Home » Amanti » Il successo dello sposato

Il successo dello sposato

da wikipedia

 

Come mai in così tante scegliete di avere una storia con un uomo sposato o comunque già impegnato? Almeno la metà di voi lo fa o lo ha fatto, e sono stime per difetto. Se poi i dati ci dicono che 6 italiane su 10 hanno tradito almeno una volta, almeno 4 di queste 6 lo ha fatto con o anche con un uomo sposato.

Ma il successo degli sposati non coinvolge solo le donne già impegnate, coinvolge anche single, separate e divorziate, cioè donne che sono già passate attraverso i dolori del matrimonio.

Perché?

Intanto l’uomo sposato compete sul mercato con i single, i separati e i divorziati. Dai vostri tanti racconti, in questo campo emerge un panorama devastante. Il single è spesso deludente.

Se è giovane vuole divertirsi, non vuole impegni, non pensa a figli e famiglia (l’obiettivo di tante di voi, soprattutto le under 40) e se vi va bene vi regala quasi il 50% del suo tempo e delle sue attenzioni. Poco sentimentale, molto basic. È quello che risponde a una vostra articolata frase d’amore 24 ore dopo con una misera faccina.

Se è un quarantenne che ha avuto qualche storia importante che non è durata e/o non ha figli si comporta peggio del single giovane perché oltre a voler divertirsi e non avere legami “soffocanti” ha ormai una sua impostazione e abitudini da single solitario inveterate.

Se è un divorziato separato avrà spesso tutti gli acciacchi di chi ha un matrimonio fallito alle spalle. Quindi diffidenza verso le donne (che crede tutte uguali), voglia di divertirsi dirompente (covata per anni), spesso brillante all’inizio ma dopo il letto musone, scontroso, taciturno, i figli, l’assegno da pagare un pacco insomma.

Dunque, il mercato degli uomini papabili è inflazionato da maschi poco propensi per i legami e le storie serie, magari ottimi per farci una botta e via ma ingestibili, fin da subito o quasi, sul fronte sentimenti. Si salva un 15-20% che rappresenta l’eccezione e che va a ruba, destinato a creare un legame forte appena trova quella giusta.

Ecco perché lo sposato ha grande successo: la concorrenza non regge il paragone.

Lo sposato che va di moda è mediamente un uomo di una certa età (40-50 ma hanno successo anche i versus 60), di successo, sicuro di se, che si tiene bene, simpatico, affascinante, con possibilità economiche (almeno palesate all’inizio, poi bisogna vedere se è un tirchio dopo che vi ha ripassato). Insomma, l’uomo apparentemente perfetto se non fosse per quel dettaglio della moglie e figli.

Purtroppo spesso lo incontrate sul o per lavoro, cosa che complicherà enormemente la situazione se la liason, da puro divertimento, si trasforma in qualcosa di più sentimentale.

Insomma, lo sposato ha un grande fascino, e ci cadete quasi tutte prima o poi, stufe di incontrare maschi che non fanno gli uomini, non fanno i compagni e fuori dal materasso hanno la verve di una mucca che guarda un treno.

Tutte? Sì ho detto tutte. Almeno tre categorie di donne su 4. Eccole.

LA SPOSATA
È la categoria di donne che forse sfrutta il meglio dello sposato, semplicemente perché, essendo sposata a sua volta, se decide di accogliere nel suo letto uno impegnato è perché il suo matrimonio non va al 100% e vuole nuove attenzioni e spesso anche sesso di qualità. Vuole, in una parola, divertirsi e svagarsi anche lei, per poi rientrare all’ovile che, per quanto difettoso rimane il suo punto di riferimento, figli in testa. E allora chi meglio di uno con l’anello al dito? Non sarà mai appiccicoso, pericoloso, ha gli stessi problemi e stessi ritmi. Insomma, meglio di così se vuoi tradire al sicuro? Peccato che la cosa funzioni se la sposata è talmente strutturata da impedire che la storia duri più di 3-6 mesi o ha un controllo tale sulla sua emotività da fermarsi prima di innamorarsi. Donne così ce ne sono poche. Anche perché più mangi una torta che ti piace più vorresti continuare a mangiarla. Ed è così anche per lui. Quindi che succede? Che al terzo/sesto mese di frequentazione ludica lei inizia a provare sentimenti. Lui magari anche, o li simula (ma spesso è solo entusiasmo e lussuria) perché sa già che non lascerà mai la famiglia (non era il patto iniziale?). E poi molti uomini, a mano a mano che si avvicina il giro di boa della fase sentimentale di una relazione clandestina tendono a raccontare all’amante che in fondo a casa non ci stanno così bene, che con la moglie non scopano (attenti a quelli che parlano male della moglie, si rivelano spesso, poi, i peggiori anche con voi), tutte balle che servono a rabbonirvi, a coinvolgervi di più (soprattutto a letto o a fare quello che vuole lui) e a procrastinare il consumo della torta. Dicevo: al giro di boa di solito ci si guarda negli occhi e la donna (lui non si espone quasi mai) si chiede e gli chiede se non sia il caso di fermarsi o tentare di trasformare il rapporto in mera amicizia. Di solito lui risponde in modo che la donna dica lei andiamo avanti ancora per un po’, perché sotto gli occhi lucidi del quasi innamorato (se non lo ha già dichiarato o lo dichiara contestualmente) a lui interessa scoparvi incessantemente ancora per un bel po’. Inutile dire che i tentativi di amicizia fra amanti naufragano nel 95% dei casi alla prima cena da amici con relativo amplesso in bagno, in auto o dove si può. Quindi andate avanti. Siete già un po’ innamorate, o almeno legate quel tanto da non riuscire a dire stop. Il risultato? Approderete alla fine dell’anno in un crescendo rossiniano di progetti e sentimenti, ma quando voi sarete pronte a far saltare il vostro matrimonio lui farà marcia indietro. E da qui, anche l’amazzone più controllata che ha “usato” lo sposato a scopo ludico inizierà il calvario di tutte le amanti che hanno un uomo che rimane con la titolare. Disastro.

