person holding red heart balloon
Photo by cottonbro on Pexels.com

Un lettore si confessa in questa lettera che chiama Ore di volo

Se davvero hai amato la tua amante in una relazione durevole e sufficientemente assidua più di tua moglie, e se anche la tua amante ti ha dimostrato di essere il suo amore, non puoi non aver provato ad abbandonare casa tua.

E se non sei riuscito a lasciare tua moglie (per motivazioni diverse: età, figli, condivisioni e compatimenti vissuti, affetto da rapporto amicale, dipendenza sua verso di te…) non ha senso – se davvero ami la tua amante – continuare o sospendere la relazione e tornare dopo qualche tempo.

Non avrebbe significato anche se continui a pensarla in ogni istante delle tue giornate con l’Amore e il Desiderio per Lei (entrambi maiuscoli, sono a pari merito), perché rimane vivida la gioia delle felicità (licenza…poetica, ma reale per chi l’ha davvero provata) che avete vissuto insieme.

Così come non avrebbe senso lasciarla trasparire a colei che è rimasta accanto a te.

Continuo, ma sono quasi al termine: farai inoltre tenere e ricorrenti considerazioni su quanto sarebbe stato bello vivere con Lei altri momenti felici, ma rifletterai con la matura consapevolezza di chi sa che i Camel Trophy non sono eterni e che, invece, è la routine (anche se con Lei non l’hai conosciuta) a far parte della vita di tutti i giorni.

Ma saprai che Lei potrà cercarne diversi con altri, nonostante che questo ti renderà egoisticamente geloso. Ma non tornare per questo, lasciala andare

Le ore di volo sono finite.

Concludo con una metafora molto maschile ma efficace credo: è meglio farsi da parte quando sei Campione del Mondo, piuttosto che tornare in pista per cercare di fare (forse) il giro veloce: senza più essere, però, quello di una volta.

Francesco

Caro Francesco, grazie per la tua trasparenza. Si capisce che hai amato tanto, tantissimo ma, lasciatelo dire, non abbastanza. Perché quella che tu chiami matura consapevolezza non dovrebbe essere sufficiente per fermare un uomo davvero innamorato. Così come la routine, che annoia ma dà anche sicurezza alla maggior parte degli uomini e che ferma molte “rivoluzioni” dell’amore, non dovrebbe essere più forte dell’amore. L’amore vero per un’amante è certo adrenalina, Camel Trophy e quello che vuoi, ma non sono e non devono essere solo momenti, per quanto lunghi siano.

E le ore di volo in amore non finiscono mai, perché l’amore vero non è un aereo di linea, ma un’astronave diretta verso Venere. Sincerely yours

CARE RAGAZZE, COMMENTATE QUI DI SEGUITO LA LETTERA DI FRANCESCO. E CONTATTATEMI SE STATE SOFFRENDO, SE NON NE USCITE DA SOLE, SE VOLETE ANCHE SOLO UN CONSIGLIO. RISPONDO A TUTTE
Condividi:

875Commenti

  • elleelle, 11 Luglio 2022 @ 10:31 Rispondi

    @Rinascita
    Sai che ho pensato la stessa cosa? Che se avesse pagato per portarti fuori e tu avessi rifiutato le sue avances, la situazione sarebbe potuta degenerare.
    Se una persona se la prende così tanto e diventa offensiva senza che sia successo niente per anni, non è tutto a posto.

  • Rinascita, 11 Luglio 2022 @ 08:50 Rispondi

    Si ragazze ho riso un bel po’. D’altro canto non fregandomene una cippa l’ho buttata sul ridere. Lia probabilmente se il buzzurro avesse messo mano al portafoglio le avrei pure buscate….

  • Lia, 10 Luglio 2022 @ 18:32 Rispondi

    @Rinascita, un gran signore!
    È se tu avessi accettato l’invito senza poi dargliela, come avrebbe reagito?
    Rido…

  • elleelle, 10 Luglio 2022 @ 15:21 Rispondi

    @Rinascita
    Spero che tu ti sia fatta un bel po’ di risate, se non altro!

  • Ariel, 10 Luglio 2022 @ 14:38 Rispondi

    alessandro pellizzari, 8 Luglio 2022 @ 15:23Rispondi

    Anche io ho visto e ascoltato Crepet

    Eh si CaroAlessandro proprio vero che

    “ tutto il resto “

    Resta gioia!!!

    Ahah na battuta ,ma grande verità nelle tue frasi !

    Secondo Me Crepet certe volte viene da dirgli con massimo rispetto ,ben inteso,

    “ TERAPIA A STECCCA!!!”

    Ahahah
    Pardon sto ridanciana in mezzo al mondo che mi guarda e ride con me!!!
    Ahahah

    Evviva la gioia vera di un amore SANO E SEMPLICE A DUE SOLTANTO !,,

    Pare che funzioni almeno in ogni caso e cioè amore sano a due liberi resta comunque sano nel momento in cui non ci si trovasse più bene si riesce a segarsi veramente in modo più che civile e soprattutto definit no contatti al mi attacco alla canna del gas spacciandola eh ma perché voleva parlarmi dei figli ,del cane con le pulci e dei kili che come si fa a perderli

    Etc etc etc..

    Bonjour et Que sia sempre un NUOVO BON- JOUR!!!

  • Leilei, 10 Luglio 2022 @ 14:13 Rispondi

    Sylvia come nelle donne, anche negli uomini ci può essere una diversa propensione al sesso.
    Nel caso del mio amante, l’assecondare i periodi di astinenza della sua compagna, credo fosse una forma di “rispetto” verso i suoi ritmi, le sue “stanchezze”.
    Salvo poi scoprire che faceva la profumaia via chat.

  • Rinascita, 10 Luglio 2022 @ 13:24 Rispondi

    Luciana la carestia! D’altro canto visti i metodi di approccio non ha speranze!

  • luciana, 10 Luglio 2022 @ 10:22 Rispondi

    ciao @Rinascita! ma che signore questo qua! ma, secondo te, perche’ si e’ rifatto vivo dopo 15 anni? era arrivato al tuo nome nell’elenco e si e’ detto proviamo un po’, oppure cosa? Un abbraccio

  • Sylvia., 9 Luglio 2022 @ 22:41 Rispondi

    Volevo rivolgermi a Leilei. Sbagliato doppio acronimo. Sorry!

  • Dispersa, 9 Luglio 2022 @ 20:00 Rispondi

    @Ads il mio ex amante mi aveva detto la stessa cosa, che era meglio buttarsi sullo sport e sul lavoro, cosa che ha fatto, piuttosto che vivere così (il famoso ‘io sono diverso’).
    Sinceramente meglio saperlo così e non farmi troppe domande, ormai è andata e tornare indietro non ha più alcun senso.
    Anche nel mio compagno l’ho sempre visto come un bisogno, più che per amore, le cose sono cambiate dopo essere cambiata io, ma certe frasi non si dimenticano anche se lui continua a dirmi ‘fanno parte del passato’.

  • Dispersa, 9 Luglio 2022 @ 19:51 Rispondi

    @Cossora la risposta è ‘sempre lui’…

  • Rinascita, 9 Luglio 2022 @ 19:25 Rispondi

    Si ElleElle proprio lui. Tanti anni fa non mi aveva lasciato un brutto ricordo. Adesso è da TSO. Questi episodi funzionano anche da monito … quando le cose non evolvono forse c’è un perché. Lo vedi dopo, a posteriori, prima o poi ….

  • Sylvia, 9 Luglio 2022 @ 18:45 Rispondi

    Ellelle la certezza che non ci sia nessuno fuori ce l’ha soltanto il diretto interessato.

    Certo tutto è possibile ma poco probabile.

  • Leilei, 9 Luglio 2022 @ 17:35 Rispondi

    Sylvia spesso ho la sensazione che ragionate per stereotipi.
    Una persona a me molto vicina, racconta che il marito, intorno alla sessantina, la cerca raramente. Lei, parecchio più giovane, ne soffre molto, si sente trascurata. Non c’è nessun’altra fuori, ne abbiamo la certezza.
    Questo per dire che ci sono uomini a cui una volta a bimestre basta. Che non ne sentono la necessità.
    Perché non crederci?

  • Rinascita, 9 Luglio 2022 @ 16:47 Rispondi

    Ale nel corpo ha superato i 50 anni … di testa non ha oltrepassato i 13 evidentemente….

  • Titti, 9 Luglio 2022 @ 16:27 Rispondi

    @Grandissima sfig..ehm scusa.. Rinascita ..ahahahha..ma cosa ho appena letto??? Che tristezza..che disagio, come direbbe mio figlio. Grazie per le tue parole cara, fregarmi è stato facile perché ci conoscevamo da ragazzini. Per me lui era quel ragazzino lì, e invece è stato immondo, sì. Nulla lo ha fermato. E vabbè…sono andata oltre. Chi è fermo nel suo pantano è lui ( almeno credo, .. non ho notizie né le voglio..da mesi)

  • elleelle, 9 Luglio 2022 @ 16:17 Rispondi

    @Rinascita
    Era quello che non avrebbe badato a spese?
    Vedi, grazie a te adesso li potrà spendere dallo psicologo 😀

  • Rinascita, 9 Luglio 2022 @ 15:51 Rispondi

    Titti quando aggiungi dettagli della tua storia ho sempre due pensieri: il primo è che hai incontrato un immondo; il secondo, cavoli che legnata hai dato al suo ego impedendogli di rientrare nella tua vita. Puoi essere orgogliosa di te stessa, una grande lezione di dignità che non credo dimenticherà facilmente. Perché persone (uomini e donne) che si comportano come lui, devono avere una considerazione di se stessi così alta al punto da ritenere che quando hanno il “coraggio” di tornare, quando ci sono i loro bisogni da soddisfare questi debbano essere esauditi. A questo proposito vi aggiorno sul mio filarino di 15 anni fa. È una situazione diversa perché me ne frega meno di zero e la considero addirittura una vicenda ilare, comunque ha continuato il pressing (il testosterone era a livello) finché esausta ho gentilmente declinato l’invito al week end e sempre educatamente ho fatto capire che non c’era alcuna possibilità che riuscisse ad andare a punti. Niente, si è infuriato ed ha concluso la telefonata, dandomi della “grandissima sfigata”. What else?

    • alessandro pellizzari, 9 Luglio 2022 @ 15:55 Rispondi

      Gran figo lui ma qu ad bro anni ha 13?

  • Ariel, 9 Luglio 2022 @ 11:55 Rispondi

    è una gara a screditare.

    @Cossora la importanza del uso dei verbi rivela esattamente ciò che si pensa e da la misura ad esempio di ciò che pensò da che ti leggo
    E cioè che per te se uno la pensa diverso e ti scrive i motivi per cui non concorda con la tua visione
    Tu attribuisci a questo normale naturale scambio di punti di vista con il verbo “ SCREDITARE”

    Tu tendi come utente che scrive a prendere sempre di petto chi qui ti motiva il dissenso verso non certo tu come persona che qui nessuno è nessuno anonimato totale ,
    Ma motivare dissensò su precisi pensieri e esempi che qui chiunque scrive fa portando testimonianza del proprio vissuto non equivale affatto a voler SCREDITARE una persona ,ma semplicemente a motivare il perché in cosa consista e su cosa si basi la propria idea diversa ,

    Che qui desidero ricordare che idee diverse ad esempio ciò che penso io non è SOGGETTIVITÀ ma si basa su SCIENZA E SCOPERTE SCIENTIFICHE E STATISTICA di riferimento che equivale a funzionare per chiunque indipendentemente da propria soggettiva vita è unicità di persona

    La IMPORTANZA DEI VERBO CHE SI SCRIVONO resta una vera guida nella vera comunicazione per scrittura

    MAI HO INTESO SCREDITARE NESSUNO

    Ma semplicemente esprimere pure a lungo il PERCHÉ CERTE COSE FUNZIONANO IN UN CERTO MODO UGUALE PER TUTTI

    Da oggi prova se puoi a sostituire il verbo screditare con MOTIVARE SU COSA SI FONDA SCIENTIFICO IL TUO PENSIERO

    No a screditare
    Si a MOTIVARE SPIEGARE DA DOVE TI VIENGONO CERTI PENSIERI E AZIONI CHE FAI
    da punto di vista di vera concreta realtà scientifica e che producono solo e soltanto che veri fallimenti personali e cioè relazione che non funziona mai se fatta così come fai da anni

    Motivare no screditare!

  • Titti, 9 Luglio 2022 @ 08:51 Rispondi

    @ellelle, ovviamente col senno di poi, mi sono resa conto che lui volesse smollarmi già a fine giugno. Indusse il mio allontanamento con atteggiamenti puerili, privi di fondamento. Poi tornò a bomba e passammo un mese di luglio infuocato. Sesso praticamente tutti i giorni, love bombing estremo, promesse , progetti. Si fece due conti e pensò: manca un mese alla partenza con la mia famiglia, perché privarmi di un ultimo mese di follia? Così ha fatto. Mi h scaricata di colpo il giorno prima della partenza. Mi ha usata fino all’ultimo giorno utile. Altro che non ero lucido….. La consapevolezza è dura ma salvifica .

  • Titti, 9 Luglio 2022 @ 08:43 Rispondi

    @cossora ore 15. Certo che è un mostro. E certo che l’ho capito dopo. Alcuni aspetti mi si rivelano ancora adesso che non lo sento e non lo vedo più da mesi. Improvvisamente il mio cervello torna su una situazione e unisce qualche altro puntino. Niente di ciò che mi ha fatto, aveva a che fare con l’amore. Mi ha individuata come preda facile. Il resto è stato una conseguenza.

  • elleelle, 9 Luglio 2022 @ 07:28 Rispondi

    @Titti
    È “strano” come tante di queste cose succedano d’estate… Le vacanze sono un rivelatore di bugie molto potente.
    Comunque sì, fanno schifo.
    Qualche giorno fa ho avuto la netta impressione che stesse cercando di nuovo di provocare una mia reazione, vicino a una data importante per me. Come sempre io non reagisco, ma trovo questo comportamento di cattivo gusto e sciocco da parte sua.

  • Lia, 8 Luglio 2022 @ 17:08 Rispondi

    @Cossora, forse non posso capire, ma fessa non mi ci faccio più prendere! Siete sicuramente una bella coppia, ma fatti valere e non accettare tutto quello che ti propina!
    E’ debolezza, è svuotamento, lo dici ad un coglioncello di 15 anni, non ad un uomo maturo che dovrebbe aver un minimo vissuto!

  • LaMilla, 8 Luglio 2022 @ 16:23 Rispondi

    @ads, ma come fai a resistere in un matrimonio del genere?! Cazzo, hai solo qualche anno più di me e mi sembra di leggere i commenti di un ottantenne! Ma veramente credi di non meritare qualcosa di meglio dalla vita?!
    Fatti un favore: prepara la valigia e fuggi. Compra un biglietto aereo per il Sudamerica, oppure ti ospito io sul divano di casa. Datti per morto, se necessario. Ma scappa da quel soprammobile emotivo che è tua moglie e da quella squilibrata virago della tua amante.
    Non finire a sessant’anni come quel coglione del mio ex.
    Salvati, almeno tu!

  • cossora, 8 Luglio 2022 @ 16:19 Rispondi

    Va bene @lia, tu giustifica o accusa chi e come vuoi. Basta. Abbiamo capito che non mi capisci e che non mi approvi. Io e @ads siamo allinatrei su certe cose e non lo saremo mai con te. Pace. Possiamo chiudere l’argomento tanto io proseguo come sento e credo e tu pure. Buon week end cara.

  • Roberto, 8 Luglio 2022 @ 15:43 Rispondi

    Ho letto sempre con molto interesse il tuo post @Cri. Io credo che per fare i ragionamenti che tu hai fatto e che sono sacrosanti, si deve avere la mente libera da uh sentimento che non ti fa ragionare. Intendevo questo quando parlavo di “sentimento affievolito”. Almeno nel mio caso io non riesco a prendere la decisione che so dovrei prendere per ricominciare a vivere in modo sereno. Infelice ma sereno. Invece non riesco, proprio perché ho ancora il cuore pesante. Tu hai scritto cose giuste, che vengono da una mente capace di discernere i vari aspetti. Forse quando sarò capace di ragionare davvero a 360 gradi vorrà dire che piano piano mi sto allegerendo anche io da un grande amore, impossibile da vivere.

  • cossora, 8 Luglio 2022 @ 15:20 Rispondi

    @lia tu non è che non vuoi capire. Non puoi proprio. Come io non posso capire te, Ariel, Elleelle… siamo diverse. Va bene così, va bene avere delle voci diverse, spigoli e rotondità diverse. Stai bene? Io anche. Perfetto per entrambe, no?

  • Lia, 8 Luglio 2022 @ 15:19 Rispondi

    @Cossora, il serbatoio si può svuotare in altri modi… Non continuiamo a giustificare, per favore…

  • cossora, 8 Luglio 2022 @ 15:11 Rispondi

    @leilei “se lei non chiede, non si fa nulla. Succedeva anche prima che arrivassi io.”
    Sono cose che mi riportano amici che mi hanno confidato di amare un’altra. Persone che a me non avrebbero motivo di vendere niente. poi magari raggiungono la moglie al mare e lo so che le vogliono bene come essere umano. Che sono felici di riabbbracciarla, di andarci in spiaggia, di seguire i bambini a fare il bagno.
    Ma che c’entra tutto questo con a chi appartiene il proprio cuore? Una cosa è la famiglia creata a 30 anni, altro è un amore nato senza preavviso a 45, 50 anni, sopra a tutto quel programma che sembrava essere eterno.
    Programma ancora in corso che va seguito, difeso, controllato e .. ci si deve usare la ragione per difenderlo.
    Non è mancanza di amore, è mancanza di coraggio.
    In questi giorni che sono un po’ via di testa per problemi della mia famiglia.. credi non abbia pensato ‘se fossi rimasta col padre ora avrebbero anche lui in casa, oltre che una madre distratta e preoccupata’?
    Che cosa significa, che amo o che vorrei tornare con il loro papà? No, che sarebbe più comodo.
    Ma il mio amore è uno e uno soltanto!
    Un consiglio per tutti/e (se posso @ale) cercatevi sul tubo L’amore scomodo di Crepet. 4 minuti di meraviglia.

    • alessandro pellizzari, 8 Luglio 2022 @ 15:23 Rispondi

      Ho visto Crepet: sposa la tesi che l’amore scomodo, quello sofferto è il migliore. Vabbé, l’amore della volpe e l’uva. Vendibile a chi è nelle peste e vuole farsele andare bene. La felicità dell’amore vero è semplice come il fanciullino, va in automatico e non soffre. Al massimo spasima per il prossimo incontro. Tutto il resto è gioia

  • cossora, 8 Luglio 2022 @ 15:00 Rispondi

    @Titti spero che tu tutte queste conslusioni le abbia raggiunte dopo. perchè così stai descrivendo un mostro.
    non so davvero che dire mi dispiace. Io sto bene, ci accettiamo perchè ci amiamo. Ci crediamo perchè ci amiamo e non ci facciamo domande scomode perchè ci amiamo.
    Nelle ultime settimane ho avuto problemi familiari da gestire e ne è saltato fuori uno inaspettato che mi ha buttato a terra. Sta rientrando ma senza di lui non ce l’avrei fatta. Purtroppo per il resto non posso appoggiarmi a chi dovrei perchè caratterialmente non ce la fa e io che ho visto il trascorso evito di batter cassa perhè riceverei lamentele e ora mi servono solo coccole e sostegno e dialogo.
    Sto facendo un po’ l’egoista, faccio economia devo risparmiare energia perchè non sarà una cosa breve e indolore.
    Senza la presenza del mio amore vivrei lo stesso, ci mancherebbe, ma credimi, non pensavo fosse in grado di darmi anche questo sostegno morale, oltre a quello pratico, e non è un momento iniziale in cui gli ormoni e la spensieratezza anestetizzano tutto.
    Poi ripeto, non avrei motivo di mentire o di raccontare una cosa diversa da quella che sto vivendo. Non è semplice ma menomale che c’è lui.

  • Titti, 8 Luglio 2022 @ 14:53 Rispondi

    @ellelle ore 7.39 , esatto. E come mi scrisse Azzurra ormai quasi un anno fa: perché non avrei dovuto credere alle sue parole? Partivo dal presupposto, rafforzato dal fatto che ci conoscessimo da ragazzini, che dicesse la verità perché IO DICEVO LA VERITÀ. Io non avevo rapporti con mio marito da anni, perché non dovevo credere che per lui fosse lo stesso? Lui della moglie parlava molto male, io di mio marito no. Ammettevo che fosse una bravissima persona, ottimo padre, ma di non amarlo più . Lui era la vittima di una donna crudele e malata. Ho preso coscienza della realtà dei fatti dopo, quando mi ha scaricata brutalmente ma soprattutto quando ha provato a tornare. Prima davo per scontato che dicesse il vero. Prima di cedere alla sua corte serratissima ho detto un’infinità di volte: se il tuo matrimonio ha una minima speranza di ripresa lasciami stare. Si arrabbiava: è finito da anni, ci stiamo separando…poi a luglio: non è solo la mia vita, ho capito che è la madre dei miei figli, è una donna onesta… Tutto per farsi le vacanze sereno. A settembre era di nuovo una strega da tenere buona, da soddisfare sporadicamente anche a letto per evitare problemi. Piangeva perfino..il grande professionista…. Pensa quanto mi ritenesse stupida e soggiogata, per aver pensato che mi bevessi tutto questo teatro dell’assurdo, per tornare a fare l’amante a chiamata.

    • alessandro pellizzari, 8 Luglio 2022 @ 15:10 Rispondi

      un uomo che fa schifo

  • cossora, 8 Luglio 2022 @ 14:48 Rispondi

    @ads come per ogni cosa che ci tocca nella vita, ci facciamo una nostra idea a sensazione. Capisco quello che scirvi e ti comprendo. Ho scritto infatti che mi sno separata perchè sapevo che il mioe x marito avrebbe voluto il ritmo di sempre. Fosse stato un vecchio rinco che mi ignorava sarei anche rimasta di più.
    Una donna fa fatica a concedersi senza coinvolgimento (ma ci sono quelle che lo fanno per il quieto vivere, che è comunque una forma di coinvolgimento) un uomo non si concede: di base si scarica.
    La produzione di spermatozoi è continua, brutto dirlo ma il serbatoio va vuotato.
    Io non ho nessun problema a capire la differenza che fai tra una cosa e l’altra. Parlo per me.

    • alessandro pellizzari, 8 Luglio 2022 @ 15:11 Rispondi

      sì gli uomini sessualmente sono così nella maggioranza

  • Lolly, 8 Luglio 2022 @ 14:42 Rispondi

    @ leilei…su @Ariel mi trovi d’accordo…per lei siamo tutte dipendenti affettive. Io ti posso dire con molta sincerità che quando vedo il mio ex marito non provo nulla. Nulla…nessuna attrazione sessuale o desiderio. Nutro un profondo e sincero affetto..pertanto alla tua domanda di poterlo riaccogliere in casa rispondo così: oggi no…più in là, ma molto più in là…non lo escludo. Il ragionamento che faccio è il seguente: se ad una certa età dovessi soffrire la solitudine, non ho un amore nella mia vita con il quale condividere le mie giornate, ed anche lui si trova nella medesima situazione…perché no?…ci incastriamo perfettamente caratterialmente, siamo genitori degli stessi figli, complici in tante altre cose.. meglio lui che un estraneo…non è dipendenza affettiva…è convenienza a dirla tutta…ma siccome la vita è imprevedibile e noi in continua evoluzione…sono solo chiacchiere da bar…

  • Cri28, 8 Luglio 2022 @ 14:26 Rispondi

    Roberto, non si è affievolito il sentimento. In realtà, all’inizio non pensavo che i sentimenti si sarebbero rafforzati; è con la conoscenza che è subentrato il dubbio di stare sprecando un’opportunità. E’ l’unico dubbio che ho e che ha ben colto Elleelle, quando ha detto che secondo lei è uno spreco non darsi l’opportunità di vivere una storia più completa per paure, limiti, legami preesistenti. Trovo giusto interrogarmi, anche sul futuro che mi attende, che potrebbe essere senza di lui, e non lo faccio spinta dalla sofferenza, ma per il desiderio di trovare la strada migliore per me, quella che mi dia in futuro meno rimorsi e rimpianti.
    Quanto alla paura di essere scoperta, se faccio qualcosa so che potrei essere chiamata risponderne.

  • Roberto, 8 Luglio 2022 @ 14:17 Rispondi

    Io @Lolly facevo riferimento al passato. Ora certamente io non amo lei e lei non ama me. Quello è sicuro.

  • Sylvia, 8 Luglio 2022 @ 13:46 Rispondi

    @Leilei ma davvero credi che i contatti fisici con la moglie siano così sporadici? Quindi se voi vi vedete facendo sesso una o due volte il mese, lui per il resto del tempo, DA ANNI, è in astinenza? Ma dai! Io lo trovo davvero poco proobabile. Lo capirei se fosse qualche mese ma non da anni!! Certo a te dice che dormono pure in camere separate. Se ne dicono di cose…

    Io ovviamente non ne sono certa ma dall’esterno suona davvero come una sparata per non farti ingelosire e offenderti.

    • alessandro pellizzari, 8 Luglio 2022 @ 15:12 Rispondi

      macché astinenza da anni

  • Rinascita, 8 Luglio 2022 @ 13:37 Rispondi

    Ale non metto in dubbio la filosofia di massima della Cherubino. Penso solo che i sentimenti di solitudine, a volte di rabbia, a volte di dolore che ulteriormente descrive mi danno l’idea che anche nella sua idea di amante ci sia una bella dose di sofferenza. Quello che descrive è reale, l’ho vissuto anch’io in una concezione opposta alla sua. Non resta in superficie prendendo il bello e basta, scava in profondità e guarda in faccia il risvolto della medaglia anche lei. È questo risvolto che mi lascia perplessa sulla possibilità di apprezzare tutto il resto. LeiLei e Cossora mi pare siano ad un livello ancora diverso, dicono di prendere solo il bello perche’ l’altra faccia della medaglia è trascurabile. Meglio a questo punto come se la vivono loro due.

    • alessandro pellizzari, 8 Luglio 2022 @ 15:13 Rispondi

      Nel libro della Cherubino la sofferenza c’è eccome, il messaggio è ottimistico

  • Lia, 8 Luglio 2022 @ 13:21 Rispondi

    @ads, bhe sì dai! Corna di 4/5 minuti si possono accettare…10 cominciavano ad essere troppi.
    D’altra parte è inevitabile anche questo, come la separazione e tutto il resto!

  • Leilei, 8 Luglio 2022 @ 12:54 Rispondi

    Ads grazie per il tuo sincero contributo. Ammiro la tua onestà, che sia pro o contro te stesso.

  • Leilei, 8 Luglio 2022 @ 12:52 Rispondi

    Lia forse non hai letto quello che ho scritto: certo che so che può capitare che ci vada a letto, non sono separati in casa. La fortuna (se così si può chiamare) è che lei da quel punto di vista è poco attiva, lo è sempre stata, dalla nascita delle figlie in poi.

  • Marcelle, 8 Luglio 2022 @ 12:13 Rispondi

    @Rinascita, sul come fi fa a rientrare nella gabbietta per chi non ho avuto il coraggio di fare la rivoluzione, sulla stampella prossima futura e che magari beneficiera del processo di maturazione gia in atto… beh son proprio d’accordo. E’ un pensiero che ho fatto e pure condiviso con lui quasi da principio!

    Preveggenza?! 😀

  • ADS, 8 Luglio 2022 @ 11:40 Rispondi

    @cossy premesso che mia moglie non è interattiva,mai stata, razionale anche in questo,hai quella impostazione li.. è didattica sempre o quasi.
    Ogni tanto che vuol dire ogni mese ogni 45 GG,le viene una mancanza,ma ti assicuro che non c’ è nulla di coinvolgente,ora capisco che x voi è complicato capirlo,ma e’ così,
    Quando avevo una vita assidua con amante me ne stavo benissimo x fatti miei, ovvio che sei abituata a farlo due volte a settimana lo nota,ma non era il mio caso.voglio ribadirvi che è una cosa che dura poco, senza nessun tipo di emotività reciproca,io come lei siamo abbastanza giovani under 45..spesso vi immaginate chissà che..poi volete la verità una ve la dice e non la prendete bene.
    Mia moglie ha anche corpo più attrattivo di lei in astratto.
    Cmq no ragazze ,la cosa sessuale è un tema molto sopravvalutato.
    Altra cosa si rinascita può essere che la prossima stampella beneficerà di questa esperienza.
    Ha ragione la Cossi per l’ uomo medio è tutto più facile perché spesso non abbiamo l onere della gestione familiare..siamo più sereni
    Io ho compensato questa mancanza,con lo sport
    Ma non è uguale ovviamente..
    Cmq in 4.5 minuti la pratica si esaurisce.
    Con la mia amante pure da 45 minuti a 2 h
    fate voi.. e’ un altra roba.
    La differenza la fa la persona..la chimica visto che vi piace la parola…nn si compra al mercato nella dal terapista

  • Roberto, 8 Luglio 2022 @ 11:19 Rispondi

    Si forse per te è diverso @leilei. Tuo marito più o meno sa. Quindi è diverso. Per me e la mia amante sarebbe una valanga di m…..che ci travolgerebbe. Parole sue. Però questoi non ci ferma. Per ora.

  • Leilei, 8 Luglio 2022 @ 10:31 Rispondi

    Lolly, forse dopo averlo mandato al purgatorio, saresti disposta a riaccoglierlo?

  • Lia, 8 Luglio 2022 @ 09:21 Rispondi

    Però @leilei e @cossora, fatevele due domande. Non date per scontato quello che vi viene detto. Non sono separati in casa. Sono uomini abituati a mentire, che devono mantenere una situazione di serenità in famiglia per gestire un’amante in parallelo, non devono insospettire la moglie, anche per non avere problemi…
    Ma secondo voi, con la moglie non ci fanno niente? E poi comunque avere rapporti con la moglie vuol dire goderne, altrimenti, se facesse così schifo, si vedrebbe…
    Pensavo che per voi fosse assodato e accettato quest’aspetto insopportabile per le altre che si sono rifiutate di fare le amanti.
    A volte mi sembrate meno concrete di quello che volete far vedere…

  • Leilei, 8 Luglio 2022 @ 08:15 Rispondi

    Lolly ormai Ariel non riesce a fare altro che proporre la stessa ricetta, possiamo raccontare qualsiasi cosa e lei risponderebbe sempre con la stessa tiritera.

  • elleelle, 8 Luglio 2022 @ 07:39 Rispondi

    @Titti
    Quello che scrivi è terribile e vero allo stesso tempo. Ci si sente così umiliate quando si capisce che lo fanno con la moglie perché vogliono e gli piace.
    Ricordo che il giorno che mi aveva detto che era ancora attratto fisicamente da lei, gli avevo risposto di tornare da lei e di lasciarmi stare. Aveva fatto una scena tale che pensavo si volesse suicidare per cui mi ero preoccupata, avevo cercato di calmare la situazione ecc.
    È vero quello che dici, parole dette e rivelazioni fatte perché per loro non valevamo niente, eravamo un passatempo come un altro.
    Credo anche che questa capacità di ferire, di mentire, di indorare la pillola (“è vero, lo faccio anche con lei, ma non è neanche paragonabile a quando lo faccio con te”) non sia genetica ma sviluppata nel corso di una serialità nel tradimento e/o all’interno di una personalità disturbata.
    Sono schemi che nascono dalla propria capacità di manipolare le persone, in ogni campo. Imparano per esperienza che certe frasi portano a certi risultati e ci sarà sempre qualcuno più onesto di loro che ci crederà.

  • Lolly, 8 Luglio 2022 @ 06:55 Rispondi

    Concordo con @ Cri28…l’amore non è l’affetto. L’amore è desiderio innanzitutto..se manca, trattasi di affetto. @ Roberto…secondo me…non è che tua moglie ama in un altro modo…non ti ama, come non la ami tu…ma veste i panni della moglie e si comporta come tale…da protocollo.

  • Ariel, 8 Luglio 2022 @ 00:40 Rispondi

    Ma Lolly il certe cose a cui ti riferisci hanno esattamente tutte la spiegazione scientifica

    Incaponirsi a voler tingere dal inspiegabile cos’è che già scienza ci spiegato da anni e anni è scusami una vera difficoltà tua precisa nei confronti dello stare aggiornata del valore che dai alla scienza di cui non tieni minimamente conto non conosci perché non ti interessa a priori e questo purtroppo uno scoglio durissimo alla propria evoluzione ed uscita dai propri veri problemi interiori!
    Certamente mi rendo conto che non si può certo qui convincere persone che stanno in arcaico mondo lontana anni luce dal vivere del oggi dove la Scienza meno male ci indica esattamente cosa funziona meglio per tutti indistintamente un vero valore universale

    Molte persone stanno veramente arretrate e si ostinano a dare nomi e appellativi al destino
    È così e resta inspiegabile
    La dipendenza non c’entra e amenità variegate e più stanno variegate meglio è ?!!!!!!

    Non posso certo combattere contro i mulini a vento ma almeno provo a seminare nuovi semi che scrivendo qui se non sarai tu a raccogliere può essere che qualcuno che legge in vece li raccolga!!!

    Se ti curi c’è la fai
    Questa è realtà concreta poi fatto pure le seghe mentali sul e il destino è non si spiega

    Ma guarda che tutto invece spiega benissimo la Scienza !
    Apri goiò cocchi dal orticello chiuso in cui vivi!

  • Sylvia, 7 Luglio 2022 @ 23:59 Rispondi

    Mamma mia che cialtrone che è il tuo amante, @Leilei! Ma non era lui che non si sente di lasciare la moglie perché è debole psicologicamente e non reggerebbe? Però ti dice che se lo scoprisse lo metterebbe alla porta e all’improvviso non sarebbe un problema?? O è un problema separarsi o non lo è, cavolo che sbruffone!

  • Ariel, 7 Luglio 2022 @ 23:53 Rispondi

    Lolly io lo so come fanno: hanno paura di rimanere sole. E’ questo che frega tutte.

    Te compresa Cossora e la paura post separazione condita dalla tua dipendenza affettiva che ti fa accettare di essere sbattuta dopo e sempre dopo che lui continua bellamente a viversi sua moglie
    Certo a te non frega nulla ma cara e la droga da dipendenza che ti fa azzerbonatre oltremodo

    Anche tu sei che stai nascosta a reggere la coda a un CIALTRONZO sei solo che paurosa di restare sola nel significato più profondo che non equivale a stare a convivere con un uomo ma ostinarsi a sottomettersi a chi sta occupatissimo a scoparsi la sua regina !,,,,

    La moglie

    Ecco perché amantati che durano anni e anni esprimono tutti relazioni tossiche

    Rifiutarsi di guardare questa realtà è la dimostrazione concreta che si ha in se stesse una vera dipendenza affettiva mai curata
    Stesso meccanismo vale per chi come Lolly fa finta di essere separata
    Dice cose assurde pribpve di alcun fondamento scientifico

    Non si può stare su piano dellla soggettività quando si sono avuti fallimenti dei legami affettivi
    Separazioni amantato a stecca di anni e anni
    Questo è siete il dato statistico completo dei casi di questa tipologia di persone in vera difficoltà non solo a mantenersi in vero equilibrio di autostima ma pure di vera fiducia in se stesse
    Stare sempre a pensare male verso tutti eccetto se stesse e i propri carnefici che vi tengono in ballo con la testa la manipolazione fatta per anni

    Si chi ha paura del ABBANDONO DEL NON MERITARE DI ESSERE AMATA IN MODO SANO EQUILIBRATO

    FA PROPRIO COSÌ!

    Fatevene una ragione ragazze che vi rovinate da sole la vita affettiva!!
    Curatevi invece di aggrapparvi a palle di gente OCCUPATAAAAAAAA!,,,

  • Cri28, 7 Luglio 2022 @ 22:55 Rispondi

    Mi permetto di dubitarne Leilei. Se bastasse quello, va bene anche un amico. Da un marito, da un amante, si desidera essere amati, con la mente, con il cuore, con il corpo, e l’amore non è l’affetto, per quanto bello e importante sia anche l’affetto.

  • Roberto, 7 Luglio 2022 @ 21:55 Rispondi

    Certo @leilei, le esperienze condizionano i nostri comportamenti. Tu come tanti altri, forse capiterà anche a me tra qualche tempo, pensi di aver dato più di quello che hai ricevuto. Credo che in ogni storia d’amore ci sia chi ama più di altri o almeno, in modo diverso. Io amo forse come te, mia moglie no. Probabilmente questo mi ha fatto perdere quell’entusiasmo nel mio matrimonio. Ora nell’amamtato ho ritrovato l’amore, ma so che se la situazione non cambierà allora anche io , come te, forse prenderò coscienza di aver amato anche stavolta senza essere corrisposto come penso di meritare. È la storia di quasi tutti gli amori.

  • Titti, 7 Luglio 2022 @ 21:49 Rispondi

    @sunflower 15.02 concordo. Se mi avesse amata la metà di quanto dichiarava, e se il suo matrimonio fosse stato infelice la metà di quanto diceva affranto, non sarebbe riuscito a restare. E invece che io sappia e ‘ ancora lì. Serenamente infelice ma appagato. Tutti i suoi bisogni sono soddisfatti. Se fosse riuscito a fare restare anche me sarebbe stato perfetto. A 360′ . Credo che ogni tanto ci pensi..poi si guarda intorno: bella casa, bei figli, belle vacanze ( chissà quest’anno che altra meta da sogno), cena sempre pronta in tavola, scopatina garantita quando e come vuole lui. Alla fine mi son tolto una rogna penserà: non poteva durare, avrebbe spezzato l’equilibrio di una vita faticosamente costruita. I famosi pezzi imprescindibili del puzzle. Del resto si può fare a meno, anzi…dopo un po’ viene a noia.

  • Lolly, 7 Luglio 2022 @ 21:46 Rispondi

    @ Ariel …io non mi sento attratta fisicamente da mio marito, ma ne sono affezionata…questo è quanto. Non c’entra l’amante, la separazione, il lutto, la dipendenza affettiva e quant’altro…certe cose non si spiegano, sono così è basta. Ed io ne prendo atto senza giudicarmi…

  • Titti, 7 Luglio 2022 @ 21:36 Rispondi

    @cossora 15.52. il mio ex dopo lo scarto brutale, quando forse finalmente cominciò a dire la verità, mi raccontava che i rapporti che aveva “dovuto” riprendere erano sporadici, ma che la cercava sempre e solo lui ma esclusivamente perché lei se lo aspettava e non poteva deludere queste aspettative. In caso contrario lei avrebbe creato problemi, si sarebbe insospettita . Io come ho detto più volte, ho sempre fatto l’equazione: si eccita, la cerca, comincia e conclude un rapporto. In qualche momento di follia ho sperato che magari lo cercasse lei, lo toccasse ..o lui si toccasse da solo..invece no. Si eccitava con lei e portava felicemente a termine il rapporto. Per me è stato tutto molto chiaro. Il suo voler essere senza filtri si traduceva in : ti sbatto in faccia le cose come stanno, tanto sei talmente presa che cederai ancora e farai a modo mio. A te posso e voglio dire tutto si traduceva in: posso vomitarti addosso ogni nefandezza…. parlare male di mia moglie ma viziarla e coccolarla ogni giorno…invece per quanto riguarda te…. Ti scopero’ a chiamata come e quando voglio, mentre il mio matrimonio procede serenamente, sempre più serenamente. A te non posso dare nulla perché per me vali niente, non meriti neanche la mia delicatezza, sei un oggetto parlante, poco più di una bambolina gonfiabile. Dopo averlo sentito parlare d’amore, dopo aver creduto che fossimo un’ unica anima, non ho potuto e voluto cedere a questo schifo . Se la storia fosse nata diversamente sarebbe stato diverso, forse staremmo ancora insieme a scambiarci un po’ di sano divertimento, ma così no . Sono contenta di averlo buttato fuori dalla mia vita. Non ho più sue notizie da mesi, e per me è passato morto e sepolto. Ho capito che al mondo esistono anche questi individui e che son stata fortunata a liberarmene.

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 21:33 Rispondi

    Roberto questa domanda dovresti farla alla tua amante. Per quanto mi riguarda, quando sono stata scoperta ero nel pieno dello tsunami d’amore, quindi pronta a pagarne le conseguenze. Al punto in cui sono ora, con i discorsi che ho fatto a mio marito, mi preoccuperebbe solo se lui, per vendetta, andasse a raccontare qualcosa alla compagna del mio amante.
    Per quanto riguarda il mio amante, mi ha sempre detto che se lei lo scoprisse gli metterebbe le valigie fuori dalla porta, e che per lui non sarebbe un problema.

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 21:18 Rispondi

    Cossora io ti posso rispondere per il mio amante, se lei non chiede, non si fa nulla.
    Succedeva anche prima che arrivassi io.

  • Rinascita, 7 Luglio 2022 @ 21:07 Rispondi

    Siccome viene spesso citata, io leggo i post che Letizia Cherubino pubblica su fb. Non è
    che rispetto all’amantato siano tutta questa gioia. Narra con estremo realismo sentimenti e sensazioni che se avessi la sua capacita’ narrativa (che non ho) potrei tranquillamente scrivere anche io. Insomma racconta di sofferenza e non “yuppie” che bello l’amantato. Tira coltellate in cui sinceramente mi ci rivedo molto. Quindi che lei rappresenti l’elogio a queste storie d’amore…. Bah…

    • alessandro pellizzari, 7 Luglio 2022 @ 23:32 Rispondi

      Bah beh forse dovresti leggerti il libro o aver partecipato sul palco al suo evento come me e fargli le domande giuste come ho fatto io. L’amante di Letizia è felice di fare l’amante. Che poi ci siano punti del libro dove si coglie sofferenza sono d’accordo ma il motivo principale è l’amante dona e vive l’amore e ciò dovrebbe bastare. L’amante di Letizia è felice di fare l’amante è assomiglia molto alle amanti del periodo ludico

  • Rinascita, 7 Luglio 2022 @ 19:14 Rispondi

    Molto bella la descrizione di Blue, di non essere riuscita a perimetrare un sentimento così grande come l’amore in uno spazio circoscritto. E’ quello che mi ha portato a chiudere con l’ex. Quanto al dopo-amantato secondo me bisogna fare un distinguo: il mio non-matrimonio prosegue la sua discesa a picco ma questo non ha correlazione con il mio non essere più amante. Anzi credo che per coloro che hanno subito la scelta dell’altro di non voler fare il salto, ci sia una qualche possibilità di rivalutare il matrimonio, più spesso quando si è avuto a che fare con un cialtrone, un seriale, non parliamone neanche con un narcisista. In quel caso può essere forse possibile guardare il coniuge con occhi diversi. Non so se si possa tornare ad amare (anzi sono molto titubante) ma credo sia più facile trovare un equilibrio. Diversa è invece la posizione di chi non ha avuto il coraggio di fare la rivoluzione ma dell’amante era innamorato, magari non abbastanza, ma innamorato. In quel caso me la immagino come un’agonia. L’amante che molla la presa ha quanto meno la consapevolezza che non poteva più andare avanti; quindi non ha rimorsi ed anzi trova serenità nell’assenza di alternative o nell’impossibilità di cambiare le cose. Dall’altra parte? Se si ama, ed ho detto “se”, c’è il fardello della rinuncia. Come si fa a rientrare nella gabbietta quando ai giri fuori non si sarebbe mai rinunciato? In questo caso, con il tempo, non vedo alternative che il reperimento di una stampella, sperando che sia all’altezza del sentimento già vissuto e non escludo che chi subentra potrà addirittura beneficiare del processo di maturazione scaturito nel mentre; magari quella forza di cambiare vita magicamente arriva. Chi ci succederà magari dovrà pure ringraziarci (rido!) . Che beffa!

  • elleelle, 7 Luglio 2022 @ 18:15 Rispondi

    @Leilei
    Te l’ho sempre detto che sei sprecata con quei due, ne sono convinta!
    Ti hanno abbattuto e continuando ad averli attorno, ti precludi delle possibilità, soprattutto adesso che tuo figlio è autonomo.
    Devi solo avere il coraggio di seguire una strada diversa. Tanto se anche tu scomparissi per un anno in giro per il mondo, al ritorno li troveresti ancora lì.
    Forza, forza!

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 16:51 Rispondi

    Cri28 se nel mio matrimonio ci fosse stato affetto e sicurezza, credo che non avrei mai tradito. Io ho sempre vissuto una insopportabile solitudine, un uomo presente molte ore al giorno, ma impegnato solo a salvaguardare il proprio benessere.

    Questo solo per dire che i motivi per cui si tradisce sono davvero tanti e diversi per tutti noi.

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 16:48 Rispondi

    Roberto la malinconia che traspare dai miei scritti è dettata dal mio essere diventata così disincantata nei confronti dell’amore.
    Ci ho creduto: ci ho creduto quando mi sono sposata, ci ho creduto quando ho incontrato nuovamente dopo 20 anni il mio attuale amante. Purtroppo mi sono costruita una triste opinione sugli uomini, ma ti giuro che vorrei davvero tanto conoscere qualcuno che mi facesse cambiare idea. Sono una che sa dare tanto, nei momenti di allegria e nei momenti di difficoltà.
    Ma ho smesso di dare a chi non merita, e forse tutto quello che mi rimane dentro è uno spreco, ma d’altra parte è così.

