family preparing food and setting table
Photo by Julia M Cameron on Pexels.com

Alla vigilia di Pasqua e delle sue ennesime vacanze in famiglia senza di te tu gli hai chiesto per la prima o ennesima volta: ti separerai mai? E lui ti ha risposto: NON POSSO

Di solito il NON POSSO è seguito da PER I MIEI FIGLI, la scusa numero uno degli sposati che non vogliono separarsi. Sarà anche vero in alcuni casi, ma è indubbio che i figli non gli hanno impedito di tradire (e magari non è neanche la prima volta) e vengono tirati fuori guarda caso adesso (magari dopo anni di amantato) per bloccare ogni tua richiesta sul futuro, o almeno ora, che hai fatto la domanda precisa e definitiva TI SEPARI O NO?

Di fatto milioni di separati e figli di separati potrebbero raccontare che la separazione è un lutto per tutti e non è certo una passeggiata, ma la vita continua anche per i figli dei separati (ormai maggioranza o quasi: ricordo la vignetta dove a scuola c’è un bambino al banco triste solo con gli altri che lo additano sussurrando “poverino, i suoi sono ancora sposati”) ) e non di rado migliora, soprattutto nelle coppie gelide (i figli non sono ciechi e sordi) o a maggior ragione conflittuali.

Irricevibile la storiella del “non li potrò più vedere, li perderò”: il diritto di famiglia non è più madre centrico come una volta, basta parlarne con un avvocato seriamente e non per finta. In quanto all’altro asso nella manica del renitente alla separazione, PERDERO’ LA QUOTIDIANITA’ CON LORO intanto bisogna vedere che quotidianità aveva (molti uomini non stanno dietro ai figli, ci stanno le mamme per tutto) e poi dipende da lui, il giudice la quotidianità, dalla prima colazione al metterli a letto, vacanze comprese, la garantirà.

Ovviamente lui parla di figli perché NON TI PUO’ DIRE che lui non lascia il suo matrimonio azienda (leggi qui) per convenienza, perché si è fatto i conti, perché in realtà lui ci sta benino a casa sua (soprattutto se ha anche l’amante), perché alla sua età non ha nessuna voglia di fare la rivoluzione per te, perché non vuole toccare neanche il suo moralissimo entourage sociale, perchè ti ama ma… in realtà ama i suoi soldi e e la sua comfort zone domestica, tu sei solo la moto per farci i giri pazzi sui tornanti, ma a casa in garage c’è la station che quella serve per la famiglia e per fare tutto, la moto è un di più, si vende se non te la puoi più permettere.

QUINDI NON POSSO IN REALTA’ VA TRADOTTO IN “NON MI CONVIENE”

Come spiego nel video qui sotto, dove rispondo anche alle domande sul tema delle spettatrici.

CLICCA QUI SOPRA PER VEDERE SUBITO LA REGISTRAZIONE DELLA DIRETTA

Vi lascio augurandovi una buona Pasqua, e che sia l’ultima senza di lui che NON PUO’ NON FARE LE VACANZE CON I FIGLI (LEGGI MOGLIE). E se sei in questa condizione da troppo tempo, se lui ti ha detto non posso e tu ne vuoi uscire ma non ci riesci perché sei disperatamente innamorata o ci speri sempre che cambi idea contattami alla mail anpellizzari@icloud.com

Sincerely yours

Condividi:

149Commenti

  • Nick76, 30 Aprile 2024 @ 18:37

    @Alida: “@Nina, mi permetto di ridere perché ho scelto l’onestà. Magari non fin da subito. Ho scaricato l’amante quando ho capito che non avrebbe mai lasciato la compagna. E ora mi sto separando, perché con mio marito non ci posso più stare. E la separazione mi sta facendo capire con che razza di uomo sono stata per 14 anni.” Sono d’accordissimo con te la piena consapevolezza di sé è il primo passo per ricostruire una nuova vita “su misura” senza compromessi e menzogne

  • Cossora, 24 Aprile 2024 @ 12:30

    @alida mi permetto, per analogia di situazione vissuta anni fa, di rassicurarti: tutte attraversiamo una fase in cui, appena separate, ci chiediamo ”ma con chi cavolo rischiavo di invecchaire?’
    Poi le cose si stabilizzano. Anche il tuo ex marito sta vivendo un momento difficile per lui.
    A volte si stabilizzano sul livello peggiore, altre su un livello accettabile, facendoci ‘intravedere’ la persona che ci ha fatto innamorare anni prima. E’ la fase in cui si accetta che si pensava fosse per sempre ma non è andata così.
    Ovviamente ti auguro la seconda ipotesi!

  • Alida, 23 Aprile 2024 @ 12:55

    @Nina, mi permetto di ridere perché ho scelto l’onestà. Magari non fin da subito. Ho scaricato l’amante quando ho capito che non avrebbe mai lasciato la compagna. E ora mi sto separando, perché con mio marito non ci posso più stare. E la separazione mi sta facendo capire con che razza di uomo sono stata per 14 anni.

  • Nina, 19 Aprile 2024 @ 11:41

    “A leggere di mariti traditori che sono tornati onesti mi viene da ridere.”
    @Alida puoi anche ridere,ma esistono persone al mondo che si rendono conto che essere onesti li fa star meglio e che di conseguenza cambiano modo di vivere. Mi auguro per te che quando avrai smesso di ridere tu prenda la stessa decisione ti assicuro che vivere nell’onesta’ fa stare bene

  • Cossora, 19 Aprile 2024 @ 10:34

    Certo @Alida, ma poi chi ti accoglie a casa come il Messia? Chi ti scalda il letto quando ti fai il vuoto intorno? Dove passi le feste comandate quando amanti e amici sono ‘in famiglia’?
    Capitolo soldi? Vogliamo parlarne?
    La persona che può davvero essere onesta è quella che fa da sempre il c***o che vuole nella sua esistenza. Io posso essere onesta quasi al 100%: non dovendo nascondere nulla, non mento mai.
    Ma se ti fa stare scomodo, l’onestà la buttiamo tutti nel cesso. Tutti.

  • Alida, 18 Aprile 2024 @ 14:02

    A leggere di mariti traditori che sono tornati onesti mi viene da ridere. Come scrive ADS se arrivi al tradimento non ami più. Se torni magari perché pensi di amare ancora il coniuge oppure per convenienza.
    L’onestà non esiste nel tradimento verso il coniuge. La vera onestà sarebbe mollare il coniuge e ammettere che forse c’è qualche problema.
    Il resto è noia, come cantava Califano.

  • Dispersa, 8 Aprile 2024 @ 13:07

    Certo @Ads il mio cambiamento lo avevano notato, ma non pensavano fosse dovuto ad un problema all’interno della coppia (amiche passate anche loro per un amantato).
    A volte vogliamo far trapelare ciò che fa più comodo, come vogliamo vedere ciò che ci fa stare meglio, ripeto riconosco anch’io che la gente non è poi così felice… Ma è un utopia, la felicità è uno stato momento non continuativo, quindi a volte ci si imbatte in certe persone che in quel momento sono particolarmente negative e questo stato lo trasudano, ma questo può essere dato da mille altri fattori esterni alla coppia (non leggiamo la mente delle persone e in molti casi non lo sapremo mai).

  • Leilei, 8 Aprile 2024 @ 10:20

    Ale io col mio primo fidanzato avrei messo entrambe le mani sul fuoco. Fu scioccante scoprirlo.

  • alessandro pellizzari, 8 Aprile 2024 @ 07:42

    Almeno un terzo dei traditi da me interpellati prima della scoperta alla domanda “potrebbe avere un’altra” rispondevano impossibile o non credo

  • Nina, 8 Aprile 2024 @ 07:25

    “a mio avviso un partner che per anni non si fa domande e non si accorge di nulla, non è molto presente”.
    @Ads nel mio caso almeno non è stata questione di presenza,quanto piuttosto di una forma di “innocenza” mentale che ti porta a non mettere neanche tra le opzioni la cosa. Insomma non ti viene in mente che possa far parte della tua coppia una situazione del genere, quindi proprio non vedi. Ne nella tua coppia ne in quelle che frequenti. Mi sono accorta che ora,dopo quanto successo, sono molto più sensibile a certi atteggiamenti, anche nelle persone che frequento,noto molto di più nelle altre coppie certi atteggiamenti che mi mettono in dubbio e mi fanno pensare.Penso che l’esperienza in negativo aumenti la sensibilita’ su questo aspetto,forse per questo anche tu ora noti molto di più il “piattume” in alcune coppie che magari prima non notavi.

  • Nina, 7 Aprile 2024 @ 22:32

    @Ariel secondo me hai ragione. In Italia il machismo è molto diffuso,ma secondo me più in senso sociale. Nel senso che certi “privilegi” maschili sono duri da abbattere e spesso agli uomini socialmente vengono accettati comportamenti che in una donna sarebbero stigmatizzati e non mi riferisco solo alle relazioni…basta pensare anche solo all’ambizione lavorativa o alla libertà di linguaggio riguardo a certi temi e altro.Però gli atteggiamenti che tu attribuisci a donne e uomini in questo senso(machismo) secondo me sono più legati alle differenze effettive tra i sessi. Le donne in linea di massima effettivamente sono molto più “sentimentali” nelle relazioni (anche con le amiche per esempio) mentre tendenzialmente gli uomini sono meno proiettati all’emotivita’ e piu’ concreti, certo con le dovute eccezioni…e questo si riflette anche nel modo di gestire le relazioni. Nel corso della mia vita e nelle mie frequentazioni ho notato che il più delle volte questa differenza c’è, ma non credo sia “machismo” ,solo modi diversi di vedere la vita legati effettivamente all’appartenenza all’uno o all’altro genere. In Francia ti sembra diverso? Sono diversi gli uomini o è il tessuto sociale che è diverso? Chi di voi ha vissuto all’estero ha notato differenze in questo campo?

  • elleelle, 7 Aprile 2024 @ 22:22

    @Ariel
    “Nessuno fa na piega nel mondo del lavoro o societé in genere se na Donna sta separata amante o divoraziata”

    Non è proprio così. Ci sono aziende, anche all’estero, in cui le relazioni di amantato tra colleghi non sono affatto ben viste. Che poi succeda comunque è il segreto di Pulcinella ma se l’azienda si impunta si rischia il licenziamento.
    Anche all’estero si spettegola tanto quanto in Italia, c’è chi se ne frega e chi no, per cui preferisce dare una certa immagine di sé. Anche all’estero ci sono relazioni di amantato che durano anni e non ci si separa per motivi economici e sociali, ad esempio.
    Il mio amico seriale è uno di questi e del resto se si separasse cadrebbe l’equilibrio tra uomo di famiglia in casa e seriale fuori.
    È vero che in Italia certe cose possono essere più intense e frequenti ma ti posso garantire che esistono anche altrove in Europa.

  • ads, 7 Aprile 2024 @ 21:18

    @dispersa, sicuramente le persone che scrivono qui, una sorta di piattume di coppia lo vivevano,
    a mio avviso un partner che per anni non si fa domande e non si accorge di nulla, non è molto presente,
    mi spiego quando tu cerchi fuori, hai già messo la testolina fuori dal seminato,
    non conosco la statistica, mi sembra un dato di fatto che spesso queste cose succedono dopo anni di matrimonio e quando i figli non sono proprio piu ‘ piccolini.
    @dispersa permettimi, le tue amiche, ti conoscono poco.
    se ti vivono un po’ li notano i cambiamenti.

  • Ariel, 7 Aprile 2024 @ 19:13

    Ho letto con molto interesse ed attenzione tutti i vostri recenti commenti ed ecco che ,secondo me,il comune denominatore che prevale sempre in ogni ruolo vissuto soprattutto dalle Donne resta la presenza IMPONENTE ANCORA MASSICCIA del MACHISMO!

    Cerco di spiegare cosa intendo dire.

    1)La Donna nel ruolo di tradita di fiducia TENDE SEMPRE A RESTARE A PERDONARE il marito/ compagno
    Che la ha tradita di nascosto ,indipendentemente da quanto tempo sia durato il tradimento
    Indipendentemente se lo ha scoperto lei oppure glielo ha detto lui stesso

    Le Donne che si sono trovate a fare le amanti tutte ( in maggioranza dei casi) lo hanno fatto perché

    DISPERATE DA PRECEDENTE RELAZIONE
    Sia matrimonio che convivenze che fidanzamenti

    Poi si sono veramente innamorate TUTTE
    ( pure quelle che sbandierano erronee evoluzioni sociali di donne del “ TE LA DO PERCHÉ MI VA E PUNTO”

    Mega BALLE GALttiche Conprovate da kilometri di testimonianza qui scritta da utenti amanti che TUTTE DA INIZIO TE AMO SI SONO POI VISTE SOTTOMETTERSI A STECCA ESPONENZIALE IN VERI INTORTATE da solito MACHO DEL CSI DETTO omino alfa?
    Da me ribattezzato

    ANALfabeta privo di minimo SINDACALE EMPATIA ZERO VERSO TUTTE LE DONNE!!!

    Sono usi e riusi e costumi società Made IN ITALIA MOLTO MARCATI ANCORA

    Sicuramente in altri paesi resta meno presenza di tali situazioni .

    Nessuno fa na piega nel mondo del lavoro o societé in genere se na Donna sta separata amante o divoraziata

    Non frega a nessuno!
    Infatti le differenze di ogni tipologia in coppie sono più che accettate da tutti
    Sono fatti privati ma pure pubblici e nessuno fa na piega!

    Ergo
    La vera sostanza del dibattito qui ,secondo me,dovrebbe concentrarsi su MACHISMO e su cosa in particolare agisce nelle così dette scelte “libere”delle Donne in qualsiasi ruolo vivano le relazioni affettive tutte ,compreso i figli i parenti gli amici .
    Di qualsiasi ruolo vissuto dalle Donne chiaro che su un territorio lungo come Italia e di storia antica così diversa per territorio esistano sicuro realtà più evolute rispetto ad altre

    Ma come sempre il vero concreto mio pensiero si basa sempre su dato incontrovertibile e cioè che la evoluzione sociale di un paese si vede da quali siano le leggi di codice civile e penale non solo presenti ,ma ancora di più se già le esistenti vengono rispettate

    Ad esempio chi denuncia viene poi davvero protetto???
    In attesa del percorso legale???

    Ci tengo a ricordarvi la straimportanza che riveste guardare insieme delle cose
    Mettere ordine nelle vostre TUTTE PREZIOSISSIME TESTIMONIANZE E RIFLESSIONI DOVE OGNUNA PORTA UN VALORE INESTIMABILE,
    Fare ordine mettendo vostre analisi in vero composizione del quadro da voi tutt’e me compresa ai miei tempi di utente “ fresca” metterle in ordine nel contesto vissuto più ampio

    Ultima considerazione quando parlo di MACHISMO non faccio nessuna lotta specifica ,ma resta importante la conoscenza e consapevolezza del come anche i maschi più validi restino sottomessi nelle loro scelte dalla MANNAIA ANTICO CONDIZIONATO MASCHILISTA

    Anche gli uomini patiscono il loro stesso arcaico MACHISMO.

    Buone riflessioni a tutti !
    Discutere resta unico modo per poter scoprire come fare a evolvere tutti insieme senza il pregiudizio e giudizio derivato da condizionamenti ambientali.

  • Dispersa, 7 Aprile 2024 @ 17:42

    @Ads sinceramente non saprei, io dopo aver imparato ad osservarmi ho imparato a leggere negli occhi anche gli altri… Eppure non è poi così difficile mentire.
    Ho avuto un amante per circa sei anni, con il mio compagno le cose non andavano bene ma andavano, eppure da fuori sembriamo una bella coppia.
    Le mie uniche due amiche, che conoscono la storia, mi hanno sempre detto che a vedermi sembra impossibile (tranne tra il primo e secondo anno dove ero entrata in uno stato catatonico).
    Non ho una personalità con tratti ‘malsani’ di alcun genere eppure nel tempo ho imparato a dividere la vita in compartimenti stagni.
    Ad oggi non lavoro più con il mio ex amante e sinceramente sono molto più serena. Ci sentiamo lo stesso, ma oltre ad un incontro, non ci siamo più visti (non lancio alcun segnale/messaggio che avrei voglia di rivederlo).
    Io sinceramente non vedo tutto questo piattume in giro e a volte si vede solo ciò che si riflette (o vuol vedere) perché fa comodo così.

