person holding name letter blocks
Photo by Leah Kelley on Pexels.com

I Ferragnez, al secolo la coppia Chiara Ferragni e Fedez, hanno raccontato di aver fatto terapia di coppia.

Ospite a Che Tempo che Fa, Fedez ha detto: “Credo che la cosa più interessante sia cercare di normalizzare l’andare in terapia, di coppia e non solo. In generale”.


Nessuna crisi quindi, solo una sorta di fisioterapia di coppia, quasi un tagliando psicologico atto a evitare quello che io indico spesso, insieme alla routine, come pericolo numero uno della longevità delle unioni, e cioè il mettere sotto il tappeto la polvere fino a farla diventare una invalicabile montagna.


Prevenire è meglio che curare certo, e quindi ben venga una terapia di coppia in tempo utile per evitare future incomprensioni e malumori. Farla periodicamente è come fare un controllo per la propria salute, in questo caso di coppia, e quindi bene hanno fatto i Ferragnez e bene farebbero tanti.


Ma c’è terapia e terapia e, soprattutto, perché sia veramente utile bisogna essere sinceri innanzitutto con sé stessi e con gli altri. Lo dico perché non pochi maschietti usano la terapia di coppia o individuale come scusa per guadagnare tempo o per mettere la toppa a una relazione messa in discussione.


Vediamo quali sono i casi che vedo maggiormente nella pratica.


Il primo caso è quello dell’uomo che viene messo con le spalle al muro dall’amante: dopo molte promesse, dichiarazioni di intenti e tira e molla lui, per spiegare i suoi tentennamenti nel lasciare la moglie, tira fuori blocchi psicologici e caratteriali. Lui vuole separarsi ma non ce la fa. E di solito esterna, da bravo allievo di Freud approfondito con qualche ricerca su internet, il fatto che i suoi genitori fossero in crisi o si siano separati, e qualche vario ed eventuale altro “trauma” infantile.


Così si gioca la carta del bisognoso di aiuto e vi dice che inizia a fare terapia per vincere questa sua, come vogliamo chiamarla, confusione?


Purtroppo e troppo spesso, questa è tutta una scusa e lui dal terapeuta ci va poco convinto e soprattutto per prendere tempo con voi “facendo qualcosa” che sembra finalmente un muoversi nelle direzione giusta. Una scusa che funziona perché lui così si appella alla crocerossina che c’è in voi e che deve assistere l’uomo debole che non ce la fa.


In fondo, con la paura che avete che lui non molli la moglie perché non vi ama abbastanza, il sentirsi dire che “ho bisogno di aiuto perché io voglio ma non ce la faccio e non mi spiego il perché, è una cosa psicologica che devo superare” è una manna dal cielo. Almeno fino a che scoprirete che anche la terapia non serve.


E non serve perché lui sa spesso bene cosa si cela dietro a quel “non ce la faccio”: lui, di lasciare la moglie, non ci aveva mai pensato veramente fin dall’inizio, e per ragioni che nulla hanno a che fare con la psicologia, a partire dai soldi e altri accessori di convenienza. Però intanto a voi vi calma vendendovi la novità della terapia e prende tempo. E in questo tempo, che possono essere mesi, voi continuate a fare l’amante.


Il secondo caso di terapia furbesca al maschile è quella che lui vende, alla moglie e all’amante insieme, quando sono tutte e due le protagoniste della storia a tre a lamentarsi dell’andamento del rapporto. L’amante per i suddetti problemi e la moglie perché ha annusato odore di bruciato e alla domanda “hai un’altra” lui ha risposto anche più di una volta “ma scherzi? Ma proprio no sono solo stanco per il lavoro, sono troppo stressato”.


Quindi lui vende alla moglie la terapia di coppia come rimedio a un periodo di stanchezza generale e matrimoniale, e a te la vende come modo di preparare la moglie al confronto finale, a farle capire che è finita. Mente in tutte e due i casi e magari tenta di mentire anche al terapeuta, nascondendogli per esempio anche l’esistenza dell’amante stessa nei colloqui individuali.


Ma finita la terapia di solito lui liquida l’amante e rimane con la moglie. E magari ti dice pure che facendo terapia ha capito che ama ancora la moglie, non importa se la cornifica da anni con te e con altre. E la tradirà ancora anche dopo di te.


Ci sono poi casi in cui lui dice di continuare a fare una terapia anche individuale ma ci va solo per due sedute e a voi racconta di averne altre dieci, sempre per prendere tempo.


Terzo caso di terapia di coppia farlocca per lui: viene scoperto dalla moglie, ti molla all’istante in mezzo al mare e senza salvagente e a lei vende la tua presenza come sua crisi esistenziale, fragilità, confusione, traumi della guerra del Vietnam, e quella volta che la zia mi ha scoperto a rubare la cioccolata, il nonno mi ha guardato male, la cugina aveva la scollatura e mi tentava. Così quieta la moglie (lui è solo un debole caduto nella trappola di una donna senza scrupoli) e il matrimonio è salvo. Almeno fino a quando non verrà sgamato con un’altra o con te, se cadi nel trabocchetto del “Sono tornato perché non posso vivere senza di te, l’ho capito andando in terapia” (ma guarda un po’ !).


Quindi, care amiche amanti e mogli in crisi, la terapia e il rivolgersi a un esperto di dinamiche di coppia (ci metto anche il counseling certamente) è un’arma formidabile per capire molte cose della coppia, ma anche no se chi chiede aiuto ha un secondo fine e non è convinto di quello che fa, ed è solo una scusa.


Il terapeuta si accorge di questi bluff più prima che poi e se la vede con il paziente anche su questo tema, il problema è accorgervene voi.


Come fare ad accorgersi che la sua terapia è tutto un bluff?

Non serve tanto diventare investigatrice privata, anche se non poche lettrici hanno sgamato l’amante al bar con gli amici invece che a fare la seduta, ma se vi appellate al vostro sesto senso femminile e alla vostra capacità di leggere fra le righe, abbandonando la voglia di credergli a tutti i costi, potrete notare o meno cose importanti.


Un uomo che fa seriamente delle sedute con un esperto, con la vera volontà di capire per uscire da un “blocco” psicologico, cambia davvero. E da subito si può notare un cambiamento, una evoluzione.


Chi esce da un esperto si sente meglio, più sereno, magari invece più triste ma sicuramente più consapevole e meno confuso, se lo era davvero. Qualcosa sta già cambiando. Lui sta cambiando. All’inizio sono dettagli, ma voi potete coglierli.


Non vedete proprio nulla in lui di nuovo? Andare in terapia per lui è stato come mangiare un gelato? Occhio.


Con questo non voglio dire che dovete fargli il terzo grado dopo ogni seduta (sono anche cose molto private e profonde che non si raccontano), ma imparate a cogliere, passo dopo passo, se ci sono veri cambiamenti in lui e fra di voi.


Fare terapia o counseling non è come andare a farsi due chiacchiere al bar.


Sincerely yours

Condividi:

383Commenti

  • Ariel, 31 Dicembre 2021 @ 15:40 Rispondi

    Carissima Nina grazie a te e a tutte voi e pure ai pochi maschietti che j’adoreeee!
    Da sempre come Ads che si è preso tonnellate di miei Cazziatoni Mega e senza batter ciglio ci insegna che occorre saper guardare oltre alle apparenze delle parole soprattutto quando sono in effetti la unica forma di comunicazione tra persone e per giunta solo per scrittura

    Se per caso posso essere stata o essere ancora un poco utile a qualcuno che chiaro se si é approdate qui era solo per via della propria storia di relazione sbagliata per se stesse con veri danni e dolori grandi

    Così certo Cara Nina la Unione fa la forza
    La forza del starci accanto ma col plusvalenza del saper cogliere in ogni nostra parola da chiunque provenga resta sicuro un vero Tesoro inestimabile capace di far riflettere pure a volte di stimolare emozioni di rabbia o negative
    Sentirsi giudicate male o non comprese
    Capitato e capita a tutte e tutti e tutto questo è una grande scuola involontaria

    Non è certo merito di qualcuno di più o di meno perché un gruppo per essere talle è come un antico mosaico dove ogni tesserina è un pezzo unico e che occorre proprio quello per riuscire a dare completezza e valore alla intera opera d’arte

    Perché sai cara Nina
    Siamo tutti ognuno una opera d’arte unica originale e irripetibile

    E quindi grazie a te e a tutti NESSUN ESCLUSO!

    Colgo questo spazio a te dedicato anche per dirvi a tutte e tutti

    Che sia un anno davvero NUOVO PIENO DI SALUTE E GRANDI SVOLTE EPOCALI PER OGNI VITA che ANCORA ADESSO soffre presa da difficile ricerca delle vere se stesse

    Ma CHI CERCA SICURO
    TROVA
    LA PROPRIA VERITÀ LA PROPRIA UNICITÀ

    SENZA PIÙ PAURA
    SENZA SE
    SENZA MA

    UN MEGA ABBRACCIONE CORALE
    CALDO E PIENO DI VERO CUORE!!!!❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️❤️
    Etc.etc. Etc.!

  • cossora, 31 Dicembre 2021 @ 14:17 Rispondi

    @Lolly ti ringrazio 🙂 lascio il tuo mariotozzo alle sue vicissitudini, preferisoc di gran lunga un week end al mare bevendo gintonic con te.
    Ho il mio randagio che è davvero un piacere e nel frattempo mi godo il cammino e i suoi incontri.
    Da oggi in modalità ‘mamy’, anarchia ed autogestione limitate (non finite perchè ci faccio vivere anche loro, siamo abituati così!)
    Ti e vi faccio tanti auguri per ogni ‘oggi’ .. parola d’ordine: vivere!!

  • Angelina, 31 Dicembre 2021 @ 11:38 Rispondi

    @Ads la penso anch’io come te che il sentimento non rinasce…non dopo almeno anni di ammantato e di entra e esci…c’è altro,c’è un voler andare avanti per i figli,routine,facciata,parlo per lui eh non mi permetto a giudicare nessun’ altra,sono ancora molto ferita e penso che lui abbia ottenuto ciò che vuole…devo far passare questa rabbia che a volte fatico a farmela scivolare addosso…voglio tornare a vivere…ad essere la persona divertente,leggera,libera che non sono più da tanto…quanti danni fanno queste persone tossiche…a me piace sempre leggerti e sono contenta di questa tua evoluzione,non so se sia dovuta dalla tua psicologa o dalle tue consapevolezze,ma vai avanti così!!
    Un abbraccio.

  • Lolly, 31 Dicembre 2021 @ 11:15 Rispondi

    @ Cossora…io penso che il mio ex marito voleva dell’amante quello che volevi tu…una storia ufficiale senza far famiglia, non solo trasgressione…è lei che vuole qualcosa di più tradizionale..vogliono cose diverse…ecco perché ti ho detto che in te rivedo il suo pensiero…se potessi…vi presenterei!!!…ahhh!!..ti sento vicina pur non conoscendoti. Ti abbraccio

  • Leilei, 31 Dicembre 2021 @ 08:29 Rispondi

    A me sinceramente ADS è sempre piaciuto, sincero nelle sue contraddizioni e soprattutto capace di prendersi in faccia le peggiori critiche, continuando a rimanere qui nonostante tutto. Se poi sta svoltando grazie alla psicoterapia, molto meglio per lui. Meglio soprattutto essersi liberato di una donna instabile e potenzialmente pericolosa.

  • elleelle, 31 Dicembre 2021 @ 00:48 Rispondi

    @Cossora
    Ads sta sbocciando, grazie allo psicologo.
    È anche molto più comprensibile quando scrive, per cui c’è quella chiarezza in più su quello che ha vissuto.
    È bello vedere questa nuova versione, fa piacere.

  • Viovio, 30 Dicembre 2021 @ 21:38 Rispondi

    @Ads non so cosa ti stia accadendo ma ultimamente leggerti è uno spasso!!

  • cossora, 30 Dicembre 2021 @ 21:38 Rispondi

    Mamma mia @ads quanto mi sta piacendo questa tua sfacciata consapevolezza ed è anche perfetta in chiusura d’anno.. Run, boy run!

  • avvocatodistrada, 30 Dicembre 2021 @ 19:32 Rispondi

    ragazze non vi giudico, ma il sentimento se era finito non rinasce,
    poi che non valesse per l’amante è un altro paio di maniche,
    mi taccio , ma io so cosa sento per mia moglie che sta di la’,
    devo essere sincero sono anche un po’ spaventato da queste inversioni ad U di cui leggo.
    lasciamo stare, entro iin modalità paracu.lo.
    basta che state bene, il resto è marginale.

  • elleelle, 30 Dicembre 2021 @ 18:21 Rispondi

    @Nina
    E io abbraccio te!! ❤️

  • cossora, 30 Dicembre 2021 @ 18:02 Rispondi

    @vio.. rileggi quel che hai scritto: godersi il momento.
    Perchè cos’altro si può godere? Il passato? Il futuro?
    Se non godi il momento non godi e basta.

  • cossora, 30 Dicembre 2021 @ 17:44 Rispondi

    @Lolly io e tuo marito non abbiamo nessun concetto in comune. Con l’ex -fosse andata in porto ma non era cosa- pensavo di instaurare una relazione chiara, ufficiale. Non una trasgressione. Libera da quella forma alterata di legame.. io non desidero un uomo fisso per l’eternità. Vivo ciò che mi fa emozionare con un uomo che non punta alla famiglia.
    Poi non è detto che duri poco.
    La questione esclusiva è un’altra cosa. Non mi sento sua (anche qui c’è stata una mia evoluzione, non vivo più il volermi sentire di qualcuno come qualcosa di bello, ma come una falla nella mia integrità) quindi non mi pongo il problema fichè non si verifica. Ormai quotidianamente leggo, incontro, valuto, provo, stabilisco connessioni che mi aprono nuove porte nel cervello e nell’anima.
    Fluisco liquida, scivolo intorno alle rocce, a volte rallento ma corro verso il mare.

  • Nina, 30 Dicembre 2021 @ 15:13 Rispondi

    @ariel non ti ho ancora ringraziata per la tua ultima risposta, come stai? Ti mando un grande abbraccio..sei una specie di “mamma” di blog x me, come @elleelle. Vi abbraccio.

  • Viovio, 30 Dicembre 2021 @ 15:01 Rispondi

    @Ariel grazie per l’incoraggiamento ma l’unica cosa di cui avevo veramente bisogno era liberarmi dell’amante e delle macerie lasciate da quel rapporto. Ti assicuro che ho avuto un grande insegnamento dai miei sbagli e non ho intenzione di ripeterli. Ora sto bene e mandare all’aria il mio matrimonio sarebbe stata una enorme caxxata perché al contrario di quello che credevo le cose possono cambiare. Per quanto riguarda il perbenismo mi riferivo a certi commenti fatti a @Cossora dove si metteva in dubbio la sua serenità, dal momento le sue scelte possono sembrare sopra alle righe, tutto qui 🙂
    Tu come stai? Alla fine ti sposi?? Non ci hai più aggiornato!
    Ti mando un bacio e approfitto per augurare buon anno a tutte/i

  • Angelina, 30 Dicembre 2021 @ 14:36 Rispondi

    @Leilei io credo invece che qui non vinca nessuno,anzi ci perdono entrambe…io ho capito molto bene quello che voleva trasmettere Lolly e concordo con lei…qui chi” vince”è quasi sempre l’uomo come nel mio caso che sta bene in due scarpe e poi gli basta fare due lacrimucce e viene riaccolto per la terza volta come niente fosse…come possono portare rispetto questi uomini se gli facciamo fare quello che gli pare?
    La compagna di lui credo che sia esattamente come la moglie di ads che non cerca sentimenti,ma facciata…stabilità…il messaggio che ha scritto a me era palese…lei per il bene di sua figlia chiude tutti gli occhi e sicuramente pensa di aver vinto in questo momento…tanto vedevo come lo “coccolava”nonostante l’avesse buttato fuori di casa dai non è normale.
    Io sarei stata come l’amante del ex dì Lolly sempre in secondo o ultimo piano…non sarei mai stata scelta ed è per questo che ho sentito la necessità di di allontanarmi,stavo male e non volevo questo…non sarei mai stata scelta…
    Forse @Elleelle hai ragione che lui non sarà mai in piano…io non ce l’ho con lei,ma provo ancora tanta rabbia verso di lui…per come mi ha trattata e si è preso gioco di me…ho le mie colpe e lo so ma purtroppo qui sto male solo io…lui gode del suo ritorno alla sua facciata…questo mi fa molto male…scusate oggi mi è ritornata su la rabbia.

  • Ariel, 30 Dicembre 2021 @ 12:27 Rispondi

    Ho riletto ancora questo tuo messaggio @Viovio
    Credo che sia tu ad aver voglia di leggerezza

    Che forse sia meglio più verità dentro di te separarti da tuo marito ad esempio……..
    E startene da sola

    Ad esempio……
    A vivermela come fa Cossora
    Ad esempio…

    Che dici cara Viovio

    Cerca di fare maggior ordine dentro te stessa perché ti ricordo che tu se vuoi vivere cose positive PRIMA DI TITYO TI OCCORRE RENDERTI DAVVERO LIBERA E CIOÈ MOLLA CHI NON TI FA SENTIRE LEGGERA….

    Su se avrai voglia raccontaci il perbenismo
    La tua impazienza
    La tua voglia di VOLARE

    PUOI FARLO SAI ?

    Separati cosa aspetti che siano felici tutti gli altri ???

    Che fai la CROIX Rouges degli altri?
    Genitori
    Marito figli
    Paesello
    Gente che vi o ti conosce
    I perbenino???

    Se hai fiato per i tuoi veri talenti apri le tue ali e NON TARDARE PIÙ A SPICCARE IL TUO VOLO !!!

    Ah ah ah cara Viovio

    Scopri cosa ti turba ti disturba….

    Un abbraccio che fa sempre bene!

  • Ariel, 30 Dicembre 2021 @ 12:19 Rispondi

    Cara @Viovio interessante questo tuo scrivere così contraddittorio
    Dai punto lato scrive tutta zucchero e miele della tua nuova rentreé en famille così luogo fantastico in cui ti sentì benissimo attorniata da tutti quelli che scrivi tu ti amano

    Per poi qui scrivere a Cossora che leggi di tanto PERBENISMO e che hai voglia di leggerezza????

    Credo tu possa ,forse,se avrai voglia spiegarti meglio su ciò che ti passa nella testolina

    Dove sia il perbenismo dove lo leggi il perbenismo???

    E tu come ti definiresti che sei rientrata da tuo marito guardandoti bene dal dire che ti sei scopiazzata il tuo mostro di amante???

    Cara Viovio la contraddizione evidente che esprimi sappi che è un OTTIMO SEGNO che qualcosa in te Sta Cambiando

    Perché resta naturale che per vivere davvero amando se stesse occorre

    VUOTARE TUTTO IL PROPRIO SACCO ALLA LUCE DEL SOLE

    E infatti come mai Cossora sta vivendo la sua rinascita ??

    Perché ha fatto e sta facendo un vero ORDINE DENTRO SE STESSA

    Ha iniziato a NON RACCONTARSELA PIÙ!!!

    Che dici cara Viovio
    Avrai voglia di rispondere a queste mie evidenti provocazioni mosse da vero Curiosità BUONA PERCHÉ UTILE A TE STESSA E A TUTTI QUELLI CHE SOFFRONO ANCORA E CHE CI LEGGONO

    Un bacio cara Viovio che ci sta tempo per cambiare davvero il propio amare se stesse!!

    Perbenismo no
    Ma VERITÀ VERSO DI SE E VERSO IL MONDO SI DA LA GIOIA LA SICUREZZA DI VERO AMORE DI SÉ!

  • Molly, 30 Dicembre 2021 @ 11:51 Rispondi

    “A me successe di stare per tradire mio caro marito
    ,ma prima di farlo glielo dissi e ne discutemmo a lungo dei miei perché è per come
    Passammo un periodaccio
    ,ma litigammo moltissimo
    Fino a che scesi dalla macchina in silenzio e me ne andai
    Lo scrissi qui tempo fa

    Poi lui mi seguiva a passo d’uomo come nei film
    In silenzio
    Andai da una mia amica vera e cara e mi ospito per una settimana intera in cui non comunicammo mai
    Non esisteva cellulare ne tanto ne social GNIENTE
    Solo telefono ancora quello di bacheliti nero ah ah ah

    Non citelefonammo mai per una intera settimana
    Lui però mi fece recapitare a mano da non so chi è mai lo scoprii una busta contenta un rebus creato da lui apposta per me. Ogni giorno un nuovo rebus

    Passai una settimana a fare la soluzione dei rebus è morta dal ridere con la mia amica eravamo morte dal ridere perché i suoi rebus erano geniali e tutti spiegavano i punti salienti della nostra crisi

    Poi al settimo giorno si presentò a casa della mia amica
    Con un MAZZO DI FIORI DI CARTA ah ah ah ah ah

    Ogni fiore era un colore diverso e in ogni petalo ci stava un nuovo rebus ah ah ah ah ah
    Insomma mi riprese con vero Amore”

    @Ariel ma è una storia vissuta bellissima!! L’amore passa anche per prove difficili che voi avete superto brillanemente e creativamente.

    Sei splendida, @Ariel! Qualche persona con le palle, in grado di parlar chiaro esiste! Hai fatto più che bene e sono convinta che sia esattamente quella la cosa da fare prima di cercare la soluzione per se stessi tradendo. I non detti, la polvere sotto il tappeto logorano i rapporti, ma logorano anche se stessi, la propria autostima. Chi si crea una sua vita parallela ha dei problemi irrisolti di chiarezza e di capacità di far fronte alle proprie imperfezioni, non parla chiaro perché ha paura del giudizio altrui e di essere rifiutato per quello che veramente è.

    Grande @Ariel e grandissimo tuo marito che ti ha riconquistata con la sua intelligenza e con l’ironia!! Capisco ora perché lo richiami sempre alla memoria come un marito splendido e il vostro un rappporto splendido.

    Una boccata di aria fresca, davvero, in un mondo pieno di maschere!!

  • Viovio, 30 Dicembre 2021 @ 10:31 Rispondi

    @Cossy se questa è la tua dimensione fai bene a godertela, del resto non stai facendo male a nessuno quindi chi siamo noi per giudicare?!?
    Ribadisco… continuo a fare il tifo per “il brutto, sporco e cattivo” fedina penale a parte… ahahah
    Leggo così tanto perbenismo ultimamente, o forse sono io ad aver voglia di leggerezza e mi spazientisco subito, ma è sempre bello vedere chi sa godersi il momento!
    Ti mando un bacio

  • Leilei, 30 Dicembre 2021 @ 09:43 Rispondi

    Lolly quoto assolutamente la risposta di Ale, certi uomini vanno via solo se cacciati. Ma anche certe donne, per la verità.
    Sai cosa ti dico? Io se avessi la possibilità economica comprerei una casa con 2 appartamenti, uno per mio marito e uno per me. Così saremmo solo amici.

  • Leilei, 30 Dicembre 2021 @ 09:40 Rispondi

    Mia le tue parole mi hanno riportato alla mente il lungo messaggio che mi scrisse il mio amante dopo circa un anno dall’inizio della nostra frequentazione. Il quel periodo era proprio perso, mi scriveva continuamente messaggi e cercava di vedermi spessissimo. Mi disse che non ce la faceva perchè il suo stato mentale gli impediva di essere presente al 100% nella sua famiglia e questo avrebbe fatto crollare tutto…me lo disse circa 5 anni fa. Quelle parole mi risuonano ancora in testa, e mi hanno fatto rivedere il suo ruolo nella mia vita.

  • Cri28, 30 Dicembre 2021 @ 09:35 Rispondi

    Lolly, avevo compreso il tuo pensiero. Volevo solo sottolineare che, in effetti, hai già tutte le risposte, perché hai analizzato bene la tua situazione. Sulla fiducia tradita, vorrei portarti il mio punto di vista. Io ho detto la verità a mio marito, fino a che pensavo che potesse aiutarci a costruire, a comunicare meglio, a cercare di trovare un’intimità emotiva e fisica. Ora dire la verità vorrebbe dire solo perderlo del tutto e non sono pronta; mi sento benvoluta, non amata, ma il pensiero di non parlargli, non vederlo, è molto dura.

  • Leilei, 30 Dicembre 2021 @ 09:16 Rispondi

    Lolly vorrei chiarire che non ce l’ho con te, ho scritto quello che mi “arriva” dalle tue parole, come io lo leggo tra le righe. Se non è così, meglio per tutti.
    Di base resta la mia convinzione che i figli, di qualsiasi età siano, debbano restare fuori dalle dinamiche di coppia (familiare o extra che sia).
    Per quanto riguarda il tuo ex marito, mi viene da pensare da quello che racconti è che in realtà lui volesse cercare una nuova dimensione oltre la famiglia, una vita da single di ritorno, con tutti i benefit che comporta. Forse a lui sta bene avere una fidanzata, non una compagna con cui condividere la quotidianità, forse si sta godendo una ritrovata libertà di fare delle sue giornate quello che vuole. Se poi la sua donna non è contenta di questo, probabilmente è perchè non hanno chiarito da subito cosa desideravano reciprocamente. Ma ripeto, sono fatti loro e ai tuoi figli non deve interessare. L’importante è che quando stanno col papà lui si dedichi completamente a loro.

  • Lolly, 30 Dicembre 2021 @ 08:28 Rispondi

    E poi vorrei aggiungere che gli altri sono il nostro specchio, mostrano quale siano le nostre reali scelte, i desideri, le emozioni…io mi sono fatta da parte perché ho capito che la scelta di vita non ero io ma un supporto morale e tecnico al suo andare e venire…è lei che rispecchia la sua volontà, la sua voglia di libertà ecco perché lui si allontana quando lei si avvicina troppo. Lo ha detto…se voleva stabilità si teneva la moglie e la famiglia che aveva e difatti lui resta famiglia con noi , ed in 3 anni ce lo ha dimostrato in tanti modi…i fatti parlano…ecco perché mi rivedo nelle dinamiche di vita e di pensiero di @Cossora…le sento mie….

  • Lolly, 30 Dicembre 2021 @ 08:07 Rispondi

    @elleelle hai fatto una disamina corretta del mio pensiero. Effettivamente le domande che si fa una moglie sono le stesse che si fa un amante…lo dico io che non c’è rivalità tra moglie ed amante. Chi mi conosce e mi sente parlare, non ha mai sentito usare aggettivi dispregiativi verso lei…mai…solo verso lui…e tantissimi!!!….non ho rabbia ,anzi mi farei pure una chiacchierata amichevole credetemi…ed effettivamente come dice @elleelle sarei curiosa di sapere perché accetta una situazione del genere se non le sta bene …ma…a volte si instaurano dei rapporti tossici o instabili a prescindere da tutto e una volta instaurato il meccanismo restano tali. Per quanto riguarda il mio ex marito credo che lui voglia vivere una vita libera da vincoli, leggera e passionale, che non significa cambiar donna ogni sera, ma vivere di un sentimento senza progettualità, senza impegno alcuno un po rispecchiando il concetto di vita della mia cara @Cossora…ed io l’ho rispetto anche se da moglie….mi duole..

  • Ariel, 30 Dicembre 2021 @ 01:09 Rispondi

    @elleelle
    Condivido la tua spiegazione e interpretazione sul significato dei commenti espressi da @Lolly
    ,ma non vedo nulla di anormale ,anzi non vedo proprio esistere una contrapposizione su ciò che ho scritto
    Che riguarda infatti esattamente sempre le stesse considerazioni che hai anche tu qui scritto e cioè che queste dinamiche e varie sofferenze disagi o come li vogliamo chiamare riguardano esattamente ogni persona quando vede fallire una relazione affettiva

    E cioè al di là del sentire o poter percepire le varie responsabilità mia tutta da una parte soltanto
    Sicuro chi fallisce una qualsiasi relazione affettiva ha sicuro da fare per curarsi ciò che ha prodotto sia aver tradito
    Sia aver in qualche modo sicuro inconsapevole prodotto una voglia di staccarsi da parte del partner
    Sia chi si ostina a fare la amante ben nascosta aspettando il patibolo che immancabile arriva a presentar il contro sicuro almeno nella vecchiaia
    Quando le cicale amanti segrete non cantano sicuro più

    E le formichime piano piano curandosi a stecca ballano pure a 100 anni ah ah

    Sono sicuro una formica ah ah ah a
    Perché già sto vecchia
    E ballo pure ah ah ah ah

    Forza ragazze tutte datevi d’affare che i giorni passano e la vecchia arriva prima di quanto si possa solo immaginare

    Ah ah ah
    Per adesso nonostante tutto ciò che ho passato
    Resta un gran bel periodo
    Perché da vecchie cadono molti freni inibitori ah ah e si dice con molta energia ciò che si pensa alle persone a volte in modo decisamente diretto e mo,tomprovocatorio che significa che provocare non sempre resta una azione negativa ,ma spinge chi riceve la provocazione a guardarsi meglio dentro a vedere punti di vista che mai si sarebbero visti ed affrontati

    Ecco che in effetti sembra che sgridi le persone
    Che sembra che non capisca cosa volevano o vogliono dire

    Ma ecco provocare aiuta a vokte molto di più dellle pacche sulle spalle delle condivisioni amorevoli che tutto aiuta e serve
    Ma ecco mi piace spingere il discorso scavare e guardare i meccanismi che ci spingono a determinati comportamenti pensieri azioni tutte riferite al difficile percorso che sicuro hanno tutte le relazioni affettive

    Infatti sta storia che amarsi è semplice è una Balla gigante tipica vecchia scuola del buonismo del volemose bene che sta molto “ religione tout court” e cosucce che contesto da sempre ah ah ah

    Amarsi davvero sono xxxxzi amarai conditi da molta gioia quando si riesce davvero a stare nelle righe ah ah ah e cioè evitare di tradirsi
    A me successe di stare per tradire mio caro marito
    ,ma prima di farlo glielo dissi e ne discutemmo a lungo dei miei perché è per come
    Passammo un periodaccio
    ,ma litigammo moltissimo
    Fino a che scesi dalla macchina in silenzio e me ne andai
    Lo scrissi qui tempo fa

    Poi lui mi seguiva a passo d’uomo come nei film
    In silenzio
    Andai da una mia amica vera e cara e mi ospito per una settimana intera in cui non comunicammo mai
    Non esisteva cellulare ne tanto ne social GNIENTE
    Solo telefono ancora quello di bacheliti nero ah ah ah

    Non citelefonammo mai per una intera settimana
    Lui però mi fece recapitare a mano da non so chi è mai lo scoprii una busta contenta un rebus creato da lui apposta per me
    Ogni giorno un nuovo rebus

    Passai una settimana a fare la soluzione dei rebus è morta dal ridere con la mia amica eravamo morte dal ridere perché i suoi rebus erano geniali e tutti spiegavano i punti salienti della nostra crisi

    Poi al settimo giorno si presentò a casa della mia amica
    Con un MAZZO DI FIORI DI CARTA ah ah ah ah ah

    Ogni fiore era un colore diverso e in ogni petalo ci stava un nuovo rebus ah ah ah ah ah
    Insomma mi riprese con vero Amore

    Creando qualcosa di veramente speciale per me stessa
    Mi prese perché mi fece ridere e allo stesso tempo in un modo geniale e creativo
    Entrato nella mia onda originaria di nascita

    Non ci mollammo mai più
    Ecco per dire che prima di tradire occorre farsi il mazzo tanto
    Altroché ammore e cuori

    Ammore cuori e sollazzi …sono un vero lavoro di emozioni e grandi creatività

    Amare è un vero rebus!

    Ah ah ah ah
    Buonanotte fanciulle che la vita è lunga e breve allo stesso tempo!!!
    Bisous!!!❤️

  • elleelle, 30 Dicembre 2021 @ 00:05 Rispondi

    @Ariel
    È impossibile che @Lolly non pensi a quello che è successo e non le venga da riflettere sulle circostanze, anche attuali, della vita di quello che resta comunque il padre dei suoi figli e parte della sua vita.
    Se @Lolly dicesse ai suoi figli di non dirle niente dell’ex marito, creerebbe una situazione di disagio per i figli stessi, che non sarebbero più liberi di raccontarle cosa succede quando sono da lui, come passano il tempo ecc. Può darsi anche che i figli abbiano delle domande, che non sappiano spiegarsi perché il padre mantiene una relazione distaccata con l’attuale compagna e esprimano questi dubbi a @Lolly.
    Poi @Lolly ne parla qui, un po’ per far capire cosa succede dopo un tradimento, un po’ anche per sfogarsi, come abbiamo fatto tutte.
    Credo anche che sia normale chiedersi perché la nuova compagna accetta una situazione a metà, adesso che potrebbero costruire qualcosa assieme. È come chiedersi perché una moglie resta con chi l’ha tradita o perché un’amante sceglie di ricevere briciole per anni.
    Sono considerazioni che si fanno e in questo caso @Lolly parlava dei soliti ruoli che ci si trova a ricoprire.

  • Lolly, 29 Dicembre 2021 @ 23:28 Rispondi

    @Maddy @Cri28 @elleelle…le cose di cui mi rammarico nella mia vicenda familiare sono due: la fiducia venuta a mancare in quello che poi è anche un rapporto di amicizia e la fine di un progetto quale è la famiglia. L’ultimo dei miei pensieri è che lui ami un altra, pure no. Lo avevo messo in conto, mai e poi mai avrei pensato di essere l’unica. Davanti alla scoperta di una terza persona mi sono fatta da parte come giusto che sia, ma come dice @ Cossora resta con il marito un legame familiare fintanto che un altra persona non subentri nel mio ruolo…e non è successo… A mio avviso sono due amori diversi…quindi non paragonabili…una rappresenta la casa, il porto sicuro, la stabilità…l”altra( non meno importante lo voglio sottolineare) è amata per la sua follia, passione, desiderio ed instabilità. Questa è la mia storia..non mi sento più di lei né meno…sono una faccia della stessa medaglia. Per essere chiari.. credo che lui tenga ad entrambe. Io non ero la moglie sacco di patate sciatta ed insignificante come lei non è la zoccola di turno…e se vi racconto di notizie che riguardano loro, non è per farci tutte insieme i fatti loro, ma per portare degli esempi delle varie dinamiche che accadono in una relazione a 3. L’altra non è la sfasciafamiglie, e l’ex moglie non è la strega che lo rinchiude nel castello. Il messaggio voleva essere quello che, con o senza la moglie lui ha già deciso quali siano i nostri ruoli e con o senza il contratto matrimoniale la situazione è invariata…vi ringrazio per augurarmi una nuova felicità in amore..qualcosa accadrà e sono aperta a nuove emozioni, ma la famiglia resta un altra storia….

  • cossora, 29 Dicembre 2021 @ 21:58 Rispondi

    @vio io guardo ai fatti.
    Figli sereni (uno ne ha 14 quindi .. immaginate avessimo degli irrisolti..) e con il loro papà quel sentire sano che siamo una squadra e vogliamo tutti andare avanti bene.
    La questione più annosa è sempre stata quella economica ma con la seprazione legale pochi mesi fa abbiamo raggiunto un accordo e anche quei problemi sono un ricordo. Non ci sono ne poveri ne milionari quindi.. 🙂
    Poi ce ne saranno altri ma ,, ho sempre pensato che quel che si può risolvere con i soldi non è mai troppo importante.
    Va tutto bene (e lei non stressa: non so se perchè lui è refrattario o perchè le va bene così, fa parte di una sfera che non mi riguarda e dalla quale rimango felicemente fuori!).
    Io mi faccio i miei giorni selvatici quando sono sola e so che i ragazzi sono sereni con lui. Poi qualche ora prima ‘rientro’ nella modalità mamma.
    Per me il compagno fisso è una non-necessità. Vivo di emozioni effimere, che mi regalano grandi riflessioni durante il distacco (e quanto si ridimensiona tutto se dall’altra parte nessuno lo ‘pompa’).
    Vivo di tanti inizi.
    Una sola regola: non voglio nuocere a nessuno, ne alla mia famiglia (svelandomi) ne a nessun’altra!

  • Viovio, 29 Dicembre 2021 @ 20:31 Rispondi

    @cossy tu ed il tuo ex marito siete un esempio da seguire, purtroppo molto spesso in fase di separazione si avviano guerre dove gli unici a rimetterci sono sempre i figli.
    Una mia cara amica con genitori separati da 30 anni (TRENTA), quando si è sposata, il padre non ha presenziato perché avrebbe dovuto incontrare la ex moglie. Stessa cosa per compleanni, diploma, laurea… per colpire la ex faceva male alla figlia, lasciandola sola in momenti così importanti.
    Questo è un caso al limite, mentre per quanto riguarda voi sono convinta che i tuoi ragazzi siano circondati da tanto amore e serenità. Bravi!

  • Viovio, 29 Dicembre 2021 @ 20:16 Rispondi

    @Lolly tuo marito è l’identikit dell’infelicita’.
    Peggio per lui, ognuno di noi raccoglie ciò che semina.

  • Viovio, 29 Dicembre 2021 @ 20:04 Rispondi

    @Nina
    Mi fa piacere che tuo marito stia meglio, ricordo avesse problemi di salute e che il vostro rapporto fosse un po’ complicato. Fortunatamente il tempo aiuta, sono contenta per la tua ritrovata serenità.
    Io sto bene, l’ex si è finalmente fatto da parte e dopo diversi anni sto trascorrendo delle feste serene, circondata da persone che mi vogliono bene e non esiste altro posto in cui vorrei trovarmi.
    un abbraccio 🙂

  • cossora, 29 Dicembre 2021 @ 16:57 Rispondi

    @Ariel condivido e ‘autorizzo’ tutto quello che hai scritto.
    Lui non è il mio ex marito. Hai ragione. La sperazione legale regola il non vivere insieme e non essersi fedeli, ma siamo sposati. Eccome se lo siamo.
    No, ora tornare con lui o pensarlo realizzabile a breve sarebbe solo voler giocare al film con il lieto fine. Dare una mano di rosa.
    Io non sono neanche lontanamente pronta a prendere in considerazione di pensarci solamente a tornare con lui.
    Sono consapevole che se io non mi prendo un impegno, la sua donna potrebbe chiedergli impegni quali il divorzio, la conivvenza, acquistare casa insieme. E oggi non muoverei un dito, lo lascerei andare (non senza magone) perchè è giusto così. Se non mi impegno io, può farlo qualcun altro. Conosco e rispetto le regole del gioco.
    Domani? Domani mai dire mai.

  • Cri28, 29 Dicembre 2021 @ 15:06 Rispondi

    Lolly, non sei tu che non sei bastata e non è, forse, lei che non gli basta. E’ il tuo ex marito che è ciò che è e vuole ciò che vuole, quantomeno ora, e non è più la persona più adatta a te. Il passato tra di voi è stato unico e speciale e la fine e il fallimento saranno sempre un po’ dolorosi da ricordare, ma entrambi potrete avere un presente unico e speciale con qualcun altro. Pensare di essere l’unica e la sola persona per qualcuno, quella che non avrà mai uguali, è una visione romantica, ma alla fine è una gabbia.