  • elleelle, 7 Luglio 2022 @ 16:44 Rispondi

    @Ale, Vio,
    Se l’evento è la seconda metà di settembre potrei esserci 🙂

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 16:36 Rispondi

    Ads hai detto una grande verità: per l’uomo la scintilla è essenzialmente visiva, e se la moglie non è andata a scatafascio, se ti piaceva prima ti piace anche se hai l’amante. Poi magari ci mette anche del suo per fare aumentare l’eccitazione, e il gioco è fatto.
    Per quanto riguarda la mia storia, il mio amante ha avuto qualche problemuccio in passato (credo di averlo anche raccontato e io credo che fosse dovuto al fatto di provare sensi di colpa nei confronti della sua compagna.
    Ora che la situazione è abbastanza chiara,(lei non lo cerca, lui non la cerca) e dormono separati, tutto fila liscio.
    Poi sicuramente capiterà qualche occasione in cui si incontreranno in posizione orizzontale.

  • Ariel, 7 Luglio 2022 @ 16:13 Rispondi

    “ Lolly, 7 Luglio 2022 @ 14:42Rispondi”
    Esattamente cara Lolly esprimi ciò che da molto scrivo rappresenti il vero esempio di chi ,non certo per nessuna colpa è nessun giudizio negativo intentdo rivolgere ne a te ne a nessuno ,
    Maaa,esprimi con questa tua riflessione la dipendenza che ancora ti resta dentro verso marito
    Il fatto concreto che mai scrivi faccio o ho fatto un percorso di vera terapia che SEMPRE ANDREBBE FATTO DOPO UN FALLIMENTO dell legame affettivo e cioè DOPO SEPARAZIONE TERAPIA A STECCA

    Così per dire qui sul blog che ad ogni nostra difficoltà a fa funzionare la propria vita che equivale anche a saper DAVVERO DENTRO DI SE STACCARSI DA MARITO

    La Psiche non BADA ALLA REGISTRAZIONE LEGALE DELLA SEPARAZIONE sé questa NON CORRISPONDE DENTRO SE STESSE

    E questo procedimento nnessuno MATEMATICA RIESCE A FARLO SENZA UNA GUIDA TERAPEUTA perché SCIENTIFICO CHE SEPARARSI SIA PSICOLOGIA UN VERO LUTTO GRAVE !

    Così infatti ci si espone senza cura alcuna a vita piena di sfiducia in se stesse e verso il proprio vivere
    Infatti ANCORA PARLI DI MARITO
    ANCORA TI CI VEDI ACCANTO

    E cara Lolly NON IMPORTA IL NOME CHE SI DA come dire aiuto fraterno???
    Ma vedi cara che veramente ti manca un vero supporto terapia

    Sei ancora nel lutto eccome!!!
    E sei ancora dipendenza dentro te stessa

    Non riesci a vederti INDIPENDENTE DA CHIUNQUE

    Guarda che te lo scrivo per incoraggiarti a fare terapia senza porti limiti di tempo
    Evitando al max di giudicarti negativa
    Non scrivo per giudicare nessuno perché io stessa non sono nessuno
    Ma posso però dare una voce alla vera cura che aiuta a fare da sole PASSI ENORMI CONQUISTA DI VERA LIBERTÀ INTERIORE CHE POI SI ESPRIME IN AUTOMATICO CON SCELTE DI VERA NUOVA VITA INDIPENDENTE DA AVRÒ UN UOMO OPPURE NO

    CHI CERCA TROVA
    LA VERA SÉ STESSA!!
    Un Abbraccione da qui cara Lolly

  • Roberto, 7 Luglio 2022 @ 16:05 Rispondi

    Sai @Cri28, l’amore credo che sia naturalmente voler stare con quella persona. Poi, certamente, ognuno la vive a modo proprio. Soprattutto ad una certa età. Io posso accettare la carica che mi viene data da una persona che so amarmi, anche se non vivo con lei. Però è ovvio, almeno per me, che dopo quell’incontro settimanale, quella volta o due al mese in cui fai l’amore, ogni volta che la vedi insomma, ti chiedi “ma adesso?”. A quella domanda ci sono varie risposte che possono essere le tue, cioè, “quando lo rivedo sarà bellissimo ma anche se non accade domani pazienza”. Oppure qualcun altro dirà “che palle devo aspettare una settimana per vederlo”, un altro ancora “così non ha senso”. Ognuno di noi finisce per dare una propria interpretazione al “dopo”. Perchè fino a quando si sta insieme dubbi non ce ne sono. E’ bello stare con l’amante. Se no, non ci staremmo. E ciò che succede dentro di noi quando lo vediamo andare via che ci da il metro di quello che proviamo per lui. Forse è li la differenza tra l’amore e lo stare bene. Io credo @Cri che tu i primi tempi abbia vissuto questo tuo rapporto con amore e quindi tante domande te le sarai fatte. Ora non le fai più perchè il sentimento si è affievolito. Ma sono convinto che resti qualcosa che vale la pena vivere. Se no, dalla persona equilibrata che sei nei tuoi interventi, avresti già messo fine alla storia. Resta il mio solito dubbio. Chi vive come me, @Cri o @leilei, un amantato sapendo che non sarà per la vita, il pericolo di essere scoperti, come lo si tiene a bada? Perchè se si è pronti a fare il grande balzo allora lo si potrebbe prendere come un’accelerazione del processo di fine matrimonio, ma se invece quel matrimonio non si vuole rompere? Ha senso correre un rischio così devastante per una storia senza futuro?

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 16:00 Rispondi

    @leilei io dico quello che provo: sono felice. Sono arrivata a vivere una relazione molto vicina alla perfezione per me.
    Delle tue definizioni di cosa sia l’amore, il poliamore o la frontiera.. prendo nota ma onestamente non so cosa ti aspetti che ne faccia. Sono le tue, parlano di te non di me!

  • Ariel, 7 Luglio 2022 @ 15:56 Rispondi

    “ Ripeto esiste un libero arbitrio che non può essere ostacolato da nessuno.“

    Cara Dispersa da nessuno ?

    Eccetto che per le relazioni tossiche dove esattamente si compie una vera distruzione manipolatrice negativa con proprio lo scopo di OSTACOLARE IL PROPRIO LIBERO ARBITRIO

    infatti la Dio affettiva resta un meccanismo che sposi comporta esattamente come una droga dalla quale non si riesce più a STACCARSI PERCHÉ IL CERVELLO RESTA PRIVO DL VERO LIBERO ARBITRIO

    Tradotto
    Capisco bene in teoria che mi farebbe bene smettere di vivere di nascosto da tutti da se stessi da compagno da amante

    Maaaaaaaa SCELGO TRA VIRGOLETTE DI NON FARLO

    E la vera motivazione resta nell’ CRISI DI ASTINENZA DA DROGA DIPENDENZA E DAL PLAGIO RICEVUTO NEGLI ANNI E ANNI
    E cioè resto convinta che ho un libero arbitrio

    Peccato che ti è stato rovinato almeno temporaneamente finché non CI SI CURAAAAAAAAA!!
    Esattamente come fa un drogato di qualsiasi sostanza o dipendenza finché non fa terapia APPOSITA
    NON RECUPERA IL LIBERO ARBITRIO CONCRETO SCEGLIERE DI AMARE SE STESSE IN VERO EQUILIBRIO

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 15:52 Rispondi

    @ads quindi vai con tua moglie solo dietro sua richiesta e se non te lo chiede non la tocchi?
    Oppure di tua sponte sai di dover timbrare il cartellino?
    Se tu avessi una frequentazione regolare con la donna che ami, cercheresti tua moglie anche se lei non ti cercasse?
    Sii sincero al 100% perchè mi interessa capire questa cosa. E’ logico che se il coniuge chiede e non vuoi dichiarare che c’è un amore, prima o poi il mal di testa te lo devi far passare.
    Ma se non chiede, onestamente, cosa succede?

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 15:46 Rispondi

    @dispersa la domanda è un filo diversa. Che tu li abbia o no non lo critico (ci mancherebbe!) mi interessava capire se partisse da te, da lui, o parimenti. Se ti va di dirlo.
    Tesoro ognuno fa il ca**o che gli serve per stare a galla nelle situazioni complicate.

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 15:43 Rispondi

    @Lolly io lo so come fanno: hanno paura di rimanere sole. E’ questo che frega tutte.
    Un uomo lo capisco. Sta li, ha il bucato fatto, la casa che va avanti, i figli o magari i nipoti che ogni tanto vengono a trovare i nonnni. Ha la governante impaurita che pur di non rischiare sta li. E’ sempre stata li, in fondo.
    Un essere gigante emeraviglioso come una donna.. solo la paura e la mancanza di fiducia nelle proprie capacità può terrorizzarla al punto di credere che meglio mal accompagnata che sola.

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 15:38 Rispondi

    @marcelle è l’amproprio che non deve mancare, se ce n’è basta a fare qualsiasi cosa.
    Mai rivoluzionare la vita per un amore .. ma ti rendi conto di quanto sia assurda una decisione simile?
    Da madre (per un uomo è geneticamente diverso il discorso) sarei pronta a fare qualsiasi cosa per i miei ragazzi, ma conn la consapevolezza che sono al mondo per andare, non per rimanermi attaccati.
    E loro sono la cosa più importante della mia vita.
    Quindi sono d’accordo con te che no, non deve bastare l’amore provato per un’altra persona, deve essere sempre considerato l’amore verso se stessi. Quello è la bussola, l’ago della bilancia.
    Gli altri.. senza cattiveria, ma vanno e vengono.
    Scegli chi ti fa stare bene e vivitelo nella misura in cui ti fa stare bene. Finchè è così e considerando che non stai firmando una polizza a vita.

  • sunflower, 7 Luglio 2022 @ 15:02 Rispondi

    @Marcelle, le parole del tuo ex rispecchiamo assolutamente quello che mi ha detto il mio se non fosse che l’età è diversa penserei male 🙂 🙂

    Certo sicuramente nel caso del mio (seriale) un’esperienza di 3 anni di amantato lo ha cambiato, ma non abbastanza da fare delle scelte anzi la scelta nel momento in cui è con la moglie (per qualsiasi ottimo motivo) in realtà l’ha fatta,
    mancherà l’amore ?
    Sicuramente ma probabilmente ampiamente compensato da altro e non escludo che prima o poi cercheranno un altro diversivo al loro matrimonio decotto ma come ci ricorda Alessandro la moglie resterà sempre il pezzo fisso del puzzle, perchè se siamo state così amate, siamo così indimenticabili, li abbiamo cambiati nel profondo ecc. ecc. fosse vero solo la metà avrebbero fatto un passo in una direzione diversa.

  • Marcelle, 7 Luglio 2022 @ 14:44 Rispondi

    @Ale intendo che per lui l’amore non basta. E visto che non basta, non basta aver capito (a quanto dice) che il suo rapporto ufficiale é irrecuperabile, come non basta a me una presenza cosi nella mia vita. Che sia perche non ama abbastanza me o per via delle sue sovrastrutture morali, i figli.. alla fine il succo non cambia. E’ rimasto a Canossa. Ed i fatti tolgono ogni dubbio, al netto delle parole.

    L’amore, oltre a sentirlo, bisogna volerlo vivere. E le mezze misure in amore per me non si applicano. O tutto o niente. Qundi si, io sono d’accordo con te @Ale. Son sicura che fra qualche anno sapremo come gli finirá, io intanto, leccate le ultime ferite, avró sicuramente piú possibilitá di essere felice… 🙂

  • Lolly, 7 Luglio 2022 @ 14:42 Rispondi

    @ Cossora…certo che per dove sono arrivata adesso rinchiudere una coppia nel matrimonio non mi convince per nulla…sai che quando vedo il mio ex marito mi chiedo come facciano donne a restare con i mariti che non amano più…per me è difficilissimo..lo guardo con gli occhi fraterni. Riesco ad immaginare questo scenario solo se penso a me da anziana davanti alla TV ed i nipotini a cui badare…li si che mi rivedo con lui…non altro..

  • Cri28, 7 Luglio 2022 @ 14:25 Rispondi

    LaMilla, ti ringrazio, per ora tutto è in corso; in realtà le mie domande nascono più che altro dalla constatazione del fatto che il mio è un matrimonio di affetto e sicurezza (anche se io amavo un tempo) e così resterà. Non mi è bastato, evidentemente, e devo fare i conti con me stessa, cosa non semplice
    Nessuna di voi, per me, deve sentirsi male per avere avuto una relazione, che magari l’ha portata con il tempo a cambiare e riscoprire sentimenti veri con il marito. Cambiamo con il tempo e cambia chi è attorno a noi, i vostri mariti di certo hanno colto a livello inconscio qualcosa e hanno modificato il loro modo di essere in qualche modo.
    Devo dire che per me l’amore non è come quello che descrive Roberto, certo c’è una componente di passione e irrazionalità, ma insieme all’impegno, alla costanza, alla cura e alla tranquillità, il “non vivo senza te” non fa parte del mio sentire. Non c’è un modo giusto o sbagliato, siamo diversi.
    E’ bello che ora stiate bene, davvero tanto.

  • Sylvia, 7 Luglio 2022 @ 13:39 Rispondi

    Interessante l’aspetto che dici @Alessandro riferito alla possibilità che l’amante vada in ospedale e non lo si possa andare a trovare.

    Io credo che quando si è in una relazione con qualcuno si impazzisca se l’altro è malato e non lo si può andare a trovare. Il sostegno reciproco conta nelle relazioni. Un conto è non vedersi perché si hanno altri impegni, un conto è non vedersi perché bisogna rimanere nascosti. Qual è la persona che ci vede libertà in questo? Nel bisogno della presenza dell’altro, con un silenzioso abbraccio, una stretta di mano, una carezza, non solo nel divertimento, si vive un legame. Ma in questo caso è un legame mutilato dell’essenziale.

  • Roberto, 7 Luglio 2022 @ 13:20 Rispondi

    Sai @Blu, anche io penso che @leilei abbia raggiunto quel famoso equilibrio che un amantato dovrebbe avere per proseguire nel tempo, però io nelle sue parole molte volte avverto malinconia, come se alla fine è vero che ha accettato la cosa ma che avrebbe voluto dell’altro. Magari intrepreto male io i suoi post, però io non credo possa esistere un compromesso tra amore e passatempo. Cioè se si ama non si riesce a vedere l’altra persona come un amico con beneficio. Quando si raggiunge questo traguardo forse qualche cosa nel cuore è cambiato. Questo è un mio personalissimo pensiero. Detto questo, leggo sempre molto volentieri i post di @leilei perchè dimostrano certamente un equilibrio, ma proprio nella sua persona, oltre che nella storia che sta vivendo.

  • Viovio, 7 Luglio 2022 @ 13:18 Rispondi

    @Elle
    Ahahahha può essere!!!
    Io tutto ok, attendo con ansia le ferie per andare al mare…ne ho proprio bisogno!
    @Crocus ricambia i saluti con affetto 🙂
    Siamo entrambe in attesa di un evento per conoscerti!
    Un abbraccio

    • alessandro pellizzari, 7 Luglio 2022 @ 15:09 Rispondi

      Ragazze a settembre a milano ci sarà la presentazione del nuovo libro poi a Roma

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 12:51 Rispondi

    Blu io sono arrivata ad un punto per cui chi non mi ama abbastanza non merita tutte le mie attenzioni, i miei pensieri, il mio tempo.
    E dato che il mio amante non mi ama abbastanza, non merita tutto di me. Forse sarò fredda e calcolatrice, ma ho dato talmente tanto in passato, che ora non ne ho più per nessuno. Se gli sta bene così, si va avanti. Diversamente amici come prima, questo vale per marito ed amante.
    Non mento a me stessa, conosco bene i limiti di questa situazione, ma ora la mia priorità è essere serena.

  • Dispersa, 7 Luglio 2022 @ 12:49 Rispondi

    @Cossora ora darò una risposta che non piacerà a molti, ma è la realtà.
    Io non ho mai smesso di avere rapporti con il mio compagno, quando a fasi alterne c’era il mio amante lo facevo con disinvoltura e perché lo volevo anch’io, poi quando il mio amante spariva (in realtà ha sempre navigato a vista) concedermi è sempre stato difficile e l’ho sempre fatto per un senso del dovere.
    Ho scritto varie volte che loro due s’incastravano alla perfezione.
    Lo so che è un discorso da persona egoista, ma è così.
    Non volevo perdere nessuno dei due, perché uno mi dava quello che l’altro non riusciva a darmi e così viceversa, forse proprio per questo riesco a capire chi sceglie di rimanere dove sta, chi vorrebbe vivere h24 vicino alla persona amata e chi si gode l’amantato.
    Non condivido il modo di fare del mio ex amante, ma al contempo lo capisco (lui è stato scoperto e lui per una serie di cose ha sempre vissuto di sensi di colpa e di paure)… Ripeto esiste un libero arbitrio che non può essere ostacolato da nessuno.

  • ads, 7 Luglio 2022 @ 12:49 Rispondi

    @ti rispondo io..Ti concedi per farlo star buono..gli uomini che hanno dei problemi non si avvicinano,
    diversamente si sono avvicinati ad altre, questi della seconda categoria, ovviamente ogni morte di papa devono concedersi al partner che si va avanti , è quello che succede a me, ogni tanto la coniuge ha delle carenze a cui non mi sottraggo, tutto gestibile, un po come fare 5 serie di addominali
    noi viviamo la sessualità in maniera diversa, è visiva,i sentimenti c’entrano poco,
    ovvio con una cui sei legato è diverso..deve funzionare..se non funziona a voglia a fare teoremi.

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 12:44 Rispondi

    Cossora , mi sembra che stiamo un tantino confondendo le cose. L’anello al dito non è necessario per amare, ma essere in due in una relazione si. Diciamo che in taluni casi ci si adatta, ma che questa sia la nuova frontiera dei sentimenti, proprio no.
    In questo caso si può parlare di poliamore, e se sta bene a chi lo vive, amen. Ma non lo istituzionalizzerei, per favore.
    Non raccontiamocela dai, è un’offesa alla tua intelligenza. O forse anche tu non ami abbastanza, da non provare dolore nel fatto che lui condivida la quotidianità con un’altra.

  • elleelle, 7 Luglio 2022 @ 12:18 Rispondi

    @Vio
    Sarà un’epidemia di memoria selettiva… 😀
    Qui tutto bene per fortuna, mi godo le giornate estive.
    E tu, tutto bene? Un bacio a te e a @crocus! ❤️

  • Cri28, 7 Luglio 2022 @ 12:14 Rispondi

    Grazie delle vostre riflessioni sulla domanda che ho rivolto. Il mio matrimonio non mi ha reso infelice, se non quando ho tentato di cambiarlo, ma non è possibile imporre agli altri di amare nel nostro stesso modo. Per me, possiamo andare avanti da amanti ancora a lungo, pur con tutti i limiti; ma so che potrebbe finire anche ora, più di una storia normale, perché è una storia che abbiamo scelto di tenere per noi e di non rendere prioritaria rispetto a tutto il resto. E’ una scelta che provocherà sicuramente del rammarico.
    Ma spero di riuscire a convivere con me stessa e con le mie scelte con serena consapevolezza, senza cercare troppi alibi e appigli.

  • Marcelle, 7 Luglio 2022 @ 12:07 Rispondi

    Si, é vero @Sylvia, non sono la persona piu adatta a rispondere a @Cri, ma é un argomento su cui mi sono interrogata. Anche nelle ultime comunicazioni il mio ex ha detto che io l’ho cambiato, profondamente. Ed io ci credo. Ha messo in discussione il suo rapporto ed é arrivato alla conclusione che non ama piu la sua compagna, resta l’affetto, il progetto di vita insieme ed i figli. Credo anche a questo. E non mi da speranza. Alla fine, non basta l’amore provato per un altro a far cambiare il corso della vita. Ma ció che lui mi ha detto io lo leggo per quello che é, la sua veritá nel momento in cui la condivideva con me.

    Se un domani ritrovera l’amore per lei, si separerá, lo fará indipendentemente da me. Questo é quello che ho capito. Se resterá in un rapporto come quello di ora, dubito, conoscendolo ed avendo fatto parte della sua vita in modo costante ed intimo, che non sará aperto ad aiuti fuori. Ormai il limite l’ha varcato.. Siamo entrambi esseri passionali ed attivi. Il torpore non puó essere la condizione costante ed aspettativa di vita di un quarantenne.

    • alessandro pellizzari, 7 Luglio 2022 @ 12:17 Rispondi

      Alla fine, non basta l’amore provato per un altro a far cambiare il corso della vita.

      Milioni di persone si separano perché l’amore basta, certo bisogna che sia abbastanza per fare la rivoluzione

  • Blu, 7 Luglio 2022 @ 11:52 Rispondi

    Completamente d’accordo @Roberto, infatti io non ce l’ho per niente fatta a relativizzare. Ho raccontato in un paio di commenti che la mia storia è stata anomala, noi abbiamo avuto 7 anni di presenza, progetti, viaggi, convivenze…l’ultimo anno lui si è separato dalla moglie. Ora è finita, ma questa è un’altra storia. Abbiamo vissuto l’amore fino a consumarlo, perche il carattere di entrambi ci ha portato a viverlo così. Però faccio i complimenti a @Leilei perché mi sembra che lei sia riuscita a trovare un equilibrio e non menta a se stessa. Anche se la sento lontanissima da me per le sue scelte, mi trasmette coerenza interiore e incarna un modo di vivere l’amantato a bassa intensità di dolore, qualcosa di molto difficile da immaginare per me. Di mio mi sento più vicina alle tante testimonianze di chi si allontana perché non riesce a far stare una cosa grande come l’amore in uno spazio circoscritto, per questo mi separai subito dal mio ex compagno e, quando i limiti mi facevano soffrire, lasciavo anche lui. Ora sono convinta che l’amore abbia bisogno di autenticità e forza interiore e che queste situazioni dovrebbero essere provvisorie, non durare tanto come nel mio caso. Ma so che non è per niente facile, e credo che l’amore e la dipendenza si mescolino quasi sempre in queste storie che sanno toccare a fondo il nostro inconscio e la nostra sfera irrazionale.

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 11:47 Rispondi

    @ale io amo. Che poi sia da single, da amante, da madre, da sposata, da santa o da marziana.. sono aspetti che a me Cossora non cambiano. Sspetti sociali che da secoli hanno influito anche sulla considerazione che si ha di se stessi.
    ‘Se sei sposata ..va bene’ perdonami, lo diceva mia nonna a mia madre 🙂
    Mia madre non è riuscita a dirlo a me.
    Io ai miei filgi dico ‘se sei felice.. va bene’

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 11:15 Rispondi

    @marcelle ti leggo e mi viene in mente quando fino apiù di un anno fa anche io facevo i blocchi, davo le risposte (o non le davo) per ottenere un certo comportamento (o qualcos’altro) da lui. Quando interpretavo o leggevo le storie simili nelle dinamiche alla mia per capire, per orientarmi.
    Poi ho preso e ho buttato via tutto. Ma non l’ho deciso, è successo. Non sono stata brava, è passato il treno del ‘se sali riporti i tuoi riferimenti dentro di te’ e ci sono salita.
    Tieni gli occhi ben aperti e non perderlo, se passa.
    Oggi è tutta un’altra cosa, sentir parlare di amore che ti toglie lucidità, che ti fa mollare tutto, che ti fa nascere o morire.. mi fa ridere!!!!
    Io amo me stessa e non mollo me stessa. Lui è il mio amore, stasera da una cenetta siamo arrivati ad organizzare una fuga fuori programma e l’unico pensiero che ho è ‘a che ora devo svegliarmi domattina per arrivare in ufficio in orario?’
    Pensare meno, vivere di più. Un abbraccio e un augurio di uscire presto da quel tunnel.

    • alessandro pellizzari, 7 Luglio 2022 @ 11:31 Rispondi

      Non sono stata brava, è passato il treno del ‘se sali riporti i tuoi riferimenti dentro di te’ e ci sono salita.
      Tieni gli occhi ben aperti e non perderlo, se passa. Pensare meno, vivere di più

      Ci sono treni che vanno proprio persi, e sono la maggioranza purtroppo. Pensare meno vivere di più sarebbe bello, ma vale spesso per i primi mesi ludici di un amantato e poi per la maggior parte delle amanti diventa un dramma, ma non perché sono stupide, perché non si accontentano e non possono accontentarsi della serie vabbé c’è tu moglie affari tuoi, vabbé se finisci in ospedale io non posso neanche venire a trovarti. Cossora tu e Letizia siete l’eccezione che conferma la maggioranza statistica (salvo i primi sei mesi, che siamo tutti felici, il periodo dottor Jeckyll). Il carpe diem è sempre a tempo determinato, poi ci sono casi (pochi) che ne fanno la filosofia del loro “amore”

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 10:48 Rispondi

    Ma @Lolly tesoro, ora che ti sei scoperta finalmente libera di pensare e interpretare l’esistenza, che ti circondi di persone con un pensare divergente .. non sei d’accordo con me che stare dentro alla ‘società-matrimonio’ (oltre alla necessaria tempistica di costruizione/avviamento della famiglia) sia alquanto chiuso e limitante?
    Si può amare senza anello, senza contratto e senza pretese. Tanto se l’altro o l’altra ti amano.. lo senti, lo vivi non ti vengono dubbi.

    • alessandro pellizzari, 7 Luglio 2022 @ 11:35 Rispondi

      Si può amare senza anello, senza contratto e senza pretese. Tanto se l’altro o l’altra ti amano.. lo senti, lo vivi non ti vengono dubbi.

      Certo. Amare da amanti è però un filo peculiare, un recinto più o meno grande. Soprattutto se sei single. Se sei sposata anche tu e cerchi una stampella e non ti innamori (che spariglia tutti i piani su carta) va bene

  • cossora, 7 Luglio 2022 @ 10:07 Rispondi

    @dispersa una domanda personale, ma tu che sei rimasta a casa visto il tipo di rapporto che hai con il tuo lui, come ti comporti con tuo marito? Ti concedi per farlo star buono o non ti si avvicina nemmeno?

  • Leilei, 7 Luglio 2022 @ 08:26 Rispondi

    Marcelle personalmente avrei fatto la tua scelta. Hai messo te stessa prima di tutto.

  • Viovio, 6 Luglio 2022 @ 23:27 Rispondi

    @Elle
    Nessuno si ricorda la tua storia ma che tuo marito ti mantiene si… guarda un po’ le casualità!!!
    Per me rimani sempre il top 😉
    Tutto bene? Un bacione

  • Viovio, 6 Luglio 2022 @ 20:26 Rispondi

    Ciao @Cri28 ciao @ragazze
    ero convinta che il mio matrimonio fosse finito, io e mio marito ci siamo anche separati per un periodo dopo aver chiuso la relazione con il mio amante ma mi sbagliavo e ad oggi posso dire per fortuna!
    @Cri28 non faccio parte di quelle che sono tornate o rimangono per forza in un matrimonio azienda, però posso dirti che la vita senza il mio amante è cento volte più bella. Non devo più nascondermi, mentire, indossare una maschera; quella situazione si ripercuoteva NEGATIVAMENTE su tutti gli aspetti della mia vita.
    Se posso dare un consiglio a chi ha vissuto una situazione simile alla mia è di lasciarli andare, andate via se non siete felici ma soprattutto affrontate la realtà e tutto ciò che vi ha portato fra le braccia di un altro, vedrete che piano piano le cose si sistemeranno ed imparerete ad amarvi di più.
    Un abbraccio a @tutte/i

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 18:51 Rispondi

    Lolly concordo con la tua amica scrittrice.
    Parlavo di questo proprio con la psicologa, che sostiene che l’amore eterno non esiste.
    Mi ha detto che la sofferenza che ho provato in questi giorni è data dal fatto che ho tradito me stessa, quella frase “finché morte non ci separi”, ho smarrito l’illusione di quel sogno. Ed è normale soffrirne, per chi ci ha creduto davvero. Perché chi non vorrebbe che durasse per sempre? Non posso essere felice del fatto che io non ami più mio marito, e a volte provo rabbia perché il suo non amore mi ha portato al tradimento.
    Sembra paradossale, ma non lo è affatto.

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 18:43 Rispondi

    Blu ti ringrazio molto, l’ho già scritto ma mi preme ripeterlo che il giudizio, così come il pregiudizio, non serve a nulla, non costruisce. Forse ci dà l’illusione di essere migliori degli altri, ma è una ben misera consolazione. Quello che ho sempre cercato è lo scambio, il confronto. Ho molta curiosità per il genere umano, e per questo adoro ascoltare i racconti delle vite altrui, come mi piace condividere la mia storia.
    Arroccarsi sulle proprie posizioni, senza permettersi di cambiare passo fa male per prima a noi stessi.
    Perché, volente o nolente, siamo in continuo cambiamento, nulla di quello che viviamo è tutto bianco o tutto nero. Se io incontrassi la me stessa di 30 anni fa, se non per la forma fisica, non mi riconoscerei.

  • LaMilla, 6 Luglio 2022 @ 17:49 Rispondi

    @Cri28, datti tempo. Se la tua storia extra è finita, ma finita veramente, dovranno passare diversi mesi ancora prima di poter dire di esserne completamente fuori.
    Io ho attraversato diverse fasi.
    Prima la consapevolezza di con chi avevo a che fare, un uomo che non mi amava, che sarebbe stato un pessimo compagno e per il quale avrei dovuto rinunciare alla vita libera e nomade che mi sono faticosamente costruita negli anni. Avrei dovuto cambiare la mia indole, mentre lui non avrebbe neppure rinunciato al baretto del sabato pomeriggio.
    Poi è arrivato il dolore, non tanto per la sua mancanza, ma causato dalla consapevolezza di essere stata l’unica dei due a sognare veramente di costruire una vita insieme. Ho creduto in una cosa che non è mai esistita e mi sono data della cretina per settimane.
    Poi è scattato l’orgoglio: lui ha perso una grande occasione con me e si merita di languire nella sua melma trentennale. Fatti suoi.
    Mi sono condannata e poi perdonata per la mia stupidità, per essere stata uno schifo di moglie e madre (in certi periodi ero ridotta a un soprammobile) e sono andata avanti. Non ho mai confessato il tradimento. Nessuno scarico di coscienza, mia la cazzata, mio il peso da portare. Mio marito non ha avuto nessuna colpa in tutto ciò.
    Ho imparato che le parole contano zero e che sono i fatti a dimostrare quanto contiamo per chi ci vuole bene.
    Mi sono rimboccata le maniche, smettendo di prendere e cercando di dare il più possibile alle persone che amo. Loro stanno bene, io sto bene. Sono felice quando mio marito mi fa una sorpresa sul lavoro, quando andiamo da soli a cena o scopriamo un paesaggio di montagna mai visto prima. Sono dove voglio stare.
    All’amore fatale e romantico che supera qualsiasi difficoltà, ho smesso di credere. I rapporti nascono spontanei ma poi vanno curati e nutriti nel tempo, altrimenti muoiono. Io ci sto provando. E questo mi rende felice.
    Un caro abbraccio.

  • Roberto., 6 Luglio 2022 @ 16:20 Rispondi

    Condividendo assolutamente i tuoi complimenti rivolti a @leilei, volevo dirti @Blu che non credo sia così facile “relativizzare” il ruolo del proprio amante. Ovvio che se non c’è la possibilità o la voglia di passare dall’altra parte rimane la soluzione di viverla per quello che è, o di lasciarsi ovviamente. Ma insomma, addomesticare il cuore non è sempre una passeggiata. I sentimenti sono difficili da gestire con distacco, proprio perchè si tratta di sentimenti. Quando si arriva ad una conclusione come quella di @leilei o di @cri28, secondo me si è attraversato quel momento in cui l’amore la fa da padrone. Cioè l’amante si trasforma in una persona con la quale si sta bene, con la quale si parla di tutto, con cui si fa bene l’amore, ma se non lo vedo oggi, pazienza. Lo vedrò domani. Vivo lo stesso. Può essere un ottimo modo per vivere meglio anche la propria realtà coniugale, però non credo si possa più parlare di amore nel vero senso della parola, anche se so che dietro questo termine ci possono essere diversi punti di vista. Se il cuore ti dice che hai voglia di quella persona, di sentirla sempre, di vederla il più possibile, i consigli delle tue amiche lasciano il tempo che trovano. Se tu ora lo vivi così è perchè forse il fatto che lui non volesse fare il grande salto ti ha convinto a non considerarlo più l’amore della tua vita, ma fino a quando il tuo cuore era pieno di lui non credo tu lo abbia relativizzato. Lo hai vissuto per quello che il tuo cuore diceva. “Al cuore non si comanda”, vecchio proverbio. Ma è così. Molte volte nei nostri commenti ragioniamo a mente fredda, consigliamo, esprimiamo pareri che ci sembrano giusti. E che forse lo sono, ma bisogna avere la lucidità e la volontà di metterli in pratica. L’Amore con la A maiuscola questa lucidità la toglie. Da li non si scappa. Se no gli amantati potrebbero essere davvero vissuti tutti con leggerezza. Tralasciando ovviamente i sensi di colpa verso il coniuge che però non ci sono mai. Se no ci si fermerebbe dal tradire.

  • Ariel, 6 Luglio 2022 @ 16:04 Rispondi

    Ma perché ads le colleghe che passeggiano alle mostre sarebbero inavvicinabili?
    Alle mostre sta un classico e ho su de Mostra che ti mostra le famose stampe o vasi cinesi che naturale giacciono in attesa nel proprio studiolo privato

    Non capisco cosa vorresti dire che sono inavvicinabili
    Perché ti riconoscono subito come depresso sfiduciato e con eventuali problemini di cui parli che molti uomini quarant enni stanno con problema ?

    Perché sarebbero inavvicinabili ?
    Passeggiare tra le mostre è tipica attività da “ te cucco alla mostra tra na pennellata e l’altra ti faccio vedere la mia tavolozza dei colori variegata

    Ah ah ah

    J’adore la promenade entre les expo!
    Resto avvicinabile sai ads?

  • Sylvia, 6 Luglio 2022 @ 15:46 Rispondi

    Grazie Marcelle. La tua risposta fa comunque riferimento a quello che altri vedono che non sempre corrisponde a quello che sentono dentro, quindi non possiamo sapere cosa viva dentro il tuo ex nonostante le apparenze.

    Per questi la domanda era a te e non riferita ad altri. Peccato che tu non abbia condiviso cosa ti è rimasto dopo quella storia, cosa sia rimasto in TE, come hai fatto a rientrare nella tua vita “normale”. Vero è che non sei la persona più adatta a rispondere, che essendo single durante la storia ed essendo single ora, sia diverso. La domanda iniziale di Cri forse era maggiormente rivolta a coloro che hanno fatto l’esperienza del tradimento, quella è terminata, e sono rimasti con il coniuge che hanno tradito. Io non sono rimasta. Ma credo che essendo esperienze che ti cambiano dentro, tutto sia possibile. Qualcuno ha scritto che capita di rivalutare il proprio coniuge.

  • Lia, 6 Luglio 2022 @ 15:32 Rispondi

    @ads, perché tanta gente resta in matrimoni bianchi e non si da un’altra possibilità? Ti ho risposto! Per paura! Paura della solitudine, paura di invecchiare soli, paura di perdere ciò che di comodo hanno.
    La vita offre tante possibilità. Non parlo di siti di incontri, parlo anche di conoscere, incontrare persone, parlo di mettersi in gioco di nuovo senza la paura, appunto, dell’ignoto.
    Partiamo dal presupposto che si può star bene anche da soli, tutto il resto è qualcosa in più che può essere di nuovo emozionante, fino anche ad arrivare ad innamorarti di nuovo, a 60/70/80 anni. Perché no?
    Credi che in un matrimonio alla frutta non si è soli? Si convive con un’amico e si preclude la possibilità ad entrambi di vivere un’altra occasione, al netto di chi si finge fidanzato innamorato in giro e l’occasione se la prende a discapito dei sentimenti altrui. E’ questo è meglio?
    I problemi sessuali si possono affrontare e spesso risolvere. Un uomo a 50 anni fa sesso meglio di uno di 30. Ha più esperienza e sa “dosarsi” di più. Inoltre, proprio perchè certe prestazioni sono ridotte, si focalizza di più sul piacere femminile. E’, per così dire, meno egoista. In ogni situazione c’è l’aspetto positivo, basta riuscire a guardarlo e non banalizzare dicendo vecchio = brutto e cattivo.

  • Marcelle, 6 Luglio 2022 @ 15:12 Rispondi

    Aggiungo che il mese scorso abbiamo avuto due date importanti e si é fatto vivo. Ho risposto come prima non facevo. Blocchi e miei silenzi stimolavano le sue reazioni indiritte o me lo facevano trovare sotto casa.

    Gli ho pacatamente detto che per me resterá dove sta, che non ho neanche rancore. Lui sostiene che non sia detto, ma che non ce la fa. Penso che voglia da me e da lei lo stesso supporto: da me che io ci sia sempre e da lei che prenda la stuazione in mano, per non esserne il solo responsabile.

    Credo e senza arroganza, che dopo di me si sia aperta una voragine. Se non ritroveranno quello che li aveva fatti innamorare anni fa, lui non potra fermarsi. Del resto ha una vita molto autonoma. Non penso che una persona come lui, che ha razionalizzato ben prima di me i compromessi che comportava stare nella sua relazione, potra piú fare a meno di sentirsi quantomeno desiderato. Quindi credo sia molto probabile che trovera ragionevole storie anche di una notte, pur di non intaccare la famiglia. Magari non capitera subito, ma a 43 anni, le probabilita sono alte.

  • Marcelle, 6 Luglio 2022 @ 14:46 Rispondi

    @Sylvia, io non lo presumo. Me l’ha detto lui e degli amici in comune, che non sanno di noi, senza che chiedessi fra l’altro. Ed ho anche aggiunto “che io sappia”, giusto perche a casa sua non ci sto.

    Io sono single ed ho chiuso per questo motivo. Volevo una relazione alla luce del sole, ma non gli ho mai dato un out out perche credo che separarsi o restare siano decisioni che possono esulare dal fatto di essersi innamorati di un’altra persona, specialmente quando si hanno dei figli (in questo caso piccoli).

  • Blu, 6 Luglio 2022 @ 14:25 Rispondi

    @Leilei vorrei comunicarti il mio apprezzamento per la tua capacità di condividere la tua storia, ed anche per la tua evoluzione. Ti leggo da parecchio, qui ed anche in un altro foro che leggevo all’inizio della mia storia di amante, anni fa. Le amiche più sagge mi dicevano que l’unico modo di vivere bene la mia storia era di trattarlo come qualcosa di complementare alla mia vita, non come il grande amore che invece io ho voluto vivere imperterrita per tutti questi anni. Leggerti mi convince che sia proprio così, solo relativizzando il ruolo di questi uomini si può prendere il bello. Non credo che sia mancanza di amore da parte loro, ma la forma di amore di persone deboli, lontane dal proprio centro, o semplicemente concentrate su altri aspetti della loro vita. È difficile perché loro spesso sono i primi a vivere la relazione in stile eroine romantiche. Siamo molto diverse, io lasciai il mio compagno dopo pochi mesi di doppia vita. Ma questa tua risoluzione conferisce ai tuoi scritti una trasparenza che mi fa piacere leggere, sempre dialogante e mai aggressiva verso altri punti di vista. Volevo dirtelo 🙂

  • Dispersa, 6 Luglio 2022 @ 12:37 Rispondi

    Bella domanda @Cri28, credo sia una domanda che si posti e si pongono in tanti, perché si sa un amantato prima o poi è destinato a finire.
    Una risposta uguale non c’è e non ci sarà mai per tutti.
    A suo tempo ad ogni stop mi guardavo attorno, perché urgevo di una nuova stampella, ma nessuno per me era al suo livello.
    Ora, forse per questo sento che è quello definitivo, ho la necessità di mettermi al centro di tutto.
    Consapevole che non amo più il mio compagno ma che con lui sto bene, non ho voglia di rinfilarmi in un’altra storia così pesante, ad oggi mi sento troppo libera e senza pesi che proprio non ci penso.
    Poi si sa, il futuro è un’incognita.

  • ads, 6 Luglio 2022 @ 12:28 Rispondi

    @lia io rilevo..le mie colleghe sono sicuro che stanno meglio a fare le passeggiate, alle mostre,
    pero’ diciamo anche che sono inavvicinabili,
    poi @lia perche’ te la prendi con me,
    leggi le tue colleghe, mica lo dico io,
    ovvio che se il parametro di riferimento è il numero di messaggi che ricevi su qualche app di incontri..allora sei un tantino fuori dalla realtà
    @roberto, io conosco persone separate e non una,
    sono persone che si sono separate entro 1 anno dalla nuova storia,
    sono persone che diciamolo potevano permetterselo agevolente,
    sono persone che abitano con la nuova compagna,
    non vivono soli nel monolocale ad attendere che la nuova partner si liberi.
    è evidente che dopo un amantato..le cose non tornano indietro a casa, ma si fa, nulla di drammatico,si gestisce.
    cara @lia è un fatto di numeri anche questo.
    sai quanti uomini hanno problemi sessuali, parecchi, problemini di vario tipo,
    l’età è una variabile, è inutile che vuoi anche tu con il pensiero new age,
    che bello , io posso,se vuoi puoi,..ste cose lasciamole ai personaggi della tv.
    la maggior parte delle persone conducono una vita normale con picchi di modestia.
    eppoi @lia, io saro’ bloccato ma come mai tanti coniugi continuano a stare in matrimoni bianchi, matrimoni dove il tradimento è palese,e questo succede anche lato donna..saro ‘ solo io il bloccato..non credo.
    tu @lia sei single senza figli ..è diverso hai necesssariamente un altro approccio,
    io cerco di darti una mia visuale quando incontro gente come te..poi liberissima di pensare che sono un uomo delle caverne, per giunta non lo sono.
    peccato che non si fa nessun evento ti saresti ricreduta su di me

  • Ariel, 6 Luglio 2022 @ 12:25 Rispondi

    Ma no ads Ariel scrive così perché funziona così alla grande sempre

    Dipende sempre solo e soltanto da se stessi

    Sei pieno di pregiudizi e evidenti pensieri neri tutti sempre a piangersi addosso a non riuscire a fare nulla di dire verso da ciò che vivi
    Terapia per te è fango che non servirebbe perché la gente che ragiona come te pensa che fare terapia sia come prendere la pastiglia miracolosa che in un attimo passa tutto
    E poi chi cxxxzo ha voglia di farsi il percorso terapeutico?,,,,,!

    Ma ads i tuoi pregiudizi negativi verso tutte le donne e anche gli uomini a partire da te stesso non riesci sicuro a fare nulla di buono ne per te stesso e tantomeno per gli altri

    Guarda che non c’entra affatto la età ma semmai di più la propria salutare e soprattutto quella psico ancor di più di quella fisica
    Perché se sto ottimista significa che NONOSTANTE LA MERDE ,così si dice qui senza accezione volgare come in lingua Italiana la merde qui esprime la merde non ha un sostituto ma no sta volgare affatto
    Ecco che NONOSTANTE QUALSIASI DIFFICOLTÀ DTARE OTTIMISTI E FIDUCIOSI GENERA SOSTANZE POSITIVE E MUOVE LE CELLULE DEL CERVELLO SCATENA EMOZIONI POSITIVE ENTUSISMO PER IMPARARE A VIVERE MEGLIO

    da nascita alla morte RESTIAMO ALLIEVI NELLA SCUOLA DELLA VITA ‘

    Insomma ti testimonio che non soltanto a me nonostante tutte le mie difficoltà vissute i miei sicuri DIFFETTONI E DIFETTACCI
    I miei DOLORI IMMENSI PATITI e mia età in avanti di anni

    gli altri ci stanno bene con me perché io ci sto bene con loro
    Uomini NO VERO CHE GIARDANO le righe o le rughe o la coscia deve essere magra ?
    Ma io ce la ho cicciotta eppure cucco alla grandissima ah ah ah ah

    Insomma conta ciò che si conquista dentro se stessi e non solo fuori con ginnastica dieta

    Un corpo perfetto e dentro pessimista a stecca STANCA SE STESSI E TUTTI GLI ALTRI

    Cerca di ridere almeno una volta al giorno cerca già di scrivere di più seguendo il tuo naturale senso del humor che a volte qui lo ho colto e letto e te lo ho scritto
    Prova a commentare ppigliandoto in giro si parte da stessi per pigliarmi in giro
    Il rudere dei propri guai genera endocrine e voglia di partager con amici nuovi ottimisti nonostante la MERDE

    Onts en fou

    È la frase che aiuta di fronte alla difficoltà di qualsiasi tipo a reggere tenere banco dentro propria vita

    Onts en fou

    Me ne frego ma in senso che ci rido sopra mi piglio in giro esco e ci vediamo al solito bistro partager un coup ensamble
    Un bicchiere di buon insieme

    “A ridere dei guai come non hai fatto mai “
    Citaz. VASCO ROSSI

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 12:06 Rispondi

    Marcelle tu sei single?

  • Lolly, 6 Luglio 2022 @ 11:40 Rispondi

    Proprio ieri parlavo con un amica che è anche una scrittrice, e discutevamo sul fatto che la monogamia non esiste..è un illusione…la nostra esistenza è fatta di vite parallele, incontri che si interfacciano ma non si incontrano mai. Certe verità devono restare nascoste e saperle tenere in equilibrio tra loro…capite cosa intendo?…questo non significa che ognuno fa quello che gli pare, trombando a destra e sinistra…pure no. Però, ci sono incontri decisivi come un amante di lunga data( dove non è solo sesso) che probabilmente appare per farti scoprire nuove parti di te… noi non siamo solo quello che vediamo, c’è di più…dentro di noi ci sono vari volti ed ogni tanto qualcuno si affaccia al volto principale che ci rappresenta..che fare allora?…il matrimonio spesso è una gabbia dove contenere l’altro che ha tempi e modi di evoluzione diversi dal nostro è in un certo senso ti tappa le ali…ed è così che cominciano le sofferenze interiori. Io sono madre, ero moglie , sono una donna ed una lavoratrice e non è detto che mi senta di esprimere al meglio questi ruoli nella stessa realtà…ed è così che se ne creano di altre in parallelo…carissime se ce la vogliamo raccontare ,bene… altrimenti alla soglia dei 50 guardiamo la vita per quella che è. Se poi qualcuno trova il connubio perfetto in una sola persona per tutta la vita…applausi!…e che fortuna!!

