Pixabay

Cosa fare se sei l’amante e la moglie di lui ti fa stalking telefonico? L’avvocato risponde

Se subisci continue e assillanti telefonate dal consorte del Tuo amante puoi presentare una denuncia.

Infatti il reato di molestia o disturbo alle persone (il c.d. “stalking telefonico”) è perseguibile d’ufficio.

Quindi appena l’autorità giudiziaria verrà a conoscenza (con la denuncia, anche se presentata da un terzo estraneo al reato) dei fatti di reato inizierà le indagini anche senza la Tua richiesta di punizione del responsabile (e quindi si procederà anche se alla fine si deciderà di ritirare la denuncia).

            Lo stalking telefonico è punito con la pena dell’arresto da 15 giorni a 6 mesi o con l’ammenda sino ad €. 516,00.

            Ma cos’è con precisione lo stalking telefonico?  E’ quel reato che si verifica quando un soggetto (c.d. “stalker”) mostra atteggiamenti insistenti, ripetuti nel tempo e molesti a danno di una persona col mezzo del telefono, facendoLa sentire oppressa, stressata o semplicemente infastidita.

Roberta Spadetta, avvocato a Milano

Condividi:

7Commenti

  • Crocus, 15 Novembre 2020 @ 09:24 Rispondi

    Che peccato @Ale che non conoscevo il tuo blog quando a me è capitato tutto ciò. Non vado a svegliare can che dorme perché ormai è acqua passato però suggerirei alle altre ragazze, qualora dovessero finire in storie complesse come la mia, di agire per vie legali senza farsi alcun problema. Io un po’ perché avevo paura (non so, l’idea di avere una cosa di questo tipo in ballo mi metteva ansia) un po’ perché non volevo assolutamente creare problemi a lui (infatti è stato bravo a manipolarmi affinché io non facessi nulla) non ho fatto nulla e ti dico la verità ora un po’ mi pento. Perché io sono rimasta con un pugno di mosche in mano e con tutti gli effetti che lo stalking, le calunnie e la diffamazione hanno avuto su di me e loro sono rimasti con l’idea che sono una stupida fifona e soprattutto lei è rimasta con l’idea di essere nel giusto ad essersi comportata male. Quindi ragazze denunciate, non lasciate correre le cose perché poi ve ne pentirete. E grazie a te Ale perché questo blog non è solo casa, è molto ma molto di più. <3

  • MP, 16 Novembre 2020 @ 10:27 Rispondi

    Buongiorno a tutte.
    Chiedo a voi perché davvero non saprei da dove cominciare ad informarmi.
    Se lui viene lasciato e mi crea problemi sul
    Luogo di lavoro (della serie non ti far vedere, vattene via, cambia azienda, finanche a buttarmi via le cose o minacciarmi di fare scenate davanti a tutti) ci sono gli estremi per una denuncia?
    Io per quanto possibile lo evito ma purtroppo non ho modo di evitare i contatti con lui. Sono disperata.
    E purtroppo per quanto ci provi, cambiare il
    Posto dove lavoro è difficilissimo allo stato attuale.

    • alessandro pellizzari, 16 Novembre 2020 @ 11:39 Rispondi

      giro la domanda all’avvocato ma con l’ufficio del personale?

  • Crocus, 16 Novembre 2020 @ 11:54 Rispondi

    @MP, sarebbe il tuo ex amante corretto? Ad ogni modo io farei come ti dice Ale, senti un avvocato. Mi rendo conto che andare dalle HR sia un filo più complesso, perché bisognerebbe in qualche modo ammettere che c’è stata una relazione tra voi due (qualora la relazione fosse stata clandestina) quindi potrebbe diventare spiacevole. Però un parere legale ti serve subito, non è normale che lui si comporti in questo modo assurdo e scorretto. Comunque, la gente è proprio fuori di melone.

  • MP, 16 Novembre 2020 @ 13:10 Rispondi

    Si, sul luogo di lavoro ci sono anche i rispettivi consorti e non vorrei che la situazione fosse sbandierata ai piani alti. Ovviamente lui fa in modo che la moglie non venga a sapere nulla, L unico danno sarebbe mio.
    Sono settimane che andiamo avanti con questa sorta di ricatto, l’ho pregato di essere professionale in tutti i modi ma non ne vuole sapere, ho già fatto figuracce, ci sono innumerevoli voci in giro. Sono disperata.
    Che tipo di avvocato devo cercare? Davvero non so da dove cominciare.

  • Rosa, 16 Novembre 2020 @ 13:28 Rispondi

    Esattamente @mp non sono avvocato ma lavoro al personale e a meno che lui non sia il Direttore del Personale (è una battuta) credo che se documentato, ci siano gli estremi per un’azione disciplinare.

  • Oldplum, 16 Novembre 2020 @ 13:58 Rispondi

    Lettera di diffida da un avvocato. Come minimo ci sono già gli estremi di molestie e minacce.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.