LA DEMOCRATICA
Ci sono donne che si fanno zero problemi ad andare con gli sposati. Sono donne spesso considerate troppo “leggere”. A me piace il medioevo come storia ma non applicato alle relazioni di coppia, quindi io definisco queste donne, giovani e meno giovani, libere e non offuscate da illusioni di moralità, come dice Ash in Alien. Se un uomo sposato decide di tradire è un problema suo, non di una single di libere vedute. Il sesso è un fatto naturale che avviene fra persone consenzienti adulte, punto. Quindi ci sono donne che non hanno pregiudizi sugli sposati, sono come i soliti single che prendi e lasci, anzi sono meglio. La fede al dito di lui è una garanzia di libertà autonomia e non appiccicosità per una donna libera che vuole restare libera. Almeno all’inizio. Perché anche per la democratica vale la regola della torta: se ti piace più la mangi e più la mangeresti. Così il tempo passa e lui assume un ruolo sempre più importante nella vostra vita e, superati i fatidici sei mesi anche la democratica si troverà invischiata in una storia che non domina più. La democratica è diventata un’amante classica, con tutti i difetti del ruolo. E così i suoi weekend in famiglia e i tuoi con le amiche diventeranno attese di una sua telefonate, la lontananza si trasformerà da libertà in sofferenza. Addio democrazia.

QUELLA CHE IO MAI CON UNO SPOSATO
C’è sempre qualcuno che pensa di essere più bravo, più forte e più intelligente degli altri. Quante donne commentano e scrivono: io non capisco le donne che vanno con gli sposati, forse hanno bassa autostima… Un bel gruppetto. Ma sapete quante di queste poi nella vita si ritrovano per destino beffardo in un amantato che le invischia da anni? Tantissime, basta leggere i commenti in questo blog. Perfino le mogli tradite, quelle che a volte se la prendono con le amanti invece che col marito (non le capirò mai: detestare il termometro perché misura la febbre…), mi scrivono: non lo avrei mai immaginato ma ora mi ritrovo a fare l’amante anch’io! Perché? Perché certi sposati sono fenomenali, furbi e pazienti corteggiatori. Di fronte a una che io mai con gli sposati lavorano in modo sottile ma incessante, progressivo ed efficace. Caffè, pranzi, telefonate e amicizia di qualità all’inizio: una finta amicizia divertente e lusinghiera condita da un corteggiamento discreto ma sempre presente. Così dal io mai con uno sposato si arriva al peccato che sei sposato. E il tempo passa, lavora, fra risate e complicità, si passa poi alle cene finché una serata particolarmente bella e ispirante ed ecco che anche la io mai con gli sposati si dirà: come sto bene con lui ma che c’e di male a farci un giro…. Ed eccola invischiata in anni di amantato in un batter d’occhio! Destino beffardo e… mai dire mai.

E invece chi riesce a resistere allo sposato? L’EX AMANTE
L’unica donna in grado di resistere allo sposato è l’ex amante che ha avuto una storia lunga e travagliata con uno della categoria. Una donna che ha passato tutti i gironi dell’inferno delle amanti, dalle promesse più belle miseramente disattese al sorbirsi prove di schiavismo, prove emotive laceranti che solo l’egoismo di certi uomini può imporre a persone che dicono di amare e prove così disumane che solo chi all’innamoramento ha aggiunto una forma più o meno forte di dipendenza (andate dallo psicoterapeuta per tempo!) può accettare di subire. Attese infinite, delusioni a pioggia, promesse infrante, persino accuse. Al peggio non c’e mai fine e l’ex amante lo sa perché a un certo punto, aiutata o meno, ha rotto le catene della dipendenza e, per quanto innamorata, ha detto basta, passando attraverso faticosi codici del silenzio, rifacendoli perché l’altro ci riprovava (egoismo senza fine) fino ad arrivare all’agognata consapevolezza del questo sì possiamo dire mai, Mai più con uno sposato. Queste sono le donne davvero immuni dagli sposati. Certo, ci sono le recidive, le crocerossine e quelle che a costo di sputare sangue portano avanti la loro lacerata bandiera del Io ti cambierò, ma spero che tra le ex amanti siano solo delle eccezioni.

