Pixabay

Il miracolo dello zerbino avviene quando la moglie scopre il marito che la tradisce e lui si trasforma in due secondi in zerbino

Solo ieri eri la donna della sua vita e adesso, in pochi secondi, ti ha rinnegata liquidandoti con un messaggio, di fronte alla minaccia di essere sbattuto fuori di casa. Il vostro grande amore, pieno di “ti amo” e di progetti per il futuro si è volatilizzato il tempo di consegnare alla moglie password e telefono in ginocchio. E ora inizia la festa celebrativa sui social del loro “ritrovato amore”

Segui la diretta: buona visione e commenta!

Condividi:

247Commenti

  • Vita, 10 Ottobre 2020 @ 14:07 Rispondi

    @alessandro
    Tante verità, come sempre.
    Nel mio caso, va detto per amor di verità, lui mi ha abbandonato ma non ha sputato nel piatto in cui ha mangiato. Questo non lo ha fatto. Non ha protetto la mia privacy, il che mi ha molto spaventato, ma ha preteso da lei che io non fossi oggetto di ritorsioni. E io lo spero. Si è piegato a qualche miseria (dolorosa ma non eccessivamente rischiosa) e a volte lei si affaccia sul mio profilo LinkedIn. In cambio ha accettato di non avere con me nessun tipo di contatto fin dal momento della confessione, il che significa che sono stata scaricata con un messaggio e una telefonata, dopo tanti anni insieme non ho potuto nemmeno avere un confronto di persona e sono stata lasciata a me stessa, senza spiegazioni (che mi sono andata a cercare), anche sul fronte lavorativo. Durissimo.
    Una sola verità: nella sua vita era lei e non io Ciò di cui non poteva fare a meno.

  • Vita, 10 Ottobre 2020 @ 16:04 Rispondi

    @alessandro (oggi sono grafomane! Perdonami!)
    Sono assolutamente d’accordo che se il matrimonio è bollito, la moglie è disinteressata e il sesso non si fa, la scoperta non dovrebbe essere tanto traumatica. Ma ci vuole coerenza, e non tutti ne sono capaci. E sopratutto forse non tutti cercano la stessa cosa in un matrimonio. Io sono sicura che Lui non mentisse sulla natura del loro rapporto (parlava di reciproca dipendenza identitaria a borghese), non sto qui a piegare le ragioni per cui lo sono, proprio per questo non credevo che lei lo avrebbe mai messo in croce. Io credo lo abbia fatto perche ha capito che si trattava di una storia importante. Di scopate in giro (dopo una prima storia importante) lui ne aveva fatte e lei le aveva anche scoperte ma ci era passata sopra. Quello che era inaccettabile, anche per lui a questo punto, è che qualcuno prendesse il suo posto. Ok il letto, che non mi interessa, ma il trono, lo scettro e i danari NO! Ora mi dicono che sia terrorizzata da me. Da me???? Non ha capito che un’amante si può gettare in mare in un secondo, ma è quel che resta con cui bisogna fare i conti. Non con me. I conti che sto provando a fare anche io nel mio di matrimoni.

  • Disillusa, 11 Ottobre 2020 @ 07:42 Rispondi

    @Vita!! La tua storia è la mia! Uguale uguale. Scaricata dopo un anno e mezzo (ma ci conosciamo da una vita) .
    Chiaramente tra la persona che lo faceva stare bene su tutti i fronti e quella che ti dà la famiglia apparente, la felicità apparente e con cui lavori (anzi il lavoro è di lei, lui si è azzerbinato pure sul lavoro cedendo a lavorare con lei) ovviamente ha scelto lei. E adesso foto pure insieme sui social come da programma. Giuro che mi viene da vomitare. Una mezz’oretta di scuse dopo che ho insistito almeno per chiudere e fine. Io non sono mai esistita.
    Ma io spero e credo con tutta me stessa che sotto sotto sia di un’infelicita’ mortale. Almeno questo è quello che ha sempre detto lui, poi chissà dove sta la ragione.
    Ovviamente adesso dopo tutte le dirette che ho guardato di @Ale mi sono pure resa conto che non era vero nemmeno che dormiva separato dalla moglie.
    Tutti uguali santo cielo!! Tutti!!!

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2020 @ 10:13 Rispondi

      Il miracolo dello zerbino!

  • Vita, 11 Ottobre 2020 @ 10:43 Rispondi

    @disillusa (spero che tramuterai il tuo nome in @fiduciosa :-))
    La paura fa novanta, si dice!
    La paura è un sentimento come un altro, ma è una cattiva consigliera e andrebbe tenuta a bada.
    Io di paura ne avevo provata poca, l’ho scoperta durante questa esperienza (paura di perdere tutto, paura di essere oggetto di ritorsioni, paura del male che poteva farmi).
    Avrei potuto perderci la ragione e me ne sono resa conto: agire d’impulso con lui, nel lavoro, in famiglia e fare scelte sbagliate e non mie solo perché obnubilata dalla paura. L’ho combattuta con tutta me stessa e ancora la combatto perché non sia il motore delle mie decisioni. Ecco, sinceramente io credo che il mio ex, forse anche il tuo, abbia sentito e ascoltato solo la paura. Ma prima o poi passa e il resto rimane. Questo vale anche per me, devo fare i conti con quel che resta non con la paura.

  • elleelle, 11 Ottobre 2020 @ 11:47 Rispondi

    @Alessandro
    “la festa celebrativa sui social del loro “ritrovato amore”
    Eh certo, quello che hanno fatto anche loro, cioe’, anche lei, perche’ lui si guarda bene dal rovinarsi una possibile piazza futura con una foto assieme.
    Che storia patetica… Ma e’ la loro, se la meritano perche’ hanno preferito non agire quando era il momento e accettare un compromesso enorme dopo. Se posso essere un po’ crudele, si meritano anche di non dimenticare mai quello che e’ successo per come sono stata trattata io, che comunque non avevo fatto niente di male, se non amare una persona che non lo meritava. Che si ricordino sempre che sono stata presa in giro e non l’ho accettato.

    Io mi sono staccata molto, sento che ormai sono fredda nei suoi confronti, non ho neanche bisogno di andare a guardare quello che fa, anche perche’ ogni volta conferma quello che penso. Ogni tanto mi capita di vedere dei suoi commenti su pagine che seguiamo in comune e ogni volta rivela le sue multiple personalita’. Prima di lasciarci ed esempio gli avevo consigliato di non immischiarsi in una cosa che non lo riguardava e adesso lui ne parla come si fosse impadronito di questa cosa e fosse un problema suo, esponendosi in prima persona e scrivendo al posto di chi e’ veramente coinvolto. Non mi ha ascoltato nemmeno questa volta, non lo ha mai fatto e in questo caso non puo’ rinunciare ad una possibilita’ di mettersi in mostra. E’ fatto cosi’.

