16B542AF-A41E-4D05-9633-24EE13EED6F2

 

 

Perché non trovo un uomo decente? Non dico che mi ami subito o a breve, ma un uomo serio, che superi almeno il primo semestre ludico di conoscenza non solo carnale?

Purtroppo non molto è cambiato da quando ho fondato questo blog sei anni fa, inaugurandolo con il canale Superdonne dove, non a caso, la domanda iniziale era ed è: “io non capisco perché le mie amiche belle e intelligenti non trovano non dico il principe azzurro, ma neanche uno straccio d’uomo che possa far durare una storia almeno sei mesi, almeno il tempo di capire quali possano essere i possibili sviluppi, se ci sono”.

Che cosa è cambiato dal 2014 a oggi in quello che io chiamo il mercato degli uomini papabili?

Diciamo che il mercato dell’amore assomiglia molto a quello economico: c’è stata una grande crisi, non ne siamo ancora fuori ma qualche segnale positivo al quale appigliarsi finalmente c’è. Molto è cambiato in peggio, qualcosa sta cambiando in meglio.

Analizziamo, grazie alla mia epidemiologia di coppia che permette di fare un po’ di Matematica del cuore, la situazione degli uomini oggi disponibili per fasce caratteristiche e d’età.

GLI UNDER 35

Il 70% di questi giovani uomini in genere non fornisce a voi, care lettrici, “uomini decenti” per farci una storia seria, e questo rappresenta il grave problema attuale del mercato degli uomini papabili. Si tratta perlopiù di personaggi che vedono prevalere il sesso sui sentimenti e, soprattutto, i propri interessi sugli spazi di coppia. È chiaro che questa tendenza è più marcata sotto l’area 30 e un po’ meno se ci avviciniamo ai 35, ma comunque avete solo un 30% di probabilità di passare indenni con lui il fatidico sesto mese di frequentazione, quello che fa da boa fra una storia leggera come tante e qualcosa che può crescere. Non considero questo trend una “colpa” degli uomini di questa fascia d’età: è giusto che chi è più giovane si concentri sul lavoro, sugli amici, le passioni sportive e non, e che non voglia legami troppo importanti o pressanti. D’altronde il colpo di fulmine non è da tutti, anzi. Io mi sono innamorato tre volte nella mia vita (e due matrimoni) e mi considero un fortunato, nonostante i fallimenti. A non tutti capita di innamorarsi. Ho molte testimonianze di uomini che dicono “credo di essere innamorato” oppure “questa mi sembra la donna giusta”: per me non sono affermazioni tranquillizzanti per le partner perché l’innamoramento non crede, ma è, ed è travolgente, non meditato, ma anche dire la donna giusta è diverso dal pensare “la donna della mia vita”. Diffidate di queste affermazioni perché sono tipiche dei non convinti fino in fondo, quelli che “amano” con riserva, i più a rischio di rottura futura o tradimento, perché non sono veramente innamorati al 100%. Io li chiamo “i decisori dell’amore”. Decido di fare figli, decido che è la persona giusta, decido di sposarmi… È diverso dal dire VOGLIO sposarmi, VOGLIO un figlio da lei, VOGLIO (non scelgo) lei.

Ma torniamo all’analisi di questi papabili: dicevo capisco le loro priorità, ma questa società eccessivamente liquida post-crisi anche affettiva ha ridotto troppo, in questa fascia, i pragmatici sognatori, quelli che sì, prima il sesso il divertimento lo star bene ma anche sì sono aperto a un possibile amore anzi, divertendomi, lo sto già cercando più o meno consapevolmente. Eravamo almeno il 50% un decennio fa, ora solo 30 su 100 circa. Perché tutto scorre velocemente in questa società dei sentimenti social e online, e pochi decidono di mettere a disposizione di una donna i fatidici sei mesi minimo sindacale per far crescere un rapporto facendolo uscire dalla fase prettamente ludica. Così tutto finisce prima per l’uomo, o si trascina anche per sei mesi, ma con poco tempo dedicato alla potenziale futura compagna, che spesso viene dopo il lavoro, il calcio, gli amici, persino le vacanze che lui vuol fare da solo. Il guaio? Che le donne per innamorarsi e cominciare a investire spesso non hanno bisogno di 6 mesi, ma di due-tre. Siete sempre avanti un passo a noi, in tutto. In questo caso non è un vantaggio, se non siete corrisposte. Perché gli equilibri della coppia pesano a favore del più forte, lui, il meno coinvolto: è allora che vi sentirete frasi tipo “non starmi addosso” e “voglio la mia libertà”. E si inizia a soffrire.

GLI UOMINI FRA I 35 E I 40

Se sono liberi potrebbero essere fra i più “decenti”. Carriera più o meno avviata, avventure sessuali a sufficienza, una certa almeno  teorica maturazione emotiva e sentimentale, iniziale voglia di famiglia e figli. Qui la quota dei papabili sale al 40%. Solo? Direte voi. Solo, secondo l’epidemiologia di coppia e le decine di migliaia di vostre testimonianze che formano la Matematica del cuore. Perché la formazione sentimentale di un uomo si fa proprio nella fascia under 35, quella che si è trasformata tagliando spazio ai sentimenti per i bisogni materiali e più egoistici, la fascia che pensa per “uno” e poco per “due”. Ecco perché in questa zona maschile troviamo anche i peggiori. Un esempio per tutti? Il seriale. Tutti siamo un po’ seriali da giovani: il motto è ogni lasciata è persa, mitigato solo dalla capacità e possibilità di selezione del maschio (il famoso morto di f non ha età). Poi però, frequentando le donne di un certo spessore, oltre che avvenenti, dovremmo imparare qualcosa da voi, che siete le vere maestre dei sentimenti. È ascoltando e imparando dalle donne che un uomo si forma, a partire dagli insegnamenti di sua madre (in primis quello del rispetto per le donne) per proseguire con quelli più efficaci come imprinting, quelli della prima donna amata, o delle prime. Mio padre diceva: se vuoi imparare davvero l’inglese fidanzati con un’inglese. E io rilancio: se vuoi “imparare” i sentimenti ascolta e impara da una donna. Ecco, in questa fascia maschile ci sono quelli che hanno ascoltato e imparato, e sono pronti a crescere in coppia, e i peggiori, quelli che hanno visto e vissuto con una grande donna ma non hanno voluto imparare. Per scelta, per egoismo, per paura, perché non sono all’altezza delle donne, amazzoni e non, fate voi. Ecco perché dopo i 35 si trovano i migliori ma anche i peggiori, i seriali ormai irrecuperabili. Come riconoscere il decente dal non praticabile? Un modo semplice è osservare. Osservate bene un quasi quarantenne: parla e si comporta come se avesse ancora trentanni oppure è evoluto? Il suo tempo è sufficiente per voi? Parla di futuro o è una parola tabu? Il lavoro vince su tutto? E i suoi amici sono solo suoi o diventano anche vostri? Piccole cose direte, ma molto significative come indici di maturazione sentimentale di un uomo.