  • ads, 7 Aprile 2024 @ 12:43

    @elleelle,
    non si ricostruisce perchè non c’è nulla da riesumare
    se prima c’erano 10 metri di distanza ora ce ne sono 100,
    ovvio elle che il fatto che il partner non lo sappia o lo sappia per sommi capi ci da e mi da la possibilità di scegliere, non ho pressioni, sarebbe diverso se dovessi dimostrare qualcosa, se avessi per usare un termine giuridico ” lo stato di necessità”…
    credo che la situazione a casa mia sia uguale a quella di casa tua, di quella a casa di @cri,
    di@leilei, ..ha detto bene la cossy..porti sicuri che ti danno tranquillita’ che non possa mai succedere nulla di grave, ma da punto di vista emotivo, affettivo ,sentimentale è raso raso.
    io parto dal presupposto che una coppia come la mia che ha figli under 12, arrivi abbastanza spompata se non è successo nulla, figuriamoci quando succedono ste cose.
    le persone basta osservarle all’uscita di scuola, le osservi e capisci, nella migliore delle ipotesi sono trascinamenti in nome di “status”.
    non vi capita mai di osservare le persone?
    se tu @elle, conoscessi a cena mia moglie e me a cena.. comprenderesti già tutto.
    bastano 5 -10 minuti per capire lo stato dell’arte.
    @abbiamo la testimonianza di @leyla.il marito che non ha notato nulla in 8 anni.
    potrebbe essere mia moglie al contrario…

  • elleelle, 7 Aprile 2024 @ 12:36

    @Nick
    “Cosa pensate del fatto che, mentre un uomo, nella maggior parte dei casi tradisce più superficialmente, la donna invece lo fa in modo più profondo e quindi è più difficile per lei recuperare il rapporto col partner?”

    È profondità o è semplicemente onestà?
    È profondità o sono differenze di comportamento dovute alla società, più o meno patriarcale?
    Secondo me le cose stanno cambiando anche nel comportamento femminile e qui ci sono molte testimonianze di donne che amano superficialmente e che, come gli uomini, hanno l’interruttore per i sentimenti.
    Credo che la differenza grossa sia sociale, di visione dei ruoli, per quanto riguarda i racconti di cui veniamo a conoscenza.

  • alessandro pellizzari, 7 Aprile 2024 @ 12:15

    Cosa pensate del fatto che, mentre un uomo, nella maggior parte dei casi tradisce più superficialmente, la donna invece lo fa in modo più profondo e quindi è più difficile per lei recuperare il rapporto col partner?

    Il grande dramma di molti amantati è che la donna si innamora veramente mentre l’uomo lo dice anche quando non lo è. Non a caso le donne si separano indipendentemente dall’amante ma spesso solo perché innamorarsi di un altro è la prova provata della fine di un matrimonio spesso inappellabile

  • alessandro pellizzari, 7 Aprile 2024 @ 12:11

    Sulla sterile diatriba mogli amanti sono d’accordo con Stefano e infatti sto cancellando molti commenti fotocopia andiamo oltre

  • alessandro pellizzari, 7 Aprile 2024 @ 12:09

    Purtroppo la scoperta è sempre il viatico più diffuso per la ricostruzione se guardiamo dal punto di vista maschile quindi il dubbio che lui ricostruisca per paura o convenienza c’è ma è il primo dubbio della moglie che se non ha il salame sugli occhi saprà giudicare in questi casi. Invece dal punto di vista femminile esistono ricostruzioni dopo una confessione o senza essere scoperte.

  • alessandro pellizzari, 7 Aprile 2024 @ 12:05

    Ribadisco che le vere ricostruzioni sono circa il 15% dopo la scoperta del tradimento ma comunque l’approccio mogli amanti è diverso anche in questi casi. Trovo sbagliato mettere in dubbio una ricostruzione esattamente come mettere in dubbio un sentimento di amanti vero e condiviso

  • Nick76, 7 Aprile 2024 @ 10:53

    @Ale: “Va detto però che nelle vere ricostruzioni dopo un tradimento è fondamentale guardare al presente e al futuro perché se si rimane ancorati al passato non se ne esce.” Alessandro a tal proposito vorrei farti una domanda che naturalmente estendo a tutti…
    Cosa pensate del fatto che, mentre un uomo, nella maggior parte dei casi tradisce più superficialmente, la donna invece lo fa in modo più profondo e quindi è più difficile per lei recuperare il rapporto col partner?

  • Stefano, 7 Aprile 2024 @ 10:14

    @Elleelle, qual è il senso della diatriba con @Nina e con le altre che hanno riaccolto i mariti fredifraghi? Ormai sono settimane che si dicono le stesse cose in commenti lunghi e ripetitivi. Io ho smesso di parlarne perché non c’è più niente da dire, nessu contributo in più per nessuno. Fammi dire che diventa tempo sprecato. Ormai le cose sono chiare. Come vedi scrivo a corrente alternata. Torno quando si apre una nuova discussione come dopo quello che è successo a @Leyla e allora si può iniziare a parlare di qualcosa di nuovo che dia un nuovo contributo per un po’ di tempo. Poi anche quello, se non ha uno sviluppo ma entra nel corto circuito delle posizioni granitiche, non ha più senso portarlo avanti. Per nessuno: né per noi né tantomeno per chi legge ed è magari in una situazione difficile. Queste discussioni chiuse su se stesse, da trincea, sono già successe per esempio con @Molly e non portano a nulla. Io vorrei leggere ragionamenti che si sviluppano, testimonianze che insegnino qualcosa. Abbiamo capito che chi si riprende il marito non si rende conto che quella stessa persona è quella che noi definiamo cialtrone perché molla l’amante e torna a casa. Perché loro vedono solo il ritorno, come ha specificato @Nina che dice che non le interessa quello che è successo prima ma la scelta di tornare. Il qui e ora. Peccato che si dimenticano il percorso e quanto quella persona sia stata bugiarda per anni recitando da una parte con l’amante e dall’altra con la moglie. E io sinceramente di una persona così non solo non mi fiderei più, ma proprio per questo ne perderei stima e quindi amore. Ma io la penso così, @Rinascita la pensa così, altri la pensano così. @Nina, @Molly e le altre mogli no. Liberissime di farlo tanto con quell’uomo ci devono vivere loro e continuare a discutere su questo argomento diventa inutile. Ne abbiamo parlato, andiamo oltre. Altre storie, altre testimonianze. Io per esempio ho continuato a parlare della mia che ho condiviso con voi per oltre un anno. Ma non dico ancora le stesse cose di allora. Ogni tanto c’è un cambiamento di cui parlare e dimostrare a chi legge cosa succede dopo un amanto. Cosa succede quando non si mette la testa sotto la sabbia. Io parlo di cose diverse, molti parlano sempre delle stesse cose. Alcune, da quello che ho capito, addirittura da anni. E un motivo ci sarà. Io se fossi una moglie così, felice e risolta, non avrei più voglia di sbirciare nel buco della serratura delle amanti.

  • Viovio, 7 Aprile 2024 @ 09:50

    @Ale io in chi viene scoperto e rientra a casa trasformandosi nel miglior marito del mondo, dopo anni di tradimento, ho qualche riserva.
    Però le tue statistiche parlano chiaro, seppur una minoranza ci sarà sicuramente chi riesce qui hanno scritto in diverse.
    Quello che mi fa strano è che come noi amanti diamo più o meno la stessa versione quando raccontiamo l’amantato, le mogli fanno lo stesso per le ricostruzioni.

  • elleelle, 7 Aprile 2024 @ 09:49

    @Vio
    “Elle tu che hai una memoria di ferro ricordi @Anto? Stesso copione ed era molto battagliera
    L’unica moglie che andava contro corrente era @Lolly. Senza mezzi termini ha sempre detto che l’ex marito fosse un cogxxxne.
    Pensi mai ad @Azzurra? Sparita nel nulla.”

    Certo che me la ricordo, se non sbaglio era arrivata tutta inferocita a dare addosso alle amanti che distruggevano il sogno d’amore delle mogli. Come no… e il marito traviato e innocente.
    @Lolly però il marito traditore l’aveva lasciato. Peccato che non abbia più scritto qui. Ad @Azzurra ci penso, spero stia bene.

    @Ale
    Per me non ha senso dire che si guarda solo avanti. A meno che non ti facciano una lobotomia, il passato è sempre lì, a maggior ragione se sei su un blog in cui si parla di tradimenti. Vuol dire che tu questo passato te lo vai a cercare, vuoi che ti venga ricordato ogni giorno dai racconti degli altri, vuoi riviverlo e rigirarti il coltello nella piaga.
    Ti pare guardare solo avanti e al futuro questo? A me sinceramente no.
    A me sembra cercare conferme nel posto sbagliato da una parte e volersi prendere delle rivincite dall’altro.
    Purtroppo qua manca la versione di tutti questi uomini che stanno a casa e “ricostruiscono”. Tra gli uomini del blog anche quelli che sono rimasti a casa non hanno ricostruito un bel niente, anzi, dicono apertamente che una ricostruzione non è possibile. Saranno anche pochi casi ma secondo me tu una visione più ampia ce l’hai e sai che di davvero sinceri ci ne sono pochi e sono tradimenti molto brevi.

  • alessandro pellizzari, 7 Aprile 2024 @ 09:32

    Va detto però che nelle vere ricostruzioni dopo un tradimento è fondamentale guardare al presente e al futuro perché se si rimane ancorati al passato non se ne esce. Inoltre se si è deciso di proseguire nel matrimonio vuole dire che la fiducia è stata riconquistata anche grazie al comportamento del compagno pentito. Come osservatori esterni dovremmo credere a chi ci racconta che questi passi sono compiuti altrimenti cadiamo nello stesso errore di chi stigmatizza gli amanti come storie finto superficiali e basate sulla menzogna senza vederci mai un briciolo di amore.

  • Viovio, 7 Aprile 2024 @ 09:10

    Le mogli che scrivono qui e hanno perdonato il marito raccontato tutte un’unica versione:
    Penso al presente, abbiamo superato il tradimento, mio marito e’ cambiato ed anche il nostro rapporto (il sesso e’ super wow) ecc ecc.
    Quando si fanno notare tutte le bugie con annesse svalutazioni messe in atto per intortare l’amante dopo anni di corna, la risposta è sempre la stessa: non mi interessa, sono affari loro.
    Beh ragazze tanto di cappello, quando dicono che l’amore supera ogni cosa direi che questa è la dimostrazione.
    Se penso a ciò che diceva il mio ex della moglie e la maggior parte degli uomini che vengono descritti qui, fate bene a non voler approfondire e lasciare che “l’affare resti privato”.
    @Elle tu che hai una memoria di ferro ricordi @Anto? Stesso copione ed era molto battagliera
    L’unica moglie che andava contro corrente era @Lolly. Senza mezzi termini ha sempre detto che l’ex marito fosse un cogxxxne.
    Pensi mai ad @Azzurra? Sparita nel nulla.

  • Nina, 6 Aprile 2024 @ 19:53

    @Rinascita grazie per il chiarimento,se sei tranquilla mi fa piacere per te
    Spero che anche tu possa capire ed essere contenta che anche io nella mia situazione attuale mi senta tranquilla .Io come te scrivo dal mio punto di vista,forse il mio e’ meno ampio del tuo, ma come te ritengo possa essere utile,se non altro perché è diverso dagli altri, meno frequente almeno. Mi permetto solo di correggerti su un affermazione:
    “Chi è stato amante conosce gli scenari, le mogli tradite no.”
    Chi è stato amante conosce gli scenari dell’amantato e magari del suo rientro(o uscita) di casa che ovviamente le mogli ignorano.
    Le mogli tradite non conoscono lo scenario dell’amantato,ma sicuramente conoscono meglio delle amanti le dinamiche di un matrimonio dopo la scoperta e magari su questo possono fornire qualche indicazione in più all’altra parte. Ogni informazione sincera ha il suo valore.

  • alessandro pellizzari, 6 Aprile 2024 @ 19:43

    Qui tutti possono parlare di tutto nei dovuti modi chiaro che l’interesse massimo è avere testimonianze personali quindi quelle delle mogli e delle amanti e versioni al maschile. Il dibattito è lecito

  • Nina, 6 Aprile 2024 @ 19:38

    @Ellelle mai stata stizzita, sono tranquilla e serena,cerco solo di spiegare dove mi sembra sia stato frainteso il mio pensiero.
    Non ho detto che mio marito non è affar vostro. Leggi bene,ho detto che il rapporto tra mio marito e la sua amante non ritengo che sia affare MIO e di conseguenza di nessun altro che era estraneo al loro rapporto e che non avendolo vissuto non ne sa nulla e puo’ solo ipotizzare.Diverso sarebbe se qui avessero raccontato la storia lui o la sua amante. Io ho solo raccontato quello che è successo tra noi due,non so se tra di loro il malscalzone è stato lui o lei o nessuno dei due e non mi interessa saperlo. Lo è stato con me e quello io ho affrontato.Ripeto che se vi sembra utile parlarne potete anche farlo,non mi turba e non mi innervosisce affatto,ma non capisco a chi possa essere utile,dal momento che io sono tranquilla da quel punto di vista(non ho sospesi o rimuginii) e non so quanto possa essere utile agli altri visto che appunto si sa come sono andate le cose per quanto ne so io,che è quanto ho scritto. Sono consapevole del suo spregevole comportamento nei miei confronti in quel periodo, non l’ho mai nascosto,ma so che le persone intelligenti imparano dai loro errori e vanno avanti e lui è un uomo intelligente. Concludo dicendo che non mi sento affatto umiliata da tutta questa faccenda,anzi come da tutte le altre “vicissitudini” che ho affrontato nella vita ho imparato,sono cresciuta e sono diventata più forte. L’immagine che ho di mio marito è ancora migliore di quella che avevo prima,per molti motivi che non scrivo per non dilungarmi,ma se interessa saro’ lieta di condividere piu’ avanti.
    P.s. io magari un paio di frecciatine le ho tirate,ma pure la tua faretra non è che sia sprovvista. Pace?

  • Nick76, 6 Aprile 2024 @ 18:30

    @elleelle:”non hai superato nonostante il perdono”. Apparentemente sì può cercare più che perdonare diciamo non pensarci, nel senso che certe coppie provano a superare il fatto e continuano a stare assieme, ma che non mi vengano a dire che ricomincia tutto come prima!!! Il tarlo, la ferita, la delusione, il dolore, la paura legittima e reale che possa accadere ancora RIMANGONO. Il rapporto è ormai compromesso nel momento stesso in cui si decide di far entrare una terza persona in un rapporto a due.

  • Rinascita, 6 Aprile 2024 @ 17:07

    ElleElle l’ho notato anch’io questo atteggiamento sulla difensiva. Che non ha senso su un blog anonimo. Qui si portano esperienze ed opinioni. Non è che si possa parlare degli amanti cialtroni e allora va bene. Poi quando si toccano i mariti, che sono stati amanti anche loro, spuntano le aureole. Rientrano nella categoria tanto quanto gli altri. Sono XYZ come hai scritto tu. Chiarisco inoltre a Nina che quando dico le mie idee non faccio proiezioni sulla situazione del mio fidanzato e non mi riferisco a fastidi o timori rispetto alla sua ex. Scrivo della mia esperienza di donna che ha tradito, di donna che si è innamorata di un altro uomo, di donna che non amava più il marito, di donna che si è separata. Per quanto mi riguarda, la ex del mio fidanzato e’ liberissima di adottare tutte le strategie che ritiene utili per tentare di riportarselo a casa. Quando parlo di libertà ho rispetto di tutti. Rispetto anche quella di chi mi sta di fianco e nutro stima e fiducia nei suoi sentimenti, che non ho timori di due moine altrui. Che poi ognuno va dove vuole andare. Se mai scoprissi che ha fatto come i vostri mariti, quella stima andrebbe a farsi benedire e non potrei mai credere in ritrovati sentimenti. Questa sono io, voi siete voi!
    Chi è stato amante conosce gli scenari, le mogli tradite no.
    Questo è un dato oggettivo, quanto meno questo!

  • Nick76, 6 Aprile 2024 @ 16:34

    #ads: “tue considerazioni sul fatto che una relazione intrapresa con una persona che non sia il partner ufficiale sia il segno di un amore finito con il proprio coniuge è lapalissiano.” Lo so benissimo che le mie considerazioni sono più che ovvie ma c’è gente che crede che il partner torni nella relazione ufficiale perché la divina provvidenza fa tornate in loro l’amore e l’attrazione per il marito o moglie traditi e quindi anche se ovvie le cose vanno dette…!!!

