte le nostre storie qui.
        È vero che una scelta è stata fatta ma il problema è che ci costringono a sostenerla per sempre. Ti pare una cosa possibile? A me, ora che sono grande, sembra fuori da ogni logicità?
        E riprendendo il discorso equilibrio e sofferenza. Non sempre vanno di pari passo. Io vivo una relazione equilibrata, stessi problemi, stessi impedimenti ma anche stessa sincerità, rispetto, investimento nella nostra storia. Non esistono black out, non esistono sparizioni, in qualunque giorno, lavorativo o festivo. Ci siamo sempre. Sempre. Posso dire che è un rapporto equilibrato ma non posso dire che sia privo di sofferenza.
        Ma quando non c’è equilibrio, quando l’investimento di entrambi non è lo stesso…allora si che dobbiamo porci qualche domanda. Del perchè sottostiamo a regole che non ci vanno bene, del perchè ci attacchiamo a chi non ci tratta come vorremmo. È quello il momento in cui ci stiamo muovendo al limite della tossicità.

        • Oldplum, 16 Gennaio 2019 @ 15:04 Rispondi

          Io ero sicura dell’autenticita e la forza e reciprocità del sentimento con lui. Purtroppo però, con il tempo, mi sono accorta di essere io la parte “debole”. Quella che non riesce a sostenere un amantato a tempo indeterminato. A non vivere una vacanza, una serata sullo stesso divano a guardare un film, una passeggiata per mano nelle vie del centro, la spesa fatta insieme ridendo, le litigate, i problemi condivisi .
          Sono egoista forse, non lo so.
          Non ho la forza. Mi pare un esercizio che è diventato sterile. Uno che ti rafforza le braccia e ti lascia le gambe che non ti reggono.
          Poi sono una donna molto spiccia. Io faccio fatica a farmi dettare l’agenda. Se voglio uscire a vedere un film ora, lo voglio fare ora. Non tra 3 giorni. Ora. Tra 3 giorni non so se avrò voglia, tempo. Non so nemmeno se ci sarò ancora. A me la vita brucia dentro. Se mi butti sopra coperte io soffoco.
          Avrei voluto fare tutto ciò che sognavamo solo di fare. Vivevamo di sogni mentre lui era attaccato alla sua solida realtà.

          • Ariel, 16 Gennaio 2019 @ 20:57

            Scusa sai,ma che tu sia la parte debole proprio a me non sembra
            Insomma senza poter mai giudicare nessuno ,ci mancherebbe,ognuno fa ciò che si sente di fare,ma non sono d’accordo che tu dica che sei la parte debole.La Verità è che secondo me è proprio il contrario !
            Tu che non accetti di essere condivisa nella vita ,ma CASPITA CONDIVIDERE l’UOMO CHE AMI CON UN ALTRA?????
            Senza giudicare chi lo fa ,ci mancherebbe,ma dico semplicemente che trovo così SANO NATURALE E DA PERSONA FORTE ciò che senti e cioè che NON TI SENTI DI VIVERE UNA VITA COSÌ DIVISA DA TUTTO E SOPRATTUTTO UN UOMO E DUE DONNE??? ?????
            VAI BENISSIMO E SEI TU QUELLA FORTE ALTROCHÉ!!!

          • Giusy, 16 Gennaio 2019 @ 22:36

            ..e scusami..cosa speravi invece?..che si separasse dalla moglie?

            ….ma le storie con uomini già sposati….finiscono con le sconfitte delle amanti…..al 90% !

            …ma se volevi un uomo tutto tuo.. perché lui?
            Mi sembri attiva, viva, capace….trovarne uno libero?..non è impossibile….

            L’idea di fondo che un uomo lasci la famiglia per l’amante porta delusione, e anche un senso di inadeguatezza, di non valore…. è sbagliato vivere una relazione così pensando di vincere contro un’ altra donna..che poi E UNA PARTE DI NOI.

          • confusa, 16 Gennaio 2019 @ 22:59

            Grande Oldplum! anche io sono fatta così, e se da giovane ho subito queste situazioni, facendo finta mi andassero bene… adesso non più.

          • Oldplum, 17 Gennaio 2019 @ 08:29

            @Giusy. Mi sono innamorata. Questa la mia unica colpa.

          • Giusy, 17 Gennaio 2019 @ 12:36

            Ma si certo!!!…senza colpa..non c”e colpa…

            … è che penso alla :”serata sul divano a guardare un film”..quanti possono farlo..e si annoiano …

            ….si idealizza troppo…mi sa’…

          • Oldplum, 17 Gennaio 2019 @ 12:14

            Sottolineo peraltro che non sono mai stata in competizione con la moglie. Siamo proprio incomparabili sia nella forma sia nella sostanza.
            Non c è mai stata gara oggettivamente.

          • Ariel, 17 Gennaio 2019 @ 16:54

            @OLDPLUM sai cosa pensavo ,mi pare che ti stia sforzando di trovare un modo per staccarti da lui dentro a te stessa,
            Fai analisi e verifiche qui nel senso qui e dentro di te ,non tralasci nessun aspetto pure che non ti sei mai sentita in competizione con la moglie ,ok
            Ma ciò che secondo me adesso prevale e che Ti sei innamorata.
            Ok benissimo perché è comunque un dono provare questo magico sentimento non tutti riescono a innamorarsi.
            Allora penso che dopo tutti i tuoi validissimi ragionamenti che condivido in pieno , eccetto quando ti sei dichiarata debole, penso che ,forse,potresti prendere in considerazione di darti un poco di respiro e abbracciare chi ami adesso pur nella tua consapevolezza che non è il tuo obbiettivo ottimale fare la amante a vita ,ok hai ragionissima,
            Ma ,forse,a volte quando si soffre troppo per amore ,bisogna darsi il tempo ,
            Respira e vivi il tuo Amore per lui,
            Dico !forse, PERCHÉ STA CHIARO CHE SOLTANTO TU SAI COSA VUOI VERAMENTE PER TE STESSA ADESSO .
            Cara OLDPLUM INNAMORATA

            INNAMORARSI UN DONO NELLA PROPRIA VITA!!!!!

          • Oldplum, 17 Gennaio 2019 @ 20:50

            Naaaaa . Non ci riesco più.

  • LEI, 15 Gennaio 2019 @ 08:34 Rispondi

    Stanotte mio figlio mi ha chiamata, perché aveva la febbre.
    La prima cosa che ho pensato è che mi sarebbe dispiaciuto molto non essere con lui in quel momento, ed ha 18 anni.
    Può un uomo o una donna contare più dei propri figli?

    • geronimo, 15 Gennaio 2019 @ 10:04 Rispondi

      Purtroppo sono sentimenti umani. Li provi per un attimo e poi te ne vergogni. Dipendono (credo) dalla pressione che ciò che è fuori dalla tua famiglia esercita su di te messo a sistema con le frustrazioni che indubbiamente il tuo rapporto di coppia ti procura. Le nonne dicevano (in maniera un pochino troppo semplicistica): pensi sia facile? Ingoi, soffri ma vai avanti.
      Oggi i tempi sono cambiati e l’emotività gioca brutti scherzi. Guarda i fatti concludenti: tu eri lì da tuo figlio e non altrove. E adesso rifatti la domanda “Può un uomo o una donna contare più dei propri figli?”. Tu eri lì.

      • hara, 6 Febbraio 2019 @ 15:59 Rispondi

        @geronimo come stai?