  • Lia, 11 Ottobre 2020 @ 12:07 Rispondi

    @Vita ciò che importa è il risultato.
    Ha scelto la moglie.
    @Ale, secondo me, una forma di azzerbinamento forse meno evidente, l’abbiamo subita tutte.
    Forse di più le amanti di lunga data.
    Quando scelgono definitivamente e c’è il cambiamento in Hide. Da quel momento gli incontri si diradano, gli orari cambiano, sono più attenti a non essere scoperti. Probabilmente in quel momento stanno anche recuperando con la moglie trascurata. Segnali che possono essere scambiati per sintomi di un rapporto che si è stabilizzato, ma che non è affatto così.
    E come si chiama questo?
    Certo, non c’è ancora bisogno di liquidare l’amante, ma i segnali che potrebbe succedere ci sono tutti.
    C’è una parte della loro vita che è di gran lunga più importante di noi.
    Ci hanno fatto credere il contrario per tanto tempo che non vediamo i segnali. Là dove non c’è un’evoluzione del rapporto ma una regressione, si nasconde un azzerbinamento e la certezza di essere liquidate in un nanosecondo in caso di scoperta. Hanno già scelto. Interpreto male?

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 12:14 Rispondi

    @Vita, mi piace sempre leggerti. Nei tuoi messaggi percepisco un mix di emozioni, se vuoi anche contradditorie a volte, ma tanto vere e tanto sincere. Anche io sono stata scaricata con due telefonate misere e veloci. E questo fa malissimo. Perché questo ti capire quanto poco contavamo per loro. Ed è il boccone poi difficile da mandare giù. E come dici tu “Una sola verità: nella sua vita era lei e non io Ciò di cui non poteva fare a meno.” Quanto fa male questa verità? Ma spero con tutto il cuore che questa verità ci farà rinascere e ci farà prenderci cura di più di noi stesse.

  • Oldplum, 11 Ottobre 2020 @ 13:48 Rispondi

    @lia, io la fase “diradamento ” come già ho detto non l’ho mai vissuta. Anzi. È sempre stato più presente (veniva da me anche durante il lockdown e mi telefonava ogni sera oltre alle chat ad ogni ora durante il giorno).
    Ma sapevo che sarebbe stato azzerbinato se solo fosse stato scoperto o anche se sua moglie avesse covato solo un sospetto. Lo sapevo. Ed ero stanca, logorata. Incapace di vedere più un senso in quello che stavamo facendo. Sarei stata rinnegata. La nostra storia ridotta ad una scappatella senza senso. Non potevo sopportarlo ho chiuso io, per metterci un punto e per cominciare a vivere davvero . Voglio un uomo che dorma nel mio letto.

  • MP, 11 Ottobre 2020 @ 14:14 Rispondi

    @vita ti leggo da quando sei approdata qui, sempre con piacere. E oggi, con queste parole, mi si è spezzato definitivamente il cuore: “Una sola verità: nella sua vita era lei e non io Ciò di cui non poteva fare a meno.” Mi viene da piangere. Mi auguro, un giorno, di riuscire ad accettare questa verità senza aver voglia di spaccarmi la testa contro il muro. Lo auguro a tutte noi.

  • Vita, 11 Ottobre 2020 @ 14:38 Rispondi

    @crocus
    Sono un gran casino, hai ragione! Ma nonostante la grande omissione (con mio marito) mi sento una persona sincera e vera. Forza!

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 15:00 Rispondi

    @Vita, ma quale casi o! Io ci vedo solo una grande donna che GIUSTAMENTE ha tanti pensieri e alcuni appunto sono contradditori tra di loro, ma lo trovo più che normalo visto il tormento emotivo che stai vivendo <3.

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 15:04 Rispondi

    @Oldplum, quanto è durata questa relazione? Sei stata brava ad aver chiuso tu. Probabilmente le esperienze passate ti sono state di grande aiuto in questo caso. Ti leggo sempre con molto piacere e condivido una buona parte delle cose che scrivi :-).

  • Ariel, 11 Ottobre 2020 @ 16:19 Rispondi

    Sempre valido anche qui con questo argomento del così detto FALSO MIRACOLOnel significato purtroppo verissimo dei ritorni da testosterone da psico e tutti i soliti benefit da CIALTRONZI MEGA

    E si ,questa me la sono risparmiata ,almeno nel mio caso sicuro non torna nel vero senso della parola tornare perché un Narci non torna mai se non per vedere se si sta lì ad adorarlo pure se a distanza di anni

    Casi diversai ,ma indubbiamente ci credi @CaroAlessandro che ho provato vero disgusto a ripensare a quest Esseri ignobili che fanno LA SPIA CON LA mogliettina che FINGONO DI AMARE allorché scoperti nelle loro cialtronate con la povera amante Donna che ha avuto il torto di credere al Dott Jakill barra Pricipe azzurro al secondo tentativo di sostituire l’azzut con il cxxxxxxxo solito deja vu MACHISTA CHE NON SE NE PUÒ PIÙ

    difficile per me restare impassibile pure se non ho vissuto questo miracolo finto ritorno
    Ma il pensiero di queste Care Donne amanti innamorate vere che ancora non solo mollate o mollare per KOSTRIZIONE DEGLI EVENTI DA CIALTRONZO che sfiniscono e finiscono per un bel malaffare…ma pure il rimestare il coltello nella piafpga ferita inferta spudoratamente nelle Donne amanti e pure mogli perché questi tipi di uomini NON AMANO NESSUNO SOLO IL LORO AMENICOLO…..

    Per essere fine che manco la finezza si meritano sicuro
    Mi auguro btanto che questa tua diretta possa aiutare tantissimo ancora chi ci sta in mezzo a queste situazioni provocate e messe in atto volutamente dal così detto amante che tanto caro e bravo maquanto ammmmmore che ci ha dato vero???????

    E speriamo che le care Donne che nel presente vivono ancora la illusione del amore di lui si sveglino e chiudano tutto con un bel portone di silenzio a vita
    Vita nuova davvero che così sicuro aiuterà chi ancora non ha la energia per portare alla luce del sole tutta la effettiva esperienza vissuta con chiunque i propri ccari le persone alle quali si s tiene marito e tutti gli altri che ad essere sincere del tutto ci si guadagna per sempre nella propria

    Autostima!!!
    Forza tutte le care ragazze ce la fate e c’è la farete!!
    Grazie @Caro Alessandro le tue video dirette illuminano il nostro percorso!

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2020 @ 19:14 Rispondi

      grazie cara

  • Oldplum, 11 Ottobre 2020 @ 16:23 Rispondi

    @Crocus è durata più di 3 anni. Si, mi è riuscito abbastanza naturale alla fine prendere la mia decisione. Mi è scattato qualcosa dentro. Non mi sentivo più a posto con me stessa. Lui avrebbe continuato cosi a lungo e io non potevo permetterglielo. Ad un certo punto mi sono sentita in pena per sua moglie oltre che per me stessa.
    Lui non si da per vinto comunque. Ma non fa nulla di ciò che dovrebbe fare: scegliere la famiglia e lasciarmi in pace o scegliere me o comunque di vivere fuori dall’ipocrisia.
    Io ora frequento un’altra persona. Niente ancora di intimo e sentimentale. Si esce tanto, si parla tanto e si sta bene. Comunque mi sento a posto. Non ho nulla da rimproverarmi. Non forzo più niente. Mi adatto alle circostanze come l’acqua si adatta ad ogni condizione. Fluisco e sono serena.

