Home » Amanti » Non ti scrivo e telefono sono in vacanza con lei

Non ti scrivo e telefono sono in vacanza con lei

Foto Pixabay
Foto Pixabay

 

Lui non telefona. Nemmeno scrive. Neppure un messaggino. E lo fa per settimane, non per giorni.

E non risponde ai tuoi messaggi perché “eravamo d’accordo così”, perché “sai che quando sono con lei non posso”. È in vacanza con lei. 

Tutte scuse. In 24 ore nessuno è incapace di scrivere neanche una virgola. In una settimana nessuno non è in grado di fare un saluto telefonico di un minuto. Neanche se fosse in carcere.

Sparisce solo chi vuole sparire. Come non trovare un minuto per scrivere o telefonare? È più difficile non trovarlo.

Care amanti, ma anche fidanzate di serie b mollate in pieno agosto perché lui deve andare con gli amici a “pescare” o giocare a carte in qualche posto esotico dove la popolazione femminile è “inesistente” , questa presa di posizione dittatoriale (non ti scrivo non ti rispondo punto, quel non posso è menzogna)  deve farvi riflettere sullo stato dei vostri rapporti.

Il no contact quando è ancora in corso una relazione è inaccettabile, e lo è ancora di più se poi il fidanzato o l’amante si ripresentano a vacanze finite sbavando per la voglia di venire a letto con voi, o perché sono andati in bianco nonostante le velleità da morto di F o perché, sposato, ne ha avuto come al solito a uffa dei 2 minuti alla missionaria con la moglie.

Il no contact imposto da lui è semplicemente scandaloso.

È scandaloso che quando sta con lei tu non devi interferire col sacro rito di ferragosto, ma poi devi tornare in attività come se niente fosse.

Questa non è come vuol far credere lui la normalità delle vacanze in regime di rapporto extraconiugale o all’insegna dei rispettivi spazi di libertà da fidanzamento illuminato, è dittatura dei sentimenti, è umiliazione imposta.

Perché è semplicemente umiliante che lui non vi dedichi neanche il minimo del suo tempo, a maggior ragione perché siete lontani e dovete ingoiarvi già le vacanze separate.

E non importa che anche tu sia sposata e debba agire pure tu sotto copertura, tu lo trovi il tempo per scrivere o chiamare, eccome se ce l’hai e vuoi. Lui no.

Trovo più corretto quello che vi dice “prendiamoci una pausa di riflessione” di quello che decide per tutte e due e impone il non sentirsi tenendovi però al guinzaglio di un rapporto che non è dichiarato finito ma è come se fosse messo in stan by festivo. Almeno quello che dichiara il momento di riflessione si prende il rischio che voi lo mandiate a cgare e che, giustamente, durante le vacanze, se volete farvi il mondo ve lo facciate. Per l’altro siete ancora ufficialmente o clandestinamente fidanzati, però non farti viva che c’è lei.

Ancora più significativo il no contact impostovi dal cosiddetto separato in casa, quello che vi ha adescato assicurandovi che fra lui e la moglie non c’è più nulla tranne la gestione dei figli e l’ordinaria amministrazione. Il vero separato in casa, nel suo patto di convivenza non belligerante, pur avendo la clausola di almeno una parte di vacanze per stare insieme con i figli (se non ci sono chiedetevi come mai un separato fa le vacanze con la moglie), prevede anche che ognuno si faccia i czzi propri, con discrezione ed educazione certo, ma che se li faccia. Questo prevede che quando voglio io mi allontano e ti chiamo. E invece no. Chiedetevi allora se questa separazione in casa è stata comunicata anche alla mogliettina, perché allora c’è molto che non torna.

Insomma, il no contact, al netto delle normali precauzioni per non farsi scoprire, significa che lui non vi ama e voi, nelle sue priorità, siete in fondo alla scala, sicuramente dopo moglie amico e sua comfort zone. Se foste una carta sareste il due di picche quando a briscola comanda cuori.

Se accettate questo siete pericolosamente nella zona dipendenza, non siete semplicemente innamorate che si bevono le sue mille scuse.

Non chiamarmi non posso scriverti non posso telefonare è dittatura sentimentale, un ordine e decisione unilaterale di un uomo che dice di amarvi solo per suo bisogno e interesse.

Al no contact non solo si risponde con il no contact  ma anche con la chiusura del rapporto, e la presa di coscienza che dovete ribellarvi definitivamente a questa sua decisione che rende palese lo zero rispetto per voi, il suo “sentimento” subordinato ai benefit che gli date, fisici psicologici e morali.

Durante le sue vacanze senza di lui la prima cosa da fare è bloccarlo sui social. È una presa di posizione ferma ed eloquente che serve anche a impedirgli di fare orbiting , cioè di controllare se siete sempre di sua proprietà o vi state divertendo un po’ troppo. Via l’amicizia, eccessivo forse bloccarlo ma via subito l’amicizia. È il primo passo per voi, vi farà stare meglio riappropriarvi della dignità.

Avete paura di perderlo? Non puoi perdere quello che è già perduto o non è tuo. E non esiste strategia al mondo che possa convincere un uomo ad amarti se ti tratta così. Non si ama ubbidendo agli ordini. Men che meno si ama DANDO ORDINI. 

Devi iniziare a investire sul tuo futuro senza di lui, questo è il vero significato della sua richiesta di no contact estivo. A meno che tu non voglia vivere in una dittatura.

Togliergli l’amicizia e poi?

Serve guardare il suo profilo o quello dell’altra? Solo una volta, giusto il tempo per vedere la scena della famigliola felice che immortala il gelato mangiato in due e per rafforzare l’unica vera convinzione: lui ti sta prendendo per i fondelli e, se una crisi c’è, è la vostra, la loro coppia  regge ancora e reggerà nonostante te. Non importa se perché non te l’ha raccontata giusta, se per i figli o per i soldi. Loro reggono al punto che tu non puoi contattarlo. Fatti. Questi sono i fatti. 

Bloccare le messaggerie e il numero? Eccessivo, a meno che lui non inizi a tempestarvi di domande sul perché non lasciate che lui possa vigilare su di voi, mentre voi non potete chiamarlo o scrivergli, tanto non vi risponde. Allora bloccate.

E se è lui a bloccare voi? Beh, se siete disposte a sopportare una cosa del genere senza archiviarlo immediatamente  vi consiglio un bravo psicologo esperto di dipendenze affettive. Se mi rispondete “però quando torna poi mi sblocca” prendete appuntamento con lo psicologo domani. Non sto facendo ironia, ma a tutto c’è un limite, anche alle umiliazioni. E se voi sopportate anche questo vuol dire che non avete più il controllo su di voi, non su di lui.

Una volta tornato dalle vacanze in famiglia spesso si rifarà vivo come se niente fosse, anche se ha visto che non vi siete fatte vive. Che fare? Se non ha capito il messaggio subliminale del vostro no contact rafforzato dal togliergli l’amicizia sui vostri social avete due strade: liquidarlo con un messaggio, trattandolo come vi ha trattato lui col no contact dittatoriale o convocandolo a un aperitivo (non di più) per dirgli in faccia che avete chiuso voi e perché.

Sconsiglio l’incontro se vi sentite deboli: c’è il rischio che vi faccia su con le solite balle e ci scopiate, che è l’unica cosa che vuole davvero dopo l’astinenza estiva (non che non abbia scopato con la moglie, ci ha scopato eccome, ma sa benissimo la differenza di qualità nel farlo con voi e ha voglia). Limitatevi a un messaggio e fregatevene del suo “non si fa così”… da che pulpito! Il dittatore fa sempre lezioni di democrazia… agli altri. 

In ogni caso l’umiliazione estiva del no contact perché c’è lei deve essere un nuovo inizio per voi senza di lui. Lui Vi sta dando una grande occasione: il no contact è la prova che tutti i suoi sentimenti sono stati millantato credito e che lui non è alla vostra altezza. Approfittatene, altrimenti a Natale sarete d’accapo.

sincerely yours

per contatti anpellizzari@icloud.com


465 commenti

  1. È esattamente quello che sta capitando a me. Dopo che io ho aperto la crisi prima delle vacanze, iniziando il no contaci, lui mi ha scritto le solite cose (mi manchi, ti amo) poi è sparito. È quasi una settimana. Sui social posta foto della famigliola sorridente. Che tristezza averci perso tempo e lacrime. So che mi riscriverà prima o poi ma già da tempo è troppo tardi.

  2. Mi è piaciuto leggerti anche qui
    Ormai mi ripeto ,ma scrivi bene e poi quando non capisco o non sono d’accordo te lo scrivo ,ma
    Capita di rado
    Così eccomi puntuale come un orologio svizzero che non c’entra nulla ,ma mi è venuto così e l’ho scritto
    Che poi è perché si fa sera e i cormorani e gabbiani qui cantano ancora e la musica tra le mura antiche è celtica

    Ma sono in pausa i musicisti così pure da qui sto nel Blog e ti e vi leggo

    Non ho vissuto proprio così questo essere ignorata nelle vacnze ,ma lo ho vissuto comunque come da manuale del manipolatore che corrisponde a questo uomo che fa il Dittatore finto democratico
    Esattamente come hai scritto

    Bisogna LIBERARSENE di questi qui
    E non se ne può più

    E SPERIAMO che ad ogni tua parola scritta
    Nasca un nuovO passo sicuro che porti avanti a uscire dal tunnel
    E lasciarli senza il bisogno di spiegazioni che non servono a nulla

    Grazie Caro Alessandro questi tuoi brevi articoli
    Li sento Perle di Saggezza!

    Sto a bere sidro
    Ecco la musica riprende tra le mura antiche e i pescherecci a nanna
    Nella baia di case con i tronchi di legno colorati piantati nei muri

    Sono una tua lettrice pure in viaggio!!!
    Prosit e che sia di buon auspicio per il tuo Libro
    Gia lo sento mio da leggere e rileggere come una
    Virgola,
    UOMOTESORO❤️

      • Caro Alessandro
        Ho trovato per caso il tuo blog, mentre la nostra “storia” stava grazie al cielo finendo, dopo 5 anni che più tossici ( per me) non si può.
        Rileggo le tue parole e mi ci ritrovo perfettamente, perfino le virgole.
        Oggi quando tutto ormai è lontano e posso guardare la tempesta con il respiro della distanza e dell’orizzonte, credo che quello che ognuna di noi deve fare in queste condizioni, è pensare a se e tentare di ribaltare le prospettive e i ruoli per percepire quanto quello che abbiamo vissuto o viviamo sia in realtà insopportabile per la dignità personale.
        Accettare l’inaccettabile e desiderare l’inaccettabile. Roba folle nella quale ho sguazzato come un pesce in un acquario tossico per troppo tempo. Credo però che vivere una “storia” così ti fa diventare per forza una donna diversa e migliore e più consapevole. Come hai scritto qualche post fa, l’ Unica che non può più cascarci, è una donna che ha alle spalle un’esperienza di amantato tossico. Verissimo.
        Scrivi il libro e pubblicalo con qualche casa editrice che possa metterlo in prima linea in tutte le vetrine. A noi, ex, farà piacere, ridere, sorridere, scuotere con incredulità la testa anche, ma a chi naviga ancora in acque torpide sarà un’ancora di salvataggio.
        Grazie e complimenti per l’analisi spietata consapevole è messa a fuoco lucidissima che metti a disposizione di tutte le tue lettrici.

        • Brava hai espresso al meglio anche quello che é il mio pensiero da ex amante nel mio percorso di “ guarigione” da una relazione che mi ha dato molte più gioie che dolori.attendo anche io con ansia l uscita del libro @ale
          Un abbraccio e un grazie di cuore

        • Esatto!!! La tossicità è la cosa che ci contraddistingue in noi innamorate perse…ed è un conforto leggervi e sperare di poter vedere la luce in fondo al tunnel!

  3. Anche questo articolo è terribilmente vero! Bravo Alessandro!
    Nel nostro caso il no contact non è mai stato imposto: entrambi in ferie sempre nello stesso periodo, ed è venuto – diciamo – spontaneo. Sarà anche perché i contatti non sono mai stati frequenti durante l’anno. Ora io sono in vacanza e lui in città. È la prima che accade, ma non gli scrivo, né lo farà lui quando partirà nei prossimi giorni ed io sarò rientrata al lavoro.
    Le possibilità di stare insieme poco prima delle nostre partenze ci sarebbero state se lui non avesse trovato scuse varie… perciò non merita un solo ciao da parte mia adesso.
    Fortunatamente nessuno dei due è social e dunque nessun rischio di tour virtuali tra gli
    eventuali amorevoli quadretti familiari.

  4. Non vedo l’ora che esca il tuo libro.
    Due copie sono già mie, la seconda la regalo a lui, chissà che non ci si ritrovi.

  5. Durante le ferie non ci si può sentire al telefono (sei matta) , ma solo scrivere. Questo l’anno scorso. Quest’anno sono sparita. Ho fatto solo la cavolata di ricollegarmi su Skype che adesso dovrò abolire anche se lo uso per lavoro. C’era il suo solito messaggio divertente, della serie sdrammatizziamo, neanche un mi manchi (perché quando applico il cds lui si offende e deve essere sempre lui a recuperare quello che io distruggo) … Peccato che quando mi arrabbio viene fuori la zolla di terra che è dentro di me. Sono impulsiva e tutto fuorché una signora. Gli ho risposto di farsela dare di più da sua moglie, tanto non perdo nulla, per lui sono già una povera pazza che ogni tanto sparisce e rovina tutto. Devo dire che, però, è alquanto liberatorio…

      • Quanti ne ho tenuti dentro… quando iniziavo a chiedere spiegazioni o a storcere il naso in certe situazioni che mi puzzavano secondo lui il mio problema era sempre la sindrome premestruale….
        Non ha nemmeno idea che gli ho risparmiato più e più volte l’essere scuoiato vivo davanti a certe stronzate che scriveva solo perché sfiga mia ( fortuna sua) vuole non ce l’ avessi davanti.
        Povero idiota

        • La sindrome premestruale mi mancava. Senza vergogna. Quando allungava la mano dovevi dirgli non posso ho la sindrome

        • @mic…pure la tua sindrome premestruale ora?!?!?
          Ma quel povero cristo è perseguitato dal ciclo della moglie…dal tuo pre…dai giorni fecondi…da oginoknaus…la luna…il minotauro e il filo di Arianna!!!
          Sarà anche un affascinantissimo e colto narcisista covert…ma cm ha scritto @Ale x la tipa di Anonimo…ha rotto i maroni! 😉
          SEPPELLISCILO! ( in senso figurato naturalmente…)

          Dai Mic…un po’ di sano sense of humor…cm stai? Ti sn mancata? 😉

          Io di passaggio a casa tra una vacanzina molto divertente cn amici e una partenza cn i figli…giusto il tempo di cambiare la valigia…

          Vi ho letto a spizzichi e bocconi…stasera mi rimetto in pari…xò ho intercettato delle cose molto emozionanti e profonde (Cossora) e delle uscite divertenti da parte tua che mi hanno fatto sorridere…forza Mic…il narcisistone ha un piede nella fossa…

          @Ale…stai producendo un sacco…cm faccio a starti dietro?

          • Si vede che sono in vacanza? Scrivere per me non è lavorare ma fra il libro è la redazione facevo fatica a starvi dietro. Che bello, commentate un sacco !

  6. Sei un grande! È successo esattamente ieri sera! Alessandro stai descrivendo chiaramente ciò che è accaduto tra noi in questo mese: io in vacanza con la famiglia,lui in vacanza con la sua. Io che cerco ogni scusa possibile per mandargli anche solo un messaggino, lui che risponde forse dopo 2 giorni. Noi che ci scriviamo mi manchi ma poi più niente. Passano le settimane e io mi allontano, per difesa. Lui dopo 1 mese di contatto a spot mi manda foto e messaggi spinti come se io fossi lì pronta ad accendermi a comando. L’ho trovato offensivo e umiliante, e gli ho scritto che non si può ricreare armonia quando si è su due piani diversi di comunicazione. Ha definito la mia risposta un pistolotto umiliante… Mah!

      • Caro Alessandro e amiche di sventura ho letto con grande attenzione tutti i vostri commenti. Mi state aiutando molto, mettendo a nudo le nostre esperienze ed emozioni mi sto rendendo conto del tipo d’uomo di cui mi sono innamorata e ve ne sono grata. Purtroppo nella mia condizione di amante sposata non mi posso confrontare con nessuno, ne amici ne parenti sanno qualcosa ne capirebbero ed espormi con qualcuno sarebbe troppo pericoloso quindi sono profondamente grata di aver trovato un porto sicuro qui con voi. Mi permette di avere un punto di vista che non sia il mio, ormai esausto e viziato dalle circostanze. Oggi ho ricevuto l’ennesima testimonianza della sua indifferenza nei miei confronti. La situazione qualche giorno fa si presentava come potete leggere nel commento precedente. Al suo ultimo commento gli ho scritto se si fosse sentito umiliato dalla mia risposta distaccata ai suoi messaggi hot. Non mi ha risposto per 4 giorni, fino ad oggi perché dopo un mio tentativo di spiegazione, (mi rendo conto che ho sbagliato a scrivergli di nuovo ma ho bisogno di capire fino a che punto può arrivare), mi risponde che aveva letto il messaggio mentre dormiva e pensava di avermi risposto. Ma questo mi crede scema? A questo punto o gli sono davvero indifferente e mi ha dato attenzioni per 2 anni solo per sesso, oppure cerca di punirmi con il suo silenzio assolutamente calcolato in attesa che sia io a correre da lui.

        • ‘Tranquilla’ nessuna punizione!!
          Ti sta solo mettendo i paletti, oltre i quali non ti puoi spingere ….
          È una storia extra e tale deve e dovrà rimanere, sempre se a te va bene!!
          Non è che non provano sentimenti, solo che nel più dei casi in loro prevale la protezione della loro famiglia e della loro vita (cane compreso!!).
          Quindi o si accettano i limiti, sempre vivendo quello che di bello ci si riesce a trasmettere …. Oppure si torna al porto (tra l’altro mai realmente lasciato) per chiudere definitivamente perchè ormai si è toccato il fondo ….
          Scusa @Alice non sono una persona cinica e fredda …. Solo che queste storie che tanto ci hanno fatto sognare, hanno la capacità di riportarci alla realtà, ben distante da quanto immaginato, in un batter di ciglia!!

          • Si @ dispersa è prorpio così.. mettono paletti. O ti sta bene o ciao… e comunque non lasciano loro, sei tu stremata e delusa che te ne vai.
            Nessuna responsabilità nemmeno qui

  7. il primo anno quando non eravamo stati ancora scoperti…lei mi chiamava 3 volte al giorno dalle vacanze e io facevo lo stesso…e la rendevano più sopportabile…era bello anche quando la sera andava lei a buttare la spazzatura con una scusa e mi chiamava sul tardi…ecco nell’amantato sono queste piccole cose che ti fanno sopportare la lontananza…senza tutte queste attenzioni si soffre da cani…

    • Concordo… ed sono anche queste piccole cose che creano aspettative…
      Pensare che faccia i salti mortali per scrivere o telefonare anche in vacanza ci fa credere nella sincerità e profondità dei sentimenti
      Il mio lo faceva
      Ma poi al mio primo “ vaffanculo non farti più sentire” ha preso la palla al balzo e puff…
      Capirai quanto erano diverse le prospettive della nostra storia
      Io davo un peso a qualsiasi gesto
      Lui probabilmente lo faceva per tenermi buona

    • Quanto è tremendamente vero e quanto mancano queste “piccolezze”…racchiudevano tutta la dolcezza e il desiderio…che si fa fatica a dimenticare…

  8. A me accade il contrario. Rispetto a lui, io vado spesso in vacanza (anche mini, tipo week end) con mio marito, da soli, perché mio figlio è grande.
    Lui limita tantissimo le conversazioni, mi dice “non voglio disturbare, so stare al mio posto”.
    Io comunque continuo a cercarlo, anche con mio marito seduto di fianco, per fargli capire che penso a lui.

    Quando lui è in vacanza mi scrive quando può, appena non ha lei in zona.
    Altrimenti mi manda un emoticon che indica di non scrivergli (tipo mentre sta guidando, perché non ha il telefono in tasca e lei potrebbe prenderlo).
    La prima estate in cui stavamo insieme, quando ero in vacanza, mi telefonava tutti i pomeriggi.

  9. Tutto vero quanto è scritto: non è possibile che in un mese o anche in una settimana non trovino neanche un minuto libero per un messaggio o una breve telefonata (non vanno neanche in bagno???). …non capisco però una cosa? Perché scelgono deliberatamente di sparire così? Qual’è il percorso mentale se poi, a vacanza conclusa, tutti decidono di ritornare.

    • Il percorso è non rischiare con la moglie che conta tantissimo e mandarvi un chiaro messaggio: stai al tuo posto quando torno ti scopo e zitta

      • Sai Alessandro certe volte come questa tua frase di esempio
        Mi fanno male ma non fraintendermi
        Nel senso che sono purtroppo cose così VERE percepite che appunto solo che leggerle mi fanno avversione

        La mia terapeuta mi ha detto che una delle dimostrazioni della mia autonomia dalla relazione con quella specie disumana di ominide

        È il fatto che provo disgusto
        Come ad esempio a leggere così chiaro ed esplicito l’intento Dittatoriale e brutale privio di rispetto

        Efficace Alessandro
        E quanto serve leggere guardando in faccia la realtà delle cose
        Così dolorose che qui quanta fatica leggo da parte di chi ancora non riesce a staccarsi e trova scuse su scuse piuttosto che …..
        Appunto
        Bravo Alessandro utilissimo commento!!!

  10. Grazie mille Alessandro! Vorrei avere conosciuto il blog prima! Esattamente quello che succedeva a me: “in vacanza non posso scriverti, sono controllato”. Ed io, per quieto vivere e perché temevo di fare l’amante rompipalle, non ribattevo più di tanto. Una volta, al ritorno da un weekend con la famiglia felice, l’avevo “rimproverato” (si fa per dire) e lui aveva risposto: mica sono come mia moglie che sta sempre al telefono a mandare messaggi a chissà chi (ovvia implicazione), io sono diverso.

    L’unica volta in cui, durante la vacanza, ha scritto costantemente è quando poi, al ritorno, è passato in quattro giorni da 100 a 0, quindi oltre al danno pure la beffa…
    Non finirò mai di ringraziare te Ale e le altre, davvero. Siete il mio conforto quotidiano e mi aiutate ad uscirne, mi sento ogni giorno più forte (anche se, lo ammetto, ho giornate veramente buie). Siete ben diversi dai pochi amici che conoscono la mia situazione e che, giustamente, non si capacitano che a distanza di mesi io non l’abbia ancora cancellato dalla mente. Lo capisco, se non lo si prova non è facile mettersi nei miei panni, ma prima di conoscervi era doloroso sentirsi dire: dai, vai avanti, è finita, come fai a starci ancora male e poi dovevi aspettartela ti sei messa con uno sposato, etc.
    Grazie di cuore

    • Cara Alberta
      Ti capisco proprio qui quando esprimi il tuo starci bene qui insieme a tutte/i noi e ovviamente in primis con Caro Alessandro e tutti i suoi scvritti e commenti in confronto agli amici che una volta che si è chiusa la relazione verissimo si aspettano un naturale cambiare e lasciarsi alle spalle la esperienza e non riescono a capire come sia possibile invece attraversare un grande disagio doloroso

      Ho vissuto la stessa cosa con i miei amici perché purtroppo chi non ci è passato nella dipendenza affettiva e nel rapporto brutto e offensivo della propria intelligenza e dignità ecco resta impossibile capirci

      Uno dei risvolti dolorosi nostri è il senso di profonda solitudine dovuto proprio a ciò che hai scritto riferito agliamici che difficilmente capiscono soltanto chi lo ha vissuto può veramente capire che bestia sia la dipendenza che è nata dal nostro prestarci troppo innamorate sincere a questi uomini privi totalmente di vera autentica empatia

      Un abbraccio cara Alberta ti capisco!❤️

  11. Il no contact in vacanza non solo è sinonimo di normalità con la moglie senza crisi ne’ altro ma è proprio un DI TE NON ME NE FREGA NIENTE.
    Io questo proprio non lo accetterei.

  12. Come in un match …. KO!!
    Grazie @Ale …. Ma sta volta questo silenzio l’abbiamo scelto assieme e al ns rientro non sò cosa mi (ci) aspetterà!!
    L’epoca delle favole è finita ….

  13. Uno spunto di riflessione nuovo. Partito per le vacanze di coppia un messaggio banale, rispondo con cortesia e poi più niente (toccava a me il secondo messaggio evidentemente ma ne ho fatto a meno). Dalle vacanze è rientrato ma non ne ho notizie. Dopo venti giorni oggi per la prima volta da un anno e mezzo ho realizzato che non devo rincorrerlo ma lasciarlo dove ha scelto di rimanere.

  14. Mi ha sempre scritto. L’anno scorso di meno, io lo volevo e quando addirittura telefonava mi pareva la festa di Sant’Ambrogio..va detto che la località era nostalgica ed ero coi miei.
    Quest’anno ero in un posto più divertente coi miei ragazzi e un’amica molto free, separata con figli. Meno attenta al cellulare e alla frequenza in generale, sinceramente meno sottostress da tempo con lui.
    Non mi mancava con tristezza, era una nostalgia a volte romantica a volte hot.
    Però mi chiamava e scriveva sempre e con gioia, messaggi piacevoli io non ero mai risentita. Se mi chiedessero di tornare alle montagne russe dell anno scorso.. non credo. Io sto meglio ora.

  15. Vi spiego Il comportamento del mio amante durante le vacanze. Ogni volta che parte con la moglie mi dice scrivimi messaggi di tanto in tanto, fatti sentire…. ma io non gli scrivo, evito. Passati massimo 5/6giorni scrive lui un messaggino. Alessandro come definire quest’uomo? Paraculo?

      • Non ci siamo mai detti di esser innamorati… infatti non so se è giusto definirlo amante o trombamico. Però resta il fatto che in questa faccenda non c’è più la leggerezza dell’inizio e inizio ad essere turbata!

    • Ma se non gli vuoi scrivere mentre è in vacanza non puoi dirglielo direttamente? Invece che non scrivergli sperando che lo faccia lui?? Noi non ci siamo detti niente, io non gli ho scritto e nemmeno lui l’ha fatto, la vacanze sono finite e così si è conclusa questa storia. Finalmente anche se con dolore e con estrema delusione perché speravo in una conclusione diversa ma comunque almeno si è conclusa.

      • Hai ragione, ma in fondo in fondo credo che desiderassi che facesse lui il primo passo! Contorta la mente umana. Con lui voglio tutto e il contrario di tutto!

  16. Il mio è stato più abile di tutti… prossimo alla partenza faceva in modo di farmi stranire in modo tale che fossi io a non cercarlo… e quando poi rientrava dalla vacanza mi contattava subito… amore, spero che ti sia passata l’incazzatura nei miei confronti, io ho rispettato il tuo silenzio …ma ora basta, dai, facciamo pace, mi sei mancata da morire…due moine e tac, eccomi di nuovo alle sue dipendenze… questa cosa è durata 3 anni, all’inizio non avevo capito che la sua era una tattica… poi la luce mi si è accesa, e l’amor proprio ha preso il sopravvento. L’ho bloccato su tutto quello che potevo, mi ha mandato una e-mail sulla posta dell’ufficio, chiaramente non ho risposto. Mi ha chiamato in ufficio, gli ho risposto garbatamente che se avessi voluto parlargli non lo avrei bloccato. Ma sapete una cosa? il mio cuore si era follemente innamorato di lui, ed anche se la ragione rifiutava in modo potente questo sentimento il cuore continuava a battere forte per lui e la sofferenza era lancinante da lasciarmi senza respiro, ho amato l’idea che mi ero fatta di questa persona, ho amato la finta “bolla” che mi ero costruita attorno al nostro NOI, più di tutto ho amato la bellissima sensazione di amore adolescenziale che non ricordavo più. Peccato solo che sia stato per lui.
    La scelta è solo nostra, loro giocano le loro carte…
    Grazie Alessandro, sei sempre illuminante, ogni volta che scrivi lo sei un pezzettino di più.

