Home » Amanti » Lui fa la vittima

Lui fa la vittima

Lui fa la vittima
Lui fa la vittima

Lui fa la vittima

E pensare che quando lo avete conosciuto altro che vittima, sembrava il prototipo del maschio Alfa, l’uomo con la U maiuscola, il Maschio che non deve chiedere mai!

E adesso? Cos’è successo? Cosa lo ha trasformato da gran simpatico in musone, da Rocco la spada nella doccia in Peppino la sveltina? Perché l’uomo tutto d’un pezzo ora ha la lacrimuccia facile e vuole la mamma?

Ma che domande fate! Voi lo avete trasformato in una povera vittima!

Perché non siete abbastanza pazienti e comprensive.

Pensateci un attimo.

Sono tre anni che siete la sua amante e già rompete perché lui lasci sua moglie. È vero che lui è due anni che vi parla di vita insieme e persino di figli, ma dategli un attimo. Volete aspettare almeno altri tre anni? Da brave, per forza poi lui è depresso.

Ma lo capite che pretendere che lui almeno dica alla moglie che esiste una evidente crisi matrimoniale per iniziare un percorso di distacco graduale è una pretesa assurda prima del terzo anno di amantato? E poi lui come fa a rifiutare i rapporti con la moglie che altrimenti se ne accorge? Lo stressate poverino.

Ma non gli lasciate neanche festeggiare l’anniversario con l’altra in santa pace e rompete pure perché lei posta le foto da famiglia felice e lui si presta nonostante improba resistenza?  Gli togliete serenità, così lui soffre.

E non pretenderete mica che il prossimo Natale possa rispondere a messaggi e telefonate vero? Vi sentirete il 7 gennaio, prima si fa peccato, non mischiamo il sacro col profano! In fondo avevate accettato non solo di non fare mai weekend insieme, ma lui non ha mai potuto passare neanche una notte con voi, che cosa le diceva? Mettetevi nei suoi panni (sempre!)

Ma anche se non siete amanti lo volete capire che lui ha bisogno di stare con i suoi amici? Che le vacanze vanno fatte con gli amici? Che c’è lo sport con gli amici? I viaggi da solo a Cuba a fare snowboard o la ciaspolata sulla neve (questa volta in Tailandia) con gli amici? Gli amici sono un tesoro, la fidanzata deve capire sempre. Un’ora per lei poi si trova dai.

E quella scenata e i like con la bellona di Facebook? Aguzzine, lui ha bisogno di socializzare, altrimenti si immusonisce.

Sono solo alcuni esempi del perché un uomo fa la vittima.

Il vittimismo è lo strumento più subdolo e frequentemente usato da chi vuol farsi i cazzi suoi impunemente, amante o single che sia. Al massimo è disposto a sopportare un dieci minuti di vostre lamentele alle quali risponderà con musi, silenzi, faccia da funerale.

Voi non capite. La mamma malata, lo zio d’America malato, il figlio con un unghia spezzata, il lavoro che non gli dà quello che lui merita, la crisi che gli ha tolto i soldi per cambiare auto ogni tre anni… Sono drammi!

Certi uomini sono specializzati in vittimismo, come quei calciatori che se solo li sfiori vanno a terra urlando come se gli avessero sparato, ma appena l’arbitro si gira sono già lì a fare i cialtroni con un’altra.

Fare la vittima però funziona molto bene con la maggior parte delle donne. Richiama nel profondo il vostro istinto materno, evoca la crocerossina che c’è in voi, suscita l’istinto di protezione della leonessa per il suo cucciolo indifeso.

Lui lo sa e piange. È impressionante quanti uomini piangono e riescono a piangere a comando: sono un esercito di finte vittime. Lo hanno  imparato dalle donne che piangere risolve quelle situazioni con le spalle al muro, come quella volta che gli avete smascherato l’ennesima bugia e lui non trovava specchi sui quali arrampicarsi. Solo che le donne piangono perché soffrono davvero, per emozione, non mettendosi le lacrime artificiali.

Dai, un uomo che soffre e piange non può non farti provare compassione. E così lo perdoni per la seimilionesima volta.

Vi racconto un aneddoto.

Avevo un amico single di 40 anni che aveva una fidanzata ufficiale e altre ed eventuali. Ogni volta che lei lo beccava a fare il furbo lui faceva la vittima, appellandosi alla convenzione di Ginevra. Piangeva si disperava con lei le diceva di sentirsi umiliato per i suoi sospetti e millantava una depressione per la quale diceva di prendere dei farmaci che non comprava mai. Una sera doveva raggiungerci a una tavolata di soli maschi ma era in ritardo perché lei gli aveva fatto una scenata di gelosia (fondata). A tavola mi ha mostrato un messaggio di lei che diceva: scusa tesoro ho esagerato non volevo farti piangere capisco i tuoi problemi di salute. Ti aspetto dopo cena amore mio. Il suo commento con me è stato: vedi che funziona? Non solo. È stato allegro e in formissima per tutta la serata, al punto che ha agganciato una di una tavolata vicina di sole donne. E siccome questa ha accettato un drink dopo cena lui ha scritto alla fidanzata che non passava perché era molto giù di morale e aveva solo bisogno di dormire. Non male per una vittima in cura per depressione.

Il mio amico sarà anche stato un seriale professionista di vittimismo, ma il succo è quello: indurvi pietà per scamparla continuando a fare quello che vogliamo, che spesso è non lasciare la moglie ma tenervi come amante o cornificarvi impunemente come fidanzate.

Riusciamo persino a farvi venire i sensi di colpa. Non a caso non poche di voi mi scrivono: io ho ragione, lui tante parole e pochi fatti, ma dice che il mio pressing per fargli lasciare la moglie lo sta consumando, sta incidendo sulla sua salute, ho paura che gli venga la depressione. Però quando non facevate pressing e scopavate senza un domani lui era un altro, e sanissimo no?

Se ci pensate bene prima di fare la vittima per colpa vostra ha iniziato a fare la vittima per colpa della moglie. Acida, assente, asessuata, persino cattiva. L’uomo vittima è sempre vittima di qualcuno al quale addebitare i suoi comportamenti ingiustificati e ingiustificabili. L’ho tradita perché è un’arpia. Non posso lasciarla perché mi rovinerebbe.

Le vittime poi hanno un asso nella manica: i figli. Gli stessi che non gli hanno impedito di venire a letto con voi per anni di fila ora che lui fa la vittima diventano un impedimento invalicabile per stare con voi. Persino il figlio manager trentenne sposato con figli si risveglia bambino che vuole dormire nel lettone con mamma e papà se gli chiedete di separarsi. Non potete mica fargli perdere suo figlio vero? Non potete separarlo dai suoi figli! Però scopare voleva e vuole continuare a scopare. 

Persino quando interrompono senza uno straccio di novità il vostro difficile Codice del silenzio lo fanno perché soffrono: tu non capisci quanto mi fai soffrire. Naturalmente che soffriate voi, e che lui interrompendo il no contact è come se vi tirasse una coltellata è un dettaglio. È lui la vittima, voi siete il carnefice. Il fatto che abbia scelto lui di rimanere a casa è un altro dettaglio.

Questi uomini vittima sono distrutti ma dimostrano di avere insospettabili risorse in tragedie greche e drammoni pari solo alle arti messe in campo ai tempi della vostra conquista.

