Matrimonio azienda e amantato azienda, due realtà spesso parallele

Forse sapete già che cosa intendo io per Matrimonio azienda, altrimenti leggete qui

Invece l’Amantato azienda che cos’è? E soprattutto come si interfaccia col matrimonio? Che differenze ha con il tipo classico di amantato? E che andamento, problemi e prospettive ha?

In questo video tutte le risposte

Sei un’amante e le cose non stanno andando bene? Non sai cosa fare? Prova un’ora di counseling: contattami ad anpellizzari@icloud.com

Condividi:

919Commenti

  • elleelle, 21 Ottobre 2022 @ 14:57 Rispondi

    @Marcelle, Rinascita,
    In queste relazioni in cui era stato proposto tanto amore, vissuto nel tormento, negli allontanamenti e nei ritorni senza però nessun cambiamento, la delusione è cocente.
    La nostra mente cerca di salvare qualcosa perché così la disfatta non è completa. Normalissimo ma secondo me il rischio è di allungare i tempi della guarigione e di tenere comunque aperto uno spiraglio. E se tornasse? Posso rischiare di dirgli di no, di non amarlo più? Sarei una stronza? Mi perderei un uomo cambiato?
    Io ho dovuto fare per forza il percorso opposto. Ho dovuto distruggere tutto e molto in fretta. È stata una strada senza ritorno che è passata anche da capire che era un uomo qualunque che fa una vita qualunque.
    Non è ripicca questo discorso ma è rendersi conto che l’avevo messo su un piedistallo senza motivo. Ci avevo messo io del mio, avevo creduto al marketing che lui fa di sé stesso. Nel momento in cui l’ho tolto dal piedistallo ho cominciato a ridimensionarlo e a capire che di predestinato c’era poco, perché in lui non c’era niente che sfuggisse davvero alla banalità quotidiana.
    Io pensavo chissà cosa perché non ero qui nella sua realtà, adesso che ci sono, vedo che le cose che sfoggiava erano davvero nella media.
    Ha un lavoro e un hobby come tanti altri, ha tradito come tanti altri e ha accampato le stesse scuse. Non aveva niente di speciale che mi dovesse tenere legata a lui, niente di insostituibile.
    Nel momento in cui ci si rende conto di tutto questo, si lascia andare. Non è il destino che ci tiene legate, siamo noi e i meccanismi che scattano nella nostra testa.

  • elleelle, 21 Ottobre 2022 @ 14:22 Rispondi

    @Marcelle
    Hai la fortuna di abitare all’estero, dove la mentalità per certe cose è diversa e fai bene a cogliere anche queste opportunità. Certe rinunce possono essere troppo grosse ed è giusto che tu metta le mani avanti.
    Io spero tanto per te che tu possa conoscere anche una persona che apprezzi anche questo lato di te, la tua apertura mentale e il tuo spessore di persona.
    Sicuramente il tuo ex ha perso tanto, tu per fortuna no.

  • Leilei, 21 Ottobre 2022 @ 09:04 Rispondi

    Marcelle quello che stai vivendo è del tutto normale, quando ci si scotta con l’acqua calda anche la fredda fa paura. Per questo non devi sforzarti di fare cose che non senti. Il tempo aiuta molto.

  • Ariel, 20 Ottobre 2022 @ 23:47 Rispondi

    Leilei, 20 Ottobre 2022 @ 15:47Rispondi
    Ma resta una ovvietà @Leilei che ognuno fa come vuole e non vuoi proprio capire che resta ovvio che nessuno può costringere alcuna persona a. Fare diverso da ciò che si vuole fare ,ma questo non ha nulla a che vedere con i profili di uomini scritto da @acaroAlessandro ,non vuoi proprio vedere cosa contiene alla radice pure per lui devez rifarsi alle scoperte scientifiche dov’è ripeto non esiste differenza per ciascuna persona seppur diversa e differente esperienza di situazioni di vita la ricetta resta sempre uguale e cioè esiste uno schema comportamento uguale per tutti
    Da lì non ci si può differenziare
    E infatti chi si ostina a voler per forza trovare il ma io sono un caso unico é proprio corrispondere alla propria dipendenza affettiva che si fa qualsisi cosa pur di non staccarsi dal proprio immobilismo di vita.
    Spiace ,ma posso comprendere molto bene la tua evidente ostinazione a restare immobile a farti manipolare da ben due uomini!
    Ripeto non é una mia idea personale @leilei la scienza serve proprio a questo e infatti CaroAlessandro si spende eccome per inviare a fare psicoterapia della dipendenza affettiva un metodo che non significa affatto fare terapia qualsiasi .

    Il Blog é pieno zeppo di inviti di CaroAlessandro a rivolgersi a fare vero percorso psicoterapico soprattutto per chi staziona da anni nel immobilismo totale..
    In più la Dipendenza affettiva ha una caratteristica base in se di non essere affatto percepita o riconosciuta
    Il cervello vien via via intortato in modo da ledere il proprio libero arbitrio..

    Non esiste il mio caso é diverso
    Esiste il metodo di diagnosi analisi e cura fatto apposta e funzionante sempre purchè lo si individui e lo si faccia

    Tutto il resto é un tuo evidente attaccarti alla canna del gas!!!!
    In perfetta buona fede ,sicuro ne resti convinta esattamente come da copione scientifico !,

  • Marcelle, 20 Ottobre 2022 @ 23:40 Rispondi

    E @Rinascita, sono contenta che tu legga cosi la tua storia. Gli alti e bassi fanno parte del gioco della metabolizzazione.. Ti auguro con tutto il cuore che, anche se non ci fosse un lieto fine che spero per te, tu possa preservare il bello. Davvero.

  • Marcelle, 20 Ottobre 2022 @ 23:36 Rispondi

    Grazie tantissime @elle, sapevo che avresti approvato. Ci sono cose che facciamo per noi stesse anche se per qualcuno é “innaturale”. Per me sarebbe stato innaturale altro.. e sento che lo capisci.

  • Marcelle, 20 Ottobre 2022 @ 23:34 Rispondi

    Sai @Rinascita, se mi avessero chiesto solo un mese fa cosa pensavo di noi, avrei risposto esattamente come te.. non so come abbia potuto sgretolarsi la mia ferrea convinzione che fosse stato amore da parte di entrambi, un amore che semplicemente non aveva avuto il lieto fine, visto che riconosco che le relazioni di coppia sono basate anche su altro, su quello che si é, su dove si va, non solo sull’amore..

    Penso abbia giocato un ruolo importante il mio ultimo anno, le sue interferenze che ora non vedo piú come dimostrazioni di presenza, di sentimento, ma di egoismo.. non gli ho mai chiesto di scegliere. Io avevo chiuso sapendo di volere di piú e lui tornava, ed io prima lo riaccoglievo e poi lo ascoltavo, dicendomi apertamente e no che le cose stavano cambiando, di essere in un processo di riflessione e messa in discussione. Ed io mi son fatta mangiare da questo circolo vizioso, non stavo piú con lui, ma ogni tanto da lui un segnale. Anche io da mesi evito tutti i luoghi in cui potrei incrontrarlo, anche limitandomi perché é piú importante per me preservare me stessa.
    E poi questo processo che sto facendo per me porta degli sbalzi di umore.. abbene nel mio momento piú basso, penso che lui stesse condividendo un successo della compagna. Ed ho capito che io sono sempre stata sola in questa storia, in questa lotta. E’ andata bene a lui perche sono cosi indipendente che non gli ho mai chiesto nulla, ma essere anche cosi indipendente mi ha reso fragile alle sue dimostrazioni di attenzione e cura. E’ anche questa un’arma a doppio taglio, mi rendo conto. E quando mi é caduto il velo l’ho visto per quello che forse é. Un uomo qualunque che fa una vita qualunque. Nella media di tutti i cliche.

    • alessandro pellizzari, 21 Ottobre 2022 @ 11:07 Rispondi

      le sue interferenze che ora non vedo piú come dimostrazioni di presenza, di sentimento, ma di egoismo

      MOLTO GIUSTO

  • elleelle, 20 Ottobre 2022 @ 22:55 Rispondi

    @Rinascita
    Vedrai che con questa chiusura, se definitiva, finiranno anche le domande, gli sbalzi di umore e i pensieri che ti succhiano energie e tranquillità.
    Il mio ex esiste solo perché ogni tanto lo cito qui come esempio e perché era rimasto qualche strascico a livello sessuale, che però sta passando secondo me.
    Un giorno ho visto un suo post e ho pensato “Ma guarda che deficiente!” e lì, dopo aver accertato per l’ultima volta la sua pochezza, è scattato qualcosa e ho capito che era davvero finita.
    Ho anche ringraziato questa pessima esperienza per avermi dato una svegliata, di cui evidentemente avevo molto bisogno e di cui farò tesoro.
    Ma sprecare altro tempo a farmi problemi a causa sua anche no. Se adesso non mi fido, meglio così. Se non mi va di considerare come papabile il primo che passa, perfetto. Certo che è più facile a 30 che a 50 anni ma non mi importa. Se voglio ho visto che posso, se non voglio ci sarà un motivo.

  • elleelle, 20 Ottobre 2022 @ 21:47 Rispondi

    @Marcelle
    PS Approvo in pieno il percorso che stai facendo ❤️

  • Rinascita, 20 Ottobre 2022 @ 21:46 Rispondi

    Marcelle vivo più o meno il tuo stato d’animo. Abbiamo una diversa prospettiva solo perché sono diverse le situazioni di partenza. Io incastrata in un matrimonio infelice, tramite la storia con il mio ex, ho avuto l’opportunità di svegliarmi dal torpore e capire che era arrivato il mio “secondo tempo”. Un merito quindi l’ha avuto. Sarà per questo che non riesco ad odiarlo. Attualmente sono anche io nel limbo di domandarmi cos’è stato davvero. Come te mi sono chiesta se il mio istinto ha fatto cilecca. Mi dico di no! Nel mio sentire ci credo ancora. Poi alcuni giorni sono allibita, altri incazzata, altri comprensiva, altri “ma chi se ne frega com’è conta solo che non è con me”. Però vado avanti. Ultimamente ho eliminato anche le rimanenti “occasioni” di contatto. Mi è costato tanto, ho faticato a chiudergli la porta in faccia anche in ambiti diversi dalla nostra storia, ma devo salvare me! Voglio collocarla come una storia d’amore che non ha avuto il lieto fine, come miliardi di altre storie d’amore, come tutti quei matrimoni in cui si promette “finché’ morte non ci separi” e poi non è proprio così!

  • elleelle, 20 Ottobre 2022 @ 21:46 Rispondi

    @Marcelle
    Ti capisco benissimo, anche io sono in una situazione simile. Però la ritengo una fase naturale.
    Non fidarsi del primo che passa è cosa buona e giusta, per cui niente di preoccupante.
    Non aver voglia di mettersi in gioco vuol dire che non abbiamo trovato nessuno che ci interessa davvero e nessuno che ci abbia lasciato il tempo per sviluppare questo interesse. Anche questo mi sembra un ottimo meccanismo di autodifesa.

  • Marcelle, 20 Ottobre 2022 @ 19:06 Rispondi

    Ho un pó paura ad aprirmi @Elle, a farlo di nuovo e ad avere fiducia non solo negli altri ma nei miei sensi, nel mio istinto. Mi sono cosi tremendamente sbagliata con lui che non so come fare a non diffidare od anche ad interessarmi davvero ad un altro.
    E’ l’unico aspetto che non funziona nella mia vita e davvero sto facendo tanti cambiamenti, alcuni magari piccoli all’esterno ma grandi per il valore che hanno per me. E tra l’altro un percorso che mi consentirá, spero, un domani di avere dei figli se lo vorró, da sola od in coppia perché qui si puó. Me lo sono regalata pensando con razionalitá a quello che io da sola posso cambiare con le mie mani.

    Per il resto vivo, sto uscendo di piú, sono in forma molto piú di prima ma questa esperienza mi rimane dentro, ora in termini negativi. Forse ho bisogno di rigettare tutto, di vedere lui come un uomo qualunque e tutto ció che io pensavo fosse come il solito cliché.. Non lo so.

    • alessandro pellizzari, 20 Ottobre 2022 @ 20:14 Rispondi

      A piccoli passi ma sempre avanti dai

  • elleelle, 20 Ottobre 2022 @ 16:52 Rispondi

    @Vio
    Ok, cerco di farvi sapere nei prossimi giorni qui sul blog

  • Leilei, 20 Ottobre 2022 @ 15:47 Rispondi

    Ariel nei tuoi fiumi di parole dimentichi la più importante: “consapevolezza”, nel momento in cui sei consapevole di quello che stai vivendo, hai tutti gli strumenti per decidere cosa fare.
    C’è chi non accetta l’amantato perchè vuole di più, c’è chi non accetta di stare in un matrimonio finito e si separa e chi invece continua a starci in una pseudo separazione casalinga, chi sta bene con la stampella.
    La scienza non può proporre un’unica ricetta, perchè ciascuno è diverso. Altrimenti non avrebbe nemmeno senso andare in terapia se ci fosse un’unica ricetta per la felicità, basterebbe studiarsi un manuale a memoria.
    Ale nel suo nuovo libro non ha proposto il prototipo di uomo, ma ha tracciato ben 30 profili! Sei tu che appiattisci tutto ad un’unica verità! Ale dà gli strumenti per capire e scegliere consapevolmente, poi sta a ognuno di noi decidere come stare.

    • alessandro pellizzari, 20 Ottobre 2022 @ 20:12 Rispondi

      Sono d’accordo. Prendi il codice del silenzio o n contact: è un’arma potente da utilizzare ma se fosse uguale per tutti e andasse bene in tutti i casi venderei dispense del Cds

  • elleelle, 20 Ottobre 2022 @ 14:14 Rispondi

    @Marcelle
    Hai riassunto perfettamente.
    Nel momento in cui un tradimento avviene e non si concretizza in una nuova relazione come invece dovrebbe essere, dopo un periodo di isolamento se compare un’altra opportunità ci si ricasca.
    Però tu non ti crucciare più di tanto per quello che è successo con il tuo ex. Non è colpa tua, è lui che fa casino in giro e non si toglie dai piedi perché è infelice.
    Piuttosto, vivi nuove esperienze, anche alla faccia sua, se questo può dare un minimo di senso di rivincita dopo tutto il fastidio che ha provocato.

  • Viovio, 20 Ottobre 2022 @ 14:02 Rispondi

    @Elle
    Se andrai all’evento @Crocus farà in modo di esserci 🙂

  • Marcelle, 20 Ottobre 2022 @ 10:50 Rispondi

    Io personalmente sono giunta alla conclusione che chi ama davvero rischia. Amaramente ho capito che per il mio ex impegnato ero un diversivo alla vita di coppia non appagante ma nulla di piú, altrimenti sarebbe andato tutto in un’altra direzione. Guarda caso i problemi di queste relazioni di amantato nascono quando uno dei due vuole di piú. E l’altro si trincera dietro le solite scuse che peró non lo hanno fermato dal tradire compagno ufficiale e figli che poi vengono usati successivamente come giustificazioni per non lasciare: “perderó la quotidianitá”, “non avevamo dei grossi problemi finche non ti ho incontrata, come faccio a lasciare se abbiamo un patto di vita”, “tutte le coppie di lunga data non fanno sesso e non parlano, ma noi funzioniamo come team e questo é meglio della maggior parte”, “ho fatto dei figli per crescerli e non farli soffire”… Oggettivamente comprensibili, ma non a livello di amore che con tutto ha a che fare tranne che con la ragione e la razionalita. E poi, come in un copione ti tengono legati in extremis paventando una possibile separazione, “le ho detto che non va piú bene” “abbiamo parlato di separarci”… E stranamente non accade mai ed allora “lo so che quello che sbaglia sono io e me ne assumo le mie responsabilitá, tanto tu troverai un altro”. E nonostante gli si chieda di chiudere, continue interferenze..
    Che poi sappiamo tutti che cambiare status si puó, lo fanno molti. Quindi quelli che non lo fanno colmano solo bisogni insoddistatti, perdendo l’amante ritornano a casa in attesa che i bisogni si facciano grandi di nuovo e che, se fortunati arrivi un altro pronto ad accettare le stesse condizioni.

    Devo ringraziare tutti quelli che hanno popolato questo blog per avermi aiutato a capire, @Ale, @Elle fra i tanti, i vecchi commenti di @Oldplum poi sono stati rivelatori. Ora sto facendo pace con la storia che ho vissuto e la guardo con gli occhi di chi ha creduto di vivere un grande Amore che amore era solo per me. Per lui era altro, una vacanza. A termine. Grazie davvero

  • Rinascita, 19 Ottobre 2022 @ 21:06 Rispondi

    L’incontro infrasettimanale per me è teoricamente proibitivo. Sto cercando di capire se riesco ad organizzarmi, perché mi peserebbe molto rinunciare alla presentazione ma anche a conoscere chi di voi potrà esserci. Maribel dovrebbe avere confermato (vero?), spero anche ElleElle. Aggiorniamoci qui sul blog, così poi capiamo come renderci riconoscibili all’incontro.

    • alessandro pellizzari, 20 Ottobre 2022 @ 12:54 Rispondi

      La presentazione del mio libro Love Advisor sarà a Milano martedì 8 novembre alle 18,15 presso il Mondadori Store in piazza Duomo

  • Ariel, 19 Ottobre 2022 @ 19:19 Rispondi

    Leilei, 19 Ottobre 2022 @ 09:16Rispondi
    Non sono affatto d’accordo con questa tua visione che trovo riduttiva al massimo
    Così secondo te qui sul Blog unico scopo é sfogarsi o raccontarsi le proprie esperienze senza nulla imparare perché intanto ognuno fa come vuole o ritiene di fare per suoi motivi

    Eh no altrimenti che sarebbe servita la ricerca scientifica e la scienza che da che mondo esiste ha avuto accesso a scoperte scientifiche e cioè universali che funzionano su tutti indipendentemente dalle proprie ragioni ,motivazioni,pensieri e quant’altro
    A che servirebbe il lavoro impegno messo da CaroAlessandro in ogni suo scritto ogni suo articolo e ad oggi ad ogni suo libro?

    A che servirebbe tutto ciò?

    Qui ci si basa ECCOME SU SCOPERTE SCIENZA che dovrebbero aiutare le persone tutte quelle che ancora si fanno i cxxxzi loro per i loro bravi motivi facendo del male a se stessi e a chi si fa finta di non vedere !,,
    Più la gente continuerà a pensarla come te @leilei più avremo VERE VITTIME DI RELAZIONE TOSSICA

    Più la gente si fa i cxxxzi propri e fa il solito LAMENTO GRECO O SCRIVE COSA GLI HA DETTO UOMO AMANTE CHE LA COMPAGNA LO MANDA A SDRAIARSI SUL DIVANO ????
    Eh no Cara Leilei DISSENTO IN MAIUSCOLO
    É MI DISSOCIO DAL LAMENTO GRACO TOUT COURT DA CHI PENSA CHE LA TERAPIA SIA SOLO UNA E BASTA

    Fortunatamente NON TUTTI LA PENSANO COME TE!!!!

    Altrimenti sarebbe davvero un disastro in un continuo!!!
    Esistono persone che sanno studiare sanno documentarsi sanno restare aperte alla Scoenza anziché parlare per frasi fatte e stare sempre rinunciatarie immobili nel ragionare uguale identico da decenni !,,

    Apertura mentale cara Leilei
    Roba che evidentemente contrasta con chi resta dipendente affettiva senza affatto accorgersene!!!!
    Bloccata tra due uomini che ti usano e tu che ti fai usare bella contenta esattamente come da COPIONE SCIENTIFIQUE!!!

  • elleelle, 19 Ottobre 2022 @ 17:58 Rispondi

    @Vio
    Siamo nella stessa situazione, purtroppo.
    Sai se Crocus ci sarà?
    Grazie a @Love per la disponibilità, se riuscirò ad andare lo cercherò 🙂

  • Leilei, 19 Ottobre 2022 @ 09:16 Rispondi

    Roberto io credo che in generale più che parlare di decisioni giuste o sbagliate in senso lato, sia umanamente corretto parlare di scelte funzionali alla nostra vita, che vanno bene per noi. Per questo è inutile andare su discorsi morali e etici, su discorsi “scientifici” (per citare Ariel). Siamo qui per raccontare la nostra esperienza e per raccogliere quella degli altri. Poi ognuno trae le proprie conclusioni, come si fa con un abito cucito su misura.
    Per questo non mi hanno mai colpito le critiche che mi si rivolgono, c’è quel detto indiano che dice “prima di giudicarmi, prova a camminare nelle mie scarpe”, o una cosa del genere…

  • elleelle, 19 Ottobre 2022 @ 09:02 Rispondi

    @Vio
    Per me è un po’ un casino perché è di martedì ma visto che è alle 18, posso vedere se ce la faccio coi treni.
    Ti faccio sapere qui sul blog o tramite Ale, se lui ti può contattare

  • Viovio, 19 Ottobre 2022 @ 08:18 Rispondi

    @elle durante la settimana per me è impossibile (scuola lavoro ed attività sportive), però @Love parteciperà e si è reso disponibile a metterci in contatto.

    @Ale spero ci saranno altri incontri anche nel weekend.

  • Giada, 18 Ottobre 2022 @ 23:45 Rispondi

    Certo che sì caro Ale! Ci sarò insieme ad un’amica. La copertina mi ispira moltissimo!

    • alessandro pellizzari, 19 Ottobre 2022 @ 08:16 Rispondi

      Grazie. Presentazione Love Advisor martedì 8 novembre alle ore 18 in Mondadori Duomo

  • Lilly, 18 Ottobre 2022 @ 14:46 Rispondi

    Che sfortuna @ale….sarò a Milano il weekend precedente per un motivo personale..il successivo lavorerò. Peccato davvero. Mi avrebbe fatto proprio piacere conoscere le utenti del blog finalmente…e il padrone di casa, ovviamente!e cmq si a me piace la copertina…

    • alessandro pellizzari, 19 Ottobre 2022 @ 08:15 Rispondi

      Grazie

  • Ariel, 18 Ottobre 2022 @ 13:32 Rispondi

    Copertina carina
    Non ci sarò a Milano

    Bonjour ChèrAlexandre!!!!

    Désolé !!
    Guarderò il filmatino che sicuro realizzerai per tutti i tuoi utenti pro et contre!,,

    Ahahah
    Spezziamo un croissant de la paix caro Blog
    Et andiamo avanti!,,,

    Ahahah

    Voltiamo pagina che la copertina non se ne può più di vederla ad ogni ingresso di Blog

    Eh ma bastaaa!!!

    Ahahahah
    E sto a riderci con humor
    Tu no preoccupa ChèrAlexandre!!!
    Ahahah

    Bonjour!

  • Roberto, 18 Ottobre 2022 @ 12:19 Rispondi

    E cmq @Elleelle, ha ragione @Ale, basta se no diventa più la fatica del gusto. Tanto la pensiamo diversamente. Non me verremo mai a capo.

  • Viovio, 18 Ottobre 2022 @ 12:06 Rispondi

    @Elle tu andrai all’incontro?

  • maribel, 18 Ottobre 2022 @ 11:28 Rispondi

    @ale ciao, l’angioletto tatuato è molto simpatico e diciamo che rende bene l’idea del pensiero che è fuori dagli schemi dei benpensanti e del bon ton in generale, hi hi!
    l’otto novembre io se non ci sono imprevisti verrò volentieri, devo guardare ora e luogo perchè non ho ancora avuto tempo di leggere bene se lo hai già indicato da qualche parte.

    • alessandro pellizzari, 19 Ottobre 2022 @ 08:14 Rispondi

      Presentazione Love Advisor martedì 8 novembre alle ore 18 in Mondadori Duomo

  • elleelle, 18 Ottobre 2022 @ 10:52 Rispondi

    @Ale
    L’8 novembre è un infrasettimanale e per me è praticamente impossibile tra scuola e attività dei figli.
    Ci saranno altri incontri nel fine settimana?

    @Vio, Crocus & co.
    Qualcuna pensa di andare l’8 novembre?

    • alessandro pellizzari, 19 Ottobre 2022 @ 08:13 Rispondi

      Per ora ci sarà un solo incontro martedì 8 novembre alle ore 18 in Mondadori Duomo

  • ads, 18 Ottobre 2022 @ 10:25 Rispondi

    a che ora sarebbe…la sera? pomeriggio..?

    • alessandro pellizzari, 19 Ottobre 2022 @ 08:12 Rispondi

      Martedì 8 novembre alle 18 in Mondadori Duomo

  • elleelle, 18 Ottobre 2022 @ 09:04 Rispondi

    @Roberto
    Dialogare non vuol dire necessariamente cambiare idea, vuol dire riuscire a parlare e ascoltare, per poi trarre le proprie conclusioni.
    Se vengo qui con un problema, devo essere disposto ad ascoltare anche quando fa male. Ho detto più volte e lo dico ancora che a me qui era stato detto subito che il mio ex non era innamorato di me, nonostante io ne fossi convinta. Non mi ha fatto piacere, l’ho anche difeso ma poi ho ammesso che avevano ragione altre utenti, ho ringraziato quelle che mi hanno aperto gli occhi e mi hanno fatto capire cosa stava succedendo.
    Se noi ti diciamo che dalle tue parole non traspare rispetto per tua moglie, tu ci mangi la faccia e tiri fuori quelli che percepisci essere i nostri difetti e le nostre mancanze. Tu non ci ascolti, non pensi che magari questa mancanza di rispetto appare davvero ed è una cosa che devi risolvere se devi passare la tua vita con lei. La priorità di nuovo non è tua moglie, sei tu che ti devi scagionare.
    Ma l’obiettivo delle nostre parole non è quello di metterti sul banco degli imputati, è quello di dirti che c’è qualcosa che non va su cui devi lavorare.
    Se ti dico che il tipo con cui forse uscirò a cena è stato coraggioso perché ha tradito la moglie e si è separato, tu cerchi ogni modo per dire che non è stato coraggioso, perché tu non ti sei separato.
    Però guarda un po’, io sono rimasta con mio marito, anche se in una relazione finita, e ammetto comunque che lui è stato più coraggioso di me.
    La sua decisione non mi fa sentire a disagio o inadeguata, non devo sminuirla a ogni costo per giustificare la mia.
    Per fortuna c’è chi osa, altrimenti sarebbe un mondo di persone completamente bloccate. Lui ha aperto una porta e anche se adesso sta male, tutto quello che verrà non sarà basato sull’inganno nei confronti del proprio partner.
    Se voglio, posso prendere ispirazione dalla sua storia, lo posso ascoltare e dialogare con lui, cosa che faccio.
    Qui si porta la propria esperienza ad esempio, non per dire che gli altri sono tutti sfigati ed inferiori se non lo fanno, ma per dire che è possibile, che qualcuno ci riesce.
    Da me volete dettagli inutili e che non posso dare ma nessuno che chiede a me, Rinascita, Rosa, Nina o maribel come gestiamo la vita quotidiana, come siamo arrivate a questa accettazione più o meno pacifica per un bene comune.
    Vi interessa di più trovare motivi per screditare, per far passare per altezzosi, per teste non pensanti.
    Non è il dialogo che manca, lo ripeto. La carenza sta nelle proprie intenzioni. Se voglio cambiare, mi ispiro agli altri per farlo all’interno delle mie circostanze. Se non voglio, me la prendo con loro perché mi mostrano una realtà che per me è ancora troppo dolorosa.

    • alessandro pellizzari, 18 Ottobre 2022 @ 09:49 Rispondi

      Cerchiamo di uscire da questa querelle inutile e ditemi: vi piace la copertina di Love Advisor? Verrete a Milano l’8 novembre?

  • elleelle, 18 Ottobre 2022 @ 08:08 Rispondi

    @Roberto
    Mentire non è un fatto soggettivo, è oggettivo, tutto qui. Non ne cambi l’essenza perché ti fa comodo. Puoi continuare a mentire o smettere, se mentire ti fa sentire a disagio. Ma il fatto resta, per tutti.

    @Leilei
    Ma io ho risposto tantissime volte alle domande che mi sono state fatte. Le cose le dico anche spontaneamente, tanto che sotto a questo argomento ho parlato della mia situazione almeno sei volte, forse di più.
    Ho risposto alle domande di Dispersa, di ads, anche alle tue, quando ci sono state.
    L’ho fatto proprio pochi commenti fa, dicendo che ho una situazione complicata perché internazionale.
    Allora di cosa stiamo parlando? Che se non posso dare ulteriori dettagli sono una maestrina che si erge in cattedra e che si nasconde dietro a delle scuse, secondo @ads? Figuriamoci.
    Di cose me ne sono state dette tante, ne vengono dette a tutte, ma che ci sia un limite invalicabile di privacy lo dovete capire senza troppe storie.
    Vedi oltretutto che quando ti serve i miei messaggi li rileggi? Rileggili allora per capire la mia situazione, mi sembra semplice.

  • Roberto, 17 Ottobre 2022 @ 22:36 Rispondi

    @Elleelle, ciò che hai detto ad @Ads vale per chiunque qui dentro. Te compresa. Molte volte diciamo delle cose ma queste non cambiano le idee di ognuno di noi. Il partito di chi si è separato fuori o dentro casa contro quelli che “continuano a mentire al coniuge”. Ma non ti sei accorta che potremmo parlare per ore senza che nessuno di noi abbandoni la propria posizione? Ma forse è normale che sia così. In fondo, quando si prende una decisione nella vita la si difende. Per cui è inutile accusare @Ads di non recepire il dialogo. Qui realmente non c’è. Ognuno porta la propria esperienza con la convinzione di essere nel giusto. L’unica cosa che accomuna la maggior parte delle utenti è la condanna del seriale narcisista. Ma per il resto, non è un problema di @Ads, ma di tutti noi.

  • elleelle, 17 Ottobre 2022 @ 21:51 Rispondi

    @Cri28
    Tu hai detto più volte che non te la senti di lasciare tuo marito perché ha dei problemi. Se tu volessi elaborare potresti dire che ha una grave disabilità o è molto fragile psicologicamente, ma senza andare in dettaglio.
    Questo per me sarebbe più che sufficiente senza doverti martellare sul perché e sul per come.
    Potrei eventualmente chiederti se lui non soffrirebbe ancora di più sapendo che stai con lui perché provi pena o dirti che forse tradire per anni non è una scelta corretta per nessuna delle quattro persone coinvolte, ma questo viene detto nell’ambito di un blog in cui si parla di queste cose e ci si riflette sopra. Fosse un blog di cucina gli argomenti sarebbero altri.
    Non c’è bisogno di ogni dettaglio e nessuno è obbligato a dire tutta la verità.
    Però si può parlare del perché non si dice la verità e degli effetti collaterali, anche su se stessi. Come hai detto tu, anche tu meriteresti onestà per te stessa e ti si può chiedere perché non la cerchi.
    Ti si potrebbe dire che sarebbe meglio una bugia bianca, per evitare sofferenze inutili. Una bugia bianca è paradossalmente più sincera: voglio separarmi perché non sono più innamorata. In fondo è la verità, l’amante è un collaterale, subentrato dopo la fine di un rapporto.
    Ma se tu per la situazione di tuo marito non puoi accennare che per te è finita, non puoi.
    Se l’ex amante di @Roberto aveva un debito morale nei confronti del compagno, aveva un debito morale, punto.
    Ci sono situazioni molto gravi che vanno al di là di quello che si farebbe normalmente.
    Ci sono però anche coppie che hanno un accordo di puro sostegno “materiale” ma con la libertà di poter avere una vita sentimentale e sessuale. Coppie in cui uno dei due coniugi non può più avere una vita sessuale, ad esempio, o in cui ci sono gravi malattie.
    Questo sarebbe il posto in cui parlarne, ad esempio, senza scendere in caciara.

  • Leilei, 17 Ottobre 2022 @ 21:37 Rispondi

    Roberto comunque complimenti per la tua coerenza, siete bravissimi a mantenere la decisione presa insieme. Io e il mio amante ci siamo lasciati almeno una decina di volte. Ma non duriamo.

  • Leilei, 17 Ottobre 2022 @ 21:29 Rispondi

    Elleelle mi sembra che io sia tra quelli che tengono i toni sempre molto tranquilli.
    E sono tra quelli che hanno sempre risposto alle tue domande, anche molto dirette tipo come facevo a conoscere il contenuto dei messaggi della compagna del mio amante.
    Mi sono riletta un po’ di tuoi messaggi nei vari articoli di Ale, e mi sembra che a critiche e sentenze non ci vai molto con la mano leggera, e non parlo solo di quelle che mi riguardano.
    Non amo le polemiche e quindi la chiudo qui, aggiungo solo che un po’ di obiettività non guasta.

  • Cri28, 17 Ottobre 2022 @ 19:29 Rispondi

    Sinceramente non vedo cosa ci sia di sbagliato nel separarsi, in casa o fuori cambia poco. Si fanno sacrifici in entrambi i casi.
    Il vantaggio è che ci si sente più sereni nella chiarezza.
    Lo dico, avendo scelto di essere disonesta. Mio marito meriterebbe onestà, certo. Ma anche io lo meriterei, se ci penso, perché non è sempre bello vivere nascondendosi, sentendosi a disagio, limitando i propri sentimenti. Chi lo fa, chi lo sopporta mente, ha i suoi motivi, a volte validi, altre volte meno, egoismi, paure che potrebbero essere superati.
    Ma a volte bisognerebbe credere ancbe a chi dice che ha motivi non semplici per evitare la verità, appunto perché non si può dire tutto di sé.

  • elleelle, 17 Ottobre 2022 @ 18:16 Rispondi

    Beh @Sylvia
    Veramente si parlava di me per altre cose, avendo avuto io la malaugurata idea di dire che avevo la possibilità di tre uscite.
    La mia vita attuale ha davvero poco a che vedere con persone che non ho ancora visto, con cui non ho avuto alcun contatto fisico e per cui non provo interesse.
    La mia sensazione l’ho già esposta nel mio commento a @Leilei e cioè che non si tratta di un genuino interesse per la mia storia. È più un desiderio di andare a trovare qualcosa da poter usare contro.
    Ed è stato già fatto, perché invece di capire di che tipo di uscite si sarebbe trattato e come mi sentivo al riguardo, mi è stato detto che avevo bisogno di sentirmi realizzata tramite un uomo, è saltata fuori di nuovo la solita tiritera sulla mia situazione personale, sulle tue colleghe straniere e tutte cose che con me hanno proprio poco a che vedere.
    Oh, contente voi ma così la conversazione è davvero poco proficua e poco interessante.

  • elleelle, 17 Ottobre 2022 @ 18:00 Rispondi

    @Leilei, Sylvia,
    Come ha scritto Vio, la mia storia l’ho raccontata decine di volte. Sicuramente ne avrò parlato anche sotto a questo argomento.
    Ho la netta sensazione che l’intento di queste domande così insistenti non sia quello di aiutare ma di cogliere in fallo e trovare qualcosa da ritorcere contro.
    Se ci fosse vero interesse per la mia storia, dopo quasi tre anni ve la ricordereste invece bisogna ripetere e ripetere e ripetere, a causa di insistenze che vanno avanti anche per giorni.
    Spero che adesso abbiate tutte le informazioni che vi servono, che comunque avevate già da tempo.

  • Leilei, 17 Ottobre 2022 @ 16:45 Rispondi

    Elleelle ti ha risposto Sylvia. Grazie ad Alessandro per il riassunto.

  • Roberto, 17 Ottobre 2022 @ 16:43 Rispondi

    È quasi corretto @Ale. In quanto non sono deluso dal mio innamoramento. Ho sempre saputo che una soluzione potesse essere anche quella. La mia lei è sempre stata chiara con me. E a lei devo dire solo grazie per i momenti splendidi passati insieme. Per quanto riguarda il mio matrimonio hai detto tutto.
    Spero che almeno questo post venga pubblicato, perché avevo risposto a @Maribel e ad @Elleelle senza però vederlo nel blog. Così diventa dificile discutere.

  • elleelle, 17 Ottobre 2022 @ 13:45 Rispondi

    Tra parentesi @Leilei
    Io avevo scritto una risposta che Ale non ha pubblicato perché evidentemente secondo lui c’erano troppi dettagli.
    Mi sento solo di consigliare a te, @ads, Sylvia o chi per lei di accettare di non poter sapere tutto.
    Questo non è un tribunale, è solo un luogo in cui si parla. Potete avere tutte le opinioni che volete ma non eccedete nella curiosità e nelle accuse.
    Voi la mia situazione non la potete risolvere né ho bisogno che voi lo facciate. Datevi pace.

  • elleelle, 17 Ottobre 2022 @ 13:14 Rispondi

    @ads
    Il dialogo qua c’è ma tu non lo vuoi se non è esattamente secondo i tuoi parametri.

  • Ariel, 17 Ottobre 2022 @ 13:05 Rispondi

    E ma @Ads sei de coccio forte ,però !
    Eh ma scusa sai non vuoi capire che ovviamente qui esiste la privacy ma ciò non impedisce affatto la buona discussione ,perché comunque esistono testimonianze utenti che pur nel rispetto dovuto e sacro della propria privacy nel loro commentare raccontare esprimono vere esperienze di dinamiche precise corrispondenti a ciò che Scienza ha scoperto negli anni e che quindi divengono tracce comunque importanti su larga scala offerte à disponibilité dei lettori tanti che qui sono passati e passano dove chiaro probabilmente in maggioranza leggono silenziosi

    Qui secondo me tutto nei limiti delle dovute regole del moderazione di @CaroAlessandro che autore e proprietà del Blog tutto può davvero aiutare nella misura in cui ciascuno riesce ad andare oltre le proprie visioni personalistiche nel significato del sentirsi offeso nel fare sempre quello che non gli va mai bene nulla
    Nel fare quello che evita di rispondere ad esempio a commenti tipo i miei che sicuro non contengono alcuna differenza sostanziale tra utenti

    Le nostre testimonianze scritte qui hanno lo scopo preciso di saper cogliere per ciascun utente spunti di riflessioni personali
    Muovere le proprie idee e preconcetti o pregiudizi
    E sopratutto secondo me seminare per chi c’è la ha e la coltiva in un continuo la CONOSCENZA SCIENTIFICA
    O per esperienza personale fatta attraverso percorso terapeutico o perché si sono letti libri e infatti scambiarsi pure i titoli dei Libri letti aiuta a passare la Opportunità di maggior Conoscenza

    Solo CONOSCERE STA UGUALE A SCOPRIRE LA PROPRIA CONSAPEVOLEZZA DEI PROPRI PERCHÉ È IL COME FARE A RISOLVERE IN VERO EQUILIBRIO PER SE E GLI ALTRI I PROPRI PROBLEMI

    Secondo me,@Ads sbagli nel prendertela in questo modo ,sbagli nel significato che non produci affatto lo scambio che aiuta in primis te stesso e poi tutti gli altri a potersi esprimere senza fare come il solito maschietto da squadrata di calcio

    Sono sicura che sei capace di scrivere meglio di così perché quando vuoi sei capace eccome di scrivere cose utili per tutti .

    Evitiamo ,un verbo a te caro ,le polemiche sterili

    Tieniti più sul pezzo scienza e se vorrai perché non ci esprimi il perché non fai una terapia ?
    Perché non rispondi mai ai miei commenti???
    Ma vai ad infognarti in beghe da piccolo uomo che si sente ferito dal nulla?????

    Forza Ads sei capace di fare molto meglio di così !
    La incazzatura resta umana e posso eccome comprenderla ,
    Soprattutto io utente piena delle mie emozioni grandi spesse e a volte di difficoltà a gestire!,,

    Dai @Ads
    Su su che qui in molti utenti ti scrivono sempre con vera passione nel cercare di darti e darci una vera buona mano di aiuto.

    Bonjour @Ads e che sia davvero per te e tutti un vero

    BON JOUR!

  • Ariel, 17 Ottobre 2022 @ 12:31 Rispondi

    @Angelina
    Meglio così sono molto contenta umanamente per te ,si vede che avrò interpretato non in modo corrispondente alla tua realtà tutti i tuoi scritti di questi anni sicuro da 2019 in cui ho iniziato a scrivere e leggere qui sul Blog.

    Meglio così cara @Angelina sono felice per te ,rilevo semplicemente che sei anni sono davvero oggettivamente tanti per non suscitare in qualsiasi realtà una dinamica di relazione veramente complessa e non priva de
    Tuo dolore sicuro subíto e che qui sul Blog tu stessa ne hai reso partecipe tua testimonianza.
    Detto ciò che sia sempre al meglio e sole sereno nella tua vita reale!

  • Sylvia, 17 Ottobre 2022 @ 11:57 Rispondi

    Non è passato un messaggio molto moderato ed educato. Riprovo: nessuno mette Ellelle sul banco degli imputati. Negli interventi di questi giorni si è parlato tanto di Roberto e di Ellelle quindi è ovvio che le domande si siano rivolte principalmente a loro due.
    Entrambi hanno concluso un amantato ed entrambi sono rimasti a casa. Si stava cercando di capire le motivazioni di entrambi e se le situazioni siano comparabili e le eventuali conseguenze sui figli e sul consorte.
    Le età dei figli sono diverse.
    Ellelle ha parlato al marito e, capito che la loro situazione è irrecuperabile, sono separati in casa (non so se anche legalmente) mentre Roberto non ha mai aperto la crisi.

    Ellelle pare che prima o poi arriverà alla separazione. Per Roberto ci sono parecchi dubbi in proposito.

    Senza fare domande all’uno o all’altra non si riescono a capire le differenze. Poi ovvio che ognuno si spinge a raccontare fino a dove preferisce e preserva la propria privacy ma se si vuole dare un quadro delle situazioni che possa essere utile a tutti, a vedere le cose da una diversa angolazione, qualcosa della propria storia bisogna dirla.

    Ellelle dà sempre molti suggerimenti utili ed esprime sempre le proprie opinioni. È normale che vengano rivolte domande anche a lei senza che si offenda.

    • alessandro pellizzari, 17 Ottobre 2022 @ 16:26 Rispondi

      A me la situazione di elle e roberto sembrano chiare
      Elle: separati in casa consenzienti no Sex no patto fedeltà no coppia ufficialmente, solo tetto in comune
      Roberto: finita storia con amante non per colpa sua per ora sta a casa in coppia senza dichiarare nessuna crisi o chiedere separazione . Si deve dare il tempo di riprendersi dal l’innamoramento deluso e vedere che fare con la moglie per il futuro
      Situazione matrimoniale elle: irrecuperabile e vero caso di separazione in casa
      Situazione matrimoniale Roberto: in post tempesta perfetta e si naviga a vista senza proclami ufficiali, almeno a breve. Non impossibile anche se improbabile recupero con la moglie. Consiglio esperto
      Corretto per i protagonisti?

  • Angelina, 17 Ottobre 2022 @ 09:18 Rispondi

    @Ariel ti avevo scritto e risposto al tuo commento ma Ale non me l’ha pubblicato…
    Proprio perché non posso scriverti tutto quanto per privacy io apprezzo tanto i tuoi interventi,volevo solamente dirti che come per Elleelle da fuori non si può sapere cosa c’è e cosa fanno le persone dietro, prima di dare per scontato e giudicare, non sempre è tutto nero o bianco, a volte le persone fanno dei lavori su se stesse e si, imparano a prendere delle decisioni che non hanno mai preso,non sempre sono manipolatori o narcisisti,a volte c’è altro dietro.
    @Leilei ha detto bene a volte le persone maturano decisioni quando sono pronte.a volte mai.
    Ti posso solo garantire che noi siamo due persone normali che ora si frequentano e come tutte le storie iniziali non sappiamo come andrà…ma ci amiamo…vediamo passo passo come affronteremo tutto…non sono nessuna sua stampella o appoggio,lui questa volta sta facendo tutto da solo e avendo tutti contro non è facile.

  • Leilei, 17 Ottobre 2022 @ 08:58 Rispondi

    Ale hai cassato anche un mio scritto…ti chiedo gentilmente di riassumere tu la situazione di Elleelle, così siamo sicuri che venga tutelata la sua privacy, o di darmi indicazioni precise su dove andare a leggere la sua storia, perchè non l’ho trovata, grazie.

  • Ads, 17 Ottobre 2022 @ 08:54 Rispondi

    io sollevo delle riflessioni,
    poi sono ben consapevole che la linea editoriale del blog, è sempre quella di essere accoglienti con l’universo femminile,
    mia moglie non lo sa, ed è meglio, nessun nervosismo, anzi,grandi margini di manovra.
    non entro nella dinamica della competizione a prescindere, del ring,
    è anche vero che se quando si è sottoposti a situazione personali, ci si trincera dietro la privacy e dinamiche personali che gli altri non possono..allora è inutile anche interloquire,
    allo stesso modo le persone che poi in primis quando si parla di altri sono pronte a spronare, sollecitare, poi nel proprio ambito si trincerano dietro situazioni personali non condivisibili,
    mi viene da dire dove non c’è confronto , non ci potra ‘ mai essere dialogo.
    siete tutte e tutti grandi per capire il senso delle mie parole
    se la maggior parte delle persone resta cosi, ognuna di costoro ha delle proprie motivazioni particolari,
    ognuno fa quel che vuole,stento a trovare i motivi di un dialgo con chi e ‘sempre pronto a sparare sentenze sugli altri , e nel proprio ambito è piu permissivo e comprensivo.

    • alessandro pellizzari, 17 Ottobre 2022 @ 11:39 Rispondi

      Io sono sicuramente accogliente con l’universo femminile, ma non di default e se si violano le mie regole etiche: il passato lo testimonia quindi anche qui non facciamo come al solito Così fan tutti

  • Dispersa, 16 Ottobre 2022 @ 21:32 Rispondi

    @Ads dalle mie parti si dice ‘ognuno si barcamena come può’!!
    Io non condanno nessuno, ma è vero che ogni persona ha il proprio metro di giudizio in base alla propria esperienza ma è altrettanto vero che nessuna soluzione data può andare bene per tutti… Si può solo cogliere ed eventualmente farne tesoro.

