crop faceless woman drinking tea and sitting near christmas tree
Photo by Marko Klaric on Pexels.com

Il Natale è la festa più detestata dalle amanti.


Più del ferragosto e di altre vacanze tipicamente “di famiglia” perché il Natale ha un sapore particolare, il sapore della solitudine.


Succede alle amanti single per ovvie ragioni: lui è in mezzo ai suoi, in maniera più o meno esclusiva (certi uomini spariscono letteralmente il 24 e 25, a parte striminziti e frettolosi auguri) ma anche alle amanti sposate.


Anzi trovo che la solitudine delle amanti sposate sia in un certo qual modo più pesante di quella delle amanti single, anche se non è una gara.
Non è facile infatti fare le celebrazioni natalizie in una famiglia in cui l’elemento principale, la coppia, è in grave crisi e da tempo.


Gli amanti in attesa di rifarsi una vita con l’altro/a, a lungo andare sviluppano, oltre alla malinconia e alla tristezza, una sorta di rabbia nei confronti del partner ufficiale che viene visto come maggiore impedimento alla felicità, come gabbia e catena che impedisce di realizzare l’amore.


Così le donne smettono davvero (non come la maggioranza degli uomini) di avere rapporti con il partner, si svegliano a bordo del letto perché anche il semplice contatto fisico dà ormai fastidio, hanno i nervi a fior di pelle e quindi ogni pretesto è buono per litigare… immaginatevi che felice Natale, l’unica è concentrarsi sui figli ma non è sempre sufficiente.


Spesso questa rabbia e tensione si focalizza poi sull’altra. La moglie di lui diventa allora un competitor, il vero impedimento alla libertà dell’amante. Un errore grave, che fanno soprattutto le amanti single, perché non è certo l’altra a impedire che lui prenda una decisione che sta in capo solo a lui, per quanto la moglie “lotti” per tenerselo o sia costantemente presente. Senza contare la gelosia, un demone che fa davvero danni e spesso non sente ragioni.

Come lo festeggerà con lei diventa il tormentone numero uno delle vacanze, nonostante le sue assicurazioni di formalità delle feste comandate.


Insomma, davvero il Natale è il periodo peggiore per le amanti.


E il fatto che il tutto poi passi teoricamente in fretta non aiuta: un mese può essere molto lungo e il Natale degli amanti, dal punto di vista della sofferenza, è concentrato e denso.


Il peggiore Natale degli amanti è il secondo passato insieme, o meglio distanti.


Il primo Natale infatti non si conta: certo dispiace non essere insieme, si inizia a percepire quel gusto amaro del panettone mangiato da soli o lontani, ma la cosa è ancora tollerabile: la vostra storia è spesso appena passata dalla fase di amantato ludico a quella dell’innamoramento.


Il secondo Natale passato senza di lui è invece davvero pesante. Ormai la vostra storia è ufficialmente “amore”, ai sogni si sono sostituiti i programmi di vita in comune più o meno da concretizzare, il vostro cervello ma, soprattutto il cuore, sono tesi al raggiungimento dello scopo: stare insieme sempre di più fino a diventare una coppia ufficiale.


Il secondo Natale è anche quello che fa venire i nodi al pettine.

La maggior parte degli uomini infatti, nel secondo anno di amantato iniziano a tentennare. Passano dall’entusiasmo programmatico della futura vita insieme al freno a mano tirato di fronte al vostro entusiasmo fattivo. È complicato, ci sono i figli, lei ne uscirà distrutta, devo fare le cose con calma (che spesso vuol dire anni), dammi ancora tempo.


Mentre voi siete invece già pronte a passare dalle parole ai fatti. Le single sono spesso disposte addirittura a ospitare l’amante separando mentre le coniugate sono pronte a ufficializzare la crisi (spesso già palese: le donne innamorate smettono davvero di andare a letto con il marito) e iniziare la procedura di separazione. Quindi Il secondo Natale è drammatico da un punto di vista emotivo perché lei è pronta e scalpita mentre lui spesso inizia a rimangiarsi i programmi fatti e frena.


Dammi tempo poi, per lui e nella pratica, significa avviarsi a un terzo Natale col nulla di fatto, aggravato dalle vacanze estive passate, anche quelle, di nuovo da separati.


E il terzo Natale così, se questo vi risulterà pesante, sarà davvero tremendo. Bisogno reagire adesso.


Non potete permettervi davvero di passare un altro Natale così, un terzo Natale così.


Non è solo questione di sofferenza è di danni al vostro DNA emotivo, è anche una questione di epidemiologia di coppia, cioè di statistica dei successi nelle storie fra amanti. Infatti, la stragrande maggioranza di quelle coppie di amanti che diventano coppia ufficiale realizzano il sogno entro e non oltre il terzo anno di amantato, quindi in terzo Natale è quello decisivo come limite massimo.


Che fare allora questo ennesimo Natale? Deve essere l’ultimo Natale da amanti.


Le strade obbligate sono due: una road map a partire da gennaio o un Codice del silenzio blindato con tanto di confronto finale.


Il che vuol dire che il giorno che vi siete programmati prima del 25 per i vostri auguri di Natale e scambi di regali voi dovete parlare chiaro e in modo definitivo.
O lui acconsente a fare una road map verso la separazione che inizi da adesso e si concluda con la sua uscita di casa e procedura di separazione formalmente avviata prima dell’estate (e comunque prima del fatidico terzo e terribile Natale da amanti) oppure vi salutate ora e inizia un Codice del silenzio blindato.