    • Sei stata molto forte e coraggiosa una vera Superdonna. Quello Che ti è successo sua di insegnamento e monito per tutte le altre

    • Alison, sei stata anche te molto illuminante nel descrivere come quella che ci manca e che rimpiangiamo è l’immagine che ci eravamo costruite di questi uomini e della relazione con loro, non la realtà.
      Alessandro giustamante ci cazzia quando facciamo orbiting dopo aver applicato il cds, perché sa che è fonte di sofferenza (ed è vero)… Ma per me vedere “da fuori” come lui si è comportato con le altre dopo di me è stato fondamentale per rendermi conto di com’è veramente la persona con cui ho avuto a che fare, di fatto sta aiutando il mio distacco. Tant’è vero che ad oggi se ho dei rimpianti è perché vorrei riavvolgere il nastro ai bei momenti dell’estate scorsa, ma se me lo ritrovassi davanti ora, credo che prevarrebbe la nausea…

  17. @alison hai colto il punto. Io non so più nemmeno cosa sono. Il mio è amante ombra che non ha voluto neanche più far l’amore con me l’ultima volta che ci siamo visti. Questo perché mi vuole bene.. ‘davvero’ e non ce la fa a gestire tutto. Le ho provate tutte ma mi ha allontanato in tutti i modi.. salvo poi qualche parolina qui e lì per illudermi o per il suo ego. Io ero quella che doveva consigliargli la macchina. Ecco.. e’ Sparito ovviamente.. ma non posso neanche dire che stiamo più insieme. Ho botte di nostalgia tremenda. Giorni va meglio giorni peggio. Ho provato ad invitare un’altra persona che mi piace ma.. andata male pure lì. Spero di uscire dal trip e di applicare il codice del silenzio seriamente. È odioso sentirsi legati anche solo da una parola.. una mattina mi ha scritto buongiorno ed ero felice solo per questo.. non è normale. Graxie a tutte e ad Alessandro

    • Ecco l’amante che non vuole fare più sesso è un capitolo del quale devo scrivere, un segnale molto chiaro per provocare il vostro distacco

      • Ho passato 19 estati ed altrettanti natale Pasqua ecc ad aspettare i suoi messaggi .. mi scriveva quando aveva voglia nonostante la moglie sapesse tutto fin quasi dal primo anno . Non facciamo sesso da almeno un paio d anni . Quest anno me ne sono andata in vacanza io . Al mio ritorno mi ha detto che è in crisi , che non vuole più dire balle a nessuno , che ha raccontato tutto a sua figlia e che se n è andato da casa. Per tutti questi anni ci siamo visti tre o quattro volte a settimana c erano le sere con me e la domenica . Il resto a casa. Adesso dice che la sua vita non gli piace più che deve ritrovare la sua dimensione e praticamente non ci vediamo quasi più . Ha 50 anni dice che deve rivedere tutta la sua vita . L ultima volta che l ho visto mi ha detto che non vuole legami e vuole stare solo .. e che ha capito con suo grande spavento che ha un interesse per una collega trentenne .. sto malissimo non so più cosa credere o pensare

        • Ho capito bene? 19 anni? Scusa ma in questo caso la responsabikita è anche tua. Nessuno può aspettare tanto per svegliarsi

          • Certo lo so . Non so come ho fatto . Ho vissuto in una illusione una favola non so più niente . Pensavo fosse innamorato di me come all inizio , l’anima gemella . . È pazzesco lo so ma io ci ho creduto così tanto in questo amore e purtroppo ci credo ancora

          • Quest anno sono 20 anni . La responsabilità è sicuramente anche mia . Adesso lui ha lasciato la moglie con la quale non c entrava niente anche grazie a me ma non per stare con me . Non si può certo dire che non gli abbia voluto bene . Ma io non ho più niente . Sono un idiota ho pensato solo a lui per tutti questi anni e mi sono annientata . Adesso la pago cara

          • 20 anni sono uno sproposito: anche per questo fai che la tua vita sentimentale non finisca qui

          • Perché ci facciamo così tanto male non lo so più . Perché non ne usciamo non lo so . So solo che ho voglia di un cielo limpido che son stufa delle balle che son stufa di far dipendere la mia vita la mia unica vita da un atro ancora più da uno al quale non frega un cazzo di me . Ci ho messo vent anni perché ci credevo e non so come ne uscirò

          • Non farò terapia Alessandro mi arrangerò da sola come ho sempre fatto . Se hai bisogno di qualche spunto per qualche libro prendilo pure da me . Io non farò terapia non ci credo e non ne ho bisogno . È più facile che faccia il cammino di Santiago .. o altre cose per conto mio

          • Era un consiglio qui non ci sono medici. Lui? Se non lo conosci tu dopo quanto anni?

          • @cla…nn sei la prima che nn crede nella terapia! E va bene…io ad esempio sn sicuramente stata cn un borderline narcisista e ci ho fatto 2 figli…e pensa che l’ho scoperto qui! A storia finita e sepolta, dopo che ne ero uscita da sola, sputando sangue e lacrime solo xchè cercavo risposte su una storia di amantato successivo! Oggi mi chiedo se magari andando da un terapeuta mi sarei risparmiata qlche anno di sofferenza…
            Mah…chi lo sa…
            Cosa pensiamo del tuo LUI? Mi piace la provocazione di @Ale…se nn lo conosci tu?
            Cosa dovremmo pensare secondo te…cn 3 cose in croce che sappiamo? Vuoi un’assoluzione? Vuoi sentirti dire che è pessimo? Oppure vuoi che lo giustifichiamo (cm un po’ stai facendo tu…crisi dei 50 anni etc etc)?
            Sai cosa penso? Penso che è un GENIO!
            Uno che riesce x 20 anni a tenere lì una moglie che sapeva di voi già dal primo anno, che riesce a tenere nella terra di mezzo un’amante x altrettanti anni…addirittura senza farci più sesso da 2 (maddaiiiii…che è?!?!)…e che a 50 senza tanti cazzi&mazzi avvisa la figlia e saluta tutti…ah no scusa…nn è solo un genio! È UN GENIO CON DUE ZEBEDEI COSÌ!
            Cla, se leggi bene nel blog è pieno di 50enni senza palle che nn lascerebbero la moglie manco se questa avesse fatto un porno di successo con Rocco Siffredi! Sn per la maggioranza in fase di atterraggio cn carrello già fuori cm ha detto Cossora…hanno paura della loro ombra e rispondono sempre alla domanda di cosa gli conviene!
            Il tuo l’ha fatto per un lungo tempo…e voi (tu e la moglie con motivazioni diverse) l’avete assecondato Cosa gli conveniva? Avere la moglie che gli ha cresciuto la figlia…e una “seconda moglie” x tutto il resto! Ora siete diventate entrambe inutili nella vs “mansione. E lui che DIFFERENTEMENTE dai nostri AMICI, gli zebedei probabilmente ce li ha ancora dove devono stare e li vuole usare…se ne va a cercare felicita! PUNTO!
            La figlia l’ha cresciuta, la moglie magari è pure indipendente, tu…tu eri lì senza contratto…in nero…niente di più facile da licenziare!
            Spero x te, nn gli abbia dedicato gli anni più belli della tua vita in toto…senza costruirtene una tua Cla…altrimenti il Cammino di Santiago nn basta…quello che voleva delicatamente suggerirti @Ale (ma io sn un caterpillar) è che il problema qui nn è IL GENIO (che la sua vita se l’è costruita cm voleva) ma TU!
            Un grande in bocca al lupo Cla… qualsiasi strada x uscirne tu decida di intraprendere…

          • Ciao @cla, come @ep ha detto saggiamente io spero che tu in questi 20 anni abbia costruito anche te stessa. Sopratutto spero che l’esperienza che hai vissuto possa essere da te essere rielaborata per trovarci insegnamenti, momenti belli che, di per sé,sono valsi la pena e ragioni per passare al gradino successivo. @ale ripete spesso che le storie di amantato, ripulite di tutti i loro aspetti, sono storie come le altre e possono anche finire. Quando si chiude una storia (a meno di non aver incontrato un mostro manipolatore ma, vista la durata della tua storia non credo lui lo sua stato) ci si lecca le ferite, si soffre e si deve resistere alla tentazione di pensare che lui ci abbia mentito sempre. Non è cosi. Quei momenti belli ci sono stato ed era lui e diceva il vero, quello che sentiva. Ora siete cambiati entrambi. E lui non è più quello di prima. Ma lo è stato, ti ha amato. Fa male, lo so. Ma ora , dopo aver rielaborato il dolore, dedicati ad amare te stessa. Sei una donna piena di possibilità. Guarda oltre, l’orizzonte è sempre lì ed è infinito. Metti ciò di bello che hai vissuto sulla tua corona, come fosse un gioiello, e procedi nella tempesta. Non pensare sua stato tempo perso o un fallimento. Non lo è mai.

          • 20 anni sono un vero e proprio matrimonio parallelo poi. Battuti tutti i record del blog

          • Cla, EP ha ragione, lo so le sue parole sono affilate come rasoi, ma delle volte è necessario esser messe brutalmente davanti alla realtà, se no continuamo a raccontarcela.
            Dai coraggio, non so quanti anni tu possa avere, ma non importa.
            Rimettiti in cammino, anche se ora non sai dove andare, l’importante è che tu metta poì distanza possibile tra te e lui.

          • @Ep

            Ciao cara Ep sei riuscita a farmi uscire dalla mia tana privata in qui mi sono rifugiata per un po di tempo mio privato

            Ma a leggerti qui ,perché non mi perdo mai un tuo scritto da tanto sento il tuo vento buono che arriva ovunque nel mondo per chi ti legge

            Bene detto questo
            Mi sembra importante fare una riflessione circa il terapia si o no soprattutto anzi direi esclusivamente partendo da chi ha sofferto così tanto ma così tanto nel re
            Azioneare con un uomo sia esso marito amante non importa

            Pertendo dal,fatto quindi di una grande sofferenza in cui il tempo che scorre e nel quale si sta sempre peggio o comunque senza intravedere nessun movimento da parte del nostro lui e cioè si vive nella relazione in cui noi donne diamo e diamo e diamo e diamo e lui schiaccia o immobile staziona immagini bile

            Una evidente sproporzione
            Io do a te
            Cio
            Che tu dai esatta uguale a me

            Equilibrio che oggettivamente fa funzionare una relazione SANA

            Allora partendo dal fatto che chiaro
            Ognuno DEVE essere e sentirsi LIBERO di fare le proprie scelte senza per questo sentirsi criticato in senso negativo o sentirsi quindi come ancora più giu di morale perché magari gia si soffre da cani e ancora bisogna a volte sentirsi dire no devi fare questo al posto di quell’altro

            Credo questo che nei casi come i nostri dove si è vissuto in una sofferenza temporale e chiusi in un circolo chiuso in cui portate allo stremo scatta lo spirito difensivo sella sopravvivenza per cui tu stessa sei riuscita a staccarti dal marito Narcisita Borderline

            Io stessa ma come amante inconsapevole di esserlo ho avuto a che fare con Narci Border
            Consoderato il Più invasivo e devastante tra altri disturbi del comportamento

            Che voglio dire che secondo me quando pure qui soprattutto noi che similitudine di esperienza con uomini siffatti
            sento in me stessa come una spinta positiva a dire in alcuni casi qui scritti di caldeggiare il fai terapia perché non solo ti risparmi una tonnellata di disperante sofferenza ,ma evolvi meglio e in modo protetto e sicuro in tutte le successive eventuali relazioni

            Chiaramente SICURO e CHAPEAU tu sei riuscita. a fare l’impossibile e veramente ti sento una Donna straordinario come del resto SEMPRE
            Questi uomini disturbati si scelgono SEMPRE il max di tutto che può avere una Donna fuori e dentro di se

            Ma sia a Cla come ad altri casi drammaticamente evidenti o per duranta o per tipologia di sofferenza la Terapia secondo me va prospettata come una soluzione UNICA

            Mi spiego
            O si pensa che la Scienza la Ricerca scientifica La Farmacologia
            Non cnti nulla

            Okkei allora capisco che uno non si curi
            In fondo non tutte le persone prendono un antibiotico e preferisce farsi la camomilla per carità

            Non significa per me che chi sceglie
            Altre vie sia da giudicare male

            Non è questione di giudicare
            Ma per me che Credo nel progresso scientifico sono cresciuta accanto e dentro immersa nella medicina
            Forse accanto a mio Padre sono stata educata al interesse e a dare un Valore inconfutabile ed inestimabile al progresso scientifico in campo medico e che oggi è strettamente già da tanto tempo in una forma integrativa con la medicina

            Che come sorelle soprattutto nel campo di questi problemi si danno la mano

            Ergo per me resta un DOvere morale
            Mio in alcuni casi eclatanti poter scrivere come sempre ho fatto pure a rischio di essere tacciata come noios aeccessiva o magari tutti contro a pensare sei la solita che parli sempre di terapia

            Non sono una psicologa ,ma sono due cose importanti qui

            Una vittima da relazione tossica con Seriale Narci Borderline

            H fatto due tipologie di terapie
            E caspita se mi hanno fatto VOLARE verso la uscita e soprattutto facendomi sentire e non soltanto capire dove risiede in me il GANCIO in cui questi tipi di uomini disturbati si attaccano

            Chi vive queste relazioni sicuro ha un gancio dentro alla sua storia personale
            Quindi finché con la terapia non si individua questo Gancio la probabilità di RIPETERE nella vita la stessa cosa esperienza è Elevata

            Ho cnoscouto in terapia di gruppo molte davvero molte mogli amanti ex che non avendo fatto terapie negli anni successivi al primo evento hanno ripetuto gli stessi problemi e cioè si sono fatte agganciare perché il GANCIO era ancora INCONSAPEVOLE e PRESENTE

            e qui mi fermo e scusate la lungaggine
            Ma sottolineo che qui non è il mio intento NON È tipo sponsor di terapia

            No ognuno è sempre libero di fare le sue scelte ,ma ESISTE una oggettività scientifica che fa risparmiare tonnellate di sofferenza e secondo il mio vissuto la cosa peggiore a non rivolgersi alla terapia è il fatto di non poter scoprire a come fare a individuare ciascuno il peroprio gancio interiore che è quello per cui se non ora prima o poi é SICURA la ripetizione di cio che si era vissuto prima

            Carissima Ep e Clo e tutte quelle che si sentono così con storie similari e ancora in una incertezza del che faccio adesso
            Terapia si o no

            Giusto ognuno viva la sua scelta ,ma ho sentito la mia spinta di persona che ha vissuto nella propria carne fino a dentro il nostro inferno e sicuro mi sono risparmiata il peggio e sicuro mai più vivrò una relazione tossica perché oramai conosco il mio Gancio e so cosa fare

            Per me è terapia si

            E sicuro un abbraccione a te Ep e Cla e a tutte qui

            ❤️

          • @Ep
            Scusa nel mio commento ho sbagliato a digitare e va sostituita la parola medicina con psicologia quando si danno la mano

            Questo il senso che si danno la mano

          • @Oldplum
            Ben trovata pure tu come vedi mi hai fatto uscire dal mio privato momento in cui sporadicamente scrivo

            Molto mi è piaciuto leggerti qui perché sono d’accordo che sempre nella vota di ciascuno sia aempre importante e di aiuto a crescere trovare in ogni esperienza anche la più dolorosa il saper guardare il bicchiere mezzo pieno sapendo quindi chliere anche l’insegnamento che sempre ogni esperienza di vita contiene ed è infatti importante poterlo individuare e fare proprio ci spinge ad evolvere

            Qui anche ci tengo ad esprimere il mio pensiero che sta diverso a ciò che qui hai espresso e cioè che il fatto che una relazione sia durata così tanti anni esclude il fatto di essere stata vissuta a contatto con un manipolatore

            Allora purtroppo non è così ma semmai esattamente il contrario!!!!’

            Mi spiego meglio

            Una relazione SANA prevede sempre
            Che sia priva di un do di più il di più

            No do a te esattamente ciò che tu dai a me.

            Allora ovvio che se la relazione già si vive condividendo due partners in contemporanea è intuitivo capire che non vige equilibrio

            Perché se ho moglie e pure amante
            Chiaro che non posso dare esattamente come tu dai a me

            Ergo SICURO relazione destinata a fallire priva di equilibrio
            Perché uno dei due da al altro di più

            Ego quando la amante e pure la moglie ciascuna accetta di dare di più allo stesso uomo significa DIPENDENZA

            Quando poi dentro a se stessa la donna che si divide piegandosi a questo circolo chiuso in cui PASSANO ANNI e continua due cose

            A starci sacrificando se stessa (Dipendenza affettiva)

            Ci sta ma SUBISCE e SOFFRE COME UN CANE

            è sicuro DIPENDENTE AFFETTIVA
            di un Manipolatore

            Più passa il tempo più la relazione DIVIENE TOSSICA

            lo stampatello scusa lo usato come evidenziatore per tutte noi

            quindi purtroppo qualunque relazione che non si base sul equilibrio del dare e che si riferisce a tutto tempo cura ecc

            Non può funzionare MAI
            E chi ci sta troppo tempo e il tempo aumenta significa due cose soltanto

            Si ha a che fare con un manipolatore e una dipendente affettiva
            Uguale relazione tossica

            È PROPRIO IL TEMPO DI DURATA
            che determina questi risultati e tipologia di danni di sofferenza.

            Ciao Oldplum invece è molto SANO E BELLISSIMO concentrarsi COMUNQUE
            Sul fatto che ogni esperienza contiene un sole la bellezza della opportunità
            Di CRESCERE se solo avremo voglia di amare meglio NOI STESSE!

            Un Bacione cara Oldplum❤️

          • Ciao @Ariel. Non so, non saprei, ma tendo comunque a considerare l’ipotesi più ottimistica. Vero, come dici tu, che sopportare 20 anni di promiscuità richiede una buona dose di “sottomissione”. Un po come le mogli che accettano di vivere vite con mariti distratti, assenti o egoisti che ci rimangono per paura o per necessità. Quando ci si abitua alla pochezza, poi risulta difficile abbandonarla. Ma nella pochezza (a meno di non essere masochiste) qualche ragione per rimanere deve esserci stata. Per cui non credo che l’uomo in questione non abbia dato, oltre che ricevuto, belle esperienze emotive. Per questo credo @cla soffra: perché può essere che quelle le bastavano e forse neppure lei voleva davvero una storia diversa se l’ha vissuta cosi tanto a lungo. Non so. Dipende da tanti fattori.

          • Si certo @Oldplum ogni esperienza contiene i suoi diversi motivi e i suoi perché,ma vedi il funzionare umano in una relazione a due tra uomo e donna e qui di sia in matrimonio o convivenza sia amantato o fidanzati o giovanissimi o adolescenti equivale di base perché possa funzionare alla regola matemeatica de essere alla pari in ogni cosa tempo cura aiuto scoparsi scoprirsi

            Ogni volta che perdura il do di più
            Crolla la autostima e la relazione e produce danno psicofisico ciascuno a seconda ovviamente del proprio vissuto

            Infatti è trasversale la regola alla pari ti do
            Qualunque relazione di coppia scoppia SICURO quando uno dei due SI PIEGA DI PIÙ

            Ciò non significa che la parte del lui o lei che da meno non possa essere stata percepita. Positivamente
            Ma bisogna pure ,secondo me,mai dimenticare che se questa percezione del aver sentito bene viene da chi ha dato di più perché l’altro essendo occupato ovviamente dava di meno

            Mi pare possa essere legittimo il dubbio che ovvio che se si accetta di dare di più sia presente una dipendenza sottomissione e che qui di oggettivamente ovvio che chi accetta o ha accettato uno squilibrio del dare se si sta sottomessi si è per natura portati a vedere soltanto il positivo o meglio tant’è pure dopo aver visto che in effetti le cose così non possono funzionare se conservo meglio in primo piano la parte minore di quantità ricevuta è una prova per se stessi che vi è stata o si è ancora dipendenti affettivi

            Io stessa avevo tutto il mio entourage famigliare e di amici veri che mi dicevano ma mandalo afan… non ti accorgi che stai piegata ?

            Ed io rispondevo si è vero,però lui è tanto caro sa esserlo se vuole
            È che non può non ci riesce non è mica colpa sua

            Vivevo in una relazione sbilanciata totale e pure appena lo avevo mollato sol vero cds senza più voltarmi indietro facendo la mia terapia ma soprattutto quella di gruppo mi resi conto che si dopo le mie prime ammissioni vero è uno str….eccecce di negativo poi in realtà di nuovo ne parlavo comunque bene guardavo in priorità finale del mio esprimermi nel gruppo con altre come me niente non ci sta verso perché si str…ma tanto caro e che comunque era stato anche dolce e tenero

            Ma non funziona così per poter essere davvero fuori dalla dipendenza interiore che si mantiene pure se la relazione si e chiusa

            Comprendi Oldplum ??
            Finché ci prevale il tanto caro pure vero che lo sia stato in alcuni momenti siamo ancora dipendenti affettive dentro che significa sicuro che se non lui perché lo abbiamo lasciato ,se non mi curo sarà di nuovo uguale nella prossima relazione il nostro essere dipendenti il nostro ti do di più

            Alla pari sempre infatti tu hai messo giustamente in evidenza che vale pure in un matrimonio ovvio finche ci si sottomette accettando il ti do di più perché poverino ecc. non può funzionare

            Allora poi uno disperato sta umano si fa l’amante
            Senza avere aquisito dentro di se che passa dalla padella alla brace
            Perché si ripete il medismo comportamneto
            Perché tra amanti
            Già in partenza il do di più è implicito essedo una relazione dove si condivide in mezzo ad altro partners il tempo esempio
            E quindi fa cadere la regola universale del rapporto

            Ti do di più
            No tanto uguale!

            Buone riflessioni!❤️

          • eh, ma appunto @ariel, lo dici tu stessa. l’amantato è ovviamente una relazione sbilanciata sin dall’inizio, dove uno da di più e l’altro da in relazione alle sue esigenze domestiche. per cui,secondo il tuo ragionamento, è già una relazione viziata o manipolativa quando nasce. da qui arriviamo al punto che una persona che si infila in una cosa del genere SA fin dall’inizio che si parte sbilanciati. Cova magari poi il sogno di un riequilibrio della situazione e lotta per questo. Ma in tutto questo, scusami, le vogliamo considerare le responsabilità di chi ci si mette dentro una cosa del genere? io non mi assolvo. anche io sono partita con l’idea che non avrei mai voluto sconvolgere gli equilibri familiari che ho dato per scontati e che ben conoscevo. Poi, di fronte al nascere (seppur reciproco) di un sentimento, ho iniziato io a pretendere di più. Quel di più è arrivato in parte; nel senso che nel tempo trascorso lui si è piegato sempre di più alle mie esigenze. per cui, alla fine, l’ho manipolato anche io? forse si.
            Tutto questo per dire che le responsabilità sono condivise (e sto parlando di persone innamorate e mediamente sane, non persone bastarde, stronze e afflitte da malattie mentali). secondo me, alla fine, ogni storia è a sè e spesso il confine tra manipolato e manipolatore è molto sottile. quando inizi inizi per gioco. poi subentrano i sentimenti. allora lì vien fuori la manipolazione MA da entrambe le parti. l’amante vuole che l’altro cambi la sua vita, l’altro vuole che le cose rimangano così ed ognuno si comporta in modo che l’altro risponda alle sue esigenze. Quindi l’amante inizia con le richieste, i musi e le minacce di andarsene e l’altro inizia spesso a far promesse che sa di non poter mantenere. Entrambi manipolano, rispetto al patto iniziale. Anche il CDS fatto per riattirare lui è pura manipolazione. Il cds va fatto solo per disintossicarsi, quando si è convinte che così non va, non per vedere se torna.
            Insomma, è un gran casino. Bisognerebbe essere persone che vivono le cose come vengono cercando di trarre il massimo beneficio dalla relazione (in termini di amore dato e ricevuto) senza pretendere nient’altro. se poi inizia il dolore, beh, allora è finito l’amore.

          • Io la parola manipolazione la riserverei alla fase delle promesse disattese, per intenderci la lascerò vivremo insieme e poi non lo fa. Balle per ottenere qualcosa insomma, sesso, no rotture e scenate, tempo. Ciò vale per gli amanti entrambi sposati dove un equilibrio di partenza comunque c’è ma io credo anche fra amanti dove uno è impegnato e l’altro no. Il non impegnato nel momento che si mette con lo sposato accetta, se gli è stata detta tutta la verità, ipso facto le regole del gioco. E non credo che all’inizio già dal primo mese sua innamorata o covi speranze per il futuro. E se lo fa è un problema suo. Posso sperare che un uomo con l’anello al dito un giorno mi scelga ma se mi ci metto insieme per quello è un presupposto sbagliato ed è di mia responsabilità. Gli uomini che promettono la luna sapendo di non possederla sono dei truffatori di sentimenti ma quelli sposati trasparenti Patti chiari da subito non li puoi chiamare manipolatori.

          • Caro Alessandro secondo me se non ci si trova d’accordo qui tra noi adesso che ne espriamo il pensiro a monte il principio base spda cui partire per riuscire a parlarne in modo costruttivo non si va da nessuna parte

            Mi spigo
            Il mio pensiero che ovvio si basa sulla mia esperienza tutta umana che significa la mia storia perso la mia esperienza di moglie e amante perché comunque pur non sapendolo al inizio non è che dopo mi sono staccata dentro a me stessa dalla mia dipendenza e sentimento,quindi sono stata pure un amante

            La mia esperienza di terapie varie

            Tutto questo insieme mi ha condotto al principio base padre di qualunque comportamento individuale che prevede che la Scienza medica e psico ha Scoperto e ricerca attiva che ogni nostro

            Pensare
            Fare
            Agire

            È mosso da leggi e reazioni di comportamento

            Ergo e vengo al dunque

            Chi sceglie di farsi l’amante pur essendo consapevole che è innega Oggettivamente che va a infrangere la legge del do uguale impossibile a realizzarsi

            Significa già al inizio sono dipendente affettivo
            E la maggioranza guarda caso sono Donne infatti qui subentra che è l’uomo che comanda perché in percentuale infatti non molla la moglie

            Non solo ma il fatto che si dica si pensi ma sai l’uomo maschio è diverso ha bisogno di scopare e sai insomma in fondo ha le sue esigenze sessuali si deve scopare

            Okkei qui non c’entra affatto nè la morale nè i costumi
            Ssmpre tutto deriva dalle leggi di comportamento che sono state scoperte come comportamento universale che non significa omologazione ,ma reazioni di massima ovviamente con tutte le variabili individuali presenti in ciascuno di noi

            Ergo o si decide che La psicologia medicina insieme sono una balla

            E allora il tuo ragionamento può ovviamente seguire il suo corso nel senso a pieno diritto di essere discusso commentato,
            Sempre che sinescluda il valore della Scienza

            Nel momento incui ad esempio per chi la pensa come me e cioè che l’assunto di base è che siamo strutturati nel nostro essere ed agire da leggi Scientofivhe universali,questo impedisce di poter interagire con un scambio di pensiero verso chi e non so la tua posizione non mi e chiara qui in questo tuo commento,
            E si perché leggendoti sebra che il tuo esprimersi escluda l’assunto di base Scientifico psicologico

            Scusa la lungaggine ma era per dirti che mi pare importante che si possa chiarire appunto su quale assunto di base formuli il tuo pensiero

            Altrimenti ovvio sarebbe ad esempio per me escluso poterne interagire cioè esprimere sui tuoi convincimenti

            Non so se sono riuscita a spiegarmi
            Interessante e molto di Valore questo scambio!!

          • Cara Oldplum da ciò che scrivi sei in una tua fase ,secondo me, molto positiva perchè sei in un passaggio importante
            Un bivio che per esserci giunta significa che qualcosa di ciò che che hai letto ti ha mosso

            Questo sta ottimo perché appunto essere mossi muove al cambiamento piano piano

            Cambiare è la strada della nostra vita e adesso leggendo la tua risposta sento istintivamente che sia buono e meglio non aggiungere altro perché quando qualcosa ci muove appunto occorre il proprio tempo per arrivarci non certo col la testa ma con la pancia cuore emozioni

            Ecco perchè grandi concetti necessitano grandi tempi e passi e sono certa che saprai arrivare a cambiare riuscendo a essere giustamente nella tua individualità unita a qualcosa che fa parte del universale una unità che unisce anziche separare le idde.

          • aggiungo @ariel che se non siamo di fronte a uno stronzo patentato ma solo ad uno che non ha i coglioni o non è abbastanza preso per prendere decisioni drastiche, non possiamo tout court metterlo alla gogna pensando che tutto quello che ha dato sia stato puro fumo negli occhi. Chi è che inizia una relazione con un uomo sposato pensando fin dal primo incontro che sarà l’uomo della propria vita? poi i sentimenti vengono, vanno, sono più o meno forti e coraggiosi…ma di fatto io credo che ognuno ama come può e nelle relazioni lunghe con persone mediamente sane ci sono momenti autentici che non vanno cancellati o negati. nella relazione siamo quelle persone lì in quel momento lì. i sentimenti che esprimi valgono nel momento in cui ci sono e in cui li esprimi. poi, come nelle relazioni normali, le cose possono cambiare. è la vita. ma non è che uno è sempre stato stronzo perchè smette di amarti o non vuole lasciare la sua vita (di merda) per un’altra magari migliore. anche perchè secondo me considerando che è stato tutto solo un’invenzione (e non lo è) esci solo pazza e con la sensazione di non conoscere più la verità. un po di equilibrio tra il bianco ed il nero ci vuole sempre. siamo umani.

