woman with green jacket behind man with brown leather jacket at daytime
Photo by Vera Arsic on Pexels.com

In questo video affronto il ritorno dell’amante che quasi sempre avviene dopo le feste passate nella sua famiglia e con sua moglie, rispondendo anche alle vostre domande. Clicca sul video e guarda la registrazione della diretta (le altre le trovi tutte sul mio Canale YouTube assieme ai podcast).

CLICCA SUL VIDEO PER VEDERLO

L’80% torna, non importa come vi siate lasciati. Entro quanto tornano: dal 2 gennaio a fine mese o poco più per i più ritardatari.

Parliamo di quelli che sono andati in black out, hanno litigato apposta con voi, sono oggetto del vostro codice del silenzio o hanno chiesto una pausa di riflessione per capire… 

Ma ecco come riapparirà l’ex amante a seconda della sua tipologia di uomo:

L’augurante: buon anno. È fishing 

L’angelico: torna come se niente fosse successo 

Il pavido: un timido come stai 

Il disperato: quanto mi sei mancata non posso vivere senza di te

Il furbo: dobbiamo parlare e non per telefono

L’amico: non buttiamo via tutto 

L’imbronciato: hai capito i tuoi errori? 

Il seriale: ti prometto una sera 

L’esagerato: domani vado dall’avvocato 

L’ufficiale e gentiluomo: non chiamerà, fatti non parole

E quelli che non tornano nel giro di tre mesi?

Guardando il video avrai tutte le risposte. E quelle che mancano basta che mi scrivi ad anpellizzari@icloud.com e te le darò. Usa la mail anche se vuoi info sul mio counseling o provare un’ora con me. Da soli si soffre e si rimane bloccati, insieme si svolta

Condividi:

313Commenti

  • Roberto, 17 Gennaio 2024 @ 23:05

    @Elleelle, prendo atto come con @Mimi. La pensiamo diversamente. Un abbraccio.

  • elleelle, 17 Gennaio 2024 @ 19:23

    @Cossora
    Io le mie conclusioni al proposito le ho tratte già da tempo e sono molto simili alle tue.
    Ma c’è molto riluttanza a parlare degli altri aspetti che citi nel tuo commento e di cui anche io ho già cercato di parlare.

  • elleelle, 17 Gennaio 2024 @ 18:47

    Ma va là @Roberto,
    Che permaloso, facevo solo un po’ di ironia!
    Secondo me sbagli cercando di stilare categorie esatte dove non possono esistere. Ognuno di noi ha fatto qualcosa di “male”, c’è chi ne ha fatto di più e chi di meno. Per me il cialtrone commette deliberatamente una truffa nei confronti dell’altra persona. E’ anche la definizione che ha usato spesso @Ale e non si tratta di cattiveria ma di disonestà.
    Io non credo di aver commesso nessuna truffa, né ai danni del mio ex né ai danni di mio marito.
    Il mio comportamento nei confronti di mio marito non è cambiato a causa della relazione extra, è sempre rimasto lo stesso. Era finita già prima, è rimasta finita dopo. Ho anche rivelato quello che era successo e dato modo di decidere cosa fare. Più di questo…
    Nei confronti del mio ex ero onesta al 100%. Altrettanto non posso dire di lui e il cialtrone per me tra noi due è lui, senza alcun dubbio.
    Se però per dare soddisfazione devo dire che sono cialtrona, vabbè, lo ammetto e ci faccio ironia sopra.
    Ma il problema è più tuo che mio o nostro. Se tu ti senti cialtrone con tua moglie e non cialtrone con la tua ex, sono le tue circostanze personali, le mie sono diverse, così come quelle di chiunque scrive qui.

  • Roberto, 17 Gennaio 2024 @ 17:35

    Si ho capito @Elleelle, non siamo d’accordo. Che ci posso fare. Però tranquilla. Affronti le discussioni ogni volta come se andassi in battaglia. Mica dobbiamo convincere l’interlocutore. Esprimiamo un parere. Io con @Mimi ho chiuso la discussione prendendo atto che non la pensiamo alla stessa maniera. Ma andiamo avanti uguale.

  • elleelle, 17 Gennaio 2024 @ 14:49

    @Roberto
    Lo ammetto: sono una cialtrona. Colpevole di ogni accusa e sospetto.
    Ohhh, adesso l’ho detto, sto molto meglio. 😀

    Fallo anche tu, non sei stato cialtrone con la tua amante ma lo sei con tua moglie. Dillo anche tu, non ti vergognare, esorcizza il cialtrone che c’è in te e datti pace.
    Ma veramente, Roberto, dai pace a te stesso e a noi. E credimi: il mio ex è mille volte più cialtrone di me.

  • Roberto, 17 Gennaio 2024 @ 14:45

    @Mimi, rispetto totalmente il tuo parere, pur non condividendolo. Come dice @Ale, passiamo ad altro. Un abbraccio.

  • ads, 17 Gennaio 2024 @ 14:19

    @ho letto il penultimo post della cossy,
    quando sei a posto riesci a fare delle valutazioni corrette,
    alle persone piace mostrarsi per quello che non si è, quindi si tende ad nascondere,millantare
    a volte mi chiedo che necessità ci sia di farlo sul un blog anonimo ma vabbe.
    la discriminante è l’amore.
    quante volte i nostri figli ci raccontano qualcosa e noi siamo indotti sempre a credergli,
    è colpa sempre dell’insegnante, dell’amico,—dall’esterno è tutto diverso,
    magari il figlio di x .è quello che puntualmente fa fare la pipi sul mio portone,
    che il venerdi e il sabato si sfascia di alcool…giammai pensiamo noi , mio figlio mai. ..ed invece succede cosi.

  • alessandro pellizzari, 17 Gennaio 2024 @ 13:47

    I seriali non sono cattivi sono egoisti e menefreghisti.che questo poi porti a dei danni simili a quelli che fa la cattiveria succede

  • Mimi, 17 Gennaio 2024 @ 13:19

    @Roberto no, secondo me in caso di coniugi a cui è stato più volte esposto il problema ignorandolo (vedi @Ellelle) o in casi in cui il coniuge capisce che qualcosa nell’altro è cambiato ma non chiede, non si interessa, sospetta ma va avanti così non è cattiveria. La cattiveria, se proprio, può essere quella dei seriali che suppongo abbiano un modus operandi più premeditato e affinato.
    Certo sarebbe chi tradisce a dover essere onesto e lasciare l’altro libero di rifarsi una vita ma non mi sembra che i vostri coniugi siano obbligati ad accettare passivamente il vostro modo di essere senza far domande. Chiunque dei due può alzare il giusto polverone e cambiare la propria vita come ritiene opportuno.

  • Cossora, 17 Gennaio 2024 @ 13:13

    @elleelle l’amore determina in qualche modo una dipendenza se ti fa sentire il bisogno di avere qualcuno, trattenere qualcuno, sapere cosa fa (una bonaria necessità di controllo, ma sempre un controllo).
    Tu stai bene perchè di tuo marito non sei più innamorata, quindi lo gestisci con una certa lucidità. Io con l’uomo di cui sono amante.
    Ma la ferita di @molly credo sia ancora dolorosa, non è libera da lui .. trai tu le tue conclusioni.

  • elleelle, 17 Gennaio 2024 @ 11:26

    @Cossora
    Di nuovo commento che sottoscrivo in pieno.

  • Roberto, 16 Gennaio 2024 @ 10:56

    @Elleelle, non voglio trascinare tutti nello stesso calderone. Ci mancherebbe. Tra l’altro nella mia storia non mi sono comportato da cialtrone. Ho semplicemente smesso di voler fare l’amante stampella. Ma non è la mia storia che conta. Tu mi dici che i coniugi molte volte ti spingono con i loro comportamenti. Può essere. Però siamo esseri umani. Abbiamo tra le nostre facoltà la possibilità decisionale. Possiamo scegliere una o l’altra strada. Tutte lecite, sia chiaro, non stiamo parlando di reati civili o penali. Però nel momento in cui ci rivolgiamo al di fuori del matrimonio, prendiamo la strada sbagliata. E nelle strade sbagliate possiamo incontrare anche il lupo cattivo. Tutto ciò che accade nella nostra vita, è nostra responsabilità. Poi dopo veniamo qui a scrivere del cialtrone. E chi sarebbe questo cialtrone? Un uomo o una donna che ha fatto promesse vane. Lo so, fa molto male. Lo so bene. L’ho passato anche io. Ma questi personaggi sono esseri umani con tutti i difetti che abbiamo anche noi. Io guardo lei e vedo una cialtrona, mi giro e vedo mia moglie? Chi è il cialtrone ora?
    @Mimi, la cattiveria fa la differenza. È vero. Ma quelli verso i coniugi non è cattiveria?

  • Cossora, 16 Gennaio 2024 @ 10:55

    @ale Non sapremo mai se i mariti beccati hanno ricostruito per amore o convenienza.

    A pochi mesi dall’uscita di casa il marito di un’amica, in momenti di magra le ha fatto delle proposte innoque tipo andare insieme alle figlie al lago una domenica o al ristorante che amavano.. fosse stata innamorata, avrebbe accettato e visto la realizzazione del suo desiderio principale: la diversità e l’unicità del marito che capisce e torna.
    Invece quando non sei innamorata sei lucida.
    Periodicamente lui diventa uno stronzo se ha una storia (che passa davanti a tutto, figlie comprese) e un agnellino se è solo (molto tempo libero, una disponibilità sospetta).
    Lei è più che sgamata, lo manda a stendere in tempo zero.
    Ma fosse una donna che teme la solitudine, il giudizio della gente, la perdita degli amici del club, dei parenti? Una donna che vede l’essere separata come la fine di uno stile di vita avviato e consolidato.. secondo te @ale, cosa farebbe?
    Andrebbe in giro a dire che lui è cambiato, che fanno sesso come ai primi tempi (come se questo costasse qualcosa a un uomo che non ne vede una neanche da lontano) e che si sta impegnando.
    Nessuna donna dice in giro ‘mi ha messo le corna, l’ho ripreso, non riesco a fidarmi, ma meglio così in casa che la casa e la vita vuoti’ tutte che -se lo riaccolgono- metterebbero la mano sul fuoco.
    Ahi ahi ahi.

  • alessandro pellizzari, 16 Gennaio 2024 @ 10:25

    Intanto molti, soprattutto donne, non eccezioni (seriali conclamati a parte) prima di arrivare al tradimento ci mettono almeno un anno (le donne almeno due) di litigi, tentativi di chiarimenti, proposte non accettate di psicoterapia di coppia, richieste di aiuto prima di arrivare a tradire. Poi il tradimento non è una decisione: allora adesso visto che fai così ti tradisco. Succede dopo questo processo e se capita l’occasione.

    Non sapremo mai se i mariti beccati hanno ricostruito per amore o convenienza: in quel 10% circa di casi di ricostruzione vera il tradito lo capisce, lo sa, ne ha le prove quotidiane. dal tradimento si torna indietro per amore, non per convenienza. Per convenienza si torna indietro fino alla prossima occasione e finito il 41 bis

  • Dispersa, 16 Gennaio 2024 @ 09:50

    @Roberto ti sei assolto come tanti, l’ho fatto anch’io, e per chi è dall’altra parte della barricata assolvere…
    Due situazioni di partenza diverse ma con un risultato finale molto simile.

  • Mimi, 16 Gennaio 2024 @ 09:24

    @Lia capisco quello che vuoi dire, alcune volte ho giustificato io in prima persona non perchè fosse giusto ma perchè speravo sarebbe bastato un po’ di tempo in più (vedi Giulia e Smarrita infatti sono entrambe alle battute finali). Penso solo che, per dare consigli, bisognerebbe essere noi in primis un esempio da seguire.
    Poi tutti quanti dal primo all’ultimo (salvo quelli appena arrivati che ancora vivono di accese speranze), sappiamo qual è l’unica soluzione. Va bene anche che chi ancora non ce l’ha fatta, parlo di amantato e matrimoni irrisolti indistintamente, sproni gli altri ma se io in primis non ne sono uscita come faccio ad arrabbiarmi in senso buono con chi ci è ancora dentro?
    Poi sono d’accordissimo con te che sia meglio uno Stefano che urla a gran voce di uscirne piuttosto che chi consiglia di trovare la quadra, su quello ho già combattuto la mia crociata e se necessario ne combatterò altre trenta 😀

    @Roberto “Per cui, possiamo poi arrabbiarci se qualcuno fa lo stesso con noi? Chi di cialtroneria ferisce……”
    Se la mettiamo su un discorso di karma sono d’accordo.
    Però qui si parla di persone a cui sono state promesse cose da parte di persone che, sapendo di mentire, hanno fatto di tutto per farsi credere. Qui c’è l’intenzionalità di fare del male a qualcuno consapevoli di non avere nessuno scopo finale è cattiveria e per me è molto più grave, che sia fatto verso l’amante o verso il coniuge al momento del rientro. La cattiveria fa la differenza, almeno per me.

  • elleelle, 16 Gennaio 2024 @ 08:29

    @Roberto
    Io la classifica di cialtrone la do per scala d’intenti.
    Personalmente credo di aver fatto tutti i passi necessari per informare mio marito della crisi e di metterci rimedio per tempo, anni prima del “tradimento”.
    In questo sono stata molto più corretta di tanti mariti che non hanno mai detto niente, hanno fatto tutto alle spalle, tradito per anni, sono stati beccati e poi si sono stati perdonati. Per cui se proprio devo parlare di cialtroni parlo prima di loro e del mio ex su tutti.
    Se questi mariti sono stati perdonati (e non sapremo mai se hanno ricostruito per amore o convenienza!), allora possiamo fare una bella indulgenza plenaria anche per tutti gli altri. Perché non dimentichiamoci che se non fossero stati beccati, non avrebbero mai detto niente, difficile farli diventare dei santi.
    Il tradimento è sempre brutto ma che la giuria popolare perdoni il mio ex solo perché è restato con la moglie e la brutta colpevole sia la sottoscritta mi sembra davvero ridicolo.
    Se ti senti il peso sulla coscienza e ti senti un cialtrone, non puoi dare questa etichetta a tutti così sei in buona compagnia. Ti risolvi il problema e parti da lì.

  • Roberto, 15 Gennaio 2024 @ 21:10

    @Molly, io vivo con il peso sulla coscienza. Immagina tu che ogni volta che guardi tuo marito lo pensi a letto con un’altra. Certo nemmeno io invidio te. Partiamo da due situazioni diverse. Ma ci sta. Io ho sbagliato e me ne rendo conto. Ma per quello che sono stato prima e dopo l’amantato, come marito, come padre, come figlio, come amico e come lavoratore, posso andare in giro a testa alta. Ho quasi 60 anni, mi impicco perché per tre anni (non continuativi) ho sbagliato a vivere? Mi sono perdonato ed assolto. Che devo dirti, avrò trovato una giuria accomodante. E spero che la stessa corte l’abbia trovata anche tuo marito. Anzi. Mi sembra proprio di sì.
    @Mimi, io capisco la tua posizione. Ciò che voglio dire io è solamente che nel momento in cui una persona sposata, anziché parlare chiaro al coniuge, si trova l’amante al di fuori, diventa automaticamente un cialtrone verso il proprio compagno. E parlo di me ovviamente. Per cui, possiamo poi arrabbiarci se qualcuno fa lo stesso con noi? Chi di cialtroneria ferisce……

  • Lia, 15 Gennaio 2024 @ 20:48

    @Mimi, quello che fai tu qui e quello che facciamo tutte noi che ne siamo fuori è spronare la altre ad essere più risolute e nette.
    So che è difficilissimo e io vorrei che tutte le altre ci mettessero la metà del tempo che ci ho messo io. Per farlo, però, devi tirare fuori tutto il tuo orgoglio, l’amore per te stessa e noi dovremmo evitare il più possibile commenti che giustificano certi atteggiamenti, invitano al perdono, al compromesso.
    Preferisco cento volte commenti come quelli di Stefano che possono spronare a tirare fuori la forza che ciascuna di noi a dentro a quelli di chi si vanta di stirare perché così ha libero il we per l’amante.

  • Molly, 15 Gennaio 2024 @ 17:04

    Prendere un giro un estraneo è vigliacco. Prendere in giro il compagno di una vita e genitore dei nostri figli è squallido, oltre che vigliacco. Però per tanti di noi è più comodo scaricare le colpe sull’amante cattivone che guardarci allo specchio.

    @Roberto queste tue parole mi colpiscono e mi chiedo come fai a vivere con il tuo segreto ogni volta che ti rivolgi a tua moglie e la guardi negli occhi. Tu sai che hai preso in giro tua moglie durante l’amantato e ora sai bene che lo stare zitto e far finta di nulla è una forma diversa di presa in giro. Come riesci a vivere con questo peso alla coscienza?

    Devo dire che ti fa onore che almeno qui esprimi il concetto senza tanti fronzoli e senza tante scuse e sei diretto e sincero, ma a casa come fai? Il tuo rapporto con tua moglie come è cambiato dalla fine dell’amantato? Hai mai più sentito la tua amante o avete entrambi chiuso la vostra storia in un cassetto e l’avete sepolta con una pietra sopra? Come stai e come ti vedi nella coppia in cui sei e nella famiglia in cui sei? MI piace che non te la racconti e non ce la racconti. Se non ricordo male eri in terapia, ti è servito a qualcosa? Posso immaginare il senso di disagio che provi per tua moglie. Credo che non sia facile davvero. Ma non lasci trasparire nulla? Come fai?

    Qui le storie sono un po’ tutte uguali, una persona che ha tradito e a sua volta è stata tradita nelle aspettative e nelle promesse. Mica tanto diverso da quello che vivono i coniugi traditi. Anzi, nessuna differenza. L’unica grossa differenza è che come hai detto tu stesso, il coniuge è pure il genitore dei tuoi stessi figli e il coniuge è il compagno del progetto di vita già concretizzato, non solo immaginato, sognato e pianificato.

    Non ti invidio e non invidio tua moglie, non credo sia facile davvero. Al passato non si rimediare. Spero almeno che, se continuerai a restare con tua moglie, tu le dia un futuro sereno e francamente spero che anche tu te ne faccia una ragione e abbia un futiuro sereno. Sai bene che io penso sia meglio dire come sono le cose ora e come sono state però se hai deciso di non farlo, prima o poi ci devi fare pace con questa decisione. Te lo auguro perché anche tu vivi una sola volta e devi cercare di stare bene. Anche se ci pensi 24 ore al giorno e ti disperi, il passato non lo cambi. Tanto vale cercare di vivere il più serenamente possibile una volta presa una decisione.

  • Ariel, 15 Gennaio 2024 @ 15:16

    “Mimi, 15 Gennaio 2024 @ 09:31”

    “Io ho tradito, ho preso la porta di casa dopo pochi mesi e me ne sono andata via dando la possibilità al mio ex compagno di vivere la sua vita: ora ha una nuova compagna ed è felice e io sono felice per lui.”

    @Mimi
    Questa tua frase unita a tutto il contenuto del tuo commento resta ,secondo me ,FAVOLOSO VERAMENTE NOTEVOLE E FONDAMENTALE DIMOSTRAZIONE che SI PUÒ ECCOME AVERE GLI ATTRIBUTI PER SCEGLIERE IN VERO EQUILIBRIO DI AUTOSTIMA!!!

    CHAPEAU carissima @Mimi!!!
    Ho riportato questa tua frase apposta nel tentativo che NON PASSI INOSSERVATA
    Perché se essere state o stati amanti rientra sicuramente in una delle esperienze della vita che eccome possono capitare a tutti esseri umani a leggerti mi hai richiamato a memoria quando @CaroAlessandro da che sono qui e leggo tutto ciò che scrive parla di vero decalogo di comportamento corretto degli amanti stessi

    E resta chiarissimo che NON occorrono gli anni per dire chiaro a proprio partner che si ok sono amante perché così è non importa secondo me nemmeno che sia per forza collegato a amore o meno

    CONTA IL FATTO CONCRETO
    Sono amante adesso lo dico SUBITO DOPO POCHI MESI e NON DOPO UN ANNO O PEGGIO MAI PIÙ

    Non solo per se stessi e la propria autostima in equilibrio
    Che si rivela ANCHE QUANDO SI COMPRENDE NEI FATTO CONCRETI CHE IL PROPRIO PARTNER HA DIRITTO DI RIFARSI UNA VITA SE LO VUOLE E SOLO LUI O LEI PUÒ DECIDERLO QUANDO SE MAI CAPITERÀ!!,,

    Importante rilievo il concetto di autostima in equilibrio resta direttamente proporzionale al quanto tempo ci metto da amante a lasciare in piena luce del sole il mio partner LIBERO DI RIFARSI NA VITA SE VUOLE??????ovviamente vale pure per mogli o mariti che alla conoscenza del essere stati traditi fanno uguale!!! E cioè lasciano libertà di rifarsi una vita al proprio partner!!!

    Bravissima cara @Mimi questa tua testimonianza è ricchissima di veri concetti messi in pratica con fatti ed esempi veramente in linea con tutte scoperte scientifiche sul come funzionano tutte le relazioni affettive!,

  • Mimi, 15 Gennaio 2024 @ 14:53

    @Roberto aggiungo un passaggio: qui scarica le colpe sull’amante chi aveva delle speranze di vita futura ma è normale che sia così, se mi prometti qualcosa io ci credo e faccio di tutto affinchè si realizzi. Poi scopro che mi hai riempita di cazzate ed è normale che abbia del rancore, a nessuno piace esser preso per il culo.
    Qua si chiude il discorso amante e si apre quello coniuge: sbagliato è dare la colpa all’amante del fallimento del proprio matrimonio ma non ricordo particolari storie così. Come invece sbagliato è fiondarsi sulla RICOSTRUZIONE, quindi non sul rientro in casa in silenzio, a seguito della chiusura solo perchè il piano B è andato in fumo. In quel caso lì ti dò ragione perchè vuol dire che si ha un cambiamento in positivo nei confronti del coniuge pur sapendo di mentire e si è dei cialtroni al pari dei nostri amanti (anche se il discorso dei coniugi che accettano rimane lo stesso). Forse i nostri discorsi viaggiavano in parallelo perchè rientro per me è diverso da ricostruzione.

  • Mimi, 15 Gennaio 2024 @ 14:47

    @Roberto lo so che non mi hai dato della cialtrona ma quando faccio degli esempi tendo, in positivo e in negativo, a mettermi di mezzo anche io in prima persona.
    Ho capito che io e te partiamo da una base di convinzione diversa: tu parli di chi torna all’ovile senza dire niente al coniuge, ossia ritieni che i coniugi siano ignari, io invece essendo convinta che la maggior parte dei coniugi non siano ignari ma facciano semplicemente finta di niente (vedi mia madre, vedi il mio ex compagno) lo ritengo un comportamento scorretto e irrispettoso ma non da unico colpevole.
    Per me il cialtrone come detto è chi spreca parole per convincere l’altro di un qualcosa, un coniuge che viene scoperto e, consapevole di farlo solo per tenere buono l’altro, fa promesse di redenzione è un cialtrone.
    Non penso che siano tutti cialtroni, tanto è vero che due o tre volte mi è capitato di commentare storie qui dicendo che gli amanti erano stati anche onesti ma era la persona a scrivere qui a dare la colpa inutilmente…però in tante delle vostre storie (della tua nello specifico non ricordo) si parla di coniugi consapevoli che non fanno domande e che accettano silenti. Non ho l’esperienza necessaria per darlo per certo ma penso che se riesci a prendere in giro per anni la persona con cui hai condiviso decenni, figli e case vuol dire che l’altra persona si sta facendo prendere in giro. Non è una verità assoluta, io sono giovane e ho convissuto solo una volta ma se cambiano le abitudini, le tempistiche, gli umori di una persona con cui stai condividendo la vita non puoi non accorgertene e non puoi accettare balle ad oltranza.
    E’ molto più semplice cialtronare con una “sconosciuta” (l’amante), appena le dici “sono a casa” o “sono con mia moglie” non può verificare nulla. Le abitudini non le hai con lei, in virtù dell’amore si fida di quello che le viene detto. Ma cialtronare per anni col coniuge, salvo condurre due routine di vita lontane fisicamente o opposte come orari, lo vedo davvero complicato. E’ impossibile non lasciare tracce, è più probabile che non vengano viste.
    In base alle storie raccontate qui, ammesso che siano vere, chi può essere un vero cialtrone? Per me forse 2/3.

  • Roberto, 15 Gennaio 2024 @ 12:49

    @Mimi, io non mi sono mai permesso di dire che sei cialtrona. Prima perché non ti conosco, secondo perché questo termine è usato qui dentro in maniera molto facile per nascondere poi anche le nostre responsabilità. Io parlavo di chi torna all’ovile senza dire niente al coniuge. Come ho fatto io. In quel caso, ritengo che il nostro comportamento sia tale e quale, se non peggiore, dei nostri cialtroni (la mia amante poi non lo è stata ad essere sincero). Prendere un giro un estraneo è vigliacco. Prendere in giro il compagno di una vita e genitore dei nostri figli è squallido, oltre che vigliacco. Però per tanti di noi è più comodo scaricare le colpe sull’amante cattivone che guardarci allo specchio.

  • Lia, 15 Gennaio 2024 @ 11:27

    @Mimi, sono d’accordo con te. Ti dico che per me il vero cialtrone si riconosce dalle intenzioni.
    Parlo per me.
    Quello che mi ha illusa maggiormente è stato il sentimento che dichiarava di provare per me, non tanto la promessa di lasciare la moglie.
    Quello che mi ha ferito di più è stato il suo cambiamento una volta che sono uscita di casa e ha capito che avrebbe dovuto darmi delle prospettive diverse. Un pò come tornare all’ovile dopo la scoperta da parte della moglie.
    Non solo non mi ha dato nessuna prospettiva, ma si è comportato in modo da sfruttare la situazione.
    Per me è stata la dimostrazione che le sue intenzioni erano altre e che i sentimenti che dichiarava erano assolutamente irreali.
    Personalmente mi sono fatta l’idea che se un’amante resta legata per anni ad un uomo sposato e continua a sperare, lo faccia solo a condizione che lui dichiari sentimenti davvero forti.
    La frase “però lui non le ha mai detto che avrebbe lasciato la moglie!” per me non ha alcun senso.
    Ti fidi e, se lui ti dimostra un coinvolgimento molto grande, è facile credere che ami te e non ami più la moglie, ergo, è con te che vuole stare.
    Le persone che arrivano qui, compreso me, sono spesso incredule, vivono un momento di totale sbandamento, quasi non credono a quello che succede e fanno fatica a pensare di essere state prese per il cxxo.
    Bisogna accettare l’idea che ci sono persone capaci di fingere, che farebbero carte false pur di farsi delle trombate garantite settimanali o di provare l’emozione di avere una donna che l’adori.
    Questo è il vero cialtrone e per questi soggetti faccio fatica a parlare di ricostruzione del loro matrimonio.

  • Mimi, 15 Gennaio 2024 @ 10:29

    @Lia ma noi lo abbiamo fatto a nostra volta, io sono arrivata qui dopo quindi non avete avuto modo di seguire il mio amantato, Stefano ha scritto per mesi (ed è tornato a cercarla a sua volta, ci ha sbattuto la testa più volte) e così anche altri. Abbiamo accettato bugie e compromessi per tantissimo tempo.
    Ora ne siamo fuori ed è facile dall’altra parte del ponte dire “assurdo che tu sia ancora lì sopra e non riesca a passare dall’altra parte”. Troppe variabili, troppe storie diverse. La situazione di chi non è stato mai più cercato dopo esser stato lasciato è diversa da quella di chi viene cercato di continuo, non siamo tutti uguali.
    Non sai quante volte avrei voluto (e vorrei tuttora) prendere per esempio Smarrita ad affettuose testate perchè la sua storia è la quasi fotocopia della mia e vorrei tanto anche che smettesse di farsi domande perchè so che quello è l’ultimo step prima della completa guarigione e io so quanto si sta bene quando nella testa si ha solo il completo silenzio.
    Io ho chiuso tutto, ho una nuova vita, ho un nuovo compagno: quando leggo le storie contribuisco con piacere dove posso ma se non vedo evoluzioni (che siano amantati a cui mettere fine o matrimoni da risolvere) mi arrendo al fatto che non tutti hanno intenzione o forza di farlo, mi vivo il mio sereno “fuori da qui” e continuo a commentare sapendo che quello che dico è vero ed è possibile.
    Chi qui dentro “se la prende” con altri, in buona o cattiva fede che sia, penso abbia delle cose da risolvere fuori e venga qui a proiettare i propri sogni o a gridare le proprie verità perchè nella vita reale non ne ha la possibilità.
    E’ lo specchio della realtà esterna e bisogna accettarlo. Che non sia un bel quadro siamo tutti d’accordo ma se proprio si vuole brontolare bisogna quantomeno essere un esempio da seguire se no poi si diventa come quelli che si lamentano dei governi ma non vanno a votare.

  • Mimi, 15 Gennaio 2024 @ 09:31

    @Roberto per me il reale cialtrone è quello che mente appositamente per continuare a tenere il piede in due scarpe. Quello che dice “la/lo lascio per vivere una vita con te” e poi appena viene messo alle strette da una delle due parti torna a casa a dire al coniuge quanto lo ama, che ha sbagliato e pianta l’amante. Per poi ricominciare. Quello è il cialtrone.
    Se qualcuno di voi si è comportato così allora si, siete stati a vostra volta dei cialtroni.
    Io ho tradito, ho preso la porta di casa dopo pochi mesi e me ne sono andata via dando la possibilità al mio ex compagno di vivere la sua vita: ora ha una nuova compagna ed è felice e io sono felice per lui.
    Non mi ritengo una cialtrona.
    Mio padre ha una relazione extraconiugale: è sicuramente una persona moralmente scorretta, sono stata io la prima a dirgli che sarebbe corretto andarsene di casa ma so anche per certo che, se a lui per ora conviene così, allo stesso tempo non si sta affannando per fingere con mia madre che sia tutto ok. Vivono insieme, lei sospetta ma non chiede, lui fa i suoi comodi e lei anche. Quando siamo tutti insieme siamo una famiglia perfetta, la loro coppia non esiste più. Lei ci prova a far finta, lui no.
    E’ un cialtrone nei confronti di mia madre? Secondo me no.
    Con l’altra donna non so cosa si siano detti. Credo che lui sia stato abbastanza chiaro, non posso aggiungere dettagli ma anche lei ha una situazione familiare complicata quindi credo che non pressi più di tanto. Se invece lei ha chiesto cambiamenti e lui le ha fatto promesse che non ha mantenuto allora nei suoi confronti si, è un cialtrone anche mio padre.

  • elleelle, 14 Gennaio 2024 @ 09:35

    @Ale, scusa il commento chilometrico!

    @Mimi
    “eppure a leggerti anche tu sembri ancora tenuto in pugno dalla tua ex”

    Questa è una costante sul blog. Lo vedo spessissimo, donne e uomini che non si danno pace anche per anni perché è una storia è finita e continuano, in qualche modo, a tenerla viva dentro di sé, facendosi domande, accettando l’ennesimo contatto, continuando a fantasticare sui mille motivi per cui ha fatto quello e farà quell’altro.
    Secondo me chi si ritrova in questa situazione non usa davvero il potere del blog perché probabilmente non lo vuole recepire ma è tutto qui: @Ale e il blog ci dicono che statisticamente la maggior parte delle persone, delle relazioni, delle fini e delle ricostruzioni sono così, inutile cercare di essere a ogni costo l’eccezione. Per esserlo ci vuole la famosa botta di culo, ad alcune/i capita ma sono pochi, probabilmente non sarai tu e finché ti metti a zerbino probabilmente non ti capiterà mai.

    Per risolvere queste situazioni ci sono poche soluzioni: il no contact (adesso, non mettendoci tre anni, quello non è no contact, è sfinimento!), smettere di rimuginarci sopra, evitare incontri farlocchi e non necessari, accettare di essere state mollate e andare avanti.
    Continuare a chiedersi “Perchééééé????” in un lungo ululato di dolore ha senso i primi mesi, poi bisogna andare dallo psicologo e mettersi in riga alla veloce.
    Nella gran parte dei casi sei stata preso in giro, usata, ti hanno raccontato balle, nonostate l’amore proclamato e il futuro assieme sempre un passo più in là hanno scelto la moglie, assieme alla quale pubblicheranno foto da famiglia felice, ci saranno dichiarazioni d’amore ad uso e consumo dei contatti social, cercheranno di ricostruire senza riuscirci e ogni tanto si faranno vivi “perché stanno tanto male”. La maggioranza è un cialtrone qualsiasi e fa così, l’esigua minoranza prende una decisione.

    Prima di arrivare sul blog queste cose non le sapevo. Non ne avevo la necessità perché non avevo una relazione di amantato con una persona disturbata e perché il mio lavoro era quanto di più lontano si possa immaginare dall’intimo dell’essere umano. Ma nel momento in cui sono arrivata sul blog gli strumenti che mi ha dato li ho usati. Ho letto con attenzione, ho cominciato ad osservare, ho seguito i consigli della psicologa, ho fatto mio quello che diceva @Ariel sui narcisisti. Al terzo sgarro ho messo fine alla sua sceneggiata, ma fine vera.

    Ci sta che una persona i primi tempi dia il beneficio del dubbio, ci sta che si soffra, è assolutamente naturale e necessario per il nostro “sistema immunitario emotivo”. Bisogna starci male per ricostruire le proprie difese sotto forma di autostima ma poi basta. Basta pensare che lui non sia un cialtrone come gli altri perché solo tu hai trovato il “debole che soffre”. Basta cercare scappatoie per vivere la stessa storia a metà “con un’altra quadra”. Basta darsi il tormento, basta domande, basta ossessioni, basta chiedersi cosa farà lui anche dopo mesi dalla sua sparizione. Cosa starà facendo secondo voi, starà cercando di rientrare come meglio può (e cioè male) nella routine di prima in attesa di potersi fare di nuovo gli affari propri, non saranno mica tutti qui i 10% che ricostruiscono veramente, su!
    Il blog non fa altro che mostrarci uomini che scelgono la moglie e che poi ricontattano l’amante con la lacrimuccia, cosa fate, credete che sia proprio il vostro ex che ricostruisce? Il cialtrone che millantava amore per voi adesso sta millantando amore per lei, sveglia! Ci sono uomini che tromberebbero chiunque, secondo voi fanno fatica a ricominciare a fare sesso in casa, se mai hanno smesso?

    Ma questo comunque non ha alcuna importanza. Dopo tutte le cialtronate che ha fatto, quell’uomo è irrecuperabile, non vi ama, È FINITA, si impara la lezione e la volta dopo si evita. Se torna perché è andata male la ricostruzione in casa (tò che sorpresa…), la maggior parte delle volte avrete tra le mani lo stesso cialtrone in incognito che vi ha ripescato come ripiego e che non ha capito un tubo dal casino che ha combinato, per cui arriverà a fare con voi quello che ha fatto con lei e ci sono anche testimonianze a proposito sul blog.
    Invece bisogna ricominciare da capo, con una persona nuova che sa come comportarsi e ricambiare l’amore che siete in grado di dargli.
    Per trovarlo bisogna avere spazio di movimento e libertà, nella propria vita e nella propria testa. Non si trova finché si resta in casa a dilaniarsi sul perché un imbecille si è comportato male. È un imbecille, come si deve comportare, da intelligente?! Ma voi ci volete stare davvero con un imbecille?

  • Lia, 13 Gennaio 2024 @ 23:11

    Io personalmente ho interpretato lo sfogo di @Stefano come una semplice riflessione su ciò che si aspettava di leggere nel blog.
    A mio avviso quello che leggiamo qui non è diverso da quello che si vede fuori.
    @Stefano punta chiaramente il dito sui compromessi, accettabili e, forse, doverosi in tanti ambiti della vita ma MAI nei sentimenti, mai nell’amore!
    Questa è l’idea che lui porta avanti, che gli ha dato la spinta e la forza di chiudere con l’ex e che si legge in ogni riga dei post di Ale.
    Di conseguenza si aspettava di trovare donne molto più nette e risolute, e invece si ritrova a leggere storie intrise di compromesso.
    Non credo fosse una critica alla “persona” ma più ad un atteggiamento generalizzato.
    Si è costretti ad affrontare mille situazioni di compromesso nella vita, tutto ci spinge al carpe diem, che sembra quasi scontato doverlo fare anche nei sentimenti.
    Nella mia storia di amantato la differenza fra me e il mio ex è stata proprio questa. Io c’ero totalmente.
    Per lui, invece, io rappresentavo proprio un compromesso.
    @Stefano, quell’atteggiamento lo difendo anch’io.

  • Roberto, 13 Gennaio 2024 @ 22:57

    Sai @Mimi, ho notato che molte volte si tende a perdonare noi stessi e focalizzare solo l’attenzione sull’amante che ci ha trattato male. Non metto in dubbio che molti “cialtroni” abbiano fatto seriamente del male a tante di voi e ad alcuni di noi. Però se ci pensiamo, queste persone erano estranei incontrati sulla strada della nostra vita. Poi certo, hanno rappresentato l’amore, la sessualità, la perfetta alchimia tra noi e loro. Cose che avevamo perduto con i nostri coniugi ed improvvisamente ritrovate. Ma tutti sono stati più o meno presi in giro da estranei. Chi ritorna all’ovile senza raccontare, come fanno giustamente praticamente tutti, finisce per raggirare persone con cui si sono fatti dei figli, costruite vite, rapporti e tutto quello che c’è dietro un matrimonio, spesso di lunga data. Ora, sono d’accordo con te che anche loro sono responsabili, in parte, del nostro tradimento. Però io tutta questa differenza tra noi ed i nostri amanti cialtroni, mica la vedo.

  • Molly, 13 Gennaio 2024 @ 20:47

    quando @Molly parla dei figli degli altri racconta quello che è successo ai suoi e fa riferimento al deficit che non è riuscita a colmare a casa sua. Quello che scrive non è contro nessuno ma traspare davvero “il quadretto perfetto della letteratura irlandese dei Dubliners, con lei paralizzata nella propria vita e che si sente senza via d’uscita”, e purtroppo non è ancora pronta per vivere appieno e non possiamo aiutarla più di quanto gia non facciamo.

    Non so chi tu sia, ma hai preso la classica mucca per le balle! I Dubliners li vedo qui nel blog, gente che non ha cambiato in nullala propria vita e si sente solo in grande depressione e senza prospettive di poter fare dei cambiamenti. Io e mio marito abbiamo fatto un cambiamento enorme, siamo una nuova coppia e abbiamo scavato e gettato tutto all’aria per costruire una nuova relazione.

    Molly

  • Molly, 13 Gennaio 2024 @ 20:38

    “Permettimi un’osservazione @Mimí, ma una persona che torna dal proprio coniuge dopo aver tradito perché l’amante non ha fatto il passo, non prende anch’essa per il culo il proprio marito o la propria moglie?”