Insomma care amiche, non diventate vittime di false vittime, uomini che solo ieri erano tutti d’un pezzo e che ora vengono a raccontarvi di essere fragili come il cristallo e magari per colpa vostra.

Sincerely yours

Foto Pixabay

 


149 commenti

  1. Oddio..che dire….analisi perfetta. Io mi sento ancora in colpa. Poverino da quando non sono più stata al mio posto, lui si è esaurito. Ha perso dieci chili, i figli contro di lui, il lavoro, la moglie che controllava, la scomparsa del desiderio…povero piccino. Due anni di dolore per me. Non avevo capito…ma con il senno del poi, leggendo ora, non mi pento più per come mi sono comportata. Pensavo fosse diverso….

  2. Odore di bruciato quasi da subito.
    Ma quelle lacrime quando gli dissi che non intendevo continuare sapevo fossero finte
    grazie a te @alessandro
    Quelle risposte che mi consigliavi ( io povera inesperta illusa) e le tue previsioni
    “Attenta, Preparati, farà l’offeso”
    Io soffrivo da matti e lui fingeva. Pure strategie per una scopata.
    Che schifo di persone esistono.
    se non avessi provato sulla mia pelle non ci crederei.

  3. È lui. È il mio ex. E ora scriverlo, pensarlo, definirlo come un ex non suona più una stonatura.
    Povera vittima, aveva ragione, sono fantastica ma ogni giorno gli facevo pressione anche senza parlargli. Si goda la sua tranquillità adesso!

  4. Si proprio così @Caro ALessandro e in più la maschera teatrale della vittima è trasversale nel senso che sta tipica pure usata molto nelle relazioni tossiche soprattutto nella fase in cui dopo il bombardamento di amore dichiarato attenzioni e progetti subito di vita insieme tutto viene condito già manine avanti dei guai patiti dal povero fanciullino

    E certo lui,la vittima ,di tutte le cose peggio richiama e fa perno proprio su ciò che hai scritto tu qui
    Sul senso istintivo di protezione la empatia forte che soprattutto molte Donne hanno e che questi tipi di uomini subito capiscono che ci sta in noi spazio di intortarci manipolarci farci credere l’impossibile.

    Vissuto tutto nella mia ex relazione tossica.

    Oltre a questa mia condivisa osservazione e testimonianza di ciò che hai scritto
    Voglio scriverti che in questo articolo sei stato davvero drande grande secondo me lo hai scritto così bene pieno di ritmo incalzante e calzanti esempi e umorismo pure

    Si ,lo sai già e lo dimostri ogni volta che prendi la penna e scrivi
    Così bene che
    Ovvio ti si legge e rilegge
    E si ride pure
    Che vogliamo di più?

    Che ci scrivi ancora e ancora!!!

  5. Fermi tutti… TOMBOLAAA!!! 😀 C’ho un mix di tutto un po’ stile macedonia. Dalla zia a Natale (poi il 4 gennaio gli mancavo e pure rompeva perchè dovevo scattare), agli amici (gli amici di anni e anni.. quelli che gli erano stati vicini quando lui era solo e triste e depresso, e che faceva, volevo forse privarlo dei suoi più cari amici?), le amichette su Fb a cui spargeva cuori a tutto spiano, ma erano tutte cugine, gente che “oh ma chi è, chi lo sa, guarda in su guarda in giù e il cuore non c’è più”, i vari mi manchi (mi sono resa conto che i “mi manchi” venivano spediti con un calcolo rigoroso di 3 gg prima dalla data che già aveva fissato e calcolato per la sua libera uscita, con un crescendo di giorno in giorno fino al “devo assolutamente vederti”), vallate di lacrime e disperazione quando all’ennesima presa per i fondelli azzardavo un “può anche bastare così”, rinfacciarmi che non dormiva la notte, un finto attacco di panico perchè non gli rispondevo a messaggi percui avrebbe passato la notte in ospedale (in seguito più alcun accenno ad attacchi di panico)… la prima volta che avevo provato a troncare sta farsa non vedeva più il mondo a colori senza di me però nel frattempo era riuscito ad organizzarsi il weekend con moglie e amici (ma avevano fatto tutto loro, lui è uno che si adegua, disse) …and much more!!! La compilation del fedigrafo.. top!!! 🙂

  6. Il mio simulava crisi di soffocamento ogni volta che rompevo troppo, si tirava il collo della maglia annaspando, una volta è quasi svenuto e mentre gli parlavo si è messo con la testa sul tavolo del locale e…si è addormentato!!! Giuro. Oppure mi diceva che aveva le coliche e spariva nel lettone x ore. Ovviamente prima mi faceva pensare che fosse colpa mia poi come mi scusavo faceva il magnanimo e mi diceva che non avevo colpa, ma intanto il meccanismo senso di colpa era partito e soprattutto il suo guadagno era che se proprio non ero sull’orlo mi guardavo bene dal fare scenate perché temevo stesse male. Io poi l’ho sempre saputo che erano manipolazioni così come non cercarlo mentre guidava perché era pericoloso. Però prima non potevo cercarlo perché lavorava, il tragitto men che meno, poi arrivava a casa e allora scusa amore sono già a casa volevo scriverti poi mi ha telefonato xy, poi dopo cena ci sentiamo, poi si addormentava sul divano Eva quel punto se si svegliava era troppo tardi che lui era mattiniero, e se scrivevo troppo la sera gli toglievo.ore di sonno.

  7. Aggiungo come eventuale spunto che il mio furbescamente si lasciava andare a esplosioni di micro violenza sempre solo su oggetti, oppure tirava pugni contro il muro e diceva di essersi fatto male, sempre se io rompevo troppo..mai alzato un dito su di me,tutte sceneggiate, però brutte sul momento e mi sentivo un colpa.

  8. Prima che venisse scoperto faceva la vittima lamentandosi del rapporto con lei. Una volta scoperto ha cominciato ad esagerare su tutto. Litigavano e raccontava di aver dormito in macchina (e non era vero), oppure sul divano, che lei era andata in escandescenza ed erano solo esagerazioni. Se gli dicevo che non volevo parlare del rapporto con lei faceva l’offeso..e certo ero solo la sua psicologa gratuita! Povero, incompreso da tutti.

  9. Managia! Io ci sono cascata tante di queste volte con i suoi pianti…. Mai più. Anche ora che è un ex anche se sempre presente con i suoi apparizioni inaspettati i quali non posso evitare… E piange. Perché si chiede come io, la donna che lo ama, vuole dividerlo dai figli. Gli ho risposto chiaro e tondo che se mette la questione così non c’è di cui parlare. Pensate che ha capito? Mi tormenta ancora con i messaggi. E tormenterà di persona.
    Una domanda. Gli uomini vittime e piagnucolose quanto resistono? Perché io dopo ogni sua ‘visita’ sto sempre peggio…

      • E pensi che non l’ho fatto? Tantissime volte in varie occasioni. E gli ho detto anche che questi figli hanno i nomi ben diversi, Soldi, Apparenze, Comodità. Gli ho ‘fatto riflettere’… Tanto che oggi un nuovo messaggio ancora…
        Sono l’oggetto della sua felicità. Poi papà torna dai figli e loro sono felici perché è felice lui (grazie a me). Finisce male. Dovrò essere maleducata e brusca (non che ha funzionato in passato ma magari questa volta funzionerà) ed è una cosa che vorrei evitare perché odio sentirmi una m… a nei confronti degli altri. Anche se loro questo problema verso di me non ce l’hanno.

