In questo podcast parlo del love bombing, quel bombardamento virtuale fatto di messaggi, telefonate e chat d’amore che riempie la vita di molte amanti, da una parte blandendole e tenendole legate a sé illudendole su quanto lui le ami, dall’altra sostituendosi gradualmente all’amore reale, cioè al tempo realmente dedicato al vedersi, stare insieme, condividere non solo verbalmente ma fisicamente

L’uomo che non può dare tempo reale perché lo deve dare alla moglie (lui dirà ai figli e alla famiglia e al lavoro, quanto è impegnato!) esagera con l’amore virtuale e il love bombing

Lo sanno bene le amanti part time che vivono di briciole, di spazi ricavati solo nell’ambito del lavoro e a rischio zero per lui, che vedono il suo “amore” esprimersi per il 90% a parole e poco a fatti

Il love bombing viene usato all’inizio nel corteggiamento, poi per riempire i vuoti della sua presenza, infine per tornare da voi dopo una rottura.

In questo podcast affronta anche questi temi

Perché anche lui ha “bisogno” del virtuale: la favoletta d’amore che si racconta (o millanta) e vi racconta

Perché ve lo fate bastare: quando diventa ipnotico e veicolo di dipendenza

Quando lo usa per convincervi a tornare a fare l’amante

Il love bombing eccessivo è sempre un brutto segno come inizio e come futuro: perché

Il virtuale è comodo, semplice, si fa ovunque e in ogni ora, ed è un antinoia per lui

Quando si interrompe nel weekend

Il love bombing è avere per lui la psicologa gratis e una discarica emotiva

Parla solo lui o vi lascia spazio, vi ascolta? Il love bombing a senso unico

L’amore vero non vuole il virtuale, vuole il reale: il love bombing non può prendere il sopravvento sugli incontri reali. Non si vive di love bombing!

Che cosa fare per uscirne: non essere più sole a gestire la situazione ipnotica e virtuale. Buon ascolto!

Condividi:

1Commento

  • Ariel, 12 Novembre 2023 @ 15:25

    Occorre secondo me fare una distinzione sostanziale tra donne amanti single ( single o separate o divorziate)
    E amanti in matrimonio o legame convivenza attivo

    Perché mentre in caso di vera singlitudine comprovata da anni in cui si resta single ,altrimenti scatta il ripiego pur di colmare il proprio bisogno che resta sempre un deficit di relazione non equilibrio di autostima

    Ma ecco che ovviamente chi staziona ancora in legame precedente facendo quella che arrivata a tradire la fiducia ovviamente si attacca a mo di cozza per BISOGNO ESTREMO e no di certo per amore equilibrato

    Poi sicuro dipende se almeno entro un anno si decide in via SPONTANEA RECIPROCA DI COSTRUIRE NUOVA COPPIA così si inizia A dirlo chiaro pubblicamente in modo da mettersi al minimo in pari di autostima che rispetta infatti se stessi il proprio sentire e pure il diritto dovere di avvisare in casa il partner che relazione è finita in ogni caso e cioè sia si costruisca poi oppure no..

    Questo meccanismo resta validissimo anche nelle single di comprovato tempistica e cioè quelle che morto un papà se ne fanno un altro non si possono definire single

    SINGLE È CHI RESTA CAPACE DI FAR PASSARE IL NATURALE TEMPO DI RINASCITA PERSONALE E NO DI CERTO PASSO DA EX MARITO O COMPAGNO A AMANTE

    PERCHÉ RESTA CONCRETA EVIDENZA LA DIFFICOLTA A STAE IN VERA INDIPENDENZA MENTALE E FATTUALE.

    Infatti sono questi casi di gente incapace di far fronte a se stessa e propria vita da sola davvero sola!!!

    Single è se davvero lo si è stati per tempo di superare propri lutti di ex una marcia in più
    Senza per forza come Donna condizionata da MACHISMO che senza uomo non sarebbe possibile avere un valore abituati psicologicamente già da prima pure con marito nulla facente non essere stessa cosa del Vera assenza totale

    Ecco così penso che non si possa fare una generalizzazione su questo articolo ma occorrono i vari casi diversi che rivelano le vere motivazioni del proprio comportamento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.