La speranza è una luce in fondo al tunnel della sofferenza per amore
La speranza è una luce in fondo al tunnel della sofferenza per amore

 

La speranza è davvero l’ultima a morire per molte donne alle prese con uomini deludenti, bugiardi, falsi promettitori, millantatori di amori, funamboli della passione.

All’inizio tutto andava bene. Voi eravate la sua regina, lui il vostro re. E vi ha fatto sentire davvero una regina, una donna privilegiata, unica.

È il talento di molti uomini quello di mostrarvi il meglio di noi e dell’amore nelle prime fasi di un rapporto amoroso.

L’affabulatore di sentimenti parla come un poeta dello stil novo ma il motore che lo spinge è la voglia di sesso.

Certo, c’è anche una parte gigionesca e istrionico-sognatrice in noi, e ci piace profferire paroloni come ti amo, sei la donna della mia vita, e godiamo della vista dei vostri occhi liquidi ammaliati dalle nostre dichiarazioni d’amore, ci crediamo anche per un attimo, spinti dalle nostre pulsioni passionali…

Perché un uomo esagera a fare l’innamorato quando non lo è? Perché usare parole e sentimenti roboanti quando non si provano?

È la legge della compensazione.

Un uomo sposato che riesce a convincerti di andare a letto con lui deve compensare il fatto che lui una moglie ce l’ha già. Una donna ce l’ha già.

Certo è la più brutta del mondo, è la più stronza del mondo, è la più noiosa del mondo, è la più asessuata del mondo (infatti non ci scopa da 77 anni) certooooooooo
È come se non ci fosse… ma c’è.

…ed è sempre sua moglie. E stranamente è lì, sempre al suo posto. È arrivata per prima, un giorno ve lo dirà quando dovrà comunicarvi che è difficile lasciarla.

Come fare allora a farvi digerire la cosa, a compensare il gap? Come fare a ottenere il vostro letto e mantenerlo caldo e accogliente? Caterve di balle a parte sulla sua reale dimensione coniugale deve dimostrarvi tutto il suo amore per convincervi che sì lei c’è ma è irrilevante, è solo un passaggio, un elemento pronto a essere sostituito dal solo vero grande amore, voi. Un giorno, chissà, voi sarete al suo posto.

Certi sono anche disposti a dirvi che vogliono un figlio da voi per darvi la suprema prova d’amore, bestemmiando sulla vita di un innocente che, per fortuna, non verrà al mondo (al limite lui farà un figlio per sistemare le cose con la moglie, come se un figlio non fosse così dirompente da mettere in crisi anche il matrimonio più rodato, figuriamoci quelli già segnati dal tradimento…).

Ho parlato dell’uomo sposato, ma la stessa tecnica di farvi sentire una regina viene adottata anche da una serie di single che fanno della scopata seriale il loro credo. Sono quei single impenitenti che non hanno (o non hanno più) una moglie da giustificare, ma devono giustificarvi una vita da maschio sciupafemmine, quello che alla domanda “quante donne hai avuto” fa una pausa perché è incerto su come Non dirvi che ne ha avute mille (sarà figo ma è seriale).

Allora anche lui vi parla della ricerca della donna della sua vita dopo tante delusioni (matrimonio fallito ma anche molte donne incontrate non all’altezza dei suoi elevatissimi sentimenti) e, naturalmente, in breve vi farà credere che quella donna siete voi.

Tutto diventerà bellissimo ma, come lo sposato a un certo punto “deve” tornare dalla moglie il single di ferro vorrà trovarsi un’altra regina. Il timer è il sesso: fino a che il sesso sarà soddisfacente per questi uomini voi rimarrete sul trono. A meno che non rompiate troppo i maroni, allora neanche il sesso di qualità estrema che regalate a questi personaggi basterà. Guardate bene come si comportano dopo avere eiaculato.

Ma torniamo alla speranza. La speranza è l’ultima a morire perché questo blog è stracolmo di storie di donne che hanno anche fatto ammattire lo sposato o il single seriale prima di concedersi, ma che poi si sono concesse.

E quando voi vi concedete, essendo dieci volte più oneste di noi, vi concedete davvero. Se ci dite ti amo siete sincere, non ci dite ti amo perché così vi assicurate una notte di numeri a letto da far impallidire youporn. Una donna sposata che ama il suo amante avrà sempre più crescenti difficoltà a concedersi al marito, e spesso non ha più rapporti. Noi no, dov’è il problema nel fare sesso? Certo, ci sono anche gli uomini innamorati che non riescono più a fare sesso con la moglie perché sono davvero innamorati dell’amante, ma se riesci ad avere un’erezione vuol dire che magari non ami più tua moglie, ma nuda ti fa ancora sufficiente effetto. O sono in astinenza perché non vi vedono da un po’ e si sa, più del dolore poté il digiuno.

Dunque vi siete concesse, lui è riuscito a farvi sentire una regina e voi vi siete innamorate. Avete toccato il cielo con un dito… ed ecco di colpo lo shock della caduta improvvisa, come Lucifero cacciato dal Paradiso che cade sulla terra sprofondandovi fino a creare la voragine infernale.

Il vostro re è tornato dalla moglie. Il vostro re avete scoperto che corteggia una vostra amica (succede spesso con i seriali) o ha già un’altra, spesso in parallelo con voi (non vorrete mica che prenda freddo passando da un letto all’altro!).

Dolore e delusione profonda, sufficienti a fuggire lontano e a non voler neanche sentire più il suo nome.

Questa dovrebbe essere la norma, ma non lo è. La maggior parte di voi, nonostante lo schifo e la delusione il tipo se lo riprende.

Già perché lo sposato pentito di avervi lasciato torna sempre, perché ha fame del vostro letto e della sua psicologa preferita gratis. Solo che non è cambiato nulla, la moglie non la lascia, vuole solo riscoparvi, piangere un po’ sulla vostra comoda spalla e farvi rifare l’amante a tempo indeterminato raccontandovi un’altra manciata di palle promesse o proponendovi amicizia che nasconde trombamicizia. Tornano sempre, hanno fame di un letto sicuro e prestazioni garantite.

Torna anche il single seriale, sempre un po’ narcisista (o molto), perché magari la vostra amica o quella che ha conosciuto su facebook mentre vi prometteva di sposarvi e avere cinque gemelli a letto non è un granché (come fate sesso orale voi… per lui è fondamentale) oppure è porca a sufficienza (porca per un uomo è un complimento) ma rompe le palle il doppio di voi e già dopo qualche giorno. Quindi, mentre si guarda intorno in attesa della nuova preda, perché non bussare alla vostra porta e, nelle more della new entry, godere delle vostre prodezze che gli piacciono tanto?

Un ripassino non guasta mai. Anche perché la grande comodità sta nel fatto che a voi tutta la predica iniziale inneggiante all’amore perfetto e imperituro l’ha già fatta, mentre con una nuova deve risfoderare il repertorio completo e fare fatica.

Un motivo in più per tornare da voi in tempi di magra, anche perché a lui non gliene frega niente di farvi risoffrire, lui risponde ai suoi bisogni egoistici senza remore, chissene frega che tornando azzera il vostro silenzio e guarigione. Uno così dovrebbe farvi schifo, dovrebbe farvi schifo il suo egoismo, ma la speranza è l’ultima a morire e voi non potete credere che il vostro re dei primi tempi sia uno schifo.

Quindi il problema è che voi quella porta la riaprite. Perché vivete nel ricordo dei momenti magici che questi uomini vi hanno fatto vivere, con la speranza che abbiamo capito stando senza di voi, che si siano redenti. Non importa se avete capito che quella è la loro specialità di pallisti affabulatori, voi sperate che sia tutto vero il suo amore. Siete innamorate del sogno iniziale, per quanto si sia rivelato un incubo. E quelle poche amiche che vi raccontano del loro lui tornato davvero come ufficiale e gentiluomo non vi paiono aghi in un pagliaio, ma il vostro nuovo destino che vi colloca fra le poche fortunate.

E sperate che lui sia tornato perché ha visto, dopotutto, che voi siete davvero le migliori, impareggiabili. Vi sembra impossibile che un uomo possa “umiliarsi” e tornare a pietire il vostro perdono perché voi non lo fareste mai, quindi gli credete, sperando che sia tutto vero. Se è arrivato a chiedervi perdono in ginocchio sarà per forza Vero. Ma noi siamo pronti a venderci anche l’anima per i nostri comodi così come siamo capaci di dire ti amo quando non ce ne frega poco o nulla o abbiamo uno scopo.

Così rispalancate la porta, in nome del meraviglioso idillio iniziale e della speranza che, appunto, è l’ultima a morire.

Così vi esponete a una delusione ancora più profonda quando lui, abbeveratosi alla vostra oasi d’amore e di passione ancora una volta Vi annuncerà che la moglie poverina è sola e malata e lui deve esserci, che la figlia di 39 anni ha bisogno del papà o che, dice il single seriale, le cose sono cambiate, lo avete deluso perché non siete all’altezza del compito, lo soffocate, ha bisogno dei suoi spazi, non lo capite fino in fondo. Certi arrivano a dirvi che siete voi che siete cambiate e non siete più quelle di prima. Certi arrivano a dirvi che non si sarebbero mai aspettati da voi quell’uscita con un altro uomo: ma non vi aveva lasciato lui? Non importa, dovevate aspettare, e non importa neanche se col chiodo non ci avete fatto nulla.

Perché fate così? Siete stupide? No, siete innamorate. Avete scarsa autostima? No, siete delle sognatrici in un mondo che si presenta come una favola ma spesso è un horror per maschi. Siete delle struzze che non vogliono vedere in faccia la realtà? No, avete assaggiato l’amore che per voi era sincero e il vostro cervello fa fatica a razionalizzare la verità dietro a tante bugie. Vi sembra tutto paradossale.

Quindi, trasformate la speranza in esperienza e capacità di selezione per la prossima volta. Fateci morire prima di concederci non tanto il vostro letto ma la vostra anima (dico sempre che il sesso non è merce di scambio ma una cosa naturale che si fa quando si ha voglia in due, non si decide a tavolino, ed è anche un ottimo test per giudicare un uomo).

Non si regalano le perle ai porci. E, soprattutto, non si ridanno. La speranza può valere un secondo giro, di più no. E qui ci sono donne che sono al quinto di giro. No care, non innamoratevi della speranza, altrimenti rischiate di diventare schiave di uomini che non meritano neanche un vostro sguardo, o di ritirarvi in convento perché tanto sono tutti così. No. Non siamo tutti così. Scegliete i migliori di noi, il dolore è un passaporto per la felicità se lo sai usare, non uno stigma.

La speranza fatela morire se diventa malattia e fa soffrire.

Sincerely yours

 

Condividi:

994Commenti

  • Elsa, 31 Marzo 2020 @ 15:39 Rispondi

    Ciao a tutti!!!! Scrivo con la speranza che qualcuna di voi, possa aiutarmi o darmi uno spunto. Ho avuto una storia durata sei anni, lui sposato e padre di due figli, uno di 16 e uno di 19.Dopo quattro anni la moglie scopre tutto, i figli fanno muro contro di lui. Il rapporto quasi simbiotico con il figlio minore diventa un inferno….dimagrisce di 10 chili e questa guerra con lui lo devasta. Io mai stata gelosa, mi bastava il vedersi, ed essendo anche io separata e con due figli, mi bastava così. Lui sempre molto presente, forse più di me, attento e premuroso.
    Non ci lasciamo, ma la moglie perdona, inizia a postare foto insieme delle vacanze e dei compleanni. A quel punto inizio ad essere gelosa, ci vediamo pochissimo, e inizia a pensarmi il fatto che lui sia depresso per il rapporto che ha con il figlio. Ha paura a frequentarmi, non viene più a casa mia, ma non mi vuole perdere..anzi è sempre molto pacato e presente…ma telefonicamente. Dopo due anni così, inizio ad essere insopportabile, lo provoco, sono furiosa perché capisce che le mie pretese sono giuste, ma per il momento bisogna aspettare che si calmino le acque. Lo provoco finché non scoppia, ma io non riuscivo a lasciarlo….inizia a trattarmi male, e a quel punto la moglie mi contatta di nuovo, ed io parlo….dico tutto. Mi chiede persino che regali mi aveva fatto. Lei cade un po dalle nuvole..lui si era fatto perdonare e lei ci aveva creduto, fino a quando non aveva sentito una conversazione dal bagni di casa…eh già…perché in tutti quei due anni era cmq presente. A quel punto mi lascia, diventa un altro, un lato di lui che non avevo mai visto.
    Insomma…per farla breve, io mi sento in colpa. Mi sento di non aver capito che in quei due anni era devastato per il figlio. Che lui stava a casa solo per loro, e come potevamo stare assieme se i figli mi odiavano..
    Io mi sento in colpa ancora adesso, ad un anno dalla fine, per aver parlato a lei e per averlo trattato veramente male. Avrei dovuto capire il suo stato d’animo? La carnefice sono stata io? So solo che non riesco più a dormire, e ci penso in continuazione, eppure al contempo ho ancora tanta rabbia nei suoi confronti. Scusate il papiro e la forma, ma ho scritto di getto. Un abbraccio a tutti.

    • alessandro pellizzari, 31 Marzo 2020 @ 15:50 Rispondi

      La moglie lo aveva già scoperto e se ti ha chiamato lei ha fatto due più due. Ed evidentemente lui gli aveva raccontato una storia come a te. Liberatene

      • Outlier, 31 Marzo 2020 @ 16:44 Rispondi

        @Elsa la carnefice non sei tu. Era stato già scoperto e se ha raccontato balle è colpa sua, non tua.
        Non puoi scusarlo o giustificarlo.
        Se davvero lui avesse voluto recuperare e visto che non vi vedevate forse era il caso che fosse un po’ egoista. In quelle conversazioni telefoniche ti vedeva più come sfogo che come altro.
        E se la moglie ti ha chiamata è perché ha capito che tu le avresti detto la verità. Era quello che voleva sapere.

    • Polly, 31 Marzo 2020 @ 17:03 Rispondi

      @Elsa ma quale carnefice! È lui che è un altro stronzo che ingrossa le fila di molti uomini citati nel blog di Alessandro. Ma perché vuoi farti del male ancora quando lui, pur di uscirne indenne, si è chiamato fuori? E poi dei figli che soffrono ci si ricorda sempre dopo e lì si chiama in causa dopo? Hai bisogno di aria fresca e vita nuova. Forza che tra poco siamo liberi di vivere di nuovo ❤️

  • C., 19 Gennaio 2020 @ 08:56 Rispondi

    Elisabetta,
    Il fatto che ti abbia lasciato è una benedizione.
    Ti ha liberata dalle sue catene.
    Sorridi e vivi…risplendi di nuovo!
    Un abbraccio

    • Elisabetta, 19 Gennaio 2020 @ 10:06 Rispondi

      @C grazie per il tuo appoggio,
      per fortuna “Il Gastrite” è lontano, anzi quasi non mi ricordo più la sua brutta faccia, no, c’era un nuovo amore nell’ultimo anno, speravo andasse avanti ancora per un po’, mi sentivo serena e fiduciosa.
      Va beh, doveva andare in un altro modo.
      Oggi sto meglio @C, ho qualche calo di energia fisica, mi sento spossata e non ho voglia di impegnarmi a cucinare e fare altro, ho poco appetito.
      Accetto quello che viene, so che adesso è così, farò quello che posso senza stressarmi inutilmente.
      Grazie @C, un abbraccio. Buona domenica

  • Nina, 19 Gennaio 2020 @ 01:45 Rispondi

    @elisabetta tesoro, quando ho visto scritto tunnel ho pensato a quello là…ma x fortuna no, non lo è. Ora sei triste ed è normale, uno pensa, cavolo, non me ne va bene una, ma questa è una cosa normale, triste ma sana, gestibile. Va tutto bene. Non era quello giusto. Ma ci hai provato e questo ti ha fatto fare un altro pezzo di strada lontano dal tunnel vero. Ti abbraccio tanto tanto

    • Elisabetta, 19 Gennaio 2020 @ 09:57 Rispondi

      Sì @Nina hai ragione, la paura, il colpo preso, mi hanno fatto tornare alla mente i tempi bui del tunnel, ma è vero, non sono lì ora, quest’uomo è stato importante per me, mi ha fatto fare un bel pezzo di strada in avanti ed anch’io so di avergli fatto compagnia ed aiutato nella sua strada.
      Speravo di poter proseguire insieme a lui ancora per un po’, stavamo bene insieme, luil almeno ci ha messo la faccia nel venire a parlarmi di persona.
      Gli voglio molto bene e gli auguro la serenità che merita.
      Sono un po’ giù adesso, non me lo aspettavo, faccio un po’ fatica a reagire fisicamente però mi prendo quello che viene, un giorno alla volta e cerco di fare piccoli passi.
      Oggi vorrei tanto tanto avervi qui con me a bere un thè tutte insieme.
      Grazie @Nina, siete grandi e vi voglio bene.

  • Ariel, 18 Gennaio 2020 @ 11:09 Rispondi

    @Elisabetta
    Non propriamente sei tornata nel tunnel
    Proprio perché la relazione è finita
    Essere stati lasciati è come vivere una specie di lutto perché ovviamente chi fa la scelta per primo ,ammesso che sia in buona fede,e mi riferisco ad esempio a noi Donne che appunto a volte lasciamo per prime una relazione disfunzionale ,forse perché ci si rende conto che lui è un vero CIALTRONZO.

    Ovvio che essere lasciati da la giusta sensazione di essere stati scartati e rifiutati e questo è aggiungere dolore al dolore della delusione.

    Cara @Elisabetta,
    Adesso è finalmente giunto il momento di amare te stessa e prenderti cura di te.
    Ogni giorno con un passo nuovo positivo riferito proprio a nutrire te stessa
    Senza mai dimenticare che esiste la terapia con n terapeuta,un percorso che davvero può non soltanto aiutare ,ma ci fa scoprire i nostri veri talenti nascosti dal tempo che fu.

    Un caro abbraccio ❤️

    • Elisabetta, 18 Gennaio 2020 @ 19:04 Rispondi

      @Ariel tu ci sei sempre, per tutte.
      Grazie per il tuo abbraccio, mi serve.

      • Polly, 18 Gennaio 2020 @ 19:25 Rispondi

        Povero lui, non sa che perde! Guarda avanti! Ti abbraccio.

        • Elisabetta, 18 Gennaio 2020 @ 21:03 Rispondi

          @Polly grazie per le tue parole.
          Ora mi sento un po’ stanca ma datemi un po’ di tempo e torno.
          Adesso guardo voi ragazze, mi fate molta compagnia e stasera mi fate sorridere.
          Grazie Polly.

  • Elisabetta, 17 Gennaio 2020 @ 21:22 Rispondi

    Ehi raga,
    sono tornata nel tunnel! Ora ora, pochi minuti fa.
    Siete le prime a saperlo.
    Mi ha lasciata.
    Non si era innamorato e si sentiva in colpa perché vedeva il mio sentimento crescere mentre il suo no.
    Avevo intuito qualcosa infatti gliene avrei parlato anch’io, però non me lo aspettavo così improvvisamente.
    Stavamo bene insieme ed ero fiduciosa nel futuro.
    Adesso non lo so, mi sento stanca.

    • Lia, 18 Gennaio 2020 @ 11:20 Rispondi

      @Elisabettaaaa, coraggio!!!! Certo che sono tutti uguali… Un altro che si è svegliato!
      Unico consiglio. Sparisci! Non lasciare canali aperti. Non lo contattare, non lo cercare…
      Fatti un bel pianto liberatorio sotto la doccia calda e riprenditi. Testa alta! Non ti ama? Perfetto! Avanti un altro, allora. Questo va nell’umido… Vita nuova!!!!

      • Elisabetta, 18 Gennaio 2020 @ 19:01 Rispondi

        @Grazie Lia, ho bisogno del vostro abbraccio.

    • EP, 18 Gennaio 2020 @ 20:31 Rispondi

      @elisabetta cara…ma noooooo….daiiiiii…nn sei tornata nel tunnel!
      “Quel” tunnel era una cosa nata sbagliata…un “amore” dichiarato e sbandierato senza che vi fosse una reale evidenza…una quotidianità fatta di menzogne…di fasce orarie protette…di comprifuoco…di vita nell’ombra!

      Questa è “solo” una storia finita male…cm ce ne sono tante…
      È naturale la delusione…cominciavi a crederci…ma sn sicura che la tua vita nn può dipendere solo da un uomo! Così pure la tua felicità…

      Daiiii…io sn una ottimista di natura! Mi sto scoprendo ogni g di più innamorata della vita…vedo accanto a me spesso gente infelice…anzi alcuni sn infelici e insoddisfatti cronici…sn quelli che scendono a patti cn la convenienza…cn l’apparenza…loro sn grigi…io sn splendida splendente…

      @elisabetta…sn SICURA che domani ci sarà il sole anche x te…ma nn è necessariamente un uomo che lo fa sorgere…il sole sorge da te!
      Poi magari cn un uomo puoi decidere di andare al mare…ma se nn c’è… puoi andare al mare lo stesso 😉

      Un bacio

      • Elisabetta, 18 Gennaio 2020 @ 23:47 Rispondi

        @EP ciao,
        ci sono dai, ho gli occhi un po’ gonfi e malandati anche stasera, ma siete stupende, grazie.
        Il tunnel no, è vero che non sono lì, ieri sera era un po’ peggio e mi erano tornati i ricordi del mio tunnel e di tutta la strada fatta x uscirne fuori che mi sembrava di dover rifare di nuovo tutto.
        Oggi sono stata fuori casa tutto il giorno, stamattina per impegni famigliari poi breve rientro e sono uscita ancora fino a dopo il tramonto, mi ha fatto bene.
        I miei famigliari stamattina mi hanno abbracciato e adesso anche tu e le ragazze, grazie.
        Torno @EP, promesso.

    • Mary, 19 Gennaio 2020 @ 00:02 Rispondi

      Ciao @Elisabetta, ho letto la tua storia in questa pagine del blog, ma com’è che sei tornata nel tunnel? Leggendo i commenti indietro mi pareva che ne fossi completamente fuori, che ti sentissi liberata da lui. Mi dispiace per quanto ti è accaduto, per tutta la vicenda, ma non è che ti ha lasciata, non ti ha mai presa come compagna, ne come altro. Spero che questo lasciare sia un liberarti e che tu abbia la forza di sorridere alla vita nonostante tutto.
      Io ad un certo punto capii che non c’era trippa per gatti e provai a proporre un cambio del rapporto, diventare amici (veramente non per modo di dire), per non perderci nel nulla, potersi vedere alla luce del sole senza doversi nascondere (neppure da sua moglie), ovviamente senza sentirsi con frequenza, come accade tra persona adulte, ma mutando quello che era affetto, forma d’amore. Niente da fare o amanti o puoi tornare a essere nessuno. E così è stato.
      Non ti ho scritto parole allegre per tirarti su, perchè già di giri di boa mi pare ne hai fatti, e sai anche che è bella la libertà e la serenità che si può vivere da single, però anche se solo virtuale ti mando un abbraccio fortissimo!!! 😉

      • alessandro pellizzari, 19 Gennaio 2020 @ 09:30 Rispondi

        Molto saggia.sì l’amicizia fra amanti è impossibile

        • EP, 19 Gennaio 2020 @ 10:14 Rispondi

          @ale…credo sia stato lui a dire @mary o amanti o puoi tornare ad essere nessuno! Lei mi pare di capire avrebbe voluto tentare la via dell’amicizia…

          Cmq @Mary…meglio così! Nn è possibile l’amicizia tra ex amanti…o almeno nn nell’immediato…dopo tanto tempo nn so…forse!

          Anch’io ci ho provato…le ho provate tutte…mi dispiaceva davvero nn averlo più nella mia vita! È stato importante x tante cose… in un momento allo stesso tempo difficile e di rinascita x me! Amico…confidente… amante…mi piaceva la “sua testa” un misto fra seriosità e follia…mi piaceva il suo essere fuori da schemi prefissati!
          Quello che nn avrei immaginato è che lo schema più importante di tutti l’avrebbe lasciato immutato alla fine…pauroso ti ritrovarsi cn niente in mano nel caso in cui cn me nn fosse andata avanti (cosa altamente probabile viste le difficoltà dovute alla distanza)

          Come ti dicevo noi abbiamo provato a restare amici…a sentirci ogni tanto ..a scriverci x nn perderci di vista…ma il problema è che io rimanevo appesa ad una speranza e la mia vita nn andava avanti!
          Qnd l’ho capito ho deciso di troncare io! CDS estremo! Comunicato e condiviso! Con dolore ma definitivo!

          Ho la speranza che un giorno riusciremo a riallacciare un rapporto e che saremo due vecchietti che si scrivono scambiandoci i racconti delle ns giornate da pensionati…(ahahaha)…
          ora @Ale mi dirà che nn è possibile! Ma io nn sn una di quelle che crede alla rabbia cm strumento di Liberazione (se nn in un primissimo momento…dove capisco possa essere funzionale)
          X il resto sn estremamente convinta si viva molto meglio qnd nn si hanno rabbia, odio o altri sentimenti negativi che ti scorrono nelle vene!
          Io oggi sto bene…mi sento libera…nn sn arrabbiata cn nessuno…ho anche puntato un chiodo! Vedremo che succederà…
          @elisabetta è triste x la fine della storia successiva all’amante…LUI nn è lo stesso LUI!
          Ma ne uscirà… è forte…e superato il momento di tristezza ritroverà il bello della vita!
          Che ripeto…nn è solo avere un uomo! L’uomo è un plus…un pezzo del bello! Ma se nn c’è….nella ns vita ci dev’essere tanto altro di bello!
          Buona domenica a tutte…

          • alessandro pellizzari, 19 Gennaio 2020 @ 12:31

            Guarda, l’amicizia fra ex amanti è possibile in questi casi:
            1. Nessuno dei due vuole più scopare l’altro
            2. Nessuno ha da recriminare per il comportamento dell’altro
            3. Ci si è innamorati di un altro ma davvero la testa dell’ex ha una marcia in più e rimane un confronto prezioso ma disinteressato reciprocamente.
            Capisci che di casi così ce ne sono pochi. Io come al solito faccio eccezione ah ah ah

      • Elisabetta, 19 Gennaio 2020 @ 09:44 Rispondi

        Ciao @Mary,
        grazie per la tua amicizia, il tunnel è lontano per fortuna, a botta calda l’altra sera mi sono sentita teletrasportata nel passato, avevo paura di dover ripercorrere di nuovo tutta la strada per uscirne.
        Ieri @EP mi ha dato una svegliata e oggi sto meglio.
        “Il Gastrite” (si chiama così l’ex amante sposato) non c’entra, avevo iniziato un anno fa una nuova relazione con un uomo libero che però venerdì sera mi ha detto di non voler proseguire.
        Oggi sono un po’ stanca ma mi riprenderò, promesso, mi serve solo un po’ di tempo.
        Grazie @Mary, un abbraccio.

        • alessandro pellizzari, 19 Gennaio 2020 @ 12:19 Rispondi

          Perché non vuole proseguire?

          • Elisabetta, 19 Gennaio 2020 @ 13:33

            Ciao Alessandro,
            Non vuole proseguire per due motivi:
            il principale è che il suo sentimento non è cresciuto come invece il mio e questa differenza lo fa sentire in colpa per il fatto di non potermi amare e di non poter fare un salto in avanti nel rapporto, per farlo crescere in futuro, ha detto che in questo gap sono io quella che perde di più e che soffre, e lui non vuole che accada, perché mi vuole bene.
            Il secondo motivo è che essendo lui un padre single, con due figli adolescenti rimasti con lui dopo l’abbandono della moglie dieci anni fa, si sente diviso a metà con molti sensi di colpa verso i figli quando è con me, oltre alle preoccupazioni di dove siano e cosa stiano facendo, e quando invece non è con me si sente in colpa per il poco tempo che passiamo insieme.
            Abitiamo distanti, in due province diverse.
            Questo è quello che mi ha detto venerdì sera.
            Io non ho risposto, ho detto solo va bene, ero troppo sorpresa.
            Avevamo un nostro equilibrio, nei tempi, nella logistica, ci piacevano e non ci piacevano le stesse cose, avevamo le stesse abitudini, gli stessi interessi, mi ha aiutato tanto a smettere i panni della donna accudente, era assolutamente non accudibile e per questo era diventato l’eroe della mia psico, che tifava per lui.
            Un uomo generoso e gentile, è stato benvoluto anche dai miei famigliari.
            Mi spiace che sia finita così presto.

  • Ariel, 2 Novembre 2019 @ 14:07 Rispondi

    Già La Speranza è la ultima a morire
    Soprattutto quando si credeva di aver riposto la fiducia nel altro
    E ovviamente lo si credeva perché l’altro sembrava autentico e dimostrava tutte le sue migliori qualità

    Interesse verso di noi e quella reciproca intesa che si trasmette pure a parole scritte ad esempio quando si sta fisicamente lontani

    Così poi quando non ci sta più il reciproco alimentare lo stesso comunicare
    Il ponte della fiducia crolla e soltanto macerie restano a sepellire il dolore della delusione profonda
    Quello del essersi aperti con una persona che ne n ci meritava
    Falsa codarda vigliacco ,FINTO

    Forse uno non al altezza del nostro essere Donne piene di vero cervello sopraffino perché così ricco e variegato dalle onde piene di gradazioni colorate delle nostre vere emozioni di cuore.

    Così resta la delusione e la speranza in un primo tempo vissuto sgomente rifiutando che possa essere davvero così ancora che non sia vero quel suo essersi negato alla responsabilità del essere sincero aperto come è un Vero Uomo sempre capace di rispondere al richiamo di noi stesse sofferte e ferite ,ignorate da lui.
    Avevamo fiducia
    Ma ci sbagliavamo
    Confuse dalle sue maschere indossate una dopo l’altra con quella disinvoltura tipica di chi
    Non ha più la speranza di riusvire ad essere ciò che mai è riuscito ad essere
    VERO
    UN VERO UOMO.

    a volte la speranza così muore e viene sostituita da un altra frase interiore

    LASCIATE OGNI SPERANZA ,VOI ,CHE Ancora SPERATE

  • Sono io, 9 Agosto 2019 @ 14:28 Rispondi

    @Ale e ragazze, parto per le meritate vacanze…auguro a tutte voi vacanze serene e lontano da pensieri negativi.. buone vacanze a te Ale e alla tua famiglia…ci rivediamo a settembre tutte a casa di Ale….un abbraccio enorme!

    • alessandro pellizzari, 9 Agosto 2019 @ 14:55 Rispondi

      Serenità

      • Ariel, 9 Agosto 2019 @ 15:46 Rispondi

        Idem!

  • Piccola, 5 Luglio 2019 @ 16:15 Rispondi

    Vero Ariel, la cosa che mi dà ai nervi è questo loro girar la frittata…. insopportabile.

  • Sally, 4 Luglio 2019 @ 20:54 Rispondi

    ciao a tutti, leggo da molto tempo questo blog e ho deciso di vondividere la mia esperienza con voi. cerchero’ di essere breve. storia di tre anni, io libera, brillante, bella e con un lavoro importante. lui sposato da 22 anni, due figli gia adulti, moglie perfetta. la loro una unione fondata su tradizioni radicate e l’esigenza di mantenere una facciata di perfezione nel paesino tra parenti e amici di una vita. l’esigenza di mantenere una unione anche a causa di eredita’ e quindi anche una questione di soldi. la nostra una storia d’amore magica, una passione travolgente. tira e molla dovuti a sensi di colpa verso la moglie e forse di me. lei ci ha scoperto piu’ volte e sa che la nostra non e’ una storia di sesso ma un sentimento importante. lui non mi ha mai mentito. lei ha ammesso dopo un confronto di non voler lasciare il marito nonostante il tradimento ammesso. ho lottato per questo amore con tutte le mie forze. depressioni e malattia psicosomatiche. mi sono annullata completamente. nessuna vita sociale. vivevo per le sue telefonate e per i suoi messaggi e quei pochi incontri poiche e’ un “sorvegliato speciale” e nonostante sua moglie sappia tutto continua a controllarlo “disperatamente”. la loro e’ una unione finta e apparentemente serena. ripeto lui non mi ha mai mentito e mi ha sempre detto che sua moglie non merita di essere lasciata e lui non ha il coraggio cosi ci siamo “mollati” diverse volte..lui e’ sempre tornato perche’ la sua lacuna emotiva e’ piu forte del rispetto per la moglie. perche’ alla fine ammette anche lui di non essere felice ma di essere vittima del castello costruito in 30 anni di vita insieme. cosi ho mollato io dopo tanta sofferenza. ho trovato dei chiodini … amici che mi fanno ridere, che mi ascoltano e mi fanno tanta compagnia che finalmente dopo tre anni di depressione, solitudine e bassa autostima mi stanno aiutando ad uscire dal pozzo nero dove ero finita. piano piano sto risalendo alla luce…io e lui ci sentiamo ancora perche’ il distacco fa male e stiamo provando ad allontanarci con dolcezza consapevoli che il nostro e’ un amore impossibile. non tutti gli uomini mentono. il mio mi ha sempre detto la verita’ ma io speravo di mostrargli il mondo attraverso i miei occhi e convincerlo che con me avrebbe assaporato una seconda giovinezza. sono una bella donna e molti mi corteggiano. con lui avevo perso anche la stima in me stessa perche’ mi ero convinta che mi mancasse qualcosa per spingerlo a divorziare.. non e’ colpa mia, finalmente l’ho capito. credetemi non si puo’ descrivere la sofferenza… ora so che lui non sara’ mai felice perche adesso quando mi contatta le sue parole sanno di nostalgia e di consapevolezza che il mio amore sta finendo in una tomba per sempre. io sto rinascendo piu’ forte e lui lo sta avvertendo. sta relamente avvertendo che mi ha persa. non so cosa succedera’ nel futuro ma so di certo che io staro’ bene, sono ancora qui, piu’ forte di sempre, ricostruendomi..e lui stara’ sempre piu’ male… sempre piu’ triste…siate forti, non si puo’ morire per amore. bisogna vivere per continuare ad amare.

    • Ariel, 5 Luglio 2019 @ 01:44 Rispondi

      Aggiungo Sally che il Narcisita si presenta pure con la maschera di quello bravo onesto che ti dico subito che non lascio mia moglie

      Anche questo è purtroppo un classico da manuale del Narcisista seriale alla voce capitolo ” parac..o”

      Non faccio ripetere ciò che ho appreso studiando e dalla mia terapeuta e pure da un medico psichiatra che si occupa di questi soggetti o meglio delle famiglie di questi perché i Narcisisti non ci vanno dal terapeuta pensano che stanno benissimo e invece con le amanti e la moglie dicono che semmai sono loro che stanno male o che è colpa loro di qualunque cosa
      Tipici Girafrittate a gogo’

  • Nina, 4 Luglio 2019 @ 14:05 Rispondi

    @val, lui è tornato l’anno scorso dopo un mese di silenzio. Avevo lasciato mail e a sua richiesta di vederci avevo detto di sì. Ci sono ricascata in questo modo. Ora sono 3 mesi che non ci vediamo, due che ho bloccato telefono e uno che ho bloccato mail. Lui mi ha scritto finché non ho bloccato tutti i canali ma non mi ha chiesto di vederci e questo mi ha aiutata. Nonostante tutto quello che so se lo vedessi non so se resisterei e quindi mi proteggo così. Anche lui x me si è posto in modo totalizzante coinvolgendo tutte le sfere della mia vita. Ma io stavo male perché mi rendevo conto di essere un suo satellite, che io ero centrata su di lui ma lui mai su di me. E questo non dipendeva da situazione ma da come lui è e non sarebbe mai cambiato. Una persona poco generosa in definitiva. Io mi sono sentita trascurata e trattata male. E poi chi ti ama non ti lascia ridurti così. Guarda, ci scommetto che lui sarebbe tornato indietro o fuggito se avessimo convissuto e quindi sono fuggita io prima di essere abbandonata. Io in ogni caso non mi fidavo. Ora lui volendo potrebbe anche cercarmi tramite altri canali ma spero non lo faccia..e penso anche che non lo faccia perché sa che x farsi ascoltare dovrebbe stavolta fare un lavoro su se stesso tale che alla fine è più comodo cercarsi un’altra. Non mi stupirei se già ci fosse perché non me lo vedo senza donne e anche tornare dalla ex sarebbe faticoso. Probabilmente è già lì che piange sulle spalle della sua prossima amante x farsi consolare x quanto sono stronza io..se voleva stare con me doveva semplicemente amarmi. Se ami i conti tornano e non servono tante parole…tieni duro e scrivi.

    • Val, 8 Luglio 2019 @ 17:47 Rispondi

      @Nina grazie per le tue parole. Bisogna tenere duro. Io oggi sto iniziando la terza settimana di silenzio assoluto, ma è una giornata particolarmente difficile, non so perché. Ho il suo pensiero fisso, una mancanza stratosferica e soprattutto non mi da pace l’idea che non si stia facendo sentire.
      Vorrei chiedergli come ce la possa fare. Ho anche il timore che, se non si fa sentire adesso, non lo farà più.
      Ovviamente non gli scrivo, mai e poi mai romperei il silenzio.

  • Sono io, 4 Luglio 2019 @ 10:43 Rispondi

    @Val e @Nina…questi uomini ambivalenti vanno lasciati soli e il nostro riscatto non è saperli piegati dal dolore ma saperli con la donna che hanno tradito. Perché usano il tradimento per sopravvivere, a loro stessi, alle loro fragilità. Ogni tradimento è una dose di autostima. Sono fragili dentro. Noi ci spezziamo ma loro si frantumano.
    La verità poi trova sempre il modo di uscire. Sempre. Noi non possiamo vedere le conseguenze del nostro abbandono, ma ci sono, ci sono eccome. Pazienza. Magari tra qualche anno li rincontreremo e capiremo. Ad ora facciamogli godere la loro tarda adolescenza e facciamoci trovare belle, forti e innamorate della vita!

  • nina, 3 Luglio 2019 @ 21:55 Rispondi

    Rispetto alle uscite e alla vita sociale…dipende un po’ anche dal carattere e dal momento. io sono in terapia e ho voglia di riflettere e stare in compagnia di me stessa, non vedo molte persone, sicuramente questa storia mi ha anche fatto capire l’importanza di avere persone che anche se non sanno tutta la storia mi vogliono bene e mi fanno stare bene. io non ho voglia di uscire più che tanto, sono un po’ un animale ferito al momento e quindi mi lecco le ferite, ma il mio bisogno di solitudine nasce anche dalle tantissime energie che ho speso, non dal fatto di essere depressa. devi capire @val se rischi la depressione o se è un normale lutto, e farsi aiutare è importante. io sinceramente non credo che ce l’avrei fatta senza di voi e senza terapia. non che io ne sia fuori, vacillo ogni giorno ed è sempre il mio pensiero dominante, ma anche perchè lo stesso fatto di dovermi difendere da lui fa sì che ce l’abbia sempre in testa, ma più come pericolo e paura che come desiderio. non vedo l’ora di tornare a vivere in modo più rilassato, senza ogni giorno temere il contatto o l’incontro. 9 giorni non sono nulla, credo che prima di un mesetto sia difficile sentire i benefici, ci sono e ci saranno ricadute, ma più lo tieni lontano più in fretta farai. poi dipende anche da come è lui. il mio è una persona che per il mio bene dovrò mantenere sempre a distanza perchè è davvero come una droga.

    • Val, 4 Luglio 2019 @ 08:45 Rispondi

      @Nina grazie a te per la tua condivisione.
      Incredibile come in realtà molte storie si somiglino, per quanto con loro ci convincessimo di quanto fossimo unici, speciali e diversi dal resto del mondo.

      Anche qui scatta, ad un certo punto, uno stop all’idealizzazione della storia e del personaggio.

      Anche io ho iniziato la terapia, per mia natura non tendo alla depressione, sono vulcanica, resiliente e molto socievole.
      Credo che, come sta succedendo anche a te, sono solo in una fase solipsistica, di ricerca e contatto con me stessa e le mie emozioni. Tornerà il tempo della vita sociale, non penso che bisogna a tutti i costi ricercarla. L’importante è ritrovare se stessi e la propria dimensione di vita.
      Credo che siamo sulla buona strada. Tutto poi verrà da sé con il tempo ed il silenzio.

      Nina, posso chiederti se in questi tuoi 3 mesi di silenzio lui è apparso?
      Anche il mio per me è come una droga. E la cosa che mi fa inalberare di più è che lui si è voluto costituire come nucleo centrale della mia vita, ergendosi a punto di riferimento (dunque non solo un “fidanzato”) amicale, professionale, emotivo, familiare.
      Quindi quel suo fuggire con 4 parole per giunta scritte “si è spento tutto, non ci sono motivi per sperare” mi ha esterrefatto, mi ha lasciato attonita. Non me lo aspettavo da lui come persona di valore che credevo di aver conosciuto e che stimavo.

      Hai ragione tu, in questi casi, bisogna mantenere distanza totale. Ma come si fa se tornano e noi ancora non siamo del tutto centrate su di noi?

  • nina, 3 Luglio 2019 @ 21:48 Rispondi

    @val, ho letto la tua storia, la mia è in parte simile alla tua e a quella di @sono io, che ti ha risposto. vorrei dirti tante cose..io sono quasi a tre mesi di silenzio, dopo una storia di due anni quasi coronata da sua uscita di casa, che è stato l’inizio della fine. io a differenza di @sono io non ho scoperto con certezza tutte queste balle, ma dopo tanti tira e molla e soprattutto dopo tanta sua incertezza (che lui esprimeva come bisogno di riflettere, solitudine, pace interiore, chiarezza…) qualcosa in me si è spezzato. sono stata io a mollare non riuscendo a fidarmi e ogni tanto mi viene il dubbio di avere sbagliato, ma ogni volta che ci penso mi dico anche che in fondo in 40 anni non ho mai fatto grossi errori a valutare le persone fidandomi del mio sesto senso, e solo con lui ho forzato la situazione mettendo a tacere in me la voce della sfiducia, che penso fosse quella giusta. non posso scendere in dettagli ma a fronte di troppe dimostrazioni di egoismo e non amore, spacciate come momenti difficili che sarebbero passati, io non ho saputo resistere. anche perchè i momenti difficili li abbiamo tutti, ma io nei momenti difficili non faccio sentire sola la persona che amo, e quindi desidero per me lo stesso trattamento. non mi sono mai sentita sola e triste come con lui. ora bene non sto ancora, logicamente, ma posso dirti che ho pianto sicuramente più quando stavo con lui e non mi sentivo amata di quanto ho pianto dopo. certo ci sono stati e ci sono momenti tremendi, ancora adesso, però va un po’ meglio. come in tanti casi anche noi avevamo 20 anni di differenza e io ho preso per freschezza quella che era solo immaturità. un uomo di 60 anni, pur vitale e pieno di progetti, non può essere come uno di 20-30 e se lo è secondo me un problema c’è: non è mai cresciuto. questo non vuole dire che un uomo di 60 anni e più non possa essere giovane e affascinante, come il nostro padrone di casa, ma non può essere fragile e banderuola come un adolescente. può avere le fragilità di un uomo adulto, non quelle che non hanno nemmeno i miei coetanei. io purtroppo sto diventando spietata, ma mi rendo conto che la sua vita è stata un fallimento (lo dice lui e me ne dispiace) ma io come dici tu @val non posso gestire tutti i suoi casini. non ho la forza e la pazienza per un uomo irrisolto a questo punto della mia vita. in ogni caso per noi la differenza di età ha creato uno squilibrio enorme perchè di fondo riteneva i suoi interessi (soprattutto economici) e le sue priorità (lavorative) più importanti delle mie. non lo ha mai detto, ma ha agito in modo che era chiaro che prima veniva lui e poi io, per tutta una serie di motivi più che rispettabili, ma barbablù non fa per me…

  • giovy, 3 Luglio 2019 @ 16:28 Rispondi

    Dobbiamo proteggerci e volerci bene.
    Grazie per queste parole: da circa un mesetto leggo regolarmente questo bellissimo blog (grazie Alessandro) e in questo istante queste parole le faccio mie.
    Mi stavo ficcando in un pasticcio, sentivo già la sofferenza sul collo. Ho deciso di chiudere, senza troppa indecisione. Oggi sono stata costretta a rivederlo, per una collaborazione professionale. Freddi ma cortesi entrambi. Giusto così.
    Val, se tu aiuti me io aiuto te (si fa per dire, ognuno fa come crede), ma, se ce la fai, il blocco deve essere totale e il taglio netto. Fa un male cane, ma non va in cancrena.
    Grazie

    • alessandro pellizzari, 4 Luglio 2019 @ 06:59 Rispondi

      Grazie a te

  • Sono io, 3 Luglio 2019 @ 13:48 Rispondi

    Consiglio WhatsApp….io l’ho cancellato, non bloccato e ho messo visibile il mio profilo solo ai contatti. Ci sono riuscita dopo un mese. Il suo numero lo so a memoria ma non l’ho più messo in rubrica. Ora vado veramente su WhatsApp solo quando suona per un messaggio…stava diventando una droga anche quello. La tecnologia porta ad un controllo ossessivo. Ora mi capita di uscire e lasciare il telefono a casa in ricarica…fantascienza fino a 3 mesi fa!

    • alessandro pellizzari, 4 Luglio 2019 @ 07:02 Rispondi

      Giusto e ottimo consiglio

      • Val, 4 Luglio 2019 @ 08:26 Rispondi

        @Sonoio grazie per il consiglio whatsapp. Lo tengo a mente e magari da qui ad un mese mi verrà voglia di cancellarlo.
        Cmq è incredibilmente distensivo connettersi solo quando si riceve una notifica… e non stazionare lì inutilmente.

  • Val, 3 Luglio 2019 @ 10:58 Rispondi

    Grazie mille ragazze per le vostre testimonianze ed il vostro sostegno. Mi danno forza e motivazione. Sono giorni faticosissimi, forse perché sono solo i primi 9? Quando si comincia a stare meglio?

    @Piccola, sto cercando di smettere di fare orbiting, ho rimosso il suo account fb dal mio Mac. È già qualcosa!!!
    Resta whatsapp, ma bloccarlo mi sembra inutile, del resto non mi scrive più. O voi dite che è un’alibi perché così in realtà spero sempre che possa scrivermi? Si forse è così.

    @SonoIo grazie per aver condiviso con me la tua storia. Tempo per me stessa si, hai ragione, ci provo, ma non ce la faccio a cancellare tutto.
    Poi ho la casa invasa di lui. 3 quadri giganti alle pareti che mi ha regalato, set e accessori vari… sto cercando di elaborare anche il senso e la funzione di questi oggetti a prescindere da lui. Vedete voi che lavoro che tocca fare!!!
    Io all’inizio, quando ancora ero quella forte e non innamorata, gli avevo, non a caso, detto che non volevo che entrasse a casa mia e che vivesse il mio mondo ed il mio spazio. Perché poi sarebbe stato un dramma.
    Ma lui mi convinceva dicendomi che nella mia vita – e nel mio appartamento – avrebbe portato solo amore, fiducia, positività e presenza.
    Adesso vedo solo la sua fuga ed il vuoto.

