Costume? Prego si accomodi
Costume? Prego si accomodi

Care amiche, la foto del vostro profilo, quella che appare a ogni post che fate e in grande sulla bacheca, è il vostro biglietto da visita Social. Il problema è che voi l’avete scelta perché è carina, vi fa carina (e che male c’è?) o per motivi che noi uomini traduciamo in modo completamente diverso.

La prova? I tanti tentativi, periodicamente denunciati da voi, di corteggiamento più o meno velato, che va dal bellissima sul post al tentativo dal fine al grossolano in chat fino alla foto degli zebedei mandata fresca fresca di selfie.

Ridiamoci sopra (ma cogitiamoci anche un po’) con questa piccola guida che lega la tipologia delle vostre foto di profilo a un recondito ma diffuso (a mio modesto parere) pensiero maschile. Non che tutti i maschi siano così, certo ma… Fate voi i conti in base alle richieste di tenera amicizia che ricevete da chi non si prende la briga, spesso, nemmeno di leggere il vostro profilo.

Qui parliamo del maschio più vulgaris, e quindi perdonate il linguaggio un po’ rude e diretto, ma inutile nascondersi dietro un dito. Quando parliamo di femmine fra di noi voliamo basso. Il resto, quella leggiadria che spesso sentite e vedete quando vi parliamo o scriviamo, è furbo marketing. Al bar dello sport si dicono parolacce.

Foto del viso bello e sorridente
Dovrebbe essere lo standard, quello che non produce effetti collaterali. Sì, sei bella, qualche piacevole complimento e tentativo di aggancio in chat ci stanno. Ma…
Come la interpreta il maschio vulgaris
Bella figa questa. Però non si vede il corpo. Conviene andare a vedere le altre foto. Se non ci sono foto intere, gatta ci cova. Comunque inutile perdere tempo, iniziamo a importunarla. E qui il mondo si divide in due: gli allievi delle elementari che ti scrivono bellissima bella sei la più bella e quelli che si industriano.

Foto del viso “ammiccante”
Per molti ometti una foto in cui tu fumi, fai l’occhiolino, la lingua o semplicemente hai un sorriso non di prammatica ma vero e aperto o gaudente significa spesso una cosa: questa è una viziosa.
Come la interpreta il maschio vulgaris
Il gesto che hai scelto per corredare il tuo primo piano per molti uomini arriva direttamente alla zona pelvica. La seconda mossa è: come sarà di corpo? Non tutti però andranno a setacciare nelle tue foto, a molti basterà l’sms pelvico per provarci con te, poi magari il corpo si vede in un secondo momento. Per ora tu sei potenzialmente una porca, il tuo gesto parla chiaro. Almeno per alcuni.

Foto corpo intero vestita bene (tubino, vestito che sottolinea le forme, semplicemente elegante)
Tutte le persone normali, soprattutto se donne, hanno piacere a essere ammirate, quindi è normale che scelgano la foto del vestito bello e che sta bene invece della tuta da operaia o della felpa antistupro con orsetto che chiede aiuto.
Come la interpreta il maschio vulgaris
Bella figa questa. Si parte dal viso, ma basta un attimo per finire sul trittico dell’amore, cioè tette culo gambe. Una che si propone così ha voglia, pensa il lupo mannaro. Altrimenti perché mettere in risalto le sue forme? Qui la tentazione di partire con una chat pesante, soprattutto per i meno intelligenti, è forte. Tasteranno il terreno, con cuoricini, ditini alzati e tutto il repertorio da bebè maschio. Basterà solo un vostro grazie per farli esondare in chat.

Foto in costume
Se sei bella in costume sei bella. Ho già scritto (leggi sotto) del diritto delle donne di Facebook di mettersi in bikini senza dover essere molestate. Ma…
Come la interpreta il maschio vulgaris
Questa è già nuda. Questa ha voglia. Ci si mette un attimo a spogliarla e scoparsela. Questa è qui a caccia di volatili. E a nulla servirà il fatto che sul tuo profilo c’è scritto che sei sposata, che sei mamma. Costume significa scopare. Preparati a molte richieste di amicizia interessate.