  • elleelle, 6 Aprile 2024 @ 14:52

    @Nina
    “Ellelle a me non da nessun fastidio,se ti fa star meglio parlane pure quanto vuoi.”

    Lanci il sasso e tiri indietro la mano.
    Sei tu che dici stizzita che tuo marito non è affar nostro e io ti rispondo che è un esempio come tanti altri.
    Non mi fa stare meglio parlare di lui perché lui per me non significa niente ma può servire come esempio per far capire a una persona che sta male come si comportano certi uomini.
    Non è colpa nostra se tuo marito ti ha tradito e ha messo in atto i soliti comportamenti per tenersi buona te e lei. Se lo hai raccontato qui, evidentemente c’è un motivo, però tirare frecciatine o infastidirsi perché tuo marito è messo di fianco a uomini di caratura discutibile non ha senso. Non ha rotto una sedia, ti ha tradito per anni e qui si parla di tradimenti.
    Io spero che tu capisca che il tuo fastidio è un problema tuo, non nostro e se ancora non p’hai superato nonostante il perdono, si ritorna a quello di cui si parla spesso qui e cioè del fatto che l’umiliazione del tradimento non passa mai. Non sono solo le corna il problema, è anche l’immagine del proprio marito che è danneggiata irreparabilmente.
    Mi spiace, sinceramente, ma è un problema che ha creato lui.

  • Nina, 6 Aprile 2024 @ 14:33

    @Nick76
    10-15% da statistica di @Alessandro.

  • Nick76, 6 Aprile 2024 @ 13:55

    @Nina: “In ogni caso entrambe le prospettive sono contemplate nelle statistiche di @Alessandro seppur con percentuali diverse quindi esistono.” Le percentuali di Alessandro fanno riferimento al fatto che un uomo o donna non scelgono l’amante perché non hanno il coraggio di fare la “scelta” e decidono di rimanere in modo ipocrita nell’alveo familiare. Non certo perché lo spirito santo li ha avvolti facendo tornare in loro l’amore è l’attrazione sul partner che hanno tradito. Poi naturalmente ognuno di noi può convincersi di quello che più fa comodo per cercare di vivere meglio.

  • Nina, 6 Aprile 2024 @ 13:47

    @Ellelle a me non da nessun fastidio,se ti fa star meglio parlane pure quanto vuoi.

  • elleelle, 6 Aprile 2024 @ 10:23

    @Nina
    “giudicarlo pur non conoscendo libere di farli,la cosa non mi turba,la trovo solo un’elucubrazione inutile.”

    Qui sul blog si riflette e si fanno considerazioni su persone che non si conoscono. Che siano tuo marito o l’amante di XYZ non importa.
    Tuo marito non è automaticamente esente da queste considerazioni perché a te da fastidio e hai un’impalcatura da tenere in piedi.
    Come tu puoi parlare dell’amante di XYZ e suggerirle quello che più ti aggrada, XYZ può parlare di tuo marito e di come si è comportato.
    Tuo marito – che a te faccia piacere o no – fa parte della stessa categoria di uomini di cui si parla qui. I suoi comportamenti sono stati gli stessi degli uomini di cui si parla qui e quindi anche lui verrà citato come esempio di quello che non si dovrebbe fare.
    Il fatto che sia restato con te lo rende intoccabile solo ai tuoi occhi, non a quelli degli altri, che vedono un tradimento di tre anni gestito da un uomo che è stato bravissimo a mentire. Lo sai tu, lo sappiamo noi. Noi non abbiamo altre ragioni che ci debbano portare a perdonarlo, tutto qui.

  • Leilei, 5 Aprile 2024 @ 08:18

    Molly la contraddizione sta nel fatto che TU sostieni che chi tradisce debba separarsi, però a tuo marito hai dato il beneficio del dubbio, al tuo matrimonio un’altra possibilità. com’è che nel tuo caso non sei stata così tranchant? 3/4 anni ti assicuro che non possono essere solo un giro di giostra…Ripeto, mio marito sa che è durata un paio di anni, è durata 7 anni.

  • ads, 4 Aprile 2024 @ 22:44

    @nik76,le tue considerazioni sul fatto che una relazione intrapresa con una persona che non sia il partner ufficiale sia il segno di un amore finito con il proprio coniuge è lapalissiano.
    certo che una persona che ha perdona il proprio partner deve necessariamente ” inventarsi qualcosa altro per fare finta che non sia successo nulla”.
    le persone rientrano in famiglia per tutti quei motivi che hai enumerato.
    ovvio che il partner scoperto che rientra ha una spade di damocle..e deve avere un energia in piu per dimostrare al coniuge tradito che è stato solo un banale incidente di persona.
    poi c’è gente che va dallo psicologo per capire laddove non c’è nulla da capire e li sotto gli occhi.
    nella migliore delle ipotesi non si ama nè amante e ne’ coniuge.
    a ciascuno il proprio gioco e si tragga le conseguenze.

  • elleelle, 4 Aprile 2024 @ 22:37

    @Nick
    “Il matrimonio definisce uno status sociale, oltre che civile.”

    Hai ragione.
    Ho scritto la stessa cosa in un commento che non è stato pubblicato.
    Per una persona che tradisce, restare in casa permette di continuare ad avere un palcoscenico da cui proiettare l’immagine del bravo padre di famiglia.
    Non è cosa da poco, ci sono stati degli studi che vedono avvantaggiati sul posto di lavoro gli uomini sposati con famiglia perché hanno un’immagine migliore, più seria e stabile.
    Separarsi non è solo un rischio economico, lo è anche di immagine. Pensa all’uomo che tradisce la moglie con una collega, quanti pettegolezzi può suscitare. Sono storie molto comuni ma non tutte le aziende apprezzano.
    Ovvio che ci si faccia bene i conti in tasca.

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 22:15

    @Leilei se è quello che vuoi e che ti fa star bene fai bene a farlo. Ma cio’ non toglie che per alcuni invece il tradimento non aveva lo stesso significato che ha avuto per te e che abbiano scelto strade diverse. Il mondo è vario

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 22:03

    @. Quando tornano indietro non è certo perché ad un certo punto è tornato l’amore e l’attrazione per la moglie/marito ma solo per pressioni esterne.
    Nick76 la mia sarà una visione semplicistica,la tua forse risente del tuo vissuto. In ogni caso entrambe le prospettive sono contemplate nelle statistiche di @Alessandro seppur con percentuali diverse quindi esistono . Si puo’ restare nel matrimonio per comodita’,per amore oppure rifarsi una nuova vita con l’ex amante,in alcuni casi addirittura si chiudono entrambe le relazioni,perché chiusa una l’altra perde di necessità. Sono tutte opzioni che esistono e negarlo è negare la realtà.

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 21:44

    @Ellelle io rispondevo ad un commento
    di Rinascita e tu ti sei inserita riprendendo le parole del mio commento,quindi ovviamente ho pensato ti riferissi a me,se mi sono sbagliata mi scuso..ma sembrava proprio così.
    Quanto al resto ho detto che penso che quello che è successo tra loro non mi riguardi in quanto storia loro e non mia(e a maggior ragione ritengo non riguardi voi), se poi invece a voi sembra utile giudicarlo pur non conoscendo libere di farli,la cosa non mi turba,la trovo solo un’elucubrazione inutile.

  • Nick76, 4 Aprile 2024 @ 20:15

    @Nina: “Da qui gli errori di valutazione che portano poi a idealizzare l’amante ritenendolo perfetto e a sottovalutare cose che poi alla resa dei conti sono fondamentali. Ecco perché solo il 35% delle storie va a buon fine,le altre evidentemente,caduto il prosciutto dagli occhi hanno mostrato una realtà meno idilliaca.” È una visione un pò troppo semplicistica… la realtà è che se un uomo o una donna tradiscono e i iniziano una relazione extraconiugale pluriennale è perché non amano più il rispettivo partner e si rendono conto che il loro matrimonio è finito. Quando tornano indietro non è certo perché ad un certo punto è tornato l’amore e l’attrazione per la moglie/marito ma solo per pressioni esterne. Il problema vero? La paura del cambiamento, di cosa comporta una separazione, sia dal punto di vista economico che dal giudizio di parenti ed amici. Tutto viene messo in discussione e la maggior parte di loro si ritira in famiglia cercando di sopravvivere in un rapporto ormai finito da tempo.

  • Nick76, 4 Aprile 2024 @ 19:52

    @leilei: “Nina si può voler tenere in piedi un matrimonio anche se è finito! Il problema è sempre il concetto di partenza: se tradisco non amo più. Io tengo in piedi un matrimonio pur non amando mio marito.” Perché passare dal sogno alla realtà comporta una presa di coscienza di ciò che questa decisione comporta, in altre parole quando gli uomini o le donne, devono prendere la decisione di lasciare la propria moglie o marito, entrano nel panico. Tutto viene messo in discussione e la maggior parte di loro si ritira in famiglia cercando di aggiustare un rapporto ormai finito da tempo. Se ci sono i figli decidono che per il loro bene è meglio restare a casa. Il problema vero? La paura del cambiamento, di cosa comporta una separazione, sia dal punto di vista economico che dal giudizio di parenti ed amici. Il matrimonio definisce uno status sociale, oltre che civile. Lasciare un marito non è come lasciare un fidanzato. Con un marito hai dei ricordi in comune, delle esperienze, dei figli, un progetto di casa e di famiglia. Tutto questo ha comunque un peso nelle considerazioni che si possono fare in ordine a lasciare o meno l’alveo familiare. In generale, chiunque, trovatosi alla strette, tende a fare scelte prudenti e conservative.

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 16:49

    Nina esatto: l’amante appare perfetto, ma non sempre lo è. E’ quello che è successo a me, ho capito che sotto alcuni aspetti siamo molto diversi e che insieme non avremmo potuto essere felici. E forse ci è arrivato anche lui, per questo nessuno dei due soffre.

  • elleelle, 4 Aprile 2024 @ 16:47

    @Nina
    “resto non mi riguarda e francamente credo non riguardi neanche voi.”

    Ferma lì: sei tu che scrivi qui per cui ti sottoponi come qualsiasi altra ai commenti di chi legge. Se non ti piace, sai già cosa fare.
    E in ogni caso continui a riferire a te stessa commenti che riguardano un’altra moglie. Perché?

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 16:38

    Nina si può voler tenere in piedi un matrimonio anche se è finito! Il problema è sempre il concetto di partenza: se tradisco non amo più. Io tengo in piedi un matrimonio pur non amando mio marito.

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 15:56

    “li sottopone a una persona convinta che suo marito sia unico in tutto l’universo e non abbia intortato l’amante parlando male di lei e via dicendo.”
    @Ellelle questo lo dici tu,io ho parlato di mio marito solo in riferimento a quello che ha detto e fatto con me(che non mi sembra unico),se ci fai caso e leggi indietro non ho mai ipotizzato nulla su quanto detto all’amante…su quanto fatto come sai ne ho un idea sufficientemente precisa e mi basta già. Tutte le altre sono solo ipotesi(magari anche giuste non discuto) che avete fatto tu e le altre sulla base delle vostre esperienze o su storie passate sul blog…che su di me onestamente lasciano ben poco. Io mi baso sul presente e sui fatti e su questo scrivo qui,anche in riferimento alle altre esperienze raccontate.
    Comunque, quello che per me conta è che in qualunque modo siano andate le cose, qualunque cosa lei gli abbia detto in tre anni o qualunque cosa lui abbia detto a lei non lo ha portato a sceglierla,a cambiare la sua vita…un motivo ci sarà stato,ma non mi riguarda. Quello che mi riguarda è che in una sola sera,soltanto dicendo di amarlo e di non accettare nessun compromesso(quindi nessun salto mortale o ricatto) lui ha scelto di restare con me ed ora è qui con me onesto e convinto. Io questo guardo…il resto non mi riguarda e francamente credo non riguardi neanche voi.

  • elleelle, 4 Aprile 2024 @ 14:56

    @Nina
    “Ti consiglio,come ha già fatto Molly,di non proiettare sulle storie degli altri il tuo vissuto”

    Rinascita non proietta il suo vissuto. Prende come esempio decine e decine di esempi di comportamenti maschili sempre uguali e li sottopone a una persona convinta che suo marito sia unico in tutto l’universo e non abbia intortato l’amante parlando male di lei e via dicendo.
    Purtroppo, che a voi piaccia o no, i vostri mariti hanno fatto quello che hanno fatto tutti gli altri e non sono stati nemmeno tra i più scaltri perché si sono fatti anche beccare.
    Il cialtrone di Linda, di Wet o di chiunque altra ha le stesse caratteristiche e gli stessi comportamenti di qualsiasi altro uomo che tradisce la moglie.
    Il mio ex non mi ha presentato alla moglie, non mi ha portato a casa sua né me l’ha fatta frequentare. Avrebbe però fatto sesso con me nel letto in cui dormono assieme in vacanza da una vita.
    Ci trovi tanta differenza? Io no, si tratta della stessa mancanza di etica. Gli esempi di questo tipo non si contano ormai.
    Il mio ex, come i vostri mariti, si è sicuramente cosparso il capo di cenere ma non metterei mai la mano sul fuoco per la sincerità del suo amore per lei. È comunque sempre l’uomo che mi ha raggirato per farmi tornare e per scoparmi. Se avesse amato davvero la moglie mi avrebbe detto di restare dov’ero, a migliaia di km di distanza.
    I vostri mariti si sono fermati solo quando sono stati beccati ed è la stessa identica cosa. Non si sono fermati prima per amore per voi, l’hanno fatto solo quando si sono trovati con le spalle al muro.
    Questo per me li qualifica in un certo modo, anche se non li conosco. Non conosco neanche gli ex amanti di Linda o di Wet o di Martina, Leyla ecc. ma appartengono alla stessa categoria.
    Se vi dà così fastidio sapere che vengono considerati dei cialtroni dalle persone che hanno vissuto un amantato, vuol dire che in fondo questa cosa dentro di voi è irrisolta.
    Considerare seriamente quanto siete disposte a vivere con un cialtrone e non scaricate la vostra delusione su chi scrive qui.

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 14:36

    “L’amante uomo o donna che sia viene identificato in tutto quello che il partner ufficiale non rappresenta più.”
    Nick76 esatto, viene identificato,non è detto che lo sia. Da qui gli errori di valutazione che portano poi a idealizzare l’amante ritenendolo perfetto e a sottovalutare cose che poi alla resa dei conti sono fondamentali. Ecco perché solo il 35% delle storie va a buon fine,le altre evidentemente,caduto il prosciutto dagli occhi hanno mostrato una realtà meno idilliaca.

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 14:15

    “Se non si nutre un sentimento forte per l’amante neanche chi ha i soldi si separa”
    Esatto @Rinascita è proprio qui il nocciolo della questione,come sottolinea sempre @Alessandro. Chi non si separa è perché non nutre un sentimento forte per l’amante. Semplice e matematico.
    Poi sulla solidita’ del matrimonio in questione sono daccordo,è tutta da dimostrare.

  • Molly, 4 Aprile 2024 @ 13:38

    “Al tuo posto preferirei pensare che tuo marito si sia innamorato e poi disinnamorato dell’amante.”

    @Rinascita ma infatti è quello che ho scritto più volte!!! Ora so di averlo scritto ancora ieri e può darsi che non sia stato pubblicato. Ho scritto che può essere benissimo che mio marito abbia vissuto una sua storia che è nata, cresciuta e poi si sia reso conto che quella persona non è la persona che fa per lui, che è stata un’esperienza che per lui valeva la pena fare ma che è nata e finita, come tante storie d’amore, incluso il tuo matrimonio. Sono sicura che quella persona in quel periodo è stat davvero importante e sono sicura che ha un suo posto nel suo cuore riferito al passato. E oggi lui è quello che è anche “grazie” a quella esperienza che non ha mai rinnegato. Ma le cose si sono evolute da allora.

    Per noi economicamente non sarebbe stato un disastro, anzi era il momento “perfetto” per separarci se AVESSE VOLUTO. E francamente spero proprio che ci abbia fatto un pensierino a separarsi, come del resto ce l’ho fatto io. Ma scegliere di non separarsi quando si ha la strada appianata, beh, mi pare dica qualcosa.