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 11:38 Rispondi

    Lia ma davvero è così facile incontrare persone che possano attirare il nostro interesse in senso fisico e emotivo? Io non la vedo per nulla così.

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 11:36 Rispondi

    Roberto, io credo che sia possibile tornare a quella “serena infelicità” (bellissima definizione) che si viveva prima. Sicuramente per chi, come me, non è mai stato di bocca buona e se non è preso nell’anima non si butta.
    E sono contraria al chiodo, mi sembra di mancare di rispetto a chi ne veste i panni senza saperlo. Non userei nessuno per lenire il dolore, me lo vivrei e lo lascerei passare, come tutti i dolori della vita. Ho sperimentato la mancanza di persone fondamentali nella mia vita, quello di mia mamma è stato un lento abbandono dettato dalla malattia, quello della mia migliore amica è stato uno strappo improvviso, due ore prima ci eravamo scritte e poi lei non esisteva più. Ma si sopravvive, si sopravvive a tutto, figuriamoci a un amore che non ha la forza di esistere per davvero!

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 11:28 Rispondi

    Ads tutte le mie amiche separate hanno iniziato a detestare gli uomini. quindi cinema, teatro, sport e altro ma solo tra donne.

  • Sylvia, 6 Luglio 2022 @ 11:10 Rispondi

    Scusa Marcelle, non conosco la tua storia e non saprei come recuperarla come per tutte le altre. . Invece di parlare di quello che presumi succeda in casa sua, perché non ci racconti gli effetti su di te dopo che è finita la storia extra, come ti senti tu dopo che la storia è finita? Tu sei rimasta o ti sei separata?

  • Lia, 6 Luglio 2022 @ 10:45 Rispondi

    @ads, mi sale la depressione a leggerti. Oggi al contrario di qualche generazione fa, abbiamo la possibilità di curare di più il fisico, di fare più incontri e di conoscere persone anche a 60/70 anni e oltre.
    Sono le paure che ci bloccano, e tu da questo punto di vista mi sembri molto bloccato.
    Detto questo, chi ti dice che le tue colleghe non stiano bene a pitturare e fare passeggiate con le amiche, piuttosto che restare in un rapporto che non ha senso perché non ci si ama più.

  • Marcelle, 6 Luglio 2022 @ 10:19 Rispondi

    Ciao @Cri28, sul “come si vive dopo la fine della relazione con l’amante. Sopratutto per chi ha un matrimonio che non ha speranze di ricostruzione.” piacerebbe sapere anche a me. Sul mio ex, ho le mie idee.

    Che io sappia, da quando ho chiuso con lui, sono iniziate le liti anche davanti ai figli, discorsi di separazione ed uscite sempre piu frequenti in solitaria. Ovviamente questa situazione potrebbe rientrare ed aver risvolti anche positivi per loro. Ma fammi dire che se due conducono vite separate da anni, se non con figli e cerchia intima, a letto poco e niente.. essendo ancora quarantenni..
    Beh, penso che lui tradirá ancora, magari sará solo sesso, e lei prima o poi si innamorerá di un altro. Sento che non staranno insieme fino alla vecchiaia. O se ci staranno sará con un necessario aiuto esterno perché in effetti la loro storia era “viziata” in modi che non posso dire sin da prima dell’arrivo dei figli, ma quasi indissolubile per gli stessi motivi.

  • Roberto, 6 Luglio 2022 @ 09:36 Rispondi

    Anche questa volta @Cri28 dai un esempio di come si deve usare un blog. E’ una bellissima domanda che tante volte mi sono fatto anche io. Credo sia il timore poi che hanno tutti quelli impegnati in un amantato d’amore che fanno fatica a vederne il senso se non si ha l’intenzione di cambiare vita. Per cui chiudere con l’amante diventa una delle possibilità da prendere in considerazione. Ma dopo? Si riesce a tornare alla vita di prima? A quella serena infelicità tipica dei matrimoni di lunga data? Io penso che tante volte sia più la paura del momento della separazione con l’amante che il restare da soli. Il tempo guarisce tutto, anche l’amore. Quindi prima o poi il ricordo svanisce e si torna alla vita di sempre. Però non si ha voglia di attraversare quel momento di grande dolore, anche se dentro di noi magari sappiamo che non c’è altra soluzione. E allora si rimanda. Forse si corre un altro rischio. Come dici tu @Cri, può venire voglia di separarsi? Perchè come dice @Ale l’amante spesso funge da stampella. E quindi, senza l’appoggio, potrebbe crollare tutto il castello di carta?
    @ads, magari la verità potrebbe non stare da una parte sola. Nel senso che è assolutamente vero che ribaltare una vita è una cosa complicata, per tutto quello che comporta e che si mette in discussione. Però come dice anche @Ale qualcuno la scelta la fa. Per cui non è sempre così bianco o nero come dici tu. Poi che sia molto più comodo tenere un piede in due scarpe quello è vero.

    • alessandro pellizzari, 6 Luglio 2022 @ 09:46 Rispondi

      Spesso di diventa seriali. Non eccessivi ma arrivano altre amanti

  • ADS, 6 Luglio 2022 @ 09:32 Rispondi

    @cri 28 ,la maggior parte resta cosi,
    e qualcuna di voi dopo la fase rigetto amante..incontra un altro.
    poi il fattore età rileva eccome, se hai l’età delle mie colleghe ,con i tempi di elaborazione che hanno le donne, campa cavallo,
    si dedicano a nipoti, pittura, passeggiate con amiche, aperitivi con amiche,il cane, ma non potete pensare che a 60 anni di essere competitive come a 50,e questo vale ovviamente per tutti.
    quello che dice @ariel, in teoria è cosi..
    ma se le persone hanno difficolta a cambiare banca, a smettere di fumare, a dimagrire,a meritarsi un lavoro migliore.
    se tua figlia si è sposata con un debosciato a voglia ad essere serena,
    se perdi il lavoro a voglia fare pensieri new age,
    se hai problemi di ansia,diabete, pressione, a voglia a svegliarsi la mattina con il sole dentro.

  • Love, 6 Luglio 2022 @ 08:51 Rispondi

    @Cossora…mi fa piacere che a te non tocchi assolutamente che lui vada o se vada a letto con la moglie…
    Personalmente quando lei l’aveva detto a me e non ti dico la modalità, solo per il rispetto personale e lo dico sia da uomo e lo vorrei anche se fossi donna con un briciolo di orgoglio personale, ha rotto un equilibrio che ho sempre pensato fosse difficile da rompere…eppure quella sera il marito ha voluto testare…proprio come dice @Ale…per poi ritornare alla solita routine.
    Tanto di cappello a te…
    Vorrei aggiungere che la modalità che stai vivendo tu, l’ho vissuto anch’io per qualche anno…ti auguro possa essere sempre così…perché posso immaginare…
    In bocca al lupo

  • Leilei, 6 Luglio 2022 @ 08:38 Rispondi

    Cossora non possiamo chiudere gli occhi davanti a certe evidenze: Se non c’è una crisi dichiarata, anche una volta ogni 6 mesi loro continuano a stare con la compagna ufficiale, come continuano a far visita ai parenti comuni, ad andare in vacanza, a presentarsi come una coppia ufficiale. Poi che a te la cosa non disturbi, è un altro paio di maniche.
    Anche a me lui dice che non hanno più fatto nulla da un anno, ma se lei dovesse avvicinarsi lui non potrebbe tirarsi indietro, è questo quello che penso.

  • ads, 5 Luglio 2022 @ 21:26 Rispondi

    ragazze scordatevi che uomo sposato autonomo come me possa passare dal fare l’amante part time a fare il fidanzato par time per compiacere la vostra voglia di esclusività formale..non vi amano abbastanza , puo essere, voi non lo fareste mai manco voi..se no capite questo non capite la base.
    gente che è abituata a stare in coppia..finta quanto vuoi ma non stravolge la vita..e ripeto..nemmeno voi lo fareste.
    siate serie e lucide.
    ..poi parlate tutte voi che siete ancora a casa..quindi parlate di teoremi.

  • Cri28, 5 Luglio 2022 @ 21:20 Rispondi

    Una cosa che mi piacerebbe sapere (non so se ci sia anche un articolo) è come si vive dopo la fine della relazione con l’amante. Sopratutto per chi ha un matrimonio che non ha speranze di ricostruzione. Mi chiedo se si pensi di incontrare ancora qualcuno, se venga voglia a quel punto di separarsi o no. Io vorrei avere qualcosa che mi sostenga e che non sia un altro rapporto, visto che non mi separero, credo, ma fatico a pensare che sarò ancora felice.

    • alessandro pellizzari, 6 Luglio 2022 @ 06:54 Rispondi

      Prima o poi si hanno altre storie parallele. Molte di voi si separano

  • Ariel, 5 Luglio 2022 @ 20:59 Rispondi

    lolly tutto vera la tua analisi è solo il finale che non regge affatto
    Non è mai questione del non essere concesso di vivere una vita in vero equilibrio di autostima e di riuscire aapad avere vere relazioni affettive che funzionano

    Non dipende
    Dagli altri
    Dal marito
    Dal amante
    Dal postino antipatico
    Dal posto dove vivi arcaico sistema maschilista
    Dal fatto di avere o non avere figli

    Tutto dipende solo DA TE !!!!!!!!

    Il te è universale
    E cioè da se stesse e se stessi
    Una questione DI MANICO

    Se esistono difficoltà e non si riesce ad avere una relazione alla luce del sole totale occorre fare terapia

    Inutile piangersi addosso
    Fare il fatalismo come se dipendesse sempre dagli altri ciò che si vive

    Certo gli altri tutti ci mettono alla prova

    Ma poi se ci riesci o meno dipende solo e so,tanto

    Da te stessa o te stesso e punto.

    Sembra un pensiero frase scontata??

    E invece come vedi pare proprio di noi
    Ognuno trova le sue scuse i suoi motivi

    E guarda caso mai che si di ca

    Nungneafo??
    Okkei vado e mi curo senza più RACCONTARSELA

    Il destino lo costruiamo da sole
    E questo fa paura ci si vorrebbe attaccare a qualcosa a qualcun9 che potesse reggere il peso notevole che da LA RESPONSABILITÀ INDIVIDUALE DI FRONTE ALLE PROPRIE REALI DEFAIANCES!!!

    Invece attaccati a te stessa ma nel senso di saper ti curare che la cura esiste

    Basta volerla fare !!!

  • Lia, 5 Luglio 2022 @ 20:27 Rispondi

    Bhe @Cossora, almeno una del blog che è intelligente quanto te l’hai trovata! Mi inchino a cotanta mente!

  • Lia, 5 Luglio 2022 @ 20:21 Rispondi

    @cossora, la tua storia non è una novità. Ci sono tante amanti che amano e accettano. Ti ho fatto delle semplici domande ma ho capito che preferisci glissare e non rispondere, ammetto che sono un tantino scomode. Come vuoi..

  • cossora, 5 Luglio 2022 @ 18:49 Rispondi

    @leilei a me che lui ci vada a letto è un dubbio che non è mai venuto, all’inizio diceva ‘poco e su mia richiesta, con sua rilutanza’ poi a un certo punto ha iniziato a dire ‘no, mai più’. Io sento di potergli credere.
    Poi che tra le statistiche del blog e le frustrazioni delle tante lettrici (Molly/Sylvia sul podio con Ariel ed Elleelle.. che trio 🙂 !!) sia un ‘sentire’ attaccabile… mai detto il contrario. Io faccio per come sento. Mai fatta intimidire da chi vuole farmi venir paura. E non sono mai finita in terapia, non sto in un matrimonio che odio e non ho portato le corna per anni e non mi faccio mantenere da nessuno. Questi sono fatti. Le altre sono supposizioni e statistiche.
    C’è chi vive da protagonista e chi no. Evidentemente a qualcuno questo brucia.
    @ale se vuoi censurami

    • alessandro pellizzari, 6 Luglio 2022 @ 06:57 Rispondi

      Beh che tu gli creda e lui dica una cosa del genere non e buon segno, soprattutto che tu gli creda. Sua moglie ogni tanto farà i suoi test e celebrerà le feste comandate

  • cossora, 5 Luglio 2022 @ 18:37 Rispondi

    @lolly, amata amica di intelligenza superiore. Il resto è il male minore, come hai ragione!

  • cossora, 5 Luglio 2022 @ 18:30 Rispondi

    @lia non so che dire. Ho già detto tutto quello che vivo e che penso e che provo. In lungo e in largo, Mi manca solo scriverlo in cinese! Ma se due (o più) menti su certi argomenti non possono trovarsi.. evviva la diversità, l’unicità di ognuno di noi. Non volgio convincere nessuno a fare l’amante/concubina/fidanzata/moglie/single .. io porto la mia storia. Non perchè venga demolita ma come ‘ehy, esiste anche questo’.
    Poi fatene ciò che volete, tant’è!

  • Harya, 5 Luglio 2022 @ 16:15 Rispondi

    😀 avevo capito @Ariel e ti ringrazio perchè so che le tue parole sono sincere e soprattutto vere. è vero resto per i bambini ma anche per altri motivi, è una valutazione mia che non voglio comunque ricada come un peso sui ragazzi Non sottovaluto quello che hai scritto, capiscono come se non capiscono ma il feedback al momento è positivo, stanno crescendo in fretta, e prima di quanto io creda, spero non ci sarà più bisogno di restare per loro.

  • Sylvia, 5 Luglio 2022 @ 16:08 Rispondi

    Sono d’accordo con Rinascita. Non si tratta di passare insieme tutto il tempo o la maggior parte del tempo con una persona. Si tratta però di volere rapporti esclusivi. Per un po’ si fa finta di non essere gelosi del compagno di vita dell’amante, con la speranza che prima o poi se ne sbarazzi. Ma il sapere di non essere in una relazione esclusiva, il condividere quella persona con un’altra alla lunga logora. Lo si vuole tutto per sé.

    Secondo me Cossora è in diniego: lo continua a chiamare “il mio amore” quando sa che non lo è, per convincersi che si tratti di una relazione esclusiva, che lo è solo quando sono insieme loro due, così come è una relazione esclusiva con la moglie quando sono insieme loro a casa.

    Per quanto tempo so può stare bene in una situazione non realmente esclusiva? Mentre tu sei a casa con i tuoi figli lui si sveglia accanto a lei. Sicura che ne stai bene? Sicuramente vivrete momenti da favola ma cosa senti quando al mattino sai che si sveglia accanto a lei dopo averci fatto l’amore?

  • Ariel, 5 Luglio 2022 @ 15:52 Rispondi

    Era per Haria e non Harvard per quanto Harvard resta simpatico nickname da idea di vera eccelsa intelligenza

    Ah ah ah

  • Ariel, 5 Luglio 2022 @ 15:51 Rispondi

    Harvard cara volersi bene scientifico parlare equivale a andarsene e riuscire a staccarsi da chiunque non stia in grado di apprezzare completamente ciò che si è
    No quindi a posticci finte relazioni
    No ad amantati e matrimoni o convivenze del meglio di GNIENTE
    Del ma lo faccio per i bambini
    Ma lo d faccio perché sto povera ma lo faccio perché intanto lui non capirà mai il mio vero valore ma lo faccio perché a me sta bene e così??????

    Se si vuole crescere in senso positivo per se stessi funziona in un UNICO MODO PER TUTTI

    Non ti apprezza ,non ti rispetta non gliene frega una beata di te come persona e donna
    Non ti da esclusività di tutto come Manuale scienza prevede esssere SANO PER CHIUNQUE

    SAPER STACCARSI È UNICO MODO
    NESSUN ALTRO METODO PUÒ DAVVERO creare la propria vera stinama di se stesse capaci di tagliar di netto chi sta a fingere di tenerci fingere dal momento che amante si scopa la moglie che vada bene solo la moglie!
    E marito pure se si fa i finti separati
    I veri separati lo fanno alla piena luce del sole e per un periodo limite di tempo altrimenti sono solo che FINTI SEPARATI chi ci passa anni resta bloccato

    Occorre farsi forza fare terapia a stecca mettercela tutta per darsi il diritto dovere di vivre libere la propria vera vita tutta alla luce della realtà verità

    Questo resta esempio migliore per se stesse e pure per i figli che imparano che se non ci sta chiarezza ed esclusività non può funzionare mai
    E si fa danno a stessi e pure ai figli che sembrano sicuro non accorgersi di nulla

  • Lolly, 5 Luglio 2022 @ 15:45 Rispondi

    I cambiamenti non sono facili è inutile nasconderlo..se non si ama abbastanza, nessuno trova il coraggio di fare il salto…e qui leggo storie dove il ” non abbastanza “è la regola. E così ognuno si adatta come può..@ leilei restando in casa ma con la verità nel cuore, @ Roberto nella routine familiare dove ciò che appare non è, @ Ads costantemente in bilico e travolto da un turbinio di emozioni @ Cossora …la mia amata…così determinata e passionale ma con tante fragilità ed insicurezze a seguito…la vita è fatta di occasioni e non sempre ci è data la possibilità di vivere per come desideriamo…il resto.. è il male minore…

  • Lia, 5 Luglio 2022 @ 15:16 Rispondi

    @leilei, non metto in dubbio che il suo amore abbia detto a @Cossora che non lascia la moglie per lei, ma le motivazioni? Lui resterebbe povero? Lei è molto malata? Lo farà in futuro? Non si è capito… Temo nulla di tutto questo.
    Per quanto riguarda la tua situazione, sai che per come la vedo io hai fatto benissimo a parlare perché la verità e la chiarezza prima di tutto, principalmente nei confronti di se stessi.
    Spero solo che non ti renda la vita impossibile da adesso in avanti…
    @Rinascita, non è solo una formalità altrimenti sarebbero separati in casa. Purtroppo la moglie ha un peso su tutte le decisioni principali. Dove non ci si separa e si preferisce sacrificare l’amante, la moglie ha pieni poteri.
    Anch’io ho scelto diversamente per le stesse tue ragioni. Non volevo più tempo da lui, volevo lui, volevo sentirmi voluta da lui.
    Ti voglio, ti scelgo, te lo dimostro ma tu devi volermi allo stesso modo. La risposta non può essere voglio stare con un’altra e io mi scuso, mi inchino e mi adatto… e no!

  • Sylvia, 5 Luglio 2022 @ 13:46 Rispondi

    Ma non lo avevi già fatto Leilei di chiarire le cose? Non hai detto che gli avevi proposto l’acquisto di due case separate e non ne ha voluto sapere? Ti sei scaricata la coscienza ma cosa cambierà? Nulla!
    Condividerete vacanze insieme, la spesa settimanale e la vita quotidiana senza amarvi e quando vorrai cambiare aria ci sarà ancora il tuo ricco amante che ti porterà al ristorante sofisticato, affitterà la casa in collina per la solita reciproca boccata d’ossigeno. Un bel respiro e via, di nuovo sott’acqua fino alla prossima volta.

    Con l’acquisto della casa avevi l’occasione di fare qualche cambiamento e invece… tutto come prima! Contenta tu…

  • Leilei, 5 Luglio 2022 @ 12:54 Rispondi

    Lia mi sembra che l’amore di Cossora glielo abbia detto chiaramente che non lascia l’altra.

  • Dispersa, 5 Luglio 2022 @ 12:53 Rispondi

    Ma no @Ads io non vedo tutte queste persone deluse!!
    In realtà vedo donne che hanno scelto di non fare più l’amante, e ne leggo di molto forti, come leggo di donne dove l’amantato sta bene ma dove non è una priorità.
    Siamo diverse con modi di vivere diversi, cosa c’è di tanto difficile da capire?
    Io ho scelto di fare basta, non perché non lasciava la moglie, ma perché mi dava gli avanzi delle briciole stesse.
    Magari pensa la stessa cosa di te, che sono delusa, non ha capito che io non volevo rivoluzionare le ns vite ma che volevo ci vivessimo di più.
    Sinceramente ogni volta il dopo era uno scasso, lui è i suoi sensi di colpa mi atterravano… Magari il più deluso era lui?

  • Rinascita, 5 Luglio 2022 @ 12:38 Rispondi

    Cossora il fine di chi desidera vivere una storia alla luce del sole non e’ avere più tempo da trascorrere insieme. Per me quello sarebbe secondario. L’elemento fondamentale è non volere che il proprio amato o la propria amata stia anche con un’altra persona. Fosse anche solo per formalità ma un’altra persona esiste ed a questa occorre in un qualche modo (poco o tanto) rendere conto. Può anche farsi finta che non esiste ma c’è! Per me che ho fatto una scelta diversa dalla tua, l’elemento di crisi stava li’. Avrebbe potuto donarmi tempo, mari e monti, ma che stesse anche con l’altra per me era diventato un ostacolo ormai insormontabile.

  • Leilei, 5 Luglio 2022 @ 12:01 Rispondi

    Cossora concordo con te nella misura in cui hai la certezza che dall’altra parte ci sia una coppia di separati in casa a tutti gli effetti.
    Diversamente, come dice Ale, non ti ama abbastanza.
    A differenza tua, io che so che dall’altra parte non fanno i separati in casa, mi prendo solo quello che mi va bene e non lo definisco l’amore della mia vita.

  • Leilei, 5 Luglio 2022 @ 11:56 Rispondi

    Harya quello che gli ho detto segna un punto e a capo. Non resto per affetto, non resto perchè penso che non ce la faresti senza di me, resto perchè mi fa comodo. Sono stata volutamente brutale, per non dare alcuna speranza e per permettergli di scegliere.

  • Leilei, 5 Luglio 2022 @ 11:54 Rispondi

    Sylvia cambia eccome, io non mi sento più obbligata a fare nulla per lui. E se faccio qualcosa è perchè sta bene a me.
    Nessun teatrino da coppia felice. E scusa se è poco…

  • Leilei, 5 Luglio 2022 @ 11:19 Rispondi

    Ale credo anche io che sia così, però mi sento molto sollevata per aver messo in chiaro le cose.

  • cossora, 5 Luglio 2022 @ 10:57 Rispondi

    @ads io non scrivo da delusa! Lo so che la mia vocina è timida e solitaria ma ..sono sorpresa delle esperienze che sto vivendo con il mio amore. Anche perchè sono approdata qui sofferente e cercavo di fare miei certi consigli senza mai trovarmici affine al 100%. Quel che voglio dire è che se ne parliamo solo in termini di dolore e delusione e malattia.. scriveranno qui solo quelle che si identificano in situazioni negative.
    E’ giusto dare spazio alle versioni diverse perchè sono una realtà (e perchè comunque l’argomento si fa più interessante)

  • Lia, 5 Luglio 2022 @ 10:36 Rispondi

    @Cossora, io personalmente ascoltando la tua storia non mi pongo la domanda ‘e se la moglie dovesse togliergli la libertà?’ Ma bensì ‘perché Cossora e il suo amore non stanno ufficialmente insieme? Vedendosi anche poco, ciascuno a casa sua, ma perché non ufficializzano?’ Forse l’hai già spiegato mille volte, ma le modalità con cui vivi un rapporto non c’entrano un piffero con l’ufficializzazione del rapporto stesso, e nelle tue riflessioni trovo che continui a confonderle.
    Di @leilei ne ho capite le ragioni che sono prevalentemente di natura economica. Anche queste non mi lasciano una buona sensazione, ma vabbè…
    Le tue davvero mi sfuggono! Perché la tua risposta è sempre stata che non lo vuoi come partner ufficiale perché ne hai già avuto uno e ti è bastato. Ma, ribadisco, per me due persone che vogliono stare insieme lo fanno con chiarezza e nelle modalità che concordano in base alle rispettive necessità. Insomma, oggi stare insieme non significa più che la donna deve lavare le mutande dell’uomo, può anche significare vedersi meno, ognuno a casa sua nella totale limpidezza e verità di un rapporto ufficiale, dove la protagonista vera, seppur a tempo ridotto, sei tu e non l’altra.

  • elleelle, 5 Luglio 2022 @ 10:34 Rispondi

    @Luciana
    Seriale anche il tuo…
    Ma ce n’è uno che se lo tiene nelle mutande? E poi col caldo che fa, dove gli viene la voglia di rifarsi vivo dopo anni per scopare proprio non lo so … 😀

  • cossora, 5 Luglio 2022 @ 10:27 Rispondi

    Io al contrario di @leilei me ne sono infischiata (nel decidere di separarmi) dei motivi pdel mio ex marito e ho valutato cosa andava bene o male a me. Idem con il mio amore. Io sto bene nella misura in cui lui mi dedica il suo tempo e in base alla qualità è il tempo che dedica a me.
    Non sto bene perchè so che ne toglie alla moglie. Cosa mi cambia?
    Quando un’amante vuole di più STATISTICAMENTE intende la separazione come mezzo, ma il fine è avere più tempo, più esperienze condivise, più vita di un certo genere.
    Secondo me è qui il nodo: se si ha un buon tenore di vita e di relazione, una buona frequenza di sesso e di esperienze.. i motivi dell’altro non hanno peso. Ce l’hanno solo quando ti fa infelice.
    Stesso discorso per il mioe x marito e la sua bella: non so come stia con lei, ma da come lui non ha mai rotto le balle deduco che lei sia una persona valida.
    Io guardo il risultato 🙂

  • Harya, 5 Luglio 2022 @ 10:20 Rispondi

    beh @leilei io resto per il caffè a letto la mattina! forse per un uomo è facile restare con donne come noi, che alla fine gli togliamo anche il fastidio di trovare un’amante che dopo un tot di tempo avrebbe le stesse pretese e le stesse pare di una moglie! Comunque mi permetto di fartelo notare perchè ci sono passata, forse è meglio se vai avanti, nel senso Sei rimasta, il passato è andato, il futuro è da decidere, il presente è da vivere senza far pesare che te ne saresti voluta andare. Non ha senso fomentare il suo rancore nella speranza che lui possa “riconoscerti” qualcosa ti inacidisci soltanto la convivenza.

  • Lia, 5 Luglio 2022 @ 10:16 Rispondi

    @Luciana, si chiama love bombing. I messaggi creano un’abitudine e simulano una presenza. Per creare un’abitudine occorrono solo 15 gg. Non costa niente scriverli. La tecnologia. whatsapp e tutte le app di messaggistica hanno fornito delle nuove armi che nelle mani sbagliate possono fare morti e feriti! Sta a noi difenderci da quello che sembra ma non è. C’è solo un modo! GUARDARE AI FATTI! Un abbraccio!

  • Ariel, 5 Luglio 2022 @ 10:16 Rispondi

    Leilei, 5 Luglio 2022 @ 08:33Rispondi

    @Leilei EVVIVAAAA!!!
    Puoi essere molto contenta di te stessa per questa tua FINALMENTE APERTURA TOTALE verso la realtà verso fare TOTALE CHIAREZZA COL MARITO!!!
    Cara Leilei come vedi la terapia FUNZIONA BENISSIMO!!!!

    E sei tu che la hai fatta funzionare,!,,
    Guarda il tuo bicchiere sta colmo di vera forza della verità realtà
    Fare ordine in te stessa alla PIENA LUCE DEL SOLE SENZA PIÙ NASCONDERTI
    È L’ ATTO DI AMORE PIÙ IMPORTANTE PER SE STESSI!!!
    Brava!!!
    BRAVISSIMA
    Un ABBRACCIONE da qui !,,

  • cossora, 5 Luglio 2022 @ 10:03 Rispondi

    @ale innamorarsi è un dono, un miracolo. Magari non ti capita in una vita. Magari ti capita una sola volta e quando finisce, semplicemente vivi. Se non ti innamori non è che resti fermo. Stai dove stai meglio, ti vien comodo, ti costa meno sbatti, fann la macedonia più buona.
    Io non la trovo una roba tanto orribile. Non tutti sono in grado di lasciarsi andare e amare.

  • Sylvia, 5 Luglio 2022 @ 10:01 Rispondi

    Leilei tuo marito ha detto delle verità come le hai dette tu. Entrambi rimanete per ragioni economiche e organizzative. Se tu ti separassi, considerando che l’amante resterebbe esattamente dove è sempre stato, a casa, senza l’amante non potresti permetterti tutto ciò che puoi permetterti ora. E tuo marito sa che non sei disposta a diminuire il tuo tenore di vita, a fare rinunce.

    Quindi come in casa di Roberto, di Ads e tanti altri, non cambierà nulla. Ognuno si terrà la sua stampella, sia essa amante o coniuge poco desiderato o entrambi. Vita routinaria e ogni tanto qualche “esperienza” alla casa in campagna o terme o una cena speciale che ti può regalare il tuo amante. Tutto procede immobile come quando è iniziata. Con qualche sprazzo di vita per poi tornare al grigiore quotidiano.

    Cavolo, eppure si vive una volta sola.

  • Lolly, 5 Luglio 2022 @ 09:58 Rispondi

    Nessuno torna dal coniuge o amante se ha trovato di meglio…questo concetto è inattaccabile..vale per tutti…veritiero il commento di @elleelle…non sono scelte dettate dall’anima ma dalla convenienza..

  • Rinascita, 5 Luglio 2022 @ 09:44 Rispondi

    ADS ho altri parametri di seduzione. Non importa che sia una cosa fugace ma non trovo appeal in chi perimetra le finalità dell’incontro. Può succedere tutto o niente ma la programmazione anticipata non mi attrae e non mi crea nessuna tensione, anzi mi fa cadere le braccia. Per carità meglio questa sincerità schietta, ma ci sono tanti modi e gli uomini sbrigativi , e spacconi, della serie “quagliamo?” non appartengono al mio modo di essere. Per te avrò pretese troppo alte. Nella mia visione non mi sento bisognosa, perché posso e voglio scegliere emozioni eleganti e non banalmente volgari. Altrimenti preferisco niente!

  • ADS, 5 Luglio 2022 @ 09:10 Rispondi

    @rinascita sei in questa fase un po’ cosi..non prendere tutto male..
    a certi uomini piace anche flirtare..quante ne volete..
    di manichini inanimati ce ne sono..
    di persone ammaccate che se ne restano per i fatti loro anche.
    parli come una persona delusa tutto qui.
    @leilei e tuo marito davanti alla tua sincerità oltre ad essere deluso..incassa il colpo e via..
    cmq anche io faccio cosi , insomma come te..ma non va bene..
    @luciana…anche lui all’inizio ti faceva da stampella..
    ragazze i vs amanti non ci tengono abbastanza esattamente come i vostri mariti che poi vi hanno indotti a tradirli..
    è ciclica la cosa..dopo un po’ succede sta roba

  • Leilei, 5 Luglio 2022 @ 08:33 Rispondi

    Vi aggiorno, dopo le discussioni dello scorso week end in cui ho detto a mio marito che rimango solo per questioni economiche, nulla è cambiato.
    Ne ho parlato ieri con la psicologa e mi ha detto che ho fatto bene a chiarire in modo inequivocabile le mie posizioni, senza edulcorarle in nessun modo. Ieri sera mi ha chiesto se la macedonia era anche per lui, o solo per me e per mio figlio….Si vede che gli sta bene così.
    Sempre nella nostra discussione mi ha urlato in faccia perchè non te ne sei andata quando ti è capitata l’occasione? Perchè quello lì non ti ha voluta, si è tenuto la famiglia perchè non ti ama abbastanza.
    Ale, mi sei subito venuto in mente tu e gli ho risposto “è vero, hai proprio ragione”.

    • alessandro pellizzari, 5 Luglio 2022 @ 09:15 Rispondi

      Beh tuo marito non ti ama, sta anche lui lì per ragioni logistiche. E forse per la macedonia

  • Lia, 5 Luglio 2022 @ 07:15 Rispondi

    @Rinascita, mi sa di seriale incallito! Ci ha messo 15 anni ad arrivare alla lettera R?

  • elleelle, 5 Luglio 2022 @ 07:05 Rispondi

    @Rinascita
    “Meglio sola che con questa gentaglia”: anche perché, non so a te ma a me verrebbe da pensare che dopo 15 questa è disperazione. Forse ha finito la lista, forse non becca proprio niente ma tornare dopo 15 anni per una breve storiella senza impegno ché tanto lui non bada a spese… boh, forse il prezzo delle escort è aumentato come la benzina e una notte in albergo con una donna conosciuta è più economica…

  • Luciana, 4 Luglio 2022 @ 23:29 Rispondi

    oddio @Rinascita, la tua descrizione ma ha fatto ridere :-). E poi no, il camper no, non per rivedere qualcuno dopo 15 anni 🙂
    ma lo sai che il mio caro pensionato si rifece vivo anni fa con la sua ex (non la moglie, ma un’altra donna) dopo 17 anni??? me lo disse lui di averla ricontattata dopo 17 anni – avevano avuto illo tempore una brevissima storia quando lui era gia’ sposato.

  • Rinascita, 4 Luglio 2022 @ 22:17 Rispondi

    Luciana analisi centratissima. Che ce la faccia con le sue forze di sopportare, da solo,
    un matrimonio azienda o qualunque cosa sia. Basta con questa sanguisuga di energia. Un contentino, proprio proprio lo so trova altrove, senza alcun impegno e senza alcuna devozione. Renditi importante ma non ai suoi occhi, prima ai tuoi. Oggi un “filarino” di 15 anni fa, si e’ rifatto vivo. Sostiene di sognarmi ogni notte; di sapere quanto sono corretta rispetto alla mia situazione familiare (a me? Che ho tradito per 4 anni?); di decidere un posto, qualunque esso sia che mi ci porta, senza badare a spese (quindi eviterei il camper) ; che non ha intenzione di turbare la mia quiete, che vuole solo “una storia breve”. Ecco, si tratta di un seriale. Sono sbottata a ridere e poi ho pensato “che schifo”. Il mio basso livello di endorfine avrebbe un tempo potuto farmi vacillare, perché anni fa mi piaceva e sarei stata indotta a pensare che se dopo quindici anni ancora mi pensa, come scrivi tu, vorrà dire che ci tiene davvero. Se invece non la smette, penso che lo prenderò a pedate. Meglio sola Luciana, meglio sola che con questa gentaglia!

  • Dispersa, 4 Luglio 2022 @ 21:33 Rispondi

    @Luciana si corretto!!
    Ci tiene ‘a modo suo’ o come direbbe @Ale ‘non abbastanza’!!
    Un abbraccio.

  • Ariel, 4 Luglio 2022 @ 16:20 Rispondi

    Poi pensavo a questa considerazione che è tratta sempre da ciò che statistica e scienza hanno scoperto negli anni e che sta sempre più evidente che i casi di vere manipolazioni negative subite in relazioni affettive dov’è a fronte di anni di stazionamento con inevitabile esito statistica di star aggiornata di vere sofferenze della donna amante che si sottomette per anni e anni
    Ecco che scienza ci ricorda sempre come

    LA MANIPOLAZIONE NEGATIVA RESTA PIÙ FACILE FARLA SE SI CONOSCEVA O SI CONOSCE LA PREDA O VITTIMA TEMPORANEA

    INFATTI STATISTICA DICE che SOPRATTUTTO IN FAMIGLIA
    TRA AMICI DI VECCHIA DATA
    TRA CONOSCENTI DI VECCHIA DATA

    RESTA PIÙ FACILE RICEVE MANIPOLAZIONE NEGATIVA
    arte del intorto resta un gioco da ragazzi per uomini che già ci conoscevano ad esempio

    Mi pare di ricordare,se non sbaglio ,che MAI QUI si sia scritto di questo particolare meccanismo scientifico di rilevanza notevole per conoscere e comprendere meglio
    Il perche alcune Donne si siano così sottomesse per anni e anni verso uomini che le avevano conosciute anni e anni prima

    Del resto resta intuitivo capire che se già ti conoscevo e se magari ,peggio ,ci era già stato qualcosa di attrattiva

    Resti davvero una strada spianata per uomo Cialtrone manipolare alla grandissima la donna di allora che già aveva inquadrata benissimo!!
    Come preda facilissima !!!

    Infatti qui dove vivo la legge prevede pene più gravi se esistono azioni contro le persone se di famiglia o del proprio Entourage di conoscenza
    Perché più facile cascarci proprio perché esisteva il primo imprinting del meccanismo dipendenza e manipolatore negativo
    Questo spiega anche perché nel matrimonio risulta essere ancor più difficile il vero distacco proprio per via della antica conoscenza

  • Ariel, 4 Luglio 2022 @ 16:10 Rispondi

    alessandro pellizzari, 30 Giugno 2022 @ 14:28Rispondi

    CaroAlessandro mi pare molto utile ed interessante riportare questo tuo commento che secondo me può e dovrebbe aiutare meglio qualsiasi utente che qui ancora staziona in veri amantati destinati a veri fallimenti e sofferenze in un crescendo assicurato da matematica

    A volte mi dico
    Molte realtà dimostrano vere caratteristiche in cui a fronte del ostinarsi a fare amanti per anni e anni di si dimentica della vera realtà
    Si preferisce condire tutto sotto la bandiera del CREDERE DI ESSERE IL CASO DIVERSO ……..
    Di essere quella che C’è la fa benissimo a gestire tutto ,,,,

    Aggiungo una osservazione della scienza statistica che ad esempio il meccanismo nel nostro cervello tipo chi sofferto o soffre di anoressia ,ad esempio ,o di qualsiasi altra dipendenza

    È SINCERAMENTE CONVINTO DI ESSERE FORTISSIMO !,,
    Documentatatevi su questi meccanismi del nostro cervello perché questo spiegherebbe e spiega la OSTINAZIONE A PROSEGUIRE NONOSTANTE QUALSIASI VERITÀ REALTÀ CONTENUTA nella statistica che RICORDIAMOCI CHE SONO ESSERI UMANI I DATI STATISTICI È GENTE CHE HA VISSUTO RELAZIONI SIMILI CON RISULTATI NEFASTI!!!

    Un occhio di riguardo cercate di avere il RISPETTO INTELLIGENTE DELLA STATISTICA!,,
    Occhio a scelte di anni di amanti segreti sono solo che relazioni tossiche destinate a vere sofferenze

    “sarebbe bello rimanesse così ma il 70% della popolazione femminile di amanti (e qualche maschio 10%) quando poi si innamora vuole di più. E se l’altra parte non corrisponde o promette a vuoto sofferenze e dolore diventano insopportabili. Mi piacerebbe dirvi prendi il meglio dell’amante e goditela come dice la Cherubino, solo che per la stragrande maggioranza non dura e si passa al dolore. Siete eccezioni? Meglio per voi ma monitorate molto bene cosa vi succederà nel proseguio. Nessuna amante è gelosa per esempio della moglie all’inizio, poi diventa per molte un tormentone con visite continue ai profili coniugali. E non è catalogare i sentimenti sono dati statistici: amanti felici dopo i primi sei mesi? 20%. Il resto in cds o quasi. Matematica non opinione”

  • Luciana, 4 Luglio 2022 @ 12:41 Rispondi

    ciao a tutti/tutte. Ho passato un fine settimana rilassante con la mia famiglia (no pensionato): mia madre, una delle mie figlie col marito e il mio nipotino. Ho avuto modo di riposare un po’ e pensare e cosi’ ho capito qual e’ il mio ruolo nella vita di questo uomo: anch’io sono una stampella! evviva evviva.

    Grazie a me, lui e’ riuscito a trovare un suo equilibrio restando comodamente a casa coabitando con la moglie con la quale non c’e’ piu’ relazione affettiva. Io sono stata la persona che sempre c’e’, che gli da’ un gesto di affetto, un po’ di sesso di tanto in tanto. Sono un appoggio insomma. Lui continua a telefonare come sempre. Telefonate brevissime di solito, per chiedere come va o se ci premdiamo un caffe’ o se mi va un giretto di un giorno o due. Cose cosi’. Manda messaggini whatsapp di buongiorno e buonanotte. Per anni ho creduto che queste telefonate frequenti, a parte quelle due o tre volte in cui non ci siamo sentiti per un paio di mesi perche’ avevo avanzato qualche pretesa – poi regolarmente rientrata – stessero a significate che ci teneva a me. Mi dicevo: perbacco, se mi cerca vuol dire che ci tiene! infatti la stampella e’ necessaria quando zoppichi. Ma solo in quel caso. Quando smetti di zoppicare non ti serve piu’. Dite che la mia analisi e’ corretta?

  • Ariel, 4 Luglio 2022 @ 11:42 Rispondi

    A me @Roberto più che pacato mi sembra SPACCATO!

    E “chi rompe paga e i cocci sono i suoi”

    Reflexion toujours possible!

    Bonjour Robert Homus S PACATUS a metà!
    Pacato na beata …..
    Solo pacato con chi gli regge la codina come na autentica crocerossina del

    Io ti salverò Robert dalle donne che t’attaccano il bottone al vestito dello

    S – PACATO a Metà

    Qualcosa di cui parlare ….

  • cossora, 4 Luglio 2022 @ 11:30 Rispondi

    @cri sono d’accordo con te.
    Nella mia storia di amantato le crisi sono arrivate quando, volendo di più, chiedevo la sua separazione. Per assurdo in entrambi i suoi deboli tentativi l’aria era così scarica di energia e densa di frustrazione che io non reggevo e ci lasciavamo. Poi ho iniziato a chiedermi: cosa vuoi davvero? Che si separi e ufficializziate tutto o provare a vedere come state alleggerendo il carico?
    Ho trovato la nostra chiave nel mantenere ‘frivola’ la nostra relazione che poi.. vi assicuro siprattutto nell’ultimo periodo sia per questioni di salute che di necessità (riguardo la mia famiglia) sta coinvolgendo professionisti e mi sta aiutando ed assistendo tantissimo. Negli ultimi 14 mesi facciamo tante cose insieme e sono poste le basi per altri impegni.
    So che vi state chiedendo ‘e se la moglie dovesse togliergli la libertà?’
    Non credo lo farebbe. Non l’ha fatto dall’inizio. Non credo lui si farebbe chiudere in casa al fianco di una donna con la quale non ha mai avuto un rapporto stretto. La natura del loro rapporto è molto divresa da quella che io avevo con il mio ex marito. Comuqnue non sono una che vive pensando ‘e se domani muoio?’

  • Rinascita, 4 Luglio 2022 @ 11:19 Rispondi

    Anch’io non ho dato e non darò tutti i dettagli della storia con il mio ex. Ci sono aspetti che è giusto tenere per me ed altri che riguardano i nostri segreti che per quanto in anonimato, violerei rivelandoli qui. Il dubbio tra l’altro di essere rintracciata, non da voi, ma dal mio ex ce l’ho eccome. Qui non si è in confessionale e neppure dallo psicoterapeuta. Si dice quello che ci si sente di dire. Alcune volte per avere un’opinione, altre per dare una propria visione, altre per dire ad esempio “oggi sto di mexxxxx”. ElleElle aveva già raccontato la sua storia e legittimamente non ha voglia di ripeterla! Roberto non intende fornire alcuni dettagli ed io neppure. Alcune volte mi pare si deragli parecchio, come se qualcuno avesse la pretesa ad essere “ubbidito” rispetto ai consigli impartiti. Mi riferisco in particolare a quanto ha scritto Sylvia, che addirittura sarebbe “stufa” dell’immobilismo di Roberto. Ma sta con te? È il tuo amante? Cosa te ne frega della sua vita!

  • cossora, 4 Luglio 2022 @ 11:13 Rispondi

    Io invece non capisco perchè spaccare il capello in 4. Ormai di @Roberto abbiamo coordinate abbastanza precise. Il motivo per cui lei non può lasciarlo (o non può volerlo lasciare) nello specifico non è importante.
    Anche perchè credo abbia più a che fare con una incapacità di lei (e non con il suo sentimento) qualsiasi cosa svelasse Roberto si sentirebbe dire ‘la verità è che non ti ama’. Mentre i fatti sono che lui si dichiara innamorato (e gli credo) e che si sente amato da lei (e gli credo).
    La necessità di dare il proprio giudizio come assoluto secondo me nasconde infelicità e senso di inadeguatezza/frustrazione per le quali non si accetta che qualcuno possa stare bene in una situazione (apparentemente) simile alla propria.
    Quindi meglio compatire @Roberto che se stessi.

  • Roberto, 4 Luglio 2022 @ 11:10 Rispondi

    Per concludere. Il tuo commento @Cri28 delle 9,41 di ieri. Quello è un commento finalmente intelligente. Senza giudicare nessuno hai dato un parere su una storia come la mia. Com parole chiare e precise. Vedete @elleelle o #Sylvia che se si viole di contributi intelligenti e costruttivi se ne possono dare?

  • Roberto, 4 Luglio 2022 @ 11:00 Rispondi

    Care @elleelle e @Sylvia, avete ragione su una cosa. Se non racconto tutto diventa difficile capire. Quindi rinuncio a fare capire. Perché alla mia lei non farebbe piacere. Quindi rispetto la sua volontà. Tanto la mia storia rimane comunque una delle tante. Per cui sono a metà del guado. E ci resto, come milioni di altre persone e come tante qui dentro. Se cambia qualcosa ve lo farò sapere. Un abbraccio.

  • elleelle, 4 Luglio 2022 @ 10:55 Rispondi

    @Ale
    Infatti io non ho mai insistito con @Roberto per avere dettagli sulla sua amante.
    Però anche lui si deve rendere conto che raccontare una storia a metà non aiuta di certo gli altri a capire cosa sta succedendo per cui deve essere un po’ più tollerante e meno permaloso se viene scritto qualcosa che non gli sta bene.
    Del resto, la situazione di Roberto la deve risolvere Roberto, la sua amante mi sembra sia stata già chiara su quello che vuole fare.

