Ricevo e pubblico volentieri la storia di una lettrice alle prese col Codice del silenzio o CDS

Caro Alessandro,

anche io mi sono “salvata” in parte grazie al tuo blog.

In realtà, a un certo punto della mia storia durata 10 mesi, quando ormai l’umiliazione si era fatta strada abbondantemente, ho autonomamente adottato un codice del silenzio senza sapere che cosa fosse: mi è solo venuto naturale.

E’ così che sono approdata sul tuo blog che di silenzio parlava in modo più tecnico, accorgendomi pertanto di aver messo in atto qualcosa che aveva un significato meno approssimativo del “non sopporto più di ascoltare le tue balle”.

L’errore enorme che ho fatto io, è stato sbloccarlo tre mesi dopo, quando ormai mi sentivo sufficientemente forte e lui era riapparso sulla porta del mio ufficio, non per giurarmi amore eterno ma per offrirmi una tregua: ancora balle. Ora so che si chiama orbiting, infatti da lì i messaggi del lattaiosi sono decuplicati a non finire, conditi da esplicite richieste di rivederlo (come amico, diceva …).

Ho trascorso tanti mesi dopo a chiedermi stupidamente se ci fosse qualcosa di vero, in quel suo continuare a infilarsi nel mio quotidiano con messaggini colmi di pretesti assurdi, ma non c’era nulla, proprio niente, così dopo ulteriori 8 mesi, visto che non aveva raccolto quel che sperava, è sparito anche dal mio smartphone.

Non ti so dire se ho sofferto più prima del CDS o più dopo, in fondo in quel “dopo” avevo sperato che succedesse qualcosa: possibile mi chiedevo, che quell’amore che io provavo così forte fosse a senso unico? Se a 50 anni la vita ci offriva una chance così imprevista, come si poteva rinunciare, a maggior ragione se lui si dichiarava “innamorato”?

Di certo ho sofferto tantissimo e ogni volta che ci penso, soffro ancora, sebbene oggi ci sia qualcuno al mio fianco, qualcuno che è iniziato come “un chiodo ma che con la sua tenerezza mi fa sorridere, che mi offre la mano quando camminiamo per strada e cerca di superare la mia diffidenza con una delicatezza inaspettata.

Sono certa che probabilmente avrei fatto le stesse cose che ho fatto, ma non posso negare che in quel periodo il tuo blog, la lettura di articoli che sembravano scritti sulla base della mia esperienza: il finto separato in casa che sta lì solo per il figlio, il tirchio che ti regala la strenna aziendale a Natale, il seriale/cialtrone/entusiasta che appena inizi a chiedere qualcosa annaspa nelle sue banalità, mi aiutavano a definire meglio i miei pensieri, ad affrancarmi da quell’amore che non so perché ho sprecato così.

Se solo riuscissi a togliermi dalla mente il pensiero di lui, se le reazioni del mio corpo quando il suo nome viene fuori fossero meno intense, forse potrei dirmi definitivamente “guarita”. So di non esserlo ancora totalmente, ma certamente sulla buona strada.

Grazie Ale

una tua lettrice

foto Pixabay

Condividi:

111Commenti

  • Crocus, 5 Ottobre 2021 @ 11:38

    @Lia sono felice di sentirti! ❤️
    @elleelle (ma anche @Lia) clap clap a tutto ciò che avete scritto! Donne con la D maiuscola! Un abbraccio a entrambe!

  • elleelle, 5 Ottobre 2021 @ 09:35

    @Lia
    Alle tue domande “Siamo sicure si tratti davvero di amore? Dopo come si sono mostrati?” rispondo che no, secondo me non è amore, è bisogno. Bisogno di vedere se stesse in un certo modo: buone, comprensive e accoppiate.
    “Non ho fatto scenate, ho capito, non dico niente, sopporto, ma lui è pentito, ha sbagliato, sta male è tanto bravo, è tornato, è in difficoltà, è tra due fuochi, se è qui ama me e non lei” sono frasi che abbiamo sentito da tutte, mogli e amanti, sempre mese a 90 a giustificare, aspettare, sperare che non te la metta in quel posto un’altra volta.
    Come dici tu, se avessimo più indipendenza e amore per noi stesse non riusciremmo più a vedere del bello in questi rapporti sporcati da bugie e mancanza di rispetto. E scatterebbe il meritato vaffa, un no grazie, non sono più interessata, non ho bisogno, se non mette giù lei metto giù io, la sua offerta non fa al caso mio perché ho già un contratto a tempo indeterminato con me stessa per volermi bene.
    Invece dobbiamo amare anche chi ci umilia perché altrimenti chi siamo, cosa diventiamo? Non capiamo che al mondo ci sono tante persone da poter amare, in modi diversi e magari più appaganti. No, dobbiamo amare comunque chi ha tenuto il piede in due scarpe, chi ci ha usato, ferito e umiliato.
    “Se fai questa cosa, vuol dire che non l’hai mai amato”, si diceva qui sul forum nei giorni scorsi. Balle, l’ho amato e con il mio amore si è pulito il culo per cui non gli devo più niente, tantomeno il mio amore. Non possiamo essere condannate ad amare, rispettare ed essere buone per l’eternità, legate a doppio filo a traditori, narcisisti, bugiardi, sadici, approfittatori e compagnia varia.

  • elleelle, 5 Ottobre 2021 @ 09:18

    @Lia
    Concordo su tutto e ti dirò, avevo parlato a mia mamma del mio ex e mi aveva detto subito che secondo lei era una persona immatura e poco equilibrata.
    Nel mio caso, è prevalso l’amore per me stessa. Ho accettato che con mio marito sia finita e ho eliminato il mio ex dalla mia vita. Quando si avvicina qualcuno, lo osservo e per ora ho scelto di tenere a distanza.
    Non mi va di ritrovarmi in situazioni poco chiare, a cui posso dedicare poco tempo, in un momento in cui l’unica attività fisica che mi interessa è la mia camminata mattutina.
    Ho due figli felici, sono due bambini molto buoni e gentili, io ho le mie cose da fare, non mi va di sacrificarle per l’ennesimo imbecille.
    Visto che non dipendo psicologicamente da nessuno (purtroppo dipendo economicamente, ma non per voler mio), non devo fare rinascere nessun amore, non devo perdonare un tradimento, non mi devo accontentare di un narcisista. Non mi devo nemmeno sentire buona per forza, perché anche tutta questa bontà e “signorilità” è un peso che ti schiaccia, che ti obbliga a lasciare che ti giri attorno chi ti ha fatto del male, la moglie che ti tormenta, i pensieri che non ti lasciano mai.
    Come auspichi tu, ho detto un grosso vaffa e mi sveglio con il sorriso, contenta di aver imparato a dirlo. L’ultima cosa che vorrei avere per me stessa in questo momento è una vita in cui ho in casa un uomo perennemente depresso, instabile e vittima oppure dover passare il mio tempo a giustificare e spiegare e difendere il mio perdono per un traditore. Se devo avere un uomo, che almeno sappia parlare e non abbia una preferenza per le scorciatoie.

  • Lia, 4 Ottobre 2021 @ 22:27

    @elleelle ognuna è obbligata a giustificarsi e tutte cercano un motivo nobile per farlo. Le amanti per aver creduto, nonostante ci fossero segnali chiari, e le mogli per aver perdonato.
    Tutte legate a doppio filo a quello che questi uomini ci hanno fatto provare… o meglio….a come ci hanno fatto sentire.
    E tutto questo perché? Perché da sole non stiamo poi così bene, perché non siamo in grado da sole di darci la giusta spinta e le giuste emozioni. Siamo sicure si tratti davvero di amore? Dopo come si sono mostrati?
    Nessuno mai con la giusta considerazione di sé si farebbe trattare come abbiamo fatto noi, io per prima, ma anche le mogli.
    E non perché non sia lecito dare una seconda possibilità, ma perché non riusciremmo più a vedere il bello in un rapporto sporcato da tante menzogne e mancanze di rispetto… prevarrebbe l’amore per se stessi, perché siamo noi la persona più importante.
    A volte immagino di essere la mamma di me stessa.
    Desidererei solo che il mio ex sparisse dalla mia vita, perché chi è stato capace in passato di farti così tanto male può farlo di nuovo. E se lo rifà quando sei più in là con gli anni, ti farà ancora più male.
    Esistono le eccezioni? Muà, forse sì.
    Ma quei rari casi in cui si parla di ritorni seri, bisogna che sudino sette camice, nulla deve essere in continuità con ciò che è stato.
    Questi uomini vanno “testati” seriamente, perché sono risultati gravemente fallati.

  • Ariel, 4 Ottobre 2021 @ 18:07

    Mah ,non so ,uno che si comportato come un emerito Cialtrone che ha usato ogni metodo da manuale del manipolatore negativo del silenzio punitivo tenere in sospeso la sua così detta amante amata??

    Che ricordi belli possano mai essere considerati veri?

    Insomma se uno si comporta per tre anni da emerito Cialtrone come é stato scritto da stessa Cossora qui sul Blog
    Se ancora si sta a pensare ai bei ricordi significa ancora NON AVER CAPITO DELLA MEGA TRUFFA EMOTIV!!!!

    Cara Azzurra dopo tre anni sono troppi per poter considerare una relazione sana in un amantato!!!
    Sicuramente non tutti sono NARCISTRONZI di brutto ma esistono pure Narcisisti meno appariscenti e sicuro ciò che fa la differenza la fa la preda la donna che finché non lo manda chiaramente a fanculo lui non mostra gli artigli che però esistono infatti il silenzio punitivo e i tre anni a fare esattamente ciò che ha voluto ha sottomesso la sua preda che si é illusa esattamente come da schema si è sottomessa a credere a giustificare a trovarsi milioni di motivazioni al situo comportamento MANIPOLATIVO negativo che ogni dipendente affettiva scambia per amore

    Per un bel GNIENTE DI FATTO,
    Solo approfittare di chi ci sta al suo giochino perverso !
    Altro che bei ricordi!!!

    Occorre la consapevolezza cara Azzurra e sicuro tu ce la hai

    Cossora ancora ci sta dentro fino al collo
    E predica bene ma razzola da dipendenza mai curata!

  • elleelle, 4 Ottobre 2021 @ 16:34

    @Azzurra
    È l’istinto che ci dice che c’è qualcosa che non va, ma a volte non si riesce ad ascoltarlo.
    Però quando hai capito come si comportano, quando hai imparato ad interpretare certi segnali, non ce la fai più a fidarti di loro, per questo è impossibile averci a che fare di nuovo.
    Il narcisista overt prima di lui trattava male tutti: donne, amici, colleghi di lavoro. Indubbiamente aveva molto fascino ma l’opinione degli altri non era fantastica. Erano rassegnati e alcuni suoi amici mi hanno detto: “Mi spiace, purtroppo è fatto così, fa così con tutti”.
    La mia amica ha un carissimo amico in comune con il mio ex e da lui in passato, prima che io e il mio ex ci conoscessimo, aveva sentito cose simili. “Fa solo quello che gli pare, difficile, inaffidabile”.
    Chi li osserva bene sa come sono fatti, ma non dovendoci vivere assieme, il lato affascinante compensa quello disfunzionale.
    Il love bombing che sta facendo alla moglie non è passato inosservato e un amico comune, che ha capito che tra noi è successo qualcosa di grave, ha storto il naso.
    Non credo che riescano a passare inosservati per sempre.

  • Azzurra, 4 Ottobre 2021 @ 15:31

    @Cossora certo che se la testa vuole va, altro che blocchi. La cosa difficile è imporsi di tenerlo fuori dalla tua vita il che nel mio caso è qualcosa di assolutamente necessario perché lui è una persona tossica e non farlo significherebbe farmi del male, ma del male vero. In ogni caso mettere d’accordo testa e cuore anche quando sai che lo fai per il tuo bene é una cosa veramente difficile perché io ce l’ho messo il cuore in questa storia e ora devo costringermi a strapparlo via visto che la priorità è difendermi da lui.
    Mi sembra di capire che ti sei allontanata nuovamente dal tuo ex @Cossora, ho capito bene? Mi dispiace, ma sono sicura che quello che avete condiviso lo porterai sempre nel cuore. Un bel ricordo vale sempre la pena di essere stato vissuto qualsiasi sia l’esito finale. Tutti noi meritiamo bei ricordi quando si tratta di rapporti d’amore e non periodi di vita da cancellare.