    Non intendo più farmi trovare. So che lui è consapevole del valore sta perdendo, perdendo me. Non è stupido, è solo vile.

    Ragazze, grazie di cuore. Col vostro aiuto – e con i suggerimenti di Alessandro – mi devo proteggere dal suo ritorno eventuale e anche da quelle promesse assurde, o da eventuali uscite da casa e ripensamenti… tutte quelle cose strazianti che ringrazio il Cielo di essermi finora risparmiata.
    Poi io ho 33 anni, ho già avuto i miei drammi esistenziali, la vita mi ha già ferito, non posso farmi anche carico di una vita così pesante come la sua.
    Immagino solo le figlie… che adesso stravedono per me, se solo sapessero che il padre si separa e poi io compaio nella nuova veste di compagna….
    Minimo da amiche diventerebbero le peggiori nemiche, tutto il loro odio verrebbe fuori come il Demorgone di Stranger Things e mi risucchierebbe!
    E la moglie tanto buona e cara, tanto indifferente a lui, farebbe uscire un altro lato di sé che io non sarei disposta a reggere. Sono troppo armonica e sensibile per trovarmi in situazioni da grida, violenze, insulti, mancanze di rispetto e Dio solo sa cos’altro…

    Tutto questo mi terrorizza e mi fa sentire fortunata di essere qui, di essermi in qualche modo salvata in tempo. Anche se adesso ancora non lo capisco perché ci sono troppo dentro.
    Ma mi ripeto sempre che la mia Me di domani mi ringrazierà.

    Dobbiamo proteggerci e volerci bene.
    Grazie per il vostro supporto prezioso!

    • alessandro pellizzari, 3 Luglio 2019 @ 12:38 Rispondi

      Ogni giorno si sta meglio ma dipende anche da cosa fai tu: esci? Ti distrai? Perché se vivi pensando a lui il tempo si dilata. Dopo il primo mese si sta meglio. Whatsapp puoi tenerlo ma serve sono per aggrapparti alla speranza. Però è normale è presto. Il codice del silenzio più e assoluto e ininterrotto più funziona

      • Val, 3 Luglio 2019 @ 13:11 Rispondi

        Alessandro, io faccio poco, il minimo indispensabile perché non ho forza né voglia. Tutte le mie energie sono coinvolte nel processo di accettazione ed elaborazione della fine. Esco poco ancora. Sì provo a distrarmi, anche con l’aiuto dei miei amici, dei libri, dei film, però non è facile. Comunque il pensiero va costantemente lì e ci nuoto dentro. Quello che cerco di fare è di rendere queste riflessioni il più possibile costruttive ed utili per me, per comprendere che ho fatto la cosa giusta, che andava fatta.
        Alla fine io dentro quella relazione, a quelle condizioni, stavo male, eppure perché ne sento così tanto la mancanza e soffro così? Dovrei sentirmi bene, più leggera e serena, sono finite le ansie da separazione, l’angoscia dell’abbandono… invece niente. Sto comunque male.

        • alessandro pellizzari, 3 Luglio 2019 @ 16:40 Rispondi

          Fatti aiutare

  • Love, 3 Luglio 2019 @ 10:30 Rispondi

    Non molla, passa tutti i giorni, e da quando sono tornato dalle vacanze, in questi due giorni, mai occasione di parlarci, da parte sua un sorriso spento.
    Questa mattina ci siamo parlati…
    Mi dice che lui si è tranquillizzato e stanno parlando tanto.
    Mi è venuto spontaneo chiedere…”ed io, non ci sono o sarò più?”
    E lei mi ha risposto: ” ti ho forse detto questo?, è un periodo di stallo!”
    Le ho risposto solo che io non mollo, ci tengo davvero a lei, e credo nella nostra relazione.
    Il suo sguardo è cambiato, e ritornato quello dove guardandoti in quel modo, ti dice “ti amo”
    È difficile vederla così…

    • alessandro pellizzari, 3 Luglio 2019 @ 12:33 Rispondi

      Vedremo. Fatti non parole o sguardi. Non si vive di sguardi. a lungo almeno

      • Love, 3 Luglio 2019 @ 12:43 Rispondi

        Lo so Alessandro…e capisco cosa vuoi dirmi

  • Piccola, 2 Luglio 2019 @ 14:32 Rispondi

    Val, ha ragione Alessandro quando scrive che i comportamenti di molti uomini in questa situazione sono simili. Fino ad Fino ad un mese fa lo leggevo ma faceva male. Forse non amano, o il loro amore è di carta velina ( come Ale ha scritto a me giorni fa). Il mio, come il tuo, ha passato la sua settimana da Leone facendomi credere di uscire di casa e di amarmi alla follia. Era tornato dopo mesi di silenzio e nessuno glielo aveva chiesto. Ha rotto le scatole, mi ha voluto nella sua vita di nuovo , nonostante tutto…e poi? Si è dileguato (di nuovo) seguendo lo stesso copione dello scorso anno. IDENTICO. Ho pianto per due giorni, anche davanti a mio marito…poi ho capito che non ne vale più la pena. Ha cominciato a scattare in me quel relè qui più volte descritto. La cosa che mi ha aiutato è cominciare ad accettare che non mi ama, che non mi merita, che è un piccolo uomo che ha l’unica donna che può stare al suo fianco. Io sono troppo per lui. Non devi più fare orbiting. Mai più. Da quando ci sto riuscendo mi sento libera. Lo penso anch’io e mi domando come te come si faccia a distaccarsi così, in pochi istanti, dopo aver dichiarato tutto l’amore di questo mondo. Penso sia un comportamento meschino. Allora non aspetto più. Vivo e guardo tutto quello che lui ha cercato di offuscare con occhi diversi. Tanto stai tranquilla che tornano ma non vogliono nulla. Non puoi aspettare, non vivere i tuoi 33 anni per uno che tornerà ma si ripresenterà come prima. Ti prego, non farti trovare.

  • Val, 2 Luglio 2019 @ 08:51 Rispondi

    Grazie!
    @Alessandro, ma come faccio a non fare orbiting? È più forte di me. Guardo le sue connessioni whatsapp costantemente ed ho ancora anche gli accessi al suo fb (si connetteva dal mio pc) e non riesco ad eliminare l’account. Forse mi serve ancora qualche giorno.

    @Sono io, prima di mettermi con lui, da amica inconsapevole, sono stata ospite a casa loro e ho conosciuto la moglie. In effetti fanno una vita da separati in casa, non si stimano e non si cercano. Inoltre lui vive il lavoro con una dedizione totalizzante, lo so perché l’ho seguito nei suoi progetti per un anno.

    Detto ciò, però hai ragione tu. Non soffre quanto me, non gli manco nella forma in cui lui manca a me, ha rinunciato a me ed è un pusillanime.
    Tu ne sei uscita? Dopo quanto? Lui ti ha reso la cosa difficile, tornando? Posso chiederti come stai adesso? Io quello che più spero adesso è che, quando e se mai tornerà (una parte di me crede di non vederlo mai più), io sia già abbastanza forte e centrata da non provare più nulla e non volerlo più accogliere. Vorrei raggiungere l’indifferenza, superare questo attaccamento così forte e insopportabile.

    Non mi dispiacerebbe recuperare un rapporto di amicizia (eravamo anche questo), anche se so cosa ne pensa Alessandro e ho ben letto l’articolo sugli amanti non amici.
    Io però con i miei ex, per esempio, sarei capace e felice di tornare amica. Sono loro che non hanno mai voluto.

    • alessandro pellizzari, 2 Luglio 2019 @ 11:51 Rispondi

      Datti tempo sei ancora molto Dipendente da lui ma no farti sensi di colpa è normale. Fai come con le sigarette: una in meno al giorno un accesso in meno al giorno

      • Val, 2 Luglio 2019 @ 12:57 Rispondi

        Non posso dirvi che felicità e che sollievo leggervi.

        @Alessandro, sì sono ancora dipendente. Ho infatti già ripreso il percorso di analisi. Per velocizzare il processo di guarigione. Vale il mantra “Solo per oggi. Un giorno alla volta”.

        @Oldplum leggo tutti i tuoi commenti con grande interesse ed attenzione. Ti stimo! E hai una gran ragione… dovrebbe rimanere vedovo… ed in ogni caso invece non vorrei lo scarto di un’altra. Poi io sono una persona troppo in gamba per accontentarmi di lui, non capisco perché mi ostini a non comprenderlo. E a volerlo a tutti i costi.
        Impossibile pensare che trovi la forza di cambiare vita, vero?
        Finora, mi raccontava, ha sempre tradito ma con scappatelle di max 2/3 gg. Io sono stata la sua unica vera “storia”. Forse anche per questo ho creduto che potesse scegliermi.

        @Lei, vado avanti, ogni giorno più consapevole di aver fatto benissimo a chiudere, tuttavia sì… aspetto un suo ritorno. Dove però mi piacerebbe poi non farmi trovare come lui pensa.

        Da qui, l’importanza del percorso, che lo si faccia scrivendo, leggendo e trovando sostegno e solidarietà in un blog Smart come questo, che lo si faccia con l’analisi o con la solitudine ed il ritrovamento della propria individualità, l’importante è iniziarlo. E rimanere coerenti il più possibile.
        Temo sia peggio di una dieta, peggio dell’alcolismo.
        Sì, ricadere in una bottiglia può fare male, ma dopo un paio di gg, elimini l’alcol dal corpo e puoi riprendere il cammino. Mentre una ricaduta affettiva poi cosa comporta? Come si fa? Riprendere il percorso è ogni volta più arduo.

        Io so che avevo già chiuso a maggio, ero già convinta della scelta e mi stavo fortificando con il silenzio. Poi lui torna, viene nella mia città ma io resisto e resto ferma. Torna ancora e mi propone addirittura un viaggio, mi implora di andare per provarci ancora. E in quel viaggio mi dice la fatidica frase “la crisi è già in atto, dammi due mesi e te lo dimostro”.
        Per la prima volta mi da una tempistica vera, misurabile.

        Decido quindi di credergli, non lo avevo mai visto così risoluto. Di dargli questi due mesi, seppur senza più perdere il mio punto di vista critico.
        Non so cosa sia successo, al rientro in Italia, dopo tanto dichiarato amore e fattiva determinazione.
        In una settimana, si è piano piano eclissato, con poche chiamate e contatti, fino a dirmi solo una sconcertante e triste frase di congedo via whatssap, sollecitata da una mia telefonata in cui gli chiedevo come mai non ci stessimo sentendo, dopo quanto discusso e concordato in viaggio. E se per caso fosse cambiato qualcosa. E di avere la decenza di dirmelo perché non avrei voluto rimanere appesa neanche un giorno di più. Meno che mai in estate.
        A quel punto, ho capito che non ce l’avrebbe mai fatta e ho chiuso, questa volta in modo netto e definitivo. Me l’ero immaginato forte e compagno, invece è debole e solo, avvolto in se stesso.

        Come ha detto Oldplum in un suo commento ad un altro post, non so quanti muri dovrà abbattere, se mai tornerà, prima che io possa anche solo rispondergli e rivolgergli la parola.
        Quindi forse meglio che non torni e se ne stia lì, dentro una campana di vetro ovattata, devoto allo spirito di sacrificio per una casa in provincia che si è costruito e deve mantenere e per le figlie che tra poco non avranno più neanche tanto bisogno di lui.

        In realtà, a pensarci bene, la condizione peggiore, mortificante per l’anima, è la loro, noi siamo fighe e libere di rinascere.
        Però intanto, non so per quale scherzo del cervello, siamo qui che ancora aspettiamo non si capisce cosa. Io per esempio sto passando un sacco di tempo da sola. Non riesco e non ho voglia di riprendere una normale vita sociale.
        Non so se ci siete passate anche voi…

        • Dispersa, 2 Luglio 2019 @ 16:48 Rispondi

          @Val …. Lo sò che sembra impossibile ma non c’è nulla di nuovo nel tuo amante e nel suo comportamento.
          Mi auguro che con il tuo silenzio lui possa fare chiarezza, ma sono egoisti e quasi sempre scelgono la famiglia, figli, moglie e una vita che alla fine tanto male non è!!
          Magari il suo rientro in italia ha solo riscatenato le sue paure, i suoi sensi di colpa, mettici una moglie sospettosa ….
          Ricorda che non si è mai vecchi per ricomincire, è solo una scusante!!
          Rimanere amici? È dura …. Una nostra debolezza e un loro punto di forza!
          Sei libera? Allora ritorna ad esserlo e liberati da quelle manette che ti ha messo ai polsi.
          In bocca al lupo e scrivi …. ti farà solo bene!!

    • Sono io, 2 Luglio 2019 @ 13:19 Rispondi

      Val ascoltami. Punto per punto.

      1. Anch’io li vedevo insieme e ci credevo a quanto mi raccontava. La vedevo triste e dimessa, apatica in realtà è apparenza. Non sono mai stati quello che vedevo io o quello che voleva farmi credere lui.

      2. 18 anni di differenza. Per due anni amanti tira e molla ad ora penso lui avesse in piedi una precedente storia. Penso. Comunque da dicembre 2018 lui cambia. Tempo, viaggi, promesse e si dichiara innamorato. A giugno scatta il mio silenzio annunciato. Parto. Si presenta dopo una settimana dicendo che si era separato. Balle. Sapevo e lo sentivo ambiguo ma dovevo toccare il fondo. A settembre prende una casa in affitto. A novembre mi dice che non se la sente. Distrutta. Torna dopo un mese dicendo che era fuori e che con me sarebbe un uomo migliore. Iniziamo una terapia di coppia da lui voluta. Tre mesi fuori casa e due passati a ricostruire con la ex. Raccontava balle su di noi del tipo che era uscito per fare chiarezza, non stava bene e andava in terapia per capire…balle bugie e basta.

      3. Morale. Ho amato alla follia questa specie di bambino travestito da uomo. Io mamma separata gli ho dato anima e corpo. Se lo avessi lasciato a giugno sarebbe rimasto il mio amore per sempre. Se lo avessi lasciato a dicembre avrei pensato che forse lo avrei cambiato così l’ho visto in faccia.
      Per dirti che ognuno di noi trova il suo limite. Però ascoltati le risposte le hai

      Come sto? A tratti bene a tratti male. Mi manca cazzo. A volte si. A volte piango. Ma so che non farà più parte della mia vita. L’amore è travolgente e se le cose le devi ottenere a fatica…beh credimi, quella fatica ti ricadrà addosso.

      Lui può stare senza di te. Se non esce può. E tu non chiederti perché o come fa o sperare stia male. Pensa che.non ti vuole se non come stampella alla sua vita. Vuoi questo? Cancella tutto. Io ho cambiato telefono, pass, sono uscita da fb. Reset.

      Tempo e amore per te stessa.

      Ti abbraccio

      • Luce, 4 Luglio 2019 @ 11:47 Rispondi

        Chiarissimo il messaggio
        ”lui può stare senza di te. Se non esce, può .”

  • LEI, 2 Luglio 2019 @ 07:08 Rispondi

    Val ti comprendo benissimo, perché il mio amante è molto simile al tuo.
    Ma purtroppo viviamo in una società che, per quanto si professi laica, è fortemente permeata di spirito di sacrificio e abnegazione, che dà ai sensi di colpa un potere immenso e mortifero.
    Per il pensare comune i coraggiosi sono quelli che fanno della rinuncia la prima virtù, perché abdicano al loro egoismo. E intanto muoiono dentro.

    Come ben scrivi, ci sono quelli da sempre rassegnati all’infelicità. Ecco, il tuo amante come il mio, giustificheranno la loro rinuncia con il sacrificio, l’altruismo. E in questo si sentiranno più forti e migliori.

    Tu, sei hai deciso che chiudere è l’unica soluzione, prosegui su questa strada, senza pensare a cosa sta provando lui.
    E’ probabile che torni a cercarti, e io non credo che tu abbia smesso di aspettarlo…

    • Whiterabbit, 2 Luglio 2019 @ 12:00 Rispondi

      IO chiedo scusa per quello che sto per scrivere, non vorrei che essendo una moglie le mie parole venissero travisate, ma SPIRITO DI SACRIFICIO E ABNEGAZIONE significano: non sto bene nei miei panni ma ci sto perché è giusto e lo faccio con rispetto.
      Stare a casa e scopare fuori per me ne ha poco dello spirito di sacrificio..

      • Ariel, 2 Luglio 2019 @ 15:23 Rispondi

        Cara White
        Anche a te dico scrivo esprimo di emozione positiva che mi nasce spontanea dal cuore

        Smetti di scusarti perché sei una moglie

        Qui credo che la nostra Bellezza nel Blog e nella vita tutta sia di essere Persone diverse ,e per questo Bellissime tutte ognuna con la propria luce e talento e esperienza di vita

        Allora incoraggiando te a esprimerti libera di farlo spontanea portatrice di Bellezza della tua esperienza
        Che è unica come lo è per ciascuno di noi la propria

        Il confronto resta utile e bello quando non ci si deve scusare per chi si è

        Quando non ci si deve schierare di qua o di la

        Ma ascoltare
        E leggere e rispondere,che bello come ci viene

        LIBERE vi prego LIBERE almeno qui!!!!!!

      • LEI, 4 Luglio 2019 @ 07:35 Rispondi

        Non è così semplice.
        Rinunciare all’altro a volte diventa impossibile. L’unica cosa che si può fare è esserci fisicamente, prendersi le proprie responsabilità all’interno della famiglia, pur avendo il cuore da un’altra parte.
        Lo “scopare” fuori è il meno, te lo assicuro.

        • Whiterabbit, 4 Luglio 2019 @ 11:54 Rispondi

          Mah.. @Lei non ne sono così convinta. Ho dimenticato di aggiungere che SPIRITO DI SACRIFICIO E ABNEGAZIONE potrebbe anche essere assumersi la responsabilità e le rotture di coglioni di un divorzio per la serenità e la felicità della donna che amano davvero.

        • Micaela1782, 4 Luglio 2019 @ 12:08 Rispondi

          Concordo… lo scopare fuori è davvero il meno.rinunciare all’ altro diventa impossibile non perché lo si ama ma perché lo si vede come un ancora di salvezza. Bisogna stare attenti però alla dipendenza emotiva

        • Whiterabbit, 4 Luglio 2019 @ 12:24 Rispondi

          Per me la menzogna e il prendere in giro persone ignare, che possono pure avere 1000 difetti, ma sono per lo più inconsapevoli, non può in alcuna maniera rientrare nello spirito di sacrificio. Non può in alcuna maniera mai essere riconosciuto come a fin di bene. Di chi?? Dei figli? In questo non concordo affatto con la teoria di Alessandro, che pure stimo molto, perché in questa maniera si vive una vita di bugie che PRIMA O POI CROLLERANNO e se si scopre di essere stati presi per il culo 10/15/20 anni le conseguenze emotive sono devastanti.
          Il divorzio dei propri genitori è brutto, ti segna, ma è reale non una finzione. Dai divorzi dei genitori, ci si riprende se poi i genitori dopo non si comportano come delle teste di caxxo. Per me è stato difficile, ma mio padre per molto anni è quasi sparito. Conosco ottimo padri separati che riescono a prendersi cura della propria famiglia, e superato lo shock iniziale, tutto va al proprio posto.
          Secondo me la verità di chi dice che non può per i figli ha solo paura, non di far male ai figli, ma di essere stigmatizzato dai figli stessi e dalla società. Semplicemente si vergogna! Ma come puoi vergognarti di un sentimento sincero? Se ci si vergogna di ciò che si sta facendo forse è già indizio che noi stessi non ne siamo convinti… le persone felici e serene non provano vergogna..

      • Sono io, 4 Luglio 2019 @ 10:51 Rispondi

        @whiterabbit…concordo…puro opportunismo nascosto dietro i più nobili motivi. Se ami i tuoi figli, rispetti la loro madre (parlo di tradimenti che sono più secondi matrimoni) e non rendi partecipe un estranea delle dinamiche famigliari. Si protegge ciò che si ama…in effetti loro proteggono loro stessi!

  • Val, 1 Luglio 2019 @ 17:55 Rispondi

    Ciao Alessandro, ciao ragazze! È da più di un mese che leggo il blog quotidianamente, seguo le vostre testimonianze e ne traggo stimoli, forza e strumenti pratici di gestione, oltre a percepire tanta intelligenza, autenticità e sensibilità,

    Non vorrei dilungarmi troppo con la mia storia, vi dico solo, in breve, che sono alla 1a settimana di silenzio assoluto (dopo esserci fermati, una prima volta, di comune accordo a maggio, dopo un suo ritorno ed anche un weekend in Belgio in cui mi ha implorato di andare per dargli un’altra chance, che per me sarebbe stata comunque l’ultima).
    Specifico che lui mi ha amato in modo forte e sincero, tuttavia, poveraccio, non ce la fa. 52 anni, sposato/separato in casa, 3 figlie. Con il desiderio forte di avviare nuove imprese professionali, con il sogno di volare, ma l’incapacità di indossare le ali.
    Io 33 anni, autonoma e libera per eccellenza, vivo in un’altra città, e sono stata – a suo dire – il grande amore della sua vita, la rivoluzione e la speranza.
    Quando però si ha paura di vivere, spiace per loro, c’è poco da fare.
    Ecco perché – anche se sto soffrendo molto il distacco e l’assenza – sono felice e sollevata di non essere più lì, in attesa di progetti teorici futuri e, quasi certamente, vani. Per amarlo, mi stavo infatti snaturando.
    La domanda che vorrei farvi, in base alla vostra esperienza ed ai vostri vissuti, è: per un uomo che ha amato in modo profondo e che – rassegnato, disarmato – dinanzi alla nostra, improvvisamente lucida, chiarezza (dentro o fuori), rinuncia, come trascorre e cosa accade nella fase del Silenzio?

    Inutile dire che, come tante di noi, anche io ho iniziato il silenzio pensandolo e confidando in un suo ritorno… Ma da parte sua, anche lui, in questi gg, sta facendo silenzio assoluto.
    So che non ho a che fare con un egoista né con un narciso, è un animo buono, solo che vive la vita come un sacrificio costante e non ha la forza di cambiare il suo destino…. Voleva trovarla con me, ma io non sono riuscita ad avere tutta questa pazienza (il nostro amore è durato 1 anno e 4 mesi tra giorni di immensa meraviglia e settimane di dolori ansiogeni e frustranti).

    Sono finalmente lucida e consapevole di me e preferisco quindi adesso, di gran lunga, soffrire ma con un fine vero, concreto, che questo blog e le vostre storie dimostrano: uscire dal tunnel, raggiungere la catarsi e finalmente, quanto prima, rinascere.
    Non sento, in questi gg, l’impulso a chiamarlo meno che mai a scrivergli. Credo di potercela fare a non fare mai più io una prima mossa di contatto.
    Però lo penso sempre, lo sogno ogni notte da 7 notti, e faccio per giunta orbiting attorno a lui. E mi chiedo come sia il suo Silenzio. Non lo ritengo un uomo banale da rima baciata AB-BA, vorrei intuire il suo Stato d’animo, capire se sta facendo anche lui un percorso dentro se stesso o se ha semplicemente deposto le armi. E vive e si gode il sollievo dai momenti di incertezza che gli ho creato chiedendogli di scegliere, a lui che non sa farlo. In attesa magari che la paura gli passi, che il mondo e la casa e la sua città di nuovo gli si stringano addosso, e che torni quindi a cercarmi.
    Difficilmente credo che tornerà con i fatti, ecco perché ho già smesso di aspettarlo e spero di rinascere quanto prima.
    Però mi chiedo quali siano gli effetti del silenzio su chi, da sempre, è rassegnato all’infelicità, eppure un motore acceso dentro, che lo induce a cercare anche la gioia per sé, in realtà ce l’ha. E con me aveva intrapreso questo viaggio.

    Grazie per i commenti e i pensieri che vorrete condividere con me.
    Siete una bellissima risorsa e sono felice di aver scoperto il blog di Alessandro che, insieme al mio nuovo percorso terapeutico, sono la svolta!

    • alessandro pellizzari, 1 Luglio 2019 @ 22:22 Rispondi

      Benvenuta. Intanto non fare orbiting perché rende meno forte il tuo silenzio. Lui che pensa? Cosa gli conviene. Cogliere la palla al balzo e liberarsi di un’amante per quanto apprezzabile scomoda o vedere se ti può recuperare, magari facendoti rifare l’amante

      • Piccola, 3 Luglio 2019 @ 14:55 Rispondi

        Quindi Alessandro, balle quando dicono ” Amore della vita” perché uno non può stare senza il suo amore! L’ultima volta che ha detto che non mi avrebbe più chiamato il giorno dopo non ha mantenuto la promessa dicendomi che gli sembrava una forzatura non sentirmi, che andava contro se stesso. Un mese dopo, beccato, è sparito. Forse tu Alessandro dirai che è facile, non era amore vero, razionalmente riesco a raccontarmelo ormai ma dentro di me non riesco a capire come si possa essere così cinici. Figli, soldi, casa, ok…ci sta ma non è possibile che la maggior parte degli uomini scinda tutto così di botto. Purtroppo mi hanno fatto sentire scomoda (lui e lei) e questa cosa non mi va giù.

        • alessandro pellizzari, 4 Luglio 2019 @ 07:01 Rispondi

          Gli uomini fanno e dicono quello che gli conviene

        • Val, 4 Luglio 2019 @ 09:05 Rispondi

          @Piccola, guarda, mi chiedo la stessa cosa… tutto ciò ha dell’impossibile.
          Non è credibile né comprensibile che si passi dall’amore e le promesse alla rinuncia ed alla sparizione totale (nel mio caso non c’è stata nessuna scoperta da parte della moglie, si è solo ritirato, immagino per troppa paura). Ma poi dico, dare un peso alle parole, no?
          Questa non può essere questione di uomo o donna, è questione di valore personale… le parole hanno un peso, vanno pronunciate con cautela e rispetto.
          Il poco valore dato alle parole è il mio primo punto di disistima per lui che non mi farà tornare indietro.

          • Piccola, 4 Luglio 2019 @ 13:05

            Intanto io e te stiamo male, ci pensiamo, ci interroghiamo sul perché sia finita così e loro vivono serenamente. Per questo ti scrivevo di non aspettare. Sei giovane e libera…vai oltre. So come ti senti. Ieri l’ho sognato e mi è sembrato di parlargli veramente, oggi il mio orgoglio sta già vacillando e non va bene.

    • Sono io, 2 Luglio 2019 @ 03:19 Rispondi

      @Vai … vissuto tutto questo un anno fa. Ora a parte che non sai come sia la sua situazione a casa, se soffre così tanto ed è dedito al sacrificio, quello che contano sono i fatti. Fatti e basta. Il mio dopo una settimana è corso da me dicendomi che si era separato in casa, non era sposato, e io a credergli. I fatti sarebbero stati un contratto di affitto 3+3 …tanto per intenderci. Lui sta male? Si, ma non come stai tu. Gli manchi ma non tanto da sceglierti. Ti pensa? Si, ma non tanto da sceglierti. Vorrebbe vederti? Si, per farti tornare sua amante. E che sei l’amore della sua vita….mmmm…..lo diceva anche a me. E la donna che dorme con lui da cui ha 3 figli chi sarebbe???? Cara, so che vorresti saperlo piegato dal dolore ma pensa che lui potrebbe essere in grado di scoparci serenamente in questi giorni per alleviare la tensione dell’abbandono.

      • oldplum, 2 Luglio 2019 @ 07:34 Rispondi

        Non sono proprio tutti uguali ma nella maggioranza si. C è una sottile differenza tra: amore della mia vita e donna della mia vita.
        La donna della sua vita è quella che ha sposato, quella che tradisce e tradirà (è sicuro) ma che non lascerà mai a meno che a) muoia b) decida lei di regalartelo lasciandolo. Tutto quello che ti diceva era sincero. Ma il coraggio quello gli difetta. Non cambierà. Ad una certa età, poi, le possibilità sono più che remote. C’è una vita dietro e lui ci è immerso come un biscottino nel latte. Ogni tanto si tira fuori per non disfarsi. Si asciuga e ci rientra. Garantito.

        • micaela1782, 2 Luglio 2019 @ 12:03 Rispondi

          Sei un genio. Il biscottino nel latte che se non esce si disfa è esattamente quello che sono.

    • Rosa, 2 Luglio 2019 @ 14:18 Rispondi

      Vedi Val, il fatto è che non lo sapremo mai cosa accade a loro nella fase del silenzio.
      Certo è che se uno ti ama non può accettare a lungo il silenzio. Tutto il resto ne consegue.
      Ossia se resistono è perchè tutto sommato gli hai fatto un favore.
      Magari fra un pò torna anche, ma con lo stesso copione.
      Mi permetto di suggerirti che a te non deve interessare il suo stato d’animo perché se hai deciso di chiudere non ti riguarda.
      Stai tranquilla che lui se la caverà, molto meglio di ciò che credi.
      Ha scelto, solo che invece di comunicartelo ha fatto in modo che fossi tu a prendere la decisione (poco originale, fanno quasi tutti così).
      Troppo facile nascondersi dietro al sacrificio e al senso di responsabilità.
      Quello, se proprio c’è, bisogna attivarlo “prima” invece guarda caso tutti prima tradiscono e poi si sentono responsabili.
      Parlo da traditrice e da “non scelta” per mancanza di palle.

  • LEI, 28 Giugno 2019 @ 07:25 Rispondi

    Ma io non li voglio i fattiiiiiii ah…ah…ah…

  • LEI, 27 Giugno 2019 @ 15:35 Rispondi

    “E’ arrivata per prima” scrivi Alessandro…invece a me dice sempre il contrario, tu c’eri prima di lei, ci siamo lasciati per stupidi motivi e dopo ci siamo “incastrati” con altri.
    E quando lo dice mi sembra quasi che ripeta un copione da recitare a lei, nel caso scoprisse la nostra storia (lei sa che sono una sua ex).

    • alessandro pellizzari, 27 Giugno 2019 @ 18:14 Rispondi

      Fatti fattiiiiiii!

  • Love, 27 Giugno 2019 @ 14:32 Rispondi

    Ariel…Non sono emozionato, non ho mai avuto aspettative, non le ho mai nascosto però che il mio sogno era, un giorno, poter vivermi lei.
    Il primo giorno che l’ho vista, si è acceso qualcosa dentro di me, e nello stesso istante, si è acceso qualcosa anche a lei.
    In questo momento provo solo tanta preoccupazione, non per quello che possa scegliere, ma per quello che sta passando.
    Io me ne andrò in vacanza un paio di giorni, e questa mattina, quando se ne andata,dopo essere venuta a salutarmi, non è uscita come le solite volte, ed allora ho capito che se per me, erano giorni di vacanza, per lei sarebbero iniziati dei giorni, che avrebbero deciso la sua vita.

  • Love, 27 Giugno 2019 @ 09:02 Rispondi

    E ieri, è arrivato l’aut aut del marito…un paio di giorni per riflettere se vuole continuare nella coppia….oppure si può procedere con la separazione.
    Non le ho detto nulla, l’ho ascoltata,e le ho solo chiesto di promettermi di pensare alla sua felicità, e che, ero consapevole che a seconda della sua scelta, io potrei non esservi più.

    • Ariel, 27 Giugno 2019 @ 11:38 Rispondi

      Perfetto @Love
      E certo che hai fatto benissimo a non immischiarti a non fare pressioni a lasciarla libera di scegliere ciò che sente meglio per lei stessa

      Giusto ovviamente averle messo in campo pure che come ovvio nellla eventuale scelta di stare col marito questo significherebbe il tuo ritirarti permanente

      Insomma lascia che le cose avvengano anche se posso immaginare la tua emozione in questa attesa

      Ti racconto questo che credo che nella nostra vita le cose accadano pr un motivo per noi stessi e noi non poss Vederlo prima il motivo

      Avevo dipinto un quadro la sera prima che mio Caro Marito morisse improvvisamente

      Il titolo è la tela strappata
      Ci sta una donna solo il busto si vede ha un grande cappello grande come i suoi occhi scuri e profondi

      Gurada oltre una tenda trasparente nei suoi lembi opachi
      La tela del quadro stesso è strappata in un angolo
      Incisa e p nde un poco

      Ecco che lo sguardo di questa Donna ė sorpreso triste attonito incredulo profondamente triste

      Ha sollevato il velo prima nel ansia di scoprire il futuro ignoto

      Così LA TELA SI È STRAPPATA

      la notte successiva mio Caro Marito mi è morto nelle braccia

      Non voglio turbarti con questo mio racconto ,no assolutamente
      ,ma era per dirti di non forzare mai il futuro

      Vivi adesso ,il dopo ,sempre

      Qualunque accadimento ha una sua ragione POSITIVA per la propria evoluzione personale

      Ti abbraccio @Love ,come sai

      Ai Lov!!!!

  • Dispersa, 26 Giugno 2019 @ 08:21 Rispondi

    Nella sfortuna di essere finita in questa storia …. Ho avuto la fortuna di trovare un uomo che non ha mai fatto promesse, mai esagerato con le parole …. Viaggiato con la fantasia ma sempre a bassa quota.
    Le nostre famiglie prima di tutto.
    Quel ti amo mai detto …. Quante volte avrei voluto farlo.
    Lui l’ha pronunciato pochi gg fa …. In un momento di risate e detto in un modo ‘strano’ …. Ho glissato, ha scelto e rispetto la sua scelta.

    • alessandro pellizzari, 26 Giugno 2019 @ 15:56 Rispondi

      Si chiama non felicità

  • Ariel, 23 Giugno 2019 @ 11:52 Rispondi

    @Piccola
    Un abbraccio di sostegno !

    Segui il consiglio ottimo di Alessandro perché continuare ti faresti ancora più male perché:

    ” la Verità è tanto più difficile da sentire
    Quanto più a lungo la si è taciuta”

    Cit. Anna Frank

  • Piccola, 23 Giugno 2019 @ 11:48 Rispondi

    Grazie Alessandro..”non è alla tua altezza” , è la cosa si cui concentrarsi. La scusa dei figli, mutuo, casa l’ho ascoltata per tutto l’anno. Anch’io ho una famiglia e non gli ho fatto pesare mai nulla. Mi ha tirato nel loro mondo in un momento in cui stavo vivendo una crisi personale. Non è una cattiva persona ma aveva bisogno della mia luce per illuminare , a parte lo splendore dei figli, una vita grigia e stanca. Ho cercato di non lasciarlo mai solo, lui lo ha fatto con me e non una volta. So che non devo perdere altro tempo ma la delusione spesso mi divora. Spero al lavoro di fare la brava. Ale, tu pensi che l’indifferenza serva a qualcosa? Credi davvero che il silenzio valga più di mille parole? Non pensi che gli faccia solo un favore a stare zitta e brava dopo che mi ha trattato così è dopo aver ascoltato tutti gli insulti di lei? A me scoccia prendermi tutte le colpe quando è stato lui a cercarmi e a dire che non poteva vivere senza me per poi scaricare tutto su di me.

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2019 @ 13:50 Rispondi

      Un chiarimento finale dove lo
      Metti con le spalle al muro su cose tipo “il mutuo e i figli c’erano anche mentre mi scopavi e giuravi amore” ci sta ma serve solo a te perché lui è in malafede dall’inizio. Serve a te per sfogarti e per chiudere definitivamente . Attenta però : se lo fai per avere una speranza e sentire una buona parola lui ti abbindolerà di nuovo e tu soffrirai il doppi quindi pesa bene questa scelta. Il silenzio totale invece vince sempre: o torna in ginocchio o ti da la prova finale che non era alla tua altezza

      • Piccola, 23 Giugno 2019 @ 14:14 Rispondi

        Hai ragione, ha ragione pure Ariel. È difficile accettare la verità, è difficile capire di non essere stati amati. Mi piace quando dici ancora che non era alla mia altezza. L’insicurezza porta a pensare di aver perso chissà cosa invece, come tu suggerisci, bisognerebbe capovolgere le cose. Razionalmente so che è cosi, so che a perdere è solo lui. Dicono tutti che sono una donna realizzata, bella, solare…lui no, purtoppo sono troppo umile ed insicura e non mi amo per niente. Ho una famiglia meravigliosa, un marito brillante, bello, colto ma che non mi ha mai saputo dimostrare un amore che ho sempre sognato. In un momento di crisi arriva lui, insicuro, non bello, simpatico e in un anno riesce a darmi tutto quello che avevo nella mia testa. Quando viene scoperto il Castello crolla, lui da la colpa alla paura, giura di amarmi ma divento l’ultimo dei suoi pensieri e la valvola di sfogo di lei. Lui si difende e gura di rimaere solo per i figli Non posso scendere nei particolari ma lui si annienta e vive blindato. Quando arriva la questione separazione = soldi lo vedo crollare e mi rinfaccia di stare bene a casa, tranquilla e di non capirlo. Ogni volta che lei inizia a capire che ci sono ricatta, va in giro ad insultarmi. Fino ad ora non ho preso provvedimenti, abbiamo una posizione lavorativa delicata, ma nemmeno lui. Come dici tu Alessandro, non è alla mia altezza. Io non mi sarei MAI comportata così, nemmeno se scoperta. Sono sicura. Grazie a Voi per il sostegno. Tanto

        • Piccola, 23 Giugno 2019 @ 14:19 Rispondi

          Ah, dimenticavo. Sostiene che preferisce non sentirmi perché sa quello che perde e non può avere e non riesce a stare sereno i casa. Paraxxxx.

          • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2019 @ 14:43

            Meglio che non rompa più i cabbasisi

        • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2019 @ 14:43 Rispondi

          Chi rinfaccia non è un uomo e non ama

        • Luce, 27 Giugno 2019 @ 19:13 Rispondi

          @piccola
          Non è difficile capire di non essere state amate.
          È una realtà che non vogliamo accettare, piuttosto.
          Io quando ci penso, e ci ripenso, con la lucidità di oggi posso dire che mi incaponivo in una storia che non andava, in cui lui semplicemente si divertiva e io soffrivo.
          Chiudere e rapidamente.

          • alessandro pellizzari, 27 Giugno 2019 @ 20:31

            Hai avuto forza e intelligenza

          • Luce, 28 Giugno 2019 @ 12:48

            senza il tuo aiuto non ce l’avrei fatta o per lo meno non in tempi brevi
            Grazie Amico mio.

          • alessandro pellizzari, 28 Giugno 2019 @ 14:08

            Sei una gran donna è tutto merito tuo

          • Piccola, 28 Giugno 2019 @ 14:54

            Grazie Luce. Hai perfettamente ragione. Grazie a te e Alessandro. Non sia quanto sia prezioso il Vostro supporto

          • alessandro pellizzari, 28 Giugno 2019 @ 20:56

            Un abbraccio

  • Piccola, 23 Giugno 2019 @ 10:12 Rispondi

    Buongiorno! Sono ad 8 giorni di silenzio dopo che lui, beccato al telefono con me, mi ha liquidato dicendomi solo che non regge più la situazione, che non mi chiamerà più, che deve recuperare…
    Questo cambio repentino avviene dopo una settimana da leone in cui mi dice che sta per uscire di casa e che la situazione è insostenibile. Un non sense dalla sera alla mattina. Nell’ultima telefonata sono rimasta di ghiaccio e ho solo farfugliato due cose. Possibile debba rimanere solo con l’amaro in bocca e non dirgli tutto quello che mi passa per la testa? Alessandro direbbe che è meglio scappare da un uomo così ma non mi rimane nemmeno la possibilità di dirgli quanto è basso e codardo? Consigliatemi vi prego. Nei prossimi giorni lo vedrò al lavoro e la voglia di abbassarmi al loro livello ( insulti gratuiti di lei) a volte mi balena nella testa.

    • alessandro pellizzari, 23 Giugno 2019 @ 11:23 Rispondi

      Non perderci più un minuto. Sul lavoro pretendi professionalità e sii fredda. Purtroppo la verità viene fuori sempre quando vengono scoperti: li capisci quante balle ti ha sempre detto anche perché essere scoperti è una grande occasione per chiudere un matrimonio fallimentare. Non è alla tua altezza liquidalo

  • Elisabetta, 22 Giugno 2019 @ 01:31 Rispondi

    @Outlier ciao!
    Lo sai che quando entrai la prima volta qui a #CasaDi Ale#, sei/sette mesi fa, i tuoi commenti erano fra quelli che leggevo quasi giornalmente?
    Negli ultimi mesi erano diminuiti però ogni tanto uscivi da quel tuo “posticino buio”, come l’hai definito, e raccontavi di te.
    Nel corso di questi mesi ho capito che le persone single che scrivono qui sono poche, comprese noi e chissà poi se sia un vantaggio o no, per cercare di uscire dal tunnel della sofferenza.
    Beh da sole è ben dura, poi se come me sei anche avanti, moooolto avanti con gli anni, lo è ancora di più.
    So che il tuo dolore, lo chiamo così, lo rivedi ogni giorno e questo non aiuta a guarire prima, così il tuo cantuccio dove ti rifugi diventa un posto di conforto, come i gatti che quando non stanno bene si nascondono da qualche parte e restano lì immobili finché passa, però restano vigili e se qualcosa li incuriosisce, la pappa che vedono arrivare, allora si alzano e ti raggiungono e ti dicono che loro ci sono ancora e che appena staranno bene torneranno a muoversi ed uscire.
    Qual’e’ quella cosa che ti piace tanto e che ti convincerebbe ad abbandonare il tuo rifugio?
    Ce ne sono di cose che ti danno serenità vero? e quindi raggiungile, falle, se non tutti i giorni, tutte le volte che puoi, anche se ti senti stanca, anche se dici *tanto a cosa serve?*…..serve invece, serve eccome!
    Mi raccomando @Outlier, si può uscirne, si deve uscirne, cosa aspetti allora?
    Forza, su in piedi, non ti perdiamo di vista, contaci .

    • Outlier, 22 Giugno 2019 @ 10:45 Rispondi

      Cara @Elisabetta,
      Sei sempre dolcissima.
      Si, ho deciso di rimettere l’assicurazione alla mia moto e via quando posso. Mi fa stare sempre bene quando ci sto sopra.
      E mi aiuta ad uscire da quel posticino buio.
      Infatti sono sempre stata cazzuta tra moto e lavoro, ma in amore, con lui poi, mi sono persa.
      E allora quando posso, prendo la moto e vado al mare.

      E tu come stai?

      • alessandro pellizzari, 22 Giugno 2019 @ 13:17 Rispondi

        Ottima notizia

      • Elisabetta, 22 Giugno 2019 @ 20:19 Rispondi

        Sto bene @Outlier, grazie!
        Io mi sono aggrappata alla musica, appena potevo andavo a concerti di classica oppure mi riempivo di silenzio sui sentieri di montagna.
        Tu invece rombo di motore e mare!
        Sembrano situazioni all’opposto ma si somigliano perché sia io che tu abbiamo scelto dei luoghi che ci fanno stare bene e nelle orecchie suoni per noi famigliari, e si sa che per gli appassionati la voce di un motore è musica!
        Bella la libertà @Outlier, vero?
        E sai, quando sei libera può capitarti un amore quando meno te lo aspetti!
        Buona domenica e buon mare!
        Ciao

  • Ariel, 21 Giugno 2019 @ 17:53 Rispondi

    @Love
    Infatti,non hai sbagliato affatto!!!
    E comunque sarà il futuro non avrai mai il rimpianto del non essere stato chiaro con lei e pure così caro !!!!

    Ai lov!!!!!!

  • Love, 21 Giugno 2019 @ 15:41 Rispondi

    Grazie Ariel…se pensi questo vuol dire che non ho sbagliato a dirle quello che pensavo.

    • LEI, 27 Giugno 2019 @ 15:32 Rispondi

      Love ti sei comportato benissimo, se lei si confida con te sulla sua situazione di coppia, è giusto che tu esprima il tuo pensiero.
      E’ ovvio che la decisione finale spetterà a lei, ed è giusto anche che tu non faccia pressioni, perché la sua scelta sia davvero libera e ponderata.

  • Ariel, 21 Giugno 2019 @ 11:50 Rispondi

    @Love
    Ai lov!!!

    Ma sei un Vero Uomo!!
    Caspita veramente ce ne fossero di più così!
    Sei veramente un Amore
    E ti auguro di cuore di poter concretizzare il vostro Amore
    Mai dire mai ,se lei ti ha chiamato per parlarti e tu le hai espresso tutto il tuo sentito pensiero
    Ha seminato benissimo e se si annaffia in due la piantina
    Presto si pianteranno( lei e quella specie di ominicchio di marito)

    Bonne chance Love
    Ai lov!!!!!!

  • Love, 21 Giugno 2019 @ 09:30 Rispondi

    Ho letto i post di Marco…apprezzo la sua decisione, sono uno che ha sempre giudicato chi tradisce…ho sempre pensato che so può scegliere nella vita…non è vero che capita…
    Capita?? Si, ma la scelta spetta a noi.
    Però, si può scegliere anche prima…e prima o poi una scelta devi farla anche dopo.
    Oggi per chi ha già letto qualche mio post…ci sono dentro…io single, lei sposata.
    In due anni, ho sentito in silenzio i suoi problemi, che ho imparato a non farli miei…ma ieri, tornata da pochi giorni, mi ha chiamato da lei, aveva bisogno di parlare con me, e… non so perché, le ho detto ciò che da molto pensavo, E che il marito, sta facendo di ogni per far prendere una decisione a lei…
    Anche se per le mie poche esperienze con le donne…ho affermato che “hai un marito senza palle…pur da me considerato intelligente e colto” Fa di ogni per…non darle una soddisfazione per quello che fa, nessun complimento, se vuole qualcosa di diverso, è un problema di lei e non suo, nessuna cena fuori, niente baci, niente complimenti, nessuna complicità, e niente sessualità, sono per lui, tutte cose, che riguardano lei, e non lui…
    Le ho detto che il motivo per cui ha un amante è…perchè il suo matrimonio è finito, e….lui, sta facendo di ogni per far decidere lei il da farsi, solo per rinfacciare un giorno che è colpa sua.
    I suoi occhi sono diventati lucidi, e da lei, è uscito lo stesso quadro che ho fatto io, della situazione che sta uscendo.
    Forse voleva sentirsi dire ciò, non lo so…
    Possibile che un uomo possa arrivare a questo?
    Oggi non so, se ho fatto bene a dirle questo, ma a quarantanni, si ha tutto il diritto di viversi una vita felice con qualcuno che sappia renderti felice, pur sapendo che posso, anche non essere io, ma amare, vuol dire anche volere il bene dell’altro…ed io voglio tutto il bene possibile per lei.

  • Whiterabbit, 19 Giugno 2019 @ 12:00 Rispondi

    Quando non te ne frega più nulla del soggetto i regali o si tengono, se piacciono, per puro possesso dell’oggetto, o si buttano. Farglielo recapitare o recapitarlo in prima persona, significa dirgli ciao io sono ancora qua che mi corrodo il fegato. Loro non lo leggono di certo come un vaffa, cosa che poi in effetti non è. Quando sei distaccata davvero da qualcuno e da una situazione nemmeno te ne frega più di mandarli a quel paese.