  • Leilei, 4 Luglio 2022 @ 10:54 Rispondi

    Io credo che anche i motivi per cui non si lascia il partner ufficiale possano in alcuni casi possono considerarsi “soggettivi”, nel senso che obiettivamente non sarebbero un ostacolo, ma lo sono per chi li vive. Mi spiego meglio con un esempio: il mio amante è convinto che la sua compagna non sopravviverebbe senza di lui, e così le sue figlie. Io credo che la sua necessità di controllo e di sentirsi indispensabile lo porti a intervenire in tutti gli spazi della loro vita. Questo le ha rese in parte incapaci e in parte pigre per essere davvero autonome. e non lo saranno mai.
    Quindi di fatto è lui che ha necessità di permanere nel suo stato, salvo poi lamentarsene con me.
    Da tempo ho smesso di proporgli soluzioni a riguardo, perchè so benissimo che nulla cambierà, quello che ho fatto è dare un peso assolutamente diverso al nostro rapporto, vivendolo come una parentesi piacevole e nulla più.
    Se per caso mi accadesse di trovare davvero una persona che potrebbe rappresentare per me una figura con cui vivere gli anni della maturità, non è detto che io non possa rivedere le posizioni.
    Proprio in questo weekend ho chiarito con mio marito che per me il nostro matrimonio continua solo perchè non avrei le forze economiche per vivere da sola, che tutto quello che faccio non è più per amore ma per dovere, che anche ultimamente certi suoi comportamenti in miei momenti di difficoltà familiari hanno sottolineato la sua indisponibilità a sostenermi, e che i suoi millantati tentativi di essermi vicini si sciolgono come neve al sole alla prova dei fatti.
    Ovviamente lui è molto deluso e ferito. Ma la situazione è questa.
    All’amante che si premura di sottolineare la differenza dei suoi comportamenti rispetto a quelli di mio marito ho semplicemente detto “si, ma tu non sei libero, però”. Come dire non me ne frega un cacchio che sfoderi la tua coda da pavone, debole sei e debole resterai.

  • ads, 4 Luglio 2022 @ 10:38 Rispondi

    in effetti è lodevole il self contro di roberto,
    come il modo di esprimersi della @cri..niente di eccezionale, ma le sfumature sono tante.
    volevo chiedere una cosa alla @luciana,
    ora ti lamenti che vorresti di piu..domanda era cosi anche 6 anni fa..oppure questo ibrido ti andava bene?
    purtroppo qui scrivono persone deluse, e le persone deluse non scrivono mai cose positive,
    ieri una mia amica parlando del ex coniuge separato l’ha definito “truffatore che sei vende bene”…e sono separati da un bel po’.
    poi volevo dire che spesso qualcuna di voi è sempre molto severa e cinica nel giudicare le storie di altri,
    a queste persone vorrei ricordare che anche loro erano amanti e che le stesse dinamiche le perpetravano anche loro,..
    un po’ come quello che fumava, poi gli è venuto l’infarto ed ha smesso..ed elargisce consigli sulla salute..

  • Ariel, 4 Luglio 2022 @ 10:10 Rispondi

    elleelle, 4 Luglio 2022 @ 07:28Rispondi
    Cara elleelle ci tengo a scrivere che anche io avevo scritto un commento a tuo sostegno a riguardo stesso argomento della tua storia che insistentemente ti viene richiesto ripetere il racconto

    Ma era troppo lungo e CaroAlessandro ha pensato bene di non pubblicare
    Ma la sostanza è questa che rivolgo a chiunque degli utenti smemoratosi o ignari

    “ CHI CERCA TROVA”

    Ahah dieresi che è una massima applicabile al vivere in vero movimento positivo per se stessi

    Vuoi conoscere utente x,y,z,che non conosci storie qui scritte negli anni ?
    Cerca “tra le tue pagine “e leggi troverai le tue risposte!!!

    Bonjour cara elleelle !
    Scrivi benissimo tu no preoccupa ahahah
    Come si usa dire nel mondo cosmopolita!!
    Ahahah

  • cossora, 4 Luglio 2022 @ 10:09 Rispondi

    Ho imparato che puoi dare qualsiasi credibilissima ragione ma se non la si vuole validare, è una gara a screditare. Appoggio @roberto nella sua decisione e ne ammiro la pacata accettazione che ‘se non sapete tutto capisco i vostri appunti’ e spero per lui riescano prima o poi a stare bene. in qualsiasi modo sia loro possibile.

  • Sylvia, 4 Luglio 2022 @ 09:44 Rispondi

    Concordo con Ellelle che la privacy dell’amante si può mantenere in mille modi. Non si sa nemmeno da che regione scriva Roberto, quindi essere riconoscibili la vedo dura, considerando che le storie sono quasi tutte simili. Anche io ho pensato che il compagno dell’amante di Roberto possa essere gravemente malato e questo potrebbe essere un motivo valido per lei per non riuscire a lasciarlo, aggiungendo sofferenza ad altra sofferenza. Però comincio a essere stufa di chi lancia la pietra e nasconde la mano: o ci si racconta o la si smette di lagnarsi se tutti i suggerimenti dati non sono consoni. Vedo davvero un immobilismo fastidioso e ciclico.

  • Cri28, 4 Luglio 2022 @ 09:41 Rispondi

    Io vorrei dire solo che queste relazioni, soprattutto quelle in cui non ci sono spazi di libertà ampi come quelli di cui godono alcune persone, sono difficili da sostenere per tutti. Magari i primi tempi aiutano, perchè chi ha un matrimonio problematico può trovare qualcosa che compensa le mancanze, ma nel lungo periodo i problemi familiari o personali irrisolti ritornano e si aggiungono i limiti del nuovo rapporto. Perciò, sono la prima a dire che ove è possibile, meglio soffrire un po’ e fare chiarezza.
    Occorre anche essere tolleranti con chi ci mette del tempo a fare chiarezza, non stiamo parlando di scegliere un vestito e neppure cambiare un lavoro, parliamo di decisioni con un impatto notevole sulla vita di tante persone.
    Ma ci sono anche persone per cui separarsi può essere più difficile, per problemi propri o della propria famiglia. Io, ad esempio, ho un problema legato alle condizioni di salute di mio marito, che mi rende più difficile che per altri una separazione e solo chi vive queste cose può capirlo. In questi casi, chiedersi se c’è un modo di trovare un equilibrio è altrettanto importante.
    Nessuna lezione da impartire, quindi, solo un confronto per capire che le strade sono poche, ma non sempre e solo una,

  • Sylvia, 4 Luglio 2022 @ 09:36 Rispondi

    Grazie Leilei, pensavo di essere solo io a non orientarmi nel blog. Beh, per quanto interessante, non mi vado di certo a leggere migliaia di messaggi scritti in anni diversi. Mi terrò la mia curiosità e amen! Mi sorprendo ci siano persone che hanno voglia di e tempo per leggersi e memorizzarsi tutto. No grazie!

  • Leilei, 4 Luglio 2022 @ 08:16 Rispondi

    Effettivamente Sylvia, si riesce a filtrare per argomento ma non per persona, e io davvero tante storie non me le ricordo!

  • elleelle, 4 Luglio 2022 @ 07:28 Rispondi

    @Dispersa
    Grazie!
    Che una storia morta e sepolta debba suscitare così tanto interesse e tanta insistenza dopo due anni è sorprendente. 😀

    @Roberto
    Riguardo alla privacy della tua amante, puoi mantenerla dando un minimo di dettaglio sulla sua situazione. Una descrizione tipo “Non lo può lasciare a causa di una sua disabilità/una grave malattia che è sopravvenuta mentre già stavano assieme” dà un’idea del motivo senza dare troppi dettagli. La gente si ammala ogni giorno in Italia, per noi sarebbe impossibile risalire alla tua amante.
    Così eviteresti di ricevere commenti che non ti piacciono perché non abbiamo idea di quello che sta succedendo, come ha scritto @Sylvia.

    • alessandro pellizzari, 4 Luglio 2022 @ 09:00 Rispondi

      Se Roberto non può o vuole dire punto

  • luciana, 3 Luglio 2022 @ 21:59 Rispondi

    grazie per la tua risposta @Cossora! interessante la tua storia! curioso leggere come le vostre rispettive storie si sono evolute negli anni.

  • Sylvia, 3 Luglio 2022 @ 18:14 Rispondi

    Roberto da una parte usi il blog per avere dei consigli, ma nessuno ti può dare i consigli più idonei ( sempre che ne esistano!) se celi informazioni importanti. Chiaro, non sei obbligato a farlo, ma diventa un inutile circolo vizioso dietro al quale ti nascondi tirando fuori la privacy della tua amante. Francamente non credo che nessuno qui abbia la sfera di cristallo. Se vuoi delle opinioni senza aprirti, lasciando che tutti non comprendano e lasciando trasparire in qualche modo un senso di superiorità perché tu hai tutte le informazioni e noi no, non mi sembra un atteggiamento molto costruttivo.

    Anche Ellelle che non vuole raccontare la sua storia ha il diritto di farlo ma non capisco perché scrivere mille volte che non la vuole raccontare e che tanto “tutti” la conoscono. Non si può dire che in questo blog sia facile reperire le informazioni sui singoli utenti. Se ci sono più di in milione di lettori vorrei sapere quanti sono in grado di differenziare le storie di Rinascita, Cossora, Ellelle, Leilei, Harya, Roberto, Ariel etc senza essersi letti tutto il blog perché le informazioni sono sparse dappertutto in maniera del tutto frazionata ed è impossibile ricapitolarle persona per persona. Forse alcuni hanno un po’ di mania di protagonismo e pensano al blog un po’ come a un salotto tra pochi amici e perché loro hanno il tempo (tanto) per leggersi tutto credono che sia prerogativa di tutti. Non è così. Poi c’è chi ha più memoria e chi meno ma le informazioni sparse non aiutano a focalizzarsi su un individuo, quindi è perfettamente normale che la maggior parte, non i soliti pochi utenti che scrivono, non abbiano per nulla chiara la storia di nessuno in particolare. Altro che “tutti la conoscono”.

    @ Alessandro c’è un modo per filtrare le storie dei singoli senza doversi leggere tutto? Il blog è una preziosa risorsa per le interazioni che si creano che spaziano in tutte le direzioni ma la fruibilità dell’informazione non è il suo forte, è un suo limite. Vuole essere una critica costruttiva per rendere il tutto più accessibile ai lettori.

    Un’altra domanda: rinnovi spesso i contenuti con nuove letture e video, cosa molto stimolante, di cui ti ringrazio moltissimo. C’è un modo per continuare a leggere anche le vecchie pagine (quelle per esempio in cui alcuni utenti si sono raccontati) e che non sono al momento tra le pagine visibili? Magari sono io imbranata, ma faccio fatica a mettere insieme tutti i tasselli…

    • alessandro pellizzari, 3 Luglio 2022 @ 20:56 Rispondi

      devi usare la ricerca in home page. Ci sono dettagli delle storie che le rendono riconoscibili. E qui leggono tante tante persone. Sui commenti avete ragione ma è un problema strutturale degli esordi del blog e ormai sono migliaia

  • elleelle, 3 Luglio 2022 @ 15:07 Rispondi

    @Leilei
    Ho cominciato a scrivere qui agli inizi del 2020 e tu partecipavi già da tempo. Visto che partecipavi alle stesse conversazioni, è strano che non ti ricordi niente.
    In ogni caso, non si tratta di un commento unico, ma di tanti commenti in cui ho raccontato quello che è successo con abbondanza di dettagli.
    Neanche io ricordo sotto a che argomenti ho scritto negli anni. Se avete così tanto interesse, dovete andare a riprendere i vari argomenti del blog e leggere.

  • Dispersa, 3 Luglio 2022 @ 15:02 Rispondi

    Ma che noia con sto ‘raccontaci la tua storia’… Ma perché non tornate nei vecchi post a rileggerla?
    Cmq non leggo nessun giudizio o commento negativo fatto da @Ellelle ma solo un invito a guardarci dentro!!
    Fare introspezione fa male ma può aiutare molto.
    In ogni caso siamo adulti e vaccinati, quindi tutti liberi di decidere.

  • cossora, 3 Luglio 2022 @ 14:15 Rispondi

    @luciana devo darti troppi dettagli per spiegare la mia situazione personale. Ho iniziato prima di separarmi a capire che, non amando più mio marito, avrei dovuto imporgli un settaggio completamente nuovo del nostro rapporto e sapevo che dopo 25 anni non cambi le carte in tavola senza ferire. Ho dovuto fare in modo che le nostre vite procedessero con spazi delimitati e separati. Il mio amore ha una relazione nata ‘proforma’ sin dai banchi di scuola. Per farti capire in astratto, pensa a metterti a 20 anni con una persona che prepara le olimpiadi e che ha pochissimo tempo per avere una relazione. Io non sarei mai stata la sua fidanzatina di allora: respiravo l’aria che respirava il mio di allora fidanzto. Oppure pensa a un musicista che sta in turnè anche tre mesi e che si ritira in un’altra città con il gruppo e gli strumenti per registrare… sono relazioni ‘libere’ da subito. E il tempo non le stringe, il tempo come si sa raffredda. Io sono partita con un amore rovente con il mioe x marito, e infatti ci ha messo tanti anni a raffreddarsi.
    Io non ho fatto figli per istinto materno, li ho fatti per amore. Da sola non ne avrei mai voluti.
    Il mio amore è partito (anche lei era perfetta per lui, alllora) già con una relazione più funzionale che romantica, voleva essere padre a prescindere 20 anni prima che lei si decidesse. Il risultato è che oggi con un po’ di anticipo e rispettosa omertà può fare la vita romantica di viaggi e passioni e tenerezza con me.
    Ovviamente ci siamo trovati: io non ci tengo per niente a lavargli i calzini perchè.. li ho già lavati a chi amavo tantissimo e non è finita bene! 🙂

  • Leilei, 3 Luglio 2022 @ 11:30 Rispondi

    Elleelle puoi dirci di preciso dove l’hai raccontata? O ci può aiutare Ale?

  • elleelle, 3 Luglio 2022 @ 11:16 Rispondi

    @Roberto
    Cerca di capire che non sono giudizi.
    Se io ti dicessi che sei un uomo di m… perché tradisci tua moglie, sarebbe un giudizio.
    Se ti dico che ti manca il coraggio per fare chiarezza e per decidere, è un commento basato su un’esperienza personale che rivede nella tua storia dei punti simili e tu ci puoi riflettere sopra in un senso o nell’altro.
    Lo sapete voi se avete il coraggio di prendere certe decisioni o no e questo vi darà l’idea di chi siete e di come vi mettete in relazione, cosa valutate più importante ecc.
    È evidente che ci sono amori che non sono eterni e che può subentrare un’altra persona. La differenza la fanno i modi e questi dipendono da noi. Se necessario, a volte ci vuole il coraggio per infliggere o infliggersi una sofferenza necessaria per riportare una situazione nei parametri del rispetto.
    Personalmente avevo detto senza mezzi termini al mio ex che non avevo la minima intenzione di fare l’amante a vita per rispetto nei miei confronti e nei confronti di lei. Due mesi dopo l’ho lasciato da solo a prendere la sua decisione senza interferenze e se lui fosse stato una persona migliore, avrebbe capito che il mio gesto di farmi da parte era da apprezzare, invece di tormentarmi e poi continuare a prendere in giro me e lei.
    La differenza la facciamo sempre noi.

  • elleelle, 2 Luglio 2022 @ 19:53 Rispondi

    @Rinascita
    Oltretutto, come ha scritto anche @Ale, più continui a rivangare il passato peggio è. Nel momento in cui dovessi continuare a parlare della mia storia, qualcuno solleverebbe l’obiezione opposta alla tua e cioè che continuo a parlarne perché non ho superato quello che è successo ecc.
    Comunque faccio, ci sarà qualcuno a cui non va bene. Se ne parlo non ho dimenticato, se non ne parlo non ho dimenticato.
    Alla fine faccio quello che mi viene spontaneo e comodo: invece di raccontare la mia storia per l’ennesima volta, mi preparo per uscire con una mia amica.
    È molto meglio, secondo me 🙂

    • alessandro pellizzari, 3 Luglio 2022 @ 09:44 Rispondi

      Parlare del passato qui è testimonianza utile. Rivangare personalmente non è un buon segno di aver superato il tutto. I ricordi sono una cosa la mancanza un’altra. Si supera una storia quando si lascia il passato è si guarda al futuro. Ben venga però il passato come storia e monito per le altre lettrici

  • elleelle, 2 Luglio 2022 @ 19:46 Rispondi

    @Rinascita
    Mi spiace ma non ho proprio voglia di raccontare di nuovo la mia storia, che comunque a grandi linee è conosciuta da tutti.
    È in parte pigrizia, in parte mancanza di necessità. Non ho bisogno di raccontare la mia storia allo sfinimento perché non ho più niente da risolvere, è tutto risolto da due anni.
    Oltretutto la mia esperienza con un narcisista a @Roberto non serve a niente, perché lui non sta con una narcisista.
    Non sono le persone a essere marce nella maggior parte dei casi, sono le situazioni. Se sei a disagio perché vivi una situazione non chiara, potrai stare meglio solo facendo chiarezza dentro te stesso. Se una persona non vuole fare chiarezza, la mia esperienza non gli serve comunque perché ogni vosa che dico la leggerà come un giudizio, come un’assurdità ecc.
    Se io sono qui – e come dicevo la mia storia a grandi linee la conoscono tutti – vuol dire che ho vissuto un amantato per cui non sto parlando di equitazione ma di relazioni sentimentali.
    Se voi avete una opzione aggiuntiva per Roberto, che non sia una delle quattro lascia amante/lascia moglie/lascia entrambe/tieni entrambe, dovreste suggerirgliela.
    Io oltre queste non ne vedo ed erano le stesse che erano disponibili per me e il mio ex. O te la godi o prima o poi ti devi tirare fuori dal casino in cui ti sei cacciato e quindi torni alle 4 opzioni di cui sopra.

  • Roberto, 2 Luglio 2022 @ 18:28 Rispondi

    C’è da dire ad @elleelle quello che ho detto a @Sylvia. Purtroppo se non spiego le motivazioni che hanno portato la mia amante a questo rapporto diventa difficile capire il resto della mia storia. Se fosse stato un rapporto d’amore è da un pezzo che sarei scappato. C’è affetto, ovviamente, ma altro ha
    messo insieme queste due persone. Ma voglio proteggere la privacy della mia amante. Per cui il giudizio di @elleelle, visto da ciò che sa lei potrebbe anche essere un parere accettabile. Ma non sa il resto.

  • Roberto, 2 Luglio 2022 @ 18:20 Rispondi

    @Sylvia, la mia amante non può lasciare e non vuole lasciare questa persona per dei motivi che non voglio raccontare. Vanno al di là di un semplice rapporto che non sarebbe mai nato se non fosse accaduto un evento. Cerca di capire che per motivi di privacy non posso dirlo. Scusami.

  • Rinascita, 2 Luglio 2022 @ 18:18 Rispondi

    Ecco ElleElle questo tuo ultimo commento da una prospettiva nuova, diversa e costruttiva sulla quale io in effetti non avevo riflettuto. È così che mi piace leggerti….

  • elleelle, 2 Luglio 2022 @ 16:49 Rispondi

    @Rinascita
    Ma ho detto chiaramente che si scrive alla luce della propria esperienza.
    Quello che trovo assurdo è che una persona non sia mai contenta di quello che gli altri gli suggeriscono come opzione. Ogni parola viene vista come un giudizio o come una cosa infattibile per una serie di motivi che lasciano il tempo che trovano.
    Se una cosa la vuoi fare davvero, la fai.
    Tu non volevi continuare una storia di amantato e hai deciso, nonostante la sofferenza che ti ha portato.
    @Roberto è qui che scrive da mesi e non cambia niente. Non va bene lasciare la moglie, non va bene lasciare l’amante, non va bene lasciare entrambe. Cosa resta? Tenersele tutte e due senza lamentarsi.
    Nessuno gli punta la pistola alla tempia, è una sua scelta, qualsiasi decisione è nelle sue mani.
    Non vuole continuare a tradire la moglie perché gli sembra una brutta cosa? Non è che ci sono tante opzioni per risolvere questo problema…
    A me sembra che sia nella classica situazione “ideale”: moglie e amante, che non vede troppo spesso ed è in un’altra città.
    Se non vuole lasciare nessuna delle due, che se la goda. La vita è una sola, tanto tradire ha già tradito, lasciare non lascia, cosa deve fare, darsi il tormento per quanto tempo ancora? Che ci vada a letto quelle due volte al mese e fine. Visto che bisogna essere comprensive la cataloghiamo come un tradimento più emotivo che fisico e via, tutto a posto.
    Alle porte dei 60 anni, un minimo di capacità decisionale bisogna averla, anche per dirsi che è arrivato il momento di fregarsene di tutti e guardare solo il proprio tornaconto. È comunque un passo fatto invece di uno stallo totale.

  • Rinascita, 2 Luglio 2022 @ 16:49 Rispondi

    ElleElle sei naturalmente libera di non raccontare la tua storia ma è lecito chiedertela visto che reperirla tra i milioni di post non è cosa agevole. Ognuno parla sulla base della propria esperienza ed è questo che rende credibili e da spunti di riflessione. La tua storia con il narcisista rende la tua esperienza importante per chi in quella situazione si trova. Le tue restanti considerazioni sull’amantato sono importanti nel momento in cui racconti quello che hai vissuto tu credendo di vivere una storia d’amore con una persona impegnata e non una situazione tossica. Se invece riconduci all’epilogo della tua esperienza quelle di tutti gli altri e le valuti con lo stesso metro di giudizio non potrai che considerarle negativamente e peraltro in un modo estremamente categorico. Il fatto che ci sia stata una mela marcia non rende marce tutte le altre. Prova ad immaginare cosa avresti provato se ai tuoi tempi qualcuno ti avesse rivolto i post che scrivi tu oggi. Alcune volte non sembra che tu abbia proprio risolto tutto. Perdona la franchezza. Così come ho scritto altre volte, se manca la pacatezza, se manca elasticità di pensiero, se leggo estrema rigidità, il naso mi si storce sempre un po’. Bada che non c’è nulla di male a portare ancora i segni di una esperienza nefasta. Basta essere consapevoli.

  • elleelle, 2 Luglio 2022 @ 16:26 Rispondi

    @Leilei
    La storia non è così semplice, nel senso che la storia di Roberto si sviluppa in due parti.
    Nella prima parte lui aveva detto all’amante che non si sarebbe separato, per cui la relazione extra-coniugale era finita. Si sono ritrovati dopo un certo periodo di tempo e stavolta è lei che non vuole lasciare il compagno.
    Non la biasimo. Se Roberto volesse davvero dimostrarle che lei si può fidare di lui, lascerebbe la moglie, invece non lo fa e anche quello che scrive qui non è poi così chiaro a livello di intenzioni.
    Questa situazione non si sblocca perché chi dovrebbe dare un segnale non lo dà.
    Chi ha perso il treno la prima volta perché ha dichiarato di non voler lasciare la moglie, non può pensare che l’amante gli creda sulla fiducia.
    “Ufficiale e gentiluomo”, ricordi?
    @Ale ne ha parlato tanto ed è quello che a regola dovrebbe fare Roberto, dimostrare all’amante che lui è veramente deciso sul da farsi.
    Niente dimostrazione della propria decisione, niente possibilità nemmeno alla lontana di una nuova vita.
    Le cose funzionano così e tanto di cappello all’amante che ha capito l’andazzo. Vuol dire che non siamo tutte tonte. 🙂

  • Leilei, 2 Luglio 2022 @ 15:36 Rispondi

    Elleelle ma cosa non hai capito del discorso “la mia amante non vuole lasciare il suo compagno per me?”
    Roberto lascerebbe volentieri l’auto se potesse avere la moto! È davvero così difficile da credere?

  • Rinascita, 2 Luglio 2022 @ 15:31 Rispondi

    ElleElle io non mi sono mai sentita in colpa, sono tra quelli. Lo ribadisco e non mento mentre lo scrivo. Perché dovrei? Tra i motivi per cui a caratteri cubitali lo scrivo è anche il sentirmi profondamente pulita. Sai perché? Come scrive Roberto, mi sentivo coppia con il mio ex e non con mio marito e se avessi avuto il sentore che questo aspetto non fosse corrisposto me la sarei data a gambe levate molto prima. Queste storie, per quanto fatte di compromessi, almeno questa sensazione devono darla e quando si ama al di sotto di certi standard non si può scendere. ElleElle alcune volte, quando scrivi, è come se tu amante non la fossi mai stata. Al netto del fatto che ti sei resa conto, dopo tempo, di stare con un narcisista, prima che te ne rendessi conto, tu non facevi pari pari quello che critichi a Roberto (che tra l’altro con la sua lei desidererebbe una storia alla luce del sole)? Non facevi uguale a me? Ti sentivi in colpa? Cos’è che contesti agli altri? Ti sei perdonata al punto che non ricordi più quello che hai vissuto. Non parlo dell’epilogo, parlo di quando, come tutti noi, ti sei barcamenata. Dicono che bisogna essere indulgenti con se stessi e va bene ma al punto di non essere più empatica ed in grado di vedere negli altri quello che si è vissuto sulla propria pelle, rischia di trasformarsi in altro. Oggi scrivi che un uomo poco coraggioso non lo vorresti, ok condivido, ma lo dici alla luce dell’esperienza, quando eri amante quella situazione la concepivi mi pare. Un po’ di coerenza però ci vuole, occorre restare ancorati alla realtà, se rimaniamo al livello del giusto e dello sbagliato come massimi sistemi, è come parlare del sesso degli angeli.

  • Leilei, 2 Luglio 2022 @ 15:21 Rispondi

    Cossora in che senso non puoi concepirla?

  • elleelle, 2 Luglio 2022 @ 15:00 Rispondi

    @Roberto
    A parte che non mi avevi mai chiesto di raccontartela o la tua richiesta mi è sfuggita in mezzo alla marea di commenti, come ho già detto ci sono tutti i miei messaggi vecchi da poter leggere.
    Non ho la minima voglia di doverla ri-raccontare a ogni nuovo utente, troppa fatica e troppo tempo che non ho.
    Inoltre la mia situazione è risolta e non ho niente da rivangare. Anzi, rivangare è sgradevole e noioso. Se serve fare un esempio per aiutare una persona in una situazione simile, lo faccio ma dover ripercorrere tutto dall’inizio più e più volte anche no, perché a me non serve proprio.

  • Roberto, 2 Luglio 2022 @ 13:50 Rispondi

    Non mi hai ancora raccontato la tua storia però @elleelle. E alla fine come sempre finisci nella solita retorica. A posto così. Non ho più voglia.

  • Maddy, 2 Luglio 2022 @ 13:48 Rispondi

    @LaMilla praticamente non si è mai mosso dalla sua posizione di staticità. La sua strategia è attendere che gli eventi lo travolgano. Nel frattempo, forse, andrà a spendere inutile tempo e denaro presso l’ennesimo terapista

  • Sylvia, 2 Luglio 2022 @ 13:39 Rispondi

    Scisa Roberto, magari mi confondo di storia, ma non è la tua amante che ha un compagno ma niente figli? Se non è una loro complicità a tenerli uniti, quindi non motivazioni esterne quali i figli, cosa pensi li unisca in maniera così solida per cui lei non si sente di lasciarlo? La tua situazione non è di certo simile a quella di chi ha l’amante che è anche genitore e dice che resta per quello (vero o no che sia!). Se il compagno della tua amante è un coinquilino con cui non fa mai sesso, io francamente non ci crederei.

    Leilei ha scritto “a volte ci si può sentire sul podio anche se quell’uomo vive con un’altra. Perchè lui resta per dovere, ma è da me che corre”. Non mi sembra il tuo caso.

  • Roberto, 2 Luglio 2022 @ 09:44 Rispondi

    Credo @leilei che tu abbia centrato un punto fondamentale della questione. L’amantato è per forza di cose dividere il proprio amore con un altro. E questo è sacrosanto. Parlo ovviamente di due amanti sposati. Il nodo è come lo si divide. Perché se in un matrimonio due persone stanno insieme per portare avanti una famiglia è una cosa, se ci sono ancora progetti comuni che vanno al di là del cinema o del teatro, o della passeggiata una tantum allora la cosa cambia. Fattore essenziale per me è il sentirmi prima coppia rispetto a lei e lui o rispetto a me e mia moglie
    Non parlo ovviamente dal punto di vista materiale. Intendo dal punto di vista emozionale. Come dice @leilei se io sapessi di un “ti amo” della mia amante al suo compagno, scapperei di corsa. Con dolore ma lo farei. Lo prenderei come una mancanza di rispetto nei miei confronti. E questo non lo accetterei mai.

  • LaMilla, 1 Luglio 2022 @ 22:57 Rispondi

    @Maddy, cioè, praticamente siamo punto e a capo.

  • elleelle, 1 Luglio 2022 @ 22:56 Rispondi

    @Roberto
    Che peso! Mi ricordi un mio amico, che ci esaspera con le sue fisime sentimentali ma che se gli proponi una soluzione non è mai contento.
    Senti, io non ti giudico. Non ti dico che sei uno stronzo perché tradisci tua moglie. Tu e e i tuoi patemi avete un impatto nullo sulla mia vita. Però, dal momento che fino a prova contraria sei tu che sei qui a scrivere a proposito di una situazione di amantato che ti lascia insoddisfatto, ti dico quello che penso.
    Ti va di continuare a tradire tua moglie? E vai avanti così, senza stressare.
    Premesso che tradire non è un bel gesto, se a te piacciono la botte piena e la moglie ubriaca, sei in buona compagnia, ce ne sono milioni come te.
    Tutta sta fola per cosa, per finire comunque al “voglio moglie e amante”. E allora tieniti entrambe, goditela e basta storie. Preferisco un uomo con le palle per godersela piuttosto che un uomo che non fa che lagnarsi senza concludere niente.
    Se in questo momento dovessi tradire mio marito con uno che si fa tutte queste pare senza arrivare ad alcuna conclusione, mi cadrebbero le braccia. Ok una scopata al mese, ma sufficiente così, grazie. Perché alla fine non siamo dei teneri fiorellini di campo, tante di noi sanno esattamente quello che vogliono e non è di certo un uomo traballante.
    Per tradire ci vuole la stoffa, @Roberto, altrimenti si è come quelli che sognano la Formula 1 ma hanno un’utilitaria vecchia. Ci sono utenti qui che hanno tradito e non avevano nemmeno un senso di colpa. La grandissima @Viovio ha ammesso che in parte la sua era addirittura una specie di ripicca, perché suo marito se ne strafotteva della situazione in cui versava il loro rapporto. Ci vogliono i controcoglioni per ammetterlo, per cui figurati se ci stupisce il cerchiobottismo da tradimento.

  • luciana, 1 Luglio 2022 @ 20:10 Rispondi

    ciao Cossora, mi riferisco al tuo messaggio in cui dici “Vi dico solo che quando ho deciso di separarmi ho persino smesso di fare la spesa, di bagnare le piante, di dire se c’ero o no a tavola. Il mio amore tutt’oggi se arriva pensa alla cena col figlio, lei quasi non si fa vedere. So che sembra eccessivo ma personalmente riesco a capirlo perchè anche io tendo a difendere molto il mio spazio.”

    scusa ma non ho capito tanto bene: tu hai cominciato a difendere il tuo spazio quando hai deciso di separarti. Ma lui invece? difende a sua volta il suo spazio senza pero’ decidere di separarsi? lei non si fa vedere perche’ non e’ gradita? magari son dettagli, ma non ho capito per niente la sua situazione.

  • Rosa, 1 Luglio 2022 @ 16:31 Rispondi

    @leilei hai ragione ho frainteso, ho letto la E accettata e mi pareva proprio strano da te. Perdonami , finchè non mi rimetto dal virus, sarà bene che mi limito a leggervi, e magari anche rileggervi

  • Harya, 1 Luglio 2022 @ 16:29 Rispondi

    Caro @Ale l’esperto sei tu: tu ben conosci la linea sottile che separa una dipendenza affettiva da un amore. Sia chiaro ognuna sa cosa è meglio per se stessa, ne c’è una graduatoria della scelta migliore ne tantomeno un tentativo da parte mia di incasellare le altre in un presunto”giusto” modo di vivere e amare. Non si tratta di mettere in dubbio i sentimenti di nessuno, ma Un amore dove una delle due parti è coinvolto e l’altro no, (e per inciso non è nello specifico l’amantato ad essere l’ indice critico della situazione) lascia spazio al rischio che la parte pù esposta emotivamente si ritrovi a subire una dipendenza affettiva proprio malgrado.

    • alessandro pellizzari, 1 Luglio 2022 @ 17:28 Rispondi

      Quss ad bro in counseling vedo una dipendenza affettiva conclamata passo la palla alle amiche psicologhe

  • Ariel, 1 Luglio 2022 @ 16:21 Rispondi

    Ma cara Leilei la luce negli occhi che noti e non sei solo tu cara a averla notata
    Ho un apposito librone degli appunti in cui ho riportato le frasi ricorrenti della mia esperienza da dipendenza affettiva di impatto da lieve a moderato perché in effetti durata effettiva nove mesi

    Ma oltre a mio dire noto luce nei suoi occhi e rassicurata mi sentivo davvero amata

    Così dissero tutte le donne che conobbi dopo in mie terapie successive tipo diciamo in tutto una cinquantina spalmate inps esperienze di terapie diverse compresa quella che si fa verso la vera dipendenza tout court come in effetti resta scientifico essere quella affettiva uguale reazione cervello della droga da sostanza o alcol gioco azzardo etc.

    Così cara Leilei sicuro posso testimoniare che ero ed erano con me quelle donne care che dicevano e dicevamo esattamente le stesse identiche cose!!!
    La arte della manipolazione negativa di cui ovviamente non ci si accorge da subito q più tardi ci va avanti nel tempo più scema la capacità di sentire la realtà vera
    Non lo si fa in mala fede affatto anche io ero convinta che la luce dei suoi occhi non poteva essere lo stronzo che poi solo dopo la cura vera sono riuscita a sentire dentro me stessa ad accorgermi delle DIFFERENZE
    Come quel gioco della vignetta due che sembrano uguali ma esistono minime differenze che non sempre facile reperire ed accorgersene

    Ecco perché si erode via via il proprio dna emotivo perché poi quando arriva inesorabile il botto di colpo ci si sveglia con veri dubbi SANISSIMI
    È veramente disperante e di grande sofferenza testimonianze pure qui del coro del dirsi ma come ho potuto non vedere non accorgermi di nulla?

    Ma come proprio io che sono così tosta da sempre così una donna di azione così coraggiosa che ho superato prove incredibili nella mia vita
    Che sono così colta e così apprezzata al lavoro
    Ma come ho potuto io che ho un lavoro da dirigente NON ACCORGERMI DI GNIENTE??????

    Ecco che confermo che credevo sinceramente alla sua luce negli occhi mi sono bevuta che fosse un perfetto divorziato
    E poi ancora mi sono bevuta la mia compassione umana verso chi avevo iniziato a scoprire essere con comportamento da Borderline mega CIALTRONZO

    Mannooo io TESTRDA COME MULO GRIDAVOOO MA LO AMO UGUALE
    Anzi mi dicevo è malato poverino!!!!!

    Ha quella sua luce negli occhi e così attaccato alle figlie al cane alla povera moglie frigidissima che non se la scopa mai tutt’al più una sveltina en passant
    Ma certo va apparsi solo per DOVERE TRISTISSIMO FAREVIAGGIO A PARIS CON MOGLIE FRIGIDISSIMA E BAMBINE INCAZZATE NOIOSE CHE NUGNEFREGA NULLA DI PARIS nota ville lumiére de merde!!!!!

    Ah ah ah ah
    Pardon Leilei sto ridanciana ma non per pigliare in giro nessuno ma semmai solo me stessa ah ah a
    Al ricordo ormai davvero il mio passato di quanto stavo a scavarmi la fossa con le mie mani piene della sua luce de merde!!!!

    Car Leilei lo sai che ho piena fiducia sempre nella vera possibile rinascita che ciascun individuo può davvero giungere a curarsi e a farla SPLENDERE IN TOTALE LUCE DEL SOLE LA TUA LUCE

    QUELLA SI DEL ESSERE LEBERA DA PRIGIONE DORATA

    Vieni a trovarmi ima vieni da sola
    Ah Paris là ville LUMIÉRE,

    Che è solo quella del essere le vere se stesse!!!

    E che presto tu ti accorga della tua DOLA LUCE VERA!!!!

  • Harya, 1 Luglio 2022 @ 16:14 Rispondi

    @Cossora quando scriviamo su un diario pubblico ci esponiamo inevitabilmente ad un confronto con qualcuno che non ci conosce, e in talune circostanze questo, a mio sindacabilissimo parere, può essere una fortuna, una opportunità di avere una visione delle varie situazioni completamente aliena alla nostra.
    Lo avete ribadito in più circostanze e lo riporto “Aprire la mente vuol dire accettare che altri la pensino diversamente” Per quanto riguarda ciò che fai non ho la presunzione di avere la panacea, (e del resto finchè ci stai bene non ne hai bisogno), non ho una opinione in merito, non lo so se devi interrompere la frequentazione o meno, non ho consigli neanche sul cds o sulla possibilità che tu ti debba cominciare a fasciare la testa o meno, semplicemente mi attengo a quello che ci scrivi tu. In caso se, e sottolineo se, e quando ci sarà da farlo, se crederò di ricordare il nome potrei consigliarti le bende ma anche su quelle ognuno ha le sue.
    Personalmente non ci conosciamo, sembriamo molto diverse, io non sono romantica come te e questo ribalta la mia visione delle cose, ma lo hai scritto tu che bisogna tenersi vigili in caso l’occasione ci attraversi la strada e definire amore quello che non lo sembra non aiuta certamente. Non sto mettendo in dubbio nulla di quello che scrivi non ti sto dando consigli su cosa fare,come vivere o quale tipo di amore sia quello miglior da vivere, il mio non è un giudizio è una foto della situazione fatta sulla base di quello che racconti tu. Non sono mossa da nessun rancore né invidia, non ci conosciamo, e alla fine come vada la tua vita onestà vuole che non cambi nulla nella mia. So che sembro presuntuosa forse brusca ma Non mi sento giudicata dall’opinione degli altri e quindi, cerco di essere sincera.
    Che la tua visione è agli antipodi è evidente nell’elenco che hai sottoposto ad @elleelle, stiamo ragionando su due piani diversi ma questo non vuol dire che ogni volta che ci si rivolga a te sia per attaccarti

  • cossora, 1 Luglio 2022 @ 16:12 Rispondi

    @rosa avevo scritto ma c’erano credo troppo dettagli.
    Sembra single come me perchè era un single fidanzato ed è un single sposato. Ma non fare l’equazione single=che scopa in giro. Single perchè ha sempre avuto impegni sportivi e professionali importanti che lo portavano a lunghi ritiri importanti.
    E’ single di testa (como lo sono sempre stata io comunque) nel senso di indipendente/individualista.
    Siamo due persone che scelgono di stare appiccicate solo se coinvolte sennò ci infastidisce la troppa condivisione.
    Non amandolo più, restare con mio marito sarebbe stato insostenibile per me, perchè abbiamo vissuto in simbiosi fintanto che ne ero innamorata e avrei dovuto fingere per il 90% del tempo.
    Vi dico solo che quando ho deciso di separarmi ho persino smesso di fare la spesa, di bagnare le piante, di dire se c’ero o no a tavola. Il mio amore tutt’oggi se arriva pensa alla cena col figlio, lei quasi non si fa vedere. So che sembra eccessivo ma personalmente riesco a capirlo perchè anche io tendo a difendere molto il mio spazio.

  • cossora, 1 Luglio 2022 @ 15:49 Rispondi

    @roberto non sai come condivido il tuo pensiero e -bonariamente- invidio come mantieni la pacatezza dei toni.
    In questo somigli tanto al mio amore.
    Nella delicatezza con cui cerchi di dire la tua (certe persone non ti capiranno mai e va bene così) con gentilezza.
    Temi d’essere incoerente per il mondo ma alla paura del giudizio si contrappone la forza che ti da la certezza del tuo sentimento.
    Non siamo tutte Rottermeier 🙂

  • cossora, 1 Luglio 2022 @ 15:37 Rispondi

    @leilei “ci si può sentire sul podio anche se quell’uomo vive con un’altra. Perchè lui resta per dovere, ma è da me che corre. finchè lui mi farà sentire così, io resto.”.
    Io sta cosa qui non la posso nemmeno concepire come pensiero.
    A Parigi con lei non ci va, forse lo farebbe in caso di ..trapianto??
    Loro non sono quel tipo di coppia da molto tempo (ma non è la mia presenza che ha cambiato le cose).

  • Maddy, 1 Luglio 2022 @ 15:25 Rispondi

    Carissimi, è bello tornare qui ogni tanto e vedere che molto di voi continuano ad essere presenti.
    È tornato nuovamente, con una grande (a detta sua) novità: quest’anno faranno le vacanze separati, 10 giorni a testa, per poi ritrovarsi dai suoi di lui nella casa al mare e iniziare a parlare di come spiegare “la questione” alla figlia dopo l’inizio della scuola (dovevano spiegarglielo anche l’anno scorso).
    Non sto a tediarvi, perché abbiamo parlato per circa 3 ore.
    Ho lasciato che si aprisse, poi l’ho messo al corrente di tutte le mie sensazioni di questi anni. Mi ha chiesto che cosa mi avesse lasciato di positivo questa relazione e… non ho saputo rispondere. Troppa sofferenza, troppa pesantezza, troppa distanza, troppa stanchezza, troppa poca sostanza fatta di misere briciole e menzogne.
    Gli ho consigliato di provare a recuperare con la moglie. Mi ha risposto che questo è impossibile, meglio una lunga agonia bianca fino a quando non sarà lei a prendere la decisione.
    Mi ha ribadito il suo blocco verso il non prendere una posizione a causa della figlia.
    Non mi è rimasto altro che consigliargli di farsi aiutare da un esperto.

    • alessandro pellizzari, 1 Luglio 2022 @ 18:04 Rispondi

      Che coraggiosone!

  • Leilei, 1 Luglio 2022 @ 08:31 Rispondi

    Rosa io ho scritto “CHI NON CE LA FA A SOPPORTARE LA DOPPIA VITA E CHI E’ STATO DELUSO/RAGGIRATO DALL’AMANTE”, ti è sfuggita quella “e” di congiunzione, sono due casistiche diverse!
    Io racconto quello che mi riporta lui, perchè parliamo spesso delle nostre famiglie. Forse Cossora invece non sa cosa accade nella casa del suo amante.
    Per me è importante sapere, perchè se mi dice andiamo a Parigi con tutta la famiglia è un conto, se mi dice andiamo a Parigi io e lei è un altro. A me questa differenza interessa, perchè se dovessi notare un cambiamento di atteggiamento del mio amante, sicuramente riprenderei le misure in questa storia. Io non ci sto a fare la bambolina gonfiabile, resto in questa relazione fin quando noto quella certa luce nei suoi occhi quando mi guarda, quella dolcezza nelle sue carezze e nei bacini sul naso, quel fremito del suo corpo quando mi stringe, quella disponibilità a scappare da me anche solo per fare una passeggiata in un parco.
    A volte ci si può sentire sul podio anche se quell’uomo vive con un’altra. Perchè lui resta per dovere, ma è da me che corre. finchè lui mi farà sentire così, io resto.

  • Ariel, 30 Giugno 2022 @ 21:52 Rispondi

    ADS, 30 Giugno 2022 @ 15:55Rispondi

    “In astratto” è sicuro in questi tuoi ultimi tempi il tuo modo di dire più usato

    Ah ah ah
    Scusa ads ma non te la prendere a male ma mi fai ridere da matti a leggerti certe vo,te

    Ridere ,massi in astratto ovviamente!
    Ah ah ah ah ha
    Se resta sempre ben accetto un angolo astratto di humor?!!!

    Senza gufarla alcuna ma solo in astratto da qui a lì ovunque e chiunque tu sia!

    Pace e bene e salute tanta sia !!!

  • Roberto, 30 Giugno 2022 @ 21:28 Rispondi

    Vedi @elleelle, a me non importa del tuo giudizio. Non ti conosco nemmeno , non so la tua storia, quanti anni hai, se hai trovato un narcisista e ne sei rimasta scottata, se sei separata, se sei tornata a Canossa, se hai un amante nuovo. Io lo dico e lo ripeto, so benissimo tutti i dettagli della mia di storia. Io sono innamorato di un’altra Donna. Semplice semplice. Che al momento non vuole fare io salto ma per dei motivi che non posso dire qui. Io li conosco e ripeto anche li condivido. Perché resto con lei? Perché a differenza forse del tuo narcisista mi ama ed è sempre stata chiara con me. E perché un amore come questo deve essere vissuto. Fino a quando è possibile. Magari accadrà qualcosa nella vita che ci metterà vicini. Non lo so. Ora è così. Perché non lascio mia moglie? Perché le voglio bene, perché con lei ho un rapporto normale, perché ho due figlie, perché siamo una bella famiglia. Ma mi sono innamorato. E non dico che amo due persone. Ne amo solo una. Dopo le mie ragazze ovviamente. So che forse per te che hai conosciuto l’uomo che ti ha ingannata non puoi immaginare che esistano persone che amano. Hai parlato di autostima e di coraggio. Coraggio verso chi? Perché alla fine scegliere la soluzione più difficile per tutti è coraggioso? Per chi è coraggioso? Per il manuale delle Giovani Marmotte. Qui si parla di amantato. Che resta sempre e comunque un fatto totalmente negativo. Al mio amico che sa della situazione dico sempre “non caderci mai”. Perché non ti porta da nessuna parte. Ma se non sappiamo rinunciarci è perché l’amore è il laccio più prepotente tra due persone. Anche se si soffre ma non lo si scioglie se non attraverso dolori che pochi vogliono affrontare. Per cui dai pure tutti i giudizi scontati che dai sempre. Anzi, se non sbaglio ti chiesi già di ricordarmi la tua storia in un post precedente. Ma non mi pare tu lo abbia mai fatto. Tu la mia la conosci. Se mi dici la tua magari qualche parere posso darlo anche io.