  • Ariel, 29 Dicembre 2021 @ 14:28 Rispondi

    @leilei
    @Lolly

    In effetti a leggere ciò che scrivi di tuo marito della sua amante dei tuoi figli e paese che mormora tra donne e depressive idee su cosa sia amore
    Non da una sensazione di positiva tua rinascita personale

    E si appare così da ciò che scrivi e quindi pur essendo in accordo al pensiero che ti ha scritto @leilei
    Penso che appunto il vero motivo cara @Lolly risiede in un tuo dolore ancora IRRISOLTO
    Umano comprenderlo ma appunto credo che se tu facessi un bel percorso con terapeuta potrebbe aiutarti molto di più a superare il dolore umano incontestabile ed innegabile del venire tradite

    Troppa acredine verso a,ante e tuo marito che secondo te non se la fila concretizzando in meglio la sua relazione con lei

    Non deve INTERESSARTI QUESTO
    Per amare te stessa occorre superare innegabile e umano TRAUMA DEL ABBANDONO
    Che ha un inevitabile “ richiamo antico schema di attaccamento affettivo “

    E concludo con questa mia osservazione e cioè che il tema del ABBANDONO
    DEL MERITARSI AMORE

    RESTA COMUNE A CHIUNQUE FALLISCA LE RELAZIONI AFFETTIVE

    E cioè sia per chi viene tradito
    Sia per chi tradisce

    Per questo in ogni caso @leilei
    E @lolly e ogni donna è uomo

    Potrebbe SICURO RISOLVERE AL MEGLIO AMARE SE STESSE

    Esattamente con il mantra più vero e concreta scientifica azione

    LA TERAPIA A STECCCA!!!

  • Maddy, 29 Dicembre 2021 @ 14:26 Rispondi

    @Lolly anch’io come @ellelle ti ammiro molto per il tuo coraggio e la stima che hai avuto di te.
    Quello che racconti qui è per condividere e dare spunti di riflessione, non perché ti stai piangendo addosso.
    Spero che un giorno tu possa incontrare una persona che riesca a valorizzarti come meriti. E se non accadrà sappi che sei completa e meravigliosa così come sei.
    Un abbraccio

  • Lolly, 29 Dicembre 2021 @ 13:37 Rispondi

    @ leilei sei l’unica a vedere ciò che io scrivo come un riportare dei fatti loro…tu secondo me hai tanto di irrisolto interiormente, perché non stai bene da nessuna parte. Io una scelta l’ho fatta… tu stai qui a puntare il dito ma non riesci a passare oltre. Hai sempre questo tono acido nei miei confronti…direi…che non abbiamo più nulla da dirci.

  • elleelle, 29 Dicembre 2021 @ 13:21 Rispondi

    @Leilei
    L’appunto che fai a Lolly rimanda a quello che esprimo sempre io: da queste situazioni non si recupera mai davvero, la cicatrice è sempre lì che tira.
    Il marito di Lolly ha tradito per una persona con cui vuole mantenere un rapporto superficiale. Ci sta che @Lolly si chieda che senso ha avuto il tradimento allora. Credo che il pensiero corra sempre alla famiglia che è stata “rovinata”, anche se in realtà il rapporto di coppia era già finito.
    Secondo me questi pensieri non passano facilmente, anche perché Lolly non ha trovato un altro uomo che la apprezza e che le fa prendere fiducia.
    Io a Lolly lo auguro davvero, perché ha preso una decisione molto coraggiosa e deve essere doloroso essere qui mentre ultimamente si parla così tanto di coppie che ricostruiscono.
    Che poi queste ricostruzioni siano vere o meno, è un altro discorso.

  • elleelle, 29 Dicembre 2021 @ 12:24 Rispondi

    @ Leilei
    Mi sembra ovvio che loro due stanno assieme per motivi difficili da comprendere.
    A me spiace molto per te, perché sei rimasta arenata in una situazione in cui non succede niente, anzi, in cui tutto pian piano “ammuffisce”.
    Se il tuo amante avesse avuto più coraggio, avreste potuto fare il salto ed essere più felici.
    Questo è quello che colpisce tanto me in queste storie, il rifiuto di una potenziale felicità per paura di prendere dei rischi e così ci si condanna a una vita moscia, in cui non si è appagati e si sogna di poter evadere.

  • Ariel, 29 Dicembre 2021 @ 12:06 Rispondi

    @Cossora

    “Avevo letto che la vera coppia si vede nella separazione.“

    Una BELLISSIMA FRASE!!!
    Sicuro se la haii scritta è veramente sentita da te ,e da ciò che hai scritto a Lolly che stai col marito ( che ricordiamoci che finché si è separati ,pur legalmente si resta sposati insieme ,quindi nessun ex marito nessuna ex moglie senza divorzio si resta sempre marito e moglie)

    Ora cara Cossora questa frase la percepisco come qualcosa che evidentemente tu e tuo marito
    Siete NONOSTANTE TUTTO ……

    Una VERA COPPIA.

    così mi piaceva scriverti ciò che mi è venuto spontaneo leggendo la vostra storia tutta

    Allora viene da chiedersi se ad esempio possa essere non soltanto il avere avuto amanti una specie di test involontario per dare scossone a un legame spento ma non del tutto

    A volta le piantine sembrano morte
    Da cacciar via da tanto sembrano distrutte

    Ecco che forse anche il separarsi pia essere una vero test per le VERE COPPIE????!!

    Sai sarebbe bello ,
    Soprattutto per voi stessi

    E in ogni caso resta comunque un ottimo rapporto positivo per voi stessi e i figli.

    Un caro pensiero positivo sia sempre presente in te stessa e nella tua vita presente e futura.

  • cossora, 29 Dicembre 2021 @ 10:54 Rispondi

    @elleelle, @maddy, @lolly. La vita non va sempre come vogliamo. Un po’ siamo stati bravi io e il mio ex marito e un po’ siamo stati fortunati. C’è stata una lunga (magari non risolta del tutto) depressione, un fallimento aziendale ma.. evidentemente non abbiamo vissuto disgrazie che vivono altri.
    Gli auguro di trovare tutto quello che lo fa stare bene e lo fa sentire al sicuro. Ma l’altro ‘cerchiolino che completa il suo infinito’ (come ci dicevamo da ragazzi) sarò sempre io, e lui sarà sempre il mio.
    La vrità è che io sto bene a ballar da sola.
    Da quando mi sono accettata per come sono, mi accettano anche gli altri, lui e la sua famiglia in primis.

  • Leilei, 29 Dicembre 2021 @ 09:25 Rispondi

    Lolly tutte queste disamine sulla donna di tuo marito perdonami, ma hanno il terribile sapore dell’autocompiacimento, per quanto tu le vesta di altro. Gli eventuali attriti tra di loro e la mancata evoluzione del loro rapporto sono fatti loro.
    Il fatto che tu ascolti quello che ti riportano i figli, che tra l’altro riguardano una coppia e non una famiglia (quindi loro non dovrebbero assolutamente entrare nella faccenda) senza spegnere queste loro osservazioni, non ti fa onore. Sembra quasi che tu dica vedi hai voluto mio marito ma di fatto non hai vinto. Che brutta sensazione che mi dà quello che scrivi.

  • elleelle, 29 Dicembre 2021 @ 08:59 Rispondi

    @Cossora
    Uno dei motivi per cui non mi sono separata in passato, era la forte sensazione che mio marito mi avrebbe reso la vita molto difficile. Avevo due bambini molto piccoli, una situazione logistica e lavorativa molto complicata e non potevo contare sul sostegno della famiglia. Non avrei retto psicologicamente, visto che oltretutto venivo da una depressione post-parto che mi aveva spaventato non poco.
    Poi la situazione si è cristallizzata in questa vita da separati in casa e per fortuna non ci sono più gli screzi del passato, o comunque in misura molto inferiore.
    Anche io spero sempre di non aver fatto troppo sbagli, perché alla fine sto cercando di fare del mio meglio per questi due bambini.

  • Leilei, 29 Dicembre 2021 @ 08:46 Rispondi

    Ellelle la compagna del mio amante in più di 20 anni non ha trovato il tempo per organizzare il matrimonio!!! Questo si che è vero amore…

  • Lolly, 29 Dicembre 2021 @ 07:25 Rispondi

    @ Cossora…nella mia storia è mancata l’onestà ed il rispetto. Oggi lui non ha più rapporti ne con me ne con nessuna conoscenza del passato…è stato allontanato da tutti. Se non fosse per lei è qualche amico…è solo. A casa non vuol salire perché ricorda il passato, ai compleanni dei ragazzi o amici in comune ultimamente è stato invitato ma non viene …a mio avviso si vergogna, sente il disagio. In un anno ci possiamo vedere 2 volte per motivi importanti legati ai figli…ha solo i ns figli al quale è molto legato, un bravo papà..e ad oggi che con lei è in freddo…solo i ragazzi gli fanno compagnia. Poi si catapulta in full immersion nel lavoro per non pensare…

  • Maddy, 29 Dicembre 2021 @ 00:08 Rispondi

    @cossora siete una bellissima coppia di separati.
    Vi siete amati, avete viaggiato, costruito, condiviso, fatto figli, unito famiglie.
    Direi che l’amore c’è stato e continua ad esserci, soprattutto dopo che vi siete tolti le maschere.
    È questo è successo perché anche nel tradimento e nella difficoltà avete continuato a rispettarvi e ad essere onesti l’uno con l’altra.
    Rispetto e Onestà! Lo dirò fino a miglior vita.

  • cossora, 28 Dicembre 2021 @ 19:51 Rispondi

    @lolly invece il mio ex marito nel pratico fa come il tuo, non vive con/non presenta/non evolve con quela che fu l’amante. Ma che io sappia (o meglio, che io non sappia visto che non mi arrivano fortunatamente notizie in nessun senso -e questa discrezione la riconosco a entrambi loro) non ci sono tira e molla. Probabilmente anche a lei va bene/fa comodo mantenere le cose come ‘non’ stanno.
    Ma c’è un ma. Io e lui ci facciamo chiacchierate lunghe al telefono, è stato qua tutta la serata della festa di nostro figlio a chiacchierare con me e gli adolescenti sorseggiandoci del vino rosso, la mattina di Natale ci siamo seduti un paio d’ore sul divano e abbiamo chiacchierato dei nostri amici dell’università, delle nuove coppie, delle problematiche che hanno tanti e di come il nostro rapporto sia nato e stato sano, e si veda adesso che siamo separati.
    Avevo letto che la vera coppia si vede nella separazione. Quanto è vero. Spero tanto che questo insegni il rispetto ai nostri ragazzi, il rispetto di se stessi delle proprie idee ma anche che, nell’assecondare i propri desideri è importante riconoscere e mantenere l’attenzione su ciò che conta per chi ci ha amato.
    Mi auguro di non accorgermi tra anni da aver fatto casini. E’ così semplice sbagliare, siamo tutti così fragili.. vi abbraccio forte!

  • Nina, 28 Dicembre 2021 @ 19:30 Rispondi

    Ciao @viovio! Eh sì grande puffo è sempre un mito..io sto abbastanza bene, mio marito sta cambiando molto, ma non so se basterà a tenerci insieme. Tu invece? Più serena? Un abbraccio grande!

  • Lolly, 28 Dicembre 2021 @ 19:29 Rispondi

    @Cri28…il tuo commento rispecchia quello che è il mio pensiero. Hai fatto centro sulle dinamiche della mia vita di coppia e familiare. Il mio ex marito è un passionale e vive come tale…a lui l’impegno senza emozioni lo spegne, lo soffoca ed io lho sempre saputo…dici bene anche su lei…non accetta che lui da lei voglia un sentimento senza progettualità ma più trasgressivo e passionale. Lei capisce probabilmente di far parte di questa evoluzione ma di non essere la donna che vuole al suo fianco come compagna di vita…non è escluso che un giorno quel ruolo verrà rivestito da un altra donna…e lei dentro di sé…lo sa..per questo si ostina…come se essere la convivente , dividere casa è figli dia maggiore importanza o sia il premio finale. Ci vuole intelligenza e maturità…io mica mi sono offesa o mi sono sentita mancante perché non sono bastata. Del resto anche io desideravo altro…è la vita…e non sempre il compagno ufficiale appaga le nostre aspettative, i desideri e si allinea ai vari momenti di crescita.

  • avvocatodistrada, 28 Dicembre 2021 @ 18:57 Rispondi

    @Diverso è, forse, per chi, come la persona che ho sposato, non vive la coppia come qualcosa di basato sui sentimenti, sulla passionalità, ma sull’impegno e basta.@ Cri28, anche mia moglie è cosi,nell’ultima seduta ho approfondito questo aspetto, lei non cerca il sentimento da me, cerca altro e verosimilmente ce l’ha da me, a me non basta e ed infatti cerco fuori.

  • Cri28, 28 Dicembre 2021 @ 17:37 Rispondi

    Lolly, sono convinta anche io che la rivalità sia priva di senso. Probabilmente tuo marito, a un certo punto della sua vita, è diventato insofferente alla vita familiare o di coppia tradizionale e la crisi con te e la ricerca di una storia con un’altra donna è una conseguenza di questo. La sua compagna ne soffre perché pensa che in un periodo della sua vita lui c’è stato in una dinamica familiare e, quindi, sente il fatto che non lo faccia con lei come un rifiuto, invece di capire che ciò che ha cercato con lei è altro.
    Non è solo una questione di amore, è una questione di come siamo fatti o come diventiamo noi con gli anni. Tuo marito sicuramente ti ha amato, ma si è evoluto in modo diverso da te (e forse non ha finito di evolversi) e tu hai fatto bene a lasciarlo andare. Quando ci si rende conto di questo, si attenuano anche i rancori, pur restando la delusione.
    Bisognerebbe sempre sapere che nel momento in cui abbiamo messo a base della coppia i sentimenti, abbiamo creato qualcosa di molto difficile, in cui è facile fallire, perché i sentimenti sono legati all’evoluzione della persona e non sempre possono avere stabilità. Diverso è, forse, per chi, come la persona che ho sposato, non vive la coppia come qualcosa di basato sui sentimenti, sulla passionalità, ma sull’impegno e basta.

  • Lolly, 28 Dicembre 2021 @ 15:43 Rispondi

    @ elleelle…è questo il punto…non ci sono due rivali in amore…c’è un uomo che decide dove è con chi vuole stare…e lui ha deciso che lei riveste lo stesso ruolo che ha rivestito per anni, senza auspicare al grande amore…lei resta l’amante. Lui è il condottiero…perché noi glielo abbiamo permesso…

  • elleelle, 27 Dicembre 2021 @ 20:20 Rispondi

    @Lolly
    Tu ti sei fatta da parte e tanto di cappello per te ma quante donne perdonano il “furbacchione che vuol stare con due piedi in una scarpa e godersela”?
    Sembra che qualsiasi cosa facciano questi uomini, non ci sia alcuna conseguenza. Se invece la smettessimo di perdonarli, magari cambierebbe qualcosa.
    Comunque non so qui chi ce l’ha con la ex moglie, visto che quasi tutte hanno assistito al ritorno del figliol prodigo a casa, novello innamorato della compagna/moglie nonostante gli anni di relazione extra.

  • Lolly, 27 Dicembre 2021 @ 18:21 Rispondi

    Vi racconto un episodio raccontatomi dai miei figli. Io sono separata da 3 anni, e da 3 anni il mio ex marito continua tra alti e bassi la love story con colei che era la sua amante, rimanendo ognuno a casa propria. I ragazzi mi raccontavano dell’ennesima lite telefonica tra i due, perché lei come ogni anno vuole passare il natale con lui ed i parenti di lei e lui rifiuta per ben 3 anni ormai…lei lo molla anche per giorni e poi torna?…non ne vengono a capo, e così per qualsiasi situazione o evento che riguarda la famiglia ..perché vogliono cose diverse…ditemi voi…lei probabilmente in passato attribuiva questa assenza al suo legame familiare, oggi, non ha più scuse eppure nulla è cambiato. Ha ragione lei ad essere delusa ed arrabbiata…capite perché ve lo racconto?…spesso vi sento parlare dell’ex moglie come una rivale…ma non c’è nessuna competizione. C’è un furbacchione che vuol stare con due piedi in una scarpa e godersela…punto e basta. Cos’è cambiato?…Lei non è stata la sua prima scelta prima e non lo è adesso…ed io mi sono fatta da parte…capite?…

  • Viovio, 26 Dicembre 2021 @ 17:51 Rispondi

    Ciao @Nina, buon Natale!!! Le performance di grande puffo non smetteranno mai di stupirmi. Sembra un personaggio da film ed invece è vita vera…meno male te ne sei liberata!
    Mi hai fatto ricordare il che in un determinato periodo voleva mandare la moglie dalla psicologa perché era troppo pesante da sopportare, sinceramente non ho mai voluto approfondire questo, mi sembrava una mega cazzata(l’ennesima uscita dalla sua bocca).
    Come stai? Come vanno le cose a casa?

  • Lolly, 25 Dicembre 2021 @ 21:02 Rispondi

    @Cri28…hai ragione…nella descrizione del tuo matrimonio mi ci sono trovata anche io. La passione o c’è o non la puoi creare. Ci sono coppie dove la sessualità, l’intimità, le affinità sono presenti fin dall’inizio e con il passare del tempo possono affievolirsi ma qualcosa resta cmq…coppie che invece tutto ciò non lo hanno mai vissuto pertanto, come hai detto tu per una vita appagante che completa la persona si cerca fuori ciò che non c’è in casa. E bisogna farsene una ragione…

  • elleelle, 25 Dicembre 2021 @ 19:11 Rispondi

    @Ariel
    Grazie!
    Qui ci sono diversità di vedute, personalità diverse, esperienze diverse, non sempre ci si capisce al volo, a volte si perde la pazienza ma di vera cattiveria ce n’è poca.
    Magari sbaglio ma ho imparato ad ascoltare di più il mio istinto, che mi dice che c’è qualcosa che non va e che questa cattiveria è meglio tenerla lontana.

  • elleelle, 25 Dicembre 2021 @ 15:00 Rispondi

    @Cri28
    Ricordo bene di aver detto a mio marito che se non era felice con me, avrebbe dovuto cercare altre esperienze in modo da vivere una vita più appagante e, in un certo senso, per vedere se davvero io ero così male come compagna o se parte della responsabilità era sua.
    Questo è successo prima che il nostro rapporto finisse definitivamente.
    Credo che voler bene a una persona comprenda anche un gesto come questo. Non è amore, è voler bene, è rinunciare alla gelosia e al possesso. Non è facile perché vuol dire affrontare la fine del proprio rapporto e farlo “con filosofia”, senza recriminazioni e rancore.

  • Ariel, 25 Dicembre 2021 @ 13:45 Rispondi

    Cara elleelle
    Che il pensiero positivo sia sempre accanto a te!
    Che non hai certo bisogno di difendere te stessa quella reale che ovviamente qui come per noi tutte utenti in totale anonimato appare un minimo di ciò che si è e si vive concretamente nella propria realtà di vita

    Non hai bisogno di difendere nulla

    Realismo è che non si può certo piacere a tutti e sempre nella propria vita si incontrano incomprensioni non essere d’accordo su nulla o quasi e molte provocazioni soprattutto quando la comunicazione reta VIZIATA DA WEB DA SOCIAL

    Occorre riuscire a scorrere avanti i commenti che non ci piacciono

    Riuscire a stare belle toste e chiare in se stesse come sicuro sto certa sia nella tua realtà di vita

    Ti scrivo pienamente consapevole di ciò che qui ti esprimo
    Che se ci sta una utente moooolto criticata e forse chissà poco o per nulla apprezzata sono io me col mio nickname di Angelo caduto in basso ah ah

    Per via del mio ateismo convinto

    Qualcosa che qui ci lega in un pensiero senza un vero confine o contrasto ma la bellezza del poter davvero cambiare idea senza nessun diktat religioso di qualsiasi tipo

    Cara elleelle non farti più problema
    Non leggere chi non ti dà serenità
    Non rospindere alle provocazioni chiarissime
    E te lo dice una ,Ariel,che Sto arrivando! Benissimo provocare a stecca chiunque
    Ah ah ah ah

    Ma a volte viene spontaneo pure per generare discussione più profonda
    Ci sta chi raccoglie ma ci soffre troppo come te tesoro di Donna che lo sei sicuro è nulla e nessuno può davvero giudicare cosa tu sia o faccia di te e della tua preziosa e cara vita

    Sei per me una vera luce in questo Blog
    Esattamente come ciascun nickname che rappresenta un pensiero
    La LIBERTÀ DEL VEDERE OGNI PUNTO DI VISTA

    come nei quadri di Marc Chagall il mio eterno amico immaginario che in ogni quadro ci stanno MACCHIE SPARSE
    FORME STRANE E SPROPORZIONATE PROSPETTIVE

    Sono così ANCHE PROVOCAZIONIesposte al pubblico al occhio o il pensiero che guarda e reagisce a modo proprio e nella meraviglia è meravigliosa scoperta della propria UNICITÀ DI PERSONA!!

    Ti abbraccio forte cara elleelle così in modo uguale resta per me rivolto un pensiero positivo e pieno di riconoscenza verso chiunque mi abbia risposto
    È ed era il suo pensiero
    Un valore Inestimabile di scoperta e conoscenza per me stessa!!

    Rinnovo a tutto il Blog il mio più caro e

    Provocatorio SORRISO A STECCA

    AH AH
    IL MIO PROSIT ALLA RICONOSCENZA PER IL SOLO FATTO DI ESSERE ANCORA VIVA E IN GRADO DI SCRIVERVI

    ANCORA!!!

    Un meraviglioso AVVERBIO!!

    Ancora!

    ❤️

  • elleelle, 25 Dicembre 2021 @ 11:58 Rispondi

    @Angelina
    Se proprio non sei convinta, fai un salto sull’argomento “Perché ho dato una chance al mio matrimonio” e vedrai come si sta bene dopo un tradimento…
    A me sembra che la realtà sia molto triste e umiliante.
    Se lui riesce a fare finta di niente, è perché non ha una coscienza e l’ha dimostrato con quello che ha fatto.

  • Azzurra, 25 Dicembre 2021 @ 11:11 Rispondi

    Buon natale @Ale, buon natale a tutte /i voi!! ❤️

    • alessandro pellizzari, 25 Dicembre 2021 @ 12:21 Rispondi

      Buon Natale!

  • Cri28, 25 Dicembre 2021 @ 10:58 Rispondi

    @lolly, non ho nessun dubbio di rappresentare per il mio amante desiderio e passione. Poi certo, con il tempo si è creato altro, confidenza, affetto, sostegno. Ma credimi che avrebbe preferito anche lui poterle vivere nel suo matrimonio (senza dare colpe alla moglie se non è accaduto) e per me non c’è nulla di male nel desiderare queste cose.
    Ci sono persone che hanno tutto e cercano altro, ma ci sono tanti che non riescono a rassegnarsi a non vivere certi aspetti di sé.
    Quando mi sono accorta che non c’erano nel mio, ho detto a mio marito che avrei compreso se le avesse cercate altrove, perché non voglio sia infelice.
    Molte persone sanno che qualcosa non funziona, ma pretendono che l’altro si rassegni e si riempiono di rabbia per un inganno che in fondo c’era già nel nascondere il problema.

  • elleelle, 25 Dicembre 2021 @ 07:57 Rispondi

    @Lolly
    Credo che molti uomini siano bravissimi a fingere, con moglie e amante. Vogliono (e ottengono!) quello che vogliono, quando vogliono. Del resto, glielo permettiamo noi donne e loro non si fanno poi così tanti scrupoli.
    Ci hanno messo nei soliti due ruoli ben definiti: la moglie a casa, l’amante in macchina.
    Le nuove generazioni, con la fluidità di genere e di attrazione sessuale, stanno già ribaltando questi ruoli. Non so se alla lunga sarà un bene o un male ma il ragazzo-macho mollato per una ragazza non avrà vita facile.
    Brindiamo a una nuova consapevolezza, almeno per i nostri figli

  • Angelina, 25 Dicembre 2021 @ 00:37 Rispondi

    Un caro Natale a tutti….un abbraccio grosso e che sia l’ultimo da amanti…per me è un Natale diverso…non mi aspetto più nulla,non vivo come le altre volte pensando che lui poverino non ce la fa,mi è e fin troppo chiaro tutto…
    Ps…oggi l’ho incrociato in macchina per l’ennesima volta…potete dire all’universo che giuro la lezione l’ho imparata questa volta,non c’è bisogno che me lo fa incontrare così spesso!!!
    @Elleelle e ads forse avete ragione ma non lo lui si e’appoggiato al suo cuscino comodo…oggi ho visto una foto,abbiamo veramente troppi amici in comune,a volte passo ma a volte mi vengono fuori,che correva tutto bello e sorridente…
    Un mese fa era depresso duro…
    Deve fare questo ulteriore passo…e passerà…spero.

  • Lolly, 24 Dicembre 2021 @ 17:37 Rispondi

    @elleelle, @ lia…che le relazioni tra amanti non si basano solo su desiderio e passione non ho dubbi, almeno per voi donne…sui maschietti qualche dubbio ce l’ho!!…non conosco una donna che instaura una relazione di lunga durata con un uomo solo per sesso…la donna ha bisogno di coinvolgimento emotivo e mentale…altrimenti dopo qualche incontro finisce. Mi scuso se è passato un pensiero diverso…vi stimo come donne , per i sentimenti che avete provato, i pensieri che esprimete a prescindere dal ruolo che ognuna di noi ha avuto nella relazione di coppia o meglio dire relaziione triangolo…

  • elleelle, 24 Dicembre 2021 @ 15:51 Rispondi

    @Lia
    Avrei potuto dire del mio ex le cose che tu dici del tuo. Chi ci vedeva da fuori, pensava a quanto affiatamento e similitudini c’erano tra noi, a quante attrazione e infatti più di una persona aveva capito.
    Dico che tutto quello che ho vissuto è stata una menzogna solo perché ho avuto a che fare con un narcisista che ha recitato tutto.
    Se lui fosse stata una persona normale, avrei davvero faticato a pensare che tutto quello che abbiamo vissuto era una bugia.
    Per questo nego nel modo più assoluto che una storia tra amanti sia solo desiderio e passione.

  • Dispersa, 24 Dicembre 2021 @ 15:27 Rispondi

    @Ads io questa ‘instabilità mentale’ la noto più negli uomini e donne, vedi il tuo caso, scoperti!!
    Vorrebbero ma poi se la fanno sotto!!
    Sembrano soggetti sicuri di loro, tanto da chiederti ‘ma come fanno??’, ma alla fine se li osservi bene sono talmente insicuri che ad un solo abbaiare di cani scappano a gambe elevate!!
    Sono così, punto.
    Io dal mio canto avrei voluto una storia più tranquilla, senza cicli continui di alti e bassi, ma sinceramente non so cosa voglia dire e cosa accada quando si viene scoperti dal coniuge. Ricordiamoci che in fondo la moglie e il marito coinvolti sono e rimarranno le persone che un tempo hanno amato, scelto per formare una famiglia e con le quali hanno condiviso gioe e dolori.

  • Lia, 24 Dicembre 2021 @ 14:23 Rispondi

    @Lolly, io nel mio ex avevo trovato tutto. Affinità, affetto, serietà(così sembrava), affidabilità(anche qui così sembrava) ma anche gioco, divertimento, passione.
    Evidentemente io l’avevo trovato in lui, lui non lo cercava in me…
    Se mi fossi sentita desiderata solo fisicamente, non mi sarei neppure innamorata. E questo lo sapeva anche lui, altrimenti sarebbe stato chiaro dall’inizio.
    Sono amori, veri, totali anche quelli che nascono tra amanti.
    Io sono stata totalmente coinvolta da quell’amore. Non ti so dire se avrebbe retto alla routine, alla quotidianità. Non lo saprò mai perché ho scoperto che non eravamo in due a provare le stesse cose.
    Ma poi diciamoci la verità. Nessuno di noi avrebbe mai anche solo pensato di mollare tutto se non per qualcuno che hanno amato completamente. E mi sembra che qui di donne che erano disposte a cambiare vita ce ne sono parecchie.
    Io l’ho anche fatto, e di certo non perché il mio ex era un campione in kamasutra.
    Per nessuna di noi è stato solo sesso e passione. Anche tu, @Molly, fattene una ragione….

  • avvocatodistrada, 24 Dicembre 2021 @ 14:08 Rispondi

    @io credo che maddy lo abbia messo alle strette solo nell’ultimo anno, se poi sta cosa dura da 4 5 anni allora si, si cambia.
    @elleelle ottima disamina sul matrimonio, concordo
    @nina sei stato molto sfortunata.
    @ginger, ti capisco che dopo una cosa del genere certe cose proprio non ti vengono e gli altri lo sentono.
    anche io sono uno che andrebbe accompagnato, rassicurato, sicuramente non fatto andare in tilt ogni 48 ore,
    ci vuole anche un pizzico di fortuna, forse se avessi incontrato qualcuna di voi, ci saremmo incastrati in astratto,
    in molte di voi rilevo una consapevolezza dei sentimenti che avete vissuto, riscontro che si le cose in questi amantati non sono mai facili, ma evinco una base di stabilità,a me sta cosa nel rapporto con lei è sempre mancato,al massimo durava 2, 3 giorni, poi si ripartiva al punto 0, 1, purtroppo ci sono anche persone fortemente instabili, poi se questa instabilità sia dovuta all’amantato non lo so, a leggervi sembrerebbe di no.

  • Ariel, 24 Dicembre 2021 @ 12:28 Rispondi

    Cara Nina
    Un caro Abbraccione speciale che possa portarti nella NUOVA VITA
    Dove sono certa arriverà il momento in cui potrai e riuscirai davvero ad amare del tutto te stessa
    Tagliando i rami secchi a te ancora vicini in casa tua …

    Leggerti lo ripeto e ti prego non prendere le mie parole come irrispettose verso ciò che scrivi ,
    Ma sto sincera ,lo sai, e ho riso da iniziò del tuo commento alla fine è avrai voluto che ancora avessi scritto

    Nina sei un talento naturale nello scrivere e descrivere cosa hai vissuto
    Là escalation delle azioni fatte da ex
    Con le tue motivazioni descritte adottate da lui

    La ho trovata pur sé tragica

    ESILARANTE COMICITÀ
    Come sempre se ci facciamo caso le peggiori tragedie hanno un altro lato della stessa medaglia la comicità!

    E tu pur ancora sicuro traspare un filo di tua più che umana è giustificata sofferenza
    La ho percepita già più nel tuo essere riuscita da te a metterla nel passato che meno male è PASSATO!!

    Così cara Nina leggerti ogni volta resta una pagina indimenticabile
    Utile contributo che si unisce a tutte le care nostre testimonianze di vissuti che aiutano sempre chi per caso ci legge
    E aiutano tra noi qui scriventi a farsi pure

    Sane risate di vero cuore sempre nella condivisione e totale comprensione e vicinanza di cuore tra tutte noi!!

    Che sia sempre al meglio il tuo pensiero sul tuo grande valore
    Sulla tua forza di testa e di cuore che hai saputo prenderti cura di te in terapia a stecca riuscendo a rendere passato il tuo passato
    Così tanto da saperne scrivere e pure ridere a rileggerti !!

    Grande aiuto terapeutico il saper cogliere il senso del umorismo proprio quando si è sofferto così tanto.

    Un Abbraccione cara Nina!❤️

  • elleelle, 24 Dicembre 2021 @ 11:19 Rispondi

    @Maddy
    4-5 anni in attesa che un uomo qualsiasi decida, mentre spesso noi sappiamo già cosa vorremmo e dovremmo fare.
    Chiaro che ci si stanca e non si riesce più a recuperare.

  • elleelle, 24 Dicembre 2021 @ 11:17 Rispondi

    @Lolly
    È un errore pensare che un rapporto tra amanti si nutra solo di desiderio e passione, perché lo riduce a qualche scopata e non è così.
    Tutti questi matrimoni che non funzionano, popolati da persone indifferenti all’altro, sono per caso meglio?
    Un giorno il mio ex mi disse questo: “Mia moglie non ha mai voglia di fare niente, si rifiuta anche di andare al cinema e a me non basta che ci si addormenti nello stesso letto”.
    Per favore non restiamo attaccate alle solite storie delle difficoltà, dei sacrifici, delle bollette e del progetto di vita, perché quando uno tradisce di queste cose si pulisce il fondoschiena.
    Qualsiasi persona non ritardata mentalmente sa fare fronte alle incombenze quotidiane, non è l’amore che te lo fa fare.
    L’amore è trovare dentro di sé le energie e l’interesse per l’altro, è condivisione, è la capacità di alleggerire le difficoltà della vita, è capire che quando uno dei due non è al top l’altro viene in aiuto. È parlare, confidarsi, avere l’altro come punto di riferimento, anche per la passione, come diceva @Franca.
    Nel caso della moglie del mio ex, era capire banalmente che tuo marito ha voglia di andare al cinema per cui una sera chiedi ai nonni o a un’amica se ti fanno da babysitter.
    Se per vent’anni non trovi il tempo per avere un po’ di vita di coppia, è perché non ti interessa al punto che non riesci neanche ad andare al cinema. Poi arriva l’amante, te la fai sotto dalla paura e cominci a metterti la minigonna, come se l’amante avesse solo quello da offrire e con cui competere.
    Ridurre l’amantato a solo sesso e divertimento è un tentativo di prendere le misure a una situazione che ci risulta difficile accettare e cioè che la nostra relazione è finita ma che noi eravamo più importanti, perché con quella era solo sesso.
    Dovremmo invece capire che l’amore vuole anche il desiderio, che a volte basta pochissimo, una carezza, un abbraccio, una passeggiata con un gelato. Se lo limitiamo alle difficoltà lo uccidiamo e infatti qui ci sono tantissime coppie morte da tempo, proprio per quello.

  • Ginger, 24 Dicembre 2021 @ 10:02 Rispondi

    @nina il mio ha iniziato terapia con un uomo di una certa età, esperto, e vedo già dei cambiamenti nel modo di parlare e soprattutto nella consapevolezza
    Ha finalmente compreso di essere a metà del guado tra la sua famiglia precedente e una nuova vita, e di non essere in grado di attraversare il fiume da solo.
    Non mi parla più della moglie pazza che gli impedisce di vivere la sua vita: inizia a capire che lui stesso e le sue paturnie gli impediscono di vivere pienamente.
    Leggiamo qui anche @ads che suona molto diverso da prima: sempre schietto e sincero, ma consapevole, non più in balia degli eventi.
    Io ascolto il mio ex e prendo atto.
    Il mio chiodo è praticamente sparito dopo il nostro primo bacio, complici anche dei suoi problemi di salute, ma presumo che abbia intuito che io sono ancora emotivamente poco disponibile e si sia orientato su qualcun’altra.

  • Maddy, 24 Dicembre 2021 @ 09:24 Rispondi

    Cara @elleelle: tempo e modo! Parole sante! Sono quelle che ho sempre messo in evidenza al mio ex. Oltre la soglia del tempo e del modo, recuperare è estremamente difficile. Troppo tempo (appunto) e noi siamo troppo cambiate. Veramente difficile ripartire da 4/5 anni prima.
    Ora lui sta iniziando a muovere i suoi passi, ma io sono un’altra.

  • Lolly, 24 Dicembre 2021 @ 00:53 Rispondi

    Ci sono amori che durano tutta la vita, altri che durano solo una stagione, ma non per questo meno valevoli. Non è la durata a fare la differenza…un matrimonio di lunga durata era basato sull’amore prima del tradimento, una relazione da amanti si nutre di desiderio e passione. Sono tutti basati su un sentimento amoroso e anche se vengono vissuti in realtà diverse ogni storia arriva per trasmetterci qualcosa. C’è l’uomo con cui creare una famiglia, chi ti fa provare la passione, chi ti fa sentire speciale, chi ti da un rapporto maturo e rassicurante…insomma…sono tutti amori nati da un forte sentimento e l’errore spesso sta nel voler trasformare quella storia e quindi quella persona in ciò che noi vogliamo…e lì il rapporto si esaurisce… troppo impegno è sintomo di qualcosa che non va, perché l’altro non arriva nella nostra vita per soddisfare le nostre aspettative…finito il compito per il quale è apparso donandoci qualcosa, è giusto lasciare andar via e lasciare spazio a qualcosa di nuovo…spesso invece restiamo ancorati al passato a quello che poteva essere e non è stato….e ci tormentiamo…ma non è la nostra anima..piuttosto è la nostra mente a tenerci intrappolati.

    • alessandro pellizzari, 24 Dicembre 2021 @ 09:49 Rispondi

      O le sue balle

  • Nina, 23 Dicembre 2021 @ 22:28 Rispondi

    Care ragazze e @ale, leggo sempre e siccome qui si parlava di lui che va dallo psicologo..vi racconto del mio ex. Sembrava sempre sul punto di prendere in mano la situazione, e invece ogni volta era una farsa e la terapia un modo x tenermi buona. Ci ha “provato” almeno 4 volte:
    1) dopo una lite con me, esaurito x il suono dei miei troppi messaggi (togliere la suoneria?): Va da una psicologa, “troppo giovane e inesperta”, dice. Ok, amore.
    2) in un momento di crisi esistenziale, vagando senza meta, incontra una psicologa in pensione, che poi si scopre non essere abilitata, che gli propone una terapia informale. “troppo vecchia x capirmi”. Ok,amore (poi scopro che era una specie di fattucchiera)
    3) prova con un uomo, su mio suggerimento. “Troppo uomo”, ovviamente. “Gli uomini mi invidiano tutti”. Ok, amore
    4) ultima spiaggia, di nuovo una donna. Titolata, non troppo giovane e non troppo vecchia. “Ma ci ha provato e non è professionale”. Vi risparmio i dettagli, a sentire lui sembrava una specie di porno-infermiera. Ok, anzi, vaff…amore!
    Capite perché poi mi sono rotta? Nemmeno fare finta di andare davvero in terapia..mentre io pian piano ci andavo davvero, come una formichina..

  • avvocatodistrada, 23 Dicembre 2021 @ 21:00 Rispondi

    @angelina cara, se vuoi sapere di come vanno i rapporti sfasciati, leggiti ci commenti delle utenti in cui il tradimento è stato scoperto, oppure potrei raccontarti il mio rapporto all’interno di un rapporto usurato,
    ci salvano i figli.

  • avvocatodistrada, 23 Dicembre 2021 @ 20:52 Rispondi

    @alessandro, se voleva le scriveva qualcosa,
    penso che sino ad ora c’è stata molta fortuna, e molte persone si sono i fatti loro,
    non escludo che prima o poi possa succedere, sin ora non è successo e sai perch’ alessandro,
    perchè lei non si è lasciata con il marito, tutto qui, se il marito le avesse dato il ben servito vedi come suonava la porta.
    @alessandro ormai questo caso 0 l’ho preso in esame, mia moglie non sa il nome preciso,
    ma sa di quella che manda messaggi in continuazione la sera, sa sa..non approfondisce ma sa

  • Azzurra, 23 Dicembre 2021 @ 20:23 Rispondi

    @Avvocato io lo so bene che se sapesse di un altro darebbe di matto. Lui è molto possessivo anche se l’ha sempre chiamata gelosia ma per me la gelosia è altro. Sa che sono una donna corteggiata ma non ho mai dato retta a nessuno, proprio con lui dovevo andare a finire. Io ho deciso di restare con mio marito, per lo meno ci sto provando. Ma sai lui è “geloso” anche di mio marito, l’ultima volta in un eccesso di verità e di confidenza mi ha detto che quando mi lasciava odiava vedermi con lui, odiava pensare che io avessi rapporti con lui, solo che una volta gli è sfuggito che è invidioso di lui. E anche questo la dice lunga. Io posso essere gelosa della sua compagna mai invidiosa. L’invidia non mi appartiene. L’invidia è cattiva.