Foto con più amiche che ridono
Alcune di voi scelgono foto di gruppo, perché molto legate ad amiche o semplicemente perché è una foto bella. Attenzione..
Come la interpreta il maschio vulgaris
Ecco un bel gruppo di potenziali Milf che vanno in giro a setacciare locali in cerca di mazzi non di carte, tipo sex and the city de noialtri. Vediamo chi sono e importuniamole anche singolarmente, visto che se accetta l’amicizia la titolare della foto il maschio allupato andrà subito a rompere alle altre due che, nel suo immaginario, magari fanno i giochini a tre. Le amiche, nell’onirico di certi maschi, come minimo slinguano fra loro. La tentazione di proporre in chat giochi misti è forte.

Foto con scollatura provocante
Per il piacere degli occhi di tutti, perché non sfoggiare il tuo punto forte? Non siamo nel medioevo… Ma qualcuno c’è rimasto
Come la interpreta il maschio vulgaris
Soprattutto se è giovane pensa che sei una potenziale nave scuola. Le tette in bella vista significano prego, si accomodi. E la battuta parte istantanea. E siccome le donne che mostrano il decolleté di solito sono tutto tranne che nave scuola e spesso ben strutturate il loro grazie scatenerà sogni erotici a palla. Galeotta fu la scanalatura con le perle.

Foto del viso di una donna bella che non sei tu o di un corpo senza viso
I profili mascherati o addirittura finti, su Fb, si sprecano, finché il social non chiederà a tutti noi (e succederà fra non molto) di provare la nostra identità. Qualunque siano le tue motivazioni nell’uso di una foto che non è il tuo viso, ecco quello che potrà pensare il maschio vulgaris.
Come la interpreta il maschio vulgaris
Questa è un cesso. No aspetta… Però ha messo la foto di una porca, magari è un cesso ma fa i numeri. No aspetta, ha messo la foto di un’attrice che è famosa per le sequenze e i film dove si tromba… No aspetta: il corpo è bello ma gli devi mettere il cuscino in faccia (una delle battute più in voga fra i maschi). Fammi vedere le altre foto. Dalle altre foto deciderà se chiederti l’amicizia: dipende solo dal numero di foto scollacciate, di coppia o sensuali che avrai scelto. Ricordati: anche se sei la donna del mistero ogni lasciata è persa, e molto della chat sarà dedicata ad avere una foto vera del tuo viso e del tuo corpo, che è la sentenza finale sull’amicizia di Facebook.

Foto esoterica
Hai scelto un angelo, una diavolessa, un essere mistico.
Non ha nessuna importanza per il maschio la tua motivazione ancestrale, filosofica o mistica
Come la interpreta il maschio vulgaris
Questa è una rompicoglioni o una matta. Se va bene, ed è anche figa, è una che prima di dartela devi imparare lo yoga e diventare vegano. Se va male è un cesso che ti ammorberà anche al caffè del primo incontro al buio, con le sue teorie sulle scie chimiche. Alla larga. A meno che… Altre foto pubbliche non mandino il famoso sms pelvico. Allora più del timore della rompicoglioni potè il digiuno

Foto tu sola con figlio
Dovrebbe essere a prova di bomba, ma l’uomo lupo non guarda i cuccioli
Come la interpreta il maschio vulgaris
È sola la tipa? Se è sola e ha figli può essere in cerca di un maschio, si sentirà soffocata dalla famiglia. Magari ha voglia perché è in stand by da troppo. Però è pericolosa: se ha dei figli vorrà sistemarsi? Se poi il tipo in questione nelle foto becca il marito o il compagno desiste. Se non lo becca dipende da quante foto in costume o sexy troverà nel vostro book per decidere se chiedervi l’amicizia o no.

Foto tu sola con animale
Conosco donne che adorano come figli i propri pet, anche se sono sposatissime e hanno figli. Ma…
Come la interpreta il maschio vulgaris
Se è un cane è come se non ci fosse. Anzi, forse la ragazza in questione esprime bisogno di affetto. Se è un gatto… Mmmm. Nell’universo maschile, che gravita su pianeti di luoghi comuni, il gatto è sintomo di zitellaggine. Anche qui il decidere il da farsi dipenderà dalla pigrizia del soggetto in caccia (se è pigro guarderà solo le foto, altrimenti anche i post).