  • Azzurra, 4 Ottobre 2021 @ 14:17

    @Ellelle sai qual’è la cosa assurda? Che anche lui faceva e fa delle cose molto strane e solo con lui mi capita di pensare che “sicuramente sta tramando qualcosa”. Inoltre questa è un’altra cosa che indica che hai a che fare con una persona subdola : ti chiedi troppo spesso se i suoi comportamenti ambigui, quelli che ti ci fanno restar male senza capirne il motivo, dipendano da qualcosa che involontariamente hai fatto tu. Noi che ci mettiamo sempre in discussione, che ci prendiamo sempre colpe che in molti casi non solo non abbiamo ma per quieto vivere facciamo finta di comprendere quando in realtà di molte cose io mi sto ancora chiedendo cosa avevo fatto da meritare certe “punizioni”. In più noi ci siamo messe in discussione come persone, come donne, abbiamo scavato nel nostro passato per trovare i motivi che ci hanno spinto a vivere una relazione del genere, e loro? Loro stanno comodomamevnte seduti col culo sul divano a farsi servire e riverire, a cancellarsi dai social, a mettere like, a spiare la vita degli altri con la presunzione di essere nel giusto e convincendosi che noi ci siamo meritate quello che è successo e di meritarsi loro qualcosa di molto meglio che però non raggiungeranno mai. Ricordo quando mi lascio’ tempo fa, quando torno’ gli dissi, stupidamente perché non avevo ancora capito che lui non era in grado di capire, che io “stavo lavorando su me stessa” perché avevo finalmente compreso che il nostro rapporto aveva qualcosa di insano. Sai cosa mi rispose? : “mi fai ridere quando dici che stai lavorando su te stessa”. Ma in fondo mi dico sbaglio io! Perché se una persona è un asino perché mi ostino a cercare un leone che non c’è?

  • giulia, 4 Ottobre 2021 @ 13:02

    @ellelelle, il bello, anzi il brutto è che avevo il sospetto già da prima. Lui si è avvicinato a me prima provandoci e io lo rifiutai (motivi: mi piaceva tanto, ma lui fidanzato, seriale incallito, collega, molto più giovane e soprattutto io donna sposata e madre); poi instaurammo un rapporto di amicizia durato mesi e mesi con contatti serrati e quotidiani da parte sua, durante il quale già vivevo quella sensazione di sospensione, di alti (mi adorava, mi dava attenzioni continue) e di bassi (varie svalutazioni mai dirette, esercitate in modo subdolo). Maturai il sospetto che era un narcisista, ma a un certo punto sono caduta nella rete, complice un periodo non facile anche dal punto di vista familiare. Mi son detta, ma sì, faccio la cosa sbagliata per una volta, poi starò male (in cuor mio sapevo che sarebbe finita male) e mi riprenderò presto come ho sempre fatto… E, invece, eccomi qui, ho sottovalutato il danno e le conseguenze.

  • cossora, 4 Ottobre 2021 @ 11:42

    Parlavo di me @azzu.
    Leggendo qui e vivendo altre situazioni di amiche mi rendo conto che una cosa è la malinconia o la tristezza per non riuscire a portare a compimento una cosa e un’altra è (a carte ferme e protagonista fuori di scena da tempo) rinfrescare il suo ricordo manco fosse una seduta spiritica.
    La mia amica è pienamente cosciente di chi era il suo ex narcisista. Ma per sua stessa ammissione, una parte di lei attende di sistemare le cose. Non lo vede nemmeno per strada, non è delle nostre parti. Ma ti assicuro che ha più legami sottili e attivi lei di me che sto a neanche 3 km dal mio.

    Quetso è per dire che puoi anche bloccare tutto e cessare ogni attività, ma la testa, se vuole, va.

  • Molly, 4 Ottobre 2021 @ 10:44

    “Il mio consiglio è quello di lavorare molto su te stessa, su queste ferite che ti porti dietro dall’infanzia perché solo così potrai vedere tutto ciò che ti è successo sotto una luce diversa e soprattutto non ci ricascherai più ne con lui ne con altri della stessa specie. È un percorso lungo e faticoso ma ti permette di guardare in faccia le tue ferite e di affrontarle senza averne più paura. Arriverai ad amare te stessa così tanto da proteggerti da certi individui e a sbattergli la porta in faccia ogniqualvolta cercheranno di ritornare. Ma quante lacrime ho versato per arrivare a questa consapevolezza, quanta solitudine ho provato, quanto avrei voluto essere abbracciata da lui e non calpestata, ma ne è valsa la pena te lo assicuro perché se non lo avessi fatto chissà in quale luogo così basso e misero mi avrebbe trascinata e invece mi sono salvata. Da sola“

    Quante verità@Azzurra in queste tue parole. Speriamo che siano in tante a farne tesoro!

  • alessandro pellizzari, 4 Ottobre 2021 @ 10:35

    ai narcisisti non frega nulla della “fidanzata”, è uno strumento

  • elleelle, 4 Ottobre 2021 @ 09:25

    @Azzurra
    Stessa situazione: io che all’inizio ero sospettosa e avevo detto alla mia amica che secondo me mi stava usando per avere informazioni su questo mio parente e i suoi collaboratori, alla fine ho ceduto perché mi ha fatto credere di essere davvero innamorato di me. Invece era solo una sanguisuga emotiva.
    Sai cosa mi è successo? Mi hanno detto che lui si è tolto di nuovo dal social. Lo ha fatto tante volte in passato, prima di stare con me ma anche durante. Mentre stavamo assieme, lo faceva quando stava tramando qualcosa e non voleva essere taggato, in aggiunta alle volte in cui diceva di sentirsi troppo sotto pressione perché a nessuno interessava quello che scriveva ecc. (Infantile, vero?)
    Bene, stavolta ho pensato alla moglie. Povera donna, pensa come deve essere gestire un uomo che dà a un social un tale valenza e che non lo sa usare in un modo normale per comunicare con chi conosce e magari abita lontano. Pensa se lui sta di nuovo tramando qualcosa. Pensa se lui è uscito dal social senza nemmeno dirglielo, come aveva fatto con me varie volte. Ti svegli un mattino, entri nel social come fai sempre e lui non c’è e non ti ha detto niente. Che umiliazione. So che lui lo faceva anche con quell’intento, perché è umiliante che l’uomo che dice di amarti disattivi il suo account senza dirti niente. Ti fai delle domande, pensi di aver fatto qualcosa di male, non sai se è arrabbiato, se è successo qualcosa… Invece è “solo” una persona molto disturbata. Mi è dispiaciuto per lei, ho pensato a quanto sangue le avrà succhiato negli anni. Che vita grama.

  • elleelle, 4 Ottobre 2021 @ 09:11

    Ciao @Lia
    Io me la passo molto bene, spero che anche tu riesca presto a ritrovare equilibrio e tranquillità.
    Secondo me quando si lascia spazio a certe persone c’è un po’ di speranza da una parte e tanta gentilezza d’animo dall’altra.
    Come dicevo ad Azzurra, chi è fondamentalmente buono, una brava persona, vede o vorrebbe vedere le stesse caratteristiche negli altri. Per questo prevale un comportamento gentile. Oltretutto, se è la prima volta che si vive un’esperienza simile, si è impreparati.
    Il mio atteggiamento freddo e drastico viene dal fatto che non era la prima volta che mi capitava un narcisista e so che posso farne a meno.
    Per il resto, siamo ancora qui a farci fare il conteggio delle ore di frequentazione con i nostri ex amanti e farci dire che sono state relazioni superficiali ecc. Puoi immaginare il divertimento.
    Ti abbraccio, cara e non scomparire del tutto. ❤️

  • elleelle, 4 Ottobre 2021 @ 09:02

    @Giulia
    Nel mio caso le sensazioni che ho provato in entrambi i casi in cui ho avuto a che fare con un narcisista (uno overt, uno covert) erano di irritazione e frustrazione. Era come se queste persone non volessero e non riuscissero a capire e io che ho poca pazienza, dopo un po’ non sapevo più cosa fare per smuovere questo muro di gomma. Perché entrambi erano molto simili sotto vari punti di vista:
    – comportamenti ripetitivi per farti del male
    – idee assurde che si erano fatti e che non c’era verso di cambiare
    – sensazione di inadeguatezza
    Non ho mai pensato che mi dessero qualcosa di atavico di cui avevo profondamente bisogno e adesso, a mente lucida, ti posso dire che secondo me tanti dei dubbi che vengono su di sé e sul proprio passato derivano dall’abuso narcisistico, dalla situazione di stress psicologico a cui ti sottopongono, che ha varie forme.
    Per riuscire a spiegare a te stessa come hai fatto a capitare in una situazione simile, tiri in ballo tutto, incluse situazioni del passato che pensavi di aver superato e molto probabilmente hai superato davvero.
    Sono loro che ti massacrano al punto tale che metti in dubbio ogni parte di te stessa e della tua storia. Quando ne esci, rimetti tutto a fuoco e tutto in prospettiva.
    Non voglio dire che il passato non ci influenza e non vale la pena parlarne, perché vale sempre la pena. Forse però non ha quell’impatto devastante che crediamo che abbia quando la nostra mente è nel marasma.
    Adesso che sono fuori da questa situazione, ho le antenne dritte, come dice @Ale. Se vedo comportamenti strani che non mi convincono, taglio e riporto sul piano dell’amicizia. L’ho appena fatto e non ho un rimpianto. Se lui mi vuole come amica, molto volentieri, altrimenti vuol dire che era interessato solo a una cosa e sappiamo qual è.
    Tu sai già tanto sul narcisismo e puoi usare le tue conoscenze per uscirne prima e “più facilmente”, tra virgolette perché non è mai facile. Io non ne sapevo niente e quando ho realizzato questa cosa, è come se mi avesse investito un treno. Per mesi ho letto tutto il possibile, ho cercato conferme e le ho avute, ho visto le similitudini tra i due narcisisti con cui ho avuto a che fare. Poi finalmente lo psichiatra che ho visto dopo settimane di pianto continuo mi ha dato la chiave per uscirne in modo definitivo.

  • Azzurra, 4 Ottobre 2021 @ 00:20

    @Ellelle no nessuna valenza divina anzi come te pensavo fosse un uomo insicuro e un po’ depresso ma buono e onesto. Io dopo la fase iniziale in cui ero molto sospettosa ho praticamente abbassato le antenne e creduto fortemente in lui. È stato capace di conquistarsi pienamente la mia fiducia e farmi credere che avessimo un rapporto speciale proprio perché non era il sesso il motore del suo amore per me, lui che per una vita intera nelle donne aveva sempre cercato solo il sesso e nulla di più, con me invece condivideva altro, qualcosa di pulito finalmente. . La verità è che lui aveva problemi a livello sessuale ma ha usato questa cosa per farmi credere che da me voleva l’amore. Cazzate tutte cazzate e soprattutto manipolazione. Se ci penso mi viene voglia di schiaffeggiarlo

  • Ariel, 4 Ottobre 2021 @ 00:05

    Cara Giulia altro che pippe mentali ,mi complimento per te stessa per il tuo livello grande di consapevolezza di queste dinamiche che infatti vengono definite relazioni tossiche
    Esattamente le vittime temporanee solitamente nella casistica di osservazione degli sperati che studiamo queste realtà hanno come fatto un identikit di massima che vede le prede come persone forti personalità e piene di talenti speciali e questo ha una sua logica
    Se pensiamo che nei disturbi di tipo.o già Narcisista e com7nque quelli contenuti nel diagnostica d8 riferimento Internazionale psichiatria il Dsm 5
    Questi soggetti non riconoscono il proprio sè e come Narciso si specchiano nelle prede per compensare il loro vuoto abissale
    Imitano ci imitano ci invidiano in modo anomalo e sono vendicativi e possono esserlo anche in modo inimmaginabile

    Privo di empatia vogliono che le loro prede siano al top di gamma secondo il loro metro e quindi appunto persone tipo te donne forti e piene di intelligenza e soprattutto con Chiara sindrome m9lto e troppo empatia che equivale a comportarsi da crocerossina con io ti salverò ecc.

    Così sicuro la difficoltà a staccarsi é data proprio dal fatto che siamo,state attratte da gente così per via che si incastra perfettamente con la antica dipendenza di cui prima spesso non ci eravamo mai accorte era lì ma latente

    Il fatto di sentirsi così legate é naturale finché non si risolve da sole in sostegno terapeutico la dipendenza affettiva antica
    Scoprire in una analisi attenta la origine e in ogni dettaglio la consapevolezza del perché ci si comportava esattamente in modo simile con i genitori o uno dei due o con fratello o sorella o comunque persona con la quale si é cresciuti da nascita in poi

    Cara Giulia sei molto avanti davvero complimenti perché a leggere qui da molto tempo ormai sono poche le persone che in breve tempo perlomeno hanno già capito tutto il meccanismo di queste dinamiche

    Poche sono le persone che hanno la voglia la costanza di fare terapia poche son9 le persone che non si abbattono e che sono disposte pure a variare il metodo terapeutico se vedono che passano magari anni e sono sempre ancora troppo dentro al parlare sempre di lui o al comunicare o monitorare cosa fa cosa dice o a parlare della moglie e sempre sui lui dimenticandosi di VIVERE IN AUTONOMIA PSICHICA E FATTIVA LA NUOVA VITA !!!

    Carissima Giulia se procedi di questo passo prestissimo ne sarai del tutto fuori e non esitare a scrivere e chiedere opinioni confronto di esperienza e di idee
    Un caro abbraccio !