          • Esatto. L’errore è mettersi con uno sposato. Ma è un errore che coinvolge il 50% della popolazione ci sarà un perché. Qualcuno dice che la monogamia e il matrimonio sono gli errori. In ogni caso sono errori, non comportamento da mettere all’indice. Non siamo più nell’epoca dell’inquisizione o dell’adulterio reato (al femminile…)

          • infatti, @ale. le relazioni di amantato non sono da mettere all’indice perchè in buona parte trattasi di ricerca di amore, di affetto di vicinanza da parte di persone che partono da un vuoto. Io credo che una single ben strutturata si farebbe milioni di domande prima di mettersi con uno sposato con magari 20 anni più di lei e una nidiata di pargoli. chi è strutturato secondo me accetta con difficoltà una relazione incasinata da principio, a meno di un colpo di fulmine assoluto (rarissimo). di solito chi “cade” in queste situazioni è una persona che ha un vuoto, lo sposato nel matrimonio bollito (o la sposata) e il single/la single con difficoltà nel rapporto con i propri pari o con problemi di autostima o di ricerca di una figura adulta e protettiva.
            poi ovvio c’è il colpo di fulmine che colpisce in modo indiscriminato strutturati e non. non è questione di mettere all’indice. è una cosa naturale. ma ciò che nasce da un bisogno, se non viene trasformato in altro dal tempo e dalla sinergia di chi ne è parte, è difficile che diventi una relazione duratura. prima di amare in una relazione sana, bisogna essere sani ed equilibrati entrambi.

          • @Mic…C. Lia, Rosa…tutte…che succede?!?! Tutti sti consensi?!?!…e si che a turno vi ho pizzicate tutte 😉

            Ormai avete imparato a conoscermi, mi sa!

            Cm si fa a nn amarmi? Eccheccax Mic…me lo chiedo anch’io porca zozz…lo chiamo e glielo chiedo? 😉
            Mannaggia a te Mic…mi hai fatto venire un momento di nostalgia…me lo diceva sempre anche LUI (e pensa…x gli stessi motivi, x il mio essere sempre onesta, trasparente, schietta e sincera…anche se spesso graffiante e irriverente…ma gli piaceva…anche xchè lui mi vedeva e lo leggeva nei miei occhi che nn era mai fatto cn cattiveria) …ma di fatto…lui è la… e io per sopravvivere alla sua scelta di comodo sto qua a fare il CDS! Uffa…
            C. Ohhhhh….addirittura un genio?!?! Ma tu una mezza misura no? Qlche mese fa, qnd ti facevo le pulci x essere rimasta cn il marito a sonnecchiare sul divano mi hai dato di quella che la dava via facilmente (hahahaha…ma magariiii….ahahahaha!!!! 😉 ) e oggi mi dai del genio? Praticamente una zoccola geniale?!?? Smack!

            Grazie davvero ragazze…nn sn un genio…e nn sn particolarmente saggia (altrimenti nn sarei qui in questo girone dei lussuriosi 😉 ) Sn solo curiosa delle “cose della vita” che osservo sempre da tutte le angolazioni.
            Pensate che quella che voi vedete cm critica in realtà è ancora più forte nella versione autocritica e autoanalisi…insomma se pensate ai fastidi che posso creare a voi… immaginate quanto mi posso rompere i coglioni da sola!!!! :-))
            Buona notte

          • Grazie a tutti comincio a pensare che mi serva aiuto . Comunque : ho 52 anni non ho avuto una vita mia a parte il lavoro e qualche viaggio . Aggiungo un aggravante : lavoro con lui . Avete ragione tutti ma perché sono convinta che comunque lui tornerà da me come sempre ? È un legame forte io al momento sono convinta che non si spezzerà mai

          • Cara @EP,
            le persone delle mezze misure sono spesso le persone più false, questo perché provato sulla mia pelle.
            Io come te sono un caterpillar…
            Mi piace la tua schiettezza tutto qui.
            Ciao amica geniale

        • Cara Cla, posso solo lontanamente immaginare quello che stai attraversando. Sono d’accordo con Ale. Non avrei dubbi ad affidarmi immediatamente ad uno specialista.

          • Vi ringrazio per il parere ma non credo che mi possa servire . L unico aiuto lo posso avere da me altrimenti sarebbero solo soldi sprecati . Perché secondo voi l unico aiuto sarebbe da uno psicologo ? Io credo ci siano altre strade . Grazie mille per le risposte

          • Visto la lunghezza della storia e il finale come minimo proverei comunque questo non è un ufficio stampa degli psicologi

    • Il famoso ‘uomo ombra’ …. I sensi di colpa mixati alla paura …. ‘La incontro ma non facciamo sesso perchè sono un uomo con una certa etica morale’ e magari questo accade proprio prima delle ferie/vacanze e fine settimana, perchè? Per ‘ripulirsi’ la coscienza dallo ‘sporco’ e per sedersi a tavola con la famiglia pensando ‘sono un uomo migliore’.
      Come dei panni, da usare lavare e poi riutilizzare alla prox (data da destinarsi).
      Ma alla fine tornano, e se non per amore, perchè siamo stampelle e magari loro lo sono per noi (e questo ci fa pure comodo).
      Ieri parlavo con un’amica del ruolo ‘stampella’ …. Io ci sono arrivata leggendo questo blog (quindi grazie Ale) …. Ma questi uomini sono consapevoli che noi siamo quel pezzo di puzzle che tiene in piedi il loro matrimonio?

      • Gli uomini sono consapevoli di tutto ma fanno solo quello che gli conviene. Voi vi fate 100 domande noi una: cosa mi conviene? Sai non faccio sesso con lei da tre settimane quindi sono a posto: ragazze e poi avete dubbi sul fatto che riusciamo a dire certe menzogne? Ce la raccontiamo anche a noi stessi!

        • Bene allora convenienza a parte (concetto che in questo momento della mia vita sto attuando pure io …. Non è che mi stò trasformando in un maschio??) mi fa piacere sapere che ve la raccontate anche voi e che siete consapevoli ‘dell’amante=stampella’ ….
          Grazie!!

          • Già vero Alessandro
            Senza contare il peggio del peggio sono quelli che odiano la mamma
            E di conseguenza la fanno pagare a tutte le Donne mogli o amanti o parenti femmine
            Non importa!!!!

      • Il mio, dopo che è stato scoperto, non ha voluto più vedermi. Mi ha tempestato di telefonate quotidiane dichiarando il suo amore e dicendomi che non vedermi lo faceva sentire più tranquillo che così non facevamo male a nessuno, che ci volevamo bene e non era possibile lasciarsi così. Mi chiedeva tempo, quando lei si sarebbe calmata co saremmo finalmente incontrati. Invece si è fatto beccare di nuovo ed è sparito di nuovo. La colpa è mia però, avrei dovuto sparire io come ha fatto qualcuno di voi. Mo sento moltoo stupida.

          • Colgo questo spunto dell essere scoperti o farsi scoprire.. @Piccola, anche se non è sicuramente il tuo caso.
            A volte capita che per disperazione si spingano certe situazioni così il/la titolare inizia a farsi finalmente qualche domanda.
            Ecco. Anticipare il tempo non è mai una buona idea.
            Non sono una sostenitrice dei tempi faraonici, intendiamoci. Ma se non si soffre di bisogni impellenti e si ha la calma interiore di riconoscere che potrebbe essere il momento sbagliato ma la persona ‘vale’ l’attesa.. si può vivere una vita piena (non di lui, se è lui che la riempie vuol dire che la nostra è vuota) osservando eventuali piccoli passi e godendoseli senza ogni volta avere l’urgenza di tirare le somme della giornata.
            È una mia riflessione e vorrei sapere il vostro punto di vista.

          • @Cossora la penso come te.. specialmente se condividi con il tuo lui la stessa situazione familiare…pensi che nessuno dei due ha fretta di provocare sofferenze a figli e coniugi rispettivi in un primo momento..tanto si riesce a godere di quello di cui abbiamo bisogno stando ognuno a casa sua evitando danni..fa comodo a entrambi prendere tempo in un certo senso. Ma col tempo diventa logorante questo tempo…

          • Esattamente
            Vedi credo che questo sia il tipico esempio di molte qui che ancora tengono il vitello tonnato sugli occhi della VERA REALTÀ

            Meno male che che sei accanto a noi Caro Alessandro ad aprirci gli occhi!!!

        • Non sei stupida …. Ci hai semplicente creduto!!
          Come tutte …. Ora sei più lucida e consapevole …. Lui lo sapeva benissimo che sarebbe ritornato, ma ha commesso un secondo passo falso, chi è il ‘fesso’ qua? Che poi in queste scelte di vita quando le attui lo devi mettere in preventivo il pericolo che corri …. Quindi nessuno stupido o fesso!!
          Cmq non escluderei un terzo ritorno ….

          • Anche un quarto. Basta non avere vergogna di se stessi. Certi uomini sono come i debitori insolventi che lo fanno di mestiere: una persona normale si vergognerebbe di avere l’ufficiale giudiziario all’uscio Loro vanno al ristorante e pagano con assegno scoperto

        • Piccola ci ho pensato spesso anche io… Forse avrei dovuto interrompere quando le cose andavano bene così avrebbe sentito la mia mancanza invece che aspettare che lui si allontanasse. Ma se qualcuno ha sbagliato nel modo di porsi e di sfruttare la mia energia e il mio costante buonumore è stato lui non certo io. Basta colpevolizzarsi e darsi delle stupide.

        • @piccola non sei per niente stupida…anche io avrei dovuto mollare la presa appena lui mi ha detto che la moglie era incinta eppure ho creduto alle sue imprecazioni…(dopo diversi giorni)mi voleva accanto e sentivo che eravamo fatti x stare insieme xké noi ci nutrivamo dell’amore vero…se la moglie con un figlio in grembo non lo riusciva a tenere a sé un motivo c’era…e io …ho resistito xké credevo che il nostro amore meritava pazienza… soffrire era la punizione del nostro amore ..che masochisti mamma mia!!!!e anche tu non hai mai avuto il coraggio di accettare le limitazioni del vostro rapporto… c’era sempre qualcosa di forte che ti faceva resistere…siamo tutte sulla stessa barca!

  18. Di fatto la mia storia e’ implosa quando la moglie ha realizzato. Ci ha riprovato ma la posta in gioco era alta. Io, come ho scritto in altri post, non gli avevo chiesto nulla se non viverci quello che era possibile con un po’ di cura. Ma.. sono stati mesi pietosi. Il culmine l’ho raggiunto quando per farmi gli auguri di compleanno mi ha chiamatanel suo ufficio con un altro mio capo. È stato pessimo. Tutto questo perché non voleva incontrarmi da solo perché non mi resiste o era imbarazzato. Una persona che ha lo spazzolino da denti in casa mia. Una sera in estate e’ Venuto da me ed e’ Accaduto il fattaccio , io stra serena.. anche perché la china oramai l’ho capita.. finché poi è rivenuto a casa mia a pranzo si è fatto cospargere di olio per un massaggio ma non ha voluto concludere un rapporto cov me. Ma è rimasto ad abbracciarmi due ore. Ci eravamo poi sentiti per lavoro.. ma ora è scomparso dai radar. Io sono veramente legata a lui perché mi ha fatto capire che dopo il fallimento della mia vita matrimoniale potevo innamorarmi di nuovo. Purtroppo ho beccato uno dei pochi che rifiuta persino un’amante a cui sta bene il ruolo che ha. Sono stata malissimo e mi ferisce questo continuo rimando all’amicizia come se il problema fosse solo fare o non fare sesso, cosa che fra l’altro ci riusciva benissimo. Sono nati dei sentimenti, immagino reciproci ovviamente non con la stessa intensità, ma devo cercare di uscirne. Sto meglio di prima.. e ora mi sto imponendo il Cds anche se temo mi scriverà chiaramente rimanendo sulla sua linea, cosa che mi fa stare pure peggio .. Lo fa per pena? per senso del possesso ? X alimentare il suo ego dato che neanche San Testostetone mi ha aiutato .. graxie a tutti e.. mi sento veramente una stupida sfigata.

    • L’amante che rifiuta o non conclude il rapporto è un sintomo molto grave di allontanamento dall’amamte: prossimo articolo

  19. Io sono in ansia da rientro… Le vacanze hanno rappresentato uno stacco anche dall’ambiente in cui vivo ma ora mi aspetta il ritorno e ho paura mi assalga la mancanza e la sensazione di vuoto, spero di superarla senza soffrire troppo.

  20. @Cossora, io ho sempre pazientato e atteso perché sentivo che non era il momento giusto per chiedere di vederlo, pur desiderandolo! So aspettare, perchè non sono una donna impulsiva e opprimente. È valsa l’attesa? Sicuramente sì se vogliamo considerare l’aspetto puramente passionale; per il resto dico di no. Pur avendo una vita piena e con alcuni interessi, io ne ho sofferto molto, perché come già saprai ho sopportato lunghe attese e lunghi silenzi, che per carità, ho attuato anche io quando era il caso… Dobbiamo capire che se l’attesa non è costruttiva o non è appagante sotto ogni profilo vuol dire che la relazione non funziona. Io mi sono sentita spesso messa da parte perché venivano prima i suoi comodi e le sue priorità. Restando in attesa io gli ho fatto purtroppo intendere che glielo consentivo!! Malsane dinamiche!

    • Bisogna fare molta attenzione a quello che tolleriamo dei comportamenti altrui… stiamo insegnando agli altri come trattarci.
      Non è una mia frase ma mi ha aperto gli occhi sul fatto che quello che mi è successo, in parte, me lo sono deliberatamente cercato.
      Non ho sbroccato per anni, ho sempre accettato quasi tutto e l’ho abituato a trattarmi come una persona a cui poteva fare di tutto, tanto lo perdonavo sempre.
      Sono sicura che se i paletti li avessi messo fa subito di sicuro la storia sarebbe terminata 6 mesi al massimo un anno dopo.

  21. Ciao Alessandro. Sono fuori dalla mia storia tossica ormai, ma leggere i tuoi articoli fa sempre male… Ritrovare tutti i suoi comportamenti e ripensare al dolore che mi hanno causato, è ancora insopportabile…
    Mi sono fatta aiutare da una specialista, quando mi sono resa conto che la mia vita mi era stata strappata e, ancora oggi, non riesco a capire come ho fatto a credere a tutte le favole che mi raccontava…
    La cosa più triste è che a lui non importa della nostra sofferenza… Quando a noi importava soltanto della sua felicità…
    Abbraccio tutte quelle donne che ancora combattono col loro cuore. Un domani migliore esiste, dovete crederci, l’importante è chiudere con lui! Ritroverete voi stesse, imparerete di nuovo a volervi bene… Lui non vi ha mai amate… Mai! È difficile accettarlo, ma è l’unico modo per uscirne…

    • Ci sono dentro da vent anni . Lui per me è ancora la mia anima gemella intanto adesso vuole stare da solo e ha interesse per una di vent anni più giovane. Ci ho creduto così tanto come un idiota. Lo aspetto da vent anni e nonostante tutto credo ancora in noi . Ma si può ? Sarò malata ..

  22. Alessandro ti leggo spesso, non ho mai commentato anche se mi ritrovo spesso nei tuoi scritti. In questo in particolare…il mio amante (siamo entrambi sposati con figli piccoli) non si fa vivo da un mese oramai…un lungo mese di vacanza con la sua famiglia. La moglie è pure incinta, lui mi ha detto chiaramente che non vuole lasciarla e ok..che tra noi non potrà mai più esserci niente di “legante” (ha usato questo termine) e che, nonostante le mille promesse e quello che sembrava un grande amore all’inizio, ora si è reso conto di amare la moglie e non voler perdere la sua famigliola in espansione. Ma nonostante questo ancora mi provoca, ancora mi cerca, ancora mi scopa…e io ogni volta ci ricasco, perchè sono innamorata. Ora è da un mese che è in vacanza e pare proprio che si sia scordato di me. Spero solo che al rientro non si rifaccia vivo, perchè io so già che non riuscirei a dirgli di no se lui si riproponesse. E’ dura.

    • Ma tutti questi matrimoni in crisi con amanti è la moglie che rimane incinta? Fatevi delle domande sul suo amore e lei incinta. Smettetela di farvi abbindolare

      • Lui dice che è capitato per caso…ah…la moglie sa di noi..
        E casualmente si è fatta mettere incinta. Lei era pure venuta a trovarmi minacciandomi di dire tutto a mio marito se avessi chiuso con il suo. E dopo un mese era incinta. Che tristezza. Sia lei che io, lo so. Nonostante questo non riesco a smettere di pensare a lui e starci male.

        • Lei si è FATTA METTERE INCINTA! AHAHAHA. Io penso che lui lo sappia come si facciano i bambini e come si possa evitare di farli. Oppure è incapace di intendere e volere? Che uomo è?

        • :-/ ma lei sa che continuate a vedervi?
          I casi sono due, o è una pazza furiosa, o è talmente addolorata e schioccata dall’aver perso lucidità.
          Tutti noi, o quasi, abbiamo avuto figli, e non c’è niente di più “allontanante” di quello se non c’è una profonda sintonia.
          Mio marito mi ha proposto un cane, e dopo 15 anni anni che lo volevo non ho accettato!! Se mi avesse parlato di fare un figlio lo avrei preso a schiaffi.

      • Scusa Ale ma a me fa strano di questi amanti che amano tanto la moglie e poi, scusa la volgarità, scopano fuori …. Al pari di quelli che ammettono che non amano più la moglie, che amano l’amante …. ma non possono per mille motivi!!
        Sinceramente preferisco quello che dice ‘Non la amo più ma le voglio un gran bene e senza di lei sarei perso!!
        Tu sei l’amante e nella buona/cattiva sorte sei e sarai la stampella. Punto.’
        Prendere o lasciare. Scelta a noi …..

        • Dicono a voi che la amano. I motivi per restare con la moglie sono mille. Anche i seriali non mettono mai in discussione la moglie se non con voi

        • concordo pienamente con te @Dispersa. Nel mio caso non ci sono mai state false promesse. Anzi, quando eravamo più giovani e con i bambini piccoli, abbiamo subito detto che non si metteva in discussione niente,
          Dopo, le nostre strade si sono divise, io lo avrei fatto e lui no.

        • “Amore” riscoperto improvvisamente ma continuano a scopare fuori
          Mah questa parola usata a sproposito per giustificare azioni da irresponsabili paraculi!

        • @delusa Nessuna donna davanti a queste affermazioni cosi umilianti accetterebbe di fare l’amante
          Stronzi talvolta si ma mica scemi eh

          • E cmq concordo con Mic…io di fronte a una affermazione del genere lo manderei gentilmente a quel paese…non penso che una donna si farebbe umiliare accettando di essere la “stampella” a suo piacimento..poi dipende quello che un’amante vuole..

          • Dipende sempre dalle regole di ingaggio. Io non tollero chi mente o chi fa promesse che sa di non volere o potere mantenere, per il resto quando si gioca a carte scoperte ognuno poi fa autonomamente le proprie valutazioni a seconda delle situazioni che vive. Io ci sto ancora sotto.. Cds imposto da lui .. e’ dura, ma credo che forse un giorno apprezzerò tutto questo dato che.. per come sono cotta rischierei di vivere di briciole sempre.. graxie a tutti, in questo blog comunque ci si sente capiti e non giudicati. Ognuno ha molto trasporto nel raccontare la propria esperienza e l’anonimato aiuta.. ma il rischio a volte è di stereotipare delle situazioni che poi bisogna calare nella realtà. Spero di avere la mia rivincita vivendo con una persona che riesca a farmi sentire unica davvero, almeno per un po’ .. senza venire dopo lavoro, figli e moglie (l’ordine di priorità non è casuale).. un saluto a tutti

          • @mic meglio allora essere prese palesemente per il culo con i ti amo e tutte le sdolcinerie del caso e poi mettere incinta la moglie?
            E no, caro tu mettimi in condizione di capire con che tipo di persona ho a che fare e poi io mi assumo la responsabilità di decidere se continuare o meno.
            Quello che più mi fa inca@@are in queste storie è proprio la mancanza di chiarezza da oarte di unodei due. In genere lui. Che prima nella fase del corteggiamento sembra disposto a tutto per poi, ottenuto lo “scopo” fare un repentino cambiamento.
            Nessuno dice che ci devono promettere amore eterno e nemmeno di lasciare la famiglia. Ma se si decide di viversela, se ci credi, lo fai senza giochetti, senza sparizioni, senza strategie silenzi pause di riflessione e tutte quelle belle menate che in realtà sono solo paletti che loro conficcano per difendere il loro territorio da eventuali nostre invasioni nella loro vita ufficiale.

          • @rosa e chi l’ Ha mai detto?! Anzi io al di là di tutto l’ Ho mandato a quel paese proprio perché ho scoperto una stupidissima bugia ( chissà quante altre me ne avrà dette ma io sono riuscita a scoprire solo quella).
            ovviamente è stata solo la goccia che ha fatto traboccare un vaso peraltro già rotto in mille pezzi.
            Quello che voglio dire è che è meglio la verità certo ma che loro non sono mica scemi @rosa!
            Possono andare solo a pagamento se si propongono così ad una donna e loro lo sanno benissimo.
            Ecco perché molto spesso è necessario omettere e mentire per arrivare allo scopo.

  23. Io ribadisco tutto il mio disprezzo per quegli uomini che mettono incinta la moglie avendo una relazione extra, lo dico da donna sposata che tradisce (con la stessa persona da anni) e sono più che certa che se fosse capitato a me lo avrei lasciato all’istante.
    Non per il fatto che è la prova di aver fatto sesso con la moglie, non so stupida, so che anche lui lo fa.
    Ma per il profondo rispetto nei confronti della vita umana.
    Rinnovo che secondo me gli uomini così sono delle merde. Scusa @Ursula, ma come fai a prescindere dalla stima?

    • @Ursula ho letto ora il tuo commento dove dici che lei è informata della vs. relazione.
      A parte il fatto che non cambia la mia domanda sulla stima, lei si sarà anche “fatta mettere incinta” ma lui ce l’ha messa, direi….
      Scappa a gambe levate, da tutti e due dammi retta.

      • @Rosa infatti hai pienamente ragione. È un coglione non degno di stima né di rispetto. Ma sono talmente stupida da amarlo ancora, mi ha fregata per benino, con le sue belle parole i suoi sguardi languidi le mille promesse e i mille ti amo! Forse dovrei trovare la forza di mettere fine a questo scempio.

        • @Rosa conosco una persona amante di un uomo per più di 10 anni durante i quali lui ha fatto tre figli con la moglie. Quando si sfogava con me parlando di lui mi tornava alla mente mia madre che litigava con mio padre per le stesse ragioni, per anni, e ogni volta come se fosse la prima, come se non conoscesse mio padre e non si aspettasse certi comportamenti. A volte sappiamo, ma è come se rimuovessimo le cose accadute in passato. Perdoniamo, ricominciano e quando risuccede(perché risuccede), cadiamo dal pero. Le persone non cambiano. Bisognerebbe darsi dei limiti su ciò che si è disposti a tollerare. Superati quelli, bisognerebbe avere la forza di chiudere. Più si va avanti perdonando, più è difficile poi mettere in discussione anni di vita persi.

          • Non ci sono solo i tradimenti del corpo @Lia.
            Ci sono anche quelli dell’anima, della condivisione. C’è anche quando ti accorgi che stavi remando forte solo tu e che quando ti sei fermata per stanchezza.. tuo marito era già al secondo, terzo giro di ‘sono depresso’, ‘sono stanco’, ‘non ce la faccio’, ‘troppe responsabilità’, ‘vai avanti tu’, ‘tu sei più forte di me’.
            E credimi, il mondo ti crolla addosso comunque.
            E tu sai che dipende da te: fai finta di niente e pensi ‘in fondo è buono, non mi tradisce’ e continui a tirare come un mulo. Oppure fai un bel respiro e ti chiedi onestamente ‘ma io cosa voglio? cosa merito?’ e metti un punto.
            Che è l’ìnizio del caos perchè lui è buono, non si lascia un marito buono e fedele! Hai tutti contro, sei una troia, una ingrata, una pazza, una madre snaturata, con quello che c’è in giro!
            Però sei coerente con te, hai inziato a volerti bene e non fai entrare più niente di negativo nella tua vita (significa anche non fargli la guerra e non attaccarlo con i tuoi suoceri) e vivi all’insegna de ‘il tempo rivelerà chi sono veramente’.
            E succede sempre, il tempo è sempre il miglior giudice!

          • Possiamo anche usare un termine diverso da manipolare ma che Cosa succede in realtà in molte delle vostre storie? C’è una posizione dominante (lui di solito) e una in tutto o in parte sottomessa, che accetta dalle imposizioni peggiori (aspetto un figlio da mia moglie) a quelle minori (non ti chiamo per due settimane perché sono in vacanza con lei) sostanzialmente rispondendo con accettazione dipendente (ma in fondo anche se fa un figlio ne aveva già cosa cambia?), accettazione remissiva (ok non mi ha chiamato ma adesso torna e si fa vivo) e accettazione pseudorazionale (lui è un debole per ora mi va bene così). Non esistono uomini deboli che si fanno soverchiare dalla moglie o dalle paure o dalle responsabilità: un debole non sceglie di farsi l’amante. Un debole non sceglie di restare con la moglie. Un debole non sceglie di relegarvi a una parte sempre più piccole della sua vita. Un debole non decide che i figli, quelli che non contavano abbastanza al momento di scopare fuori ora diventano ostativi per realizzare quello che lui descrive come il suo grande amore.Non diamo scuse a chi non ne ha solo perché dobbiamo tenere viva la fiammella della nostra speranza o giustificare i rospi che dobbiamo ingoiare propinato da qualche poverino Debole. Questa consapevolezza è il primo passo per la libertà e quindi felicità. Poi dovete chiedervi: io così sono felice? Infelice? Neutra? Cosa mi conviene fare per vivere decentemente e serenamente? Tenerlo così come è, conscia che col tempo la situazione peggiorerà salvo
            Ufficiale e gentiluomo o attuare il codice del silenzio e staccare la spina? Ma la base di partenza deve essere la presa di coscienza della reale situazione. Lui non è un debole, lui ha deciso tutto quello che vi è capitato. E più lo addebita alla sorte, agli altri, a voi, più è un uomo che fa il furbo. Non conosco deboli furbi. Neanche quando mente è debole

        • Ursula capisco che lo ami ancora, deve essere stato molto duro sapere che la moglie è incinta. Lascia che io ti dica di approfittare del suo silenzio per capire veramente che persona è e cosa vuoi tu. Cerca di essere forte e resistere se lui ti cerca, te lo dico dal profondo del cuore. Io ho conosciuto il blog dopo essere stata lasciata (avrei continuato…) e avrei voluto leggere prima le esperienze di tutte voi e gli scritti di Ale. Almeno avrei (forse) compreso con chi stavo e me ne sarei andata prima invece di soffrire inutimente (e, lo ammetto, ogni tanto soffro ancora, dopo molti mesi). Non è facile, lo capisco, ma non sei sola 🙂

      • Questo salvacoppie diventa uno strumento nel quale la coppia scoppia perchè con un figlio diventa tutto più complicato e l’amante diventa sempre più stampella …. Triste …. Ma è così!!

        • Raramente i figli sanano coppie in crisi di solito le fanno saltare. Un figlio mette alla prova anche un matrimonio saldo

          • I figli incatenano. Magari salta la coppia ma il matrimonio azienda si sugella. Spesso è ciò che vuole una donna che già è a conoscenza dei tradimenti del marito.

          • @ale personalmente sono contenta che un matrimonio venga messo in seria discussione in una situazione del genere.. perché sinceramente penso che ci sia qualche problema di fondo che ti faccia fare un “errore” del genere, sebbene nel momento in cui lo stai facendo può sembrarti “Normale” fare un figlio con tua moglie.. peccato che hai la testa altrove!!!

          • Fare un figlio è la responsabilità più grande e per la vita non si fa in crisi e con l’amante. Non esistono scuse

          • @angelica è triste ma è così..spesso, una donna che capisce che il marito è “distratto” per tenerlo ancorato a sé ci fa un figlio…niente di più sbagliato… perché, come è successo nel mio caso che la nostra storia è venuta allo scoperto, avrà ripercussioni per tutta la loro vita familiare..