UOMINI OVER 40 FINO A 49 (poi capirete perché 49).

Qui purtroppo la percentuale dei decenti scende dal 40 al 20%,  perché chi non è maturato sentimentalmente difficilmente migliorerà, e i seriali e compagnia bella dal mammone al bugiardo cronico sono ormai professionisti nei loro difetti cronici. In questa fascia, poi, spadroneggiano gli sposati in crisi coniugale più o meno vera ma, soprattutto, in caccia di amanti che facciamo da stampella al loro matrimonio che, per quanto decotto, non chiuderanno mai (se non dopo i 50, come vedremo). Hanno grande successo proprio perché sono in genere uomini più sicuri e strutturati rispetto alle altre fasce d’età, cosa che li rende più attraenti visto il mercato disastrato dei single “innamorabili” più giovani, che lascia ampi margini di manovra. Perché ci cadono in tante con lo sposato Over 40? Perché, oltre a presentarsi bene, teoricamente è ancora in grado di crearsi una nuova famiglia e fare pure dei figli. Aggiungi che la maggior parte di questa tipologia mente sulla crisi coniugale (scientemente, cioè la moglie è ignara della millantata separazione in casa; negli altri casi la verifica si ha solo con i fatti, tipo lui è il più innamorato del mondo dell’altra finché la moglie non lo scopre) e quindi anche molte delle scettiche o refrattarie all’uomo occupato capitolano di fronte alle assicurazioni/bugie di lui e all’insegna della speranza di un futuro insieme. Il problema è che gli sposati 40enni, anche quando non bugiardi matricolati, hanno in genere bimbi ancora troppi piccoli per fare il grande salto della separazione. Insomma, capite bene perché solo due su dieci poi diventano una nuova coppia. Quelli che invece hanno già divorziato in questa età o sono reduci ammaccati dalle traversie sentimentali ed economiche, e quindi si rivelano pacchi sentimentali diffidenti e sempre sulla difensiva (alcuni poi c’è l’hanno proprio con le donne, che credono fonte di tutti i loro guai, ma non ne possono fare fisicamente a meno), oppure sono tornati ai pre-35 e vogliono divertirsi senza legami. Dunque la percentuale di uomo decente scende: per tutte occhio a balle e contraddizioni, segnale d’allarme da non sottovalutare in questa fascia perché endemico. Anche perché tutti questi uomini cercano di presentarsi al meglio all’inizio, perché se non piaci non scopi. E noi vogliamo soprattutto scopare.

IL CINQUANTENNE

L’ho lasciato per conto suo perché l’uomo, quando compie i 50 in genere sbarella un po’. Non pochi soffrono il giro di boa e temono la vecchiaia. Iniziano a notare vere o presunte differenze in peggio sulle prestazioni sessuali, sulla prestanza fisica e temono di non piacere. Certi tornano ragazzini con la testa, come reazione al tempo che passa. È questo il momento della riscoperta dell’attività fisica e della scoperta dei farmaci della virilità. Anche perché è il momento delle amanti. Quanti cinquantenni in crisi di identità si fanno l’amante, come si dice fra uomini, per provare a se stessi di essere ancora sul mercato, di essere piacenti e virili. Beh, capite allora che se ai single impenitenti o divorziati per sempre aggiungete l’esercito di uomini in crisi per le 50 candeline capite perché gli uomini decenti papabili in questa fascia scendono sotto il 30%. Come prima dei 35 anni.

GLI OVER 50

Per assurdo, superata la boa dei 50, a mano a mano che ci si sposta verso i 60 la situazione migliora. Non lo dico io, lo dicono fonti come l’Istat e i dati. Separazioni e divorzi, infatti, sono in aumento proprio in questa fascia. Perché se è vero che il seriale di lungo corso, l’uomo col ciclo che piange perché dopo tre anni di amantato “non può” lasciare la moglie e il single di ferro pluridecennale che si è quasi trasformato in un misogino possono solo peggiorare con l’età, ci sono tanti, sempre di più, Over 50 che chiudono matrimoni decotti e puntano su una nuova vita e una nuova compagna. Si parla di divorzi quadruplicati fra i 55 e 60 solo l’anno scorso. Insomma, si “rischia” di trovare 5 uomini su dieci decenti proprio fra i miei coetanei, fra i pochi a quanto pare ad avere il coraggio rinnovato di buttare il cuore oltre la più o meno confortevole routine. Una buona notizia che muove un po’ il mercato degli uomini papabili, anche se una buona quota di Over rimane nel grande gruppo dei non raccomandabili. Da notare che i coraggiosi sembrano essere gli sposati in crisi, non i single datati. Mi sembra logico. Un single di 55 anni ha, nella maggioranza dei casi, una impostazione di vita sentimentale ormai consolidata, uno sposato infelice può cambiare se trova la donna della sua nuova vita. Complice magari una situazione economica ormai assestata e figli ormai grandi. Però ragazze occhio alla solita regola… che le probabilità di avere a che fare con un uomo decente siano buone sopra i 50 non toglie di mezzo la famosa prova del nove: giudicate un uomo di qualsiasi età dai fatti, mai solo dalle parole o dalle molteplici promesse. E non deve passare troppo tempo fra il dire e il fare.