  • Azzurra, 4 Ottobre 2021 @ 00:00

    @Giulia io ho sempre pensato che sono finita in questa relazione tossica proprio a causa di ferite non rimarginate che riguardavano il mio passato. Non mi sto sollevando dalle mie responsabilità nel senso che se ho tradito non è stata certo colpa sua, avrei tradito comunque ma probabilmente non sarebbe accaduto con una persona così tossica e abusiva come lui. Il mio consiglio è quello di lavorare molto su te stessa, su queste ferite che ti porti dietro dall’infanzia perché solo così potrai vedere tutto ciò che ti è successo sotto una luce diversa e soprattutto non ci ricascherai più ne con lui ne con altri della stessa specie. È un percorso lungo e faticoso ma ti permette di guardare in faccia le tue ferite e di affrontarle senza averne più paura. Arriverai ad amare te stessa così tanto da proteggerti da certi individui e a sbattergli la porta in faccia ogniqualvolta cercheranno di ritornare. Ma quante lacrime ho versato per arrivare a questa consapevolezza, quanta solitudine ho provato, quanto avrei voluto essere abbracciata da lui e non calpestata, ma ne è valsa la pena te lo assicuro perché se non lo avessi fatto chissà in quale luogo così basso e misero mi avrebbe trascinata e invece mi sono salvata. Da sola

  • Ariel, 3 Ottobre 2021 @ 23:47

    Ciao cara@Lia vedrai che la tua ottima fase due ti porta sicuro alla tua vera accettazione e comprensione di te stessa che nulla hai o abbiamo da rimproverarci ma giustamente come già stai facendo tu scoprire poco a poco tant e cose di se stesse che prima di vivere queste esperienze manipolazione negativa non ce ne eravamo mai accorte della dipendenza che poi in ogni caso sta a livelli di intensità diversa

    Ovviamente chi ci ha passato più tempo significa aver avuto una maggior presa sulla propria dipendenza antica e cioè ciò che chiamiamo il livelllo della autostima

    Tu mi pari molto avanti nel tuo ottimo percorso la tua consapevolezza é sempre più grande e dettagliata nella naturale ricostruzione che si fa quando rinascendo si guarda al passato con nuove scoperte e nuovi punti di vista

    Se può confortarti e confortarci sappi e lo saprai già ,forse,che tutti gli esperti concordano nel definire le vittime temporanee di relazioni manipolative negative particolarmente dotate di talenti intelligenza empatia e donne definite di vero carattere ma che avevano una latente. Antica dipendenza mai del tutto uscita fuori
    Ed é a questa che si attaccano facendo danno

    Nessuna é stata stupida nessuno in assoluto può mai prevedere per tempo utile di smascherare il terzo manipolativo negativo
    Esattamente sono attori da Oscar

    Adesso sicuro dormirai facendo bei sogni di nuova vita alla luce splendente del tuo talento unico di @Lia
    Buonanotte a te e tanti baci !

  • giulia, 3 Ottobre 2021 @ 22:23

    @Ariel, ho riflettuto molto (ti ringrazio) a ciò che dicevi sulla mia possibile dipendenza affettiva e al consiglio di intraprendere un percorso terapeutico dopo l’esperienza con il mio ex, possibile narcisista (i tratti dell’overt li ha tutti, proprio tutti, e le dinamiche relazionali sono tipiche).

    Io mi sono sempre vista come una donna forte, sicura e determinata, così mi definisce anche chi mi conosce. Ma questa relazione, anche ora dopo mesi dalla rottura, ha riportato a galla insicurezze, nodi non risolti che probabilmente devo indagare in modo più approfondito anche con l’aiuto di qualcuno.

    Ho letto che l’incontro non è casuale: tra narcisista e partner si instaura un legame tossico, sí, ma profondo nel senso che mette radici in meandri molto intimi della nostra interiorità. Io ho scavato molto in questi mesi, scoprendo che ho rivissuto dinamiche simili nell’infanzia, quando non avevo una situazione familiare normale, tutt’altro. Anche l’infanzia del mio ex non è stata “normale”.

    Non entro nei particolari, ma c’era un incastro tra noi che non saprei ben definire, forse la parola giusta è primordiale, che mi faceva e mi fa soffrire: come se lui mi offrisse continuamente quel qualcosa in grado di rispondere a un mio bisogno mai soddisfatto, come se avesse in mano quel qualcosa, me lo promettesse, me lo facesse vedere, ma non me lo desse mai. E qui la sensazione di continua sospensione. Così ha creato la dipendenza affettiva, da cui fatico a uscire: quel qualcosa che non mi ha mai dato, ora, ha risvegliato quel bisogno insabbiato, ma mai pienamente soddisfatto, che risale, forse, proprio a quando ero bambina.

    Scusate, se sono stata troppo farraginosa e magari mi sto facendo solo pippe mentali, ma mi piacerebbe sapere se a qualcuna di voi è capitato di provare sensazioni simili con ex narcisista…

  • Lia, 3 Ottobre 2021 @ 21:54

    @ragazze, un ciao affettuoso a tutte.
    Ogni tanto sento di “dovermi” staccare e dedicarmi completamente ad altro, ma non vi dimentico, anzi, vengo sempre qui a sbirciare per sapere come ve la passate.
    Mi sento in fase 2, mi sto chiedendo perché mi è successo e sto lavorando sulla mia autostima perché so che forse tanto è dipesa da quella.
    Mi giustifico nell’esserci caduta perché, diciamoci la verità, questi sono attori da Oscar, ma non mi giustifico nell’avergli lasciato spazio dopo.
    Avrei dovuto bloccarlo prima, trattarlo come merita, e invece…bho?
    Questa fragilità femminile non la giustifico e non la sopporto, e parlo in generale, di amanti e di mogli…
    Si può essere schiavi dei propri bisogni al punto da calpestare se stesse?
    Ok, la vita è breve, si vive una volta sola, ma appunto per questo non bisogna vedere come una rinuncia ciò che ci costringe o ci ha costretto ad essere individui di serie b.
    Pensiero della sera che condivido con le amiche di viaggio, adesso vado a nanna dopo avervi abbracciato tutte.

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 21:04

    @Azzurra
    Anche il mio ex si sentiva inadeguato dal punto di vista delle esperienze vissute ed era anche geloso. Inoltre ho più titoli di lui, che invece ha più titoli della moglie. Un narcisista con un’immagine distorta di sé e degli altri fa fatica ad accettare di sentirsi inferiore, anche se tu non hai mai pensato di fargli pesare determinate cose.
    Comunque vedi, anche in questo sono spaventosamente simili.

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 21:01

    @Azzurra
    Incontrare questa persone è sempre deleterio perché comunque si risvegliano delle emozioni. Se anche sono solo emozioni di rabbia e fastidio, è comunque una reazione che non è gradevole.
    Io sono nella stessa provincia, grazie alla pandemia non ho mai avuto modo di incontrarlo, tranne una volta l’anno scorso e può darsi che lui l’abbia fatto apposta, per farsi vedere con lei.
    Sicuramente sono in una situazione diversa dalla vostra, non ho niente che mi lega a lui, neanche a livello sociale. Abbiamo conoscenti in comune ma nessuno che frequenta entrambi. Lo considero un privilegio, perché mi ha aiutato tanto non avere occasione di incontrarlo.

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 20:55

    @Cossora
    Non so se Azzurra ti può dire lo stesso ma io non ho mai dato una valenza “divina” al mio ex. Vedevo i suoi problemi e le sue debolezze ma le spiegavo/giustificavo in un modo più benigno di quello che era in realtà. Non posso assumere che tutti siano una macchina da guerra, per cui certe sue caratteristiche le spiegavo così, come se si trattasse di un uomo insicuro e un po’ depresso, ma fondamentalmente buono e onesto.
    Mi ero sbagliata, purtroppo. Diversamente da @Azzurra, credo che la distanza e il mio essere sospettosa mi abbiano aiutato a limitare i danni, che comunque ci sono stati ma che non proseguono come attaccamento psicologico nei suoi confronti.

  • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2021 @ 20:41

    Tipico narcisista sfigato e invidioso

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 17:51

    @Cossora io di lui parlo solo qui. Quando sono con le amiche la mia testa deve volare altrove, parlare di lui lo fisserebbe nella mia testa. Inoltre non ho le forze credimi di spiegare alle persone cosa ho vissuto, perché l’ho vissuto, i suoi comportamenti, quello che fa, appostamenti ecc. C’è uno spazio nella mia testa in cui lui e ciò che siamo stati noi insieme, non deve entrare, è uno spazio pulito che non deve essere sporcato col pensiero di lui. Del tuo messaggio non ho capito la parte finale quando dici : “Però ripeto: io l’intossicazione non l’ho subìta. E’ un poveraccio, mi sono innamorata di lui in un momento particolare e il tempo ha ‘fissato’ il mio sentimento per lui. Forse qualcosa di bello ce l’ha davvero. Ma molto, molto lontano dall’idea divina che avevo di lui.” ma parli di te? O della tua amica?

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 17:38

    @Ellelle mi fa piacere sentirtelo dire, sono sensazioni tra l’altro che mi spaventano perché ho paura di essere finita in una storia più grande di me. Io spero si concluda tutto qui, non mi interessa se loro stanno insieme, se si lasciano, se hanno un rapporto malato, se sono narcisisti entrambi, cosa di cui ho il forte sospetto. Io purtroppo ho la sfortuna di vivere nella stessa città e di incontrarli e questo è davvero difficile per me

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 17:29

    @Ale il mio non ha finito gli studi, non ha preso il diploma ma ha sempre detto di leggere tantissimo e non romanzi ma libri impegnativi. Ho sempre pensato lo facesse per impressionare le donne nei suoi agganci, lo ha fatto anche con me. Spesso si prendeva gioco di me per il fatto che io ho una laurea, in modo sarcastico e offensivo diceva che io mi recavo nella città in cui studiavo solo perché avevo una storia con un uomo di cui ero molto innamorata il che era sicuramente vero ma nulla toglieva ai miei studi che ho terminato e anche con il massimo dei voti. Quando gli facevo notare che mi feriva dicendomi quelle cose diceva : amore scusami ma lo sai che io sono geloso di te è per questo che senza volerlo ti ferisco.

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 16:48

    @Ale
    Il mio ex era così, ha finto anche i miei stessi interessi. Roba da matti.

  • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2021 @ 15:36

    Il narcisista covert mediamente è un uomo colto che legge e usa la cultura per impressionare

  • cossora, 3 Ottobre 2021 @ 13:30

    @Azzu ma io ti credo benissimo. Si è capito che una parte di te è sua perchè ci ha lasciato sopra una sua cicatrice, non certo perchè pensi se la meriti.
    La mia amica ogni tanto sparisce, nel senso che non trovando in me una spalla per condividere ore e ore monotematiche, preferisce stare da sola, o in compagnia di un’altra persona che so essere a sua volta dentro a una lunga dipendenza. Hanno più in condivisione.
    Io non forzo il contatto, so che quando avrà fatto indigestione dell’argomento mi chiederà di vederci.
    So stare molto bene da sola. Ormai sono tornata in me al 100%.
    Però ripeto: io l’intossicazione non l’ho subìta. E’ un poveraccio, mi sono innamorata di lui in un momento particolare e il tempo ha ‘fissato’ il mio sentimento per lui. Forse qualcosa di bello ce l’ha davvero. Ma molto, molto lontano dall’idea divina che avevo di lui.

  • Ariel, 3 Ottobre 2021 @ 12:47

    Invece ex nel mio caso Di Narcisista di base più Borderline a maggior percentuale di disturbo comportamento quindi lo scrivo apposta per dare indicazione di massima che ogni Borderline in generale sono soggetti che si presentano come esseri particolarmente CHARMANT/TE per essere correttosi esistono pure al femminile esattamente come per tutti gli altri

    e questa caratteristica dello Charme fou é spiegabilissima dopo che ci si documenta a fondo su cosa comporti comportarsi in preda al Borderline che sta sempre Narcisista ma con variante diversa.