          • @delusa ogni tanto mi dicevo anche io così
            Vedrai quanti disastri con due figli adesso
            In realtà non saprò mai come sarà il loro futuro perché non mi interessa più però ora l’unica cosa che credo è che un matrimonio in crisi non ci sia mai stato e che semmai un giorno ci sarà, pagherà oltre che l’ innocente che già c’era anche un altra creatura messa al mondo quando il papà aveva una storia extra da 3 anni che peraltro avrebbe continuato a vita.
            Vomito.

          • Matrimonio in crisi lo è altrimenti lui non avrebbe avuto te e altre amanti . E dopo di te e il figlio forse non si fermerà. I seriali non hanno coscienza rimorsi o illusioni di moralità

          • @mic concordo con Alessandro..il loro matrimonio era sicuramente in crisi, anche se inconsapevolmente..anche io credevo che il mio fosse perfetto. Ma se è accaduto tutto questo vuol dire che ci mancava qualcosa..non avremmo mai tradito se la nostre vite matrimoniali erano davvero perfette..non ci sarebbe venuta neanche l’idea di compiere questo “peccato” se stavamo bene a casa nostra.. e fidati che, per quanto loro possano impegnarsi a ricostruire la loro famiglia per il bene dei figli, una moglie incinta che scopre il tradimento del marito non se la scorda come botta!!!saranno messi a dura prova.
            a me dispiace tanto per lei che non si sta vivendo la magia della gravidanza, e da donne sappiamo cosa significa,ma per lui è una grande lezione…con la sua IRRESPONSABILITÀ ha causato la sofferenza di tante persone che dice di amare..

          • Ma perché questi amanti che fanno figli mentre stanno con voi non li depennate in un nanosecondo? Cosa c’e Di peggio? Quale messaggio più chiaro di questo che sceglie la moglie? E, soprattutto, voi lo vorreste un uomo che mentre vi mette incinta ha l’amante? Donne, ma cosa siete disposte a sopportare?

          • @Caro Alessandro
            Esatoooooooo!!!
            Quanto mi sento nella tua stessa onda

            Ma pure io quando leggo qui di questi casi dove NEANCHE di fronte al amante che ha fatto il figlio con sua moglie ,
            Ma come fate ragazze ancora a starci ancora a farvi domande ancora a essere indecise come si fa a SOPPORTARE di essere trattate da vecchio zerbino ??

            Credo sinceramente che in questi casi occorra sicuramente farsi curare perché NON è naturale sottomettersi in modo così ostinato
            Di fronte a casi così
            Cadono le braccia ,ve lo dico credetemi con affetto ,ma NON SI Può
            continuare così è da MASOCHISTI

            Chiedete aiuto fatevi curare ,ma veramente
            Prendete esempio dalle tante qui SUPERDONNE coraggiose che hanno deciso di iniziare ad aamare se stesse e hanno seguito i buoni ottimi suggerimenti di Alessandro che RIPETO ha SCRITTO COSÌ BENE tutti i suoi articoli e qui i suoi commenti e ancora la sua GRANDE DISPONIBILITÀ a invitarci a scrvergli

            INSOMMA RAGAZZE SVEGLIAAAAAA!!!!!!!!!!!

            In più aggiungo questa mia osservazione
            Vorrei sapere quante di voi ad esempio ,stando qui in questo Blog STUPENDO LUOGO DI LIBERTÀ RISPETTO E SCAMBIO LIBERO DEMOCRATICO ecco quante si sono mai prese la briga di

            RILEGGERE TUTTO
            gli ARTICOLIdi ALESSANDRO

            RILEGGERE I PROPRI COMMENTI

            FILEGGERE I COMMENTI RICEVUTI DALLE ALTRE AMICHE

            RILEGGERE RILEGGERSI
            AIUTA TANTOOOO!!!

            A riuscire a MUOVERSI CAMBIARE IDEA
            INTEGRARE LA PROPRIA IDEA

            Scusami Caro Alessandro ,se mi è partito lo stampatello che vuole essere sol un evidenziatore delle cose che sento così importanti

            NON SI PUÓ ACCETTARE DI NON FARE NIENTE ED OSTINARSI
            A PIEGARSI AL AMANTE CHE SCOPASUA MOGLIE E CI FA UN FIGLIO.

            #È l’ORA DI BASTAAAA #

          • Hai ragione Alessandro…depennarli è il loro destino..diciamo che come tempistiche non è proprio così facile.. perché puoi immaginare quanto noi donne ci siamo fidate di questi uomini perché eravamo innamorate…la delusione, la rabbia e il dolore ci hanno annientate.. abbiamo bisogno di smaltire tutto per poter rinascere più forti di prima… purtroppo, oltre ai sentimenti negativi proviamo spesso malinconia…e quello ci frega..ma passerà…per forza!

          • E se invece, vista la meschinità di questi amanti fedifraghi che mettono incinta la moglie, anziché pensare ad un matrimonio in crisi non si pensa ad un uomo stronzo che si tiene la moglie da una parte con cui continuare il suo progetto che non metterà mai in discussione e l’ Amante che gli da la parte passionale, psicologa ecc?!?
            Io credo la mia storia sia frutto di questa idea del mio amante che sottolineo non essere un seriale ( almeno non lo è stato fino ad ora).
            Ha trovato la donna per fare una famiglia e poi ha scoperto che magari non era proprio cosi giusta ma ormai, l’ha sposata non lavora ed è una brava mamma.
            E poi ha pensato che potesse avere anche il resto da un altra donna senza mettere in discussione nulla. Io credo sia solo dimostrazione di un cuore egoista e calcolatore… e a quanto pare ve ne sono molti.
            Crisi sì, ma esistenziale sua non matrimoniale!

      • Concordo.
        Avrei potuto fare l’amante a vita da tanto lo amavo e lo stimavo… se solo avesse avuto quel rispetto anche lui.
        Stavamo bene, eravamo riusciti a ricavarci la nostra quotidianità
        Se non avesse fatto quello che consapevolmente ha fatto ( siamo nel 2019 i figli sai come non concepirli volendo ) avrei continuato a fare di tutto perché la nostra storia andasse avanti e diventasse più solida
        Peccato che non avevo capito che avevo a che fare con un uomo senza scrupoli
        Di fronte a questo ho alzato le mani, ho provato a credere alla sincerità di ciò che mi diceva perché sono una persona onesta e se fossi rimasta incinta io l’avrei lasciato IO stessa per tutelare questa nuova vita… mi sono detta be forse davvero è capitato, non usando precauzioni può succedere e figurati se di punto in bianco avesse iniziato a usarle lei si sarebbe insospettita!
        Me la sono raccontata per un po’ anche perché lui era sempre presente, l’uomo perfetto… poi però ho capito che la fiducia una volta persa è una delle cose che non torna nemmeno se mi facessero il lavaggio del cervello. Non era più vita la mia, dubitavo di tutto.
        Mi sono annullata.
        Tornassi indietro chiuderei già solo alla prima comunicazione del ritardo della moglie.
        @ursula risparmiati altra sofferenza inutile
        Credimi è davvero inutile, non ti merita e non merita il tuo amore… figuriamoci la tua sofferenza!

        • @ mic quanto ti capisco mamma mia!!! Piuttosto non volevano dare sospetti alla moglie non usando precauzioni ma fare un figlio che si porterà dietro la menzogna del padre si!!! Ma avere le palle di dire alla moglie che era un periodo in cui voleva rimandare l’idea di un figlio no??? Ammettere che era in un momento di confusione era troppo rispettoso per lui? Per la rabbia che mi logora lo stomaco spero sinceramente che lui non sia mai felice ..questi loro comportamenti li rendono piccolissimi e immaturi!

          • Si chiama superficialità e menefreghismo per la sofferenza altrui.
            E non intendo solo la nostra di amanti ma intento di TUTTI
            Moglie incinta che non ha la minima idea di cosa stia combinando il marito da anni alle sue spalle e che per di più decide di fare pure un altro figlio con lei..
            Una chicca
            dopo aver appreso la notizia della nuova gravidanza lui nei mesi successivi continuava a ripetermi “ ma secondo te rischierei di far soffrire la mia famiglia se per te non provassi un sentimento più importante di tutto il resto?!ti amo, sei e resterai sempre la donna che ho amato di più in vita mia qualunque decisione prenderai”
            Un unico pensiero ha affollato la mia mente:
            “Minchia,sai se ti stavo sui coglioni!!!!!”

          • @Mic quello che ti ha fatto è atroce. Non lo meritavi. E anche quello che ti ha fatto ‘dopo’ l’incidente è atroce, non tenendoti ma non lasciandoti. Non ci sono parole.
            Non basta dirsi ‘meglio così, meglio che essere la moglie’ anche se poi è la verità, perchè non è accettabile non è nemmeno un errore.
            Mi dispiace davvero. Che essere umano immondo.

          • Delusa: concordo in pieno con le tue parole. E Mic1872: ma è incredibile… stesso mio pensiero e che gli dissi pure: “Meno male che provi amore vero, figurati se ti stavo sul caxxo come mi trattavi”…

          • @mic certo che sì tratta di superficialità e menefreghismo! Hai ragione!se ti può incoraggiare la tua “chicca” l’ha detta anche a me lui…che disastro! Non posso credere che si comportano tutti allo stesso modo…con la scusa che davvero corrono questo rischio pensano che noi ci fidiamo di loro al 100%!io so che non ci concludo nulla ma per rovinargli le giornate ogni giorno gli fracasso il cervello con le cose brutte che mi ha fatto…mentre la moglie lo fracassa a casa… avrò un po’ di riscatto secondo te? Sicuramente mi tiene sempre in bilico con me stessa ma la soddisfazione che x lui debba essere passato il periodo dei rimproveri e le incazzature non deve esistere! Lo farò sentire in colpa fino alla tomba!rovinargli un po’ le giornate non è nulla in fondo rispetto a quello che mi ha fatto…o mettere qualche dubbio in più alla moglie che lo potrebbe immaginare come un angioletto che si è fatto tentare!!!!

          • @Delusa concordo con Ale sono dei muri di gomma…non vale la pena fai male solo a te stessa a loro non frega niente dei rimproveri tanto non hanno una coscienza.

          • @Delusa, non vorrei deluderti 🙂 ma perchè tu pensi uno così possa sentirsi in colpa?

          • Perché posso ammettere che un minimo di correttezza ce l’ha…sono stata sempre consapevole in fondo che cosa aveva priorità per lui e mi dice sempre che non è corretto per nessuno un nostro non distacco ma quando riusciamo a parlare più serenamente, perché senti la necessità anche di quello ,la debolezza di entrambi ha la meglio.. sappiamo benissimo entrambi che se abbiamo rischiato tanto vuol dire che sentivamo la necessità l’uno dell’altra.. io penso che potevo far valere il mio orgoglio.. invece l’ho messo sotto ai piedi fin’ora…devo recuperarmi… assolutamente!

          • @cossora io credo che abbia davvero dei problemi grossi da risolvere. Un essere umano, dotato di empatia non arriverebbe mai a fare ad una persona una cosa del genere… a maggior ragione se con essa ha un rapporto intimo.
            Quindi io onestamente provo per lui molta pena perché la vita gli restituirà tutto, e la sua furbizia non gli basterà per salvarsi.
            È una ruota che gira purtroppo per lui.
            Dalla cattiveria non si scappa,A maggior ragione se la fai disprezzando volontariamente l’amore sincero di certe persone che scegli ( imbrogliando) di avere accanto.
            Ti abbraccio

          • @delusa scappa ora.cosa ti aspetterà dalla nascita in poi?! Non lo augurerei al mio peggior nemico
            Nemmeno un “come stai” per non rovinarsi il momento
            Trattata con sufficienza anzi addirittura con sarcasmo il giorno dopo che è nato.
            Si mi sfotteva per delle cose lavorative ma voleva solo tastare il terreno
            Spariva improvvisamente perché il bimbo aveva le colichette ( sembrava l’ Avesse concepito da solo e la madre non esistesse, tutto lui faceva,come sempre).
            Scappa scappa ora, risparmiati quello che verrà dopo.

          • Mic, hai ragione…tanta è la devastazione che non lo augureremmo neanche a chi se lo merita davvero…brutto brutto brutto! Sto cercando con tutte le forze e con l’aiuto della psicologa di venirne fuori da questa delusione..lo torturo con la mia rabbia e anche con la mia sofferenza..nei momenti down ci diciamo che ci manchiamo ma la cosa principale è che lui sta subendo molto l instabilità della sua famiglia con le crisi della moglie incinta…so che è per tutti un incubo .. morale della favola ..si salvi chi può!

        • @ursula sarebbe stato meglio se li avessimo piantati li alla notizia del ritardo della moglie…io ricordo ancora il momento della notizia come se fosse ieri….provo ancora brividi…mi si fermano tutte le funzioni vitali!!! Eppure la sua confusione e la sua paura di perdere me in quel momento (e il mio amore profondo e onesto) mi hanno portato di nuovo a stargli accanto…che stupide che siamo… arriviamo a stare male così tanto, fino ad andare noi dallo psicologo,e poi loro si permettono di fare uno scempio del genere!!!

          • @delusa non é mai troppo tardi per tagliare fuori dalla nostra vita persone che ci hanno fatto del male.
            Ma prima lo si da e meglio è…
            Se posso darti un consiglio focalizzati sul fatto ( la gravidanza) e non sulle parole che ti diceva
            In qualsiasi momento ti viene in mente in maniera romantica un ricordo, il suo profumo o la sua voce, qualche momento felice
            Focalizza lei ed il fatto che è incinta.
            Solo una bestia (ma solo perché loro si fanno governare dall istinto e dalle leggi della natura e mai dalla crudeltà in sè) farebbe una cosa del genere.
            Solo un essere senza cervello e coscienza in sintesi
            Solo una merda farebbe questo alla madre dei suoi figli nonché donna che ha sposato.
            E se sono in grado di fare questo e continuare a farlo alle persone che dovrebbero essere LE PIÙ IMPORTANTI l’unica cosa che dobbiamo fare è ringraziare il cielo di non essere noi le poverine e di esserci tolti dalle palle!

          • Parole sante… terribilmente vere. A me andò letteralmente in crash il cervello alla notizia (tra l’altro pure piena di bugie e omissioni). Ancora adesso se mi fermo a pensarci, il cervello va in tilt… E lasciamo stare il dolore nel cuore… È pazzesco. Straziante…

          • @mic il pensiero della moglie incinta mi tiene compagnia dalla Mattina alla sera .. purtroppo… questa è la causa dei miei sbalzi d’umore..non può farmi piacere xké é stato causato dall’uomo che credevo della mia vita…ma dall’altro mi incoraggia sul fatto che un uomo così sarebbe stato capace di far soffrire anche a me se mi avesse scelta..un uomo che pensa di risolvere i problemi della vita in questo modo squallido non fa per me…mio marito non lo avrebbe mai fatto..me lo ripeto mille volte!!! E se continua a parlarmi in un certo modo la moglie la considera giusto la donna che le tiene in piedi la famiglia.. e si merita tutta l’infelicità del mondo quest’uomo…vi giuro..spesso sono presa dalla rabbia e dalla vendetta ..anche solo di fare capire alla moglie che c’era amore…so.che sarebbe inutile soprattutto x me.. però è logorante la superficialità di tutta la.situazione quando sono stati investiti sentimenti veri che hanno scombussolato la.vita di tutti e loro devono anche fare finta che stanno ricostruendo la loro famiglia…ma come si fa??
            @ Maddalena…ti capisco..solo noi possiamo capire come ci si sente annientate da queste notizie..io ancora provo nausea…e tra due mesi la moglie partorisce .. chissà cosa proveremo dalla nascita in poi…oddiomio!!!!!mi sento male già!

          • Fra due mesi se fai bend il cds dovrebbe fregartene molto meno di quello che succede s casa loro

          • Hai detto bene Delusa, annientate… e ti dirò, io ho già vissuto la nascita (e fino all’esatto giorno prima mi scriveva che solo io lo facevo stare bene). Poi dopo due giorni mi ha scritto “sono diventato papà” con un tono che ci mancava aggiungesse “andiamo a farci due birre che festeggiamo!” E ulteriore beffa e pugnalata al cuore, io credevo che mancassero ancora più di due mesi!! Mi mentì pure quando mi comunicò quel “abbiamo appena scoperto che è incinta” (condito pure tra l’altro da: non me l’aspettavo, mai me lo sarei immaginato). Già prima, ma ancor più dopo quel “sono diventato papà”, mi sono sentita morire in ogni senso, ho pianto e pianto, non ho toccato cibo per una settimana, ero uno zombie. Umiliata e annientata come persona, come donna, come madre (perché anche se non ho figli, lo sentivo quel desiderio, lo partoriva il mio amore con e per lui. È difficile da spiegare cosa sentivo nella mente, nel cuore e nel corpo al pensiero di un bimbo insieme e la sofferenza è stata immane, straziante). Sto male e non riesco a crederci ancora adesso… Non si può spiegare un dolore così atroce che calpesta ogni cosa.

          • @maddalena quanto ti capisco…diciamo che il tuo è stato davvero malefico…mentirti al momento della notizia e comportarsi così da menefreghista al momento del parto merita davvero di rimanere da solo a vita!!! Il mio diciamo che non so quanto comprenderlo perché o per correttezza o per scaricarsi la coscienza mi ha sempre detto tutto…la notizia del ritardo della moglie me l’ha detta il giorno dopo che lei gliel’ha confidato..diceva in continuazione che aveva fatto una cazzata.. “non so che cavolo ho combinato..scusa scusa” . Ho il trauma di quel momento…ora che arriva il parto penso che sapendo la mia sofferenza non si degnerà di rendermi partecipe di nulla ..ci mancherebbe..mi strazieranno gli auguri sul gruppo di lavoro…mai potrei avere una parola piacevole per questo evento.. nonostante quella povera anima non c’entri nulla…devo iniziare a prepararmi da ora..

          • @maddalena non mi vergogno a dirti che per i primi giorni sono andata avanti a tranquillanti per riuscire a dormire.
            Avevo un figlio da salvaguardare e dovendo far finta di nulla non potevo permettermi alcun crollo emotivo.
            È per questo probabilmente che dopo un primo cds di un mese circa mi feci di nuovo risentire io(errore madornale)
            non riuscivo a staccarmi definitivamente da lui perché emotivamente mi stavo distruggendo e rischiavo di far del male anche a casa.
            Ad oggi posso dire di aver scelto la strada peggiore perché altre umiliazioni mi aspettavano.

          • Non ti devi vergognare di nulla neanche dei farmaci di deve vergognare lui che ti ha tirato il collo

          • @Mic mi stai facendo pungere gli occhi.
            Non ho parole nel leggerti. Mi viene da piangere.
            Sei stata una leonessa, coraggiosa e volonterosa.
            Mamma mia .. se scoprissi una cosa simile di mio padre mi vergognerei.

          • @cossora ti ringrazio con il cuore per le tue parole.
            io purtroppo non mi sento una leonessa anzi, tutto il contrario perché non sono stata in grado di tutelarmi e prendere le distanze da lui appena saputo il tutto.
            Forse se non avessi scoperto le ultime bugie che mi raccontava per “ passarla liscia” mentre mi trascurava sarei andata avanti ancora.
            Però di una cosa vado fiera… in questo momento di grosse rivoluzioni nella mia vita che mi hanno indebolita molto, sono riuscita a ritrovare il rispetto per me stessa chiudendogli la porta in faccia e mandandolo al diavolo ( forse manco satana lo vuole da tanto stronzo è ) anche se forse questo era il momento in cui più avevo bisogno della sua presenza.
            Io ce la sto mettendo tutta per andare a fondo e poi oltre a questo mio “ problema” nell’ aver tollerato un trattamento del genere per tutto questo tempo.
            Di sicuro c’è solo una cosa che mi rasserena: se tornasse, io ad oggi avrei finalmente la forza di trattarlo come merita di essere trattato:
            Indifferenza totale.
            Anche la rabbia se ne sta andando nonostante io provi altalenanti sentimenti di disprezzo per lui e nostalgia di quei momenti bellissimi ed intensissimi che comunque ci sono stati.
            Bisogna saper lasciare andare chi non ha la forza, le capacità e la voglia di tenerci.
            Un abbraccio

          • @Delusa “Ho fatto una cazzata non so che ho combinato????” stiamo parlando di sesso con la moglie e di non preoccuparsi che possa rimanere incinta…… sono VERGOGNOSI

          • @Cara Maddalena scorrevo la pagina e mi sono fermata a leggere qui il tuo racconto
            Ho pianto con te leggendoti qui Tesoro di Maddalena
            Spero tanto che veramente tu riesca a farti aiutare qui non basta la camomilla occorre secondo me per esserci passata che tu faccia ricorso ad un terapeuta specifico sulle relazioni tossiche sulla dipendenza affettiva che ti avvolge e il tuo Dolore è qualcosa di veramente invasivo ed intenso che proprio ti aiuterebbe molto farti aiutare psicologicamente

            Purtroppo resta molto probabile per non dire certo che tu abbia avuto a che fare con un vero Narcisista patologico perverso si chiama così e già l”aggettivo sta chiaro a rendere la idea del tipo malvagio che gode a far soffrire e a distruggere dentro le sue prede

            Cara Maddalena se ne può uscire da tutto questo dolore e se farai terapia impiegherai meno sofferenza meno tempo e soprattutto riuscirai a non farti mai più ingannare scoprendo la ragione della tua dipendenza affettiva .

            Un abbraccione speciale !❤️

      • @Alessandro c’è un’etica anche per gli amanti? Cioè? Non si mette incinta la moglie? Oppure Si molla l’amante che ha messo incinta la moglie?

        • Di fronte alla nascita di un bambino l’amantato non può andare avanti. Un bambino sognific che lui ha scelto il matrimonio comunque vada. Ma di fronte a un bimbo l’amante deve chiudere

          • Diciamo che non sarebbe più rispettoso per nessuno continuare…anche se il tutto fa un male cane!

          • Però i figli c’erano comunque anche prima…quindi i figli già nati non contano? E quelli concepiti durante l’amantato contano di più??

          • Un figlio concepito durante l’amantato ha un ovvio significato che i figli precedenti non possono avere. Tu hai scelto di essere amante sapendo che c’erano figli ed erano già un impedimento. Tu adesso hai uno che è il tuo amante ma aspetta un bambino dalla moglie. Traduco: tu non vali un cazzo perché non solo lui scopa con la moglie regolarmente ma ci fa anche un figlio. Cosa c’e da spiegare di più? Se te la vuoi raccontare, se ti vuoi raccontare che è stato un incidente, che questo bebè ha lo stesso peso dei figli già esistenti, se ti piace far parte dell allegra Famiglia allargata accomodati. Se io fossi la sua amante direi: bene, questo bimbo significa solo una cosa: la parola fine. Per rispetto per il bimbo e per te stessa. I figli concepiti durante l’amantato Significano una sola coda. L’amante non esiste.

          • Si concordo. Ma il primo che dovrebbe concludere l’ Amantato dovrebbe essere chi ha scelto di mettere al mondo una creatura.
            Perché se anche l’amante ci mette un punto dubito lui non cercherà ancora il supporto che gli servirà (se davvero il matrimonio era in crisi)altrove.

          • Il padre del bambino? Certamente dovrebbe essere lui a mettere la parola fine. Ma uno che concepisce un figlio in un matrimonio in crisi e avendo un amante credo che sia rotto a ogni compromesso e convenienza. Non mi aspetterei nulla da uno così. Spero almeno si innamori del piccolo e sia un buon padre

          • È vero quello che dice Ale. Il mio invece era sparito per 6 mesi senza nessuna spiegazione (non l’ho mai cercato) per poi ritornare dopo 7 giorni di essere diventato papà. Ecco, tecnicamente non l’ha tradita durante la gravidanza, ma una volta nato il bambino allora si può proseguire…secondo la sua logica. Scema io che l’ho ripreso nonostante. Per poi scoprire all’anno per caso che si stanno per sposare in chiesa. E a me ne manco una parola di tutto ciò. Al affrontarlo con la mie scoperta mi ha detto: dov’è il problema? Quella è la mia vita privata. Io e te siamo un’altra cosa. Mi schifo di me stessa. Basta umiliazioni, meglio perderlo un tipo così.

          • @ale concordo ma il tuo ragionamento è da persona sana, onesta e rispettosa…purtroppo questi uomini hanno davvero qualcosa che non va.
            Sai che cosa mi disse mentre ragionavamo sul fatto che la moglie potesse essere incinta?
            “ abbiamo sempre messo i nostri figli prima di tutto, cosa cambierebbe un altro figlio?abbiamo discusso già sul far saltare o meno gli ingranaggi e abbiamo capito che non possiamo comunque lasciare la famiglia perché già ne abbiamo da due salvaguardare”
            In sostanza: amore rilassati non cambia niente un figlio in più!
            Ho i brividi ancora

        • Ursula, ma tu lo ami? Non ti rendi conto da sola che fare un figlio mentre hai una relazione extraconiugale è aberrante? Ti da proprio la misura della pasta d’uomo che hai di fronte. Capisco possa succedere MA in tal caso uno dovrebbe avere la forza di dire (se ama): no basta, l’ho ferita troppo. Sto ferendo tutti. Basta.
          Se continua è un perverso. Uno che non sa nemmeno cosa sia l’etica in generale e che ti butterebbe in pasto ai pesci se gli fosse utile.
          Lascia perdere. Non ha scuse. È un uomo di M.

  24. mamma mia in effetti questi che tradiscono e mettono incinta la moglie…io ho tradito mio marito e non ne vado fiera, ma mai e poi mai avrei rischiato con lui una gravidanza mentre stavo con l’altro…e anche io credo lo avrei lasciato nel caso l’avesse messa incinta lui…mi dispiace @ursula…ma ti capisco. io sono in silenzio da 4 mesi ma mi è entrato dentro in un modo che ho ancora difficoltà a staccare. ho mille prove che è un farabutto, ho ricevuto danni oggettivi che sto ancora penando per risolvere, sono in terapia, faccio tutto quello che devo, eppure…eppure…eppure…

    • @nina Eppure….!!! È veramente difficile! Come possiamo farci prendere così tanto da esseri così squallidi…boh…

  25. comunque…si dice che un figlio senta se era voluto, desiderato, pensato…non vorrei essere nei panni di un bimbo concepito in questo modo…penso che questi qui siano davvero i peggiori e mi dispiace tanto vedere che i casi non sono sporadici, mi sembra che per essere questo un blog l’incidenza sia già mostruosamente alta…

    • Magari è solo l’estrema conseguenza di qualcosa che molte amanti non vogliono cocciutamente capire: c’è la vita normale con la moglie e la famiglia e c’è la vita con l’amante nascosta. Punto. Semplice. Due rette parallele che non si incontreranno mai. Nella vita di famiglia si mette anche in conto che si facciano figli. All’’amante si spaccia per incidente.

        • @Angelica 2.0 Sono d’accordo con te. Nella loro testa i figli rientrano nel loro disegno. Separano i livelli. Da una parte la famiglia, non necessariamente perfetta ma con brava moglie, figli, cane e gatto e dall’altra l’amante. Sono ambiti separati.

          • Possiamo anche usare un termine diverso da manipolare ma che Cosa succede in realtà in molte delle vostre storie? C’è una posizione dominante (lui di solito) e una in tutto o in parte sottomessa, che accetta dalle imposizioni peggiori (aspetto un figlio da mia moglie) a quelle minori (non ti chiamo per due settimane perché sono in vacanza con lei) sostanzialmente rispondendo con accettazione dipendente (ma in fondo anche se fa un figlio ne aveva già cosa cambia?), accettazione remissiva (ok non mi ha chiamato ma adesso torna e si fa vivo) e accettazione pseudorazionale (lui è un debole per ora mi va bene così). Non esistono uomini deboli che si fanno soverchiare dalla moglie o dalle paure o dalle responsabilità: un debole non sceglie di farsi l’amante. Un debole non sceglie di restare con la moglie. Un debole non sceglie di relegarvi a una parte sempre più piccole della sua vita. Un debole non decide che i figli, quelli che non contavano abbastanza al momento di scopare fuori ora diventano ostativi per realizzare quello che lui descrive come il suo grande amore.Non diamo scuse a chi non ne ha solo perché dobbiamo tenere viva la fiammella della nostra speranza o giustificare i rospi che dobbiamo ingoiare propinato da qualche poverino Debole. Questa consapevolezza è il primo passo per la libertà e quindi felicità. Poi dovete chiedervi: io così sono felice? Infelice? Neutra? Cosa mi conviene fare per vivere decentemente e serenamente? Tenerlo così come è, conscia che col tempo la situazione peggiorerà salvo
            Ufficiale e gentiluomo o attuare il codice del silenzio e staccare la spina? Ma la base di partenza deve essere la presa di coscienza della reale situazione. Lui non è un debole, lui ha deciso tutto quello che vi è capitato. E più lo addebita alla sorte, agli altri, a voi, più è un uomo che fa il furbo. Non conosco deboli furbi. Neanche quando mente è debole

      • Le amanti magari non lo capiscono perché loro in primis non sono onesti e spacciano il loro matrimonio per un matrimonio in crisi quando evidentemente non lo è! E parlano di AMORE per anni.
        Dai basta far passare le amanti per allocche accecate dai sentimenti,povere donne incaponite davanti a uomini che non le vogliono… non credo che siamo tutte adolescenti alle prima cotta qui dentro.