  • Ariel, 23 Dicembre 2021 @ 20:21 Rispondi

    No la maggioranza @Lolly tra la minoranza numerica

    Non dimenticarlo mai
    Qui ci sta una MINORANZA NUMERICA DI PERSONE CHE HANNO VISSUTO FALLIMENTO NELLE RELAZIONI
    Molti sono matrimoni falliti seguiti da amantato pure quello fallito e cioè che lui ha mollato tutte
    Nessuna esclusa
    E pure che è ritornato a casa come fanno questi alcuni ALCUNI UOMINI che fanno il tenersi sempre a fare il MACHISTA
    Che approfitta delle donne SOTTOMESSE FRAGILI che ne vengono tutte INFATTI DA situazioni di dolore disagio o negatività data o da relata di matrimonio fallito o da malattia grave da lutti gravi ,come è stato il mio caso qui raccontato ,ma che in ogni esperto che ne ha scritto è parlato ovunque siamo esattamente tutti con lo stesso schema

    Ma COMUNQUE SI PARLA DI MINORANZA NUMERICA

    Non è che la maggioranza numerica di persone sta ridotta così male !,,

    Fortunatamente ESISTE ECCOME LA CONCRETA POSSIBILITÀ DI AVERE RELAZIONI
    SANE E DURATURE E PURE CON GRANDE ENTUSIASMO DI VERA FIDUCIA RISPETTO RIUSVIRE A STARE FEDELI

    ESISTE QUESTA REALTÀ

    Ovviamente FUORI DA QUESTO BLOG!!!

    Qui si parla di gente con problemi ognuno i propri
    E colgo la occasione per appoggiare in pieno elleelle che giustamente ci ricorda CHE LE RELAZIONI CON NARCISISTI E SIMILARI DISTIRBI COMPORTAMENTO
    SONO GENTAGLIA E CHE SICURO SAPEVANO E SANNO DI FARE MALE A CHIUNQUE CADA IN RELAZIONE CON LORO

    E le “ vittime temporanee “ infatti in paesi CIVILI ED EVOLUTI dove esiste la legge SACROSANTA DI VIOLENZA PSICOLOGICA RICONOSCIUTA REATO
    Ecco che possono DENUNCIARE E FARSI RISARCIRE

    Questo fatto NON È UN DETTAGLIO
    MA AIUTATO MOLTO AL CAMBIAMENTO DELLA MENTALITÀ CHIUSA RISTRETTA DI MOLTA GENTE CHE CI GUARDA COME FOSSE SOLO COLPA NOSTRA ESSERCI CADUTE !,,

    Poi la realtà scientifica è che occorre invece occuparsi di FARE LE LEGGI DARE MODO DI DENUNCIARE
    Farsi risarcire i danni psicofisici e tutte le spese che si possono aver fatto per curarsi dal trauma subito
    Dalla PERDITA DI TEMPO prezioso che passa e non torna più

    Ma detto ciò comunque ragazze FORZAAAAAAAA
    BASTA CON LA SFIDUCIA IN SE STESSE E VERSO GLI ALTRI

    QUI SIAMO UNA MINORANZA NUMERICA!

  • Lolly, 23 Dicembre 2021 @ 19:34 Rispondi

    @ Cri 28 l’ amore di cui parli tu esiste, ed @ Alessandro ne è testimonianza. Ma purtroppo non succede a tutti di vivere questo sentimento, altrimenti non saremmo in questo blog a parlare di relazioni di coppia. Pertanto a chi non capita si destreggia tra entusiasmi, emozioni, innamoramento, dipendenze…e rappresentiamo la maggioranza permettimi di dirlo!!

  • Azzurra, 23 Dicembre 2021 @ 18:18 Rispondi

    @Avvocato, esatto. Una persona con la quale sei stato per anni ti vede e tira dritto non sta bene. E non sta bene che poi all’improvviso chissà per quale motivo dopo un po ti viene a cercare e se non ti trova dove ti ha lasciato ti segue, ti scrive. E soprattutto non sta bene mentalmente se ti si palesa davanti e come se non fosse successo nulla prova a toccarti, baciarti dopo mesi che era sparito nel nulla durante i quali fingeva tu non esistessi e non capisce perché tu ce l’hai con lui! perché non ti passa la rabbia in quel preciso istante senza che ci sia il bisogno di parlare di quello che era successo, di chiarire, di chiedere scusa. Se questa voi la chiamate instabilità emotiva per me è sminuire la gravità dei suoi comportamenti. Questi sono comportamenti disfunzionali di una persona non semplicemente egoista ma affetta da un disturbo. Non c’è empatia, non c’è consapevolezza del dolore che si causa agli altri e se c’è se ne fregano o addirittura ci godono.

  • avvocatodistrada, 23 Dicembre 2021 @ 17:08 Rispondi

    @azzurra anche io sono stato lasciato in prossimità di natale 2 anni fa.
    anche io ho sentito lo devi accettare!mi ringrazierai
    anno scorso dopo natale mi ha fatto un numero da circo,e mi sono incazzato per la prima volta.
    tanti esempi stessa dinamica.
    @sai azzurra cosa lo farebbe impazzire ..che avessi un altro, li perde la testa.
    le parole non rendono bene i contesti.
    @alessandro io non devo stare buono e a cuccia, io ho sempre gestito tutto con grande abilità,equilibrio,
    senza paranoie, sono stato sempre favorito da un rapporto distante con mia moglie.

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 19:43 Rispondi

      quanto pesa la paura che la tua amante arrivi in casa a spiattellare tutto nel tuo tenerla?

  • elleelle, 23 Dicembre 2021 @ 15:02 Rispondi

    @Cossora
    Spesso le relazioni hanno un tempo e un modo. Quando li sbagli entrambi, il rischio di non poter più recuperare aumenta.
    Diminuisce la fiducia, cominciano considerazioni negative e dubbi, come se qualcosa si fosse spezzato e non si riuscisse più a riparare.
    Non sono solo i matrimoni che si rompono, ma anche le relazioni di amantato quando lui torna, spesso dopo aver dato priorità alla relazione ufficiale sperando che tornasse a funzionare, senza riuscirci.
    Essere consapevoli che loro sapevano che una ricostruzione non poteva funzionare ma comunque hanno insistito per provare e riprovare è in fondo una dimostrazione anche quella di un coinvolgimento a metà.
    E quando il dubbio si insinua, è difficile farlo andare via. È tornato perché voleva davvero o perché a casa il rapporto è fallito?

  • elleelle, 23 Dicembre 2021 @ 14:48 Rispondi

    @Angelina,
    Tesoro, ma che normalità vuoi che torni tra di loro? La falsa normalità di prima magari sì, ma di cosa è fatta, se non di due persone intrappolate in un rapporto sfasciato?
    Ormai hai capito in quale meccanismo psicologico si trovano, perché lo hai vissuto tu stessa più volte. Non è una relazione normale questa, è una relazione disfunzionale vissuta da persone che hanno instaurato tra loro delle dinamiche di potere che non sono sane.
    Anche i folli stanno bene nella loro follia, ma perché non hanno consapevolezza della normalità.
    Non ti tormentare pensando a come stanno loro, perché sai che non stanno bene. Tu sei stata bene con lui, ti sei sentita parte di una relazione normale? Ti sembra che la loro sia una relazione normale e felice? Secondo me no, per cui loro si sentiranno allo stesso modo fino alla prossima crisi, che ci sarà senza alcun dubbio.
    La punizione peggiore per lui è rivivere ogni volta le stesse situazioni senza migliorare come persona, senza concludere niente e scavandosi man mano una fossa sempre più profonda.
    È in questa fossa che lo devi lasciare e “seppellire”. Lui per te non deve più esistere.

  • Lolly, 23 Dicembre 2021 @ 14:47 Rispondi

    @ Cossora….I LOVE YOU!!!…condivido ogni tuo pensiero…anche se io a differenza di te amo la certezza, la stabilità e non le emozioni forti. Mi spaventano sai…ho paura di perdere il controllo e per una persona mite come me non è semplice. Chissà se mi capiterà…tu sei il mio opposto, sei concreta e ami il rischio pur rimanendo con i piedi per terra. Io sto bene da sola, e non amo stare con qualcuno solo per compagnia, voglio qualcuno che stimola il mio interesse, curiosità e desiderio…il resto…passo!!

  • elleelle, 23 Dicembre 2021 @ 14:33 Rispondi

    @Azzurra
    Questo discorso salta fuori ciclicamente, per cui si deve ribadire che la differenza è chiara, che abbiamo avuto la conferma da psicologi e psichiatri ecc.
    Alla fine sai cosa c’è? Noi l’abbiamo vissuta, noi sappiamo la differenza e che cosa vuol dire. Chi vuole questa differenza la accetta e la comprende (come scriveva @Lia) e chi la nega o la sminuisce.
    A me quello che preme di più in questi casi è che si capisca che relazionarsi con una persona che ha un disturbo del comportamento ha delle conseguenze ben definite, che necessitano di un intervento adeguato alle circostanze.
    Per me non è un vanto avere avuto a che fare con un narcisista, così come non lo è stato per te, per Crocus, per Nina… Mi interessa però che questa esperienza venga riconosciuta, perché una delle cose peggiori è non essere credute, sentirsi dire che è solo egoismo, immaturità ecc.
    No, non è solo egoismo, non è solo immaturità, queste sono solo due componenti di un disturbo riconosciuto da psicologi e psichiatri, di cui noi abbiamo fatto le spese.

  • Angelina, 23 Dicembre 2021 @ 14:19 Rispondi

    @Ale hai ragione così lo giustificherei troppo…
    @Azzu tante volte mi sono trovate nelle dinamiche come le tue…questi uomini sono str…e mi fermo qui perché non giocano ad armi pare come dice la mia amica ma ti illudono,ti riempiono di parole…anche il mio ex non mi ha mai voluto lasciare andare quando sapeva benissimo di mentirmi e che non sarebbe mai uscito di casa.

  • elleelle, 23 Dicembre 2021 @ 14:18 Rispondi

    @Lia
    Se un rapporto tra amanti è un rapporto fatto di apparenze, lo è a maggior ragione un matrimonio in cui per anni si tradisce.
    Credo che si tenda a definire in modo eccessivamente riduttivo e negativo la relazione di amantato per tirarsi su di morale, ma è un palliativo.
    In realtà, come dici tu, l’amore può essere e nascere ovunque. Non timbra il cartellino per l’orario, non ha bisogno di essere visto e confermato da tutta la città, non diventa tale solo perché si vedono le magagne domestiche.
    A volte leggendo il forum sembra che certe coppie siano nate subito complete al 100% e subito con intenzioni serie, amore, matrimonio e un progetto di vita eterna assieme. Secondo me non è credibile, ogni coppia vive un’evoluzione e non si capisce perché non la debba vivere una coppia nata da un amantato.

  • Lia, 23 Dicembre 2021 @ 13:09 Rispondi

    @Ale tu hai fatto una scelta di coraggio.
    C’è voluta una gran donna a fartela fare, ci sono volute le giuste circostanze… Quante persone si perdono per mancanza di coraggio, quanta paura…come dice @Ariel.
    A Quante di noi la propria mamma ha insegnato a sopportare, resistere, perdonare all’interno di una coppia, a scegliere la persona apparentemente affidabile a discapito di chi ci fa battere il cuore.
    Quante paure ci portiamo dentro, quanti blocchi…
    Cosa ci ricorderemo più avanti negli anni? Delle serate in salotto a guardare il cellulare o del desiderio che abbiamo provato verso qualcuno?
    Ho pensato di poter prendere il treno giusto, ho fatto anche le valige per prenderlo, non è passato…pazienza, ma non sono pentita.
    Non credo che riuscirò più a farlo se non avendo maggiori sicurezze, ma che importa?
    Cosa auguro a me stessa? Di sentirmi di nuovo viva e innamorata… non so se succederà, ma me lo auguro sul serio.

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 19:38 Rispondi

      Bisogna essere innamorati. O si è innamorati e si fa o non lo si è abbastanza…

  • Azzurra, 23 Dicembre 2021 @ 13:05 Rispondi

    @Alessandro il mio non lo fece in previsione del Natale perché lui avrebbe ricominciato a sentirmi il giorno della vigilia. Lui funziona al contrario rispetto agli uomini che descrivi sempre tu. A natale come nelle feste era sempre molto presente, perché a casa con i parenti lui si annoia a morte e visto che è fuori di testa nel tempo ho capito che probabilmente lo faceva anche apposta per disturbare e innervosire la sua compagna.

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 19:37 Rispondi

      che simpaticone. Però invertendo i fattori il risultato non cambia

  • Ariel, 23 Dicembre 2021 @ 13:01 Rispondi

    @Leilei
    Fagli tu la sorPRESONA di Natale

    AH AH AH mandaloafanculo
    Ma FOREVER!!!

    Un abbraccio ,
    forza Leilei
    Tira fuori i tuoi VERI TALENTI!!!!!!!!❤️

  • cossora, 23 Dicembre 2021 @ 13:01 Rispondi

    Un tipo sposato che mi fa il filo (cliente) settimana scorsa mi chiama per diri che dobbiamo vederci per farci gl auguri di Natale (mai fatti prima d’ora) e chiacchierando di lavoro e varie porto il discorso sul cosa fai a Natale mi risponde ‘eh niente, a Natale mi metto l’anima in pace fino alla riapertura’.
    Io intendevo genericamente se andasse via o stesse a casa!

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 19:36 Rispondi

      già con la coda di paglia! tutti uguali questi sposatini

  • Azzurra, 23 Dicembre 2021 @ 13:01 Rispondi

    @Lia per crescere o meglio decidere di rivolgersi ad uno psicologo e farsi curare dovrebbero prima di tutto essere isolati dalla loro “fonte primaria” : la moglie. Invece sono loro le prime (almeno nel mio caso) a tenergli la maschera appiccicata sul viso. Lo sa anche la compagna chi è lui, lo sa benissimo ma è la prima che vive di apparenza. Come lo so? Non solo lo vedo con i miei occhi ma era stesso lui a dirmi che la gente faceva loro i complimenti perché sono una bellissima coppia, lei si pavoneggiava ma poi arrivati a casa gli diceva : “se tutti sapessero che nemmeno mi tocchi più”. Eppure lei ha scelto di rovinarsi la vita e di renderla accettabile a lui. Lui che non cambierà mai e che continuerà a fare danni perché tanto attraverso lei, lui ha una immagine perfetta. Solo mettendolo con le spalle al muro lui avrebbe qualche possibilità di cambiare, ma tanto all’età di 60 anni ormai fare danni è per natura molto difficile e adesso ha solo una paura fottuta di restare solo. Quello che si meriterebbe.

  • Leilei, 23 Dicembre 2021 @ 12:50 Rispondi

    Il nostro è il sesto non-Natale insieme, mi ha chiesto che regalo desiderassi, gli ho risposto ma mica siamo sposati!
    Echeccacchio un pò di verve, fantasia,sorpresa!!!

  • Angelina, 23 Dicembre 2021 @ 12:12 Rispondi

    @Elleelle hai ragione il mio ex ha avuto comportamenti disfunzionali…ma anche perché ha avuto la “fortuna”…lui…di avere donne che glielo hanno permesso…la sua ex per anni ha accettato i suoi andare e venire e credo che non si sia mai realmente costruita una vita anche per colpa sua e ora è la sua migliore amica?
    La sua compagna accetta ogni cosa come fosse normalità…@ads come dici tu penso che anche lei non lo veda da innamorata,ma che apprezzi ciò che lui le da…una parvenza di famiglia,sicurezza,tanto alla fine la fa sempre franca…da fuori credetemi sembra la persona migliore del mondo ed è anche bravo a passare da vittima,che non ce la fa,che piange se no non saremmo state tutte e tre al suo cospetto.
    Quando parlo con la gente mi dicono beh l’amore dopo tanti anni passa cosa pretendi?
    Hanno una figlia insieme…ma lei ha 45 anni è ancora giovane e loro appunto 45 anni…come per dire meglio che si tenga lui che chissà…
    Boh a volte mi sento sbagliata io non voglio tenermi un uomo per compagnia o per fare la facciata felice….ma loro sono tornati così facilmente alla loro normalità come niente fosse secondo voi?
    Beati loro…

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 12:39 Rispondi

      Io non credo che il tuo ex abbia comportamenti disfunzionali, credo che sia un grande approfittatore egoista e immaturo che abbia avuto la fortuna di trovare sulla sua strada donne innamorate che lo hanno sempre giustificato invece di tirargli una pedata definitiva nel sedere, che è quello che devi fare tu anche dal punto di vista tuo emotivo e psicologico

  • cossora, 23 Dicembre 2021 @ 12:10 Rispondi

    @Old sei mesi o dodici poco cambia. Ci si sente speciali abbastanza per -da un certo punto in poi- continuare a credere che sia giusto attendere e sopportare, perchè ci si sente predestinati.
    Una volta caduti i veli dagli occhi.. se rimangono con le famiglie ci tolgono l’incombenza di dover decidere.
    Se lasciano le famiglie e si ripropongono.. hai già descritto tu in prima persona a quali dubbi o cambi di assetto si viene sottoposte.
    Le cose -forse- vanno vissute per quello che sono e per quanto durano.
    Senza volerle tramutare o dilatare in altro.
    Ho scritto forse, perchè a me non è capitato.

  • Cri28, 23 Dicembre 2021 @ 11:36 Rispondi

    Non credo che il matrimonio sia un contratto tra parenti. Per me l’amore è coniugabile con un rapporto stabile e profondo, in cui si trae entusiasmo dalla sensazione di crescita reciproca. Succede quando senti che l’altro rappresenta ancora per te una scoperta e non è incompatibile con il fatto di stare insieme anni, la passione autentica può durare nel tempo, soprattutto se si è disposti a crederci e investirci (in due).
    A volte le cose smettono di funzionare nonostante la cura e l’impegno e lì c’è chi riesce a stare nel contratto tra parenti e chi no.
    Non cerchiamo tutti le stesse cose e questo vale anche per l’amantato.

  • Ariel, 23 Dicembre 2021 @ 11:21 Rispondi

    Esattamente
    Qui alcune utenti stanno a ad avere solo che una paura umana emozione forse la più difficile da togliersi da dosso quando ci si guarda indietro e soprattutto si vedono solo relazioni FINITE e cioè che non hanno funzionato ne matrimonio ne amantato

    Ovviamente istintivamente si preferisce aver paura di RINASCERE DAVVERO

    Così qui si scrive che Amore NON ESISTE
    CHE SOLTANTO TEORIA
    CHE SOLO CHE RELAZIONI EFFIMERE SI POSSONO ASPIRARE DI AVERE

    ANCZI PEGGIO

    CI SI ASPETTA GIÀ CHE SIA E SARÀ SEMPRE COSÌ!!!!!!!

    Ma care ragazze che scrivete cose di questo tipo
    Che PAURA VI È RIMASTA DENTRO??????

    Dove sta la gioia la JOIE DELLA GUARIGIONE DAI PROPRI NODI ANTICHI?????????

    DOVE STA LA FIDUCIA NEL NUOVO VIVERE???

    Come ci si riduce a scrivere che solo per i figli esiste la concretezza del amore reciproco???

    Ma siete sicure ? Che sia così ??

    Dopo che ci si cura in terapia eccoli i nuovi fritti di alcune persone che si sono date d’affare per curarsi e che non smettono di farlo
    Perché sbagliato pensare di essere arrivate ,ma sicuro una vera Rinascita da la gioia della propria vera evoluzione e che sicuro

    Comprende la FIDUCIA IN SE STESSE CHE SE DAVVERO ESISTE

    È PRIVA DI SE
    DI MA
    DI INTANTO TUTTO FINISCE

    INTANTO SARÀ SEMPRE COSÌ???????!!!!!!!!!

    Tirar fuori gli attributi

    Significa FIDARSI DI SE STESSE E DEGLI ALTRI NE È LA CONSEGUENZA

    PERCHÉ ADESSO È IL PRESENTE CHE SI VIVE

    E CHI SCIVE COME ho letto DEPRESSIONE PAURA DEL DOMANI

    Occorre ancora terapia e scoprire i propri nodi antichi!!!

    @CaroAlessandro
    Il termine ci si butta

    Non mi piace

    Preferisco

    MI FIDO DI ME STESSA E DEGLI ALTRI!!

    Infatti sono a un passo del mio nuovo matrimonio

    Ah ah ah ah ah

    Evviva la FIDUCIA IN SE STESSI

    i NUOVI SPOSI!!!!

  • Azzurra, 23 Dicembre 2021 @ 11:18 Rispondi

    Io penso di essere capace ormai di distinguere una instabilità emotiva da una patologia. Vi faccio un esempio : un paio di anni fa all’improvviso 10 giorni prima di natale mi lascia dicendomi : è meglio così, ho paura che succedano casini, lo devi accettare, un giorno mi ringrazierai….
    Vi lascio immaginare il mio stato emotivo soprattutto per il fatto che lui fino a qualche ora prima aveva chiesto di vedermi, diceva di amarmi quel pomeriggio…
    Il giorno di Natale mi invia gli auguri ai quali io non rispondo, il giorno di capodanno a mezzanotte precisa mi scrive :” buon anno con uno di quei nostri baci “. Io piangevo. Dalla gioia e dalla sofferenza e ho ceduto, gli ho risposto. Dopo 2 settimane lo ha fatto di nuovo. Potrei farvi tantissimi altri esempi tutti con la stessa dinamica. Io ho perso 10 chili. Non sono una stupida che non riesce ad accettare la fine di una storia. È lui il pazzo narcisista borderline. Ora ne sono fuori ma la sofferenza ancora c’è. E tanta ma tanta, tanta e non perché lo rivoglio nella mia vita.

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 12:37 Rispondi

      all’improvviso 10 giorni prima di natale mi lascia dicendomi : è meglio così, ho paura che succedano casini, lo devi accettare, un giorno mi ringrazierai….

      Lasciano sempre prima di Natale, perché devono starsene buoni a cuccia. Poi tornano. Ne parlo stasera nella diretta, non mancate

  • Lia, 23 Dicembre 2021 @ 11:11 Rispondi

    @elleelle, @Azzurra anche se non li ho vissuti a me sono abbastanza chiari i comportamenti borderline di chi ne ricava un vantaggio personale rispetto a chi è veramente in crisi e si trova in difficoltà ad affrontare certe situazioni.
    Voi avete avuto la capacità di riconoscerli ed isolarli, ma mi meraviglio di tutto il terreno fertile che ancora certi individui trovano intorno a loro.
    Per crescere dovrebbero davvero trovarsi soli e non risolvere i loro problemi continuando a manipolare il prossimo!

  • Lia, 23 Dicembre 2021 @ 10:54 Rispondi

    @Lolly, sono d’accordo anch’io con @Alessandro. Per questo non generalizzo. Gli amori possono nascere in qualsiasi modo, anche scontrandosi con il carrello al supermercato. Il matrimonio è un contratto fra parenti? Gli amanti sono una vetrina, come dice @Molly? Non sono per nulla d’accordo. L’amore c’è o non c’è, in qualsiasi modo nasca…

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 12:35 Rispondi

      Il 30% di amori fra amanti diventano coppie meravigliose, e comunque tutti gli amanti vivono un periodo iniziale splendido, che rinnova sentimenti ed emozioni che i matrimoni decotti ci avevano fatto dimenticare. Non buttiamo via il bambino con l’acqua sporca, anche nelle storie di amanti che finiscono male. Io oggi mi sveglio ancora perché il mio incubo ricorrente (non frequente per fortuna) è quello di non aver fatto scelte sentimentali difficili ma coraggiose: se non avessi deciso di essere coraggioso, di investire nel futuro, di scommettere nell’amore i miei tre figli oggi non esisterebbero. E loro per me sono il bene assoluto

  • cossora, 23 Dicembre 2021 @ 10:33 Rispondi

    @ads ti leggo e ancora prima di finire la frase vivo (‘sento’ non rende l’idea) esattamente l’emozione, il quadro che vuoi descriverci.
    Autentico, questo sei, sei sempre stato e, ora che ti guardi dentro, sei ancora di più.
    Auguri

  • Lolly, 23 Dicembre 2021 @ 10:32 Rispondi

    @ Lia sono d’accordo con @Alessandro…l’amore non pensa si butta!!!…il resto è altro….

  • cossora, 23 Dicembre 2021 @ 10:10 Rispondi

    “il matrimonio è un contratto tra parenti che nasce da un innamoramento ma nel tempo si trasforma…”
    @Lolly sei la (mia) numero uno.
    C’è chi poi apprezza il contratto tra parenti, la stabilizzazione, la collaborazione e si fa nutrire tutta la vita da questo apprezzamento e chi (come me, lo ammetto) vuole vivere “qualcosa di forte”.
    Il solo amore che rimane forte, viscerale, istintivo, a volte logorante per quanto intenso è quello per i propri figli.
    Questo spiega perchè molte donne -come me e @lolly in due modi diversi- si separano stabilmente e poi stanno bene da sole.
    L’amore per gli uomini finisce.
    Se ne può fare a meno, o se ne possono avere diversi, viverli per la loro bellezza e poi lasciarli andare quando amori più non sono.

  • avvocatodistrada, 23 Dicembre 2021 @ 10:00 Rispondi

    @alessandro, ho usato una parola impropria ” cazzatina”, creare il dissappore dal nulla,il litigio, il contrasto,la provocazione gratuita , era solo un modo per allontanarti,per dominare il rapporto, “decido io se dobbiamo stare bene, come e quando”
    decido io se dobbiamo sentirci, vederci, se è giusto , sbagliato,
    quindi ritiro il cazzatina,ad ogni modo la sensazione è mi spengo ed mi accendo, quando mi spengo il motivo lo trovo,i i figli, il coniuge,il lavoro,se non hai lavato la tazza a casa sua,domande a ripetizione sul rapporto con il coniuge,
    ti sembra strano ma cosi succede, prosaicamente li definiamo ” colpi di testa”.
    sono d’accordo che al netto delle problematiche, dei conflitti, che portanto queste storie, poi bisogna sapersi comportare,
    e una persona con la quale sei stata per anni e ti vede e tira dritto, non sta bene,è una dipendenza, tu sai che questa persona ti fai poi male,tuttavia godi di quel momento, poi dopo il buio.
    io non ho mai detto non chiamare, non messaggiare, non sono mai evaporato,
    tutte cose che ho visto.
    capisco che quando ve lo racconto vi fa specie,ma la situazione è questa , non è un uomo ma è una donna.
    narcisista , borderline, bipolare,non lo so, ma questo è.

  • Leilei, 23 Dicembre 2021 @ 09:51 Rispondi

    Rapporti da vetrina dice Molly, forse è vero perchè ci si prende solo la parte migliore. ed è per questo che sono così affascinanti e coinvolgenti!

  • elleelle, 23 Dicembre 2021 @ 09:31 Rispondi

    @Cri28
    Purtroppo chi parla di amore è spesso la persona che ti sta prendendo in giro. Quante di noi si sono sentite fare dichiarazioni d’amore sperticate?
    Il mio ex mi ha detto “Ti amo” dopo quattro mesi, io non lo avrei mai fatto, anche perché sono una persona che queste parole le centellina.
    Adesso so che questa velocità a dire ‘ti amo” è una delle componenti della sua patologia narcisistica, ma non è di certo l’unico che ha dichiarato sentimenti falsi all’amante e alla moglie, che subiscono queste follie perché spesso si trovano già in una situazione di forte stress, sia conscio che inconscio.
    Ma del resto, serve davvero vivere ogni minuto con una persona per poter dire che la si ama? Come fa chi vive in paesi diversi e poi si sposa?
    Difficile conoscere tutto di una persona e questo lo dimostra chi si ritrova tradito e poi dice che non conosceva davvero il coniuge.
    Continuare a mettere un conteggio orario o di presenza e lato “pubblico” dei sentimenti forse non è una grande idea.

  • elleelle, 23 Dicembre 2021 @ 09:10 Rispondi

    @LaMilla
    Scrivi “Amore? Bah. Forse secondo i loro ristretti parametri.”
    Del resto, se il loro amore per la moglie prevede di tradirla anche per anni, i parametri sono decisamente ristretti.

  • Molly, 22 Dicembre 2021 @ 23:06 Rispondi

    “Ma..finché i due non vivono la relazione alla luce del sole io di amore non parlerei…perché conosci solo una parte di quella persona…la migliore”

    Sono d’accordo @Lolly. Rapporti da “vetrina”!

  • avvocatodistrada, 22 Dicembre 2021 @ 23:03 Rispondi

    elle ti capisco eccome, stesse cose,mai trovato in una situazione del genere,
    ..mi prendeva per mano al parco al mattino, il pomeriggio si rivoltava perchè qualche cazzatina creata dal nulla.
    mi spiace vi devo contraddire la mia lei era cosi sin dall’inizio, in maniera meno evidente ma era cosi,
    la relazione extra non c’entra , io ho sempre gestito la relazione extra con molta tranquillità, e conosco persone che lo fanno senza assumere comportamenti stravaganti,
    sono le persone che fanno la differenza, sono convinto che se avessi toh incontrato una persona come molte di voi, persone equilibrate nello squilibrio, le cose sarebbero andate diversamente.
    oggi abbiamo parlato anche di mia moglie con lo psico,lui mi ha suggerito che lei forse non cerca in me “il sentimento” ma altro,e questo altro io glielo do.
    ragazze ho letto alcuni commenti dissento, noi stavamo sempre insieme,
    molto di piu che se fossimo ufficiali, non usiamo gli stereotipi,
    ho beccato una persona molto sbagliata che mi ha indotto un esaurimento, tutto qui

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 08:25 Rispondi

      Chissà però che cosa erano quelle cazzatine crate dal nulla. Gli uomini minimizzano atteggiamenti anche gravi.

  • avvocatodistrada, 22 Dicembre 2021 @ 22:42 Rispondi

    @cara azzurra, io ti capisco ed il fatto estetisco, sessuale non c’entra nulla..

  • elleelle, 22 Dicembre 2021 @ 19:16 Rispondi

    @Lia
    Come diceva Azzurra, la differenza tra i due comportamenti è molto chiara per chi ha vissuto entrambe le realtà.
    In ogni relazione ci possono essere atteggiamenti sgradevoli e dolorosi, soprattutto se la relazione non funziona e sta per finire. Però si tratta di situazioni limitate nel tempo.
    Con uno dei miei amanti di gioventù non è finita in un bel modo. Lui un giorno è scappato all’estero senza dire niente e ciao.
    Però non c’erano mai state dichiarazioni roboanti di amore tra noi, mai comportamenti sospetti, ripetitivi e volti a ferire gratuitamente.
    Lui era in un dilemma esistenziale, non sapeva cosa fare ed è scappato. Non ha cercato di tornare, di farmi star male, di mentire per tenermi a disposizione.
    Con il narcisista o il borderline la reiterazione dei comportamenti invece è la regola. Il mio ex ha cominciato ha triangolare e manipolare da subito, in modo ripetitivo e costante. Adesso che ho capito i suoi comportamenti li vedo chiaramente e vedo come fossero simili a quelli del narcisista con cui avevo avuto una storia decenni prima.
    Dovremmo fare tutte tesoro delle parole del mio psichiatra: la persona adulta e matura lo è anche nelle difficoltà. Ci può essere qualche comportamento spiacevole o scorretto ma non c’è la ripetizione continuata nel tempo dell’abuso psicologico. Questa è gente che ti vuole fare del male anche quando non c’è bisogno, anche quando ti sta dicendo che ti ama.
    Guarda la storia di @Angelina e quello che ha fatto il suo ex: comportamenti ripetuti nel tempo e con persone diverse,volti a manipolare e a tenere vicino, a disposizione, sotto controllo.
    Chiunque si sarebbe stufato di andare e venire da casa, tra moglie amante amica e figlia, ma non lui. Nel film della sua vita, la fuga gli garantisce le attenzioni altrui e il rinforzo della sua importanza, indipendentemente dai numero dei feriti che lascia per strada. “Amore” tramite il dolore, più ti faccio star male e tu resti, più mi ami.
    Sono brutte storie che distruggono le persone coinvolte e hanno poco a che vedere con una relazione normale ma andata a finire male.

  • LaMilla, 22 Dicembre 2021 @ 19:02 Rispondi

    @oldplum, d’accordissimo con te. Forse il primo anno fanno veramente i salti mortali, poi vivono di rendita e noi lavoriamo tanto di fantasie e bei ricordi.
    Iniziano a darci per scontate, come danno per scontata la presenza della moglie nella loro vita.
    Amore? Bah. Forse secondo i loro ristretti parametri.

  • Cri28, 22 Dicembre 2021 @ 18:52 Rispondi

    Lia, esatto. I conflitti interiori spesso portano a comportamenti che normalmente non si hanno.
    Però se uno/a è chiaro, cerca di spiegarsi e non fa il matto, certo che le situazioni descritte qui non si verificano.
    Parlare d’amore, anche per me forse è da evitare. Forse potrebbe esserlo, forse no ma ci vorrebbero le condizioni e il coraggio di provare. Mi limito a dire che è una relazione importante, che porta con sé del buono che spero eventuali sofferenze non cancellino.

  • LaMilla, 22 Dicembre 2021 @ 18:52 Rispondi

    Caro @avvocato, dopo tanti anni sentirsi ammaccati è cosa comune in chi vive queste storie. Se poi la persona con cui interagisci ti fa vivere sulle montagne russe, sentirsi stanchi e esauriti è inevitabile. Si arriva poi a un punto in cui le energie diventano introvabili e anziché iniziare a scavare, credo che sia meglio mollare.
    Un abbraccio.

  • Lia, 22 Dicembre 2021 @ 18:45 Rispondi

    @Lolly, il futuro non lo conosce nessuno e nessuno ha la sfera di cristallo. Sono in disaccordo con questa visione paraculica della vita. Perché tutte queste paure? Perché non andare dove ti porta il cuore e assumersi dei rischi? Perché fare l’analisi preventiva di come andranno le cose? Cosa c’è di più bello che rischiare, giocarsela, non avere rimpianti con il rischio di sbagliare?
    Così vanno le cose è la frase più triste che esista… Per fortuna sulle cose agiamo noi stessi e abbiamo qualche margine di manovra per direzionale.

    • alessandro pellizzari, 23 Dicembre 2021 @ 08:21 Rispondi

      L’amore non pensa si butta

  • Lia, 22 Dicembre 2021 @ 17:31 Rispondi

    Io credo fermamente che sia necessario fare una distinzione tra il comportamento borderline patologico da quello che, in realtà, è una forte instabilità emotiva legata ad una situazione di conflitto tra ciò che si vuole e ciò che sarebbe giusto.
    Io mi sono ritrovata nella seconda delle due e non credo di essere patologica.

  • Lolly, 22 Dicembre 2021 @ 16:46 Rispondi

    @cri 28 non intendevo dire che non c’è reale sentimento fra i due amanti. Sicuramente c’è più desiderio con l”altra che con il coniuge ufficiale…sono due vite parallele dove una non esclude l’altra. Vi dico come la penso: per me il matrimonio è un contratto tra parenti che nasce da un innamoramento ma nel tempo si trasforma…l’amante come ha ben detto @ Cossora colma le mancanze ed i vuoti che completano un individuo, non solo sesso, per intenderci. Ma..finché i due non vivono la relazione alla luce del sole io di amore non parlerei…perché conosci solo una parte di quella persona…la migliore. Se l’amante assumesse il ruolo di compagna ufficiale con tutti i pro ed i contro sarebbe la stessa cosa?…non credo..le storie d’amore nate dall amantato hanno un buon esito quando in breve tempo entrambi decidono di fare il salto nel vuoto senza remore…esistono…

  • Azzurra, 22 Dicembre 2021 @ 16:23 Rispondi

    @Ellelle io e te abbiamo lo stesso vissuto per questo ci capiamo al volo. Io non capivo per quale motivo lui arrivasse a farmi soffrire senza un reale motivo : non un litigio, non qualcosa che io avevo fatto, non perche gli facevo pressioni. Nulla. Lui da un momento all’altro mi diceva cose terribili quando un’ora prima era stato molto dolce, molto affettuoso. Non c’era motivo!! Io col tempo ho capito questo suo essere così imprevedibile ma all’inizio no. Per me era un trauma vero e proprio quando lui aveva questi momenti e a voglia a dire tutte : allora se stavi male potevi lasciarlo! perché si è vero, la cosa logica sarebbe stata lasciarlo ma io non ce la facevo. Chi non lo ha vissuto non può capire e non è una scusante. Purtroppo è la realtà della dipendenza. Non è facile ammetterlo ma è così. Non sono masochista, non mi piace soffrire. Non avevo idea di cosa mi stesse succedendo stavo solo male e bene quando lo decideva lui.

    • alessandro pellizzari, 22 Dicembre 2021 @ 18:04 Rispondi

      Lui da un momento all’altro mi diceva cose terribili quando un’ora prima era stato molto dolce, molto affettuoso. Non c’era motivo!!

      Narcisismo sembrerebbe

  • oldplum, 22 Dicembre 2021 @ 16:22 Rispondi

    Dissento sul “sentirci speciali “. Magari i primi 6 mesi, dopo ce la si racconta.
    Dormono, scopano, progettano, vivono con un altra donna. E a noi riservano il tempo extra e tante belle paroline.
    Speciali de che?
    Questo ovviamente lo si capisce dopo (forse)

  • Lia, 22 Dicembre 2021 @ 14:57 Rispondi

    Ma scusate, per forza devono farci sentire speciali. Cos’hanno, per convincerci a farci fare le ruote di scorta, se non le parole e qualche azione eclatante (nei limiti del gestibile)?
    Ci seducono perché anche quei pochi gesti e parole d’amore, dopo anni di matrimoni falliti, sono come acqua nel deserto. Ci trovano che siamo affamate di qualsiasi cosa e noi, per giustificare noi stesse, dobbiamo costruirci il più romantico dei film intorno…
    È tutto enfatizzato. Da parte loro e da parte nostra…
    Non credo facciano lo stesso con la moglie a casa…non ce n’è necessità…

  • Azzurra, 22 Dicembre 2021 @ 14:54 Rispondi

    @Cri28 sono d’accordo con te su quello che dici ma c’è una cosa che mi preme sottolineare e contraddire : non si “assumono” comportamenti borderline, borderline è una patologia del comportamento non un tratto caratteriale che viene fuori sotto stress. E chi ha avuto a che fare con persone affette da questo disturbo sa qual’è la differenza.