  • elleelle, 16 Ottobre 2022 @ 20:25 Rispondi

    @ads
    Chi si assolve? Qui nessuno nega quello che gli è successo.
    Ci sono delle differenze tra utenti, ci sono differenze tra me e te, ad esempio. Se queste differenze ti fanno sentire così tanto in difetto, devi fare qualcosa perché è un problema tuo, non mio né nostro.
    Io sono nella situazione di Rinascita o di maribel. Nessuna di noi dice di essere in una situazione perfetta, al contrario, ma almeno è chiaro per tutti che è finita.
    Se tu non hai parlato con tua moglie e questo ti innervosisce, la colpa non è nostra. È infantile accusare le persone di salire in cattedra perché qui l’unica cosa che si fa è raccontare esperienze.
    Se pensi che gli altri salgono in cattedra, vuol dire che ti senti in inferiorità per nulla. Non c’è bisogno di incolpare gli altri di quelle che percepisci come tue debolezze. Lavoraci sopra e migliora.
    Io non do la colpa a te o ad altre utenti perché sono in una relazione finita con mio marito. Non do la colpa a nessuno delle rinunce che devo fare quotidianamente. Posso solo dire che a volte è difficile e spiegare a grandi linee perché sono in questa situazione.
    Lo stesso vale per tutte le altre.
    Che il risentito sia tu, anche quando si tratta di problemi altrui che le persone si gestiscono, è ridicolo. Solo che non credo che tu te ne renda conto.

  • elleelle, 16 Ottobre 2022 @ 19:58 Rispondi

    @Ariel
    Tu hai ancora più pazienza di me a spiegare cose che non dovrebbe essere necessario spiegare a persone adulte.

  • maribel, 16 Ottobre 2022 @ 19:54 Rispondi

    @ sylvia
    Se ognuno di noi dovesse scrivere tutti i dettagli questo non sarebbe un blog ma un tribunale.
    Mica dobbiamo emettere sentenze
    Ognuno fa quello che riesce è che può.
    Si può sperare che un punto di vista sia sincero e non totalmente inventato, ma giusto per poter dialogare e trovare spunti, non certo per assolvere o condannare le vite degli altri. Tanto ognuno deve fare i conti con la propria. E ce n’è fin che mai, direi, per quel che mi riguarda.

    • alessandro pellizzari, 16 Ottobre 2022 @ 22:50 Rispondi

      E ricordate di tutelare la vostra privacy

  • Angelina, 16 Ottobre 2022 @ 19:46 Rispondi

    @Ale scusa ho visto che non hai pubblicato il mio post a Ariel…troppo personale?

    • alessandro pellizzari, 16 Ottobre 2022 @ 22:49 Rispondi

      Yess

  • Viovio, 16 Ottobre 2022 @ 18:18 Rispondi

    @Elle prima o poi ti faranno santa ahahaha rido per non piangere…… adoro le persone che hanno sempre una soluzione, soprattutto su un blog anonimo, dove anche mia figlia capirebbe che le storie non si conoscono completamente a causa dei limiti per privacy.
    Io ricordo molto bene la tua storia (anche perché sei stata “costretta” a spiegarla un milione di volte) e ricordo anche i limiti internazionali, lavorativi e sicuramente altro che non puoi scrivere qui.
    Pure io sono dell’idea che se i figli chiederanno gli andrà spiegato le ragioni di determinate scelte.
    Se i tuoi bambini sono sereni hai già vinto, il resto verrà da se.

  • ADS, 16 Ottobre 2022 @ 16:39 Rispondi

    @sylvia..ma scusa non hai ancora capito che ognuno se la racconta e si assolve,secondo il proprio metro di giudizio,
    che ovviamente cambia quando si è spettatori e si sale in cattedra
    niente di nuovo

  • elleelle, 16 Ottobre 2022 @ 14:21 Rispondi

    @Sylvia
    Ma saranno affari miei?
    Ale, scusami ma è possibile avere un po’ di rispetto per la propria privacy o devo mettere nome e cognome?

  • Ariel, 16 Ottobre 2022 @ 14:17 Rispondi

    Sylvia, 16 Ottobre 2022 @ 11:58Rispondi
    @Sylvia scusa se mi intrometto ma ecco credo che non si possa affatto entrare nel merito delle scelte di qualsiasi utente nel senso che intendi tu ,e cioè paragonare dei casi di persone che tu conosci personalmente con una/o utente che qui scrive in totale anonimato
    Ovviamente se @elleelle col marito ha fatto questa scelta evidentemente avranno i loro buoni motivi che ripeto ,secondo me, nessuno può insistere su cose che sono private che non conosciamo che chiarissimo elleelle resta piena dei suoi motivi e perché

    Esistono dei limiti qui ,secondo me,invalicabili e cioè la privacy
    Quindi sicuro la teoria che resta valida nella scienza relativa ai meccanismi dei propri e altrui comportamenti é sicuro ottima traccia opportunità da seguirmi
    Ma scurirò ciò poi resta validissima la privacy e la totale impossibilità a poter fare esempi come qui hai fatto
    Per ciò che ne sappiamo esistono pure situazioni in cui ad esempio ci si protegge da situazioni che possono essere anche gravi o pericolose
    Non dato sapersi .
    Ma non è questo che secondo me qui interessa .
    Anche perché elleelle appunto sta ben consapevole dei veri reali motivi é in pieno accordo col marito e i figli
    Non nasconde nulla a suo marito
    Insomma esisteranno i loro motivi e resta inutile ,secondo me ,insistere verso di lei portando esempi di tizia o caio che hanno fatto diverso da elleelle

    Avranno potuto farlo
    Invece elleelle per adesso no
    Ma ciò che conta di più di tutto é che elleelle si vive la vita alla totale luce del sole

    Questa la azione di sua conquista evolutiva più importante !

    E lasciamola viversi la sua vita nuova pure con incontri e che le auguro cene e cose nuove da condividere con chi vuole
    Spasimanti e qualsiasi esperienza nuova nella quale finalmente @Elleelle possa sentirsi viva e serena al più possibile !

  • Sylvia, 16 Ottobre 2022 @ 11:58 Rispondi

    Ellelle a me sembra che tu non abbia voluto rispondere a Leilei. Solo io non ho capito una cippa di cosa hai voluto dire con la questione “che la tua situazione è internazionale” e che questo sarebbe un ostacolo? Io ho una collega americana e una tedesca che vivo in Italia, hanno divorziato dal marito e hanno continuato a restare in Italia con i figli. Si erano trasferite qui e qui sono rimaste dopo il divorzio.

  • elleelle, 16 Ottobre 2022 @ 08:32 Rispondi

    @Sylvia
    I miei figli stanno bene, non ti preoccupare. Se in futuro avranno ulteriori domande, noi risponderemo.
    Si educa anche ad accettare che i genitori possano aver preso una decisione invece di un’altra e di non farsene una colpa.

    @Leilei
    La mia situazione è più complicata di quelle che si leggono generalmente qui perché è internazionale. Ci sono problemi reali legati a questa situazione e i rischi che non vogliamo corre, per cui la nostra decisione ci mette tutti al riparo.

  • Sylvia, 15 Ottobre 2022 @ 20:55 Rispondi

    Ma certo Ellelle è la tua anzi la vostra vita come famiglia e certamente siete voi a decidere quanto deve durare questa separazione in casa ad oltranza.

    Leggevo però commenti di persone che crescendo non hanno vissuto bene l’idea che i propri genitori abbiano sacrificato la propria felicità è possibilità di rifarsi una vita per loro che erano bambini. Non prendere male questo mio commento ma potrebbe non essere facile per i tuoi figli accettare che loro sono la ragione per cui non vi siete separati del tutto. Le capisco bene le tue paure e il tuo desiderio di dare stabilità ai tuoi figli. Considera però che potrebbero, quindi non sto dicendo sicuramente, vivere la cosa non positivamente, sentendosi una responsabilità addosso che non hanno scelto di avere.
    Come afferma Ariel e io condivido, comprendo una scelta del genere per allungare di un paio di anni la decisione ma non per quasi due decenni perché queste situazioni dovrebbero davvero essere transitorie e non con tempi biblici.

  • elleelle, 15 Ottobre 2022 @ 20:55 Rispondi

    @Vio
    Ricambio l’abbraccio!

  • Sylvia, 15 Ottobre 2022 @ 20:24 Rispondi

    Ads io non sono tornata dai miei perché mi sono separata. Ero tornata ad abitare da sola e indipendente, ma le cure mediche che sto facendo mi debilitano a tali punti che nonce la faccio proprio a stare da sola, sono in preda agli effetti collaterali e non ho la forza nemmeno di alzarmi da sola. Ma se torno in piedi rivoglio la mia libertà.

  • ADS, 15 Ottobre 2022 @ 19:27 Rispondi

    @dispersa ..un altra donna che si è tirata indietro..ma va..non ci credo :d
    venendo alle cose prosaiche l’8 novembre è un martedi ‘, immagino sia tardo pomeriggio.

  • Ariel, 15 Ottobre 2022 @ 19:16 Rispondi

    Certo @ads anche le donne sanno eccome avere comportamento da vere manipolarti negative solo che non se ne sente parlare di risultato statistico parrebbe fino ad adesso che la maggioranza numerica sia quella del genere maschile.
    Non voglio essere fraintesa @Ads la realtà vera é che di questi temi delle dinamiche piene di difficoltà nelle relazioni affettive non se parla ancora abbastanza e questo perché alla origine la stessa comunità scientifica ad esempio é oggettivamente da poco tempo che alcuni terapeuti alcuni medici e sempre alcuni di ogni tipo di specialisti professionali di aiuto alla persona ne studiano e ne parlano quindi con vera cognizione di causa

    Pochi hanno veramente esperienza numerica di casi analoghi e tutto ciò ben inteso si tratta solo di fotografare la realtà senza per questo perdersi d’animo e soprattutto mantenendosi il più possibile sul concreto già esistere di aiuti professionale che appunto aiuta chiunque a non discriminare nessuno ne per il genere ne per qualsiasi altra caratteristica.
    É importante dirlo e scriverlo perché ad esempio come tante volte vi ho espresso se si cambia stato ecco che la società di quello stato x o y ha già una società diversa che se si sta più evoluti ecco che infatti la scuola stessa su aiuto alla persona viene presa a modello e molto più professionisti italiani e non solo in tutta Europa la scuola Francese resta avanguardia
    Infatti da ciò si é generato di naturale conseguenza il fatto concreto che da tempo si sono votate ed approvate leggi che tutelano qualsiasi vittima da violenze psicologiche e fisiche con netta differenziazione di aumento della pena se accusato/a risulta facente parte della stessa famiglia della vittima .

    Quindi @Ads comprendo ,credimi,che qui essendo minoranza numerica utenti maschi no facile affatto trovarsi in mezzo a maggioranza di donne ferite.
    Ciò NON SIGNIFICA AFFATTO che ANCHE LE FEMMINE SONO ECCO E CAPACI DI ESSERE MANIPOLAZIONE NEGATIVA E QUINDI PURE BUGIARDE ETC..

    Aiuta moltissimo guardarsi intorno non solo a proprio Stato o paese o città ma su questi temi meglio é documentarsi mo,ti su ciò che succede fuori dai confini di Stato proprio
    Questo davvero ad esempio mi ha aiutato moltissimo a e itare di avere preconcetti e pregiudizi negativi verso chiunque
    Verso uomini o donne
    Verso i professionisti del aiuto a persona

    Ogni argomento va collocato e inserito nel proprio contesto di realtà perché aiuta a guardarsi intorno e a sentirsi più uniti tutti gli uni agli altri con solo il o scopo ottimo di ricercare il come fare a stare da male o da meglio di niente o da immobile sto al poter evolvere nella soddisfazione personale che SEMPRE POSSIAMO CAMBIARE IL NOSTRO COMPORTAMENTO E SUPERARE QUALSIASI DOLORE SUBITO O FATTO

    SEMPLICEMENTE AVENDO CURA DI SE STESSI
    Allenandosi a studiare a curiosare a leggere ovunque perché ci aiuta a non giudicare superficialmente ne se stessi ne gli altri .

  • Leilei, 15 Ottobre 2022 @ 14:54 Rispondi

    Rinascita concordo con te, la cosa peggiore- ancora di più del tradimento stesso- è fingere di provare sentimenti che non si sentono più.
    Il resto è tutto molto soggettivo.

  • Leilei, 15 Ottobre 2022 @ 14:52 Rispondi

    Angelina certe scelte si fanno quando si ha la maturità per affrontarle. Il tuo amante ha avuto i suoi tempi per arrivarci, ma magari non sono i tuoi. A te va il merito di aver avuto fiducia e di aver saputo aspettare. Forse perché il tuo è vero amore. Vi auguro ogni bene, e la ex moglie se ne farà una ragione.

  • Dispersa, 15 Ottobre 2022 @ 14:49 Rispondi

    Nemmeno io vedo tutto questo coraggio, se ha divorziato per l’amante e non per essere libero… Diciamo che si è trovato con una che forse ha fatto retromarcia.
    Conosco anch’io un uomo che ha lasciato la moglie per l’amante, lei non se l’è sentita e lui si è trovato fuori casa solo. Ora la situazione è che lui vorrebbe rientrare a casa, l’ex moglie si concede ogni tanto (da quello che so) sembrano due fidanzatini quando li vedi in giro ma lei non lo vuole più a casa, ad un’amica ha detto ‘non ho voglia di lavare ancora le sue mutande’! Sinceramente un casino… Cmq ogni situazione è a sé!

  • Lei, 15 Ottobre 2022 @ 14:32 Rispondi

    Elleelle giuro che non lo ricordo, potresti riassumerlo in pochi passaggi? Altrimenti mi viene difficile dare un senso a quello che scrivi.

  • Viovio, 15 Ottobre 2022 @ 13:49 Rispondi

    @Elle cos’altro aggiungere a quello che hai detto… niente!!! 🙂
    Io ti auguro di passare una bella serata.
    Credo sia una grande conquista dopo tutto quello che hai passato.
    Ti abbraccio bella donna!!

  • ads, 15 Ottobre 2022 @ 13:06 Rispondi

    un’amante donna che parlava di un rapporto finito in casa e invece non era così. Lui si è separato, lei no e alla fine si è trovato da solo a ricominciare da capo…@elleelle,
    ma quindi ci sono anche donne che mettono in atto questi comportamenti…strano..non l’avrei detto :d

  • Ariel, 15 Ottobre 2022 @ 12:58 Rispondi

    @Sylvia
    Secondo me quando si hanno figli e la coppia sta morta ma magari di comune accordo come genitori per diversi motivi si preferisce continuare a convivere sotto lo stesso tetto credo fermamente sarebbe auspicabile e necessariao un vero percorso di intervento psicoterapeuta famigliare e cioè che possa veramente aiutare tutti ognuno nelle sue proprie fragilità inevitabili ognuno con le proprie motivazioni e ragioni ,ognuno col proprio punto di vista diverso perché innegabile che ogni persona e ruolo facente parte dello stesso nucleo famigliare percepisce il tutto e ciascuno in modo totalmente personale e soggettivo.

    In questi casi soprattutto quando perdurano anni e anni di separazioni in casa pur che in apparenza sicuro pare tutto andar bene
    In realt Non può essere così che ciascuno ovviamente vede la situazione dal suo punto di vista

    Sappiamo scientifico che i figli da zero anni in su percepiscono benissimo a livello profondo i disagi chiari dei loro genitori e più sono piccoli più credono di essere loro stessi i responsabili del disagio e mal funzionamento della coppia dei loro genitori

    Ecco poi che il mio punto di vista su quanto qui scrivo si riferisce in modo strettamente proporzionale alla durata temporale della separazione in casa che andrebbe secondo me sempre supportatata da una terapia percorso famigliare dove ogni componente famiglia possa avere il suo spazio terapeuta specializzato in questi temi .

    Perché meno male esiste la terapia famigliare perché resta intuitivo comprendere che resta difficile poter vivere LIBERI DENTRO SE STESSI
    La propria nuova vita che si basa appunto dalla separazione fatta in casa sotto stesso tetto
    La durata nel tempo pone in essere in sviluppo le difficoltà per ciascun componente se perlomeno non si sta in vero percorso di terapia famigliare

    Le dinamiche lo vediamo già sono complesse a due soltanto adulti
    Con figli e amanti conosciuti o meno tutto si complica da se senza attribuire nessuna colpa ben inteso verso nessuno
    Non siamo qui a dire colpa di qualcuno ma cercare di incoraggiare a trovare una soluzione che sia il più possibile scientifica un vero aiuto nei casi appunto dove il perdurare di vita insieme non rispecchia affatto la vera unità famigliare che passa per viversi una vera coppia di innamorati
    E non una forma di aiuto pratico o del essere vicini ai figli ma senza che esista più un vero sentimento di amore tra i genitori dieci figli

    Per questo occorrerebbe il percorso terapeutico che si pone bene ad aiutare tutti nel rispetto di tutti i componenti.

  • Roberto, 15 Ottobre 2022 @ 11:53 Rispondi

    No @Elleelle, ci mancherebbe. Vivi al meglio la tua amicizia. Ma non mi dire che questo è stato coraggioso perché ha scelto di stare da solo. Tutto qui.

  • Dispersa, 15 Ottobre 2022 @ 08:13 Rispondi

    Ragazze e ragazzi… Certo che l’autostima non deve essere alimentata dagli altri se non da noi stessi.
    Ma a chi non piace essere guardate e notate quando si entra in qualche locale o quando si cammina per strada… E non perché ci si veste in maniera volgare ma semplicemente perché emaniamo bellezza… Sinceramente non ci trovo nulla di male!!

  • Sylvia, 14 Ottobre 2022 @ 23:31 Rispondi

    “Non penso che sedersi alla sera a cena con i figli che magari sanno che i loro genitori fanno i loro comodi fuori di casa, sia molto salutare per i ragazzi. Poi se i genitori sono così bravi da sopportarsi senza litigare, meglio così. Ma non so quanto sia facile. Onestamente, tra le due soluzioni non so quale sia più idonea per i figli. A questo punto meglio separarsi in modo definitivo. Almeno questo è il mio pensiero.”

    Sono d’accordo con Roberto qui. Restare assieme e fare la commedia della famiglia Mulino Bianco sarebbe far vivere una continua farsa ai figli.

    Ma anche far vivere i figli in una famiglia dove si respira chiaramente che ognuno dei genitori fa la sua vita e l’unica cosa in comune sono i figli lo trovo poco costruttivo. O di sta insieme per davvero, facendo un percorso per essere coppia o se ciò non è possibile la separazione vera e reale mi sembra l’unica via percorribile. In fondo i genitori sono un modello per i figli ed essere un brutto modello li aiuta a crearsi un modello mentale positivo di famiglia?

  • Ariel, 14 Ottobre 2022 @ 20:30 Rispondi

    Cara Angelina ho conosciuto troppe donne esattamente come successo a te che hai e hanno creduto possibile il cambiamento così inaspettato e repentino
    Tu stessa scrivi che nessuno avrebbe mai creduto possibile e nemmeno tu dopo sei anni!,,

    Ma cara Angelina ovviamente spontanea viene da augurarti che veramente tu possa vivere bene questa novità
    Ma lasciami fare la testimonianza di chi conosco personalmente e che purtroppo appunto é cascata in queste forme di apparenza cambiar tutto come se bastasse la bacchetta magica a guarire i disturbi comportamentali !,,

    Certo che ti auguro il bene che meriti ma lasciami esprimerti che purtroppo queste dinamiche non cambiano affatto solo che per il passare da una «  mammina premurosa «  ad un altra !,

    Sono situazioni in cui resta davvero complesso curarsi in due
    Perché la Dipendenza affettiva resta esattamente si esprime a queste sue APPARENXZE RICADITE AL DIMOSTRARE A TUTTI CHE LUI É IMPROVVISAMENTE GUARITO????

    Purtroppo esistono donne che non riescono a fare una terapia adeguata a evitare di rivevorsi i soliti ritorni magari pure lungo tempo un anno? E ma ti ripeto occorre chiederti
    Ma perché vuoi viverti una vita di ASSISTENZA DA CROIX ROUGE???

    Che bisogno hai di SALVARE IL TUO CARNEFICE ?
    Che ti importa della moglie ? Una sicuro uguale nella sua dipendenza affettiva non curata o non del tutto curata..
    Scrivo sincera non certo per farti del male ma per cercare di svegliare te e la fila TROOPPOO LUNGA DI DONNE CHE ANCORA CREDONO A ASINO CHE VOLA!!

    Carissima Angelina anche io mi dicevo ma lui sta male e malato di disturbo Borderline e non ha colpa in teoria ma invece la Scoenza Psichiatrica ha tolto dal essere considerata una patologia ver e propria il comportamento da CIALTRONZO per anni e anni
    E sai come mai la Psichiatria di riferimento internazionale ha tolto la patologia ritendoloi responsabili dei loro danni fattori agli altri in via psicologica e fisica?.
    Perché quando i casi si rivelano molti in quantità non si parla più di patologia ma di normalità!!!!

    Ti aiguro almeno di non staccarti da guida terapeuta e da tutto ciò che fai per darti aiuto a vivere staccandoti da chiara dipendenza da uomo così messo male che ti ha fatto del male più volte in ben sei anni

    Non ti basta questo?

    Ti abbraccio credimi sembra che voglia darti fastidio ,sicuro non posso capire perché non conosco ne te ne la realtà che vivi ma scrivo su dati concreti basandomi su ciò che qui ci scrivi da anni e anni e questo sono fatti ecco perché mi permetto di giudicare nel significato del giudizio della dinamica statistica scientifica di questa tipologia di schema di relazioni!

    Abbi cura maggiore di te stessa!

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 20:12 Rispondi

    @Angelina
    Mi fa molto piacere che lui sia tranquillo e che lo vedi cambiato. Spero davvero che continui così, perché te lo meriti anche tu di stare un po’ serena. Forse luiaveva bisogno di questo per fare uno scatto personale.
    Il tipo nel mio caso non ha fatto chissà che casino, se non separarsi. Non mi ha raccontato di aver fatto chissà che tira e molla. Si è separato e adesso si arrangia.
    Finora non ho alcun motivo per pensar male di lui. Quando ci sentiamo è molto corretto, non esagera con le parole, tutto tranquillo.

  • Ariel, 14 Ottobre 2022 @ 18:31 Rispondi

    maribel, 14 Ottobre 2022 @ 10:18Rispondi
    Concordo @Maribel con questa tua analisi della situazione descritta da @Roberto ,ma infatti dimostra appunto che restare nella incertezza sul da farsi fa malissimo in primis a se stessi !

    É lui che si sente in colpa in modo spropositato a ciò che scienza ci dimostra essere utile la emozione di senso di colpa quando resta concepita in sua origine naturale uguale per ogni essere vivente come un campanello di allarme del fatto che non può farci bene restare immobili a non fare nulla così scatta la colpa ma ha la funzione di brevità come la sveglia al mattino

    Siamo poi noi esseri umani condizionati da mille condizionamenti ambientali sociale religiosi a FARLA STAZIONARE OLTREMISURA così che poi ci fa più male che bene e perde la sua naturale funzione scientifica come un drinnnn sveglia che vuole incoraggiarci a fare qualcosa che possa aiutarci a star da meglio a bene ad avere il diritto di vivere davvero soddisfatti di se stessi capaci di farcela sempre e comunque
    A sapersi fare aiutare in terapia quando questa serve in modo specifico e funziona eccome senza più chiudersi come ,purtroppo per lui,fa @Roberto che si intuisce leggendolo che sta in vero dispiacere da immobilismo della colpa che risente risuonare dentro se stesso

    Rifiuta qualsiasi discorso sensato che qui nessuno lo accusa di nulla ma si cerca esattamente di darsi invece un aiuto a capire che meno male la Scienza ci mette a disposizione diversi aiuti ,ma qui lo si capisce che chiaramente i maschi restano in vera difficoltà ad accettare di poter aver a loro volta necessità di vero aiuto di percorso psicoterapeuta una vera guida che aiuta ciascuno a fare da solo proprio ciò che non si riesce a fare.

    Ovviamente non si pretende di convincere nessuno ma sicuro resto sempre convinta e fiduciosa che ogni cosa che scriviamo tutti nessun escluso possa restare utile a qualcuno se non ogggi domani!!!

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 17:22 Rispondi

    @Vio
    Eccome se me ne accorgo di questi cicli!
    Che tristezza e che tristezza che una possibile uscita a cena debba sollevare tutto questo polverone di ipotesi.
    Non so Vio, è come se quello che scriviamo qui entrasse da un orecchio e uscisse dall’altro.
    Io ho già dato molti dettagli sulla mia situazione, di più non posso per questioni di privacy e questa necessità deve essere rispettata. Continuare a chiedere non serve, di più non posso dire. Se ne devono fare una ragione.
    Adesso vado a contattare qualche convento di clausura per vedere se mi accettano, così faccio felici tutti 😀

    • alessandro pellizzari, 15 Ottobre 2022 @ 09:48 Rispondi

      Fai benissimo a socializzare con chi quando e come vuoi. In più la sessualità va coltivata per il bene dell’umore e di tutto l’organismo

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 16:50 Rispondi

    @Roberto
    Se lui è pentito, non deve fare altro che tornare dalla moglie, chiederle scusa e pregarla in ginocchio di riprenderlo in casa. Secondo me sarebbe la scelta migliore ma magari lui non vuole.
    Non ho indagato perché non siamo amanti e non abbiamo tutta quella confidenza ma se vi mette tranquilli gli posso dire di tornare con la moglie e che la nostra cena non si farà perché c’è gente su un blog che l’ha presa storta 😀 😀
    Poi torno a riferire 😀 😀

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 16:42 Rispondi

    @ads
    Credo che il tipo della cena sia un uomo molto amareggiato e probabilmente anche illuso da un’amante donna che parlava di un rapporto finito in casa e invece non era così. Lui si è separato, lei no e alla fine si è trovato da solo a ricominciare da capo.
    Questo alla lunga gli darà un vantaggio ma adesso è troppo presto, è successo tutto troppo recentemente.
    Sono consapevole che la mia presenza potrebbe essere quella di un chiodo o di un gradevole diversivo, da salutare nel momento in cui l’amante tornerà (perché prima o poi si farà viva, lo sappiamo).
    Il primo giorno la cosa mi aveva infastidito molto e ne ho scritto qui. Poi ho razionalizzato e dal momento che non era successo niente, ho deciso di prenderla con calma e in amicizia.
    Ha capito anche lui, non è scemo, sa che dicendomi la verità si sarebbe giocato la possibilità di una storia tipo chiodo nell’immediato. Però credo che abbia fatto bene a dirmelo, meglio essere onesti, anche se sembra di darsi la zappa sui piedi.

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 16:12 Rispondi

    @Leilei
    Ho spiegato tante volte perché non ci siamo separati. Davvero non ti ricordi mai le cose che scrivo?
    La differenza tra me e Roberto è che la sua relazione con la moglie non è finita, quindi se resta con lei e riesce a dare valore ai suoi lati positivi, magari si rende la vita più facile invece di restare ancorato al passato e a quello che è più o meno scorretto.
    Ormai quel che è fatto è fatto e non si cancella, mentre gli può servire un approccio più positivo.

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 15:55 Rispondi

    @Sylvia
    Questo periodo durerà finché deve durare.

  • Rinascita, 14 Ottobre 2022 @ 15:11 Rispondi

    È tutt’al più immorale fare finta di essere coppia, illudere di essere innamorati del coniuge quando non è così, non mettere l’altro a conoscenza dei propri sentimenti o mantenere in piedi un ménage familiare subendolo per senso di colpa. Si tradisce perché non si ama più e quindi anche la parola tradimento è un non-sense. Essere liberi di amare non è mai sbagliato che poi il termine immorale a me fa accapponare la pelle. Parlerei più che altro di etica, per me la morale comune, solo per educazione, non vi dico dove me la metto. Una coppia dovrebbe reggere sulla libertà anche di poter dire è finita, non ti amo più’. Un rapporto sentimentale non può gestirsi come fosse una polizza sulla vita.

  • ads, 14 Ottobre 2022 @ 14:56 Rispondi

    @sylvia..scua ma non hai ancora capito che al netto dei qualche fuori di testa,
    le situazioni sono simili, stesse cose, poi ovvio ognuno pensa di essere diverso,
    ma la sostanza cambia poco, si ok fai dei riilevi atti a far cadere in contraddizione,..ma a che serve,
    basta leggerlo bene il blog, vedrai che è tutto immobile, anche se leggerai di percorsi evoluzioni, di consapevolezze, quello che rilevo qui lo trovi anche fuori, e non è che frequento gente strana,
    purtroppo spesso scatta quel qualcosa in cui si vuole salire sul piedistallo .
    un po’ come la donna separata che mi ha puntualizzato che lei in quanto separata puo scegliere..
    ma scegliere cosa?.anche lei ha le sue prigioni mentali,, ecco è vero che esiste l’aritmetica del cuore,
    ma spesso non corrisponde al quella della quotidianita.
    @sylvia ..tu sei sola ..è tutto rose e fiori?..vivi con i tuoi..evitiamo giudizi.

  • Angelina, 14 Ottobre 2022 @ 14:25 Rispondi

    Avevo scritto un post ma Ale non me l’ha pubblicato forse troppi dettagli…comunque mi riallaccio al discorso di Elleelle il mio lui ha fatto tanti casini e lo sapete…vi posso dire che questa volta ha scelto e ha avuto tutti contro proprio perché non gli credevano…le difficoltà ci sono…eppure io lo vedo sereno…lo dice anche lui e mai avrei pensato potesse fare un cambiamento del genere.
    Pensavo che da solo fuori casa non reggesse,invece nonostante tutto ha capito che era la scelta giusta…lei non lo accetta ancora..lei sarebbe rimasta lì così per tutta la vita.

  • Viovio, 14 Ottobre 2022 @ 14:11 Rispondi

    So che non c entra un cavolo ma rileggendo il mio ultimo commento mi sono sentita male appena ho visto “hai” … devo prendere l’abitudine di scrivere più lentamente e soprattutto rileggere quando lo faccio dal tel!!

  • Sylvia, 14 Ottobre 2022 @ 13:30 Rispondi

    No Ellelle i ragazzini degli ultimi anni della primaria non sono ancora davvero indipendenti (e infatti lo hai usato tu quell’aggettivo, non io!) ma non hanno nemmeno 5 anni e sono certamente in grado di capire che le relazioni possono finire, infatti tu gliene hai parlato, e sarebbero capacissimi di capire e accettare una separazione vera e propria. Non sono bimbetti.
    Se già da anni vivete da separati in casa (non so se lo avete formalizzato da un legale) e da 10 anni almeno non siete più una coppia, ormai dovrebbe essere quasi arrivata la separazione vera e propri. Altrimenti questo periodo transitorio che transitorietà ha? Un ventennio?

  • Martita, 14 Ottobre 2022 @ 12:50 Rispondi

    Alessandro, non ti piacera’ ma le parole, come tu insegni col lavoro che fai sono importanti. Non si mette in discussione la parola “amante” ma la parola “tradimento”.
    La parola amante e’ bellissima. Amare qualcuno e’ stupendo..e’ tradire chi ha fiducia in noi che e’ moralmente condannabile.
    Credo che sia alquanto ineccepibile.

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 12:35 Rispondi

    @Leilei
    Non ho mai pensato che il mio valore passasse attraverso un uomo. Ho scritto da qualche parte per caso che ho bisogno di un uomo per dare senso alla mia vita, perché sinceramente non mi ricordo…
    Questi tuoi commenti sono davvero strani, secondo me ti stai facendo più problemi tu di me, perché stai sovra-elaborando e dando significati di cui io non ho mai parlato e che sono molto lontani dal mio pensiero.
    Io sono già andata oltre e mi sto facendo zero problemi o domande in questo momento. Anzi, ho rimesso subito anche le chat dentro il recinto del saluto e della battutina, perché stare in chat tutto il giorno è un déjà vu che non voglio rivivere e poi non ho tempo.
    Può starci che queste uscite siano socialità e divertimento? Può starci che si raccontino qui – pour parler – anche cose più carine e meno tragiche?
    Tu ti diverti mai, Leilei? Perché un’uscita può essere divertimento, una bella serata, senza risvolti psicologici basati su problemi che magari non ci sono nemmeno. Nessuno di loro deve riempire alcun vuoto, perché io se non posso dare non pretendo e in questo momento non posso dare. So anche che non voglio fare il chiodo di nessuno e lui è una persona in gamba, secondo me lo ha recepito.

  • Leilei, 14 Ottobre 2022 @ 11:26 Rispondi

    Cri28 più che problema morale, io leggo in Roberto la paura di creare sofferenza nelle persone a cui è legato. E sento anche molti dubbi sul fatto che il suo matrimonio sia davvero finito.
    A volte si pensa che l’amante sia davvero colui che potrebbe renderci felici, ma comunque continuiamo ad avere un legame forte (anche se non si chiama più amore) con la persona con cui abbiamo costruito una vita intera. Mi sembra questa la situazione che sta vivendo Roberto, e allora perchè gettare via tutto?

    Diversa è la mia situazione, dove spesso la convivenza mi diventa intollerabile. Ma prevalgono altre considerazioni essenzialmente di tipo materiale, che mi tengono dove sono.

  • Leilei, 14 Ottobre 2022 @ 11:19 Rispondi

    Elleelle mi fa sorridere questa cosa che tu dai consigli a Roberto ma di fatto sei impantanata in una situazione molto simile. Dici che di fatto non potresti intraprendere una relazione seria per la situazione in cui ti trovi, da 10 anni vivi da separata in casa eppure stai ancora lì. La differenza tra voi due è solo che tu hai aperto la crisi? Roberto si sta prendendo il tempo per decidere cosa fare della sua vita, e sono passati solo pochi mesi dalla fine del suo amantato, tu ci stai pensando da 10 anni. Suddai, cerchiamo di mantenere un pò di obiettività nella disamina delle situazioni!

  • Leilei, 14 Ottobre 2022 @ 11:07 Rispondi

    Elleelle visto che è davvero da tanto tempo che ti trovi in questa situazione scomoda, come mai non hai deciso di separarti?

  • ads, 14 Ottobre 2022 @ 10:48 Rispondi

    @ciao elle hai dato una chiave di lettura sul tuo aspirante..
    la visione meno romantica, e che la prossima potrebbe essere la cosidetta donna cuscinetto,
    la maggior parte delle donne vorrebbe immedesimarsi nell’uomo…ma noi siamo diversi.
    purtroppo le persone che vengono dopo una delusione, sono sempre persone sofferte , questo mi dice l’esperienza.
    le donne possono stare sole, perche ‘ magari hanno anche una famiglia da portare avanti, noi no,
    quindi un uomo separato che si approccia una donna sposata, mi farebbe riflettere,
    del resto elleelle..a parti invertite cosa diresti..si sincera
    ai 50 anni usciamo dal contesto ” principe azzurro”, due cuori una capanna, non lo dico io..magari lo dicessi io..

  • Roberto, 14 Ottobre 2022 @ 10:46 Rispondi

    @Leilei, il tuo commento non fa una piega. È questo quello che si dovrebbe dire a chiunque. Non esiste un comportamento comune. Eppure qualcuno qui dentro insiste nel dare lezioni di vita.
    @Elleelle, io mi incaponisco con le maestre di vita. Il tuo nuovo amico è “è stato corretto”. Per me potrebbe essere uno che si è pentito di quello che ha fatto e che magari vorrebbe tornare indietro. Lui non ha scelto di restare da solo. Lui è stato mollato dalll’amante. Sarebbe stato corretto se avesse lasciato la moglie prima di tradirla e di trovare un’altra. Letto da qui sembra uno che ha preso solo una gran tranvata, altro che coraggioso. Non è stata una sua scelta restare da solo, l’ha subita. Poi permettimi una domanda @Elle. Sicura che la tua soluzione sia quella più corretta? Sicura che non sia tu che non debba risorgere dalle ceneri e vivere una vita da sola senza che i propri figli vedano la madre o il padre ignorarsi ed uscire la sera per vedere altre persone? Te lo chiedo senza provocare.

  • maribel, 14 Ottobre 2022 @ 10:18 Rispondi

    @roberto io credo che si intenda dire questo:

    il tuo amantato è finito perchè lei ti ha lasciato o comunque ti ha fatto capire che non sarebbe uscita di casa. tu la amavi e la ami ancora, credo.
    tu ritorni a casa, non scrivendo “torno perchè mi conviene tornare indietro” oppure “torno perchè io sono una persona fragile/sono debole/sono una persona che non ce la fa/non riesco a superare i miei limiti di educazione o mentalità e ho paura della solitudine”

    tu invece dici “torno a casa perchè lasciare la famiglia è immorale/è vigliacco/è egoistico/è un errore”. Cioè hai crato un dogma, una regola suprema di condotta che ti dai.

    quindi SEI TU CHE PONI TUTTO SUL PIANO DELLA MORALITA’ E DELL’ONESTA’ INTELLETTUALE!
    Sei tu: nessuno qua ti ha dato dell’immorale, perchè nessuna di noi può permettersi di farlo, essendo come te! Nessuna ha detto che è immorale, tutte ti hanno detto che il tradimento è un concorso di colpe, situazioni a volte inevitabili, incoerenze che fanno parte delle vite di tutti, insomma ti abbiamo detto che siamo umani.

    Ma se tu stesso parli di IMMORALITA’, di ONESTA’ e di LEALTA’ allora certo qualcuno ti ha scritto “allora devi dire la verità, devi ritrovare un piano di uguaglianza tra te e tua moglie”. Cioè se tu vuoi stare su un piano di onestà intellettuale che tu stesso hai chiamato in causa, allora lo devi rispettare, in effetti.

    tutto qua secondo me. tu stai cercando di darti una regola di moralità perchè sei infelice, una regola che ti dia la pace. ma qua nessuno può darti questa regola. te la devi dare tu e se davvero è quello che voi dovrebbe farti non dico felice, ma darti una certa serenità. ma tu stai cercando altre risposte, evidentemente.

  • Viovio, 14 Ottobre 2022 @ 10:16 Rispondi

    @Elle
    Molly sta tornando all’attacco, anche questi sono atteggiamenti che si ripetono (rido)

    @leilei
    non ho mai percepito da parte di @elle la necessità di essere corteggiata per sentirsi affermata, anzi, tutto il contrario! Mi sembra una donna molto sicura di se e totalmente indipendente, senza problemi di autostima.
    Se invece vogliamo generalizzare posso essere d’accordo, nemmeno io misuro la mia autostima in base hai complimenti che ricevo.

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 09:48 Rispondi

    @Roberto
    Ti stai incaponendo senza motivo.
    Tu cos’hai fatto? Cosa stai facendo? Ti senti a tuo agio con questi passaggi?
    È tutto lì.
    Hai tradito ma resti con tua moglie? Allora apprezza tua moglie per quello che è, hai scelto tu di restare con lei.
    Il tipo con cui forse uscirò si è separato per l’amante che poi gli ha detto un bel ciaone. Lui adesso si sente una m… ma in realtà ha fatto una cosa intelligente perché è libero di ricominciare da capo.
    Pensa se per un caso della vita mi porta fuori, ci troviamo bene, cominciamo a frequentarci, ci innamoriamo… Sai che fortuna? Risorgi dalle ceneri invece di restarne sommerso.
    È un discorso ipotetico per quanto riguarda me ma a lui potrebbe capitare anche dopodomani. È stato molto coraggioso e direi anche corretto. Il tradimento ha rappresentato un enorme cambiamento.
    Tu ad esempio riusciresti a fare come lui, a restare da solo, a cambiare e aprirti nuove porte?
    Se la risposta è no, devi cominta valutare davvero quello che hai. Basta pensare che stai tornando in una noiosa comodità, comincia a valutare quello che hai e a prendertene cura.

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2022 @ 10:04 Rispondi

      Roberto potrebbe restare con la moglie perché in questo caso è la cosa più logica da fare per la famiglia, in attesa di suoi sviluppi interiori e di quello che gli riserverà la vita, probabilmente una nuova amante, cosa che succede a molti se rimangono troppo a lungo in un matrimonio finito o vogliono semplicemente puntellarlo perché non lo chiuderanno mai e lo sanno. Questa dice l’Epidemiologia di coppia, la storia di Roberto è di Roberto

  • elleelle, 14 Ottobre 2022 @ 09:25 Rispondi

    @Sylvia
    Non capisco il senso del commento. Due “preadolescenti”, di cui uno alle elementari, ti sembrano ragazzi grandi e praticamente indipendenti? A me no…

  • Leilei, 14 Ottobre 2022 @ 09:15 Rispondi

    Roberto l’onestà di dirlo al coniuge camuffa spesso la necessità di vuotare il sacco per liberarsi la coscienza.
    Io credo che l’unica onestà necessaria in un rapporto sia quella di parlare di come ci si sente, quali sono i propri desideri, le proprie necessità. Poi a volte questi desideri, queste necessità non coincidono con quelle del partner, oppure dall’altra parte non si manifesta la volontà di impegnarsi affinchè le cose funzionino.
    E allora è giusto dirsi che il rapporto non funziona più. Si può continuare a stare insieme per tutti i motivi di cui abbiamo parlato tante volte, senza però fingersi ancora legati da un sentimento di amore. Sicuramente può funzionare se alla base rimane la stima. I figli possono vivere bene in una famiglia dove comunque rimangono il supporto e la stima reciproci, anche se non si funziona più come coppia.

    Da quello che ho potuto notare in casa mia in questi anni, a mio figlio non interessa che io e mio marito abbiamo smesso di amarci. Ciò che lo fa soffrire sono le litigate, gli insulti. In questi casi lui si isola, non vuole prendere le parti di nessuno dei due, se ne tira fuori.

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2022 @ 10:01 Rispondi

      l’onestà di dirlo al coniuge camuffa spesso la necessità di vuotare il sacco per liberarsi la coscienza

  • Leilei, 14 Ottobre 2022 @ 09:08 Rispondi

    Viovio non ho mai detto che Elleelle non debba accettare attenzioni da parte di un uomo. Quello che bisogna evitare è la necessità di essere corteggiate per sentirsi riconosciute come donne.
    Non sono necessari i complimenti o gli sguardi degli uomini per sentirsi bene con se stesse. Se ci si cura, si va dal parrucchiere, si fa attività fisica per mantenersi in forma non lo si deve mai fare per un uomo, ma per stare bene con sè stesse. Invece qui ho spesso percepito la necessità di frequentare uomini che facciano da specchio, che diano iniezioni di autostima. Se gli si lascia questo potere poi è normale che, nel caso in cui la storia vada male, oltre al dolore per la fine del sentimento ci si senta annichilite come persona.
    E’ la contrapposizione del seriale: al seriale non interessa il sentimento ma la conquista, che gli permette di “testare” il proprio potere di seduzione che esalta la propria mascolinità. Una volta ricevuta questa conferma, si passa alla preda successiva, sempre per nutrire il proprio ego.

    Il mio amantato non ha nulla a che vedere con la mia autostima. Sarò presuntuosa, ma mi sento bene dentro la mia pelle. Se poi piaccio, questa è una semplice conseguenza.

  • Roberto, 14 Ottobre 2022 @ 08:21 Rispondi

    Scusa @Ale, va spiegato a chi?

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2022 @ 10:01 Rispondi

      Il tradimento va sempre spiegato nei modi e nei tempi giusti, e non solo quando si è scoperti

  • Roberto, 14 Ottobre 2022 @ 08:20 Rispondi

    No @Cri28, evidentemente non mi spiego bene. Non perdetevi in giravolte mentali. La cosa è molta più semplice e mon nasconde nessuna interpretazione pseudo paicologica.. A me non interessa del problema morale in quanto tale. Lo dico e lo ripeto. Se avessi avuto remore morali non avrei tradito, come fanno tante persone che come scelta di vita non lo ammettono e non lo fanno. Io mi riferisco a persone che qui dentro giudicano il tradimento un fatto normale della vita e poi ti additano come stronzo se non riveli tutto al comiuge una volta rientrato. Il bue che dâ cornuto all’asino non l’ho mai sopportato. Spero di essere stato più chiaro @Cri.

  • Sylvia, 14 Ottobre 2022 @ 06:58 Rispondi

    Ellelle se non fai sesso con tuo marito da 10 anni i tuoi figli non possono essere piccoli. Praticamente sono come minimo preadolescenti.

  • Sylvia, 14 Ottobre 2022 @ 06:48 Rispondi

    Alessandro lo capisco benissimo il discorso del minimo sindacale di avvertire che non sarai a casa! Specie se hai dei figli non puoi prnsarepensare di fare proprio quello che vuoi, bisogna garantire la copertura.
    Dico solo che lo patirei molto. D’altra parte io sono tornata dai miei e faccio la stessa cosa. E infatti mi sento in prigione.
    Per tutti dovrebbe essere una fase transitoria, si spera breve.

  • Cri28, 13 Ottobre 2022 @ 18:39 Rispondi

    Roberto, i giudizi a cui mi riferisco sono quelli su te stesso. Se ti leggi, ti accorgerai che il problema morale è per te al centro di tutto e che per quello vorresti che qualcuno ti salvasse dal giudizio che tu hai di te stesso. Moralmente inaccettabile è un termine che usi tu, con cui tu convivi ogni giorno.
    Dovresti dimenticarti per un po’ della morale e capire cosa senti, anche se quello che senti è moralmente inaccettabile, perché solo così capirai cosa vuoi.