        • Concordo @Mic …. Passata la fase prosciutto negli occhi …. Che per me è durata fino al primo stop …. Poi ci si sveglia.
          A noi decidere cosa fare.
          Non sono stupidi loro e non siamo stupide noi.
          Una scelta fatta tra adulti, più o meno maturi, e a noi la scelta se continuare, nella consapevolezza che poco o nulla cambia (ma va bene così ad entrambi perchè senza di te per ora non mi ci vedo) o nella scelta del CDS (‘o la và o la salta’).

          • Possiamo anche usare un termine diverso da manipolare ma che Cosa succede in realtà in molte delle vostre storie? C’è una posizione dominante (lui di solito) e una in tutto o in parte sottomessa, che accetta dalle imposizioni peggiori (aspetto un figlio da mia moglie) a quelle minori (non ti chiamo per due settimane perché sono in vacanza con lei) sostanzialmente rispondendo con accettazione dipendente (ma in fondo anche se fa un figlio ne aveva già cosa cambia?), accettazione remissiva (ok non mi ha chiamato ma adesso torna e si fa vivo) e accettazione pseudorazionale (lui è un debole per ora mi va bene così). Non esistono uomini deboli che si fanno soverchiare dalla moglie o dalle paure o dalle responsabilità: un debole non sceglie di farsi l’amante. Un debole non sceglie di restare con la moglie. Un debole non sceglie di relegarvi a una parte sempre più piccole della sua vita. Un debole non decide che i figli, quelli che non contavano abbastanza al momento di scopare fuori ora diventano ostativi per realizzare quello che lui descrive come il suo grande amore.Non diamo scuse a chi non ne ha solo perché dobbiamo tenere viva la fiammella della nostra speranza o giustificare i rospi che dobbiamo ingoiare propinato da qualche poverino Debole. Questa consapevolezza è il primo passo per la libertà e quindi felicità. Poi dovete chiedervi: io così sono felice? Infelice? Neutra? Cosa mi conviene fare per vivere decentemente e serenamente? Tenerlo così come è, conscia che col tempo la situazione peggiorerà salvo
            Ufficiale e gentiluomo o attuare il codice del silenzio e staccare la spina? Ma la base di partenza deve essere la presa di coscienza della reale situazione. Lui non è un debole, lui ha deciso tutto quello che vi è capitato. E più lo addebita alla sorte, agli altri, a voi, più è un uomo che fa il furbo. Non conosco deboli furbi. Neanche quando mente è debole

          • Concordo …. Nessun debole!!
            Passata la fase ‘cuore e cuoricini'(che per me era dipendenza) …. Vedi tutto in maniera più realistica, dura, ma quella vera …. Poi tocca a noi decidere cosa fare!!
            Ora sono nella fase ‘io prima di tutto’!!
            Anche se può sembrare strano …. Il confronto con voi in questo blog mi ha aiutata a leggermi dentro e a capire il perchè del mio comportamento …. Ale lo sò che tu sei giornalista …. Ma, parlo per me, mi hai aiutato tantissimo …. Probabilmente se non fosse stato per te e le ragazze sarei ancora ‘in fondo al mar’ …. Grazie.

  26. @Ursula, “non c’è più niente di “legante”,ma continuerebbe tranquillamente a scoparti? Bene, vista la nuova situazione, digli che non saranno più leganti neanche i vostri telefoni e che continui scoparsi la moglie, giovando del maggior legame suggellato dal figlio in arrivo.
    @Vera, che tristezza pure il tuo: “quella è la mia vita privata ,io e te siamo un’altra cosa” leggi: “quella è la mia vita privata, tu stanne fuori!”.
    Che belle persone, davvero!!

    • Possiamo anche usare un termine diverso da manipolare ma che Cosa succede in realtà in molte delle vostre storie? C’è una posizione dominante (lui di solito) e una in tutto o in parte sottomessa, che accetta dalle imposizioni peggiori (aspetto un figlio da mia moglie) a quelle minori (non ti chiamo per due settimane perché sono in vacanza con lei) sostanzialmente rispondendo con accettazione dipendente (ma in fondo anche se fa un figlio ne aveva già cosa cambia?), accettazione remissiva (ok non mi ha chiamato ma adesso torna e si fa vivo) e accettazione pseudorazionale (lui è un debole per ora mi va bene così). Non esistono uomini deboli che si fanno soverchiare dalla moglie o dalle paure o dalle responsabilità: un debole non sceglie di farsi l’amante. Un debole non sceglie di restare con la moglie. Un debole non sceglie di relegarvi a una parte sempre più piccole della sua vita. Un debole non decide che i figli, quelli che non contavano abbastanza al momento di scopare fuori ora diventano ostativi per realizzare quello che lui descrive come il suo grande amore.Non diamo scuse a chi non ne ha solo perché dobbiamo tenere viva la fiammella della nostra speranza o giustificare i rospi che dobbiamo ingoiare propinato da qualche poverino Debole. Questa consapevolezza è il primo passo per la libertà e quindi felicità. Poi dovete chiedervi: io così sono felice? Infelice? Neutra? Cosa mi conviene fare per vivere decentemente e serenamente? Tenerlo così come è, conscia che col tempo la situazione peggiorerà salvo
      Ufficiale e gentiluomo o attuare il codice del silenzio e staccare la spina? Ma la base di partenza deve essere la presa di coscienza della reale situazione. Lui non è un debole, lui ha deciso tutto quello che vi è capitato. E più lo addebita alla sorte, agli altri, a voi, più è un uomo che fa il furbo. Non conosco deboli furbi. Neanche quando mente è debole

      • Esattamente Alessandro,
        poi possiamo dirci tutto quello che ci serve per farci sta meglio, ma in tutti i casi che tu hai elencato si tratta di “accettare” qualcosa che se dipendesse da noi sarebbe completamente diversa.
        Non so se è stato un refuso riscrivere tutte queste volte lo stesso commento, o se, esasperato lo hai fatto intenzionalmente.
        Ce lo dovremmo tutte tatuare sul cuore.
        Grazie

      • Parole sante Alessandro! Anche se non sono così convinta che questi uomini non siano deboli.
        Furbi sicuro ma
        Furbizia non è quasi mai sinonimo di forza bensì il contrario secondo me.
        Sono piuttosto uomini che vogliono tutto e non sanno rinunciare a nulla
        Ne sposano una per farci la famiglia così come si deve fare per essere persone complete e socialmente accettate…ma le altre,se capita,se le fanno volentieri lo stesso!
        È sinonimo di forza questo?
        Forse avrò un idea sbagliata io di uomo debole e di uomo forte.

      • @Alessandro ma ti si è incantato il tasto invio? o sei esasperato avevi sto rospo dentro e non riuscivi proprio a tenerlo più? scusa l’ignoranza ma perchè una si piglia un fallito così? è la manipolazione o come altro dir si voglia? voglio dire un cataplasma così perchè? si vabbè ci fa impazzire a letto è bello simpatico dice che ci ama …ma come è che funziona? per carità parlo già con un piede fuori dall’amantato (non voglio esultare e dire entrambi) ma se uno alza steccati mi scoraggio non ho mai fatto atletica !! capisco @Lei perchè “lui” mi da l’idea di uno che ha bisogno di sentirsi indispensabile e a casa son ben contenti di farglielo credere, per quanto ami @Lei fare il salto e trovare a confrontarsi quotidiamente alla pari (quanto meno alla pari) rovinerebbe il rapporto, Ma tutti le altre non sempre : come cacchio si può sentire “lei non mi stira le camicie me le stira mamma” (cito a caso ricordo di averlo letto forse eri proprio tu) ma di che stiamo parlando? ma perchè stai con una per come ti stira le camicie? povero caro … sarà allora per questo che il mio rispeta il mio silenzio ha trovato una che gli stira le camicie 😀 😀 o che ha la lavanderia !!! capisco che mi si dica resto per i figli ma non è possibile tutte dipendenzi non ci posso credere credo invece che fino a ieri mi avevi detto il contrario perchè qua nessuna di noi è sorda e ti eri comportato in modo diverso!!!
        cosa addebita alla sorte? la scelta della moglie? anche io gli so capitata in sorte? manco quale è la sorte buona riesce a capire e a cogliere (perchè scusate tantissimo ma in ogni caso la migliore scelta sarei io …ammesso che poi la scelta sia ricambiata) ? a me più che furbo uno così mi sembra un coglione e scusate il francesismo !

      • Non è altro. E’ esattamente così come dici @Alessandro.
        Ne ho avuto la conferma proprio in queste settimane e ora sto meglio.

        Prima delle vacanze ho aperto la crisi, lui ovviamente si è offeso, innervosito (come avevo osato). Lui, uomo d’affari, impegnatissimo, provato dalle fatiche di Ercole, doveva anche dimostrarmi qualcosa? Giammai! Finiamola qua allora. Ok, ho detto. Addio. Poi, però, messaggio: ti amo, ti chiamo al mio rientro. Silenzio. Poi ancora ti desidero. Silenzio. Poi ancora mi manchi. Silenzio. Poi suo silenzio, lunghissimo, di giorni. Poi ancora mi manchi.
        Nel frattempo foto ricordo con famiglia e foto di padre amorevole.
        Ma allora che minchia vuoi da me?
        Scopare? Avrai scopato buona parte della vacanza.

        Questi sanno tutto, sono calcolatori non deboli.

        • I messaggi erano pastura. Sai cos’è la pastura? Esche che il pescatore butta a caso nel mare per attirare il pesce. Poi cala l’amo

          • la pastura non la digerisco…
            Questa volta però è diverso. Sono convinta che siamo finalmente alle battute finali perchè in questi anni mi ha sempre scritto, e tanto, stavolta quasi mai e forse quelle foto postate sui social erano un modo per farmi capire che lui sta bene anche così. E per carità, sono felice per lui. Sto molto meglio anch’io.
            Non deboli, nè furbi ma soli cazzimiei.

          • Ale, grazie ai tuoi post sto riguardando tutto l’ultimo anno con occhi diversi. Credo davvero sia stata tutto studiato perché, dopo ogni mia crisi, l’unica cosa che gli interessava non era affrontarne i motivi, ma capire quanto fossi ancora innamorata e quanto, invece, fossi diventata razionale. Come se sapesse già tutto e la tirasse più a lungo possibile. Ancora adesso il suo starmi dietro con i messaggi, la pastura, come hai spiegato tu, è studiato, nulla lasciato al caso. Può trattarsi di un seriale che munge le sue mucche fino all’ultima goccia?

          • I seriali apprezzano la comodità diuna donna pronta mentre cacciano le altre

        • @Anna: anche il mio scrive messaggi, uno ogni tanto, per far capire che lui, se voglio, è pronto a prenotare una camera d’albergo e a concedermi una parte del suo prezioso tempo. Scrivere un messaggio non costa nulla mentre quello che possono ottenere in cambio è molto. Tutto frutto di un calcolo…

          • Scrivere messaggi rispondere a messaggi ha sempre un cisto emotivo. Dipende anche da cosa ci si aspetta e da che risposta si aspetta. Spesso risposte che non arrivano o sibilline, che è peggion

        • @Anna io qua mi blocco, scusami ma sono fatta male, nell’ordine si offende poi sbollita la rabbia del momento ti scrive che ti ama …ti chiamo al mio rientro… ti chiamo al mio rientro? e se non rientri? mi ami e mi chiami al rientro… ma allora non mi ami, io non sarei stata capace amando qualcuno di rinviare neanche di qualche giorno figurati scrivere “vabbè ora mi faccio le vacanze poi quando torno con comodo con calma ti chiamo” allora vuol dire che abbiamo un modo di amare diverso finiamola qui punto!!! ci sto da cani per carità forse tu soffri di meno ma non ci posso credere che mi ami a data da destinarsi!! al più posso prendere atto che hai smesso di “soffrire” comodo sul divano di casa tua e sei andato a “soffrire” comodo al mare, ma se questa storia da sofferenza ad entrambi meglio chiudere qui e tanti saluti! sarò fatta male ma a me non sembra amore, anche ai conoscenti si fanno telefonate di cortesia a me neanche quella? ma va va

          • @hara, sì, il suo chiamarmi al rientro equivaleva ad un prendiamoci un periodo di riflessione. Riflessione che ho indotto io aprendo la crisi (per l’ennesima volta), sperando in una sua reazione e forse stavolta ci sono riuscita. Lui, ne sono certa, ha capito che non ero più disposta a continuare cosi e ha sbottato. Mi ha detto che ha sempre fatto di tutto per dimostrarmi il suo amore, nei limiti di una vita lavorativa e matrimoniale intensa, e non posso dire che non mi ha dedicato tempo, ma stavolta ha gettato la spugna. In vacanza si è fatto sempre sentire in passato ora no. Mi manda un sms ogni tanto sicuramente per sondare il terreno e tenersi una porta aperta ma mi ha già persa. io non lo sento più parte della mia vita, e pensare che fino a due mesi fa mi mancava l’ari al solo pensiero.E’ una strana sensazione. so che mi ha amato ma ora prevale altro e allora spero non mi mandi neanche più quel piccolo messaggio che bussa alla porta del mio cuore, ancora spezzato.
            Sono storie intense ma dolorose.
            Senza vincitori nè vinti.

        • Tu sei una vita separata. Quando è a casa non esisti. Ci sono uomini in grado di farlo. Il mio era sempre presente ma a me comunque iniziava a pesare il fatto di pensare che, avessi avuto bisogno ora, avrei dovuto aspettare che lui si collegasse (magari due ore dopo ) per rispondere o venirmi in soccorso. Mi pesava saperlo altrove, mi pesava l’assenza di condivisione di esperienze (cinema, teatro, mostre, viaggi, una serata sul divano a vedere un film insieme e non ognuno a casa sua commentando in chat). So che ci siamo amati tanto e io non ho nulla da rimproverargli. Non sto nemmeno soffrendo perché so che mi ama. Ed è uguale a prima la situazione. Solo che sono libera di dire un sì ad un eventuale ipotesi di felicità e non sono più legata ad una promessa di fedeltà sterile .

          • Quello che dissi io. Posso pure crepare per strada, ma se in quel momento sei alla cena di famiglia resti affabile impassibile e immobile, e non è quello che voglio da un rapporto.

          • Bella immagine. Tesoro mi hanno investita ho bisogno di te. Non posso sono a fare shopping con lei e poi devo aiutare a fare i compiti i ragazzi

          • Dei momenti di estasi e amorose vibrazioni dell’anima me ne sbatto in quel caso:))))

          • In realtà lui c’è sempre stato, anche quando era a casa. Ora non c’è più. Sicuramente ha capito, dopo il mio discorso, che le cose sarebbero rimaste sempre così e allora meglio non continuare. Oggi, tornare a sentirlo per me equivarrebbe solo a sapere di farmi una gran bella serata di chiacchiere e ottimo sesso. Non mi basta più.

          • Si @angelica2.0. Immagino però che in casi gravi lui sarebbe corso ovunque fosse (ne ho avuto la prova quando, ancora sposata, venne a casa mia a portarmi dei medicinali rischiando davvero tanto). Solo che, comunque, non è abbastanza ora per me. Mi spiace tanto, a tratti mi sento anche in colpa ma poi penso che non pretendo troppo. Penso che se soffro non va comunque bene.

          • Non è che cerchi altro. Semplicemente questa mi pare una sofferenza che non riesco più a sopportare.

          • Oldplum, magari fosse solo portare una medicina. Io sono stata operata d’urgenza, poi ho avuto problemi seri di gestione della convalescenza. Gli ho chiesto aiuto, prima pratico ma non coincideva col Mulino Bianco, poi solo un conforto. Mezza volta che non avesse cose impellenti di famiglia, non dico lo shopping che lo avrei polverizzato, ma impegni un po’ complicati da disdire si… tuttavia so benissimo che se i miei problemi li avesse avuti, che so, un parente o un collega, sarebbe corso e avrebbe messo in secondo piano le esigenze di casa.

          • Era un momento in cui doveva capire da che parte stava. Il resto l’ho già scritto.

          • È lo stesso per me @oldplum, non mi basta più e non perchè ho una vita vuota che non so come riempire, ma per i motivi che ho già esposto.
            Quello che ha scritto Alessandro, la domanda da porsi, al di là di tutti i bei ragionamenti: sono felice? E non, sono felice quando sono con lui.
            Ecco no, non sono felice. Non mi basta.
            Ci ho provato a farmelo bastare, perchè come hai detto tu, anche io l’amore l’ho sentito, ma proprio per rispetto ad esso non ce la faccio ad accontentarmi.

  27. Ale, sei sempre illuminante. Comincio realmente a capire come stanno le cose e quanto sia stata manipolata da quest’uomo, altro che poverino. Il primo passo per disintossicarsi è la consapevolezza che quello che ti manca è altamente tossico, nocivo. Bisogna porsi dei limiti, alti, oltre i quali non giustificare più nulla. La febbre di quello che possiamo accettare è la nostra stessa sofferenza. Se si tratta di perdonare, di giustificare, di accettare, vuol dire che abbiamo già superato la soglia. Dobbiamo ascoltarci e capire che quello che ci sta facendo superare certi limiti si chiama droga.

    • Penso che il problema sia che pensiamo che ci manca qualcosa. E per riempire un vuoto ci accontentiamo anche con delle atrocità. Non ci manca niente, siamo complete, piene di amore. Dovremmo venire da un luogo di abbondanza, dentro di noi, per attrarre persone che hanno anche abbondanza e così poter condividire e far crescere l’amore. Però se abbiamo mancanze, o pensiamo di averle, attrarremo persone con mancanze, che ci tolgono per sentirsi pieni loro. O penseremo che loro ci possano dare qc per farci sentire meglio. Il nocciolo della questione è tutto nel nostro modo di considerare noi stesse. E in primo luogo dovremmo amarci e rispettarci noi stesse, sempre e prima di tutto.

      • Parole sacrosante . Io credo che anche fra mille anni se lui mi cercherà io ci sarò . Vorrei non fosse così ..spero che non sia così . Ma adesso per come sono messa potrei aspettarlo per sempre .. sono già vent anni e lui adesso è nella crisi di mezza età ha lasciato la moglie per stare solo ma intanto si è scoperto interessato alla trentenne .. e io imbecille che sono sempre convinta che tornerà sempre da me in nome di un amore eterno e predestinato del quale nessuno riesce a farmi cambiare idea . Ma come sono messa ? Mi faccio paura da sola

  28. Le sigarette:) sono riuscita a smettere, contestualmente al cds. Fumavamo insieme… le sigarette fanno male, costano soldi, puzzano, ti fanno uscire in pieno inverno per fumare fuori dal locale, spezzano il fiato e fanno la pelle gialla e spenta.
    Ma quanto piacciono? Quanto fanno da ciuccio, da premio, da consolazione, da spezzafame, da riempi-vuoto?
    Dipendenza. Oltre qualsiasi ragione, non avere la dose fa davvero male. Si vive tutto il resto, si, ma con questa dipendenza che intride ogni passo della giornata. Si fa tutto, anche bene, ma con la scimmia aggrappata.
    Ci si dice che i benefici sono maggiori dei danni, che qualche vizio bisogna pur coltivarlo:)
    Si trovano mille giustificazioni e comunque si continua.
    A volte si inizia ad avvertire un disagio e si smette, si trova la forza. Altre volte si arriva allo sfinimento, ma non c’è niente da fare. Ognuno ha il suo relè.
    Come per le relazioni purtroppo. Dipendenze:((

    • Ecco la dietologa con cui ho fatto un libro mi diceva sempre L: quando uno si mette a dieta affronti una prova per volta. Non che non approvi lo settore di fumare ma occhio a non caricarsi troppo di oneri. Io se mi metto a dieta aspetto prima di andare anche in palestra

      • Hai ragione. Per me però smettere di fumare è stata una botta di autostima che mi ha aiutata. Non mi piacevo più con la sigaretta sempre in mano, mi vedevo sfigata. Una cosa ha aiutato l’altra nel mio caso

        • Anche per me uguale a te Cara Angelica
          Ho smesso di fumare da un giorno al altro improvvisamente stavo male proprio come qui hai scritto la dipendenza da lui e la nostra relazione chiaro stava diventando tossica proprio per il casino che vivevo in me

          Ne fumavo 40 al giorno
          Avevo raddoppiato la dose in modo esponenziale dopo il mio lutto schock di mio marito ottimo compagno innamorati persi ancora pure se dopo tanti anni

          Poi quel ex lì Tossico nel senso totale
          Eppure cazzo si presentava benissimo e pure con ottime referenze professionali una specie di genio

          Si un genio del cazzo!!!
          Scusa il francesismo
          Ma ora ci rido fragorosamente in modo leggiadro e in fondo penso che la mia vita da sempre si è contraddistinta per qualcosa di stupefacente il che in questo mio caso con l’ex calza a pennello come una battuta di humor

          Così ho smesso e proprio poco dopo sono riuscita a mollarlo per sempre!!!

          Vero comunque che va presa una cosa alla volta come dice Alessandro però esattamente come te ho fatto e ti dirò che sai quante Donne ho poi conosciuto come noi? Ex tutto prima ex fumatrici e poi il vaffa al ex!!!

          Veramente stupefacente!!!
          Ah ah ah

          • Noto che ogni tanto qualcuna di voi fa riferimento, descrivendo le qualità dell’amante, al lavoro, alla posizione e alla preparazione intellettuale, perfino al Qi. Vi svelo una cosa. In amore non contano un cavolo, conta la nobiltà d’animo. E ve lo dice uno che appartiene a una categoria (a torto o a ragione) definita degli intellettuali. Ho visto persone “semplici” trattare con più rispetto ed educazione l’amante di grandi professionisti e cattedratici. L’amore è molto democratico e per niente classista

          • MA certo diciamo che nel mio caso mi ha stupito il fatto che il soggetto sia conosciuto a livello internazionale non certo per classismo ma per il fatto che non passa inosservato e che quindi la sua sfacciataggine è immensa perché come ho scoperto dopo studiando la materia Tossica sua è risaputa clinicamente e socialmente la abilità nel ribaltare la realtà apparendo loro quelli poverini vittime di persone squilibrate accusano infatti di essere noi quelle malate!!!

            Guarda Caro Alessandro lo capisco per chi non lo ha vissuto può sembrare impossibile
            E la cosa che distrugge è proprio anche questo farla franca sempre

            Poi sai viaggiando sempre X il suo lavoro ancora più facile fare scempio delle Donne
            Insomma era per dire che non mi riferivo al classismo anzi più si sta in alto e magari conosciuto peggio è infatti la cronaca ne parla eccome di questi grandi bastardi

          • Caro Alessandro ma appartieni a quali intellettuali
            Sei un Bourjois?
            O un Bobo?

            Ci sta una grossa differenza come penso tu sappia in Francia è così

            Mi sento sicuramente Bobo et j’aime pas de tout le Bourjois!!!

            Vediamo che rispondi
            Scrittore intellettuale si, ma quale????

            Sto S scherza’
            Perché ho un sonno pazzesco non dormo da tanto causa bagordi vacanza e sempre in attesa di salire sul aereo

            Viaggiatrice assonnata ma Bobo’

            Ah ah ah

          • Bene intellettuale da Amarone equivale a Bobo
            Visto che con la scusa intellettuale in realtà i Bobo si vedono spesso insieme al bar bistro just pour boir un coup ensamble
            Magari di Amarone

            Pourquois pas?

            A novembre aspetto il Beaujolais nouveau
            Just pour partager un verre ensamble et parler du nouveau Libre
            De Alessandro Nicolò Pellizzari

            Tu le connais?

          • Alessandro caro
            Mi sono accorta di aver scritto in un misto Français /Italiano
            Libre anziché Livre o Libro h
            Ho melanger !
            Mi succede spesso ah ah ah
            Perdona/te ma mi sbaglio
            LIBRO .LIVRE ,
            il tuo NUOVO LIBRO o LIVRE
            Pare non aver confini!!!!

  29. @alessandro eri già un mito ma da questi post si vede un salto di qualità pazzesco. Complimenti di cuore (se posso permettermi).

  30. A me questo succedeva non solo quando lui era in ferie ma anche di sera o di giorno quando era in compagnia della moglie. A volte mi diceva che mi avrebbe chiamato, invece spariva e il giorno successivo si faceva vivo come se niente fosse successo. Gliel’ho detto chiaramente in faccia: cosa ti costa scrivermi un messaggio? Lui mi ha risposto che lei è gelosa e lo tiene sempre sotto controllo. Ma dai, che bugia. È sotto controllo anche quando va in bagno??? Gli ho anche detto: non avevi paura che non ricevendo nessun messaggio da te io ti avrei telefonato proprio mentre eri con lei? Lui non mi ha risposto. Successivamente ho scoperto che questo problema non lo correva perché in quei momenti lui bloccava il mio numero. Una volta l’ho chiamato: uno squillo e poi segno dell’occupato (succede quando inseriscono il tuo numero nella black list). Gli facevo comodo solo per il sesso, per caricare il suo ego narcisistico o per sfogarsi con me che ero diventata la sua psicologa/confidente.
    Alessandro grazie per i tuo articoli, sono illuminati!!! Aspettiamo tutte il tuo libro.

  31. Ragazzi.. oramai anche io sono una assidua lettrice di questo blog che è veramente un aiuto grande in momenti di difficoltà. Dalla mia esperienza di moglie tradita e amante ( ora non più ) posso solo dire una cosa.. siamo Amanti. La storia il più delle volte è alimentata proprio dall’intrinseca voglia di trasgressione che ad essa è sottesa. Tutte noi amiamo la fase ludica dell’amantato che, come Alessandro insegna, dura purtroppo relativamente poco prima dell’insorgenza dei sentimenti più svariati o profondi che ci traghettano verso l’oblio di un sogno irrealizzabile e di una dipendenza affettiva. Chi arriva a questo blog purtroppo si trova nella fase critica.. salvo i pochi lieto fine..spesso siamo noi a idealizzare queste storie proprio per l’eccezionalita e la botta di adrenalina che si portano dietro. Ci sottoponiamo a trattamenti spesso inumani .. e giustifichiamo, ci appigliamo a qualunque ragione che purtroppo ha una e una sola spiegazione .. non siamo le donne che loro hanno scelto di avere accanto .. per tempo, convenienza, e tutta una serie di ragioni più o meno scusabili. Non salgo in cattedra.. io per prima ho scusato degli atteggiamenti che non avrei mai meritato non fosse altro per l’enorme pazienza, discrezione e generosità che ho sempre riservato a questa persona. Sono stata lasciata con un messaggio di tre righi con la scusa che era una ‘scelta sofferta ma definitiva’, salvo poi ricercarmi per consigli sull’acquisto di una macchina e altre cose che sarebbe pure penoso ribadire . Per cui.. o si impara a vivere la storia con relativa leggerezza trovando un equilibrio che non ci mandi al manicomio oppure.. si chiude. Sicuramente meno ci si fa vedere ‘bisognose’ più ci si rende appetibili. Con me non ha funzionato neanche questa linea, cosa che mi ha molto provata .. però sono sempre stata realista e vi dirò di più.. pur amandolo intensamente forse non me la sarei neanche sentita di gestire una sua separazione con figlia mia (sono separata) figli suoi, casino e bordelli vari. Mi sarebbe piaciuto vivere il bello di quello che potevamo darci nel rispetto e consapevolezza del bene reciproco. Parlo di affetto.. perché ho imparato che prima di parlare di Amore con una persona devi viverci la quotidianità, devi fare l’amore, la spesa e devi pure affrontare il quotidiano .. cosa che spesso l’amantato passionale non ci consente di fare. Io non ho mai parlato della moglie e mi sarei offesa se lo avesse fatto, quello era il nostro rapporto d io non ero lo sfogatoio delle sue frustrazioni, quelli erano problemi che esulavano da me e dal nostro ‘noi’. Io l’ho presa in tasca pure così.. ma forse chi ha perso e’ Anche lui che ha voluto perdere questo bello per la sua serenità.. spero di trovare altro e di ripagarlo essendo felice davvero con una persona che può amarmi a 360 gradi. Grazie Alessandro e grazie a tutte per condividere le vostre esperienze con noi.