Per rinfrescarvi la memoria sulla road map vi faccio un esempio: quella classica prevede un inizio e una fine con data inderogabile e precisa. Fino alla data finale ci sono delle tappe concordate che lui deve rispettare, anch’esse con date certe.


La prima cosa da fare è chiarirsi le idee con un avvocato sulla separazione tempi e costi; chi ha Il commercialista farebbe bene a interpellare anche lui.


Seconda tappa: cercarsi un alloggio almeno temporaneo; è necessario perché nel momento in cui si dichiara ufficialmente alla moglie lo stato di crisi e si fa la richiesta di un percorso comune verso la separazione la reazione legittima del coniuge o potrebbe essere quella di pretendere l’immediata uscita di casa. Raccomando un alloggio almeno temporaneo anche a chi potrebbe subito andare a convivere dall’amante: è bene avere un periodo di qualche mese psicologico di decantazione prima di passare armi e bagagli sull’altro fronte, a scanso di drammatici ripensamenti.


Terza tappa: ufficializzare la crisi con la moglie e pianificare una separazione consensuale. Questa tappa non dovrebbe essere troppo drammatica se, come vi ha detto spesso lui, la coppia è morta da tempo. Se invece succede il parapiglia forse lui non ve l’aveva raccontata giusta. Perché mai una moglie con la quale non fai sesso da tempo e con la quale condividi solo una stanca routine dovrebbe disperarsi se ti sei deciso a proporre l’inevitabile separazione? Occhio ragazze!


Quarta tappa, la psicoterapia di coppia. Che non è finalizzata a ricostruire (occhio a che lui non gliela venda così o la accetti con questa chiave di finalità) ma a rendere, in questo drammatico frangente, il dialogo fra separandi il più sereno possibile ma, soprattutto, a preparare al meglio i figli all’evento finale. Che è l’ultima tappa, cioè l’avvio delle procedure legali.


Guardate che per concretizzare una road map così possono essere sufficienti sei mesi, e comunque esiste il vostro nuovo limite invalicabile, Il terzo Natale.


Dunque, se lui accetta la road map al vostro incontro pre-natalizio ok, andrete avanti applicando la regola del bastone e della carota. Ci si vede ci si sente (e si fa l’amore) se lui rispetta le tappe; se ritarda o rimanda si inizia con togliere la patata d’oro fino all’azzeramento dei contatti in caso di “confusione” (leggi qui) o peggio.

Occhio che non pochi uomini dicono sì alla road map solo per prendere tempo e poi non sentono neanche l’avvocato: subito “bastone” no contact.


Se lui all’incontro pre natalizio tentenna, non vuole darsi tempi precisi o lo vedete vago lo si saluta e si piazza un Codice del silenzio blindato: no messaggi, no telefonate no incontri, persino no auguri.


I casi sono due: o lui torna nel giro di tre mesi (tempo massimo) dopo aver riflettuto ed essere pronto a fare una road map con i contro fiocchi e più accelerata (visto che ha avuto già un tentennamento grave, altro che terzo Natale!) oppure arrivederci e grazie.

In questa fase voi dovrete iniziare ad abituarvi gradualmente ma senza ripensamenti a una vita senza di lui (salvo il caso ufficiale e gentiluomo che torna per tempo e bello deciso ma soprattutto con i fatti): sarà doloroso e faticoso ma inizierete, settimana dopo settimana, a stare meglio e a disintossicarvi.


Sicuramente sarà meno penoso di farvi un terzo Natale da amante disperata e sempre con meno speranze e illusioni, ve lo assicuro.


Non ce la fate da sole? Scrivetemi ad anpellizzari@icloud.com: l’aiuto di un esperto fa sempre la differenza e nulla è senza soluzione, persino i Codici del silenzio possono essere modulati su misura della vostra particolare situazione. E poi è più facile resistere alla nostalgia o al suo eventuale assedio senza vere novità con l’assistenza adeguata, non nella schiavitù dell’attesa di chi lo aspetta alla finestra.


L’importante è agire adesso è non rimandare più: fatevi questo grande regalo di Natale. Il Vostro Natale finalmente!


Auguri di cuore

Condividi:

55Commenti

  • Nina, 23 Dicembre 2021 @ 23:20 Rispondi

    Mai nessuno mi aveva fatto sentire così come uno straccio lasciato al bordo del marciapiede.

    @ginza, io mi sono sentita più di una volta nello stesso modo. Una volta scaricata sotto un mega temporale perché doveva correre al suo hobby, dopo aver passato la giornata a seguirlo nelle sue commissioni.
    La volta peggiore è stata quella risolutiva. Natale di 3 anni fa, mi organizzo per passare il 23 con lui e avere tutto il pomeriggio libero fino a una cena fuori. Sia lui che la cena in un’altra città. Pensavo di fare aperitivo con lui, invece nel tardo pomeriggio mi molla per andare..a tagliarsi i capelli. Mica dal barbiere, come tutti,ma da un’amica che fa il servizio in casa. Così mi trovo a vagare per 3 ore in attesa degli amici a cena..
    La scena si ripete il 30, non potendo vederci il 31, stesso copione, stavolta mi molla per andare a brindare dal vicino di casa che gli ha prestato il tagliaerba.
    Ora, quando uno è così, c’è poco da fare, disperarsi o spiegare. Io sono convinta che in qualche modo gli piacesse farmi sentire tipo cane abbandonato, ma sono anche abbastanza sicura che questa “terapia d’urto” abbia definitivamente scardinato in me una modalità di pormi che lui sapeva manipolare benissimo. Dopo questa esperienza ho capito (con il tempo e la terapia, e nella fase peggiore con i farmaci) che potevo solo partire da me. Sono quasi “morta” (dentro) x lui, non succederà più.