  • luciana, 30 Giugno 2022 @ 20:14 Rispondi

    ciao @Rinascita, hai pienamente ragione. Infatti io stessa non mi capacito di come ho potuto stare semplicemente ad ascoltare insulti di quel tenore senza prenderlo a pedate – con scarponi chiodati, possibilmente.

    vorrei poi rispondere a @Lolly, che dice quanto sarebbe bello trovare un amore perfetto, eterno e vero. Cara @Lolly, date le mie disavventure con gli uomini nella vita, io sarei piu’ che contenta di trovare un uomo che a me ci tenesse per davvero, che mi rispettasse, e volesse fare parte della mia vita – non solo nel tempo libero – e al tempo stesso mi facesse parte della sua vita. Se non dura per sempre, pazienza, ma gia’ trovarlo sarebbe un colpo di grazia per me che mai ho trovato un uomo del genere.

  • Rosa, 30 Giugno 2022 @ 18:18 Rispondi

    @leilei non mi cadere anche tu nel tranello di fare gli elenchi e di voler incasellare.
    Non necessariamente chi non ce la fa a sostenere la doppia vita è stato preso in giro dell’amante. Magari uno dei due vorrebbe vivere alla luce del sole la relazione a l’altro per motivi tutti suoi non se la sente (vedi Roberto).
    Magari chi non c’è la fa a sostenere la doppia vita non riesce a prescindere a dei valori ( suoi) che ha provato a tradire.
    Semplicemente magari qualcuno troppo coinvolto ha dovuto scegliere tra la salute e la doppia vita.
    Quello che voglio dire è che se stiamo/ state bene ognuno nella propria situazione, va bene così.
    Non c’ è uno risolto e uno chiuso mentalmente solo perchè non fa come dico io. Vivaddio siamo tutti diversi e nessuno migliore di un altro.
    Però, se posso, mentre @cossora la percepisco serena. Mai un riferimento alla vita casalinga di lui se non marginalmente. Dai suoi racconti lui sembra single come lei.
    Tu, invece mi sembra che sei un pò troppo attenta a cosa dicono le figlie e a cosa risponde la moglie , a cosa fanno e non fanno per vivertela “alla giornata” tutto qua. Ecco perché magari qualcuno prova a mettere i puntini sulle “i”, perché sembra venga a mancare la coerenza.

  • Lolly, 30 Giugno 2022 @ 17:48 Rispondi

    @ Ads ciao.. sto bene…ho trovato una mia pace interiore..vi leggo spesso e più vi leggo e più penso che sarebbe bello trovare l’amore “perfetto ” eterno” ” vero”…fai un po tu…ma così non è. Li fuori è dura..la maggior parte degli uomini vogliono una donna tipo bambola gonfiabile( soprattutto se sposati) o cercano di inventarsi qualcosa pur di attirare l’attenzione..le donne si rimettono in gioco tra bisturi, palestra shopping e apericena…vorrei qualcosa di nuovo..che attirasse la mia attenzione e
    stimolante per la mia curiosità.. magari innamorarmi?..ci spero…

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 17:47 Rispondi

    @Cri28
    Non so cosa hai letto ma io non ho proprio parlato di migliore o peggiore, ho parlato di modi diversi di scrivere ed esprimersi.
    Ognuno ha il suo ma abbiamo praticamente tutte lo stesso intento, cioè di aiutare, far riflettere, far vedere un punto di vista diverso.

  • Rinascita, 30 Giugno 2022 @ 17:39 Rispondi

    Condivido quanto scrive Cri28. Non esiste un meglio ed un peggio. C’è chi ha trovato l’equilibrio nell’amantato, chi è stato preso in giro da narcisisti e/o cialtroni, chi pur non essendo vittima di niente e nessuno non ce la fa a gestire questa tipologia di rapporti. Per questo non è possibile portare come dogma assoluto la propria esperienza e quindi non si può ne’ criticare, ne’ enfatizzare la linea che si è scelto di percorrere. ElleElle credo faccia riferimento ad alcune passate esternazioni di Cossora in cui qualificava come limitato e poco moderno chi non ha l’abilità di apprezzare l’amantato ed anche questa è indubbiamente una stortura. Per me la differenza la fa solo il proprio benessere. Non posso mettere in discussione chi mi dice che sta bene. Sarà che non amo la dietrologia. Quello che fa bene a qualcuno non fa bene ad altri. È la vita, siamo diversi se Dio vuole. Invece è da incoraggiare chi manifesta disagio. Ad esempio ad un’utente come Luciana che scrive le cose improponibili che le dice il pensionato, come non consigliarle di prenderlo a pedate? Fino al “non posso darti di più” posso per assurdo sorvolare ma se è arrivato a dire di trovarsene pure un altro, io a gran voce e senza via di ritorno, le dico “SCAPPA”. Questa mia pare una situazione oggettiva.

  • Ariel, 30 Giugno 2022 @ 17:19 Rispondi

    elleelle, 30 Giugno 2022 @ 11:20Rispondi

    Grazie elleelle per le tue spiegazioni impeccabili perche rispettose del Valore che ha la Scienza!!!!

    Come puoi notare molte utenti ancora non conoscono e quindi non capiscono affatto il meccanismo della dipendenza affettiva,ma occorre scrivere che non è una colpa non conoscerlo e quindi sbagliare tutto perché senza conoscenza si pensa a cosa differenti che non corrispondono alla realtà ci si autoconvince infatti che tutto sta Okkei e che le proprie scelte siano solo libero arbitrio???

    Per questo reputo fondamentale aiuto tutto quello che viene da utenti che come te me Lia Rosa la cara Oldplum che se ci legge saluto calorosamente e tante altre come Maddy e altre utenti che meno male sono riuscite a conoscere e a fare vera esperienza terapeutica azzeccata visto il risultato di ciò che evidentemente vivono nel loro nuovo presente dimostrazioni del basta leggere cosa scrivono in nome di vera conoscenza scientifica e vera terapia efficacissima e vere nuove vite

    Ecco perché ancora mi piace citarne alcune mi scuso se non ho nominato altre come Nina ad esempio sulla ottima via della nuova rinascita

    Insomma la Unione delle scoperte indicazioni scientifiche sono cose che funzionano su tutti nessun escluso
    Si tratta qui appunto di non arrendersi di fronte alla chiara difficoltà ad accogliere la vera conoscenza del meccanismo scientifico di cosa produce vivere certe dinamiche veramente destinate ad essere distruttrici per se stesse garantito accada nel 100/100 dei casi simili che ovviamente si parla di argomento circoscritto a questi casi di realtà di anni e anni stazionare in relazioni nascoste su base ambiguità manipolazione negativa e amanti zerbino FELICI CONVINTE DI ESSERLO !!

    Grazie elleelle e a tutte e tutti gli utenti che insieme a Ale si può davvvero seminare solo che bene!!!
    Aiutando chi ancora resta in vere PRIGIONI DORATE…!,,
    Ma è carta di cioccolatino

    Ahimè MARRONE…!!!!

    Ah ah ah
    Un poco di humor fa sempre benone!!!

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 17:18 Rispondi

    Ads ti sei trovato in questa situazione perchè il tuo è un matrimonio infelice.
    Ma da qui a decidere di buttare tutto per aria ce ne passa. E se non si lascia la strada vecchia i motivi possono essere diversi: Poco amore per la nuova fiamma, paura di uscire dalla comfort zone, paura di far soffrire figli e parenti stretti, difficoltà economiche. E per ultimo anche il fatto che forse a casa propria non ci si sta così male, anche se manca l’amore.
    Poi, se trovi la stampella che accetta di essere tale, puoi andare avanti all’infinito.

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 17:00 Rispondi

    L’asticella ha un altezza variabile, perchè siamo tutti diversi.
    Questi bisticci invece mi sembra che si vogliano sottrarre a questo concetto.
    A Cossora va bene un week end al mese, a me va bene quando si può e quando non si può amen, a qualcun altro andava bene solo il per sempre. Ma è così difficile da accettare? Ma perchè mai dovremmo mentire a noi stesse e a chi ci legge? Davvero non lo capisco.
    Mi sembra che sia una gara a dimostrare chi sta meglio, e sinceramente questa tiritera sta finendo per diventare noiosa.

    Il fulcro di questo post era chi ha lasciato l’amante, perchè lo ha fatto se l’amava davvero?

  • Lolly, 30 Giugno 2022 @ 16:27 Rispondi

    Ci tengo a precisare che mi tocca l’anima quello che scrive@ elleelle..parla una donna matura e consapevole..ed è bellissimo…mi piace leggerti. Poi fai i conti con la realtà mi cara @elleelle..ed allora aggiusti il tiro, abbassi l’asticella, metti tutto sul piatto della bilancia e tiri le somme…lo so..il mio cinismo è disarmante, ma io mi fido di ciò che vedo intorno a me( e non mi riferisco al mio vissuto)…e tant’è…

  • ADS, 30 Giugno 2022 @ 15:55 Rispondi

    si @alessandro siamo d’accordo, l’amante non da ‘ felicità,
    ma tutte le persone e qui vanno per la maggiore, restano con il coniuge, sono felici, sono risolte,sono serene,le mie colleghe che hanno rinunciato alle emozioni, le due amiche single,..si forse stanno meglio , e parlerebbe con lo stesso piglio di qualcuna.
    @lolly..come stai? ti senti serena, la tua vita è appagata, non ti senti sola, hai notato che nonostante tua sia libera , spensierata , li fuori non è cosi tutto rosa e fiori.
    poi ci si arrangia ci si adatta,le persone quando le incontri raramente ti dicono va male..bleffano.
    il racconto di @love è un altra testimonianza di anche le donne non che sono tutte dritte,
    @anche roberto lo capisco, anche io mi sono sentito spesso sentenziato,pensate che non sappia cosa dovrei fare in astratto,ne ho la forza no,perchè mi sono trovato in questa situazione sono delle domande che mi pongo.

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 15:51 Rispondi

    @elleelle tu donna di numeri, io mi adatto.
    Primo anno una cena/sesso a settimana.
    Secondo anno una cena/sesso a settimana con saltuarie colazioni/aperitivi.
    Terzo anno una cena/sesso a settimana, un paio di colazioni diciamo programmate/programmabili. Week end al mare da fine giugno a fine agosto, infrasettimanale praticamente trasferito a casa mia (diciamo questo un po’ too much per la sottopscritta).
    Quarto anno, siamo a luglio e abbiamo fatto 4 week end via da marzo, ne abbiamo in programma uno tra 2 settimane. Oltre alle cene e altre ocasioni che sfruttiamo per vederci.
    Per motivi logistici non sarà possibile nessun trasferimento infrasettimanale questa estate perchè ho due figli e non andranno via due mesi come l’anno scorso.
    Se ti sei fatta lo schemino, vedrai che negli ultimi due anni si è impennata la frequenza e la qualità dello stare insieme. ora, ONE MORE TIME perchè dovrei smettere?

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 15:31 Rispondi

    @ellelle io credo che tu sia guarita dall’attacco del narcisista graze alla tua enorme autoreferenza (più di un’utente mi ha ringraziato).
    Non abbiamo niente in comune a livello di pensiero ma credo che sia salvifica in ogni caso.

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 15:27 Rispondi

    Certo che lo amo @ale.
    Scusate la franchezza, ma quando mi sento dare la definizione di cosa penso/provo da terze persone che manco mi conoscono.. davero rimango basita dalla presunzione.

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 15:24 Rispondi

    Alessandro esiste un 30%, e forse di questo fa parte qualcuna che scrive qui. Perchè non darle credito?
    Io non voglio una vita col mio amante, ma mi fa piacere che a casa sua si parlino solo per comunicazioni relative alla gestione della casa e delle figlie, che lui dorma sul divano, che non sappia nemmeno se la sua compagna è in menopausa…Sono egoista e un pò presuntuosa? Si, non lo amo abbastanza? Forse
    Anche lui si informa se ho fatto sesso con mio marito (credo che lo interpreterebbe come un possibile riavvicinamento ) ed è infastidito quando facciamo cose in coppia. Diciamo che la gelosia è scemata per entrambi, perchè entrambi ci siamo allontanati dai rispettivi partners.
    Diciamo che abbiamo trovato l’equilibrio perchè le nostre coppie sono un’azienda, e quindi sta bene ad entrambi.

    Se l’altra parte non corrisponde o promette invano…allora sì che si lascia andare.
    Diciamo che le situazioni di chi scrive più frequentemente su questa sezione sono 3:

    CHI NON CE LA FA A SOPPORTARE LA DOPPIA VITA E CHI E’ STATO DELUSO/RAGGIRATO DALL’AMANTE.

    CHI VIVE L’AMANTATO CON RELATIVO EQUILIBRIO PERCHE’ NON HA VOLUTO FARE IL SALTO, O PERCHE’ NON HA VOLUTO FARLO L’ALTRO, MA HA DECISO DI ACCETTARLO.

    CHI NON SA ANCORA COSA FARE E SI TORMENTA.

    Siamo al 50% per la prima categoria, al 10% per la seconda e al 20% per la terza, a occhio e croce.

  • Cri28, 30 Giugno 2022 @ 15:07 Rispondi

    Elleelle, ma perché la metti sulla questione migliore-peggiore? Mi sembra lecito dire che rispetto a te o ad altre io non ho la certezza che per tutte le persone sia meglio sempre meglio rinunciare all’amantato, senza che questo sia offensivo o voglia dire che ne so più degli altri o che mi metto sul piedistallo.
    Per qualcuno potrà essere utile leggere avvertimenti sui pericoli del restare in questa condizione, pericoli che sono reali e che è giusto sottolineare, per altre persone può essere utile leggere che c’è chi non soffre ed è serena in situazioni da amanti.
    Certo che se anche essere sereni è segno che in realtà si sta male, così male da non essere neppure in grado di essere consapevoli di sé, è inutile che condivida la mia esperienza. Vuol dire che nessuna mia parola può essere creduta.
    Io ero molto più debole prima di questa esperienza, che, come accade a molti uomini e donne, mi ha aiutato e ho tratto forza anche dal capire che posso gestire sentimenti complessi, assenze e perdite.

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 15:04 Rispondi

    Ellelle quindi io dovrei lasciarlo ora che stiamo bene, perchè in futuro potremmo lasciarci e io ne soffrirei? Allora quando capiterà che ci lasceremo, curerò il mio dispiacere. Non mi fascio la testa prima di essermela rotta!
    La vita fa dei giri che nemmeno ci immaginiamo, 2 anni fa stavo per rimanere vedova, c’è mancato pochissimo. Mi sarei ritrovata solo in poche ore. Cosa faccio, mi vesto di nero ora perchè mio marito è più grande di me e le statistiche dicono che gli uomini vivono meno delle donne?!!! Beh no, io non vivo così. Io vivo.

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 15:03 Rispondi

    @ale le amanti single senza figli e le amante madri che hanno voluto la separazione dai mariti VENGONO DA DUE PIANETI DIVERSI.
    Per le donne giocano molte variabili, soprattutto l’indipendenza e l’età.
    Per voi uomini è sempre uguale: a 20 anni come a 40 e a 60 se non si tromba vi trovate un’altra.
    Non cercate un’altra donna che vi cresca i figli, volete una che vi faccia sentire maschi. Quella che vi cresce i figli ce l’avete eve la tenete.
    Il 70% di voi è reale, per le donne si deve distinguere: il 70% di quale categoria? Giovane? Madre? Single? Separata? Se separata, attiva o passiva? Perchè c’è una differenza abissale.
    Cavoli a me pare così chiaro….

  • Lolly, 30 Giugno 2022 @ 14:09 Rispondi

    @Cossora @ leilei…mi trovo in linea con i Vs commenti…chi lo dice cosa è giusto o sbagliato?…sta cosa di catalogare i sentimenti alla ns età non funziona più. Ognuno fa quello che sente e trova sia il meglio per sé senza creare danno altrui…che sia amore o un calesse che importanza ha?…ti fa star bene?…magnifico..non sarà per sempre?…pazienza…te lo sei goduto. Vi apprezzo entrambe e vi ringrazio per le risposte che mi avete dato…mi trovo vicina al pensiero di @ Cossora sul sogno che ha fatto sul marito…io mi sento come te. Nonostante ci sia un legame di affetto e complicità, un progetto di vita familiare ma manca il desiderio, che è ciò che determina la volontàa fare le cose ..che si fa?…almeno per me manca…ed è dire tutto..pertanto il resto sono solo chiacchiere…per questo non approfondisco il discorso con lui…sono io che me ne tiro fuori…

    • alessandro pellizzari, 30 Giugno 2022 @ 14:28 Rispondi

      chi lo dice cosa è giusto o sbagliato?…sta cosa di catalogare i sentimenti alla ns età non funziona più. Ognuno fa quello che sente e trova sia il meglio per sé senza creare danno altrui…che sia amore o un calesse che importanza ha?…ti fa star bene?…magnifico..non sarà per sempre?…pazienza…te lo sei goduto.

      sarebbe bello rimanesse così ma il 70% della popolazione femminile di amanti (e qualche maschio 10%) quando poi si innamora vuole di più. E se l’altra parte non corrisponde o promette a vuoto sofferenze e dolore diventano insopportabili. Mi piacerebbe dirvi prendi il meglio dell’amante e goditela come dice la Cherubino, solo che per la stragrande maggioranza non dura e si passa al dolore. Siete eccezioni? Meglio per voi ma monitorate molto bene cosa vi succederà nel proseguio. Nessuna amante è gelosa per esempio della moglie all’inizio, poi diventa per molte un tormentone con visite continue ai profili coniugali. E non è catalogare i sentimenti sono dati statistici: amanti felici dopo i primi sei mesi? 20%. Il resto in cds o quasi. Matematica non opinione

  • Dispersa, 30 Giugno 2022 @ 13:07 Rispondi

    @Ellelle sono consapevole che non è colpa ne del mio ex amante né del mio compagno.
    Ho fatto delle scelte in base al mio ego e cosa mi conveniva fare, avrei voluto tutto… Facile vero?
    Il mio stomaco mi sta dando dei segnali chiari, sto evitando il mio ex amante e cerco di concentrarmi solo sul concreto.
    Spero sia la strada giusta, visto le continue false partenze.
    Grazie per il tuo interesse, non l’ho mai visto come giudicante, ma un voler spronare le persone.

  • Love, 30 Giugno 2022 @ 12:00 Rispondi

    @Ads, più che compromessi…parlerei di priorità nella propria vita.
    Nemmeno io c’è l’ho con la donna che frequentavo seppure non concepisco alcune cose e questo lo scrivo come l’ho detto a lei, perche le mie esperienze ed il mio passato vengono da un mondo diverso dal suo.
    Oggi ci ripenso ancora, la incontro e non posso dire di essere ancora indifferente ma piano piano ci si arriva.
    Questo te lo posso dire…se prima non dicevo nulla, se oggi si mette a parlare dei suo problemi, io dico la mia…non le sta bene?
    Non è più un problema mio.
    Si è sposata la prima volta con un marito che la trattava da principessa economicamente ed a divorziato, si è sposata la seconda volta con un altro uomo più vecchio rigido ed autoritario che le chiede la separazione se non torna la donna di prima.
    Ha incontrato me…che non lha trattata da principessa economicamente non ne ho la possibilità, ma emotivamente e fisicamente non le ho fatto mancare nulla.
    Il problema non sono io, è LEI!!
    Oggi so per certo che la sua priorità non erano i sentimenti, o meglio le piacerebbero anche ma le fanno paura…ma le fa ancora più paura perdere parte del suo patrimonio, dover vendere casa perché troppo grande per lei da sola…e tutte le società che hanno in comune.
    Il compromesso sarebbe ritornare ad amare il marito o la separazione, non rimarrebbe mai in mutande seppur chi ha messo molto di più è lei…diciamo che starebbe bene comunque, ma ne avrebbe di meno…eppure riprende la terapia individuale perché dopo la terapia di coppia non ha risolto nulla, e non risolverà mai nulla.
    Io l’unica cosa che oggi mi dico, è che se calcolo quanto è stato messo sul piatto della bilancia da lei, reputo che ogni chilo del mio peso vale molto ma molto materialmente, perché non peso poco…è questo mi fa ridere molto…

    • alessandro pellizzari, 30 Giugno 2022 @ 14:32 Rispondi

      credo che la tua ex amante abbia dei grossi problemi personali nella scelta dei partner: sceglie quelli sbagliati, si tiene il secondo sbagliato e non vuole te che sei quello giusto. Consiglio psicoterapia

  • Harya, 30 Giugno 2022 @ 11:58 Rispondi

    @Cossora @leilei ha ben chiara la linea di demarcazione tra amore e altro, quello che fa specie ad @elleelle, e sinceramente molto anche a me, è che tu debba come giustificarti con te stessa definendo questa relazione “amore”. Ci rifiutiamo di credere che tu non sappia riconoscere la differenza tra amore e una amicizia con sesso, (e anche, da quel che racconti tu, sull’ amicizia chi è pignolo come me, si aspetterebbe degli standart più alti). Non stiamo qui a farti i conti in tasca dei tempi e dei modi, siamo solo basite di fronte a questo tuo negarti la realtà.
    Che la pensi diversamente è ormai acclarato e della tua felicità ne siamo contente ma io continuo a non capire come tu possa essere così bigotta da dover ammantare di amore il rapporto che tu hai con quest’uomo. Non è obbligatorio che tu chiarisca i miei dubbi, e sia chiaro non è un attacco o un giudizio ma in sincerità è quello che ci si chiede leggendoti.

    • alessandro pellizzari, 30 Giugno 2022 @ 14:37 Rispondi

      Ma io credo che cossora sia innamorata davvero del suo amore, solo che avendo lui delimitato la zona operativa (per quanto ampia) lei si è ridimensionata ed è diventata pragmatica e ci mette anche un po’ di sano egoismo (visto che lui è il primo a farlo) e tiene sotto controllo le sue emozioni soprattutto quando quello si rimette il cappello da marito. Io la vedo così

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 11:40 Rispondi

    @Cri28
    In realtà tutte noi, io compresa, facciamo quello che dici tu: “Quando parlo con gli altri, il massimo che penso di poter fare è cercare di far uscire pensieri, emozioni e desideri che possano aiutarli a fare le scelte”.
    Ognuno lo fa a suo modo, il tuo non è migliore di quello degli altri. Ad esempio io scrivo in modo scarno e diretto, ormai mi sembra evidente. Però più di un’utente mi ha ringraziato per l’aiuto e per un commento che va dritto al punto. Il gusto personale lascia il tempo che trova, l’importante è arrivare a un risultato.

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 11:31 Rispondi

    @Roberto
    Ti ho parlato di dinamiche relazionali che si sviluppano in un amantato e ti ho fatto vari esempi. È questo di cui vuoi parlare, no?
    Allora basta con questa cosa del giudizio e attieniti ai fatti.
    Coraggio, autostima, voglia di osare: tu queste cose le metteresti in atto nelle tue due relazioni?
    Avresti il coraggio di lasciare una delle due o tutte e due? Avresti l’autistima di dirti che puoi affrontare una vita diversa? Avresti la voglia di osare, anche da solo?
    Mica lo devi dire a me, devi però dirlo a te stesso e riconoscere se l’assenza di decisioni ti crea una situazione in cui vivi in un compromesso che non ti porta dove vorresti.
    Non ci posso credere che non riesci ad avere degli spunti sulle relazioni in generale dalle cose che diciamo, dai! Ci sono spunti ogni giorno, devi solo coglierli e finirla con certi discorsi.
    Non ti possiamo mica imbeccare, se vuoi parlare di qualcosa, proponi un argomento e accetti le risposte. Altrimenti goditi moglie e amante come ti è già stato suggerito più volte di fare. È quello che vuoi, cosa c’è tanto da elaborare?
    Ti chiedevi cosa state aspettando e ti ho risposto che state aspettando il coraggio di chiarire le cose e prendere una decisione. Non è forse vero?
    Non sei forse in una situazione in cui non riesci a decidere? Non sei tu quello chesi cruccia del fatto che senza amante la relazione in casa sarebbe una noia e non sapresti come reggere in futuro, adesso che hai conosciuto lei?
    Mica me le invento le cose, le scrivi tu.

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 11:20 Rispondi

    @Leilei
    No, non è così, non è dipendenza affettiva solo se crea sofferenza.
    La dipendenza affettiva agisce per non fartela provare questa sofferenza e infatti qui si vedono dipendenze affettive di chi dice che va tutto bene ma che accetta sempre meno.
    È nel momento in cui soffri perché spezzi la catena della dipendenza affettiva che puoi risolvere il problema, altrimenti sei come il tossicodipendente che sta bene ogni volta che si fa una dose, anche se la dose del dipendente affettivo è la presenza anche saltuaria di una persona, un suo ritorno, un suo messaggio.

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 11:18 Rispondi

    @luciana mi sembra una configurazione stabilizzata la tua.
    Non è detto duri in eterno, ma la vita fa un saco di inversioni senza preavviso quindi pensiamo all’oggi!
    Io due anni fa stanca del ruolo di ‘amante da blog’ in cui mi ero infilata iniziai una storia alla luce del sole con un uomo separato, aveva un figlio e qualche anno in meno.
    Andava tutto bene anche se il mio amore non è mai uscito dal mio cuore. Ma credo che la differenza l’abbia fatta quanto mi stava addosso la new entry. Troppo. Per una donna che era abituata a gestirsi amante, tempi, amici e familgia da sola da due anni ..lui era semplicemente troppo.
    Questa è la prova che non l’ho fatto per coprire il rumore del richiamo del mio amore. Altrimenti mi sarebbe servito. ERa onnipresente quindi più che funzionale.
    Ma lui era preso e non si può cheidere a una persona ‘amami di meno’.
    Io però soffocavo. Arrivava la mia serata libera e mi veniva l’ansia se volevo uscire con le amiche.
    Quindi niente regole, vai e vivi. Aggiusti per strada.
    L’unica certezza è che accadrà esattamente quel che non ti aspetti (davvero).

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 11:15 Rispondi

    @Cri28
    Frequento da più di due anni ed è ben da prima che ci sono utenti che si lamentano o lamentavano della loro situazione di amantato.
    Poi se ne sono aggiunti altri, anche uomini.
    Alcune persone sono andate avanti, altre sono ferme, tipo Dispersa. Altre sono in un costante ribasso, che va bene perché poco è comunque meglio di niente.
    Tu diresti a tutte che va bene, io no, perché frequento da più tempo di te e ho visto l’evoluzione e l’involuzione.
    A un’amica direi le stesse cose che ho detto a @Leilei e cioè che per me vale di più del poco che si fa andare bene. Direi le stesse cose che ho detto a Luciana, che lui non la merita. Direi le stesse cose che dico a Roberto, chi ci vogliono autistima e coraggio per uscire da situazioni di compromesso in cui non si sta bene.
    Poi ognuno fa quello che vuole ma intanto sa che c’è qualcuno che pensa che valgono di più, che possono tirare fuori le forze per cambiare perché in tanti lo hanno già fatto.

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 11:05 Rispondi

    @Leilei
    Anche tu fai fatica a capire che non è la storia di Cossora, di @ads ecc. Il problema, sono le critiche che da mesi vengono indirizzate alla maggior parte di noi, donne chiuse di mente, arretrate ecc.
    Mi critichi? Va bene, ma almeno che ci sia qualcosa sul piatto di consistente, non questa robetta qui.
    Chiunque di può trovare un uomo con cui passare qualche ora al mese, senza farla passare come la scoperta del senso della vita.
    Forse avete vissuto poco in gioventù, ci sta. Vi siete sposate giovani, avete avuto pochi uomini e questo vi sembra chissà che, ma chi che queste cose le ha già fatte le trova banali.
    Tu @Leilei hai detto di aver avuto 3-4 uomini, io ne ho avuti molti di più, italiani, stranieri, vecchi, giovani, cosa mi dovete insegnare, di cosa mi dovete convincere? State facendo a 45 anni e passa quello che io facevo a 25, sai te che passi avanti mi state proponendo…
    Siete qua a predicare la bellezza dell’amantato part-time a chi lo ha fatto trent’anni fa, vi rendete conto? Dite sta roba a chi aveva abbassato l’asticella prima di voi, a chi si è detta prima di voi che era bello e super moderno così, a chi si è resa conto prima di voi che alla fine ti resta un pugno di mosche.
    Un po’ di serietà, su!

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 10:51 Rispondi

    @leilei grazie per questa chiusura limpida “Aprire la mente vuol dire accettare che altri la pensino diversamente, non che ci vada bene quello che fanno.” e per quanto riguarda ciò che hai scritto per me.. ci hai preso in pieno.
    Vi faccio ridere adesso.
    Tempo fa ho sognato che mi rimettevo col mio ex marito, ne ero intenerita ma per niente presa. A un certo punto nel sogno mi sono chiesta ‘ma quindi la mia serata libera per il mio amore adesso ce l’ho ancora o no?’
    Ecco, ho detto tutto!

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 10:48 Rispondi

    @lolly cara amica ciao.
    Lo scrivi perchè non ti rassegni? O perchè credi non si rassegni lui?
    La gente non cambia il proprio DNA lui è così, anche quando ti sembrava diverso.. eri tu meno consapevole, si . Come tutte dei nostri mariti/ex mariti/amanti/ex amanti.
    La questione è semplicemente: cosa vogliamo? Li vogliamo comunque? Com’è il bilancio?
    Il mio personalmente è in attivo quindi non vedo perchè smettere.
    Ma ci sono anche mogli tradite che se li tengono perchè meglio così che sole.
    Mogli infedeli che dopo il rifiuto sono rimaste a Canossa perchè meglio la noia che ilrischio di finire in un altro inferno.
    Sono tutte situazioni in cui si pensa: non vedo perchè smettere.

  • cossora, 30 Giugno 2022 @ 10:33 Rispondi

    @Ale ma ovvio che se si ha bisogno di aiuto lo si deve riconoscere prima a se stessi e poi procedere. Io non sono per il negazionismo, sono semplicemente per un approccio più moderato.
    Se per perdere 30 kg sto facendo una dieta da fame non posso continuare a ripetere che anche per il leggero sovrappeso ci vogliono comunque dieta rigida, attività fisica intensa e integratori per compensare.
    C’è chi ha un metabolismo buono di natura, chi si abbuffa per autogratificazione e chi -conoscendosi- si concede qualche sgarro ma sa tenersi sotto controllo.

  • elleelle, 30 Giugno 2022 @ 08:50 Rispondi

    @Lia
    Alla fine a me spiace leggere queste cose.
    Mi spiace quando le persone vengono considerate arretrate, chiuse di mente, poco risolte e poi ci si vanta di queste misere conquiste.
    Mi spiace anche per la persona che crede che questa sia tanta roba, mentre sembra proprio così poco.
    Non è la storia in sé il problema, ognuno vive quello che vuole. Sono i mesi di critiche più o meno velate, di parole a volte piuttosto forti e poi capisci che dietro c’è così poco: un fine settimana scopereccio ogni tre settimane e i messaggi per organizzare.
    Credimi, mi faccio dare volentieri dell’arretrata ma solo se c’è un motivo valido, non per questo. Posso riconoscere la superiorità altrui, ci sono sicuramente donne più belle, più femminili, più corteggiate di me ma non posso essere sminuita per questo, che è poco più del nulla.

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 08:44 Rispondi

    Lolly, se hai questa percezione e visto che avete un buon rapporto, perchè non gli parli chiaramente?

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 08:38 Rispondi

    Elleelle hai scritto giusto “A me di una relazione impostata come quella di Cossora interessa zero”, infatti quel tipo di relazione lo vive lei, non tu. A te non andrebbe bene e lo abbiamo capito, ma perchè volete convincerla che non dovrebbe andarle bene?
    Forse a lei un rapporto più “stretto” darebbe fastidio, forse dopo la separazione si è abituata a vivere in modo autonomo.
    Faccio un’esempio banale: il marito di una mia amica è stato lontano per anni per lavoro, a volte riusciva a rientrare per il week end, altre volte no.
    Beh, quando è finito l’incarico, la mia amica ha fatto fatica ad accettare il suo rientro a casa, era troppo abituata a dormire da sola, gestire casa e figli da sola, gestire il suo tempo libero in completa autonomia. Infatti dopo pochi mesi lui è tornato in trasferta e lei ha ritrovato il suo equilibrio.
    Aprire la mente vuol dire accettare che altri la pensino diversamente, non che ci vada bene quello che fanno.

  • Leilei, 30 Giugno 2022 @ 08:29 Rispondi

    Rosa è dipendenza affettiva se il distacco crea sofferenza. Noi ci vediamo e ci sentiamo quando possiamo, nessuno dei due rappresenta l’ossigeno per l’altro.
    Ariel non considero il mio amante un cialtronzo, le nostre posizioni sono chiare ad entrambi, abbiamo raggiunto un buon compromesso tra quello che vogliamo e quello che possiamo,

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 22:42 Rispondi

    @Luciana
    Il fatto che tu riesca a percepire così chiaramente la tua situazione è una gran cosa, sai? Vuol dire che hai un buon meccanismo di protezione, per cui ti rendi conto quando qualcosa va a discapito di quello che vorresti avere.
    Ti capisco benissimo, anche io ho passato i 50, c’è davvero poco là fuori e non è facile avere una vita sociale intensa. Però avere una palla al piede è ancora peggio. Se poi questa palla al piede ti dice che puoi trovarti un altro e lui sarà felice per te, beh, credo ci sia poco da aggiungere.
    Non ti merita.

    @Rosa
    Sì, la dipendenza affettiva è una ferita, un punto di debolezza su cui le persone possono fare forza. Io ho una cicatrice che sarà sempre lì a dimostrazione della ferita relativa a un mio punto debole a livello fisico. Però se faccio fisioterapia e mi prendo cura di me stessa, sto molto meglio e sono più forte fisicamente. Con la mente e con il cuore è lo stesso.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 22:23 Rispondi

    @Dispersa
    Scrivi “sono sincera mi piacerebbe ripartire se avessi la certezza matematica che le cose prenderebbero una piega più equilibrata”.
    Ma non eri tu che stavi bene con tuo marito, che eri in fase di ricostruzione, che avevi capito ecc.?
    Guarda, ognuno fa quello che vuole ma dopo tanto tempo spiace vedere che una di noi è ancora in questa situazione e non sta arrivando a una soluzione né da una parte né dall’altra.
    Non voglio fare la solita solfa ma secondo me dovresti farti dare una mano per trovare un po’ di forza e decisione. Non è la prima volta che dici basta e con la testa sei sempre lì. Se da sola non ce la fai, fatti aiutare.
    Se tradiresti di nuovo tuo marito, vuol dire che tutte le belle cose che hai detto di lui e del vostro rapporto non corrispondevano alla verità. Vuol dire che nella tua mente hai bisogno di una stampella, anche se è fisicamente assente ed esiste solo nel tuo pensiero.
    Evidentemente con tuo marito non stai così bene e allo stesso tempo non riesci a rinunciare a quest’uomo nonostante non ti dia niente.
    A questo punto è solo un problema tuo, loro non c’entrano più. Sei tu che devi guardarti dentro e capire perché non ce la fai a staccarti da lui.
    Se è entrato in gioco l’orgoglio ferito, poco di quello che stai vivendo è reale. Sono la delusione e la sconfitta che ti muovono, non l’amore.
    Ce la fai per qualche tempo poi lui fa qualcosa che ti fa sperare di nuovo che lui ci sia e che abbia cambiato idea, solo che lui non cambia idea.
    Non è sana questa situazione, @Dispersa. Devi tirare fuori forza e amor proprio, perché nei confronti di tuo marito non puoi giocare a questo gioco, non se lo merita.
    Non te lo meriti neanche tu, in realtà. Perché accettare di essere di nuovo l’amante di una persona che vuole la moglie e non te, se non a tempo perso e alle sue condizioni, mentre tu ti devi accontentare? Una relazione la si vive in due, alla pari.

  • Roberto, 29 Giugno 2022 @ 22:17 Rispondi

    Se io avessi paura si essere giudicato verrei qui a scrivere in anonimato secondo te @elleelle? Dai per favore. Ma che valore può avere un giudizio qui dentro se non sappiamo nemmeno chi si cela dietro un nome. A me fa sorridere, perdonami, chi distribuisce pareri su storie di altre cose se fossero dei dogmi. Sai cosa me ne importa della pacca sulla spalla, alla mia età. Forse è colpa degli uomini che avete frequentato e che vi hanno davvero lasciato l’amaro in bocca. A me sarebbe piaciuto parlare, come ho detto altre volte, dell’amantato in generale. Ma vedo che è impossibile. Si finisce sempre per rimproverare agli altri quello che forse si è vissuto in prima persona. Poi se ti va darmi la pacca sulle spalle io sono qui.

  • Cri28, 29 Giugno 2022 @ 21:44 Rispondi

    Elleelle quello che voglio dire è che, proprio perchè non ho certezze su me stessa, di certo ho ancora più dubbi se devo dire qualcosa agli altro. L’idea di dire a Leilei o a chiunque altro che sarebbe più felice con scelte diverse, beh, non so come si possa saperlo.
    Quando parlo con gli altri, il massimo che penso di poter fare è cercare di far uscire pensieri, emozioni e desideri che possano aiutarli a fare le scelte, ma poi queste sono così personali che mi sento di fermarmi un po’ sulla soglia.

  • ads, 29 Giugno 2022 @ 21:43 Rispondi

    scusate quindi per voi o un uomo si immola per voi,
    diventa povero per voi, vi dedica tempo risorse, oppure è compromesso.
    domanda ma voi nella vita possibile che non fate compromessi di nessun genere, al lavoro, con vostro marito , con i vostri mariti, quindi immagino che siccome al lavoro non venite apprezzate ,vi licenziate subito, se l’amica non vi chiama voi e siete voi a chiamarla, altra domanda ma questi compromessi che contestate a persone sconosciute,..vi vorrei vedere a casa nella quotidianita se siete cosi tutte d’un pezzo con vostro marito ed i vostri figli…o il compromesso è quello che hanno talune utenti che in realta sanno benissimo le cose, vi assicuro non c’è bisogno del grillo parlante, lo sa lelei, cri,cossora,
    voi non accettare e siete aperte mentalmente.. che una persona possa stare benino in una doppia vita,
    sottovalutate -invento- che magari alla cri qualcuno che la fa sentire imporante, le faccia un massaggio, le metta una mano sul cul.o, la faccia sentire amata, non le dia un beneficio mentale rilevante,purtroppo molte di voi sono avvelenate e traumatizzate dal post amante, ma guardate se aveste incontrato uno come x dire..io sono pacato,razionale,presente, ..poi magari se mi aveste posto un aut aut sarei stato titubante ,ed anche roberto sarà un tipo cosi..avete incontrato degli stronzi..ma noi cosa c’entriamo..pure l’amante di leilei,della cossy, mica sono dei mostri, sono persone normali imperfette come loro..
    ..

  • Dispersa, 29 Giugno 2022 @ 21:35 Rispondi

    @Luciana prova a trovarti o semplicemente a dirgli che c’è un altro per vedere cosa fa… Rido perché sono cavolate che ho sentito anch’io… Sono uomini denim, uomini che non devono chiedere mai… Eppure…

  • luciana, 29 Giugno 2022 @ 21:23 Rispondi

    ciao @Cossora, ho scritto in un messaggio successivo che io non spero niente ormai. Il treno e’ passato. No, non serbo rancore, non sono il tipo. Non sono manvo una che ama i conflitti. No, sono in una fase di distacco fisico, intanto, in quanto non lo vedo quasi piu’. Poi mi impegnero’ a distaccarmi emotivamente. Quanto a vivermela come viene viene, beh, ho provato anche quello in 8 anni 🙂 solo che a me non va bene questa modalita’.

  • Lia, 29 Giugno 2022 @ 20:56 Rispondi

    @elleelle, aprire la mente vuol dire adeguarsi ai tempi delle trasferte che lui riesce a giustificare a casa!
    E questo sarebbe il rapporto che ha subito un’impennata di frequenza! 4 gg massimo al mese! Pure il ciclo mestruale dura di più!
    Prima cosa c’era, il binocolo?
    @cossora, mandalo a farsi un giro dal parrucchiere, per favore…

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 20:35 Rispondi

    @Cri28
    Ma che discorso è, anche tu non sei nella testa degli altri per sapere che ci sono certezze che tu dici di non capire… L’hai scritto tu, non io, che ci sono certezze o sicurezze che non capisci.
    Comunque io credo che alcune certezze ci siano e derivano dalle proprie esperienze e dalle lezioni imparate. Vengono dai dubbi e dagli errori commessi e sono espressione del desiderio di avere di meglio, di comportarsi in modo più corretto, di rispettare e rispettarsi di più.
    Non sono cose negative né incomprensibili, sono semplicemente desideri e propositi per la propria vita, non per la tua, tu fai quello che vuoi.
    Tante di noi ci sono arrivate mettendosi in discussione, essendo flessibili nei confronti di se stesse e delle situazioni vissute, anche con l’aiuto di validi psicoterapeuti.
    Se tu vuoi continuare a fare l’amante, è una scelta tua. Altre hanno fatto le amanti, hanno deciso che il gioco non vale la candela e sono uscite da questo meccanismo perverso. Non credo siano scelte così strane.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 20:02 Rispondi

    @Roberto
    Invece la mia è una spiegazione per il comportamento delle persone. Tu sei coinvolto e ti senti giudicato ma io non so cosa farci. Ti ho detto solo perché secondo me si creano certe situazioni e quali possono essere i motivi.
    Se poi vuoi solo una pacca sulla spalla e sentirti dire di andare avanti così, qualcuno lo farà, tranquillo.

  • Roberto, 29 Giugno 2022 @ 19:59 Rispondi

    @Rinascita non c’è nulla sai che non sia chiara nella mia situazione. Questo forse mi rende più tranquillo. Alla mia età le cose si sanno e si capiscono. La speranza che cambi qualcosa? Può esserci ma non forte come prima.

  • Lolly, 29 Giugno 2022 @ 19:29 Rispondi

    @elleelle…è vero anche il non rassegnarsi è una dipendenza affettiva…mi hai fatto riflettere su alcune dinamiche, mi spiego: il mio ex marito ha lasciato la compagna( ex amante) ormai da questo inverno e noto un tentativo di riavvicinamento a me occasionale, con una scusa o con un altra…ma io non abbocco…piuttosto mi fingo scema…dove vuole arrivare?…come da copione, sono sicura che mi darà un tempo, dopodiché o richiamerà lei, o volgera’ lo sguardo altrove…difficilmente un uomo resta solo..troverà cmq una sua dimensione…

  • Dispersa, 29 Giugno 2022 @ 19:16 Rispondi

    @Elisabetta bella descrizione… Certi rapporti disfunzonali esistono anche tra coniugi, basta ad una certa saperli riconoscere!!

  • Dispersa, 29 Giugno 2022 @ 19:12 Rispondi

    @Ellelle no gli 8 anni erano in riferimento a @Luciana… I miei sono 4 (e sono cmq tanti).
    Sono sbottata per un determinato motivo, perché per quanto poco ci si vede e ci si parla, e visto che questa cosa ce l’avevo nel ‘groppone’ gliel’ho vomitata fuori!!
    Per me veramente è l’ora del basta, sono sincera mi piacerebbe ripartire se avessi la certezza matematica che le cose prenderebbero una piega più equilibrata, ma visti i precedenti e vista la ciclicità della situazione e dei comportamenti… Ho preso armi e bagagli e me ne sono andata definitivamente.

  • Dispersa, 29 Giugno 2022 @ 19:02 Rispondi

    @Rosa esattamente così, se ci si ama anche da amanti le briciole non dovrebbero esistere, e il dover chiedere ormai mi faceva apparire e sentire perdente (e non certo per il fatto che non voleva lasciare la moglie)!!

  • luciana, 29 Giugno 2022 @ 18:42 Rispondi

    grazie a tutte/tutti per un bello scambio di opinioni. Mi e’ molto utile in questa fase della vita in cui mi sto finalmente decidendo di darci un taglio con una storia con un uomo che potrebbe essere libero ma non vuole esserlo.
    grazie @Elleelle, quello che scrivi rafforza le mie convinzioni che il momento e’ ormai giunto. Di compromessi ne ho accettati a sufficienza. Oltre ad una certa dipendenza affettiva che ho sviluppato in questa frequentazione, c’e’ stata sempre la paura di rimanere sola e non avere proprio nessuno con cui uscire ogni tanto. Insomma, io non sono ne’ bella ne’ brutta, ho 55 anni e tre figli adulti, il mare non e’ piu’ cosi’ pescoso per una donna come me.
    Pero’ accidenti e’ umiliante non solo sentirsi dire ” di più non posso darti” ma anche ” se non ti va bene, ritieniti libera di trovarti un altro che ti dia quello che cerchi. Io sono contento se tu trovi uno che ti offre quel che cerchi”. Come ho fatto a digerire tutto questo, mah.

  • Rosa, 29 Giugno 2022 @ 18:07 Rispondi

    @ellelle, se posso specificare, essere dipendenti affettivi non è un punto debole. È una ferita ,esattamente come lo è essere narcisista ,che ci portiamo dietro dall’ infanzia.
    Non è l’altro che ci fa diventare dipendenti affettivi .
    Lo siamo già ( mica tutti, sia ben chiaro, e mica tutti allo stesso livello, e mica per tutta la vita).
    Il guaio è che spesso due ferite si attraggono dipendente affettivo e narcisista, dipendente affettivo e codipendente e mille altre combinazioni.
    Nel momento in cui riesci a riconoscere di essere in una di queste dinamiche sei già avanti.
    Con questo non intendo generalizzare, ognuno dentro di sè sa come si sente i meno in una relazione.