        • Ti prende per il culo @Ines.
          Scusami. Ti tratta di cacca e poi ammette quasi grato che lo hai ‘fatto riflettere?’
          Leggi tra le sue righe: io ti prendo in giro e nonostante questo tu fai qualcosa per me (cogliona).
          Non essere dura, sparisci senza lasciare tracce.

        • @Ines è esattamente così, sei uno strumento che lo rende migliore nella vita che ha scelto, non solo verso i figli anche con la compagna ufficiale. Ogni volta che gli rispondi è melma nel tuo cervello, ed è difficile rialzarsi finchè si sta nella melma. Non puoi ragionare con lui di queste cose, pure se ci litighi è energia sprecata. Non gli serve una campagna gli serve un’amante. Non serve “gli spieghi”, questi hanno capito benissimo solo che è più forte il loro egoismo e ciò di cui hanno bisogno.

          • Si, l’ho capito di già che è così… Ho capito davvero. Sono appena tornata da un appuntamento con un uomo separato (ufficialmente) che mi corteggia da mesi. Mi piace solo che non è facile ricominciare e sicuramente è anche troppo presto. E altro con la sua ripresenza (fisica) non mi aiuta ad andare avanti. Ma ce la farò 🙂 grazie a Voi e questo blog e domani anche grazie del libro 🙂

  10. @Ale …. Lo sai che con questo articolo mi hai strappato una risata??
    Non l’ho mai visto piangere e nemmeno strapparsi i capelli (ma questo perchè non può) ….
    Però l’ho visto passare da uomo tutto d’un pezzo a uomo ‘comune’ …. Da spada nella roccia a sveltina ….
    Non l’ho mai visto vittima perchè lui sembra sempre sicuro di se …. Ma in realtà è una facciata!!
    I suoi passare da ‘tutto bene’ al ‘non va bene’ scuotendo la testa ….. Il suo ‘tu fai tutto semplice ma è tutto complicato’ …. ‘Vorrei ma non posso’ …. ‘Non voglio più tradire perchè sono diverso (ma se succede ….)’ …. ‘Io ti faccio del male ma (rido) tu ne fai a me’ …. Ecc.ecc. …. Era ed è vittimismo!! Aiuto non l’avevo mai capito!! Pensavo fosse solo umano come tutti gli altri …. Invece …. Sono più teatrali di noi!!!! Noooo ….

  11. Alessandro ci sta insegnando che la vita è più di una delusione d’amore. Che poi amore non era. O meglio lo era a senso unico. Il nostro. Dall’altra parte il cialtrone, l’eroe di pezza, che ci usa a suo piacimento per provare il suo potere su di noi. Come quando fa la vittima e dopo averci ignorate e calpestate per lunghi periodi, riappare in una mattina di piovosa come questa con un messaggino di riaggancio. Ma noi adesso abbiamo la matematica del cuore e sappiamo interpretare le cialtronate. Compratelo tutte! Perché qui è bello ma il piacere di sottolineare, evidenziare, STUDIARE te lo da’ solo un libro vero!

      • @CaroAlessandro,
        Si certi uomini sono senza vergogna ,mi aggancio qui a questa tua frase che condivido in pieno per esprimere il dolore e preoccupazione che ho provato nel leggere ieri la nostizia statistica che in Italia OGNI 15 MINUTI
        vi sta un uomo che abusa psicologicamente o con rabbia manifesta in aggressioni verbali o meno una Donna

        Il 78/100 degli uomini in Italia che ABUSANO OFFENDONO PSICOLOGICAMENTE E VIOLENTANO LA DONNA
        Sono ITALIANI.
        Interessente e spaventoso dato se si considera che ovviamente alcuni immigrati stranieri ovvio sono persone che sono qui per disperazione molte in difficoltà varie di vita che tutti ben conosciamo

        EPPURE la statistica rileva che la VIOLENZA IN CASA è ITALIANA!,,

        In più ma già lo sapevo la VIOLENZA contro La Donna e I BAMBINI
        Avviene nella maggioranza maxima IN CASA. A opera di
        Marito compagno parente

        OGNI QUARTO D’ORA UN uomo FA MALE VOLONTARIAMENTE E SENZA PIETÀ ALCUNA a una Donna
        E pure ai propri FIGLI

        OKKEI cCarissimo Alessandro vorrei tanto un tuo pensiero a commento di queste così recenti notizie perché mi chiedo a questo punto nei profili di uomini senza vergogna da te scritti in modo PERFETTO E ADERENTI SICURO ALLA REALTÀ tanto che qui noi Blog ne portiamo a sostegno le nostre testimonianze di vissuto
        Ecco non pensi che forse la situazione siano ancora peggio
        E cioè mi chiedo quanti violenti si nascondano abilmente nella società indisturbati viaggiano si fanno la amante si comportano come tu giustamente hai tracciato i loro svariati metodi ,ma appunto dove esista il confine tra NRMALITÀ e DISTURBO COMPORTAMENTO
        Dove stia QUELLO NORMALE STRONZO

        E IL NARCISITA STRONZO

        PSICOPATICO ???????

        Ci tengo TANTISSIMO alla tua opinione perché sono così spaventata da queste notizie che non riesco ad essere obbiettiva
        Ho le emozioni a mille

        Tu puoi aiutarci a fare ordine.

        Grazie già in anticipo

      • E scusa dimenticavo che ho letto che ovviamente pure tra amanti accade il peggio e cioè che molti uomini approfittano del vedersi per ultimo incontro di spiegazioni ,la donna accetta e poi sorpresina
        L’amante che mai prima aveva dimostrato aggressività o comportamento disturbato
        LA UCCIDE.

        • Sono una queste cara @Ariel, per fortuna sono viva (con il terrore che torni per completare l’opera di distruzione anche se grazie alle vostre testimonianze tento di buttarla sull’umorismo e mi aiuta tanto a livello interiore), sarebbe una storia lunga da raccontare ma non mi ero resa conto che dietro le parole d’amore non solo ci fosse una grande bufala, ma un contenitore di rabbia enorme. All’inizio lasciavo perdere “perchè era lui” (leggi il grande amore) e neppure venivo toccata dagli insulti, dalle bestemmie continue, ero proprio cieca. Non è che non le vedessi ma era come fossero rivolte a qualcun altro, non la prendevo nel personale, pensavo alle sue sofferenze da bambino, ma poi è diventata una cosa più grande di me, percui mi rendevo conto che ci voleva una persona competente in materia (non l’amante/psicologa/dama di compagnia) e neppure ero la moglie. Quando ho capito che non ci sarebbe stato alcun futuro, che mi raccontava menzogne, non sapevo come fare a dirlo a lui, come se sapessi che lui poteva dire basta, io no. L’uomo che voleva fare quello tanto pronto a proteggermi, a starmi vicino (nelle parole) è stato quello che ha tentato di distruggermi, quello che voleva vedermi provare dolore (me lo disse). Queste storie sono ancora più pericolose se in situazioni di amanti, perchè sono isolate, nessuno vede, nessuno sa.