  • avvocatodistrada, 23 Dicembre 2021 @ 20:43 Rispondi

    “tu ami in modo esagerato” …@sam,è proprio brutto da sentire,mi pare una evidente svalutazione.

  • sam, 23 Dicembre 2021 @ 15:54 Rispondi

    Concluderei il mio anno e la mia breve storia che questo dovrebbe essere l’ultimo Natale da amante perchè alla fine…. da qualsiasi parte la si guardi siamo SOLO un diversivo, un di più. Se ci siamo, bene, si passano 5 minuti piacevoli, se non ci siamo, pazienza, a casa gli affetti di sempre sono lì ad aspettarli…..
    Oggi mi sono sentita dire: “tu ami in modo esagerato” Lì per lì ho pensato di avere anche questo difetto. Poi ho pensato, il mondo sarebbe migliore se ci fosse più amore esagerato e meno freddi calcolatori di fabbisogni.
    Buone feste!

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 19:43 Rispondi

      Buone Feste!

  • Ginza8888, 18 Dicembre 2021 @ 13:27 Rispondi

    Buongiorno, ho scritto sempre pochissimo se non nei momenti di crisi ma ormai questo sito rientra tra i più visitati della mia homepage.

    Io ne ho fatti due di Natali e questo Natale di lui non ci sarà neanche il pensiero perché io lo passerò con un altro.

    Avevo chiuso ormai un anno fa ma lui compariva sempre nella mia vita essendo un mio fornitore, quindi tra varie scuse ci sentivamo/ vedevamo in quest’ultimo anno ogni 3-4 mesi… dove non cambiava assolutamente niente anzi la cosa era diventata ancora peggiorativa.

    Ho sempre cercato di capirlo anche se da capire alla fine non c’era niente perché lui non ha ne bambini, ne è sposato e ne convive, quindi di motivazioni per restare non ce ne era manco mezza.

    Ho deciso di sparire per sempre 2 mesi fa quando ho capito che lui non solo non mi amava ma neanche mi voleva un minimo di bene. Mi aveva promesso un sabato assieme (e lui sapeva quanto ci tenevo al weekend) e quel sabato aveva le ore centellinate tanto da salire in macchina e lasciarmi sul marciapiede della strada perché ” dai fammi andare almeno ceno con loro”. Quel “loro” io non l’ho mai capito. Io gli chiedevo di salutarmi almeno e lui neanche è sceso dalla macchina.
    Le scuse mi sono arrivate il lunedì pomeriggio seguente.

    Mai nessuno mi aveva fatto sentire così come uno straccio lasciato al bordo del marciapiede.

    E questo si aggiungeva a uno dei tanti episodi dove il rispetto per me non era MAI esistito.

    Sono sparita e siamo “morti” reciprocamente. Esiste sempre un limite e per me quel sabato ha segnato una completa chiusura.

    Non sono delusa perché lui non ha scelto anzi ma sono delusa da me perché mi sono completamente fatta mancare di rispetto per ben 2 anni della mia vita. Mai più. Una persona come lui non la auguro al mio peggior nemico.

    Auguro buone feste a tutte le ragazze qui presenti 🙂

    • alessandro pellizzari, 18 Dicembre 2021 @ 13:58 Rispondi

      Buone feste e buona ritrovata libertà !

  • Ariel, 18 Dicembre 2021 @ 01:03 Rispondi

    Confusa ex
    Credo che il fatto da ciò che scrivi che tu non ti senta funzionare neanche la nuova relazione con quello libero,credo possa aiutarti a capire che non sta affatto obbligatorio per forza avere da subito una nuova relazione

    A vo,te può eccome capitare che proprio dopo aver vissuto tanto dolore e delusione da una relazione ad esempio quella con tuo ex amante Ci si ritrovi magari in nuova relazione ma se non funziona è una ipotesi ricorrente in molti casi che significa che occorre scoprire che stare un momento a bocce ferme senza per forza accoppiarsi con qualcuno

    Ecco scoprire ad esempio che sentirsi sole non dipende affatto dal essere o meno in una relazione
    Perché anche quando tutto funziona ci si può sentire sole e pure peggio perché significa aver bisogno di calma di tempo esattamente come quella vecchia pianta che stava a morire sul mio terrazzo e pareva così sola e pure brutta a vedersi nel significato di sofferente
    Stavo per buttarla via
    Quando mi accorsi l’indomani che aveva germogliato una meravigliosa fogliolina verde!!!

    Ecco la natura ci insegna che occorre il tempo della solitudine vera per potersi davvero riprendere soprattutto quando si viene da anni di lunga relazione fallimentare

    Ecco cara Confusa ex
    Inizia se puoi a vedere la solitudine come un vero raggio di sole nel tuo adesso
    Se anche questo uomo nuovo e libero non ti va
    Taglia il ramo secco senza farti problemi

    Perché a volte è meglio davvero sole che male accompagnate
    E ti dico questo che stare sole è stare in ottima compagnia quella con se stesse e si viene spinte a creare nuove scoperte del cosa fare da sole

    La nostra cultura ci ossessiona con diverse paure assurde
    Come la paura della solitudine che la società condanna di brutto soprattutto per una donna

    Perché spesso ci si dimentica che la vita è fatta da onde
    E così ci sta pure la solitudine come una condizione meravigliosa dov’è si riesce a creare qualcosa di nuovo di veramente inaspettato il potere del essere fino in fondo le vere se stesse
    Potersi riossigenare
    Lasciarsi andare con fiducia nel flusso della vita
    Smettere di sentirsi sole
    Datti tempo per riuscire a staccarti del tutto dal tuo passato

    Non farti problemi di giudizi negativi che immancabilmente si fanno da soli verso se stesse

    Respira e brinda alla tua NUOVA TE CHE HA BISOGNO DI TEMPO un tempo che non puoi sapere quanto sia

    Quando si sta serene e fiduciose nella nuova vita le cose che più desideriamo senza cercarle affatto ci capitano

    Dai il tempo alle tue foglie nuove e fiori nuovi di rinascere sentiti crescere nella tua nuova onda positiva!