  • Elisabetta, 29 Giugno 2022 @ 17:21 Rispondi

    Sono stata sposata per tanti anni con uno che faceva i conti. Quando erano a favore suo era tutto un “noi”, anche economicamente. Poi, benevolmente, altruisticamente, ribaltava la frittata. Oggi vedo più chiaramente il mio ex marito e i miei occhi si sono fatti acuti mentre osservano il mio attuale compagno. L’amore non fa i conti. È dura arrivare a questa consapevolezza, ma si è anche più libere.

    • alessandro pellizzari, 29 Giugno 2022 @ 18:32 Rispondi

      L’amore non fa i conti, esattamente

  • Rosa, 29 Giugno 2022 @ 16:29 Rispondi

    @Dispersa, ” di più non posso darti” quante volte mi sono sentita ripetere questa frase.
    Quello che a distanza di tempo ora vedo chiaramente è : davvero ho pensato di meritare così poco? Davvero sono stata appesa per anni ad uno che misurava quanto darmi?
    No grazie.
    L’amore non si mendica.

  • Rinascita, 29 Giugno 2022 @ 16:24 Rispondi

    ElleElle insieme al coraggio di fare chiarezza, nella situazione di Roberto, ci metterei anche, la speranza che la situazione cambi. È umano sia così.

  • Roberto, 29 Giugno 2022 @ 16:18 Rispondi

    @elleelle, la mia era una domanda provocatoria, per cercare di capire in generale il comportamento delle persone. Tu ovviamente non hai perso occasione per giudicare un altro utente del quale non conosci la storia come non conosciamo poi la storia di nessuno.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 16:07 Rispondi

    @Rosa
    Il problema è che affrontare il discorso della dipendenza affettiva viene percepito come un’offesa mentre invece è solo il riconoscere un nostro punto debole attraverso comportamenti ripetuti che non ci portano da nessuna parte.
    Non è una condizione permanente, se ne può uscire perché spesso è legata al tipo di relazione che si ha, con una persona che offre un legame poco sano.
    Anche un co-dipendente può cambiare la sua condizione tramite la psicoterapia, basta seguire il percorso giusto.
    Proteggersi, sviluppare una buona autostima, avere i propri punti fissi che definiamo nel rispetto della nostra personalità dovrebbero essere interessi primari per noi e invece no, sono percepiti come rigidità e arretratezze.
    Se ritieni che certe relazioni per te abbiano poco senso e che siano svilenti, non hai capito niente, non sai goderti la vita, non fai quello che ti fa star bene, non sai cosa sono amore e passione…. E giù di scuse, giustificazioni, spiegazioni.
    Per fortuna ha ragione @Ale, l’amore è semplice e nel momento in cui diventa complicato abbiamo già un segnale che qualcosa sta andando storto.
    Se ci rifiutiamo di ascoltare quel segnale, allira dobbiamo riflettere sul rischio di dipendenza emotiva.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 15:46 Rispondi

    @Dispersa
    Scusami ma dopo 8 anni ancora non ti rassegni e hai bisogno di parlare, chiarire e vuotare il sacco con quest’uomo…
    È ora di correre ai ripari perché è troppo tempo che vai avanti a chiarire quello che lui ha chiarito già da tempo.
    Ignoralo, qualsiasi cosa faccia o dica, perché tanto ti dà la stessa risposta: o fai l’amante alle sue condizioni o niente. Ogni tua richiesta di chiarimenti è un segnale che dai al suo ego e capisce che tu in fondo sei ancora lì.
    È una forma di dipendenza affettiva anche questa incapacità di rassegnarsi ed è una zappa sui piedi che ti dai nella relazione con tuo marito.
    Nel momento in cui hai deciso di restare con lui, gli devi l’allontanamento definitivo dal tuo amante.

  • Cri28, 29 Giugno 2022 @ 15:06 Rispondi

    @Elleelle, non penso che tu possa dire che ho delle certezze. Sei nella mia mente? Non credo. Nè si desume nulla del genere dalle mie parole, perché, appunto, ho detto che sono la prima ad avere dei dubbi, così come non ho mai messo in discussione il sentire altrui, il fatto che per altri vivere situazioni così sia intollerabile.
    So che potrebbero esserci scelte migliori o peggiori rispetto a quella che sto facendo attualmente, non soltanto nel senso che altre persone potrebbero non sentirsi serene nella mia situazione, me proprio nel senso che anche per me stessa una scelta diversa potrebbe essere migliore o peggiore.
    Sono aperta verso il cambiamento, perché la vita, gli studi, il confronto con validi psicoterapeuti, mi hanno insegnato che essere flessibili e sapersi mettere in discussione é una risorsa.
    E non giustifico tutto, altra affermazione priva di senso, cerco, semmai, di comprendere le ragioni degli altri, cosa più utile e proficua di criticare.
    Ma, come tutti, devo fare delle scelte e, quindi, nell’incertezza faccio la mia, sulla quale puoi dire ciò che vuoi.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 13:40 Rispondi

    @Roberto
    Cosa aspettate?
    Aspettate il coraggio di fare chiarezza con voi stessi e poi con coniuge e amante. Per fare chiarezza ci vogliono auto-stima e coraggio.
    Vivere nel compromesso non porta a nessuna di queste cose, purtroppo.
    Se tu avessi osato la prima volta, invece di dirle che non volevi lasciare tua moglie, avresti fatto chiarezza. Invece, non avendola fatta e non avendo avuto il coraggio di osare e l’auto-stima di riuscire, sei poi tornato con lei in condizioni più sfavorevoli.
    Se nel momento in cui lei ti ha detto che non avrebbe lasciato il compagno tu le avessi detto che allora non aveva senso continuare, avresti fatto chiarezza e non saresti più qui a farti le stesse domande da mesi.
    Se tu avessi lasciato tua moglie, consapevole che tra voi era finita, avresti fatto chiarezza e magari avresti già una nuova vita con una terza donna.
    Non hai più il coltello dalla parte del manico e ti crucci perché hai perso il treno e vedi davanti a te la noia della sala d’attesa.

  • Dispersa, 29 Giugno 2022 @ 13:30 Rispondi

    @Luciana 8 anni sono tanti, quindi tocca a te decidere, lui si vive quello che può (che vuole perché ha deciso) mentre tu devi decidere se rimanere consapevole che di più non sarà mai, lasciando la porta aperta per altre e nuove esperienze.
    Un paio di giorni fa ho svuotato il sacco con il mio ex amante (o uomo ombra) era successo un episodio che mi aveva turbata e che mi aveva dato l’imput di dire ‘dai è ora di finirla’!
    Non volevo apparire bisognasa, ma tra noi essendoci un rapporto anche lavorativo e nonostante tutto sereno, non mi andava di tenere tutto dentro… Lui ha chiarito la situazione e poi mi ha detto ‘o la vivi così o di più non posso darti, ci ho pensato ma a 50 anni è troppo tardi per buttare all’ aria tutto quello che ho costruito’!
    Sinceramente non gli ho mai chiesto nulla di tutto ciò, anzi sono sempre andata avanti abbastanza bene con la mia vita… Ma evidentemente voleva farmi sapere il suo pensiero sempre ben capito a gesti ma mai espresso a parole.
    Sai che c’è? Che tocca a me, a lui il suo libero arbitrio ma a me il mio!

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 13:27 Rispondi

    @Cri28
    Ognuno ha le sue di certezze, anche tu hai le tue.
    Se poi tra le tue certezze c’è dare un colpo al cerchio e uno alla botte, ci sarà chi non lo capirà o dirà che farebbe diversamente.
    Il tuo approccio ti porta a giustificare ogni situazione e in un certo senso a vivere in una costante zona d’ombra, in cui tutto va bene anche se ha limiti evidenti. Non saprai mai sa saresti potuta essere più felice e c’è chi invece vuole scoprirlo e osa, proprio perché ha delle certezze.
    Come diceva @Luciana e come ha appena scritto @Ale, ognuno di noi sa immediatamente cosa si intende per quell’amore che ti porta a voler condividere qualcosa in più di alcune ore rubate.
    Il resto sono compromessi e tutti sappiamo che lo sono, tutti abbiamo questa certezza.
    Per cui non vedo perché non accettare che queste certezze ci siano, così come si sanno accettare i compromessi.

  • maribel, 29 Giugno 2022 @ 13:26 Rispondi

    Ciao @cossora
    Vedo oggi il tuo commento.
    Non sono triste, né infelice né dipendente in questo momento. Anzi, sono molto determinata a non entrare mai più in una situazione che mi renda infelice.
    So che anche tu stai bene e io ti credo quindi ti chiedo davvero di interpretare i commenti per quello che sono. Fai un ragionamento che io non condivido e te lo scrivo. Punto. Non è una critica personale a te, non è invidia e non è infelicità. non è nemmeno cattiveria e io sono una di quelle che non metta in dubbio la tua serenità, perch3 la percepisco come sincera.
    Quindi prendo tutti questi nostri scambi come spunti di discussione. Ti abbraccio.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 13:02 Rispondi

    @Ale, Cossora
    Aiuto.
    A me di una relazione impostata come quella di Cossora interessa zero ma mi hanno fatto specie finora tutte le parole spese sulla nostra chiusura mentale ecc.
    Rendiamoci conto che qui siamo donne arretrate, frustrate e che non sanno come passare il fine settimana in confronto a cosa?
    A “stare insieme un paio di giorni interi, ogni 15-20 giorni, sentirsi pochissimo, insomma comunicare quando ci si vive.”
    E questo gioco al ribasso viene chiamato amore… Cossora questo qua, che ha tempo ogni tanto, lo ama. Cossora, che spreco, ma cosa ti passa per la testa?
    Ti rendi conto che sono mesi che ci critichi perché siamo più indietro di te e che modello ci proponi? Una relazione così evoluta che vi vedete ogni 15-20 gg e vi sentite pochissimo, perché “comunicate quando vi vivete”…
    Ti rendi conto che quest’uomo ti ha portata ad accettare sempre meno e a scrivere una cosa assurda come “comunicare quando ci si vive”?
    Ma siamo seri!
    Per cosa dovrei aprire la mente, per fare da tappabuchi per un fine settimana ogni tot? Ma neanche per sogno!
    La parola amore non mi verrebbe nemmeno in mente perché se io amassi un uomo che lesina anche la comunicazione, sarei veramente messa male.
    Vai su qualsiasi sito di chat e se non altro ogni 15-20 gg hai l’ebbrezza di trovarne uno nuovo, magari più interessante e prestante.
    Sono stupefatta dal coraggio che bisogna avere per vivere una storiellina come questa e dire agli altri che non hanno capito niente dalla vita.

  • Ariel, 29 Giugno 2022 @ 12:13 Rispondi

    Già ma ad esempio dare i nomi veri alle cose agli accadimenti ai comportamenti se lo fa la scienza dopo diverse raccolte di dati che sono esperienze vissute dalle persone e nascono così nuove scoperte e naturali classificazioni con ciascuna il proprio nome definizione serve ECCOME

    A cosa???
    Ad esempio a NON CONFONDERE LA REALTÀ CHE IN BUONA FEDE SI CREDE DI STARCI BENISSIMO

    Eppure il VELENO DELLA DIPENDENZA AGISCE DI NASCOSTO e quando fa troppo danno risulta così ancora più difficile uscirne in vera salute psicofisica

    Anche il dipendente da qualsiasi altra cosa NON SE NE ACCORGE E DICE STO BENISSIMO PERCHÉ MAI DOVREI SMETTERE????

    La Morale non c’entra GNIENTE!!!!
    Ma ciò che servirebbe è iniziare ad esempio a chiamare “ le cose col loro vero nome scientifico “ così da non fare tutto un mucchio indistinto di casualità o del dirsi è la miao opinione personale???
    Certamente ma anche il drogato dice uguale uguale e si racconta di quanto la droga di qualsiasi tipo non faccia alcun danno che ci sta benissimo???

    Credo che stare sul vero PEZZO SCIENZA aiuti a non fare confusione tra i vari perché ci si comporta scegliendo soluzioni A O B
    i veri motivi stanno tutti nascosti ed occorre scoprirli se soltanto si vuole poter evolvere nel proprio bene e in quello altrui

    Non ammalarsi aspettando di star male perché la droga non attende non agisce in una progressione delicata ma di colpo NON SI RIESCE A STACCARSI

    Finché là si prende SI STA DADDIO!!!

    Questo occorrerebbe chiedersi
    Perché non mi stacco da veri cialtronzi?????

  • Rosa, 29 Giugno 2022 @ 11:36 Rispondi

    E aggiungo per rispondere a leilei, che se ti sta bene, ma ti deve stare bene davvero, allora liberi tutti. Ma se è dipendenza affettiva, è alla stessa stregua di una dipendenza da sostanze o dal gioco e come tale deve esser trattata, meglio curata.

  • cossora, 29 Giugno 2022 @ 11:21 Rispondi

    @Ale scusa ma sono in disaccordo. Le dipendenze malsane intaccano la vita delle persone a 360°.
    Qui non ne vedo così tante di persone che “non riescono a smettere” piuttosto siamo in tante che “non vogliono smettere”
    Vedo dipendenza malsana nei casi in cui l’amante ha solo aperto un vaso che già traboccava disagio di suo, perchè se la dipendenza/paura/rigetto rimangono anche dopo anni che la storia è chiusa e stra chiusa.. dai ..non prendiamoci in giro, li va risolta la cosa, ma con se stessi.
    Dove sono queste persone con vite/carriere/famiglie/invecchiamento compromessi?
    Sto bene a fare le cose belle col mio amore? Sono dipendente da lui? Lo sono stata ma facci caso, quando? Dopo la chiusura di un rapporto lungo, che ha dato figli, che ha creato legami, abitudini (e che per fortuna abbiamo salvato),
    Allora la prima dipendenza assoluta e vitale ce l’ho dai miei figli. MA che discorsi sono?
    Il resto è sostituibile (più o meno..)
    Ci sono periodi e periodi nella vita.
    In alcuni si è emotivi e si cercano agganci emotivi forti, anche eccessivi. Altri si vuole famiglia e si ragiona solo in quel senso, fa niente se non so respira amore ovunque. Altri si vuole far carriera e quel che conta è salire, salire, salire..
    Tutte dipendenze?
    Secondo me si esagera.

    • alessandro pellizzari, 29 Giugno 2022 @ 14:14 Rispondi

      Tutto dipendenza no ma oltre certi compromessi c’è più bisogna vedere se è tale da richiedere aiuto o no

  • leilei, 29 Giugno 2022 @ 11:01 Rispondi

    Cri concordo con te: alla fine conta come stiamo. Se la situazione non ci fa soffrire, se abbiamo raggiunto un equilibrio sostenibile, al di là di ogni giudizio morale, perchè chiudere?
    Io credo che Luciana debba capire questo, ha la consapevolezza che la sua non diventerà mai una storia ufficiale , quindi deve decidere se la situazione le fa più bene che male. Che poi si chiami dipendenza affettiva, passione o altro ha poca importanza. L’importanza è l’impatto che ha sul suo corpo e sulla sua psiche.

  • Ariel, 29 Giugno 2022 @ 09:46 Rispondi

    Roberto, 28 Giugno 2022 @ 22:14Rispondi
    Oh finalmente @Roberto hai scritto un commento prezioso è validissimo che può eccome aiutare chiunque si trovi ancora dopo anni a stazionare in relazioni doppie nelle quali tu osservi giustamente da un vero punto di vista scientifico il COME MAI NONOSTANTE L’altro o altra non si schioda da sua doppia vita si accetti di ,mi viene da dire,
    Adattarsi nel tempo tirando fuori le motivazioni più diverse e tutte sempre con la costante della contraddizione della ultima spiegazione che ci si era dati nel corso del tempo in cui amante pur non schiodandosi vi trattiene tra virgolette in nome di un amore INESISTENTE DA PARTE SUA

    Sono relazioni sbilanciate tutte quelle dov’è si resta nel tempo spostando solo da una parte ,quella di chi il salto lo avrebbe fatto e lo farebbe eccome ancora
    E invece di la ci sta il muro vestito da FINTO AMORE……..

    Qualcosa che solo una dipendenza affettiva e mentale che si è fatta strada dal tempo durata anni e anni in vere realtà che giustamente scienza chiama relazioni tossiche.

    Purtroppo non mi stupisce mai constatare molta resistenza al accettare questa equazione

    Relazione tra coppie che non funziona da anni ma continua
    La vera radice è la composizione tossica di entrambi coppia sia amanti che legami storici di matrimonio e/ o convivenza fallita
    Fallimento significa che finisce perché non funzionano più i ruoli originari di vera coppia innamorata sempre e sempre piu

    Quando NON SI RIESCE A STACCARE per anni e anni IL LEGAME CHE NO FUNZIONA la relazione sta tossica.

    Poi una Costante è sempre spostare asticella del adattarsi al altro pur di stazionare LO STESSO IN LEGAME FALLITO

    Infatti qui lèggiamo milioni di scuse tutte condivisibili ,ma non scientifico stare in bolla di vera autostima che significa Ne troppo egoisti ne troppo crocerossa

    Se si sbilancia la bolla di autostima si producono ferite dentro se stessi che alla lunga causano disagio e malattia.

    Bello e utile questo tuo commento @Roberto.
    Bonjour

  • luciana, 29 Giugno 2022 @ 09:46 Rispondi

    cara @Dispersa, ormai ho capito che mi fa piu’ male che bene. Io avrei voluto si sentisse impegnato con me, che ci considerasse una coppia. Cosi’ non e’ e non sara’ mai piu’. Ormai il treno e’ partito ed e’ pure arrivato ad altra destinazione.
    Lui ha 63 anni, le sue abitudini, il suo tran tran e le sue manie.

    Lo so, ci ho messo tanto per accettare l’idea ma ora sono consapevole e non spero piu’. Mi sto distaccando fisicamente, nel senso che ci vediamo davvero pochissimo ormai. Spero di avviare anche il processo di distacco emotivo.

  • cossora, 29 Giugno 2022 @ 09:39 Rispondi

    @leilei scrivi “il piedistallo su cui lo avevo messo è stato ridotto di molto, ora è parecchio più basso” non ti capisco.
    Perchè rendi conto -dopo tutti questi anni- di ciò che fai?
    E’ logico che se lo fai è perchè ti va bene.
    Come a me va bene il ritmo che finalmente si è stabilizzato da un po’: stare insieme un paio di giorni interi, ogni 15-20 giorni, sentirsi pochissimo, insomma comunicare quando ci si vive.
    Se a qualcuno piace di più la quotidianità e la vive (o la pone come condizione indispensabile) .. ragazzi dopo anni direi che possiamo legittimare le scelte di una persona adulta, no?

    • alessandro pellizzari, 29 Giugno 2022 @ 10:38 Rispondi

      Perchè rendi conto -dopo tutti questi anni- di ciò che fai?
      E’ logico che se lo fai è perchè ti va bene.

      No non è così semplice Cossora: anche tu ha accettato comportamenti che non ti andavano bene a lungo. In una coppia dove lui ha il coltello dalla parte del manico per lungo tempo accetti, discuti, speri, proponi cambiamenti. Perché sei innamorata. Perché hai paura di perderlo. Perché hai una dipendenza affettiva che ti fa accettare ciò che non accetteresti normalmente. Lo hai fatto anche tu

  • Cri28, 29 Giugno 2022 @ 09:25 Rispondi

    Provo a dare il mio punto di vista. Quando ho iniziato la mia relazione extraconiugale, l’ho fatto sulla spinta di una forte attrazione, ma con la consapevolezza di volere un rapporto fuori dal matrimonio; volevo migliorare la mia vita, non stravolgerla. Ho sempre avuto forti remore all’idea di separarmi e se mio marito non avesse opposto un rifiuto a tutto ciò che ho chiesto per migliorare il nostro rapporto, avrei continuato a investire sul matrimonio, perché sono una persona che cerca rapporti stabili e “noiiosi”, non avventure. Visto che non c’era la sua volontà, ho deciso di restare con lui, ma di non ho voluto privarmi della possibilità di vivere cose che nel mio matrimonio mancavano. Con il senno di poi, non so dire se lo consiglierei o se sia stata una scelta buona. Mi rimane il dubbio che, separandomi, avrei potuto vivere un nuovo rapporto su basi migliori. Ma non posso saperlo. Forse avrei avuto altre esperienze infelici e avrei vissuto peggio di quanto non viva, in questo equilibrio che si è creato.
    Perciò, capisco i punti di vista di tutti, ma non certe sicurezze, perché penso che, nella concretezza delle nostre esistenze, è molto difficile che ci sia una sola strada giusta e alla fine conta anche come noi decidiamo o riusciamo a vivere la strada che percorriamo.

  • elleelle, 29 Giugno 2022 @ 08:43 Rispondi

    @Luciana
    Quello che scrivi (“E’ così che vanno le cose, mi sono illusa che ogni volta che si litiga sarà l’ultima, che si vuole troncare una relazione apparentemente senza speranza, ma poi quando il messaggino su whatsapp non arriva si va letteralmente in crisi e poi quando finalmente lui chiama, sono di nuovo contenta.”) è la descrizione dei meccanismi che creano una dipendenza affettiva.
    C’è chi soffre di co-dipendenza, che è proprio un disturbo psicologico e chi invece si trova suo malgrado in situazioni in cui si crea un legame traumatico che porta alla dipendenza affettiva.
    Persone che sanno avere relazioni sane ma che cadono nella rete di chi una relazione sana non la sa avere e/o non la vuole.
    Visto che tu hai compreso benissimo la situazione, riuscirai a uscirne. Chi non lo capisce, farà molta più fatica.

  • Dispersa, 28 Giugno 2022 @ 22:33 Rispondi

    @Luciana ma alla fine, mettendo tutto sul piatto della bilancia, questo rapporto ti fa più male o più bene? Cosa desideri veramente da questa relazione o da questo uomo?

  • Roberto, 28 Giugno 2022 @ 22:14 Rispondi

    Ciao @Luciana. Non so quanto diventi routine un amantato dopo vari anni di durata. Io non so onestamente come possa diventarlo, anche perché a meno che non si abbiamo quelle storie con tutta la libertà che a volte ho letto qui dentro (beati loro), una storia prima di diventare noiosa deve essere vissuta. Se diventa pallosa una persona che si vede una volta a settimana, con i vostri mariti come fate. Caso mai è il contrario. Una storia non vissuta ne perde il senso, quello può essere. E allora la si derubrica come ha fatto @leile,i a momento piacevole con un uomo con cui però non di vorrebbe vivere per sempre. Per questo sono davvero rari gli amantati che durano una vita. Quelli che lo sono non sono altri che vite con due mariti e due mogli. Io vorrei annoiarmi della mia amante, vorrebbe dire che ho più occasioni per vederla. Tra l’altro avere una seconda persona presenta tanti di quei lati negativi che se anche fosse noiosa si dovrebbe essere dei pazzi nel perseverare. Verrebbe da chiedersi perché si continua anche quando non se ne vede il futuro. Bisogno, stampella, divertimento? Ricordiamoci sempre che siamo noi a voler restare quando dall’altra parte non vogliono ciò che si vuole da questa parte. Se il marito non lascia la moglie o la moglie non lascia il marito, che aspettiamo?

  • Leilei, 28 Giugno 2022 @ 22:09 Rispondi

    Luciana, se hai capito che lui non lascerà la moglie, a questo punto la storia è esclusivamente nelle tue mani.
    Solo tu puoi decidere se farla continuare o chiudere.
    Per quanto riguarda la routine, credo che sia assolutamente fisiologico che una storia si appiattisca un po’ col tempo.
    Le farfalle nello stomaco sono frutto della tempesta ormonale che si scatena nella fase dell’innamoramento.
    E la biologia ci insegna che questa tempesta è destinata a scemare in un tempo massimo di due anni (e sono stata abbondante).
    Inoltre, quando si condividono momenti di quotidianità come mangiare e dormire insieme, fare la spesa, comprare vestiti e libri, si impara a conoscersi nel profondo, e questo toglie inevitabilmente quella patina di mistero che rende eccitante una storia. Ma ci permette anche di non doverci sempre mostrare al meglio, ma essere noi stessi, autentici e genuini, con i nostri difetti e le nostre debolezze.
    Quindi tutto assolutamente nella norma.

  • Rinascita, 28 Giugno 2022 @ 21:00 Rispondi

    Cossora se quello che si scrive potesse accompagnarsi al tono della voce ed allo sguardo che si ha nel mentre, sarebbe più facile capire tante esternazioni, ci si guarderebbe e si sorriderebbe. Ariel non concordo con quello che scrivi. Io con le mie parole non intendo curare nessuno. Io racconto la mia esperienza, esprimo le mie difficoltà, questo posto è a suo modo terapeutico ma non nel modo in cui lo intendi tu. Quello che si è vissuto non può estendersi a tutti gli altri utenti. Non siamo tutti malati, senza spina dorsale, senza autostima, dipendenti affettivi, frustrati o presi per i fondelli. Ci sono persone innamorate che fanno il loro percorso e scelgono la loro strada. A volte capita di sentire l’esigenza di scrivere “svegliati” ma è un incoraggiamento per chi manifesta malessere. Mai con la pretesa di avere la verità in mano. Nessuno conosce le storie degli altri in profondità, ognuno legge i racconti di un vissuto, di un sentire che non necessariamente corrispondono alla realtà della vicenda. Mi guardo bene dal dire “devi fare così” preferisco piuttosto scrivere “prova a fare così”. Le emozioni che si provano sono più forti di qualcuno che scrive, a mo’ di disco rotto, che la scienza è scienza, bisogna curarsi. Bastasse scrivere in stampatello maiuscolo per sopire quello che dice il cuore, magari!

  • Ariel, 28 Giugno 2022 @ 18:32 Rispondi

    Ottimo @leilei quoto la SANA CURIOSITÀ di voler leggere soprattutto chi fa le così ESPRESSE COME SCELTE DIVERSE?!!!

    Così ad esempio mai ho messo in dubbio ogni tua parola e S testimonianza del tuo racconto vissuto di relazioni affettive tutte
    Come moglie come amante come madre come donna

    Ma qui non sei messa in dubbio nel tuo raccontarci ciò che vivi e il raccontarci cosa disse o fece ogni uomo col quale relazioni
    E sono tre
    Marito figlio amante

    Ora quello che non entra facilmente in testa a molte persone che come te si OSTINANO E NON VEDERE ALTRA SOLUZIONE che vivere la tua vita da NASCOSTA come se stare nascosti fosse soltanto una scelta individuale e piena di vera libertà?????????

    Eh no Cara Leilei ciò che mai racconti perché evidentemente non ci sta mnulla da raccontare è ad esempio concentrarsi proprio sul fatto Scoentifico delle dinamiche dov’è esiste una vera droga dipendenza affettiva che rema contro il proprio vero valore e intelligenza che esiste eccome ma che viene tutta sbilanciata non certo per libera scelta lucida ma esattamente come dinamiche nefaste che lo sono scientifico perché diranno da troppi anni

    Allora qui da me sicuro sei creduta ma anche sicuro da molte altre utenti e fatichi a capire che le nostre critiche a ciò che scrivi qui non sono mirate a non crederti o a volerti ferire e perché mai ??
    Ma al contrario cercare di smuovere il MACIGNO CHE BARBABLÙ ANTICO…… TI HA POSTAO DENTRO IL CUORE
    SCHIACCIANDOLO BENE facendoti credere che meglio di così tu non possa vivere perché per farlo soffice manipolarti negativo con grandi doni di ogni parte tipo marito soldi e benefit che tu credi necessari al tuo vivere come fossero aria che occorre per vivere

    Oppure scopiazzate con amante che uscito da sua compagna carina entra in te ti fa godere e Okkei simpatica e divertente azione ma cosa contiene davvero questa dinamica prostrata per anni se non la svalutazione scientifica che TU STESSA CREDI IN VERA BUONA FEDE DI NON MERITARTI MEGLIO

    E cioè di essere davvero Rispettata come Donna è persona

    Tu scrivi che ti sentì di valere molto ???
    Okkei molto bene ,sul serio molto bene allora segui questa tua più che ottima percezione ma vedi di metterla in pratica perché fino ad adesso ti sei VENDUTA LA TUA BELLEZZA più preziosa Quella che sta dentro te stessa e che mo,ti qui percepiamo esista eccome!!
    Anche elleelle car te lo ha scritto e io un sacco di volte!!!

    Cara Leilei perché con la psico non parli mai di te stessa????
    Che te frega di cosa dice amante a sua compagna che ti ricordo si scopa a stecca dopo uscito da te torna da lei

    Ecco dove la PROPRIA DIPENDENZA AFFETTIVA AGISCE COME DROGA SVALUTANDO SE STESSE E VENDENDOSI LA PROPRIA DIGNITÀ DI PERSONA E DONNA
    Senza e lo ripeto SENZA NESSUNA COSCIENZA CHE QUESTO AVVENGA come la droga nella crisi di astinenza mentale fa PREVALERE CELLULE CEREBRALI VOLTE A EVITARE LA ASTINENZA LA CHIUSURA DELLE RELAZIONI TOSSICHE

    Cara Leilei ti incoraggio tanto pure a se non so scrivere così bene
    In realtà sono molto più sensibile è vicina a molte donne che sento percepisco vere situazioni di vero disagio nascosto perché lo so come funziona il meccanismo

    Così ovviamente almeno da parte mia non attendo e non pretendo nessuna risposta da te che tu non voglia ma ecco chissà che a volte leggere possa aiutare a vedere nuove possibili vie e soluzioni così diverse per se stesse

    Poter scoprire che Fare la propria rivoluzione vera è sicuro la impresa più dura è difficile
    Una vera sfida alla quale anche tu Cara Leilei puoi eccome attuarla facendo tutto diverso da ciò che fai da sempre e da anni

    Cambia chiediti cosa vorresti cambiare nel tuo essere adesso te così come ti vedi???
    Ecco fai tutto opposto prova col poco riprovaci
    Possiamo sempre RIPROVARE

    Ciao Leilei
    Scopriti meglio ,
    Meglio di così c’è la puoi fare!!!

  • Marcelle, 28 Giugno 2022 @ 18:09 Rispondi

    @Luciana hai detto delle grandi verità!

    Ah, io finalmente mi sono aperta e ne ho parlato ad una persona cara, ora che è finita! Non posso descrivere il sollievo di essermi sentita capita e non giudicata e la bellezza di avere un feedback equilibrato e aperto. A volte sottovalutiamo anche chi pensiamo di conoscere bene!

  • cossora, 28 Giugno 2022 @ 16:33 Rispondi

    @luciana perdonami ma dopo 8 anni il tempo che fa scemare la speranza si è esaurito.
    La speranza (se hai scelto di continuare a viverti questa storia che comunque quando torna tu sei felice) è già a zero da mo’ 🙂
    Scusami se non sei impazzita, se non sei depressa, autolesionista etc etc etc ma al contrario, arriva e ti fa contenta.. perchè non provi (ho detto PROVI) a vivertela senza sentirti il fiato sul collo di cosa vorrebbe la regola?
    Ti leggo e non sento rancore, non c’è attrito, insomma.. questo amore ‘sembri’ accettarlo così com’è.
    Ovvio che se ci stai con la finalità di fargli lasciare la moglie ed averlo per te.. può succedere? Si. E’ probabile? No.

  • luciana, 28 Giugno 2022 @ 13:57 Rispondi

    ciao! riflettevo su quanto spesso qui si dice sulla differenza tra amore con l’amante (=passione e creativita’) e rapporto con la moglie o partner ufficiale (= affetto e routine). Beh, basandomi sulla mia esperienza col pensionato, e anche leggendo alcune delle vostre storie, direi che alcune amanti – tra cui io per prima – favoriscano la trasformazione del rapporto in routine e magari perdano il momento di maggior coinvolgimento in cui magari imponendo una scelta forse la relazione potrebbe cambiare.
    Anche l’amante diventa routine – ho pensato questo dopo aver letto l’ultimo messaggio di Leilei. Anche le relazioni che si protraggono per anni tra amanti possono diventare annose e noiose come il matrimonio ed a quel punto si puntellano a vicenda.
    Come dice @Ale, se il traditore/traditrice non va via di casa entro un certo periodo non lo farà mai piu’( tranne poche eccezioni) significa che dopo quel periodo il rapporto tra traditore e amante si è instradato sui binari di una “normalità” fatta di routine, abitudini, e anche le litigate o i periodi di distacco hanno il sapore del “tanto poi passa” e tutto ritornerà come prima.
    Esattamente quello che e’ successo a me in 8 anni.

    E’ così che vanno le cose, mi sono illusa che ogni volta che si litiga sarà l’ultima, che si vuole troncare una relazione apparentemente senza speranza, ma poi quando il messaggino su whatsapp non arriva si va letteralmente in crisi e poi quando finalmente lui chiama, sono di nuovo contenta.

    Così facendo il tempo passa, e piu’ si va avanti e piu’ scema la speranza che un giorno lui possa fare una scelta, anzi mi correggo, piu’ passa il tempo e più si rafforza la scelta già fatta…vale a dire quella di rimanere a casa con la moglie! 🙂

  • cossora, 28 Giugno 2022 @ 11:06 Rispondi

    @elleelle non si risponde a una provocazione con la stessa provocazione.. su un po’ di creatività 🙂
    Benissimo il week end grazie. Un po’ meno il rentro per qualche complicazione ‘anziana’ da iniziare a gestire ma.. la vita è fatta di doveri e di piaceri.. no?

  • cossora, 28 Giugno 2022 @ 11:03 Rispondi

    @Rinascita allora ho frainteso il senso del tuo post, ti faccio prima di tutto le mie scuse.
    Condivido il rispetto delle scelte altrui e come te non sento di dover legittimare ciò che faccio.
    Per quanto mi riguarda le mie scelte sono tutte legittime, ho preso ogni decisione (sposarmi, separarmi, vivere questo amore) in piena coscienza e autonomia e me ne sono assunta ogni responsabilità sentimentale ma anche economica e organizzativa.

  • cossora, 28 Giugno 2022 @ 10:32 Rispondi

    @leilei è molto bello questo tuo post. Parla di una donna che ha i suoi tempi e i suoi modi e che per amore sa trovare un punto di incontro, anche non h24. Che non sta con un uomo perchè si comporta da manuale al 100% ne prende decisioni per la vita. Una donna libera con grande capacità di discernimento. Hai detto niente.
    Dalla Treccani:

    intelligènza (ant. intelligènzia) s. f. [dal lat. intelligentia, der. di intelligĕre «intendere»]. – 1. a. Complesso di facoltà psichiche e mentali che consentono all’uomo di pensare, comprendere o spiegare i fatti o le azioni, elaborare modelli astratti della realtà, intendere e farsi intendere dagli altri, giudicare, E LO RENDONO INSIEME CAPACE DI ADATTARSI A SITUAZIONI NUOVE e di modificare la situazione stessa quando questa presenta ostacoli all’adattamento

    Non credo ci sia nient’altro da aggiungere.

  • Harya, 28 Giugno 2022 @ 10:11 Rispondi

    Caro ads io sinceramente non ti capsco. Se ti avessi conosciuto in altre circostanze ti avrei attraversato come aria nebulizzata e ti avrei lasciato li alla tua sensazione di fresco appena provato e ormai svaporato. Non è detto che ci si debba riuscire sempre e tutti, ma un reale tentativo per uscire dalla catacomba nella quale ti sei chiuso a 44 anni fallo perchè comunque ne vale la pena. Mettersi alla prova e aver fiducia in se stessi è sempre una cosa difficile, ma tanti piccoli passi fanno un tragitto lungo alla fine. Tua moglie ha gia chiuso le valigie lo vedo da qui, la tua amante è solo un poco più nervosa forse per il caldo e la prevedibilità del vostro rapporto, tu… hai tutto luglio davanti per poter provare ad andare a correre in un posto nuovo, a prendere il caffe dall’altra parte della città, scegliere un percorso diverso per arrivare in ufficio, cambiare hobby, supermercato e persino stile visto che ci saranno i saldi. Ti svelo un segreto: il rischio oggettivo è di omologarsi alla gente che si frequenta o più chiaramente chi va con lo zoppo a fine anno zoppica e ceca, quindi per cortesia esci dal tuo svilimento e prendi atto che solo tu puoi dare un’opportunità di miglioramento alla tua vita

  • Ariel, 28 Giugno 2022 @ 09:47 Rispondi

    Luciana, 27 Giugno 2022 @ 22:41Rispondi
    Cara @Luciana e @Rinascita il contrastare le opinioni altrui qui dovrebbe farsi SEMPRE e qui si fa apposta perché qui a me pare in questo ultimo periodo di commenti sul Blog che ANCORA non si voglia capire che il discorso è scopo importante è cercare di far capire che le scelte che si fanno NON SONO soltanto motivate dal “” libero pensarla come si vuole” nel pieno rispetto dovuto sempre verso chiunque
    ,ma sono IN EFFETTI DETTATE DA VERI MECCANISMI di DINAMICHE DISFUNZIONALI nel senso proprio di ciò che Scienza ha scoperto da decenni e che continua a scoprire.

    Allora vogliamo SI O NO. discutere partendo proprio da questa REALTÀ UNIVERSALE e cioè COMUNE a tutte le persone che si ritrovano a vivere PER ANNI E ANNNI
    relazioni affettive che NON HANNO FUNZIONATO
    CHE HANNO PRODOTTO DANNI A SE STESSE E PROPRIA VITA
    CHE HANNO PORTARTO ALCUNE A SEPARARSI MA CON TUTTE LE DIVERSE FORME POSSIBILI
    CHE HANNO INDOTTO LE PERSONE DONNE A OSTINARSI A FARE DA ZERBINO AMANTE SPACCIANDOSI PER CONVINTE CHE SIA IL MEGLIO POSSIBILE PER LORO STESSE!!!!

    Qui SI CONFONDE ANCORA E SEMPRE

    LA SABPNA CRITICA CHE MUOVE LE CELLULINE CEREBRALI A CONOSCERE A FONDO QUESTE DINAMICHE E REALTÀ

    Eh ma scusate il maiuscolo ,ma veramente siete di coccio a pensare che sia solo una scaramuccia dai toni personalistici!!!
    Se non capite questo scopo resta inutile scrivere qui
    Elleelle lo capisce da SEMPRE vediamo insieme di darci una mano e smettere di fare quelle che pensano ai cxxxzi propri come fosse un atout in questo caso Blog dove OCCORRE LA CRITICA!!!!!!! Come aria che si respira !!! Se solo si vuole essere di aiuto
    Altrimenti facciamo elenco e basta del come stiamo?????

    Bonjour!

  • Leilei, 28 Giugno 2022 @ 09:04 Rispondi

    Ieri parlando con la psicologa le ho raccontato dei due giorni al mare e dei commenti della sua compagna. Lei sostiene che lui è molto trattenuto perchè si trova in una situazione non socialmente accettabile, sempre con la paura che qualcuno possa scoprire questo lato “oscuro” della sua vita di uomo irreprensibile. Per cui la percezione che ho di lui è falsata da questo suo non poter essere libero.
    Per quanto riguarda l’atteggiamento di lei, la psicologa sostiene che non ha il coraggio di affrontare apertamente la situazione, per paura di quello che potrebbe sentire.
    Quindi situazione assolutamente in linea con tante altre.

  • Leilei, 28 Giugno 2022 @ 08:41 Rispondi

    Ellelle il piedistallo su cui lo avevo messo è stato ridotto di molto, ora è parecchio più basso. Ho comunque molta stima di questa persona, e ho dato un nome a tutte le sue paure e insicurezze. Come ho già scritto, a causa di questo, i miei sentimenti si sono ridimensionati e ovviamente anche le mie aspettative. Ma sinceramente non mi sento mortificata, è dolce e gentile, mi tratta come una principessa, non mi fa mai mancare attenzioni e carinerie, mi piace che sia nella mia vita. E soprattutto questa storia non mi genera alcuna sofferenza, come invece leggo qui di tante altre situazioni.
    Non pretendo che voi capiate, perchè siamo tutti diversi e viviamo le situazioni in base ai nostri vissuti e al nostro carattere, ma vi posso assicurare della genuinità di quello che scrivo, non avrei motivo per mentire a voi e a me stessa, soprattutto in uno spazio anonimo.
    Molte di voi hanno fatto scelte diverse, e non mi permetto di giudicarle, non mi ergo in cattedra, racconto solo quello che vivo.
    Vi leggo volentieri, mi piace il confronto con altre esperienze. Poi è ovvio che alla fine ognuno sceglie ciò che ritiene meglio per sè, ma conoscere altri punti di vista non è mai inutile. E Ale ci dà tanti spunti di riflessione su cui ragionare.

  • Dispersa, 28 Giugno 2022 @ 06:40 Rispondi

    @Rinascita concordo sul fatto che non ha senso sentirsi uno sfigato o credere che uno lo sia perché il punto di vista è diverso… La libertà si misura anche da queste cose!!

  • elleelle, 28 Giugno 2022 @ 00:03 Rispondi

    @Rinascita
    I racconti deprimenti di @ads derivano proprio da quello che dicevo l’altro giorno e cioè che queste relazioni poco sane e trascinate per i capelli alla fine tolgono energia e ti lasciano tipo ameba a riflettere sul tuo triste destino e sulla vita di m… che fai e che credi facciano anche gli altri.
    Solo che non è affatto così. Chi ha relazioni sane e appaganti sta bene.

  • elleelle, 27 Giugno 2022 @ 23:59 Rispondi

    @Leilei
    Per questo dico che secondo me vali di più di quello che pensi e ti mortifichi con un uomo che è un po’ una palla al piede.
    Solo che tu questo non lo vedi. Per qualche oscuro motivo hai deciso che quest’uomo insicuro e inconcludente è l’uomo giusto per te e fai quello che devi fare per non buttarlo giù dal piedistallo.

  • elleelle, 27 Giugno 2022 @ 23:46 Rispondi

    @Rinascita
    Capisco la tua determinazione perché è anche la mia.
    Come ho scritto ieri, ho evitato di organizzare una serata con un tipo (che è un bell’uomo ed è pure libero) e sono uscita con un’amica.
    Volendo, se fossimo usciti ci sarei anche andata a letto perché era la serata giusta. Invece ho fatto una specie di ghosting, cosa che in passato non avrei fatto ma adesso sì, perché quando vedo qualcosa che mi fa cascare le braccia, non comincio nemmeno.
    Sarà che le mie avventure le ho avute in passato e probabilmente ho finito il bonus “comprensione a oltranza” ma proprio non ce la farei a rimettermi in certe situazioni. Lì sì che mi sentirei sfigata e per quanto mi riguarda, neanche particolarmente sveglia.

  • daniela, 27 Giugno 2022 @ 23:37 Rispondi

    Leilei ti posso confermare che nel rapporto con mio marito certo non sono mancate le discussioni per motivi anche banali trascorrevamo tutto il tempo insieme lavoro e casa ma i progetti. la complicità ci sono sempre stati anche durante la sua malattia si pensava sempre a quando sarebbe guarito cosa avremmo fatto e prima si pensava ad un futuro negli anni della nostra diciamo vecchiaia e avevamo fatto tanti progetti …tutto è finito dopo 35 anni con la sua dipartita… mi sono ritrovata sola ma con una forza che lui riesce a trasmettermi anche se non è qui..il mio sbaglio aver incontrato una persona dopo più di quattro anni da sola, nei frattempo i figli sono andati a convivere, dalla quale si sono lasciata incastrare …lui mi aveva detto di essere separato e io stupidamente gli ho creduto …pensavo ad una compagnia anche solo per un gelato. una passeggiata e questo mi piaceva … lui però è sposato e vive con sua moglie e di gelati non se ne parla figurati di progetti

  • ADS, 27 Giugno 2022 @ 23:20 Rispondi

    @RINASCITA..hai.ragione mi.sono.messo.in sta situazione..e niente
    Maschio alfa in astratto

  • Luciana, 27 Giugno 2022 @ 22:41 Rispondi

    “La bontà della mia nuova vita la rilevo anche nel non avere nessun senso di rivalsa o di dover legittimare con nessuno la mia scelta. ” cara @Rinascita, bellissime le tue parole. Condivido in pieno: quando sei certa di avere fatto la scelta giusta per te, non stai piu’ sulla difensiva, e ti puoi soffermare ad ascoltare ciò che l’altro dice senza dover elaborare tutti gli argomenti per contrastare le sue opinioni.

  • Leilei, 27 Giugno 2022 @ 22:10 Rispondi

    Elleelle ci frequentiamo da 6 anni, se hai letto i miei messaggi hai seguito anche l’evoluzione della mia storia.
    Mentre all’inizio tornare a casa dopo essere stati insieme era doloroso, ora è normalissimo. Non vorrei stare con lui 24 ore al giorno e ogni giorno. Di questo ne sono certa. Siamo troppo diversi, lui tutto d’un pezzo, io molto più libera.
    Ti dico solo che nei due giorni al mare ho evitato di mettermi i bikini un po’ ridotti, che sono abituata a mettere normalmente. Perché so che a lui dà fastidio.
    Va bene farlo per due giorni, ma non per tutta la vita.
    Io volevo fare il bagno prima di andare a dormire, lui pensava alla digestione. Deve scegliere lui alberghi, ristoranti ecc…Io nella vita ho sempre fatto di testa mia. Mio marito per pigrizia, mi ha sempre lasciato fare e decidere.
    La sua presenza va bene, ma a piccole dosi. No, non vorrei il mio amante costantemente nella mia vita.