  • Vita, 11 Ottobre 2020 @ 16:37 Rispondi

    @MP
    Certo che accadrà. Vi abbraccio

  • Vita, 11 Ottobre 2020 @ 17:39 Rispondi

    @oldplum
    Non sapevo, mi mancava questo pezzo.
    Brava, brava, brava. Era quello che avrei dovuto fare perché anche io lo sapevo, facevo finta di non saperlo ma lo sapevo. E poi è successo esattamente ciò che hai voluto risparmiarti. E hai fatto bene assai.

  • Stella, 11 Ottobre 2020 @ 18:17 Rispondi

    Ale che dirti, è vero quello che scrivi…il mio si è zerbinato e non mi ha tutelata dalla moglie e dai suoi parenti… è più di anno che non so più nulla di lui ,credo che stia ancora chiuso in 41bis…so di certo che lei mi odia a morte mi vede come la rovina della sua famiglia,questa è la cosa che mi fa più male,loro non fanno la famiglia felice sui social o in giro ,ma il risultato non cambia.

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2020 @ 19:15 Rispondi

      ci hai solo guadagnato che sparisse. Oggi vorresti un uomo così al tuo fianco?

  • Crocus, 11 Ottobre 2020 @ 19:47 Rispondi

    @Stella, ho letto altri tuoi commenti e per quanto riguarda il discorso moglie, le nostre storie sono pressoché identiche. Anche io ho sofferto moltissimo per il fatto che mi odiasse e mi vedesse come rovinafamiglie, però poi mi sono detta che se la pensa così è un problema suo. Ha ragione Ale quando ci chiede “ma un uomo così lo vorremmo al nostro fianco?”. No grazie. Si soffre, tanto, ma sono sicura di non volere un cialtrone così al mio fianco.

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2020 @ 20:12 Rispondi

      Una moglie che pensa che le amanti siano rovinafamiglie imputando a esse i guai del suo matrimonio è uno struzzo

  • Dispersa, 11 Ottobre 2020 @ 23:29 Rispondi

    @Ale… Ehh sì funziona proprio così!!
    In questi gg ho notato che ha tolto la password al cell… E tu sei caduto a puntino con la tua diretta!!
    Quante volte ho pianto leggendo i tuoi articoli… Ora sorrido… Anzi con questa diretta mi sono fatta un paio di risate (ma di quelle sane)…
    Grazie @Ale!! Sono ‘finita’ nel tuo blog per caso… Ma sono sicura che nulla accade per caso!!

    • alessandro pellizzari, 11 Ottobre 2020 @ 23:45 Rispondi

      Meno male

  • Stella, 11 Ottobre 2020 @ 23:42 Rispondi

    No Ale uno così mai più… è sapere che si viene odiati e da altre persone e descritti con epiteti e disprezzo mi fa male e che lei parla di me anche con i figli seminando l’odio .La cosa assurda è che io l’avevo lasciato molto prima che la moglie scoprisse di me e lui sapeva che mi.aveva persa. Non ho mai capito questo accanimento di lei dato che tra noi era finita.

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2020 @ 08:54 Rispondi

      struzzitudine tafazziana

  • Clarabella, 11 Ottobre 2020 @ 23:47 Rispondi

    Oldplum, stessa cosa successa a me…pari pari…
    Ero stanca, logorata dentro, senza più stimoli in cio che si faceva…anzi a volte uscivo con lui per non stare da sola…ma in più ero anche diventata cattiva, e la cosa non mi piaceva.
    Cattiva perchè come te, sapevo che se scoperto, si sarebbe azzerbinato.
    E di fatto cosi è successo: è stato beccato, sembrava dovesse scaravoltare il mondo, ma come da prassi non ha fatto nulla, solo tante parole…
    Durante il lookdown presentissimo come il tuo, ma era facile…non ci si poteva vedere…facile far presenza tramite chiamate o videochiamate…tanto una volta chiuso e cancellato tutto rientrava a casa,
    sereno e sorridente, con la sua bella faccia di bronzo.
    Ci ho messo un pò a capirlo.
    Ero sola e disperata. SOLA!
    L’ho mollato.
    Dicendogli in facciia:
    voglio un uomo, lo voglio mio!

  • Crocus, 12 Ottobre 2020 @ 08:14 Rispondi

    @Oldplum, grande! Hai fatto bene e lasciarlo e fai bene ora a goderti la vita. “Fluisco e sono serena” che bello leggere questa frase. Spero di riuscire a dirlo presto anche io…

  • leilei, 12 Ottobre 2020 @ 09:08 Rispondi

    Io penso che lascino con un messaggio o una telefonata non perchè vi considerino nulla, ma perchè de visu sarebbe devastante. Vedere la vostra reazione, magari le lacrime o subire la vostra rabbia. Oppure non riuscirebbero perchè in fondo gli piacete ancora troppo, e scatterebbe ancora un bacio che gli renderebbe impossibile chiudere davvero.
    Essere cialtroni non vuol dire non provare sentimenti, bensì non avere le palle per viverli davvero.

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2020 @ 09:10 Rispondi

      Vigliaccheria per lo più

  • leilei, 12 Ottobre 2020 @ 09:11 Rispondi

    Non credo che una storia di 3,4 o 10 anni non implichi un coinvolgimento sincero da parte degli uomini, ma la paura prende il sopravvento, il cambiamento è troppo rischioso. E allora chiudono e se la raccontano, che possono stare bene a casa loro, che è tutto così comodo e rodato, che in fondo la moglie non è poi così male, e poi se la sono sposata…
    A loro basta non guardare in faccia la realtà per fare finta che vada tutto bene.

  • Crocus, 12 Ottobre 2020 @ 09:44 Rispondi

    @leilei, perdonami ma non sono d’accordo. Qui subentra il coraggio che loro non hanno. Si il coraggio anche di vederci piangere o di incassare la nostra rabbia. Se hanno davvero provato qualcosa allora in nome di quel “qualcosa” e soprattutto per rispetto, dovrebbero guardarci in faccia mentre ci dicono certe cose, al telefono sono bravi tutti. È da codardi secondo me.

  • maribel, 12 Ottobre 2020 @ 09:59 Rispondi

    @leilei allora tutto andrebbe fatto per telefono o messaggio: comunicare qualunque cosa infelice o sgradita andrebbe fatto così, per evitare di vedere la delusione e il dolore sulla faccia di qualcuno a cui vogliamo almeno un po’ di bene, no? ma siamo adulti, accidenti! troppo comodo non riuscire a sopportare le cose pesanti! a che età biologica siamo rimasti??

  • Crocus, 12 Ottobre 2020 @ 11:12 Rispondi

    @leilei, beh appurato tutto ciò che dici, un uomo che non guarda in faccia la realtà lo vorresti? Io no. E soprattutto non è amore vero e puro perché altrimenti non c’è paura che tenga. Il loro era un divertimento, un piacevole passatempo (mi duole dirlo, perché io ero convintissima del suo amore) e poi appena si complicano le cose restano dove, come di dice @Ale, sapevano sin da subito che sarebbero rimasti.