    Assolutiamente sì. Roberto!! Ha preso per il culo il oconiuge prima e continua a farlo in una forma diversa. Vale anche ep rte, immagino…

  • maribel, 13 Gennaio 2024 @ 18:34

    @stefano
    Ti danno fastidio le storie incompiute che leggi qui perché in parte rivedi la tua storia. Rivedi te che avresti voluto coronare il tuo sogno e lei che invece è tornata a casetta e ora è serena – o ti dice di esserlo – e tu non te ne capaciti.
    Non hai ancora accettato questo finale e quindi non accetti qurlli che gli assomigliano.
    Quando troverai la tua strada non ti darà più così fastidio leggere storie, le.leggerai cosi come quando le leggi in un libro o le vedi in un film. Secondo me ora tutte le storie sono la tua, il cuore sanguina ancora e niente di nuovo è ancora in grado di riempire quel grande vuoto.

  • Lia, 13 Gennaio 2024 @ 15:36

    @Cossora datti una calmata!
    Hai colto la palla al balzo l’ennesima volta per sciorinare quello che fai con il tuo amante!
    Credimi, a me fa solo piacere se ti diverti a fare con lui cose che ti fanno stare bene!
    Se ti fanno stare così bene e sei serena, perché poi avere tutta questa esigenza di raccontarle proprio qui, lo sai tu.
    Forse inconsciamente speri di suscitare invidia, tant’è che continui a ribadirlo.
    Tranquilla, ho già dato! Non trovo affatto bello girare mano nella mano con un uomo di un’altra o farci le gite insieme, anzi, quando le racconti penso solo menomale! Sarei potuta restare incastrata in una situazione del genere per altri anni. Preferisco il senso di libertà e leggerezza che vivo in questo periodo. Questo perché la pensiamo in modo totalmente diverso adesso.
    Il solo punto che mi interessa e su cui mi piace dibattere è il fatto che accetti l’esistenza di un’altra donna pur amando quest’uomo, che non cerchi l’esclusiva, insomma!
    Per tutto il resto, preferisco la mia di situazione.
    Ma se devi prenderla così, passo oltre eh!

  • Mimi, 13 Gennaio 2024 @ 13:55

    @Stefano ti avrei risposto con le esatte parole di Ellelle.
    Ti “scoccia” vedere e leggere di persone che non ne sono venute fuori ma ognuno ha il diritto di sbatterci il muso quanto vuole. Io sono arrivata qui dopo un anno dalla prima lettura del blog e dopo già 7 mesi di terapia. Fossi arrivata appena ho iniziato a leggere sarei stata uguale alle altre, mi avresti scritto commenti del genere per un anno. Noi siamo qui a spronare, a raccontare come abbiamo fatto, tanto é vero che a nessuna delle nuove arrivate importa di come sta ora chi ne é uscito, importa come ha fatto ad uscirne. Chiedono sempre e solo quello ed é giusto così, hanno bisogno di sentirci parlare di quello non delle nostre nuove eventuali storie o vite.
    E comunque, anche se tu dici sempre di no, penso tuttora che tu abbia qualcosa di enormemente irrisolto con quello che ti ha lasciato la tua ex. Non sarà la sua mancanza, sarà il rancore, sarà anche la situazione familiare che hai accettato per ora di vivere ma tu, per me, sei uno di quelli che ancora non é andato oltre. Non sei un buon esempio di chi ce l’ha fatta Stefano, ti sgoli così tanto a ripetere sempre lo stesso mantra che ti dispiace/da fastidio vedere dopo mesi ancora donne ferme lì eppure a leggerti anche tu sembri ancora tenuto in pugno dalla tua ex. Non serve necessariamente l’amantato o l’amore per essere ingabbiati, bastano anche rabbia e rancore. E di quelli tu ne hai ancora a valanghe secondo me.

  • elleelle, 13 Gennaio 2024 @ 12:56

    @Leilei
    Ne ho parlato più volte, ero molto più giovane ed ero single.

  • Cri28, 13 Gennaio 2024 @ 09:46

    Stefano, ti cerchi il gruppo di simili, per sentirti rassicurato sul fatto che hai ragione e hanno torto i brutti amanti che tornano a casa e vivono, nonostante la loro incoerenza. Per me, lo fai perché sei ancora insicuro, perché ciò che hai provato ti manca ma non sei certo di ritrovarlo, perché non hai il pieno coraggio che dici di avere. La tua condizione, in realtà, è normale. In queste situazioni, è normale non essere sicuri delle scelte, vivere dei conflitti, dubitare.
    Se pero sei coerente con te stesso e in pace, via via ti passa, riesci a confrontarti con chi non la pensa come te e vive in modo diverso. Io qui mi sono sentita dire tante cose, ma so che se lasciassi mio marito o mettessi il mio amante in condizioni economiche e familiari pesanti, non starei bene. E perciò accetto anche le opinioni, se mi fanno un po’ male ci ragiono, vedo la parte giusta e la buona volontà di chi mi parla e mi rassereno.

  • elleelle, 13 Gennaio 2024 @ 08:37

    @Cossora
    “La verità è che quando le gente rimane sola o infelice col coniuge che non sa mollare, ha tanto tempo libero e invece che farsi un corso di cucina lo spende a criticare quello che vede in piedi intorno a se per convincersi che infondo sta meglio solo o col coniuge che non ama. Inutile che ci giriamo intorno.”

    Ritorni indirettamente al tuo tema favorito e cioè l’invidia ma non è così. Ognuno sta bene nella consapevolezza che ha maturato per se stesso/a.
    C’è chi preferisce stare da sola/o piuttosto che vivere un amantato perché ha capito che non è quello che vuole, perché gli mancherebbe una parte fondamentale e cioè la libertà di non essere in una relazione in cui si condivide un uomo con un’altra donna.
    Tu la pensi in un modo, dall’altra parte si potrebbe pensare che tu invece da sola proprio non ci sai stare e accetti questo compromesso. Si è semplicemente su percorsi diversi, con idee diverse.
    Come noi dobbiamo accettare che tu stai bene dove sei, anche se a volte i tuoi racconti scricchiolano, tu devi metterti il cuore in pace e accettare di non essere oggetto di invidia o ispirazione.
    Secondo me sarebbe il caso che tu cercassi di capire perché hai questo forte bisogno di essere invidiata e ti senti piccata quando questo non succede, tanto da continuare ad accusare gli altri. Spesso chi parla così tanto di invidia, è perché è invidiosa lei stessa. In psicologia si chiama proiezione, cioè proietti sugli altri quello che fai tu ma l’invidia non è mai stata una gran qualità.
    Penso che dovresti metterti il cuore in pace: secondo me qui sul blog non ti invidia nessuno, soprattutto se devi ricattare il tuo amante usando lo spauracchio di fare sesso con altri. Nessuna di noi vuole essere così. Nessuna di noi, neanche chi sta bene con l’amante, vorrebbe dirgli quello che gli hai detto tu.

  • elleelle, 12 Gennaio 2024 @ 22:47

    @Stefano
    Mi domando: ma tu lo leggi davvero il blog o dai solo una scorsa e leggi in modo selettivo?
    Perché a volte mi sembra che tu stia sragionando.
    Cosa vuol dire che dovremmo essere di esempio? Non abbiamo fatto già abbastanza, non aiutiamo e motiviamo abbastanza?
    Io posso parlare di quello che è successo a me e di come ne sono uscita io ma se una persona vuole fare diversamente non la posso obbligare a fare come me anche se so che si andrà a schiantare contro a un muro.
    Tu che esempio dai? Sei ancora in casa, la tua compagna non sa che hai avuto una relazione con una sua (falsa) amica e fino a poco tempo fa uscivi con una donna che non ti interessava e che trovavi un po’ squilibrata.
    Anche tu stai facendo tutto per quieto vivere e non in nome di chissà che ideali, per cui perché questo richiamo accorato proprio a noi?
    Ti sembra che la maggior parte delle persone sia ipocrita e non valuti l’amore vero? Secondo me non è così, è più cinismo che ipocrisia. Cinismo che deriva dalla fregatura che è stata presa ma quasi tutte siamo in grado di vedere la differenza.
    Ma cerca tu di capire che non puoi riporre tutte queste aspettative nelle utenti di un blog, devi stare coi piedi per terra. Capisco che sei arrivato qui in un momento di forte delusione ma nessuno qui può fare il miracolo che tu vorresti e cioè di un mondo completamente morale ed etico.
    Cosa vorresti da ognuna di noi, un esempio perfetto? Non sarà mai così, devi darti pace perché anche tu non sei un esempio perfetto.

  • Leilei, 12 Gennaio 2024 @ 22:36

    Elleelle scusa, non ho capito, ma hai tradito più di una volta e più di 10 anni fa?

  • Mimi, 12 Gennaio 2024 @ 20:53

    @Roberto la mia frase era rivolta al fatto che loro hanno deciso di rimanere in casa ma allo stesso tempo non stanno tenendo in bilico un amante per indecisione, a differenza della quasi totalità dei nostri amanti uomini.
    La tua osservazione sul prendere in giro il coniuge sarebbe anche corretta se non fosse per il fatto che, a mio personalissimo parere, sono pochi tendenti allo zero i coniugi che non si accorgono di una relazione extraconiugale dell’altro. Se non ci si rende conto di una relazione pluriennale del proprio compagno/a vuol dire che non si presta più attenzione a lui/lei e alla coppia e questa convinzione non me la leva nessuno. Non c’è una che sia una delle vostre storie in cui si potrebbe pensare che i vostri coniugi non sospettino nulla, forse forse il marito di Beatrice? Che poi lei non ne parla, quindi magari anche lui si é accorto del suo allontanamento.
    Persino il mio ex compagno si era accorto del mio cambio di rotta e stavamo insieme da molto meno di tutti voi. Ha sospettato, ha voluto sapere, tempo pochi giorni aveva nome cognome pur non sapendo cosa ci avessi fatto. Io ho sminuito momentaneamente la cosa e lui, pur di andare avanti, ha messo da parte tutto. E quando io ho deciso di andar via di casa (il motivo principale non era ovviamente l’altro ma bastava fare 2+2 per capire che era una delle cause) ha anche provato a trattenermi.
    Chi rientra e rimane dov’è a seguito di una non evoluzione dell’altra sicuramente é scorretto ma dall’altra parte la stragrande maggioranza delle volte c’è qualcuno che vive mettendosi appositamente i paraocchi per evitare l’evidenza.

  • Roberto, 12 Gennaio 2024 @ 19:37

    @Cossora “La verità è che quando le gente rimane sola o infelice col coniuge che non sa mollare, ha tanto tempo libero e invece che farsi un corso di cucina lo spende a criticare quello che vede in piedi intorno a se per convincersi che infondo sta meglio solo o col coniuge che non ama. Inutile che ci giriamo intorno.”
    Scusa, era indirizzata a me questa affermazione?

  • Roberto, 12 Gennaio 2024 @ 13:16

    @Mimi “Sono state innamorate anche loro e se i loro amanti si fossero separati invece che prenderle in giro lo avrebbero fatto quasi tutte (il “quasi” include le eccezioni come la tua ex). Invece sono arrivate qui proprio perchè sono state prese per il culo.”
    Permettimi un’osservazione @Mimí, ma una persona che torna dal proprio coniuge dopo aver tradito perché l’amante non ha fatto il passo, non prende anch’essa per il culo il proprio marito o la propria moglie?

  • Cossora, 12 Gennaio 2024 @ 09:18

    @ariel sono d’accordo con il tuo post in maniera quasi totale. Vivendo questa relazione da anni, e avendo trovato un bell’assetto negli ultimi due (ormai tre) mi riservo -occhi sempre aperti e memoria in primo piano- di proseguire su questa strada.

  • Cossora, 12 Gennaio 2024 @ 09:15

    Cri28 Roberto, non so cosa intendi per amantato leggero e sinceramente non ho requisiti in base ai quali classificare rigidamente le relazioni che vivo o le cose che sento.

    La verità è che quando le gente rimane sola o infelice col coniuge che non sa mollare, ha tanto tempo libero e invece che farsi un corso di cucina lo spende a criticare quello che vede in piedi intorno a se per convincersi che infondo sta meglio solo o col coniuge che non ama. Inutile che ci giriamo intorno.

  • Cossora, 12 Gennaio 2024 @ 09:13

    @lia, rispondo a 3 insinuazioni su 10. Sempre tuoi tra l’altro. Ma cosa vuoi? Che ti dica che non è amore? Che è una scopata? Che non ci parlo, non ci treniamo per mano, non ci facciamo regali idioti, non ci guardiamo film sul divano, non organizziamo sciate, non andiamo a fare la spesa, non facciamo colazione con gli amici.. cosa vuoi?
    Ci scopo e mi faccio pagare le ferie. Così sei contenta? Non provo nulla, è un rapporto puramente interessato. Il primato dell’amore ce l’avete solo tue e il fantascientifico uomo perfetto che ti amerà a vita e che passerà ogni esame qui sul blog.. ti prego di scrivere quando lo incontri perchè non sto più nella pelle.

  • Cri28, 12 Gennaio 2024 @ 08:47

    Non so, Roberto, può darsi, non ho pretese di sapere cosa sia il vero amore e di saperlo offrire. Per me conta più la costanza nella presenza, per ciò che si è. La sola cosa che mi preoccupa è che, se continueremo a frequentarci, potrebbe esserci un momento in cui uno starà male e l’altro non potrò fare nulla. Ma sono conseguenze delle proprie scelte.

  • elleelle, 12 Gennaio 2024 @ 07:22

    @Ariel
    Ormai abbiamo capito che esistono relazioni tossiche ma non hanno tutte lo stesso livello di tossicità, altrimenti di nuovo saremmo tutti in manicomio.
    Ti posso dire che tra il mio amantato di decenni fa e quello con il mio ex non c’è alcun paragone. Quello di decenni fa era una relazione tranquilla e onesta, non era “sana” perché lui era sposato ma mi ha sempre trattato benissimo. Non ne esci traumatizzata da una relazione così, ne esci eventualmente con un periodo perso della tua vita e amen.
    Quella con il mio ex invece è stata una relazione devastante, che ho dovuto in qualche modo spiegare ai miei figli che mi vedevano piangere, dimagrire ecc. Loro questa spiegazione l’hanno accettata ed elaborata, ma non ne hanno avuto un danno permanente che li renderà incapaci di amare in futuro, anche perché a loro di amore sincero ne viene dato tutti i giorni. Semmai spero abbiano ricevuto una “lezione” positiva e cioè non avere amici che ti fanno piangere.
    Io e mio marito in casa abbiamo qualche rara, accesa discussione come in qualsiasi famiglia dove poi alla sera si fa sesso, magari controvoglia.
    Ma io e lui parliamo, scherziamo, li coinvolgiamo, abbiamo il momento del film serale tutti assieme, facciamo gite nel fine settimana…
    Guarda, ti faccio un esempio che ha lasciato male anche me. Al compleanno del figlio, una mia amica e suo marito, che sono in rotta, non si sono parlati. Tre ore di pomeriggio senza parlarsi. Come me ne sono accorta io se n’è accorto il figlio e sto aspettando il momento giusto per parlarle, perché questa è una cosa molto negativa.
    Io e mio marito ci parliamo ai compleanni dei nostri figli e non è uno sforzo, ci parliamo perché è normale e lo facciamo giornalmente.
    Ai miei figli in futuro potrà capitare di vivere una relazione che finisce e spero che possano essere civili con il partner visto che sono riusciti a esserlo anche mamma e papà.
    Questo per dire che prima di tacciare una persona di essere un cattivo genitore e di indirizzare i figli sul cammino del fallimento emotivo, bisogna fare attenzione. Se in famiglia c’è una situazione di abuso certo che bisogna suonare subito il campanello d’allarme ma se non è così, se comunque l’atmosfera è pacifica e i bambini sono amati e seguiti, io sarei meno catastrofista e comunque mai userei i figli altrui per dare una stoccata a un’amante.

  • Stefano, 12 Gennaio 2024 @ 01:55

    @Mimi
    “le storie che piacciono a te, purtroppo, sono sui blog d’amore perchè chi ha storie a lieto fine senza soffrire come un cane prima non passa da qui”

    La tua risposta ha all’interno riflessioni interessanti in relazione a come la presenza o meno dei figli può influire sui percorsi. Condivido. Per il resto io non cerco storie a lieto fine da blog d’amore, ma storie gestite con coerenza al di fuori del cliché degli amanti che vivono doppie vite di comune accordo. E lo faccio proprio perché, come dici tu, qui non mi risulta ci siano persone che raccontano quanto stiano bene il venerdì o in pausa pranzo con l’amante e poi nel weekend con le relative famiglie. Qui ci sono persone che soffrono ma accettano di essere messe ai margini per poi fare trapelare in qualche frase un disagio profondo che arriva fino alla ripicca del “se non scopo per un mese, troverò qualcuno con cui farlo”. Abbastanza triste per quello di cui parliamo qui, lecito in altri contesti. Qui si raccontano spesso rapporti sbilanciati in cui il disagio diventa il sentimento prevalente ma si sta lì. Si parla spesso di storie in cui si chiede più presenza ed esclusività senza poi poterla dare al 100% e non basta la contabilità del “io do’ il 40% e lui il 10%” perché è comunque un part-time. Si parla di storie in cui si proseguono rapporti con coniugi ignari dopo aver etichettato l’amante come cialtrone perché torna a casa dalla moglie o dal marito. E cosa cambia? Vogliamo dire che amare vuol dire dare esclusività? Che non è corretto continuare relazioni con coniugi che sono stati traditi per anni amando un’altra persona? Vogliamo dire che bisogna essere coerenti quando si chiede qualcosa all’altro diventando i primi a farlo? Vogliamo dire che si può fare? @Ale lo ha spiegato 1000 volte. Una cosa se si vuole fare si fa. Compreso prendere il coraggio a due mani e lasciare andare questi amanti che ci danno briciole dicendo che ci stanno dando un pranzo completo! Diamo l’esempio a chi arriva e facciamogli capire che da certe persone bisogna staccarsi, che anche se è dura, è giusto così. Per il nostro benessere, per il nostro amor proprio. Resterà quella delusione che io ho ancora dentro. Quella penso non si cancellerà mai ed è proprio quella che mi fa disprezzare talmente tanto la mia ex da non volerla più vedere. Una volta tolto l’ossigeno, il sentimento col tempo svanisce e si riesce a vedere bene con chi avevamo a che fare.

  • Stefano, 12 Gennaio 2024 @ 01:03

    @Cossora
    “nelle tue lamentele non abbiamo distinto la tua riflessione Puoi essere più preciso senza personalizzare? Che tipo di parere cerchi?”

    Non ho lamentele, non cerco pareri. Ho soltanto espresso una mia sensazione, un mio disagio, un mio punto di vista. Dico e penso da sempre le stesse cose che scrive @Ale. Ho sposato ogni singola riga di quello che ho letto nei suoi articoli e mi sono riconosciuto quasi al 100%. E mi sembrava fosse così per tutti noi. Mi ha dato anche qualche scossone molto diretto e non sempre piacevole per cercare, quando ero nel pantano, di farmi aprire gli occhi e guardare in faccia la realtà. Di riconoscere l’amore e il non amore. Di dirmi che da quella sensazione di benessere fugace alternata a prese in giro e sofferenza era meglio uscire. Anche per amor proprio e per non alimentare l’ego e i desideri di una persona che dice di amare ma non lo dimostra. E ora che gli occhi li ho bene aperti continuo a condividere le sue idee. Mi piacciono e mi piace la sua visione del mondo in cui gli amanti seguono pochi principi fondanti dell’amore: passione, divertimento, esclusività, coerenza, sincerità, progettualità. Rispetto di sè e degli altri, compresi coniugi, o presunti tali, e amanti. Niente doppi giochi, niente recitazioni, niente struggimenti che non siano sentimenti ed emozioni. Una visione che dovrebbe essere la norma per noi che siamo qui visti gli argomenti e la filosofia del blog. Se non ci sono questi presupposti, si chiude baracca e burattini. Non si va avanti per mesi o anni barcamenandosi per poi scrivere qui ed entrare in diatribe che ciclicamente ricompaiono tra noi che dovremmo avere gli stessi principi e sostenerci oltre a sostenere i nuovi arrivati che nel centro del tifone ci sono in pieno. E se è difficile lasciare andare, come lo è stato per me e per altri, siamo qui per parlarne e darci una mano ad andare oltre come @Ale per primo cerca di fare. Non dovremmo essere qui, a mio parere, per giustificare ogni cosa per stare nelle situazioni che diciamo di non condividere ma che accettiamo. Dobbiamo essere esempio per chi dal tifone deve sapere che si può uscire e non si muore. Anzi si riparte. Con difficoltà ma si riparte e ci si fa del bene. Non bisogna aver paura di perdere chissà che cosa, perché si guadagna altro. A meno di essere amanti come tutti gli altri. Quelli che se la vivono serenamente nella doppia vita reciproca o che accettano tutto anche se il rapporto è sbilanciato. Ma allora tutti i discorsi che facciamo qui perdono significato. Perché varrebbe tutto e tutto sarebbe giustificato. Tutto qui. E non capisco perché se esprimo io questi concetti, i miei sono atteggiamenti infantili. Se li esprime @Ale sono cose sagge per tutti. Che io sia stato amante deluso, che abbia sofferto non rende il mio pensiero diverso dal suo che è un esperto dell’argomento e ha una situazione stabile. Spero di aver chiarito il mio pensiero.

  • Leilei, 11 Gennaio 2024 @ 22:18

    Sono Leilei, Cossora non è che Lia voglia farti le pulci, ma il fatto è che le tue dichiarazioni sono un po’ contraddittorie.
    Quello che credo voglia farti notare, è che avendo lui quasi tutti i weekend pieni con figlio e famiglia, tu devi adattarti alle sue tempistiche.
    Inoltre anche se volessi non potresti organizzare uscite con le amiche, perché lui non è il tuo “fidanzato”.
    Quello che cerchiamo di farti capire è che c’è molta differenza tra scegliere di non avere accanto un uomo H24 e avere un uomo che non può essere con te tutte le volte e quando vorresti, perché deve farlo di nascosto.

  • Lia, 11 Gennaio 2024 @ 22:01

    @Cossora, se per te è amore, chiamalo così. Facevo solo notare che, a differenza tua, leilei e Cri28 la vendono come un rapporto molto meno sentimentale e più riempitivo.
    Mammamia però, vieni qui a vantarti di tutto quello che fai con lui e non si può dire nulla…

  • Roberto, 11 Gennaio 2024 @ 22:00

    Ciao @Cri28. Per me un amantato leggero è quello nel quale io frequento un’altra persona, torno a casa mia e vivo la mia vita aspettando il prossimo appuntamento, senza angosce e senza gelosie. Dove nessuno vuole rivoluzionare la sua vita. Un bel gioco e basta. Ma può esistere solo dove non c’è un sentimento vero. Perché se io amo una persona voglio stare con lei. Sempre. E sono anche geloso del suo coniuge in quanto può avere quello che non ho io. Tutto il resto sono splendidi passatempi vissuti con allegria e serenità.

  • Ariel, 11 Gennaio 2024 @ 18:39

    @Cossora nessuno ha la famiglia perfetta semplicemente perché esseri umani sono imperfetti tutti.
    Ma ciò che conta davvero scientificamente parlando e cioè in base a ciò che la scienza abbastanza recentemente ha scoperto esistere veri meccanismi negativi di modi di relazionarsi con non importa quale ruolo se coniugi amanti fidanzati o scopatori seriali

    Esiste un vero innovativo decalogo degli schemi sempre uguali che vedono come mai sempre in una coppia esista spesso chi si adatta troppo al altro sacrificando la propria vera autostima
    Perdendo di vista il cosa sia il vero equilibrio di Autostima

    Quando autostima va fuori controllo si vivono relazioni tossiche

    Sia può accadere tra coniugi o fidanzati ma anche tra amanti ,anzi spesso tra amanti resta ovviamente più difficile e complesso riuscire a capire questi meccanismi ,logicamente proprio perché resta almeno inizialmente una relazione nascosta o da entrambi o anche fosse da uno dei due soltanto non funziona mai !

    Questo nascondere scienza ci spiega non essere affatto producente di cose buone per propria salute psicofisica perchè spesso chi si sottomette non ha affatto la sensazione di sottomettersi non percepisce nessuna manipolazione negativa perchè tutto il danno si produce come un principio attivo di veleno a lento rilascio.

    Così per questo resta così importante documentarsi sempre meglio e di più perché grazie a vera ricerca scientifica in questo campo si sono messe a punto vere terapie fatte apposta per superare questi gap di vere relazioni tossiche che per questo motivo che sono capaci di durare anche anni
    Poi però prima o poi la magagna esce fuori e allora resta ancora più faticoso risalire da vere prese per il culo
    Chiamasi Cialtronzi perché approfittano della dipendenza affettiva che le prede hanno senza manco rendersene conto fino allo scarto finale che sempre avviene improvvisamente del tutto inatteso ed estremamente doloroso uscirne!

    Prima si,Ci si cura ,meglio resta per se stessi e per i propri figli !
    Non necessario convivere per vivere relazioni sane ,ma necessario essere LIBERI TOTALMENTE ENTRAMBI!!!

  • Mimi, 11 Gennaio 2024 @ 16:08

    @Stefano le storie che vuoi tu, come quella di Rinascita, sono 4 casi su 10 e come vedi qui ne abbiamo solo una che scrive, tutti gli altri che scrivono qui lo fanno in seguito a delle cantonate prese. Chi ne è uscito non torna qui a sventolare la nuova vita, torna per dire a chi è ancora invischiato come si fa.
    Le donne hanno lo stesso diritto degli uomini di scegliere a convenienza, soprattutto quando i mariti sono consapevoli e silenti e soprattutto quando non stanno tenendo in piedi a menzogne un amante.
    Io e Lia ci siamo separate ma, correggimi se sbaglio Lia, ne io ne lei eravamo sposate e avevamo figli. Se avessimo avuto queste altre due condizioni probabilmente anche noi davanti al tentennamento dei nostri ex amanti ci saremmo prese più tempo, avremmo cercato delle conferme. Sarebbe stato molto più complicato che prendere una valigia e rimetterci dei soldi e anni di vita (per quanto entrambe sappiamo quanto sia stato un caos già così). Ma un conto è una valigia, un conto sono dei figli. Poi magari lo avremmo fatto comunque, vedi Cossora che io ammiro tantissimo, ma ci sono mille variabili ed è giusto che anche la donna pensi alla propria convenienza, bello o brutto che sia da accettare. Sono state innamorate anche loro e se i loro amanti si fossero separati invece che prenderle in giro lo avrebbero fatto quasi tutte (il “quasi” include le eccezioni come la tua ex). Invece sono arrivate qui proprio perchè sono state prese per il culo.
    E il loop riprende ricominciando a leggere il mio commento da capo.
    Ripeto: le storie che piacciono a te, purtroppo, sono sui blog d’amore perchè chi ha storie a lieto fine senza soffrire come un cane prima non passa da qui. Chi soffre e ha un lieto fine (4 casi su 10, ammesso che scrivessero tutti) sarebbero troppo pochi per essere rilevanti qui in mezzo.

  • elleelle, 11 Gennaio 2024 @ 15:55

    @Stefano
    Ma tu cosa vuoi esattamente da noi e dal blog? Cosa dovremmo soddisfare delle tue aspettative e perché?
    Secondo me le tue sono proiezioni, cose che vorresti fare tu ma che non riesci a fare e addossi a noi, al blog, al mondo la responsabilità della tua delusione.
    Non va bene così, Stefano.
    Qui si parla di amantati che spesso vanno a finire male. La maggior parte di noi ha messo fine a un amantato malsano e questo è più che sufficiente. Non puoi dare a noi la responsabilità di farti vedere chissà che mondo migliore in cui l’amore vince su ogni cosa. È una pretesa un po’ infantile.

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 15:30

    @stefano allora forse nelle tue lamentele non abbiamo distinto la tua riflessione.
    Puoi essere più preciso senza personalizzare?
    Che tipo di parere cerchi?

  • Cri28, 11 Gennaio 2024 @ 15:19

    Roberto, non so cosa intendi per amantato leggero e sinceramente non ho requisiti in base ai quali classificare rigidamente le relazioni che vivo o le cose che sento. Di una cosa, però, sono certa, per me, l’amore è opposto della sofferenza, è proprio la sofferenza a dire che una relazione è sbagliata, sbilanciata, non adatta a sè.

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 14:56

    @lia facciamo così, dammi un termine alternativo ad ‘amore’ così qui sul blog mi conformo alle tue scale universali certificate e non uso più termini impropri!
    Che pesantezza.

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 14:50

    Si che vuoi farmi le pulci @lia ma vedi, io ho dei figli, e una vita, oltre a lui.. non sono li ad aspettare che mi dica il venerdì sera ‘domani forse beviamo un caffè’.
    Abbiamo programmato due week end a calendario in gennaio, il primo dopo libero sono via con la mia migliore amica.
    Però grazie per la tua attenzione .. anche meno 🙂
    Adesso seriamente: ma a quasi 50 anni ci sono veramente donne che vorrebbero ogni week end dedicato al partner? Cosa hanno fatto fino ad ora?
    Io dovrei sacrificare troppe amicizie (i figli non se ne parla nemmeno) di anni e anni. Non lo troverei giusto. e non ditemi di uscire con le amiche e con lui insieme. Non le ho mai sopportate quelle che invitano fidanzati nelle serate tra amiche, mi sembrano terrorizzate dall’idea di perderli e poi hanno atteggiamenti completamente fuori luogo, alterano il nostro modo di stare insieme.

  • Ariel, 11 Gennaio 2024 @ 13:43

    Ciao care @Harya et @Maribel
    Come state???
    Grazie dei vostri saluti che contraccambio ,spero tanto per voi che si avvicini il giorno della vostra vera conquista di LIBERTÉ che passa inevitabilmente per separarsi da rami ormai stecchiti da tanto sono secchi!!
    Adattarsi al ramo secco non da nessuna vera joie de vivre!
    Che solo si conquista a suon di vere fatiche concrete azioni che vi auguro non facciate passare i decenni

    Perché il tempo no essere infinito ,ahimé purtroppo!,
    Ogni giorno passato ad adattarsi rimettendo in cantina i propri VERI SOGNI resta perduto!!!

    Coraggio ragazze stupendeeeeee!!!

    LIBERATEVI DI ZAVORRE MARITI DE GNIENTE DE BONI!!!!!

    Ahahah
    Vi abbraccio da qui
    Oltralpe sono quella del oltralpe! Ahahaha et
    Mais voila la plus Vieille femme sur terre !

    Encore vivanteeeee!!!
    Ahahah

    Oui ,je suis moi,
    Ariel

    Ahahah bisous , les Filles!!!

  • Lia, 11 Gennaio 2024 @ 13:24

    E no @Roberto, Cossora parla di amore ed è tutta lì la differenza con leilei e Cri28

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 13:00

    Sono d’accordo con @elleelle “Secondo me come siamo in grado di vivere un amantato “compartimentalizzandolo”, cosa che ci permette di tornare a casa e fare finta di niente, così si può riuscire a tenere una crisi di coppia entro le porte della propria camera da letto.”

    Come sapete a suo tempo ho fatto terapia con quello che era il mio quasi exmarito per sapere come muoverci con i nostri ragazzi. Noi che siamo stati coppia da baci sul divano mentre guardavamo la tv, che cosa stavamo ‘trasmettendo’ ai nostri ragazzi?
    La terapeuta fu molto tranquillizzante: partiamo dal l’assunto che volete separarvi, se avete smesso di baciarvi e tenervi per mano, separarvi sarà una conseguenza coerente. Il ‘male’ risiede nell’ambivalenza. Fingere di stare bene o di essere affiatati e poi in casa indifferenza e ‘mamma e papà si separano’. Se siete in crisi da un’ora, loro lo hanno percepito a livello istintivo 59 minuti fa. Se siete coerenti e rispettosi, gli serve solo il tempo di capire che la famiglia di tipo ‘a’ è mutata o sta mutando nella famiglia di tipo ‘b’. Non perdono fiducia in voi.
    Non avranno la famiglia perfetta ma nella vita prima o poi ci si trova a dover rielaborare rapporti con capi, colleghi, amici, amanti. Prima o poi queste cose si affrontano crescendo.

  • Lia, 11 Gennaio 2024 @ 12:58

    @Cossora
    “Guarda non so. Veramente. A sua ‘discolpa’ posso dire che a sciare ci va quasi ogni week end in stagione con il figlio in quanto ufficialmente impegnato.”
    Non per fare le pulci, ma non avevi detto che il we lo passa con te?

  • Stefano, 11 Gennaio 2024 @ 12:41

    Non capisco cosa c’entra la mia riflessione con un’analisi del mio stato d’animo, della mia situazione, eccetera. Non è che se si fa una riflessione poi bisogna replicare andando sul personale senza entrare nel merito degli argomenti espressi. È una prassi un po’ polemica, personale e poco costruttiva che vedo spesso qui. Il dialogo non si costruisce dicendo “e ma tu… ” ma lo si fa entrando nel merito delle cose. Quindi se possibile mi piacerebbe sentire pareri sulle cose che ho detto, non su di me. Su di me si può dire qualsiasi cosa, bella o brutta. Per me non è un problema. Ma non risolve i dubbi su quello che leggo e che vorrei capire. Per quanto riguarda il mio percorso se vogliamo parlarne apriremo un capitolo dedicato e risponderò. Ma non penso sia utile e interessante per l’argomento del blog. Sono fuori da ogni situazione di amantato, ricostruzioni, struggimenti, rapporti recitati, eccetera e la mia esperienza personale o il mio stato d’animo attuale non possono contribuire al focus della Casa di Ale che è: due amanti, di cui uno o tutti e due amano l’altra persona come si dovrebbero comportare? Se due amanti si frequentano per passione ma senza amore e senza voler lasciare le proprie situazioni, non c’è bisogno di parlarne perché sanno già cosa devono fare e va bene così ad entrambi. Nessun problema, nessuna sofferenza. Tutto molto semplice.

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 12:13

    @love non era un’offesa, infatti! Era per rispondere al fatto che tu dicessi di me che non parlo del nostro sentimento e dei risultati raggiunti insieme.
    Sono affari nostri, tanto lo sai già che cosa succede qui, la santa inquisizione, non vi amate, non ti ama, lo sfrutti.
    Ho già incassato a suo tempo (e sotto certi aspetti ringrazio).
    Porto pari pari le cose come sono con il puro scopo di dare una ulteriore modalità di amantato, poi se @leilei crede che io evinca ‘spende così, quindi mi ama’ (che in realtà è quel che evincerebbe lei dalla mia situazione) la lascio parlare, lascio parlare tutti.
    Riguarda loro, non me!

  • elleelle, 11 Gennaio 2024 @ 12:12

    @Stefano
    Concordo con le altre risposte che ti sono state date.
    Come ti ho detto in passato, non puoi addossare a chi scrive su questo blog la responsabilità di farti vedere l’amore e ridarti la fiducia nei rapporti sentimentali. Questo per te stesso puoi farlo solo tu. Se vuoi l’amore vero, devi uscire da casa e cercartelo tu, e costruirlo con una donna seria e in gamba, non con una contaballe come la tua ex, che di segnali te ne aveva dati.
    Qui ci sono persone che credono nell’amore. Lia, Marcelle, Rinascita, Mimi, Ariel, ci sono utenti che non scrivono più ma ci sono.
    Io ci credo nell’amore, solo che non ho modo di trovarlo per la vita limitata che faccio e non mi metto certo a cercarlo online. Sono uscita per andare in un locale 1 volta nell’ultimo mese, sarebbe un’incredibile botta di fortuna trovare l’amore in così poche occasioni.
    Le pochissime volte che mi capita, però, non porto avanti nulla con una persona con cui non sono in sintonia.
    Il primo che deve agire sei tu. Se ti puoi separare e cominciare una vita indipendente, per qualsiasi donna che incontri la tua vita da single sarà una facilitazione. Se resti in casa, ti eviteranno e non puoi biasimarle.
    Se non vuoi uscire da casa per motivi economici, perché non trovi casa ecc., ci sta, capisco benissimo però non farti deprimere da questa situazione. Puoi comunque frequentare persone che non si comportano come la tua ex. Devi solo essere un minimo più selettivo e non impelagarti in rapporti che non ti interessano ma da cui fai fatica a uscire.

  • elleelle, 11 Gennaio 2024 @ 11:56

    Ciao @Harya
    Sono elleelle, che bello risentirti, spero che tu stia bene e magari che ci sia qualche novità interessante.
    Se ci leggi sai come sono messa e cioè calma, ci sono poche novità. In questo periodo c’è questa piccola fiammella con un amico storico ma è solo un momento e presto ritornerà l’amicizia. Conosco entrambi ormai, non è la prima volta che succede però è bello essere accolta da lui con affetto e tranquillità. Lui è alto e robusto e quando mi mette il braccio attorno alle spalle mentre guardiamo un film mi viene da rilassarmi. È tutta un’illusione, perché in realtà io sono più forte di lui di carattere ma sono quei 15 minuti di “stereotipo dell’uomo forte e protettivo” di cui approfitto volentieri 😀 😀

    Tornando all’argomento in questione e cioè i figli, non so se Molly parli per sua esperienza personale coi suoi. Io i suoi figli non li ho mai presi come argomento di cui parlare. Molly li ha sempre descritti come grandi e indipendenti, per cui ho sempre dato per scontato che fossero in grado di elaborare la rivelazione del tradimento. Non so cosa succedeva prima, quando il marito era assente, nervoso e in altre faccende affaccendato ma per esperienza personale so che un padre può essere distante fisicamente per lavoro ma presente coi figli, che hanno accesso in ogni momento.
    Secondo me come siamo in grado di vivere un amantato “compartimentalizzandolo”, cosa che ci permette di tornare a casa e fare finta di niente, così si può riuscire a tenere una crisi di coppia entro le porte della propria camera da letto.
    Un @ads che si sfoga qui e sembra moscio e depresso, può tranquillamente essere allegro e affettuoso coi figli appena schiaccia il pulsante “invio”.
    Diverso quando una coppia litiga e si tratta male davanti ai figli, quello può causare davvero dei danni. Ma la vita quotidiana con i suoi alti e bassi è un’esperienza tanto comune che se non fossimo in grado di elaborarla saremmo tutti al manicomio.
    Senza dimenticare che ci sono persone meravigliose che vengono da ambienti disastrati e persone orribili da ambienti idilliaci.

    Non so se Molly sia ferma come nei Dubliners. Io vedo una rabbia che non passerà mai ma se è ferma nella sua vita non posso dire niente. Sono ferma anche io, in un certo senso, perché sono così impegnata a mandare avanti tutto (figli, casa, famiglia, hobby, ricerca di un lavoro ecc.) che non mi resta tempo per altro. Le proposte maschili che capitano sono poche e non sono di mio gradimento per cui è facile non muoversi in assenza di materia prima.
    La differenza più grande è che io non ho rancore verso la moglie del mio ex né verso le mogli in generale. Non vado su un blog di mogli a parlare di amantato e a provocarle. Le lascio vivere, consapevole che spesso non hanno in casa degli uomini di valore. La moglie del mio ex ha in casa un narcisista borderline e confronto a quello il tradimento quasi impallidisce.