Sincerely yours

Condividi:

47Commenti

  • Ariel, 23 Febbraio 2020 @ 19:59 Rispondi

    @CaroAlesssandro
    Bellissimo articolo davvero
    E certo che ogni fascia di età presenta problematiche diverse che tu hai ben messo in evidenza

    Mentre scorrevo sulle età diverse
    Già mi sentivo salire una previsione mista a morta dal ridere perché non so come mai avevo già intuito che arrivati alla fascia della tua età
    O meglio non sei ancora 60 ma quasi ,gai un anno di buono e già sono morta dal ridere

    E si perché come i miei occhi hanno letto
    Ecco che come già sentivo la tua età è la migliore e più promettente

    Ora a parte il mio prenderti in giro bonario e simpatia verso di te
    Si sono d’acc Che in effetti sui 60 possano esserci validi motivi e situazioni di vita più favorevoli come figli adulti e carriere già fatte ,ma come sempre ci sta il ma,

    E questo ma riconduce alla matematica del cuore con le sue regole sempre valide da seguire per la prova del nove della vera onesta del uomo che vorrebbe tanto inzuppare …si okkei
    Tantoncaro e bravo e pure di carriera

    Tutto un okkei ,ma ad esempio dato che il maschilismo esiste sempre
    Ecco non sarà mica che i 60 e in su possano mica cercarti la famosa Badante ?
    Accessoriata di tutto che possa pure ovviamente soddisfare su tutta la linea

    È anche per questo motivo che ad esempio almeno nel mio caso così in pensiero mio non vorrei affatto condividere la casa ma la vita in modo diverso occasionale e c’ero ovviamente se le cose funzionano perché no darsi una mano in caso di difficoltà,ma una mano non una vita intera

    No secondo me proprio perché da 60 in poi L’uomo rimasto solo in ogni situazione separato divorziato o vedovo non resiste più di tanto
    O muore prima o cerca la badante
    Magari inconsciamente non dico che sia premeditato ma il Maschilismo è potente e si riverbera molto pure negli uomini che lo sono meno di altri

    Quindi su questa fascia ultima di età
    Oltre alla Matematica del cuore sempre una valida costante che aiuta a stanare il Cialtrone ecco secondo i casi non sempre si può sentire la necessità di vivere sotto lo stesso tetto

    Insomma io ho già avuto la mia vita matrimoniale positiva al Mac e per tutta la mia lunga vita
    Ci sono cresciuta con mio Caro Marito e non vorrei un altro marito
    Ma una esperienza diversa come io stessa sono così diversa da prima
    Rispetto alla mia gioventù alle mie esperienze di vita tutte

    No Badante
    Ma dipingo lassù nel mio sto nel quadro con Chagall
    E non è da tutti poterci entrare in questo privilegio fantastico
    Mio Marito lo visse tutto e fu capace di
    Farmi scendere per riuscire a scegliere di vivere ogni istante di vita tra noi.

    Adesso avrei voglia di altro qualcosa di indipendente condividere ma ognuno con la sua propria vita e la mia sta piena
    E sicuro non venite a rompermi le ovaie
    Chenormai vi mando a fan nel giro di mezzo secondo!!!

    Ah ah ah @CaroAlessandro
    Si i 60 enni sono forti
    Soprattutto al femminile!!!
    Ah ah ah
    Prosit!

    Leggerti è una vera Bellezza!

    • alessandro pellizzari, 23 Febbraio 2020 @ 23:45 Rispondi

      Grazie. Fra i 51 e i 60 dice l’istat

  • Dispersa, 23 Febbraio 2020 @ 20:38 Rispondi

    Allora la prox volta over 55…. Anche se 20 anni più grande…. Magari azzecco meglio!!
    Quando avevo bisogno di una spalla dove piangere la mia amica mi diceva sempre ‘devi sceglierlo più giovane di te!!’….
    Tuttora lo chiama ‘il nonno’ e io la chiamo ‘milfona’!!
    Le giro l’articolo…. Vediamo che ne pensa!!
    A parte gli scherzi…. Rimane il fatto che il mercato è desolante…. Ma soprattutto…. rimaniamo alla larga da certe situazioni!!
    Grazie @Ale sei sempre molto illuminante!!

    • alessandro pellizzari, 23 Febbraio 2020 @ 23:46 Rispondi

      Love

  • C., 23 Febbraio 2020 @ 20:43 Rispondi

    Bellissimo articolo,@Ale.
    Complimenti

    • alessandro pellizzari, 23 Febbraio 2020 @ 23:46 Rispondi

      Grazie

  • Mary, 23 Febbraio 2020 @ 21:28 Rispondi

    Grande Ale!!! Mi hai fatto sorridere. Sei riuscito a essere leggero e divertente pur in questa eplorazione non proprio incoraggiante.

    • alessandro pellizzari, 23 Febbraio 2020 @ 23:47 Rispondi

      Grazie!

  • Nina, 24 Febbraio 2020 @ 01:17 Rispondi

    Purtroppo il mio sfuggiva a statistiche.. quasi 60 ma sindrome Peter Pan.. in realtà corrisponde più al profilo del 50enne forse perché fisicamente molto giovanile..

