Non credo alle statistiche su “sesso e italiani”. Gli italiani, i maschi soprattutto, mentono in fatto di sesso.

Sono tutti superdotati, hanno dieci rapporti in 5 giorni, la durata media senza preliminari (moltissimi) è di due ore.

Quindi leggo con riserva i dati sull’infedeltà, altissimi. Preferisco basarmi su quello che vedo intorno a me.

Per esempio, un amico mi racconta di una cena fra uomini, mix fra sposati, divorziati e single a targhe alterne. A un certo punto uno lancia la provocazione: chi di voi è fedele? Uno solo alza timidamente la mano. Viene sommerso da lazzi e risate, finché il suo miglior amico stoppa tutti ed esclama: no, io posso testimoniare che lui è veramente fedele alla sua donna perché lei è una SuperDonna.

E spiega: la sua SuperDonna non ha mai smesso di essere amante, neanche dopo la convivenza, mentre molte donne si trasformano in mogli. Allora il sesso e le attenzioni per il loro uomo passano in secondo piano rispetto a figli, casa, lavoro, stanchezza… Così, prima o poi, arrivano le corna.

In passato non sono stato un santo, ma non credo che la fedeltà sia una missione impossibile, e c’è del vero in quello che narra il racconto.

La fedeltà non è un patto fondato su un ideale, su un impegno teorico. La fedeltà è come l’amicizia, una pianta che bisogna innaffiare in due. Se uno dei due smette di innaffiare o non lo fa abbastanza, la pianta muore.

Figli, lavoro, problemi: la coppia deve venire sempre per prima. E il sesso è il linguaggio che esprime al meglio lo stato di salute di un’unione, è il concime che impedisce alla pianta di deperire nonostante gli anni che passano.

Il sesso è un linguaggio unico, che ti permette di superare anche le incomprensioni più forti. Se manca, se diventa secondario quando all’inizio del legame era un bene primario, la fedeltà può saltare.

Perché lui o lei, insoddisfatti, ricercheranno, prima o poi, nuove emozioni fuori. Togli qualità al sesso e si spalancheranno delle porte che prima non vedevi neanche.

Ma l’intesa, la condivisione, il sentimento, il tempo, la stima? Fondamentali certo. In una coppia non bastano. Non siamo amici, eravamo amanti, dobbiamo rimanerlo.

Amanti fedeli

Che ne pensate?

Condividi:

14Commenti

  • evelyn, 27 Marzo 2014 @ 08:54 Rispondi

    Ciao Alessandro, è esattamente come dici tu. Ma spesso non è cosi semplice poter mettere la coppia sempre in prima linea. A me è successo di dover accantonare ( momentaneamente) la coppia perché i problemi del quotidiano vivere erano più grossi e forti da offuscare la coppia.
    Aggiungi la morte improvvisa di un caro, la scoperta di una gravidanza gemellare inaspettata; cambiare i tuoi programmi e mettersi alla ricerca di una casa più grande,; discussioni su dove, come e perché; modifica dei programmi lavorativi; confusione , delusioni, gioie, dolori… Mischia tutto, aggiungi la parola suocera e alla fine vedi che la coppia scoppia!!!!
    Siamo scoppiati ma alla fine tra pugni, cazzotti allo stomaco e denti rotti mi sono guardata allo specchio cercando di ritrovare la COPPIA che eravamo. Ci sono riuscita! Penso che una bella scossa nella coppia possa servire perché o succede che butti via tutto oppure il rapporto di coppia si fortifica. A me è successo che si è fortificata.
    Ho capito che è vero che siamo genitori, siamo una famiglia ma principalmente bisogna essere UNA COPPIA.
    ciao ciao e buona giornata!!!

    • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2014 @ 11:36 Rispondi

      Ti capisco, e mi ricordo dell’impatto del primo figlio sulla coppia quando è nato Nicolò.

      Pensa che nella follia dell’ignoranza neogenitoriale, visti i precedenti in famiglia, ci eravamo detti: se vengono i gemelli meglio, due in un botto visto che noi vogliamo più figli.

      Non sapevo quanto fosse destabilizzante per la vita e per la coppia l’arrivo dell’alieno in casa, per di più con le coliche.

      Eccome se i figli rimettono in discussione la coppia. E di brutto. E ogni figlio è peggio, perché le fatiche si moltiplicano.

      Per noi Rebecca, la bambina da me tanto desiderata dopo due maschi, ha avuto un impatto forte. Tre sono davvero tanti.

      Lì allora si vede se la coppia è solida davvero. Se supera lo choc del primo o ennesimo figlio è davvero forte.