  • elleelle, 12 Ottobre 2020 @ 11:18 Rispondi

    @leilei
    Hai ragione, ma allora perche’ andare in giro a fare danni?
    Sembra che nessuno abbia un minimo di introspezione per chiedersi “Ma sei io tradisco il mio partner, cosa rischio? E’ una cosa che mi sento davvero di fare? E se ferisco l’altra persona poi, cosa faccio?”
    Non mi aspetto questo ragionamento da un ventenne che sta facendo delle esperienza di vita, ma me lo aspetto da un cinquantenne. Se no andiamo al discorso che fa @Ariel sul maschilismo: gli uomini italiani sono talmente convinti di poter fare quello che vogliono senza nessuna conseguenza, perche’ tanto le donne sono a loro disposizione, che non devono nemmeno usare il cervello ma solo quello che hanno tra le gambe.

  • elleelle, 12 Ottobre 2020 @ 11:24 Rispondi

    @Crocus
    La pensi proprio come me… A volte fare del male e’ necessario, ma c’e’ il male “utile” e quello “inutile”.
    Sapevo benissimo che avrei ferito il mio ragazzo quando lo ho lasciato per mio marito ma l’ho fatto perche’ non avevo altra scelta. Non lo volevo prendere in giro, non lo volevo tenere legato a me visto che io non ero piu’ innamorata. Lui ha sofferto, come ho sofferto anche io ma era necessario.
    Prendere in giro e invece un male “inutile”. che non serve a niente.

  • cossora, 12 Ottobre 2020 @ 11:37 Rispondi

    @leilei se a te non costa nulla e non ti coinvolge stare con un uomo che non ami e che tradisci da secoli.. perchè dai per scontato che se un uomo prende sesso, coccole, attenzioni e ascolto fuori di casa (gratis) debba essere coinvolto?
    In questa tua ingenuità vivi molto bene, comunque.
    Ti auguro di non svegliarti mai!

  • leilei, 12 Ottobre 2020 @ 12:03 Rispondi

    Maribel e Crocus scusate, ma è proprio quello che ho detto io. Non lo fanno di persona perchè non hanno il coraggio!

  • Crocus, 12 Ottobre 2020 @ 12:08 Rispondi

    @elleelle, esatto. Prendere in giro è davvero sgradevole, prendere in giro per scopare, peggio ancora! Io ho tradito mio marito e mi sento una merda per questo, non riesco a fare finta di nulla nei suoi confronti. E soprattutto quando siamo stati scoperti (perché la moglie ha scoperto il tutto e si è premurata di dirlo a mio marito) io ero pronta a dire la sacrosanta verità, solo che il mio ex amante si è inventato una bugia clamorosa e ha obbligato anche me a tenere lo stesso filone (per parargli il culo). Questo è stato il primo grande errore che ho fatto e soprattutto doveva essere un bel campanello d’allarme. Solo ora, grazie a questo blog, sto sviscerando tutto in maniera dettagliata e scopro quanto marciume c’è sotto e mi viene male. Quando si è in mezzo al trambusto certe cose ci sfuggono per forza, si perde la lucidità e sparisce anche la limpidezza dei pensieri. Per fortuna poi arriva quella botta (sarebbe stato meglio farne a meno, però…) che inevitabilmente ci sveglia dal torpore. Quell’incantesimo durato troppo a lungo. Dovrei ringraziare il mio ex per avermi dato un calcio nel sedere, perché credo che la storia poteva finire molto ma molto peggio. Meglio così.

  • leilei, 12 Ottobre 2020 @ 12:27 Rispondi

    Elleelle ma perchè tu ti sei guardata dentro e ti sei detta “ma che cavolo sto facendo? Sto mentendo a mio marito, vivo una vita piena di bugie, se ferisco l’altra persona poi cosa faccio? mi sto infilando in qualcosa che non so dove andrà a finire?” Io non l’ho fatto. Idem vale per le single “sto iniziando una storia con un uomo impegnato, che finge con sua moglie e forse finge anche con me, che non ha nessuna intenzione di lasciare casa”. Ma davvero care donne vogliamo vedere solo quello che ci fa più comodo? Ovvero che solo gli uomini sono dei farabutti?
    E no, quando iniziamo tutti sia uomini che donne, siamo obnubilati dalle emozioni forti, dal desiderio di sesso coinvolgente, dalle farfalle nello stomaco. Altrimenti tutti ci fermeremo prima.
    Io non ci sto, e mi prendo la mia parte di responsabilità, cialtrona come il mio amante.

  • leilei, 12 Ottobre 2020 @ 12:29 Rispondi

    Mi piacerebbe fare la conta di quante di noi, lasciate dall’amante, hanno avuto il coraggio di dichiarare la crisi in casa e separarsi.

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2020 @ 13:01 Rispondi

      Almeno il 50%

  • orsa, 12 Ottobre 2020 @ 12:33 Rispondi

    Lui il coraggio di guardarmi in faccia mentre mi mollava ce l’ha avuto e così ho potuto vedere in diretta la trasformazione in Mr Hyde. Ho visto la completa indifferenza nei suoi occhi, la freddezza e il gelo. Non mi ha toccata, non mi ha rincuorata mentre piangevo e cercavo di spiegarmi. Tre giorni prima mi aveva detto che mi voleva bene ed era venuto a letto con me. Ha pure avuto il coraggio di fare la faccia scocciata quando ha visto che, secondo lui, non me ne volevo andare. E poi ha detto tante nefandezze, si è contraddetto, non una parola “buona” a fronte di una storia di 4 anni. Non mi sono mai sentita così umiliata in vita mia, ve lo giuro ragazze! Sono anche arrivata a pensare che lui l’abbia fatto apposta, di trattarmi così male, per aiutarmi a dimenticarlo. Cosa che ovviamente non è. Riconosco però che, almeno, l’averlo guardato in faccia mi ha aiutato ad odiarlo di più. Mi chiedo se il fatto di avermi mollata de visu sia dipeso dal suo volersi assumere delle responsabilità oppure piuttosto dalla volontà di ferirmi e offendermi ed addossarmi tutte le colpe. L’estrema gratificazione! Comunque il risultato non cambia, dal mio punto di vista ho preferito sicuramente così. Le persone si prendono e si lasciano ogni giorno, ciò che non capisco è la cattiveria e il voler infierire. Soffro più che altro per l’orgoglio ferito, io che lo consideravo la mia farfalla rara e preziosa.

  • elleelle, 12 Ottobre 2020 @ 13:28 Rispondi

    @leilei
    La mia storia l’ho raccontata tante volte e non mi va di farlo di nuovo.
    Comunque si’, certo che ci ho pensato. Ci sono cose che ho detto e chiarito anni prima di tradire, innanzitutto. Ho cercato davvero di parlare con mio marito e avere una reazione da lui. Solo dopo anni, quando era chiaro che il mio matrimonio era finito, ho avuto questa relazione ed ero pronta a separarmi, avevo anche detto al mio ex quando avrei potuto farlo.
    Piu’ di cosi non so cosa avrei dovuto fare per guardarmi dentro e ragionare. Veramente sono la persona sbagliata a cui chiedere se si e’ mossa con incoscienza e senza pensare, in quanto ho pensato e ragionato fin troppo.