  • Annina, 24 Febbraio 2020 @ 12:33 Rispondi

    E allora ti racconto la mia nuova vita dopo aver mollato lo sposato.
    Ti ricordi quello di cui avevo scritto, separato ammaccato che era sparito dopo un incontro?
    Beh lui poi è tornato e è andata avanti per 4 mesi in cui ci siamo visto SEMPRE ma lui non ha mai fatto un passo, tanto che ho pensato che volesse solo un’amica e ok.
    Nel frattempo ho conosciuto la persona che sto frequentando da 5 mesi, single mai sposato no figli ecc.
    Con lui è tutto meraviglioso, è una persona che mi fa stare benissimo. MA. c’è un ma: lui nonostante sia molto legato a me, non frequenti altre donne, e siamo, effettivamente, una coppia, non vuole progetti per il futuro.
    Dato quello che ho vissuto con lo sposato a me va bene cosi anche se allal unga potrebbe darmi fastidio.
    Nel frattempo, dopo che avevo diradato le uscite (perche ok essere amici ma io cmq ho una specie di compagno), è tornato alla carica il separato Sono stata a cena con lui assolutamente in amicizia e questo il giorno dopo mi si è dichiarato, dicendo che avrebbe voluto provarci, assolutamente è attratto da me ma che ha paura di non sapere gestire in questo momento ua relazione.
    PArere spassionato sui due casi, Ale?
    Sia chiaro: sto bene e sono molto felice :-)))

    • alessandro pellizzari, 24 Febbraio 2020 @ 13:14 Rispondi

      Dipende da quello che vuoi tu sentimentalmente

      • Annina, 24 Febbraio 2020 @ 13:33 Rispondi

        Al momento non lo so, sono ancora nella fase del MI GODO QUELLO DI BELLO CHE HO e anche io non penso a un progetto, al momento. MI interessa però un parere

        • Ariel, 24 Febbraio 2020 @ 14:51 Rispondi

          @Annina
          Visto che ti fa piacere un parere
          Ecco secondo me quello che ti accade adesso è dovuto al meccanismi naturale previsto in che me funzioniamo ciascuno di noi quando si chiude una relazione e praticamente subito dopo ne inizia una nuova
          Non si ha dato il tempo necessario in natura previsto per riuscire veramente a sentire dentro a se stesse che la relazione precedente sia davvero chiusa mettere una pietra sopra ,chiudere il caso è archiviarlo cme comunque una esperienza importante per se stessi

          Perché qualunque esperienza e importante per chi la ha vissuta
          Insegna cose nuove che hanno bisogno di tempo per emergere con la distanza temporale e fattiva del non vedersi più non comunicare

          Hai presente quando si viaggia si sta in viaggio e si vivono cose si fanno esperienze,ma appena tornati a casa i ricordi per formarsi ed essere sentiti come una esperienza fatta conclusa necessitano di tempo

          Ecco che ricordare una esperienza chiusa ha bisogno di tanto tempo a seconda poi se ci ha coinvolto emotivamente molto sia nel bene che nel male

          Ora stai vivendo la nuova relazione e pare andar bene ed ovvio stai un poco giustamente attenta a cosa fa e dice il nuovo uomo libero e così ok per adesso il tuo dire sono in sospeso come dire mi godo il presente mi pare ottimo ovvio e corrisponde al come la natura ha previsto nel meccanismo di funzionamento di relazioni affettive delle nostre emozioni e sentimenti

          Sono stata lunga ,ma perché ci tenevo che potesse aiutarti capire che stai nelle onde giuste della tua vita e sicuro non si tratta di una indecisione rivolta al ex ,ma al naturale bisogno di tempo in cui tanto che stai nella vita vera nuova in realtà ogni giorno stai sistemando in “Archivio definitivo” la vecchia esperienza

          Un abbraccione!❤️

          • Annina, 24 Febbraio 2020 @ 15:18

            Certo Ariel, anche l’esperienza con lo sposato mi ha fatto crescere e tanto. Mi ha fatto capire cosa voglio e cosa NON voglio, MI ha fatto capire quant’è bello vivere tutto alla luce del sole, al decidere all’ultimo cosa fare, prendere e partire…. EVVIVA!

        • Elisabetta, 24 Febbraio 2020 @ 16:11 Rispondi

          ma….e farli incontrare loro due così si parlano, non di te, ma di quello che vogliono nella vita?
          Io tiferei per il terzo incomodo (incomodo per loro).
          Fra i due litiganti…

          • Annina, 24 Febbraio 2020 @ 17:13

            Ahahaha grande Elisabetta!!!!! Ci sarebbe anche un terzo…….. ma no!

    • Mary, 24 Febbraio 2020 @ 14:28 Rispondi

      @Annina concordo con Ale. Parla con questi uomini, prova a instaurare un dialogo. Non deve essere solo: io metto nel piatto questo, pacchetto chiuso e definito, e tu te lo fai andare bene, ora dici, ma temi che un domani non sia così.
      Dovresti averlo imparato dalla relazione con lo sposato. Anche lì, pur se non dichiarato o dichiarato con nuvole di fumo intorno, ti è stato presentato un pacchetto chiuso e definito: io sono sposato, se accetti un rapporto con me vuol dire che ti va bene.
      Se vuoi una relazione più impegnativa anche tu dovresti dare, non solo loro. Ti sentiresti pronta ora? O vorresti solo l’idea di questa possibilità (ma per ora va bene così)?
      Mi sembra che ne per te ne per loro al momento si affaccino altre frequentazioni, o anche lo spirito di iniziarle, e quindi va bene così. Ma è un palliativo mi chiedo?
      Come credi reagirebbero questi uomini se oggi ponessi un timer a queste uscite? Tipo so che non possiamo parlare di futuro con pochi mesi di frequentazione, ma ci proviamo, ci diamo 6 mesi e ci aggiorniamo, e vediamo cosa è cambiato di noi. Faccio questo pensiero sempre pensando ai trascorsi noti in questo blog, dove a non parlar del tempo si butta nel cesso proprio quello.

