Il mio nuovo podcast da ascoltare: https://www.youtube.com/watch?v=tVXBL_sVd2E

acasadiAleracconta, i podcast di alessandropellizzari.com

Tre buone notizie per voi: il vaccino dell’amore, lui dallo psicologo e… non dovrai cambiare lavoro

CLICCA SOPRA PER ASCOLTARE

LA PRIMA BUONA NOTIZIA: I CIMITERI SONO PIENI DI PERSONE INSOSTITUIBILI – IL VACCINO DELL’AMORE

Dopo la fine della storia con lui non credo che sarò più in grado di innamorarmi. Molte di voi la pensano così, e così mi dicono. Per fortuna vi devo smentire: lo sbocco di una storia conclusa, non importa come, non importa quanto lunga, non è il ritiro sociale e non deve mai esserlo. Non a caso ho citato la frase che per la prima volta ho sentito dire da Indro Montanelli, e che mi ha colpito molto per la sua cinica verità: i cimiteri sono pieni di persone insostituibili. Io credo che donne come voi, che sono passate attraverso i marosi di relazioni difficili, è come se fossero vaccinate, e quindi hanno gli anticorpi per evitare futuri guai. Almeno più delle altre. Lo credo e lo vedo nelle persone che seguo anche dopo i Codici del silenzio e la chiusura definitiva con gli ex. Un esempio? Ricominciate a usare il vostro potentissimo sesto senso, quello che avevate messo a tacere nella storia precedente, accompagnandolo  all’esperienza guadagnata sul campo. Due armi potentissime per fare selezione del personale maschile. Sono sicuro che, da ora in poi, davanti a piccoli e apparentemente insignificanti nei del nuovo candidato vi suonerà l’allarme, mentre in passato magari ci eravate passate sopra. E non temete di essere troppo selettive: chi è veramente interessato a voi deve darsi da fare, deve dimostrare lui, non voi.

LA SECONDA BUONA NOTIZIA: SE LUI VA DALLO PSICOLOGO È UN PRIMO PASSO IMPORTANTE

Nelle vostre storie sono le donne a fare counseling o psicoterapia, spesso tutte e due insieme. Gli uomini, che in genere non vanno dal dottor se proprio non stanno male, sembrerebbero essere refrattari a farsi aiutare anche sul fronte emotivo. Ci sono quelli che vanno a fare terapia di coppia non di rado per accontentare la partner che vuole recuperare o si preoccupa davvero, pochi lo fanno per capire se stessi e superare certi snodi emozionali. Vedo che succede soprattutto a quelli che io chiamo i deboli, uomini innamorati delle amanti ma che spesso vivono in modo viscerale e doloroso il conflitto fra ragione e sentimento, un conflitto ben descritto nel film l’Età dell’innocenza. Uomini che vivono dilemmi strazianti e non campano certo bene, anche se magari alla fine scelgono lo status quo. Per debolezza: appunto, uomini deboli.  Ma chi si fa aiutare sul serio dimostra come minimo buona volontà, se non lo fa per “accontentare” qualcuno, per guadagnare tempo e buttare fumo negli occhi. Dunque, non tutti gli uomini sono uguali: chi cerca risposte in un esperto vuole provare a capire e cambiare. Ha già una marcia in più rispetto agli altri. Perché la consapevolezza è il primo passo di ogni cambiamento. Incoraggiateli e sosteneteli in questo percorso. Poi, ovviamente,  giudicate sempre dai fatti che seguono. E verificate se e come ci va. Qualcuno ha detto: dubitare è peccato, ma spesso ci si azzecca.

LA TERZA BUONA NOTIZIA: SE LAVORI INSIEME AL TUO EX NON DOVRAI CAMBIARE LAVORO, FINITA LA STORIA

Come dico sempre, il luogo di lavoro è il sito di incontri più frequentato in assoluto. Comodità, contiguità, quotidianità, confidenza: persino le lettrici che “mai con uno sposato” hanno capitolato proprio perché il lavoro è… galeotto! Il problema è dopo, quando la storia finisce. Imbarazzo, orbiting, uso poco professionale di email, riunioni e quant’altro per riagganciarvi, nei casi peggiori penose scene di cuccaggio di nuove papabili sotto i vostri occhi. È un problema molto diffuso ma per fortuna superabile. Il sistema, credetemi, c’è anche in questi casi, altrimenti tutte queste storie non finirebbero mai e ci sarebbero massicci esodi da un posto di lavoro a un altro per motivi sentimentali. È più difficile, ma si può. Bisogna usare, in questi casi, tre armi: professionalità, distanza e prudenza. Lo so, all’inizio è faticoso, soprattutto se lui non collabora (ma ci sono strumenti efficaci anche in questi casi), ma il tempo aiuta se tu lo aiuti. Funziona sempre. Se hai difficoltà e vedi che il tuo sistema non funziona in tempi ragionevoli contattami: anpellizzari@icloud.com

Condividi:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.