Foto solo di animale
Ci sarà un perché
Come la interpreta il maschio vulgaris
Non si fermerà a lungo sul profilo. Il tempo di guardare il cane. Il tempo di non guardare il gatto. Chi verte la sua vita sull’animale, secondo il credo del cucador medio, non tromba. O si fa troppa fatica a scovare, e trombare.

Sincerely yours

Potrebbe interessarti leggere anche:

Donne su facebook: il diritto al bikini

Condividi:

6Commenti

  • Facebook e i “Casanova” del caxxo | Alessandro Nicolò PellizzariAlessandro Nicolò Pellizzari, 21 Agosto 2015 @ 18:07 Rispondi

    […] Errore numero 3 Pensare che tutte le donne sono troie in base al loro atteggiamento su facebook. Intendiamoci, le vere zoccole ci saranno anche (e perché no?), ma si palesano presto. Non è detto che una donna, perché ha un certo linguaggio disinibito o posta foto in bikini o nudi generici sia pronta a darla via a tutti. Bisognerebbe, perlomeno, e prima di postare i gioielli, aver tastato il terreno sapientemente. Ma sui social vince la fretta e la legge dei grandi numeri. Su come l’uomo medio basso interpreta le foto dei social delle donne leggi qui. […]

  • I pescatori a strascico di donne sui social: chi sono e come riconoscerli - Alessandro Nicolò Pellizzari, 28 Aprile 2016 @ 21:49 Rispondi

    […] denaro. Quindi si concentrano sulla foto (cosa dice la tua foto? Sei figa? Magari sei troia? Leggi qui come possono interpretarla) e al massimo vedono se sei sposata o single o che cosa. Poi ti chiedono […]

  • Nemesi, 11 Ottobre 2017 @ 15:40 Rispondi

    Mi sono tolta da fb xche ho realizzato che fa emergere il peggio dell’ umanità. Poi la gente ancora non ha capito che è uno strumento di controllo, una autoschedatura…nome, cognome, cazzi propri e la gente lo fa, è questa la cosa drammatica. Se chiedessero di mettere la denuncia redditi, il 90 xcent della massa lo farebbe…che automi infami. Veniamo alle zoccole. Mettono foto da vere vacche, poi si lamentano se le chiamano per il loro nome: te**e. Tutto questo voler apparire! Ma mica è normale. E poi i commenti sotto. Vere cesse con 100/1000 mi piace e apprezzamenti di vario tipo, sei bellissimissimissima! Ma sti derelitti sanno riconoscere una donna bella da un troione??

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2017 @ 15:50 Rispondi

      Non sono d’accordo. Certo che internet è una forma di controllo, pensa solo al posizionamento per usare i navigatori, ma è anche una grande libertà e una donna deve essere libera di fare quello che vuole e dove vuole. Chi l’ha detto che una che mostra la sua bellezza o meno è una Troia? Non esistono le troie. Leggi il diritto al bikini su Facebook e il adesso non la vacca è la tomba dell’amore. E poi occhio: sono proprio gli uomini peggiori a dire quella è una Troia. E ve lo dicono anche quando vi negate a loro.

  • LEI, 12 Ottobre 2017 @ 15:04 Rispondi

    Diciamolo chiaramente, le foto che mettiamo sono per ricevere complimenti. E se qualcuno va oltre, basta non cogliere la provocazione. La mia regola di base è: mi chiedi l’amicizia? Se non ci conosciamo verifico quanti amici in comune abbiamo e chi sono. Poi approfondisco guardando il profilo e decido. Una volta mi ha chiesto l’amicizia uno con idee politiche diametralmente opposte alle mie, non ho risposto alla richiesta.
    Un’altra volta in due amici della mia estetista (che vedo 2 volte all’anno), mi hanno chiesto l’amicizia. Ovviamente non ho risposto. Devo avere qualcosa in comune con chi può rientrare nella cerchia dei miei amici di FB. Loro possono anche vedere le mie foto in bikini…

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2017 @ 15:11 Rispondi

      E non c’è niente di male e chi vuol vederci il male o l’ostentazione cazzi suoi. Io una bella donna è amica in costume mi fa piacere e basta come uomo. Un uomo normale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.