    • Elisabetta, 20 Giugno 2019 @ 03:37 Rispondi

      Cara @Whiterabbit,
      ho ancora qui a casa oggetti suoi, che uso regolarmente, non do loro alcun significato, né me lo ricordano ogni volta che li vedo.
      Quel quadro fotografico mi ritraeva, sento di aver chiuso il cerchio restituendoglielo, perché ora io non sono più la persona ritratta di spalle, in b/n, sfocata, anonima, intenta ad entrare in una buia galleria.
      Ora sono dall’altra parte, fino a che sentivo sentimenti per lui quel quadro mi ricordava che ero ancora nel tunnel.
      E poi io non amo possedere oggetti, il possesso puro, come aspetto caratteriale, non mi appartiene.
      Un abbraccio @White.

  • Elisabetta, 18 Giugno 2019 @ 23:11 Rispondi

    A tutte Voi @Ragazze, grazie per le Vostre belle parole.
    Non temete, il gesto l’ho fatto per me, è stato il mio modo per dirgli vaff….
    Il coraggio di farlo è arrivato tardi, dopo tanti mesi di CDS, ma non è un gancio per essere ricontattata, piuttosto uno schiaffo alla sua ipocrisia, ho sancito chiaramente che ora sono libera dal suo potere e che lui non mi fa più paura, qualunque possa essere la sua reazione.
    Ho impiegato un po’ per arrivarci, sono lenta ma anche impulsiva ed aver ascoltato i Vostri consigli di allora mi fu di grande aiuto, non era tempo.
    Ma ieri era giunto il momento giusto per farlo, lui adesso è in una zona grigia, come nella sua foto, una zona neutra, non provo sentimenti di nessun tipo per lui, per questo non lo temo.
    Ora sono fuori all’aperto, amo, ma sono libera.
    E vivere l’amore da persone libere è come rinascere.
    Vi abbraccio forte @Ragazze tutte, e grazie!

    • C., 19 Giugno 2019 @ 11:05 Rispondi

      Hai tutto il mio appoggio,
      il tuo gesto è stato come dirgli: “tieni, riprenditi ciò che è tuo. Io non ne ho bisogno”.
      Quando si fa pulizia interiore ci si deve liberare di tutte le cose materiali che ci tengono ancora uniti ai ricordi del passato.
      Il tuo è stato un gesto di liberazione ma allo stesso tempo di dimostrazione che “emotivamente io sono libera, puoi riprenderti ciò che mi teneva legata a te.”
      Anch’io ho fatto una cosa simile con delle cosette che mi aveva regalato…inizialmente avevo deciso di buttarle, poi quando sono tornata in me, le ho prese e le ho archiviate in tutte le cose del passato, con le lettere d’amore ed i pensierini ricevuti dagli ex anche dell’adolescenza.
      Per me è stato come aver messo una linea di demarcazione netta tra il mio passato ed il mio presente/futuro.
      Buttarle avrebbe voluto dire provare rabbia per non aver ottenuto quello che volevo invece così per me è solo “PASSATO”, finito, terminato.

      Un abbraccio.

      • Elisabetta, 20 Giugno 2019 @ 03:21 Rispondi

        Sì è proprio così @C.,
        e poi, era pur sempre una foto dove ero ritratta e per me ha significato restituirgli quello che ero (con lui) ma che ora non sono più (anche grazie a lui).
        È stata un’esperienza, se non l’avessi vissuta ora non sarei qui a parlarne; do valore all’aspetto positivo di quanto mi è successo ovvero che, grazie anche all’aiuto psicoterapico, ho capito cose di me che non conoscevo ma che erano lì.
        Affrontarle ha significato capire, conoscermi, da quel momento ho cominciato a stare bene.
        Grazie C., un abbraccio, a presto.

    • Outlier, 19 Giugno 2019 @ 21:03 Rispondi

      Sei stata grandissima Elisabetta!
      Ti abbraccio fortissimo

      • Elisabetta, 20 Giugno 2019 @ 03:51 Rispondi

        @Outlier ricambio il tuo abbraccio,
        e vorrei anche dirti che ti leggo con piacere, ogni tanto mi viene la tentazione di “chiamarti”, di scrivere qui sul blog: …*Outlier come stai?, cosa stai facendo”…
        Grazie v@Outlier, ti sento vicina a me, per tante cose.
        Un abbraccio forte e buona giornata.

        • Outlier, 20 Giugno 2019 @ 19:11 Rispondi

          Che dolce @Elisabetta.
          Puoi “chiamarmi” qui quando vuoi. Anzi, fa tanto piacere.
          È dura ed è una sofferenza.
          E aiutarsi tra noi fa tanto bene.
          Anche perché quando io sto male mi chiudo in un angolino buio e non mi piace. Perché è tosta poi riaprirsi al mondo.
          Così, qui con voi, riesco ad “uscire” a tratti da quel posticino.
          Ti stringo forte

  • Sono io, 18 Giugno 2019 @ 16:29 Rispondi

    Scusa ma dopo 8 mesi …non pensi di avergli dato un certo gancio per tornare o cmq una certa dose di potere per il suo ego? Mi sembra sia un autogol!!!!!! Cosa pensi di fare se ti contatta?

  • Rosa, 18 Giugno 2019 @ 16:11 Rispondi

    Ti abbraccio Elusabetta.
    All’epoca io ti risposi di impacchettare tutto e restituirglielo, ero ferita con te e per te e come te.
    Hai fatto bene, se ti fa star bene, hsi fatto la cosa giusta.
    Ti sento determinata e in pace con tr stessa.
    Non è un disperato gesto di chi vuol richiamare l’attenzione, è mettere un punto e a capo.
    Il cerchio è chiuso, tu ora puoi continuare a splendere come e più di prims.
    Il bianco e nero, il grigiore, lasciamolo a chi se lo scrglie.

    • Rosa, 18 Giugno 2019 @ 18:07 Rispondi

      Chiedo scusa per gli errori nel testo, scrivo da cellulare e mi ostino a non mettere gli occhiali

  • Elisabetta, 18 Giugno 2019 @ 14:48 Rispondi

    Come sapete avevo una fotografia in b/n di grandi dimensioni, un mio ritratto di spalle all’ingresso di un tunnel (come quello della foto di quest’articolo), incorniciata elegantemente, stampata su carta opaca, un po’ sfocata, con un effetto grafico evanescente.
    Alcuni mesi fa Vi chiesi cosa dovessi farne insieme ad altre cose sue, rimaste da me.
    Allora seguii i Vostri consigli e non restituii nulla.
    Però ieri quella foto l’ho impacchettata e restituita al chi la scattò e me la regalò come pegno del suo amore.
    Ho rotto il CDS che durava ormai da quasi 8 mesi, lo so.
    Ma io, che durante i due anni di frequentazione di quell’uomo sposato non presi mai nessuna decisione per non turbarlo, penso che questo gesto ora me lo possa permettere.
    Gli ho restituito il “suo tunnel” dove mi ha tenuta al buio per due anni, nascosta da tutti.
    Quella fotografia non mi piaceva, però distruggere un mio ritratto era gesto che mi respingeva, era come buttarmi nella spazzatura da sola.
    Ho preferito così.
    Nessun ripensamento, sto bene e mi sento forte.
    E poi fuori dal tunnel splende il sole.
    Grazie a tutti per aver raccolto questo mio racconto.

    • to the moon and back, 18 Giugno 2019 @ 15:46 Rispondi

      Grazie a te Elisabetta.
      Io non ho ancora cancellato nulla, non riesco…

    • Verdeazzurra, 18 Giugno 2019 @ 15:53 Rispondi

      Bello Elisabetta… io questo gesto lo capisco.
      Si vede che era giunto il momento

    • Ariel, 18 Giugno 2019 @ 16:06 Rispondi

      Cara Elisabetta
      Grazie a te per renderci partecipe di questo tuo racconto

      Capisco ,a volte si ha quasi bisogno di mettersi alla prova soprattutto dopo tempo passato nel silenzio scelto

      Conosco altre Donne personalmente che purtroppo hanno avuto come me o altre qui esperienze simili alla prigione nel tunnel ,oscurantismo totale del vero essere noi stesse

      E appunto pure alcune di queste mie care amiche hanno sentito la stessa necessità di provare a se stesse con una azione dirompente vedere che effetto faceva rivederlo e ciascuna ovvio sinceramente aveva il proprio giusto valido e sentito motivo ed è un bene non contrastare il proprio momento ,perché ricordiamoci sempre che stiamo o veniamo da una grande sofferenza e bisogna essere gentili verso se stesse.

      L’importante per te stessa è che sia veramente stato semplicemente un unico momento e basta.

      Carissima Elisabetta perché guarda che sta naturale che il processo di vera guarigione dalla dipendenza è lungo strano misterioso e fatto di azioni o pensieri imprevisti e imprevedibili da noi stesse.

      Ti abbraccio tanto ,sei Bellissima nella tua Nuova Luce di adesso!!!’

    • Confusa (Ex), 18 Giugno 2019 @ 20:44 Rispondi

      Elisabetta io penso che ognuno abbia il suo modo per uscire dal tunnel. Alessandro ci dà dei grandi consigli, ci fa aprire gli occhi, ci permette di guardare le cose in modo più oggettivo, poi sta a noi trovare la strada. Chi lo fa con l’aiuto del terapeuta, chi mantiene il silenzio, chi restituisce ciò che di materiale quella storia ha lasciato, chi come me ha voluto continuare a stare vicino a quella persona per vederne i suoi lati bui, per scoprire una persona che non vorrei avere accanto e così riuscire a metterla da parte.
      Buona nuova vita Elisabetta.

      • Ariel, 18 Giugno 2019 @ 22:13 Rispondi

        Cara Confusa (Ex)
        Scusami ,ma secondo la mia esperienza di ex dipendente affettiva ho scoperto proprio tramite la terapia che se si ha la dipendenza affettiva si riesce a togliersela Soltanto facendo terapia apposita

        Ora certo non posso sapere e non ho certo io la competenza per dire a te o a qualcuno qui di noi hai una dipendenza affettiva

        ,ma lo posso semplicemente supporre con una certa cognizione di causa per due motivi principali

        Uno è la comunanaza che molti dei nostri racconti hanno in comune una caratteristica costante il tempo passa ne passa troppo e ancora si resta lì nella relazione nella comunicazione nel analisi di quel che ha fatto detto o che farà o farebbe il nostro ex lui facendoci del male da sole e accettando di piegarsi al loro volere soffrendo fristrate per non riuscire a difendere la propria Dignità

        Questo ha un nome solo detto dalla Scienza addetti ai lavori
        Dipendenza affettiva

        L’unico sistema provato scientificamente e nella casistita statistica per uscirne benissimo è Fare Terapia
        Tutti gli altri sono aiuti ma senza terapia resta impossibile uscirne

    • KK, 18 Giugno 2019 @ 21:57 Rispondi

      @elisabetta hai chiuso il cerchio e forse questo gesto ti serviva e serviva farlo adesso che sei più forte. Io ho ancora un suo regalo, una cosa che non ho più avuto modo di dargli perché non me lo ha permesso. A volte quasi mi dimentico che c’è, altre penso di volerglielo recapitare, ma ora non sono pronta. Magari un giorno lo butterò, ma adesso non me la sento. Ad ogni modo ti auguro ogni bene e tutto il sereno che veramente meriti!

    • Luce, 18 Giugno 2019 @ 22:31 Rispondi

      Certo che ricordo … restituire , gettare o conservare? Hai fatto bene , io ho fatto come te.
      Non ho aspettato mesi e si trattava davvero di due cianfrusaglie. Povero, si era pure offeso.

  • Ema, 4 Aprile 2019 @ 14:02 Rispondi

    qualcuno soffrirà sicuro, qualunque scelta facciate, tanto più se non fate una scelta. Se scegliete voi soffriranno gli altri, ma il tempo aggiusta tutto. Se sceglierete gli altri, soffrirete voi, ma anche questa sofferenza passa col tempo. L’importante è scegliere. Spesso non si sceglie insieme, questo è da accettare.

    • and, 4 Aprile 2019 @ 16:02 Rispondi

      E’ opinione comune che poter scegliere sia sinonimo di libertà. In realtà qualcuno più saggio diceva che la scelta c’è dove c’è confusione. Per la mente che ha tutto chiaro, non c’è scelta. C’è azione.

      • cossora, 4 Aprile 2019 @ 16:23 Rispondi

        @and quanto è vero.
        La scelta è dove c’è confusione, dove c’è più di una possibilità. Quante sono le possibilità per essere felici, quante sono le cose, le condizioni che vogliamo? Una sola?
        E allora sarà arduo essere felici perchè una condizione soltanto non è detto la si voglia in due e anche fosse non è detto che duri o rimanga immutata nel tempo. Anzi.
        Io credo che bisognerebbe spogliarsi di certe cazzate e agire.
        Spogliarsi del giudizio su se stessi prima di tutto.
        Individuare ciò che vogliamo, l’essenza (un secondo matrimonio o una famiglia allargata non sono un’essenza, sono lo sviluppo di un’essenza) e vivere per quella, godere di quella.
        Il tempo passa, non si può fermare.
        Bisogna solo decidere se lo si vuol perdere cercando la perfetta condizione (esiste? e quanto si gode mentre si è impegnati a mantenerla?) o sfruttare per godersi più piacere possibile.
        I momenti no, gli ostacoli, i down i ‘quanto mai’ fanno parte di qualsiasi esistenza o situazione sentimentale.

        • Verdeazzurra, 5 Aprile 2019 @ 08:05 Rispondi

          Condivido tutto Cossora.
          La felicità è una scelta, quasi sempre

          • Ariel, 5 Aprile 2019 @ 10:25

            @Verdeazzura
            Quasi sempre?

            Per me è sempre senza quasi
            I quasi non sono mai il
            Completamente
            Amare se stessi!!!!

          • Verdeazzurra, 5 Aprile 2019 @ 12:04

            Pensavo a certe situazioni estreme, malattie, tragedie… anche in quei casi è possibile trovare un equilibrio e una certa felicità (sono convinta che la felicità non sia assenza di dolore ma capacità di affrontarlo e viverlo comunque), ma ci vuole una forza che non tutti riescono ad avere.
            Ma per le questioni di cuore.. no, fermarsi troppo a lungo, indugiare nella sofferenza no, per queste cose… non ha senso.
            Per queste cose, se non c’è altro, la felicità è SEMPRE una scelta. Concedendosi il giusto tempo per riconquistarla quando momentaneamente ci sfugge

          • Ariel, 5 Aprile 2019 @ 12:45

            @verissimo
            Indipendentemente dalla situazione
            Che sia destino malattia morte dei propri cari,pure la più vicina alla propria essenza vitale
            come una vedovanza,

            mi viene da dire
            O molti lutti,mi viene da aggiungere
            O esperienza di relazioni affettive sofferte e che necessittano come tutti i dolori nostri

            Di Scegliere sempre

            senza quasi
            Senza ma
            Senza se

            Si ,scelgo di
            Vivere,malgrado tutto

            Ancora rido
            Ancora ti abbraccio

            di nuovo

            Ancora vivo!!

          • cossora, 5 Aprile 2019 @ 13:36

            @Verdeazzurra infatti quando da una dipendenza non se ne esce da soli, Alessandro (@Ale dimmi se ho capito male) consiglia un aiuto professionale perchè è evidente che non è il cuoricino infranto in se che ci blocca e ci tira a fondo, ma delle probematiche più radicate e complesse delle quali la relazione che non funziona è solo una spia.

          • alessandro pellizzari, 5 Aprile 2019 @ 13:48

            Esatto. Se sai che lui non ti ha scelto lo sai ormai da tempo il tuo cervello ha realizzato la realtà ma tu non riesci a fare il silenzio a dirgli di no a staccarti con le tue forze l’aiuto degli amici e la forza di volontà potrebbero non bastare più e ci vuole un terapeuta

          • Verdeazzurra, 5 Aprile 2019 @ 15:11

            Esatto, come è successo a me.
            Io lo ringrazio, adesso, per avermi fatto toccare il fondo, così da permettermi di darmi la spinta per risalire.
            E lo ringrazio anche di essersi educatamente dissolto.
            Adesso sono io.
            Se mi guardo indietro non mi riconosco.
            Se mi guardo dentro sono proprio io

          • Outlier, 5 Aprile 2019 @ 17:51

            È un percorso bellissimo da fare.
            L’ho fatto anche io.
            Quando ho sentito la necessità di andare da uno psicologo é perché sognavo le ombre nere in casa. Altro non erano che le mie paure, il mio inconscio e il mio blocco
            E’ difficile ammettere che qualcosa in noi va aggiustato.
            Così come é difficile accettare la realtà delle cose a volte.
            E si, Alessandro dice bene. Io lo sapevo da tempo che non avrebbe cambiato nulla per me eppure ho continuato a non vedere, a non percepire.
            E ora mi rendo conto che sono stata sempre lì ad aspettare, qualcosa, un suo gesto. A disposizione. Che forse questa relazione è andata avanti perché c’ero io che con tutta me stessa non dicevo, non guardavo.
            E fa male.
            Ma va accettata la cosa.
            Non è andata.
            E può dirmi sempre “Ah se ti avessi incontrato prima…”. Un corno, gli dico. Se mi avessi voluto come dico io , avresti notato che io mi sarei fatta prendere in braccio come ufficiale e gentiluomo.

          • Ariel, 5 Aprile 2019 @ 19:49

            @Verdeazzurra
            Che belle chiare le tue parole qui
            Mi fa così piacere e bene legggerti qui in particolare
            Perché ti sento Libera di essere te stessa con la soddisfazione impagabie del essere riuscita a trovare nella terapia le tue soluzioni nel fare da sola
            Amare finalmente te stessa.

            Spero molte/i di noi scorrendo le pagine qui possano leggerti e rileggerti
            Perché dai veramente forza e speranza a tutte/i noi!
            Grazie di ❤️

  • Anna, 4 Aprile 2019 @ 09:20 Rispondi

    Ma la speranza che alimentiamo giorno per giorno qual’è? La mia? Forse quella di credere che le cose davvero possono cambiare, che tutto sia possibile, che nessuno soffrirà, che saremo felici insieme, come nuova coppia e famiglia allargata. Ma questa non è una speranza è un’illusione. Gli ho detto che se un cambiamento non è possibile non potrò però essere più la sua amica di letto. Continuando ad andare avanti così, infatti, il rischio è quello ed io, che lo amo, non voglio che finisca così, meglio perderlo.
    Pensate che il mio sia un ragionamento sbagliato?

    • cossora, 4 Aprile 2019 @ 16:13 Rispondi

      @Annaio penso che l’unica cosa che conta è quanto tu sia felice.
      Ma davvero, dentro di te nelle diverse ore della giornata, la sera quando ti strucchi, quando ti alzi la mattina, come stai ..cosa pensi?
      Se sei felice a fare l’amica di letto, fai l’amica di letto.
      Senza stare ad ascoltare chi ti dice ‘eh ma non la molla? e ma non prende impegni per te?’ Gli altri non sanno niente, non sentono il tuo sentire.
      Se invece il letto lo prendi come un premio di consolazione mortificante ..sai già che ci soffrirai.
      Non si può risolvere il tuo problema (se è un problema e se ce l’hai) dando un voto al tuo ragionamento perchè è un sentimento, non un ragionamento.
      E’ quello che senti tu, che ti fa stare bene o ti fa stare male, la vera misura!!

  • Dispersa, 1 Aprile 2019 @ 12:17 Rispondi

    @Ariel …. Per me leggere tutti i commenti è difficile ….
    Un po’ alla volta ….
    Ho letto il tuo commento a Violetta e mi è scesa una lacrima, mi sono sentita piccola piccola!!
    Ho perso anch’io l’uomo più importante della mia vita, nel mio caso era il mio Papà!!
    Tutto troppo velocemente e troppo presto ….
    Che dire ora io ci parlo, e ho solo bellissimi ricordi!!
    Probabilmente nel mio amante cercavo quella figura che tanto mi mancava (e mi manca), e lui lo sapeva, lo aveva capito.
    Bisogna solo prendere le cose belle dalla vita, rivivere i momenti felici e …. Imparare dalle cadute, dalle delusioni, dalle perdite ….
    Ti abbraccio forte forte!!!!

    • Ariel, 1 Aprile 2019 @ 21:00 Rispondi

      @Dispersa grazie Tesoro❤️
      Mi spiace tantissimo amche per te anche io avevo perso mio Caro Papà quando avevo soltanto 21 anni e certamente almeno mi aveva seguito fino alla mio ingresso alla età adulta
      E da ciò che esprimi si capisce che pure tu avevi un legame forte e positivo con tuo Padre e questo è veramente un Dono Caro e Prezioso per una Femmina
      Quando il legame è positivo e forte col Padre significa per noi femmine amare profondamente tutto i maschi e in effetti si cerca istintivamente di trovare un partner che gli somigli

      Sei tanto sensibile e ti aento veramente così giovane e Dispersa
      Come disorientata nel non sapere da che parte scegliere di vivere la tua vita malgrado gia la presenza di un compagno e pure essendo Madre dei tuoi bambini

      Quante responsabilità carissima Dispersa
      ,ma non scoraggiarti mai tuo Padre ti ha sicuro trasmesso la capacità di superare le tue difficoltà e se non sarà oggi
      Dmani è sempre un giorno nuovo che ci da sempre la opportunità di migliorarci di magari cercare pure per te un aiuto terapeutico
      Soprattutto visto che veramente vivi soffrendo tanto per tanti aspetti differenti nella tua giovane età e vita
      Ora comprendo bene e meglio la scelta apppropriata del tuo pseudonimo Dispersa,

      Ma vogli dirti che almeno qui ti abbiamo trovata e che desideriamo che tu possa sempre ritrovarci e ritrovarti almeno a scrverci come fai senza mai temere di essere giudicata male

      @Tesoro di Dispersa ,ti mando un abbraccione stretto
      E non disperare mai perché quando meno ce lo aspettiamo
      Qualcosa di buono e nuovo nasce in noi
      Come un Sole di rinascita e dove il tuo Caro pensiero e discorso tra te e tuo Caro Papà resta un sempre nella tua vita.❤️

      • Dispersa, 1 Aprile 2019 @ 22:31 Rispondi

        Cara Ariel …. Sei una persona grande grande!!
        Mi hai fatto piangere!! E questo mi fa bene!!!!
        Vero a 20 anni ero mamma …. E la persona che più mi ha sostenuta è stato il mio Papà!!
        Dispersa …. Me lo diceva il mio amante, aveva la capacità di leggermi dentro, con uno sguardo mi capiva, lo faceva anche quando eravamo dei semplici colleghi …. Proprio come il mio Papà!!
        Solo l’ho incontrato troppo tardi!!
        Glielo dicevo sempre …. Ma la vita va così!!
        Ti ringrazio tantissimo!!
        Un abbraccio grande grande.

        • cossora, 2 Aprile 2019 @ 08:40 Rispondi

          @Dispersa tuo PADRE è unico. Il tuo amante saprà giocare, ma non mischiamo la merda col cioccolato eh.
          Il tuo amante vuole scoparti, non sa leggere niente di te.
          Con la moglie non fa nessun sesso bollente.
          E’ un brodino tiepido, che fa bene sempre, nessuno lo mette in dubbio. Parlo per esperienza, ma la gola è altro.

          • Dispersa, 2 Aprile 2019 @ 19:19

            @Cossora …. Sei troppo forte!!
            Hai ragione non confondiamo le cose!!
            Il mio Papà era e resterà unico!!
            Solo lui ….
            Diciamo che per ora il mio ex lo vedo ancora tanta roba …. Passerà!
            Cmq oggi mi ha dato la conferma che preferisce il brodino caldo ….
            Poi visto che ha provato, la gola tornerà, ma non sarà con me di sicuro!!!!

  • Dispersa, 31 Marzo 2019 @ 22:13 Rispondi

    La speranza è l’ultima a morire ….
    Ma che senso ha ….
    Oggi ho letto tutti i vs commenti, e capisco che non ha senso!!
    Siete delle perle preziose!!
    E gli articoli che sto leggendo mi danno forza!!
    Domani è lunedì, si riparte ….
    Ma dovrà essere un lunedì di ripresa!!
    Un abbraccio a tutte e tutti!!

  • Confusa (Ex), 29 Marzo 2019 @ 18:13 Rispondi

    Oggi mi sento stupida per aver fatto la più bella dichiarazione d’amore che abbia mai fatto a chi non prova niente per me. Poi penso a quello che più volte hai scritto Alessandro, che chi ama non è nel torto e non è stupido e spero sia così. Avrei voluto chiudere facendo la parte della forte e dicendo che non mi interessava più niente di lui e invece l’ho fatto tra le lacrime dicendo che mi devo allontanare perché lo amo troppo. Perché non sono stata abbastanza forte? Cosa ho sbagliato?

    • alessandro pellizzari, 29 Marzo 2019 @ 18:49 Rispondi

      Nulla. Sei innamorata e onesta. Devi seguire il tuo percorso di rinascita

  • Artemisia, 29 Marzo 2019 @ 16:50 Rispondi

    @Berg, vero in parte il discorso dell’indole. Io credo che dipenda più dal grado di coinvolgimento personale e dal carisma o magnetismo che uno suscita sull’altro. Questa donna a me pare capricciosa e immatura, e forse pure un poco superficiale. Verosimilmente su di te ha un certo controllo, di cui è consapevole, tanto da condurre egoisticamente i giochi. L’amore vero non può soggiacere al controllo razionale e beffarsi di te, come si evince dai suoi comportamenti… Hai già perso troppo tempo, 9 anni sono un’eternità . Io al tuo posto la tratterei con spietata indifferenza!

  • Berg, 29 Marzo 2019 @ 10:04 Rispondi

    Vi dico questo…io ho sempre avuto un’indole abbastanza “vendicativa”. Ho sempre reagito con un certo astio alle ingiustizie della vita, le più varie. E anche con lei mi urtava da matti quando mi accorgevo che in qualche situazione io facevo di tutto anche solo per vederla di sfuggita e lei magari il sabato sera andava con le amiche in un locale pubblico cotto casa mia e nemmeno me lo diceva. Cosa le costava? Era un locale pubblico, mi avvisava, io passavo, si beveva una birra a poi avrei potuto lasciarla alla amiche. Niente. Io lo scoprivo per altre vie. A queste cose ho sempre reagito staccandomi. Era lei che doveva tornare. E staccati una volta, staccati due, staccati tre…si concretizzava la legge del fil di ferro: puoi piegarlo 100 volte ma poi si spezza. E così è stato per me.
    Anche io avevo la mia vita, quando andavo in montagna e il telefono non prendeva si arrabbiava…ma io avvisavo sempre prima (“guarda, vado in montagna e forse il telefono non prende…a dopo”). Lei invece spariva e basta.
    Però sorprendente come le dinamiche della mia storia, diversa perché senza sesso (e amore?), ricalchi fedelmente le dinamiche delle più classiche storie clandestine. Stessi ritmi, stessi tira e molla, stesso rapporto di disparità.
    Forse è vero quel che scriveva qualcuno qui…nella parte che aspetta, che spera, deve esserci una specie di soddisfazione nel vivere una storia d’amore “sacrificale”, “vittimina”. E nella parte che gestisce i tempi, che gioca egoisticamente, c’è soddisfazione a controllare. Forse la spiegazione più logica è proprio l’indole di ognuno.

  • LEI, 28 Marzo 2019 @ 15:35 Rispondi

    Che bello sentire un uomo così innamorato e disposto davvero a tutto…
    A volte il mio amante fa dei discorsi come se volesse che io lo spingessi in una certa direzione.
    Ma io non me la sento, perché non so se le cose potrebbero davvero funzionare tra di noi e non mi perdonerei di aver provocato tanta sofferenza, se poi tutto dovesse finire in una bolla di sapone. Non me la sento di lasciare il certo – anche se non felice – per l’incerto, di cui non so assolutamente nulla.

  • Confusa (Ex), 28 Marzo 2019 @ 08:26 Rispondi

    Vi aggiorno anche io… la speranza è l’ultima a morire ma alla fine muore! e con molta calma (anche se con tanto dolore) ne prendi atto, consapevole che dall’altra non c’è più il sentimento che c’era prima e che come più volte ha detto Alessandro al momento la sua amicizia che in altre situazioni poteva essere piacevole, dopo quello che c’è stato è solo per te distruttiva e ti chiude le porte al mondo esterno. Non so cosa ne pensiate voi a riguardo e mi farebbe piacere me lo diceste, ma io ho chiuso dicendogli che non ho nessun rancore, che mi allontano solo perché sono consapevole di quanto valgo e vorrei questo valore fosse condiviso con una persona che vuole apprezzarlo in pieno.

  • Oldplum, 28 Marzo 2019 @ 08:17 Rispondi

    Ti amo MA…= quello che c’è dopo il MA è più importante di te.
    Un ossimoro. Non è amore . È bisogno. È succhiare vita ed energie lasciandoti scarica di batterie nell’angolo.
    Diffidare inoltre di chi parla male del coniuge. È un modo di giustificare quello che si sta facendo . L’amore non si giustifica. Tutti gli uomini che conosco che si sono separati dopo essersi innamorati di un altra Non hanno mai parlato male della ex alla nuova compagna.

    • cossora, 28 Marzo 2019 @ 14:12 Rispondi

      @Oldplum sei musica per le mie orecchie. Come sono felice di non aver ceduto, di essere rimasta tutta di un pezzo, fedele a me stessa. Ogni istante che passa sento che sto facendo la cosa giusta. Ha sempre avuto solo bisogno di me.
      Sono io che non ho più biosogno di sentirmi necessaria per lui.
      La vita è così semplice.

  • Berg, 27 Marzo 2019 @ 17:08 Rispondi

    Ciao a tutte e tutti. Mi sono imbattuto ieri in questo blog. Fenomenale. Mi ci sono imbattuto cercando su google. Cercavo un perché. Cercavo un perché postumo. Si perché ormai credo di essere uscito dal tunnel. Magari con qualche scoria, ma il peggio è passato.
    Io forse di Natali ne ho visti un po’ più di voi: …9….
    Ma vi racconto dal principio. Io neo assunto in una ristretta società incontro lei appena rientrata dalla seconda maternità. Ci troviamo subito. Con un’altra non sarebbe successo. Lei è lei.
    Io single, lei appunto sposata con prole. Dopo poco, capito dove saremmo andati a parare, lei mi dice che la famiglia non la lascerà mai. Bene dico io, me ne farò una anche io. E così dopo un paio d’anni trovo anche io una compagna “vera”. Ora siamo pari. E anche io dichiaro che la famiglia non si tocca, soprattutto dopo una figlia. Razionalmente ma, seppur in modo ipocrita, ho preso un impegno. Ci diciamo innamorati ma ognuno con la propria razionalità a casa.
    Passano gli anni…baci rubati in ufficio, lunghi e appassionati; il petting spinto rubato tra un angolo e l’altro, sguardi, carezze, messaggi, tanti messaggi…messaggi erotici, fantasie spinte come solo con lei, foto, tante foto…ci sentiamo mattina e sera, in ferie, a natale, telefonate di nascosto, le giornate a lavorare insieme…ma mai il sesso. Lei non vuole, non se la sente, dice di non voler rischiare. Bene, io rispetto, insisto, ne avrei l’esigenza. Poi questa assenza di contatto inizia a lasciare il tarlo. Le propongo pranzi tranquilli, cene al sicuro…niente. Mai fuori dall’ufficio.
    Intanto siamo innamoratissimi. Promesse d’amore eterno. Iniziano le gelosie. I capricci. Reciproci per carità.
    Ma dopo un po’ inizia ciò che ha minato le basi del castello. Inizia la disparità.
    Perché io avrei rischiato, magari per gradi. Lei no.
    Poi lei ha iniziato a saltare i regali di natale, a dimenticarsi il regalo per il mio compleanno.
    Poi ha iniziato a sparire per giorni. Tornava e non dava chiarimenti. Si arrabbiava se insistevo sui perchè.
    Viene fuori che ha sensi di colpa. Ma poi ancora messaggi, foto, baci.
    Poi ancora una fuga. E un altro ritorno.
    Chiaramente io saldo al comando sopporto. Io amo. Bisogna capirla, ha meno coraggio di me. Ma soffro. Soffro per questa disparità.
    All’apice del romanticismo promesse di week end in montagna insieme, promesse di coccole vere, sesso. Poi disattese.
    Ogni scusa è buona per vederci anche la sera se il lavoro lo richiede. Ma il tempo passa, le abitudini cambiano, cambiano le esigenze delle famiglie vere e quindi gli orari. Ci si adatta.
    Il tempo e gli anni sopiscono a volte le vampate d’amore ma tutto resiste, ci stupiamo anche noi.
    Ci conosciamo meglio che a casa.
    Ma lei inizia a sparire a Natale, poi sparisce anche in ferie. Io soffro. Insisto sui perché. Lei non dà risposte. Mi dice ti amo però. Altro Natale, altro regalo…solo il mio però. Inizio a capire. Le dico che forse è meglio smettere. Mi dice si. Ma poi torna, non può stare senza me. Allora le dico di tornare ma che voglio di più. Va bene la famiglia, ma se torna torna alla pari, qualche volta facciamo l’amore? Risposta: io non posso darti di più, ma resta ti prego! E io resto.
    Poi il lavoro prevede una serata…ma lei preferisce andare a correre mentre io smaniavo all’idea. Poi le regalo 2 biglietti per un concerto…è un natale. Il secondo biglietto non speravo fosse per me ormai ma lei mi dice “andiamoci insieme”…io a casa preparo la scusa, litigo anche ma mi tengo libero. Il giorno prima lei però mi dice che suo marito ha preso un impegno anche per lei e deve andare. Concerto saltato. Puzza di bugia lontano un miglio. Poi un giorno a pranzo, io presente, le scappa con le colleghe di come sia bello riscoprire la coppia in ferie. Io sento e lei dopo chiede scusa…ma intanto lo ha detto. E io soffro.
    Un giorno pubblica su whatsapp una dedica romantica per il marito. Se ne frega che lo veda anche io. Mi dice che era una sciocchezza. Io non ho facebook o Instagram ma so che li ha mille foto e dediche al marito.
    Ma da un po’ mi sono rotto. Lei è sparita e quando è ritornata ha trovato la porta chiusa. Ora fa il broncio in ufficio, parla ad alta voce del marito, ride con altri colleghi. Non mi importa.
    Ma questo solo per sfogarmi e per dire che non sempre il sesso è il nodo e non sempre sono gli uomini i carnefici.
    Ma devo dire ho riso come un matto a leggere i post sui natali, su sesso con il marito/moglie, sulle ferie, sui ritorni dopo i silenzi.
    Che bello sapere di non essere solo!
    Grazie

    • alessandro pellizzari, 28 Marzo 2019 @ 07:41 Rispondi

      I rapporti virtuali soprattutto se tirati alla lunga non sono rapporti veri

      • Ariel, 28 Marzo 2019 @ 08:09 Rispondi

        @acasadiAle

        Esatto!

      • Berg, 28 Marzo 2019 @ 08:24 Rispondi

        Forse è vero…in un mero rapporto epistolare senz’altro. Ma forse un rapporto in cui ci si vede 8 ore al giorno in ufficio è più vero di un rapporto dove ci si vede per sesso 1 ora a settimana o forse al mese.
        A mio parere, che non vuole assurgere a verità, ogni rapporto di amantato allora non è un rapporto vero.
        Detto questo, sicuramente non è un rapporto sano.

        • alessandro pellizzari, 28 Marzo 2019 @ 13:37 Rispondi

          Il sesso è la normalità in amore

    • Annina, 28 Marzo 2019 @ 10:14 Rispondi

      Berg come hai potuto sopportare una cosa di questo tipo per 9 anni?

  • Pamela, 27 Marzo 2019 @ 15:06 Rispondi

    Ciao a tutti, è da tanto che non scrivo perché ho avuto un piccolo problema di salute che è quasi risolto. Che dire…… la mia situazione non è cambiata….. ci sentiamo e vediamo sporadicamente. Non giudicatemi, lo so che sto sbagliando tutto e che sto sprecando la mia vita, sono io e soltanto io che posso mettere un punto a questa storia. Ma non lo faccio. Il perché? Perché senti che qualcosa di vero c’è. Sto pensando di trasferirmi per cercare di allontanarmi da lui, perché non avrà mai il coraggio di lasciare tutto. Ne sono certa. Vedremo….

    • Oldplum, 27 Marzo 2019 @ 15:50 Rispondi

      Ciao @Pamela. Certo che qualcosa di vero c’è. Non ti bullizzare. Si vede che la tua strada non è finita ancora. Che devi ancora acquisire consapevolezza. Andrà tutto bene. Percorrila tutta. Un abbraccio.

    • cossora, 27 Marzo 2019 @ 15:51 Rispondi

      @Pamela, se sei qui sai anche che qui di giudizi non se ne danno.
      Siamo arrivate tutte ‘a casa di Ale’ perchè sentiamo o sentivamo che qualcosa di vero c’è.
      Io adesso sento qualcosa che somiglia a un timido affetto, ma solo perchè finalmente intimamente la mia testa e il mio cuore si sono messi d’accordo su un punto: lo lasciamo andare? Si, dai.
      Quindi.. arriverà anche per te quel punto. Niente disperazione, perchè arriva proprio nel giro di qualche giorno, che se pensi a come stavi una settimana prima non ti sembra vero.
      E’ normalissimo sentirsi incapaci, bloccate, sbagliate.. in una parola UMANE.
      Dai, siamo qua, passa tutto tesoro. Non c’è un timing, ma passa.

      • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 16:29 Rispondi

        Bello a casa di Ale

    • Ariel, 27 Marzo 2019 @ 16:19 Rispondi

      @Pamela cara sai ognimtanto mi chiedevo che fine avessi fatto
      E grazie che bello ritrovarti qui ad aprirti con noi con le tue notizie
      Cara Pamela qui non siamo per giudicare nessuno ,ma semmai direi che il problema vero maggiore comune ma molte/i di noi qui sia proprio quello di essere sempre pronte a giudicare male se stesse

      Credo da ciò che esprimi tu non sia lontana dal riuscire a fare la scelta migliore per te stessa e solo tu puoi sapere quale sia

      Il fatto di allontanarti geograficamente aumentare la distanza mi pare come vedi che tu sia veramente capace da sola a agire per salvaguardare te stessa

      ricorda chebognuno ha i suoi tempi ,ciadcuno di noi ha la sua storia personale diversa ognuno è unico e quindi non possiamo in realtà fare paragoni che sono inutili e dannosi e irrealistici

      tu sei tu Pamela e credimi Sentonforza in te
      e un sole stupenda energia nella lunghissima vita vera che come una strada luminosa si é già aperta davanti a te
      per il solo fatto di scriverci qui raccontando le novità il movimento tuo a fare qualcosa una spinta e iniziativa tua
      una tua Conquista!!!!

      brava Pamela
      un grande Abbraccio!!!
      Scrivici.

      • Pamela, 27 Marzo 2019 @ 16:33 Rispondi

        Grazie @oldplum, @cossora, @ariel….. penso che se lui 3 mesi fa non fosse tornato e avesse continuato il suo silenzio e io il mio, sarebbe stata la volta buona. Se lo guardo negli occhi, credo al suo amore, è tutto il resto che manca. La mia storia non si differenzia poi molto da tante altre, e lui me lo dice…… non è lei che non voglio lasciare, ma le mie comodità….. ora mi serve solo quello scatto, come dite tutte voi. Grazie per esserci sempre.

  • Blu, 27 Marzo 2019 @ 13:10 Rispondi

    Piccolo aggiornamento per strapparvi un sorriso! Ho trovato il mio chiodo! Quanto ci ho messo? Pochissimo! Ma siamo splendide basta solo volerlo! È single, dieci anni in meno del mio lui sposato e pure molto più carino! Sabato sera usciamo, tutto tranquillo e spensierato! Ma un po’ di divertimento ce lo meritiamo o no??!! Non fosse altro per tutto il tempo che siamo rimaste appese ad aspettare un msg! Un msg cavolo..ma noi siamo tanta roba, loro se ne stessero dove stanno, tanto come si divertivano con noi, state tranquille che con la moglie non succede. Fatti loro, noi se qualcosa non ci fa stare bene possiamo cambiare, abbiamo una cosa preziosa che loro non hanno: la libertà!!

    • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 14:59 Rispondi

      Brava!

      • Violetta, 27 Marzo 2019 @ 23:21 Rispondi

        Salve gentili contributrici e complimenti ad Alessandro per il blog: nelle ultime settimane me lo sono letto un po’ tutto… Mi attacco al post di Blu per rivolgere un quesito a voi tutte/i: dove li trovate tutti ‘sti chiodi? Ho chiuso da un paio di mesi la storia col mio Mr. Simpatia, mi sono rimessa su piazza, ma nonostante abbia una discreta vita sociale mi rendo conto che fare nuove conoscenze non è poi così semplice, specialmente se come dice Alessandro bisogna essere selettive (un morto di figa l’avrei bell’ e raccattato, per dire)
        Alessandro, la tua epidemiologia di coppia dice qualcosa al riguardo? Dove si sono incontrati i partner delle coppie che funzionano? M’interessano ovviamente anche le esperienze delle lettrici 🙂
        Un abbraccio a tutte/i voi, ma un po’ più forte a chi è ancora in mezzo al guado… La famosa luce in fondo al tunnel esiste davvero! Prima o poi ci arriviamo tutte a riveder le stelle 🙂

        • alessandro pellizzari, 28 Marzo 2019 @ 07:50 Rispondi

          Non ci sono luoghi migliori di altri purtroppo. Diciamo però che è meglio cercare nella realtà che sui social

          • Violetta, 28 Marzo 2019 @ 08:41

            Su questo sono perfettamente d’accordo, anche perché certi segnali che manda la pancia si possono percepire solo avendo di fronte la persona. Grazie per la risposta!

          • Violetta, 29 Marzo 2019 @ 15:00

            Chiedo scusa per il doppio post, ma mi è venuta in mente una domanda che mi faccio da un po’: siccome ho degli interessi un po’ particolari, non di rado mi capita di andare ad eventi, fare viaggi, anche andare al ristorante da sola. Per me la cosa non costituisce un problema, ma quando in queste situazioni incontro degli uomini, rilevo sempre un certo sconcerto da parte loro (spesso camuffato in un’ imbarazzato tentativo di manifestare ammirazione per il mio “coraggio”- ciao 2019). Ora la mia domanda è la seguente: come interpreta il maschio medio una donna che si muove in autonomia? Mette soggezione? Viene vista come una facile preda? Non gliene può fregar di meno? Ci tengo a sottolineare che in genere il mio approccio verso il prossimo è tendenzialmente gentile e sorridente, non credo di passare per un’asociale aggressiva…

          • alessandro pellizzari, 29 Marzo 2019 @ 18:43

            Il maschio medio è combattuto fra il timore di avere a che fare con una superdonna indipendente e la voglia di provarci con una che è sola e quindi abbordabile

          • Violetta, 31 Marzo 2019 @ 14:46

            “Il maschio medio è combattuto fra il timore di avere a che fare con una superdonna indipendente e la voglia di provarci con una che è sola e quindi abbordabile”: pareva anche a me, in effetti… Questi tuoi insight sul cervello maschile sono preziosi Alessandro, davvero – e grazie per avermi messo nel novero delle super donne! Sono molto lusingata 😉

          • alessandro pellizzari, 31 Marzo 2019 @ 15:33

            Grazie a te

        • cossora, 28 Marzo 2019 @ 09:36 Rispondi

          @Violetta due mesi son pochini.
          Intanto inizia a frequentare luoghi che ti piacciono, così hai più possibilità di incontrare persone con i tuoi gusti e i interessi.
          Se sei sportiva iscriviti ai tornei sociali che in questa stagione fioccano: beach volley, pallavolo, tennis.. chiudono sempre con grigliate e simili.
          Ricontatta amici e amiche che non frequenti regolarmente, prima o poi uscendo con loro incontrerai gente che non conosci.
          Il web-meeting non lo considero nemmeno.

          • Violetta, 29 Marzo 2019 @ 14:44

            Grazie mille Cossora! Farò tesoro dei tuoi suggerimenti 🙂

        • Ariel, 31 Marzo 2019 @ 17:50 Rispondi

          @Ariel salve sono una gentile contributrice

          @Violetta ti diró che concordo con te
          Non facile pure se non intendo andare a caccia
          ,ma comunque mi risulta non facile incontrare qualcuno che possa sentire veramente degno di essere preso in considerazione

          Certo che ovvio più si sta avanti negli anni come è il mio caso più si diventa esigenti selettivi
          In più ammetto con me stessa che ancora dopo
          Parecchi mesi non ho molta voglia di rimettermi in piazza .

          In ogni esperienza ci stanno pro e contro.

          Mi spiego ,io ho vissuto il Vero Amore con mio marito per una vita intera finché lui era in vita

          Poi ho avuto una relazione tossica con un seriale

          Poi ne sono uscita con terapia

          Adesso francamente ho voglia di riprendere me stessa e proprio semmai dovessi notare un Chiodone come dico io ecco forse
          Potrei pure farci un pensiero

          Non ho mai avuto una esperienza di solo sesso e basta ecco forse questo mi attira adesso

          ,ma comunque non sono una che va a caccia
          Vivo al momento ciò che mi attrae e mi gira di fare
          Mi sento una nomade e lo sono in effetti
          Ho una vita da bohémien pur essendo
          Un dinosauro femmina un poco sovrappeso
          Vagolo di qua e di la

          Insomma faccio cose che mi piacciono
          Dipingo ovunque sulla tela per terra e mari
          Soprattutto di notte

          Bevo aperitivi mangio pure cerco di stare a dieta,ma mi rendo conto che adesso
          Non ne ho voglia per nulla
          Vengo già da molte diete

          Il fumo no
          Cibo ,comunque ridotto un poco
          Astinenza da seriale fuori di testa si,ma
          Che su quel fronte là…..
          Ah ah ah
          Ebbene andava al maximo

          Ah ah ah adesso mi godo me stessa
          E quel che sarà sarà
          E certo che se vedessi un chiodone

          Perché no?Mi diverte pure pensare che dono arrivata a Dinosaura e non ho mai avuto una esperienza del tipo ” meloscopo”
          Ah ah ah

          Che bella la vita a volte è sorprendente!!!!!