    • Lucida, realista …. Perfetta!!
      Grazie cara @Oscar, questa da te descritta è la realtà dei fatti.
      Una realtà che accomuna tutte noi (o quasi) nelle varie fasi di queste ‘storie’.
      Un abbraccio grande.

    • Grazie per le tue parole. Hai perfettamente ragione. Noto che, arrivati ad una certa età e con un matrimonio fallito alle spalle, è difficile trovare una persona che possa amarci a 360 gradi, ma non perdo la speranza. Per il momento sto cercando di stare bene da sola. Sono stufa di essere solo una valvola di sfogo di sesso e frustrazioni varie (personali e lavorative). Non mi accontento più delle briciole. Ho bisogno di essere amata completamente e sempre… E non più solo in determinati orari e giorni.

  32. va davvero così…aggiungerei che nel mio caso non stavo bene nemmeno quando eravamo insieme, perchè anche dopo che lui era uscito di casa era sempre stare insieme con l’orologio in una mano e il telefono nell’altra, a me montava già ansia prima di vederlo per la sensazione di poco tempo ed ero sempre lì che mi chiedevo quale sarebbe stata stavolta la scusa per andare via prima, “scusa tesoro recuperiamo la prossima volta”, oppure un suo classico era usare i nostri appuntamenti x le sue commissioni e spacciarmela come esperimento di quotidianità insieme, ora va bene se vivi insieme, ma se ti vedi due ore a settimana mi aspetto che le commissioni siano l’eccezione non la regola..soprattutto se le fai per la casa da cui sei appena uscito. tutte cose che ho spiegato e rispiegato ma non ha capito. e tutte cose sulle quali non sto ancora riuscendo a smettere di rimuginare. tale l’offesa e il senso di umiliazione proprio di queste piccole cose, anche quando come ben sapete ce ne sono altre e ben più gravi che non ho ancora risolto con lui…

    • li sottovalutiamo quando diciamo che gli abbiamo detto ma non hanno capito. Capiscono, eccome se capiscono, solo che non gliene frega proprio niente.
      Per questo fa ancora più male, perchè ogni loro mancanza è intenzionale.
      Nella scala gerarchica, noi siamo dopo lo zerbino.

    • @Nina! due ore a settimana?? Con il telefono in una mano e l’orologio nell’altra?? Non aveva l’ora sul telefono??? 🙂
      Rido perchè certe situazioni sono paradossali ma ti tirerei i capelli perchè adesso che la vedi ‘da fuori’ o ‘da dopo’ .. che cosa può ‘promettere’ una relazione con queste componenti?

      Poi sia chiaro, si sfasciano le relazioni nate meglio ma benedetta ragazza.. usava regolarmente i vostri appuntamenti per le sue commissioni?
      Calci nel sedere (a lui, ma io ne tiro uno leggero e simbolico anche a te mannaggia!!)

      Basta però, è finita, vero?

  33. Mi piace molto questo articolo, aggiungerei una variante, un dettaglio che apparentemente può sembrare piccolo ma non lo è. Capita che il vacanziero con la famiglia imponga un modus per le comunicazioni e cioè: tu cara non scrivermi mai non chiamarmi mai, perché mia moglie e mio figlio magari vedono il cellulare, aspetta che sia io a scrivere o a chiamare. Come dire: “vegliate, perché non sapete né il giorno né l’ora”. Potrebbe essere in qualsiasi momento, senza preavvisi, e il cuore batte all’impazzata se proprio in quel momento sei sotto la doccia e sai che passato il santo passa il miracolo….. e poi quando ti risuccede più? Tu devi freezzarti, non puoi richiamare o scrivere, non puoi sapere cosa è successo o cosa voleva dirti perché magari il bimbo è tornato sotto l’ombrellone o la moglie è uscita dal negozio……

      • Purtroppo è anche peggio di così. Ma la colpa è solo mia. Il sabato e la domenica capita che si liberi per una mezzora, che riesca a sganciarsi dalla famiglia, mi avvisa circa 45 minuti prima dell’incontro. In questa attesa io non vivo il fine settimana come tutti, non faccio programmi, sono reperibile. Sono il suo vigile del fuoco reperibile h24. La colpa è solo mia. Nessun uomo sarebbe disponibile in questo modo. Devo reagire lo so.

        • @h24 la cosa peggiore è che essere così disponibili significa regalargli tutto il tempo(la cosa più preziosa che abbiamo) per riceverne poco del suo. Ma forse la cosa peggiore in assoluto è che, dimostrandoti così disponibile, paradossalmente, otterrai da lui sempre meno. So che è un discorso che non tiene conto del piacere che ti da anche solo sentirlo, ma è del tutto controproducente, da ogni punto di vista. Dovresti non rispondere, infondo tu hai da fare le tue cose e non è detto che alla datax, orax tu sia reperibile. Vedrai che dovrà ingegnarsi se vuole sentirti e tenerti lì buona.

        • Egoismo allo stato puro!ma purtroppo siamo noi che glielo permettiamo!! Dai è sabato, organizza qualcosa con qualche amica e se ti chiama prova a rispondere che non puoi… giusto per vedere la sua reazione. È molto importante

        • 45 minuti non valgono la pena per rinunciare a tutti il week end. Almeno quell’abitudine toglila.
          Perché poi le donne che corrono sempre perdono davvero ogni appeal.

        • Dagli buca qualche volta. Fai i tuoi programmi, a lui dai ok all’incontro e non ti presentare. Rispettati ed imparerai ad amarti. fidati, funziona

          • @h24 le testimonianze come le Tue dimostrano tutto il peggio di quello in cui può trasformarsi un amantato, e purtroppo il rischio che la storia possa prendere questa china c’e’. Il fatto che Tu ti renda conto che ci sia un problema e riesci a valutarlo e a commentarlo negativamente e’ Il primo passo verso la consapevolezza che devi cambiare passo. E’ Inutile dirti che se non dovesse ricercarti in caso di Tuo bidone non hai perso nulla.. però provaci.. ne guadagneresti in considerazione di te stessa. Se non hai nessuno da chiamare fai qualcosa che non avresti mai fatto.. prendila come una sfida.. non farti risucchiare da questa spirale.

  34. Vi faccio sorridere… ho raccontato a sprazzi la mia storia nel corso di questi mesi dietro il mio fantomatico Amante, a cui sono ancora profondamente legata, purtroppo. Sarà che sono segno zodiacale cinese Cane e quindi non riesco a dimenticare facilmente quando mi innamoro..insomma, più di un mese fa ultimo incontro, cosparso di olio a casa mia si rifiuta di sublimare l’atto amoroso, salvo poi voler rimanere abbracciato per circa un’ora. Vi assicuro una situazione intima molto toccante, perché ho percepito veramente pathos da parte sua e non vi nego la mia delusione, perché il desiderio di farlo era di entrambi e c’era anche semplicemente voglia di godersela senza sovrastrutture mentali, cosa che in genere hanno le donne ma siccome io sono Alfa (forse ero) ne sono sprovvista! Non voglio fare qui un’analisi dei sentimenti più o meno profondi, perché se anche li provasse ma poi non concretizza nemmeno con il volermi vedere serenamente sapendo benissimo quale sia la mia posizione, evidentemente ci sono problemi alla base. Ci siamo poi sentiti per lavoro..poi lui parte per le ferie così come me, sparisce dal 17 e oggi si ripalesa con un Buon giorno .. come stai?
    Spesso Alessandro ha detto che il “rimaniamo amici” è una scusa per tenerci all’angolo e rifare un giro, o disse proprio in risposta ad un mio post… sempre nella mia filosofia di chiarezza avrei anche potuto accettare … ma non mi vuole per il sesso eppure per lui sono uno tsunami totale, credo nella top three visto che tutto filava alla meraviglia e non si staccava mai da me .. non parla con me se non di cazzate tipo la macchina o altro… cerca di evitarmi come la peste ma poi percepisco dei lontani rimpianti anche se poi, appenasi ferma a riflettere innesca il freno a mano..e non capisco che cosa voglia da me dato che mi aveva su un piatto d’argento. Ma al di là dell’episodio contingente..
    mi chiedo Alessandro e chiedo a tutte.. noi parliamo di TRADIMENTO.. tradimento di promesse fatte magari anni prima, tradimento di relazioni frutto di una vita convenzionale che, come vediamo, comunque fa acqua perché non rende completamente felici. Perché le persone cambiano e se ho fatto dei figli con te a 30 anni non è detto che a 50 io sia la stessa persona. Questo non mi deve fare perdere il senso di responsabilità che devo mantenere verso le persone che ho messo al mondo, però mi chiedo se il NON assecondare il proprio sentimento o il proprio innamoramento (attenzione..esulando dai seriali che lo fanno per mettere la tacca sulla carlinga) rappresenti un tradimento verso sé stessi. Io ad esempio nel mio caso non volevo distruggere la vita di nessuno, ci sono passata e non sono meschina, volevo solo arricchire la mia e la sua, ma lui non ha “emotivamente” retto perché non può chiudermi in un cassetto e non riusciva ad essere sereno, credo..e di fronte a delle minacce di problemi ha optato per abbandonare la scialuppa, ne soffro ma posso comprendere..ma ha tradito sé stesso? Quando mi ha mollato credo si sia sentito liberato e confortato di aver ripristinato la sua serenità..poi percepisco che subentri la profonda noia, dato che noi ci siamo divertiti tantissimo insieme ed è questo quello che mi manca molto, il divertimento e le risate. Io sto cercando di farmene una ragione cercando di stare al mio posto, andare avanti e vedere altro..però mi chiedo perché ci si debba chiudere in certe gabbie mentali, mi sfugge.

    • Ma sai che io questa storia di un uomo che si fa oliare e massaggiare rifiutando il sesso per farsi una verginità coniugale che ha perso da tempo immemore lo trovo sconcertante è negativo al massimo? È come se ti trattasse da schiava. Puoi massaggiarmi ma non scoparmi. Che bassezza. Della serie stai al tuo posto ma qualcosa che mi piace ti faccio fare

      • Non ti va proprio giù!! scherzi a parte.. la cosa sconcertante è stata che era una cosa fatta per dimostrare a se stesso di essere più forte del desiderio di stare con me. In realtà ho visto una persona in difficoltà, e non è per giustificarlo perché ti assicuro che non ho le fette di prosciutto davanti agli occhi. E’ Una persona abituata ad avere il controllo e con me lo ha perso .. completamente. Poi sul suo concetto di fedeltà potremmo discettare delle ore dato che con un livello di intimità notevole e tutto quello che era accaduto una scopata in più non avrebbe cambiato nulla. A me ha colpito proprio l’atteggiamentk Di imbarazzo e di grande affetto dopo.. che ovviamente non giustifica certi comportamenti adottati a scapito del mio cuore. Ma .. non è facile fare capire certe dinamiche .. purtroppo.. oggi mi chiede come sto.. ma che vorrà?? Chissà.. io vado avanti per la mia strada e chisss che non riesca a trovare di meglio. Questi amanti/amici (?) ombra sono veramente il peggio.. più altalene umorali di una tredicenne

          • È solo un confuso che non sa cosa vuole e al primo momento di noia o difficoltà chiede a te come sta per non chiederlo a sé stesso

          • Maj.. sta cosa del lui che ama avere il controllo ma con noi lo perde è un luogo comune peggio del non ci sono più le mezze stagioni. Se il sangue confluisce allo stomaco perdono lucidità se confluisce alla zona pelvica non si ricordano nemmeno come si chiamano.
            Questo cara @Oscar ti racconta un sacco di fregnacce per farti sentire in mano un potere che non hai, ma ha capito che ti piace che te lo faccia pensare. Così ieri la consulenza auto, oggi il massaggio, domani facci sapere

          • Lui ha la fortuna di avere conosciuto una folle visionaria pazza come me.. ed e’ talmente ingabbiato fa non sapersi vivere una cosa bella.. ma sono problemi suoi! Quando vado a letto la sera a volte mi sento sola ma.. per lo meno ho la libertà di fare ciò che voglio senza dovere dare conto a nessuno, è come saprete questa condizione e’ Comunque impagabile. Se sto male non devo fare finta, non devo coricarmi con nessuno che non voglio e la vita bussa alla mia di porta .. non alla sua. Questo è certo

        • Stavo leggendo il tuo post …. E pensando proprio all’uomo ombra …. Anche il mio un uomo con un autocontrollo da paura, poi quando è con me come per incanto …. ‘puff’ …. Svanisce …. Ehhh ‘l’amore’!!
          Ricordiamoci che hanno la capacità di non farsi sentire per il we, per le ferie …. (Anche se deciso assieme!!).
          Quando ne sento bisogno, rileggo ‘L’uomo ombra’ e tutto torna alla memoria …. del perchè voglio viverla così!!
          In bocca al lupo!!

      • Ma non so Caro Alessandro e cara Oscar Alessandro la pensò esattamente uguale e scusa sai Oscar ma non lo trovo normale questo oliare senza scopare questo suo rifiuto di avere rapporti sessuali con te ma tenerti nel olio

        Sarò la solita ma il fare sesso e avere un rapporto intenso prima e poi fate così tenerti a secco( vedi olio) è un forte comportamento sospetto tipico narcisista covert e pure Borderline oscillazioni ecc

        Magari mi sbaglio ma vedi che non si percepisce come una cosa naturale
        Lo trovo allucinante
        Infatti questi tipi tendono a trattenere mettere alla prova gente fuori di equilibrio
        Sono secondo me vessazioni che fanno MALE inutilmente

        Da EVITARE fossi in te altro che fargli massaggi
        Un bel vaffa senza manco dirlo
        Sparisci Oscar TESORO!!!!

  35. @cossora cara certo che è finita.. poi non era la regola eh, ma comunque troppo x sopportare.. solo che la cosa mica è iniziata subito..

    • Macché. Certo all inizio somigliano tutti a Richard Gere.
      Comunque ho una cara amica che sta iniziando la sua prima volta con uno sposato-in-crisi-con-la-moglie. Lei vive a 400 km da me.
      Lui la stupisce con gli stessi effetti speciali del mio. Ma gli stessi proprio a partire dalle idee.
      Sono in osservazione.

      • Mettila in guardia anche se all’inizio non ascoltate i grilli parlanti. Richard here lo deve fare alla fine

        • @Ale lei e io siamo quasi sorelle.
          Ha seguito la mia storia da vicino quindi ha anche la controprova, non sto esagerando.
          Ma non ne è innamorata, questo fa la differenza. E’ lucida e obiettiva, però sto sul pezzo con lei.
          Incredibile.

          Una cosa sulla lucidità: io sono presa (molto ancora) dal mio tipo ma diciamo che certe cose, a sentirle per la terza volta, le tratto con le pinze. Soprattuto (e qui penso che mi stia servendo da ‘scuola’) appena ho un sassolino nella scarpa me lo tiro fuori in sua presenza, col sorriso. So che non lo faccio maturare (una mamma e un’infanzia l’ha già avuta) però dire ogni cosa nel momento in cui non va bene aiuta a vivere meglio.
          Sputi il fastidio invece che tenerlo dentro (che bene dentro non fa).

          Volevo condividere e consigliare vivamente di pretendere il rispetto della porpria tranquillità, anche se si tratta ‘solo’ di amanti.

          • Cossora, nella mia esperienza (non solo con l’ex) il tirare i sassolini fuori dalla scarpa col sorriso sulle labbra equivale a… Non dire niente. Veramente, di qua gli entra e di là gli esce, continuano beatamente a fare come ca…volo gli pare. Il che non stupisce, se consideriamo che continuano a fare come gli pare anche quando gridiamo, strepitiamo e li infamiamo: giusto con il no contact totale di qualche settimana realizzano che FORSE qualcosina non va… A riprova di che esseri basici ed opportunisti sono questi maschi (Alessandro correggimi se sbaglio).
            Per cui fai benissimo a sfogarti elegantemente se questo può favorire il tuo equilibrio psichico e tutelare il tuo buonumore, ma con la serena consapevolezza che molto probabilmente le tue rimostranze cadranno come lettera morta.

          • Guarda @cossora io non trattengo più un pensiero che è uno già da tempo ed è vero fa star bene me, ma non credere susciti non dico cambiamenti ma nemmeno pensamenti in lui.
            Un esempio? Fra 2 settimane vado in viaggio in un bellissimo posto, sola.
            Lui in una delle nostre passeggiate mi trascina dentro un negozio e mi regala un costume. E aggiunge per andare a…. ci vuole un costume nuovo. Io , avrei preferito andarci col costume vecchio ma con te.
            Silenzio
            E questa è una banalità. Ma io veramente non mi trattengo più, con l’unico risultato, che ora ogni tanto mi dice pure che sono rompiballe.

          • Piano ragazze. Innanzi tutto ho premesso che non gli insegno niente perché è abbastanza grande da sapere chi è e cosa fa. Poi il sassolino mio non è che vorrei andare in ferie con lui o che vorrei si separasse. Quello è un autogol. Ho già spiegato che per me lato coppia deve lavorare molto molto e non so se abbiamo tempo!
            Il mio sassolino può essere ‘mi hai fatto rimanere male perché hai dato per scontato che liberarmi per me fosse più facile che per te, quindi PRIMA di farmi spostare una cena assicurati di essere davvero disponibile avendo anche magari un piano B. Non soffro per una serata saltata (che può capitare con chiunque) ma per una mancanza di cura nei miei confronti’.
            Questo sembra a tutti una goccia nel mare, ma in ogni relazione far valere anche il proprio tempo senza polemiche o puntare alla discussione mette in una pisizione positiva anche lui che non si sente bacchettato ma invitato a farci caso.
            Io poi sono una morbida di carattere, non attacco nessuno.. figuriamici se cé un sentimento di mezzo!
            Però a me porta più risultati questo atteggiamento, con lui che se lo prendi di petto sparisce. Caratteraccio? Lo so benissimo. Credetemi.

          • @Ale sono d’accordo. Mi incaponisco ma mollo anche io..è solo carattere. Cé chi scazza senza la finalità di chiudere e chi non scazza mai ma intanto si allontana.
            Io mi demotivo, e non ho un numero massimo di bidoni in genere.. il solo fatto che non veda più il fenomeno è sintomatico. Ci credo fino all’ultimo e poi va giù a imbuto, non a clessidra.
            Lascio che sia. Ho imparato un po’ a domare l’impazienza, perso la paura della moto, rivissuto i miei 16 anni e la nostra magica scuola-comunità.
            Mi ha reso dolcissima una separazione che vado fiera di come ho gestito.
            E… ultimo ma non meno importante ho conosciuto voi, avendo accesso a pensieri ed esperienze che non avrei potuto conoscere!!

    • Cara Nina
      Ti comprendo tantissimo
      Come sempre chi non ci è passato ha maggior difficoltà a capire che significa aver avuto a che fare con uno fuori di testa
      Kattivo veramente
      Tesoro di Nna forza ti penso e sento tantissimo
      E ricorda che non hai fatto proprio nulla di male
      Come tutte noi qui nessuna esclusa ci eravamo innamorate
      Avevamo creduto a lui ,abilissimo mentitore…,
      Tutte ci siamo piegate in mille modi
      E la pazienza
      E la ubbidienza
      E mi esprimo con lui e cerco di fargli capire ciò che provo
      ,ma nulla di fatto,
      Per poi scoprire tutto il vero peggio dei nostri lui….

      Cara Nina sfogati tranquilla ti fa bene se ti viene serve tanto per chi come noi ha bisogno già a storia finita ripercorrere tutto il vissuto per riuscire a liberarsene del tutto

      Ovvio prima credevamo in lui
      Poi si è rivelato così opposto e diverso
      Si è sofferto l’impensabile
      Sempre tenute nella ambiguità senza chiarezza alcuna da parte di lui

      Ecco perchè è così utile potersi esprimere sfogarsi scrivere leggere ascoltarsi

      Un vero Abbraccione,cara Nina
      Vai benissimo e presto potrai archiviare questa storia
      Nella scatola in mezzo alle scarpe come scrisse una volta Cara Angelica2.0 tipo caso ” Cold Case”

      Bacio!❤️

  36. blog illuminante! penna straordinaria, complimenti Alessandro!
    nel mare magnum delle donne in stand by estivo/feriale, ci sono anche io, ovviamente con qualche prerogativa in più. il mio è, come dire, lievemente bipolare nel modus operandi. compare, riappare, poi pausa di 3 gg, poi sfogo a vomito (voglio cambiare vita, sono in crisi, sto guardando delle case, cosa ne pensi, piripiri pirupiru..,), a bidoni, ad incontri con tempi risicati, alla richiesta concreta di vederci e passare giornate insieme con i suoi figli.
    allora, anche io mi chiedo, vuole una babysitter per quei giorni?! a questo punto, scopiamo e basta, da bravi adulti e vaccinati.
    altra caratteristica, mai chiamata per nome!!! che vomito! eppure nessuno ha mai preteso nulla.

    • Nel senso che ti chiama col cognome come a scuola? Figli che non basta per non avere l’addebito per colpa

      • Ma no, che cognome! Quello è il livello 2.
        Non mi chiama proprio per niente. Non ho un nome. Si rivolge e punto. Iniziando un discorso.
        Poi però, di punto in bianco:passi una giornata con me e i miei figli?(che poi,cosa penseranno e diranno questi figli mai, tornati a casa dalla madre?!!). Poi torna umano. E poi disumano.
        @Ariel certo, borderline, ambiguo, ci puoi mettere tutte le patologie mentali che vuoi.
        Il comportamento è un riflesso del disagio vissuto tra le mura,legato ad un amore, sia inside che outside, malato.
        Il segreto è:o stai al gioco, lo usi finché ti va e poi bye bye, o rischi di essere dipendente di un folle che ti consumerà.

        • Infatti Spike non credo che nessuna rendendosi conto che uno non sta tanto bene per usare un eufemismo sia disposto a farsi dipendente affettivo perché guarda che questi veri manipolatori non li batte nessuno ma proprio nessuno riesco a manipolare pure l’eventuale terapeuta nel caso dovessero farla la terapia

          Guarda informati bene perché nessun sano di mente riesce a battere un manipolatore di tal specie è una guerra persa in partenza

          La unica via di uscita è il NO CONTACT che è il VERO CDS suggerito qui dal nostro Caro Alessandro

          Una follia pura sarebbe pensare di scoparselo come un gioco innocente nel senso del tanto lo mollo quando voglio senza alcun danno a me stessa

          Fuggire ignorarlo staccare tutti i fili x sempre non accettare mai il così detto ultimo confronto chiedere spiegazioni

          Altamente pericoloso non sto affatto esagerando
          Documentatevi nella cronaca nera giornalistica

          È dalla realtà che si apprende la realtà di certi drammi che chiaro appaiono così cari e innocui innocentoni

          Ci vugliono i fatti alla mano dopo anno in su se nulla compare di concreto
          CDS a vita salva tutto in noi stesse e a volte pure la nostra vita stessa!!!

          Si non sono tutti così,ma molti ,
          Troppi!!!!!!

          • @spike anche il mio (oramai ex) sposato mi chiamava per cognome. Solo all’inizio in fase di conquista mi chiamava con il diminutivo del mio nome. Poi una volta caduta nella sua trappola mi chiamava solo per cognome, mentre quando mi parlava della moglie la chiamava per nome.. Che nervoso!
            @ariel ti devo ringraziare. Sono mesi che leggo i tuoi post e ho aperto gli occhi.. Lui é un narcisista patologico!! Ho iniziato a documentarmi su internet e a leggere libri sull’argomento e ho ritrovato tanti suoi comportamenti (addirittura frasi). Sconvolgente!!!! Negli ultimi mesi me ne ha combinate talmente tante che mi sono veramente stufata e ho deciso di iniziare il CDS. I primi due tentativi sono falliti perché lui mi ha ricatturata nella sua trappola con le solite frasi strappalacrime (finte naturalmente), poi siccome fatti continuavano ad essere l’esatto contrario delle sue parole e la situazione peggiorava ho deciso di sparire… Di sparire come ha fatto lui tantissime volte (silenzio punitivo!!), ma mentre lui qualche giorno dopo ricompariva come se niente fosse successo, io invece sono sparita per sempre. Questa volta sembra funzionare! Mi ha scritto per qualche giorno (io non gli ho mai riposto), poi ha smesso. . Speriamo continui così…spero abbia già trovato un’altra vittima a cui succhiare le energie (la moglie non è abbastanza!) e mi lasci finalmente in pace. Ho bisogno di rinascere!!!

          • Occhio perché tornano sempre. Ma non sopportano l’indifferenza che è la pena più appropriata per loro. Preparati a robe tipo scusa ho sbagliato numero… leggi nel blog il narcisista e IL ritorno del narcisista

    • Se vuoi, Spike, puoi chiamarlo tu tranquillamente
      Borderline!!!!

      Esattamente così come qui tu lo hai scritto e descritto!!

      Se fossi al tuo posto
      Sparirei per sempre
      senza nulla dire.

      Buona fortuna!

  37. Concordo con @ariel. Mi pare una tortura e una stortura. Benché vada è squilibrato lui. Mal che vada dà squilibrio a te. Mi pare quasi una perversione. Anzi senza il quasi. Scappa!!!

  38. @cossora comunque sì io sono stata proprio un po’ ingenua..e il bello è che lui mi diceva che avrebbe fatto lo stesso x me, ma..poi.. poi.

    • @Nina, ma lui ci ha creduto che ‘poi’ avrebbe fatto lo stesso per te..
      Fanno per loro anche quando fanno per i figli, per le mogli, per il lavoro, solo che ‘per loro’ è tra le righe.
      Non è che omettono, è che vivono con la convinzione che il mondo giri intorno a loro quindi SEMPRE PRIMA A POSTO LORO.

      Io l’ho visto col padre dei miei ragazzi. Non lo faceva con la premeditazione di essere cattivo. Prima a posto lui, poi a posto tutti.
      E se era in difficoltà.. si salvi chi può!

      Hai mai sentito di ex mariti che mantengono le ex mogli come regine a loro discapito? No. Ma se loro sono a posto.. è una passeggiata di salute.

      Per questo bisogna insegnare alle nuove donne l’autonomia, mentale ed economica. Coltivare le proprie amicizie, le passioni, avere sempre ‘altro’ da fare e riempirsi la vita e non far ruotare tutto intorno a un uomo. Amare e annullarsi non sono sinonimi.
      La mia barca sarebbe affondata con i miei figli sopra se per amore fossi stata fedele a lui prima che a me.
      Così l’ho salvata, lui si è salvato la faccia e ora ha una seconda chance coi suoi figli, ma fuori dalla mia casa. Paganini non ripete!!

  39. Buongiorno a tutte/i.
    Un breve post per dirvi che la luce in fondo al tunnel a volte arriva inaspettatamente e, dopo mesi di sofferenza, ti senti finalmente così leggera.
    Prima delle vacanze ho aperto una crisi col mio amante che si è rivelata illuminante.
    Non sentirlo per tre settimane, se non qualche messaggio ogni tanto da parte sua, mi ha completamente disintossicata. Se me lo avessero detto non ci avrei creduto.
    Ero stanca, è vero, e maturavo da tempo la decisione di chiudere ma così è stato più indolore. Ora mi scrive ogni tanto ma per me è diventato una specie di amico caro.
    Il suo non aver preso una posizione in questi tre anni alla fine mi ha fatto capire tutto, ci sono arrivata tardi ma ho capito e ora non mi interessa più.
    Questo non vuol dire che non lo amo più ma la delusione è stata più grande e ora ho un entusiasmo nuovo. Progetti di vita. Rinascita.
    🙂

  40. Concordo su settembre.. nuovi progetti e attività..x me nuovo lavoro lontano da dove l’ho conosciuto. Purtroppo io non sto ancora bene anche x gli strascichi con lui, che conoscendomi sa benissimo che il modo migliore x farmi stare male è tenermi appesa con delle pendenze tra noi da risolvere. Ale ti ho scritto non privato a proposito..non so cosa pensare di lui. Sul blog purtroppo non posso proprio specificare..

    • @nina… tieni duro! Un passo alla volta…un giorno dopo l’altro…concentrati sui tuoi nuovi progetti e nn farti rovinare la vita più di quello che ha gia fatto! Un abbraccio forte…

  41. Tempo sempre più risicato, “si concede” con il contagocce, ma dice sono incontri di grandissima qualità ed intensità. E io stupida innamorata accetto senza fiatare perché quel “tesoro mi stai diventando peggio di una moglie brontolona” fa davvero male. Gli scrivo per un saluto prima di ripartire per la mia città. Non apre neanche il mess, credo abbia letto in anteprima, e sparisce nel più classico ghosting. Non sa che farsene del saluto.