  • cossora, 12 Ottobre 2020 @ 13:41 Rispondi

    E a quale scopo? Così ti scagioni e ti senti meno deplorevole di quel che pensi di essere? @leilei a volte sembri vile quanto solo certi ‘uomini’ riescono ad essere.

  • Crocus, 12 Ottobre 2020 @ 13:58 Rispondi

    @Orsa, cara, quanta sofferenza si legge nelle tue parole. Ti abbraccio forte. Il mio ex amante mi aveva detto “alcune cose te le dico in modo più duro anche se magari non le penso solo perché così magari potrai staccarti più facilmente da me”. Tutte balle. Ma tu pensa che bontà d’animo. Si comportano così perché sono dei cialtroni laidi senza vergogna (cit.Ale) e se/ce la raccontano fino alla fine.

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2020 @ 15:52 Rispondi

      Il pietoso

  • elleelle, 12 Ottobre 2020 @ 14:51 Rispondi

    @cossora
    Rientrare nelle statistiche serve, anche se solo fino ad un certo punto. E’ anche questo un modo di “inquadrarsi”, magari rendendosi conto che non si ha il coraggio per prendere certe decisioni. In fondo e’ il metodo che applichiamo anche ai nostri ex, che rientrano in certe categorie.
    Ritengo che alla fine se ci sono dei problemi, prima o poi saltano fuori e bisogna farci i conti. Nel caso di @leilei, secondo me la resa dei conti e’ adesso, ha rimandato e rimandato ma non e’ piu’ possibile. Dopo quello che le ha detto l’amante delle vacanze con la moglie, si e’ resa conto che tutta l’impalcatura che aveva, era stata costruita sulle sabbie mobili. Ci vuole tempo per accettarlo, visto che erano anni che andava avanti.

  • maribel, 12 Ottobre 2020 @ 15:21 Rispondi

    @leilei non ci credo che tu non ti sei guardata dentro e chiesta le cose che scrivi…
    È che hai capito che lui non avrebbe mai lasciato la sua casa e piuttosto che perderlo hai accettato così, secondo me.
    Vuoi fare la cinica, ma non sei davvero così… non saresti qui a confrontarti se tu lo fossi veramente.

  • Stella2, 12 Ottobre 2020 @ 16:04 Rispondi

    @elleelle noi donne sbagliamo a pensare che gli uomini ragionino come noi…

  • orsa, 12 Ottobre 2020 @ 16:05 Rispondi

    @ grazie Crocus, , ricambio l’abbraccio virtuale …
    ma veramente! che grandissimi cialtroni! “alcune cose te le dico in modo più duro anche se magari non le penso solo perché così magari potrai staccarti più facilmente da me”, anche questa non sarebbe male per la rubrica “il peggio della settimana” .

    • alessandro pellizzari, 12 Ottobre 2020 @ 16:39 Rispondi

      già segnata

  • Vita, 12 Ottobre 2020 @ 16:51 Rispondi

    @orsa
    Quanta generosità! Ce n’era bisogno.

  • Crocus, 12 Ottobre 2020 @ 17:27 Rispondi

    @leilei, se ne è parlato già ampiamente di questa cosa qui sul blog… di che responsabilità stai parlando? Si, ammetto che nemmeno io mi sono chiesta “oddio cosa sto facendo” pur sapendo di fare una cosa sbagliata. Ma mio dio, stiamo dicendo che questi farabutti cialtroni vigliacchi e come li vogliamo chiamare ancora, ci pigliano per i fondelli. Noi no (salvo casi rarissimi) quindi io ci vedo un abisso tra il nostro e il loro modo di comportarsi. Nessuna di noi dice di essere perfetta e di non aver sbagliato, anzi siamo tutte qui proprio perché vogliamo confrontarci, ma io onestamente non mi sento cialtrona. Mi sento scorretta nei confronti di mio marito quello si, e mentre avevo l’amante non è che tornavo a casa la sera a progettare le vacanze con il marito (e non me lo trombavo) quando sapevo benissimo con chi avrei voluto fare le vacanze/trombare. Mentre dall’altra parte succedeva esattamente il contrario. Io nei confronti del mio amante sono stata impeccabile. Secondo me bisognerebbe fare questa distinzione altrimenti viene fuori un guazzabuglio dal quale non se ne esce più.

  • Disillusa, 13 Ottobre 2020 @ 06:55 Rispondi

    Sono assolutamente d’accordo. Io pure sono sempre stata corretta, dicevo quello che provavo e mi comportavo di conseguenza e nemmeno io sono stata una santa sia chiaro. Peccato che dall’altra parte invece la correttezza non era proprio contemplata. Guardate avrei preferito mi trattasse male da subito, almeno lo avrei mandato a spendere. Invece dopo un anno e mezzo la delusione e la presa in giro sono dure da affrontare. Sto cercando di convincermi con tutte le mie forze che è quello che ha voluto lui e quindi non mi devo recriminare di niente, ma ci sono giorni in cui mi sento un leone e giorni in cui mi sento una larva. Ma quanto ci vuole perché finiscano questi sbalzi ?

  • Crocus, 13 Ottobre 2020 @ 14:51 Rispondi

    @Disillusa, ha chiuso lui la vostra storia? Non possono essere stronzi da subito perché devono scopare quindi sanno benissimo che se fanno mosse sbagliate devono dire addio alle nostre patate. E quindi iniziano a suon di bugie e promesse, tanto sanno già che non si muoveranno dal loro divano quindi che gli costa? Scorrettezza questa sconosciuta. Pure io alterno le fasi leone/larva. Ma meglio sicuramente della fase “solo larva”, mi chiedo come facevo in quella fase a svegliarmi e ad affrontare le giornate. Non ho la più pallida idea. Dai dai dai che queste montagne russe passeranno e quando saremo arrivate in cima alla guarigione ci sentiremo solo leonesse e le larve resteranno solo un bruttissimo ricordo.

  • Disillusa, 14 Ottobre 2020 @ 06:46 Rispondi

    Si, ha chiuso lui perché è stato beccato. Ci siamo visti per spiegazioni e da quello che diceva si capiva che voleva “rimanere amico”, Ma io (conoscendolo) gli ho chiesto di non farsi sentire più perché così sarei stata troppo male.
    Ora sono due settimane di CDS da entrambe le parti e so che non si farà sentire perché come dicevo qualche anno fa ci siamo già passati (ci conosciamo da anni) e infatti lui non si è più fatto sentire, poi mannaggia al destino è capitato di incontrarsi e insomma non ci era passata per niente.
    Quindi ora è ancora più difficile. Comunque sto affrontando giorno dopo giorno come una piccola sfida, piccoli traguardi, piccole cose che mi fanno stare bene, cose così. L’ho cancellato dai contatti così non ho la scusa per vedere se ha cambiato foto o altro e sui social non ci siamo nessuno dei due, anche se una foto di loro due sono purtroppo riuscita a vederla, lo so, stupida io!
    Auguro anche a te @Crocus di uscirne presto.
    Questo blog devo dire che mi fa tantissima compagnia e mi ci rifugio ogni volta che ho bisogno di leggere qualcosa che mi faccia stare meglio o solo che mi dia una spiegazione alla stronzaggine maschile. E sì ho imparato veramente tantissime cose. Grazie !!!