        • geronimo, 23 Aprile 2019 @ 14:20 Rispondi

          Dammi ancora qualche settimana e ci riesco…

          • hara, 24 Aprile 2019 @ 12:25

            @Geronimo tu non mi vedi ma sto ridendo di gusto! coraggio tieni duro! … so che lo fai volentieri 😉
            faccio il tifo per te con ritrovata leggerezza

  • Ariel, 15 Gennaio 2019 @ 01:45 Rispondi

    @Giusy condivido il tuo pensiero e certamente sarebbe molto meglio prima fare ordine nella propria precedente relazione sposati o conviventi insomma se esiste già una famiglia sarebbe auspicabile e pure logico e rispetto certo di ciò che si è costruito, ma è pur vero che la realtà pare essere diversa e esistono gli amanti e certo ogni esperienza di amanti è differente per storie motivazioni una infinità di combinazioni in cui ci sta evasione nella novità sessuale perché come una mancata capacità di risolvere prima a casa propria col proprio marito il problema, la sfiducia che magari alcune persone possono sentire nella impossibilità di sperare ancora di riuscire a ritrovare quel equilibrio nella coppia
    ecco che gli amanti si incontrano come naufraghi di amore, magari sono disperati dentro pure se non sembra a nessuno si ritrovano tra le braccia nuove come a sentirsi vive anziché morte, certamente sarebbe meglio e resta comunque auspicabile che si possa salvare la propria famiglia magari pure con i figli ,ma se non ci si riesce perche si è davvero rotto qualcosa secondo me non si può parlare di relazione malata intendo esprimere che iniziare una storia come amanti non significa affatto avere una relazione malata, ma,certamente una relazione difficile e che in quanto tale ha sicuro meno probabilità di potersi concretizzare in una nuova famiglia
    questo in generale . è comunque realtà sociale che molte nuove famiglie si sono formate da precedenti amanti e cioè quelle persone che si sono amate veramente così tanto da riuscire a formarsi una nuova famiglia sana
    pure esistono molte famiglie allargate dove veramente tutti si riuniscono per le feste con tutti i figli di prima e di dopo .Insomma le combinazioni sono infinite e sta ovvio sempre che uno spera sempre di riuscire a mantenere in piedi la propria famiglia questo resta ovviamente auspicabile perché certo è che le nuove famiglie che sono nate dagli amanti ovvio non sia stato facile per nessun ruolo rinunciare chiudere senza chiudere del tutto per via dei figli ad esempio ,ma quello che penso che comunque non si possono definire relazioni malate quelle degli amanti.
    le relazioni tossiche sono quelle dove uno dei due o entrambi ,ma raro che siano entrambi,è affetto da disturbi del comportamento cioè sta privo di equilibrio e fa danno grave al suo o sua partner come ad esempio il Seriale Narcisista,queste sono le relazioni tossiche ,ma secondo me gli amanti sono persone che si incontrano in un momento di fragilità individuale dovuta a infelicità profonda nella propria famiglia ,almeno inizialmente poi subentrano le emozioni e poi i sentimenti e poi sono per la libertà individuale di ciascun essere umano e non posso conoscere essere dentro alle esperienze degli altri , posso soltanto guardare in me stessa ed osservare da fuori chi mi circonda esprimere dei pensieri e confrontarsi come facciamo qui e questo è utilissimo e stimolante i pensieri viaggiano si muovono e cambiano i costumi nascono nuove idee aggiustamenti insomma una vera ricchezza che qui infatti sta viva e aiuta e più si hanno idee differenti meglio è lo scambio punti di vista diversi che muovono al vero progresso e cambiamento. ecco in ultimo ,ma non certo per importanza Si sono d’accordo, potrebbe essere che il maschio per natura sia stato progettato per difendere la sua famiglia cioè il suo territorio primo sociale questo aspetto lo trovo plausibile ipotesi e lo faccio pure mio aggiungendolo a quel mio elenco precedente .
    che lunga che sono stata, mi scappa un sorriso non so tu e pure Alessandro se mi casserà o no
    spero di essere promossa dal moderatore,e che queste mie risposte a te a a tutti arrivino insieme al mio abbraccio ormai ripetuto spesso perché sentito vero.

    • alessandro pellizzari, 15 Gennaio 2019 @ 09:32 Rispondi

      Molte nuove famiglie che si formano dagli amanti no. L’avvicato divorzista dice il 10%

      • Ariel, 15 Gennaio 2019 @ 13:57 Rispondi

        @Alessandro ,Ok,grazie per info questo certo modifica in parte il mio pensiero,conoscere serve eccome!

  • Io, 14 Gennaio 2019 @ 20:24 Rispondi

    Alessandro, hai descritto con molta precisione il suo atteggiamento. Lui a me non ha ancora rinunciato, però ha spesso fatto retrofront più volte. Dice di avere paura di perdermi, ma poi mi dice che sarebbe meglio non continuare. È una contraddizione!!!! Non lo capisco!!!!
    Questi uomini si professano innamorati, ci dicono che siamo le donne della loro vita, ma poi perché hanno paura rinunciamo ad un amore così importante e vivono infelici e con mille rimpianti. Veramente non li capisco!

    • alessandro pellizzari, 14 Gennaio 2019 @ 20:32 Rispondi

      La risposta valida è una sola. È facile promettere, chi non fa non fa

      • Annaura, 15 Gennaio 2019 @ 08:46 Rispondi

        Una mia amica dice sempre che un SI non si deve giustificare , il No deve dare sempre spiegazioni invece

    • Ariel, 14 Gennaio 2019 @ 21:13 Rispondi

      Quante testimonianze esperienze diverse eppure sempre la stessa evidente VIGLIACCHERIA ,ma cosa è essere Vigliacchi se non la paura di ammettere con se stessi il propio fallimento ?o sbaglio,il non riuscire a guardare in faccia la realtà
      Così mi appaiono tutti questi maschi sposati ,ma con l’amante
      E che magari in alcuni casi amano pure sinceramente,ma
      NON ABBASTANZA da passare ai fatti concreti e cioè il primo fra tutti ammettere di aver sbagliato cioè chi è sposato per poter fare il salto ovvio debba accettare dentro a se stesso di aver comunque fallito col suo matrimonio
      Questa cosa ,secondo me per un Maschio è MOLTO DURA DA AFFRONTARE
      IL MASCHIO NON PUÒ SBAGLIARE MAI
      IL MASCHIO NON PUÒ CHIEDERE MAI
      IL MASCHIO NON PUÒ ESSERE EMOTIVO
      IL MASCHIO NON SI CONCEDE ALLE SUE VERE EMOZIONI
      Secondo me,questi sono e restano POTENTI CONDIZIONAMENTI ATTIVI ANCORA IN QUESTA NOSTRA EPOCA
      Indipendentemente dalla varietà del individui ,delle esperienze di tutto
      NON È CERTO UNA GIUSTIFICAZIONE ALLA VIGLIACCHERIA
      ,MA secondo me resta importante Conoscere capire porta alla Consapevolezza e alla libertà di tutte Noi Donne VERAMENTE CON LE PALLE CAPACI DI AMARE SUL SERIO CAPACI DI SBAGLIARE ED ACCETTARE DI GUARDARE DENTRO A NOI STESSE CAPACI DI LOTTARE PER RIUSCIRE A VIVERE CONCRETAMENTE IL NOSTRO SENTIMENTO IL NOSTRO DIRITTO INDIVIDUALE A VIVERE ESPRIMENDO SE STESSI SENZA FINZIONI O ALMENO CERCANDO UNA VIA RISOLUTIVA
      PER RIUSCIRE A VIVERE IL VERO AMORE.
      ,MA,CERTO NON POSSIAMO NEGARE CHE PER IL MASCHIO QUESTO ESSERE VIGLIACCHI SE STA COSÌ DIFFUSO NELLA POPOLAZIONE DELLE RELAZIONI AFFETTIVE CI SIA DENTRO NON SOLTNTO CASUALITÀ INDIVIDUALITÀ DEI CARATTERI
      ,MA,QUALCOSA DI EDUCATIVO DI ATAVICO come UNO ZOCCOLO DURO A MORIRE.
      MI RIFERISCO AL VIGLIACCO VERSIONE VIGLIACCO E BASTA
      I SERIALI NARCISISTI E QUANT’ALTRO STANNO AD ESSERE VIGLIACCHI,MA DISTURBATI ,SONO UNA AEREA A PARTE
      LÍ AIVOIA DI PARLARE DI CONDIZIONAMENTI CULTURALI
      STANNO FUORI DI TUTTO TESTA E STRONZAGGINE VARIA TENACE.
      QUINDI ,BEN VENGANO LE NOSTRE TESTIMONIANZE CHE AIUTANO E CI AIUTANO A MEGLIO CONOSCERE CAPIRE E DECIDERE CIASCUNO PER SE ,ma potersi sfogare confrontare è veramente utile e aiuta nella propria sofferenza
      SCUSATE LA LUNGAGGINE ,MA SONO VERAMENTE EMOTIVAMENTE COINVOLTA .

      • Oldplum, 14 Gennaio 2019 @ 21:25 Rispondi

        Troppa psicogia. Chi non tisceglie non ti ama abbastanza. Punto. Non è vigliaccheria.
        È assenza di un sentimento autentico.

