person in black pants and white socks sitting on brown wooden floor
Photo by cottonbro studio on Pexels.com

Un giorno ho chiesto a un seriale: ma perché quelli come te hanno bisogno di avere la moglie e l’amante, cioè sempre due donne contemporaneamente? Mi ha risposto: perché la maggior parte degli uomini tradisce non perché si trova male nel suo matrimonio, ma perché vuole l’auto e la moto. L’auto è la moglie, il mezzo che serve sempre per spostare la famiglia, andare al lavoro e che si tiene nel box di casa. L’amante è la moto, il divertimento, il mezzo occasionale per fare le gite, le curve in montagna. Ma mentre l’auto di famiglia è irrinunciabile, anche se ha fatto tanti chilometri, è polverosa e usata, la moto, per quanto sia l’ultimo modello e scattante, non si può utilizzare sempre, non è indispensabile e quindi è sacrificabile.

Nel video che segue, affronto l’argomento e rispondo alle vostre domande. Buona visione!

CLICCA QUI SOPRA PER VEDERE SUBITO IL VIDEO

Condividi:

600Commenti

  • Molly, 29 Maggio 2024 @ 17:17

    “Il tuo è una scheggia impazzita, è difficile così per te superarla, ovvio che ti viene da farti domande su di lui, sul perché dei suoi comportamenti…”

    @Beatrice e@Giulia mi permetto però di dire che la domanda giusta che dovreste farvi è come dei personaggi così scadenti, marci dentro abbiano ancora un fascino su di voi, cosa vi fa pensare che avete dei sentimenti verso di loro!

    Loro sono quello che sono e più il tempo passa e più dimostrano di essere pessime persone, voi su di loro non avete nessuna influenza, nessun potere, ma su voi stesse sí, quindi siete sicure di essere innamorate o siete accanite, dipendenti come in preda da una droga? Quali doti vedete in persone del genere?

    Credo che i fatti dovrebbero scatenare in voi solo la nausea e la rabbia ma non l’impotenza. Se non potete cambiare quello che loro fanno a voi, voi potete cambiare come reagite. Se non ci riuscite da sole, FATEVI AIUTARE perché razionalmente avete capito che dovete emotivamente allontanarvi da loro, ma vi manca ancora un passaggio.

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 16:16

    Ragazze, però se questi tornano è perché spesso gli lasciate la porta socchiusa, non avete il coraggio di tagliare l’ultimo cordone ombelicale, non li respingete con la forza dovuta, non chiudete tutto. La speranza residua è purtroppo una cattiva consigliera. Se è così avete bisogno di un aiuto esperto. Se lui viola le leggi e stalkerizza ci vuole il consiglio di un avvocato, non si può sempre dire non ci posso fare niente.

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 16:10

    Questi uomini dovrebbero pagare i danni morali e materiali non solo per avervi illuso di essere la loro scelta, non solo per avervi fatto soffrire fino allo stremo e al punto di lasciarli voi per consunzione, ma soprattutto perché tornano indifferenti dell’ulteriore danno che fanno, usando senza scrupoli tutti i mezzi a loro disposizione compreso il lavoro. I recidivi dovrebbero avere sanzione doppia. Ecco chi sono veramente, gettata la maschera. Dovete erigere un muro definitivo e invalicabile fra voi e questi soggetti. Rgazze, non tronano perché gli mancate e per amore, tornano per riavere il giocattolo e per egoismo

  • Beatrice, 29 Maggio 2024 @ 16:10

    Giulia,

    Il tuo è una scheggia impazzita, è difficile così per te superarla, ovvio che ti viene da farti domande su di lui, sul perché dei suoi comportamenti…
    Io vedo che quando sto un po’ senza vederlo e sentirlo mi inizio a rassegnare, poi come torna a comparire ricomincia tutto un po’ da capo.
    La cura sarebbe non vederli ne’ sentirli più ma il tuo te le rende impossibile

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 16:07

    alla fine non vivono poi così male, l’amante serve spesso a vivere meglio rimanendo dove sono. Molti amanti stampellano matrimoni indissolubili appunto, almeno fino alla pensione, quando si ritirano nel posto che non hanno mai lasciato

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 16:05

    CIALTRONE irricevibile

  • Beatrice, 29 Maggio 2024 @ 16:01

    Ale,

    Tu pensa che nello stesso messaggio in cui mi ha scritto quella cosa del non sapere se riuscirebbe a resistere alle tentazioni aveva scritto di provare per me sentimenti puri, sinceri e senza doppi fini, e che per quel motivo aveva voluto essere completamente sincero, per non illudermi di qualcosa a cui nemmeno lui sapeva se credere.
    Poi ha aggiunto che però in passato mi era stato fedele e che non meriterei una cosa simile perché sono una persona bellissima.
    In pratica lui dice sempre tutto e il contrario di tutto e ne esco sempre confusa.
    Sono arrivata persino a essergli riconoscente per avermelo detto e non avermi presa in giro, perché in fondo poteva farlo di nascosto, invece così mi ha dato la possibilità di allontanarmi.
    Poi in realtà sono ancora qua e se rimango potrebbe anche un domani dirmi che lui mi aveva avvisata …
    Ma come mai sono ancora qui? Assurdo

  • Nick76, 29 Maggio 2024 @ 15:15

    @Ale: “I matrimoni azienda sono indissolubili” in pratica vivere salvando le apparenze per essere perennemente infelici…!!!

  • Mimi, 29 Maggio 2024 @ 14:58

    “Allora mi vengono mille dubbi… se ha il potere di farmi così male, vuol dire che non l’ho superata ancora?”

    @Giulia non funziona così…io quando ho chiuso ero convinta al 100% di non voler tornare da lui nè a fare l’amante nè a fare quella ufficiale se si fosse fatto calare sul balcone di casa mia con un unicorno a grandezza naturale ma ciò non ha escluso che io per mesi (mesi) abbia patito le sue incursioni nella mia vita.
    Le ho tutte, scegli quella che vuoi: chiamate con l’anonimo, elenco di chiamate bloccate dal suo numero, bigliettini nella cassetta della posta, chiamate con terzi numeri, messaggi riportati tramite colleghi che dalla sua sede si sono spostati alla mia.
    Capisco le sensazioni che provi e ora, superata la fase del “rischio di tornare indietro”, c’è quella di rabbia e di impotenza nel vedere che, nonostante tutti gli sforzi e il sangue amaro che ci facciamo per non permettergli di invadere le nostre vite, loro continuano a trovare un modo superando anche il limite dell’imbarazzo in luoghi pubblici/lavorativi.
    E’ frustrazione, impotenza.
    E no, il tuo codice del silenzio così non è stato interrotto se davvero sei convinta di non volerlo più. Continua a mettere un muro e, se supererà davvero dei limiti folli, non farti problemi a segnalare a chi di dovere.
    Ti dovrai fare il sangue amaro per un po’ e dovrai umiliarlo in pubblico non attaccandolo ma ignorandolo completamente.
    Il mio credo abbia mollato il colpo definitivamente quando, nell’unica occasione in cui ci siamo potuti ritrovare fisicamente, io l’ho totalmente ignorato non salutandolo neanche. Per la prima volta e ne sono fregata di cosa avrebbe pensato la gente, lui ha provato a stringermi il cerchio intorno e io con una faccia da culo fuori norma me ne andavo da un’altra parte.
    Penso che l’umiliazione in pubblico sia stata per lui difficilmente sostenibile. Ha avuto ancora qualche strascico ma era pochissima roba e poi si è spento dopo poco.
    Il tuo è un narcisista proprio come il mio. Vuoi rendergli pan per focaccia? Non è ignorandoli nel privato che li ferisci, è ignorandoli facendogli fare figure di m***a in pubblico.

    Non mollare e non dubitare di te stessa mai, tira dritto. La vincerai tu.

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 14:36

    I matrimoni azienda sono indissolubili

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 14:33

    No non l’hai superata fatti aiutare. Lui è di una scorrettezza ignobile come tutti quelli che usano il lavoro per assediarvi

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 14:31

    Solo a dirtelo basterebbe per cancellarlo

  • Beatrice, 29 Maggio 2024 @ 14:22

    Leilei,

    io non sono mai stata particolarmente gelosa della moglie perché tanto sapevo che lei era e sarebbe stata sempre più importante di me.
    Sapevo che era arrivata prima di me, che con lei aveva un passato, dei figli e progetti in comune.
    Sapevo dall’inizio che non l’avrebbe lasciata così come io non avrei lasciato mio marito, quindi non la vedevo come una persona che minava il nostro futuro insieme.
    Loro due hanno trovato il loro equilibrio come coppia e questo lui non lo ha mai negato: hanno la loro routine, comunicano tanto e bene sulle questioni pratiche e lui stesso diceva che da fuori sembrano la famiglia perfetta.
    Ma da come ho capito non comunicano bene (credo affatto) da un punto di vista più profondo.
    Lo vedevo frustrato dentro quel matrimonio e non penso mentisse quando mi raccontava quali atteggiamenti di lei o circostanze lo rendevano in quel modo.
    Con me credo facesse emergere tutta una parte che lei non vedeva (o io mi sono illusa di questo) e a me bastava, mi bastava poterlo conoscere intimamente da un punto di vista emotivo.
    E mi rendo conto che continuo a cercare questo, che spero ancora in questo quando vedo che continua a cercarmi.
    Mi chiedo se mi cerchi perché ha paura del vuoto che potrebbe provare perdendo il rifugio che trovava in me.

    Invece è l’idea che possa creare questo tipo di legame con un’altra amante che mi fa stare malissimo, il fatto che possa connettersi mentalmente a un’altra è il mio vero tormento.

    Comunque bella domanda come mai mi tenga ancora in pugno dato che è grave quello che ha detto sul fatto di non sapere se riuscirebbe a resistere a eventuali tentazioni.
    Eppure gli permetto di tirare avanti questo limbo.
    Forse perchè mi racconto che alla fine non mi avrebbe fatto una cosa del genere.
    Poi mi racconto anche che potrebbe rimanere nella mia vita sotto forma di presenza senza bisogno di chiamare in causa i coinvolgimenti sentimentali e alla fine in qualche modo siamo ancora qui.

  • Nike, 29 Maggio 2024 @ 14:09

    @LeiLei nel mio caso lui non diceva niente,nè che era legato alla moglie nè che sarebbe andato con altre.Fosse stato così,le cose( forse) sarebbero andate diversamente.La condivisione con la moglie l’ho sopportata finchè nemmeno io volevo garantirgli l’esclusiva,poi ha iniziato a non andarmi più bene e piano piano,con non poca sofferenza, mi sono allontanata.Per quanto riguarda le altre donne,sono supposizioni a posteriori,forse è più facile mantenere le distanze ricordandolo come uomo di merda piuttosto che come uomo onesto.
    Comunque,sarà assurdo,ma io preferirei saperlo felice con sua moglie piuttosto che in giro a cercarne altre.
    @Cri28 sicuramente sarà come dici tu ma faccio veramente fatica a vedere lui come un uomo insoddisfatto e con problemi,probabilmente perchè con me non si è mai lamentato e sembrava la persona più tranquilla e felice del mondo.

  • Molly, 29 Maggio 2024 @ 13:47

    “Diciamo che questa idea è durata un paio di anni, poi ho iniziato a conoscere bene il mio ex amante e ho capito che non faceva per me. ”

    @Leilei due anni non sono poca cosa! Ho capito che proporzionato a una vita insieme è poco, ma due anni di desiderio di separarsi sono tanti. Allo stesso tempo capisco che in una relazione in cui non si vive insieme all’amante, conoscerlo veramente richiede tempi più lunghi, per cui meno male che non avete rivoluzionato le vostre vite e che prima o poi hai capito chi è.

    Per quello che riguarda la gelosia verso la moglie credo che sia da una parte una cosa sciocca perché la moglie c’è sempre stata, ma anche dimostra che non è possibile sapere quello che si vive tra le mura domestiche e che se una persona resta evidentemente qualcosa che funziona c’è anche se non viene comunicato all’amante. Lui sapeva che tu eri gelosa e ti rassicurava mandandoti foto indegne di lei e questo dimostra la falsità della persona che apprezzavi tanto per la sua affettuosità… inutile ricordare le scorrettezze, un tradimento, lo continuo a dire, spesso è un insieme di bugie non solo per il coniuge, ma anche per l’amante e sono spesso funzionali a tenere coniuge e amante senza voler cambiare nulla. Appena si sente odore di qualcosa che potrebbe alterare gli equilibri si compensa con bugie. Lo abbiamo visto anche al femminile con la ex di Stefano e quella di Love.

    Hai vissuto quasi otto anni di una realtà che ti ha sicuramente spesso scaldato il cuore. Purtroppo anche il letame scalda (scusa l’esempio), il risultato è il calore ma non tutte le fonti sono a km zero e pulite e bisognerebbe chiedersi se vale la pena.

    Ora avrai da affrontare la tua vita senza di lui ma sono certa che ce la farai. Un abbraccio.

  • Giulia, 29 Maggio 2024 @ 13:32

    @Ale ho paura che sia così. Scusate se oggi scrivo più del solito, ma mi aiuta, sono stranamente molto giù, fatico a concentrarmi su altro, non è da me.
    Questa riapparizione è stata una prepotenza: videochiamata richiesta giorni fa alla mia nuova collega per motivo inutile, una scusa, lei si è collegata, non vedevo lo schermo per fortuna, lui chiedeva informazioni su di me, alla fine le ha detto che voleva salutarmi, mettendomi nell’imbarazzo di dover dire che ero impegnata in presenza anche di un suo di collega con cui ho rapporti di lavoro da anni e che nel contesto della riunione non c’entrava nulla tra l’altro. Ha voluto che ci fossero altre persone, proprio una cosa studiata. Perché avrebbe potuto chiamarmi con un qualsiasi altro numero per ricontattarmi, ma sapeva che appena avrei sentito la sua voce avrei riattaccato.

    Lo so che sembra una stupidaggine in confronto a tantissime altre cose, ma l’ho vissuta come un abuso ulteriore nei miei confronti, un’invasione dei miei spazi. Magari se ero ancora interessata a lui e al rapporto, mi avrebbe fatto piacere che, bloccato ogni canale, si fosse impegnato a trovare il modo di raggiungermi, invece questa volta l’ho vissuta con grande dispiacere. Perché sento che è venuto proprio a intaccare il mio codice del silenzio a vita. Non c’è altro interesse da parte sua, è un atto puramente narcisistico. Non gli ho fatto nulla, semmai lui a me, santo cielo, non merito questo accanimento! E’ venuto a risputarmi il veleno…
    Allora mi vengono mille dubbi… se ha il potere di farmi così male, vuol dire che non l’ho superata ancora?

  • Nick76, 29 Maggio 2024 @ 13:31

    @Leilei: “Perchè ho continuato a stare con entrami? Perchè la vita con mio marito fondamentalmente mi piace: abitudini consolidate, tranquillità economica, relazioni sociali, vacanze piacevoli… Il mio ex amante invece mi dava attenzioni che mi lusingavano. Praticamente volevi l’auto e la moto. Adesso che ti stai allontanando dal tuo amante che soddisfava la tua parte sentimentalmente, non pensi che si romperà definitivamente il tuo equilibrio e questo potrebbe far implodere con se anche la parte per così dire materiale (tuo marito)??? Visto che per tua ammissione non amando più tuo marito, da lui quella parte non puoi averla e per come la vedo io non si può vivere di solo “materia” ma c’è bisogno di chi ci fa sentire importanti e felici e questo non lo si trova nel primo che capita…!!!

  • Leilei, 29 Maggio 2024 @ 12:45

    “Essere gelosi di un’altra amante eventuale non serve se non a capire che voi non contavate niente e lui è un seriale. Essere gelose della moglie non serve perché è lui che la preferisce a voi, quindi è lui il responsabile. Serve a capire che non lascerà mai la moglie” ALE Amen e così sia!

  • elleelle, 29 Maggio 2024 @ 12:29

    @Leilei
    Invece di essere gelose bisognerebbe essere felici di essersi liberate di persone e relazioni che non portano da nessuna parte.
    Nel tuo caso la gelosia nei confronti della moglie non ha alcun senso. Pensa a che relazione hanno: ti sembra basata sull’amore e sul rispetto? A me no.
    Non vedo cosa ci sia da invidiare.
    Forse riusciranno a tenere assieme la famiglia, come fai anche tu ma finisce qui, siete pari.

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 12:26

    Si ripropone poi ora, dopo il modo in cui mi ha trattata le ultime volte (quando avevamo già chiuso da mesi), tornando per umiliarmi palesemente come a vendicarsi, poi scusandosi per poi lo stesso giorno di nuovo offendermi…

    Comportamento da narcisista da eliminare dalla propria vita e bloccare su tutti i fronti

  • alessandro pellizzari, 29 Maggio 2024 @ 12:25

    Essere gelosi di un’altra amante eventuale non serve se non a capire che voi non contavate niente e lui è un seriale. Essere gelose della moglie non serve perché è lui che la preferisce a voi, quindi è lui il responsabile. Serve a capire che non lascerà mai la moglie

  • Leilei, 29 Maggio 2024 @ 12:02

    La cosa che mi suona strana è che leggo che molte di voi sono “gelose” di eventuali altre conquiste dei vostri amanti. Per quanto mi riguarda invece sono sempre stata gelosa della moglie, essenzialmente perchè si tratta di un rapporto di lunga durata con tante cose fatte e costruite insieme, che come si è dimostrato hanno avuto un peso anche oltre il tradimento di lei.

  • Giulia, 29 Maggio 2024 @ 09:09

    @Nike, incommentabile… Si ripropone poi ora, dopo il modo in cui mi ha trattata le ultime volte (quando avevamo già chiuso da mesi), tornando per umiliarmi palesemente come a vendicarsi, poi scusandosi per poi lo stesso giorno di nuovo offendermi…

    @Dispersa tu l’hai rivisto e non ne sei rimasta turbata, mentre io non l’ho visto, né sentito, ma questo suo ricomparire mi ha tirato fuori di nuovo il dispiacere e la mortificazione inflitta le ultime volte. Non ho voglia di tornare indietro, sia chiaro, non lo voglio più vedere, mi viene il vomito anche solo al pensiero di sentire la sua voce, ma sono ancora ferita: vorrei restituirgli le stesse pugnalate, invece non ho questo potere su di lui, è lui invece che ha ancora il potere di farmi star male come oggi e forse lo fa consapevolmente… come si fa a essere così cattivi? Non la considererei una cattiveria se lo pensassi un ritorno sincero, un tentativo di riappacificarsi tra persone normali. Ma perché ho la sensazione che non lo sia? Sono certa che se rispondessi mi tirerebbe di nuovo frecciate, in modo subdolo, velato, ironico mi lancerebbe altre offese.

  • Leilei, 29 Maggio 2024 @ 08:57

    Giulia, Dispersa, Nike, Beatrice fate parlare il vostro orgoglio. Ma come fate a pensare di amare una persona che, oltre a dirvi che è ancora legata alla moglie, ammette di non esservi fedele? Come fate a sopportare questa condivisione? Già sopportare la presenza di una moglie è complicato, ma addirittura accettare di essere in un harem mi sembra davvero assurdo…
    Io ho accettato di fare l’amante fin quando lui mi ha dimostrato di considerarmi la “primadonna” come dice la canzone dei Pooh…quando ho capito che il mio podio vacillava, ne sono scesa prima che mi buttasse giù lui.
    Chi saranno mai questi uomini da tenervi così strette in pugno???

  • Leilei, 29 Maggio 2024 @ 08:51

    MOLLY ti rispondo volentieri e non sento alcuna ostilità nel tuo tono.
    Mio marito mi ha scoperta all’inizio della mia storia extra (ci saremmo visti due o tre volte), quindi non mi passava assolutamente per la testa di separarmi.
    Diciamo che questa idea è durata un paio di anni, poi ho iniziato a conoscere bene il mio ex amante e ho capito che non faceva per me. Quando io e mio marito abbiamo iniziato a parlare di cambiare casa, soprattutto per esigenze legate a mio figlio, avevo iniziato a guardare soluzioni che permettessero un’eventuale divisione degli spazi per creare indipendenza tra di noi se le cose avessero dovuto andare male.
    Perchè ho continuato a stare con entrami? Perchè la vita con mio marito fondamentalmente mi piace: abitudini consolidate, tranquillità economica, relazioni sociali, vacanze piacevoli… Il mio ex amante invece mi dava attenzioni che mi lusingavano. Non credo si arrivi al narcisismo, ma alla composizione di un puzzle dove ogni tessera contribuiva a farmi stare bene.
    Non ho mai desiderato che il mio ex amante si separasse (forse giusto i primi due anni, in fase di innamoramento), ma negli ultimi giorni quando parlava di lasciare la sua compagna e farsi una vita da solo a causa del suo tradimento, sinceramente ero contenta perchè questo lo avrebbe tenuto legato a me, non necessariamente come amante ma come persona presente nella mia vita.

  • Dispersa, 29 Maggio 2024 @ 07:48

    @Giulia anch’io mi sono trovata in un incontro lavorativo che non aveva senso avvenisse… Me ne sono resa conto ad incontro finito e dopo aver constatato con una persona presente che ha avuto le mie stesse perplessità.
    Organizzato da lui il dubbio mi è sorto, ma poi mi sono lasciata scivolare tutto addosso perché forse noi donne a volte facciamo voli pindarici per nulla…

  • alessandro pellizzari, 28 Maggio 2024 @ 23:44

    Non è una bella storia

  • Molly, 28 Maggio 2024 @ 20:06

    “Dopo la scoperta infatti, mio marito ha voluto subito sapere se volevo separarmi.
    Io gli ho risposto che non ne avevo intenzione, ma se lui avesse voluto farlo, lo avremmo fatto senza guerre.”

    Sai che mi ha colpito questa cosa@Leilei? Tuo marito ci hai detto che non lo ami da anni, io avevo capito che fosse lui a non volersi assolutamente separare e che quindi assolutamente nemmeno te lo avesse mai chiesto, ma ero convinta che tu invece avresti voluto la separazione eccome e ora leggo con stupore che tu gli dicesti che non era la tua intenzione.

    Perché allora ti sei tenuta l’amante tutti questi anni? Cosa ti ha trattenuta nel matrimonio con tuo marito, visto che lui stesso ti aveva chiesto se volevi la separazione? Un po’ di tempo fa dicesti che la tua terapeuta ti aveva detto che vede in te del narcisismo e questa cosa ti ha scossa. Pensi che sia questo il motivo della tua scelta? Pensi di esserti semplicemente sentita meritevole di avere entrambi? Mi piacerebbe leggere una tua risposta, non c’è nessuna intenzione ostile, solo sono incuriosita da questa tua presa di posizione. Forse quando avete comperato casa hai espresso che eri pronta a separarti per te stessa se ricordo bene ma a quel punto tuo marito non ne ha voluto sapere.

  • Dispersa, 28 Maggio 2024 @ 20:04

    L’ho rivisto per motivi lavorativi e mi ha fatto strano perché non mi ha mosso alcun ‘ormone’ ma al contempo mi ha ricordato di come in realtà mi piaceva come uomo… Una strana e difficile distanza da accettare.
    Lui sul subito tra l’impaccio e il disagio ha proseguito con il ‘lavoro’ come se nulla fosse… Ha parlato anche due secondi della moglie… Ehh sì… Ho constatato che è andato avanti… E con un po’ di orgoglio ferito mi sono chiesta ‘chissà se è già arrivata un’altra’.
    Spero di poter dire ‘mai più una relazione del genere’.

  • Nike, 28 Maggio 2024 @ 16:13

    Grazie a tutte per il sostegno..Ho bloccato anche quel profilo così la prossima volta evito di rovinarmi la giornata.
    @Giulia il tuo mi pare incommentabile, il mio sarà anche fatto della stessa pasta ma stava zitto.Non mi cerca più direttamente ma la settimana scorsa ha chiesto di me ad un amico (l’ha conosciuto perchè ogni tanto ci raggiungeva in vacanza),altra cosa che mi ha fatto andare fuori di testa.
    Attendo l’indifferenza,se mai arriverà.

  • Giulia, 28 Maggio 2024 @ 15:25

    Parte 2 / Come non detto, al termine della videochiamata con la collega in ufficio, le ha chiesto di chiamarmi per salutarmi in diretta. Le ho di rispondere che ero impegnata e che lo avrei richiamato (ovviamente no). Apparso più volte nella lista chiamate bloccate.

  • Giulia, 28 Maggio 2024 @ 11:25

    No, io ho bloccato da due mesi completamente ogni canale (telefoni, social, ecc.), anche quelli del lavoro, e ne vado fiera. E’ aperto solo il canale “fisico” del lavoro, nel senso che può essere che lo incontrerò in qualche occasione, ma non gli rivolgerò più la parola, se non per sterili saluti “ciao buongiorno”, che non posso evitare, ma finirà lì. Se cercherà una scusa per parlarmi di lavoro, gli dirò di parlare con le mie colleghe. Casualità vuole che proprio oggi ha fissato un appuntamento con una collega del mio team, appuntamento che era del tutto superfluo, inutile, una cosa che ha palesemente cercato… tanto per ribadire che non hanno ritegno e prima o poi riprovano a rientrare nelle nostre vite, non so a che pro a questo punto.

    @Beatrice: non è vero che non trovano da altre quello che gli abbiamo dato noi, il calore e altro, non li sottovalutare, sono dei manipolatori. Se non trovano da noi, vanno a cercare altrove e lo trovano, puoi starne certa. Il mio ex ha compensato con tante occasionali, l’eccitazione di conquiste in serie: meno complicato e probabilmente lo sta appagando. Questo comportamento ha sempre fatto parte del suo dna, può essere che il matrimonio e l’amantato per un po’ lo avessero placato (anche se nel mentre due tre scopate comunque se le è fatte in giro, su questo sono certa), ma alla fine torna fuori la natura di ognuno. Il matrimonio magari lo riuscirà a trascinare ancora per un po’, ma ha vita breve.
    Ci hanno fatto pensare di essere speciali, importanti, uniche per loro, ma non lo siamo. Non lo sono stata io, non lo è neanche la moglie. Si sono solo approfittati del sentimento che provavamo per loro, lo hanno alimentato e ne hanno ricavato tutto quello che potevano ricavare (e, a quanto pare, provano a vedere se è rimasto ancora qualcosina, visti i ritorni).

  • Beatrice, 28 Maggio 2024 @ 10:56

    Ale,

    lo so che hai ragione.
    Però poi vedo che mi cerca lui per chiacchierare su cose normali di vita, anche “noiose” in un certo senso, e mi chiedo se in realtà sia alla ricerca di questa tranquillità, compagnia, con qualcuna che gli vuole bene e lo conosce, piuttosto che ributtarsi in situazioni ed emozioni nuove come gli era sembrato di volere.
    O magari vuole entrambe le cose e nel mentre che arrivano le nuove emozioni mi tiene lì a salare.
    Non so. Come dicevo sono confusa, non nego che quando vedo il suo nome sul display sono contenta perchè mi sento ancora nei suoi pensieri, però sto prendendo le distanze, un pò mi viene spontaneo, e quando non mi viene spontaneo mi sforzo.
    Vedo cosa succede, non so nemmeno cosa mi aspetto che succeda in fondo. A volte lo considero in qualche modo parte della mia vita, altre mi dico che una persona che sento ormai praticamente solo per messaggio diventerà forse tra non molto un mezzo estraneo anche se sappiamo tante cose l’uno dell’altra e allora finirà tutto così un pò alla volta

  • Cri28, 28 Maggio 2024 @ 10:29

    Nike, certo che cercano altro. Io credo che, se dovessi chiudere con il mio amante, mi rimpiazzerebbe, perché il vuoto resta, se non si risolvono i problemi alla base, e il vuoto viene sempre riempito, bene o male che sia. Non cercherebbe, forse, attivamente, perché non lo ha mai fatto, ma se incontrasse una donna che lo stimola, ci andrebbe.
    Chi tradisce è insoddisfatto, per motivi che possono essere personali o di coppia. Se non risolvi quei problemi, torni nelle stesse dinamiche.
    Non fartene un cruccio, non siamo insostituibili, ma anche lui non lo sarà per te.

  • alessandro pellizzari, 28 Maggio 2024 @ 09:42

    Beatrice, un cialtrone che ti dice cercherò di rimanerti fedele non soffre, se ne fotte di te

  • Leilei, 28 Maggio 2024 @ 09:25

    Ragazze la sofferenza è da mettere in conto, ma io penso che la nostra dignità valga più di tutto. E’ un dolore che sbiadirà col tempo, come tutti i dolori della vita. Nel frattempo coccolatevi con quello che vi fa stare più bene.

  • Beatrice, 28 Maggio 2024 @ 09:23

    Nike,

    Quando il mio mi aveva detto che non era certo di riuscire a “rimanermi fedele” io ne ho sofferto ma allo stesso tempo pensavo che non avrebbe trovato la stessa cosa.
    Cercheranno, ma non vivranno lo stesso calore e forse sarà anche il momento in cui penseranno più a noi, nel fare il paragone.
    Penso poi anche che non siano tutte lì a cadere ai loro piedi, magari qualche piccolo flirt e fine, lasciandoli anche con l’amaro in bocca.
    Non so, io mi sono raccontata questo.

    Il mio mi cerca ancora, mi chiede come sto e mi racconta le sue cose e non me lo aspettavo proprio.
    Siamo ancora in una sorta di limbo che somiglia sicuramente più a un’amicizia che ad altro.
    Sono un pò confusa ma sto lasciando fare perchè continuo a volergli bene e sentirlo ancora lì mi scalda in qualche modo il cuore.
    Nel complesso sto molto meglio e mi sento abbastanza pronta a una eventuale sua sparizione che ormai metto in conto, sto qui, vedo, valuto, aspetto di vedere cosa succede.

  • Dispersa, 27 Maggio 2024 @ 22:12

    @Giulia @Nike … La penso come @Cossora… Una donna/uomo non è facile da sostituire.
    Purtroppo fa male, ma a questo punto meglio chiudere tutti i canali per non sapere più nulla, il tempo aiuta… Arriva il momento in cui tutto sarà un lontano e sbiadito ricordo (PS. Lo attendo con tranquillità anch’io).
    Un abbraccio.

  • alessandro pellizzari, 27 Maggio 2024 @ 21:17

    Più che grottesco uomo Mer

  • Giulia, 27 Maggio 2024 @ 21:00

    @Nike, 27 Maggio 2024 @ 15:36
    Nike a me lo ha detto proprio, dopo mesi che avevo imposto il mio basta, quello finale, forse per ferirmi a distanza di mesi, umiliarmi, dopo averci provato con una in modo spinto davanti a me in una serata di lavoro e avermi proposto un rapporto a tre.
    Avere l’amante crea solo problemi, mia moglie fiutava e sentiva tutto (ti pare che si beveva la storia dell’amica…), ora cerco, trovo, corteggio, mi impongo di arrivare al massimo a tre incontri e poi passo a un’altra e lei non si accorge di niente.
    Mi disse che amava la moglie, ma era più forte di lui: non arrivano a due anni di matrimonio, nè a tre di conoscenza. Gli è stato fedele solo per qualche mese, ma lui è convinto di aver fatto il bravo per due anni “senza andare a caccia” (perchè credo conti più la conquista che il sesso in sè per sè): gli ho detto che si stava scordando che, nei due anni in cui dice di essere stato fedele alla moglie, c’ero anch’io, oltre a lei… Non so con chi pensava di parlare… Troppe bugie e alla fine finiscono per mentire anche a se stessi o a rendersi ridicoli. Grottesco.

  • Cossora, 27 Maggio 2024 @ 16:28

    @nike .. facciamo così. Sopravalutiamolo. Non era tutto falso, non ce l’ha fatta e ora al suo squallore spera di rimediare incontrando gente a caso. Si, magari crede anche di poterti sostituire, pechè no. Ma quando le incontrerà capira la differenza. Si vede che a lui la vita deve fare due o tre ripetizioni in più.
    Stai tranquilla è normale l’amaro in bocca che senti. Mi dispiace tanto.

  • alessandro pellizzari, 27 Maggio 2024 @ 16:15

    Pensa cosa hai evitato !

  • Nike, 27 Maggio 2024 @ 15:36

    Oggi dopo 4 mesi,ho sbirciato un suo profilo fake che utilizza per chattare con le new entry.Immagino sia così perchè l’ha usato anche con me.A quanto pare si sta già adoperando per sostituirmi (forse non si era mai fermato?).So che non avrei dovuto farlo ma è stato più forte di me.Non me l’aspettavo,non così presto.Sono delusa e mi chiedo chi sia veramente l’uomo che ho frequentato per anni. Quello che deve stare là ma ha il cuore da un’altra parte o quello che sta bene dov’è ma ha bisogno di divertirsi? Anche se è finita,non è facile da digerire.

  • Ariel, 24 Maggio 2024 @ 14:50

    Leilei, 24 Maggio 2024 @ 10:41

    Condivido tutto!

  • cossora, 24 Maggio 2024 @ 12:54

    @leilei molte di voi mi scrissero che il mio atteggiamento non era sincero, che affermavo queste cose per non volere ammettere
    Non dirlo a me. Io leggo e vado giù di testa.
    Ma a causa del mio temperamento e delle mie scelte è successo praticamente ogni volta.
    Cosa ho fatto? Niente. Il tempo ha dimostrato ogni cosa. E chi ha dovuto ricredersi lo ha fatto. Alcuni me ne hanno riferito. Altri sono rimasti in silenzio. Io ho imparato a stare a guardare e a non buttare via tempo inutilmente a spiegare a chi non vuol sentire.

  • Leilei, 24 Maggio 2024 @ 12:22

    ALE credo che tu abbia assolutamente ragione. In fondo ha avuto un atteggiamento che non si discosta molto da quello di mio marito. Dopo la scoperta infatti, mio marito ha voluto subito sapere se volevo separarmi.
    Io gli ho risposto che non ne avevo intenzione, ma se lui avesse voluto farlo, lo avremmo fatto senza guerre.
    Da lì si è messo il cuore in pace.
    Il mio ex amante ha detto alla sua compagna che era libera di andare dove voleva, che poteva recarsi tranquillamente all’appuntamento con l’altro fissato per i giorni successivi ( lo aveva scoperto dalle sue indagini).
    Chiarito che lei non voleva cambiare casa, lui ha deciso di azzerare tutto e ripartire con lei.
    Sono uomini che passano sopra a tutto, pur di non restare soli.

    La differenza tra me e lei, è che lei ha negato il coinvolgimento sentimentale con l’altro (che traspariva chiaramente dalle loro conversazioni), dicendo che il suo allontanamento era dovuto al loro allontanamento come coppia, ha negato di esserci andata a letto (in un anno e con messaggi allusori)…
    Io invece ho detto a mio marito come stavano le cose.

  • alessandro pellizzari, 24 Maggio 2024 @ 11:33

    Non è una persona senza equilibrio è una persona senza valori che ha solo paura di rimanere da solo

  • Leilei, 24 Maggio 2024 @ 10:41

    “Io non so perdonare.
    Né perdonare né dimenticare.
    È uno dei miei più grandi limiti forse,
    e il più lugubre. E meno che mai so
    perdonare quando una ferita mi è stata
    inferta da persone dalle quali mi
    aspettavo affetto, tenerezza, o sulle
    quali mi facevo illusioni positive.
    Non v’è uomo o donna colpevole verso
    di me che non sia finito nella
    Siberia dei miei sentimenti”.

    Oriana Fallaci.

  • Leilei, 24 Maggio 2024 @ 10:07

    COSSORA il nostro rapporto si era raffreddato da almeno un anno, mentre già da molto prima avevo cominciato a vedere quell’uomo con occhi diversi dopo aver scoperto le sue fragilità, il suo conformismo, la sua impossibilità a vivere la vita in modo spensierato come piace a me.
    Come avevo già scritto, anche fisicamente lo vedevo sotto una luce diversa, e di conseguenza non ne ero più tanto attratta. Quindi mi bastavano le nostre chat per quella boccata di romanticismo e dolcezza che mi piacevano molto.

    Ricordo quando iniziai a sottolineare queste cose, molte di voi mi scrissero che il mio atteggiamento non era sincero, che affermavo queste cose per non volere ammettere di accettare le briciole, di essere schiava dei suoi diktat. Di fatto avevo bisogno solo di quelle briciole, non volevo altro perchè non mi piaceva più. Ho declinato i suoi inviti alla casa in collina, ad una serata in albergo. Sono sparita quando è venuto a cercarmi al lavoro. Non volevo illudere lui e non volevo forzare me stessa per una cosa che non sentivo.

    La cosa che mi ha più turbata è stato il suo atteggiamento degli ultimi mesi: un ritorno insistente e ossessivo, negli ultimi 10 giorni poi mi informava costantemente delle telefonate della compagna all’altro, mi mandava screenshot di tutto, mi chiedeva continuamente di chiamarlo. Poi, dopo aver raccolto tutte le prove, ha deciso di parlarle e così ha scoperto di voler salvare il loro rapporto. E dal giorno successivo con me buongiorno e l’emoticon del faccino col bacio. Se non fossi stata io a chiamarlo per capire, chissà quanto avrebbe continuato…Mi ha scioccata, una persona senza equilibrio, in balia degli eventi.

    C’è sofferenza? Qualcosa c’è, ma io ho di buono che non mi guardo mai indietro. Archiviate foto, regali, canzoni sotto una buona dose di cemento a presa rapida. E se sopraggiunge un ricordo, lo scaccio velocemente.

  • cossora, 23 Maggio 2024 @ 17:45

    @leilei sembra che tu stia elaborando bene quanto successo. Forse ti stavi preparando da un po’. Serviva una rottura per rendere le evidenze visibili. E’ arrivata sottoforma di lui che scopre il di lei tradimento e gira le vele. Una valeva l’altra probabilmente. Quel che conta è che il momento di rottura ci sia stato e tu possa segnare idealmente nella tua vita un nuovo inizio. Che non ti esonera dalla sofferenza.

  • Ariel, 23 Maggio 2024 @ 13:59

    Leilei, 23 Maggio 2024 @ 09:08

    Cara@Leilei quanti progressi dimostri a te stessa e anche qui nella tua cara voglia di renderci partecipi delle tue preziosissime e utilissime osservazioni.

    Infatti il tuo sottolineare la presenza del “ trauma del abbandono” risulta in scienza su motivazione classica della falla che si produce da piccolissimi nel sistema del attaccamento affettivo
    Che detta falla da origine al sviluppare nel tempo fino a età adulta il formarsi progressivo del comportamento da dipendenza affettiva.
    Certamente occorre SEMPRE sottolineare che ogni caso ha la sua precisa storia e gravità o meno

    Ma infatti tante volte ne scrissi qui sul fatto che il tema della paura del abbandono sia una evidenza che ha accumunato la maggior parte di relazioni affettive che non hanno funzionato.
    Indipendentemente se legami lunghi tipo matrimonio o convivenza o esperienze di amanti

    La Sfiducia totale nel fatto di poter aver diritto naturale a RICEVERE UN AMORE COSTANTE
    Si accompagna Sempre esattamente quando la dipendenza affettiva si é sviluppata proprio su paura del venire abbandonate in un senso profondo vuoto e DA SCARSA A NULLA FIDUCIA NEL ALTRO
    Chiunque sia stato o sia l’altro

    Ti ringrazio cara @Leilei perché attraverso queste tue vere illuminate considerazioni su tuo caso porti vero aiuto a tutti gli altri casi che hanno avuto la simile excursus di relazioni affettive non funzionanti e che purtroppo prima o poi portano in luce vere ferite antiche e nuove.

    Molto bene la tua cura e terapia stai certa che porterà vera carica di nuove scoperte e energie ottime per te stessa!

    Bravo!
    E grazie per renderci partecipi di questo tuo complesso e delicato periodo e percorso evolutivo sicuro !

  • Leilei, 23 Maggio 2024 @ 09:08

    Elleelle la solitudine e l’abbandono sono stati d’animo che qualsiasi adulto centrato può arrivare a tollerare, la sindrome dell’abbandono è una cosa molto diversa, si tratta di un vero e proprio trauma che ci si porta dietro dalla primissima infanzia (se non dalla nascita) e che si scatena tramite un trigger che riporta a galla determinati vissuti. Razionalmente conosco la dinamica per i miei studi, quindi faccio intervenire la mia parte “adulta”, ma è un lavoro che toglie molta energia. Fortunatamente l’orgoglio mi dà una grossa mano.

    Sul discorso dell’amore che serve a soddisfare bisogni, diciamo che se sono bisogni “sani” è assolutamente normale. Il bisogno di condivisione, affettività, intimità, progettualità è qualcosa di insito nella natura umana, usciamo dalla visione cristiana di amore come un dare a piene mani senza chiedere nulla in cambio. Il “porgi l’altra guancia” non ha alcun senso. Amore è dare e avere in un equilibrio quasi matematico.
    Poi nel mio caso in particolare non si trattava nemmeno di amore, perchè ormai mi era scesa la catena, era solo colmare un vuoto con attenzioni che comunque scaldavano.

  • alessandro pellizzari, 22 Maggio 2024 @ 18:56

    Se però da adesso in poi casso tutto

  • Molly, 22 Maggio 2024 @ 16:53

    “Cossora ha fatto un esempio che tu non hai capito perché se si osa associare tuo marito a un possibile tradimento ti scatta il terrore e ti si chiude il cervello.
    Rileggi con calma il commento di Cossora e magari capirai cosa ti voleva dire. Non farti venire una sincope ogni volta.” (Parole di Ellelle)

    Si vede esattamente come ti scrive @Cossora che conservi rabbia per ciò che hai vissuto nella totalità delle relazioni con uomini e la riversi su caso di @Molly
    Si può ben capire umanamente parlando e resta evidente la tua ostinazione verso la squadretta di calcio amanti contro mogli e viceversa (parole di Ariel)

    @Alessandro però se permetti a Ellelle di rivolgersi così a chi scrive, dal suo piedistallo, spero che almeno pubblichi la meritata risposta.

    Si percepisce un astio e un senso di superiorità continuo, @Ellelle, datti una calmata. Ti rendi conto del tono con cui ti rivolgi alle persone? Meno male che sostieni di intervenire per “aiutare” gli utenti… certo, vediamo chiaramente il tuo senso di generosità e l’empatia… praticamente un elefante in una cristalleria!

  • elleelle, 22 Maggio 2024 @ 16:38

    @Lia
    Credo che Cossora abbia detto varie cose su di lui, di certo ha detto di più di quello che hanno detto altre persone. Immagino non possa dire di più per questioni di privacy.

  • Ariel, 22 Maggio 2024 @ 14:38

    @elleelle
    Nel mio rispondere a @Lia non risposto solo a lei in particolare
    Ma esprimo ciò che scienza scoperto
    Parlo no per sentito dire o esempi di amici o parenti
    Ostinarsi a fare gli scontri
    Di genere
    Gli scontri di squadre di calcio tipico modus vivendi Italico MACHISTA Dov’è molte donne sono state e ancora non si accorgono di farsi intortare
    Continuare a sentirsi prese di mira dopo che avete in un continuo richiamato me come la colpevole di non prendere posizioni contro donne mogli

    Tutto questo insieme ha mosso la mia risposta

    Saper leggere non riguarda solo atto meccanico ,ma mooolto di più rispecchia la propria cultura interiore emozionale di vissuti dove restano evidenti tutte le vostre difficoltà non ancora risolte del tutto

    Nulla di male o di colpevoli giudizi
    Ma non intendo più continuare la inutile e dannosa querelle

    Scrivo a chi sento essere già pronta a recepire emotivamente
    E con ciò per citare @CaroAlessandro

    Passiamo ad altro !
    Merci!

  • Cossora, 22 Maggio 2024 @ 14:19

    @elleelle avevo corretto anche io @molly, ma @ale deve aver reputato di non pubblicare doppioni.
    Però avevo anche aggiunto che aveva tanta ‘urgenza’ di scagionare il marito.
    Nell’urgenza si è persa un avverbio di negazione che cambia totalmente il significato di quel che le ho scritto.
    O forse dovrei dire ‘che mi sono permessa di scriverle’
    Che suo marito abbia una tresca è un pensiero così campato per aria, che @molly per prima lo avrebbe dovuto rileggere con calma: una mente razionale avrebbe pensato ‘ma ho letto bene?’
    Ma lei non si mette in discussione.
    Si difende direttamente.
    Questo lo fanno le persone che credono di essere nel torto.
    Dando un motivo in più di dubitare a chi vuole dubitare.
    La sola cosa che è evidente è che sia in difficoltà. Starebbe qui senza fare errori così grossolani.

  • elleelle, 22 Maggio 2024 @ 11:50

    @Ariel
    “Lia non sei la sola ad avere memoria molto corta ,ma nessun problema quando si resta ancora “dentro” psicologicamente non si riesce nemmeno a leggere ricordando ciò che si è letto soprattutto appunto quando ancora qualcosa rode dentro”

    In che senso Lia sarebbe ancora dentro psicologicamente? Dentro a cosa?
    Lia si è separata, non è mai tornata con il suo ex, non ha cominciato un’altra relazione di amantato… Dove sarebbero la sua dipendenza affettiva e i suoi problemi?
    A me sembra che non le roda dentro proprio niente, ha fatto quello che doveva fare ed è libera.
    Secondo me stai davvero accusando a tappeto senza motivo anche persone che hanno davvero fatto tutto secondo i tuoi criteri.

  • Lia, 22 Maggio 2024 @ 10:49

    @Nina, hai espresso esattamente quello che voglio intendere.
    Quello che traspare da tutti i commenti è la necessità di colmare delle mancanze, invece che la manifestazione di un sentimento autentico!
    @Cossora, anche la vacanza che non vedi l’ora di descriverci nei minimi dettagli per noi è il racconto di una vacanza qualsiasi, ma mai ti è venuto in mente di raccontarci qualcosa di lui.
    Abbiamo solo capito che è dotato di una gold card e che come coppia non funzionereste. Perchè, poi, se vi amate? Non si sà! Ah giusto! La tesi è che voi funzionate in un equilibrio a tre, finchè c’è anche la moglie, diversamente non funzionereste! Un grande amore, insomma!
    @leilei, ricordati che, in realtà, siamo tutti soli!
    Mi piace la tua consapevolezza e il fatto che hai riconosciuto la tua sofferenza legata all’abbandono che è diverso dall’amore!
    Non vi lamentate, poi, se in questo scenario così arido si parli di dipendenza affettiva!
    @Ariel, forse mi sono sfuggite alcune tue considerazioni, confesso che non ho letto tutti i tuoi i post.
    La mia era una sensazione, forse legata al fatto che tu leghi molto la dipendenza affettiva all’accettazione di un rapporto non alla luce del sole, e quello di una coppia in recuperato marito-moglie di fatto non lo è.

  • elleelle, 22 Maggio 2024 @ 10:46

    @Leilei
    Ti offro una prospettiva diversa sulla solitudine e l’abbandono, perché uno dei momenti più importanti della mia vita è nato proprio da queste due cose.
    Ero giovane, da sola in un paese in cui conoscevo pochissime persone e la relazione in cui ero è finita improvvisamente, con il botto per di più. Ho fatto di necessità virtù e ho accettato e apprezzato il fatto di essere da sola e di avere tempo per pensare e scoprire la mia forza. Non avevo fretta, non dovevo mostrare un umore che non sentivo e pian piano mi sono rimessa in piedi.
    Ogni volta che ho dei problemi ripenso a quel periodo e ne traggo ancora tanta forza per superare le difficoltà.
    Cerca anche tu di abbracciare questo momento e di scoprire quello che hai dentro. Lascia andare la paura di essere abbandonata, perché gli altri non li puoi prevedere e la cosa importante è che non abbandoni te stessa.
    La tua sofferenza per gli amici che vanno in vacanza può essere un segno del fatto che ti appoggi troppo all’esterno invece che all’interno, alle capacità che hai tu e che non vedi perché sei troppo presa da questo esterno e dalle regole che deve soddisfare per dimostrarti quello di cui hai bisogno.

  • Cossora, 22 Maggio 2024 @ 10:25

    @cri28 dopo tanti anni di relazione/matrimonio TUTTO si basa sui propri bisogni e sulla necessità di lasciare che le cose rimangano come sono. Dai non stiamo a credere ai 50mi solo amore.
    Cerchiamo di rimanere coi piedi per terra.

  • Leilei, 22 Maggio 2024 @ 08:31

    Nina quello che scrivi è assolutamente vero, ma se la maggior parte delle persone sostiene che l’amore cura soprattutto dei bisogni, vuol dire che per la maggioranza è davvero così. Hai voglia a scrivere che per amare bene bisogna amare prima se stesi, imparare a stare bene da soli prima di decidere di stare con qualcuno, trovare il proprio equilibrio interiore per essere in equilibrio con l’altro. Di fatto nel rapporto di coppia cerchiamo l’altra metà della mela, è questo che ci hanno insegnato, quando dovremmo imparare ad essere un frutto completo.

  • elleelle, 22 Maggio 2024 @ 08:27

    @Ariel
    Se te lo abbiamo detto in tre il messaggio dovrebbe arrivare, non è che in tre ci inventiamo le cose.
    E poi basta pensare che siamo italiane e siamo tutte arretrate, non è così.
    L’amantato è endemico ovunque, Francia, Inghilterra, Svezia, Spagna. Ovunque ci sono relazioni che non vanno a finire bene.
    Il mio amico seriale non era italiano ed è facile che qualcuna a causa sua abbia sofferto. Sua moglie pluritradita e consapevole molto probabilmente ha una dipendenza affettiva.
    Un’altra mia amica straniera è stata tradita dal marito che le ha raccontato le solite mezze verità al ribasso e poi hanno “ricostruito”.
    L’ex marito (francese) di una mia amica è un seriale.
    Queste cose ci sono ovunque.
    Magari certi comportamenti in un paese possono essere più marcati ma non esistono paesi di santi.

  • elleelle, 22 Maggio 2024 @ 08:17

    @Molly
    ” dove l’ho scritto che potrebbe avere una tresca? Ho l’impressione che l’abbia scritto tu. Guarda che è il tuo amante che ha una seconda donna e a te va pure bene…”

    Non l’hai scritto tu, Cossora ha fatto un esempio che tu non hai capito perché se si osa associare tuo marito a un possibile tradimento ti scatta il terrore e ti si chiude il cervello.
    Rileggi con calma il commento di Cossora e magari capirai cosa ti voleva dire. Non farti venire una sincope ogni volta.

  • Dispersa, 21 Maggio 2024 @ 21:06

    @Ariel guarda che le vittime di cialtroni esistono in tutto il mondo… Non certo solo in Italia.
    Detto ciò… In molti casi si diventa complici di questi cialtroni, non possiamo parlare di donne prese per i fondelli per anni e anni… Sinceramente non siamo mica stupide!! Innamorate? Certo… Ma ad una certa l’amore lascia spazio all’incaponirsi sulla situazione!!
    Terapia a stecca? Certo se serve, anzi credo sia molto importante… Ma non tutti abbiamo le stesse esigenze!!

  • Leilei, 21 Maggio 2024 @ 20:14

    Maribel il vuoto che sento ha un nome che conosco da tempo, si chiama sindrome dell’ abbandono, ed è uno dei traumi da cui è più difficile liberarsi. Pensa che io non sopporto la settimana di ferragosto perché i miei amici sono tutti via e io ne soffro terribilmente.
    Quindi è ovvio che questo addio mi stia creando sofferenza, che nulla ha a che vedere con l’amore. Cosciente di questa cosa, sto cercando di gestire il dolore con razionalità, e l’assenza con l’orgoglio di chi non può restare quando si sente dire “abbiamo parlato molto e ci stiamo riavvicinando, ho capito di provare ancora qualcosa per lei”. Avrei potuto accettare un restare per comodità e necessità, ma non se c’è dell’ altro. La sindrome dell’ abbandono non lo permette.

  • Ariel, 21 Maggio 2024 @ 20:06

    Lia, 21 Maggio 2024 @ 17:35

    Lia non sei la sola ad avere memoria molto corta ,ma nessun problema quando si resta ancora “dentro” psicologicamente non si riesce nemmeno a leggere ricordando ciò che si è letto soprattutto appunto quando ancora qualcosa rode dentro non dipende dal singolo soltanto ma la massa. Je resta ancorata a vecchi schemi a vecchi condizionamenti socio famigliari quando ancora manca la vera fiducia in se stessi ovviare non là si ha verso Nessun altro lo si legge o lo si guarda sempre col sospetto col la verifica se ciò che qui si scrive resti a fare da scudo alle proprie difficoltà individuali ognuna con le sue

    Inutile dire qui cercatevi i miei numerosi commenti
    Perché come vedete non serve non aiuta affatto nella misura in cui la propria memoria resta incollata ciò che SI VUOLE SENTIR DIRE AD OGNI COSTO come se potesse essere un modo per calmare le proprie evidenti presenti ancora ferite!
    Chi si cura in vero percorso terapia inizia veramente a superare la dipendenza affettiva quando non soltanto vive da sola in pieno distacco FATTIVO da qualsiasi relazione male funzionante precedente
    Ma ciò che definisce il sono in percorso di vera guarigione è aver FIDUCIA IN SE STESSE
    E di conseguenza in tutti gli altri!!!

    Non essere sempre al vedere la guerra delle povere amanti contro mogli ê viceversa studiare la scienza di più evidentemente non sufficiente per voi tutte infatti siete ancora a non aver capito che mogli o amanti il risultato non cambia

    La dipendenza affett Lo ho scritto milionarie di volte resta indipendente dal ruolo vissuti perché anche ogni amante sposata è pure na moglie
    Anche mogli tradite possono dopo anni di tradimento perdonare. Cio che resta imperdonabile se solo si ha una autostima in equilibrio vero

    Ho scritto paginate su mia esperienza molteplice di vera terapia anche di gruppo riferendomi a a gruppo di tutti i ruoli possibili

    Ma come vedete I cara Lia chi ancora no risolto il minimo sindacale della fiducia in se stessa
    Sta a fare la guerra e la conta del tutto inutile e dannosissima a qualsiasi aiuto si voglia avere o peggio ancora dare

    Si sta superando tutto quando scatta la vera rinascita interiore che non può prescindere da vera nuova vita dove concretamente ci si separa non soltanto da uomini cialtronzi ma ci si separa da VECCHIIO ANTICO PROPRIO COMPORTARSI DA DIPENDENTI AFFETTIVE CHE finché si soffre davvero non si riesce a staccarsi da NON HO PIÙ FIDUCIA NEGLI UOMINI e nemmeno nelle Donne !,

    CHI NO FIDUCIA IN ALTRI NON HA FIDUCIA IN SE STESSA E OCCORRE ANCORA LA PSICOTERAPIA APPOSITA
    Per iniziare davvero a superare in concreto la propria difficoltà affettiva!

  • Nick76, 21 Maggio 2024 @ 19:14

    @Cossora:”Tu dici ‘ho la certezza al 100% che ora non mi tradisce più, ha capito, è cambiato, è tutto sotto controllo’.
    Come fai a non sentire quanto è stonato quel che dici?” Semplicemente perché lei per forza di cose ha bisogno di un principio su cui basarsi che si ammette come verità non chiaramente dimostrabile, per darsi forza, coraggio e andare in quello che lei crede giusto…!!!

  • Nina, 21 Maggio 2024 @ 18:59

    “Ti mancano solo quelle poche briciole di attenzioni che ti dava!”
    @Lia,sono molto d’accordo con quello che dici. È una sensazione che mi viene spesso leggendo qui sul blog. Per la maggior parte degli scritti la linea comune di pensiero sembra essere “Lo/a amo perché mi da quello che mi manca” poi che questo sia di volta in volta sesso,attenzioni,complimenti,coccole,
    farfalle nello stomaco o anche solo bei momenti o week end non importa,sembra non importare nemmeno il tipo di persona, bello o brutto, grasso o magro,bravo nel letto o una frana,sincero o cialtrone. Purché tappi il buco giusto va bene in ogni caso…o lo si fa andare nel timore di non trovare un altro che soddisfi le stesse mancanze.
    Ecco perché mi trovo d’accordo con @Ariel nel definire questa dipendenza affettiva, perché nella maggior parte dei casi riguarda piu’ la necessità di riempire un vuoto(qualunque sia il tipo di vuoto) che la persona a cui è rivolta e ai suoi meriti o demeriti. Non c’entra il ruolo(moglie o amante),ma il motivo per cui si continua a stare proprio con quella persona che magari si è già capito che proprio giusta non è. Ho letto in qualche caso qualcuna dire che se avesse conosciuto l’ex(o l’attuale) fuori da quel contesto non l’avrebbe guardato due volte oppure che era certa che in una coppia normale non avrebbe retto con quella persona. Quindi la consapevolezza che quella persona sia in realtà funzionale a una propria mancanza c’è, solo non viene ascoltata. C’è solo un modo secondo me per distinguere la dipendenza affettiva dall’amore ed è riassunto in un vecchio modo di dire:”L’albero buono si vede dai frutti”. Se i frutti sono buoni(si sta bene entrambi, non c’è sofferenza, si cresce insieme…@Alessandro direbbe la curva è al rialzo) è probabilmente amore,viceversa facilmente è dipendenza affettiva,ma anche quella si può curare,purche’ si accetti che prima di tutto bisogna lavorare su se stessi. Anche perché in caso contrario puo’ anche cambiare il partner ma il problema si ripresentera’ di sicuro.

  • elleelle, 21 Maggio 2024 @ 17:48

    @Cossora
    “Come fai a non sentire quanto è stonato quel che dici?”

    Non sente che è stonato perché è necessario dire ‘ho la certezza al 100% che ora non mi tradisce più, ha capito, è cambiato, è tutto sotto controllo’.
    Lo dico da anni che è una forma di impalcatura mentale. Per te è stonato, per me è stonato, per altre è stonato ma non per lei se vuole ricostruire.
    È tutto funzionale a un obiettivo e non tutti sono interessati o riescono a vivere col dubbio. Se non riesci a coesistere con il dubbio e vuoi ricostruire, ti crei certezze incrollabili.
    È amore crearsi certezze incrollabili? Non lo so. Può essere o forse è un amore disperato come cantava Nada.

  • Lia, 21 Maggio 2024 @ 17:35

    @Ariel, non ti inalberare ma neanche io ricordo un tuo scritto in cui hai detto a Molly o altre mogli di curarsi la dipendenza affettiva, anche se il paradigma dovrebbe essere lo stesso.
    Cialtrone viene ripreso dall’amante = amante è dipendente affettiva
    Cialtrone viene ripreso dalla moglie = moglie è dipendente affettiva
    Neanche io ricordo un tuo post che scrive di questo. Magari lo hai scritto e ci sfugge!
    Sul fatto di non credere alle ricostruzioni, elleelle non è certo l’unica che lo dice, siamo in molte a non crederlo ed io personalmente non ho mai avuto a che fare con la moglie del mio ex amante che non conosco e non invidio per nulla! In questo elle è stata sempre coerentissima!
    Sostiene un suo pensiero, e questo non deve necessariamente nascondere una ferita aperta!

  • Molly, 21 Maggio 2024 @ 17:07

    “Quel che mi stupisce di te è che non dici ‘dalle mie sensazioni lui mi sembra sincero, se poi ha una tresca anche adesso io non posso saperlo, ma ci sto bene’. Tu dici ‘ho la certezza al 100% che ora non mi tradisce più, ha capito, è cambiato, è tutto sotto controllo’.
    Come fai a non sentire quanto è stonato quel che dici?”

    E dove l’ho scritto che potrebbe avere una tresca? Ho l’impressione che l’abbia scritto tu. Guarda che è il tuo amante che ha una seconda donna e a te va pure bene…

  • Cri28, 21 Maggio 2024 @ 16:29

    Maribel, anche io ho apprezzato molto questa tua frase: “ma alla base di questo rapporto hai messo secondo me tanti tuoi bisogni, non minimizzarli, da lì forse con il tuo terapista puoi ricominciare a capire in che modo colmarli senza bisogno di soggetti esterni (e che soggetti, poi).”
    E’ così, riconoscere le proprie mancanze, i propri bisogni e metterseli davanti aiuta anche ad accettare che non sempre possano essere colmati. C’è chi ha un buon matrimonio e chi un matrimonio meno buono, in cui ci sono stati tradimenti o incomprensioni, ma quando si ha bisogno di far passare per ottimo ciò che non lo è, vuol dire che si sta nascondendo la verità a sè stessi, il che è più grave che tacerla agli altri.

  • Cri28, 21 Maggio 2024 @ 16:16

    Ariel, tu sei semplicemente contraria al tradimento per motivi morali, non per la scienza. La scienza dice anche che per curarsi ci sono dei professionisti e, se permetti, credo ai professionisti, soprattutto a quelli che valutano i casi persona per persona.
    Io non considero il mio amante un cialtrone, ma un uomo che fa delle scelte di compromesso perché, come me, si trova in una situazione dove il bene assoluto non c’è. Lui non sfrutta me e io non sfrutto lui, ci si può volere bene e trovare piacere nello stare insieme anche essendo sposati con altri e conoscendo i limiti del proprio rapporto.

  • Cossora, 21 Maggio 2024 @ 15:49

    @ariel ma se le modalità italiane ti danno tanto fastidio leggiti un blog del tuo paese così ti capiscono tutti (ma non è detto).

  • Cossora, 21 Maggio 2024 @ 15:21

    @lia a parte in certi casi ‘a supporto’ di alcuni discorsi in cui ho scritto/letto nel dettaglio cosa unisce nell’amantato.. direi che a un occhio attento certe cose trapelino, i romanticismi, il desiderio fisico, l’aspetto delle possibilità di vivere certe cose insieme, l’aiuto, etc.
    Poi spiegare che uno ti piaccia per come ti parla.. tanto lo puoi capire solo tu che ci stai dentro. Perchè tu ci vedi qualcosa di speciale, per noi è uno che parla 🙂

  • Ariel, 21 Maggio 2024 @ 15:00

    Dispersa, 20 Maggio 2024 @ 21:20

    Cara Dispersa il vero mutamento non prevede restare attaccate per anni e anni nascoste vite rendendosi complici di veri cialtroni!!
    Se certo si cambia ,ma non certo aspettando che tutto accada come per magia
    Occorre darsi da fare soprattutto curandosi in vere psicoterapie della dipendenza affettiva conclamata quando SOPRATTUTTO SI STAZIONA ANNI E ANNI NASCOSTE COME LADRE DI VITE ALTRUI!!!

    Ah già responsabilità individuale questa SCONOSCIUTA IN ITALIA!!!