    Ecco che la difficoltà del comportamento Border sono la gestione delle emozioni e cioè il soggetto le prova a mille rispetto alla norma
    E qui di riesce a intortare le prede riuscendo a trasmettere emozioni in ogni forma e tipologia come onde incredibili per ORIGINALITÀ GENIALITÀ INTENSITÀ
    TRAVOLGENTE EMOTIVITÀ

    Così il love bombì grazie risulta ESPONENZIALE E TROPPO FORTE in ogni senso percepito dalla preda
    SONO soggetti con una parte intellettiva NOTEVOLE PER CAPACITÀ NELLO STUDIO NEL LAVORO e nelle ARTI IN PARTICOLARE e SCIENZE

    Molto successo PURE SOCIALE RICONOSCIUTO
    CULTURA MEGA ma quella intelligente no vantarsi ma al contrario si presentano UMILISSIMI e si scoprono poco a poco come ANIME GEMELLE

    Tendono a INGLOBARE LA PREDA CON STA STORIA DELLA ANIMA GEMELLA

    Poi però la COSTANTE É OSCILLAZIONE TRA TI AMO E TI ODIO MA TI AMO PERCHÉ HANNO TERRORE DI ESSERE ABBANDONATO
    La parte cognitiva emotiva é UN DISASTRO TOTALE ( documentatevi a proposito)

    Sono SEMPRE PROMISCUI SESSUALMENTE BISEX MAI PROTEZIONI
    spesso DIPENDENZA DA ALCOL O DROGA COCAINA O ENTRAMBI

    SEMPRE dissumalando nel senso che si regolano le dipendenze altrimenti le prede se ne accorgerebbero subito

    Sono ALTAMENTE DISTRUTTIVI
    HANNO SEMPRE COSTANTE RABBIA di portata anomala che può sfociare in vera AGGRESSIVITÀ sia passiva ( ricatto di mi suicido se mi lasci)
    Oppure aggressività attiva alzare le mani picchiare fare del male

    Queste cose ho scoperto in parte direttamente con mia esperienza tossica con un soggetto del genere di cui ho scoperto con mie indagine privata quanto sopra ho scritto
    E poi in mia terapia diversa e di gruppo incontro con altri casi simili

    Nella storia della umanità ho poi scoperto leggendo che sono esistenza storie di diversi personaggi famosi ciascuno nel proprio talento per aver avuto un disturbo di comportamento Di tipologia Borderline o Narcisisti ouvert

    Non li menziono per rispetto privacy ma chiunque abbia voglia di documentarsi sicuro può trovare a pire risposte corrispondente a quanto qui ho scritto.

    Questo aiuta chi sta vivendo dentro ancora a la Emprise manipolazione negativa e magari può riconoscere alcuni tratti di questi esempi di massima che qui vi ho testimoniato aver vissuto e aver poi riscontrato con esperti in terapia

    P.s. Border tende particolarmente a RITORNARE
    FARSI VIVO MONITORARE IN OGNI MODO POSSIBILE LA PREDA LE PREDE
    perché appunto non SOPPORTA ESSERE ABBANDONATO…!!

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 12:45

    @Azzurra
    È la stessa sensazione che ho io, pazzesco! Anche io ho (cioè, sarebbe meglio dire avevo, perché non è più problema mio) la sensazione che nel loro rapporto ci sia qualcosa di inquietante e che lei sia complice, co-dipendente e carnefice allo stesso tempo. Alcune cose semplicemente non hanno senso in una coppia che si vuole davvero bene e non mi stupirebbe se entrambi fossero narcisisti coinvolti in un rapporto tipo “folie à deux”.

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 12:40

    @Ale
    Ne hai fatto un ritratto molto attinente. Lo rivedo in tante cose che hai scritto. Non finirò mai di trovare sconcerta questa cosa, il poter descrivere una persona in un modo così prevedibile.

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 12:15

    Esatto @Giulia. Come dice @Ellelle il mio ex se fosse stato normale avrebbe potuto raggiungere alti livelli ma ha preferito prendere altre strade. Lui è anche consapevole di ciò, se lo dice da solo. Aveva bisogno sempre di conferme, leggeva tanti libri anche di un certo spessore e io gli dicevo che era in gamba per questo e lui sembrava un bambino felice al quale viene finalmente riconosciuto un merito. Poi però questa parte di sé scompariva, la nascondeva sotto cumuli di rabbia, astio e finta superiorità che metteva in atto proprio con me.

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 12:09

    @Ale il tuo post sul narcisista covert descrive lui punto per punto anche e soprattutto ciò che hai scritto sul sesso

  • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2021 @ 11:38

    I narcisisti covert sono spesso dei mediocri nel lavoro e naturalmente è sempre colpa degli altri. Spesso sono anche sottomessi alla moglie della quale parlano malissimo. In più hanno scarso interesse e attitudine al sesso, che garantiscono solo all’inizio di una storia perché altrimenti nessuna ci sta. Purtroppo si presentano bene all’inizio: alla peggio possono sembrare un po’ tormentati ma più seri e sentimentali degli altri. Anche il poco interesse per il sesso viene scambiato per serietà rispetto alla media. Poi però si rivelano dei feroci tiranni che puniscono e godono delle pene altrui

  • giulia, 3 Ottobre 2021 @ 11:31

    Azzurra, è anche tipico del narcisista. Lui è comunque sempre il migliore e tutti gli altri provano invidia. Arrivano a negare anche l’evidenza quando sbagliano.

  • elleelle, 3 Ottobre 2021 @ 11:20

    @Azzurra
    Ridicolo e narcisista.
    Per il mio ex il lavoro è una condizione al contorno, quello che lo definisce è il suo hobby, in cui da una parte sente di non essere stato apprezzato, che il suo talento non sia stato riconosciuto, di essere stato deluso ecc. mentre dall’altra diceva di non essere bravo, era iperperfezionista anche nelle sciocchezze, settimane di crisi ecc.
    Eppure le possibilità che ha avuto le ha bruciate con le sue stesse mani. Aveva una possibilità più unica che rara ma le lamentele erano le stesse e alla fine si è comportato in un modo molto scorretto e non è più potuto tornare indietro.
    Ho sentito più di una persona che non vuole più collaborare con lui o che fa fatica a collaborare con lui. Ha talento, ma è troppo pieno di sé.

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 10:21

    @Ellelle io credo che lui mi abbia raccontato un sacco di cazzate sulla compagna e sul loro rapporto. Sono una coppia molto strana, a me non interessa ovviamente di ciò che sono loro insieme ma anche questo è funzionale alla mia ripresa e al mio allontanamento da lui. @Ale io lo so che tu spesso ci dici che non dobbiamo pensare alla compagna e hai ragione ma c’è qualcosa nel loro rapporto che mi inquieta e questo perché sono passata dal pensare a lei non più come una vittima ma come complice. Sono successe e accadono ancora cose strane, che non mi so spiegare e non è che io mi interessi a loro due ma ne vengo coinvolta. È per questo che io non riesco a trovare pace e tranquillità, io non so con chi ho avuto a che fare e soprattutto ho la sensazione che ci sia molto, molto altro di cui io sono all’oscuro e forse è meglio non scoprirlo

  • alessandro pellizzari, 3 Ottobre 2021 @ 09:57

    Ridicolo

  • Azzurra, 3 Ottobre 2021 @ 09:18

    @Vio ce l’ha ed è uno straccio di lavoro infatti. Si lamentava anche di questo ma non si è mai impegnato ad ottenere qualcosa di più in compenso però invidiava gli altri che secondo lui gli erano inferiori ma o erano raccomandati o avevano avuto fortuna. E giù con le lamentele, le critiche ecc. Ma nel suo lavoro diceva sempre di essere il migliore, quello che tutti volevano e gli altri non sapevano fare niente e che era oggetto di invidia. Si, come no

  • elleelle, 2 Ottobre 2021 @ 22:22

    @Viovio
    Mi sono chiesta la stessa cosa: ma non ha niente di meglio da fare? Come giustifica tutte queste uscite alla moglie? Guarda che ci sono rapporti ben strani…

  • Viovio, 2 Ottobre 2021 @ 15:30

    @Azzu ma questo uomo uno straccio di lavoro non ce l’ha?!? Mamma miaaaaa

  • elleelle, 1 Ottobre 2021 @ 23:56

    @Ale
    L’ex di Azzurra è sicuramente un narcisista, secondo me non c’è alcun dubbio.

    @Azzurra
    So che torneresti mai con lui, alcune cose le ho scritte in riferimento a quello che diceva @Cossora della sua amica, che è ancora legata all’ex narcisista.

  • Ariel, 1 Ottobre 2021 @ 23:35

    @Cara Azzurra

    alessandro pellizzari, 1 Ottobre 2021 @ 23:00Rispondi
    Più che cialtrone mi sembra un narcisista

    @caraAzzurra vedi la precisazione che ti ha scritto CaroAlessandro resta importante
    Perché il distinguere un Comportamento di tipologia NARCISIMO e varianti Dei vari disturbi comportamentali resta FONDAMENTALE AIUTO per STACCARSI DALLA DIPENDENZA AFFETTIVA

    Se noi li chiamiamo tutti uguali cialtroni non aiutiamo le persone come te o come me nel mio passato ormai lontano in cui abbiamo avuto relazione con gente di questo tipo di comportamento che infatti ha uno schema riconoscibile

    NON si vuole stigmatizzare nessuno ma FA PARTE DELLA CURA e della terapia e della AUTOGUARIGIONE chiamarlo per come si é comportato e cioè UN NARCISISTA ormai sappiamo dalla Scienza che NON GUARISCE MAI PERCHÉ NON RICONOSCE DI STAR NO BENE NON HA EMPATIA
    RIESCE A FARE LO STRONZO E PUNTO

    Ergo NON BISOGNA RISPONDERE NE CON SGUARDO NE CON PAROLA OCCORRE DILEGUARSISempre e comunque
    Altrimenti cara Azzurra ti fai del male da sola e peggio del peggio a questi Narcisisti di merda ,pardon,rispondere in ogni modo e metodo uno sguardo sfuggente É SUFFICIENTE AD AVER COMUNICATO LA PROPRIA DIPENDENZA ANCORA PRESENTE

    Carissima Azzurra lo scrivo a te ma vale per tutte le lettrici pure quelle in silenzio che non scrivono qui ma esistono sicuro ci sono e lèggono

    Così un ripasso fa solo che bene!!
    Occorre sparire se si vive nello stesso posto occorre maggior impegno per evitare qualsiasi contatto
    In più RICORDIAMOCI che alcuni soggetti possono essere pure gente aggressiva violenta

    Meglio noooContact duro e puro FOREVER
    Sparire e punto.

  • alessandro pellizzari, 1 Ottobre 2021 @ 23:00

    Più che cialtrone mi sembra un narcisista

  • Azzurra, 1 Ottobre 2021 @ 22:05

    @Ellelle probabilmente è come dici tu. Sarà anche questa una forma di dipendenza, cioè quella di non rassegnarsi al fatto che esistano persone così. Ma del fatto che non lo voglio più nella mia vita io ne sono certa. Negli ultimi mesi ha davvero esagerato : faceva delle cose senza dirmelo ma pretendeva di sapere ogni cosa di me e quando gli facevo notare che lui era il primo a non dirmele diceva che ero io a dimenticarle ma che lui lo aveva fatto. E invece non era così. È capitato che sparisse per ore intere per poi dirmi che aveva dimenticato il cellulare a casa, cosa impossibile perché lui sarebbe tornato a prenderlo, diceva che non se ne separava mai. Mi dava appuntamento per un saluto veloce, mi arrivava il messaggio il tempo di arrivare, 4 minuti, e non lo trovavo andava via senza avvisarmi dicendo che lei lo aveva telefonato per dirgli di tornare a casa. E potrei scrivere molto altro ma evito perché preferisco non ricordare. Pensi davvero che potrei tornare con una persona del genere? Che senta il desiderio di vivere questo inferno? Due mesi fa sono stata io a dirgli di sparire dalla mia vita, che tra noi era finita e soprattutto gli ho detto di non girarmi più intorno, di starmi alla larga. Io ci metto tempo ma quando decido è per sempre. Per due mesi ho avuto la possibilità di eclissarmi io, visto che complice l’estate ho potuto evitare accuratamente di incontrarlo. Pensavo che dopo due mesi si fosse rassegnato, pensavo che dopo avergli detto quelle parole “devi sparire non girarmi più intorno” non lo avrebbe più fatto. Io non lo avrei più fatto per una questione anche di rispetto verso me stessa. Lui invece no. Lui è questo : quando ti ha in pugno non ti considera e ti fa soffrire. Quando te ne vai non ci sa stare e così per sempre. Capisci che le vedo solo da poco queste cose, prima nei suoi ritorni ci vedevo amore, lui mi faceva credere fosse amore. Tu sei stata brava @ ellelle lo hai sgamato quasi subito io no purtroppo e ho dovuto distruggere l’idea che avevo di noi e del nostro rapporto con uno alle calcagna che mi convinceva ogni volta che lui era innamorato ma aveva una vita troppo complicata e che se lo amavo dovevo aiutarlo. So che è difficile capirlo, non credo dipenda dall’essere più o meno buoni ma dal fatto che lui mi ha lavorato per bene così bene che io di lui mi fidavo al cento per cento. Ci si può fidare di una persona così? È palese che non si può allora io perché mi sono fidata? Perché sono stupida o troppo buona? No. Perché lui ha mentito molto bene. Ma ora ho capito chi è. E non ci credo più né a lui né a noi insieme.