      • Annina, 24 Febbraio 2020 @ 15:17 Rispondi

        @Mary forse mi sono spiegata male. Io sono prontissima a avere anche qualcosa di piu serio, semplicemente non me lo metto come paletto. Non voglio dare un timer perche è tutto bello cosi. Ovvio che se poi sentissi la necessità ci sarebbe da affrontare un discorso.
        solo volevo fa presente la testimonianza di due 43enni con due esperienze diverse. Lo scottato e lo scapolone che comunque è assolutamente un uomo fantastico

        • Mary, 24 Febbraio 2020 @ 19:33 Rispondi

          @Annina capisco che sia bello, per me era bello anche uscire con lo sposato, relativamente ai momenti insieme (senza la cacca del tradimento a sua moglie e indiretto a me per il suo matrimonio funzionante), però se questi uomini ti mettono dei paletti (di paura o di non volere costruire un futuro) non vedo tanto margine di una possibilità di un domani, poi non so tu quale domani vorresti, magari una convivenza. E allora mi dico, se è così, perchè l’uno o l’altro e non entrambi? Da quanto hai scritto pure se tu non ti metti paletti, te li mettono loro. Vedi se il signore uscito dal matrimonio teme una nuova relazione è un problema suo, non tuo. Se il single sta tanto bene a casa sua ma fuori ti tiene volentieri come fidanzata è una cosa che riguarda lui, non te. Dicevo di parlarne con loro per non trovarti tra 6 mesi o un anno con un pugno di niente. Per capire se c’è un margine di costruzione di un NOI con loro, se a loro potrebbe interessare l’idea di un NOI. Se la risposta è NO rimani single, libera di frequentare più uomini, fidanzata di nessuno.

          • Annina, 25 Febbraio 2020 @ 09:44

            Grande Mary! vi adoro

    • cossora, 24 Febbraio 2020 @ 16:41 Rispondi

      Mah ‘uscita in amicizia’ con l’ex separato significa che sei uscita ma non ci sei andata a letto? Guarda ceh se quello che desideri è tornarci a letto qui di amicizia non ce n’è nemmeno un grammo!
      Per logica dovresti non essere interessata nemmeno a una cena se l’ex è davvero un ex.
      Il nuovo è il riempitivo del quale decidere a tavolino e farsi dare opinoni da noi, dicendoci che fino ad oggi ‘prendi il bello ma domani potresti voler di più’.
      Quindi di sentimento non ce n’è neanche l’ombra.
      Tieniti il nuovo (com’è il sesso con lui?), che funziona da detonatore per l’ex (“ex” solo in termini pratici perchè ti ringaluzzisce che si sia ripresentato, come è naturale che sia)
      Prima o poi arriva il terzo che fa saltare il banco.
      Abbi fede.

      • Annina, 24 Febbraio 2020 @ 17:16 Rispondi

        Alt Cossy! l’ex non è un mio ex!!!!!!! E’ una persona che ho frequentato (a me piaceva MOLTO, piace anche adesso) ma all’epoca mi aveva detto che non era pronto per una storia…. siamo quindi andati avanti da amici (perche cmq è una compagnia piacevole) e invece poi alla fine si è dichiarato anche se ha il terrore di fare il primo passo.
        Col nuovo c’è MOLTO sentimento, il sesso è WOW, è un galantuomo, è perfetto. Forse mi voglio autoproteggere dopo tutta la m… che ho mangiato con lo sposato.
        Ci potrebbe anche stare no?

        • Ariel, 24 Febbraio 2020 @ 17:56 Rispondi

          @Annina
          Ok adesso hai spiegato meglio la situazione quindi
          Credo che questo nuovo tu lo scrivi perché lo senti perfetto e alla luce di ciò credo che sia umano e comprensibile aver avuto quella voglia di un supporto di pareri di poterti un momento rifugiare qui in amicizia mi viene da dire pure se virtuale in fondo mi sento di poter scrivere siamo un bel gruppo Blog pure ognuna con le proprie diversità che per me restano una vera bellezza è valore aggiunto nel nostro scambio scritto

          E quindi buttati tranquilla nel tuo nuovo
          Perfetto galantuomo che scrivi di sentimento e tutto sta perfetto
          Ottimo buon inizio tutto da vivere nella gioia di farlo un passo dopo l’altro
          È ora di vivere e godere di questa sentita spinta naturale al entusiasmo che traspare da questo così caro commento!!

          E vaiiiiii avanti tutta cara @Annina
          Nelle tue onde spumeggianti di vera vita nuova!!!!!

          • Annina, 25 Febbraio 2020 @ 09:45

            Me la sto godendo tantissimo e dico a tutte CORAGGIO LA VITA E’ BELLA!!!!

        • cossora, 25 Febbraio 2020 @ 09:30 Rispondi

          Ci sta benissimo @Annina.
          Anzi, proprio perchè senti l’istinto di vivertela senza freni magari cerchi un po’ di razionalizzazione fuori?
          Però ti riporto ciò che ha scritto Ale a me: in amore bisogna saper scomettere.
          Certo, su chi ne vale la pena ma.. come scoprirlo di un uomo che non si conosce?
          Dipende da come sei fatta tu, personalmente passarlo ai raggi X.. a me toglie poesia.. forse preferisco rischiare ma vivermela al massimo.
          La prudenza è una marcia che a me non entra.

          • Ariel, 25 Febbraio 2020 @ 13:22

            @Caro Alessandro
            Cosa significa in amore bisogna saper scommettere

            Anche sui chiari cialtroni che dopo anni non hanno fatto un solo passo?

          • alessandro pellizzari, 25 Febbraio 2020 @ 17:08

            Certo che no

          • Annina, 25 Febbraio 2020 @ 15:51

            Io sono una molto instintiva ma poi quando devo prendere una decisione, e parliamo di amore, sono molto indecisa. Poi quando le cose mi sono chiare allora vado avanti come un ariete, quello che sono. Come quando da un giorno all’altro ho mollato lo sposato.
            Forse inconsciamente voglio anche capire davvero cosa pensa di fare “il separato”. Insomma, dopo un periodo buio ora faccio un po’ la pavona 😀

      • Elisabetta, 25 Febbraio 2020 @ 11:43 Rispondi

        io mi accontenterei anche solo di uno comodo.
        Anche perché fra un po’ ci finisco io sul comodo/a.