          • @Carissima Mary,

            Che cosa terribile hai vissuto e lo spavento e il disagio la destabilizzazione interire che creano questi tipi di uomini che si nutrono dpsenza alcun rispetto al rimorso delle energie buone delle Donne care e veramente speciali come te
            Perché tante volte lo ho scritto qui per ripartire in se stesse chi ha vissuto relazioni tossiche può anche trarre aiuto e fiducia al pensiero che a detta degli Psicologi Psichiatri la scienza ha rilevato che questi soggetti di uomo distrurbato e capace di violenza psicologica fino al divenire fisica si scelgono Sempre DONNE SPECIALI IN OGNI AMBITO
            Ovviamente si scelgono il meglio perché hanno bisogno di specchiarsi nel altro cioè la Donna vittima prescelta per riempire il vuoto mostruoso che hanno non riconoscendo la propria personalità interiore si nutrono dell’altra la amante o moglie e logico quindi che debba essere super non comune .

            Quindi è proprio questa tua Bellezza unica speciale che e fatta di tanti talenti tuoi che NESSUNO POTRÀ MAI TOGLIERTELI
            Fanno parte di te e grazie a questi che riesci e riuscirai ad uscirne totalmente dentro a te stessa a superare questi dolori che sono devastanti e guarda te lo scrivo qui in piena mia emozione in mezzo alla commozione per quanto possa comprenderti al volo
            Nel vento che possa divinere una calda dolce brezza di mare che possa aiutarti tanto a ritornare a ciò che sei e che nessuno può mai rubarti la tua essenza vera !

            Tutelati lo sai già da sola tanti aiuti fattivi puoi avere non solo terapia ma centro antiviolenza più delle forze del ordine che a volte non per loro colpa ,ma le leggi in vigore li costringono a non poter intervenire più di tanto e sicuro non possono proteggere immediatamente,mentre un centro antiviolenza si ci sta tutto psico e avvocati e sostegno fattivo.

            Un mega abbraccione!❤️

  12. Anche il mio amante…insieme da anno…lo chiamavo lamentino perché era un continuo..compagna,suoceri,lavoro,soldi,malanni vari…ed io sempre a comprendere tutto, a consolare senza mai lamentarmi io di qualcosa tanto non venivo ascoltata. Poi da un paio di mesi ha iniziato a dirmi che non poteva venire da me solo quando era di buonumore, che non poteva lagnarsi sempre, che era tutto complicato ed è iniziato il tira e molla…andava ed io a ricercarlo…fino all’altro giorno quando ha scritto lui la parola fine con qualche messaggio dicendomi di farmene una ragione, che io e lui in fondo non stavamo insieme, che si dicono tante cose…tutto questo quando fino a due giorni prima mi diceva di amarmi e di fidarmi di lui, dopo aver festeggiato il nostro anniversario… sono devastata. Cristina

      • Spero di riuscire a vedere presto con lucidità tutto quello che è stato in questo anno…sfruttamento…anche se fa tanto male…

        • @Cristina a volte siamo molto, troppo dissacranti per chi si affaccia con la propria storia. Però qui trovi una serie di ‘precedenti’ che più o meno rappresentano un campione di ogni storia. Io non so se a te interessa identificarti in una o l’altra.. a me più della statistica dei comportamenti ‘marci’ interessano le varie modalità di ripresa di ognuna di noi. Tante, forti, graduali, esplosive, delicate.. ma tutte ne usciamo. Non avere fretta purtroppo si deve tirare fuori una lezione da ogni errore.. ma alla fine sarai diversa e credimi, ti scoprirai migliore e più forte di come (immagino) dubiti di essere ora. Ti abbraccio!

          • Grazie per le tue parole…adesso la delusione è tanta per aver dato tutto ad una persona che diceva di amarmi e che nel finale mi ha detto: “starai male un po’ ma poi ti passerà, fattene una ragione “.Avrei dovuto lasciarlo io ed invece pure umiliata.

  13. no vabhe….il mio ancora non ex purtroppo…..piange perché non riesco a capire quanto sia difficile andare a letto con la propria moglie…..piange ogni qual volta provo ad allontanarmi…..perché non lo capisco…non capisco quanto mi ama…e quanto sarà difficile la sua vita senza di me…….

      • no…..speravo con la moglie ….ma niente!…..è che quando fa la vittima non mi chiedete perché ma mi ha sempre convinto della sua sincerità……e vi assicuro che prima di leggere gli articoli….il blog……scoperto per caso….per cui fino ad 1 settimana fa….non avevo messo in discussione nulla…di tutto ciò che mi aveva raccontato!

        • @Simona.. il mio è uno che si pone subito come un family-man.
          Una volta che ti indottrinano su una strada, se non ti fai certe domande all’inzio, poi non te le fai più.
          Per questo non hai mai messo in discussione nulla di ciò che ti raccontava. Il cervello entra in una sorta di zona ‘safe’ e si sente al sicuro.
          Io ad esempio ho trascurato il piccolo particolare che un family-man che non si accetta come traditore, dopo un primo periodo di doppia vita che finisce perchè non regge di tenere il piede in due scarpe (così te la racconta), non riprende con un’altra e ci va avanti un anno e mezzo come bevesse acqua fresca.
          Ma non me lo sono mai chiesto perchè lui mi si è venduto con quella reputazione. Era vittima di un matrimonio iniziato male da lei e stava cercando soltanto di sopravvivere.
          Non mi sono mai chiesta: ma se sta tanto male da anni, ora che ha la possibilità di migliorare la situazione, come mai non fa nemmeno un passo verso la miglioria?

          E’ andata così.
          Ma da più di due settimane ne faccio a meno. Si sopravvive e si pensa ad altro, sembra impossibile, ma succede!

  14. @cossora se vuoi te lo presto!!! E se considerate che qui posso scrivere solo una parte delle sue genialate.. capirete la portata del personaggio. Mi piacerebbe potervi raccontare il resto, vi assicuro che quando sono in buona fa anche ridere..

    • Mamma mia @Nina …potresti sfruttare le sue performance per un nuovo personaggio di cabaret!
      Che ridicoli sanno essere, quando sappiamo riconoscerlo.
      Il mio ex non aveva grandi lati comici (che tristezza a posteriori) ma ci sono delle sue uscite fatte seriamente che se ci penso non mi resta che riderne..!

  15. Io mio tra l’altro si vedeva che si doveva stropicciare tantissimo gli occhi x averli un po’ rossi..lacrime finte pure quelle, tipo i bambini quando fanno i capriccetti.. anche lui la menava che io facevo tutto troppo facile ma poi era lui che si andava a incasinare in situazioni assurde..

  16. Comunque per vederla con un pizzico di ironia, per chi non l’ha già visto, andate a vedervi o rivedervi il film di Verdone “L’amore è eterno finchè dura” (gratuitamente nel sito della Rai) e ditemi se in modo sottile non tocca vari punti del tradimento, e come sa far lui ti ci fa pure fare una risata sopra!!!

  17. Che facciano i lagnosi ci sta. In fondo se gli andasse benissimo a casa non cercherebbero altro fuori. Certo è che per come sono fatta io, se porti problemi nella mia vita io fuggo a gambe levate. Rifiuto proprio la cosa. Però una cosa gliela riconosco: non mi ha mai trattato male.