  • Confusa (Ex), 17 Dicembre 2021 @ 19:23 Rispondi

    @Cossora il tentativo di sintesi ha tolto spazio alla chiarezza! Non lo sai certo ma se con quella persona ci sei già stata e non è andata bene né la prima né la seconda volta non credo in questi casi valga il detto “la terza è quella buona”!
    Cuccioli da canile no, ma anche una donna può sentirsi sola soprattutto durante le feste.

  • cossora, 16 Dicembre 2021 @ 13:23 Rispondi

    @confusa rimetterti “in relazioni con uomini si liberi ma coi quali non arrivo da nessuna parte..” ma che significa?
    Perchè.. quando inizi hai già la destinazione decisa?
    Ma che stai dicendo? Non sei un’orfana!
    Su dai, smettila di parlare come fossi un cucciolo al canile.. 🙂 ragazze siamo donne cazzo!

  • Confusa (Ex), 15 Dicembre 2021 @ 14:54 Rispondi

    Io ogni tanto ho paura di ricaderci, in queste vacanze che saranno purtroppo molto solitarie per vari motivi. Ricadere con un amante no, ma rimettermi in relazioni con uomini si liberi ma coi quali non arrivo da nessuna parte… questo si mi preoccupa. Ma ho lavorato tanto per arrivare fin qua, spero di non ricadere proprio adesso.

  • cossora, 13 Dicembre 2021 @ 16:20 Rispondi

    @ellelle guarda ma io se faccio benissimo o meno a frequentarlo l’ho già deciso prima di farmici 600 km e dormirci in 4 metriquadri.
    Il perdono lo chiedo intimamente a Dio, e grazie al cielo non sono nessuno per concederlo o negarlo ad altri esseri umani.
    I suoi errori con la Legge li ha già pagati, nemmeno qui potrei sostituirmi.
    Entrambi non vogliamo e non mettiamo pressioni.
    Viviamo questa cosa appena nata per quello che è e per il piacere che da.

  • Dispersa, 13 Dicembre 2021 @ 15:40 Rispondi

    @Cossora ma tu sei una donna libera e se il randagio ti fa stare bene, perché no?? Non è che lo devi sposare… Chi lo sa magari da ‘uomo traghetto’ diventerà ‘uomo perfetto’!!
    Siamo tutti grandi e vaccinati, quindi in grado di prendere le nostre decisioni!!

  • Ariel, 13 Dicembre 2021 @ 15:11 Rispondi

    Meglio cara @Outlier se non lo vedi meglio molto meglio e sicuro vedrai che continuando la terapia riuscirai a trovare la tua NUOVA VITA
    Che occorre viversi la propria luce senza averci mai più la sottomissione psichica che è quella che fa stare anni attaccati alla canna del gas!!
    E cioè farsi sottomettere da un emerito CIALTRONZO

    Meriti di vivere FINALMENTE LIBERAAAAA
    Perché se ci si fa caso nelle relazioni che sono durate anni al plurale è proprio per via della dipendenza affettiva propria che ha agito come na Droga
    E così che si accettato qualsiasi cosa dicesse o facesse lui

    Ecco che occorre tanto levarsi la dipendenza in terapia fatta apposta e cioè togliersi dalla droga
    E in parallelo scoprire i propri nodi antichi

    Non farti colpe
    Sbagliatissimo e dannoso colpevolizzarsi!!
    È il gioco perverso che mettono in atto i manipolatori negativi esattamente come il tuo caso e tanti altri casi lo schema resta identico

    Avere avuto e continuare ad avere ancora un poco di dipendenza affettiva dimostrata dal fatto che comunque ancora si comunica in qualsiasi modo e per qualsiasi motivo ne è la dimostrazione per se stesse che occorre ancora completare la propria guarigione interiore e questo fatto resta utile non per scoraggiarsi e colpevolizzarsi ,ma per riuscire a rendersi davvero libere dentro se stesse e fuori
    Vita nuova e nuovo scoprire come fare a comportamento il più possibile nuovo rispetto a ciò che da sempre ciascuno di noi ha messo in pratica ogniqualvolta so è relazionato affettivamente o socialmente con gli altri

    Sono ciò che chiamiamo i nodi antichi vanno scoperti ognuno ha i suoi e come sai la conoscenza genera consapevolezza e genera spontaneee soluzioni diverse

    Cara Outlier ce la fai e ce la farai anche tu !
    Un caro Abbraccione!

  • elleelle, 13 Dicembre 2021 @ 14:59 Rispondi

    @Cossora
    Secondo me fai benissimo a frequentarlo, non vedo perché non dovresti farlo. Fosse uno che sgozza piccoli gattini per passatempo, ti direi anche io di tenere gli occhi aperti, ma se è semplicemente un uomo “pane al pane, vino al vino”, mica ce ne sono tanti in giro!
    E poi non dovevamo tutte essere aperte al perdono, anche di criminali, tossicodipendenti, bugiardi e infingardi e poi ci facciamo le fisime per uno che non ti riempie di roba melensa ma è comunque onesto su di sé?