  • Roberto, 11 Gennaio 2024 @ 11:51

    @Elle, tu hai detto cose giustissime. L’amantato è un compromesso, punto e basta. Quello di @Cossora però è un compromesso che sembra la faccia stare serena. Dico “sembra” perché certamente la verità la conosce solo lei. Io da qui posso solo interpretare le sue parole. Niente di più. Poi che l’amore alla luce del sole sia la cosa più bella al mondo, beh, niente da dire.
    @Cri28, io non vedo amore in un amantato vissuto con leggerezza. L’amore nell’amantato ti rende il rapporto logorante, perché non puoi averlo solo per te. Tutto il resto sono solo divertimenti. Per me ovviamente.

  • maribel, 11 Gennaio 2024 @ 11:45

    buongiorno a tutti e buon anno

    vi leggo sempre, mi fa piacere vedere che qualcuno va avanti e mi spiace leggere le lamentele di chi resta sempre fermo allo stesso punto.
    per quanto mi riguarda quando non sono in vena di scrivere cose nuove o c’è qualcosa che mi ha colpito particolarmente cerco di leggere e basta, non dare apporti non mi piace, a volte anche la provocazione serve, la lamentela sterile no, nè la critica a chhe cerca in qualche modo cerca di muoversi, bene o male, verso nuove direzioni.

    per questo incito stefano a non continuare a criticare il mondo esterno per come si comporta, alla fine è la tua vita che ti deve interessare. se tutto il resto del mondo è borghese non è comunque sua la responsabilità della tua immobilità. ognuno, se vuole, alla fine si sposta da dov’è.
    ci vuole coraggio. i tuoi post sono una via di mezzo tra un “mal comune mezzo gaudio” e un “ecco nessuno si muove e sono tutti borghese tranne me”.
    se tu noi sei borghese e non sei come gli altri, fai quello che ti senti di fare. come diceva qualcuno: sii tu il cambaimento che vuoi vedere nel mondo.

    un bacio a tutti, un abbraccio a rinascita e alle veterane del blog, elleelle, ariel, leilei e a tutti.

  • Love, 11 Gennaio 2024 @ 11:26

    @Ale…grazie per la tua fiducia ed infatti ho scritto che il commento era fatto dalla mia parte di maschio e dalla visione che ne traggo peronalmente leggendo utilizzando quella parte.
    Non offenderei mai una donna e come hai ben scritto tratto bene anche quelle che non se lo meritano.
    @Cossora “ti facevo più sveglio” non lo prendo come un offesa anzi siamo su un blog anonimo dove ci sono donne e uomini che sono approdati qui trovando una scialuppa di salvataggio…qualcuno la trova altri ci rimangono cercando di aggrapparsi anche al semplice amore di qualche relazione che funziona seppur non funzionali.
    @Stefano non sei ancora riuscito a lasciarla andare dopo un anno, devi cercare di fare un altro passo in avanti…se non lo farai rimmarrai in quello stagno in cui sei ora.
    Quell’amore che tanto ricerchi l’hai provato? Ti è piaciuto? Sicuramente ma fa parte del passato oggi c’è e ci sarà uno @Stefano tutto nuovo ma non per tutte perché se ci fai caso le sfaccettature sono infinite.
    Io se vuoi saperlo il giorno che ho saputo da altre persone che la mia ex si era separata da un lato ho provato rabbia perché mi sono rivisto tutto ciò che avrebbe voluto fare con me ma non poteva perché sposata ed ora che non lo è…io non esisto più.
    Mentre dall’altra non nascondo di essere felice perché ha compiuto quel passo perché ritengo sia una forma d’amore verso chi ha condiviso una parte loro cammino con noi e che pur non facendone più parte ha smesso di fingere anche con un altro uomo oltre che con me

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 11:11

    @ale però con ‘logistica 5stelle’ sembra che lui mi porti al grand hotel in Ferrari. Non è così. La mia idea di lusso è molto più easy, spartana. Certo il viaggio, il soggiorno e il cibo hanno un costo extra sull’economia quotidiana, ma lui viene da una buona famiglia, ha un’azienda che funziona molto bene ed io ho un buon lavoro e sono cresciuta con degli standard abbastanza sopra la media in famiglia. Lui ha fame di vita, ama le cose belle e credo di me tra le cose aprrezzi che non cerco le cose belle perchè non le ho, ma perchè le conosco. A titolo puramente esemplificativo, se inviti in vela una donna e lei sa ormeggiare e maneggiare le cime.. questa ‘scoperta’ va ad accrescere il suo fascino perchè sottintende che ha dimestichezza. Non significa che se non ne ha vale meno, ma se ne ha la trovi più attraente. Non so se mi spiego.

  • Ariel, 11 Gennaio 2024 @ 11:00

    @Stefano non ho molto capito il significato di ciò che hai scritto Ma lo ho visto come una specie di lamento greco dove come costante tipica dei tuoi commenti appare chiara una sola cosa e cioè che ciò che hai vissuto è soltanto avvenuto per sfiga destino o perché le donne sarebbero colpevoli e punto.
    Scusa sai ma vorrei che rispondessi a questa domanda e cioè tu credi si o no di aver avuto una responsabilità personale nei fallimenti delle tue relazioni con le donne ???

    Credi si o no alla IMPORTANZA FONDAMENTALE DELKE SCOPERTE SCIENTIFICHE riguardo a cosa siano le relazioni TOSDICHE???

    E in ultimo

    Come mai stazioni sempre con compagna guardandoti bene dal dire la verità di te stesso. ?

    Ora vieni qui e scrivi il solito sfogherò da maschietto depresso perché le donne ti hanno fatto la bua ma EVITI ACCURATAMENTE DI CURARTI IN TERAPIA DELLE RELAXIONI TOSSICHE e si evince dal fatto che ancora scrivi cose così pure sconclusionate

    Scusa sai ma invece di attaccarsi a statistiche che ovvio non possono certo risolvere IL TUO EVIDENTE PROBLEMA di difficoltà di relazione affettivo
    Che cosa c’entra sapere se da ieri a oggi il trend separazione aumenta rispetto al tuo NON FARE NULLA DI TERAPIA??????

    sono Ariel ma credo si capisca benissimo

    Ahahahah
    Bonjour

  • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2024 @ 10:54

    qualche storia finita bene c’è ed è raccontata: c’è pure la sezione dedicata le trovate lì

  • Mimi, 11 Gennaio 2024 @ 10:50

    @Stefano perdonami “quel mondo bellissimo che ho immaginato e che ho pensato esistesse è ancora dentro di me. E lo vedo sempre più inesistente.” lo ripeti ciclicamente.
    Te lo scrisse @Ellelle non tanto tempo fa: questo è un blog di amanti. Tu qui vorresti leggere storie a lieto fine, di rinascita, nuove vite, nuovi amori ma leggerai perlopiù storie di sofferenza, di stallo o (ri)leggerai le nostre perchè ogni tot arriverà qualcuno a raccontare la propria e noi racconteremo ancora le esperienze coi nostri ex. Ci sono anche le storie che cerchi tu, che siano creazioni di nuove coppie (vedi Rinascita) o che siano addii e nuove vite (come posso essere io) ma sono la minoranza. Non è il blog adatto per trovare quello che vuoi tu ma non perchè non esiste ma perchè l’argomento principale di questo blog è un altro.

    Di contro ti lancio una provocazione: tu vedi quel mondo come inesistente ma tu cosa stai facendo per cercarlo o crearlo? A volte non ti capisco. Torni qui, borbotti un po’, dici che quel mondo di unicorni amore sincero e onestà non esiste ma tu sei il primo a non poter offrire quello che serve per crearlo.
    A me onestamente che tu sia ancora in casa di comune accordo con tua moglie per garantirti le condizioni migliori di uscita non fa la differenza, non ti giudico per quello e nessuno dovrebbe farlo, non sei obbligato ad andartene di casa se ad entrambi va bene cosi e vuoi farlo nelle migliori condizioni economiche per te stesso. Ma allo stesso tempo, in questo modo, la probabilità che quel mondo tu debba continuare a sognarlo è altissima e non perchè non esiste, quella è una giustificazione che dai a te stesso.
    Rinascita quel mondo lo ha trovato: si sono separati entrambi.
    Io l’ho trovato chiudendo col mio ex amante: sono single e sono andata avanti.
    Cossora l’ha trovato: si è separata dal marito e ha scelto come vivere la sua vita.
    Tutte noi abbiamo fatto qualcosa per ottenerlo.
    Tu no. Quando farai il passo necessario per poter offrire al 100% onestà, esclusività ed amore a qualcuno vedrai che le tue probabilità di trovare quello che cerchi aumenteranno e non avrai bisogno di cercarlo qui rimanendo deluso. In alternativa invece se invece vuoi continuare a sognare e sperare ma avere dei lieti fini ci sono i romanzi d’amore.

  • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2024 @ 10:34

    La parola escort è stata usata come semplificazione secondo me in buona fede ma un po’ alla maschil semplificazione, su Love io ci metto la mano sul fuoco sul suo rispetto per tutte le donne, anche troppo per chi non se lo merita. Cossora e il suo amante sono passati a una fase carpe diem con logistica 5 stelle, questo è il sunto.

  • Cossora, 11 Gennaio 2024 @ 10:27

    @stefano è evidente la tua difficoltà. Mi auguro riesca ad uscirne da solo, sei molto risentito, al punto di ribaltare i dati raccolti da @ale (sulla sola base della tua delusione.. ma succede a tutti, nei momenti in cui si sta sul fondo) numeri che sappiamo tutti essere più che affidabili e realistici. Le donne in generale parlano, decidono, scelgono.
    Purtroppo tu e pochi altri siete rimasti sotto delle eccezioni (come eccezione è il comportamento dell’uomo di cui sono amante) ma non è che il mondo sia cambiato. I maschietti continuano a ‘mantenersi’ più rotine possibile e le donne continuano a farne le spese forti della loro natura.
    Bisognerebbe un po’ mollare lo stereotipo.
    Al di la di tutto, sei rimasto immobile in una stuazione che oggi compie un anno, come scrivevi tu. La tua forza vitale invece che reagire ti anestetizza dicendoti quel che vuoi sentirti dire: il tuo era amore vero, il resto è schifo.
    Così giustifichi soltanto la tua immobilità. Forza!

  • Cri28, 11 Gennaio 2024 @ 09:46

    Leilei, non dico lo esplicitamente, perché so che, per tutti, l’amore è solo quello che porta a diventare una coppia ufficiale. E io questo non lo desidero, per tantissimo motivi, legati alle nostre situazioni e al nostro carattere. E, quindi, è inutile che io dia definizioni; è un rapporto che è ciò che è, ci fa stare bene e, quindi, cerco di viverlo e averne cura.

  • Harya, 11 Gennaio 2024 @ 09:20

    buongiorno, dall’anonimo di bentrovati e felice anno nuovo ad ognuno di voi. @elleelle sono Harya
    e ho molte difficoltà con queste nuove impostazioni scusatemi.
    non mi arrivano più le notifiche nella posta elettronica e per rispondere devo scrivere alla fine dell’articolo e non riesco a farlo direttamente
    un abbraccio a tutti

  • elleelle, 11 Gennaio 2024 @ 09:20

    @Molly
    Non credo che Love volesse dire che Cossora è una escort ma sottolineare cosa può passare per la testa di una persona facoltosa quando i soldi possono garantirgli dei benefici.
    Cioè stai dicendo che il suo amante la considera al pari di una escort.”

    No, non sto affatto dicendo che il suo amante la considera al pari di una escort. Infatti ho scritto “cosa può passare”, cioè che può succedere ma non è sicuramente così, per parafrasare il discorso di Love.

  • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2024 @ 08:59

    Stefano pubblicherò una testimonianza in questo senso. Posso dirti che nel 2023 quel 35% di coppie di amanti che diventano ufficiali è salito verso il 40% e che le separazioni stanno aumentando

  • alessandro pellizzari, 11 Gennaio 2024 @ 08:51

    WordPress ha cambiato le impostazioni e succede questo stiamo cercando di sistemare voi mettete anche nel testo il vostro nome intanto

  • Stefano, 11 Gennaio 2024 @ 01:15

    Leggo sempre. Ma mi manca sempre più quella presenza così forte dell’amore che mi sembrava di aver trovato quando sono approdato su questo blog esattamente un anno fa. Manca nei fatti, nei pensieri, nelle parole. Leggo storie classiche di amantati ordinari. Niente di nuovo rispetto a quello che già si sapeva. Certo sono storie interessanti, doppie vite anche intense e conflittuali come spesso gli amanti hanno. Ma non vedo amore. Quello in cui ho creduto e che ho pensato di non aver trovato per mia sfortuna, per mia cecità, per un incontro in fondo sbagliato con la mia ex. Quello in cui ho investito tutto me stesso. E invece vedo che questa è la normalità. Ci si confronta, si discute su come affrontare la quotidianità di amantati con 3 o 4 persone coinvolte con convenienze, ripicche, allontanamenti e ricostruzioni, tira e molla. richieste asimmetriche in cui si vuole quello che non si può dare, storie in cui si cerca di portare a casa quello che ci fa piacere accettando qualsiasi cosa dopo essersi lamentati dell’altro cercando di trovare una quadra per mantenere tutto in piedi. E questo mi toglie anche quel poco in cui mi ero riconosciuto. “Ecco vedi” mi dicevo “non è vero che necessariamente bisogna accettare le doppie vite infinite. Se si ama dopo un po’ o si conclude o si tronca. Se non succede non c’è amore”. E leggevo i post di @Ale sui cialtroni, sulla road map. Tutto perfetto! E invece ognuno trova il proprio compromesso dove l’amore non c’è. Facciamo gli amanti! Perché ricordo sempre le parole essenziali di @Ale che io non solo ho condiviso ma ho applicato: se si ama si dona e si richiede esclusività, non si accettano le bugie, le parole al vento, la mancanza di progettualità, le scuse e gli alibi, i figli, i suoceri, gli amici, ecc. Si salta o si molla. Scusate lo sfogo ma dopo un anno ancora quel mondo bellissimo che ho immaginato e che ho pensato esistesse è ancora dentro di me. E lo vedo sempre più inesistente. E la delusione non se n’è ancora andata. Compresa la cancellazione dalla vita di una persona che mi ha fatto credere di essere importante, da non perdere. E alla fine invece sono restati tutti gli altri, vicini compresi, tranne me. Vedo sempre più utopistico quel sogno, se proprio chi dovrebbe rappresentarlo al meglio perché è qui dentro, in realtà non lo sostiene nei fatti. Dove sono le donne volitive che si innamorano e chiedono senza vie di mezzo? O tutto o niente? Dove sono quelle donne forti che @Ale ha sempre rappresentato e che anche io pensavo ci fossero? Dove sono le donne che si comportano in modo diverso dagli uomini? Ora @Ale riporterà i suoi numeri risultato di statistiche che, come spesso dice, non sono rappresentate solo da chi scrive qui. Ecco mi piacerebbe che un po’ di quelle donne che @Ale riporta nelle sue statistiche dicessero “Stefano, noi ci siamo”.

  • Molly, 11 Gennaio 2024 @ 00:22

    Non credo che Love volesse dire che Cossora è una escort ma sottolineare cosa può passare per la testa di una persona facoltosa quando i soldi possono garantirgli dei benefici.

    Cioè stai dicendo che il suo amante la considera al pari di una escort. Alla fine che male c’è, se si è consenzienti? Secondo me entrambi sanno che è una relazione che va alla grande finché entrambi stanno bene e possono vedersi per una vacanza o una cena a lume di candela in un posto super esclusivo. Dovessero cambiare le condizioni economiche o di salute di uno dei due, mi sa che sarebbe un bell’arrivederci e grazie perché non potrebbero più avere i reciproci benefici. Indubitabilmente una relazione molto ludica e poco di sostanza. Perlomeno così la racconta Cossora stessa.

    Molly

  • Leilei, 10 Gennaio 2024 @ 22:29

    Roberto, Cossora dice di amare il suo amante, Cri non lo dice esplicitamente ma sembra di sì. Io ho smesso, e lo capisco dal fatto che preferisco una sera al cinema o un pomeriggio all’Ikea con le amiche, quando in passato le usavo come alibi per vedermi con lui. Lui è un qualcosa in mezzo al resto.

  • Dispersa, 10 Gennaio 2024 @ 22:02

    Anche per me @Cossora fa bene, alla fine fa quello che la fa stare bene, di contro non augurerei mai ad un amante che soffre di rimanere impelagata/o in una dinamica così. Diciamo la verità… c’è persona e persona, come c’è situazione e situazione.

  • elleelle, 10 Gennaio 2024 @ 21:02

    @Roberto
    “Non è che forse si prova un pochino di invidia verso persone che hanno trovato quell’equilibrio che in storie”
    Perché parlare sempre di invidia? Non è invidia, sono solo esperienze diverse e percorsi diversi.
    Chi ha già fatto certe esperienze le conosce, sa quali sono i lati negativi che spesso non si vogliono vedere e se possibile, non vuole ripeterle né le consiglia ad altri.
    Sono realista, so che l’amantato nelle sue varie forme esisterà sempre ma per chiunque la scelta migliore è quella di poter vivere una relazione alla luce del sole. Il resto sono solo compromessi e non c’è niente da invidiare.

  • elleelle, 10 Gennaio 2024 @ 19:43

    @Cossora
    “ti fa apparire a metà tra il ‘rosicone’ e il ‘sacerdotale’ ma tant’è”
    Ancora con questa storia del rosicare?
    Ti ho detto mille volte che non sono invidiosa della tua storia perché non vorrei averla. Non importa quanto lui può offrire, a me non interesserebbe, cerca di capire che non tutte sono così legate all’aspetto materiale.
    Non mi interessa condividere un uomo, non mi interessa minacciarlo di andare con altri se fa la sua vita, soprattutto se mi riempio la bocca di quanto è bello un rapporto così libero e senza obblighi.
    Non è quello che vorrei, neanche da un amante. E alla fine non è che tu in questo modo ottenga chissà che cosa più di me.
    Però davvero dobbiamo arrivare a questo punto di grettezza? Veramente? Perché io non mi vanto ma potrei farlo, non credere che io abbia una vita miserevole e debba invidiare te. Cerca di capire che non siamo tutte delle sfigate, semplicemente siamo un po’ più riservate e non sbattiamo le cose in faccia.
    Però non è difficile farlo.
    Mentre tu eri in giro con lui durante le vacanze, io ero in giro con amici che adoro. Tu eri all’estero coi tuoi figli, io andrò per Pasqua. È questione di tempistiche ma se tu due mesi fa o quello che è sei andata in baita col camino, io sono andata in villa con camino qualche giorno fa e la villa è sua, due piani con parco e non c’è una moglie con cui condividerlo. Cosa ti posso dire, Cossora…
    Stringi stringi che cos’hai, un uomo che va in vacanza con la famiglia e ti messaggia tutto il tempo? Il mio ex faceva così, tu sei ancora ferma a quello che capitava a me con un cretino 4 anni fa. Come posso invidiarti e rosicare, su…
    Dai, finiamola con questa storia dell’invidia, è imbarazzante.

  • elleelle, 10 Gennaio 2024 @ 19:06

    @Anonimo, 10 Gennaio 2024 @ 14:13
    Bentrovati e felice anno nuovo ad ognuno di voi. @elleelle spero che il mio scritto non risulti aggressivo ne offensivo perché non è mia intenzione, ma vorrei farti notare che ognuno di noi in questo blog porta la sua “reale” esperienza….

    Anonimo, ci dici chi sei?
    Non è uscito il nick e non so a chi risponderei.
    @Ale questa cosa di fare fatica a firmare e a mettere il nick non si è mai verificata prima, c’è modo di sistemarla?

  • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2024 @ 18:20

    Cialtrone penoso

  • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2024 @ 18:19

    Prossimo incontro a Venezia a marzo

  • Anonimo, 10 Gennaio 2024 @ 17:40

    I figli sono però un tema importante del mio blog: ho fatto diversi video e post sull’importanza di non sottovalutare la gestione dei figli in queste dinamiche e la ribadisco

    @Ale visto che sono stata chiamata in causa, mi pare evidente che quando ho parlato della situazione di Ads e della sua famiglia, figli compresi, non ho fatto il minimo riferimento al tradimento, che qui proprio non c’entra affatto.

    Quello che ho scritto pittosto chiaramente è che dai suoi racconti si evince che in casa loro tira un’aria davvero triste, tutto il pessimismo di Ads trabocca dalle sue parole e come lo percepiamo noi lo percepiscono i suoi figli. Ecco, se questo è un bel modo di far crescere i figli per qualcuno per me non lo è. Infatti ho detto che Ads dovrebbe andare in terapia e capirebbe che la vita offre delle opportunità che ora lui non riesce a vedere e sinceramente se non le vede per se stesso, faccio MOLTA FATICA a pensare che sia in grado di offrire ottimismo e un senso di positività ai suoi figli. Ads è un depresso cronico e da quello che racconta lo è anche la moglie e non credo che faccia bene a nessuno crescere in un ambiente così deprimente.

    Mi verrebbe da dire, se non vuoi farlo per te stesso di andare in terapia, almeno fallo per i tuoi figli, perché meritano di crescere in una mbiente sereno.

    Questo non c’entra NULLA CON IL TRADIMENTO.

  • Cossora, 10 Gennaio 2024 @ 16:48

    @elleelle il tuo messaggio è coerente con quello che hai sempre detto di te e come hai semrpe gestito la tua esistenza. Tirare conclusioni su di me già un azzardo, su di lui ti fa apparire a metà tra il ‘rosicone’ e il ‘sacerdotale’ ma tant’è.
    Esprimiti pure in libertà.
    Noi stiamo bene uguale.

  • Anonimo, 10 Gennaio 2024 @ 16:36

    @lia ti rubo la battuta del cinepanettone!!
    Guarda non so. Veramente. A sua ‘discolpa’ posso dire che a sciare ci va quasi ogni week end in stagione con il figlio in quanto ufficialmente impegnato. Le vacanze natalizie .. che ti devo dire.. immagino riesca difficile a lui dire alla moglie puoi anche non venire’ e alla moglie dire ‘preferirei stare a casa’.
    In certe dinamiche è impossibile dire quel che si vorrebbe fare davvero, è più semplice tener duro per 7 giorni. @ads docet.

  • Sam, 10 Gennaio 2024 @ 16:03

    Buon anno a tutti,
    il mio ex invece dopo averci provato con un messaggio il 30/11 a rivedermi sempre in quella data si era preoccupato di augurarmi buone vacanze buon natale e buon anno e mi scriveva che provava a lasciarmi stare….
    poi a natale ha postato le foto con famiglia, moglie, figli, abbracciati e sorridenti e foto con amici e rispettive famiglie per il cenone ultimo anno….. un po tipo gruppo oratorio.
    poi, forse animato dalla noia delle ferie, mi ha inviato una foto di casa sua avvolta dalla nebbia, perchè sapeva che io ero al caldo ai tropici. ah…. l’invidia e l’infelicità
    che dire? Credo che non lo sentirò mai più e ha fatto tutto lui da solo.

  • Rinascita, 10 Gennaio 2024 @ 15:53

    Per me Cossora ha fatto bene!
    Vista la tipologia del rapporto e’ giusto che entrambi abbiano i loro margini di azione e siano svincolati da impegni reciproci.
    Se davvero la situazione sta bene a tutti e due, lui avrà scelto di rimanere sposato, lei potrà scegliere altrettanto di fare quello che ne ha voglia.
    Cossora scrive che questa relazione è quello che vuole anche per l’assenza di impegno che richiede, perché dovrebbe beneficiarne solo lui?
    Tutto questo regge se quello che Cossora dice e’ il suo effettivo sentire e non si tratta di tattica.
    Le dinamiche di lui che scrive ogni minuto le conosco perché le ho vissute da amante.
    Il senso di colpa di essere dove si sa che non si dovrebbe stare (in montagna a fare coppia con la moglie quando dice di amare Cossora) lo induce a far sentire la sua presenza costante.
    Inizialmente a me lusingava questa presenza perenne, poi ha finito per infastidirmi, la trovavo una sceneggiata inutile, un modo per tenermi buona, quando l’unica cosa da fare era un’altra ovvero separarsi.
    A me scriveva anche se si svegliava di notte, adesso di tanto in tanto capita anche adesso ma ha davvero tutto un altro sapore.

  • Anonimo, 10 Gennaio 2024 @ 14:13

    Bentrovati e felice anno nuovo ad ognuno di voi. @elleelle spero che il mio scritto non risulti aggressivo ne offensivo perché non è mia intenzione, ma vorrei farti notare che ognuno di noi in questo blog porta la sua “reale” esperienza, il suo vissuto, tu come me come anche @Molly. Quando tu parli di famiglia parti dalla tua realtà, quando io parlo di amante racconto del mio amante anche quando mi confronto sull’amante di qualcun altro uso sempre il metro del mio vissuto con il mio amante, quando @Molly parla dei figli degli altri racconta quello che è successo ai suoi e fa riferimento al deficit che non è riuscita a colmare a casa sua. Quello che scrive non è contro nessuno ma traspare davvero “il quadretto perfetto della letteratura irlandese dei Dubliners, con lei paralizzata nella propria vita e che si sente senza via d’uscita”, e purtroppo non è ancora pronta per vivere appieno e non possiamo aiutarla più di quanto gia non facciamo. Questo spazio che @Ale gentilmente ci concede è uno spazio prezioso di confronto e spero che ognuno, con i suoi tempi e i suoi modi riesca a coglierne i benefici. Tu sei sempre inappuntabile nei tuoi interventi ma devi rassegnarti che non sempre dall’altra parte si è pronti a cogliere l’opportunità che ci viene offerta, personalmente quando ero nel marasma mi ha aiutato molto di più leggere di compagne di blog che soffrivano perché in quel momento la paura di stare più male di quanto già non stessi mi ha dato la spinta per decidere di tirarmi fuori dal pantano. Un abbraccio caloroso.
    P.s.: @Ale ma non organizzi più incontri? O io ho perso qualche pezzo? Grazie

  • Cossora, 10 Gennaio 2024 @ 12:36

    @cri28 abbiamo scritto le stesse cose. Piantiamola di usare una volta l’amore per sfanculare figli e famiglia e due righe dopo per accettare tutto perchè la materia non è importante.
    Un po’ di coerenza.
    Lo amo e l’ho sempre amato così.
    Senza pretese e senza dare la vita.
    Senza chiedere impego e senza dare garanzie.
    Con passione, voracità, romanticismo, tenerezza, immaturità a volte.
    E’ un amore imperfetto per gli altri?
    Infatti gli altri sono esclusi da questo legame!

  • Cossora, 10 Gennaio 2024 @ 12:22

    @love Ma continuo a leggere solo quanto sia importante la parte materiale (ne ho vissuta una) e mai qualcosa che faccia capire quanto sia bello ciò che hanno raggiunto insieme.

    No ecco. Quanto c’è tra noi è affar nostro. Non lo rendo in parole perchè mi sembra di dirne sempre un pezzo monco. Per me il bello e il prezioso sono importanti ma come ho sempre detto sono per vivere insieme le esperienze. Non mi frega di gioielli, borse, macchine, foto sui social da esibire.
    Le bollette e la benzina me le pago benissimo da sola.
    Per me lusso è un fritto misto mangiato una notte in spiaggia dicendoci ‘se avessi dovuto descrivere il momento perfetto non sarei nemmeno arrivato ad immaginare a questa sera’.
    Adesso si scateni l’inferno di chi ‘eh tanto poi torna dalla moglie il lunedì’
    Poi mi chiedi perchè non parlo del nostro legame?
    Ti facevo più sveglio, senza offesa!

  • Cossora, 10 Gennaio 2024 @ 12:14

    @dispersa anche per me la moglie ha una sua vita. Non realizzabile e aggiungerei (viste certe sovrapposizioni) nel suo stesso ambiente lavorativo.
    Ma ogni volta che lo dicevo, lui rispondeva ‘non credo..’ quindi cambiavo discorso baciandolo.
    Adesso lo bacio e basta. Se va bene a lui.. Mica è mia moglie.

  • Roberto, 10 Gennaio 2024 @ 12:11

    Ciao a tutti. Sono @Roberto. Lo scrivo perché non ho ancora capito la storia dell’anonimo. Scusa @Love se mi permetto. A me non sembra che @Cossora abbia mai parlato di amore. Il suo è un rapporto basato probabilmente sull’aspetto ludico. Ha trovato un uomo con cui sta bene, ricco, disponibile. Lei lo vive così. Non è innamorata. È semplicemente una Donna adulta che anziché passare il tempo andando al cinema da sola o con le amiche ha il piacere di trascorrere una serata con lui. Secondo me il problema è dell’amante che è sposato. Forse è lui che ha tutto da perdere. Io vi leggo sempre anche se intervengo poco in quanto siete sempre puntuali nei vostri commenti ed io potrei aggiungere poco. Però in questa sorta di battaglia @Cossora contro tutti non riesco molto a capirla. Da fuori vedo che tutti i post sono molte volte pieni di situazioni irrisolte. Quando leggo @Cossora io la trovo abbastanza serena. @Elle dice, se ricordo bene ovviamente, che quello non è certo il modello di amantato da prendere a modello. Ma secondo me un amantato è sempre un errore se non sfocia in una nuova coppia. Quindi un modello non esiste. Io qui dentro leggo solo sofferenza. E le uniche persone che ne parlano con “serenità ” sono @Cossora @Leilei e @Cri28. E guarda caso in nessuno di questi si parla di amore. Non è che forse si prova un pochino di invidia verso persone che hanno trovato quell’equilibrio che in storie come queste non è facile da trovare?

  • Cossora, 10 Gennaio 2024 @ 12:10

    NESSUNA OFFESA ne per la escort (anche perchè al limite dovrei sentirmi lusingata visto che sono giovani donne stratosferiche!) ne per qualsiasi cosa possa essere intesa o fraintesa. Sono responsabile di ciò che faccio e di ciò che scrivo qui, visto che vi leggo da tempo e posso prevenire le reazioni di molti.. non sono una bambina che si è persa nel bosco.
    Tranquillissimi tutti con me e grazie ad @ale che ha capito (forse perchè è un uomo) che non sto con lui per i soldi.

  • Cossora, 10 Gennaio 2024 @ 12:04

    @love allora ads siccome sta e la moglie non lo molla: si amano.
    @tutti: mi spiego in stampatello così ci capiamo bene.
    Due che si vedono, si telefonano, vivono sotto lo stesso tetto, pagano le bollette, crescono minorenni o cani/gatti sono genitori, padroni o conviventi.
    Ciò che li distingue dall’essere coppia è fare sesso.
    Se sei in ospedale ok, se fai un lungo viaggio per lavoro, ok.
    Se te ne vai con il coniuge ufficiale o accetti un lavoro a 200 km (sballando i ritmi sui quali eravamo d’accordo) io posso decidere come reagire. E Cossora (che ritiene fondamentale in coppia avere occasioni di uscire farsi bella, sedurre e farsi desiderare, avere intimità e fare sesso) reagisce così.
    Se essere innamorati significa subire silenziosamente qualsiasi cambiamento ‘per amore’ allora no, non sono innamorata di lui. A me non interessa il nome di un legame, mi interessa cosa mi fa vivere il legame.
    Così è più chiaro?

  • Leilei, 10 Gennaio 2024 @ 11:53

    È ovvio che a tutti piaccia fare l’amore in un hotel quattro stelle con spa e non in un motel da autogrill, ma non credo sia questo che interessa a Cossora. Il fatto di ostentarlo qui credo sia il suo modo per dire a se stessa “vedi, se fa questo per me è perché mi ama”.
    No Cossora, se fa questo è perché è il suo standard. Il mio amante mi ha sempre portato in luoghi lussuosi, ma perché lui per primo non sarebbe andato in qualcosa di meno, anche senza di me. Se veste Armani e non va da Ovs non lo fa per me, se guida un’auto importante non lo fa per me. È il suo standard.
    La verità, come dice Ale, è una sola: non ti ama abbastanza per rinunciare alle lunghe vacanze, alla noiosa settimana bianca ecc…
    E io spero che anche tu non lo ami abbastanza per illuderti di essere qualcosa di più di una stampella.

  • Leilei, 10 Gennaio 2024 @ 11:43

    Love hai scritto quello che intendevo io ma con altre parole.
    Non parlo della escort, ma del fatto che minacciare un uomo di cui ti dici innamorata di fare sesso con chi c’è disponibile, è un assoluto svilimento sia del sesso che della considerazione che hai dell’ altra persona.
    Se questa persona sceglie di stare in vacanza un tot di mesi devi capire che a te non ci tiene abbastanza, altrimenti non resistere bene a stare lontano per tanto.
    Se questa persona va a sciare una settimana anche se non gliene frega niente, lo fa per non inasprire l’ armonia familiare. E quindi anche in questo caso non ci tiene abbastanza, anche se sta sempre a messaggiarti ma di fatto accontenta figli e moglie.
    Cossora si sente in un rapporto privilegiato, ma se guarda lucidamente questi aspetti, comprende bene che non lo è.
    Il ricatto del sesso è ancora più triste, e oltre a far passare l’idea che “lo faccio con chi capita che sia tu o un altro”, è un atto disperato per suscitare gelosia nel suo amante.
    Tutto molto triste.

  • Love, 10 Gennaio 2024 @ 11:16

    @Ale lo ribadisco e siccome hai fatto passare il mio commento perché mi conosci sapendo quando sia delicato e gentile con il mondo femminile, non ho dato della escort a @Cossora, e lo riscrivo ognuno è padrone di sé stesso.
    Ma…il commento arriva da un uomo e fa la differenza.
    Aggiungo, come hai scritto anche tu, e confermo che piaceva anche a me il lusso quando la mia ex me lo faceva provare…ma anche se per me era impossibile non ho mai voluto mi pagasse qualcosa o tutto e se andavamo via per un weekend e lei pagava il mega posto…beh io pagavo il pranzo o la cena…sono scelte che si fanno.
    Ma continuo a leggere solo quanto sia importante la parte materiale (ne ho vissuta una) e mai qualcosa che faccia capire quanto sia bello ciò che hanno raggiunto insieme.
    Un giorno nelle sue affermazioni mentre rientravano con la sua macchina mi scappo’ un sorriso è lei “ti piace tutto questo vero?” Risposi semplicemente che era bello ciò che c’era nel quadro e non la cornice perché molte volte capita che sia quella a dare valore al soggetto…
    Grazie @Elleelle che hai capito il senso del mio messaggio e l’hai espresso meglio di me.

  • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2024 @ 10:35

    I figli sono però un tema importante del mio blog: ho fatto diversi video e post sull’importanza di non sottovalutare la gestione dei figli in queste dinamiche e la ribadisco. poi non si deve passare ad accuse personali. Qui dovrebbero esserci temi sulla filosofia generale di una storia, non su tizio e caio

  • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2024 @ 10:32

    Io non credo che Cossora stia insieme a quest’uomo impegnato per i soldi. È una donna indipendente che ha avuto il coraggio a suo tempo di far saltare un matrimonio e si fa carico dei figli almeno per la sua parte credo, che non è mai poca con i figli. Certo, ama il lusso: e chi non lo ama? Se puoi farti una cena in uno stellato perché non concedersela? Oddio, ci sono delle trattorie Veneziane che ragazzi… bastano e avanzano (perdonate la battuta campanilista)

  • elleelle, 10 Gennaio 2024 @ 10:29

    @Ale
    Il commento anonimo era il mio, avevo anche firmato ma ci sono problemi di accesso con il nuovo formato del blog da qualche giorno e a volte non compare l’opzione firma.

    “Le signore sono sempre Le Signore”.
    È vero ed è per lo stesso motivo che mi sono lamentata quando vengono tirati in ballo i figli, perché non c’entrano e dovrebbero essere lasciati fuori dai nostri commenti.

  • Dispersa, 10 Gennaio 2024 @ 10:14

    Sicuramente la moglie dell’amante di @Cossora ha una sua vita, altrimenti non si spiegherebbe tutta questa libertà ma mantengono la facciata (forse per il figlio, per beni comuni ecc.) e Cossora si gode il suo amantato e i benefici che ne trae.

  • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2024 @ 10:13

    Anch’io penso che Love non intendesse dare veramente della escort a cossora, anche perché conosco love e se c’è un uomo “delicato” è proprio lui ma come master blaster del blog preferisco dare un warning in questi casi. Le signore sono sempre Le Signore! Se non fosse stato Love a scriverlo non avrei passato il commento. Poi non sono infallibile, qualcosa può sfuggire ve lo dico sempre e chi scrive rimane l’unico responsabile di ciò che scrive. E’ la norma

  • Anonimo, 10 Gennaio 2024 @ 09:41

    Sono cri28. Love, non è questione di amore. Io posso amare il mio amante con tutto il cuore. Ma lui poi è a casa con sua moglie. Perciò, a lui meno ancora che ad altri permetto di trattarmi male. Se sparisce, non mi ritrova e deve essergli ben chiaro.
    Se mi avesse detto di considerarmi fortunata perché ho una Ferrari a letto, sarebbe finito fuori dal a finestra e gli avrei dimostrato con i fatti che posso avere le ferrari che voglio (che sia vero o no). Ma scherziamo? Non può passare il concetto che per amore si deve accettare di tutto e essere sempre disponibili ad aspettare gli altri a braccia aperte. Vuoi fare l’amante? Guadagnato.

  • elleelle, 10 Gennaio 2024 @ 08:53

    @Ale
    Io lo capisco il ragionamento di Love, che ha fatto un confronto usando uno dei pochi termini che abbiamo per descrivere un rapporto basato sui soldi, in cui chi ne ha di più “compra” l’altro.
    Non credo che Love volesse dire che Cossora è una escort ma sottolineare cosa può passare per la testa di una persona facoltosa quando i soldi possono garantirgli dei benefici.
    La escort la si paga con una quota giornaliera, lui non paga Cossora, però sa bene quanto il lusso e i soldi la appaghino e infatti lei qui sul blog si vanta molto di quanto lui spenda per lei.
    Lui sicuramente lo sa, non può non averlo capito e sa che può far forza su questo, infatti lo sfoggio economico è continuo. Lei fa forza sul sesso e lui che ha una certa età e non è un adone (stando a quanto diceva Cossora tempo fa) indubbiamente ne è lusingato.
    Love ha ragionato in modo brutale ma se metti tutto sul piatto della bilancia, lui come imprenditore ha gia risparmiato e l’unico sbattimento è prenotare e pagare. Ha una donna che è lì, se prima chiedeva una decisione e un’esclusività adesso non chiede più niente se non di essere portata in giro. Ci sono tanti uomini della mia età che potrebbero pensarla così.
    Solo che sembra un incontro-scontro di ego bisognosi più che una relazione in cui c’è un sentimento appena più che superficiale.
    Alla fine va a carattere. Loro hanno fatto i loro conti e sta bene così a entrambi, che sia sano è un altro paio di maniche. Che sia un modello di amantato da poter prendere in considerazione, anche qui comincio ad avere dei dubbi. Non penso che @Cri28 metta in atto ricatti di tipo sessuale con il suo amante, ad esempio.
    Siamo tutti diversi ma un uomo che ogni volta mi deve stupire con effetti speciali mi farebbe venire qualche dubbio. Mi verrebbe da dirgli che i tempi di Pretty Woman sono passati e che si può anche rilassare un attimo. L’idea poi che mi possa tener buona, “comprare”, con weekend in baita mi darebbe un po’ fastidio. Dovergli poi dire che se lui va via per un periodo io vado a letto con altri rasenta il ridicolo. Non è un rapporto questo.