  • Roberto, 13 Ottobre 2022 @ 18:11 Rispondi

    Scusa @Ale, cosa c’è di moralmente accettabile nel tradire il coniuge? Come il rispetto si deve al marito o alla moglie tradita dopo il fattaccio, cone ho letto qui alcune volte, non capisco perché non lo si debba dare anche prima. Anzi, soprattutto prima. Questa doppia morale, a volte tripla, non la capisco. Vallo a spiegare al coniuge tradito il significato della parola amanti.

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2022 @ 07:52 Rispondi

      Infatti va spiegato il perché del tradimento, innanzitutto, non il tradimento come peccato mortale. E chi meglio di chi ha tradito come te può spiegare. Se e quando è pronto a farlo.

  • Ariel, 13 Ottobre 2022 @ 17:07 Rispondi

    ads, 13 Ottobre 2022 @ 13:12Rispondi
    Ma no @Ads ,scusa ,ma non é retorica ciò che ti ha detto la donna che hai conosciuto che a fronte del atto concreto che chi non si separa pur restando chiaramente infelice e insoddisfatto della propria vita di coppia non è retorico dire non sei libero in nessun modo scientifico proprio ,non c’entra affatto giudizio moralistico ma ciò che conta o meglio dovrebbe contare più di ogni altra cosa é fare qualcosa per evitare di fare del male ASSICURATO AL 100/100 a SE STESSI perché ci si limita a stare come in una prigione come a dirsi é inevitabile o lo fanno in molti o a dire facile dire per te che non la vivi la mia situazione

    Ma sicuro da parte mia e sono certa pure da parte della donna separata che ti ha espresso che non sei affatto libero ,ma quello che voi maschi faticate molto a capire é che occorre curarsi in vere terapie senza porsi limiti di tempo o del depressivo non serve a un cxxxxzo ,pardon,
    Ma caro @Ads nessuno qui vuole condannare nessuno ,ma almeno incoraggiare le persone tutte quelle che vivono al buio senza ancora aver preso vere decisioni su cosa fare verso il partner che vogliamo ricordarci che HA IL SAVROSANTO DIRITTO DI POTER SCEGLIERE CHE CAVOLO DFARE DELLA SUA VITA??

    Anche questo resta un peso psicofisico mica da poco portarselo addosso!,,,
    Insomma la tua nuova conoscente amica che sta separata é LIBERA SICURAMENTE DA PGNI PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO prima ancora che fare qualsiasi pur leggiti a considerazione personale

    É un fatto concreto chi vive nella ombra della menzogna no funziona sicuro mai

    A partire da se stessi e poi verso il partner che se tu pensi che sia allla rovescia la situazione
    Domanda

    A te piacerebbe scoprire che tua moglie ti tradito non dice nulla e chissenefrega di te
    Il maritino ignaro

    Inutile dire che le supposizione date da sesso poco e male possano SOSTITUIRSI A VERA COMUNICAZIONE TRA CONIUGI!!!

    La chiarezza espressa FUNZIONA SEMPRE GARANTITO AL 100/100!,
    La libertà Caro Ads

    Ha sicuro ,già scritto e lo ripeto

    UN COSTO MOLTO ELEVATO

    Forza chi si cura ce la fa ,c’è la puoi fare anche tu!!!

  • ADS, 13 Ottobre 2022 @ 16:24 Rispondi

    @elleelle ma come non puoi offrire una relazione..sono deluso ..io fantasticavo su di te..è finita gia!
    alla prossima che incontro saro ‘ chiaro cosi come siete voi ..vediamo cosa viene fuori

  • ads, 13 Ottobre 2022 @ 16:21 Rispondi

    @rinascita..tra poco , vado a correre e mi rilasso.
    stessa barca! i like

  • ADS, 13 Ottobre 2022 @ 16:19 Rispondi

    @si roberto certo l’ho notato..amen

  • Roberto, 13 Ottobre 2022 @ 15:25 Rispondi

    Cara @Cri28, il tuo post mi piace….se lo si legge al contrario però. Io di giudizi morali non ne ho mai dati. Caso mai sono stato giudicato. Secondo te se avessi avuto paura dei giudizi morali mi sarei infilato in un amantato che è appunto moralmente inaccettabile? E poi, onestá, se vogliamo dirla tutta sarebbe non entrare in un amantato. Dire la verità dopo mi sembra quasi un ripulirsi la coscienza. Comunque Concordo con te, la vita ti pone davanti a mille sfaccettature. Amantati lunghi come il tuo, quello che finiscono e si ritorna alla vita di prima come il mio (o almeno ci si prova), o chi si separa fuori o dentro casa. Tutte facce della stessa medaglia che non permettono, secondo me, di dare giudizi. A nessuno.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 17:27 Rispondi

      Come non mi piace moralmente inaccettabile quando si parla di amanti, una parola così bella che proprio la morale tenta di trasformare in qualcosa che in italiano significa: Che ama, che ha passione o forte inclinazione per qualcosa

  • Rinascita, 13 Ottobre 2022 @ 14:20 Rispondi

    ElleElle il mio augurio è che tu faccia tutto quello che hai voglia di fare e che ti senti. In questo tutto, ci metto proprio tutto tutto. Goditi sprazzi di leggerezza condivisa ed al futuro non ci pensare. Non è un caso che stiano spuntando occasioni di socializzazione, evidentemente emani le giuste vibrazioni. Non siamo nati per soffrire e guarda caso, chi ha ti obiettato di sembrare “bisognosa” (io ad esempio qualche bisogno fisiologico lo avrei in effetti!) poi non solo per se’ non rinuncia ad uomo n. 1 ma neppure a uomo n. 2.

  • ads, 13 Ottobre 2022 @ 13:12 Rispondi

    a @roberto..se tenero..al netto di qualche folle, qui ognuno si aggiusta la cosa come conviene,
    e ci sta per me..non ci sta chi si eleva a mestrina .
    una donna separata con cui mi sono confidato conosciuta da poco, dopo 3 volte mi ha detto che ero infelice,e che lei era libera di scegliere e che non era giusto che avessi questo approccio sportivo,
    che ero ambiguo..la solita retorica insomma.non ho detto nulla.

  • Cri28, 13 Ottobre 2022 @ 12:27 Rispondi

    Roberto, io credo che tu sia troppo dipendente dai giudizi morali, a cominciare dal tuo..
    Sul piano morale, solo essere onesti e dire la verità è giusto (e in genere conviene pure alla lunga). Ma ciò che è giusto moralmente, non vuol dire che sia la scelta migliore, perché ci sono criteri diversi da quelli morali in base ai quali scegliere.
    Quello che non si può fare, è avere tutto. A volte non si può contemporaneamente essere onesti, essere felici, fare felici gli altri, essere approvati dagli altri.
    E da quanto scrivo qui, ho letto di tutto su situazioni come la mia. Ma pazienza, è a se stessi che si deve rispondere.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 14:59 Rispondi

      La vita è fatta di molti compromessi piccoli e grandi (qualcuno li chiama diplomazia), ma meno ne facciamo più saremo felici

  • elleelle, 13 Ottobre 2022 @ 11:47 Rispondi

    @Cri28
    Concordo.
    Come forse ho scritto in un altro post, io stessa non posso offrire una relazione perché la mia situazione impone delle limitazioni che non posso far finta di non vedere.
    Non posso offrire a un uomo neanche una presenza regolare due volte alla settimana per cui di programmi e fantasticherie ne posso fare e offrire ben pochi.

  • Roberto, 13 Ottobre 2022 @ 11:22 Rispondi

    Caro @Ads, ti sei reso conto che diciamo la stessa cosa? Mi sembra che le stesse soluzioni siano giudicate in maniera diversa a seconda di chi le adotti.

  • Rinascita, 13 Ottobre 2022 @ 10:50 Rispondi

    ADS secondo me ti sei alzato con il piede sbagliato. Ho fatto considerazioni ma non ho dato giudizi. Quando hai scritto che vivi una situazione stile separati in casa, ho fatto una precisazione sul perché secondo me non lo sei. Punto. Io non sono, ma soprattutto, non mi sento meglio di nessuno. Le mie scelte di vita vanno bene a me e mi fermo qui. Che poi se venissi nel mio cuore e vedessi tutte le macerie che mi porto dentro capiresti quanto poco ho da poter insegnare. Quindi respira e rilassati perché siamo sulla stessa barca, di merxxxx mi permetto di dire.

  • Viovio, 13 Ottobre 2022 @ 10:14 Rispondi

    @leilei senza offesa ma a volte mi chiedo se ci sei o ci fai… dopo tutto quello che ha passato @elle e due anni di totale chiusura, il fatto che accetti attenzioni da parte di un uomo credo sia un grande passo avanti.
    La sua titubanza è più che plausibile, sfido chiunque al suo posto non porsi mille domande ed avere altrettante paure dopo una storia con un narcisista.
    Ho avuto il piacere di conoscere @Crocus, mi ha raccontato i retroscena della sua storia (oltre a leggere con i miei occhi messaggi e tanto altro), sono sicura quelli di @elle siano altrettanto agghiaccianti.
    @elle si sta mettendo alla prova e a mio avviso va incoraggiata (come del resto ha sempre fatto lei con tutti noi), invece di insinuare che non sa stare senza un uomo.
    Dai per favore, la durata del tuo amantato risale alla notte dei tempi e ti meravigli di certe cose? Convengo con @Ale non siamo nel 800

  • Angelina, 13 Ottobre 2022 @ 10:12 Rispondi

    @Elleelle sentiti libera di conoscere chi vuoi…conoscere non vuol dire per forza andarci a letto e se così fosse e a te va perché no?
    Andare a cena con uomini non vuol dire per forza avere una storia con tutti, fa bene a te ,è un modo di socializzare…non ci vedo niente di male.

  • ads, 13 Ottobre 2022 @ 10:04 Rispondi

    innanzitutto spiace rilevare sempre dei giudizi, ma ormai sta roba l’ho acquisita ,passiamo avanti.
    ovviamente non posso fare una cronistoria della mia situazione, per dire ..oggi non è come 6 mesi fa.
    dai vari commenti traspare spesso una contraddizione, che poi l’attore o attrice non rileva perchè la mente tende a giustificare.
    la separazione effettiva in casa non credo sia cosi diffusa, quella che descrive ale.
    poi ovvio mettere il paravento dei figli agevola tutto.
    credo che spesso succeda cosi , si vive sotto lo stesso stesso approfittando di un partner che se ne frega anche lui, ha anche lui ha suoi interessi di facciata, economici, pratici, tutto quello che volete,
    ma diciamo resta un non detto enorme se vogliamo fare i puristi.
    ora parlo di @elleelle ma solo perche’ lei mi sembra non si nasconda.
    ripeto se io uscissi con una ragazza sposata, nelle mie condizioni , cosa pensereste
    mi devo nascondere dietro..la mia voglia di socializzare?
    @roberto caro ” aprire la crisi”.
    è una cosa che dicono le ragazze qui.
    dove spesso il partner tradito non sa nulla di una storia pluriennale..di cosa parliamo.
    a @rinascita che ha voluto come al solito battezzare la mia situazione,
    rimarcando che la sua è diversa..evita sto tono..”io sono meglio di te.”
    si sente spesso

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 10:20 Rispondi

      I forum sono fatti di giudizi e opinioni, altrimenti sai che noia!

  • Roberto, 13 Ottobre 2022 @ 10:04 Rispondi

    Non sono d’accordo @Ale. Qui mi sembra che con “l’onestá di averlo detto al comiuge” si trovi la scusa per fare i propri comodi a casa propria. Nel senso che se parliamo dei figli, come la parte più importante della storia e per me è così, può essere che rientrare da un amantato e capire che questo possa essere stato un momento di passaggio, possa essere ritenuto altrettanto condivisibile andare avanti cercando di dare serenità all’ambiente famigliare, sempre per i figli. Non penso che sedersi alla sera a cena con i figli che magari sanno che i loro genitori fanno i loro comodi fuori di casa, sia molto salutare per i ragazzi. Poi se i genitori sono così bravi da sopportarsi senza litigare, meglio così. Ma non so quanto sia facile. Onestamente, tra le due soluzioni non so quale sia più idonea per i figli. A questo punto meglio separarsi in modo definitivo. Almeno questo è il mio pensiero.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 10:19 Rispondi

      La separazione, o prima o poi, in un matrimonio irrecuperabile, è sicuramente l’unica risposta. È solo questione di tempo. E di soldi

  • elleelle, 13 Ottobre 2022 @ 09:54 Rispondi

    @Leilei
    Boh, non so cosa dire…
    Dal momento che per ora nessuna di queste uscite si è materializzata, mi sembra prematuro fare troppe analisi.
    Basta un attimo per far saltare una cena e far crollare il castello di carte delle ipotesi.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 10:18 Rispondi

      Navigare a vista

  • Cri28, 13 Ottobre 2022 @ 09:52 Rispondi

    Elleelle, per me fai benissimo a uscire. Guarda, gli uomini mettono tutti le mani avanti, a parte quelli che cercano una donna da sposare perché è l’ora (e non è il massimo), sono tutti restii a impegnarsi. Però alla fine non è detto che sia tu a volere qualcosa di più.
    Se io fossi separata con figli (in casa o no), però, vorrei più che altro una piacevole compagnia e un supporto, perché già la vita è complicata; guarderei soprattutto alle sensazioni che provo, senza programmi.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 10:18 Rispondi

      guarderei soprattutto alle sensazioni che provo, senza programmi.

      Esattamente. Le storie d’amore iniziano tutte per fasi: conoscenza, simpatia, attrazione, sesso ok e poi si vedrà. Attenzione agli entusiasti tutto e subito amore e programmi

  • elleelle, 13 Ottobre 2022 @ 09:03 Rispondi

    @Ale
    Ieri ho approfittato di un pettegolezzo su una coppia famosa che sta divorziando per parlare coi miei figli dell’argomento “separazione”, come concetto generale. Gli ho spiegato che i rapporti finiscono, che e’ normale, che ci si puo’ innamorare di un’altra persona. L’amore per i figli non cambia, cambiano solo le modalita’ della presenza dei genitori, ma che se se si fa tutto con rispetto, rimanendo in buoni rapporti, e’ meglio che vivere nell’infelicita’.
    Pian piano cerco di fargli vedere che la vita degli adulti non e’ semplice, che tutto puo’ cambiare e che anche il ruolo dei figli cambia perche’ cresceranno e si renderanno indipendenti.
    I miei sono ancora relativamente piccoli ma spero che crescano sapendo che certe cose succedono perche’ e’ normale e non per cattiveria.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 09:36 Rispondi

      Brava è la strada giusta.d’altronde i nostri figli sono ormai circondati da compagni di scuola con genitori separati nella classe del mio secondo lui è l’unico ad avere i genitori che stanno ancora assieme sono realtà alle quali ormai sono abituati questo non vuol dire che non sia o possa essere un trauma per loro ma meglio separarsi che litigare tutti i giorni davanti all’oro o far vedere che si estranei in casa. La separazione è sempre una rivoluzione che dove è possibile andrebbe evitata ma ci devono essere margini di recupero non può essere evitata solo per questioni materiali (allora lì tanto vale fare una separazione in casa) e però ci sono casi irrecuperabili per i quali separarsi e bene anche per i figli

  • elleelle, 13 Ottobre 2022 @ 08:57 Rispondi

    @Ale
    La mia vita non mi consente di conoscere persone facilmente, ne’ qua ne’ la. Sono questioni geografiche e culturali ma anche il fatto che essendo molto diversa dalla donna standard dell’altro paese, per loro sono trasparente. Non avrei potuto neanche se avessi voluto, nel senso che non avrei trovato nessuno desideroso di stare con me, mettiamola cosi’.
    Se ci conosceremo al prossimo incontro, ti chiederai come mai perche’ non faccio di certo schifo ma me ne sono resa conto dopo poco tempo che non ricevevo mai un complimento, mai uno sguardo e mi sono dovuta adeguare.
    Non e’ di certo facile e lo trovo anche molto triste ma si deve fare di necessita’ virtu’.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 09:33 Rispondi

      Fai quello che ti senti e ti fa piacere punto

  • Leilei, 13 Ottobre 2022 @ 08:48 Rispondi

    Elleelle socializzare è una cosa, uscire con uomini che ti corteggiano è un’altra. Si socializza andando in palestra, a cinema con le amiche, andando a un concerto, a una mostra. Da quello che scrivi traspare che sei in cerca di un possibile candidato. E non parlo di sesso, parlo di sentirsi donna solo se si ha un uomo ( o più di uno) che ti viene dietro. Tutti i dubbi che hai espresso esplicitano un fine di altro tipo rispetto ad una cena in amicizia, il dover valutare, il pensare di essere un chiodo, il ritornare sulla paura del contatto fisico…

    Per quanto mi riguarda, potrei stare anche 20 anni senza sesso, se non ho un interesse mentale verso un uomo. Ale dipende quanto valore si dà al sesso come sfogo fisico. Per me vale zero se non c’è un coinvolgimento di altro tipo.
    La ginnastica la faccio in palestra, gli ormoni li placo con lo shopping.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 09:32 Rispondi

      Uscire con un uomo non significa cercare sesso o una storia. Significa conoscere socializzare ed essere liberi di decidere se parlare o limonare. Non siamo nellottocento. Nn si frequentano uomini solo per fidanzarsi. E poi se anche fosse? Liberi tutti

  • Roberto, 13 Ottobre 2022 @ 07:31 Rispondi

    @Ale io la penso come te. I figli prima di tutto. Però deve valere per ogni aspetto della questione. Sia che uno resti a casa dopo un amantato finito senza dire niente al coniuge, sia che uno resti separato in casa. Lo si fa come ho detto ad @Ads sia per motivi economici che per i figli.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 09:29 Rispondi

      Ma se è separazione in casa Patti chiari e via l’anello no Sex e libertà per tutti e due di fare fuori di casa quelli che si vuole

  • Roberto, 13 Ottobre 2022 @ 07:27 Rispondi

    Scusa @Ads, probabilmente non mi sono spiegato beme. Io non metto in discussione le scelte di nessuno. Ma siccome è stato detto che restare in casa dopo un amantato finito senza “aprire la crisi” è sintomo di vigliaccheria e di mancanza di rispetto verso il coniuge, mi sembra strano nello stesso modo e poco accettabile restare in casa davanti ai figli vivendo da separati. Per questo non riesco a vedere grandi differenze tra le due scelte. Entrambe vengono fatte per comodità, per i figli e per l’aspetto economico.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 09:28 Rispondi

      La differenza? Restare a casa dopo un tradimento significa mantenere un segreto e fingere che non sia successo nulla, continuando nel matrimonio (scelta opinabile ma diffusa e possibile). Nella vera separazione in casa si fa un patto chiaro condiviso fra le parti: da ora in poi noi non siamo più una coppia, non valgono più le dinamiche di coppia (sesso fedeltà condividere amicizie e feste comandate) ma viviamo sotto lo stesso tetto a causa di forza maggiore, figli o soldi o tutti e due. Nel primo caso ci sono segreti inconfessati e l’altro coniuge crede che crisi o no si prova ad andare avanti o si tira avanti (quindi sesso vacanze anello al dito famigliola unità davanti ad amici e parenti…) nel secondo caso si è come i separati veri ma sotto lo stesso tetto. Cosa c’è che non si capisce? La differenza è abissale

  • elleelle, 13 Ottobre 2022 @ 00:16 Rispondi

    @Leilei
    Che strano il commento che hai fatto e cioè che non so stare senza un partner…
    Ho scritto più di una volta che tra me e mio marito non ci sono rapporti fisici da dieci anni. In dieci anni ho avuto due sere da trombamici con un mio caro amico che era anche lui in astinenza da anni e tre anni dopo la relazione con il mio ex.
    Tutto qui, in dieci anni. A me sembra che da sola so starci fin troppo…

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 07:12 Rispondi

      Non so come hai fatto a resistere senza un po’ di sano e periodicamente fisiologico sesso per tutto questo tempo. Il fai da te non basta

  • elleelle, 13 Ottobre 2022 @ 00:09 Rispondi

    @Leilei
    Sono passati due anni, per quanto tempo ancora dovrei restare in clausura?
    Ho parlato di cena o aperitivo e chiacchiere, mica ci devo andare a letto o fidanzarmi.
    Socializzare è importante e due di loro sono persone che conosco già, con cui sono già uscita. E chissà che un giorno mi passi anche lo schifo per il contatto fisico che mi ha lasciato il mio ex…
    Io lo spero!

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 07:10 Rispondi

      Elle vai sii te stessa prendi quello che desideri lascia quello che non vuoi

  • Dispersa, 12 Ottobre 2022 @ 22:18 Rispondi

    Ma no @Leilei… @Elleelle non mi da l’idea di uscire tanto per fare, anzi ritengo faccia benissimo e le auguro di trovare una persona alla sua altezza!!

  • Rinascita, 12 Ottobre 2022 @ 21:03 Rispondi

    Una separazione in casa è fattibile solo se c’è reciproco disinteresse. Altrimenti è un inferno. Non si può abitare sotto lo stesso tetto, se uno dei due soffre per la situazione, se spera che cambi. ADS tu non vivi una separazione in casa e neppure qualcosa di simile perché la tua coniuge non è consapevole del tuo (non) sentire. Difatti periodicamente ti cerca fisicamente e tu adempi ai doveri. Poco conta che poi tu abbia la libertà di uscire ed ampi margini. Tua moglie, nella sua immobilità (come l’hai descritta tu) magari sarà poco interessata anche lei ma crede di essere la tua compagna. Io e mio marito ci sentiamo genitori ma tra di noi non c’è nessun tipo di complicità, nessuna! Se non avessi la leggerezza d’animo che mi deriva dal sapere che lui è sereno, non avrei retto. Anche se non è che sia il massimo della vita vivere così, quanto meno non lo è sul lungo periodo.

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 07:10 Rispondi

      Chiariamo una cosa: i veri separati in casa se lo dicono. Da oggi viviamo sotto lo stesso tetto, condividiamo economia e figli ma la nostra vita privata si divide e non vige più il reciproco dovere alla fedeltà. Gestiamo uscite e eventuali vacanze e weekend da soli a turni concordati. Tu dormi in un’altra camera o separiamo i letti. Lo diciamo o no ai figli. Molti mettono nero su bianchi il patto in una scrittura privata aiutati da un avvocato che può essere un documento preliminare alla vera separazione che verrà. Perché prima o poi verrà, cessate le condizioni economiche o filiali che oggi impongono una convivenza anche se la coppia non esiste più. Veri separati in casa esistono e sono centinaia di migliaia. I falsi separati in casa raccontati da certi uomini alle amanti sono invece milioni.

  • Roberto, 12 Ottobre 2022 @ 18:54 Rispondi

    Però permettimi @Ale, io qui mi sono sentito dire “i figli non devono essere usati come scudo per non separarsi”. E poi ‘se uno vuole va a vivere da solo anche con due lire’. E ancora “i figli se ne accorgono quando non c’è più amore quando meglio essere chiari e separarsi “. Qualche cosa non mi quadra. Tra l’altro, i figli che vedono uscire i propri genitori spesso da soli, che idea si fanno?

    • alessandro pellizzari, 13 Ottobre 2022 @ 07:02 Rispondi

      Dipende dai figli dalla loro crescita indole fase educazione. La prima cosa da fare è parlarne con una psicologa esperta di minori tu e lei o lui è chiarirsi le idee in base alla vostra famiglia e dinamiche particolari. Nelle classi dei nostri figli ci sono ormai tanti genitori separati. Come stanno i loro figli? I tuoi cosa dicono di loro?

  • ads, 12 Ottobre 2022 @ 18:15 Rispondi

    @roberto..alessandro ti ha risposto..
    aprire la crisi e poi rimanere a casa è un po stressante..eppure gente lo fa.
    rimanere nella zona grigia, del palese circa, del non detto,
    del mentire a tratti,è gestibile.
    poi anche tu con sto ” aprire la crisi”..ma se poi non dichiari la cosa principale,omettendo le cose essenziali,
    di cosa parliamo, rimane solo un esercizio di retorica..
    poi c’è il fattore età , @lilli prima ti ha detto benissimo le cose.
    ribadisco il mio pensiero, lasciarmi per fare il fidanzato di una che c’è a momenti per tanti motivi legittimi, la vedo un po tortuosa,conosco solo 2 persone che si sono separate e vivono assieme in una stessa casa, hanno bypassato la tutela dei figli

  • Lilly, 12 Ottobre 2022 @ 17:19 Rispondi

    No @ale, la nostra sarebbe stata una separazione in casa…la coppia non esisteva più, ora me ne rendo conto, dopo anni di riflessioni. Era solo un vivere sotto lo stesso tetto.

  • ADS, 12 Ottobre 2022 @ 17:10 Rispondi

    @lilly..anche a casa mia vige questo regime,
    ed infatti quando mi si dice ma tu lo faresti il salto..la prospettiva materiale di perdere tanti vantaggi non è entusiasmante,
    poi se incontro una persona che mi prospetta una bella cosa, sono disposto a tutto.
    ovviamente non potete venirmi a chiedere di fare il padre disperato, che si deve incastrare nella vita di una persona con figli piccoli..è un autogol che non mi posso consentire,
    ci vuole reciprocità in tutto.

  • Roberto, 12 Ottobre 2022 @ 16:43 Rispondi

    Permettimi una domanda @Ale. Ma perché una persona che ha aperto la crisi deve restare in casa sopportando la presenza dell’altro quando tutto è finito. Non sarebbe meglio ognuno per la sua strada?

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2022 @ 16:44 Rispondi

      Certo che sarebbe meglio, di solito i veri separati in casa decidono di rimanere sotto lo stesso tetto per gravi motivi economici e perché i figli sono piccoli o in fase delicate o particolarmente fragili

  • Leilei, 12 Ottobre 2022 @ 09:32 Rispondi

    Elleelle io però non vedo tutta questa necessità di accettare le uscite con tanti uomini, sembra quasi che tu non riesca a stare senza un partner. Soprattutto dopo quello che hai passato, non sarebbe meglio dedicarti un pò a te stessa?

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2022 @ 16:42 Rispondi

      Invece socializzare è importante poi si decide come e quanto…

  • Lilly, 11 Ottobre 2022 @ 18:07 Rispondi

    @ellelle a volte mi chiedo perché io e il mio ex marito non ci siamo messi d’accordo come il tuo. Avremmo avuto una stabilità economica (che ora nessuno dei due può lontanamente raggiungere da solo), avremmo continuato a vivere nella nostra casa in comune così carina, avremmo avuto qualcuno con cui trascorrere le feste comandate….e avremmo potuto fare i nostri comodi lo stesso. A volte manchiamo di prospettiva!

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2022 @ 16:40 Rispondi

      Questa tua ipotesi più che a separato in casa assomiglia alla coppia aperta che va benissimo se condivisa. Poi in realtà sia la coppia aperta che le vere separazione in casa sono molto difficili da gestire nel tempo

  • Sylvia, 11 Ottobre 2022 @ 16:29 Rispondi

    Io non ce la farei proprio a restare a fare la coinquilina con la persona che ho sposato e con cui ho avuto dei figli.

    Poi l’idea anche di dire “questa sera non ci sono” e quindi in qualche modo rendere conto a quella persona dei miei movimenti, pur celando il con chi e il dove, mi farebbe sentire in PRIGIONE. Amo troppo la mia libertà per umiliarmi così.

    Non siamo tutti uguali.

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2022 @ 16:39 Rispondi

      Beh va bene essere separati in casa ma almeno avvertire quando si va e si viene è il minimo sindacale per una convivenza pacifica per quanto ormai da estranei sotto lo stesso tetto è il minimo sindacale

  • Ads, 11 Ottobre 2022 @ 14:39 Rispondi

    @grazie ellelle.risposte preciso
    @vivo il concetto di separati in casa ufficiale non è facile da digerire, da entrambi gli attori.
    alla persona imposta la separazione in casa potrebbe seccare.
    quello che ha scritto ellelle ci sta, anche io ho grandi margini, per cui non c’è necessità di mentire.
    lo dico perche’ piu di qualche volta a “ma tu sei sposato come fossi un marchio di infamia.
    io sono sposato e tu sei impegnata con figli..non cambia tanto.
    ho notato talvolta una differente letture delle posizioni

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2022 @ 16:38 Rispondi

      La separazione in casa vera deve essere condivisa e decisa in due che ne convengono altrimenti non è separazione in casa, è separazione in casa a insaputa di uno. La cessazione dell’obbligo di fedeltà poi va concordato palesemente e magari da un avvocato senza magari.

  • Ariel, 11 Ottobre 2022 @ 11:49 Rispondi

    @Ads

    OTTIMA DOMANDA!
    Scrivo seriamente davvero una ottima domanda perché infatti cercare di mettersi dal punto di vista altrui può eccome aiutare a scoprire meglio il come si sta in se stessi e che cosa ancora si possa fare per riacquistare il vero amore che conta sempre quello della propria Au in equilibrio che funziona sempre sia per tentare per chi lo sente reciproco un proseguire la coppia sia per chi vorrebbe separarsi ma per tanti motivi non lo ha ancora fatto.

    Sicuramente ognuno ha le sue più che legittime motivazioni e credo sinceramente che la tua domanda sia veramente onestà intellettualmente e cioè non ti poni di certo a giudice ,non accusi nessuno
    Non fai facile sarcasmo o presa in giro

    Queste premesse le scrivo perché penso possano aiutare tutte e tutti gli utenti che vivendo esattamente la stessa situazione di NON SEPARATE effettivamente possano esprimersi liberamente in un modo aperto alla propria analisi il più analitica possibile perché ovviamente le motivazioni che possono condurre a fare i separati in casa sono sicuro molte e pure plausibili e comprensibili ,ma ciò non toglie che la tua domanda resta validissima riflessione da farsi un vero ottimo scambio .

    Personalmente non ho mai vissuto una esperienza così e sicuro ,quindi sono consapevole che il mio pensiero a riguardo resta facile farlo quando non si é mai vissuto simile situazione

    Non siamo certo qui per giudicarci nel senso moralistico ma piuttosto per cercare di scoprire dentro ciascuno di noi i nostri perché i morivo veri che nello scambio possono davvero rivelare in noi stessi cose alle quali magari non avevamo mai pensato

    Si secondo mio punto di vista ,occorrerebbe sempre darsi un tempo limite per stare separati in casa e troppo tempo distrugge la propria vera libertà interiore ed esteriore ,ad esempio giustamente quando si prova a vivere la propria vita nuova dov’è il nuovo però resta chiuso in una casa interiore ed esteriore che non ci appartiene più psicofisicamente

    Si Bella domanda @Ads e care ragazze e ragazzi a voi le vostre scritture e risposte!

  • elleelle, 11 Ottobre 2022 @ 11:42 Rispondi

    @ads
    All’altra tua domanda non ho risposta. Non so come vedano il fatto che io non sono libera. Può far comodo ai primi due, il terzo è già scappato una volta per questo motivo.
    Credo che gli uomini siano in generale più bravi di noi a fare i propri conti.
    Un tipo con cui ero uscita l’anno scorso secondo me è scomparso per via dei miei figli. Non avrei avuto la libertà necessaria per dedicare il mio tempo a lui.
    C’è chi lo accetta e chi no, ma è giusto essere consapevoli delle proprie esigenze e non prendersi in giro

  • elleelle, 11 Ottobre 2022 @ 11:33 Rispondi

    @Lilly
    Buona idea quella delle tre uscite, ha senso vedersi più di una volta.
    Nel nostro caso, abitiamo in città diverse, un po’ lontani e non è facile organizzare.
    Questa cena è un caso perché è in zona per motivi professionali.

    @Leilei
    Hai ragione, non ci sono motivi per avere la certezza che sia una sòla. Una persona può anche rivelarsi interessata davvero nel momento in cui ti conosce. Se non altro lui è stato sincero, ha detto tutto lui spontaneamente e l’ho apprezzato.
    Il secondo che è saltato fuori ieri sarà un po’ più difficile da smascherare perché è carinissimo ma è scaltro. Anche lui in un’altra città, anche lui con il lavoro che lo porta in giro, inutile farsi delle pare.
    Mi sta dietro da mesi ma sa esattamente quali sono i limiti.
    Il terzo, anche lui ieri sera, è davvero un osso duro, ci conosciamo da tanto, non è la prima volta che scocca qualche scintilla ma lui è incontenibile, fa quello che gli pare e basta. Single e asociale, infatti se usciamo sarà da amici perché non ci vediamo da tanto.
    Aspetto il quarto, magari è normale 😀

  • elleelle, 11 Ottobre 2022 @ 11:23 Rispondi

    @ads
    Rispondo volentieri e con onestà.
    Per motivi lavorativi non è quasi mai presente e questo mi dà più libertà di movimento.
    Per andare a cena potrei dire la verità ma dal momento che potrebbe facilmente essere una volta sola, non vedo la necessità. Però non avrei problemi a dire che esco a cena con una persona che ho conosciuto tramite contatti in comune, magari lo farò perché non ho niente da nascondere, è solo una cena.
    Con gli altri due con cui probabilmente mi vedrò per due chiacchiere (sono saltati fuori ieri, perché l’autunno è la nuova primavera del risveglio ormonale), essendo già persone nominate in passato, dirò che esco a bere qualcosa con loro, che sono due amici. Con uno ci sono uscita qualche mese fa, filarino di gioventù e ho detto nome e come ci eravamo conosciuti. Con l’altro andavo regolarmente a mangiare una pizza in compagnia.
    Che poi mi stiano un po’ dietro è un altro discorso, ma finora non è mai capitato niente e credo che niente capiterà.
    Io non mento sempre @ads, mio marito sa che da sempre ho amici e conoscenti.
    Ti dirò anche che per come mi ha trattato negli ultimi mesi, si meriterebbe una bella pedata nel sedere. Non credo che si faccia delle illusioni sul fatto che non ci sia nessuno che mi può stare dietro.
    Lui esce con colleghi e anche con una sua collega, che sembra che si stia separando. Potrebbe avere una storia con lei, chi lo sa, io non lo seguo ed non controllo quello che fa.

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2022 @ 13:24 Rispondi

      Di solito la regola fra separati in casa è comunicare la logistica e non chiedere dettagli. Esempi? io mercoledì esco tornerò tardi. Io stasera non ci sono a cena. Io questo weekend non ci sono sono fuori tanto i bambini toccano a te giusto? io dormo fuori ci vediamo domani. Punto. Come i veri separati che non devono neanche dare la logistica interna perché vivono in un’altra casa. E nessuno può più chiedere con chi esci ma solo quando rientri, e solo per logistica. Questa è la vera separazione in casa

  • Viovio, 11 Ottobre 2022 @ 10:55 Rispondi

    @Ads a mio avviso due separati in casa dividono le bollette/affitto e si occupano dei figli, quello che fanno nelle rispettive vite private non deve interessare. Tecnicamente sono due separati che per questioni logistiche/economiche o altro si limitano a vivere sotto lo stesso tetto ma non sono più una coppia. A me non suscita alcun effetto negativo o indignazione sapere che @elle uscirà a cena con un altro e lo stesso sarebbe nei confronti di un’altra persona a prescindere dal sesso.
    Se quest’uomo ha deciso di uscirci, evidentemente la separazione in casa di @elle non lo turba e comunque se dovesse diventare una storia sono certa sapranno affrontare la situazione.

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2022 @ 13:21 Rispondi

      Le separazioni in casa, se sono vere, sono separazioni che danno il tempo libero identico a quello di quelle legali. Ci sono addirittura coppie di separati in casa che redigono patti legali in scrittura privata che regolano i loro rapporti durante la separazione in casa

  • ADS, 11 Ottobre 2022 @ 09:24 Rispondi

    visto che ci siamo pongo dei quesiti neutri a @elleelle.
    ..
    elleelle non è separata, quindi tecnicamente non è libera,
    dice al marito esco con uno..?
    esce con un separato,
    se questa medesima situazione fosse a parte invertite cosa pensereste?
    e soprattutto lui cosa dovrebbe pensare difronte ad una donna non separata?
    e voi cosa pensereste

    ciao

  • Lilly, 11 Ottobre 2022 @ 00:29 Rispondi

    @elleelle fai la cena e poi datti ancora qualche possibilità. La prima uscita dice tutto e niente secondo me…io mi sono data la regola delle tre uscite. Se in tre uscite non mi prende, ciao. In fondo la prima uscita può fuorviare. Perciò mi lascio sempre altre due uscite per valutare. Ahimè per ora nessuno è arrivato alla 4 uscita. In bocca al lupo!

  • Lia, 10 Ottobre 2022 @ 23:49 Rispondi

    @elleelle, perché giungi a queste conclusioni? Non è detto che lui ti stia scegliendo come chiodo.
    Detto ciò, mica sei innamorata! Si tratta di una cena. Può essere che ti annoi, non piaccia lui a te. Se dovesse piacerti, ti porrai il problema!
    E poi un chiodo se è un chiodo lo si capisce solo dopo.
    Le relazioni iniziano per mille motivi e mille circostante.
    Cosa, poi, diventino le persone coinvolte e quale ruolo rivestano nella vita dell’altro, non si può sapere da subito.
    Il deluso mi ha deluso. Ha queste amiche con cui è in contatto quotidiano che non mi quadrano. Il problema di fondo è, però, che non ne sono innamorata.

  • Leilei, 10 Ottobre 2022 @ 23:02 Rispondi

    No però, Ale non è giusto definirlo “sola” perché sta cercando un chiodo, quando qui tante volte si è parlato di cercare un chiodo per superare la crisi post amante.
    Almeno è stato onesto, dichiarando quello che cercava.

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2022 @ 08:41 Rispondi

      Intendevo il chiodo

  • elleelle, 10 Ottobre 2022 @ 20:12 Rispondi

    @ragazze
    Grazie per tutti i vostri consigli!
    Leilei, sicuramente non è una situazione che si può gestire senza ripercussioni. Prima o poi la voglia di uscire, di conoscere, di fare torna fuori.
    È anche facile correre troppo velocemente con la testa, in ogni senso. E per questo maledico i social che rendono tutto troppo semplice, anche le cose che a regola avrebbero bisogno di delicatezza e confidenza.
    Però sono intenzionata a seguire i consigli che mi avete dato e a uscire per passare una serata gradevole. Se non lo sarà, come dice @Dispersa, girerò i tacchi. Saremo a poca distanza da casa mia, è il mio territorio, per fortuna!

  • elleelle, 10 Ottobre 2022 @ 19:42 Rispondi

    @Ale
    Non sono così, è talmente evidente che farei una figuraccia subito.
    E poi credo che qui da me non si trovino nemmeno quelle cose, non fanno parte della dieta tradizionale, al massimo il pesce gatto 😀 😀

  • luciana, 10 Ottobre 2022 @ 19:22 Rispondi

    @angelina, a cosa dovrebbe lasciarsi andare, @Elleelle? lei e’ gia’ delusa da questa persona prima ancora che la cena avvenga. Magari ci va lo stesso alla cena, ma forse il suo stato d’animo non sara’ leggero. Cosi ho capito io.

  • elleelle, 10 Ottobre 2022 @ 18:52 Rispondi

    @ragazze
    La cena sarà un po’ più avanti, se le cose non precipiteranno prima.
    Però sono d’accordo, bisogna vivere e comunque è una cena, non un matrimonio a scatola chiusa. Adesso che conosco la situazione, mi saprò comportare di conseguenza.

    • alessandro pellizzari, 10 Ottobre 2022 @ 19:11 Rispondi

      Ordina l’aragosta e champagne e vedi come reagisce (rido)

  • Dispersa, 10 Ottobre 2022 @ 18:20 Rispondi

    @Elleelle dipende che chiodo.
    Ci sta che una persona che si è appena separata non voglia subito buttarsi in una relazione, magari è solo questione di tempo e di conoscersi meglio (c’è sempre un tempo divino).
    Poi se senti puzza di bruciato… Gira i tacchi e amici come prima!!

  • Dispersa, 10 Ottobre 2022 @ 18:17 Rispondi

    @Ads mi hai fatto morire dal ridere con il tuo manuale…
    @Martina credo che non ci sia nulla di così complicato, come nella maggior parte dei rapporti si arriva a dare per scontato tutto (forse colpa della società in cui viviamo) ma è così.
    Io quando ho iniziato a guardarmi attorno non me ne sono nemmeno resa conto, tutto sommato la mia vita girava serena e tranquilla (forse un po’ troppo).
    Pensavo di fermarmi in tempo, invece il tutto dopo è degenerato.
    Non giustifico, perché se il mio compagno lo avesse fatto a me non so come avrei potuto reagire, ma purtroppo i rapporti umani a volte sono talmente complicati che dopo tutto quello che ho passato non me la sento di condannare nessuno.

  • Lolly, 10 Ottobre 2022 @ 15:44 Rispondi

    Esattamente@ Martita…dopo 20 anni di matrimonio aver scoperto un amantato di lunga data del mio ex marito, voleva dire solo una cosa: lei le piaceva più di me, punto. Ma…ed io direi ma…come amante. Io gli chiesi perché non se ne fosse andato, lui mi rispose che entrambi avevano figli piccoli, e che ritrovarsi nel quotidiano non conveniva ad entrambi. Traduzione per chi scema non è: sono stato incastrato una volta nel copione” la famiglia e vissero tutti felici e contenti “…e adesso non ci casco più!!..prendo solo quello che mi interessa, e lascio le cose così come sono, tanto, non volano coltelli, mia moglie è la mia migliore amica e mi godo i ragazzi, villa al mare, le vacanza ed i barbecue con gli amici. Se il mondo, grossomodo funziona così un motivo ci sarà, se non sei sicuro…resti dove sei e ti organizzi a vivere una favola ( perché cosi è)…fino a quando è possibile..

  • Leilei, 10 Ottobre 2022 @ 13:24 Rispondi

    Elleelle, forse come dice Ale la vita dei separati in casa non può durare per sempre e magari cominci a soffrire di questa situazione.

  • Ads, 10 Ottobre 2022 @ 10:37 Rispondi

    @martita mi sembra ,parli come leggessi un manuale tra la bibbia ed un manuale di psicologia,
    ancora con queste etichette,..colpa mia, colpa tua,è vero che le donne hanno un mappatura interiore piu approfondita in quanto piu introspettive..
    vuoi dare delle spiegazioni razionali, ma spesso non c’ è ne sono tante,
    questo succede in tutti gli ambiti,
    i siti di dating sono pieni di donne che non sono tutte separate, eppure ci sono,
    i social pieni di fote con filtri , filtrini in cui si vuole apparire diversi da come si è..e non parlo di ragazzine under 18.
    di comportamenti stonati dicamo cosi, ce ne sono tanti,
    molti uomini sai perche ‘ restano a casa, perche ‘ non hanno un inferno,al molte coniugi basta la presenza,hanno gia’ i figli che riempono la giornata,è un fatto di comodita si..
    è una cosa fisiologica..se tu puoi dormire per terra o sul divano cosa scegli.
    spesso qui si parla del salto..ma il salto per molti uomini significa solo peggiorare la propria situazione,
    per avere circa le stesse cose,..c’è questa narrazione che spesso viene alimentata,
    io stupide non ne vedo

  • Angelina, 10 Ottobre 2022 @ 09:18 Rispondi

    @Elleelle l’hai già fatta la cena?
    Capisco la tua paura ma provaci…è una cena,nulla di impegnativo…a volte abbiamo anche bisogno di aprirci un po’ e lasciarci andare…un abbraccio!

  • elleelle, 10 Ottobre 2022 @ 08:58 Rispondi

    @ragazze
    Fatemi sfogare. Ho pensato a quello che mi ha detto il tipo ieri sera e praticamente dovrei fare il chiodo.
    Con tutto quello che ho passato, senza avere mai usato nessuno per saltarci fuori, dovrei fare da chiodo a un’altra persona. Selezionata perché sono interessante, ho un bel sorriso e gli occhi espressivi. Non guasta che io sia lontana, immagino.
    Una specie di love bombing per una settimana e poi mi racconta gli ultimi mesi alla fine dei quali si è trovato col culo per terra.
    E qui dovrei subentrare io, lo strumento della situazione. La cogliona da portare a cena, sperando che finisca tra le lenzuola.
    Magari lui non ha neanche queste intenzioni, è possibile che io gli piaccia davvero, in fondo non sono né brutta né scema.
    Però questo è quello che prova chi sta dall’altra parte. Come potenziale chiodo, mi sento svuotata prima ancora che sia cominciata e non ho neanche la voglia di dirgli che forse è meglio che a cena ci vada da solo.
    Che mondo di relazioni completamente malsano che abbiamo creato…

    • alessandro pellizzari, 10 Ottobre 2022 @ 17:09 Rispondi

      Un bell’uomo “sola”

  • Roberto, 9 Ottobre 2022 @ 23:02 Rispondi

    Perdonami @Martita, un uomo o una donna che finiscono in un amantato lo possono fare per tante ragioni. Motivazioni che certamente non devono essere scaricati sul compagno nel senso di “colpa”. Ovvio. Come ho già detto in un altro post, ci manca pure che dopo aver tradito il coniuge si finisca per dire “è colpa tua”. Però il “motivo” è da ricercarsi nel matrimonio che non funziona. E di conseguenza anche il coniuge è parte in causa. Poi nulla giustifica l’atto. Sia chiaro. Stiamo ovviamente parlando di lana caprina.

  • Roberto, 9 Ottobre 2022 @ 22:51 Rispondi

    Concordo @Martita. L’amante è sempre qualcosa di provvisorio. Almeno per me. O entrambi fanno il salto, se no tenere il piede in due staffe è assolutamente complicato e moralmente sbagliato verso il coniuge. Anche se poi onestamente non so quanto la durata del reato incida sulla gravitá. Una volta che si è fatto quel passo, per qualsiasi motivo sia, non si torna indietro. Resta il fatto che se qualcuno riesce a trovare un suo equilibrio mandando avanti due storie senza che il rapporto matrimoniale ne soffra, buon per lui. Rispetto assoluto per ogni tipo di scelta come @Cri28 o @Leilei che con coraggio hanno sempre dichiarato questo. Non credo che l’amantato sia un passaggio obbligato, però come dice @Ale l’alto numero di coppie clandestine dimostra che è un comportamento socialmente accettato. Il vero problema è che spesso non risolve i problemi. Anzi, li aggrava.