    • Beh quello è il minimo sindacale… certo a vederla da lontano si riconoscono delle tattiche tremende, da riderci eh. Il vittimismo era camuffato da malinconia, secondo me l’ex ostentava quella specie di sindrome di Atlante, reggeva tutto il mondo sulle sue spalle, curvo sotto le responsabilità che non gli permettevano (sigh) di essere felice. Quindi trattata male platealmente non lo sono mai stata, presa pecculo direi di sì:)))

      • idem, lui è schiacciato dal peso della responsabilità, nei confronti di tutti, tranne che miei.
        Salvo poi farsi beatamente i ca@@i suoi quando vuole. Quindi anche io presa ,
        p.p.c come te Angelica 2.0, ma con educazione eh?

        • Rosa, dopo aver fatto per due anni l’atlante oppresso circondato da inetti io lo mollai al suo senso del dovere. Non era vero che viveva e respirava per loro come fine ultimo della sua vita, ho capito dopo, era un modo per tenermi legata senza poter replicare. Restato a difendere un castello che nessuno più voleva ha cambiato modi… è diventato cinquantenne in crisi di mezza età, lui discretissimo e serio ha iniziato a postare cagate, moto, foto fighe, evocative di vita spericolata… il che fa molto ridere da uno preciso che dirigeva la famiglia nei minimi dettagli. Gli uomini non si abnegano… fanno finta, mica son scemi

          • @angelica…muoro!

            ….ha iniziato a postare cagate, moto, foto fighe, evocative di vita spericolata…

            (ti giuro sto crepando…immagino il max di vita spericolata divanati cn tuta bucherellata e mano sotto la cintura di @berg…ahahahaha)

            Dio ti ringrazio che il mio nn ha fb e nn è interessato a questi aspetti squisitamente e modernamente social!

            Ricordo che nn gli piaceva nemmeno qnd la sua compagna (12 anni in meno…generazione whatsapp&social addicted) faceva le foto dei piatti al ristorante e li mandava a tutti i parenti x far vedere cosa mangiava di buono!

            Cmq anche lui moto… (ce l’ha da 20 anni)…solo che la vita spericolata la fa senza che nessuno lo sappia (la sua crisi dei 50 se la vive in maniera più furba)

            Cmq…ad onor del vero…la mia amica avvocato in una delle ns uscite solo donne dopo qlche bottiglia di “quello buono” ci ha fatto l’identikit della donna in crisi di mezz’età in fase di separazione o neoseparata…

            -inizia a curarsi di più (celo)
            -inizia a vestirsi in modo più aggressive…e/o provocante (celo parzialmente)
            -inizia a postare foto sui social di lei in pose sexi…fisico da urlo (qnt sn ancora figa a 40/45/50…questo NO CELO…ma probabilmente xchè sn poco social cm il bambino di cui sopra)
            ….
            Qnte d voi si riconoscono? 😉

            L’autoironia salverà il mondo…

          • @Angelica anche lui respirava per la moglie malata-depressa il figlio abbandonato-a-stesso-sensibile. Sti cazzi.
            Prevedo foto fighe, moto, vita spericolata o comunque traini-per-nuove-mire.
            A meno che non ne abbia già sotto una, quindi si evita anche lo sbatti.
            Mamma mia ma che desolazione!!

          • Hahah la donna in crisi, verooooo!!! Vedo su fb certe pantere mie coetanee con foto evocative di lussuriosi lavoretti… per fortuna io sono in crisi dalla nascita quindi non si nota:)))) da parte mia attendo foto col chiodo e ho finito l’album… ovviamente sotto al chiodo c’è la berg-tuta bucata…

          • il mio invece è stile “introverso”, quindi con il peso del mondo sulle spalle, per nulla social, ma che quando vuole si ritaglia eccome gli spazi per se stesso (vedi viaggi in solitaria).
            Qua siamo già in fase crisi geriatrica.
            Sto racimolando le forze per lasciarlo per sempre al suo destino.

          • Foto fighe, moto, fogli di giornale, e abbiamo riscritto ad hoc la canzone di Tiziano Ferro hahahaha

          • @Rosa, anche il mio ex era genere introverso. Aveva la stessa insignificante foto profilo da anni. Serissimo. Una roccia, una quercia, che portava avanti soffrendo la sua mission. Olè

      • Io nemmeno presa per il culo. Mi ha sempre detto la verità. È un senza coglioni. Con il.senno di poi quello che mi ha dato credo sia il meglio che poteva. Stare con lui, non so. Considerato tutto meglio così. Averlo accanto pieno di sensi di colpa e distrutto psicologicamente da tutta la situazione non mi avrebbe garbato.

        • Anche il mio credo abbia sempre detto la verità. Fosse stata la mia verità, avrei quanto meno dato un po’ più di dignità al mio personaggio.
          Sono scelte.
          C’è a chi, pur di non perderci troppo, va bene passare da codardi.. a me no.
          E’ tutta questione di amorproprio, come sempre!

          • Io credo che il mio abbia detto la sua verità, quella interpretabile, contraddicendosi alla fine. Non era vero un piffero che stava male a casa da anni, che erano lontani ecc ecc. che soffriva per i figli. Che reggeva tutta la baracca. Frescacce:)

          • il “mio” e sorrido mentre lo scrivo, più che dire (la verità) ha sempre scelto di non dire. E se fino ad un certo punto l’ho apprezzato, dando per sottinteso che se aveva guardato al di la del recinto era perchè non stesse bene dove era, ora a scoppio ritardato, e dopo la lettura di questo blog, mi sovviene più di un dubbio….
            Grazie ragazze.

  18. Il mio amante continua a dirmi che abbiamo le palle, perché soffriamo e non viviamo appieno il nostro amore, per tutelare le nostre famiglie.
    Gli ho risposto che a me non sembra che lo facciamo perché abbiamo le palle, anzi io mi sento una brutta persona e pure vigliacca!

      • Il fatto è che a me sta bene così. Non vorrei proprio che lasciasse la famiglia, mi costringerebbe a una scelta che non voglio fare.

    • E gli asini volano Lei….
      Ma come fai ancora a farti intortare in questo modo?!?
      E certo tu meriti di soffrire, la sua famiglia non si tocca.
      Se c’è da immolare il capretto è meglio prendere te, che tra l’altro ti presti perfettamente al gioco.

      Non ti capisco giuro.

    • Io non capisco perché deve sempre accomunare voi due insieme nelle considerazioni… già è successo, noi due entrambi con le palle, noi due entrambi soffriamo, noi due entrambi arriveremo alla meta… decide lui e parla pure per te.

  19. Analisi perfetta, sei un grande! Tutto già vissuto con grande dolore ma storia finita per mia scelta, ovviamente! Che se ne stia con moglie, figli mamma, sorella, suoceri, cognate e cognati. Io mi sono ripresa la mia bella vita.

  20. Alessandro il mio fa la vittima ora che è stato mollato, dandosi colpe per avermi fatto scappare ecc ecc…… inutile dirti che ignorarlo è la cosa migliora che io possa fare

  21. Ciao. Il mio ……non saprei come definirlo…..dopo essere stato beccato due volte……fa quello che rimane a casa per le solite robe material/pratiche…in uffici L altra sera ( perché è pure nel mio stesso ufficio….me la sono proprio cercata) dimentica una chiavetta sulla scrivania che io prontamente guardo….. e vedo un sacco di foto meravigliose di lui e la sua famiglia che fanno pensare a tutto tranne che lui stia lì per aspetti pratici! Che coglionazzo!