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 08:13 Rispondi

      non escludo il ritorno. Più del dolor potè il digiuno testosteronico e due settimana sono poche. I maschi tengono da tre a due mesi in media

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 08:47 Rispondi

    @Disillusa, auguro anche a te di uscirne presto! Si, questo blog ci insegna davvero tanto e soprattutto ci fa vedere con lucidità ciò che prima non vedevamo (o non volevamo vedere).

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 08:49 Rispondi

    @Ale, allora io sono salva, sono passati + di 3 mesi dall’inizio del CDS, più del dolor potè il guinzaglio della moglie :D.

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 09:04 Rispondi

      ah ma se è in 41 bisi ci vogliono sei mesi

  • Disillusa, 14 Ottobre 2020 @ 09:01 Rispondi

    @Ale mi fai morire!! Sta frase dovrei metterla come frase profilo su whatsapp “più del dolor poté il digiuno testosteronico”. Ad ogni modo, a istinto, certo vorrei che tornasse, ma non sarà mai da “ufficiale e gentiluomo” piuttosto da coniglio spaventato, quindi direi ANCHE NO!

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 09:05 Rispondi

      Dicono sempre: sto male. Lui sta male… Lui

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 09:35 Rispondi

      Ragazze, ne approfitto per darvi dei dati interessanti su #acasadiAle. Dal giorno della fondazione (adoro Asimov), 26 marzo 2014, i visitatori sono stati 5 milioni e 700mila. I commenti più di 60mila. Le visite medie mensili 150mila. Che dire… numeri importanti. Grazie!

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 09:25 Rispondi

    Ahahahah 41 bis! Diciamo che l’ultima volta che ci siamo visti mi ha detto che non dovevo più contattarlo, che lo dovevo assolutamente dimenticare e dovevo pensare che lui = problemi grossi. E mentre se ne stava andando mi ha detto “ti amo” e un secondo dopo “no no non è vero fai come se non te lo avessi detto”. Un signore insomma. Quindi se anche tornasse da ufficiale gentiluomo non lo vorrei manco morta. Scoperta la sua vera faccia, cosa me ne faccio di uno così? Che resti in 41 bis a vita così magari evita di andare in giro a fare ulteriori danni.

  • orsa, 14 Ottobre 2020 @ 09:44 Rispondi

    @ Crocus non ho parole!
    Ti dice “ti amo” e poi due secondi dopo ritratta.
    Ma che è?? Un vero gentleman! No comment. comprendo la tua sofferenza, essere prese per il c…o in questo modo! Anche no, anche basta! Senza vergogna proprio!

  • Lia, 14 Ottobre 2020 @ 09:52 Rispondi

    @leilei con la moglie ci stanno da molti più anni, fanno feste e vacanze con lei, progettano con lei, ci fanno sesso…
    Ti chiedo, il coinvolgimento sincero c’è anche dall’altra parte?

  • Vita, 14 Ottobre 2020 @ 10:01 Rispondi

    @Alessandro
    Complimenti! E grazie a te.

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 10:03 Rispondi

      grazie!

  • Love, 14 Ottobre 2020 @ 10:01 Rispondi

    Sapete, che vi sto leggendo tutte, da giorni, leggo le vostre affermazioni, le delilusioni, la rabbia e lo sconforto di molte, l’accettazione di altre, e la voglia di accettare, ciò che è successo, ad altre.
    Ora, ho letto alcuni commenti, dove da parte vostra, affermare, che voi, vi siete sempre comportate bene, con i vostri ex, e quando eravate con i mariti, pensavate all’amante, o…a cosa fare con l’amante, e non con il marito.
    Vorrei dirvi, che, anche se non c’è, o ci sarà una scelta, lei, ha fatto, e si è sempre comportata con me, ed ha detto cose a me (a cui molte volte sia io che voi non credete) che voi state scrivendo, verso i vostri ex amanti.
    Ora vi chiedo questa cosa, a chi è sposata:
    “Quindi, se con questi fatti e parole, pur non essendo corretto, essere il secondo/a, oppure non scegliere mai, è possibile continuare una relazione extra, ed accettare, di prendere solo il bello, pur mettendo in conto della sofferenza che si prova in certi momenti?
    Non sto cercando un modo di giustificare lei, o noi, per riallacciare o rivederla, ma solo sto cercando di capire come può ragionare una donna sposata, che ammette a se stessa di amare l’amante, come avete fatto voi, naturale te, se lui, avesse continuato a trattarvi bene, e non si fosse trasformato in quello che una volta terminato tutto sia diventato uno cialstronzo.

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 10:01 Rispondi

    @Ale, grande Ale! Te lo strameriti!

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 10:03 Rispondi

      grazie!

  • orsa, 14 Ottobre 2020 @ 10:05 Rispondi

    @ Ale, grazie a te!
    Il tuo è un successo meritato! grazie per averci aperto le porte di casa Tua, per averci dato uno spazio in cui confrontarci.
    Grazie per il sostegno, per i consigli e per il supporto morale.
    In certi momenti di grande difficoltà questo Blog è stato un faro nelle tenebre e non lo dico a mo’ di sviolinata, lo penso veramente! Siete diventati la mia sana abitudine quotidiana, piano piano col Vostro aiuto ne sto uscendo. Un abbraccio a Te e alle ragazze del Blog.

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 15:23 Rispondi

      siamo una bellissima casa affollata (di donne)

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 11:15 Rispondi

    @Love, provo a rispondere alla tua domanda anche se è abbastanza complesso trovare una risposta date le mille dinamiche che si creano. In realtà, come diceva giustamente @cossora in un altro post, lui era già stronzo (o cialtrone o narcisista chiamalo come vuoi) perché uno non si trasforma da un giorno all’altro. Ha semplicemente fatto il doppiogiochista avendo molto chiare le idee nella sua testa però per poterti tenere più a lungo qualcosa doveva pur dirtelo no? Solo che la maschera a un certo punto cade inevitabilmente e te ne accorgi eccome, solo che in quel momento sei già troppo dipendente. Credo che non sia possibile continuare una relazione extra perché porta solo della gran sofferenza e tutte noi qui ne siamo la prova. E lui non poteva continuare a trattarci bene all’infinito perché di fatto fingeva e quanto puoi andare avanti a fingere? Questo naturalmente è il mio parere. Io sono ancora sposata ma solo sulla carta, perché tra di noi non accade niente di niente da tempo (da quando è stato scoperto il tradimento). In questo preciso istante non amo nessuno, ma per mio marito ho un forte rispetto mentre per l’amante avrai già letto i vari miei interventi qui sul blog e sai come la penso. Grazie @Love perché interagisci con noi, un uomo coraggioso finalmente :-). Ho letto tanti tuoi commenti, mi spiace molto per come è andata la tua storia. Un abbraccio.