  • cossora, 13 Dicembre 2021 @ 12:32 Rispondi

    Si @elleelle tra l’altro mi rendo conto che ogni volta che qualcuna (qui ma anche fuori.. ho un’amica che mi definisce ‘a posto’ adesso che esco col randagio,. a posto?!?!?!?) mi fa notare che il randagio potrebbe non essere un buon candidato.. mi rendo conto che il mondo è pieno di donne in cerca di una specie di.. ADOZIONE maschile.

    Io non so più come dirlo: se per me fosse la necessità numero uno stavo col mio meraviglioso ex marito. Gli ho fatto gli scatoloni con le mie mani ed ero felicemente single.
    Poi che mi piaccia avere comunque un flirt/relazione di sesso e non pensi ‘o ci amiamo o non frequento nessuno’ può essere condivisibile o meno.
    Esiste la libertà di pensiero.. no?

  • Dispersa, 13 Dicembre 2021 @ 09:55 Rispondi

    @Out tradotto ti ha detto ‘se apri il tuo cuore ad un altro, noi possiamo continuare e siamo più in equilibrio, io impegnato tu pure… così puoi rompere meno’!!
    La prossima volta rispondigli che hai trovato un super maschio tutto tattoo e piercing!!

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 20:32 Rispondi

    @Cossy comunque non c’è speranza. Ho capito che sono tutti così ma è agghiacciante. Ci è stato uno che ci ha provato, ovviamente sposato. Ha iniziato con la scusa “eh sai, stiamo insieme solo per convenienza, c’è solo affetto ma nient’altro” che tradotto vuol dire che mi voleva solo portare a letto. Peccato che adesso grazie a tutti voi e ad @Ale sono super vaccinata, un po come il covid: ogni tot mesi serve comunque una dose booster per rinforzare gli anticorpi.

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 20:30 Rispondi

    Peggiore del secolo secondo me

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 20:29 Rispondi

    @Ariel non l’ho bloccato ovunque perché ci lavoro insieme. Si forse sarò dipendente ma ho fatto molti progressi rispetto al passato. Mi manca ancora un pezzettino su cui sto lavorando con la mia terapeuta.
    Ma non ci vediamo più, siamo ancora in smart. Anche questo mi ha aiutato tantissimo.

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 20:27 Rispondi

    @ellelle è stata in assoluto la peggiore di tutte.
    È vero non dovrei farmi contattare nemmeno per lavoro, ma se poi a lavoro va tutto male ho problemi pure qua.
    Sto però mettendo i puntini e non mi sono risparmiata poi di rispondergli appena ho avuto la forza.
    Ti abbraccio forte

  • elleelle, 12 Dicembre 2021 @ 20:26 Rispondi

    @Cossora
    La cosa migliore da fare è alzare le mani con un bel bicchiere di vino e brindare alla propria libertà.
    Pensa che meraviglia, puoi fare quel cavolo che ti pare, da persona libera con una persona libera.
    Altro che recita paracula davanti al presepe!

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 20:24 Rispondi

    Libera @Molly

  • cossora, 12 Dicembre 2021 @ 18:51 Rispondi

    @elleelle .. messo via tutto nello scatolone degli “effetti speciali di Natale” che ti devo dire?
    Alzo le mani!!!

  • cossora, 12 Dicembre 2021 @ 18:38 Rispondi

    No @out che svolta? Assolutamente. Siamo stati insieme tutta l’estate mare e casa compresi. Probabilmente l’ha mandata al mare e le ha raccontato ogni week end che aveva una gomma bucata o si era rotta una tubatura.
    Oppure ancora le avrà detto che si sarebbe preso del tempo per ritrovare se stesso tralasciandole il fatto che si cercava dentro di me!
    Comunque a una certa ho sentito odore di ritorno a settembre e alle 3 ore a settimana e gli ho fatto la sua borsetta.
    20 giorni fa ho incontrato un randagio per strada e ci stamo facendo un pezzo insieme. Tutto qua!

  • Sissi, 12 Dicembre 2021 @ 17:00 Rispondi

    @ Angelina ce la farai. Giorno dopo giorno starai sempre meglio. Coraggio. Questo è il momento più difficile. Un abbraccio

  • Molly, 12 Dicembre 2021 @ 12:59 Rispondi

    “Per me può farsi tutti i natale che vuole dove ha scelto di stare, nel suo egoismo perché diciamocelo, un uomo che tradisce la moglie per 6, 7 anni non ama né amante né moglie.“

    Terribile @Outlier ma una domanda è d’obbligo: tu eri libera o sposata? Perché se per caso eri sposata, anche tu hai fatto 6/7 anni tradendo qualcuno…. Mica gli amantati si reggono con una sola persona. Sembra sempre che a tradire siano solo loro. ‍♀️

  • elleelle, 12 Dicembre 2021 @ 12:23 Rispondi

    @Outlier
    Ti ha detto un sacco di meschinità. Personalmente non gli permetterei di contattarmi, neanche per lavoro. Uno che ti infastidisce mentre sei in ospedale e poi ti dice che non ti puoi appoggiare a lui, va ignorato al più presto.
    Buona guarigione, senza di lui. Ti abbraccio ❤️

  • Ariel, 12 Dicembre 2021 @ 12:20 Rispondi

    È una amante che accetta di fare lo zerbino del amante per ANNI E ANNI

    NON AMA SE STESSA!!!!!!!!