        • Ariel, 15 Gennaio 2019 @ 02:41 Rispondi

          se tu pensi che non ti ami abbastanza da concretizzare significa che comunque di base il suo sentimento di amore esiste ,ma non abbastanza per decidersi e quindi questo secondo me sta ad essere il vigliacco indeciso.

          • Oldplum, 15 Gennaio 2019 @ 11:24

            Se un amore non è autentico non è amore vero. È un mix di altre cose . Non esiste che si inventino scuse e si mettano paletti.

          • Ariel, 15 Gennaio 2019 @ 15:16

            Be certo se le cose stanno così hai perfettamente ragione non posso che essere in accordo con il tuo pensiero
            Giustissimo,come sempre il protrarsi nel tempo senza fare fatti concreti non è certo un buon segno sulla autenticità di un sentimento.

      • Giusy, 14 Gennaio 2019 @ 23:45 Rispondi

        Sai Ariel, a mente fredda senza volere giustificare alcuna vigliaccheria,c ‘è anche da pensare che forse e un bene che gli uomini abbiano molti ripensamenti, forse sono più saggi di noi donne!Sicuramente sono più razionali, Nemo emotivi, e non sono retaggi culturali…loro sono stati programmati dalla natura per essere così.

        Pensa che accadesse se con estrema facilità lasciassero moglie e figli..ogni volta che incontrassero una donna di cui si innamorano per buttarsi a capofitto in una nuova relazione…..come fanno i divi del cinema!!!..alcuni di loro hanno avuto diverse mogli e figli con ognuna di esse…sai che bellezza !!

        In realtà qualsiasi legame inizia con l’amore, i progetti, l’idealizzazione e il “non ci lasceremo mai”.Con il matrimonio poi si sanciscono impegni, si fa una promessa che in seguito. risulta difficile anche emotivamente ignorare a meno che non ci siano profondi disaccordi.

        Ora io dico, e l’ho vissuta anche io la situazione di squilibrio :io libera, lui sposato, tornassi indietro direi NO! GRAZIE….MA NO stai a casa tua e allontanati da me!

        NON si gioca con i sentimenti delle persone.

        Gli esseri umani sono fatti per stare insieme in relazioni equibrate, non esiste che io debba privare me stessa di avere una persona vicino a me perché AMO un uomo ammogliato che lo frequento a intermittenza!…anche perché spesso si parla di AMORE….ma dov’è questo amore?

        Ma l’amore e il sentimento per il quale TU desideri il massimo bene per un altra persona e senza secondi fini…incondizionatamente…e secondo te un uomo già impegnato puo mai essere in grado di amare un altra donna così?..vuole DAVVERO il bene di questa seconda donna…e se ne va in vacanza con la moglie, disinteressandosi di come la lascia nella solitudine e nella tristezza ?….ah e così pensa di dare il meglio di se?..ma nooo..QUESTO UOMO.pensa solo a sé stesso, non per viltà ma per puro EGOISMO….

        Non esiste l’amore…in queste situazioni zoppe…ci si illude…ci si adatta, e si idealizza…

        Prima di avere un amante se proprio proprio con la moglie non ci si và d’ accordo la si dovrebbe lasciare…non il contrario…!!!. Eh .infatti il contrario… difficilmente poi accade.

        Quindi relazioni TOSSICHE via via via da me, via da noi..e si ritorna a vivere!!!

  • Oldplum, 14 Gennaio 2019 @ 18:55 Rispondi

    C.v.d.
    Anche con figli grandi, amanti si è state, si è e si rimane.
    Se uno non fa il salto “subito”, non lo fa dopo 5/10 anni.
    Ci sarà sempre un altro intoppo; i figli crescendo son sempre più esigenti. Altroché.

  • hara, 14 Gennaio 2019 @ 11:40 Rispondi

    @Oldplum ammiro il tuo coraggio e la tua forza. Certamente l’amore non è questo, ma il mio piccolo ha 8 anni il mio grande 9 … si accorgono certamente e forse capiscono ma fino ad ora a grande fatica il clima per loro è sopportabile

  • hara, 14 Gennaio 2019 @ 11:23 Rispondi

    Buongiorno oggi per me è dura.
    Scrivete moltissimo, i commenti e gli articoli sono tanti gli argomenti spesso dolorosi e non riesco a tener dietro.
    Oggi poi sono completamente in palla …
    è rientrato dalla vacanza … sabato mi ha chiamato non ho risposto. Ieri mi ha inviato il buongiorno e la buonanotte. Avevamo abitudini che avevamo ripreso nel periodo natalizio e questi ms ne erano parte. A volte nei week end non ero molto presente e quindi non è strano che io non abbia risposto a telefono ma certamente non è da me non rispondere al buongiorno. Stamane mi sono alzata prima e sono letteralmente fuggita di casa per non essere svegliata dal suo messaggio.
    Nel week end ho maturato la decisione di voler prendere le distanze… farlo è difficilissimo mi manca l’aria e sono completamente sotto sopra ma davvero.
    Questa mia decisone è maturata perché ho paura di soffrire di nuovo e poi di nuovo e poi ancora: invece finendola qui soffro ora e basta.
    Non so se classificarlo nei vigliacchi, nei seriali, nei narcisisti o in quale altra categoria e sinceramente non saprei a cosa serva: non cambia la situazione e neanche il dolore.
    Ci siamo frequentati per un anno e mezzo senza nessuna promessa e senza nessuna ipotesi di futuro, io al primo tradimento per lui le scappatelle erano di routine, nessuno di noi due ha mai parlato male del coniuge, lui era geloso io no, non c’è stata nessuna parola d’amore, ma è stato un anno e mezzo bellissimo, leggo di storie dove c’è tanto dolore, io sono stata magnificamente bene mi sentivo amata e a questo punto preferisco credere semplicemente a quello che vedo: è una storia che c’è stata ed è finita.
    @Alessandro non so come comportarmi chiamerà tra mezz’ora e non so come rispondere e spiegargli che questo suo cercarmi a relazione ormai finita non mi fa bene

    • alessandro pellizzari, 14 Gennaio 2019 @ 11:47 Rispondi

      Non rispondergli rimanda come fa lui

    • Tina, 14 Gennaio 2019 @ 14:15 Rispondi

      @hara anch’io un anno e mezzo di storia e la mia volontà di chiuderla qui con però una differenza: non mi sono mai sentita amata, nel senso che ha sempre minimizzato il nostro rapporto e diradato gli incontri per paura. Lui sempre presente ma con un forte distacco emotivo. Sono stanca di essere definita l’amica perché lui per me non lo è ed ora che me ne sono innamorata la sofferenza è troppa. Nella vostra storia c’è/c’è stato equilibrio e per questo ne custodirai un bellissimo ricordo

      • hara, 15 Gennaio 2019 @ 09:23 Rispondi

        buongiorno @tina grazie per la tua vicinanza, spero davvero di riuscire a salvare solo le cose belle che ci sono state. Sto provando a fare come suggerisce @Alessandro,anche se non è facile. Io sono una persona molto debole emotivamente rispetto a tutto quello che leggo qui, non riesco a sostenere a lungo il dolore per me una storia deve far star bene entrambe le parti altrimenti non ha alcun senso, forse per questo mi sono innamorata solo tre volte in vita mia non riesco a lasciarmi andare facilmente. Ho cominciato credendo di riuscire a tenere un distacco emotivo ma evidentemente non è stato possibile,mi resta comunque la gioia di aver amato ed essere stata riamata, di aver vissuto diciamo così un amore che non si è dovuto confrontare troppo con la realtà. Cerca di difenderti da questa sofferenza, cerca anche tu di pensare solo al bello che c’è stato, tu sai che ci sono ancora tante gioie e tanto amore che ci aspetta non soffermiamoci troppo su quello che è ormai passato cerchiamo di fare del nostro meglio per non perdere tempo che quello non torna più. Le situazioni di @Ema @Franca e @Rosa mi danno la speranza che un equilibrio anche nelle situazioni più difficili si può trovare non perdiamo la speranza.la vita saprà sorprenderci.