  • Molly, 4 Aprile 2024 @ 13:24

    “Quello che non capisco di Molly è che sostiene che chi tradisce deve separarsi. Però da al marito una seconda possibilità…mi sembra un pò contraddittorio come pensiero.”

    @Leilei non mi sembra che ci sia nulla di contradditorio in quello che dico. S eil tradimento fosse ancora in atto, cioè fosse tuttora un rapporto a tre, non vedrei altra soluzione che la separazione.Ciò che è stato non lo posso cambiare. Se la situazione fosse rimasta quella che trovai al momento in cui venne fuori il tradimento, se non ci fosse stata la volontà di cambiare le cose, se lui avesse voluto continuare ad avere “auto e moto”, beh ti assicuro che rimaneva con la moto. Siamo otto miliardi su questa terra, non ho BISOGNO di lui. Ho bisogno di essere in una relazione dove sento che l’altro protegge la relazione da incursioni esterne e non sceglie a sua volta farsi “giri di giostra”, dove il mio partner non sceglie di ferirmi e pugnalarmi alle spalle. Lo ha fatto e quello non lo posso cambiare. Ma il presente è accettabile perché non è più come è stato in passato.

    Non so cosa non ci sia da non capire….

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 12:28

    “Il tradimento è un modo per sopravvivere in quel matrimonio finito, la famosa “stampella”.
    Se serve la stampella Leilei è perché lo si vuole tenere in piedi(per x motivi certo ma quella è la scelta) se invece fosse finito per davvero lo si farebbe cadere senza rimpianti. Evidentemente a parecchi essere o avere una stampella non crea problemi. Io non lo accetterei, ma se a qualcuno sta bene così non vedo perché dovrei obiettare…ma deve star bene per davvero.

  • Cossora, 4 Aprile 2024 @ 10:55

    @leilei non me ne compiaccio: mi va benissimo così.
    So che per te è inconcepibile, ma al rapporto e alla vita che faccio con la mia amica non rinuncerei mai. Quindi se per lui va bene rinunciare a 3 giorni in famiglia per stare con me, siamo a cavallo. Ne aveva 6. Io non ci perdo e la sua doppia partita è salva. Bingo!

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 09:40

    “Ma tu vorresti essere la moglie ubriaca o quel “qualsiasi cosa rappresenti per loro” un matrimonio?
    @Ellelle no non voglio esserlo e l’ho scritto più volte,ma sembra che non vogliate o siate riuscite a capirlo.
    Io gli ho detto chiaro e tondo che pur amandolo non avrei mai accettato un rapporto zoppo, per quanto tenessi al nostro matrimonio ero disposta a mettervi fine quella stessa sera. Lui ha scelto di rimanere e darmi un rapporto onesto e vero, l’unico che sono disposta ad accettare. E da allora è stato così. Si può cambiare se il desiderio e la volontà sono forti e lui è cambiato.

  • Nina, 4 Aprile 2024 @ 09:29

    “Quanta fatica fate voi mogli tradite per tornare in auge e poi leggo (non nei tuoi post) che sarebbero le amanti a lavorare ai fianchi.”
    @Rinascita ti assicuro che la mia fatica è stata nel superare il dolore…di lavorare per ritornare in auge non mi è passato neanche per l’anticamera del cervello,semmai tutto il “lavoro” per ritornare in auge(vedi recuperare il rapporto e la fiducia) l’ha fatto mio marito. Cio’ non toglie che passato il primo periodo di stordimento e dolore acito poi anch’io abbia cominciato ad analizzare le mie eventuali responsabilità e a darmi da fare perché entrambi stessimo bene nella nuova relazione. Ti consiglio,come ha già fatto Molly,di non proiettare sulle storie degli altri il tuo vissuto. Se la moglie del tuo ex ha determinati atteggiamenti questo non vuol dire che lo facciano o lo abbiano fatto anche le altre mogli e non è assolutamente detto che quello che fa possa far cambiare idea al tuo uomo,se lui è certo dei suoi sentimenti nulla lo può smuovere. Lo dico per aver vissuto la situazione al contrario. Mio marito quando ha scelto di restare con me non è più tornato indietro,nonostante tutti i tentativi(anche pressanti)fatti dalla sua ex.
    Quanto al matrimonio non ho inteso dire che è una malattia, ma che quando per qualche motivo il rapporto si ammala(e capita a tutti prima o poi,capitera’ anche a voi perché i rapporti evolvono e non sempre e solo in positivo) bisogna cercare di curarlo e non limitarsi a prendere atto del problema, se no diventa difficile guarire e la malattia puo’ diventare mortale.

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 08:36

    “L’amante uomo o donna che sia viene identificato in tutto quello che il partner ufficiale non rappresenta più.”
    Nick76 in questa frase hai riassunto l’essenza del tradimento. Alla faccia di chi vuole credere e far credere che l’amantato sia solo un giro di giostra.

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 08:29

    Beatrice ” tu sei innamorata e lui no”, è per questo che non ha senso che andiate avanti, è una situazione scompensata che non farà altro che procurarti sofferenza!

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 08:17

    Quello che non capisco di Molly è che sostiene che chi tradisce deve separarsi. Però da al marito una seconda possibilità…mi sembra un pò contraddittorio come pensiero.

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 08:16

    Nina la separazione non è il sintomo, ma la conseguenza di un matrimonio finito. Il tradimento è un modo per sopravvivere in quel matrimonio finito, la famosa “stampella”. Poi c’è davvero chi capisce che non ha senso sprecare la vita di fianco a una persona che non ama più e decide di essere felice, con tutte le difficoltà del caso. Il famigerato 35% di Ale.

  • Leilei, 4 Aprile 2024 @ 08:10

    “Solo che io non avrei cercato passaggi per tornare prima dalle vacanze con la mia amica per vedere lui! Lui l’ha fatto. E’ andato dopo ed rientrato prima.” Cossora non compiacertene, è la teoria del “un colpo al cerchio e uno alla botte”, le accontento entrambe così non mi fanno paranoie.

  • Ariel, 3 Aprile 2024 @ 21:41

    Purtroppo come si legge in alcuni commenti
    Ancora IN ITALIA si ragiona a botta di

    È IL DESTINO!!!!!

    Come se fosse un ente indipendente da se stessi e addirittura inespugnabile!

    Ah sapete era il destino!!!

    Ma resto davvero incredula a leggere come sia possibile che gente pure laureata e cioè pure con una certa cultura sbandierata qui , possa PURTROPPO RAGIONARE sempre e soltanto sul proprio INDIVIDUALISMO che BUTTA NEL CESSO LA SCIENZA è infatti si attacca a COZZA AL DESTINO!!!!

    Ma mi dico
    Dove andate a mettere il vostro cervello???
    In antiche credenze da micropaeselli cattodisfattisti del LIBERO ARBITRIO CAPACE DI LEGGERSI DUE LIBRI DI PIÙ AL ANNO inerenti al come funzioni scientificamente saper avere relazioni SANE e cioè dove se non si riesce a avere autostima in equilibrio e cioè sottostare anni al volere altrui OCCUPATISSIMO a viversi la moglie / altre amanti

    Lo chiamano DESTINO??????!!!!

    Perdonatemi ma vi assicuro che leggervi a volta si fa davvero fatica a credere a ciò che scrivete!!!
    Non lo scrivo con polemica ,ne con emozione alcuna di negatività ma CONSTATO SOLTANTO il livello del vostro DESTINO??????????

    Ma logico chi non legge o legge troppi pochi libri e quindi non si discute ovunque se non si leggono libri
    Si resta ANCORATI A VECCHIE CREDENZE A L DESTINO,,

    Il destino lo si costruisce a suon di TERAPIE A STECCA se non si riesce a quasi cinquant’anni anni ad avere avuto una relazione una che funzioni

    Meno male che altre utenti sono un pochino meglio e non gettano la scienza nel cesso di casa !
    Pardonnnnnn!

    Ah ah ah

    Lasciate che possa scrivere la mia visione

    Sapete è il vostro DESTINO
    AHAHAHAH!

    Bonsoir les Filles
    Es le DESTIN de ce soir!
    Ahahahah

  • Rinascita, 3 Aprile 2024 @ 21:23

    Tutta questa facilità nel separarsi non esiste.
    Anche qui si parla di cose che non si conoscono.
    Mi sono separata perché potevo permettermelo, perché l’aspetto economico è prioritario e si affianca alle motivazioni sentimentali forti.
    Il mio fidanzato si è separato ed anche lui poteva permetterselo economicamente.
    Quindi che tutti quelli che non amano più il coniuge si separano e’ una balla.
    Si fanno sacrifici, ce là si può fare ma che sia facile no.
    Se non si nutre un sentimento forte per l’amante neanche chi ha i soldi si separa, perché comunque costa, anzi, a dirla tutta costa anche di più!
    Ed il fatto che non si nutrano sentimenti per l’amante non significa che si tratti di un matrimonio forte sentimentalmente.
    Basta guardarsi intorno, io ho visto e vedo situazioni allucinanti.
    Che poi io abbia potuto e voluto vivere diversamente non è che mi faccia vedere il mondo a forma di cuore!

  • Rinascita, 3 Aprile 2024 @ 21:13

    Nina gestire il matrimonio come una malattia da guarire e’ un bel po triste.
    Un amore va curato sempre ma non bisogna lavorare per amarsi.
    Questo sforzo legato all’amore lo trovo pesante, quando l’amore e’ leggerezza e spontaneità.
    Quanta fatica fate voi mogli tradite per tornare in auge e poi leggo (non nei tuoi post) che sarebbero le amanti a lavorare ai fianchi.
    Basterebbe essere evoluti, considerare la libertà come un valore della vita propria ma anche di quella degli altri.
    I divorzi triplicherebbero!

  • Rinascita, 3 Aprile 2024 @ 21:06

    Molly perché i tuoi discorsi purtroppo non sottendono altro e non reggono se non guardandoli con gli occhi di moglie tradita che per andare avanti ha bisogno di minimizzare.
    Altro che bolle fuori dalla realtà!
    Molti sono amori che faticano a decollare o che non decollano e questo nella stragrande maggioranza dei casi (per la mia opinione, praticamente sempre) non si correla all’amore che si nutre per il coniuge.
    Ma davvero credi che gli amanti siano degli sprovveduti? Questo vale anche per l’amante di tuo marito che se è stata per anni insieme a lui, avrà creduto in un sentimento sincero e qualcuno gliel’avrà pur fatto credere.
    Che poi minimizzi senza renderti conto di quanto invece sia più grave che un uomo (o donna) stazioni per anni in un sentimento che tu cataloghi come vacuo, mettendo a repentaglio la sua famiglia, sua moglie con tanta superficialità.
    Sarebbe davvero il peggio del peggio.
    Al tuo posto preferirei pensare che tuo marito si sia innamorato e poi disinnamorato dell’amante.
    La posizione avrebbe almeno un qualcosa di difendibile, di elegante.
    Io non penso che tuo marito abbia commesso questa bassezza, tu dicendo che le amanti sono delle illuse, di fatto lo pensi e lo descrivi così.
    Vedi tu….

  • alessandro pellizzari, 3 Aprile 2024 @ 20:57

    I sentimenti e l’amore non sono per niente anarchici, sono fatti di regole semplici e naturali. La matematica del cuore

  • elleelle, 3 Aprile 2024 @ 20:50

    @Nina
    “in realtà desiderano il matrimonio(qualunque cosa rappresenti per loro)e i benefit aggiuntivi dell’amantato.”

    Il classico caso di volere la botte piena e la moglie ubriaca. Ma tu vorresti essere la moglie ubriaca o quel “qualsiasi cosa rappresenti per loro” un matrimonio? Perché “qualsiasi cosa” è una definizione piuttosto ampia e se si accompagna al fatto che questa “qualsiasi cosa” viene pure tradita, non mi sembra un gran risultato né per la “qualsiasi cosa” né per la presenza di amore e rispetto in quel matrimonio.
    Va bene azzerbinarsi ma almeno lo zerbino ha la sua identità, una “qualsiasi cosa” molto meno.

  • elleelle, 3 Aprile 2024 @ 20:45

    @Molly
    ” Mi sfugge il senso del tuo intervento “illuminante”. Dove volevi arrivare? Qual è l’utilità del tuo commento?”

    Quella di capire che se un uomo vuole tenersi l’amante per anni qualcosa glielo deve far credere.
    Tuo marito non lo conosciamo ma non è un alieno che viene da Plutone.
    È un uomo che ha fatto quello che fanno tutti: ha tradito per anni con una collega di lavoro, è andato in trasferta con l’amante, ha sfruttato la geolocalizzazione per non far nascere dubbi sulla sua posizione, ha portato l’amante a casa e l’ha presentata alla moglie, ha interrotto la relazione solo dopo che è stato beccato e ha ammesso tutto solo quando si è trovato con le spalle al muro.
    È molto probabile che abbia parlato male di te, che abbia descritto un matrimonio finito, che abbia fatto promesse all’amante che poi non ha mantenuto. @Lia ci ricorda spesso che l’amante di tuo marito si è separata mentre stava con lui ed è difficile che si sia separata sulla base del nulla. Essere amanti non vuol dire essere delle povere idiote che si fanno dei viaggi mentali senza alcun fondamento. Se ci si separa, spesso lo si fa perché dall’altra parte c’è qualcuno che fa vedere un futuro assieme.
    Tu comunque credi pure a quello che vuoi, va bene così. Però ridurre il sarcasmo e la supponenza non fa mai male. Non saprai mai realmente quello che tuo marito ha detto e fatto e non è di certo colpa di @Rinascita.

  • Nick76, 3 Aprile 2024 @ 18:54

    @Molly: “Le relazioni clandestine nascono dalle bugie e si nutrono di bugie. Sono un contesto “bolla fuori dal tempo e dalla realtà”. È un modo semplicistico di dire, proprio di chi (uomo o donna) subisce il tradimento. La realtà dei fatti è che si tradisce per tante ragioni. Alcune riguardano caratteristiche di entrambi i sessi e dinamiche di coppia, altre sono più legate alle caratteristiche proprie dell’uomo e della donna. Si tradisce perché il rapporto di coppia è in crisi, non si comunica, spesso si litiga, non ci si sente apprezzati e amati dal partner.
    L’amante uomo o donna che sia viene identificato in tutto quello che il partner ufficiale non rappresenta più.

  • Nina, 3 Aprile 2024 @ 18:15

    @Alessandro pero’ se io sono malata e invece di prendermi cura dei sintomi e di cio’ che li causa mi limito a usare il termometro difficilmente guarisco…le malattie quando ci sono si curano,limitarsi a “monitorare” i sintomi qualche volta funziona ma più spesso aggrava la malattia

  • Nick76, 3 Aprile 2024 @ 18:04

    Cri28, non giudico il tuo modus operandi per carità siamo in un paese libero. La cosa che non capisco è il voler schematizzare o razionalizzare un qualcosa (i sentimenti) che essendo anarchici sfuggono a qualsiasi legge. Tutto parli di pretendere chiarezza reciproca ed è chiaro però tutti i rapporti nascono secondo la filosofia del vivere alla giornata, nessuno credo che appena inizia una nuova relazione inizia a pretendere chissà cosa. Però con il passare del tempo è innegabile che qualsiasi rapporto per continuare deve necessariamente evolvere, o chiudendosi o diventando più stretto con maggiori pretese da parte di uno dei due o di entrambi. Ecco dove trovo da eccepire sul tuo ragionamento.

  • Molly, 3 Aprile 2024 @ 17:21

    ” Se desiderassero la fine del matrimonio lo farebbero finire invece in realtà desiderano il matrimonio(qualunque cosa rappresenti per loro)e i benefit aggiuntivi dell’amantato.”

    @Nina sono esattamente le stesse parole di una famosa psicoterapeuta siciliana che scrive su diversi giornali e riviste. Sono d’accordo. Chi veramente sa che il matrimonio è finito SI SEPARA. L’aumento vertiginoso di separazioni e divorzi anche in ultra cinquantenni ne è la chiara dimostrazione. Oggi poi l’assegno divorzile è rosicato quindi se uno vuole separarsi e divorziare è diventato più facile, meno costoso e più accettato da parte di quasi tutti.