Dunque, care amiche, lo sposato sarà affascinante e di moda, forse apparentemente meglio di tanti uomini liberi ma io vi avverto: alla larga come se fosse peste, anche se siete le più strutturate donne del pianeta. Perché, come dicono alcuni medici illuminati, per non ammalarsi non è che bisogna fumare poco oppure ogni tanto, occorre non fumare e basta.

Ditemi cosa ne pensate commentando sul blog o scrivendomi a anpellizzari@icloud.com.

Sincerely yours

 

ps LO SPOSATO SUL LAVORO

Care, l’ho accennato all’inizio. Il peggio dello sposato lo trovate sul luogo di lavoro, perché per quanto “comodo” e a tiro all’inizio, quando sarà finita non solo sarà più difficile staccarsi e dimenticare (anche perché non pochi gentiluomini se ne approfittano della contiguità quotidiana per riprovarci o altro) ma lo avrete sempre fra le palle. Prima o poi per fortuna diventerete indifferenti e lui trasparente, ma sai che fatica! Alcune di voi sono arrivate persino a pensare di cambiare lavoro… quindi NO sposati ma NO NO NO! sposati sul lavoro!


55 commenti

  1. Spero di essere nella penultima categoria, quella delle ”EX Amanti”…essendo anche passata con la sola esperienza di amantato avuta nella vita per l’ultima, ”SPOSATI sul LAVORO”, per un breve periodo.

    Sono stra sicura che essere AMANTI sia in generale una tortura ma essere amanti di uno sposato sia una vera calamità naturale.
    Credo ormai di schifarli addirittura gli uomini sposati/impegnati che ti fanno complimenti plateali.
    Già da lì capisci il livello che hai di fronte….vade retro!!!!

  2. Caro Alessandro
    Mi sono immersa totalmente in questo tuo articolo che ho trovato veramente interessante puntale preciso e utilissimo per tutte noi

    Le varie tipo,ogie di Donne attratte dallo sposato infatti sono in accordo sulle motivazioni del essere attratti dagli sposati per via del fatto che comunque sono portatori della loro concreta esperienza matrimoniale che costituisce la prova a noi donne che comunque si ha davanti un Uomo che è capace di Amare fare sesso e ricco di scambi di esperienze e interessi che magari ha coltivato e che si possono condividere

    Tutte le tue analisi sul NON FARLO MAI sono verissime e ne abbiamo qui tutte noi la dimostrazione dei nostri vissuti di amanti
    Senza un domani SEMPRE almeno si può definire un sempre se si pensa alla famosa percentuale di nuove coppie al solo 10/100 dei casi positivi realizzati

    La Democratica ecco sotto vorrei soffermarmi su questo ruolo
    Perché guarda questo articolo mi spinge a fare diversi commenti da tanto lo ho trovato stupendamente Bello e Utilissimo

  3. Eccomi desidero commentare in particolare il ruolo da te analizzato bene selle DEMOCRATICA

    Lo sento il mio in questo periodo della mia vita
    Perché sono una vera ex di un Seriale Manipolatore PESSIMO
    Schoccante esperienza

    Però somo Donna e Femmina sensibile con i miei sani naturali istinti sessuali di cui come ovvio non mi vergogno affatto.

    Per adesso ho troppa paura e non ho voglia di avere un partner tipo magari diveent O potrebbe diventare una relazione scopo vita insieme
    No non me la sento adesso
    Mi ha rotto talmente tanto l’ex che hil VAFFA…Incorporato tipo
    PILOTA AITOMATICO ah ah ah ,ma è così vero

    Allora Vorrei ecco poter trovare un chiodo attivo
    E certo che è verissimo ciò che dici anche della Democratica e cioè che è facile essere attratti di più dagli uomini sposati soprattutto secondo me,se si rientra nella DEMOCRATICA
    E si perché mica cero una relazione tipo storia costruiamo facciamo fituro no almeno per adesso mi prevale la paura di una ltro pezzo e mer… al posto del pezzo e core

    Quindi MI SENTO PIÙ ADESSO PER ORA DEMOCRATICA
    Però CONCORDO con te
    NO CON GLI SPOSATI MAIII

    ed è vero solo le ex possono dire sono stata con uno sposato e restare vere ex

    Infatti
    Eccomi qui
    La DEMOCRATICA
    prosit!!!!

    Avanti il prossimo
    Ah ah col certoficato alla mano in data odierna con lo stato di famiglia
    Vuoto da Divorziato vecchio ah ah ah

    Grazie UOMOTESORO ❤️

  4. Molto bello…aggiungerei che, come dici tu, difficile che una donna innamorata dopo tutto quello che un amantato comporta torni a fare l’amante, ma ci sono mogli che vivono da amanti perdonando l’uomo che le tradisce senza colpo perire…donne che nella forma sono mogli, ma nella sostanza amanti. Sono scelte. A loro la mia solidarietà di donna e a queste auguro di capire che tutto ciò che ci condiziona dipende dalle nostre scelte, un po’ del cazzo magari, ma nostre. Noi diamo potere a questi uomini e noi lo possiamo togliere.