  • elleelle, 9 Ottobre 2022 @ 22:33 Rispondi

    @Lia
    Non devi fare di questa relazione una croce. Fa male perché lui è un cretino che si è comportato come tale, ma nel momento in cui sai che è un cretino, smetti di starci male perché è una cosa che non ha niente a che vedere con te.
    Anzi, lui ti ha dimostrato per l’ennesima volta che è un cretino, per cui tu ci devi mettere sopra una tale colata di cemento che neanche il sarcofago che hanno costruito sopra alla centrale di Chernobyl.
    Porta chiusa a tripla mandata, tutto bloccato, ti dovesse capitare di incontrarlo gli dici no grazie, giri i tacchi e te ne vai.
    Ma piuttosto, perché hai rotto con il deluso?

  • elleelle, 9 Ottobre 2022 @ 22:18 Rispondi

    @Ariel
    Grazie!
    Ho parlato con lui prima e mi ha raccontato tante cose. Per privacy non posso entrare in dettaglio ma credo che per lui sarei una scialuppa di salvataggio in un mare in burrasca. Purtroppo io non posso salvare nessuno…
    Se non altro è stato onestissimo a raccontarmi cos’è successo, questo l’ho apprezzato molto.
    Andremo a cena ma credo che ci sarà da mettere una pietra sopra subito, penso lo sappia anche lui.

  • Cri28, 9 Ottobre 2022 @ 21:17 Rispondi

    Matita, io penso che tu confonda lo spiegare con il giustificare.
    Se vuoi capire il tradimento, devi accettare che le persone ti spieghino cosa è venuto a loro mancare nella coppia e cosa cercavano.
    Poi tu, come tanti, potrai ritenere ingiustificabile la scelta in ogni caso, ma la spiegazione esiste sempre.
    Una moglie o un marito traditi, se ritengono ingiustificabile il tradimento e non vogliono tentare di ricostruire il rapporto, non hanno ragioni per chiedere spiegazioni. Tutti possiamo separarci e andare avanti, se vogliamo.
    Se invece si vuole tentare di restare insieme, bisogna ascoltare l’altro senza sentirsi sotto accusa, ma cercando soluzioni.

  • Rinascita, 9 Ottobre 2022 @ 21:02 Rispondi

    Martita io sinceramente non comprendo dove tu intenda andare a parare. Un matrimonio finito resta finito a prescindere dall’arrivo di un amante. Se non si ama più il coniuge non lo si sarebbe amato comunque. Le due cose non sono legate, non c’è nessuna equazione. Un matrimonio entra in crisi per motivazioni sue ed in un cuore libero può trovare spazio un’altra persona. Così come un coniuge tradito non deve essere responsabilizzato del tradimento (ci mancherebbe altro) allo stesso tempo non deve essere deresponsabilizzato del suo contributo alla fine della coppia. Giusto per capire e se vorrai rispondere: sei un’amante pentita? Tu nella tua storia, qualunque essa sia, come ti sei orientata rispetto a quanto scrivi?

    Lia un abbraccio forte!

  • Viovio, 9 Ottobre 2022 @ 21:00 Rispondi

    @Elle
    Aggiornaci sulla cena!! Secondo me andrà bene e poi avrai la possibilità di metterti alla prova dopo la terribile esperienza con il tuo ex.
    @Lia
    Mi spiace molto tu abbia avuto nuovamente a che fare con quell’uomo, quando si subiscono certe prese per il culo la cosa migliore è chiudere completamente i ponti.
    Già è difficile superare certe “esperienze”, se dobbiamo pure averli attaccati al culo perché fingono amicizia non se ne esce più. Anche il mio ex ogni tanto fa capolino ma trova una porta blindata e ti dirò di più, da quando ho tagliato i ponti anche con la sua famiglia mi sento molto più tranquilla.
    Certe persone non meritano nulla, vanno cancellate.
    Un abbraccio cara @Lia

  • Martita, 9 Ottobre 2022 @ 16:40 Rispondi

    Pensa se scoprissi, dopo vent’anni di matrimonio, che tua moglie ti tradisce da anni e invece di dirti : guarda, mi piaceva piu’ di te (punto), ti dicesse..”eh sai, con te non Ho mai avuto dialogo e in una coppia il dialogo e’ importante”.. trasferendo completamente su di te la responsabilita’ del tradimento. Non la sfanculeresti all’istante?

    • alessandro pellizzari, 9 Ottobre 2022 @ 19:06 Rispondi

      Certo, perché sarebbe una scusa palese, come quello che dice all’amante sono separato in casa e poi dà i bacetti alla moglie e la chiama amore e fa la sveltina della domenica. Diverso la coppia che è diventata conflittuale perché lui è diventato arido e menefreghista, litigi e tentativi di spiegazioni sono caduti nel vuoto e lei dopo un anno due anni di vita così incontra un uomo che la tratta come una regina. Ci sono tante coppie che davvero sono diventate degli zombie e non si separano per interessi o solo perché chissà cosa dirà la gente: lì il tradimento è praticamente inevitabile. Esattamente come quando una donna o un uomo non ti toccano a letto per più di sei mesi un anno. Siamo realisti, i predicatori della fedeltà a tutti i costi lasciano il tempo che trovano e, di solito, sono i primi ad avere l’amante

  • Martita, 9 Ottobre 2022 @ 15:49 Rispondi

    Di una nuova compagna, non di un’amante. Che colpa ne ha la moglie in questo caso? Come può’ cambiate rispetto alla sua natura? Quindi anche in questo caso il tradimento è un passaggio obbligato perche’ e’ colpa del coniuge che ti ha privato del dialogo anche se gliene hai parlato? Tradisci perche’ incontri una persona che ti piace. Magari l’amante dialoga benissimo, ma non ha gli aspetti positivi che continui a vedere in tua moglie. Quindi le tieni entrambe. Vogliamo continuare a dire che non sia un atteggiamento sbagliato quello di utilizzare due persone per il proprio star bene?E Vale sia per maschi che per femmine.

    • alessandro pellizzari, 9 Ottobre 2022 @ 18:55 Rispondi

      Che colpa ne ha la moglie in questo caso? Come può’ cambiate rispetto alla sua natura?

      La natura non c’entra nulla: le coppie cambiano insieme, nel bene e nel male. Non a caso i fallimenti matrimoniali sono spesso un concorso di colpa. Poi il tradimento non è la risposta giusta? Posso essere d’accordo, ma ci passa almeno il 50% della popolazione e solo dopo si separa. Ci sarà un perché e comunque è un comportamento sociale, e un giornalista non può non tenerne conto. Men che meno se fa anche il counselor

  • Lia, 9 Ottobre 2022 @ 14:00 Rispondi

    @elleelle, adesso ho in testa un quadro che è un pó diverso dal tuo ma non cambia nella sostanza.
    Ho diversi elementi nella mia rilettura della storia e in quello che ho capito dopo che mi portano a pensare questo.
    Lui è un tipo parecchio logico, anche se nasconde una parte istintiva molto forte che ho visto emergere soprattutto nella sessualità.
    Un elemento fondamentale è che agisce per obiettivi e sfide, altrimenti perde interesse.
    Mi ha scelta perché carina, istintiva, con un lavoro dagli orari flessibili e in difficoltà con il mio compagno.
    La prima sfida è stata la conquista. Vinta.
    Dopo 3 mesi in cui aveva già dichiarato di essersi innamorato, entra in crisi e mi arriva una mail in cui esprime la sua ansia nel dover gestire il nostro rapporto.
    Io, che già ero cotta di lui, casco dal pero e chiudo.
    Questa crisi, scadenza classica dei tre mesi, avrebbe già dovuto dirmi tutto, ma certe cose non le sapevo ancora.
    Seconda sfida, la mia riconquista. Vinta.
    Io entro in crisi conclamata col mio compagno e decido di chiudere.
    Terza sfida, tenermi lì senza uscire di casa. Vinta per un pó.
    Si stufa ma parte la quarta sfida. Avere due amanti. Una assidua, da far innamorare e bla bla(vedi sfida uno) e un ‘altra ormai consolidata a cui non ha più bisogno di dedicare tempo per tenerla lì.
    La mia storia, i suoi atteggiamenti di cui non scrivo i dettagli, si spiega tutta in questo scenario.
    Ci ho messo due anni ma ho capito.
    È davvero dura dover ammettere di aver rivoluzionato la mia vita per uno così.
    Forse la mia spinta a volerlo redimerlo, a non voler accettare, sta nel fatto che fa molto male…

  • Ariel, 9 Ottobre 2022 @ 13:10 Rispondi

    @Lia Cara questo tuo riaprire accesso a ex non angustiarti più ,Okkei resta normale ricaderci e per riuscire a non caderci MAI PIÙ
    Nella comunicazione guarda la esperienza negativa appena fatta questa del presente che possa far nascere in te come una ulteriore conferma del tuo vissuto davvero pieno di vero schema manipolatore negativo.

    Ti incoraggio a non colpevolizzarti per la caduta nella rete del SOLITO SCHEMA TOSSICO DEL RIPESCAGGIO DELLA PREDA!

    Vai avanti posa la tua pietra su intera esperienza ,se tu spontaneo ti venisse potresti dedicarti il tempo del effettuare una azione concreta al posare la pietra su tutto il passato compresa questa ricaduta che sta già nel passato.

    Cercati una pietra dedicaci pure un viaggio per trovare la pietra che più sentì adatta ad essere posata nel luogo che tu sceglierai essere quello adatto a compiere questa azione .

    Posare la pietra sul passato è un gesto fattivo che ci da veramente la buona sensazione di aver davvero chiuso col passato e di essere pronte a guardare avanti grandi delle proprie esperienze tutte che ci lasciano dei doni come messaggi importanti per la propria evoluzione personale

    Io lo feci diverse volte nella mia vita
    Così nel mondo ci sono anche le mie pietre posate con garbo e dolcezza rivolta verso me stessa .
    Sei una Donna piena dei tuoi talenti della tua bellezza pronta ormai

    A posare la tua pietra!

    Un Abbraccione !

  • Ariel, 9 Ottobre 2022 @ 12:56 Rispondi

    @elleelle
    La penso come @Viovio
    E ma ti comprendo molto ,perché come già sfissi qui molto tempo fa la mia prima relazione dopo la terapia a stecca dopo aver vissuto la realtà tossica del schema scoperta in me che era venuto fuori il comportamento da dipendente affettiva verso il Borderline super tossica manipolatore negativo

    Ovviamente quando incontrai per caso ,perché sto antica e non cerco nessun on Line vivo in mezzo alla gente e faccio cose e chiaro che non mi ero isolata e il fatto di vivere in posto grande e cosmopolita e di mentalità avanti verso donne e uomo agevolato il mio incontro casuale

    Primo uomo stavo con molta attrazione fisica e poi anche mentale ,ma mi rendevo conto che lo mettevo continuamente sotto esame !
    Infatti quando mi disse sono divorziato gli chiesi di farmi vedere la sentenza definitiva e pure la sua pièce identità !
    Lui mi diede fiducia e non esito affatto a mostrarmi tutto già da stesso giorno in cui glielo chiesi .
    Butto la cosa sul humor e così mi lascia andare a provare a dare me stessa pure in modo completo .una vera relazione.

    Tre l’altro era il primo Covid così fummo «  costretti » se volevamo vederi a convivere così lo invitai a casa mia che sta piccola
    Eh adesso che scrivo e ricordo il problema che mi faceva ridere molto è che mi occupava il bagno per ore ! Ah ah a tanto che io nel attesa scrivevo qui i miei commenti ah ah ahahah

    Già quello fu il primo segnale che non stava nascendo un vero sentimento di amore ah ah

    Insomma però la fiducia nella persona seria si !
    Così appena liberate le leggi del Covid uno ,ci lasciammo veramente come ottimi amici che non si frequenta no più ma bene di comune accordo non volevamo questo amici più sesso ma restavamo antichi con bisogno che si creasse il sentimento.

    Questo per dirti elleelle che ovviamente prima di davvero relazionare nel senso completo del termine con quel uomo nuovo che lo chiamavo qui sul blog uomonuovo feci o insieme diverse cene pranzi merende e uscite a solo scopo del partager la vie
    Anche cinema teatro e le cose che più ci piacevano fino a quando usci il Covid e tutto si fermò

    Quindi respira cara @Elleelle GODITI IL PRANZO LA CENA LA PASSEGGIATA

    CARPE DIEM!!!!!

    mi sentivo e vero come quando si impara a camminare per la prima volta e allora mio Padre lo ricordo come fosse adesso mi mise una mano sulla spalla e con delicatezza sciolse la sua mano dalla mia e con un aperto caldo sorriso e voce calda piena di amore paterno mi disse
    Il mio nome , »e vai da sola che ti guardo sempre da qui! »

  • elleelle, 9 Ottobre 2022 @ 09:18 Rispondi

    @Vio
    Anche mio papà dice così, chissà se siete della stessa regione… 🙂
    Mi ha detto che è separato. Già questo mi toglie un peso, perché andrò a cena comunque più tranquilla.

    @Lia
    Concordo con Ale, a certe persone non serve dare un’altra opportunità perché non cambiano quello che si è rotto dentro di noi.
    Bisogna farsi i conti in tasca a volte: a te cosa verrebbe in tasca da un’amicizia con lui? È una persona che stimi e che vorresti avere nella tua vita?
    Secondo me no.
    Ti muove quello che muove tutte e cioè il desiderio di redimerlo, come se la loro stronzaggine si riflettesse male su di noi.
    Però il nostro valore non dipende da loro, non valiamo meno perché loro sono così e ci hanno scelto per essere così più facilmente. Hanno semplicemente visto delle brave persone. Si servono degli altri per sentirsi bravi loro, immagina la tristezza.
    E te lo dico perché il mio primo narcisista a un amico comune aveva detto proprio questo di me: “Ho scelto lei perché è una persona in gamba e io volevo sentirmi migliore”.

  • Roberto, 9 Ottobre 2022 @ 09:13 Rispondi

    @Martita, nel mio caso il sesso c’entra poco. Non perché a casa facevo faville, ma semplicemente perché la mia amante era a 90 km da me. Che non sono tantissimi, ma ti impediscono di avere tempo a disposizione, visto che già lo impiegavi per andare avanti ed indietro. Per dirti se lo facevamo una volta al mese era buono. Ma ci possono essere mille motivi per tradire. Nel mio caso è stata la mancanza di dialogo. Il parlare di tutto mi è mancato sempre tanto. Mia moglie è una bravissima donna, madre e anche moglie sotto molti aspetti. Ma è una persona chiusa. Forse anche per colpa mia sia chiaro. E questo alla fine si è fatto sentire dentro di me. Ma ormai è accaduto. E indietro non si torna.

    • alessandro pellizzari, 9 Ottobre 2022 @ 12:09 Rispondi

      Anche la solitudine del non dialogo prolungato porta al bisogno di una nuova compagna

  • Lia, 9 Ottobre 2022 @ 00:06 Rispondi

    @elleelle, goditi una cena in tranquillità e prendila solo come un’occasione per trascorrere una serata diversa dal solito. Come va va.
    A proposito di danni da ex, io ho due novità.
    Ho chiuso con il deluso.
    È ricomparso il mio ex sposato, con una proposta di amicizia, con atteggiamento umile.
    Non mi ha fatto alcun effetto e ci ho parlato.
    Alla mia domanda sul perché si fosse comportato così male mi ha risposto che voleva non illudermi e che non è affatto vero che è stato o sta con altre. L’ho sbloccato.
    Ovviamente la fiducia non c’è più e controllando i suoi accessi ho avuto la conferma che c’è un’altra. È proprio un seriale. L’ho ribloccato.
    Non riesco a descrivervi la tristezza che ho dentro in questo periodo.
    Questa storia non me la toglierò mai di dosso.
    Anni della mia vita buttati nel cesso.
    Che stupida, che stupida, che stupida…

    • alessandro pellizzari, 9 Ottobre 2022 @ 09:00 Rispondi

      Fare malissimo a rifare chance a questi sulla base di finti pentimenti o promesse di amicizie impossibili. O arrivano fuori casa e con ke carte o no contact

  • Martita, 8 Ottobre 2022 @ 19:43 Rispondi

    Roberto, ho detto subito che un matrimonio in crisi puo’ essere colpa di entrambi e spesso li è. Cosi come se cerchi qualcosa fuori significa che ti serve altro . Puoi avere anche una moglie meravigliosa ma questo non cambia che ci si possa sentire insoddisfatti per mille motivi. Ma la scelta deI tradimento no, non è colpa di entrambi, ma solo di chi decide di tradire. Boh. A me sembra davvero cosi evidente. Tu sei l’unico che abbia letto fino ad ora ad averlo ammesso. Della serie che non te la racconti.
    Poi uno puo’ dire “ ho tradito perche ho
    bisogno del sesso che il coniuge non mi da..” ma anche qui…. Il sesso il coniuge non lo da per fare un dispetto.. se ne parla : “ho bisogno di sesso, tu no, che si fa? Vedo altri? Ti spiace?
    Invece si cela. Se la colpa e’ dell’altro..perche’ celare? Bisognerebbe sbandierare , non celare , se non si è nel torto ma nella ragione

    • alessandro pellizzari, 9 Ottobre 2022 @ 08:59 Rispondi

      Nella maggior parte dei matrimoni dove si fa poco sesso o niente se me è parlato ma non è successo niente. Il coniuge svogliato dice si è poi non fa, non cerca. Alla fine uno cerca fuori è inevitabile di fronte alla consapevole inerzia. A furia di oggi no passano i mesi, gli anni

  • Sylvia, 8 Ottobre 2022 @ 18:50 Rispondi

    elleelle, 7 Ottobre 2022 @ 18:39Rispondi
    @Cri28
    In tutta onestà – e vale per chiunque, non solo per te – se sai che l’amore è finito ma che non lascerai mai il coniuge, puoi scegliere di non avere una relazione di amantato. Puoi sempre fermarti in tempo e dire no. Che le decisioni non siano in nostro potere è solo un paravento.

    Ma Ellelle se tutti ragionassero così le storie extra non esisterebbero! Scusa ma tu che hai avuto una storia extra è ovvio che non ti sei fermata in tempo. Oggi la pensi diversamente, forse, ma se hai avuto in amante è perché non hai rinunciato, come tutti noi che abbiamo tradito, a ciò che in quel momento pensavi ti facesse stare bene.

    L’ideale sarebbe che tutti fossero onesti cin se stessi e con gli altri, sta di fatto che se siamo qui è perché non siamo riusciti a nn metterci in un ginepraio. E abbiamo scelto.

  • Viovio, 8 Ottobre 2022 @ 15:03 Rispondi

    @Elle
    Dalle mie parti si dice calma e gesso!!! 😉
    Alla fine è solo una cena, entra in questa ottica 🙂 ti siedi, mangiate qualcosa chiacchierando e se non ti senti a tuo agio potrai andartene in qualsiasi momento.
    Magari sarà una buona occasione per trascorrere una serata in modo diverso, sono sicura che supererai questa impasse.
    Ti penserò!!

  • elleelle, 8 Ottobre 2022 @ 14:48 Rispondi

    Grazie @Rinascita,
    Faccio anche io così di solito. Stavolta sono davvero un po’ ammaccata, sono stata male anche ieri sera ma oggi ho ricominciato a darmi da fare.
    Quando penso alla cena con il tipo mi assale l’angoscia e mi viene da piangere. Che danno enorme che ha fatto il mio ex, me ne rendo conto da queste cose, dalla mia totale mancanza di fiducia di potermi trovare davanti una brava persona.
    Più tardi vedrò un’amica che è messa peggio di me, praticamente il cieco che aiuta lo zoppo ad attraversare. Va così…

  • Cri28, 8 Ottobre 2022 @ 14:13 Rispondi

    Elleelle, certo, è una scelta. Non è una scelta solo ciò che si prova, ma lo è visa farne. Ma non mi sento di condannarla, come fanno molti, perché credo sia umano non riuscire sempre a portare avanti relazioni semplici e lineari. E credimi che l’ho pensata così anche dall’altro lato.
    Ed è una scelta che rifarei. Per me non è uno sbaglio, spero di non definire mai così il rapporto che vivo.
    Poi certo andare avanti in parallelo è discutibile, lo capisco, ma io so il mio contesto e sono giunta a essere in pace.

  • elleelle, 8 Ottobre 2022 @ 14:01 Rispondi

    @Rinascita
    Lasciatelo dire da una che di caxxate ne ha fatte in abbondanza: anche per far nascere un sentimento ci devi mettere qualcosa di tuo. Se cominci a ricamare con la fantasia sul compagno di studi, sul collega di ufficio o sul marito di un’amica e lui ci prova, ci finirai assieme. Dentro di noi troveremo sempre un motivo per spiegare le nostre azioni.
    Ma in realtà c’è anche chi non ci casca e quindi non vale per tutti. Evidentemente c’è chi ha maggiore autocontrollo o una maggiore struttura personale e riesce a tenere i ruoli ben definiti. Sei un collega, resti un collega.
    Tutto quello che dici è verissimo, sono tutte cose che succedono ma c’è sempre il modo di stroncare una relazione sul nascere. Se non lo facciamo, è perché non vogliamo per qualsiasi motivo che ci fa comodo in quel momento.
    Lo sto vedendo in me con il tipo della cena e credimi che sarebbe stato evitabilissimo. Mi ha beccato in un momento in cui ero più simpatica del solito e quando mi ha invitato ho detto di sì. Sono una cretina, tutto qui e sto già sclerando.

  • Rinascita, 8 Ottobre 2022 @ 13:51 Rispondi

    Spero proprio di conoscere anche te ElleElle e presto. Come te, nella classifica di mio marito, dopo mia figlia, o forse pari podio c’è la famiglia di origine, ricompresi i lontani cugini. Ora ci rido, ma ho capito nel tempo che solo i legami di sangue per lui avessero dignità. Ho provato a parlare ed a protestare, poi alla fine ho capito che la mia era una lotta impari. È una brava persona ma è fatta così. Certo ci ho messo anche del mio a fare saltare il banco. Tipo reazione a catena. Sarà per questo che non ho mai avuto un senso di colpa per la mia storia extra, ne prima ne’ adesso. MAI! ElleElle io somatizzo molto la sofferenza interiore, quando però vado giù giù trovo la forza prendendomi cura di me. Trova uno spazio per te, non farti fagocitare dal senso del dovere e dai bisogni degli altri. Autorizzati tu per prima e lo percepira’ anche tutto l’entourage. Un abbraccio forte!

  • Rinascita, 8 Ottobre 2022 @ 12:00 Rispondi

    ElleElle se la mettiamo sul razionale hai ragione tu. Però, purtroppo o per fortuna i sentimenti non vanno d’accordo con la razionalità. Ed è vero che siamo noi a scegliere ma non solo con il cervello, c’è anche la parte emotiva, ci sono gli istinti, c’è l’anelito innato alla felicità che non si possono o riescono a soffocare sempre. Il via ad un’innamoramento od ad un’interesse non parte sempre da un invito a cena da chi conosco poco ed al quale è più facile dire di no. Spesso l’attrazione nasce da frequentazioni che non hanno secondi fini e quando te ne rendi conto, è già troppo tardi per valutare si, no, questo non si fa. Se si è
    sposati, tutto questo può succedere solo se il matrimonio è già traballante. A distanza di mesi da quando ho chiuso con il mio ex, ho ricevuto inviti ed avance ma non ce n’è ancora per nessuno. Non ho alzato barriere, magari arrivasse qualcuno che mi suscita interesse ma non capita perché ho testa e cuore da un’altra parte. Fossi stata innamorata di mio marito sarebbe stata la stessa cosa, il mio ex non sarebbe esistito.

    • alessandro pellizzari, 8 Ottobre 2022 @ 12:42 Rispondi

      Quando la razionalità prevale sull’amore non c’era abbastanza amore

  • elleelle, 8 Ottobre 2022 @ 10:43 Rispondi

    @Rinascita
    La mia storia è molto simile alla tua. Dopo tutta la fatica fatta, anche io sono scomparsa, l’ultima ruota del carro dopo figli, lavoro, famiglia di origine. Praticamente la domestica di casa e non sono neppure brava perché non è nelle mie corde fare la casalinga.
    Lo faccio ma in modo distratto, perché in realtà sono fatta per altro.
    E infatti forse sto cominciando a somatizzare tutto. È da settimane che non sto bene e non capisco che cos’ho.
    Come se fosse una forma di apatia strisciante che prende un po’ tutto.
    Guardo me stessa e quello che mi circonda e sono molto perplessa.
    Chissà se ci conosceremo all’incontro di @Ale…

    • alessandro pellizzari, 8 Ottobre 2022 @ 12:40 Rispondi

      Vi aspetto tutte a Milano ai primi di novembre con il mio nuovo libro! Seguiranno annunci e non perdetevi in edicola con Starbene martedì 11 l’intervista che mi hanno fatto dove vi rivelo tutto del nuovo libro!

  • Ariel, 8 Ottobre 2022 @ 10:43 Rispondi

    « In tutta onestà – e vale per chiunque, non solo per te – se sai che l’amore è finito ma che non lascerai mai il coniuge, puoi scegliere di non avere una relazione di amantato. Puoi sempre fermarti in tempo e dire no. Che le decisioni non siano in nostro potere è solo un paravento.« 

    @elleelle

    ESATTAMENTE !
    É cosi importante riuscire ad accettare questa realtà,perché quando ci si sbaglia e sicuro tradire la fiducia é tout court uno sbaglio che si compie quando non si riesce affatto a gestire le proprie emozioni negative che remano contro qualsiasi logico razionale pensiero.
    Così poi si inizia esattamente D accettare di uscire ,ma non soltanto io sono la testimonianza che resta sempre possibile scegliere da inizio se tradire o meno la fiducia del altro chiunque esso sia.

    Io ci ero uscita una volta da sposata in crisi mia con un altro uomo ,ma forse che la mia crisi non era così forte da impedire al mio cervello di darmi lo stop prima di tradire

    Così come già scrissi qui ne parlai a mio marito apertamente che stavo male insoddisfatta e in crisi verso di lui e gli raccontai di queso incontro con altro uomo e che non so come ma ebbi la forza di prima di fare sesso di sentire dentro di me prevalente la voglia spinta ad essere fino in fondo la VERA ME STESSA

    Così il fatto di aprirmi totalmente mosse il vero percorso di cambiamento in entrambi fino a riuscire a trovare nuove vie insperate scoperte di noi stessi e del nostro vero Amore.

    Resto a tutt oggi convinta di essere riuscita a parlargli di tutto prima perché in effetti per mia essenza di nascita resta per me PREVALENTE LA RICERCA DELLA MIA LIBERTÀ come un ossigeno per me indispensabile alla mia stessa vita.

    Ognuno possiede il suo talento prevalente ed originario e sicuro non sono affatto una eccezione
    Nel mio aprirmi prima ho rischiato di tutto di venire messa al angolo di venir abbandonata anche malamaente da mio marito che avrebbe sicuro potuto avere reazioni anche molto negativa per gelosia forte ad esempio ,ma per me fu una questione di Libertà per me stessa per me poter essere e scoprire me stessa resta priorità nella mia vita

    Non quindi scatto in me una questione moralistica o morale ,ma la libertà che amo più di ogni altra cosa in me stessa mi ha come spinto a rispettare la libertà altrui e cioè che mio marito aveva il DIRITTO ALLA VERITÀ PER POTER ESSERE LIBERO A SUA VOLTA DI SCEGLIERE COSA FARE DELLA SUA VITA.

    Sono persuasa a pensare che ognuno abbia in se il talento qualità che può divenire la MOLLA CHE FA SCATTARE OTTIME SCELTE PER SE STESSI. Che in Scienza se ci facciamo caso funzioniamo molto bene per noi stessi quando autostima si esprime in vero equilibrio che tradotto é la Libertà propria di esprimere fino in fondo i veri se stessi senza ma o se senza paura
    Così la libertà la può esercitare anche l’altro e questo crea equilibrio nelle scelte di vita tutte
    A partire dalla relazione affettiva e sociale.

    Saper comunicare fino in fondo equivale al riuscire ad amare se stessi e gli altri
    A riuscire a separarsi ad esempio
    A progettare nuova vita è realizzarla tra amanti che dopo un anno già scoprono se sta reciproco amore NEL FATTO DI FARE DI TUTTO PER FORMARE CONCRETA NUOVA COPPIA

    Tutto ruota dietro al Amore per se stessi in equilibrio verso gli altri
    Che altro non é che

    La Vera concreta Libertà !

    Ognuno può sempre trovare il proprio vero talento nascosto nel proprio passato antico

    Chi cerca trova la vera/o se stessa/o

  • ads, 8 Ottobre 2022 @ 09:37 Rispondi

    @piccola e la @rinascita con la quale ho molti punti in comune, anche se lei scrive piu’ delicato di me, descrivono situazioni normali , di quello che succede, sorrido quando mi dicono che bisogna parlare al coniuge ma di cosa vuoi parlare, guarda @piccola sono abituato a stare solo nella coppia,nessun vittimismo ci mancherebbe, e sorrido quando qualcuna di voi con le sue granitiche certezze pretende di imporre il suo vissuto, non c’è bisogno di fingere, di fare salti mortali,..il partner se ne accorge ad un 1 km..ma dove?
    anche io non mi sono mai sentito in colpa, ecco ho vissuto la relazione al top come un fidanzato,senza contorcimenti quando rientravo, quando rientravo, si c’èra mia moglie come al solito , li, poche domande,
    certo riconosco di avere tanta libertà ma per tanti motivi, un po’ per il mio lavoro, un po perchè mia moglie si è delegata a supervisione della vita dei figli, un po perche lei è cosi, ferma, immobile.

  • Piccola, 7 Ottobre 2022 @ 20:12 Rispondi

    @Ale lui diceva che preferiva non sentirmi perché soffriva a far il confronto tra me e lei, che non aveva voglia di tornare a casa e quando lo faceva diventava rabbioso e distratto. Non sentendomi viveva più sereno. Anch’io da quando non lo sento sono più serena in casa ma l’amore non torna più, puoi apprezzare il coniuge ma non credo si possa tornare ai tempi del pre amante. Questo mi fa sentire infelice. Gli uomini che si raccontano qui non amano essere definiti freddi e calcolatori ma penso che riescano a vivere più sereni di noi donne.

  • Piccola, 7 Ottobre 2022 @ 20:00 Rispondi

    Vero Ale, ho due figli e sono sola a dover organizzare la loro vita. Mio marito lavora, lavora e lavora. Ero innamoratossima di lui, avevamo una intesa perfetta. Poi ha cominciato a trascurarmi, a delegare tutto a me. Ho cominciato a sentirmi sempre più sola. È arrivato lui. Adesso che è finita con il cialtrone sono ritornata ad essere sola. Lavoro, mi occupo di tutto mentre lui è super impegnato. Per questo quando mi sono innamorata di un altro non mi sono Mai sentita in colpa.

  • Roberto, 7 Ottobre 2022 @ 18:45 Rispondi

    Sai @Martita, non credo che in un matrimonio che non funziona la colpa sia solo di uno. Sarebbe troppo facile no? Il tradimento è un comportamento errato che sfocia perché si cerca qualcosa che in casa non si ha più. Ma questo potrebbe valere per entrambi i coniugi. Poi, c’è chi ha meno remore morali e si trova coinvolto in un amantato. Chi invece accetta che le cose vadano avanti senza scossoni ma nemmeno senza fuochi d’artificio. Accetta la routine. Qui entra in gioco la differente situazione caratteriale delle persone. Per quanto riguarda la mia storia tutto è cominciato piano piano. Come credo cominci così per tutti. E come tutti avrei potuto fermarmi. Non l’ho fatto ed ora pago le conseguenze che sono solo mie. Diciamo che ho unito la mia parte di colpa del matrimonio che non girava a quello di aver tradito. Per cui insomma, se dovessi anche scaricare la colpa su mia moglie ….
    un abbraccio Martita

  • elleelle, 7 Ottobre 2022 @ 18:39 Rispondi

    @Cri28
    In tutta onestà – e vale per chiunque, non solo per te – se sai che l’amore è finito ma che non lascerai mai il coniuge, puoi scegliere di non avere una relazione di amantato. Puoi sempre fermarti in tempo e dire no. Che le decisioni non siano in nostro potere è solo un paravento.
    E questo lo applico anche a me. Sono stata invitata fuori a cena da uno dei miei pseudo-spasimanti e ci andrò. Potrei dire di no e fare la donna tutta di un pezzo. Ci vado in amicizia, così ci conosciamo dal vivo, senza alcuna intenzione di fare niente di più di due chiacchiere.
    Ma se ci trovassimo bene e fosse il mio tipo, cosa farei? Dopo un bicchiere di troppo, potrebbe succedere qualcosa di più?
    Capisci che una persona che non vuole rischiare non rischia e sta a casa, anche se il suo matrimonio è finito. Sarebbe assolutamente in mio potere dire di no.

  • Rinascita, 7 Ottobre 2022 @ 18:20 Rispondi

    Lo dico con grande fatica, perché mia figlia sarebbe stata irrinunciabile, però i problemi matrimoniali si sono evidenziati dopo la sua nascita. Io per una questione opposta a quella consueta. Mio marito l’ho scoperto mammo ed io non sono più esistita come moglie. Se poi esamino il pregresso ed i suoi atteggiamenti ante nascita posso però dire che i campanelli di allarme c’erano tutti, prima non li vedevo con limpidezza. Io ho avuto gravi difficoltà a diventare mamma, lui non nascondeva ad esempio che se non fossimo riusciti per lui sarebbe stato un gran problema. Insomma fin da allora, io Rinascita come donna, come compagna, contavo molto poco.

  • ads, 7 Ottobre 2022 @ 16:21 Rispondi

    @si marita è cosi, mia moglie non è cattiva in senso assoluto, sicuramente è immobile, quello si,
    il nostro rapporto è andato bene sino aquando io mi sono mosso verso di lei, quindi si è lei è rimasta immobile.
    la nascita dei figli..scusate se lo dico l’ha fatta arretrare io poi mi sono guardato intorno,
    con il secondo figlio è successo..poi da li china irreversibile.

    • alessandro pellizzari, 7 Ottobre 2022 @ 17:30 Rispondi

      Devo dire che la nascita di un figlio, il primo soprattutto, destabilizza anche la coppia più solida. Fatica, sonno, lui diventa tutto: se questo dura solo qualche mese la coppia riprende bene la sua navigazione, se invece per esempio la partner di trasforma in mamma a tutto tondo e ci rimane per troppo tempo mettendo in secondo piano, soprattutto sessualmente il proprio marito, sono guai. Stessa cosa se lui con la scusa del lavoro non aiuta col bambino e molla tutto il fardello alla moglie. E questo succede a ogni figlio, fatevelo dire da uno che ne ha tre e i maschi con solo 20 mesi di differenza. Ricordo che volevo i gemelli, ma solo perché non sapevo ancora che cosa significava avere l’alieno in casa. Guardo sempre con tristezza e rammarico a quelle coppie in crisi che cercano di sistemare le cose facendo un figlio. Poveri illusi e povero figlio

  • Martita, 7 Ottobre 2022 @ 13:51 Rispondi

    Rispetto alla visione che si ha del coniuge dopo il tradimento, trovo molto affascinante un termine che e’ stato coniato altrove sia da traditori che da traditi. Viene chiamato “mostrizzazione” . Significa cominciare a lavorare in negativo sul coniuge per giustificare in modo piu’ nobile la propria scelta di tradite. Cioe’ il compagno e’ sempre lo stesso, ma ci si concentra sugli aspetti negativi del suo reale. In pratica mostrizzare è uscire dalla realtà concreta dell’altro, denigrandola, per entrare nella propria idealizzazione dell’amante.
    E non ci sara’ mai partita tra il reale e l’ideale, che rappresenta quello che vorremmo l’altro fosse.
    Quando mi e’ capitato di tradire volevo aria fresca, l’altro non centrava nulla..
    Non lo si ama piu’ o semplicemente si cerca di piu’ e lui non ci va piu’ bene..ma non e’ colpa sua e di nessuno (tranne casi rati ed eclatanti).. Mostrizzarlo significa addossare a lui colpe che non ha. Hai smesso di amarlo e vuoi altro. Tu pero’. Punto.
    Roberto mi piace perché’ non da colpe al coniuge. Sua moglie e’ quella di sempre. Lui si e’ preso una scuffia per un ideale (ci sta che lo sia nella forma che ha l’innamoramento)..e per la moglie non c’e’ partita.

    • alessandro pellizzari, 7 Ottobre 2022 @ 14:44 Rispondi

      Quella che chiami mostrizzazione del coniuge è reale e si esplica in varie forme. Dal risvegliarsi al bordo del letto perché non sopporti il suo contatto neanche quando dormi alle accuse pretestuose (lo fanno anche gli amanti per lasciare gli amanti). Di fatto, una persona innamorata di un altro a un certo punto vede il coniuge come l’impedimento alla felicità con l’altro. Ma per le persone più evolute questo è solo un passaggio. Di sicuro chi sputa nel piatto dove mangia sputerà anche in altri.

  • Cri28, 7 Ottobre 2022 @ 13:36 Rispondi

    Elleelle, credo che, nonostante l’impegno, possa accadere di non riuscire a far durare l’amore o, comunque, la coppia o di innamorarsi di una persona pur essendo legati a un’altra. In questo senso i sentimenti non sono nelle nostre mani e per questo non giudico severamente chi lascia o si trova coinvolto in un tradimento.
    Nelle nostre mani ci sono le decisioni su come vivere i sentimenti. E più volte ho detto che concordo nel pensare che sia meglio cercare, ognuno con i propri tempi, di arrivare a una scelta e vivere una sola relazione, cercando di fare una scelta d’amore. Può essere anche restare a casa, ma con una reale volontà di ritrovarsi, di darsi il tempo di riannodare i fili.
    Non sono fan dell’amantato. Semplicemente, non sono assolutista e penso che possano esistere casi particolari in cui può essere una soluzione.

    • alessandro pellizzari, 7 Ottobre 2022 @ 14:41 Rispondi

      I tradimenti accadono e accadono spessissimo senza andare a cercarseli (come fanno i seriali), ma solo perché la finestra del matrimonio verso l’esterno si è socchiusa o aperta per difetti del matrimonio (a furia di mettere polvere sotto il tappeto prima o poi ci inciamperai). Si può discutere sul cosa fare dopo del proprio matrimonio, ma certe cose accadono perché prima o poi dovevano accadere

  • Roberto, 7 Ottobre 2022 @ 11:44 Rispondi

    Beh, mi sembra di aver risposto al bellissimo posto di Maribel normalmente. Anzi. E poi le altre due sanno difendersi anche da sole credo. Cmq siamo in casa tua ed accetto la tua decisione.

  • Angelina, 7 Ottobre 2022 @ 10:45 Rispondi

    @Ads prendere coraggio e separarsi quando le cose sono finite, ma solamente, perché nonostante tutte le difficoltà che verranno dopo, ci si concede una nuova possibilità…la vita è una solamente…vale la pena non provarci?Questo è un mio pensiero eh…io non tornerei mai indietro nella mia vita matrimoniale…avevo più sicurezze per carità ma ora scopro cosa vuol dire amare ed essere amati.
    Ps..Ale mi ha tolto un commento, forse troppo personale non so, comunque ho preparato una maratona…hai intenzione di farla anche tu?

    • alessandro pellizzari, 7 Ottobre 2022 @ 11:25 Rispondi

      Io cammino solo nella mia Venezia

  • Roberto, 7 Ottobre 2022 @ 10:28 Rispondi

    Perdonami @Ale, ho mandato tre post ma nessuno pubblicato. Potrei saperne il motivo? Puoi anche farlo n provdto attraverso la mia mail se vuoi. Perché così diventa difficile dialogare. Ti ringrazio.

    • alessandro pellizzari, 7 Ottobre 2022 @ 10:33 Rispondi

      Troppo duri verso le ragazze, a volte con dettagli della tua privacy

  • elleelle, 6 Ottobre 2022 @ 17:18 Rispondi

    @maribel
    Che cosa verissima che hai scritto!
    “chiediamoci allora come mai una società così tradizionale, cattolica, borghese, ci ha fatti diventare persone così.
    accettiamo tutto, slealtà, casini, sofferenze, patemi d’animo, stati depressivi e tormenti…. ma la separazione no, fa paura, fa tragedia epocale.”
    Concordo con un mio conoscente, anche lui emigrato, che dice che in Italia vige l’adolescenza perenne. Si vede la separazione come una tragedia perché non si è adulti abbastanza da affrontare un grosso cambiamento. Le nostre paure ci frenano e ci impediscono di essere davvero felici. Imbrogliare ci viene meglio, lo dimostriamo anche in altri campi. Tanto bambini e adolescenti fanno sempre qualche disastro, li si perdona.

  • elleelle, 6 Ottobre 2022 @ 17:10 Rispondi

    @Cri28
    Secondo me è l’opposto, i sentimenti sono l’unica cosa che abbiamo tra le nostre mani.
    Non puoi controllare il fallimento dell’azienda per cui lavori, la morte di una persona cara, un incidente stradale, la scoperta di una malattia e tantissime altre cose che sono parte della nostra vita.
    Invece i sentimenti sono tutti tuoi, puoi decidere sempre, anche se magari c’è un’inevitabile sofferenza se una rinuncia è necessaria.

  • Martita, 6 Ottobre 2022 @ 16:53 Rispondi

    Certo Maribel. Infatti ho detto che è umano, succede e puntare il dito e’ da persone che vivono fuori dal mondo.
    Io contesto che ci si racconti che non e’ sbagliato.
    Se fosse cosi non si farebbe di tutto per celarlo. Invece lo si cela eccome,
    Rimane sbagliato anche se te ne accorgi dopo.
    Crea dolore, genera menzogne e non e’ l’unica soluzione possibile. Poi se succede, amen. Capita
    @ariel, scusa ma non ho capito. Rileggero’ poi con piu’ attenzione. Scusa

  • Martita, 6 Ottobre 2022 @ 16:44 Rispondi

    Rinascita, il tuo mi sembra un atteggiamento molto coerente.

  • ads, 6 Ottobre 2022 @ 16:28 Rispondi

    ultima cosa, ma in una coppia dove non c’è un tradimento, ma che non è piu coppia, e ce ne sono parecchie,
    cosa deve fare?..stare insieme perchè vanno a fare la spesa insieme,
    stare insieme per crescere i figli?
    stare insieme per fare l’orto di casa?
    cosa devono fare?
    ad ascoltarvi nel vostro assolutismo si devono lasciare perche nn si amano.

    • alessandro pellizzari, 7 Ottobre 2022 @ 09:39 Rispondi

      Bisognerebbe lasciarsi per avere una nuova vita con qualcun altro e non vivere in un limbo di sentimenti.e la comodità non è amore tutti dovremmo aspirare a essere felici nella vita e come si fa essere felici in una vita grigia con una persona con cui non si condividono più sentimenti e magari neanche il sesso

  • Crocus, 6 Ottobre 2022 @ 14:26 Rispondi

    @Cri28 e continuo a ribadirlo, chi in casa riesce a non far trapelare nulla vuol dire che è un bravo attore. Se riesci a scop*** serenamente con la persona che hai sposato mentre due minuti prima lo hai fatto con un’altra persona mi spiace ma questa per me si chiama finzione. Io appunto avevo smesso di avere rapporti con mio marito perché per me era impensabile (e impassibile). E il mio ex amante stronzo mi faceva credere la stessa cosa. Solo a storia chiusa e grazie a questo blog ho capito che in realtà lui con quella ci andava a letto sempre. È stata una bella botta. Una cosa che non mi ha dato pace per minimo un anno. Quindi io nella mia scorrettezza del tradimento sono comunque stata corretta verso il mio amante. Mentre lui invece ha preso in giro sempre due persone, me e quella che ha sposato. Di quella, visto la miseria che ha combinato, non me ne frega nulla anzi, le sta solo bene. Di me invece me ne frega tanto perché sono quella che ha subìto di più in assoluto.

  • Rinascita, 6 Ottobre 2022 @ 14:21 Rispondi

    Martita mio marito non è pessimo e non lo schifo. Molto più semplicemente non lo amo. Lui lo sa come d’altro canto so che anche lui non mi ama più (diversamente in questa situazione non avrebbe resistito). Abbiamo convenuto che il matrimonio è finito. Non abbiamo rapporti fisici di nessun tipo, neppure affettuosi tra noi. Gestiamo questa fase al meglio nell’interesse della nostra meravigliosa adolescente e per lei siamo collaborativi. Un passo alla volta capiremo come formalizzare la situazione estremamente chiara tra di noi, creando a lei i minori problemi possibili. Rimaniamo genitori, al momento sotto lo stesso tetto, ma non siamo più coppia.

  • Crocus, 6 Ottobre 2022 @ 14:18 Rispondi

    @elleelle bravissima! Ma certo che si percepisce lontano 1km che sei una donna cazzuta, forte e coraggiosa! Non serve manco a dirlo! Spero anche io che le nostre storie possano essere di aiuto a qualcuno. Pure io credo di essere una ragazza forte, certo, con le mie fragilità ma pur sempre forte. E mai mi sarei immaginata di voler togliermi la vita un giorno a causa di quelle due me*** perché non riesco proprio a chiamarle persone. Dai, spero tantissimo di riuscire a conoscerti dal vivo finalmente! ❤️

  • maribel, 6 Ottobre 2022 @ 13:08 Rispondi

    @ADS ho scritto così perchè roberto ha scritto che è tutta questione di CORAGGIO e che bisognerebbe non tradire ma ANDARE VIA subito da casa.
    ovviamente la mia domanda era volutamente provocatoria.
    quanto i suoi post, insomma.