  • elleelle, 22 Dicembre 2021 @ 14:46 Rispondi

    @Ale
    Certo ma il comportarsi male dipende dalla persona che si comporta male, non dal tipo di relazione. La dimostrazione è che il mio ex si è comportato malissimo sia con me che con la moglie, nello stesso periodo. Bugie a lei, bugie a me, ha usato lei, ha usato me. Il problema è lui, non io e la moglie.
    Se penso che aveva avuto tre anni per ricostruire con la moglie dal momento in cui, a detta sua, si è reso conto che era attratto da me e comunque non l’ha fatto ed è riuscito a combinare un casino allucinante, a me sembra ovvio che ci sia qualcosa in lui che non va, che sia sposato, fidanzato o amante. Lui fa casino anche con gli amici, la persona distruttiva è lui, non il rapporto interpersonale, di qualsiasi tipo sia.
    Credo che per alcune persone ci si debba rassegnare all’evidenza: sono fatte così, malsane, distruttive, irrecuperabili. Inutile volerle salvare a tutti i costi e dare la colpa alla relazione.
    Come dici sempre tu, la relazione è solo il termometro della febbre e non solo nei confronti di un matrimonio che non funziona.

  • Cri28, 22 Dicembre 2021 @ 14:14 Rispondi

    Lolly, quello che può creare dipendenza è il costante senso di insicurezza. Inoltre le emozioni possono essere più intense, sempre perché c’è la fatica di conquistare dei momenti insieme. Ma per il resto, non sono d’accordo, non c’è una bolla, c’è spesso un normale rapporto umano, in cui ci si innamora e si ricerca il piacere reciproco, ma anche l’affetto, la complicità, la comprensione, la conoscenza, pur con il limite della mancata condivisione della quotidianità (ma certe amicizie sono fatte di conoscenza profonda, pur senza una quotidianità). Quello che fa implodere queste storie sono la frustrazione per il fatto di non poter stare insieme quando se ne ha bisogno, la gelosia per il rapporto con il coniuge, il senso di colpa verso il coniuge, le bugie, le aspettative frustrate, la paura per un futuro incerto. Sono pochi i casi in cui si crea un equilibrio (casi in cui entrambi hanno motivi per accettare le cose come sono). La maggior parte delle persone a un certo punto non ce la fa più e assume comportamenti borderline.

    • alessandro pellizzari, 22 Dicembre 2021 @ 14:43 Rispondi

      Quello che fa implodere queste storie sono la frustrazione per il fatto di non poter stare insieme quando se ne ha bisogno, la gelosia per il rapporto con il coniuge, il senso di colpa verso il coniuge, le bugie, le aspettative frustrate, la paura per un futuro incerto.

  • Angelina, 22 Dicembre 2021 @ 14:07 Rispondi

    @Cosa hai ragione sentirsi speciali seduce chiunque che poi speciali…”speciali”fino a quando non accade qualcosa di imprevisto, allora diventi il cadavere che va nascosto più velocemente possibile,se no puzza!!
    Stamattina sono capitata per caso in una sua mail dell’anno scorso…erano 4 mesi che non ci sentivamo…lui era ricomparso sui social e in qualche modo stuzzicava e io ci sono ricaduta…ero ancora convinta della sua fragilità…ora mi viene da ridere..in questa mail c’era un cuore con scritto eh niente ti penso…poca resa eppure io mi sentivo speciale…
    Pensate che a detta di lei loro in quei 4 mesi erano tranquilli,per forza io non c’ero e probabilmente lui era più “attento” a casa…tant’è che lei si è accorta subito che lui era cambiato…era così tranquillo e felice a casa che è bastato un mio messaggio per
    riprendere la nostra storia…
    Per questo ora penso che loro siano tranquilli…lui starà bene attento questa volta a perdere tutto…si è disconnesso dai social…si è ricostruita la famigliola per Natale….tutto come sempre…smosso mari e monti detto a tutti e niente il circo ricomincia

    • alessandro pellizzari, 22 Dicembre 2021 @ 14:17 Rispondi

      Angelina devi smettere di riguardare tutte le puntate precedenti ti fa male e fa rimanere lui nella tua vita devi staccare completamente

  • Azzurra, 22 Dicembre 2021 @ 13:31 Rispondi

    Oppure no @Ale, la coniuge probabilmente sa di non essere prioritaria. Ma non si muove da lì. Forse sta bene anche a lei, forse è per questo che @ads dice che la moglie è apatica… nulla la smuove. Questo la dice lunga e fa capire tante cose

  • elleelle, 22 Dicembre 2021 @ 13:24 Rispondi

    @oldplum
    Bisogna imparare a mettersi al primo posto e ad affrontare anche le delusioni che ne conseguono.
    Ogni volta che faccio un passo verso una persona, vedo che questa non riesce a gestire neanche una conoscenza o amicizia saltuaria.
    L’ultima volta ho avuto la forte sensazione che il lui di turno non volesse più uscire neanche in amicizia a causa dei miei figli.
    Io spero vivamente di sbagliarmi ma in questo momento è ovvio che non lo cercherò mai più.
    Come si fa a scartare un’amicizia a causa di due bambini che non hanno fatto niente di male, in previsione di una cosa che comunque non è ancora successa e potrebbe non succedere mai?
    Chiaro che metto me stessa e i miei figli al primo posto, così come metto le mie amiche vere prima di qualsiasi uomo.
    È una ricetta per la solitudine? Molto probabilmente sì e me ne rendo conto, ma non ci posso fare niente.
    Io di farmi prendere in giro non ne ho più voglia.

  • elleelle, 22 Dicembre 2021 @ 13:15 Rispondi

    @Lolly
    La mia esperienza personale mi.dice che non è affatto così, non tutte le relazioni di amantato (ma nemmeno quelle normali) provocano dipendenza e comportamenti abbietti.
    Ti comporti in modo tossico se sei una persona tossica, altrimenti soffrirebbero entrambi i partner degli stessi problemi ma non è così.
    Tra me e il mio ex, lo squilibrato era lui ed era ovvio che mi stesse trascinando a fondo con lui e tutti i suoi problemi. Non è possibile che io da una parte riesca a gestire bene un matrimonio finito e poi finisca quasi allo psichiatrico a causa del mio ex. A me sono rimasti problemi a livello sessuale a causa sua quando prima non ne avevo mai avuti, neanche la volta che mi hanno messo qualcosa nel cocktail e ho fatto sesso in stato di semi-incoscienza.
    Il problema era il mio ex, era il suo disturbo, il suo narcisismo o qualsiasi cosa sia. Non è la relazione più o meno alla luce del sole, è la persona con cui interagisci che ne determina il risultato.

    • alessandro pellizzari, 22 Dicembre 2021 @ 14:15 Rispondi

      Ti comporti male anche se sei un egoista che se ne frega delle conseguenze delle sue azioni utilitaristiche

  • cossora, 22 Dicembre 2021 @ 12:57 Rispondi

    @lolly sante parole, storie che nascono per arrecare piacere l’un l’altro ma soprattutto nascono perchè si cerca nell’altro il nostro pezzo mancante.
    Non è tutto da buttare, le relazioni così ci insegnano questo appunto: l’intero dobbiamo essere noi, dobbiamo partire interi.
    Il problema non è iniziarle, se poi (una volta a termine) si riesce a sganciarsene e a vederle come la parte di un percorso.
    Il problema è non mollare perchè ci si sente vittime di truffa e si rimane nella speranza che il truffatore cambi la sua natura e diventi benevolo, risarcente.

  • cossora, 22 Dicembre 2021 @ 09:49 Rispondi

    @elleelle tesoro, il randagio ha fatto e disfatto per organizzare di vederci, di portarmi via, abbiamo fatto veramente i matti in due settimane. Ma nella distanza, nel distacco.. non impenna con mirabolanti dichiarazioni di sentimenti e bisogni (tipiche di chi vive nel disagio, come le persone occupate infelici) a tutte le ore del giorno e della notte.
    Risultato: ora ci sentiamo saltuariamnete, ci sono le feste e la distanza. Ma nessuno si sente ‘coinvolto per niente’.
    E’ lo status proprio della persona infelice da evitare, da non credere.
    O magari gli si può anche credere ma non bisogna credersi i prescelti per risolvere.
    Purtroppo sentirsi speciali seduce chiunque.

  • maribel, 22 Dicembre 2021 @ 09:38 Rispondi

    @elleelle
    “Spesso a me sembra che sia più la paura di dover affrontare la delusione altrui, piuttosto che affetto vero”

    GRANDE VERITA’: condivido che la paura più grande sia affrontare le proprie responsabilità, compresa la delusione altrui, il far soffrire l’altro. Ma non per reale affetto verso l’altro, ma per l’incapacità di afforntare la consapevolezza di sentirsi esseri umani che possono fallire e con il fallimento pssono trascinare altri nell’infelicità (che poi è solo la realtà delle cose).

  • Angelina, 22 Dicembre 2021 @ 09:33 Rispondi

    @Elleelle quanto è vero quello che scrivi…se mi riguardo indietro mi sento proprio ma proprio stupida…i suoi piantini…le sue paroline…come dicevi a Leilei anche il mio ex era con le parole un poeta…infatti si è visto…ho capito che quelli che tessono le lodi in realtà scappano alla prima prova…che schifo..,
    No ragazze non gli scriverei mai…non ne avrei neanche voglia…non mi umilio fino a quel punto….
    @Cossora sono felice per te…vorrei tanto che accadesse anche a me…ma ancora sono in pieno vortice…a tratti va meglio ma quell’ansia c’è ancora…
    Ps…a fine maratona il fiato c’è,non è un problema di fiato…ma mancano le forze fisiche,li si arriva in fondo solo con la testa ed è questa che ci serve a tutte!!
    @Ads hai ragione su tutto quello che dici…e hai ragione quando dici che non vorresti essere nei panni di chi ha figli con loro,che non cambiano…è vero…però alla fine si parano sempre…il cuscino lo trovano e fanno veramente poca fatica loro,un calcio di qua e di la e via…passano sopra tutti e ottengono sempre ciò che fa più comodo a loro.
    Stai facendo un bel percorso ed è apprezzabile,il mio ex ne ha cambiati di psicologi non so quanti e alla fine non ha concluso nulla, ti sento molto meglio e mi fa piacere!!

  • oldplum, 22 Dicembre 2021 @ 09:28 Rispondi

    Io penso che arriva, deve arrivare un momento in cui queste storie ci insegnano questa cosa in particolare: è possibile mettere se stesse in ordine di importanza dietro a paure e scuse di vario genere che vengono sempre tirate fuori al fine di mantenere sé stesse nella condizione di essere ultima nell’ordine di priorità nella vita della persona che dice di amarci?
    Perché questo significa solo una cosa: non amarci affatto. Che è anche il motivo per cui si finisce dentro queste storie.
    Non siete meno importanti di una casa , di un mutuo, di una facciata o di cosa penserà il fruttivendolo. Milioni di persone con figli si separano ogni giorno.
    Non ci sono scuse plausibili per considerarsi di un valore inferiore a un mucchio di cazzate. Rendersene conto è il primo passo per iniziare ad amarsi (che poi è la prima condizione per essere amate).

  • Leilei, 22 Dicembre 2021 @ 09:08 Rispondi

    Ariel mi preme sottolineare che ho deciso per la psicoterapia non per sciogliere i nodi relativi alla mia relazione extra. Ma è ovvio che sia venuta fuori anche quella.

  • Leilei, 22 Dicembre 2021 @ 09:04 Rispondi

    Infatti Elle ritorniamo sempre al discorso di Ale sulla stampella. Lo so benissimo che le sue sono farneticazioni, continua a dire
    lo so cosa mi sono perso, cosa mi sto perdendo. Io lo lascio dire.

  • avvocatodistrada, 21 Dicembre 2021 @ 17:21 Rispondi

    @lamilla, è mia coetanea,lei è fin troppo su di giri,
    questo molto probabilmente sarà il primo natale dopo tre, in cui non mi ingastriro’ per qualche cazzatina creata dal nulla .
    ho fatto l’esempio della morta era per dire,
    sono consapevole di non riuscirla a vedere con tranquillità, quindi spero che non si faccia viva.
    io non sono un esperto ma lei ha tutti i crismi di quel tipo di personalità narcisista, basta documentarsi,
    e c’è poco da dire,
    qui spesso si parla di uomini apallici,codardi,poco risoluti
    posso anche ammettere di essere messo in questa categoria,
    ma qui si parla di gente prosaicamente fuori di testa, che se sei distante riesce a gestire,
    una persona minimanente coivolta si esaurisce.
    in questo momento , la coniuge non è prioritaria .
    oggi mi sento come un macchina ammaccata, che deve andare in carrozzeria,
    alti e tanti bassi, autostima oscillante.
    vi saluto

    • alessandro pellizzari, 22 Dicembre 2021 @ 11:34 Rispondi

      la coniuge non è prioritaria è bruttissimo ma eloquente. Se lei sapesse di essere definita come non prioritaria scommetto che si separerebbe all’istante.

  • avvocatodistrada, 21 Dicembre 2021 @ 17:07 Rispondi

    @lolly sono d’accordo su quanto scrivi, tuttavia ste cose finiscono tutte in una certa maniera e probabilmente come i rapporti ufficiali si logorano, ci si stanca, si resta delusi,
    devo dire anche dopo un ‘esperienza di amantato hai anche un altra visione delle cose, delle persone, delle coppie quando le vedi.

  • elleelle, 21 Dicembre 2021 @ 16:37 Rispondi

    @Dispersa
    Sicuro, se in una relazione si soffre bisogna allontanarsi. Capire cosa è successo e perché può dare ulteriori strumenti per uscirne ma la realtà non cambia.
    Secondo me è una cosa che dovremmo imparare tutti a fare, perché ci sono situazioni che non si risolvono con la presenza e il contatto continuo. Dovremmo avere un rapporto migliore con il tempo e approfittarne per riflettere. Spesso invece siamo ansiosi, vogliamo una soluzione subito e non sappiamo aspettare.
    Io mi metto per prima in classifica perché spesso in passato non mi sono presa il tempo necessario. Adesso forse ho imparato la lezione e non muovo un dito più del necessario.

  • Lolly, 21 Dicembre 2021 @ 16:35 Rispondi

    Secondo me…le relazioni amorose tra amanti a lungo andare creano dipendenza…perché nel leggervi dite tutti le stesse cose, stesse emozioni e sofferenza. Dipende dal fatto che queste storie nascono principalmente per arrecare piacere e null’altro…si cerca un godimento fisico e mentale che porta l’individuo al di fuori della realtà. La stampella di cui parla @ Ale non è altro che una bolla dove i due innamorati vivono un legame surreale. Tant’è che poi se le storie tra amanti arrivano alla luce del sole, o non durano o si trasformano in qualcos’altro perdendo di cardiopalma..anche il mio ex marito mi diceva che lei era bordeline, narcisista…ma sentendovi credo sia la relazione in sé che stimola certi comportamenti ed aspetti della personalità nascosti. Conosco diversi amanti che si amavano follemente entrambi lasciano i rispettivi consorti e dopo poco si lasciano perché non si ritrovano più…la vita quotidiana è un altra cosa…

    • alessandro pellizzari, 22 Dicembre 2021 @ 11:32 Rispondi

      Tutte le relazioni dove c’è innamoramento e una certa durata creano almeno un po’ di dipendenza: una volta raggiunta la consapevolezza che la relazione non ha sbocchi ed è addirittura controproducente occorre saper appellarsi alla propria volontà residua. Se non ce la si fa da sole il counseling aiuta proprio in questo, fra le altre cose

  • Ariel, 21 Dicembre 2021 @ 16:03 Rispondi

    Cara Dispersa a leggerti qui pensi che fare ipotesi più che plausibili su presenza o meno di disturbi comportamentali quali ad esempio il Narcismo e sue compresenza di altre variabili possa considerarsi un giudizio negativo
    Ma cara Dispersa le ipotesi sono gli stessi psicoterapeuti accreditati e specializzati su questi interventi di aiuto a chi ha vissuto relazioni fallimenti totali che significa NON FUNZIONANO dove le prede ci stanno comunque male

    A cosa serve STUDIARE SU TESTI ACCREDITATI LIBRI VERI INCARNE E PAGINE VERE
    Cercarmi un vero psicoterapeuta SPECIALIZZATO ESCLUSIVAMENTE IN RELAZIONI DISFUNZIONALI E TOSSICHE

    Ecco che solo attraverso la Conoscenza della dinamica SEMPRE IGUALE PER OGNI CASO

    Si EVITEREBBE DI ANDARE AVANTI PER ANNI

    Qui ci sta gente che ci ha perso ANNI DIETRO A CIALTRONZO VEDTITO DA MA QUANTO TI AMO O QUANTO STAI EFFE…

    INSOMMA UOMINI CAPACI DI INTORTARE CHI ?????

    Chi aveva già in se la sua presenza di nodi irrisolti antichi schemi di bisogno di cercare altro
    E che quest’altro facesse da richiamo interiore di solito verso uno schema antico famigliare

    CONOSCERE LO SCHEMA DI DISTURBO COMPORTAMENTO AIUTA AD EVOTARE DI PASSARCI ANNI DI PRESE PER IL C……O
    Dove ci si è cascate non perché si sia inadeguata ma sicuro con bisogni irrisolti

    Vero ciò che scrivi per ciò che riguarda il fatto che per rendere una corretta definizione di relazione tossica NON È INDISPENSABILE ESISTA UN LUI NARCISISTA

    Ma sufficiente essere state anni e NON RIUSVIRE DENTRO A STACCARSI COL PENSIERO E NON IMPIRTA QUALE SIA IL PENSIERO

    IL SOLO FATTO DI COMUNICARE VEDERLO PENSARCI È LA DIMOSTRAZIONE CHE OCCORRE CURARSI LA DIPENDENZA AFFETTIVA ANTICA che ha fatto presa sulla attrazione reciproca con la DIFFERENZA SOSTANZIALE

    che noi prede dipendenti si era state e si è per chi ancora ci sta in vera BUONA FEDE!!!

    Mentre loro NOOO
    Ci hanno scelte apposta per la nostra doppia azione da un lato fragili e bisognose di conferme

    Il meritarsi amore……tema bollente!!!
    E il farsi forza da donne in gamba sicuro quali si è e cioè forti dipendenti affettive che hanno avuto una forza incredibile nel resistere a stare dentro a una continua manipolazione negativa
    Sopportando qualsiasi cosa
    Qualsiasi loro luna negativa

    Saper comunque distinguere un Ipotetico Narcisita disturbo comportamento che NON È PIÙ CONSIDERATO PATOLOGIA DALLA PSICHIATRIA INTERNAZIONALE

    SERVE COME OSSIGINO PER RIUSCIRE A FUGGIRE A GAMBE LEVATE DA REALTÀ CHE ARRIVANO A UCCIDERE LA PREDA IN OGNI SENSO

    PSICOLOGICO CON GRAVI DEPRESSIONI SPECIFICHE RISULTnze di relazione tossica
    E pure evitarsi vere VIOLENZE CHE PSICOLOGICHE PASSANO ALL ATTO FISICO

    E IN EXTREMIS IN QUESTI CASI ARRIVANO PURE AL OMICIDIO DELLA PREDA

    LA CONOSCENZA unita alla TERAPIA ,CARA DISPERSA

    SALVA LA VITA INTERA !!!!

  • Dispersa, 21 Dicembre 2021 @ 15:13 Rispondi

    @Elleelle credo molto nella psicologia, solo che purtroppo a volte si danno delle patologie a persone che sono emotivamente infantili… E sinceramente non so quale soggetto sia peggio!!
    Non sono qua a sindacare sul fatto che il tuo ex o quella di @Ads siano persone narcisiste o meno, non li conosco e tanto meno ho gli strumenti per poterlo fare.
    Il mio discorso è molto più semplice, se una persona per qualsiasi motivo ci fa star male o ci fa del male va allontana!! L’etichetta in certe circostanze non serve a nulla!!

  • elleelle, 21 Dicembre 2021 @ 15:08 Rispondi

    @Cossora
    Penso che sia normale acconsentire le prime volte, perché ci si rende conto della difficoltà della situazione, si pensa che le loro dichiarazioni siano oneste, ci facciamo commuovere dai loro piagnistei e innumerevoli problemi e sensi di colpa.
    Andare avanti così per anni però no, è un errore enorme per se stesse.

  • Ariel, 21 Dicembre 2021 @ 12:41 Rispondi

    alessandro pellizzari, 21 Dicembre 2021 @ 10:03Rispondi
    son tutte balle, lo dicono per tenervi buone e la porta socchiusa

    ESATTOOOOO!!!!

    Ahimè che bel sistema di INTORTATEMENTO!!!
    Dire esattamente ciò che inconsciamente si pensa di volersi sentir dire
    E quando accade????

    Guarda caso quando Leilei si sta svegliando con le sue proprie forze facendo percorso terapeutico

    Ecco il ripassino cerebrale ( vedi esperimento sui topi)
    Amante che da la BRAVA DOSE DI PAPPA BUONA alla preda che resta infatti colpita
    E cioè convinta che lui ci sia sempre nel momento dei suoi bisogni !!!!………

    Lo so ,per esperienza vissuta pure se ex ci sono stata solo 9 mesi ma la dinamica resta identica e ciò che lui mi diceva in ogni modo era schema identico

    Le iniezioni di ricostituente del SEI NEL,A MIARETE CARA PREDA…!!!!!

    Per me come per tutte le mie compagne di terapia di gruppo è stato lo scoglio più difficile da superare e cioè di essere state solo che manipolate negativamente
    Dove il discorso scientifico di relazione tossica travalica il fatto che possano esistere o meno gente con disturbi comportamentali di cui ,peraltro,sappiamo da scienza che sono ben consapevoli di comportarsi in un certo modo negativo che fa danno

    No ,le relazioni tossiche prevedono solo incontro tra due uno che ci marcia sui bisogni della sia preda
    A maggior ragione se il bisogno sta nel sentirsi sorretta nelle difficoltà e anche nel ruolo della donna forte che sostiene e aiuta a sua volta se non altro con la semplice disponibilità ad affiancarlo a farci sesso ad aspettarlo a leggere le sue fregnacce di scuse di messaggi a leggere o ascoltare i suoi RIMPIANTINI DI GIOVENTÙ

    a me ex disse più volte dopo che scoprii il suo inganno totale

    Mi disse più ah ti avessi incontrato prima!,,
    Prima che lui si sposasse come lo era regolarmente e regolarmente
    Taciuto

    Difficile in ogni caso e storie seppur diverse riuscire ad accettare di essere state prese in giro

    Il fenomeno fisico della Fata Morgana
    Di cui ci parlo in terapia di gruppo il conduttore terapeuta del gruppo

    Occorre tempo il proprio tempo per riuscire ad accogliere a livello profondo ed emotivo di aver subito solo che un
    Inganno ripetuto in ogni modo e metodo

    La dipendenza affettiva che si radica quando viene ad essere inglobata da dipendenza psichica che lui il manipolatore negativo mette in atto esattamente come un plagio

    Un reato che in Italia non esiste più come legge

    Ma purtroppo esiste eccome scientificamente parlando
    Infatti in altri paesi evoluti la gente si denuncia e alcuni scontano la pena prevista.

  • Ariel, 21 Dicembre 2021 @ 12:24 Rispondi

    @ads

    “ con ste persone devi fare conto che siano morte.”

    ESATTAMENTE!!!!
    Bravissimo ads caro la terapia quanto ti sta facendo scoprire da solo da te tante cose così utili per te stesso e per trovare enfin la soluzione che tu vuoi davvero per riuscire ad amare te stesso rispettando pure chi ti ha comunque dato fiducia tua moglie e figli

    Ce la farai ,non mollare il tuo psico percorso che come noto leggendoti ti sta facendo benissimo
    Perché aiuto terapeuta serve proprio per metterci nelle condizioni interiori migliori per riuscire da soli a sentire e vedere la vera realtà che si è vissuta e che si vive.

    Forza ads e che utili le tue osservazioni scritte qui !

  • cossora, 21 Dicembre 2021 @ 12:04 Rispondi

    @ale a proposito di sentirsi insultate chi si infastidisce con ‘mogliettina’ o ‘rovina familie’ etc.. a me brucia così tanto leggere quei tuoi ‘lo dicono per tenervi buone’.
    Col senno di poi mi chiedo come sia possibile che si acconsenta a una tale offesa verso noi stesse.

  • elleelle, 21 Dicembre 2021 @ 11:32 Rispondi

    @Dispersa
    Non è un mondo di persone patologiche, anche se ce ne sono più di quante immaginiamo. In certi casi però non c’è altra spiegazione e cercare a tutti i costi un’interpretazione diversa e spesso più riduttiva è come negare che esistano la dislessia o la sindrome di Asperger.
    Ci sono tantissime persone che negano addirittura il bisogno di seguire una terapia psicologica perché secondo loro sono tutte balle ma è un punto di vista molto arcaico e non capisco la necessità di ribadire sempre che questi problemi sono qualcosa di meno di quello che magari viene confermato da uno psicologo o da uno psichiatra.
    Sapere di avere a che fare con una persona con un disturbo della personalità è essenziale per il proprio percorso di guarigione, non per dare delle scusanti all’altra persona.
    Se l’amante di @ads ha un disturbo della personalità, per staccarsi lui dovrà seguire un percorso adatto che tiene conto della dipendenza psicologica, della manipolazione che queste persone mettono in atto ecc.
    Una persona a me molto vicina e che conosce il mio ex non crede al narcisismo per partito preso, perché secondo lui (che non è psicologo) queste spiegazioni psicologiche sono sciocchezze.
    Della sua opinione me ne sono fregata e ho fatto un percorso che teneva in conto il narcisismo del mio ex, confermatomi da quattro specialisti.
    Perché alla fine bisogna accettare che c’è chi è più preparato di noi per valutare se si tratta di disturbo o no e noi che guardiamo da fuori dobbiamo accettare questa valutazione senza troppi se e ma.

    • alessandro pellizzari, 21 Dicembre 2021 @ 14:27 Rispondi

      Gli sposati hanno una preoccupazione primaria con tutte le amanti, figuriamoci quelle aggressive: che vadano a spiattellare tutto alla moglie, ecco perché non le mollano mai

  • elleelle, 21 Dicembre 2021 @ 11:19 Rispondi

    @Lolly
    Valutiamo anche bene la parola affetto, perché quando resti in casa per comodità di affetto non so quanto ce ne sia. Spesso a me sembra che sia più la paura di dover affrontare la delusione altrui, piuttosto che affetto vero. L’affetto vero lascia andare perché capisce che ognuno di noi ha diritto a una vita piena e soddisfacente anche nei sentimenti.

  • elleelle, 21 Dicembre 2021 @ 11:15 Rispondi

    @Leilei
    Tutto parole, niente fatti purtroppo.
    Ti dico quello che avevo detto a una mia amica in una situazione simile: lui ha bisogno di sapere che c’è una persona interessata a lui perché è una specie di appiglio mentale per arrivare alla fine delle giornate. Quando si è fatto il suo piccolo sogno giornaliero, torna a casa alla routine di sempre, senza voler cambiare davvero.
    Non so se l’hai notato ma lui ti lancia l’amo a intervalli regolari: E se scappassimo? E se mollassimo tutto? Ieri mi sono dato del cretino perché ti ho lasciato andare.
    Così tu sei sempre lì, con in mano tante belle parole ma niente di concreto.
    La mia amica ha scaricato il suo tipo pieno di discorsi e proposte mai realizzate e ha conosciuto un altro, che adesso è il suo compagno.

  • LaMilla, 21 Dicembre 2021 @ 10:43 Rispondi

    Cara @Azzurra, ridere ridere ridere! È il segreto per uscire da ogni situazione. E poi vedi: sono carina, molto più giovane di lui, parlo cinque lingue e sono pure simpatica! Non è un perfetto esempio di coglione il mio Lui a lasciarmi andare? 😉
    A proposito di risate per affrontare la vita, c’è una bellissima intervista a Tiziano Terzani reperibile su YouTube dal titolo “Anam, il senza nome”. La consiglio a tutti!
    Un grande abbraccio.

  • cossora, 21 Dicembre 2021 @ 10:09 Rispondi

    @Azzu!! L’opossum.. sei terribile!!
    Ragazzi e ragazze vivermi la parentesi con il randagio mi ha dato concretamente la sensazione di taglio netto tra presente e passato (non lo sto frequentando, solo sentendo saltuariamente ..) sono scivolata in una sorta di pacifico recupero con un po’ di fiatone, come a fine maratona.
    Sono entrata in un’altra fase della vita, scoprirò quale.
    Vi leggo, con l’ex non sento nemmeno il bisogno di fingemi morta. E’ diventato una persona quasi-qualsiasi. Di cui non so nulla tranne quel che potrei immaginare di un’altra frequentazione passata. Il mio cuore se ne è ripulito.
    Succede, è tutto vero, forza!

  • Leilei, 21 Dicembre 2021 @ 09:02 Rispondi

    Il mio amante mi ha raccontato che si è fatto la strada di ritorno dal lavoro dandosi della testa di caxxo continuamente, per avermi lasciata quando eravamo liberi….ma che ridere, i rimpianti dopo 5 lustri!

    • alessandro pellizzari, 21 Dicembre 2021 @ 10:03 Rispondi

      son tutte balle, lo dicono per tenervi buone e la porta socchiusa

  • Azzurra, 21 Dicembre 2021 @ 08:10 Rispondi

    @LaMilla mi hai fatto morire dal ridere sia con l’immagine del tuo lui lobotomizzato sul divano col cane sia sul risparmiarci il liquido maleodorante… L’ironia spesso salva la vita! Un abbraccio

  • LaMilla, 20 Dicembre 2021 @ 23:39 Rispondi

    @avvocato, sei sicuro che la tua giovine pulzella non sia in realtà il mio arzillo vecchietto travestito? Oh, due gocce d’acqua!
    Comunque Houdini sono io e strabilierò Toyboy con la mia sparizione magistrale, quella definitiva!
    Un abbraccio.
    P.S. non hai risposto alla mia domanda: che succede dalle tue parti che ti sento in panne?

  • LaMilla, 20 Dicembre 2021 @ 23:27 Rispondi

    @Azzurra, questo è l’amore che sono in grado di offrire. E vale per noi amanti, come per le mogli-mamme. Quindi l’unica cosa che possiamo fare è pesare quest’ “amore” e se l’offerta non è di nostro gusto, rimandarla al mittente. Anch’io l’ho amato tanto, ho perseverato avendo in cambio momenti meravigliosi e grandi delusioni. Ho concluso però che quello che lui è in grado di dare non è abbastanza per me. Quindi byebye! È lui che ci perde, non io.
    Le cose sarebbero diverse da liberi? Boh. E chissenefrega!
    Intanto ho approfittato di questi giorni di sole per ripassare un po’ l’abbronzatura, mentre lui probabilmente era sul divano con il cane lobotomizzato in moviola calcistica. Lui lobotomizzato, non il cane!

  • LaMilla, 20 Dicembre 2021 @ 23:08 Rispondi

    Cara @Leilei, purtroppo per loro quel MA se lo trascinano dietro come la palla di piombo alla caviglia del carcerato. Difficilino farsi quattro bracciate in mare aperto! Contenti loro.

  • LaMilla, 20 Dicembre 2021 @ 23:03 Rispondi

    @Azzurra, magari il liquido verde e maleodorante dall’ano ce lo risparmiamo…anche se lo meriterebbero! 😀

  • Dispersa, 20 Dicembre 2021 @ 21:54 Rispondi

    @Elleelle in risposta al mio commento ad @Ads io la vedo in maniera diversa, ma ben venga!!
    Se leggo il blog e mi guardo attorno più che un mondo di patologici vedo un mondo di egoisti… In ogni caso @Ads, dopo una grande confusione, lo percepisco sempre più nella ‘sua’ retta via!!
    Credo che il detto ‘per fare ordine prima bisogna fare disordine’ sia tristemente o fortunatamente vero… E anche qua dipende sempre dal punto di vista con il quale si vuole vedere le cose!!

  • Lolly, 20 Dicembre 2021 @ 20:02 Rispondi

    Eppure @ Alessandro non sai quante persone conosco che continuano a dire che se non volano coltelli tantovale tenersi ciò che si ha…tanto con un altro inizia e finisce cmq con l’aggravante che ci sono figli in mezzo….mah!…razionalmente sarà così…ma una vita fatta di stabilità e affetto in casa più emozioni esterne tacitamente nascoste al compagno ufficiale è una doppia vita da paraculo dove ognuno salva se stesso. E le nostre testimonianze non fanno altro che avvalorare questa tesi…

    • alessandro pellizzari, 21 Dicembre 2021 @ 07:42 Rispondi

      L’Italia è un paese fondato sull’amante stampella

  • elleelle, 20 Dicembre 2021 @ 16:05 Rispondi

    @ads
    Quando scrivi “deve essere un disastro distaccarsi da queste persone quando ci hai dei figli, tanto non cambiano, dopo un po’ il circo riparte.” sono d’accordo con te. Non credo che siano proprio in grado di cambiare davvero, se non fingendo per qualche tempo.
    Sì, deve essere difficile e sfiancante stare con loro e io non invidio chi ci condivide la vita. Se poi il tradimento è stato scoperto è ancora peggio, perché ai comportamenti che già feriscono si aggiunge anche questo.
    Per come sono fatta io, non ce la farei mai a restare e recuperare, neanche come amante.
    Una a volta si immagina la felicità di un ritorno da ufficiale e gentiluomo, nel mio caso invece la sensazione sarebbe stata quella di un palloncino svuotato e ormai moscio.

  • Azzurra, 20 Dicembre 2021 @ 15:44 Rispondi

    @Avvocato mi permetto un consiglio : il trucco non è far finta che loro siano morti ma fingersi morti noi qualora loro ci ricontattassero. Hai presente gli Opossum della Virginia? : in caso di minaccia entrano in una forma di coma, rimangono sdraiati di lato, con bocca e occhi aperti, la lingua che fuoriesce, ed emettono un liquido verde e maleodorante dall’ano…. magari in questo modo saranno i nostri ex a darsi alla fuga!

  • Angelina, 20 Dicembre 2021 @ 13:51 Rispondi

    Si sì Azzu ma figurati se io ho voglia di sentirlo…hai ragione indifferenza totale…secondo me è peggio…
    @Maddy grazie lo spero tanto,un abbraccio

  • Leilei, 20 Dicembre 2021 @ 12:56 Rispondi

    Lamilla concordo anche io sul fatto che ci amano davvero, ma c’è quel MA grosso come un grattacielo di Dubai che gli impedisce il resto.

  • elleelle, 20 Dicembre 2021 @ 12:43 Rispondi

    @Angelina
    Il consiglio della tua amica in questo caso non è da seguire. A volte le cose sono chiare così come sono, senza ulteriori discorsi.
    Ad esempio, l’amico con cui sono uscita due sabati fa secondo me non ha intenzione di uscire di nuovo per via del fatto che ho due figli ancora piccoli. È una cosa che mi sembra di avere captato, per cui non chiederò niente né scriverò. E quando dico non scriverò, intendo mai più se lui non mi contatta per primo. Ormai bisogna fare così, bisogna essere drastici e far rimbalzare la palla nel campo altrui.
    Secondo me tu hai da tempo gli elementi necessari a valutarlo ed è giusto che tu faccia la stessa cosa. No contact totale.

    • alessandro pellizzari, 20 Dicembre 2021 @ 15:32 Rispondi

      sono d’accordo con elle

  • avvocatodistrada, 20 Dicembre 2021 @ 11:31 Rispondi

    @lamilla, sono d’accordo in pieno con l’azzurra@
    anche io sono certo che soffra,ma non posso derubricare al fatto che sono bambini,immaturi,
    il silenzio, gli scomparimenti, le punizioni per qualche immaginaria colpa, sono segnali inequivocabili,
    era meglio scoprilo tre anni fa.

  • avvocatodistrada, 20 Dicembre 2021 @ 11:12 Rispondi

    @angelina cara, tu lo contatti, lo rincorri, e lui ti ti manda a f.ulo.,
    cosa successa, ti risparmio questa cosa.
    non ti interfacci con persone ” normali”, lo si comportano male,
    si dovrebbero scusare, implorare, invece succede il contrario , sei tu a rincorrerle,
    un meccanismo di assoluta tossicità.
    @angelina, la tua amica per sua fortuna non le conosce queste dinamiche,
    con ste persone devi fare conto che siano morte.
    la loro fortuna che hanno comunque a casa un cuscinetto ,
    deve essere un disastro distaccarsi da queste persone quando ci hai dei figli,
    tanto non cambiano, dopo un po’ il circo riparte.

  • Leilei, 20 Dicembre 2021 @ 11:03 Rispondi

    Il paradosso della mia situazione è che mi trovo il marito per le cose divertenti (vacanze, uscite ecc…) e se ho bisogno di sostegno per i momenti difficili c’è il mio amante!

  • Azzurra, 20 Dicembre 2021 @ 10:34 Rispondi

    @Angelina sono d’accordo con @ale. Silenzio tombale e lapidario. Oltre tutto se tu lo contattassi lo faresti sentire un re. Ignoralo, tu non sai quanto si sentono degli sfigati se tu li ignori! Non devi dargli importanza, devi farlo sentire invisibile, il nulla. Praticamente quello che lui ha fatto a te. Tira fuori il tuo orgoglio : nessuno si deve mai più permettere di trattarti così

  • Angelina, 20 Dicembre 2021 @ 10:03 Rispondi

    Grazie delle vostre parole aiutano tanto…grazie Ale di questo blog…
    @Azzu la mia amica si riferiva al fatto di questi ultimi giorni da quando lui era sparito…secondo lei io dovevo riscrivergli,mandarlo a quel paese,chiedere spiegazioni…ce n’era bisogno?
    Secondo me no e penso che ad un certo punto l’indifferenza è la migliore cosa…tanto si sarebbe arrampicato sugli specchi…
    @Ads no non vorrei essere nei panni di lei no…mai ti giuro,però boh penso che alla fine loro facciano molto meno fatica…grandi sceneggiate e ora la famiglia felice,poi che sia passato sopra agli altri chi se ne frega..non lo so in questo momento sono offuscata.

    • alessandro pellizzari, 20 Dicembre 2021 @ 10:23 Rispondi

      Ma che spiegazioni dovresti ancora chiedergli? Più chiara di così la situazione… Se lo contatti è pure capace di trattarti peggio. E la tua autostima va sotto zero. Ricorda: toccato il fondo evita di scavare

  • Azzurra, 19 Dicembre 2021 @ 19:45 Rispondi

    @LaMilla ma quale amore. Anche lui mi diceva : ti amo a modo mio. Ma che amore è quello che maltratta, che punisce, che scompare, che riappare, che gode della tua sofferenza?
    Ci sono stati momenti in cui ho pensato che lui mi amasse perché alcuni comportamenti da lui messi in atto erano davvero credibili. La cosa certa è che lui mentalmente non sta bene e soprattutto non sa amare. Non sa proprio cosa significa amare una donna. Io sono sicura che lui soffra tantissimo ma allo stesso modo fa soffrire chi lo ama. Io l’ho amato davvero tanto nonostante tutto ma non sono una poveretta che subisce in silenzio. La mia dignità viene prima di tutto

    • alessandro pellizzari, 20 Dicembre 2021 @ 10:05 Rispondi

      ti amo a modo mio is the new presa per i fondelli al maschile

  • Maddy, 19 Dicembre 2021 @ 19:34 Rispondi

    @Angelina lui ha vinto ciò che ritiene di meritarsi: una vita di m… attaccato ad altre persone perché lui da solo con le sue responsabilità non ci sa stare.
    Posso immaginare la tua sofferenza, la rottura è fresca e soprattutto ti ha lasciato nel silenzio senza chiarimenti.
    Ma sai, anche se ti facesse il dono del chiarimento, la realtà dei fatti non cambierebbe, lui non cambierebbe. È questo che devi accettare. Che hai amato un uomo bambino, che non c’è nulla che tu possa fare per lui, per riaverlo, per chiarire, per capire. Non c’è nulla da capire, se non che la tua vita è molto più preziosa e questa brutta esperienza è un’ importante occasione di crescita per te.
    Non avere paura di restare da sola, sei una donna splendida e completa. Riappropriati dell’amore per te stessa e la vita ti sorprenderà quando non te lo aspetterai.