  • alessandro pellizzari, 3 Aprile 2024 @ 17:19

    Salvo quel 35% che diventa nuovo matrimonio Molly, altro che bolle, sono le nuove coppie

  • alessandro pellizzari, 3 Aprile 2024 @ 17:13

    Cara Nina, il termometro misura la febbre di una malattia spesso cronicamente irrecuperabile, non la può causare. Il tradimento è il termometro, non la malattia

  • alessandro pellizzari, 3 Aprile 2024 @ 17:11

    A questo si aggiunge poi la “colpa” di mogli/mariti compagne/i che ignorano o sottovalutano o non ritengono importanti i segnali di insofferenza che arrivano dal partner in precedenza o durante.

    Spesso mi parlate di mariti freddi, di mogli diventate solo mamme, di uomini che anche di fronte a una crisi matrimoniale palese rispondono: io sono fatto così, è il massimo che posso fare

  • Molly, 3 Aprile 2024 @ 16:49

    “le promesse matrimoniali disattese col tradimento non sono paragonabili a quelle fatte all’amante.”

    @Alessandro condivido in pieno ma per una ragione molto diversa dalla tua.

    Le relazioni clandestine nascono dalle bugie e si nutrono di bugie. Sono un contesto “bolla fuori dal tempo e dalla realtà”. E’ proprio vero che non sono paragonabili!!!

  • Nick76, 3 Aprile 2024 @ 16:40

    @Alessandro: “sono davvero una minoranza sì, e di solito tutti e due sposati e non vedo storie parallele che durino più di 3-5 anni. La mancanza di progetto futuro uccide qualsiasi coppia”. Sono pienamente d’accordo con quello che dici. Io aggiungerei anche il caso in cui uno dei due inizia a sentirsi maggiormente coinvolto e inizia a chiedere di più.

  • Molly, 3 Aprile 2024 @ 16:09

    Ma davvero pensi che durante il suo amantato non abbia mai messo in discussione la tenuta del vostro matrimonio, credi che non abbia illuso l’amante nel corso dei tanti anni?
    Davvero percepisci di essere una privilegiata a pensare che tuo marito non ti abbia messo in discussione?

    @Rinascita ma perché tiri fuori tutto questo ora? Cosa ha scatenato i tuoi pensieri sulla storia di amantato di mio marito e come è legata ora ai discorsi di questi giorni? Mi sa che chi ricama non sono io…

    A proposito di “colpe” perché ti scagli contro una persona di cui non sai nulla e insinui cose che non sono dimostrabili e soprattutto che essendo riferite al passato e a una persona che non conosci per nulla e di ui sai pochissimo francamente non servono a me OGGI e a te SICURAMENTE non servono mai? Mi sfugge il senso del tuo intervento “illuminante”. Dove volevi arrivare? Qual è l’utilità del tuo commento?

  • Cossora, 3 Aprile 2024 @ 15:53

    Non sono dell’idea del far luce su tutto per forza. Quando sto bene con una persona, amante o amica che sia.. non sto a pesare le cose. Non faccio luce, non ne sento il bisogno, vivo nel quotidiano ogni cosa come un regalo o una lezione: un caffè, una discussione, un regalo inaspettato, una delusione, un attacco di desiderio sfrenato.
    Mi piace averlo nella vita così. Le notti, le serate, i messaggi quando ci manchiamo, organizzare le fughe di 1, 2 o 4 giorni, prendere il caffè nel parco. Mi piace avere e organizzare il mio spazio senza di lui e mi piace anche se mi scrive a mezzanotte che passa per darmi un bacio.
    Non gli do le chiavi di casa perchè la casa è il mio nido e voglio che continui ad attendere un invito.
    Apprezzo come sa esserci sempre e mai essere invadente.
    Non parliamo di bollette e di costruire una famiglia allargata. Ma non lo vorrei con nessuno, le mie bollette e le cose della mia famiglia hanno già un nucleo di riferimento.
    Quanto durerà? Fino a quando ci farà stare bene. Non ci sono rapporti destinati a durare come non ci sono rapporti destinati a finire male. Il destino da solo l’occasione di incontrasri. Quello che succede è frutto delle azioni e delle scelte di chi si incontra.

  • Nina, 3 Aprile 2024 @ 15:37

    “il tradimento è il primo vero sintomo conclamato di un matrimonio finito”
    Non sono d’accordo @Alessandro, il primo sintomo di un matrimonio finito è la separazione. Il tradimento è solo il sintomo del fatto che tante,troppe persone pensano prima a se stesse che agli altri, compagni o amanti che siano e quindi pensano di potere avere tutto quello che desiderano. Se desiderassero la fine del matrimonio lo farebbero finire invece in realtà desiderano il matrimonio(qualunque cosa rappresenti per loro)e i benefit aggiuntivi dell’amantato.

  • Cri28, 3 Aprile 2024 @ 15:28

    Nick76, scrivo qui da diverso tempo e non mi sono mai permessa di dire che sia facile o giusto portare avanti una relazione extraconiugale a lungo. Né mi sono mai permessa di dire ad altre persone di fare la stessa cosa o di colpevolizzare le persone che volevano trasformare il rapporto extraconiugale in ufficiale. Al tempo stesso, so che non me la racconto e che se è andata avanti è perché c’è un coinvolgimento.
    Tutto quello che dico è che bisogna pretendere chiarezza reciproca e sforzarsi di lasciar andare quando si capisce che le intenzioni sono diverse, come, da quanto ho letto, stai facendo tu.

  • Nina, 3 Aprile 2024 @ 15:16

    “Non vedo perché le colpe e le responsabilità debbano sempre essere delle amanti.”
    Non penso che nessuno qui lo pensi o lo dica, secondo me e da cosa finora ho letto qui,si tratta piuttosto di un “concorso di colpa” in cui uomini spesso egoisti ed immaturi incrociano(e secondo me non è un caso) donne che per uscire da situazioni di stallo(matrimoniali o di vita) sono disposte a chiudere occhi e orecchie davanti a segnali che normalmente,cioè in normali relazioni alla luce del sole, le metterebbero sicuramente sul chi va la. (Qualche volta puo’ anche essere il contrario come abbiamo visto dai racconti di alcuni uomini).Molte/i di voi,anche tu @Ellelle, avete raccontato episodi dicendo “già da questo avrei dovuto capire che persona era”.
    A questo si aggiunge poi la “colpa” di mogli/mariti compagne/i che ignorano o sottovalutano o non ritengono importanti i segnali di insofferenza che arrivano dal partner in precedenza o durante.
    Insomma ad essere veramente onesti nessuno è esente da colpe,anche se in ogni storia il grado di “colpevolezza” cambia a seconda delle circostanze. Quindi secondo me ognuno, per il suo ruolo,dovrebbe valutare onestamente i SUOI errori,smettere di guardare quelli altrui e lavorare su se stesso per diventare una persona migliore,lasciando agli altri protagonisti il compito di giudicare e correggere se stessi ed evitando di salire sul piedistallo dell’innocenza,che non appartiene a nessuno. La vita non fa sconti a nessuno e tutti prima o poi pagano le scelte sbagliate anche chi magari visto all’esterno sembra cadere in piedi.

  • Rinascita, 3 Aprile 2024 @ 15:05

    Molly ma dov’è che leggi di donne (parlo al femminile ma qualche caso c’è pure al maschile) che lavorano ai fianchi di un uomo per fargli cambiare idea.
    Io leggo di uomini che intortano, che illudono, di donne innamorate che giustamente si fidano.
    Leggo di donne che chiudono e di uomini che tampinano per rientrare nell’amantato.
    Si tratta di storie tutte uguali che si ripetono.
    Credo che il tuo discorso sia una costruzione, o meglio di un’alterazione, che ti sei fatta riguardo all’amantato di tuo marito.
    Ma davvero pensi che durante il suo amantato non abbia mai messo in discussione la tenuta del vostro matrimonio, credi che non abbia illuso l’amante nel corso dei tanti anni?
    Davvero percepisci di essere una privilegiata a pensare che tuo marito non ti abbia messo in discussione?
    A me farebbe schifo il doppio, perché un conto è tradire per anni per un sentimento provato, un conto è per divertimento e per vivere alla giornata.
    Allora li’ si tratta di un modo di vivere irrecuperabile e tu invece riesci a ricamarci sopra.
    Dai torniamo alla realtà!

  • alessandro pellizzari, 3 Aprile 2024 @ 15:02

    sono davvero una minoranza sì, e di solito tutti e due sposati e non vedo storie parallele che durino più di 3-5 anni. La mancanza di progetto futuro uccide qualsiasi coppia

  • alessandro pellizzari, 3 Aprile 2024 @ 15:00

    le promesse matrimoniali disattese col tradimento non sono paragonabili a quelle fatte all’amante. Questione di tempo (le prime promesse datate magari decennali ventennali – si cambia e spesso c’è concorso di colpa coniugale – le seconde fresche e corroborate dalla forza del tradimento e dai ho scelto te, sei la mia nuova compagna) e dalla reiterazione della promessa con l’amante. Tu parti da un assunto: non si tradisce punto. In linea teorica giusto, in pratica il tradimento è il primo vero sintomo conclamato di un matrimonio finito. Piuttosto, se non recuperabile il matrimonio (ma veramente, non per convenienza) bisognerebbe separarsi se ci si innamora di altri

  • Nick76, 3 Aprile 2024 @ 12:57

    @Molly: “La parte emotiva la posso capire, il coinvolgimento e tutto il resto ma caspita sapevi dal principio che non era una relazione esclusiva. Sembra un po’ l’atteggiamento di un bambino capriccioso che sa che non può avere la marmellata ma batte i piedi perché la vuole lo stesso.” Il tuo ragionamento come anche quello do cri28 è perfetto, sembra il paradiso in terra. Una domanda mi sorge spontanea, se è così facile come dici tu vivere tutto con distacco e con un coinvolgimento limitato, perché c’è tanta gente che vive situazioni di sofferenza? Attendo una risposta dagli esperti…!!!

  • Viovio, 2 Aprile 2024 @ 22:30

    Io fatico a credere ci siamo coppie di amanti longevi e felici. Forse una minoranza ma in questi casi non si è innamorati, oppure uno dei due si adatta e la racconta.
    Se ami una persona vuoi esclusività per questa ragione gli amantati scoppiano, puoi mettere in chiaro fin da subito determinate regole ma se i sentimenti prendono il sopravvento la ragione va a farsi benedire.
    Il mio ex ha sempre detto non avrebbe lasciato la moglie per i soliti motivi che leggiamo qui, però durante tutta la nostra storia ha fatto di tutto per non perdermi, nonostante il sabato e la domenica fosse sempre presente in famiglia come da copione.
    Bisognerebbe far luce su tutte quelle storie in cui chi dice di non voler chiudere con il coniuge non si da pace quando viene lasciato dall’amante.
    dov’è la coerenza?
    @Mimi
    Sono d’accordissimo con te

  • Mimi, 2 Aprile 2024 @ 20:55

    @Molly non so come risponderti perché davvero é paradossale, diresti anche che il cielo é verde pur di aver ragione. Va bene così, l’importante é che sia convinta tu.

  • Molly, 2 Aprile 2024 @ 20:25

    “Se io inizio una relazione con un uomo sposato che mi dice “non lascerò mai mia moglie, voglio solo un’amante” e io accetto e poi cambio idea allora si, non posso tediarlo se non mi segue.”

    Ecco @Mimì io di questo parlavo. Sei tu che hai infilato nella discussione dettagli di altri tipi di storie. Io su quel tipo di storie non mi ero ancora espressa. Ci sono quelle storie a cui fai riferimento tu e altre a cui stavo facendo riferimento io. Non è questione di “dettagli” ma di impostazioni di storie DIVERSE. Non proiettare i TUOI vissuti su tutto. Non è questione di negare nulla, io parlo di A e tu di B. Il comune denominatore è che sono storie di amantato, ma non per questo sono tutte uguali.

    “Se lui torna dalla moglie e cambia idea e io no, allora ho tutto il diritto di fargliene una colpa e poi assolutamente si torno al tuo commento “prendo atto che le uniche soluzioni possibili sono adattarmi o lasciarlo”. No, neanche qui hai il diritto di fargliene una colpa perché nelle relazioni non è che perché si è fatta una promessa, allora bisogna per forza manatenerla. E’ quello che ho imparato da voi amanti, se fosse un dovere rispettare le promesse allora non esisterebbero le storie di tradimento. E allora se un coniuge può non rispettare le promesse matrimoniali, allora può anche non rispettare le promesse tra amanti. L’amore è eterno finché dura.

  • Molly, 2 Aprile 2024 @ 18:30

    Aggiungo però che anche in questi casi nonostante la trasparenza iniziale se l’amantato supera l’anno e gli atteggiamenti nei fatti dell’uomo che non lascerà mai mai la moglie sono ambigui alimentano la speranza e comunque di fatto l’amantato prosegue a lungo non si può più parlare di correttezza. Aggiungo inoltre che quando voi lasciate questi uomini Questi uomini stessi non rispettano questa scelta ma vengono a ricercarvi per farvi rifare le amanti. Io posso dire che non mi piace il cioccolato ma se vengo a mangiarlo da te tutte le settimane per più di un anno due anni o tre anni tu penserai inevitabilmente che il tuo cioccolato gli piace e avrai sempre la speranza che lui compri poi la pasticceria.

    Non ho dubbi sulla scorettezza se quando la storia finisce la persona ronza ancora attorno e non molla la presa.

    Ma durante, se continua a ripetere che così è iniziata e la cosa non è discutibile, chi resta e ha nella testa altro, sbaglia.

    Non conosco nei dettagli la storia di Cri28 ma mi pare che lei sia da anni in una relazione extraconiugale in cui è chiaro ad entrambi che non lasceranno il coniuge, quindi si tratta di una relazione finalizzata al viversi il presente, un presente che si trascina da anni. Se a un certo punto lui o lei decidesse di restare ma le sue intenzioni fossero cambiate (esplicitate o no) e sperasse di far cambiare idea all’altro, a “lavorarselo” perché cambi idea, la persona che sta commettendo un grosso sbaglio è chi cambia idea e vuole trascinarsi dietro l’altro.

    Non è una storia di amantato ma conosco un giovane uomo che vuole “mettere su famiglia” e ha una ragazza che non ne ha affatto intenzione, è felice di stare in una relazione ma non vuole “impegno”, l’idea di famiglia per ora proprio non la tiene in considerazione, si sente troppo giovane per quello, ha la sua carriera e voglia di divertirsi. Lui mi dice “Ci sto lavorando su, vedrai che prima o poi anche a lei interesserà”. GRANDE ERRORRE!! Tempo sprecato, malintesi in arrivo, si genera un inutile stallo che non porterà che a grandi sue (di lui) sofferenze. E se lei gli dirà “Ma io ti avevo detto che non mi interessava il progetto famiglia”, avrà solo ragione.

  • elleelle, 2 Aprile 2024 @ 18:23

    @Mimi
    “Per farlo dovremmo ammettere di esserci inventati tutto. E’ ridicolo dai.”

    Eccome se è ridicolo!
    Il mio ex un giorno mi disse che erano mesi che pensava di lasciare la moglie. Che cosa mi invento, come ho già scritto un’altra volta, quello che inventava era lui.
    Non vedo perché le colpe e le responsabilità debbano sempre essere delle amanti. Veramente, non capisco. Non è ampiamente chiaro ormai che un uomo per farsi una donna e tenersela come amante di certo non le riprte ogni giorno che non lascerà mai la moglie ma al contrario, ricama alla grande su sentimte programmi spesso inesistenti?
    Fino a prova contraria nessuna donna ha il dono della telepatia e io certi discorsi comincio a trovarli offensivi.

  • Molly, 2 Aprile 2024 @ 18:08

    @Mimì, guarda la storia di Cri28. Si è inventata tutto? Mi pare che la sua storia sia un esempio calzante di due che stanno insieme ma che non intendono lasciare la famiglia. Lei ha parlato di non avere aspettative Punto.

  • Molly, 2 Aprile 2024 @ 18:00

    ” si vedevano di nascosto a acasa di lui, dove lei cucinava per lui e lo accoglieva nella sua casa.”

    MI CORREGGO:
    si vedevano di nascosto a casa di LEI, dove lei cucinava per lui “

  • alessandro pellizzari, 2 Aprile 2024 @ 17:35

    Se io inizio una relazione con un uomo sposato che mi dice “non lascerò mai mia moglie, voglio solo un’amante” e io accetto e poi cambio idea allora si, non posso tediarlo se non mi segue.