          • Violetta, 31 Marzo 2019 @ 21:55

            Ciao Ariel! Conosco la tua storia, l’ho letta in vari commenti… Dev’essere stata una cosa terribile vedersi morire l’amore della vita tra le braccia, ma che fortuna averlo potuto vivere finché è stato possibile! Un privilegio raro… Ci credo che sei diventata selettiva 🙂
            Io penso che alla fine bisogna fare quello che ci fa stare bene: se dopo tutto quello che hai passato ora stai bene con te stessa, tanto meglio! Quando ti tornerà voglia di avere un uomo accanto (anche solo per il sesso), lo cercherai e credo pure che lo troverai, alla faccia dei chili in più 😉 Io invece, nonostante il mercato degli uomini sia quello che è, ora mi sento un po’ l’anima dell’esploratrice… Vediamo che succede. À chacun son goût!
            Salutami il signor Chagall 🙂

          • Ariel, 1 Aprile 2019 @ 09:12

            @Violetta grazie se hai letto i miei commenti

            La Fortuna di un matrimonio riuscito dipende soltanto da noi stessi e da nessun altro

            Qualunque fortuna è il frutto di un grande lavoro faticoso difficile pieno di sbagli di percorso ,ma dove il Sentimento è Forte e soprattutto Autentico dalla sua origine
            Ecco che a forza di farsi un mazzo

            L’unione regge benissimo e allora l’Amore resta ed anzi Aumenta per via della soddisfazione di entrambi di essere riusciti ad amare se stessi e quindi
            Darsi Amore reciprocamente

            È importante per me questo concetto realtà di funzionamento per ciascuno individuo nella vita chi riesce
            Bene nella lunga percorrenza
            Ha sudato mille camice
            Non è Fortuna

            La Fortuna o meglio il destino è certamente il quando si nasce e la malattia e il quando si muore
            Questo si
            Fortuna o sfortuna

            Così è il mio pensiero
            Adesso qui sotto ci tengo ad esprimerti altro
            Divido il commento in due parti
            Per evitare di essere lunga

          • Ariel, 1 Aprile 2019 @ 09:27

            @Violetta
            Ecco qui la seconda parte del mio commento

            Credo quindi che malgrado oggigiorno in effetti si viva in una società malata per ciò che riguarda le relazioni affettive in genere causa la mancata educazione ai sentimenti che si crea dai genitori e fuori col vero contatto umano
            Malgrado questo ogni epoca contiene i suoi pro e contro le sue peculiari difficoltà ,ma anche i suoi pregi

            Quindi venendo a te sono persusasa
            Nel credere che non esista in effetti un meglio o peggio nel parco degli uomini papabili

            Credo che dipenda molto da noi stessi
            Qualunque cosa dipende da noi
            Qualunque progetto qualunque esperienza soltanto noi stessi possiamo agire come meglio sentiamo essere buona per noi stesse

            E quindi sta pure bello se si vuole lasciarsi andare negli incontri di vita
            Come una affascinante scoperta
            Perché ogni volta è nuovo tutto a partire dal uomo che ti sta davanti

            Errore restare imprigionati dalle esperienze negative del passato
            La Natura insegna che ogni fiore
            Ogni seme è unico e due uguali non esistono

            Quindi vai tranquilla Cara Violetta
            E soprattutto conta su te stessa sempre
            Perché che meraviglia
            Nella vita finché ci sta la Libertà nella società

            Possiamo Scegliere liberamente sempre cosa fare!!

            Chagall te l’ho salutato ,ma se mi hai letto,lui non mi vede ,ma mi sente
            Sto lassù nel mio Sto nel quadro di e con Chagall
            La notte dipingiamo insieme
            Mentre la luna sul mare ci guarda muta
            E sente con noi la Storia del nostro Amore antico

            Una lunga strada piena di ombre e luci
            E speranze queste si
            Le ultime a morire.❤️

    • Oldplum, 27 Marzo 2019 @ 15:49 Rispondi

      Esatto. Lasciandoli soli dove stanno gli facciamo veramente tanto male. Ma noi avremo due cose che loro non avranno mai: libertà e dignità.
      Loro conservano un matrimonio bollito e la speranza di trovare un altra gioppina che gli dia sostegno e qualcos’altro.
      Io ogni ora che passa mi sento più leggera, felice , slegata, piena di valore.

      • Ariel, 27 Marzo 2019 @ 16:48 Rispondi

        @Oldplum che bello leggerti
        Grazie perché mi sento veramente al sole
        Infatti ho appena scritto qui sopra a Cossora ,ma pure a te
        E a noi tutte ovvio,
        Così vai a curiosare sopra per resprirare nella tua nuova luce ,
        Ma si ormai siamo fuori e godiamo di ogni nuovo attimo cosa concretaiccola o grande ,ma che sia il nuovo per noi stesse qualcosa che ci fa piacere fare creare

        Ciao Oldplum e lo sai che ti sento
        Vivere della tua grande Bellezza Forza della natura!❤️

    • Ariel, 27 Marzo 2019 @ 15:55 Rispondi

      @Blu e vaiiiiiii!
      Uauuuuuu sono così contenta per te
      Si hai ragione Libertá

      Quella che si Sente dentro a noi stesse

      E vaiiii CARPE DIEM!!!!❤️

    • cossora, 27 Marzo 2019 @ 16:51 Rispondi

      Grande @Blu .. divertiti!!!

  • LEI, 27 Marzo 2019 @ 10:58 Rispondi

    Polly ma tu da quanto sapevi? Ed è stato lui a dirti che era indeciso?

    • Polly, 27 Marzo 2019 @ 12:36 Rispondi

      sgamato tutto dopo tre mesi (eravamo a dicembre), ma con forti sospetti gia’ da prima,cioe’ dall’inizio. Al primo confronto, lui mi ha detto che voleva stare con me e ci ho creduto, pur confermandomi lui uno stato di incertezza e confuzione… Ieri con le mie solite maniere l’ho portato a confermare che si sentono ancora e che e’ indeciso e ama tutte e due….ahahaahhaha! Io avevo letto nel frattempo con avidita’ molti articoli del blog….e ho risposto forte delle esperienze di tutti! Fatti! Abbraccione!

      • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 14:56 Rispondi

        OTtimo

      • Oldplum, 27 Marzo 2019 @ 15:45 Rispondi

        L’unica a non aver sospetti (o perlomeno a non approfondirli) è stata la moglie del mio. Il motto è : soffro per la probabilità ma preferisco non averne certezza.
        E sai perché? Perché poi si dovrebbero prendere decisioni. E le decisioni non piacciono a chi ha scarsa autostima, maschio o femmina che sia.

        • cossora, 27 Marzo 2019 @ 16:38 Rispondi

          @Oldplum.. sai come ho scoperto mio marito? Cercando. Tempo? Mezza giornata, e sono anche più o meno riuscita a risalire a quando è iniziata. Ma io ero INTENZIONATA a farlo. eravamo in crisi da tempo, lo tradivo, e non ne potevo più della stabile farsa.
          Il mio exLUI, come mi par di capire anche il tuo exLUI.. hanno mogli NON INTENZIONATE.
          Insomma Oldplum, ce la puoi anche portare alla fontana sua moglie, ma deve bere lei. Lascia stare tesoro <3

        • cossora, 27 Marzo 2019 @ 16:42 Rispondi

          @Oldplum dimenticavo: la moglie del mio exLUI ha avuto certezze, non sospetti, tanto da presentarsi una volta a un’occasione comune e fare un paio di telefonate a tarda sera per chiedere ‘dove sei, chi ti riaccompagna che sei senza auto?’
          Una pisciatina sui muri, e se lo è rimesso in casa. Cuccia.
          Chissà il mio exLUI quanto si è sentito importante però per quella manciata di minuti.
          Se ci ripenso mi vengono i brividi!

          • Oldplum, 28 Marzo 2019 @ 11:48

            Sono uomini privi di valore che stanno con donne che non amano ma a cui si sentono ormai legati inscindibilmente. Una vita davvero triste.a me lui non fa più altro che pena (in senso cristiano). Mi spiace ma pur volendogli bene non lo stimo per nulla. Sarà che non si stima lui per primo…é una malattia contagiosa. Se ti stimi poco poi di conseguenza gli altri…

        • Rosa, 28 Marzo 2019 @ 15:29 Rispondi

          sai, credo che ci sia anche un’altra alternativa, meno comoda per noi ma che vale la pena di prendere in considerazione. Forse non ha avuto sospetti perchè lui non gliene ha mai dato motivo.
          Ossia non ci sono state variazioni nel suo modo di essere quando è a casa con lei.
          E’ una cosa che mi sono sempre domandata sul mio, a vederlo così coinvolto con me, così affine mi sono chiesta come potesse fare.
          Trascurando il dato di fatto che semplicemente loro ragionano a scomparti, hanno l’interruttore ON-OFF

          • Franca, 31 Marzo 2019 @ 16:29

            Rosa…potrebbe essere una possibilità da contemplare ma questo può significare solo due cose per chi l’uomo che lo fa…o non ha una vera relazione con la moglie al punto che lei non si accorge dei piccoli cambiamenti inevitabili per la storia con un’altra donna o non ha una vera relazione con l’amante al punto da non subire quei cambiamenti che poi porti nella relazione ufficiale.

  • Polly, 27 Marzo 2019 @ 10:32 Rispondi

    ciao care e cari cuori infranti, oggi condivido con voi la grande notizia. Ho avuto il coraggio di lasciare mio marito, indeciso tra me e un’altra da mesi…come dice Alessandro? non si fanno mai lasciare… proprio vero….. provano a rigirare le loro mancanze fino a quasi farti sentire matta. Tra tredici giorni circa avvocato e case diverse. Il mio meraviglioso narcisista ha finito di far danni, almeno diciamo che ha finito di fare danno a me!. Ce la possiamo fare, partiamo dal nostro grande valore!

    • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 10:35 Rispondi

      Un abbraccio

    • Ariel, 27 Marzo 2019 @ 10:52 Rispondi

      @Polly

      Abbraccio,bravissima non facile per nulla
      Bravissima sei Libera dentro ,grande il tuo percorso fatto
      Caspita ,complimenti sei veramente Forte e splendida Donna!!!

      • Polly, 27 Marzo 2019 @ 12:42 Rispondi

        @Ariel, ovviamente e’ doloroso, ma nel lmbo, no per favore non ci voglio stare! Sai cosa mi spiace? Che l’altra giovane donna si accontentera’, come ho fatto io a suo tempo, di seguire cio’ che il suo egoismo dettava… ad esempio…niente figli (lui ne ha gia’ uno dal primo matrimono) e mi ha confermato che con questa ragazza prendera’ quello che viene… zero progettualita’.. anche qui gli ho detto: ‘insomma, l’unico amore che conta e’ quello per te stesso, come sempre e’ stato’.

    • cossora, 27 Marzo 2019 @ 11:07 Rispondi

      @Polly benvenuta: non solo non si fanno mai lasciare gli amanti (dalle amanti) ma anche i mariti (dalle mogli)!!
      Ma che problema hanno gli uomini con il prendere decisioni?
      Comunque idem, mio marito -fuori dalla scorsa estate- e la donna di cui era amante ha appena liquidato il marito, cornuto consapevole ma resistente da un paio d’anni.
      Alla fine lei, l’amante di mio marito, ha avuto le palle come me e ha tirato una riga sul loro matrimonio-farsa.
      Sul sesso ‘forte’ non ho neanche più veli pietosi da stendere..

      • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 12:16 Rispondi

        Gli uomini si fanno lasciare perché così è colpa vostra

        • Polly, 27 Marzo 2019 @ 12:49 Rispondi

          @Alessandro, quante volte lo hai scritto e quanto e’ vero! Certi uomini meritano di rimanere soli a vita, per fortuna non tutti!

        • cossora, 27 Marzo 2019 @ 14:28 Rispondi

          @Alessandro ho capito, ma che problema c’è a prendersi una responsabilità (basta con la ‘colpa’) .. tu sei uomo, dammi una ragione. Non siete geneticamente fatti per gestire la presa di coscienza?
          Vi è più semplice accettare le conseguenze di un fatto se non è dipeso da voi?
          Io non capisco. Illuminami!

          • cossora, 27 Marzo 2019 @ 14:59

            @Alessandro ci sono appena arrivata. Cosa mi conviene fare? La porto a lasciarmi così se tra un po’ nessuna mi scalda il letto, almeno la posso ricontattare senza sentirmi dire ‘veramente mi hai lasciata tu’.

          • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 15:01

            Un mix di vigliaccheria ed egoismo

      • Polly, 27 Marzo 2019 @ 12:47 Rispondi

        @ Cossora: io sentivo che non sarei arrivata da nessuna parte ma dicevo a me stessa: deve avere il coraggio di decidere LUI,, non lo faro’ mai io…. ma poi ho pensato… perche’ devo nutrire il suo ego della splendida persona che sono? Vade retro, ora penso a me e, sola in casa, tra lavoro e blog di Alessandro,passo davanti agli specchi e vedo una SuperDonna!

        • cossora, 27 Marzo 2019 @ 15:03 Rispondi

          @Polly a chi lo dici. Noi dopo 25 anni ci siamo lasciati (ma per 23 io avevo gli occhi a cuore) e abbiamo due figli. Non c’è mai stato tormento, adesso andiamo d’accordo, e io.. io sto benissimo, sono rinata anzi sono tornata ad avere quella luce e quella energia che ormai non vedevo più.. Era una presenza che mi toglieva gioia, appena entrava in casa.
          Nessun rancore, ma sto così bene ora, inutile negarlo.

          • Rosa, 27 Marzo 2019 @ 15:52

            io credo che non ne uscirò mai, dal mio matrimonio intendo. Sono 33 anni di cui almeno due terzi passati con un un altro nel cuore e nella testa. Lui, credo abbia intuito ma non ha nessuna volontà di approfondire. Questa cosa mi blocca, a me basterebbe il “la”, basterebbe una domanda, ma lui non la fa e preferisce fare finta di nulla.
            Questo mi fa pensare che non ce la farebbe emotivamente e mi frena dal prendere l’iniziativa.
            Con l’altro ho chiuso, e non ci sarà mai un futuro, ma dentro di me so che mi sentirei meglio, più ” a posto” a proseguire da sola.

          • Ariel, 27 Marzo 2019 @ 16:35

            @Cossora ciao❤️
            Ebbene vorrei avere notizie del famoso bikini da denuncia
            ,ma che fine ha fatto?
            Lo hai poi comprato?
            Tu sono sicura puoi fregartene delle luci dei camerini
            Perché sei Bella dentro e fuori ti immagino così
            E sono qui tra queste righe e parole per
            Incoraggiarti a fare un progetto realizzato nuovo ogni giorno

            Ad esempio è venuta l’ora di
            Pensare e acquistare
            Il Bikini da denuncia!!!

            Ecco qualcosa di nuovo che possa per ciascuna di noi ora spingerci
            Veramente nel nostro presente Luminoso costruire il nostro futuro

            So già che@Oldplum ha prenotato per festeggiarsi giustamente il suo primo mese dalla scelta del No Contact silenzio e stop,con una ,non ho ben capito
            “rinfrescata al viso”
            @Oldplum e @Cossora
            Nel mio caso occorrrebbe unricovero
            Già servirebbe un paranco per venirmi a prendere causa lo sapete cicciotta
            Ah ah ah ah

            ,ma non e cosí sono Stupenda e sprizzo gioia e sex da tutti i pori
            Persino Chagall se ne è accorto quando di notte dipingo con lui

            Ah ah ah
            Che vita ragazze ci tocca fare!!!
            Ah ah ah

          • cossora, 27 Marzo 2019 @ 17:06

            @Rosa.. 33 anni di cui 22 amando un altro???
            Ma cosa hai fatto per dover scontare una condanna simile?
            Non c’entra niente tuo marito, nemmeno l’altro,
            Stai affermando che la tua felicità è importante, previo emissione di un ‘la’?
            Se rimani dove sei per tanto tempo.. un motivo ci deve essere.
            Guarda bene.

      • LEI, 27 Marzo 2019 @ 13:05 Rispondi

        Quindi lui rientra nel 10% che si è rifatto una vita con l’amante?
        Alessandro facciamo una statistica di quanti hanno avuto le palle in questo forum??

        • alessandro pellizzari, 27 Marzo 2019 @ 14:58 Rispondi

          10/20%

        • cossora, 27 Marzo 2019 @ 15:19 Rispondi

          @LEI se l’è fatta perchè la moglie lo ha mollato. Sennò ciao.
          Mamma che numeri e che dati spaventosi!

  • Cossora, 24 Marzo 2019 @ 11:03 Rispondi

    @Blu .. cara. Io non ci capisco più niente giuro. Alzo le mani sono persino stanca e confusa riguardo ciò che ho fatto con/a mio marito e con/a LUI..!!
    Tirerei una bella riga, senza dimenticare il passato, ma guardando avanti senza fare progetti ne aspettare nessuno. Il vuoto cosmico!

  • Blu, 24 Marzo 2019 @ 09:30 Rispondi

    Cara Cossora, mai come oggi mi sono sentita in dovere di scrivere. E lo faccio non tanto per farti sentire meno sola, ma per ricordarti una cosa moooolto importante. Ieri ho chiesto al mio ex compagno di provare ad avere un rapporto più sereno, meno distaccato con me, per nostro figlio e per i 13 anni di vita che abbiamo passato insieme. La sua risposta è stata: io ti ho cancellato. Se non fosse stato per la nascita del mio tesoro prezioso, io mi ritroverei ad aver vissuto 13 anni di coma. Stiamo riuscendo a staccarci da uomini sanguisughe ai quali, volente o nolente, abbiamo dato tanto, e fino a poco tempo fa non lo avremmo mai creduto possibile. Abbiamo chiuso matrimoni, convivenze, per coraggio o incoscienza, decidilo tu, ma non conta. Quello che conta è che siamo donne che sanno quello che vogliono, che lo aspettano a volte facendo tanta fatica, ma lo sappiamo. Sappiamo chi siamo, sappiamo quanto siamo belle, dentro e fuori, e arriverà: ora non mi credi, ma non credevi nemmeno che saresti riuscita a lasciar andare il tuo uomo sposato. Quindi io te lo dico lo stesso, perché fra un po’ di tempo tu possa tornare qui e scrivere: blu, cavolo, avevi ragione. È arrivato, per me è finalmente arrivato un amore vero, semplice. Ed è bellissimo. ❤

  • Oldplum, 22 Marzo 2019 @ 19:38 Rispondi

    Non invidio chi ci lavora insieme . Io solo a vederlo per caso sto male.

    • Ariel, 22 Marzo 2019 @ 20:25 Rispondi

      Hai ragione infatti con l’ex meno male che stiamo lontanissimi
      Mi sono sempre detta
      Meno male che la distanza geografica
      Mi ha veramente salvata dal peggio,nel mio caso è stato così

      So che nei casi in cui sia inevitabile perché si lavora nello stesso ufficio esistono metodi psico che insegna a come fare a fare
      Il sasso grigio cioè come fare a mantenersi neutri totali pure in caso
      Lui per lavoro volesse cogliere la occasione per provocare a parole
      Mettere a disagio insomma solite cose manipolazione

      Ecco uno psico puó suggerire come fare esiste un metodo ad hoc
      Per questi casi in cui ci si vede per forza causa lavoro.

      Prima all’epoca mi disperavo per la distanza geografica
      Poi Si è trasformato in un mega sollievo!!!

      • Cossora, 22 Marzo 2019 @ 22:06 Rispondi

        @Ariel e @Angelica tra noi 3 km di distanza. Ma a parte la faccina du martedì zero. Silenzio assoluto da me e rispettato da lui. Spero non ceda e non torni. Io inizio di nuovo a sentire che faccio dei passi luminosi..sono così felice li aspettavo tanto!!

        • Blu, 23 Marzo 2019 @ 07:56 Rispondi

          Cossora idem per me! Massimo 3 km di distanza! Ieri infatti l ho incontrato per caso, mi ha fermato, abbiamo scambiato due parole, parlato del nulla, poi mi dice che farà un viaggio con la moglie. Io: “Bello ragazzi, fate benissimo!” Lui: “Si, per staccare un po’, ci vuole. Ma tu? Sei diversa, hai tagliato i capelli?” Io: “No, ma me lo hanno chiesto in tanti. Sono semplicemente più bella!!!” E si, sono davvero più bella, lui non mi intristisce più. Ah dimenticavo, qualche giorno prima mi aveva scritto che gli mancavo, che mi aveva pensato tanto..non ho risposto. Buon viaggio!

          • Oldplum, 23 Marzo 2019 @ 11:40

            Che personaggi. Fortunata chi se ne libera.

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 11:41

            @Blu tu bravissima ma lui, in uno scambio veloce doveva informarti del viaggio con la moglie? Che triste senza coglioni, floscio, inutile.
            Mamma mia.

          • alessandro pellizzari, 23 Marzo 2019 @ 11:47

            Certo uomini vi hanno preso per terapeute di coppia gratis e with benefits

          • Outlier, 23 Marzo 2019 @ 11:41

            Che bello leggere le vostre storie di rinascita ragazze. Fa bene.
            Spero che anche io rinascerò presto.
            Per ora, solo molta tristezza. Davvero molta.
            A lavoro mi impegno a non farmi vedere triste da lui, a non dargli questa soddisfazione.
            È dura.

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 12:02

            #Outlier ho sentito anche io tanta tanta tristezza. Mi sono innamorata davvero, si vede. Non per solitudine, per insicurezza, per bisogno. Per amore. E mi sono sentita TANTO AMATA. Ma adesso vieni via, è finita. Non annulla ciò che è stato, ma é finita tesoro. Ti stringo fortissimo.

          • Outlier, 23 Marzo 2019 @ 13:37

            Devo staccarmi, devo pensare che se avesse voluto stare davvero con me ora starebbe con me e non da un’altra parte.
            A tratti mi manca l’aria. Mi talmente tanto che sembra di non respirare. Poi provo a calmarmi, a distrarmi e torno razionale.
            Ho un cuore veramente stupido.
            Ti abbraccio forte Cossora.

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 12:21

            @Blu che tristezza il suo parlarti così
            E pure guarda mi fa incazzare scritto bello per esteso senza camouflage alcuno

            Ma veramente che tipo d’uomo è questo?

            Na EMME in stampatello

            Seguita da un bel

            MAVAFFA SENZA RITORNO!

            @Blu salvati
            Che si pure tu un TESORO da PRESERVARE RISPETTARE!!

            Esperienza insegna guarda sto certa che nessuna di noi qui in futuro ripeterà gli stessi errori

            Su su avanti un. Altro
            e che sia mejo de questo
            Altrimenti MARCA MALE
            Ormai nun ce frega più!!!

            Okkei ho avuto uno scatto impulsivo
            Ma di fronte a quanto ho letto qui
            Difficile essere Inglesi

            Poi figuriamoci sto tutto fuorché inglese
            Ah ah ah
            Su fatemi bere subito un vinello bianco fresco per aperitivo che così mi riprendo
            E ti vi mando un buon sorriso positivo
            Prosit ancora!!!

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 16:11

            @Outlier oggi ho fatto la spesa in un super dove vado solo a prendere sushi la notte. Ovviamente l’ultima volta con chi sono andata? Ecco.. indovinato!!! Mi veniva da piangere tra le corsie, ho pensato tra un po’ fa gli anni, recupero il suo numero, gli faccio una sorpresa. Poi nella testa sento ‘toc toc.. ma ci sei o ci fai? Tu ora del suo compleanno te lo devi scordare!’ Poi il cuore ha risposto ‘facciamo così: mi do tempo fino a quel giorno, vediamo cosa penso per il suo compleanno, come sto messa’. La testa ha perso un po’ la pazienza e ha ribattuto ‘come una che fino al suo compleanno non è stata cercata, e lo chiama pure per fargli gli auguri: fai te’.
            Ecco. Tremendo vero? Adesso mandiamo avanti veloce: un weekend di luglio ad esempio, siamo con amici, al mare o nel parco, o da sole a leggere un libro o mangiare un gelato, e oggi è solo un sabato di 4 mesi prima.
            Se oggi però decidessimo di cercarli.. a luglio saremmo con amici al mare o nel parco, ma non sarebbe una nostra scelta. Sarebbe il piano B per sopravvivere al suo weekend in famiglia, nella loro casa al mare.
            Ognuno di noi può scegliere o decidere di far scegliere all’altro.
            Per quanto ti senta soffocare e tu soffra e ti venga da piangere.. tu sei quella che ha scelto!!

          • alessandro pellizzari, 23 Marzo 2019 @ 17:18

            Lui è all’aperitivo con la moglie

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 17:37

            @Alessandro ti devo correggere: la moglie è seduta a fare l’aperitivo. Lui le porta il piattino con gli snack al tavolo.. così anche stasera gliela da!

          • Outlier, 23 Marzo 2019 @ 21:36

            @Cossora, grazie infinite!
            Mi stai aiutando tantissimo! Come tutti voi qui!
            É davvero bello sentirsi a casa qui.

          • Rosa, 23 Marzo 2019 @ 17:47

            @cossora, cara, mi sembri me. Quanto tempo passato a pensare a scansionare analizzare, fare ipotesi, fantasticare.
            Eppure la risposta era li sotto i miei occhi. Nel suo risparmiarsi, nei suoi messaggi senpre più rari e sempre più vuoti. Semplicemente nel suo non esserci.
            Bastava guardarlo per quello che è, invece di caricarlo di significati che io volevo dargli ma che probabilmente lui ha avuto (forse) solo all”inizio.
            Guardalo senza aggiungerci nulla, basati su quello che hai visto e sentito e non su quello che pensi che voleva fare ma non ha fatto, voleva dire ma non ha detto.
            Ti apparirà in tutto il suo “splendore” un egoista, che vada bene.
            Ho una tecnica, da pochi giorni ma funziona. Quando arrivano i pensieri brutti, quando ci parliamo dentro alla testa e ci diciamo che forse abbiamo sbagliato, che non ce la facciamo a lasciarli indietro e tutti quei bei pensieri che riusciamo a fare quando la tristezza ci prende alla gola. Bene, se proprio non riesci a scacciare i pensieri, pensali con una voce buffa. Con la voce di Paperino o con una voce nasale o quello che ti viene in mente. NOn sono pazza, funziona♥️

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 18:04

            @Rosa non sei affato pazza sei
            STUPENDA!!!!!!
            Ma che bello intelligente e divertente il tuo suggerimento
            Mi entusiasma questo metodo che sicuro aiuta e sicuro è efficace proprio perché fa da passaggio dal tragico nostro soffrire
            Al vedere questi nostri ex del MAZZO….
            in modo buffo comico!!!

            Mi sento in sintonia con questo tuo Così simpatico e credo davvero utilissimo aiuto a superare qualsiasi problema di emozione negativa

            Grazie Rosa!!!!❤️

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 17:52

            @Rosa vado di topo Gigio. Che a parte avere i capelli (Gigio, non lui) sono pure due gocce d’acqua

          • Rosa, 23 Marzo 2019 @ 18:42

            Topo Gigio è perfetto, io vado con Jerry Lewis.
            In quanto a somiglianze Mr Bean è perfetto solo che almeno lui fa ridere

        • oldplum, 23 Marzo 2019 @ 08:45 Rispondi

          Ma non è questione di cedimento, Cossora.
          Non si sta rovellando. Lo facesse, ti manderebbe qualcosa di più di una faccina dopo settimane di silenzio. O almeno ci scriverebbe accanto un “ciao, come stai?”. Sarà troppo orgoglioso per scrivere qualcosa di più? o forse sa che faccina e le cose che ti ha dato fino ad adesso sono le uniche che può offrirti e quindi azzarda ma senza promettere sviluppi?
          non lo sapremo forse mai.
          Il silenzio e il non vederlo fisicamente comunque aiuta tanto. io l’unica volta che mi sono sentita cedere è quando l’ho visto nello stesso posto dove stavo andando. Cedere nel senso che poi sono stata male. ci ho ripensato in modo romantico, sciocco. Io devo invece immaginarlo PER QUELLO CHE E’. Non per quello che è stato con me. Sapere che avevo un posto ai margini (belli eh) della sua vita e che non mi avrebbe mai permesso di entrarci del tutto mi fa capire quanto sia stupido lui e quanto fortunata io ad aver scampato il pericolo di un uomo che è capace di turlupinare due donne senza voler rinunciare (per motivi diversi) a nessuna delle due.

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 11:51

            @Oldplum se volesse fare il gioco sporco gli basterebbe pubblicare le sue creazioni, da sempre ispirate da me, da noi. Ma si è fermato con un ultimo disegno quel guorno dwll ultima faccina. È un ‘sei stata il sole della mia vita, che mai avrei pensato di avere, ma ora torno indietro’.
            Fa male, ha fatto molto male. Non farà mai bene, questo lo so. Ma è stato bellissimo e sta passando. Pptrebbe farmi arrivare milioni di messaggi in tanti modi e veicolati da persone ignare, che io sola potrei codificare.
            Non lo fa. Ne prendo atto. Per me l’importante è che mi passi. Come e perché non mi interessa. Non cé un secondo tempo. Tu come stai? Sei in una fase critica verso tutto, più dissacrante del solito, mi sembra di avvertire. O forse è solo carattere. Tieni duro, un bacio!

          • alessandro pellizzari, 23 Marzo 2019 @ 13:23

            Ricordate: tutti quelli che esagerano a parole sei il sole della mia vita è aggiungono un ma… sono da depennare ti amo ma sei la più bella ma ma ma ma ma

          • Blu, 23 Marzo 2019 @ 12:57

            Si ragazze, definire lui è impossibile, non esistono parole. Ma io non le cerco nemmeno, non gli dedico più neanche un briciolo della mia energia, mentale e men che meno fisica. Lo vedo spesso di sfuggita, lo incontro per lo sport dei figli, e a volte è dura ma sempre un po’ meno. Lui, loro, sono questo, io, noi, siamo altro. Un altro bellissimo mondo.

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 13:25

            @Alessandro l’ho capito credimi. Mi costa tantissimo questo silenzio. Ma so che è la mia cura. Non interrompo, non lo farò! Ma grazie x ricordarmi cosa non fare❤

          • alessandro pellizzari, 23 Marzo 2019 @ 13:29

            Sono qui per te per voi

          • Oldplum, 23 Marzo 2019 @ 13:29

            @cossora, alti e bassi non troppo bassi

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 14:09

            @Oldplum e vai che sei un Fiore!!!
            Pure con Alti e bassi

            Ecco se potesse aiutarti ti suggerisco quando stai più per quel momento nei bassi
            Ecco esci e occupati del tuo giovine Piccolo…dolce tenero che sa coccolarti
            Vedi un poco che nasconde sotto il piccolo…
            Sto convinta che ti fa passare il tuo momento ” basso” morale
            E lo trasforma in qualcosa di grande ,un buon sorriso e chissà forse di più,mai porre limiti a ciò che verrà!!!….

            TESORO di OLDPLUM
            CHIODO SCACCIA E SOPRATTUTTO SCHIACCIA IL CHIODO VECCHIO CHE SEI RIUSCITA A MANDARE LÀ DOVE DEVONO STARE dove NON BATTE IL SOLE MAI
            Ma non per rancore ,ma proprio perché per primi hanno scelto di vivere nel loro grigiore di simulatori consapevoli o meno non ci interessa ,sempre simulatori di promesse false restano.

            PERCHÉ IL LORO OCCHIO allora con noi STAVA DOLCE E DURO…. appassionato ,altra manipolazione pure quella
            E COSÌ CI SIAMO FATTE FREGARE per troppo tempo

            MA ADESSO NON PIÙ !!!

            W IL CHIODO NUOVO che scaccia
            Il chiodaccio ormai arruginito e senza più nulla da dare se non una brutta figura di se stesso.

            Un chiodo al giorno toglie il medico di torno
            E in più solo che a leggere questa frase
            Forse potrebbe nascere un sorriso
            E magari un accorgersi del nuovo panorama dove i giovani
            Coccolano e sorridono senza promessa o pretesa alcuna
            Se non quella di vivere un buon momento per se stessi.

            Ciao @Oldplum sei un Fiore❤️

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 13:31

            @Oldplum.. idem! Dai dai che li cacciamo via!

          • Oldplum, 23 Marzo 2019 @ 18:17

            @ariel mi fai schiantare dal ridere. No! Niente chiodo. Non serve ora. Ora mi serve stare un po sola e digerire sta cena lunga oltre 2 anni.

        • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 09:33 Rispondi

          E Bravissima @Cossora! Stai raccogliendo i frutti di tutto il tuo impegno verso l’ amare te stessa e la capacità di guardarti dentro per scoprire la tua vera Luminosa forza.

          Certo che 3km è poca distanza però l’importante è che tu vada avanti così come gia stai facendo

          Avanti senza voltarti indietro se non per quel attimo che naturale si fa quando la strada davanti ci appare lunga e sconosciuta la meta
          Come un orizzonte infinito con la paura del ignoto

          Ecco che è vero ci si ferma un attimo e viene istintivo fermi voltare lo sguardo indietro perché questo gesto ci fa apprezzare il nostro cambiare positivo

          Una lunga via che abbiamo già percorso
          Eccoci pronte adesso a proseguire in avanti sapendo apprezzare proprio come fai qui la tua Capacità Luminosa di superare ogni dolore e difficoltà nella vita.

          Ma pensa Cossora che già avevo dipinto un quadro anni fa
          Quando stavo iniziando a scegliere di vivere dopo la morte di mio Caro Marito

          Si una Donna in primo piano una lunga strada davanti
          È Ferma volge lo sguardo indietro come a voler lasciare andare pur nella sua disperata tristezza dolorosa

          Lasciare andare il passato per riprendere il cammino verso la sua nuova vita.

          Scegliere di vivere tutto
          amando ad ogni passo un poco di più se stessa.

          TESORO di Cossora!❤️

        • Annaura, 23 Marzo 2019 @ 09:35 Rispondi

          Io anche pochi km…e x fortuna non ci lavoro insieme. Qnd lo vedo faccio finta di non vederlo, sto male (=delusa, vuota..) x un pò ma poi me lo faccio passare

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 21:03

            @Annaura Bravissima ,difficile ancor di più quando si sta in poca distanza geografica quindi il rivederlo ovvio comprensibile fa soffrire,ma caspita sei bravissima ancor di più
            Per riuscire a superare il momento di ovvio disagio doloroso e tener fede
            Alla tua scelta decisa
            Di amare te stessa perché questo tipi di uomini ,non ci meritano affatto
            E vanno appunto lasciati dove stanno
            Nella loro EMME…naturale loro talento unico…

            Un abbraccione Annaura❤️

          • Annaura, 25 Marzo 2019 @ 10:24

            Grazie Ariel. Il mio obbiettivo è proprio il tuo dipinto. ” una Donna in primo piano una lunga strada davanti
            È Ferma volge lo sguardo indietro come a voler lasciare andare pur nella sua disperata tristezza dolorosa

            Lasciare andare il passato per riprendere il cammino verso la sua nuova vita.”. Bellissima immagine. Complimenti

        • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 15:48 Rispondi

          @Cossora sei GRANDE veramente
          Guarda ti cito qui sotto in tuo testo commento di poco tempo fa ,ma lo faccio volutamente in modo che possa essere riletto da tutte noi per quanto siano le tue patole verità piene di risveglio e forza determinata ad amarti ,così un ripasso che sento così efficace in queste tue parole scritte rivolte a noi tutte :


          @Annina & co. smettiamola con ‘a me non ha mai promesso niente’. Ma smettiamola proprio con ‘sto buonismo del cazzo. 11 mesi in cui mi scrivi dalla mattina alla sera, e ti confronti, e organizzi cose belle, e ascolti, vivi e vedi il mio amore crescere SONO TUTTE PROMESSE. E un uomo che rinnega questo è una montagna di merda. Solo che a noi (e io sono la prima della lista) costa troppo ammettere che abbiamo investito su una montagna di merda. Quindi usciamo con ‘beh dopotutto non mi ha mai promesso nulla..’
          Non va bene questo pensiero, perchè è l’anticamera del ritorno nel baratro.”

          ESATTAMENTE!!!!!!

          GRAZIE Per ricordarci questo sempre!!!
          ❤️

          • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 17:48

            @Ariel pensa te.. l’ho scritto io?? ma si.. se ne andasse dove vuole, io il 26 ho sto bikini da cercare.. mi faccio un giro su Victoria’s Secret e passa la paura!

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 18:26

            @e vaii Cossora guarda quanto sta utile rileggere e rileggersi !
            Sei Fortissima e finalmente dai notizie del ormai atteso da tutti qui il tuo acquisto nuovo bikini da denuncia!!!

            Con un sorriso e un abbraccio ,mi raccomando tienici aggiornate/i
            ❤️

          • Confusa (Ex), 27 Marzo 2019 @ 15:49

            @Ariel mi ero persa questa tua fantastica disquisizione sul “a me non ha mai promesso niente”! Illuminante

    • Angelica, 22 Marzo 2019 @ 20:43 Rispondi

      Si pure per me la distanza è diventata tutta salute, unita al blocco social ci ha resi perfetti sconosciuti.

      • Oldplum, 23 Marzo 2019 @ 10:01 Rispondi

        Mi fai un riassunto della tua storia?

        • Angelica, 23 Marzo 2019 @ 12:15 Rispondi

          Oldplum, ora mi verrebbe solo “nasce corre inciampa e muore” come riassunto:))) 300 km di distanza, figli liceali, lui assuefatto a una vita molto routinaria dietro ai figli, moglie in carriera e coppia soporifera. Partenza a razzo, con immediate dichiarazioni di intenti (se ripenso a tutte quelle cazzate che anche a scriverle avrei prurito) e fine a cazzo, perché amava ma là stava e non si muoveva. Era impeccabile rispettoso tenerissimo premuroso MA sempre nei limiti della scatoletta in cui ero finita senza accorgermene. Avrebbe continuato a vita. Dopo due anni e mezzo grossa crisi, visto che mi ero rotta le scatole e iniziavo a non essere a mio agio, vari avvenimenti che preferisco non scrivere e a tre anni e qualcosa blocco finale arrivederci e grazie. Chiusura per me assai sofferta ma inevitabile. Dopo qualche mese sto meglio e non perché lo stia dimenticando o stia accettando noooo… sto meglio perché lo sto valutando con altri occhi e più passa il tempo più so che non lo vorrei un uomo così. Per tutti i motivi che anche tu trovi

          • Oldplum, 23 Marzo 2019 @ 18:55

            Capisco. Molto simile alla mia. Io so che probabilmente ha un forte sentire per me ma pare non sia un sentire bastevole. Forse questo silenzio porterà una conferma all’ipotesi che ho in testa, forse no . comunque sarà, sarà per me un successo.

          • Angelica, 23 Marzo 2019 @ 19:43

            Il silenzio porta con se la verità. Ma Oldplum ti dico, faccio fatica adesso. È cambiato tutto e soprattutto non mi fido più, al di là di tutto. Avrei paura se si presentasse anche con una separazione in mano. Ho paura di un uomo che tira alla lunga due donne in una situazione di disagio per anni, che se le palleggia perché ognuna delle due gli da qualcosa che una da sola non potrebbe. Non lo voglio un uomo capace di mentire così e mettersi comodo.

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 20:36

            @Angelica il tuo punto di vista è piemo di verità e logica
            Non fa una piega

            Perché veramente come ci si possa fidare proprio di uomini che
            Tengono il piede in due scarpe e nel farlo però illudono manipolano apposta per riuscire stare il più possibile godendo dei benefici
            Di due donne moglie e amante
            E soprattutto la amante che sa sicuro che lui la tradisce insomma è inaccettabile per la propria Dignità,

            Si caspita sta impossibile fidarsi
            E no ,a meno di essere masochisti
            Insomma ,basta piegarsi ,
            si secondo me sarebbe una resa assurda e che schiaccia la nostra Dignità e offende la nostra intelligenza

            Insomma un conto è aver fatto molto prima dei due anni e fischia insieme una road map con tempi e limiti da rispettare e far rispettare ,ma così proprio come la maggioranza di questi elementi da scazzo
            Ma veramente

            Brava Angelica dimostri a te stessa i tuoi attributi e talenti di cui l’ex ha ampiamente approfittato.

            Il silenzio parla da solo e ci aiuta proprio a guardarci dentro e a riuscire a vedere l’ex per ciò che è veramente
            E questi simulatori di sentimenti eterni e simulatori di progetti
            Fanno soltanto che pena ,ma in senso negativo

            Senza rancore ,ma nuova vita aria fuori dal tunnel
            Ci siamo noi con la nostra vera Luce e Splendore di Donne
            Ancora capaci di Amarci per meglio Amare chi ci merita!!!

            Cara Angelica un abbraccio solidale sempre!
            Sei Forte lo sai!!!❤️

        • Oldplum, 23 Marzo 2019 @ 21:23 Rispondi

          Dico la stessa cosa. Servirebbe una rivoluzione interiore e un duro lavoro su sé stesso . Cose per cui ci vuole molto tempo. Io intanto , sai che ti dico? Vivo.

          • Angelica, 23 Marzo 2019 @ 23:18

            Ho talmente sofferto in passato, e mi sono dovuta tirare fuori da situazioni che avrebbero spedito molti alla neuro, e quindi ora ho finito, già dato, stop. Non che si lavi tutto con niente ma mi rifiuto di stare male. L’atteggiamento fa tutto, e qui c’è forza, dignità, amore, in ognuna di noi.

          • Ariel, 23 Marzo 2019 @ 23:59

            @Oldplum ottima idea Vivi la tua vita

            Guarda avanti che sicuro ci sta la fila
            Per te
            E tra la folla più amerai te stessa senza se e senza ma più
            Finalmente ti verrà incontro un uomo VERO

            ChE saprà amarti seriamente rispettandoti completamente esclusivamente
            Dimostrandoti concretamente di meritare
            La tua considerazione.

            Cara @Oldplum stai avanzando
            Benissimo ,
            Ma non ho nessun dubbio a riguardo
            Perché è vero che sei
            Quel Fiore pieno di meravigliosi colori e profumo che è nato e sopravvissuto
            Ad ogni difficoltà
            Ed è per questa tua capacità
            Che oggi scrivi:

            “sai che ti dico ?
            Vivo”

            Che bella che sei!❤️

          • Cossora, 24 Marzo 2019 @ 08:19

            @Oldplum, Ale & co. Cerco di vivere anche io. Ieri la notizia che la donna con la quale mio marito aveva la storia è riuscita a mandare fuori il marito e quindi.. che dire auguri a tutti. Non sono gelosa, ma oggi mi sento che non ho meritato anche io un lieto fine. Oggi vorrei solo scappare mi sento di merda.
            Cé un motivo a tutto ciò? Come ci si toglie dalla testa questo quesito? Vi abbraccio forte forte.

          • Oldplum, 24 Marzo 2019 @ 09:19

            @cossora
            Tu meriti un lieto fine.
            Ma non con Topo Gigio senza capelli.

          • Oldplum, 24 Marzo 2019 @ 11:55

            Grazie @ariel . fa bene sentirmelo dire. 🙂

  • to the moon and back, 22 Marzo 2019 @ 14:23 Rispondi

    Scusatemi tutte/tutti…sono sparita, ma avevo bisogno di silenzio, che nel mio cervello in relatà non c’è mail stato…. continuo a legegrvi e a leggere i post nuovi e vecchi, in continuazione ….
    Erano 12 giorni che nuovamente non lo sentivo …
    Rieccolo, questa volta il motivo della telefonata è che vuole “scusarsi violentemente” …
    gli do’ la mia disponibilità..dice che lo farà… gli chiedo di farlo quanto prima, in modo che si possa chiudere definitivamente (un avverbio che ho già usato alcune volte!!!!)… lui risponde che sul fatto di “chiudere dobbiamo parlarne!”
    ….
    Ho deciso di scrivergli per vederlo OGGI! … l’ho fatto!
    Ho sbagliato vero?

    • to the moon and back, 22 Marzo 2019 @ 17:30 Rispondi

      mi risponde che oggi non può!
      gli mando un ultimo messaggio, scrivendogli di non farsi più sentire a meno che non abbia altre intenzioni!
      Fine

      • alessandro pellizzari, 22 Marzo 2019 @ 18:51 Rispondi

        E che sia davvero fine

      • Oldplum, 22 Marzo 2019 @ 19:15 Rispondi

        In pratica ti ha rimesso di nuovo nei suoi tempi.
        Dovevi solo scrivere: non farti piu sentire.
        “A meno che” è sempre una dimostrazione di apertura dopo una vigliaccata come quella che ti ha fatto.
        Ha solo testato il terreno. Ha visto che c eri e ciao.

      • Cossora, 23 Marzo 2019 @ 08:25 Rispondi

        @to the moon non sparire. So come funziona. Cediamo al cioccolatino, pensiamo che la dieta è andata. Ci chiudiamo nel silenzio perché non vogliamo che gli altri vedano quanto siamo deboli. Non farlo. Tutti abbiamo ceduto e tutti siamo deboli. Tutti abbiamo “un ultimo cioccolatino”.
        Dai forza, da questa parte, testa alta petto in fuori e non ti voltare. È la parte più difficile, quanfo hai ancora il sapore del cioccolato in bocca. Ma ci sei già passata, 12 giorni sono una fatica immane. I giorni dopo sono via via più semplici. Io sono a 26 e NON sto male come due settimane fa. Ricomincia, e stavolta punta la Luna e niente back!!

    • alessandro pellizzari, 22 Marzo 2019 @ 18:49 Rispondi

      Purtroppo hai sbagliato ma lo abbiamo fatto tutti

    • Ariel, 22 Marzo 2019 @ 19:11 Rispondi

      @ tomtje moon purtroppo si,hai sbagliato,ma
      Sbagliando si impara e il fatto che tu lo abbia sentito lo sbaglio dentro di te scrivendo.o qui sotto forma di una domanda che in realtà tu senti giù da sola la risposta giusta

      Ecco questo è già qualcosa di buono per te stessa
      Quindi mi auguro per te stessa che tu veramente riesca a ignorarlo senza andarci
      In più questo suo dirti polemizzare che sul fatto del tuo voler chiudere definitivo
      Lui ,il signorino vuole parlarne
      Guarda lo vedo proprio come la dimostrazione della sua mala fede
      Vogliamdi possesso

      Non mi piace per nulla il suo modo di reagire don temfosse anche tutto dolce,

      Coraggio the moon mandalo afan…
      ,ma senza farti più vedere sentire non contact totale
      Forza lo hai già capito da sola sei bravissima
      Pure se in effetti hai fatto lo sbaglio. Ma subito però te ne sei resa conto

      Foraza the moon
      Ti sostengo con un abbraccione da qui!

    • Rosa, 22 Marzo 2019 @ 20:39 Rispondi

      Vedi il fatto è che lui non ha nessuna intenzione nè di scusarsi nè di chiudere, voleva solo controllare se tu eri ancora lì ad aspettare.
      Avergli risposto la prima volta e avergli proposto di vedervi oggi, altro non fa che confermargli il fatto che tu sei lì, appesa…
      Probabilmente se tu non avessi risposto al suo primo tentativo di riaggancio, il tempo lo avrebbe trovato. Ma non ti illudere, non sarebbe cambiato nulla. Sarebbe venuto a “segnare” il territorio per poi riprendere bellamente a fare ciò che gli pare.
      Ti suggerirei di cambiare prospettiva.
      Lui altre intenzioni non le ha, quindi vedila così: tempo scaduto per lui.
      Se si fa vivo non rispondere.