        • Tina, 15 Gennaio 2019 @ 11:55 Rispondi

          Sai cosa c’è @hara … ho chiuso tante volte e lui è sempre venuto a riprendermi vivendomi però pochissimo. Anch’io mi ritengo una persona emotivamente fragile e il solo pensiero di chiudere, al contrario di altre volte, mi fa scoppiare in lacrime perché lui è parte della mia vita. Ma se mi voglio salvare la pelle devo farlo al più presto, sarei stata disposta a viverla anche più a lungo purché ci fosse stato equilibrio tra noi. Io me ne sono innamorata, mi vergogno anche a dirlo e non voglio che lo sappia mai …

          • hara, 15 Gennaio 2019 @ 15:42

            @tina non c’è da vergognarsi nel provare amore, mai.
            Non dirglelo però e ritieniti fortunata se non lo capisce perchè gli uomini, a prescindere che siano mariti amanti o quant’altro, vanno sempre tenuti un pò sulla corda per il bene della coppia!
            coraggio ti abbraccio

  • Rosa, 13 Gennaio 2019 @ 22:00 Rispondi

    Perchè la vita nel frattempo è andata avanti e noi siamo rimasti incastrati nelle nostre situazioni di origine.
    Tieni conto che stiamo parlando di una vita, non di qualche mese, e che le persone coinvolte dalla nostra eventuale scelta, oltre che noi stessi, non sono proprio dei ragazzini …

    • Angelica, 13 Gennaio 2019 @ 22:21 Rispondi

      Quello che dicevo a lui… se aspetti che i figli siano cresciuti adulti e vadano via di casa, poi dovrai fare da badante alla tua trentennale consorte e saremo punto a capo.

  • Angelica, 13 Gennaio 2019 @ 17:35 Rispondi

    Però Rosa, immagino che ormai i rispettivi figli siano cresciuti. E allora perché ancora una volta avete rinunciato?

  • Franca, 13 Gennaio 2019 @ 16:39 Rispondi

    Esatto Rosa…ti capisco come donna e come mamma. Mi ritrovo perfettamente nelle tue parole. In tutto. Tutto. Davvero.
    Tu sei un pò più avanti di me nella storia, mi sa proprio che io sono come te qualche anno fa, quando le tue figlie erano piccole.

  • Rosa, 13 Gennaio 2019 @ 16:11 Rispondi

    @confusa, più corretto senz’altro nei confronti di mio marito e lo avrei fatto se non ci fossero state le mie figlie di 3 e 7 anni all’epoca.
    @verdeazzurra neppure io chiedevo passione. Non ho realizzato che il mio matrimonio era carente sino a quando non ho scoperto con l’altro, lati di me che ignoravo.
    E ho capito che potevo essere una persona diversa,e questa persona, mi piace.
    @Franca nemmeno io sono più una moglie. Non porto la fede da anni,non me la sento.
    Sono mamma ormai di due giovani donne. E grazie a lui,sono donna come mai avrei creduto di poter essere.
    Consapevole che quello che ci è accaduto è stato uno dei più bei doni che la vita ci ha fatto.

  • Franca, 13 Gennaio 2019 @ 10:31 Rispondi

    Grazie Rosa per avermi risposto. In effetti credo che il nostro percorso sia molto simile e anche i profili dei nostri mariti. Penso anche io che mio marito, come il tuo, non voglia affrontare la questione per paura delle conseguenze. Almeno per ora. Io nel frattempo, approfittando di questo (lo so sono meschina) vado avanti come madre e come amante. Come moglie oramai valgo praticamente zero.
    E come te, tante volte spero che mio marito possa incontrare una donna che gli faccia provare la passione, il trasporto, il tumulto che provo io per il mio amante. Forse cosi un giorno ne potremmo davvero parlare, potrebbe capire, ma non so se è capace di provare sentimenti così forti. Lui è stato sempre così…controllato…ed io ero giovane, immatura quando ci siamo sposati…non mi sono resa conto che mancava tanto nel nostro rapporto. Forse questo è il motivo per cui non lo amo più. Non potevo mettere sempre tutto io nella nostra storia e ad un certo punto ho allentato.
    Ma al di là dei buchi enormi nel rapporto con mio mio marito io sento che devo stare ancora qui con loro per la serenità dei miei piccoli.
    Spero però di trovare la forza, quando loro saranno pronti, per ritrovare il mio spazio. Con o senza il mio amante che è una persona importante per me e a lui devo tanto come donna.
    So che mi ama, so che non mi vorrebbe perdere. Lui, come hai scritto tu e perciò mi ha colpito il tuo intervento, dice che ha finalmente trovato la sua compagna di vita ma chissà se ci riusciremo mai a stare veramente insieme.
    Tuttavia, nonostante le sofferenze e l’incertezza sul futuro, pure io rifarei tutto perchè certi passaggi, certi incontri sono obbligati per raggiungere le proprie consapevolezze e non vanno mai rinnegati.

    • alessandro pellizzari, 13 Gennaio 2019 @ 14:20 Rispondi

      Non sei
      Meschina

    • Ariel, 13 Gennaio 2019 @ 15:12 Rispondi

      Cara Franca non giudicarti mai e soprattutto NON SEI AFFATTO MESCHINA!!!!!
      Nessuno PUÒ GIUDICARE nessuno perché solo tu sai ciò che è meglio per te stessa perché sei tu che vivi la tua situazione personale.
      La mia Sensazione resta la stessa e cioè che sei Una VERA SUPERDONNA che è in RICERCA di se stessa e col cuore in tutte le sue sfumature e cioè,in mano,aperto,a pezzi,pieno di gioia,di autocritica,insomma ciò che hai scritto in ultimo passaggio del tuo post qui è la Dimostrazione della verità Universale per chiunque che ogni ESPERIENZA ci porta un DONO NASCOSTO
      Qualcosa che abbiamo ancora da scoprire per conoscere noi stessi
      E quindi Mai PENTIRSI CRITICARSI per AVER FATTO LE PROPRIE SCELTE perché SONO D’ACCORDISSIMO
      OGNI INCONTRO PORTA UNA CHIAVE IMPORTANTE PER MOSTRARCI QUALCOSA CHE ABBIAMO BISOGNO DI APPRENDERE.
      BUONA RICERCA,TUTTI SIAMO IN RICERCA ,MA NON TI CREDERE CHE SIA COSÌ COMUNE AVERE LA TUA SENSIBILITÀ E CAPACITÀ INTROSPETTIVA!

      • Franca, 13 Gennaio 2019 @ 15:34 Rispondi

        Grazie per il vostro supporto. Grazie Ariel e Alessandro

  • Rosa, 13 Gennaio 2019 @ 09:20 Rispondi

    Franca, ho lettto ora le tue domande.
    Si, sono io. Alcune mi confondono con Rosy credo.
    È una vita che sprofondo e ritorno a galla.
    Abbiamo provato in tutti i modi a soffocare questo grande amore che non vuol morire.
    Noi il codice del silenzio lo abbiamo applicato per ben 10 anni! Solo sms di auguri alle feste comandate.
    Con il risultato che alla prima occasione tutto è tornato come prima.
    Anzi più di prima, perché posso dire per certo che nella maturità i sentimenti si amplificano.

    • Samanta, 13 Gennaio 2019 @ 17:39 Rispondi

      Rosa…come già scritto qui un’ altra volta :dieci anni anche noi..e poi altri 4…aempre io a fuggire e lui alla fine ad accettare la fuga e il mio no contact. Ma da un anno e mezzo siamo di nuovo insieme. Conosciuto a 18 anni..un breve flirt e poi ritrovati (sposati e poi subito dopo io separata) e a tante età . Che altro aggiungere…..

  • Rosa, 13 Gennaio 2019 @ 09:08 Rispondi

    Franca, vivo la tua stessa situazione di coppia, credo.
    Ormai lontani anni luce, ci siamo spenti.
    Sono io che mi sono allontanata , avendo da molti anni l altra persona nel cuore, a lui va bene così, o meglio credo che abbia timore di sollevare l’argomento, per paura delle conseguenze.
    Perché credo che qualcosa abbia intuito ma fa finta si niente.
    So per certo che se gli dicessi che non lo amo più mi lascerebbe libera di proseguire il mio cammino senza sceneggiate.
    Come dici tu, tra noi è tutto molto civile. Sin troppo.
    E quì arrivo io. Con il mio non saper cosa fare a questo punto della vita, dove, con i figli ormai grandi, i nipoti, e la prospettiva della vecchiaia, mi chiedo che senso abbia sconvolgere l’esistenza di una persona (mio marito)per un qualcosa che non sarà mai.
    Vorrei che si capisse che il mio non è un calcolo di convenienza, sono economicamente autosufficiente.
    E nemmeno è un ragionamento del tipo: non lascio perché sarei sola. La solitudine non mi spaventa, anzi se non altro potrei smettere di fingere e mentire.
    La cosa che in questo momento mi farebbe più felice, sarebbe che mio marito mi dicesse che ha incontrato una persona.
    Mi rendo conto di avergli fatto vivere una vita priva di emozioni, e avendo provato cosa significa veramente passione, sintonia e complicità, è quello che gli augurerei sinceramente di trovare.
    Per questo dico non c’è la scelta giusta per chi ne fa una questione di coscienza .
    Qualcuno adesso dirà che la scelta giusta è non tradire.
    Io dico solo che , nonostante tutto, per quello che ho provato e che diversamente non avrei potuto vivere, perché nella mia coppia ufficiale la passione non si è spenta, ma non c’è mai stata, rifarei tutto daccapo.