    • Lui e la famiglia…forse deve dimostrare alla moglie che la scappatella è rientrata, per avere il guinzaglio un po’ più lungo. Ti assicuro che le foto vogliono dire davvero poco.

  22. Anche il mio ex amante fa la vittima dopo che l’ho lasciato. Continua a mandarmi messaggi strappalacrime, su quanto mi ama e quanto soffre e… bla bla bla, cercando di impietosirmi quando, invece, ottiene l’effetto esattamente contrario….mi fa imbestialire.
    Ovviamente anch’io, come Annina, cerco di ignorarlo ma non è sempre facile perché mi sento pure presa in giro!! Come sei solo capace di frignare?? Perché, invece, non hai agito lasciando tua moglie? La risposta è semplicissima: non ero così importante! Bene allora rimani nel tuo orticello e lasciami in pace

    • Il suo orticello proprio come lo chiama lui!!!!! cmq sta diventando lo zimbello dell’ufficio con le robe che posta sui social

  23. Il “mio”invece fa la vittima adesso che è fuori casa, strana la vita eh…comunque da venerdì non l’ho più sentito.

      • Il mio ex mi ha scritto che lei lo comprende anche se sono due sconosciuti .. e mi ha mandato il link a una canzone presumo riferita a lei ..ci ha messo solo poco più di un paio di mesi dalla cacciata di casa della moglie e dal vedere me a trasferirsi direttamente dalla trentenne .. ma che cacchio gli salta in mente di mandarmi una canzone dedicata a lei ? È completamente rimbambito ? Non gliene frega niente di come sto . Prima si sfogava con me adesso con lei che lo comprende poverino … ma vaff

        • @Cla si sfoga con te perchè alla fine stai ad ascoltare i suoi sfoghi (verbali o sessuali) da una vita, mica si pone domande su di te, per lui sei l’amante. Non rispondere più ai suoi messaggi. E stai attenta che se con questa trentenne ad un certo punto si dovesse annoiare è capace di tornare ancora a cercarti, ma come amante.

        • Scusa @Cla, te l’ha mandata perchè ha la demenza senile precoce: è convinto di averla mandata all’altra.
          Purtroppo è possibile, alcune forme sono davvero anticipate e a discapito di un aspetto ancora vigoroso e virile.
          Non mi sto inventando niente.
          Tu sei ancora dentro e non valuti questa cosa!
          Renditi conto di cosa hai scampato!

          • Demenza senile hahaha ! Forse è sempre stato demente e non me ne sono accorta . Comunque non tornerei con lui anche se dovesse cercarmi ma per ora non credo sussista il problema . Certo che andare a vivere con lei così velocemente è davvero strano ma è anche vero che lui ha una gran paura della solitudine Ne è terrorizzato.

        • La trentenne si starà stancando ….
          La moglie avrà cambiato la serratura di casa ….
          E lui vuole capire a che punto sei!!
          @Cla …. Bloccalo!!

      • @Oldplum capita anche a me di pensare ‘e se in un momento di follia avesse fatto outing e fosse fuori casa con la colpa dell’Universo e il bambino, e i parenti e il farmacista contro?’
        Un’emorroide perenne.

        • Uhhhhhh io ci penso e mi sembra ora di aver sfiorato un meteorite. Lui ha avuto situazioni problematiche coi figli, più di una, ed era in casa Mulino Bianco (non che sia garanzia di equilibrio) figurarsi se fosse uscito di casa, io e lui saremmo stati crocifissi. Ci avrebbero dato ogni colpa. Almeno ora le beghe se le risolvono loro.

          • Tutti noi abbiamo sfiorato un meteorite. Io sono dell’opinione che nessuno di noi sarebbe mai stato felice se avesse potuto vivere una storia alla luce del sole coi nostri cialtroni/a. Intendiamoci, nessuno è perfetto…e alla lunga, io credo, con la maturazione e l’affinarsi dei nostri gusti e abitudini, faremmo fatica a convivere coi nostri figli, figurarsi con questa gente che si lamenta, che si inventa le peggio balle e poi non le sa nemmeno reggere al punto da essere smascherato in un secondo. La mia cialtry, non scorderò mai, in un momento di confidenza telefonica dei primi anni, una sera mi disse che si sentiva avvilita perché avendoci provato col marito nel letto nuziale, era stata respinta adducendo stanchezza. Cioè, capite? E io cretino che ancora scodinzolavo all’idea che questa fosse stata respinta e non avevo capito un beneamato piffero di che deriva stava prendendo la cosa.
            Io non credo sarebbero mai state storie sane le nostre con questi, proprio perché nate in contesti viziati.

          • Berg, carina la cialtry:))) si vede che hai preso le distanze… certo che è andata come doveva andare. Saremmo stati malissimo, in un mare in tempesta senza possibilità di controllo. I nostri amanti non erano in grado. Ci avrebbero reso infelici. Se non sono stati in grado di fare il passo, immaginiamo nella vita “dopo” che è difficilissima. Lo so per tante esperienze vicine. È difficile già entrare nella vita di separati/e, se poi si è la pietra dello scandalo e non c’è un bel quintale di palle di marmo a contrappeso, sono tragedie…

  24. Ma nemmeno il mio mi ha formalmente trattata male e secondo me il grave è che lui era pure in buona fede ma perché aveva una visione di sé totalmente distorta..

    • Il mio ex si credeva e dipingeva talmente giusto ed equilibrato che più di una volta l’ho immaginato camminare sulle acque.

      • @cossy Mamma, pare che sono santo! L’uomo a cui appiopparono l’amantato. Ma i pani e i pesci li moltiplicava o solo le faccine? Cmq @Berg la cialtry è l’epiteto definitivo. Adoro!

      • Se escludiamo l’alzata di mani… Nina, ho letto nei mesi di comportamenti inqualificabili… ti ha danneggiata economicamente al limite della truffa… ti ha sfruttata lavorativamente… sei stata fisicamente a terra mentre lui continuava i suoi tira e molla… indeciso è immaturo.. che ci rimane?

        • @nina…davvero! Ci aggiungerei anche le telefonate public relation mentre tu sei stesa nuda sul letto…
          Ma cosa ti serve x dire che ti ha trattata male? Uno sfregio in faccia? L’acido lanciato addosso?
          “Formalmente” trattata male…la parola FORMALE indica un presa di posizione in qlche modo “contrattualizzata”…e si…tu nn eri contrattualizzata…ma direi che l’aver messo di mezzo avvocati x un recupero del credito (immagino ingente, altrimenti pagare un avvocato x pochi soldi nn aveva senso)… è un sufficiente atto formale…che mi lascia dire senza ombra di dubbio che ti ha trattata male FORMALMENTE e INFORMALMENTE!

  25. Cossora fidati meglio in casa che fuori,io queste due settimane fuori sono state delle catastrofi,avevo un’angoscia tutti i giorni, sono state peggio che negli ultimi quattro anni,ti trovi dentro a problemi che non dipendono da te e che non puoi risolvere…se poi uno non li sa gestire un’inferno…sto male anche adesso ma spero che prima o poi lo dimenticherò..