  • elleelle, 1 Ottobre 2021 @ 17:53

    @Cossora, Azzurra,
    Probabilmente è anche questa una forma di dipendenza emotiva: non sapersi rassegnare, non riuscire a capacitarsi delle enormi carenze umane di queste persone, sperare di cambiarle con la forza del proprio amore, sentirsi di appartenere a questa persona nel bene e nel male, tenere un legame, anche sottile, anche solo psicologico…
    Il grande passo da fare è proprio questo, riuscire a dire a se stesse che non c’è più alcun legame, che non si è cattive se gli si augurano le peggio cose una volta ogni tanto, che non importa se buttano via la loro vita perché non sono affari nostri.
    In realtà non è neanche un peccato se buttano via la loro vita, primo perché non ci pensano due volte a distruggere chi li ama e secondo perché loro vogliono buttarla via. Sono uomini che sanno di avere degli enormi problemi ma non si vogliono curare. Sanno che ti stanno facendo del male e non riescono a fermarsi, non vogliono fermarsi. Vivono del tuo dolore, ci godono a impaurirti e manipolarti.
    Io non ho più tempo per queste persone, sono stata troppo male, psicologicamente e fisicamente. Non sono mai riuscita a trovare la minima scusa per quello che mi ha fatto il mio ex l’ultima settimana e per tutte le bugie degli ultimi mesi. Se sta male, è il suo turno e se lo merita.
    @cossora, stai vicina alla tua amica come stai facendo. Ci sono tante risorse su internet che parlano di narcisismo, forse è una buona idea farle leggere qualcosa se non lo ha già fatto.
    @Azzurra, lascia la tua bontà e la tua sensibilità per altre persone. Lui a 60 anni non cambierà mai.
    Io dal canto mio ho imparato così bene che ho scoraggiato in modo piuttosto chiaro uno dei tre che ci stava provando con me. Qualcosa mi insospettiva, ho visto comportamenti che non mi piacevano e ho preferito fermare subito questi tentativi. Nessun dispiacere, per fortuna.

  • Azzurra, 1 Ottobre 2021 @ 16:43

    @Cossora invece io non voglio né contromanipolarlo né curarlo col mio amore. Non ho proprio nessuna voglia di sprecare ancora energia per lui. So che sarebbe tempo perso e sono ormai consapevole che tutto ciò che lui riesce a dare è di plastica, é finto. Paradossalmente se lui cambiasse davvero anche dimostrandolo io non gli crederei più, vivrei pensando che sta fingendo, che mi sta manipolando che sta mentendo e io una vita così non voglio farla. Quella parte di me che sento ancora sua non so come spiegarla ma non significa che io lo rivoglio nella mia vita. Credimi io se penso a dover rivivere ciò che ho vissuto con lui non lo voglio assolutamente ma, tra l’altro, adesso, fortunatamente, ora che ho tutto chiaro non ci riuscirei nemmeno, io mi sento soffocare solo se ci penso.

  • cossora, 1 Ottobre 2021 @ 15:49

    @elleelle
    ci ho pensato anche io.
    Poter scegliere di non vedere più una persona è un gran vantaggio. Ma dimentichiamo che capita che una persona potendolo fare, non sceglie.
    Quella mia amica che non vede e non sente direttamente il suo ex narcisista da fine genaio, tiene comunque dei fili indiretti e sottili che le fanno mantenere altissimo il coinvolgimento, nonostante l’inconsistenza del legame.
    E come @azzu mi ha confidato (le rarissime volte che lo fa, perchè è molto attenta a dissimulare) che una parte di lei è sua.
    La parte che vuole in un futuro remoto incontrarlo, contromanipolarlo e infine curarlo con il suo amore.
    Perchè la forza che la tiene in vita è ‘nessuno lo amerà mai come l’ho amato io’.
    A me questa affermazione mette persino angoscia, sembra una minaccia.
    Però lei è così vera ed è così vicina e presente nella mia vita che non posso far altro che alzare le mani e prendere atto.

  • Azzurra, 1 Ottobre 2021 @ 15:46

    @ellelle : “tu vorresti vedere bellezza d’animo e intelligenza emotiva in tutti ma con queste persone non è possibile. Sono persone malate, con gravi problemi psicologici e il tuo ex te lo dimostra ogni volta che ti fa la punta come uno stalker da quattro soldi.” Hai ragione cara è proprio così. Vivo con questa speranza interiore che non mi abbandona mai. È una resistenza all’evidenza dei fatti. Forse perché non riesco a rassegnarmi all’idea che ci siano davvero persone così,che sprecano la loro vita in questo modo. Questo non significa che io potrei mai tornare ad avere un rapporto con lui ma trovo difficile lasciarlo andare del tutto, e non so come fare credimi.

  • elleelle, 1 Ottobre 2021 @ 14:57

    @Vio
    Il problema che avete in tante è che le vostre vite si incrociano, per cui non c’è mai uno stacco definitivo. Loro lo sanno, per cui ogni occasione è buona per fare i fenomeni e cercare in ogni modo di suscitare una reazione, anche se negativa.

  • elleelle, 1 Ottobre 2021 @ 14:54

    @Azzurra
    Non riesci ancora a darti pace e non va bene così. Da una parte ti dai la colpa per esserci cascata, anche se sai benissimo che in tante ci siamo cascate per gli stessi motivi. (Voi ragazze nuove che leggete, anche il mio ex narcisista era così e ripeteva gli stessi comportamenti)
    Dall’altra non riesci a rassegnarti al fatto che è una persona malsana e distruttiva. Tu vorresti vedere bellezza d’animo e intelligenza emotiva in tutti ma con queste persone non è possibile. Sono persone malate, con gravi problemi psicologici e il tuo ex te lo dimostra ogni volta che ti fa la punta come uno stalker da quattro soldi.
    Sono persone che stanno male, non per me e per te, ma perché sanno di essere malati e di non volerne saltarci fuori. Sono inadeguati, piccoli piccoli, meschini, distruttivi.
    Hai presente un chihuahua che abbaia contro un alano? Stessa cosa. Tu sei l’alano.

  • Viovio, 1 Ottobre 2021 @ 12:54

    @Elle @Azzu per quanto riguarda la rabbia… presente!
    Credevo mi avesse abbandonato definitivamente, poi sono accadute alcune cose che per privacy non posso spiegare e negli ultimi due giorni è esplosa! Sarà che ho assistito in tempo reale ad alcune circostanze in cui si pavoneggiava a marito e padre dell’anno, ma soprattutto ogni scusa è buona per attaccare bottone. Io lo ignoro e fingo di non vederlo/sentirlo ma che fatica ragazze…
    Usa delle scuse talmente subdole e stupide che nemmeno una mentecatta ci crederebbe, però l’unica è far finta di nulla visto il loro disagio(se fossero sereni non si impegnerebbero tanto in queste recite). Anche perché se aprissi il fuoco riceverei le solite risposte e cioè che sono una visionaria che sa solamente accusarlo(povera stella), d’altra parte lui ha solamente chiesto gentilmente una informazione.
    Ci vuole coraggio anche ad essere così coglioxx amiche mie!!

  • Azzurra, 1 Ottobre 2021 @ 12:09

    @Ellelle io non riesco a goderci non lo so perché. Vorrei tanto provare quella voglia di rivalsa, quello stato d’animo che ti fa dire : lo hai voluto tu, tu mi hai maltrattata mentre io ti amavo, tu hai deriso i miei sentimenti e li hai usati per sentirti ganzo a 60 anni, ma non ci riesco. Questo non fa di me una persona migliore di te, figurati non c’entra nulla anzi forse la vivo come una delle mie insopportabili debolezze. Io odio le mie debolezze perché sono consapevole che rappresentano la mia sconfitta nell’avere a che fare con lui. So benissimo quello che è lui e l’inferno che ha dentro del quale io non voglio più far parte. Io con la mia vita sto andando avanti, ho progetti e soprattutto sto dedicando tanto tempo a me stessa e la serenità che sto assaporando è impagabile ed è proprio tutto questo che mi sta aiutando nel distacco definitivo anche se riconosco che c’è una parte di me che è ancora sua. Negare non è utile. Io devo vedere e sentire tutto ciò che mi passa nella testa e nel cuore e attraversarlo. È sicuramente l’atto finale di tutta questa storia. So di essere ancora vulnerabile ed è per questo che il mio distacco da lui è salvifico ma so anche che lui non accetterà il mio non ritorno. Io sono praticamente scomparsa, l’unico modo che ha per incontrarmi è quell’oretta la mattina. Oggi addirittura è passato e mi ha aspettato poco più avanti in piedi, facendo finta di telefonare. Gli sono passata accanto e ti lascio immaginare il mio stato d’animo. Non è amore questo, lo so. L’amore è sempre stato solo il mio. E questi suoi comportamenti ne sono la dimostrazione.

  • elleelle, 1 Ottobre 2021 @ 10:10

    @Vio
    Ti sta sfidando, come un bullo sul campo da calcio. Un uomo così pieno di sé che non si rende conto che in realtà le emozioni che suscita in te sono schifo, pena e noia.
    Credo che il mio ex farebbe la stessa cosa se avesse la possibilità di incontrarmi, cercherebbe di sfidarmi, come del resto ha cercato di fare per mesi via social, mettendo in mezzo anche la moglie.
    Vale quello che ho detto ad Azzurra e cioè che sono persone squilibrate e piene di disagio.
    Tu fai benissimo a reagire il minimo possibile.

  • elleelle, 1 Ottobre 2021 @ 10:04

    @Azzurra
    Devi farla passare questa rabbia, altrimenti ti resterà sempre dentro qualcosa che ti rode.
    Una volta che hai constatato che è sempre lo stesso e non è cambiato (esattamente come il mio ex che ancora mette in atto gli stessi comportamenti, tipo entrare e uscire dai social, spendere soldi per farsi notare ecc.), lascialo al suo destino.
    Sono degli squilibrati, uno di 60 anni che ti aspetta seduto in macchina e uno di più di 50 che non riesce a gestire un social. Ti rendi conto del casino interiore di queste persone? Ma altro che rabbia, io ci godo a questo punto, se lo meritano, che paghino un po’ le conseguenze delle loro azioni con valanghe di disagio. Dopo quello che ci hanno fatto, figurati che io sprechi un buon pensiero per lui. Perché arrabbiarsi presuppone che tu vorresti un riscatto per lui, mentre si merita di marcire.
    Sono cattiva? Me ne frego, fregatene anche tu.

  • Azzurra, 1 Ottobre 2021 @ 10:00

    @Ale con controllo intendo dire che tutte le sue azioni sono sempre studiate, in tutti questi anni non ho mai visto un accenno di vulnerabilità. Passa dal sembrare indifferente alla rabbia accesa se la sua testa va in tilt. Questa rabbia con me è esplosa un paio di volte e non è stato un bello spettacolo te lo assicuro. La cosa sconvolgente è vedere questi gesti ripetitivi che lui mette in atto ogni volta. Voglio scriverlo e farlo leggere a tutti che ci sono persone così, intrappolate in schemi mentali rigidi : prima ti conquisto facendoti credere che ti amo follemente poi durante la relazione ti rendo insicura facendoti credere che ti lamenti di tutto, che ti amo ma tu sei esagerata e non ti accontenti mai e poi ti scarto o addirittura ti porto a scartarmi in modo che poi tu viva col senso di colpa. Questo è quello che ho vissuto io e vorrei che chi si riconosca in queste parole scappi via il prima possibile. Stamattina l’ho rivisto. Premetto che la mia vita ormai è organizzata finalmente con orari diversi dai suoi e mio figlio finalmente non ha piu niente a che fare con lui quindi da questo punto di vista sono libera. Ma dicevo stamattina mi ha seguita, sembra un cucciolo spaventato, si è fermato aspettando che io passassi per 4 volte in tutto mi è stato dietro una ventina di minuti. Questa è la prima volta che io sono convinta di ciò che è lui e che non voglio più averci a che fare. Si stancherà? Continuerà così per sempre? Non farà altro non preoccupatevi. È terrorizzato dalla compagna, e dalla possibilità di essere scoperto. Ma quanto fa male accorgersi di essersi persa per un uomo così? Quanto fa male accorgersi che ho vissuto un sogno che sogno non era? Scusatemi ma ci sono periodi in cui il dolore si fa sentire come una lama affilata nella carne. Non è giusto continuare a soffrire per lui. Io ce la sto mettendo tutta ma vorrei solo poter tornare indietro e cambiare il corso delle cose.

  • alessandro pellizzari, 1 Ottobre 2021 @ 08:27

    Il controllo non è amore neanche affetto

  • giulia, 1 Ottobre 2021 @ 07:25

    @Ross, sí, potrebbe essere una balla, fece lo stesso quand’era con l’ex, allora eravamo ancora “amici” (pre-relazione durata mesi) ma lui già mi manipolava, mi dava e mi toglieva, mi adorava e mi svalutava e puniva… in modo subdolo così, se glielo facevo notare, mi faceva passare per pazza o faceva la vittima chiedendo scusa perché non se ne era reso conto. Già avevo letto enciclopedie sui narcisisti, ho ceduto conscia di sbagliare.