  • Cossora, 21 Maggio 2024 @ 14:51

    @molly a me non fa piacere che ci sia una donna tradita, dietro alla storia che vivo.
    Non penso ‘chi se ne frega’. E’ una estremizzazione da blog.
    Sono stata fidanzata e moglie per 25 anni della mia vita. Più di metà della mia vita. So come si sta in coppia e so come sto con lui. Una coppia non convivente e senza firme congiunte. Una coppia senza obblighi ma che di fatto da tre anni vive come fosse ‘obbligata’.
    A me del mio rapporto con il mio ex marito piaceva che ci siamo sposati dopo 15 anni, una convivenza e un figlio.
    Mi piaceva perchè era una scelta e non un impegno.
    Ma di fatto eravamo impegnati, perchè ci amavamo.
    E quando è finito l’amore non mi sono fatta fermare da un contratto firmato da entrambi. Ne da un mutuo, ne dua due figli.
    Quindi non ti dirò mai che credo alle unioni fatte di ‘tante cose’ tranne che di amore, sorattutto a una certa età.
    Con beneficio di inventario: a 20 anni serve vivere insieme almeno nei week end, a 30 serve essere vicini per collaborare alla creazione di una nuova famiglia, a 40 serve esserci per condividersi la crescita dei figli. Ma quando ti separi.. quel che hai imbastito con il primo marito continui a portarlo avanti col primo marito e i vostri figli.
    Per tutto il resto.. serve amore e desiderio per l’altro.. è un po’ come ricominciare a 20 anni ma senza le aspettative!
    Lui e lei sono decotti da prima di me. Io non faccio l’ago della bilancia del loro sentimento, se proprio.. del loro matrimonio. Finchè vivrò quel che desidero grazie a lui con lui, il matrimonio è salvo.
    Dopo non lo so perchè non sarò più li. Io posso parlare solo per ciò che riguarda me.

    Quel che mi stupisce di te è che non dici ‘dalle mie sensazioni lui mi sembra sincero, se poi ha una tresca anche adesso io non posso saperlo, ma ci sto bene’. Tu dici ‘ho la certezza al 100% che ora non mi tradisce più, ha capito, è cambiato, è tutto sotto controllo’.
    Come fai a non sentire quanto è stonato quel che dici?

  • Lia, 21 Maggio 2024 @ 14:45

    @ragazze, si è mutevoli d’accordo, ma bisogna anche essere in evoluzione, altrimenti si è solo in balia degli eventi!
    Non ve ne accorgete, ma parlate solo di quello che la persona riesce a soddisfare, mai di lui come persona!
    @leilei, non ti ho mai sentito parlare di lui, di come scherza, di come parla, di come cammina.
    Ti mancano solo quelle poche briciole di attenzioni che ti dava!
    C’è un vuoto dentro di te che solo tu puoi colmare e che non deve riempire lui! Di lui ti dovrebbe mancare….appunto….LUI!
    Sinceramente nessuno qui ha mai scritto del suo ex o attuale “amore” descrivendo MAI una qualche caratteristica della sue persona.
    Non so, tipo lo amo perchè mi fa ridere, perchè parla con accento strano, perchè mi capisce con uno sguardo, perchè mi prende in giro, per come parla, come scrive, ecc. ecc..
    Facile poi anche leggerci una qualche dipendenza affettiva, e mi riferisco alle riflessioni di Ariel.
    Sembra proprio che questi uomini debbano colmare dei vuoti emotivi o materiali e non che siano amati per come sono! (anche perchè il più delle volte dimostrano di essere delle pessime persone!)

  • Ariel, 21 Maggio 2024 @ 14:38

    elleelle, 20 Maggio 2024 @ 18:23

    Elleelle stai scrivendo falsità su ciò che ho scritto
    Si vede che non mi leggi affatto!
    Cerca e trova

    Ê comunque insisti in modo eloquente
    E cioè esprime la tua insistenza su un reale tuo problema e disagio di chi stato rifiutato sia da marito che da amante

    Evidentemente non hai ancora superato in senso concreto lo smacco tremendo del esserti prestata a farti manipolare sia da tuo marito che ancora ci stazioni dopo anni
    Al contrario di caso @Cossora dove perlomeno riuscita a chiudere la relazione separandosi veramente
    Almeno uno lo ha sistemato
    Certo resta attaccata come cozza al suo fare la amante zerbino FOREVER
    Ma tu col marito non molto diverso
    Se non funziona una relazione per qualsiasi motivo occorre STACCARSI darsi un limite di tempo perlomeno
    Questo non lo dico io ma gli esperti a partire da @Ale

    Si vede esattamente come ti scrive @Cossora che conservi rabbia per ciò che hai vissuto nella totalità delle relazioni con uomini e la riversi su caso di @Molly
    Si può ben capire umanamente parlando e resta evidente la tua ostinazione verso la squadretta di calcio amanti contro mogli e viceversa

    Dici e dici ma ci RICADI SEMPRE NELKA TUA RABBIA che stai moooolto attenta a chi OSA ESPRIMERSI DIVERSO DA TE interpretando a modo tuo pure i miei scritti
    Non avendoli sicuro letti tutti e senza minimamente voler capire il meccanismo scienza!!!

    Mi spiace credimi per te!!

  • Cossora, 21 Maggio 2024 @ 09:41

    @elleelle invece io penso che la felicità è una condizione soggettiva e incostante. Per fortuna direi.
    Non mi rende infelice uno perchè mi prende in giro. Non sono due fatti correlati. Io posso essere felice mentre la persona accanto a me crolla in pezzi. Mi può dispiacere ma se sto bene io con me, gli sto vicino o lo perdono o lo ignoro senza che il mio benessere venga intaccato.
    Stai bene quando mantieni l’equilibrio, e se mantieni l’equilibrio non ti appoggi. Forse @leilei è arrivata a questo punto e si è accorta che nonostante lui si sia ‘spostato’ lei è rimasta in piedi comunque.
    Non ha detto che non sia faticoso, ma non sta cadendo.
    Dopo 8 anni anche l’amore più folle non ti destabilizza più.
    Io ne sono testimone.

  • maribel, 21 Maggio 2024 @ 07:56

    cara @leilei
    dopo anni e anni di reciproci tradimenti, l’amore ritrovato nel momento in cui scopri la tresca di lei sa molto molto di orgoglio ferito e di machismo e poco di sentimento rinnovato.
    aggiungici anche la menzogna, visto che lui di te non ha rivelato niente. ti sembra un nuovo inizio su basi nuove? o piuttosto una maldestra toppa?
    quindi se è l’invidia che ti muove, sarai presto secondo me “tranquillizzata”. ma tu chiediti come puoi lavorare su questo vuoto che ti senti dentro e che ti fa invidiare una coppia come quella.

  • Dispersa, 20 Maggio 2024 @ 21:20

    @Cossora brava!! Siamo mutevoli!!
    Siamo diversi da ciò che eravamo 10 minuti fa’ …. pensa un po’!!
    Una volta leggevo il blog per avere consigli e per capire come muovermi, alla spasmodica ricerca di un ‘perchè (fa parte del percorso)… bene ora leggo ‘le esperienze’ di questa bellissima comunità!!
    Domani? Chi lo sa!

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 18:31

    @Leilei
    “lo invidio in quanto ha capito che non vuole perderla perché la ama ancora, e forte di questo può ricostruire.”

    Scusami ma non dire sciocchezze.
    Lui non la ama ancora. Lui ha semplicemente ricevuto una botta all’ego e gli è venuta la fifa di essere messo alla porta nel caso lei avesse chiesto la separazione. Non è amore, è opportunismo. Se lei lo tradiva, è opportunismo anche da parte sua e diciamo che entrambi si meritano quello che hanno seminato.
    In ogni caso per te è più utile concentrarti su te stessa, su come uscire da questa situazione e costruire qualcosa di bello e di forte per te stessa, che lui non potrà scalfire nel caso dovesse tornare, cosa che non escluderei nemmeno io.

  • Molly, 20 Maggio 2024 @ 18:24

    “ Siscaglia contro le amanti ma appena una di noi si libera la incoraggia, insulta il marito fedifrago (di fatto insultando anche il suo).”

    @Cossora se vuoi io posso insultare quanto vuoi mio marito nella versione fedifraga, quando lo era, così come mi scaglio contro chi lo è ancora perché so che sta facendo una cosa scorretta.

    Nara ha spiegato bene che il tradimento È UN TRAUMA EMOTIVO ENORME per chi lo subisce, per cui dire a chi lo continua a fare “fai bene a vivertela la tua relazione alla facciazza della persona ingannata e tradita, in fondo a quella persona tu non devi nulla e non fai niente di male” non me lo sentirai mai dire, così come non dirò mai al coniuge che tradisce “hai ragione, meriti la tua felicità alle spalle del tuo coniuge, chissene frega, si vive una volta sola”.

    Io non sono arrabbiata ora con mio marito. Si è impegnato tanto in questi anni a supportarmi e a creare insieme a me una nuova relazione sulle ceneri di quella passata per chi siamo in uno stato di totale serenità. Non credo tu mi abbia mai sentito dire diversamente.

    Ovvio che se penso al periodo del tradimento provo una grande tristezza e un senso di ingiustizia, di aver subito un grosso torto che non meritavo affatto. E in generale sono consapevole della grossa scorrettezza che è il tradimento e mi fa davvero tristezza e rabbia pensare che ci sia gente che si comporta così e si giustifica pure ma se subisce lo stesso trattamento allora inveisce e parla di scorrettezze (solo subite, mica fatte!).

    Ci sono anche persone che vanno al lavoro e non meritano lo stipendio a fine mese perché si comportano scorrettamente e non fanno de loro meglio, ma questo non è qualcosa che mi ha mai toccata personalmente e anche se rimane una scorrettezza, mi lascia più indifferente. Inoltre non è questo blog il luogo per parlarne, non fregherebbe a nessuno.

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 18:23

    @Ariel
    Te lo diciamo perché tu non ti rivolgi mai direttamente a una delle mogli che stanno qui.
    Il commento che hai scritto a Cri28 non lo hai mai scritto a Molly, Nina o Nara.
    Avresti potuto, ci sono ben più elementi per loro che per Cri28 eppure non lo hai MAI fatto.
    Per te è come se fossero intoccabili, le tue tirate le riservi solo alle amanti.

  • Leilei, 20 Maggio 2024 @ 18:19

    Infatti, come avevo anche scritto qui, mi ero resa conto che non era l’uomo forte e centrato che credevo che fosse, un uomo con molti traumi irrisolti, che fondava la sua “grandezza” sul rendersi indispensabile agli altri, che aveva problemi sessuali mai affrontati, che si era lasciato andare nel fisico non riuscendo a portare mai a termine tutte le diete intraprese. Che non aveva un briciolo di ottimismo e non sapeva godersi la vita. Per questo non lo avrei voluto accanto in una relazione vera.
    Allora cosa mi ha tenuta attaccata a lui? La dolcezza che non ho mai ricevuto, il sentirmi al centro del suo mondo. È questo che manca ora.

  • Cossora, 20 Maggio 2024 @ 15:43

    @elleelle però tu hai ragione a posteriori.
    Non puoi ignorare i cambiamenti di @leilei nel tempo.
    Inizialmente la ricordo romantica, innamorata. Era sincera secondo me.
    Come era sincera quando si sentiva sicura di se, oppure quando si è sentita rabbiosa.
    Ora che le cose hanno fatto cascare i veli dagli occhi.. è sicuramente sinceramente scioccata da come si è comportato lui.
    Diverso è venire qui a partita chiusa e dire come stanno le cose.
    Ma nessuna di noi è la stessa prima di innamorarsi, mentre si innamora, mentre soffre, mentre prende le redini, mentre corre a briglie sciolte.
    Siamo mutevoli.. l’epilogo si può fare quando la cosa è chiusa, morta, sepolta.
    Magari tra un anno sarò qui a ricordare di quando stavo con lui, o magari sarà come adesso, o magari staremo comprando casa insieme (più facile io inizia a volare come un dirigibile ma ..mai dire mai!!)
    A volte sembri (sembrate, in tante) scegliere in base al tuo gusto quale sia la versione reale di una utente.
    Esempio: tu hai avuto una relazione con uno che dopo averti fatto tanto male ‘ha ricostruito’ e associ la rabbia (reale) di Molly a quella che hai deciso potesse essere la rabbia della moglie del tuo ex.
    Che tra l’altro hai solo logicamente dedotto, perchè non ne sei mai stata la confidente.
    Io che non ho avuto la tua esperienza penso che la rabbia di Molly sia reale ma che nasca dalla fatica di amare la persona che hai riconosciuto come quella che ti ha fatto del male.
    Questo non significa che il marito di Molly non la ami, o che lei non lo ami.
    Il punto è che lei ci soffre ancora tanto.
    Ma non vuole rinunciare a lui quindi ha il cervello da una parte e il cuore dall’altra.
    Siscaglia contro le amanti ma appena una di noi si libera la incoraggia, insulta il marito fedifrago (di fatto insultando anche il suo).

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 15:41

    @maribel
    “ma alla base di questo rapporto hai messo secondo me tanti tuoi bisogni, non minimizzarli, da lì forse con il tuo terapista puoi ricominciare a capire in che modo colmarli senza bisogno di soggetti esterni (e che soggetti, poi).”

    Hai dato un consiglio importantissimo, secondo me.
    Io mi sono resa conto che al di là di quello che provavo realmente per il mio ex (a me piaceva davvero, anche se in realtà non sapevo che mi piaceva una finzione) lui aveva anche altre due valenze e ne ho parlato in passato. Rappresentava una forma di accettazione da parte della città e della società e una ultima possibilità. Forse per quello sono stata meno cauta, non lo so, ma alla mia età mi sembrava l’ultima occasione.
    Adesso queste valenze non le do più a nessuno ed è fondamentale guardarsi dentro.

  • Ariel, 20 Maggio 2024 @ 15:06

    X tutte quelle utenti che ANCORA SI RIFIUTANO DI IMPARARE A LEGGERE CIÒ CHE SCRIVO DA SEMPRE

    SPIACE MOLTO CONSTATARE CHE SIETE ANCIRA CONVINTE CHE AVBIA SCRITTO che la dipendenza affettiva sarebbe solo se si sta amanti!!

    Io non ho voglia di fare le ricerche certosine dei miei milioni di scritti qui tipo elle elle , ma sfido chiunque qui a tirare fuori dove mai abbia scritto una cazzata del tipo la dipendenza affettiva riguarderebbe le amanti????!!!!

    Ci rinuncio NON HO VOGLIA DI CERCARE DI FARVI CAPIRE CIÒ CHE NON RIUSVITE ÉVIDEMMENT A TOGLUERVI DA TONNELATE DI ANTICHI vostri PREGIUDIZI!!!

    Fate come volete
    Continuare così serve solo a distruggere anziché aiutare chi ci sta dentro ancora
    INdipendentemente se xxxxxzo di moglie o XXX o di amante

    Pardon
    Fate ciò che volete!!!
    Bonjour!!!

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 15:03

    @Molly
    Ma dai, Perdonare non vuol dire essere felice per una persona, vuol dire accettare quello che è successo e vivere senza trattenere un rancore inutile.
    Non si può pensare che Leilei sia felice per lui, dal momento che ha preso in giro sia lei che la moglie.
    Lui in questa ricostruzione sta mentendo, gli fa rabbia che la moglie si sia fatta un altro perché questo diritto nella coppia ce l’aveva solo lui, Mr Macho. Lui adesso che quello che sente nello stomaco sia amore per la moglie, mentre invece sono orgoglio ferito, maschilismo e convenienza.
    Essere felici per una vergogna del genere non dovrebbe essere nemmeno suggerito.
    Al massimo si può ambire all’indifferenza.

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 14:47

    @Cri28
    “Il bug è accanirsi, cercare di far aderire la realtà ai propri desideri, dire sì lui è così, ma era un momento, ma non è proprio così, resta sposato ma poverino lei è un’arpia, è andato con l’amante, ma era confuso, e così mille terapie, recuperi, forzature per far aderire un uomo che è quello che è il proprio ideale.”

    E se non è un segno di dipendenza affettiva questo insistere…

  • Leilei, 20 Maggio 2024 @ 14:44

    Maribel hai centrato il punto: lo invidio in quanto ha capito che non vuole perderla perché la ama ancora, e forte di questo può ricostruire.
    A me invece l’amore per mio marito non è mai ritornato.

  • Viovio, 20 Maggio 2024 @ 14:28

    @Leilei
    Inizia a preparare il calcio, lo sai vero cosa accadrà fra un po’ di tempo?
    Riapparirà come per magia in veste di “amico” per coinvolgerti nella sua vita, lagnandosi come al solito e se sarai ancora vulnerabile cercherà di passare alla trombamicizia. Sono pronta a scommettere dei soldi sull’epilogo.
    Ora sono impegnati a spalare la loro merxx e da quello che sappiamo deve essere pure tanta!
    Usa la rabbia come scudo e fatti aiutare. 8 anni sono veramente tanti.

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 14:21

    @Cossora
    “elleelle e @viovio se pensate che una venga qui a scrivere a sconosciuti, impersonando una forza che non ha”

    Eppure succede.
    Leilei per anni ha dato una versione di sé stessa molto più fredda e distaccata di quanto era in realtà e adesso tutto si svela perché ci sta male ed è logico, non era logico negare un coinvolgimento.
    Giulia lo stesso, per anni credeva di avere la situazione sotto controllo con il suo ex e ci si è dovuta schiantare contro.
    Molly dice di essere felicissima, tutto a posto e tutto meraviglioso ma in realtà la rabbia ribolle sempre.
    Non lo so perché le persone lo fanno, ogni carattere è diverso. È comprensibile che agli inizi una persona si rifiuti di vedere la realtà quando questa è sgradevole, ma per anni è tanto.
    A me non cambia la vita che una persona lo faccia, al massimo mi spiace per lei. Quello che mi è successo lo sapete ed è stato tutto incassato. Però non mi sono nemmeno spesa per anni a difesa di un uomo che non lo meritava, in sei mesi da quando sono arrivata qui avevo concluso questa presa in giro. Non ho portato avanti per anni un’immagine vincente e distaccata, né ho cercato soluzioni accomodanti o forzature per far entrare in un buco rotondo una relazione quadrata. Non mi sono fatta mettere in piedi in testa per tenermi un amante e non mi sono imposta una ricostruzione per convenienza.
    L’unica cosa che ho a mio vantaggio è la capacità di parlare per tempo delle cose e di ammettere che sono una sfigata qualsiasi, assolutamente nella norma, niente fa di me un’eccezione alla regola.
    Non vedo neanche narcisismo ovunque, almeno non nella versione malsana. Non vedo dipendenza affettiva ovunque ma ci sono più dipendenti affettive che narcisisti, questo sì ed è triste perché è un problema frequente tra noi donne.
    Io vedo donne qui molto più dipendenti affettive di Cri28, leggo storie molto meno genuine della tua. Non sempre il malsano sta in un amantato, checché ne dica Ariel.

  • Cossora, 20 Maggio 2024 @ 13:32

    @cri28 sottoscrivo tutto ciò che hai detto.
    Chi ha subito atteggiamenti narcisistici vede narcisismo in tutti.
    Mi sembra che non sia modificabile in quanto (l’ho letto più di una volta, non me lo sono inventato) una sorta di ‘disponibilità’ al narcisismo rimanga impressa.
    Poi alcuni la ripropongono in modo leggero, altri ci decodificano la vita.

  • Cossora, 20 Maggio 2024 @ 13:20

    @elleelle e @viovio se pensate che una venga qui a scrivere a sconosciuti, impersonando una forza che non ha, mettendo su un teatro senza fine concreto per narcisismo o non mi ricordo più cos’altro.. mi sa che vedete la piantina di cui siete voi stesse il seme.
    Tanto per fare una metafora, visto che @elleelle mi taccia di giri di parole!! 🙂 esagero!!
    Io manco ci arrivo a queste contorsioni.. ma leggo rapita!

    @ale ho dimenticato di chiedere: come è andata a Roma?

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 13:11

    @Cri28
    ” Diagnosi che fai solo alle amanti, mentre le coppie ricostruite dopo anni di tradimento sono per te puro amore.”

    Che è quello che dico io.
    Non è possibile che siano dipendenti affettive solo le amanti e non le mogli. Non di fronte a certi racconti che leggiamo qui.

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 13:08

    @Nara
    “Leilei
    Non ricostruiranno un bel niente; nel senso corretto del termine. Otto anni di relazioni extraconiugali e tradimenti da parte di entrambi, vedrai dopo un primo periodo di iniziale confusione tutto tornerà come prima. Non sono queste le ricostruzioni, quelle vere si riconoscono nel tempo.”

    Che differenza c’è tra un tradimento di 4 anni e uno di 8?
    Chi crede che le ricostruzioni siano possibili nonostante anni di tradimento, per coerenza deve pensare che con il tempo possa ricostruire anche l’ex di Leilei. Deve pensare che da un giorno all’altro possa rinascere l’amore e che questo si cementi nel tempo. Lo stesso vale per sua moglie, non importa se ha tradito, anche dentro di lei può rinascere l’amore.
    Se si crede alle ricostruzioni, non si può dire a priori che lui non ci riuscirà. Lo posso dire io che non ci credo, guardando il suo comportamento e tutti gli elementi a disposizione.
    Ma chi crede alle ricostruzioni deve per forza credere anche a lui e alla moglie o almeno dargli il beneficio del dubbio.

  • Molly, 20 Maggio 2024 @ 13:08

    “ Subentra un egoismo cieco ed assoluto e questo avviene come il meccanismo di qualsiasi dipendenza
    “Dov’è il drogato pur di non mettersi a patire la crisi di astinenza perde di vista tutto e tutti.
    Scema la vera empatia e cioè la capacità di rendersi conto del danno che si fa a tutti gli altri
    A partire da se stessi”

    In queste parole di @Ariel ho visto il tuo ex, @Leilei. Ecco perché è stato così egoista e non ha considerato il dolore che ti ha causato a a non lasciarti andare. Non era una cosa contro di te, per farti soffrire, non è uno stronzo, ma semplicemente un egocentrato, incapace di vedere oltre al proprio naso. Mette prima di titto se stesso, lo ha fatto con la moglie e ora con te.

    Poi se vuoi credere che lo abbia fatto apposta per farti soffrire, pensalo pure, ma sai che non è così. Di fronte al proprio dolore c’è chi passa sopra al dolore altrui come un bulldozer, accecato dal panico.

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 13:00

    @Nara
    “No @ellelle da quello che scrivi traspare proprio il contrario, tu credi che siamo tutte manipolabili perché tu lo sei stata.”

    La nostre storie dimostrano esattamente la manipolazione in atto in queste situazioni.
    Sarai fortunata tu a essere l’eccezione alla regola, cosa ti posso dire. Capita un po’ spesso ma diciamo che ci sta, sarai particolarmente fortunata.

  • Molly, 20 Maggio 2024 @ 12:53

    “ Quello che non gli perdonerò è di avermi tampinata mentre cercavo di staccarmi perchè avevo capito come stavano le cose, perchè avevo capito che uomo è lui. ”

    Personalmente @Leilei lo capisco, è umano provare risentimento, ma capisco anche lui che non voleva lasciare andare per i motivi che ho già illustrato, per la paura del proprio vuoto, quindi sí, se n’è fregato del tuo dolore e ha pensato al proprio, cosa che era già successo nei confronti della moglie quando ha deciso di tradire. L’egoismo muove tante cose, cara Leilei.

  • maribel, 20 Maggio 2024 @ 12:46

    @leilei però non dimentichiamo che tu hai sempre detto e sottolineato che non ti saresti MAI e poi MAI separata da tuo marito. anche nei giorni precedenti le ultime tombali rivelazioni hai sempre ripetuto che comunque tu non avresti cambiato la tua vita nè il corso della tua esistenza per lui, qualunque cosa avesse deciso.
    quindi, appurato che ora fai bene anzi benissimo a chiudere tutti i canali, chiediti come mai soffri ancora così tanto per il fatto che lui dica che vuole “tentare di ricostruire” visto che comunque non avresti voluto un futuro vostro e libero.
    quindi cosa provi? la perdita di un giocattolo tutto tuo? l’essere rincorsa e cercata e desiderata? o cosa? anche tu resti con tuo marito e glielo avevi comunicato espressamente. la differenza e’ che tu non ricostruisci e lui sì? è questo che ti rode dentro? tanto lo sai benissimo che non ricostruiranno proprio un bel nulla.
    ma alla base di questo rapporto hai messo secondo me tanti tuoi bisogni, non minimizzarli, da lì forse con il tuo terapista puoi ricominciare a capire in che modo colmarli senza bisogno di soggetti esterni (e che soggetti, poi).

  • Cri28, 20 Maggio 2024 @ 12:32

    Ariel, un giorno, forse, capirai chi ha dipendenza affettiva e chi non ce l’ha e capirai che non puoi fare diagnosi a caso, senza conoscere nulla della persona e del suo percorso. Diagnosi che fai solo alle amanti, mentre le coppie ricostruite dopo anni di tradimento sono per te puro amore.
    A me piace avere un amante, anche se sono una donna, e sono soddisfatta della mia vita e di me stessa.

  • Leilei, 20 Maggio 2024 @ 12:16

    NARA che facciano quello che vogliono, basta che lui non torni da me, altrimenti lo prendo a calci nel deretano. Lo ha fatto 28 anni fa e non mi ha trovata disponibile, ci siamo ritrovati dopo vent’anni ma adesso basta. E non ci voglio più pensare alla storia del “siamo destinati a stare insieme”…ma nemmeno per sogno.
    Adesso devo solo sopravvivere alla crisi da astinenza da messaggini carini e dolci e voi mi state aiutando.

    Beatrice l’amicizia mi stava bene fino a quando si parlava dei figli, delle vacanze ecc…ma se mi deve raccontare come ha capito che con le corna è rispuntato il sentimento per lei anche no, primo perchè lo considero un pirla, secondo perchè non sono io la persona a cui deve parlare di queste cose. Un pò di rispetto, no? Se non si fida di nessun altro all’infuori di me, beh peggio per lui.

  • Nara, 20 Maggio 2024 @ 10:04

    @Leilei
    “Elleelle invece io credo che loro ricostruiranno davvero, perché come raccontano balle ad altri, le raccontano anche a se stessi e finiscono per crederci.

    Non ricostruiranno un bel niente; nel senso corretto del termine. Otto anni di relazioni extraconiugali e tradimenti da parte di entrambi, vedrai dopo un primo periodo di iniziale confusione tutto tornerà come prima. Non sono queste le ricostruzioni, quelle vere si riconoscono nel tempo.

  • Nick76, 20 Maggio 2024 @ 09:31

    @Elleelle:”Il tuo ex è la dimostrazione di tutte le cose che abbiamo sempre detto qui. Se può fingere una ricostruzione il tuo ex, la possono fingere tutti.
    È questo pensiero che disturba così tanto.” Se non si ha il coraggio, la consapevolezza, la coerenza di dover e poter cambiare, allora l’unica strada è una vita di ipocrisia, di menzogne e la finta ricostruzione ne è la conseguenza…!!!

  • elleelle, 20 Maggio 2024 @ 09:25

    @Molly
    “pensiero di una psicoterapeuta che evidentemente non conosci affatto”

    Ma io mi sono informata sulla Perel, non è vero che non la conosco affatto…

  • Gift, 20 Maggio 2024 @ 09:02

    @Beatrice “Leilei, io però non ho capito cosa cercavi da lui se non ti interessava “l’amicizia speciale”.
    Leilei avrebbe voluto fare la rivoluzione per lui all’inizio, anni fa, poi ha capito che lui non “poteva”… e così la storia è scemata nel tempo, forse troppo tempo.
    Pensa da cosa ti sei salvata!

  • Leilei, 20 Maggio 2024 @ 08:58

    MOLLY a me non interessa se loro saranno felici o no. Nel momento in cui le nostre strade si sono divise, sono solo fatti loro. Quello che non gli perdonerò è di avermi tampinata mentre cercavo di staccarmi perchè avevo capito come stavano le cose, perchè avevo capito che uomo è lui. Di aver fatto leva sulla mia sensibilità per usarmi come confidente su cose che non doveva raccontare ad una persona con cui aveva avuto una relazione sentimentale, va bene l’amicizia ma c’è un limite a tutto. Quando gli ho suggerito che era più opportuno che ne parlasse con un amico, mi ha detto che non si fidava perchè temeva che raccontasse ad altri. Diciamo che per lui per ricostruire era necessario che non si sapesse in giro che era stato tradito.

  • Nara, 20 Maggio 2024 @ 07:41

    @nina, Nina nel mio caso non c’è un uomo taciturno, o un uomo che non sa esprimere i sentimenti, non voglio cambiarlo, io non ho questa presunzione. Più volte ho spiegato che c’è una modalità chiamata acting out, per lui è più semplice agire che passare ore a fare introspezioni profonda (il mio modo di essere). Io credo che lui abbia ragione su questo, perché quello che chiede è di misurare il tempo, dedicare all’argomento un tempo corretto, che non prenda tutta la nostra serata. Io invece sono stata ossessiva all’inizio. Perché era un modo di far scendere il livello di ansia che saliva. Qua non si vuole proprio capire che parliamo di un evento talmente traumatico che porta pensieri ossessivi, intrusivi, che se non correttamente metabolizzato lascia segni nella psiche. Se dovessi vivere con uomini qui descritti sarei già scappata, anaffettivi, che non supportano la compagna che si fa carico di tutto, che si sono spenti sessualmente, che non fanno più complimenti etc. No no, non è il mio caso. Cosa è successo alla mia coppia lo so bene, eh si confermo che è un concorso di colpa, lui ha tradito, io anche a modo mio, entrambi abbiamo tradito (o meglio non curato) la coppia. Vedi, non si vuole capire, che noi non facciamo cose per distrarci, noi abbiamo ripreso a fare le cose di sempre, di prima del periodo nero, perché è tornata la voglia e la connessione. E abbiamo sistemato finalmente una dinamica che ci portava continuamente ad allontanarci, il rapporto con sua figlia.

  • Nara, 20 Maggio 2024 @ 07:09

    No @ellelle da quello che scrivi traspare proprio il contrario, tu credi che siamo tutte manipolabili perché tu lo sei stata. Sei addirittura arrivata a dire: perché quando ha fatto comodo a lui in terapia ti ci ha portato. (Abbiamo deciso insieme).
    Adesso che con la terapia ti hanno convinto a vedere il tradimento come serviva a lui per essere perdonato, la voglia gli è passata. Non capisco perché non accetti che per te il morto non è affatto morto perché tu sei così di carattere, non come ti vogliono il tuo compagno e il terapista di coppie. Ti stanno plasmando per ottenere una ricostruzione che tu non ti senti dentro.
    Io sono rimasta interdetta e anche preoccupata da questo tuo pensiero, tu stai dicendo che il terapista insieme al mio compagno mi stanno plasmando, ma davvero non vedi quanto sia fuori luogo?! Ti inviterei ad avere un po’ più di rispetto, nei limiti della tua lecita incapacità di credere alle ricostruzioni tutte, verso dei professionisti, ai quali tu stessa asserisci di esserti rivolta. Non ci sono la’ fuori solo personalità manipolatorie, e o coppie e relazioni tossiche, e/o narcisisti patologici. Che tu non credi aprioristicamente alle coppie che ripartono lo ho già compreso, e non ho problemi su questo, ma usando un tuo modo di dire, a volte a leggerti mi si alzano gli occhi al cielo.

  • Ariel, 20 Maggio 2024 @ 02:09

    Cri28, 19 Maggio 2024 @ 21:50

    Il così detto bug equivale a dipendenza affettiva che evidentemente non ti curi affatto per superarla
    Infatti chi porta la dipendenza affettiva SI ACCONTENTA DELLE BRICIOLE!!!

    Non riesce a staccarsi da propria droga
    @Cri28 inutile che pensi che sia il tuo pensiero
    Il drogato finché assume la dose sta sicuro benissimo

    È dopo a forza di ostinarsi a non fare per ANNI E ANNI GNIENTE PER CAMBIARE che
    Si fa del male da solo che immancabilmente le relazioni e situazioni come quelle che vivi sono destinante a fallire di brutto

    Tu resti solo in attesa che questo avvenga senza renderti conto della gravità che porta il tempo della ostinazione a vivere di nascosto le doppie vite

    Subentra un egoismo cieco ed assoluto e questo avviene come il meccanismo di qualsiasi dipendenza
    Dov’è il drogato pur di non mettersi a patire la crisi di astinenza perde di vista tutto e tutti
    Scema la vera empatia e cioè la capacità di rendersi conto del danno che si fa a tutti gli altri
    A partire da se stessi

    Vita nel buio nascosti e complici delle teatrino portato avanti infischiandosene della propria famiglia
    E cioè del proprio partner e di quello altrui

    Eccolo il vero BUG PORTA UN SOLO NOME
    DIPENDENZA AFFETTIVA

    CURATI E NE USCIRAI FUORI @cri28!,,

  • Molly, 19 Maggio 2024 @ 23:06

    “Sei proprio una sagoma, Molly!
    Leilei dovrebbe essere addirittura felice perché lui ha preso per il culo amante e moglie per 8 anni e ancora continua a prendere per il culo la moglie. Veramente la felicità vera e pura, come no.”

    @Ellelle qui l’unica persona che si è ravvicinata al marito dopo anni do tradimento è Viovio. Ora lei afferma che tra lei e quel marito che ha oreso per il culo per anni le cose sono cambiate. Eppure a lei non ti ho mai sentito parlare in questi termini e neanche lei ha parlato de tradimento al marito.

    Come mai i soliti due pesi e due misure?

    Io resto convinta che se due persone si sono davvero volute bene e tra loro finisce, sia normalissimo augurasi vicendevolmente di trovare la felicità anche senza la propria reciproca presenza. Voler bene significa volere il bene di quella persona.

    Un mio parente si è separato e poi divorziato e la moglie ha ancora oggi il dente avvelenato e lo odia. Per me non lo ha mai amato perché non è normale non augurare felicità alle persone a cui si è voluto bene. Credo siano passato 20 anni e lei è ancora a sperare che lui con l’altra non sia felice. Ma perché?

  • Cri28, 19 Maggio 2024 @ 21:50

    Lia, no, il bug non è nell’innamorarsi, neppure nell’innamorarsi di un debole, di un imbecille o di un cialtrone. Quello succede, non è colpa di nessuno. Il bug è accanirsi, cercare di far aderire la realtà ai propri desideri, dire sì lui è così, ma era un momento, ma non è proprio così, resta sposato ma poverino lei è un’arpia, è andato con l’amante, ma era confuso, e così mille terapie, recuperi, forzature per far aderire un uomo che è quello che è il proprio ideale.
    Giustamente tu hai le tue idee su ciò che vuoi, non un uomo a metà, e fai bene a non accontentarti. Io, lo sai, ho altre idee, se un uomo mi piace, mi piace anche a metà se la metà che ho mi soddisfa più dell’intero di altri, ma, in ogni caso, neppure io starei dove soffro. Ma, credimi, non fingo che non ci siano bug per restare, non vale la pena forzarsi e soffrire per tenersi qualcuno.

  • Molly, 19 Maggio 2024 @ 18:56

    “Anzi, bisognerebbe pure essere felici per lui ”.

    @Ellelle certo che sei strana forte! Io dovrei perdonare la ex amante di mio marito per la quale non ho mai provato sentimenti positivi, ma @Leilei o chiunque abbia avuto una storia con una persona a cui ha voluto bene non dovrebbe augurarle di essere felice solo perché non sta più con lei?? Non ho parole!

  • Nara, 19 Maggio 2024 @ 17:35

    Ed è inutile rigirare la frittata per cambiare il senso di quello che hai detto sul non fare il funerale al morto, perché lo hai scritto tu pochi messaggi prima. Io non l’ho mai scritto, mai parlato di fare/non fare funerali ad un evento/persone. Ho parlato di un meccanismo e di come agisce la mente di fronte ad un trauma (esempio perdita di una persona cara), anche quando un lutto è superato. Anche quando superato il dolore di una perdita, di un lutto, il giorno dell’anniversario della morte, dopo anni, al cimitero magari, rivivrai il dolore di quella perdita come se fosse appena avvenuta. Il terapeuta ne parlava nel senso di una cosa che se anche non ti farà più male ogni giorno della vita perché metabolizzata, ci sarà un giorno improvviso che forse per un attimo sentirai di nuovo quel dolore. E rispondeva ad una mia domanda precisa: quando il trauma sarà completamente superato? Anche per te può esserci questo meccanismo, superato e metabolizzato tutto il tuo percorso, un giorno un evento, per un attimo potrà riportarti a quel dolore. @elleelle sempre tu: Se devi vivere senza dormire la notte perché ti torna in mente quello che ti ha detto lei, e lei te lo ha detto perché ti ha tradito LUI. Anche qui fai fatica a leggere quello che ho scritto, io ho un problema con il sonno da sempre, da quando sono adolescente, problema legato sia ad una patologia neurologica, che peggiora a causa del mio continuo sovraccarico di pensieri, che dalla necessità di tenere tutto sotto controllo, dovuto ad un evento tramautico che ho vissuto da bambina. Quando parlo di come funziono io, non tutto è riferito all’altro, alla coppia, al tradimento. Non ci mettete mai il dubbio di aver capito male e chiedere spiegazioni eh?! Non ho sentito dire “scusa ho frainteso” solo “ah no sei tu che hai detto questo”! Ancora un grande mah! Eppure è semplice capire quanto alto sia rischio di incomprensione quando non si possono scrivere papiri, quando non ci sono i toni del parlato, e quando tutto passa tramite il filtro delle esperienze personali. Nulla di più complicato e complesso della comunicazione.

  • Ariel, 19 Maggio 2024 @ 16:29

    Leilei, 17 Maggio 2024 @ 12:47

    Carissima @Leilei resta naturale che occorra un tempo per poterti sentire uscita da incubo vissuto.

    Trovodavvero bellissimo e geniale il metodo che ti venuto spontaneo di riferirti alle parole della Letteratura della poesia della arte
    Questo fatto secondo me fai benissimo a coltivarlo come potesse essere una vera ricerca delle parole che mancano sempre e spesso quando si prova a chiudere una PORTA PESANTE ANTICA…

    TI INCORAGGIO A LASCIARTI ANDARE A QUESTE CITAZIONI LETTERARIE che sicuro non solo fanno del bene a te ma anche per noi tutte poterle leggere e sentirsi dentro ognuna a modo suo resta solo che Bellezza è come sappiamo e la Bellezza dell’arte che ci salva!!!

  • Nina, 19 Maggio 2024 @ 16:19

    “mi date contro perché i vostri mariti invece dopo che li avete beccati sono diventati persone completamente diverse.
    Poi invece ve ne uscite con la stessa affermazione e se la fate voi va tutto bene?”
    @Ellelle non è che essere taciturni o espansivi abbia molto a che vedere con i valori e i principi che si seguono nella vita. In un caso si può cambiare,nell’altro si parla di tratti distintivi della personalità e quelli fondamentalmente non cambiano anche se in parte si possono correggere.

  • elleelle, 19 Maggio 2024 @ 16:15

    @Leilei
    “Elleelle invece io credo che loro ricostruiranno davvero, perché come raccontano balle ad altri, le raccontano anche a se stessi e finiscono per crederci.”

    Non è forse quello di cui discutiamo da anni sul blog?
    Il tuo ex è la dimostrazione di tutte le cose che abbiamo sempre detto qui. Se può fingere una ricostruzione il tuo ex, la possono fingere tutti.
    È questo pensiero che disturba così tanto.

  • elleelle, 19 Maggio 2024 @ 16:00

    @Nara
    “pensando che siano tutte incapaci di intendere e volere (sia chiaro, momentanea incapacità dovuta alla delusione e alla sofferenza).”

    Penso che sia il contrario, secondo me le donne che arrivano qui sono capacissime di intendere e di volere all’interno di sovrastrutture mentali che le intrappolano. Sono tutte le espressioni del “patriarcato” di cui parla sempre @Ariel e che traspaiono dai tanti discorsi che si fanno qui.
    Le donne che arrivano qui vogliono fortemente restare in una situazione che le umilia perché è l’unico modo in cui possono evitare la sofferenza del distacco e dell’abbandono.
    In generale vedo donne vittime di convenzioni, che non vogliono perdere un uomo perché esistono solo se lui le convalida scegliendole. Per essere scelte accettano tutto e sostengono una continua battaglia contro sé stesse e il mondo per affermare quell’amore che secondo loro le afferma.
    Ci si può rendere conto che questa scelta di voler restare a ogni costo è frutto di condizionamenti vecchi come il mondo solo se ci si mette a confronto con gli altri, a mente aperta.
    Vedo (e trovo molto interessante) quanta resistenza oppone la mente umana quando non si vuole vedere perché altrimenti verrebbe messo in discussione il proprio valore. È questo che impegola le donne in una continua lotta contro la propria percepita inadeguatezza. Il proprio valore che viene determinato attraverso un altro, che non si può lasciare andare, neanche se la relazione è tossica e qui sul blog ce ne sono davvero tante.
    Credo invece che non ci sia niente di più sano a volte della sconfitta, del ridimensionarsi, dell’accettare di vedersi invece di essere viste.
    La mente umana è meravigliosamente ripetitiva e prevedibile ed è proprio questo che mi affascina così tanto delle storie che leggo qui: la ripetizione delle stesse esperienze che chi è coinvolto vede invece come uniche.
    Ogni tanto però si squarciano le tenebre e ne esce luce, finalmente.

  • Molly, 19 Maggio 2024 @ 15:25

    “È il metodo Perel dell’azzerbinamento medievale.”

    @Ellelle, ma perché provi a vendere in maniera intenzionalmente storpiata il pensiero di una psicoterapeuta che evidentemente non conosci affatto? Probabilmente solo perché è un nome che ho menzionato io…

    Ragazze informatevi in maniera indipendente sul pensiero dei singoli psicoterapeuti. Le fonti sono importanti.

  • Leilei, 19 Maggio 2024 @ 11:50

    Concordo con Molly sul fatto che questa “relazione” andava chiusa molto tempo fa e concordo anche sul fatto che la cosa più complicata è perdere l’ abitudine a sentire quella persona. Non è l’ amore perso, né tantomeno il desiderio fisico (finito da un pezzo da parte mia), ma avere nella tua vita una persona di cui ti fidi ciecamente.
    Salvo poi scoprire che era esattamente come dicevate voi.
    E concordo con Elleelle sul fatto che della loro ricostruzione, vera o presunta, non devo interessarmene né compiacermene.

    Adesso è tempo di elaborare un lutto e, nonostante la persona non lo meriti , purtroppo è una fase inevitabile.
    Vi ringrazio per la vostra vicinanza e ringrazio Ale che ci ha regalato questo gruppo che fa quadro intorno alle nostre sofferenze.

  • elleelle, 19 Maggio 2024 @ 11:43

    @Ale
    “Ma l’ex di lei è un super cialtrone cosa vuoi che senta dolore altrui…”

    È il metodo Perel dell’azzerbinamento medievale.
    Lui si scopiazza moglie e amante in allegria per anni, come direbbe Ariel e poi va compreso mentre soffre perché gli è crollata l’auto immagine del macho che si tiene due donne fedeli e interessate. Anzi, bisognerebbe pure essere felici per lui 😀 😀

  • Nara, 19 Maggio 2024 @ 10:48

    @ellelle ma io capisco il tuo intendo, vuoi aprire gli occhi alle donne che arrivano qua (me compresa), pensando che siano tutte incapaci di intendere e volere (sia chiaro, momentanea incapacità dovuta alla delusione e alla sofferenza). E’ lodevole. Ma per farlo, mia opinione, a volte forzi la mano costruendo cose che non ci sono, facendo un po’ il chirurgo delle parole. Ti sei mai chiesta sinceramente perché? Sempre mia opinione eh, ma non senti mai che è troppa l’energia che metti? Non credi ci sia qualcosa sotto che non vuoi andare a vedere? Cioè penso che sia funzionale anche a te per qualcosa di non risolto, ecco. Poi sembra che uno si crogioli e pazienza, ma noi ieri mattina, complice il tempo e la serenità del fine settimana, ci siamo seduti e abbiamo parlato. Mercoledì saremo di nuovo in terapia, e parleremo anche di questo. Accanto ho un uomo intelligente, che ha fatto scelte stupide, e che è consapevole di questo. Io non voglio cambiare lui, lui se vuole, lavorerà su stesso, io, come tu stessa mi consigli, voglio capire e abbracciare la mia natura, e contestualmente provo a comprendere anche la sua. Ma se avessi visto poco impegno in questi mesi, avrei già fatto le valigie da un bel pezzo. Poi per ultimo questo: Mi aggancio a una cosa che ha scritto @Vio:
    “Però questo non è il posto giusto per cercare conferme sulle vostre ricostruzioni per il semplice fatto che sappiamo benissimo cosa accade dall’altra parte e nella maggior parte dei casi sarebbe meglio non sapere… fidati. Come sempre dimenticate o fate finta di dimenticare che io ho tradito per un anno, e so cosa succede dall’altra parte essendone stata parte attiva. Niente promesse d’amore nel mio caso, tutto molto trasparente, niente romanticismo, del sesso favoloso ma poco altro.

  • alessandro pellizzari, 19 Maggio 2024 @ 09:26

    Ma l’ex di lei è un super cialtrone cosa vuoi che senta dolore altrui…

  • Molly, 18 Maggio 2024 @ 22:13

    @Leilei provo a parafrasare perché non è passato il primo commento. So che sei delusa di come sono andate le cose con il tuo ex ma francamente era veramente da tanto tempo che trascinavate reciprocamente la vostra relazione anche se si era praticamente trasformata in una specie di amicizia.

    In realtà la mia opinione è che né tu né lui volevate lasciare andare l’altra persona perché avreste sentito il vuoto, quello che inizialmente ha permesso che iniziaste la vostra relazione e che ora si ripresenta anche se probabilmente in un’altra forma.

    Dopo anni In cui vi siete abituati a riempire le vostre giornate e le vostre serate di messaggi lasciare andare significa affrontare un’incertezza e sapere come sarà la propria vita senza tutta questa presenza-assenza vi è difficile. Non c’è un modo bello di chiudere con una persona che è stata importante nella propria vita e ora lo puoi chiamare pezzo di merda ma sinceramente non credo che questo sia quello che senti veramente perché ora sei arrabbiata non tanto con lui ma per il fatto che da ora in avanti sai che devi andare avanti senza lui. E lui soffre esattamente nello stesso modo perché prendere consapevolezza che un capitolo della propria vita è chiuso è doloroso e lo è per entrambi.

    Gestisci il tuo lutto. lui non si può prendere carico del tuo dolore e tu non ti puoi prendere carico del suo e ognuno si deve gestire in maniera indipendente senza per questo pensare che l’altro sia una merdaccia, semplicemente è finita.

    Metti i ricordi nel cassetto e chiudi la chiave.

    Entrambi per un lungo periodo avete voluto sia l’auto che la moto.

  • Molly, 18 Maggio 2024 @ 20:49

    “ La verità, anche parziale, permette al traditore di svaricarsi la coscienza e al coniuge di sapere di essere stato tradito e decidere di conseguenza. La verità non fa rinascere un amore che non c’è più.”

    @Ellelle, a parte il fatto che non mi pare che nessuno su questo blog abbia mai detto che la confessione fa rinascere un’amore, ti pare poca cosa se la persona tradita, venuta a conoscenza del tradimento, decide se restare o rispedire al mittente il coniuge traditore?? Non è un piccolo aspetto per la propria vita capite cosa fare.

    Ho capito che per te e altri la persona tradita conta come il due di briscola, ma sai, si tratta di esseri umani che hanno il diritto di poter prendere le proprie decisioni in maniera consapevole.

    Ormai sono concetti arcinoti anche in medicina, i pazienti vengono informati in maniera chiara e decidono se vogliono fare delle terapie o no. Perché una persona tradita dovrebbe restare all’oscuro? Ovvio il perché, almeno la persona che ha tradito cade in piedi…

  • Molly, 18 Maggio 2024 @ 20:13

    “E tutte quelle mogli che non credono alla mia storia (lecito) potrebbero raccontare come hanno vissuto la loro ricostruzione, dopo aver tradito per amore e poi essere tornate a casa, potrebbe essermi di aiuto. Se ci sono riuscite loro, perché non dovremmo riuscirci noi?!”

    @Nara qui l’unica che sembra aver ricostruito qualcosa dopo che lei aveva tradito è Viovio che però non ha mai affrontato il tradimento con il marito e non sono in grado di capire se prova amore per quell’uomo da cui sognava di separarsi per sempre. Questo è un blog prevalentemente di amanti (uomini e donne) delusi. Non dimenticarlo.

    Le ricostruzioni non sono impossibili ma noi siamo una rari a scrivere qui avendo tutto un altro vissuto.

  • Nina, 18 Maggio 2024 @ 15:06

    “I problemi però restano e saltano poi fuori in terapia e nella quotidianità.”
    @Ellelle si,ma in parte.In verità si impara ad affrontarli quando saltano fuori invece che tenerli dentro a marcire e finalmente si riesce a risolverli.

  • Nina, 18 Maggio 2024 @ 14:53

    “La differenza tra chi ha finito un percorso e chi nel percorso c’è ancora (io).”
    @Nara sono contenta di poterti essere di aiuto in qualche modo, solo non ritengo di aver finito il percorso perché penso che la coppia sia un continuo divenire e bisogna prestare sempre attenzione per non rischiare di perdersi di nuovo,certo per me è passato piu’ tempo,quindi sono piu’ avanti nel percorso, ma ci sono ancora.Quello che ti posso dire con certezza è che il dolore e la confusione arriva il momento che se ne vanno. Succede poco per volta,quindi ti sembra di non accorgertene,ma sono sicura che se guardi indietro puoi vedere quanto dolore e quanta confusione ti sei già lasciata alle spalle. Sei stata brava,siete stati bravi!Quindi sii fiduciosa,in futuro sarà sempre meglio. Un abbraccio

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 14:47

    @Molly
    “Quello che però @Leilei secondo me deve fare è non pensare a loro, ora le fa male immaginare che possano avere un dialogo, ma quando vuoi davvero bene a una persona devi volere il loro bene, la loro felicità e se per caso lui la ritrova con la moglie, visto che lui vive con lei, tanto vale che sia felice e Leilei dovrebbe essere contenta se almeno lui ci riesce a tornare ad essere felice con la moglie.”

    Sei proprio una sagoma, Molly!
    Leilei dovrebbe essere addirittura felice perché lui ha preso per il culo amante e moglie per 8 anni e ancora continua a prendere per il culo la moglie. Veramente la felicità vera e pura, come no.
    La roba che tocca leggere a volte…

  • Nina, 18 Maggio 2024 @ 14:41

    “Come sempre d’accordo con te, l’ho scritto nel post per @Cossora, anche io in @Nara leggo tanta confusione. Una volta è convinta di una cosa poi cambia radicalmente idea riguardo al suo compagno che a mio avviso sta continuando a comportarsi male.”
    @Viovio e con te mi rivolgo anche a @Ellelle.
    C’è tanta confusione,come è giusto che sia dopo pochi mesi da una botta del genere. Un momento sei su in alto,al settimo cielo, l’altro ti ritorna in mente e vai giu’ e sprofondi e questo per settimane,mesi. Solo mano a mano che ci si allontana dall’evento i momenti di down diventano sempre piu’ lontani tra loro e cominci ad essere un po’ più sicura e fiduciosa verso i futuro e questo comunque solo se il tuo compagno con amore e pazienza ti sta a fianco(e questo il compagno di Nara lo sta facendo).L’unica cosa forse su cui non sei confusa è sull’amore che provi per quella persona che poi è quello che ti aiuta ad andare avanti.
    Ma è solo NORMALE!Sarebbe strano il contrario. Solo se non c’è mai stato un vero sentimento si potrebbe archiviare una crisi del genere senza colpo ferire. Io posso essere sincera,dopo l’anno ho cominciato ad esserne veramente fuori(e comunque non del tutto)e questo non ha nulla a che vedere con l’amore nella coppia o con la volontà di stare insieme ma con la necessità della persona del tempo necessario per elaborate il “lutto ” che l’ha colpita.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 14:30

    @Nara
    non metto nessuno all’angolo, ma dico quello che penso come tutti qui. Siamo in anonimato, non ci conosciamo, ho il lusso di essere sincera e credo di non farlo mai con maleducazione. Cerco di scrivere in modo chiaro e sensato, se quello che scrivo a te non serve passa oltre, magari serve a qualcun altro.

    Mi aggancio a una cosa che ha scritto @Vio:
    “Però questo non è il posto giusto per cercare conferme sulle vostre ricostruzioni per il semplice fatto che sappiamo benissimo cosa accade dall’altra parte e nella maggior parte dei casi sarebbe meglio non sapere… fidati”

    Su questo sono d’accordo.
    Qui riceverai le opinioni di tutte, non solo di Nina e Molly. Riceverai anche opinioni contrastanti e non ha senso dire che la persona che te le dà è cattiva. Nel mio caso l’aggettivo giusto è “disincantata”, non cattiva. Di cattiveria mi accusi tu perché sei vulnerabile in questo momento ed è meglio se sono cattiva io invece del tuo compagno.
    Invece di dare della cattiva a me devi capire di cosa hai davvero bisogno. Ti servono solo opinioni di mogli che hanno ricostruito perché così non vacilli? Allora questo non è il posto giusto, perché ci resti male, senti opinioni contrarie che non vorresti sentire perché non mettono a tacere i tuoi dubbi più profondi e non ti servono per l’obiettivo che vuoi raggiungere, anzi, ti confondono.
    Su questo il tuo compagno ha ragione, la terapia costa, è un esborso, che già suona come un peso, non come i viaggi che costano tanto anche quelli ma sono gradevoli e distraggono. Se si fa terapia e poi si sabota l’esborso stando in mezzo a un gruppo di ex amanti, che senso ha?

  • Leilei, 18 Maggio 2024 @ 14:18

    Elleelle invece io credo che loro ricostruiranno davvero, perché come raccontano balle ad altri, le raccontano anche a se stessi e finiscono per crederci. Lui crederà che lei in un anno non è mai andata a letto con l’altro, lei crederà che lui è sempre stato innamorato. E vissero felici e contenti nelle proprie auto convinzioni.
    Io da oggi, su ogni cosa mi venga in mente di lui, immagino di appiccicare l’etichetta “MORTO”. Ti dirò, sembra funzionare.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 14:00

    @Nara
    “ho parlato di un dubbio lecito di non voler continuare la terapia,”

    Ma io non ho di certo messo in dubbio questo, per me è ovvio che lui non abbia voglia continuare, mica è il primo!
    Quello che ho detto io è che non deve essere lui a decidere quando finire la terapia ma tu e se ne hai ancora bisogno, lui deve accettare e partecipare perché serve a te, dopo che lui ti ha tradito.
    Ma non deve essere lui a mostrarsi scocciato e tu che capti ed estrai una spiegazione.
    La scelta sbagliata l’ha fatta lui, è lui che dovrebbe dimostrare a te che c’è al 100%, anche se pensa che non gli serva più. Serve a te e questo gli dovrebbe bastare.
    In ognuno caso concordo con Nina che concorda con me 😀 , le persone non cambiano radicalmente la propria personalità, al massimo smussano. Se questi lati del suo carattere non ti vanno bene, ci devi pensare.

  • Nick76, 18 Maggio 2024 @ 13:59

    @Elleelle: “La verità non fa rinascere un amore che non c’è più. Meglio non potevi dirlo. Quando un sentimento finisce niente e nessuno può farlo resuscitare, si raccontano storie per autoconvincersi. Anche se capisco e accetto che un rapporto che non si può più reggersi sull’amore può reggersi sulla convenienza e sul quieto vivere.

  • Lia, 18 Maggio 2024 @ 13:37

    @leilei, lascia stare i consigli di chi ti dice di continuare, ma non perché lo dico io, ma perché te lo dicono in tante e te lo dice Ale stesso che è più esperto di tutti.
    Lui è un debole…
    Io spero davvero per te che quest’ultima umiliazione ti abbia aperto gli occhi.
    Hai bisogno di staccarti, di recuperare forza ed energia.
    A fare l’amica/confidente in una situazione del genere, quando si è ancora coinvolti, si rischia tanto…Sentirsi dire che lui prova ancora un sentimento per la moglie dev’essere un duro colpo, anche se un’amante che accetta di esserlo sa di correre questo rischio.
    Una cosa è mostrarsi dure e consapevoli, una cosa è passarci davvero…
    Mi auguro che tu questo l’abbia capito.
    Adesso concentrati solo su di te e sul recupero della tua autostima. Ce la farai di sicuro.

  • Viovio, 18 Maggio 2024 @ 12:37

    E secondo te io dovrei elemosinare il suo tempo mentre sta cercando di ricostruire la sua coppia? Ma sei seria?

    Questa è la grinta che mi piace leggere quando si decide di mandare a quel paese un cialtrone!!! Brava @leilei

  • Viovio, 18 Maggio 2024 @ 12:32

    @Cossora
    viovio perchè una utente dovrebbe ostentare sicurezza per periodi tanto lunghi?

    Questo dovresti domandarlo a @leilei visto che ha sempre raccontato una versione molto diversa dalla realtà. Ci sono tanti fattori che spingono le persone a raccontarla e raccontarsela, spero vivamente sia la volta buona per togliersi di mezzo un uomo opportunista.
    Se ti sei sentita tirata in ballo ti rassicuro, per sicurezza ostentata dalle altre utenti non parlavo di te, anche perché sono rimasta così indietro sulla tua storia che non ho ben capito a che punto ti trovi, ma sicuramente non ti auguro l’epilogo di @leilei come non lo auguro a nessuna amante/moglie .
    Avevo scritto un post più dettagliato sulle storie che non mi convincono ma @Ale non ha pubblicato, quindi ti rispondo dicendo che come sempre sono in linea con @elleelle.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 12:29

    @Nina
    “Ancora una cosa…se lui è un uomo che non esterna facilmente i suoi sentimenti non può cambiare un tratto caratteriale cosi’ marcato se non in minima parte(allo stesso modo in cui tu magari non riesci a frenare alcuni aspetti del tuo carattere),quindi o te ne fai una ragione e lo ami cosi’ com’è oppure sei destinata in futuro ad essere continuamente delusa. Pensaci”

    Decidetevi però.
    Se io dico che le persone non possono cambiare radicalmente il loro carattere e il loro sé più profondo, mi date contro perché i vostri mariti invece dopo che li avete beccati sono diventati persone completamente diverse.
    Poi invece ve ne uscite con la stessa affermazione e se la fate voi va tutto bene?
    Mah…

  • Nina, 18 Maggio 2024 @ 12:14

    “semplicemente non credo ai cambiamenti repentini che avvengono in coincidenza di eventi condizionanti.”
    @Lia invece per me è proprio il contrario. In queste situazioni invece,proprio per la portata di quegli eventi,secondo me esce il vero se,quello che magari non sapevi neanche di avere.Nella mia vita purtroppo ho dovuto affrontare “eventi condizionanti” veramente tosti e ognuno di questi mi ha cambiato in maniera indelebile e visti col senno di poi in positivo,tanto che sono convinta che se sono la persona di adesso è proprio grazie a quegli eventi.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 11:43

    @Nara
    Qua sul blog si aiuta tantissimo.
    Se Leilei non riusciva a vedere quello che aveva davanti al naso, noi comunque abbiamo continuato a cercare di aprirle gli occhi, di spiegare certe situazioni, anche di sostenerla ed esortarla.
    Lo stesso con Giulia, Beatrice, Stefano, Love e decine di altre persone che sono arrivate qui.
    Se questo non lo riesci a vedere, mi spiace davvero tanto per te.
    Questo è un blog in cui ci sono persone secondo me intelligenti e scaltre. “Sbadigliano” non perché se ne fregano della storia di chi scrive ma perché capiscono quando una persona sta mentendo e cercando di fargli credere quello che non è.
    Sbadiglio = metafora per dire “copione già visto, puoi fare di meglio”.
    Se tu non riesci a percepire quello che gli altri vedono nella tua storia, non puoi imputarlo solo a una forma di invidia o di “sadismo”. Ti dovresti chiedere perché vari osservatori esterni non coinvolti in alcun modo vedono quello che non vedi tu e che non vedeva Leilei, per farti un esempio.

  • Nick76, 18 Maggio 2024 @ 11:38

    @Leilei:”Io almeno sono coerente con quello che penso della mia coppia, si sta bene insieme per convenienza e per abitudine, ma non parlerei mai di amore o di ricostruzione!” Sono pienamente d’accordo con te, la coerenza è la cosa fondamentale nelle vita di ognuno in modo da non perdere la bussola…!!!

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 11:30

    @Nara
    “Sono forse meno degna di essere amata perché “funziono” così? No.”

    Nessuno ti ha mai detto questa cosa. Io ti ho detto che ti devi accettare per come sei, senza pensare di poter essere amata solo se cambi.
    Ognuno di noi ha dei lati sgradevoli e negativi e in noi c’è la capacità di smorzarli, non di diventare una persona completamente diversa.
    Fai bene a capire perché metti in atto certi comportamenti ma devi anche capire che sono le tue risposte a chi hai di fronte, che magari fa scattare certe reazioni in te.
    Non credo che tu te la prenda con il tuo dentifricio, tanto per farti un esempio. Non scappi dalla pentola a pressione e stai via tutto il fine settimana.
    Tu non hai recepito il mio commento, la mia esortazione a volerti più bene e ad accettarti perché come risposta hai scritto non so quante righe in cui elenchi i tuoi problemi e i tuoi errori e il tuo timore di non essere amata perché secondo te sei sbagliata.
    Nella situazione che stai vivendo adesso, continui a non voler vedere che il tradimento non è colpa tua ma al 100% sua.
    Tu puoi avere la colpa dell’aver creato un’atmosfera negativa e castrante nel vostro rapporto, perché il ruolo di carnefice lo rivesti anche tu. Però la scelta di tradire è solo sua.
    Ed è inutile rigirare la frittata per cambiare il senso di quello che hai detto sul non fare il funerale al morto, perché lo hai scritto tu pochi messaggi prima e la tua confusione è sempre più palese, è un continuo dire e negare.
    Ma questa confusione nasce perché hai un conflitto dentro di te e non sai che pesci pigliare.
    @Nara, qui nessuno ti vuole male e nessuno ti invidia il tuo compagno per cui ti dice cose sgradevoli. Sei tu che non ti vuoi bene abbastanza e che ti metti pressione per raggiungere un risultato che non è nelle tue corde. Forse perché chi hai di fianco è la persona sbagliata per te. Non sbagliata in assoluto ma per te, per il punto della vita in cui ti trovi, per i passi che devi fare e che non puoi fare con lui, per quello che fa apre voragini in te da cui poi non esci.
    Se devi vivere senza dormire la notte perché ti torna in mente quello che ti ha detto lei, e lei te lo ha detto perché ti ha tradito LUI, secondo me ti devi chiedere seriamente in che situazione ti vai a cacciare.
    Per quanto tempo devi espiare colpe e criticare come sei per riuscire a stare con lui?
    Come ti ha detto @Cossora, le uniche persone con cui non c’è un rapporto “funzionale” sono i figli. Il resto è funzionale a qualcosa. Magari lui ti serve così ti flagelli ancora un po’ o ti autocrogioli, come ha scritto Maribel. Ma non è sano.
    Detto questo, ovviamente fai quello che ti va di fare ma qui sei in un posto in cui tante utenti vedono lungo. Fanne buon uso, per te stessa, non per lui, che è uno qualsiasi.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 10:54

    @Molly
    “Vedo che anche tu @Ellelle alla fine vieni nel mio carruggio e nella autenticità di una coppia che vuole ripartire vedi la necessità di essere sinceri fino in fondo, mettersi completamente a nudo.”