      E pensare che ci sono coppie in crisi che decidono di fare un figlio per ritrovare sprint. Poveri illusi e povero figlio.

      Figli o no, la coppia deve riuscire a ricavarsi spazzi propri. Al più presto. Andare via da soli per un weekend mollando il pupo a nonni o tate. E attenzione al sesso. È la prima cosa che ne risente ma è un pilastro portante. Senza quello, e della qualità che ha coibentato la coppia, la casa vacilla.

      Grazie Evelyn per il tuo commento

  • barbara, 19 Maggio 2014 @ 10:39 Rispondi

    Condivido in toto …. i figli,il lavoro,le preoccupazioni,le perdite,le difficoltà’ tutto cio’ destabilizza la coppia,e ad un certo punto ci siamo trovati estranei che occupavano lo stesso immobile,tant’e’ che il rientro a casa dal lavoro di mio marito, si spalmava sempre più’ verso la tarda serata….” ho da fare…..e cosi’ tutto peggiorava e precipitava a velocità’ worp….anche il sesso era diventato precario e frettoloso, come il tempo che ci dedicavamo…adesso,dopo un grandissimo scossone, forte come mai prima era accaduto, abbiamo ricominciato a parlarci,ad ascoltarci a ritagliarci tempo per noi …….a coccolarci…ci stiamo riprovando, ci stiamo impegnando

    • alessandro pellizzari, 19 Maggio 2014 @ 10:54 Rispondi

      Ma lo scossone stato un tradimento?

  • barbara, 20 Maggio 2014 @ 16:27 Rispondi

    si….. anche se solo virtuale,ci siamo fermati prima entrambi sposati.
    Per me sono stati i figli il grandissimo deterrente e anche l’assopito amore che ancora provavo per mio marito ma di cui mi ero dimenticata,,,,, è stato tutto molto doloroso,moltissimo,perche’ tutto nasce in amicizia,poi conoscendosi,parlandosi si scoprono affinita’ coinvolgenti .e sconvolgenti pare di conoscersi da sempre …Abbiamo parlato tanto mio marito ed io ci siamo sforzati di ritrovarci …perche’ ci eravamo persi,
    è stata durissima,ripartire,ricostruire rincontrarsi e capire,provare di capire dove ci siamo allontanati,ma è stata anche durissima lasciarlo andare, non poterlo sentire piu’, mai piu’ è stata molto dura

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2014 @ 17:09 Rispondi

      È quasi impossibile tornare indietro da un tradimento

  • Ariel, 6 Giugno 2019 @ 20:54 Rispondi

    @Caro Alessandro
    Eccomi ,anche qui sfogliando le pagine a caso ti ho letto anche qui
    E sono d’accordo con il tuo pensiero in toto
    Certo la unica riflessione in più che sento è questa
    Che a volte soprattutto in un matrimonio di lungo corso ecco ho notato che una difficoltà è che i cedimenti di attenzioni purtroppo sono difficilmente sincroni

    Così la percezione di, mancanza di attenzioni si rende a volte difficile anche per questo motivo
    La tempistica diversa che ogni individuo ha è diversa
    Cioè il cambiamento pure nel positivo avviene per uno mentre l’altro è rimasto ancora “indietro”

    La evoluzione è personale e ognuno ha la sua
    Così quando ci sono difficoltà dovute a figli o altri motivi
    Non si sta a mai ad essere allo stesso punto di percezione dei problemi

    È una avventura Amarsi una sfida verso se stessi
    Un gioco di resistenze e il lasciarsi andare sempre con fiducia osservando Madre Natura che ci,insegna che per vivere il sole nel giorno è inevitabile pssare la notte buia e magari sta pure in bianco perché il bambino piange o perché non si riesce a prender sonno
    E si ha voglia di un abbraccio
    Allora ci si gira nel letto e magarimlei o lui se la dormono placidi
    E così come fare mica vogliamo disturbare quel bel viso sereno che sta sognando felice proprio il fare sesso amore vero di noi

    Amore puro ,si possibile essere fedeli
    Questo è il vero Amore!!!

    Sempre a leggerti,lo sai
    Mi rifugio nella Bellezza del tuo scrivere,vivere!

  • LEI, 7 Giugno 2019 @ 08:24 Rispondi

    “la tempistica è diversa”, grande riflessione, Ariel.
    Io credo che sia importantissimo affrontare subito il discorso in coppia, esprimere il proprio disagio e il proprio vuoto, per dare all’altro la possibilità di recuperare.
    Il silenzio alza muri spesso indistruttibili. E può portare al tradimento.
    Se poi, pur parlandone, l’altro finge di non capire o non è propenso a venirti incontro, allora un bel paio di corna può anche essersele meritate, tanto per parlare chiaro.