  • elleelle, 14 Ottobre 2020 @ 11:27 Rispondi

    Dopo anni in cui non interagivano sui social, adesso lui le dice addirittura delle parole dolci in publico. L’amore con l’interruttore accesso/spento. Prima lei era noiosa a morte in tutto, adesso e’ diventata il suo dolce tesoro.
    Zerbino? Direi che si e’ trasformato in tutta la moquette della casa.

  • Ariel, 14 Ottobre 2020 @ 11:31 Rispondi

    @Love caro scusami ,ma qui ti scrivo in veste del mio copyright al quale tengo molto
    Allora si scrive e dice CIALTRONZO

    SENZA LA ESSE ,perché infatti è la fusione delle due parole
    Cialtrone + Strxxxxxzo = CIALTRONZO

    Dai ti ho distratto un momento da le tue care osservazioni ,
    Ti ricordo che funziona alla grande ridere dei guai ,per questo ti ho fatto la precisazione sul mio NEOLOGISMO
    CIALTRONZO senza la esse!!!!

    Caro @Love i love e ti incoraggio a vivere la tua nuova vita ogni giorno di più che tu SICURO NON SEI
    un cialtronzo,ma una “ vittima temporanea” di una relazione tossica manipolativa

    Se ne esce totalmente
    Abbi cura di te pure terapeuticamente!!

    Un abbraccione!

  • Vita, 14 Ottobre 2020 @ 11:42 Rispondi

    @Love,
    eccomi, presente! ero e sono sposata e ho avuto una relazione durata molti anni. L’ho scritto ripetutamente: se la moglie non lo avesse scoperto e lui non mi avesse gettato in mare, io non l’avrei lasciato. Non in quel momento. Ci ho pensato tante volte ma non l’ho mai fatto. Perchè? perche ne ero innamorata e sebbene fossi tormentata non volevo rinunciarci. Sentivo però tutte le contraddizioni del mio vivere e spesso mi domandavo e gli domandavo che amore fosse un amore che non arriva a una scelta, perchè nemmeno io quella scelta riuscivo a farla. Perchè? Il mio cuore era diviso a metà (non sto dicendo che li amassi entrambi, non certamente nello stesso modo): da una parte lui, dall’altra la mia famiglia. Non ero nemmeno così sicura che con lui, solo io e lui, sarei/saremmo stati felici. Nutrivo un dubbio, anzi più di uno. Conoscevo, pur facendo lo struzzo, i suoi limiti e i suoi difetti, li amavo, ma li avrei amati anche se fosse stato il mio uomo (l’unico) o avrei finito per detestarli? Oltre a questo sapevo che vivevamo una situazione che non era la normalità: quanto quella situazione, la bolla in cui vivevamo, condizionava i miei sentimenti? tutte domande che mi ponevo forse semplicemente per giustificare la mia incapacità di scegliere. Anche se ci sono stati attimi in cui ho pensato che avrei fatto il salto ma lui ha sempre smorzato i miei entusiasmi. Io comunque non riuscivo a scegliere. l’dea di lasciare la famiglia mi spezzava il cuore e io ne godevo ancora moltissimo.
    Insomma, @love, sono sempre stata spaccata in due. Giusto o sbagliato che fosse era cosi.

  • elleelle, 14 Ottobre 2020 @ 11:51 Rispondi

    @Love
    Se tu sei single, per te non ha senso accettare le briciole da lei, a meno che tu non abbia 80 anni. Una persona giovane ha comunque tutte le possibilita’ per vivere una vita sentimentale migliore e piu’ appagante.
    Nel mio caso, ti posso dire che se il mio ex avesse deciso di fare un periodo da separato in casa, per me non ci sarebbero stati problemi. Capisco l’importanza di garantire la presenza in casa ai figli, soprattutto in questo periodo balordo della nostra storia. Lui inoltre ha un rapporto malato con la sua famiglia, sia come nucleo familiare che come famiglia allargata, per cui era una cosa che sapevo e che avrei accettato. Pero’ l’avrei accettato perche’ io avrei fatto lo stesso: separata in casa con figli anche io, mi sarei accontentata di quello che si riusciva a fare.
    Ma da single no, mai, piuttosto da sola. Quando mi e’ capitato da single, tempo 3-4 mesi e ho sempre chiesto una decisione. Non esiste un tale squilibrio in una relazione.

  • cossora, 14 Ottobre 2020 @ 11:55 Rispondi

    @Love il tuo pensiero è gentile e pulito.
    Di una verità disarmante.
    Oggi sono quella che sono e sono stata traditrice, bugiarda, poi innamorata e cialtronza e di nuovo innamorata e determinata e poi illusa e speranzosa. poi l’ho lasciato e ho trovato la forza (ma perchè ne avevo la voglia) di vivere qualcosa di nuovo e di mio.
    Quando ho scelto un uomo occupato, quando ho lasciato che l’amore per lui arrivasse da uno a mille.. sapevo. Non è generosità amorosa. E’ il nostro bisogno di affermarci: la sfida è ardua? Io ce la posso fare!
    Siamo tutti così, con tempi e intensità diversi.
    Ignoranti e ingenui al 100%? A 35/40 anni? Non ce ne sono.
    E’ l’amore che ci muove.
    Prima l’amore dell’altro: ci fa capire come non stiamo bene in un rapporto stracotto.
    Poi l’amore per noi stessi (se è abbastanza, ovviamente): ci fa decidere che, amante o no, ci meritiamo di vivere altro, di più.
    La capacità di rinuncia ai propri comfort è proporzionale alla dipendenza: meno si è in grado di gestirsi (mantenersi, farsi nuove compagnie, crearsi nuovi interessi) da soli e meno si sa prendere in mano la propria vita.

    E’ tutto molto più semplice di quel che si vuol far sembrare.

  • Dispersa, 14 Ottobre 2020 @ 11:55 Rispondi

    @Ale… Complimenti!!!

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 15:21 Rispondi

      a voi!

  • Dispersa, 14 Ottobre 2020 @ 12:00 Rispondi

    @Crocus… Averti detto ‘Ti amo’ e poi l’aver ritrattato è un modo per tenerti in sospeso!!
    Quando sarà finalmente libero (che poi se la farà sotto ogni volta che ti vedrà) e tornerai al tuo vecchio splendore (se non erro ti ha detto che quando starai meglio avrai la fila di uomini) cercherà il ‘ripescaggio’!!