    Non esattamente.
    Innanzitutto la verità detta per rivelare un tradimento di lungo corso è sempre verità parziale e quindi di per sé opportunista per raggiungere un risultato, cioè limitare i danni per restare in casa.
    Nel caso dell’ex di Leilei c’è una tale falsità di intenti che non dire della loro relazione è la conferma finale. Neanche se dicesse tutta la verità sarebbe onesto in una ricostruzione con la moglie e come lui tanti.
    La verità, anche parziale, permette al traditore di svaricarsi la coscienza e al coniuge di sapere di essere stato tradito e decidere di conseguenza. La verità non fa rinascere un amore che non c’è più.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 10:47

    @Nina
    “Ellelle, forse pensi questo perché non hai desiderato ricostruire il rapporto con tuo marito e quindi vedi tutto questo come una “distrazione””

    Io non vedo la vita attraverso la lente della relazione di coppia, la vedo attraverso il funzionamento del cervello delle persone.
    Non è la relazione di coppia che spiega come funziona il nostro cervello, è il nostro cervello che spiega come funziona la relazione di coppia.
    Riempirsi la vita di altro, di nuovo, di impegni ecc. per non pensare in un momento di crisi è un espediente che il nostro cervello mette in atto in ogni situazione, per cui anche in una situazione di crisi di coppia. I problemi però restano e saltano poi fuori in terapia e nella quotidianità.

  • Nara, 18 Maggio 2024 @ 10:14

    @nina le tue riflessioni sono sempre preziose per me. La differenza tra chi ha finito un percorso e chi nel percorso c’è ancora (io). Noi ci stiamo lavorando e questo all’esterno lo si legge come confusione, se non ci lavoriamo ma li accogliamo in casa, allora c’è la porta aperta senza mettersi in discussione. Io dico che il mio compagno ha un blocco sull’utilità della terapia e qui si scrive di un uomo annoiato e miracolato, io non ho mai usato il termine noia, ho parlato di un dubbio lecito di non voler continuare la terapia, @nina tu che hai letto le stesse cose hai percepito un blocco, un disagio, ma non la noia, altri hanno voluto “vederci” noia. Ecco, qui si continua a proiettare le proprie esperienze su tutti i racconti delle altre. E tutte quelle mogli che non credono alla mia storia (lecito) potrebbero raccontare come hanno vissuto la loro ricostruzione, dopo aver tradito per amore e poi essere tornate a casa, potrebbe essermi di aiuto. Se ci sono riuscite loro, perché non dovremmo riuscirci noi?!

  • Nara, 18 Maggio 2024 @ 10:00

    Anche io apprezzerei di più se le persone dicessero la verità, senza cercare di vendere alla platea une versione che la platea è troppo sgamata per bersi. Invece la verità non si dice perché si è troppo principesse per farlo, Mesi o anni a ribadire la propria eccezionalità, le proprie interpretazioni psico-manipolative mentre la platea sbadiglia. @elleelle ora mi piacerebbe capire dove sta il fine di aiuto che tu dici sempre di portare avanti in questo blog, nelle frasi che hai espresso. Parli di una verità (la tua? Quella universale?) di una platea (tutti gli utenti del blog?!) che sbadiglia? Credi che chiamare un’altra donna “principessa” sia rispettoso? Mah! Sembri le carpe che si avventano sul pane gettato nel laghetto, un po’ di sadico piacere a pensare di mettere le persone all’angolo. So già che dirai che mi hai toccato il punto debole, etc etc.

  • elleelle, 18 Maggio 2024 @ 08:41

    @Cossora
    “Devi rendere conto al blog?”
    “I consigli non richesti sono giudizi, lezioncine travestite.”

    Ma è quello che fai anche tu allora, anche tu dai lezioncine non richieste ogni volta che consigli (magari non apertamente perché a te piacciono metafore e giri di parole) a una persona di restare in un amantato nonostante la sua sofferenza.
    Lo hai fatto con tante utenti, a tante hai suggerito indirettamente di trovare un modo di farsi andar bene la situazione di amantato anche se è evidente che in quella situazione stanno male.
    Nel tuo caso la lezioncina è forse più nei confronti di chi suggerisce il no contact, che sarebbe retrogrado e poco risolto, però c’è.
    Io credo che una persona che arriva qui abbia molto bisogno di raccontarsi e voglia l’opinione altrui, per una serie di motivi che vanno dal bisogno di essere ammirata alla necessità di un sostegno in una fase di profondo dolore e sconcerto. Poi si a volte si va, a volte si resta.
    Ma come vedi non è mai un “arrivo, racconto e vado”. È tornata anche Nara a cui il terapista aveva esplicitamente sconsigliato di parlare di quello che le è successo fuori dalle sessioni di terapia. Non dico cosa penso di questo consiglio ma in ogni caso nemmeno lei lo segue perché il suo bisogno di comprendere quello che a tanti è molto chiaro è preponderante.
    Il blog non esisterebbe se non ci fossero opinioni e consigli. Sarebbe un “Ah ok, ho letto la tua esperienza, è stato bello, ciao.”
    Forse a te sembra di metterti in una posizione migliore, più “intelligente” se fai questa considerazione ma secondo me sbagli a dire che i consigli o le opinioni sono giudizi. Forse lo fai perché ti senti giudicata tu stessa (e quindi non te ne freghi poi così tanto dell’opinione altrui) ma tu giudichi a tua volta, per cui sei pari.
    Qui siete ormai solo in 4 a fare una pubblicità sfrenata a favore degli uomini che avete nella vostra vita: tu, due mogli e una compagna.
    Le altre non ne parlano, anche se hanno una relazione che funziona. Evidentemente non hanno la necessità di sostenere la loro scelta di fronte agli occhi di tutti perché la scelta si sostiene da sola, non ha bisogno di essere puntellata più volte al giorno.
    Questo dovrebbe far riflettere.
    Ma di giudizi credo che ce ne siano pochissimi. Pensa al caso di Leilei, io non credo che sia mai stata giudicata, si è sempre e solo cercato di aprirle gli occhi e come hai visto chi lo faceva non aveva torto.

  • Giulia, 17 Maggio 2024 @ 22:11

    @Leilei, 17 Maggio 2024 @ 10:31
    “Amicizia speciale” mi ricorda qualcuno. Significa io mi faccio la mia vita, tu stai sempre a mia disposizione senza rompere i cogxxoni, ti trombo e decido io dove e quando.
    Però alla fine ha ammesso che era evidente che non ero un’amica ed era ovvio che la moglie non ci cascasse, quindi meglio moglie (comoda, ricca, upper class) + trombate occasionali in giro piuttosto che moglie sospettosa + amante, amica speciale (+ qualche trombata occasionale in giro che non guasta mai).

  • Nina, 17 Maggio 2024 @ 19:18

    “è una distrazione tattica per mettere a tacere quello che ti dà fastidio e fai fatica ad accettare (con tutte le ragioni, secondo me).
    Un fine settimana di qui, uno di là, bacio bacio micio micio, sperando che tu non abbia tempo per pensare e rimuginare”.
    @Ellelle, forse pensi questo perché non hai desiderato ricostruire il rapporto con tuo marito e quindi vedi tutto questo come una “distrazione” dall’argomento che secondo te è principale(la crisi della coppia),ma per chi invece ha preso una decisione diversa l’argomento principale diventa il “Noi”, come vogliamo vivere insieme. In realtà per chi l’ha vissuto è un modo per vivere momenti sereni e per ritrovare quei momenti di coppia che la quotidianità aveva soffocato. E non c’è niente di costruito in quei momenti(anche se programmati) perché finalmente dopo tanto tempo si è insieme, si è complici e ci si diverte insieme. Anche la mia terapista,con cui ne avevo parlato, diceva che servono molto perché oltre a ricompattare la coppia creano nuovi ricordi belli che sovrapponendosi a quelli dolorosi mano a mano li cancellano in maniera naturale. Lei diceva che sono “fisiologici” in una coppia che ha deciso di andare avanti e raggiungono l’obiettivo. Non vediamo il marcio anche nelle cose belle su.

  • Viovio, 17 Maggio 2024 @ 15:19

    @Elle
    Come sempre d’accordo con te, l’ho scritto nel post per @Cossora, anche io in @Nara leggo tanta confusione. Una volta è convinta di una cosa poi cambia radicalmente idea riguardo al suo compagno che a mio avviso sta continuando a comportarsi male.
    Per il resto che ti devo dire, sarà che me ne hanno raccontate talmente tante di balle ed in parte pure io me la sono raccontata per non guardare in faccia la realtà che ho sviluppato un certo sesto senso 😉
    Come stai? Ci sono novità riguardo al cambiamento che dovresti affrontare?
    Spero non andrai troppo lontano 🙂

  • Molly, 17 Maggio 2024 @ 15:19

    Un pensiero a chi raggiungerà a Roma tra pochissimo Alessandro: ascoltatevi a vicenda e scambiatevi gli indirizzi e mail per far crescere delle belle amicizie. Un abbraccio a tutti e grazie ad Alessandro per aver organizzato l’evento.

  • Leilei, 17 Maggio 2024 @ 15:06

    Cossora ma che dici? Continuare a stare con uno che fa il bello e il cattivo tempo? Già mi davano fastidio le sparizioni, figuriamoci ora che so che sparirebbe perché “prova ancora qualcosa per Lei”…mica mi ha detto che stanno insieme per comodità! Mi ha detto che stanno provando a sistemare le cose, a riavvicinarsi! E secondo te io dovrei elemosinare il suo tempo mentre sta cercando di ricostruire la sua coppia? Ma sei seria?

  • Viovio, 17 Maggio 2024 @ 15:02

    viovio perchè una utente dovrebbe ostentare sicurezza per periodi tanto lunghi?

    @Cossy questa domanda dovresti farla a @leilei visto che alla fine la situazione si è rivelata molto diversa da quella che ha sempre raccontato.
    Per quanto riguarda le altre storie fatico a credere a quella di @Nara, dove leggo tantissima confusione; @Molly a cui non credo per nulla e penso di aver abbondantemente espresso anche in passato il mio pensiero a riguardo.
    Se ti senti chiamata in causa ti tranquillizzo, sono talmente indietro con la tua storia che non ho idea a che punto tu sia arrivata e comunque, ti auguro e lo auguro a tutte, di non fare la fine di @leilei ma di mandarli a quel paese prima!
    Ricordo benissimo il dolore che provavo appena approdai qui e a prescindere dalla simpatia che possa nascere fra le vari utenti, leggo sempre con dispiacere la delusione descritta quando le persone che dicono di amarci si rivelano degli impostori.
    E questo discorso vale per le amanti ma anche per le mogli.

  • Molly, 17 Maggio 2024 @ 14:41

    “Ancora una cosa…se lui è un uomo che non esterna facilmente i suoi sentimenti non può cambiare un tratto caratteriale cosi’ marcato se non in minima parte(allo stesso modo in cui tu magari non riesci a frenare alcuni aspetti del tuo carattere),quindi o te ne fai una ragione e lo ami cosi’ com’è oppure sei destinata in futuro ad essere continuamente delusa. Pensaci”

    Brava @Nina! Concordo in tutto anche rispetto alla terapia. Se Nara ritiene di dover ancora sviscerare cose, deve dirglielo, ma ormai dovrebbero avere gli STRUMENTI per parlarsi da soli. Io avevo avvertito un po’ di ripetitività nella terapia in tutta franchezza dopo un certo numero di mesi a un certo punto e percepivo un po’ di stanchezza anche in mio marito e infatti di lí a poco facemmo quello che era inteso come l’incontro finale con alcune domande chiave per il futuro.

  • Cri28, 17 Maggio 2024 @ 14:37

    Leilei, mettici la pietra tombale. Per me, è vero che tornato a guardare in casa perché tu ti eri distaccata, ma è un comportamento da opportunisti. Oltre a ciò è stato sgradevole con te parlandoti dei suoi tentativi di ricostruire con la moglie e cercando di mantenere un rapporto con te perché non si sa mai. Pessimo.
    Tu del resto ti eri allontanata perché avevi già visto la sua mancanza di chiarezza. Forse, però, hai dato troppo, lo hai ascoltato come un’amica, mentre con un amante può esserci certamente un rapporto di affetto, ma non un’amicizia in cui si accettano confidenze sulla famiglia, sul rapporto con la moglie. Hai tollerato troppi piagnistei.

  • Molly, 17 Maggio 2024 @ 14:29

    “zzo di m…
    Ti rendi conto? Hanno parlato come non avevano mai fatto, ma lei di voi non saprà mai.”

    Vedo che anche tu @Ellelle alla fine vieni nel mio carruggio e nella autenticità di una coppia che vuole ripartire vedi la necessità di essere sinceri fino in fondo, mettersi completamente a nudo.

    Mio pensiero, e qui vado controcorrente, l’uomo che Leilei all’improvviso definisce “un gran pezzo di merda” non la vuole offendere e non le dice “Per essere onesto e sincero con mia moglie le ho detto tutto, anche di noi” perché allora Leilei sarebbe ancora più ferita ma francamente non escludo che possa essere successo. Quello che però @Leilei secondo me deve fare è non pensare a loro, ora le fa male immaginare che possano avere un dialogo, ma quando vuoi davvero bene a una persona devi volere il loro bene, la loro felicità e se per caso lui la ritrova con la moglie, visto che lui vive con lei, tanto vale che sia felice e Leilei dovrebbe essere contenta se almeno lui ci riesce a tornare ad essere felice con la moglie. Poi magari non succede, ma lei è ed è sempre stata al di fuori della coppia ufficiale e questa è una realtà indiscutibile.

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 12:59

    @Cossora
    “viovio perchè una utente dovrebbe ostentare sicurezza per periodi tanto lunghi?”

    Per paura di farsi vedere debole, per presunzione, per narcisismo, perché non si vuole ammettere di aver fatto un errore, perché non si vuole credere che gli altri hanno ragione.
    Avere la consapevolezza di stare con uno stronzo non è una considerazione facile da fare perché ne porta altre con sé. Perché uno stronzo ha scelto proprio me, perché credo di meritarmi uno stronzo, perché faccio di tutto per starci…
    Sono domande grosse, non tutti vogliono farsele. Apparire belle e decise di fronte agli altri è un paravento più accettabile.

  • Nara, 17 Maggio 2024 @ 12:56

    Dire che la precedente terapia non ha funzionato è uno sbilanciarsi inutilmente, perché quello che mi ci portò era la depressione, e ne sono uscita per fortuna. Quanto fai analisi (la mia è durata tanto ma interruppi per una questione economica) cominci a capire meccanismi e modalità di funzionamento di te, ma l’interruzione del meccanismo di coercizione a ripetere è un’altra cosa. Un po’ come se sulla teoria fossi bravissima ma nella pratica un po’ meno. Io sono una persona che nella coppia, ad un certo punto metto in atto il rifiuto come castrazione. Meccanismo a me noto, ma che negli anni tendo a ripetere. Io so esattamente cosa ho fatto alla mia relazione, e so cosa ha fatto l’altro. Sono forse meno degna di essere amata perché “funziono” così? No. Non vengo qui sul piedistallo, ma nemmeno a dire che solo lui è brutto e cattivo. Non lo è. Mi ha fatto molto bene leggere il blog, ho letto whiterabbit, ma anche Bianca, Anto e altre utenti che qui hanno scritto in passato e per me sono state fonti di riflessioni e consigli notevoli. Poi Nina, ma tante di voi, alcune, lo ammetto, che sento lontanissime da me, perché “funzionano” in maniera diversa. La commemorazione del morto, non significa non aver fatto il funerale come qualcuno dice, ma che anche quando sono passati anni, il giorno della morte di qualcuno, quel dolore ti torna alla mente, e lo rivivi. Quello che si vive quando c’è la fine di una relazione è equiparabile ad un trauma, che si supera, si supera sempre. Ma ci vuole tempo, lavoro e un po’ di rassegnazione.

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 12:51

    @Cossora
    “Devi rendere conto al blog?
    A me non sembra tu soffra comunque. Mi sembra che tu voglia continuare ad essere coinvolta, a parlarne a spaccare la storia in 10 e di ogni pezzo farne altri 10 e via dicendo..”

    Se non è sofferenza sorda e profondamente ingranata quella di Leilei, non so cosa lo sia.
    Ogni tanto ti parte questa necessità di fare il bastian contrario e di dare dei consigli “originali” ma sono consigli davvero poco costruttivi, vista la situazione in cui si trova Leilei.
    Con un uomo del genere e anni di presa per i fondelli alle spalle, l’unico consiglio maturo da dare è di eliminarlo dalla propria vita.
    Ogni altro discorso per tenere a portata di mano un uomo del genere è cibo per la dipendenza affettiva e un invito a farsi ancora del male.

  • Leilei, 17 Maggio 2024 @ 12:47

    Ale, sinceramente a me fa una grande pena, perchè non è mai riuscito a guardare in faccia la realtà delle cose, adesso si inventa che con lei ci sono ancora sentimenti, dopo averla tradita per 7 anni ( e avrebbe continuato a farlo se io non avessi dato lo stop lo scorso dicembre). E comunque penso che se ci crede davvero, le cose potranno realmente migliorare. Bisogna capire anche quanto la sua compagna sia attualmente presa dall’altro e non faccia l’innamorata solo perchè è stata beccata dopo un anno di storia.
    Io almeno sono coerente con quello che penso della mia coppia, si sta bene insieme per convenienza e per abitudine, ma non parlerei mai di amore o di ricostruzione!

    Comunque adesso continuo a parlarvi di lui perchè la cosa è fresca e devo metabolizzare. A breve conto di passare dalla parte di quelle che consigliano come uscirne!!!!

    In questo momento sono in questa fase:

    Cadde tanto in basso nella mia considerazione
    che lo udii battere in terra –
    e andare a pezzi sulle pietre
    in fondo alla mia mente –
    ma rimproverai la sorte che lo abbatté –
    meno di quanto denunciai me stessa,
    per aver tenuto oggetti placcati
    sulla mensola degli argenti –

    Dalla stupenda Emily Dickinson

  • Lia, 17 Maggio 2024 @ 12:42

    @elleelle.@viovio, io semplicemente non credo ai cambiamenti repentini che avvengono in coincidenza di eventi condizionanti.
    Così come non credo ai mariti che, scoperti, all’improvviso capiscono di amare la moglie,
    non credo a Cossora che all’improvviso capisce di essere l’amante perfetta.
    non ho mai creduto a leilei che, in concomitanza dei declassamenti messi in atto dall’amante, diventa più distaccata anche lei….
    Le persona non cambiano così velocemente, ma ogni passaggio richiede un’ analisi profonda delle cose e dei valori in cui crediamo e dei sentimenti che proviamo.
    Passaggi che non possono essere nè repentini, nè avvenire, guarda caso, in concomitanza di eventi che li favoriscono e li condizionano, ma devono essere intimamente elaborati, in completa autonomia e distacco da tutto ciò che può interferire con essi.
    Non so se siete d’accordo con me.

  • Beatrice, 17 Maggio 2024 @ 12:41

    Leilei,

    io però non ho capito cosa cercavi da lui se non ti interessava “l’amicizia speciale”.
    Siete entrambi sposati e non intenzionati a lasciare i rispettivi compagni, dunque l’unica opzione è questa amicizia speciale.
    E penso che l’amicizia speciale possa passare anche da situazioni del genere: vi siete sempre raccontati tutto e ti ha raccontato anche questa, non mi sembra abbia fatto niente di strano.
    Era più strano se lo teneva segreto, poi da come ho capito sei tu che ti sei fatta avanti per sapere come stavano andando le cose, magari lui l’avrebbe anche gestita più “privatamente” se non glielo chiedevi (non so, vado per ipotesi).

    E’ la situazione in sè che è strana, queste amicizie non amicizie perchè in realtà c’è attrazione, o speranza o altro, infatti io ti riesco a capire perchè vivo qualcosa del genere.
    Però questo tuo rimanerci così male fa pensare che tu sperassi in una occasione per voi.
    O forse ti ha dato fastidio l’idea che nemmeno abbia contemplato l’ipotesi di mettersi con te? (ma tu non lo volevi, non l’avrà contemplata per quello)

  • Lia, 17 Maggio 2024 @ 12:28

    @Cri28

    “Cossora, il primo bug è che speriamo di cambiare gli uomini. Tutto qui. Non riusciamo ad accettare che, se amiamo un debole o un egoista o un infedele non lo cambieremo, otterremo la versione che a loro serve per non perderci.”

    Invece io vedo il bug nel passaggio prima. Amiamo uomini deboli, egoisti, infedeli. Aggiungo bugiardi e spesso insensibili. E’ lì il bug! Non credi?
    Perchè lo facciamo?

    Perchè ci danno forti emozioni e scopano bene? C’è un bug emotivo. Non siamo in grado di darcene di positivi
    Perchè hanno la carta di credito piena? C’è un bug di valori.
    Perchè ci danno affetto? C’è un bug affettivo
    Perchè pensiamo di non avere alternative? C’è un bug sull’autonomia

  • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2024 @ 12:23

    È pure colpa tua sé ha “ricostruito”, che cialtrone pagliaccio !

  • maribel, 17 Maggio 2024 @ 11:33

    io vado controcorrente: a me la coppia di nara invece convince.
    mi convince, e io di solito non ci credo ai ritorni sani, che ci possa essere stato il tradimento e poi il ritorno, mi convince che che ci sia un lavoro psicologico insieme e che uomo e donna lo vivano diversamente. trovo nara, da come scrive, una donna molto sensibile e attenta i dettagli, capace di introspezione e abituata a guardarsi dentro molto più di tante altre, magari anche con un pizzico di indugio nell’autocrogiolamento, oserei dire, ma qua si leggono solo piccoli scritti e quindi come si fa a capire tutto, è impossibile, si sta a quello che si vede scritto.

    a me comunque piace molto, mi ispira di una coppia che sinceramente non vuole lasciarsi, poi chissà, solo loro due si guardano negli occhi e vedono la realtà vera.

  • Leilei, 17 Maggio 2024 @ 10:35

    Elleelle ti quoto su tutto, grandissimo pezzo di merda che usa le donne. Finalmente ci sono arrivata!!!!
    Comunque è già bloccato ovunque.

  • Leilei, 17 Maggio 2024 @ 10:31

    Ragazze, Ale state tranquilli questa volta c’è proprio una pietra tombale sopra al suo nome. La cosa che mi ha dato più fastidio è che più io lo tenevo a distanza più lui mi veniva a cercare, più io cercavo di guarire e più lui si dimostrava presente.
    Il titolo di questo post è perfetto per quanto è accaduto: se non lo avessi forzato io a dirmi come stavano realmente le cose, lui avrebbe cercato la ricostruzione in casa e avrebbe proseguito con l’amicizia speciale.
    Tra le motivazioni della sua decisione di ricostruire mi ha infatti citato anche il fatto che da mesi mi sentiva fredda e distaccata ed era diventato solo un rapporto platonico.
    La sua assenza non mi disturba, quello che fa male è che ho creduto alla sua buona fede.

  • Cossora, 17 Maggio 2024 @ 10:29

    @viovio perchè una utente dovrebbe ostentare sicurezza per periodi tanto lunghi? Io leggo sincerità in chi si lamenta del dolore come leggo sincerità in chi ha trovato la sua stabilità dentro di se e non da più importanza agli agenti esterni.
    Io sono tra queste persone, ma quando stavo male lo scrivevo.
    Non capisco (non sei l’unica) lo scopo del metere in dubbio senza fare nomi. Le insinuazioni lasciate in sospeso non mi sono mai piaciute. Chiaritele, magari serve.
    Mi spieghi (tu o un’altra) una volta per tutte cosa c’è dietro alla convinzione che chi dice ‘sto bene così’ starebbe mentendo?
    Magari mi si apre una finestra.

  • Cossora, 17 Maggio 2024 @ 10:24

    @leilei la sua priorità ora è “ripristinare” non ricostruire.
    Se però tu fossi così carina da rimanere nei paraggi, potreste (forse) riprendere a sentirvi/vedervi/accoppiarvi.
    Questo ti sta dicendo.
    Al di la dei consigli che ti scrivono (che dopo il terzo anche basta..) decidi se ti va bene o no.
    Devi rendere conto al blog?
    A me non sembra tu soffra comunque. Mi sembra che tu voglia continuare ad essere coinvolta, a parlarne a spaccare la storia in 10 e di ogni pezzo farne altri 10 e via dicendo..
    Se ti piace nessuno te lo vieta!

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 10:23

    @Nara
    “Io devo andare avanti, non è una questione di lobotomia, è uno sforzo di modificare un mio modo disfunzionale di vivere.”

    Anche io ho una memoria di ferro ma mica mi faccio le paranoie che ti fai tu, che ai tuoi occhi sei sempre sbagliata e ti devi cambiare perché così non vai bene.
    Quanta terapia hai fatto, anche in passato e ancora non ti sei accettata per quello che sei? La terapia fatta così non serve a niente, non porta ad alcun cambiamento e lo vedi tu stessa, che di funerali non ne fai perché sei così.
    Io mi accetto per come sono e la mia memoria la uso a mio vantaggio. Mica mi faccio fermare dal fatto che mi ricordo quello che mi ha fatto un mio ex moroso nel 1992. Il ricordo è lì nel suo cassettino e lì resta. Torna fuori se capita un discorso attinente ma mica mi considero sbagliata e soprattutto, non posso di certo cambiare il funzionamento del mio cervello per adattarmi a una persona che evidentemente non è adatta a me.
    Se una persona ti lascia dentro un evento devastante che tu non riesci a cancellare, mica ti devi portare questa persona al fianco per l’eternità a imperituro ricordo.
    Te lo lasci alla spalle e il ricordo diventa lezione, diventa un passo avanti positivo, non il portare avanti l’idea che sei inadeguata e disfunzionale perché sei come sei.

  • Cossora, 17 Maggio 2024 @ 10:18

    @nara guarda che per me tu devi fare quello che vuoi. Quello che senti giusto per te adesso, io non ho digerito qualsiasi consiglio di cds mi venisse dato qui. Non fa parte di me, mi sono pentita di ogni cosa che non ritenevo nelle mie corde.
    Fortunatamente ho smesso e ho iniziato a fare ciò che volevo.
    In più sono anche dell’idea che non si danno consigli, se non richiesti.
    I consigli non richesti sono giudizi, lezioncine travestite.
    Vai avanti come credi e se a un certo punto cambi idea comunicalo educatamente.
    Ma la tua vita tienila in mano tu.

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 10:08

    @Vio
    “In @leilei (ma anche in altre utenti) ho sempre letto questo desiderio di ostentare sicurezza e pure una buona dose di menefreghismo che in realtà non ci sono mai state. Voler dimostrare di stare bene a tutti i costi… quando invece è tutto il contrario.”

    Questo è quello che vedo in Nara, con la stessa instabilità di Leilei. In un commento non le interessa più niente del tradimento, in quello successivo invece dice che non riesce a seppellire il morto.

    Anche io apprezzerei di più se le persone dicessero la verità, senza cercare di vendere alla platea une versione che la platea è troppo sgamata per bersi
    Davanti alla verità cosa si fa? Si dà una pacca sulla spalla, si dice “Guarda che sei messa malissimo ma se vuoi ce la fai, sì è stato un verme ignobile, uno dei tanti.”
    Invece la verità non si dice perché si è troppo principesse per farlo e il cadavere diventa uno zombi, con la rabbia che non cala.
    Mesi o anni a ribadire la propria eccezionalità, le proprie interpretazioni psico-manipolative mentre la platea sbadiglia.

  • Cossora, 17 Maggio 2024 @ 10:06

    @nara ce li hai dei figli? Non ricordo scusami.
    Se si, saprai che l’unico rapporto che non risponde a una necessità funzionale si può avere con loro.
    Per quanto si voglia bene a un’amica o si ami un uomo.. è sempre legato alla sua funzionalità nella nostra vita. Se un uomo che ami inizia a crearti delle complicazioni serie, lo lasci. Se un’amica si fidanza e inizia a vivere in simbiosi col fidanzato e azzera i vostri incontri, magari vi sentite, ma la perdi di vista.
    Pensa alle ex compagne di scuola, le ricordi e magari le senti una volta all’anno, ma mica sei andata in terapia per continuare a cercarvi!
    Un figlio lo insegui perchè si muove (è il suo destino), cerchi di aiutarlo se ha problemi o ti crea problemi, un figlio non può essere di nessun altro se non tuo. Tutti gli altri sono sostituibili. per questo vanno ‘tenuti’ solo se lo scambio porta un valore reale. Sforzarsi non crea l’atmosfera di naturale attrazione, nemmeno fare terapia. Il legame non è concreto, è astratto. Pertato quando si disfa non puoi rianimarlo.
    A meno che tu non abbia un bisogno non sentimentale, come quello familiare (se l’uomo in questione è anche l’altro genitore dei tuoi figli) oppure sociale (da questa eprsona dipendono legami sociali), economico, psicologico (non sei in grado di stare da sola, hai paura).

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 09:56

    @Nara
    Tutto quello che fate è bellissimo, sembra un film ma è una distrazione tattica per mettere a tacere quello che ti dà fastidio e fai fatica ad accettare (con tutte le ragioni, secondo me).
    Un fine settimana di qui, uno di là, bacio bacio micio micio, sperando che tu non abbia tempo per pensare e rimuginare.
    Non capisco perché non accetti che per te il morto non è affatto morto perché tu sei così di carattere, non come ti vogliono il tuo compagno e il terapista di coppia.
    Ti stanno plasmando per ottenere una ricostruzione che tu non ti senti dentro, altrimenti non saresti qui a dirci che sei delusa e che non riesci a fare il funerale a quello che ti è stato fatto più un mare di paraventi dietro cui nascondersi.
    Non ci riesci non perché sei cattiva ma perché evidentemente hai un altro carattere e non passi sopra a certe cose facilmente.
    La terapia non serve per snaturarsi e fare contento chi ci ha fatto del male, serve per riconoscerci e accettarci per come siamo.
    Se tu sei così, se non riesci a cancellare il passato, se non ti piace essere sempre tu a cavargli di bocca quello che pensa, perché non ti accetti per come sei?
    Un biglietto aereo per il fine settimana non cancella il fatto che ti stai forzando ad accettare quello che per te non è accettabile e che non riesci a seppellire mentre qualcuno ti fa sentire subdolamente in colpa perché tu, TU, non riesci.
    Ovvio che lui, LUI, invece ci riesce, è quello che gli serve e gli fa comodo. Ma TU non sei lui.

  • Cossora, 17 Maggio 2024 @ 09:55

    @cri28 hai ragione, infatti ormai ho ucciso sia la crocerossina che l’empatica verso gli uomini. Magari tra un po’ sarò in grado di offrire di me la versione via di mezzo.
    Ho notato che quando ‘faccio il pieno’ di lui poi non mi manca, cioè lo sento con piacere ma non presso ne per prendere un caffè ne per altro. Arrivo un po’ a tappo, strafelice di riprendere la mia normalità. La mia solitudine a casa è la mia vera zona confort che non mi stanca e mi ricarica. Chissà se stressata al massimo (ad esempio come fossi in una coppia regolare) questo non farebbe di me una persona respingente alla lunga, che poi lo porterebbe a cercare altro.
    Mi affascinano le dinamiche delle relazioni umane. Come tutto sia in continua trasformazione.
    Fino ai primi di maggio abbiamo week end organizzati diversamente. Credo al distacco che crea attesa e aumenta l’intesa.

  • Viovio, 17 Maggio 2024 @ 09:36

    Santo cielo @leilei nemmeno la decenza di stare zitto evitando di condividere con te quello che sta facendo con la moglie, dopo tutto quello che è successo!
    Mi fa venire la nausea… se leggo da qualche parte che te lo sei ripreso vengo a cercarti!!!!!
    :-p. :-p
    Anche perché appena si annoierà e le acque si saranno calmate riapparirà in pompa magna.

  • Viovio, 17 Maggio 2024 @ 09:19

    @Lia
    C’è anche da dire che a me quella che preoccupa di più in tutta questa vicenda è proprio Leilei e la sua instabilità.

    Sono d’accordo con te.
    In @leilei (ma anche in altre utenti) ho sempre letto questo desiderio di ostentare sicurezza e pure una buona dose di menefreghismo che in realtà non ci sono mai state. Voler dimostrare di stare bene a tutti i costi in un amantato quando invece è tutto il contrario.
    Non c’è nulla di male nel chiedere aiuto o mostrare le proprie fragilità, tutte siamo arrivate qui per lo stesso motivo.
    Spero veramente per lei sia la volta buona e che riesca a chiudere con un uomo che l’ha solamente usata per una marea di anni!

  • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2024 @ 09:18

    Leilei, ma quante palate di m ti ha tirato in faccia facendo finta che siete amici?

  • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2024 @ 09:16

    Gli uomini più cialtroni non dicono chiaramente ciò che vogliono, vi dicono quello che volete sentirvi dire. Oppure vi dicono io non lascerò mai la mia famiglia ma poi condiscono il proseguio con parole che stimolano la vostra speranza a “dare tempo”

  • Nara, 17 Maggio 2024 @ 09:12

    @cossora, lui mi ha tradito, dato di fatto. Questo fatto è passato, chiuso. Tra l’altro è uno dei pochi uomini che non ha detto una sola parola offensiva sull’altra, certo è stata “funzionale”, e non è un aggettivo carino, ma l’ha tenuta fuori dalle mie iniziali esigenze di colpevolizzarla. Oggi siamo una coppia che per certi versi mi ricorda la tua, pensa che strano. Noi ci baciamo, dormiamo abbracciati, ci cerchiamo durante la giornata, facciamo gli aperitivi in terrazza la sera, ci diciamo “ti amo”, cuciniamo insieme, andiamo a cinema e teatro, ogni fine settimana siamo via come in una luna di miele, facciamo trekking e andiamo in bici da corsa, amiamo andare a cena fuori e godere dei posti belli. Abbiamo già due viaggi organizzati e prenotati da qui a settembre, uno dei due sarà per la prima volta anche con la figlia adolescente. Siamo quelli che eravamo (migliorati addirittura per certi aspetti) ma con la macchia che io (IO) non riesco a cancellare. La sua “fatica” è questa, la sua fatica oggi è il mio desiderio di sabotare, perché sono io che ho da una parte paura di lasciarmi andare, dall’altra, come dice il terapeuta, la necessità di commemorare il morto, che però è morto. Anche @alessandro più volte ha detto che bisogna mettere una pietra sul passato se si vuole uscire da questo loop.

  • Nara, 17 Maggio 2024 @ 08:54

    @nina, mi trovo d’accordo con tutto quello che hai scritto, nella mia vita sempre io ho continuato a sentirmi “attratta da forze antiche”. Quando l’ho conosciuto ricordo di avergli detto che dentro di me c’è un mondo malinconico e un vuoto che mi attrae. Lui questa cosa non l’ha capita subito. Ma negli anni ha avuto modo di capire a cosa facessi riferimento, quasi ogni giorno io faccio un salto indietro negli anni e dico “dieci anni fa oggi ero…, un anno fa oggi mi dicevi, tre anni fa oggi ero in Vietman con….”, e così via. Questo sforzo immane di ricostruzione e di ricordi continui dei giorni vissuti mi provoca un lavorio continuo e costante, un soprappensiero continuo, e lui questa cosa vorrebbe che io la risolvessi. È una dinamica disfunzionale. Sono dotata di una memoria assurda, ricordo ogni dettaglio, ogni momento, ogni cosa, ogni giorno. Questo mio aspetto non mi fa dormire la notte, perché i pensieri non si spengono, e questo peggiora una patologia neurologica con cui convivo da trenta anni. Io ho fatto un ulteriore sforzo ed ho capito, lui mi ha spiegato che non è la terapia in sé il problema, ma per due sedute che trova risolutive, ci sono altrettante sedute che sembrano la fotocopia di altre. E su questo ha ragione. Quando inizi una terapia farmacologica e ad un certo punto ti sembra di non avere riscontri e miglioramenti, ti viene lo sconforto, e il dubbio che la terapia non sia idonea. Io devo andare avanti, non è una questione di lobotomia, è uno sforzo di modificare un mio modo disfunzionale di vivere. @viovio l’ultima seduta prima di entrare mi ha stretto la mano, quello non cambia, la vicinanza e la connessione non si è spenta.

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 08:54

    @Vio
    “Saro’ estremista, ma delle varie utenti non mi convince nessun uomo raccontato qui!”

    Lo dici a me… Mi si alzano le sopracciglia così tanto a volte che si cappottano e mi toccano i glutei.
    Veramente, uomini di una pochezza, di un egoismo e immaturità che lasciano allibite.
    Tradiscono e poi si annoiano in terapia?
    Tradiscono la moglie per anni poi appena si sentono un po’ di corna in testa gli scatta il macho dentro e cercano dialogo e ricostruzione?
    L’ex di Leilei dovrebbe far aprire gli occhi su cosa succede dietro le quinte ma dubito.
    Sento già i cori “Il mio è diverso” gne gne gne.
    Ridicolo, è tutto ridicolo e noi donne non abbiamo un caxxo di amor proprio.

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 08:46

    @Leilei
    “E quando mi ha detto abbiamo parlato tanto come non abbiamo mai fatto”

    Madonna, che grandissimo pezzo di m…
    Ti rendi conto? Hanno parlato come non avevano mai fatto, ma lei di voi non saprà mai.
    Vergognoso, mia cara, vergognoso e non oso immaginare cosa potrebbe raccontare questa coppia marcia fino al midollo su un blog come questo.
    @Leilei, però tu bloccalo ovunque perché questo ogni volta che apre la bocca o mette le dita in funzione ti umilia.

  • elleelle, 17 Maggio 2024 @ 08:41

    @Cossora
    “Io mi chiedo perchè invece noi donne ce le mangiamo.
    Non mi convince il semplice ‘perchè siamo in buona fede e loro mentono’.”

    In generale il problema è la crocerossinaggine.
    Leggi quante volte si spera che cambino se si aspetta, se si porta pazienza, se gli si dà tempo, se li si giustifica, se li si porta in terapia, una minaccia qui un pianto là…
    Leggo cose sul blog che mi fanno rizzare i capelli, giustificazioni a mille per uomini che in realtà sono solo immaturi ed egoisti.
    Per me è un bene se altre donne se li accollano, così io e le mie amiche non li troveremo sul nostro cammino e non passeremo serate a frignare sull’ultima presa per il culo ma per chi se li accolla, cavolo che tormento e che spreco!
    Ci sono stati almeno tre uomini dopo il mio ex con cui avrei potuto fare la crocerossina ma me ne sono guardata bene. È un errore che non rifarò mai più. Una madre l’hanno avuta e io di figli ne ho già, che si rivolgano altrove.
    Non faccio da crocerossina nemmeno per il mio amico saltuario, che è l’unico che effettivamente ha una grossa difficoltà che ha un impatto globale sulla sua vita.
    Gli altri sono solo dei coglioni con poca voglia di darsi una raddrizzata finché non trovano quella che subisce e loro la fanno franca.
    Non lo dico per cattiveria ma secondo me sprecare il proprio tempo dietro a cause perse, uomini che magari hanno 50 o 60 anni e ancora fanno i giochetti a me fa cascare le braccia.
    Il tempo è prezioso, piuttosto che stare dietro alle fisime di un uomo-bambino nella speranza che prima o poi mi “veda” e mi conceda il suo amore, vado a togliere le zecche ai cani del canile, che almeno mi rendo utile. E a me le zecche fanno schifo, ma non quanto farmi mettere i piedi in testa.

  • Cri28, 17 Maggio 2024 @ 08:24

    Cossora, il primo bug è che speriamo di cambiare gli uomini. Tutto qui. Non riusciamo ad accettare che, se amiamo un debole o un egoista o un infedele non lo cambieremo, otterremo la versione che a loro serve per non perderci.
    Il secondo bug è l’empatia, che riversiamo a fiumi per capire persone che, alla fine, dicono chiaramente ciò che vogliono, con il basico senso pratico maschile.
    Mentre la sola cosa da fare è chiederci se ci va bene quel che c’è, chiederci come stiamo noi.

  • alessandro pellizzari, 17 Maggio 2024 @ 08:19

    Brava Lei adesso però non rispondergli più e blocca davvero

  • Leilei, 16 Maggio 2024 @ 20:12

    Molly infatti è proprio così, lui ha il coltello dalla parte del manico e quando gli ho detto visto che hai deciso di ricostruire, io chiudo tutti i canali di comunicazione, mi faccio da parte, ti faccio in bocca al lupo e spero che vada tutto bene…ha risposto che non ha deciso niente, che stanno provando e si vedrà se funzionerà.
    Gli ho risposto che la cosa non mi riguarda, che ho tentato di chiudere tante volte e lui è sempre venuto a riprendermi, che adesso basta, io esco di scena e sono questioni loro.
    In pratica voleva tenermi in standby per vedere se funzionava o no.
    Col cavolo, per me uno che dice mi sembra impossibile poter vivere senza di te e poi quando scopre il tradimento prima mi dice di aspettarlo e poi quando gli faccio intendere che io non cambio la mia vita, capisce di provare ancora qualcosa per la compagna, fondamentalmente pensa solo a se stesso.
    Ha avuto anche il coraggio di dire che effettivamente se si sta con due, non si sta veramente con nessuna delle due.
    Ha snocciolato tanti di quei luoghi comuni e di motivazioni assolutamente egoistiche che a tratti mi veniva da ridere.
    E quando mi ha detto abbiamo parlato tanto come non abbiamo mai fatto, affrontato ogni argomento, d’altra parte io non posso fare il moralista perché ho fatto molto di peggio.
    E continui a farlo visto che di lei hai voluto sapere tutto, mentre tu non sarai mai sincero fino in fondo. 7 anni cancellati in 7 ore, buon per lui.

  • Dispersa, 16 Maggio 2024 @ 19:36

    @Mimi gli amanti se la fanno sotto quando vengono scoperti e quando la moglie/marito giocano allo stesso gioco… Perché non è ‘non potere’ ma ‘non volere’!!
    @Cossora grazie ma di base sono molto ma molto emotiva… Il mio amantato mi ha aiutato a conoscere meglio alcune cose di me, ecco perché non lo rinnego, e il voler mettermi in gioco per migliorarmi!!

  • Lia, 16 Maggio 2024 @ 17:01

    @Mimi
    “L’amante di Leilei addirittura ha un’occasione d’oro, può dare la colpa alla moglie ed uscirne pulito, è il lusso può lusso che potesse capitargli per continuare a fare la vittima come ha sempre fatto.”
    Ma che si tratti di uno che si sta approfittando di Leilei è chiaro a tutti!
    C’è anche da dire che a me quella che preoccupa di più in tutta questa vicenda è proprio Leilei e la sua instabilità.
    La stessa Leilei non può porsi come amica, sostenere che si defila perchè non vuole mettere becco fra l’amante e sua moglie, che la cosa non le interessa perchè tanto lei il marito non lo lascerà mai e poi reagire con una rabbia tale che la porta a bloccandolo quando lui le comunica che riprende con la moglie!
    Quello che auguro a Leilei è che davvero stavolta si stacchi definitivamente (cosa di cui dubito fortemente, purtroppo).

  • Viovio, 16 Maggio 2024 @ 16:37

    @Elle
    Purtroppo avevamo ragione sull’ex di Leilei e non so alle altre, ma a me il tuo compagno dà le stesse sensazioni.

    Saro’ estremista, ma delle varie utenti non mi convince nessun uomo raccontato qui!

    @Nara
    Mi dispiace, da parte tua si percepisce un grande impegno nell’affrontare e risolvere i problemi ma del tuo compagno non posso dire lo stesso.
    Fino poco tempo fa vi davate un bacio prima di entrare in terapia, come segno di incoraggiamento ed ora lui si è stancato. E’ anche molto volubile.
    Fai bene a non forzare perché le costrizioni non portano alcun risultato, però questo atteggiamento dovrebbe aprirti gli occhi su di lui.

  • elleelle, 16 Maggio 2024 @ 16:35

    @Nara
    “nemmeno lo giustifico”.

    In realtà sì ma non te ne rendi conto perché sei coinvolta e per motivi che non comprendo, vuoi ricostruire con lui. Per te è normale trovare una spiegazione che giustifichi un certo comportamento. Non ti esce un “Ma guarda ‘sto stronzo!”, che sarebbe più che normale e umano viste le circostanze.
    Ti esce l’atteggiamento accomodante e un po’ “robotico” di chi si è condizionato a fare una certa cosa, non so se mi spiego…
    Ti sembra di fare una bella cosa a non spingerlo, ti sembra di andargli incontro ma non è tuo compito, dovrebbe farlo lui, spingersi lui di sua spontanea volontà perché ha capito che serve e che c’è un obiettivo da raggiungere.
    Invece lui rifugge un ulteriore approfondimento. Ti ha rifilato il solito luogo comune del vivere il presente e il futuro perché gli fa comodo e credimi che i miei occhi hanno toccato il soffitto. La realtà è che non è gradevole vedere ogni volta un’immagine scomoda e negativa di sé e meno spiegazioni dà meglio è, perché non si contraddirà e non usciranno altre cose scomode per lui. Questo te lo avevo già detto in passato e adesso hai la conferma.
    Tu vivi anche il passato perché non hai subíto la lobotomia di cui parlavo in altri commenti. Non puoi dimenticare, puoi solo accettare se lui dà dimostrazioni sufficienti e al momento non lo sono, altrimenti non sentiresti che sei tu quella che deve fare lo sforzo per captare informazioni che lui non dà.
    Cosa peraltro che non è nuova, no? Il tradimento viene da lì, dalla mancanza di voglia di comunicare, non dalla mancanza di capacità, perché quando ha fatto comodo a lui in terapia ti ci ha portato.
    Adesso che con la terapia ti hanno convinto a vedere il tradimento come serviva a lui per essere perdonato, la voglia gli è passata.
    Secondo me non si fanno veri passi avanti se il piatto della bilancia pende sempre da una parte e da quello che dici, nonostante tutto pende ancora dalla sua.
    Fai bene a proseguire la terapia per te stessa e spero che tu riesca a staccarti da lui.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 16:18

    “come riescano a farne mangiare più di una fetta alle donne che hanno di fronte”
    Io mi chiedo perchè invece noi donne ce le mangiamo.
    Non mi convince il semplice ‘perchè siamo in buona fede e loro mentono’.
    C’è un bug da qualche parte dentro di noi che non ci fa scattare una certa lucidità.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 15:49

    Caspita @nara stai vivendo una cosa cui non mi sono mai avvicinata, nemmeno con il pensiero.
    Ti leggerò con interesse perchè davvero non saprei esprimermi in merito. Grazie per la condivisione sono tutta orecchie anzi no: tutta occhi!
    Spero tu stia bene ma non trapelano tremori per il momento, da quel che scrivi!

  • Ariel, 16 Maggio 2024 @ 15:46

    elleelle, 15 Maggio 2024 @ 19:47
    Meno male @elle che finalmente hai capito che non serve a nulla fare le squadrette di calcio amanti verso mogli e viceversa!
    Questo dovrebbe essere capito da tutti gli utenti del blog nessuno escluso!

    Posso capire che inizialmente umanamente possa essere stato spontaneo il tentativo di uno scambio di proprie esperienze e punti di vista ma quando sono mesi e mesi e mesi che ogni tanto ancora si ritorna sempre a guardare gli altri dimenticandosi di proprio caso personale
    E non si parla abbastanza di dipendenze affettive dov’è ancora oggi esistono utenti come @Cosdora che cadono dal pero essendo utenti più vecchie di te di blog vecchie di Blog e che ancora stanno a fare le amanti zerbino FOREVER in attesa dello scarto finale come qui abbiamo assistito per la STRAGRANDE MAGGIORANZA DI UTENTI AMANTI A STECCHE DI ANNI E ANNI

    Nsoma quando NON CI SI STACCA EQUIVALE A DIPENDENZA AFFETTIVA E PUNTO.
    Inutili altre disquisizioni salottiere!

    Chi vuole informarsi seriamente DA ANNI RIPETO PURE QUI SUL BLOG SONO STATI INDICATI SIA DA ALE CHE DA UN SACCO DI UTENTI nomi e cognomi di veri esperti ai quali rivolgersi per minimo informarsi di cosa sia una relazione tossica e cosa sia sempre contenuta da dipendenti affettive e da manipolatori negativi
    Ogni caso ha il suo livello di gravità differente
    Lo si evince da tempo della durata di ogni relazione

  • Nina, 16 Maggio 2024 @ 15:44

    “ne ho parlato con il mio compagno, e ha ammesso, che c’è un dispendio economico importate, sente che si parla sempre delle stesse cose e che lui vuole chiudere quel periodo della sua vita. Punto.”
    @Nara non essere delusa,con te è stato sincero non si è tirato indietro alla tua domanda e alla fine non ha fatto altro che dire che è stanco della terapia, mica di te. In effetti si arriva al punto in cui,dopo aver sviscerato tutto e posto le basi per un nuovo modo di vivere la coppia, continuare a rivangare e mettere puntini sulle i puo’ essere solo dannoso e pesante per la coppia. Bisogna andare oltre,avanti.Anche se magari rinunciare alla stampella del terapista puo’ spaventare.Il dialogo deve tornare ad essere quello di una normale coppia e smetterla di essere il dialogo della coppia che affronta un problema ormai sviscerato a fondo.L’alternativa è lasciar perdere tutto, ma solo se pensi che sia finita. Puo’ essere una cosa utile,se pensi di averne ancora bisogno, proseguire tu da sola la terapia,per mettere a fuoco te stessa,al di la della coppia. La cosa migliore è parlarne sinceramente col vostro terapista(magari se n’è accorto,ma aspetta che siate voi ad affrontare l’argomento),vedrai che lui vi suggerira’ la strada migliore.
    Ancora una cosa…se lui è un uomo che non esterna facilmente i suoi sentimenti non può cambiare un tratto caratteriale cosi’ marcato se non in minima parte(allo stesso modo in cui tu magari non riesci a frenare alcuni aspetti del tuo carattere),quindi o te ne fai una ragione e lo ami cosi’ com’è oppure sei destinata in futuro ad essere continuamente delusa. Pensaci

  • Nara, 16 Maggio 2024 @ 15:18

    @elleelle a me del tradimento non interessa più, sono le dinamiche di coppia che volevo provare a capire. Sono stata tanti anni in terapia e ho avuto anche io il momento di blocco, succede. Ho addossato mille scuse prima con me stessa e poi con il terapeuta. Non lo biasimo. Ma non lo forzo e nemmeno lo giustifico. Come sempre, massima libertà di essere quello che si vuole essere. Ma lui vuole solo vivere il presente e il futuro, io mi lascio ancora influenzare dal passato. La visione (anche questa volta) è opposta. Per me è un percorso in salita, per lui una vita in discesa. La prossima seduta è già prenotata, mi auguro che venga e che ne parli lui.

  • Mimi, 16 Maggio 2024 @ 14:59

    @Molly non ti stupire, te lo diciamo da una vita che confessano solo quando vengono scoperti e messi davanti all’evidenza.

    L’amante di Leilei addirittura ha un’occasione d’oro, può dare la colpa alla moglie ed uscirne pulito, è il lusso può lusso che potesse capitargli per continuare a fare la vittima come ha sempre fatto.

  • elleelle, 16 Maggio 2024 @ 14:54

    @Nara
    ” mi sono stupita che un professionista non abbia colto”

    Non ti stupire invece, perché i terapisti non sono infallibili e non deve essere il terapista a leggere nel pensiero al tuo compagno, deve essere lui a dire che non vuole più fare terapia di coppia.
    Voi lo pagate, il tuo compagno deve avere la maturità e il coraggio di dire che non gli interessa più farla, per sentire l’opinione del terapista e per affrontare anche te e la tua delusione durante la seduta, non a casa sul divano.
    Però si sarebbe aperto un bel vaso di Pandora che magari lui non ha intenzione di aprire.

  • elleelle, 16 Maggio 2024 @ 14:46

    @Nara
    “Mi sono presa del tempo, e credo che proseguirò la terapia da sola, con altre consapevolezze sul mio compagno, unita alla delusione che sono sempre io a dover “captare” le cose e non lui a esternarle in modo trasparente. Non si può forzare una cosa che non si vuole. Il terapeuta aveva comunque accennato alla necessità di “staccare la coppia” ad un certo punto del percorso terapeutico. Chissà se “la coppia” sopravvivrà anche fuori.”

    Mi spiace anche per te, perché ti sei addossata più colpe del necessario e hai di fronte un uomo che dopo averti tradito, invece di sentirsi miracolato perché sei disposta a perdonarlo, si annoia in terapia e non gli va di spendere soldi.
    Mi viene da pensare alla torta di merda di cui parlava Cossora e del come riescano a farne mangiare più di una fetta alle donne che hanno di fronte.
    Pensa bene al suo comportamento, perché secondo me non sta né in cielo né in terra che i tempi e le modalità della terapia di coppia sia lui a deciderli, dopo quello che ha fatto.
    L’uomo forte e di successo di cui parlavi sembra più un bambinetto che l’ha fatta franca e che non vuole andare a scavare ulteriormente. E rischiate che un percorso fatto a metà non venga mai completato.
    Ci sono torte molto buone là fuori, non devi accettarne una che ti delude quando le dai un morso un po’ più profondo.
    Purtroppo avevamo ragione sull’ex di Leilei e non so alle altre, ma a me il tuo compagno dà le stesse sensazioni. Uno che ci ha messo giusto l’impegno necessario per farla franca e adesso pensa di avere già il risultato in tasca.
    Fai attenzione.

  • elleelle, 16 Maggio 2024 @ 14:31

    @Cossora
    “Sii critica sempre. Circolano anche un sacco di cazzate.”

    Cazzate che io non leggo perché avendo una formazione di un certo tipo so dove trovare fonti che non siano scritte da ciarlatani.
    Ci tengo a essere rigorosa da questo punto di vista, per non parlare a vanvera.

  • Nick76, 16 Maggio 2024 @ 13:45

    @Leilei: “Mi ha detto che stanno parlando molto per vedere se c’è spazio di ricostruzione, perchè lui non è più giovane e perchè ha capito che con me non c’era possibilità per un futuro insieme” mi pare di capire che la soluzione è una ricostruzione in nome della convenzione e dell’ipocrisia più totale. Mi chiedo su che basi si pone una ricostruzione che viene fondata su due persone che si tradiscono l’un l’altro e che al primo piccolissimo accenno di difficoltà possono correre tra le confortevoli braccia dei loro rispettivi amanti??? Ai posteri l’ardua sentenza…!!!

  • Molly, 16 Maggio 2024 @ 13:24

    “Mi ha detto che stanno parlando molto per vedere se c’è spazio di ricostruzione…. Ovviamente lei non sa e non saprà nulla di noi. “

    Ovviamente in cavolo! Va là che è un bel furbetto! Parleranno del tradimento di lei e lui ovviamente vuole cadere in piedi e conservare la sua immagine intonsa. Evviva la coerenza!

    Finalmente che potevano essere aperti e sinceri, ha trovato un altro modo per non esserlo.

    Me lo immagino che le dice “Come hai potuto fare una cosa del genere a me che mi sono sempre dedicato alla famiglia?” Sipario!

  • Nara, 16 Maggio 2024 @ 13:13

    Sulla terapia di coppia, così porto un’ulteriore visione: quando io ho scoperto (che poi non avevo scoperto nulla, solo visto una foto per caso in una chat) non avendo avuto spiegazioni su chi fosse e cosa rappresentasse quella “amica” di cui non conoscevo l’esistenza, dopo due giorni di non risposte, ho fatto le valigie e sono andata via. Sono passati i giorni, il silenzio, etc, un primo tentativo dopo settimane di “spiegare”, definendo la cosa un incidente, (mica avevo ancora realizzato che ci fosse stato un tradimento, povera allocca). Poi, pian piano, le prime ammissioni, come fanno tutti, riducendo i tempi e forse il coinvolgimento. Da quel momento poi la telefonata fatidica dell’altra, che mi ha devastato per la cattiveria inutile e gratuita che mi ha riservato, ma mi ha chiarito ulteriormente la situazione. Vabbè prendiamoci dolore su dolore. L’esigenza di andare in terapia è stata del mio compagno, e lo ha fatto da solo, io non ero nemmeno più con lui. Siamo stati ciascuno a casa propria per quattro mesi, nel frattempo avvicinamenti, allontanamenti, delirio, sofferenze per entrambi (altro che porta aperta) e poi, nella consapevolezza che ci stavamo facendo ulteriore male è arrivata la richiesta di farci aiutare. Nessun ricatto, un’esigenza di entrambi. Bene, ormai sono passati mesi, qualche miglioramento c’è stato indubbiamente, ma nell’ultima seduta l’ho guardato e ho capito. Si muoveva sulla poltrona, era distratto, lo sguardo nel vuoto, ha esaurito il suo tempo massimo. Non l’ho voluto “smascherare” con il terapeuta (e mi sono stupida che un professionista non abbia colto), ma dopo ne ho parlato con il mio compagno, e ha ammesso, che c’è un dispendio economico importate, sente che si parla sempre delle stesse cose e che lui vuole chiudere quel periodo della sua vita. Punto. Mi sono presa del tempo, e credo che proseguirò la terapia da sola, con altre consapevolezze sul mio compagno, unita alla delusione che sono sempre io a dover “captare” le cose e non lui a esternarle in modo trasparente. Non si può forzare una cosa che non si vuole. Il terapeuta aveva comunque accennato alla necessità di “staccare la coppia” ad un certo punto del percorso terapeutico. Chissà se “la coppia” sopravvivrà anche fuori.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 12:50

    @elleelle prima non ti sentivi (non ci sentivamo) mortificate. perchè si era a un punto del percorso in cui reggere quelle sfide sembrava doveroso.
    Adesso chi se ne frega, mica abbiamo bisogno dell’approvazione di nessuno. La nostra situazione deve andare bene a noi.

  • Molly, 16 Maggio 2024 @ 12:38

    “on lo avessi obbligato ad un tipo di percorso a lui andava bene rimanere nelle sabbie mobili dell’immobilismo.”

    Ma perché quando uno scrive in commento deve essere quello che lui o lei ha fatto? Anche Cossora si subito lanciata e dedurre conclusioni di come sono andate le cose tra me e mio marito e si è sbagliata. Non ci siete nella mia storia e non potete sapere come sono andate le cose.

    Ho espresso un’idea e non ho affatto detto che abbiamo fatto così. Non pensi che a volte si arriva a formulare un pensiero dopo aver letto tanto e dopo che l’esperienza ti ha cambiato?

    Sono giunta alla conclusione che sia giusto porre i propri paletti e esplicitare quello che si riesce a sopportare e quello che non si può più accettare. Definire i propri limiti invalicabili mi pare una cosa sana che piano piano sto imparando a fare e non ci trovo nulla di sbagliato.

    Quando stabilisci i limiti, in verità offri la totale libertà all’altro e a te stesso, con la consapevolezza che l’altro può fare quello che preferisce ma deve rendersi conto che se una cosa è per l’altro inaccettabile, offensivo, farà quella cosa senza più essere il partner di quella persona. Non è un ricatto. È riconoscere che non so sta in una relazione a tutti i costi.

  • Ariel, 16 Maggio 2024 @ 12:28

    Leilei, 16 Maggio 2024 @ 11:11

    Carissima @Leilei sono davvero dispiaciuta di ciò che stai vivendo ma mi complimento con te perché evidentemente hai davvero molta forza in te stessa che resta sicuro il tuo talento dominante
    Ecco mi piace richiamare tutti al fatto concreto che una FINE in realtà costituisce il PRIMO MATTONCINO che costruisce IL VERO NUOVO INIZIO!!!

    Un inizio percorso per noi tutte di nuove scoperte utilissime che servono per riuscire finalmente a essere e vivere concretamente le vere se stesse

    Il meccanismo in natura resta sempre uguale per tutti
    E cioè FINCHÉ NON CHIUDIAMO LA PORTA CHE CI IMPEDISCE DI VIVERE TOTALMENTE A LUCE DEL SOLE la propria vita

    Resta impossibile APRIRE IL NUOVO PORTONE!!!

    Così cara @Leilei sicuro in questo tuo nuovo percorso sostenuta da psicoterapia vedrai aprirsi veramente qualcosa di così bello e positivo per te stessa!

    Ogni giorno un nuovo passo verso una nuova scoperta del chi sei veramente
    Del cosa sono davvero i tuoi sogni da realizzare

    Progetta già da ora
    Visualizzati già nella nuova tua dimensione

    Non esistono limiti per evolvere ne di età ne di luogo ne di cultura

    Resta a noi stessi la gioia della vera scoperta di quanto siamo stupendi esser viventi pieni di talenti unici ,tutti ancora da scoprire!

    Un grande abbraccio che possa trasmetterti la gioia della tua NUOVA scoperta!…❤️

  • Molly, 16 Maggio 2024 @ 12:27

    “@Molly da come hai scritto su, tuo marito non ha fatto terapia per darti il contentino, ma perchè l’unica alternativa sarebbe stato l’avvocato.”

    Guarda che quando ho espresso il mio concetto non ho detto che io ho fatto così. Non andare subito alle conclusioni. Ho espresso in pensiero dopo aver letto molto.

  • Viovio, 16 Maggio 2024 @ 12:23

    @Leilei
    Hai preso la decisione giusta, mantienila!
    Lui lo abbiamo abbondantemente commentato ed a mio avviso non vale la pena perdere altro tempo parlando di quell’uomo, anche perché è l’ennesima conferma dei vari copia incolla raccontati qui.
    Non soffermarti su quel “ho capito che con te non c’era futuro”, tutte balle, sappiamo benissimo non se ne sarebbe mai andato da casa sua.

    Sono sicura che se manterrai il cds supererai il problema esattamente come e’ successo a noi!
    Un abbraccio

  • Lia, 16 Maggio 2024 @ 12:07

    @Leilei, ti invito a rileggere un mio post in cui ti dicevo che dovevi aspettarti una loro ricostruzione e successivo allontanamento.
    Tutti uguali quando c’è da tirar fuori gli attributi!

  • Beatrice, 16 Maggio 2024 @ 12:02

    Leilei,

    penso tu abbia fatto bene a chiudere, infatti mi è piaciuto molto il commento che ti ha scritto @maribel.

    Questi “rapporti non rapporti” arrivano a un punto in cui hanno poco senso di esistere, a meno che non ci si riesca a spostare sul piano dell’amicizia, ma dovrebbe essere sincera, senza gelosie, rancori o speranze di qualche tipo, ma è molto difficile.