  • Anonimo, 10 Gennaio 2024 @ 08:52

    Ale
    Io lo capisco il ragionamento di Love, che ha fatto un confronto usando uno dei pochi termini che abbiamo per descrivere un rapporto basato sui soldi, in cui chi ne ha di più “compra” l’altro.
    Non credo che Love volesse dire che Cossora è una escort ma sottolineare cosa può passare per la testa di una persona facoltosa quando i soldi possono garantirgli dei benefici.
    La escort la si paga con una quota giornaliera, lui non paga Cossora, però sa bene quanto il lusso e i soldi la appaghino e infatti lei qui sul blog si vanta molto di quanto lui spenda per lei.
    Lui sicuramente lo sa, non può non averlo capito e sa che può far forza su questo, infatti lo sfoggio economico è continuo. Lei fa forza sul sesso e lui che ha una certa età e non è un adone (stando a quanto diceva Cossora tempo fa) indubbiamente ne è lusingato.
    Love ha ragionato in modo brutale ma se metti tutto sul piatto della bilancia, lui come imprenditore ha gia risparmiato e l’unico sbattimento è prenotare e pagare. Ha una donna che è lì, se prima chiedeva una decisione e un’esclusività adesso non chiede più niente se non di essere portata in giro. Ci sono tanti uomini della mia età che potrebbero pensarla così.
    Solo che sembra un incontro-scontro di ego bisognosi più che una relazione in cui c’è un sentimento appena più che superficiale.
    Alla fine va a carattere. Loro hanno fatto i loro conti e sta bene così a entrambi, che sia sano è un altro paio di maniche. Che sia un modello di amantato da poter prendere in considerazione, anche qui comincio ad avere dei dubbi. Non penso che @Cri28 metta in atto ricatti di tipo sessuale con il suo amante, ad esempio.
    Siamo tutti diversi ma un uomo che ogni volta mi deve stupire con effetti speciali mi farebbe venire qualche dubbio. Mi verrebbe da dirgli che i tempi di Pretty Woman sono passati e che si può anche rilassare un attimo. L’idea poi che mi possa tener buona, “comprare”, con weekend in baita mi darebbe un po’ fastidio. Dovergli poi dire che se lui va via per un periodo io vado a letto con altri rasenta il ridicolo. Non è un rapporto questo.

  • Love, 10 Gennaio 2024 @ 06:38

    Scusa @Ale se ho usato il termine “escort” il mio intento non era offendere nessuno e nemmeno @Cossora era un modo mio per dire che di amore be vedo poco…se da una parte devo ricordare che se per più di un mese mi manca il sesso perché preso dal lavoro o perché sta con la moglie…io potrei??? e dall’altra ripeto tengo stretto a modo mio perché so che trovo certamente chi è pronta a venire a letto con me….
    Di Amore perdona ancora ne vedo poco…o perlomeno mi limito a non definirlo tale se non nella propria testa per convincersi di ciò.

  • Lia, 10 Gennaio 2024 @ 00:22

    Io più leggo e più continuo a chiedermi perché un uomo va in montagna una settimana per stare ogni ora al cellulare con l’amante, perfino mentre scia, nella paura che si scopi un altro. Cos’è? Una strana forma di masochismo? Ma poi la moglie, in tutto ciò, era in un’altra baita? Magari con l’amante.
    Un cinepanettone.

  • alessandro pellizzari, 10 Gennaio 2024 @ 00:00

    Escort di lusso eviterei Love

  • Love, 9 Gennaio 2024 @ 20:10

    Forse ciò che scriverò non verrà molto apprezzato anche perché di solito ho altro modo di scrivere ma a prescindere anch’io mi ritengo maschio oltre che uomo e vorrei provare a far leggere il mio punto di vista da maschio.
    @Cossora non voglio offenderti ma l’affermazione sul sesso l’ho trovata di pessimo gusto…non per me ma per il mondo femminile e non penso sia nemmeno il modo per dare una lezione ma il semplice modo di tenere per le palle qualcuno.
    È vero nessuno è proprietà di nessuno e ciò che la natura ci ha donato è di sé stessi che ne sono gli unici proprietari ed ha voi donne la natura ha dato ciò che per la maggior parte delle volte comanda il mondo ed anche molti uomini.
    Non voglio sminuire te e nemmeno il tuo amore che molto probabilmente si è trovato la escort di lusso (scusa il termine) che paga attraverso week end e regali e come hai scritto, la tua ritrovata libidine, fa leva su di lui, mancasse la tua libido molto probabilmente il verso della strada cambierebbe anche per lui ma rimane un mio parere personale.
    Ti vedo un po come la mia ex…cinquantenne affermata indipendente che tiene alla sua forma fisica e dove il centro del mondo era lei e mi viene in mente una battuta che mi faceva spesso dove affermava che io ero quello fortunato perché a letto secondo lei ero in possesso di una ferrari.
    Io rispondevo tranquillamente che la ferrari va lucidata spesso ma se non la sai guidare quando cambi marcia rischi di grattare il cambio.

  • Ariel, 9 Gennaio 2024 @ 18:20

    @elleelle scusami ,ma in questa occasione secondo me,stai esagerando tu con il decalogo di cosa potrebbe scrivere o meno utente @Molly

    Un conto è dissentire argomentando le idee diverse e su cosa si baserebbero
    Un altro è continuare a fare il lamento greco tutti contro @Molly
    Veramente si passa da parte del esagerazione

    Finché @CaroAlessandro pubblica suoi commenti è e resta utente validissima e cioè in piena LIBERTÀ DI ESPRESSIONE dice la sua

    Sicuro io stessa molte volte ho espresso mia non condivisione di ciò che poteva scrivere su alcuni specifici suoi commenti ,ma no di certo in un continuo fare come scusami effetto bimbe asilo che fanno le rimostranze alla maestra e cioè il povero @Ale!!!
    Maddai su svegliati @elle e lassa perdere
    Ti senti punta sul vivo per via che stazioni a casa da anni come separata in casa in un vero ibrido legame?

    Questo ti disturba??

    Il discorso figli e separazione si poggia nn certo su opinioni personali ma su fatti scienza di come sia il mondo dei figli da zero a novant’anni e di quanto incidano gli esempi concreti avuti dai genitori ad esempio quelli che fingono famiglia felice ,non è tuo caso ,perché tu e tuo marito sapete ogni cosa uno del altro e quindi i figli ricevono ovviamente una vera autentica comunicazione trasmissione affettiva in piena luce del sole

    Invece FINGERE col silenzio stampa scienza ha rilevato essere dannoso anzi molto peggio
    Venire poi coinvolti emotivamente come fatto caso Cossora in situazioni AMBIGUE CON AMANTE CHE fa silenzio con sua moglie con sti ragazzi che si sono visti e ma ad esempio poca chiarezza da parte dei rispettivi genitori che li USANO I LORO FIGLI MINORI PER I LORO GIOCHINI DI AMANTI TOSSICI!!!!

    Insomma direi che invece occorre eccome la chiarezza delle proprie idee e il confronto utile resta quando si ARGOMENTA IL PROPRIO PENSIERO CONTRARIO

    No sufficiente fare la spia alla maestra!!!
    Ahahah pardon care elle ma non concordo cn questo tuo esprimerti in un continuo!!
    W LA LIBERTÀ ESPRESSIVA!!!

  • elleelle, 9 Gennaio 2024 @ 17:44

    @Ale
    Credo che sia grave che Molly continui a coinvolgere i figli altrui nei suoi discorsi. Ogni volta che può mette sotto accusa la genitorialità altrui e secondo me non si dovrebbe permettere.
    I figli di @ads non sono condannati all’infelicità e al fallimento perché lui e la moglie non sono più una coppia, né lo sono i figli di @Cossora anche se conoscono il suo amante.
    Come i figli di Molly vengono lasciati fuori dai nostri discorsi, lei dovrebbe lasciare fuori i nostri.
    Magari neanche per i suoi figli il marito di Molly è stato chissà che esempio di correttezza e magari non è stato giusto rivelargli il tradimento ma nessuno qua li tira in ballo con la frequenza con cui lei tira in ballo i nostri e le nostre capacità di genitori.
    Lei i nostri figli non li conosce, non sa come sono nella vita di tutti i giorni, non sa quanti anni hanno né che rapporto hanno con noi come genitori. Non sa se sono bambini o ragazzi maturi e aperti di mente.
    Dovrebbe evitare di fare allusioni continue e poi di fare la santarellina che non dice niente di male. Mettere in ballo i figli è un colpo basso, è cattiveria gratuita, è scorretto.

  • Molly, 9 Gennaio 2024 @ 15:07

    Mamma mia @ads, a leggerti viene una depressione.. fossi al posto tuo, anche al posto di mangiar cipolle, direi addio alla casa al mare e mi separerei.

    Sono d’accordo anche io. La cosa che mi intristisce di più è che vedo due adulti autocondannarsi a una vita davvero di infelicità ma non si rendono conto che questa infelicità e senso di impossibilità di cambiare le cose la trasmettono profondamente anche alla prole condannando anche loro all’ infelicità.

    Sono un quadretto perfetto della letteratura irlandese dei Dubliners, gente paralizzata nella propria vita e che si sente senza via d’uscita, gente miope che pensa al massimo di potersi concedere qualche attimo di fuga dalla quotidianità se arriverà un’altra relazione extraconiugale a offrire un po’ di adrenalina momentanea e un po’ di sesso ma nulla di più.

    Davvero se Ads andasse in terapia potrebbe capire che siamo noi gli autori della nostra vita e possiamo decidere se la vogliamo vivere appieno o lasciarci schiacciare da essa. Ma non è ancora pronto ho paura…

  • Molly, 9 Gennaio 2024 @ 14:58

    “E poi non ho capito, se non gli piace andare sulla neve, però ci va una settimana intera addirittura?”

    @Leilei a me pare il solito furbacchione che per tenere alto il tenore della relazione con l’amante le racconta che sta male sulla neve (immagino che schifo fare la settimana bianca che a me quest’anno manca tantissimo…) e si strugge perché lei non è con lui. Io ho dei forte dubbi che Cossora ci stia così bene nella situazione con il suo amante quando lui è a casa e per qualche giorno non ha tutta la libertà di movimento che normalmente ha, quindi i suoi messaggi in abbondanza hanno anche lo scopo di rassicurare Cossora. Anche il libero professionista che si fa scudo del lavoro con la moglie ogni tanto a casa in famiglia ci deve stare, anche fosse una relazione aperta, sono sempre una famiglia e ogni tanto ci sta che debba essere con moglie e figlio e dare specialmente a lui la possibilità di passare un po’ di tempo divertendosi e in vacanza. E spero che almeno lui non abbia presentato Cossora a suo figlio.

    Anche perché come hai giustamente spiegato bene tu, Leilei, una relazione tra una persona sposata e una libera non è mai in equilibrio (qui abbiamo avuto anche Love nella stessa situazione). La differenza tra Love e Cossora è che Cossora ha più potere di contrattazione perché avendo i figli non è sempre a sua disposizione come può essere una persona libera e senza figli, sempre pronta a scattare sull’attenti.

    PS: mi sono andata a rileggere i miei commenti e proprio non ho dato colpe a nessuno, ho solo illustrato cosa accade in un corteggiamento che se va a segno è perché entrambi volevano il risultato finale desiderato.

    Rammento che considero entrambi gli amanti colpevoli di grossa scorrettezza nei confronti del proprio coniuge che si prende in giro per anni e non ho mai fatto distinzione di genere in proposito. Ho sempre incluso nelle persone scorrette ovviamente mio marito a suo tempo. Unica differenza non ha mentito ad oltranza e si è preso le sue responsabilità. E dalle esperienze qui raccontate non è da tutti, c’è chi ha la filosofia “mai ammettere nulla. Il mio segreto me lo porterò nella tomba”. Neanche questo rendesse migliori…

  • Cri28, 9 Gennaio 2024 @ 11:14

    Secondo me Cossora fa benissimo a fargli capire che non è lì ad aspettare lui e che non gli concede alcuna esclusiva. Lui ha scelto di restare con la moglie, perciò non ci sarebbe equilibrio se lei restasse a sua disposizione e gli concedesse un’esclusiva che non ha a sua volta. L’unico modo per gestire un rapporto così è ricordarsi che non è un matrimonio, non si possono avere le stesse cose, ma non si è neppure obbligati a darle.
    Io resto allucinata quando leggo di uomini sposati che fanno scene di gelosia alle amanti, mi sembra una prepotenza assurda.
    Cossora fa benissimo a prendersi ciò che le piace di questa situazione e godersela, senza farsi vincolare da regole che non hanno senso nella loro situazione.

  • Anonimo, 9 Gennaio 2024 @ 11:06

    @ale io credo di aver trovato la ‘mia’ quadra con ‘lui’.
    E di fatto le cose filano molto (ma molto molto molto) meglio da allora. Voi maschi -ammettiamolo- se non vi si toglie/riduce/mette in dubbio il sesso.. ci sentite davvero poco.
    Io lo accetto come un dato di fatto. Siamo diversi, noi più emotive voi più fisici. Complementari.
    Comunque mi è tornata la libido quindi diciamo che spontaneamente mi viene semplice (e mi diverte) fare la donna decisa e indipendente che sa diventare dolce e sorniona. Non mento mica. Piace anche a lui.
    Già visto due gorni su due e organizzato un week end lungo questo mese.
    Troppi messaggi. Si hai ragione.
    Menomale che è rientrato perchè io non avevo bisogno di distrarmi. Fosse stato con amici invece che con la moglie col cavolo che mi avrebbe contattata tanto.
    Però non glielo dico perchè mi risponderebbe ‘no ..a me tu manchi sempre’.
    Come no!

  • Cossora, 9 Gennaio 2024 @ 10:56

    @leilei va in montagna come tu ti facevi prendere da tuo marito ‘come una bambola e la testa girata di lato’ (tue parole esatte che ricordiamo tutti).
    Dattela tu la risposta, io mi sono separata e faccio quello che voglio della mia vita, del mio tempo, dei miei sodli e del mio corpo.
    Nessuno decide per me niente.
    Questo era il messaggio, se ti allontani un mese (o se vai a lavorare lontano scegliendo per me) io ti avverto che scelgo di conseguenza. Si chiama parità.

  • elleelle, 9 Gennaio 2024 @ 10:05

    @Ale
    “Secondo me Cossora invece gli ha dato una bella lezione con il chi c’è c’è per il sesso. A buon intenditor….”

    Non sono d’accordo. La trovo una manipolazione immatura e una ripicca. La passerei a una ragazzina ma non a una donna adulta.
    Secondo me con una frase del genere si rivela che indipendenti e distaccate non lo si è per niente e che le regole dell’amantato non sono così chiare né gradite.
    Inoltre se una frase del genere la dicesse un uomo a una donna, apriti cielo e giustamente. Se avessi un amante da tempo che mi dice che se sono via coi figli per le vacanze lui si cerca un’altra per scopare, prenderebbe la porta molto alla veloce.
    Evidentemente anche l’uomo di Cossora qualche problemino di autostima ce l’ha. In fondo entrambi accettano di essere umiliati dall’altro, con sparizioni o ricatti di questo tipo.

  • elleelle, 9 Gennaio 2024 @ 08:46

    @Molly
    “Mi pare anche che tutte abbiate detto che avete iniziato senza un progetto”
    Di nuovo sminuisci le esperienze altrui per far sembrare un amantato un giochetto divertente.
    Quale relazione tra due persone comincia con un progetto? Nessuna. Neanche due persone libere cominciano a frequentarsi con l’obiettivo di sposarsi, comprare casa e fare figli entro sei mesi. Ad eccezione dei matrimoni combinati, che grazie al cielo da noi non si usano più, tutti cominciano a frequentarsi perché si piacciono, hanno cose in comune e stanno bene assieme. Il resto viene dopo, con il tempo, frequentandosi e capendo che c’è qualcosa di più.
    Chi sta molto bene assieme, anche in un amantato, comincia a fare progetti di separazione e vita in comune. Qui saltano fuori gli onesti e i cialtroni. Purtroppo la seconda categoria è più numerosa tra gli uomini che tra le donne e @Ale lo può confermare.
    Per tutto il resto che neghi, dovresti rileggere i tuoi commenti da quando hai cominciato a frequentare il blog.

  • elleelle, 9 Gennaio 2024 @ 08:35

    @Leilei
    Dipende dal motivo per cui vuoi un determinato uomo. Se lo vuoi come “fornitore” di cose, se non le fornisce cerchi altrove.
    Dai racconti che fa sempre Cossora lui in effetti sembra un fornitore di lussi e svaghi
    e mi fa un po’ pena, perché immagino che fornisca anche in casa. Due settimane in montagna non costano poco e da una parte ha la moglie che non se lo fila ma a cui deve rendere conto, dall’altra teme che se sta via qualche giorno Cossora vada a letto con un altro… Che posizione balorda, magari se avesse meno soldi verrebbe apprezzato per quello che è davvero e farebbe una vita diversa, con una donna che lo ama o che almeno gli vuole davvero bene e non lo vede solo come un portafoglio.
    Ti ricordi la canzone Teorema, di Marco Ferradini? Immagina una situazione simile. Tieni legata una persona per timore, più che per amore. Lui utilizza lo spauracchio delle sparizioni, lei del sesso con altri.
    Credo stia bene ad entrambi e realmente sembra funzionare, ma per chi guarda da fuori forse è un po’ eccessivo parlare di relazione e non sembra un modo sano di impostare un rapporto.

  • ads, 9 Gennaio 2024 @ 08:17

    @lavale, quanto scrivi probabilmente è vero,
    sono certo che le mie stesse parole posso essere usate dalla maggior parte delle utenti qui,
    tuttavia come ha scritto se non erro @elle, la cosa piu’ difficile è accettare un fallimento,
    pertanto spesso anche chi si trova in una determinata situazione tende ad evidenziare i non aspetti di questo,
    lo si fa in anonimo e figuriamoci nella vita quotidiana, le apparenze in primis.
    ma non basta una foto sui social,per sistemare.
    conosco almeno 3,4 donne che pur avendo doppie vita, tradimenti alle spalle,
    puntualmente mettono foto di famiglia, figli…a che pro?
    oggi cosi va il mondo..si deve ostentare perfezione fisico, nel lavoro,familiare…
    tutta fuffa nel 95% dei casi

    .

  • alessandro pellizzari, 9 Gennaio 2024 @ 03:35

    Secondo me Cossora invece gli ha dato una bella lezione con il chi c’è c’è per il sesso. A buon intenditor….

  • Molly, 9 Gennaio 2024 @ 00:15

    Leilei, 7 Gennaio 2024 @ 21:52
    Concordo con Molly, non si vede a un corteggiamento perché è serrato, non ci prendono per sfinimento ma perché ci piacciono!

    Grazie, Leilei. Mi pare anche che tutte abbiate detto che avete iniziato senza un progetto perché vi mancava qualcosa a casa, godendovi quello che arrivava. Nessuno né uomo né donna è stato stregato. E mi pare di non aver dato colpe a nessuna né di aver dato della zoccola a nessuno, ne ho detto che la donna è imperdonabile se tradisce.

  • LaVale, 8 Gennaio 2024 @ 22:50

    Mamma mia @ads, a leggerti viene una depressione.. fossi al posto tuo, anche al posto di mangiar cipolle, direi addio alla casa al mare e mi separerei.
    Guarda che anche se tua moglie non ti rompe le scatole non stai facendo la tua vita e sicuramente non ti si legge ne’ felice ne’ sereno.
    Trova il modo di uscirne. Non val la pena, secondo me di farlo solo grazie a una “caronte” di turno.

  • Leilei, 8 Gennaio 2024 @ 22:26

    Cossora però sinceramente quello che hai detto al tuo amante è proprio brutto, non rinunci al sesso per un’ estate.
    Sembra la barzelletta dei neo sposini con lui che le dice “cara, però ora che siamo sposati io non è che posso cambiare le mie abitudini… lunedì calcetto, martedì pizza con i colleghi, merci booking, giovedì poker ecc…” E lei gli risponde ‘hai ragione, io sono abituata a scopare lunedì, martedì, mercoledì ecc …chi c’è, c’è “.
    In pratica gli hai detto che a te interessa fare sesso, anche se non c’è lui.
    E poi non ho capito, se non gli piace andare sulla neve, però ci va una settimana intera addirittura?

  • Giulia, 8 Gennaio 2024 @ 19:12

    @Alessandro io credo che lo sappiamo quando abbiamo a che fare con un seriale… a meno che il rapporto non sia solo virtuale nei social o con incontri sporadici. Io lo vedevo ogni giorno a lavoro e sapevo che tradiva la ragazza con varie occasionali ai tempi del corteggiamento. Diciamo che non mi sembrava così scandaloso: dalla sua, aveva l’età e l’esuberanza tipica, non arrivava ai trenta e quanti da giovani sono seriali, poi perdono il vizio? Me lo diceva anche all’inizio, quando il corteggiamento era plateale (diciamo che la buttava lì quasi per gioco, io credo che fosse convinto che non avrei mai ceduto). Poi è cambiato, certo: il corteggiamento è diventato più affinato, meno esplicito, ma assiduo e le distanze si sono sempre più accorciate, quasi naturalmente.
    Comunque, rimarrà sempre un seriale, senza perdere il vizio: ogni tanto qualche mese di pausa, ma poi ricomincia.

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 15:28

    Guardate che sui social è peggio, e che in questo paesiello c’è una concezione dell’amante rovina famiglie e zoccola davvero dure a morire. Ci sono donne che non sono sposate o che non hanno avuto “danni” da precedenti tradimenti che se va bene definiscono le amanti come delle sceme senza autostima che se la vanno a cercare (tipo giri con la gonna corta per forza poi ti metti nei guai), fino a quelle che appunto danno delle rovinafamiglie che si meritano poi di soffrire e non sono pochi casi. Per questo il più bel complimento che ho ricevuto da una di voi è stato “tu hai ridato dignità alle amanti”.
    PS: anche in questi casi l’uomo traditore o non viene menzionato o “è cacciatore, si sa”. Medioevo con l’aggravante di genere

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 15:22

    troppi messaggi comunque

  • elleelle, 8 Gennaio 2024 @ 15:15

    @Leilei
    Uguale, anche io ho smesso di amarlo e diciamo che mio marito ci ha anche messo dell’impegno perché questo succedesse. Peccato, io ero molto innamorata di lui ma è andata così.

    Sul resto no, non trovo affatto normale che una moglie tradita venga qui a prendersela con donne (spesso maltrattate e traumatizzate) che non sono state causa del suo tradimento. Se la vuole prendere con il marito? Ci sta. Con la sua amante? Forse ci sta, ma non troppo. Con tutte noi qui? No, assolutamente no.
    Nessuna di noi va su un blog di mogli tradite e depresse a sbeffeggiarle e lo si fa per rispetto ed empatia. A maggior ragione, se una moglie viene qui a raccontarci quanto è felice e quanto bene ha ricostruito con il marito che ha perdonato, questo perdono va esteso a questo gruppo di donne amanti che lei nemmeno conosce personalmente. Altrimenti deve cercare un’altra piattaforma su cui sfogare la propria rabbia e soprattutto capire perché di rabbia ne è rimasta così tanta. È ora di darci un taglio con questa storia, @Ale non è un punching ball e non lo siamo nemmeno noi.

  • Cossora, 8 Gennaio 2024 @ 15:14

    @ale lui scrive tanto un po’ perchè si rompe le palle in mezzo alla neve una settimana, ma soprattutto perchè mi conosce.
    Mi chiamava e videochattava dalle piste, dai rifugi, dall’ovovia.. e la sera mi scriveva da casa, e poi se poteva usciva nella neve per videochiamarmi.
    Gliel’ho detto una volta sola ‘forse non hai capito che per me il problema non è che parti per un’estate, ma che costringi me a non fare sesso per un’estate. E io non rinuncio al sesso per un’estate per la decisione di qualcun altro.. non è che siccome tu non cucini io digiuno!’ credo se lo sia segnato. Patti chiari amicizia lunga.

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 14:52

    ci si separa perchè si ha amor proprio e non si accetta di avere una vita mediocre, un matrimonio senza sesso/con sesso scadente.

    concordo

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 14:51

    I stand for amanti!

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 14:50

    Bene e tu, mi sembra bene no? forse lui ti scrive troppi messaggi non trovi, ogni ora addirittura…

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 14:47

    pescatori a strascico ma anche i seriali ordinari non disdegnano la pastura in cerca di donne papabili: costa solo frequentare i sociale e mandare messaggi laconici sul divano di fianco alla moglie con la quale si annoiano

  • Cossora, 8 Gennaio 2024 @ 14:35

    @Ale “Mentre voi lo pensate che guarda il soffitto pensando a voi, lui sta guardando sui social le foto di donne da messaggiare” questa cosa la puoi scrivere a molte amanti, ma sicuramente anche a un enorme quantità di mogli.
    Meno (io credo) di mariti e amanti maschi perchè siamo diversi.
    Eccovi svelato il motivo per cui un altro uomo impegnato con me.. manco se mi pagano tanto oro quanto peso.
    Primo: perchè peso poco.
    Secondo: perchè ottengo molto di più così 😉
    Sono un’amante realista.
    E c’è ancora chi, su questo blog, sostiene che io incoraggi le povere vittime a rimanere tali.
    Io vi dico siate indipendenti e bellissime, per voi e per le vostre fidate amiche. Si, siate anche belle versioni di voi. Perchè chi mette su 30 kg, si avvelena con fumo, zuccheri e alcool non si vuole bene.
    Gli uomini sono semplici, alla maggiorparte di loro potete chiedere qualsiasi cosa con al massimo tre moine.
    Se però vi innamorate ricordate che è una magia e che vale sempre la pena di viverla!

  • Cossora, 8 Gennaio 2024 @ 14:06

    @elleelle “sarebbe meglio separarsi prima ma per tante coppie la routine viene vissuta come una cosa fisiologica e non causa sufficiente per separarsi. Ci si separa dopo, perché ci si innamora di un’altra persona”

    Aggiungo un terzo scenario, mio ma anche della mia migliore amica: ci si separa perchè si ha amor proprio e non si accetta di avere una vita mediocre, un matrimonio senza sesso/con sesso scadente.
    Tutto se si ha l’indipendenza economica. Che purtroppo nel nostro paese per le donne è ancora troppo spesso un miraggio per questioni culturali/sociali/contrattuali.
    Prima cosa da insegnare alle figlie femmine: stipendio tuo, soldi tuoi, conto tuo, casa tua, macchina tua. Poi il resto se arriva è lusso, ma ne puoi fare a meno ed essere libera.

  • Leilei, 8 Gennaio 2024 @ 13:49

    Elleelle le critiche verso le amanti donne qui le ho sentite solo da mogli tradite, e credo ci possa stare. Sono ferite e non riescono ad essere obiettive. Io per questo non me la sono mai presa, anche perchè solo ognuno di noi sa come stanno realmente le cose.
    Che poi la società in generale tende ad assolvere l’uomo e a marchiare la donna con la lettera scarlatta, questo è un fatto culturale ma delle vecchie generazioni. I nostri figli credo la pensino diversamente.

  • Ariel, 8 Gennaio 2024 @ 13:15

    Caro @ads

    “Meglio soli che
    MALE accompagnati “……

    Facile dirlo?
    Facile scriverlo?
    Difficile viverlo?

    Si può e si deve fare se solo si vuole cercare di
    “ CRESCERE”

    spesso resta normale emozione negativa quando si soffre da tanto tempo e si vive già in una solitudine interiore perché stare sotto stesso tetto come fingendo in un continuo se non altro verso propri figli credendo ,sicuro in buona fede,che tutto funzioni in una sorta di ANESTITICO VIVERE

    Ma caro @ads quando si staziona per anni e anni sempre così è tua responsabilità la tua vita
    E dovrebbe essere priorità nella tua vita il come vivi

    Staccarsi da tutto e da tutti ,non significa dai tuoi figli ,equivale a staccarsi da situazione che resta sempre un vero fallimento che scava solo che buio dentro se stessi.

    Se tu non vuoi curarti in psicoterapia che nei dati statistici numerici dimostra di poter dare alle persone in difficoltà concreta gli strumenti che ti servono per FARE DA SOLO ciò che più
    Senti dentro te stesso essere la tua vera libertà di uomo persona che sono certa pur non conoscendoti affatto ma ecco sono. Sicura proprio in base a scienza statistica che se tu ti impegnassi a fare terapia con lo scopo di renderti INDIPENDENTE ecco sarebbe tua vera ENERGIA DI RINASCITA

    LA indipendenza MAGGIORE è sicuro quella del riuscire a percepire che da SOLO SEI ECCOME CAPACE DI SUPERARE E VIVERE IN VERA LIBERTÀ IL VERO TE STESSO

    Così che si riesce a NON sentirsi più soli di fronte a nessuno…
    I genitori in primis ,molto diffuso avere difficoltà con propri genitori e infatti NON CASUALE il fatto che SEMPRE ci dimostra Scienza poi da adulti si sviluppano comportamenti difficili proprio nella sfera affettiva.

    IL BELLO caro@ads è che ESISTE SEMPRE LA POSSIBILITÀ DI RITROVARE I PROPRI TALENTI ORIGINARI DI NASCITA.

    Spesso non ci si pensa neanche di averli perché tutto resta coperto da nascita da condizionamenti ricevuti in ambito famigliare

    Così accade sicuro magari di non accorgersi nemmeno di mettersi insieme a persone magari sicuro buone ,ma che non funzionano per chi?
    Per I PROPRI VERI SE STESSI

    CHI CERCA TROVA @ads

    NON SMETTERE DI CERCARE LA TUA TERAPIA ,la persona che davvero resta CAPACE DI MUOVERTI DENTRO i tuoi MERAVIGLIOSI ANTICHI TALENTI per adesso ancora li trattieni a te stesso nascosti.

    La solitudine È MAGIQUE !
    Tu pensa che so bene cosa significato essere davvero soli,nella concretezza del termine
    E Non lo avevo mai scelto io

    Ero sposata felicemente da una vita intera e lui puff è volato via in una frazione secondo
    I miei genitori non erano più vivi
    Non avevo figli

    Ero così PROFONDAMENTE SOLA

    Eppure il mio percorso con terapia mi ha così dato quegli strumenti per fare della mia solitudine una vera Scoperta bellezza dei miei sepolti antichi talenti

    Energie positive che nonostante qualsiasi avversità compresa la relazione tossica vissuta

    Sono riuscita a RINASCERE VERAMENTE a nuova vita

    Ma io non ho NULLA DI speciale o di diverso nè da te nè da nessun altro essere umano
    Curarsi funziona su tutti !

    Certamente la propria responsabilità resta quella del Farlo
    Quando non si riesce a vivere al SOLE SENZA PIÙ NASCONDERSI
    A NESSUNO
    E A NULLA

    Allora EMERGONO I PROPRI ANTICHI TALENTI!!!

    Ti lascio questa riflessione per oggi
    E cioè che NASCONDERSI non riguarda soltanto ad esempio nascondere di avere avuto esperienza di amante

    Ma molto più profondo resta il proprio nascondersi
    E riguarda infatti la solitudine che sicuro umano si comprende quando là si prova verso i propri Genitori

    Da lì parte la propria matassa di vita

    Così occorre scavare per recuperare il BANDOLO DELLA MATASSA che ci serve per riuscire a ricomporre il PROPRIO ANTICO STUPENDO MOSAICO ,pieno zeppo dei tuoi MERAVIGLIOSE FORME E COLORI!!!

    Disegna il tuo mosaico
    Prendi un foglio e
    Inizia

    ADESSO!

    Bonjour!

  • Cossora, 8 Gennaio 2024 @ 13:03

    Ciao a tutto il blog e ben ritrovate/i buon anno! Ciao padrone di casa, come stai?
    @ads sei sempre ultra-mega-stra allineato a me.
    Fa piacere, ti leggo, sento come difendi il tuo faticosamente raggiunto equilibrio.
    Sono in contrasto con le solite, ben venga, l’importante è che non ci siano mancanze di rispetto.
    Solita formula di vacanze invernali: feste comandate con i ragazzi e i miei, una settimana in giro senza figli (con lui, tornato dalla montagna con scusa che non so ma suppongo lunghe urgenze lavorative) che il 31 quest’anno toccavano a me quindi servizio taxi per l’adolescente e poi partenza insieme in paese straniero.
    Lui? Tornato in montagna.
    Videochat, chiamate, foto, messaggi. Praticamente ogni ora/ora e mezzo. Tra il pacioccoso e il malinconico.
    Quest’anno ho dovuto non rispondere più di una volta.
    Quando so che non si può mi metto in setting ‘inutile fare tragedie’ e me la godo all’estero con i miei ragazzi. Certo se rimanessi a casa e lo sapessi in ferie non ne sarei contenta ma ragazzi.. le sue ferie sono con ogni probabilità come la settimana estiva 2024 di @ads (hai tutta la mia comprensione amico mio. Spiace davero ma 7 giorni non sono una tragedia!).
    Io quando andavo in ferie nei periodi di crisi non vedevo l’ora di tornare alla vita di tutti i giorni.
    Ah! Non ci siamo ancora visti, ho avuto un imprevisto, ho disdetto all’ultimo.
    -fa niente passo io per un bacio rientrando da lavoro, mi manchi troppo, ho un regalo per te
    -ok, sennò domani a colazione
    Questo è il tenore dei nostri dialoghi, e credo di tanti tanti altri di persone che rimangono silenti perchè ‘ci stanno dentro’.
    Non c’è da dare una opinone. C’è da prendere atto che ci sono relazioni e relazioni, amanti e amanti.
    Le cose sono cambiate e con loro anche i modi di percepire, vivere e preferire situazioni non convenzionali.
    Ovvio che a chi soffre consiglierei di fare altro. Ma in qualsiasi situazione, comprese quelle ufficiali.

  • Dispersa, 8 Gennaio 2024 @ 13:01

    @Ale che tristezza l’ultimo tuo commento, diciamo che per molti maschietti va bene un po’ tutto o come si dice dalle mie parti ‘basta che respiri’.

  • alessandro pellizzari, 8 Gennaio 2024 @ 10:46

    Sul corteggiamento assiduo e prolungato. Warning: a molte di voi sembra che l’uomo che vi corteggia assiduamente sia dedicato solo a voi, ma per i seriali o gli impegnati a caccia di amanti funziona come le app di dating. Individuano più donne per loro interessanti (sui social, nella vita, negli incontri sociali) e iniziano a chiedere amicizia, messaggiare, chiedere incontri. A voi sembra che lo facciano dedicati, solo con voi, ma è come suonassero contemporaneamente su più tastiere. La prima che ci sta vince, ma non è che con le altre smettono. Un esempio statistico per tutti: una lettrice è stata corteggiata assiduamente in presenza e via messaggio per otto mesi, poi si è messa con quest’uomo, un seriale. Alla fine della storia ha scoperto che durante gli otto mesi lui aveva chattato cona altre dieci donne papabili ed era uscito con due concludendo. Sembra un corteggiamento assiduo e dedicato, ma lo è solo in apparenza. Mentre voi lo pensate che guarda il soffitto pensando a voi, lui sta guardando sui social le foto di donne da messaggiare.

  • Leilei, 8 Gennaio 2024 @ 09:43

    Elleelle anche io ho vissuto una situazione come la tua, inizialmente ho dato amore incondizionato. Ma un rapporto dove uno dà e l’altro prende e basta prima o poi finisce per non funzionare. E a me non funzionava prima ancora dell’avvento dell’amante. Ho sempre espresso il mio disagio, fatto rimostranze per il suo egoismo. Ma mio marito è così, fotocopia del padre che si è sempre imposto in casa, e la moglie troppo mite per opporsi. Io invece non stavo zitta, ma visto che lui non cambiava, ho smesso di amarlo.
    Come famiglia funzioniamo, come coppia quando c’è da divertirsi funzioniamo, per il resto siamo troppo diversi per essere felici insieme. E se anche in tante cose è migliorato, ormai l’amore per lui è svanito.
    Per questo nutro sempre forti dubbi sulle ricostruzioni. Credo alle ricostruzioni dove il tradimento è stato un incidente di percorso, un deragliamento da binari per altro solidi, che comunque viaggiano nella stessa direzione. Una storia extra che dura anni non è mai una semplice sbandata!

  • ads, 8 Gennaio 2024 @ 08:15

    @sp, ti rispondo,
    sto con la coniuge, in questo momento è proprio davanti a me,
    di lei ne ho parlato spesso,
    il rapporto era sfinito prima, ora è assolutamente decotto,
    le cosi si andavano meglio prima con l’amante.
    con l’amante , si prima mi mancava, perchè a modo suo mi dava un affettività,
    mi dava in maniera non costante una dolcezza.
    dopo che il marito l’ha scoperto la seconda volta le cose sono naufragate, fermo restando una sua grande instabilita,follia interiore che la rendevano anche speciale.
    non l’ho piu’ cercata dopo uno sfregio, uno dei tanti a cui non ci sono passato sopra.
    lei era ed è una forma maschile di tanti uomini di cui parlate,
    ..io mi ero proprio imbarcato per lei, appunto perchè la crisi con la coniuge veniva da lontano,
    quindi quando ci sono dei presupposti le cose succedono,
    ed ha resto evidente che il rapporto con mia moglie era ed è estinto,
    non c’è nulla e voglia di resuscitare qualcosa,..apprezzo che non mi stressa , che non ha richieste,
    che cmq mi fa fare la mia vita, non è il massimo cmq, ma questo passa il convento ora.
    mia moglie è come me in questo , nessuna parvenza di famiglia felice per gli altri,
    nessuna ostentazione, chi ci sta vicino lo conosce lo stato dell’arte.
    aggiungo una cosa, nella separazione sarei solo,
    i miei genitori ovviamente non mi supportano in nessun modo.
    buona giornata che oggi finalmente riprendono le scuole

  • elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 23:18

    @Leilei
    Secondo me succedono tutte e due le cose.
    Si cede perché una persona piace ma anche perché è assidua nel suo corteggiamento. Se si trattasse di una volta e basta, di un complimento o una flirtatina isolata secondo me molte meno persone ci cadrebbero.
    Ma il punto è un altro: perché la critica ricade sempre sulla donna sposata che cede e molto, molto meno spesso sull’uomo sposato che corteggia una donna, spesso sposata, anche per mesi?
    Perché un marito che tradisce viene compreso e perdonato e una donna che tradisce viene accusata, incolpata e schernita ogni singola volta ce ne sia l’opportunità?
    Perché il tradimento di una donna non è perdonabile e quello di un uomo sì? Perché una donna che corteggia – se poi è vero, cosa di cui dubito nella stragrande maggioranza dei casi – è una sporca rovina-famiglie e l’uomo è un debole in un momento di crisi?
    Per me questi due trattamenti diversi non dovrebbero esistere. Se una donna è imperdonabile lo è anche un uomo. Se invece l’uomo si perdona perché fa comodo e la donna si incolpa, questa è ipocrisia.
    Quante critiche, anche molto pesanti, sono state rivolte alle donne amanti qui sul blog? Io me ne sono sentita dire di ogni, non sto qui a ripetere per non tediare ma me le ricordo tutte. Chi invece ha tradito per anni di nascosto, senza parlare di crisi ma ammettendo di aver tradito quando non era più possibile negare dopo essere stato beccato, è stato perdonato perché era in crisi ed era alla ricerca di se stesso.
    Stiamo scherzando, vero? Tutta questa bontà e comprensione non è mai stata accordata a nessuna di noi amanti donne sul blog.
    Per cui cosa importa se una donna cede dopo il corteggiamento serrato di un uomo che le piace, magari dopo anni di matrimonio disastrato se non addirittura finito? Cosa facciamo, scarichiamo sulle donne tutta la colpa quando milioni di mariti lo fanno e poi vengono perdonati?
    La donna è colpevole perché non apre la crisi, perché non rivela il tradimento, perché perché perché e il marito è santo perché beccato e con le valigie sull’uscio abbozza un’ammissione forzata e si dichiara depresso?
    Per me il vero colpevole è chi corteggia per gioco, con la sola intenzione di divertirsi se non addirittura di prendere in giro e manipolare, come succede coi narcisisti. Lì sì che si può dare la colpa, perché c’è la truffa.
    La donna che puntualmente ci resta in mezzo, presa per i fondelli da un cialtrone, magari non è particolarmente furba (siamo in tante che abbassiamo il QI medio nazionale, purtroppo) ma forse un minimo di perdono glielo si potrebbe concedere, invece di puntare sempre un dito ipocrita.