  • Azzurra, 19 Dicembre 2021 @ 19:33 Rispondi

    @Avvocato mi hai fatto morire dal ridere giuro! Lui cmq non è solo fuori da ogni gara ma proprio fuori di testa! Al posto della compagna del mio ex non ci starei mai e non lo dico perché le cose sono andate male. Con lui è umanamente impossibile, e secondo me per starci insieme dovrei avere le sue stesse turbe mentali. Io l’ho detto anche a lui qualche mesetto fa che noi due insieme non saremmo durati nemmeno un mese

  • Angelina, 19 Dicembre 2021 @ 18:17 Rispondi

    @Maddy hai ragione…ma anche nel modo in cui ci trattano questi uomini è anche colpa nostra…guarda il mio ex entra ed esce di casa,piange un po’ e poi lei se lo riprende e magari anzi sicuramente pensa di essere la vincitrice…io vedo un uomo, oddio scherzo un omino che capisce di perdere la sua casa nuova con mutuo,le sue comodità,la sua faccia,la sua vita a che pro?Cosi torna a casa…nonostante le mancanze di rispetto che comunque ha avuto anche nei suoi confronti…magari si redime lui?Boh chissà può essere…ma in realtà qui ci perdiamo entrambe…vince lui se così si può dire e secondo te visto che comunque ottiene ciò che vuole con poca fatica secondo te rispetterà mai le persone intorno a se?No continuerà a passare sopra a chiunque se ciò non gli serve.
    Tanto da fuori è la brava persona,educata,bella…
    Non avrei dovuto guardare ma nel tornare ho visto che a casa sua non c’è la luce…via sono ritornati a fare la famiglia natalizia in giro a fare compere come nulla fosse…

  • Lolly, 19 Dicembre 2021 @ 13:50 Rispondi

    @ Maddy…il tuo racconto mi ha commosso. È la storia di tante donne arrese, donne che per paura della solitudine e della mancanza di stabilità scendono a compromessi. Tutti scendiamo a compromessi, la perfezione non esiste…ma ci sono compromessi che per me non vanno accettati come la mancanza di rispetto e l’onestà. Non giudico chi per debolezza non riesce ad immaginarsi da sola…effettivamente è dura..ma io posso ben parlare perché ci sono passata, un uomo che mi tradisce non riesco a tenermelo…neanche pensando come dicono molte mie amiche, che possibilmente con un altro non sarà diverso. Vedremo…io non voglio arrendermi…lo devo a me stessa!!

  • LaMilla, 19 Dicembre 2021 @ 13:25 Rispondi

    Cara @Azzurra, io credo che, a parte rari casi patologici diagnosticati, questi tizi ci amano veramente. Intravedono e sognano con noi una vita ricca, goduta appieno e questo sogno potenziale li aiuta ad affrontare la rottura di palle in cui affogano ogni giorno. Ma ci amano appunto a modo loro, secondo le loro possibilità. E se la profondità è quella di una pozzanghera, è dura attingere acqua fresca e buona per dissetarsi. Chacun à son goût!

  • LaMilla, 19 Dicembre 2021 @ 13:06 Rispondi

    Caro @avvocato, esattamente così! Sono cicli continui che si ripetono sempre uguali a sé stessi. Per quanto mi riguarda, io e lui stiamo benissimo per un po’, poi scatta qualcosa (di reale o immaginato) e il suo atteggiamento cambia. Mi allontano e lui ritorna. E si ricomincia con il balletto! A settembre l’ho mollato. La situazione era diventata insostenibile per me. Ci siamo risentiti e rivisti qualche settimana fa. Tutto molto bello, ma dentro di me sbuffavo dalla noia per un copione trito e ritrito. Qualche giorno fa ho insistito per convincerlo a rimandare un trattamento medico, a mio avviso non urgente, e ci siamo confrontati molto civilmente per messaggio su un argomento su cui la pensiamo in maniera molto diversa. A un certo punto, ha smesso di rispondere. Puff! Sparito. Semplicemente si è stufato di interagire. Dodici ore dopo, in maniera pacata, ho chiesto spiegazioni. Al suo silenzio, in maniera ancora più pacata, gli ho fatto presente che forse è il caso che si rivolga a uno psichiatra. Poi, addio.
    Patologia? Non credo proprio. Semplicemente immaturità. Bambini che fanno i capricci. E i bambini devono frequentare l’asilo, non un dottorato di ricerca universitario. Lasciamoli dove stanno.
    Comunque, ti sento molto disincantato ultimamente, novità?

  • Ariel, 19 Dicembre 2021 @ 11:13 Rispondi

    alessandro pellizzari, 19 Dicembre 2021 @ 08:55Rispondi
    Che tristezza di vita quella della moglie succube, della donna succube

    Si certo è una tristezza di vita e occorre SENPRE aggiungere che la RADICE RESPONSABILITÀ DI QUETO STATUS È DATA DA CHI VOTA IN OARLAMENTO

    La maggioranza numerica di Uomini che ovviamente CI TENGONO MOLTO CHE TUTTO RESTI ESATTAMENTE COSÌ!

    Si una vera tristezza che però si può ben cambiare
    Quando si va a votare votare solo chi ha FATTO CONCRETAMENTE LEGGI PROPOSTE NUOVE E CI LAVORA IN STRETTA COLLABORAZIONE CON KE DONNE

    LE EX SUCCUBI….,!!!

    No più succubi ma combattive!!!

    Ogni espressione di compassione umana va vista nel POTER CAMBIARE e per farlo LE LEGGI NUOVE LO FARANNO

    PUNISCONO CHI FA DANNO!!!!

  • elleelle, 19 Dicembre 2021 @ 10:27 Rispondi

    @Dispersa
    Credo che @ads sia arrivato a capire il comportamento della ex grazie al suo psicologo.
    Facile quindi che il comportamento sia davvero patologico e non semplicemente immaturo o anaffettivo. C’è tanta differenza ed è giusto che non si sminuiscano certe esperienze perché sono strettamente legate a quello che poi succede in noi, le nostre reazioni, la nostra difficoltà a mettere fine alla relazione ecc.
    Il narcisista ad esempio è anche immaturo dal punto di vista emotivo e si dice spesso che è un bambino dell’asilo in un corpo da adulto. Ma in questo caso non c’è solo l’immaturità, c’è un vero e proprio disturbo del comportamento che procede secondo determinati schemi che ritrovi in tutte queste persone.
    Non si aiuta @ads se gli si dice che la sua ex è solo immatura o anaffettiva.

  • avvocatodistrada, 19 Dicembre 2021 @ 09:57 Rispondi

    @angelina, premesso che non mi sento un esempio di virtu’ secondo i canoni comunemente sentiti,
    come sto, l’altro giorno parlavo con lo psico, e gli dicevo che questa è stata una grande esperienza di vita,
    andiamo avanti, ma le cose sono molto chiare,
    sul fatto che ne escano bene e non soffrano,ho dei dubbi,
    ..anche la mia ..ha fatto un sacco di casini , un po’ come il tuo,
    tu credi che suo marito e la moglie del tuo ex siano serene/i , tranquille/i,per il solo fatto di averle/li a casa,?
    non credo, penso piuttosto che siano persone troppo coinvolte e dipendenti, per inquadrare le cose,
    e l’esperienza dalla maddy, e’ l’esempio di come non sia scontato che se ne diventi consapevoli,
    magari a 70 o 80 anni quando la vita vissuta sta evaporando,
    @angelina , vorresti essere al posto della moglie?
    vorreste essere al posto della moglie dell’ex della @ginger?
    @vorreste essere al posto del compagna dell ex di @azzurra?..l’ex della azzurra per motivi noti è fuori da ogni gara :d
    @vorrei essere al posto del marito della mia ex?
    queste persone sono delle tragedie anzitutto per coloro che ti hanno sempre vicine/i.
    succhiassero le loro energie

  • Azzurra, 19 Dicembre 2021 @ 09:50 Rispondi

    La cosa giusta da dire (e te la dico io @Angelina,) sarebbe stata : ci eri dentro con tutte le scarpe @Angelina e nonostante tu ti accorgessi della situazione hai preferito non guardare perché speravi che fosse come lui ti raccontava o, sarebbe meglio dire, mentiva. Ora che ne sei consapevole piangi tutte le lacrime che hai asciugati il viso e andiamo avanti. Hai perso solo uno stronzo.

  • elleelle, 19 Dicembre 2021 @ 09:50 Rispondi

    @Maddy
    Hai assolutamente ragione. Vedi però che discussioni si scatenano a volte quando si affrontano certi argomenti. Che si parli di un marito che ti ignora da anni, di un amante che non decide mai o di un lungo tradimento perdonato, spesso si vedono reazioni difensive o aggressive, come se il fallimento di un rapporto ci rendesse persone incapaci e inutili.
    Mantenere in vita un rapporto finito ci fa sentire di nuovo utili e capaci, a volte addirittura superiori alle altre. Io ho perdonato, io ho superato, io ho visto cose in lui che tu non sai vedere, io ho capito e tu no, io con la mia bontà l’ho fatto restare, io so ancora farmi amare.
    Perché è questo alla fine, c’è l’ho fatta, lui è restato/tornato, non sono una donna inutile, tradita e lasciata.
    Io resto dell’idea che nel nostro profondo queste restino ferite insormontabili e infatti si rivelano praticamente sempre, nonostante le battaglie per far credere il contrario.
    Dovremmo imparare tutti, uomini e donne, che i tempi sono cambiati, che c’è un mondo là fuori e se siamo tutti onesti, le occasioni non mancheranno.
    Come dice @Lolly, si tratta di ridefinire le relazioni sentimentali.

  • elleelle, 19 Dicembre 2021 @ 09:28 Rispondi

    @Hara
    Nel loro caso sono ancora piccolini, per loro non c’è ancora un vero interesse se non giocare al parco o fare le gare in classe.
    Io comunque ne ho approfittato per dirglielo e con mio figlio lo farò ancora anche in futuro. Già è un bambino buono di suo, se in più gli faccio capire che certi comportamenti sono disonesti, lo aiuto ad essere una persona migliore.
    Anche io ti abbraccio ❤️

  • Azzurra, 19 Dicembre 2021 @ 09:22 Rispondi

    Si @Alessandro, gli amici sono grilli parlanti preziosi ma… non bisognerebbe mai colpevolizzare. È vero @Angelina non avrebbe sofferto così tanto se ci avesse messo un punto prima, ma ognuno affronta le situazioni a modo proprio e per capire i motivi per cui una persona non è riuscita a metterci un punto prima ti ci devi trovare dentro. Troppo facile parlare dall’esterno. Capisco le buone intenzioni dell’amica ma a volte prima di parlare bisognerebbe viverle le situazioni. Non è “colpa” tua @Angelina. Purtroppo hai avuto a che fare con uno stronzo travestito da brava persona. Nessuno può sapere cosa hai vissuto tu, ti colpevolizzi già da sola, hai bisogno di qualcuno che ti abbracci e che ti sostenga mostrando comprensione. Del dito puntato da un pulpito possiamo farne anche a meno.

    • alessandro pellizzari, 19 Dicembre 2021 @ 19:04 Rispondi

      Quando sei innamorato ormai sei innamorato

  • Angelina, 19 Dicembre 2021 @ 08:55 Rispondi

    Per la cronaca Ale avevi ragione,stava rittratando per rientrare…è talmente scontato che ho avuto tutte le risposte che cercavo senza chiedere direttamente…ecco perché ha disattivato l’account di Facebook ora dovrà ricostruire la sua famiglia e fare il bravo marito…è tornato a casa… mi chiedo un mese…esattamente come le altre volte un mese l’ha fatto stare fuori anche lei…come tutte le altre tre volte che è uscito…
    Come vedete lui alla fine dei suoi conti fatica non ne fa..cade sempre in piedi…per questo tratta le persone cosi…tanto gli fanno fare ciò che vuole,basta un suo piantino e via…lei compresa…
    Non ho dormito niente questa notte non so se è schifo o tristezza.

    • alessandro pellizzari, 19 Dicembre 2021 @ 19:03 Rispondi

      Ma dirmi che per uno così manco mezz’ora di sonno devi perdere!

  • Hara, 18 Dicembre 2021 @ 20:12 Rispondi

    Non credere @elleelle, se ti hanno guardata con perplessità è perché non concepiscono un comportamento diverso da quello che tu hai raccomandato! Credo che concorrano vari motivi: l’età, il momento pandemico e non ultimo l’esempio che vivono prima di tutto in famiglia! Io ogni tanto dico ai miei “capirete quando sarete grandi” mamma me lo diceva spesso tu semina che i germogli non tarderanno! Ti abbraccio

  • Dispersa, 18 Dicembre 2021 @ 15:24 Rispondi

    @Ads sono molto diffusi questi comportamenti, che molte volte vengono scambiati per patologici, in realtà sono persone anaffettive o immature.
    In particolare colpisce gli uomini perché fin da bambini crescono con la frase ‘se piangi sei una femminuccia’, ma non ne sono esenti nemmeno le donne!!
    Ti dico solo che per l’uomo ombra una volta avrei spostato una montagna, ora si o no sposterei una foglia!!
    Bisogna avere la capacità di capire se quello che ti da questo rapporto ti basta, per svariati motivi può andarti bene così, ma se così non fosse si deve accettare che la situazione non cambierà mai.
    Diventare più logici verso queste situazioni può ‘salvarti la vita’!!

  • Maddy, 18 Dicembre 2021 @ 15:24 Rispondi

    @elleelle @ariel adesso vi racconto una storia sulle donne crocerossina. Mia mamma in gioventù è stata tradita per diverso tempo da mio babbo. Lei scoprì tutto tramite delle foto che mio padre, ingenuamente, lasciò nel cruscotto dell’auto. Ne seguirono liti furibonde e grandi discussioni. Io avevo all’incirca 5 anni. Alla fine mia mamma scelse di restare “per il bene della famiglia”.
    Negli anni successivi accaddero cose molto pesanti che non posso descrivere per questioni di privacy, e mia mamma, sempre, restò per il bene di tutti. Quando io fui abbastanza grande da trasferirmi all’estero, parlai con lei e le dissi che avrei di gran lunga preferito crescere sola con lei e mia sorella, perché comunque, mio padre non ci fece mai sentire la sua presenza, se non quando ne aveva bisogno lui.
    Ecco, io sono cresciuta con questi modelli, ai quali peraltro ho sempre cercato di ribellarmi, per questo mo meritai l’appellativo di pecora nera.
    Dall’altro lato, la madre di mio marito è sempre stata succube del marito, dal quale divorziò quando il bambino era ancora in età scolare, per non si capisce quali ragioni. Ogni volta che lei ci vedeva litigare, mi prendeva da parte e mi diceva che le donne devono accettare tutto quello che arriva dal marito, anche i comportamenti più brutti, perché quello secondo lei era il compito della donna, farsi carico di tutto e mandare avanti. E poi mi diceva che dovevo fare sesso con lui perché “quella cosa” lo avrebbe calmato.
    Capite come sono cresciute gran parte delle donne della mia età! Ma questo non era per me, io sono sempre stata uno spirito libero, con i valori dell’onestà e del rispetto che mi sono costruita da sola e con grande fatica ne tempo. E sto crescendo i miei figli, in particolare la femmina, a non farsi mai manipolare da nessuno.
    Per questo dico che se noi donne fossimo più unite nell’educare a questi valori, potremmo contribuire in modo rilevante alla formazione di un nuovo pensiero.
    Non sarebbe più una diatriba tra mogli e amanti, ma un argomento di crescita per far comprendere che si può amare veramente quando amiamo noi stesse per prime.

    • alessandro pellizzari, 19 Dicembre 2021 @ 08:55 Rispondi

      Che tristezza di vita quella della moglie succube, della donna succube

  • Azzurra, 18 Dicembre 2021 @ 14:57 Rispondi

    @Avvocato, lui non mi mortificava almeno in apparenza. Lui era molto più subdolo, dimostrava di amarmi, di volermi sentire, vedere però poi nei fatti non era così. Ma la domanda che mi faccio tuttora è : a che pro? Quello che io mi chiedo perché dedicare tanta energia, tempo, il pensiero di chiamarmi continuamente se poi non te ne frega niente? L’unica risposta che mi sono data è che sono persone che godono nel farti credere una cosa per poi negartela, avere il potere su di te e tramare alle tue spalle, frustrare le tue aspettative (alimentate da lui), sentire di averti in pugno ma godere del fatto che lui può fare a meno di te anche se ti convince del contrario. Tutto vissuto sulla mia pelle. Purtroppo.

  • Angelina, 18 Dicembre 2021 @ 14:42 Rispondi

    Azzu esattamente hai descritto pienamente cosa mi è rimasto dentro e sento…
    Anche la mia amica stamattina insisteva dicendo è colpa tua che non hai voluto tu mettere un punto o dirgliene quattro…non mi comprende quando dico che non avevo bisogno di scrivergli,a cosa sarebbe servito?Avrebbe ricamato anche lì…
    Riversare la mia rabbia su di lui non avrebbe fatto passare la mia…c’è dell’altro in profondità…e tu l’hai descritto proprio bene questo logora e non ti fa stare bene…
    @Ads saranno anche persone disfunzionali,sicuramente, ma boh io vedo sempre che alla fine se la cavano sempre…e sicuro non soffrono quanto noi.
    Tu come stai?

    • alessandro pellizzari, 19 Dicembre 2021 @ 08:53 Rispondi

      Gli amici sono grilli parlanti che spesso hanno ragione ma anche noi sappiamo spesso cosa è giusto, solo che non ci riusciamo. Bisogna esserci dentro in una situazione per capirla. O essere un esperto

  • avvocatodistrada, 18 Dicembre 2021 @ 13:17 Rispondi

    @angelina sono persone meno centrate di noi che gia siamo poco centrate, persone non in grado di gestire emotivamente queste cose, stanno male, e reagiscono in maniera surreale,
    ,voi direte che è il tipo di relazione che rende alla lunga il rapporto disfunzionale , non lo so,
    rilevo che che questi comportamenti sono diffusissimi

  • avvocatodistrada, 18 Dicembre 2021 @ 11:43 Rispondi

    @azzurra ma lo sai che io vivo le cose che hai vissuto, il rincarare la dose e fare peggio della volta precedente,
    una persona normale si acquieta,si tranqullizza, no loro che sanno che ti hanno in mano,fanno peggio,
    quindi il meccanismo è questo io ti scrivo, chiedo spiegazioni, lui o lei che fa, ti mortifica ulteriormente,
    un po ‘ come se vedi uno ferito sulla strada, non lo salvi, scappi…no loro ti passano sopra in preda a qualcosa che scatta nella loro mente

  • Azzurra, 18 Dicembre 2021 @ 11:25 Rispondi

    @Angelina queste storie lasciano strascichi e un senso di incompiuto proprio perché ci hanno lasciate così, è come se ci avessero lasciato in sospeso. La chiusura di cui tante volte ho parlato è un ulteriore atto d’amore verso l’altro. Anche nel chiudere una storia in modo dignitoso e rispettoso si trasmette alla persona che lo subisce una grande considerazione dei suoi sentimenti e del dolore che sta vivendo. Invece questi uomini che ti lasciano dall’oggi al domani e senza una spiegazione ti annullano come persona, tu senti di valere poco o nulla ed è straziante. Alla fine stai male perché è finita, stai male perché ti ha ferita profondamente, stai male perché non puoi fidarti più di nessuno, perché non credi più nell’amore e ti senti una cretina perché nonostante tutto il cuore ancora spera che non sia davvero così. Perché non può essere, non ci puoi credere che la persona che diceva di amarti, che ti era così vicina possa davvero farti male così.
    Tutto questo per colpa di un coglione.

  • Ariel, 18 Dicembre 2021 @ 11:19 Rispondi

    @elleelle

    “ @Maddy
    È un problema culturale e sociale. Nella nostra cultura, la donna buona, dolce e accudente è il massimo per un uomo spesso viziato dalla madre. E le ragazze e donne italiane crescono così. Guarda solo quante cose perdoniamo e quante finzioni mandiamo avanti. Non abbiamo neanche più il diritto di arrabbiarci perché se no “non siamo delle signore”. Se non perdoniamo, siamo cattive e poco comprensive. Se non troviamo una spiegazione positiva e redimente anche per tradimenti pluriennali, abbiamo delle pretese e non sappiamo valutare le altre qualità di queste persone che ci hanno umiliato.
    E invece no, non è così, non siamo cattive, vogliamo solo rispetto perché ne abbiamo diritto, ce lo meritiamo.”

    Ho virgolettato queste tue espressioni per quanto le trovi perfette osservazioni
    Riflessioni che nel mio evidenziarle qui le offro apposta perché ancora chi legge possa farsi il ripasso mentale emozionale e pure fisico
    Nel riflettere su queste verità indiscutibili.

    Sicuro elleelle ognuno ha la propria unicità di persona e purtroppo uno dei motivi di maggior comportamento privo di vero amore per se stessi nel totale equilibrio della propria autostima resta proprio la “modalità PECORONE” e cioè il conformarsi a tutto ciò che viene prodotto da media web social dove la cosa peggiore che si aggiundge a ciò che hai così bene espresso è il tendere ad apparire come la MODA DECIDE

    Una moda concetto ormai molto più esteso su diversi piani
    Non solo abiti ,ma peggio forme del corpo su basi di modelli di altre persone note tipo attori o gente dello spettacolo

    Lo stesso mettere in piazza mediatica il proprio privato ostentando realtà magari inesistenti postare foto a nastro su propria famiglia resta una poltiglia dove via via si è perso e si continua a perdere la vera CURIOSITÀ motore indispensabile per la ricerca della propria UNICITÀ DI PERSONA

    Anche questo purtroppo contribuisce pesantemente a creare nuovi condizionamenti sociali che sono diversi a seconda del luogo dove si vive
    Così ovviamente in Italie appunto esiste molto marcato ancora antico modello maschio così definito alfa che purtroppo è in effetti il frutto della educazione MACHISTA data dalle Mamme CROIX Rouges che a loro volta educate allo spirito del sacrificio

    Sacrificio per tutti
    Come delle imbonitrici si dispendano aiuti a sfare pur di conservare il così detto bene verso gli algli
    Annientando se stesse

    Questo insieme di constatazioni tue e mie contribuiscono a dipingere il vero quadro immagine della realtà che si vive

    La propria unicità di persona nasce alla propria nascita ma poi persone di famiglia e della società in cui si cresce e vive non fanno altro che INTRUPPARCI NEL ESERCITO DELLE DONNE OGGETTO DONNE CROCEROSSINE MAMMINE PER FORZA,
    E CIOÈ MADRI non come naturale ruolo che può capitare se lo si desidera lo si sceglie coscientemente

    Perché purtroppo ci sta pure la immagine del giudizio negativo sociale sulla donna che non fa figli pure se non lo ha scelto

    Tragedia!!!!
    Non si vale nulla soprattutto ripeto in Italia

    Siamo delle sfigate delle minorate mentali e fisiche
    Perché ancora prevale psicologica,ente che le vere ragioni di infertilità sono in origine prettamente a carico delle donna!
    Ci sono uomini che spingono la loro moglie a sottoporsi a ripetute pratiche di inseminazione nonostante sia uno stress e pure a volte doloroso non solo certo fisicamente ma pure psichicamente

    Siamo sempre SEMPRE SOTTO ESAME
    E guarda caso chi DECIDE È SEMPRE IL MASCHIO MASCHILISTA ARCAICO CHE VOTA LE LEGGI DELLO STATO A MAGGIORANZA NUMERICA

    Molti aspetti contribuiscono a dipingere la realtà del oggi ancora molto radicata in Italia e paesi latini
    Ma occorre NON ABBATTARSI o chiudersi come a pensare sono utopie

    Ogniqualvolta pensiamo sia impossibile pensiamo a chi vive in oriente e che ancora viene coperto da testa a piedi di nero tessuto
    E lapidate se non ci si comporta secondo leggi feroci di zero rispetto alla vita dellle donne
    Le ammazzano a sassate!!!

    In Occidente almeno non così di sicuro è il perché è storia di molte donnne che non hanno mai mollato si sono battute per riuscire a conquistare i loro diritti umani
    Come a quello di vivere
    Di studiare
    Di votare in parlamento
    Di riuscire comunque ad esprimersi meglio e di più nel lavoro
    Poter vestirsi come si vuole
    Poter uscire e viaggiare sole
    Poter se è capitato avere uno o più uomini nella propria relazione di vita nel corso del tempo
    Potersi separare legalmente
    Potersi divorziare
    Poter sceglierei il marito
    E pure separarsi se non funziona

    Ecco cara @Maddy anche noi qui pure solo scrivendo i nostri pensieri e grazie a CaroAlessandro che li pubblica si da tutti una vera mano per continuare e mai smettere la difficile ricerca è messa in atto della proprio diritto ad essere libere e ognuno con la propria unicità di persona

  • Angelina, 18 Dicembre 2021 @ 10:02 Rispondi

    @Ale ho riletto meglio il tuo commento non avevo capito…si sì e’stata lei a buttarlo fuori di casa una mattina perché era venuto fuori tutto, non lui di certo….anche se in quel periodo lui si stava guardando intorno,cercava casa,era in crisi con lei mi viene da ridere se ci ripenso…le menzogne…tutto questo per tenersi qualche scopata?Boh

    • alessandro pellizzari, 18 Dicembre 2021 @ 11:01 Rispondi

      Si stava guardando dentro… ma mi faccia il piacere! Cercava casa… sì, ma per le vacanze di famiglia.

  • Angelina, 18 Dicembre 2021 @ 09:58 Rispondi

    @Ale cosa intendi che sia stata decisa con la moglie?
    Stamattina ho aperto Facebook e ho letto il tuo post che sono le parole di Azzurra…mi ci sono rivista in pieno…grazie Azzu…ma il mio problema non è tanto la voglia di sentirlo,non ne ho per niente…ma questo senso di sofferenza che mi è entrato ieri sera solo per averlo incrociato…mi avvilisco perché voglio uscirne so che lui è lo str…ma voglio lasciarmi tutto questo alle spalle e quando succede così mi avvilisco,penso di non farcela e non capisco il perché…forse la delusione di essere stata trattata così a pesci in faccia dalla mattina alla sera come è successo a molte qui…mi sento davvero in un circo messo in scena da loro due,come se alla fine vedi loro ottengono quello che vogliono…lui avrà riempito di parole anche lei…lei avrà pensato visto che alla fine torna da me e così via…si sarà tolto dai social per non cadere in tentazioni.
    @Elleelle ho appena iniziato un percorso con una psicologa, sinceramente non prendo farmaci neanche normalmente,spero che mi possa aiutare lei un po’ alla volta.
    Ale se ne esce?Non vedo la fine del tunnel…

    • alessandro pellizzari, 18 Dicembre 2021 @ 11:00 Rispondi

      Che la moglie lo ha cacciato di casa non è uscito di sua sponte e poi ha passato il tempo compreso il tuo a trattare per il rientro. Questo per la cronaca ma per te può deve diventare un capitolo chiuso e che non si azzardi a contattarti

  • elleelle, 18 Dicembre 2021 @ 09:51 Rispondi

    @Maddy
    Per correttezza, quello che ho scritto vale anche per le amanti quando non vogliono lasciare andare.
    Chiudere una porta invece è una grande occasione di crescita.
    Lui ha deciso di restare con la moglie? Ok, qualsiasi siano i motivi, ha scelto lei per cui da me non torna. È finita, si è rotta la fiducia, resterò da sola o incontrerò un altro. Se lui lascerà la moglie e sarà felice con un’altra donna, pazienza, si vede che non era comunque destino.
    Cercare di restare a tutti i costi in una relazione fallimentare “perché non si sa mai” è un errore che molto spesso si paga caro, anche sono in termini di tempo ed energie.
    Chiudere la porta invece è gratis e la si può riaprire su qualcosa di meglio.

  • elleelle, 18 Dicembre 2021 @ 09:45 Rispondi

    @Maddy
    È un problema culturale e sociale. Nella nostra cultura, la donna buona, dolce e accudente è il massimo per un uomo spesso viziato dalla madre. E le ragazze e donne italiane crescono così. Guarda solo quante cose perdoniamo e quante finzioni mandiamo avanti. Non abbiamo neanche più il diritto di arrabbiarci perché se no “non siamo delle signore”. Se non perdoniamo, siamo cattive e poco comprensive. Se non troviamo una spiegazione positiva e redimente anche per tradimenti pluriennali, abbiamo delle pretese e non sappiamo valutare le altre qualità di queste persone che ci hanno umiliato.
    E invece no, non è così, non siamo cattive, vogliamo solo rispetto perché ne abbiamo diritto, ce lo meritiamo.
    Credo di essere stata fortunata e sfortunata a nascere con una mentalità nord-europea in un paese maschilista, perché non sono mai stata la donna giusta per l’uomo italiano ma allo stesso tempo non mi faccio mettere i piedi in testa. Da ragazza frequentavo i paesi del Nord Europa, l’indipendenza e l’autosufficienza le vivi e le respiri. Ho fatto cose per me normali che per le mie amiche italiane sono inconcepibili: lasciare un lavoro fisso, attraversare l’Europa da sola in macchina, vivere in posti diversi, fare un lavoro “da uomo”, rimettermi in gioco radicalmente.
    Io non voglio un uomo-bambino al mio fianco, perché alla fine mi è di intralcio. Certo, una possibilità o due le do sempre, come ho fatto anche con il mio ex, ma poi basta. C’è una linea piuttosto chiara tra bontà e stupidità e io stupida non sono.
    Non voglio dire che tutte dovrebbero essere come me, perché così ci devi nascere per un caso della vita e in famiglia c’era uno zio come me, forse ho preso da lui. Però dovremmo imparare a subire meno, ad avere meno paura della vita e di quello che ci può offrire.
    Vedo invece troppe donne il cui obiettivo è preservare l’amore e il matrimonio, anche con chi ha dimostrato di non amarti. Tempo fa aveva scritto una ragazza che poi è scomparsa, dicendo che le amanti dovrebbero vergognarsi perché distruggono un sogno d’amore come quello che aveva lei, principessa disarcionata dal cavallo dal suo stesso ex-principe azzurro. Queste parole, “sogno d’amore”, la dicono tutta su come ci hanno portato a vedere le relazioni e sul perché vogliamo farle continuare a tutti i costi. Quando i sogni sono belli, non ci vorremmo svegliare ma non possiamo nemmeno dormire per sempre.

  • Azzurra, 18 Dicembre 2021 @ 09:43 Rispondi

    Esatto @Alessandro. Io, subito dopo aver ceduto a questo bisogno e avergli scritto avvertivo una sensazione di “rilascio” di tutta la sofferenza emotiva, delle emozioni negative e venivo invasa finalmente da una sensazione di piacere che era solamente la fine di tutta quella sofferenza trattenuta. Ma durava davvero poco, perché lui non solo non era cambiato ma consapevole della mia dipendenza, perché io sono sicura che lui lo era, rincarava la dose e si comportava anche peggio della volta precedente. Se si è vittima di questo meccanismo perverso bisogna avere la forza e il coraggio di riconoscerlo altrimenti si rischia di entrare in una spirale dove ci si abitua anche al dolore purché lui ci sia. Una droga praticamente da cui bisogna disintossicarsi.

  • elleelle, 18 Dicembre 2021 @ 09:22 Rispondi

    @Ale
    Non ho consigliato ad @Angelina di farsi di crack per dimenticare. Magari mi sono espressa male ma volevo consigliarle di parlare con il suo medico per vedere se un antidepressivo la può aiutare.
    Gli antidepressivi mi hanno salvato e dopo pochi mesi ho ridotto la dose a una quantità minore della dose pediatrica, non un placebo ma quasi.
    @Angelina ormai ha raggiunto un livello ossessivo e se non spezza questa catena di sensi di colpa e disperazione, tra sei mesi è ancora qui che piange e sta male dietro a questo uomo indegno.
    L’antidepressivo non deve essere visto come una droga ma come un sostegno. Aiuta a dormire meglio, a pensare in un modo più lucido, a ridurre i flashback e a dare tempo al cervello di prendere le distanze e staccare.
    Secondo me è giusto parlarne e sfatare il mito che siano medicine date ai pazzi.
    Non c’è nulla di male a parlare con il proprio medico di un momento di grave difficoltà in cui c’è bisogno di un aiuto che può essere anche farmacologico.

    • alessandro pellizzari, 18 Dicembre 2021 @ 09:47 Rispondi

      Parlare con il medico si consigliarlo noi magnificandolo no. È come fare noi diagnosi psicologica. No punto

  • Maddy, 18 Dicembre 2021 @ 08:14 Rispondi

    Cara @elleelle condivido in pieno il tuo pensiero.
    Il problema è che per ogni uomo-bambino c’è una donna-mamma pronta ad accudirlo. Io sono una di queste. Per anni mi sono prodigata e piegata verso mio marito, colmando mancanze, bisogni, vuoti di immaturità, ecc.
    La relazione extra mi ha fatto capire che tutto ciò è sbagliato, che abbiamo bisogno di compagni di vita che ci affianchino, non di ulteriori zavorre da portarci appresso.
    Finché la mentalità della donna-mamma non evolverà, continueranno ad esserci in giro uomini che si comporteranno come bambini, solo in forma di adulto.
    Noi donne dovremmo imparare a comunicare di più, ad essere solidali tra noi, a far crescere un genere umano maschile più consapevole, visto che siamo generatrici di vita. Ma so che questa è ancora un’utopia.
    Un abbraccio

  • Azzurra, 18 Dicembre 2021 @ 08:01 Rispondi

    @Ellelle se ci penso io invece queste parole non gliele ho mai dette. Non che non gli abbia mai detto che lo amavo anzi troppe volte gliel’ho detto ma non l’ho mai supplicato di capirmi, soprattutto non ho mai esagerato con le parole semplicemente perché quello che provavo lo comunicavo con i fatti cosa che lui invece non ha mai fatto. Un uomo di parole insomma non certo di parola…

  • elleelle, 18 Dicembre 2021 @ 06:17 Rispondi

    @Angelina
    Se è tornato a casa, meglio per te, così hai la certezza che ti avrebbe fatto fare una vita schifosa fino alla fine dei tuoi giorni. Un continuo vai e vieni tra te e la famiglia, mai una certezza, due donne sempre insicure, umiliate e in sospeso.
    Non sei tu che sei sbagliata, è lui.
    Se ti posso dare un consiglio, è arrivato il momento di farti prescrivere degli antidepressivi dal tuo medico. È evidente che da sola non riesci a uscire da questa situazione e un aiuto farmacologico è essenziale.
    La mia esperienza personale è che aiutano tantissimo. Io prendo ancora una dose molto bassa, che comunque mi aiuta anche con altri problemi legati al ciclo ecc.
    Solo così riuscirai a calmarti e a superare questa cosa.
    Ma ti prego, lui è un coglione, basta farti carico tu di quello che gli è successo. Prova la giusta pena che chiunque dovrebbe provare per la figlia e vai avanti. Non spendere un secondo a rimuginare su di lui e la moglie e a credere che sia tu la causa della loro miseria. I responsabili sono loro, da prima che arrivassi tu sulla scena.
    Tu non sei sbagliata, hai incontrato l’uomo sbagliato. Lezione imparata, adesso è arrivato il momento di agire e smettere di piangere e tormentarsi. Ti ha già tormentato lui abbastanza.

    • alessandro pellizzari, 18 Dicembre 2021 @ 08:42 Rispondi

      Per favore non consigliamo medicinali non siano medici e non è neanche corretto andare a chiedere al medico di prescriverci a o b. Detto questo Angelina deve solo stare lontano da questo uomo che palesemente non la ama e che vuole starbene con la moglie (sono convinto che anche la sua fuoriuscita non è farina del suo sacco ma decisa dalla moglie) e disintossicarsi.

  • Azzurra, 18 Dicembre 2021 @ 01:08 Rispondi

    @Angelina capisco come ti senti credimi. Tempo fa mi bastava incrociarlo per strada e subito venivo assalita da tanti pensieri e dal bisogno impellente di scrivergli : questo non è amore è dipendenza, è astinenza! Riuscivo a calmarmi solo dopo aver soddisfatto quel bisogno. Col tempo ho imparato a riconoscerne i sintomi, quando capita di incontrarlo la prima cosa che faccio è ripercorrere mentalmente tutto il male che mi ha fatto, i motivi per cui ho dovuto chiudere con lui, le parole che mi ha detto l’ultima volta per ferirmi ancora. Così emergono rabbia, frustrazione ma anche una certa dose di “cazzimma” si dice dalle mie parti, mi dico : sono più forte io, non ti permetterò mai più di entrare nella mia vita e combinare disastri, sono io che non ti voglio più. Il primo giorno stai male, dopo un mese va meglio e ti assicuro che se non cedi sarai orgogliosa di te e non accetterai più da nessuno di essere trattata con sufficienza e di farti sentire come se valessi poco o nulla.

    • alessandro pellizzari, 18 Dicembre 2021 @ 08:38 Rispondi

      Tempo fa mi bastava incrociarlo per strada e subito venivo assalita da tanti pensieri e dal bisogno impellente di scrivergli : questo non è amore è dipendenza, è astinenza! Una calma è effimera perché in breve si trasforma in delusione, dubbi, mille altre domande. Perché non c’è nulla di nuovo da parte sua. Anzi, c’è il nulla.

  • Angelina, 17 Dicembre 2021 @ 23:30 Rispondi

    @Azzurra sicuro che non è la stessa persona???
    Scherzi a parte…uguale al mio ex
    Sono avvilita ragazze stasera,ieri stavo bene oggi mi sono svegliata con il tarlo se fosse tornato a casa…mi è bastato incrociarlo con la macchina,nei pressi di casa sua…secondo me è tornato a casa…questo spiega il suo disconnetterai dai social…
    Così mi sento a pezzi…mi sento sbagliata..oggi vedo solo lui che si comporta male e nonostante tutto ottiene quelle che vuole,sta bene…io mi sento uno schifo…ho paura di non riuscirci…non voglio più stare così…scusate oggi giornata no

  • elleelle, 17 Dicembre 2021 @ 22:57 Rispondi

    @Hara
    Stasera ho detto a mio figlio e a un suo amico che con le ragazze si devono comportare bene, che non devono dare buca, che devono essere gentili così saranno apprezzati anche come amici.
    Vanno alle elementari, avranno pensato che sono pazza 🙂 🙂

  • elleelle, 17 Dicembre 2021 @ 22:44 Rispondi

    @Azzurra
    Quando ho letto quello che hai scritto, ““ti amo, ti voglio, non posso stare senza di te, ti prego amami cerca di capirmi, è un periodo difficile…”, mi è venuto immediatamente da pensare che in una relazione sana queste cose non si dicono.
    Sembrano parole d’amore ma non lo sono, sono un ricatto.
    Come sono contenta che tu te lo sia tolto dai piedi!