  • Mimi, 16 Maggio 2024 @ 12:00

    @leilei “BLOCCATO e cancellato” finalmente! Sospiro di sollievo corale e via andare, avanti tutta!

  • Mimi, 16 Maggio 2024 @ 11:54

    “La gente chiama dipendenza affettiva una cosa che non vuole ammettere”
    @Cossora io sono giovane, indipendente, vivo da anni lontana dai miei genitori e in quella stessa regione ho chiuso una convivenza e comprato casa da sola, ho un’ottima reputazione lavorativa, molti amici.
    Il mio unico problema è stato la perenne ricerca di approvazione nato dalla mia famiglia d’origine che si è riproposto in tutte (2 o 3) le mie relazioni pre-amantato eppure non sono mai stata dipendente affettiva anzi paradossalmente ho sempre lasciato io per insoddisfazione o noia.
    Invece appena è arrivato il mio ex amante SBAM, capitolata.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 11:44

    @maribel hai ragione.
    Da quando è entrata nella mia vita la mia amica e le ho dato importanza.. lo scoprire passioni simili, viaggiare insieme anche senza aver organizzato nulla, trovarsi per una birra al sole.. ha tolto moltissima rilevanza a lui.
    Lavoro e figli possono non bastare per soddisfare un ambito emotivo e di condivisione, ma per quanto mi riguarda, tolto il sesso.. la sua amicizia non mi fa mancare nulla. Lei e altre due (età e contesti diversi) sono veramente importanti per me, dei riferimenti.
    In questa seconda parte di vita ho scoperto che cos’è l’amicizia e capisco tante cose anche di come è cresciuto lui.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 11:37

    @elleelle non ho scritto che la dipendenza affettiva non esiste.
    Ho detto che se ne fa un abuso a giustificazione di un po’ di tutto.
    Google lo redigono le persone. Non farti abbagliare da tutto. Sii critica sempre. Circolano anche un sacco di cazzate.
    Se uno viene qui e legge alcune utenti.. sono tutti narcisisti e tutti manipolatori.
    Ho rispetto della scienza. Ma non per questo va tirata in ballo come la giustificazione di tutto.

  • elleelle, 16 Maggio 2024 @ 11:33

    @Leilei
    “Grazie a voi di questo blog per il supporto, avevate ragione su ogni fronte.”

    Mi spiace davvero tanto.
    Cerca di lavorare su te stessa, di rafforzare l’idea di chi sei e di cosa vuoi.
    Lui non meritava proprio nulla, gli è già andata di lusso così e adesso il suo futuro sarà macchiato da bugie e dubbi.
    È un pessimo modo di vivere, che però secondo me lui ha cercato fortemente e si merita. Credo che nel prossimo futuro gli tornerà indietro il boomerang per cui fai in modo di non esserci più per lui.
    Coraggio.

  • elleelle, 16 Maggio 2024 @ 11:30

    @Nina1
    ” al mio “non stare così male””

    Io in realtà credo che tu in questa situazione stia malissimo. Da quello che racconti però non hai tanta via d’uscita.
    Secondo me l’unica cosa che puoi fare è parlare con lui e dare anche a lui le responsabilità che è giusto che si prenda.

  • alessandro pellizzari, 16 Maggio 2024 @ 11:26

    Direi tombale per te chiudi tutto definitivamente e svolta pagina

  • Leilei, 16 Maggio 2024 @ 11:11

    Aggiornamento, l’ho contattato per capire. Mi ha detto che stanno parlando molto per vedere se c’è spazio di ricostruzione, perchè lui non è più giovane e perchè ha capito che con me non c’era possibilità per un futuro insieme. Ovviamente lei non sa e non saprà nulla di noi. Mi ha detto che voleva parlarmene da vicino, gli ho detto che non ce n’è bisogno, per me da oggi possiamo chiudere ogni contatto.
    Bloccato, rimosso numero e chat. FINE

    Grazie a voi di questo blog per il supporto, avevate ragione su ogni fronte.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 11:03

    @dispersa sempre calibrata. Mi piace come ragioni, sintetizzi.
    A volte sembra che (come donne) si abbia bisogno di apparire virtuose. Quindi si sopporta, capisce, perdona.
    Come se questo autosabotaggio fosse segno di capacità di amare.
    Chi non ama sopra ogni cosa se stesso, non può amare l’altro.
    Ne ha bisogno, per questo lo accetta sempre.
    Però vuoi mettere il ruolo della donna che si sacrifica, capisce, perdona nel nome dell’amore? Tanta roba.

  • Cossora, 16 Maggio 2024 @ 09:39

    @Molly da come hai scritto su, tuo marito non ha fatto terapia per darti il contentino, ma perchè l’unica alternativa sarebbe stato l’avvocato.
    Quindi, siccome questo aspetto fa tornare molti conti (non credo solo a me) si capisce molto meglio tutto il quadro della tua situazione.
    Adesso non cercare di rettificare perchè sembreresti poco trasparente.
    E’ andata così. Si è cagato sotto (tra l’altro per una cosa che era già chiusa) ed ha accettato la terapia.
    Di buon senso nella sua condizione.
    Lui ha avuto la grazia di poter recuperare in extremis e tu hai avuto quel che volevi, bravi tutti.

  • maribel, 16 Maggio 2024 @ 09:03

    @leilei “Ora è tutto preso dal decidere se credere o no alla sua donna, quindi non ha la testa per rincorrermi. Giustamente deve decidere per il suo futuro, quello delle sue figlie. Se decide di non crederle/perdonarla deve costruirsi un’altra vita, è comprensibile che stia male (non lo invidio). ”

    leilei, lo sai, vero, che lui ha già deciso?
    Più che l’amore potè lo status sociale.

  • maribel, 16 Maggio 2024 @ 08:59

    @leilei
    non riesci a cancellarlo del tutto perchè la tua vita senza di lui comunque ha delle grosse falle e lui in qualche modo ti distrae e ti allontana da quello, in qualche modo ti fa “da anestetico”, ti dà la finta sensazione di avere una via d’uscita, qualcosa “d’altro”.
    tu hai già deciso di non separarti da tuo marito, nel momento in cui lascerai andare anche lui vedrai che il lavoro con lo psicologo prenderà una piega diversa. niente più “intrusi”, la vera leilei sarà SOLA – come quando si nasce: si nasce da soli, no? – che si dovrà sbrogliare da sola i suoi casini interiori, senza palliativi, senza relazioni inutili, senza effetti “placebo”.

  • elleelle, 15 Maggio 2024 @ 20:43

    @Cossora
    “La gente chiama dipendenza affettiva una cosa che non vuole ammettere: non si è mai fatta una vita fuori dalla famiglia/coppia, non è indipendente economicamente, non ha interessi personali e singolari. Piuttosto sta nella brodaglia che conosce tanto bene.”

    No, la dipendenza affettiva è una cosa diversa, non è quello che descrivi tu. Sono altri meccanismi psicologici che entrano in ballo. Possono essere dipendenti affettive donne che hanno un buon lavoro, che sono indipendenti, cha hanno amici e interessi.
    Cerca in rete e troverai la spiegazione corretta. Google is your friend.

  • Ariel, 15 Maggio 2024 @ 20:09

    “Neanche la separazione elimina la dipendenza affettiva. Ci si può separare e continuare a essere dipendenti affettive con il prossimo uomo che si incontra.“

    infatti esattamente così @elle
    La dipendenza affettiva è un modo di comportarsi inconsapevole finché non ci si cura in psicoterapia adeguata ,per cui si tiene lo stesso schema comportamentale verso qualsiasi relazione affettiva dov’è per relazione affettiva significa cn chiunque si tiene una relazione di affetto attiva
    E quindi,si resta ugualmente incastrate in proprio meccanismo comportamentale verso ogni ruolo
    E cioè ad esempio in famiglia come anche madri come amiche come colleghe come conoscenti come ex anche mogli o ex fidanzate

    Questo aspetto del comportamento da dipendente affettivo resta importante conoscerlo perché determina che finché non lo si supera in modo fattivo e cioè durante percorso terapeutico si apportano poco a poco delle vere modifiche comportamentali verso tutti quelli con cui si relaziona,non solo in coppia ma ogni legame affettivo presente

    Così solitamente statisticamente la maggioranza di persone con dipendenza affettiva resta particolarmente empatica di sua nascita propensione gente con alto livello di sensibilità che resta in aggiunta a condizionamento socio culturale sulle Donne che causa anche MACHISMO e diktact Vaticano pensiero, si sono sentite investire dal DOVER ESSERE LO ZERBINO DI CHIUNQUE

    DI DOVER ESSERE MADRI O MOGLI AL SERVIZIO H 24 del o o così detto homo sapiens, ahah permettimi la risata bonaria ..

    Ecco che quindi ,finche non ci si cura con costanza sicuro non solo si ripete in nuove relazioni di coppia ma pure si resta dipendenti anche come sempre stato di chiunque
    Pure degli ex mariti o ex compagni o verso i figli o verso i propri genitori…

    Particolarmente disponibili sempre chi porta dipendenza affettiva fa di più sempre disponibile
    Spesso in buona fede ci si confonde col pensare che andare di accordo con ex per via ad esempio dei figli certamente essere buona cosa ma a
    La dipendenza affettiva si sparge su tutte le relazioni affettive
    Questo occorre ricordarselo fa parte del meccanismo,la dipendenza affettiva resta identica a qualsiasi altra dipendenza agisce con stesso systema nel cervello.

  • elleelle, 15 Maggio 2024 @ 19:47

    Uhhhh @Cossora
    No, niente torte di merda per me, ho già dato.
    Ma ci pensi che orrore sarebbe tornare a partecipare a una gara del genere? Mi sentirei mortificata.

  • Nina 1, 15 Maggio 2024 @ 19:33

    Grazie a tutti per i commenti, cerco di rispondere a tutti quanti.
    @Nick76 non credo di avere tendenze masochistiche, qui soffro molto e soffrire non mi piace, ma per quanto possa essere affaticata o stanca, lo guardo e purtroppo prevale un istinto di accudimento su cui ho lavorato, che per esempio sono riuscita a mettere a tacere nei confronti della mia iper problematica famiglia di origine, e che però non riesco a frenare per quanto riguarda lui.
    @cossora, purtroppo la vita che faccio è molto diversa da quella che vorrei fare e specifico che i miei desideri non sono nulla di stellare, vorrei cambiare luogo in cui vivo e dedicarmi a una passione che sto mettendo in secondo piano. Mi rattrista perché vedo la mia vita scorrere e mi sembra di mancare l’appuntamento con me stessa, eppure tutta questa sofferenza, che è meno acuta ma molto più profonda e grave di quella provata per il mio ex, io non riesco ad agire. Per limiti miei, sicuramente, ma anche per limiti oggettivi. @elleelle, lui non ha parenti che possano aiutare se non anziani genitori che a loro volta hanno bisogno di aiuto (lui è figlio unico). Le possibilità economiche sono quelle che sono e questo nonostante viviamo in modo assolutamente frugale.
    @nina rispetto ai limiti hai ragione, ma è difficilissimo ritagliarsi spazi e non riesco a fare nulla di più.
    Lo so che molti di voi attribuiranno a mio immobilismo e al mio “non stare così male” il fatto di stare qui, sarebbe più facile da spiegare se io potessi dettagliare meglio una serie di questioni.

  • Nick76, 15 Maggio 2024 @ 19:00

    @Molly: “Una persona che davanti a una situazione problematica risponde no a tutte le soluzioni possibili, ha fatto una scelta, quella di rimanere in quella situazione” in pratica stai dicendo che se non lo avessi obbligato ad un tipo di percorso a lui andava bene rimanere nelle sabbie mobili dell’immobilismo. Quindi in pratica il vostro non è stato un percorso cercato e voluto da entrambi.

  • Dispersa, 15 Maggio 2024 @ 18:29

    @Leilei sinceramente… Lascialo andare.
    Anch’io in un momento difficile (lavorativo ovviamente… per lui la cosa più importante della sua vita) gli sono stata accanto, non me la sentivo di lasciarlo solo (ovviamente non ho mai smesso di tenere a lui)… Ora che le cose gli stanno andando super bene ed è tutto preso dal suo nuovo progetto ci si sente così di rado che non lascio più perdere ma andare!!

  • Nick76, 15 Maggio 2024 @ 18:29

    @Elleelle: “Non è masochismo. Nina1 si sente responsabile per il marito che ha problemi di vario tipo e non riuscirebbe a mantenersi da solo. La capisco ed è una sua tendenza quella di farsi carico fino allo stremo.” Da quello che scrive però si evince che è arrivata al limite, quindi ho accetti il tutto e continui per le motivazioni che ha enunciato tu, oppure si deve avere il coraggio di cambiare, perché accettare qualcosa che non ti va assolutamente bene non è una cosa fattibile nel lungo periodo, a meno che come ho scritto non si ha una tendenza masochista…!!!

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 16:29

    Mi sono letta i post dei 4 giorni in cui sono stata via.
    Porca miseria ve le siete date di santa ragione.
    Ragazze.. donne! Ma vi rendete conto che fate la gara a chi ha la torta di merda meno puzzolente?
    Frequento un uomo che tradisce, mente, agisce e organizza cose in modo che la moglie non sappia o quantomeno possa fingere di non sapere .. ma non mi sogno di difenderlo o di dire che è migliore di altri.
    E’ scaltro. Si.
    E’ furbo. Si.
    Va bene. Si, finchè fa stare bene me.

  • Molly, 15 Maggio 2024 @ 14:08

    “Io non lo cerco, ma mi manca il passo successivo, quello di impedirgli di cercarmi”

    Hai verbalizzato una cosa importante @Leilei e su questo dovresti lavorare e chiederti se gli dai il permesso di cercarti perché hai bisogno di sentirti la crocerossina o se ti fa piacere sentirti desiderata, quindi meno crocerossina ma più carezza narcisistica (ricordo che quando te ne ha parlato la tua terapeuta la cosa ti ha un po’ scioccata).

    Un uomo con cui ero in contatto su un altro blog mi disse che aveva lasciato l’amante, stava bene con la moglie con cui avevano ricostruito una buona relazione e davvero desiderava solo avere lei e invecchiare con lei, ma ogni tanto la ex amante faceva capolino (si vede che non sono solo gli ex amanti uomini a tornare), lo contattava anche anni dopo la fine della relazione e lui, anche se non la voleva piú come amante ed era felice e convinto della decisione che aveva preso di restare con la moglie, per un lungo periodo era felice di essere cercato dalla ex e di sentirsi desiderato, finché all’improvviso, all’ennesima comparsa di lei, ha avvertito un improvviso senso di fastidio, di inutilità di quelle conversazioni vuote, di tristezza per un passato di cui non va orgoglioso e l’ha bloccata provando un senso di liberazione e di pace. Per anni non era riuscito a farlo.

    Se hai capito che ormai questo uomo fa parte del passato, sono certa che arriverà anche per te il momento di chiuderlo nel cassetto dei ricordi, ma mentre aspetti, discutine in terapia, cerca di capire che bisogno nutre questa porta aperta, lavoraci su e soprattutto cerca emozioni positive in altre situazioni che possano avere un futuro.

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 13:48

    @ale se a 50 anni hai ancora dipendenza affettiva sei seriamente nei pasticci.
    Pure se confidi nella speranza, dopo i 50 anni.
    La gente chiama dipendenza affettiva una cosa che non vuole ammettere: non si è mai fatta una vita fuori dalla famiglia/coppia, non è indipendente economicamente, non ha interessi personali e singolari. Piuttosto sta nella brodaglia che conosce tanto bene. La maggior parte delle persone molto prima dei 50 anni pensano ‘ormai è tardi’.
    E’ paradossale ma è sempre convenienza.

  • elleelle, 15 Maggio 2024 @ 13:41

    @Leilei
    “ma mi manca il passo successivo, quello di impedirgli di cercarmi.”

    Digli la verità.
    Digli che ti ha svalutato così tanto e se ne è approfittato così tanto che non lo vuoi più sentire né vedere.
    Comunicagli che la sua reazione al tradimento della moglie e il fatto che te l’abbia sbattuta in faccia senza la minima delicatezza ti ha dato la misura di quanto poco vale come persona.
    Poi lo blocchi, come abbiamo fatto tutte.
    Se non lo fai adesso che brucia e disgusta, più avanti ti sarà passata e appena avrà stabilizzato le cose con la moglie, rientrerà dalla porta che gli hai lasciato aperta. Sai bene che non è la prima volta ma una costante nella vostra relazione
    Devi pretendere un po’ di orgoglio e forza da te stessa, senza azzerbinarti anche stavolta. Cossora ti ha detto giustamente che sei un giochino tra di loro e non credo che sia un ruolo che tu debba accettare.

  • Molly, 15 Maggio 2024 @ 13:40

    “Qualsiasi cosa si debba fare deve essere qualcosa di voluto, ma voluto davvero, non si può ricattare qualcuno per instradarlo in qualcosa che non sente o non vuole.”

    Immaginavo che ci sarebbe qualcuno che avrebbe interpretato negativamente. Sono perfettamente d’accordo che la terapia fatta solo per dare il contentino è una totale perdita di tempo e che deve essere scelta perché sia efficace.

    Io non lo sto dicendo come ricatto, come minaccia, ma come richiesta di trovare una soluzione. Se non c’è il desiderio di trovare una soluzione, l’unica soluzione che resta è la separazione e questo non è un ricatto, ma l’unica altra possibile soluzione. Non ne vedo altre. Ma ci vuole sincerità e una presa di posizione. Una persona che davanti a una situazione problematica risponde no a tutte le soluzioni possibili, ha fatto una scelta, quella di rimanere in quella situazione e vorrebbe obbligare l’altro ad accettarla. Ovviamente l’altro a quel punto o se ne sta, o chiude la relazione perché a quelle condizioni non ci riesce più a stare. E ti assicuro che quando hai davanti non una persona bisognosa, ma una persona che sa quello che vuole e quindi non resta nel matrimonio a qualunque condizione ma mette dei paletti, stabilisce cosa è in grado di accettare e cosa no, e piuttosto si separa, ti assicuro che spesso è uno shock per l’altra persona che diventa una motivazione sufficiente per provare qualcosa che non avrebbe scelto ma che alla fine capisce essere l’ultima carta. Se funziona bene e se non funziona amen!

    Se invece l’idea di perdere l’altro non smuove minimamente la propria posizione, ti sembra un ricatto che l’altro decida di chiudere? A me sembra una sana decisione, ma l’altro deve essere consapevole che la scelta dipende dalla propria scelta di non fare i necessari cambiamenti facendosi aiutare. Ci deve essere totale libertà sapendo che ci sono delle conseguenze.

  • elleelle, 15 Maggio 2024 @ 13:33

    @Nick76
    “A meno che non si ha un istinto masochista…!!!”

    Non è masochismo. Nina1 si sente responsabile per il marito che ha problemi di vario tipo e non riuscirebbe a mantenersi da solo. La capisco ed è una sua tendenza quella di farsi carico fino allo stremo.
    Dovrebbe lavorare su questo e il consiglio dell’altra Nina di farsi rispettare e mettere dei limiti secondo me ha senso.

  • alessandro pellizzari, 15 Maggio 2024 @ 13:27

    O una dipendenza affettiva. O la speranza

  • Leilei, 15 Maggio 2024 @ 12:58

    Ariel il supporto ce l’ho, anche se solo una volta al mese, ma non è che mi possa fare il lavaggio del cervello.
    Sono assolutamente cosciente del fatto che questa persona non abbia un buon ascendente su di me, che ha esaurito il suo compito perchè non riesce più a darmi quello di cui avevo bisogno. Io non lo cerco, ma mi manca il passo successivo, quello di impedirgli di cercarmi.
    Ora è tutto preso dal decidere se credere o no alla sua donna, quindi non ha la testa per rincorrermi. Giustamente deve decidere per il suo futuro, quello delle sue figlie. Se decide di non crederle/perdonarla deve costruirsi un’altra vita, è comprensibile che stia male (non lo invidio). In pratica negando tutto, lei ha rimesso nelle sue mani la decisione sul futuro di tutta la famiglia.
    Approfitterò di questo periodo per aumentare le distanze.

  • Nick76, 15 Maggio 2024 @ 12:48

    @Cossora: “I matrimoni si fanno saltare perchè sono d’intralcio alla vita che si vuol fare, mica per amore. L’amore è troppo debole come motivo, volubile.
    Probabilmente la vita che vuoi fare non è così diversa dalla vita che fai già.
    Tutto qui.” Esatto!!! Ognuno può lamentarsi quanto vuole, ma se ci rimane in una situazione vuol dire che quantomeno una convenienza la trova, altro che amore…!!! A meno che non si ha un istinto masochista…!!!

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 11:26

    @nina1 finchè ciò che vivi ti sarà sopportabile, rimarrai li.
    I matrimoni si fanno saltare perchè sono d’intralcio alla vita che si vuol fare, mica per amore. L’amore è troppo debole come motivo, volubile.
    Probabilmente la vita che vuoi fare non è così diversa dalla vita che fai già.
    Tutto qui.
    Per me è la stessa cosa, per il mio amore anche, per sua moglie probabilmente. Se uno sta a posto così.. va avanti così!

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 11:08

    “distrutto ma vuole crederle”
    Quindi lei .. si sta difendendo? Giustificando? Scusando?
    Quindi lei vuole stare con lui.
    Niente separazione.
    @leilei lo scrissi due o tre anni fa: sono loro che giocano con te. Sei il loro gingillo ma il fine unico è quello di stare insieme.

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 11:05

    “l’ultima carta da giocarsi prima di andare dall’avvocato” suona come una minaccia.

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 11:01

    @nina, @elleelle se lui chiudesse penserei che non mi ama più. Non che non mi abbia mai amata.
    Se lui ricostruisse dopo penserei che per qualche motivo non gli serva più soltanto ‘stare’ ma anche iniziare ad applicarsi. Ma non riesco a figurarmi come potrei mai sapere che sta ricostruendo visto che sono assenti da tutto e qualsiasi informazione riguardo loro due (salvo le normali confidenze che fa a me ma in qunato confidente) è pressochè inesistente.
    Io non spio mai, ma non ci sarebbe nulla da spiare.
    Non credo possano ricostruire, credo che non sia mai stato distrutto nulla. E’ una famiglia sociale, lo ripeto. Entrambi vengono da una diversa (dalla mia) educazione sentimentale. Per lui gli amici sopra ogni cosa, e la fidanzata/moglie sempre di ‘contorno’ a tutto il resto. Dice che se mi avesse conosciuta prima sarebbe andato così fuori di testa (tra sesso e sentimento) che non avrebbe vinto niente, costruito meno. Oppure io lo avrei mollato dopo un po’ perchè aveva veramente troppe cose da fare.
    Non posso dire che si sbagli.
    Ma tanto ragazzi.. sappiamo solo come sono andate e come vanno le cose, non come ‘sarebbero andate’.
    Come vanno ora, per me, è perfetto.

  • Nick76, 15 Maggio 2024 @ 11:00

    @Molly: “È vero che molti mariti sono esitanti all’idea di fare terapia di coppia ma se si spiega loro che è l’ultima carta da giocarsi prima di andare dall’avvocato è probabile che lo shock faccia cambiare loro idea.”
    In questo pensiero a mio avviso c’è tutto quanto di più sbagliato ci possa essere per cercare di rifondare un rapporto che ormai non c’è più. Qualsiasi cosa si debba fare deve essere qualcosa di voluto, ma voluto davvero, non si può ricattare qualcuno per instradarlo in qualcosa che non sente o non vuole. È chiaro che per convenienza e quieto vivere si accetta di fare cose che non si vogliono fare, ma alla lunga poi, tutte questi percorsi imposti o autoimposti iniziano ad opprimere dall’interno l’individuo che cerca sollievo fuori dalla cabbia dorata in cui vive. In conclusione le cose si fanno solo se sono sentite dal nostro profondo o altrimenti la conversione e il quieto vivere alla lunga fanno solo danni e portano perdite di tempo tra due persone che vivono un rapporto di facciata…!!!

  • Cossora, 15 Maggio 2024 @ 10:37

    Buongiorno ragazzi e ragazze del blog, io rientro dalla vacanza con lui e.. vedo che ci sono parecchi movimenti sul blog. Dopo mi aggiorno ma spero stiate bene.
    Cronaca: sono stati quattro giorni belli, non c’è altro da aggiungere. Quando siamo insieme mi rendo conto (me lo fa notare lui e io concordo) che diventiamo una cosa sola, anche come amicizia, come sintonia. Mi sono mancati i miei figli, ma i week end lunghi sono abituata a non vederli. Uscire dalla realtà h24 per qualche giorno mi fa sentire nostalgia di casa e della mia quotidianità. Lui sembra invece più felice della ‘fuga’. Malinconico nei ritorni. Moglie e figlio meno presenti del solito (scuola e lavoro fanno molto). Al bisogno ‘faccio una telefonata’ prima di congedarsi qualche minuto. Tutto fluido, tranquillo. Anche i ritardi o gli imprevisti, non si innervosisce, avvisa e pace. Non ho chiesto cosa abbia detto per questi 4 giorni ma sentivo che diceva dove era quindi suppongo sia stata l’occasione di agganciare il week end a un appuntamento.
    Lato mio tutti sapevano tutto.

  • Molly, 14 Maggio 2024 @ 22:04

    ” l’unico modo per evitare di finire a zerbino è rispondere ad ogni attacco dicendo “questo è un tuo problema,non mio se non ti va di darti da fare per risolverlo io non posso farci niente,ma non intendo vivere al tuo servizio” e ti fai la tua vita ignorando le reazioni,purché non siano violente,mantenendo l’accudimento indispensabile(mi pare di aver capito che ha problemi di salute).”

    Mi sembra un sensatissimo consiglio, @Nina.

  • Nina, 14 Maggio 2024 @ 18:42

    “Ho provato, come alcune di voi suggerivano, a ritagliarmi qualche spazio mio, ma non funziona. Mio marito si sente comunque trascurato, basta che io stia fuori qualche ora in più e fa i capricci”.
    Nina1 da cosa ho capito per il momento non puoi far altro che restare in casa con lui,mi spiace veramente per questa situazione difficile.Non so quanto ti possa servire il mio consiglio,ma con queste persone, per esperienza(non mio marito),ho visto che l’unico modo per evitare di finire a zerbino è rispondere ad ogni attacco dicendo “questo è un tuo problema,non mio se non ti va di darti da fare per risolverlo io non posso farci niente,ma non intendo vivere al tuo servizio” e ti fai la tua vita ignorando le reazioni,purché non siano violente,mantenendo l’accudimento indispensabile(mi pare di aver capito che ha problemi di salute).Finche’ con i “capricci” ottiene quello che vuole non cambierà mai.Quando capira’ che non ti lasci scalfire dalle sue pretese e ti rifiuti di discutere forse potrebbe prendere in considerazione l’idea di ascoltare anche le tue esigenze e magari venirti incontro,se non lo farà avrai comunque reso noto che i tuoi spazi non sono negoziabili.Il trucco è non lasciarli discutere e non rispondere alle provocazioni. Gli confermi solo una volta che sei ferma nella tua decisione e poi cambia stanza o esci.Ricordati tu a lui non devi rendere conto di niente, il problema è suo e se non vuole risolverlo non deve diventare un tuo problema.

  • Ariel, 14 Maggio 2024 @ 17:07

    @Leilei
    Ma cerca con terapia di supporto a Staccarti definitivamente da lui !
    Insomma perché ti presti in ogni caso a restare dentro a vero incastro TOSSICO?
    Approfitta del fatto che ,ammesso sia vero quello che ti racconta ,occorre che tu non ti defili ma proprio lo escludi per sempre da tua vita

    No necessario dirgli una parola di più
    Necessario per tua salvezza di salute psicofisica NO CONTACT PER SEMPRE!!!

    Altro che defilarsi restando però nel solito zerbino di casa sua nascosta ad aspettare non si sa Bene cosa

    Cara @Lelei staccati per sempre!!!
    Altrimenti continuerai ad essere USATA anche solo che come DISCARICA EMOTIVA ma lui resta chiaramente un vero Nanipolatore negativo

    Staccati per sempre !!!

  • elleelle, 14 Maggio 2024 @ 16:52

    @Ariel
    Se io ti dicessi che ho ricostruito con mio marito, ti farebbe sentire meglio? Ai tuoi occhi smetterei di essere una dipendente affettiva?
    Perché è un ragionamento che io non riesco a seguire.
    Una ricostruzione non è necessariamente un percorso in cui la dipendenza affettiva viene automaticamente negata. Anche se viene rivelato il tradimento, la dipendenza affettiva può essere comunque presente.
    Neanche la separazione elimina la dipendenza affettiva. Ci si può separare e continuare a essere dipendenti affettive con il prossimo uomo che si incontra.

  • Molly, 14 Maggio 2024 @ 15:15

    “Perché non gli parli apertamente e gli dici cosa non vuoi? E fare terapia di coppia?“

    È vero che molti mariti sono esitanti all’idea di fare terapia di coppia ma se si spiega loro che è l’ultima carta da giocarsi prima di andare dall’avvocato è probabile che lo shock faccia cambiare loro idea.

  • Molly, 14 Maggio 2024 @ 15:11

    Per @Nina1

    Anche io leggendo il tuo scritto mi sono sentita mancare l’aria. Io comprendo che tuo marito è una persona disturbata e molto possessiva che riesce a fare leva sui tuoi sensi di colpa ma secondo me è proprio su questo che dovresti lavorare perché non hai bisogno di sentire nessun senso di colpa per vivere senza essere annullata dalla sua presenza. Non ricordo ma tu hai un professionista che ti supporta perché il lavoro che diceva Giulia secondo me è importante e fattibile anche per te.

    Come disse un mio capo al lavoro “per ogni problema esiste una soluzione”. Sono certa che la puoi trovare anche tu.

  • elleelle, 14 Maggio 2024 @ 15:09

    @Ariel
    Rileggi quello che scrivi e capirai perché ti ho fatto quel commento. Hai un atteggiamento molto diverso nei confronti di amanti e mogli.

  • Molly, 14 Maggio 2024 @ 15:08

    “Però se è stato perdonato il marito si deve perdonare anche l’amante, il perdono selettivo è assurdo e nasconde altro.”

    Io personalmente conosco una sola visione del perdono che implica necessariamente PER ME offrire una possibilità all’altra persona che mi ha offesa di ripartire e lasciare al passato ciò che è stato.

    Sinceramente questo l’ho potuto fare con mio marito ma assolutamente non lo posso fare con la sua ex perché non ho da darle nessuna possibilità e nemmeno lo voglio. Cosa le dovrei perdonare? Di aver provato il tutto e per tutto a tirare l’acqua al suo mulino? Di essere stata invadente? Di aver sperato che ci lasciassimo e di aver fatto di tutto perché accadesse, anche ferendo me in modi che non intendo spiegare, perché aveva capito che da lui non avrebbe ottenuto quello che voleva ma insisteva? Perché dovrei? Io perdono le persone con cui ho a che fare e con cui voglio continuare ad avere un rapporto. Non sono Maria Teresa di Calcutta che perdona tutti. Perdono per me è “fare un dono” all’altro e a me stessa di poter vivere in pace con quella persona nella mia vita.

    Per me lei può essere felice ma che si tenga lontana da mio marito e da me!

  • elleelle, 14 Maggio 2024 @ 15:06

    @Leilei
    “Lui distrutto”

    Distrutto da cosa?! L’ha tradita per 8 anni, continuava a tampinarti, cercarti, scriverti!
    Dicci la verità, Leilei, non ti fa un po’ schifo? Non ti sembra lo stereotipo vivente dell’uomo che può tradire per anni ma che la moglie non si permetta perché se no lui ci resta male?
    Per me è un uomo incommentabile e che lui riesca ancora a comunicarti gli sviluppi della telenovela vuol dire che non l’hai ancora bloccato, come invece meriterebbe.
    Te la passiamo perché poi riferisci qui e ha un valore educativo perché alle vergogna non c’è mai fine e chi legge deve saperlo.

  • Leilei, 14 Maggio 2024 @ 13:33

    Aggiornamento, come prevedibile dopo che lui le ha aperto il libro, lei ha negato.
    Lui distrutto ma vuole crederle (fa molta paura cambiare vita e ricominciare da soli), ora inizia il processo di disamina delle prove, a cui lei dovrà rispondere per ogni singolo punto. Io mi sono defilata dicendo che sono cose che non mi riguardano su cui non voglio nemmeno essere informata.

  • elleelle, 14 Maggio 2024 @ 11:58

    @Nina 1
    Avevo scritto un commento ma non è passato.
    Provo a parafrasare.
    Purtroppo hai a che fare con un uomo che ti sta manipolando e opprimendo, facendoti sentire in colpa per cose normalissime come portar fuori il cane.
    Secondo me dovresti parlargli e se non ottieni nessun risultato, pensare alla possibilità di separarti.
    È orribile sentirti dire che sei morta dentro, perché non è giusto e tuo marito non ha nessun diritto di farlo.
    Separarsi sarà sicuramente difficile ma non puoi buttare via la tua vita per un uomo che vuole tutta l’attenzione su di sé e non ti lascia respirare.
    Hai detto che lui ha una famiglia che ha scaricato ogni responsabilità sulle tue spalle e neanche questo è giusto. Anche loro devono prendersi parte del peso e darti una mano.
    Però lo possono fare solo se glielo dici chiaramente, per cui dovresti parlare anche con loro.

  • Ariel, 14 Maggio 2024 @ 11:46

    @elleelle

    Ecco cara elle per completare il mio pensiero ed osservazione scientifica
    La dipendenza affettiva certamente si riesce a superare in massima parte ma per poter dire ne sono uscita davvero occorre la osservazione di se stessi e cioè ad esempio

    Del come si vive la propria situazione post vari fallimenti affettivi dove il termine fallimento esprime il non aver funzionato aldilà dei motivi e delle precise responsabilità individuali.

    Ora dopo aver avuto diversi fallimenti affettivi come si vive nel presente dopo aver fatto terapia adeguata?

    Ecco apparire analisi ancora diverse per modus vivendi differenti
    Alcuni come te vivono ancora in separati in casa ,( non lo scrivo come un appunto o giudizio) ma come una vera realtà abbastanza diffusa e che esprime una buona ipotesi del non essere ancora davvero in una nuova vita autonoma soprattutto psicologica

    Come mai non ci si stacca dal coniuge non per mesi ma per anni e anni?

    Questa cosa lo stesso Ale non ce ne parla come un qualcosa di veramente equilibrato in autostima come ancora una traccia di insicurezza personale alla quale spesso si preferisce dare motivazioni che possano GIUSTIFICARE A SE STESSE la scelta del me la vivo così meglio di GNIENTE ciò il marito che non ci facciamo male anzi il mutuo soccorso la apparenza per i figli ( così ne parlano anche alcune scuole di psicologi)

    Molte ex amanti sono RITORNATE A OVILE DISTRUTTE DA ABUSI PSICOFISICI PROVENIENTI DA ESPERIENZE NEFASTE DI AMANTATO CON VERI STRONZI GALATTICI e alcuni NARCIO BORDER DELETERI

    Insomma questo lo ho scritto per dire che analisi più realistiche deve essere fatta concentrandosi su se stessi e sul a che punto sono?

    Chi voltato pagina libro in nuova casa nuovo lavoro nuova vita pure in solitaria e cioè staccandosi da ogni relazione di amante o moglie chiaramente dipendente

    È già concretamente in via di vero superamento della dipendenza affettiva

    Ma guarda che io che vivo vita tutta nuova e pure con nuovo compagno ormai vecchi o perché siamo insieme da tre anni ,nonostante ciò

    Resto vigile ma non su di lui ma su me stessa!!!!!

    La dipendenza affettiva si supera ma a percorso come qualsiasi droga occorre sempre monitorarsi fare attenzione a se stesse fare dei richiami di terapia darsi da fare esattamente come un ex drogato di qualsiasi dipendenza si sia trattato

    Non aiuta fare le pulci a categoria amanti o mogli ma più sul proprio caso dove ripeto essere risolte al 100/100
    Non esiste!,,
    Vivere per imparare a vivere!!!
    E questo è un impegno di una vita intera!

  • Ariel, 14 Maggio 2024 @ 11:28

    @elleelle
    Cara elle mi stupisce che tu mi scriva richiamando alla attenzione sul meccanismo dipendente affettiva che ripeto sono stupita che tu non ricordi che tutto il Blog da anni é pieno strazeppo di miei commenti pure recenti da che scrivi tu proprio sul fatto che le relazioni tossiche con presenza di amantato sicuro resta più che ipotizzabile una forma di dipendenza affett Riferita NEI CASI IN CUI LA AMANTE di solito la donna per ANNI È ANNI NON RIESCE A STACCARSI
    Seconda dei casi
    Abbiamo
    Donne amanti che non riescono a staccarsi dal marito e nemmeno da amante
    Donne mogli che perdonano troppo nel significato del non riuscire a mettere veri paletti a difesa di propria autostima in equilibrio

    Lo ho scritto per Kilometri qui sul Blog
    E infatti non è un caso Che esistano mogli che perdonano dopo anni e anni di tradimento fiducia
    E di comportamenti da parte di marito e sua amante da vere denunce per stalking e vere azioni a danno violenza psicologica ( es i casi dove amante donna si intrufola con moglie del suo amante
    Fa amicizia cosucce così come qui si leggono

    Insomma quando cerco di RICHIAMARVI A GUARDARE IN SE STESSE EQUIVALE ANCHE al fatto concreto che la Dipendenza affettiva sé non curata o male curata produce comportamenti lesivi
    Si passa da parte del torto marcio e in alcuni casi in paesi dove vivo si viene denunciati penalmente per violenza psicologica truffa emotiva che contempla appunto il aver frequentato la casa famiglia figli compresi della moglie del proprio amante

    Insomma elle elle mi sorprende che ANCORA RESTI ATTACCATA A SQUADRETTE DI CALCIO!!!!

    Non è la prima volta che mi segnali senza una vera Realtà ,che qui presente sul Blog piena del mio sgolarmi a dire che ciò che aiuta davvero NON È ANALIZZARE MOGLI O AMANTI
    MA ANALIZZARE LA PROPRIA DIPENDENZA AFFETTIVA che non passa in un giorno e nemmeno in un anno o anni

    Dipende da propria vera realtà concreta del proprio vivere nel presente

    Spezzo il commento,continua..

  • Nina, 14 Maggio 2024 @ 09:43

    “Però se è stato perdonato il marito si deve perdonare anche l’amante, il perdono selettivo è assurdo e nasconde altro.”
    @Ellelle sono d’accordo con te.
    So che probabilmente la ex di mio marito non se ne fa niente del mio perdono, ma per andare avanti io,per poter vivere serena,ovvio che ho “perdonato” anche lei. E per perdono,come per mio marito intendo che ho cercato di capire i motivi del suo comportamento, ne ho preso atto e ho “digerito” la faccenda. E pur non dimenticando quello che è successo, perché ormai fa parte del mio vissuto(ma poco ormai dei miei pensieri), ho lasciato andare il rancore e non è stato facile.Credo che leggendo quello che ho scritto finora si possa capire abbastanza chiaramente. Quindi si @Nike ho pensato anche io quello che hai scritto tu in merito.Certo che a differenza di mio marito, per il quale nutro un sentimento forte ed ora anche piu’ “pulito” ( prima era amore misto a dolore ora non piu’),per lei non provo sentimenti di affetto, se non un briciolo di rimpianto per quell’amicizia in cui avevo creduto( e a volte me ne stupisco…è strano).Solo sono certa di non avere nessun desiderio di vederla o incontrarla,perché onestamente non avrei proprio nulla da dirle e preferisco che le nostre strade non si incrocino piu’.

  • Mimi, 14 Maggio 2024 @ 09:31

    Per concludere il discorso, visto anche il commento di @Ellelle che ho trovato dopo, aggiungo questo: noi avevamo vite private completamente differenti come ambienti, abitudini, conoscenze quindi eravamo già facilitati nel non incrociarci ma se, faccio un esempio, sapevo che erano soliti andare a fare una passeggiata al nel posto xyz nel weekend io evitavo semplicemente di andarci. Non mi sono mai privata di nulla di cui avessi necessità ma ho sempre prestato attenzione e cercato alternative quando possibile, mentre lui giocava a fare il funambolo.

    Se non avessi preso la decisione di andarmene di casa mi avrebbe manipolata per far entrare anche il mio ex compagno in un gioco perverso di provocazioni e sgarri, qualche avvisaglia da “se ami me e non lui allora lo devi fare” l’avevo avuta ma io ormai ero già psicologicamente spacciata .
    Sono felice di essere stata in primis coerente e di averlo lasciato ma soprattutto di averlo protetto da tutto quello che sarebbe sicuramente successo se avessi anche solo temporeggiato un altro po’.

  • Viovio, 14 Maggio 2024 @ 09:31

    @Nina1
    Tuo marito ha solo te? Mi spiego meglio, non ha una famiglia oppure degli amici con cui poter parlare e chiedere aiuto? Se conoscessero anche la tua versione magari capirebbero meglio la situazione. Se la conoscono già e se ne infischiano a mio avviso dovresti perseverare nel prenderti i tuoi spazi, mi è mancata l’aria solo a leggerti 🙁

  • Viovio, 14 Maggio 2024 @ 09:20

    @Ale @ragazze
    Non so se pubblicherai, però usare parole così forti e piene di sdegno come “porcate” quando si parla di tradimento, questo non mi sembra il luogo più indicato. A maggior ragione se lo dice chi sostiene di aver perdonato il marito che le ha commesse.
    Non esistono aggettivi positivi per descrivere un amantato e tutte le azioni che si mettono in atto per portarlo avanti nel tempo;
    però come ha scritto qualcuna, spesso e volentieri la disperazione e la manipolazione portano a fare/dire cose che in condizioni normali non faresti mai! E ricordiamo che nella maggior parte dei casi sono proprio gli amanti a portarti al limite.
    Secondo me un po’ di delicatezza non guasterebbe.
    Sono convinta esistano blog di mogli tradite dove ci si possa sbizzarrire con questi termini, ma sicuramente non si prova la Stessa soddisfazione.

  • Giulia, 14 Maggio 2024 @ 09:13

    @Nina 1, sono d’accordo con @Alessandro: devi parlargli apertamente. Per quanto riguarda la mia esperienza, la scorsa estate ho deciso di fare dei colloqui con la psicologa in un periodo in cui sembrava non riuscissi a trovare la strada, la mia e quella di un matrimonio minato da un tradimento (il mio nei confronti di mio marito). Proposi a mio marito terapia di coppia e, come già sapevo, non ci fu verso di convincerlo. Così, ho provato con l’aiuto della psicologa a raddrizzare il rapporto con lui, cambiando io per prima il modo di approcciarmi e relazionarmi. Il consiglio migliore che potesse darmi la psicologa è stato: sei tu che devi cambiare nel rapporto e approcciarti in modo diverso con tuo marito, il resto verrà di conseguenza. Da lì piano piano, tra litigi e discussioni, è cambiato anche mio marito. Certo, aveva voglia di farlo, ci ha messo l’impegno per cambiare certe cose e certe “aderenze” che nel matrimonio resistevano da anni. Il tradimento mi ha cambiata, dopo il tradimento sono cambiata ulteriormente. Ho vissuto una rivoluzione dentro di me, mio marito è stato costretto a cambiare anche lui per salvare il matrimonio. Come per tutti i terremoti, ci sono scosse di assestamento, anche molto violente, e poi ci deve essere la voglia, ma anche le basi per ricostruire. Non siamo arrivati alla fine, ancora mi sento in fase di ricostruzione, ma tante cose sono migliorate.

  • Mimi, 14 Maggio 2024 @ 08:49

    “mi chiedo se non volesse proprio essere scoperto, anzi, se sperasse in qualche situazione al limite, scenate di gelosia o simili che lo facessero sentire al centro…”
    @Giulia il mio ex amante all’inizio era cautissimo al limite del paranoico ma quando sono andata a vivere da sola ha iniziato a diventare sempre più ingordo al punto di mentire in modo sempre più estremo e spesso ero io a farlo ragionare perchè non volevo shitstorm inutili. Con terapia&senno del poi ho capito che lui voleva proprio quello: tempeste di m***a, lotte nel fango tra me e lei, scenate di gelosia, riflettori puntati.
    Nel suo picco massimo di bisogno di teatralità arrivò a propormi di andarlo a trovare in un certo posto nel quale ci sarebbe stata la possibilità di trovare anche lei, che ormai sapeva bene chi fossi e che faccia avessi. Io all’epoca, da ingenua, pensavo me l’avesse proposto per piacere di mostrarmi quella realtà di cui io non potevo far parte fisicamente ma nonostante il bel pensiero mi ero categoricamente rifiutata. Ad oggi so che me lo aveva proposto non per amore ma per egocentrismo, per volersi pavoneggiare in quell’ambiente e per provare il brivido di non sapere se ci sarebbe stata lei o meno e nella migliore delle ipotesi ci avrebbe guadagnato pure un catfight eccitante perchè mi avrebbe azzannata alla gola.
    Per fortuna ho lasciato il mio ex compagno dopo pochi mesi dall’inizio dell’amantato altrimenti penso che si sarebbe comportato come ha fatto il tuo cercando di coinvolgere anche lui.

  • Viovio, 14 Maggio 2024 @ 08:45

    @Molly
    Lo so che ti piace girare la frittata ma io non ho la costanza di @elleelle a ribadire le solite cose.
    Leggi bene il mio commento, non ho mai detto che mio marito non sa del tradimento e’ molto diverso da quello che sostieni. E dire che l’ho scritto più volte ma forse certi dettagli ti sfuggono…
    Io ricordavo fossi stata tu a chiedere una pausa per dargli il tempo necessario a metabolizzare la chiusura con la sua amante, inoltre serviva a te stessa per decidere cosa fare. Ci vorrebbe la memoria storica di @elle, ma può darsi mi sia confusa.

  • elleelle, 14 Maggio 2024 @ 08:23

    @Ariel,
    Non capisco perché ti appelli sempre alla scienza ma poi nei tuoi discorsi sulla dipendenza affettiva tiri in ballo solo le amanti donne.
    L’uomo che si scopiazza l’amante dipendente affettiva è lo stesso che poi si scopiazza la moglie.
    Perché non includi anche loro nei tuoi discorsi?
    In fondo la dipendenza affettiva esiste eccome anche tra di loro e sarebbe utile cominciare a sottolineare i meccanismi malsani che si mettono in moto, altrimenti dai alle mogli tradite ulteriori scuse per pensare che il marito era preda di una fase di confusione in cui non era più sé stesso. Invece sai benissimo che non è vero, che questi uomini sono nel pieno delle loro facoltà mentali mentre tradiscono e manipolano due donne.
    Perdonare e giustificare tutto, addossare le colpe a sé stesse e all’amante, prendersela se il marito viene criticato altro non sono che manifestazioni di dipendenza affettiva.
    Un uomo che rende dipendente affettiva un’amante lo fa anche con la moglie, perché non dirlo chiaramente?
    Inoltre dovresti usare gli stessi toni forti di esortazione a lasciare il cialtrone che usi con le amanti, altrimenti diventi ingiusta nei confronti di una parte e basta e non sei più credibile ma ripetitiva.
    Per me la dipendenza affettiva esiste ed è una cosa seria, che crea un’enormità di problemi ma non mi può star bene che questo discorso venga fatto solo per una categoria di donne. Deve essere fatto per tutti e tutte.

  • alessandro pellizzari, 14 Maggio 2024 @ 07:28

    Perché non gli parli apertamente e gli dici cosa non vuoi? E fare terapia di coppia?

  • alessandro pellizzari, 14 Maggio 2024 @ 07:20

    No si eccitava e basta all’idea si gonfiava narcisisticamente e aveva zero moralità etica e rispetto innanzitutto persua moglie

  • Nina 1, 14 Maggio 2024 @ 00:10

    Cari tutti, ogni tanto torno a fare capolino e a darvi un saluto. Grande Puffo sembra tornato finalmente nella sua fogna dopo un paio di riapparizioni, e bene che va.
    Situazione a casa. Sempre male. Ho provato, come alcune di voi suggerivano, a ritagliarmi qualche spazio mio, ma non funziona. Mio marito si sente comunque trascurato, basta che io stia fuori qualche ora in più e fa i capricci, è geloso pure del cane e del lavoro, perché è tutto tempo che sottraggo a lui. Mi sembra di impazzire, perché a volte mi pare di dover rendere conto più a lui ora che a mio padre a 15 anni, ma è uno che di fronte agli altri passa come quello buono, perché affettuoso, invece è soffocante. Inizia anche a irritarmi il fatto che nonostante le mie pressioni lui abbia scelto un lavoro così poco redditizio (per sfortuna ma anche x errori suoi) che oggi come oggi due case, in una grande città come la mia, sarebbero ingestibili, se mai io riuscissi a risolvere le questioni emotive. Non posso fare un altro lavoro perché già lavoro a tempo pieno. Non trovo soluzioni. Certo , mio marito non è di quelli che ti uccidono fisicamente, ma io sono morta dentro. In questi giorni sono 7 anni dall’ incontro con il mio ex e quindi sono 7 anni di vita buttata.

  • Nina, 13 Maggio 2024 @ 23:17

    … lui diceva che non facevamo niente di male, eravamo amici, ci volevamo bene (con scopata inclusa quando si poteva, “ma che male c’è, se non lo sanno…”).
    Ma lo sai @Giulia che lei diceva a mio marito la stessa identica cosa? Stesso copione per tutti.

  • Nina, 13 Maggio 2024 @ 23:05

    ” Ma credo che mio marito qualcosa le deve aver detto perché a un certo punto aveva smesso di commentare in maniera ossessiva”
    @Molly credo che anche nel mio caso sia successo qualcosa di analogo,perché come ho già raccontato nei mesi precedenti la scoperta mio marito aveva dirottato la nostra vita sociale su un’altra compagnia per le uscite(e a quanto pare la cosa non era stata gradita)e le sue “improvvisate” a casa nostra quando lui non c’era si erano diradate fin quasi a sparire…mi era anche un po’ dispiaciuto pensa un po’ che fessa!

  • Nina, 13 Maggio 2024 @ 22:48

    @Ariel sempre molto interessante e accurato quello che scrivi,si vede che hai approfondito a fondo questo argomento è un piacere leggerti, anche se qualche volta difficile hahaha ci va pratica 😉 spero non ti offenderai,ma so che sei ironica.
    Volevo soffermarmi in particolare su una parte :
    “Occorre una visione più rivolta a se stessi alle proprie responsabilità al rendersi conto che amanti così dimostrano di avere veramente problemi di dipendenza affettiva che se non la si cura fa danni pure agli altri in totale inconsapevolezza
    Per via del meccanismo dipendente droga crisi astinenza”.
    Mi piace molto questo modo di descrivere le cose perché si avvicina a riflessioni che avevo fatto anch’io. Penso,e il tuo scritto mi sembra andare nella stessa direzione, che quando si vivono queste situazioni di dipendenza affettiva, ci sia un’ottundimento nella percezione del mondo circostante e della coscienza che porta a non tenere in considerazione i danni collaterali possibili pur di ricevere la propria “dose”. E quindi non contano piu’ gli affetti(partner,figli,genitori),le eventuali reazioni del partner dell’altro che potrebbero degenerare la situazione, il rischio magari di mettere a repentaglio una sudata carriera e così via. Dico questo non per togliere la responsabilità,anzi,ma è l’unico modo che mi è venuto in mente per spiegare cio’ che ho vissuto di riflesso e molte delle cose che ho letto su queste pagine. E la dimostrazione di questo è data dal fatto che,come ho letto da quelle di voi che sono riuscite a staccare e come ho visto in mio marito, attuando un CDS serio poco per volta si riacquista lucidità e si inizia a valutare con occhi piu’ consapevoli il proprio vissuto e le azioni che si sono messe in campo per mantenere la “dose” richiesta dalla dipendenza e in chi c’è riuscito spesso esce il concetto “non so come mai in quel periodo non me ne fossi reso conto”/ quel comportamento avrebbe dovuto farmi capire…e così via.

  • Rinascita, 13 Maggio 2024 @ 22:28

    Io di “porcate” come descritte da Molly, non ne ho mai fatte da amante. L’ho già scritto, neppure salivo sulla sua macchina. Già solo quello lo reputavo luogo di condivisione familiare. Mi veniva l’’orticaria a salirci. Lui che sapeva di questa mia “sensibilità” e che al contempo non gradiva neppure la mia di macchina, utilizzava mezzi di lavoro che erano per noi luoghi neutri. Evitavamo ogni evento in cui ci si sarebbe potuti incontrare. Figurarsi entrare l’uno in casa dell’altra. Con il senno del poi capisco che a me di rispettare la compagna interessava poco, io proteggevo me stessa, lui proteggeva se stesso. Non per tutelare i nostri compagni di allora ma per proteggere noi stessi e quello che nutrivamo l’una per l’altra. Sono queste piccolezze che mi hanno consentito di guardare avanti e proseguire la storia, su basi diverse. Io di “porcate” non ne avrei fatte e siccome mi sembrano inconcepibili non sarei mai potuta stare se lui ne avesse commesse. Io non avrei mai perdonato quel livello di mancanza di rispetto. Poi se le mogli che qui scrivono ce l’hanno fatta non commento… i gusti son gusti come si suol dire. Certo è che per me denotano una specifica personalità. Se si è in grado di fare certe cose, una rivoluzione la vedo difficile. Le ex amanti dei vostri mariti sono quelle che sono, voi però guardate a casa vostra.

  • Nike, 13 Maggio 2024 @ 21:48

    @Nina
    “Non episodi isolati,ma una frequentazione cercata e coltivata.”

    Che l’atteggiamento di certe amanti sia scorretto è fuor di dubbio ma lo trovo comprensibile.Ci sono storie che ti trasformano,ti fanno precipitare in una disperazione tale da portarti a fare cose che da lucida non faresti.Anch’io gli ultimi mesi facevo cose assurde tipo chiamarlo decine di volte in momenti in cui sapevo che non era solo,o insistere per vederlo quando per lui era più complicato o metterlo in difficoltà solo per il gusto di farlo.Atteggiamenti che non mi appartengono,non mi riconoscevo più,non ero io.Non ho mai coinvolto la moglie ma ora che piano piano sto riprendendo il mio equilibrio,se ci penso,mi do della pazza da sola e mi chiedo come abbia fatto a cadere così in basso..Chissà,magari anche per le amanti dei mariti di Nina e Molly è stato così.

  • elleelle, 13 Maggio 2024 @ 20:24

    @Ale
    “Lui faceva schifo”

    Eh ma sono in tanti che fanno schifo, attivamente quando incoraggiano e passivamente quando permettono.
    Giulia racconta quello che ha vissuto, di altre storie non abbiamo la versione ma sarei curiosa di sentire cosa avrebbero da dire certe amanti.
    Faccio fatica a immaginare una donna adulta che di testa sua si presenta a cena a casa dell’amante in presenza di sua moglie.
    Devono averne per forza parlato marito e amante e deciso che era una buona idea, una cosa fattibile.
    In ogni caso concordo con Molly, senza alcun dubbio è pessimo anche da parte dell’amante, perché se c’è una cena di lavoro con la moglie presente si trova una scusa per stare a casa.
    In un amantato purtroppo si approfitta di ogni occasione e c’è chi è meno etico di altri.
    Però se è stato perdonato il marito si deve perdonare anche l’amante, il perdono selettivo è assurdo e nasconde altro.

  • elleelle, 13 Maggio 2024 @ 20:10

    @Dispersa, Vio,
    Credo che in un amantato il fatto che il marito permetta o addirittura incoraggi una frequentazione tra moglie e amante venga visto come ulteriore prova della sua mancanza di interesse per la moglie.
    Credo che alcune persone ci giochino molto su queste cose, che sono delle forme di manipolazione a tutto tondo.
    Con un gesto a etica zero e che non ti costa niente perché non te ne frega niente delle eventuali conseguenze, convinci una persona di un interesse che in realtà non provi e riduci i sospetti nel coniuge che si dice che mai sarai così sfacciato da portarti l’amante a casa o in compagnia.
    Secondo me è davvero una delle cose peggiori.
    A una mia amica è capitato, con l’amante hanno frequentato per un periodo la moglie di lui, che presto è diventata ex ma per lui era un comportamento abitudinario e infatti negli anni ha presentato a lei donne che a regola erano solo colleghe o amiche ma con le quali intratteneva almeno un rapporto virtuale di tradimento.
    Per questo dico che chi fa certe cose per opportunismo è capacissimo di rifarle.

  • Molly, 13 Maggio 2024 @ 20:05

    “Tuo marito, il marito di @Nina e credo pure quello di @Nara non hanno mai avuto la benché minima intenzione di mollarvi! A loro andava benissimo la doppia vita, tanto che in anni di tradimento non vi siete accorte di nulla. ”

    Forse ti manca un pezzetto del puzzle, @Viovio ma anche noi ci siamo lasciati per un periodo. E a prendere la decisione, che io ho accolto come necessaria anche se non gradita, l’aveva presa lui dopo aver lasciato l’amante. Quando poi abbiamo deciso di riavvicinarci non mi sono catapultata verso di lui in tutta fretta, ma ho fatto i miei passi con molta cautela. Ci siamo sentiti per un periodo, ci siamo fatti visita l’un l’altra e piano piano abbiamo messo le condizioni per tornare assime. Abbiamo lavorato entrambi per cambiare la nostra relazione.

    E se ci sei riuscita tu con tuo marito, non vedo perché non dovrei esserci riuscita io con il mio. E io sono consapevole del tradimento. Tuo marito invece non lo sa. Potrebbe essere che il giorno che lo viene a sapere tutto cambi. E potrebbe essere che non succeda come potrebbe succedere che in futuro io e mio marito ci separiamo per sempre. Chi lo può sapere cosa ci riserverà il futuro? Ma almeno abbiamo messo certe fondamenta.

  • Nina, 13 Maggio 2024 @ 19:42

    Si @Alessandro con tutto l’impegno e il cuore.

  • elleelle, 13 Maggio 2024 @ 19:20

    @Lia
    “Sei venuta tu qui a raccontarci una serie di nefandezze che tuo marito ha messo in atto nei tuoi confronti. La più cialtrona di noi impallidisce a confronto e ancora ti fai queste domande…”

    Grazie per averlo scritto.
    Io mi vedo tirata in ballo spesso in questo confronto che non ha senso, perché tra me e il marito di Molly c’è un discreto abisso.
    Io non sono perfetta ma mi sono comportata più correttamente di altre persone.
    La cosa più importante secondo me è che dopo anni di matrimonio bianco e di litigi, prima di conoscere il mio ex avevo dato l’opportunità a mio marito di fare qualcosa per ricostruire. Non è colpa mia se lui non ha voluto.
    Durante il “tradimento” non ho mai lasciato che marito e amante si frequentassero e non ho mai frequentato la moglie. Non sono mai andata a letto con mio marito mentre andavo a letto con l’altro.
    Sono stata io che ho rivelato io che mi ero innamorata di un altro, non sono stata beccata. Ho anche detto che mi sarei separata per l’altro. Non ho recuperato per i capelli da un giorno all’altro una relazione finita dopo anni di amantato perché sono stata scoperta.
    Secondo me ci sono così tante differenze tra la mia storia e altre storie che vengono raccontate qui che il confronto è un po’ tirato. Lo si fa perché fa comodo ma non ha senso cercare di scagionare il proprio marito “perché tanto mi sono comportata male anche io”. Sì, ok, il mio comportamento non è stato impeccabile ma qualcuno qui ha fatto molto peggio.
    Il confronto ha senso tra il marito e il mio ex, perché hanno fatto cose simili.

  • Giulia, 13 Maggio 2024 @ 19:08

    @Molly, 13 Maggio 2024 @ 15:29
    Sono d’accordo. Già è sbagliato, ingiusto, ecc. il tradimento di per sè e per questo chi ha tradito, come ho fatto io, se ne assume le responsabilità. Ma ci sono dei limiti di decenza che non si devono superare. Già ti senti una mexda in tanti momenti quando devi mentire, insomma in tante situazioni, figuriamoci se insceni appositamente un teatrino con i rispettivi coniugi. Io non ci sarei mai riuscita, lui invece ci avrebbe provato gusto: lui tranquillamente avrebbe invitato (lo ha fatto, ovviamente ho rifiutato più volte, come dicevo) mio marito e i miei figli a casa sua a cena, con la moglie, e la situazione lo avrebbe eccitato. Il gusto di mentire, di farla sotto il naso di mio marito (che già lo odiava poi perché sospettava) e di sua moglie. Sono capitate occasioni con colleghi dove sapevo che era presente anche sua moglie, io ho sempre evitato di incontrarla e non vi partecipavo proprio per questo. Mi avrebbe fatto squallore la scena di lui che tranquillamente mi presentava come la sua cara amica (perché questo a lei diceva quando ci sentivamo al telefono)… oltre al fatto che lei avrebbe capito immediatamente… mi chiedo se non volesse proprio essere scoperto, anzi, se sperasse in qualche situazione al limite, scenate di gelosia o simili che lo facessero sentire al centro…

  • alessandro pellizzari, 13 Maggio 2024 @ 18:27

    Lui faceva schifo

  • alessandro pellizzari, 13 Maggio 2024 @ 18:26

    E tuo marito ha avuto la grave responsabilità di lasciargli fare il teatrino con te, ciò è molto grave. Acqua passata però spero si dia emendato

  • Giulia, 13 Maggio 2024 @ 16:08

    Anche il mio ex ha tentato in tutti i modi di infilarmi come amica di famiglia e moglie, perché gli dava l’alibi perfetto, oltre alla frequentazione professionale. Me lo diceva senza pudore che se accettavo di frequentare casa sua, sarebbe stato tutto più semplice per noi. Anche con mio marito e i miei figli… lui diceva che non facevamo niente di male, eravamo amici, ci volevamo bene (con scopata inclusa quando si poteva, “ma che male c’è, se non lo sanno…”). No, guardate, più ci penso e più appare assurdo. Io gli dicevo che era pazzo, ma non lo prendevo sul serio. Questo come tanti altri comportamenti o affermazioni o pensieri che erano completamente fuori dal buon senso, etica, normalità, cose da folli! Era palese che era uno squilibrato, senza morale… la sua cattiveria, mancanza di rispetto, le vendette… sono state solo quelle umiliazioni finali, volute, cercate che mi hanno aperto gli occhi. Perché lui ha volutamente fatto in modo che li aprissi perché si voleva liberare definitivamente di me quando ha visto che non sottostavo e accettavo tutto quello che avrebbe voluto. Mi sono lasciata distruggere in modo definitivo dopo anni, quando avrei potuto bloccare tutto se non prima, all’inizio dopo la prima rottura. Cretina. Scusate lo sfogo, ma ogni tanto ho il momento che non mi perdono questi errori…

  • Dispersa, 13 Maggio 2024 @ 16:02

    @Nina uno schifo da ambe le parti, tuo marito ha sbagliato nel portarla a casa e lei nell’entrare nel vs quotidiano… 50/50!!