    • Verdeazzurra, 13 Gennaio 2019 @ 09:29 Rispondi

      Se tuo marito avesse sofferto dell’assenza di passione, avrebbe fatto qualcosa per averla, magari cercandola con te (sembra non lo abbia mai fatto), o magari come te cercandola fuori dal matrimonio.
      Credo che ci siano persone incapaci di vivere la passione, o disinteressate.
      Il mio ex marito era così. Era la cosa di cui più soffrivo.
      Quindi non credo che dovresti sentirti in colpa per averlo privato di una vita con passione: la scelta stava in capo a lui, e lui ha scelto.
      Questa è la mia sensazione

    • confusa, 13 Gennaio 2019 @ 11:32 Rispondi

      Però scusa Rosa non sarebbe stato più corretto lasciare tuo marito tanti anni fa e dargli la possibilità di rifarsi una vita con una donna accanto che non solo gli volesse bene ma lo amasse?

  • Rosa, 12 Gennaio 2019 @ 14:47 Rispondi

    Franca, ma che alibi e alibi. Condivido puenamete la tua posizione ed ho fatto come te in passato.
    Perchè invece chi in nome della sincerità , onestà, rettitidine etc etc antepone la sua felicità a quella dei propri figli?
    Perché diciamocelo chiaramente, se non ci sono litigi continui, i figli, i genitori lu vogliono vedere insieme.
    Quì nessuno è migliore di altri. Non esiste la scelta giusta, purtroppo.

    • Franca, 12 Gennaio 2019 @ 23:21 Rispondi

      Rosa, mi pare di aver letto la tua storia. Temo però di confonderla con quella di un’altra donna che scrive qui e ha il tuo stesso nome. Sei la Rosa che hai parlato di amore di una vita, di compagno anzichè amante? Se si…il tuo intervento mi ha molto colpito. E vorrei chiederti…ma siete ancora insieme? E da quanto? Come fai a far quadrare tutto senza sprofondare periodicamente?
      Come ha scritto Oldplum, anche io spesso penso che lasciar andare sarebbe più facile che trattenere. Ma per ora non ci penso proprio a lasciarlo andare…forse perchè non ci credo davvero che sia più facile stare senza di lui.
      Chissà…

  • Franca, 12 Gennaio 2019 @ 13:53 Rispondi

    Io cmq voglio dire una cosa in quanto madre. Ci sono giorni in cui il mio amante mi manca e mi sento triste, svuotata e vorrei che fosse con me anche solo per parlarci. È una brutta sensazione, che ti permette di vivere…certo…ma è una brutta sensazione. Quando è così, lascerei tutto e me ne andrei per liberare finalmente il mio cuore che sembra stretto in una morsa. Poi mi fermo e penso che se dovessi ora separarmi da mio marito i miei figli potrebbe provare la stessa cosa, la stessa sensazione. Potrebbero soffrire cosi e desiderare in certi momenti di avere me accanto ma non ci sono, o di avere il padre ma non c’è. E mi dico…posso mai sottoporli a questo dolore subdolo che ti fa andare sì avanti ma così a fatica? Loro che sono così piccoli?
    Ecco perchè mi fermo.
    Perchè io e mio marito siamo ormai una coppia morta ma siamo bravi genitori e i miei figli sono felici. Non capirebbero…sentirebbero solo la mancanza di avere genitori part time.
    Questo è il mio alibi.
    So che molti pensano che siano scuse, ma questa è la mia realtà.

    • alessandro pellizzari, 12 Gennaio 2019 @ 14:20 Rispondi

      Una madre non può che pensare prima i figli altrimenti non sarebbe madre. Nessun alibi, sei la leonessa che protegge la tana

    • Oldplum, 12 Gennaio 2019 @ 14:48 Rispondi

      Hai ragione. Il problema è che il tuo cuore non è lì. Se tuo marito lo sapesse, sarebbe cosi felice?
      Dei figli non parlo. Anche se, ti assicuro, ad un certo punto se ne accorgono. Anche se non ci sono litigate. Si percepisce. E fanno domande. Le domande che hanno convinto me a separarmi.

      • Franca, 12 Gennaio 2019 @ 15:23 Rispondi

        no…il mio cuore in parte è li, è diviso a metà tra figli e amante. Per mio marito c’è solo affetto. Lui questo oramai lo ha capito, lui non è felice proprio come non lo sono io. Come coppia non siamo felici ma è un uomo e gli uomini sono più bravi di noi donne a mantenere fede alla scena esteriore della loro vita. Non mi chiede nulla, non mi pressa su niente, mi lascia libera e so che ha capito che oramai sono lontana. Sotto questo punto di vista non riesco a capire se il nostro rapporto è troppo civile o è privo di amore da entrambe le parti.
        E, come dici tu, so che prima o poi i miei figli lo capiranno e mi chiederanno ma immagino ci voglia ancora un pò di tempo.
        Quando arriverà questo momento vorrà dire che i tempi sono maturi per intraprendere altre strade.
        Ammiro il tuo coraggio e la tua decisione. Sei una persona forte e determinata. Posso chiederti che età hanno i tuoi figli?

        • Oldplum, 12 Gennaio 2019 @ 18:27 Rispondi

          Il più piccolo 8

        • Luce, 12 Gennaio 2019 @ 19:07 Rispondi

          Anche io aspetto la risposta di @oldplum!!!
          Ti posso dire che I miei figli si sono accorti già quando tentavamo un recupero (poi fallito…che per me non serviva nemmeno affrontare).
          in maniera delicata abbiamo accennato che tra mamma e papà non c’è più tanta brace dell’amore.
          Il maschio 13aa butta la polvere sotto il tappeto, però saggiamente ha detto che l’amore non si comanda.
          La bambina, che di anni ne ha 11 ha chiaramente detto che non devo essere triste io per far felici loro. È lei che ci convoca a rapporto ( a volte con le lacrime )e con una maturità che non ha uguali ci ha detto che Se quella è la direzione, si va. Non siamo né i primi ne’ gli ultimi figli di genitori divorziati ( così dice)
          L’atmosfera in casa non è litigiosa, ma è come di .., attesa… non so… di decisioni da prendere…

          Abbiamo già fatto un’incontro a 4 con la psicoterapeuta e ci ha detto che ha trovato due bambini molto maturi e sereni, che hanno ricevuto e ricevono molto amore e attenzioni. I bambini vogliono essere rassicurati sul futuro, non vogliono l’ignoto, vogliono risposte ai loro dubbi.

          Certo è che bisogna passare attraverso la sofferenza per una rinascita di tutti. Facile da dire…

          Grazie Alessandro che ospitandoci qui , ci permetti un confronto diretto, sincero e onesto su argomenti così delicati ed importanti.
          Io non posso e non voglio parlarne con alcuno, se non con voi. E nessuno meglio di voi può esprimersi e ne ha il diritto, perché ci è dentro o ci è passato.
          Un abbraccio a tutti!!!

        • Ariel, 12 Gennaio 2019 @ 22:01 Rispondi

          ” Non mi chiede nulla, non mi pressa su niente, mi lascia libera e so che ha capito che oramai sono lontana. Sotto questo punto di vista non riesco a capire se il nostro rapporto è troppo civile o è privo di amore da entrambe le parti.”