  • Dispersa, 7 Gennaio 2024 @ 22:36

    Condivido, le ricostruzioni sono rare e come scrive @Leillei si ritorna alla vita di prima.
    Ad oggi solo in @Viovio leggo qualcosa di diverso, una donna che dalle ceneri è riuscita a riprendere in mano il suo matrimonio.

  • Leilei, 7 Gennaio 2024 @ 21:52

    Concordo con Molly, non si vede a un corteggiamento perché è serrato, non ci prendono per sfinimento ma perché ci piacciono!

  • Leilei, 7 Gennaio 2024 @ 21:50

    Giulia concordo con Elleelle, ADS non voleva punzecchiarti. Lui espone le situazioni per come sono, senza infiocchettarle.
    Illusa come si fa ad uscirne? Togliendoli dal piedistallo e vedendoli per come sono realmente.
    La ricostruzione è possibile? Non ci si innamora, si torna a quelli che si era prima del tradimento. In un matrimonio decotto.

  • Giulia, 7 Gennaio 2024 @ 20:59

    @ads Ricostruire significa “essere piu accondiscendenti con il partner? dargliela sempre vinta?” No, l’esatto opposto! Significa tirar fuori le magagne e scontrarsi. Almeno questo è quello che vivo io ora.
    Quanto a dire la verità sul tradimento, sarò ripetitiva, ma mio marito ne conosce nome e cognome, tira fuori il suo nome spesso quando discutiamo animatamente, ma non approfondisce mai. Non sa fino a che punto siamo arrivati e io ritengo (ma evidentemente anche lui) che sia meglio così. Sbagliato forse, ma avrebbe poco senso, a che pro dichiararlo? Per dire che sono stata brava a dire la verità? La consapevolezza che c’è stato qualcosa, che lui ci ha allontanati e ancora ci tiene lontani, che non c’è stato, nè ci sarà un seguito.

  • Giulia, 7 Gennaio 2024 @ 19:25

    @alessandro pellizzari, 7 Gennaio 2024 @ 15:41
    Una crisi annosa, ma non del matrimonio in sè. Non sono stata in standby, sono andata avanti come un treno. Però, abbiamo attraversato vicende complicate: causa sua, casini suoi, certo, e molte scelte sue sicuramente non le condividevo e le ho subite, ma mi veniva naturale supportarlo comunque. Per questo, dico, è colpa anche mia, mi sarei dovuta imporre, invece tendo a giustificare, a mettermi dall’altra parte. Lui sentiva che c’ero, sempre, dava per scontato che andasse sempre tutto bene anche a me. Giustamente. Sarà la famosa sindrome della crocerossina? Può essere, anche nella mia famiglia d’origine, fin da piccolissima lo sono sempre stata. Insomma, il lavoro grosso che devo fare è anche su di me.

  • elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 19:18

    @Giulia
    Capisco bene la tua situazione, tante delle cose che hai scritto avrei potuto scriverle io su mio marito, il nostro rapporto e i tanti sacrifici e rinunce fatte.
    Nel mio caso, però, come ha scritto @Cri28 sotto a un altro argomento, il matrimonio era finito ben prima di conoscere il mio ex.
    Ci avevo provato a parlare, a dare il segnale d’allarme e chiedere di fare qualcosa ma il suo disinteresse ha messo fine a ogni speranza e non me la sono più sentita di fare un ulteriore sforzo, dopo quelli fatti in precedenza.
    Purtroppo non siamo fatti l’uno per l’altra. Ci abbiamo messo delle pezze per tanto tempo ma alla fine non ha funzionato. Stranamente va molto meglio adesso che non ci sono aspettative di “coppia” ma solo di famiglia e la distanza che aiuta.
    Concordo però con quello che ha scritto Ale, cioè che in una situazione come la tua sarà difficile rimettere a posto la coppia. Più facile tenere assieme la famiglia.

  • Viovio, 7 Gennaio 2024 @ 18:13

    Anche io sono stata corteggiata per un anno prima di cedere e qualcuno rimarrà sbalordito, ma la tattica del mio ex non aveva nulla a che vedere con battutine ambigue o complimenti esagerati (non ho mai visto nessuna bella come te) e cose simili. Non ero nemmeno a caccia di attenzioni per provare il brivido di sentirmi sexy, semplicemente il mio matrimonio stava andando a rotoli, ero estremamente infelice ed esattamente come tutte le storie che leggiamo qui e’ subentra una terza persona che ha saputo capirmi ascoltarmi e starmi vicino.
    E’ veramente triste sminuire il dolore che porta a commettere certi errori, facendo sentire chi ha tradito stupido e superficiale. Questo non significa sia giusto, il contrario ma anche basta con tutto questo livore.
    Il mio ex è stato talmente subdolo da approfittare di un momento di grande difficoltà, legandomi piano piano a lui, inoltre conoscendomi da una vita non ha nemmeno faticato granché. Era sposatissimo e super impegnato in mille attività con la moglie, ma appena si ritagliava un po’ di tempo continuava a tessere il suo filo e lo faceva quotidianamente con grande pazienza.
    Di storie come la mia ce ne sono a migliaia però se lo fa un uomo ha sempre un’attenuante, per una donna invece no, se il corteggiamento è durato un sacco di tempo e’ perché siamo state noi a permetterlo a caccia di chissà quale brivido…..

  • alessandro pellizzari, 7 Gennaio 2024 @ 15:41

    Per come descrivi il rapporto con tuo marito mi sembra difficile costruire più che ricostruire, vedo una crisi annosa. Aggiungici il tradimento… la psicologa dovrebbe aiutarti anche a superare lo stand by secolare

  • Giulia, 7 Gennaio 2024 @ 15:22

    @elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 10:49
    Grazie, perchè mi fai sempre riflettere. Autoconvicermi non è semplice, sto provando, non ho detto che ci riuscirò. Tengo aperte delle possibilità. Innamorarmi di nuovo di mio marito dopo il tradimento? Certo non mi aspetto la passione travolgente dei primi tempi, già dopo qualche anno il rapporto evolve e cresce in modo diverso. Per ora alterno: sentimenti contrastanti, litigate di fuoco, momenti in cui sto bene con lui, ecc.
    La mia psicologa non lo ha conosciuto, no, ma, se potessi raccontare anche a te la situazione di vita in cui mi sono trovata negli ultimi 10 15 anni, vicissitudini in cui mi sono ritrovata invischiata a causa sua, capiresti. Solo che prima ho fatto tutto per amore: sacrifici, difficoltà e scelte fatte per amore le superi, ma poi quando si supera un limite e sei esausta perché non hai più la forza, anche l’amore non ti dà più la carica di prima. @elleelle io stimo mio marito, credo sia un uomo straordinario, con tante qualità e una forte personalità, ma è estremamente complicato stargli vicino. A volte non lo sopporto: in quei momenti, penso che sia impossibile ricostruire, come pensi tu. In ogni caso, non mi sento così lucida da fare una scelta, almeno finchè l’altro non scompare dai miei pensieri. Paura? Sì, un po’, di sbagliare perchè non mi sento sicura. Non so spiegarti, ma nella vita sono molto determinata, difficilmente mi sento insicura, scelgo in base all’istinto e a quello che sento e sono sempre andata avanti bene. Ora sono invece incasinata in questa situazione… non sono abituata, non sono a mio agio per decidere… in un certo senso sto seguendo di nuovo quello che sento e il mio istinto mi dice che non è il momento giusto per decidere. Non sono sicura di voler lasciare mio marito, me lo dovrei imporre, non so se riesco a spiegarmi bene. Non sto facendo una scelta razionale, basata su convenienza o cose simili, mi sto dando del tempo, delle possibilità per prendere una decisione “sentita”.

  • ads, 7 Gennaio 2024 @ 15:02

    ho letto vari commenti,
    quanto evidenziato da @ellelle, esprime bene il funzionamento dei rapporti affettivamenti estinti,
    e non c’è professionista che tenga.
    ritengo che la parola ” ricostruire”, sia una delle tante vuote di cui leggo.
    cosa significa ricostruire, laddove spesso l’altra parte non sa nulla?
    spesso usate sta parola , ma nel concreto cosa significa?
    essere piu accondiscendenti con il partner?
    dargliela sempre vinta,
    nel concreto cosa significa ,andare a mangiare piu spesso fuori?
    vi piacerebbe se dopo una relazione andata male… in quanto traditi ( i ns.partner), diventassero anche l’opzione b del “nuovo rapporto” casalingo,
    io personalmente nel mio piccolo un minimo di dignità la tengo,
    non faccio passi avanti , ma nemmeno indietro.
    se sei diventata l’opzione b prima..non ti faccio diventare l’opzione a per mancanza.
    ma soprattutto chi ha voglia…visto che la ricostruzione , visto che il partner è ignaro, è unilaterale.
    quindi non parlate di ricostruzione…dite correttamente io ricostruisco..io faccio..il partner resta lo stesso di 3 mesi prima , 1 anno prima..

  • Mimi, 7 Gennaio 2024 @ 11:42

    Allora @smarrita devi solo smetterla di farti domande e cercare risposte sensate. Ti manca solo quello. Io ci sono riuscita di punto in bianco, ci arriverai anche tu…tanto che risposte vuoi trovare? Il suo presupposto di ricostruzione con la moglie é iniziato facendo in modo di tenerti in caldo e appena sei tornata tu non ha disdegnato. Poi ok non ti cerca ma se tornassi di nuovo? Pensa che vita. Ha ricostruito, non ha ricostruito…mi sono fatta domande per tre anni ogni volta che mi scaricava, poi ho capito che tanto non avrei mai trovato risposte sensate. Non troverai mai mai mai le risposte che ti permetteranno di trovare pace dentro di te, l’unico modo per trovarla é smettere di farsele.
    Se sei così convinta che abbia ricostruito sinceramente, cosa che io non penso, prendi e porta a casa: ti ha usata per un sacco di tempo per tenere in piedi il suo matrimonio, cosa che hanno fatto tutti i nostri amanti nessuno escluso. Anche il mio. Mi cerca? Si. Non per amore, probabilmente per orgoglio personale e per vedere se ancora cedo come una polla. Dovrebbe darmi soddisfazione? É un toccasana per l’ego? Perché? Vedere che mi cerca per insultarmi o per vedere se sono ancora una sottona? Ringrazia che sia sparito… Ti posso assicurare che, se sei davvero convinta che sia finita dentro di te, é la cosa migliore che abbia potuto fare.
    Hai la possibilità di vivere una nuova vita senza incursioni di alcun tipo. Io lo so che un pochino avresti voluto prenderti una rivincita, me lo scrivesti qualche mese fa e ti diedi anche ragione, ma ad oggi ti posso dire che é andata meglio a te.
    Io che oggi, dopo un anno, ho un’altra persona nella mia vita mi son dovuta preoccupare ancora che l’ex non mi creasse problemi pratici (me ne ha creati anche con un’altra breve frequentazione che ho avuto). Col senno del poi la soddisfazione la renderei in cambio della certezza della sua sparizione dalla mia vita.

  • alessandro pellizzari, 7 Gennaio 2024 @ 11:29

    Molly insiste a stare in un posto che periodicamente definisce censura. Alterna periodi di interventi interessanti ad altri di invettive. Non sono un punging ball anche se molto paziente. Ma come diceva Totò ogni limite ha la sua pazienza

  • alessandro pellizzari, 7 Gennaio 2024 @ 11:26

    Cosa vuoi che ti dica un seriale, se non che sta bene dove sta a farsi i comodi suoi? Ami la moglie e la tradisci spesso? Certo che non la ami. Ami te stesso e tutto il resto che puoi ottenere molto di più.

  • SP, 7 Gennaio 2024 @ 11:24

    @ads posso chiederti se hai lasciato o ti sei fatto lasciare dall’amante? E soprattutto perché? Immagino che il rapporto con lei (amante) alleggerisse la tua situazione in casa che nonostante non fosse tragica ti stava comunque un po’ stretta. Non ti manca? Non l’hai più cercata? Scusami ma mi interessa molto il parere maschile di colui che è “dall’altra parte” …o almeno così ho capito.

  • elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 11:14

    @Molly
    “Ci provo per la terza volta poi mi sarà ovvio se non verrà pubblicato che non sto infrangendo nessuna regola, semplicemente certi ragionamenti qui sono tabú.”

    Ma piantala di fare la vittima della censura!
    Dipende da come scrivi e soprattutto da quanto te la prendi con me come tuo solito. @Ale non deve pubblicare tutte le tue sfuriate irrazionali nei miei confronti, non lo hai ancora capito? @Ale cassa commenti a tutte ma mica stiamo qui a dargli il tormento e a pestare i piedi se un nostro commento non viene pubblicato.
    Invece di pensare che è tornata la Santa Inquisizione e che è inspiegabilmente contro di te, prova a pensare a quante volte scrivi con pregiudizio e chiusura mentale verso le amanti donne.
    Se ti diciamo per esperienza personale che l’amantato non ha niente di più ludico o adrenalinico di qualsiasi altra relazione e tu continui a non crederci, problema tuo. Così come è un tuo problema la tua totale intransigenza verso una donna amante ma non verso un marito traditore.
    Veramente, basta. Ovvio che se hai una posizione così di parte e piena di rancore tu a volte non venga pubblicata. Te lo ha detto anche @Love, un uomo, che questo rancore trapela da ogni cosa che scrivi. Datti una calmata, su. Dovresti essere felice e appagata, con un amore ritrovato e una vita sessuale meravigliosa e invece stai qui a farmi le pulci su una x. È ridicolo.

  • elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 11:04

    @Ale
    Molly è vicina a perdere di nuovo il controllo, per caso?

  • elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 11:02

    @Illusa
    Un mio amico seriale ha tradito la moglie per tutta la durata del matrimonio. Si era anche innamorato di un’altra, a suo modo ovviamente, ma è comunque restato con la moglie con cui sta vivendo la pensione e la vecchiaia.
    Cosa vuoi che ti dica un seriale, se non che sta bene dove sta a farsi i comodi suoi? Ami la moglie e la tradisci spesso? Certo che non la ami. Ami te stesso e tutto il resto che puoi ottenere molto di più.
    Tu lo vorresti un uomo così, che ama sé stesso sopra ogni cosa e passa sopra a tutto il resto, anche alla donna che dice di amare? Secondo me non è di certo l’affare del secolo.
    Piuttosto che perdere tempo dietro a questo tizio, fai quello che cercano di fare più o meno tutti e cioè “ricostruire”. Se non ti prendi a mazzate nei denti con tuo marito, cerca di sistemare le cose. Magari non sarà la passione di prima ma almeno ti togli dai casini e stai meglio in casa. Se poi non devi fare sesso troppo frequentemente, sei a cavallo perché fingere passione mentre ti struggi per un altro per una donna non è semplice.
    Se ti capiterà di tradirlo di nuovo magari penserai a una separazione ma adesso mettiti tranquilla, ché darsi il tormento per un seriale è una sciocchezza.

  • elleelle, 7 Gennaio 2024 @ 10:49

    @Giulia
    Non credo che ti saresti separata se con il tuo ex non fosse finita, credo che saresti andata avanti con l’amantato senza pensare ad alcuna ricostruzione in casa.
    La tua psicologa sarà bravissima ma fa i conti senza l’oste e cioè senza tuo marito. Vede solo te, il tuo senso di colpa e di fallimento e ti sta dicendo di provarci ma senza considerare lui, che non sa e che soprattutto non sta facendo terapia di coppia con lei.
    Oltretutto ricostruire in una situazione di dipendenza affettiva, con te nella posizione più “debole” di quella che vuole tenere tutto a posto altrimenti chissà tuo marito cone reagisce!
    Ci puoi provare finché vuoi ma se non ami più tuo marito – e non puoi negare che non lo ami più – non avrai mai una vera ricostruzione.
    In ogni caso, in bocca al lupo. La nostra mente compie miracoli di autoconvincimento e non dubito che ci potrai riuscire.

  • alessandro pellizzari, 7 Gennaio 2024 @ 10:19

    Attenzione Molly ad addebitarmi cose se decido di non pubblicare la mia pazienza non è infinita.

  • alessandro pellizzari, 7 Gennaio 2024 @ 10:16

    Come si fa a dimenticarlo? Ci si fa aiutare da un esperto, si deve risolvere la causa interna che ha portato il tradimento (riparando o chiudendo il matrimonio), occorre parallelamente colmare quel buco emotivo che lui ha lasciato con emozioni e attività nuove e stimolanti, dalle amicizie alle cose piacevoli che si possono fare nel tempo libero

  • Smarrita, 7 Gennaio 2024 @ 09:13

    No @Mimi, non lo sto aspettando, e nemmeno sto sperando che torni. Il punto definitivo l’ho già messo un mese fa, per me é come se fosse morto. Ho sofferto così tanto, durante e dopo, che provo un senso di repulsione per lui.
    Ho solo risposto ad un commento di @elleelle dicendo che secondo me ha ricostruito davvero in casa sua, tutto qui. E per certi versi glielo auguro, perché se ha combinato tutto questo casino per poi ritrovarsi infelice, davvero non ha senso.
    Io ne sto uscendo fuori, non é un processo immediato, ma ogni giorno mi sembra di stare un po’ meglio. Inizio a vedere la luce in fondo al tunnel. Per il resto.. ho una vita piena. Amici fidati con cui posso essere me stessa, sono iscritta nel volontariato, vado in palestra, viaggio. Sto continuando con la psicoterapia che in questo momento é una mano santa. Comincio davvero ad apprezzare la mia vita, così com’é, senza una sbavatura.

  • Molly, 7 Gennaio 2024 @ 05:49

    “Qui ormai si dà la colpa alla donna che cede al corteggiamento perché ha fatto una SCELTA ma non si parla e non si incolpa chi invece corteggia, che tanto per cominciare potrebbe non corteggiare una donna sposata.“

    Ci provo per la terza volta poi mi sarà ovvio se non verrà pubblicato che non sto infrangendo nessuna regola, semplicemente certi ragionamenti qui sono tabú.

    Il discorso di Ellelle mi pare assolutamente senza senso. Se al maschile un uomo non viene stregato dalla maga Circe non succede nemmeno alla donna!!

    Cede al corteggiamento chi (uomo o donna che sia) vuole cedere, chi in quel momento ha bisogno di sentirsi vivo, di essere ancora sexy e affascinante, chi pensa di non ricevere abbastanza attenzioni a casa e via dicendo. Se è vero che il tradimento misura la temperatura e non è la “malattia” vale esattamente quando a tradire o a “cedere” è un uomo quanto una donna. Chi corteggia a lungo lo fa perché vede un interesse e la persona corteggiata manda messaggi ambigui perché in quel momento desidera quelle attenzioni. Non è una “colpa”, leit motiv di Ellelle, ma il vissuto di quel periodo, complice la curiosità e la routine. Praticamente tutte le relazioni clandestine nascono in leggerezza, senza un progetto, con l’idea del carpe diem.

    Per quello che riguarda le relazioni clandestine mi sembra persino assurdo dover specificare l’ovvietà della FASE adrenalinica iniziale in cui le emozioni sono tali che non si sente ANCORA la gelosia per il coniuge dell’amante (che si finge non esista) e il tutto è idealizzato dal contesto di assenza che nutre il desiderio. Basta leggersi o ascoltare psicoterapeuti italianissimi (così non riporto solo esther Perel con i suoi milioni di follower) che scrivono articoli sui giornali nazionali e compaiono in TV.

    I dolori del tradimento e la gelosia verso il coniuge (lo stesso che c’è sempre stato!) nascono molto dopo e vanno di pari passo con l’evoluzione dell’amantsto, specie se questa evoluzione è unilaterale.

  • Illusa, 6 Gennaio 2024 @ 23:17

    @elleelle Ma tradire regolarmente la moglie che magari poi dici di amare e con cui vuoi restare è l’ultima delle scelte che puoi giustificare con l’infertilità.
    Infatti quello che mi chiedo è: come fai a dire di amare tua moglie avendola tradita più volte. Perché hai bisogno di tradirla se la ami?
    Non mi ha mai risposto ma mi ha detto e tu? Io ho tradito questa unica volta e vivo chiedendomi e mettendo in discussione il mio matrimonio. Anche se non sembra ma mi chiedo perché è successo? Cosa mi ha fatto cadere in tentazione, cosa mancava in quel momento etc.
    Lui invece nn ha mai messo in discussione il suo amore o almeno non lo me lo dice.
    Non sarebbe più semplice dire “ho bisogno di una storia di sesso?”

  • Giulia, 6 Gennaio 2024 @ 23:03

    @elleelle, 6 Gennaio 2024 @ 14:48
    Non credo di raccontarmela, credo che sia possibile ricostruire, come anche no. Ma è una possibilità che non mi sento di escludere al momento. Certo che, perchè sia realizzabile, deve uscire dalla mia testa l’altro… evitando soprattutto scivoloni come quello a cui ti riferisci tu. Questo spero lo porti presto il distacco totale, ci vuole tempo.
    Non ho una comfort zone a casa, anzi, la mia vita di per sè non è mai stata comfort e non voglio che lo diventi certo ora. Non mi sto dando una possibilità per mancanza di coraggio, mi sono sempre buttata, più di una volta considerata un’incosciente.
    Se non finiva male col mio amante, mi sarei separata? Sì, no, boh, non lo so. Non è successo e razionalmente, come sai, ho sempre saputo che era una storia senza futuro. Razionalmente.
    Riguardo alla ricostruzione, durante i colloqui, la psicologa stessa mi consigliò di fare dei tentativi, perchè c’erano margini di ricostruzione e lo ha fatto valutandolo in modo professionale. Poi, per carità amche un professionista si può sempre sbagliare… Molto semplice, mi disse: se non ci riesco a cambiare il rapporto con mio marito, una volta dimenticato l’altro, è inevitabile che mi innamorerò di nuovo. Di un altro.

  • Illusa, 6 Gennaio 2024 @ 22:56

    @Molly e tutti gli altri grazie perché in tre giorni non avete idea di come mi stiate aiutando!!
    Soprattutto nei momenti down vengo qui, rileggo i commenti e mi faccio forza.
    Ma come avete fatto a dimenticarlo/a? Leggo che comunque qualcuno dopo diverso tempo pensa ancora all’amante quindi deduco che siano ferite che si cicatrizzano con difficoltà. Leggo poi alcune di voi che sono riuscite ad uscire da questo incubo. Come si fa?

  • alessandro pellizzari, 6 Gennaio 2024 @ 20:49

    Macché partner dissonanti spesso sono solo e semplicemente stronzi egoisti

  • Molly, 6 Gennaio 2024 @ 20:39

    “Mi sono anche chiesta, potrebbe essere che stia con lei solo per paura delle conseguenze e per “pena”? @Ale conosci casi dove lui è anche innamorato ma non ha il coraggio di lasciare la moglie? “

    @Illusa non ti devi chiedere cosa succede a casa loro dove tu non ci sei e non conosci le dinamiche.

    Ti deve bastare che ha deciso di non stare con te.

    Dimmi chi è il martire oggi, con l’egoismo che prevale ovunque, che rinuncia a stare con la persona che DAVVERO AMA.

    Lasciamo perdere le tragedie alla García Lorca, siamo nel 2024 e oggi divorziare è molto più facile, gli alimenti alla moglie sempre più rosicati perché i giudici affermano che le donne possono andare a lavorare, quindi chi non lascia la moglie è perché NON LA VUOLE LASCIARE, perché gli sta bene essere sposato con lei e non con te. E questo è quello che ti deve bastare.

    Davvero, non sprecare tempo a speculare se a casa c’è perché la ama o ha paura di qualcosa. Pensa solo che a un certo punto aveva scelto di avere una relazione con te e poi ha cambiato idea. Ora guarda avanti e non voltarti indietro e se hai bisogno, cerca aiuto professionale.

  • alessandro pellizzari, 6 Gennaio 2024 @ 15:03

    I matrimoni che ricostruiscono veramente per amore statisticamente sono circa il 10% del totale delle ricostruzioni e hanno caratteristiche precise: si tratta di un primo tradimento che non dura più di un anno e di solito la ricostruzione avviene dopo la scoperta dell’amante

  • elleelle, 6 Gennaio 2024 @ 14:48

    @Giulia
    Credo che il commento di @ads non vada letto come astio nei tuoi confronti ma come uno scoperchiare l’illusione di fondo di un rapporto da ricostruire in circostanze improbabili.
    Non te la prendere ma a me sembra assurdo che tu possa ricostruire un rapporto di coppia con tuo marito quando hai ancora così tanto in testa il tuo ex, con cui sei andata a letto poco tempo fa proprio mentre stavi già cercando di ricostruire in casa. Ricostruzione poi che tu hai cercato di mettere in atto quando è bruscamente finita con il tuo ex, di cui sei ancora innamorata, altrimenti col cavolo che avresti cercato di ricostruire con tuo marito.
    E guarda che pochissimi lo fanno, pochissimi lasciano l’amante con cui stanno bene perché sono realmente innamorati del coniuge. Lo fa chi va a letto un paio di volte con una persona e poi si rende conto che ha fatto un errore madornale o finisce lì per disinteresse, non chi tradisce per mesi o anni. Non raccontiamocela, spessissimo queste ricostruzioni sono un ripiego per non dover stravolgere la propria vita. Sta persona l’avrai sposata per un motivo, vediamo se questo motivo si riesce a recuperarlo da qualche parte…
    Nessuno può dire che con il passare del tempo tu non riesca a stare meglio in casa ma parlare di ricostruzione nelle tue circostanze di adesso e degli ultimi mesi è un’illusione.
    @ads – che è sì rimasto in casa ma non sta cercando né millantando una ricostruzione con la moglie – ti sta solo dicendo di guardare in faccia la realtà e di essere onesta con te stessa.
    A parte il fatto che sei ancora innamorata di un altro, hai parlato di tuo marito come di una persona con tendenze narcisistiche e con reazioni imprevedibili e anche esagerate. Persona che tu temi e nei cui confronti hai un rapporto di dipendenza affettiva. Persona a cui non hai detto la verità perché non sai come reagirebbe ma che al tempo stesso non si rende conto della sua parte di responsabilità e di quanto tu sia lontana.
    Innanzitutto sei sicura di voler ricostruire con lui?
    E cosa stai ricostruendo, se la persona che hai tradito non fa nemmeno un minimo di terapia di coppia per cambiare? Magari lo hai spiazzato con qualche no in più ma comunque lui è lo stesso di prima, che magari sospetta ma non sa e con cui tu non puoi parlare apertamente per paura delle sue reazioni.
    @Giulia, nonostante stiate assieme da tanto tempo, tu tuo marito non lo ami più e non si ricostruisce un bel niente senza amore. Lo puoi illudere, ti puoi illudere, ma rischi di ficcarti in un casino ancora più grosso perché sei in casa per necessità, non per amore.
    Necessità e convenienza significano la stessa cosa, ma non sei onesta con te stessa se pensi che ricostruire un rapporto voglia dire crearsi una comfort zone in casa. Crearsi una comfort zone vuol dire vivere in una situazione di calma tipo separati in casa, senza però affermarlo apertamente, così tutto procede nella routine di prima.
    @ads magari non si esprime con delicatezza ma non ha tutti i torti. Lo dice chiaramente “Ragazze, fate quello che vi pare ma almeno qui non raccontatela” e ha ragione. Ha ragione a stupirsi di tutte queste illusioni di ricostruzioni e tutti questi tradimenti all’interno di rapporti matrimoniali che funzionano, figli bravissimi e vite professionali al top quando poi ci sono così tante contraddizioni anche nell’ammettere che non funziona proprio più un bel niente, che non si ama più il proprio partner e si resta per altri motivi.
    In confronto ad @ads a me interessa meno che una qui dica la verità o solo una parte, tanto se una se la racconta lo capisco comunque leggendo, non sono nata ieri. Credo però che la cosa peggiore sia mentire e illudere sé stessi. Per me non c’è niente di più rovinoso del non vedere chiaramente e in modo spassionato la propria situazione.

  • Mimi, 6 Gennaio 2024 @ 13:49

    @Smarrita non so cosa ti serva per metterci davvero un punto considerato che non ti é bastato neanche il fatto che lui ti abbia palesemente detto che tornava a casa a ricostruire, baciarsi, uscire e trombare con la moglie per “vedere come va” e nel caso poi sarebbe tornato da te. Relegata al peggior piano B della storia eppure dici di vederlo per quello che é ma non smetti di aspettare o sperare, quindi ancora non ci sei del tutto.
    Secondo me, te l’avevo già consigliato, l’unico modo che hai per ripigliarti seriamente da questa bolla é frequentare altre persone. Non so come sia REALMENTE la tua vita, sinceramente, se esci con gli amici, se fai cose che ti fanno stare bene.
    Se si, possibile che questo tempo che dedichi a te non ti faccia pensare a tutto quello che hai sprecato inutilmente aspettando lui?
    Io addirittura avevo scaricato (dopo qualche mese solo con me stessa e amici) un app di incontri, perché purtroppo col mio giro di amici é impossibile conoscere gente nuova. Attenzione: non l’ho fatto per sostituire lui con un altro uomo. Però ho potuto così conoscere altri tipi di persone e personalità, caratteri, situazioni che mi hanno aiutata ancora di più a capire quanto avessi mal idealizzato quello che avevo vissuto con lui.
    Tutto ha fatto brodo. Sei giovane, lui la moglie non la lascerà mai, non ti cerca neanche e facendolo tu gli fomenti solo l’ego facendogli vedere quanto ci stai sotto.
    Vivi, divertiti, esci e vedi che smetterai di pensarci.

  • Cri28, 6 Gennaio 2024 @ 12:29

    Grazie Lia, non so perché ma non mi compariva più nulla.
    Elleelle, hai perfettamente ragione, in molti casi sono questi partner che, con comportamenti dissonanti, creano insicurezze, che alimentano poi meccanismi di dipendenza. Un po’, poi, è la situazione in sé, che non è “normale”. La realtà di un rapporto così è fatta anche del messaggio che non arriva, dell’incontro che salta, della frustrazione di non potersi parlare quando se ne ha bisogno.

  • elleelle, 6 Gennaio 2024 @ 12:09

    @Illusa
    Te lo ha detto lui che tradisce di frequente la moglie perché non hanno potuto avere figli o è una congettura che hai fatto tu?
    Perché se l’hai fatta tu, smetti subito, stai solo cercando un appiglio per dargli una giustificazione.
    Se ami davvero una persona, non la tradisci perché non puoi avere figli, semmai le stai ancora più vicino ed elabori un percorso assieme. Ci sono tanti modi per far entrate un bambino nella propria vita ma di certo tradendo non ci sarà mai l’atmosfera giusta per farlo. Ci sono la fecondazione artificiale, la donazione di gameti, la maternità surrogata, l’adozione e l’affido, tanto per citarne alcune.
    Puoi occuparti di nipoti, di bambini che vengono da famiglie in difficoltà, puoi essere attivo nel sociale e nel volontariato. Puoi semplicemente accettare che la vita ti abbia dato le carte sbagliate e non avrai figli, come tante coppie.
    Ma tradire regolarmente la moglie che magari poi dici di amare e con cui vuoi restare è l’ultima delle scelte che puoi giustificare con l’infertilità. E comunque non avresti un figlio dall’amante a meno di non essere una persona scorretta e a-morale, per cui tradire serve solo a te stesso.
    Cerca di essere razionale e non farti troppi voli mentali. È più probabile che lui sia semplicemente un seriale. Se davvero vuoi un figlio e con la/il partner non riesci ad averlo, si parla e ci si lascia. Una persona matura non può costringerne un’altra a una rinuncia così grande. Chi dei due non puo avere figli lascia libero l’altro di averne, se ci sono amore e rispetto. Lo fai con la morte nel cuore ma lo fai. Se invece ci si ama troppo per lasciarsi, va da sé che non ci si tradisce.

  • elleelle, 6 Gennaio 2024 @ 11:49

    @Smarrita
    Allora avevo capito male o mi sono confusa con un’altra utente. Credevo che l’ultima volta ti avesse chiesto lui di vedervi e ti avesse proposto di restare amici.
    Ma comunque, che abbia ricostruito o no, per te non cambia niente. È comunque finita e comunque tu dovresti dedicare le tue attenzioni a te stessa e a cause migliori.
    Più ti fai domande, meno ci salti fuori. Vai avanti, senza farti troppi viaggi mentali.
    Secondo me @Ale ti può confermare che sono pochissimi i matrimoni che rinascono e vedi anche tu quanti uomini dicono di ricostruire in casa e poi continuano a cercare l’amante. A raccontare balle sono bravi tutti, l’importante è circondarsi di persone sincere.

  • alessandro pellizzari, 6 Gennaio 2024 @ 10:49

    Ale conosci casi dove lui è anche innamorato ma non ha il coraggio di lasciare la moglie?

    Si sono i deboli senza palle. Ma in realtà non sono così innamorati. Restare con la moglie è comunque una scelta e se ami veramente un’altra donna è incomprensibile ma ancora di più scelta

  • Illusa, 6 Gennaio 2024 @ 10:15

    @Beatrice sappi che ti capisco anche per noi ultimamente succedeva così Razionalmente siamo tutti bravi a sapere cosa sia meglio fare e come comportarsi. Emotivamente poi è un disastro.
    Io sto. Alterno momenti di lucidità e rabbia verso me stessa perché non riesco ad avere controllo pieno delle mie emozioni a momenti in cui mi struggo in attesa di un suo messaggio.
    Mi sono anche chiesta, potrebbe essere che stia con lei solo per paura delle conseguenze e per “pena”? @Ale conosci casi dove lui è anche innamorato ma non ha il coraggio di lasciare la moglie? So per certo che il fatto di non riuscire ad aver bimbi è stata un’esperienza molto dura che ancora adesso non è completamente superata.

  • elleelle, 6 Gennaio 2024 @ 09:13

    @Ale
    Ti chiedo un favore: ho scritto una risposta per Giulia che per sbaglio è stata spedita senza i miei dettagli. Non ho messo email e soprannome ma avendo toccato il tasto “Rispondi” è partita comunque.
    Per caso l’hai ricevuta? È possibile pubblicarla o devo riscrivere tutto?
    Se mi fai sapere mi fai un favore, così mi so regolare e la prossima volta nel caso scrivo altrove, salvo e copio sul blog.

  • elleelle, 6 Gennaio 2024 @ 07:39

    @Lia
    Sono anni che cerchiamo di fare capire che un amantato è come qualsiasi altra relazione se comincia con una serietà di fondo. Ci si conosce, ci si piace, si è consapevoli che a casa il rapporto ufficiale non funziona più come prima, ci si innamora, ci si separa e si crea una nuova coppia. Questo è il percorso razionale, che si dovrebbe fare per correttezza e rispetto, non tradire per anni e quando si viene beccati ci si caga sotto e si resta in casa. Sì, certo, sarebbe meglio separarsi prima ma per tante coppie la routine viene vissuta come una cosa fisiologica e non causa sufficiente per separarsi. Ci si separa dopo, perché ci si innamora di un’altra persona.

    Sono anni anche che si cerca di far capire che non c’è nulla di ludico o adrenalinico in un amantato. Lo ha specificato anche @Rinascita che una relazione alla luce del sole è infinitamente meglio ma questo messaggio non passa. Sì, certo, ci sarà la persona morbosa o deviata che ci gode nel fare le cose di nascosto, magari questa persona è addirittura il proprio marito, ma la maggior parte delle persone normali ne soffre ed è impossibile che questo non sia ancora stato recepito.

    La vita è un tale imprevisto che né io né te possiamo escludere che ci capiti di nuovo di conoscere un uomo sposato. Possiamo fare di tutto per evitarlo ma potremmo innamorarci proprio di un uomo sposato e costruire una nuova relazione, come ha fatto @Rinascita che è stata amante per anni prima di stancarsi ed allontanarsi. Lui però, che prima non voleva lasciare la moglie per motivi che andavano al di là di un amore che non esisteva più (cosa di cui tutte siamo consapevoli), alla fine si è separato.
    Oh, al mondo c’è di tutto e ci possono anche essere mogli che fanno di tutto per tenere legato a loro il marito. Mogli che minacciano di suicidarsi, di mettere contro i figli, di rovinare economicamente o semplicemente mogli così vipere e giudicanti che lasciarle sarebbe un inferno ed è meglio farsi trascinare in una ricostruzione sostenuta da chissà che teoria del tradimento come momento di scoperta di sé stessi ecc. ecc. Oppure e famiglie di origine che sono religiose, che controllano i figli anche se sono adulti, che minacciano di diseredare. Che ne so io, io mio ex veniva da una famiglia cattolica e molto in vista in cui separazione e divorzio erano anatema. Il tradimento va bene dietro le quinte ma poi bisogna andare a portare il santo in giro per il paese.

    Le aberrazioni sono altre, tipo il voler ottusamente ridurre tutto a un gioco quando spesso in ballo ci sono persone e sentimenti. Pensare che si faccia tutto per una botta di adrenalina quando invece la sensazione più diffusa è quella di frustrazione e depressione strisciante vuol dire non voler capire proprio niente delle storie altrui.
    Ci sono donne che cedono a un corteggiamento anche se non lascerebbero mai il marito perché in quel momento hanno bisogno di essere lusingate, ma non sono la maggioranza. Io ero davvero innamorata del mio ex, la finzione di sé stesso che aveva creato era davvero quello che avrei voluto in un uomo e immagino che per te, Lia, e per tante altre sia successa la stessa cosa. Ma l’errore lo compie chi si costruisce e propone un falso sé, non di chi se ne innamora. E se uno è tanto cialtrone da corteggiare un’altra donna come spessissimo accade, parlare male della moglie, dare l’immagine di un matrimonio finito e tradire per anni, forse sarebbe ora di capire che l’unico che gioca è lui e dare a lui la maggior parte della colpa.