  42. La cosa peggiore di queste storie è che alteri completamente la percezione di cosa è reale e cosa no. Pur avendo chiuso da tempo mi rimane questa percezione stranissima di una parte di me che ha vissuto un rapporto finto, non posso neppure dire ora che ciò che io sentivo fosse vero, perchè non diretto ad una persona reale (che magari non ricambiava, può capitare) ma è come aver vissuto dentro un teatrino credendo quella fosse la vita reale. Penso che tante donne non vogliano guardare non solo perchè fa male, ma perchè si va proprio a riscrivere il passato, e l’investimento sentimentale è altissimo. Il mio era che ci fosse un uomo, anche distante, anche “amante delle donne” ma che mi tenesse a cuore, sinceramente, in una forma affettiva, e questo me lo sono portata dentro per anni. Levata la maschera ho visto quanto non auguro a nessuna di vedere. Nonostante ciò, nonostante la paura per una persona che non ha alcuna remora di farmi male ed usare i mezzi più biechi, falsificando l’incredibile, nella mia vita rimane un vissuto sentimentale, quasi un ex, e questo mi provoca una distorsione interna che non so spiegare. Non avrei mai immaginato che ci fossero persone che per gioco, perchè per loro è un gioco e sei un giocattolo, arrivassero a tanto. Nessuno mi risarcirà del tempo buttato, e sono stata io a farlo. Se siete single scappate, scappate a gambe levate, loro non si fermeranno mai, siete energia da succhiare e portare nella loro vita. Se siete sposate fatevi un pensiero verso vostro marito, con tutti i difetti che potrà avere, non vale la pochezza di quell’uomo che credete vi ami, anche se voi non vedrete mai cosa c’è in fondo.

    • @Mary sapessi quanto condivido questo tuo intervento e sensazione tremenda che hai dentro
      Ho avuto anche io sempre la stessa sensazione si quella irrealtà si è vissuto come un non riuscire più a distinguere chi fossi stata chi ero e che cosa mi era rimasto dentro

      Infatti diverse volte qui ho scritto che questi tipi di relazioni tossiche ti lasciano,la sensazione che lui sia stato cme irreale finto come abbracciare un sacco vuoto inesistente come mimare nell’aria un a presenza umana scrissi qui che si poteva rendere l’idea si questa nostra sensazione tremenda visualizzandoci in macchina in autostrada al caldo agosto e vedere il fenomeno della Fata Morgana
      Così pareva vero quella parte si atrda bagnata che si vedeva davanti
      Ma arrivati al punto dove avrebbe dovuto vedersi la strada bagnata il NULLA
      Una pura illusione un vuoto privo di consistenza e irreale.

    • È la stessa sensazione che sto vivendo in questi giorni…mi sembra di non aver vissuto una vita non reale… una sorta di risveglio da un sogno ( o un incubo dipende dai punti di vista) che non è mai realmente accaduto… ed è veramente una sensazione brutta.
      Ti fa sentire di una stupidità e di Un ingenuità terribile.

      • @Mic 1782
        Hai proprio detto bene ci si sente stupidi secondo me proprio perché abbiamo creduto al film in cui lui era REGISTA attore protagonista ma al cinema su uno schermo piatto
        Dopo si accendono le luci in sala

        Ed ecco il vuoto assoluto
        Cadute tutte le loro maschere
        La illusione pura

        È naturale che sia uno schok mostruoso che ci squarcia dentro e apre le cascate del Niagara di tutte l nostre emozioni e voglia di capire come sia stao possibile crederci?

        Come sia possibile che esistano tanti uomini siffatti?
        Privi di empatia totale e di azioni Kattive forti
        mica se ne fanno accorgere e no diciamolo Mic cara nessuno avrebbe mai potuto pensare alla tragedia che dopo il primo bombardamento di tutto il positivo verso di noi a partire dal Sesso grande arma manipolativa e a seguire tutto il loro amore che abbiamo sentito come fosse vero

        Poi sempre in oscillazioni alti e bassi e in più ognuna di noi ha sicuro ricevuto le parole esatte che si aspettava e lui capace di analizzare e anticipare tutto verso di noi

        Gente capace al inizio della relazione ti fanno parlare e chiaro che le Donne adorano parlare e loro poco hanno parlato di se salvo se questo gli serviva per non rispettarci appuntamento mancato trovare scuse allora si qualcosa della loro vita tutto o quasi FINTO
        Perché ovvio che mica potevamo essere certe di cio che poteva essere il loro raccontare di casa loro

        Insomma Carissima Mic noi ormai lo abbiamo capito e ora soprattutto per te che da pochi mesi ne sei uscita sei molto avanti nella yua consapevolezza e trovo veramente tutti i tuoi interventi positivi e che possono davvero aiutare tutte le altre amiche qui ancora incerte o che non sanno spiegarsi il come mai dei loro comportamenti

        Ecco scrivi tanto che sei veramente una Luce preziosa di grande aiuto qui per noi tutte!

        Grazie Mic!!

        • Cara @ariel ti ringrazio per le belle parole spese nei miei confronti.
          É tornato con un messaggio che più stupido non poteva essere:” ciao come stai?novità sul lavoro?”
          Dopo due mesi?!?!Tutt’ al più il messaggio che mi sarei aspettata poteva essere un semplice “ scusa sono stato il solito stronzo”
          Ma anche qui non ha avuto le palle.
          Che dire,non ho risposto.
          Ho visualizzato dopo tre ore dalla ricezione e ho cestinato.
          Ho gongolato da morire ma la cosa che mi ha fatto stare meglio é stata la poca fatica con cui non ho risposto e la leggerezza che ho provato per aver capito di aver perso solo tanto tempo ma non la mia dignità.
          Spero di infondere un po’ di forza a tutte coloro che stanno attraversando il cds e sono ancora in alto mare
          Amatevi, amiamoci più di ogni altra cosa al mondo.
          Siamo delle forze della natura e non c’è niente e nessuno che possa svalutatci o screditarci, meno che meno bambocci ( non anagraficamente parlando) egoisti e poco rispettosi.#daicheoggisplendeilsol#ancamassa❤️

          • Aspettatevi anche messaggi più intelligenti tipo cosa ne pensi della situazione politica o che tempo fa p secondo te la terra è piatta o tonda

          • Dopo due mesi, domenica ha telefonato
            Col cellulare di amico comune.
            “ ti penso almeno tre volte al giorno e non riesco a dimenticarti “
            Rido ancora…acquolina in bocca?

          • Luce, fame atavica e tristezza a palate! Fagli capire che ora ci si concede solo a chi ci merita! Un abbraccio!

          • @Luce cara se si vuole avere una prova ulteriore che si ha avuta una relazione con un Vero Narcisista Patologico
            La prova del 9 è data proprio dal Ricottatarci o nel tentativo ti butto l’amo dicendoti quanto ancora ti penso giusto per vedere se tu rispondi e a loro è sufficiente che si risponda non importa come ma il rispondere per loro equivale sei ancora in mio possesso manipolativo

            Infatti se si rispondesse interrompendo il cds che DEVE RESTARE PERMANTE A VITA ecco che cadremmo nuovamente nella rete che seppur non ha una concretezza del rivedersi
            La rete manipolativa pggiore e che potrebbe riattivarsi in noi una sorta di rinnovata dipenza affettiva interiore
            Che è quella che fa maggior danno perché infatti se non ci si cura resta come il così detto Vuocano soento

            Ti invio un messaggio è il loro tentativo di accendere il Vulcano che siamo noi tutte riuscite a spegnere sudando le nille camice!

            @ Mic ciao e grazie vai fortissima!!!

            ❤️

          • Ma che sei, una pillola per la pressione da prendere tre volte al giorno hahahaha io sarei morta dal ridere

          • Il mio sta scadendo nel patetismo dicendo che soffre si sente abbandonato e non riesce a farsene una ragione ma ribadisce che io sapevo che non avrebbe lasciato la moglie. Sapete qual è il problema? Che a me non interessa della moglie, io ho perso l’interesse verso di lui. Non mi sembra nemmeno più cosi bello

          • Luce, ti ha pure quantificato le volte. Sei una donna crudele, lui ti pensa e tu ridi, non si fa, non si fa.
            Suggeriscigli una bella craniata contro un muro di cemento armato, magari così dovrebbe riuscire a dimenticarti

          • @Luce
            Scusa volevo ovvio scrivere ” Si butta la esca” e non l’amo
            L’amo lo avrebbe tirato in casongli si rispondesse

            Ma tu e noi Vere SuperDonne
            Zitte mute dobbiamo stare a vita con sti umanoidi senza empatia!!

          • Mic, sono contenta per te, almeno la soddisfazione di sapere che sia veramente uno stronzo. Grazie per le tue parole e per aver condiviso con noi quello che ti è successo. Ci sono dei giorni in cui mi viene di rompere il silenzio per ricordargli addosso la rabbia che mi ha lasciato dentro, poi penso che un giorno avrà quel che si merita, come hai fatto tu con lui…

          • Piccola, spero davvero che questi “uomini” un giorno abbiano quello che si meritano.. perché come dici tu la rabbia è tanta…tanta davvero…e fa male!

          • Luce, hai risposto? Lo scorso anno a me fece la stessa cosa, chiamò da un altro numero per dimostrarmi che non aveva potuto farlo dal suo perché controllato. Ed io che ho abboccato!

          • I suoi numeri , prima uno e poi l’altro ( preso per farmi cadere in trappola ) li ho bloccati.
            Gli ho detto di essere in vacanza lontano.Verità.
            Gli ho detto che può pensarmi giorno e notte non è problema mio.
            Lui per concludere mi ha detto
            Pensavo fossi a casa… e io che sto pensando …
            A cosa?
            A separarmi pure io.

          • @mic, luce, annina….
            Leggo con piacere che nel weekend appena passato sn partiti i saldi autunnali!
            3×2…2×1…che è?… la fiera del bianco?!?! Tutti in coda x vedere se si raccatta qlcsa ad un prezzo vantaggioso!!!
            Ma xchè @Alessandro hai sempre dannatamente ragione, mannaggia?!?!?!
            @mic…#daichetegheafe

            @luce… ricordo male o tu avevi già trovato un chiodino? E quindi il #tiamo a stomaco vuoto prima dei 3 pasti principali se lo attaccasse al lato B

            @Annina anche tu mi pareva uscissi cn qlcno…ma poi lasciami dire…quel porello che nn se ne fa una ragione, è disperato etc etc ..insomma Annina…lui te l’aveva detto che nn avrebbe mai lasciato la moglie!!!
            Anche tu xò… cercarti un altro!!!! Qnd lui ti dava già tutto quello di cui avevi bisogno!!! Sei un’ingorda!!!
            Signore cosa mi tocca leggere!!!!.scusate il francesismo…ma hanno davvero la faccia cm il cuxx
            Annina…ha ragione @Ale…mandalo a piangere dalla moglie!!!

          • @Ale è quello che gli ho detto. lui ha detto “In questa partita voglio vincere io”. a parte che l’ho insultato perche una cosa cosi sessista ed egoista non l’ho mai sentita e poi gli ho anche risposto “certo, una partita contro te stesso dal divano di casa tua”….. il fatto è che lui pensa che io l’abbia lasciato perche non puo stare con me… non si rende conto che l’ho lasciato perche io non voglio lui

          • @EP ma infatti io prima l’ho lasciato perche non avevo piu voglia e adesso sto frequentando un altro! LIBERO.

          • @Luce cara forse non ho capito bene ,ma tu quindi gli hai risposto comunque?

            Se ho sbagliato e non hai risposto alla sua chiamata okkei non tener conto del mio errore ad aver capito sbagliato il tuo scrivere qui

            Se invece ho capito giusto e tu gli hai comunque risposto secondo mio modesto avviso non è cosa buona per te
            Perché hai risposto
            Comprendi?

            A questi bei tipini NON interessa che cosa gli rispondi ,ma che rispondi alla chiamata che loro fanno ogni tanto per verificare il tuo grado di sottomissione a lui ,il potere di possesso che ancora sta presente

            Perché rispondere è sufficiente per loro che non seoi ancora autonoma e indipendente da lui

            Se fosse così quindi che gli hai risposto potrebbe aiutarti chiederti come mai hai sentito comunque di rispondergli

            Perché se fosse stato così significa una cosa soltanto e cioè che in qualche modo ti tiene dentro ancora nella dipendenza da lui pure se non cinsi vede al Narcisista non gli interessa nulla lui ha i suoi giri è seriale ma cio di cui si nutre anche è il possesso che vuole tenere vivo

            E quindi chiama e vede se noi rispondiamo e cintiene in lista di attesa non si sa mai magari finito con un altra richiama noi

            Cara Luce ripeto se non ho capito ti chido scusa

            Ma se fosse così completa la tua uscita dal tunnel
            Perché il tunnel è dentro a noi stessa indipendentemente se si ha una vita lontana e nagari pure un chiodo

            Un bacione sempre❤️

          • @Ep si, sto assieme ad un vero signore. Mi tratta da regina. Anzi sono una regina. In diversi mesi di frequentazione non mi ha detto o fatto qualcosa che non mi sia piaciuto.
            Il passato è ormai lontano…e l’ex, lo vedo sempre più per quello che realmente è: meschino, arido, egoista e tirchio.
            Non so se devo ritenermi fortunata, se era destino, non lo so.
            L’anno scorso, a quest’ora, ero messa molto male…e ogni tanto ancora non credo a come siano cambiate le cose per me così velocemente.

          • Cara Ariel
            ho risposto ad una telefonata di un amico, che poi mi ha detto
            “ ti passo una persona che vuole salutarti…”
            Il problema non è più mio.
            Il problema è suo, se ancora mi cerca.

          • @ cara Luce veramente non è tuo amico l’amico che si presta ad un inganno così
            Ovvio che in una situazione così chiunque si sarebbe confuso ne l senso del rispondere anziche chiudere subito la telefonata

            Sono esseri immondi e credimi sto convinta che tutti i problemi sicuro restano tutti i suoi ,
            Però purtroppo a i Narcisisti non glienefrega un c niente perché non hanno empatia e quindi tutto è teatro

            Sono sacchi vuoti e te lo ha dimostrato perché arrivare a usare il tuo amico già dimostra che è Narcisita da ignore per sempre

            Invece cara Luce sono davvero così contenta per te di sapere della tua nuova vita e relazione positiva che meriti tutta la bontà e la gioia di vivere accanto ad un vero Uomo

            Grazie cara per avermi spiegato ciò che non avevo capito e unbacio grande ❤️

  43. @Dyna, idem anche per me, se può confortarti.
    Si è sempre concesso col contagocce e ha parlato allo stesso modo di qualità e quantità. Mi chiedo, è qualità una relazione in cui non trovi neppure una mezz’ora per stare insieme sapendo che non ci vedremo per un mese di vacanza? Posso percepire qualitaria una relazione in cui io sia al fondo della lista dopo impedimenti di vario tipo? Posso tollerare le emergenze, il resto no. Forse è nell’intimità la qualità, ma poi se loro non ci sono per noi che cos’è??
    Ha ragione Alessandro, è sempre lo stesso fottuto copione !

    • Io l’ho lasciato facendogli questo discorso.
      E lui zitto con le gocce di sudore sulla fronte non è stato in grado di dire una parola.
      Nemmeno un mi dispiace.

  44. Anche per me è stato così… Stesse sensazioni. Come vivere in un sogno. Sembrava tutto così bello da essere reale. E infatti, nel mio caso. non era reale.. Era tutto costruito ad arte. Io ho avuto a che fare con un narcisista patologico. I narcisisti ti fanno vivere il sogno: è arrivato il principe azzurro, siete uguali, siete in sintonia… É l’uomo perfetto…. Ecco appunto è la perfezione che avrebbe dovuto farmi capire che c’era qualcosa che non andava…. La sua perfezione é irreale! Non esiste l’uomo perfetto, il narcisista ha creato una maschera. Una volta che siamo cadute nella loro trappola innamorandoci, tutto cambia… arrivano i giorni di silenzio, poi ricompaiono come se niente fosse…. Danno la colpa al troppo lavoro, malattie varie, alla moglie gelosa che lo tiene sotto controllo…non ci credo, per scrivere un messaggio ci vogliono 30 secondi. I narcisisti adorano avere il possesso su di noi… Sono loro che DECIDONO TUTTO: quando chiamarci, quando scriverci messaggi e quando vederci… Noi non possiamo chiamarrli, perché la moglie potrebbe essere al loro fianco Ma la moglie è solo una scusa.
    Quando mi sono accorta che era un narcisista, l’ho lasciato. Sono a 3 settimane di codice del silenzio. Devo ammettere che è dura. Mi manca tanto….però ho capito che non è lui a mancarmi, ma la sua maschera, il principe azzurro che lui aveva inventato per farmi innamorare. Quell’uomo non esiste. È stata tutta una recita. È questo che mi fa più male. Ci sono cascata come una pera cotta, non mi sono accorta di nulla e mi sono fatta manipolare con un’estrema facilità.
    È dura, a volte sono tentata di contattarlo, ma resisto… Resisto perché non voglio più perdere la mia LIBERTÀ e DIGNITA’.

  45. Scrivo qui. @Oldplum tanto per cambiare sono d’accordo. L’unico modo per non soffrire con un uomo sposato è non mettersi con un uomo sposato. Se lo si fa e ci si innamora.. bisogna passare attraverso le varie fasi: rincoglionimento, convinzione che per noi sarà diverso, disincanto, Inferno e.. se si resta in piedi, forse e senza garanzie, si arriva a vivere oggi. Sinceramente. Appieno. Il lui di turno è un uomo, e in quanto tale non decide di far nessun cambiamento se non é costretto. Detto questo i suoi batticuori sono veri come i nostri, la passione che ci fonde, fonde davvero anche lui. La malinconia è malinconia e il desiderio di rivederci è vero desiderio.
    Ma il carretto (di merda, ma non sempre e comunque non fa differenza se non ingrossarci il fegato) che si tengono, devono tirarlo.
    Se ti metti con uno sposato, ti prendi il pacchetto. Non hai diritto a una sua separazione. Ma hai il diritto di andartene.
    Però anche io osservo che, dopo un primo giro di relazione ufficiale.. certe relazioni di amantato sono quasi perfette, sesso, dialogo e intesa.

    • Esatto @cossy. Secondo me il problema fondamentale è che il lato trasgressivo della vicenda, una volta subentrata anche la questione romantica, può venire compresso pur rimanendo di identiche dimensioni. Questo è ciò che blocca secondo me decisioni vere.
      Se l’amante fosse amante “pura” cioè non garantisse (o non garantisse più ) l’esclusività ed una fedeltà che francamente mi pare un ossimoro, ecco allora la sua figura sarebbe davvero in grado di sparigliare le carte.
      Certo non dovrebbe essere una tattica, perché non funzionerebbe.
      Tanto è vero che molte situazioni vengono sbloccate con lo scattare del rele’ nella parte debole della relazione (debole contrattualmente essendo in nero). Lei si stufa, si stacca SUL SERIO, l’altro sente il pericolo e se sinceramente preso inizia a porsi il problema. Poi magari arriva tardi (accade spesso). Continuare a vivere scopando in una bolla di sapone non cambia le cose. O la prendi per quel che è (un avventura romantica priva di futuro da godere così) o se diventa una seconda coppia spuria, rimarrà solo una SECONDA coppia spuria che oltretutto aiuterà entrambi (se sposati) a rimanere dove sono.

      • Sono al vero ‘mi sono stufata’.
        Spiego: se non lo sento, mi si intiepidisce la memoria ormonale.
        Come lui inizia a farsi avanti di più, a chiedere (perchè diciamocela il problema è quando non chiedono più) se ho voglia, se sono libera, se posso domani, se mi andrebbe quel ristorante, etc.. ecco che aumenta la fiamma.
        Come un fornello a gas al minimo.
        Se si avvicina lo scotto. Perchè la chimica è ancora una bomba.

        Ad ogni modo, a me interessa solo non soffrirci, poi come stia lui e se mai prenderà coscienza delle sue condizioni.. onestamente cambia poco la vita.

        Si sente ‘in dovere di non deludermi’, si sente ‘responsabile verso di me’.. per me così finisce solo con l’essere un marito insoddisfatto, un padre frustrato e un amante eternamente in sbattimento. Però ragazze.. è grande.

        Io sono responsabile di me stessa. E dei miei figli, ma non per sempre!

        • @Cossora concordo!!
          Se si soffre …. Bisogna dire basta!!
          Una prima bastonata mi è bastata!!
          Dopo un lungo stop di vacanze (vissute tra l’altro molto tranquillamente) ci siamo rivisti …. Lui super in tiro (cxxxo non me lo ricordavo così bello), io molto tranquilla e lui quasi ‘imbranato’ (non è da lui) …. Probabilmente il suo dubbio era ‘ma ci sarà ancora per me??’ ….
          Concordo ‘se posso ci sono, in caso contrario passo oltre’ sono responsabile di me e dei miei figli, per il resto basta!!
          Ora i ns ruoli si sono capovolti.
          Io ho capito che la moglie e la sua famiglia vengono prima di tutto e lui che dopo un tradimento non è così semplice ritornare alla vita ‘comoda e tranquilla’ di prima.
          Sinceramente? Lo amo, ma non me la sento più di spingere le cose …. Andranno come andranno.

        • Cossora, non capisco perché questi uomini siano sempre “amanti in sbattimento “. Quando c’era lui io ero serena, sapevo di non stare a fare una cosa lecita ma ero felice e serena. Lui era sempre in ansia, si faceva divorare dalla paura..principalmente dopo essere stato scoperto la prima volta. Quando è stato scoperto la seconda ha dato i numeri.

          • Credo che lo sbattimento nasca nel momento in cui si rendono conto di non poter ‘onorare’ un sentimento come sarebbe giusto fare. Iniziano pensando di saper gestire e riconoscere il da farsi al momento giusto ma quando arriva è un’altra storia. Credo che qualcuno che si dimostri grato, e in difetto rispetto a chi investe nonostante i fatti, sia sincero.
            Poi ognuna di noi ‘sente’ la verità o la menzogna dell’altro. Io non giudico.

  46. @Oldplum

    Te lo chiedo perché tu sei stata una amante e quindi mi chiedo e nel farlo qui con te in realtà è come mi rivolgessi a chi come te è stata una amante o che magari lo è ancora ,ma con un sentire del desiderio di poter costruire la nuova vita col lui

    Ora come scrive Cossora ha definito la relazione di amantato quasi perfetta ecco ti vi chiedo la imperfezione secondo me che sto ignorante perché non ho mai avuto una esperienza di vero amantato credo che le imperfezioni di base siano appunto da un lato che se si sente la relazione col desiderio di uno sbocco insieme e invece il proprio lui sposato staziona li ovvio il dire quasi perfetto l’amantato be uno dei motivi del quasi potrebbe essere questo.

    L’altro secondo me è questo ,ma vorrei la vostra opinione che avete esperienza,
    In un amantato ovviamente manca l’essere ciascuno signle e il convivere che comporta un sacco di cose che mettono in evidenza che esiste per forza la routine e il vedersi e viversi come in una vera convivenza pure non da strafighi entrambi eccitati a stecca praticamente sempre

    Ergo lo trovo un limite percettivo perché non si può in effetti sapere con chi stiamo relazionando

    Vi sta ,penso,una grande differenza tra l’essere fidanzati liberi entrambi in attesa di vedere come butta

    E amanti che secondo la mia idea di cui non so nulla in realtà
    Stanno sempre tesi verso il top di stessi e la relazione perché il nscosto crea adrenalina ma è come un potente grosso filtro che non permette la reale percezione oggettiva del chi sia lui ma pure del chi sia lei

    Non so se mi sono spiegata
    Insomma mi farebbe piacere sapere dalle amanti in relazioni sane
    Che cosa ne pensi di questi limiti che costituiscono il
    Quasi perfetta la relazione tra amanti sposati e non e anche lei libera e lui no che sta ancora peggio ovviamente per lei come al solito noi donne …

    • @Ariel che tenera che sei ❤
      Non si può spiegare perché si sta bene dentro a una cosa imperfetta. Si sta bene e basta, perché è perfetta per te quella persona li. É come se si criticasse qualcuno infelice in un matrimonio perfetto.
      La differenza la fa il tuo sentire, da dentro.
      Tu sai quando stai bene. Forse non ti rendi conto quando stai male, ma quando stai bene lo sai.
      Grazie per questo tuo gesto ❤

      • @Cossora ❤️

        Il cuore quando sta vero buca lo schermo
        Appallottola la tastiera
        Si apre la finestra da solo
        E vola
        Raggiungendo chi veramente sentiamo così pieno di valore vero!

        Grazie a te❤️

        • Grazie @Delusa. Quest’uomo, o se preferisci questa relazione ‘imperfetta’ è in realtà un insieme di opportunità per me.
          Oltre ad essere divertente e appagante, ovviamente!
          Andrei avanti, curiosa di sapere quali altre sensazioni mi darà

          • Viverla con la consapevolezza che hai è la cosa più giusta. Io ho continuato con la tua stessa curiosità e mi sono distrutta.. e quando hai anche la responsabilità di tenere stabile una famiglia ti sembra tutto un disastro uscirne viva.. quando ci sono dei limiti forti imposti per l’amore non c’è posto…parlo per me. Devo iniziare a pensare a quello che mi fa davvero bene..anche se coincide con la perdita delle farfalle nello stomaco ma anche con tanta sofferenza..e quando c’è sofferenza è meglio tutelarsi perché è logorante.
            Tu vivila al meglio che puoi ❤️

          • Credo che la responsabilità di cui parli @Delusa sia ciò che fa male a lui.
            A volte la mattina ‘bigiamo’ la prima ora e stiamo insieme.. passione, tenerezza, ironia colazione.
            Periodicamente il suo sentire lo ha mandato in crisi.
            Sbagliando mi sono messa in discussione pensando: era tutto stupendo, devo aver fatto qualcosa che non va.
            Adesso (ma da poco) so che non dipende da me.
            Lui ci va e ci andrà sempre in crisi, finchè non risolve la sua situazione.
            Non do una opinone, ma l’unico modo che ho di tutelarmi (inevitabile soffrire perchè si creano un milione di malintesi) è -oltre pensare che non dipende da me- levarmi dai piedi.
            Tanto non posso fare niente, il resto è assolutamente perfetto.
            Il tempo dirà.

          • Faccio una precisazione. Con ‘Levarmi dai piedi’ intendo momentaneamente quando va in crisi. Non definitivamente. Io per il resto ci voglio stare insieme, fare sesso, ridere, uscire a cena etc.
            Ma quando si eclissa.. ho capito che se sto li raccolgo la sua spazzatura. É inevitabile!

          • @cossora, ti prometto che tanto mi ritrovo nelle tue sensazioni tanto voglio farne mia una delle frasi che hai scritto..”ho capito che quando si eclissa raccolgo la sua spazzatura”.. è proprio così… perché di momenti belli ce ne sono stati e quando scoppiamo per la lotta alla resistenza che stiamo adottando x cercare di separarci ce ne sono ancora..come dici tu, risate,sguardi complici, colazioni, passione,..ma quando arrivano i sensi di colpa e le sensazioni negative causate dall’impossibilità di stare liberamente insieme diventiamo davvero un bidone enorme di spazzatura che ci intossica..ed è fondamentale allontanarsi in quei momenti perché la sofferenza ti logora.. come dici tu noi ci facciamo mille sensi di colpa e ci mettiamo in discussione perché ci sentiamo ovviamente responsabili delle loro crisi..stanno molto bene con noi ma dall’altra parte sentono il peso dell’impegno in famiglia..(come se noi non lo sentissimo… è solo che crediamo molto alla chimica che si è creata tra noi e la mettiamo, forse erroneamente, avanti a tutto)..io Devo impormi dei limiti, oltre i quali non posso sconfinare per non cadere di nuovo nel baratro se sono convinta di volerlo comunque “accanto”.. altrimenti mi rovino la vita. Grazie per le tue descrizioni! Sei preziosa!

          • Figurati @Delusa. Non avevo letto il tuo commento.
            Comunque è impressionante come le cose seguano una evoluzione ‘a onda’ se le lasci andare: adesso che io sono consapevolmente presa ma distaccata (quando serve, non sempre), quello che fa dalle stelle alle stalle è lui.
            Passa da una giornata senza connessione (che ci si scriva meno nel week end è normale, ma che si resti scollegati .. è l’upgrade!) ad albeggi con tanto di richiesta di dedica sonora.

            Il sentimento prevalente è la tenerezza, nella maggior parte dei casi. Fino al prossimo incontro hot.

            Forse è fisiologico, ci deve essere un equilibrato e uno squilibrato in ogni coppia: come mi assesto io, si sbilancia lui.

            Che poi è il moto perpetuo di ogni cosa. Il resto si chiama noia!