  • Rinascita, 27 Giugno 2022 @ 21:29 Rispondi

    ADS se la vita vera fosse, tutta e sempre, quella che descrivi, ci sarebbe da farsi venire il latte alle ginocchia. Forza e coraggio. Cambia prospettiva, se pensi che non esista di meglio di quello che vivi è perché non hai il coraggio di guardare avanti. Poche balle. Corri il rischio di mollare gli ormeggi e comincia a vivere, assumendoti i rischi di ciò’ che questo comporta. Forse non ci sarà nulla di idilliaco o forse si, se non provi non lo saprai mai. In ogni caso sarà’ sicuramente meglio dell’infelice barcamenarsi in cui ti trovi. La vita è troppo breve per essere un marito ed un amante infelice. Tira fuori il tuo lato alfa.

  • Rinascita, 27 Giugno 2022 @ 21:10 Rispondi

    ElleElle sai cosa c’è? Che sono talmente tanto determinata nella decisione che ho preso che poco mi importa di essere considerata una limitata. Io so qual’e’ il mio bene ed allo stesso tempo rispetto il modo di vivere altrui, sia quello di chi non è ancora pronto a mollare la presa, sia quello di chi se ne è fatto una ragione e riesce a vivere alla giornata. Se lo volessi potrei seduta stante tornare nel compromesso di prima. C’è però che non riuscirei più. La bontà della mia nuova vita la rilevo anche nel non avere nessun senso di rivalsa o di dover legittimare con nessuno la mia scelta. Lo dico senza tanti giri di parole, ad un week end paradisiaco , che la domenica sera si conclude inesorabilmente, preferisco di gran lunga avere più tempo per me e cosa c’è di male a leggervi e scrivere qui. Il bello o il brutto sono solo punti di vista, così come l’essere sfigati o meno!

  • ADS, 27 Giugno 2022 @ 19:56 Rispondi

    Salve rispondo solo in merito alla dinamica di leleile.nulla di così irrituale,succede così,mia moglie ha un carattere come la moglie del suo amante,non vuole approfondire..molte di voi non accetterebbero,può essere,ma alla fine si comportano come molti dei vostri mariti,apallicci..vi auguro di incontrare quel amore ideale che sognate,senza compromessi,di cui spesso parlate.io ho 44 anni ho smesso di sognare,se capita mi prendo qualche sprazzo di felicità,i voli pindarici non ci credo più anzi.piu osservo e piu ho questa conferma

  • elleelle, 27 Giugno 2022 @ 19:02 Rispondi

    @Rinascita
    Sono mesi che Cossora ci dice che siamo delle persone limitate e che cavolo, se anche una volta si sente attaccata, se ne farà una ragione.
    Possibile che ogni discorso debba venire riportato da lei alla nostra chiusura mentale?
    Ma figuriamoci, come se fare da stampella a un uomo vai e vieni sia segnale di chissà che modernità…
    La vera modernità è ben altro di questi tempi. Fare l’amante è ormai una delle situazioni più scontate e banali che ci siano, per cui si può fare a meno di tirarsela. Tutte noi se usciamo qualche sera di fila possiamo trovare uno sposato con cui farci una storia, sai la novità… La novità è non farlo.

  • elleelle, 27 Giugno 2022 @ 17:30 Rispondi

    @Leilei
    Avendo letto tuoi messaggi più vecchi, tu in passato avresti voluto di più. Tempo fa, quando lui molto cortesemente ti aveva detto di essere andato a letto con la moglie in vacanza ci eri rimasta piuttosto male.
    Ci sta di sicuro che tu adesso non voglia niente di più da lui, ma del resto ti deve andare bene così visto che comunque quello che avresti voluto in passato lui non te lo avrebbe dato.
    Per chiarire: mica siamo sceme che non capiamo, la tua situazione è chiarissima. Se poi io penso che ti accontenti di poco perché valuti altre cose più di te stessa, prendilo come un complimento. Secondo me tu varresti di più, sei tu che non lo vedi perché sei presa da cose più banali.

  • elleelle, 27 Giugno 2022 @ 12:37 Rispondi

    @Cossora
    Ma basta! Se anche tu leggessi quello che scriviamo con la mente un po’ aperta, avresti meno da battibeccare ogni volta
    Ti sei divertita il fine settimana? Bene, allora lasciaci stare. Non riusciremo ad andare oltre al nostro naso ma evidentemente ci sta bene così. Abbiamo ben chiaro quello che vorremmo e che riteniamo importante e non corrisponde a quello che ritieni importante tu, neanche a livello economico o “culturale”.
    Accidenti, che pesantezza…

  • Ariel, 27 Giugno 2022 @ 11:53 Rispondi

    Se potesse aiutarti @Leilei la mia esperienza di matrimonio è stata proprio così ma non solo dopo vent’anni ma fino a sua morte fisica e cuore dopo quanranta anni

    Si certamente appare qui su in questo contesto dove si scrive di vere difficoltà a avere e mantenere relazioni affettive sane e funzionanti mi rendo conto la mia testimonianza possa suonare come incredibile ,ma invece non è così unica affatto

    Se posso dire credo che quello che ha molto aiutato la nostra coppia sia il fatto di aver vissuto sempre e sottolineo SEMPRE alla luce del sole tutto IL BENE E IL MALE

    Così come già scrissi ad esempio durante grossa crisi inevitabile e naturale in relazioni lunghe di vero Amore avevo accettato idea e incontro con diciamo un altro uomo che poteva in effetti divenire un mio amante

    Ma AMORE verso marito ha prevalso e così in effetti prima di divenire amante di costui
    Parlai chiaro dicendo tutto al marito
    Ero chiaramente disperata è pronta a qualsiasi conseguenza non avevo agito ragionando a tavolino ma istinto la forza della disperazione così devo scriverlo per far capire che la spinta che mi diede la forza di aprirmi totalmente a mio marito non fu qualcosa di moralismo tipo non si dicono le bugie ma proprio essere emotivamente disperata è pronta ad ogni risultato pure che mi lasciasse ad esempio

    Così in realtà da allora non mancammo mai di litigare forte tra coniugi per poi fare pace sempre e molto sesso sicuro una vero cammino di nuove scoperte ad ogni nuovo incontro affettivo e pieno del nostro contatto fisico

    Così sicuro può funzionare perché esiste il rispetto reciproco del dirsi veramente tutta la verità totale no paura di perdere la propria capacità di adulto di affrontare qualsiasi cosa possa capitare nella propria vita

    Vietato nascondersi anche solo che per una cosa che ci appare futile innocente bugia
    Non funziona perché la voce che tace viene immancabilmente sostituita da comunicazione NON VERBALE che sappiamo tutti scientifico è 80/100 della vera comunicazione che passa

    Ovviamente se non ci si apre del tutto l’altro sente che qualcosa non va ma non sa Esattamente cosa fa ipotesi e così NASCONO EQUIVOCI NEFASTI TRA LA COPPIA

    Molte unioni crollano su equivoci nati dal NASCONDERE LA VERITÀ TOTALE!!!
    Fraintendimenti Che nuocciono in qualsiasi relazione sociale ed affettiva
    Anche tra amanti che si bevono la qualunque ad esempio

    Dove regna il nascosto nasce rigogliosa la pianta del EQUIVOCO INTERPRETATIVO
    DEL CAPISCO FISCHI PER FIASCHI
    SEMINATRICI DI DUBBI IRRISOLTI NODI

    E si può continuare su questa onda

    Il mio matrimonio come altri che conosciuto e conosco può essere un vero meraviglioso viaggio di scoperta di se stessi fatta insieme al amore reciproco

    Certo occorre il manico giusto dal inizio
    Ma manico nostro giusto è quello che Sto arrivando! Distinguere quando sia ora di staccarsi e separarsi ad esempio
    Etc etc.

  • cossora, 27 Giugno 2022 @ 11:40 Rispondi

    @leilei anche io saltuariamente mi sono chiesta o come mai nessuno faccia mai una grinza quando torna dopo 3 giorni bruciato dal sole e dal sale. Mi sono risposta che tanto non lo saprò mai 🙂
    Posso darti un consiglio? Chiedigli -almeno- di non riferirti queste cose.
    Io non ne so niente, lui non dice niente (magari torna a casa e lo flagellano di frecce, magari gli dicono ‘che bella tintarella!’ ma almeno ha il buon gusto di non parlarne con me, visto che è una sua scelta avere una doppia vita) e -te lo assicuro- non scambiarsi informazioni sulle quali rimuginare/spettegolare/polemizzare alza anche la qualità della vita.

  • Rinascita, 27 Giugno 2022 @ 11:15 Rispondi

    Cossora io non mi sono sentita offesa ne’ mi da fastidio quello che scrivi. Io non ho bisogno di sfogarmi con nessuno, neppure con chi avrei diritto di farlo, figurati se lo faccio con te. Le mie, e credo anche quelle delle altre, sono riflessioni come le tue. Non sentirti attaccata per carità, almeno non qui.

  • Leilei, 27 Giugno 2022 @ 11:14 Rispondi

    Cossora concordo con te, mi sembra che qui si vada avanti per stereotipi: L’uomo usa l’amante, e la poveretta ne soffre.
    Ma è così difficile accettare che anche a una donna vada bene fare l’amante?
    Io sono qui proprio per testimoniare che le cose possono prendere una piega diversa. Quello che all’inizio sembrava amore, nel mio caso, conoscendo bene il mio amante, si è rivelato essere una stampella. di lui mi piacciono molte cose che mi fanno stare bene quando stiamo insieme, ma me ne danno fastidio altre, che renderebbero pesante una convivenza.

    • alessandro pellizzari, 27 Giugno 2022 @ 17:02 Rispondi

      Bene l’importante è non conf Brera la stampella con l’amore

  • Leilei, 27 Giugno 2022 @ 11:09 Rispondi

    Ellelle nella situazione del mio amante non vedo differenze rispetto alla mia con mio marito. Stiamo tutti in una situazione di comodo.
    Quello che sbagliate è che pensate sempre che io voglia qualcosa di più da quest’uomo. a me non interessa che lui metta le cose in chiaro, mi è solo dispiaciuto avergli creato problemi a casa.
    Ma davvero vi sembra così assurdo che una donna possa pensarla così, mentre lo considerate normale per un uomo?

  • cossora, 27 Giugno 2022 @ 09:57 Rispondi

    @elleelle, @rinascita, @maribel.. se solo aveste letto e cercato di comprendere integralmente il mio post invece che leggere solo la frase che vi offende (e lo state affermando voi, mica io, chiedetevi il perchè) forse vi accorgereste che ciò contro cui state dibattendo IO NON L’HO MAI SCRITTO.

    Se la mia presenza qui poi qualcuna -non so più chi ma è uguale- la vive come il bisogno di sfogarsi.. posso solo affermare che sono affezionata a questo posto come ci si affeziona a una trasmissione radio (iquelle cose che segui in ufficio o in macchina). Altrimenti vorrebbe dire che durante il week end non ho bisogno di sfogarmi.
    Ma mi rendo conto che proporvi di fare lo sforzo di veder oltre il vostro naso sarebbe troppo.
    Tutte tristi, tutte infelici, tutte dipendenti. Non c’è alternativa. Poi ci si lamenta di quanto sono retrogradi gli altri.

  • elleelle, 27 Giugno 2022 @ 09:52 Rispondi

    @Leilei
    Allora lei lo tiene per le palle e lui glielo permette, mentre avrebbe potuto mettere le cose in chiaro anni fa.
    Secondo te questa cosa gli fa onore?
    Tutte queste mogli inutili ma che alla fine comandano e loro lì a testa china, che restano e ogni tanto danno il contentino a letto ma che tradiscono per anni, instaurando un rapporto molto simile con l’amante.
    Vi sembrano grandi uomini questi qui o semplicemente uomini mediocri ma comodi in quanto poco decisi e strutturati?

  • Leilei, 27 Giugno 2022 @ 09:30 Rispondi

    Altra frecciatina sempre in presenza delle figlie “come mai sei così abbronzato”.
    Gli ho detto forse abbiamo azzardato troppo ad andare al mare, mi ha risposto no,no, nessun problema.
    Anche lui sa che lei fa solo chiacchiere, ma non ha il coraggio di cambiare nulla.

    • alessandro pellizzari, 27 Giugno 2022 @ 10:17 Rispondi

      ma non rispondergli neanche

  • Leilei, 27 Giugno 2022 @ 09:24 Rispondi

    Ale anche io ne conosco 3 su una ventina.

  • Leilei, 26 Giugno 2022 @ 21:28 Rispondi

    Ale sarebbe interessante sapere quante coppie dopo vent’anni di convivenza, continuano ad avere un rapporto vivace, ancora pieno di complicità, intimità, voglia di fare progetti, forte interesse reciproco.

    • alessandro pellizzari, 26 Giugno 2022 @ 23:25 Rispondi

      No n esiste statistica. Io ne conosco tre

  • Leilei, 26 Giugno 2022 @ 21:22 Rispondi

    Sylvia, io credo che se lei volesse davvero capire come stanno le cose, lo prenderebbe da una parte e gli farebbe delle domande. In questo modo lei gli lancia delle frecciatine. Ma essendo presenti le figlie, lui non replica e il discorso finisce lì.
    Mi sembra quasi che lei usi questa modalità per fargli capire che le figlie sarebbero coinvolte se dovesse emergere la verità.

  • elleelle, 26 Giugno 2022 @ 20:08 Rispondi

    @Ariel
    Per voler mettere in atto dei cambiamenti, bisogna prima voler vedere quello che ci porta ad accettare una relazione a metà e bisogna farlo con la mente aperta, senza prendersela sul personale. Dovrebbe essere un momento di crescita interiore, non di permalosità.
    Non sempre si tratta di dipendenza affettiva; ci possono essere altre motivazioni, tra cui – perché no – il proprio narcisismo, la propria voglia di controllo ecc. Però qualsiasi cosa sia si tratta di situazioni poco “sane” e alla lunga poco appaganti, deteriorate, ripetitive ecc.
    Se non si accetta di guardare con occhi diversi, si resterà sempre nello stesso pantano, con il coniuge, con l’amante, con un altro che verrà dopo.

  • luciana, 26 Giugno 2022 @ 19:39 Rispondi

    ciao @Rinascita! Grazie ♡. Al “mio” pensionato della mia profondita’ interessa poco. Lui ormai e’ entrato da anni nell fase ” prendo quel che di buono c’e'”, per dirla con @ElleElle. Lui e’ uno strenuo sostenitore del “faccio solo quel che mi fa star bene”. Si sente in credito con la vita, credo, per essersi sposato a vent’anni perche’ la moglie era incinta. Crede forse di non essersela goduta abbastanza la vita (in verita’ gli e’ andata di lusso, secondo me, essendo sempre riuscito a vivere una vita superiore ai mezzi economici che avrebbe avuto altrimenti). Comunque sia, sto prendendo le distanze e adesso lo vedo davvero poco. Sto racimolando tutte le mie energie per darci un taglio e anche gli scambi con voi mi aiutano.

  • Leilei, 26 Giugno 2022 @ 19:34 Rispondi

    Sylvia non credo che la moglie sappia, piuttosto penso che abbia dei sospetti ma non voglia approfondire.
    Esternare i suoi dubbi davanti alle figlie, credo che sia un’arma per alimentare in lui sensi di colpa.

  • elleelle, 26 Giugno 2022 @ 17:42 Rispondi

    @Luciana
    È interessante quello che dici su come descriviamo la nostra vita e le nostre esperienze. Uno dei miei interessi è la scelta delle parole che usiamo e cosa rivela di noi e dei nostri stati d’animo. Immagino che siano discorsi complementari e a un certo livello sono inconsci, per cui più veritieri di quello che riusciamo a controllare.
    Riguardo all’uso delle parole, stasera avevo in programma un’uscita con un conoscente. Avremmo dovuto confermare oggi ma a metà mattina ho visto un suo commento social molto giudicante e in un certo modo aggressivo su un argomento di attualità. Mi sono resa conto che non potevo fare a me stessa un altro sgarbo del genere e mi sono messa d’accordo per uscire con una mia amica. A volte tocca fare anche queste scelte ma dopo aver accettato le stranezze del mio ex, che correggeva l’ortografia a persone sconosciute, un altro così non lo posso affrontare.

  • Rinascita, 26 Giugno 2022 @ 16:09 Rispondi

    Bellissima riflessione Luciana. Anch’io penso che l’amore si possa vivere in un solo modo. Poi la vita ci mette di fronte ad altro ed anche inconsapevolmente si rintracciano modalità alternative per legittimarlo e goderselo. Peccato che non durino o che ciclicamente se ne percepiscano i limiti. La tua profondità mi dice che il tuo pensionato, che dovrebbe baciarsi i gomiti, invece non ti meriti per niente.

  • Leilei, 26 Giugno 2022 @ 14:07 Rispondi

    Sylvia in caso di separazione, lui sarebbe obbligato a liquidare la mia metà. Quindi quella che è eventualmente acquisterei diventerebbe prima casa. Mi sono informata anche su questo.
    Nessuna gabbia. Se resto è perché poi così male non ci sto.
    Forse hai ragione tu, quando si ama davvero si accetta tutto.
    Ma dato che per tanti anni ho accettato mio marito anche con gli aspetti che non mi andavano bene, se dovessi cambiare vita non accetterei altri compromessi. Meglio un amore part-time.

  • luciana, 26 Giugno 2022 @ 13:10 Rispondi

    ciao @ElleElle. Sempre precisa nelle tue analisi ♡ ti dici che “è evidente che qui non si parla più di amore. Si parla di altro …
    Non sono relazioni, sono passatempi e vanno benissimo..” Credo gia’ di intuire alcune possibili risposte del tipo che l’amore ha diversi significati per le persone, che non esiste un significato universale, che quello che per te e’ una non-relazione/passatempo e’ invece una relazione amorosa appagante per altri, ecc. ecc.
    Io la penso esattamente come te. Proprio perche’ ho vissuto una non-relazione/passatempo conosco la differenza tra questa e una relazione vissuta come tale da entrambi i protagonisti. Conunque recentemente ho letto un articolo che mi ha interessato. Il succo era che il modo in cui descriviamo e rappresentiamo la nostra vita puo’ influenzare il nostro benessere emotivo e psicologico. Questo mi ha fatto riflettere sui post che leggo qui, sul come descriviamo e rappresentiamo le nostre storie, privilegiando certi aspetti, non solo immateriali ma anche materiali, e tralasciandone altri.

  • Ariel, 26 Giugno 2022 @ 12:33 Rispondi

    @ellelle
    La tua analisi qui questo tuo punto di vista rivela ,secondo mia percezione a leggerti,come una seppur valida e condivisibile analisi di ciò che avviene in se stessi nel ostinarsi a vivere relazioni senza uno scopo che Sto arrivando! Veramente in vero equilibrio
    Di autostima .ecco che secondo me,invece non la vedo così come a dire in modo rassegnato al fatto concreto che questo tipo di relazioni Okkei occorre solo viversele così perché tanto questo lui è lì ci si. Passano momenti divertenti o di qualsivoglia esperienza tutta fatta en passant e pure come a dire che anche nel matrimonio a volte qualcuna resta perché intanto lui è lì,il marito e anche se non funziona affatto amore reciproco e che quindi autostima non sta in bolla

    È già lì e quindi tanto vale starci !

    No ,da mio punto di vista ci tengo molto ad evidenziare proprio quanto il meccanismo scientifico ci possa aiutare a EVITARE di continuare a starci in modo trasversale in qualsiasi tipo di relazione dove esiste evidente la vera radice motivo a che ci si resti per anni e anni

    E quale è sempre la costante di queste realtà se non la formula scientifico legame nefasto tra chi porta in se un comportamento da dipendenza affettiva che si svela in alcune relazioni dove appunto prevale sempre che CI SI ADATTI AL ALTRO al suo non muoversi a voler provare a stare chiari cercare un punto per decidersi se davvero vale la pena di continuare un matrimonio oppure viceversa vale davvero la pena di ridursi a fare le SERVE A UOMINI MANIPOLATIVI NEGATIVI che chiaro si approfittano della défaillance temporanea di donne che scoprono la propria dipendenza affettiva e proprio questa scoprire in corso di relazione che fa emergere una serie di resistenze a qualsiasi cambiamento

    Questo meccanismo infatti è la costante difficoltà presente in ogni drogato
    Fare di tutto e di più pur di acrocher attaccarsi al proprio “ carnefice” che ovviamente la dipendenza copre la vera realtà nel significato che tutto il male subito a intervalli ciclici durante il tempo della relazione la preda dipendente si dimentica molto facilmente senza nemmeno rendersene conto

    Infatti posta di fronte a re é era di ciò che aveva patito esprimendolo pure chiaramente in quel momento ecco improvviso farsi avanti tutta na serie di motivazioni tipo sul ho cambiato idea non mi interessa una esclusività una convivenza una fedeltà

    PUR DI RESTARE DENTRO AL VORTICE AL TU NEL DI VERI BARBABLÙ

    ecco era per dirti cara elleelle che se sto qui è perché ritengo sia sempre possibile lanciar buoni semi di conoscenza di poter riuscire per ciascuno a guardare oltre a ciò che appare come una naturale comportamento di convenienza o di un seguire le azioni e scelte che si fanno solo perché sono già lì e quindi tanto varrebbe viversele così ??

    Eh no perché ci si fa del male da sole e questo male produce malattia e si sparge come un domino una realtà di reazione a catena
    Ecco che cerco come posso di provare a sensibilizzare le persone a riuscire a vedere la vera motivazione che spinge le persone e soprattutto molte più donne a rendersi schiave di legami che ci impediscono scientifico di vivere e scoprire le vere se stesse

    Libertà è sempre legata alla libertà altrui al riuscire a capire che esiste il modo di darsi uno stop
    Ecco insomma siamo tutti dipendenti dal come si funziona scientifico sia nel corpo interiore che nella psiche

    Occorre curarsi ,questo occorre!

  • elleelle, 26 Giugno 2022 @ 09:09 Rispondi

    @Lia
    Forse è comodo che ci sia questo elemento di (presunta) debolezza.
    Una persona non cambierà mai, non esigerà mai e così sarà anche per chi ci sta assieme. Non devi cambiare neanche tu, puoi continuare a fare quello che vuoi con due persone che in fondo sono sempre lì, per paura e comodità.
    Se anche c’è o c’era amore, è troppo legato a questi altri due fattori per svilupparsi e infatti queste relazioni diventano sempre meno.
    Puoi farci i fine settimana assieme perché capita, se non capita pazienza. Li passi tra le debolezze e i limiti evidenti di lui, oppure non sapendo se la settimana successiva scomparirà ma non è più importante, essendo la relazione ormai relegata al “prendo quello che c’è”.
    Amore no, dai, non esageriamo. Sono storie così, che vanno avanti perché spiace rinunciarci. Come non rinunci al coniuge, non rinunci all’amante, tanto ormai è lì.

  • elleelle, 26 Giugno 2022 @ 08:55 Rispondi

    @rinascita, maribel
    Se c’è una che ha studiato sono io, eppure sapete che presa in giro mi è stata rifilata.
    Sinceramente a me del vino costoso o della bella macchina interessa pochissimo. So cosa sono, ma non contano niente. Conta com’è la persona in sé e come ti tratta.
    Il mio ex aveva soldi suoi e di famiglia, è colto di cultura accademica ma poverissimo di sentimenti e rispetto.
    Ma è evidente che qui non si parla più di amore. Si parla di altro, di non essere scocciate da lati “deboli” dell’uomo con cui stiamo, di essere gratificate dagli elementi che si possono sfoggiare, di come riempire il proprio tempo libero, sottolineando che è poco e per questa persona si lascia quello che resta.
    Non sono relazioni, sono passatempi e vanno benissimo, ma allora perché crucciarsi, perché analizzare e spiegare, perché cambiare umore e prendersela? Queste sono relazioni che vanno vissute così, non c’è quasi bisogno di parlarne.

  • Sylvia, 25 Giugno 2022 @ 20:56 Rispondi

    Leilei la moglie sa di essere in una relazione mon esclusiva come lo sai tu. Ognuna di voi fa finta di nulla e tutto come prima.

    Riflettevo su un altro aspetto di cui parlavi un po’ di tempo fa, sul tuo sentire che tuo marito ti ha resa “economicamente indipendente” da quando ti ha intestato metà casa: lo sai che se volessi comperarti una proprietà tutta tua, la dovresti comperare come seconda casa e quindi con una quantità di tasse ben più alte e nessuna agevolazione mutuo prima casa? E lo sai che per poter vendere la tua metà casa dovete per forza essere d’accordo entrambi? Sempre sicura che tuo marito ti abbia fatto un favore? O ti abbia ingabbiata ancora di più? Sono certa che ha consultato qualche avvocato.

  • Sylvia, 25 Giugno 2022 @ 20:00 Rispondi

    Non so Lolly. Per me amare vuol dire accettare quella persona anche con i suoi difetti dai quali non vuoi fuggire. Se una persona la vuoi vedere part time così che i suoi difetti non ti pesino, non è amore ma convenienza. Se alle prime difficoltà si fugge invece di provare a venirsi incontro che relazione è?

  • Rinascita, 25 Giugno 2022 @ 18:13 Rispondi

    Maribel esatto. Bastasse una buona cultura ed essere economicamente indipendenti per avere avere l’amore che si desidera questo blog sarebbe spopolato…includo anche Cossora.

  • Lolly, 25 Giugno 2022 @ 13:23 Rispondi

    Esattamente non è detto che la persona che ami poi sia la stessa che vuoi come compagna di vita…ha ragione @ leilei…spesso, direi molto spesso, l’una non esclude l’altra…anzi…funziona proprio così…poi, se ce la vogliamo raccontare…

  • Leilei, 25 Giugno 2022 @ 12:40 Rispondi

    Al rientro a casa, la figlia ha notato segni sulla camicia, la sua donna ha detto è trucco, gli si sarà appoggiata qualcuna. Poi dopo tutto come prima.
    Della serie voglio farti capire che non sono fessa, ma manteniamo le cose come stanno.

  • Lia, 25 Giugno 2022 @ 11:13 Rispondi

    @nina, credo che lui, tramite testamento, possa riservare all’amante una quota restante da quella che spetta di diritto alla moglie.
    Forse è quello che vuole fare…
    Magari così quieta i sensi di colpa.

  • Lia, 25 Giugno 2022 @ 11:02 Rispondi

    @leilei, il tuo post mi sembra contraddittorio.
    Sei sicura che sia solo carattere?
    Forse le sue paure sono legate ad una situazione che è ben diversa dalla tua.
    Tu hai in casa una situazione chiara. Puoi fare quello che vuoi perché tanto sei sicura che tuo marito non ti lascia.
    Lui forse questa certezza non ce l’ha, ed è normale e ti salga l’ansia e l’insicurezza quando sai che rischi.
    Se fosse così, io personalmente percepirei questi comportamenti come segnali di non amore nei miei confronti e mi darebbero fastidio…

  • maribel, 25 Giugno 2022 @ 08:04 Rispondi

    @cossora il tuo commento dove concludi col rischio oggettivo che ‘Se sei poco colta/poco ricca ti rimorchiano i cafoni’ dunque bisogna essere acculturate e indipendenti per farsi “trovare pronti” mi fa ridere veramente.

    Spero che una donna come tu sembri essere, cioè libera e aperta di mente, non abbia studiato, lavorato e fatto cose per rimorchiare meglio, ma per il suo desiderio innato di essere una donna in gamba, curiosa, intraprendente.
    Mai tuo commento è stato più conformista e snob di questo, a mio modesto parere.

  • Leilei, 24 Giugno 2022 @ 22:21 Rispondi

    Roberto concordo con te. Io sono sicurissima che lui mi ami davvero. Ma lo conosco talmente bene da sapere che non potrebbe mai lasciare la famiglia. Reduci da due giorni insieme, ha espresso nei suoi comportamenti tutte le sue insicurezze, la sua necessità di avere tutto sotto controllo, la sua fatica a lasciarsi andare.
    Io ci sto bene con lui. Ma se fossimo sempre insieme, mi sentirei soffocare dalle sue mille paure.

  • Cri28, 24 Giugno 2022 @ 18:49 Rispondi

    Elleelle, io ci ho pensato, ma non ho intenzione di snaturarmi, per evitare di perderci o di correre rischi o di credere agli altri.
    Perderei molto di più, di quello che potrei guadagnarci.
    La capacità di continuare a provare un senso di fiducia negli altri vale più di qualunque interesse materiale.
    In ogni caso, io faticherei a stimare un uomo, che non provvede economicamente a chi ha fatto parte per venti o trent’anni della propria vita, forse non lavorando, come facilmente lo è la prima moglie di un uomo di settantacinque anni.

  • Ariel, 24 Giugno 2022 @ 18:08 Rispondi

    Che poi mai discorso fu più scientifico quello del grande artista Totó quando parlava della livella e cioè di come di fronte a vere difficoltà interiori proprie non esista nessuna differenza sociale intesa per cultura aver studiato o meno essere ricchi o poveri avere le bouteilles de SAUTERNES in cave ,cantina oppure il Tavernello in carton ahah

    Ecco che ogni individuo Vive vere defaillances interiori resta eccome coinvolto molto facilmente in vere relazioni affettive in cui si prostra sullo zerbino del suo manipolatore negativo

    A LIVELLA rende noi tutti come è la realtà semplici esseri umani in vere proprie difficoltà interiori
    Che meno male i più forti che sono sempre i più umili sono capaci di curarselo in vere terapie!!!

    Per poi si brindare alla vera autostima quando dopo la cura si è conquistato vero equilibrio quando si smette di fare le serve a uomini senza palle e senza nessuna umanità!!!

    Non serve la cultura o la ricchezza o la spider costosa lo champagne il vestito firmato il ristorante costoso il ritocchino al botulismo
    Se si resta DIPENDENTI AFFETTIVE !!!!!!!

    A LIVELLA ,evviva Totó!!!

  • Luciana, 24 Giugno 2022 @ 16:10 Rispondi

    ciao @Roberto, condivido pienamente la tua risposta “Ma credo che se un uomo vuole che l’amante sia tale non penso che dietro ci sia un grande sentimento”. Nella mia esperienza, aggiungo poi, piu’ evitavo domande spinose, piu’ si cercava di farmi credere di tutto.

  • Lia, 24 Giugno 2022 @ 12:49 Rispondi

    @ads, sono felice per la tua amica che è felice. Sono felice per Cossora se lei è veramente felice e per le altre amanti.
    Io, @ads, lo sono stata, molto, e sai quando?
    Quando lui mi dava la sensazione di essere l’unica perché lo vendevo innamorato.
    Io avevo bisogno di sentirmi per lui unica.
    Ma, leggendo le storie di altre, probabilmente era una roba mia…
    Ho cominciato a capire come stavano realmente le cose quando ho cominciato a chiedere di più.
    Tutto si è sciolto improvvisamente come neve al sole. Leggere quanto scritto da @ale mi ha aperto ulteriormente gli occhi e poi è stata la mia volontà di uscire da un rapporto di cui ormai avevo capito le dinamiche false che c’erano sotto, quanto tutto fosse amplificato.
    Non so perché continui a parlare di rigidità.
    È altro. È non sopportare la bugia e il non sentirsi uniche da parte dell’uomo che ami.
    Mi è rimasta purtroppo la sensazione che, uomini capaci di fingere e amplificare emozioni, possano prendere in giro e manipolare chi ci capita…
    Per questo sento l’esigenza, istintiva di mettere in guardia le amanti. Chiamala pure pesantezza o rigidità, che ti devo dire…

  • elleelle, 24 Giugno 2022 @ 12:10 Rispondi

    @Cri28
    Si potrebbe anche dire che se una persona ti ama davvero, vorrebbe regolarizzare anche per un futuro in cui non ci sarà più. Se tu ci vivi assieme per anni, avrai ben diritto anche tu a qualcosa o solo la moglie per via della firma messa su un pezzo di carta?
    Anche il fatto che in queste situazioni di bigamia non ufficiale ci sta quasi sempre un uomo con moglie e amante, spesso più giovane, mi dà da pensare. Mi pare il sintomo di un disequilibrio sociale, in cui all’uomo è permesso tutto, perché c’è sempre una spiegazione o una giustificazione.
    A essere troppo comprensivi, si rischia di perderci.

  • ads, 24 Giugno 2022 @ 10:29 Rispondi

    @Ma no @lilly.. non devi preoccuparti, @ads mi sostiene e mi fa propaganda perchè se ci fossero più amanti come me, che non fanno domande (a fronte di benefit molto vantaggiosi) e si godono il bello (il bello chiama bello comunque, sappiatelo) lui sarebbe a posto con la sua.
    E’ che mi sembra di capire che la sua sia un po’ petulante e pesantina.–CONFERMO.
    non è questione di propaganda, puoi fare tutte le domande che vuoi.
    è un fatto di approccio , come vedete molte di voi non accettano i compromessi,
    gli stessi compromessi che spesso hanno accettato per una vita,
    cossy mi spiace ma le tue colleghe hanno conosciuto partner un po tirati,
    e ovviamente sono deluse.
    ..a tutti piace il bello,l’ entusiasmo, la positivita porta cose piacevoli,il partner o amante non deve diventare il pungiball al posto del marito.
    non condivido..ma poi la vita è la vostra.
    resto dell idea che la rigidita, non porti granche’…la mia amica separata si gode il suo amante sposato, è felicissima..
    non se ne sta sul divano a rimuginare,.”.ma dormono assieme con la mogli”..se ne vanno ai concerti come ieri.
    è un compromesso si, non è l’amore che il padrone di casa vi prospetta..ma sono felici, e dal loro punti di vista sentono di essere innamorati, probabilmente un terapista direbbe che non è un rapporto sano , senza prospettive.

  • Gift, 24 Giugno 2022 @ 09:34 Rispondi

    Risposta per @Cossora. Non più. Oggi prima avrei bisogno di essere io libero e chiaro, senza “coniuge tappezzeria” (per usare le tue parole di tempo fa). Mi sono convinto che per la nostra serenità sia più importante la nostra sincerità, che quella dell’altra persona. Senza questo io non riuscirei più perchè ho capito di avere bisogno più di tutto della verità, indipendentemente dalla libertà e facilità dell’altra persona. Sennò meglio prima chiarirsi con se stessi.

  • Roberto, 24 Giugno 2022 @ 09:18 Rispondi

    Cara @Rinascita, più ti leggo e più mi rendo conto di quanto siamo allineati. Descrivi quello che era il tuo rapporto con le stesse parole con cui descriverei il mio. E come me, sostieni che il “non ti ama abbastanza” che molte volte abbiamo sentito qui dentro, non sempre corrisponde a realtà. Anche tu come me, da quello che ho capito, avresti voluto fare il salto ma ti è stato impedito. E non per questo hai un’opinione del tuo lui negativa. Anzi, continui ad amarlo. Credo che ci sia voluto davvero una grande forza a lasciarlo e comprendo il tuo stato animo, soprattutto nei primi tempi, di sofferenza. Anche io delle volte sono incazzato pensando a quanto amore sprecato. E mi dico che facendo ciò che hai fatto tu prima o poi l’arrabbiatura e la delusione passerebbero. Poi come tutte le persone poco coraggiose ho paura di soffrire. E quindi per ora vado avanti. Anche perchè ripeto la mia amante continua a darmi come e forse più di prima. Magari sto aspettando che la vita decida per me. Vigliacca soluzione, ma la più facile.
    @Cossora, anche se sono uno dei due ometti che scrive qui dentro, non riesco a risponderti. La mia amante non è rompiscatole o altro. Ma credo che se un uomo vuole che l’amante sia tale non penso che dietro ci sia un grande sentimento. Per cui forse tu ti riferisci ad amantati prettamente ludici, dove lui, o lei, vogliono semplicemente giocare. In quel caso allora forse si preferisce una persona che non rompa più di tanto ma che si limiti ad accontentare le proprie voglie.

  • Cri28, 23 Giugno 2022 @ 22:12 Rispondi

    @Nina, io penso che, se ti senti realmente amato, non hai interesse a cancellare il passato di una persona, a vincere su tutto e su tutti.
    Certo, può esserci l’ipotesi che lei sia una sciocca o succube.
    O, forse, che ami lui anche per ciò che è diventato attraverso quel matrimonio, per la sua volontà di tutelare quella famiglia che aveva creato, oltre che lei, che forse non necessita della sua eredità.
    Io, da donna, trovo assurdo che si pensi di fare di un uomo una fonte di sostentamento.
    Non ho mai guardato queste cose, non voglio nulla che non sia io a guadagnarmi.

  • elleelle, 23 Giugno 2022 @ 21:47 Rispondi

    @Dispersa
    Le persone danno sempre dei segnali quando c’è qualcosa che non va, anche se dicono che va tutto bene. Bisogna solo osservare e non dare la pacca sulla spalla se quello è il caso.

  • elleelle, 23 Giugno 2022 @ 18:01 Rispondi

    @Nina
    Gran affare la tua amica, trent’anni in più e lei con un pugno di mosche in mano e un futuro prossimo da badante.
    Chissà cosa passa per la testa a noi donne a volte…

  • Luciana, 23 Giugno 2022 @ 17:44 Rispondi

    ciao @Blu, bella la tua testimonianza. MI dici meglio cosa vuoi dire quando scrivi ” Forse la cosa più bella ora è la sensazione di poter costruire la mia felicità in piena libertà. La sensazione di apertura, anche se si procede passo a passo.” Ritieni quindi di non essere stata libera prima?

  • Ariel, 23 Giugno 2022 @ 16:24 Rispondi

    Esiste nulla di strano a non voler convincere insieme
    Esiste però una grande differenza tra relazione SANA CON VERO EQUILIBRIO DI ENTRAMBI che si decide come viversi il famoso AMMORE RECIPROCO che lo è esattamente da liberi da qualsiasi
    Esame

    Ergo ad esempio anche io non voglio convivere con il mio compagno ,ma PICCOLO PARTICOLARE CHE FA LA DIFFERENZA è che lui è libero da moglie e famigliola a casa sua

    Ecco che insieme in vero equilibrio di autostima abbiamo scelto per adesso di vivere ognuno a casa propria

    Ecco dove esiste la differenza tra relazione SANA e relazione tossica
    E cioè dove dopo anni di vere manipolazioni negative a cui ci si è azzerbinate totalmente si sta COSTRETTE A NON CONVINVERE GIOCO FORZA LUI ,STA SPOSATISSIMO!!!
    Ergo non è una scelta libera ma il continuo ADATTARSI AL VOLERE ALTRUI!!!
    Che tradotto si chiama dipendenza affettiva.

  • Lolly, 23 Giugno 2022 @ 15:44 Rispondi

    @Blu..anche il mio ex marito è un instabile un inquieto sempre alla ricerca di emozioni…non lo so se è un seriale, ma di certo l”‘amante era per lui una via di fuga dalla realtà..il solito cliché insomma…ora che sono entrambi liberi…non stanno più insieme..ci ho pensato tante volte e sono arrivata alla conclusione che la libertà è bella se hai una gabbia da dove fuggire, altrimenti l’emozione cala. Forse è per questo che nessuno vuole lasciare il nucleo familiare almeno che ci si innamora davvero dell’altra persona( e non della situazione in se) ed insieme si decide di ricominciare…sono dinamiche diverse…

  • cossora, 23 Giugno 2022 @ 15:33 Rispondi

    @ellelle ad @ads riguardo i soldi.
    No ok. Diciamo che tra percorso di vita e carriera avviata ognuno si posiziona su quello che sa di essere il suo livello, e avanza secondo le modalità di quel livello.
    Ma a quasi 50 anni sai di dover scegliere una persona che abbia uno stile di vita simile al tuo.
    Perchè ogni volta che si intavola qualsiasi discorso.. se uno dei due ha visitato solo la sua regione o da ragazzo non ha mai fatto una settimana bianca con gli amici, o nella sua vita non ha idea di cosa sia un sauternes (a caso).. capisci che passata la giostra del periodo ludico non ci possono essere (non in tutti i casi, sto generalizzando) molti spunti in comune per passare serate al ristorante e chiacchierare amabilmente.
    Ovvio che se un uomo sposato si cerca l’amante solo per scopare non gli interessa nemmeno che sia alfabeitizzata.
    Anche per questo è fondamentale farsi ‘trovare’ (da tutti in generale) con un certo livello culturale e di indipendenza sociale/economica.
    Non voglio fare della discriminazione della serie ‘se sei poco colta/ricca ti rimorchiano i cafoni’ come se fosse una colpa, ma è un rischio oggettivo, non la mia opinone.
    Mi rendo conto sia un argomento scomodo che possa far sentire ‘toccate sul vivo’ molte persone.
    Mi scuso nel caso

  • cossora, 23 Giugno 2022 @ 14:51 Rispondi

    @Molly-Sylvia con me puoi anche tirare giù la maschera.
    Mi pare il minimo vista la mia onestà assoluta.
    Non ci penso. Questa è la verità. Non lo sento come uno scenario possibile. Se poi lo è.. fa niente io dormo tranquilla nella mia illusa certezza di essere l’unica che tocchi.
    So che non ti piace, da moglie tradita, leggere quel che scrivo della mia relazione, per tutti i danni (sentimentali, economici, temporali) che non gli impedisco di fare al loro matrimonio.
    Ma ad essere onesta ci sto pensando adesso perchè te lo sto scrivendo, altrimenti ignoro anche questo.
    Spero almeno tu apprezzi la mia totale mancanza di scuse per lavarmi la coscienza.

  • ADS, 23 Giugno 2022 @ 14:50 Rispondi

    @nina scusa ha 45 e sta con uno di 75..ma sta male questa qui.
    45 sei donna..sta con un vecchio, l’idea di vederlo nudo mi farebbe intirizzire.
    idem se fosse al contrario
    @nina è come dire che se uno non si sposa non c’è serietà.
    @si nina state troppo rigide..

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 21:30 Rispondi

      Questo merita un mese di castigo

  • Lia, 23 Giugno 2022 @ 14:08 Rispondi

    @Ale lo spiego a te perchè forse mi spiego male con @Cossora.
    Nel mio post volevo sottolineare come fosse importante il perchè non ci si riesce a vedere.
    Se il Natale e le feste comandate ci si mette d’accordo per non vedersi per figli o altre questioni va benissimo, ma se il motivo è la moglie, non può essere lo stesso… cioè il motivo è l’altra che ha priorità rispetto a me, per la quale sacrificherebbe me.
    Non è gelosia, è che non riesco ad accettare passivamente tutto quello che mi viene propinato solo perchè i giorni liberi coincidono.
    Io non accetterei più di sentirmi così.
    Condivido quanto scrive @Nina. Si tratta di situazioni poco chiare in cui non sai cosa ha in testa l’altro.
    @Nina, forse la mia esperienza ha reso più rigida anche me e quindi pazienza due volte.
    @Cossora, ovvio che siamo sui due poli opposti. Cerco di spiegare il mio punto di vista. Non voglio mica convincere nessuno…

  • Rinascita, 23 Giugno 2022 @ 14:00 Rispondi

    Roberto il mio commento non era qualunquista o riferito al genere maschile. Marito o moglie, amante, uomo o donna, non cambia. Con il mio post in realtà mi riferivo al mio matrimonio. Cossora ha utilizzato parole centratissime che hanno evidentemente toccato un mio nervo scoperto. Per anni ho ripetuto, quando ancora il mio matrimonio reggeva, di sentirmi più sola che se fossi stata single. Mio marito non ci ha mai sentito. Poi ho anche io le mie responsabilità, sia chiaro, fosse solo per non essere riuscita a farmi ascoltare o aver mollato la presa. Lato amante, non lo colloco tra i cialtroni (al momento e salvo sorprese) perché ho la certezza che i suoi sentimenti fossero sinceri. Tante le dimostrazioni e poi lo si sente a pelle. La complicità emotiva, intellettuale e di conseguenza quella fisica senza mai cedimenti o crolli per 4 anni non si finge. Io e lui stavamo divinamente. Bastava guardarci e ci capivamo. Poi però … poi c’era tutto il resto che inquinava e rendeva intollerabili, a volte più per me a volte più per lui, le condizioni in cui quella relazione doveva gestirsi. Come dici tu, il non fare il salto, non è semplicisticamente mi ama o non mi ama. Nel “non ama abbastanza” di cui parla Ale, io ci metto dentro anche tutte le insicurezze, le fragilità, i condizionamenti che ciascuno di noi si porta dentro. Molti dei condizionamenti del mio ex in passato li ho vissuti anch’io, diciamo che non eravamo allo stesso passo. Io ho smesso di vivere sulla base di quello che gli altri si aspettano da me. Lui no. C’era un senato familiare a cui dover rendere conto. Oggi però ho capito che non è una giustificazione ne’ una colpa. So solo che non potevo più essere io a sopperire ai suoi “limiti” rimanendo amante pur di non perderlo, ne’ tanto meno potevo e volevo convincere nessuno a fare quello che per lui era un muro, che tentava di abbattere, senza riuscirci. Oggi me lo immagino come ha scritto Maribel, con un grande senso di rinuncia addosso. Devo dire che non è che questo mi faccia gioire. Anzi mi fa incazzare, per tutto questo amore sprecato.

  • cossora, 23 Giugno 2022 @ 13:10 Rispondi

    Ma no @lilly.. non devi preoccuparti, @ads mi sostiene e mi fa propaganda perchè se ci fossero più amanti come me, che non fanno domande (a fronte di benefit molto vantaggiosi) e si godono il bello (il bello chiama bello comunque, sappiatelo) lui sarebbe a posto con la sua.
    E’ che mi sembra di capire che la sua sia un po’ petulante e pesantina.
    Te credo sta a casa col marito.. cosa può avere da festeggiare?
    Io ho i miei cuccioli belli e i miei vecchietti che stanno bene, le mie amiche, le mie passioni, la fortuna di un lavoro che mi permette di togliermi qualche piccolo sfizio e il mio amore che mi toglie quelli grandi (e diciamocelo, una moglie discreta)
    Di che dovrei lamentarmi?
    Domanda per i maschi (sigh, solo due, ma magari risponde anche qualche lettore silente) ANCHE VOI SE AVESTE UNA AMANTE CHE NON FA STORIE, ALZERESTE LA QUALITA’ E LA QUANTITA’ DEL TEMPO CHE LE DEDICATE, O SONO UN CASO ISOLATO? In parole povere: quanto influisce l’atteggiamento da cozza lamentosa? Siate schifosamente sinceri, edulcorare non serve e ragazze piano coi giudizi e gli insulti.
    E’ una domanda a fini di ricerca.