    Aggiungo però che anche in questi casi nonostante la trasparenza iniziale se l’amantato supera l’anno e gli atteggiamenti nei fatti dell’uomo che non lascerà mai mai la moglie sono ambigui alimentano la speranza e comunque di fatto l’amantato prosegue a lungo non si può più parlare di correttezza. Aggiungo inoltre che quando voi lasciate questi uomini Questi uomini stessi non rispettano questa scelta ma vengono a ricercarvi per farvi rifare le amanti. Io posso dire che non mi piace il cioccolato ma se vengo a mangiarlo da te tutte le settimane per più di un anno due anni o tre anni tu penserai inevitabilmente che il tuo cioccolato gli piace e avrai sempre la speranza che lui compri poi la pasticceria

  • Harya, 2 Aprile 2024 @ 16:47

    @Wet per cortesia definiresti cosa è l’amore per te? lo chiedo perchè il tuo atteggiamento verso di lui è quello di una badante, (non voglio offendere per carità ma al di la di tutto sarà in grado di ordinarsi una cena al deliveroo?). Lo capisco che tu creda davvero che lui sia vittima di una che non tiene conto di nessuna delle sue esigenze ma ti faccio sommessamente notare che se non siamo noi le prime a tenerne conto (tu come tante di noi) nessun altro potrà mai farlo al nostro posto.

  • Molly, 2 Aprile 2024 @ 15:25

    “Eccomi qui, malinconica come sempre da cinque anni alla vigilia di ogni festività..ma questa volta ancor di più.
    La madre è ricoverata in ospedale e io mi sento impotente, vorrei aiutarlo nella gestione del quotidiano ma, purtroppo, non sono nessuno agli occhi della sua famiglia.
    Ieri, mentre era in pronto soccorso accanto alla madre, pur di stargli vicino l’ho raggiunto in ospedale per portargli la cena, per sentirmi “utile” e per non lasciarlo solo..nascosta fuori come una clandestina ad aspettare che lui uscisse per prendersi ciò che gli avevo portato.”

    @Wet mi fai venire in mente una mia cara amica che ha avuto una relazione con uno sposato che a suo dire dormiva nella stanza a fianco ed erano andati insieme a comperare il letto singolo per lui che però aveva un figlio dell’età giusta per passare dal lettino al letto singolo, quindi io non ci ho affatto creduto…

    A un certo punto muore la mamma di lui e c’è il funerale e cosa fa la mia amica? NON INVITATA si presenta al funerale perché “loro condividevano tanto e lei doveva fargli sentire che gli era vicino”. E lui GIUSTAMENTE si è arrabbiato e da allora la relazione non è più stata in grado di restare a galla. Lui aveva condiviso un suo dolore ma era un dolore legato alla famiglia e lei non era parte della famiglia, quindi andare al funerale era stato GIUSTAMENTE visto come un’invadenza nella sua sfera familiare. Il suo ruolo non era quello di una persona legata alla famiglia e dal mio punto di vista lei si era spinta troppo. In cinque anni avevano fatto una “fuitina” di due giorni nei primi tempi in cui gli ormoni erano “incontollabili” e poi lei è sempre rimasta ai margini, si vedevano di nascosto a acasa di lui, dove lei cucinava per lui e lo accoglieva nella sua casa.

    WET, lui no ha bisogno che yu gli porti il cibo all’ospedale, quello mi dispiace oer te, ma non è il tuo ruolo. Come nella maggioranza dei casi sei un’aggiunta alla sua vita, un lusso in più, la famosa moto di cui parla Alessandro. Se sono passati cinque anni credo che le chance che succeda qualcosa di diverso siano minime.

    Tu cosa ti aspetti da questo rapporto? Come ti vedi tra due anni? Sei sicura di essere con la persona giusta per te e per la tua vita? Quando ti guarderai indietro cosa penserai di te? Fatti aiutare, vai in terpia ma non ti fa bene rimanere in un limbo.

  • elleelle, 2 Aprile 2024 @ 15:09

    @Cossora
    “Ascolta lui: apprezza il bello. Il sogno. La storia romantica.”

    Ecco che torna sempre lo stesso consiglio. Perché dovrebbe ascoltare lui se è azzerbinata a mille ed è chiaro che non riesce a vivere alcun sogno? Non c’è nessuna storia romantica, c’è il solito uomo che si lagna della moglie – con cui comunque resta – e che tiene legata a sé una donna con la solita fraccata di balle.
    Ha ragione @Cri28, a Wet chi glielo fa fare di vivere una relazione del genere se non è quello che vuole? La vita le può dare molto altro, perché le consigli di entrare in un vicolo cieco per apprezzare un bello tra di loro che non esiste (altrimenti @Wet non sarebbe qui, sarebbe a godersela) e che millanta solo lui?

  • Mimi, 2 Aprile 2024 @ 14:50

    @Molly
    “Se io inizio una relazione dicendo che non voglio figli, il mio partner dice lo stesso, siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Se io cambio idea e lui no, per quanto innamorati possiamo essere, non posso tediarlo se non mi segue.”

    Se io inizio una relazione con un uomo sposato che mi dice “non lascerò mai mia moglie, voglio solo un’amante” e io accetto e poi cambio idea allora si, non posso tediarlo se non mi segue.

    Se io inizio una relazione con un uomo sposato che è in crisi/separato in casa/non scopa più con la moglie/il matrimonio è finito/la voglio lasciare/mi sono innamorato di te/sei tutto ciò che ho sempre desiderato e io mi innamoro di lui allora siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Se lui torna dalla moglie e cambia idea e io no, allora ho tutto il diritto di fargliene una colpa e poi assolutamente si torno al tuo commento “prendo atto che le uniche soluzioni possibili sono adattarmi o lasciarlo”.

    Ti fregano sempre i dettagli Molly e non sono per nulla irrilevanti.
    E’ tutto ridicolo, dico davvero, capisco voler negare l’evidenza ma è come se stessi cercando di fare credere a noi che ci siamo fatte un film mentre i nostri amanti ci hanno detto tutti dal giorno zero “non lascerò mai mia moglie” e i vostri mariti sono stati tutti onesti. Ma come puoi pensare che qualcuno ti dia ragione? Per farlo dovremmo ammettere di esserci inventati tutto. E’ ridicolo dai.

  • Molly, 2 Aprile 2024 @ 14:11

    “Secondo aspetto, forse il più importante, rappresentato dalle emozioni e dai sentimenti che contro qualsiasi ragionamento ci possiamo fare irrompono e alla fine portano a chiede quello che è l’opposto di una relazione tra amanti, vale a dire l’esclusività l’uno dell’altro. ”

    @Nick il ragionamento di Cri28 è legato secondo me all’accettazione, alla consapevolezza di NON ESSERE IN UN RAPPORTO ESCLUSIVO. La parte emotiva la posso capire, il coinvolgimento e tutto il resto ma caspita sapevi dal principio che non era una relazione esclusiva. Sembra un po’ l’atteggiamento di un bambino capriccioso che sa che non può avere la marmellata ma batte i piedi perché la vuole lo stesso. Mi sa che la tua conclusione è sbagliata, “In conclusione la tua filosofia non tenendo conto di questi due aspetti non è applicabile a lungo termine nella vita reale. ” L’errore di valutazione è tuo ORA. Non si può pretendere esclusività partendo da una relazione a TRE. Se ambivi all’escusività, dovevi cercartene una single. Inutile piangere sul latte versato.

    Ti faccio un altro esempio molto calzante. Se io inizio una relazione dicendo che non voglio figli, il mio partner dice lo stesso, siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Se io cambio idea e lui no, per quanto innamorati possiamo essere, non posso tediarlo se non mi segue: prendo atto che non vogliamo la stessa cosa e prendo atto che le uniche soluzioni possibili sono adattarmi o lasciarlo, se lui non mi lascia perchè spera torni all’idea iniziale non gliene posso fare una colpa. Poi che ci voglia del tempo siamo tutti d’accordo, non è che con uno schiocco di dita si elimina ma sei tu che si deve staccare e semplicemente non lo vuole fare.

  • Cossora, 2 Aprile 2024 @ 12:27

    Nick scrivi giustamente “a mio avviso” circa i due aspetti fondamentali (per te).
    Non siamo tutti uguali.
    Non si può generalizzare, ne dicendo ‘potete essere tutti amanti felici’ ne ‘siete condannati all’infelicità in quanto amanti’.
    Perchè se c’è un amante c’è un matrimonio, c’è una presunta esclusività, c’è un presunto impegno.
    Quindi.. perchè non sono felici queste persone?
    Cri28 ed io siamo due amanti che vogliono rimanere tali. Eppure lei è sposata e io no.
    Non si è felici in quanto amanti o ufficiali.
    Si è felici perchè quello che si fa e quello che si desidera fare sono allineati.
    Altrimenti sarebbero infelici anche le persone impegnate che hanno l’amante.
    Per loro la natura umana non esiste?
    Il bisogno di dare e ricevere esclusività?
    E’ un campo che si può definire per statistica, per maggioranza, come fa giustamente @ale restituendo la realtà che raccoglie. Ma sul caso specifico.. non puoi smentire quel che una persona (dopo anni, tra l’altro) afferma.

  • Cossora, 2 Aprile 2024 @ 12:17

    @wet.. porca miseria!
    Ma no no no.. Concordo solo con “Io non ho la fortuna di avere dei figli” il resto è tutto da prendere al contrario.
    Se a lui va bene il ‘surrogato’ di rapporto con la moglie, i figli tenuti distanti (e te credo, la moglie mica li vuol purgare .. ha ragione) .. che persona credi sarebbe con te? Diversa?
    Anche tu a pensare che siano le donne/le mogli/le amanti a farli santi o peccatori?
    Ma basta!!
    Ascolta lui: apprezza il bello. Il sogno. La storia romantica.
    L’errore più grande, a mio parere, che hai fatto è stato quello di innamorarti da amante di un uomo sposato, prima di farti una famiglia e una vita.
    Difficile nelle tue condizioni attivare un amore ufficiale, farci dei figli e poi riattivare la passione con lui.
    Sembra un gran casino. Ma non potevi saperlo.
    Io spero che tu cada il più presto possibile, perchè rialzandoti avrai una nuova forza.
    Rialzandoti escluderai lo stesso errore (ne farai altri, ma quello capita sempre a tutti)
    Nasocndersi fuori dall’ospedale, portargli il pasto, raccogliere le camicie.. No No No!
    Lui povera stella che deve stare a Pasqua con la famiglia e la moglie cattivona che non capisce le esigenze del marito??? WHAT???

  • Cossora, 2 Aprile 2024 @ 12:00

    @ale dici bene, “anzi entra ed esce dalla bolla degli amanti senza problemi e andrebbe avanti così per anni, perché così ha tutto, famiglia (pe rme è ‘libertà’) preservata e quello che gli manca lo fornisce l’amante.
    Ecco, hai ritratto esattamente la nostra situazione.
    Solo che io non avrei cercato passaggi per tornare prima dalle vacanze con la mia amica per vedere lui! Lui l’ha fatto. E’ andato dopo ed rientrato prima. Li ha lasciati la. La mia amica dice che secondo lei lui non sta bene. Che se fosse stata in lei gli avrebbe fatto il mazzo. Io le ho risposto: non sparei, a quel livello non credo ci arriverei mai.

  • Leilei, 2 Aprile 2024 @ 11:32

    Wet, raccogliere le camicie dal pavimento non lo faccio nemmeno a mio figlio, che amo più della mia vita, figuriamoci ad un uomo che la sera torna da un’altra. Non fare la geisha, non è asservendoti che ti amerà di più.

  • Cri28, 2 Aprile 2024 @ 09:23

    Nick76, la mia non è una filosofia, è la mia esperienza di vita. Un’esperienza comune a tanti, ma certo non adatta a tutti. E’ un compromesso che, in genere, fanno persone che sono entrambe sposate e non vogliono cambiare la loro vita, per una serie di motivi, a volte anche seri, o tra una persona sposata e una single che non ha più voglia di rimettersi in un rapporto stabile. Persone che vivono sentimenti che non provano più nel rapporto ufficiale, ma che non vogliono rimettere in gioco tutto. Non può funzionare e non è neppure giusto che funzioni per chi, invece, come te o tante altre persone, ha ancora il desiderio di costruire un rapporto fatto di progetti per il futuro e di libertà di viversi nella quotidianità.

  • alessandro pellizzari, 2 Aprile 2024 @ 00:29

    le relazioni “segrete” partono con il principio del “vivere alla giornata” ma più il tempo passa e più le due persone coinvolte vogliono sempre di più e così la posta si alza ogni volta

    Il grande dramma di molti amanti è che Una persona vuole di più, l’altra andrebbe avanti così per decenni. Si chiama uomo

  • Nick76, 1 Aprile 2024 @ 20:03

    @Cri28: “nei rapporti tra amanti, come quello che vivo io o tante altre persone, che spesso durano anni, nessuno dei due attende qualcosa dall’altro.” La tua “filosofia” è talmente perfetta da essere irreale. Ci sono a mio avviso almeno due aspetti fondamentali che vanno a inficiare il tuo interessantissimo ragionamento: il primo aspetto è la natura umana, partendo dal presupposto che tutte le relazioni “segrete” partono con il principio del “vivere alla giornata” ma più il tempo passa e più le due persone coinvolte vogliono sempre di più e così la posta si alza ogni volta mettendo a rischio dopo un pò di tempo tutto l’insieme. Secondo aspetto, forse il più importante, rappresentato dalle emozioni e dai sentimenti che contro qualsiasi ragionamento ci possiamo fare irrompono e alla fine portano a chiede quello che è l’opposto di una relazione tra amanti, vale a dire l’esclusività l’uno dell’altro. In conclusione la tua filosofia non tenendo conto di questi due aspetti non è applicabile a lungo termine nella vita reale. Comunque l’unico modo per essere valida dovrebbe presupporre il cambio di partner ogni tot di tempo, ma questa è un altra storia…!!!

  • Cri28, 1 Aprile 2024 @ 17:04

    Alessandro, nei rapporti tra amanti, come quello che vivo io o tante altre persone, che spesso durano anni, nessuno dei due attende qualcosa dall’altro. Si sa che la scelta è stata fatta, mogli e mariti restano, perché si è scelto di privilegiare la stabilità della famiglia. Perciò, si è sempre pronti ad andare avanti nella propria vita.
    Quello da cui bisogna mettere in guardia le persone, sono le false aspettative, di chi trattiene una persona che soffre, pur tenendosi ben ancorato alla propria famiglia. Ma perché accettarlo? Cosa sta trattenendo Wet?

  • Ariel, 1 Aprile 2024 @ 13:39

    Si ,giusto ciò che scrivi @CaroAlessandro ,ecco che però leggendo questo tuo ottimo commento
    Sorge spontaneo aggiungere che il fatto che possano sicuro esistere donne che dichiarano a parole di riuscire a non provare disagio a fare le amanti ,zerbino forever,e cioè chi appunto accetta di partager tutto con moglie dovendo quindi in un continuo adattarsi sempre a esigenze di qualsiasi natura del proprio amante maschio ,anzi sicuro MACHISTA manipolatore di. Qualsiasi Donna

    Ecco che questo modus di comportarsi dimostra la esistenza più che ipotizzabile di DIPENDENZA AFFETTIVA che la relazione sta TOSSICA

    NON ESISTONO STAMPELLE senza che abbiano in sé un legame tossico dove la manipolazione negativa generato la SUDDITANZA LA ANESTESIA DEI DANNI PSICOFISICI che come veleni a lento rilascio queste relazioni tossiche producono.
    Ci tengo ,@CaroAlessandro a completare il tuo ottimo pensiero da Point de vu Scientifico Perché altrimenti sembrerebbe dare solo un valore di tipologia statistica come a dire si la gente si comporta così perché si riuscirebbe a fare le amanti zerbino senza fare na piega????

    Già ,vero ma solo fino a inevitabile SCARTO esattamente come tu benissimo scrivi
    Buttate giù da torre le amanti
    Ma pure le mogli devono. Drizzare le antenne se ancora si tengono accanto veri traditori di fiducia verso chiunque ci relazioni!!!

    Bonjour et sia non un Poisson de avril queste cose che qui oggi si scrivono!,

    Qui sole e verde tenero sugli alberi e cielo blu,
    La speranza nel proprio evolvere resta sempre presente e fattibile!
    Bonjour les Filles!