  5. Illuminante!!! Una sorta di bignami …. guida tascabile! Ahahahah
    Mi compatisco donna sposata e LUI sposato sul luogo di lavoro. Dovrebbero trasferirlo a breve… io ho già provato ai 3 mesi a mollarlo poi a 6, é vero è come una torta. Confido di rinsavire mentalmente e di mandarlo a
    fan…..lo.

  6. Buonasers da maschietto 50 enne sposato con relazione con donna libera 40 enne con 2 figli in eta adolescente, dopo 18 mesi di amantato, ha confermato quello che ha detto Alessandro, no giovane, no divorziato, no si le con mamma, ed io pronto all uscita

  7. Ma perchè lui è quello diverso… almeno tu nell’universo!!! Lo sposato ha una vita FATTA E FINITA e paradossalmente è proprio quella la sua “forza”. Spesso chi tradisce ha una vita talmente certa e arrivata a punti di stabilità da provare noia. Un single o single di ritorno potrebbe arrivarti tirato, nervoso, con casini in casa, con corse per andare dai figli, ect. Lo sposato arriva bello pulito e stirato (nel bene e nel male) come un uomo che sta andando in vacanza. Peccato che la vacanza è una persona in carne e ossa. E tutte le cose della sua vita non le porterà in vacanza 😉

  8. Ex amante ….mai più uno sposato…ci ho rimesso il lavoro ma ora ho aperto finalmente gli occhi… era uno tra i tanti e non il meraviglioso principe che vedevo con questi occhi da innamorata. Felice di poter ricominciare a vivere senza dover più subire quella tortura quotidiana … un abbraccio e grazie come sempre Ale

  9. Precisa precisa nella prima categoria!
    Tanto divertimento, corteggiamento, sesso stratosferico….ma poi, mi innamoro, e da lì iniziano le lacrime, tante lacrime! Lo lascio e lo riprendo alla velocità della luce perché senza di lui mi sento persa, sola, perché nonostante mi faccia consumare di gelosia allo stesso tempo mi da emozioni pazzesche. E poi un bel giorno entra in crisi anche lui, perché questa cosa che io abbia rapporti con mio marito lo fa uscire di testa, sclera, mi dice di aver capito di essere innamorato tanto…..ma ognuno ha la propria famiglia da difendere ed è tutto un gran casino! Al telefono piangiamo, litighiamo e ci diciamo di non poter andare avanti così, ma poi stare lontano è impossibile.
    Mi rendo conto che ci facciamo forse più male che bene, ma pensare a stare senza di lui mi devasta

    • Questo blog è capitato per caso. Non so cosa stessi cercando. Qualcosa mancava al mio puzzle. Ma il tutto è veramente illuminante e sconcertante allo stesso tempo.
      Non so neanche io come descriverlo. Io, penso di essere solo all’inizio rispetto a tante di voi.
      Non so se posso ritenermi più fortunata, ma io vivo lontana da lui 2000 km. Nonostante tutto, inizia a mancarmi… Anzi.. Nostalgia è dire poco.
      Non so neanche io come descriverlo, forse perché sono all’inizio.
      Forse, anche la scoperta di questo blog, non è capitata x caso. Sono molto confusa, perché sinceramente non so cosa fare o meglio, se continuare o troncare.
      Faccio parte della prima categoria di donne, dunque anche quelle più a rischio.
      Un abbraccio a tutte. Non sono cmq sola… Ho tante colleghe e questo mi aiuta tanto.

  10. Mi ritrovo in quasi tutto, sposati con ‘dai sarà solo per questa volta’ …. Dopo tre mesi ‘meglio chiudere’ …. Andiamo avanti …. Sensi di colpa …. Post ferie con forti sensi di colpa di lui e prime disdette …. Ritrovarsi …. Il sesto senso della moglie e del mio compagno (che non indaga) …. Stop!! Fine dei giochi!!
    Il mio ritiro e il mio mare di lacrime …. Il suo ‘doveva andare così’.
    Ora ci si vede solo per lavoro, troppo spesso, io a tratti mi perdo, lui pure, occhi che parlano e stomaco che si chiude …. ma se non c’è futuro non ha senso continuare …. Quindi ex amanti che lavorano assieme ma che nonostante tutto si stimano ancora tanto.
    Grazie Alessandro per l’articolo!!
    Mai più con uno sposato? Ora ti direi ‘mai più’ ma mai dire mai ….

  11. Fighissimo @Ale, ma proprio l’idea dell’argomento, complimenti!!
    Focalizza e ridistribuisce responsabilità anche alle femminucce (ne uscivamo tutte un po’ sfigate/illuse/esaurite gestite dal primo deficiente). Insomma, le donne (la maggioranza) SCEGLIE uno sposato, quindi ‘poverine’ per quale motivo??
    I veri geni del male sono pochissimi, gli altri sono solo i soliti prevedibili maschi.