  • Hara, 17 Dicembre 2021 @ 19:07 Rispondi

    Parole sante @elleelle e spero davvero di dar meno scusanti ai miei figli perché non crescano con questa idea sbagliata di amore! L’amore ci rende responsabili verso l’altro, per amare qualcuno bisogna amare e essere responsabili prima di tutto verso se stessi!

  • Azzurra, 17 Dicembre 2021 @ 19:07 Rispondi

    @Ellelle infatti è così. La cosa assurda è che al mio ex non bastava la compagna a fargli da mamma! Anche l’amante doveva ricoprire quel ruolo! Uomini alfa …

  • Hara, 17 Dicembre 2021 @ 19:02 Rispondi

    @Mia perdonami ti sei riletta? Lui potrebbe pensare che tu lo hai dimenticato perché hai postato una foto con i tuoi figli??? Capisco l’amore che nutri nei suoi confronti ma francamente… per comunicargli amore cosa vuoi postare una tua foto in lacrime e a lutto? Vuoi smettere di sorridere con e per i tuoi figli per dimostrargli amore??? Bah

  • Ariel, 17 Dicembre 2021 @ 18:49 Rispondi

    Un plauso con sorriso di vera allegria che allontana la sfiducia che molte donne hanno dopo essersi calate in schemi chiaramente derivanti da antichi diktat
    Con origini e provenienze diverse

    Hai fatto una analisi situazione secondo me ,perfette!
    Proprio cosi cara @elleelle
    Per questo che serve ed aiuta molto farsi un percorso di terapia a stecca
    Perché levarsi i nodi antichi non è affatto facile perché i nodi sono duplici
    Quelli personali di propria origine e storia famigliare
    E sociali e cioè legati al DOVE Si è scolta la maggioranza di tempo di crescita fino a età adulta in che luogo in che famiglia età etc

    Meno male esiste la possibilità concreta e sicuro dato scienza del aiuto alla persona
    Una definizione che amo particolarmente perché è priva di qualsiasi discriminante di genere e
    Di ruolo di età

    Si può sempre uscire da antichi schemi che difficilmente esiste la completa consapevolezza
    Ciò che ciascuno riconosce già comunemente col dirsi si il mio rapporto con genitore o con fratello o sorella o con chi ci ha cresciuto spesso una parte la riconosciamo e quindi via scatta la consapevolezza e di conseguenza si cambia in automatico ci si oppone con cambio nostro pensiero e azione diversa

    Ma è solo la punta del Iceberg che sta nascosto in ciascun individuo e che per uscir fuori necessità di azioni di aiuto terapeutico in vari modi e metodi
    Una sinergia che si può attuare pure con tempistica differente

    Importante è capire almeno razionalmente che ESOSTE LA POSSIBILITÀ DI FARCI QUALCOSA SEMPRE

    Così poi si riacquista la fiducia in se stesse e si DISSOLVE LA SFIDUCIA NEGLI ALTRI SI DISSOLVE IL DOLORE PROVATO
    SI GUARDA ALLA NUOVA VITA SENZA FARSI PIÙ SE….E MENTALIversio nessun aspetto

    No Aspettative mai
    Il vero segreto Scientifico è vivere ogni giorno per ciò che è davvero scientificamente parlando uguale per tutti

    UNA NUOVA GIORNATA dove noi stessi siamo NUOVI e pronti con Nuove cellule e nuove Energie a Vivercela esprimendo concretamente ciò che si sente nella onda
    Il vento che cambia ogni istante e muove la onda del mare che siamo noi tutti ciascuno con la propria onda
    Il movimento del nuovo cambiare

  • Azzurra, 17 Dicembre 2021 @ 18:45 Rispondi

    @Ale e vabbe’ se deve essere il peggiore della settimana aggiungo la ciliegina sulla torta : ti chiamo 20 volte al giorno, ti do’ il buongiorno, la buonanotte, ti mando messaggi continuamente che cosa vuoi di più?! Sei davvero incontentabile!
    Cosa chiedevo? Di vederlo. Spergiurava amore, “ti amo, ti voglio, non posso stare senza di te, ti prego amami cerca di capirmi, è un periodo difficile…” Quando gli ho detto che il nostro rapporto era diventato “virtuale”(gliel’ho dovuto dire per messaggi ovviamente) si è pure offeso, mi ha risposto :” guarda oggi è meglio se non ci sentiamo”. Ci credi che è scomparso e non si è fatto più sentire?Ovviamente io non l’ho mai più cercato.

    • alessandro pellizzari, 17 Dicembre 2021 @ 19:56 Rispondi

      Si è offeso poverino perché lo hai toccato nel vivo. Tutte parole niente fatti

  • elleelle, 17 Dicembre 2021 @ 16:47 Rispondi

    @ragazze
    Se l’amore è solo sacrificio, abnegazione e dedicarsi all’altro, si torna sempre al ruolo della moglie-mamma e secondo me è un punto di vista sbagliato. I figli sono una cosa, il marito un’altra.
    Se un rapporto non è condiviso, prima o poi scoppia e lo vediamo su queste pagine. Che si sia moglie o amante, quando si ha a che fare con un uomo-bambino il rischio è di giustificarlo e scusarlo in continuazione, perché piange, è confuso, non sa cosa vuole, è depresso, è imperfetto, si odia per quello che ha fatto, è un debole, è in crisi di mezza età, è fatto così, non posso pretendere, è comunque una brava persona, mi ha tirato in testa una tonnellata di m… ma non voleva e mi dice che mi ama, ohhhh signore mio che noia!
    Ai nostri figli diamo molte meno scusanti.

  • avvocatodistrada, 17 Dicembre 2021 @ 16:39 Rispondi

    @vio, come sto?
    a volte benino, in determinati momenti in apnea,mi occupo delle incombenze familiari,
    razionalmente mi dico che sto facendo un terno a lotto avendola lontana,
    poi perchè io mi senta legato ad una situazione cosi negativa, che negli ultimi mesi mi ha dato solo cose spiacevoli, questa è un mistero per me,
    c’è molto poco da dire.
    ciao ragazze

  • Azzurra, 17 Dicembre 2021 @ 15:12 Rispondi

    @Lolly io sono pienamente d’accordo con te. Infatti su una cosa io ho sempre puntato i piedi con lui : l’onestà e la chiarezza. A me lui non diceva “se ti sta bene la situazione è questa”, lui mentiva e non mi dava la possibilità di scegliere e di poter decidere per me stessa a carte scoperte. In più ha sempre giocato la carta del senso di colpa e del “tu non ti accontenti mai”. Io mi sono sentita “oggetto” perché lui mi negava la verità e raggirava per ottenere quello che voleva. È chiaro che io gliel’ho permesso ma l’ho fatto fin quando mi sono resa conto di quello che stava succedendo. Le ultime volte che ci siamo sentiti gli ho detto chiaramente che io da lui ho sempre cercato una sola cosa : l’onestà e siccome non è in grado di darmela ho chiuso. Questo per dire che sono stata un “oggetto” fino a quando mi sono tolta i prosciutti dagli occhi, ma avrei preferito di gran lunga che lui fosse semplicemente onesto con me.

    • alessandro pellizzari, 17 Dicembre 2021 @ 18:23 Rispondi

      Tu non ti accontenti mai is the new peggiore della settimana!

  • Lolly, 17 Dicembre 2021 @ 14:11 Rispondi

    Che sia amore oppure no poco conta…si è creato un legame con l’altro?….difficile accettare la resa e lasciarlo andare…questa è l’unica verità!!

  • Mia, 17 Dicembre 2021 @ 12:27 Rispondi

    Buongiorno, fino a qualche giorno fa mi sentivo ferita ed ero anche molto arrabbiata. Ora comincia a mancarmi e comicio ad avere dubbi sul fatto che ritornerà da me. Non lo so come ci sono finita in questo guaio. Penso che ormai lui mi abbia dimenticato del tutto e in fretta. E invece io sto qua a tormentarmi. Io non so come funziona una terapia di coppia. Ma l’ho visto determinato a chiudere con me per impegnarsi a far funzionare il suo matrimonio. Scusate lo sfogo. Le mie certezze sul suo amore per me sono svanite da un giorno all’altro e non me ne riesco a fare una ragione. Ieri ho postato una mia foto insieme ai miei bambini in cui sembravo felice ma poi mi sono fatta mille problemi sul fatto che lui vedendola pensasse che l’ho dimenticato. Non sto ragionando più… lo so .

    • alessandro pellizzari, 17 Dicembre 2021 @ 16:24 Rispondi

      La terapia di coppia recupera la coppia a mio modesto avviso se il tradimento non e plurimo cronico e lungo

  • Lolly, 17 Dicembre 2021 @ 12:03 Rispondi

    Amore è un equilibrio perfetto mi sembra giusto…ma poco realistico…nel senso che non dura per sempre. Può durare qualche mese come qualche anno, ma solo in pochi possono dire sia per sempre. Pertanto dovremmo essere pronti mentalmente senza fantasticare e farci del male, quando subentra un disequilibrio nella coppia. Quello è il punto di non ritorno, oltre il quale si presenta il passaggio per qualcos’altro chiamatelo affetto, compagnia, solitudine o sofferenza….facile a dirsi…ma cosa difficile lasciare andare…

    • alessandro pellizzari, 17 Dicembre 2021 @ 16:22 Rispondi

      Non è utopico. Le coppie felici da tanti anni sono in equilibrio, che vuol dire riprendere e ristabilire questo equilibrio ogni volta che va fatto

  • Leilei, 17 Dicembre 2021 @ 11:11 Rispondi

    Lo avevo visto , mi è piaciuto molto

  • Leilei, 17 Dicembre 2021 @ 11:06 Rispondi

    Franca quoto tutto. L’amore vuole reciprocità, e se si ama davvero nulla è un sacrificio. E paradossalmente io ricevo molto di più dall’amante che dal marito.
    E l’amante che mi dice quando arrivi a casa mandami un messaggio, non il marito che se la dorme bellamente per cui potrei anche essere finita fuori strada in un fosso che se ne accorgerebbe al mattino. E’ l’amante che vorrebbe accompagnarmi alle visite di controllo e vorrebbe venirmi a trovare in ospedale, mentre il marito preferisce il circolo, è l’amante che mi scrive buonanotte tutte le sere e mi telefona ogni mattina prima di entrare al lavoro ecc…ecc…

    Se avessi voluto l’amore altruistico e sacrificale mi sarei fatta suora, ma non sono sposa di GEsù, ho sposato un uomo in carne ed ossa ed è normale che mi aspetti qualcosa di simile all’amore vero e non spirituale proprio da lui.

  • elleelle, 17 Dicembre 2021 @ 11:00 Rispondi

    @Leilei
    Secondo me le tue non sono affatto pretese ingiustificate. Tu vorresti le cose di base che ci si aspetta da una relazione: rispetto, affetto, considerazione, vicinanza emotiva e fisica.
    Come ti ho scritto in un altro post, non vedo amore nelle azioni di tuo marito e tu non devi fartelo andar bene perché magari lui ha delle altre qualità. Potrebbe essere l’uomo migliore del mondo ma se tu ti sei sempre sentita sola, è un uomo che non fa per te.
    Volevo dirti che sono molto contenta per te e per il percorso che stai facendo. Ti ho sempre visto come una persona con molto potenziale ma che non riesce a realizzarlo, perché chiusa in un guscio di delusione e cinismo. Adesso sta uscendo la vera te, più consapevole e sicuramente più forte e decisa.

  • maribel, 17 Dicembre 2021 @ 10:37 Rispondi

    @molly ti ringrazio, io leggo Umberto Galimberti che come filosofo mi piace moltissimo. E te lo consiglio. Poi, non estrapolare sempre una minima parte dei commenti, per favore. Cerca di estrarne il senso COMPLESSIVO.
    e un po’ di leggerezza, grazie.

    un bacio a tutte.

  • Molly, 17 Dicembre 2021 @ 07:39 Rispondi

    “no, era rivolto anche a me il commento di molly! mi ha anche detto di leggermi Osho!!”

    @Maribel appunto ho osato suggerire la lettura di un filosofo! Non è che ti ho consigliato una rivista di gossip o un’altra lettura superficiale. Se poi suggerire di leggere un filosofo viene raccolto come un insulto evidentemente c’è qualcosa che non va. A volte scrivo dal lavoro e trovare le parole giuste non è facile e quindi rimandare alle parole di una persona grande come Osho mi sembrava di fare un favore a tutti offrendo una lettura con una prospettiva e una visione dell’amore profonda e diversa da quello che si legge abitualmente. Avrò sbagliato…

  • Franca, 17 Dicembre 2021 @ 01:19 Rispondi

    A me il connubio religioso tra la profondità dell’amore e l’intensità dei sacrifici disposti a compiere ha sempre fatto storcere il naso. Così come l’altruismo che vogliamo per forza tirare fuori nei confronti della persona amata…vuoi il meglio per lui, è un donare non un dare…bah…Sarò strana ma credo invece che nell’amore ci sia una bella e sana dose di egoismo…che noi chiamiamo gentilmente reciprocità. Se non c’è reciprocità, a furia di donare senza avere mai niente in cambio, anche gli amori più grandi finiscono. E invece, se volessimo attenerci alla visione dell’amore altruistico e sacrificale… dovremmo continuare ad amare pur non ricevendo niente in cambio.
    Non mi sembra funzioni così.
    Non ci saremmo ritrovate qui a soffrire per uomini che amavamo ma che tornavano a casa dalla moglie. Era la cosa migliore da fare (secondo tanti di loro) e nonostante l’amore che provavamo non lo abbiamo accettato…come mai??? Non amavano? Invece sì, e anche tanto.
    Si sarebbero ricostruiti molto più facilmente i matrimoni sfasciati dal tradimento con tutto questo altruismo amoroso.
    Scusate la provocazione…è forte e un po’ al limite ma secondo me c’è da riflettere su quanto certi stereotipi siano incardinati nel modo di sentire e raccontare le emozioni e i sentimenti.
    Preferisco pensare che se amo non metto al centro l’altra persona. Questo è abnegazione.
    Se amo al centro di tutto c’è un “noi”, c’è quello che si riesce ad essere insieme nella vita, nel rispetto e attenzione delle singole individualità.
    Tutto il resto è una naturalissima conseguenza che non riesco ad etichettare con nessuna parola.

    • alessandro pellizzari, 17 Dicembre 2021 @ 10:16 Rispondi

      Nell’amore c’è equilibrio perfetto nessuno Donà senza ricevere

  • Angelina, 16 Dicembre 2021 @ 23:50 Rispondi

    Avete tutti ragione…se fino adesso ci sono ricaduta è perché volevo trovarci io qualcosa,lui piangeva,si scusava e io gli credevo…credevo che lui era fragile,che poverino non ce la faceva…non ho mai voluto vedere le cose come realmente erano…era così facile…
    @Ads hai ragione anche con sua moglie è così,non posso raccontare episodi di puro egoismo nei suoi confronti anche in momenti molto brutti…ma anche lei se l’è sempre raccontata…la penultima volta che è uscito di casa lei diceva che era depresso,lo voleva portare da un dottore….dai vedete quanto siamo ingenue noi donne…non tutte eh…così pensava mia cognata di mio fratello,sono sicura che anche questa volta avrà avuto modo di passare da vittima….Sto guardando “undoing, le verità nascoste”non so se l’avete visto…se no guardatelo li viene affrontato bene questo tema…anche del non voler vedere cose che erano chiare anche prima.
    Un po’ alla volta e sto facendo chiarezza…hai ragione Azzu non è facile e non è bello pensare di non essere stata nulla.
    @Ads non credo ritornerà…non so perché ma penso stia cercando di tornare a casa,ma se lo farà starò pronta questa volta ve lo prometto.

  • Leilei, 16 Dicembre 2021 @ 17:22 Rispondi

    Anto, Chiedere di venirmi a trovare mentre sono in ospedale o non lasciarmi in casa da sola quando ho la febbre troppo alta, se mio marito mette la sua auto in garage perchè al mattino vuole trovarla calda mentre la mia resta fuori perchè tanto chi se ne frega, (e potrei citarti tante altre situazioni) non mi sembra chiedere di essere VENERATA, mi sembrano attenzioni minime per chi dice di amarmi. Qui si va dai grandi temi come la malattia alle piccole cose di ogni giorno.
    Sono atteggiamenti OGGETTIVAMENTE discutibili e non devo nè voglio giustificarmi proprio niente. Io mi incavolo proprio perchè SO DI VALERE ma non mi vedo riconosciuta attraverso le azioni. Cosa mi interessa se mio marito mi dice ti amo e poi si fa gli affari suoi quando io ho bisogno.
    In che modo ha dimostrato di tenere a me? Scusa ma l’amore per te cos’è? Non è star vicino, prendersi cura, dare supporto, avere complicità con l’altro?
    Quando ci si sposa si promette in salute e in malattia, nel bene e nel male e non SOLO QUANDO C’E’ DA DIVERTIRSI E POI QUANDO CI SONO DEI PROBLEMI TI ARRANGI DA SOLA.
    Che mio marito mi veda un elemento irrinunciabile non è per me un vanto, ma un peso e mi sembra di averlo sottolineato varie volte.
    Se mio marito sapesse davvero cosa vuol dire amare, di sicuro non mi sarei andata a cercare le “riserve compensative” come le definisci tu.
    Mi dispiace Anto ma sei proprio fuori strada.

  • Viovio, 16 Dicembre 2021 @ 16:20 Rispondi

    @Ads ultimamente apprezzo molto quello che scrivi e lo condivido in pieno, soprattutto gli ultimi post per @Angelina.
    Come stai?

  • Lolly, 16 Dicembre 2021 @ 15:39 Rispondi

    @ Azzurra…donne oggetto…poddarsi…ma a volte siamo noi che glielo permettiamo perché innamorate, perché non vogliamo credere che abbiamo malinteso quell’individuo. Una mia amica dopo 5anni di storia con un tizio, discutono sempre sugli stessi argomenti e non ne escono. La pace è solo apparente, non appena si presenta l’occasione il problema subentra di nuovo…lui è stato chiaro che non vuole una storia impegnativa, coinvolgere i figli, passare le feste insieme e lei gli dice ok…ma adesso arriva il Natale e lei ricomincia con le paranoie…ed io le dico: se ci stai, vuol dire che accetti i suoi compromessi. Lui te lo ha detto cosa non vuole…sta a te decidere se stare o andare. Se resti…accetti le sue condizioni…e si ricomincia…uno stillicidio senza fine….quindi vi dico che alcune volte dipende anche da noi…non lo vogliamo accettare che ciò che vediamo non è quello che ci eravamo immaginate…

  • Hara, 16 Dicembre 2021 @ 12:46 Rispondi

    Ha ragione @Dipsersa fagli un funerale @Angelina!! organizzalo proprio con cura nei dettagli come meglio credii! fai sparire i suoi regali in qualche modo, quelli di valore o li rivendi o li chiudi in cassetta di sicurezza fino a data da destinarsi! Spacca tutto quello che puoi e viste le feste di Natale potresti addirittura riciclare qualcosina! Porta in beneficenza tutto quello che ti ricorda lui, brucia i suoi biglietti cancella tutti i messagi e le email piangi tutte le lacrime che ti sono rimaste e chiudi il capitolo. Il giorno dopo prenota il parrucchiere e un pomeriggio di shopping!
    @Angelina ci siamo passate tutte ne uscirai anche tu. Comincia a guardare al tuo futuro.

  • Dispersa, 16 Dicembre 2021 @ 10:01 Rispondi

    @Angelina basta chiederti perché hanno fatto così con la figlia, perché la moglie, l’amica, la psicologa, il cane, il gatto, il pappagallo ecc. Lo consolano e gli ‘tirano su la pessa’ (dalle mie parti si dice così)!!
    Non ti deve importare, tanto le risposte che ti darai saranno distorte dalla tua visione delle cose!!
    Perché invece non gli fai il ‘funerale’, per eliminarlo definitivamente dalla tua mente e…
    Vita??

  • Azzurra, 16 Dicembre 2021 @ 09:58 Rispondi

    @Ellelle tu sei stata davvero in gamba. Io non sono riuscita ad accettare sin da subito che per lui ero un oggetto, mi spaventava l’idea di essermi persa per un uomo che aveva finto dal primo giorno. Mi spaventava dover ammettere che tutto ciò che di bello avevo provato, tutte le emozioni vissute appartenessero solo a me, come se avessi visto un film e non vissuto la mia vita e provato tutte queste cose CON lui. Poi mi sono lasciata convincere ogni volta da lui, che era la situazione che rendeva tutto complicato non che lui fosse problematico. Ho preferito vedere questa verità perché mi faceva meno male nonostante le sofferenze ripetute. Io ho capito purtroppo che lui godeva nel crearmi frustrazione. Lo so che è difficile da comprendere ma è stato davvero così. Mi faceva credere che prima o poi sarebbe successa una certa cosa e poi me la negava. Assurdo che esistano persone così assurdo tutto. E poi per uscirne ci vuole una fatica estrema, per eliminarli dalla nostra mente ci vuole un lavoro costante su se stessi e se per caso lui rompe il no contact è difficile restare fermi sulle proprie convinzioni, si vacilla di nuovo. Questa storia sembra non finire mai.

  • Azzurra, 16 Dicembre 2021 @ 09:45 Rispondi

    @Angelina il commento di @Ads non fa una piega…. ineccepibile. È dura da accettare e comprendere ma è così

  • elleelle, 16 Dicembre 2021 @ 09:21 Rispondi

    @Angelina
    Brava, fatti una risata pensando che adesso quel somaro te lo sei lasciata alle spalle.
    Concordo con tutto quello che ti ha detto @ads e aggiungo questo: quando le relazioni arrivano a deteriorarsi così tanto, bisogna allontanarsi e prendere tempo. Niente si può salvare se continuano a darci delusioni e maltrattamenti che non meritiamo.
    A me importa davvero poco del mio ex e dei suoi problemi, come ho scritto in passato se lui scomparisse domani dalla faccia della Terra sarei solo felice.
    Invece mi importa molto di non essere intrappolata psicologicamente in una situazione così malsana. Nessuno può “curare” persone del genere, spesso neanche uno specialista. Per questo motivo bisogna lasciare andare e avere consapevolezza dei propri “limiti”. Lo scrivo tra virgolette perché non è inteso in modo negativo ma in modo positivo: i nostri “limiti” nascono infatti nella nostra capacità di non volerci far mettere i piedi in testa da persone disturbate e non è una brutta cosa.
    Io sono quasi finita allo psichiatrico dopo due anni, immagina come deve stare la moglie dopo trenta… Ma io e lei siamo diverse, io non ho la sua capacità di farsi prendere in giro e tollerare e perdonare, per cui io ho sbroccato prima.
    Forse lei pensa ancora che lui sia un gioiello di uomo, che le dà un valore aggiunto per il cognome e alcune cose che ha fatto, per cui in certi ambienti è molto noto. Io invece lo vedo come un fallito, la cui personalità gli ha impedito di raggiungere risultati che aveva già in mano.
    Come lui ce ne sono a dozzine in giro in ogni città, gente con le stesse capacità, con cui fare gli stessi discorsi, da trovare negli stessi posti.
    Io però ho lavorato tanto su me stessa per arrivare a questa conclusione, usando anche materiale e informazioni datemi da amici comuni.
    Lei forse questo percorso non riesce a farlo perché c’è dentro fino al collo.
    Per la moglie del tuo ex il discorso potrebbe essere simile.

  • avvocatodistrada, 16 Dicembre 2021 @ 07:48 Rispondi

    @angelina, non giudicarti,è chiaro che non avendoti come me incontrato questo tipo di persone, se guardi a ritroso ti senti un fesso,
    comunque assicurare che le dinamiche comportamentali sono le stesse,
    il lato positivo e che sono persone profondamente turbate dentro anche se magari ostentano altro,
    e le persone che gli stanno vicine poi non sono tantissime, vedrai che anche la moglie prima o poi tirerà una riga su di lui, se non l’ha fatto è perche’ se noi che conosciamo queste persone da 3, 4 anni, non ci rassegnamo ai loro comportamenti, figuriamoci una moglie, un marito che le conosce da 15 anni e che ci ha dei figli,la consapevolezza puo’ essere anche devastante, quindi io credo che si tenda a dare un giudizio non totalmente negativo,
    ci pensi avere la consapevolezza di aver avuto vicino per 15 , 20 anni, una schifezza umana, egoista , opportunista,succhia energie
    meglio pensare che è una persona problematica con le sue debolezze,
    le persone non dico a posto, ma comuni non si comportano cosi, anche se il giorno prima gli fosse morto un genitore.
    documentati sull’essere narcisisti, se ne scoprono , tante,
    indifferenza,indifferenza..@angelina, tanto te lo dico prima o poi ti manderà un messaggio per sondare

  • Lolly, 16 Dicembre 2021 @ 07:26 Rispondi

    Esattamente @elleelle….loro sono bambini…e vogliono una mamma. Lo hanno ammesso diversi uomini di mia conoscenza, nonché uno psicologo…trovare un uomo che davvero si pone un gradino sopra la donna è difficile. A letto si sentono ” Tori da monta”, nello sport ” supereroi”, nel lavoro “macchine da guerra”…ma nei sentimenti, nel quotidiano, amano essere guidati da una donna. E la madre dei loro figli nel tempo diventa anche la loro mamma e l’amante la fidanzata. A me è successo così…e se il copione si ripete anche per altre…qualcosa vorrà dire. .

  • elleelle, 16 Dicembre 2021 @ 06:51 Rispondi

    @Azzurra
    Quello che scrivi a @Angelina è molto importante, secondo me. Cercare una risposta che confermi che siamo state importanti anche contro ogni evidenza del contrario non fa altro che legarci ai ricordi, a quello che è stato, al fatto che lui avrebbe voluto ma non poteva e tutte queste belle cose che però offuscano la realtà: noi eravamo solo oggetti.
    Credo che avere capito di essere stata solo un oggetto il giorno dopo la rottura sia stato fondamentale nel cancellare ogni bel ricordo immediatamente. Da subito non ho sentito la mancanza, da subito mi sono resa conto che era stata tutta una finzione, una recita.
    Ero così arrabbiata per quello che aveva fatto, che per me resta una cosa imperdonabile, che ho saltato a piedi pari la fase delle domande e dei perché legati al rimpianto.
    Di domande e di perché ne ho avuti tanti poi, per capire il suo narcisismo e quello che mi era successo, le mie reazioni e così via. Ma erano domande di distacco, non domande di cui cerca ancora il bello in quello che c’è stato.
    Non c’è stato niente di bello, purtroppo. Il bello era recitato, il brutto era sempre lì, scaricato addosso a noi senza motivo.
    Essere state un oggetto non è colpa nostra, non è una misura del nostro poco valore. È una misura di come sono loro e cioè delle persone disturbate in modo spesso irreparabile.

  • Angelina, 16 Dicembre 2021 @ 00:23 Rispondi

    @Elleelle mi hai fatto ridere!!!
    Beh con la psicologa sua era venuta fuori proprio questa cosa che lei era una mamma per lui…
    Comunque concorso pienamente con te.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 20:05 Rispondi

    @Lolly
    Io al mio ex chiedevo come andava, come stava, di fare attenzione se guidava dopo aver bevuto un po’… Quale persona interessata non chiede queste cose? Se ci fossimo messi assieme, avrei fatto lo stesso.
    Che è poi quello che chiedo anche a mio marito. Se viaggia gli auguro buon viaggio, gli chiedo di chiamarmi quando arriva, mi sembra una cosa così normale…
    Questa però è gentilezza, non vuol dire fare la mamma. Mio marito è un adulto e io non sono sua madre. Lo stesso per il mio ex, gli avevo detto chiaramente che non ero sua madre.
    Forse è proprio quello che vogliono, una mamma che li vede come bambini un po’ monelli ma che non li metterà mai in punizione più di tanto.
    Guarda la moglie dell’ex di @Angelina, che l’ha beccato e buttato fuori di casa ma che si preoccupa se lui non mangia, gli dice che non è arrabbiata, gli fa la lavatrice ecc.
    Qui si va al di là della gentilezza, si arriva tra la mamma e lo zerbino.
    “Guarda cara, ti faccio le corna da sei anni, ti racconto una fraccata di balle, sono depresso e lagnoso, impongo i miei malumori e i miei va e vieni, ma sai che sono un po’ birichino e comunque ho anche delle doti, ad esempio so sistemare le mensole in salotto”.
    Fa un po’ ridere, no?

  • Angelina, 15 Dicembre 2021 @ 19:16 Rispondi

    @Azzu si hai ragione fa male essere cancellati dall’oggi al domani…vedere di botto un’indifferenza…fa molto male,soprattutto perché so che è colpa mia,gli ho permesso io questo…ho fatto passare anni inutilmente,ne ho buttati sei,solo ora mi rendo conto e mi do della stupida,avevo tutte le risposte li pronte…sai in tutti i tiri e molla sono tornata perché gli davo un alibi,lui tornava piangendo e io gli credevo invece di guardare alla verità dei fatti…ma ora ho capito credimi…molto bene…a volte non so come rialzarmi da tutto questa devastazione…ci sono dei momenti che mi sento a terra che mai.

  • Molly, 15 Dicembre 2021 @ 18:03 Rispondi

    Wow @Anto hai detto cose preziose a @Leilei. Sta facendo un percorso e piano piano interiorizzerà molte cose che dal punto di vista razionale sa benissimo. Le ci vuole un po’ di tempo ma ce la farà.

  • Lolly, 15 Dicembre 2021 @ 17:28 Rispondi

    Gli uomini percepiscono l’amante come un isola felice, di spensieratezza, di ritrovato entusiasmo e gioventù….il paragone con la moglie non regge…e loro lo sanno. Salvo qualche caso di vero interesse e voglia di ripartire insieme, nessun uomo lascia il certo per l’incerto….per ritrovarsi con una donna che a lungo andare sarà una seconda moglie? o peggio ancora ritrovarsi SOLI????… sono terrorizzati nel perdere il loro nido e vivere il quotidiano senza una donna che li accudisce, li aspetta la sera, telefona per sapere come va?…prima di tutto loro vogliono l’accudimento…il resto è secondario…ed I fatti lo dimostrano!! Ecco perché vince la moglie….nient’altro…loro sono semplici e basilari.

  • cossora, 15 Dicembre 2021 @ 16:25 Rispondi

    @elleelle al mondo ci sono persone e persone.
    Ai grandi le cose grandi ma è giusto anche che esistano le cose piccole e le cose medie.
    E’ giusto che tutti abbiano la loro ‘cosa’.
    Io non approvo ma capisco le conseguenze della frustrazione altrui e so benissimo (a prescindere che poi io me ne freghi) che anche la persona peggiore è peggiore per qualche (buon) motivo.
    Quando annuso questa circostanza mollo il colpo e sto alla larga, mi faccio i fatti miei.
    Individualista? Egoista?
    Ripeto: non faccio male a nessuno, a me stessa per prima.

  • Azzurra, 15 Dicembre 2021 @ 15:56 Rispondi

    @Angelina non c’era nulla da nascondere, oramai era tutto alla luce del sole. Lui non ti ha nascosto ti ha cancellata. Come ha fatto il mio. Non ho detto che lo stai giustificando @Angelina ma come me stai cercando delle risposte ai suoi comportamenti che ti facciano capire che : si sei stata importante per lui ma che per fattori che non dipendevano dal vostro rapporto lui ha dovuto chiudere. So che fa meno male viverla così, ma ci stiamo raccontando una verità che accarezza la nostra ferita… perché fa troppo male guardare in faccia la realtà. Ma la verità non è questa e lo sappiamo bene e la dobbiamo accettare ed affrontare altrimenti non se ne esce, resteremo ferme li alla loro merce’ ogniqualvolta gli verrà la voglia di tornare e gli basterà fare la vittima che subisce la pazzia della moglie per farci ricadere e tornare sui nostri passi. Poi dovrai ricominciare tutto di nuovo… è estenuante davvero. Io non ce la farei. Capisco la tua sofferenza perché è la stessa mia, non si tratta semplicemente di affrontare la fine di una relazione ma molto, molto di più.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 15:26 Rispondi

    @maribel
    Beh, di solito ce n’è per tutti e so che non sei tra le favorite nemmeno tu.
    Io di Osho conosco la pagina satirica sul social, non credo possa bastare.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 15:22 Rispondi

    @Cossora
    Lo so e lo faccio molto spesso, credimi. Salto molte provocazioni, ogni tanto però no. Bisogna imparare a rispettarsi e se una persona ti chiede chiaramente e più volte di lasciarla stare, la si deve lasciar stare. Non si devono prendere i suoi commenti, copiare le sue parole ed essere sempre pronte a trovare un motivo per discutere o criticare. Al mondo ci sono argomenti sufficienti per non attaccarsi a quelli degli altri.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 15:12 Rispondi

    @Molly
    Non sono di certo una vittima né mi descrivo come tale, vorrei solo che tu non usassi i miei commenti in alcun modo. Secondo me ce la puoi fare, o no?
    Scrivi le tue cose senza attaccarti a quello che scrivo io, visto soprattutto che ogni volta lo fai per dare contro e criticare.
    Non importa se non mi citi con il nome, perché comunque prendi le cose che scrivo e lo sai benissimo.
    In ogni caso, ti è stato chiesto varie volte, vedi di farlo e di non provocare inutilmente. Io con te non voglio avere a che fare e tu dovresti rispettare questa mia richiesta.

  • Anto, 15 Dicembre 2021 @ 14:37 Rispondi

    @leilei, dato il mio percorso personale con un genitore che voleva essere amato ma non amare, posso capirti benissimo, ma capisco anche perché si innescano certe dinamiche che a un certo punto vanno pero’ lasciate andare, soprattutto se si é superato il mezzo secolo.
    Credo, e dico credo perché non ti conosco, che tu non ami ne’ tuo marito ne’ il tuo amante, perché importante per te é essere amata e avere le riserve d’amore compensative. Non lasci tuo marito non perché hai promesso, ma perché non avresti piu’ una parte di persona che vede in te un elemento irrinunciabile.
    Quando non ti ama abbastanza tuo marito (che a parte gli esempi che hai citato, pero’ ha dimostrato di tenere molto a te), compensa l’amante, cosi come credo che ti focalizzi soprattutto sugli elementi negativi per definire se una persona é tutta bianco o tutta nero. Ti capisco perché se devi cercare di giustificare gli atteggiamenti negativi di chi dovrebbe amarti incondizionatamente, ti abitui a fare cosi.
    Ma il tuo essere ipervigile su marito e amante deve interrompersi. Devi focalizzarti su di te e non su come ti vedono e percepiscono gli uomini che ti circondano.
    E’ uno stress pazzesco vivere cosi. Niente sarà mai come vuoi. Nessun amante, marito ti venererà come vorresti essere venerata per il resto della tua vita. E il tuo amante non lascerà la moglie. Tu vali lo stesso. Ma senza queste dimostrazioni probabilmente, in fondo in fondo, non ne sei convinta.
    Lascia un po’ fluire, se vuoi un consiglio, trova pace.

  • Molly, 15 Dicembre 2021 @ 14:27 Rispondi

    @Ellelle ho l’abitudine di commentare scegliendo io, come tutti, cosa voglio scrivere, da che stimolo partire. Non ho rivolto a te NULLA. Quando cito qualcuno scrivo il nome preceduto da @come facciamo tutti. Mi dispiace aver toccato un nervo scoperto con le mie parole. Perché appena vedi il mio nome non passi oltre come dici di fare? Puoi farlo, sai!

    Io non ti offendo e non ti calcolo proprio.

    Quello che scrivo non è per te, ma per chi lo vuole leggere. Se parte da ciò che scrivi tu, è nel blog, ma non è rivolto a te. Non so come dirtelo. Piantala una buona volta di fare la vittima. Poi fai pure quello che preferisci.

  • Angelina, 15 Dicembre 2021 @ 14:22 Rispondi

    @Elleelle questa ragazzina ha visto il padre entrare e uscire di casa tre volte,lo vede piangere e lei l’ha sempre messa di fronte a tutte queste cose…io ho sempre detto a lui che alla bambina andavano spiegato le cose a cose fatte,se mai fosse uscito…invece sua mamma le ha sempre raccontato come fosse un’amica…per me questo è sbagliato ma è casa loro,ognuno a casa sua si comporta come meglio crede…ti dico solo che lei mi ha scritto dopo successo il fatto appunto riferendosi alla bambina…come se la colpa fosse mia e io che c’entro con sua figlia?L’ha coinvolta lei mica io.
    Però non posso negarvi che da mamma ci sono sta male,non sono stata fiera di me…avrei dovuto troncare tanto prima.
    @Azzu forse mi sono spiegata male io non lo sto giustificando eh…anzi…so benissimo che a lui non è mai importato di me…dicevo solo che ha dovuto nascondere il cadavere (io) il più fretta possibile anche per questo.
    Eh si hai ragione forse l’ha fatto apposta a farmi sentire questo peso e non è stato bello…

  • Marcelle, 15 Dicembre 2021 @ 14:06 Rispondi

    Grazie @Ariel. Io a volte tendo a divagare, a confondermi nei massimi sistemi, nella ricerca di dare un senso a concetti come amore, relazione, famiglia, giusto/sbagliato… Poi, ed anche con l’aiuto della mia bravissima psicologa, faccio il punto e mi dico stop. Basta. Il mio modo di sentire, i miei limiti o tensioni ideali non li posso cambiare e sinceramente non voglio. Non sono mai stata parte di gruppi di pensiero perché ho una individualitá molto forte, aperta e che tende al dubbio, per questo non abbraccio assiomi generali. Mi piace la gente cosí, che si interroga e che prende strade convenzionali o no purche lo faccia convintamente non perche é “giusto” secondo la dottrina comune.

    Volevo dire a @tutte/i che scrivere qui mi ha aiutato. Sono piú serena. Io non parlo di lui con nessuno a parte la psicologa. Mi sono sfogata e vi ringrazio per avermi ascoltata.

  • Molly, 15 Dicembre 2021 @ 14:02 Rispondi

    “E se non posso sforzarmi di provare amore per lui, posso però continuare a impegnarmi per fargli fare la vita di sempre.“

    Faccio moooolta fatica a capire la ragione di voler per forza impegnarti a fargli fare la vita di sempre.

    Non approvo il tradimento, questo è ormai chiaro, ma per chi si ostina a pensare che io sto aggrappata con le unghie a mio marito beh, io certi “zerbinismi” bon li capisco proprio, specie se non lo ami lo trovo privo di senso. Ma è la tua storia e se a te va bene così e trovi il tuo equilibrio nell’amante…

  • cossora, 15 Dicembre 2021 @ 14:01 Rispondi

    @ginger ottobre 2016 inizio crisi coniugale (stop al sesso e coccole e vicinanza fisica) tra dormire separati/non invitare nessuno/dirsi le cose chiaramente/accettare e decidere insieme come dirlo ai ragazzi/andare in terapia per tutelarli e sua uscita di casa.. giugno 2018. Tutto spinto, introdotto, addolcito, spiegato da me. L’ho preso per mano, letteralmente.

    ps io non nomino ne il mio amante di allora ne la sua (che è la sua donna uffciiale oggi) perchè non li ritengo minimamente responsabili. Noi abbiamo scelto qualcuno che non era il ns coniuge. Uno valeva l’altro.