      • alessandro pellizzari, 22 Marzo 2019 @ 21:02 Rispondi

        Concordo

  • Elisabetta, 19 Marzo 2019 @ 10:13 Rispondi

    @Franca, tanti auguri e questa volta trovate sempre la forza di procedere insieme per una nuova strada, la vostra.
    Un forte abbraccio!

  • Blu, 19 Marzo 2019 @ 09:18 Rispondi

    Cara Eva, ti scrivo quello che sto vivendo io, così che possa magari esserti di aiuto. Il mio ex amante ha lo stesso comportamento del tuo. Nonostante il mio silenzio, in pubblico fa finta di nulla e quasi fa l amicone. Io sono arrivata a pensare di desiderare di cambiare vita,ma non lo farò mai. Giovedì inizierò un nuovo percorso con la psicologa, che avevo già incontrato un anno fa quando mi sono resa conto di non amare più il padre di mio figlio. Ora mi sono separata e mi sono staccata dal mio amante, e nonostante sia consapevole che nessuno dei due fosse in grado di farmi stare bene, io mi sento tanto ma tanto giù. E non voglio più stare così, perché ho un bambino meraviglioso che ha bisogno della mia serenità. Inizierò questo percorso per capire perché continuo sempre a mettere un bel vestito a relazioni che belle non sono. Ci arriverò. E allora imparerò a gestire il vuoto che hanno lasciato e a riempirlo di me. Solo di me. Un abbraccio a tutti!

    • Eva, 19 Marzo 2019 @ 10:44 Rispondi

      @Blu Certo che ce la farai, un abbraccio enorme!! Verrai ripagata con lo sguardo di adorazione del tuo bambino che ti guarderà pensando: “Quando è tosta la mia mamma”.

      • Eva, 19 Marzo 2019 @ 10:52 Rispondi

        Era *quanto! Ma il concetto non cambia

  • LEI, 19 Marzo 2019 @ 09:04 Rispondi

    Eva tu non devi cambiare proprio niente. Vuole flirtare davanti alla moglie? Fatti suoi. Tu devi essere un iceberg.

    • Eva, 19 Marzo 2019 @ 10:50 Rispondi

      @LEI @cossora Io sono un iceberg, non faccio una piega, non faccio scenate e resto sempre una signora. Però lui cerca una reazione secondo me, da parte di qualcuno in generale, tipo GUARDATEMI QUALCUNO FACCIA QUALCOSA. A me non piacciono le prepotenze né i prepotenti e le sue invasioni di campo le vivo come una prepotenza, non rispetti le mie richieste, non rispetti il mio silenzio, non rispetti i miei spazi. Siccome sono convinta che lo rifarà faró come mi ha suggerito @Angelica, quando si manifesta prendo e bacio un altro, direi che così ci guadagnamo tutti. 🙂

  • Eva, 19 Marzo 2019 @ 00:41 Rispondi

    Cercherò di scrivere in modo il più generico possibile: stasera no contact totale di un mese interrotto da lui che casualmente era in un posto non definito per motivi non definiti dove ero io. In privato non trova il tempo di vedermi, in pubblico sempre in modalità super flirt con me, davanti a tutti, anche davanti la moglie, uno dei motivi per cui ho chiuso. Chiedo consigli sul da farsi onde evitare di dover cambiare vita e identità pur di non farmi trovare, cosa che non ho nessuna intenzione di fare, al massimo se ne va lui.

    • Angelica, 19 Marzo 2019 @ 08:08 Rispondi

      Bacia un altro davanti a lui :))))

      • Eva, 19 Marzo 2019 @ 10:03 Rispondi

        Ahahahhahahhha sarà fatto!! 😀

    • cossora, 19 Marzo 2019 @ 09:32 Rispondi

      @Eva indifferenza. Ma proprio lui che fa lo show e tu che guardi un punto qualsiasi nel vuoto tra di voi. Lascia il palco ai veri protagonisti della kermesse: lui e la moglie.
      Che due poveretti.

    • Ariel, 19 Marzo 2019 @ 10:38 Rispondi

      @Eva dato che da ciò che scrivi non riesco a capire il livello di gravità del suo comportamento nel senso che ovvio per la privacy non si può raccontare particolari o cose e avolte ovvio pure a me è successo risulta più difficile rendere l’idea precisa di cosa tu stia vivendo e la tua storia nella sua realtà in cosa consista.

      Questo per farti capire il senso della mia risposta,che è questa

      Se continua a invadere la tua vita pure all’esterno e tu giustamente ovvio ne soffri e giustamente non vedo perché tu debba cambiare la tua vita abituale ecco questo si può chiamare ,forse,stalking?

      Ora ripeto da qui non mi riesce di capire meglio
      Però a tua tutela il suggerimento che ti do è quello di rivolgerti
      A un terapeuta o direttamente andare ad un centro antiviolenza
      Che sembra na parolona ,ma lì veramente in anonimato Puoi avere un valido supporto pure informativo legale su cosa potresti veramente fare a tua totale protezione della tua persona e privacy

      Non è allarmismo ,ma secondo me un consiglio intelligente
      Soprattutto quando non capisco da qui per i motivi naturali che non si possa spiegarsi di più,come a dire che non dipende da te il fatto che io non abbia capito bene cosa tu stia vivendo da quest uomo ex

      Credo in alcune situazioni semplicemente ascoltare il parere di associazione che protegge la donna e sa indirizzarti veramente al meglio per te stessa senza dover tu fare azioni autonome pure innocenti come ad esempio esporti in cose dimostrative a lui da lontano ,ma che potrebbero innescare al contrario se non altro reazioni spiacevoli e quindi fare peggio

      Ti abbraccio tanto !

      e mi spiace ,ma altro consiglio non mi viene da darti ,penso a te e solo tu conti e vai protetta compresa consigliata al meglio.
      Magari mi sbaglio totalmente e non ho capito nulla
      Nel caso ti prego di scusarmi
      E certamente qui continua ad esprimerti perché come vedi
      Serve tantissimo su tanti piani e livelli e il primo importante è quello umano di accoglienza e umanità condivisione sostegno di affetto sempre!

      • Eva, 19 Marzo 2019 @ 10:55 Rispondi

        @Ariel tranquilla niente stalking, è solo scemo. Sotto quel punto di vista ho sempre le antenne drizzate, ho già dato, stai super serena. 🙂

        • Ariel, 19 Marzo 2019 @ 19:19 Rispondi

          @Eva grazie mi rasserena la tua risposta
          E spero comunque che tu riesca atoglierti dal mezzo di questo tuo ex invadente e sicuramente scemo come dici tu

          Guarda se lo hai mollato tu è sempre la stessa storia per tutte quelle come noi che per prime li molliamo
          Possesso assurdo non lo sopportano
          E devono romperci le palle
          Insomma

          Ignorare totalmente secondo me è il metodo migliore alla fine si stufano e vanno,a scocciare qualcun altra.

  • Artemisia, 18 Marzo 2019 @ 16:44 Rispondi

    @ And, mi fa piacere che tu sia determinato e costante nel tuo cammino “silenzioso” che ti conduce sempre più distante da lei, Un distacco per te necessario, non potendo averla come avresti voluto. Hai indubbiamente le risorse per farcela e ci riuscirai, per quanto il percorso possa sembrarti tanto arduo. Sei un uomo attento e sensibile anche riguardo a queste nostre comuni, tormentate dinamiche relazionali e leggere anche il tuo pensiero è di supporto…
    @ Franca, ne sono felice …evidentemente c’è ancora qualcosa di molto forte che vi unisce!

  • Franca, 18 Marzo 2019 @ 14:59 Rispondi

    And e amiche tutte che siete nella fase di silenzio, capisco le vostre difficolta ma piano piano, a piccoli passi raggiungerete la serenità.
    Io con il mio amante sono stata in fase di silenzio una sola volta. Un no contact di quasi 4 settimane. Sono stata male, all’inizio mi mancava l’aria, il cuore sembrava stretto in una morsa e ho pianto, tanto, tantissimo ma a quasi un mese dall’ inizio del no contact avevo ripreso a respirare, a utilizzare il tempo in maniera sana, ad usarlo per me. L’amore che provate ci metterà tempo prima di poter essere domato e accettato in quanto finito ma resistete. Già respirare ed essere presenti a sè stessi è un grosso passo avanti.
    A me dopo un mese è tornato. Me lo sono trovato che mi aspettava fuori dal lavoro ed è ripartito tutto perchè il nostro amore stava ancora tutto lì. Era solo soffocato.
    Ma questa è un’altra storia. Sentivamo gosse giusto per noi riprovare. E forse ce la stiamo facendo.
    Ma se voi sentite che il silenzio è la cosa giusta per voi allora resistete.
    Vi abbraccio.

    • Anna, 18 Marzo 2019 @ 15:43 Rispondi

      Se ti ama davvero torna…è davvero così. @ Franca, la tua storia è vera ed intensa. Insieme nonostante tutto e con la maturità di ragionare seriamente sul futuro. Che meraviglia. Un abbraccio a te.

      • Oldplum, 18 Marzo 2019 @ 18:05 Rispondi

        Se ti ama davvero torna
        per rimanere però. Solo con te. Non come prima.

        • Franca, 18 Marzo 2019 @ 19:26 Rispondi

          Ovvio…solo che da che siamo tornati insieme noi ci abbiamo messo esattamente un altro anno per decidere. Non è stato tutto cosi netto. Noi per lo meno non ci siamo riusciti.
          Ognuno matura le proprie scelte di vita secondo propri tempi e condizioni. Io sentivo che qualcosa stava cambiando in noi e tra di noi. Tuttavia non ho voluto correre, non ho insistito, non ho chiesto, semplicemente perchè le mie paure erano le sue.
          Nessuno ha imposto i suoi tempi all’altro. Dovevamo risolvere, dovevamo ponderare e alla fine al “non come prima” ci siamo arrivati insieme.
          Non lo so neppure io come.

        • Cossora, 18 Marzo 2019 @ 19:28 Rispondi

          Eh si. Per rimanere solo con te. Piccolo intrascurabile particolare. Niente di meno.

    • and, 18 Marzo 2019 @ 15:56 Rispondi

      E qui invece noi siamo al record. Che culo. Se dovessi contare quei suoi messaggi subliminali scritti sulle info wapp allora dovrei parlare di meno tempo (ne ha mandato uno dopo 15 giorni dall’inizio del silenzio, e poi un altro quasi 2 settimane fa). Tuttavia sono ami sottili, da non considerare, quindi: sì, siamo a oltre un mese. E non ti nascondo che vorrei tanto che lei facesse qualcosa di simile al tuo amante.
      Il giorno dopo in cui ho iniziato il silenzio mi sono anche detto “ti prego, fa che torni ma non domani, non presto”. Sai perché? Perché sapevo che un ritorno troppo rapido sarebbe stato figlio di una dipendenza, o di una decisione non ancora matura (come già accaduto). E ora è passato un mese. E forse vale ancora lo stesso pensiero.
      In bocca al lupo a voi.

      • cossora, 18 Marzo 2019 @ 16:55 Rispondi

        chi fa o ha fatto lo stesso ragionamento di @and alzi la mano.
        Innàmorati, siamo tutti uguali.
        Quindi ragazzi e ragazze.. quando ci fanno soffrire, non è che sbagliano, NON CI AMANO.

        • cossora, 19 Marzo 2019 @ 08:56 Rispondi

          oggi sarebbe stato un anno. SAREBBE stato un anno.
          oggi sarebbero state 3 settimane di silenzio totale universale.
          mi manda una emoticon.
          NO RAGAZZI.. UNA EMOTICON!!! ma vaffanculooooooooooooooooo
          ho cancellato.
          via, sciò.

          • Annaura, 19 Marzo 2019 @ 10:59

            E bloccalo!! NOn penserà che gli dai importanza, ma che non ci vuoi avere nulla a che fare! …

    • Ariel, 18 Marzo 2019 @ 17:14 Rispondi

      @Franca grazie per averci dato tue notizie e in più buone
      Almeno l spero tanto per voi tutti famiglie
      Sistemarvi concretizzare con una road map precisa e scusami ,ma qui difendo ovvio te stessa
      Spero che la road map tu metta dei tempi che devono essere rispettati da entrambi ,ma viene da dire a tua protezione da lui soprattutto
      Questo è un ripasso che ti faccio pure se sicuro non ne hai affatto
      Bisogno ,ma prendil come un abbraccio mio che al suo contenuto
      Ti rammenta come viene spontaneo fare quando ci sta il sostegno solidale e l’affetto!
      E che sia la road map giusta per voi e il vostro Amore!

  • Ema, 18 Marzo 2019 @ 14:32 Rispondi

    And … forza, un mese è passato, è ora di prendere in mano la tua vita. Non navigare a vista. Non ricordo bene la tua situazione in casa, se è crisi dichiarata, se hai vissuto nella finzione per temporeggiare in attesa di sviluppi dalla tua vita parallela, se sei separato in casa, se navighi a vista anche lì aspettando che qualcosa o qualcuno decida per te.
    Ti meriti di vivere, non di sopravvivere, lo merita tua moglie, e tua figlia/o meritano due genitori col sorriso. Prenditi per mano, prendila per mano, valuta se c’è spazio dentro di te, dentro di lei, per provare a ricostruire. Diversamente lasciatevi andare, ricominciate da soli, ma insieme per vostra figlia/o. Non potete vivere impantanati, si fan più danni che altro verso tutti. Se eri disposto a mollare tutto per rifarti una vita con un’altra persona, devi esserlo anche per rispetto verso te stesso e chi ti è vicino.

    • and, 18 Marzo 2019 @ 15:51 Rispondi

      Hai perfettamente ragione. Quel che sto provando a fare è capire, per me, per mia moglie, e soprattutto per la mia piccola della quale mi sto innamorando giorno dopo giorno (finalmente, perché anche la paternità non mi è nata da subito. era più un prolungamento narcisistico. ora la percepisco come essere a sé e inizio ad amarla)
      ti dirò la verità: io ho ben poche speranze di risollevare il mio matrimonio (in modo concreto, non di facciata) ma ci sono due pensieri: 1. se ce n’è anche una sola, temo che devo aspettare che il pensiero dell’altra se ne sia andato definitivamente. 2. se è vero che dei bimbi possono crescere cmq felici anche con genitori separati, è vero anche che la mia è davvero piccina e non so se uscire ora sarebbe la cosa giusta.

      • cossora, 18 Marzo 2019 @ 17:11 Rispondi

        @and quanta onestà. Se non sei felice con tua moglie, parlatene, non capirebbe? Non dovete necessariamente separarvi fisicamente, non subito. Io credo che la chiarezza sia sempre funzionale all’auspicato successo. Ho fatto tanta fatica con mio marito, ma con calma e determinazione (mettendo in conto umane reazioni, delusioni, accuse) oggi so che ho conservato la sua stima, oltre che a quella dei suoi familiari. Se c’è amore anche nel dichiararsi non più innamorati, non può succedere niente di male. E vostra figlia respirerà armonia, buon senso, rispetto. Pensaci <3 (al di la di Medea)

      • Ariel, 18 Marzo 2019 @ 17:31 Rispondi

        @and caro,mi fa piacere trovarti a scrivere ancora
        Bene penso che a ciascuno di noi faccia bene potersi ritrovare qui ad esprimere ciò che viene.
        Ti ringrazio di aver accolto l’incoraggiamento a stare qua .

        Credo che tu sia progredito molto da ciò che scrivi ti percepisco veramente maturato molto
        In ogni ambito
        Verso la ex in cui ti sei impegnato molto e ovvio soffrendone perché è vero che soprattutto all’inizio si soffre pure perché non si capisce bene chi sia stato l’ex che cosa sia realmente vissuto
        Lo sconcerto destabilizza e si aggiunge alla ovvia sofferenza acuta iniziale

        Sono convinta a partire dalla mia stessa esperienza di silenzio e aver chiuso con l’ex che questo processo interiore sia uguale per tutti quelli come tanti qui si sono trovati a vivere amando sinceramente,ma senza il ritorno sperato ,e si sa che quando si ama senza corrispondenza che sta pure nel essere concreti e costruttivi altrimenti non è vero amore ,ma magari paura o chissà quali altri motivi .

        ti leggo e sento veramente diverso e maturo e pure deciso a scoprirti Papà con la tua piccola
        E già hai scritto una cosa importante e rara e bellissima
        Che hai capito che tua figlia è un essere a se

        Caro and giá parti Benissimo perché questo concetto
        Riferito alla propria figlia è Puro Amore Vero e Sano di vero Papà.

        Bravo and,scrivici ancora
        Sai che hai molto da dare qui a me e a tutti noi!

  • cossora, 18 Marzo 2019 @ 14:26 Rispondi

    @and caro.. tieni duro, non mollare e la tua Medea perderà ogni potere. Presto ti sembrerà una vanitosa da poco, vedrai.
    Ogni giorno è davvero meglio, sta emergendo la parte di me che continua a ripetere come un disco rotto: ma tu veramente volevi accanto un uomo così molle?? E poi in primavera si sa che i fiori attirano le api quindi sicuramente di solitudine non muoio ma.. ti dirò, aspetto. Ho la salute grazie al cielo, una famiglia meravigliosa (ex marito/suoceri/cognata compresi) e la natura è stata generosa con me.
    LUI non scrive, approfitto di questo senza chiedermi perchè. Non voglio paranoie, non voglio pensieri negativi. Ho chiuso. Navigo a vista e ogni tanto sto in rada a guardarmi in giro, mi sdraio a prendere il sole.
    Siamo vivi, e siamo fuori dalla gabbia!

  • Ariel, 18 Marzo 2019 @ 14:19 Rispondi

    @and mi chiamo Ariel
    Te lo scrivo al volo
    E nel scriverlo ti mando un bun sorriso che ti invita al accogliere con umorismo buono questo mio rammentarti al volo
    Il mio nome interiore Ariel
    Un angelo strano perché ateo eppure per caso inciampato pure qui ,accanto a te.

    Ciao @and scrivi quando vuoi
    Ti incoraggio a farlo di più
    Non temere come vedi sei tra gli angeli!!!
    Ah ah ah !!!
    Spero che ogni giorno per te ti porti in positivo a riusvire a trovare ciò che cerchi,
    Chi cerca trova!!!!
    Scrivici più spesso ogni volta che hai voglia di farlo
    Non sei in minoranza ,siamo un gruppo di disperati tutti a vario titolo
    Senza distinzione alcuna solidarietà accoglienza
    Fatti avanti tranquillo!!!

  • Eva, 18 Marzo 2019 @ 14:08 Rispondi

    @and Sí è vero, non ho un matrimonio da risolvere perché all’epoca, quando avrei potuto sposarmi, semplicemente non l’ho fatto, e non l’ho fatto perché non ero felice. Mi si è sgretolata la vita in mano all’epoca ma ad oggi sono felice della mia scelta, perché appunto sono libera e l’ho deciso io e nessun altro per me. Il fatto è che proprio perché sono libera, alcuni uomini pensano di doverlo riempire loro quello spazio, finché non sono costretta a cacciarli, ma io lo voglio così, libero. Inoltre in queste storie di amanti la libertà sembra sempre una colpa, da espiare rigorosamente sottomettendosi ai bisogni di chi un matrimonio ce l’ha. Ecco per citare @Oldplum però quella donna mica l’ho sposata io, quindi non ci sto. Grazie @and per il tuo intervento.

  • and, 18 Marzo 2019 @ 09:44 Rispondi

    Leggo i vs interventi e mi sento sempre più avulso, in quanto uno dei pochi maschietti che continua a scrivere, oltre che leggere.
    @Cossora brava. 3 settimane di silenzio assoluto sono un ottimo inizio. Sono nella tua stessa barca. Ho da poco oltrepassato il mese ed è vero: parti con la speranza di mancare all’altra persona e poi ti ritrovi un filino meglio. Nulla è passato, è chiaro, e sono consapevole che un ritorno farebbe ondeggiare tremendamente la barca, e credo anche a te, però per ora navighiamo a vista, d’accordo?
    @Eva mi sento molto molto affine a te dal punto di vista caratteriale, seguendo la descrizione del tuo curriculum vitae sentimentale. La principale differenza però è che, mi pare di capire, nel frattempo tu sei ancora single e non hai un matrimonio da risolvere. Credimi, parti due gradini più su nella scala che porta alla serenità.
    @Silvia forza e coraggio. So bene l’idealizzazione che hai di quest’uomo in questo momento. Credimi: l’idealizzazione passerà. I fatti sono troppo evidenti e prima o poi te ne accorgerai e starai molto meglio di lui. Te lo dice uno che è stato in passato sia nella tua situazione che in quella dell’omuncolo che ti ha ferito.
    @oldplum @artemisia @angelica @franca @ema @SilviaS e altre che ora non ricordo al volo. nulla, solo per dirvi che certe frasi che vi appartengono le faccio mie. e le rileggo volentieri.

  • Oldplum, 18 Marzo 2019 @ 08:21 Rispondi

    Io da qualche giorno ho messo le sue mail in spam. Mi voglio affrancare del tutto. Ho abbandonato la speranza ormai e non so neppure se lo rivorrei se tornasse con i fatti. Ogni giorno che passa abbassa il mio sentimento per lui. Gli voglio bene, si , ma non lo amo più come lo amavo un tempo. Rivedo tutto e mi rendo conto di quanto per lui sia stata comoda questa situazione. Non comodissima, intendiamoci. Comoda.
    L’amore è condivisione profonda. Senza la quotidianità nascosta sotto il tappeto alla mercé dei diktat di sia moglie, non ci voglio più stare. Non l’ho sposata io questa donna.
    Io sento il mio splendore che non dipende da lui, da nessuno. Dipende solo da me. E sono felice. Non mi sento derubata. Ho vissuto intensamente, anzi. Con sincerità e totale apertura. Sono stata meravigliosa. Lo sono. Continuerò ad esserlo.

    • alessandro pellizzari, 18 Marzo 2019 @ 08:23 Rispondi

      Altro grande progresso quello di mettere le e-mail nello spam

      • Oldplum, 18 Marzo 2019 @ 08:25 Rispondi

        Si. Si sta decisamente meglio così.

        • Ema, 18 Marzo 2019 @ 14:38 Rispondi

          Vai Oldplum, avanti così, piccole tappe che portano a nuova vita. Ultime ma decisive, sbloccarlo su qualsiasi canale di comunicazione perché ti sarà così indifferente che non toccherà più nessuna corda ricevere un suo contatto, un po’ come quelle mail pubblicitarie che nemmeno leggi o che apri solo per scuriosare a tempo perso e cancelli con un colpo di dito. Tempo al tempo

        • Luce, 19 Marzo 2019 @ 04:33 Rispondi

          @oldplum hai fatto benissimo. E benché tu non le leggessi le mail, un pensiero a lui c’era , per ognuna ricevuta.
          Il distacco lo aumenti così. E lo penserai sempre meno.
          Ciò che mi ha colpito è stato il modo in cui lo pensavo e lo penso ora ( poco e nulla sinceramente)
          Inizialmente era pensiero fisso con dolore soffocante poi tristezza e malinconia per averlo lasciato prigioniero a casa sua poi un bel ricordo accompagnato dall’affetto per lui.
          ( non gli voglio male ora , ma non me la sento di dire che gli voglio bene)

          Ora il relè è scattato, alleluia!!!
          Capitano giorni che non lo penso proprio.
          Ieri ero tentata di cancellare dalla rubrica i suoi numeri (ancora bloccati) per fare pulizia.
          Ma non l’ho poi fatto perché altrimenti lui potrebbe riscrivere e per me sarebbe ora un fastidio, come quando mi scoccia un messaggio promo- pubblicitario.

          • Luce, 19 Marzo 2019 @ 04:38

            Ops…
            @ema Leggo ora il tuo commento… ho scritto la medesima cosa…mail pubblicitaria…

    • cossora, 18 Marzo 2019 @ 08:50 Rispondi

      @Oldplum sei meravigliosa. Ci stia lui ai diktat della moglie-kaiser!
      LUI che non è mai stato social da tre giorni mette foto nelle ‘storie’ .. che è l’unico modo di trovare traccia di visualizzazione. Io non apro. Poteva comunicarle prima le sue cagate, Mi sento libera. Domani sarebbe stato un anno. Ho deciso di non ricordare più le ricorrenze di quando abbiamo fatto per la prima volta una cosa, ma di contare quelle della mia libertà: il 26 marzo mi compro un bikini da denuncia. Tiè. 🙂

      • Eva, 18 Marzo 2019 @ 13:57 Rispondi

        ADORO

      • Ariel, 18 Marzo 2019 @ 15:14 Rispondi

        @Cossora sei fortissima approvo in pieno il tuo nuovo acquisto
        Primo il più importante la tua Dignità e la Libertà di Donna di Valore che ti sei conquistata ad ogni istante

        Secondo ,
        il bikini da denuncia ah ah ah sei fortissima e sicuramente ti starà d’incanto uauuuu!!!!

        E sto un poco invidiosa ,ah ah ,risata umoristica,
        Si perché io per adesso non potrei acquistare il bikini da denuncia o meglio ,si,forse se lo facessi io
        Che sto come mi ritrovo in questa mia pseudo dieta
        E si sto sovrappeso che palle!
        Però appunto forse nel mio caso se comprassi il bikini da denuncia penso che vedendomi
        Gli agenti mi arresterebbero subito per mettermi al buio
        Non visibile ,ah ah ah
        Che cosa brutta però!!! Ah ah ah
        Rido ,ma si ,sto sexi pure così ah ah
        Ma vedo che qualcosa gira da lontano e intorno a me ,
        Non so si vede che ad alcuni piace il fascino del antico,non so qualche collezionista di opere d’arte e l’abbondanza
        Ah ah ah!!!

        Bravissima @Cossora ti visualizzo un vero schianto
        Si ,da denuncia ma se ti arrestano devi fare attenzione
        Potrebbe essere una scusa per sequestrarti il bikini lì
        Subito lasciandoti insomma ,….sta attenta
        Troppa bella sei,!!!

        ti sento Bellissima Donna in ogni senso fuori e ricca di colori fantastici ,una ventata di vita che mi riempie il cuore pure così,da qui.!!!

    • Anna, 18 Marzo 2019 @ 10:01 Rispondi

      In queste storie noi donne portiamo in più i sentimenti veri. Tutto parte dal cuore ed è più difficile ammettere poi il fallimento rispetto a chi ha vissuto superficialmente. E se oggi penso alla mia di storia posso dire di non essermi mai sentita l’amante, ed è qui che ho sbagliato.

      • cossora, 18 Marzo 2019 @ 14:17 Rispondi

        @Anna tu come noi, non ti sei sentita l’amante e senza un minimo di presunzione. Anzi, con il massimo della disponibilità a capire, aspettare, perdonare. E’ brutto pensarlo.. ma forse dovremmo essere diverse per ogni uomo.
        Dolci e sincere con chi si impegna da subito almeno a mettere le cose in chiaro, bugiarde e puttane quando il primo (il primo, non il decimo) conto non torna.
        Ma non è mai troppo tardi per imparare..

        • Anna, 18 Marzo 2019 @ 15:40 Rispondi

          Sì @cossora, sempre a capire e ad aspettare, mai invadente, rispettosa degli spazi altrui, discreta. Non avrei potuto fare diversamente, per indole. Ma forse, da qui alla fine di questa storia che sento sta per volgere al termine (almeno nel mio cuore), più stronza diventerò. Non è mai troppo tardi, hai ragione.

          • cossora, 18 Marzo 2019 @ 16:18

            @Anna, dentro ogni donna vive una stronza, alcune la riservano per le ‘grandi occasioni’. Poco fa ho ricevuto un messaggio infelice e un po’ crudele (riguardo LUI) da una persona che ritenevo amica e che -siccome non ho cagato- ha chiamato un’altra conoscenza dicendo che si sente di merda per come mi ha parlato.
            Allora, Cossora per come è fatta direbbe ‘mi sento a disagio, non me l’aspettavo da te’. L’amica in comune (che è una stronza in pace con se stessa) mi ha detto ‘non si sente una merda, voleva dirti quello che ti ha detto ma non si aspettava che tu chiudessi con lei’.
            Capisci? Cazzo.. LE COSE NON SONO MAI COME LE VEDIAMO NOI.
            Io con LUI preferisco tacere, per me essere stronza è ‘scendere di livello’.. come dice la canzone? L’INDIFFERENZA CIECA MIETE VITTIME.

          • Ariel, 18 Marzo 2019 @ 18:22

            @Cossora Bravissima!!!!!
            Sei Una Grande Donna e Signora!!!!!!!

            ” Non ragionar di loro ma guarda e passa” ( 3, Inferno ,Dante Alighieri)

          • Cossora, 18 Marzo 2019 @ 19:16

            @Ariel sei il mio funclub!! Evviva Dante. E a proposito: nel futur nin v’è certezza, chi vuol esser lieto, sia.

    • Ariel, 18 Marzo 2019 @ 10:24 Rispondi

      @Oldplum bravissima fai bene così ad aver messo le sue mail nello spam ,ottima cosa per te stessa per amarti davvero

      E leggendoti qui mi è venuto da pensare che ciò che importa sei tu
      E infatti ti fa benissimo come qui ci viene tra noi qui ,spontaneo esprimere i tuoi pensieri e il fatto di fare il punto in cui ti trovi anche ti serve per poter sentire o meglio percepire che cosa sia stata per te questa esperienza per lui ,perché ovvio e logico si abbia bisogno nel proprio percorso di nuova vita rendersi conto da se stesse chi sia stato lui ,che cosa tu abbia vissuto
      È fare ordine dentro a te stessa giusto per poter proseguire la tua strada con la vera consapevolezza di cosa sia stato e questo logico occorre per riuscire a svoltare completamente

      In più da ciò che hai sempre scritto della vostra storia
      Secondo la mia impressione relativa ovvio da qui
      Mi pare che il tuo ex abbia una cosa purtroppo molto diffusa
      La Paura di Amare
      Se fossi una psicologa e NON lo sono
      Mi verrebbe da dire l’EViTANTE be il nome stesso parla da solo
      Evitare l’amore nel senso che arrivati al dunque
      Ecco si evita di concretizzare perché inconsciamente
      Si pensa di non meritarlo
      Meglio stare nel proprio brodaccio a casa col cerbero moglie
      Piuttosto che vivere il vero Amore

      Come sempre accade in una relazione che finisce in ognuno esistono nodi da sistemare
      Almeno pure nel mio caso eclatante certo lui un seriale fuori di testa con un chiaro disturbo del comportamento
      Ma io se ci sono stata per un anno anche io ho avuto bisogno di risovere i miei nodi antichi e come una ricerca difficile ,ma affascinante scoperta del nostro vero valore mai spento.

      Oldplum vai benissimo,continua così
      Si,sei meravigliosa!!!

  • Eva, 17 Marzo 2019 @ 19:47 Rispondi

    Ragazze comunque leggendo tutte le vostre risposte e i vostri interventi mi commuovo, grazie. Qui sto scoprendo che sono brillante, che ho lavorato bene su me stessa, che quello che scrivo è addiritrura utile e un sacco di altre cose meravigliose che ho letto. Quindi nel mondo “fuori” tutto questo si vede. Nel mondo “fuori” vi vedono. Basta stare nascoste, siamo patrimonio Unesco, facciamoci vedere.

  • Eva, 17 Marzo 2019 @ 19:42 Rispondi

    @Silvia se posso permettermi non sentirti in colpa perché sei stata corretta o perché lo hai aspettato e lo hai amato, MAI. Quelli che scambiano la comprensione, l’accettazione e l’adattabilità per debolezza o per campo libero per fare come gli pare sono dei poveracci, nell’animo. Qui tutte insieme impariamo a chiamare le cose con il loro nome per cambiare prospettiva: non sei iper impegnato incastrato indeciso tormentanto, sei solo un grandissimo stronzo egoista. E dirlo ad alta voce non sapete quanto fa bene.

    • Angelica, 17 Marzo 2019 @ 20:12 Rispondi

      Comprensione empatia e pazienza sono doti meravigliose (a trovarlo un uomo che le ha, e trovatemi un uomo sano che voglia una donna impaziente egoista ed egoriferita )Evidentemente i soggetti non le meritavano tutto qua.

  • Silvia, 17 Marzo 2019 @ 17:31 Rispondi

    @Eva, mi piace l’immagine della zampata finale. Il colpo giusto assestato al momento giusto. Io di zampate ne ho tirate, si, ma tutte a vuoto. Ripercorrendo le tappe della nostra relazione mi rendo conto di essere stata troppo corretta con lui, troppo accondiscendente difronte a certi suoi comportamenti che avrebbero meritato da subito un polso più fermo, l’ho issato su un piedistallo e lui in questo status da privilegiato ci ha sguazzato alla grande finché ha voluto. I miei altolà non servivano ad altro che alimentare il suo ego perché sapeva che dopo le prime reticenze iniziali io lo avrei accolto di nuovo. Così facendo ho perso la stima per me stessa, la mia identità e a lungo andare anche fascino, ai suoi occhi. Credo che lui ora provi per me solo una grande stima professionale. E tutto sommato forse non avevamo granché in comune se non una forte attrazione fisica. Mentre io lo amavo tutto e lo avrei voluto tutto esattamente così, per come è fatto fuori e dentro, con le sue luci e le sue ombre, lui di me ha amato solo l’ involucro esteriore. Quando ho iniziato a mostrargli anche la mia anima, da lì è iniziato il distacco. Avrei dovuto rimanere sempre centrata su me stessa, ma con i se e i ma non si va da nessuna parte. Forse, semplicemente, non eravamo fatti l’uno per l’altra

    • Cossora, 17 Marzo 2019 @ 20:01 Rispondi

      Oldplum, Silvia ,Eva, Ariel.. tutte voi. Vi leggo. Dopo tre settimane di silenzio (non mi sembra vero! Una domenica senza ansia! Senza messaggi “di ritorno”.. bella la libertà, costa ma bella) non sto bene. Ma non sto neanche male.
      E la cosa più forte adesso è constatare che non sto male anche se so che non ci sarà il lieto fine. Senza spiarlo in nessun modo, senza poterlo spiare, ne provocare. Vero che se doveva andare andava. Ma a volte si aiuta in sincera buona fede, una incomprensione ci può stare. Si sistema. Ma ciò che non si cerca più o non si desidera più non è sistemabile.
      Non stare male é già un bel risultato. Il silenzio assoluto per quanto possa sembrare dilaniante è la manna dal cielo. Inizi solo perché gli vuoi mancare, ma nei giorni scopri che il beneficio è tutto tuo (e onestamente chi se ne frega se gli manco o no? Se si vuol andare avanti davvero quello che rimane indietro non intetessa).
      Un altro giorno. Un altro week end senza. Non vedo l’ora di festeggiare il mese. Mi farò un bel regalo, me lo merito!

      • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 20:03 Rispondi

        BRAVISSIMA

      • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 20:14 Rispondi

        @Cossora bravISSIMA E vaiiii benISSIMO!!!!!

        inizia già a pensare al tuo regalo
        Tesoro di Cossora!!!!!
        Un bacione!

      • Eva, 17 Marzo 2019 @ 20:50 Rispondi

        Brava!!!!!!

  • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 16:27 Rispondi

    @Eva verissimo tutto ,concordo in pieno e caspita quanto si sente da ciò che esprimi quanto tu abbia lavorato benissimo su te stessa
    Quanto sta vero amare se stessi è fatto da tante cose come non temere di non riuscire ad essere capite comprese

    Anche credere in ciò che si è appreso da tutti
    Perché si era stati a scuola critici e ribelli,
    Perché si erano versate lacrime di vero pentimento di fronte a chiare nostre esagerazioni
    Perché poi cresciute si è vissuto come siamo riuscite a vivere ognuna con le sue luci e ombre

    Ecco tutto questo adesso può appoggiarsi ai veri insegnamenti che ormai stanno impressi in noi stessi da sempre
    Anche credere in noi e difendere il proprio pensiero pure quando è difficilmente capito condiviso è uno dei modi prioritari di amare se stessi

    Come dire questa sono io ,credo in questo e mi comporto di conseguenza,ascolto e sono disposta a cambiare sempre
    Come la vita è un fiume che scorre in movimento

    Allora se vorrete giudicatemi ,non ho paura di nulla.
    Così disse Chagall al mondo critico sui suoi quadri considerati
    Fuori da tutto ,dal mondo reale,dalla prospettiva matematica armonia delle forme,esseri umani per traverso nel cielo
    Abbracciarsi in mezzo ad alberi assurde dimensioni
    Visi enormi e musi di cavallo dagli occhi pieni di dolcezza e tenerezza

    Ok sembra non c’entri nulla
    Ok va bene giudicate voi
    Sto qua nel quadro lassù con Chagall
    Amo me stessa! E nel farlo vi abbraccio da qui
    Cara @Eva così mi sono presentata ,
    Sono me stessa e Chagall lo sa
    Anche se non mi vede lui lo sente!!!

    Un abbraccio e un sorriso aperto alla vita nuova!!!!

  • Eva, 17 Marzo 2019 @ 15:19 Rispondi

    Mi riaggancio alla storia di @Silvia per dire che intanto capisco profondamente il suo dolore perché ci sono passata. Devastante quando dopo tanti sforzi arriva qualcuna e si prende tutti i meriti del campo che hai arato faticosamente te, e poi lo “scippo” te lo devi trovare vistosamente sbattuto in faccia e sentirti una fallita perché non hai avuto la prontezza di piazzare la zampata finale del leone. Infatti a tal proposito nell’ultima storia me lo sono “scelto” sposato, così non avrei corso il rischio di essere soppiantata da un’altra, visto che un’altra già ce l’aveva, la moglie (tra l’altro stanotte mi sono sognata che stava già con una nuova, so che non è vero ma è stato orribile).
    Comunque, il punto è che tanto se devono andare vanno e se vogliono restare restano, qualunque sia la situazione di partenza e qualunque siano le strategie che adottiamo. Guardate la storia di Rita e Alessandro: al di là di tutti i colpi di scena, le fughe, i tentennamenti etc (una delle storie più avvincenti e al cardiopalma che abbia mai letto!! e la cosa spaziale è che è tutto vero) ci sono almeno un paio di pilastri che non sono cambiati mai. 1) Il grande amore che provano l’uno per l’altra; 2) Il baricentro di Rita. Leggendo la storia non si è mai sognata neanche per un momento di cambiare, mettersi da parte, perdere l’equilibrio, mettersi in competizione becera con la moglie. In questo caso l’amore ha vinto perché non è mai venuto a mancare l’amore per se stessa. Quando invece l’amore non vince e ci perdiamo ci abbassiamo ci mortifichiamo, perdono tutti, mogli comprese.

    • Oldplum, 17 Marzo 2019 @ 17:01 Rispondi

      Le cose in amore (quello vero) funzionano come una barca che ha preso la corrente giusta sul fiume. Non c’è bisogno di sforzo.
      Anche io mi ripeto che se doveva andare sarebbe andata.
      Se non è andata significa che c era in qualcuno dei due qualcosa che non quagliava con l’altro .
      È inutile soffrirne. È così.
      È umano soffrirne. Ma senza dimenticare che la vita continua, che abbiamo vissuto un’esperienza anche bella che ci ha lasciato qualcosa e che ci aspetta altro .
      Ovviamente bisogna ripartire da sé: sciogliere i nodi, volersi bene e fare tesoro di ciò che si è scoperto su sé è sugli altri.
      Lasciamo andare ciò che non ci completa e ci toglie il sorriso. Accogliamo noi stesse con lo stesso amore che riserviamo agli altri.

      • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 18:58 Rispondi

        @Oldplum mi piaci un sacco questa sei tu,quella vera!!!
        Prosit ,brindo a te stessa a lla positività che spalmi su tutto il cielo
        Eccessiva??non credo affatto
        Penso che ogni gesto parola positva modifichi in altrettanta positività i nostri cervelli e cuori!!
        Prosit di nuovo ,tutta na scusa mia per berne ancora un pò !!!!
        Ah ah ah !!!!
        Un abbraccio sempre!!

  • Eva, 17 Marzo 2019 @ 15:03 Rispondi

    Ma infatti sí. Ragazze quando bisogna fare una road map pure per scopare non è l’amante giusto!

    • cossora, 18 Marzo 2019 @ 14:32 Rispondi

      @Eva bellissima ..!!

  • Artemisia, 17 Marzo 2019 @ 11:56 Rispondi

    Mah, forse mi sarebbe bastato anche un incontro a settimana, quanto meno mi avrebbe risparmiato lunghe e insostenibili attese!
    Aggiungo che, nel concludere la relazione (decisione sua, ma alla quale l’ho condotto io …) ha ammesso le sue responsabilità: frivolezza, scarsa sensibilità, negligenza. Ma…udite, udite! Poco prima di congedarci ha (ri)proposto una gita insieme, in cantiere da anni e mai realizzata (e che, ovvio, mai realizzerebbe, con me almeno)! Sono rimasta senza parole…
    Un’offesa alla mia intelligenza. Davvero, un triste epilogo.

    • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 13:17 Rispondi

      Ammettono sempre qualcosa sono deboli e umili. Quanto ipocriti ed egoisti. Un modo anche questo per riportarvi a letto ma solo quando e come gli fa comodo

  • Artemisia, 16 Marzo 2019 @ 10:21 Rispondi

    @Silvia, il cuore annulla le distanze geografiche, beh eccetto quelle siderali! Il mio ex amante, con cui è finita recentemente, abita a meno di un km da casa mia eppure non trovava quasi mai tempo per vedermi più spesso: in cinque anni e mezzo si è reso disponibile in media una dozzina di volte all’anno. Vergognoso!

    • Cossora, 16 Marzo 2019 @ 13:46 Rispondi

      Una scopata al mese. Che generoso.

      • alessandro pellizzari, 16 Marzo 2019 @ 13:52 Rispondi

        Un signore

        • Ariel, 16 Marzo 2019 @ 14:18 Rispondi

          @Alessandro si,un Signore che di nome fa Seriale e chissà quante una al giorno
          Che toglie il medico di torno

          Purtroppo esistono eccome!!!!
          Meno male che @Artemisia sei LIBERA!!!!!
          BravaBRAVISSIMA!!!!

      • Oldplum, 16 Marzo 2019 @ 14:08 Rispondi

        Un amantato in bianco, in pratica.
        Meno di 2 volte a settimana per me sarebbe stato insostenibile.

        • Cossora, 17 Marzo 2019 @ 09:24 Rispondi

          Concordo con Oldplum

  • Silvia, 15 Marzo 2019 @ 23:19 Rispondi

    Grazie a tutte ragazze per la vostra vicinanza. Per rispondere ad Ariel: sai che a questo punto non lo so più se con lei è iniziata prima o dopo aver chiuso con me? Di sicuro ci siamo lasciati male e di sicuro lui aveva una storia in parallelo con un’ altra quando ancora era legato a me. Non so se fosse già la nostra collega o meno. Ha ragione Alessandro: ha preferito un’ altra e mi ero già quasi messa il cuore in pace. Scoprire oggi questa “novita” mi ha buttata a terra. Capire che la distanza geografica non è più un problema, ora. Mentre prima si, con me…ma, alla luce dei fatti, forse non era questo il motivo

    • Oldplum, 16 Marzo 2019 @ 10:19 Rispondi

      Uno che sta con 3 donne nel giro di qualche mese non è un uomo. È un maialotto senza remore. Che fine credi farà questa new entry?
      Un’altra tacca sul pisellino del soggetto.
      Quindi non mi cruccerei.

      • Silvia, 17 Marzo 2019 @ 08:49 Rispondi

        Forse la mia precente risposta ad Oldplum era stata cassata a causa di qualche particolare di troppo. Chiedo scusa e ritento. Non ho altro cruccio se non quello di avere a che fare con la collega la quale mi renderà sicuramente partecipe dei suoi aneddoti amorosi con il consueto candore che la contraddistingue ed io dovrò contare in sanscrito al contrario e cercare di mantenere la calma e un atteggiamento neutrale. Mi ritengo una donna abbastanza risoluta, ma non sono fatta di ferro e nonostante la mia volontà, mi sembra di non vedere mai la luce in questa storia. Sento il bisogno di ptoteggermi da ulteriore sofferenza in arrivo, ma non so come fare

        • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 09:04 Rispondi

          E chi l’ha detto che devi ascoltare certi argomenti? Li vuoi ascoltare forse. Ci sono mille modi per tacitare certe conversazioni. Fai finta di rispondere al telefono e allontanati. Ogni volta. Oppure immolati a questa ennesima tortura, ma non raccontare a te stessa che lo fai per educazione

          • Silvia, 17 Marzo 2019 @ 09:56

            Hai ragione Alessandro, é così. A chi la voglio raccontare…sono incazzata come una biscia, mi sento avvampare dallo smacco, dalla delusione e se potessi “ghe darìa fogo” a tutti e due (in senso metaforico…ma anche metadentrico perché a lui assesterei un bel tacco 12 nelle palle!) e a lei direi che é una povera illusa e che l’idillio durerà poco, perché lui l’ha adescata seguendo lo stesso identico copione o poi magari durerà perché io non ho ancora accetto di essere stata rifiutata. Scusate lo sfogo poco gentile, é la parte passionale cha ha preso il sopravvento

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 10:04

            Ti capisco benissimo e sono con te. Tutti ce la raccontiamo, è umano, non dobbiamo biasimarci per questo. Molto sano invece saperlo vedere e riconoscer, è indice di guarigione. Al netto della tua voglia di rompere a lui le uova nel paniere della sua tecnica di cucco, capisco anche la necessità teorica di mettere sull’avviso la prossima vittima. Purtroppo lei potrebbe prenderla come tua gelosia e invidia. E poi la maggior parte delle persone schiacciano i grilli parlanti perché devono bruciarsi con le loro mani prima di imparare.

          • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 10:32

            @Alessandro ah che meraviglia di commento e quella frase la incornicio me la scrivo in stampatello maiuscolo per evidenziarne il valore e verità concreta che contiene eccola:

            “LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE SCHIACCIANO I GRILLI PARLANTI PERCHÉ DEVONO BRUCIARSI CON LE LORO MANI PRIMA DI IMPARARE”

            Quanta verità!!!! E quanti significati !!!!
            Non ultimo il fatto che si fanno esperienze dolorose di relazioni come qui tra noi tutte proprio perché
            Senza saperlo dobbiamo imparare qualcosa ,ognuno
            Il suo qualcosa

            Crescere!!

            Grazie Caro Alessandro sei veramente il nostro Faro
            Immagino noi sedute intorno a un Faro sul oceano in tempesta
            E tu in mezzo a noi racconti ci racconti

            Perché tu sei soltanto uno che racconta

            Come un vero Maestro che resta inconsapevole di esserlo eppure è vero.!
            Grazie!

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 10:34

            Non esageriamo con i maestri

            Il calzolaio deve avere sempre le scarpe rotte?