    Non mi riconosco strettamente in una delle categorie, un po’ ibrida, un po’ tutte, soggetto sperimentale della prossima categoria.

    Quella che BALLADASOLA, che lascia le cose che ama libere. Libere di andare e venire.. perchè adesso la mia libertà non riesco a regalarla più a nessuno.
    Ama, si appassiona, ma di catene non ne mette perchè le costerebbe troppo farsele mettere e ha smesso di dire bugie. Ha già un passato, solitamente positivo, interrotto volontariamente perchè semplicemente consumato.

    Qualcuna che mi fa compagnia?

      • Ciao Cossora. Ti faccio compagnia io. Quella che “uno sposato mai” Sebbene nei 10 anni da separata ne ho incontrati due, che mi piacevano proprio tanto, e tanto mi hanno corteggiata, specialmente uno, senza che mai mi sia lasciata andare a una relazione. Nel frattempo due storie tossiche con uomini liberi, ma impossibili e adesso arriva l’amico che conosci da tempo, sposato, infelicemente(ed è vero, dato che passa tutti i week end con me) che scopri ti interessa non solo come amico. Una cosa nata piano piano, ma piacevole, molto sorprendentemente piacevole. Io lo conosco e so quanto gli costerebbe, anche economicamente separarsi e non mi importa affatto che lo faccia. Come dici tu, ho imparato a ballare sola, e apprezzo un legame fatto di tenerezza passione complicità e tanta libertà.. Non mi interessa cosa fa quando è a casa, ma quello che fa quando è con me. Mi fa sentire amata, importante, mi cerca, andiamo fuori insieme, per un fine settimana, certo, di più non è possibile. Ma posso continuare a fare vacanze con i soliti amici o sola se mi va. È una condizione che mi fa stare bene, molto bene. Alessandro dirà che non sono innamorata, ma in realtà io tengo moltissimo al suo benessere e alla sua serenità So quanto gli costerebbe staccarsi dalla sua unica figlia perciò non glielo chiedo. Col rischio magari che la battaglia per la separazione rovini anche la serenità che c’è tra di noi. Io non ho bisogno di un uomo con cui convivere, ma un uomo da vivere e mi va bene così

  12. Il problema, come dici tu, è che non ci sono uomini liberi decenti. IN giro ci sono solo casi umani, Ad ogni modo il mio è anche sul lavoro ma in questo periodo che lo sto snobbando questa cosa mi piace parecchio perchè chi ci sta male è lui.

  13. Presente! Immunizzata! Però non pentita eh… perché l’ardore con cui ti ama uno che non può e cerca in tutti i modi di trattenerti è impagabile hahaha. Se si riesce a scappare in tempo…
    Mai un single o un marito ossidato saranno tanto appassionati, e non per carattere nè perché hanno incontrato la madonna di Fatima (noi) sotto mentite spoglie: sono semplicemente LE CIRCOSTANZE e le leggi di mercato.

    • @ange2.0 vuoi dire?!?! Nn ci avevo mai pensato in questi termini…forse perché ho sempre pensato che alla fine avrebbe scelto me! Nemmeno io pentita…
      Mi sa che mi sto immunizzando pure io cmq…ne ho uno sposato che mi sta dietro…fa il simpatico, abbiamo una certa confidenza nata da rapporti lavorativi (nn lavoriamo insieme xo)…oggi ha tentato la via della cena…ma cn una scusa sn scappata a gambe levate! Anche se so già che nn mi piace…nn si sa mai…meglio stare alla larga!!!

  14. Vero, in fondo l’importante è viversi, ma con equilibrio: nei sentimenti , nelle attenzioni, nel tempo e disponibilità reciproci e mantenendo comunque un proprio spazio di libertà, perché anche quella rende la relazione più intrigante. Solo così è possibile, a mio avviso, stare bene entrambi; meglio se in situazioni paritarie. Io , sposata, forse non starei mai con un single.