  • cossora, 15 Dicembre 2021 @ 13:56 Rispondi

    @elleelle .. buona tesoro, giro a te il consiglio che hai dato a me: passa oltre!
    Hai mai avuto amici che a 20 anni andavano nei locali apposta per attaccar briga?
    Voglio dire, quelli si vestivano e profumavano e prendevano la macchina e si facevano i km per andar ad attaccar briga.
    Con chiunque. Con il mondo. Perchè non avevano voglia di prendersela con se stessi.
    Vai avanti, salta i post, detòna.

  • maribel, 15 Dicembre 2021 @ 13:44 Rispondi

    @elleelle cara, ma no, era rivolto anche a me il commento di molly! mi ha anche detto di leggermi Osho!

    la nostra molly ondeggia tra l’estremo sacrificio che dobbiamo usare nelle relazioni, al concetto di non dovere nulla ma donare, che quindi presuppone che uno lo faccia senza sforzo poichè gli viene dal cuore.

    @Molly, se AMI fai tutte queste cose che tu chiami doveri e sacrifici, li fai senza nemmeno pensarci proprio perchè il motore potentissimo dell’amore ti dà tutte le energie per farlo volentieri. poi come dice @alessandro molto bene, può anche cambiare negli anni, MA I FONDAMENTALI devono restare per sempre.

    qui si parla di coppie finite, di relazioni che non funzionano più, magari dopo tanti e tanti tentativi. buon per te se la tua funziona e soprattutto se cio’ che la tiene insieme è il sentimento.

    vi abbraccio tutte.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 13:44 Rispondi

    @leilei
    Devi staccarti da questa visione del vostro rapporto. È vero, vi siete sposati, ma il matrimonio per funzionare deve essere reciproco. Se lui preferisce andare al circolo piuttosto che venirti a trovare in ospedale, hai già la risposta che cercavi. Tu non hai nessun obbligo da rispettare a questo punto e la vita che desidera fare la può fare da solo.
    Secondo me la cosa migliore in questo momento è lavorare su te stessa come persona a sé stante e non perdere troppo tempo pensando a lui.
    Ne hai già perso tanto, accantona per un po’ di tempo i pensieri su tuo marito e sul vostro matrimonio. Hai altro da capire e da risolvere dentro di te che è molto più importante in questo momento.

  • Ariel, 15 Dicembre 2021 @ 13:04 Rispondi

    Marcelle condivido in Totò questo tuo commento !
    La penso esattamente così come scrivi e pure io preferisco parlare con mio psico piuttosto che seguire sui social le variegate amenità di frasi preconfezionate di Osho
    Che notoriamente la massa a mo di pecoroni ci va dietro così perché usa fa moda osso pare sia il maestro di verità rivelate

    Che ognuno pensi con la sua testa e che per farlo sicuro occorre e sta utilissimo parlate col proprio psico possibilmente evitare gli amici picnic o perché occorre la DISTANZA PROFESSIONALE e i suggerimenti ed opinioni dati dalla amica psico ovviamente non hanno nessun valore reale se non opinione in libertà ma la terapia psicologica è e deve essere seria e cioè sul non ti conosco

    Lo scrivo perché spesso qui ho letto ed anche in altri blog sta cosa del amica o amico psico che SPUTASENTENZE e tutti a bere a mo di oro colato

    Cara Marcelle saper distinguere tra le persone e le esperienze quali siano scientificamente valide per chiunque è sicuro da pochi
    E tu sicuro a leggerti sei tra i pochi e ottimi pensieri e riflessioni validissime!!!

  • Azzurra, 15 Dicembre 2021 @ 12:40 Rispondi

    @Angelina ma ragiona : se tu amassi una persona davvero riusciresti a chiudere come ha fatto lui? A ragionare come stai facendo tu gli stai dando un’attenuante : lui si è comportato così per non perdere la figlia. Invece non è così. 6 anni @Angelina non 6 mesi! Sapeva a cosa andava incontro, se avesse avuto paura avrebbe chiuso prima. In più il senso di colpa che tu provavi lo ha fatto nascere lui in te facendo leva sulla tua empatia e sul tuo essere donna e mamma. Imparasse a fare l’uomo e a risolvere i suoi problemi con maturità, non scaricandoli su di te. Sono solo scuse @Angelina

  • Ginger, 15 Dicembre 2021 @ 11:56 Rispondi

    Secondo la mia personale statistica, ci vogliono 5 anni per separarsi, dal momento in cui si prende in considerazione l’idea al momento in cui lo si fa per davvero, e non da finti separati, un po’ separati e un po’ insieme.
    @lolly @cossora @oldplum e le altre separate, quanto ci avete messo voi?

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 11:24 Rispondi

    @Ariel
    Forse riesco a essere più chiara perché la mia situazione è diversa da quella delle altre ragazze.
    La fine del mio rapporto non è stata precipitata dal tradimento. Io sapevo già che era finito e che non eravamo più coppia ma squadra.
    È più facile avere chiarezza se lo sai da tempo. Da quello che ho letto nei due anni che frequento il forum, la maggior parte aveva ancora rapporti (anche se saltuari), altre vivono realtà di paese molto giudicanti, altre non conoscevano veramente il partner, altre non pensavano che il loro rapporto ufficiale stesse andando così male.
    Come ho scritto in passato, mi stupisco sempre quando leggo di coppie sposate che non si conoscono davvero, che non si parlano, che non fanno riferimento all’altro se ci sono dei problemi in modo da risolverli assieme.
    Eppure è una situazione molto frequente e che non può essere ignorata, perché a quel punto è difficile avere chiarezza dentro di sé.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 11:12 Rispondi

    @Ale
    Credo inoltre che sia inopportuno consigliare alle persone di accettare i difetti altrui “perché sono fatti così”. Ci sono coppie in cui non ha senso continuare a chiedere, comunicare, cercare di fare capire ecc.
    Non ci dobbiamo per forza accontentare e adeguare perché ci siamo sposati, altrimenti separazione e divorzio non esisterebbero.
    Ci sono personalità che non sono fatte per stare assieme a lungo termine ed è meglio che non venga sempre ventilata un’opportunità di recupero, soprattutto quando ci sono persone che stanno seguendo un percorso con uno psicologo.
    A volte il bisogno è quello di ripartire da soli, con le proprie forze. Il bisogno non è chiedersi cosa si è fatto o non si è fatto e come cercare di far andare avanti un rapporto defunto da anni.
    È molto facile far sentire in colpa una persona che sta vivendo un momento di difficoltà e deviarla dal vero percorso che deve fare su se stessa, invece di essere proiettata verso un marito che è disinteressato da anni.
    Per me vedere tutto in funzione di ricostruire un rapporto matrimoniale è errato, soprattutto in casi come quelli di cui si parla qui.
    Prima c’è il proprio percorso personale, poi viene il resto. Ci vuole pazienza e se si viene spinti o consigliati di sovrapporre il salvataggio del rapporto ufficiale, secondo me il rischio di sbagliare e avere pochi benefici è altissimo.

  • Ariel, 15 Dicembre 2021 @ 11:03 Rispondi

    Però @Molly ,riferendomi a ciò che hai scritto a @Leilei
    Credo che ciò che esprime Leilei dicendo che il marito non si è comportato come lei stessa ha rimarcato in modo per lei consono al poter sentirsi davvero dentro ad una equilibrio del Dare ed Avere
    Che resta fondamentale al fatto che il legame affettivo funzioni

    Aiuta molto Leilei il fatto che sta in questo periodo scoprendo meglio la vera sé stessa e che cosa davvero lei nella sua unicità di persona vuole e sente di essere
    Scoprire i propri talenti significa quelli nascosti e sepolti dalla polvere del tempo antico in cui da piccole si ricevevano messaggi in ogni forma di comuni soprattutto non verbale dai propri genitori e ambiance famille e societé.

    Così il fatto di dire mio marito non mi ha dato questo o quest’altro sta più che logico e legittima osservazione che rappresenta molto di più di positivo di ciò che in apparenza sembra se solo si legge la frase nel suo apparente significato riferito al marito

    Ma per Leilei e chi fa un vero percorso di scoperta del proprio se del finalmente dedicarsi alla propria bambina interiore che non aspetta altro che venire coccolata e averne cura esattamente per come si è nella propria unicità di persone

    Obbiettivo PRIMARIO per la propria vita personale resta univi o obbiettivo perché si basa su scienza

    SCOPRIRE LA PROPRIA UNICITÀ DI PERSONA POTERSI ESPRIMERE DAVVERO LIBERE DA NODI ANTICHI

    Questo procedimento si può davvero realizzare in un vero percorso di RESPIRO TERAPEUTICO
    Ecco perché Leilei FINALMENTE PER LEI STESSA SI AMA COME NON HA MAI FORSE FATTO NELLA SUA VITA

    Si prende cura di se e mette dei CONFINI DEI PALETTI scoprendo il perché non le sia piaciuto stare e relazionare col marito e pure probabilmente scoprire come mai
    Se lo era sposato ecc etc .

    Bellissimo poter finalmente fare ordine per se stesse e dentro se stesse quelle vere !!!
    Non quelle che VOLEVANO FOSSIMO GLI ALTRI….( vedi famille Et ambiente sociale di crescita )

    Credo quindi che le tue riflessioni qui pur se condivisibili in realtà non tengano conto del SIGNIFICATO NASCOSTO da ciò che scrive Leilei
    Inconscio ci detta le parole e Leilei sta FINALMENTE SCOPRENDO TUTTO DI SE STESSA!

    Ogni cosa che esprime è una vera Benedizione nella sua vita è sicuro la porterà a rendersi ciò che è come Unica Persona la vera sé stessa

  • cossora, 15 Dicembre 2021 @ 10:33 Rispondi

    @Elleelle non so esattamente a cosa tu ti riferisca ma ‘guarda e passa’ mi piace quindi l’accendo.
    Vivo sostanzialmente il mio ‘letargo’ (figli/amiche/lavoro) interrompendolo con delle ‘bolle’ di passione (che non è solo inetsa come sesso ma come atmosfera, fuga, nuovi luoghi, sapori, esperienze)
    Mi piace molto questa modalità di vita non inclusiva.
    So benissimo che la mia versione innamorata vorrebbe fondere tutto insieme 🙂

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 10:28 Rispondi

    @Angelina
    Scusami ma secondo te questa ragazzina è scema o la trattano come tale?
    Il casino che hanno messo in piedi deriva dalla loro incapacità di comunicare con lei che il loro rapporto non funziona più e che per quel motivo hanno scelto di vivere separati. La separazione non è più una mosca bianca, in ogni classe scolastica ci sono bambini con genitori separati ormai.
    Se loro le avessero parlato nella maniera opportuna, avrebbero potuto tranquillizzarla e rassicurarla.
    Invece cos’hanno fatto? Un bordello, di fronte ai suoi occhi, senza alcun preavviso.
    E questa sarebbe colpa tua? Come, eri tu in casa loro a non sapere come gestire la situazione?

  • maribel, 15 Dicembre 2021 @ 09:59 Rispondi

    @molly
    “In una relazione d’amore non si DEVE nulla. Si dona perché si vuole donare, non per dovere, ma perché si è così”.
    è così.

    dunque vedi che il SACRIFICIO di cui tu parli in altri post non è altro che il sentimento che provi e che ti fa fare mille cose pesanti senza sforzo: fai perchè ti viene, perchè non vorresti altro che il BENE dell’altro.

    ma come dice bene @ariel deve esserci reciprocità, non dipendenza, ci deve essere RELAZIONE, non uno che fa e l’altro che riceve. è questione di autostima. di amarsi.

    e condivido in toto anche le parole di @marcelle, a volte lasciare andare una relazione che ha dato tutto quello che aveva è sintomo di maturità e di profondità.

    e anch’io preferisco parlare con la mia psicologa che leggere Osho. mille volte, proprio.

  • Cri28, 15 Dicembre 2021 @ 09:32 Rispondi

    @Elleelle, mi è piaciuto molto il tuo commento. A volte ho l’impressione che molti problemi nascano proprio perché ci sono persone che dalla relazione si attendono soprattutto stabilità e condivisione della quotidianità, incluso i sacrifici, e altre per le quali è importante conservare intimità e passione. A volte quello dei due che ha sottovalutato l’importanza del sentimento, cerca di riaccenderlo per non perdere la persona che ha a fianco, anche con queste terapie in extremis, ma spesso a quel punto è troppo tardi.

  • elleelle, 15 Dicembre 2021 @ 09:17 Rispondi

    @Molly
    Di nuovo prendi un mio commento per fare sarcasmo, per chiedere se siamo tutte Maria Teresa di Calcutta. Poi dici a Cossora che sta male.
    Secondo me invece stai male tu. Ti ho chiesto ripetutamente di non prendere i miei commenti come “ispirazione” per le tue tirate e tu non riesci.
    Perché cerchi a tutti i costi un’interazione con me, per di più sempre in modo provocatorio e scortese? Che cosa vuoi esattamente da me, di cosa hai bisogno?
    Io non mi rivolgo a te da settimane se non per chiederti di lasciarmi stare e di ignorarmi. Perché non riesci a farlo? Cosa ti rode così tanto e cosa speri di ottenere?

    @Ale
    Ti chiedo gentilmente di pubblicare di nuovo questa mia richiesta, chissà che a furia di ripetere non capisca prima o poi…

  • Marcelle, 15 Dicembre 2021 @ 09:08 Rispondi

    “Gli uomini che abbiamo incontrato sono italiani e spesso sono molto provinciali nella loro visione della vita.”
    vero, @elleelle, é italiano. Io vivo all’estero da 10 anni e vengo da una realtá molto povera in termini di prospettive economiche, quindi il mio campione é abbastanza falsato. L’unico italiano che conosco bene ad avere due figli in eta scolare é la mia cara amica d’infanzia di questa estate.. A 36 anni. Dice molto di una generazione di emigrati.

  • Angelina, 15 Dicembre 2021 @ 09:04 Rispondi

    Ale credimi non lo giustifico assolutamente…lui è uno str…bello e buono travestito da povero martire,cosa che passa da fuori…ora l’ho capito…ma in tutta questa situazione dove lui è “sparito”così,lei prima lo butta fuori e poi lo chiama preoccupata,la sua migliore amica che lo consola…mi sento io quella scema…
    Che situazione deprimente comunque come mi ci sono infilata?

    • alessandro pellizzari, 15 Dicembre 2021 @ 13:33 Rispondi

      Inutile perdere tempo sul latte versato l’importante concentrarsi sul futuro

  • Leilei, 15 Dicembre 2021 @ 08:53 Rispondi

    Dispersa nessuna scusa, sono fatti oggettivi che ho raccontato e per i quali ho visto visi sbigottiti. Io chiedo solo se ne ho davvero bisogno, e anche in questo caso ho trovato risposte egoistiche, volte solo al suo interesse. Non ho bisogno di crearmi nessuna scusa per mettere a tacere sensi di colpa che non ho.

  • Leilei, 15 Dicembre 2021 @ 08:50 Rispondi

    Molly io ho sempre parlato chiaro con mio marito, ho chiesto quando avevo bisogno (solo in quei casi, per il resto mi sono sempre arrangiata da me), la risposta è stata:; non ne ho voglia.
    Non posso specificare le situazioni perchè Alessandro censurerebbe per la privacy, ma questo esempio devo farlo e autorizzo Ale a pubblicarlo: ero in ospedale, gli ho chiesto se mi veniva a trovare, mi ha risposto che dipendeva da che ora veniva via dal circolo (considerate che causa covid era permesso solo a lui di venire). e ho detto tutto.
    Se lui si diverte di più a starsene al circolo invece di venire a trovare la moglie sofferente, anche io mi diverto di più a stare con l’amante.
    Già solo per questo episodio avrei dovuto mollarlo, smetterla di preoccuparmi di lui e di occuparmi di lui. Ma non l’ho fatto, e non perchè lo amo. Ma perchè mi sono presa un impegno nei suoi confronti quando l’ho sposato. E se non posso sforzarmi di provare amore per lui, posso però continuare a impegnarmi per fargli fare la vita di sempre.

  • Dispersa, 14 Dicembre 2021 @ 22:34 Rispondi

    @Hara condivido il tuo commento a @Leilei… Anch’io a volte mi ritrovo a pensare ‘ahh ecco perché ho fatto questo, perché lui si è comportato così…’ ma guardate da fuori sono balle e scuse che ci raccontiamo per metterci il cuore in pace!!

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 22:23 Rispondi

    Parlane con la tua terapeuta, @Leilei. Non so se tuo marito ti DOVEVA qualcosa. In una relazione d’amore non si DEVE nulla. Si dona perché si vuole donare, non per dovere, ma perché si è così. Tuo marito non è che con te è egoista perché non ti ama ma perché è fatto così, perché ha dei limiti in questo senso. E lo sai da molto tempo. Sei sicura di averglielo fatto sapere con grande chiarezza che desideravi che lui restasse al tuo fianco? Hai dato qualcosa per scontato? Come è la vostra comunicazione? Il nostro errore spesso è di avere delle aspettative e pretendere che l’altro faccia a noi ciò che faremmo noi a loro con la NOSTRA sensibilità e il NOSTRO metro. Lui te lo DOVEVA perché doveva capire? Lo hai fatto sentire importante come presenza, gli hai comunicato che desideravi la sua presenza, che saperlo lí ti rassicurava? Lui sa che sei sempre pronta per gli altri, che sei la colonna portante della famiglia. Ti sei posta per una volta nel ruolo della persona fragile e vulnerabile o ti ha vista comunque come la persona stoica che ce l’avrebbe fatta? Hai comunicato nella maniera in cui lui poteva capire? Sembrano domande stupide ma la comunicazione non avviene in maniera scontata.

    Se si misura la capacità di volare a un coccodrillo si rimarrà delusi. Ma il coccodrillo avrà altre doti che nessun uccello può avere.

  • Angelina, 14 Dicembre 2021 @ 21:32 Rispondi

    Azzu sono sempre più vicina a te,sai invece nell’ultimo periodo a situazione ribaltata come mi facesse sentire lui?
    Lei l’ha messo con le spalle al muro davanti la figlia facendo venire fuori il mio nome,mi sono sempre chiesta, capisco la rabbia di lei ma lui non poteva salvaguardare sua figlia quanto meno da questa cosa?Lei ha saputo di me e tutto il pomeriggio ha fatto domande alla madre di me…potete pensare come si sia sentito lui di fronte la figlia…nei giorni dopo lui mi scriveva che per uno come lui,proprio così mi diceva,una scena del genere era stata straziante,che non se la toglierà più dalla testa…che a detta di sua mamma sua figlia continuava ad avercela con lui perché lui era uscito per me(cosa non vera)faccio fatica a spiegarmi cosa provassi quando mi diceva queste cose…mi sentivo uno schifo io..mi sentivo la colpa di tutto…mi faceva stare male tutto questo…io sono sicura che lui abbia chiuso tutto soprattutto per questo,perché frequentare me voleva dire dare ragione e passare da brutta persona nei confronti di sua figlia.
    Sbaglio a sentirmi tale?Perché ancora io quel peso lo sento addosso.

    • alessandro pellizzari, 15 Dicembre 2021 @ 07:13 Rispondi

      Sbagli perché sua figlia non se la deve prendere con te che non sei nessuno, ma con lui che è suo padre. E sono cavoli loro. Smetti di giustificarlo e di farti sensi di colpa che non hai

  • Marcelle, 14 Dicembre 2021 @ 21:26 Rispondi

    @molly, in ultimo ti dico che all’impegno io ci credo. Non é la prima relazione che ho avuto nella vita. Hai mai pensato che forse se tante coppie si mollano é un bene tutto sommato? Tolti gli estremi resta il centro. Ed il centro é fatto di una societa nuova, di gente che inizia una relazione credendoci ed impegnandosi, non abbandonando alle prime difficoltá. Poi si rendono conto che la vita é una, che la serenita possa anche essere stare soli (non necessariamente avere una nuova relazione in caldo). A me loro piacciono, li trovo coraggiosi e onesti.

    Io non credo di essere superficiale. E preferisco parlare con la mia psicologa che leggere Osho.

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 21:18 Rispondi

    @Azzurra
    Il solito mentecatto che cercava di fare la figura dell’uomo sensibile e preoccupato per gli altri. Fosse stato così preoccupato per loro, non avrebbe fatto soffrire te.
    Stessa cosa che avevo detto al mio ex: non ripetere quello che hai fatto le altre volte perché non è giusto che i miei figli mi vedano soffrire.
    Ha capito così bene che sai come si è comportato.
    Per usare un termine caro ad @Ale, sono persone amorali.

  • Marcelle, 14 Dicembre 2021 @ 21:15 Rispondi

    @Molly giustissimo quello che dici, ma per il mio bene, non il suo. Lui attua questi schemi perche da me prende, ma non da, quantomeno ora. Ed il fatto che torni ciclicamente con un discorso aperto di recupero/separazione/crisi con la compagna non mi fa pensare assolutamente tutto il bene di lui o di loro come coppia. Ma non é un mio problema.

    E poi Molly, io sono cosi, ricevo le confidenze di tutti, accolgo ed ascolto. Ovviamente da un compagno di vita mi aspetterei di essere un pó ricambiata. Lui l’ha fatto per un pó, altrimenti non sarei qui. Non mi ha ingannata, solo che il suo egoismo, paura di perdere il piano B, quella che gli rafforza l’idea della famiglia unita (amante stampella) poi prende il sopravvento. E l’ho capito benissimo che solo io posso romperlo questo circolo vizioso.

  • Marcelle, 14 Dicembre 2021 @ 21:05 Rispondi

    @hara.. perche io sono quello che lui sacrifica in nome della sua famiglia. Piú o meno é il discorso che mi ha fatto. Io in quanto amore, secondo lui.
    Ora che l’ho scritto qui sul forum, lo leggo senza gli occhi dell’empatia e non vedo l’ora che esca definitivamente dai miei pensieri..

  • Marcelle, 14 Dicembre 2021 @ 20:57 Rispondi

    @Molly, penso che tu mi abbia fraintesa. Io non ho escluso il sacrificio ma che una relazione comporti sempre e solo questo o sacrificare una parte di noi. Perche col tempo quella parte viene fuori, inizia il rancore, il distacco, arrivano gli amanti e cosi.. ci ritroviamo tutti su questo forum!

    Personalmente ho visto tanto sacrificio ed amore nei miei nonni. Sacrifici atavici, ma unione e non in senso “antico”, di quelle coppie che rimanevano insieme perché era giusto cosi. I miei nonni si capivano senza parlare, hanno avuto una vita intima fino tarda eta..e lo dico perche li sentivo di notte quando andavo a dormire da loro da ragazzina!!

    Non mi riferivo a quello che avevi detto tu nello specifico, ma ad un discorso in generale che sembra tenda per preservare il nucleo famigliare fino alla morte anche quando si sta male. Quello per me é sacrificio fine a se stesso e non credo che tu ora saresti accanto a tuo marito per puro spirito di sacrificio! Spero di essermi spiegata.

  • Ariel, 14 Dicembre 2021 @ 20:55 Rispondi

    Concordo con questa tua analisi elleelle
    Ma a me pare che sia principalmente solo tu che esprimi queste riflessioni che qui ti leggo in modo più chiaro
    Perché mo,ti commenti contengono il continuare a stare ancora a scrivere che amore finisce che il marito fa schifo che non scopa ,ma guarda però che qui molti casi ancora stanno immerse nel loro tanto vituperato matrimonio e giù di critiche ma mica che ste donne si prendano la responsabilità di SEPARARSI

    Nooo quello noooo
    Prima faccio le corna da cerco a sfare e chissenefrega di tradire la fiducia non è questione sessuale ma della fiducia e la marea di bugie che molte donne diciamolo senza vergogna hanno raccontato per ANNI MICA UN SPMESETTO

    E poi vengono a scrivere del ammore che finisce ,ma guarda caso dopo che amante so è dimostrato Cialtrone e CIALTRONZO esattamente o quasi al proprio marito
    Vorrei sapere COME MAI CI STANNO ANCORA A MEZZO

    Non venite a raccontarmi le scuse economiche che é stessa tattica usata da ciò che noi abbiamo vissuto nel amantato da parte del CROTICATO CIALTRONZO CHE NON SO SEPARA POVERINO PER VOA ECONOMICA
    O PEGGIO I FIGLI TIRATI PER LA GIACCHETTA A SECONDA DELLA PROPRIA CONVENIENZA

    Ovvio che nessuno deve sentirsi obbligato a stare dentro al matrimonio se NON ESISTE GNIENTE DI RECIPROCO!!

    Ma le Ita resta la domanDONA

    MA ALLORA PERCHÉ MOLTE AMANTI SE NE TORNANO A CASUCCIA BELKE XPZITTE VERSO ODIATO MARITO%????

    Occorre come vedi cara elleelle TERAPIA A STECCA che queste donne fanno acqua da tutte le parti relazioni affettive fallimenti totali!!!

    Chi non ci sta bene che ADPETTA A SEPARARSI???????

    E che si faccia la terapia che OCCORRE TUTTA E NON FINISCE MAI
    Perché a maggior ragione se da adulte NESSUNA RELAZIONE HA MAI FUNZIONATO!!!

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 20:51 Rispondi

    @Cossora
    Se posso, ti consiglio di non metterti in una discussione che non ti porterà mai da nessuna parte. Guarda e passa.

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 20:49 Rispondi

    @Marcelle
    Gli uomini che abbiamo incontrato sono italiani e spesso sono molto provinciali nella loro visione della vita. Anche io ho amici nordeuropei che hanno fatto scelte che gli uomini che abbiamo incontrato non hanno fatto.
    È una questione sociale e culturale.

  • Lolly, 14 Dicembre 2021 @ 20:35 Rispondi

    Osho piace molto anche a me…ed è vero che l’amore ha tante sfaccettature…quello che molte di noi vogliono dire è che l’amore non è eterno perché la vita ti porta a dei cambiamenti personali e la persona che hai sposato 20 anni fa potrebbe non essere più quella con cui ti rivedi oggi…non è un reato…succede. la coppia può ritrovarsi in questo lungo viaggio, l’uno a fianco all’altra , con passione, intimità, affetto, sacrifici, compromessi, quotidianità ed entrambi essere felici e contenti. Ma spesso è dico spesso questo non succede…altrimenti che ci facciamo noi qua?…è ovvio…e da qui si riparte ognuno cercando nell altro ciò che lo fa star bene, ciò che esprime al meglio il suo concetto di amore, rispettando la propria identità e natura. C’è chi dopo una storia stabile ha bisogno di leggerezza ed evasione, C’è chi nella stabilità ci starebbe tutta la vita senza fuochi d’artificio e palpitazioni, c’è chi non si vuole legare a nessuno…chi ci dice cosa è giusto e cosa è sbagliato?? I miei commenti riguardano il mio vissuto che non sarà mai uguale a quello di un altra…pertanto non è un giudizio ma un modo per confrontarsi e socializzare.

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 20:25 Rispondi

    Essere una persona che ha umanità e che c’è per gli amici, i parenti e chiunque abbia bisogno di una mano è la stessa cosa che si farebbe per tutti? Siamo tutti Madre Teresa di Calcutta? Io sono una persona estremamnete generosa e disponibile ad ascoltare, a fare lavori di fatica (ho fatto lavori di muratura, di lavorazione del legno, non sono lo stereotipo della donna che fa solo le faccende di casa e per questo vado in bestia quando qui qualcuno parla di “lavargli le mutande”) ma quello che provo quando sono con mio marito non è lo stesso che provo quando sono con mio cognato o mio fratello. In questi giorni torna da un periodo di trasferta: mi emoziona, sono giorni che facciamo il countdown.

    Cosa distingue l’amore di coppia? Solo il fatto che si fa anche del sesso? Io credo proprio di no.

    Quello che si fa per la persona che si ama non si fa per tutti e sempre e non si fa esattamente con lo stesso spirito. Quando un legame è intimo, si toccano tutte le sfumature di emozioni, dalle belle alle brutte e si sceglie comunque di stare con quella persona perché la si accetta nella sua imperfezione. Sto con te, non ti rifiuto nonostante le tue imperfezioni, non devi avere paura di rivelarti a me.

    Non è civile convivenza o pietas. C’è molto di più.

    Non credo che si provi amore solo per il compagno di vita. Ci sono diverse forme di amore, amore per i genitori, i figli, gli amici, ma solo con una persona ho un progetto di vita, solo con una persona condivido un certo livello di intimità emotiva e fisica, solo con una persona desidero fare certe cose e porto avanti certe scelte. Solo per una persona sopporto anche i suoi genitori con cui condivido poco, mi sobbarco certi pesi. Non lo faccio né per gli amici né per i vicini di casa. Ma per mio marito sì. Ovvio che devo mettere anche dei paletti in modo che non diventi tutto un sacrificio, ma se non si è disposti a fare anche dei sacrifici, siamo davvero a dei livelli emotivi molto sìperficiali. Io la penso così-

  • Azzurra, 14 Dicembre 2021 @ 18:14 Rispondi

    @Ellelle parlando di empatia mi hai fatto ricordare un episodio accaduto tempo fa quando lui, che mi stava lasciando, mi disse che non poteva più andare avanti perché aveva sensi di colpa nei confronti…. udite udite : di mio marito e dei miei figli. Mi disse che se lo avessero scoperto non si sarebbe mai perdonato per il dolore arrecato e soprattutto non accettava l’idea che i miei figli potessero odiarlo. Questo è un bell’esempio di empatia simulata. È lo stesso uomo che dava le pacche sulle spalle a mio marito, che andava a prendere i miei figli e si faceva i selfie con loro e me li inviava. Io ero talmente frastornata e in confusione quando mi diceva queste cose che arrivavo a dirmi che ero una brutta persona, perché io avrei dovuto pensare alla mia famiglia non lui. Se ci ripenso mi sento male davvero. Capite in che sofferenza mentale mi trovavo? Questo dopo che un’ora prima diceva di amarmi da morire. La mia mente faceva fatica a mettere insieme le due cose. Come si può essere così meschini da arrivare a farmi sentire sbagliata, in colpa e allo stesso tempo continuare ad amarlo perché non avrei mai potuto smettere di farlo nell’arco di un’ora!
    Passato un tot di tempo tornava non facendo assolutamente menzione di tutto ciò e se io chiedevo spiegazioni lui rispondeva : ma io ho paura dei casini.

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 17:59 Rispondi

    @Ariel
    Ma io non sono sfiduciata, al contrario. Io sto facendo delle scelte che in questo momento ritengo essere giuste per me, perché sto recuperando dopo quello che mi è successo e sento che non ho tantissimo da dare dal punto di vista sentimentale, ma non mi sto nemmeno strappando i capelli.
    Credo però che il mio punto di vista sia un po’ più allegro e ottimista rispetto a quello di chi vede l’amore come una serie di rinunce e sacrifici o di chi lo vede possibile solo con la persona che si è sposata decenni prima per cui giù di terapia, di giustificazioni, di perdoni anche quando non c’è più niente da fare.
    Quanto durano questi sforzi, che risultati hanno, per quante coppie sono veri?
    Ale ci dice che solo il 20% delle coppie ricostruisce dopo un tradimento e solo in certe circostanze. Per il resto è tempo perso o quasi.
    Qui invece si arriva a sperare che ricostruiscano coppie decrepite, dove l’amore è finito da un pezzo, come se i sentimenti si attivassero a comando, basta sforzarsi e andare in terapia. Non è così, la maggior parte delle coppie in crisi non ha più niente da ricostruire.
    Ci sono tante coppie che funzionano e non sono in crisi, per fortuna ci sono queste realtà ma di certo non sono coppie che vengono da anni di tradimenti.
    Pensare e auspicare che una ricostruzione sia sempre possibile perché tanti anni fa ci si è sposati e solo questo è garanzia di amore eterno è una cosa senza senso.
    Sai chi fa queste cose? Le persone profondamente religiose e quelle che vedono l’amore solo all’interno del matrimonio, per cui tutto il resto non ha senso e non è vero sentimento. Se leggi alcuni siti internet americani, questi sono i concetti che girano.
    Io credo invece nel lasciare andare quando l’amore è finito. Credo nel restare in buoni rapporti per quanto possibile, soprattutto se ci sono dei figli e credo nel darsi un’altra possibilità se si vuole. Ma nemmeno quello deve essere un obbligo. Nessuno può essere obbligato ad avere una relazione o a innamorarsi se non ne ha voglia e non deve essere messo in croce per questo.

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 17:14 Rispondi

    “C’e chi considera che l’amore sia sacrificio e chi considera che l’amore comporti anche del sacrificio, ma non solo e non sempre.”

    @Marcelle se non si è disposti a fare ANCHE dei sacrifici, si cambieranno partner come si cambiano le mutande. Appena qualcosa non va, via e avanti un altro. Stiamo diventando consumistici anche nelle relazioni, la realtà è questa. Non si prova a riparare più nulla. Si butta tutto, anche le persone. sempre alla spasmodica ricerca di una felicità maggiore. Ormai nulla ci rende contenti. Dobbiamo sempre aspirare a di più e ci affanniamo a cercare e cercare e non siamo mai contenti e mai lo saremo.

    E sai perché?

    Perché la felicità non è da cercare negli altri, ma in noi stessi. E non importa quanti partner e quante esperienze di vita facciamo, se non troviamo la felicità interiore, se non siamo capaci di essere felici di stare con noi, non saremo mai felici con nessuno. Se l a nostra felicità la facciamo dipendere dagli altri ci rendiamo vulnerabili e difficilmente saremo contenti perché saremo dipendenti. E non parlo di dipendenza solo economica, ma delle emozioni. Non poter stare senza il partner, controllarlo, pretendere. Questo ci rende bisognosi e nessuno vuole avere a che fare con un bisognoso in amore.

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 16:54 Rispondi

    @Cossora ti percepisco in grande sofferenza e mi dispiace. Non pensare a come amo o non amo io. Pensa a come ami tu e come sei finita tu in una storia che ti ha dato sofferenza. Butta la tua rabbia nel posto giusto. Non disperdere le tue energie.

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 16:05 Rispondi

    mi trasformo nella sua psicoterapeuta, perché da me si sente accolto, capito e non giudicato. Poi, quando viene la mia domanda sul cosa vuole fare o ha capito nelle sue lunghe riflessioni, arriva il non posso.

    @Marcelle nessuno vuole vivere con la sua psicoterapeuta perché è una relazione in cui si è per ricevere, nn per dare. Se tu ascolti lui ma lui non ascolta te non siete sulla stessa lunghezza d’onda e quindi perché mai vorresti vivere con una persona che non ti vede alla stessa maniera! Se tu ascolti lui ma lui non ascolta te non siete sulla stessa lunghezza d’onda e quindi perché mai vorresti vivere con una persona che non ti vede alla stessa maniera?

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 15:59 Rispondi

    @Maribel l’amore NON È SOLO SACRIFICI!! Ma chi lo ha mai detto? Ovvio che viviamo ANCHE la passione, la fisicità. Ma se non voglio il bene della persona che amo, se pongo sempre me e i miei bisogni in primis, se non sono pronta a impegnarmi e a fare anche fatica di cosa parliamo? Troppe coppie si mollano perché non c’è voglia di impegnarsi nelle cose e diventa più facile investire in una nuova relazione dove tutto è a un livello più superficiale, dove non si sono visti i difetti dell’altro che tanto non accetterò.

    Leggiti Osho.

  • Hara, 14 Dicembre 2021 @ 15:24 Rispondi

    @Leilei se tuo marito fosse rimasto tu avresti pensato che ti ama? Se pensassi di essere innamorata di tutte le persone con cui ho passato la notte in ospedale sarei veramente messa male! Certamente poteva evitare l’uscita,ma immagino che siano i tanti piccoli dettagli e accadimenti che ti diano il quadro della situazione. Per quello che mi riguarda, se fossi stata innamorata sarebbe stato un grande sacrificio andare a cena sapendo di lasciare a casa il mio amore che aveva bisogno di me, non restare e passare la serata insieme.

  • Hara, 14 Dicembre 2021 @ 15:12 Rispondi

    grazie di cuore @Marcelle può essere una idea stimolante e costruttiva quella di fare un video!
    onesta la tua disamina, mi ha colpito un passaggio “ho preso degli impegni e messo al mondo dei figli, qualcuno deve soffrire ma non possono soffrire degli innocenti..” perchè devi essere tu a soffrirne?

  • Lolly, 14 Dicembre 2021 @ 14:42 Rispondi

    @ Cossora anche io provo per il mio ex marito le stesse cose che hai detto tu…quella sensazione di affetto e non di possesso. È una bellissima cosa quella di stare bene con sé stessi senza necessariamente la presenza dell altro…sai quando puoi dire di essere sulla strada giusta?: quando l’altro non è più indispensabile….

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 14:25 Rispondi

    Cara Cossora e lí ti sbagli. Io sono pronta in qualunque momento a vivere la mis vita senza di lui. Sono una persona estremamente indipendente e se sapessi che non abbiamo nulla da darci andrei anche domani per la mia strada.
    Non conosco l’idea di possesso. Sono certa che l’amore esiste nella libertà e nel rispetto.

    Ti consiglio di leggere Osho per comprendere meglio cosa sia l’amore. Io con le mie parole non riesco.

  • Cri28, 14 Dicembre 2021 @ 13:51 Rispondi

    Non chiamerei certo sacrificio passare una notte in ospedale con una persona amata. Certo, possono esserci persone più egoiste a cui pesa di più, ma non è certo così importante. Quello che io chiamerei un sacrificio è non poter vivere una parte di sé per stare nella relazione: che sia la passione o la sessualità o la maternità o in generale la condivisione di parti della propria vita che si vorrebbe condividere. Succede e non sempre è possibile trovare una soluzione nella coppia, perché tra le persone possono esserci o venirsi a creare delle incompatibilità. La terapie di coppia può essere utile se scioglie questi nodi, oppure se aiuta ad accettare che siano insolubili. L’amore è semplice, sì, a volte, ma non sempre, perché l’amore, oltre a essere sentimento, è relazione e le relazioni possono essere complesse.

  • Leilei, 14 Dicembre 2021 @ 13:15 Rispondi

    L’amore è condivisione, confidenza, intimità, ma è anche sacrificio. Credo che il discorso di Molly sia stato frainteso,
    Io ho avuto da mio marito intimità e confidenza, ma mai sacrificio. Posso non aspettarmelo da altri, ma lui me lo DOVEVA.
    L’empatia, il mettersi a disposizione è un plus, un di più nei rapporti tra individui, ma tra persone che dicono di amarsi non può essere un optional!