    Qui ormai si dà la colpa alla donna che cede al corteggiamento perché ha fatto una SCELTA ma non si parla e non si incolpa chi invece corteggia, che tanto per cominciare potrebbe non corteggiare una donna sposata.
    Se una donna corteggia un uomo sposato è una poco di buono, una rovina-famiglie però anche l’uomo che ci casca (e credo sia 1 su un milione in una situazione in cui è lei che corteggia) ha fatto una SCELTA. Solo che sto cazzo di uomo, chissà perché, viene sempre scagionato, così può restare in casa, magari con le palle sul ceppo.
    L’ipocrisia è davvero una brutta bestia.

  • Smarrita, 6 Gennaio 2024 @ 05:43

    @elleelle, non mi ha cercato. L’ho cercato io a Settembre, altrimenti lui avrebbe continuato con il no contact. E ora siamo al secondo cds.. ma no, non mi cerca e non mi cercherà (per fortuna). É del tutto plausibile che abbia ricostruito.

  • elleelle, 5 Gennaio 2024 @ 23:43

    @Cri28
    Sono d’accordo, secondo me hai ragione quando scrivi: “a volte l’esigenza di chiarire, di sapere, di essere scelte non nasca dalla volontà costruire qualcosa, ma da un bisogno di amore, che viene rivolto verso uomini con cui alla fine forse non so si vorrebbe davvero vivere. Riconoscere quel bisogno è importante, per indirizzarlo poi meglio.”
    Mi sembra che nell’ultimo periodo ci siano alcuni casi così, uno su tutti è quello di Beatrice, per cui le donne coinvolte dovrebbero “reindirizzare” le loro energie e i loro sentimenti.

    Per esperienza personale però può capitare anche un’altra cosa. Io sono una che chiede poco, probabilmente sbaglio ma non ho questo bisogno di parlare di sentimenti e di sviscerare ogni momento. Non sono quella che stressa per avere conferme, ma tu mi ami e quanto mi ami, quanto sono importante per te ecc.. Però il mio ex mi aveva così stressato con le sue paturnie e i suoi finti sensi di colpa che dopo avergli detto più volte che non gli chiedevo niente perché non gli potevo dare niente, un giorno mi ha rotto così tanto le scatole che l’ho messo di fronte a una decisione. Parlava tanto d’amore? Bene, allora dimostra che quello che dici è vero. Lì ovviamente è scoppiato il bubbone.
    Perché ti racconto questo… per dire che secondo me – al netto delle donne patologicamente insicure e rompiscatole – la maggior parte di noi sente istintivamente quando c’è qualcosa che non va e lì cominciano le richieste di chiarimenti.
    Dal momento che spesso chi scrive qui ha davanti un manipolatore che prima ti ama da morire ma appena metti un po’ di pressione per passare dalle parole ai fatti ti dice che no, lui ama la moglie e non la lascerà mai, si innesca la famosa dissonanza cognitiva perché non si capisce più cosa sta succedendo e via di ulteriori richieste di chiarimenti.

    Secondo me se tu hai questo rapporto chiaro ed equilibrato con il tuo amante, in cui immagino che ci sia anche fiducia, la sua presenza costante e corretta all’interno delle “regole” del rapporto è sufficiente, non c’è bisogno di sapere altro. A me era capitato un rapporto simile molti anni fa per cui capisco bene la situazione.
    Ma per chi sente che c’è qualcosa che puzza, tipo dichiarazioni roboanti di amore eterno e promesse di un futuro assieme che cozzano col fatto che lui invece resta in casa, chiarire diventa fondamentale e a volte addirittura un’ossessione, anche a relazione finita.

  • Lia, 5 Gennaio 2024 @ 23:29

    @Ragazze/i per non risultare Anonimi, cliccate sulla bustina dopo aver scritto il post

  • alessandro pellizzari, 5 Gennaio 2024 @ 23:05

    Amici affettuosi fa molto ridere che cialtrone

  • elleelle, 5 Gennaio 2024 @ 19:52

    @Smarrita
    Ma se lui ancora ti cerca per proporti incontri e amicizia (per ora), cosa vuoi che abbia ricostruito? Se avesse ricostruito davvero la moglie gli basterebbe, non avrebbe bisogno di rimanere in contatto proprio con l’amante, su!
    Però lo sai anche tu che è irrilevante cosa fa in casa. Tra voi è finita e se anche lo avessi aiutato a star meglio in casa, lui ti ha aiutato indirettamente ad evitare quelli come lui in futuro.
    Davvero, Smarrita, hai incontrato un cialtrone, non è colpa tua, capita a tutte e se non altro non l’hai sposato. Sei giovane e hai la possibilità di incontrare un uomo migliore di lui. Non perderci tempo, non ne vale la pena.
    Fai tuo il consiglio di @Stefano e pensa al tuo futuro. Non farti domande e non crucciarti per lui. Esci, sorridi e conosci gente nuova. @Mimi te lo può confermare, è la cosa migliore che puoi fare per te stessa e la “lezione” migliore che puoi dare a lui.

  • Giulia, 5 Gennaio 2024 @ 19:08

    @Leilei, 5 Gennaio 2024 @ 11:02
    Per carità lusinga, ma sono capitate avances anche da altri più giovani, come credo un po’ a tutte. In realtà, pensavo avesse 6, 7 anni in più, ho fatto un colpo quando gli ho chiesto l’età.

    @Molly @Leilei altre. Certo che, se ero attratta da un altro, qualcosa a casa non funzionava, ma non me ne rendevo conto. Non posso entrare nei particolari, ma grazie anche a qualche seduta di terapia ho realizzato che certe dinamiche relazionali, compresa la dipendenza affettiva, le mettevo in atto anche nel matrimonio. Sono io che ho iniziato a mettermi in discussione, ho cambiato approccio verso mio marito. Ho imparato a dire qualche no, per esempio. Stiamo riequilibrando il rapporto, secondo me qualche passo avanti lo stiamo facendo, anche lui sta cambiando con me, dopo che io ho iniziato ad approcciarmi in modo diverso. Poi magari non va, vediamo… ora alterno momenti di serenità, benessere, divertimento anche, ad altri di conflitto forte.

  • Beatrice, 5 Gennaio 2024 @ 17:53

    Illusa,

    Il messaggio l’avevo scritto io, che sono Beatrice, ma è venuto scritto Anonimo.

    Non siamo in CDS, non lo abbiamo mai fatto.
    Per farla breve gli avevo chiesto più tempo insieme, più presenza.
    Lui mi ha detto di no e poi mi ha lasciata dicendo che non funzionava.
    Ma abbiamo continuato a sentirci, mi ha proposto di essere amici affettuosi perché non mi vuole perdere.
    Io faccio fatica a pensare di perderlo quindi per ora ci stiamo solo sentendo, in effetti ormai sembriamo amici nel modo in cui ci sentiamo, dove si parla del più e del meno.
    A volte è presente, altre si allontana, ma dice che se ho bisogno lui c’è.
    Sarebbe per bisogno emotivo, perché se avessi bisogno a livello pratico non potrebbe ovviamente esserci.
    Non ha molto senso il suo comportamento, è altalenante. Non capisco il ruolo che ho ormai nella sua vita eppure dice che mi vuole lì (ma a volte sembra che lo scoccio…).
    Insomma così, non ci si capisce niente.
    Alla fine neanche il mio comportamento ha senso, che mando avanti una cosa virtuale con uno che mi ha mollata invece di decidermi a dare un taglio come la dignità richiederebbe.

    Tu come stai?

  • Anonimo, 5 Gennaio 2024 @ 17:52

    Cri28: Elleelle, sono d’accordo con te. È proprio ciò che dico, se due persone traggono dal loro rapporto ciò che desiderano, non sentono l’esigenza di chiarire molto. Lo sai che non puoi fare un certo affidamento, ma ricevi e dai altro.
    Mi sento però di dire che a volte l’esigenza di chiarire, di sapere, di essere scelte non nasca dalla volontà costruire qualcosa, ma da un bisogno di amore, che viene rivolto verso uomini con cui alla fine forse non so si vorrebbe davvero vivere.
    Riconoscere quel bisogno è importante, per indirizzarlo poi meglio.

  • Molly, 5 Gennaio 2024 @ 16:17

    Possibile che non si riesca ad accettare che è un esempio banale e invece bisogna discuterci sopra e andare a cercare chissà che interpretazione per il gusto di dare addosso e mandare in vacca ogni conversazione decente che si cerca di avere qui sul blog? Ma che palle!!

    Sapessi quante volte l’ho pensato io, @ Ellelle.

    Poi mi puoi spiegare perché la parola “palle” non te la sei autocensurata con delle X? A me fa tanto ridere…

  • Molly, 5 Gennaio 2024 @ 15:50

    Giulia, 5 Gennaio 2024 @ 00:05
    @Molly invece non dovresti sottovalutare il corteggiamento serrato… lo dico come “vittima” in prima persona che è ben difficile resistere se l’altro ti piace. Ripeto io non avevo controllo delle mie emozioni, tremavo, arrossivo quando si avvicinava o mi diceva certe cose. …

    Grazie per la tua condivisione, @ Giulia. Non ci vedo nulla di strano. Il tuo corpo evidentemente mandava degnali che non ti era indifferente e infatti non te lo era. Io credo davvero che quando inizi una storia non si come andrà a finire. Lo dico per le donne e vale anche per gli uomini. Tutti riferite che iniziate con leggerezza, non cattive intenzioni.

    Invece di guardare la cosa dal suo punto di vista di corteggiatore accanito, cerca di vedere che segnali mandavi tu. Era chiaro che non trasmettevi il messaggio “non mi interessi” perché infatti non era così e di conseguenza non hai creato il miro di Berlino per tenerlo alla larga. Si capiva che c’era interesse, lo trasudavi dal tuo corpo. Credo, potrei sbagliare, che sia più facile scaricare la colpa alla persona insistente e non guardarsi dentro. Non fartene una colpa, ma chiediti cosa ti attraeva di lui, cosa cercavi, perché non riuscivi a togliertelo dalla testa, di cosa avevi bisogno anche quando c’erano segnali che non ti quadravano rispetto alla sua storia.

  • Ariel, 5 Gennaio 2024 @ 12:10

    Caro @ads
    Il tuo scritto ə così ben scritto perché si percepisce la tua autenticità e purezza nella tua analisi della tua situazione di vita di relazione affettiva

    Ma ci tengo. Molto non solo per te come utente umano ma per tutti evidenziare come la motivazione figli resta in qualsiasi situazione di vita una vera SCUSA CHE CI SI FA CON SE STESSIpur di NON AFFRONTARE LO STACCARSI DA PROPRIO LEGAME ANTICO……..

    Infatti molti motivi concorrono a ridurre molte persone a restare in matrimonio o convivenza che sia pure senza nessuna vera luce di poter avere il diritto di vivere se stessi veri in totale luce del sole.

    Come vedi vale pure per tua moglie stesso discorso
    Non si stacca da matrimonio
    E le vere motivazioni non riguardano mai esterno di se stessi e cioè situazioni o persone esterne ma sempre se stessi e le vere difficoltà di relazionarti affettivo

    In più nei casi come il tuo ,ahimè diffusi,ci sta aggravante che tu hai vissuto una relazione tossica di considerevole negatività verso di te con ex amante

    Sei così costretto da te stesso in una vera. Prigione psicofisica
    Perché vivere relazioni tossiche e non curarsi in psicoterapia apposita e continuare a vivere in matrimonio finto dove in più ti costringi a dover fare silenzio su tua esperienza dannosa con ex amante tutto questo insieme non giova a nessuno

    E per primi i figli che indifesi pur se accuditi come in tutte cose esterne nei loro bisogni totali non viene rispettato il loro BISOGNO FONDAMENTALE DELLA AUTENTICITÀ DEI LORO GENITORI E DELLA LORO VITA sottoposti a silenzi a sguardi a gesti involontari che costituiscono per i figli la VERA MAPPA DELLA TRAGEDIA REALTÀ che vivono

    Ovviamente ben nascosti i figli non mostrano affatto nessun disagio apparente e in questo potrebbe aiutare molto chi si trova ancora come in vostra situazione riascoltarsi video con psicologa fatto da Ale proprio sui figli e separazione si o no e il perché sia meglio separarsi

    Poi ci si aggiunge sicuro che in molti contesti in Italia soprattutto,scatta avversione a separarsi di ordine socioculturale religioso

    Ci sta ancora il diktact antico Vaticano pensiero che la madre non può separarsi se i figli sono piccoli
    Sarebbe considerato come un peccato sociale se non altro
    E pure il padre che vede come uno svantaggio enorme separarsi quando il miglior insegnamento ai figli resta la PROPRIA EQUILIBRATA CAPACITÀ AFFETTIVA E CHE PER AVERLA OCCORRE LA CHIAREZZA
    La dimostrazione che obbiettivo primario di ogni essere vivente è propria salute psicofisica affettiva perchè consente di esprimere i veri se stessi al 100/100

    Purtroppo a leggerti qui sembri proprio incastrato esattamente da questi motivi che restano infatti a maggioranza numerica essere non solo compresi da molte persone ma pure utenti qui che si fanno ,inconsapevolmente,scudo della solita scusa dei figli!!!

    Se ti curi in psicoterapia per tua evidente difficoltà di relazione affettiva riuscirai a separarti e a dimostrare ai tuoi figli cosa conta di più nella vita ed è imparare ad essere e vivere

    I veri se stessi in vero equilibrio di autostima

    Caro ragazzo!..

  • Giulia, 5 Gennaio 2024 @ 12:03

    @alessandro spero mi passerai il commento, il precedente non pubblicato forse conteneva troppi dettagli sulla vita con mio marito.

    “@giulia , rimarrà con il marito che non ama, per convenienza come l’85 %, il resto sono racconti che si deve fare. giulia è una persona come , come altre, ma altre hanno almeno il buon senso, di non fare storetelling”.

    @ads prima di parlare esci di casa, sbaglio o sei ancora con tua moglie e per CONVENIENZA economica tra l’altro?
    Io, invece, se facessi le cose per convenienza (anche economica), dovrei lasciare mio marito, pensa un po’. Racconto la pura realtà dei fatti e ho descritto bene i 9 mesi di corteggiamento nei precedenti commenti. Certe cose non possono essere nascoste, non diciamo cavolate! Io non dico cavolate quando ti dico che ero visibilmente turbata ogni volta che mi si avvicinava e i turbamenti sono emozioni che non controlli, poi, se non vuoi crederci, non crederci. Se lo avessi incontrato in un locale, per dire, e non a lavoro dove lo vedevo ogni giorno, forse non sarei mai approdata in questo blog: sarei stata attratta da lui e probabilmente avrei evitato di frequentare quel locale per non mettermi nei casini.

    Non capisco @ads da dove deriva questa rabbia, forse la frustrazione che sei ancora a casa: esci se non ami più tua moglie. Non hai le possibilità? Te lo dice una che in questo ha grande esperienza: le cose si fanno anche senza soldi, se lo vuoi veramente. Ma non ti conviene! La storiella dell’uomo tutto d’un pezzo moralmente ineccepibile raccontala a un’altra.

  • Dispersa, 5 Gennaio 2024 @ 11:05

    @Giulia ho scritto la maggior parte, non tutti.
    Lo vedo sulla mia situazione, sulle persone che conosco, su alcune/i utenti del blog ecc.
    Per quanto mi è successo non posso dare la colpa all’amante, lui come direbbe Ale è stato solo il termometro che ha misurato la febbre, certo che sto lavorando su me stessa ma non posso nascondere il fatto che ho messo tutto sul piatto della bilancia e tirato un po’ di somme a mio favore.
    La comfort zone è ciò che si conosce e non sempre è la situazione migliore o più facile.

  • Viovio, 5 Gennaio 2024 @ 11:03

    @Rinascita
    Dopo tanta sofferenza e’ bello leggere una storia a lieto fine!
    Vi auguro di rimanere uniti e superare le difficoltà che si presenteranno, quando due persone si amano veramente non esistono scuse il modo per vivere alla luce del sole si trova sempre.
    In bocca al lupo!!

  • Leilei, 5 Gennaio 2024 @ 11:02

    Giulia personalmente trovo una grande contraddizione del sentirsi appagate a casa e poi innamorarsi di un altro. Puoi spiegarci cosa hai capito che non andava a casa tua? Può essere che tu sia stata lusingata dal fatto che un uomo più giovane fosse attratto da te, ma se ti sei innamorata deve esserci qualcosa di più…

  • Smarrita, 5 Gennaio 2024 @ 10:09

    @elleelle, secondo me invece a casa ricostruiscono eccome. A volte mi imbatto in alcune foto stile Mulino Bianco del mio ex. Sembra felice. Ad un certo punto noi per loro diventiamo quasi un impiccio, e tornando all’ovile riassaporano la comfort zone, che rappresenta comunque la felicità, il benessere. Che amarezza pensare di avergli pure migliorato il matrimonio.

  • Leilei, 5 Gennaio 2024 @ 08:34

    Ads, la tua è una disamina perfetta sul perchè accadono i tradimenti.
    Ariel non concordo sul fatto che chi ha la stampella sia manipolato. Può esserlo se FA la stampella, volendo altro.
    Ma se si è coscienti della cosa, si tratta di un rapporto voluto in quei termini.
    Ti faccio un esempio banale: per me, allo stato attuale e per i sentimenti che provo, una serata con l’ex amante equivale ad un’uscita con gli amici. Se poi ci faccio sesso cambia poco. L’importante è che alla fine io abbia voglia di tornare a casa mia.

  • Illusa, 5 Gennaio 2024 @ 07:52

    @Anonimo @cri28 “Io che mai avrei immaginato qualcosa di simile, sono un tipo di persona da cui non se lo aspetterebbero neanche gli altri.
    Ero in un momento di debolezza per varie ragioni, lui è arrivato dolce e amorevole che parlava di colpo di fulmine così come era sembrato a me, e nel giro di pochissimo è nato un legame che ci sembrava impossibile interrompere.”
    Come ti capisco.
    Ma adesso siete in CDS? Come si sta comportando lui con te?

  • alessandro pellizzari, 5 Gennaio 2024 @ 07:41

    Ads hai descritto bene la condizione di molti uomini che prima o poi si ritrovano con un’altra donna

  • Giulia, 5 Gennaio 2024 @ 00:51

    @Dispersa però date tutti per scontato che a casa ci sia una comfort zone. Forse perché voi l’avevate. La mia, per esempio, è sempre stata tutt’altro che una comfort zone, ci sto lavorando affinché lo diventi, visto che il problema era proprio quello…

  • Ariel, 5 Gennaio 2024 @ 00:10

    @LeiLei
    hai mai pensato che ciò che si definisce fare la stampella o evasione da situazione sgradevole lo sai che la scienza ha scoperto di poter definire in modo totalmente diverso questi comportamenti sociali che non hanno più la valenza come se fossero comportamenti dettati semplicemente come fossero scelte in pieno libero arbitrio.

    Le relazioni disfunzionali e tossiche infatti riducono e inducono le persone ad adattarsi in modo squilibrato nella autostima e questo quindi non va più visto come se fosse un ridurre a semplice uso e costume comune .,ma a il fatto concreto che dietro a queste così pensate scelte libere in realtà siano prodotte da relazioni tossiche

    Ecco che la scienza ha potuto dare il vero nome a questi comportamenti e trovarne le vere motivazioni che sono alla origine di questi così diffusi modus vivendi.

    Infatti si è potuto analizzare e classificare queste situazioni che non vanno più viste così come se fosse un costume sociale di poca rilevanza e importanza semplicemente perché producono veri danni psicofisici negli soggetti che per anni si trovano letteralmente incastrati a subire a svalutarsi fino a essere portati a esasperazione da vere metodo di plagio violenza psicologica e anche fisica

    Dove spesso poi sfociano in vere malattie e disturbi fisici creando un effetto domino dannosissimo per i singoli e la società stessa.

    Non va quindi visto come qualcosa che fa parte del amantato ma purtroppo in via trasversale si parla appunto di relazioni affettive tossiche di vari intensità e livello di comportamento dannoso verso se stessi e gli altri.

    Il fatto di ridurre minimizzare o non credere a queste scoperte della scienza resta anche naturale perché il nuovo spaventa sempre e si preferisce appunto ridurre tutto a come fosse qualcosa di blando e inevitabile come fossero scelte libere

    Così poi le persone trovano la difficoltà a individuare le proprie vere motivazioni così non ci si rivolge a nessuna cura psicoterapica o tuttalpiù generica terapia .

    Esiste anche il fatto concreto come pensiero diffuso nella società Italiana che dare il valore a queste scoperte scientifiche sarebbe come a voler giustificare i pessimi comportamenti dannosi
    Come a dirsi che si sarebbe malati e quindi assolti tra virgolette ma così ancora e ancora si tende a ridurre tutto come a mero comportamento totalmente slegato da scoperte scientifiche

    Nei paesi dove esistono leggi di codice penale a tutela delle vittime temporanee di violenza psicologica truffa emotiva con differenze notevoli di pena se si tratta di danni compiuti in seno a propria famiglia e entourage famigliare
    Ecco che diviene già evoluto il pensiero corrente su questi comportamenti sociali affettivi
    Dando eccome la responsabilità ove esiste nella manipolazione negativa che produce danno di vario tipo e livello di gravità

    Così che non si parla di essere sollevati da propri responsabilità solo perché si sarebbe stati manipolatori negativi ,ma esattamente il contrario essendo in vigore da molti anni la legge su violenza psicologica e fisica e anche strumenti che davvero son9 in grado di tutelare chi denuncia di veri abusi a partire pure dallo stalker molto diffuso.

    Sicuro in Italia resta arretratissima mentalità infatti la legge resta inesistente e quelle che ci sono sono inefficaci ,chi denuncia non trova la legge adatta e soprattutto la tutela protezione vera

    Così si preferisce ridurre tutto a solo si fa così così fanno in molti senza rendersi conto dei danni immensi che queste dinamiche relazionali fanno indipendentemente se amanti o gente sposata
    Occorre pensare che ogni amante già occupato non è un essere umano a compartimenti stagni si è persone con vere difficoltà affettive di relazione

    Occorre essere più a conoscenza per acquisire la vera consapevolezza di ciò che ci si porta appresso e del danno prodotto in se stessi e negli altri.

  • Giulia, 5 Gennaio 2024 @ 00:05

    @Molly invece non dovresti sottovalutare il corteggiamento serrato… lo dico come “vittima” in prima persona che è ben difficile resistere se l’altro ti piace. Ripeto io non avevo controllo delle mie emozioni, tremavo, arrossivo quando si avvicinava o mi diceva certe cose. Lavorava con me al tempo, impossibile evitarlo. Ecco, chi arrossisce può capire quanto siano incontrollabili certe reazioni. E se il “predatore” è un uomo navigato, difficilmente hai scampo. Vista la differenza di età, sarebbe dovuto essere il contrario (io ho tredici anni in più, ma a esperienza con l’altro sesso rispetto a lui non c’era competizione). Non faccio la vittima, ho sbagliato io. Ma dopo nove mesi di no, ho ceduto come una cretina per inesperienza (perché dopo i quarant’anni è così impensabile essere inesperte in qualcosa?). O semplicemente io ero veramente innamorata.

  • Lia, 4 Gennaio 2024 @ 22:39

    @Molly, non mi mettere in bocca cose che non ho detto.
    Non ho mai rinnegato l’amantato, anzi, ho sempre detto che non importa come una relazione inizi perché sono le persone e i loro sentimenti quelli che contano e l’uomo della mia vita potrei incontrarlo anche in uno strip club che balla su un cubo (esagero per capirci, prima che urli oddiiiiioooo!).
    Non ho più voglia di dare affidamento ad un uomo sposato adesso dopo quello che ho passato, ma la percentuale che dice Ale di 40 nuove coppie su 100, dimostra che dopo il famoso periodo ludico, si può essere una coppia.
    Credo solo che non sia il caso di restarci impelagate oltre misura se dall’altra parte non c’è alcuna intenzione di quagliare, specie se si è single. Per precisione: Quagliare = no fede o convivenza. Quagliare= lasciare la moglie.

  • ads, 4 Gennaio 2024 @ 22:19

    grazie a tutte le ragazze che hanno voluto rispondere alle miei “provocazioni”,
    poste sicuramente in modo un po’ ” aggressivo”,
    le vostre risposte mi hanno conciliato con la realtà, che vivo nella mia quotidianità,
    siamo in un contesto anonimo, non siamo personaggi delle spettacolo,
    quindi credo che avere un confronto un po’ piu autentico aiuti tutti a sentirsi anche meno sbagliati.
    grazie
    c’è una collega nuova bellina bionda, impegnata, coetanea.
    1,2, 3 volte di approccio mio, ho inteso che non è aria, sono sparito da quel punto di vista.
    ci vediamo ufficio, tutto tranquillo.
    se dovesse cambiare qualcosa e a messo e concesso che io sia ancora interessato il mio numero lo conosce, e vedendoci ogni giorno lo evincerei.
    altro che corte infinita. per me è gia finità.
    sta bene con il suo compagno, sono contento per lei, mi ha detto che sono molti innamorati.
    chiuso il discorso.
    passiamo alla coniuge, mia moglie non mi piace piu’, tutto un insieme di cose mi hanno fatto perdere stima di lei,è innamorata di me..assolutamente no.
    litighiamo si..ma non cose eccessive.
    vige il terrore in casa, assolutamente no.
    ho prenotato già la settimana di vacanza per questa estate, si.
    mi sento in colpa mai.
    non se lo meritava?
    anche io non mi meritavo certe umiliazioni.
    è una madre fantastica..è un madre come tante immagino che si dedica ai figli in maniera molto prevalente,
    mi sento solo spesso pur non essendolo, assolutamente si.
    è una persona affettuosa no
    è empatica no.
    è fredda si.
    è una brava persona tuttosommato si.
    tra me ,i nostri figli e la sua famiglia,…io dove sono collocato al terzo posto.
    incontrare un altra persona era una cosa che sarebbe successa, con determinati presupposti che si sono acuiti dopo la nascita dei figli e con il tempo.
    le cose vanno meglio tra noi dopo la dipartita dell’amante, assolutamente no.
    …e ora secondo voi, potrei scrivere quelle teorie di cui spesso leggo sui rapporti post amantato sul blog.
    con la testa di oggi, la sceglierei ancora.no
    e nemmeno lei immagino.
    per adesso le cose vanno cosi .
    con le stesse circostanze,senza figli…saremmo ancora insieme, assolutamente no
    ciao ragazze.

  • Anonimo, 4 Gennaio 2024 @ 20:34

    Ads,

    Non so, io l’ho visto, abbiamo scambiato due chiacchiere e da quel giorno non ho smesso di pensare a lui.
    Io che mai avrei immaginato qualcosa di simile, sono un tipo di persona da cui non se lo aspetterebbero neanche gli altri.
    Ero in un momento di debolezza per varie ragioni, lui è arrivato dolce e amorevole che parlava di colpo di fulmine così come era sembrato a me, e nel giro di pochissimo è nato un legame che ci sembrava impossibile interrompere.
    Ci abbiamo anche provato per sensi di colpa miei e di conseguenza suoi nei miei confronti, siamo stati distanti un mese, anche se solo fisicamente, e poi ci siamo riavvicinati.

    Razionalmente direi come te, come fa a succedere se stai bene a casa; come fai a farti convincere si vede che hai dato corsa.
    Non so, è successo talmente tanto velocemente che neanche me lo spiego, ad oggi non me lo spiego, oggi non succederebbe più.
    È capitato lui, che aveva caratteristiche per me irresistibili in un periodo di mia grande vulnerabilità

  • Anonimo, 4 Gennaio 2024 @ 20:24

    Elleelle,

    Lo so. Non ci sono riuscita. Anche lui dice di non riuscire, al momento ci stiamo solo sentendo, però meno di prima.
    Sento che qualcosa dentro di me sta cambiando, ci spero.
    Vedo che non riesco più a essere affettuosa come prima perché mi sento in colpa (il senso di colpa è cresciuto da quando so che non mi ama, prima mi sentivo più “giustificata”), vedo che riesco a sopportare l’assenza anche se non si fa sentire per un paio di giorni, vedo che riesco a non cercarlo per prima.
    Li vedo come progressi, piccoli, sto procedendo molto a rilento.
    So che lui dentro questo rapporto mozzato ci sta meglio di me.
    Dice che gli piace. E neanche ci vediamo.

    Riguardo al matrimonio. Non so cosa dire, a me sembra che funzioni.
    Stiamo bene, però se sono finita tra le braccia di un altro qualcosa ci sarà, mi viene però da dare la colpa a me stessa, a qualcosa che non funziona in me.
    O solo un momento di debolezza in un periodo per me difficile, ora per dire non mi succederebbe più.
    Ci sono ancora in mezzo solo perché lui è arrivato in quel periodo la’ e ormai mi sono innamorata

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 19:51

    @Cri28
    Non credo che il tuo caso sia un gran paragone.
    Non chiedi niente al tuo amante (e immagino che il tuo amante non chieda niente a te) perché la vostra relazione è in un recinto, tu non lasceresti tuo marito e lui non lascerebbe sua moglie per cui certe richieste o domande non avrebbero senso.
    Ma se uno di vuoi due fosse single o si volesse separare, secondo me chiederebbe eccome.

  • Anonimo, 4 Gennaio 2024 @ 18:47

    La risposta precedente era mia, Cri28.

  • Anonimo, 4 Gennaio 2024 @ 18:47

    Lia, le domande che ci poniamo dipendono da come stiamo in una storia, da ciò che vogliamo. Io non mi sono mai chiesta se mi ama, quanto o perché non lascia la mogli, perché il rapporto che ho con lui mi piace, mi basta e quindi non mi viene da chiedere altro. Succede così anche nei rapporti normali, se stai bene non ti chiedi se lui ti ama, sai che c’è e non chiedi altro.
    Per me l’amantato non è una cosa orribile, per quanto ci siano aspetti duri, negativi, le cose belle hanno superato quelle brutte, lo penserò anche se finirà di colpo. Ma capisco che sia una prigione orribile per altri.

  • Leilei, 4 Gennaio 2024 @ 18:00

    Ariel chi accetta di fare l’amante o spera sempre nel lieto fine o non ama abbastanza e quindi prende l’amantato come una stampella o un’evasione dalla quotidianità, e parlo sia di uomini che di donne.
    Per quanto riguarda il lieto fine, aldilà della fascia temporale che indica Alessandro, bisogna ascoltare bene quello che dice l’altro. Se ti dice non lascerò la famiglia (per n motivi), sto bene a casa mia, voglio bene a mia moglie, è inutile sperare che cambi idea. Se fa promesse, stabilire un tempo massimo ragionevole.
    Il resto è fuffa.

  • Leilei, 4 Gennaio 2024 @ 17:55

    Ads se una ci casca è perchè ci vuole cascare, e non perchè lui è un abile corteggiatore o è talmente insistente che ti prende per sfinimento.
    Quando mi corteggiano di solito faccio capire chiaramente che non c’è trippa per gatti e dopo un pò spariscono. L’unico a cui non ho detto di no è stato il mio ex amante, in primis perchè lo conoscevo già, secondariamente perchè mi piaceva e infine perchè ero infelice con mio marito.
    Quindi non raccontiamocela, se nel matrimonio abbiamo tutto non ci caschiamo, il sole entra dove c’è una crepa. E soprattutto non ci innamoriamo…

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 16:49

    @Beatrice
    “ogni tanto si comporta in modo che illude, c’è poco da fare. E lo fa sapendo che sono molto presa e quindi si immaginerà l’effetto che mi fa.”

    Basterebbe non lasciarglielo fare. Se tu avessi chiuso definitivamente con un no contact totale, lui non avrebbe modo di farlo.
    Inutile lamentarsi se siamo la causa del nostro male nonostante ci sia stato detto in tutte le salse che no contact è l’unica opzione in questi casi.

  • Dispersa, 4 Gennaio 2024 @ 16:48

    @Ads ti rispondo io … La maggior parte dei tradimenti arriva dopo tanti anni perché annoiati, perché subentra la routine, perché ci si dà per scontati, perché non siamo monogami ecc.
    Ci sono mille fattori.
    Quando inizi una relazione ti presenti sempre al meglio, poi dopo tanti anni questa cosa va scemando, quando per caso conosci una nuova persona ritorni a prenderti cura di te e l’altra persona persona fa lo stesso, cercando di presentarsi sempre al meglio (sia a fatti che a parole) e qui subentra il ‘e mo’ questo/a da dove salta fuori? perché non l’ho conosciuto/a prima?’…
    Io credo, credo ehh, che nella maggior parte dei casi l’amore che si prova per l’amante non sia altro che una grande passione e un idealizzazione di ciò che noi vorremmo.
    A casa tutto bene? Certo che no! Tutti felici? La felicità è uno stato momentaneo…
    Io piuttosto direi tutto tranquillo e sereno, a volte troppo, ecco perché siamo inclini ad infilarci in certe situazioni.
    Ricordiamoci una cosa, la comfort zone alla fine non la disdegna quasi nessuno, proprio perché è la cosa che meglio conosciamo e dove ci sentiamo al sicuro.

  • Molly, 4 Gennaio 2024 @ 16:44

    @Ads hai descritto bene che il corteggiamento è un processo che generalmente vede due persone protagoniste, è molto raro che sia a senso unico per un tempo lungo.

    Se una persona mi racconta che un uomo o una donna l’ha corteggiato per un anno è ovvio che non si arrende chi sa che è un gioco a cui l’altro si presta. Ho avuto dei corteggiatori che mi ha fatto piacere avere (finché non ero in una relazione) e anche se non esplicitamente partecipavo al gioco, bastava un ammiccamento, una risata a una battuta, uno sguardo. Ne ho avuti altri che al solo pensiero mi veniva il vomito o non ero interessata e ho dato dei tagli così chiari che mi evitavano cone la peste perché per prima li evitavo io come fossero la peste. Chi “cade” sa che cadrà prima o poi. Lo sai a 14 anni cosa sta per succedere. Siamo adulti qui. Siamo sinceri almeno con noi stessi. Poi riusciremo ad essere sinceri con gli altri.

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 16:43

    @ads
    “diversamente non si capisce perchè tradite e siete tutte siete felici a casa, super lavoro, nella vita, figli geni.”
    Perché non è così ma le apparenze contano.

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 16:40

    @Ads
    Azzardo una spiegazione.
    Secondo me così tante persone dicono che il matrimonio va bene eppure tradiscono perché non hanno più idea di cos’è un rapporto che va bene.
    La maggior parte di noi accetta la routine (anche io e te), alcuni di noi consapevoli di essere in un matrimonio finito (io e te) mentre altri credono che vada tutto bene perché non ci si mangia la faccia e si fanno tutte le cose che una coppia o una famiglia devono fare (Beatrice, Illusa ecc.).
    Ci sono anche persone più superficiali di altre, che magari si sono sposate perché si doveva fare e quindi abituate a un livello di emozioni diverso, ad esempio. Ma comunque c’è questo errore di valutazione dello stato del proprio matrimonio.
    Non credo per un secondo che vada tutto bene nelle case in cui ci si fanno le corna per mesi o anni, soprattutto se si fanno senza amore e per bisogno personale di essere oggetto di attenzioni. È impossibile che si possa ricostruire con il marito se l’altro è sempre nei propri pensieri, con domande e struggimenti.
    Però è più semplice non dover mettere anche il proprio matrimonio sulla bilancia dei fallimenti.

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 16:29

    Ma santo cielo, @Rinascita ha fatto il primo esempio banale che le è venuto in mente, quello del cambio di una gomma per sottolineare come lui non possa aiutare in un banale momento di bisogno se è a casa con la moglie. Possibile che non si riesca ad accettare che è un esempio banale e invece bisogna discuterci sopra e andare a cercare chissà che interpretazione per il gusto di dare addosso e mandare in vacca ogni conversazione decente che si cerca di avere qui sul blog? Ma che palle!!

  • alessandro pellizzari, 4 Gennaio 2024 @ 16:21

    Messaggi e telefonate senza vedersi abbastanza perché c’è la moglie vaglono zero e sono fishing (esche per i pesci)

  • Giulia, 4 Gennaio 2024 @ 15:50

    “Il massimo che otterresti è di fare “l’amica affettuosa” come è stato proposto a me”. Veramente @Beatrice… è triste constatare quanto sia diffusa questa farsa dell’amicizia che altro non è che ridurci ad “amanti senza impegno” tranne quello che di chiamarci ogni giorno anche più volte (e quante volte mi ha detto: “Se non tenessi a te, non avrei voglia di sentirti così spesso, non ti chiamerei ogni giorno, questo non è già una prova che ci tengo”? Chissà quale sforzo… proprio discariche emotive…).

  • ads, 4 Gennaio 2024 @ 15:21

    allora, voglio ritornare sul corteggiamento,
    allo io ti faccio un complimento, tu lo prendi, e poi mantieni le distanze.
    io faccio un complimento, lo prendi, non dici niente,
    ma comunque fai capire che ti fa piacere essere lusingata, io continuo, tu non dici niente, poi cominci
    anche a prendere l’iniziativa, mi mandi qualche messaggio anche un po piu intimo( anche se..come ripetete spesso siete felici a casa con un marito attento che non merita questo?…
    poi prendete un caffe insieme..poi, poi un bacio, poi accettate un invito a casa,..è un percorso che parte con un messaggio e finisce con un sfilamento di mutandine,..lo descrivete spesso, come il miglio verde,con un finale dall’esito scontato.
    ho letto il messaggio di @giulia, 9 mesi ha scritto le ste cose , non sono duro, sono una persona seria ,
    che non si fa impapocchiare dalle chiacchere ,
    @giulia , rimarrà con il marito che non ama, per convenienza come l’85 %, il resto sono racconti che si deve fare.
    giulia è una persona come , come altre, ma altre hanno almeno il buon senso, di non fare storetelling.
    @illusa..mi aspettavo piu sincerita , non sei in un tribunale qui.
    diversamente non si capisce perchè tradite e siete tutte siete felici a casa, super lavoro, nella vita, figli geni.

  • Ariel, 4 Gennaio 2024 @ 15:13

    Infatti @Leilei non ci sarebbe neppure bisogno di spiegarlo di metterlo per scritto qui che resterebbe di una evidenza forte che non sia fatto una buona idea fare quelle che da un lato vogliono contrabbandare amantato a stecca di anni di azzerbinamento come fosse un amore vero!!! Reciproco!!!!

    NOTA BENE
    Azzerbinamento arriva SEMPRE AL 100/100 quando lui ,IL CIALTRONZO FA I GIOCHINI TIPIQUES DELLA MANIPOLAZIONE NEGATIVA
    e cioè raccontare fregnacce galattiche dov’è si definisce la partner come o asessuata o frigida o anche taaanto imbranata o anche tanto malata

    Per poi sparire con silenzio ingiustificato punitivo ,così così si chiama perché ste relazioni tossiche si basano esattamente su dipendenza affettiva di uno dei due di solito la donna sia moglie che amante non importa intortaggio avviene in via trasversale

    Ora a maggior ragione se uno dei due sta single direi che lo zerbinaggio resta a ennesima potenza!