  • Molly, 13 Maggio 2024 @ 15:29

    “Io a quella amicizia ci avevo creduto per davvero, quindi qualunque fosse stato il suo scopo è stato ingiustamente crudele nei miei confronti coltivarla in quella forma,io non le avevo fatto niente,anzi l’avevo spesso aiutata e supportata e non poteva non immaginare che in caso di un suo futuro con mio marito io avrei sofferto anche per questo motivo.”

    Sono d’accordo con te @Nina e i tuoi racconti mi fanno tanto venire in mente la ex di Stefano.

    La ex di mio marito, che faceva sempre commenti sui social media di mio marito rispondendo anche a me, ha fatto la stessa cosa. Ma credo che mio marito qualcosa le deve aver detto perché a un certo punto aveva smesso di commentare in maniera ossessiva. Però il regalino a me me lei lo portò mentre gli altri presenti al pranzo a casa nostra avevano solo portato qualcosa da mangiare per l’evento, ma lei si era voluta distinguere… quindi sarà anche stata responsabili dei nostri mariti ma le loro amanti erano in grado di intendere e di volere e avrebbero potuto evitarsele certe porcate.

    Come non finisco mai di ripetere, le porcate nei tradimento le fanno proprio tutti i protagonisti e di questo non ho dubbi. Inutile soppesare le porcate di uno e compararle col bilancino alle porcate degli altri. Accettiamo che non si può essere onesti durante un tradimento. Punto.

    A ognuno le sue responsabilità.

  • Lia, 13 Maggio 2024 @ 14:11

    @Molly, sempre ripetere le stesse cose.
    “Invece non sono d’accordo quando vi ostinate, ma specialmente tu, a insistere che il marito di Nina ora e spesso e volentieri il mio, sono pessimi e hanno messo in atto cos’è imperdonabili.”

    Sei venuta tu qui a raccontarci una serie di nefandezze che tuo marito ha messo in atto nei tuoi confronti. La più cialtrona di noi impallidisce a confronto e ancora ti fai queste domande…
    Chiunque può essere perdonato, certo, ma non da tutti!
    Se qualcuna ti risponde che non avrebbe perdonato, che non crede a tutte le ricostruzioni purchè siano, perchè tu ti ostini a non credere?

  • elleelle, 13 Maggio 2024 @ 14:04

    @Gift
    “prove di famiglia allargata”

    Due persone che conosco hanno fatto proprio così.

  • Viovio, 13 Maggio 2024 @ 13:31

    @Elle
    Discreto livello di macchinazione? Era il
    Genio del male! Per privacy non posso dare dettagli, ma la sua professione gli conferisce molta credibilità e più di una volta ne ha abusato per abbindolare persone e non destare sospetti su noi due. Mi riallaccio al tuo discorso, quando ci sei dentro speri sia diverso, di essere quell’uno su mille, oppure ti hanno talmente manipolato da non essere lucido nei giudizi, perché ora ripensando alla mia storia ma anche leggendo il blog i segnali sono chiarissimi!
    Quando gli amantati durano anni non c’è nessuna confusione.

  • Nina, 13 Maggio 2024 @ 12:39

    @Gift,dalle parole no di sicuro è stato chiaro e diretto sempre(tanto che dopo,quando si sono lasciati lei l’ha confermato ed io lo so per certo perché l’ho visto scritto),dal comportamento forse,questo non lo so.
    Di sicuro quello che ha sentito e visto da me esclude la buona fede nel pensare che fossimo una coppia finita,tanto che me l’ha detto piu’ volte quanto fossimo uniti e affiatati. Comunque posso dire una cosa?Io a quella amicizia ci avevo creduto per davvero, quindi qualunque fosse stato il suo scopo è stato ingiustamente crudele nei miei confronti coltivarla in quella forma,io non le avevo fatto niente,anzi l’avevo spesso aiutata e supportata e non poteva non immaginare che in caso di un suo futuro con mio marito io avrei sofferto anche per questo motivo.

  • Ariel, 13 Maggio 2024 @ 10:38

    Nina, 12 Maggio 2024 @ 11:09

    Sì Nina in questo tuo commento metti , secondo me, in evidenza che resta totalmente inutile ostinarsi a analizzare i dubbi che altri utenti pur legittimamente possano avere sul proseguimento di legame con annesso tradimento
    Ognuno secondo me farebbe meglio a analizzare se stesso e la propria capacità di vivere con vera autostima in equilibrio
    Ho letto commenti dove la visione di cosa sia amore di se stesse non pare molto percepita sempre si ritorna a guardare gli altri
    In più qui metti giustamente in rilievo che in qualsiasi ammantato soprattutto se di lunga durata resta evidente che in azioni totalmente scorrette compiute la responsabilità è divisa in due
    Non si può sempre sostenere che se amante uomo ti porta a vivere situazioni dove no esiste più il minimo rispetto per i partner TRADITI NELLA FIDUCIA DA ANNI ovviamente non è che basta essere donna amante per dire ma se lui vuole fare così con sua famiglia io non sono responsabile?

    Eh no lo sei sempre non siamo bambini ma Adulti consenzienti!!!!!
    Qui sul Blog a onor di cronaca più comte ho letto proprio questa considerazione che amante donna che si ostina a non mollare il proprio amante pure di fronte a suo comportamento totalmente da Ciaktronzo verso moglie figli che sfruttano amicizia in comune per vedersi di più sfruttano il calcetto dei figli per vedersi di più scopiazzano su materassi nuziali mangiano nei piatti nuziali ALTRUI dopo ANNI MICA DUE GIORNI!!
    E hanno totalmente assenza di sentire la propria responsabilità nel aver accettato senza rifiutarsi senza MANDARE AFFANCUKO CIALTROZI DEL GENERE
    Ecco sicuro ogni adulto in ogni esperienza di legame affettivo porta la propria responsabilità
    E quando ammantati durano anni e anni si tratta esattamente di vere truffe emotive!!!
    E violenza psicologica si sparge a effetto domino in tutti i protagonisti dei casi

    Occorre una visione più rivolta a se stessi alle proprie responsabilità al rendersi conto che amanti così dimostrano di avere veramente problemi di dipendenza affettiva che se non la si cura fa danni pure agli altri in totale inconsapevolezza
    Per via del meccanismo dipendente droga crisi astinenza

    E cioè non più capaci di rendersi conto di comportarsi davvero dannoso verso gli altri

  • Gift, 13 Maggio 2024 @ 08:54

    @Nina “Non episodi isolati,ma una frequentazione cercata e coltivata.”
    Non escluderei “prove di famiglia allargata” nella convinzione di avere questi futuro e che a te di lui non importasse più, come poteva pensare in buona fede dalle parole e dal comportamento di lui.
    Scusa, non voglio ferirti, solo mi e venuto questo pensiero per lei…

  • elleelle, 13 Maggio 2024 @ 08:25

    @Vio
    “Il mio ex una volta per depistare delle persone che avevano fatto apprezzamenti su di me, tutto questo in presenza della moglie, disse di non avermi notato e che non ero affatto il suo tipo.”

    Capisci però che dietro a queste cose c’è un discreto livello di macchinazione che nega la solita balla dell’essere confuso, non sapeva quello che faceva ecc.
    Lo sapeva benissimo, così bene che aveva la prontezza di spirito di rispondere nel modo che secondo lui non avrebbe destato sospetti.

  • Molly, 13 Maggio 2024 @ 00:34

    “Non ci sono milioni di modi per tradire, le strategie sono sempre quelle, o ci piacciono o non ci piacciono.”

    @Ellelle sono d’accordo con questo. Invece non sono d’accordo quando vi ostinate, ma specialmente tu, a insistere che il marito di Nina ora e spesso e volentieri il mio, sono pessimi e hanno messo in atto cos’è imperdonabili. Il tradimento è una serie infinita di scorrettezze e difficilmente coinvolgono solo una delle due parti in gioco. Chi è stato amante conosce le proprie scorrettezze e colpi bassi al proprio coniuge e farebbe bene a non insistere sulle scorrettezze del proprio amante. Inutile provare a far vedere che si è stati corretti e morali. A me pare un diniego di se stessi e della propria storia. A nessuno piacciono i propri lati negativi. Negare che esistono non serve a nulla e a nulla serve sottolineare i lati negativi sempre “degli altri” per salvare capre e cavoli.

    Nessuno è solo la persona scorretta dell’amantato. Nessuno, altrimenti chi ha tradito non potrebbe mai piú avere delle relazioni perché alla loro base ci deve sempre essere una buona dose di fiducia. E anche chi ha tradito può esserne degno.

  • Dispersa, 12 Maggio 2024 @ 22:24

    Lo ricordo come un uomo che non ha mai parlato male della moglie, anzi quando parlava di lei ne parlava bene… Credo che nel tempo fosse venuta a mancare la complicità sotto le lenzuola, giustificava anche questa cosa sostenendo che fosse troppo concentrata nel menage familiare.
    Ricordo che durante una cena tra colleghi se né uscì di come un tempo lui e famiglia facessero weekend felici… Un filo di tristezza… Ad oggi so che quando può li ripropone ancora.

  • elleelle, 12 Maggio 2024 @ 21:40

    @Nina
    “Non episodi isolati,ma una frequentazione cercata e coltivata.”

    Sono d’accordo con te che questo sia un comportamento molto discutibile e scorretto.
    Però è successo anche perché lui glielo ha permesso. Coinvolgerti con il figlio e frequentarvi come amici avrebbe creato alibi e occasioni di vedersi che facevano comodo
    Ipoteticamente parlando, se il mio ex avesse cercato di frequentare mio marito gli avrei dato una bella strigliata. Allo stesso modo io non ho mai frequentato un posto in cui sapevo che ci sarebbe stata anche lei e non lo faccio nemmeno adesso, anche se potrei.
    Ci vuole davvero poco a comunicare che ci sono certi limiti che non si possono superare.
    Se non si dice niente, si comunica che non è necessaria nessuna delicatezza nel tradimento.

  • alessandro pellizzari, 12 Maggio 2024 @ 20:48

    Persona davvero discutibile

  • Viovio, 12 Maggio 2024 @ 20:32

    Gli uomini che sputano nel piatto dove mangiano o hanno mangiato sputeranno nel tuo.
    @Ale hai pienamente ragione ed io ne ho sentite di cotte e di crude dal mio ex, però mi fidavo così tanto che ero convinta lo facesse con gli altri e non con me. E’ un ragionamento assurdo, me ne rendo conto soprattutto ora dopo esserne uscita definitivamente.

  • Molly, 12 Maggio 2024 @ 19:11


    Lia, 12 Maggio 2024 @ 13:56
    @Molly, a parte fare i figli, quali sono quelle scelte che per farle hai “bisogno” di un uomo?”

    @Lia non so di cosa parli. Io non parlo di bisogni.

  • Viovio, 12 Maggio 2024 @ 18:56

    @Elle
    io non sono rimasta particolarmente basita quando ho letto che il marito di @Nina parlava della sua amante come una poco di buono.
    Il mio ex una volta per depistare delle persone che avevano fatto apprezzamenti su di me, tutto questo in presenza della moglie, disse di non avermi notato e che non ero affatto il suo tipo.
    Me lo raccontò lui stesso, molto soddisfatto per essere risultato convincente, rassicurandomi che era una enorme cazzata ma necessario per non destare sospetti. Naturalmente lo disse per mettere le mani avanti nel caso in cui qualcuno mi avesse riportato le sue affermazioni.
    Lo so dovevo scappare a gambe levate…

  • Nina, 12 Maggio 2024 @ 18:26

    “Ti ha tradito per niente, per egoismo, per disprezzo.”
    Infatti @Ellelle su questo sono d’accordo con te.

  • Nina, 12 Maggio 2024 @ 18:21

    Vero @Alessandro, ma io mi riferisco al comportamento che ha avuto lei con me personalmente,da sola e senza che lui fosse presente. Non episodi isolati,ma una frequentazione cercata e coltivata. È lei da sola che mi veniva a cercare,creava occasioni d’incontro e si fingeva amica facendo e cercando confidenze che per fortuna io per carattere non faccio e spingendosi a coinvolgere il figlio tanto profondamente. Io di questo ritengo responsabile lei( perché ha scelto lei di avere questo comportamento)anche se dopo la scoperta l’unico a cui mi sono rivolta è stato mio marito,come è giusto che sia.Ma che venga vista come la poverina abbindolata dall’uomo scorretto di turno non mi sembra proprio la lettura piu’ corretta,secondo me entrambi hanno avuto un comportamento pessimo.

  • alessandro pellizzari, 12 Maggio 2024 @ 18:15

    Gli uomini che sputano nel piatto dove mangiano o hanno mangiato sputeranno nel tuo

  • elleelle, 12 Maggio 2024 @ 16:28

    @Ale
    “Le mogli tradite e ancora innamorate non se la prendono con la “zoccola…”

    È ancora peggio quando è un marito che dà della zoccola a una donna e questa poi diventa la sua amante per anni!
    A volte si leggono cose che lasciano stordite.
    Sarcasmo a parte, ci sta che una donna tradita di primo acchito se la prende con l’amante ma dopo qualche giorno si deve rendere conto.
    Qui sul boog diamo tutti gli strumenti per rendersene conto, se poi una non li vuole usare…

  • elleelle, 12 Maggio 2024 @ 15:13

    @Nina
    “Lei non era proprio una sprovveduta.Per privacy non posso dire molto di lei ma è piuttosto recidiva in queste cose. Ne eravamo al corrente entrambi e in passato ne avevamo commentato e non in maniera lusinghiera…e non solo noi.”

    Più parli di tuo marito, più gli fai perdere dei punti e meno risulta credibile.
    Lui parlava male e giudicava come donna facile o poco seria la persona con cui poi è stato per anni. Spero che non la giudicasse così mentre già stava con lei perché altrimenti sarebbe stato un depistaggio degno del KGB.
    Ma in ogni caso non sputi in un piatto e poi ci mangi dentro per anni, è un atteggiamento riprovevole.
    Tradirti con una donna che a parole disprezzava è peggio di un tradimento fatto con coinvolgimento, fosse anche solo una naturale infatuazione. Ti ha tradito per niente, per egoismo, per disprezzo.
    Ovvio poi che se lei è sulla bocca di tutti in paese la si lascia di botto quando si viene beccati. Non si rischia la propria reputazione “per una così”.
    Ma di nuovo tuo marito non è niente di diverso da quello che leggiamo qui. La moglie santa e l’amante puttana. Orribile.

  • alessandro pellizzari, 12 Maggio 2024 @ 14:38

    Solo lui è il responsabile verso la sua famiglia l’amante non c’entra non è una parente o consanguinea

  • Lia, 12 Maggio 2024 @ 13:56

    @Molly, a parte fare i figli, quali sono quelle scelte che per farle hai “bisogno” di un uomo?
    Per me l’amore, per essere tale, è un sentimento che risponde a nessun bisogno, altrimenti, se é così, potrebbe non esserlo.

  • Viovio, 12 Maggio 2024 @ 12:38

    @Molly
    Spezzo il commento.
    Io mio marito l’ho lasciato comunque e so che può sembrare assurdo essendo io quella che ha tradito, ma è stato lui a dovermi riconquistare.
    Tuo marito, il marito di @Nina e credo pure quello di @Nara non hanno mai avuto la benché minima intenzione di mollarvi! A loro andava benissimo la doppia vita, tanto che in anni di tradimento non vi siete accorte di nulla. Io e mio marito abbiamo smesso di essere una coppia quando ho iniziato la storia con l’altro.
    I vostri mariti sono stati solamente più pirla (passami il termine) a farsi beccare con le mani nel sacco, di conseguenza hanno dovuto impiegare il triplo della fatica per dimostravi di voler restare dove in realtà non sarebbero mai andati via, per questo fatichiamo a credere alla loro sincerità, perché sono il copia incolla di tutti i ns ex. Poi ribadisco, magari rientrare veramente nel 15% di @Ale, ma io sono moooolto scettica a riguardo e non per voi, che si capisce benissimo siete innamoratissime ma per loro dopo tutto quello che avete raccontato ma soprattutto per l’abilità nel prendervi in giro in un momento di grande difficoltà vostra.
    @Elleelle credo sia stata una delle prime persone a dirmi di non credere alla mia ricostruzione, ma in tutto il blog non troverai mille botta e risposta in cui voglio assolutamente convincerla del mio percorso, per il semplice fatto che sono in pace con me stessa e sento di aver scelto la strada giusta; poi se un giorno mi renderò conto che aveva ragione non avrò alcun problema a raccontarvelo.

  • Nina, 12 Maggio 2024 @ 11:09

    “Non è cattivo questo comportamento, non è crudele, non è falso? Hai scritto che lei non ha accettato di buon grado, secondo te perché? Non è manipolatorio ad esempio fare in modo che vi frequentaste come amici, coinvolgendo anche i figli? Che messaggio le ha dato?
    Quantomeno ha comunicato che è un uomo con poca etica e che non si fa scrupoli.
    Se lei avesse scritto qui le avremmo detto di lasciarlo perdere e avremmo fatto le considerazioni che già sai.
    Questo è lo stesso uomo, cosa dobbiamo dire a te, che è meraviglioso, corretto e sincero?”
    @Ellelle non ho mai negato e nemmeno lui se per questo, che per tre anni mio marito sia stato una persona spregevole e scorretta. Posso dire pero’ che lo è stata anche la sua amante pero’ o il giudizio vale solo per lui? Tutti questi comportamenti li hanno messi in campo entrambi in maniera cosciente e consapevole e quindi in tutta onesta’ non vedo vittime tra loro due,ognuno ha raccolto quello che ha seminato. Se avesse scritto qui allora le avrei detto anche io la stessa cosa come voi. Lascialo perdere. Ma anche a lui,se è solo per questo se avesse scritto qui avrei detto le stesse cose.Lei non era proprio una sprovveduta.Per privacy non posso dire molto di lei ma è piuttosto recidiva in queste cose. Ne eravamo al corrente entrambi e in passato ne avevamo commentato e non in maniera lusinghiera…e non solo noi.
    Ma ora,oggi,sto parlando di una persona diversa. Di una persona che non ha avuto la porta spalancata come molti sostengono. Ma ha avuto UNA possibilità di capire i suoi errori,di vergognarsene,di crescere nella consapevolezza di se stesso e di cambiare radicalmente la sua visione della vita(non solo del rapporto di coppia) e l’ha colta. Ed è a questo racconto,quello di oggi, che io vorrei che fosse dato credito. Perché è la testimonianza di quello che sto vivendo oggi.
    Quanto a lei,voglio pensare che magari tutto questo è servito anche a lei per mettere a fuoco il suo modo di vivere e che possa vivere una vita piu’ serena. Per lei e soprattutto per il figlio a cui nonostante tutto voglio bene e a cui auguro una mamma serena ed una famiglia in cui crescere senza conflitti e sotterfugi.

  • alessandro pellizzari, 12 Maggio 2024 @ 09:57

    Viovio quando il vaso è colmo spesso la goccia che lo fa traboccare è un tradimento provocato anche da certi comportamenti coniugali. Il famoso concorso di colpa nel tradimento. E sai una cosa? Questo concorso di colpa è il primo fatto a essere analizzato dai coniugi quando vogliono realmente ricostruire. Le mogli tradite e ancora innamorate non se la prendono con la “zoccola rovinafamiglie” ma si chiedono per prima cosa “cosa ho fatto io, che corresponsabilità ho, che cosa non ho colto o sottovalutato”. Da qui partono le vere ricostruzioni, dall’analisi interna dei perché, non nell’affibbiare a nemici esterni quello che è successo. Ovviamente il ritorno del traditore non deve essere un bluff interessato allo status quo

  • Viovio, 12 Maggio 2024 @ 09:27

    @Molly la differenza fra e me e tuo marito e’ che io non sono stata scoperta, o meglio, mio marito ha preferito non approfondire perché sapeva di avere un ruolo predominante di responsabilità e affrontare a carte scoperte il tradimento avrebbe aperto ancora di più la voragine. Quindi non è vero che non ha potuto scegliere, ha scelto eccome!
    Quando io progettavo e mi rendevo parte molto attiva nella mia vita segreta a differenza di voi che eravate “lontane” dai vs uomini a causa di problemi di salute o faccende simili molto gravi, lui stava benissimo . A differenza di voi, almeno da quello che avete scritto qui, mio marito non è mai stato il cavaliere senza macchia. Per anni sei lui dava 30 io coprivo il restante 70 fino a quando è successo quello che sapete. Per carità non sto dicendo che il tradimento sia la soluzione giusta, però per me è stato inevitabile. Sono stata io a lasciare mio marito e non ho vissuto la vergogna o il dispiacere di aver fatto del male a chi avevo scelto come compagno di vita, perché mi sono sentita per prima lasciata sola per troppo tempo. Sarò un mostro ma ho addirittura provato piacere nel farmi i fatti miei visto come eravamo diventati.
    Ho provato più volte a spiegarlo ma per privacy non è mai passato il commento.
    Credo ci sia una sostanziale differenza dalla vostra situazione. Io non ho mai più cercato il mio ex o altri uomini per compensare qualcosa e non avrei problemi ad ammettere il contrario, siamo pure in anonimato.
    Mi sono riavvicinata perché dopo la separazione ho ritrovato un uomo molto consapevole che per la prima volta ha dimostrato coi fatti quello che non aveva mai fatto in quasi 20 anni di relazione.

  • elleelle, 12 Maggio 2024 @ 08:40

    @Vio
    “essere assolutamente certi di avere mariti diversi da quelli descritti sul blog.”

    Credo che sia umano pensare che il proprio marito sia diverso. Anche io pensavo che il mio ex fosse diverso. A tutte in un momento di disperazione serve pensare di essere quell’una su mille che ce la fa.
    Però a un certo punto bisognerebbe rendersi conto delle somiglianze tra questi uomini, accomunati dal tradimento e dalle azioni messe in atto per ottenerlo e portarlo avanti.
    Non ci sono milioni di modi per tradire, le strategie sono sempre quelle, o ci piacciono o non ci piacciono. Non dovremmo passare la vita a giustificare e farci il mazzo per convincere noi stesse e gli altri del valore di chi ce l’ha messa in quel posto.

  • elleelle, 12 Maggio 2024 @ 08:27

    @Lia
    “Sono totalmente in sintonia con l’Ariel pensiero, che semplicemente dice che per trovare un amore vero è necessario non averne bisogno, cioè risolversi prima dentro…”

    Grazie Lia, io mi perdo ogni tanto negli scritti di Ariel.
    Sono d’accordo, sarebbe presuntuoso dire che sono risolta perché non lo si è mai ma credo di essere arrivata proprio a questo punto, cioè di non essere più definita dalle azioni dell’altro.
    Non devo dimostrare niente per giustificare una relazione, anche perché non c’è motivo per giustificare una relazione. Una relazione “è”, bisogna godersela, deve fluire, non deve impegnare il proprio tempo in uno sforzo di marketing per convincere gli altri che sto vivendo il top del top dell’amore e delle attenzioni.
    Sesso meraviglioso! Regali stratosferici! Vacanze! L’uomo cambiato! Guardami, guardami, guarda come sono stata brava e quanto valgo, ha messo prima me rispetto a lei, chiunque essa sia.
    No, grazie.
    Non devo dare battaglia giornalmente per difendere o “pubblicizzare” un uomo, non devo andare in terapia a causa sua, non devo darmi colpe per cercare di aggiustare qualcosa di rotto, non devo subire, non devo accettare umiliazioni, briciole e la presenza/ assenza ingombrante di un’altra donna.
    Non devo farmi mille domande, passare il mio tempo nella tana del lupo, essere grata per un cambiamento, una scelta o un gesto materiale che non so se è di convenienza o no. Non devo mettere sul piatto della bilancia soldi o gesti che compensino la presenza di un’altra.

    Sono assolutamente libera da vincoli mentali di questo tipo e sono arrivata qui senza superficialità ma dopo un lungo percorso. Sto benissimo con me stessa e non mi devo rivedere nelle dimostrazioni di nessuno e di conseguenza non devo dimostrare niente nemmeno io, se non quello che è naturale.
    Posso scegliere di accettare quello che arriva o arriverà nella sua spontaneità, alle condizioni che desidero io, secondo come vedo io l’amore e per me non è niente di quella serie di sforzi che ho scritto sopra.
    Arriverà un altro uomo, un altro amore? Non lo so né mi interessa. So però che avrò la testa giusta se dovesse arrivare.

  • Molly, 12 Maggio 2024 @ 04:54

    @Lia io non ho la verità in mano ma sull’Amore mi sento di dire che l’amore non è solo un sentimento, quello sarebbe solo autocentrato, egoista, io credo piuttosto che sia un propulsore che ti fa fare scelte che se fossi da solo non faresti, scelte che fanno stare bene la persona oggetto del tuo amore perché se quella persona sta bene, di riflesso stai bene anche tu. Non è solo ricevere ma è anche dare perché dando, ricevi.

  • Molly, 12 Maggio 2024 @ 04:49

    “Non capisco per quale ragione siate così suscettibili se qualcuno mette in dubbio una ricostruzione, se state bene e siete felici godetevela lasciando perdere chi ha pareri contrari.”

    @Viovio prendiamo il tuo esempio. Tu hai tradito tuo marito, avevi progettato segretamente di rifarti una vita con il tuo amante ma oggi stai con tuo marito dopo che da lui ti eri separata. Non è una provocazione ma una riflessione che potrebbe essere utile a tutti. Sei tornata con lui solo per convenienza? Mi pare di ricordare che in qualche maniera vi siete venuti incontro, o sbaglio? Come hai potuto ritrovare interesse e rispetto verso la persona che hai tradito, a cui hai mentito per anni e da cui ti sei sentita lontana emotivamente per anni? Lui avrà avuto le sue colpe ma secondo il discorso di Ellelle tu non dovresti provare nulla per lui, è impossibile che possiate essere sinceri e che abbiate potuto costruire una rinnovata complicità.

    Magari puoi spiegare a noi tutti, se te la senti, come sei passata da progettare una vita lontana da lui a un progetto di vita in comune con lui. Se è successo a te, cosa rende diverso quello che hanno vissuto interiormente i nostri mariti che da traditori ci hanno nuovamente scelte e te che conducevi una doppia vita e oggi invece disprezzi il tuo ex amante e sei tornata a provare rispetto per tuo marito? La grande differenza che vedo con le nostre storie (mia, di Nara e di Nina) è che tuo marito non sa del tradimento ma questo al massimo potrebbe cambiare la sua scelta, non la tua. Qui molti sono ad analizzare non il punto di vista del tradito ma del traditore e quindi se vuoi, se te la senti, puoi offrirci la possibilità di capire cosa è scattato in te per cambiare la tua visione di tuo marito cos radicalmente e se senti di provare amore per lui o se si tratta solo di convenienza come dice Nick.

    Se non sbaglio sei l’unica sh questo blog che è rientrata dall’amantato desiderosa di costruire una vita con un certo senso con il coniuge, quindi in qualche modo rappresenti la posizione dei nostri mariti, sbaglio?

  • Nick76, 12 Maggio 2024 @ 00:37

    @Elleelle:”Non si tiene una donna legata a sé per anni se non si mettono in atto certi comportamenti, se non si dicono certe cose.” Perfetto…!!! Meglio non potevi dirlo, poi c’è chi crede o meglio vuole credere che il traditore uomo o donna che sia una volta scoperto, ha avuto un momento di debolezza passeggero e che è tornato a casa perché l’amore alla fine vince tutte le battaglie…!!!

  • elleelle, 12 Maggio 2024 @ 00:01

    @Nina
    “non ho mai messo in dubbio il racconto di @Ellelle o @Crocus o @altre riguardo ai loro ex amanti e a quanto siano stati scorretti o cattivi o qualunque aggettivo vogliate usare ),vorrei che lo stesso metro fosse usato quando riporto la mia testimonianza”

    Ma lo stesso metro viene usato con la tua storia nei confronti di tuo marito, non dei tuoi.
    Tuo marito ha fatto quello che hanno fatto gli altri uomini di cui si parla sul blog.
    Lascia perdere i casi patologici come il mio ex, con problemi di narcisismo conclamati. Pensa agli altri uomini di cui parliamo qui ma anche ad alcune donne.
    Pensa a cosa ha fatto tuo marito con la sua ex amante, scaricata da un momento all’altro dopo anni di relazione perché è stato beccato.
    Non è cattivo questo comportamento, non è crudele, non è falso? Hai scritto che lei non ha accettato di buon grado, secondo te perché? Non è manipolatorio ad esempio fare in modo che vi frequentaste come amici, coinvolgendo anche i figli? Che messaggio le ha dato?
    Quantomeno ha comunicato che è un uomo con poca etica e che non si fa scrupoli.
    Se lei avesse scritto qui le avremmo detto di lasciarlo perdere e avremmo fatto le considerazioni che già sai.
    Questo è lo stesso uomo, cosa dobbiamo dire a te, che è meraviglioso, corretto e sincero?
    Lo so che è fastidioso ma credimi, il metro che usiamo è lo stesso, non c’è differenza tra quello che ha fatto tuo marito e quello che hanno fatto altri uomini di cui si è parlato anche recentemente.

  • Nina, 11 Maggio 2024 @ 20:47

    “Non capisco per quale ragione siate così suscettibili se qualcuno mette in dubbio una ricostruzione, se state bene e siete felici godetevela lasciando perdere chi ha pareri contrari.”
    @Viovio non è essere suscettibili,è che come io non metto in dubbio le testimonianze degli altri(per esempio non ho mai messo in dubbio il racconto di @Ellelle o @Crocus o @altre riguardo ai loro ex amanti e a quanto siano stati scorretti o cattivi o qualunque aggettivo vogliate usare ),vorrei che lo stesso metro fosse usato quando riporto la mia testimonianza. Poi ripeto, poco mi cambia,ma è il livello del dibattito che viene falsato se ognuno si lancia in ipotesi basate su un suo vissuto personale,che è reale,ma non per questo applicabile a tappeto.

  • Nara, 11 Maggio 2024 @ 19:12

    Io ho detto non amava mentre agiva il tradimento, sempre, non ho detto che quando tornava a casa amava di nuovo. E ho usato il termine “traditore” in maniera duale; chi tradisce effettivamente (lui nel mio caso) chi tradisce il senso di coppia (entrambi nel mio caso). Il tradimento veniva agito dal momento che ci si allontanava dalla coppia, e non si prendeva atto di questo. Entrambi non stavamo amando. Eppure quel sentimento era ancora da qualche parte, nascosto, schiacciato forse, ed è esploso quando entrambi ci siamo resi conto che ci stavamo buttando via. L’abbiamo accolto, rivisto, riconosciuto, curato e siamo riusciti a dare un significato nuovo al passato. Tutto qui. Poi si sceglie di restare o andare, per amore, per paura, per convenienza perché no, per una sommatoria di tutto. Io sono in grado di portare il focus sempre dentro la nostra relazione, le mie colpe, le sue colpe. Siamo stati in armonia perfetta per due anni, poi le cose sono cambiate, non sto qua a raccontare il prima, perché il prima era bellissimo e non ha portato al tradimento. La crisi ha portato al tradimento ed è quella che analizzo. Anche per dare una visione a chi vuole vedere sempre solo le colpe dell’altro, che sia lui, o l’altra. Io mi metto in gioco, mi analizzo, e comprendo anche le mie miserie, i miei errori e le mie fragilità. Una relazione è fatta sempre di due persone. Non capisco cosa può cambiare a chi ha deciso di metterci una pietra su sapere perché l’altro è rimasto nella relazione principale, dovrebbe non interessarsi a questo no?! Se lui avesse poi portato avanti una relazione con l’altra, passata la rabbia la delusione; il dolore, poi avrei dovuto ad un certo punto accettare, la storia con me era un capitolo chiuso. Cambia se l’altra (la donna con cui è stato il mio compagno) oggi sapesse che noi siamo in terapia, che c’è comunicazione profonda, che abbiamo ritrovato i progetti, che abbiamo ripreso l’intimità degli inizi?! Io non credo, lei penserà alla convenienza, o a tutto quello che ritiene essere la sua verità. Ma non cambia le cose. Serve solo a restare attaccati a qualcosa che non esiste più. Ad un certo punto bisogna lasciare andare. Altrimenti è una bestia che ci divora dentro.

  • Lia, 11 Maggio 2024 @ 18:57

    Forse bisognerebbe partire dal concetto di amore.
    Per me, e ci sono arrivata dopo un percorso personale, l’amore non so cosa sia perché forse quello vero non l’ho mai ancora provato.
    So solo quello che NON deve essere(più).
    Vi prego di non offendervi se scrivo queste cose che sono esclusivamente un mio parere personale.
    L’amore NON deve essere “funzionale a…”
    Non è amore quello che è funzionale a crearci le farfalle nello stomaco.
    Non è amore ciò che è funzionale a farsi vacanze e cenette.
    Non è amore ciò che è funzionale al recupero di una stabilità o delle comodità perdute.
    Non è amore ciò che è legato a promesse e ricordi passati.
    Non è amore quando senza quella persona non ci sentiamo di valere.
    Ho volutamente omesso i nick a fianco ad ogni frase, ma chi si sentirà colpito lo capirà da solo.
    Sono totalmente in sintonia con l’Ariel pensiero, che semplicemente dice che per trovare un amore vero è necessario non averne bisogno, cioè risolversi prima dentro…
    L’amore non deve arrivare per soddisfare dei bisogni ma per accompagnarci nel viaggio.
    In quest’ottica credo poco alle ricostruzioni. Perché chi è stato capace di prendere in giro due persone per anni, porta avanti due relazioni non sane, nessuna fatta di vero amore, ma entrambe “funzionali a…”
    Bisognerebbe chiedersi se davvero chi lo fa ne sia in grado.
    Io non lo ero e sto lavorando su me stessa per ritrovare l’equilibrio necessario.

  • Nina, 11 Maggio 2024 @ 17:34

    “Se sei arrivata qui per parlare a ragion veduta, questa è la realtà dell’amantato, questa è l’esperienza riportata da chi l’ha vissuta e siamo troppe perché i nostri racconti non abbiano rilevanza.”
    Infatti @Ellelle, non ho mai messo in dubbio i vostri racconti, ma solo le vostre ipotesi sul dopo degli altri.

  • Viovio, 11 Maggio 2024 @ 17:34

    @Leilei
    Non ho capito con chi deve parlare il tuo ex, la moglie oppure la tua psicoterapeuta?
    Arrivati a questo punto credo tu sia in possesso di tutte le informazioni necessarie per mettere finalmente un punto su questa storia.
    Prenditi cura di te, lui si assumerà le sue responsabilità.

  • Viovio, 11 Maggio 2024 @ 16:59

    @elle
    L’uomo durante il tradimento lo conosciamo noi, non voi ed è di questo che vi parliamo.

    Vuoi sapere quale sarà la risposta a questa tua affermazione? L’uomo in casa durante la ricostruzione lo conosciamo noi, non voi, come sappiamo com’erano con noi mentre vi raccontavano che il matrimonio era finito.
    E si ricomincia da capo con la solita discussione ;-p
    E’ una bella fortuna essere così convinti di chi si ha accanto dopo aver subito tradimenti come quelli che si leggono qui, ma soprattutto dopo aver letto le nostre testimonianze ed essere assolutamente certi di avere mariti diversi da quelli descritti sul blog.

  • Viovio, 11 Maggio 2024 @ 15:45

    @Nina
    Io non faccio statistiche ma ho un’amica che dopo aver scoperto il marito lo ha riaccolto ugualmente e la prima cosa che gli ha proposto è stata la terapia di coppia. Sai come è finita? Lui ha accettato e appena si sono calmate le acque ha trovato un’altra amante.
    La moglie dell’amante di @Crocus ha letto con i propri occhi cosa diceva il marito di lei e le dichiarazioni d’amore per l’amante. Conclusione? Marito riaccolto a braccia aperte perché in quel momento era “malato” (sicuramente malato di f… scusate il francesismo)e ammaliato dalla maga circe di turno.
    Potremmo andare avanti all’infinito con queste testimonianze. La mia situazione è diversa rispetto alla tua perché sono stata io a tradire, ho mollato amante e poi il marito e dopo un periodo di separazione ci siamo riavvicinati. Mi sono state sollevate le stesse perplessità e in tante hanno detto di non crederci, però non ho mai sentito la necessità di convincere nessuno.
    Non capisco per quale ragione siate così suscettibili se qualcuno mette in dubbio una ricostruzione, se state bene e siete felici godetevela lasciando perdere chi ha pareri contrari.

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 15:41

    @Nina
    “Ognuno dovrebbe portare i suoi fatti e la sua esperienza”

    Ma noi la stiamo portando, solo che la rifiutate. L’uomo durante il tradimento lo conosciamo noi, non voi ed è di questo che vi parliamo. Vi diamo la chiave per interpretare una relazione che voi non conoscete, vi diciamo che anni di amantato mettono in gioco azioni che negano l’amore, non solo per il coniuge ma anche per l’amante.
    Se vi diciamo che portarsi l’amante in casa e farle frequentare la moglie è una mancanza di rispetto imperdonabile, voi non ci credete.
    Se vi diciamo che c’è chi come amante si rifiuta di farlo e che se un uomo lo permette, vuol dire che la mancanza di rispetto per il coniuge è totale, voi trovate delle giustificazioni e date la colpa a lei.
    No, non è colpa di lei, è colpa di lui che lo ha permesso. Io non avrei mai permesso al mio ex di venire a cena in compagnia in presenza di mio marito, mai gliel’avrei fatto frequentare.
    Noi la nostra esperienza ve la portiamo, lo capisco, per voi è troppo sgradevole e vi tappate le orecchie ma l’amantato è quello che vi raccontiamo noi, non quello che immaginate voi.
    Ormai siete qui da tempo, vedete che i comportamenti maschili si ripetono e state tranquille che i vostri mariti hanno fatto cose molto simili, non c’è l’eccezione alla regola.
    Non si tiene una donna legata a sé per anni se non si mettono in atto certi comportamenti, se non si dicono certe cose.
    Se sei arrivata qui per parlare a ragion veduta, questa è la realtà dell’amantato, questa è l’esperienza riportata da chi l’ha vissuta e siamo troppe perché i nostri racconti non abbiano rilevanza.

  • Viovio, 11 Maggio 2024 @ 15:30

    @Nina
    Lia e tu in base a quale conoscenza oggettiva fai questa affermazione?

    i fatti oggettivi sono le statistiche di @Ale in cui solo un 15% ricostruisce veramente.
    Essendo una percentuale così bassa, il caso ha voluto al momento siate in 3 su questo blog a sostenere di esserci riuscite dopo la scoperta di un tradimento. Se la matematica non è un’opinione, il dato mi lascia un po’ scettica, ma c’è sempre l’eccezione che conferma la regola.
    Inoltre, credo basti leggere le storie riportate qui per capire che la maggior parte degli uomini lo faccia per convenienza.
    Quelli realmente pentiti si contano sulle dita di una mano e questo è un fatto, per questa ragione ci sono pareri così perentori.
    Il mio ex ieri si è rifatto vivo dopo mesi di silenzio, ha sempre orbitato, ma questa volta ha superato se stesso solo e semplicemente per il gusto di mettermi in difficoltà(ormai può ambire solo a quello).
    Eppure, agli occhi di tutti è il marito ideale per non parlare della moglie che si sente molto amata e ti garantisco anche questo e’ un riscontro oggettivo.
    Non ho idea se tuo marito ti ami oppure se alle spalle continui con una doppia vita, di certo se è cambiato consideratevi mosche bianche. Però questo non è il posto giusto per cercare conferme sulle vostre ricostruzioni per il semplice fatto che sappiamo benissimo cosa accade dall’altra parte e nella maggior parte dei casi sarebbe meglio non sapere… fidati

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 15:24

    @Nara
    È interessante quello che dici perché io che ti leggo non vedo una coppia dal tuo racconto pre-tradimento.
    Vedo due persone che stanno assieme mentre sono intente ad affermare ognuno le sue esigenze “prevaricanti” sull’altro.
    Torno al tema del rapporto “vittima-carnefice” di cui ho già scritto in passato perché per me è quello che salta all’occhio ogni volta che ne parli.
    Tu me ne fai una? Io te ne faccio due, perché in mancanza di dialogo resta la ripicca.
    Scusami se lo scrivo in modo molto schietto ma ho poco tempo e sono meno brava coi giri di parole. Non vi giudico, ti dico solo che quelle mi sembrano le dinamiche dai tuoi racconti.
    Essendovene fatte a vicenda, siete entrambi colpevoli in un certo senso e ripartite più o meno da un “pari e patta”. Ci sta che in una situazione come la vostra la terapia possa aiutare se non altro a non azzannarsi metaforicamente alla giugulare nel momento in cui uno dei due appoggia il piede nel modo sbagliato.
    Che le basi siano sane però non lo so. Mi sembra che questa colpevolezza abbia al suo interno un senso di colpa che non è un toccasana per una relazione. Comunque se anche tra voi non dovesse funzionare la terapia vi servirà comunque per il futuro perché se non altro avete capito l’importanza del dialogo.

  • alessandro pellizzari, 11 Maggio 2024 @ 14:23

    Ci sono anche mogli che affrontano a viso aperto senza successo più volte e a lungo coniugi freddi o egoisti anzi menefreghisti prima di trovarsi a tradire. Io sono fatto così risponde lui

  • alessandro pellizzari, 11 Maggio 2024 @ 14:18

    Molto giusto

  • Nina, 11 Maggio 2024 @ 14:11

    “Trovano la porta aperta!”
    @Lia e tu in base a quale conoscenza oggettiva fai questa affermazione? Sei stata presente ad un momento di “scoperta “? Sei stata una moglie che ha riaccolto o sei stata riaccolta dal marito dopo un tradimento?Come fai ad essere così categorica?
    Secondo me con le supposizioni non si va da nessuna parte. Ognuno dovrebbe portare i suoi fatti e la sua esperienza e in questo modo almeno potremmo fare discussioni che abbiano maggior valore anche per chi si trova nella necessità di dover fare una scelta che l’aiuti veramente.

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 13:13

    @Cossora
    Sappiamo a cosa serve la statistica, ci mancherebbe.
    La discussione è su dove si posizionano i casi di cui si parla sul blog.
    La ricostruzione dopo anni di tradimento dove sta, nel 15% che ricostruisce per amore o nel 55% che resta assieme per convenienza?
    Qui in tanti, me inclusa, pensano che dopo anni di tradimento la ricostruzione non sia per amore, perlomeno da parte di chi ha tradito.
    È rimasto in casa per amore l’ex di Lia? No.
    L’ex di Vio? No. Di Mimi? No.
    Che cosa poi loro riescano a far credere alle loro mogli non lo so ma se loro mostrano segnali di amore che però sono fasulli, la moglie li interpreterà come segnali d’amore, esattamente come è capitato alle amanti che scrivono qui.
    Quante arrivano qui dicendo “Ma lui mi ama, è solo un debole, ha una situazione famigliare difficile” e tutte queste balle? Se decine e decine di donne lo pensano, è perché ci sono decine e decine di uomini che sono bravissimi a far credere una menzogna.
    Ecco, che le credulone stiano solo nel campo delle amanti è statisticamente impossibile.

  • Nara, 11 Maggio 2024 @ 12:05

    Non sto dicendo che esiste il sentimento on-off, (anche se in qualche maniera penso possa anche esistere un meccanismo simile) è un discorso un po’ più ampio e complesso. Bisogna partire dai motivi che spingono a tradire, situazionali, personali, entrambi. La maggior parte delle volte il tradimento si genera da una crisi di coppia, nel nostro caso non arrivata all’improvviso ma presagita da piccoli segnali ma anche grandi che non abbiamo saputo e voluto cogliere. Mentre la vivi non ti rendi conto, ci sei dentro e non hai la lucidità del poi, o dello sguardo esterno. Si è generata in un momento di problemi economici, legali e di salute. Tutte queste pressioni esterne hanno schiacciato la coppia, perché io avevo una visione della gestione di queste problematiche, lui un’altra, io avevo delle aspettative e lui le ha disattese. Si sono svelati i bagagli caratteriali ed esperenziali, e nonostante il sentimento ci siamo allontanati. A quel punto distanza, mancanza di intimità, comunicazione di servizio e non più autentica, ciascuno si è chiuso nel castello del proprio orgoglio, si sono presentate emozioni dentro il quale il sentimento si perdeva, rabbia, frustrazione. Ovviamente non era una costante quotidiana, si oscillava da momenti più quieti a momenti di sofferenza. Cosa succede a quel punto, che non pensi più all’amore; non lo senti, non lo vedi, io non vedendolo in lui non volevo più sentirlo dentro di me. E sono iniziati i meccanismi di rivalsa, chiusure, silenzi, allontanamenti e frustrazioni. In questo hummus il tradimento era una soluzione, entrambi avremmo potuto tradire, anche io, e non l’ho fatto perché in quel momento fossi più innamorata, fedele, più rispettosa dell’altro, ma perché non era la mia soluzione. Entrambi volevamo essere visti, riconosciuti, desiderati, apprezzati, queste sono esigenze sacrosante. Entri in un “blocco” e inconsciamente cerchi una via d’uscita. Per chi assume l’assioma “tradisco perché è finito l’amore” il risultato non può che essere la fine della relazione, o il rientro nella coppia per convenienza. Per noi, il sentimento era ancora la, sotto tutte quelle macerie che noi stessi abbiamo creato, sotto la polvere che abbiamo fatto finta di non vedere mentre si depositava. E per ultimo in terapia di coppia si lavora su quei meccanismi che hanno generato la crisi, sulla ricostruzione della fiducia, sulla guarigione personale, sull’’accettare il passato e imparare a vivere presente e futuro in maniera più sana. Cambiare insieme modo di stare nella coppia. Ma questo vorrei precisare vale per me e lui, nessuno sa cosa ha vissuto un’altra persona, e ogni coppia ha le sue dinamiche.

  • Ariel, 11 Maggio 2024 @ 11:43

    elleelle, 10 Maggio 2024 @ 15:39

    Si hai ragione @elle mi sono espressa non chiaro ciò che intendevo dire
    E cioè che si crede ovviamente in buona fede per via dei tanti condizionamenti ambientali famille e società che Amore sia sempre riferito agli altri a cosa sia e come si debba fare per poter dire amo l’altro e viceversa

    E MAI siamo cresciuti ,invece,con la consapevolezza che parte prima dalla conoscenza di cultura e socio educativo che SENZA AMORE EQUILIBRATO di se stessi Impossibile avere una qualsiasi relazione affettiva che funzioni

    Dove per funzionamento si intende essere capaci di equilibrio di autostima e cioè di generare continui aggiustamenti per difendere proprio Dignità se altro non riesce a rispettarci si resta anche capaci di chiudere la relazione
    Ma questo vale per qualsiasi relazione affettiva
    Invece spesso la vulgata pensa sempre che si parli di rapporto di coppia.

    Amore non è scientificamente una entità al. Esterno di noi stessi ma è già presente come esattamente il nostro corpo e le sue differenti parti

    Ecco sicuro ad esempio nel mio caso sono stata capace di aprirmi totalmente al mio caro marito perché sono cresciuta con mio Padre che da piccolissima mi ha trasmesso soprattutto col suo comportamento questo concetti base
    E soprattutto sul validissimo principio attivo del proprio assumersi la propria responsabilità individuale perché da adulti maggiore età occorre farsi il proprio percorso di scoperta del come fare a vivere le relazioni affettive tutte.
    Fortunatamente esistono le scoperte scientifiche e gli strumenti validissimi che possono veramente aiutare chiunque di noi possa trovarsi in qualsiasi difficoltà affettiva

    Perché resta chiaro che il centro del nostro motore vitale risiede nella sfera affettiva
    Resta trasversale su qualsiasi essere umano no importa da dove sia ia propria radice natale

    Amore quindi quello più importante è dentro noi stessi e va coltivato lungo tutta la vita
    No. Esiste io sono risolta

    Ci si risolve o meglio dissolve alla propria morte.
    Siam vivi per imparare a vivere ! In vero equilibrio di autostima

  • Nina, 11 Maggio 2024 @ 10:26

    “Se ti innamori e ti sposi allora continuerai per sempre ad amare questa persona nonostante gli incidenti di percorso, tradimento incluso, perché il matrimonio è sacro ed è (solo) lì che può esistere l’amore vero che può nascere e rinascere.
    Non credo sia un processo mentale cosciente, credo sia più un condizionamento e che quindi non venga espresso apertamente ma che venga detto tra le righe”
    @Ellelle sono d’accordo con quello che scrivi, ma piu’ che con il matrimonio in se,come istituzione, penso che il discorso sia piu’ legato al discorso dell’amore. L’amore,non il matrimonio, se è vero resiste agli incidenti di percorso. Anche l’amore verso i figli è cosi’,li ami non per quello che ti danno o perché si comportano bene o per I loro successi,ma li ami a prescindere,nonostante le delusioni che ti possono dare. L’amore veramente va oltre. Poi ovvio che il matrimonio ha il suo peso,perché se in un momento della tua vita hai deciso e promesso che sarebbe stato per sempre vuol dire che per quella persona provavi un sentimento forte per davvero. Certo tralasciando i casi in cui ci si sposa “perché è la cosa giusta da fare”. Ma se ci credi nell’amore quello resta.
    Una mia amica si è separata(ormai da una decina d’anni) dal marito seriale e bugiardo patologico,ma mi ha detto che continua ad amarlo nonostante tutto, solo che ha dovuto prendere la decisione di separarsi per vivere piu’ serena(ed ha sofferto tantissimo nel prenderla). Ma l’amore resta(anche per lui per come puo’),tanto che lui saltuariamente le chiede di tornare insieme e lei non ha mai sentito il bisogno di un’altro uomo,pur continuando a respingerlo. È una situazione contorta ed estrema se vogliamo, ma fa capire quanto l’amore puo’ essere forte e quanto poco abbia a che fare con le “farfalle nello stomaco “.

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 09:59

    @Cossora
    Immagina che la moglie del tuo amante lo becchi senza ombra di dubbio e lui decida di restare in casa dopo anni che la tradisce.
    Immagina che ci sia una ricostruzione ancora più passionale e forte di prima.
    Tu ci crederesti? Crederesti a lei? Crederesti a lui?
    Io crederei a lei, a lui no.
    Tu invece dovresti credere a questa ricostruzione nonostante tutto, nonostante gli anni di tradimento, nonostante tutto quello che viene fatto ed entra in gioco in questi anni, perché è statistica.
    Dovresti andare contro alla tua esperienza, al tuo vissuto, al vissuto di chi conosci, dovresti accettare che ha mentito solo a te e non a lei, che l’ha sempre amata nonostante tutto quello che avete vissuto e fatto assieme, perché è statistica.
    Il tuo amante, a cui “non passa mai”, diventerebbe parte di quel 15% di statistica.
    Plausibile?
    Ognuno decide per sé stesso.

  • Nina, 11 Maggio 2024 @ 09:44

    “In quel 15% ci sono quelli che non saltano per aria, ma non è detto che tornino insieme per ritrovato amore…” pienamente d’accordo con te in quel 15% ci sono entrambi i casi.
    Beh, leggere le statistiche di @Alessandro a proprio piacimento è un bel giochino. Provo anche io. Allora in quel 35% di amanti che va a buon fine sai quanti che in realtà sono stati buttati fuori dal coniuge(o a cui magari il coniuge ha restituito il “favore” come l’ex di Leilei)e si vendono come “ufficiali e gentiluomini” per non finire con le natiche per terra?
    Comunque in generale sono d’accordo con @Cossora, le statistiche vanno lette come un dato,per avere un’idea di come vanno in genere le cose(mica tutti noi abbiamo 1,2 figli a testa come dice la statistica?),poi ognuno deve prendere le proprie decisioni in base alla sua personalità e al suo percorso nella storia.

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 09:42

    @Molly
    Ho solo dato una scorsa al tuo commento perché ormai faccio davvero fatica a leggere ogni volta che anche le donne mentono, che se la sono andate a cercare e bla bla bla.
    Io non ho MAI detto che le donne non mentono, MAI!
    Te lo ripeto anche se l’ho già scritto mille volte: io ci credo che tu ami tuo marito e che hai fatto e stai facendo di tutto per tenertelo. Fai benissimo perché è quello che vuoi e che ti fa stare bene.
    Ci sarebbero tante cose che vorrei aggiungere, anche sul perché proprio io ti sto così sui coglioni ma evito.
    Preferisco dirti in tutta sincerità che io ti credo, Molly, so che lo ami, ho capito cosa devi fare per tenere vivo questo amore e ho capito che passa attraverso la tua battaglia qui sul blog.
    Però non chiedermi di credere a lui.
    Come io comprendo tutto quello che stai facendo e i motivi per cui lo fai, tu cerca di capire almeno questo: che non puoi accusare gli altri delle stesse cose che hai perdonato a tuo marito.

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 08:50

    @Nick76
    “Sarebbe una specie di disturbo, tipo sdoppiamento della personalità.”

    Sì, in un certo senso.
    È il concetto di compartimentalizzazione portato all’estremo ma utile per razionalizzare e perdonare.
    In casa “ama” la moglie, esce e la tradisce ma solo in quel momento non la “ama”, perché poi torna a casa e la “ama” di nuovo.
    Non funziona così, uomini del genere non amano, fingono.
    Qua sul blog si è parlato spesso di compartimentalizzazione nei seriali che non amano nessuno ma riescono a tenere ben separati vari mondi diversi: moglie, amante 1, amante 2, donna 3 che si stanno intortando e così via.
    Sono sicura che riesca a farlo anche una persona non seriale perché è capace di fingere e chi sa fingere è capace di raccontarla, anche in terapia. Non per niente ci sono bugiardi patologici, persone che cercano di affascinare il terapeuta, altri che interpretano le parole del terapeuta a proprio uso e consumo, snaturandone l’essenza.
    Se abbiamo bisogno, riusciamo a spiegare e spiegarci tutto perché è molto più difficile dire “È un banale stronzo”. Una frase così non lascia tante speranze, chi vuole stare con un banale stronzo?
    È meglio dire che non “ama” la moglie solo nel momento in cui agisce il tradimento, ad esempio in quella finestra di due ore in cui è con l’amante ma per il resto tutto ok.
    Non è la prima volta che viene espresso un concetto simile perché è essenziale per il perdono. Scagiona le azioni del traditore razionalizzandole, cercando un motivo ulteriore che smuova più compassione.
    Capisci che se una donna ha la crocerossina dentro, è propensa a prendersi la colpa ed è desiderosa di perdonare, se le smuovi la compassione sei a cavallo. Quindi giù di crisi, smarrimento, non era più lui, era come drogato, era sotto pressione, era solo quando lo agiva… Fa brodo, eccome se fa brodo.

  • elleelle, 11 Maggio 2024 @ 08:30

    @Nina
    “Su una cosa ti devo smentire pero’ ed è questo:” Il problema è l’uomo e quello che ha in testa.”.”

    No, non mi smentisci affatto perché se un uomo pensa che una donna è una poco di buono perché è la sua amante allora il problema è suo, ce l’ha dentro alla sua testa.
    Il resto è uso corretto della lingua italiana. Io non faccio di tutta l’erba un fascio, lo so che gli uomini non sono tutti così. Ma se faccio un esempio con due donne e un uomo e dico che il problema tra loro è dell’uomo, è italiano corretto, non posso dire “il problema è di un uomo”. Quale uomo, uno a caso? Io sto parlando di un uomo specifico, quello tra due donne.

  • alessandro pellizzari, 11 Maggio 2024 @ 07:55

    Il 35% di coppie di amanti diventa coppia ufficiale in tre anni. Epidemiologia di Pellizzari

  • Nike, 11 Maggio 2024 @ 07:51

    Io non ho motivo di non credere alle ricostruzioni descritte qui pur condividendo in toto il pensiero di @Elleelle e @Lia. Questo perché IO non sono @Molly, non sono @Nara e non sono i loro mariti. Io ho tradito più volte, direi che tutte le mie relazioni lunghe sono terminate con un tradimento. Quando passavano le farfalle, l’entusiasmo, la carica sessuale ecc.. iniziavo a guardarmi intorno e questa era la fine, punto.Ma IO per essere felice voglio questo, qualcosa di simile ad un innamoramento perenne. È chiaro che se tradisco e poi torno, dall’altra parte è impossibile trovare quello che ho trovato fuori. Magari posso trovare altro ma le farfalle non credo proprio.E questo “ altro” che per me non è importante, per molti è fondamentale e vale più delle mie farfalle. Non sto parlando di soldi, mutuo in comune o figli, parlo di un sentimento d’amore diverso da come lo interpreto e provo io ma magari anche più nobile.

  • Dispersa, 10 Maggio 2024 @ 19:27

    @Leilei staccati definitivamente… Il rimane amici non ha alcun senso, ad una certa ti usano solo quando hanno bisogno, fosse anche solo per sfogarsi…
    Ormai è andata, sono brodi troppo lunghi, dove i bei ricordi si annebbiano e si perdono nel tempo.

  • Nick76, 10 Maggio 2024 @ 19:08

    @Nina: “O forse ti fa meno male non crederci,ma va bene così,fai come ti fa stare meglio.” Sinceramente io sto bene così non ho bisogno di credere o convincermi di niente. Comunque intendevo dire che non credo a una ricostruzione dopo un tradimento pluriennale basato sull’amore, ma questo non vuol dire che non si può riprendere basasandosi su qualcosa di più tangibile tipo la convenienza e il quieto vivere. Questa a parer mio è più verosimile. Sarei uno sprovveduto a credere che il matrimonio non possa continuare visto le statistiche di Alé…!!!

  • Nick76, 10 Maggio 2024 @ 19:01

    @Nara:”per me invece chi tradisce non sta amando il tradito nel momento in cui agisce il tradimento.” Cioè fammi capire il traditore uomo o donna che sia, mentre è con l’amante non ama il proprio partner però nel momento che torna a casa o è in vacanza con lui/lei o in generale quando stanno insieme lo ama. Sarebbe una specie di disturbo, tipo sdoppiamento della personalità. Questo è quello che intendi…!!!

  • Nick76, 10 Maggio 2024 @ 18:30

    @Lia:”In quel 15% ci sono quelli che non saltano per aria, ma non è detto che tornino insieme per ritrovato amore…” pienamente d’accordo con te in quel 15% ci sono entrambi i casi, poi ragionando per logica quelli legati alla convenienza sono di più. Quindi in base alle statistiche di Ale su 100 casi di relazioni extraconiugali il 15% torna all’ovile, il 30% costituiscono una nuova coppia e poi c’è un bel 55% circa che vaga nel limbo. Non avendo il coraggio di decidere dove stare e decidono di tenere il piede in due scarpe fino a quando non vengonoaciperti o fin quando uno dei due non chiede, stanco di questo limbo non chiede stabilità…!!!

  • Cossora, 10 Maggio 2024 @ 16:53

    La statistica studia fenomeni collettivi (non particolari, collettivi) per trarre conoscenza e definire l’appartenenza a un gruppo piuttosto che a un altro.
    Nella valutazione di qualcosa di definito, quindi particolare, a cosa serve la statistica?
    – “Statisticamente due genitori biondi generano un figlio biondo”
    – “Eh ok, ma i miei sono biondi e io sono castana”
    – “Ma dovresti essere statisticamente bionda”
    Nina da un suo apporto, questa è la sua esperienza in merito a un argomneto: sta ricostruendo il suo matrimonio?
    Non ha detto che i vostri ex stanno ricostruendo.
    Non ha nemmeno detto che non gli crede.
    Ha detto -consapevole di come vanno statisticamente le cose- quello che è successo in casa sua.
    Questo unico caso serve solo a dire ‘guardate che ci sono anche casi come il mio’
    Qual’è il motivo (a parte una evidente frustrazione personale del tutto fuori luogo) per contraddirla?
    A chi da fastidio, esattamente?

  • Nina, 10 Maggio 2024 @ 16:52

    “L’ex di Mimi non si è comportato male perché Mimi era l’amante e quindi non aveva valore”
    @Ellelle mi spiace doverlo dire,ma ho piu’ di 50 anni e uomini ne ho sentiti parlare tanti per scherzo e anche sul serio.Purtroppo per molti uomini un amante è appunto un amante e quindi appartenente ad una “categoria” di donna diversa. E’ un ragionamento orribile,ma l’ho sentito piu’ volte.Non so se è così solo in Italia e se all’estero è diverso,ma finché esisteranno questi ragionamenti gli uomini che cercano un amante quello vogliono,di rado cercano una compagna di vita. Qualche volta capita si,ma è raro.

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 16:15

    @Lia
    “Perchè, allora, poi se questo rientra all’ovile si dovrebbe trasformare improvvisamente…”

    Non lo so.
    Azzardo un’ipotesi e cioè che comunque abbia un peso quella che viene percepita come sacralità del matrimonio. Se ti innamori e ti sposi allora continuerai per sempre ad amare questa persona nonostante gli incidenti di percorso, tradimento incluso, perché il matrimonio è sacro ed è (solo) lì che può esistere l’amore vero che può nascere e rinascere.
    Non credo sia un processo mentale cosciente, credo sia più un condizionamento e che quindi non venga espresso apertamente ma che venga detto tra le righe. Lo puoi dedurre da alcuni discorsi ad esempio che si applicano solo alle amanti, tipo la questione della dipendenza affettiva.
    È come un filo che lega certi discorsi e che a me sembra di percepire. Non ti nascondo che lo trovo strano.

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 15:39

    @Ariel
    “SCOPRIRESTE CHE NON È VERO CHE AMORE FINISCE COME FOSSE UNA ENTITÀ ESTERNA A SE STESSI!!!”

    A parte che nessuno ha mai espresso un concetto del genere, chi tradisce secondo te cosa fa, in quale modo ama e chi? Cosa fa un tradimento a un rapporto, cosa fa alla fiducia e al rispetto?
    Tu hai sempre detto che non hai tradito tuo marito perché lo amavi e lo rispettavi, per cui gli hai parlato dicendogli che il vostro rapporto era a rischio.
    Se tu invece lo avessi tradito, come avresti definito quello che provavi per lui, cosa avresti provocato al vostro rapporto?
    Il tradimento sarebbe stato come un concime che avrebbe fatto crescere il vostro amore forte e rigoglioso?
    Bisogna essere chiari, così non ci confondiamo.

  • Molly, 10 Maggio 2024 @ 15:25

    “@Ariel discorso bellissimo e di persona che ha capito che ogni essere umano ha la possibilità di rinascere(personalmente) se identifica e si prende cura delle proprie ferite. Grazie per averlo condiviso penso sia prezioso per tutti.”

    Esatto @Nina.

  • Nina, 10 Maggio 2024 @ 15:07

    @Nara molto bella e interessante la tua riflessione!