  • Marcelle, 14 Dicembre 2021 @ 13:11 Rispondi

    Giusto @cossora, mi sono sentita molte volte sbagliata ad avere una concezione dell’amore cosí, come la descrivete tu, @elleelle e le altre. Ho provato un senso di smarrimento. E se avessero ragione loro?
    Poi mi guard intorno e penso alle persone che davvero mi piacciono, che trasmettono vitalitá e sicurezza. Penso ad esempio (e mi ricorda te @cossora) ad un’amica nordeuropea al suo secondo matrimonio. Ha la mia etá e due figli piccoli avuti dal precedente. Ha ritrovato un compagno di studi e con lui si é sposata lo scorso anno. La vedo serena, i figli stanno bene, la coppia va bene, perche lei, l’ex marito ed il nuovo hanno affrontato tutto a viso aperto. L’ex marito ci ha messo un pó ad ammettere che anche lui non l’amava piú, sarebbe rimasto dentro quel rapporto ma non l’ha bloccata. C’e stata sofferenza ma molta chiarezza. Ora anche lui ha iniziato a frequentare una donna un pó piú grande di noi, ragazza madre fra l’altro con un figlio adolescente.
    Non vedo drammi, ma consapevolezza che le famiglie allargate non sono facili da gestire, ma tutti loro hanno in comune una visione dell’amore simile, che ne contempla anche l’accettazione della fine in senso stretto e della sua continuazione in senso lato. Ci sono incomprensioni, ma le navigano perche nessuno ha cercato la scelta piú giusta solo per gli altri ma per se stesso in primis. E credo che quando lo fai, tutto viene piú facile, perche sei tu stesso piú cosciente ed in pace.
    Dovremmo unirci solo a chi ha modalitá di amore simili alle nostre.

    Ci sono questi esempi e mi chiedo perche gli uomini che abbiamo incontrato non sono stati in grado di fare lo stesso. Tu che risposta ti sei data @cossora?

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 13:00 Rispondi

    @Leilei
    Ma tuo marito non ama, di amore non te ne dimostra. Lui esce quando tu sei ammalata perché è una persona egoista e un po’ meschina, non perché quello è il suo modo di dimostrarti amore.
    Ti dico una cosa: prima che cominciasse la nostra relazione, una sera il mio ex non era a una festa perché aveva la febbre alta. La moglie invece era alla festa.
    Vedi poi cosa succede.

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 12:54 Rispondi

    @Marcelle
    Io ho fatto così. Non era un video ma erano solo alcune parole che mi sono ripetuta per mesi: Quello che ti ha fatto non ha alcuna giustificazione. Quello che ti ha fatto non ha alcuna giustificazione. Quello che ti ha fatto non ha alcuna giustificazione.
    Me lo sono ripetuta alla nausea ed è servito eccome. Se mai mi è venuto un dubbio, anche sulla mia decisione di tagliare in un modo così netto, quella frase era sempre lì, l’unica risposta che serviva.

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 12:47 Rispondi

    @Marcelle
    L’empatia mi ha fregato con il mio ex, mentre a lui non è mai importato di me, dei miei figli ecc. A lui interessava fare l’esempio della sofferenza in casa sua perché si sentiva cattivo, non perché gliela voleva evitare
    Adesso cerco di usare questa empatia in un modo migliore.
    Se fossi in te, metterei una pietra sopra a questa storia e non lo starei più ad ascoltare. Le sue sono parole vuote e vedi che ripete sempre gli stessi cicli: si avvicina, si allontana e via così.
    Scegli qualcosa di meglio per te: la libertà, amicizie che sono presenti, persone che ti stimano e ti trattano in modo coerente.
    Da questo riprenderai la forza che ti serve. Ti abbraccio ❤️

  • Ariel, 14 Dicembre 2021 @ 12:43 Rispondi

    Elle elle esistono le vie di mezzo ed è inutile ma sta chiaro che se qui la maggioranza di donne e uomini hanno fallito il loro matrimonio il loro ammantato
    Ovviamente tutte cioè la maggioranza vede le difficoltà come se fossero cose negative e irrisolvibili

    Molte persone prima di arrivare al peggio si curano le loro dipendenza personale anziché pensare dopo aver fallito qualsiasi relazione affettiva che sia sempre colpa del definite amore come se fosse la tavoletta del amore sta semplice

    Un beato xxxo chi non vuole assumersi le proprie responsabilità continuando però a stazionare accanto a marito definiti o morti o incapaci o gente che non scopa

    Ecco stenderei un velo pietoso su queste favole che ci raccontate guardandolo vi bene dal prendervi davvero cura di voi terapeutico a stecca

    Ovvio qui ci sta il covo dei fallimenti affettivi e che cosa si legge?
    Che tutto fa schifo che amore sta semplice

    Come fosse la pubblicità del cioccolatino con la sua brava cartina

    A curate e a steccaaaa
    Di più molto di più

    Poi per forza vi sale la sfiducia e non riuscire davvero a vivere una nuova beta vita

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 12:24 Rispondi

    @maribel
    D’accordo con te al 100%.
    Io non sono innamorata ma sono un essere umano che ha umanità. Ci sono non solo per mio marito, figli e familiari, ma anche per gli amici e per chiunque abbia bisogno di una mano.
    Anche questo forum è così. C’è bisogno di un consiglio o di un po’ di sostegno? Eccomi! Non riuscirò sempre a farlo bene ma ci sono, ci provo.
    L’amore per me è altro, è di più.

  • cossora, 14 Dicembre 2021 @ 12:20 Rispondi

    @maribel certo che andrei dal mio ex marito. ma anche se avesse una crisi di panico di notte, mi metterei i ragazzi in macchina e correrei da lui (se mi chiamasse, ovviamente).
    Poco fa ci siamo scritti per fare i regali ai ragazzi, “le cose tecnologiche -gli ho detto- sceglile tu, che non ci capisco nulla”.
    Io e lui ci siamo amati davvero tanto e per tanto.. tranne la passione, quell’amore li esisterà sempre.
    Era ed è un amore libero dal possesso.
    Libero dalla paura dell’abbandono perchè siamo cresciuti senza ‘ricattarci’ di abbandonarci mai.

    Io non credo che @molly abbia idea di cosa significhi vivere e amare liberamente. E non lo dico con supponenza, ma da come inchioda e blocca con le unghie questo suo marito.. si evince quanto abbia paura che le si sfili dalla morsa da un momento all’altro. La sua prova d’amore è il sacrificio, per amore è disposta a tenere artigliato il marito.
    E infatti sferra zampate ad ogni accusa. Per amore si difende.

    Io per amore sono disposta a fidarmi ciecamente. Siamo agli opposti.
    Sia chiaro: non c’è un torto o una ragione. Sono le modalità che meglio ci riescono.

  • Marcelle, 14 Dicembre 2021 @ 12:11 Rispondi

    E’ un discorso interessante @elleelle, ne parlavo giusto ieri con la mia psicologa. C’e chi considera che l’amore sia sacrificio e chi considera che l’amore comporti anche del sacrificio, ma non solo e non sempre.
    In questo periodo senza di lui sono stata bene, dopo i primi momenti di dolore e mancanza.. incominciavo ad intravedere un futuro mio quando l’ho incontrato ad un evento.. poco dopo é scomparsa una persona a noi cara e cosi la scorsa settimana ci siamo visti. E si é ripresentato lo stesso copione che ormai leggo benissimo: senza di me sta male, tenta con la compagna ma non va, si riavvicina sofferente promettendomi di stare facendo un suo percorso per sganciarsi, per trovare la forza ed una soluzione per venire da me libero.. Io lo ascolto ed immediatemente, secondo la mia psicologa, mi trasformo nella sua psicoterapeuta, perché da me si sente accolto, capito e non giudicato. Poi, quando viene la mia domanda sul cosa vuole fare o ha capito nelle sue lunghe riflessioni, arriva il non posso. Che ora é stato condito da non amo piu la mia compagna, il rapporto con lei non cambierá, il mio amore per te resiste alla distanza ma ho preso degli impegni e messo al mondo dei figli, qualcuno deve soffrire ma non possono soffrire degli innocenti.. Insomma, la mia presenza, in qualsiasi forma, lo allontana da me e consolida il suo convincimento di restare. Mi allontano, lui vacilla, ritorna e cosi riprende il circolo vizioso.

    Ora tralasciando quanto detto da lui, a me davvero interessa capire i miei meccanismi ed ho finalmente capito cosa mi frega. L’empatia. Mi metto nei suoi panni, nei panni di una persona che deve fare un salto nel vuoto e distruggere e ne vedo i tormenti. Quello che devo fare é tornare a centrare il mio pensiero su di me. Chiedermi se lui a me ha mai offerto lo stesso grado di empatia. Se ad esempio si sia mai chiesto quanto male e quanto tempo la sua presenza mi toglie e quanto mi prosciuga.
    La psicologa mi ha suggerito di fare un video di me stessa in cui mi dico tutto quello che lui non é, tutto il male che lui mi fa, tutti i suoi lati bui. Per rivederlo nei momenti di pensiero ossessivo ed alla bisogna se lui tornasse ancora. Magari puó essere una buona idea anche per altre/i qui 🙂

  • cossora, 14 Dicembre 2021 @ 12:05 Rispondi

    @ellelle io credo che @Lolly si riferisca a una donna della nostra età che ha chiuso un matrimonio perchè ‘esaurito’ .. come una candela che non ha più cera da bruciare.
    Non faccio fatica a crederle. Sia io che lei non abbiamo più quella fame li. L’abbiamo comunque (chi più chi meno) esaurita con i padri dei nostri figli. Accetata la chiusura senza residui.
    Nel secondo tempo ci immaginiamo altro.
    Tipo di fare quel che ci pare e di cambiare idea quando ci pare 🙂
    E’ il nostro cavolod i secondo tempo, credo di dedurre.
    Quel che viene da adesso in poi deve essere diverso, perchè il tempo è meno, e il tempo per emozionarsi e godere si consuma più in fretta.

  • Mia, 14 Dicembre 2021 @ 12:04 Rispondi

    @elleelle infatti io sono rimasta senza parole. Per rabbia gli ho detto che non ce la faranno mai, ma lui mi è sembrato convinto . Mi ha detto che l’amore per la figlia è più forte di tutto e noi dovevamo salutarci per sempre. Certo per carità i figli prima di tutto. Cmq adesso abbiamo completamente chiuso, è da settimane che non ci sentiamo. Lui è la moglie si sono detti le peggio cose durante i litigi (ho letto le conversazioni)… e ora hanno scoperto che hanno delle carte da giocare… io penso che tutto giri intorno ai soldi, la paura di restare soli e a ciò che dirà la gente… che tristezza. Ed io scema che sto ancora a pensarci.

    • alessandro pellizzari, 14 Dicembre 2021 @ 12:10 Rispondi

      I figli che si dimenticano però tutte le volte che ti infili nel letto dell’amante

  • maribel, 14 Dicembre 2021 @ 11:59 Rispondi

    @MOLLY

    “solo se ami accetti di fare dei sacrifici, di passare magari una notte in ospedale ad assistere l’altro, cosa davvero poco divertente e molto stancante, ma lo fai desiderando di esserci lí a sostenerlo e rinfrancarlo.”

    Dissento ASSOLUTAMENTE.

    Certi sacrifici fanno parte addirittura della “pietas” umana che ognuno di noi dovrebbe provare verso un altro essere umano. ma abbi pazienza, @molly, secondo te se io mi separerò da mio marito e lui finisse da solo in ospedale non andrei una notte ad assisterlo? il padre dei miei figli? e credi che lo stesso pensiero non abbiano @leilei, o @cossora o @elleelle?
    questo non è amore: è umanità, affetto, buonsenso. così come il rispetto reciproco davanti ai figli, il passare del tempo assieme anche se separati, il rispetto per le rispettive famiglie, il condividere l’educazione dei propri figli, il mantenere un giusto rapporto… ecc ecc tutte cose che restano anche se l’amore finisce.

    l’amore è prima di tutto sentimento e poi, se serve, anche sacrificio. ma non deve essere solo quello, altrimenti è un lavoro, un impegno che ti sei posto, un soddisfare quello che serve per sentirsi utili, per sentirsi corretti e giusti davanti all’umanità che ci giudica, il sentirci donne perbene davanti al “tribunale” della società.

    l’amore si sorregge da solo e da solo sostiene la coppia, e i sacrifici diventano solo i sacrifici della vita quotidiana. la vita è difficile, amare non deve essere un sacrificio.

  • Lolly, 14 Dicembre 2021 @ 11:40 Rispondi

    @ elleelle applausi per tutto ciò che hai scritto. @ Cossora sai già quanto ti stimo…@Ariel, ma dove sono tutti questi matrimoni felici e in aumento di gradevolezza e serenità?…io vivo al sud, lo sai, storicamente considerati retrogadi…ma non ci sentiamo tali…nella classe del terzo liceo scientifico di mio figlio siamo quasi tutti genitori separati.. e così la società che ci circonda, una città, una provincia, una regione, una nazione…..

  • Leilei, 14 Dicembre 2021 @ 11:23 Rispondi

    Molly scrive: “Solo se ami accetti di fare dei sacrifici, di passare magari una notte in ospedale ad assistere l’altro, cosa davvero poco divertente e molto stancante, ma lo fai desiderando di esserci lí a sostenerlo e rinfrancarlo.
    Nell’amore il centro è l’altro, vogliamo vedere chi è, siamo disponibili a comprenderlo, a dargli attenzione, ascolto, cura”.

    Questo dovrebbe essere l’amore, ed è quello che cerca di fare con me il mio amante.

    Di recente ho avuto una febbre molto alta ed ho chiesto a mio marito di non uscire a cena per farmi compagnia. Mi ha detto che non voleva rinunciare alla sua uscita. Questo è il suo modo di dimostrarmi amore, nonostante quello che gli ho chiesto tante volte, nonostante sappia di essere stato tradito, nonostante tante altre cose…

  • cossora, 14 Dicembre 2021 @ 09:37 Rispondi

    @Lolly io non ne ho idea ma a parte non esserci più la coppia (e la conseguente condivisione h24 di ogni cosa) nella mia famiglia -nonni compresi- è praticamente rimasto tutto intosno.
    Io? Io voglio gli inizi, l’assestamento e poi poter mollare.
    Dopo 25 anni di onorata cariera da moglie, questa è la mia scelta.
    Ma io mi accetto per come sono.. faticosamente e dopo tanto lavoro (ancora oggi mi capita di cadere nel giudicarmi da sola) mi vado bene così e non faccio niente di male a nessuno.

  • Molly, 14 Dicembre 2021 @ 09:32 Rispondi

    Esistono anche coppie clandestine che vanno in terapia di coppia per capire come gestire le proprie emozioni e la propria doppiezza. Altre per fare insieme la road map.
    Francamente faccio fatica a capirle ma ci sono tante cose che non comprendo di chi si infila in una relazione dove si finisce per adottare comportamenti infantili, ci si deve nascondere, ingannare la persona con cui vivi, raccontare bugie e non farsi beccare. .
    A te @Ale non capitano coppie di amanti in counselling?

    • alessandro pellizzari, 14 Dicembre 2021 @ 11:29 Rispondi

      Capitano perché lui è confuso o fa l’uomo boomerang

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 09:19 Rispondi

    @ragazze
    Scusatemi ma se un’entità aliena chi leggesse, non avrebbe di certo voglia di avere una relazione sentimentale con gli abitanti del nostro pianeta!
    Non mi ritengo affatto una persona superficiale ma non capisco perché l’amore debba diventare un lavoro, fatto di sforzi, terapie di coppia costose quanto spesso inutili, tradimenti da perdonare mangiando tonnellate di m… ecc.
    Il concetto di amore che si legge a volte su queste pagine è spaventosamente triste. Si prende il peggio – la noia, la routine, le delusioni, i tradimenti – e lo si trasforma in amore perché l’amore è sacrificio.
    No ma… vi rendete conto? Meglio sole, allora.

  • Angelina, 14 Dicembre 2021 @ 09:16 Rispondi

    @Ginger cara deduco che è ritornato…adesso ci riprova con la psicologa?
    Ale hai ragione sono tutti uguali..usano tutti gli stessi schemi per perdere tempo,come si vede bene da fuori.

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 09:08 Rispondi

    @Lolly
    Una coppia che si ama davvero è in grado di accettare le difficoltà che si presentano in un modo positivo e di vivere comunque dei bei momenti.
    A volte sembra che si misuri l’amore sulla base dei sacrifici che tocca fare ma non dovrebbe essere così e probabilmente è proprio questo approccio che porta le coppie a scoppiare.
    Se la vita di coppia diventa un’amarezza, fatta solo di problemi ed incombenze, ma si sta assieme perché quello è l’amore vero, chiaro che poi si tradisce, ci si separa ecc.
    Se l’innamoramento viene considerato una fase superficiale e di poca importanza, è ovvio che poi ci si trova a vivere una vita poco soddisfacente. Quello che dobbiamo imparare è mantenere un po’ di innamoramento, un po’ di entusiasmo per la vita.
    Io sono una persona entusiasta delle possibilità che la vita mi offre, sono sempre aperta a fare, a provare, a metterci energia. Se avessi un partner con la metà della mia energia mentale, tra noi non sarebbe di certo finita.

  • Ariel, 14 Dicembre 2021 @ 08:57 Rispondi

    Scusa sai @Lolly ma continuare a dire che è realtà nonostante i numeri dicano il contrario non equivale alla realtà
    È la tua idea ,la tua opinione personale o del gruppo di persone che abitualmente frequenti o del posto dove vivi
    Ovviamente se abiti in un posto dove regna la incapacità ad aver voglia di assumersi le proprie responsabilità che nessuno resta obbligato a sposarsi

    Ecco che sicuro è la tua idea è convinzione tua e del gruppo che frequenti ,ma ciò resta qualcosa di minoranza numerica di fronte al fatto concreto matematica incontestabile risultato dove i matrimoni sono in maggioranza ben attivi e dove esistono eccome persone capaci di saper riconoscere cosa sia amare chiunque asumendosi la responsabilità delle proprie scelte e comportamento avuto

    Sicuro la maggioranza di persone resta ignorante e cioè ignora e non si cura affatto in terapia personale come sarebbe il caso di fare per tutti nessun escluso.

    È sicuro la tua idea personale e non corrisponde alla realtà numerica dei matrimoni che funzionano

  • elleelle, 14 Dicembre 2021 @ 08:56 Rispondi

    @Mia
    Terza volta che fanno terapia di coppia? Scusa, mi viene da ridere. Ma quanto ci mette la gente a capire quando non ce n’è più e l’unica cosa da fare è cercare di avere un rapporto amichevole per i figli, senza cercare di recuperare una coppia che non funziona più?
    Io questa smania di voler fare funzionare a tutti i costi un rapporto finito non la capisco. Come se l’amore dovesse essere una lunga serie di sacrifici e la parte leggera non servisse più.
    Che vita triste. Concordo con @Lolly e Cossora, l’amore è bello e semplice, non una continua martellata sui maroni alla Tafazi.

    • alessandro pellizzari, 14 Dicembre 2021 @ 11:24 Rispondi

      In questo caso la terapia di coppia è un alibi

  • Lolly, 14 Dicembre 2021 @ 07:30 Rispondi

    @ Molly tutto ciò che scrivi è vero, da donna saggia matura e responsabile. @ Ariel non è questione di pessimismo o cinismo o parole dettate dalla mia esperienza personale, è la realtà!…poi ci sono le mosche bianche, chi nell’amore eterno( perché di questo stiamo parlando) ci crede davvero o ha la fortuna di incontrarlo…ma si è in pochi…io non ho detto che l’amore non esiste, ho detto che ha una scadenza perché si basa più sull innamoramento, e di sacrifici e compromessi non se ne ha voglia…tutto qui.

  • Leilei, 13 Dicembre 2021 @ 22:57 Rispondi

    Parole sante Ale. Se vuoi recuperare davvero, prima chiudi con l’amante e poi inizi la terapia di coppia.

  • Molly, 13 Dicembre 2021 @ 21:55 Rispondi

    “…non te la senti di amare per il troppo impegno, i compromessi ecc. e a tutti i costi vuoi tenere in piedi qualcosa che non è più il sentimento dell’inizio, ma non vuoi accettare un altro amore finito e ricominciare da capo. “

    Secondo me qui ci sono delle confusioni, che voglio provare ad esprimere.

    Se ami davvero metti dell’impegno a superare insieme i naturali intoppi che ti si presentano davanti anche quando fare ciò non è facile. Ci vuole impegno, costanza. Ma se ti aspetti di avere lo stesso sentimento DELL’INIZIO, vivi in un’illusione.
    Gli inizi di una relazione sono caratterizzati da emozioni travolgenti, dalla passione, l’esplorazione reciproca e bisogna avere la consapevolezza che quella È UNA FASE, che certamente più avanti le emozioni saranno diverse. Non significa che è finito l’amore, spesso ciò che finisce è l’innamoramento perché INIZIA l’amore, quello che ti fa fare delle scelte a volte difficili perché cerchi ciò che fa funzionare la coppia. Nell’amore secondo me tu non sei al centro come nell’innamoramento ma cerchi il bene di entrambi, si tifa per l’altro e a volte, non sempre, si fa un passo indietro per vedere felice l’altro.

    Solo se ami accetti di fare dei sacrifici, di passare magari una notte in ospedale ad assistere l’altro, cosa davvero poco divertente e molto stancante, ma lo fai desiderando di esserci lí a sostenerlo e rinfrancarlo.

    Nell’amore il centro è l’altro, vogliamo vedere chi è, siamo disponibili a comprenderlo, a dargli attenzione, ascolto, cura.

    Nel l’innamoramento vive la paura di perdere la fonte a cui attribuiamo la nostra felicità. Nell’amore vive la fiducia e la consapevolezza che la felicità risiede dentro di noi e che con l’altro possiamo condividerla perché siamo traboccanti. Nell’innamoramento vive il cosa posso prendere, nell’amore cosa posso dare.

    A me dai molti racconti che leggo pare che ci sia proprio CONFUSIONE tra innamoramento e amore e troppo spesso la ricerca e la rincorsa di emozioni legate alla passione, ai fervori ormonali alla fisicità.

  • Molly, 13 Dicembre 2021 @ 21:17 Rispondi

    “La coppia è a tempo, vive nell oggi, senza progettualità ed impegno. Pertanto il terapista di coppia non serve…“

    Quanta negatività @Lolly! Non so che età tu abbia ma un po’ di ottimismo non guasta. Ci sono le coppie senza progettualità e impegno ma per fortuna io vivo in una realtà dove vedo anche delle coppie che stanno insieme da decenni e hanno ancora sogni da realizzare e un impegno reciproco. Il mondo non va tutto a rotoli.

  • Ariel, 13 Dicembre 2021 @ 20:53 Rispondi

    Mah @Lolly non metto in dubbio che tu veda L o entourage solo che disastrose situazioni ,ecco che però ciò che conta è che numericamente le coppie che stanno insieme avendo legami duraturi pure fino alla morte esistono eccome
    La statistica infatti dice che la maggioranza numerica di matrimoni resistono eccome e il fatto poi di dichiararsi che lo si faccia per mille motivi eccetto l’amarsi vero nel rispetto e nella voglia di superare le difficoltà proprie è tutto da vedersi ed opinabile

    Nessuna statistica può fare il processo alle intenzioni altrui

    Nessuno sta a casa degli altri
    Se tu purtroppo hai vissuto il fallimento del tuo matrimonio mi pare umano e logico che tendi sicuro a stare sul depressivo e sfiduciato pensiero

    Ovvio il mal comune mezzo gaudio
    Ma la realtà sta diversa e la maggioranza di coppie riesce a funzionare

    Certo che se tu hai in maggioranza intorno a te o tue amiche che come te hanno sofferto tradimento e svariate corna fatte e subite gioco forza ripeto stare a guardare solo il proprio piccolo mondo di paesello ,nel significato di piccolo sguardo
    La maggioranza ancora per fortuna resiste eccome!!

    E questo potrebbe e dovrebbe confortarti e smettere di senili solo che cinica per ovvio tuo dispiacere personale non tutti i matrimoni sono solo che fregature

    È un mito che non ha una corrispondenza statistica affatto

    Se la gente si occupasse di se stessa di curare le proprie défaillances personali facendo terapia senza aspettare di divenire ciniche a tutta forza perché condizionate da proprie negative esperienze ci sarebbero molte meno relazioni disfunzionali a partire dalla relazione più importante

    Quella verso se stesse!!!

    Ottimismo cara Lollly e curarsi senza aspettare che siano gli altri a dover cambiare

    Solo tu puoi decidere di amare te stessa nella fiducia in te stessa

    CHI NON HA PIÙ FIDUCIA NEGLIALTRI
    SIGNIFICA NON AVER FIDUCIA IN SE STESSI

  • Lolly, 13 Dicembre 2021 @ 20:47 Rispondi

    @ Cri28…le persone cambiano, e anche se il sentimento permane si possono desiderare cose diverse. Nel mio caso ad esempio, nonostante tutto ci vogliamo bene, ma lui desiderava una vita più spensierata, fatta di leggerezza e poco impegnativa, come voler tornare bambino….che ci vuoi fare!…bisogna lasciare andare, ognuno va dove vuole andare, mettere dei paletti per me non ha senso, che vita triste!!.. Mi è costato questo gesto , perché si chiude un grosso capitolo della vita, nel quale hai creduto davvero,…ma è giusto così. Amore è libertà!….

  • Lolly, 13 Dicembre 2021 @ 19:38 Rispondi

    @ Ariel…io non vedo Amore in giro…prima dei 40 forse…dopodiché vedo adulti che tentano di relazionarsi per vivere nuove emozioni e farsi compagnia. La coppia è a tempo, vive nell oggi, senza progettualità ed impegno. Pertanto il terapista di coppia non serve…

  • Cri28, 13 Dicembre 2021 @ 18:58 Rispondi

    Lolly, le tue domande sono interessanti. Ho provato più di una volta a chiedere a mio marito di svolgere un percorso, proprio perché ho sempre sentito che non era l’amore a essere finito, non da parte mia, ma la capacità di darci ciò di cui avevamo bisogno. Ma la risposta non c’è stata, perché alcune persone non vogliono cambiare; è legittimo, ma difficile da accettare. Quanto al fatto di potersene andare, come tu consentivi a tuo marito, il fatto è che, a volte, essere lasciati liberi non è ciò che vogliamo, non vogliamo perdere del tutto quella persona, accettare il fallimento, anche se sappiamo che ormai si è verificato.

  • Ariel, 13 Dicembre 2021 @ 16:14 Rispondi

    Mah @Lolly ognuno vede la terapia come sempre condizionato al maximo da come viene vista in società
    E questo incide moltissimo sulle proprie visioni se sia utile oppure no.

    Sicuramente occorre la voglia di farla esattamente reciproca e quindi se solo uno dei due non ne ha voglia non ha ovviamente nessuna utilità farla
    Se si è una coppia per essere coppia che funziona occorre aver voglia di impegnarsi esattamente ugualmente insieme

    Sicuramente in paesi dove il ricorrere al aiuto terapeutico è una pratica normalissima per chiunque maschi compresi è decisamente più facile che si crei nella coppia la voglia di provare a fare un percorso terapeutico dove occorrerebbe farne due e cioè ciascuno per conto proprio si fa la sua terapia individuale e privatissima è ovvio con terapeuta diverso

    E poi se si vuole si può sicuro provare a fare quella di coppia.

    Uno dei temi più comuni di cresi di coppia è dato dal fatto concreto che ciascun individuo evolvé e cambia il suo comportamento in tempistica diversa
    Non esiste una sincronia del evolvere e questo sicuro può creare vere incomprensioni perché quello che sta evolvendo per conto suo vede il suo compagno in modo diverso e cerca da lui o lei cose differenti che gioco forza l’altro non riesce a dare e nemmeno riconosce più colei o colui che inizialmente aveva attratto per particolari propri bisogni

    Esempio

    Lei evolvé e non si appoggia più a lui come faceva al inizio perché ha trovato un nuovo suo modo di vedersi come donna avanti capace di esprimersi in vera autonomia di testa e di cuore
    Fa e svolge cose nuove può essere un lavoro o cambiare lavoro o una nuova attività mai fatta prima

    Lui non la riconosce più per come era stata prima più dipendente da lui e a lui magari piaceva moolto il ruolo di proteggerla coccolarla sentirsi il così detto maschio alfa

    Ecco che la evoluzione propria personale può causare vere difficoltà nella coppia di lunga data

    La terapia di coppia in questi casi ad esempio aiuta entrambi a riusvire a vedere il punto di vista del altro e ad individuare i perché le cose non funzionano e le possibili soluzioni

    Amarsi non è lo spot di una carta da cioccolatino ma ad esempio la voglia concretezza di voler fare qualcosa insieme per risolvere strada facendo le difficoltà inevitabili che ogni coppia può attraversare

  • Lolly, 13 Dicembre 2021 @ 16:06 Rispondi

    @Cossora….ma certo!!…le cose dell’amore sono semplici e non esigono spiegazioni. Tutto il resto subentra quando la fase dell innamoramento finisce,e non te la senti di amare per il troppo impegno, i compromessi ecc. e a tutti i costi vuoi tenere in piedi qualcosa che non è più il sentimento dell’inizio, ma non vuoi accettare un altro amore finito e ricominciare da capo. Nel frattempo che un nuovo amore arrivi succede che devi oltrepassare la palude della solitudine e questo spaventa…mooooooolto!!! È un circolo vizioso, come la curva di Gauss, un inizio portentoso, una fase più equilibrata e statica e la rapida discesa verso il basso che decreta la fine della storia. Prima ce ne facciamo una ragione, che è così che va la vita…meglio è!!…poi come dice @ads si può stare insieme per tanti, tanti motivi…l’unico mio pensiero va alla famiglia, che tradizionalista per come l’avevamo immaginata non esiste più. Forse bisognerebbe cambiare il sistema e riorganizzare al meglio l’assetto familiare…si…ma come??

  • cossora, 13 Dicembre 2021 @ 15:18 Rispondi

    @Lolly sei sempre da applauso. Il tutto avviene spontaneamente.
    Forse se un partner tradito/traditore va dallo psico per.. tenere buono l’altro?
    Non farsi stressare gli zebedei dall’altro vita natural durante così poi a un certo punto può dirle/dirgli: senti, abbiamo ANCHE fatto terapia, mo’ basta!! Anche i carcerati quando scontano la pena hanno finito!

    Non so, più mi allontano da quella relazione disfunzionale e più mi rendo conto che la risposta è la più semplice.
    Se sei felice (senza forzature, stampelle, terapie, guinzagli, controlli, psicofarmaci..) hai ragione.
    Sennò.. è con la tua vita che stai giocando, cazzo!

  • avvocatodistrada, 13 Dicembre 2021 @ 14:58 Rispondi

    @in effetti io non l’ho fatta mai la terapia di coppia,
    ma scusate ma quando vi siete lasciate da ragazze, avete fatto la terapia di coppia,??non credo.
    la casa, i figli,gli interessi, l’eta’, tutte componenti che non ci azzeccano con i sentimenti di amore,
    se poi mi dite che si possa comunque vivere sotto lo stesso tetto allora, si vi dico di si,
    ma non c’è bisogno del terapista,
    forse all’inizio puo’ servire parlare, ma ormai dopo 7, 8 anni dalle avvisaglie, la frittata è fatta

    • alessandro pellizzari, 13 Dicembre 2021 @ 15:35 Rispondi

      Come si fa a paragonare i filarini da giovani con coppie conviventi da anni!

  • Lolly, 13 Dicembre 2021 @ 13:50 Rispondi

    Ma l’amore non torna…quando finisce, finisce…secondo me è utile fare terapia di coppia solo se il problema che lega i due coniugi è caratteriale, ed allora devono plasmare meglio i loro modo di essere per un sano equilibrio familiare. Ma i sentimenti?…vuoi che un tizio ti dica come stare insieme negli affetti, nelle emozioni…il tutto avviene spontaneamente non ci sono forzature, altrimenti diventa un lavoro, si può fare, ma è un altra cosa….

  • cossora, 13 Dicembre 2021 @ 10:12 Rispondi

    @angelina “è tornato dalla psicologa ma mi ha detto che non si trovava più…che gli aveva detto le solite frasi fatte”
    Me lo ha detto a marzo con altre parole, ma il significato è: non mi dice quel che voglio sentirmi dire, lascia parlare la mia cosicenza e a me così non piace, quindi smetto.

    Che ignoranza, buon Dio.

  • Mia, 13 Dicembre 2021 @ 03:22 Rispondi

    Grazie Ale. Mi ha detto che per amore della figlia deve eliminarmi dalla sua vita. Altrimenti non riesce a concentrarsi sulla sua famiglia. Certo che da parte loro c’è una grande volontà di stare insieme ma come hai detto tante volte tu “la volontà non basta per ricominciare ad amarsi”. Grazie ancora.

    • alessandro pellizzari, 13 Dicembre 2021 @ 07:16 Rispondi

      Se ha usato la parola eliminarti dalla sua vita il termine stesso dà il suo peso morale

  • Dispersa, 12 Dicembre 2021 @ 21:21 Rispondi

    La terapia di coppia serve se fatta per tempo, quando ti accorgi che qualcosa non va ed inizi a guardarti attorno… Io i segnali li avevo tutti eppure ho preferito nascondere la polvere sotto al tappeto!!

  • Lolly, 12 Dicembre 2021 @ 15:31 Rispondi

    @ Ale…se tutte le storie si somigliano, qualcosa vorrà dire?…il mio ex marito andava dallo psicologo per capire cosa fosse questo vuoto interiore che non lo faceva star bene in casa…lo psicologo sapeva dell esistenza dell altra e lo invogliava a dirmi la verità. Ma lui, niente!!!…fino a quando è stato scoperto ed è andato via senza far storie. Psicologicamente sai dirmi il perché?…ha avuto tante occasioni per andarsene ed io non lo avrei trattenuto. Voleva lo facessi io?…..e una questione di vigliaccheria? Ma poi…sta famiglia la vogliono o no? O la libertà e una vita da single come sogno immaginario?…ripeto, la mia posizione rappresenta quella di tante altre donne, pertanto la tua risposta sarà illuminate per molte di noi….

    • alessandro pellizzari, 12 Dicembre 2021 @ 16:32 Rispondi

      Certi uomini hanno bisogno di essere messi con le spalle al muro finché non succede rimandano ogni decisione

  • Ginger, 12 Dicembre 2021 @ 15:18 Rispondi

    @ Ariel quanta verità nelle tue parole!
    Il mio ex ha detto che si rivolgerà a uno psicologo domani. Bah! Vedremo se fa come quello di Angelina.
    Una mia amica psicologa sostiene che gli uomini si rivolgono a lei solo in caso di malattia grave o se lasciati dalla loro donna.
    Altrimenti, come dice Ariel, “non sono mica pazzo” oppure “chiedere aiuto è ammettere il fallimento”.

    • alessandro pellizzari, 12 Dicembre 2021 @ 15:24 Rispondi

      Basta vedere cosa scriveva ads su chi faceva psicoterapia

  • Mia, 12 Dicembre 2021 @ 14:33 Rispondi

    Il mio “ex amante” mi ha lasciato a mia insaputa per iniziare la terza terapia di coppia. Siamo stati insieme 2 anni e mezzo , durante i quali siamo stati separati anche per molti mesi. Lui ha sempre avuto problemi per i suoi sensi di colpa. Finalmente avevamo trovato un nostro equilibrio ma dopo un litigio molto acceso la moglie lo ha messo con le spalle al muro dicendogli che se non avessero fatto una nuova terapia di coppia si sarebbero separati. Così è sparito per 2 settimane senza darmi alcuna spiegazione. In realtà aveva deciso di lasciarmi perché ha detto che la terapia di coppia la deve fare bene e che non vuole perdere la quotidianità con la figlia. Mi sono messa da parte. Alessandro ma davvero un matrimonio può recuperare dopo ben tre terapie di coppia?

    • alessandro pellizzari, 12 Dicembre 2021 @ 15:22 Rispondi

      Non credo proprio che un matrimonio possa recuperare solo a forza di terapia di coppia e con una amante sempre presente a parte i tira e molla. Un matrimonio recupera se i coniugi si amano ancora e l’amante è stata la prima ed è durata poco. recupera se c’è ancora ciccia, la ciccia non si compra

  • Ariel, 12 Dicembre 2021 @ 12:57 Rispondi

    Tutto vero soprattutto la tua chiosa
    Fare terapia non è certo come andare a fare due chiacchiere al bar!!!

    Verissimo e pure concordo con tutte le tue riflessioni ed analisi sulle ipotesi che in molti casi uomo ci marcia con la scusa della terapia la usa come scudo come una strategia per raggiungere i suoi scopi del momento suo di casino provocato da lui sia verso moglie che amante.

    Ma detto questa cosa vera ed importante riflessione
    Trovo che sia già un inizio positivo se i media per una volta incentivano il fatto di andare in terapia in una sorta di incontro di verifica di tagliando per se stessi

    Questo fatto resta importante in un paese come Italie che ancora la massa pensa che dallo psico ( inteso come qualsiasi professionista di aiuto alla persona e quindi psico e o consoulor o altro ecc.) ecco cme la gente SI VERGOGNA pensa NON SONO MICA PAZZA /O
    dallo psico ci si va solo just prima di suicidarsi ,così per dire che la maggioranza di persone e soprattutto i maschi che NOTORIAMENTE ALLEVATI NEL MASCHILISMO NON DEVONO CHIEDERE MAI neanche indicazioni stradali ,ah ah

    Figuriamoci andare dallo psico

    Al MASSIMO SOLO IN COPPIA così molto più facile manipolare in modo negativo proprio nei casi da te qui scritti ad esempio

    Però secondo me resta logico che quando si sta nella via di mezzo quando qualcosa sta cambiando in positivo sempre si verificano come delle difficoltà
    Il nuovo comportamento sociale ed individuale passa per imparare a individuare il vero aiuto per se stessi

    Così in Italia pare per i media sia più facile far passare nella mentalità della gente che resta importante la psicoterapia per le coppie pure senza avere affatto particolari problemi gravi

    Così poi nascerà spontanea la nuova pratica ed idea validissima che già in molti paesi europei resta primordiale l’aiuto terapeutico che resta una pratica normalissima è molto diffusa tra la gente da infanzia fino all’anno morte tanto che la sanità la assiste e paga rispettando le scelte individuali del a chi rivolgersi così la offerta del aiuto alla persona e alle coppie e o a tutta la famiglia resta molto varia in una dimensione di tipologia olistica dov’è i confini tra professionisti sono veramente complementari al raggiungimento del psicobenessere individuale e collettivo.

    Hai fatt benissimo a scriverci su
    È un altro modo di spargere buoni semi di cambiamento evolutivo sociale.

  • Angelina, 12 Dicembre 2021 @ 12:06 Rispondi

    Ale mi ci rivedo tantissimo…la prima volta che è andato in terapia e’stato quando ci eravamo lasciati e io stavo uscendo con un altro,mi ha detto esattamente così che non riusciva e che voleva fare un percorso per farsi aiutare…poi dopo un po’ di incontri lo psicologo non gli piaceva più…
    Poi ed andato con lei ma per poco anche lì ha smesso…poi ha iniziato una nuova terapia con un’altra che è durata fino qualche mese fa…lei ad un certo punto gli aveva detto che non lo poteva aiutare ma farlo solamente dopo che lui avrebbe preso una scelta,allora si,poteva sostenerlo…poi lui è stato buttato fuori di casa è tornato dalla psicologa ma mi ha detto che non si trovava più…che gli aveva detto le solite frasi fatte…proprio ora che forse ne avrebbe più avuto più bisogno.

    • alessandro pellizzari, 12 Dicembre 2021 @ 13:12 Rispondi

      Tutto chiaro

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.