  • ads, 6 Ottobre 2022 @ 13:00 Rispondi

    @maribel..in quanto omuncolo senza coraggio?..perchè ti esprimi cosi..
    cosi per capire.

  • Ariel, 6 Ottobre 2022 @ 11:30 Rispondi

    @CaroAlessandro
    @Martita

    Secondo me ciò che ha scritto tu CaroAlessandro é cosa che non contrasta affatto il commento scritto da @Marita e cioè non sono due pensieri in contrasto ,ma entrambi validissimi e rivolti a due aspetti diversi che riguardano le relazioni affettive tutte perché sei si parla di amanti va da se che significa parlare di coniugi oppure di single che si innamorano di persona già in coppia.

    Ecco che Sicuramente @Martita il ruolo di Amante Donna è solo Donna sicuramente soprattutto in Italia si faceva e si fa ancora la equivalenza di giudizio negativo corrispondente a «  Zoccola » e cioè il maschilismo ancora più che attivo ci attribuisce da secoli a noi donne giudizi negativi in base a nostro comportamento sociale e mi viene da dire in ogni ruolo e cioè le donne sono messse alla gogna sia come mogli frigide
    Nonostante uomo pensi a soddisfare solo se stesso in molti casi in Italia

    Come madre che non scoperebbe abbastanza bene in tenuta da «  zoccola » che però allora in questo caso veniamo viste zoccole ma in senso positivo di COSE DA USARE BENE

    Poi come amante siamo sicuro di nuovo «  zoccole » e cioè da USARSI COME COSE NEL 65/100 dei casi di amantato.

    Okkei questo é realtà è sicuro averne scritto e col blog @CaroAlessandro contribuisce a dare dignità Ma secondo me,@CaroAlessandro ridato dignia alle Donne e non solo alle amanti per ciò che sopra vi ho espresso qui.

    Ciò non toglie che il tuo ragionamento @Martita secondo me sia perfettamente condivisibile nella mi ispira di vendita larga che ovviamente sarebbe sempre meglio potersi aprire prima di tradire la fiducia che si era data e che stava ben salda nell’altro chiunque sia l’altro un marito o moglie un amico amica un collega il portinaio o la portinaia.

    Sicuro non fa na piega il tuo ragionamento @martita ma purtroppo i essere umano no perfetto e così TUTTI SI SBAGLIA mi viene da dire ogni giorno sicuro possiamo fare errori ,ma ciò che più conta ,secondo me, é riusvire a superarli impegnandosi ciascuno verso scoperta delle vere motivazioni che ci portano a sbagliare e per farlo LA SCIENZA RESTA UNICO MODO PER CURARSI RICORRERE A AIUTI TERAPEUTICI CHE CI AIUTANO A FARE DA SOLI IL NOSTRO CAMMINO EVOLUTIVO.

    Ecco come secondo me i vostri pensieri Tuo @CaroAlessandro e il tuo @Martita non sono affatto in contrasto ma semplicemente COMPLEMENTARI.
    Bonjour

  • elleelle, 6 Ottobre 2022 @ 11:27 Rispondi

    @Crocus
    Guarda, io ho scritto più volte che quello che mi è successo mi ha portato all’orlo del suicidio. Ho spiegato più volte il perché, quello che succede con un narcisista, la violenza psicologica (e a volte anche fisica) che si subisce.
    Credo sia evidente ormai che sono una persona abbastanza forte, che non è particolarmente dedita al piangersi addosso e che se dico una cosa così è perché succede davvero.
    Niente, entra da un orecchio ed esce dall’altro.
    A questo punto, chi se ne frega. Qualche povera disgraziata come noi un giorno arriverà qui sul forum, leggerà le nostre storie e vedrà che non è capitato solo a lei. Speriamo che le sia utile.
    Per il resto, continuiamo a sopportare che ciclicamente arrivi qualcuno che fa il troll o che si sia svegliato con zelo da predicatore.
    Farò del mio meglio per venire all’incontro di @Ale, così finalmente ci conosceremo.

  • Cri28, 6 Ottobre 2022 @ 11:00 Rispondi

    Crocus, sei tu che hai detto che se un marito o una moglie non si accorge di nulla è perché l’altro è un grande attore o non parla chiaro. Io ti ho semplicemente risposto che non è così o non sempre.
    Non pensi che anche altri possano soffrire nel sentire questa continua accusa che si tradisce invece di parlare con il coniuge, dopo avere passato anni a spendere parole a vuoto?
    Inoltre, io non ho opinioni negative su chi tradisce. Per me è una cosa normale, che può accadere perché i rapporti sentimentali lunghi sono difficili e ognuno si gestisce come può, non condanno chi tradisce neppure se ha un marito o una moglie perfetti perché i sentimenti non sono sempre nelle nostre mani.

  • maribel, 6 Ottobre 2022 @ 10:51 Rispondi

    @martita
    “Tradire e’ piu’ comodo…e ci si costruisce pure dei begli alibi” … ecc

    infatti, ne prendiamo atto tutti di esserci infilati in un bel casino. peccato che questi ragionamenti si facciano dopo, o quando oramai le cose sono andate oltre e le osservi con distacco perchè sono oramai passate.
    ma il fatto è che succede, succede a tantissimi, chiediamoci allora come mai una società così tradizionale, cattolica, borghese, ci ha fatti diventare persone così.
    accettiamo tutto, slealtà, casini, sofferenze, patemi d’animo, stati depressivi e tormenti…. ma la separazione no, fa paura, fa tragedia epocale.

    siamo combinati così e dobbbiamo lavorarci sodo per venirne fuori. le tue parole sono giuste ma va calato tutto nella realtà, che è molto più incasinata, difficile e contraddittoria di quello che sarebbe senz’altro il modo più semplice e lineare di agire: non tradisci, te ne vai via.

  • elleelle, 6 Ottobre 2022 @ 09:01 Rispondi

    @Leilei
    Ricordo la tua storia e non faccio alcuna fatica a crederci. Siamo in tante messe così, ovvio che prima o poi si crolla. Chi le ha le energie per sobbarcarsi sempre tutto? Non è neanche giusto.
    Io ho fatto tanto per mio marito e per la nostra relazione, ho sacrificato tantissimo e sto ancora sacrificando. L’unica volta che gli ho detto “Adesso tocca a te”, lui non ha fatto niente.
    Cosa vuoi ricostruire, quando ti sono cadute le braccia?

  • Crocus, 6 Ottobre 2022 @ 08:29 Rispondi

    @elleelle anche a me leggere “divertimento” mi ha lasciata senza parole. In un contesto in cui arrivano persone che sono in alto mare, col rischio di perdere la vita pe svariate ragioni, embè arriva Roberto che si diverte. Capisci che alla miseria umana non c’è mai fine? Se una volta pensavo che la pazzoide di moglie del mio ex fosse la persona peggiore dell’universo, ora capisco che è pieno di quelle persone. Cattive, menefreghiste e con una voglia di ferire il prossimo che fa paura. Poveri noi. Povero mondo.

  • maribel, 6 Ottobre 2022 @ 08:29 Rispondi

    @roberto
    “il tradimento è un ERRORE”, “E allora @Ale se non va uno dovrebbe prendere ed andarsene”.

    se certe decisioni fossero così semplici e indolori gli studi di psicologi, di counseling e i blog sarebbero vuoti, non credi? anche questo blog non avrebbe senso di esistere con migliaia di post, perchè la risposta a tutti sarebbe univoca.
    ma ci sono decisioni che ci mostrano tutta la nostra fragilità, le contraddizioni e le incongruenze dell’essere umano, anche di quello meno bastardo e meno cialtrone, nonchè tutte le nostre RIGIDITA’.
    E le cose succedono perchè le persone non sono statiche, non sono le stesse di dieci/vent’anni fa, quando si son sposate piene di belle speranze… poi ci sono le delusioni, le rinunce, la stanchezza, la routine. e poi ci sono anche coniugi che non vedono la realtà, non sono in grado di modificarsi col passare del tempo, sono immaturi o sono egoisti…. quindi i rapporti si logorano, le relazioni si snervano.

    A volte sei disarmante nel tuo essere provocatorio.
    Bisogna quindi supportare i tuoi dolori di innamorato oramai solo e disperato con le sue pene d’amore? o dobbiamo bacchettarti per l’ERRORE che hai fatto e per il fatto che NON te ne sei andato subito via di casa, in quanto omuncolo senza coraggio?
    non ho capito (rido, per sdrammatizzare la faccenda).

  • Crocus, 6 Ottobre 2022 @ 08:25 Rispondi

    @Cri28, sinceramente io non ho raccontato nulla di mio marito se non che se ne è accorto che fossi molto cambiata, tutto il resto lo hai detto tu. I motivi per cui una persona può arrivare a tradire sono infiniti, talvolta puoi semplicemente innamorarti di un’altra persona pur avendo accanto una persona meravigliosa. I discorsi del tipo “bisogna affrontare se stessi ecc” non li voglio sentire, mi spiace, è sempre una ottima scusa per non dare addosso al traditore che, nel 90% dei casi, stando alle statistiche di @Ale e non alle sensazioni di @Crocus, si tratta di persone miserabili (purtroppo nella stragrande maggioranza uomini) che giocano con i sentimenti degli altri. Io sono approdata qui sul blog non per parlare di me stessa o di mio marito ma per raccontare una storia di amantato agghiacciante, forse la peggiore qui sul blog. Ti dico una frase che qui a casa di Ale ho ripetuto varie volte: sono viva per miracolo. Qui a me sinceramente non mi interessava guardare dentro me stessa quando venivo aggredita dalla moglie pazza di quel pezzente. A me questa storia aveva/ha rovinato la vita a 360°. Quindi si deve sempre andare molto piano prima di esporre certi pensieri o dare certi giudizi. Anche perché a me ora le tue parole non hanno fatto né caldo né freddo, un anno fa sarei impazzita. E calcola che di persone che stanno davvero male per queste situazioni ce ne sono a iosa. Molte magari leggono e non scrivono quindi bisognerebbe avere rispetto per il dolore altrui. Per guardare dentro se stessi si va dallo psicologo, qui si viene per aprire bene gli occhi ma soprattutto per cercare conforto in un momento della vita in cui pensi veramente di lasciarci le penne.

  • Martita, 5 Ottobre 2022 @ 22:49 Rispondi

    Rinascita, non sono una moglie tradita.
    Ho subito un tradimento in passato ma anch’io ho tradito e forse piu’ di quanto sono stata tradita. Non demonizzo quindi il tradimento che ritengo umano, ma non lo sdogano. Ormai si sdogana tutto.. assumiamoci le responsabilita’
    E’ sbagliato tradire la fiducia di una persona, Poi può’ capitare che succeda , ma se tuo marito lo schifi non e’ tradimento. Il rapporto e’ gia’ finito. Ma allora esci di casa, raccogli i tuoi maroni e te ne vai.

  • Martita, 5 Ottobre 2022 @ 22:42 Rispondi

    Scusa, non conosco bene la tua storia.
    Se tuo marito e’ cosi pessimo perche invece di tradirlo non lo lasci?

  • Martita, 5 Ottobre 2022 @ 22:37 Rispondi

    Leggo questo ed altri blog. C’e’ chi tradisce perche incontra una persona speciale, chi perche’ non ha il sesso che vorrebbe, chi perche’ e’ soffocato dalla noia.. ma spesso il fattore comune a prescindere dalle motivazioni e’ l incomunicabilità degli attori coinvolti. Si dorme insieme, si condivide il bagno, si sono fatti i figli ma non si parla, per non scoperchiare i vasi di pandora e non modificare lo status quo. Oh ma non e’ solo il tradito che non ascolta.. ma il traditore che nicchia e inventa.
    Tradire e’ piu’ comodo..e ci si costruisce pure dei begli alibi da usare con se e l’amante. Ognuno si costruisce la propria narrazione per non guardare in faccia la realta’ e colpevolizzare qualcun altro e non se stessi . Ma il tradire e’ agito da una persona sola. L’unica responsabile di quell’atto. Poi, entrambi possono essere responsabili della fine di un matrimonio, ma del tradimento solo uno.
    Ti mancano i soldi e hai fame? Puoi rubare o andare al mercato alle cinque di mattina a scaricate le casse di frutta. Hai fame in entrambi i casi ma scegli di agire diversamente per ottenere Lo stesso risultato: sfamarti.

    ’.

    • alessandro pellizzari, 6 Ottobre 2022 @ 10:15 Rispondi

      Chiaro il tuo ragionamento, ma in questo Paese troppo spesso l’amante è stata additata come quella che se l’è cercata e la rovina famiglie. Io mi ribello e rifiuto tutto questo perché il tradimento è solo il termometro che misura la febbre e non la può causare e perché il concorso di colpa fra coniuge è spesso base fondante del tradimento stesso che certo che sì, rimane un atto unilaterale (non sempre) e volontario, ma è lapalissiano.

      Colgo l’occasione per citare il più bel complimento che mi hanno mai fatto le lettrici e che ho inserito nel mio prossimo libro che scoprirete su Starbene l’11 in edicola: Alessandro, tu hai ridato dignità alle amanti

  • elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 22:04 Rispondi

    @Crocus
    Prendi ad esempio questa frase dalla risposta che ti ha dato @Roberto: “vi devo ringraziare, perché siete davvero in questo momento l’unica fonte di divertimento in questo momento della mia vita da dimenticare”.
    Capisci? Divertimento, non aiuto, condivisione o confronto. Come se lui fosse venuto qui in mezzo a questo circo di sfigate per rallegrarsi le giornate.
    E poi è lui che si offende, povero caro.
    E sai cosa c’è? Che a me queste frasi appaiono così piene di disagio che non mi sembrano neanche naturali. Mi sembrano scritte ad arte, per scatenare una reazione in qualsiasi modo.
    Un gioco di questo tipo è davvero strano e non mi sembra particolarmente interessante.

  • Cri28, 5 Ottobre 2022 @ 21:57 Rispondi

    @Crocus, se io avessi avuto un marito è così attento da vedere certi cambiamenti, desideroso di confrontarsi, di stare insieme fisicamente e emotivamente, non avrei avuto motivo di tradirlo. Non è sempre chi tradisce a mettere i muri o a non affrontare la verità.
    Ma, in ogni caso, secondo me è chi tradisce chi deve riflettere e capire cosa fare del matrimonio e cosa lo ha portato a tradire. Prima di affrontare il coniuge, è bene affrontare se stessi.

  • elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 21:53 Rispondi

    @Crocus
    Evidentemente aveva bisogno di prendersela con qualcuno e ha scelto me.
    A me non sembra di aver detto cose particolarmente scandalose o senza senso. Non gli ho di certo rimproverato di aver avuto l’amante. Ho solo spiegato perché per me è controproducente far finta di niente quando si ritorna dalla moglie ma si è in crisi.
    Mi sembra un ragionamento normale, lo hanno detto anche altre sulla base della loro esperienza per cui potrebbe anche essere che chi ci è già passato qualcosa lo sa.
    Alla fine dipende dalla capacità di introspezione di una persona e dalla sua disponibilità all’ascolto. Invece di dire che siamo isteriche, arretrate, arrabbiate ecc. bastava reagire meglio, con più apertura mentale, magari chiedere qualcosa sull’esperienza vissuta, a chi ci è già passato.
    Non gli abbiamo detto di entrare in un canile e fare strage di cuccioli, abbiamo detto che parlare in un matrimonio è fondamentale, anche e soprattutto se si è in crisi.
    Secondo me arrivare dopo settimane di assenza a sparare aggettivi a destra e a manca è una figuraccia, concordo con te.
    Scaricare su altre persone i propri problemi in questo modo è un segno di poco equilibrio, magari momentaneo ma comunque fuori luogo.
    Cosa te la prendi a fare con @Ariel se il suo modo di scrivere è lo stesso da sempre, per tutti? Le vai a fare le pulci sul femminismo e sul maschilismo in un mondo in cui le donne sono ancora svantaggiate e in alcuni paesi muoiono per avere mostrato i capelli? In cui in una nazione sviluppata hanno tolto il diritto all’aborto anche nei casi più gravi? L’utero non se lo possono di certo gestire, poverette.
    Qui emergono la superficialità di certi discorsi, che vanno a cercare di colpire usando temi su cui c’è davvero poco da scherzare, e la banalità delle offese da un repertorio che purtroppo è maschilista. La donna isterica, arrabbiata con il mondo maschile e con la vita, arretrata e medievale perché rivendica il diritto al rispetto del suo corpo e della sua persona. Tutti stereotipi maschili e maschilisti che vengono usati anche con altre categorie, coi gay ad esempio, le “checche isteriche”.
    Le nuove generazioni sono così diverse e progredite che si ammazzano tanto quanto, che si stuprano a 15 anni, che si prendono a coltellate per uno sguardo sgradito in discoteca, che ammazzano a pugni il diverso, il ragazzino di colore, il disabile.
    Ed è ovvio che a certe parole prima o poi si risponde, anche per ribadire concetti come quelli che ho appena scritto.
    Evidentemente una differenza di pochi anni di età rappresenta già un abisso per alcune cose.

  • Leilei, 5 Ottobre 2022 @ 21:51 Rispondi

    Elleelle sai quante volte ho parlato con mio marito dei nostri problemi? Quando mio figlio aveva solo un anno, una sera dopo una discussione preparai due borse, presi mio figlio e me ne andai di casa. Mio marito mi venne a prendere, e piangendo mi implorò di tornare a casa.
    Lo feci, perché in fondo è sempre stato un bravo papà e non volevo che mio figlio soffrisse perché io non ero felice.
    Ma dà quel momento, io iniziai ad allontanarmi.
    Il mio amante è arrivato 15 anni dopo.

  • Rinascita, 5 Ottobre 2022 @ 21:40 Rispondi

    L’amantato in se’, a lungo termine, oggi la catalogo come un’esperienza irripetibile. Però’ definirlo un errore proprio no! In maniera a tratti traumatizzante ti apre gli occhi su rapporti che già erano agonizzanti. È rivelatorio e null’altro. Si vive macinati dalla routine che non ci si accorge di diventare estranei con chi si abita. L’insoddisfazione si percepisce ma è più comodo ignorarla. Quando si accenna si rimane inascoltati. Un matrimonio finisce come un puzzle all’incontrario, dove piano piano togli i pezzi e poi non si riesci più a ricollocarli. Tranne i casi patologici, in tutto questo, io le responsabilità le ripartisco in misura equa tra i coniugi. Piano piano un pezzo di puzzle a testa. Peccato che i coniugi traditi preferiscano esternalizzare i problemi e dimentichino di quanto hanno contribuito a far si’ che quel varco si aprisse. Poi si può tentare di metterci una pezza, ma gli spifferi continuano ad entrare. Martita se sei una moglie tradita medita…. guarda dentro casa tua, l’amante non c’entra nulla. Se tuo marito non parla è perché non ha più esigenza di dire nulla. Io in casa l’ho detto in tempi non sospetti che si sarebbero rimpianti i momenti in cui ancora parlavo e mi arrabbiavo. Adesso parlare ed arrabbiarsi non serve!

  • Crocus, 5 Ottobre 2022 @ 21:30 Rispondi

    @elleelle ammetto che anche io sono rimasta scioccata quando ho letto che negli anni ’70 non esisteva l’amicizia fra uomini e donne. Ma in che senso? Senti, vai pure in vacanza va! Fammi sapere quale meta hai scelto . Un bacione e mi raccomando “torna in tempo” per l’evento di Ale che io e @Viovio non vediamo l’ora di conoscerti! ❤️

  • Crocus, 5 Ottobre 2022 @ 21:16 Rispondi

    @Roberto stai cercando di provocarci ma ti garantisco che non ti sta venendo molto bene la cosa. Dico solo due cose e poi ciaone. 1. Non sono qui per ri-raccontare la mia storia, ma visto che ti diverti così tanto ti suggerisco di leggerti dei vecchi post dove potrai trovare tanti miei commenti e capirai con chi ho avuto a che fare 2. Non mi rispondere per favore con una domanda ad una cosa che non vuoi ammettere. Scoparsi due persone contemporaneamente di cui una ignara di tutto è una cosa schifosa, quindi bastava ammetterlo anziché dirmi ma perché ecc ecc ecc. Non ho altro da aggiungere. Buon divertimento!

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 18:50 Rispondi

    Ma sai @Crocus, mia moglie si era accorta del mio cambiarnento. Ma o non ha voluto indagare o io non avevo comportamenti tali da dare sospetti che non andavano oltre al mio nervosismo. O sono uno bravo attore come lo sono stati tutti quelli che hanno tradito. Ma scusa, se tu non avevi occhi che per il tuo amante, perché non te ne sei andata subito e poi quello che accadeva con l’amante accadeva, anziché limitarti a non fare l’amore con lui?
    P.s. vi devo ringraziare, perché siete davvero in questo momento l’unica fonte di divertimento in questo momento della mia vita da dimenticare. Spero che @Ale non mi butti mai fuori. Un abbraccio @Crocus

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 18:39 Rispondi

    E allora @Ale se non va uno dovrebbe prendere ed andarsene. Quello è il vero atto di coraggio.

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 20:58 Rispondi

      Vero, ma la fine di un matrimonio di molti anni con figli ha il suo metabolismo, e l’amante spesso fa parte di questo doloroso metabolismo

  • Dispersa, 5 Ottobre 2022 @ 18:04 Rispondi

    @Roberto ti faccio i miei complimenti… Non hai continuato una storia che potevi portare avanti ad oltranza!!
    Quanti nei tuoi panni l’avrebbero fatto??
    Ehh sì, non siamo tutti uguali… Per fortuna.
    Ricambio l’abbraccio!!

  • elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 18:00 Rispondi

    @Crocus
    Sono già sul sito dell’agenzia di viaggi 😀
    No vabbè, scherzi a parte, non ci può essere dialogo tra chi non dice cosa sta facendo e poi se la prende se gli altri non sono telepatici e non indovinano quello che sta facendo e pensando, come nella risposta data a @Lia.
    Se uno sa già cosa sta facendo ed è sicuro che è ineccepibile, non vedo il bisogno di interagire con degli estranei cercando di coglierli sempre in fallo.
    È una cosa un po’ strana prendersela così tanto, secondo me.
    Anche il discorso sul femminismo che è una roba antiquata, sulle amicizie che sono cambiate, sul fatto che in passato non esisteva l’amicizia tra maschi e femmine… boh, le trovo delle assurdità. Ho più di 50 anni anche io e ho sempre avuto amici maschi, fin dalle elementari negli anni ’70.
    E poi che il femminismo non serva, in un mondo comunque così pieno di ingiustizie verso le donne, in un paese in cui si sta pensando di togliere il diritto all’aborto… Non so, sono provocazioni fini a sé stesse e mi danno da pensare.
    Comunque, vado a decidere tra Brasile e Messico, che ci sono buone offerte volo + albergo 😀

  • Dispersa, 5 Ottobre 2022 @ 17:59 Rispondi

    @Ariel mi sto mettendo al primo posto, almeno ci provo… Un abbraccio anche a te Francesina selvaggia!!

  • Martita, 5 Ottobre 2022 @ 17:47 Rispondi

    C’e’ anche tanta gente che tradisce e col coniuge non ci parla . In questo caso?

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 20:57 Rispondi

      Leggiti un po’ il blog non solo due pagine o due commenti

  • Martita, 5 Ottobre 2022 @ 17:45 Rispondi

    Dissento: il tradimento e’ sempre un errore. E grave. Poi che possa succedere va bene e nessuno vuole puntare il dito, ma sdoganarlo come cosa buona e giusta non lo trovo corretto.
    Si dice : “ho sbagliato, ma l’ho fatto perche’ non ho potuto farne a meno, mi sono innamorata, mio marito non mi guardava piu’… ”. E siam tutti umani.
    Il tradimento, in tutte le sue forme (relazionale o professionale ) si porta appresso menzogna e sotterfugi e lede la fiducia dell’altro che magari e’ manchevole ma comunque trasparente.

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 20:56 Rispondi

      E chi ha scritto che è cosa buona e giusta? Dove? Ho scritto: il tradimento è una conseguenza, un sintomo di una malattia pregressa.

  • Crocus, 5 Ottobre 2022 @ 17:31 Rispondi

    @Roberto a cosa serve punzecchiare @elleelle in questo modo sgradevole? Sinceramente non lo capisco e non ci fai una bella figura. Io quando sono approdata sul blog soffrivo talmente tanto che fare questi giochini beceri era l’ultimo dei miei pensieri (posto che mai mi piace farlo). Tu mi sembra che stai fin troppo bene, stando alle risposte brutte che dai a @elleelle.

  • elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 17:28 Rispondi

    @Ariel
    Ti ringrazio.
    Come hai visto non serve a niente, se @Roberto accetta solo quello che vuole sentirsi dire.
    C’è evidentemente un limite cognitivo nel non riuscire a capire che qui non si può imporre niente a nessuno ma se si frequenta un blog ci saranno necessariamente opinioni diverse e anche scomode.
    Credo soprattutto che sia difficile accettare che sia una donnetta che fa presente che certe decisioni possono portare problemi ma che c’è un modo per rimediare e magari addirittura risolvere.
    @Roberto è così accecato dalla sua delusione e dalla sua rabbia che non riesce neanche a comprendere che gli parlavo di un modo per fare andar meglio le cose con sua moglie, attraverso un dialogo onesto e aperto, basato sull’affetto e sul rispetto tra due persone sposate.
    Evidentemente @Roberto non ha più neanche questo dentro di sé. È chiaro che secondo lui non ne vale la pena e la moglie non lo merita.
    È più interessante e utile prendersela con me, che sono il nulla nella sua vita ma merito più tempo di sua moglie. Perché è così, nel tempo che @Roberto ha perso qui a prendersela con me, avrebbe potuto parlare con la moglie.
    Non lo trovi di una tristezza infinita? Non trovi allucinante che un uomo si arrabbi così tanto se gli viene detto che dovrebbe parlare con la moglie di questa crisi coniugale, anche senza rivelare il tradimento?
    Il matrimonio dovrebbe essere condivisione, nel bene e nel male. Si parla tanto della “madre dei miei figli” e poi non le si riconosce neanche il diritto di una conversazione a cuore aperto.

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 16:41 Rispondi

    Cavoli @Elleelle, se ogni volta che non ti danno ragione devi andare in ferie per riprenderti allora di giorni da passare in vacanza ne avrai parecchi.

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 16:39 Rispondi

    @Ale il tradimento è un errore. Prima di tradire uno dovrebbe chiarire con il consorte. Se no qui parliamo di niente. Non possiamo diventare moralisti dopo il tradimento e non esserlo prima
    Il peccato originale è quello

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 17:24 Rispondi

      C’è gente che cerca di chiarire per due anni col coniuge e il coniuge se ne frega

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 16:36 Rispondi

    @Lia, se fosse stato per lei la mia amante sarebbe andata davanti anche così. Non ho voluto perché una cosa è tradire per amore un’altra è farlo per giocare a letto. Il mio bisogno non era sessuale. In lei cercavo altro. Se non posso averlo era giusto trarre le conclusioni. Per quanto riguarda mia moglie, dico a te la stessa cosa. Nom ho deciso proprio niente. Mi è stata già attribuita la decisione. Va bene. Ne prendo atto. Ma è un processo mio che non sto facendo da solo. Dove mi porterà non lo so. Se altri già lo hanno capito leggendo un blog, beh, i miei complimenti.

  • Crocus, 5 Ottobre 2022 @ 16:36 Rispondi

    @Roberto, cosa c’entra la solidarietà femminile? Il coniuge traditore è responsabile del coniuge tradito, così ti suona meglio? A prescindere dal genere. Per quanto riguarda le tue parole, beh Roberto perdonami ma lo hai scritto tu “non sono rientrato come se nulla fosse” e “mia moglie non ha notato cambiamenti”. Quando soffriamo @Roberto è davvero difficile nasconderlo quindi, ribadisco, o sei un attore da Oscar o magari hai dei superpoteri, ma se tua moglie non si è accorta di nulla beh questo vorrà pur dire qualcosa. Mio marito si è accorto in tempo zero del mio cambiamento, non immaginava di certo che la cosa fosse così grave. Ed io caro Roberto avevo smesso proprio di fare sesso con mio marito e credimi che anche io l’ho sposato per amore eppure quando è subentrato l’amante io non avevo occhi per nessun altro. Poi potete raccontarvela come volete, cioè che siete dei ganzi se riuscite a trombarvi due donne contemporaneamente ecc ecc. Per me resta tutt’oggi una cosa ASSURDA, schifosa e davvero terribile.

    @elleelle che due zucche veramente.

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 16:31 Rispondi

    Cara @Ariel io vorrei anche risponderti. Ma a cosa non lo so. Sono anni che vai avanti con il machismo, maschilismo, sessismo. Sembra di essere tornati ai tempi dell’utero è mio e lo gestisco io. Dai forza, ma avete parlato con le ragazze di oggi? Sono ben altra cosa, certamente anche grazie a quelle lotte di 50 anni fa, ma sono davvero un’altra cosa. Idem per i ragazzi. Sono migliori di noi, non hanno barriere maschi femmine. Tanto è vero che è consuetudine ormai vedere ragazze che hanno amici maschi, cosa che ai nostri tempi era impossibile. Se non nella stessa compagnia. @Ariel rilassati. Le cose cambiano. Cmq mi sei simpatica. Davvero lo dico. Un bacino, se posso.

  • ads, 5 Ottobre 2022 @ 13:29 Rispondi

    @alessanrdro..sei andato nella cattedrale nel deserto:d

  • Ariel, 5 Ottobre 2022 @ 11:38 Rispondi

    alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 08:25Rispondi
    Mah ,veramente credevo che te la tirassi da Fico di Venezia e non di Bologna!

    Ahahahah!
    Non ti ho ancora incontrato o meglio non mi hai ancora incontrata!!!

    Ahahahah

    Bonjour !

  • Ariel, 5 Ottobre 2022 @ 11:19 Rispondi

    elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 09:09Rispondi

    Davvero @elleelle che PAZIENZA CHE HAI!!!!!
    Ti leggo sempre e mi da un relax e soddisfazione infinita perche scrivi come esattamente ciò che pensò in ogni commento che leggo degli utenti qui presenti e le tue risposte sono veramente identiche a quelle che avrei potuto scrivere ,ma mi riposo adesso anche perché tu ,lasciatemele dire ,hai un talento davvero ottimo per come scrivi ,corretto Italiano chiare espressioni sei piena di vera ASSERTIVITÀ che infatti resta alla base per effettuare la vera positiva comunicazione!!
    Si desidero spendermi qui in un elogio che meriti ,e almeno trasmetterti che ti ammiro anche per la pazienza che hai con
    @Roberto
    Io non ce la ho quella pazienza e infatti glielo avevo scritto pagine fa che

    @Roberto
    Per il LAMENTO GREco SENZA SCOPO
    PER IL MACHISMO CONTINUO DIMOSTRATO IN OGNI PAROLA RIVOLTA A DONNE CON D MAIUSCOLA come ad esempio chi ti critica in modo costruttivo per chi argomenta benissimo come ad esempio @elleelle o Viovio o Crocis e perfino me che noto che NON HAI IL CORAGGIO DI RIVOLGERTI A ME se non dicendo che non capisci quello che scrivo ah ah ah ah rido tantissimo
    Oppure che capiresti solo terapia a stecca?!!!!

    Ah ah

    Eh ma @Roberto no necessario continuare a scrivere qui
    Ma perché non ti limiti a viverti la tua vita nella menzogna totale verso tua famiglia tutta e che ci fai qui ? A rompere solo a Donne che sicuro hanno veri attributi in ogni senso della parola

    SMETTILA @Roberto di fare il vecchio re!!!!
    Machista

    Bonjour cara @elleelle sei magique e continua così che veramente sei capace di grande aiuto le tue tracce parole lasciano vere impronte di aiuto per tutti utenti che sicuro abbiano la voglia di avere la onestà intellettuale di confrontarsi

    Su @Robertino
    Ahimè nugneafa!!
    Passiamo ad altro !!!

    Bonjour et un grand Merci @elleelle e per tutte utenti capaci di saperti leggere!!!

  • Lia, 5 Ottobre 2022 @ 11:09 Rispondi

    @amiche/amicidiblog, cosa ne pensate di un uomo che tutte le mattine si scambia messaggi di buongiorno con diverse amiche?
    @Roberto, mi sono persa diversi passaggi ma ho capito che hai chiuso con l’amante pur essendone innamorato perchè non lascia suo marito e, di conseguenza, hai deciso di restare a casa…. immagino in continuità e non in ricostruzione.
    Anche perchè, diciamoci la verità, la ricostruzione può esserci quando tu riscopri di avere per tua moglie un sentimento che si era sopito, non certo quando la persona di cui sei innamorato ti dice di no. In quest’ottica capisco i commenti che ti arrivano diretti e senza fronzoli.
    In quest’ottica capisco anche i commenti riferiti a tua moglie che non è più amata da te ma che non lo sa.
    Io sono sempre per la verità e per la chiarezza.
    Ognuno, per poter prendere le migliori decisioni nella propria vita, deve avere il quadro chiaro della situazione.
    Pensa se la tua amante ti avesse illuso che tu sei l’uomo della sua vita.
    Se non l’ha fatto è evidente che non è così, ed è evidente che tu sei stato libero di decidere cosa fosse meglio fare per te.
    Forse tua moglie vorrebbe sapere che ruolo riveste nella tua vita per capire cosa farne della sua.

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 16:09 Rispondi

      Che fa pesca a strascico sui social

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 10:27 Rispondi

    Finalmente @Elleelle, dopo tante parole buttate al vento ne hai detta una giusta “è la vita”. Non esistono regole. Tu cerchi di convincermi che la tua scelta è moralmente giusta. Scendi dal piedistallo. È la tua scelta. Ed io, @Ads, @Cri28 , @Leilei, @Dispersa ed altri, che hanno fatto scelte diverse dalla tua, non proviamo a convincere nessuno. Guardati intorno. Solo tu hai questo atteggiamento. Tutte le altre che hanno espresso anche pareri negativi, lo hanno fatto con intelligenza. Senza rancore e senza pretese di dettare l’assoluta verità. Se capirai questo avrai già fatto un passo avanti.

  • Roberto, 5 Ottobre 2022 @ 10:21 Rispondi

    @Crocus, ma tu sei sicura di sapere cosa sto provando? Sei certa che attraverso le parole di un blog tu possa capire quello che succede nella vita di un’altra persona? Il mio discutere con @Elleelle è relativo alla sua pretesa di imporre la sua scelta. Giudicando e non solo commentando. A volte sembra che qualcuno voglia psicanalizzare senza averne la capacità. Limitiamoci ai nostri pensieri. @Elleelle si è separata in casa? Va bene, questa è la sua scelta. Mica le ho detto “hai fatto male”, non le ho detto “visto che non ami più tuo marito fai le valigie e lascia casa tua”. Se avrà deciso di restare ci sarà un motivo che a me non interessa. È la sua vita. Certo non la considero migliore di me, @Ads, @Leilei, @Cri28, @Dispersa e di tutte quelle persone che hanno scelto altre strade. È lei che si sente moralmente su un piedistallo rispetto agi altri. Ma anche lei ha tradito, ha sbagliato. Come tutti noi. In quanto al fatto che la alla moglie ci pensa il coniuge e non l’amante hai detto bene. Ma questa improvvisa solidarietà femminile a comando non mi convince, quando era complice nell’umiliare una Donna come lei andando a letto con il marito.

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 16:08 Rispondi

      Il tradimento nn è un errore è una conseguenza (al netto dei seriali che lo fanno per sport e come modo di vivere)

  • elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 10:17 Rispondi

    @Crocus
    Ho un amico come Roberto, mammia mia che zucche… e non è neanche Halloween! Mi toccherà andare in ferie per riprendermi.

  • Crocus, 5 Ottobre 2022 @ 09:52 Rispondi

    @elleelle disamina INECCEPIBILE. Come sempre d’altronde.

    @Roberto se posso permettermi ti segnalo le forti contraddizioni nella tua risposta a @viovio. Da una parte dici che non sei rientrato come se nulla fosse e poi dici invece che tua moglie non ha capito nulla perché tu non hai fatto trapelare nulla. Boh o sei un bravissimo attore (cosa probabile) o a tua moglie non interessi più e quindi insomma avete trovato questa specie di “equilibrio” non detto. Il tuo messaggio rivolto ad @elleelle è di una cattiveria e pochezza assurde. Cosa c’entra lei con la moglie del suo ex amante? Ci deve pensare il coniuge che tradisce, mica l’amante. Ma non scherziamo per favore.

  • elleelle, 5 Ottobre 2022 @ 09:09 Rispondi

    @Roberto
    Cominci a essere sgradevole.
    Non sono arrabbiata né ho mai detto di essere la Madre Teresa delle amanti, ti ho solo raccontato cos’è successo.
    Quello arrabbiato sei tu e tantissimo. Arrabbiato con la tua situazione, con una moglie indifferente, con un’amante che ti ha chiuso la porta in faccia. Arrabbiato perché vedi che c’è chi almeno ci prova e te lo dice.
    Qui ho sempre scritto che può succedere di innamorarsi di un’altra persona se si è in un rapporto ufficiale finito. Non ho mai detto che l’amantato non dovrebbe esistere, ho detto che esiste eccome ma dovrebbe essere un periodo a termine e poi si cambia. L’amantato è reale, innamorarsi di un’altra persona è reale e porta tantissime coppie a separarsi.
    Io ero innamorata del mio ex e lui diceva di essere innamorato di me. Diceva che stava pensando di lasciare la moglie, che doveva prendere una decisione. Se fosse stato un altro uomo magari adesso saremmo assieme e io non sarei qui. Ma non era un altro uomo.
    Come dice @Ale, io non ero responsabile di sua moglie, inutile che tu te la prenda con me. Io non ti ho mai detto che non avresti mai dovuto avere l’amante, quello che ti si dice è altro.
    Se vuoi che giochiamo a chi dà la lezioncina a chi, posso farla anche a te. Perché dopo avere lasciata la tua amante la prima volta sei tornato con lei? Quanti anni hai, due? Non riuscivi a resistere? E lei, la tua amante, che donna debole, colpa sua, avrebbe dovuto dirti di no subito.
    Vedi che non è difficile dirti le stesse cose? Solo che non serve e tu non lo capisci.
    Te lo dico di nuovo, sarà la quinta volta, magari ti entra in testa: il problema in questo momento ce l’hai tu, non io. Sei tu che tutti i giorni fingerai di fronte a tua moglie perché non le vuoi parlare per non rovinare la tua immagine di padre e marito modello. Sei tu che dovrai portare questo peso, che potrebbe trasformarsi in depressione come ti ha detto @maribel. Sei tu che rischi di tradirla di nuovo se ti toccherà vivere nella noia di un rapporto che non funziona.
    Il lavoro lo devi fare tu, noi l’abbiamo già fatto. @Vio è riuscita a ricostruire, @Rinascita no, io e @maribel no, è la vita.
    Se tu non dici a tua moglie che sei in crisi (e non le devi dire del tradimento se non vuoi!), non ricostruirai un bel niente. Invece dovete scavare dentro di voi per capire se c’è ancora qualcosa che si può salvare. Qualcosa di sincero, non una finzione, non un vengo a letto con te dopo aver guardato un porno altrimenti non mi sta su perché io penso a un’altra (e prima che tu te la prenda, questo del porno è solo un esempio).
    Tu fai la guerra a me quando dovresti farla alle tue debolezze. Debolezze che abbiamo tutti, non sei il solo ma ci si lavora sopra. Fai la guerra a me perché hai deciso che ti sta sul caxxo una donna che te le dice senza tante moine, quando io in realtà ti sto solo spronando a lasciare da parte sia il maschilismo che la presunzione di non aver niente da fare.
    Lascia perdere tutti i tuoi costrutti mentali, tu non sei più quello che eri prima dell’amantato, devi cambiare, per te stesso. Non sei più il marito e padre perfetto, sei fallibile, sei in crisi, devi accettarlo e parlarne con la persona che hai deciso di tenere legata a te: tua moglie.
    La donna con cui hai fatto dei figli e che hai sposato non è lì solo perché assolve a queste funzioni pratiche e ti fornisce un’immagine e una rete sociale. È un essere umano con dei sentimenti e con il sacrosanto diritto di sapere come sta andando la sua vita e cosa vuole farne, parlandone con te.
    È più esplicito così, ti è più chiaro? Ce la fai a 57 anni a capire?
    Cristo santo, che fatica.

  • Sylvia, 4 Ottobre 2022 @ 23:02 Rispondi

    Leilei mi pare che più persone ti dicano di stare attenta a quello che ti bevi!

    Una mia amica single ha avuto una storia di anni con un uomo sposato. Lei avrebbe voluto una coppia ufficiale. Lei tutta soddisfatta mi ha raccontato di essere andata con lui ad acquistare un letto singolo che lui avrebbe usato come suo letto perché ormai dormivano separati.
    Peccato che in quel periodo stessero facendo la cameretta del figlio e sia io che un’altra amica in comune siamo sicure che il letto fosse per il figlio passato dal lettino al letto singolo. E infatti la moglie ha poi parlato davanti all scuola della cameretta del figlio e la nostra amica comune, che aspettava suo figlio all’uscita da scuola, ha ascoltato tutto e voilà la bugia è venuta fuori.

    Tu hai dimostrato più volte a noi e al tuo amante che sei gelosa della moglie, che il vostro amantato va avanti se lui ti dimostra di non amare la moglie ma in tutta franchezza non mi fiderei di tutte le panzane che dice per tenerti lí. .

    Poi vedi tu… Mi sembra così simile alla pagina di Ale sulla fede nuziale…

  • Roberto, 4 Ottobre 2022 @ 21:51 Rispondi

    @Cri28, hai riassunto tutto in maniera perfetta.

  • Rinascita, 4 Ottobre 2022 @ 21:27 Rispondi

    Ale senza voler essere indiscreta e violare la rispettiva privacy, ma è possibile che tu stasera fossi a cena in una città fuori Milano e che ti sia accorto di una passante sorpresa nel vederti, che si è bloccata mentre camminava e che poi ti ha fatto un gran sorriso? Ero io che ti ho riconosciuto o sempre io che ho fatto una grandissima figura di merxxxxa con un tuo sosia che avrà pensato che ci stavo provando (rido).

    • alessandro pellizzari, 5 Ottobre 2022 @ 08:25 Rispondi

      Oddio ho un sosia! (Rido anch’io). Peccato ti avrei salutato volentieri. Ormai mi succede abbastanza spesso di incontrare delle lettrici in giro. Sul treno, al Fico di Bologna le ultime. Mi fermo volentieri

  • Ariel, 4 Ottobre 2022 @ 20:30 Rispondi

    Dispersa, 4 Ottobre 2022 @ 16:21Rispondi
    Cara Dispersa leggi cosa scrivi di te stessa!!!

    Quanto ti giudichi male!!!!!

    te lo faccio notare apposta perché tu riesca a renderti conto la radice del tuo problema !,

    Amati ,inizia da adesso e poco a poco vedrai quante cose belle riuscirai a fare proprio ciò che chiarissimo vorresti fare
    Ma come sicuro avrai capito tutto ,meno male,dipende solo da noi stessi

    Ma quelli veri !,,

    Senza più giudicarsi così severamente negativa !!!

    Forza Dispersa sei bella esattamente come sei
    Scopri chi sei e avrai risolto le tue difficoltà !
    Un Abbraccione !

  • Roberto, 4 Ottobre 2022 @ 18:56 Rispondi

    @Dispersa, tu non sei codarda. Sei tu. Sei fatta cone sei. Ma è così difficile da capire che nei rapporti interpersonali non esistono regole? Siamo diversi. Tutto qui. Un abbraccio

  • Roberto, 4 Ottobre 2022 @ 18:51 Rispondi

    @Elleelle, se una risposta cone la tua servisse ad abbasare la cresta che non ho (magari), saremmo a posto. Sei talmente arrabbiata che nemmeno ti rendi conto di quello che dici. Tu sapevi che era sposato ma te ne sei fregata. Parli tanto di essere stata la Madre Teresa delle amanti, dicendo a lui di tornare dalla moglie ma lui poverino non voleva. E tu perché non hai rispettato il fatto che non si va a mettere zizzania in altre famiglie e lo hai lasciato il giorno dopo? Lo hai lasciato, non so dopo quanto, ma lui è tornato. E tu? Ha provocato una tua reazione e ci sei tornata. Quanti anni avevi, due? Non potevi resistere. Dicevi che sua moglie meritava rispetto e andavi a letto con suo marito? Dai che non abbiano più 10 anni. Assumiamo prima le nostre responsabilità e poi in un’altra vita potremo dare lezioni di vita agli altri.
    @Viovio, io non ho mai detto di essere rientrato cone se niente fosse. So di deludervi. Non sono un seriale narcisista, o uno di quelli che vi ha trattato male. Io ho detto semplicemente che sto cercando di capire cosa fare della mia vita, cosa c’è dentro di me. Credo che qualcosa accadrà. Cerco di essere un marito come sono sempre stato prima durante ed ora dopo l’amantato. Mia moglie non sa nulla perché io non ho fstto trapelare nulla tranne una conversazione avuta mesi fa che io raccontai qui dentro, dove venne fuori che qualcosa non andava. Poi tutto è proseguito. Siamo una famiglia, se riuscirò a tenere la barca ben salda cercherò di arrivare in porto. Se no accetterò le conseguenze. Ma il futuro è tutto da scrivere e ti assicuro che dietro di me non è assolutamente “come se niente fosse”. Magari lo fosse..
    Un abbraccio @Viovio e grazie del tuo pensiero.