          • Caspita quanto hai ragione Cossora!!! “Quando mi assesto io, si sbilancia lui” … chissà perché non ci si riesce a godere degli stessi momenti di serenità entrambi…ora sto puntando a quello che dici tu: essere consapevolmente presa ma distaccata…ho capito che è fondamentale per evitare di subire tante sofferenze…la cosa brutta è che in amore non ci possono essere limiti…e questa cosa toglie il respiro spesso..per questo ti confido che tanto vorrei averlo accanto ma tanto vorrei anche separarmene presto se non posso averlo interamente. Godere di quei pochi attimi insieme in fin dei conti, x la mia situazione, è deleterio…ma sento che fa parte di me e faccio un’immensa fatica a lasciarlo andare..

          • Ma ,infatti ,Cara Delusa se una relazione si basa su presupposti e situazioni e intenti diversi e la Donna lo ama
            Mi spiagate come fate a dire e a crederci per di più che state distaccate ???

            Il sentimento una volta che è uscito resta impossibile trattenerlo ,decidere aprazionalmente,ma,allora sto distaccata,ma allora godo solo del momento,ma allora non ci penso ,ma allora

            NON PUÒ MAI FUNZIONARE COSÌ!!!

            Mi sembra così evidente che il fatto che non ne siate consapevoli e vi ostinate a credere di farcela così o pensare finché dura me la godo e DOPO????

            Insomma care ragazze è proprio andarsi a cercare la sofferenza
            Metterla per bene in camtiere e coltivarla poi quando finisce
            Sono veramente cavoli amarissimi
            Ma soltanto per voi ragazze sincere buone e veramente innamorate

            Ognuno libero di agire
            È la mia semplice opinione
            Fate voi !

          • Ariel non posso darti torto purtroppo…io sono consapevole che tutto quello che sto facendo non ha nulla a che fare con il concetto che ho io di amore e mi sto “accontentando” a tratti, perché in alcuni momenti vorrei mettergli le mani al collo per tutto quello che mi ha fatto..hai ragione quando dici che godiamo del momento ma stiamo mettendo in cantiere solo sofferenza che alla fine sarà devastante… E così è ..sono già alla fine, solo che in alcuni momenti ho così bisogno di lui che mi sento debole e mi “concedo” un piccolo riavvicinamento ma con una corazza che al momento mi scherma da eventuali dipendenze da lui…so che è un palliativo…x questo sto lavorando per allontanarmi definitivamente.. ma il CDS ho capito che non è per me.. purtroppo..

          • @Ariel… certi sentimenti non vivono di condizioni giuste, ma di motivazioni forti.
            Sono contro ogni forma di crimine, ma per i miei figli farei qualsiasi cosa.

          • Cossora quanto vorrei che quell’amore grande e indissolubile che provo per mio figlio mi faccia accettare la fine della storia con lui. ..così come ha deciso lui .. personalmente,sarà perché sono stata io a subire in un certo senso la decisione,vedo un buco nero di fronte..ho sempre bisogno di sentire lui accanto nonostante tutto il casino di cui potrei saggiamente fare a meno…ora mi sto impegnando a cercare la luce..xké in fin dei conti non posso accettare le sue briciole per sempre..

    • Quando l’amante vuol cambiare ruolo e prendere quello della moglie nascono i problemi. L’amante, per definizione, è chi ama senza alcuna garanzia, senza un legame istituzionale o istituzionalizzato. Se vuoi cambiar ruolo ci sono altre regole ed altri presupposti tra cui la condivisione della quotidianità. Il ruolo altro comunque è già occupato da altra persona.
      Id est: ogni ruolo ha le sue regole fin da principio.
      Vuoi una storia istituzionale? Non ti vai a infilare in un amantato. Puoi capitarci (da single) ma all’inizio non puoi subito pensare che il tuo ruolo cambierà. Chi è che inizia con questo progetto con un uomo sposato? Nessuna.
      Le pretese vengono dopo. Perché ci si coinvolge e si vuole vivere la quotidianità. Nemmeno i fidanzati sanno come sarà dopo il matrimonio e i figli. È una scommessa.
      Cambiare ruolo quando hai il tuo assegnato è difficile per tutti i tre o 4 attori della commedia (2 mariti e 2 mogli in amantato tra sposati).
      Secondo me una volta subentrati i sentimenti si può creare una sola coppia solo quando uno dei 4 soggetti va in crisi. Di solito sono le donne.

      • Io non facevo questioni di ruolo a priori. C’era l’amore, c’era l’intesa profonda, c’era la condivisione. Non ho mai pensato al “ruolo”. Ho pensato invece a un esserci oppure no, a un essere presente a fatti (talvolta, mica sempre) e non a parole e sospiri.
        Se il ruolo istituzionale è l’unica via che permette di esserci a fatti, e il resto è solo alla fine tanta aria profumata, si, desidero un ruolo istituzionale (rido).

        • @Angelica 2.0
          Fai Benissimo a voler un ruolo istituzionale
          Perché è l’unico che presenta due cose sicuro

          Essere alla pari LIBERA E LIBERO STATO CIVILE

          e soprattutto la PROBABILITÀ MAGGIORE in percentuale di poter far funzionare la relazione
          In cui si rispetta entrambi la regola naturale e cioè un sentito spontaneo in coppia del

          Ti do esattamente uguale a ciò che tu dai a me
          La quantità e la qualità
          Che significa tempo e nella qualità la capacità di individuare il proprio fondamentale la propria vera essenza e cioè sono aperta a te ,ma non posso ne voglio pretendere di cambiare per te
          O che io cambi te

          E no ci sono dei limiti in una relazione di coppia che vanno rispettati

          E questa magica scoperta che può tenere unita la coppia e finché si rispetta la Liberta stato civile
          E il DO UGUALE e il FONDAMENTALE da scoprire insieme strada facendo

          Meglio farsi una birretta
          Un verre de rosé
          Ridere dei guai tra noi
          Giocare allo sputo più lungo dei semi di anguria
          Spararsi cazzate le più stupide e divertendi
          L
          Inventarsi nuove parole
          Riprendere le vecchie sempre efficaci alla occorenza

          Tipo un bel mavvaffa tu che manco stai Libero
          E che mi dai un bel meno che meno di così non si puo
          Tu amante che mi sottometti soltanto fosse anche solo che per i bidoni che tiri e che io libera dovrei crederci sempre

          E dovrei sempre sul attenti non si sa mai tu poi decida di venire a scaldarmi
          E okkei magari lo fai anche bene

          Si ma ,
          Dai,su Donne giochiamo tra noi
          E ridiamo insieme che è moooooooolto meglio!!!!!!

          Ciao Angelica2.0
          Lo sai vai forte❤️

        • Beh ma Angelica…è ovvio che esserci davvero implica la luce del sole, la condivisione priva di paletti. I fatti sono quelli: o sei una coppia alla luce del sole o non ci sei. Meglio: ci sei quando le congiunzioni astrali lo permettono. Botte di adrenalina etc..
          Sai però che succede poi? Lo sto sperimentando su me. Da che sono libera e sto apprezzando questo stato noto che un po la cosa con lui tende ad annoiarmi e che non sono così sicura che mi annoierebbe di meno se si liberasse lui. Una sensazione, lo ammetto, estemporanea. Ma non so davvero se poi vorrei iniziare una cosa tanto complicata. Per cui attendo e vedo.

          • Io tempo fa ho avuto una simulazione di convivenza. Non l’ho detto perché non volevo farmi influenzare. A parte le prime due serate, non ero desiderosa di vederlo la sera dopo il lavoro..e non sentivo il ritmo incalzante delle nostre tipiche chiacchiere a fiume al ristoranre, una volta a settimana. Qiando ci parliamo uno sull’altro e ridiamo e ci intendiamo con complicità di sguardi. Sapere che all’ora di cena arrivava era.. normale. Pause, vuoti cui non sono più abituata perché di fatto da più di un anno sono sola e ho un ospite quando lo voglio, quando mi sento di voler condividere..ma ormai della mia vita fa parte anche il voler e poter decidere di dedicare il tempo a me.
            Nella mia esperienza di relazione dai 17 ai 41 anni, un partner fisso e fidelizzato fa ‘arredamento’ quando si ha voglia di star da sole. Semza cattiveria ma dopo anni è irrilevante. Ti chiudi in bagno e non ti senti nessuno che ti aapetta. Lui c’è e si sente.. un pò come la mia migliore amica: non mi serve trovarmela sempre tra i piedi come facevamo da ragazze..eppure mai rinuncerei alle nostre cene di chiacchiere e aggiornamenti e confidenze. Ho riflettuto molto sulle sensazioni che mi ha dato questa ‘prova’ e.. ho fatto qualche passo indietro con me stessa. Una serie di ammissioni e riflessioni non giudicanti anche con lui. Lo considero un miglioramento del nostro rapporto, più onesto.

          • Oldplum, Cossora, ho capito una cosa: ormai la storia col mio ex era legata alla clandestinità.
            Non lo vedevo più nella mia vita reale, non riuscivo a trasferire in una situazione di normalità quello che c’è stato.
            Passato un certo limite (forse un anno di storia) e proseguendo con questa modalità senza cambiamenti ho legato le nostre emozioni a questo tipo di relazione.
            Non so se riesco a farmi capire. Quando ancora una parte di me sperava che si liberasse già non lo vedevo più come compagno ma non me ne rendevo conto perché ero comunque innamorata.
            Tant’è che ora che è libero non lo voglio più, per me è l’uomo che fa di nascosto, in bilico tra passione e convenienza, adoratore bugiardo. È l’uomo delle emozioni, che arriva e sparisce, non quello della concretezza, della fiducia.
            Così si è tutto trasformato mentre eravamo insieme, e di questo la responsabilità è sua che l’ha tirata troppo lunga.
            Non so collocarlo in una storia importante, non riesco a sceglierlo. Magari è bravissimo, ma per troppo tempo l’ho visto amante e traditore. Boh… sarà ipocrita? Io non mi sono più fidata.

          • @Ange devi fare ciò che senti..l’importante è che tu non ti sforzi a stare come che non ti sforzi a lasciarlo andare.

  47. Ariel ti sei spiegata benissimo, anche se come ho già scritto, se fossi un po’ più concisa e con qualche virgola e punto in più, ti si leggerebbe meglio.
    Comunque, è assolutamente vero che in una relazione di amantato, anche se si volesse ipotizzare la trasformazione in una storia alla luce del sole, c’è sempre il dubbio che possa funzionare davvero.
    Come ha più volte sottolineato Alessandro, in queste storie la parte da leone la fa sicuramente la trasgressione, il gusto del proibito, i minuiti contati, le scuse inventate per vedersi ecc…
    E forse proprio l’incertezza che frena, assieme a tante altre cose (il mutuo, i figli, e cosa diranno i parenti ecc…) e impedisce di fare il famoso salto.
    Per tutti è difficile cambiare la strada vecchia per la nuova. Tanto più che in questi casi, il cambiamento non coinvolgerebbe solo noi, ma altre persone a cui non vorremmo mai e poi mai far del male.

    • Diciamo che in generale non è tanto questione di essere buoni, onesti, etc.
      Se abbiamo qualcosa da perdere TUTTI -chi più chi meno- stanno attenti a ciò che conviene fare.
      Una persona libera di stato civile è anche libera di decidere perchè ha solo se stessa da prendere in considerazione.

      • Non sono d’accordo. Il male c’è se si sente.
        I figli, se non sentono litigi e tensioni stanno benissimo, sono troppo presi dalla loro vita (a qualsiasi età) per porsi domande su cosa accade nella camera da letto dei genitori.
        Solo da adulti ripercorreranno le situazioni e saranno in grado di valutare quello che è stato.
        I compagni ufficiali, se la relazione è in crisi, soffrono già, non sono le corna a fare la differenza!
        Le corna incidono solo sul nostro senso di possesso, sul nostro orgoglio, sulla morale comune della nostra cultura. sono l’espressione concreta di un rapporto che non funziona più, la pistola fumante del delitto…Non sono la malattia, sono il sintomo.

        Allora perché se c’è il tradimento, si pretende che il traditore abbia il coraggio di porre fine alla relazione, e se invece comunque c’è la crisi, si può continuare a trascinare la situazione?

  48. @LEI, è comprensibile che il dubbio esista… ma se sono solo mutuo, interessi economici, figli , paura del giudizio parentale e sociale, abitudini e ricordi condivisi a tenere in piedi la relazione ufficiale possiamo dire che questa funzioni? Dovrebbero essere l’amore e il sesso ad esserne gli assi portanti. Ma se li cerchi fuori, beh… che non mi si venga a dire che il matrimonio funziona!

  49. Infatti sono matrimoni che non funzionano più, ma che comunque stanno insieme per codardia, spesso da parte di entrambi.
    E non diamo la colpa sempre e solo agli uomini…

  50. ciao a tutti/e io come voi storia simile.. al ritorno dalle vacanze coincise con una pausa di riflessione richiesta da lui.. più di un mese.. si è fatto risentire “ciao come stai?” la mattina dopo sono andata a salutarlo con un bacio lungo intenso appasionato.. i nostri baci.. pensavo fosse tornato da me. Durante il giorno però lui non si è fatto sentire e così ho capito.. siamo alle solite! lui vuole chiarire a voce il pomeriggio e mi dice che la moglie vuole andare via di casa e dopo un primo momento di euforia adesso è confuso, non sa come affrontare questa situazione. Di fatto mi dice che la sua decisione è quella di non continuare con me.. che merito di più. In mia presenza cancello i suoi messaggi ed il suo numero dal cellulare e gli chiedo di fare altrettanto e lui lo fa. Su facebook l’ho bloccato perchè non voglio inciampare in suoi post con la moglie. Ci lasciamo.. e prima di andare via mi dice che ci troveremo a sciare insieme a gennaio! una promessa? un’altra esca? che casino Ale! meno male che vi ho trovati!

      • Ciao @Zen …. Benvenuta!! L’inizio del calvario!!
        Scappa se ce la fai ….
        Una precisione, la moglie vuole andare via di casa perchè l’ha beccato?
        Allora visto che ormai queste storie sono tutte uguali …. Preparati al ritorno, te l’ha anticipato dicendoti ‘ci troviamo a Gennaio’ che equivale al ‘ci troviamo appena ho sistemato le cose a casa’!!
        Sarò un po’ fissata …. Ma leggiti l’uomo ombra!!
        @Aril per te sono tutti seriali narcisisti, per me tutti uomini ombra!!
        ….
        Dopo un primo gg pieno di emozioni, sento i suoi sensi di colpa abbattersi su di me …. Una rincorrenza di famiglia …. E puff …. Che palle sempre la stessa storia!!
        Oggi gli ho detto ‘ok dai siamo adulti, se non va si chiude’ mi sono sentita una scema a dirglielo ma non voglio soffrire …. Dopo un silenzio iniziale, sono io quella strana …. Perchè non riesco a viverla e devo imparare a gestirla, ma se è lui quello in tilt un’ora sì e una no!!

        • @Cara Dispersa non ho mai scritto che tutti sono Narcisisti patologici ,ma nel racconto qui di Zen
          Quella frase è tipica nello schema del Narcista comportamento

          Il mio ex mi disse
          ” intanto poi ci rivedremo e vedrai che noi due non resisteremo….”

          Cara Dispersa pure l’uomo ombra non è esente da avere le tipicità di un Narcisista
          Il che non significa che lo siano tutti

          Contano i fatti concreti e per sapere se NON È natcisista e neppure uno str… che se ne approfitta

          Esiste la prova del DO UGUALE

          E se uno è occupato ecco la prova
          Perché le femmine si innamorano facilmente
          E loro inzuppano e poi come già ho scritto

          ” SE CONTINUI COSÌ
          POI DOPO PIANGI”

          Cara Dispersa vai e leggimi così ti aiuterà a capire meglio meglio di così

          Forza DIspersa non Disperderti bevendoti qualunque cosa

          Che poi Piangi!!!

          Puoi cambiare tutto a tuo favore
          Ama TE STESSA

          Puoi farcela sei una Donna in gamba
          E non farti fregare così su !!!
          Di vero ❤️

          • Forse non scrivi che sono tutti narcisisti patologici ma trovi il narcisismo e la dipendenza ovunque. In questo modo risulti ripetitiva e a volte un po’ ossessiva. Sono critiche che si ripetono

          • @ariel scusami
            Ma sono sincera sempre
            Ultimamente i tuoi post non li leggo
            Sono troooooppppoooo lunghi…
            vero è che hai sempre una parola di conforto e sei gentile con tutte
            Un abbraccio

          • Ragazze colgo l’occasione per ricordarvi le regole che sono sempre le stesse: no dettagli di privacy educazione e leggibilità (lunghezza e comprensibilità) grazie. È a vantaggio di tutti

          • @Ariel nulla di personale, è quello che mi trasmetti …. Semplicemente ognuno porta le proprie esperienze!!
            Cmq questi uomini alla fine girati sotto sopra si assomigliano un po’ tutti ….
            Quando leggo le storie la domanda sorge spontanea ‘non sarà mica lui?’ ….
            E non piango!! A tratti rido (per la loro limitata visione delle cose) aspettando il relè ….
            @Ariel mi piaci per quello che trasmetti ‘libera e viva’!!

          • @Cara Dispersa,
            Grazie di cuore

            Ricordati che sono le minoranze sempre vengono contestate in ogni modo diretto indiretto e a varie tinte dell’arcobaleno

            Ma se ci si fa caso poi poi poi più in la più avanti
            Sono quelle che lasciano un segno

            Una Buona traccia da far crescere nei passi che ciscuno libero scegliera di fare

            Una minoranza viene di solito riconosciuta e capita soltanto da una similitudine di minoranza

            Sei la mia minoranza comprendi?

            La storia stessa del’Uomanita si è fatta evoluta anche con l”aiuto delle minoranze

            Sempre contestate mal capite rifiutate attaccate

            So guardare ” oltre il campo”muovo i miei passi imparo dai miei sbagli e dall’antiche lezioni apprese da altre minoranze

            Un bacio anche a te cara Dispersa
            Un giorno ti ritroverai LIBERA E VIVA!!!

        • Io a questo punto penso che la moglie che molla sia un messaggio divino.
          Certo che torna, gli han tolto la cuccia!
          Fai una bella cosa @Zen, fagliela ripristinare, fallo sbattere a rifarsi da solo, sistemarsi in autonomia, e dopo, se torna e ti va, riprenditelo.

    • Non si può sentire una cosa così

      Non si può neanche perderci un microsecondo di più

      Tipica frase il dire ci vediamo a gennaio a sciare
      Veramente un CLASSICONE da NARCISITA ESSE TI ERRE

      DA CANCELLARE PER SEMPRE
      Da tutto

      Fatti aiutare perché é una BOTTTA emotiva FORTE

      Cara Zen ecco che il tuo pseudonimo rivela la tua vera FORZA!!

      FORZA Zen!!!!

  51. ragazze grazie davvero!! quello che purtroppo non riesco a perdonarmi è non aver voluto vedere da subito la realtà dei fatti… nonostante i bidoni i silenzi ho continuato a volerlo e anche adesso, se dovesse tornare, temo di non aver abbastanza forza per respingerlo… non so se lui è un narcisista o solo un piccolo uomo debole.. io però mi sono lasciata agganciare e adesso sono nel pieno della bufera e priva di energie!!! come ho potuto cacchio!!! è su di me che devo lavorare ma in questo momento vorrei solo sotterrarmi!!!

    • @zen l’importante è che ti sei resa conto. Ora reagisci e fatti forte per quando tornerà. Non dargli la soddisfazione.
      All’inizio pure io pensavo… sono maleducata, poverino, non lo fa di proposito…
      Prima la dignità , l’orgoglio , l’ambizIone ed il rispetto per te stessa. Non sei sola qui.

    • @Zen non è importante dargli un’etichetta (narcisista o meno) ma cercare di capire e non darti tutte le colpe. Io non considero il mio ex un narcisista, semplicemente ha valutato se valeva la pena rischiare tutto per me (per di più relazione a distanza) o meno. E ha sacrificato me. Magari io, che ero più accorta di lui, (si era già fatto beccare una volta dalla moglie) e cancellavo sempre i messaggi, avrei fatto lo stesso se avessi avuto paura di perdere l’amore ed il rispetto dei figli. Sono passati mesi e ancora lo penso. Nel frattempo, (per privacy non posso dire quello che è successo) ci siamo ancora sentiti ma qualcosa è successo quindi muro e silenzio tombale. Ce l’ho con lui? No. Ha approfittato del mio amore? Forse sì. Ma è stato ingenuo e succube della moglie. Dopo tutto, uno che sta ancora con la moglie anche se sa che lo tradisce, di sicuro non ha il coraggio di rompere una famiglia. Però non rinnego niente, ho pensato anch’io di essere stata una deficiente e una credulona, poi ho riflettuto e mi sono detta: quando stava con me lui era con me. È finita, poteva continuare, ma sono serena. Datti il tempo di elaborare, ne verrai fuori!

        • Intendevo dire a Zen che ormai non è importante sapere se è un narcisista o meno. Certo che serve riconoscerlo prima, risparmierebbe sofferenze inutili. Solo che magari la prima volta che ti capita una persona del genere non riesci immediatamente a comprenderla. Poi, con l’esperienza, forse sì…

          • @Alberta
            Come scrive giustamente Alessandro le etichette servono per saperli riconoscere il prima possibile perché il loro comportamento è sempre uguale segue uno schema fisso e conoscendolo

            Ci si salva prima dalla sofferenza
            Ecco perchè serve tanto scriverne e parlarne anche qui

            Così che qualcuna sarà capace di evitare di relazionarsi o scappare prima in tempo .

      • @ Alberta, concordo con te, in tutto. Purtroppo i maschi, come dice spesso anche Alessandro, scelgono la via più conveniente.. è bruttissimo accettarlo perché lo fanno anche a costo di soffocare i sentimenti che hanno provato con noi e questo ci fa morire perché noi ci stiamo dentro fino al collo e avremmo messo in moto il mondo pur di stare con loro..invece loro, per comodità e per non far soffrire la loro famiglia scelgono la via meno sacrificante… è vero, bisogna “solo” elaborare ed accettare..non c’è altra soluzione..

    • @zen siamo nella stessa fase.. bisogna cercare tutta la forza che possiamo da qualsiasi parte per uscirne fuori e recuperare noi stesse…io sento di aver perso una parte di me con lui ma poi ,come dice Alessandro, dobbiamo concentrarci sui fatti e non sulle parole alle quali abbiamo ovviamente creduto sempre perché nonostante le mille difficoltà che sapevamo esserci volevamo viverci questa storia.. purtroppo dobbiamo attraversare questa fase di elaborazione del dolore che sembra l’inferno…ma ce la dobbiamo fare!!!

  52. Scusate forse mi sono persa qualche pezzo, lui è quasi libero perché lei lo sta lasciando e comunque non vuole stare con te? E’ cosi Zen?

    • @LEI No lui non è libero. La moglie ha. minacciato di andare via e lui non sa che fare. Mi ha lasciata perchè pensa che la mia presenza non gli permette di avere la lucidità necessaria per capire cosa vuole veramente e prendere delle decisioni. Ha dimenticato però che il motivo della crisi con la moglie non sono io.. l’ha già tradita altre due volte.. io sono la terza in 5 anni..

  53. i fatti mi dicono che lui ci sta riprovando con la moglie per tutta una serie di motivazioni già elencate e dette.. dicono anche che io sono stata almeno il terzo tradimento, i primi 2 scoperti da lei che continua a tenerselo. La vita mi insegna non solo che le persone non cambiano ma anche che le cose si ripetono a meno di sfoggiare forza e volontà nel cambiarle. Non so se lui tornerà a farsi sentire, certo mi piacerebbe per orgoglio in questo momento, ma sicuramente entrambi ripeteranno i loro schemi.. lui cercherà fuori ciò che non ha in casa e lei sempre all’erta per regolare la lunghezza del guinzaglio,.insoddisfatti e tristi entrambi. Io che schema ripeterò? quello di essere felice, soddisfatta e piena della mia vita! con lui ho voluto correre il rischio e mi sono bruciata, consapevole e conscia di una storia clandestina con uomo che ha acume e sensibilità ma che alla fine, ahimè ha deciso di seppellire in nome del perbenismo e della facciata da mostrare alla gente! io però non sono così e non mi pieghero’ mai ad una vita ferma ed immobile! questa fase la farò passare io!! prendendomi la responsabilità di questo dolore e del fatto che mi sono innamorata ma almeno cacchio.. ho sentito il cuore battere, ho provato e provo emozioni che ogni giorno danno un senso a quell’insieme di carne ed ossa che muoviamo.. ed é questo che non voglio perdere.. la capacità di emozionarmi!

    • @Zen
      Augurati che non torni mai più
      Sono gente che sa manipolare proprio le fanciulle come te

      Seriale ,lascialo perdere
      Alessandro dice bene non mollano mai la moglie
      E se la moglie se lo tiene malgrado tutti i suoi tradimenti è proprio perché la moglie è la più manipolata che significa che sta dipendente affettiva dal marito e quindi incapace di staccarsi da lui SOPPORTA DI TUTTO!!

      Pensa a te stessa ad Amare te stessa che questo è un Brutto seriale

    • Acume e sensibilità. Li avesse (li avessero) davvero non li seppellirebbe mai.
      Apriamo gli occhi, se ne siamo in grado, e amiamo l’essere umano fallimentare, codardo e squallido che ci si para davanti.
      Quello è il vero amore.
      Il resto, tutto il resto, è la proiezione di ciò che sentiamo di meritare, è un atto di vanità (sciocca e pericolosa, non quella sana) che non ci porta a niente.

  54. ..dopo le vacanze estive in cui lui si è limitato a cercarmi con qualche whatsapp ho preso coraggio..
    Ho attivato nuovamente la modalità CdS ma questa volta dopo avergli vomitato tutto ciò che pensò di lui..del resto, se mi amasse come continua a ripetermi avrebbe già lasciato la moglie ma almeno se un po’ di bene me ne vuole la smettesse di cercarmi consapevole del dolore che mi provoca considerando che dopo un anno e tante illusioni non ho visto cambiamenti…sono trascorse 2 settimane e per adesso tutto tace ..spero di riuscire a seppellire il pensiero di lui alla luce del nostro ultimo incontro…Cosa mi ha Risposto? Che Si sente legato e dipendente da me ma ora che la moglie sta facendo di tutto per riconquistare il loro matrimonio dopo aver annusato la presenza di un’altra come fa ad investire sul nostro rapporto?…(nn vi dico con cosa lo investirei io..)..La sua scusa? Non è mai riuscito a dirmi di “no”….conclusione: lui vittima di due strateghe…medaglia d’oro al vigliacco dell’anno!!

    • Non investe nulla oltre il suo membro, @Marzia!
      Dai,..è quello che è disposto a investire. Il resto è già impegnato nel fondo coniugale.
      Non è vigliacco.. è un po’ omertoso.
      Non è mai riuscito a ‘dirti di no’ ., ha dimenticato la conclusione della frase ‘mai riuscito a dirti di no, non scopiamo’
      Hey, bada che per me l’appagamento sessuale è una cosa seria.
      Io un uomo che mi sceglie per una serie di motivi DI CUI il sesso a pari merito.. no grazie.
      Deve impazzire di desiderio, eccitarsi anche solo se gli rispondo al telefono, non mi interessa solo che mi voglia bene e si impegni, il sesso non si compensa e non si scambia con niente.
      Non scherzo.
      E’ a questo che devi pensare.
      Cosa vuoi da lui? Ma sul serio Marzia, cosa?
      E se non puoi ottenerlo, niente mercanteggi e niente compensazioni.
      Però metti a fuoco prima il tuo obiettivo.
      Buona fortuna!

      • Infatti ho messo a fuoco il
        Mio obiettivo el’ho mandato a quel paese .. dopo esser tornato con la scusa dell’amico, con le lacrime agli occhi dicendo che l’avrebbe lasciata per poi non vedere nulla di concreto ( ..anzi, il contrario) non credo più a nulla… non so neanche cosa più potrebbe inventarsi!?… sai, gli uomini si mostrano molto creativi in queste occasioni
        Scherzi a parte, ad un certo punto, ci si sveglia dal sogno e tutto sembra, ahimè chiaro ..
        Il vuoto che si prova misto alla presa in giro non è sicuramente una sensazione piacevole ma io di perdere altro tempo non ne ho proprio più voglia…del resto, io nella vita potrò trovare di meglio lui ingabbiato in un rapporto ipocrita e ormai macchiato …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ecco La matematica del cuore, il mio nuovo libro

Ci siamo finalmente! Ve lo avevo annunciato, molte lettrici lo aspettavano e ora posso dirvi, rivelarvi tutto: il mio nuovo libro si intitola La matematica del cuore e Dal 21 novembre 2019 potete acquistarlo direttamente su Amazon

@anpellizzari

Premax Shop