  • Ariel, 12 Dicembre 2021 @ 12:18 Rispondi

    @Outlier
    E come mai ti chiamava lui?
    Tu non lo hai bloccato ovunque?
    Il blocco dei tuoi numeri e anche social resta FONDAMENTALE A FAR CAPIRE CHE CON TE HA CHIUSO

    Che significa che NON SEI PIÙ IL SUO ZERBINO

    Scusami cara ma a volte occorre essere chiari nel scrivere che cosa si sia state per questi bei tipi di ESSE TI ERRE!!
    NOOO a SCONTI DI PENA!!
    BASTA crocerossina PER ENNE ANNI !

    BASTA PARLARE DI LUI !!!
    Resta IMPORTANTE che non ne parli più

    E soprattutto che smetti di DARGLI LA POSSIBILITÀ DI TELEFONARTI O DI COMUNICARE CON TE IN OGNI MODO

    Perché ancora NON LO HAI Bloccato???

    Finché tu non lo blocchi lui capisce una cosa soltanto

    Che tu sei solo che uno zerbino verso di lui
    Outlier svegliati e chiudi le comunicazioni con lui PER SEMPRE

    E se riesci cambia lavoro
    Allontanati per sempre dalla dipendenza affettiva che hai vissuto
    Abbi cura di te !

  • Angelina, 12 Dicembre 2021 @ 12:16 Rispondi

    @Sissi io ne ho passati 5 di Natali questo sarebbe stato il 6 ma è scappato prima…per fortuna mi viene da dire…spero di farcela come hai fatto tu perché sono in mezzo a quella devastazione ancora…un bacio

  • Angelina, 12 Dicembre 2021 @ 12:13 Rispondi

    Coss capisco bene…il mio la mattina aveva occhi a cuoricino, tante parole,voglia di stare insieme e poi il pomeriggio buttato fuori di casa e puff….magicamente sparito tutto…

  • Angelina, 12 Dicembre 2021 @ 12:08 Rispondi

    Ale “Memo un uomo rischia per stare con un amante meno la ama”
    Questa sono esattamente io….che tristezza

  • Viovio, 12 Dicembre 2021 @ 10:14 Rispondi

    @Maria Cristina già il fatto che abbia la suocera come controllore la dice lunga su come sia la sua vita…. non temere, la vita prima o poi presenta sempre il conto.
    I figli sono delle spugne, assorbono tutto anche ciò che non dovremmo lasciar trasparire, però sono certa che con il tuo amore riuscirai ad aggiustare le cose. L’amore è sempre la miglior medicina!
    Pensa a quanto si divertirà con la suocera quest’anno 😉

  • Viovio, 12 Dicembre 2021 @ 10:08 Rispondi

    Questo è il secondo Natale senza di lui e se il secondo CON lui è stato il più difficile, lontano da lui è una rinascita! Non sono mai stata una fan del Natale (manco faccio l’albero), ma la serenità che ho ritrovato lontano da attese e sotterfugi è impagabile 🙂 ad oggi mi domando: come cavolo hai fatto a sopportare una situazione del genere? Ricordo l’ultimo Natale trascorso “insieme” fosse stato un vero strazio e mi ripromisi sarebbe veramente stato l’ultimo. Lui? Felice, tranquillo e bello come il sole, come se fosse la cosa più naturale di questo mondo(e chi lo ammazza quello).
    Vi auguro buon Natale e tutta la forza necessaria per voltare pagina!!!

  • Lia, 12 Dicembre 2021 @ 09:04 Rispondi

    Il primo Natale del primo anno insieme era entrato in piena crisi, temeva di perdermi…così la Pasqua successiva, poi ha capito che avevo il cervello in vacca e si è potuto rilassare. Ci osservano bene, ci prendono le misure e si tarano di conseguenza… finché la bilancia non si rompe.

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 08:41 Rispondi

    Di questo @Ale ce ne rendiamo conto troppo tardi, quando arriviamo all’esasperazione. Sai che lui ha avuto il coraggio di dirmi di recente che per me ci sarà sempre, che non se ne andrà mai via ma che vuole io apra il mio cuore ad un’altra persona. Ma veramente diciamo? A proposito del “io ci sarò sempre”, sono stata in ospedale un mese fa e lui mi chiamava con la scusa del lavoro. Quando sono uscita ha avuto il coraggio di dirmi che io non potevo usare lui come spalla. Ma se mi chiamava lui? Chi gli ha chiesto nulla ah però ci sarà sempre.
    Per me può farsi tutti i natale che vuole dove ha scelto di stare, nel suo egoismo perché diciamocelo, un uomo che tradisce la moglie per 6, 7 anni non ama né amante né moglie.