  • Lia, 24 Febbraio 2020 @ 19:04 Rispondi

    Bell’articolo @Ale! Direi che la regola “i maschietti maturano più tardi delle femminucce” non cambi nel corso della vita… 🙂 Confidiamo sulla fascia degli ultracinquantenni.

    • alessandro pellizzari, 24 Febbraio 2020 @ 19:09 Rispondi

      Grazie

      • Cla, 25 Febbraio 2020 @ 09:40 Rispondi

        Bellissima analisi. Io ci ritrovo il mio ex che a 50 anni colpo di testa, terrore della vecchiaia e si sta sfogando con la ragazzina trentenne . Dopo cinque mesi stranamente mi ha scritto .. solo per condividere un video su una passione comune però mi è sembrato strano .. forse con la trentenne si sta accorgendo di non avere molto in comune . Comunque onestamente non mi interessa più niente . Non pensavo fosse possibile ma avevate proprio ragione . Per il momento direi che non mi interessano uomini di nessuna età

        • alessandro pellizzari, 25 Febbraio 2020 @ 13:08 Rispondi

          Grazie. Il video è tastare il terreno

        • Dispersa, 26 Febbraio 2020 @ 07:58 Rispondi

          @Cla ha lanciato il sasso….
          Tanto se gli chiedessi delle spiegazioni sarebbe solo in grado di dirti ‘so che ti piace’…. Nulla di più….

        • Mary, 27 Febbraio 2020 @ 13:53 Rispondi

          @Cla mmm anche no. Semplicemente tu sei quella che ci è sempre stata, momento di noia, di sconforto, di cazzeggio, mettila come ti pare e premere un bottoncino e invio son 2 secondi. La questione è proprio non farsi uno straccio di retropensiero prima di premere invio.

  • Grace, 27 Febbraio 2020 @ 12:11 Rispondi

    @Alessandro Pellizzari, spero tu possa rispondermi. Ho continuato a vedere colui che tu avevi indicato come furbo, perchè? Perchè credevo e credo tuttora che certi rapporti possano essere ugualmente belli se riposizionati nei binari giusti e invece, si è deragliato di nuovo, ma senza che lui lo reputasse importante. Tanto lui è l’uomo impegnato, ha una sua vita ed una compagna e da quella situazione non si smuove. Ho riscontrato di quanto sia scaltro. Abile com’è a non definire la frequentazione con me con un nome preciso, ma diretto nel comunicarmi che lui di più non può darmi…così ieri ho subito un altro colpo diretto alla mia autostima…perchè, quando ci si rende conto di dare attenzione ad un uomo per il quale non si conta nulla, bello di certo non è…soprattutto quando intorno c’è il vuoto in fatto di uomini e reti sociali stimolanti e quando a rimetterci è anche il proprio senso di fiducia, di piacere e piacersi e la propria femminilità. Per carità, cosa potevo mai aspettarmi? É stata la prima volta che mi sono lasciata coinvolgere da un’attrazione così forte che non avverto verso altri uomini e forse per questo ne sono ancora invischita. Ho di sicuro anch’io le mie responsabilità, pensando che il sesso sia una forma di unione tra due persone che in quel momento si cercano, si desiderano, si vogliono ma che si interessano l’uno dell’altro volendosi anche bene, dato che l’amore in questo caso non è ammesso…ma come ne esco… tra tira e molla vari sono già due anni e nel frattempo le altre conoscenze non hanno portato risultati soddisfacenti, anche in termini di distrazione. Spero vivamente che tu possa rispondermi e ti ringrazio sin da ora.

  • Luca, 1 Marzo 2020 @ 01:27 Rispondi

    Interessante, ma sarebbe curioso leggere anche uno spaccato del mondo femminile, che ne esce un po’ (se pur indirettamente) edulcorato.
    Osservo però quanto segue.
    Da separato, padre, di 42 anni, che si è speso per la famiglia, la moglie, ma poi è stato tradito (che vuoi mai, la routine…,), incontro donne, più o meno coetanee, con un vissuto simile al mio.
    In genere, come me, non mi dicono di rivolere una nuova vita di coppia con un progetto di convivenza: la evitano, rimandando spesso a dopo i 50, se non verso i 60.
    Comprensibilmente.
    La temono perché hanno preso batoste o perché, da soli, con un amico/a giusto/a ogni tanto o periodicamente, si sta meglio.
    Amare richiede impegno.
    Oggi, è sdoganato il disimpegno prono a un consumismo dei sentimenti e al trionfo dell’Ego.
    L’analisi delle fasce di età è interessante, ma approfondirei il problema alla radice: siamo ancora capaci di amare?
    Amare quando tutto è fico è facile: ma il vero amore si manifesta nel quotidiano, fatto di routine e di condivisione di spazi e scelte educative verso i figli etc etc.
    Grazie per lo spazio.

    • alessandro pellizzari, 1 Marzo 2020 @ 09:04 Rispondi

      Mi rivolgo prevalentemente alle donne più che altro perché il mercato dei possibili partner è afflitto da una malattia cronica ed endemica: il cialtronismo maschile. Sull’amore: chi si innamora davvero non vive una storia con il freno a mano tirato, l’amore è semplice e non usa strategie

    • EP, 1 Marzo 2020 @ 09:53 Rispondi

      @luca benvenuto!
      I punti di vista maschili qui sn sempre pochi…ma sempre ben accetti se onesti e trasparenti (spesso @Ale si trova a pubblicare post di uomini che in un battibaleno noi “veterane” del blog aggrediamo xchè nonostante abbelliti da svariati fiorellini…si rivelano specchio dei più frequenti cliché che lui ci ha insegnato a decifrare…e questi ometti dopo un po’ spariscono xchè nn reggono il confronto)

      Il tuo mi pare un bel subject…lo vivo in prima persona…e mi ha fatto riflettere!