    • Ariel, 7 Giugno 2019 @ 10:27 Rispondi

      @LEI
      grazie per l’apprezzamento al mio commento
      Sono molto sincera e schietta e francamente non temo proprio mai il giudizio degli altri
      Anzi secondo me sarebbe ora in generale e pure qui sul Blog
      Sarebbe ora di smetterla di non giudicare

      Sempre con sta paura del giudizio ,ma se ne n si giudica come si fa a rendersi consapevoli delle proprie azioni e del impatto che hannomsugli altri??

      Siamo qui proprio per goidicare
      Il giudizio è un movimento Che genera il cambiamento
      Con lo scambio onesto rispettoso e sincero

      Se ogni volta qui dobbiamo fare come in Italia sempre come fossimo la partita di calcio anziché scapoli contro ammogliati
      Amanti contro mogli fedeli

      Ma insomma non serve a nulla ,
      Ci vuole la onestà intellettuale la UMILTÀ
      Che caspita secondo me qui manca manca e manca!!!

      Il tuo commento qui LEI LO APPREZZO MOLTISSIMO
      Noto che con tutti gli altri fai sempre la insicura il pianto greco alternato al ho le palle io che scelgo libera ciò che mi conviene
      Fino a qui che scrivi onestamente che tuo marito sinè meritato le corna

      Okkei giustamente tu lo sai e io non posso propio sapere i vostri perché,non è questo che mi interessa,

      Ma ti faccio ONESTAMENTE questa domanda che tu secondo me dovresti farti

      Tuo Marito che cosa ha fatto o non ha fatto di così GRAVE da meritarsi le corne a VITA????????

      Ok Carissima LEI forza coraggio rispondi ,ma non a me ,ma a te stessa e a lui Tuo marito
      Che tra l’altro ne scrivi quanto scopate bene nsieme
      Almeno che il sesso è stato il motore del vostro Amore

      Ecco puoi riflettere libera ovbio di farlo
      Di cassarmi
      Di Criticarmi
      Di Giudicarmi
      Di farmi Domande
      Di Leggere se vorrai ,le mie risposte

      CRITICHE!!!!
      EVVIVA LA CRITICA CHE MUOVE AL VERO CAMBIAMENTO
      EVOLVERE E SMETTERE DI RACCONTARSELA!!!

      Credimi UN VERO ABBRACCIO SENTITO!!!!!❤️

    • Whiterabbit, 8 Giugno 2019 @ 07:55 Rispondi

      No, uno che finge di non capire o non è propenso a venirti incontro merita di essere lasciato. Non un bel paio di corna.
      Ma nessuno mai analizza il perché uno finga di non capire o non sia propenso a venirti incontro?

      • oldplum, 8 Giugno 2019 @ 12:23 Rispondi

        Perché non è (più) la persona che amavi
        È cambiata e sei cambiata anche tu. E il sentimento anche .

        • Whiterabbit, 8 Giugno 2019 @ 18:19 Rispondi

          Concordo Oldplum, non critico il cambiamento. Quello accade, le persone evolvono, critico la menzogna e la mancanza di rispetto. Critico la pretesa che al tuo cambiamento debba necessariamente corrispondere il mio o viceversa come atto dovuto, in mancanza del quale mi/ti senti in diritto di comportarti come ti pare spesso senza avere il minimo scrupolo o riguardo nei confronti dell’altro.
          Se qualcosa non mi piace più io lo dico. Sempre.
          Io ho un milione di difetti Oldplum, davvero, e li ammetto tutti. Ma non mento e non prendo in giro le persone. Questa non significa che io non possa averle ferite, significa però che tutto quello che ho fatto e pensato nella vita è stato trasparente. Io vivo in modo trasparente. Forse così ho forse ferito anche maggiormente a volte, ma la menzogna in tutte le sue forme e verso chiunque, non fa parte del mio essere.

      • Angelica2.0, 8 Giugno 2019 @ 19:03 Rispondi

        Concordo whiterabbit

  • Ariel, 8 Giugno 2019 @ 08:54 Rispondi

    @White
    Finalmente il tuo commento è una luce positiva e così piena di una logica impeccabile

    Le giuste domande sono le uniche chiavi che sempre nella vita occorrono per risolvere tutte le proprie difficoltà in ogni ambito

    Spero che passino di qua molte lettrici qui Nel Blog
    Che possano riflettere e criticare con vera Onestà intellettuale
    Umiltà e la passione a scoprire da sole il proprio nascosto pensiero

    La inconsapevolezza può risolversi pure semplicemente perché si legge qualcosa di intelligente logico sensibile

    Grazie White!!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.