  • alessandro pellizzari, 1 Aprile 2024 @ 12:47

    Solo una minoranza delle coppie di amanti riescono a vivere il rapporto di amantato serenamente oltre il primo anno di relazione, prendendo il buono e vivendolo carpe diem, in bolle romantiche con il timer. Di solito sono coppie con matrimoni zoppicanti ma non così in crisi da portare alla separazione. Nella maggioranza dei casi invece, dopo il primo anno (ma anche solo dopo sei mesi) la donna si innamora seriamente e inizia a soffrire perché la bolla romantica degli amanti non basta più. Inizia così a soffrire quando lui torna a casa e inizia a essere gelosa della moglie. Inizia così un calvario perché lui in questi casi non è abbastanza innamorato per lasciare tutto, anzi entra ed esce dalla bolla degli amanti senza problemi e andrebbe avanti così per anni, perché così ha tutto, famiglia preservata e quello che gli manca lo fornisce l’amante. Quindi, per fare gli amanti stampella del matrimonio bisogna non provare disagio per la mancanza di esclusività e per la discrepanza di sentimenti che si verifica quasi sempre fra uomo e donna, con lui che regge l’amantato sfruttandolo per vivere bene in famiglia e fuori. Fino a quando non viene scoperto, o la moglie non alza le antenne e l’amante inizia a lamentarsi della bolla prigione, e allora da amante perfetta di trasforma in lagnosa e pesante. E così viene buttata giù dalla torre

  • Cri28, 1 Aprile 2024 @ 11:24

    Wet, le relazioni extraconiugali, se vissute così, con il desiderio frustrato di poter vivere una relazione ufficiale, sono devastanti. Per lui ha un senso, ha la possibilità di portare avanti il suo progetto familiare e crescere i suoi figli da vicino, vivendo momenti di serenità e vicinanza con te. Io faccio così, vivo il rapporto extra come qualcosa di personale, che ci permette di sapere che c’è un nostro angolo, in cui tornare e stare bene. Ma ho i miei motivi per non volere altro.
    Ma per te ha senso? C’è qualche ragione tu, personale, per cui trovi che valga la pena portare avanti un rapporto in cui non puoi condividere con la persona che ami ciò che desideri condividere, e, quindi, la quotidianità, i problemi, la vita in generale? Se c’è, allora non sostituirti alla moglie, vivi le cose belle della vostra relazione, stagli vicino quando potete e, per il resto, dedicarti pienamente ai tuoi progetti.
    Altrimenti, con pazienza, fai il percorso necessario per tornare libera e potere, con il tempo, trovare il rapporto che desideri, perché, anche se ora non ti sembra possibile, l’amore torna sempre.

  • Viovio, 31 Marzo 2024 @ 22:21

    Buona Pasqua a tutte/i
    @Nina1
    Per fortuna il grosso lo hai recuperato ricordo molto bene la tua storia, che dire certi uomini non cambieranno mai.
    Io tutto bene 🙂 grazie, reduce dalle varie abbuffate ma ci sta.
    Spero tu sia riuscita a ritagliarti un po’ di spazi e ad avere più libertà per te stessa.
    Un abbraccio

  • Nina, 31 Marzo 2024 @ 15:19

    “per me il positivo è anche esserci nei momenti difficili, è condividere i problemi, e’ raccogliere per casa le sue camicie”.
    E poi come gratificazione ulteriore prendersi magari anche le sue avventure extra perché poverino è così stressato…
    Wet scappa più lontano che puoi,questo mi sembra solo un gran furbone.

  • ads, 31 Marzo 2024 @ 11:37

    @ciao wet, le ragazze ti hanno risposto in maniera esauriente ,
    non c’è bisogno disprezzare il coniuge, ho imparato che fare vittima è solo un modo per manipolare,
    se il tuo uomo ti dicesse, io ti amo , a mia moglie voglio bene, è una donna tranquilla senza tante esigenze,
    in questo modo posso avere moglie, figli, amante, insomma tutti ad un costo accettabile.
    lo dovresti mettere un po alle strette,e contestualmente iniziare a pensare un po’ a te,
    diversamente l’esaurimento tuo, sarà inevitabile.
    anche tu sei single e stai dietro uno impegnato..ma ragazze non va bene.
    ho letto di un altra ragazza relativamente giovane imprigionata in un rapporto con uno molto piu grande di lei..non ci siamo nemmeno qui.
    ma meglio uno piu giovane pieno di vita , senza rughe, con meno pare, che piu si cresce e piu si acuiscono le disfunzioni e le fisime che abbiamo tutti.

  • Nina 1, 31 Marzo 2024 @ 11:34

    @viovio! Ciao! Grande Puffo ogni tanto fa capolino, diciamo ogni volta che cambia lavoro (numero di telefono nuovo) o che cambia moglie o che gli servono soldi. Ormai il copione lo conosco…i soldi non li ho recuperati tutti tutti ma diciamo che il grosso è rientrato e va bene così…tu come stai?

  • alessandro pellizzari, 31 Marzo 2024 @ 09:49

    Sono d’accordo con la psicologa. Tiene Beatrice come gioco virtuale e intanto chatta con altre cinque. La prima che entra passa al reale

  • alessandro pellizzari, 31 Marzo 2024 @ 09:48

    Le mogli sono solo le altre vittime dello stesso uomo. È lui che decide e mente sulla moglie. Decide di stare lì e più si lamenta e meno è credibile. E più si lamenta e resta lì e meno ti ama meno conti. Conti nulla

  • Dispersa, 31 Marzo 2024 @ 09:35

    @Beatrice… Almeno che non sia un virtualone ovvio che sarebbe arrivato a chiederti di vedervi!
    Nemmeno il cane muove la coda per niente…

  • elleelle, 31 Marzo 2024 @ 08:56

    @Wet
    “Ieri, mentre era in pronto soccorso accanto alla madre, pur di stargli vicino l’ho raggiunto in ospedale per portargli la cena, per sentirmi “utile” e per non lasciarlo solo..nascosta fuori come una clandestina ad aspettare che lui uscisse per prendersi ciò che gli avevo portato.”

    Fammi capire: stiamo parlando di un uomo adulto che ha bisogno di sostegno morale perché ha dovuto portare la madre anziana al pronto soccorso ma che comunque trova modo e tempo di lamentarsi della moglie così tu gli porti la cena?
    Il mio ex raccontava le stesse cose su sua moglie. Non ci credere, lui resta comunque lì e se lei fosse così tremenda l’avrebbe già lasciata. Se lui non se ne va, nonostante tutte le tue dimostrazioni di amore, forse è più interessato a vederti azzerbinata e crocerossina che compagna di vita.
    E soprattutto, non giudicare la moglie sulla base di quello che ti dice lui, che a essere buoni saranno al 50% balle e vittimismo.
    Se non hai figli, a maggior ragione non dire niente perché avere figli è una cosa che ti impegna la vita anche se sono grandi. Basta che non abbiano la patente e uno dei genitori deve occuparsi di loro, che hanno sempre impegni e via dicendo.
    Secondo me sei troppo giudicante su una donna che non conosci e questo può venire solo da quello che dice lui, che sputa nel piatto in cui mangia e prima o poi sputerà nel tuo.
    Evidentemente questo uomo adulto non ha ancora ben chiaro che avere una famiglia non è un gioco e richiede anche dei sacrifici.
    E visto che trova il tempo per avere un’amante, se ci tiene tanto a una sua passione avrebbe trovato il tempo per quella e non per te.
    Quello che hai scritto mi suona così famigliare che posso solo suggerirti di mettere fine a questa relazione e farti seguire da uno psicologo per capire come lui stia gettando fango sulla moglie per passare da vittima e ottenere la tua compassione, che ti lega ancora di più a lui.
    Si può tradire perché il matrimonio è finito senza per questo far passare la moglie per un’arpia. Chi lo fa, spesso ha secondi fini e comunque resta con la moglie. In ogni caso, manca di correttezza e statura morale.

  • Viovio, 30 Marzo 2024 @ 22:20

    @Nina1
    Grande Puffo ti ha risarcito tutto oppure avete ancora dei sospesi? Hai sue notizie oppure è sparito definitivamente?

  • Viovio, 30 Marzo 2024 @ 22:18

    @Anna
    Vorrei abbracciarti, la tua storia mi fa così arrabbiare che mi ribolle il sangue per te!
    @Lia anche io ho pensato a @Nina leggendo @Anna 🙁
    Hai fatto benissimo a rivolgerti ad un legale, devi essere spietata esattamente come lo è stato lui con te! Ma soprattutto non sentirti stupida o sprovveduta, quando si provano sentimenti sinceri e si viene truffati la colpa non è mai delle vittime.
    Tienici aggiornate
    Un abbraccio

  • Luciana, 30 Marzo 2024 @ 21:49

    Cara Wet,
    mi ha colpito la tua lettera e mi ha trasmesso tristezza. Le storie come la tua se non si risolvono felicemente, per sopravvivenza della parte debole soprattutto sono destinate a finire. Non so se ci hai pensato, ma sei tu che aiuti il matrimonio del tuo amante ad andare avanti senza affrontare mai i problemi, lo aiuti con il tuo appoggio regolare e costante, col tuo esserci sempre, nell’ombra, come una clandestina appunto.
    Tu che gli prepari la cena e gliela porti in ospedale, che gli raccoglieresti le camicie sporche, che vorresti condividere ansie e gioie quotidiane. Vuoi essere una compagna e cerchi di fare quello che una compagna farebbe, con la “piccola” differenza che non lo sei. Magari ti ci senti, ma non lo sei. Dopo 5 anni devi continuare a fare un passo indietro. Ovvio tu si depressa, perché’ ormai questa situazione è umiliante per te e senza via di sbocco felice, quasi certamente.
    Tu agisci da riequilibratore del suo matrimonio e per lui va bene cosi’. Ha tutto, perché dovrebbe cambiare.
    Sei single, Wet?  se lo sei, non credi di meritare qualcosa di meglio? non sei giunta ancora alla conclusione che questa tus storia sia senza speranza e che non avrai quello che dici di volere?
    Ciao.

  • Lia, 30 Marzo 2024 @ 21:37

    Ciao @Wet, tutto giusto quello che hai detto ma prova per un attimo a cambiare il soggetto. Sua moglie sarà pure (ho dei seri dubbi) quel mostro che ti ha raccontato lui, ma allora come mai lui è ancora lì?
    Perché non lascia questa arpia di donna, egoista e incurante delle esigenze del marito?
    Per non farla dormire da sola la notte?
    Per due figli ormai adulti?
    Wet, sono stata cieca e sorda anch’io come tutte le amanti innamorate, comprese quelle che scrivono qui.
    Ci si vuole illudere che la moglie non conti nulla, che lui si stia sacrificando a continuare a stare con lei.
    La risposta è che non è così.
    Con le mogli fanno sesso, scambiano effusioni, ci fanno le ferie in leggerezza e armonia!
    E tu, dopo che lui è ancora con lei per l’ennesima Pasqua, lo accudisci di nascosto, come una ladra, aspettandolo davanti all’ospedale dov’è ricoverata la madre? Pure!
    Wet, se sei costretta a nasconderti la colpa non è della moglie ma solo sua.

  • Beatrice, 30 Marzo 2024 @ 21:18

    Lia,

    La mia psicologa sa tutto e le posso scrivere se ho bisogno.
    Lei me lo dice che questo rapporto non mi fa bene e mi diceva anche che per come l’aveva impostato lui, cioè virtuale, andava a finire che mi teneva finché non gli capitava una “meno complicata” con cui condividere la parte reale, quindi anche sessuale, perché io da quel punto di vista li ho sempre avuto freni.
    Ha usato la parola dipendenza e una volta ha anche detto che è una relazione un po’ tossica perché entrambi sembriamo incapaci di dare una fine.
    Era al corrente della mia volontà di chiudere o almeno provarci, lei suggeriva di diradare i contatti che tanto lui non mi avrebbe più cercata secondo lei, ed evitare di incontrarci.
    Ma alla fine l’ho incontrato.
    E lui mi ha chiesto di riprovare.
    Sono io che ho la testa dura, lei il suo lavoro lo sta facendo.

    Ha però anche sempre detto che se io fossi capace di vivere l’amantato in modo sereno lei mi supporterebbe nella scelta, perché lei non giudica e mi sta vicina in ogni caso.
    Ma conoscendomi e vedendo che non ci sto bene per tanti motivi, è più orientata a farmi vedere le criticità e a spronarmi nel tentare di chiudere.
    Dice sempre che la bilancia pende troppo a mio sfavore, rischio di perdere tutto per ricevere in cambio praticamente niente.

    Lavoro, faccio sport, ho le mie amicizie, la mia famiglia e anche i miei interessi.
    Il motivo per cui ho avuto bisogno di lui non l’ho ancora bene capito, mi vergogno anche per questa situazione, mi accorgo di essere legata a una situazione ormai assurda e la mia parte razionale si dice “ma perché!”

  • Nina 1, 30 Marzo 2024 @ 20:32

    @anna anche nel mio caso lui ultrasessantenne e io 40 e anche nel mio caso così tanti soldi che ci è voluto un piano di rientro… io ero arrivata ad avere davvero poco sul mio conto, sono stata una pazza incosciente, non avrei potuto permettermi in quei mesi una spesa extra (es dentista) improvvisa. Guarda, brava che ti fai aiutare e sostenere da persone competenti. E sappi che nessuno ti può capire meglio di me. Ti sento molto determinata e questo è un bene.

  • elleelle, 30 Marzo 2024 @ 20:26

    @Beatrice
    “Si mi ha chiesto di tornare insieme nel senso di tornarci a frequentare dal vivo”

    Oh ma che sorpresona!
    Ti ha lavorato ai fianchi finché tu non ce l’hai più fatta e hai acconsentito di nuovo ad incontrarlo. Da lì il passo è breve.
    Ovviamente tu hai giocato a carte scoperte dichiarandogli il tuo amore e comunicandogli tutte le tue esigenze e lui adesso può andare a colpo sicuro.
    Non capisco perché in questo paese non si apprezza il dono del silenzio e si sbrodola ogni sentimento senza avere idea delle intenzioni di chi si ha davanti ma pazienza. Viva la Finlandia, dove le parole di troppo non sono apprezzate.

  • alessandro pellizzari, 30 Marzo 2024 @ 19:20

    Sempre sti figli come scusa. Dopo ) anni è ancora con la moglie è ora di scappare

  • alessandro pellizzari, 30 Marzo 2024 @ 19:17

    Un truffatore insomma

  • alessandro pellizzari, 30 Marzo 2024 @ 19:13

    Beatrice tutto questo senza mai avere avuto rapporti sessuali

  • Wet, 30 Marzo 2024 @ 18:56

    Eccomi qui, malinconica come sempre da cinque anni alla vigilia di ogni festività..ma questa volta ancor di più.
    La madre è ricoverata in ospedale e io mi sento impotente, vorrei aiutarlo nella gestione del quotidiano ma, purtroppo, non sono nessuno agli occhi della sua famiglia.
    Ieri, mentre era in pronto soccorso accanto alla madre, pur di stargli vicino l’ho raggiunto in ospedale per portargli la cena, per sentirmi “utile” e per non lasciarlo solo..nascosta fuori come una clandestina ad aspettare che lui uscisse per prendersi ciò che gli avevo portato.
    Oggi è con moglie e figli e io sono qui, e domani sarà lo stesso..una moglie che con la giustificazione di doversi occupare dei figli, uno maggiorenne e uno adolescente (quindi autonomi, non neonati), pretende la sua presenza senza però curarsi delle sue esigenze di uomo prima che padre, che non si preoccupa se lui è stanco, se è stressato, se ha da lavorare e non può occuparsi anche dei suoi di parenti, se non riesce più a fare tutti quei km ogni giorno per tornare dai figli che lei ha scelto di far vivere lontano perché non ha più trent’anni e fare avanti e dietro è stancante, che non si preoccupa se lui desidera coltivare una sua passione.
    L’ unica preoccupazione è che lui torni la sera perché ha paura di dormire da sola, l’unica preoccupazione è che lui tolga tempo alla gestione della famiglia..
    Lui dice che io mi prendo solo il bello di lui, solo il lato positivo..non si rende conto che per me il positivo non è solo il sesso e i momenti di spensieratezza con lui, per me il positivo è anche esserci nei momenti difficili, è condividere i problemi, e’ raccogliere per casa le sue camicie.
    Sono pazza io dopo cinque anni a essere depressa per questo?
    La mia sofferenza lo mette in difficoltà, mi dice che se lui non “soffre” come me è perché quando ci separiamo lui torna dai suoi figli, che sono la spinta a resistere e sopportare.
    Io non ho la fortuna di avere dei figli, e ormai non li desidero nemmeno più..perché non riesco a immaginare per i miei figli un padre che non amo, un sostituto, qualcuno che sostituisca ciò che lui non può darmi.
    Non mi frega del tempo che passa e delle occasioni che perdo..ciò che mi spaventa di più è la condanna a una vita infelice e “di ripiego”.