          Credo che le tue parole contengano le risposte che cerchi…
          a volte scrivere e rileggere aiuta molto a trovare proprio quello che si ha bisogno trovare ,e non sempre coincide con ciò che appare così certo nel proprio presente a volte si scrive sapendo andare oltre a ciò che appare come ormai scontato….

          secondo me sei in ricerca di ciò che veramente senti per tuo marito ,
          un uomo che non ti pressa e che tu stessa dici ti lascia libera
          questo sa tanto di qualcosa di più di un affetto o di una apparenza civile
          caspita ,scusa sai ma che cosa è Amare se non questo lasciare la libertà
          ! quanti uomini sono capaci di questo?
          e lui lo sa che stai con un altro cioè glielo hai detto chiaramente confidandoti con lui?
          penso che la chiarezza in te stessa è ciò che stai cercando e credo che parlare a cuore aperto con tuo marito potrebbe aiutarvi tutti a partire da te stessa e i tuoi piccoli.
          buone riflessioni ,è solo un mio modesto pensiero chiaro che non vuole essere nulla più che esprimerti ciò che percepisco dalle tue parole.
          un abbraccio!

    • Ariel, 12 Gennaio 2019 @ 15:03 Rispondi

      Cara Franca apprezzo moltissimo la tua difesa dei tuoi figli e lungi da me dal poter esprimere non solo un giudizio ,ma,ci tengo a sottolineare che si tratta soltanto di una mia sensazione relativa e quindi in quanto tale ,potrei non capire nulla e sta chiaro che soltanto chi vive le proprie esperienze sa cosa significa e sa bene cosa fare.
      Ok detto questo ,ecco da ciò che hai scritto ,percepisco una tua riflessione più profonda qualcosa che magari sta nascosto ,ma,
      Non so ,credo che tu stia cercando pure di trovare un modo per
      Chissá trovare un nuovo modo di relazionare con tuo marito
      Si ok hai scritto che non senti più la vostra coppia ,ma,
      Credo che tu sia comunque in una fase perlomeno di riflessione
      Il tuo dichiarato bisogno ,avolte,di fuggire da tutto
      Esprime questa voglia di riflettere meglio ascoltando meglio le tue vere sensazioni
      Sai che i popoli primitivi avevano una ottima tradizione
      E cioè quella di ” ritirarsi da soli nella foresta” quando si sentivano in crisi soffocare dai problemi ,avevano il giusto bisogno di ritirarsi
      Per” ASCOLTARE CON IL CERVELLO IL LORO ANTICO VERO CUORE”
      BUONA RICERCA!!!!!!!
      E che ogni BENE SIA CON TE PER TE E I TUOI PICCOLI!!!!!
      LEONESSA TENERA,MA,FORTE!!!!!!

    • Ema, 12 Gennaio 2019 @ 16:26 Rispondi

      Però tu Franca se non ricordo male con tuo marito sei stata chiara, o sbaglio? È questa la differenza sostanziale secondo me. L’onestá

    • LEI, 14 Gennaio 2019 @ 12:10 Rispondi

      Franca io ti capisco benissimo, e capisco il mio amante quando pensa alle figlie. Ma mi dà fastidio quando difende la debolezza della sua compagna. Ergo, o per le figlie o per la compagna, non cambierà nulla.

  • Ema, 12 Gennaio 2019 @ 13:52 Rispondi

    Il problema è che se i modi diretti e schietti li usiamo verso chi ci fa soffrire van bene e non andiamo per il sottile anche se sono giudizi. Se li usiamo verso noi stessi parte in causa li vediamo come un attacco e dobbiamo usare modi e toni più soft.
    Nessuno è sotto attacco. Ci si confronta per aprire la mente e lo sguardo sulle diverse dinamiche. Chi giudica chi? Io? Che ho sfasciato la mia famiglia? Che ho tolto fisicamente un padre a mio figlio? Che poi si sia tolto lui emotivamente è un altro paio di maniche.?io che mi son fatta prenderne per bene per il di dietro? Che ho fatto l’amante? No di certo.
    Però state sereni e aperti al confronto anche a quello che non vi piace.

    • alessandro pellizzari, 12 Gennaio 2019 @ 14:18 Rispondi

      Leggiti anzi adesso la ripubblico apposta la crocerossina e l’inquisitrice cosi magari smettete di fustigarvi per colpe che non avete

      • Ema, 12 Gennaio 2019 @ 16:24 Rispondi

        Ma io non mi sto fustigando. Ho solo ad oggi ironicamente elencato quelli che possono essere considerati errori nel momento in cui li vivi ma che una volta rinsavita ti rendi conto che sono solo un percorso di vita che ti ha formato e fatto crescere. Era per sottolineare che proprio perché in prima persona ho dato, non sto giudicando nessuno. Solo semplicemente diretta.
        Però me lo rileggo volentieri che ripassare ogni tanto fa sempre bene

  • Anonimo, 12 Gennaio 2019 @ 11:32 Rispondi

    Condivido al quadrato tutto ciò che dice Franca!!!!

  • Franca, 11 Gennaio 2019 @ 19:02 Rispondi

    Ema io capisco perfettamente quello che tu vuoi dire. Quanto hai esposto nel post precedente non fa una piega solo che i modi spesso fanno la differenza. Siamo liberi di esprimere le nostre opinioni ma penso che quando lo facciamo dovremmo essere attenti a non scadere in giudizi o etichette varie. Perche qui tanti stanno male, vuoi per amore o per dipendenza…qui tanti stanno male. Impantanati in situazioni difficili. C’è poi chi è riuscito a trovare una via d’uscita dignitosa per essere fedele alla propria verità interna e ai propri sentimenti. Ehhhh…invidio chi ce l’ha fatta, invidio il loro coraggio. È ciò che dovremmo fare tutti ma ognuno ha i suoi tempi. Nel frattempo saremo pure disonesti, delle merde, e non ci possiamo permettere di parlare di amore perchè l’amore non è tenere il piede in 2 scarpe, lo sappiamo, lo so. Personalmemte mi hanno colpito diversi interventi oggi e che dire..purtroppo non esistono verità assolute.
    Purtroppo non esiste lo stesso modo di uscirne per tutti e finchè non lo si trova si diventa essere miserabili.
    Grazie sempre per il confronto.

    • Verdeazzurra, 11 Gennaio 2019 @ 20:17 Rispondi

      Si Franca, è proprio così, condivido.
      Valutate, offrire uno sguardo esterno, un.punto di vista diverso sì, ma giudicare non si può

    • Anonimo, 11 Gennaio 2019 @ 21:23 Rispondi

      Standing ovation for you

    • Oldplum, 11 Gennaio 2019 @ 22:26 Rispondi

      La verità , se siamo sincere sincere con noi stesse, è che i paletti li mette la parte maschile. Perché dicesse ” ho deciso di separarmi voglio valutare una vita con te” non ci metteremmo molto a far cadere tutti gli alibi che ci costruiamo per andare a ruota sua e giustificare la situazione.

      • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2019 @ 23:46 Rispondi

        Molto vero

      • Franca, 12 Gennaio 2019 @ 08:20 Rispondi

        Nella maggior parte delle situazioni è proprio cosi, è vero.
        Non a caso siamo tutte donne a parlarne e a disperarci qui nel blog mentre gli uomini si esprimono raramente. Questo non vuol dire che tutte le donne che soffrono qui provano amore vero mentre tutti gli uomini sono dei mascalzoni che di amore non sanno nulla e si nascondono dietro l’alibi dei figli. Non riesco a pensarla in maniera così netta.
        C’è secondo me, ma questo ovviamente è solo la mia modesta opinione, un gap da parte di entrambi i generi. Da una parte noi donne che piangiamo anche quando un uomo ci ha palesemente trattato male, usato solo per il sesso, non ci ha mai mostrato sentimento alcuno (eppure noi lo piangiamo e ci chiediamo perchè e per come), dall’altra gli uomini sono sempre descritti come spietati egoisti approfittatori e limitati nel provare sentimenti o prendere decisioni. Com’è possibike? A me di questa dinamica così comune e ripetitiva qualcosa non convince da entrambe le parti.
        Ma al di là di queste considerazioni i paletti li mette l’uomo e noi li accettiamo creandoci alibi? Ok mettiamola così e diciamo che è vero…questo però non ci rende persone meno degne di chi i paletti non li ha accettati.