    • alessandro pellizzari, 12 Dicembre 2021 @ 11:24 Rispondi

      E il peggiore della settimana è…

      Per te ci sarò sempre, non me ne andrò mai via ma voglio che tu apra il tuo cuore a un’altra persona

  • Outlier, 12 Dicembre 2021 @ 08:37 Rispondi

    @Cossy mi sono persa un po di aggiornamenti. Avevo capito che eravate finalmente ad una svolta. E invece deduco che non è stato così? Che è successo? Mi dispiace tanto e ti stringo forte

  • Maria cristina Nicoletta, 12 Dicembre 2021 @ 07:14 Rispondi

    Ti capisco ,io ne ho fatti 5. Lo raggiungevo a 1200 km di distanza,e trascorrevo il Natale da sola,in una casa gelida,perche lui,nonostante la moglie stesse trascorrendo il Natale in un’altra citta con sua sorella,doveva tornare a casa per non fare insospettire la suocera. Anche io ho distrutto la mia vita, anche io sto faticosamente ricostruendo. Mi auguro checprima o poi lui sperimenti l’inferno vissuto da me e,per riflesso,dalle mie figlie

    • alessandro pellizzari, 12 Dicembre 2021 @ 07:54 Rispondi

      Meno un uomo rischia per stare con l’amante meno la ama

  • Love, 12 Dicembre 2021 @ 07:08 Rispondi

    @Molly pensi sempre che ogni risposta che ti viene data sia un attacco, non pensarlo questo, immagino sia dovuto a come ci si presenta fin dall’inizio.
    Non ho pregiudizi nei tuoi confronti perché più volte da come hai scritto ad altre, a me mai questo lo posso dire (piuttosto hai evitato di rispondere) , hai fatto trasparire il tuo pensiero, comunque a prescindere, non auguro mai del male a nessuno.
    Vedi almeno dal mio pensiero, se certi rapporti finiscono male, sicuramente nessuna/o augurera’ un buon Natale, se un rapporto è stato bello per entrambi ci sarà sempre quel rispetto per l’altro, che qualcuno non sia riuscito a costruire la felicità che desiderava come scrivi, che forse c’era anche ma poi per scelte legate a un qualsiasi motivo e il blog ne è pieno di motivi, non si è concretizzata.

  • elleelle, 11 Dicembre 2021 @ 20:05 Rispondi

    @Cossora
    Scrivi “Ma come ca**o si fa???” e la conclusione a cui sono arrivata io è che siano solo recite.
    Fanno quello che pensano ci si aspetti da loro ma senza metterci davvero il cuore. Parole, gesti ecc. sono funzionali al copione da mettere in atto in quel momento.

  • Outlier, 11 Dicembre 2021 @ 18:18 Rispondi

    @Love è bello sentirti un pochino meglio.
    Ce la farai e lei resterà dove ha scelto di stare.

  • Molly, 11 Dicembre 2021 @ 16:19 Rispondi

    @Love non ti ho accusato di nulla, non andare subito sulle difensive.

    Rileggi attentamente quello che ho scritto. Ho fatto solo una considerazione che quando si è voluto bene a una persona e non si sta più insieme mi sembrerebbe normale augurare a quella persona tutta la felicità che non siamo stati capaci di realizzare insieme. Non ho mai insinuato che tu sia rancoroso e tu devi uscire dai pergiudizi su di me perché tu non sai nulla di cosa penso io di chi vive queste storie con il finale quasi senmpre uguale.

  • cossora, 11 Dicembre 2021 @ 15:49 Rispondi

    Il periodo di Natale dell’anno scorso lo abbiamo passato insieme, mi portava dei fili di lucine carinissimi che trovava in centro, veniva la mattina, facevamo gli gnocchi fatti in casa, ci baciavamo sotto al vischio e ci guardavamo film in streaming. Poi a una certa ora se ne andava la sera, in pieno lockdown.
    Tutto faceva pensare che fossero davvero a una svolta.
    Ci guardavamo sorridendo sulla porta e ci dicevamo ‘amore il prossimo Natale siamo insieme!’
    Ma come ca**o si fa???

  • Sissi, 11 Dicembre 2021 @ 14:25 Rispondi

    Io ne sono uscita finalmente. Da un anno e mezzo. Questo è il secondo natale senza di lui dopo 6 Natali devastanti di amantato. L’incubo più brutto della mia vita. In questi anni io ho distrutto tutta la mia vita per lui e lui….non ha fatto nulla …se non cercare scuse, prendere tempo e farmi sentire in colpa per la mia decisione. Ora mi sto pian piano ricostruendo, mattoncino per mattoncino. Quando mi chiedono…sei felice? Rispondo: “sono serena”. Ed è tanto dopo anni di totale mancanza di equilibrio in alternanza tra frammenti di paradiso e giornate di buio totale. Qualche giorno fa una mia amica mi ha chiamata, dicendomi che stava sprofondando in una storia simile. Lei , una psicoterapeuta che tante volte ha aiutato persone ad uscire da situazioni senza sbocco come queste. Le ho solo chiesto se fosse pronta ad affrontare anni come quelli che ho passato io, Natali da sola ad aspettare in lacrime un suo messaggio dopo il pranzo in famiglia. Sentendola distrutta come me qualche anno fa, ho capito che il cervello e il cuore spesso non comunicano. La teoria arriva fin dove il cuore poi detta le proprie regole. Per questo rimango qui, in questo blog, per non perdere il contatto con quello che è stato. Per non correre il rischio di ricaderci in un momento di fragilità. Perché solo il confronto può davvero aiutare a uscirne. Grazie Ale e grazie a tutti voi. Un abbraccio e buon Natale di cuore

    • alessandro pellizzari, 11 Dicembre 2021 @ 14:35 Rispondi

      Sei natali sono davvero un ergastolo. Anche la psicoterapeute possono avere bisogno di fare psicoterapia o counseling ricorda che il calzolaio ha sempre le scarpe rotte e parlo anche per me

  • Love, 11 Dicembre 2021 @ 14:20 Rispondi

    Cara @Molly, forse dal mio scrivere, non mi hai ancora capito, dovresti uscire un po’ dallo stereotipo che hai di chi si vive queste storie, tutte hanno un loro vissuto, anche se quasi tutte hanno lo stesso finale.
    Non sono un rancoroso, e se fosse per me, le auguro di passare il miglior Natale della sua vita, proprio per quello che ho vissuto con lei.
    Sai, sarebbe il primo anche per lei con il marito da quando è sposata…e penso che questo ti possa dire tutto.