  • Azzurra, 30 Settembre 2021 @ 23:22

    @Vio carissima io non so se mi fa più tristezza lui che continua a mettere in atto questi comportamenti adolescenziali oppure il fatto che mi si è spezzato qualcosa dentro, che mi sono accorta che veramente lui è un pozzo senza acqua. Arido, meccanico, rigido. Non ha reazioni ma solo azioni meccaniche. Non so quante volte ho desiderato vedere una reazione da parte sua, qualcosa di istintivo. Invece è sempre controllato e sembra che tutto ciò che fa è studiato. Io sono molto stanca, mi ha tolto ogni energia. Avere a che fare con lui è complicato, anche solo incontrarlo mi destabilizza perché io ormai so che non ho avuto a che fare con una persona normale e vedere con i miei occhi che lui è cristallizzato in quei comportamenti senza evolvere, è fermo lì mentre la vita scorre e non è capace di fare altro., nemmeno di andare avanti con la sua vita . tutto questo mi fa rabbia. Se penso a come era quando l’ho conosciuto sembra di aver avuto a che fare con due persone diverse.

  • alessandro pellizzari, 30 Settembre 2021 @ 22:48

    Digli di fare così con la moglie

  • Viovio, 30 Settembre 2021 @ 22:20

    @Azzu i nostri ex sono sicuramente parenti…
    Nell’ultimo mese ha cercato di avvicinarmi in diverse occasioni. Tutte le volte mentre eravamo in compagnia di altre persone, dove non potevo sottrarmi al saluto e come hai ripetuto tu il copione è sempre lo stesso. Ha addirittura iniziato a fissarmi insistentemente per catturare la mia attenzione… mamma mia che pietà! Poi arriva la moglie ed in un batter d’occhio si dedica ai figli con il massimo dell’attenzione.
    Ti ho pensata molto in quelle circostanze cara@Azzu e mi sono fatta coraggio. Del resto quelli messi male sono loro non noi!
    Ti mando un bacio

  • Molly, 30 Settembre 2021 @ 20:43

    “Carissima @Titti, so benissimo come ci si sente ed è per questo che ti abbraccio anche solo virtualmente. La sensazione è come essere state derubate in casa propria da una persona di cui ci fidavamo.”

    Tristissimo ciò che si esperisce. Anche la persona tradita si sente proprio così. Mal comune, mezzo gaudio? NO! Solo mal comune!

  • alessandro pellizzari, 30 Settembre 2021 @ 18:43

    Comunichiamo solo per mail e non rispondo mai ai vari ” come stai?”

    BRAVISSIMA!

  • alessandro pellizzari, 30 Settembre 2021 @ 18:40

    la prossima volta non guardarlo neanche e sali in auto

  • Ross, 30 Settembre 2021 @ 18:32

    @Giulia ma questo qui è un mostro, un terrorista emotivo. E sinceramente dubiterei anche che sia vero che diventa padre, dopo tutte le balle che raccontano e le cattiverie che propinano non mi stupirei se fosse una trovata per punirti ulteriormente per il cds dicendoti qualcosa che sicuramente sa che ti stroncherebbe. Pessimo in tutti e due i casi.

  • Molly, 30 Settembre 2021 @ 18:07

    “Quando pensavo di essermi lasciata tutto alle spalle , ed effettivamente lui per me non esiste più … Sto vivendo questa nuova realtà… E non mi sembra affatto normale.”

    @Titti per elaborare cose del genere hai davvero bisogno di aiuto professionale. Troppe cose sono andate diversamente da come pensavi e ti senti disorientata, incredula, ferita. Per quanto si possa essere con le spalle larghe, certe esperienze necessitano di un aiutino. Trovati un/una professionista e ti aiuterà, ne sono certa.

    Che non si muore per amore
    È una gran bella verità….
    Io vivrò
    Senza te
    Anche se ancora non so
    Come io vivrò
    Senza te
    Io senza te
    Solo continuerò
    E dormirò
    Mi sveglierò
    Camminerò
    Lavorerò
    Qualche cosa farò
    Qualche cosa farò
    Sì qualche cosa farò
    Qualche cosa di sicuro io farò
    Piangerò
    Sì, io piangerò
    E se ritorni nella mente
    Basta pensare che non ci sei
    Che sto soffrendo inutilmente

    Lucio Battisti

    In bocca al lupo.

  • Piccola, 30 Settembre 2021 @ 14:07

    @Titti so come ti senti. Quel marciume di cui parla Co resta dentro quando realizziamo che i loro intenti erano solo squallidi, puramentefisici. Per questo noi amanti siamo viste così da tutti. Ma noi amiamo veramente e quando veniamo ” buttate via come oggetti” cominciamo a star male per noi stesse perché abbiamo permesso a certi uomini di trattarci così. Se rileggo i suoi messaggi avverto solo adesso i suoi veri intenti mentre allora ci vedevo altro, credendo alle sue esternazioni, al suo dichiarato amore.
    Ora cerva do staccarti da lui. La rabbia nel vederti indifferenti e sereni. Non voglio stia male, sarei un .ostrogoti come lui, ma fa senso avvertire la loro superficialità. Sarà dura ma devi riemergere e vedrai quanto sarà diverso. Forza , noi e Ale siamo qui.

  • Titti, 30 Settembre 2021 @ 13:14

    Grazie ragazze, io non lo vedo più da.oltre due mesi comunque, per mia scelta. Comunichiamo solo per mail e non rispondo mai ai vari ” come stai?” Non ho mai chiesto a lui nulla di personale e, esaurite queste questioni in sospeso con la mia famiglia, taglierò definitivamente i ponti. Ribadisco che il problema non è lui , né una mia eventuale dipendenza, che proprio non c’è. Il problema è questo marciume che non viene via. Vi aggiornerò su eventuali terapie e affini. Grazie grazie grazie di cuore.

  • Azzurra, 30 Settembre 2021 @ 12:56

    Carissima @Titti, so benissimo come ci si sente ed è per questo che ti abbraccio anche solo virtualmente. La sensazione è come essere state derubate in casa propria da una persona di cui ci fidavamo. Difficile far comprendere a chi non ha vissuto questa esperienza il senso di sconforto, umiliazione, vergogna che sentiamo quando ci rendiamo conto che era tutta una finzione. Io ci sto lavorando da mesi su di me e sul perché ho lasciato che una persona entrasse nella mia vita facendone scempio. È dura e ci vuole tanto tempo. Pensa che io mi sveglio tutte le notti ancora con un senso di ansia e prurito tanto da lasciarmi graffi sulla pelle, ma ho fatto passi da gigante e sono fiera di me. Lui, pensavo di essermene liberata. Erano due mesi che non lo vedevo. Ieri mattina al ritorno dalla mia corsa mattutina l’ho trovato poco distante dalla mia macchina, ha aspettato che partissi e che gli passassi davanti. Mi ha guardata, io l’ho guardato e sono andata dritta per la mia strada. Ha 60 anni ragazze. Mi fa del male ogni volta che torna ma a lui non interessa, vuole che tutto sia come sempre, mi fa capire che vuole parlarmi ma è codardo e resta fermo per paura del rifiuto, che avrà e lo sa bene. Sono uomini che seguono sempre lo stesso schema e io ho deciso di rompere questo schema tanto stare con lui significa soffrire, preferisco la sofferenza sana del distacco e della presa di coscienza che ho avuto a che fare con un narcisista, cosa contro cui ho lottato fino alla fine perché non volevo ammetterlo, faceva troppo, troppo male ammettere di non essere stata capace di proteggere me stessa.

  • Ariel, 30 Settembre 2021 @ 12:25

    Cara @Titti le care amiche di Blog e ovviamente CaroAlessandro già ti hanno scritto tutto ciò che di bene e meglio potevano fare e quindi il mio scriverti si aggiunge al coro e a abbraccione caro che rivolgo a te
    Sicuro farti sostenere da Terapia specifica su abuso Da relazioni tossiche e pure avere sostegno farmacologico aiuta certamente

    E quindi la nostra testimonianza di donne che purtroppo hanno vissuto dolori da schema simile ti da la dimostrazione che si arriva a stare bene a farsi na vita nuova davvero
    A rinascere a ritrovare la fiducia in se stesse a riconoscere il proprio valore mai spento a restare positive e fare nuovi progetti di ciò che si desidera fare i propri talent nascosti vecchi sogni accantonati
    Cambiare evolvere fare vita nuova POSITIVO RINASCERE

    É decisamente realtà possibile per TUTTE LE VITTIME TEMPORANEE!!!

    Forza cara TITTI
    ce la fai e ce la farai ANCHE TU!!!
    Un abbraccione !❤️

  • giulia, 30 Settembre 2021 @ 10:30

    Ciao a tutte,
    io non sapete quanto mi sto pentendo di aver fatto l’errore di rispondere al secondo mese di cds…

    Due settimane prima per lavoro mi aveva telefonato, non avevo risposto nonostante la sua insistenza, e lui col tipico messaggio: “Ti avevo chiamato giusto per sapere come stavi e chiederti… ndr scusa di lavoro”. Poverino, lui faceva il bravo e insisteva solo per sapere come stavo e io non gli ho risposto, che stronza (sono ironica)… Due settimane dopo, faccio la caz..a di rispondere (cellulari del lavoro) e lui mi punisce, dopo solo 30 secondi di conversazione sul lavoro, col “lo sai, divento padre”. Ma la vicenda la trovate già nei commenti di “Mi sono liberata di un seriale che si fingeva indeciso”.

    Non basta soffrire già perché la storia è finita, questo mi vuole proprio annientare.

    Sono ripartita da zero, anzi scaraventata sotto zero perché adesso soffro peggio del primo di cds.

    Bisogna resistere da subito, non abboccare!

  • elleelle, 30 Settembre 2021 @ 09:53

    @Titti
    Secondo me @Ale ha ragione, ti potrebbe servire l’aiuto di un esperto perché hai tutti i sintomi dell’abuso narcisistico, che si esprimono attraverso caratteristiche tipiche del trauma.
    Cerca di parlare con qualcuno che ti possa spiegare cosa stai attraversando, perché capirai che è orribile ma normale e se stacchi, nel giro di qualche mese starai meglio, con il sostegno adeguato (anche farmacologico).
    Coraggio, credimi che passa ma hai bisogno di una mano in più in questo momento ❤️

  • elleelle, 30 Settembre 2021 @ 09:46

    @Titti
    Parlare di abuso in riferimento al sesso “estorto” con la menzogna è una parola forte e forse esagerata. Però l’ho usata anche io per l’ultima settimana con il mio ex.
    Non siamo state violentate fisicamente contro la nostra volontà, non siamo state picchiate e non siamo finite in ospedale. Però siamo state abusate nella mente e nei sentimenti.
    Nel mio caso, non dovrebbe esistere un uomo che a più di 50 anni mette in piedi una sceneggiata fatta di regali, frasi a effetto, chiavi di un appartamento da poter usare ecc. solo per fare sesso senza alcun interesse e riguardo per la persona che diceva di amare.
    Quando ci penso mi dico che quella settimana è stata il punto di non ritorno e che lui è una sottospecie di uomo che è capace di abusare di una donna. Sua moglie ha in casa un verme e non importa cosa le promette, lui è e resta una persona amorale e questa macchia lui non se la toglierà mai. E infatti è ancora in mezzo al suo solito disagio narcisistico che si manifesta nell’entrare e uscire dal social, nello spendere soldi per attirare l’attenzione ecc.
    Nel frattempo io sono molto “zen”, faccio le mie cose, non esco da nessun social, non spendo cifre enormi in cose che non mi servono, mi comporto come mi sono sempre comportata e cioè decentemente.
    Questo è quello che stai facendo anche tu, cara Titti: ti stai comportando decentemente. Dobbiamo esserne orgogliose.

  • Crocus, 30 Settembre 2021 @ 08:10

    @Titti invece è normale (purtroppo) ciò che stai vivendo. Vorrei tanto poterti abbracciare. L’anno scorso, in questo preciso periodo, ero messa malissimo, e mi succedeva esattamente tutto ciò che sta succedendo a te. @Titti nel mio caso oltre allo schifo che ha fatto lui – noi teoricamente dovevamo andare a vivere insieme, quindi si parlava di “la nostra famiglia, i nostri figli ecc”, abbiamo visto una casa insieme, lui aveva comunicato le sue intenzioni alla sua famiglia e via dicendo – mi ha lasciata di punto in bianco, la sera prima “ti amo da morire, ti piace questa casa ecc” e la mattina dopo “non voglio una vita di conflitti ciao” tutto questo tra l’altro in pieno lockdown. Ecco dicevo oltre a tutto questo nel mio caso c’è stata anche la componente moglie cattiva che non ti dico cosa ha fatto, mi ha distrutta a 360° rovinandomi letteralmente la vita. Ha inventato bugie e miserie varie, ha detto a mio marito del tradimento, mi ha sputtanata in ufficio, mi ha insultata a più non posso quindi alla fine io, che grazie a Dio di problemi di salute non ne avevo, me li hanno fatti venire. E belli seri. Tutta sta manfrina Titti per dirti che se ce l’ho fatta io visto il calvario che ho vissuto, ce la possono fare tutti quindi anche tu ❤️. Però ci vuole tempo, TANTISSIMO tempo ahimè. Ti consiglio comunque la terapia, anche solo per sfogarti con una persona che ne sa e che potrà darti qualche consiglio utile. Però sappi che il lavoro più grosso lo devi fare tu. Purtroppo. Ti abbraccio forte bella donna ❤️.