    • @Angelina io ho trovato un chiodo che è una meraviglia. Sentimentalmente improponibile, ma divertente, perfetto per questo momento.
      Dell’ex non so niente da quasi tre settimane.Se lo vedo su qualche social esco per evitare qualsiasi aggancio (inizio a pensare che potrebbe non presentarsi più) ma per il resto come non ci fossimo mai conosciuti.
      Allucinante se penso alla confidenza tra noi solo un mese fa.
      Ma così è!

      • @cossora…anche io dopo un paio di mesi di distacco, pur avendola tutti i giorni davanti agli occhi, noto questa surreale (o realissima) sensazione di colpo di spugna a tutte le confidenze di 10 anni. Ormai siamo come due normali colleghi, io sereno e a mio agio nonostante la sua presenza e pure lei (anche se ogni tanto ha delle cadute di stile o dei superficialissimi tentativi di tastare il polso della situazione). Sembra non ci sia mai stato nulla prima. E la cosa, devo dire, mi fa capire quanto fosse finto il sentimento, o meglio, quanto fossero finte le fondamenta di un sentimento magari anche vissuto come fosse vero. Nessuna nostalgia, nessun rimpianto…è una sensazione strana…bella, liberatoria, rivelatrice. Si capisce dal proprio interno come non fosse amore, come tutto sia stato “frainteso” e solo adesso il rapporto è divenuto quello che realmente doveva essere: colleghi di lavoro con qualche affinità di ironia ma che mai avrebbero accettato di stare insieme nella vita reale.

        • @Berg io sono dell’idea di @Ale, è il tempo, non il sentimento. Anche la pianta più rigogliosa se smetti di innaffiarla muore.
          Al di la del mio chiodo (che comunque si impegna e non si fa inseguire), non lo vedo/sento/incrocio nemmeno per sbaglio.
          Tu ci sei rimasto dietro di più perchè nel non vivervi, vi siete vissuti quotidianamente.

          • Penso la stessa cosa …. Il tempo e non il sentimento …
            Poi penso che la quotidianità non aiuti!!
            Probabilmente se non lo vedessi tutti i gg, il CDS sarebbe molto più semplice!!
            Un taglio netto e brusco sarebbe l’ideale!!

  26. Avete tutte ragione ed è così, ma io volevo sottolineare la sua assoluta inconsapevolezza e convinzione di essere nel giusto. Il difficile è che lui era tutto un miele in superficie ma sotto sotto mi trattava come sapete..è difficilissimo spiegare come si potesse essere irretiti dalla sua dolcezza superficiale..come una mosca dal miele..

  27. Il mio ex Cialtrone era un campione a fare la vittima, povero cucciolo ero io quella senza sentimenti che non si faceva uscire mai una lacrima, lui era sensibilissimo, piangeva perché aveva avuto un’infanzia difficile, lui era speciale con doti speciali ma in famiglia era incompreso.
    Ma da adulto era diventato il primo in tutto, più bravo a scuola, all’università per non parlare del lavoro, tutto incapaci per fortuna che c’era lui che salvava le sorti dell’azienda.
    Portava il peso del mondo sulle spalle e se piangeva e si lamentava era solo perché la gente non capiva quanto si sacrificasse.
    Anche le corna che faceva alla moglie erano giustificate perché lui, non gli mancava di rispetto ( idea strana del rispetto), erano come un premio che si meritava per la vita difficile e una persona accanto che secondo lui aveva problemi e per questo non poteva lasciare.
    Ogni volta che lo lasciavo erano ore di lacrime e suppliche, perché io non mi disperavo come lui..non lo amavo e non capivo la situazione.
    Quando ho adottato il blocco totale mi sono arrivate lettere e messaggi vocali con 20 minuti di pianti disperati.
    Ma io sono andata oltre, ormai avevo capito che ero stata con un Cialtrone per più di 2 anni che usava le sue sfortune vere o presunte solo per ingannare la donzella di turno.
    Sono veramente felice di aver evitato questo meteorite triste e depresso, sarei diventata una persona triste anch’io.
    Un abbraccio a tutti voi.

  28. Cossora io non riesco proprio in questo momento a pensare ad un chiodo, ma se tu ci riesci fai benissimo!!Io mi sono chiusa nel mio io, ho bisogno di capire il perché di certe mie trappole mentali,di questo logorio durato quattro anni, hai ragione la cosa brutta è pensare a quanta confidenza fino poco fa, io ci ho fatto l’amore o sesso a sto punto non so neanche, due settimane fa…
    La cosa brutta di queste storie è che poi devi fare i conti con la realtà, ti cala quel velo ed è una sofferenza tale, pensavi che c’era qualcosa di speciale, che ti volesse bene,non dico amare,invece capisci che non c’era niente di niente, lui ti ha eliminato così come niente fosse e si il tempo ti farà guarire ma quanta devastazione prima.
    Stasera avrei avuto un’occasione di vederlo,c’era un’evento che ci accomuna ma io ho preferito non andarci, non lo voglio vedere, anche se prima o poi mi toccherà.

    • @Angelina il mio chiodo non è una new entry, o meglio, non è una nuova conoscenza.
      Sono io quella nuova.
      Quella che all’ennesimo approccio (erano due, ma uno come sapete l’ho avvisato subito, tanto lo sai nella pancia se uno ti prenderà o no) si è detta ‘è quello che ti serve adesso’.
      Basta darsi il LA, darsi la chance, poi se deve funzionare funziona.
      E direi che per come ho ridotto il numero di pensieri all’ex in carica, fossero solo quei 4 incontri.. hanno fatto il loro dovere.
      Poi stamattina mi sono svegliata presto e il ricordo romantico è affiorato un po’ prima delle delusioni.
      E va beh. I ricordi li ho, li accetto e li guardo arrivare, come le nuvole: vanno, vengono.

    • Sai, non è questione di pensare. È questione di sforzarsi. Io non ci penso e neanche quando arriva il momento ho voglia. Ma mi trucco, mi vesto, insomma mi faccio carina per me ed esco. Cerco di essere radiosa, di trovare me di due anni fa. Evito il bacio, butto tutto su ‘per ora tutto amichevole, poi si vede’. E poi sorprendentemente torno a casa contenta. Non felice e piena di gioia come dopo incontri con lui ma…. Da qualcosa dobbiamo pur cominciare!

      • Si @Ines e comunque c’e da dire che quando una persona ti scade non tiri su più niente. Io a certe cose carine penso ma poi mi ricordo come e perchè mi è scesa la catena dopo e non lo rivoglio neanche gratis.
        Chi ha dato ha dato, e chi ha avuto ha avuto.

        • Se ti scade si, tutto è più facile… E che a me lui non è scaduto…. Malgrado tutte le scemenze che ha detto, malgrado mi vuole solo come amante. Cmq lasciamo stare, non ci voglio più tornare indietro! Uscire con altro anche sforzandosi non è il modo per dimenticarlo. E che lo so, più tempo passo chiusa a casa più difficile diventa ricominciare.

          • @Ines scusa se mi permetto.
            Lui non ti scade perchè tu continui a sentirti inferiore a lui.
            Appena avrai il motivo per accendere la lucina dentro di te.. lui finirà nel corriodio della dimenticanza.
            Fidati. Non deve scaderti lui, devi rivalutarti tu.

  29. “Vi sentirete il 7 gennaio, prima si fa peccato, non si mischia il sacro col profano!” :))) rido muoiooooo, oddio!
    Ti adoro, sei unico nel tuo genere maschile!