            Negli ultimi tempi vedo sempre più casi di “maestri di vita” che ci spiegano come mantenere la calma, risolvere le questioni sentimentali, tenere la barra diritta fra i marosi pratici ed emotivi della crisi economica e morale di questi tempi. Li leggi, li ascolti, dicono anche cose giuste e poi però ti chiedi: chi sono costoro? E spesso scopri che chi predica la calma ha spesso crisi isteriche, chi pontifica sui sentimenti degli altri è un fallito amoroso spesso recidivo, chi mangia prati di verdure e basta è sì magari un asceta del benessere, ma al prezzo di essere incazzato col mondo e ha pure fame. Per insegnare agli altri come sopravvivere a un divorzio forse bisogna divorziare, magari non più di una volta o tutte le volte. Perché il calzolaio non può avere TUTTE le scarpe rotte. Sempre. O mi sbaglio?

          • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 10:47

            @Alessandro forse non mi sono espressa bene ,ma secondo me il vero Maestro è proprio quello che resta incoraggio nsapevole di esserlo ed è a questo concetto che mi sono riferita

            Non è certo qualcuno che cme giustamente tu ti sei riferito propina consigli suggerimenti come se avesse in se la verità rivelata

            E no il vero maestro è uno come noi che nella comunicazione gli capita per caso di dire cose che sono come riflessioni utilissime da ascoltare per poterci riflettere autonomamente e esprimendo il proprio pensiero

            È persino possibilissimo che proprio chi inconsapevolmente esprime il suo,pensiero spontaneo si comporti magari nella propria vita almcontrario ,ma è la cosa che per me fa la differenza è l’essere inconsapevole del potere della propria comunicazione
            La spontaneità illuminata dalla ragione ed emozione e guai e sta pure impossibile non essere guidati comunque dal proprio vissuto

            La Buona fede la spontaneità il Mai salire in cattedre
            Sono come delle impronte casuali lasciiate da qualcuno sulla sabbia
            Scritte sui muri di notte passando di lì per caso

            Ecco questo è il mio compleanno ncetto di maestro
            Lasciare la libertà di poter scoprire da se nel espressione libera
            Proprio ciò che si andava cercando in quel preciso momento di vita.

            Non mi sento di esagerare in questo.

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 10:51

            No secondo me ilmaestro è uno che ha imparato dagli errori suoi sa imparare dagli errori degli altri e non li ripete. Chi vuole insegnare deve essere credibile e consapevole

          • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 11:04

            @Alessandro ok certamente ma una cosa non esclude l’altra
            E cioè secondo me entrambe le nostre posizioni sono complementari una all’altra
            Perché si impara dai propri errori e pure da quelli dpch fanno gli altri
            Infatti quelli di cui non ci piacciono i comportamenti
            Sono pure loro maestri inconsapevoli
            Come sai io guardo dall’alto nel senso simbolico come nei quadri di Chagall dove ogni cosa persona esperienza concetto si ha la possibilità di vederla da mille angolazioni diverse semplicemente perché
            Esplorare il mondo come nello spazio senza la gravità fisica che impedisce lo sguardo
            Che corrisponde alla gravita del vedere se stessi e il mondo
            Da un unico,punto di vista
            Continuo a sentire che i nostri punti di vista restano non in antitesi ,ma complementari.
            A quando il Negroni collettivo che aiuterebbe tanto in questo scambio ?

          • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 13:50

            @Ema certamente che sta ovvio che chi ha vissuto una esperienza simile a quella degli altri possa avere una sensibilità intuitiva a sentire la similitudine del dolore che vivono gli altri perché noi stessi ci siamo passati dentro ,verissimo che questo sia un presupposto base per poter pure insegnare qualcosa con cognizione di causa,

            Ma ciò che ribadisco è che in aggiunta a tutto ciò
            Molto spesso chi non ne sa proprio nulla chi non ha mai vissuto una similitudine di esperienza può avere quella opinione chiace come una luce del occhio terzo che proprio perché non ne sa nulla è in grado di di starne fuori emotivamente cosa che gli consente un nuovo punto di osservazione
            Il non essere coinvolti secondo me in aggiunta alla empatica guida del proprio vissuto di esperienza ecco è come quando a volte diciamo

            Non ci avrei mai pensato,,eppure quanta verità insegnamento
            Altrettanto utile per noi stessi.

            Una cosa non esclude l’altra e sono strettamente collegate e non possono fare a meno una dell’altra.

            Questo è il mio pensiero che si poggia su ciò chebho appreso nella mia vita da tanti maestri consapevoli coerenti nel loro vivere
            E nei maestri inconsapevoli quelli che cadono dal Pero con una idea strana ,
            Curiosa destabilizzante scossa propulsione alla ribellione indignazione riflessione costruttiva finale.

          • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 14:22

            @Alessandro sto difendendo ciò in cui credo fermo restando il mio rispetto sulle tue scelte di pubblicazione ,pieno rispetto sempre e comunque!

            @Ema e aggiungo che se fosse soltanto così allora a priori sarebbe come dire inutile ascoltare o leggere i pensieri di chi non ha vissuto la esperienza simile alla nostra

            I maestri tutti consapevoli o meno ricordiamoci che sono prima di tutto esseri come noi umani che sbagliano ,ma secondo me la cosa che resta importante è che io penso e sento per come ho vissuto finora e continuo a farlo che chiunque possa essere il mio maestro
            Pure se sta diverso da me e manco ha idea della mia sofferenza ancestrale e presente

            Non mi interessa da dove vieni chi sei tu per parlarmi ,
            Prima ti voglio comunque ascoltare pou sarò io che sarò capace di seguire o meno il tuo esempio o suggerimento
            Sia che tu sia Uguale a me anzi se diversa meglio!

            Ti ho sentita giustamente.cara Ema molto emotivamente coinvolta e hai tutta la mia comprensione
            A volte però chi non sa che significa può portarti proprio quella cosa di cui tu non puoi accorgerti
            E sta chiaro che vale per tutti me compresa!!!

          • Oldplum, 17 Marzo 2019 @ 10:53

            Secondo me il maestro è come il medico. Fa la diagnosi e ti indica le medicine da prendere. Poi sta a te prenderle o meno.
            Anche i medici si ammalano.

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 10:55

            I medici si ammalano certo ma dovrebbero imparare per primi

          • Ema, 17 Marzo 2019 @ 11:51

            assolutamente d’accordo con Alessandro, è sempre il solito discorso, tutti bravi a pontificare col culo degli altri. Poi quando si ritrovano loro in quella situazione, tutte le belle teorie van a farsi friggere. quando si tratta di emozioni, di sentimenti, nessuno è maestro se prima non ci è passato. La mia migliore amica, psicologa tra l’altro, quando scoprii che il mio ex (quello per il quale rischiai la depressione) si portò a letto una ex cara amica mia, fu categorica nelle sue esternazioni, il tradimento non si perdona, non esistono mezze misure. E quando per disperazione ci tornai insieme anche se solo per poche settimane ( non avevo ancora toccato il fondo) mi disse “da te non me lo sarei mai aspettato”, ferendomi oltremodo. Oltre ad avere deluso me stessa, perché ero consapevole della boiata che stavo facendo, avevo deluso una persona che amavo (lei).
            beh … dopo nemmeno un anno, scoprì il tradimento del suo fidanzato (ok non con una cara amica ma pur sempre un tradimento). Non vi dico ovviamente il dolore e la devastazione che ha provato, per più di un anno. Son passati 7 anni, convivono felicemente da 4.
            fine della storia

          • silvia, 17 Marzo 2019 @ 13:51

            Alessandro rispondo qui perchè non so come agganciarmi al tuo commento. Lungi da me dal voler fare il grillo parlante della situazione: che si bruci con le sue mani, se sarà il caso, nonostante mi dispiaccia e non abbia nulla contro di lei. Ma voglio salvaguardare la mia quiete lavorativa e la mia dignità. E poi magari chissà…si sono trovati, le due metà della stessa mela e invechieranno insieme felici e contenti. Non è detto che se io sono stata rifiutata, anche a lei dovrà toccare lo stesso trattamento. Del resto io ero quella che lo metteva a nudo, quella schietta, la rompicoglioni, appassionata nella buona e nella cattiva sorte, quella separata con una figlia da gestire. Vuoi mettere la comodità di gestire una single, tendezialmente remissiva, più giovane e senza vincoli famigliari di sorta? Piatto ricco mi ci ficco….finchè dura

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 14:03

            Pensi troppo a loro. Pensa a te. Giusto tutelare la tua identità e professionalità. Evitali il più possibile anche lei

          • Oldplum, 17 Marzo 2019 @ 14:29

            La vera conoscenza deriva dall’esperienza, questo è vero.

  • Artemisia, 15 Marzo 2019 @ 22:54 Rispondi

    @Silvia, spesso hanno delle new entry senza che passi tanto tempo dal termine della precedente relazione. Ma finchè non lo sappiamo possiamo solo supporlo. Nel tuo caso è evidente e perciò fa ancora più male, a maggior ragione se la conosci.
    Se dovesse mai ripresentarsi a te, e spero di no a questo punto, lascialo perdere.
    Coraggio, avrai un giorno un uomo migliore.

  • Angelica, 15 Marzo 2019 @ 22:10 Rispondi

    Silvia è bruttissimo, a me è capitato qualche anno fa non con un uomo sposato ma libero, con tanti impedimenti da una storia passata però. Aggiungici che ho figli. Insomma tutti i suoi casini logistici e mentali cessarono dopo un anno di relazione sempre col freno a mano quando mi mollò per una donna libera e senza prole (amica sua un po’ lagnosetta che aveva sempre trattato con sufficienza). Con lei iniziò a fare subito passi che con me erano improponibili. Brucia assai, ti capisco. Ti senti l’ultimo anello della catena alimentare dopo il plancton. Ora se ci ripenso roba vecchia e sepolta, e penso di aver scampato un gran pericolo. Senza i fumi dell’innamoramento non era una gran persona, a parte l’epilogo. Ti abbraccio

  • Silvia, 15 Marzo 2019 @ 19:33 Rispondi

    Buonasera Alessandro e a voi splendide donne. Vi leggo sempre anche se ho smesso di commentare perché a volte anche solo scrivere e ripercorrere la mia storia fa tanto male. Però vi sono accanto col il cuore e condivido le vostre situazioni come se fossero la mia, perche anche io ci sono dentro alla grande. Oggi però il dolore ha un peso troppo grande e in qualche modo devo buttarne fuori un po’. Niente: ho scoperto che la donna con cui LUI ha iniziato una relazione é una nostra collega. Che io conosco bene e con cui sono amica. Lei non sa nulla dei nostri trascorsi, é giovane e libera. Ma abita lontano da lui. Praticamente vivono in 2 nazioni diverse. Esattamente come con me. Solo che tra noi la distanza e i figli da gestire erano un problema insormontabile pur essendo separati, in questo caso sembra che il problema sia svanito. Puff. Sono confusa, non riesco quasi a spiegare quello che sento. È come se fossi stata rifiutata per la terza volta. So solo che in questo momento stanno trascorrendo il week end insieme, quel week end che mi ha sempre negato e mi fa un male cane. Mi scuso per lo sfogo e vi ringrazio per accogliermi, da silente e non, in questa splendida famiglia virtuale.

    • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 20:04 Rispondi

      Preferisce lei. Tu trova un altro

    • Confusa (Ex), 15 Marzo 2019 @ 20:12 Rispondi

      @Silvia io penso che ciò che è successo a te succederà anche a me, li abbiamo aiutati e poi nel momento in cui la separazione è avvenuta realmente si sono rivolti altrove. Tra l’altro mi è anche successo in passato con un altro uomo, amanti per anni e poi quando si è lasciato ha iniziato una relazione non con me ma con un’altra! lo so è stupido ma ero giovane ma sai che ho fatto? dopo due anni che stava con questa me lo sono portato a letto! una volta sola e solo per dimostrare a me stessa che non era cambiato, traditore era e traditore resterà. Non ti sto suggerendo di fare lo stesso, dico solo che anche se adesso fa malissimo non hai perso niente, anzi… forse ti ha fatto un favore. Coraggio siamo qua per te.

    • Oldplum, 15 Marzo 2019 @ 20:14 Rispondi

      Ti abbraccio.

    • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 20:52 Rispondi

      @Silvia mi spiace per te ma non si capisce dal tuo racconto se la vostra relazione l’abbiate chiusa prima della tua scoperta che lui ora sta con la collega tua oppure la scoperta l’hai fatta mentre ancora è aperta la vostra relazione

      Ora secondo me questo non è un particolare trascurabile al fine della gestione della tua sofferenza umana e comprensibile

      Ovvio che se già stavate fuori relazione già vi siete lasciati
      Be credo sia comunque nel tempo fartene una ragione come dire è un destino negativo ,ma una fatalità che lui soltanto dopo esservi lasciati si è messo con la collega

      Chiaro che se lo ha fatto in contemporanea con la vostra relazione aperta lui è soltanto un povero stronzo e allora pur soffrendo
      Non vale proprio la pena di soffrire a lungo tempo
      Ma semmai varrebbe la pena pensare ,mavaffan…
      E proseguire la tua vita a testa alta guardando oltre.

      In ogni caso è da metterci na pietra sopra
      E pure schiacciando un poco col piede per essere sicuri
      Scusa la battuta ,ma oggi è tutto il giorno che sto ridanciana
      E non so il perché
      Però ho,l’uomorismo che mi segue a stecca
      Sto bevendo un bicchiere di vino ,ma solo uno
      Quelle merveille!!!

      Coraggio domani è un altro giorno
      Un altro uomo e che sia meio de questo!!!!

      Un abbraccione de vero cuore de vero vino!!’

    • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 23:13 Rispondi

      @Silvia cara questa é una cosa cruda, ingiusta, poco risolvibile. E forse il risultato ottenibile non varrebbe nemmeno metà dello sbattimento, del dolore e della frustrazione necessari per raggiungerlo. La volontà è la forza più invincibile ed é inattaccabile, istintiva. Non puoi pretendere né di volere né di essere voluta. È un potere anarchico. Non sprecare forze. Ascolta @Alessandro e trova un altro.
      Continuare a trovare motivi a ciò che è successo o definizioni del suo comportamento serve a fissare un dolore che è molto meglio si disperda.
      Ti abbraccio!

  • Confusa (Ex), 15 Marzo 2019 @ 18:51 Rispondi

    Alessandro chiedo un parere a te ma anche a voi tutti… si arriva al punto in cui si capisce che in realtà con uno così non ci vuoi proprio stare! si ancora ti piace se lo vedi perché comunque è quello di cui ti sei innamorata in apparenza, ma poi sai bene cosa nasconde ormai l’hai capito. Un’uscita di scena semplice, declinando i suoi inviti da amico, senza spiegargli un bel niente perché di pianti ne hai già fatti abbastanza, lui ha scelto l’altra per cui che gli devi spiegare? che non hai più piacere a passare il tempo con lui?? ma che lo capisca da solo no?? Come la vedi un’uscita di scena così?

    • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 19:24 Rispondi

      Io uscirei e basta. Un bell’inicontro dell’addio e punto. Lui si fa scrupoli? No. E allora

      • Confusa (Ex), 15 Marzo 2019 @ 19:27 Rispondi

        Per me l’addio l’ho dato, non ho voglia di sprecare parole spiegando cose tanto ovvie. Non esisti più punto.

        • Oldplum, 15 Marzo 2019 @ 19:34 Rispondi

          Non serve a nulla parlare o spiegare.

        • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 19:47 Rispondi

          @Confusa ex sono d’accordo con te
          Non gli devi proprio nulla se lui ha gia scelto e per giunta ti ha fatto soffrire
          Lo credo che non vuoi certo sprecare le tue energie ma neanche per dirgli addio

          Non gli devi nessuna spiegazione e in più secondo me rischi che lui ti faccia soffrire pure di più

          Hai la tua a dignità da difendere e atvolta il tuo Silenzio è oro colato per te stessa.

          Un abbraccio!

        • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 19:51 Rispondi

          @Confusa vali solo tu qui. Quindi se l’addio ritieni di averlo dato, buona la prima.

  • Antonella B., 15 Marzo 2019 @ 17:45 Rispondi

    Ciao amiche e amici, ho bisogno di un consiglio che solo voi potete darmi. Lui mi ha contattata perche dobbiamo vederci per lavoro. non e’ una cosa urgente quindi ho temporeggiato. Tra qualche settimana ci sara’ un incontro di piacere ( una sorta di cocktail per intenderci ) dove la partecipazione e’ gradita ma non obbligatoria. Io sono nella fase finale credo, perche non ho alcuna voglia di vederlo, solo paura. Quindi eviterei volentieri ma dall’ altro lato non vorrei dargli cosi tanta importanza da non presentarmi, e temo di essere tagliata in futuro, lavorativamente parlando. Inoltre mi sembra di scappare, per quanto lo potro fare? Vi confesso che ho delle serie perplessita’ se continuare la collaborazione con lui, ma poi penso che si.tratta di lavoro..quanti problemi che mi sto facendo

    • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 19:19 Rispondi

      Semplifica. Ci sono effetti collaterali sul lavoro se non vai? Rispondi sincera. Se la risposta è no non andare. Non è paura è buon senso. Si sta lontani dai film horror se non ti piacciono

    • Confusa (Ex), 15 Marzo 2019 @ 19:23 Rispondi

      Ti sembra di scappare anche no, tu devi stare bene non stai scappando da niente stai solo ritrovando la tua serenità. Se oggettivamente ti danneggerebbe allora ti direi di andare, non rinunciare al lavoro per lui, ma solo se proprio devi e nel caso dato che si tratta di un cocktail e quindi mi pare di capire non una cena seduti, resta il minimo indispensabile. Se invece non è necessaria la tua presenza evita, ci saranno occasioni future, sarai più forte e nemmeno ti interrogherai sul da farsi.

  • Ema, 15 Marzo 2019 @ 12:29 Rispondi

    Outlier va bene così anche se fa male, non farà male per sempre, è un dato di fatto. Sono passati 5 anni, hai vissuto e scelto consapevolmente, ti hanno insegnato tanto questi 5 anni, ti hanno dato tanto, nel bene e nel male. La vita però è una sola, ogni giorno vissuto male è un giorno perso, non possiamo sapere quanti ce ne rimangono. Hai scelto di tornare a viverli al meglio.
    e se comunque devi star male, almeno stai male perché l’hai liberamente scelto tu e non perché te lo ha “imposto” lui. Hai ripreso in mano la tua vita.
    Avanti, un giorno alla volta.

    • Outlier, 15 Marzo 2019 @ 18:25 Rispondi

      Lo spero tanto.
      Adesso sono nella fase che ogni 3×2 piango
      Forse è giusto che sia così, ma piango tanto.

      • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 19:27 Rispondi

        @Outlier tesoro! Uguale! Il sale mi aveva assottigliato la pelle intorno agli occhi! Ma stai spurgando ..come le vongole! Tieni duro piangi, butta fuori!!

        • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 19:36 Rispondi

          @Cossora sei stupenda!!!
          ” stai spurgando come le vongole”!!!!
          Fantastica immagine che denota che sei sulla buona strada per riuscire davvero a uscirne
          Perché sei spiritosa tanto umorismo in quella tua frase
          E come rende bene l’idea del naturale processo dove prima è sano e naturale far uscire le lacrime della sofferenza e poi
          Na volta spurgate le vongole
          Passa a mangiartele un buon sugo na pasta e vai
          Un bicchiere di vino
          Di mi dove stai che vengo apure io e trasgredisco la mia dieta attuale,misero mio temtativo tra il serio e il faceto di dimagrire
          Machissene preferisco mangiare le vongole con te e tutte noi qui!!!
          Abbraccione sempre!!!

          • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 23:02

            @Ariel gli spaghetti alle vongole sono una cosa seria..non scherziamo!

          • Ariel, 16 Marzo 2019 @ 12:23

            @Cossora. Ma certo ! Che gli spaghetti alle vongole sono una cosa seria!!!!
            Bene ,detto questo quando li mangiamo seriamente?!
            Spero presto per teer me per tutte noi!

        • Outlier, 15 Marzo 2019 @ 20:34 Rispondi

          Grazie Cossora. Immagine reale.
          Talmente sto sbattuta in faccia che anche a lavoro iniziano a preoccuparsi.
          Però sento che ho bisogno di piangere, di farlo.
          Devo farlo perché non posso tenere tutto dentro.
          Ti abbraccio

          • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 23:00

            @Outlier al lavoro se ne faranno una ragione. Io la prima crisi a ottobre l’ho sfogata un weekend lontano a casa di un’amica le ho rotto le palle smoccolando sul divano per 48 ore. Ma è servito. Anche un po’ a non sopportarmi più da sola. Però la crisi del non so se è finita è stata più pesante dell’adesso so che é finita.
            Quando esagero coi pensieri malinconici mi parte una voce automatica che mi ricorda che sto girando a vuoto. @Outlier ce la fai a reggere una decina di giorni? Ti giuro pianino capita che non piangi due giorni, magari il terzo si però poi pensi che ieri e l’altroieri non hai pianto e tutto si ridimensiona. Credimi, sono solo due o tre passi avanti a te. Non ti sembra vero adesso ma fidati, i giorni cambiano le cose. Ti stringo

          • Outlier, 17 Marzo 2019 @ 09:15

            E comunque io sono 3 notti che non dormo.
            O che ci provo e mi risveglio con le lacrime agli occhi.
            Mentre lui magari se ne frega altamente e continua la sua vita tranquillo come se nulla fosse.

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 09:16

            Lui dorme

          • Outlier, 17 Marzo 2019 @ 09:17

            Suppongo di avergli tolto un peso.

          • alessandro pellizzari, 17 Marzo 2019 @ 09:52

            Spesso è così. Finché il neurone del sesso si gonfierà fino a occupare tutto
            Il cervello

          • Ariel, 17 Marzo 2019 @ 10:05

            @Oultier si ,dorme tranquillo pure,

            Cara capisco e comprendo e immagno il tuo soffrire e dolore e so per esserci passata,

            ti incoraggio ogni giorno è veramente un passo avanti e adesso probabilmente sei nella fase più difficile che è proprio quella del rendersi conto di chi sia veramente quel uomo a cui tu hai dato tutta te stessa

            Appunto è uno che ad esempio dorme Benissimo e se ne frega totalmente di qualunque cosa persona te compresa

            Allora dopo il tuo lungo pianto respira un secondo e chiediti
            Ma quest uomo merita le mie lacrime oppure merita la sola mia indifferenza ,?!!!!

            Il tuo obbiettivo è amarti e riuscire ogni giorno a fare concretamente qualcosa che possa gratificarti fosse pure un dolce che ti piace
            Uscire un momento per andare a fare una cosa che ti piace

            La concretezza di questa tua azione dedicata a te stessa ti aiuta moltissimo a gestire tutto il tuo dolore,
            Quanto capisco lo so è durissima guardare in faccia la realtà vera di questi ,alcuni uomni negativi
            Che appunto,

            Dormono beati…
            Non li vogliamo più,e senza rancori o domande ,

            Lasciamo scivolare dalle nostre spalle il loro mantello nero che ci hanno con inganno appoggiato come a volerci prendere e trattenere

            Domani è davvero un altro giorno
            E questa notte dormirai già meglio

            Un abbraccio speciale pieno di sostegno affettuoso!!!

          • Outlier, 17 Marzo 2019 @ 10:43

            Grazie Ariel! Ti stringerei tantissimo.
            Infatti oggi ho deciso di fare un dolce. Mi fa rilassare e non pensare.
            Cerco di tenermi impegnata ma è difficile.

  • Elisabetta, 15 Marzo 2019 @ 07:24 Rispondi

    @Nina e @Angelica, grazie x il vostro aiuto e Vi abbraccio forte.
    Qui nessuna resta sola, tutte siamo pronte ad aiutarci, una grande rete di amicizia e solidarietà.
    Oggi bisogna dare una mano ad @Outlier che sta male.
    @Outlier cosa possiamo fare per te?
    Ricordati che c’è speranza, ma fuori dal tunnel.
    Ti prego esci da questo inferno, non voltarti indietro, Alessandro ha in mano una torcia e ci viene a prendere per guidarci fuori da qui.
    Fai anche tu uno scatolone e mettici dentro tutto il dolore e abbandonalo, lì dove sei ora, e incomincia a camminare più leggera e veloce verso la rinascita.
    Ti abbraccio @Outlier.

    • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 07:33 Rispondi

      Porto un faro se necessario

      • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 09:06 Rispondi

        @Alessandro grazie,
        Mi hai fatto ridere,ah ah ah,
        Non so perché ma in questa tua frase l’ho letta con un senso di umorismo come ,nascosto?

        E ben venga il tuo faro se necessario
        Alla bisogna
        Pourqiois pas???

        Grazie Buon risveglio stamattina
        Ci sta il sole qui e lì nelle tue parole scritte qui
        Un vero Faro per noi tutte!

    • Outlier, 15 Marzo 2019 @ 07:39 Rispondi

      Grazie Elisabetta.
      Già che ci siete è tanto per me perché so che qui posso esprimere il mio dolore senza essere giudicata.
      Ogni tanto ricordatemi che va bene così anche se fa male perché non c’era un futuro, perché io avrei scalato anche le montagne per lui ma lui non per me.
      Forza anche a te Elisabetta

      • cossora, 15 Marzo 2019 @ 11:27 Rispondi

        @Outlier i primi 7-10 giorni fa male quindi qualsiasi cosa ti anestetizzi, falla senza remore.
        Non ho capito ma mi sembra di esser l’unica al no contact da tre settimane e LUI non si fa vivo neanche in sogno. In questo momento penso sia una fortuna, è corretto.. stanotte ho pensato a un suo eventuale ritorno ‘come stai?’ e mi è venuta una nausea (fisica, reale) fortissima.
        Però ogni tanto darei un braccio per ricevere un messaggio truffaldino (lo ammetto) e sentirmi provocata o giustificata per ricominciare.
        Voi che siete al silenzio, siete state tutte ricontattate in qualche modo?
        Se no, quando si smette di sperare che tornino?

        • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 16:43 Rispondi

          Quelli che tirano un respiro di sollievo a essere lasciati e tornano dalla moglie di solito durano tre settimane di no contact

          • cossora, 15 Marzo 2019 @ 16:45

            @Alessandro ..è troppo presto tre settimane!!! O forse no, meglio, perchè ora sono sul ‘se ti vedo ti sputo in un occhio’.

          • cossora, 15 Marzo 2019 @ 16:47

            @Alessandro.. e quelli che non tirano un sospiro di sollievo? Non credo sia questo il caso.

          • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 19:16

            C’e Sempre un respiro di sollievo all’inizio

          • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 19:34

            @Alessandro speravo di potermi rassegnare. Comunque questi tempi statistici mi mettono un’ansia. In qualche modo non riesco a muovermi con naturalezza. Un piccolo pensiero controlla l’orizzonte.

        • Annaura, 15 Marzo 2019 @ 18:25 Rispondi

          Dopo la chiusura lui mi ha ricontattato dopo una settimana..ma a provocazione, dandomi colpe e vittimizzandosi. Non so dove ho trovato la forza x non chiedergli di vederci ancora. Dopo 15 gg lo ricontatto io. Qualche altro messaggio e poi basta. Ho smesso di sperare che sarebbe tornato da me proprio in quegli ultimi messaggi.

          • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 19:23

            Pensa a lui come l’uomo che è: una vittima e uno che ti colpevolizza. Che uomo!

          • Cossora, 15 Marzo 2019 @ 19:47

            @Annaura ma adesso quanto è passato? Sei ancora nel silenzio o stai semplicemente vivendo?

          • Annaura, 16 Marzo 2019 @ 10:01

            Cossora, non mi ritengo in silenzio ora. Ritengo la storia finita. Qnd lo incontro faccio finta di non vederlo, lui idem. I suoi numeri e contatti sono cancellati. Se dovesse ricontattarmi, magari mi destabilizzerebbe si, ma non tornerei mai con lui. Non si tratta così una donna. Gli ho dato la mia vita in mano.. e lui l’ha buttata via. La delusione è stata tanta, troppa. Ora quando ci penso , mi vengono in mente solo le sue incongruenze e le sue contraddizioni che primo non vedevo. Ora è come se mi fosse rimasta soltanto la delusione.
            E’ durata più di un anno ed è finita ad agosto scorso

          • alessandro pellizzari, 16 Marzo 2019 @ 10:08

            Brava

          • Annaura, 16 Marzo 2019 @ 10:03

            Aggiungo ancora Cossora che ora sto ritornando ad essere socievole, solare e tranquilla come sono sempre stata. Prima ero la mia ombra. GLi strascichi ci sono ma li sto lasciando x strada

        • Dispersa, 1 Aprile 2019 @ 18:39 Rispondi

          Oggi tre settimane ….
          Anche oggi ho sperato che mi dicesse ‘ti devo parlare’ ….
          Il no contact? Impossibile lavorando assieme ….
          Passa spesso a salutare (tutte le colleghe) ….
          E da sicuro di se …. Lo vedo a disagio!!
          Visto che ha deciso, spero almeno di aver lasciato il segno …. Che porti il mio profumo dentro per sempre!!
          Oggi più che mai mi manca!!
          Mi sento persa!! E piango come una bambina, non è possibile!!
          Ieri stavo meglio …. Ditemi che è normale!!
          Un gg 100 e il gg dopo …. Il vuoto.

          • Outlier, 3 Aprile 2019 @ 19:02

            @Dispersa, è normale.
            Anche a me capita ancora. Così come ancora mi capitano le giornate in cui ci sto male.
            Ma piano piano andrà meglio. A piccoli passi.
            Davvero.
            Inizierà a farci meno male Dispersa. Per forza.
            E non dobbiamo più sperare niente. Hanno deciso. Fine. Amen.

          • Berg, 4 Aprile 2019 @ 10:18

            @Dispersa…stai tranquilla, sta fingendo anche lui. Ma non guardare ciò con la speranza che gli interessi ancora. O meglio, gli interessa solo una parte di te. E’ poi sicuramente anche orgoglio. Anche la mia lei lavora con me. La sento ridere, pranziamo tutti insieme…ma il punto è che non ci deve più interessare. Fai un sospiro e pensa alla tua serenità. Non deve essere un suo atteggiamento a renderti tranquilla perché ti sembra triste. Non deve proprio riguardarti. La mia parla del marito, delle ferie…prima non lo faceva, o meglio…ogni tanto le scappava. Ma adesso ha preso atto del mio distacco e fa la superiore…ma faccia quel che crede. Ieri raccontava che ha fatto una serata tra amiche ad una serata con dimostrazione di vibratori. Un tempo sarei morto pensando che li avrebbe usato col marito e non con me. Adesso zero reazioni…deve scattare il relè, la misura colma, vederlo per quel che è.

          • cossora, 4 Aprile 2019 @ 11:08

            @Dispersa, @Outlier..
            ma quando dite o vi dite ‘hanno deciso. Fine’ intendete che sareste state pronte a iniziare una relazione seria, dal giorno dopo che chiudevano con la famiglia?
            Oppure da li in poi avreste vissuto un nuovo inizio di una nuova relazione tra persone libere che si studiano che ‘ci provano’ ma che non è detto ne matematico che resteranno insieme?
            A me questa domanda viene in testa spesso, fa molta differenza.
            Uno è il gioco delle tre carte, l’altro è un salto nel vuoto.
            Il mio progetto di moglie e madre l’ho già ampiamente fatto. Vorrei un altro tipo di relazione forse più libera, o almeno vorrei poter cominciare da li senza sapere già che finirò in un’altra convivenza.
            Insomma basta promessi sposi!
            Forse è presto dopo soli 10 mesi di chiusura del mio lunghissimo matrimonio.. forse è presto per i miei 43 anni ..ne avessi 10, 15 in più la penserei diversamente.
            Adesso sono più per le emozioni intense, non per affidarmi a qualcuno, o condividere la mia esistenza con qualcuno. Non è questione di amore, è questione di come si sta con se stessi, di come ci si è in grado di riconoscere come individui, di scegliere per se.

          • Outlier, 4 Aprile 2019 @ 18:35

            @Cossora, non ti nego che fino a qualche tempo fa sarei stata pronta per qualsiasi salto nel vuoto con lui. Ma da quando ho iniziato a vedere in faccia i fatti, ho cambiato idea.

    • Angelica, 15 Marzo 2019 @ 09:22 Rispondi

      Allora mentre leggevo ho realizzato di indossare anello del primo marito, orecchini del compagno post marito e un bracciale di ex amante. Ho voluto bene a tutti e tre, col piffero che me ne disfo! Ora mi manca il diadema. Basta piangere, finisce, si rinasce, è un po’ di leggerezza torna a rinfrescare queste stanze arroventate piene di aria viziata;)

      • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 14:39 Rispondi

        @Angelica sei troppo forte! Non sai le risate a leggerti qui,scuami ,ma sei stata veramente spiritosa nel tuo descrivere ” i tuoi doni ricevuti nei gioielli storici”

        Ma certo che si, non vedo perché tu debba disfartene
        Tu stai avanti rispetto alla tua nuova strada di rinascita
        Infatti quando si inizia a guardare le esperienze pure quelle che ci hanno dato sofferenza con umorismo ecco che hai la dimostrazione effettiva della tua distanza positiva dagli eventi e dalle persone le guardi serena e giusto farsi una risata sana che non è sarcasmo,ma la libertà il grande respiro della conquistata tua libertà

        E adesso ovvio aspettarsi il diadema!!

        E ti auguro che quando accadrà tu sia la sua regina per sempre!

        Evviva la leggerezza che aiuta ad uscire da qualunque sofferenza

        Amche io ho conservato i suoi regali che sono Libri
        Infatti per me i Libri sono gioielli e lui lo sapeva
        La cosa comica è che uno di questi è ” Il potere del adesso”il titolo
        E quando finalmente mi sono decisa a mollarlo sul serio
        Gli avevo scritto proprio cosi:

        “Il potere del mio adesso e questo:
        Mavaffanculooooo”
        Ci credi ancora ci rido ah ah ah ah ah ah ah
        E purtroppo a lui non è servito essendo un seriale pure fuori di testA

        Infatti aveva cercato in mille modi di recuperare
        Ma io ZITTA TOTALE NO CONTACT

        Il Potere del adesso nostro è quello di poter sorridere e nel farlo aiutiamo le altre che qui ancora stanno lontane dal riuscire a farlo

        Ciao Prossima Regina con diadema @ Angelica
        Un abbbraccio e na risata simpatica !!!

        • cossora, 15 Marzo 2019 @ 17:21 Rispondi

          Io borse, sciarpe, cappottini, occhiali da sole, fit per la palestra, calzature etc. firmati li ho conservati, purtroppo il week end benessere nella luxury spa, i trucchi le creme e i profumi.. sono beni consumabili. Ma non mi sono mai sognata di restituirli!

          • Oldplum, 15 Marzo 2019 @ 19:48

            L’unica cosa che penso non potrò mai restituirgli è il mio cuore.

          • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 20:30

            @Oldplum tenera,sai che si potrebb e leggere la tua frase in due modi

            Uno) che non puoi restituirgli il tuo cuore
            Perché lo hai portato via e te lo tieni per te

            Due ) che non puoi restituirglielo
            Perché è rimasto con lui,
            Il tuo cuore sta la pur avendo ripreso te stessa e la tua libertà

            In ogni caso sei tenera
            E in ogni caso

            Ti abbraccio!

          • Oldplum, 15 Marzo 2019 @ 20:58

            No. È qui con me il mio cuore. Me lo sono ripreso.
            L’amore sta in riserva. Presto sarà storia.

          • Ariel, 16 Marzo 2019 @ 11:06

            @Oldplum ottimo,meglio così perché è soltanto così che dimostri a te stessa di amare te stessa.

            Non è casuale il bisticcio di parole
            Rafforza l’amore per te stessa!

  • Confusa (Ex), 15 Marzo 2019 @ 06:51 Rispondi

    @outlier finalmente. Ora fatti forza e rinizia a vivere

    • Outlier, 15 Marzo 2019 @ 07:31 Rispondi

      Grazie ragazze.
      Leggendo le vostre parole ho gli occhi pieni di lacrime. È normale e sono convinta che lo sarà per un po’.
      Per fortuna ci siete voi.
      Grazie
      Vi voglio bene

      • cossora, 15 Marzo 2019 @ 08:47 Rispondi

        @Outlier vado avanti col silenzio ma ti aspetto, ti aspettiamo tutte, sono alla terza settimana, come si sta?
        Non bene è normale, un giorno sembra un filino meglio ma poi torna difficile.. però credimi, la senti la differenza tra il respirare veleno e respirare ossigeno. La sente proprio il tuo corpo la tua pelle, magari l’astinenza da veleno ti farà pensare ‘non ce la faccio’ ma non fa bene a nessuno il veleno.
        Tieni durissimo, siamo qui. Io con questo blog mi sono salvata la pelle, @Alessandro non hai idea della potenza di questo posto, della forza che gira qui dentro. Grazie <3

      • KK, 15 Marzo 2019 @ 09:51 Rispondi

        @Outlier forza ci siamo noi!
        Anche io spesso leggo e scrivo con le lacrime agli occhi, ma dopo i miei sfoghi sto un po’ meglio.
        Ti ha detto che non ti ama l’altra volta quindi indeciso per cosa? Stesse dove sta che 5 anni sono abbastanza.
        Hai fatto benissimo a non replicare e uscire di scena.
        Ti abbraccio forte e ti assicuro che insieme ce la faremo!

      • Rosa, 15 Marzo 2019 @ 09:55 Rispondi

        @Outliner, ho chiuso circa 2 settimane fa, se fosse stato per lui si andava avanti in eterno in questa terra di mezzo, dove si resta sospese a vedere la vita che scorre sotto in naso. Non scelgono, non decidono. Dobbiamo farlo noi per loro.
        E’ dura, ci sono momenti in cui mi sento il terreno franare sotto i piedi, e momenti di rabbia (la mia risposta ad Elisabetta di mandare tutto a casa dell’ex, era uno di questi e me ne scuso) .
        Ma non sei sola, siamo in tante quì, e in “stadi” diversi, quindi puoi vedere che ad insistere si arriva a star bene.
        Ora il problema sarà arginare lui, quando si renderà conto che ti ha persa davvero.
        Tornerà, come tornano tutti. Con le stesse modalità, senza spostarsi di un millimetro.
        E tu dovrai esser abbastanza forte per farlo.
        Io ieri l’ho fatto. Mi ha proposto un caffè (solità modalità) dopo che due settimane fa gli ho parlato mettendo il mio cuore nelle sue mani, e dopo che lui è solo riuscito a farfugliare frasi sconnesse “sono stanco” “vediamoci come amici” “non ti permetto di mettere in discussione l’amore che provo per te”.
        Il caffè è stata la mia fortuna. Se mi avesse detto “ti devo parlare” probabilmente sarei andata. Ma invece “il solito caffè” mi ha messa di fronte al suo modus operandi.
        Avrà pensato: queste donne in menopausa! Ha sclerato, ora la lascio lì a decantare un paio di settimane e poi la riacchiappo quando voglio.
        Pertanto gli ho detto di no.
        Oggi sto bene, davvero. Credevo che sarei crollata, invece sono soddisfatta di me (e non è ripicca). Se ieri fossi andata, avrei accettato nuovamente le sue condizioni e oggi sarei quì ad aspettare la prossima volta.
        Coraggio, sono con te, un abbraccio.

        • KK, 15 Marzo 2019 @ 11:22 Rispondi

          Ma cosa vogliono con questo “vediamoci come amici”? A me diceva “io ti voglio bene, non voglio perderti come amica”! Ma puoi ricambiare amore con amicizia? Ultimamente gli dissi “a me non interessa quello che vuoi propormi, non me ne faccio niente”.

          • alessandro pellizzari, 15 Marzo 2019 @ 11:26

          • KK, 15 Marzo 2019 @ 11:39

            Si l’ho letto e riletto Alessandro, ma a me dice che la sua idea è di restare amici senza doppi sensi, lui “carino” vuole costruire un rapporto sano… sono io che penso male! Che strano pero’ che l’unica volta che ci siamo visti da soli da quando abbiamo chiuso siamo finiti a letto, ma sono io che penso male!

          • Outlier, 15 Marzo 2019 @ 12:06

            Grazie a tutte ragazze.
            Sì, da oggi inizia un percorso difficile e durissimo.
            Ce la faremo.
            Vi verrò a trovare presto in quel posto in cui l’anima inizia a sentirsi meglio.

            @Kk, credo che rimaniamo amici significhi trombiamo quando voglio.

      • Anna, 15 Marzo 2019 @ 10:57 Rispondi

        Sei stata molto forte. Ti ammiro e ti dico non mollare. Siamo tutte con te!!

  • nina, 14 Marzo 2019 @ 21:46 Rispondi

    @elisabetta mi permetto anche io e mi unisco con calore a chi ti dice di NON mandargli le cose a casa. i colpi bassi fanno male anche a chi li fa non solo a chi li subisce. meriti un’uscita con più stile. comprendo la necessità di liberarti di ogni cosa, ma il modo più rapido resta la spazzatura. e ti assicuro che la soddisfazione c’è comunque.

    • Angelica, 14 Marzo 2019 @ 23:31 Rispondi

      Io ho tenuto tutto, uso tutto, evviva:)

  • Elisabetta, 14 Marzo 2019 @ 12:10 Rispondi

    @Luce, sì, me ne sbarazzerò presto, butterò via tutto.
    Sai, penso che forse noi donne diamo a queste piccole cose materiali un valore oltre misura.
    E’ come se, tenendole con noi, rimanesse ancora una flebile speranza, proprio l’ultima, come racconta bene Alessandro in questo articolo che, come altri pubblicati prima, mi sta aiutando fortemente ad uscire da questo tunnel.
    E gliene sarò grata per sempre.
    @Luce, grazie per avermi scritto, un abbraccio.

    • alessandro pellizzari, 14 Marzo 2019 @ 12:39 Rispondi

      Mi fa piacere per l’aiuto

    • Luce, 14 Marzo 2019 @ 13:14 Rispondi

      @elisabetta
      non avessi conosciuto Alessandro sarei ancora in centrifuga al massimo numero di giri.
      Ho voluto credergli. Me lo sono imposta. E mi ha salvato da ulteriore sofferenza (inutile)

      • alessandro pellizzari, 14 Marzo 2019 @ 14:46 Rispondi

        Hai fatto tutto tu io ho solo acceso la luce

        • Luce, 14 Marzo 2019 @ 20:55 Rispondi

          Alessandro Ti voglio bene
          Riconoscenza infinita per Te

          • alessandro pellizzari, 14 Marzo 2019 @ 20:57

            Sei una delle donne più intelligenti buone e corrette che io abbia mai conosciuto

          • Outlier, 14 Marzo 2019 @ 22:08

            Ciao a tutte,
            Oggi vi vorrei abbracciare tutte.
            Siete tutte delle gran donne.
            Oggi per l’ennesima volta mi ha detto che il suo stato d’animo è combattuto, che vorrebbe stare con me ma non lascia la famiglia …e tante altre cose, dopo cinque anni.
            Insomma, avrei potuto dire tanto ai suoi mi dispiace davvero, ecc.
            Con le lacrime agli occhi, l’unica cosa che ho fatto è stato fare un inchino ed uscire di scena con un semplice “ciao”.
            Naturalmente sto malissimo. Ora so che é la fine.
            Vi stringo

          • Luce, 14 Marzo 2019 @ 23:59

            @Outlier
            A volte senti solo quello che vuoi sentire e vedi solo quello che vuoi vedere.

            Invece no,qui,
            in questo ultimo periodo siamo in tante ad aver deciso e aver chiuso. Fatti reali, con le loro difficoltà, certo.

            La forza ce la stiamo trasmettendo anche così, con la decisione presa da ognuna.
            Noi ti stringiamo e ci siamo.

            Aria fresca e pulizie di primavera !!

          • Ariel, 15 Marzo 2019 @ 00:03

            @Outlier carissima ,sei grande Donna
            Immagino il tuo dolore vivo di adesso dopo la tua uscita di scena come tu stessa hai scritto

            Ormai hai messo Fine alla sofferenza più grande e cioè quella di continuare a stare in una relazione senza sbocco

            Hai mai pensato che per poter Iniziare qualcosa di nuovo
            È necessario proprio fare come tu stessa sei stata Capace di agire per mettere la parola Fine
            Fine di ciò che ti impediva di avanzare nella tua vita ,esprimere i tuoi talenti le tue luci
            La tua libertà di Donna che tu stessa stai già nel fare i tuoi primi passi nella tua nuova vita

            Ovvio che sia una lunga strada ,ma comprendi
            Che stai già adesso nella Luce fuori dal tunnel buio

            Carissima@Oultier
            Già domani sarai avanzata di un altro passo ,ma stavolta sei nel sole
            Luce e Bellezza di tutta la tua conquista

            Un abbraccio sempre!

  • Elisabetta, 13 Marzo 2019 @ 22:05 Rispondi

    Cara @Ariel e Cara @Oldplum, grazie per il Vostro consiglio.
    Credo di aver deciso: me ne sbarazzerò al più presto, non restituiro’ niente, e poi la foto mi ritrae all’ingresso di un buio tunnel (chi l’avrebbe detto che poi ci sarei finita dentro veramente?), è brutta, triste, in bianco e nero.
    Per lui era una foto stupenda ne andava fiero, certo in quel tunnel mi ci ha tenuta nascosta per due anni, forse se lo sentiva che mi ci stava mettendo dentro!
    @Oldplum sei come un faro e tu @Ariel sei un multivitaminico, aria fresca!
    Grazie, Vi sono davvero grata.
    Un abbraccio!

  • Elisabetta, 13 Marzo 2019 @ 18:33 Rispondi

    @Rosa, @Cossora, @Annaura, grazie per i Vostri consigli e per avermi risposto;
    non mi sento abbastanza forte per fare una spedizione a casa anche se ne avrei voglia.
    Queste cose sue le sento ingombranti anche se sono chiuse in uno scatolone in cantina.
    E’ come “occupassero ancora spazio” dentro di me e liberarmene sarebbe un sollievo.
    Siete tutte preziose perché appena una di noi ha un piccolo sbandamento, un’ incertezza, intervenite subito come una squadra di soccorso efficiente per riportarla in pista.
    Un gruppo straordinario di grandi donne.
    Sono felice di essere qui insieme a Voi.