  • Dispersa, 23 Giugno 2022 @ 13:07 Rispondi

    @Blu avete funzionato fino a quando uno dei due (tu) ha cambiato il proprio punto di vista, sembra strano ma succede!!
    Dalla libertà volevi la stabilità, forse lui voleva rimanere nel gradino libertà, sinceramente non mi sa da seriale.
    Esiste un libero arbitrio e tu l’hai accettato!!
    Un abbraccio.

  • Dispersa, 23 Giugno 2022 @ 13:02 Rispondi

    @Ellelle ma non è un discorso di dare una pacca nella spalla e dire ‘va bene così’, semplicemente siamo diverse con esigenze diverse, io leggo te e le altre utenti (tutte molto interessanti) ma non confondo i Vs punti di vista perché arriviamo da esperienze di vita diverse.
    Non ci trovo nulla di male se una scrive ‘me la vivo così’ e un’altra ‘io ho chiuso perché volevo una storia alla luce del sole’… Tutto qua.
    Poi se una persona ha bisogno di aiuto è tutto un altro discorso.

  • cossora, 23 Giugno 2022 @ 11:21 Rispondi

    @nina non mi sembra tu sia niente di anomalo, stavi con un succhiasoldi!! .. credo come dici tu che sia questione di temperamento di base: il rovescio della medaglia della mia indiendenza è il menefreghismo.
    Non mi interessa che il mio amore un domani lasci l’eredità a suo figlio o alla moglie. A me interessa quello che viviamo insieme in questa vita e in questo momento di assoluta armonia tra noi. Il mio ex marito è uscito di casa più di 4 anni fa e non ha mai chiesto il divorzio. Io per prima farei gestire tutti i miei soldi a lui se dovessi mancare. Chi più di lui saprebbe gestirli per i nostri ragazzi? E’ l’altro genitore, non dubiterei MAI di lui.

  • elleelle, 23 Giugno 2022 @ 11:21 Rispondi

    @Blu
    Mi sono sposata tardi e ho avuto i miei figli altrettanto tardi. Dai 20 ai 30 anni ho avuto tutta la libertà di fare quello che volevo in ogni campo: lavoro, studio, amore, sesso.
    Col tempo e anche perché ho vissuto tante cose contando solo su me stessa, sono arrivata alla tua stessa conclusione: “…per me l’amore … è … un rapporto autentico tra due adulti che sanno cosa vogliono”.
    Con il mio ex ero proprio così, ero stabile e chiara in quello che provavo e che potevo e volevo offrire. Lui era un bambino che non sapeva neanche guardarsi dentro per capire le conseguenze di quello che stava combinando.
    Di relazioni ne ho avute e le fughe, le scomparse, la tensione perenne sono poi quello che alla fine rovina queste relazioni, perché ci si stanca e si perdono fiducia e rispetto.
    Una relazione vissuta bene, anche se finisce, resta una bella relazione che ti dà qualcosa e inevitabilmente ti fa crescere, perché ti dà lo spazio per una vera intimità.
    Una relazione vissuta male, in cui sei sempre sulle spine, incanala le energie verso obiettivi che non sono positivi, che derivano da situazioni che viviamo come emozionanti ma che in realtà ci mettono sotto stress e ci portano a confondere la paura di perdere e l’orgoglio ferito con l’amore.
    Sviluppiamo forme di attaccamento e di passione che non sono sane, perché derivano dalla perdita e dall’insicurezza, non dalla presenza e dalla stabilità.

  • Luciana, 23 Giugno 2022 @ 11:13 Rispondi

    @Nina, la situazione della tua amica e’ peggio della mia! hahaha, lei 45 e lui 75??? ma come fa, la tua amica??? che cosa ci trova nel rapporto con questo “nonnino” (io ho 55 anni, bada bene, pero’ non mi va ancora di mettermi con uno che ha ormai bisogno della badante. La assistente la faccio gia’ per mia madre 80 enne 🙂

  • Roberto, 23 Giugno 2022 @ 11:13 Rispondi

    Certo @Ale, ci sono persone che illudono forse. Ma dire ti amo e non lasciare la moglie o il marito non sono cose che escludono l’altra. Se no l’amantato non sarebbe fonte di sofferenza. Ripeto, alla nostra età, non vince sempre l’amore. Mettiamocelo in testa. Quando accade è una cosa meravigliosa, certo, ma a che prezzo. Qui molte volte si parla della nuova coppia che si forma come se fossero due singoli che si trovano e si mettono insieme. Dietro alla ufficializzazione di un amantato c’è tanta sofferenza per tutti. Soprattutto per i figli e consorti lasciati. Difficoltà economiche, rapporti sociali che cambiano. Insomma, secondo me, l’idea del nuovo amore è meraviglioso, ma a volte si sottovalutano tutte le conseguenze. E si tacciano con troppa facilità l’uomo e la donna, che dicono ti amo ma non lasciano il coniuge, di essere vigliacchi o mentitori.

  • cossora, 23 Giugno 2022 @ 11:12 Rispondi

    Correttissimo @ale.
    Lui non si alllontana mai, sono io che quando gira l’interruttore sul maritino pauroso perdo interesse e mi vado a fare un giro. Il giro mediamente dura sempre meno, lui quando mi rivede all’orizzonte mi corre incontro alzando la posta, io torno felice e ricominciamo a telefonarci dicendoci ‘buongiorno amore bellissimo!!’ e a programmare i nostri week end (stasera ne iniziamo uno selvaggissimo!)
    Due deficienti? Eh si, ma se ci piace che problemi dovremmo farci??

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 21:35 Rispondi

      Non capisco lui

  • cossora, 23 Giugno 2022 @ 11:08 Rispondi

    @lia come te lo devo dire? Io non lo voglio un uomo con il quale fare le vacanze comandate, la spesa il sabato e andare a prendere le mensole all’Ikea.
    Non ho quel desiderio.
    Ma chi ha paragonato cosa? Lui è il mio amore, mai detto che è ufficiale.
    Tu misuri da Lia quello fa Cossora, il tuo pensiero scaturisce da ‘se fossi Cossora’ e non ci somigliamo.
    Cos’è che non capisci????

  • ads, 23 Giugno 2022 @ 09:37 Rispondi

    @rinascita non è fottersene, e che le cose si esauriscono, dai succede anche alle donne,
    anche io 0 sensi colpa,
    si fanno tanti discorsi, ma le dinamiche sono sempre quelle

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 10:50 Rispondi

      ads riusciresti a banalizzare anche l’amore fra Romeo e Giulietta (rido)

  • Nina, 23 Giugno 2022 @ 09:07 Rispondi

    Non so, rispetto alla storia di @cossora (sempre presa x esempio e non x puntare il dito) io credo che molto dipenda dal temperamento di base. Io ho, al di là delle questioni di amantato, serie difficoltà a stare nelle situazioni non chiare, non riuscirei a stare in una situazione tipo cossora non x moralismo ma perché non riuscirei a capire cosa frulla nella testa di lui e avrei sempre la sensazione di qualcosa che mi sfugge a livello di comprensione. Vi porto il caso di una mia amica, 45 anni, che vive con un uomo di 75 separato sì, ma non divorziato. Io questa cosa la trovo inconcepibile. Lei è autonoma e non ha certo bisogno di soldi, ma sta di fatto che è una specie di concubina senza arte né parte, che farà lei la badante di lui, e intanto moglie e figli puntano tranquilli a eredità. Ecco, lo so che non è la stessa cosa, ma anche qui non capisco e dopo grande puffo penso che morirei in una condizione di non chiarezza mentale. Può darsi che la mia esperienza mi abbia reso più rigida, pazienza, ma non potrei stare senza capire cosa mi sta succedendo.

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 10:53 Rispondi

      Ma la situazione di Cossora è chiarissima: ama un uomo che non lascia la moglie ma le dedica tantissimo tempo e attenzioni. Nella prima fase della storia ne soffriva e ciò li aveva allontanati adesso lei è cambiata radicalmente (c’è stata anche una separazione) e lei si vive questo rapporto carpe diem. Prende quello che viene elargito (parecchio per essere un’amante), molla quando lui deve fare il maritino. Corretto Cossora?

  • Roberto, 23 Giugno 2022 @ 09:07 Rispondi

    @Rinascita, dopo tutti i complimenti che hai ricevuto cadi anche tu nel giudizio di massa sui mariti o amanti cialtroni? (rido). Dai, non ne facciamo una battaglia di genere. Posso essere concorde che i numeri magari pendono da una parte piuttosto che un’altra, però io conosco tanti uomini che sono propositivi e che non se ne fottono per niente. Come conosco donne che per farle alzare dal divano ci vuole una gru (non parlo di mia moglie). Anche questi amanti cialtroni….siamo sicuri che non siano semplicemente sinceri quando dicono “ti amo”, ma che per mille ragioni diverse sia complicato staccare da una vita intera e ricominciare? Lasciando perdere i seriali, ma quelli “normali” probabilmente vorrebbero ma non possono o non riescono. Teniamo conto che questi amantati arrivano spesso in tarda età, quando certe abitudini sono difficili da ribaltare tanto sono radicate. Questo vale anche per le donne. Nel mio caso è così. Ma io non ho mai pensato che la mia lei sia cialtrona. Semplicemente in questo momento, e penso per sempre, vede la sua vita in una certa maniera. In fondo nessuno ci tiene legati con le manette a queste persone. Siamo noi che decidiamo di restare. Potremmo tagliare i ponti, soffrendo certo, ma non lo facciamo. Almeno non tutti. Tu @Rinascita lo hai fatto. E di questo te ne va dato atto. Ma quando ci sono matrimoni che non funzionano, o amantati che non vanno come vorremmo che andassimo, non potrebbe essere che anche noi abbiamo fatto la nostra parte? Nel mio caso, siamo sicuri che sia avessi lasciato mia moglie comunque, la mia amante non avrebbe cambiato idea, sentendosi più libera e meno responsabile della fine del mio matrimonio, che è poi una delle ragioni per cui vuole andare avanti così? Mille sono le sfaccettature in ogni rapporto d’amore. Non esiste la massa. Esiste come dice @Ale la conta dei numeri, ma alla fine dovremmo vedere caso per caso, cosa sia realmente successo all’interno della storia.

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 10:55 Rispondi

      Se dici ti amo e sai che non mollerai la moglie illudi. Non truffiamo usando i sentimenti

  • maribel, 23 Giugno 2022 @ 08:52 Rispondi

    condivido anch’io in toto il pensiero di cossora sull’ineriza dei mariti o comunque nei rapporti di lungo corso.
    quella è la NOIA che poi fa imputridire il rapporto, una noia esistenziale, strutturale…. quel dare tutto per scontato, quel modo di considerare le cose immobili perchè “tanto va così”, “tanto per tutti è così” e siamo sempre noi a darci una mossa e cercare di dare scossoni… condivido assolutamente!!

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 10:56 Rispondi

      inerzia dei mariti è spesso concorso di colpa che porta al tradimento

  • Lia, 23 Giugno 2022 @ 00:48 Rispondi

    @Cossora, sapevo avresti reagito così…
    Prova a proporgli il Natale, la Pasqua, il compleanno della moglie, il giorno del loro anniversario o un viaggio estivo, forse è fortunato e i figli quei giorni toccano a te…
    Perché lui, vedi, non deve solo stare con i suoi figli(se ce li ha) , ma con quella con cui pianifica e a cui deve rendere conto del resto del tempo della sua vita…
    Quindi mi chiedo come facciate in tal senso anche solo a paragonare il rapporto ufficiale con quello di amantato…

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 10:57 Rispondi

      Ma credo che Cossora le vacanze comandate le dedichi ai suoi figli e ben volentieri

  • elleelle, 23 Giugno 2022 @ 00:04 Rispondi

    @Luciana
    Concordo con Ale, hai tutte le possibilità per avere di meglio. Si sente che non è quello che vuoi e che ti manca qualcosa. Ci vuole solo un po’ di coraggio e di certo non ti manca. Ti abbraccio ❤️

  • Blu, 22 Giugno 2022 @ 23:59 Rispondi

    Trovo sempre interessanti le storie che si raccontano qui, sia quelle in cui riesco a identificarmi sia quelle più distanti. Io ho avuto 7 anni di storia fatta di presenza, convivenza, vacanze e progetti creativi insieme perché lui aveva in matrimonio fatto così, in cui semplicemente non era presente fisicamente per mesi. Io lasciai subito il mio compagno. Da qualcosa di simile ad un amantato, in breve passò ad essere una relazione fatta di presenza e questo successe attraverso periodi in cui io mi allontanavo e lui tornava alzando la posta. Un crescendo culminato con la decisione di separarsi. In realtà sono anni che non vive con la moglie, e anche ora che noi non stiamo insieme non ci è tornato. Eppure. Nel suo cuore c’è il desiderio di instabilità, di fuga, e guardando indietro vedo che io rappresentavo la fuga da lei, dal lavoro, da se stesso. E che lei, più che una presenza reale, era una figura mentale che gli serviva per mantenere una distanza dalla stabilità con me. Il nostro ultimo anno insieme, quando in teoria la loro separazione era stata decisa, ho visto questi aspetti di lui in modo chiaro. Ed io che sono sempre stata libera e libertaria, aperta all’avventura e attratta dalle persone divergenti, ora ho iniziato ad apprezzare la responsabilità e l’autenticità. Ora per me l’amore non è più una fuga a due, anche se è stato parecchio divertente eh, ma un rapporto autentico tra due adulti che sanno cosa vogliono. Ora penso che se l’inizio di una storia è carico di complessità e difficoltà immani, lo è perché una delle due persone coinvolte è immensamente complessa e difficile. Lui mi manca, e molto. Non ho problemi ad ammettere che la mia è stata una dipendenza, senza dipendenza non avrei mai sopportato le dosi di dolore che hanno fatto parte del cammino. Forse la cosa più bella ora è la sensazione di poter costruire la mia felicità in piena libertà. La sensazione di apertura, anche se si procede passo a passo. (Scrivo poco ma vi leggo sempre, grazie 😉

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2022 @ 10:58 Rispondi

      Grazie per la tua testimonianza. Lui ha tratti da seriale mi sembra, i seriali non si fermano. Hanno una donna di riferimento (si separano anche nel corso della vita) ma vogliono le altre

  • Rinascita, 22 Giugno 2022 @ 21:25 Rispondi

    Cossora hai ragione. La poco proposivita’ che racconti dei mariti io l’ho vissuta per più di un decennio. Quella è la vera tomba dell’amore. Alla fine però capisci che non è pigrizia è proprio che se ne fottono pari pari a quello che qui leggo sugli amanti cialtroni. Altro che sensi di colpa del tradimento. Io ne sono sempre stata esente infatti….

  • Lilly, 22 Giugno 2022 @ 18:54 Rispondi

    @ads non capisco perchè state a vivisezionare il rapporto della cossy

    Per una volta concordo con te! Ci sarà da preoccuparsi?!?scherzo dai… cmq direi che si può anche smettere di vivisezionare il rapporto tra cossora e il suo uomo sposato. A forza di guardare nel prato altrui finiamo per non vedere cosa cresce nel nostro.

  • luciana, 22 Giugno 2022 @ 17:51 Rispondi

    No @Cri28 io non trascorro molto tempo con il “mio” separato in casa. Nel corso di questi anni ci siamo visti con una certa regolarità per per delle cene o delle passeggiate, qualche volta per dei lunghi weekend di tre giorni, ma non due volte al mese come @ per Cossora. Possono passare anche mesi tra un weekend fuori e l’altro.
    Io sono una persona semplice e volevo una storia semplice. Le storie tra amanti non lo sono mai, o quasi mai.
    Quando cominciai la relazione con questo uomo anni fa, pensavo che un giorno sarebbe uscito di casa e magari avremmo potuto avere una relazione più stretta, una vera relazione di coppia, ecco.
    Io ho iniziato a frequentarlo perché’ lo sapevo separato – in casa e’ vero / ma pur sempre senza una relazione affettiva con la moglie. Non ho mai voluto iniziare una relazione con un uomo che ancora divida il letto con la moglie. Non ci riesco a vivere una situazione del genere.
    Ho capito che il “mio” separato in casa non si considera in coppia con nessuno, anche per questo va alle terme da solo. Gli piace molto la mia compagnia, e abbiamo avuto anche una buona intesa fisica, ma lui non e’ innamorato di me. @Ale ha detto bene quando mi ha scritto: “La sua vita è un puzzle e quello della moglie, per quanto sia finita, ha il ruolo della badante governante rassicurante. Poi ha tutti i suoi interessi e le sue manie.e poi vieni tu. Ti è affezionato ma non ti ama. Tu sei un pezzo di puzzle sostituibile il resto no.” E’ proprio cosi’, @Ale ha ragione.
    Io non sono più contenta della mia situazione ma non perché cerchi un altro marito. Vorrei una situazione meno asimmetrica, senza i paletti che lui ha messo. Vorrei che si sentisse impegnato con me anche se non vivremo mai insieme. Ma lui non si sente impegnato. Se avanzo richieste che lui non si sente di soddisfare , anche lui si eclissa. L’ha fatto alcune volte, allontanandosi per un paio di mesi.

    Voglio anche aggiungere che a me la stabilità piace. Mi piace la tranquillità perché ho avuto tanti dispiaceri in passato. I miei due precedenti matrimoni si sono conclusi malamente: il mio primo marito era manesco, e il secondo mi ha lasciato per un’altra con un bimbo di un anno, mentre avevo ance due figlie dal marito precedente. E’ stata dura e ho dovuto lottare con i problemi economici e la solitudine per tirare avanti. Ora voglio un po’ di pace. Sono molto accomodante e tendo ad evitare i conflitti, forse anche per questo non ho ancora troncato la frequentazione con quest’uomo. Pero’ credo che sto perdendo il mio tempo perché ho bisogno d’altro. Questo altro non sono cene o gite al mare, per quanto siano belle cose e anche a me piacciono molto 🙂 Cio’ di cui ho bisogno e’ un affetto su cui contare.

    • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2022 @ 20:56 Rispondi

      Luciana sei una superdonna: liquida il mini uomo

  • elleelle, 22 Giugno 2022 @ 15:56 Rispondi

    @Dispersa
    Cossora farà quello che ritiene giusto per sé.
    La sua relazione, così come altre, è uno spunto per parlare di relazioni tra amanti in cui uno dei due fugge più volte e l’altro abbassa man mano le sue aspettative.
    È una cosa che ha scritto più volte chiaramente anche @Ale, dicendo che se ci si adatta un modo per coesistere con il recinto di una relazione così lo si trova. Ma che sia giusto e soddisfacente non è così scontato.
    Basta osservare con attenzione le parole e le reazioni di chi è coinvolto, poi si capisce che non è tutto così bello e che dietro c’è un buon lavoro di auto-convincimento.
    Secondo me si rischia tanto quando ci si auto-convince e non si riesce più ad ascoltare e ragionare in modo logico.
    Come ha scritto @Lia, in casi così è molto difficile dare una pacca sulla spalla e complimentarsi per la scelta.

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 15:47 Rispondi

    @ads nessuno può essere il mio amore, tranne il mio amore. E questo lo decido io sola, Fino a quando mi andrà bene, fino a quando staremo così, fino a quando non finirà. Se poi finirà tra 20 anni e sarà stata una stampella, o tra 20 anni e saremo sposati, o tra 2 mesi .. cosa importa?
    Oggi intendo, adesso, cosa importa, davvero?
    Che se rinuncio a partire domani e a godermela con lui.. o tra un mese.. viene a citofonarmi l’altro amore della mia vita?
    L’amore lo incontri al super, a buttare la pattumiera, se devi incontrarlo. E io non sono chiusa in casa.
    Ma non sono in cerca di appartenenza. Sono già mia e dei miei figli 🙂

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 15:37 Rispondi

    @Rosa credo che siano in molte che non vogliono ammettere che alle mie condizioni farebbero lo stesso.
    Però si sa, le donne si giudicano tra loro. Grazie a te per essere così sincera!
    Io me la godo finchè dura. Visto che dura. Ma so che domani potrebbe finire.
    Come qualsiasi altra cosa nella vita.

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 15:34 Rispondi

    Sai @lolly conta molto la propria esperienza di crescita. Io vengo da una famiglia molto libera e molto ‘equilibrata’ se vuoi. Papà bello e grintoso, self made che ha costruito un impero dal niente, donnaiolo riconosciuto, mamma che sta li perchè si fa così e poi dolcissima con noi figli, una che è rimasta per la famiglia e anche (lo dico senza giudizio, so che era in buona fede) perchè a fare le cose per benino vuoi che non si ottenga una vecchiaia ricca e tranquilla?
    Eh si vero. il karma, vuoi che il karma non ti ricompensi?
    Ma c’è anche la vita, che ad un tratto con la demenza senile colpisce quel gran figo e tu ti ritrovi (dopo 52 anni di matrimonio) a passare dal subire il suo fascino a stare attenta che non si perda in giro per il supermercato (perchè prima ogni due per tre prendeva un volo per i tropici e partiva per dei ‘viaggi d’affari’ mentre adesso non ti molla neanche un minuto).
    Questa è l’evoluzione familiare che ho vissuto io nei miei 46 anni.
    Io non so chi e cosa dovrò controllare o accudire tra 30 anni. Ma so cosa mi posso godere adesso.
    Sai come si dice? La vita potrebbe essere breve, mangia prima il dessert!
    E mio padre, che sarebbe stato colpito comunque da questa forma di demenza, ha fatto benissimo a comprarsi le machcine sportive, girare il mondo e mangiare nei ristoranti più costosi. Oggi lo guardo e penso ‘ha vissuto 4 vite in una’.
    Nessun rimpianto per lui, per mia madre.. lei stessa mi dice che prima pensava sbagliassi a separarmi, che stare da sola .. una donna di 42 anni con due figli..
    Oggi mi vede ogni due week end fare il trolley e mi dice ‘i ragazzi col papà stanno bene, sei tranquilla, fai benissimo!!’

    • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2022 @ 20:58 Rispondi

      Serenissima vita a te, a voi tutte. Serenissima come la mia Venezia

  • Leilei, 22 Giugno 2022 @ 14:44 Rispondi

    Se ha detto tutte queste cose Ale, bisogna attuare la Road map!!!

  • Lolly, 22 Giugno 2022 @ 14:22 Rispondi

    Sono d’accordo con @ellelle o @lia sui rapporti che prevedono reciprocità , presenza e non sparizioni…tutto giusto e sano quello che dite. Così dovrebbe essere…ma spesso non lo è…e forse è proprio quella instabilità che rende più piacevole la vita?…chiaramente non può durare per sempre altrimenti si sfiora la follia…ma in un tempo non precisato probabilmente a qualcuno va bene così…altrimenti non ci starebbe…nessuno vuole stare male…nel piatto della bilancia i benefici superano le risorse utilizzate…che poi pagherà…ma poi…nel frattempo…se la gode!

    • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2022 @ 14:43 Rispondi

      Il famoso periodo dell’amantato ludico

  • Rosa, 22 Giugno 2022 @ 13:50 Rispondi

    @Alessandro, grazie per aver pubblicato il mio suggerimento sul libro.
    Voglio però che tu sappia che tutto è partito da te, dal tuo blog prima e dal tuo libro dopo. Libro che letto, sottolineato evidenziato. Libro su cui c’è la tua dedica e che conservo con una sorta di affetto. E’ stato l’inizio della mia presa di coscienza, ci sono volute lacrime e sangue ma è stato l’input per venirne fuori. Il libro della Canovi ha completato l’opera. Ma senza i tuoi “sberloni” cosi veri, non mi sarei mai destata dal mio torpore.

    • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2022 @ 14:44 Rispondi

      Sei cara

  • Rosa, 22 Giugno 2022 @ 13:19 Rispondi

    Grazie @Cossora per la tua franchezza e per la risposta. Alcune volte è difficile comprendere da poche frasi.
    Così come la hai descritta sarebbe stato il mio desiderato, credo che a queste condizioni avrei potuto andare avanti per anni (conscia nel mio caso di essere e di fare una stampella)

  • Dispersa, 22 Giugno 2022 @ 13:09 Rispondi

    @Ellelle è giusto ciò che scrivi, ci dovrebbe essere un certo equilibrio e una certa trasparenza nei rapporti (di qualsiasi natura) tra adulti.
    Ma io non leggo nelle parole di @Cossora tutto questo affanno, mi da più l’impressione che a loro piaccia prendersi dei periodi per poi tornare, ma ognuno alle proprie regole, forse rispetto ad altre/i utenti lei si mette più a nudo.
    Come un certo equilibrio lo leggo nei commenti di @Cri28 e di @Roberto, dove raccontano di amantati tra persone mature.
    Quello che scrivi lo faccio più mio, dove nonostante davanti a me c’era un uomo molto più grande e ormai alla soglia dei 50, mi faceva vivere costantemente in ansia, il famoso ‘camminare nelle uova’.
    Gli avevo chiesto di smetterla e di essere più diretto, visto che nulla in realtà ci legava, ma è stato tutto inutile… Un uomo tanto carismatico e brillante nel lavoro quanto emotivamente immaturo.

  • Ariel, 22 Giugno 2022 @ 12:30 Rispondi

    Grazie @Rosa per il suggerimento è segnalazione del libro della Dott.ssa Ameya Canovi
    Bello il titolo azzeccatissimo a questo Blog!!!

    Nessuna esclusa!!!!
    Ahahahah

    “ DI TROPPO AMORE”

    A volte ,purtroppo si muore!
    E nessuno ovviamente può crederlo vero !!
    Ci si ammala seriamente!!!
    E nessuno può crederlo vero !

    Non ho ancora comprato il libro perché solo adesso che ti ho letta cara Rosa
    Ma LEGGERE È RIUSCIRE AD APRIRSI VERAMENTE VERSO SE STESSE/I

    grazie Rosa e ragazze tutte
    Che sia una buona occasione per scoprire qualcosa di buono per se stesse!
    Bonjour les Filles!

  • ADS, 22 Giugno 2022 @ 12:21 Rispondi

    ragazze ma cosi non va bene, se ogni volta rimescolate il vostro caso particolare di persona oggettivamente problematica,
    io sono traditore, ma sono una persona normale,equilibrata,vanitosa,generosa, permalosa,riservata, e con qualche debolezza, potrei essere vs marito, il vs.compagno,..insomma uno che incontrate al parco,a correre, in piscina
    non potrei essere l’amore della cossy..perche’ non sono grasso , ne pelato.
    Se il presupposto è..uomo, narcisista, sparizione, che butta giu dalla torre a prescindere..
    ho altri difetti e lacune ma non queste

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 12:13 Rispondi

    @leilei se la tua libertà la assoggetti a quello che ti da lui certo che non sei libera. Anche se è tuo marito. Io con il mio amore sono chiara: da sola o con le amiche mi faccio già week end e cene e cose carine, quindi se ci frequentiamo non devo rinunciarci perchè lui non può.
    Ad ogni modo quanto a carattere il mio amore è alla lunga più attivo e propositivo del mio ex marito (trasferte nel week end? Chissà che traffico, troviamo coda, e se poi piove? Ma poi i bambini si annoiano, spendiamo un sacco di soldi).
    E da quel che sento dalle poche amiche rimaste sposate non è poi una cosa tanto strana dopo oltre 20 anni di relazione.

  • Sylvia, 22 Giugno 2022 @ 11:56 Rispondi

    Ma “il TUO amore” Cossora ti va bene di averlo in condivisione con la moglie? Ti va bene sapere che mentre tu sei con i tuoi figli lui sta facendo l’amore con la moglie? Non cerchi l’esclusività?

  • Roberto, 22 Giugno 2022 @ 11:43 Rispondi

    Perdonami @Lia se rispondo ad un intervento fatto ad @ads. Vedo che una delle parole più usate qui è “equilibrio”- Ragazze, si contano sulle punta delle dita gli amantati dove esiste vero equilibrio. Tra le protagoniste posso pensare a @Cri28 e @leilei. Quello di Cossora non lo considero nemmeno amantato, perchè non ha le dinamiche per definirsi tale. In tutti gli altri rapporti c’è sempre una persona che tende a seguire e ad accettare i dettami dell’amante. Che sia uomo o che sia donna. Non sono mai storie prive di ansia o di disagio. A meno che non si parli di seriali. Ma in una coppia di amanti “normali” la bilancia pende sempre da una parte. Come in tutte le storie d’amore. Non mi dite che ci si ama nella stessa maniera anche tra marito e moglie. Non è mai stato così. Figuriamoci in un amantato dove subentrano mille variabili a condizionare il rapporto.

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 11:29 Rispondi

    Cara dolce piccola @lia che scrivi “Hai dovuto comunque organizzarti tu in conseguenza di date proposte da lui.”
    Ma se una tua amica ti propone un evento il 15 luglio e tu non sai se tuo marito (se ce l’hai) può stare a casa coi tuoi figli (se ce li hai) non glieo chiedi?
    E non ti organizzi in base a una data proposta dalla tua amica?
    E cosa c’è, cara dolce piccola @Lia di così inaccettabile?

  • elleelle, 22 Giugno 2022 @ 11:28 Rispondi

    @ads
    La parità dei sessi non sai neanche dove sta di casa. Se le risorse per portare fuori un uomo ce le avesse la donna che problema c’è? Se invece di fare assieme delle cose costose si fa altro, che problema c’è? Esco con la persona, non con il ristorante, l’albergo o la bella macchina.
    A volte sembra che i soldi siano l’unica cosa che conta, non i soldi per gli effettivi bisogni (che sono sacrosanti!) ma i soldi per il di più, per il lusso, per lo sfoggio.
    Sarà che ho vissuto all’estero troppo tempo e che certi ragionamenti mi sono alieni ma se una persona mi interessa ci esco anche se ha solo la bici o se invece di una cena di lusso mi propone una passeggiata in collina con il cane.
    A cosa mi serve uno coi soldi che mi prende per i fondelli non l’ho ancora capito.

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 11:27 Rispondi

    @elleelle a me onestamente il gioco del tenere alta la tensione è sempre piaciuto. Lo facevo da fidanzata e anche da moglie.
    Forse è per quello che siamo durati tanto come vita sessuale e divertimento (oltre che il corollario casa-lavoro-figli) e che quando la cosa si è appiattita abbiamo vloluto dare e darci la possibilità di una seconda nascita sentimentale/sessuale..
    Non lo vedo uno sbattimento anzi, mi annoia a morte l’idea di scontatezza e certezza vita natural durante.
    Quindi credo siano aspetti e preferenze soggettive. C’è chi si stanca della tensione e chi si stanca del rilassamento.

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 11:12 Rispondi

    Rispondo onestamente a @rosa. Ci organizziamo prima di tutto secondo le mie date disponibili (ho 2 figli da piazzare) e poi ovviamente se ha delle trasferte (ma son proprio poche) e si può si approfitta.
    Non metto date così non è troppo riconoscibile.
    Una domenica si parla di primo bagno al mare dell’anno: aspetto te, mi dice.
    Rispondo: bene, venerdì è festa dove lavoro, fuggiamo in giornata?
    Risposta immediata sua: non dovrei avere problemi ti faccio sapere.
    La sera mi scrive: ti va di partire giovedì sera dopo il lavoro?
    E aggiunge: tornando poi c’è un concerto bellissmo cui voglio portarti.

    Non ho quasi mai dovuto rinunciare o attendere le sue disponibilità. Io credo sia un rapporto decotto in cui ci si vuol bene e ci si prenda i propri spazi non insultandosi deliberatamente. Lui dice ‘giovedì vado via e rientro nel week end’ poi sa che quando rientra si occupa del figlio. Lei è completamente esonerata dalla gestione ludico/sportiva/parentale del figlio.
    Io vedo i suoi perchè loro lei non la vedono mai, sono abituati a vederlo arrivare col nipotino da solo durante i week end o ai compleanni o addirittura a Natale.
    Non so cosa succeda in quelle 4 mura. Non saprei gestire ne il ruolo del mio amore ne quello della moglie. Ma io decido per la mia separazione, non per quella degli altri. e non gudico le decisioni che prendono.

  • ADS, 22 Giugno 2022 @ 11:07 Rispondi

    @cri28..anche io la penso come te, di questa ansia che avete di etichettare, definire,secondi canoni del pensiero comune,anche perchè queste dinamiche di centralita mettiamola cosi si vivono anche nei rapporti ufficiali, e ragazze mie,
    la coperta sarà sempre corta per qualche motivo…io potro ‘ essere libero, separato, disponibile, ma se poi non ho le risorse manco per portarivi fuori..tutta la vostra bella poesia si estingue.
    queste cose succedono anche nelle coppie ufficiali,

  • cossora, 22 Giugno 2022 @ 10:58 Rispondi

    @cri28 qui si fan problemi al posto mio e l’unica cosa che mi vien da pensare è che si annoino a morte.
    Tutto ciò che dura ha una sua impostazione organizzata.
    La spontaneità esiste solo all’inizio come effetto scaturente.
    La maggior parte del tempo condiviso dalle coppie ufficiali è quotidianeità, non straordinarietà.
    E io la mia quotidianeità ho smesso id volerla condividere ancora prima di incontrare il mio amore.
    Ho la fortuna -a mio parere- di essermi innamorata di un uomo che mi da tanto tempo e impegno romantico.
    Perchè se è vero che il carpe diem se ci si innamora non basta più, è anche vero che dipende da quale è l’oggetto del ‘carpe’.
    Se colgo una scopata in pausa pranzo o un caffè rubato alla mattina, non mi basta mi sneto una bambola gonfiabile.
    Se inizio ad avere ogni settimana una cena durante la quale ci si confronta su certe cose che magari da sola non vedo a 360°, un paio di colazioni coccolose a settimana e poco meno di due week end al mese in luoghi sconosciuti e senza programare nulla.. capisci che inizio a fare valutazioni diverse?
    Non ho motivo di volere di più, non avrei nemmeno più tempo da dedicargli.

  • Lia, 22 Giugno 2022 @ 10:29 Rispondi

    @ads, la reciprocità e l’equilibrio c’è dove si decide insieme cosa fare. Si chiama progettualità. Nelle coppie che insieme stabiliscono ruoli e modalità c’è equilibrio. Nelle situazioni in cui uno dei due impone e l’altro si incastra di conseguenza, non parlerei di equilibrio.
    Sei d’accordo che fa abbastanza schifo quando si innesca un meccanismo malato per cui, pur di non perdere l’altra persona, una delle due fa in modo di incastrarsi e l’altra persona se ne approfitta? O qui parliamo solo di aria fritta!
    @Cri28, non dirò mai a chi si trova in situazioni che ho vissuto in passato, di continuare a farsi utilizzare da uomini capaci di farti star bene un giorno e il giorno dopo di mandarti a quel paese.
    Si viene qui a raccontare del proprio rapporto che ha delle stranezze, in cui si ravvedono dinamiche malate, a donne che ne sono appena uscite, e ci si aspetta una pacca sulla spalla? Un ma sì fai bene, vai avanti pure?

  • elleelle, 22 Giugno 2022 @ 10:07 Rispondi

    @ads
    Qualsiasi rapporto che funziona non prevede un ciclo di sparizioni, scomparse, interruzione delle comunicazioni ecc.
    Lavorare tanto o essere via per lavoro non vuol dire scomparire perché ti gira così e per mesi o settimane non ti fai sentire. Significa che il lavoro ti tiene impegnato ma che dopo il lavoro ci sei, anche solo per due chiacchiere al telefono.
    Non è obbligatorio scappare, negarsi, fare false promesse del tipo “ti prospetto una decisione a breve poi scompaio” in una relazione, neanche in una relazione di amantato o di amicizia.
    Questo è un modo puerile di comportarsi, le persone adulte non fanno dell’instabilità la loro vita. Questo non vuol dire non poter cambiare idea e avere una vita immobile, vuol dire saperlo fare nel modo giusto, con rispetto e considerazione.
    Il fatto che questa cosa sia così difficile da capire la trovo sconfortante perché mi chiedo che tipo di rapporti accettano e vivono le persone se questa è l’unica “normalità” che riconoscono.

  • elleelle, 22 Giugno 2022 @ 09:53 Rispondi

    @Cri28
    Il problema non è la quantità o la qualità del tempo che si passa assieme, è quello che sta al contorno.
    Va bene passare un bel fine settimana ma quanto vale se poi lui scompare per settimane, se si azzerano i messaggi o se devi tenere la situazione in tensione per fare sì che lui ritorni?
    Dovremmo imparare a vedere un po’ al di là di quello che ci colpisce, ad di là del gesto a effetto.
    Questa persona dov’è quando vuoi tu? Puoi dettare tu tempi e modi o li detta lui perché è lui quello impegnato e tu sei a disposizione?
    Anche in una relazione da trombamici ci dovrebbe essere parità, a maggior ragione in una relazione in cui si parla di coinvolgimento sentimentale e addirittura di amore.
    Se io da persona impegnata dovessi avere una relazione con un uomo libero, sarei io a imporre determinate tempistiche legate ai figli ma non imporrei di certo scomparse punitive, interruzione delle comunicazioni, vacanze alle terme per conto mio…
    Cavolo, siamo adulti, un po’ di rispetto non è poi una cosa così complicata e lo vedi tu stessa nella tua relazione, che hai sempre descritto come stabile nonostante le limitazioni derivanti dal fatto che siete tutti e due sposati. La stabilità nasce dal rispetto per l’altro indipendentemente dalla situazione.

  • Cri28, 22 Giugno 2022 @ 08:48 Rispondi

    Ragazze, sinceramente persone come Luciana o Cossora trascorrono con questi uomini sposati più tempo di quello che si passa con un marito e, forse, di maggiore qualità. Perciò, sinceramente, anche da single potrebbe andarmi bene, se lui mi piacesse proprio tanto. Avrà pure il comando della relazione, ma alla fine ciò che conta è avere il comando su sé stessi.
    La cosa importante, in questi casi, è non fare della relazione il fulcro della propria esistenza, a volte dire anche dei no, tenere i propri programmi e non subordinare tutto all’altro.
    La libertà mentale è più bella, certamente, ma anche una vita tutta programmata, dove si cercano solo le cose “giuste”, alla fine è una gabbia.

    • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2022 @ 08:58 Rispondi

      la linea di demarcazione fra benessere e disagio in questi casi di amantato-fidanzamenti carpe diem è molto labile. Se ci pensate, molte storie di amantato sono iniziate con gran leggerezza, poi però proprio perché tutto va splendidamente bene ci si innamora. E allora il carpe diem non basta più

  • maribel, 22 Giugno 2022 @ 08:45 Rispondi

    condivido il pensiero di @alessandro sul rancore verso il coniuge,
    anche la mia psyco parlando di una situazione così ha proprio parlato di un grande “senso di rinuncia” che alla lunga scava, scava e impedisce di tornare sereni nel marimonio, perchè le decisioni prese con la ragione e non con il cuore lasciano sempre vuoti e spazi irrisolti.

    come dice spesso alessandro, o si ricostruisce per un sentimento mai veramente sopito o si ricostruisce a tavolino (e cioè nel secondo caso NON si ricostruisce).

  • ads, 22 Giugno 2022 @ 08:22 Rispondi

    non capisco perchè state a vivisezionare il rapporto della cossy, talvolta ho l’impressione che venite da marte,
    tutte le relazioni sono fatte cosi, c’è chi è pou’ generoso,chi è piu’ rigido,chi non fa mai il primo passo,
    anche nei rapporti vostri ufficiali ci sono queste dinamiche, ma scusate nelle coppie in cui uno dei due lavora 12 h al di, e l’altro si occupa della famiglia c’è equlibrio, c’è reciprocita?sono persone che si incastrano,
    a volte sembrate che prima di incontrare l’amante, le cose andassero alla grande, invece state li a puntualizzare,
    anche nelle amicizie succedono queste dinamiche,rapporti sbilanciati, magari anche i vostri figli avranno delle mogli , fidanzate pretenziose, e voi penserete che lui è troppo disponibile, non ci trovo nulla di strano.
    niente di nuovo

    • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2022 @ 09:03 Rispondi

      no, non tutte le relazioni sono fatte così per fortuna. Esistono tante relazioni in equilibrio e funzionano per quello. Ma non è roba che si decide a tavolino il sentimento e l’amore. La convenienza si decide a tavolino e se una donna si lamenta di certi egoismi maschili diventa pretenziosa e spaccapalle. Ma dietri c’è solo egoismo maschile e talvolta femminile. Talvolta

  • Roberto, 22 Giugno 2022 @ 07:43 Rispondi

    Mi fido del tuo parere @Ale. Certamente se una persona non ha il coraggio di compiere il salto e poi accusa il coniuge, qualche problema mentale ce l’ha. Soprattutto se questo avviene ad una certa età. Magari sono strano io…

  • Rosa, 22 Giugno 2022 @ 01:30 Rispondi

    Ragazze, non so se @Ale mi passa questo commento, ma vi consiglio veramente di cuore di leggere il libro della Dott.ssa Ameya Canovi. Si intitola Di Troppo Amore. Lì per chi vuole guardarsi dentro con sincerità, ci sono un bel pò di risposte.

  • elleelle, 22 Giugno 2022 @ 00:14 Rispondi

    @Ale
    Non lo so se ci sia per forza del narcisismo, mancano troppi elementi per avere un quadro più dettagliato.
    Sembra una modalità relazionale poco sana e sarebbe interessante capire il ruolo della moglie, che lavoro fa, se passa periodi fuori casa…
    Non essendo la prima volta che tradisce, magari non sono dinamiche nuove per lui, che a casa ha la moglie in una situazione simile, che sa e non sa.
    A me queste situazioni non danno più alcun senso di fiducia, ci vedo dentro troppe stranezze e contraddizioni.
    E poi i risultati di questo vai e vieni si vedono anche nell’altra parte. Il nervosismo, i momenti di aggressività, il rifiuto di voler vedere la situazione, l’aggrapparsi al ritorno romantico, il dover spiegare all’eccesso non vengono dal nulla e infatti tutto si calma quando lui torna.
    Però non è facile vedere e accettare la possibilità di una situazione di questo tipo quando ci si è in mezzo.
    Se è davvero così, è un gran peccato.

  • Ariel, 21 Giugno 2022 @ 23:56 Rispondi

    alessandro pellizzari, 21 Giugno 2022 @ 23:46Rispondi

    Narcisista esattamente!!!

  • elleelle, 21 Giugno 2022 @ 23:08 Rispondi

    @Lia, Rosa,
    A me invece incuriosisce sapere come mai un uomo può fare così tante cose in certi periodi e così poco in altri, così a caso. Grandi gesti e poi un giorno si infastidisce per qualcosa e scompare. Un bel giorno ritorna e riparte alla carica, ripetendo il ciclo.
    Una relazione così è adrenalina pura, perché lui ha una botta di adrenalina quando vede che lei è sempre lì, lei quando lui ritorna. Solo che questo è la classica modalità del legame da trauma e nessuno dei due riesce a farne a meno. Lui ha le redini del gioco in mano, però, non lei. Lei ha solo trovato un modo per attutire il colpo a ogni scomparsa di lui.
    Nel momento in cui lei avanza qualche pretesa, lui la “punisce” con una scomparsa, così la volta successiva le pretese non ci saranno più o saranno meno. Poi torna da cavaliere appassionato, così ogni volta che scompare lei vive nel ricordo e nella speranza di quello che è stato.
    È una situazione che mi lascia molto perplessa.

    • alessandro pellizzari, 21 Giugno 2022 @ 23:46 Rispondi

      Narcisismo secondo me fra punizioni perdono e uso del potere

  • Ariel, 21 Giugno 2022 @ 22:25 Rispondi

    alessandro pellizzari, 21 Giugno 2022 @ 17:03Rispondi
    astrattista

    Ahahaha mortaaa dal ridere!!!

    In effetti aahahaha

    Buon inizio estate
    In astratto@!

    Ah ah ah ah

  • Leilei, 21 Giugno 2022 @ 21:54 Rispondi

    Se si sta con uno sposato, non si è libere. Non raccontiamoci balle. Per questo io, se fossi single, non starei mai con uno impegnato. Rapporto troppo sbilanciato, esigenze e desideri diversi.

    • alessandro pellizzari, 21 Giugno 2022 @ 23:47 Rispondi

      E se ti ha detto che è separato in casa? E se ti ha detto che si stava separando e sei arrivata tu? E se giura che si separerà?

  • Roberto, 21 Giugno 2022 @ 21:45 Rispondi

    Non so @leilei se quando si lascia un’amante da innamorati si finisce per provare rancore verso il proprio coniuge. Sicuro la causa del mancato salto verso la nuova coppia non sarebbe certamente colpa di mia moglie ma caso mai della mia amante. Che poi, parlare di colpa non credo abbia molto senso. Siamo esseri umani, ognuno con i propri caratteri, ognuno con le proprie priorità. Non abbiamo più vent’anni. Quando ci sono in gioco più vite ci può stare che non vinca sempre l’amore. Parlo di coppie di amanti come la mia, dove nessuno è seriale, nessuno è stronzo, nessuno è un bugiardo. Ci sono coppie di amanti dove semplicemente qualcosa non si allinea. Io avrei fatto il salto, lei no, non per questo la condanno. E certamente non me la prenderei con mia moglie che in questo caso non c’entra proprio nulla. Anzi, subisce il mio tradimento. Il problema è un altro. Dove trovare la forza per lasciare una persona che si ama e che ti ama? Almeno per me, è questo il punto che non riesco a risolvere.