  • elleelle, 4 Ottobre 2022 @ 17:20 Rispondi

    @Dispersa
    Quelli sono aggettivi che usi tu, non io.
    Preferisco concentrarmi sul fatto che così non risolvete nessun problema.
    Però la vita è vostra, siete andati avanti così per anni, evidentemente ci state bene in questa zuppa.

  • elleelle, 4 Ottobre 2022 @ 17:15 Rispondi

    @Leilei
    Non è mai troppo tardi per cercare di fare le cose meglio.
    Tu lo vedi come moralismo ma non è così, è proprio una cosa pratica per limitare i problemi, anche interiori, che derivano dal non detto.
    Se in tante coppie si parlasse di più, magari non si arriverebbe neanche al tradimento fatto alle spalle.
    Se vedi che la coppia sta cominciando a deragliare e se è vero che ci si è sposati per amore, con affetto e confidenza, allora si parla. Si fa presente che le cose non stanno andando bene, ci si mette d’accordo su cosa fare, si decide se si è ancora interessati a provare, si dà anche all’altro la possibilità di decidere e contribuire alla coppia, invece che fargli subire silenzi, cose non dette e poi anche le corna.
    Una coppia può finire, può subentrare un’altra persona ma almeno un tentativo è stato fatto prima di gettare un macigno come un tradimento.
    Io avevo parlato a mio marito ben prima di avere la relazione con il mio ex e non era neanche la prima volta. In precedenza era disposto a collaborare, l’ultima volta no. Io non ho più niente da rimproverare né a me né a lui e gliel’ho anche detto. Non gli rinfaccio di non aver più avuto voglia di provare, evidentemente per lui era finita, capisco. La nostra è una situazione particolare, facciamo squadra per i figli.
    Vuoi mettere la leggerezza di aver cercato di fare le cose bene? Vuoi confrontarla alla difficoltà di fare finta di niente, di reprimere sentimenti e bisogni, di guardare in faccia il coniuge, magari baciarlo e toccarlo mentre si mente a tutto spiano?
    A me non interessa cosa fate, questo peso alla fine lo portate voi. Però se @Ale me lo permette, non potete pensare che le relazioni vadano bene se vengono vissute in un modo così utilitaristico, facendosi sempre i conti in tasca.
    Il mio ex non parlava alla moglie perché “di queste cose non si parla”. Meglio farle le corna, meglio umiliarla dandole anche il nome dell’amante? O meglio trovare un po’ di coraggio per parlarle a cuore aperto, prima di tradire?
    A un certo punto della propria vita bisogna fare un salto di qualità nel proprio mondo personale ed emotivo. Bisogna crescere, lasciarsi alle spalle i comportamenti adolescenziali e vivere da adulti, con le responsabilità del caso.
    Si fa un errore? Si impara e si smette di ripeterlo. Voi invece volete continuare imperterriti ad aggiungere errore a errore e ne siete pure convinti. Tirate sempre fuori un sacco di scuse, mi dite che che non sono realista ma io la realtà l’ho guardata in faccia senza nascondermi.

  • Lolly, 4 Ottobre 2022 @ 16:33 Rispondi

    Grazie@ elleelle…come pensavo…e vi dirò di più!…io mi trovo nella posizione di ex moglie tradita e proprio oggi dicevo ad una mia amica, quanto mi senta leggera a non averlo più in casa. E non per il tradimento , quello è la ciliegina sulla torta, ma perché quando l’impegno( il matrimonio) supera i sentimenti è uno sforzo immenso. Ne valeva la pena restare, per crescere i ragazzi insieme, e non me ne pento. Eravamo una squadra fortissima e lo siamo tuttora …ma adesso che tutti sanno…ci siamo tolti un gran peso. Capite cosa intendo?.. la verità ti rende libera…fidatevi!!. Non si può stare dentro un matrimonio dopo un lungo amantato, anche se il coniuge è ignaro e ricostruire…dove?…sulle macerie?…tocca essere sinceri e vedere che succede, se salta il banco oppure no!…@ leilei ha reso partecipe il marito della sua verità e tutto è rimasto immutato…ma ha scelto. Ogni scelta comporta un rischio ma rimanere nell’inganno logora l’anima…

  • Dispersa, 4 Ottobre 2022 @ 16:21 Rispondi

    @Elleelle allora ti faccio i miei complimenti… Io sinceramente oltre al fatto di cercare di mettere le cose in chiaro non riesco a fare.
    Sarò codarda, poco sincera ed egoista ma è così.

  • Cri28, 4 Ottobre 2022 @ 15:26 Rispondi

    Mi trovo d’accordo con Rinascita e con Maribel, di cui riconosco l’intento di essere di aiuto con la sua esperienza. Roberto sta affrontando una forte sofferenza. Si è trovato a dover prendere una decisione, perché stava soffrendo nel vivere una condizione di amantato a lungo termine, perché si è innamorato di una donna dopo trent’anni di un matrimonio che hanno lasciato spegnere per errori forse rimediabili o forse no, perchè si è trovato in una difficoltà oggettiva a gestire sentimenti opposti e conflittuali.
    In questo momento, è normale che abbia bisogno di tempo per decidere chi è lui, chi è sua moglie, cosa ancora li lega e capire quale sia il futuro che può esserci tra di loro.
    Aprire una crisi (e tra l’altro, mi permetto di dire che aprire la crisi senza dire all’altro che per anni c’è stata una relazione parallela non mette l’altro su un piano di parità, perché un marito può non volere avere più nulla a che fare con una moglie che lo ha tradito, altro che provare a ricostruire) può essere utile se tra due coniugi ci sono dei problemi irrisolti, non se i propri sentimenti verso l’altro sono cambiati, perché l’altra persona nulla può farci se l’amore è assente. E’ solo il coniuge traditore che deve capire cosa può ancora dare al marito o alla moglie.
    Questo è il lavoro che spetta a Roberto, non rivelare un tradimento doloroso alla moglie o lasciarla senza avere neppure provato a capire se può esserci ancora un rapporto tra di loro.

  • Viovio, 4 Ottobre 2022 @ 14:52 Rispondi

    @Roberto
    A me era stata venduta la storia dei separati in casa che con parenti ed amici fingevano di essere una coppia felice, per non urtare la sensibilità dei genitori anziani. Ti risparmio gli aggettivi che usava per descrivere la moglie perché mi vergogno più di me(che di lui) per aver dato credito ad un uomo del genere. Credevo alle sue parole e provavo una forte rabbia oltre alla gelosia, perché a mio avviso non meritava di essere trattato in quel modo…tutte cazzate(tranquillo mi son detta idiota almeno un milione di volte), ma stando qui ho scoperto di essere in ottima compagnia e non l’unica ad aver preso una cantonata del genere.
    Non ho mai ridicolizzato sua moglie ed ho cercato in tutti i modi di evitare problemi, anche perché la moglie è sua e doveva gestirla lui non di certo io. Ora quella donna mi fa pena, perché è l’unica vera vittima e con un marito del genere lo rimarrà per sempre.
    La solidarietà nei confronti di tua moglie c’è perché tu stesso hai detto di essere rientrato come se nulla fosse, l’avresti lasciata se la tua amante avesse fatto il salto ma al suo rifiuto sei tornato a casa a recitare la farsa. Tua moglie non si è mai accorta di nulla, prima e dopo la tua amante?!?
    Anche @Maribel è rientrata a casa, però ha parlato al marito ed ha cominciato un percorso di introspezione per arrivare ad un cambiamento.
    Sono d’accordo con @elle quando dice che l’amantato è una fase di transizione che porta un cambiamento radicale, ma dalle tue parole sembra che chiuso con la tua amante puoi tranquillamente continuare con tua moglie, fingendo sia tutto ok.

  • elleelle, 4 Ottobre 2022 @ 14:33 Rispondi

    @Lolly
    Secondo me entrano in gioco due fattori. Il primo è la sfida che non di vuole perdere, per cui si tratta di ego, di orgoglio.
    Il secondo è l’idea errata che questi siano amori predestinati e che lui sia l’unico uomo possibile. È un romanticismo da film, non ancorato alla realtà.
    Lo dico sempre, in ogni città, in ogni nazione ci potrebbe essere un uomo che fa per noi e che ancora non abbiamo conosciuto. È impossibile che su miliardi di uomini ce ne sia solo uno per noi.
    Se io adesso andassi in Australia, tra le tante persone che conoscerei ci sarebbe un uomo che fa per me per motivi diversi dall’uomo che farebbe per me in Canada, ad esempio.
    Solo che ci fermiamo nella nostra piccola realtà, prigioniere di un’infelicità che però conosciamo e ci riserva poche sorprese.
    Un detto anglosassone dice “It’s better the devil you know”, è meglio il diavolo che già conosci.
    In ogni caso sono tutte sfumature più meno intense della dipendenza affettiva.

  • Leilei, 4 Ottobre 2022 @ 14:31 Rispondi

    Sylvia un coniuge può fidarsi quanto vuoi, ma non è stupido. E la scusa della preoccupazione per il lavoro può reggere per un po’. Ma se l’altro è diventato solo un coinquilino te ne accorgi eccome.
    La compagna del mio amante ha detto alla sua amica non c’è più dialogo, ormai le nostre vite scorrono su binari paralleli. Ma non ha mosso un dito affinché questi binari potessero incontrarsi. Anzi, lo ha mandato sul divano.
    Ma non fuori dall’uscio di casa.

  • Leilei, 4 Ottobre 2022 @ 14:26 Rispondi

    Elleelle ma a uno che tradisce chiedi di essere “almeno” sincero? Ma uno che tradisce il danno lo ha già fatto, cosa vuoi che gli interessi essere sincero? Uno che ha tradito ha già smesso di amare da un pezzo. E se rientra nei ranghi è solo perché gli fa comodo.
    Per questo dico che è l’altro, quello a cui-in teoria – interessa ancora il matrimonio, che deve cercare di smuovere le acque per capire come stanno realmente le cose.
    Ma molte volte anche l’altro ha tutto l’interesse a fare andare avanti la finzione.
    Nel 65% dei casi, per citare la matematica di Ale.
    Non tiriamo in ballo la serietà, il rispetto, la sincerià in un rapporto che sta in piedi per tutto, tranne che per amore.
    Roberto sta giocando sporco, sta facendo i suoi interessi. Sta alla moglie capire che lui è lontano anni luce. Perché mai dovrebbe svelare lui l’inganno, se ha intenzione di restare?
    Lui potrà continuare ad andare a letto con la moglie. Non penso che lo ripugni visto che gli è piaciuta a tal punto da sposarla. Ma è lei che se ci tiene ancora davvero, dovrebbe accorgersi che quelle carezze sono frettolose, che quei gesti non parlano più di sentimenti.
    Chi glielo fa fare a lui di aprire la crisi? Siamo realisti, dai.

  • elleelle, 4 Ottobre 2022 @ 14:23 Rispondi

    @Dispersa
    Mi chiedi “Hai detto al ex marito la verità, che se tutto fosse andato a buon fine avresti lasciato tutto per un altro uomo??”
    Sì, gliel’ho detto.

  • Lolly, 4 Ottobre 2022 @ 13:49 Rispondi

    @elleelle verissimo l’amantato deve avere un termine per poi formare una nuova coppia..cosa ne pensi di chi resta nell’amantato da anni sapendo che lui non lascerà mai la moglie( glielo ha comunicato) perché vuol tener lei come l’eterna fidanzata?…ho due amiche, a me molto care che sono separate e da anni impantanate in storie con uomini sposati…che si struggono perché legate ad una corda che loro tirano ogniqualvolta provano a ribellarsi. A me pare un gioco perverso…e non riesco davvero a capire ( perché non lho vissuto) il perché non riescono a tirarsene fuori!!…sono due bellissime donne, con corteggiatori a seguito…cosa le spinge a continuare????…è Amore?…è paura dell’abbandono?…paura di ricominciare?…è una sfida con la moglie che non si vuol perdere????

    • alessandro pellizzari, 4 Ottobre 2022 @ 14:16 Rispondi

      Loro sono innamorate e purtroppo la speranza è l’ultima a morire, soprattutto se gli amanti illudono promettono chiedono tempo. Se non è così è indubbio che dopo anni di amantato e di fronte all’evidenza dei fatti ci sia una dipendenza che non può essere affrontata senza l’aiuto di uno o più esperti

  • Dispersa, 4 Ottobre 2022 @ 13:03 Rispondi

    @Elleelle non è andata proprio così… Non è che sono tornata felicemente a casa e ho tirato una linea sul tutto.
    Ho detto al mio compagno che così non poteva più funzionare, tanto si vedeva distante un chilometro la mia sofferenza.
    I nostri problemi erano altri e l’amante era solo un forte segnale di ciò che non andava…
    Si è rimesso, anzi ci siamo rimessi in discussione e ad oggi le cose vanno meglio. Certo l’amore quello non torna, ma abbiamo un grande affetto. Di conseguenza di figli stanno molto meglio, perché egoisticamente parlando non li calcolavo più. Ne è valsa la pena rimanere in famiglia? Sì per la serenità che ora vedo attorno a me e perché mi sento più tranquilla anch’io.
    Ho avuto l’onestà di dire al mio compagno che esisteva un’altra persona? No e per fortuna.
    Io capisco che tu sei separata in casa, ma quando il tuo amante si è comportato di m…. Hai detto al ex marito la verità, che se tutto fosse andato a buon fine avresti lasciato tutto per un altro uomo??
    Il mio ex amante sono costretta vederlo per lavoro, non è che lui gironzola felice e io scodinzolo… Non stacco mai del tutto, è vero, ma evito i contatti il più possibile, ormai la minestra la conosco.

  • elleelle, 4 Ottobre 2022 @ 12:58 Rispondi

    @Roberto
    Ti rispondo molto volentieri, conscia del tuo sarcasmo che si meriterebbe tutt’altra risposta, ma ormai questo è l’andazzo.
    La mia relazione è cominciata con la sottoscritta che diceva a lui di tornare a casa dalla moglie e lui che diceva di no perché era innamorato di me. Questo era il secondo giorno, puoi immaginare, ma è successo molte altre volte. Lasciami e resta con tua moglie, no non lo faccio perché ti amo.
    Gli ho sempre detto che non credo nell’amantato eterno come stile di vita ma solo come un periodo temporaneo di conoscenza per poi lasciare il partner e formare una nuova coppia.
    Gli ho detto che era ingiusto prenderla in giro e umiliarla e che era meglio lasciarla libera di vivere la sua vita per poter trovare la felicità con un’altra persona.
    Risposta: lo so hai ragione, avrebbe diritto di essere amata per quello che è ma non mi va di sapere che esce con un altro.
    L’ho anche lasciato a moglie e famiglia dicendogli di stare con loro e di non farsi più sentire ma lui ha fatto di tutto per provocare una mia reazione e farmi tornare.
    Gli avevo chiesto di non rivelarle il tradimento ma lui l’ha fatto comunque, più volte, facendo anche il mio nome.
    Io ci avevo provato a fargli capire che sua moglie meritava rispetto (così come lo meritavo io), ma lui era uno stronxo. Non gli importava né della moglie né di me. Succede.
    Spero che la mia risposta ti abbassi un pochino la cresta perché quello che hai scritto di nuovo rivela chi sei. Il tuo disprezzo e il tuo sarcasmo tienili per te. Non siamo tutti uguali, non ci approfittiamo tutti delle persone e delle situazioni, c’è anche chi cerca di fare le cose decentemente ma non ce la fa di fronte all’immaturità e all’egoismo altrui.
    Adesso vai a guardare in casa tua, io con te ho già dato a sufficienza.

  • Lilly, 4 Ottobre 2022 @ 11:53 Rispondi

    Io sinceramente ho sempre detto che l’altra donna di lui era una befana e una prugna rinsecchita con le mie amiche…però…non le ho mai fatto del male. Non ho mai fatto o detto qualcosa a lei che potesse causare dolore. Questo per dirti che posso anche non amare, anzi, detestare qualcuno, senza però esser cattivo nei suoi confronti. Lo stesso vale per l’amore. A parole posso dirti ti amo, ma sono i fatti che contano. E

  • Roberto, 4 Ottobre 2022 @ 11:08 Rispondi

    Finalmente ho letto tanti commenti utili alla discussione. Posso chiedere a chi sta dimostrando tanta solidarietà a mia moglie, se ha avuto le stesse buonissime intenzioni verso la moglie del proprio amante, oppure in quel caso era il nemico e pazienza se veniva presa in giro dal marito? Così per sapere.

    • alessandro pellizzari, 4 Ottobre 2022 @ 11:26 Rispondi

      Una cosa è sicura: chi risponde in tutto e per tutto del proprio coniuge è l’altro coniuge, l’amante non c’entra. Non sono parenti. Gli amanti hanno però doveri precisi: tutelare la rispettiva privacy (non si rivela chi è l’amante), evitare di tirare bombe nel giardino degli altri dove pascolano anche degli innocenti (non si chiama o scrive alla moglie dell’altro, o al marito), essere onesti nei confronti dell’amante (e qui sappiamo che succede di tutto purtroppo). L’amante ha poi tutto il diritto di non rispondere ad eventuali richieste di incontri o delucidazioni della moglie o del marito altrui: non è il terzo comodo o incomodo, chiamatelo come volete, che deve dare spiegazioni per lo sposato di turno. Gli amanti non diventano “parenti acquisiti” con doveri (ma neanche diritti) nei confronti dei coniugi altrui.

  • Sylvia, 4 Ottobre 2022 @ 10:41 Rispondi

    “E non è necessario rivelare il tradimento, che sia chiaro. MA ALMENO LA CRISIS SÍ, è davvero il minimo, altrimenti che cavolo di matrimonio è?
    Invece giù a scaricare la responsabilità sulla moglie che non vede e non dice niente. Ma che sciocchezza! SEI IN CRISI TU? PARLI TU! Sei o non sei un adulto? Hai bisogno ancora della mamma che ti chieda perché hai il broncio?
    Non scomodiamo la meta-comunicazione se non si è ancora appresa la maturità della comunicazione verbale. Non si può vivere facendo lo scaricabarile, io ho l’amante, responsabilità tua che non te ne accorgi.
    Cerco che è comoda così però i tempi della materna sono passati da un pezzo.“

    Sono perfettamente d’accordo Ellelle!
    Anche perché un coniuge (uomo o donna poco importa) a cui l’altro coniuge chiede “Cosa c’è, cosa ti preoccupa? Ti vedo strano/a!” Se riceve la risposta tipica “stress da lavoro, sono stanco/a, passerà” un po’ il coniuge si fida che non ti stia dicendo panzane e un po’ mica puoi usare lo stappa bottiglie per tirargli fuori le parole dalla bocca se ha deciso che la crisi non la vuole aprire. Magari ci si sente impotenti…

  • maribel, 4 Ottobre 2022 @ 10:12 Rispondi

    @rinascita cara, anch’io non vedo l’ora di conoscerti! Non sai che piacere è stato leggere questo messaggio! A presto da @ale. Ti abbraccio!

  • Viovio, 4 Ottobre 2022 @ 10:05 Rispondi

    @Maribel
    Mi è piaciuto molto il tuo post ho letto tanta autenticità, voglia e impegno verso un cambiamento che è la cosa fondamentale per non rimanere impantanati nelle sabbie mobili.
    A mio avviso c’è molta differenza fra chi è rimasto in casa alle tue condizioni e chi continua la vita di sempre come se nulla fosse successo.
    Spero tu possa raggiungere la libertà a cui ambisci.

  • maribel, 4 Ottobre 2022 @ 08:20 Rispondi

    @elleelle grazie cara. non posso dire molto qua, ma una cosa è certa: il peggio viene dopo. perchè quando decidi una cosa, ti sembra quella giusta. poi il contraccolpo arriva quando ti rendi conto che un morto non lo rianimi, che rischi di buttarti sui figli e fagocitarli per dare il senso alle cose che tanto volevi.
    nel giro di due stagioni i bambini diventano adolescenti. e per non fare dei figli quello che si diceva in altri post, devi staccarteli di dosso, non puoi tenerteli lì a far da scudo/da motivazione/da obiettivo. li devi fare andare, volare!
    e quindi ti crolla addosso la realtà con tutto quello che comporta: il senso della famiglia non ha niente a che fare con la coppia e quindi quello che tanto non volevi rovinare ti accorgi che non c’era nemmeno prima, altro che rovinare! come dice ale: quello che succede non è la causa, è il termometro della situazione.

    sono alti e bassi comunque eh, poi in questo periodo ho cose personali da affrontare e forse ho più adrenalina in corpo, non so, vedo tutto molto lucidamente.

    @viovio, la crisi è stata aperta e anche apparentemente chiusa più volte, ma que che è crepato non si riaggiusta, non nel mio caso, almeno. continuo a seguire un percorso, non so dove mi porterà ma almeno mi serva a darmi una traiettoria, una strada mentale, un obiettivo che mi fa stare concentrata… non nel senso del restare a casa per sempre ma finalmente ad andare via. non so se mai ce la farò, ma le mie energie adesso sono in quella direzione: essere una madre che spinge i figli a diventare liberi e finalmente diventare io una persona libera. perchè rendiamoci conto che è quello che da tempo in tanti non siamo più: persone libere. e non parlo dello stato civile.

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 22:22 Rispondi

    @Leilei
    È proprio per quello che ho sempre sostenuto che l’amantato per me è una condizione temporanea che dovrebbe essere seguita da un cambiamento.
    Qui invece si parla di procedere nella stessa finzione di prima.
    Non sei più innamorato ma ritieni che la vita famigliare sia importante e sia un tuo dovere? Parla, dillo. Proponi un regime di separazione in casa ma non fingere. Fingere a letto poi è una cosa davvero bieca, per quanto mi riguarda. Faccio fatica a pensare a una cosa più umiliante per chi riceve il contentino una volta ogni due mesi per tenere in piedi la baracca.
    Come si può essere sposati da decenni e ritenere di non dovere neanche questa minima sincerità alla persona che si sta tenendo legata a sé, senza che lei abbia gli elementi per scegliere se farlo?
    E non è necessario rivelare il tradimento, che sia chiaro. Ma almeno la crisi sì, è davvero il minimo, altrimenti che cavolo di matrimonio è?
    Invece giù a scaricare la responsabilità sulla moglie che non vede e non dice niente. Ma che sciocchezza! Sei in crisi tu? Parli tu, sei o non sei un adulto? Hai bisogno ancora della mamma che ti chieda perché hai il broncio?
    Non scomodiamo la meta-comunicazione se non si è ancora appresa la maturità della comunicazione verbale. Non si può vivere facendo lo scaricabarile, io ho l’amante, responsabilità tua che non te ne accorgi.
    Cerco che è comoda così però i tempi della materna sono passati da un pezzo.

  • ADS, 3 Ottobre 2022 @ 22:01 Rispondi

    @roberto è grande non la prende sul personale.
    non siamo una famiglia,ma una comunita’,qui siamo tutti un po imperfetti, io in primis, con disagi,poca consapevolezza, se dovessi dare un giudizio su me stesso, talvolta è molto peggiore di qualche etichetta di molte di voi.
    ciao ragazze.
    @angelina..domanda tecnica..ma tu hai preparato la maratona o mezza?
    ciao anche alla padrone di casa che non so come ci sopporta e vi sopporta :d

    • alessandro pellizzari, 4 Ottobre 2022 @ 09:38 Rispondi

      Vi sopporto eccome tanto che vi voglio tutti al mio evento per il nuovo libro. Primo appuntamento in edicola l’11 ottobre con Starbene dove vi svelo titolo contenuti ecc…

  • Rinascita, 3 Ottobre 2022 @ 21:56 Rispondi

    Maribel io ti leggo sempre stravolentieri. Non trovo mai da parte tua valutazioni fini a se stesse ma pezzi di vita vissuta, anche di sofferenza. Ormai è come se ti conoscessi di persona e spero che presto potrà accadere davvero. I simili tra di loro si riconoscono ed io ti ho riconosciuta. Tu rappresenti il rovescio della medaglia di molte noi. Non nascondi i limiti della tua decisione e le conseguenze che ne sono derivate. Stai lottando per superare le tue gabbie mentali e vai avanti nel tuo percorso.
    Se ti guardi indietro, oggi sei indubbiamente più avanti di quando hai iniziato.
    Roberto è all’inizio del suo percorso. Ben venga che gli venga paventato un possibile futuro non roseo con la consorte ignara, diverso è invece (ed a questa tipologia di utenti e di commenti mi riferivo) che venga attaccato perché non ha raggiunto il risultato seduta stante.
    Tu sei la dimostrazione che non tutti gli amanti che non fanno il salto sono dei cialtroni. Non vedo perché per Roberto dovrebbero valere considerazioni diverse. Addirittura si sarebbe separato e gli si dice che tanto non l’avrebbe mai fatto.
    Per la sua gestione della vita matrimoniale mi trovi perfettamente d’accordo. La
    questione è che per capire quanto gli hai scritto prima deve sperimentarlo. Un abbraccio

  • Lolly, 3 Ottobre 2022 @ 21:44 Rispondi

    @leilei…scoperto il tradimento le soluzioni sono: 1) chiedere la separazione.2) farlo restare in casa e tentare di recuperare il matrimonio 3) accettare che il rapporto di coppia e finito e continuare a fare famiglia. Ma in tal caso non si hanno rapporti con il.coniuge se non che per questioni familiari. Come vedi in nessun caso la moglie può accettare in modo consenziente la presenza della terza persona…non conosco una moglie che accertata la presenza di un altra donna, che lui non lascia ,si conceda cmq al marito…no no…non lo fa…fidati!…si resta famiglia, questo si!…invece l’amante accetta la presenza della moglie anche per lungo tempo sapendo che possono avere rapporti intimi….mi spiace.. l’amante scende a compromessi maggiori…forse perché innamorata?…mi auguro di non trovarmi mai a rivestire questo ruolo, soprattutto ora che sono libera…è un suicidio!!…in tutta onestà l’amante ha un senso solo se si è entrambi impegnati…altrimenti il rapporto è sbilanciato a favore di uno solo…

    • alessandro pellizzari, 4 Ottobre 2022 @ 09:37 Rispondi

      Molte mogli dei seriali accettano la presenza di una o più amanti alternando periodi da struzzo guardo da un’altra parte a scenate con 41 bis per il marito quando una amante diventa pericolosa, per esempio per longevità e presenza

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 20:25 Rispondi

    @maribel
    Mi spiace molto leggere di quanto è stato difficile per te e forse lo è ancora.
    Quanto tempo è passato? C’è qualcosa che ti dà particolarmente fastidio o qualcosa che secondo te potresti fare per stare meglio?
    Nel mio caso è capitato tutto così progressivamente che ci siamo caduti dentro e alla fine non era rimasto più niente. L’ho accettato e basta. Negli anni avevo fatto così tanta fatica per fare andare avanti questa relazione che non avevo più energie e la volta che sarebbe toccato a lui di darsi da fare, lui non c’era.
    In quel momento, quando ho capito, ho passato un periodo che piangevo senza lacrime e poi dentro di me ho chiuso la porta. Non me lo sono mai rimproverata, ho davvero fatto tanto e rinunciato a tanto. Più di quello non potevo fare, di sentimenti ed energie non ne avevo più.
    Tu hai sacrificato un amore per la famiglia, io ho perso lavoro e autonomia.
    L’unica persona con cui mi ero davvero aperta e con cui avevo dato il meglio di me stessa si è rivelato essere quel mentecatto del mio ex.
    Ci sono giorni che sono davvero pesanti, soprattutto per la mancanza di lavoro o quel giorno ogni tre mesi in cui vorresti svegliarti e avere qualcuno di fianco a te ma non è detto che si debba vivere nel rimpianto, anzi, io conto sempre che destino possa portare qualcosa di bello.

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 19:37 Rispondi

    @Angelina
    Il problema è che tantissime di queste persone amano solo a parole. In realtà amano pochissimo sia il coniuge ufficiale che l’amante. Non credo provino vera infelicità, semmai frustrazione e una noia che viene presa come condizione inevitabile dopo tanti anni.

  • Viovio, 3 Ottobre 2022 @ 17:13 Rispondi

    @Maribel
    Mi sono persa pezzi della tua storia… allo stato attuale tuo marito è a conoscenza del tuo malcontento, oppure fa finta di nulla? Pensi non ci sia proprio niente da fare per te, per cambiare le cose? Non voglio fare domande scomode, era solo per capire la tua situazione (naturalmente se vorrai rispondere). Credo sia molto difficile rientrare a casa dopo una storia extra e non aver mai aperto una crisi con il compagno ufficiale.
    Penso anche alle storia di @Roberto, la moglie è completamente ignara che lui sia innamorato di un’altra ma ora che è finita non lo vede soffrire?

  • Leilei, 3 Ottobre 2022 @ 17:03 Rispondi

    Lolly, a pensarci non è così. Tu non hai accettato la presenza dell’amante e hai scelto di separarti.
    Molti (probabilmente anche la compagna del mio amante?) accettano l’ipotesi. E non c’è molta differenza tra ipotesi e certezza, per i motivi più disparati.
    Purché non se ne parli in piazza o sul sagrato, purché siano salve le apparenze.

  • Leilei, 3 Ottobre 2022 @ 16:58 Rispondi

    Ariel il tuo discorso avrebbe un senso se io mi sentissi trattata male, umiliata, ingannata dai due uomini della mia vita.
    Per quanto riguarda mio marito, i suoi atteggiamenti egoistici degli anni passati che vi ho raccontato tante volte hanno sortito il risultato che io mi sia allontanata da lui, che abbia messo il mio benessere al primo posto e non abbia più la stima che avevo nei suoi confronti. Il tradimento è solo l’effetto collaterale di tutto questo. Dimmi tu ora in quale modo io sono dipendente da questo uomo.
    Per quanto riguarda l’amante, il ruoli mi sembrano chiari per entrambi.
    Che sia nefasto vivere in una relazione così chi lo dice, tu?
    E allora le coppie dove si pratica il poliamore, le coppie con più di un coniuge sono formate tutte da persone esaurite? Non credo. Ognuno di noi sa cosa può o non può tollerare, cosa ritiene giusto o sbagliato.
    Non c’è una ricetta comune. La ricetta giusta è quella che ci fa stare nel miglior modo possibile. Al di là della morale e del pregiudizio.

  • Leilei, 3 Ottobre 2022 @ 16:46 Rispondi

    Elleelle citare la parola scorrettezza tra persone che hanno tradito e tradiscono mi sembra alquanto fuori luogo se non addirittura ridicolo.
    Quando si tradisce la morale va a farsi benedire, così come il rispetto nei confronti del coniuge.
    Roberto è immorale perché ha tradito la moglie e non ha rispetto di lei perché non glielo ha confessato, idem ADS. Io lo sono a metà perché mio marito sa la metà della verità? Ma dai…non siamo ridicoli.
    Ricordiamoci sempre che il tradimento misura la febbre al matrimonio, che nella maggioranza dei casi c’è un concorso di colpa che spinge in quella direzione. Se chi ci sta accanto non nota che le cose sono cambiate, che l’unione non funziona più o vive il rapporto talmente in profondità da non dargli questa importanza, o accetta la situazione tacitamente (vedi la compagna del mio amante).
    Roberto sta facendo una scelta di comodo, ma il suo comportamento nella coppia ufficiale non potrà mai essere come prima che si innamorasse di un’altra donna.
    Potrà fingere quanto vuole, ma chi gli sta accanto inevitabilmente si accorgerà che c’è qualcosa che stride.
    Ricordiamoci sempre che non comunichiamo solo attraverso le nostre parole. La metacomunicazione è molto più potente di quello che esprime la nostra bocca. E se la moglie non coglie le differenze, beh allora non è poi più così tanto interessata a lui.
    Avete mai guardato la serie “lie to me”? Beh, visto che Ariel usa la parola scienza ogni due per tre, quella serie si basa su teorie scientifiche ampiamente dimostrate sulla comunicazione e la metacomunicazione.

    • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2022 @ 21:23 Rispondi

      Il tradimento non è immorale, è la risposta a un matrimonio in fin di vita

  • sunflower, 3 Ottobre 2022 @ 16:06 Rispondi

    @ads le storie sono sempre diverse l’una dall’altra, il mio “mi farò bastare mio marito” è in un contesto che se estrapolato da solo può suonare terribile, non c’è solo un adeguarmi, anzi dopo aver tradito mio marito, ho trovato la forza di chiarire a me e a lui cosa non mi andava nel nostro rapporto, sollecitando anche fatti concreti e sembra che lentamente le cose stiano migliorando.

    Ti dirò che dopo aver avuto un amante che alla fine si è dimostrato un bugiardo seriale ho anche rivalutato la correttezza di mio marito che mai si comporterebbe così.

    Tu mi sembra che ti stai facendo bastare in senso stretto la tua storia, oppure se valuti di poter mettere in chiaro cosa non va con tua moglie, altrimenti c’è sempre la terza via di amanti che ti aiutino a mandare avanti il matrimonio

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 14:44 Rispondi

    @Dispersa
    È giusto, sei per il libero arbitrio. Però di che scelta parliamo se in fondo stai ancora con il tuo amante, anche se saltuariamente?
    Non hai scelto di restare in casa con tuo marito, hai scelto di tenere – psicologicamente e anche fisicamente, quando capita – il piede in due scarpe.
    È libero arbitrio ma è anche una non-scelta. È più un adeguamento al ribasso. Anche voi giocate al gatto e al topo e dopo anni sei ancora qui, nella gabbia mentale dell’amantato. Ricevi sempre meno, hai una mezza relazione “a patto che”, però ti riempie la testa e le giornate, soprattutto quelle lavorative
    Io non ho un amante, @maribel non ha un amante, non ce l’hanno Rinascita, né Crocus, né Rosa. Abbiamo solo noi stesse, niente sesso (per me sono già più di due anni), niente fantasticherie in ufficio, niente domande del tipo “Ma perché fa così?” che tu invece ti fai spesso e che ti tengono sempre lì, legata a queste due relazioni.
    È un libero arbitrio con le sue comodità, ma con risultati relativi perché nessuna delle due relazioni funziona davvero bene.

  • Angelina, 3 Ottobre 2022 @ 14:12 Rispondi

    @ Maribel io ho sempre pensato che chi ama veramente e poi sceglie di restare in casa poi decreta la sua infelicità e invece di proteggere chi ti sta accanto alla fine rischi di fare peggio come sottolinei tu..

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 12:39 Rispondi

    @Rinascita
    Ho riletto i miei commenti per Roberto ma non mi sembrano diversi da quelli che scrivo normalmente. Non ci sono insulti, non ci sono obblighi. Ovvio che gli ho fatto notare che se viene qui senza dire quello che è successo, gli altri non possono indovinarlo. Ma per il resto, non gli ho detto niente fuori dalla norma.
    Roberto è stato il primo a lasciare l’amante per la moglie poi ha fatto quello che fanno in tantissimi: soffriva, è tornato dall’amante, si sono lasciati di nuovo e di nuovo soffre. Nulla di strano, purtroppo.
    È questo che è così inaccettabile, far notare che purtroppo è una storia come tantissime altre, in cui due persone hanno sperperato una relazione che magari avrebbe funzionato?
    Non è forse più inaccettabile continuare a dire che siamo isteriche, arretrate, piene d’odio? Questo sì che è medioevo, il medioevo cognitivo di chi non capisce che una relazione come la mia o quella di Crocus o quella di Piccola non saranno mai belle da raccontare. Il fatto che non siano state belle relazioni e non avere la bacchetta magica per riempirle di cuoricini non vuol dire essere piene di odio, vuol dire raccontare i fatti.
    @Rinascita, io sto chattando saltuariamente con quel tipo che ogni tanto, molto delicatamente, ci prova. Se odiassi il genere maschile non lo vorrei neanche come amico e invece se mi baciasse ricambierei. L’avevo baciato più di trent’anni fa, lo bacerei di nuovo.
    Capisci a che punto si arriva nel proprio caos? Invece di guardarsi dentro, ci si scaglia contro gli altri con accuse gratuite a cui peraltro non è difficile ribattere, non siamo nate ieri.
    Invece di fare un passo indietro e dire “Eh, non avete tutti i torti”, ci si mette sul piede di guerra con aggettivi ridicoli e con che vantaggi non si sa.
    A me oltretutto sembra un copione già visto. Non è la prima volta che ci becchiamo delle donnette arretrate, delle teste non pensanti o che sentiamo dire che il blog così non va bene, che dovrebbe essere a misura della persona che se la prende e che minaccia di andarsene.
    È un blog, non è l’asilo e non è obbligatorio. Tante persone trovano aiuto, sostegno e spunti utili senza accusare a destra e sinistra.
    Io non ho mai dato della testa non pensante a Cossora, non ho mai dato dell’ometto isterico a Roberto. Però rispondo quando qualcuno lo fa e rispondo argomentando quello che dico e credo di farlo con educazione.
    A regola saremmo tra adulti, a volte non sembra.

  • Ariel, 3 Ottobre 2022 @ 12:09 Rispondi

    alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2022 @ 09:30Rispondi

    Sicuramente @leilei é onesta ,ma credo che non si sia qui per giudicare chi sia onesto oppure no
    Nel significato della discussione scambio .

    Rilevo da quando scrivo qui sul Blog che una delle difficoltà maggiori per tutte le utenti e di tutti gli utenti sia la Ossessiva ossessione barra paura di essere giudicate da un point de vu moralistico o di disonestà

    Ora se ci si riferisce a onestà intellettuale questo può sicuro aiutare solo come a un tentativo di far riflettere chi scrive quando non si rende conto del continuare a trovare spiegazioni o motivazioni che servono per evitare di porre in azioni di aiuto per uscire dal proprio vivere in vere prigioni dorate.

    Ma ecco ci tengo a precisare e a invitare tutti a non analizzare le testimonianze da punto de vu moralistico che NON SERVE NON AIUTA E ALLUNGA LA DISCUSSIONE senza riuscire a porsi in vero obbiettivo concreto di vero aiuto
    E cioè fare caso ad esempio quando ciò che viene scritto si basa NON SU OPINIONE PERSONALE ma meccanismo Scienza

    La Scienza NON GUARDA IL MORALISMO
    NON GIUDICA MALE O BENE DA PUNTO VISTA MORALISTICO

    MA CI FA MALE comportarci in un modo X O Y e

    Il PERCHÉ CI ACCADE ?

    E COME FARE PER CAMBIARE IL NOSTRO COMPORTAMENTO AFFETTIVO E SOCIALE

    SICURO quindi LEILEI e chiunque scriva qui
    DO PER SCONTATO SIA SICURO ONESTO nel senso della morale condotta e pensiero SICURO IN BUONA FEDE!!

    No interessa qui giudicare da questo punto vista

    Ma INTERESSANTE giudicare da punto di vista comparativo rispetto a SCIENZA che GIÀ CI SPIEGA I MECCANISMI INPERCHE E LE SOLUZIONI

    Che restano identiche nella metodologia di aiuto psico fisico per tutti i casi qui in oggetto di testimonianze e buone positive discussioni scambio.

  • Sylvia, 3 Ottobre 2022 @ 12:03 Rispondi

    “Tuo marito ha bisogno di te, da solo non ce la farebbe. Il tuo amante ha bisogno di te perché la famiglia lo schiaccia. Tu dipendi dal sentire che questi due uomini hanno bisogno di te.”

    Disamina perfetta, @Ellelle

  • Lolly, 3 Ottobre 2022 @ 11:54 Rispondi

    A pensarci…l’amante accetta la presenza della moglie. Il contrario no…o la lascia o anche la moglie si fa l’amante. Quindi è l’amante che scende a compromessi maggiori…

  • Lolly, 3 Ottobre 2022 @ 11:49 Rispondi

    @ Alessandro concordo con te…se tutti e 3 i componenti della storia sono d’accordo permane un costante equilibrio. Spesso il coniuge è ignaro( e a mio avviso è l’unico modo) oppure tutti sanno e nessuno decide per il cambiamento…ma non c’è coppia all’interno del matrimonio. Perché se così fosse il coniuge tradito non accetterebbe più l’intruso, o chiude o si cambia musica. Non credo esista chi accetta di stare con qualcuno sapendo che va anche con altri..giusto?

  • ADS, 3 Ottobre 2022 @ 11:09 Rispondi

    @il commento di @rinascita mi sembra ineccepibile, neutro, è indubbio che dai toni è piu equilibrato, meno sbilanciato emotivamente rispetto ad altri, credo che non sia utile la logica del ring, o quella io sono meglio di te.
    a mio avviso una persona che tradisce il partner per anni ha poca considerazione per il partner, al netto di quanto si possa dichiarare o scrivere.
    @maribel , qui nessuno ha mai detto che rientrare nel matrimonio è una cosa agevole anzi, è peggio di prima,perchè ormai le cose con il partener si sono usurate
    qui c’è una utente@sunflower che ha scritto visto che piace sempre riprendere i virgolettati,
    “mi faro bastare mio marito”.
    avete delle scatole nere talvolta un po di parte.

  • Dispersa, 3 Ottobre 2022 @ 10:59 Rispondi

    @Maribel nessuno sta dicendo che tornare in casa è semplice, anzi tutt’altro… Ma io nel mio caso ho imparato ad essere più cinica per difendermi.
    Giusto o no a me è convenuto fare così.
    Ognuna e ognuno porta le proprie esperienze e il proprio percorso di guarigione, che non deve essere preso di esempio ma nemmeno si può giudicare senza sapere cosa c’è dietro a certe scelte.
    Io sono per il libero arbitrio.

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 10:11 Rispondi

    @Roberto
    Vedi che torni con altre affermazioni maschiliste? Vedi che ti lamenti di fantomatici giudizi, quando tu sei il primo a darne? Dopo la donna isterica sei passato alla donna arretrata e adesso alla donna piena di rancore verso il mondo maschile.
    Non è così, non mi alzo con nessun rancore. Mi alzo con la consapevolezza di quello che voglio e di quello che mi sta attorno. Ho amici e conoscenti, parlo con loro, conosco le loro storie così come conosco la mia. Vedo tanta amarezza causata da relazioni sbagliate che io non voglio rivivere.
    Se questo fa di me una persona arretrata, ben venga. Se desiderare di conoscere un uomo buono e positivo è isteria, ben venga. Se non buttarmi nella prima relazione che passa fa di me una donna arrabbiata con il mondo maschile, va bene ma non è così.
    @Roberto, una donna scopa quando vuole.
    Ho un paio di persone che non disdegnerebbero. Se volessi, con un pochino di pianificazione, un caffè da qualche parte, alcuni sguardi, un bacio sulla guancia e un abbraccio un po’ più lungo del normale prima di andar via e tra due settimane ce li ho tra le gambe.
    Odio così tanto il mondo maschile che ho amici ovunque da una vita. Alcuni li adoro proprio, è sempre un piacere vederli e parlare con loro. Gli uomini del paese in cui vivevo prima sono uno spettacolo di rilassatezza e mascolinità.
    Però proprio per questo vedo e sento le caxxate che fate e la presunzione che ci mettete, anche quando siete voi nella merxa ma finite per dare la colpa a noi.
    Ti chiedo di nuovo: siamo isteriche, arretrate e piene di odio ma tu credi di portare rispetto a tua moglie con quello che fai e che scrivi?
    È a questa domanda che devi rispondere, perché questo è il tuo problema.
    Io non sono né tua moglie né la tua amante, non ti cambia niente se io sono moderna o arretrata.
    Leggi quello che ha appena scritto @maribel e pensa che magari questo è quello che ti aspetta. Io ho passato anche quella fase, niente depressione, solo calma, determinazione e fiducia per il futuro.
    Mentre tu rifletti sul messaggio di @maribel, io vado a vedere se mi ha scritto un amico con cui sto programmando un’uscita e a mandare un messaggio a un altro che vedo in difficoltà (possibile depressione) e con cui vorrei fare due chiacchiere al più presto. Vedi lo stress e l’odio che mi pervade? 😀

  • Rinascita, 3 Ottobre 2022 @ 09:22 Rispondi

    E’ ovvio ElleElle che se ne possa parlare. Io stessa ho scritto a Roberto che non condivido il suo rimanere in casa tacendo e sorvolando sullo stato del rapporto con la moglie, che prescinde dalla situazione con l’amante. Mi è evidente la diversità della situazione mia o tua in famiglia rispetto alla sua. Le proprie opinioni possono però esprimersi con toni differenti. Dico solo questo. Dare la propria visione di vita può aiutare a ragionare e far comprendere la diversa prospettiva su cui ciascuno di noi si muove. Giudicare com’è’ o come non è la vita altrui lo trovo inutile, poco costruttivo. Il confronto con Roberto a me aiuta, così come mi fa riflettere ADS, LeiLei o chi ha fatto una scelta diversa dalla mia. Anche loro a me insegnano qualcosa, fosse solo confermare quello che non voglio si ripeta più nella mia vita. Se io vivessi un altro inciampo (spero proprio di no) non vorrei essere messa in croce. Mi
    piacerebbe poter parlare in libertà, a prescindere che la mia visione sia condivisa o meno. Roberto non è qui a dire che la sua vita è quella che vorrebbe vivere ma che non riesce a fare diversamente. Non sta scrivendo a nessuna di noi che siamo delle sfigate, per le nostre scelte, anzi…. Abbiamo contestato tanto i modi di altre utenti qui sul blog, sarebbe buona cosa non caderci noi stesse. Tutto qui! I fondamentali li conosciamo tutti, separarsi quando non c’è più amore, non tradire, non intraprendere una relazione con una persona impegnata. Tutto perfetto, così la vita sarebbe top, come la pace nel mondo, l’assenza di rincari delle bollette e tutto il resto. Poi c’è la vita che è altro e ciascuno la
    affronta con le proprie risorse, chi restando in situazioni stagnanti, chi facendo un passo alla volta verso la propria libertà emotiva. Incoraggiare e non affossare, secondo me, li’ è la chiave di tutto.