    • Luce, 13 Marzo 2019 @ 21:49 Rispondi

      No alla spedizione a casa, no
      Sarebbe un colpo basso, anche se lui te ne ha fatti di peggio.
      Restituiscigli tutto di persona oppure butta via.
      Io avevo due stupidaggini che mi aveva Regalato, tra cui un telefono ( che serviva solo a lui per pescarmi) ed avergliele restituite è stato l’inizio Della fine. Di lui non tengo nulla , solo un bel/brutto ricordo

  • Rosa, 13 Marzo 2019 @ 17:04 Rispondi

    @elisabetta, mi sono salite le lacrime agli occhi leggendoti. Come si può esser così meschini?
    Io non so, ti dico la mia esperienza ed ho appena chiuso per la seconda volta.
    Io questa volta rispetto alla prima ho sentito la necessità di dirgli tutto, di svuotare il sacco. Lo dovevo a me più che a lui.
    Non so come vi siete lasciati e che scuse possa aver trovvato lui per poter fare dietrofront.(probabilmente ha fatto in modo che fossi tu a decidere)
    Io, sarò piccola, ma un bel pacco con tutta la sua roba dentro, invece glielo manderei proprio. Ma non a lavoro, a casa. (anche la foto dove ci sei tu nel caso fossi di spalle).
    A lui l’incombenza di trovare una giustificazione per un’eventuale moglie/compagna.
    Tanto sono bravi ad accampare scuse.
    Se pensi che questa cosa possa significare lo stacco definitivo, possa darti l’input, possa rappresentare un punto e a capo, fallo.
    Senza sensi di colpa dopo e ripensamenti.

    • Oldplum, 13 Marzo 2019 @ 18:18 Rispondi

      Ma va. Restituire cosa?
      Fai un bel sacco nero che di mercoledi passa l’indifferenziato, piuttosto.

      • Cossora, 13 Marzo 2019 @ 21:03 Rispondi

        Sono d’accordo con @Oldplum. Stai anche a imballarle ed etichettarle e spedirle..? Per carità! Indifferenziato, da ‘indifferenza’ ..quella che merita lui con le sue 4 foto cagate.

  • Elisabetta, 13 Marzo 2019 @ 17:00 Rispondi

    Grazie molte Alessandro per la tua risposta.
    E’ vero, l’immagine che hai scelto è molto evocativa ed ha aiutato a visualizzare distintamente la strada verso l’uscita da queste tristi vicende.
    Grazie ancora per il tuo aiuto.

    • alessandro pellizzari, 13 Marzo 2019 @ 17:25 Rispondi

      Un abbraccio

    • Ariel, 13 Marzo 2019 @ 18:35 Rispondi

      @Elisabetta un abbraccio anche da me
      Ottima idea quelle di Alessandro
      Buttale nel cesso oppure vai appositamente in un luogo dove puoi farne un falò e bruciarle

      Il gesto concreto è qualcosa che da a pace dentro
      Qualcosa di simbolico ,ma che determina la vera fine della tua sofferenza ,certo un percorso ,ma aver tu stessa compiuto quel gesto concreto fa respirare meglio dopo

      È già di per se una conquista verso la tua libertà

      Un vero stronzo ,il fotografo non merita neanche una parola e tanto meno la sua roba piena di cattiveria stronzaggine pura.

      Scusami ,ma mi viene da dire questo pensando al suo comportamento già al inizio con te

      Invece pensando a te ti vedo fuori nel tuo sole ,la tua luce interiore
      Così Bella e luminosa ,tua nuova vita!

      Un abbraccione

  • Artemisia, 13 Marzo 2019 @ 12:57 Rispondi

    @Verdeazzurra, sono contenta che tu l’abbia “lasciato andare” serenamente. Dalle tue parole non traspare rabbia o rancore e questo è positivo perché probabilmente non ne sarai turbata ogni volta che il ricordo di lui riaffiorerà.
    Meglio che ora tu abbia un conosciuto un uomo più accogliente, disponibile, più empatico e forse anche più maturo. Certamente più meritevole delle tue attenzioni ed energie.
    Se ci saranno tra voi assonanze, intesa emotiva, chimica e mentale, non potrà che essere un amore bello, davvero.

  • Elisabetta, 13 Marzo 2019 @ 09:45 Rispondi

    L’immagine del tunnel che accompagna questo articolo per me è particolarmente significativa.
    Il mio ex amante, anche fotografo, fece uno scatto in b/n che mi ritrae di spalle all’ingresso di una galleria, un sottopasso pedonale, dove non si vede l’uscita.
    La fece stampare in grandi dimensioni su una carta pregiata ed incorniciare e me la regalò dicendomi che era pegno della sua decisione, una promessa definitiva, aveva scelto me.
    Ero felice e così incominciai ad abbellire la mia casa, imbiancai da sola le pareti, comprai nuova biancheria per la casa, feci incorniciare 24 stampe di sue fotografie e le appesi perché lui potesse sentirsi fra le “sue cose” quando si fosse trasferito da me, insomma preparai il “nido”, impiegando non poche risorse economiche per realizzare tutto ciò.
    Questo accadde un anno fa.
    Ho tolto da tempo dalle pareti tutte le immagini, le ho incartate e trasferite in uno scatolone, insieme a libri suoi che sono rimasti da me, ma ora a quattro mesi dall’inizio del silenzio non so cosa farne.
    Vorrei restituirgli tutto con un corriere presso il suo luogo di lavoro, ma questo significherebbe “rompere” la Regola del Silenzio ed in ogni caso temo un’ azione/reazione da parte sua, che però potrebbe anche non esserci.
    Posso chiedere qualche consiglio?
    Grazie infinite a chi vorrà rispondermi.

    • alessandro pellizzari, 13 Marzo 2019 @ 16:45 Rispondi

      Buttale nel cesso. Storia terribile ma bella. Sì quando ho scelto la foto ci ho pensato molto sull’evocativo

    • cossora, 13 Marzo 2019 @ 17:03 Rispondi

      @Elisabetta.. mi viene la pelle d’oca. Il mio ex LUI disegna benissimo. In casa sua nemmeno un piccolo meraviglioso suo acquerello. Gli ho detto tante volte che da me avrebbe potuto appendere quello che voleva appena avrei imbiancato casa. Come siamo generose, serie, leali, innamorate. Sincere. Perle ai porci.

    • Annaura, 13 Marzo 2019 @ 17:13 Rispondi

      Butta tutto! Anche io sono stata tentata di restituirgli i suoi regali ma, 1:avrei interrotto in qualche modo il silenzio;2: avrebbe potuto avere qualche azione/reazione, come dici tu e comunque, sarei stata nell’attesa e sinceramente non mi andava;3: stavo soffrendo e volevo continuare a soffrire da sola

  • KK, 12 Marzo 2019 @ 15:50 Rispondi

    @Outlier anche a me disse parole simili che ancora mi rimbombano nella testa e fanno male.
    Oggi sono veramente giu’, non so perchè alcuni giorni fa veramente tanto male.
    Non so perchè me lo immagino con un’altra. So come scrivevo qualche giono fa che non posso farci niente pure se fosse, ma non so perchè oggi va cosi’.
    11 giorni di silenzio assoluto.
    Tu in che stato sei?

    • Ariel, 12 Marzo 2019 @ 18:34 Rispondi

      @KK fai bene a sfogarti qui
      Caspita comprendo benissimo cosa provi perché mi ricordo come fosse adesso i miei primi 11 giorni di silenzio
      Veramente difficile e pure ci stanno tutti i giorni che sono più duri e difficili
      Se potesse aiutarti pensa che anche ammesso che stia con un altra
      Immagina che sta realtà sicura che la eventuale altra purtroppo per lei sta peggio di te
      Si sembra che ti dica una bestialità ma se ci rifletti tu hai i coglioni
      ,pardon, e ne stai fuori perché hai capito benissimo sulla tua sofferenza con chi hai avuto una relazione con uno str…
      Perché lo è chi fa soffrire sapendo bene di farlo
      Illudere manipolare

      Quindi la eventuale altra aivoya se ta amessa peggio di te

      Ma ripeto hai tutta la mia comprensione ,lo sai ,è solo che vorrei tanto avere la bacchetta magica per riuscire almeno un pochino ad alleviare la tua più che naturale e giustificata sofferenza.

      Forza @Kk sfogati qui fai bene ,ti fa bene!
      Abbraccione!

    • Cossora, 12 Marzo 2019 @ 19:33 Rispondi

      @KK sto come te. Oggi 14 giorni di silenzio. 20 di separazione fisica. Non capisco più nemmeno cosa ho visto cosa ho provato se ho esagerato se ha capito.. sono in crisi. Poi mi chiedo: e lui? Dov’è? Ah certo, si sarà offeso, si sentirà confuso. 24 ore al giorno per 14 giorni? Ma chi voglio prendere in giro? Se ne frega. Gli mancherò anche. Ma non abbastanza.
      Dai ragazze. Lo so che non si può amare di meno o sentire meno nostalgia. Credo solo che un giorno ci si renda conto che non brucia più. Vi stringo forte tutte. Non molliamo proprio ora. È stata solo una fottuta giornata di merda!!

      • Verdeazzurra, 12 Marzo 2019 @ 20:23 Rispondi

        Proprio questo volevo testimoniare con la mia storia Cossora

        • Cossora, 12 Marzo 2019 @ 21:03 Rispondi

          @Verdeazzurra anche io e lui crepe simili storie simili ma ci siamo trovati che stavo risolvendo e lui.. no. È rimasto. Sai a volte penso ‘magari avrei potuto vivermela un po’ ancora’. Un’altra Pasqua. Un’altra estate. Sicuramente un altro Natale. No. Un giro, una boa. Guarda sono dilaniata dal dolore e scoppio a piangere per niente. Ma indietro non ci torno. Voglio un anno nuovo, è dolce perdermi nei ricordi dei bei momenti ma..subito dopo sale come un rigurgito acido e ei dolce non cé più niente. Basta.. sputiamoli fuori una volta per tutte!

          • Verdeazzurra, 13 Marzo 2019 @ 08:03

            Esattamente come stavo io Cossora. Tutto uguale, per due anni. Lui stava fermo, io crescevo e guarivo. Quando l’altro giorno l’ho rivisto e passato del tempo con lui, aspettavo che mi dicesse o facesse qualcosa che giustificasse la grande passione che ho provato per lui. Ma non ha detto o fatto niente. Era infantile nei suoi approcci incerti e un po’ vili, come suo solito: apre un piccolo varco in modo che sia tu, illusa, ad esporti. Non è mai lui che vuole, lui solo generosamente si concede.
            Lui è rimasto lì, a questi giochini, io son proprio volata via rispetto a lui.
            Nell’innamoramento c’è qualcosa di organico che non riusciamo a controllare se non smettendo di alimentarlo. Finirà.
            Io un anno fa volevo morire, sbattere la testa sul muro per dimenticare l suo nome, il suo corpo.
            Ora non lo desidero più.
            Forse per me è stato più facile perché è durata poco, e perché lui, in effetti, non si è mai sbilanciato, mai promesso nulla

      • KK, 13 Marzo 2019 @ 09:21 Rispondi

        Hai ragione Cossora, “è stata una fottuta giornata di merda”, niente di piu’! Questa cosa mi sta togliendo tante energie, mi sveglio sempre piu’ stanca e frustrata perchè vorrei finalmente guarire o sentirmi leggermente meglio, piu’ tranquilla, meno triste.
        Vabè arriverà, insieme ce la faremo, forza!
        Grazie Ariel per le tue parole, grazie a tutte e ad Alessandro.

    • Outlier, 13 Marzo 2019 @ 09:12 Rispondi

      Guarda, io sono più nello stato incazzato
      Non nego che i momenti no vengono anche a me
      Ma penso che non mi ama e vado avanti

  • Verdeazzurra, 11 Marzo 2019 @ 15:25 Rispondi

    Ciao a tutti, come promesso riferisco…
    Ieri l’ho visto e ci ho passato molte ore con altri amici.
    Non so se devo fare il riassunto della mia storia, dico solo che io ero molto presa, lui aveva un comportamento molto ambiguo e sufficiente, alla fine mi ha detto che non era innamorato, ma avrebbe voluto continuare perché stava bene.
    Sempre così: eterni tira e molla con una o più donne, ma profonda incapacità di amare. Non ne ha mai amata nessuna, probabilmente.
    Io mi sentivo di non valere niente, qualsiasi cosa veniva prima di me, anche la ex.
    L’ho lasciato, ma non male: ne abbiamo parlato con calma (e con tanto dolore per me), e poi ho chiuso. Lui sembrava indifferente.
    No contact per sei mesi, poi messaggio di compleanno, e per altri sei mesi radi messaggi non incoraggiati da me.

    Fino a ieri.
    Passandoci ore insieme, scambiando battute e allusioni, riprendendo le nostre modalità comunicative, dividendo la bustina del caffè, mi sono resa conto che è davvero poco quello che io e lui abbiamo da raccontarci.
    Resta chiuso nel suo guscio, e a me non interessa più sapere se dentro c’è quello che ho visto o se è vuoto, o peggio, non c’è niente.
    Si sente legato a me, l’ho percepito. Credo gli piacerebbe non perdermi, ha fatto molto per dimostrarlo nei gesti, nei modi, nell’attenzione.
    Non so se vorrebbe anche altro, ma non è importante per me saperlo adesso. Penso di no, e anche se fosse penso che abbia capito che niente è come prima, tranne l’affetto.
    Era un po’ teso, mi ha fatto capire, prendendomi affettuosamente in giro, che mi stima.

    Ma a me non piace più.
    Non mi mette più tensione, non mi attira.
    Non desideravo stare da sola con lui dopo che gli altri se n’erano andati.
    Non sapevo cosa dirgli, sentivo che non gli sarebbe interessato quello che provavo.
    L’ho salutato con due baci sulle guance stringendogli le braccia.

    E sono andata via.
    Indietro non si può tornare, non sento più di avere così tante cose in comune con lui… anzi.
    Sono attratta da un’altra persona con cui ho un dialogo prodigioso, molto bello.
    Non so come andrà… ma non c’è paragone.
    Quest’uomo, già così solo parlandomi, mi ha già dato molto, ma molto di più di quanto mi abbia dato lui, in tutte le ore passate insieme.
    Io sto da un’altra parte, lontana da lui.
    Ma gli voglio bene, tanto.
    È fragile. Gli auguri con tutto il cuore di riuscire, un giorno, ad aprire il suo guscio

    • alessandro pellizzari, 11 Marzo 2019 @ 16:03 Rispondi

      E meno male. Accontentarsi di uno che è preso e basta è accontentarsi di nulla

    • cossora, 11 Marzo 2019 @ 16:15 Rispondi

      brava @Verdeazzurra! Un nuovo interesse in questa stagione è quello che ci vuole, un abbraccio e buon divertmento!

      • Verdeazzurra, 11 Marzo 2019 @ 16:41 Rispondi

        Sì, anche se è davvero molto presto con questa nuova persona… e purtroppo è capitato troppo presto di un soffio, pochi giorni. Avrei preferito dopo, avrei preferito rivedererlo senza avere un altro per la testa. Anche se mi ha aiutato a capire la differenza: in pochi giorni da semisconosciuti ci siamo detti cose di cui con lui in due anni e più sarebbe stato impensabile parlare.
        Ho avuto in poche ore quello che con lui ho atteso per anni.
        Ragazze, il mondo è fuori.
        Questo è stare bene, solo questo

    • Ariel, 11 Marzo 2019 @ 16:40 Rispondi

      @Verdeazzurra Brava finalmente hai chiuso e che tristezza e squallore mi fa sentire quante di noi si sono affidate a gente veramente squallida ,
      Ma tu Bravissima sei già nella tua nuova strada
      E che bello già sei in una nuova esperienza che sono certa ormai tu sai bene distinguere ciò che ti fa star bene dal contrario
      Hai lavorato sodo pure in terapia e ti assicuro so che significa
      Quando si percorre il nostro profondo a ritroso per sciogliere e risolvere gli antichi nodi

      Sono veramente contenta per te e grazie per averci aggiornato
      In effetti stavo proprio in questi giorni pensando a te e al tuo incontro programmato.
      Un abbraccio ! E mi raccomando dai notizie sul tuo nuovo chiodo?
      Chissá,ma ti sento contenta e questo che conta.!

      • cossora, 11 Marzo 2019 @ 17:31 Rispondi

        @Ariel adesso faccio l’avvocato del diavolo dai.. consentitemelo.
        Io credo che non siano sempre squallidi gli ‘esseri cui ci affidiamo’. Alcuni lo sono dal primo giorno e ok.. li si cade vittime, non è colpa di nessuna di noi.
        Ma io penso che: se invece di stare in silenzio avessi continuato a stare al suo gioco, passando il week end in pena come al solito, per arrivare affamata al mercoledì sera in cui mi si concedeva di vederci (e se vai a far la spesa a digiuno si sa che non risparmi) e passati due giorni di effetto placebo mi fossi incazzata di nuovo per i suoi up&down.. avrei tirato fuori il peggio di lui con le mie pretese.
        Quel che voglio dire è che ragazze.. non si cava il sangue dalle rape. Se ci dicono ‘il week end no’ o giriamo i tacchi o ce la facciamo andare bene senza ridurre tutto allo squallore.
        Poi ripeto: a me manca, mi viene il magone a volte, non sono un fenomeno.
        Ma sti tre cazzo di mesi passeranno anche per me!

        • Annina, 11 Marzo 2019 @ 17:52 Rispondi

          la penso assolutamente come te.
          A me va bene tutto.
          A me nn va bene vedere lui, come potrebbe essere un mio carissimo amico, farsi trattare male da una moglie tiranna.
          ma la nostra storia mi va benissimo e va benissimo, per ora

        • Verdeazzurra, 11 Marzo 2019 @ 18:15 Rispondi

          Sono d’accordo Cossora.
          Nel mio caso, almeno, non si tratta di un personaggio squallido, ma di una persona le cui “crepe” si incastravano perfettamente alle mie.
          Credo che lui stia peggio di me, perché io credo di essere più avanti nella riparazione delle mie crepe, e penso che il fatto di esserne dipendente fosse un problema mio. O almeno, che fosse l’unico di cui potevo e dovevo occuparmi.
          Nel mio caso non serviva a niente definire cos’era lui: serviva solo decidere cosa volevo io

          • Outlier, 11 Marzo 2019 @ 21:56

            Comunque vi leggo e concordo con tutte voi.
            Anche io mi dico che forse avrei dovuto uscire gli attributi prima.
            Nel mio caso poi la storia é durata cinque anni.
            Ragazze, ancora ho davanti la scena in cui mi dice “Non sono innamorato di te purtroppo. Solo perché non si può”
            Ma che minchia dici solo perché non si può?!, Gli risposi. Cioè o ami o non ami. Che scusa è questa.
            In quella circostanza mi sono forzata di non piangere e mantenermi calma.

          • Cossora, 12 Marzo 2019 @ 20:53

            @Outlier 5 anni. Un’eternità. Io sono uno straccio dopo 11 mesi e ho iniziato il sikenzio totale da sole 2 settimane. Mi chiedo -con il mio essere- come starei ora, con 5 anni alle spalle. Si perché mi par di capire che gira e rigira finiamo tutte a farci di silenzio. Non vedo l’ora di dimenticarlo, di riderne, ma amici mai. E augurargli ogni bene mai. Lui mi ha fatto male.

          • Oldplum, 12 Marzo 2019 @ 23:25

            Io non riuscirei più.

          • cossora, 13 Marzo 2019 @ 11:28

            @Oldplum, anche io (almeno con LUI) non replicherei più nulla.. se c’è una mappa delle reazioni post silenzio credo sia nell’ordine (e senza possibilità di fare la retro): euforia-placebo del sentirsi decisioniste, timore di aver esagerato, rabbia, tristezza e nostalgia profonda (perchè non chiama?? è davvero finita quindi??), non era poi così speciale, facesse un po’ quel che vuole.

  • to the moon and back, 11 Marzo 2019 @ 09:01 Rispondi

    Il bello di questo blog è la forza che cerchiamo di trasmetterci, grazie Alessandro, Oldplum, KK, Ariel, Cossora, Annaura, Rosa, Luce e a tutte coloro che non ho nominato …
    Purtroppo qui per ora non sono in grado ancora di aiutare … ed anche questa è una novità per me che sono caratterialemten altruista, solare, positiva …
    Sto conoscendo particolari di me, in amore e di crollo emotivo, che mai prima avevo vissuto…(bello è questo sentimento d’amore intenso e profondo che mi è entrato nel sangue …. ;-P … ma orcaloca!!!)
    Sono felice di ricevere il Vs aiuto, sentire la Vs presenza … Un GRAZIE sincero e di cuore!

    • alessandro pellizzari, 11 Marzo 2019 @ 12:17 Rispondi

      Grazie a te

    • Annaura, 11 Marzo 2019 @ 16:55 Rispondi

      Grazie invece a te Tothemoonandback. Trasmettendoci forza l’un l’altra si cerca di tirarla fuori anche da noi stesse…x noi stesse!! Un bacio

  • Rosa, 8 Marzo 2019 @ 20:26 Rispondi

    Non serve ribardire concetti, palesare sentimenti, mettersi in discussione.
    Loro semplicemente si fanno scivolare addosso tutto e non si spostano di un mm.
    Capiscono ciò che gli fa comodo capire.
    Non gli interessa come stiamo noi. A loro importa che noi ci siamo nel momento in cui hanno una necessità. Qualsiasi essa sia.
    Tornano, non se ne vanno, eppure non ci sono. Se non con i loro tempi e modi.
    Prendere o lasciare.
    Beh, io lascio.

    • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 20:44 Rispondi

      Esattamente

    • Oldplum, 8 Marzo 2019 @ 20:49 Rispondi

      È si credono pure eroi che si sacrificano in nome di alti valori universali.
      Ma va a cagher. Con il cuore.

    • Ariel, 8 Marzo 2019 @ 20:54 Rispondi

      @Rosa
      Esattamente

  • to the moon and back, 8 Marzo 2019 @ 14:59 Rispondi

    Quai 30 giorni dalla chiusura condivisa … oggi si è fatto sentire!
    Non per tornare, ma perchè non ce la fa’ a non sentirmi … perchè si è ingelosito dopo aver sentito che raccontavano di me, di un mio eventuale flirt del passato (che lo ha tenuto sveglio alcune notti per la gelosia e soprattutto per la rabbia)… perchè ha trovato una scusa per cercarmi … perchè quello che sente non lo ha mai provato prima … perchè non è tenace come me nel rispettare il patto (il patto????)
    Telefonata piacevole, allegra, complice, come tutta la nostra storia … il suo ricostruire ha alti e bassi … io sempre presente nei suoi pensieri…
    Non sono stata brava, non ho saputo negarmi, non ho saputo non dirgli che i miei sentimenti sono immutati, non ho potuto non dirgli che la sua paura di non farmi stare bene era infondata … insomma, sono stata me stessa come sempre!
    Non mi aspettavo di sentirlo ancora (anche se Alessandro e le statistiche non sbagliano praticamente mai!) …
    Non sono stata capace di sparire e di rendermi irraggiungibile fino a fargli capire cosa vuole realmente … (ma in realtà lui sa’ cosa vuole!) … gli ho dato conferma che ci sono ancora!
    Ora devo ricominciare a contare i giorni da capo …
    La telefonata dovrebbe ridurre la speranza perchè oltre a dire che a giorni alterni cerca un posto dovre trasferirsi (ma credo che sia la moglie a volerlo mandare via), non ha detto di aver cambiato idea sulla scelta di ricostruire …
    Devo capire una volta per tutte che lontananza, distacco, negazione ridurranno la speranza fino ad annullarla …
    Alessandro perchè non mollo questa maledetta convinzione, sesto senso, certezza che siamo fatti per stare insieme e che così sarà? Ma sono anche certa che non rispettando il codice del silenzio non lo metterò mai nella condizione di capire cosa realmente vuole!
    ….
    Poi ritorno sui miei pensieri…devo RICORDARMI CHE LUI HA SCELTO e NON HA SCELTO ME!

    • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 15:27 Rispondi

      E comunque ti ha chiamato per un SUO bisogno non per voi coppia

      • Luce, 8 Marzo 2019 @ 15:54 Rispondi

        Alessandro,” gli è partito il fuoco “anche a questo ?

        @to the moon, perdona il mio
        modo
        Sto usando le parole che ha usato il
        mio ex , dopo avermi incrociata, dopo un bel po di tempo
        Ma il mio ex ragiona proprio col cazzo

        • Annaura, 8 Marzo 2019 @ 16:15 Rispondi

          Luce mi hai fatto scappare una bella risata!! :)))

          Cmq io ora sono dell’opinione che : dove ci sono tira e molla , le cose non cambieranno MAI; ci sarà sempre chi condurrà il gioco e la controparte arriverà sfinita ad una situazione che prima o poi porterà comunque alla fine della storia.
          Io qui ho letto di storie che qnd un uomo ha lasciato la moglie x l’amante è stato sempre presente. Esserci sempre e non voler far soffrire l’altro sono fattori comuni x gli amanti innamorati coraggiosi!

        • to the moon and back, 8 Marzo 2019 @ 17:42 Rispondi

          @Luce: figurati, solo modi diretti danno delle scrollate! Grazie a te pe il pensiero! 😀

      • to the moon and back, 8 Marzo 2019 @ 17:34 Rispondi

        Sicuramente per un SUO bisogno, tantè che si è scusato per averlo fatto … e forse per tastare il terreno … e per quel senso di possesso che lo caratterizza!
        Ero certa non mi avrebbe più cercato …
        Sono innamorato di questo uomo … Ho poco più di 45 anni e sono innamorata di un uomo che non mi vuole … Da non crederci!
        E se mi ricontatta cosa devo dirgli? Rileggo il codice del silenzio!
        Mi sembra di essere uno studente che rilegge i testi più volte e non riesce a farli suoi perchè distratto! … Io rileggo tutto nella speranza di capire se lui tornerà … e quindi non capisco una emerita m…..!

        • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 17:38 Rispondi

          So che ricontattarti ti fa male ma è un mio bisogno però mi scuso. Come nelle relazioni pericolose quando il valmont dice Trascende ogni mio controllo. Solo che Valmont era innamorato e mentiva. Qui no. Siamo alle relazioni fallimentari

          • to the moon and back, 8 Marzo 2019 @ 17:45

            Alessandro, intendi che la ns non avrà futuro giusto?

          • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 18:52

            La vedo dura visto la sua impostazione

          • cossora, 8 Marzo 2019 @ 17:52

            dopo 4 o 5 mesi mi diceva ‘sapessi come mi spiace sapere di metterti in questa situazione’.
            l’ultima volta (tanto ormai peggio di così) che me lo ha detto gli ho risposto ‘se ti dispiace smettila’
            muto.

          • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 18:56

            Muto ma con I preservativi in tasca

          • to the moon and back, 8 Marzo 2019 @ 18:20

            Devo sparire, non devo più rispondere, non devo più essere il suo ossigeno … deve capire di avermi perso perchè ha voluto perdermi … diversamente non ne esco!
            Per l’ennesima volta gli ho palesato i miei sentimenti … non posso fare oltre…

          • cossora, 11 Marzo 2019 @ 17:59

            @To the moon and back anche io l’ho salutato con un ‘ti amo, non voglio odiarti’ detto con la traqnuillità (rassegnazione) nel cuore.
            E’ la verità ..e poi scusa, sai che bello uscire di scena con il sorriso sulle labbra e poi sparire definitivamente dalla circolazione?
            Se fai la sclerotica penseranno ‘menomale che sta schizzata se n’è andata’ ..invece così fai la tua ultima apparizione uscendo con stile.
            A loro ‘fottesega’ ma e me no, io ci tengo.

        • Oldplum, 8 Marzo 2019 @ 18:07 Rispondi

          Finché stai in silenzio nella speranza sia un procedimento per riaverlo…
          In realtà sarebbe un modo per riprendersi la propria vita. Non un sospenderla rimanendo SEMPRE in attesa che lui torni. Intanto lui vive e te aspetti. Guarda che il tempo è prezioso: nessuno te lo restituisce. È lì fuori può esserci un uomo con cui essere felice ora. Non tra X tempo e sempre che accada un miracolo.

          • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 18:57

            Di inizia sempre il silenzio sperando che ritorni

          • KK, 8 Marzo 2019 @ 19:13

            Per la prima volta io sto in silenzio senza aspettarmi niente, tanto ormai non c’è piu’ niente da salvare e ho capito che lui non tornerà mai indietro. Sto in silenzio perchè non posso fare altro, perchè inutile cercarlo ancora, tanto non c’è. Sto in silenzio perchè devo vivere.

          • Ariel, 8 Marzo 2019 @ 20:22

            @Oldplum verissimo !
            Infatti finché non ci si stacca dentro a noi stesse non ci accorgiamo mai più di chi magari ci sta giusto aspettando all’usvita dal tunnel .

            Grande verità!!!
            Lasciamoli andare questi ex

            Guardiamo a noi stesse e la vita tutta ci verrà incontro semplicemente perché saremo disposte senza cercarlo ,ma libere di amarci sul serio tagliando i legami nocivi

            Saremo radiose luci nel mondo pronte a vivere il nuovo che verrà.
            .

        • Ariel, 8 Marzo 2019 @ 18:08 Rispondi

          @to the moon and back

          Ok potresti provare ogni volta che ti senti perduta dentro a questa sensazione potresti provare a fare due cose
          Ogni volta che ti prendono pensieri negativi verso te stessa ,sentirsi incapaci o inadeguati dipendenti da un unico pensiero per lui
          Potresti farti la domanda che più volte qui che ci ha ricordato @Oldplum

          Mi fa bene stare in tutto questo?

          Ovvia la risposta ,allora che si può fare proprio in quel momento di crisi forte?
          Ad esempio tu puoi decidere che ogni volta che ti senti così sostituisci la sensazione negativa la sofferenza con una azione concreta

          Io ad esempio ho scelto di uscire immediatamente da casa per muovermi e fare due passi

          Oppure quando avevo smesso di fumare
          11 mesi fa sono passata da 40 sigarette al giorno a zero dal lunedì al martedi dall’oggi al domani

          Mi sono chiesta ,ma che cxxxo sto facendo?
          Mi fa bene fare così?

          Ok poi dopo ogni volta che stavo malissimo e volevo solo che fumare e pure volevo il mio ex che avevo già mollato ma lo volevo lo stesso
          Pensavo al sesso con lui perché quello nel mio caso era stato un gancio potentissimo alla mia sottomissione manipolativa globale patita

          Allora ogni volta facevo due cose
          Uscivo di casa subito così come mi trovavo o dove ero cambiavo strada nessun programma camminare a passo lesto
          E poi bevevo acqua tanta per sostituire la sigaretta

          E poi ok purtroppo essendo Imperfetta
          Femmina Imperfetta e godereccia
          Mi sono votata al fromage français e bicchiere di vino senza esagerare

          Ok ho preso un tot di kili e mo sono a dieta
          Certo che è dura smetti una cosa e ne spunta un altra ,ma ti dirò a me il metodo ha funzionato
          Per la mia maggior parte di tempo

          Certo adesso mi manca passare da Elefantina
          A stazza Donna in forma

          Ma non mi scoraggio vivo il presente e se adesso voglio bermi un piccolo bicchiere di Rosè ridotta a sole carote di accompagnamento causa dieta,
          E bè si lo faccio

          Con simpatia allora sappimi dire quali metodi pratici hai tu.
          Quanto ti capisco !!!

        • Oldplum, 8 Marzo 2019 @ 18:26 Rispondi

          Se ti ricontatta dovresti non rispondere . Visto che sai bene tu e lui che non c è storia. Altrimenti fatti male, rispondi.

          • Outlier, 8 Marzo 2019 @ 19:11

            To the Moon, io ero come te.
            Aspettavo sempre.
            Anche io mi sono fatta di pippe mentali.
            Ma poi?
            Lui è a casa con la moglie e le figlie a farsi i fatti suoi e ad andare avanti con la sua vita.
            E io? All’inizio sono rimasta ferma ad aspettare. Poi ho cercato e cerco ancora di ricominciare da me.
            E quando mi dice delle cose, si, lì per li tutto molto bello. Dopo un secondo dico *Ok, passiamo alla prossima frase?”
            Se torna è solo per sesso e per tutte quelle attenzioni che hai saputo dargli.
            Non ci credevo all’inizio quando anche qui me lo dicevano. Non volevo vrdere

          • Oldplum, 8 Marzo 2019 @ 20:14

            @outlier
            Anche io non ci credevo.
            Ma non è che ho cambiato idea. Ho solo guardato meglio e mi sono stancata.
            Mi sono chiesta: ma io sto bene così?
            No
            È allora che ci faccio ancora qui?

  • Rosa, 6 Marzo 2019 @ 18:03 Rispondi

    @cossora, io come te.
    Non potevo sparire e lasciare irrisolte e non dette delle cose. Percui mi sono sparata il mio bel monologo dove gli ho esposto i motivi del mio star male grazie al suo comportamento (che gli ho ampiamente descritto oggettivando con degli esempi)ed ho comcluso dicendo che a me così non sta bene.
    Sono 4 giorni di silenzio (non che prima si ammazzasse di segnali di presenza)
    È dura? Si
    Ma po mi chiedo è peggio di prima? No
    Anzi sono serena e contenta di averlo finalmente smascherato, lui il gentiluomo. Quello che secondo lui, eispetta le donne.
    Tutte forse, tranne due: me e sua moglie.

    • Oldplum, 7 Marzo 2019 @ 06:35 Rispondi

      @rosa: applausi!!!
      Il fatto del non rispetto né dell’una né dell’altra, ad un certo punto della storia diventa uno dei grimaldelli che li scalza dai nostri cuori.

      • Angelica, 7 Marzo 2019 @ 08:50 Rispondi

        Idem!

      • cossora, 7 Marzo 2019 @ 10:09 Rispondi

        @Rosa hai ragione. Anche per me era forte, delicatamente determinato, nobile e sensibile. Un uomo ‘oltre’ .. che mi ha fatto pensare di essere fortunata. Che mi ha (vi prego non ridete di me) fatto pensare che la vita volesse farmi un regalo.
        Ma cosa ci fanno? Ma cosa ci lasciamo fare?
        Sfogarsi e dirgliele tutte ci fa bene. Ma credo che se la maggior parte ritorna facendo finta di niente quando le acque sono calme.. le parole che escono dalla nostra bocca scivolino via come la pioggia sulla cerata.

        • Ariel, 7 Marzo 2019 @ 21:32 Rispondi

          @Cossora resisti Amati

          È difficile a volte è così difficile accettare di non essere state amate come i nostri ex dicevano di essere quindi siamo state ingannate e pure usate in ogni modo e livello col pensiero condiviso ,col progettare come se fosse un giorno realizzabile,e poi il sesso intenso scambio pure col nostro sentimento e il loro APPARENTE amore tutta APPARENZA

          Ricordiamoci qui nel Blog il nostro @Maestro Alessandro,tutti i suoi scritti non fanno altro che dirci che l’uomo ci cerca e sta con noi nella maggioranza dei casi solo per scoparci e basta

          Questa è la realtà che loro per poterci tenere a loro disposizione sempre e comunque tirano fuori tutta la abilità di grandi attori,
          Ti amo ,ma si vedrai che poi riusciremo a fare questo e quello
          Insomma sanno benissimo che noi Donne siamo Serie e se ci innamoriamo diamo tutte noi stesse ad ogni livello

          Insomma Cara Cossora e per chi avrà piacere a leggermi qui

          Ecco ho qui voluto fare un ripasso scritto a partire da me stessa ,ma si può ben estendere a moltissime di noi che soffrono e a volte ancora vi sento come un poco incredule dipendenti dal loro
          Magari ritornare solo ricordiamoci che se torna a farsi vivo è soltanto per farsi
          Una scopata ,
          Usarci ,basta BASTA
          DIGNITÀ AUTOSTIMA LA NOSTRA VERA LIBERTÁ
          IL NOSTRO VALORE NON FACCIAMOCI PIÙ USARE.

          Il mio elenco di cose negative sue che mi ha fatto
          E ferito lo ho messo attaccato al muro a casa mia e
          Sul frigo scritto in MAIUSCOLO STAMPATELLO
          Tipo condizionamento cerebreale per induzione e ripasso ,stesso metodo delle pubblicità per la città
          Funzionano per indurci a comprare quel prodotto

          Ecco che pure se non lo leggo il fatto che sia visibile in casa ogni volta che cambio stanza il mio elenco è lì e lavora dentro a me pure se non lo leggo funziona.

          Provare per credere!!!

          • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 07:22

            Non sono maestro di nessuno faccio solo il giornalista e lo scrittore.

          • Ariel, 8 Marzo 2019 @ 07:57

            @Alessandro certamente Giornalista e Scrittore ,ma ti ho chiamato maestro perché per induzione con il tuo Blog e attraverso i tuoi scritti ho imparato e sto imparando molto,

            I migliori maestri sono quelli che dicono
            ” non sono un maestro”

          • alessandro pellizzari, 8 Marzo 2019 @ 07:58

            Bella frase grazie

          • cossora, 8 Marzo 2019 @ 17:18

            @Ariel, resisto e mi amo. Resisto perchè porca zozza non esiste che uno schianto di donna come me stia a diventare matta per un uomo insicuro.. e poi sai che c’è?
            C’è che in questo silenzio facciamo un errore ricorrente: ci mettiamo sul banco degli imputati: avrò esagerato? avrà capito bene perchè sono sparita? non è che stava per decidere di lasciarla e io l’ho scoraggiato definitivamente e per reazione se ne re-innamora?
            I maschi sono loro, e le seghe ce le facciamo noi. Paradossale.

          • hara, 8 Marzo 2019 @ 17:26

            grandissima @Cossora un applauso complimenti di cuore!! quanto hai ragione non dimentichiamolo mai : i maschi sono loro!

  • Oldplum, 6 Marzo 2019 @ 12:25 Rispondi

    Ps: ho fatto un elenco dei motivi per cui non può essere l’uomo per me. Ne ho trovati 10. Tutti importanti. Mi rendo conto, rileggendoli che il rele’ é davvero scattato.
    L’ha fatto scattare lui semplicemente rimanendo ciò che era e che io ho visto sin dall’inizio.
    Gli ho dato una fiducia troppo grande.
    Non è stato all’altezza, semplicemente, di essere il mio uomo.

    • cossora, 6 Marzo 2019 @ 14:53 Rispondi

      @Oldplum anche io facevo gli elenchi dei difetti e dei pregi (questi ultimi demolendoli uno a uno). Devo dire che mi è servito. Ma la vera delusione irrevocabile è stato il vis-à-vis: caratterialmente ho bisogno di vedere il cadavere. Sennò non ci credo. E’ importante comunque conoscersi bene e sapere che cosa ci fa scattare, siamo diverse, impariamo anche da queste cose e soprattutto a riconoscere le diverse reazioni e visioni di una stessa cosa. Ogni giorno sono 24 ore in più di vita ‘senza’. Forza me, forza tutte noi!!

      • Ariel, 6 Marzo 2019 @ 17:10 Rispondi

        @Cossora hai aggiunto qualcosa di importante bello utile e prezioso la diversità di vedute di reazioni di ciascuno scrivendoci qui
        Quanto ci è utile per riusvire a vedere ognuno con i suoi limiti proprio quello di cui magari io stessa fatico ad accorgermi

        Verissimo,brava @ Cossora forza che ce la fai e farai !!!!!
        E non dimentichiamoci un sorriso!!!!

        • cossora, 7 Marzo 2019 @ 10:03 Rispondi

          @Ariel ..sai cosa? mi hanno sempre detto tutti che ho un sorriso bellissimo, Le persone ricordano di me che sorrido tanto.
          I muscoli hanno memoria e quelli della mia faccia ultimamente hanno sempre fatto il broncio.
          Per tutti i pensieri e le seghe mentali che mi facevo a causa del suo comportamento altalenante: il tempo passato insieme una bomba di romanticismo, passione, sguardi.. lontani un vortice fatto dei suoi sensi di colpa e imbarazzo e incapacità di gestire le due situazioni, incapacità di accettarsi come ‘quello con il piede in due scarpe’..
          Se ci penso mi assale un senso di nausea e vorrei solo mandare avanti veloce il tempo. Ricordare sempre meno.
          Se non ti fa sorridere, non può andare bene.
          Mantenere il silenzio ha quell’effetto placebo del sentirmi forte, ma ci sono momenti in cui ho la sensazione di non farcela.
          Ma come ci sono arrivata così?

          • Ariel, 7 Marzo 2019 @ 19:59

            @Cossora o sole mio ,che il tuo sorriso mi arriva tutto lo stesso!

            Ti racconti qui e fai bene perché serve tanto potersi sfogare e pure raccontare per scrittura ci aiuta a rileggere ,magari anche solo che dopo pochi giorni ,non so a me serve tanto perché se vado a rileggermi tempo fa già mi sento diversa leggendo le stesse mie parole

            Come sempre ci vuole tempo ed è verissimo che ci si fanno tante domande e certamente anche per me la più presente è

            Come sia stato possibile che mi sia messa in quella relazione?

            Proprio oggi ne ho scritto su questo fatto che ho notato
            Ognuna di noi è persona diversa ovvio con esperienze diverse di vita,la propria storia ,e la propria relazione di amantato

            Alcune /ni pare abbiano vissuto e vivano relazioni con persone che a leggervi qui sembrano essere stati equilibrati

            Altre come me hanno vissuto una relazione tossica con un seriale fuori di testa ,uno squilibrato,ma non per questo meno str..zo

            Allora secondo me tutte chi più chi meno ci facciamo la stessa domenda o meglio diverse domande

            Ma,come è stato possibile???

            Possibile per noi stesse credere semplicemente al nostro vero sentimento sincero ,si,l’Amore e la speranza di un progetto di vita da realizzare col nostro amante

            Ok io non sapevo di essere ua amante perché il tipo è stato bugiardo dichiarandosi libero divorziato
            Ma ho comunque passato il tempo di un anno buono prima di scoprire la sua bugia e immediato subito dopo lo ho,lasciato,
            esattamente come tutte qui avete scritto ho vissuto la prima parte di relazione con la meraviglia di aver ricevuto un dono nella mia vita

            Come sai io sono vedova e il mio matrimonio è stato favoloso ,malgrado i casini che ovvio ci stanno sempre in un lungo legame di coppia

            InsommaCara Cossora credo che questa domanda come sia stato possibile sia la chiave che ci farà uscire da tutto questo dolore tormento incazzatura che un giorno emerge più di un altro,

            Ma tenere presente il proprio obbiettivo di libertà di chiudere la porta per sempre con tutto ciò che ci fa male
            È la unica buona strada per amare noi stesse
            E riuscire qui già insieme a provare ogni tanto

            A ridere dei nostri guai!!!
            Un abbraccione con sorriso!

  • Artemisia, 6 Marzo 2019 @ 11:47 Rispondi

    @ Oldplum, credo che il consulto di uno psicologo servirebbe un po’ a tutte/i noi, anche se qui, grazie a questo spazio che Alessandro ci ha regalato, ci sosteniamo e confortiamo reciprocamente. E non è poco! Tu mi sembri una donna forte e determinata e quindi parti già in vantaggio…
    @ Rosa, concordo con quanto scrivi. Siamo state in balia delle loro decisioni e dei loro comodi, ma dobbiamo tenere sempre a mente che ne abbiamo sofferto e una relazione sana non prevede questo. Il modo per alienarsi da queste dipendenze è convincersi che NOI contiamo, che abbiamo valore, e se questo valore non ci è stato sufficientemente riconosciuto, non ha alcun senso crogiolarsi nel dolore e nella speranza di un loro cambiamento, che verosimilmente non avverrà. Non dimentichiamolo mai e guardiamo oltre!

    • Oldplum, 6 Marzo 2019 @ 12:10 Rispondi

      Si certo.
      A me in realtà serve una strategia. So di poterne uscire anche da sola ma vorrei un punto di vista terzo e una strada coerente.

      • Ariel, 6 Marzo 2019 @ 13:49 Rispondi

        @Oldplum e tutte/i noi ,

        mi sono dimenticata di aggiungere che in realtà fare una terapia non significa non essere riuscite da sole ,ma proprio al contrario è semplicemente creare autonomamente la propria strategia a volte appunto quando si soffre serve consultarsi con lo Psicologo

        È un errore comune diffusissimo il pensare che sia lo Psicologo a risplvere i nostri problemi dubbi
        Se non ci si riesce come sempre nella vita dipende soltanto da noi

        Lui o lei psicologi terapeuti psicanalisti,ci aiutano a mettere a punto il nostro metodo strategico ,ma se poi io non seguo un minimo di traccia
        Non mi è servito a nulla

        Come un Maestro a scuola insegna qualcosa di nuovo a noi sconosciuto consapevolmente,
        ma se io allieva/o faccio i fatti miei non imparo di certo ,ma non è colpa del maestro

        Tutto dipende sempre da noi stessi per ciò che riguarda ciò che non riusciamo a fare nella nostra vita.

      • Angelica, 6 Marzo 2019 @ 21:16 Rispondi

        Sei in una fase comunque delicata, di passaggio. Separazione da tuo marito e distacco da una storia che non ti sta più bene. Ci sarà da cambiare, sono fondamenta e abitudini che si stravolgono. Ci si passa in mezzo, ce la farai e starai meglio, molto meglio. Nel mentre non puoi sprecare a vuoto un filo di energia, fai bene:)

        • Angelica, 6 Marzo 2019 @ 21:26 Rispondi

          Non so se è stato un caso, ma quando sono stata pronta (e dopo anni di incubazione) nel giro di pochissimi mesi ho: mollato amante; smesso di fumare; cambiato tipo di lavoro (ciò è stato pazzesco ma per la prima volta mi sono ascoltata, e accidenti se mi viene bene); tagliato i capelli che portavo lunghissimi a Maddalena da anni; sistemato egregiamente una situazione pendente e penosa col mio ex marito che da anni non avevo il coraggio di affrontare; migliorato i rapporti coi miei figli e i miei genitori; iniziate terapie e cura del corpo (ah ero anche convalescente post operazione). basta? Una centrifuga insomma. Quando è il momento si agisce. Nel mentre qualche attacco di panico, piccolino, pianti sparsi, studio, lavoro, casa, mi sono ingollata una boccetta di fiori di Bach e via. La cosa assurda è che nel mentre mi dicevano tutti che stavo da dio. Oldplum, se senti che devi cambiare, se lo sentì dentro, andrà bene!

          • Outlier, 7 Marzo 2019 @ 06:46

            Ciao a tutte ragazze,
            Vi leggo sempre anche se non scrivo tanto.
            Comunque vi sento più cazzute, più decise.
            E questo è bellissimo.
            @Kk, anche tu che vivevi la mia stessa situazione, ti sento più decisa.
            E comunque anche io ho sempre pensato in questi anni di amante che lui avrebbe scelto me alla fine.
            Poi, ho iniziato a vederlo per come é davvero, per il tempo che mi dedica, per i paletti che impone.
            E allora no caro.
            Ho già iniziato a mandarlo a quel paese a tratti. Ma ahimè, ci lavoro insieme tutti i gg.
            Tuttavia anche questo, non mi disturba più. Parlo solo di lavoro se c’è da parlare.
            Ormai è così.
            Ah, ma lui e’ quello che mi avrebbe voluto nella sua vita, che “se ci fossimo incontrati prima..”. Insomma le solite cose.