  • Titti, 30 Settembre 2021 @ 07:02

    Grazie@ale grazie@ross. È questo che mi fa star male ora. Aver permesso che mi facesse tanto male. Anche il sesso, che era meraviglioso, adesso mi sembra un abuso ( scusate la parola forte e inappropriata), perché l’ho fatto con una persona che fingeva amore. Con una persona che non esisteva … Come se mi fosse stato estorto con l’inganno. Anche se al momento ero più che consenziente. Lui è morto. Il male che mi ha fatto no. Il punto è tutto lì.

  • Ross, 29 Settembre 2021 @ 22:56

    @Titti averlo intorno per questioni lavorative non aiuta per niente, tu avresti bisogno di elaborare questo distacco senza interferenze da parte sua. Il suo contattarti con la scusa del lavoro è un continuo sabotaggio alla tua ripresa. E questi bambocci egoisti e infantili sono in malafede, perchè solo un cretino non si renderebbe conto del male che causa con questi comportamenti, gli abbandoni prima e i recuperi poi, come con i giocattoli dei bambini annoiati.
    L’alternativa è che sia una persona disturbata che trae soddisfazione nel vedere una donna soffrire per lui, perchè ha una visione distorta dell’essere amato oltre a un egoismo da campionato. Se soffri di più ami di più. Sto..zzo!
    Dall’altra parte ci siamo noi che abbiamo la nostra di visione distorta dell’essere amate, altrimenti a sti soggetti rideremmo in faccia alla prima avance da faccia di tolla, indipendentemente dall’andamento del loro matrimonio decotto o solidissimo che sia, senza iniziare il calvario dell’incertezza. Oppure ci sopravvalutiamo quando iniziamo al grido di CARPE DIEM e ci sgrugnamo dopo tre mesi (presente).
    In ogni caso cara @Titti continua a stargli alla larga, disintossicati da questa dipendenza e rinasci meglio di prima, facendo tesoro dell’esperienza. Dimentica lui ma non la lezione che hai imparato da questa batosta, voglio credere che ne usciremo più forti, più sagge e un pochino più stronze, non nel senso cattivo del termine ma nel senso di non tollerare più nessuna mancanza di rispetto anche piccola, piccolissima. E soprattutto nessuno ci può mettere in punizione o in stand-by, siamo donne adulte, non bambine.
    Un bacio

  • alessandro pellizzari, 29 Settembre 2021 @ 21:51

    ci vuole la psicoterapia, consiglio

  • Titti, 29 Settembre 2021 @ 19:44

    Cara @Ross, quanto mi rivedo nelle tue parole… Io ho subito un CDS brutale e improvviso imposto da lui, per permettergli di passare le vacanze tranquillo, lasciando il telefono sotto l’ombrellone, come hai scritto tu. Quando il giorno prima eravamo in intimità a fare progetti per il futuro. Poi sono stata sbloccata ovunque e non ho potuto bloccarlo per motivi pseudo lavorativi. Questo mi ha permesso di chiarire , per così dire…mentendogli spudoratamente sui miei sentimenti. Dicendo che alla fine la nostra storia non era stata niente di che. Cose che capitano gli ho detto… Le promesse…cose che si dicono…Mi sono ripresa un po’di dignità, ma ho passato l’inferno. È rimasto di ghiaccio perché era certo di un mio ritorno a chiamata. Ogni tanto mi contatta con delle scuse e la.mia risposta è sempre la stessa: mandami una mail. Non lo amo più , ne sono sicura, e ho ben chiaro che schifo di persona sia. Anche e soprattutto nei confronti di sua moglie e dei suoi figli. Ma mi ha lasciato un marciume dentro del quale non riesco a liberarmi. È come un tarlo che mi rode lentamente e non so se mi abbandonerà mai. Un misto di vergogna, senso di colpa, schifo, amarezza e rabbia. Tanta rabbia per come ho lasciato che mi trattasse, per aver creduto in un miracolo e aver messo la mia vita nelle mani di un mostro senza sentimenti. Ho problemi di salute, e vorrei tanto affrontarli a mente fresca, ma questo tarlo me lo impedisce. Ogni tanto mi tornano dei flashback dei nostri momenti intimi … E mi viene da vomitare …se sono a tavola ho i conati. Sto cominciando a pensare ad un aiuto perché non so cosa mi sia scattato.. è come un rifiuto verso me stessa. Quando pensavo di essermi lasciata tutto alle spalle , ed effettivamente lui per me non esiste più … Sto vivendo questa nuova realtà… E non mi sembra affatto normale.

  • Ross, 29 Settembre 2021 @ 18:57

    @Viovio, @Ariel, grazie ragazze per le vostre parole di incoraggiamento, sono importanti. E’ verissimo che se lo aspettano il cds, nel mio caso è stato persino provocato ad arte perchè non riusciva a gestire la mia presenza anche solo virtuale in vacanza. Fino al giorno prima della partenza mi telefonava tutti i giorni… Non sono così convinta che mi ricontatterà, ha paura del rifiuto, lui si espone solo se ha la certezza che non farà un tentativo a vuoto, finora avevo sempre fatto io la prima mossa di riavvicinamento quindi doveva solo degnarsi di scegliere il momento per lui più conveniente per tornare, sapeva che ero ad attenderlo. Stavolta il muro è di cemento armato senza spiragli, troppa fatica e troppo grande il rischio di essere respinto, per me non se l’accolla il cacasotto. Comunque fra un mese torno con il secondo bilancio 😀
    Un abbraccio a voi e non si molla!

  • Ariel, 29 Settembre 2021 @ 14:48

    Cara @Ross sii molto soddisfatta di te stessa ! Stai davvero impegnandoti molto per la unica cosa che vale sempre e cioè che SICURO SCIENTIFICO FUNZIONA SEMPRE!!!

    Amare se stesse riprendendo equilibrio della propria autostima cosa che stai facendo col tuo cds no contact totale duro e puro come Sempre deve essere per funzionare proprio questo obbiettivo del dare Priorità a se stesse quando appunto si ha già avuta ,purtroppo,ampia dimostrazione del come lui si sia comportato da vero STR….
    Ê CIOÈ CON I SOLITI ORMAI ARCINOTI DÉJÀ-VU di

    Fare il solito intortatore e giocatore dei sentimenti altrui onesti come i tuoi!
    Questa é gente che truffa e fa danni psicofisici
    E purtroppo resta sicuro al 100/100 in Italia INDENUCIABILE E IMPUNITÉ !!!

    Ma ciò che conta sei tu cara Ross il tuo VALORE SUR DI DONNA CHE STA CAPACE DI ACCORGERSI DEL TEATRO PURO MESSO IN ATTO DA COALTRONI E CIALTRONZI. Che ripeto approfittano e ci sguazzano proprio sulle nostre fragilità del momento

    Infatti tu scrivi che non ha perso tempo a farti star male proprio quando eri già in difficoltà nella tua vita per altri motivi

    Ti comprendo cara Ross,ma ti incoraggio molto a perseverare in questo tuo percorso di cds che se continui così ce la fai di sicuro perché la tua consapevolezza del tuo valore e del suo comportamento abusivo ed abusante é netta e chiara

    Infatti desidero ricordare qui a TUTTE E TUTTI
    CHE IL TRATTAMENTO DEL SILENZIO SENZA NESSUNA SPIEGAZIONE O MOTIVAZIONE ESPLICITATA
    É PURA MANIPOLAZIONE NEGATIVA E CHE HA CONSEGUENZE DI INFLIGGERE DOLORE PROFONDO VIOLENZA PSICOLOGICA
    CHE VA CURATA !!!!!

    Il SILENZIO NO CONTACT AL CONTRARIO IL MANIPOLATORE NEGATIVO SE LO ASPETTA GIÀ
    NON NE SOFFRE MINIMAMENTE É IMPEGNATO A SCOPARSI ALTRE AL PLURALE !!!!!!

    Forzaaaa Cara ROSS siamo con te !!!
    Ce la farai sicuro
    E scrivi ogni volta che ti viene qui bellissima la tua testimonianza del come si possa vivere giorno per giorno il nuovo percorso difficile ma efficace per rinascere a NUOVA VITA !!!

    Libertà interiore ed esteriore!!!!!

    Un caro speciale abbraccione !

  • Viovio, 29 Settembre 2021 @ 09:36

    @Ross secondo me sei a buon punto perché hai realizzato con chi avevi a che fare e hai scelto di volerti bene! Lui sicuramente tornerà quando meno te lo aspetterai con il famoso messaggio insalata (Ale docet), dovresti essere così brava da ignorarlo totalmente. Sicuramente proverai tanta rabbia quando questo avverrà, se posso darti un consiglio non cadere in provocazioni o alla voglia di insultarlo, perché così facendo gli farai capire di essere ancora importante. Deve percepire indifferenza totale.
    Anche io ho pianto raramente e sempre per me, per come mi ero fatta abbindolare, mi sono rivista nelle tue parole.

  • alessandro pellizzari, 29 Settembre 2021 @ 08:44

    direi che è banale come identikit del ti amo ma, ha tutti i difetti e i comportamenti fotocopia. Non hai perso nulla

  • Ross, 29 Settembre 2021 @ 08:38

    Grazie Alessandro, lo tengo sempre presente. Come incentivi per la riuscita della mia impresa nei momenti di crisi mi ripeto le meschinità che mi ha rifilato, tipo mettermi in silenzio punitivo o provocare litigi in momenti per me delicati, l’ultimo a tre giorni dal mio compleanno e a due settimane dall’inizio di un nuovo lavoro, mentre era in vacanza con la famiglia. Evidentemente voleva avere la possibilità di lasciare il telefono sotto l’ombrellone mentre sguazzava tranquillo senza rischiare che arrivassero messaggi scomodi e la moglie li intercettasse prima di lui. Lui che diceva di essersi innamorato…

  • alessandro pellizzari, 29 Settembre 2021 @ 07:10

    Grazie per la tua testimonianza preziosa che spiega bene perché si arriva al Codice del silenzio e cosa succede. Mi raccomando se hai bisogno di ulteriore supporto scrivimi ad anpellizzari@icloud.comb

  • Ross, 28 Settembre 2021 @ 22:59

    Inizio oggi il secondo mese di silenzio.
    Ho chiuso senza spiegazioni, senza salutare, senza confronto. Semplicemente appena mi ha rifilato l’ennesimo silenzio punitivo ho chiuso tutto. Avevo giurato a me stessa che non ne avrei tollerati altri.
    Il mio bilancio del primo mese?
    La prima settimana grande sollievo, stavo stranamente bene, non avevo più la possibilità di controllarlo e spiarlo sui social alla ricerca di indizi di pesca a strascico con le sue 1500 affezionatissime follower di instagram, controllo che facevo compulsivamente 100 volte al giorno e che mi faceva stare malissimo.
    Seconda settimana inizia un po’ di astinenza, cerco di sabotarmi aggirando i blocchi e tentando di accedere al suo account pubblico in altri modi, senza loggarmi, ci riesco in qualche modo e vedo che la cosa torna a farmi star male e smetto.
    Terza settimana depressione, sblocco whatsapp immaginando che lui fosse in attesa solo di questo segnale per ricontattarmi, non lo fa e inizio a realizzare che davvero mi ha raccontato solo bugie quando diceva di essere innamorato. Blocco sblocco riblocco, mi prenderei a schiaffi. Social sempre bloccati, per me non per lui, sono io che non voglio vedere cosa fa, ma mantengo whatsapp e telefono sbloccati.
    Quarta settimana inizio a prendere le distanze e vedere da un po’ più lontano la faccenda, mi è chiaro quanto me la sono raccontata e quanto era chiaro che a lui interessava solo scopare e che sapesse esattamente cosa doveva dirmi per buttarmi fumo negli occhi e non farmi accorgere che sotto al fumo non ci fosse nemmeno lo spago dell’arrosto…
    Ora sono alla quinta settimana, mi accorgo di non pensare a lui quando parlo con altri o sono impegnata a fare qualcosa. Se mi fermo il pensiero si ripresenta ed è deprimente e triste, a volte mi manca come mi faceva sentire bene quando gli credevo, ma poi realizzo quanto sono stata ingenua. Una cosa curiosa è che non ho mai pianto per lui, le poche volte che ho pianto è stato sempre perché ho avuto tenerezza per me stessa, per come mi sono trattata e fatta trattare.
    Sono fuori pericolo se si dovesse far risentire? Credo di sì, il relè è scattato da un pezzo.
    Di certo è stato il mio primo e ultimo uomo sposato.

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 13:55

    @MP, si offendono perché sanno che abbiamo ragione quando gli rinfacciamo certe cose, ma hanno un orgoglio spietato e figurati se lo ammetteranno e allora agiscono in questo modo meschino. È vero che il loro silenzio è un modo per punirci. Anche io penso di aver distrutto tutto ciò che con grande fatica ho costruito ma poi mi dico, e quanto posso andare avanti così ad autodistruggermi? Bisognerebbe iniziare a vedere questa esperienza (seppur brutta) come un momento di crescita personale. Lo so che è difficile, ma è un passaggio necessario secondo me.