    P.s: Vi ho pensati tutti insieme questa sera alla Libreria Rizzoli! Sarà stato un incontro bellissimo ed emozionante!
    Tanti auguri di cuore! Un abbraccio!

          • Così non potevi cadere in tentazione con le tue adoranti fan, avevi i parenti a controllarti?
            Tipo maschile: mi tolgo la possibilità così sto buono 🙂

          • Si però le foto che ho visto su tua pagina feisbuc insomma,chi vi ha fotografato vi ha ritratto in un momento in cui sta visibile una stanchezza pregressa evidente in tutti e tre Manuela Tu e Eliselle

            Sguardo stanchissimo
            ,per forza non tutte le ragazze Vivaci erano presenti,ahahahah

            Il lupo sicuro ha perso il pelo a vedere quella foto

            In quanto al vizio ,mah
            Resto perplessa
            Ahah ah muio
            E ti sto a pigliare in giro per celare la voglia che ho di vedere filmato altre foto più belle

            E soprattutto ragazze vivaci che eravate lì
            Su coraggio vogliamo sapere tutto

            Avanti raga questo serve tanto a valutare da parte nostra ,non so ,mia sicuro ah ah ah,ma credo pure White e Cossora e Berg insomma

            Sbottonatevi
            Scriveteci ,qui
            Ma davvero è come racconta Alessandro ?
            Oppure è stata na pizza.

            Avanti vogliamo sapere tutto pure di che colore erano le mutande

            Muoio ,ma credo di non essere andata lontana dal esprimere ciò che il Blog che purtroppo non ha potuto esserci ecco
            Voglia di SAPERE TUTTO OOO!

            Ah ah ah
            Coraggio farsi avanti!!!!

  30. @ricomincio il mio ugualissimo.. incredibile. Anche lui a 60 anni aveva ancora recriminazioni contro i suoi genitori morti e sepolti da anni..anche lui indispensabile e incompreso sul lavoro dove era ovviamente punto di riferimento delle numerose nuove colleghe, e ovviamente odiato da tutti i colleghi uomini, infatti non aveva un amico maschio passabile. Anche lui tradiva lei senza scrupoli x autocompensazione a causa di inadeguatezza di lei come compagna. In effetti una delle cose che subito mi sono suonate storte era il fatto di dirmi che si meritava me perché la sua vita era piena di problemi e io ero invece una cosa bella. Io che sono rompiscatole mi ero irritata x il suo definirmi cosa e lui a sua volta si era arrabbiato x mia reazione, ma al di là delle diatribe linguistiche ci avevo visto giusto sul suo trattarmi come cosa. Si era tradito fin da subito e il bello è che questa discussione mi aveva fatto scattare un piccolo allarme ma poi avevo anche pensato Nina sei la solita rompic. Invece..

  31. Oggi in tilt stavo pensando che più o meno gli uomini della mia vita a tratti si assomigliano ….
    Il tutto è nato da una scelta che ‘lui’ ha fatto al posto della figlia …. Lui ha deciso così e così sicuramente sarà ….
    Oggi mi ha chiesto di raggiungerlo, gli ho dato buca …. Ma effettivamente non riuscivo, risposta? Ha visualizzato la mia risposta dopo un’ora e non mi ha più risposto!!
    Lo stesso atteggiamento ce l’aveva anche il mio compagno …. Quando dicevo ‘no’ …. Musi e non risposte …. Questo fino a quando ha ‘sentito’ che mi stava perdendo!!
    (Lo stesso atteggiamento ce l’aveva un mio ex ….)
    Entrambi persone super disponibili e solari, ma non in grado di ricevere un ‘no’!!
    Non sono narcisisti, ma a tratti manipolatori sì ….
    @Ale c’è un articolo che parla di queste figure, anche se li identifico molto negli uomini ombra …. Egoisti e in grado di farmi resistere ai loro continui sbalzi d’umore!!
    Grazie!

    • @Dispersa si chiama coazione a ripetere, la vita ti metterà davanti gli stessi schemi e gli stessi uomini finché non impari la lezione. Se ti sembra tutto così simile e così familiare è perché lo è, ma devi scavare. Il matrimonio in crisi e l’amantato sono solo la punta di un iceberg enorme. Il minimo comun denominatore sei tu ma questo vuol dire che sei sempre tu a poter cambiare le cose. Forza!

      • Grazie @Eva …. Effettivamente ne avevo sentito parlare …. Ma non avevo mai collegato le due storie compagno/amante …. Fino a ieri!!
        Bingo!!
        Effettivamente l’unica persona che può cambiare le cose sono io e, orgogliosa, ti posso dire che lo stò facendo …. Quello che mi mancava, un po’ alla volta, lo stò recuperando …. Facendo capire al mio compagno il mio punto di vista …. E per il momento sembra capire!!
        Poi ci sarà tutto il resto da sistemare ….

        • @Dispersa spero che con “mio compagno” tu ti riferisca a tuo marito e non all’amante… con quello non c’è proprio niente da recuperare. Non serve gli avvertiate che “è finita”, perchè non è mai iniziata una relazione degna di questo nome.

  32. Alessandro, perdonami per la domanda, ma come mai un tipo ” furbetto ” come quello era tuo amico? Non avete nulla in comune, come poteva essere amico di un uomo onesto e gentile come te?

  33. Cialtrone mi sembrava perfetto come termine per definirlo. Invece non basta.troppo delicato per uno come lui. Come chiamare uno che ti scrive solo quando gli gira, che ti visualizza senza mai rispondere, e se gli chiedi che fine ha fatto risponde non avevo visto ? Perché in effetti quell’uomo con la U non puoi assillarlo cosi,lui ha da fare con fb, all’alba già attivo. E per un amante che da dieci anni si accontenta di essere il suo zerbino c’è solo una definizione.

      • bellissima definizione ma troppo gentile Cialtronzo! Gli ultimi eventi richiederebbero qualcosa di più pesante. Da un mese il moribondo non parla che della malattia che l’ha colpito e che gli impedisce di uscire per incontrarci e piange perché non ci vediamo da mesi. E gli mando incoraggiamenti e parole d’amore per non farlo deprimere anche se la sua attività sui social sembra incrementata e più brillante. Non voglio assillarlo poverino sta male meno male si distrae con tante amiche che non sanno niente dei suoi guai di salute. Poi la batosta. Un simpaticone gli posta una bella foto di gruppo della bella serata tra risate mangiare e bevute ! Lui allegro in primo piano… Lui il mio moribondo . Le mie preghiere lassù sono state ascoltate ! E torno a questa pagina e mi rifaccio due conti. Alla matematica del cuore non serve la prova del 9 . Auguri buon a tutti

        • Quando un social ti salva la vita!!!!! Anche a me ha aperto gli occhi svelando una balla che mi ha fatto chiudere definitivamente. È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso diciamo, ma in quel momento mi sono sentita stupida e umiliata! Evviva i social, patrimonio dell umanità! Un arma per smascherate i nostri cialtronzi!
          🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ecco La matematica del cuore, il mio nuovo libro

Ci siamo finalmente! Ve lo avevo annunciato, molte lettrici lo aspettavano e ora posso dirvi, rivelarvi tutto: il mio nuovo libro si intitola La matematica del cuore e Dal 21 novembre 2019 potete acquistarlo direttamente su Amazon

@anpellizzari

Commenti recenti