    Con Aggravante del voler fare quella che avrebbe improvvisamente cambiato idea
    Esattamente come da schema scienza proprio quando lui la ha fatta penare e ha usato vere azioni di violenza psicologica come IL SILENZIO STAMPA IMMOTIVATO per poi essere RIACCOLTO IMMEDIATAMENTE MAI RIUSCITA A FARE UNO VERO NO CONTACT!

    In più appunto andato in fumo la scelta di lui di privilegiare lei per costruire qualcosa a piena luce del sole no obbligo di convivere affatto
    Io con mio compagno NON CI CONVIVO AFFATTO
    Ma siamo LIBERI DAVVERO DI TUTTO
    NO ESISTE NESSUN PARTNER A CASUCGIA CON CUI SCOPARCI MANGIARE OGNI FESTA VACANZE SE RUORTA SGONFIA UN FISCHIO ED E GIÀ LI
    E SOPRATTUTTO MESCOLARE FAMIGLIE A PEZZI in ogni senso come se nulla fosse dimostra che il CIALTRONZO si dimostra ancora PEGGIO DI COMCHE SEMBRAVA e lei è la sua dipendenza affettiva e indotta pure.

    Perché USARE PROPRIO FIGLIO E PROPRI PARENTI FINGENDO A STECCHE DI ANNI DI PRESENTARE LA SUA AMANTE STRAAZZERBINATA LO REPUTO

    GRAVISSIMO!!!
    Grave azione anche questa citata nei testi riportati da psicoterapeuta che si è occupato delle vere vittime temporanee e cioè LA DOPPIA DIPEndenza affettiva e quella indotta da metodo di plagio che resta sempre cn lo stesso schema
    E funziona perché aderisce in un incastro deleterio tra chi sta dipendente affettiva e chi manipola negativamente sapendo benissimo di farlo già da inizio relazione.

    Non stupisce che ancora esistano persone così distanti dalla vera conoscenza dei meccanismi distanti dal curars e ostinarsi a dare le proprie libere interpretazioni che pur sé legittime non servono a nulla per riuscire a vivere davvero libere e senza recare danno pure agli altri tipo sottoporre i propri figli minori a frequentazioni che sono solo che nascoste e piene di vere menzogne !,,sì perché si deve comunque nascondere la realtà verità
    Di una famiglia regolarissima che esiste eccome e il figlio ignaro?
    I figli registrano tutto mooolto di più di quanto si crede
    E soffrono dietro ai sorrisi veramente ingiustamente!!

  • Beatrice, 4 Gennaio 2024 @ 14:33

    Illusa,

    Tu speri che torni da ufficiale gentiluomo ma lasceresti tuo marito per lui? Perché hai detto che stavi bene in casa.

    Vorresti il confronto finale, ma penso che lui sia stato chiaro e il massimo che otterresti è di fare “l’amica affettuosa” come è stato proposto a me.
    Cosa penso impossibile da fare quando si è innamorate, perché già solo il fatto che sia stato proposto da lui fa capire la differenza di sentimento.
    Lui si farebbe sentire e vedere quando va a lui, me la immagino così.

    Riceveresti sempre meno o comunque meno di quel che vorresti e non staresti bene, forse subito un po’ meglio perché ti manca e ti basterebbe riaverlo un po’ con te.

    Parlo a te ma in realtà sto parlando a me, la tua storia per molti aspetti somiglia alla mia: il fatto di essere caduta dentro questo cosa anche se eri felce a casa, il fatto che lui sia stato chiaro da subito, il fatto che si fosse già guardato intorno con altre, il fatto che sia cominciata easy poi ti sei innamorata e hai chiesto di più, il fatto che ti dica sei bellissima e ti voglio bene e poco altro, giusto il tanto che basta a illuderti un po’.
    I tuoi sensi di colpa verso un marito che non lo meritava.

    Il fatto di non riuscire a odiarlo perché è stato sincero…anche il mio è sincero però ogni tanto si comporta in modo che illude, c’è poco da fare.
    E lo fa sapendo che sono molto presa e quindi si immaginerà l’effetto che mi fa.

    Ti sono vicina perché appunto mi riconosco in molte cose

  • Molly, 4 Gennaio 2024 @ 14:06

    @Ale non si riesce a mettere la risposta in alto dato che in genere si risponde ai messaggi che si devono rileggere mentre si scrive?

    “ Molly per quanto riguarda Cossora, non credo sia destabilizzante far conoscere ai figli l’amante perchè non vedono il padre tutti i giorni, ma perchè è una storia ambigua,”

    Grazie @ Leilei per la precisazione. Intendevo anche il dire che è destabilizzante perché non è una storia chiara quella tra Cossora e il suo amante. Conoscere un uomo “al posto del padre” già è arduo da accettare per i figli e se poi questo uomo vive pure con un’altra famiglia è una situazione davvero prematura e insensata. Sicuramente ogni figlio già soffre e molto per il fatto che non vive più la quotidianità con il padre e questo è fonte di rancore e sofferenza già per sé stesso e quindi aggiungere altra confusione con situazioni per nulla definite lo trovo particolarmente scorretto e destabilizzante e piuttosto egoistico.

  • Molly, 4 Gennaio 2024 @ 13:57

    Avere un amante perchè da donna sola non ce la si fa a gestire gli intoppi della quotidianità, è insensatamente riduttivo

    Concordo, @Leilei che è riduttivo ma le mie parole sono state sollecitate da un pensiero riduttivo e stereotipato di Rinascita che ha posto l’esempio di quanto un partner, in questo caso l‘amante, debba essere un tuttofare a disposizione della donna che buca una gomma e questo è uno stereotipo che non avrei mai portato come elemento importante in una relazione. Esistono i gommisti e le assicurazioni per l’assistenza su strada. Non scherziamo. Poi nella concretezza Rinascita può essere la persona più indipendente che esista e le credo se dice che lei si arrangerebbe, ma l’esempio da lei portato non va in quella direzione.

    Il supporto che generalmente ci si aspetta nelle relazioni a mio parere dovrebbe essere morale, non necessariamente pratico.

  • Viovio, 4 Gennaio 2024 @ 13:50

    Il messaggio che ha voluto trasmettere @Rinascita con l’esempio della gomma bucata e’ chiarissimo senza bisogno di dover aggiungere spiegazioni.

  • Ariel, 4 Gennaio 2024 @ 13:47

    @CaroAlessandro forse non hai capito il significato del commento scritto da @Rinascita e pure @Viovio
    Che infatti si riferisce giustamente a le testimonianze qui presenti e pure ,purtroppo,pure fuori di qui in cui si tratta infatti di relazioni in stragrande schiacciante maggioranza sono relazioni con caratteristiche nefaste dov’è in maggioranza uomini sposati occupati passano il tempo a prendere per i fondelli le Donne
    E ci terrei a restare aderente a realtà e cioè che le prese per i fondelli non sono solo verso le amanti ma pure le mogli compagne fidanzate

    Inutile incaponirsi su altro esigua minoranza numerica
    Qui sul Blog resta praticamente inesistente e poi chiaramente ci si riferisce a ciò che qui sta scritto testimoniato da anni in cui esiste il blog

  • Molly, 4 Gennaio 2024 @ 13:43

    “Scegliere proprio un amante con cui una storia ufficiale non sarebbe possibile. La nostra testa lavora così: lo facciamo inconsciamente per salvaguardare la nostra famiglia e al contempo suonare l’allarme che qualcosa non va. (Non me lo sono inventato, sono parole di una professionista che ha analizzato la mia situazione).”

    @Giulia concordo al 100%. La cosa triste è trascinare queste storie e incaponirsi rischiando di perdere del tutto se stessi e trascinarsi dietro e rovinare del tutto anche quel buono che c’era nella propria coppia perché da una parte si vuole suonare inconsciamente il campanello di allarme ma allo stesso tempo si ha il terrore di affrontare il coniuge perché a) si ha paura dell’abbandono
    b) si ha paura di dover fare dei cambiamenti in prima persona dato che colpevolizzare l’altro è sempre molto più facile.

    @Rinascita sono contenta che come per Ellelle e Lia siete riuscite a capire che l’amantato è un’esperienza in cui si devono fare troppo compromessi che alla lunga, finito il periodo ludico e adrenalitico che tutti avete vissuto, portano solo a insoddisfazione, a realizzare che qualcosa di grosso manca, che è l’esclusività, la possibilità di vedersi quando fa piacere e alla luce del sole.

  • alessandro pellizzari, 4 Gennaio 2024 @ 13:43

    I propri figli vanno presentati ai nuovi compagni in situazioni risolte e trasparenti ma anche in questi casi con tempi e modi all’insegna della tutela e del rispetto dei figli in primis e anche dei coniugi inconsapevoli o consapevoli dell’esistenza di un’amante. Uno dei segnali più negativi che un uomo può dare all’amante è cercare di conoscere i figli di lei o fare conoscere i propri allo scopo di guadagnare punti con l’amante (sei così importante che te li presento) o per altri scopi che in quelle situazioni sono come minimo fuori luogo (ho non pochi casi di uomini che hanno costruito con i figli dell’amante, anche piccoli, “un rapporto privilegiato” e poi sono spariti dall’oggi al domani senza spiegazioni oppure li “sfruttano” come informatori inconsapevoli per avere notizie della ex amante, situazioni non accettabili ma reali quanto discutibili) . Persino i separati e divorziati, prima di coinvolgere i figli con i nuovi partner, ci vanno con i piedi di piombo per modi e tempi prima di farsi conoscere ufficialmente, magari con previo passaggio con esperta psicoterapeuta infantile

  • Rinascita, 4 Gennaio 2024 @ 13:21

    Cara Viovio sto bene. A volte incredula per l’evoluzione inaspettata e che prende forma ogni giorno di più.
    Le difficoltà della separazione sono tante.
    Non è una passeggiata assistere ai cambiamenti che mia figlia deve gestire.
    Però ho la consapevolezza che un’altra strada non c’era.
    Con lui ci sorreggiamo in queste difficoltà, vederci irremovibili sui nostri percorsi da forza ad entrambi.
    Lui una volta aver deciso non ha mai avuto un cedimento.
    Non so cosa sia successo ma ha tirato fuori un coraggio ed una tempra nella gestione degli eventi che si sono susseguiti che non avrei mai creduto.
    Ora ci godiamo, con discrezione e rispetto per gli ex, la nostra libertà.
    Spesso ci chiediamo come abbiamo potuto gestire 4 anni di amantato.
    Leggo sempre il blog, non dimentico di quanto ho sofferto e di quanto sollievo ho trovato qui.
    Per me rimane un posto terapeutico che oggi mi tiene ancorata alla realtà.
    Il mio nickname era quello a cui volevo arrivare quando sono approdata qui.
    La mia rinascita è iniziata abbandonando i panni dell’amante e se potessi tornare indietro lo farei anche prima!
    Ti abbraccio ed abbraccio tutte anche Maribel che non scrive da un po’ ma che penso spesso…

  • Leilei, 4 Gennaio 2024 @ 12:41

    Molly per quanto riguarda Cossora, non credo sia destabilizzante far conoscere ai figli l’amante perchè non vedono il padre tutti i giorni, ma perchè è una storia ambigua, è un uomo che ha un’altra famiglia e li frequenta ufficiosamente. Diciamo che sbandierare a dei ragazzi un amantato non è proprio educativo e non dovremmo andarne fiere/i, anche se non gli viene presentato come tale.

  • Leilei, 4 Gennaio 2024 @ 12:38

    Rinascita non sei tu che vai contro gli stereotipi, ma Molly che ne ha troppi. Avere un amante perchè da donna sola non ce la si fa a gestire gli intoppi della quotidianità, è insensatamente riduttivo.

  • alessandro pellizzari, 4 Gennaio 2024 @ 12:17

    Non esageriamo: ricordo che il 35% degli amantati diventano bellissime storie d’amore ufficiali e nuove e con figli

  • Illusa, 4 Gennaio 2024 @ 11:25

    @Giulia grazie mille per aver condiviso la tua storia che mi fa sentire meno sola. Sei lo specchio di quello che vivo. Adesso come adesso vorrei tornasse per chiarire, ci siamo lasciati per messaggio a mal parole…dicendoci anche cose brutte. Poi appunto per impegni comuni l’ho rivisto in questi giorni ma al di là di sussurrarmi qualche “sei bellissima” è finito tutto lì.
    Probabilmente starà già cercando la sua prossima “vittima”.. a differenza mia che sto a pensarlo continuamente.

  • Dispersa, 4 Gennaio 2024 @ 10:56

    @Illusa ti sei risposta da sola, sei consapevole del perché ti sei guardata attorno e che il tuo amante non fa per te.
    Lui ha ammesso che va bene come amante, almeno su questo è onesto, quindi ora tocca a te decidere se continuare godendovi solo il bello (ma tu devi essere veramente distaccata da tutto) o se provare a recuperare ciò che si è rotto in casa (perché a volte è solo la noia e l’egoismo che ci portano a volere altro).

  • Leilei, 4 Gennaio 2024 @ 10:30

    Attendiamo replica di Cossora, ma un rapporto in cui uno dei due è libero e l’altro no, non è mai un rapporto alla pari. La persona libera deve per forza accettare compromessi, quindi se ama manda giù il rospo e continua la storia, se non ama lo fa solo per divertimento, una settimana va in vacanza con le amiche e una con l’amante e le cose sono sullo stesso piano.
    Nulla c’entra con la libertà di non avere un uomo sempre tra i piedi, ma con l’accontentarsi di quando può.
    Che poi possa tanto per il tipo di vita o di lavoro che fa, è un altro paio di maniche.

  • Rinascita, 4 Gennaio 2024 @ 10:02

    Molly, l’esempio della macchina, era solo per dire che un amante può essere presente finché vuole ma ci sono dei limiti invalicabili e per me, dopo anni, insopportabili.
    Vado contro ogni stereotipo e ti dico che se ho un problema, che sia la macchina o la salute, me lo gestisco in autonomia prima come adesso.
    La mia relazione è molto, ma molto di più, di un supporto logistico.
    E’ libertà assoluta, e’ però sapere che dall’altra parte c’è qualcuno che non deve rendere conto a nessun’altra donna se non a me.
    La mia evoluzione mi ha portato a vivere il rapporto in maniera totalmente nuova.
    Questo è il lato positivo dell’amantato e questo merito glielo do.
    La maggior parte delle storie non evolve ma quando raramente succede la nuova coppia beneficia di quel vissuto.
    Il dolore provato io e lui non lo dimentichiamo mai.
    Per rispetto di chi sta soffrendo non sono qui ad esaltare la mia nuova vita.
    Una sola cosa, a te, però vorrei dirla.
    Hai scritto tante volte che l’amantato intrighi per la clandestinità e che tutto appaia più bello proprio per questo, ora ho la prova provata che ti sbagli.
    La sessualità è decisamente più bella, più libera e più disinibita; la scoperta di poter fare le cose alla luce del sole e’ impagabile.
    Sul suo rimanere a casa oltre tempo e’ meglio tu non sappia le motivazioni, mi limito a dire che l’amore non c’entra proprio niente…..

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 09:56

    @Illusa
    Da quello che scrivi, sei consapevole di tante cose e non ti nascondi dietro troppe scuse. Hai capito anche che da parte tua la situazione non è limpida e cioè che più che amore potrebbe essere orgoglio per cui hai tanti elementi per razionalizzare e non ingigantire questa relazione.
    È esattamente quello che devi fare, non ingigantirla, anzi ridimensionala a un evento in cui più che amore era una lusinga per te e l’ennesima emozione per lui, abituato a tradire.
    Avete avuto entrambi quello di cui avevate bisogno e per te anche una “doccia fredda”, sicuramente avevi bisogno anche di quella.
    Lascia che le vostre strade si separino senza perdere tempo in pensieri e domande inutili.
    Lavora su te stessa, sul tuo ego, sul perché per sentirti donna hai avuto bisogno di tradire invece che mettere energie nel tuo matrimonio e soprattutto perché, per orgoglio, non accetti che sia finita.
    A me il problema sembra quello.
    In una situazione come la tua, nessuno dei due è al 100% onesto o disonesto. Ognuno di voi due stava tradendo per sé stesso e non perché innamorato dell’altro, o almeno così mi sembra.
    La vera perdente in questa situazione non sei tu ma sua moglie, tradita con regolarità. Non potere avere figli non è una giustificazione per tradire in modo seriale, perché ci sono molte altre scelte che si possono fare.

  • Illusa, 4 Gennaio 2024 @ 09:50

    @LaVale ti ringrazio di cuore per la comprensione al di là dell’apparenza, il tuo commento mi ha commosso perché penso tu abbia centrato in pieno e la cosa fa un male cane. Se dovesse tornare dicendomi che ha capito di amarmi….sarei davvero felice ma… Ho paura che si tratti di ferita narcisista mi chiedo se si riesca a uscirne poi.

  • Viovio, 4 Gennaio 2024 @ 09:16

    @Rinascita non potevi descrivere in modo migliore l’amantato: un obbrobrio!
    Non ha proprio nulla che vedere con l’amore.
    L’esempio della gomma bucata mi ha ricordato un episodio in cui ebbi un problema simile e dovetti arrangiarmi perché il mio ex si trovava a casa. Non è una bella sensazione.
    Come stai?

  • Illusa, 4 Gennaio 2024 @ 08:11

    @Ale più che altro è facile dire te l’avevo detto che non ti amavo e non dovevi innamorarti. Come se i sentimenti si potessero comandare

  • Illusa, 4 Gennaio 2024 @ 08:09

    @ads ho cercato di sintetizzare una storia in poche righe. Lui cinquantenne io quarantenne. Lui non può avere figli e forse da qui nasce necessità di tradire.
    Io famiglia felice e vita realizzata, quello che è venuto a mancare in questo ultimo periodo sono io, mi son sentita mamma, moglie, professionista ma la me donna non c’era più.
    Lui corteggiandomi mi ha dato quelle attenzioni che mi mancavano, l’affinità ha poi fatto il resto.
    In realtà lo detesto per come mi sento in questo momento ma non riesco ad odiarlo: lui è stato onesto, ama lei e non la lascerà mai.
    Forse odio più me stessa per come mi sono comportata e per aver tradito la fiducia di un marito che non meritava tutto questo.

  • Illusa, 4 Gennaio 2024 @ 08:04

    @Dispersa il tuo msg mi fa riflettere. Perché intestardirsi su qualcosa di irreale? E peraltro che non andrebbe bene nemmeno a me?! Tempo fa lui mi ha chiesto “riusciresti a stare con uno come me sapendo che potrei tradire ancora?” Ovvio che la risp è no, che non riuscirei nemmeno a fidarmi di lui.
    Durante questo anno tra alti e bassi mi sono chiesta perché fossi incaponita così. Al di là di un’affinità sessuale pazzesca forse è l’orgoglio di non sentirsi dire “ti amo e lascerei lei per te”. Mi chiedo se il mio sia davvero innamoramento, se sia solo orgoglio, se sia qualcosa in più o se non sia solo un’illusione. Ma questo star male è tremendo, soprattutto la notte. Oggi 7 gg di CDS e mi chiedo cosa penserà nella sua testa. Forse finalmente si sente libero.

  • elleelle, 4 Gennaio 2024 @ 07:46

    @Rinascita
    Brava, hai fatto bene a specificare che leggerezza non vuol dire superficialità.
    Non c’è niente di leggero nei compromessi che bisogna accettare in un amantato, a meno che del tuo amante ti interessi così poco che non cambia niente se c’è o non c’è, quindi subentra la superficialità. Ma se sei innamorata questi compromessi pesano eccome e la relazione non è affatto leggera.
    Leggerezza vuol dire libertà di vivere appieno, di non doversi nascondere e preoccupare costantemente che lui possa scomparire perché beccato.
    I motivi per avere una relazione “sana” e leggera con un uomo “sano” (cioè non con un narcisista ecc.) sono così tanti che non c’è neanche bisogno di dilungarsi troppo a spiegare.

  • Giulia, 4 Gennaio 2024 @ 04:01

    @Illusa io mi ci ritrovo nella tua storia e @ads sei troppo severo.
    1. Corteggiamento serrato: come già detto diverse volte, ho ceduto dopo 9 mesi e se ti piace un uomo, hai voglia a tenerlo lontano soprattutto se dall’altra parte parte c’è uno navigato, che conosce le donne e che si è messo in testa di conquistarti. Io vi dico solo che quando si avvicinava tremavo, cosa potevo nascondere, come evitarlo (al tempo ci lavoravo insieme)?
    2. Matrimonio felice. Non siamo nè le prime, nè le ultime convinte che il matrimonio andasse alla grande. Ho dovuto scavare in questi anni in profondità per capire quale tarlo si stava dando da fare nella relazione. L’ho fatto emergere, ho aperto la crisi e credo ancora di poter sistemare le cose con mio marito, perchè possiamo riscoprirci, c’è tanto, ne vale la pena. Per ora l’altro ce l’ho ancora in testa, sì, è un’ossessione, una dipendenza, ma col tempo ne sto uscendo.
    3. Scegliere proprio un amante con cui una storia ufficiale non sarebbe possibile. La nostra testa lavora così: lo facciamo inconsciamente per salvaguardare la nostra famiglia e al contempo suonare l’allarme che qualcosa non va. (Non me lo sono inventato, sono parole di una professionista che ha analizzato la mia situazione).
    3. Sensi di colpa e rimorsi. Ce li ho, ma non troppo: sentirsi stupide per aver abboccato, colpevoli di aver tradito marito e famiglia, ecc. Ci siamo innamorate. Potevamo non farlo, abbiamo sbagliato, ma ci siamo innamorate.
    4. Contraddirsi. Non volerlo più, saper bene chi è e continuare a pensare a un suo ritorno da ufficiale gentiluomo. Testa e cuore vanno spesso in direzioni opposte, non ci vedo nulla di strano.

    @illusa ti dico solo di stare attenta ai suoi ritorni, rischi di trascinarti per altri anni come è capitato a me e tante altre. Ti darà sempre meno, ma tornerà dandoti l’impressione o la speranza che provi un sentimento più forte, che non vuole razionalmente ammettere e far emergere. Ti darà l’idea di essere combattuto, ti dirà che ci tiene, non vuole perderti, ti vuole un bene dell’anima, sei fondamentale nella sua vita, sta malissimo, soffre senza di te. Ma ti dà sempre meno e ama la moglie (altra cazxxta, certo, ma in ogni caso ha deciso che è così e per lui è vera).

  • Molly, 4 Gennaio 2024 @ 00:41

    @Ads anche io ho storto il naso quando ho letto la storia di una donna “felice con il marito” che ha ceduto dopo un lungo corteggiamento da parte di un uomo molto più vecchio e chiaramente un seriale ma dal quale sogna ancora che possa tornare come ufficiale gentiluomo.

    Sono d’accordo che un lungo corteggiamento dura nel tempo perché la persona corteggiata non si fa vedere infastidita ma in qualche modo si fa vedere lusingata e spera in cuor suo che continui a tampinarla. Quando “cede” in verità era tutto sognato da tempo.

    Invece di partire dal corteggiatore insistente davvero deve guardarsi dentro e non atteggiarsi da vittima perché la scelta fatta è una scelta, appunto.

  • LaVale, 4 Gennaio 2024 @ 00:28

    @Illusa, non ha figli.. quindi non ci sono legami particolarmente forti. Inoltre ti ha detto la verità’ e cioe’ che non intende in alcun modo lasciare la moglie e che per lui rappresenti una super piacevole integrazione , cosa che probabilmente e’ anche per te. Se vuoi che torni come ufficiale e gentiluomo per “vincere”, chiediti piuttosto (e dal tuo scritto non si capisce), se , qualora lo facesse tu lasceresti tuo marito per lui.
    Lo ami il tuo amante? Sincera.
    Se la risposta e’ no.. la tua e’ ferita narcisistica. Nulla piu’. Ti ha corteggiata molto ma non ti vuole a sufficienza per lasciare la moglie, nonostante tu sia bellissima e probabilmente piu’ giovane.
    La moglie e’ la confort zone e lui si diverte altrove e lo ha gia’ fatto piu’ volte.
    Capita spesso di rimanere invischiate dopo un super corteggiamento galante..spesso anche con chi neppure ci piaceva .. e quando ci si accorge che erano solo parole viene meno quella splendida sensazione che bramiamo noi donne di essere straordinariamente amate..e questo brucia.
    Chiudi i rapporti e disintossicati. Non vale piu’ di te solo perche’ non lascia tutto per te.

  • Molly, 4 Gennaio 2024 @ 00:25

    “Cossora mi dirà che lui c’è sempre e mi piacerebbe sapere se bucasse la macchina mentre lui è a pranzo con la moglie se arriverebbe o meno.”

    Certo che un rapporto che dimostra la sua profondità se un uomo (si badi bene, non la donna stereotipata come imbranata e incapace di fare lavori manuali in cui si sporcherebbe le manine) ti aiuta se ti si scoppia una gomma mi fa capire perché spesso (sempre per stereotipi) la scelta dell’amante di restare con la moglie viene spesso schernita e liquidata su questo blog come “si vede che gli vuole fare da badante” mentre se ad invecchiare con lo stesso uomo è quella che una volta era l’amante, allora di badante non si parla.

    Sono d’accordo che una relazione a metà con uno o entrambi in un’altra relazione non può che essere una relazione monca dove ci si vede solo se si sono raccontate bugie ad un’altra persona e se non si rischia troppo e dove non si può avere un’intimità completa perché bisogna non destare sospetti e dove non c’è esclusività e ci si deve accontentare di incontrarsi quando si riesce.

    D’altra parte non tutti sono portati per relazioni intime e profonde e quindi chi non ce la fa, fa bene ad accontentarsi della settimana di vacanza, della notte in albergo e della gita fuori porta. Sono attimi che si potrebbero condividere con un amico, a cui magari si vuole bene ma che non fa parte del nostro quotidiano. Ciò che mi pare però evidente è che con il passare del tempo ci si accorge che con quella persona più di questi momenti “speciali” non si riesce a vivere perché se capitano delle grosse difficoltà, quali una malattia, quelle sono persone che spariranno e ci si sentirà soli perché allora dei ritagli di tempo una persona con grosse problematiche non saprà di cosa farsene e di sicuro se fosse in ospedale le decisioni importanti per la sua vita lui non le prenderà di sicuro con l’amante che nemmeno lo potrebbe andare a trovare e allora il bilancio della propria vita sarà proprio di essere rimasti con un pugno di mosche.

  • alessandro pellizzari, 3 Gennaio 2024 @ 23:09

    Ti voglio bene al posto di ti amo è un insulto per chi ama davvero

  • Rinascita, 3 Gennaio 2024 @ 21:48

    Ragazze buon anno a tutte/i. Una relazione d’amore piena non è démodé come Cossora descrive. Lo hanno già scritto ElleElle, Lia (in alcuni passaggi esilarante), LeiLei ed anch’io condivido che per vivere una relazione con leggerezza (e non con superficialità), con dolcezza, con spontaneità’ non sia necessario andare a letto con chi ogni sera dorme di fianco ad un’altra donna.
    Conosco entrambi i ruoli e devo dire a Cossora che l’ obbrobrio dell’amantato, lo si può edulcorare come si vuole, ma quello rimane.
    Non riesco a catalogare in altro modo una relazione parallela pluriennale che non evolve in altro e per altro intendo viversi davvero, senza fedi al dito, senza convivenze essendoci davvero l’una per l’altra.
    Cossora mi dirà che lui c’è sempre e mi piacerebbe sapere se bucasse la macchina mentre lui è a pranzo con la moglie se arriverebbe o meno.
    Ah anch’io mi arrangerei da sola però so che quella stessa persona con cui vado a letto e’
    quella su cui fare affidamento sempre e non quando puo….
    Poi ognuno è libero di vivere come gli pare, ma innalzare un trofeo per la “scelta”
    fatta o meglio subita, anche no…..

  • ads, 3 Gennaio 2024 @ 18:07

    @ilaria, ho letto il tuo messaggio,
    ..eri felice ma comunque hai tradito tuo marito,
    -non credo che stiano cosi le cose-,
    ti senti in colpa per tuo marito, anche questa frase è stata ripetuta non sai quante volte.
    detesti il tuo amante, ti desti per come sei caduta nella sua trama,
    ma poi alla fine aspetti e ti chiedi se lui possa tornare come ufficiale e gentiluomo,
    eri felice con tuo marito ma ti sei innamorata di un altro uomo che ti ha detto che era innamorato della moglie.
    da quanto descrivi mi pare azzardato far passare anche questo per il solito profittatore.
    è sposato da 30 anni quindi…quindi cosa ha 20 anni in piu.
    ed eri felice con tuo marito.
    immagino e sono certo che questo sia una tua verità della storia , un racconto parziale.
    ultima cosa hai ceduto dopo una corte serrata, guarda, che le persone si propongono ma se non ricevono riscontro,si tirano indietro,non danno spago, non danno spazio,
    ecco scusami non fare anche tu la vittima del lupo.
    siamo su un social anonimo, senza contraddittorio reale,
    ma io personalmente non ho l’anello al naso.
    tanti saluti

  • Dispersa, 3 Gennaio 2024 @ 16:50

    @Illusa… Sei solo all’inizio quindi è normale che tua sia contraddittoria. Da una parte ti detesti, dall’altra hai la speranza che torni come ufficiale gentiluomo… Il fatto è che è stato chiaro ‘ti vuole bene e ama la moglie’… Quindi nulla di più.
    Sembra strano, ma il tutto nasce da dentro di noi, da qualcosa che ci manca, da due persone che nel tempo sono cambiate (marito e moglie), dalla routine, dal dare per scontato quello che abbiamo ecc.
    Ci accaniamo e aggrappiamo a qualcosa di irreale e irrealizzabile, perché? È da qua che devi iniziare, non da lui.

  • elleelle, 3 Gennaio 2024 @ 14:10

    @Lia
    “Esagero ma davvero vedo la sua presenza qui come qualcuno che va in un centro di recupero per tossicodipendenti urlando che si è più felici e contenti assumendo la propria dose quotidiana.”
    È la stessa sensazione che ho io, tranquilla, capisco benissimo.
    Ma credimi che il concetto di dolcezza non ha niente a che vedere con l’essere più decisa nelle proprie scelte sentimentali e non volere più fare l’amante, ad esempio. Avere gli occhi aperti ed essere consapevoli non vuol dire essere rigide. Se tu trovassi la persona che fa per te e ti tratta bene, tireresti fuori tutte le belle qualità che non sprechi con il primo coglioxe che incontri.
    Credo che questo valga un po’ per tutte e te lo dico da persona che non è mai stata un fiume di dolcezza ma che “c’è”, che sta di fianco a chi ama o a chi vuole bene. Secondo me questo è più importante di tante moine dolci dolci.

  • alessandro pellizzari, 3 Gennaio 2024 @ 13:52

    Se hai bisogno di aiuto contattami

  • Illusa, 3 Gennaio 2024 @ 13:02

    Ciao a tutti, vi leggo da tempo ma non ho mai avuto modo di commentare. La mia storia da folli..Lui sposato da 30 anni senza figli che ha tradito la moglie più volte nel corso degli anni, io sposata da 10 con figli, felice anche se in un momento di equilibrio instabile a causa di lavoro/figli piccoli. Lui che inizia più di un anno fa con una corte serrata fino a farmi fare capolino un anno e mezzo fa. Inizia una storia Easy, un incontro ogni tanto, miliardi di messaggi quotidianj, poi come da manuale mi innamoro e sento che voglio di più. Lui ribadisce che ama la moglie, che ha rapporto particolare con me, intesa super mentale, fisica etc ma che è un voler bene e che ama solo lei e non la lascerà ma che spesso ha pensato a come sarebbe stata con me.
    Io distrutta, sensi di colpa verso mio marito, rabbia nei miei confronti per quello che ho fatto, odio verso di lui per il quale mi rendo conto essere dipendente.
    Da una settimana ho iniziato il CDS, alterno momenti in cui sono serena per aver chiuso ad altri dove bramo si faccia sentire.
    Ci vediamo perché abbiamo amici in comune e al di là di battute tipo “sei bellissima etc” non ci parlo più.
    Mi chiedo come ho fatto a cascare e tradire mio marito per un cretino pur sapendo che aveva tradito diverse volte la moglie e quindi non si sarebbe mai innamorato di me.
    Di contro mi chiedo se mai sarà possibile ritorni come ufficiale e gentiluomo.

  • Ariel, 3 Gennaio 2024 @ 12:10

    Vorrei spendere due parole ,se posso,
    sul termine dipendenza riferito a quando viene ,giustamente,detto e per giustamente significa avere dato fiducia a scienza che ha scoperto questi meccanismi che si attuano in relazioni affettive disfunzionali fino a tossiche che si evincono semplicemente da quanto tempo durano .

    Un conto è definire Dipendenza Affettiva che è un modo di comportarsi verso qualsiasi relazione affettiva e sociale ,già scritto molto nasce da una falla del proprio sistema del. Attaccamento affettivo nella primissima infanzia.
    Non è una malattia ma un modus comportamentale

    Questa Dipendenza affettiva produce nei fatti concreti che sicuro al 100/100 prima o poi nella propria vita si sarà attratti proprio da soggetti che portano sicuro comportamento nocivo manipolazione NEGATIVA i così definiti Cialtroni ( esiste pure al femminile ,ma in minoranza numerica)

    I Numero di relazioni composte così come sopra è la loro durata resta direttamente proporzionale al livello di intensità della propria Dipendenza affettiva originaria.

    Mentre quando si dice che in queste tipologie di relazioni il manipolatore negativo

    Produce esso/sa dipendenza nella propria preda si tratta di Dipendenza con caratteristiche diverse che non hanno le stesse motivazioni del perché si siano prodotte

    Infatti manipolazione negativa si definisce così proprio perché si avvale di vari metodi per INGANNARE INTORTARE TRATTENERE IL PIÙ A LUNGO ATTACCATE LE PROPRIE PREDE

    IMPORTANTE FARE I DISTINGUO su le DUE dipendenza
    Di cui
    Una si chiama DIPENDENZA AFFETTIVA E che va curata in psicoterapia adeguata e specifica

    mentre la Dipendenza che si instaura nella relazione è fatta ANCHE dal metodo di intortamento messo in atto da chi manipola negativamente le prede

    Ad esempio vedere esperimenti sui topi
    Del metodo CAROTA /Bastone
    E cioè ti do TANTISSIMO TI DIMOSTRO AMMMORE E CUORE
    per poi IMPROVVISAMENTE SPARIRE NEL SILENZIO PUNITIVO SENZA NESSUN MOTIVO OGGETTIVO SPIEGABILE

    Usare la SORPRESA NEFASTA DE
    GIOCHINO DELLA ALTERNANZA COMPORTARSI DA CALDO A FREDDO A SPARIZIONI CREA

    DIPENDENZA NEL CERVELLO

    Così che come il topolino aspetta SEMPRE FIDUCIOSO IL CIBO ELARGITO A PROFUSIONE
    Dopo identico trattamento del togliere e ridare

    ASPETTA FINO A MORIRE IL CIBO

    importante saper distingue LE DUE DIPENDENZE

    Perché per riuscire a staccarsi occorrono sicuro DIVERSI METODI IN PSICOTERAPIA

    INFORMATEVI OGNUNO PER CONTO PROPRIO
    CERCATE PSICOTERAPEUTI CN ESPERIENZA SU QUESTE dinamiche di relazione.

    In mia esperienza ne ho provato diversi metodo proprio per i motivi che qui vi ho espresso.

    Scopo mio è incoraggiarvi e invogliarvi a scavare a livello di aiuto psicoterapeutico e a imparare le differenze sostanziali sui MOTIVI REALI SCIENTIFICI che ci hanno condotto ad avere relazioni disfunzionali fino a tossiche.

  • Lia, 3 Gennaio 2024 @ 12:04

    @elleelle, il mio è stato qui un percorso difficile. Ho dovuto far fronte ad una grossa privazione e ti assicuro che a volte mi sentivo come un drogato in crisi di astinenza.
    La rabbia, la rigidità mi hanno aiutata ad affrontare questo percorso che sicuramente mi ha resa anche più cinica e meno dolce.
    Forse Cossora dimentica come nei suoi periodi di lontananza dall’ex fosse tutto fuorché dolce e leggera.
    Esagero ma davvero vedo la sua presenza qui come qualcuno che va in un centro di recupero per tossicodipendenti urlando che si è più felici e contenti assumendo la propria dose quotidiana.
    Per questo mi viene da ribattere a tutte le sue affermazioni!

  • Leilei, 3 Gennaio 2024 @ 11:47

    Cossora però tu confondi la routine con un rapporto libero. Capisco che la routine possa essere pesante, che dopo un matrimonio soprattutto una donna voglia godersi la propria libertà e non avere un uomo h24, ma la differenza sta nell’andare al cinema in centro città, nel telefonare e mandare messaggi liberamente, nel presentarlo ai tuoi amici, nel non avere la certezza che tu saresti quella che butta giù dalla torre. Ripeto, questo non è amore, è solo un passatempo.

  • Lia, 3 Gennaio 2024 @ 11:43

    @Mimi, @Dispersa mi sento una piuma!
    La sensazione di aver ripreso il controllo totale della mia vita e delle mie emozioni!

  • Leilei, 3 Gennaio 2024 @ 11:38

    Cossora io credo che non vi amiate, o almeno non più. Ti va bene come compagno di divertimenti, proprio per questo penso che non dovreste coinvolgere i figli.
    Sai perchè ti scrivo questo? Io mi sono accorta che da quando non sono più innamorata del mio ex amante, non mi interessa più nulla di quello che fa a casa, non sono più gelosa, se lo vedo va bene ma se non lo vedo non mi manca. E’una compagnia ogni tanto.

  • Lia, 3 Gennaio 2024 @ 11:31

    @Smarrita,
    secondo me se ne esce comunque, ma lo si fa in tempi diversi.
    Per uscirne in tempi ragionevolmente brevi, sono d’accordo con @Ale, un’esperienza del genere deve comportare un cambiamento, un’evoluzione, altrimenti si resta impantanati nei ricordi più a lungo.
    Per questo è importante il lavoro su di se e sulla propria situazione.
    Fondamentale è il no contact. Ce la farai come ce l’hanno fatta tutte quelle che l’hanno voluto davvero!

  • Mimi, 3 Gennaio 2024 @ 11:20

    @smarrita io ho tirato gli ultimi tre mesi di relazione a gran fatica, ero stanca. Poi lui a Gennaio scorso mi aveva promesso una cosa, di comune accordo (più insistenza sua e ringrazio per questa cosa) abbiamo deciso di non sentirci finché non avesse sistemato ma dopo due settimane avevo capito che era tornato sui suoi passi con la moglie, l’ho chiamato, gliel’ho chiesto, ha confermato e da lì per me si é chiuso tutto all’improvviso. É stata la ciliegina sulla torta, ne avevo piene le scatole. Mi ha mandato messaggi, chiamata, é passato una volta sotto casa ma a me non ha fatto più nessun effetto da un giorno all’altro, mi era rimasto solo il fastidio di non vederlo darsi pace, non ho mai neanche pensato di rispondergli. Poi tutto quello che ho raccontato, tra blocchi e segnalazioni a lavoro. Ho rischiato uno scivolone dopo qualche mese solo per avere l’ultima parola (non avevo intenzione di tornare indietro, era solo un gioco forza a seguito della segnalazione a lavoro) ma questo piccolo sbandamento mi ha fatto capire che davvero non volevo dedicargli nemmeno un minuto della mia vita e avrei vanificato tutto visto il suo modo già irrispettoso, avrei peggiorato la sua insistenza solo per agire di testardaggine. Non ne valeva la pena. Non avevo bisogno di conferme ma rivederlo é stato il definitivo traguardo finale della mia maratona. Mi mancava solo quello dopo un anno di no contact, così ho finito il mio percorso, ho chiuso il cerchio.