  15. Perché ho perso tanto tempo con lui, sposato e collega, me lo sono chiesta tante volte. Perché ho lasciato che la vicinanza sul lavoro diventasse amicizia, che l’amicizia sconfinasse nel sesso, che la complicità e l’intimità ci abbagliassero trasformandosi fino all’innamoramento?
    Si è innamorato lui per primo, e ha deciso di chiudere per stare con i figli e con la loro madre. Poi dopo mesi ci siamo ritrovati, nessuno dei due aveva voluto cambiare lavoro. Ci siamo fatti male a vicenda, allontanandoci e riavvicinandoci varie volte in 5 anni. L’ultima volta, dopo esserci evitati per quasi un anno, la passione è riesplosa quando avevamo abbassato la guardia pensando che il fuoco fosse spento. È stato il sesso più bello che abbia mai provato, volevo quell’uomo che sapeva farmi provare emozioni così intense e non mi ero mai sentita così bella. Non ho mai desiderato nessuno così intensamente e disperatamente.
    L’inizio della fine è stato quando lui ha raccontato tutto alla moglie. Di me e di un’altra che aveva frequentato in uno dei periodi di pausa con me. Da lì è partita un’escalation di incomprensioni e delusioni. Io ero sempre insoddisfatta, lui prometteva di più ma non sembrava arrivare mai a una svolta. Il weekend insieme tanto sognato, sfumato. La prima notte insieme, deludente. Fuori dal letto non era più l’amico di cui mi ero innamorata. Era una persona indecisa, codarda, mediocre. Le vacanze di Natale mi hanno dato il colpo di grazia. L’urgenza di stare insieme era sparita. Non potevo litigarci o lasciarlo perché non stavamo insieme, mi logoravo nell’attesa. Al rientro al lavoro a gennaio, avevo perso ogni speranza. Ho intuito il suo gioco, ho capito che non sarebbe mai uscito da quella casa e ho deciso di arrendermi. Niente spiegazioni e chiarimenti, da allora. Gli rivolgo la parola solo in presenza di altri colleghi, per educazione e perché nessuno deve notare nulla di strano. Non ha mai cercato il confronto, mai un tentativo di chiamarmi o un msg. Mi ha restituito i soldi del biglietto aereo che avevo acquistato per il nostro weekend saltato. Quando mi vede cambia espressione e distoglie lo sguardo. Sono passati 6 mesi e mi chiedo quando diventerà facile essere indifferente.
    Per chi è in tempo: mai con uno sposato con cui lavorate!

    • @Blaukrebs

      Mi spiace molto per te e la esperienza che hai vissuto è il tipico schema di comportamento del Narcisista che riassumo e ricordo fatto così

      1) BOMBARDAMENTO DI AMORE in ogni più piccolo dettaglio sembra un uomo stupendo e metto in evidenza il SESSO È SEMPRE STRAORDINARIO ( TIPICA MANIPOLAZIONE DA NARCISISTA)

      2) improvvisamente o quasi CAMBIA e inizia la SVALUTAZIONE verso di noi problemi ecc ostacoli che ci sorprendono e non si cPiscono AMBIGUI SEMPRE!!

      3) LO SCARTO siamo SCARTATE per altra o mille altri ASSURDI MOTIVI

      IL NARCISISTA DI SOLITO
      S I SPOSA HA MOGLIE SEMPRE CHE SFRUTTA E MALTRATTA MANIPOLAZIONE e LUI PRRÒ CONTINUA PER SEMPRE A RIPETERE QUESTO SCHEMA è SERIALE SE NE FA A NASTRO E NESSUNO SE NE ACCORGE LI SUBITO È ABILE A CACHER,
      NASCONDERE.

      Chiedo scusa per lo stampatello maiuscolo ,ma è evidenziatore.

      Un abbraccio cara e buona terapia
      Come sai sono Ariel e gli angeli la consigliano sempre!❤️

      • @ariel però C’è anche da dire che non posso essere tutti malati di narcisismo o di manipolazione sti uomini.
        Cioè non posso credere che amante uomo = narcisista.
        Ho letto molto a riguardo e ho capito che la cosa è molto più semplice di quanto crediamo
        Sono stronzi ed egoisti.
        Punto.
        Lo sono con le mogli che tradiscono e lo sono con le amanti da cui traggono solo il beneficio che interessa a loro a costo zero.
        Semplici nella loro semplicità
        Noi ci arrovelliamo a cercare spiegazioni più complesse di quelle che sono… la realtà è quasi sempre più semplice di quello che vogliamo vedere
        Siamo donne ed è normale

          • Grazie Ale!!!!
            Stavo proprio pensando ma stò mostronarcisaseriale …. Me lo sono beccata proprio io?? Fosse un figo da paura poi!!!!
            Hai reso l’idea, ieri il suo chiarimento era ‘non scopo più di tanto, ma mi conviene così, ho altre mille cose che mi rendono felice!!’ …. Mi sono morsa la lingua ma gli volevo rispondere ‘guarda che sei ancora vivo!!’ ….
            Va bhee …. Dalle mie parti si dice ‘morte sua vita mia’!!

      • Mi prendo l’abbraccio, serve sempre.
        La descrizione che fai del narcisista non coincide con quel che è successo a noi, ma non importa. Non mi serve più cercare di capire o spiegare. Sono al punto in cui ho accettato il fatto che sia andata così. Avendo provato a chiudere con lui più di una volta, so che questa volta ce l’ho fatta ad andare oltre.
        Forse la terapia mi sarebbe servita anni fa per uscirne prima. O forse la mia terapia è stata questa storia, c’era qualcosa che dovevo imparare su di me e lui è servito a questo.
        Va bene così.

        • I narcisisti sono come le intolleranze alimentari: sono molto meno di quelle che vengono diagnosticate

  16. Artemisia, io sono un uomo single, mi sono innamorato di una donna sposata, è vero, il single è difficile da gestire, se comincia a volere di più, ti può creare delle complicazioni.
    Da single, ho provato la gelosia di una donna sposata, perché si fa mille menate, per le donne che ti girano intorno…e forse, anche una sposata, innamorata, con questi modi, non permette al single di trovarsi un equilibrio, ed io, altre donne non ne avevo.
    Se trovi la sposata in astinenza da quasi due anni, ritorna ad assaggiare quella famosa torta che tanto le piaceva, ed allora una fetta non basta più, e, la gelosia ed il possesso iniziano a farsi sentire.
    Poi gli equilibri saltano, e si comincia a dire che una relazione con un single è ingestibile, perché sbilanciata, e quindi può capitare che non sempre può essere colpa del single che partecipa al gioco.