  • MP, 11 Ottobre 2020 @ 11:56

    @Crocus io ero al limite della sopportazione, subivo le occhiatacce della moglie, i silenzi del mio compagno, era uno schifo. E lui nonostante glielo abbia spiegato, ha finito per offendersi con me. Si è arrabbiato lui!!! Al che ho definitivamente rinunciato, come hai fatto tu. La cosa peggiore è che lui ora rifiuta qualsivoglia rapporto con me con la scusa che sta troppo male se mi vede, la verità è che è il suo modo di punirmi e non vi dico tutte le difficoltà che ho. Oltre alla mortificazione di essere stata sostituita e relegata altrove (per lui è più semplice che per me purtroppo). Anche qui, se mi avesse non dico amata, ma anche solo un po’ di affetto sincero, non mi avrebbe distrutta ulteriormente così :’( invido chi almeno ha la fortuna di non lavorarci insieme. Non faccio che pensare di aver distrutto tutto ciò che avevo costruito, mi colpevolizzo, penso di essere stata una stupida incosciente e che me lo merito.

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 11:35

    @Ale, TI RINGRAZIO! È ciò che dicevo sempre anche a lui! Ma una che si decide di perdonarti tra l’altro, può mai andare a raccontare in giro dei dettagli così intimi e profondi della propria relazione, a delle persone che ha visto si e no 3 volte nella sua vita? È una donna molto insicura che cercava i consensi di tutti. Nel gettare fango su di me ha voluto in qualche modo salvare l’immagine del marito visto come automa e povero agnellino in gabbia (ma vi garantisco che è tutt’altro, furbo come pochi). E diciamo che lei in qualche modo “ha vinto” perché ci sono persone che non mi rivolgono più la parola e questo fa male. Tanto male. Però ne prendo atto, imparo, mi autobacchetto e sto provando a tenere la testa alta, caspita ho sbagliato, e tanto, ma non ho mica ucciso nessuno.

  • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2020 @ 10:15

    La moglie è stata avventata cosa crede che non parlino anche di lei?

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 08:56

    @MP, anche io ho provato moltissima vergogna :-(. Ho promesso a me stessa che non avrò a che fare mai più con un collega. Il gossip (pesante e volgare) che ruota attorno è orribile. Poi nel mio caso la moglie ha amplificato il tutto mettendoci lo zampino e sputtanandoci ulteriormente in ufficio facendo dei gran disastri. E alla fine si, siamo viste noi come poco di buono. L’uomo sai, tutto sommato si è un attimo smarrito e poi viene perdonato sia dalla moglie che da tutti gli altri, questa maga Circe lo ha sedotto quindi poverino. Mi viene da vomitare se ci ripenso.
    “Tu puoi dirmi che mi ami, ma per il resto del mondo io sono la tua amante, non “il tuo amore” “la tua vita” ecc ecc. e se mi amassi davvero non permetteresti tutto questo. Mi difenderesti.” Ecco queste parole arrivano dritte al cuore, e fanno male. Sai quante volte anche glielo dicevo? “Chi ama protegga” gli dicevo e lui “finché sono in quella casa non posso farlo”. Ma perché non sono scappata immediatamente? Per questo sono arrabbiata con me stessa. Molto. E ho capito solo alla fine che parlare con certe persone, prive di sentimenti e umanità è inutile, l’unica cosa da fare è voltare pagina e amen.

  • alessandro pellizzari, 10 Ottobre 2020 @ 10:59

    Cialtrone

  • alessandro pellizzari, 10 Ottobre 2020 @ 10:53

    Avrà visto una foto in costume..

  • MP, 10 Ottobre 2020 @ 10:13

    @viovio e @dani anche io ho provato tanta vergogna. Nel mio caso si trattava del luogo di lavoro e delle ormai onnipresenti battutine più o meno anche volgari su di noi. Quando si verificano queste situazioni siamo sempre e solo noi ad essere Bollate come poco di buono. Questo mi è stato di grande aiuto per chiudere, non ne potevo più di vivere nell’angoscia. Tu puoi dirmi che mi ami, ma per il resto del mondo io sono la tua amante, non “il tuo amore” “la tua vita” ecc ecc. e se mi amassi davvero non permetteresti tutto questo. Mi difenderesti.

  • Crocus, 10 Ottobre 2020 @ 08:56

    @Violetta, si è rifatto vivo dopo un anno e otto mesi? Mizzica, coraggioso il ragazzo. Ci credo che tu sia un po’ irritata. Fai bene a non contattarlo e soprattutto spero che tu stia bene e abbia superato il tutto (scusa ma non conosco la tua storia, sono relativamente nuova qui a casa di Ale).

  • alessandro pellizzari, 10 Ottobre 2020 @ 08:24

    Sono senza vergogna. Sai cosa si dicono quando ritornano così? E chi se ne frega non mi costa nulla

  • Violetta, 10 Ottobre 2020 @ 00:32

    Salve a tutti e scusate se entro a gamba tesa nei commenti… Non so se qualcuno/a si ricorda di me, ma diverso tempo fa ho frequentato il blog come aiuto per uscire da una storia (grazie ancora Ale & co.). Volevo segnalarvi che abbiamo un vincitore: dopo un anno, otto mesi e una pandemia di oblio totale, il mio giovanotto prestante si è rifatto vivo dal nulla, aggirando il blocco con un account falso, con un messaggio in cui chiede di chiamarlo perché mi deve parlare… Probabilmente la ragazza pluricornificata alla fine lo ha mollato (buongiorno cara, meglio tardi che mai), ma questo non lo sapremo mai, perché ovviamente mi guardo bene dal contattarlo. Sono comunque basita (e pure un po’ irritata, diciamolo) dalla faccia tosta di quest’ individuo, che dopo essersi fatto beatamente i ca**i suoi per tutto questo tempo si illude che io stia qua ad accoglierlo a braccia aperte – in piena ripresa di pandemia, oltretutto… Ma un po’ di amor proprio mai mai mai?!

  • Viovio, 10 Ottobre 2020 @ 00:17

    @ Dani anche io sono nuova come te, ma posso dirti con assoluta certezza che hai trovato il posto giusto! Ti vergogni come una ladra perché conosci la sua famiglia e gli amici? Beh ti assicuro che sei in buona compagnia, il mio amante era il mio vicino di casa e visto la confidenza che si era creata con il resto della sua famiglia, capisco bene l’imbarazzo di cui parli… la mia storia è durata 4 anni, in cui ho toccato il cielo con un dito in alcuni momenti ma ti garantisco che sono stati di gran lunga più lunghi quelli in cui ero incazzata e triste.
    Poi sono approdata su questo blog e leggere le esperienze ti tante altre donne mi ha dato un grande input per aprire gli occhi e smettere di accettare situazioni che ormai mi andavano strette, nonostante ci fossimo detti fin dall’inizio che non avremmo mai lasciato le nostre famiglie… però quando entrano in gioco i sentimenti, almeno per quanto mi riguarda, non riesco proprio più ad essere così razionale! Sono certa che Alessandro e le ragazze del Blog riusciranno ad aiutarti e a darti la forza per uscirne. Un abbraccio

  • alessandro pellizzari, 9 Ottobre 2020 @ 23:09

    Benvenuta e scrivimi a anpellizzari@icloud.com se hai bisogno

  • Dani, 9 Ottobre 2020 @ 21:33

    ciao Alessandro, è da un po che ti seguo ma non mi ero ancora decisa a scriverti.Mi presento: a gennaio sono 9 anni! ti ho sentito dire spesso che dopo 2/3 anni bisognerebbe farsi seguire da uno specialista in modo che ci aiuti ad interrompere questa dipendenza grave. Si, hai ragione, sono consapevole ma ancora non mi decido. Sposati entrambi io nel giro di un’anno avevo già presentato in tribunale la richiesta di separazione.Lui ancora a casa, tra pianti disperazione e montagne di promesse mai mantenute.Tentativi di chiudere non li conto neanche più 10? 30? non sono piu credibile…di fatto ci ricasco sempre perchè ahimè ho a che fare con uno molto abile e io ovviamente ne sono innamorata scema.Non trovo via d’uscita, sono consapevole che mai la lascerà e io vivo di attese come una deficiente. Ogni giorno mi dico: ok puoi farcela. Poi al centesimo messaggio disperato cedo e sono punto e a capo. Terribile. E’ entrato a gamba tesa nella mia vita, conosce tutti i miei amici e io i suoi compresa la sua famiglia. Mi vergogno come una ladra e sono alla frutta consapevole che il tempo passa e io lo sto buttando dalla finestra. Non conosco ancora bene come funzioni il blog, spero solo di non aver scritto dove non dovevo.A presto e grazie di tutto

  • Viovio, 6 Ottobre 2020 @ 10:51

    @alessandro perdonami, ho sbagliato io, mi riferivo alla diretta su gli ultimi fuochi. Sono un po’ rinco chiedo venia

  • alessandro pellizzari, 6 Ottobre 2020 @ 10:22

    Scusa ma parli di quale diretta? Il tuo commento è sotto le vostre storie: hai sbagliato tu o ci sono ancora problemi sulla destinazione dei commenti? Me lo segnali per favore e anche voi se notate problemi? grazie

  • Viovio, 6 Ottobre 2020 @ 09:47

    @alessandro che bella questa diretta, Spero tanto di uscirne presto, anche Se sono al primo giorno di cds assoluto(bloccato ovunque). In passato c’erano già stati tentativi di questo tipo ma avevo sempre lasciato uno spiraglio, ieri sera dopo l’ennesima discussione dove ha avuto il coraggio di mettere in discussione l’amore che ho per mia figlia, visto che mi sono stancata di raccontare bugie(sono passati 4anni) e lui non farebbe mai del male ai suoi, lasciando la famiglia per me Mi è venuta la nausea e ho chiuso tutto. Prima che lo facessi si è pure preso la briga di concludere la conversazione dicendo: mi raccomando cancella questa chat……alla fine della fiera la sua preoccupazione più grande era cancellare le “prove”… però un po’ mi consolo leggendo questo blog che ribadisco è un’ ancora di salvezza!!! Perché non sono l’unica ad aver incontrato un “lattaio”, come elegantemente viene definito lo stronzo di turno.
    Quando parli di desiderio di vendetta mi ci rispecchio, però non informerei mai moglie e figli, non sono così subdola e meschina non trarrei nessuna soddisfazione nel farlo, vorrei solamente vivesse nell’insoddisfazione e rimpianto per le sue scelte.
    Sicuramente ora sono molto arrabbiata, ne sarò fuori quando proverò indifferenza e smetterò di chiedermi: ma veramente non mi ha mai amato?
    Un abbraccio a tutte/i

  • alessandro pellizzari, 28 Settembre 2020 @ 14:50

    brava resisti!

  • orsa, 28 Settembre 2020 @ 08:59

    Sono felice di averlo bloccato e cancellato dalla rubrica. Se non lo avessi fatto, oggi è una di quelle giornate in cui l’avrei cercato, nonostante tutto il male che mi ha inflitto e nonostante razionalmente io mi renda conto che è una fortuna averlo perso. Tengo duro e spero che presto queste crisi di nostalgia mi abbandonino. Lui non si merita un pensiero di più e io mi merito un po’ di serenità. Per fortuna ci siete Voi, Vi leggo e mi sembra di stare meglio. Per un po’. Grazie Alessandro.

  • alessandro pellizzari, 26 Settembre 2020 @ 15:05

    Grazie sono lusingato sei molto gentile

  • Crocus, 26 Settembre 2020 @ 12:07

    Che bella e profonda questa lettera. Ricordo ancora il giorno in cui sono approdata in questo blog. Era fine maggio 2020, a inizio giugno avevo fatto un’ora di counseling con te Ale. Tutte le cose che ci insegni sono come dei tesori preziosi da custodire con cura perché ci aprono gli occhi. Tutte le volte dico “se solo avessi scoperto questo blog prima” poi mi rendo conto che prima magari non avrebbe funzionato perché siamo sempre convinte che la nostra storia sia diversa quindi arriviamo tutte +/- a dolore già parecchio inoltrato. Io come la lettrice ancora non riesco a togliermi il pensiero di lui pertanto non posso dire di essere guarita, ma credo di essere comunque sulla buona strada. Per me ormai mercoledì, venerdì e domenica ore 19.30 sono diventati appuntamenti imprescindibili, una droga ormai :-). E il blog invece è diventato il mio pane quotidiano. Non vedo l’ora di incontrarti dal vivo e ringraziarti di persona per tutto quello che fai.

  • alessandro pellizzari, 26 Settembre 2020 @ 08:10

    Sei molto gentile grazie

  • Lilly, 25 Settembre 2020 @ 21:30

    Queste lettere sono bellissime. E devo ammettere che ora che grazie a te @alessandro conosco tutta la “teoria”… questa esperienza di vita vera narrata con così tanta generosità dalle dirette interessate è come una coperta calda. Ti ricorda che siamo tutte capaci di grandi cose, dobbiamo solo crederci.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.