      Ho 45 anni…sn separata da quasi 3…subito dopo la separazione ho iniziato una storia di amantato pensando di farlo un po’ con leggerezza e un po’ pensando che anche lui fosse nella mia situazione di fine corsa…NON ERA COSI!
      La fregatura è stata che in un battibaleno mi sn innamorata…lui…”entusiasmato” (x usare un termine che ha coniato @Ale)
      Dopo svariate peripezie che nn sto a raccontarti xchè ora annoiano pure me…sn arrivata al CDS (codice del silenzio) duro e crudo!
      E oggi…passari svariati mesi mi sento finalmente LIBERA.

      Ma veniamo al punto che sollevi tu…oggi io mi sn resa conto che STO BENE COSÌ!
      Ho superato la batosta della separazione (che nn è stata proprio una passeggiata)…mi sn re-innamorata cm una ragazzina del mio ex amante e x lui credo avrei rischiato cn i tempi giusti di rifarmi una famiglia…senza forzare nulla xchè ho due figli ancora piccoli…ma mi sarebbe piaciuto che LUI entrasse nella mia normalità (un po’ xchè lo amavo…un po’ xchè anche razionalmente credo sarebbe stato “perfetto” x noi…se dovessi fare un analisi puramente matematica senza interferenza di sentimenti x svariati motivi lo penserei anche oggi…)
      Dunque…dopo di lui mi sn bruscamente fermata…dovevo leccarmi le ferite…e il fatto di essere innamorata di lui nn mi permetteva di guardare altri!
      Oggi sn ritornata a guardarmi intorno…nn amo i social…quindi nn sn una da caccia virtuale…piuttosto aumento il network (cm mi ha detto un’amica e questa cosa mi ha fatto molto ridere xchè mi sa di quelle piramidi commerciali tipo folletto…)
      Xò…eh sì…c’e un però…nn mi va di buttare ancora all’aria la mia vita che oggi mi fa stare proprio bene!
      E negli uomini che incontro oggi, la verità è che cerco un fidanzatino del mercoledì (giorno in cui nn ho i figli) e un compagno di scorribande nei weekend liberi…
      Nn ci penso proprio a una nuova convivenza…se per impegno intendi quello!
      Poi io sn fedele di natura…quindi per me vedermi cn una persona che mi piace…già è segnale di impegno!
      Io sto cn te…ci sn se hai bisogno…nn ti voglio nascondere…nn ho bisogno di seconde vite clandestine!
      Solo nn butto all’aria la mia rinnovata serenità…e soprattutto nn sconvolgo ancora una volta la vita dei miei figli…amiche/i dite che è così esecrabile?

      • Elisabetta, 1 Marzo 2020 @ 10:45 Rispondi

        @EP, mi daresti qualche lezione su come aumentare il network?
        Io sono un po’ imbranata, giusto due/tre consigli.
        Baci.

      • Ariel, 1 Marzo 2020 @ 10:53 Rispondi

        @Ep
        Secondo me ,è naturale e diffida conseguenza di chi come molte di noi ne vengono da una relazione manipolativa o chiamala come vuoi
        Dove il sentimento è stato a senso unico e non reciproco in quanto per essere tale necessita di fatti concreti e non essere messe da parte come purtroppo è accaduto qui nelle nostre storie
        Ok diverse le persone le età le situazioni ,ma il denominatore comune e stato innamorarsi e dal altra parte un bel No
        Amore corrisposto infatti fa fatti al unisono

        Quindi il fatto che si provi alla fine il desiderio di non stravolgere la propria vita ,ma si ha voglia di riacquistare la propria autostima
        Ovviamente richiede sicuro un periodo certo in cui non si ha più l’obbi Sentito di costruire un eventuale progetto di nuova vita

        Occorre calma serenità e vivere in leggerezza gli eventuali incontri
        E trovo molto valido e responsabile il dire non voglio adesso stravolgere la vita dei miei figli

        Lo vedo come un naturale post esperienza veramente dolorosa e dura soprattutto per chi come nella maggioranza dei casi qui scritti si veniva tutte da periodi pesanti dentro o separazioni pesanti o come me nel lutto del proprio marito positivo di una vita intera

        Per far nascere una nuova pianta adesso si ha bisogno di guardare la terra neanche piantare il seme
        Osservare che succede in noi stesse nella propria”casa” dentro
        Vivere quella bella sensazione della Riaquistata vera Libertà

        Poter volare senza manco sapere dove atterreremo

        In più è considerato molto sano passare da una relazione dolorosa in un periodo di nessun impegno a riguardo
        Leggerezza volare finalmente Libere e piene della propria autostima!!!

      • Vale127, 1 Marzo 2020 @ 18:44 Rispondi

        Anch’io ho bisogno di consigli per ampliare il network!!!! è così difficile conoscere persone interessanti… figurati uomini!

    • Ariel, 1 Marzo 2020 @ 15:10 Rispondi

      @Luca ciao
      Trovo vero e una buona riflessione la tua osservazione sul fatto del chiederesi se siamo capaci di Amare veramente?

      Mi pare una ottima buona domanda che sento possa soprattutto riguardare i più giovani comprese le età Giusto fino ai 45 anno circa

      E cioè verissimo che nelle generazioni più giovani è venuta a mancare la conoscenza la cultura leggere libri comunicare dal vivo di persona anziché fate casino e confusione tra realtà vera e quella virtuale

      Addirittura si leggono diverse testimonianze di persone che si fanno idde convinti che sia realtà vera non so la interpretazione dei post foto commenti sui social
      Tipo se lui ha postato la foto di lei ,ma stava vista da dietro in sfondo ecco allora partire con le deduzioni del caso

      Tutto questo insieme non riguarda la certa triste realtà della presenza a maggioranza maschile di cialtroni amanti o mariti ,ma è pur vero che la capacità di Amare non può prescindere dal cosa significhi Amore vero
      Appunto non virtuale non solo istinto no Amore vero per essere tale necessita di reciproca concretezza
      Se si sta a senso unico non parliamo di Amore vero che per essere tale necessita SEMPRE della reciproca concretezza

      Perché pure se la Donna ama davvero il suo cialtrone che si rivela ovviamente solo dopo aver fatto di tutto per far innamorare la propria amante in modi chiari manipolativi e consapevole di farlo per ottenere il semplice molteplice benefit di scomparsi Un altra di averci la psico gratis la cuoca la allegra serata ecc.