  17. io ho fatto l’amante sul lavoro, la peggiore di tutti. è andata male, ma senza prese in giro da parte sua, senza sotterfugi e bugie, senza nessuna mancanza di rispetto. gliene sono grata, lui mi voleva e mi vuole ancora un gran bene, continuiamo a rincorrerci sul lavoro ma tutto finisce lì perchè lui non vuole più tornare indietro dopo essere stato scoperto dalla moglie ed essere tornato ‘sulla vecchia strada’.. vorrei dire senza rimorsi perchè vorrei che fosse così ma per lui non lo è,ancora fatichiamo a guardarci in maniera normale.
    dovrei solo essergli grata perchè non cerca solo il sesso, non vuole usarmi, è una delle persone che mi è stato più vicino quando ho avuto problemi di salute. mi vuole bene e mi rispetta. dovrei solo dire grazie.
    e invece soffro come un cane, ancora occupa una fetta del mio cuore. dopo 6 mesi non è cambiato nulla..

    • Ecco gli uomini così per me sono ok. Niente promesse e quando l’amantato deve fermarsi si ferma. Certo non sono innamorati e non devono dichiararlo

      • Scusa Ale, visto che la mia situazione è simile ….
        La voglia c’è, ma non se la sentono, non è amore, ma rimangono una figura presente ….
        Quando lo vedo in tilt, penso ‘mi butto’, ma poi una vocina mi dice ‘ferma’!!
        Non ci sono state false illusioni e/o parole negative sulla moglie ….
        Passano i mesi, ma non c’è giorno che non ci si rincorre …. E gli occhi sono a cuore, tanto che i colleghi sospettano, ora?? Ma prima dormivano??
        Amicizia?? ….
        Leggo ‘Chiara’ …. E mi chiedo ….
        Che cavolo è sta roba??

  18. Love, per carità, mica è sempre colpa dei single! Spesso sono gli sposati ad avere comportamenti possessivi o di controllo. Credo siano importanti maturità, una personalità ben strutturata e soprattutto chiarezza di intenzioni fin dall’inizio…
    E, naturalmente, rispetto reciproco.

  19. Anche secondo me i narcisisti sono meno di quelli che pensiamo. Il mio non credo che lo sia in pieno ma sicuramente ha molti tratti che non rimandano solo a stronzaggine o convenienza. Ha comunque qualche tratto manipolatore.

  20. sempre evitato come la peste gli sposati!a parte che mi sono sposata giovane e mi sono ritrovata sul mercato a 45 anni..e che squallido mercato!avevo trovato uno dei pochi single che pareva adatto..invece apriti cielo..un pazzo..quindi adesso guardandomi in giro vedo un desolato mercato di single sfigatissimi o stronzi e pazzi oppure qualche rarissimo separato decente oppure i normali sposati..cioè voglio dire ecco perché le mie “colleghe”single si rivolgono a questi!!prima non lo capivo!!

  21. Hai dimenticato le ex mogli tradite, quelle che hanno vissuto lo sgomento di un tradimento nemmeno sospettato, l’umiliazione, la lesione della propria dignità di moglie e di madre, perché raccontano di tutto per spiegare la doppia vita, quasi tutti separati in casa e con mogli pazze o incapaci o terribili che se lasci è un disastro… sono quasi tutte pazze queste mogli… be io questo ad un’ altra donna non lo faccio. Uno sposato ci ha provato con me, gli ho detto di no, dopo una quindicina di giorni è tornato dicendomi che aveva lasciato la moglie, sei pazzo gli ho detto, non per me! È lui no no non ne potevo più e il mio innamoramento per te mi ha dato la spinta necessaria a farlo… sapete come è finita? Malissimo lui cercava un clone della moglie ed io sono molto diversa, è tornato a Canossa…. no no sposati, no divorziati che pensano ancora alla moglie, uomini liberi che desiderino donne libere, ma ce ne sono molto pochi

    • Gli sposati (appunto perché sono sposati) sembrano uomini stabili, con più sale in zucca, senso della concretezza. Appena gli scuoti il loro mondo di certezze (anche noiosissime ma non conta) diventano come gli altri

  22. Ciao Alessandro,

    Ho trovato questo blog una settimana fa e scrivo per la prima volta. e ho bisogno di consigli per capire cosa posso fare o dire.