  • Molly, 11 Dicembre 2021 @ 12:40 Rispondi

    “Lei?? Non so più nulla, so solo che è in terapia di coppia…ed il suo Natale??
    Sarà il primo dopo quattro, senza i suoi due pomeriggi ed una cena durante le feste in mia compagnia, che la facevano uscire dalla sua routine.”

    In nome di quello che vi ha uniti, spero che le augurerai tanta felicità perché a questo serve allontanarsi l’uno dall’altra, a darsi un’opportunità di felicità che insieme evidentemente non si è raggiunta.

    Chissà che l’esperienza e la terapia non le abbia aperto il cuore verso il marito..

    Se lei non fa piú parte della tua vita non sprecare energie a pensare a come vive lei, investi in te stesso e troverai la tua felicità e se sarai sereno potrai condividere la tua serenità con una persona con cui spero sarai in sintonia emotiva e progettuale. Te lo auguro di cuore.

  • Molly, 11 Dicembre 2021 @ 12:33 Rispondi

    “Lei ha scelto di chiudere come sapete e chiedendomi di rimanere amici, ed io ho scelto di non fare l’amico.
    Risultato….man mano che passano i giorni, si comincia a stare un po’ meglio”

    Molto bene @Love!! Hai fatto bene a non scendere all’assurdo compromesso “dell’lamicizia”.

    Non credo proprio, a botta calda che sia sano rimanere amici, ma faccio molta fatica a pensare sia poss anche a lungo termine quando da una relazione si passa all’amicizia mi sembra tanto strano.

    Conosco un solo caso. Un mio caro amico è rimasto amico con tutti i suoi ex fidanzati che frequentano tranquillamente lui e l’attuale compagno e la famiglia del mio amico. Giuro che è l’unico caso dove tutti sembrano essere sereni. A una cena ha portato il compagno a cui si è aggiunto l’ex compagno e siamo stati tutti insieme. Mi chiedo come vive veramente questa cosa il compagno attuale, ma all’apparenza va tutto bene. Mah!

    Io nn ci riuscirei.

    • alessandro pellizzari, 11 Dicembre 2021 @ 13:57 Rispondi

      L’amicizia fra ex non esiste

  • Ariel, 11 Dicembre 2021 @ 11:53 Rispondi

    Ma in una relazione SANA E NORMALE di amantato esiste solo un Natale al MAXIMO.ove si potrebbe soffrire

    Ovviamente se il Natale sale al numero due

    GIÀ DIMOSTRAZIONE DELLA PRESA PER ……. DA PARTE DEL AMANTE CHE ANCORA NON HA FATTO CHIAREZZA A CASUCCIA col proprio marito o moglie

    I single sono single e la chiarezza se la devono fare in testa e SMETTERE DI CREDERE A ASINI CHE VOLANO INSICURI DEBOLI
    E SOPRATTUTTO CONFUSI!!!!!!!!!

    Ma insomma chi sta a posto con vera serietà di autostima a stecca NON PASSA LA SPGLIA DI UN NATALE

    Ma secondo me anche no

    Nessun Natale perché CASPITA LA SERIETÀ DI FATTO CONCRETO È PARLARE CHIARO A CASUCCIA PROPRIA

    Tutte le altre SONO SOLO SCUSE che nascono da due soli motivi

    DIPENDENZA AFFETTIVA
    E CIALTRONI E CIALTRONZI A PIEDE LIBERO

    E punto .

    A proposito a voi che ci credete

    BUONO SIA IL VOSTRO NATALE
    Ma soprattutto buono sia il vostro EVOLVERE nel tempo del oggi e di quello a venire
    E che sia SALUTE PER TUTTI NESSIN ESCLUSO!!!

    Ah ah ah

    A te @CaroLove

    Stai già nella tua NUOVA VITA continua ad addobbare la tua luce di nascita
    Sei già nella tua guarigione ,la tua cara e bella evoluzione

    Un caro speciale abbraccio a te e a CASADIALE COL FELICE NATALE!!!!

    Ah ah ah
    Bisous!!!!!

  • elleelle, 11 Dicembre 2021 @ 11:48 Rispondi

    @Love
    Lei si arrangerà, tu continua sulla tua strada e non farti deviare da pensieri malinconici. Andrà sempre meglio, lo sai!

  • Love, 11 Dicembre 2021 @ 10:09 Rispondi

    Per me, sarà il primo Natale, vero e proprio senza di lei.
    Manca è vero e non lo nascondo.
    Lei ha scelto di chiudere come sapete e chiedendomi di rimanere amici, ed io ho scelto di non fare l’amico.
    Risultato….man mano che passano i giorni, si comincia a stare un po’ meglio…naturalmente le montagne russe le vivo ancora, prima erano per lei…ora sono per altri motivi.
    In conpenso, ho allestito il mio locale per Natale in mod più luminoso, cosa che prima non facevo con molta voglia, le clienti mi dicono che il mio viso è cambiato, e sono più solare…
    Lei?? Non so più nulla, so solo che è in terapia di coppia…ed il suo Natale??
    Sarà il primo dopo quattro, senza i suoi due pomeriggi ed una cena durante le feste in mia compagnia, che la facevano uscire dalla sua routine.

    • alessandro pellizzari, 11 Dicembre 2021 @ 10:18 Rispondi

      Guarirai presto. Buon Natale!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.