        • alessandro pellizzari, 12 Gennaio 2019 @ 11:07 Rispondi

          Beh qui si parla di guai e di storie con problemi, quindi io scrivo giocoforza degli uomini peggiori e dei comportamenti peggiori. Anch’io non penso che siamo tutti così noi maschi, è ovvio. Non a caso cito l’avvocato matrimonialista per cercare di dare dei numeri anche sul fronte gentiluomini quando scrivo che il 10% dei nuovi matrimoni sono rappresentati da ex amanti. Pochi? Evidentemente fra cialtroni, millantatori, bugiardi e uomini che non decidono mai nel popolo degli amanti la maggioranza non è delle migliori, fatto la tara di quelli che sinceri dicono da subito io non lascerò mai la mia famiglia o i miei figli. Ecco perché sto scrivendo l’ultimo profilo che si intitola il vigliacco

          • Oldplum, 12 Gennaio 2019 @ 12:00

            Il vigliacco. Esatto. Anche se il vigliacco, diciamocelo, sarà in grado di amare? O è solo un egoista anocentrico che ama sopratutto il suo morbido sedere?

          • alessandro pellizzari, 12 Gennaio 2019 @ 12:24

            La risposta a questa domanda è: servirebbe saperlo? Qualcuno ha detto: vincere una battaglia è inutile se poi perdi la guerra

          • Giusy, 12 Gennaio 2019 @ 14:26

            Bella lì!..ridooooo….grazie..avermi fatto ridere!!

          • Franca, 12 Gennaio 2019 @ 13:38

            Si Alessandro e fai bene a scrivere. La mia è una riflessione più generale, va al di là dei tuoi articoli. Oramai mi conoscete da tempo e sapete che io cerco sempre di darmi spiegazioni che vanno oltre il caso contingente.

        • Oldplum, 12 Gennaio 2019 @ 12:06 Rispondi

          Meno degne no. Più deboli si però.

          • Franca, 12 Gennaio 2019 @ 13:35

            Si certo… piu deboli.
            Anche perchè uno che non è debole in certe situazioni non ci si ficca proprio o se ne esce subito o non ci perde la testa più di tanto.
            E questo il problema vero da risolvere…la debolezza. E non è cosa semplice.
            Resta cmq il fatto che chi evidenzia in maniera sprezzante le debolezze degli altri ha esso stesso un problema a mio parere. Ma questo lo penso in generale senza fare riferimento specifico a quanto ci diciamo qui.

          • Oldplum, 12 Gennaio 2019 @ 14:45

            Ma non è, almeno nel mio caso, sprezzo.. è una considerazione oggettiva. Ci vuole molta meno fatica a lasciar andare che a trattenere

  • Ema, 11 Gennaio 2019 @ 13:07 Rispondi

    Se Alessandro me lo permetti …
    And ne approfitto qui per rispondere ad una tua risposta particolarmente piccata ad un mio commento (non ricordo su quale post di Alessandro) in merito al giudizio che avrei dato su dinamiche complicate che non conosco in rif. a separazioni con figli minori.
    Tolto che non volevo offendere nessuno, ma mi sembra banale sottolinearlo, vorrei solo informarti che mi sono separata quando mio figlio aveva due anni dopo 10 anni di matrimonio. Nessun tradimento e/o amante da entrambe le parti, nessuna guerra dei Roses in casa, separazione da me voluta senza il suo consenso.
    Semplicemente non eravamo felici, e probabilmente avevamo un concetto diverso di stare in coppia, in famiglia.
    Quindi sulla complessità delle dinamiche che si scatenano a seguito di una separazione non consensuale qualcosa ne so.
    Detto questo ribadisco il mio pensiero.
    Stare a casa se non ho l’amante pronta ad accogliermi senza tentare un vero recupero in famiglia lo trovo, per quanto comprensibile, molto triste e da vigliacchi. È La ciliegina sulla torta della mancanza di rispetto verso chi a casa ti sta aspettando (sempre che invece non si stia facendo i fatti suoi pure lei/lui).
    E dire Uscirei solo se ci fosse l’amante che mi accoglie giustificandosi con “farei soffrire un adulto ma mio figlio un po’ meno perché io sarei felice e riuscirei a stargli vicino in maniera più sana”, lo trovo poco onesto.

    Sarò strana io, vivilo come un giudizio, ma dal mio punto di vista, solo mio, se ne esce sconfitti in partenza così come la metti tu.
    Se non esci causa la mancanza dell’amante
    O stai a casa e ci provi davvero
    O Stai a casa per convenienza ma metti l’altro a conoscenza per trovare una quadra insieme

    Se invece vuoi salvare capra e cavoli (stare in casa in attesa di vedere come va con l’amante) in attesa di tempi migliori ci sta, fallo, ma non nascondiamoci dietro i figli per favore
    Scusate la lungaggine

  • anonimo, 11 Gennaio 2019 @ 11:21 Rispondi

    ci sono stato ieri sera Alessandro…non ritornerò più…ma che stronzate…cercare di andare a infilarsi nell’infanzia e nel passato per provare a distruggere e a dare una definizione medica a un qualcosa che è semplicemente amore…

    ma andasse a quel paese…

    • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2019 @ 11:24 Rispondi

      Certo che se ci vai e non ci credi o non consideri l’esoerto All’altezza cambialo. Non si smette l’antibiotico quando l’infezione è in corso

      • anonimo, 11 Gennaio 2019 @ 12:35 Rispondi

        ne proverò un altro…ma credo al primo incontro a cercare di andare nel passato e nell’infanzia sia troppo scontato…o no?…

        • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2019 @ 16:15 Rispondi

          Ti ha risposto lei

    • LEI, 11 Gennaio 2019 @ 12:32 Rispondi

      E no, ti sbagli! Questa è una profonda insicurezza di fondo. Alcune scuole di psicologia (non tutte) scavano a fondo nei rapporti della primissima infanzia, perché i nostri vissuti di attaccamento alla principale figura di riferimento, la madre, ci condizioneranno per il resto della nostra vita.
      Solo la consapevolezza di queste dinamiche, ci fa capire perché ci comportiamo in un determinato modo nelle relazioni fondamentali e ci dà la possibilità di correggere certe storture.
      L’amore “sano” non ha bisogno di conferme quotidiane, l’amore “sano” ti fa vivere una vita dove l’oggetto del tuo amore è solo una componente. Il resto è fatto di lavoro, amicizie, hobbies ecc…

      • Verdeazzurra, 11 Gennaio 2019 @ 16:50 Rispondi

        Posso confermare che è esattamente così.
        Io mi sono liberata di due relazioni tossiche (mio marito prima, un altro uomo dopo) quando ho capito perché restavo in quel tipo di prigioni e anzi me le cercavo.
        Ho notevolmente ridotto la sofferenza, sempre di più, e ho capito che scelte fare per stare meglio.
        Il terapeuta non ti dice cosa fare, ma ti mette nelle condizioni di capire cosa è meglio per te e farlo. Solo tu lo sai, ma devi essere lucido e incondizionato per rendertene conto.
        Ho messo ordine nei miei rapporti famigliari, ho recuperato una mia identità più indipendente e sono rinata. A 50 anni.
        I miei rapporti umani sono diventati bellissimi, perché privi di tare e condizionamenti, e ho imparato ad amarmi (mia madre non me l’ha insegnato, tutto nasceva da lì) e a scegliere.
        Certo ci sono ancora le scorie che mi ha lasciato la seconda storia, come a volte racconto qui, ma si stanno consumando velocemente e non mi bloccano più.
        L’unica cosa che mi manca è riuscire a innamorarmi ancora, ma sento che ci sono vicina.
        Ognuno ha il suo “pattern”, questo è il mio, ma la famiglia sta alla base del modo in cui viviamo le relazioni, questo l’ho sperimentato sulla mia pelle.

      • KK, 11 Gennaio 2019 @ 17:14 Rispondi

        E’ verissimo. Anche a me ha iniziato scavando nell’infanzia, ma diciamo che il quadro ce lo avevo ben chiaro già prima di andarci, ho avuto solo conferme. Questa sorta di dipendenza affettiva che provo verso questa persona ha radici profonde, nel rapporto con mio padre. Ho sposato una persona che è l’opposto di mio padre perchè inconsciamente cercavo sicurezza, ma purtroppo sono attratta da una persona che mi ricorda molto mio padre… è lunga come storia ma comunque è per dirvi che è vero che bisogna scavare nella nostra storia e nel nostro vissuto per capire i nostri atteggiamenti odierni.