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 09:19 Rispondi

    @Leilei
    Nei giorni scorsi parlavo con un’amica che è stata più di dieci anni in una relazione che era stazionaria. Poi pian piano questa relazione ha cominciato a spegnersi e a rivelare aspetti diversi, proprio a livello personale.
    Attraverso la terapia psicologica si è resa conto di comportamenti in sé stessa e in lui che si possono riassumere nel classico gioco tra gatto e topo. Lui lo fa ancora adesso, a relazione finita. Ovviamente lei prima non lo vedeva, come non lo vedi tu.
    Ti faccio qualche esempio, preso da cose che hai citato tu: il tuo ex guarda il tuo cane e ti dice “Questo un giorno potrebbe essere anche il mio cane” pur sapendo che non lo sarà mai, ti fa vedere la chat della moglie per farti vedere che è brutta e cattiva, ti prospetta una possibile vita futura ma poi ti dice che la figlia adulta ha bisogno di lui, ti dice che è andato a letto con la moglie in vacanza e che gli è piaciuto.
    Lui ti tiene legata a un filo, che tu per motivi tuoi non vuoi vedere e di cui non vuoi avere consapevolezza. Ci sta, ma accetta che chi ti osserva da fuori lo veda. Per te la frase sul cane era un segnale di interesse e di intenzione se solo fosse stato possibile, per noi ti ha solo lanciato il bastone e tu sei andata a prenderlo. È una forma di addestramento anche questa.
    Penso di avertelo già scritto, secondo me tu lo sottovaluti. La sua immagine debole e sacrificata da una parte ti fa dire “mi ama ma poverino non può” e dall’altra ti impedisce di vedere che lui sa una cosa fondamentale: tu sei così convinta che la tua vita senza il combo marito-amante farebbe schifo che accetteresti tutto pur di mantenere questa situazione.
    Immagini chissà che sofferenze e privazioni senza questi due che pian piano ti accontenti di sempre meno. Anni fa ti saresti separata per lui, adesso non credi più nell’amore. Pensa a che parabola discendente hai seguito, sempre attaccata a questi due, uno che preferisce il circolo, l’altro che deve correre dalla figlia.
    Se qualcuno ti dice di pensare a queste cose, tu svicoli, ti rifiuti di addentrarti dentro a un discorso che ti potrebbe destabilizzare.
    Tu non hai alcuna dipendenza ma poi dipendi dalla vita di lusso che ti offre tuo marito e dai ritagli di tempo dell’amante e guai a toccare questi due parametri.
    Tuo marito ha bisogno di te, da solo non ce la farebbe. Il tuo amante ha bisogno di te perché la famiglia lo schiaccia. Tu dipendi dal sentire che questi due uomini hanno bisogno di te.
    Cosa ne sarebbe di te se non fosse vero che sei necessaria?
    E guarda che queste cose non ti vengono scritte con cattiveria, a me non cambia niente se tu butti via la tua vita e i tuoi sentimenti. Solo che sei qui da anni ed è sempre in ribasso, ricevi sempre meno da queste due relazioni, sei sempre più arroccata in questa posizione intoccabile, di cui sei prigioniera.

  • Sylvia, 3 Ottobre 2022 @ 08:47 Rispondi

    Ah @ Roberto, sperando che @Alessandro abbia pubblicato il mio messaggio di riassunto della mia storia e perché mi sento di non essere una donna di 200 anni fa e visto che hai accusato anche Ellelle di esserlo, ti dico che anche lei che è rimasta a casa dopo aver sognato una vita con l’amante, ma, poiché ha informato il marito di ciò che ha vissuto, la decisione di non separarsi evidentemente l’hanno presa INSIEME, quindi entrambi hanno potuto scegliere.

    Come vedi il rischio di essere scaricati dal coniuge una volta che viene a sapere della relazione parallela esiste, ma non è certo! Ma almeno denota una certa considerazione del coniuge che non sta nel matrimonio solo perché ignaro e perché non ha avuto la possibilità di dire la sua. Hanno affrontato la realtà di una copia che non è più coppia (succede anche quando uno solo sente che non è più attratto, non sente le due “anime” vicine).

    Quindi non so se Ellelle, di cui io comunque non capisco la scelta ma la accolgo come un comune accordo con il marito, sia anch’essa una donna di 200 anni fa o se, una volta realizzato di essere stata scorretta con il marito a fargli cose alle spalle e a pianificare una vita con un altro uomo, ha almeno dato ANCHE a lui la possibilità di scegliere quello che il futuro poteva essere.

    Tu invece neghi questa possibilità a tua moglie ed è questo che io e Ellelle ti contestiamo e che denota una totale mancanza di rispetto nei confronti di tua moglie e la tua idea di possesso di lei che non lasci libera di decidere, perché così la tua immagine di marito integerrimo non viene intaccata. Per questo hi scritto che se fosse al corrente non tanto del tradimento, ma della considerazione che hai di lei, sarebbe lei a scaricarti.

    Quindi riassumendo io e Ellelle non reputo affatto che siamo donne di 200 anni fa proprio perché nel fare le nostre scelte abbiamo coinvolto la parte ignara e ci sembra naturale che l’altra parte, nel tuo caso una donna, tua moglie, possa SCEGLIERE LIBERAMENTE, prendendo in considerazione TUTTI gli elementi che la riguardano e che tu le neghi.

    Non so come la vede Ellelle, ma se questo mi rende antiquata, sono orgogliosa di esserlo!

  • maribel, 3 Ottobre 2022 @ 08:24 Rispondi

    @rinascita e @dispersa

    purtroppo non si può qui raccontare tutto quello che viviamo, per ovvi motivi di privacy, ma vi assicuro che io ho fatto veramente peggio di molti di voi, non sono stata lasciata nè presa in giro, sono stata io che ho molltato il colpo e son tornata indietro quando potevo andare e costruire da un’altra parte, ma ero piena di tutte le paure e i convincimenti che qui il nostro @roberto ben rappresenta.
    ma proprio perchè so il baratro in cui sono sprofondata dopo e perchè so come devi sputare il sangue dopo, per non farti venire la depressione e non travolgere anche tutte le persone che credevi di proteggere, non posso leggere certi commenti dove il ritorno a casa sembra quasi un automatismo senza conseguenze o dove il ritorno a casa sembra un qualcosa di dovuto, di sempre accettabile e normale. non posso scrivere di più, ma il mio rifiuto di certi commenti dove il rientro a casa sembra la normalissima fine di queste storie è perchè per me ha rappresentato invece veramente l’inzio della mia infelicità e del duro lavoro per non cadere in depressione.
    rivedo me in tanti commenti, ed è la me stessa di allora che sgrido e strattono, cercando di far vedere quello che nemmeno io vedevo, cioè le gabbie che ci costruiamo e che poi inevitabilmente ci cadranno addosso.
    ognuno deve risolversi da solo, questo è vero, ma trovo sano il dibattito anche acceso che anima questo blog. non sarebbe normale un blog dove tutti sono sempre concordi su tutto.

  • elleelle, 3 Ottobre 2022 @ 00:14 Rispondi

    @Rinascita
    Qui si dice “l’amore non era abbastanza”, “era un ti amo ma”, “sei sicuro/a che fosse amore e non innamoramento?”, ” la tua storia è come tante altre”, “hai detto cose che hanno già detto milioni di persone” ecc. ecc.
    Importa davvero se cambiano i dettaglia il risultato è lo stesso? Cosa cambia se io sono veterinario e tu pittrice ma le nostre relazioni vedono entrambe un uomo che ci rimbambisce di dichiarazioni d’amore ma poi resta a casa con la moglie?
    Ognuno di noi è diverso, ognuno di noi vive le stesse menate.
    Il tuo ex si è fatto 1000 km per non dirti niente di significativo. Nel mio caso i km li ho fatti io per farmi prendere per il culo.
    Siamo entrambe a casa in un matrimonio finito. Non è forse la stessa cosa?
    Non sono bastonate, è la realtà e prima o poi va guardata in faccia.

  • elleelle, 2 Ottobre 2022 @ 23:57 Rispondi

    @Roberto
    Non siamo di certo noi che siamo rimaste indietro al modello maschilista di 200 anni fa, secondo me. Anzi, dalle nostre parole si legge proprio il contrario.
    Non credo che sia più evoluto restare con la moglie come ripiego o accettare di essere amante ad oltranza. Non c’è niente di nuovo e rivoluzionario in queste cose. È la stessa minestra che si ripropone in milioni di relazioni.
    È rivoluzionario parlare di rispetto per sé stessi e per gli altri, invece. È evoluzione decidere di prendere la vita nelle proprie mani e non accettare più storie a metà. È moderno pensare di poter farcela anche da soli, fuori da un matrimonio che non funziona più, senza ricorrere a stampelle, bugie e sesso finalizzato al mantenimento dello status quo.
    Dire a noi che siamo rimaste indietro non porta certo avanti te. Puoi non interagire con alcune di noi ma ci sarà sempre qualcosa che verrà scritto e che pungerà la tua coscienza, perché sai che quello che stai facendo è una scorrettezza nei confronti di tua moglie.
    Per cui cosa ti serve di più, cosa ti è più utile, dire a noi che siamo delle donnette arretrate o riflettere su quello che ti viene detto e che è assolutamente attinente al tuo caso?
    Anche tu svicoli e non rispondi: cosa ti ha detto Sylvia di così errato? Alla fine lei ha detto solo che dalle tue parole si vede poca considerazione per tua moglie. Cosa c’è di arretrato o di falso nella sua affermazione? Credi di portare rispetto a tua moglie con quello che scrivi e che fai?
    La tua vita è rinchiusa in queste domande, non nella mia posizione sulla scala temporale del maschilismo. Potrei essere ferma ai tempi della clava ma le domande per te sarebbero le stesse.
    Di nuovo, quello che ha un problema in questo momento sei tu, non noi.

  • Lilly, 2 Ottobre 2022 @ 23:03 Rispondi

    @leilei, io devo ammettere che tu sei una persona incredibilmente onesta con te stessa. Non ti nascondi dietro scuse moralmente comode. Sei consapevole di ciò che per te è importante, e agisci in base alla tua scala di valori. Che siano condivisibili o meno non sta a nessuno di noi giudicarlo. Credo che tu in parte possa indicare la strada per poter prendere delle scelte nella vita. Cosa conta per noi, veramente,alla fine? A cosa non possiamo rinunciare? @leilei…a volte mi fai arrabbiare perché sei lontana dal mio ideale di donna emancipata, che deve per la mia visione delle cose essere indipendente, saper esser stabile senza nessuno ecc. Ma è il mio ideale, appunto. E invece la vita è la tua. Sta tutto lì. Vita tua. Ideali tuoi. Vita mia, ideali miei. Ma la sincerità con sé stessi…quella è auspicabile per tutti noi.

    • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2022 @ 09:30 Rispondi

      Lei è vero è onesta. E soprattutto non vuole imporre il suo modo di vivere l’amantato come la cosa giusta per tutti, come una sorta di upgrade evolutivo che rende superiori agli altri

  • Ariel, 2 Ottobre 2022 @ 23:01 Rispondi

    alessandro pellizzari, 2 Ottobre 2022 @ 22:09Rispondi
    Apprezzo molto la tua chiarezza

    É dove sarebbe la chiarezza in chi vive da anni in vera difficoltà a staccarsi da ben due uomini????

    La unica cosa chiara é questa che proprio chi si stupisce del leggere che esiste in chiunque viva relazioni a tre o a quattro da anni e anni la scienza stessa ci spiega essere sicuramente relazione tossica

    É tipico della dipendenza dire
    Che c’entra la dipendenza?
    Perché un drogato resta lucidissimo quando pur di mantenersi nella sua vita di drogato le studia e le fa tutte e ci dice
    Ma io sono lucido
    Ma io scelgo

    Insomma la chiarezza resta esattamente dove non appare esserci affatto !
    Chi da anni continua a vivere nascosta resta dipendente e purtroppo non riconoscendosi tale non ci si cura
    Lo stupore di essere dipendenti quand do evidentemente non si Sto arrivando! Di cosa si tratti e cioè che di droga si tratta di crisi di astinenza di cervello sotto effetto droga che lede e cancella il vero libero arbitrio
    Si vorrebbe ma non si riesce
    Si dice ma io ho detto a mio marito che non ,o amo ma intanto non lo si lascia
    Si dice ma io amante non lo amo e non amo nessuno ma intanto non si riesce a staccarsi nemmeno a venire presi al lazo !!!

    Altro che chiarezza!!!!!

  • Roberto, 2 Ottobre 2022 @ 22:59 Rispondi

    @Ellelle, ti pare che io possa offendermi per quello che dici tu? Probabilmente non mi sono spiegato per niente. A me le tue risposte fanno sorridere perché sono sempre piene di negatività per quello che hai dovuto subire dal tuo seriale che si è comportato male. Si sente lontano un miglio che tu, forse non devi fingere a letto con tuo marito, ma ti alzi ancora con un rancore verso il mondo maschile che sottolinea il fatto che non hai risolto il tuo passato. La mia storia è la medesima di milioni di donne. Che tradiscono per amore ma che dall’altra parte non trovano la persona disposta a seguirla. Per mille motivi. Non sono stato stornzo con l’amante, non l’ho presa in giro, ma nonostante tutto stranamente ho mille altre colpe. Comunque se a te va bene scaricare la tua rabbia che hai ancora dentro, fai pure. Tu ti sei separata e non devi più fingere? Non mi sembra che ti abbia dato tutta questa serenità. Anzi….. Mi sa che questo discorso valga anche per Molly.

  • ads, 2 Ottobre 2022 @ 22:56 Rispondi

    @lei lei ha le stesse motivazioni mie di @roberto, @dispersa,maribel,sunflower,anche @rinascita per ora,
    ..anche di @leilei, titti@… non vedo grandi differenze sinceramente..
    e stento a comprendere il perchè talvolta si salga sul pulpito..mi sembra netta la cosa.
    buona notte

    • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2022 @ 09:27 Rispondi

      Non a caso il 50% dei matrimoni in crisi stanno in piedi con l’amante stampella

  • Lolly, 2 Ottobre 2022 @ 22:33 Rispondi

    Io sono con @leilei…la trovo coerente…non c’è dipendenza ma consapevolezza di ciò che la circonda di cosa può avere e cosa no. Lineare e realistica ognuno dei componenti di questa storia sa il ruolo che veste, scegliendo di rivestirlo senza inganno. Nulla da obiettare…meglio di così!

    • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2022 @ 09:26 Rispondi

      Basta che i patti siano chiari e nessuno illuda nessuno: facciamo gli amanti e ci basta così. Poi c’è la parte matrimoniale, che così viene lasciata in sospeso con i suoi problemi, quelli che hanno provocato l’arrivo di un amante, e che prima o poi andrebbe affrontata, a meno che l’amantato non diventi un secondo matrimonio stampella o si diventi dei seriali

  • Sylvia, 2 Ottobre 2022 @ 22:25 Rispondi

    Roberto, io sono Sylvia e non Molly (vorrei trovare la sua storia e leggere cosa abbiamo in comune).

    Riassunto: io avevo un amante sposato e con figli. Storia iniziata per “gioco”, non volevamo coinvolgimento. Le famiglie non dovevano essere coinvolte. Io invece mi sono innamorata. A quel punto lascio mio marito perché non ero più autentica con lui. Non volavano i coltelli. Avremmo potuto andare avanti nelle menzogne (mie!). Facevamo sesso regolarmente e andavamo d’accordo ma io volevo vivere con l’amante.
    Non sentivo la fiamma quando ero con mio marito. Ma non per questo meritava di essere preso in giro. Glielo dovevo di essere onesta e dargli una chance si rifarsi una vita con una persona che lo possa amare.

    Il mio amante, appena la moglie vede dei messaggi non espliciti ma un po’ troppo personali mi lascia: la famiglia non si tocca e ottiene anche il trasferimento lontano da me. Restiamo in contatto, specie dopo l’insorgere della mia malattia, ma solo in amicizia.chiaro che io continuo a volere di più, ma lui ha scelto.

    Ora io sarò una donna con una mentalità
    Antiquata di 200 anni fa ma se pensi che tua moglie meriti di stare con te perché dopo 30 anni i matrimoni sono tutti noiosi, ecco il maschilista antiquato sei tu!

  • Roberto, 2 Ottobre 2022 @ 19:42 Rispondi

    @Rinascita, hai riassunto esattamente quello che dovrebbe essere un blog. Chapeau.

  • Leilei, 2 Ottobre 2022 @ 16:13 Rispondi

    Brava dispersa, concordo con te!
    Io ho sempre dichiarato che resto perché mi fa comodo. Quindi vuol dire che ci ho riflettuto ed ho tirato le mie conclusioni.
    Invece mi si continua a parlare di dipendenza affettiva. Ma che cavolo c’entra?
    Io resto perché mi piace vivere senza problemi economici e preoccupazioni. Resto perché non ho mai spinto il mio amante verso una scelta, perché se avesse detto di sì, sentendosi messo alle strette il tutto si sarebbe potuto rivelare un immenso casino.
    Sono lucida e consapevole di quello che sto facendo.
    Non vi piace? A me si.

    • alessandro pellizzari, 2 Ottobre 2022 @ 22:09 Rispondi

      Apprezzo molto la tua chiarezza

  • Leilei, 2 Ottobre 2022 @ 16:03 Rispondi

    Elleelle su cosa svicolo?

  • Leilei, 2 Ottobre 2022 @ 16:02 Rispondi

    Elleelle certo che chi compie violenza è un delinquente o un malato. Ma chi la subisce senza ribellarsi, anzi a volte giustificandola o addirittura sentendosi in colpa o meritevole di quella violenza, ha una visione distorta della realtà, causata o da un vissuto di violenze a cui ha assistito o perché ha un’autostima fragilissima. E questo non lo dico io ma medici e psicologi.

  • ADS, 2 Ottobre 2022 @ 15:12 Rispondi

    ciao @maribel, credo che @dispersa ma anche @rinascita vogliano dire sostanzialmente che non ci sono ricette vincenti che vanno bene per tutti,..si @dispersa ha un atteggiamento tollerante perche’ vuole salvare se stessa, e anche se fosse..anche tu nel tuo piccolo in qualche maniera annacqui le tue incoerenze a mio avviso,poi
    il fatto di intraprendere un percorso di terapia non è salvifico ad ogni costo, non è che siccome tu vai dal terapista ipotesi sei meglio di me che non ci vado, a volte si nota una durezza eccessiva nei toni,
    @roberto ha avuto esattamente il medesimo epilogo di altre persone , nulla di eccezionale, particolare,
    poi se si indossa sempre un certo paio di lenti, il risultato sara’ sempre il medesimo.

  • Ariel, 2 Ottobre 2022 @ 15:10 Rispondi

    @Rinascita
    Il discorso su ciò che tu definisci «  badilate » é un tuo più che legittimo point de vu
    ,ma se si vuole comunque dare un valore universale alla scienza che ci dice già da anni il come mai le persone agiscano in un modo piuttosto che in un altro relativamente al come tutti si funziona a seconda del tipo di attaccamento affettivo antico nella crescita si é installato dentro se stessi .
    Ecco che ciò che tu chiami «  badilate » a volte sono un voler spingere le persone a darsi na mossa
    E sicuro ad esempio resto consapevole che mica pretendo o mi aspetto nè condivisione ne di avere il potere io me povera utente essere umana qualunque che per giunta ha avuto la sue esperienze Fallaci e dolorose ,ma con chi si ipotizza sempre,possa scrivere qui in preda a vera dipendenza affettiva dimostrata semplicemente da scienza nel NON RIUSVIRE A STACCARSI da soggetti nocivi il manipolatore negativo lo é proprio perché profitta di metodo di intorto metodo di cercare di trattenere le sue prede ABILMENTE SCELTE DA INIZIO come riconosciute già con dipendenza affettiva in ogni sfumatura ,ma sti soggetti si attaccano ci riconoscono già prima ecco che per chi qui come utenti staziona in permanenze accanto a soggetti manipolazione negativa sia siano essi mariti ,compagni e pure amanti

    Necessitano entrambi i ruoli di ogni tanto na scossa !,,

    Esattamente come chi da un lato resta bloccato nel proprio maschilismo atavica eredità secolare e approfitta delle donne tutte in ogni ruolo mogli ,amanti e pure le parenti o le colleghe e cioè le dinamiche di attaccamento affettivo restano rivolte a tutti gli altri

    Qui di sicuro ognuno porta sua esperienza ma anche la esperienza che testimonianza e racconta via via SU CISA SI BASANO I PROPRI PENSIERI che da soggettivi divengono oggettivi ogniqualvolta ci si rifà a Scienza che da anni studia come si funzioni
    Che da anni ha già messo in opera diversi metodi per aiutare a fare da soli il proprio cammino evolutivo

    In una discussione resta normale accendersi soprattutto in anonimato e solo con metodo unico scrittura dove ognuno di noi ha la sua Lingua Madre e per ogni parola o verbo etc alle stesse parole ciascuno da un sogno e valore differents per ciò che si é appreso già da nascita e fino a età adulta.

    La Scienza può solo che unirci tutti purchè lo si voglia fare ,naturalmente
    E sicuro ad esempio uomini qui scriventi
    Usano spesso

    Evitare
    Un verbo che già esprime la mancanza di vera voglia di porsi in discussione aperta ed onestà intellettuale verso tutte le donne.
    Con ciò resto sempre aperta a che ciascuno possa cambiare il comportamento pire qui espressivo
    Come infatti scienza insegna che se vuoi puoi
    Che finché si sta vivi si può sempre avanzare verso il meglio in vero equilibrio di autostima

    Una ricetta che funziona sempre aldilà di genere o di qualsiasi situazione di vita si viva.

  • elleelle, 2 Ottobre 2022 @ 12:25 Rispondi

    @Rinascita
    È vero che ci sono tante sfaccettature ma se esageriamo con il buonismo perdiamo poi di vista alcune verità incontrovertibili.
    Visto che in questi giorni il discorso è sula storia di Roberto, è innegabile che la moglie sia un ripiego perché l’amante ha detto di no. Moglie che non è consapevole, con cui si mantiene la facciata anche a livello sessuale e per cui si prende una decisione senza sentire la sua opinione. Da questo si procede e per questo Sylvia ha sottolineato la mancanza di considerazioni di Roberto nei confronti della moglie.
    Spiace se Roberto sta male per l’amante ma dovrebbe anche pensare alla donna che ha sposato e a cosa sta per fare.
    Senza cattiveria ma è essenziale anche per lui, che dovrà convivere con l’insoddisfazione di una routine calma ma noiosa con una donna di cui non è innamorato ma con cui deve fingere, andandoci pure a letto assieme.
    Tu non devi fingere con tuo marito, io neppure. C’è una grande differenza.
    Il punto è: possiamo parlare di queste cose o sono tutti argomenti tabù perché magari qualcuno si offende?

  • Dispersa, 2 Ottobre 2022 @ 12:20 Rispondi

    @Maribel a me dispiace, io ti credo se tu mi dici che stai facendo introspezione nonostante anche tu rimanga in famiglia, solo che a volte ho come l’impressione che si voglia puntare il dito.
    Una tua opinione va bene, sta nella persona che legge saper prendere o lasciare andare il commento, ma l’assolutismo che scrive @Rinascita a volte lo percepisco anch’io.
    Sono situazioni simili ma non uguali e ogni storia di amantato è a sé.
    Il consiglio ci sta ma il dire ‘devi fare così o tu sei così’ lo trovo spesso controproducente, sarò io strana ma certi commenti a volte li sento negativi e sono gli stessi commenti che se scritti in maniera differente potrebbero essere solo di grande aiuto.

  • Lilly, 2 Ottobre 2022 @ 12:09 Rispondi

    @Rinascita il tuo ultimo intervento mi è piaciuto molto… molto equilibrato e corretto. Anche se non trovo sbavature nelle parole di una persona come @elleelle, mi accorgo che lei è molto più avanti di una persona come me ad esempio. Ha una forza incredibile, davanti a cui a volte mi sento in difetto. Lei è andata oltre, è andata via, io ancora fatico. Quindi questo mio essere “nel mezzo” mi fa forse essere più tollerante verso alcuni scivoloni e incoerenze altrui. Ma tolleranza non significa stare in silenzio…significa non prenderla sul persona per certe cose dette, ma capire che a volte per rimanere aggrappati a qualcosa che non riusciamo a lasciare andare, ci costruiamo un mondo di credenze assurdo, che serve per tenere in piedi questo castello di carte che non vogliamo lasciare. È giusto farci notare le incoerenze dei nostri pensieri. Ma non so fino a che punto possa esser costruttivo “bastonare” (passatemi il termine) un cane ferito che ha cercato di morderci quando abbiamo provato ad avvicinarci per aiutarlo. È ferito…e non capisce più chi vuole aiutarlo e chi no. Anche @ads faceva così…ha dovuto trovare un pochino di stabilità prima di poter davvero ascoltare cosa si diceva qui. A volte non si è pronti per vedere le cose…

  • Roberto, 2 Ottobre 2022 @ 12:00 Rispondi

    @Elle, se tu noti io rispondo così solo a te, Silvia o Mollly non so chi sia, è perché le altre persone non hanno preconcetti. @A. Ha scritto un post saggio ed intelligente. Che era poi una critica. P A quello ho risposto con calma. Come ad altri. Se rispondo così a te, a Molly, è perché siete rimaste ferme ancora al pensiero maschilista di 200 anni fa. Per fortuna le Donne sono altre nel 2022. Per questo quando leggo le vostre inutili risposte sempre piene di stereotipi ni viene voglia di andar via. Poi arrivano anche giudizi negativi ma dati con intelligenza, allora mi viene voglia di discutere, che poi è il vero senso di un blog.

  • Lia, 2 Ottobre 2022 @ 11:41 Rispondi

    @ragazze, comunque anch’io mi sono fatta umiliare, perché accettare di rivedere una persona per la quale hai fatto scelte importanti, che ti cerca sporadicamente solo per sesso e che neanche si preoccupa di sapere se sei viva o morta ci vuole una buona dose di non so cosa. @Ariel la chiama dipendenza che sicuramente c’è, io la chiamavo amore, adesso la chiamo una reazione di difesa al dolore, un non voler vedere.
    Avrei dovuto chiudere malamente, sfogandomi come hanno avuto il coraggio di fare molte di voi.
    Mi sono limitata a bloccare.
    Il bello è che sono meccanismi inconsci. Come dici tu @elleelle, quello che agli occhi degli altri sembrava evidente, a me non lo era affatto. Quando è troppo doloroso da affrontare credo che la mente tenda a giustificare.
    C’è anche un ‘altra questione.
    Tutte le relazioni sono fatte di alti e bassi. Queste storie, essendo amplificate opportunamente e falsamente da chi non si fa scrupoli a prenderti in giro, hanno degli alti veramente emozionanti, fatti di fughe, passione, sesso pazzesco, dichiarazioni di amore immenso.
    Chi si trova infognato in certe dinamiche ne è come ubriacato, e la mente le tira fuori opportunamente quando sei in astinenza. Si innesca un meccanismo di giustificazioni al limite della umiliazione.
    Sono reazioni umane, e più la storia è forte, più ci hai messo del tuo, più fai fatica a riconoscerle e a crederci.
    Le reazioni umane non sono bianche o nere, ma hanno una loro gradazione e un confine oltre il quale si sfocia nel patologico.
    Ognuno di noi, perché TUTTI l’abbiano, può decidere di affrontare la propria attitudine alla dipendenza, anche solo per riconoscerla e prevenirla.
    Per questo credo che la terapia faccia bene a tutti. In questo sono in linea con @Ariel.

  • maribel, 2 Ottobre 2022 @ 09:59 Rispondi

    @dispersa alcun e restano in famiglia ma non riescono più ad avere rapporti intimi, dichiarano crisi o vanno in terapia.
    Altri restano in famiglia “perché il matrimonio non è finito” e intendono tutto quello che è successo come “un momento di noia del matrimonio”.
    Trova tu le differenze
    Poi ognuno fa quello che riesce e quello che può, ma almeno nel.primo caso si ammettono fragilità e nevrosi e si continua a lavorare su se stessi.
    Nel secondo caso? Forse a te fa comodo salvare tutti perchévuoi salvare anche te stessa dal grosso lavoro che invece forse dovresti cominciare a fare anche tu. Perché é un grosso e lungo lavoro vedere le nostre incorenze e smettere di giustificarle.

  • Rinascita, 2 Ottobre 2022 @ 09:39 Rispondi

    Qui secondo me ciascuno porta la propria esperienza, il proprio vissuto e la propria visuale. Ma non sono verità oggettive ed intangibili, che devono valere per tutti. Io non mi sento di poter insegnare niente a nessuno. Scrivo quello che ho fatto io e che andava bene per me. Alcune volte invece mi pare si deragli nell’assolutismo. Nessuno di noi dovrebbe sentirsi in diritto di dire “tu ami”, “tu non ami”, “tu il salto non l’avresti mai fatto”, “tu sei come tanti altri”. Preferisco stare lontana dai giudizi. Non ne ho le competenze e gli stralci di vita altrui che conosciamo non consentono di poter puntare il dito, quando magari proprio chi lo fa, a sua volta, non ha poi una situazione così regolare e cristallina. Replicò ai commenti è ovvio, quanto condivido o quando no ma non entro nel merito delle emozioni degli altri utenti. Gli scenari sono tanti: c’è chi ha amato l’amante ma ha scelto di non fare il salto, chi l’avrebbe fatto ma l’amante non ha voluto , chi è stato brutalmente preso per i fondelli, chi ha avuto a che fare con un narcisista, chi dopo l’amante è rimasto a casa, chi si è separato, chi vive nella terra di mezzo. Le relazioni hanno talmente tante sfaccettature che liquidarle o gestirle con una soluzione unica e valida per tutte non è umanamente possibile. Per me scrivere qui è liberatorio, chi ne è uscito, dovrebbe considerare che chi invece c’è ancora in mezzo e’ fragile. Alcuni giorni più incazzato di altri. Siamo così sicuri che dare badilate sia la soluzione? Per me no.

  • elleelle, 2 Ottobre 2022 @ 08:22 Rispondi

    @Vio
    Fiii, sciura a mille – faccio di quei manicaretti e di quei rammendi che ce ne sono poche come me – ma la pazienza sta venendo meno.
    Dopo anni sul blog non si può non capire e non accettare che certe cose succedono senza che sia per forza colpa della vittima.
    Per fortuna ho ricominciato il mio hobby e questo mi terrà impegnata a fare cose più proficue di parlare al vento 😀

  • Dispersa, 1 Ottobre 2022 @ 23:52 Rispondi

    @Viovio qua si sta parlando di situazioni al limite che non condivido!!
    Ma è anche vero che ci sono molte utenti che nonostante tutto attaccano persone che hanno deciso di rimanere in famiglia e a loro volta sono ancora in famiglia… Ma le cose cambieranno… Ma di cosa stiamo parlando??
    Molto fumo e poco arrosto!!

  • Ariel, 1 Ottobre 2022 @ 20:53 Rispondi

    elleelle, 1 Ottobre 2022 @ 13:24Rispondi
    Infatti @elleelle concordo in pieno é la stessa mentalità al maschilismo bieco sempre imperante che infatti porta nei tribunali a dire convinti che la vittima di stupro SEMLE É CERCATA PERCHÉ AVEVA LA MINIGONNA O PERCHÉ RIDEVA UN POCO BRILLA !!!!!!!!!!!!

    Purtroppo sono ancora troppe le DONNE DIPENDENTI A TAL PUNTO DA FARE IL SOLITO SUPPORTO A CHI INVECE MERITA LA GALERA!!!!!!

  • Viovio, 1 Ottobre 2022 @ 18:11 Rispondi

    @elle
    Io ammiro la tua costanza, veramente.
    Non ti scoraggi mai davanti a certe affermazioni e dai voce a tutte quelle persone silenti che sono ancora i balìa delle onde. Ti faccio i miei complimenti perché non sono proprio dove trovi la pazienza.
    Quando leggo certi commenti mi cadono le braccia, manca solo sentire “l’hanno violentata perché indossava la minigonna: se l’è cercata” e poi siamo a posto!
    È sempre un piacere leggerti 🙂
    Ps secondo me sei anche una bella “sciura” ahahahahah un bacio!

  • elleelle, 1 Ottobre 2022 @ 16:23 Rispondi

    @Ale
    Non dico certo che non dovrebbe essere così. Solo che qui si guarda la pagliuzza e non la trave.
    Il discorso si incentra sulla donna, sui suoi problemi, su quello che dovrebbe e non dovrebbe fare ma l’uomo non viene chiamato in causa.
    Magari una donna può avere problemi relazionali dovuti al suo passato e a una società maschilista come quella italiana ma non è un obbligo prenderla per il xulo, usarla, maltrattarla, ammazzarla.
    Come scriveva benissimo @Rinascita, se ci fosse più consapevolezza anche da parte degli uomini e della società in generale, non si andrebbe incontro a così tante esperienze devastanti.
    Vedi che hai di fronte una persona debole? Trattala coi guanti, invece di massacrarla.

  • Roberto, 1 Ottobre 2022 @ 16:14 Rispondi

    @Rinascita, io non mi permetto di giudicare le Donne corne delle palle dei flipper. Sei tu che lo dici. Io ho avuto la fortuna di amare un’altra Donna. Oltre che mia moglie. A mia moglie sono legato perché ho costruito insieme a lei una vita. Avrei messo in discussione questo per amore. Non è andata. Ovvio che se vedrò di non sopportare più la situazione e di non riuscire a dimenticarla tirerò le mie somme.

  • Roberto, 1 Ottobre 2022 @ 16:04 Rispondi

    Cara @Mariblel. Onestamente del mondo non me ne frega nulla, anche perché nessuno sa di quello che è successo, quindi rimango il marito di sempre . Non ho preso nessuna decisione. Per cui nessuno fa il figo. Rimango come rimangono migliaia di donne che hanno tradito e sono rimaste. Come ha detto qualcuno se mi chiamassi Robetta le vostre affermazioni sarebbero diverse. Ma questo ci sta anche. @Ads grazie della tua testimonianza ma io non ho mai avuto paura di esporre le mie idee. Sai a volte sembro rispondere in maniera nervosa. Ma è dovuto al fatto che io di storie del genere, serie, ne vivo ogni giorno per lavoro. Quando dico serie intendo non “mi amava il giorno prima ed il giorno dopo mi ha lasciato”, oppure “ha pubblicato le foto di sua moglie con lui su Facebook “. Quando ti metti con uno sposato sai che tradisce. Quindi stronzo. Quindi devo anche essere pronta ad aspettarti comportamenti da stronzo.
    @Ale non mi ha pubblicato un post dove raccontavo tutto. Rispetto la sua decisione. Questa e casa sua e quindi le regole sono le sue. Tra l’altro un post che non mi sembrava nulla di che.

    • alessandro pellizzari, 1 Ottobre 2022 @ 23:24 Rispondi

      Privacy

  • elleelle, 1 Ottobre 2022 @ 14:36 Rispondi

    @ads
    Nessuna qui può imporre una visuale, perché non ci sono proprio i mezzi per farlo. La visuale si può solo esprimere e chi legge può accettarla o no. Chi legge può decidere se vedere un punto di vista diverso può essere utile per capire una situazione che comunque non è andata a finire bene.
    L’ho detto tante volte, quando sono venuta qui ero sicura al 100% che il mio ex mi amasse ma che fosse una persona con poca autistima schiacciato dall’ambiente familiare. Mi è stato detto senza mezze parole che stavo prendendo fischi per fiaschi e la verità è che avevano ragione loro, non io.
    Avevano ragione @Ariel, Oldplum e altre utenti che ormai non partecipano più.
    Ragazzi, un minimo di umiltà per ammettere queste cose ci vuole. Non sono tutte sceme quelle che scrivono qui, al contrario.
    Immagino che per un uomo sia difficile non essere nella solita posizione di maggioranza e sentirsele cantare ben chiare su questo blog ma vi può fare solo bene. Benvenuti nel nostro mondo, per una volta. Mondo in cui è normale sputare sangue per una presa per il culo immeritata e sentirsi anche dare delle donnette isteriche. Almeno qui possiamo ribattere, possiamo sottolineare atteggiamenti maschilisti e ipocrisie varie.

  • elleelle, 1 Ottobre 2022 @ 14:16 Rispondi

    @Roberto
    Tu prendi tutto di punta fin dal primo giorno che sei arrivato qui. Non consideri neanche la possibile utilità o validità di un consiglio. Sei perennemente offeso e piccato da quelli che tu vedi solo come giudizi o al massimo un puro esercizio dialettico.
    Guarda solo tutte le volte che annunci la tua partenza dal forum. A cosa serve, se non a passare da vittima e attirare l’attenzione?
    Questo blog ha una cosa particolare, l’anonimato, che permette di rispondere senza veli. Ognuna ha il suo stile di scrittura e di espressione. Devi leggere tu al di là degli stili diversi i concetti che ti possono essere utili, anche se li trovi sgradevoli.
    Vuoi venirmi a dire che niente di quello che scrive @Ariel è utile? Al di là del suo modo di scrivere, non aiutato dal fatto che Ariel ha una parte straniera, lei ti mette in mano dei piccoli Bignami di psicologia a cui puoi attingere per capire di più cosa muove l’animo umano.
    Io l’ho fatto, mi è servito tanto, magari potresti farlo anche tu.
    Invece di dare addosso a Sylvia, perché non ti fermi a pensare a quello che ti ha scritto? Sei certo che in questa situazione tu stia rispettando e dando valore a tua moglie o invece la stai trattando come un ripiego che avresti lasciato se l’amante avesse fatto il salto?
    Non c’è bisogno che tu ci venga a dire cosa pensano di noi i nostri mariti, lo sappiamo già. La pensano come te di tua moglie (siamo dei noiosi ripieghi), come il mio ex (noiosa, superficiale, svogliata, una palla a letto), come l’ex di Vio (una stupida rompicoglioni) o come l’ex di Crocus (una pazza fuori di testa).
    Se aveste rispetto e considerazione di noi non ci tradireste, tanto per cominciare.
    Di nuovo, la tua frase di ripicca verso Sylvia dice tanto di te e poco di lei.
    Lei si è separata, non deve tornare a casa da un marito che non ama ma che le permette di tenere il culo al caldo dopo il diniego dell’amante. Il problema in questo momento non ce l’ha lei, ce l’hai tu.

    • alessandro pellizzari, 1 Ottobre 2022 @ 23:21 Rispondi

      Veramente devo dire che Roberto all’inizio qui sul blog era più tranquillo e soft

  • elleelle, 1 Ottobre 2022 @ 13:55 Rispondi

    @Leilei
    Il discorso non era relativo a cosa hai fatto tu con tuo marito e lui con moglie e figlia, ma a cosa il comportamento di lui suscita in te e come ti tiene legata a una situazione di stallo con due uomini.
    Secondo me il discorso non era fumoso né maleducato o aggressivo. Anzi, te lo abbiamo scritto in tre o quattro. Tu invece svicoli sempre, hai sempre un discorso pronto ma non attinente per non dire mai che su una cosa ci hai riflettuto e magari non è proprio di trascurabile importanza.
    Anche questo ti dovrebbe far riflettere.

  • elleelle, 1 Ottobre 2022 @ 13:24 Rispondi

    @Leilei
    Non pensi che stia molto peggio chi le spacca il naso e le ha messo così tanta paura da farla restare? Davvero non ce la fai a vedere l’altra faccia della medaglia?
    Possiamo parlare di questo individuo invece che andare a fare le pulci ai problemi della vittima?

    • alessandro pellizzari, 1 Ottobre 2022 @ 13:33 Rispondi

      Chi fa violenza alle donne deve stare in galera

  • Angelina, 1 Ottobre 2022 @ 12:22 Rispondi

    @Elleelle Io non sono così convinta che il motivo lo trovi la moglie di Roberto se sente le sue frasi…molte donne continuano a vivere così nonostante tutto…vuoi per facciata,vuoi economicamente…sicuro non per amore.
    La ex del mio lui non avrebbe mosso un passo e ti assicuro che la settimana che sono rimasti da soli lui ha detto di no a qualsiasi cosa lei le proponesse…lo vedeva al cellulare tanto da farglielo notare ma niente..lei avrebbe continuato cosi…

  • ADS, 1 Ottobre 2022 @ 10:20 Rispondi

    io lo capisco roberto, ma non per un fatto di genere,probabilmente spesso in voi o qualcuna di voi prevale la voglia di imporre una visuale,e quando qualche uomo scrive senza filtri gli date addosso senza appello,ed a nessuno piace essere rimproverato.
    io ho capito che è meglio evitare qui come in altre situazioni.evito e siamo tutti contenti.
    poi sono ospite e quindi mi adeguo alle regole del padrone di casa

  • maribel, 1 Ottobre 2022 @ 09:06 Rispondi

    @Roberto. Ognuno fa quello che riesce. Ma un conto è ammettere il vero motivo per cui si fanno o non si fanno le cose, tipo non vado via perché ho paura della solitudine, del giudizio e dei soldi che non avrò, soffro come un cane e prima o poi ce la farò. Anche se rischio.di restare solo credo che il mio matrimonio sia finito.

    Ma il tuo ragionamento suona cosi:
    Con l’altra non è andata, ero innamorato ma resto qua perché comunque i matrimoni son tutti così… perché alla fine è giusto così: nel matrimonio si resta anche se lo si è tradito per anni. Chiusa la storia si ritorna a casa,.prima o poi dimenticherò, la facciata è salva e le.mie figlie sono convinte di avere accanto un uomo tutto d’un pezzo e un ottimo marito. E mia moglie me la gestiro’ come prima, tanto è una di poche pretese e non mi ha mai sgamato. Davanti al nondo sono un figo perché prendo la decisione socialmente riapettabile.

  • Roberto, 30 Settembre 2022 @ 23:08 Rispondi

    No @Ale, io ho raccontato la mia storia. Sono state le solite due o tre a sparare giudizi. Io mi sono solo difeso sostenendo le mie tesi.

  • Roberto, 30 Settembre 2022 @ 23:06 Rispondi

    Dovresti sentire cosa pensano alcuni mariti di voi @Sylvia

  • elleelle, 30 Settembre 2022 @ 22:49 Rispondi

    @Roberto
    Io non ti dico che devi lasciare comunque tua moglie, quella è una scelta tua e ne rispondi alla tua coscienza.
    Tu però fingi con tua moglie, ci vai ancora a letto assieme, lei non sa che tu sei innamorato di un’altra con cui hai avuto una relazione.
    Scusami ma la tua posizione è un po’ diversa da quella di tante utenti che scrivono qui, separate o parte di coppie in cui entrambi sono consapevoli che il matrimonio è finito, non si fa sesso ecc.
    Invece tu menti e tua moglie non sa. Se lei lo sapesse, magari non vorrebbe restare sposata neanche per i figli.
    Non hai tante basi per puntare il dito e dire “Però anche voi”.
    Detto questo, a me sembra evidente che tu fossi destinato a restare con tua moglie. Vedi di non svalutarla e mettici un po’ di impegno. E soprattutto, non tradirla più. Non mettere altre donne che non c’entrano niente in mezzo ai vostri problemi di coppia.

  • Lolly, 30 Settembre 2022 @ 22:47 Rispondi

    Come ha detto @ sunflower spesso l’amante serve per ritrovare quella carica erotica, vitalità ed emozioni sopite…parti di sé dimenticate…in effetti perché rivoluzionare un progetto di vita stabile e rassicurante…???? Non è sufficiente…e in effetti…nessuno lo fa…tranne chi oltre alle emozioni è pronto a mettersi in gioco e rischiare….amando…

  • Leilei, 30 Settembre 2022 @ 22:42 Rispondi

    Elleelle una donna che continua a stare con uno che le spacca il naso, ha dei grossi problemi.
    È una donna che ha una percezione sbagliata dell’amore, che ha delle carenze e dei traumi che le impediscono di vedere lucidamente chi ha davanti.
    Una donna che accetta limiti alla propria autonomia, che accetta frasi e comportamenti che la umiliano, non sta bene già di suo.

  • Rinascita, 30 Settembre 2022 @ 22:40 Rispondi

    Roberto l’ultimo tuo commento non lo condivido. A prescindere dal fatto che sei libero di vivere come vuoi, il consorte e l’amante però non sono come le biglie di un flipper, scende una e sale l’altra. Potrà anche essere finita con la tua amante, ma l’alternativa non è, per me, vivere una vita insoddisfacente. Se poi siccome così fan tutti, la ritieni una buona motivazione, sai che penso? Che fai bene a restare lì dove pensi di essere costretto a rimanere.

  • Leilei, 30 Settembre 2022 @ 22:34 Rispondi

    Elleelle intanto bisogna distinguere i legami poco sani dai legami malati. Il legami poco sani non ti distruggono la vita. Il mio cinismo può dipendere da una corazza che mi sono creata, ma mi consente di non permettere a nessuno di ferirmi e di mettere sempre me stessa al primo posto.
    Le dinamiche che ingabbiano il mio amante riguardano lui e la sua famiglia, io mi faccio la mia vita. Sono io che ho chiarito con mio marito, io che ho affrontato la situazione e ho modificato i rapporti in modo da vivere serenamente a casa mia.
    In fondo ognuno si salva da solo.