  • Lia, 10 Maggio 2024 @ 15:05

    @Ariel, nel rientro di questi uomini a casa, non è necessario fare un percorso interiore di guarigione di vecchie ferite che, nella migliore delle ipotesi, dura anni! Trovano la porta aperta!

  • Molly, 10 Maggio 2024 @ 14:56

    alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 12:51
    lo dicono le testimonianze e il matrimonio che rifunziona da TUTTI i punti di vista e che non è nuova finzione

    Mi sembra evidente che sia così. Ma c’è bisogno di spiegarlo?

  • Nina, 10 Maggio 2024 @ 14:54

    “Dipende poi da cosa avevi bisogno di capire e perché”
    @Ellelle proprio perchè non mi piace giudicare le persone(o se preferisci esprimere pareri senza sapere di cosa sto parlando)volevo capire un amantato dal punto di vista dei protagonisti e in questo @Alessandro offre un prezioso aiuto proprio per capire perché è professionale,obiettivo, super partes e ironico,che in situazioni come queste non è poco. Un sorriso in mezzo alle lacrime lo riesce comunque a strappare.
    Il blog è stato poi una scoperta(suggerita proprio da lui) che è arrivata mesi dopo e anche questo mi è servito per mettere a fuoco un mondo che neanche immaginavo.
    Ma il fatto che esista non rende tutto il resto del mondo da buttare via,le cose belle esistono ed il fatto che qui talvolta se ne parli(da qualunque lato del triangolo si sia stati) non può che ridare speranza a chi dopo tanta sofferenza vuole guardare ad un futuro migliore.
    Su una cosa ti devo smentire pero’ ed è questo:” Il problema è l’uomo e quello che ha in testa.”.
    Sbagli Ellelle ci sono uomini sbagliati o irrisolti o malati,ma non tutti,la maggior parte sono come noi:persone che provano ad essere felici e come noi magari sbagliano. Il fatto di appartenere al genere maschile non mette in automatico in categorie negative,magari ci può aiutare, come fa spesso @Ale ad inquadrare meglio certi comportamenti o aspettative,ma finisce li

  • Molly, 10 Maggio 2024 @ 14:53

    “Va bene sperare che un uomo esca di casa, ma uno che è stato capace di tradire in quel modo e di sputare nel piatto in cui ha mangiato, di mentire alla moglie per anni, è potenzialmente poi capace di farlo anche con l’amante. Condivido!”

    @Lia per favore sii intellettualmente onesta. A parte quei casi in cui l’amante donna è single e quindi lei non mente al coniuge (probabilmente mente ai genitori), non ti pare che le amanti donne sappiano mentire ALMENO A CASA piuttosto bene anche loro e per la stessa durata della loro controparte maschile? Non mi pare che ce ne sia una che quando esce con l’amante dice al marito (che tradisce) “Caro, stasera mi vedo con XX e ci facciamo un giro di giostra all’albergo XY. Se i bambini piangono chiama la stanza n. 3 dove abbiamo prenotato”. Ecco questo per dire che anche le donne amanti a casa propria le bugie le racconano eccome. Il tradimento è fatto così: SI MENTE!

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 14:48

    @Cossora
    “Perchè hai bisogno di ‘sapere tutto’ tu? Per pensare ‘non poteva andarmi diversamente, non ci potevo fare niente’?
    Siamo tutti diversi. non sei il modello di niente e non saprai ne sapremo mai se sarebbe andata diversamente.
    E’ andata come è andata perchè quella è la scelta che abbiamo fatto.
    Non era predestinato. Siamo sempre noi i responsabili.”

    Scusami ma non riesco a seguire il tuo ragionamento in relazione a quello che ho detto io.
    Hai o non hai tradito tuo marito? Lui ha o non ha tradito te? Questo è il risultato di un qualsiasi tipo di processo interiore e di coppia che mi interessa relativamente ma che ha portato alla fine di un rapporto e a un tradimento reciproco.
    Tu hai scritto che tuo marito ti ha deluso per vari motivi, lo hai tradito, ti ha tradito e vi siete separati.
    A un certo punto della tua vita di coppia è svanita quella cosa che faceva pensare “Non lo tradisco perché lo amo, gli voglio bene, non voglio ferirlo, non voglio tradire la sua fiducia”.
    Non sto dando la colpa di niente a te, sono cose che succedono, le relazioni finiscono.
    Non capisco di cosa dovrei essere modello, la mia relazione è finita tanti quanto la tua, a volte si può fare qualcosa per tempo, a volte no. In ogni caso c’è sempre un motivo.

  • Molly, 10 Maggio 2024 @ 14:47

    @Ellelle ho provato a risponderti e non è passato.

    Ti ripeto solo quello che penso dal profondo del cuore e dalla mia esperienza: se non hai provato a ricostruire una relazione dalle sue ceneri non puoi capire razionalmente. Lo devi vivere per capire che meccanismi scattano che non sono razionali, a tavolino, sulla bilancia, sono meccanismi che nasconod da dentro e che rendono tutto possibile.

    Probabilmente sono inspiegabili come i meccanismi che ti fanno avere una relazione con una persona che sai che vive e va a casa tutte le sere con una persona che non sei tu eppure ti ci senti legato come fosse una relazione esclusiva anche se non la è. Razionalmente ti dico che è una cosa inaccettabile pensarsi in una relazione esclusiva in queste condizioni, ma pare che ci siano tante persone che vivono relazioni del genere e ci si sentano “bene” dentro.

    Puoi fare la rigidona ma non puoi catalogare tutto con le esperienze che hai fatto tu. Esistono anche altre esperienze per te inesplorabili ma esistono. Tutta questa tua certezza che non sia possibile ti aiuta a stare meglio nel tuo marasma di donna separata in casa? Ben venga, ma non dispensare verità che non conosci. Non hai la verità in mano e questo lo devi accettare.

    Hai dismesso le statistiche di @Alessandro, non credi a quello che persone nella mia situazione dicono, schifi psicoterapeuti di coppia che hanno migliaia di casi di successo dopo il tradimento. Se per te è tutto una farsa e una bugia beh, sono felice di dirti che non è così.

    Anche tu hai raccontato cose non vere a tuo marito e ai tuoi figli a suo tempo pur di vedere il tuo amante e progettare segretamente una vita con lui, sognare una seprazione concreta e una vita in comune con lui che avrebbe significato una vita diversa anche per i tuoi figli. Questo non significa che sei una bugiarda OGGi. Lo hai fatto ma è relegato al passato. Se vale per te, perché non può valere per altri di non essere dei bugiardi cronici?

  • Nina, 10 Maggio 2024 @ 14:26

    “esiste UN MONDO INTERO DI VERE SOLUZIONI CHE FUNZIONANO SU TUTTI E DICO TUTTI
    SCOPRIRESTE CHE NON È VERO CHE AMORE FINISCE COME FOSSE UNA ENTITÀ ESTERNA A SE STESSI!!!

    SCOPRIRESTE CHE IL SENSO DELLA PROPRIA RESPONSABILITÀ È UN MECCANISMO IN NATURA STUPENDO!

    Perché ci traccia il percorso da fare per GUARIRE LE PROPRIE ANTICHE FERITE….

    Che ESITONO IN TUTTI GLI ESSERI UMANI
    E VANNO CURATE E RISOLTE LE FERITE”
    Ecco il COME MAI SE NE ESCE DAVVERO
    DOVE DAVVERO NON HA NULLA A CHE VEDERE CON ERO MOGLIE O SONO MOGLIE ERO AMANTE SERIALE O MENO ERO QUESTO E ORA SONO QUESTA
    @Ariel discorso bellissimo e di persona che ha capito che ogni essere umano ha la possibilità di rinascere(personalmente) se identifica e si prende cura delle proprie ferite. Grazie per averlo condiviso penso sia prezioso per tutti.

  • Lia, 10 Maggio 2024 @ 14:25

    @Ale consiglia sempre alle amanti di stare attente.
    Va bene sperare che un uomo esca di casa, ma uno che è stato capace di tradire in quel modo e di sputare nel piatto in cui ha mangiato, di mentire alla moglie per anni, è potenzialmente poi capace di farlo anche con l’amante. Condivido!
    Perchè, allora, poi se questo rientra all’ovile si dovrebbe trasformare improvvisamente in padre Pio e diventare onesto, sincero, affidabile? Rientrando in casa gli è caduto un masso in testa? Ha avuto l’illuminazione sulla via del ritorno?
    Oppure questo ritrovato amore è così forte da renderlo improvvisamente santo! Sì, e io sono Belèn!
    I problemi che l’hanno spinto a tradire per anni? Evaporati! Per quelli basta qualche seduta dallo psicologo di coppia! Senza pensare a occasioni ha avuto per rientrare! Mille! Ma ha spettato di essere scoperto!
    O forse è più probabile che si sia fatto due conti con la calcolatrice, abbia deciso, razionalmente, di rientrare in casa e abbia fatto tutto quello che è in suo potere per sanare il danno!
    Uno che vuole rientrare in casa non addurrà mai le reali motivazioni! Non può certo dire che non ama più la moglie ma gli conviene starci o che il problema non è sanabile!
    Se non vogliamo chiamarla statistica, chiamiamola analisi delle probabiltà.

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 14:25

    Cioè il tuo ex amante parla con la tua psicoterapeuta?

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 14:22

    Ci sono dei seriali che mentono anche quando non ne ce n’è bisogno ma non è patologia è abitudine e moralità zero

  • Leilei, 10 Maggio 2024 @ 14:11

    Ciao Viovio, la psicologa mi ha detto che i suoi problemi di coppia deve risolverli da solo.
    So che le parlerà tra qualche giorno (per motivi che non posso spiegare qui), mi ha detto che non è stato il tradimento a ferirlo quanto il fatto che continuasse a professargli il suo amore e due secondi dopo andava dall’ altro.
    Lui ha detto io almeno da quando ho iniziato a tradirla non le ho mai più detto che l’amavo mentre lei ha avuto anche il coraggio di lamentarsi che dormivo sul divano, che ero distante. Lei fingeva grande amore, la perfetta gatta morta.
    Gli ho detto adesso devi pensare a riorganizzare la tua nuova vita, io ne starò fuori. Non so cosa avverrà in futuro, ma io non cambierò di una virgola la mia vita attuale per lui. MAI

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 13:58

    @Lia
    “Che differenza c’è tra uno che non vuole lasciare la moglie e, per comodità, ci torna a letto, posta foto, le dice ti amo e uno che la ama veramente?”

    È una domanda validissima.
    Io adesso parto da una certezza: che uno uomo che sa mentire per tornaconto, ad esempio per scoparsi l’amante, sa farlo anche in altre circostanze e in situazioni diverse, ad esempio per restare in casa.
    Un uomo che un giorno va a letto con l’amante che non ama facendo sesso focoso e il giorno dopo la butta dalla torre per restare in casa, sta agendo per tornaconto e sta mentendo alla moglie.
    Da questa certezza, maturata con tanto dolore, prendo le mie decisioni. Ad esempio quella di non trovarmi mai più in una situazione simile.
    Immagino sia il discorso che ti sei fatta anche tu.
    Nel mio caso, delle quattro persone che ho considerato da quando è finita con il mio ex, tre erano single e uno in via di separazione, che è poi avvenuta davvero per cui non mi aveva mentito.
    Aggiungo che il sesso focoso riuscivo a farlo anche io, donna, con l’ex trombamico che di certo non amavo e nemmeno mi attirava granché fisicamente. Per andare a letto con una persona basta avere voglia di fare sesso in sé. Credo solo che le donne riescano a farlo per periodi più limitati.

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 12:51

    lo dicono le testimonianze e il matrimonio che rifunziona da TUTTI i punti di vista e che non è nuova finzione

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 12:31

    @Nina
    “Sono arrivata qui per capire e non per giudicare e mi piacerebbe,se possibile,essere capita e non giudicata.”

    Quelli che tu consideri giudizi in realtà sono solo opinioni diverse e per capire determinate cose servono proprio queste opinioni diverse.
    Dipende poi da cosa avevi bisogno di capire e perché.
    Se volevi capire il perché di un tradimento, qui secondo me viene raccontato un mondo che si allontana molto dallo stereotipo dell’amantato con la donna poco di buono che irretisce l’uomo in crisi.
    Anzi, ne esce uno spaccato maschile che io definirei terrificante, con uomini immaturi, egoisti, disturbati e senza scrupoli nei confronti delle donne in generale.
    Qui ci sono tante donne degnissime di amore che sono state prese in giro dal marito di un’altra donna, presa in giro a sua volta. Non serve ripetere che tantissimi di questi uomini hanno corteggiato a lungo e mentito e manipolato altrettanto a lungo per ottenere una donna su cui avevano messo gli occhi.
    Amori millantati, programmi per il futuro falsi, bugie senza alcuna intenzione se non quella di esercitare potere sulla donna che si ha di fronte.
    La cosa da capire è che una persona che si comporta così ce l’ha dentro, non dipende da chi ha di fronte.
    L’ex di Mimi non si è comportato male perché Mimi era l’amante e quindi non aveva valore. Si è comportato così perché lui è così e con la moglie è anche peggio perché magari mentre tampinava Mimi cercava un figlio con la moglie.
    Non è l’amante il problema, così come non lo è la moglie. Il problema è l’uomo e quello che ha in testa.

  • Lia, 10 Maggio 2024 @ 12:08

    @Ale, perdonami, “Ciò detto il 15% dei matrimoni ricostruisce per ritrovato e rinnovato amore” e come si misurerebbe questo ritrovato amore?
    Che differenza c’è tra uno che non vuole lasciare la moglie e, per comodità, ci torna a letto, posta foto, le dice ti amo e uno che la ama veramente?
    In quel 15% ci sono quelli che non saltano per aria, ma non è detto che tornino insieme per ritrovato amore…

  • Cossora, 10 Maggio 2024 @ 12:03

    @ale concordo sul “non è interessante”
    Qui si portano le proprie esperienze e le proprie modalità di uscita, risoluzione etc.
    Spesso (e fa un po’ comodo, secondo me a molti) si prendono le statistiche come verità: se lo dice la statistica, sono scagionata.

  • Arie,, 10 Maggio 2024 @ 11:57

    Scusate ma secondo me sbagliate tutto il metodo di discussione
    Inutile perdersi nei meandri del perché esistano o meno matrimoni che proseguono pure dopo il tradimento
    Oppure il come mai esistano amanti che si ostinano a vivere relazioni nascoste per anni e anni
    Inutile definire i legami di qualsiasi tipo matrimoni azienda
    O amantati di vero e puro amore
    Inutile dire ma perché lo amo ma perché ci amavamo ma perché poi intanto tutto finisce l’amore

    Se vi DECIDESTE UNA BUONA VOLTA A INIZIARE
    UNO A STUDIARE SECONDO SCIENZA COME FUNZIONA UNA RELAZIONE AFFETIVA VERSO CHIUNQUE

    VI ACCORGERESTE della MERAVIGLIOSA DIFFERENZA di vere scoperte scienza che NOTORIAMENTE NON SI RIFERISCONO A SQUADRE DI CALCIO ALLA MOGLIE O ALLA AMANTE O ALLA MELISCOPOTUTTI CHE INTANTO FA LO STESSO( ironico in senso buono perché anche io ero arrivata a pensare dopo la relazione tossica di scoparmi tutto lo scopabile ahahahah)

    Scoprireste che esiste UN MONDO INTERO DI VERE SOLUZIONI CHE FUNZIONANO SU TUTTI E DICO TUTTI
    SCOPRIRESTE CHE NON È VERO CHE AMORE FINISCE COME FOSSE UNA ENTITÀ ESTERNA A SE STESSI!!!

    SCOPRIRESTE CHE IL SENSO DELLA PROPRIA RESPONSABILITÀ È UN MECCANISMO IN NATURA STUPENDO!

    Perché ci traccia il percorso da fare per GUARIRE LE PROPRIE ANTICHE FERITE….

    Che ESITONO IN TUTTI GLI ESSERI UMANI
    E VANNO CURATE E RISOLTE LE FERITE

    SCOPRIRESTE CHE LA VITA È STUPENDA QUANDO SI SEGUE LA LUCE ILLUMINANTE DELLA SCIENZA
    CHE TUTTI I VOSTRI DUBBI E DOMANDE CHE GIRATE COME IN UN CIRCOLO CHIUSO RITORNANDO

    NON A CASO SEMPRE NELLO STESSO PUNTO

    SECONDO SCIENZA NON È COSÌ

    Dare il nome vero alle cose che si dicono e che si vivono aiuta a CAMBIARE TESTA NEL SIGNIFICATO DI GUARDARE DI TRAVERSO LA REALTÀ E CIOÈ SCOPRIRE LA SCIENZA COSA HA SCOPERTO?

    Inutili e dannosi appellativi e titoli a mo di ridurre la scienza a definizioni di matrimonio azienda
    Di processi alle intenzioni della gente

    Supposte tutte supposizioni

    Se invece si guarda la scoperta scientifica
    Ci si DOCUMENTA DAVVERO E NO PER FINTA
    CI SI CURA DI CERCARSI UN PROFESIIONISTA che tratta da anni le difficoltà delle relazioni affettive tutte

    Ecco il COME MAI SE NE ESCE DAVVERO
    DOVE DAVVERO NON HA NULLA A CHE VEDERE CON ERO MOGLIE O SONO MOGLIE ERO AMANTE SERIALE O MENO ERO QUESTO E ORA SONO QUESTA

    @CaroAlessandro scusa il maiuscolo ma credo possa aiutare a evidenziare ciò che desidero tanto poter esprimere come uno spunto GRANDE di vera riflessione più che pubblica che possa generare buoni semi in ciascuno di noi tutti..
    Bonjour
    Vi abbraccio cn grande gioia e positività verso la realtà di cosa significhi la Vera Rinascita!,

    Sempre possibile accedervi per chiunque!❤️

  • Nina, 10 Maggio 2024 @ 11:50

    “non credo a un matrimonio ricostruito dopo la scoperta di un tradimento che va avanti da anni.”
    @Nick76 O forse ti fa meno male non crederci,ma va bene così,fai come ti fa stare meglio.

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 11:26

    @Nina
    “una relazione con un vedovo o con un separato(che magari si è separato perché lasciato dalla moglie) è impossibile perché il rapporto del passato sarebbe sempre ancora presente.”

    Sono esempi che non sono particolarmente attinenti.
    Qui si parla di tradimento, di recuperare da un tradimento e di restare con chi ha tradito e con chi si ha tradito.
    Se io conosco un vedovo, non sono stata io che ho fatto morire sua moglie. Se conosco un separato, non sono io la causa della loro separazione. Un separato o un vedovo non si tengono in casa la causa del loro dolore, di una malattia, di un fallimento o magari proprio di un tradimento. Con me un vedovo o un separato ripartirebbero con una donna nuova, a cui e con cui non è successo niente.
    In ogni caso sarei consapevole della presenza precedente di una moglie morta e magari molto amata, oppure di una ex da cui ci si è separati per delusione, tradimento o disaccordo perché tutto farebbe parte della vita della persona che ho di fronte.
    Ci sono anche tante relazioni successive a un lutto o a una separazione che non funzionano perché la presenza o il peso della donna precedente non vengono superati ed è normale, anche se triste.

  • Nara, 10 Maggio 2024 @ 11:24

    Una volta ho letto che esistono tradimenti “femminili” e “maschili”, non nel senso di chi è l’attore che li agisce, ma nelle modalità. Possono esserci uomini che tradiscono in un’eccezione femminile, con un coinvolgimento forte, emotivo, un innamoramento reale, e uomini che lo fanno secondo un’eccezione “maschile”, con una scissione netta del dentro (relazione primaria) e del fuori (relazione secondaria). Io sono stata una donna che ha tradito, e non ero più innamorata del mio compagno, ma nell’anno in cui ho mentito, ingannato, detto bugie, non mi sono mai innamorata nemmeno dell’altro. Ho ingannato e mancato di rispetto, ma prima di tutto ho ingannato me stessa. Io ho tradito per una mia difficoltà, vivere una vita che non volevo e non riuscire a cambiarla. Volevo chiudere la relazione ma non riuscivo a prendermene la responsabilità. Quando ho scoperto il tradimento del mio compagno, l’errore è stato pensare che ogni tradimento ha un’unica motivazione, e pensare che quello del mio compagno fosse speculare al mio. Io oggi credo che il tradimento sia un viaggio, si prende una via, a volte fuori dalla coppia, a volte dentro noi stessi. Per qualcuno l’assioma è “chi tradisce non ama”, e allora è impossibile pensare che esista nemmeno una possibilissima e remota possibilità di rientro nella coppia se non per convenienza, per me invece chi tradisce non sta amando il tradito nel momento in cui agisce il tradimento. Ma è comunque riduttivo, i sentimenti sono una cosa, le emozioni che entrano in gioco in una relazione tutt’altro.

  • Cossora, 10 Maggio 2024 @ 11:23

    No @elleelle so io cosa e quando è successo nella mia testa e nel mio cuore. Non puoi decidere di saperlo tu.
    Non puoi sapere cosa abbia fatto scattare cos’altro, quando è scattato e quando si è insinuato un pensiero diverso. NON LO PUOI SAPERE.
    Smettila di autoeleggerti riferimento di come va il mondo.
    Hai sempre avuto un fare polemico che ci sta, il confornto è anche fatto di opinioni contarie. ma per cortesia limitati a dare il tuo punto di vista.
    Perchè hai bisogno di ‘sapere tutto’ tu? Per pensare ‘non poteva andarmi diversamente, non ci potevo fare niente’?
    Siamo tutti diversi. non sei il modello di niente e non saprai ne sapremo mai se sarebbe andata diversamente.
    E’ andata come è andata perchè quella è la scelta che abbiamo fatto.
    Non era predestinato. Siamo sempre noi i responsabili.

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 10:57

    salvo ricostruzione, fittizia o no

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 10:56

    Sulla ricostruzione vere dei matrimoni avete un pregiudizio che deve essere superato, anche se comprensibile razionalmente. Io non ragiono a opinioni ma sui fatti e sulla statistica, anche se vi devo dire che il pregiudizio sulla questione è sicuramente influenzato dai tanti matrimoni azienda e ricostruzioni per convenienza che esistono e sono la grande maggioranza. Ciò detto il 15% dei matrimoni ricostruisce per ritrovato e rinnovato amore, sono i casi in cui il tradimento è un incidente di percorso. Però state attenti ai pregiudizi: sono gli stessi che fanno diventare le amanti in automatico delle rovinafamiglie, non cadiamo in questi automatismi almeno noi

  • Nick76, 10 Maggio 2024 @ 10:54

    @Ale: “Il tradimento è uno dei sintomi più eclatanti della crisi matrimoniale grave.” Più che un sintomo direi che è una delle conseguenze (l’altra è la separazione) della fine di un matrimonio. Quando si tradisce, il matrimonio è già saltato…!!!

  • Nick76, 10 Maggio 2024 @ 10:47

    @Elleelle: “Come ho detto già mille volte, non credo a un matrimonio ricostruito dopo la scoperta di un tradimento che va avanti da anni. E se siamo in tanti a essere così scettici un motivo ci sarà.” E quello che penso anch’io se si inizia una relazione “seria” (dove per seria intendo pluriennale non la semplice avventura da una notte e via) con un altra donna/uomo al di fuori della relazione ufficiale vuol dire che l’amore per il partner è finito quindi decadono tutte quelle cose intrinseche ad un rapporto vale a dire l’esclusività, la fiducia, il rispetto. Cose che non si possono recuperare più una volta perse. Troppo facile secondo me poi tornare all’ovile dopo essere stati scoperti. Non è che bisogna provare un altro paio di scarpe per rendersi conto che con le vecchie camminavi meglio…!!! Non funziona così…!!! Poi posso anche capire ma non accettare la posizione di chi viene tradito che innamorato del traditore non vuole rinunciarci e quindi deve raccontarsi qualcosa per accettare il tutto e guardare al futuro con una certa dose d’ottimismo…!!!

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 10:46

    Il tradimento è uno dei sintomi più eclatanti della crisi matrimoniale grave

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 10:45

    stop alla polemica a due please non è interessante

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 10:23

    @Cossora
    “Io non ho tradito per questi motivi. Ho tradito perchè mi ha deluso su altri fornti”

    Ti ha deluso e hai smesso di amarlo. Il fatto che ti abbia deluso ti ha fatto perdere il rispetto e la considera per lui e lo hai tradito, come lui ha tradito te.
    Ci possono essere mille motivi che portano alla fine dell’ amore e del rispetto per l’altro ma il risultato è quello e poi ci sono i casi in cui scatta il tradimento.
    Se poi adesso che siete separati non pensi ogni giorno a quello che è successo ci sta, anche perché non ce l’hai davanti tutti i giorni ma il passato è comunque lì, la delusione ti è rimasta. Non la rivanghi ma non la cancelli nemmeno.
    Ed è normale, nessuno lo fa, nessuno ci riesce se non subisce un danno cerebrale. Si può dimentica un paio di scarpe comprato a 16 anni ma non un evento così distruttivo.

  • Molly, 10 Maggio 2024 @ 10:19

    “Una relazione così l’ha cercata e accettata anche tuo marito perché la sua amante era sposata quando hanno cominciato, si è separata dopo. ”

    @Ellelle tu non sai cosa mio marito ha detto alla sua ex amante né quali siano state le loro dinamiche. Potrei dirti cose su di lei che è meglio che non dica. Puoi fare tutti i lavori di fantasia che vuoi ma non puoi avere certezze, puoi solo speculare a tua convenienza. E soprattutto disprezzare una persona che non conosci a cosa ti serve? Forse a confermare dentro di te che gli uomini (solo loro, mai le donne!) sono cialtroni, smetti di vedere in tutte le storie il tuo ex. Pensi di aver superato la cosa ma poi costantemente emerge tutto quello che hai vissuto e lo proietti nelle situazioni altrui.
    Sei una donna intelligente, lavoraci su.

  • Cossora, 10 Maggio 2024 @ 10:02

    Certo @ale che nella maggior parte dei casi si tradisce, si mente, non si porta rispetto.
    Nella maggior parte dei casi e in tutti gli inizi. Ma se nel tempo certi (pochi) amantati vanno avanti migliorando e certi (pochi) matrimoni si ricostruiscono non è corretto generalizzare.
    Che poi dopo 10, 20 anni ci si lasci non è la prova che non funzionava qualcosa.
    Le relazioni possono finire. Tutte. Punto.

  • Cossora, 10 Maggio 2024 @ 09:59

    @elleelle “Si tradisce perché il coniuge non conta più a livello emotivo, non ci sono più amore e rispetto, quindi lo si può ferire.”
    Questa è la tua opionione, basata sulla tua esperienza.
    Io non ho tradito per questi motivi. Ho tradito perchè mi ha deluso su altri fornti, e se non avesse contato alivello emotivo la delusione non brucerebbe ancora oggi. Sono stata malissimo e oggi non mi va di pensarci troppo perchè (anche se sottile come un velo) è un dolore reale.
    Ho sempre detto che pensavo, ancora prima di separarmi, che c’è stato un momento prima del quale (tradimento o no) saremmo potuti tornare indietro.
    Ma non lo abbiamo voluto. Forse abbiamo fatto la cosa giusta lasciandoci, o magari se ci fossimo fermati e avessimo affrontato la verità (dolorosa) saremmo forti come più di prima.
    Non si può fare di tutta l’erba un fascio. Esistono ricostruzioni reali come esistono amantati che si fanno vivere più intensamente di un matrimonio.
    (questo non significa che il tuo amantato fosse vivibile ne che il tuo ex abbia ricostruito)

  • Nina, 10 Maggio 2024 @ 09:47

    “L’unico modo per eliminare il passato è con una lobotomia. Altrimenti li è e lì resta, pronto a ripresentarsi in sogno, in un momento di difficoltà o di crisi, durante una discussione ecc.
    Il nostro passato plasma il nostro presente ed è così scomodo che in certi casi, come quello del marito di Nina, si preferisce non parlarne per non farlo rivivere e questo è un segno di quanto questo passato sia ancora lì.”
    @Ellelle è un discorso complicato quello del passato,ma affrontato in maniera drastica come lo dipingi tu porterebbe a pensare che una relazione con un vedovo o con un separato(che magari si è separato perché lasciato dalla moglie) è impossibile perché il rapporto del passato sarebbe sempre ancora presente. Si va avanti nella vita,da tutto. Si impara dal proprio passato, ma se non lo si lascia alle spalle invece che nel presente e proiettati al futuro si continua a vivere nel passato e ci si trasforma in persone tristi,ripetitive e vogliamo dirlo..noiose(sai quante ne conosco cosi).
    Quanto a mio marito il non parlarne è invece segno di quanto è alle spalle. Come mi ha detto lui è una cosa che ha fatto, di cui non ha un buon ricordo perché ha portato stress e sofferenza e di cui si vergogna.Quindi passato il primo periodo non è entrata piu’ nei suoi pensieri (se non gli viene portata alla mente da me,per cui ho da tempo smesso anch’io di parlarne e di pensarci,si vive molto meglio) e vive sereno pensando al presente,che è bello. E poi sai di quante cose migliori di questa parliamo? Futuro,progetti,confidenze,sentimenti, esperienze attuali,cultura.. perche’dovremmo farci del male da soli rivangando in continuazione un episodio che appartiene al passato?È pragmatismo,non rimpianto.
    “Quello che stanno cercando di dirvi anche gli uomini del blog è che dopo anni l’amore per voi nei vostri mariti (non in voi!) è morto e non si ricostruisce a tavolino”
    Possono dirlo per loro,riguardo alle loro compagne attuali e riguardo al loro amantato,ma per quanto riguarda qualunque altra persona nessuno puo’,solo chi li vive sa i sentimenti che prova…se no anch’io sai quante affermazioni potrei fare sulle storie degli altri,ma non lo faccio perché sarebbe presuntuoso da parte mia pretendere di conoscere i sentimenti di chi non conosco.

  • Lia, 10 Maggio 2024 @ 09:26

    Anch’io faccio fatica a credere che non ci siano altre motivazioni alla base di una ricostruzione dopo un amantato lungo.
    Perché non è solo ciò che ti ha spinto a guardare fuori, ma soprattutto quello che ti ci ha fatto perseverare senza ripensamenti.
    Se ami davvero qualcuno, non dovresti desiderare altro, ma vabbè, diciamo che in un periodo di debolezza ti lasci andare, ma, dopo un momento di defiance, ti rendi conto che non ne vale la pena, che non c’è paragone e ti fermi.
    Non sottovalutiamo anche un altro aspetto. Nella maggior parte dei casi sono gli uomini che corteggiano e le donne arrivano dopo.
    Diciamo che nella maggior parte dei casi il “ti capita” è più corretto dirlo per le donne. L’uomo è più attivo nella primissima fase, deve convincere, deve lavorarci. Ha mille occasioni per riflettere, fermarsi e dire… non vado oltre.

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 08:54

    Nella quota del 15% dei matrimoni che ricostruiscono davvero e non per finta e convenienza dopo aver scoperto un tradimento in effetti le caratteristiche principali del tradimento sono:
    1. il traditore è alla sua prima volta
    2. il tradimento dura al massimo un anno o poco più

    Le eccezioni confermano la regola statistica della mia Epidemiologia di coppia

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 07:52

    @Ale
    “Escludere questa possibilità che poi è realtà statistica è sbagliato.”

    Come ho detto già mille volte, non credo a un matrimonio ricostruito dopo la scoperta di un tradimento che va avanti da anni. E se siamo in tanti a essere così scettici un motivo ci sarà. Probabilmente perché tutti sappiamo e abbiamo vissuto che in certe ricostruzioni entra in gioco altro e in fondo sono parte della statistica anche queste opinioni.
    Credo ad altre ricostruzioni, dopo un tradimento breve, con la persona che si ferma da sola perché capisce dove sono davvero i suoi sentimenti.
    Ma ribadisco, Molly e Nina fanno benissimo perché è quello che vogliono e che le fa star bene, indipendentemente dalle motivazioni dei loro mariti.

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 07:46

    Spesso è grazie alle bugie che vengono raccontate e che dipingono il partner ufficiale come senza valore e la relazione ufficiale come finita, se non addirittura inesistente.

    Si raccontano menzogne tali sulla propria situazione e sulle proprie intenzioni che si riesce a portare l’altra persona alla separazione o quasi.

    Si raccontano le bugie che servono per corteggiare e convincere l’altra persona di questa cosa, cioè che il coniuge non conti più e il matrimonio sia finito.

    Sono d’accordo è quello che succede in molti casi

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 07:41

    @Molly
    continui a dire di non capire come si faccia a stare in una relazione a tre o a quattro eppure sai benissimo come può succedere.
    Te lo ha detto chiaramente un’utente qualche giorno fa. Spesso è grazie alle bugie che vengono raccontate e che dipingono il partner ufficiale come senza valore e la relazione ufficiale come finita, se non addirittura inesistente.
    Ci tengo a ripetere per l’ennesima volta che ci sono persone che mentono meravigliosamente bene. Lo ha fatto anche tuo marito, non vedo perché ti sembri così incredibile che lo possa fare un altro.
    Si raccontano menzogne tali sulla propria situazione e sulle proprie intenzioni che si riesce a portare l’altra persona alla separazione o quasi.
    Spesso ci sono due persone che accettano consapevolmente una relazione non esclusiva perché non vedono i coniugi ufficiali cone importanti.
    Nel mio caso con mio marito era finita da anni, ma nel caso del mio ex no, lui aveva ancora un matrimonio “attivo”, andava ancora a letto con la moglie, semplicemente sua moglie non era abbastanza importante, non l’amava abbastanza da non tradirla e parlava di lei e del loro matrimonio in termini consoni a questa immagine che voleva dare, di una donna noiosa e superficiale che lui pensava di lasciare e di un matrimonio agli sgoccioli.
    Una relazione così l’ha cercata e accettata anche tuo marito perché la sua amante era sposata quando hanno cominciato, si è separata dopo. Lui e lei come avranno fatto, se non perché i coniugi non contavano più niente o comunque non abbastanza?
    Sta tutto qui.
    Si tradisce perché il coniuge non conta più a livello emotivo, non ci sono più amore e rispetto, quindi lo si può ferire. Non c’è l’empatia che porta a dire “Io a questa persona voglio bene e la rispetto per cui non la tradisco”.
    Si raccontano le bugie che servono per corteggiare e convincere l’altra persona di questa cosa, cioè che il coniuge non conti più e il matrimonio sia finito. Non si tradisce se non si vuole e il tradimento non è una cosa che capita dal nulla, viene da un periodo di preparazione e corteggiamento che chi ama non mette nemmeno in atto.
    Secondo me devi accettare questa cosa, anche per te stessa, per mettere fine a questo tuo conflitto interiore.
    Si tradisce perché non si ama più e si fa tutto quello che serve per tradire. Se serve mentire e manipolare una terza persona, lo si fa.

  • alessandro pellizzari, 10 Maggio 2024 @ 07:38

    Non sono d’accordo con questa tesi che dice in sostanza che non esistono mariti veramente pentiti di aver tradito e convinti per sentimento e non convenienza a ricostruire il matrimonio. Nel 15% dei casi di ricostruzione vedo coppie sincere e durevoli che non incorrono da molti anni in altri tradimenti o si separano. Sono una minoranza ma questi casi ci sono e sono autentici. Escludere questa possibilità che poi è realtà statistica è sbagliato. Come è sbagliato pensare che le amanti truffate sentimentalmente non esistono perché se la sono cercata andando con uno sposato. Che poi la maggior parte di questi casi di ricostruzione avviene dopo la scoperta del tradimento da parte del coniuge è vero, ma questo non rende più facile la ricostruzione, la rende più difficile e i test da superare per rinnovare la fiducia sono di più e più difficili per chi ha tradito. A meno che no si parli di quelle mogli che se lo riprendono a tutti i costi, ma quella è un’altra statistica

  • elleelle, 10 Maggio 2024 @ 06:53

    @Molly, Nina,
    Chi ama davvero si ferma prima e si ferma da solo.
    Ve l’ho detto, vi capisco, so che avete fatto e state facendo di tutto per tenervi i vostri mariti e va benissimo così. Va benissimo per voi e le vostre famiglie ma anche perché si sono tolti dal gioco due uomini che hanno fatto quello di cui si parla sempre qui. Meno ce ne sono in giro e meglio è. Io sono felicissima se il mio ex non è in giro a prendere per i fondelli un’altra donna come ha fatto con me per cui viva le mogli che li perdonano e li tengono in casa.

    Quello che stanno cercando di dirvi anche gli uomini del blog è che dopo anni l’amore per voi nei vostri mariti (non in voi!) è morto e non si ricostruisce a tavolino. A tavolino si ricostruisce altro e va bene anche questo, sia per loro che per voi.
    Quello che vedo io è che il vostro amore ha un’intensità che trascina anche il loro amore finito. È ammirevole ma i vostri mariti non sono stati diversi dall’amante di Leilei, a cui tutte – voi incluse – avete consigliato di dare una pedata nel sedere.
    Credetemi, se Leilei gli mostrasse amore e comprensione come avete fatto voi coi vostri mariti, la loro relazione riprenderebbe perché lui adesso si trova in una situazione di umiliazione. Come i vostri mariti sono stati umiliati dal fatto di essere stati beccati, lui è stato umiliato dalla scoperta del tradimento della moglie. Qualsiasi mano tesa verrebbe accettata, anche da chi non ami più, perché ti permette di uscire dal baratro di vergogna in cui sei caduto.
    L’ex amante di Leilei non la ama da tempo, se mai l’ha amata, ma per tirarsi fuori da questa umiliazione la cerca, si confida, le dà un ruolo importante. Se lei gli chiedesse di andare assieme a fare terapia, ci scommetto che in questo momento lui ci andrebbe.
    So che è bello pensare che la propria storia sia unica, che il proprio marito sia speciale, ma è il proprio sogno interiore. Non è così, ascoltate gli uomini che scrivono qui e che non sono donne deluse come potreste vedere noi.
    Fate benissimo a tenere assieme il vostro matrimonio e la vostra famiglia, si capisce che è la cosa che conta di più per voi ma fatelo con più consapevolezza di cosa c’è davvero dietro.
    Ma soprattutto, pensate se sia corretto consigliare ad altre quello che non avete fatto voi.

  • Molly, 9 Maggio 2024 @ 21:01

    “ @Nina
    “ma si decide insieme di partire da zero in una nuova relazione in cui il sentimento c’è”

    Scusami, non vogliono fare la solita polemica ma non si può decidere una relazione a tavolino, far finta che non ci sia un passato per cercare di far ripartire da zero un sentimento.”

    @Ellelle anche io ti dico una cosa senza polemica ma è proprio come ha scritto @Nina e se non lo hai vissuto è davvero difficile capirlo. Forse come per me e Nina è difficile capire come si fa ad accettare di essere in una relazione a tre (o 4!) e sentirsi importanti e ambire ad una relazione esclusiva quando si sa di non esserci dentro.

    E poi leggi con cura , @Nina ha sottolineato che è chiaro che i sentimenti ci sono già, quindi non sono i sentimenti che devono partire da zero.

  • elleelle, 9 Maggio 2024 @ 20:03

    @Ale
    L’unico modo per eliminare il passato è con una lobotomia. Altrimenti li è e lì resta, pronto a ripresentarsi in sogno, in un momento di difficoltà o di crisi, durante una discussione ecc.
    Il nostro passato plasma il nostro presente ed è così scomodo che in certi casi, come quello del marito di Nina, si preferisce non parlarne per non farlo rivivere e questo è un segno di quanto questo passato sia ancora lì.
    Non siamo delle macchine, @Ale, in un computer cancelli un file, nel nostro cervello no, eventualmente lo sopprimi ma non è una buona cosa.
    Visto che non siamo delle macchine, un sentimento non si crea e non si recupera a tavolino o almeno non in modo reale e duraturo.
    Certamente “ricostruirlo” a tavolino dopo un tradimento di anni può essere una necessità o un escamotage, a seconda delle esigenze della persona stessa. Ma si tratta di una cosa diversa.

  • Viovio, 9 Maggio 2024 @ 18:52

    @leilei
    Sei riuscita a parlare con la tua psicologa? Come stai?

  • Nina, 9 Maggio 2024 @ 18:51

    “Scusami, non vogliono fare la solita polemica ma non si può decidere una relazione a tavolino, far finta che non ci sia un passato per cercare di far ripartire da zero un sentimento.”
    Non hai capito @Ellelle. Ho scritto “il sentimento c’è”.
    Ci si siede a tavolino,per usare la tua espressione, per guardare onestamente, ognuno per la sua parte,se c’è ancora il sentimento. Se c’è poi di li si parte e viene tutto il resto. Se non ci fosse stato ancora il sentimento lui ora probabilmente sarebbe con lei(nessuno glielo avrebbe impedito) ed io avrei continuato la mia vita da sola senza problemi(figli grandi,niente mutuo,entrambi col lavoro).
    Io non voglio convincere nessuno, ci mancherebbe, figurati poi persone che neanche conosco,sto bene nella mia relazione e sono serena.Solo alla lunga i continui riferimenti a “quelli che si riprendono il traditore” e varie amenita’ del genere(anche quando magari l’argomento in questione non è quello)stancano perché li vedo come una mancanza di rispetto per persone che comunque sono qui come voi dopo un percorso di sofferenza( per qualcuno magari addirittura ancora in essere). Anche perché io non mi sono mai rivolta in modo irrispettoso verso il mondo degli amanti dichiarando con decisione che non credo al loro sentimento o al loro racconto. Sono arrivata qui per capire e non per giudicare e mi piacerebbe,se possibile,essere capita e non giudicata.

  • alessandro pellizzari, 9 Maggio 2024 @ 18:00

    Molti psicoterapeuti in questi casi dicono: non guardare più al passato guarda il futuro. Sono d’accordo se chi ha tradito è seriamente sulla strada della ricostruzione non per convenienza

  • elleelle, 9 Maggio 2024 @ 17:36

    @Nina
    “ma si decide insieme di partire da zero in una nuova relazione in cui il sentimento c’è”

    Scusami, non vogliono fare la solita polemica ma non si può decidere una relazione a tavolino, far finta che non ci sia un passato per cercare di far ripartire da zero un sentimento.
    Non è sostenibile, può durare un po’ sotto la spinta di un evento dirompente come lo è un tradimento ma non è una situazione naturale, è artificiale.
    Ci credo che ci si possa credere per paura, umiliazione e trauma ma penso anche che sia un’illusione che parte da premesse sbagliate.
    Fai benissimo a fare tutto quello che è in tuo potere per tenerti tuo marito, ti capisco ma fa pensare questa tua continua battaglia per cercare di convincere anche due uomini del blog che sono una finestra aperta su un mondo che non “pensa da donna”.
    Se ti dicono che secondo loro, da uomini, una ricostruzione non è possibile, tienilo in considerazione.

  • Nina, 9 Maggio 2024 @ 15:13

    “Parole sante mai e poi mai accontentarsi in amore, accontentarsi è l’adattarsi è l’anticamera della sofferenza futura.”
    Parole sante anche per me @Nick76.
    Quello però che tu e Stefano non riuscite a capire(e lo capisco sia chiaro, anche io fatico a capire come si possa accettare una relazione a tre,se non lo si vive è difficile capire) è che è possibile ricostruire con chi ha tradito solo perchè non ci si accontenta e non ci si adatta,ma si decide insieme di partire da zero in una nuova relazione in cui il sentimento c’è. Ma nessuno dei due deve “accontentarsi ” se no non si può parlare di ricostruzione. Si può parlare di rattoppo,e sono sicura che ce ne sono molti di matrimoni “rattoppati”,ma ci sono anche vere ricostruzioni e per quanto per la vostra esperienza sembri impossibile esistono.
    “Ma mai più mi accontenterò di quello che mi viene dato se non è quello che vorrei e se non è in equilibrio con quello che dò.”
    @Stefano ti potrà sembrare strano,ma è una delle cose che ho posto come base per la ricostruzione.
    Ti faccio una domanda,rispondi onestamente:se lei a questa tua richiesta avesse acconsentito e con i fatti te l’avesse dimostrato l’avresti lasciata o le avresti dato una possibilità nonostante i trascorsi?

  • Nick76, 9 Maggio 2024 @ 13:48

    @Stefano: “Per questo non capisco i coniugi che si riprendono i traditori. E non capisco come si possa andare avanti con una persona che si ama ma che non ci ama abbastanza.” Quale abbastanza… se ti ha tradito in una relazione pluriennale significa che non ti ama e basta.
    “Ma mai più mi accontenterò di quello che mi viene dato se non è quello che vorrei e se non è in equilibrio con quello che dò.” Parole sante mai e poi mai accontentarsi in amore, accontentarsi è l’adattarsi è l’anticamera della sofferenza futura.

  • Cossora, 9 Maggio 2024 @ 09:35

    @stefano non era una critica. Anzi, sono convinta che il sano egoismo maschile (ho due figli maschi, lo osservo da quando erano in fasce, è cromosomico) sia il motivo per cui nonostante noi donne si sia più brave e multitasjking, più capaci di adattarci e di apprendere e di correggere e di collaborare, più sensibili.. alla fine al ‘comando’ ci siete saliti e ci rimanete voi uomini.
    Perchè nella vita non si va avanti se si ha l’80% di altruismo e il 20% di egoismo.
    Ci vuole 50 e 50.
    L’amore nasce perfetto ma come ogni cosa di questo modno si scarica, si sgonfia, perde tonicità. Non si è sempre uguali nelle 24 ore, figuriamoci negli anni!
    Voi uomini non vi fate da mai il problema del cosa pensi la gente, se scopate dopo 2 mesi da una rottura importante ‘siete fatti così, ne avete bisogno’.
    Noi ‘siamo mignotte’ o non eravamo innamorate davvero.
    Non ho mai visto un uomo che va in giro fiero perchè non ha desiderio sessuale e può stare bene così a vita.
    Un uomo è onesto col suo corpo, percepisce e riconosce che non sia normale.
    Qui ho letto prima o dopo da tutte che va benissimo stare senza sesso, che non ne sentono il bisogno. Quasi privarsene fosse virtuoso.
    Le donne hanno i numeri per starvi sopra ma si autosabotano tra loro e alla fine rimangono sempre indietro.
    Ho una relazione con uno sposato da anni, ci vado in vacanza, mi faccio corteggiare, coccolare, viziare .. quante ‘recensioni positive’ leggi su di me?
    Dovrei curarmi, sono dipendente emotiva, sono da terapia.. leggi, mica me le invento io queste cose, sono quasi in ogni post. Giudizi, critiche, inviti a seguire la corrente del sacrificio e della rinuncia e della retta via.
    Io me ne fotto e vado avanti per la mia strada, col sorriso sulle labbra, il sesso mi piace, godermi la vita mi piace, l’altra metà che gode con me è sposata ma ad ora ci sto così bene che nemmeno mi pongo il problema. Ma sono una mosca bianca.

  • elleelle, 8 Maggio 2024 @ 21:27

    @Leilei
    “In questi mesi avevo trovato davvero un buon equilibrio standogli lontano, poi questa situazione in cui mi ha coinvolta ha scombussolato tutto.
    Devo tirarmi fuori da questa situazione, da oggi inizierò a farlo. Voglio essere forte!”

    Forza, finalmente hai capito che senza di lui stai meglio e questa è un’ottima motivazione per tagliare i contatti e smettere di fargli da discarica emotiva.
    Non hai nessun obbligo di sostenerlo in questa fase della sua vita, considerando il suo comportamento nei tuoi confronti.
    Mi accodo a quello che hanno scritto @Molly e @Stefano e cioè che lui avrebbe bisogno di una “lezione di vita”, perdendo te e la moglie, in modo che finalmente si interroghi sul modo in cui imposta i suoi rapporti interpersonali.
    Di fronte alla solitudine, forse capirà di avere sbagliato e di essersi comportato male al punto da perdere chi lo amava.

  • Stefano, 8 Maggio 2024 @ 19:01

    @Cossora
    “Meno di un anno fa era qui che stava male da morire e oggi non solo ha da un po’ una nuova relazione ma ha una ‘bellissima’ relazione.
    Agli uomini basta molto meno.”

    A parte che sono passati 15 mesi e mi sembra un tempo più che sufficiente per elaborare un lutto. Non è che devo portare la fascetta nera per tutta la vita. Tanto più se in questo lutto la persona di cui mi ero innamorato mi ha dimostrato quanto poco importante fossi per lei e questo è sufficiente per farmi perdere ogni sentimento a prescindere. Non sono uno che se la canta e se la suona. Chi non mi ama non merita di essere amato e mi scade. Ancora di più se mi ha raccontato un sacco di balle. Quindi non etichettarmi come un uomo dai sentimenti superficiali perché non sai quale sofferenza ho dovuto patire soprattutto nello scoprire di essere stato preso in giro da una persona a cui avevo dato tutto il mio amore e tutto me stesso. Per questo non capisco i coniugi che si riprendono i traditori. E non capisco come si possa andare avanti con una persona che si ama ma che non ci ama abbastanza. Poi ognuno fa della propria vita quello che vuole. Io ho preferito tagliare i rami secchi e fare nascere nuove gemme che spero diano rami più fioriti. Poi se non accadrà taglierò anche quelli. Ma mai più mi accontenterò di quello che mi viene dato se non è quello che vorrei e se non è in equilibrio con quello che dò io. In questo sono diventato molto più “duro” e determinato di quanto fossi prima.

  • Stefano, 8 Maggio 2024 @ 18:13

    @Molly
    “Lei non si è più fatta sentire e quindi ti ha aiutato a guardare avanti più facilmente. La tua ex ha deciso lei di non avere te nella sua vita e tu lo hai solo dovuto accettare”

    Che non mi volesse nella sua vita questo è lapalissiano ed è il motivo per cui è finita. Ma penso che tutti i nostri racconti parlino di persone che non ci vogliono nella loro vita. Quindi tutti sulla stessa barca. Lei non si è più fatta sentire perché non sosteneva più il mio muro contro muro quando tornava. Altrimenti sarebbe andata avanti ancora per chissà quanto tempo. Lo aveva fatto per tre anni. Quello che non sosteneva più era il fatto che io non arretrassi sulla mia posizione perché proponevo una road map ferrea. E dopo qualche deroga sono diventato ancora più fermo. E questo ha portato alla sua rottura. È successo quello che @Ale ha spiegato in alcuni articoli esaustivi. Come mi ha scritto “non voglio sentirmi una merda, non voglio sentirmi sbagliata”. Capisci? Quando succedeva nei suoi ritorni la prima cosa che facevo era di rimettere subito i paletti e questo ha portato a logorare lei più che me. Quello che fanno loro dipende da noi, dalla nostra fermezza, dalla nostra stronzaggine di farli guardare allo specchio. @leilei, ma non solo, continua ad aprire spiragli pieni di comprensione in questo caso per una situazione che ha del grottesco. Il cialtrone viene a fare la vittima perché la moglie lo ha tradito. Se la mia ex tornasse oggi non le darei nemmeno udienza, figuriamoci se mi raccontasse che il marito l’ha tradita. Le direi “hai fatto una scelta, c… tuoi”. Ci ho messo un po’ a elaborare il tutto, certo con tira e molla ma sempre con il timone fermo sulla rotta. Doveva cambiarla lei. E io non la facevo più stare bene. Capisci la differenza? Invece qui continuando a parlarne, continuando ad aprire la porta per poi dire gentilmente stai fuori, il problema non si risolve perché torneranno e al massimo si sentono respingere con gentilezza (o addirittura non respingere). E alla prossima volta non gli costa niente riprovare. Invece devono prendere delle porte in faccia, devono sapere quanto si sono comportati male. La mia ex all’ultimo contatto di cui avevo parlato ormai 8 mesi fa ha avuto conferma di quanta poca stima avessi nei suoi confronti e mi ha ripetuto “non voglio sentirmi sbagliata”. Questo è quello che devono sentire, quello che deve fare sì che il ritorno sia più amaro del non ritorno. E io qui leggo un sacco di “a me va bene anche così, part-time”, “in fondo non sta bene e ha bisogno di me”, eccetera. Per questo ho detto che si continua a parlare delle stesse cose da mesi o anni e non cambia niente. Quando cambia qualcosa in un modo o nell’altro noi ne siamo i promotori. A meno di non voler accettare quello che prima si era rifiutato come per dire “piuttosto che niente meglio piuttosto”. Ma questa fammi dire è una resa in cui ci accontentiamo. E se abbiamo tradito è stato per non accontentarci più. Altrimenti potevamo stare dove eravamo. E molti lo fanno. Sia ex traditori che tornano all’ovile, sia amanti che di fronte a una prova di forza cedono. Ma ognuno è giusto faccia quello che si sente. Semplicemente dico che chi arriva nella sofferenza non trova testimonianze di liberazione ma testimonianze di nuove schiavitù, sommerse ma pur sempre schiavitù.

  • Viovio, 8 Maggio 2024 @ 17:35

    @Leilei
    Finalmenteeeeee siamo tutti con te!!!
    Senti, ce l’ho fatta io a chiudere con quel cretino del mio ex nonostante le sue PESANTISSIME incursioni perpetrate nel tempo, figurati se non ce la farai anche tu 🙂
    Confermo al 100% quello che ha detto @Stefano, per superare l’ostacolo devi azzerare i contatti e rimbalzare al mittente ogni tentativo di approccio.
    Forza!!

    @Stefano
    Sei una bellissima testimonianza di rinascita!
    E’ proprio così, per andare avanti bisogna lasciare andare ciò che fa soffrire.

  • Nina, 8 Maggio 2024 @ 16:58

    Brava @Leilei,coraggio, facciamo tutti il tifo per te!

  • alessandro pellizzari, 8 Maggio 2024 @ 16:42

    @Stefano, appoggio in pieno quello che dici!
    L’unico modo per uscirne è un taglio netto!
    Poi succede come per i lutti.
    Li si elabora e se ne viene fuori! Ma se non si crea un distacco fisico, non sarà mai possibile neanche quello emotivo.

    E aggiungerei molto importante e sottovalutato da molte: TAGLIO NETTO ANCHE DEL VIRTUALE MESSAGGI MAIL TELEFONATE STATI SOCIAL altrimenti sarà un lungo e doloroso assedio con resa totale in vista

  • Lia, 8 Maggio 2024 @ 16:38

    @Stefano, appoggio in pieno quello che dici!
    L’unico modo per uscirne è un taglio netto!
    Poi succede come per i lutti.
    Li si elabora e se ne viene fuori! Ma se non si crea un distacco fisico, non sarà mai possibile neanche quello emotivo.
    Sul discorso dell’umiliazione di leilei nel vederlo geloso della moglie, ragazze! Rientra nel pacchetto “amica”.
    Bisogna accettare l’amicizia solo e se veramente questa persona, qualsiasi cosa faccia non ti tocca!
    Ci si deve anche aspettare di peggio! Tipo che lui parli di un suo nuovo amore!
    Non mi sembra proprio la condizione di leilei!
    Io le consiglio un taglio netto con blocco di tutti i canali!

  • Molly, 8 Maggio 2024 @ 16:30

    “poi questa situazione in cui mi ha coinvolta ha scombussolato tutto.
    Devo tirarmi fuori da questa situazione, da oggi inizierò a farlo. Voglio essere forte!”

    @Leilei come ti ha detto giustamente @Ariel non mollare ora la terapia! Se davvero VUOI, ne uscirai! Forza e coraggio!!

  • alessandro pellizzari, 8 Maggio 2024 @ 16:16

    Gli uomini sono più semplici basici e più egoisti, una forza solo se non ami veramente. I nostri uomini qui sono eccezioni: persone innamorate di donne che non vogliono separarsi. Il mondo al contrario. Io non chiedo alle donne di diventare semplici o egoiste: vorrei solo che il vostro prezioso sesto senso anti cialtroni venisse più ascoltato se non all’inizio in prevenzione, almeno quando fanno i cialtroni in modo irricevibile.

    PS. gli uomini, anche quelli innamorati e delusi, fanno sesso molto prima con nuove storie, in media nel giro di sei mesi dalla grande delusione. Perché sanno scindere sesso da sentimenti. Le donne invece finché sono innamorate non vedono neanche Brad Pitt, anche in fase di Codice del silenzio. Oppure fanno dei test di sesso (vediamo cosa provo con questo) che se effettuati in tempi sbagliati sono un boomerang (è andata male quindi il sesso vero è solo con l’ex). Alcune fortunate trovano il vero chiodo salvifico, ma a tempo maturato e con una buona dose di fortuna, perché sono quelle che guariscono più in fretta.

    Chi è meglio? dal punto di vista pratico gli uomini, l’amore però premia chi ci crede veramente e profondamente come le donne. Ma solo con il partner giusto: allora è perfetto al punto da fare crescere anche l’uomo stesso.

  • Cossora, 8 Maggio 2024 @ 15:54

    @molly su @stefano: appoggio al 100%
    Meno di un anno fa era qui che stava male da morire e oggi non solo ha da un po’ una nuova relazione ma ha una ‘bellissima’ relazione.
    Agli uomini basta molto meno. Digeriscono tutto. E se non hanno digerito, in poco tempo ricominciano a mangiare prima. Tolti pochi casi tipo Love, mosca bianca.
    Siamo diversi anche in questo.
    Sotto questo punto di vista evviva il loro modo di pensare prima di tutto a se stessi.

  • Molly, 8 Maggio 2024 @ 15:48

    “Lei è fuori dalla mia vita perché sono andato avanti. Anzi sono andato avanti perché l’ho tenuta fuori dalla mia vita. Totalmente. Perché ho capito cosa era meglio per me.”

    Stefano tu hai una situazione diversa e molto più facile da gestire perché lei non si è più fatta sentire e quindi ti ha aiutato a guardare avanti più facilmente. Non puoi paragonare la tua situazione a quella di @Leilei. La tua ex ha deciso lei di non avere tr nella sua vita e tu lo hai solo dovuto accettare.

    @LeiLei non ha lavorato dentro di sé per allontanarlo dalla sua vita, questo è vero, ma IN AGGIUNTA LUI HA FATTO CAPOLINO A RIAPRIRE LA FERITA OGNI VOLTA e a rallentare la sua guarigione.

    Tu non puoi essere preso come esempio per @Leilei.

  • Ariel, 8 Maggio 2024 @ 15:45

    Leilei, 8 Maggio 2024 @ 09:34

    Bravissima @Leilei non mollare te stessa
    E soprattutto non mollare la psicologa adesso

    La forza esiste già in te dalla tua Nascita
    Occorre tirala fuori ADESSO!!!

    Ce la farai sicuro se avrai cura di te seguita pure se occorre h 24 da psicologa!
    Quando si entra nel vero NO CONTACT sicuro occorre il sostegno della Psicoterapia della dipendenza affettiva

    Non FARTI COLPA DI NULLA!
    Sai già bene che il sistema cardine su cui si basa la manipolazione negativa resta
    Su trasmettere il Senso di colpa rigirando varie frittate e dipingendo la realtà che vuole farti credere da sempre
    In più oltre il senso di colpa agisce perfettamente la paura

    Infatti già sicuro lo fece nel momento in cui ti lascio nel vero SILENZIO PUNITIVO SENZA DARE UNO STRACCIO DI SUE NOTIZIE
    E tu esterrefatta qui scrivevi colpita e sofferente per questa ansia di cui qui scrivesti diverse volte ti fece il metodo del silenzio punitivo che agisce nel cervello e emotività instillando la PAURA PER LA SUA SALUTE
    E LA PAURA DI PERDERLO IN UN MIX ESPLOSIVO

    Carissima @Leilei sappi che QUESTI METODI ESPRIMONO IN CONCRETO SCIENZA
    LA VIOLENZA PSICOLOGICA

    Se vivessi qui sarebbe reato penale e denunciabile pure con risarcimento danni anche economici tipo dover ricorrere sicuro a percorso psicoterapeutico

    Forza @Leilei
    Ce la farai anzi ce la stai già facendo per il solo fatto di averlo scritto della tua Forza da mettere in azione concreta!!!

    Siamo tutte / i con te!,,

  • Cossora, 8 Maggio 2024 @ 15:26

    “anche l’umiliazione di vederlo ingelosito per la moglie”
    Anche io, come @ellelle penso sia un affronto troppo grosso per l’autostima.

  • Lia, 8 Maggio 2024 @ 15:19

    Forza @leilei, resistiiiiiiiiiiiiiiiii

  • alessandro pellizzari, 8 Maggio 2024 @ 15:17

    Brava Leilei, siamo con te!

  • Molly, 8 Maggio 2024 @ 14:21

    “Leilei, 7 Maggio 2024 @ 19:17
    Molly, l’ho scritto e riscritto tante volte: sono la sua unica amica e confidente, lui mi mette a parte di tutto quello che gli capita e non sono io che mi intrometto!
    È da quasi 8 anni che ci raccontiamo tutto. E da amica sto cercando di farlo ragionare sulla situazione per evitare colpi di testa.”

    @Leilei ti ha scritto in messaggio molto utile Nike ma proprio non vuoi ascoltare nessuno, ti attacchi con le unghie al tuo ruolo di crocerossina. E tira fuori le palle! Mandalo a stendere! Ma possibile che non ti rendi conto di quanto sia ridicolo e insensato che lui, il tuo ex amante di 7 anni, ti venga a confidare che la moglie lo tradisce?? E quindi? Voleva avere l’esclusiva del ruolo di traditore? Lui si può permettere di avere una doppia vita e la moglie no? Perché gli dà tanto fastidio? E perché tu non senti, non vedi l’assurdità della situazione?

    Ti vuole trascinare nella sua melma? Puoi scegliere di rimanerne fuori, sai? Ripeto quello che ho già detto, se sei l’unica con cui si confida, che si faccia due domande su come intesse le sue relazioni e magari potrebbe essere utile che tu ti facessi la stessa domanda.

    Ma soprattutto…. chissenefrega!

    Hai una dipendenza che trasuda da tutti i pori,@Leilei. Lo vuoi nella tua vita perché lui riempie la tua e anestetizza il tuo vuoto. Hai bisogno di sentirti utile, di essere aprezzata e ti piace il ruolo di confidente e salvatrice. Vedo che gli tendi la mano tipo Jack del Titanic verso Rose ( ruoli invertiti uomo/donna)….tanto annega comunque!!

  • Viovio, 8 Maggio 2024 @ 10:40

    @Elle
    “anche l’umiliazione di vederlo ingelosito per la moglie”
    Ecco, hai centrato perfettamente il punto, questa credo sia la cosa peggiore in assoluto per @leilei dopo 8 anni di amantato.
    Io lo avrei preso a pedate.