  • Lia, 30 Marzo 2024 @ 17:50

    @elleelle, io ho il grave sospetto che Beatrice alla sua psicologa non dica tutto.
    Anche banalmente perché non ha di certo, come qui, qualcuno con cui sfogarsi tutto il giorno 7 gg. su 7.
    Io, se fossi in lei, mi rivolgerei a qualcuno esperto di dipendenze.
    Probabilmente le mancano nella vita altre cose, il lavoro, altri interessi che non la rendano così debole.
    Questa è la mia sensazione da persona assolutamente non esperta, ma se Ale, che lo è certamente più di noi, ravvede la necessità di terapia, la situazione andrebbe affrontata seriamente…

  • Anna, 30 Marzo 2024 @ 17:50

    @Nina1 io andrò avanti legalmente mi spiace ma mi sento davvero derubata. Anche se dovessi recuperarne una parte non mi fermerò. In realtà ho molti amici avvocati : uno di questi mi ha consigliaTo prima di passare alle vie giudiziali di stabilire un piano di rientro rateizzato ( la cifra è grossa per essere liquidata in una soluzione…magari fosse così semplice) chiaramente dovrebbe essere prodotta una scrittura privata firmata da entrambi … guarda a me dà fastidio pure il suo “ far finta “ di niente rispetto a questa questione. Stiamo parlando di un uomo di quasi 60 anni non di un ragazzino …ma davvero riesci ad ignorare di avere un debito così grosso ? Io se devo pure 10 euro ad una persona cerco di saldarlo subito . Ho maledetto il giorno che le nostre strade si sono incrociate. Vi aggiornerò su ciò che succede. Grazie per i vostri contributi preziosi.

  • Beatrice, 30 Marzo 2024 @ 15:44

    Ale,

    Si è vero, dovrebbe essere più deciso lui, non lo è e ho deciso io.
    Ci ho messo tanto lo so, me lo dite da tanto lo so.
    Anche la mia psicologa ha detto che la nostra storia è abbastanza particolare.

    Nina 1,

    Ma no, è stata reale, ci siamo visti, frequentati, poi mi ha lasciata verso fine anno e siamo stati distanti qualche mese fisicamente continuando però a sentirci.
    Poi ci siamo rivisti di recente un paio di volte per salutarci e parlare.

    Elleelle,

    Si mi ha chiesto di tornare insieme nel senso di tornarci a frequentare dal vivo, per quello ho avuto un attimo di incertezza perché mi manca, gli voglio bene e quando siamo insieme stiamo bene.
    Ma ho capito che è una cosa che non voglio più.
    Non fa per me tutta questa situazione e un conto forse se lui ricambiasse il sentimento, ma così non c’è senso, non riesco neanche a essere felice, sono sempre in ansia.
    Però gli voglio bene e faccio fatica a pensare di chiudere ogni rapporto, solo questo

  • alessandro pellizzari, 30 Marzo 2024 @ 15:00

    Gli esperti non sono onnipotenti. Però nel mio piccolo se mi rendo conto che non si arriva a risultati in tempi non biblici o che c’è una dipendenza tale che toccato il fondo si inizia a scavare e se io ti dico che la prossima volta che metterai la mano sul fuoco te la brucerai E tu mi rispondi che tanto hai l’altra io mi fermo e passo la palla a chi di dovere

  • Lia, 30 Marzo 2024 @ 13:47

    @Nina1, mentre leggevo la storia di @Anna mi sei subito venuta in mente…
    Questi sono delinquenti, non so in che altro modo definirli.
    Tu ed Anna eravate innamorate e vi siete fidate, non ci vedo nulla di malato in questo.
    Non si può neanche vivere non fidandosi priorio di nessuno.

  • elleelle, 30 Marzo 2024 @ 13:03

    @Ale
    “Ci vuole tanta psicoterapia credo.”

    Ma Beatrice dice che è in terapia da anni, da prima di conoscere quest’uomo.
    Sai che credo nella psicoterapia e l’ho fatta per due anni. Ci siamo rivolti a uno psicoterapeuta anche per questioni scolastiche ecc.
    A me sembra impossibile che un professionista non riesca a far breccia in Beatrice. Leggendola è evidente l’immaturità fuori misura rispetto all’età, la mancanza di decisione, lo scollamento dalla realtà. Non è possibile che un adulto non sappia quali sono i confini di un’amicizia virtuale e dica tutto e il contrario di tutto.
    O è incapace lo psicologo o è gravissimo il paziente. Non lo dico con cattiveria, ma non riuscire a far capire a una persona che un’amicizia virtuale manipolatoria non è amore, è grave, vuol dire che c’è una barriera a livello di comprensione.
    È quasi un anno che cerchiamo di aiutarla e vediamo solo tante chiacchiere. Non capisco che senso abbia continuare a scrivere lagnandosi di questo poveraccio disgraziato (perché a me lui fa tanta pena) e facendo tanti proclami se alle parole non seguono mai i fatti.
    A questo punto è solo bisogno di attirare l’attenzione, che ci sta con l’immaturità ecc. ma il problema è che qui ci sono di mezzo – pare – anche una famiglia, dei bambini, un marito, il solito lavoro di responsabilità.
    Come cavolo fi fa a gestire tutta sta roba mentre si è impegnati in chat a esigere sempre più attenzione e ammirazione da un uomo che materialmente non esiste?
    Non si accorge nessuno di quanto sia assurda questa situazione? Nessuno si rende conto del rischio di manipolazione, di quanto tutto questo sia malsano, neanche uno psicologo?

  • elleelle, 30 Marzo 2024 @ 12:45

    @Beatrice
    “non ho mai avuto la sensazione che mi sfruttasse o volesse male.”

    Scusami ma cosa importa quanto è buono e bravo lui se ti trovi in una situazione in cui sei sempre insoddisfatta?
    Non si lascia una persona solo se è un mostro, la si lascia se non si è sulla stessa lunghezza d’onda per quanto riguarda una relazione.
    Cosa vuol dire che lui ti ha chiesto di tornare assieme, vuol dire che avete ricominciato a frequentarvi, che vi vedete e andate a letto assieme?
    Perché una relazione virtuale in chat non vuol dire stare assieme. Vuol dire fare delle chiacchiere, magari allusive ma chiacchiere.
    E secondo me in questa storia di chiacchiere ce ne sono troppe e pochissimi fatti.
    Hai una famiglia, una casa, un lavoro eppure stazioni in questo mondo di fantasia che le ragazzine delle medie sono più concrete.
    @Beatrice, c’è qualcosa che non va, a maggior ragione perché dici che stai facendo terapia da tempo. Te lo scrivo in ogni mio commento e capisco perfettamente la stanchezza di @Ale.
    Non è possibile rischiare la propria famiglia per il nulla e arrovellarsi sulla presenza virtuale di un uomo che si è esposto il meno possibile.

  • Nina 1, 30 Marzo 2024 @ 10:49

    @beatrice anche secondo me tu non vuoi davvero chiudere, ha ragione Alessandro, devi farti aiutare. Poi scusami, arrivata a vivere cosa, per capire? Non hai vissuto nulla con lui, nulla di reale. Sta tutto nella tua testa. Lui è uno che si fa i suoi porci comodi e ci gode ad averti lì che pensi dalle sue labbra. “Sto chiudendo” non vuole dire niente, chiudere non ammette il gerundio ma solo l’indicativo.

  • alessandro pellizzari, 30 Marzo 2024 @ 10:20

    Se lui è una persona buona e che non ti vuole fare del male e sa che sei innamorata e lui no dovrebbe essere lui a tagliare i ponti per non farti soffrire inutilmente. Invece sfrutta l’alibi del dire è lei la prima a volere che io resti e continui, fregandosene della tua debolezza e continuando a fare i comodi suoi per egoismo. Ma sono anch’io un po’ stanco di ripeterti questi concetti perché non vedo miglioramenti non vedo volontà di reagire anzi, lo giustifichi. Ci vuole tanta psicoterapia credo

  • Beatrice, 30 Marzo 2024 @ 09:46

    Cossora,

    Penso tu abbia ragione, almeno per quanto riguarda il mio caso.
    Io l’ho dovuta vivere per arrivare a capire sempre meglio la direzione.
    Mollare la cosa a metà come abbiamo provato a fare alcune volte ci lasciava lì sospesi a non capirci niente.
    Il mio però è una persona tranquilla, fondamentalmente buona, e non ho mai avuto la sensazione che mi sfruttasse o volesse male.
    Come dici tu quando invece si ha a che fare con persone pericolose il discorso cambia.
    Mi ha fatto del male “solo” nel senso che io sono innamorata e lui no, però appunto, poi sono arrivata a un momento, cioè questo, dove l’ho capito, in parte accettato, me ne sto facendo una ragione e sto chiudendo la storia.
    Penso la chiuderemo anche in modo pacifico e continuando a volerci bene, consapevoli che è da fare e basta e che non è colpa di nessuno.
    Poi vedremo, sono tutti pensieri miei

  • Nina 1, 30 Marzo 2024 @ 00:43

    @anna, ti ho letta e mi si è fermato il respiro. In tante qui conoscono la mia storia, che è stata anche nel mio caso resa ancora più pesante dal fatto che il mio ex mi abbia manipolata in molti modi, compresa la richiesta di soldi. Soldi che anche nel mio caso mi fece credere dovessero servire a risolvere una serie di questioni che ostacolavano il nostro futuro. Tanti soldi, anche x me risparmi, che continuava a chiedermi e che io continuavo a dargli. Ti invito a riflettere su una cosa molto dolorosa: lui ha approfittato di me, ma lo ha fatto perché io ero evidentemente così bisognosa di lui da arrivare a “comprarlo”. Non l’ ho fatto in modo consapevole ovviamente, ma ora lo vedo chiaramente. Quando ho chiuso con lui, sostenuta dal mio psicologo mi sono rivolta a un avvocato, che è stato fondamentale per riuscire a riavere (e ci ho messo anni) una buona parte della cifra, anche se non tutta. L’ avvocato ha anche avuto l’ utilità, nel momento in cui ero in no contact, di mediare con lui senza che dovessimo sentirci. Lui ha provato più volte ad aggirare l’ avvocato per arrivare a me e si è pure beccato una bella diffida.
    Anni dopo c’è stato (la faccio breve) un piccolo riavvicinamento e dopo pochi incontri lui ha ricominciato a chiedere soldi. Avevo intanto scoperto che ne deve a tante persone, tanti amici e dipendenti che si sono fidati di lui.
    Ci sono persone corrotte e pericolose, noi ne abbiamo incontrate, tu cerca di farti valere, tramite un avvocato se possibile. Ti capisco tantissimo.

  • alessandro pellizzari, 29 Marzo 2024 @ 22:07

    Benvenuta Anna e Grazie per la tua preziosa testimonianza. Periodicamente parlo di uomini truffatori sentimentali per soldi. Si va da casi come i tuoi, i peggiori, a farsi comprare vestiti e orologi o a chiedere consulenze professionali gratis. Un uomo innamorato non chiederebbe mai soldi o si approfitterebbe della sua donna.

  • Anna, 29 Marzo 2024 @ 21:17

    Ciao a tutti . Vi racconto la mia storia terribile. Spero faccia capire a tante di lasciar perdere queste merde di uomini. Sono stata l’amante per 3 anni. Tutto parte per gioco … ci innamoriamo o almeno lo faccio io. Dopo un anno inizia a parlare di lasciare la famiglia. Io fino ad allora non avevo mai chiesto nulla. Il problema è che inizia anche a chiedere soldi,per problemi lavorativiIo sono cieca, faccio di tutto , continuo a sborsare soldi. Arriviamo a quest’ anno mi dice che ha comunicato alla moglie che a settembre andrà via di casa , mi dice di aver parlato con un avvocato, cose di cui comunque non ho alcun riscontro. Arriviamo alla primavera 2024 e sorge un altro problema di lavoro. Mi dice che gli hanno bloccato i conti in banca . A me chiede di chiedere un finanziamento a mio nome che lui mi pagherà le rate. Io nuovamente gli dico di sì . Per lui , L’ estate è triste , non esce mai, non ha né L’ umore ne’ i soldi per poterlo fare. Comincia a prospettare che a settembre dovremmo richiedere un nuovo finanziamento. Ad un certo punto ho detto basta . Innanzitutto mi rendo conto che le cose sono cambiate . Per tutta L’ estate ci vediamo molto poco, le sue telefonate erano cariche di problemi e negatività, comincio ad aver paura di questa richiesta eccessiva di soldi. Inizio a diventare più fredda e più scostante al telefono, ero nervosa non era mai contemplato un discorso in cui veniva considerata una restituzione anche parziale dei soldi.un giorno scoppio, gli vomito tutto e gli dico che è una situazione assurda. Lui chiaramente piagnucola , dice che lo abbandono, che ha contro tutta la sua famiglia, che non sa come fare, che i soldi servivano per il nostro futuro, che aveva fatto tutto per noi. Insomma quel giorno di fine agosto finisce tutto. Dopo il nulla ne’ da parte mia ne’ da parte sua . Giorni dopo scopro da IG che i giorni estivi in cui lui sosteneva di non uscire c’ erano foto della famigliola felice ad un ristorante All’ inizio c’è stata tanta rabbia , ho fatto due conti ed i soldi prestati sono stati tanti ( per fortuna è denaro tracciato da bonifici) . Mi sono sentita svuotata , sfruttata, ho pensato che sia andato via quando ha capito che non poteva più spillare soldi. Soldi dati non “ per il nostro Futuro “ , come millantava, ma per salvargli il posteriore. Ora sono io che devo risollevarmi economicamente, vivendo nel terrore che non mi dia neanche i soldi . A breve chiederò anche la restituzione del resto dei soldi che io ho lavorato e che erano miei risparmi. Non entrate mai in situazioni del genere: io ho perso L’ amore e tanti soldi.

  • Cossora, 29 Marzo 2024 @ 09:17

    @dispersa anche per me il tempo mi ha ‘formata’ e ‘informata’ 🙂
    Infatti come vedi non mi scaglio contro quelle che sono al primo, ne al secondo, ne al terzo no-contact.
    Ne deve passare di acqua sotto ai ponti..!
    Però io dico: tutto insegna. A mio personalissimo parere mollare la cosa a metà, sospesa, bloccando.. fa da fertilizzante al coinvolgimento. Non ti libera, anzi. Ovvio sto parlando delle storie che leggo qui. Le persone pericolose sono da evitare prima possibile.
    Bisogna passarci in mezzo e uscire dall’altra parte. Perchè se ci siamo capitati dentro.. quella lezione li la dovevamo imparare. E non ci lascerà in pace fino a che non la impareremo.
    Poi dopo si può prendere una decisione, che nel mio caso è stata rendermi conto che ci cerchiamo e ci teniamo reciprocamente. Certo non ‘a tutti i costi’ ma stiamo bene, uno ha e da all’altra qualcosa che non vuol perdere e che ritiene importante.

  • Dispersa, 28 Marzo 2024 @ 16:38

    Sì @Cossora perché tu ormai hai una visione reale di questa storia, ma purtroppo c’è ancora chi non solo soffre ma rimane pure in attesa di questi personaggi!!

  • Dispersa, 28 Marzo 2024 @ 13:00

    No no @Ale io mi sono sentita dire ‘non mi conviene’… Mi dispiace per chi ancora crede a queste persone ed innamorato aspetta (inutilmente).

  • Cossora, 28 Marzo 2024 @ 12:46

    “in realtà lui ci sta benino a casa sua (soprattutto se ha anche l’amante)”
    90 minuti di applausi in piedi.
    Però stiamo sempre qui a fare i raggi X su come sta lui, cosa vive lui..
    Cosa aggiungereste, ognuna di voi?
    Facciamo un gioco, siate onestissime e brevi, non il sermone, non lezioni di vita, non diagnosi.
    Dite la vostra schietta e sincera.
    Inizio io.
    Io ci sto benone se stai a casa tua, soprattutto se per senso di colpa compensi con tutto ciò che in questi anni hai capito che desidero da una relazione: emozioni ed esperienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.