  • elleelle, 30 Settembre 2022 @ 22:02 Rispondi

    @Sylvia
    “Fai leggere queste frasi a tua moglie e vedrai che il motivo lo trova lei.”
    In effetti…

  • Roberto, 30 Settembre 2022 @ 20:14 Rispondi

    E poi un’ultima domanda a tutte e a tutti prima di andarmene. Dite a me che dovrei lasciare mia moglie comunque. Se non sbaglio qui si parla di amanti. Quindi nessuna o nessuno (vedi Ale se ho capito bene la sua storia) ha lasciato comunque il consorte. Perché dovrei farlo io?

    • alessandro pellizzari, 30 Settembre 2022 @ 21:50 Rispondi

      Ma tu devi fare quello che ti senti roberto l’errore è dire agli altri che tu sei nel giusto e che si fa così. Io mi sono sposato due volte…

  • Sylvia, 30 Settembre 2022 @ 17:51 Rispondi

    “Io penso questo. Non mi sono separato perchè non ce ne sono i motivi. Non ho un matrimonio finito forse come era il il tuo. Dopo 30 anni i matrimoni in cui c’è autenticità si contano sulle punta delle dita. Quindi dovrebbero tutti separarsi? Nella vita esistono altre cose. Il rapporto con il coniuge diventa una di queste.”

    Queste tue parole @Roberto mi fanno provare compassione per tua moglie. La tua considerazione che hai di lei disarmante.

    Cavolo, sei arrivato a desiderare una vita con un’altra donna e mi dici che non ci sarebbe motivo per separarsi???

    Gai leggere queste frasi a tua moglie e vedrai che il motivo lo trova lei.

  • sunflower, 30 Settembre 2022 @ 17:32 Rispondi

    @Crocus, sottoscrivo pienamente quello che dici, ci sono persone che sanno fingere benissimo, che la loro intera vita è una menzogna, che mentono per primi a se stessi volendo crearsi una specie di universo parallelo, alla compagna/o ufficiale, all’amante, agli amici. Alcuni addirittura credono alle loro stesse balle per costruire un’immagine di se stessi migliore anche ai loro occhi, alla perenne ricerca di conferme esterne del loro valore e della loro virilità… che tristezza. Non siamo noi che per un momento di debolezza abbiamo visto quello che erano il problema.
    Del mio ex mi manca ancora quello stato nascente e quell’euforia che si prova quando ci si innamora, non so se riesco a chiarire è come se in realtà mi fossi innamorata di me stessa per come mi sentivo.
    Non sono più innamorata della persona ma mi manca la “Sunflower” del tempo che fu, a poco a poco farò pace anche con questo e rimarrà solo un ricordo.

    • alessandro pellizzari, 30 Settembre 2022 @ 21:48 Rispondi

      I famosi bugiardi cronici

  • elleelle, 30 Settembre 2022 @ 17:05 Rispondi

    @Ariel, ragazze
    Secondo me un grosso errore che si fa è credere che se non piangi, se non perdi 10 kg, se non vai in depressione conclamata con psicofarmaci il rapporto sia sano.
    In realtà non è così. Quelli sono rapporti malsani al quadrato. Gli altri sono solo rapporti poco sani che ti spengono pian piano e praticamente non te ne accorgi. Vedi che scivoli nel cinismo, nel pessimismo, non credi più nei sentimenti ma pensi che sia solo la vita. In parte è la vita ma non solo.
    Dopo le esperienze fatte, credo che nessun amantato sia sano se diventa stile di vita e non una situazione temporanea seguita da un cambiamento. In alcuni amantati ci puoi stare dentro con meno danni di altri ma in generale sono esperienze limitanti, che ti abituano alla tensione e a determinati compromessi che non esistono in una relazione normale.
    Purtroppo più ci si resta dentro, più ci si abitua e più si costruiscono difese per difendere strenuamente la propria scelta da opinioni diverse. Si diventa paladine dell’amantato, del “Ma il mio caso è diverso” mentre attorno tutti scuotono la testa e si dicono “Ma come fa a non vedere?”
    Bisogna davvero avere la voglia e la forza di mettersi in gioco per uscire da queste situazioni che apparentemente funzionano ma che in realtà tolgono più di quanto possiamo immaginare.

  • Marcelle, 30 Settembre 2022 @ 16:40 Rispondi

    @ellelle nel tuo commento a @leilei ha detto tante veritá. Sono cose che ora vedo con chiarezza anche io, prima passavano inosservate, le liquidavo come problematiche o stravaganti e passavo oltre. Avendo fatto un percorso di psicoterapia ora le riconosco e capisco come rapporti, di qualsiasi tipo 9sentimentali, genitoriali..), possano avere qualcosa di inceppato, che si instauri un circolo vizioso o di mancanza di indipendenza che ti blocca. Ma questi rapporti hanno il pregio di far risaltare ancora di piú le relazioni sane, quasi fossero boccate di acqua fresca!

    Ammetto anche che la mia paura é riuscire ad instaurare in futuro una relazione sentimentale che possa essere sana. Io ho avuto una relazione con un debole, probabilmente. Ha toccato corde profonde, inclusa la mia tendenza a comprendere l’altro a tutti i costi piuttosto che a tirare le somme quando era tempo di farlo. Ed alla terapia sono arrivata perche alla fine é arrivato tutto insieme (covid, lavoro che non mi appagava, lui).. Sono molto fiera di me per aver cercato aiuto, agito, invece che attendere e subire. E con l’occasione ho anche esplorato momenti del passato che sapevo che prima o poi avrei dovuto affrontare davvero con uno psicologo. Parlo molto con mia madre, pur vivendo lontanissime da anni. Lei che mi conosce benissimo lo vede il mio cambiamento, lo vedono i miei amici qui ed altrove. Ho cambiato lavoro, fatto tanto, ripreso a viaggiare zaino in spalla. Eppure sento che le cicacitrici di questa storia sono ancora in rilievo. Anche se non con un narcisista, non é stata una relazione classica giunta a scadenza, proprio per sua natura non poteva esserlo. Fra l’altro con le sue interferenze quando ho detto basta.
    Anche se guardo a quello che sono riuscita a fare da sola nel frattempo, in alcuni momenti ho paura di non riuscire ad aprirmi, in altri sono leggerissima. Non vedo l’ora che passi anche questa fase. Sicuramente sono cambiata e so che quando sará tutto risolto dentro di me, saró un persona migliore. Mi piaccio giá di piú e mi sento molto meglio rispetto a chi, ad esempio, sta ancora dentro il guado di queste relazioni a metá, in qualunque posizione. Hanno tutte un tempo e piu tempo ci stai peggio é, come la rana in pentola. Se non cambiano, ti cambiano.

  • Ariel, 30 Settembre 2022 @ 16:11 Rispondi

    Lia, 30 Settembre 2022 @ 12:16Rispondi

    Evviva @Lia
    Puro ORO COLATO!
    E grazie per come ben scritto questo tuo commento come gli altri
    Può sicuro aiutare molto soprattutto le utenti che ancora purtroppo ci sono in mezzo ancora ficcate in fondo al tunnel buio delle vite nascoste per anni e anni

    Ciò rivela la presenza concreta di vera dipendenza affettiva che si sostituisce a possibile percezione della propria realtà esattamente agisce in cervello come droga e tutto allora si fa si pensa si dice si disfa si ricomincia

    Pur di EVITARSI LA CRISI DI ASTINENZA !!!!

    Ripeto no colpa ma SI A CURARSI SPECIFICO LA DIPENDENZA DROGA ESATTAMENTE CONE ALTRE DIPENDENZE occorre un vero percorso di aiuto mirato su questo

    Ho fatto come scrissi già uno stage di una decina di sedute con medico delle dipendenze e miei compagni di gruppo di stage eravamo tutti misti ognuno con la sua dipendenza
    Chi alcol droga cocaina,
    Gioco azzardo,
    Shopping compulsivo
    Dipendenza affettiva

    Ho fatto questo elenco per cercare di far conoscere a chi legge che il meccanismo a livello cerebrale ed emotivo é identico
    Si può eccome uscirne ma sicuro NON DA SOLI!!
    Almeno occorre iniziare il proprio percorso di vero aiuto per togliersela in via radicale

  • Ariel, 30 Settembre 2022 @ 15:58 Rispondi

    Concordo in pieno con questa tua descrizione perfetta Crocus e il fatto che guarda caso chi sono le utenti che qui faticano moltissimo a condividere la EVIDENZA DI DIAMICHE INNEGABILI E TUTTE SU BASE DI CONSEGUENZE SCIENZA
    E NO opinioni personali che sono tese tutte a voler giustificare a se stesse e agli altri la propria condizione di vere dipendenze affettive che ci si rifiuta di curarselo!!!
    Ecco che si spiega molto bene come mai @Dispersa
    @leilei
    @Cri28

    Non é una combinazione di vedute personalistiche e personali ,magari fosse così semplice !!
    No le utenti a cui qui mi sono riferita come esempio non concordano con nostra analisi perché ci stanno in mezzo fino al collo ancora manipolate negativamente dipendenze mai curate o trascurate ecco che poi resta pure logica conseguenza lo scrivere no la penso diverso!!!

    Eh già chissà come mai?!!!!!

    Purtroppo non qui le utenti a cui mi sono riferita come storie da loro stesse testimoniate siano lo spaccato di ciò che fuori di qui in statistica e scoperte scientifiche dimostrano essere scoperte le vere motivazioni che a grandi linee muovono a veri paraocchi che se si vive da anni e anni sottomettendosi a qualsiasi cosa dica o faccia amante che inzuppa tranquillamente a destra e manca

    Cosa possiamo aspettarci se non lo scrivere mano io la penso diverso!!!

    Cara Crocus purtroppo il fatto di non curarsi produce il continuare ad alimentare baveri cialtroni!!!

    Ecco una riflessione che propongo a tutti di fare
    E cioè che le conseguenze del rifiutarsi a curarsi la propria dipendenza affettiva che é quella che porta a sottomettersi per anni e anni chi con convinta superbia chi con senso di colpa continuo come scrive sempre @Dispersa che si sente uguale al suo carnefice!!

    Ecco che indotto del perseverare a farsi del male produce l’ allevamento di veri cialtroni che appunto finché troveranno donne disposte a sottomettersi a qualsiasi cosa pur di non venir proprio mollate sia in versione partner e cioè non voglio che compagno o marito mi molli
    La paura di venir ripudiate in questi casi é doppia
    E cioè sia da marito o compagno
    Sia da amante uomo

    Così si alleva e mantiene benissimo il Maschilismo!
    Da cui trae origine la maggioranza numerica di queste dinamiche tutte sempre contro le donne!

    Ognuno certamente fa la vita che vuole e si fa eccome benissimo a esternare le proprie idee guaì non ci fosse il confronto perché solo da questo si può scoprire in ciascuno di noi nuovi punti di vista più mirati a ciò che scienza ci aiuta a scoprire come fare a evolvere a cambiare il nostro comportamento affettivo in ogni relazione perché solo noi stessi abbiamo il potere di fare evoluzione solo su noi stesse/i

    Tutto il resto gli altri possono sicuro essere come a dire motivati a cambiare esattamente nella misura proporzionale in cui non troveranno più Donne azzeri nate per anni e anni
    Perché sicuro siamo capaci di scoprire il come curarci e di conseguenza fare scelte di vera AITOSTIMA IN EQUILIBRIO
    E cioè al buio nei tunnel lasciamoli subito soli gli uomini che in ogni loro ruolo di amanti e mariti o compagni ci sguazzano alla grande approfittano esattamente di chi ci casca nella dipendenza antica che le mantiene chiuse in vere prigioni dorate per anni e anni.

    Per questo guarda caso chi si cura seriamente va avanti in vera nuova vita senza mai più se o ma!!!

  • Viovio, 30 Settembre 2022 @ 15:43 Rispondi

    @Elle @Cro
    Sposo in pieno tutto quello che avete scritto!
    @Elle anche io penso spesso ad @Azzurra nei suoi ultimi post la percepivo in crisi, spero tanto stia meglio.
    @Azzurra fatti sentire 🙂
    Un abbraccio

  • elleelle, 30 Settembre 2022 @ 14:18 Rispondi

    @Leilei
    È stato spiegato mille volte perché è difficile uscire da una relazione abusante. Davvero non hai ancora capito?
    “Oh cara, scusami se ti ho spaccato il naso con un pugno, lo sai che a volte mi fai perdere il controllo, però sai che ti amo, che sei la mia vita, non mi lasciare, ti prometto che non succederà mai più. Se mi lasci potrei fare una pazzia!”
    Ci sono donne che restano fino a farsi ammazzare e non perché sono stupide ma perché sono vittime di una manipolazione psicologica che crea un legame da trauma.
    La frase che ho scritto sopra è un esempio classico di legame da trauma.
    La storia di @Azzurra era un legame da trauma, la mia lo era anche se in maniera minore, la storia di @Angelina non va molto lontano e Ariel gliel’ha detto subito.
    (Tra parentesi, Azzurra, spero che tu stia bene ❤️)
    In queste storie ci cade chiunque, inclusi psicologi e psichiatri. Gente famosa, gente colta, gente intelligente, gente ricca, non solo i poveri sfigati isterici con turbe psicologiche.
    Nel tuo piccolo il tuo amante, così incerto e sottomesso, ti lega a lui tramite la sua insicurezza e il suo sacrificio verso la famiglia e il dovere come beni superiori. Ha cresciuto anche una figlia così, invece di emanciparla la tiene legata e ti presenta l’ennesima prova dei bisogni che lo immobilizzano. Lo fa perché con te sa che queste cose fanno presa.
    Anche tu avresti potuto evitare e scegliere un uomo diverso, più forte, più deciso. Un uomo che magari ti avrebbe seguito quando anni fa ti saresti voluta separare. Invece lui ti tiene legata a sé, perché ti dimostra che si sacrifica per la famiglia, che la moglie lo ignora ma non riesce a fare il passo.
    Ci sono tanti esempi di legami poco sani, in cui l’individuo resta bloccato.
    Magari tu non soffri in modo evidente ma sei cinica, non credi nell’amore, ti lasci vivere senza il desiderio di cambiare.
    La figlia non è indipendente, lui deve andarla a trovare fuori sede ogni settimana, perché altrimenti non ce la fanno. Mentre le altre ragazze sono libere, lei ha questa figura ingombrante del padre e di un matrimonio finito di cui non può non rendersi conto.
    Ci penserei due volte prima di credere che queste dinamiche riguardino solo persone “con problemi”. Purtroppo riguardano tutti.

  • Lia, 30 Settembre 2022 @ 12:16 Rispondi

    @leilei, abbiamo tutti qualche problema legato alla dipendenza affettiva. Chi più chi meno. Non credi anche tu?. Mi è passato davanti agli occhi una cosa che vorrei girarti e girare a tutte :

    “Avete notato che le persone scompaiono dalla vostra vita
    quando iniziate a essere autentici?
    Avete notato che le persone scompaiono dalla vostra vita
    quando dite ciò che pensate veramente?
    Avete notato che le persone scompaiono dalla vostra vita
    quando vi fate valere per voi stessi
    e per le vostre esigenze?
    Quando si inizia ad amare se stessi,
    si attiva automaticamente una selezione naturale.
    Non è più campo energetico di altre persone, ma permettete a voi stessi
    di creare la vostra frequenza e il vostro campo energetico.
    Il vostro sistema si svuota e fa spazio
    a persone che vibrano anch’esse sull’onda della loro libertà personale.
    Persone che ti amano senza condizioni. Persone che non sono irritate dalla vostra luce, ma che vogliono rafforzarla.
    Lasciate andare ciò che vuole andare. Lasciate che arrivi ciò che vuole arrivare e ciò che resterà, senza che voi dobbiate fare o essere nulla.”

    Amare se stessi non è affatto facile perchè significa restare più soli. Credo sia un processo inevitabile. La paura della solitudine gioca brutti scherzi, e nei rapporti, anche quelli malati, si trova un proprio ruolo e una propria identità.
    Alla base della dipendenza c’è un vuoto di identità, perchè amarsi e, quindi, avere autostima significa riconoscersi e agire sempre guidati dal rispetto verso se stessi, ma si è più soli.

    @leilei, tu accetti di viverti il tuo rapporto extra a patto che ci siano sentimenti veri alla sua base e che il tuo amante non ami sua moglie. Chiediti perchè tu stessi poni queste condizioni al rapporto. Lo fai, a mio avviso, perchè riconosci che si tratta di un rapporto di compromesso. Io faccio la tua amante a patto che… Porre queste condizioni giustifica ai tuoi occhi una condizione che, altrimenti, non giustificheresti, quindi accetti un compromesso. Invece per te è del tutto normale essere sposati senza amore. Il matrimonio non è un rapporto di compromesso e non necessita di condizioni.
    Per me c’è dipendenza nel momento in cui si accettano compromessi non in senso assoluto ma con noi stessi e ciò in cui crediamo!

  • Roberto, 30 Settembre 2022 @ 11:59 Rispondi

    Certo @A. la tua è una disamina che ha le sue fondamenta. Anche se io quando gliel’ho detto che ero pron5o, mi ha detto “devi sapere che io comunque non ci sarò “. Però tu potresti assolutamente aver ragione.

  • Crocus, 30 Settembre 2022 @ 10:27 Rispondi

    @leilei non le hai mai capite certe cose e mi rendo conto che mai le capirai. Hai fatto un accrocchio di cose sparando nel mucchio a caso. D’altronde non mi aspetto nulla da una persona che ha come unici valori i soldi del marito e la vasca con Jacuzzi. Eppure sei da così tanto tempo su questo blog che avresti dovuto capire almeno un briciolo di queste dinamiche. Fortunatamente sono guarita e riesco a volare talmente in alto che certi commenti non mi toccano più. Però una cosa ci tengo a precisarla, è stata la prima relazione con un narcisista pezzo di me*** e direi anche l’ultima. Tu non mi conosci e dire che io possa avere problemi nei rapporti uomini/donne o altro ecc lo trovo parecchio maleducato. Ti auguro con tutto il cuore di non trovarti mai in certe situazioni. Tutto qui.

  • Leilei, 30 Settembre 2022 @ 09:54 Rispondi

    Crocus però io non capisco una cosa: va bene non capire da subito di che persone si tratti, va bene avere gli occhi foderati di prosciutto che impediscono di capire che stanno raccontando solo menzogne e ci stanno illudendo. Ma permettere di farsi usare come stracci presuppone un problema di fondo anche dalla parte di chi lascia loro campo libero per possano mettere in atto questi abusi. Quando si creano queste dinamiche così pericolose e nefaste, io credo che i problemi ci siano da entrambe le parti.
    Per estremizzare, è un pò come la violenza sulle donne: se tu lasci che un uomo ti dia uno schiaffo, e poi permetti che lo faccia ancora, che ti impedisca di vestirti come vuoi, di vedere le amiche, ti mortifica con offese e svaluta la tua persona e tu continui a rimanere il quella situazione, e lo perdoni una volta, due e tre…probabilmente hai alla base qualche problema di autostima, o hai vissuto un modello sbagliato di rapporto uomo-donna.
    Ma questo vale non solo nei rapporti sentimentali, ma nei rapporti in generale. Vale sul lavoro, quando sopporti il mobbing dei colleghi o le avance di qualche superiore, vale nei rapporti di amicizia, quando dai, dai e non ricevi nulla in cambio.

    Quindi più che evitarle queste storie, bisogna essere abbastanza equilibrati per capire quando ci stanno facendo del male, e avere la forza di sfilarsene al più presto possibile.

  • Crocus, 30 Settembre 2022 @ 08:16 Rispondi

    @Lia, è esattamente ciò che intendevo dire quindi sono contenta che sia stato colto il senso del mio messaggio. Come si fa a non capire che non contestiamo il fatto di essere state lasciate, ma contestiamo IL COME e soprattutto tutto ciò che hanno fatto prima (bugie, manipolazioni, usarci come se fossimo degli stracci ecc ecc). Sinceramente io trovo queste azioni gravi e non liquiderei la faccenda con un semplice “basta evitarle queste storie” bah.

    @Dispersa perdonami ma io vedo in Roberto ciò che ho scritto. Se tu la vedi diversamente pazienza, siamo tutti diversi appunto.

  • Viovio, 29 Settembre 2022 @ 22:39 Rispondi

    A proposito di rapporto speciale fra padre e figlia, credo che potrei commettere pure una strage ma rimarrei sempre la cocca di mio padre. Quando raccontai tutta la verità ai miei genitori perché il mio ex si serviva di loro per arrivare a me e stazionava quasi ogni giorno a casa loro… Dio mio… non mi sono mai vergognata così tanto in vita mia come quel giorno, dopo aver vuotato il sacco. Mentre mia mamma dava i numeri per l’incredulità della situazione (soprattutto dopo aver scoperto l’identità dell’altro), mio padre impallidito dalle mie parole le disse: “eh dai calmati… alla fine sono ragazzi…”
    Se ripenso a quel momento e alla reazione di mia mamma alle sue parole, fu una sorta di scena tragicomica.
    Questo per dire che non mi ha dato una pacca sulla spalla dicendo brava Vio, ma ha cercato di smorzare gli animi che erano molto surriscaldati(per motivi dì privacy non posso dilungarmi, ma scoppiò un bel casino).

  • Leilei, 29 Settembre 2022 @ 22:21 Rispondi

    Elleelle i rapporti con i figli possono essere diversi in ogni famiglia, perché i figli stessi e i nostri rapporti con loro possono essere molto diversi.
    Mio figlio alla stessa età della figlia del mio amante aveva un’autonomia emotiva che lei non ha. Pur vivendo in un’altra città per studio, la ragazza è in continuo contatto con i genitori, a cui si appoggia per qualsiasi cosa.
    E loro sono pronti a correre da lei per un nonnulla.
    Potrà avere anche 30 anni e vivere dall’altra parte del mondo, ma avrà sempre bisogno della task force di mamma e papà. Una loro separazione minerebbe le basi su cui lei si appoggia.
    Quindi è normale che ognuno ragioni per la propria situazione personale e decida della sua vita di conseguenza.

  • Leilei, 29 Settembre 2022 @ 22:10 Rispondi

    A. mio figlio è un adulto, non ha bisogno di vedermi in nessun modo. Sa che ho scelto di restare e perché. Magari lui al mio posto avrebbe fatto un’altra scelta. Ma è la mia vita, non la sua.
    Magari l’esperienza che ha vissuto in casa gli servirà per fare scelte diverse.
    Quando ho iniziato la storia col mio amante, era già abbastanza grande, ma ancora troppo egocentrato per desiderare la separazione dei genitori, ora non gli interessa. Certo la famiglia unita gli semplifica la vita e gli dà anche maggiori possibilità economiche.
    Poter studiare e poter frequentare corsi di musica che lo appassionano senza dover lavorare o fare sacrifici, vivere la sua vita di giovane uomo senza preoccupazioni, credo che gli interessi di più di pensare che i genitori non si amano e non fanno sesso.

  • Dispersa, 29 Settembre 2022 @ 21:30 Rispondi

    Scusa @Crocus ma @Roberto è arrivato qua perché stava male e non alla ricerca della ricetta della torta della Nonna!!
    Sinceramente non capisco i vostri attacchi.
    Tra l’altro ha scritto una frase bellissima ‘non volevo diventasse una storia di solo sesso’… Nulla a che vedere con gli uomini che hanno raccontato mille bugie solo per puro egoismo.

  • Angelina, 29 Settembre 2022 @ 21:15 Rispondi

    @Elleelle non me la prendo assolutamente e vi comprendo eh…ho amiche che fanno molto peggio,ci sono abituata…non me la prendo perché lo percepisco dal modo che avete…di Cossora a me non piacevano i modi di dire le cose…non quello che diceva…ognuno ha il suo pensiero che non può prevalicare sull’altro.
    Detto ciò ho deciso di dargli fiducia…consapevole di tutto…le cose sono molto diverse da prima…ci sono fatti concreti ora, questo non mi preclude dal soffrire nuovamente…lo so…passo passo sto valutando…parliamo molto e ci siamo detti che qualsiasi cosa bella o brutta ne parleremo…qualsiasi paura,dubbio perplessità…cosa che stiamo facendo…
    un abbraccio
    Ale grazie di questo spazio,volevo dirti questo invece.
    @Ads come ti è sembrata la Canova dal vivo?Ti è piaciuta?
    La mia counselor usa il suo meccanismo di base.

    • alessandro pellizzari, 30 Settembre 2022 @ 08:02 Rispondi

      Grazie a te

  • A., 29 Settembre 2022 @ 20:17 Rispondi

    @Ale io non nego che le figlie femmine hanno un rapporto speciale con il padre, ce l’ho pure io. Però nel corso degli anni, e frequentando molti social, mi sono accorta che molti usano spesso la figlia femmina come lo scudo. Così la probabile amante di turno dovrebbe sapere qual è il suo posto. E lui questa cosa ha effettuato dopo di me. Ha imparato ragazzo… Buon per lui.
    @leilei non mi hai capito. Io dicevo “ferro arrugginito” nel contesto dell’amantato. Una volta, tanti anni fa, mio figlio mi ha detto “mamma ti capisco perché lo fai” . E fin oggi è per me uno schiaffo, un fallimento nei sui confronti. Perché pensavo di averlo lasciato fuori e invece non era così…. Vedono tutto…
    Loro ci devono vedere felici non nel cercare la vita oltre la famiglia, non al buio ma nella trasparenza. Altrimenti penseranno che è giusto così, così fanno tutti. E ciò che vuoi per il tuo figlio? Io no. Assolutamente.
    Infine @Roberto….Forse la tua amante aveva bisogno di un uomo deciso? Quello che, a prescindere dalle sue paure, se ne va di casa e si costruisce la propria vita da solo. Aspettando lei magari? Uno del quale si può fidare ed essere certa che per lei ci sarà? Io avevo bisogno di questo e lui l’ha fatto. E ora stiamo insieme. Malgrado le mie paure, le mie seghe mentali e i miei sensi di colpa. Lui ne aveva per certo ma a me non le ha mai mostrato.

  • ads, 29 Settembre 2022 @ 19:55 Rispondi

    @angelina, si la canova che usa lo stesso linguaggio, sono andato ad un suo evento.
    se la tua amante fosse più stabile e ti chiedesse di vivere con lei ci hai mai pensato?Riusciresti a soffocare tutto?..non è cosa attuabile considerando che i figli vivono con lei…e sono relativamente piccoli.
    non soffocherei, qui chi ha rincorso, mendicato, strattonato la relazione sono io..altre che donna disposta a donna a tutto..i paletti li mette lei non io.

  • elleelle, 29 Settembre 2022 @ 19:00 Rispondi

    @Marcelle
    A me è piaciuto molto il tuo intervento e sono considerazioni che ho fatto spesso con mio marito. Gli ho detto spesso che bisogna essere un esempio anche in quello, perché l’amore lo impari anche in casa. Da noi imparano il rispetto e l’impegno, perché ce ne stiamo mettendo davvero tanto per farli crescere tranquilli ed equilibrati. Siamo affettuosi con loro ma non tra di noi. Adesso sono ancora piccoli ma prima o poi capiranno e anche se non abbiamo mai nascosto niente, ci saranno altre domande a cui dovremo rispondere.
    Per privacy non posso andare in dettaglio ma per motivi di lavoro ci sono lunghe assenze, per varie settimane consecutive.
    I miei figli non sono cambiati. Sono sempre tranquilli, vanno bene a scuola, sono allegri, hanno i loro amici e le loro attività.
    L’ambiente sano lo creiamo noi, anche se non siamo presenti ogni giorno e spesso neanche nel fine settimana. Possiamo far sentire comunque la nostra presenza, il nostro affetto e il rispetto, anche in un matrimonio finito.
    Leggere il tuo intervento e vedere che è stato preso come uno dei tanti commenti dalla validità discutibile e non come un commento fondamentale su cui riflettere la dice lunga sulla difficoltà di mettersi in discussione.

  • elleelle, 29 Settembre 2022 @ 18:43 Rispondi

    @Roberto
    E ti punzecchio di nuovo, perché ti serve per vedere al di là del tuo naso e di una prospettiva un po’ limitata dei comportamenti umani.
    “Possibile che ancora non siamo pronti ad evitarle?”
    Secondo te, se queste situazioni fossero facili da riconoscere ed evitare, le persone ci cascherebbero dentro?
    Innanzitutto, se non conosci tutte le nostre storie, è buona norma parlare con delicatezza se lo fai in termini generici.
    Secondo, se tu avessi un po’ di consapevolezza riguardo ai comportamenti umani più malsani, sapresti che ci può cadere chiunque, dal più stupido al più intelligente.
    Solo oggi siamo state in tre a dirti che i nostri non sono casi di isteria collettiva o sindrome premestruale ma veri e propri traumi, stalking, prese per il culo, abusi.
    Ci ritieni così stupide da sapere cosa stava succedendo e rimanerci dentro? Perché stupide non siamo e appena abbiamo capito l’andazzo, quelle relazioni sono finite per sempre, siamo state prontissime a non avere più a che fare con queste persone e a evitarle per quanto possibile.
    Ma davvero non è evidente questa cosa?
    A me sembra assurdo dover spiegare questo concetto ogni volta che arriva qualcuno a prendere di punta relazioni che lui stesso non ha poi gestito con chissà che brillantezza.
    @Roberto, tu stesso sei tornato con la tua amante e non hai evitato la sofferenza che porta ogni replica in questi casi. E tu per quanto sappiamo sei una persona normale che ha avuto a che fare con una persona normale.
    Immagina chi ha avuto a che fare con persone disturbate, con seriali, con bugiardi patentati.
    Non è che non si evita perché si è alla canna del gas e piuttosto che stare da sole, si accetta tutto. Non si evita all’inizio perché non si sa, perché vengono raccontate balle clamorose, perché si instaurano meccanismi di manipolazione.
    Se tu sapessi il minimo necessario su queste problematiche comportamentali, non la faresti neanche questa domanda.
    Chi vive una storia di amantato tranquilla e normale, di solito non scrive qui a lungo. Arriva, scrive due commenti e scompare.
    Chi resta ha avuto nella maggior parte dei casi una relazione devastante e sentirsi dare dell’isterica è quantomeno una mancanza di rispetto.
    Io spero che tu abbia capito e che tu riesca a pensare in modo un po’ meno superficiale la prossima volta.

  • Crocus, 29 Settembre 2022 @ 18:33 Rispondi

    @Dispersa chi è approdato qui non stava di cervo cercando la ricetta dei muffin al cioccolato oppure la torta della nonna. Siamo onesti. Nasce come blog dedicato alla coppia però se non erro le dirette di Ale parlano di tutt’altro e direi anche SANTE DIRETTE. Mi hanno aperto gli occhi su tante tantissime cose quindi mi spiace ma siamo arrivati tutt* pien* di rabbia/dolore ecc poi che le cose siano migliorare nel tempo è un altro discorso. E per fortuna aggiungerei.

  • elleelle, 29 Settembre 2022 @ 18:24 Rispondi

    @Roberto
    Secondo me ti dà solo fastidio che io ti dica cose che non vuoi sentire, tutto qui.
    Non sono isterica, ma tu mi vuoi far passare come tale perché così mi screditi. Infatti lo stereotipo della donna isterica è uno dei classici del maschilismo ed è una cosa così banale che fa quasi ridere.
    Probabilmente è per questo che non riesci a prendere niente di buono tra le cose che ti scriviamo. Se pensi che le donne che parlano apertamente siano delle isteriche che hanno bisogno di terapia, ovvio che non darai mai credibilità alle nostre parole, neanche quando ti potrebbero essere utili.

  • Crocus, 29 Settembre 2022 @ 18:23 Rispondi

    @Roberto perdonami ma questo blog ha salvato letteralmente la vita (a me di sicuro) a tante persone e tu lo definisci limitato? Hmm. Mi spieghi esattamente come si possono evitare le persone di m****? Io ti farei leggere determinati messaggi che mi aveva scritto il mio ex… ti garantisco che non sono una cogliona e nemmeno una stupida, ho solo capito che il genere umano sa fingere meravigliosamente bene. Ah, queste persone si incontrano non solo in storie di amantato (se era questo che intendevi dire quando hai scritto “bisogna evitarle”), questo genere di persone ha infestato il mondo, purtroppo. Si trovano in ogni tipo di relazione. Mi dispiace ma mi ricordi tanto il mio ex, all’inizio modi di fare da cagnolino bastonato e poi man mano che io ho iniziato a “pretendere” (sempre in seguito e alle sue promesse eh) ecco che ha iniziato ad attaccarmi in modo orribile e sgradevole, esattamente come stai facendo tu ora. @elleelle credo sia la persona più serena, tranquilla ed educata che abbia mai “conosciuto”. Definirla isterica è davvero una bestemmia.

  • elleelle, 29 Settembre 2022 @ 18:12 Rispondi

    @Roberto
    Se io sono una che odia gli uomini, tu sevi avere un rancore verso le donne che è il triplo del mio odio, da quello che scrivi.

    “Prima parliamo delle Donne forti e consapevoli, intelligenti più dell’uomo, che mirano giustamente ad essere sempre più classe dirigente di questo Paese e poi solo perchè un uomo non mantiene le sue promesse devono ricorrere ad anni di psicologo.”

    Non credo che capirai mai, neanche a spiegartelo. Capisci solo quando ti fa comodo. Infatti dici a @Vio che la capisci ma hai disprezzo e sarcasmo per le altre (e in questo caso intravedo me in particolar modo).
    Forse anche la tua amante si è accorta di questo approccio opportunista dopo la prima volta che l’hai lasciata non ha voluto più rischiare. Ha fatto bene.

  • Viovio, 29 Settembre 2022 @ 17:58 Rispondi

    @Roberto
    Perdonami, ma prima di criticare tutte queste donne destinate alla classe dirigenziale che per una delusione d’amore battono i piedi e vanno in terapia x anni (mamma mia che brutta visione che hai delle donne), non eri tu quello che prendeva farmaci e si faceva seguire per sostenere amantato e sagradafamilia?
    Mi sa che tu le storie raccontate in questo blog non le hai mica capite…
    Hai fatto bene a restare a casa, anzi, benissimo!il proverbio dice che è passata a Napoleone vedrai che passerà anche a te e alle “sciure” che leggi qui!

    convengo con @Ale e @Maribel

  • alessandro pellizzari, 29 Settembre 2022 @ 17:55 Rispondi

    isterico estraggo cartellino giallo…

  • Dispersa, 29 Settembre 2022 @ 17:51 Rispondi

    Forse il mio commento non è passato… Ma @Crocus questo non è un blog per amanti presi per i fondelli, ma un blog di coppia!!
    Ci sono anche amanti sereni, non tanti ma ce ne sono, ci sono amanti che non hanno promesso nulla, amanti senza palle e coniugi traditi che nonostante tutto sono riusciti ad andare avanti.
    @Roberto se si fosse chiamato @Roberta gli sarebbe stato detto di scavare dentro di sé e che l’amante non lo aveva mai amato… Quindi sarebbe stato bravo a chiudere.
    Mi dispiace ma in lui non sento nessuno vittimismo, se non la storia di tanti amanti che per vari motivi decidono di rimanere in famiglia (no problem faccio parte di loro)… Ma ragazze cerchiamo di essere realiste.

  • Lia, 29 Settembre 2022 @ 16:47 Rispondi

    @Crocus, ti do ragione! Ho una sorta di invidia per quelle storie di amanti che hanno avuto un’evoluzione normale, anche se sono finite. Non ti fanno soffrire e stare male come quelle in cui subisci comportamenti che non ti spieghi! Ho invidiato quegli amanti che, ad un certo punto, si guardano negli occhi e prendono la decisione di lasciarsi, nel rispetto reciproco! Ecco! La parola chiave è proprio rispetto!
    Dove c’è rispetto, si può anche cambiare idea, parlare in modo civile, non avere nessun sospetto di menzogna! Che bello! Alla fine di tutto, della sofferenza, ti lasciano un buon ricordo e un buon sapore…

  • elleelle, 29 Settembre 2022 @ 16:34 Rispondi

    @Roberto
    Ma non è vero quello che scrivi, non è vero che “Dopo 30 anni i matrimoni in cui c’è autenticità si contano sulle punta delle dita.”.
    Se tu parlassi di passione come il primo giorno capirei, ma che non ci sia autenticità non è vero. Tutti i matrimoni in cui non si tradisce sono autentici, anche se in un certo senso sono finiti dal punto di vista della passione iniziale.
    Una coppia si costruisce su tante cose diverse, l’importante è che entrambi siano d’accordo e consapevoli dell’evoluzione del matrimonio.
    Se uno dei due non è consapevole e crede ad esempio di essere in un rapporto esclusivo mentre l’altro ha l’amante, allora sì che non c’è autenticità.
    Ma negli altri casi non sono proprio d’accordo con quello che scrivi.

  • Leilei, 29 Settembre 2022 @ 16:25 Rispondi

    Ariel, sinceramente non capisco questo continuo tuo dare addosso agli uomini in tutto e per tutto.
    L’amante di Roberto lo ha lasciato (almeno così mi pare di aver capito), lui si sta gestendo il suo dolore senza fare orbiting, senza stalkerarla o farle pressioni psicologiche. Cosa c’entrano le donne che vengono picchiate, violentate o uccise? Continui ad applicare i tuoi concetti pseudoscientifici anche dove non c’entrano proprio nulla, come in questo caso, facendo credere che le donne italiane siano rimaste al Medioevo.
    Mi meraviglio di Ale che continua a pubblicare i tuoi sproloqui sempre tutti uguali, indipendentemente da quello di cui si sta parlando.

    Donne come Elleelle, Crocus ecc…hanno sofferto perchè amavano, magari hanno tardato ad aprire gli occhi su chi avevano davanti. Ma non mi sembra che si siano fatte distruggere dagli uomini che hanno incontrato.
    Tu con le tue affermazioni, fai passare tutte per cretine che si piegano all’italico maschilismo, senza avere la forza di ribellarsi e rialzare la testa. MA BASTA!!!

  • elleelle, 29 Settembre 2022 @ 16:09 Rispondi

    @Ariel
    Purtroppo la penso come te, anche io come te mi chiedo perché @Angelina debba restare legata a quest’uomo nonostante tutto.
    Tra tutte noi Angelina mi è sempre sembrata la persona più fragile, in balia di quest’uomo e dei suoi problemi.
    Lui aveva lei, la moglie e se non ricordo male anche una ex, che si giostrava a turno.
    Non volermene, Angelina, non lo dico per cattiveria. Ti auguro tutto il bene di questo mondo ma guardati bene dentro, cerca di capire le tue motivazioni, risolvi prima la tua dipendenza da lui.
    Te ne ha fatte davvero tante in passato e tu non ti sei ancora stancata, hai aperto di nuovo la porta. Deve valerne davvero la pena altrimenti stavolta ne uscirai ancora più a pezzi.

  • Rinascita, 29 Settembre 2022 @ 15:38 Rispondi

    Mi rendo conto che chi è qui è scottato, che si fatica ad aver fiducia nel prossimo, che a pensar male non si sbaglia, tutto quello che volete ….. però’ ci vorrebbe anche un po’ di ottimismo nel senso che occorrerebbe guardare le cose senza farsi condizionare solo dalla propria esperienza. Alessandro (mi perdonerai se ti prendo ad esempio) prima di fare l’ufficiale e gentiluomo i suoi errori li ha commessi. Se la moglie fosse passata qui ed avesse dato seguito ad alcuni commenti, Alessandro non avrebbe avuto scampo. Il bello che è venuto dopo non sarebbe esistito per pregiudizi che a volte qui si riversano sulla base del proprio vissuto e senza essere a conoscenza delle situazioni reali… mi riferisco sia a tutte le “raccomandazioni” ad Angelina (che alla luce del pregresso è ovvio non debba farsi trascinare da facili entusiasmi) o le considerazioni su Roberto. La vita può sorprenderci questo non andrebbe dimenticato mai. Di un’esperienza si fa tesoro ma non dobbiamo farla diventare una legge di vita. A pensare sempre troppo male poi le peggio cose capitano davvero!

  • Leilei, 29 Settembre 2022 @ 15:27 Rispondi

    Cri28 anche io non ho capito bene perchè Roberto e la sua amante si sono lasciati.
    Posso dire che non è da tutti vivere con un piede in due scarpe, soprattutto se si è davvero innamorati. Perchè i distacchi sembrano troppi, il tempo tra un incontro e l’altro non passa mai, la gelosia è accecante, di contro sei massacrato dai sensi di colpa e dalle menzogne che racconti tutti i giorni.
    Quando invece riesci a prendere un pò le distanze, a ridimensionare il sentimento, allora trovi un equilibrio per far convivere le due vite.
    Forse Roberto e la sua amante si amavano ancora tanto per riuscire a viversi così, ma non abbastanza tanto per mettersi insieme davvero. Quindi si, in questo caso potrebbe essere la scelta meno dolorosa.

  • Leilei, 29 Settembre 2022 @ 15:14 Rispondi

    Roberto, io la penso come te. e anche il mio amante.
    Forse davvero non amiamo abbastanza. Noi però, a differenza di voi, abbiamo deciso di comune accordo di vivercela così. Troppa paura del salto nel buio, troppa paura di fare la scelta sbagliata, per rimanere poi con un pugno di mosche in mano.
    Andrà avanti finchè ci sarà la voglia di sentirci ogni giorno, vederci quando si può, sapere che comunque l’altro c’è.
    Ho chiesto alla mia psicologa se si tratta di dipendenza affettiva. Lei mi ha risposto che non ha senso dare un’etichetta a quello che sto vivendo. Quello che conta è come mi fa sentire, starei meglio o peggio senza il mio amante? Gli psicologi non guardano la morale, i principi, per questo ci sono i preti.. La terapia ha lo scopo di portarti a stare bene nella tua pelle.
    Se io reggo bene le menzogne e i sensi di colpa, se mi fa bene sapere che quella persona è nella mia vita, allora va bene così. E’ ovvio che, come in tutti i rapporti, ci sono i momenti di tensione, gli scazzi, i raffreddamenti, le incomprensioni. Ma nessun rapporto ne è privo.
    Nel mio matrimonio-azienda stiamo compiendo un passo importante che ci vincola economicamente. Questo ha ovviamente chiarito bene i contorni della relazione col mio amante. Potevo approfittare per svincolarmi dal mio matrimonio e fare una scelta diversa per andare per la mia strada. Non l’ho fatta e va bene così.

  • Angelina, 29 Settembre 2022 @ 14:48 Rispondi

    @Ariel comprendo le tue perplessità che sono state anche le mie…credimi…non vivo da euforica con gli occhi chiusi….mi sono confrontata con la mia counselor più volte…ho raccontato una parte di quello che è successo e si mi sono arrabbiata tanto perché inizialmente pensavo fosse per gelosia…abbiamo discusso per settimane intere…gli ho rimandato indietro tutte le motivazioni che mi citava…
    In questi anni abbiamo avuto un sacco di squilibri,lui più di tutti…ci sta lavorando su questo da tempo…purtroppo anche lui viene da una famiglia disfunzionale non posso raccontare altro…e i suoi avanti e indietro derivano tanto da quella parte li…da un senso di colpa e responsabilità grossa che si sente di avere…lui è anni che vive una vita a detta sua dove non sa più neanche cosa voglia dire ridere…ma lei dall’altro canto uguale, perché entrambi non riuscivano a lasciarsi…
    Fin’ora lui non aveva mai deciso nulla…era stata lei più volte a buttarlo fuori…
    Ci siamo arrabbiati…poi lui ha fatto quello che ha fatto e io sono stata alla finestra a guardare…forse era gelosia ma lui concretamente i suoi passi li ha fatti…ha parlato con sua figlia…ha preso una casa…sono andati dall’avvocato a definire la parte economica…io e lui sono settimane che usciamo in normale quotidianità senza più nasconderci.
    Anche lei ha compreso che tra di loro è finita e che si merita un uomo che la ami…sono in buoni rapporti.
    Lui sa dei suoi casini e si è rivolto nuovamente alla psicologa per evitare di andare in crisi nuovamente.È una persona che riconosce le sue colpe non le da agli altri..
    Non so se andrà in crisi di nuovo…forse sicuramente…so che si non sono più la buonina della situazione…ho già fatto dietro front inizialmente solo per una parola percepita diversa…non sono un’illusa, ma lo amo e insieme stiamo bene e fin’ora lui ha fatto quello che doveva fare e mi sento di dargli una possibilità,con il freno tiratissimo.
    Anche le mie amiche vicine inizialmente mi hanno chiuso la porta in faccia arrabbiandosi con me…poi in realtà hanno visto i suoi cambiamenti e si sono un attimo ammorbidite.Non è stato facile neanche per me credimi…la mia counselor lì per lì mi ha cazziata poi quando le ho raccontato tutto mi ha detto…ora dagli un po’ di fiducia ne ha bisogno…vedrai strada facendo…
    Lui è una brava persona…io ho avuto casini grossissimi con mio figlio,suo babbo se n’è lavato le mani…lui mi è sempre stato vicino…avrebbero fatto scappare via anche la persona migliore del mondo.
    La sua psicologa gli ha detto lei ha un grosso difetto si sente in colpa di essere felice…si deve godere un po’ la vita…
    Non lo so come andrà…vedrò passo passo…sono spaventata anche io non credere..tanto poi sono qui con voi mica fuggo….vi abbraccio a tutte!!

  • Angelina, 29 Settembre 2022 @ 14:19 Rispondi

    @Ads la mia counselor non puoi averla ascoltata oggi…non è così famosa e non ho fatto nomi…forse hai seguito la Canova?Lei non è la mia counselor,lei è una psicologa molto famosa che tratta di dipendenza affettiva,che seguo sui social e ha scritto un libro molto interessante.
    Che si fa?Eh Ads si fanno delle scelte o si resta li…se la tua amante fosse più stabile e ti chiedesse di vivere con lei ci hai mai pensato?Riusciresti a soffocare tutto?