  • elleelle, 8 Maggio 2024 @ 10:40

    @Dispersa
    “Per @Leilei non è ancora arrivato il momento di staccarsi definitivamente…”

    Ah questo lo abbiamo capito, sono anni che non è ancora arrivato il momento, nonostante una relazione sempre al ribasso e un amante che dà sempre meno fino a scomparire.
    Questa cosa che non è ancora arrivato il momento di staccarsi è un comodo alibi, perché così si resta per anni in attesa che questo momento arrivi da solo senza fare alcun passo per farlo arrivare.
    Il problema non è nemmeno più questa relazione, è la dipendenza affettiva di Leilei, che si manifesta in questo attaccamento malsano.
    Ti pare possibile che dopo anni su questo blog, lei sia una delle pochissime ancora attaccate a un uomo che le dà grattacapi, pensieri e umiliazioni in cambio di un po’ di sesso ogni sei mesi? Da dove deriva questo attaccamento malsano se non da una dipendenza affettiva puntellata da scuse e alibi?
    Se avessi voluto fare la crocerossina, adesso frequenterei ancora il mio ex-trombamico, anche lui pieno di problemi di ogni tipo. Invece no, perché la crocerossina non la faccio e se mi devo staccare da una persona, mi stacco.
    Facevano piacere anche a me un fine settimana libero ogni sei mesi con qualche bella scopata ma non a quel prezzo.
    Quello di Leilei è un rapporto morto e sepolto, il rispetto è finito da un pezzo da parte di lui. Glielo dicono tutte sul blog, possibile che il messaggio non arrivi? Cosa si fa terapia a fare se poi non si aprono gli occhi di fronte all’evidenza??

  • Stefano, 8 Maggio 2024 @ 10:10

    Se si vogliono aiutare le persone a smettere di fumare o di bere bisogna testimoniare percorsi in cui si è riusciti a farlo, parlare di cose nuove ogni due o tre mesi, dimostrare che evolvere si può, che le cose possono cambiare e dare consigli su come farlo. Qui continuo a leggere da mesi o anni gli stessi discorsi di persone che dicono che hanno smesso di fumare o bere per poi non averlo fatto veramente e dicono “ma sì è solo una sigaretta ogni tanto” oppure “ma bevo solo un bicchierino per compagnia” ma intanto sono ancora fra i fumatori e fra i bevitori. Non so se è chiara la metafora. Io ho smesso di “fumare e bere” e in un anno ho periodicamente cambiato totalmente i miei argomenti. Della mia ex non parlo più se non quando serve una testimonianza di attenzione su certi comportamenti. Lei è fuori dalla mia vita perché sono andato avanti. Anzi sono andato avanti perché l’ho tenuta fuori dalla mia vita. Totalmente. Perché ho capito cosa era meglio per me. E sono cambiate tante cose e cambieranno ancora. Non sono vittima di una situazione che, se sono approdato qui, evidentemente non mi andava bene. E invece continuo a leggere di corti circuiti che durano anni celati dietro racconti di compromessi, comfort zone (che siano con amanti sull’uscio, amanti part time o coniugi cambia poco) che facciamo credere che ci vadano bene ma che sono in realtà le situazioni che avevamo rifiutato e che continuiamo a recuperare in un modo o nell’altro dal cestino. Se fossi uno che viene a cercare conforto per prendere coraggio e uscire da una situazione di amantato difficile e di difficoltà a prendere la vita in mano, non sarei così sereno. Perché mi sentirei dire “vedrai ce la farai, si può, si può ripartire, resettare e ricominciare” detto da persone che poi in fondo sono ancora legate a qualcosa o in casa o fuori casa. Mi “deprimo” io a leggere questo stagnare, figuriamoci chi a bisogno di stimoli per rinascere. Di @Rinascita come nickname ce n’è una sola ahahahah. Ma anche io potrei essere Stefano Rinascita. Tutto cancellato, cordone ombelicale definitivamente tagliato da tempo, nuove conoscenze, una bellissima nuova relazione, tanta serenità, nuovi racconti da fare. Si può ricominciare. Mi è stato detto e sono una delle testimonianze che si può fare. Altro che auto e moto, altro che ritorni. Se c’è chi legge e non scrive si faccia coraggio e scriva la propria situazione. Perché una soluzione c’è. C’è sempre. Ma il primo passo è il taglio, netto, definitivo. @Ale lo scrive da anni. Quello è il prerequisito ed è così. Un abbraccio.

  • Leilei, 8 Maggio 2024 @ 09:34

    Vi ho letti tutti, ne ho parlato anche con la psicologa. quest’uomo è scollegato dalla realtà, dà la colpa agli altri di tutto quello che gli succede…In questi mesi avevo trovato davvero un buon equilibrio standogli lontano, poi questa situazione in cui mi ha coinvolta ha scombussolato tutto.
    Devo tirarmi fuori da questa situazione, da oggi inizierò a farlo. Voglio essere forte!

  • maribell, 8 Maggio 2024 @ 09:20

    Leilei
    La cosa che mi lascia perplessa è la reazione di lui. Lo descrivi stupito, meravigliato, lo devi trattenere tu dal diire o fare cose strane… ma come? Uno che tradisce da anni si stupisce del fatto che esista il tradimento? Sarebbe interessante vederlo andare da lei a chiederne conto, per sentirsi rispondere che lei sapevatutto di voi da anni. Allora sì, sarebbero messi a nudo entrambi, nella loro debolezza, non avrebbero più alibi e dovrebbero ammettere che il loro matrimonio è solo una bella facciata da mostrare al mondo.

  • alessandro pellizzari, 8 Maggio 2024 @ 09:11

    Lui vuole la sua discarica emotiva e psicologa gratis

  • alessandro pellizzari, 8 Maggio 2024 @ 09:09

    Questa storia dell’amicizia fra ex amanti nel 99% per cento dei casi è un modo per sperare ancora da una parte e tenere agganciati dall’altra, l’amicizia non c’entra, è un alibi. Otto anni di amantato sono un matrimonio parallelo però, impossibile non ci siano effetti collaterali, il divorzio andrebbe celebrato al completo. Auguro a Lei di trovarsi veri amici e sicuramente migliori. Poi sta a lei misurare il proprio livello di sofferenza da “amicizia” non relazione, o meglio farebbe a farsi “misurare” da un esperto. Questa cosa dell’essere coinvolta nelle vicende matrimoniali del suo ex non ex è la prova di quanto lui sia “amico”. Soprattutto per non riprenderselo

  • Viovio, 8 Maggio 2024 @ 08:37

    @Lia
    sono anni che ripetiamo le stesse cose proprio perché fa rabbia vedere come sia sempre a disposizione di quell’uomo. Ogni volta che leggo @leilei mi chiedo come sia possibile continuare a farsi trattare così! Cioè, in realtà lo so molto bene, però dopo averci sbattuto la faccia 100 volte grazie al cielo mi sono svegliata e sarebbe bello accadesse anche a lei!
    Non sono amici e non lo saranno mai.
    Lui vuole solo portarla a letto, oltre a chiamarla nel momento del bisogno ed ora deve fargli pure da confidente perché la moglie lo tradisce? FANTASCIENZA
    Il mio ex quando lo allontanavo giocava immediatamente la carta dell’amicizia: messaggino tattico del buongiorno con frasi spiritose per tastare il terreno e quando capiva fossi bendisposta partiva in quarta con complimenti ed il solito copione che conosciamo a memoria. Se cedevo all’incontro bene(raggiunto il risultato), altrimenti aumentava il carico raccontandomi tutte le sue sfighe familiari e non perché le vittime suscitano sempre grande compassione.
    Non c’è nulla di più tossico!
    Ha scritto bene @Nike, lei vede un disequilibrio a me invece sembrano proprio fuori di testa altro che “balance”.

  • elleelle, 8 Maggio 2024 @ 08:24

    @Leilei
    “sono la sua unica amica e confidente”

    Questo te lo ha fatto credere lui, come tante altre cose ma è praticamente impossibile che non abbia un’altra persona con cui parlare.
    Ho un amico che è un recluso da almeno un decennio e comunque ha un giro di persone con cui parlare.
    A lui fa como dirlo a te perché sa che tu accetti tutto, anche l’umiliazione di vederlo ingelosito per la moglio o la dimostrazione della sua ipocrisia.
    Non ti viene da dire “Guarda come si sta comportando questo stronxo, con lei e con me, che si arrangi da solo stavolta”, tu scatti in modalità crocerossina perché sai che così comunque si mantiene un legame di cui tu non puoi fare a meno.
    @Leilei, ti ha preso in giro per anni, eri un suo oggetto, un suo possedimento come lo è ancora la moglie. Ti ha rifilato ogni sorta di balla o pessimo comportamento: la moglie che non fa niente, lui che regge tutto sulle sue spalle, le sue sparizioni ingiustificate, il suo egoismo…
    Ma secondo te è possibile che una donna non faccia niente in casa, conoscendo come sono gli uomini in generale? Quando lui era via con te per il fine settimana, secondo te in famiglia non mangiavano, non chiedeva alle figlie se avevano compiti da fare, non la metteva su una lavatrice?
    È possibile che lui parli con te e non con lei per una cosa così importante? Che voglia affrontare lui ma non lei? Questo è uno che bada solo al suo tornaconto, non è ormai fin troppo evidente?
    E tu, non ti sei ancora stancata?

  • Dispersa, 8 Maggio 2024 @ 08:19

    Per @Leilei non è ancora arrivato il momento di staccarsi definitivamente…

  • Lia, 7 Maggio 2024 @ 19:41

    @Viovio, hai perfettamente ragione, ma leilei da questo tipo non si staccherà mai…. o meglio, a periodi… in conseguenza dei comportamenti di lui.
    A me la cosa che dispiace di più è vedere quanto quest’uomo decida tutto, tempi e modi e, soprattutto, quanta influenza abbia sugli stati d’animo di leilei.
    A me ricorda un pò quei matrimoni di una volta, dove lui fa quello che vuole e la moglie perdona la qualunque…Comunque, ognuno nella propria vita sceglie chi farci stare e chi no.

  • Leilei, 7 Maggio 2024 @ 19:17

    Molly, l’ho scritto e riscritto tante volte: sono la sua unica amica e confidente, lui mi mette a parte di tutto quello che gli capita e non sono io che mi intrometto!
    È da quasi 8 anni che ci raccontiamo tutto. E da amica sto cercando di farlo ragionare sulla situazione per evitare colpi di testa.
    Ovviamente gli ho dato del maschilista, quando lui si è lamentato del fatto che lei diceva di tenere alle figlie.
    Gli ho detto guarda che lei ha fatto esattamente come hai fatto tu: avere un altro ma tenere la famiglia unita. Come mai tu puoi e lei no? Mi ha risposto che non lo sa.
    Non sto dicendo poverino guarda un po’ cosa ti è capitato, ma sto cercando di fargli guardare in faccia la realtà e prendersi la sua dose di responsabilità. Che gli uomini fanno raramente. Non gliene sto risparmiando una.

  • elleelle, 7 Maggio 2024 @ 18:22

    @Leilei
    “Credo proprio che siate fuori strada. Il tradimento c’è davvero”

    Il tradimento c’era anche prima, dal momento che la tradiva lui. Che differenza fa?
    Forse che lui è riuscito a fare anche la figura del falso geloso, dell’offeso, pur non avendone alcun diritto.
    Prima o poi dovrai vedere quest’uomo per quello che è davvero, non trovi?

  • elleelle, 7 Maggio 2024 @ 18:17

    @Cossora
    “A @leilei cambia eccome. Può attivare un’altra parte di se, un nuovo ruolo che rimescola le carte e dice : non è finita.
    Ma ci ho pensato solo io?”

    Non ci hai pensato solo tu e secondo me ci ha pensato anche lui, infatti ho scritto che ha giocato il carico da 11 del tradimento della moglie.
    Entrambi posso rimettersi in gioco con questo ultimo colpo di scena. Che poi sia un copione nuovo o quello vecchio di sempre si scoprirà in futuro.

  • Nike, 7 Maggio 2024 @ 18:04

    Io leggendo noto in molti atteggiamenti un grande zerbinismo inconsapevole.Lo trovo comprensibile quando si tratta di persone ancora coinvolte (anche se è un atteggiamento che proprio non mi appartiene) ma è folle da parte di persone che si dichiarano fuori o, a loro dire, sentimentalmente non coinvolte. Prendo l’esempio di LeiLei, non per giudicarla perché forse sono io quella sbagliata e troppo intransigente, ma al primo cenno di “ sai che mia moglie ha un altro” l’avrei rispedito al mittente.L’ho fatto per molto meno, figuriamoci per questo. Ma vi pare che un’amante che fondamentalmente conta meno di zero, debba pure dare consigli su come sistemare le cose a casa? E a lui come viene in mente di chiederlo? Più che “ in balance” a me sembrano tutti sballati.

  • Ariel, 7 Maggio 2024 @ 17:43

    Credo che sia importante conoscere la differenza che passa tra
    SENSO DEL UMORISMO

    E
    SARCASMO

    justo per dire alla cara utente @Cossora che forse non ha ancora capito la differenza sostanziale tra senso del umorismo che CHIARO SIGNIFICA:

    “RIDERE CON TE “

    Sarcasmo = “RIDERE DI TE”

    E CIOÈ ESSERE SICURE CHE CIÒ CHE SI SCRIVE VERRÀ RECEPITO BENE E CIOÈ POSSIAMO RIDERCI ENTRAMBI PERCHÉ viene espresso in modo EVIDENTE CHE CIASCUNO PUÒ RIDERE PURE DELLE STESSE COSE PER CIÒ CHE CONCERNE SE STESSO

    al Contrario il SARCASMO VIENE USATO PER COLPIRE CON FALSO UMORISMO SOLO DI CHI SI PRENDE CHIARAMENTE IN GIRO
    E cioè

    RIDI SOLO TU!!!
    Mentre l’altro

    GIUSTAMENTE NON RIDE AFFATTO!!!

    Con ciò non voglio certo polemizzare su queste quisquilie che però ecco cara utente @Cossora impara a esprimere meglio ciò che vorresti far passare come essere taaanto umorista???

    Il SARCASMO non funziona mai resta offensivo

    Just così per essere più precisi

    Essere precisi nelle espressioni scritte e parlate aiuta a sapersi rendere conto degli errori
    Pur se sicuro non voluti tuo e sicuro fatti in buona fede

    No al Sarcasmo
    Si a umorismo che Chiaramente deve essere espresso bene per essere condiviso.

  • Lia, 7 Maggio 2024 @ 15:58

    @elleelle, gli aggettivi andrebbero fatti pagare da piccoli! :-))))))

  • Nina, 7 Maggio 2024 @ 15:50

    @Leilei anche se fosse cosi'( e di sicuro lo meriterebbe) cerca di tenere bene in mente i motivi che ti avevano portato ad allontanarti emotivamente da lui…puo’ essere cambiata la situazione,ma la persona resta sempre la stessa che per anni ti ha scartata a piacimento mentre ingannava la moglie(scusa la schiettezza). Ora visto che gli trema la terra sotto ai piedi(chissà mai perché?) ti cerca,ma in ogni caso rischi di farti del male di nuovo. Capisco che gli sei ancora affezionata,nonostante tutto, ma vale la pena rischiare? È un uomo che merita una persona, una qualunque al suo fianco o sa solo danneggiare chi gli vuole bene? Pensaci bene prima di farti coinvolgere, io da fuori ci vedo solo rischi.
    Detto questo capisco l’umana curiosità di vedere come va a finire ma resta alla finestra se riesci,non scendere in piazza o se sei già scesa cerca di uscirne con eleganza…tra l’altro avresti pure la tua bella rivalsa che non guasta

  • Cossora, 7 Maggio 2024 @ 15:36

    A @leilei cambia eccome. Può attivare un’altra parte di se, un nuovo ruolo che rimescola le carte e dice : non è finita.
    Ma ci ho pensato solo io?

  • Cossora, 7 Maggio 2024 @ 15:31

    @ellelle mi sembrava evidente che il mio tono fosse dolcemente ironico ma se non hai colto e ti sei sentita offesa non mi permetto più. Credo che @ale avrebbe censurato se avesse intravisto maleducazione, ad ogni modo.

  • alessandro pellizzari, 7 Maggio 2024 @ 15:27

    Sì ok va bene ma a te cosa cambia? Diventate più “amici”?

  • Leilei, 7 Maggio 2024 @ 15:25

    Credo proprio che siate fuori strada. Il tradimento c’è davvero

  • alessandro pellizzari, 7 Maggio 2024 @ 15:22

    E Venezia ci torno sempre!

  • Molly, 7 Maggio 2024 @ 14:20


    maribel, 7 Maggio 2024 @ 07:40
    @leilei, perchè secondo te lui andrebbe a parlare con l’altro? dopo anni e anni di storia parallela con te va a fare il paladino dell’amore coniugale da quell’altro?? ”

    Non mi sorprenderebbe se lo facesse, ormai non mi sorprendo più di nulla, leggo dei deliri assurdi, ma soprattutto se anche lo volesse fare perché mai @Leilei si sente in dovere di esprimere un’opinione con lui su un’azione scelta da una persona adulta, nel pieno delle sue facoltà mentali? Lei cosa c’entra in tutto questo?? Ma che @Leilei si faccia i fatti suoi! Ricordo un sacco di volte che ha portato esempi di cose che discuteva con lui e che davvero ho pensato più volte che fossero assolutamente fuori luogo, proprio come questa sparata di lui e il fatto che lei non ci veda nulla di strano nel suo coinvolgimento. Davvero preoccupante.

    Ero convinta che la terapia iniziasse a fare il suo effetto su di lei ma mi pare che abbia ancora TANTA STRADA DA PERCORRERE. Per favore non la smettere, ma impegnati a fare dei cambiamenti concreti.

    Secondo me @Leilei ha paura del vuoto della sua vita, non lo vuole guardare in faccia e impegna la sua mente e le sue energie nelle cose inutili che la riempano, questa la mia impressione.

  • elleelle, 7 Maggio 2024 @ 11:38

    @Cossora
    “polemiche e cazzute come te, rosicone come la mia amica @lia (mi piace tanto quanto riesco ad infastidirti con le mie avventure zuccherose alla nausea!) o consapevoli come @Dispersa”

    È vero che gli aggettivi sono gratis ma io ne farei un uso più moderato.

  • Cossora, 7 Maggio 2024 @ 11:27

    @ale Ho visto persino documenti falsi, prenotazioni false, chat tagliate ad hoc.
    Un’amica anni fa ha visto la carta intestata dello studio legale con l’omologa di separazione.
    Io ho tirato fuori dalla mia macchina la mia (gli avvocati girano il file per compilarlo) e le ho detto ‘se ti giro il file ci metti il tuo nome e ce l’hai anche tu’
    Lei è rimasta senza parole.
    Però ragazzi se si incontra uno che gira con un documento falsificato preventivamente.. c’è poco da fare.

  • Ariel, 7 Maggio 2024 @ 11:22

    “ Uomini che sembrano dei “mammi” e devono occuparsi di tutto perché la moglie da sola non è in grado (a mio avviso è a loro che piace questa versione), per poi fare le vittime.

    Che poi spesso si scopre che invece a casa non fanno un tubo e fa tutto lei. I figli sono la scusa asso piglia tutto”

    “ Ricordate che le cosiddette prove che vi mostrano i più cialtroni sono spesso edulcorate. Ho visto persino documenti falsi, prenotazioni false, chat tagliate ad hoc”

    MENOMALE @CaroAlessandro che riporti il Blog e certe convinzioni di utenti che ANCORA CREDONO A ASINI CHE VOLANOOOO!

    Danno la pittura alla loro relazione TOSSICA come fosse un vero equilibrio????

    MENOMALE che @Ale ci riporta a unico DATO CHE CONTA E CIOÈ UNICA VIA DA PERCORRERE SE SOLO SI VUOLE SMETTERE DI FARSI PRENDERE PERIL C………!

    Convinte di ammmori e cuori di essere perfino dei punti importanti di riferimento!,,

    See come no le PREDE DIPENDENTI AFFETTIVE così scrivono come molte utenti ahimè ancora incastrate in vere FATA MORGANA!!!

    RICORDO A TUTTE/I che manipolare negativamente NON equivale a MOSTRARE LA VERA REALTÀ ma AU CONTRAIRE vestirsi di FINTE PERFORMANCE TEATRO PURO che unico scopo resta

    USARVI ED ABUSARE DEI VOSTRI PREZIOSISSIMI DONI

    NO PERLE AI PORCI!!!!

    @CaroAlessandro non sarò nemmeno stavolta a Roma!
    E in ogni caso
    Je préfere VENEZIA!!!

    Ahahah
    Grazie comunque per tua cara e preziosa accoglienza e invitation a venire per onorare il tuo libro

    ONORARE IL LIBRO!
    Qualcosa che molto ancora non sanno che significa!!!

    Leggere Per VIVERE è molto spesso aiuta a trovare la strada per staccarsi da vere TRUFFE!!!

    Bonjour Blog
    Qui il sole che spacca ,la luce che brilla sul acqua che scorre,
    Le rondini corrono pazze felici del loro rinnovato
    VOYAGE!!!…

    Le Onde non puoi fermarle!…..
    Ma superale mettendoti di traverso…..

    Così Point de vu diversi possono smuovere le montagne aguzze delle proprie difficoltà.

  • alessandro pellizzari, 7 Maggio 2024 @ 10:47

    Ricordate che le cosiddette prove che vi mostrano i più cialtroni sono spesso edulcorate. Ho visto persino documenti falsi, prenotazioni false, chat tagliate ad hoc

    Vi aspetto a Roma venerdì 17 Maggio alle ore 17 alla Biblioteca Casa del Parco in via della Pineta Sacchetti 78 per la presentazione e firma copie del mio ultimo libro Love Advisor ❤️ ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Vi aspetto! #loveadvisor #ilblogdialessandropellizzari #ilcounselingdeisentimenti #ilmionuovolibro

  • alessandro pellizzari, 7 Maggio 2024 @ 10:44

    Uomini che sembrano dei “mammi” e devono occuparsi di tutto perché la moglie da sola non è in grado (a mio avviso è a loro che piace questa versione), per poi fare le vittime.

    Che poi spesso si scopre che invece a casa non fanno un tubo e fa tutto lei. I figli sono la scusa asso piglia tutto

  • Cossora, 7 Maggio 2024 @ 09:42

    Certo che è un balance @elleelle, ma personalmente non è il mio. Comunque è bilanciatissimo.. guarda quanto dura, quante volte e in quanti modi si è rinnovato!
    Meglio di certi matrimoni.. non trovi? 🙂
    Comunque io vi leggo sempre tutte con piacere, polemiche e cazzute come te, rosicone come la mia amica @lia (mi piace tanto quanto riesco ad infastidirti con le mie avventure zuccherose alla nausea!) o consapevoli come @Dispersa. Perchè ogni vostro parere diverso o contrario è la dimostrazione che le diversità esistono (e menomale) e coesistono.

  • Viovio, 7 Maggio 2024 @ 08:42

    l’amante di @leilei per certi comportamenti assomiglia tantissimo al mio ex. A quanto pare i cialtroni si comportano tutti allo stesso modo: ti amo da morire e dopo aver fatto i loro comodi spariscono, per poi riapparire come se nulla fosse. Uomini che sembrano dei “mammi” e devono occuparsi di tutto perché la moglie da sola non è in grado (a mio avviso è a loro che piace questa versione), per poi fare le vittime.
    Questo qui ha tradito la moglie per anni e dopo aver scoperto di avere a sua volta le corna si lamenta con l’amante facendo l’indignato, addirittura dicendo “non so chi ho avuto accanto in questi anni”… io gli riderei in faccia.
    @Nina secondo me è @leilei che non riesce a staccarsi da questa tossicità, per questo continua ad ascoltarlo. Altrimenti non farebbe discorsi del tipo ha solo me con cui parlare però ben gli sta questa situazione.

  • Mimi, 7 Maggio 2024 @ 08:30

    @Ellelle concordo con tutto, mi sembra una visione più che corretta.
    Io non credo sia tutta una balla anche perchè leilei ha detto di aver visto le prove ma ribadisco ciò che avevo scritto in un commento qualche giorno fa ossia che secondo me lei ha paura delle conseguenze che tutto ciò può portare tra di loro.
    E’ un cambio di carte in tavola importanti e, che le parli o no, lui potrebbe temere di perdere tutte le comodità attuali e potrebbe tentare di rattoppare la situazione a casa sapendo oltretutto che leilei non lascerebbe mai il marito. La reazione potrebbe essere imprevedibile. Se non ricordo male è stato detto spesso che lui è “l’eroe che tira avanti la carretta in famiglia e si fa carico di tutto”. Rimarrebbe solo, senza superpoteri e senza più motivi per lagnarsi e cercare compassione.
    Il loro (dis)equilibrio non sarebbe più lo stesso.

  • maribel, 7 Maggio 2024 @ 07:40

    @leilei, perchè secondo te lui andrebbe a parlare con l’altro? dopo anni e anni di storia parallela con te va a fare il paladino dell’amore coniugale da quell’altro?? ma va là! ma se non riesce nemmeno a parlare con sua moglie.

  • Nina, 6 Maggio 2024 @ 22:04

    @Ellelle sono completamente d’accordo con quello che scrivi. Quest’uomo mi sembra quasi che viva in una realtà tutta sua che veramente fatico a capire.Il bimbo sperduto sull’Isola che non c’e. @Leilei ma davvero hai ancora voglia di starlo a sentire? Ma mandalo…a quel paese o in alternativa sulla sua Isola!

  • elleelle, 6 Maggio 2024 @ 21:29

    @Ale
    “Io non gli credo”

    Non credi che abbia scoperto che la moglie lo tradisce?
    Non saprei…
    A me lui sembra proprio un uomo da poco che però sa benissimo che Leilei è una dipendente affettiva e sa come giocarci per far sì che lei resti attaccata a lui.
    Adesso che Leilei si stava allontanando, lui ha giocato il carico da 11: il tradimento della moglie. E come previsto è andato a lagnarsi da Leilei facendole credere che è l’unica persona con cui lui può parlare e lei ci è cascata per l’ennesima volta.
    Immagino che adesso si sentano spesso, lei è disponibile per consolarlo e dargli consigli, lui fa la vittima che sta per avere reazioni scomposte e l’unica che può trattenerlo è Leilei. Addirittura Leilei può salvare lui e le figlie (grandicelle, se non erro) da un disastro.
    Mi sembra una grande responsabilità da dare alla persona che ti portavi a letto un giorno e l’altro scomparivi… Bel cialtrone.
    Per me fa ridere uno che tradisce la moglie per anni e fa il risentito e il geloso quando si trova le corna in testa.

  • Nick76, 6 Maggio 2024 @ 19:24

    @Lia, 6 Maggio 2024 @ 11:08 è la cruda realtà attuale, l’esaltazione dell’immobilismo per non prendersi la responsabilità di scegliere, vivere nel segno della convenienza e del quieto vivere che porta in dote solo tristezza…!!!

  • Nick76, 6 Maggio 2024 @ 19:19

    @elleelle: “Perché invece di fare il solito codardo e confidarsi con te non parla con la moglie? Perché non le dice che l’ha scoperta e le chiede cosa vuole fare? È qui che dimostra chi è davvero come uomo.” Sono pienamente d’accordo con te la situazione va risolta in casa visto che oramai è tutto saltato penso che entrambi debbano prendersi le proprie responsabilità e riprendere in mano le loro vite ognuno per conto proprio, visto che il matrimonio è palesemente saltato…!!!

  • alessandro pellizzari, 6 Maggio 2024 @ 18:23

    Io non gli credo

  • Lia, 6 Maggio 2024 @ 17:25

    @leilei, proprio non ce la fai a resistere al richiamo di sentirti importante per lui!
    A costo di fare la saggia e non fargli saltare quel rapporto che non ha mai sopportato!
    Ma riesci a capire cosa vuoi davvero ed essere coerente?

  • elleelle, 6 Maggio 2024 @ 17:18

    @Leilei
    “sto aiutando ad evitare colpi di testa, tipo andare a parlare con l’altro”

    Scusami ma non hai ancora capito chi hai davanti? Uno che ha tradito la moglie e che pensa che potrebbe andare a parlare con l’altro è uno che vive fuori dalla realtà, che non ha capito cos’ha fatto in tutti questi anni di tradimento e che non può accampare alcuna pretesa di correttezza da parte di lei né tantomeno affrontarne.
    Perché invece di fare il solito codardo e confidarsi con te non parla con la moglie? Perché non le dice che l’ha scoperta e le chiede cosa vuole fare?
    È qui che dimostra chi è davvero come uomo. Mica la deve sbattere contro al muro e menarla, le deve parlare e deve chiarire che intenzioni hanno. Quali danni vuole limitare, ormai è tutto distrutto, non se ne rende conto?

  • alessandro pellizzari, 6 Maggio 2024 @ 16:43

    L’amante che fa la consulente di coppia… mai farlo! Finta amicizia non porta che problemi

  • Lia, 6 Maggio 2024 @ 15:26

    “Oggi l’ho visto, lo rivedrò nelle prossime mattinate forse, poi facciamo 4 giorni via e ci sentiamo per prenotare alberghi, mezzi di trasporto.. e no, lo confermo, ogni volta che mi manda ‘ho prenotato!’ non svengo per l’emozione.”
    C’è a chi emoziona il “Ti amo” a chi “Ho prenotato”…

  • Molly, 6 Maggio 2024 @ 15:20

    “Leilei, 5 Maggio 2024 @ 22:59
    Molly non è un estraneo e in questo momento è parecchio confuso, e ha solo me con cui confidarsi.”

    @Leilei e quindi? Allora hai deciso di incarnare il ruolo di crocerossina? Se ha solo te che si faccia due domande! Forse il suo modo di intessere relazioni non può che portarlo a questo punto. Cone si dice “chi è causa del suo mal, pianga se stesso”. Non è una vittima anche se è evidente che tu ne sei convinta.

  • Lia, 6 Maggio 2024 @ 15:06

    @Cossora, hai ribadito, polemizzando alla tua maniera, quello che avevo scritto anch’io,
    Sei più lucida e per me è sintomo di scelta consapevole. Bacioni anche a te 🙂

  • Leilei, 6 Maggio 2024 @ 14:46

    Cossora non gli sto accanto per godere della sua caduta, infatti sto ragionando con lui su come arginare i danni e lo sto aiutando ad evitare colpi di testa, tipo andare a parlare con l’altro. Ma non posso non evidenziare quanto sia poco coerente nel dire che quello che lo colpisce di più è vedere la falsità di chi ha accanto. Ma dai, un po’ di autocritica sicuramente gli servirebbe per capire che le colpe le hanno entrambi. Anche se lui pensa che la colpa dello sfascio della loro coppia sia dovuta alla scoperta dei famosi messaggi allegri di lei di molti anni fa, che lo hanno portato ad innamorarsi di me.

  • elleelle, 6 Maggio 2024 @ 14:04

    @Cossora
    “io ti dico che sto bene, tu poi hai da fare polemica sul mio ‘stare bene’.”

    Boh, non mi sembra di fare così tanta polemica sulla tua storia. Ho anche scritto più volte che se stai bene così fai bene a vivertela.
    Tanto sei consapevole di cos’è un amantato, no? L’importante è non cadere dal pero se un giorno la moglie tira il guinzaglio, non starci male se lui scompare e cose simili.
    Io non ci sto male se con il mio amico saltuario non ci scriviamo tutti i giorni e ho talmente zero lamentele nei suoi confronti che non ne parlo in alcun modo. Le poche volte che ne ho parlato è stato in modo positivo e non ho proprio niente di giudicante da dire nei suoi confronti. Non mi interessa nemmeno farlo, altrimenti non sarebbe più quella piccola oasi di pace che invece è.
    Hai mai sentito @Cri28 che critica il suo amante e vive una perenne delusione dovuta al fatto che lui non è all’altezza delle sue richieste? Io no.
    @Leilei invece non ha mai vissuto così la sua storia, lei aveva aspettative di comportamento, modi e presenza che lui deludeva ciclicamente.
    Non c’era un “a me sta bene così per cui che problema c’è?”. C’era lui che faceva quello che secondo lei non doveva fare e lei che ci restava male. Lo criticava perché debole, noioso e succube, crocerossino.
    Credo che la differenza sia evidente.

  • elleelle, 6 Maggio 2024 @ 13:48

    @Cossora
    “lo ascolto perchè ci tengo e se voi non capite come sia possibile, lo rispetto ma è una vostra opinione.
    Se invece davvero gli stai accanto solo per assistere a una sorta di rivendicazione (hai fatto soffrire me? ora mi godo la tua sofferenza) .. non ho parole.”

    E perché non avresti parole, che problema ci sarebbe? Sarebbe tutto parte di quello che tu chiami “balance” e che invece è una relazione malsana.
    Ci sono rancori dentro a questa relazione che vanno avanti da anni perché entrambi hanno messo in atto comportamenti che mostravano poco interesse e poco rispetto.
    All’interno di una relazione malsana puoi anche godere e prenderti una rivincita se lui ha preso una tranvata in faccia, così la prossima volta impara a mettere l’amante al secondo posto per una moglie che lo tradisce a sua volta, no?
    Non so perché non è chiaro ma queste non sono relazioni d’amore, sono altro e con altro si esprimono.

  • alessandro pellizzari, 6 Maggio 2024 @ 12:52

    Vi aspetto a Roma venerdì 17 Maggio alle ore 17 alla Biblioteca Casa del Parco in via della Pineta Sacchetti 78 per la presentazione e firma copie del mio ultimo libro Love Advisor ❤️ ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Vi aspetto! #loveadvisor #ilblogdialessandropellizzari #ilcounselingdeisentimenti #ilmionuovolibro

  • alessandro pellizzari, 6 Maggio 2024 @ 12:51

    Vi aspetto a Roma venerdì 17 Maggio alle ore 17 alla Biblioteca Casa del Parco in via della Pineta Sacchetti 78 per la presentazione e firma copie del mio ultimo libro Love Advisor ❤️ ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Vi aspetto! #loveadvisor #ilblogdialessandropellizzari #ilcounselingdeisentimenti #ilmionuovolibro

  • alessandro pellizzari, 6 Maggio 2024 @ 12:50

    Vi aspetto a Roma venerdì 17 Maggio alle ore 17 alla Biblioteca Casa del Parco in via della Pineta Sacchetti 78 per la presentazione e firma copie del mio ultimo libro Love Advisor ❤️ ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Vi aspetto! #loveadvisor #ilblogdialessandropellizzari #ilcounselingdeisentimenti #ilmionuovolibro

  • Lia, 6 Maggio 2024 @ 11:08

    Buon inizio di settimana a tutti:-))))))
    Oggi vi voglio dedicare questo testo che mi ha fatto venire in mente il blog!

    Penso a tutte le persone che stanno insieme senza amore, per paura della solitudine. E a quelle che si amano senza stare insieme per paura di sacrificare la libertà. Due scelte in apparenza opposte, ma che conducono entrambe al fallimento perchè generate dal medesimo impulso di vigliaccheria.
    (M. Gramellini)

  • Cossora, 6 Maggio 2024 @ 10:18

    @leilei che tu abbia un legame con lui non è in dubbio.
    Non capisco perchè scrivi come volessi prenderne le distanze.
    Specifichi che lo consoli perchè ha solo te, hai scritto che ti fa piacere adesso si dia del coglione.
    Sono cose che scrivi tu, forse credendo di metterlo in una luce miserabile ma guarda che stai dando della miserabile anche a te.
    Mi permetto di dirti (anche se non me lo chiedi) che fossi in te risponderei a tutte le accuse delle utenti dicendo: lo ascolto perchè ci tengo e se voi non capite come sia possibile, lo rispetto ma è una vostra opinione.
    Se invece davvero gli stai accanto solo per assistere a una sorta di rivendicazione (hai fatto soffrire me? ora mi godo la tua sofferenza) .. non ho parole.

  • Cossora, 6 Maggio 2024 @ 10:02

    Uhh.. @leilei colpo di scena!!
    Prendo i popcorn!!

  • Cossora, 6 Maggio 2024 @ 10:00

    @lia sei sempre più simpatica, si sente che sei felice.
    Sento meno farfalle nello stomaco, hai ragione sono meno ‘innamorata’ ma lo amo e in modo stabile.
    Non sento lo stomaco che mi si stringe o il fiato che mi si spezza se lo penso, non mi sento febbrile dal giorno prima che ci dobbiamo vedere.
    Credo quello facesse parte del rapporto che mi faceva stare sempre all’erta sempre col fiato in gola.
    Faceva parte del mio stato di bisogno magari, non ho problemi a riconoscerlo.
    Oggi l’ho visto, lo rivedrò nelle prossime mattinate forse, poi facciamo 4 giorni via e ci sentiamo per prenotare alberghi, mezzi di trasporto.. e no, lo confermo, ogni volta che mi manda ‘ho prenotato!’ non svengo per l’emozione.
    Sarà il legame troppo stabilizzato? Può essere. La routine fa anche questo effetto mannaggia.. ma non posso dirlo a lui che ogni tanto mi guarda e mi dice che la cosa pazzesca e’ che “non mi passa mai!”
    Quanto alla monogamia, mai nascosto di non crederci, ma da mesi non mi sento la necessità di svagarmi in quel senso. Mi distraggo solo quando ci sono momenti di distacco e stallo. Perdonami.
    Se hai altre curiosità però dimmelo, che te le tolgo 🙂 bacioni

  • Cossora, 6 Maggio 2024 @ 09:47

    Si @elleelle.. ma se dici che “Equilibrio farebbe pensare a una relazione alla pari, in cui entrambi stanno bene” e io ti dico che sto bene, tu poi hai da fare polemica sul mio ‘stare bene’.
    Non finiamo più.
    Stai bene a casa con tuo marito così come state?
    Si, visto che lo scegli e non ti lamenti.
    Certo che per me il tuo ‘star bene’ è da pazzi. Infatti non ci sto io nella tua situazione.
    Per te è da pazzi il mio? E infatti non ci stai tu nella mia situazione.
    Quanto al rapporto sempre ‘perfettamente sano’ onestamente non ne conosco uno e credo non esista.
    Ma è un mio parere.

  • Leilei, 6 Maggio 2024 @ 08:51

    Oggi mi sembra più lucido, ha capito di avere di fianco un’estranea (ma va? Una che da anni evita situazioni di coppia), la crisi era già cominciata prima che ci fossi io.
    Questo per me convalida assolutamente la tesi di Ale sul fatto che il tradimento è solo il termometro di una malattia che è la crisi profonda di una coppia. Se le cose vanno bene, come mi ha ribadito anche lui, non c’è spazio per guardare fuori. E’ quello che ho sempre pensato.

  • Leilei, 5 Maggio 2024 @ 22:59

    Molly non è un estraneo e in questo momento è parecchio confuso, e ha solo me con cui confidarsi.

  • Molly, 5 Maggio 2024 @ 16:39


    Leilei, 5 Maggio 2024 @ 12:43
    Come molti uomini voleva la moglie fedele e l’amante innamorata. Mi ha detto mi chiedo con chi ho vissuto per tanti anni…non ho commentato per non affossarlo ancora di più. Adesso si trova senza auto né moto.”

    @Leilei continui a commentare lui negativamente. Sei ancora legata a lui, magari meno, ma non riesci a tagliare il cordone ombelicale.

    Sicuramente è stata una persona importante nella tua vita ma dovresti riflettere sul fatto che ORA non ti dà più nulla e la sua presenza nella tua vita sembra quella di una fotografia scolorita di ciò che fu. Se non ti dà più niente e tu non dai piú nulla a lui, che significato ha che vi sentiate ogni tanto per poi essere scocciata per quello che ti racconta?
    Io sono convinta che ci siano delle persone nella nostra vita che salgono sul “treno” con noi per fare un certo itinerario condiviso. Alcune poi scendono e altre salgono. Altre si mettono nel vagone in coda e stazionano lí ma se scendessero neanche ce ne accorgeremmo. Lui era salito dul tuo vagone, avete visitato posti insieme e condiviso tanto ma poi ha cambiato posto e vagone e ti dovresti chiedere se ha senso che stia ancora sul tuo “treno”, o se è praticamente sceso e ormai la sua presenza sia ancora di condivisione o di semplice percorso uguale ma come quello di un estraneo, con la sia destinazione che nemmeno conosci.

  • Ariel, 5 Maggio 2024 @ 13:56

    Ma infatti esattamente la relazione tossica è sempre composta da due soggetti di cui uno resta a manipolare NEGATIVAMENTE l’altro chiunque sia l’altro

    E perché ci riesce a volte pure per anni e anni?

    Perché altro soggetto porta il comportamento da dipendente affettiva in maggioranza numerica al oggi statistica scientifica dice sono le Donne che a causa di questa dipendenza ( ricordiamoci che funziona esattamente come droga qualsiasi per cui si ha difficoltà a STACCARSI DA PROPRIO MANIPOLATORE NEGATIVO)

    Certamente quindi ,una relazione tossica più resta tossica più DURA NEL TEMPO

    Non tutte le relazioni tossiche hanno la stessa durata ,perché quanto dura resta direttamente proporzionale alla intensità della Dipendenza affettiva

    Più relazione stata brevE meno esprime il livello di dipendenza affettiva.

    Da questo quadro ovviamente la relazione tossica resta una relazione ad incastro DELETERIO
    Solo e soprattutto per chi porta dipendenza affettiva

    Perché chi manipola negativamente LO SA DA INIZIO RELAZIONE LO SCOPO NEFASTO DI DISTRUZIONE CHE VUOLE OTTENERE PER PURO EGOISMO TROPPO EGOISMO

    La responsabilità maggiore quindi resta nel manipolatore negativo perché È CONSAPEVOLE DA INIZIO QUALE SIA IL SUO VERO SCOPO E CIOÈ USO E ABUSO DELLE PERSONE COINVOLTE E CIOÈ MOGLI COMPAGNE AMANTI E PURE I FIGLI E PROPRIO ENTOURAGE!!
    La responsabilità della DIPENDENTE AFFETTIVA RESTA QUELLA DI CURARSI IN TERAPIA FATTA APPOSTA.

    perché proprio perché i
    Meccanismi dipendenza sono uguale droga se non ci si cura ogni drogato pur di NON PATIRE LA CRISI DI ASTINENZA RESTA CAPACE DI fare azioni pure negative tout court volte a rifornirsi della droga ,e cioè nel nostro caso di dipendenza affettiva a MANTENERE SEMPRE ATTIVA LA RELAZIONE PURE FOSSE SOLO VIRTUALE

    Esempio di mogli inferocite o amanti ugualmente inferocite che fanno scoppiare bombe di spia a casa altrui

    Questi comportamenti negativi non devono stupire e non vanno visti con giudizi moralistici negativi ma più che altro da Point de vu scienza meccanismo
    No lasciare senza cura alcuna un drogato

    Perché non riesce senza guida terapeutica a controllare il proprio libero arbitrio

    FA E FARÀ DI TUTTO PER NON STACCARSI DA DROGA .
    E CIOÈ IN QUESTI CASI DALLA O DALLE RELAZIONI IN CORSO!

    La dipendenza affettiva è ASINTOMATICA
    MA LA SI evidenzia dal non riuscire a staccarsi DEFINITIVAMENTE DA SOGGETTI CHE USANO E ABUSANO DELLA PROPRIA BUONA FEDE
    USANO E ABUSANO DELLA INTELLIGENZA ALTRUI
    USANO E ABUSANO DEI SINCERI SENTIMENTI ALTRUI

    e con altrui sono comprese TUTTE le prede che siano
    Auto o moto
    Mogli o amanti è peggio che mai figli e Entourage socio famigliare
    Nessuno li ferma ,MA,

    SOLO LE PREDE ,SE SI CURANO ,RESTANO CAPACI DI CHIUDERE X SEMPRE
    SE SI CURANO IN VERE PSICOTERAPIA DEDICATA E NON GENERICA

  • Leilei, 5 Maggio 2024 @ 12:43

    Come molti uomini voleva la moglie fedele e l’amante innamorata. Mi ha detto mi chiedo con chi ho vissuto per tanti anni…non ho commentato per non affossarlo ancora di più. Adesso si trova senza auto né moto.

  • elleelle, 5 Maggio 2024 @ 12:13

    @Leilei
    “…perché provo gusto a pensare che ora si dia del coglione per tutte le volte che ha creduto che fosse debole e indifesa e dipendente da lui. Invece le faceva comodo l’uomo che faceva la spesa e cucinava, badava alle figlie mentire lei si sollazzava con l’altro.”

    Questo è quello che diceva lui di lei per tenere attaccata te. Non è affatto detto che lei sia debole e indifesa e non ha senso scrivere che “lei si sollazzava con l’altro”, quando il marito si sollazzava con te.
    Concordo con quello che ha scritto @Maribel e cioè che è un gioco tossico a quattro.

  • alessandro pellizzari, 5 Maggio 2024 @ 10:56

    mi accusava di cercare attenzioni dagli altri, di mettermi in mostra, di essere una poco di buono…peccato che a dirmelo fosse un narcisista traditore seriale.

    Ma accise di questo tipo non sono accettabili da nessun uomo e sono la prova che vi considerano una cosa altro che amore

  • elleelle, 5 Maggio 2024 @ 08:18

    @Vio
    “Che idea ti sei fatta di loro?
    Ho letto un tuo post in cui dici che si è fatto terra bruciata, ben gli sta!!”

    Ti avevo risposto ma forse c’erano troppi dettagli e Ale non ha pubblicato.
    Ne ho parlato in passato e da quello che mi è stato detto le dinamiche sono quelle di una famiglia in cui c’è un narcisista. Il mio ex viene da una famiglia di narcisisti, lo è lui, c’è già qualcuno dopo di lui.
    Gente che manipola e poi, ovviamente, è mal vista. Non tutti tollerano personaggi del genere e gli uomini sono molto meno propensi a subire il loro “fascino”.

  • maribel, 5 Maggio 2024 @ 08:06

    Cara Ariel
    Non sto dicendo cose diverse dalle tue. Non dico che non vi sono meccanismi disfunzionali nella coppia di leilei.
    Dico che li osservo in ENTRAMBE LE PERSONE.
    Tutti e due non si mollano, tutti e due rispondono ai diktat a volte di uno e a volte dell’altra. Leilei si allontana e poi ritorna, poi si lamenta di lui che sparisce e poi ritorna, poi lo allontana di nuovo lei. Insomma è un gioco a due dove nessuno di loro molla però il matrimonio, anche se ultra decotto. E ciò riguarda anche i loro coniugi, ignari dei dettagli ma non della sostanza, quindi direi addirittura un GIOCO A QUATTRO.
    Chiamiamolo disequilibrio, ok. Ma si tengono su a vicenda e il lavoro psicologico di @leilei mi sembra che abbia rinforzato leilei nel restare dove sta. Questo appare da quel che scrive, ovvio. Poi solo loro e non noi sanno i dettagli.

  • Leilei, 5 Maggio 2024 @ 01:23

    Mi interessa perché siamo nel mood pettegolezzo, e perché provo gusto a pensare che ora si dia del coglione per tutte le volte che ha creduto che fosse debole e indifesa e dipendente da lui. Invece le faceva comodo l’uomo che faceva la spesa e cucinava, badava alle figlie mentire lei si sollazzava con l’altro.

  • Lia, 4 Maggio 2024 @ 22:47

    @leilei se è vero, preparati ad un periodo di recupero fra di loro e a nuove sparizioni di lui…

  • ads, 4 Maggio 2024 @ 22:08

    scusate @leilei conosce questa persona da anni,
    raccontare la balla che la moglie ha un altro per proseguire la storia,
    mi pare un po’ azzardato e da grande pallista che si puo’ facilmente scoprire,
    non mi azzarderei in teorie manipolatorie esasperate,
    la moglie ha incontrato un altro, non ci vedo qualcosa di cosi stravagante ed irrealistico.
    Ad ogni modo @lei non mi sembra una fessa e se vuole lo scopre anche stasera se l’amante ha detto il vero o una palla

  • Mimi, 4 Maggio 2024 @ 21:59

    @leilei non é che hai “paura” che questa cosa potrebbe farlo tornare all’ovile per riprendersi la moglie?
    Se lei ha un altro magari potrebbe temere che un giorno possa essere lei a chiedergli la separazione e, se quello che dici é vero, sa che rimarrebbe da solo perché tu non lasceresti mai la tua. Rimarrebbe senza donna e “senza” figli, senza l’equilibrio perfetto che ha adesso.
    A prescindere che lo dica o lo tenga per sé, penso tu possa aver più paura di cosa potrebbe fare adesso lui per non rischiare la stabilità che ha.

  • Mimi, 4 Maggio 2024 @ 21:41

    @viovio si é così anche con la moglie, ne sono sicura perché lui ha potuto tantissimo tirare la corda per darmi dimostrazioni delle sue intenzioni di lasciarla: ha potuto insultarla, rivelarle il tradimento, andarsene di casa, se lo ha fatto é perché era sicuro che lei lo avrebbe sempre supplicato di tornare (cosa che ha fatto). La differenza é che lei é cresciuta vivendo così (é la sua prima ed unica relazione) io invece lo facevo per compiacerlo ma non mi veniva naturale quindi con me non era mai sicuro di avere il controllo e che io rispettassi “le regole”. Non ero addomesticabile a sufficienza.

    @ellelle hai perfettamente ragione su tutto.
    Prima che mi innamorassi era un’altra persona, alcuni segnali avrei potuto notarli ma pensavo in quel momento fosse frustrazione per i vincoli temporali e perché poteva sentirmi e stare poco con me. Poi ha aumentato il tempo, mi sono innamorata e li ha capito che era il momento: vista la mia reazione al primo insulto ha capito di aver campo libero, eravamo circa ad un anno di relazione quindi pensa cos’ha potuto dire e fare negli altri due avendo sempre più tempo (i suoi tira e molla con la moglie gli davano modo di stare sempre più attaccato a me).
    Concordo anche sul fatto di proiettare sugli altri quello che sono loro: mi accusava di cercare attenzioni dagli altri, di mettermi in mostra, di essere una poco di buono…peccato che a dirmelo fosse un narcisista traditore seriale. Creava dei dubbi su di me così che io passassi il tempo a difendermi e supplicarlo invece che vedere i suoi giochetti. Una manipolazione notevole.

  • Leilei, 4 Maggio 2024 @ 20:29

    Se l’ho scritto è perché ho visto le prove.

  • Viovio, 4 Maggio 2024 @ 19:04

    @leilei
    La questione comincia ad avere dei risvolti alla beautiful …. Ahahah

  • Ariel, 4 Maggio 2024 @ 18:22

    alessandro pellizzari, 4 Maggio 2024 @ 16:36
    Potrebbero essere tutte balle anche queste per tenerti aggrappata come in un giallo tossico

    ESATTO!!!

    @Leilei è frequente soprattutto in relazioni sbilanciate come la tua di anni e anni chiarissima la sua azione di manipolazione negativa che tratteggia come una costante la tua storia qui scritta da te in tanti anni.

    Infatti la manipolazione NEGATIVA alterna cosucce più semplici vedi
    Dormo sul divano lei è fredda

    Dal come sta carina è bella la mia compagna

    Al te mollo nel silenzio punitivo chiarissimo citato in qualsiasi testimonianza di esperti che prevede il mollare in silenzio sparire senza apparente ragione

    Così sparisce sapendo già che la preda soffrirà se non altro in un crescendo di naturali domande sul che czzzzzzo succede o successo?

    Poi il manipolatore negativo LO Sto arrivando! DA INIZIO CHE LA PREDA STA VERA CON DIPENDENZE AFFETTIVE E Sto arrivando! BENISSIMO CHE CARTA USARE PER RENDERLA ANCORA PIÙ DIPENDENTE

    Usare la TRIANGOLAZIONE con CLASSICONE DEL TI TASTO SE STAI GELOSA O ANSIOSA DI SAPERE CHE FARÒ???
    E dove ti butterò???

    Lo scopo PRIMARIO RESTA TRATTENERTI NELKA RELAZIONE MA FACENDOTI MINOMO STARE IN ANSIA O COMUNQUE IN ATTESA ETERNA DI SAPERE COSA SUCCEDE???

    Glielo dirà oppure no??
    Parlerà a sua compagna forse pure di te???

    Cara @Leilei SVEGLIATI
    SE PUOI SE NON TI RIESCE fiondati da terapia specialistica in relazioni tossiche

    @Mari El
    Ovviamente più che chiamarlo equilibrio occorre chiamarlo disequilibrio e cioè sempre esiste più una LEI DONNA che si SOTTOMETTE A STECCHE DI ANNI al suo amantucolo che la usa e abusa della sua CONTINUA ADATTARSI a tutto
    Al silenzio punitivo
    Alla triangolare con paragoni con non importa chi più spesso si usa la moglie o i figli per triangolare

    Lo schema prevede sempre chi si SOTTOMETTE E CHI DECIDE TUTTA LA TATTICA COMPORTARSI DA CERI STRONZIIIIIII!!!!

    Curati invece di chiederti cosa farà?!!!!!

  • Dispersa, 4 Maggio 2024 @ 17:23

    @Leilei ma a te cosa cambia sapere o meno che lei ha un altro? E sinceramente a lui cosa cambia?
    Magari se tutto questo fosse successo anni fa sarebbe stato motivo di svolta per voi… Ma oramai…
    Non vi annoiate con questi racconti a fondo perduto??

  • elleelle, 4 Maggio 2024 @ 17:16

    @Leilei
    “Aggiornamento, lei ha un altro da parecchi mesi.”

    E vabbè, non credo che lui potesse aspettarsi fedeltà eterna. Già aveva sospetti in passato, l’ha tradita a sua volta, adesso sicuramente le corna sono reciproche. Non credo che faccia chissà che differenza.

  • alessandro pellizzari, 4 Maggio 2024 @ 16:36

    Potrebbero essere tutte balle anche queste per tenerti aggrappata come in un giallo tossico

  • alessandro pellizzari, 4 Maggio 2024 @ 16:35

  • Leilei, 4 Maggio 2024 @ 14:32

    Aggiornamento, lei ha un altro da parecchi mesi. Lui sta mettendo insieme i vari tasselli, sa anche chi è.
    Non gli ho chiesto cosa vuole fare ora, se dirle qualcosa o tenerselo per sé.

  • Lia, 4 Maggio 2024 @ 12:03

    @Cossora, più volte nel blog hai scritto di esserne meno innamorata, che la fase “farfalle nello stomaco” era finita da un pó.
    Non ultima quando sei andato col tuo amico con cui ti vedi ogni tanto, avevi messo in dubbio i tuoi reali sentimenti.
    Non mi invento le cose. È anche vero che hai cambiato diverse versioni. Se hai la stabilità del meteo, non è colpa mia.

  • maribel, 4 Maggio 2024 @ 12:01

    Invece io vedo nella storia di leilei un loro modus vivendi che non cambieranno. Può non piacerci, ma sono due persone che reciprocamente si usano perché non sono soddisfatte del posto dove stanno. Una relazione stampella per entrambi, dove a turno sono carnefice e poi vittima. Non vedo grandi margini di uscita, leggendola, perchè nessuno dei due vuole mollare il matrimonio nel quale entrambi restano anche se infelicemente, ma si danno dei motivi che li fanno restare dove sono. Hanno barattato la sicurezza con la libertà e, da come scrive leilei, nessuno dei due cambierà idea. Non credo che lei veda nella sua psicologa uno strumento per andare via, quanto piuttosto uno strumento per restare con i minori danni possibili. Sono scelte.

  • Viovio, 4 Maggio 2024 @ 10:00

    @elle
    Grazie al cielo non ho mai avuto a che fare con un narcisista, in realtà non ero nemmeno a conoscenza della loro esistenza prima di approdare su questo blog.
    La moglie ed i figli del tuo ex ne stanno sicuramente pagando le conseguenze,
    Che idea ti sei fatta di loro?
    Ho letto un tuo post in cui dici che si è fatto terra bruciata, ben gli sta!!

  • elleelle, 4 Maggio 2024 @ 08:22

    @Cossora
    Quello che tu definisci “equilibrio” ha un nome diverso: relazione malsana.
    “Equilibrio” farebbe pensare a una relazione alla pari, in cui entrambi stanno bene ed è la parola più sbagliata per una relazione-farsa tipo quella di Leilei perché lei in realtà ci sta male.
    È proprio il punto di partenza che è sbagliato, pensare che sia equilibrio una relazione in cui c’è una persona (lui) che mette in atto comportamenti sgraditi e umilianti nonostante gli sia stato detto più volte di non farlo.
    Ovvio che tutto si spiega se questo non è chiaro e se si pensa che una relazione malsana sia equilibrata.

  • elleelle, 4 Maggio 2024 @ 08:16

    @Mimi
    Secondo me l’insulto sulla moralità dell’amante è l’ultima spiaggia per vedere che reazione avrai. Se tolleri anche quello, è fatta.
    Con me l’hanno fatto entrambi i narcisisti, overt trent’anni fa e covert il mio ex. Entrambi non hanno avuto il risultato sperato, perché se c’è una cosa che mi fa venire il voltastomaco è proprio quella e segna la morte di qualsiasi cosa io possa provare o aver provato.
    È ridicolo che un cialtrone narcisista al 100% che mente per usare le persone venga a dire a me che sono una persona poco seria.
    Questo comunque li qualifica come misogini di fondo. Si tradisce con una poco di buono una moglie di cui si parla male, superficiale, noiosa, scarsa a letto ecc.
    In realtà sono proiezioni di sé, i poco di buono sono loro, i superficiali sono loro, quelli scarsi a letto sono loro perché è tutta una finzione.

  • Viovio, 3 Maggio 2024 @ 20:03

    Santo cielo @Mimi quando parli del tuo ex mi vengono i brividi ogni volta! Hai avuto veramente tanta forza per uscirne, sei un grande esempio di speranza e determinazione.
    Ma il tuo ex aveva questi atteggiamenti scellerati anche con la moglie? Non oso immaginare la salute mentale di quella donna in che stato sia.

    @Azzurra non scoraggiarti come hai potuto vedere non sei sola e sono certa ne uscirai anche tu. Perdere uomini del genere è una gran fortuna!

  • Cossora, 3 Maggio 2024 @ 16:01

    @lia mai detto di essere ‘meno’ innamorata. Sono meno bisognosa, meno attaccata, meno assolutista, meno intransigente di altri utenti qui dentro. Magari più di altre persone in generale. Ma provo un sentimento autentico. Però siccome appena ne parlo lo passate al setaccio e date le vostre opinoni su quel che provo io (che avreste dedotto da un blog anonimo, vabbeh..) me lo tengo per me. Tanto lo provo e lo vivo comunque al di la di quel che pensano le ‘tuttologhe’ di casa.

  • Cossora, 3 Maggio 2024 @ 15:56

    @elleelle ‘a te’ non sembra. Ma se vanno avanti da anni e nessuno dei due molla l’osso ma (addirittura) inseriscono nuovi livelli.. va preso atto che tra l’oro il balance è così. Da anni ormai.
    Nessuno si può identificare in una dinamica tanto dettagliata e duratura. Solo loro due. Ormai fanno parte dello stesso tessuto e strapperanno quando .. boh. Magari mai. Come centinaia, migliaia di ‘coppie’ che non stanno insieme ma semplicemente convivono. Tomba di famiglia. Quello è un equilibrio, che ci piaccia o no.

  • alessandro pellizzari, 3 Maggio 2024 @ 15:41

    Uno che dice a una donna che è una poco di buono avrebbe espulso dal paese ma non saprei per dove

  • Nike, 3 Maggio 2024 @ 14:40

    “Ma non dimenticatevi che l’importante è mantenere vivo il fuoco, non con cosa!”

    @Cossora se il combustibile non è sano,il fuoco è tossico. A volte è meglio spegnerlo..

  • Mimi, 3 Maggio 2024 @ 14:08

    @Azzurra
    Ho avuto a che fare con le stesse cose. Un uomo che viene conquistato dal fatto che tu abbia i capelli rossi e dopo ti dice che hai quel colore perché sei z*****a. Lo stesso che, dopo un tot di tempo utile per far si che io fossi sufficientemente succube, mi ha rinfacciato con una violenza verbale inaudita il modo in cui è avvenuto il nostro primo incontro (di natura ovviamente sessuale, le storie di amantato mica iniziano al ristorante con un mazzo di rose) dicendomi che lui non si poteva fidare di una persona come me perché una che si comporta in quel modo è una poco di buono. E’ un esempio grosso, nelle cose più banali era la stessa cosa.
    “Quando ha capito che ero molto innamorata di lui al punto da aspettare che mi scegliesse, lasciando quindi la moglie, ha cominciato a umiliarmi e io ero tanto stupida da non riuscire ad andarmene.”
    Non avrei saputo dirlo meglio.
    Io ho iniziato a mollare il colpo quando mi sono resa davvero conto che non lo avrei mai cambiato e che quella era un’anteprima della vita che avrei fatto con lui anzi, senza moglie sarebbe stato ancora peggio perchè si sarebbe concentrato h24 su di me, sarebbe stato un incubo. Ho capito che stavo rinsavendo quando vedevo nei momenti di silenzio causa moglie, delle ore d’aria per me.
    Ringrazia con tutta te stessa il fatto che abbia chiuso lui, con me non è stato così e dopo la presa di coscienza ci ho messo ancora dei mesi. Ti ha fatto un favore ENORME.

    Da trentenne che ha avuto i tuoi stessi pensieri ti dico di prenderti il tuo tempo per elaborare il senso di colpa per il tempo “perso” (il lutto sembra tu lo abbia già elaborato ed è una cosa OTTIMA). Se pensi di non farcela da sola chiedi aiuto, è fondamentale non vederlo come tempo perso ma come lezione di vita però da soli è più difficile.
    Ora pensa solo a te stessa, amici, famiglia, lavoro, soddisfazioni personali. Recupera tutte le cose importanti che hai stoppato e abbandonato per lui. Rimetti in moto la tua vita e quando sarai risolta e pronta, se lo vorrai, aprirai di nuovo il tuo cuore stavolta in modo sano.
    Ti abbraccio forte, buona nuova vita ❤️

  • Ariel, 3 Maggio 2024 @ 14:00

    Viovio, 3 Maggio 2024 @ 12:26

    Esattamente cara @Viovio anche io alzo le mani soprattutto di fronte al rifiuto mentale del accettare che la vera motivazione per cui si resta sempre attaccati a mo di cozze a fare le amanti o mogli nascoste solo per unico motivo

    Non è certo la natura che spinge a sottomettersi a stare nello stanzino buio di se stesse accettando appunto qualsiasi situazione solo perché sarebbe stampella???
    Oppure la natura???

    Eh no fare utenti chi ancora ci sta lo fa solo perché dopo anni e anni resta nella dipendenza affettiva che si Sa Bene essere equiparata scientificamente a vera droga nel cervello e spinge infatti ad ADATTARSI SEMPRE e per farlo ,ci si convince di ogni sorta di motivo
    Lo si cambia
    Lo si imbellisce
    Lo si disegna a seconda del come poter motivare ,non qui sul blog,ma motivare in se stesse il ridursi così in vere sconfortanti sfiducie e totali in se stesse
    Sfiducia pure che LA FUORI IN TOTALE LUCE DEL SOLE SENZA BISOGNO DI REGGERE FARSE DI NUSSUNO ESISTE LA VERA REALTÀ POSSIBILITÀ DI VERI UOMINI CON LE PALKE VERE !,,
    Che solitamente si cercano altrettante Donne EQUILIBRATE IN AUTOSTIMA

    E sicuro un panorama di proprio Stanzino. Buio
    Non corrisponde affatto a vera equilibrata autostima

    Occorre curarsi la dipendenza affettiva
    E smettere di dare il colore finto a stanzino buio …

    La dipendenza affettiva non curata spinge SEMPRE A STAZIONARE NELKA O NELKE RELAZIONI AL BUIO

    E REGGICANDELA DI VERI CIALTRONEEEES!