  • Dispersa, 3 Gennaio 2024 @ 10:56

    @Lia @Mimi… è bello leggervi così!!
    Vi sento… Libere e leggere!

  • elleelle, 3 Gennaio 2024 @ 09:48

    @Smarrita
    a me ci è voluto circa un anno per lasciarmi alle spalle quello che è successo, un po di più dal punti di vista sessuale.
    Dipende anche da quanto lo vuoi tu e dalla tua capacità di darti pace e accettare che è finita. Se non ti rassegni e cerchi ogni appiglio e spiegazione, ci metterai molto più tempo.
    Alla fine sai che comunque vada non è l’uomo per te perché ha scelto la moglie. Trattenerlo nei propri pensieri non ha senso. C’è un mondo di persone là fuori, ci sono uomini stronxi e uomini corretti. Esci, frequenta e orientati su quelli corretti.
    Lui, il tuo ex, non esiste più.
    La pietra tombale sulla relazione con il mio ex l’ho messa io, senza possibilità di ritorno. Il dolore che provavo era dovuto all’abuso narcisistico che avevo subito, a quello che sentivo addirittura come abuso sessuale, non era dovuto alla sua mancanza. Lui era ormai morto, non esisteva più, l’ho accettato subito ed è stata la mia salvezza.
    Il mio ex non poteva più tornare a farmi intravedere rapporti strani o di amicizia. Ci ha provato e gli ho riso in faccia, poi ho chiuso definitivamente la porta.
    Tu questo non l’hai mai fatto e ti sei resa la vita più difficile. Invece la porta deve essere chiusa e la relazione data come finita per sempre.
    Datti pace, abbi pazienza, distogli la mente e vedrai che passerà più in fretta. Finché ti chiedi quanto ci metterai, non sei sulla strada giusta.

  • alessandro pellizzari, 3 Gennaio 2024 @ 09:15

    Se c’è una cosa che una storia andata male con uno sposato insegna è proprio quella di non accettare più uomini impegnati

  • alessandro pellizzari, 3 Gennaio 2024 @ 09:13

    Molto dalla situazione di vuoto emozionale che permane. Per esempio chi ha incontrato l’amante durante un matrimonio in fallimento o dopo una storia fallita o tossica e chiude con l’amante, se permangono i disagi che hanno portato a quell’incontro se il matrimonio è sempre deficitario o non si è fatto nulla per far crescere la propria parte di vita privata libera i bisogni rimangono quelli di prima dell’incontro e quindi ci si aggrappa a quello

  • elleelle, 3 Gennaio 2024 @ 09:08

    @Ariel
    A me non fa né caldo né freddo se una persona sceglie di avere l’amante. Trovo strano che una persona single come @Cossora, ad esempio, scelga un uomo impegnato ma capisco che questo specifico uomo impegnato possa avere più di una valenza e va bene così. Alla fine ognuno si convince di quello che gli fa più comodo e la vita è sua.
    Ma non mi sembra intelligente l’eterna posizione “Cossora contro tutte” che adesso porta addirittura a definire le altre donne come poco dolci e poco leggere se non vogliono ripetere un’esperienza di amantato perché la riconoscono come una barca che per loro fa acqua da più parti.
    Nessuna qui è così ingenua da non sapere che un amantato è un compromesso e che se si va avanti per anni lo si fa per altri motivi, tra cui la dipendenza affettiva che si crea in queste situazioni. Anche la trombamicizia è un compromesso e non è di certo la soluzione ideale.
    Non è necessario difendere a spada tratta le proprie scelte scendendo anche a giudizi personali infondati su chi non è d’accordo.

  • Smarrita, 3 Gennaio 2024 @ 07:44

    Bravissime @Mimi e @Lia! Le vostre vittorie sono un toccasana per noi che viviamo ancora nel dolore. Voi dopo quanto tempo vi siete avviate sulla strada dell’indifferenza?
    Sarei curiosa di sapere perché alcuni riescono ad uscirne completamente, mentre altri rimangono legati al ricordo e non riescono a lasciarsi alle spalle queste persone, pur mettendo in atto tutti i passaggi necessari (no contact, distrazioni, lavoro su stesse). Da cosa dipende?

  • Mimi, 2 Gennaio 2024 @ 20:23

    “Li ho letti. Effetto zero.
    Come se avessi preso un anastetico.
    Il suo pensiero non mi da più nessuna scossa.
    È riuscito davvero a distruggere tutto.”

    @Lia la stessa cosa che ho provato io vedendolo, identica. Da una parte non so se ha fatto strano anche a te il non provare nessuna emozione visto quello che sono stati per noi per tanto tempo, dall’altra ho provato una leggerezza immensa, é stata una sensazione bellissima, un premio enorme per tutti i miei sforzi.
    Ah comunque non é bastato neanche questo, ha provato a contattarmi ancora. Io davvero non capisco ma più che altro non ho nessun interesse a capire.
    Che pagliacci.

  • Love, 2 Gennaio 2024 @ 16:33

    @Lia ti rispondo molto volentieri perché forse ho fatto passare un messaggio sbagliato…facendoti scrivere che ne sono nostalgico.
    Ho scritto che capisco quello che vive @Cossora perché lho vissuto anch’io in quel modo e forse completava almeno per me ciò che mi mancava.

    La rottura degli equilibri da parte della terza persona ha fatto capire a me quanto amassi quella persona che non era un semplice riempimento del mio tempo “libero” e molto probabilmente è servito alla mia ex per capire che il suo per me non era amore (è solo un mio pensiero).
    Concordo con te che ciò che dipende da una terza persona non si può affatto chiamare “Amore”…anzi è tutt’altro.
    Io volevo quello ho puntato tutto ciò che avevo su quell’amore è andata male…pazienza ma ti garantisco che giorno dopo giorno quella leggerezza do cui parlo la sto ritrovando anch’io.

  • elleelle, 2 Gennaio 2024 @ 15:33

    @Lia
    Buon anno a te!
    Qui tutto bene, ho passato delle buone feste con famiglia, amici e un paio di serate con questo amico di lunga data di cui ho parlato recentemente. Atmosfera natalizia, caminetto, chiacchiere e questa familiarità tra noi che a volte salta fuori inaspettatamente. Per fortuna abbiamo i piedi ben piantati per terra e non si va oltre, ma è comunque bello.
    Sono molto contenta di leggere che i suoi auguri ti hanno lasciato indifferente. Ci vuole una certa faccia di tolla per mandarteli dopo come ti ha trattato ma immagino che la sua serialità gli impedisca di raggiungere la profondità d’animo necessaria per capire.

  • Lia, 2 Gennaio 2024 @ 15:31

    @Ale, credo(spero) di sì.
    Grazie a te e a tutte le ragazze che mi sono state vicine!
    Mi sento una piuma!
    Volevo fare una domanda a @Love che è tanto nostalgico del suo amantato.
    Lo chiami amore quando quello che vivi o non vivi dipende da una terza persona?

  • Ariel, 2 Gennaio 2024 @ 14:27

    @Lia
    BRAVISSIMA non è lui che ha distrutto tutto

    ,ma ,
    Sei tu che SEI RINATA A NUOVA VITA LA VERA TE STESSA!!!

    importante cogliere la differenza..!
    Buon Nuovo Anno cara @Lia
    Ti leggo sempre con vera totale comprensione e condivisione di ciò che scrivi!

    ❤️

  • alessandro pellizzari, 2 Gennaio 2024 @ 14:18

    Evviva Lia l’indifferenza è vera guarigione!

  • Lia, 2 Gennaio 2024 @ 13:30

    Ciao @elleelle, buon anno!
    Come stai? Spero tutto bene!
    Quest’anno mi sono arrivati gli auguri anche dal mio ex amante, per email, visto che
    su wa è ancora bloccato.
    Li ho letti. Effetto zero.
    Come se avessi preso un anastetico.
    Il suo pensiero non mi da più nessuna scossa.
    È riuscito davvero a distruggere tutto.
    Sul resto, mi fa piacere che almeno tu abbia capito il senso delle mie risposte.

  • Ariel, 2 Gennaio 2024 @ 13:01

    elleelle, 1 Gennaio 2024 @ 19:23

    Ah che meraviglia questo tuo scritto cara @elle a leggerti rivaluti al maximo il valore che ha questo Blog quando la penna che scrive trasmette evidente uno spessore concreto perché ciò che si scrive esprime esattamente la propria “Terra “ e il proprio “ Retroterra”
    Con queste espressioni intendo simboleggiare appunto cosa muove a scrivere determinate affermazioni ,e il modo con il quale con estrema INSISTENZA si staziona qui dando i titoli a utenti anonime come se ci si conoscesse personalmente

    La tua osservazione su dolcezza o meno non è altro che un chiarissimo proiezione sugli altri dei propri antichi nodi irrisolti altrimenti non si starebbe qui soltanto con lo scopo sempre identique di parlarci del amante CIALTRONZO a stecca come la visone della apparizione del vero unico grande amore..
    Molto più semplice scrivere a risposta
    Con un semplice

    Se ti acconti poi ne farai tutte le conseguenze!!!
    Purtroppo la Dipendenza affettiva non bisogna diventare che la vera UNICA MOTIVAZIONE CHE SPINGE a tenersi legati per anni in situazioni di buio di vero azzerbinaggio ad oltranza sono solo che relazioni tossiche

    E queste così dette scelte libere non hanno proprio nulla di libero!!
    E in più provocano se non curate dei veri disastri non solo personali ma peggio a tutta la società

    Questo per dire che ovviamente umanità essere imperfetta e sicuro potrebbero esserci ancora amantati a stecca che corrispondono a matrimon8 fallito che dimostrano USARE LE PERSONE BELLAMENTE IMPUNITI

    Per questo che occorre lottare per trasmettere la importanza fondamentale del togliersi da dipendenza affettiva che appunto rovina tutto e tutti a partire da se stessi

    La dolcezza resta nello spessore di chi scrive su cosa scrive e su come lo scrive!!!!!!!!
    Eh ahimè vedo e leggo i soliti

    Ahimè deja vu
    Dove la dolcezza non appare minimamente o meglio a mo di di favoletta favolosa come
    La panna di Hansel et Gretel

    Ecco ATTENZIONE ALLA APPARENTE DOLCEZZA!!!

    Ahahah
    Bonjour!
    Che vita per chi si cura es vraiment

    BELLISSIMAAA!❤️❤️

  • Molly, 1 Gennaio 2024 @ 20:04

    Innanzitutto Buon Anno a tutti.

    Per qualcuno spero che sia l’anno della svolta, che possiate stare bene e non contribuire alla sofferenza di nessuno. Non soggiornate in una doppia vita o con qualcuno che conduce una doppia vita. Siate veri, sinceri, alla luce del sole, non nascondetevi più a messaggiare a qualcuno e nel frattempo a indossare la maschera con qualcun altro o a permettere che qualcuno lo faccia a casa propria. Esigete relazioni senza gesti infantili, siate adulti e coerenti.

    Ho letto diverse critiche a Cossora. Io credo che lei sia capace di divertirsi in una relazione senza impegno, di godersi gli incontri che arrivano, la vacanza di una settimana, il weekend ogni tanto ma che quell’uomo sia un di più alla sua vita di mamma, di lavoratrice e di amica, una specie di “agente del divertimento” non un amore.

    Immagino il suo doppiavita un uomo con una sua ditta o comunque un libero professionista (magari mi sbaglio) per cui lui riesce a giustificare “trasferte” lunghe, viaggi anche ai weekend. È particolare lui ma è particolare anche lei. Io non farei conoscere il mio amante ai miei figli per il semplice fatto che sono già spaesati da un padre che non vedono più tutti i giorni e una nuova figura maschile, tra l’altro nemmeno compagno, la vedo come una presenza disorientante per loro ma lei sembra non farci caso all’impatto sui suoi figli, va avanti come un caterpillar (sí me la immagino proprio così la nostra Cossora) se sapessero che a sua volta lui ha una famiglia con figlio penso possano essere turbati e provare per lei un certo rancore ma per come si presenta Cossora stento a credere che i suoi figli riescano a pararle apertamente. La sento molto “maschile” con un senso di opportunismo che alla fine va bene sia a lei che al suo amante. Oh, magari mi sbaglio…

  • elleelle, 1 Gennaio 2024 @ 19:48

    @Cossora
    Tu la leggerezza negli altri non la vuoi vedere perché altrimenti non potresti sminuirli in questo eterno confronto tra te e loro, il problema sta tutto lì.
    Eppure spesso questa leggerezza c’è al punto che non c’è neanche bisogno di parlare di una propria esperienza “leggera” e di proporla come esempio o sottoporla costantemente a giudizio. Semplicemente questa leggerezza ti fa vivere un rapporto senza farne oggetto di discussione perché non c’è niente da discutere.
    Tu fondamentalmente non sai se le altre utenti hanno un rapporto dolce o leggero. Non hai idea di quello che faremo stasera né, giustamente, ti viene detto. Se una relazione funziona e va tutto bene, non ha senso complicarla parlandone su un blog fino allo sfinimento, no?

  • elleelle, 1 Gennaio 2024 @ 19:23

    @Ale
    Innanzitutto buon 2024!
    Ci deve essere qualche problema per firmarsi con il nickname sul blog quando si scrive, perché alcuni post sono di utenti di cui riconosciamo la storia ma compaiono una volta col nome, una volta con Anonimo. Boh…

    Riguardo a tutto il resto: se una persona vuole una relazione esclusiva ha ogni diritto di averla, anche se poi dura tre mesi e basta. Non deve per forza sentirsi poco moderna o sciocca se non vuole condividere una relazione con una terza persona. Questo non dipende dall’età, dall’essere più o meno rigide o dolci. La dolcezza non prevede il dover farsi andare bene tutto. Se una donna vuole una relazione esclusiva, non è per forza una donna delusa, intransigente, cattiva, poco femminile, poco dolce. E questa relazione non deve per forza essere definita da un anello al dito o da una quantità specifica di impegni e tempo da passare assieme. Anzi, trovo arretrato pensarla in questo modo.
    Personalmente credo che una relazione con un uomo che non vuole lasciare la moglie ma non disdegna di avere l’amante sia alla portata di tutte. Può variare la quantità di soldi che un uomo è disposto a spendere ma la condivisione con un’altra donna non è niente di rivoluzionario e se si aggiustano le aspettative si può andare avanti a lungo.
    Ma se una donna non vuole la comproprietà, fa benissimo a non adattarsi a una relazione di questo tipo senza doversi sentire meno “femmina” e credo che criticare altre utenti sull’aspetto della femminilità o della dolcezza sia una bassezza.
    Innanzitutto perché non ci si conosce di persona e poi perché la dolcezza è una qualità molto strana e non è un parametro assoluto. Puoi essere femminile e dolce ma avere altri difetti e non è detto che un uomo non li noti.
    La moglie del mio ex era tanto dolce ma a detta di più persone è una donna immatura e poco interessante. Io non sono la personificazione della dolcezza ma sono una persona matura e interessante.
    Quali possiamo valutare come caratteristiche migliori? Secondo me non è possibile.
    Se sei tanto dolce ma poi ti fanno le corna, la dolcezza è irrilevante. Il problema poi non sei tu, più o meno dolce, ma l’uomo che ti tradisce (lei) o ti prende per i fondelli (me).
    La scelta di non farsi prendere in giro o usare, di non abbassare le proprie aspettative e di non condividere un uomo con un’altra donna è assolutamente legittima e non dovrebbe essere vista come una falla nel carattere di una persona. Gli amantati esisteranno sempre ma non raccontiamoci la balla che siano la scelta ideale.

  • Love, 1 Gennaio 2024 @ 17:30

    @Giulia ti capisco ancora un po di tempo e nemmeno penserai a scrivergli.
    Questo è il mio primo natale dove nemmeno ho pensato a mandarle gli auguri ma non ho nemmeno pensato al fatto di riceverne anche se ora è separata.
    Tempo solo ed esclusivamente quello ti serve.

    @Cossora lo dico,perché ritrovo che ciò che stai vivendo rispecchia i miei primi tre anni e mezzo con la mia ex dove se fosse rimasta con quella modalità oggi sarei qui o forse nemmeno avrei cercato questo posto, perché se ci pensiamo un po tutti, siamo finiti qui in cerca di risposte anche a delle sofferenze che iniziavano a trovare spazio dentro di noi, beh io onestamente starei ancora dov’ero perche ci stavo bene.
    La mia vita i miei impegni e lei per il resto cosa si dovrebbe chiedere di più? Questo è l’unico motivo per cui mi ritrovi a pensarla come te sulla maggior parte della tua relazione.
    Nessun consiglio ma nel mio sognare ad occhi aperti…immagino che bei momenti insieme a lui.
    Gli unici che possono o potranno cambiare gli equilibri non siamo noi ne loro ma i compagni, mariti o mogli che siano.
    Solo loro possono farlo dove nel mio caso per più di tre anni il marito era sempre fuori e di tempo ce n’era fin troppo… le false promesse sono arrivate quando lui ha iniziato ad essere presente in casa e nel tuo caso come hai scritto tu…il tuo glissa e sparisce.

  • Lia, 1 Gennaio 2024 @ 13:50

    @Ads, ho pensato fossi Cossora perché il penultimo Anonimo era lei.
    Comunque ti sbagli di grosso su di me.
    Non voglio consigliare nessuno, tanto meno chi non lo vuole essere.
    Dico quello che penso su certi argomenti assurdi e basta.
    @Cossora fa bene a fare l’amante, come lo fanno in tantissime, basta che non si mostri più illuminata di chi l’amante non lo vuole fare e non porti avanti tesi assurde come la mancanza di autostima o di incapacità a stare da sole.
    Semmai il contrario.
    Comunque lei ha fatto il suo percorso, ma ognuno evolve e fa il proprio.
    Tu ribatti sempre alle mie affermazioni perché le trovi non allineate ai nostri tempi.
    Premesso che non mi interessano i tempi. Ho idee chiare e non mi devo per forza uniformare.
    Faccio solo notare alcune contraddizioni.
    Dici che bisogna essere più fluidi nelle relazioni. Spiegami allora perché questa apertura mentale nel concepire rapporti senza grossi vincoli e impegni non si rispecchia, poi, nel matrimonio che viene ancora visto come qualcosa di impossibile da chiudere.
    Chi ce lo fa fare, I figli, la gente, la fava e la rava…
    Poi, però, si è tutti più moderni nelle relazioni extra o a giustificare gli amanti che quel matrimonio non lo vogliono chiudere.
    In questo mia zia era più coerente…

  • Giulia, 1 Gennaio 2024 @ 12:14

    @Cossora @Anonimo io ribadisco: se la relazione funziona e fa star bene, basta, chiuso il discorso: moglie non moglie, amore o non amore. È un amantato che funziona, punto. Quanto durerà? Bo, finchè va, perché possiamo dire con certezza quanto dura un matrimonio?

  • Giulia, 1 Gennaio 2024 @ 12:00

    @Beatrice @Dispersa è stato un pensiero fugace: piuttosto che scrivere a lui, sono corsa a scrivere qui a voi! 🙂
    Alterno momenti di malinconia, ricordi, ma spesso sono arrabbiata e cerco di leggere in chiave negativa tutto quello che lo riguarda. Cerco di non salvare i momenti belli che ci sono stati, almeno per il momento, perché sono quelli che mi hanno fatto sempre tornare. Cerco di concentrarmi solo sulle cose brutte che mi ha detto, i dispetti, le frecciatine fatte apposta per ferirmi: che le pensasse veramente o meno ha poca importanza. Quello che conta è che non è possibile una relazione felice, di qualunque natura (amicizia, matrimonio, amantato…), con uno così. Io ho tentato, ma i tentativi sono esauriti, non saprei cos’altro inventarmi per far andar bene una relazione con lui. E, infatti, per anni sono andata avanti convinta che bisognava bloccare ogni contatto, ma mi ha ripresa, trascinata sempre, per anni.
    Questo vale per me e per chiunque, moglie compresa: anche lei per amore le sta tentando tutte, ma purtroppo so per certo che non la renderà felice. Una coppia in terapia già al primo anno di convivenza, prima ancora della celebrazione delle nozze, che speranza ha? Un matrimonio nato già morto, soprattutto se c’è già l’amante di mezzo prima ancora di iniziare. Uscita io, ne arriveranno altre.
    Questo pensiero mi consola? Sì, ma non per invidia o gelosia nei confronti della moglie (mi dispiace e mi sono sentita anche in colpa per lei), ma perchè quello sbagliato è lui, non io, non la moglie.

  • Anonimo, 1 Gennaio 2024 @ 11:59

    ero io l’ultimo anonimo , è stato un errore
    Ads

  • Lia, 1 Gennaio 2024 @ 10:51

    @Anonimo, purtroppo mia zia la scelta di Cossora l’avrebbe capita molto bene, o pensi che le amanti una volta non esistevano. Certo adesso fa figo raccontare che sia il risultato di una consapevolezza più illuminata.
    Fatto sta, al netto di tante chiacchiere rifritte sullo stare bene da soli ed essere più dolci e sugli impegni e so ben io, che il bacio sotto al vischio e probabilmente non solo quello, anche per quest’anno non è riservato a te.
    È proprio quello che vuoi?
    Mi fa piacere per te. Io preferisco altro.
    Buon 2024 a tutti e due(?)

  • Anonimo, 1 Gennaio 2024 @ 07:47

    salve a tutte e buon anno.
    cossy ha trovato un suo equilibrio,
    lei ci sta dentro , forse mia zia per come è fatta non ci starebbe in una situazione cosi.
    io probabilmente si.
    @lia, certo l’amore con la A maiuscolo ha tutti quei requisiti che hai declinato,
    nella prassi non è cosi, la maggior parte delle relazioni continuano per altri motivi,
    ciascuno di noi preferisce guardare in casa di cossy, piuttosto che guardare al proprio ambito,
    nulla di nuovo,..basta fare un test con una propria amica, anche un proprio genitore e vedrai che sarà in prima linea per dispensare consigli,reprimende sulla cosa giusta da fare.

    ciao ragazze.i

  • alessandro pellizzari, 1 Gennaio 2024 @ 01:16

    Se un uomo non trascorre con me il Capodanno perché è fuori per lavoro o perché preferisce, in accordo con me, trascorrerlo con altri amici, ben venga!
    Ma se non lo trascorre con me perché preferisce un’altra donna, non sua amica ma relazionata sentimentalmente con lui, non mi va bene!
    Perché non io?

  • cossora, 31 Dicembre 2023 @ 18:44

    @ale io sono arrivata nel maggio 2019. Non stavo bene ma credo, oggi, che pesassero sul mio equilibrio più i 25 anni chiusi con mio marito, che non i 7 mesi di amantato.
    Mi chiedo come si fa a volere (o consigliare) che lasci la moglie per mettersi con me che avevo la bussola sballata. Da tempo dichiaro di aver capito che non l’ho mai voluto per me. Io volevo quel che ho ora.
    Certo come faccia ad avere tutto questo tempo è misterioso.
    Certo, se la moglie si palesa lui sparisce. Ma anche se un altro arriva con una proposta allettante io faccio l’indiana. Non sono monogama e sono single volontariamente.
    Dall’estate 2021 faccio una settimana di vacanza con lui, una con la mia migliore amica, una coi miei figli. Più week end tutti i mesi e tutte le altre occasioni quotidiane (pure troppe, a dire il vero, ma da un po’ le limito perché sennò non c’è più niente da raccontarsi) le simpatiche tuttologhe incallite e non qualificate ogni tanto si ricordino pure di questo.
    L’ho scritto mille volte che non voglio un compagno ne un fidanzato. Che ormai mi conosco: mi innamoro mi dedico mi annoio e mollo. Ogni tanto sembra non capiscano l’italiano. Passi @ariel ma le altre.. che dischi rotti!
    Ragazze, nel 2024 leggerezza. E un po’ di dolcezza. In alcune utenti non ne ho percepito un grammo in 4 anni! Uomini, fatevi sentire, la dolcezza non va più di moda?
    Sono sempre stata fuori moda, io.. 🙂

  • Anonimo, 31 Dicembre 2023 @ 18:26

    @ale passami questo messaggio. Nella primavera del 2019 sono arrivata qui perché ero confusa, disorientata, è vero, ma in seguito ho rivisto il peso dei 7 mesi di amantato e i 25 anni di convivenza e matrimonio finiti 4 mesi prima con una separazione (pretesa per 11 mesi da me) dal mio ex marito. Qua a casa tua ho trovato sfogo, risate, condivisione, ma anche conflitto, contrasto, dolore, e poi sono iniziati i consigli di utenti (non qualificate e già arrabbiate) le tecniche: bloccalo, vai dallo psicologo, sei sottomessa, non sei lucida, sei dipendente.. estranei che si permettevano di definirmi con presunzione medica, dalle pagine di un blog anonimo, usando se stessi come riferimento. Follia pura!
    Non era il mio posto ai tempi ma l’impatto è servito, se ora ho chiaro chi sono e rido della ‘tuttologia’ onnipresente, allora mi sono fatta lavare il cervello (non è successo solo qui, in quanto aperta e trasparente molte persone hanno trovato spazio nella mia testa, viziato e amplificato il mio essere analitica, specie subito dopo aver chiuso una relazione di 25 anni).
    Puoi non credermi, ma non ero in me. Io non ho mai voluto davvero che stesse ufficialmente con me. Risistemare la vita per farcelo entrare, con tre ragazzini in mezzo, più di metà della mia vita ancora li pulsante, ansimante, dolorante, rivendicante.. accollarmi l’umore della sua separazione, la sua frustrazione, le disfunzioni della sua emotività (lui e la moglie fanno la coppia che sono, mica con me sarebbe un altro). IO HO DESIDERATO SEPARARMI CON TUTTE LE MIE FORZE E PER QUANTO FOSSE DURA, DOPO ERO FELICE E LIBERA, ricordo gli abbracci-condoglianze di un amico carissimo, quando mi sono divincolata gli ho detto ‘oh! ma guarda che l’ho voluto io eh!’.
    Io volevo (e voglio) il suo tempo, le nostre emozioni, i nostri viaggi, la nostra tardo adolescenza, l’ispirazione, lo stupore, il dialogo, la passione, la complicità con lui, ma non la quotidianità.
    La libertà che ha è più unica che rara, abbiamo tutto il tempo che vogliamo e ormai siamo così allineati che se uno dei due non può questo week end, si organizza per il primo disponibile. Io non sono sempre libera, ho le mie amiche e non voglio rinunciare per dare priorità a lui. Lui ha comunque una moglie (discreta? assente? boh) e un figlio e un lavoro.
    Questo periodo favorevole e piacevole è iniziato nel maggio del 2021, ma vi ricordate solo quel che è successo prima, nel 2019 e nel 2020 (me lo ricordo benissimo anche io, come dimenticarlo è stato fondamentale per capirmi). Siamo quasi nel 2024, si può mettere agli atti?
    Sicuramente non sono un esempio ‘regolare’ ma la mia è una realtà, che condivido senza fronzoli con voi.
    E hai ragione si, mi basta, mi va bene. A chi non crede mando un bel sorriso, leggerezza nel 2024 ragazze, e anche un po’ di dolcezza, che insieme alla leggerezza non trapela mai dalle vostre righe!

  • Dispersa, 31 Dicembre 2023 @ 17:08

    @Cossora tutti nella vita abbiamo degli obiettivi e dietro a questi ci sono dei risultati (ai quali in realtà non bisognerebbe né aggrapparsi né accanirsi).
    Forse il tuo obiettivo era di essere serena e probabilmente, ma perché io la penso così, non era l’avere una determinata persona accanto ma il poterla vivere.
    Una fede al dito, una convivenza, un matrimonio… Il più delle volte non significano nulla e non sempre portano al risultato sperato e alla felicità.

  • Dispersa, 31 Dicembre 2023 @ 16:42

    @Giulia solo tu hai il potere delle tue azioni, quindi solo tu puoi decidere di non scrivergli… Non è bello che tu possa decidere??

  • Beatrice, 31 Dicembre 2023 @ 15:42

    Giulia….

    Gli auguri sarebbero un pretesto, lascia stare.
    Anche io l’ho cercato per prima qualche volta in questo ultimo periodo ma la cosa mi ha lasciata solo con l’amaro in bocca.
    Li per li provi sollievo perché si, rispondono, si fanno trovare, dicono anche cose carine, poi tanto rimane tutto un caos uguale a prima.
    Non si risolve nulla, un inutile sollievo momentaneo che passa dopo pochissimo lasciandoci anche peggio.
    Resistere invece da’ più soddisfazione.

    Non so se per te questo 2024 sarà l’anno della svolta, alla fine neanche per me so se lo sarà.
    Lui vorrebbe continuare, ma alle sue condizioni, spero di essere abbastanza forte.
    Vedremo, ma almeno proviamo a non essere noi a cercarli, diamoci almeno questo come obiettivo.

  • Lia, 31 Dicembre 2023 @ 14:28

    @Cossora, certamente lo scopo è il confronto.
    Ognuno ha i propri obiettivi e le proprie modalità.
    Quello che soddisfa te, può non soddisfare un’altra.
    I tuoi interventi, però, sembrano spesso indirizzate a donne che vorrebbero dai propri amanti una fede al dito o una convivenza a tutti i costi, mentre, secondo me, quello che si vorrebbe è in primis altro.
    Il fatto che l’amore non c’entri nulla con la firma di un pezzo di carta è un concetto scontato e vecchio. Ma queste cose si discutono eventualmente quando la coppia esiste.
    Prima bisogna arriverci ad essere una coppia!
    Cerca di guardarci come donne assolutamente moderne che semplicemente non vogliono condividere un uomo con altre donne.
    Tu la pensi diversamente, ma questo non ti rende più moderna.
    A me l’idea di condividere un uomo non piace.
    Se un uomo non trascorre con me il Capodanno perché è fuori per lavoro o perché preferisce, in accordo con me, trascorrerlo con altri amici, ben venga!
    Ma se non lo trascorre con me perché preferisce un’altra donna, non sua amica ma relazionata sentimentalmente con lui, non mi va bene!
    Perché non io?
    Cosa diversa se sono separati in casa.

  • alessandro pellizzari, 31 Dicembre 2023 @ 14:00

    Diciamo che una volta che volevi si separasse lui per te non lo farebbe mai e adesso ti va bene così e non ci soffri

  • Giulia, 31 Dicembre 2023 @ 13:21

    Scrivo qui per bloccarmi. Lo penso e mi balena l’idea di scrivergli io per gli auguri, so per certo che mi richiamerebbe all’istante, moglie o non moglie. Non lo faccio, no, ma veramente è come resistere a una dipendenza. Anzi è una dipendenza. Voglio chiudere e aprire il nuovo anno senza di lui! Che sia un anno di libertà per tutti!

  • Ariel, 31 Dicembre 2023 @ 04:48

    Mah veramente a Cossora piacciono tanto i ristoranti stellati,che lei chiama ammmore vero!!!!
    Ahahahahahahah

    Impegnarsi equivale a non SOTTOMETTERSI FACENDO LA AMANTE ZERBINO FOREVER A CUCCIA BRAVA TENUTA DAL RISTORANTE STELLATO AHAHAH

    Maddai non chiamatelo amore!!
    È anche una questione di stile!!!

    Chiamiamolo DIPENDENTE AFFETTIVA!!!
    Che sta col solito UOMOCIALTRONZOASTECCADIANNIDIBUGIARDOMARCIO!!!!

    Ahahah

    Notte tempo tutto sta lecito scrivere?
    Mah ahahah non lo so ma sto di guardia…..

    Ahahah
    Bisous et Buoni cenoni !!!
    E che sia un Anno nuovo pieno di novità come ad esempio smettere di fare le azzerbinate nel ristorante di lusso ahahah!

  • cossora, 31 Dicembre 2023 @ 00:06

    @lia ho scritto 17 righe senza riferimenti espliciti. Hai risposto come se il post fosse per te. Nelle 17 righe c’è scritto qualcosa che ti ha punto sul vivo. E’ evidente. Non ho la pretesa di sapere cosa sia, ne cosa pensi ne cosa vivi, ma questo è il posto giusto per condividerlo. Io mi sono messa a nudo. Ma a te, cosa ti ha punto?

  • cossora, 30 Dicembre 2023 @ 23:59

    @dispersa cara, hai colto il significato del mio post. Senza personalizzare. E’ una capacità non indifferente. Fondamentale sapersi godere amore (o emozioni).
    Quanto al distacco dal risultato.. dal mio punto di vista l’unione con un uomo non può essere un risultato, io e la mia realizzazione, la mia evoluzione, la mia presa di coscienza continua siamo il risultato. Non riesco proprio a vedere come obiettivo il farlo separare per impegnarsi con me, dal momento in cui io non voglio prendere impegni con nessuno. Vorrei continuare nel mio percorso e temo che trasformare uno stimolante rapporto volontario in una presenza routinaria (che io vedo scontata) sarebbe ad oggi un limite. Però questo è il mio punto di vista, ultrapersonale. Evidentemente poco condivisibile dai lettori del blog, lo accetto e capisco.

  • cossora, 30 Dicembre 2023 @ 23:48

    Ho dato il mio punto di vista. Giusto voi diate il vostro. Giusto che ognuno di noi possa avere accesso a un pensiero diverso dal proprio per rivederlo, cambiarlo o riconfermarlo. Senza titoli o ‘ramanzine’ a me piace così, a te piace cosà. Ho fatto una premessa generale, non ho parlato con una o con l’altra. Logico che ognuno legga con la lente della sua storia. Io stessa scrivo con la penna della mia. Non è questo lo scopo del dialogo? Far girare le idee, contaminare, lasciarsi contaminare?

  • Dispersa, 30 Dicembre 2023 @ 22:06

    @Cossora condivido quanto hai scritto, ma solo per chi sa godersi certi amori (o forse emozioni) con distacco dal risultato e solo se vissuto con chi lo merita… Alle più giovani e alle single auguro di non impelagarsi con uno sposato!!
    PS. Questo vale anche per i maschietti… Anche se in minoranza.

  • Lia, 30 Dicembre 2023 @ 21:34

    @Cossora, una cosa è l’amore, un’altra è la modalità con cui viverlo e i valori che uno ha.
    Nessuno qui parla di firme e ristoranti stellati.
    Io personalmente, alla mia età, non devo certo costruirmi una famiglia, fare dei figli, sposarmi e forse non ho neanche più voglia di convivere.
    Credo, però, di non aver sbagliato a mattere in dubbio i reali sentimenti del mio ex nei miei confronti.
    I miei sentimenti non erano in discussione.
    La domanda è sempre la stessa.
    Perché un uomo non ti sceglie.
    Perché se ti ama resta con la moglie e non la lascia, piuttosto molla te.
    Perché se sei il suo amore non desidera la condizione migliore per te.
    Non sono domande lecite?
    Se tu non te le vuoi fare e non ti interessa, non puoi certo condannare chi se le fa o scambiarle per una richiesta di impegno.
    Questi ragionamenti non c’entrano una fava con l’impegno.

  • Ariel, 30 Dicembre 2023 @ 15:34

    @Anonimo
    Per capire se si sta serio oppure no non dovrebbe mai arrivare un momento nel quale ti poni questa domanda e cioè la vera RECIPROCITÀ DI SERIETÀ NEL SENTIMENTO NON NECESSITA DI NESSUNA ESITAZIONE O VERIFICA O DUBBIO ATROCE O LIEVE!!!

    Quando esiste davvero la vera voglia di stare insieme si ha voglia di rendersi liberi da legami ancora in atto al più presto possibile

    Ad esempio SENZA ASPETTARE ANNI LUCE PER DIRE A CASA PROPRIA AL PROPIO PARTNER CHE SI TA CON UN ALTRO!!!

    Dopo sei mesi QUESTO FATTO DI STARE NASCOSTI NON FUNZIONERÀ MAI!!!!!!!!!

    Perché se resta intuitivo capire che sicuro separarsi legalmente o meno tenendo famiglia sicuro ha sua tempistica

    INVECE DIRE A CASUCCIA PROPRIA CHE SI STA AMANTI NON NECESSARIO AFFATTO ASPETTARE LE MESATE!!!
    I mesi sono troppi sia per se stessi che per le famiglie rispettive

    LUCE DEL SOLE PRIMO STEP AL PRIMA POSSIBILE DIREI

    URGENTE!!!
    Perché se si arriva a tradire la fiducia del partner o se uno dei due single lo si costringe a fare da spalla nelle mega stronzate bugie propri ate a casuccia

    OVVIO NON FUNZIONA PROPRIO UN BEL GNIENTE

    primo step DIRE CON URGENZA TI HO TRADITO PERCHÉ STO INNAMORATA DI UN ALTRO E CIAONE!!!

  • cossora, 30 Dicembre 2023 @ 13:32

    Premessa: questo post NON VALE per i/le giovani che vogliono costruire. Costruire e progettare sono impegni e gli impegni si prendono con persone nelle condizioni fisiche, mentali, economiche ed emotive allineate al tipo di progetto che si desidera avviare.
    Fatta questa premessa, penso che le scuse del dopo feste siano sempre le stesse, ogni post Natale, ogni post estate, ogni post Pasqua e via dicendo. C’è ancora bisogno di scriverle o di leggerle? Se proprio non vi va di pensarlo in montagna a ‘divertirsi’ con la famigliola.. mettete un muso, direttamente proporzionale a ciò che volete ottenere (che ovviamente sceglierete prima di mettere il muso) e il gioco è fatto. Non è amore? Ma va? L’amore è reale nel momento in cui lo state provando, come la felicità. Quando serve un impegno, una firma, un contratto.. non è amore. Quando serve un ristorante stellato, non è felicità. E’ cercare di sistemarsi ed avere garanzie riconoscibili sull’investimento che si sta facendo. O per evitare la solitudine, per evitare di star da soli con se stessi, perché non ci si piace abbastanza o non ci si stima abbastanza da sopportare la propria presenza in una casa, nella società, nel mondo. Si risparmia il tempo, si risparmiano i soldi. Non si risparmia mai l’amore. Se si ha la fortuna di provarlo, va provato. Grazie al cielo sopravvive quasi a qualsiasi non-condizione e non può nascere da nessuna condizione seppur ottimale.
    Che orrore sarebbe! Buon amore per voi stess* prima d’ogni cosa nel 2024 a tutto il blog e all’amabile padrone di casa!

  • alessandro pellizzari, 30 Dicembre 2023 @ 01:40

    Scrivi e racconta di più anche in privato

  • Anonimo, 29 Dicembre 2023 @ 22:54

    Il mio è un debole, la descrizione su love advisor gli calza a pennello. Come faccio a capire se si può trasformare in ufficiale e gentiluomo? Siamo nei primi sei mesi. Io non mi voglio illudere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.