    un uomo sposato, che trovavo attraente ma con cui mi confidavo come amico, all’improvvisso mi ha baciata e poi il rapporto è cambiato da qualche mese fa. ci piacciamo. io single e lui sposato con un figlio piccolo.
    siccome lui mi ha ossessionato coi messaggi tutti i giorni, all’inizio ho pensato che gli piacevo davvero, ma scrivendoci più volte, ho capito che non vorrebbe cambiare nulla nella sua vita. (secondo lui, lui non cercava niente, ma io sono “arrivata” che non ero nel suo programma)

    io non ci sono ancora andata a letto e spero nulla di duraturo data la situazione sopra, ma ho difficolta di capire cosa realmente vorrebbe fare.
    mi chiede di continuo “ma quando ci vediamo?” ma poi se rispondo di voler vederlo questi giorni, lui non vuole fissare nessuna data… e continua cosi da due settimane….e mi infastidisce.
    puo essere che e’ soddisfatto scrivere i suoi daydreaming su di me, che gli manco, e che vuole fare l’amore con me, e avere la conferma che lo voglio anch’io?
    o solo spera di beccarmi a caso per fare il sesso (che difficilmente succedde)?
    come gli posso chiedere cosa vorrebbe fare realisticamente?

    mi aiutera molto se potresti darmi qualche consiglio su come gli devo parlare (anche perche non sono italiana)

    • Fermati finché sei in tempo. Da quello che scrivi hai a che fare con un traditore alle prime armi, cioè uno di quelli che vorrebbe avere una storia (e forse prima o poi la avrà) fuori dal suo matrimonio per motivazioni valide o meno non ce ne frega qui. Il traditore alle prime armi tira sceme le sue candidate con tira e molla sugli appuntamenti finché, peggio ancora, quaglia venendo a letto con te quando avrà il picco di ormoni. E allora ti dovrai sorbire i suoi sensi di colpa e lasciare e riprendere, più una serie di umiliazioni e indecisioni che nulla hanno a che fare con l’amore o un rapporto normale. Se invece è uno che ha già tradito, mettendo le mani avanti ti farà fare l’amante classica, della serie fuori dal letto nulla o poco, a parte promesse varie o voli pindarici. Quindi hai da perdere comunque. Lascia stare. sei single, lui sarà affascinante quanto vuoi, ma porterà solo lacrime, se non sei in grado di scindere sesso da tutto il resto. e poche, credimi, riescono a farlo. E nessuna a lungo

      • grazie Alessandro della rispota.
        oggi ho visto le sue foto su SNS che fanno capire che comunque anche nel weekend riusciva a uscire con gli amici (in comune)… e mi sento che la sua scusa di “la mia vita e’ piena di doveri e responsabilita e purtroppo non posso vederti come vorrei” non ha senso. e mi sento talmente stupia…lui mi scrive ogni giorno, ma puo essere che un uomo che vuole solo la psicologa gratuita???

  23. Ciao Alessandro, io rivesto il ruolo della sposata con un amante con compagna e figlia piccola. La mia è una storia in bilico tra sensi di colpa, passione e amore sincero nei confronti di entrambi (marito e amante). Mio marito è un uomo giovane, dolce e premuroso, il mio migliore amico con cui mi diverto e del quale mi prendo cura ma con cui condivido pochi interessi. Siamo insieme da 10 anni, sposati da 2. Mio amante è un uomo più grande di me, conosciuto sul lavoro, da cui ho imparato molto e con il quale condivido interessi e passioni. Il sesso con lui è travolgente e totale, mi sento libera di esprimermi senza limitazioni come non mi era mai accaduto prima ma purtroppo non riesco a scindere sesso e amore. La nostra storia da amanti dura da poco meno di 2 anni. Non ci siamo mai fatti alcuna promessa di un futuro insieme per ovvie ragioni ma la sofferenza di sentirlo lontano con un’altra donna (o più d’una considerato il suo passato) mi tormenta. Ciò nonostante albergano in me sentimenti discordanti e confusi. Lo voglio? Non lo voglio? Lo amo? Non lo amo? Mi vuole? Non mi vuole? Mi ama? Non mi ama? Ma soprattutto… Se fossimo entrambi liberi staremmo insieme? Chiedo lumi…

    • Ma sai stai vivendo quello che molti amanti vivono. Per quanto il patto possa essere non ci promettiamo nulla viviamo giorno per giorno due anni sono tanti ed è inevitabile farsi delle domande. Te ne faccio una io: tu così sei felice? Ti basta? Se la risposta è come penso no vorrei di più devi parlarne con lui

      • Hai ragione, grazie per la tua risposta. Il punto temo sia questo, io non sono felice perché vivo due storie per metà. Due storie che non progrediscono e dopo 2 anni non so più cosa voglio. Gliene parlerò, ho sempre rimandato perché so in cuor mio che questo vorrà dire la fine e il pensiero di perderlo è straziante.

        • Quando ti sentì pronta. Cerca un confronto non per forza dovete decidere. Ma così a te non va più non è confusione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

@anpellizzari

Ecco La matematica del cuore, il mio nuovo libro

Ci siamo finalmente! Ve lo avevo annunciato, molte lettrici lo aspettavano e ora posso dirvi, rivelarvi tutto: il mio nuovo libro si intitola La matematica del cuore e uscirà in tutte le librerie il 21 novembre 2019.

Premax Shop