    Buojour e bon apétit!!

  • elleelle, 3 Maggio 2024 @ 13:24

    @Lia
    “Per favore, riconosci una volta per tutte la tossicità del vostro rapporto che ormai è evidente anche ai sassi.”

    Sono anni che glielo diciamo ma il messaggio non arriva.
    @Leilei tempo fa aveva scritto che secondo la sua psicologa lei avrebbe dei tratti narcisistici e che ci avrebbero lavorato sopra. Che sia per questo?
    Non lo so ma io credo che passare anni a ripetere lo stesso schema relazionale tossico sia un segnale da tenere in considerazione.

  • Lia, 3 Maggio 2024 @ 13:22

    IL focus dei vari post, a mio avviso, non è sul come mantenere vivo un rapporto.
    Il focus è su quanto sia corretto mantenere vivo un rapporto umiliante.
    E’ sul concetto di umiliante che si dividono le opinioni! E’ sul perché, non sul come.
    Sul fatto che i modi non sono importanti quando l’obiettivo è quello di mantenere vivo un rapporto posso essere d’accordo, ma ha senso farlo dove ti mancano di rispetto?
    Per me può essere umiliante stare con qualcuno che va a letto anche con un’altra! Per Cossora ovviamente no
    Per me può essere umiliante essere trattata come l’amante di leilei la tratta, per lei no, ovviamente!
    E il fatto che si dichiarino meno innamorate e, quindi, più lucide, per me è un’aggravante, mentre per loro, da come scrivono, ovviamente no!
    Anch’io mi sono umiliata, come tutte qui dentro, ma ero innamorata, adesso è passata e con lucidità dico che non lo permetterò più!
    Mi privo di emozionanti avventure con un uomo finché non ne trovo uno come dico io! Lo faccio per salvaguardare la mia dignità, perché starei male a sentirmi umiliata in base ai miei canoni!
    Possiamo discutere per ore, ma il punto è che la mia asticella di umiliazione è molto diversa da molte di voi! Tutto qui!

  • elleelle, 3 Maggio 2024 @ 13:18

    @Cossora
    “Ognuno di noi ha un suo balance e non si può giudicare mettendo come termine di riferimento se stessi.”

    A me non sembra che ci sia poi tutto sto balance tra Leilei e il tizio…

  • maribel, 3 Maggio 2024 @ 13:05

    @cossora
    Ma non dimenticatevi che l’importante è mantenere vivo il fuoco, non con cosa!

    certo. condivido. io mi riferivo però col mio post più a chi vede in leilei una deriva di depressione che io francamente non vedo, leggendola.
    @leilei dice che non ha più interesse per quest’uomo, quindi se lo tiene intorno perchè lui ha una sua funzione ben definita nella sua vita, che è una funzione di supporto e boccata d’aria.
    sul mantenere vivo il fuoco e se lei effettivamente mantenga vivo un fuoco: evidentemente sì, un qualcosa che ancora li tiene insieme c’è. magari non è più un grande fuoco ma un lumicino.

  • Viovio, 3 Maggio 2024 @ 12:26

    @elle
    La tua memoria storica è una garanzia!

    @Maribel la penso come te riguardo a @leilei però mi domando per quale ragione rimanere ancorate a questa palla al piede, quando il mondo è pieno di uomini sicuramente molto più interessanti.

    @leilei anno scorso quella bella gioia del mio ex mi fece sapere tramite una persona a me molto cara, di essersi trasferito dai genitori perché con la moglie era ai ferri corti.
    La mia reazione fu:” ma che due mxxxni” e ho stoppato immediatamente la conversazione con questa persona.
    Il tuo addirittura ti manda gli screenshot del tel della moglie?!? E tu ci andresti anche in viaggio?!?
    Vabbè alzo le mani…

  • Cossora, 3 Maggio 2024 @ 12:19

    @maribel “il tradimento della moglie è un nuovo capitolo del loro menage, la paura del tradimento darà nuovi argomenti da alimentare.”
    Stesso pensiero quando ho letto il post di @leilei.
    Le coppie (tutte) hanno bisogno di combustibile.
    La loro coppia sguazza in mezzo a questo.
    Lui e io sguazziamo nella condivisione e organizzazione di esperienze speciali insieme.
    Direte voi ‘ma un combustibile è più sano dell’altro’ .. certo, nessuno lo nega.
    Ma non dimenticatevi che l’importante è mantenere vivo il fuoco, non con cosa!

  • Cossora, 3 Maggio 2024 @ 12:14

    @azzurra “Quando ha capito che ero molto innamorata di lui al punto da aspettare che mi scegliesse, lasciando quindi la moglie, ha cominciato a umiliarmi e io ero tanto stupida da non riuscire ad andarmene.”
    Non è neanche classificabile tra i cialtroni, è una persona crudelmente malata. Ti auguro un vuoto di memoria dedicato.

    @elleelle “ma io non riuscirei a trattenere gli sbadigli”
    Ci credo che tu lo faresti. Ma dici bene: io. Ognuno di noi ha un suo balance e non si può giudicare mettendo come termine di riferimento se stessi.

    @leilei “se dovesse scoprire il tradimento, gli converrebbe fare finta di niente e andare avanti con la loro vita” anche io -se mi ponessi il tuo quesito- credo reagirei così. E anche io anni fa lo avrei desiderato. E anche io non rinuncio a nessuna vacanza.

  • alessandro pellizzari, 3 Maggio 2024 @ 11:55

    Un vero truffatore sentimentale colui che sfrutta una situazione di apparente libertà matrimoniale millantando una separazione

  • Cossora, 3 Maggio 2024 @ 10:16

    @Nick76 si.. se ci si trova d’accordo la relazione si fortifica.
    Il motivo è molto semplice -se si ha un certo quantitativo di tempo disponibile e non tutto dedicato all’altro- diventa piacevole organizzarsi insieme, è una forma di programma, di progetto.
    A breve termine certo (evitavo programmi lunghi a 30 anni, figuriamoci adesso)
    Con due settimane di figli ad agosto, ci organizzamo per incastrarci nelle altre. Non possiamo sovrapporre le mie alle sue in famiglia? Calendario alla mano si guarda luglio o settembre.
    Essere d’accordo e avere visioni simili è la base su cui poi organizzarsi con entusiasmo.
    Per questo è importante essere onesti in primis con se stessi: mi va bene davvero la modalità del rapporto? O in qualche modo parto e spero di dirottarlo? Vale per l’amantato ma anche per le relazioni ufficiali. Adattarsi non è da sfigati, ne da corcerossina. Adattarsi è una specie di missione impossibile, è difficile e alla lunga inutile perchè prima o poi la nostra natura salta fuori. Per questo chi resiste (anche infelice, anche tradito, anche senza sesso) non è un martire, ma lo fa perchè la sua natura glielo consente.

  • maribel, 3 Maggio 2024 @ 09:16

    secondo me @leilei è molto meno in pericolo di quel che appare a volte dai suoi post.
    alla fine lei non si schioderà mai dal suo matrimonio insoddisfacente, se lo tiene perchè tutto sommato ci si è adattata e si prende le cose che le piacciono, un po’ egoista e un po’ confusa, a seconda delle situazioni. leilei sa benissimo che vive con il piede in due scarpe e alla fine le va bene così, lo ha detto e ridetto e deciso.
    l’amante nutre il suo ego, a fronte ad un marito superficiale, egocentrico e poco empatico si tiene questo qua, che fa il romanticone e probabilmente ha una certa sensibilità che a leilei piace e la fa sentire corteggiata e in qualche modo irrinunciabile. quando sparisce leilei ne soffre e quando ritorna alla fine tira un sospiro di sollievo, perchè ha di nuovo la sua valvola di sfogo e la sua stampella.

    insomma se ne tiene “due che assieme non ne fanno uno”, come si dice. ma leilei tanto lo ha detto più volte che non si separarerà mai. ha la sua casa, i suoi viaggi, insomma la vita che fa alla fine le piace così, ed è sufficiente per lei, il gioco vale la candela. e in un angolino costruito su misura si tiene il suo amante – bombola di ossigeno.
    noto che leilei scrive sempre qua quando lui si allontana. o sparisce.
    poi quando lui rientra fa la dura, ma intanto se lo tiene lì, perchè lui fa parte del suo equilibrio. adesso che lui teme il tradimento della moglie è un nuovo capitolo del loro menage, la paura del tradimento darà nuovi argomenti da alimentare.

    sono più a rischio giovani amanti single che escono distrutte da relazioni che credevano esclusive, sono quelle le donne che hanno più bisogno di counseling a mio parere.

  • elleelle, 2 Maggio 2024 @ 23:26

    @Vio
    “Non ti aveva proposto un weekend e stavi valutando?”

    No, il fine settimana lo aveva proposto @Leilei, che non aveva amici né marito a portata di mano e quindi si era rivolta a lui per non restare da sola.
    O almeno così aveva detto ma ormai chi ci capisce più, neanche la trama di una telenovela è così incasinata.
    Lui scompare più volte, lei lo perdona, prendono un aperitivo e finiscono a letto assieme, lui scompare di nuovo, lei si arrabbia e cancella il numero, magicamente il numero ricompare sul cellulare, lui la contatta sempre, lei lo ignora ma poi gli propone un fine settimana assieme, non si sa se questo fine settimana si verifica ma lui le manda gli screenshot del numero sconosciuto che chiama spesso la moglie, lei lo apprezza perché le ha dato tanto e poi lo ignora di nuovo…
    Che pasticcio. Non so come si faccia a non stancarsi di una storia del genere e di un uomo così. Io sarei anche profondamente stanca di me stessa, sempre invischiata in una situazione che neanche alle medie, sempre a fare tira e molla mentre cerco di convincermi che va tutto bene.
    Come si fa a non mollare un rapporto che ormai è trascinato per i capelli, in cui entrambi si umiliano in questo modo?
    A volte queste situazioni sono così assurde che sembrano irreali. Leilei ha la mia età, non riesco a comprendere come non abbia i maroni strapieni di questa palla al piede. Bacerà anche bene ma io non riuscirei a trattenere gli sbadigli, mi salirebbe la cumbia della noia al solo pensiero di questo qua che scompare ad cazzum e poi torna con insistenza e mi manda la copia delle telefonate della moglie.
    Ma cavolo, spiarsi i telefonini a 50 anni suonati? Spiare il telefono di tua moglie mentre sono anni che ti fai un’altra? Mandare il tabulato telefonico all’amante? Che squallore infinito!

  • Azzurra2, 2 Maggio 2024 @ 22:22

    @elleelle Chissà per quanto tempo lui l’ha manipolata con il lovebombing, le videochiamate da casa, i progetti per il futuro… Quando ti casca la bomba in testa non capisci cosa ti sta succedendo, non ci puoi credere, le umiliazioni che ti fa passare ti legano ancora di più perché sei traumatizzata e vorresti che lui tornasse quello di prima.

    @alessandro Quando ti casca la bomba in testa non capisci cosa ti sta succedendo, non ci puoi credere, le umiliazioni che ti fa passare ti legano ancora di più perché sei traumatizzata e vorresti che lui tornasse quello di prima.

    Mi avete capita profondamente, i vostri commenti mi hanno letteralmente commossa. E’ andata proprio così, dai gesti e le parole d’amore alle umiliazioni e alla rabbia ingiustificata. Per mia fortuna il tempo è galantuomo e la sto gestendo molto meglio rispetto alle precedenti rotture. In passato, alle prime mancanze di rispetto e considerazione, dopo quella meravigliosa bomba d’amore in cui mi definiva come la donna ideale, perfetta, che qualunque uomo vorrebbe, casa e figli insieme, è stata molto dura per me, mi ha rovinato e rallentato la vita su tutti i fronti, passavo tutto il tempo a piangere, anche mentre ero a lavoro, ma col tempo ci ho fatto il callo (triste da dire ma è la verità). Quel sentimento che provavo pian piano è svanito e infatti stavolta, quando è andato via, un mese fa, non ho pianto ma ho provato una leggerezza indescrivibile e mi sono messa a ridere perché ho capito che stava solo cercando una scusa per andare via. Quale persona di buon cuore inscena un’arrabbiatura per abbandonarti brutalmente, con tanto di blocco? un ragazzino privo di sentimenti e gentilezza. Mi viene in mente ogni giorno, ma non ci penso costantemente come prima, non passo notti insonni a chiedermi se tornerà, né i fine settimana nel letto a piangere o a chiedermi cosa sta facendo e con chi. Credo che per amore di sé stessi bisogna perdonare chi ci ha fatto del male, ma io non riesco proprio a perdonarlo, ma vado avanti, esattamente come ho fatto l’altro giorno, senza neanche guardarlo in faccia, perché da me non merita neanche quello. Leggendo gli altri commenti mi rendo conto che tutte ci mettiamo degli anni ad uscire da queste infelicità, sarebbe favoloso riuscire a capire per tempo con chi si ha a che fare realmente. Non auguro a nessuno un’esperienza simile, non solo per la sofferenza ma anche per la vita preziosa che passa: mentre loro si divertono e si godono la vita con due o più donne, molte di noi sono lì in attesa di una chiamata o di una sorpresa che ci cambierà la giornata o la vita. Nel frattempo però la vita scorre e ciò che abbiamo fatto, a parte del buon sesso con un uomo infedele che non ci ama, è stato aspettare che un bugiardo ci scegliesse. Nel frattempo avremmo potuto fare chissà cosa della nostra vita, con le nostre sole forze, e invece abbiamo scelto di stare appresso ad un inconcludente. Parlo ovviamente per chi si è ritrovato nella mia condizione di trentenne innamorata di un finto separato fintamente affezionato.

    @Viovio @Giulia vi ringrazio per le vostre parole e per la vostra vicinanza, sono d’accordo con voi, bisogna fare tesoro degli errori e guardare solo avanti, perché fa un sacco bene allo spirito. Il senso di colpa è solo un’enorme zappa sui piedi.
    Ringrazio tutti quelli che mi hanno dato il benvenuto, per la prima volta in questi quattro anni non mi sento sola in quest’esperienza.

  • Lia, 2 Maggio 2024 @ 22:10

    @leilei, io non so più cosa dirti…ma con te ho solo ricordi di corsi e ricorsi tutti uguali.
    1)lui ti manca di rispetto
    2)tu ti incavoli e lo allontani
    3)lui ritorna o tu lo ricontatti
    4)tu ci ricaschi.
    Tutte le volte ti ripeto la stessa cosa e ci si può scommettere sopra, ormai.
    Hai un’idea di quante volte si è riproposto questo schema tra di voi?
    Per favore, riconosci una volta per tutte la tossicità del vostro rapporto che ormai è evidente anche ai sassi.

  • Viovio, 2 Maggio 2024 @ 21:52

    @Elle
    E Leilei continua a stimare questo coso…
    Mi hai steso ahahahah

  • Azzurra, 2 Maggio 2024 @ 21:21

    @Lia ti ringrazio. Purtroppo questo genere di uomini appena lo conosci è affascinante, divertente, ci sa fare insomma…non fa schifo fin da subito, deve pur mantenere la sua bella facciata con amici e parenti, altrimenti rimarrebbe solo. Dorian Gray ha solo da imparare…

  • Azzurra, 2 Maggio 2024 @ 21:14

    @Leilei infatti l’amore ora è passato, io ho iniziato a schifarmi quando ha cominciato a parlarmi di lei e a mostrarmi addirittura le loro foto. Io ero diventata trasparente e lì ho proprio capito di essere un oggetto per lui.. in realtà io speravo, seppure poco, che lui tornasse a brillare come prima, per quello restavo lì, e invece lui ha fatto sempre più schifo, allontanandosi e poi inscenando un’incazzatura in cui stava litigando da solo, per poi bloccarmi. E in quel momento una parte di me ha urlato “Gloria a Dio”, l’altra è rimasta sbigottita e poi si è messa a ridere

  • Azzurra, 2 Maggio 2024 @ 21:06

    @Leilei me ne sono andata tante volte, ma sempre con dolore perché lo amavo e infatti poi o tornavo io o mi cercava lui. I nostri distacchi non hanno mai raggiunto i due mesi. Per me era un amore malato, per lui ero l’amante comoda e fidata. Stavolta ne sono successe fin troppe nella sua vita e lui è fin troppo deciso, sia a trattarmi da zerbino sia a restare con lei. Mi ha chiaramente detto che la nostra “situazione” gli pesa e che se io non ci fossi cercherebbe una sposata con cui sfogarsi e basta. Ha detto “basta single”. Sì, se ve lo stavate chiedendo si tratta di un seriale e per fortuna, alla fine, si è pulito la coscienza parlando chiaramente. Ma vi giuro che mi ha detto cose peggiori. A me fa schifo, ora più che mai. Adesso non provo alcuna stima né alcun sentimento per lui, provo solo disgusto. Se sua moglie conoscesse la sua vera natura, non credo resterebbe insieme a lui un secondo di più..mi sembra una donna per bene, poi magari mi sbaglio ed è peggio di lui

  • Azzurra, 2 Maggio 2024 @ 20:53

    @Cossora non ho avuto alcun’avvisaglia. Lui si comportava da separato vero e proprio. La moglie fa un lavoro che la porta a passare fuori molte ore al giorno, anche i weekend e i festivi, quindi lui ha molta libertà. Quando l’ho conosciuto stavano un po’ in crisi (ovviamente l’ho saputo moooolto tempo dopo) ma niente di importante visto che comunque sono rimasti insieme, facendo tutto quello che fa una normale coppia sposata. Io pensavo che fosse veramente insicuro perché diceva che aveva paura di cominciare una nuova relazione ufficiale. Gli ho creduto, a volte piangeva raccontandomi di quello che aveva passato. Io gli avevo dato fiducia, non credevo potesse essere un approfittatore bugiardo. La verità l’ho scoperta da sola e qualche “dettaglio” schifoso me lo ha rivelato lui…
    Quando ha capito che ero molto innamorata di lui al punto da aspettare che mi scegliesse, lasciando quindi la moglie, ha cominciato a umiliarmi e io ero tanto stupida da non riuscire ad andarmene.

  • Leilei, 2 Maggio 2024 @ 20:14

    Viovio per la verità gli ho detto proprio oggi che anche se dovesse scoprire il tradimento, gli converrebbe fare finta di niente e andare avanti con la loro vita, ognuno a farsi gli affari propri. Se fosse successo 5 anni fa sarei stata la persona più felice del mondo.
    Al weekend ho rinunciato, troppo complicato da organizzare, non ne vale la pena. Ma se capitasse qualche occasione allettante, ci penserò ma solo se si tratta di massimo risultato con minimo sforzo. Non si rinuncia mai a una vacanza.

  • Nike, 2 Maggio 2024 @ 19:47

    @LeiLei ma se la relazione sentimentale per te si è chiusa lo scorso anno,perchè continuate comunque a sentirvi?Siete rimasti amici?Te lo chiedo perchè da amici ci stanno anche le confidenze sul sospetto tradimento della moglie.Se invece c’è ancora qualcosa,non vedo tanta differenza fra Azzurra che si tiene uno che le manda le foto delle giornate con la moglie e te che stai a sentire i racconti dei suoi dubbi su quell’altra.

  • Viovio, 2 Maggio 2024 @ 18:51

    @Giulia
    Va bene, ma adesso perché rivangate in tante “come hai fatto o come non hai fatto”, già si starà crocifiggendo da sola, non martelliamo ulteriormente sui chiodi.

    Sono pienamente d’accordo con te!
    “Come hai fatto”bisognerebbe chiederlo all’ex di @Azzurra e non a lei che ha subito umiliazione e cattiveria.

    @Azzurra per quel che vale hai tutta la mia vicinanza. Se avrai modo di leggere il blog scoprirai che tante donne hanno ricevuto lo stesso trattamento da uomini che dicevano di amarle e sono riuscite a guarire!
    Ti abbraccio forte

    @Ariel quando ho letto @Azzurra ho pensato anche io alla nostra vecchia Azzurra 🙂

  • Viovio, 2 Maggio 2024 @ 18:41

    @leilei
    Mi sa che o siamo noi ad essere smemorate oppure tu cambi in fretta idea.
    Non ti aveva proposto un weekend e stavi valutando? Mah… a me stupisce molto di più che oltre ad ascoltare le sue cavolate (rido per il sospetto tradimento della moglie), dopo anni sei ancora qui a parlare di lui sostenendo di essere tu quella disinteressata.
    Detto questo, a mio avviso puoi dormire sonni sereni in caso di separazione, se voleva stare con te si sarebbe comportato in modo diverso.

  • elleelle, 2 Maggio 2024 @ 18:10

    @Ale
    “e a te lo chiede se la moglie lo tradisce?”

    Ma infatti!
    È il solito trucco: ti dico che ho il sospetto che lei mi tradisca così tu ti metti l’uniforme da crocerossina per consolarmi e ti dò anche il miraggio di essere libero in futuro.
    E Leilei continua a stimare questo coso…

  • alessandro pellizzari, 2 Maggio 2024 @ 17:40

    e a te lo chiede se la moglie lo tradisce? Non a caso ieri ho fatto la diretta sull’amante sanguisuga emotiva, dovrei farne una sull’amante patetico

  • Leilei, 2 Maggio 2024 @ 17:32

    Ricordi male Lia, dopo l’allontanamento di inizio anno lo avevo tolto dai contatti. Mi aveva scritto per avere spiegazioni e gli avevo detto che non avrei più accettato silenzi da parte sua.
    Da lì ha ricominciato ad essere super presente, ma io sono rimasta sulle mie ed ho evitato di incontrarlo anche quando si è palesato all’uscita dal lavoro (l’ho scritto nella sezione della ricostruzione dopo la rottura).
    Lui continua a mandare gli auguri di mesiversario, anche se gli avevo detto chiaramente che per me la relazione sentimentale si è chiusa lo scorso anno.
    Adesso mi manda prove di telefonate costanti di lei ad un numero sconosciuto e dice che vuole capire se lo sta tradendo. Fatti suoi, io sto a distanza.

  • Cri28, 2 Maggio 2024 @ 16:32

    Nick76, il rapporto si è rafforzato e certo questo renderà più difficile farne a meno, ma credo che nessuno dei due stia investendo sulla base di aspettative non compatibili con ciò che è questo rapporto. Perciò, se si interromperà, non penso che lascerà solo macerie di sofferenza, ma anche il ricordo di un rapporto che è stato bello, perché vissuto con la chiarezza che non siamo stati in grado di avere con le persone che abbiamo sposato. Se verrò buttata via, pazienza, può accadere in tutte le storie e ci si rialza.
    Ci sono storie come quella di Azzurra che mettono i brividi, ma se ne esce persino da quelle e spesso sono lo spunto per una completa rinascita.

  • Giulia, 2 Maggio 2024 @ 15:57

    Va bene, ma adesso perché rivangate in tante “come hai fatto o come non hai fatto”, già si starà crocifiggendo da sola, non martelliamo ulteriormente sui chiodi… basta, Azzurra, guarda avanti e, come hai detto, sicuramente ora hai il vaccino e ti terrai alla larga da altri così. Scusate, ma io sono del parere che per stare meglio si debba guardare avanti, coscienti degli errori fatti e del perché sono stati fatti, ma senza rivangare troppo nel passato. Non fa bene.

  • alessandro pellizzari, 2 Maggio 2024 @ 15:54

    Quando ti casca la bomba in testa non capisci cosa ti sta succedendo, non ci puoi credere, le umiliazioni che ti fa passare ti legano ancora di più perché sei traumatizzata e vorresti che lui tornasse quello di prima.

  • elleelle, 2 Maggio 2024 @ 12:55

    @Leilei
    “non è detto che il tempo cementerà la relazione”

    Sono d’accordo, ci sono casi in cui le relazioni di amantato non si cementano affatto e muoiono di morte propria, per esaurimento, come qualsiasi altra relazione, matrimoni inclusi.

  • Lia, 2 Maggio 2024 @ 12:27

    @leilei “Lui dopo la mia chiusura da gennaio ha ricominciato con un corteggiamento serrato, ma io non contraccambio. Ora che sta cercando di capire se la compagna lo tradisce, non vorrei mai che avesse delle aspettative su di noi. Io non mi schiodo da dove sono, nemmeno se lui dovesse essere libero.”
    Ma non ti aveva bellamente ignorato dopo la proposta di amicizia?
    Sono solo io che ricordo recenti atteggiamenti di allontanamento da parte sua e conseguente
    tuo riavvicinamento nonostante la rabbia che questo ti causava?

  • elleelle, 2 Maggio 2024 @ 12:12

    @Leilei
    Ma davvero non riesci a capire che quando ci si ritrova in una situazione tipo quella di Azzurra-2 ci sono manipolazione e trauma che entrano in gioco e che rendono praticamente impossibile essere lucide?
    Chissà per quanto tempo lui l’ha manipolata con il lovebombing, le videochiamate da casa, i progetti per il futuro… Quando ti casca la bomba in testa non capisci cosa ti sta succedendo, non ci puoi credere, le umiliazioni che ti fa passare ti legano ancora di più perché sei traumatizzata e vorresti che lui tornasse quello di prima.
    Leggi un po’ di cose sul trauma da abuso narcisistico, informati, cerca di capire, se ne parla da anni! Se anche lui non è un narcisista, l’ha manipolata e da questa manipolazione ne esce un trauma simile.
    Ti fa bene anche per te stessa, così capisci perché sei arrivata ad accettare sempre meno da quell’uomo finché per forza questa storia sta morendo, capisci perché ci hai messo anni invece di mesi.
    Cavolo, tutte professioniste affermate, con una buona posizione sociale, che viaggiano per lavoro, tutte sicure e risolte e poi non vi entra in testa ‘sta roba banale e che addirittura vivete sulla vostra pelle senza rendervene conto.
    Incredibile.

  • Nick76, 2 Maggio 2024 @ 11:52

    @Lelilei:”Il tempo a volte può anche allontanare, o comunque rendere una persona non indispensabile.” Questo dopo un evento negativo, ma se come nella relazione di Cri28 dove conduce.e sembra entrambi hanno di comune accordo accettato di vivere la propria relazione in una determinata maniera, si può solo fortificare un rapporto.

  • Leilei, 2 Maggio 2024 @ 11:37

    ELLEELLE l’oscar della bugia ci sta, ma quando le evidenze saltano fuori anche l’amore poi passa.

  • Leilei, 2 Maggio 2024 @ 11:36

    Ok Azzurra, tu ti sei innamorata di un uomo che ti aveva raccontato di essere libero, ma quando ha iniziato a mandarti le foto delle sue giornate con la moglie, non ti è scesa la catena? Non hai iniziato a disprezzarlo?
    Come si fa ad amare davanti a certi comportamenti?

  • alessandro pellizzari, 2 Maggio 2024 @ 11:29

    si poi dopo questo non passo altri commenti polemici

  • Leilei, 2 Maggio 2024 @ 10:15

    Molly, Nick76 non è detto che il tempo cementerà la relazione. Il tempo a volte può anche allontanare, o comunque rendere una persona non indispensabile.
    A me ad esempio è successo così. Lui dopo la mia chiusura da gennaio ha ricominciato con un corteggiamento serrato, ma io non contraccambio. Ora che sta cercando di capire se la compagna lo tradisce, non vorrei mai che avesse delle aspettative su di noi. Io non mi schiodo da dove sono, nemmeno se lui dovesse essere libero.

  • Lia, 2 Maggio 2024 @ 10:09

    @Azzurra – 2 Non hai nessuna colpa e quando siamo innamorate, come dici tu, diventa tardi e difficile!
    Certo che un uomo che ti ha illusa in quel modo, che ha “usato” due donne e che poi rinfaccia a te di essere stata leggera, si commenta da solo…
    Benvenuta nel gruppo delle truffate! Stai pure con noi che ti divertirai un sacco a sentirne di tutti i colori!
    Certi soggetti andrebbero denunciati, altro che! Io farei dei cartelli pubblicitari con la loro faccia stampata sopra!

  • Leilei, 2 Maggio 2024 @ 10:07

    “Lui era mio solo mentre era con me, almeno così diceva” AZZURRA lui te ne ha fatte davvero di tutti i colori, ma non hai mai pensato di lasciarlo, hai dovuto aspettare che ti lasciasse lui…come mai?

  • Cossora, 2 Maggio 2024 @ 09:09

    Scusa @azzurra ok.. ma questa cosa che ti parlava della moglie è successa una volta e la foto della giornata con le è una sola, vero? Perchè (scusami) io dubito che tu non abbia avuto avvisaglie. Lascia stare quel che ti diceva lui per riparare l’irrepatrabile. Tu dove stavi? Non stiamo parlando di mezze verità. Di qualcosa che si poteva fraintendere come debolezza. Stiamo parlando di mancanza di rispetto sfacciata. Un po’ di autocritica tu e per piacere niente compassione tutti gli altri. Se è come scrive lei (ma sono sicura che manchino un miliardo di dettagli) non c’è da niente compatire.

  • elleelle, 2 Maggio 2024 @ 09:09

    @Molly
    “Non ti sto colpevolizzando ma ti sto facendo notare la tua cecità.”

    In effetti stai colpevolizzando, stai dicendo “Te la sei andata a cercare, colpa tua, potevi aprire gli occhi”.
    Mi fa piacere che la risposta di Azzurra-2 ti darà il bagno di umiltà di cui hai bisogno.
    Devi capire una volta per tutte quante balle raccontano certi uomini per far credere a una donna di essere disponibili, di essere innamorati di lei, di essere in un matrimonio finito, a volte addirittura separati, ma per finta.
    Mettiti in testa una cosa: NON SIAMO TUTTE DELLE POVERE DEFICIENTI e non lo siamo di certo più di te che ti sei ripresa un traditore.
    Smettila con questo atteggiamento di accusa nei confronti di chi viene presa in giro da un cialtrone, dal momento che sei stata presa in giro anche tu.
    Se non riesci a trovare dentro di te un minimo di capacità di comprensione del fatto che ci sono tantissimi uomini che potrebbero prendere l’Oscar della bugia, scegli il silenzio, non scrivere niente e farai una figura migliore.

  • Azzurra, 1 Maggio 2024 @ 23:24

    Grazie a tutti per aver risposto al mio commento, @ariel è la prima volta che scrivo su questo blog quindi grazie per il benvenuto.
    @Dispersa parole sante, mi sono fatta calpestare da uno che ha fiutato il mio bisogno..infatti l’ho conosciuto in un momento della mia vita in cui mi sentivo veramente sola e non amata.
    @Molly sicuramente sono stata cieca ma certi uomini sanno essere dei bravi attori. Quando l’ho conosciuto lui si è presentato come separato, diceva di vivere in un appartamento tutto suo, tant’è che mi videochiamava da lì, mi chiamava sempre, mi ha fatto una corte sfrenata tanto da farmi credere che fosse realmente innamorato di me, parlava di progetti insieme, di vivere insieme, tant’è che era andato a vedere una casa più grande per noi. Tutto questo finché io non mi sono innamorata sul serio e quand’è successo lui ha iniziato a dire che non era più sicuro, che l’ex si era riavvicinata..poi ho scoperto che l’ex moglie viveva con lui e tanto ex non era..purtroppo per me era “troppo tardi”, c’ero già cascata ed uscirne non è stato facile per niente. Era passato dal dirmi che ero la sua donna ideale al dirmi che ero stata una “leggera” ed irresponsabile ad avergli dato tanta confidenza e ad essermi fidata, ero io stessa la causa della mia sofferenza.
    Per fortuna se n’è andato..vorrei non averlo mai incontrato. Quindi, Molly, io ero e sono ancora single (ora più che mai e fiera di esserlo!), mai mi sarei messa con uno impegnato, l’ho conosciuto quando avevo bisogno di un vero amico ma lui in me ci ha visto qualcos’altro e mi ha presa in giro per ottenere quello che voleva. Più che cieca forse ero bisognosa e ora, grazie a questa terribile esperienza, mi sento più forte e sono felice di bastare a me stessa. Ora se mi si avvicina un imbecille inconsistente e truffaldino, me ne rendo conto subito e so benissimo dove mandarlo…alla toilette di casa sua o di sua moglie.
    Molly, naturalmente non me la sono presa con te, anzi ti ringrazio per il tuo commento. Ho solo voluto spiegare la mia situazione perché credo che altre come me siano state “truffate” dall’attorino di turno perché troppo ingenue. Io non prenderei mai in giro una persona così, per sfruttarla, forse per questo non pensavo esistessero personaggi del genere. Insomma, non bisogna dare per scontato che le amanti sappiano fin dall’inizio di essere delle mere amanti. Io pensavo di essere la donna della vita di un uomo libero.

  • elleelle, 1 Maggio 2024 @ 15:55

    @Azzurra-2
    “Era arrivato a raccontarmi anche la giornata della moglie”

    Posso dirlo? Ripugnante.
    La telecronaca della loro giornata, le foto, le lodi… Questo è sadismo e assoluta mancanza di rispetto.
    Mi dispiace molto.

  • Giulia, 1 Maggio 2024 @ 15:29

    @Azzurra, non sei sola, siamo in tante a chiederci come abbiamo fatto. Giustificavamo tanti comportamenti magari dicendoci che erano situazioni complesse e uomini difficili, che forse qualcosa di valore c’era, in loro e nelle relazioni intessute con loro. Ci hanno riprese tutte le volte che volevamo interrompere, facendo presa sui nostri sentimenti e facendoci credere che nonostante tutto per loro eravamo importanti. In realtà, alla fine ti rendi conto che mancava sostanza e valore in tutto. Li abbiamo sopravvalutati anche se i segnali li avevamo tutti. All’inizio fa male, poi reagisci con la rabbia e l’odio perchè hai concesso troppo. Alla fine ti dici pazienza, ho preso una fregatura, perchè di tutto quello che c’era non è rimasto nulla, te ne fai una ragione, guardi avanti e non ti volti, non ti recrimini, è andata così. Questo almeno è successo a me.

  • Ariel, 1 Maggio 2024 @ 14:43

    Azzurra, 1 Maggio 2024 @ 09:08

    @Azzurra ma sei la nostra Azzurra di tempo fa?
    In ogni caso ben ritrovata e benvenuta !
    Non scoraggiarti e non giudicarti male affatto ,lo sai che a tuti sti casi quando finisce il tutto male e cioè al 100/100 di queste esatte dinamiche tutte ci si fa la stessa domanda
    Ma come ho potuto amare un soggetto del genere?
    Come ho potuto continuare a fidarmi di lui?

    Nulla di nuovo cara Azzurra non sentirti sola ,perché anche a me successe UGUALE la mia domanda su come sia stato possibile per me aver vissuto nel inganno totale ,nella vessazione e violenza psicologica totale nel mettermi a voler sostenere col ricatto emotivo e ricatto vero su base a mo di crocerossina che lui sarebbe stato malato ??

    Era sicuro mia scoperta che sicuro era con comportamenti da Narci e Borderline e lo scoprii pure che era stato diagnosticato così ,insomma la mia storia esperienza per mia fortuna di poca dipendenza affettiva e che già stavo in terapia e così scoprii la realtà verità ben seguita e solo nove mesi durò la mia Esperienza Nefasta da vera dipendente affettiva motivo SEMPRE UGUALE che contraddistingue questi esempi di relazioni nelle quali soprattutto noi Donne ci facciamo così bene INTORTARE senza accorgersene anzi molti casi che durano anni al plurale vivono vere fantastiche esperienze tutte tese a reggere uso e abuso dello stare a cuccia brave al SERVIZIO DEI CIALTRONES TUTTI sia chi resta comunque con aggravante di Disturbo comportamentale diagnosticato sia per I COSÌ DEFINITI ERA SOLO UNO STRONZO?!!!!

    Mah in ogni caso cara @Azzurra se ne esce completamente e se a me stessa avessero detto anni fa appena finita la relazione che oggi sarei stata a vivermi mia nuova vita nuovissima e piena di vera joie de vivre e pure con un compagno degno di amore mio e suo di vera libertà totale alla luce del sole totale non ci avrei mai creduto possibile

    VOLERE È POTERE e chi si cura in psicoterapia e si cura di fare la vera Révolution in se stessa sempre possibile senza limite di GNIENTE né di età né di nulla senza se senza ma

    Cambiare comportamenti si può e si deve fare se solo si vuole evolvere imparando ad amare in modo equilibrato se stesse ,quelle vere!

    Forza @Azzurra!!!
    Un forte abbraccio!❤️

  • Molly, 1 Maggio 2024 @ 12:41

    “Mi dà tanto fastidio che lui fosse arrivato a trattarmi come se io avessi accettato di buon grado il fatto che lui stesse ufficialmente con un’altra”

    @Azzurra mi dispiace della tua sofferenza però renditi conto che quando ti metti con una persona impegnata ASSUMI IL RUOLO DELLA PERSONA CHE ACCETTA CHE L’ALTRA PERSONA SIA IN UNA RELAZIONE UFFICIALE. Fa male ma questa è la realtà e negarsela significa solo procurarsi sofferenza.

    Che realtà ti sei raccontata in quel periodo? Davvero non vedevi che quella era la realtà che stavi vivendo? Ti ha raccontato lui una bugia o te la sei raccontata da sola perché non volevi vedere in cosa ti eri infilata? Non ti sto colpevolizzando ma ti sto facendo notare la tua cecità.

  • Molly, 1 Maggio 2024 @ 12:34

    “Non pensi che volendo o non volendo, più la vostra relazione andrà avanti e sempre maggiore sarà il coinvolgimento emotivo, il tempo non fa altro che cementare il vostro rapporto rendendo più difficile interrompere il tutto,”

    Non solo, se la relazione vi cementerà ancora di più, sarete fortemente insoddisfatti e le briciole che cadono dalla tavola della relazione altrui non vi basterà, sarete frustratissimi, delusi, in sofferenza. E avrete creato questa situazione con le vostre stesse mani, per miopia cronica.

  • Dispersa, 1 Maggio 2024 @ 12:14

    @Azzurra capita che più che amare abbiamo ‘bisogno’ e purtroppo certe persone lo fiutano, quindi calpestano l’altro e l’altro si lascia calpestare… Questo perché si è bisognosi d’amore e di conferme … Quando avrai capito questo e ti metterai al primo posto il resto arriverà tutto in modo naturale.

  • alessandro pellizzari, 1 Maggio 2024 @ 10:17

    Che schifo di uomo

  • Azzurra, 1 Maggio 2024 @ 09:08

    Se ci penso, nel mio caso, una delle cose più assurde è che siamo passati dal “non sono pronto, sono indeciso tra te e lei” a “ti ho detto di non chiamarmi, ti chiamo io” e al mandarmi le foto di quello che faceva con lei, dal prendere il caffè insieme al bar, alla passeggiata, alla vacanza insieme, ecc. Era arrivato a raccontarmi anche la giornata della moglie e il tutto con una totale nonchalance, come se io avessi accettato di fare la geisha e ne fossi più che felice. Mi trattava come l’amicona che però si portava anche a letto, ma il tutto doveva finire lì. Lui era mio solo mentre era con me, almeno così diceva. Dopodiché si rivestiva in fretta e furia e tornava a casuccia sua e ricominciava a tessere le lodi di sua moglie. La stimava tantissimo, si rifiutava di lasciarla raccontandomi di tutti gli impedimenti (fittizi) eppure la tradiva. Mi dà tanto fastidio che lui fosse arrivato a trattarmi come se io avessi accettato di buon grado il fatto che lui stesse ufficialmente con un’altra e mi trattata anche male dicendo che io ero dipendente da lui e che non mi volevo bene perché lo amavo, perché dopo quattro anni una ragazza normale lo avrebbe mandato a quel paese io invece ero ancora lì a sperare. Più umiliazione di questa…
    Di punto in bianco, inscenando un’arrabbiatura ridicola sulla base del niente, dicendo che lui aveva una situazione delicata in famiglia mentre io gli dicevo che lo amavo (facendomi il verso!), mi ha bloccata dappertutto e ora ne sono felice. Se n’è andato da solo. Dopo due settimane mi ha sbloccata ma non mi ha più contattata e io non contatterò lui, nella melma non ci torno, nemmeno morta. Ieri mi è capitato di passargli davanti in strada, non lo vedevo da un mese, lui ha fatto finta di non vedermi anche se gli stavo di fronte e io ho accelerato il passo per andare via. Se penso a quanto mi ha mancato di rispetto e a quanto mi ha umiliata, fino alla fine, provo solo disgusto. Come ho potuto amare un uomo simile?!

  • Nick76, 29 Aprile 2024 @ 09:46

    @Cri28: “abbiamo deciso di restare così finché durerà. Non sto aspettando che lasci la moglie tra alcuni anni per stare con lui.” Non pensi che volendo o non volendo, più la vostra relazione andrà avanti e sempre maggiore sarà il coinvolgimento emotivo, il tempo non fa altro che cementare il vostro rapporto rendendo più difficile interrompere il tutto, nonostante tu da quello che scrivi sei ben conscia che la tua relazione, non avendo una progettualità e mancando di futuro è su un binario morto. È questo che non capisco sinceramente, impegnarsi in qualcosa che si sa che è destinata a finire lasciando in eredità solo sofferenza…!!!

  • Ariel, 28 Aprile 2024 @ 13:49

    “ Nick76, Nina, sicuramente ci sono aspetti negativi, ma le scelte diverse mi sembrano peggiori.”

    @Cri28

    Infatti quando si porta la dipendenza affettiva

    QUALSIASI SCELTA DIVERSA DAL RESTARE NELLA!LE RELAZIONI
    SEMBRANO PEGGIORI!!!

    curarsi da droga dipendenza aiuta a esattamentea rendersi conto del contrario
    E cioè che restare attaccate per anni a vite nascoste a fare le bugiarde ad oltranza nuoce gravemente alla propria e altrui salute!!!

    Si arriva esattamente come drogati che non riescono a fare diverso perché Sicuro la crisi di astinenza dalla relazione sarebbe molto peggio!!!

    Curati e riuscirai a fare ciò che non riesci da anni e anni a fare!

    Bâle per te per chiunque si ostina a restare attaccati a vere canne del gas!!!

  • Cri28, 28 Aprile 2024 @ 09:52

    Nick76, Nina, sicuramente ci sono aspetti negativi, ma le scelte diverse mi sembrano peggiori.
    @Lia, si, ha sempre lavorato solo lui e ha pure avuto problemi vari, l’aspetto economico incide nelle sue scelte e forse anche in quelle di sua moglie, che non è scema, non pensare che non abbia capito chi è suo marito. Poi magari in futuro andranno d’amore e d’accordo di nuovo, con le ricostruzioni che si leggono qui, o lui se ne troverà un’altra ancora, ma so che queste cose sono precarie.

  • Lia, 27 Aprile 2024 @ 21:39

    @Cri28,.
    Avevo interpretato male la frase.
    Meglio cosi, che tu non ti faccia delle illusioni…
    Quindi mel suo caso ci sono questioni economiche a tenerlo lì? Se vuoi dirlo…

  • Cri28, 27 Aprile 2024 @ 11:28

    @Lia, abbiamo deciso di restare così finché durerà. Non sto aspettando che lasci la moglie tra alcuni anni per stare con lui. Non so neppure se saremmo adatti a una vita insieme, conoscersi da amanti non consente di vedere tutto. Se dico così di lui, è perché ha una situazione con il figlio e sul piano economico per i quali capisco la sua scelta di stare lì.

  • Nick76, 27 Aprile 2024 @ 11:11

    @Ariel: “Tipico infatti resta il difendere ad OLTRANZA il proprio continuare a rendersi BUGIARDI. Verso persone che NON MERITANO mai questo trattamento

    Vivere a luce del sole totale propria vita resta SANO VIVERE che permette e rispetta tutti gli altri IGNARI DEL TEATRO CHE amanti propinano ai coniugi!!!
    Per anni e anni”
    Sono d’accordissimo con te non si può cercare di rendere serena e appagante la propria esistenza vivendo una doppia vita basata sulla menzogna, quindi sul nulla. Alla fine in tutte le relazioni extraconiugali prima o poi si arriva a un nodo da sciogliere. E penso che nella stragrande maggioranza dei casi queste relazioni finiscono perché mancano di progettualità di futuro, di quotidianità, insomma di tutto il lato pratico della vita, e quando succede si sta male peggio di una crisi d’astinenza…!!!
    Non si può vivere a metà o ci stai al 100% nella relazione o no…!!!

  • Nina, 27 Aprile 2024 @ 10:50

    “Quello che è importante è stare bene con sé stessi e vivere relazioni con gli altri, senza che il proprio benessere sia interamente affidato a queste relazioni. ”
    @Cri28 giusto commento,ci va una sorta di “indipendenza” dalle relazioni, di qualunque tipo siano,anche parentale, perché se no non si riesce ad esprimere appieno la propria personalità.
    Quello che trovo difficile è capire come è possibile stare bene con se stessi mantenendo “oscura” una parte di se nelle relazioni,quella parte che si sa che se portata alla luce causerebbe sicuramente sofferenza nelle altre persone(siano esse partner,figli o genitori). Penso che la mia coscienza,in questo caso,chiederebbe il conto e allora non potrei mai stare bene con me stessa,potrei raccontarmela,ma non potrei essere veramente serena. Anche perché, in questo sono d’accordo con @Ariel, nessuno merita di essere ingannato,questo è quello che ci si racconta per autoassolversi. Se una relazione non va o si cerca di lavorarci su per cambiarla o la si lascia andare, non credo che l’inganno sia curativo,per nessuno(nemmeno per chi lo mette in atto).Finché si vive nel “non detto ” trovo difficile che si possa stare bene per davvero,anche perché si nasconde il vero se…e questo fa male a se stessi prima di tutto.

  • alessandro pellizzari, 27 Aprile 2024 @ 08:49

    Quello che tu vedi in lui come onestà io la vedo come paraculaggine

  • alessandro pellizzari, 27 Aprile 2024 @ 08:48

    Finché suo figlio non sarà autonomo. Campa cavallo. Poi ti dirà che ci sono i nipoti

  • Beatrice, 26 Aprile 2024 @ 18:48

    Ale,

    Secondo me eravamo più virtuali che reali perché non gli piacevo abbastanza da volermi vedere chissà quanto, da investire troppo tempo e correre troppi rischi.
    Non aveva perso la testa per me diciamo.

    Mentre sul fatto di non avere rapporti io l’ho visto più come un rispettare una mia volontà più che una strategia, lui avrebbe voluto. Se la moglie dovesse arrivare a sospettare qualcosa nemmeno ci crederebbe che dopo un anno non abbiamo fatto nulla, non è così usuale.
    Per cui tanto gli valeva fare qualcosa.

    Quando ho nominato l’onestà mi riferivo al dirmi schiettamente “non so se ti sarei fedele dovesse capitarmi un’occasione”.
    Ha detto che non lo poteva sapere cosa gli avrebbe suscitato trovarsi di nuovo in una situazione come era stata la nostra.
    Che si sentiva debole su quel punto.
    Come è stato tra noi era stata la sua prima volta.
    Poi che lo avrebbe fatto davvero o se lo farà non lo so.
    Ha scelto di dirmelo, poteva anche dirmi ma certo che ti sono fedele e poi farsi i comodi suoi, tanto come facevo a scoprirlo.
    Io invece sono certa che non avrò altri perché l’esperienza non mi è piaciuta, non fa per me.

    Ale, i rapporti “virtuali” su personalità come la mia hanno un significato molto importante.
    Non ne avevo idea, non lo avrei mai pensato prima di questa esperienza.
    Virtuali tra virgolette perché come dico sempre ci siamo incontrati diverse volte, anche a frequenza molto ravvicinata in certi periodi.
    Però indubbiamente la parte virtuale era quella prevalente e anche quella più ricca di contenuti, quando ci si vedeva si dedicava più tempo al contatto fisico.
    Il virtuale ai nostri livelli è una presenza quotidiana, costante, un punto di riferimento, sai che c’è, che è li, quando non c’è più manca molto.
    Si non è una cavolata vedo alla fine, diventa una sorta di dipendenza anche quella.

  • Ariel, 26 Aprile 2024 @ 18:43

    @Cri28
    Ripeto che possa definirsi buon equilibrio di vita nascondere la realtà di ciò che si vive in casa propria e fare la amante a stecche di anni di nuovo nascosta chiaramente alla famiglia del amante

    Ecco che queste situazioni possano definirsi equilibrate resta FALSO SCIENTIFICAMENTE!!!

    Questo mi preme SCIVERLO perché non aiuta nessuno
    Non esiste averci le proprie opinioni personali

    Non ci si cura , la dipendenza affettiva perchè non da sintomi
    E ovviamente essendo equiparata a essere drogati

    Finché ci si droga si sta benissimo!
    Ma dopo anni non soltanto ci si fa del male da soli ma si passa nel torto marcio perché SI INGANNANO LE PERSONE tipo famiglie intere a partire dalla propria a reggere la COMMEDIOLA DELMAMANTE stando nascoste!!!
    Queste cose PESANO COME MACIGNI E SONO VERE INGIUSTIFICABILI AZIONI mosse da propria dipendenza affettiva che infatti come droga fa agire credendo di EVITARSI la crisi di astinenza conservando tutte le relazioni!!!

    Tipico infatti resta il difendere ad OLTRANZA il proprio continuare a rendersi BUGIARDI. Verso persone che NON MERITANO mai questo trattamento

    Vivere a luce del sole totale propria vita resta SANO VIVERE che permette e rispetta tutti gli altri IGNARI DEL TEATRO CHE amanti propinano ai coniugi!!!
    Per anni e anni

    Infatti la dipendenza affettiva pur di non staccarsi per la paura della crisi astinenza e del abbandono muove a divenire egoisti e cioè io sto benissimo e degli altri ignari non mi frega un bel GNIENTE!!
    Se non ci si cura attivamente si diviene pure aggressive verso amante quanto inevitabilmente butta via la preda quando si stufa quando la moglie lo scopre

    Altro che equilibrio !,,,

  • Lia, 26 Aprile 2024 @ 18:26

    @Cri28 “Preferisco che possa stare con suo figlio fino a che non sarà autonomo”. Non ho capito queste frase. Lascia intendere che pensi che dopo, quando figlio sarà autonomo, lasci la moglie per te.
    Oppure ho capito male e pensi sia più probabile che trascorrerete il resto della vostra vita, finchè vi sarà possibile o finchè non succedono incidenti di percorso, come amanti?

  • Cri28, 26 Aprile 2024 @ 16:35

    Ariel, questa non è la sede per discutere delle proprie esperienze, anche terapeutiche. In ogni caso, è giusto curarsi, se c’è sofferenza, non se si vive una situazione, in cui, anche grazie al lavoro fatto, guidati da chi è in grado di farlo, si è raggiunto un buon equilibrio di vita. Quello che è importante è stare bene con sé stessi e vivere relazioni con gli altri, senza che il proprio benessere sia interamente affidato a queste relazioni. Sono rimasta con mio marito, perché tengo a lui, anche se non viviamo un rapporto di coppia e anche se so il suo bisogno di una crocerossina, più che di una moglie, lo rende un po’ tossico, ma si gestisce. E frequento ancora il mio amante, per vivere con lui momenti di affetto e comprensione. Non desidero costruire un nuovo rapporto di coppia, quel desiderio non fa più parte di me e, quindi, non avrebbe senso chiedere al mio amante di separarsi. Preferisco che possa stare con suo figlio fino a che non sarà autonomo, visto che anche lui ha trovato un modo per gestire i conflitti con sua moglie. Se la situazione mi creerà sofferenza in futuro, saprò chiedere aiuto, come ho già fatto.

  • Ariel, 26 Aprile 2024 @ 12:43

    Cri28, 26 Aprile 2024 @ 11:06

    Cara @Cri28 mi spiace per te che evidentemente non ti documenti affatto su vere scoperte scientifiche che dimostrato esistere vere relazioni tossiche in cui infatti chi sta dipendente affettiva non riesce a lasciare né il marito né amante

    Sono le situazioni più difficili sicuro nel panorama delle realtà tossiche

    Ricordo bene che tu stessa qui un tempo ti riferivi a tuo marito come qualcuno di abusante nel significato sicuro non buono per come la vivevi tu.

    Cara ti auguro veramente di ALLARGARE LA TUA CONOSCENZA senza da parte mia qui assolutamente volermi mettere a confronto cn i terapeuti a cui qui tu accenni in modo troppo generalisti .

    Purtroppo la Statistica numerica di queste realtà proviene esattamente da scoperta scienza che infatti raccoglie i dati numerici e analizza il meccanismo UNIVOCO E CIOÈ SEMPRE UGUALE che contraddistingue da un lato il Manipolatore negativo a grande maggioranza uomo e le prede vittime TEMPORANEE e cioè che ci si deve curare per togliersi da la tossicità della relazione

    Perché produce sicuro statisticamente solo che danni ,anche nella Sto arrivando!
    Ute psico e fisica
    C ti usare per anni poi si leggono stampa cronaca ogni giorno donne vengono minimo vessate e attaccate da violenza psicologica che NON È COME LA VULGATA CREDE un comportamento che prevede ingiurie ,ma peggio esattamente ciò che qui e fuori di qui utenti e in altri ambiti di inchieste journalist hanno reso veramente la vera informazione su quanto esista la relazione tossica
    E spesso resta DOUBLE FACE
    Come tuo caso
    Non molli marito
    Non molli amante convinta che esista solo quel modo di vivere
    O meglio SOPRAVVIVERE???

    Ti incoraggio davvero spero tanto anche per te che tu possa fare un percorso di scoperta diversa da ciò che fin qui hai fatto

    Non sempre resta facile documentarsi soprattutto in Italia ma leggere tanti libri diversi e soprattutto rivolgersi a psicoterapeuta specializzato in casi come il tuo e cioè relazione tossica e dipendenza affettiva conclamata dal tempo nel quale ti riesce difficilissimo vivere LA TUA ESSENZA E VITA A TOTALE LUCE DEL SOLE

    carissima @Cri28

    MERITI AMORE

    MA QUELLO CHE CONTA DI PIÙ E QUELLO PER SE STESSE VERE

    No bisogno di nascondersi come se fosse unico modo di sopravvivere a DOLORE ANTICO……
    systeme di attaccamento affettivo che sicuro presenta un antico schema con vera difficoltà.
    Non è nessuna diagnosi ma semplicemente ipotesi supportata da stessi Psicoterapeuti accreditati e specialisti in relazioni tossiche.

    Ti faccio un nome se @CaroAlessandro lo permette
    Un nome accreditato di Psicoterapeuta specialista su questi casi compreso il tuo
    DOTT.SSA SACCÁ FRANCESCA leggi suoi libri ascolta suoi interventi ovunque
    E perché no contattala per scoprire di più e meglio la conoscenza porta e conduce a vera soluzione buona efficace per te stessa..
    MERITI DI VIVERE ALLA LUCE DEL TUO SOLE ANCHE IN PIENA SOCIETÀ LIBERA DI VIVERE LA VERA TE STESSA che adesso senza accorgertene la tiene sottoterra..

    Tuo Valire GRANDE DI NASCITA ESISTE GIÀ
    CONQUISTALO MEGLIO CURATI E RIUSCIRAI A VIVERE AMANDO TOTALMENTE IN VERO EQUILIBRIO AUTOSTIMA TE STESSA!

    Credimi posso eccome capire il meccanismo
    Basta leggere e non arrendersi in questo tema complesso soprattutto quando ANCORA SI VIVE DA ANNI NASCOSTE!!!!!

    Curati di più e ce la farai sicuro anche tu!

    Non occorre aspettare nessun sintomo
    La dipendenza affettiva è asintomatica!!!
    Ma la realtà resta visibile
    E cioè ridursi a vivere NASCONDENDOSI AL MONDO INTERO!!!!!
    Questo no funziona mai !!!
    Il tempo della relazione nascosta fa la differenza
    In vera dipendenza affettiva
    Forza @Cri28!

  • maribel, 26 Aprile 2024 @ 12:35

    Il fatto che l’amore non è il bisogno, come dice cossora è verissimo. Purtroppo l’amore così è solo delle persone risolte, aggettivo che non piace e dà fastidio, anche qui dentro, ma è terribilmente vero.
    La maggior parte di chi si tiene un amante ed è infelice non è risolto, come chi sceglie di restare in famiglia ma non sta bene non è risolto, come chi non sceglie né l’una né l’altra cosa ed è perennemente tormentato. Per questo si consiglia spesso un percorso psicologico a chi si sente dentro una di queste situazioni.

    Chi invece ha trovato la sua stabilità, qualunque sia la situazione, perché dovrebbe andare da uno psicologo se lui non solo non ne sente la necessità ma si sente in equilibrio?

    Però bisogna essere molto sinceri con sé stesse, sul blog si può raccontare quel che si vuole e anche raccontarcela, poi nella vita vera ci siamo noi, noi ci guardiamo allo specchio tutti i giorni, noi parliamo ai nostri figli con un esempio vivente di come va la vita, cioè la nostra, noi dobbiamo trovare energie in quello che facciamo. Dovremmo anche essere orgogliosi di noi stessi il piu possibile, piacerci insomma, come persone. Quindi dobbiamo decidere veramente quando ci serve e se ci serve un aiuto esterno e quando no. Ci piacciamo? Ci piace la nostra vita? O la stiamo subendo perché non riusciamo a fare diversamente?
    Senza rendere conto a nessuno. Senza guardare chi è amante o è solo o è in coppia, oramai abbiamo capito che nessuna di queste “categorie” dà la felicità o la serenità o la non felicità. È quello che abbiamo dentro di noi che deve essere solido e inattaccabile.
    Non mi riferisco a nessuna di voi in particolare e a nessun commento preciso, lo specifico prima che qualcuna si senta presa in causa.

    Per @nara: grazie di aver svelato l’autore della citazione di nick, mi era molto piaciuto quel commento e cercherò il sito di quella psicologa
    che peraltro non mi è sconosciuta del tutto.

  • Cri28, 26 Aprile 2024 @ 11:06

    Lilli, secondo me, non bisogna andare contro sé stessi. Se per te l’amore è esclusività, non sarai felice in mancanza di un rapporto esclusivo. E’ tutto qui. Io la penso in modo diverso da Ariel e da tante persone qui dentro, credo agli amori, più che all’amore (e, prima che si dica che non ho studiato, ci sono fior fior di psicoanalisti e psicoterapeuti che spiegano certi meccanismi), perciò mi pesano alcuni aspetti dell’essere amanti, ma non mi sento sottomessa, svalutata, poco considerata. Magari un giorno interromperò questa relazione, se sentirò di non ricevere ciò che desidero, ma l’ho vissuta bene. Solo che ognuno di noi ha la propria idea di amore e relazione d’amore, è inutile accanirsi per farsi andare bene un abito che ci va stretto.
    Cerca te stessa, solo quando sai chi sei fai scelte coerenti con te stessa.

  • alessandro pellizzari, 26 Aprile 2024 @ 09:42

    È onesto un uomo che mette su lo spettacolino del tradimento virtuale? Secondo me è più “onesto” quello che porta il tradimento fino in fondo, senza giocare sulla ipocrita condizione del “ma noi non abbiamo mai avuto un rapporto completo, quindi non è tradimento”, tesi da sciorinare in caso di scoperta della moglie ma che non regge in tribunale. Come dico sempre, rispetto di più una bugie di un’omissione. La bugia si prende la responsabilità di essere scoperta e sbugiardata, l’omissione gioca sull’ipocrita “io non l’ho detto”. Questo qualifica l’amante che assume questi atteggiamenti, e la dovrebbe dire lunga sulla bontà dei suoi sentimenti. Ragazze, imparate a stare con uomini completi e che si assumono le loro responsabilità, non ci si innamora dei giocolieri di sentimenti. Virtuali poi…

  • Beatrice, 25 Aprile 2024 @ 14:33

    Nike,

    Abbiamo chiuso perché l’idea mi faceva male.
    Mi chiedo se davvero l’avrebbe fatto o se abbia solo voluto essere onesto del tutto, nel senso di non poter garantire qualcosa che non si può davvero mai sapere, neanche quando sembra di saperlo con certezza.
    Un non volere fare l’ipocrita, un po’ come in fondo non l’ho garantito nemmeno io a mio marito, nonostante a me sembrasse impossibile poter tradire.
    Non so se mi spiego.
    Poteva non dirmelo, andavamo avanti e poi lo faceva lo stesso.
    Ha scelto di dirmelo.

    Una rivelazione che ha compromesso un rapporto nato forse su altre basi.
    Un po’ ci penso, la nostra relazione era strana e forse mi dava qualcosa che non era quello che si cerca normalmente.
    Difficile da spiegare, anche a me stessa, infatti mi trovo molto confusa.

  • Nike, 25 Aprile 2024 @ 11:15

    @Beatrice,forse mi sono persa qualche commento,ricordo solo che ti aveva detto che non poteva escludere di uscire anche con altre se gli fosse capitato.Quindi ora vi sentite comunque o hai chiuso?

  • Giulia, 24 Aprile 2024 @ 21:17

    Ahahaaa! Il mio era, è, un tirchio, con gli altri non con se stesso: spendeva cifre folli per se stesso, per il suo piacere. Non era tirchio con me, in generale lo era, anche con la moglie, che poi ha un patrimonio quintuplo, anzi molto, molto di più, rispetto al suo (già alto). Ho sempre puntato i piedi su questo punto e ho misurato il suo interesse spesso proprio su questa base: se un uomo tirchio cede su questo punto, mi dicevo, è in un certo senso una conquista. Così, non ho mai pagato cene, aperitivi, nulla. Paghi tu: primo perché sei un uomo ed è un gesto elegante (è maschilista? Sti cavoli, sfruttiamolo), secondo perchè ne hai molti più di me e io farei lo stesso per te al posto tuo.

    Una volta, in difficoltà economiche, gli ho chiesto di darmi una mano: non l’ho fatto perché disperata (in qualche modo ho sempre trovato delle soluzioni anche molto creative e vi assicuro che ho passato centinaia di notti nella mia vita insonni non sapendo come fare a pagare un mutuo o a fare la spesa con 5 euro, 5 veramente, rischiando situazioni imbarazzanti in diverse situazioni, lasciamo perdere). L’ho fatto per metterlo alla prova. Mi disse di sì: si organizzò per farmi avere quei soldi e rifiutai all’ultimo, annullando l’appuntamento, ringraziandolo e dicendogli che avevo risolto. Mi bastava ottenere quel sì, non i suoi soldi.

    Comunque, diffidare sempre dai tirchi, lo sono anche nei sentimenti.