          • Angelica, 7 Marzo 2019 @ 08:32

            Se ci fossimo incontrati prima è un cavallo di battaglia. Se ci fossimo incontrati prima, cara donna che amo alla follia, ti avrei scelta perché mi eri capitata davanti senza fatica e bastava prenderti. Se ci fossimo incontrati prima non avrei dovuto lottare per averti e non avrei avuto nessun grattacapo ma solo applausi agli sposi. Se ci fossimo incontrati prima e avessi dovuto lottare per qualsiasi problema mi sarei arreso perché amo le cose facili e la comodità. Se ci fossimo incontrati prima e per qualsiasi ragione fossimo entrati in crisi, tu mi avresti tradita giorno dopo giorno per anni, senza avere il coraggio di affrontare niente, e mi avresti accompagnata triste e depressa alla cena di Natale coi parenti per poi chiuderti in bagno ad amoreggiare con un’altra. Meglio, che non ci siamo incontrati prima.

          • Angelica, 7 Marzo 2019 @ 08:34

            “Io ti avrei tradita” scusate ho scritto di fretta:))

          • KK, 7 Marzo 2019 @ 11:54

            @Outlier si sono piu’ decisa, ho toccato il fondo e ora mi rialzo. Ho dato troppa importanza ad una persona che non merita piu’ un minuto della mia attenzione. Soffro ovviamente, ma piu’ per come gli ho permesso di trattarmi che per la sua mancanza. Piu’ per la delusione che per altro. Non lo voglio, non mi piace, non so dov’è quello con cui sono stata. Forse la passione lo aveva rincoglionito… in effetti era completamente diverso da come è di solito in ufficio o con gli altri. Era perso, andato, pendeva dalle mie labbra e faceva mille cose per me. Ero felice perchè mi sentivo speciale, perchè pensavo che a me si fosse rivelato nella sua essenza piu’ intima, piu’ vera, pensavo che con me finalmente si fosse spogliato della sua corazza. Poi pouf la magia è svanita e un soffio di vento me lo ha portato via. Mai piu’ tornato. Anzi di colpo è diventato piu’ duro di prima, piu’ che con gli altri, ha alzato un muro altissimo che ho provato ad abbattere varie volte, con tutta la forza che avevo, ma niente, non c’è stato verso. Niente piu’ dialogo, solo silenzio o picchi di rabbia, fortissima. Quando ci siamo visti da soli è stato bello, come prima, ma poi mi ha evitato sempre, con tanta ostinazione e determinazione. So che se mi vede cede e quindi evita perchè ha deciso la sua strada. Cede non perchè mi ami (perchè vedo che riesce a stare tranquillamente senza me) ma perchè sento che è troppo attratto da me. Ad ogni modo lui è questo adesso e non mi piace. Adesso so che certe cose non tornano piu’. Ho vissuto una bella parentesi, ora siamo e saremo due estranei probabilmente. Lo ha voluto lui e adesso lo accetto, lo lascio fare e lo lascio andare. Le cose si fanno in due e io lottavo da sola. Io lottavo per avere un rapporto con lui, lui per allontanarmi. Non ce l’avremmo mai fatta.

  • Ema, 6 Marzo 2019 @ 08:44 Rispondi

    aspettarsi un ringraziamento per ciò che “si è fatto per loro”, diventa difficile definirlo amore, piuttosto uno smacco. Si supera velocemente dai, abbiate pazienza.
    Nina ti auguro davvero di aver toccato il tuo fondo e di mettere la parola fine definitivamente, mi chiedo come tu possa anche solo pensare di iniziare un percorso di vita con una persona di cui (GIUSTAMENTE) non ti fidi e che continuamente addossa a te tutte le colpe dei suoi comportamenti. Le persone sensibili non sono come lui fidati.

  • LEI, 6 Marzo 2019 @ 08:02 Rispondi

    Nina ma quindi hai lasciato tuo marito? e come l’ha presa?
    Lunedì sera ho guardato “lessico amoroso”, tema le separazioni…molto illuminante.

  • Oldplum, 6 Marzo 2019 @ 07:29 Rispondi

    @Nina, ti abbraccio.
    Io leggendo certi epiloghi divento sempre piu convinta della mia presa di posizione.
    Non avrei sopportato un’agonia seguita da , magari, un suo abbandono o ripensamento. Sarei morta. Ho preferito chiudere prima, nonostante i sentimenti ci fossero.
    È vero anche ciò che dice Alice ossia che quando una persona ti scade poi è difficile che ti rimanga del tutto nel cuore.
    Quanto a me , per dimostrarvi che anche io sono umana, lunedì ho appuntamento con lo psicologo.
    Vorrei trovare una strategia di elaborazione del lutto che mi tiri fuori da questo pantano il più presto possibile.
    Soffrire è necessario. Vorrei solo farlo consapevolmente . Non a vuoto. Usare la mia sofferenza in modo costruttivo.

    • Ariel, 6 Marzo 2019 @ 10:03 Rispondi

      @Oldplum cara Oldplum,mi fa piacere per te stessa sapere che hai scelto una guida terapeutica ,veramente so, perché pure io da tempo sto elaborando,nel mio caso,diversi lutti…,
      Ed è veramente un viaggio dentro a se stesse che ognuno insieme al rapporto terapeutico può orientare come meglio sente proprio in quel momento preciso

      Il dolore a qualunque livello di lutto è una perdita di una parte di noi stesse e in psicoterapia ci sta una infinità di metodi che aiutano proprio a fare da soli ,a trovare il proprio metodo

      E ti dico ,almeno per me stessa è l’unico luogo dove veramente riesco ad aprirmi totalmente e sta logica cosa in quanto il terapeuta Psicologo è fuori dalla nostra vita è una figura professionale,ma empatica,ma almeno quando sono lì con lui non devo più preoccuparmi di nulla ,ne di essere giudicata mai

      E credo che questo aspetto non sia affatto marginale
      Lí riesco ad esere la vera me stessa
      Per questo motivo piano piano riuscirai tu stessa a creare il tuo metodo personale e soprattutto a sentirti meglio sempre meglio
      Nella tua vita.

      Cara Oldplum sei stata veramente in gamba a scegliere di darti questa possibilità di guida Psicologo
      Perché sapessi quanto tempo avevo impiegato a decidermi
      Mi sentivo come debole a fare una terapia come se io da sola non avessi le palle per riuscirci,ma quando il dolore mi ha sopraffatta
      Eh bè ho iniziato il viaggio più utile ed interessante per me stessa
      Scoprirmi tutta,
      Che sembra quasi oscena frase ora che ci penso perché viro sull’umorismo che come mi aveva trasmesso mio Caro Padre

      Salva la vita.

      Dai su porta il teaser,
      Perché sto per abbracciarti in silenzio ,così lo senti meglio da qui!

    • and, 6 Marzo 2019 @ 11:54 Rispondi

      E’ una scelta coraggiosa. Ci vuole fortuna anche qui, nel trovare il/la terapeuta che riesce ad “interpretarti” meglio. E non è scontato.
      Anche io ho chiuso con lei con i sentimenti ancora tutti in ballo (almeno a parole), anche se in seguito ad suo ritorno e poi ripensamento. E ora siamo a 3 weeks di silenzio totale, a parte un suo “strano” aggiornamento virtuale quasi certamente messo affinché io lo vedessi dato che è l’unica cosa che posso vedere nonostante l’abbia bloccata (e lei lo sa).
      Il terapeuta può tirare in ballo i tuoi nodi, anche se ti mostri abbastanza risolta e determinata. L’unica cosa che non capisco – ma non devi certo rispondermi – è perché questa risolutezza che mostri non si è tradotta nella separazione da tuo marito.

      • Oldplum, 6 Marzo 2019 @ 15:57 Rispondi

        Mi sto separando, infatti.

        • Luce, 6 Marzo 2019 @ 20:57 Rispondi

          Possiamo proprio darci la mano e camminare insieme

          Un abbraccio fortissimo

        • Ariel, 7 Marzo 2019 @ 10:00 Rispondi

          @Oldplum
          Grande è la tua Forza lo sento

          Una salita ripida ma ti vedo già in cima goderti il panorama più bello e caro per te stessa

          Amare te stessa,

          La tua Vera Libertà ,

          Un pensiero positivo ,un abbraccio !

  • Nina, 5 Marzo 2019 @ 16:11 Rispondi

    Care, a proposito di speranze..io sto cercando di ucciderla in me e concordo con oldplum rispetto a tossicodipendenza e disintossicazione. Io sono al capolinea. Dopo due mesi che abbiamo casa insieme lui non ci è ancora andato. Io nemmeno ma mi appoggio da amici. Lui invece a casa sua. E continua a rimandare di giorno in giorno x futili motivi. Io ho perso speranza. Forse ci andrà ma se fa così fatica è evidente che qualcosa non va. Non posso spiegare dettagli. Ora gli ho dato una scadenza ma più x me che x lui. So che non la rispetterà. E a quel punto addio. Ogni passo fatto sembrava quello buono ma ormai non mi fido più. E il fatto stesso di dare una scadenza significa che x me la cosa è chiusa. Serve solo la parola fine. E purtroppo devo dire, come Silvia su altra chat, che uscita di casa (comunque qui ancora non avvenuta) a volte è inizio fine. Magari lui uscirà ma è importante anche il come. Leggendo ema ho capito bene come si comporta chi agisce in modo chiaro e netto. Sono sfumature che non si possono descrivere. Arrivata a scadenza inizierò silenzio. Ancora peggio della prima volta perché ci avevo creduto.

    • and, 6 Marzo 2019 @ 10:23 Rispondi

      Fai bene, ed è giusto avere Ema come esempio, però ricordate anche che l’uomo di Ema era single…

      • Luce, 6 Marzo 2019 @ 12:39 Rispondi

        No @and
        A me pare fosse sposato da 20 anni
        @ema, giusto?

      • Ema, 6 Marzo 2019 @ 13:22 Rispondi

        no And … il mio compagno era sposatissimo da poco più di 20 anni. Il single a cui forse ti riferisci è la merdaccia che ho frequentato anni prima

        • and, 6 Marzo 2019 @ 14:20 Rispondi

          ti chiedo scusa, ho frainteso io.

    • cossora, 6 Marzo 2019 @ 11:39 Rispondi

      @Nina ti stringo forte. Mi si è accapponata la pelle dalle braccia su su per le spalle,. a tutta la testa.
      Purtroppo ti devo confermare che a me un paio di anni fa è capitato di lasciare il mio amante (quasi due anni) poco più di un mese dopo che ho dichiarato crisi ufficiale con mio marito. A volte il ‘terzo’ serve per aprirci gli occhi e darci la spinta a fare outing in famiglia, ma una volta fatto il salto dall’altra parte può succedere che finisca tutto li: ha fatto il suo lavoro, non ‘serve’ più.
      E con il mio exLUI.. chi mi dice che io non sia stata rivelatrice? Ti immagini..tra mesi saprò che l’ha lasciata per starsene da solo.

      • cossora, 8 Marzo 2019 @ 18:00 Rispondi

        @cossora (a me stessa) “tra mesi saprò che l’ha lasciata per starsene da solo.” l’hai scritto da ubriaca?

  • TVG, 5 Marzo 2019 @ 14:45 Rispondi

    Ok. Andato. Sepolto. Dopo più di quattro mesi. Ha trasformato una storia d’amore in un’agonia. E ora penso di aver superato tutti gli stadi. La speranza è morta. Io no!

    • alessandro pellizzari, 6 Marzo 2019 @ 00:25 Rispondi

      Forza!

      • TVG, 7 Marzo 2019 @ 06:51 Rispondi

        Grazie Alessandro! Ne avrò bisogno, non tutti i momenti sono uguali nè ho sempre la stessa energia, ma sono convinta che passerà. Sono quella dei 16 anni e mezzo , vestiti lavati&stirati, mangiare e dormire assieme, vacanze, frequenza con i miei figli&genitori. Ha trasformato una storia d’amore in un’agonia. Poi, come dici te, dai 200 all’ora è rientrato nel garage di casa a badare chi c’era già prima…Ma ancora dice che non ama che me!

        • Rosa, 7 Marzo 2019 @ 08:28 Rispondi

          @TVG forza, non sei l’unica. Io 10 anni di storia in due tranches. Prima 5 e poi altri 5.
          Quando è tornato la seconda volta, pensavo fosse quella giusta, sbagliavo.
          Stesso copione, stessa agonia hai detto bene. Uno stillicidio, sempre meno.
          Ogni giorno un pò meno, non so forse sperava che la cosa si risolvesse col venir meno (proprio fisicamente) di uno dei due.
          Sono degli egoisti, dei grandi egoisti. Loro non amano che se stessi.

          • Pamela, 7 Marzo 2019 @ 17:31

            @rosa la mia non è una critica perché sono nella tua stessa barca. Come hai fatto a resistere 10 anni così? Sarà stata una sofferenza unica…..

          • alessandro pellizzari, 7 Marzo 2019 @ 18:49

            Dieci anni sono un ergastolo

          • Rosa, 7 Marzo 2019 @ 20:30

            Lo so, la mia situazione vista dal di fuori ha del paradosso.
            Non mi voglio giustificare, anche perche so, che qui nessuno mi giudica, provo a/spiegare.
            La prims volta è finita dopo 5 anni avevsmo i figli poccoli e non ce la siamo sentota.
            La seconda (nel frattempo sono passati 10 anni di zero contact, solo auguri a Natale e xomppeanno)
            La seconda volta io ho creduto che fosse la volta della scelta e purtroppo quando ho realizzato che le modalità erano le stesse della volta precedente, ne ero di nuovo dentro fino al collo e non ho avuto la forza di tirarmene fuori. Ho pensato che me la sarei fatta andar bene così.
            Ma non avevo fatto i conti col fatto che potesse peggiorare.
            Ultimamente era uno stillicidio. Lui sempre meno presente e sempre più lontano.
            Ho dovuto nuovamente farlo io.

  • LEI, 5 Marzo 2019 @ 13:07 Rispondi

    Blu sono felice per te, spero di arrivarci anche io.

  • chiara, 5 Marzo 2019 @ 12:33 Rispondi

    Ciao a tutte, vi leggo sempre ma scrivo poco….vorrei da voi un consiglio o meglio un parere sul comportamento del mio ex (ormai) amante.
    il giorno 14 febbraio ci sentiamo al telefono e dopo aver parlato del più e del meno ci salutiamo con affetto come sempre.
    il lunedì successivo invio un messaggio per sapere come era andato un problema che doveva risolvere la sua risposta OK. l’intuito femminile non sbaglia ho capito che c’era qualcosa che non andava. Martedì non sentendolo gli invio un messaggio, la sua risposta: ho detto tutto a casa non ero sereno un giorno ti chiamero’. poi silenzio assoluto. non vi dico la mia rabbia in quanto mi sono sentita amereggiata per un comportamento del genere e soprattutto da una persona che frequentavo da due anni.

    chiedo a voi e a te Alessandro come si definisce un comportamento del genere? i sentimenti per una persona possono cambiare dalla sera al mattino o sono io un’eterna romantica?

    a questo punto la speranza per me è morta completamente.

    • alessandro pellizzari, 6 Marzo 2019 @ 00:24 Rispondi

      Non gliene frega niente di te perdonami

      • chiara, 6 Marzo 2019 @ 08:43 Rispondi

        grazie Alessandro, detto da te ha un valore aggiunto.
        Grazie di tutto quello che fai.

        • alessandro pellizzari, 6 Marzo 2019 @ 11:54 Rispondi

          Un abbraccio

  • Blu, 5 Marzo 2019 @ 11:32 Rispondi

    Ciao a tutti! Stavolta sono qui per scrivervi che è vero, il relè scatta. E scatta quando perdi la speranza, sia pure quella di vederci solo qualcosa di bello. Scatta quando ti si rompe qualcosa dentro, e quando succede non lo controlli. Succede davvero. Anche la speranza muore. Ma noi no, ci aspettano cosi tante cose belle!!

    • alessandro pellizzari, 5 Marzo 2019 @ 11:54 Rispondi

      Evviva

    • Confusa (Ex), 5 Marzo 2019 @ 15:14 Rispondi

      Ci piace molto questo tuo intervento! E’ quello che speriamo ognuno di noi arrivi a maturare presto o tardi. Io proprio oggi pensavo che sono a buon punto, sto decisamente meglio, non lo cerco, evito di vederlo quando lo fa lui… ma ancora non ne sono del tutto fuori. Ci vuole tenacia, ancora un po’ di pazienza ma direi che ci siamo.

    • Alice, 5 Marzo 2019 @ 21:52 Rispondi

      Scatta anche quando la persona ti scade. Io ormai non voglio più niente da lui.

  • LEI, 5 Marzo 2019 @ 11:14 Rispondi

    La mia speranza, che purtroppo non riesce proprio a realizzarsi, è che smetta di pensare ogni minuto a lui.
    E’ una storia senza futuro, da parte sua ma anche da parte mia. Ne siamo consapevoli entrambi.
    Eppure come penso di lasciarlo andare via, il mio corpo si ribella, sto male fisicamente e questo mi preoccupa molto.
    Non riesco a dare un taglio netto a questa storia, che ormai va avanti davvero da troppo tempo.
    Mi date un suggerimento per chiudere le cose in maniera “soft” senza morirne?

    • Pamela, 5 Marzo 2019 @ 11:56 Rispondi

      @lei sono anche io nella stessa situazione…. io non lo vedo da un mese e lo sento raramente eppure non riesco a staccarmi al 100%…… chissà come e quando passerà….

    • Oldplum, 5 Marzo 2019 @ 12:14 Rispondi

      Secondo me devi verificare con la logica che la cosa ti da più danno che benefici. È come una tossicopendenza . Per questo dici “Il mio corpo si ribella”.
      Disintossicarsi provoca dolori lancinanti, vomito, autolesionismo, allucinazioni.
      Se ce la fanno gli eroinomani puoi farcela anche tu con molto meno dolore fisico.
      Prenditi il dolore. Non muori. Lo superi.

    • Verdeazzurra, 5 Marzo 2019 @ 12:31 Rispondi

      La sofferenza è inevitabile quando è arrivato il momento di cambiare qualcosa nella propria vita.
      Ma poi si può prendere la strada giusta, qualsiasi essa sia.
      Forza LEI, sei forte e ce la farai

    • Rosa, 5 Marzo 2019 @ 13:11 Rispondi

      non credo esista una maniera soft per chiudere, se per soft intendi non sentire dolore.
      E’ un percorso, e come tale va affrontato.
      Io ho chiuso da poco una relazione durata parecchio, troppo…..
      Se mi assale la tristezza, perchè comunque questa persona per me è stata importantissima e mai rinnegherò quello che provo per lui, penso a quanto stavo male ad aspettare, e ad essere costantemente delusa, frustrata, disponibile ai suoi “tempi e metodi” che guarda caso erano diametralmente opposti ai miei, e in qualche modo sento di aver fatto la cosa giusta.
      Alla fine diventa una questione di dignità personale.
      Il vero amore non si centellina, non si misura in quantità, volte, messaggi, chiamate.
      Se una persona ti ama desidera passare con te più tempo possibile , è presente con attenzioni, pensieri, con tutti i limiti che queste situazioni impongono.
      Se diventa un impegno fisso in agenda, tipo dentista, anche no grazie.

      • Alice, 6 Marzo 2019 @ 12:31 Rispondi

        Concordo con Rosa, non rinnegare ciò che di bello c’è stato ma chiudere per non farsi male ulteriormente.

    • cossora, 5 Marzo 2019 @ 14:09 Rispondi

      @LEI io posso dirti cosa ho fatto io, l’ho messo alle strette. dentro di me sapevo che scoprire il suo altarino e smentire l’innamorato pentito.. che ‘tanto vorrebbe ma non può..’ me lo avrebbe svelato (per questo ho aspettato, perchè dentro di me sapevo cosa mi avrebbe fatto male e mi guardavo bene dall’avvicinarmici).
      Guarda dentro di te con onestà: cosa ti deluderebbe inesorabilmente? Cosa ucciderebbe la tua stima per lui, davanti a cosa diresti ‘no questo no, è troppo’.
      Mettilo alla prova. Ti deluderà. E tu sarai libera.
      (però sappi che subito fa un male cane)

      • KK, 6 Marzo 2019 @ 12:29 Rispondi

        Se ci penso bene anche a me successe cosi’… mesi fa. Lo misi involontariamente davanti ad una scelta (“vuoi continuare o no? provi dei sentimenti o no? non voglio un uomo titubante”… se avesse voluto continuare saremmo dovuti passare alla famosa road map) dopo due giorni torno’ da me “rassegnando le dimissioni”. In fondo me lo aspettavo, te lo senti quando uno non è sicuro, non è deciso quanto te, ma in quel momento fu una doccia gelata, non era quello che volevo… non l’ho accettato per tanti mesi. Volevo capire, indagare, farlo rinsavire… non poteva dirmi due giorni prima di amarmi e poi dirmi “ci ho pensato a quello che mi hai detto, la situazione è troppo difficile e io non me la sento, ma tu sei fantastica!”… bah! Adesso sono passati tanti mesi, tante lacrime, tanto dolore, tanti sforzi per mantenere in vita un rapporto che ormai è logorato (compresa la parentesi amici che non ha ovviamente funzionato). Adesso ho detto basta. Convinta. Sono stanca di tutto.

        • cossora, 6 Marzo 2019 @ 14:46 Rispondi

          @KK mamma mia, è un disco rotto.. tu sei fantastica, sei meravigliosa, ti adoro.. tutti tentativi di NON dire le cose come stanno.
          Tesoro, lui sicuramente ci teneva, sicuramente gli piacevi molto e stava bene con te. Ma niente di più. Siamo nella stessa barca, ma io ho 14 gg di silenzio assoluto-totale-completo e ne vado mooooooooolto orgogliosa!!
          Ti unisci??

          • KK, 6 Marzo 2019 @ 17:33

            Certo, io sono al quinto giorno.

    • KK, 5 Marzo 2019 @ 16:15 Rispondi

      Sto come voi. Il problema è che il dolore sembra non passare mai e quindi sembra una sofferenza senza fine, vedo davanti a me un tunnel buio e l’idea di dover condurre una vita cosi’ a 37 anni mi sconvolge. Eppure dall’esterno, agli occhi degli altri, sembra che ho tutto, non mi manca niente… se solo sapessero quello che vivo quotidianamente dentro me. Io penso ogni minuto a lui e lui si diverte, vive, scherza, viaggia, fa carriera… mi sento bloccata! Mi rifiuto di farla passare, mi rendo conto che non faccio tutto quello che è nelle mie possibilità per superare questa cosa ed è su questo che devo lavorare, devo cercare la motivazione alla base di tutto. Perchè mi sono messa in questa situazione ma soprattutto perchè non voglio uscirne.

      • cossora, 6 Marzo 2019 @ 09:50 Rispondi

        @KK credimi, descrivi la sensazione che proviamo o abbiamo provato tutte.
        L’aiuto arriva proprio da qui, da questo blog e da come ci fa scoprire che
        la nostra storia non è unica, il nostro LUI non è diverso da tutti gli altri (e questo personalmente mi fa un male atroce) e non finirà diversamente.
        Quindi vai avanti, leggi, apri gli occhi anche se fa male e presto sarai immune.
        Difendere la vostra relazione in questo caso è il vero danno. Sembra innaturale, ma se ‘sputtani’ il vostro amore ti salvi.
        E poi ricordati (ma lo dico a me per prima) che un amore vero si difende da solo.

        • KK, 6 Marzo 2019 @ 12:22 Rispondi

          Si che vado avanti! Gia’ a dire il vero non ho piu’ voglia di vederlo, di passare del tempo con lui e di sentire le solite squallide storie… sono a buon punto e spero di non tornare piu’ indietro!

  • Love, 4 Marzo 2019 @ 21:35 Rispondi

    Scusa Alice, innamzitutto ogni storia è a se, ma permettimi, e lui pur con i suoi problemi cosa ha fatto per te??
    Scusa la domanda, anch’io sono un amante single, e tra poco saranno due anni…
    Ti ho fatto quella domanda perché se si ama, non esiste “con tutto quello che ho fatto per lui…”
    Oggi sono stato anch’io dalla mia lei…e non abbiamo fatto sesso, ma l’ho sentita parlare dei problemi o momenti piacevoli con suo marito, o, che dopo quattro mesi, lui l’ha cercata per un rapporto e per l’ennesima volta non ce riuscito…ho sofferto in quel momento, ma al contempo, ritengo di aver molto di piu io, di lui.
    Potresti anche dirmi, ” e chi ti dice che sia la verità?” …vero, ma ho amicizie in comune che mi confermano questo…
    Come vedi, avrei potuto prendermene ed andarmene e non stare ad ascoltare problemi non miei, ma un domani se il suo matrimonio ritornasse a funzionare ed io non esisterò più per lei ( potrebbe succedere) dovrei raccontarmi ” con tutto quello che ho fatto per lei) , no ci soffrirei sicuramente, ma lui fatto perché non mi aspettavo nulla in cambio…

    • Alice, 5 Marzo 2019 @ 13:43 Rispondi

      Cosa ha fatto per me? Farmi passare dei momenti fantastici di pazzia e sesso. Io sono sempre stata sulle mie, mai gli ho parlato dei miei problemi, figurati, ero sempre tutta felicità e spensieratezza, quello che mi faceva partecipe di tutte le sue storie era lui, mi aspettavo almeno un ringraziamento.

      • Ariel, 6 Marzo 2019 @ 01:13 Rispondi

        @Alice vedi ho subito notato in questo tuo commento una frase significativa
        ” Ho passato momenti fantastici di pazzia e sesso”
        Guarda hai proprio spontaneamente centrato il soggetto
        Mica tanto naturale …

        Un Pazzo ,appunto,

        Scappare a gambe levate !!!
        Ottima idea ,Bravissima!!!!!

        • Alice, 6 Marzo 2019 @ 12:29 Rispondi

          Sì, pazzie da 15 enni e sesso meraviglioso. Un pazzo furibondo, hai ragione.

          • Ariel, 6 Marzo 2019 @ 14:12

            @Alice guarda grazie ,lo sai tiro un sospiro di sollievo per te
            Guarda che ho vissuto una relazione simile per alcuni aspetti alla tua e questa è gente che se non stacchi subito definitivamente senza spiegare nulla scomparire col non contact totale rendersi irreperibili irraggiungibili ci salva da qualunque loro rappresaglia di qualunque genere
            Abbiamo avuto a che fare entrambe con gente fuori di testa
            Meglio essere prudenti
            Sono troppo imprevedibili.

            Sono sollevata per te ,ci credi?!!!!

          • cossora, 6 Marzo 2019 @ 14:27

            @Alice ..in fondo vi siete scambiati qualcosa che non avevate (o non avevate più) mettila così.
            Tu hai fatto un salto indietro alla follia della tardoadolescenza e lui ne ha beneficiato per i molti aspetti materiali.
            Ti sei sentita derubata? A parte essere dispiaciuta perchè ti ha mollato senza ringraziarti? Archiviala, se posso permettermi non vedo pene d’amore. Ha fatto il suo tempo, vi ha dato quello che volevate..

  • Alice, 4 Marzo 2019 @ 18:46 Rispondi

    Grazie Alessandro per avermi fatto trovare questo tuo blog e grazie a tutte/i per le vostre esperienze.
    Spero anch’io un giorno di trovare la serenità di Verdeazzurra ma in questo momento sento solo una grande tristezza e disincanto, una grande, grandissima delusione.
    Ho 55 anni, sono una bella donna con una professione di prestigio, un marito stupendo ed un figlio eccellente, non mi mancava niente fino a quando 2 anni fa per puro caso e senza cercarlo un bellissimo 37 enne ha iniziato a farmi la corte. Ci sono cascata, mi lusingava essere corteggiata da un uomo così giovane e bello, ed anche single. Ho vissuto 2 anni di pazzia, adrenalina a 1000, fine settimana rubati alla mia famiglia per stare con lui, era innamoratissimo, mi pregava di vederlo anche solo per 10 minuti, sesso stratosferico. Poi è venuto fuori il suo vero essere, i problemi con la famiglia, qualche canna di troppo, la sua frustrazione per una vita che non è quella che vuole, la sua impossibilità di vivere la realtà, il pessimismo cosmico. L’ho aiutato in tutti i modi, gli ho fatto non solo da amante ma da madre, consigliera, l’ho spronato a cambiare vita, a credere in sé stesso, ad uscire dal circolo vizioso in cui si trova. Gli ho trovato un lavoro migliore di quello che aveva, grazie al mio intervento ha potuto riallacciare i rapporti con la madre di suo figlio e rivedere il figlio senza la sua presenza, bastava che ci fossi io e la madre si fidava a lasciarglielo. Ho sempre pagato tutto io, alberghi, voli, cene, anche i regali per il bambino. Gli ho anche dato dei soldi.Mi ha ripetuto mille volte che il mio appoggio per lui era basilare. Non mi ha mai chiesto di lasciare mio marito, non lo farei mai, e io non ho mai chiesto niente di più di quello che avevamo. Si arrabbiava per nulla e mi faceva le scenate, io sempre serena lo lasciavo stare per poi ricercarlo dopo qualche tempo, me ne ha dette di tutti i colori, mi ha lasciato sola ad aspettarlo in aereoporto senza presentarsi. Ho sopportato tutto fino ad un mese fa quando gli ho detto che mi sarei trasferita per lavoro. Ha urlato, mi ha insultata, l’ho chiamato un paio di volte e non mi risponde. Volevo solo salutarlo prima di andarmene lontano, in un altro paese, vorrei solo sentirmi dire “grazie per tutto quello che hai fatto per me” invece mi resta solo l’immagine della sua faccia sfigurata dalla rabbia mentre mi urla “lasciami stare, non ti voglio più vedere”

    • alessandro pellizzari, 4 Marzo 2019 @ 19:15 Rispondi

      Non hai perso nulla se non un approfittatore mi sembra

      • Alice, 4 Marzo 2019 @ 20:33 Rispondi

        Ormai mi è scaduto, non lo voglio più, ľultima volta a letto mi sono ritrovata incoscientemente a pensare alla macchina che avrei dovuto portare a lavare ma cazzo almeno un grazie!!!!
        Perchè tutta questa cattiveria gratuita con tutto quello che ho fatto per lui? Dopo tutte le volte che mi diceva che grazie a me stava iniziando a vivere una vita normale, che solo parlare con me lo tranquillizzava e gli faceva pensare di poter trovare una soluzione ai suoi problemi, quando mi voleva vedere senza fare sesso, solo per baci e coccole.
        Ľingratitudine è quello che mi spiazza.

        • Ariel, 4 Marzo 2019 @ 20:55 Rispondi

          @Alice
          Ama te stessa e scusa il francesismo

          Mandalo a cagare ,ma per SEMPRE
          BIGLIETTO DI SOLA ANDATA!!!

          NESSUN CONTATTO ESCLUDILO DALLLE COMUNICAZIONI TUTTE!!!

          • Alice, 5 Marzo 2019 @ 13:34

            Grazie Ariel, l’ho escluso ormai dalla mia vita. Non è quello il punto. Mi sarebbe solo piaciuto lasciarci diversamente.

          • Ariel, 6 Marzo 2019 @ 01:05

            @Alice credo dal tuo racconto francamente a me pare uno fuori di testa approffittatore della peggior specie,
            Scusa ,ma mi fa questo effetto il tuo racconto

            Ti Capisco e mi dispiace molto per te la tua delusione ,ma credimi da ciò che hai raccontato proprio non vedo motivi per perdere un secondo ancora prezioso della tua vita a pensare ancora a lui e dispiacerti per come sia finita ,ma pensa invece e menomale che è finita!!!

            A me sembra uno squilibrato ,tanto normale non si è comportato
            Pure sto fatto di non pagare mai
            Dai ,è tipico e pure il trattarti male

            Ma lascia perdere proprio dentro a te stessa a maggior ragione se fortunatamente per te tu non ne eri innamorata .

            Cara@Alice svolta del tutto !

        • Luce, 4 Marzo 2019 @ 21:25 Rispondi

          Si è nutrito delle tue ricchezze sia d’animo , che concrete monete. Lui è nulla. Quindi non perdi niente. Anzi , ti sei liberata di un parassita.
          Peccato che tu te ne sia innamorata.

          • Alice, 5 Marzo 2019 @ 13:36

            No Luce, non ne sono innamorata. Quello innamorato è lui che piangendo fino a pochi giorni fa mi pregava di non andarmene. È il modo in cui ci siamo lasciati che mi turba.

        • Verdeazzurra, 5 Marzo 2019 @ 07:26 Rispondi

          Ci credo che è incazzato! Gli sottrai tutti i benefits!!
          Sono rapporti parassitari…tra non molto sarai contenta di essere capace di dare così tanto.
          Ma magari avrai imparato a mettere paletti… chi se ne approfitta in questo modo va arginato secondo me, può far danni…

          • Alice, 5 Marzo 2019 @ 13:40

            Verdeazzurra il punto non è giudicare che sia stato un rapporto parassitario, a me a dato molto a livello fisico e mentale; non avevo nessun problema a pagare tutto io visto che il mio stipendo è tre volte il suo, i soldi non sono un problema. Quello che proprio non riesco a mandare giù è che ci si lasci in malo modo quando davanti alla sua famiglia ed ai suoi amici mi ha sempre ringraziato di averlo aiutato a cambiare vita.

          • alessandro pellizzari, 6 Marzo 2019 @ 00:19

            Un uomo che non paga non è naturale

          • Verdeazzurra, 6 Marzo 2019 @ 07:36

            Se desideri un ringraziamento, a mio avviso, è perché senti che ti ha preso più di quel che ha dato, no?
            Ma forse sbaglio, scusami.
            Io ho quest’idea dentro, che una relazione davvero reciproca, anche solo per sesso, chiudendosi non dovrebbe lasciar spazio a nessuna recriminazione.
            Ma è davvero difficile, mi rendo conto

    • nina, 5 Marzo 2019 @ 19:47 Rispondi

      @alice, posso dirti che ti capisco tantissimo. io per lui ho fatto le stesse cose. a livello sia pratico che economico che di sostegno morale, sorretto nel cambio di lavoro e rispetto a rapporti con ex moglie (che non è la compagna di adesso). ti capisco al 100%. noi siamo ancora insieme ma io sto cedendo. la sua risposta era sempre che se volevo un uomo sensibile dovevo anche accettare che fosse fragile. come no. gli ho fatto da amante sorella amica mamma psicologo avvocato geisha bancomat. e come età potrei essere sua figlia.
      @cossora, anche io sono stata con lui sul suo divano, anche a me non importava granché, ma devo dire che col senno di poi mi dispiace. concordo con alessandro. poi ognuno fa quello che si sente. pensare alla sua compagna su quel divano mi fa venire il voltastomaco.

      • Alice, 6 Marzo 2019 @ 12:28 Rispondi

        Grazie Nina, io invece ho 18 anni più di lui e gli ho sempre fatto da mamma.

  • KK, 4 Marzo 2019 @ 11:14 Rispondi

    Se il buongiorno si vede dal mattino oggi sono messa male.
    Mi sono svegliata con uno stato d’animo bruttissimo, niente è successo da ieri eppure mi sveglio cosi’. Mi sento sempre in attesa di qualcosa che non arriva e non arriverà e questo è frustrante da troppo tempo ormai. E’ la maledetta speranza che non sparisce. Non parlo di speranza che torni da me dicendo di amarmi e che vuole costruire una vita con me. Questo lo vedo impossibile e onestamente ormai non voglio costruire proprio niente con lui. Ma c’è sempre dentro di me una sottile speranza che lui mi scriva, che mi chieda come sto, che mi dica che è dispiaciuto per tutto, che mi chieda scusa per come si è comportato… vivo nel mondo dei sogni perchè non lo farà mai e questo fa male.
    Spero per voi vada meglio.
    Un abbraccio e buon lunedi’!

    • Confusa (Ex), 4 Marzo 2019 @ 19:09 Rispondi

      @kk anche io un pochino ci spero e a volte sopratutto il weekend la malinconia mi assale ma se ci penso razionalmente non è lui che spero di accogliere nella mia vita ma qualcun altro, una persona nuova con cui vivere una relazione normale. Quello spazio vuoto pesa ma deve essere riempito da chi lo merita.

    • Outlier, 4 Marzo 2019 @ 19:44 Rispondi

      KK, ti capisco tantissimo. Anche per me è ancora così nonostante sia più lucida.
      Ma sto cercando di farmi forza. Quando mi sento giù penso che alla fine io ho fatto tutto ciò che potevo.
      Sì, magari ancora mi capita di pensare “cosa mi manca?”, ma cerco di fare scomparire questo pensiero.
      Anche perché, nel mio caso, io sono quella dal lunedì al venerdì perché oltre il lavoro nulla (ora lo dice, prima non era così) e non mi ama.
      Quindi mi dico che mi sarei rotta di tenere in piedi il suo matrimonio perche ci sono io.
      Sono 5 anni.
      Quindi, visto che ama la moglie se la prendesse tutta senza fare palestra alternativa con me.
      Quindi ti stringo e ce la faremo.

      • KK, 5 Marzo 2019 @ 11:00 Rispondi

        Outlier a me ama la moglie ma si sta separando. Ho smesso di voler capire, mi sembra impossibile e stavo diventando matta.
        Quando penso a lui penso a due persone, Dr Jekyll and Mr Hyde e questo mi sconvolge, mi fa male e alimenta dentro di me un angoscia allucinante perchè sembra che ho vissuto tutto con un fantasma o a volte ho la sensazione di aver costruito tutto nella mia mente… è devastante psicologicamente.

        • Annaura, 5 Marzo 2019 @ 15:17 Rispondi

          KK ..le stesse cose che pensavo io. Datti tempo e ce la farai.Forza! Hai fatto bene a smettere di voler capire. 😉

          • KK, 6 Marzo 2019 @ 11:22

            Grazie Annaura!
            Spero che ad un certo punto non sarà piu’ il primo pensiero al mattino e l’ultimo prima di dormire, spero che non mi toccherà piu’ quello che fa e che dice, spero che mi diventerà indifferente. Ho voluto sempre tutelare il bel ricordo di quello che siamo stati, ma lui ha distrutto tutto, senza pietà, per lui è piu’ facile ora pensare a me come ad un peso che come ad una cosa bella a cui ha rinunciato. Sento che nel tempo ha fatto di tutto per trasformare l’idea di noi. Nella mia mente adesso lui non è piu’ come era, ma come è diventato adesso, mi ha sempre detto che dovevo dimenticare le cose belle e andare avanti. E’ riuscito nel suo intento: i ricordi brutti adesso sono molto piu’ vividi di quelli belli e fanno male, ma non lo vedo piu’ come una persona a cui collego emozioni positive come era fino a poco tempo fa… penso a lui solo come una cosa che fa molto male e che voglio tenere lontana.
            Tu come stai adesso?

          • Annaura, 6 Marzo 2019 @ 12:35

            Continua su qst strada e vedrai che non sarà nè il tuo primo nè il tuo ultimo pensiero. Ci penserai, ma man mano ti sarà molto più chiaro e collegherai col tempo i suoi atteggiamenti, le sue parole ai fatti poi x come sono andati. Tutti segnali che prima non volevamo vedere ma sentivamo. Se voleva esserci c’era. E tu per lui non è che sei un peso, gli dai proprio fastidio, scusami se mi permetto. Ma la tua storia è stata simile alla mia e a lui mi sono accorta che davo proprio fastidio. Ora io non mi chiedo più “chissà come sarebbe stato” ma mi dico ” menomale che non è stato”. Io con i deboli non ci voglio avere nulla a che fare.
            Ora sto molto meglio, grazie anche alla terapia che ho fatto e faccio. Cara KK ,avevo toccato davvero il fondo, ma un giorno mi sono detta ” devo tornare a me stessa” . Oggi sono tranquilla, lo penso pure certo, ma ora non sento quella mancanza fisica come se mancasse un pezzo di me. Fino a qualche tempo fa mi mancava un ns ultimo confronto che mi aveva negato e sentivo come se il cerchio non fosse mai stato chiuso. Ora il cerchio l’ho chiuso io. Se mai mi dovesse contattare saprei come affrontarlo e le risposte da dargli nel bene e nel male
            KK la tua FORZA sta x uscire fuori!

    • Cossora, 4 Marzo 2019 @ 20:05 Rispondi

      @KK io oggi sono al primo lunedì (che erano sempre da una parte di merda e dall’altra sovraeccitati: in settimana finalmente ci vedremo!) dopo avergli chiesto in modo diretto se c’era o no un futuro per noi due. Ma prima di andare da lui, mi sono detta ‘se la risposta é no tu esci da casa sua col sorriso e sparisci per sempre’. Sono andata, era la prima volta che aveva casa libera. È stata una coincidenza e una ‘cerimonia’ perfetta, nella location perfetta: ho chiuso il cerchio facendo l’amore più av8damente che mai, sul suo, loro divano. Ho bevuto l’ultimo drink. Abbiamo chiacchierato con amore a piedi nudi, con gli sguardi che si promettono gli innamorati. Quelli che dicono ‘noi siamo diversi: noi resisteremo’. Poi una chiamata, ha dovuto alzarsi e allontanarsi. Ho ripreso le mie scarpe e la mia missione. È ritornato sorridente per la scena: io che lo aspetto sul divano. Ho chiesto con calma, ho avuto la risposta che sapevo (non che volevo) gli ho detto che lo amo e me ne sono andata. The end.
      Dopo due settimane quasi non sto meglio, non ancora.

      • Oldplum, 4 Marzo 2019 @ 20:19 Rispondi

        Datti tempo. Mica sono cose che su risolvono in un giorno.
        Puoi innanzitutto pensare quanto fossero vuote le sue parole. È quanto DNA hai lasciato sul divano di casa. Ma cose da non credere… Ti rendi conto che ti ha portato nella casa dove vive con sua moglie e ti ha scopato sul divano che probabilmente lei ha scelto?
        Non ti fa pensare che quest’uomo sia un piccolo masochista che si vendica delle rotture di cazzo di sua moglie (che ritiene legittime e della cui sofferenza gode) sporcandole il divano?
        Ma come fai ad amarlo?
        Dov’è ora? Quante volte si sarà seduto sul divano con sua moglie in queste 2 settimane?
        Perché rinuncia a te, il suo amore grande?
        Per la casa? Per il divano?
        Mandalo a cagare Cossora. Ma con sentimento, con teatralità.
        Ti sei liberata di un mentecatto.

        • Cossora, 4 Marzo 2019 @ 20:41 Rispondi

          @Oldplum lo mando a farsi la sua vita con tutto l’amore di cui sono capace. Mi sento già più bella. Toh.

      • KK, 5 Marzo 2019 @ 09:44 Rispondi

        Cossora mi ricorda molto uno dei nostri ultimi incontri… a piedi nudi, ci stringevamo fortissimo e ci guardavamo negli occhi senza dire una parola, ma sapevamo che erano un addio…
        Inorridisco scusami al fatto che ti abbia invitato nella loro casa, sul loro divano…
        E’ normale che non stai meglio dopo 2 settimane, ci vuole tempo. Ad ognuno il suo. Io sto ancora malissimo dopo 7 mesi, ma il problema è che non c’è stato un distacco netto, l’ho visto spesso purtroppo.

        • cossora, 5 Marzo 2019 @ 10:47 Rispondi

          @KK qui zero totale. Se devo essere onesta a me (dopo che con l’anima si tradisce) non interessa di chi sia il salotto, il divano, il letto etc. ma ci sono diversi punti di vista, li rispetto tutti.
          Per me l’importante è sapere che ho chiuso perchè a parte farmi fare l’amante tutta la vita (o comunque nei prossimi anni) non ha ipotizzato nulla.
          Se ha già deciso, di che stiamo parlando? Io non mi sbatto per raggiungere degli obiettivi sapendo che vinco i soldi del Monopoli.
          Sono un’amibiziosa, in tutto. Questo non è il mio gioco.

          • alessandro pellizzari, 5 Marzo 2019 @ 11:24

            Io diffido sempre di chi usa la propria casa per consumare. C’e Una deontologia anche per gli amanti. Chi non la ha quando promette sul futuro ricordatevi quello che può arrivare a fare

          • cossora, 5 Marzo 2019 @ 11:41

            @Alessandro non ho dubbi sul tuo sentito, o sul sentito della maggior parte delle persone (che immagino definisca questa ‘deontologia’ di cui parli), ma se una sensazione di disagio o disgusto o rifiuto non la sento. non posso dirti che la sento. Per me è sempre stato così. Conta solo quello in cui si crede e che si percepisce, a dispetto di tutto e di tutti. L’unica cosa che mi ha fatto davvero alzare le mani è: se questo è il tuo tetto, io non ci sto sotto.
            Poi a casa per i fatti miei, con voi, con la mia migliore amica.. piango. Passerà.

          • Anna, 5 Marzo 2019 @ 11:41

            Anche il mio, dopo due anni, mi ha portato nella sua casa al mare per il weekend. Mi ha stranito essere lì, tra le loro cose, non volevo andare assolutamente, ma gli ho dato una lettura diversa, di voglia di normalità. Forse sono troppo romantica

          • Ariel, 5 Marzo 2019 @ 11:55

            @Cossora condivido il pensiero di Alessandro perché la forma nella vita è sostanza cioè il Buon gusto di lui di evitare di portarti a casa sua di famiglia è secondo me non un formalismo ,ma la sostanza cioè il rispetto comunque dovuto prima di tutto a se stesso perché lui stesso a suo tempo aveva scelto quella casa insieme alla moglie

            Ora pure se poi le cose vanno male occorre sempre avere il rispetto per ciò che era stato era stato scelto
            Non perdere mai la capacità di pensare di non fare cose che non piacerebbe a noi stessi ricevere ugualmente

            La Educazione è la BELLEZZA di tutta la nostra vita qualcosa che va oltre a qualunque cosa esperienza
            Conservarla pure se tutti possiamo sbagliare ,ma con STILE si
            Perché sarà grazie proprio alla nostra EDUCAZIONE praticata sempre che riusciremo nella vita a superare qualsiasi cosa dolore esperienza negativa.

            Cara @ Cossora ,questo il mio pensiero
            Che ti trasmetto con affetto sempre!!

          • cossora, 5 Marzo 2019 @ 16:26

            @Ariel ci mancherebbe. Non volevo difendere lui. Dico solo che per carattere e visione della vita certe cose (conservando un loro spirito ‘istintivo’) accetto passino sopra a regole/formalità .. anche forme di educazione o moralismo. Andare con un uomo sposato non è certo etico.. ma sai com’è.. la carne è debole!
            Non mi curo dei motivi per cui lui la rispetti o no, per cui l’abbia perdonata, o come la tenga nela vetrinetta accanto alla foto dei cari estinti .. pur senza aver fatto promesse (va detto) un minimo di ‘non si sa mai’ me lo ha trasmesso ed io ho dovuto a un certo punto chiedere: sbaglio o questa è una strada chiusa?
            Ora tace. Permaloso, forse. Scoperto, probabilmente.
            Rimane un momento doloroso, il disprezzo NON HA ANCORA SOSTITUITO la nostalgia.

    • to the moon and back, 5 Marzo 2019 @ 14:01