      Insomma la Donna che convinta sente Amore sentimenti verso amante che la molla nel 80/100 dei casi ecco non si può certo più parlare di Amore vero ,ma di
      Dipendenza affettiva messa in atto dal agire manipolativo del uomo

      Amore vero appunto è sempre soltanto concretezza reciproca
      E che da un pari dona te ciò che dai a me e esattamente sul campo del quotidiano si vive il Vero Amore quando resiste ad ogni onda burrasca tempesta sempre che resti intatto reciproco IL RISPETTO LA SINCERITÀ LA TRASPARENZA IL VERO DIALOGO

      Non certo scopiazzando in giro
      No infatti statistica parla chiaro i matrimoni dopo il tradimento di uno dei due o entrambi riescono a riprendersi solo nel 10/100 dei casi

      Il vero Amore bisogna capire e conoscere come funzioniamo cosa sia una emozione?
      Un sentimento?
      Amore?
      Passione?
      Attrazione?
      Cosa è il sesso ?
      Come funziona una Donna?
      Come funziona un Uomo?

      Cosa è la propria DIGNITÀ?
      Eccettera eccettera
      Cultura che si apprende nei libri e poi USCENDO FUORI NELLA REALTÀ FISICA VIVERE!!!

      • Ariel, 1 Marzo 2020 @ 15:34 Rispondi

        @CaroAlessandro
        Invece qui rispondo al articolo su questo problema che in effetti è realtà

        Difficile capitare con un uomo che possa andare bene almeno inizialmente

        Certo il fattore età credo significhi già una differenza sostanziale tra fasce Giovani e quelle più in là con gli anni

        Certo perché io l’avevo già trovato da quel dì
        Peccato che sta sposatissomo e con figli e pure il cane

        E quindi nulla da fare
        Mi piace un sacco ,caspita ,ci trovo così tanto di curioso da scoprire,ma vietato l’ingresso
        Giù le mani dalla proprietà privata

        Così un bel GNIENTE
        Mi sono ordinata una cassa di buon vino un giro di amici con i qual ridere dei guai facendo prosit alla vita che comunque resta
        Libertà almeno finora !!!!
        Ah ah ah !!!

        Si forse gli sposati piacciono perché si presentano affidabili soprattutto quando sono avanti negli anni e non di primo pelo nel matrimonio

        Questo mercato dei papabili come tu lo hai chiamato,mi ha sempre fatto ridere,il termine ,ma in effetti rende la idea

        Scarseggia e pure se adesso non ho certo voglia di nessuna relazione a progetto
        Quello che mi sta Chiarissimo come da sempre è che le proprietà private sono private di altri

        Infatti sono stata una amante inconsapevole di esserlo !!!

        Libero ,ma in salute
        No badante ah ah ah ah !!!!

  • Mary, 4 Marzo 2020 @ 01:17 Rispondi

    Comunque mie care ragazze ho trovato un posto virtuale, non è un sito di incontri, dove interagiscono uomini e donne single, di qualsiasi età ma principalmente over 40. La cosa interessante è che si può leggere i messaggi tra utenti, uomini e donne. Vengono spesso pubblicate delle domande, dove rispondono varie persone di entrambe i sessi. Il quadro è a dir poco devastante. Quasi tutti gli uomini cercano una da “fottere”, anche se chi usa questo termine viene redarguito, ma quello è. Non sembra siano persone che non fanno sesso da tempo immemore, ma sembrano veramente partiti per la tangente. Scazzati ancor prima di dire A. Ossessionati da foto e dalla delusione a fronte di trovare persone non esattamente come si presentavano nelle foto (con tanto di lamente post incontri, ma poi ne cercano altri, solo che vorrebbero la modella pure se dicono chiaramente di non cercare niente di serio, e loro modelli non sono). Estremamente critici verso le donne, e su eventuali “brutte sorprese” principalmente fisiche o di prestazione, quando loro presentano tutt’altro che parvenza di classe e bell’aspetto (errori di ortografia come non ci fosse un domani, e non errori di digitazione, per due righe scarne scritte). Alcune donne mi deludono perchè riescono a farsi guerra sul niente (messaggini acidi dove traspare invidia). Alcune tengono duro cercando una relazione di un certo tipo, ma prima o poi provano ad uscire con qualcuno. Alcune si son piegate al sesso sesso sesso, e non amando la vita mondana non so quanto possa essere edificante vivere dopo una certa età trascorrendo le serate in locali dove mangiare, musica a palla e tenere alta la valenza di se. Comunque vanno dietro a post idioti tutti incentrati sul sesso, e non partecipando ad altri dove si potrebbe metterci un poco di sostanza. Ho visto poco fa un post di uno “cerco donne mature”, e una signora risponde, vedova, sicuramente over 60, che riporta nel suo profilo una frase molto dolce verso il marito mancato. Una donna, credo sui 40, viene vista come donna del mistero, affascinante, sensuale ma nessuno e dico nessuno, le chiede “ma tu cosa pensi di…?”. Nel sottofondo un senso di rabbia latente. Leggendo mi son trovata a pensare “ma questi le donne le odiano”. Sarò atipica io, però rimango abbastanza basita del quadro.

    • Elisabetta, 4 Marzo 2020 @ 08:21 Rispondi

      Sì le odiano @Mary, sono uomini senza nessun tipo di intelligenza, figuriamoci di intelligenza emotiva.
      Odiano loro stessi per primi, ma non lo sanno, e riversano sulle donne tutte le loro frustrazioni fino a diventare violenti-virtuali.
      Figurati dal vivo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.