        • Anonimo, 12 Gennaio 2019 @ 09:23 Rispondi

          Ok io non ne ho bisogno…lo so bene…ora lo smantello io…questa dipendenza…respiro profondo e lo dico:

          Proprio come mia madre non mi ama come io avrei voluto mi amasse…cazzzzoooo

          Non mi ama come si ama quando si Ama

          Non è niente…passa…tutto passa

          Arrivo chiodiiiiii

          • Oldplum, 12 Gennaio 2019 @ 12:05

            Secondo me se i chiodi li cerchi e non li fai semplicemente capitare sono solo un sintomo di dipendenza dall’ex. È come prendere la tachipirina per curare una polmonite. Non funziona. Lei sapendolo ti vedrà come un mascalzone inaffidabile dicendosi che ha fatto bene a non lasciare la famiglia e tu non trarrai alcun giovamento. L’unico modo è staccare sul serio e pensare a se a star bene anche da soli. Quando accadrà entrerà qualcuno nella tua vita di importante. Prima solo storielle che ti faranno solo star peggio. La serenità è molto più stabile della felicità.

          • alessandro pellizzari, 12 Gennaio 2019 @ 12:25

            Niente di quello che farete per rinascere deve essere una ripicca o una risposta al passato. Deve essere qualcosa che volete e vi fa bene. Altrimenti anche nella libertà riproducete la vecchis schiavitu

          • Anonimo, 12 Gennaio 2019 @ 12:35

            Grazie delle risposte…semplicemente in questi mesi mi capitavano e non ho fatto nulla…

  • and, 11 Gennaio 2019 @ 11:13 Rispondi

    Ho un serio problema. Non riesco a gestire il tempo nella sua assenza. Non conta quello che mi ha detto l’ultima volta, non conta se mi ha dato una conferma del suo sentimento. A me bastano tot ore che non la sento per cadere in paranoia. Complice il fatto che ci siamo visti solo una volta da quando è tornata e che sono in attesa di rivederla per “parlare” meglio di tante cose.
    Esempio concreto: oggi è venerdi. l’ultima volta che mi ha detto che vuole stare con me? mercoledì’. l’ultima volta che abbiamo giocato a provocarci via chat. giovedi sera (eravamo entrambi soli a casa). L’ultima volta che ci siamo sentiti? ieri tardo pomeriggio.
    oggi non l’ho ancora sentita. nè un buongiorno né niente, e sono in paranoia totale. Non riesco a fare nulla. N u l l a.
    Io non sto bene.

    • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2019 @ 11:15 Rispondi

      Aspetta ancora un po’ a contattare un terapeuta mi raccomando! Ma perché noi uomini aspettiamo di essere da ricovero per andare dal medico?

      • and, 11 Gennaio 2019 @ 11:16 Rispondi

        Vado dal terapeuta già da tempo.

        • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2019 @ 11:18 Rispondi

          E funziona?

  • hara, 10 Gennaio 2019 @ 10:05 Rispondi

    Scusatemi se chiedo non voglio giudicare le altre situazioni è soltanto perché in questi giorni che lui è in vacanza con la famiglia sto lasciando in giro sui social traccia di quello che faccio per farlo ingelosire, ma se non serve evito di perder tempo a pubblicare

    • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2019 @ 12:34 Rispondi

      L’amore vero non ha bisogno di stratagemmi

      • hara, 10 Gennaio 2019 @ 12:47 Rispondi

        grazie @alessandro, lui quando ci siamo risentiti ha detto che quello gli manca principalmente è il sesso ma poi non ha fatto nulla di concreto in tale direzione. Questo mi ha stranito, ma evidentemente neanche quello gli manca così tanto! io si forse mi sono innamorata ma mi rendo perfettamente conto delle circostanze, anche in fondo dell’inutilità di tante cose, prima di ogni messaggio di ogni gesto o eventuale contatto mi sono sempre chiesta: “servirebbe?” “e a cosa”? quindi ho sempre desisitito chi mi vuole mi cerca son qui. Poi mi son lasciata illudere dalle sue parole nel periodo natalizio ma si supera è il minimo della pena credo!
        grazie per questo blog

        • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2019 @ 16:05 Rispondi

          Grazie a te

        • Annaura, 10 Gennaio 2019 @ 17:27 Rispondi

          Hara… ma a te basta un uomo che ti dice e sai che la cosa che gli manca principalmente è il sesso?… Uno così puoi farlo ingelosire quanto vuoi che non serva a nulla.. e poi come dice Alessandro…in amore non servono stratagemmi..l’amore è semplice

          • Giusy, 10 Gennaio 2019 @ 21:05

            Davvero concordo con te Annaura e con Alessandro..e mi viene di pensare:”Ma che tristezza!”..ma come ci si svaluta per uomini che non valgono una cicca masticata!!!..ma quanta vita e tempo sprecati invece!!!!.

            ….ma donne uscite: TRUCCO E PARRUCCO E, andare a ballare!!!…. chiudete sto diavolo di FACEBOOK…questo stato di controllo permanente, questa prigione in cui vi relegate da sole!..ma che se ne stessero pure con le loro amate mogli, si meritano a vicenda!..quasi invece vi fanno pena …poverini…non vanno d’accordo…e beh? Cavoli loro !

            ….ma che gusto c’e a vivere così nello stare a rodersi? .. davvero.c’ e’ da arrabbiarsi!.. davvero non capisco!..anche a me è successo di innamorarmi di un uomo sposato….ma quando poi ho sofferto..ho anche cercato di fare evolvere la mia vita…verso qualcosa di positivo…di migliorarla.

            ..e poi inutile corrergli dietro….questa regola vale sempre…ignorarli invece … totalmente….

          • hara, 11 Gennaio 2019 @ 09:46

            Buongiorno
            @Annamaura Mi rendo conto che può essere svilente accettare di frequentare un uomo solo per il sesso ma vi assicuro che ero pronta alla delusione perché in ogni caso la persona che ho frequentato non mi frequentava solo per quello e quindi, il confronto dell’eventuale ritorno con il passato, sarebbe stato doloroso. Non aveva comunque altra scelta: francamente innamorata o meno gli avrei riso in faccia se si fosse permesso di dirmi che mi ama a prescindere che ciò sia vero o meno. A lui manca il sesso e le risate a me manca la condivisione del quotidiano, mi manca la certezza che c’è e poi il sesso e le risate.
            Sono comunque dell’idea che se un uomo, che vuole solo portarti a letto ti piace, dal punto di vista puramente sessuale, la prospettiva più utile potrebbe essere diversa da quella di volerlo conquistare.
            @Giusy Quanto ai post per farlo ingelosire non faccio altro che pubblicare quello che faccio, non è mia abitudine e difatti mi son già annoiata, ma funziona …posso dire che funziona, forse perché lui sa che non pubblico sciocchezze. che poi ho messo su un paio di tramonti due aperitivi insomma le cose normali, del viaggio di Natale ad esempio io non ho pubblicato nulla lui sa però che mi sono divertita un sacco …non sa della gastroenterite che mi son beccata 😀 😀 ma del resto non fa il medico non vedo perché dirglielo 😀
            a ballare sono andata, e finalmente con i miei capelli senza parrucca 😉 , sul trucco non ho ecceduto perchè solitamente non ne uso molto ma il pr del locale mi ha invitata a cena e ha solo 13 anni meno di me!! 🙂
            uscite a parte io non lo so se sto cercando di far evolvere la mia vita verso qualcosa di positivo il guiao è che io stavo bene così come stavo e questo suo tirarsi indietro lo ho subito e ci soffro ancora nonostante mi renda perfettamente conto che è sofferenza inutile.

    • Franca, 10 Gennaio 2019 @ 14:44 Rispondi

      Davvero non saprei cosa consigliarti.
      E ti invito ad una riflessione…lui e in vacanza con la famiglia e tu lasci sui sociali segnali per farlo ingelosire?
      No ragazze…l’amore non è questo.
      Assolutamente no.

      • Oldplum, 10 Gennaio 2019 @ 22:44 Rispondi

        Si. L’amore non è decisamente questo.
        Non è nemmeno tenere il piede in due scarpe e l’organo in due vagine, però. Non troppo a lungo, almeno.

      • LEI, 11 Gennaio 2019 @ 08:35 Rispondi

        Le vacanze in famiglia significano davvero poco, ve lo assicuro.
        Io faccio molte vacanze (anche solo week end) con mio marito e senza mio figlio (ormai non viene quasi più con noi), perché mi piace fare vacanza. Questo non vuol dire affatto che sono ancora innamorata di mio marito o che sto tentando di far ripartire la coppia. Vuol dire solo che non mi perdo nessuna occasione per andare in vacanza, indipendentemente da chi viene con me ah…ah…

        • hara,