  • Sole, 14 Ottobre 2020 @ 12:01 Rispondi

    Presente

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 12:02 Rispondi

    @Orsa, grazie. Accettare di essere stata calpestata, presa per i fondelli, umiliata, di avere l’ego ferito ecc ecc non è semplice. Perché ora più che prendermela con lui, me la sto prendendo tanto con me stessa. Spero di raggiungere il mio equilibrio prima o poi. Sai io ho raccontato qui solo la parte brutta (giustamente anche) i momenti belli ci sono stati eccome, ma per me ora non hanno alcun valore perché sanno di falsità. Perché mentre stavamo vivendo quei momenti belli lui comunque mi riempiva di frottole, lui comunque andava a letto con la moglie (anche se a me diceva tutt’altro) quindi cosa c’è di bello? A sembra solo di aver vissuto un brutto sogno. E ho provato quella morte dentro di qui parlava @outlier. Quindi ora voglio solo rinascere. Voglio semplicemente tornare a vivere. E non è affatto semplice. Ma non mollo!

  • elleelle, 14 Ottobre 2020 @ 12:02 Rispondi

    Riflettendo su quello che mi e’ successo, trovo sorprendente vedere come le persone possano accettare questi voltafaccia come se niente fosse. Cose mai fatte prima, manifestazioni pubbliche che non si erano viste per anni e nessuno dei due che si chiede quanto c’e’ di vero adesso.
    La moglie del mio ex non si chiede come mai lui non l’ha mai fatto prima e lo fa adesso che ha rischiato di perdere la sua posizione? Non le viene in mente che forse il suo e’ solo opportunismo, una fase di lovebombing per ripristinare la sua posizione ma con poco significato dietro?
    Immagino che in questa situazione in casa di zerbini ce ne siano due, pero’ che tristezza questi giochetti per tenere in piedi un rapporto che non funzionava da anni…

    • alessandro pellizzari, 14 Ottobre 2020 @ 15:20 Rispondi

      Le mogli che si adattano richiedono queste farse spesso sono sposate con quello che pensano gli altri, non con un uomo

  • Dispersa, 14 Ottobre 2020 @ 12:15 Rispondi

    @Love… Sono una donna con famiglia che non vuole uscire dal nido (la famosa senza palle anche se mi sento diversa).
    Il mio amante lo amavo e ci stavo bene, non volevo nulla di più perché il connubio amante e marito era perfetto.
    Il dover disgregare due famiglie mi faceva orrore… E quando è stato scoperto mi sono sentita una schifezza nei confronti della moglie.
    Quando siamo ripartiti ero felice e serena… Il problema è stato che lui faceva un push and pull che a me creava solo tanto malessere… Tutto era cambiato e nulla era più come prima.
    Ahh… Dimenticavo… Ho sognato… E per un breve periodo sperato… Ma alla mia parte logica andava bene così!!
    Quindi sì se non ci sono grossi problemi (tipo la scoperta da parte di uno dei coniugi) o il pretendere di più, si può tranquillamente continuare. Certo i sensi di colpa ci sono ma a tratti… Prima e dopo l’incontro, qualche sprazzo qua e là, ma gestibili.
    Con questo non giustifico e il punto è ‘ma a te va veramente bene così o te la racconti per fartela andare bene?’.

  • CicciaCiccia, 14 Ottobre 2020 @ 13:18 Rispondi

    Il mio è scomparso senza lasciare traccia alcuna da più di 4 mesi anche dopo digiuno dalle capriole a letto, a parte un cuoricino su una foto a luglio in fb con una mia amica che non ho nemmeno postato io, lo avevo già eliminato dagli amici, non gli auguro nulla di male ma io per lui sono morta. E’ anche vero che io sparendo ho sortito l’effetto desiderato di dare un colpetto al suo Ego, posso quindi escluderne il ritorno.

  • cossora, 14 Ottobre 2020 @ 15:38 Rispondi

    @elleelle preparati: a Natale farà da muschio per il presepe!

  • cossora, 14 Ottobre 2020 @ 15:43 Rispondi

    Si però @ale, @elleelle.. se si zerbinano in due, evidentemente sono arrivati alla conclusione che (indipendentemente dal motivo) vogliono stare insieme così loro due. Quindi non sono zerbini, sono d’accordo.

  • Ariel, 14 Ottobre 2020 @ 15:56 Rispondi

    Grazie ,!

  • Ariel, 14 Ottobre 2020 @ 16:01 Rispondi

    Alcuni uomini,
    Non tutti
    I Manipolatori relazionali NON RAGIONANO non solo come noi ,ma proprio seguono il loro schema nefasto per chi sta in relazione chiunque sia la moglie la amante la figlia la cugina

    Ma NON TUTTI sono così
    Solo sicuro questi testimoniati qui dalle nostre storie

    Bisogna ricordarselo che NON TUTTI sono così
    Per incontrare chi vale bisogna RITROVARE LA PROPRIA AUTOSTIMA
    Lavorare sodo per questo obbiettivo che tradotto significa

    AMARE SE STESSE!!!

  • Ariel, 14 Ottobre 2020 @ 16:10 Rispondi

    @Caro Alessandro che bravo a fare i numeri ,
    Scusami ma scritto così no non va bene ,
    Perdonami ma sto in una onda BIRRICCHINAAAA!!!

    Dai su te lo scrivo meglio
    Braaaavo!!!
    Complimenti per i risultati raggiunti
    Ovviamente grazie anche a noi altrimenti,

    Sai siamo tutte SuperDonne e quindi se ci segui ottieni risultati di ascolto
    I nostri commenti PARLANO DA SOLI PER IL NOSTRO VALORE DI GRANDI DONNE!!

    E scusami sai ,ma il faut pas oublier la realtà
    Verba volant scripta manent!

    Bravo!
    @Caro Alessandro!

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 16:46 Rispondi

    @Dispersa, dubito fortemente che tornerà. Come ho già scritto qui, ha voluto chiudere lui la relazione. Quindi in realtà credo che sia felice perché finalmente si è liberato di una PSICOPATICA come me 🙂 (si ha avuto il coraggio di darmi della psicopatica perché cercavo spiegazioni e non capivo che diamine stesse succedendo). Ma in tutto ciò, sto stronzo mi ha scopata anche dopo avermi lasciato (ci eravamo visti un paio di volte per chiarire alcune cose). E quando gli ho chiesto, in lacrime, come faceva a scoparmi ancora con nonchalance vista la sua decisione di chiudere, la risposta è stata “beh ma noi due se siamo insieme come si fa a non farlo?”. Ma come? Non eri tu quello che aveva chiuso perché si sentiva in colpa nei confronti dei figli ecc ecc? La ME di adesso gli sputerebbe in un occhio. Ma all’epoca lo amavo ancora profondamente e lo rivolevo… Detto questo non ho alcun modo di incontrarlo, nel frattempo aspetto la fila chilometrica ahahahaha.

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 16:50 Rispondi

    @elleelle, ma che domande vuoi che si faccia una che ha perdonato suo marito per averla umiliata svariate volte? Io capisco perfettamente le tue perplessità e le tue domande, è ciò che mi chiedo anche io poi mi dico “dai basta smettila”. Non se ne esce @elleelle, non se ne esce. Il risultato è uno solo, noi ad arrovellarci il cervello e loro a fare la “bella” vita. Di facciata però.

  • Crocus, 14 Ottobre 2020 @ 17:26 Rispondi

    @Orsa vero quello che dici! Questo blog è la bibbia, il pane quotidiano, e penso sempre chissà come starà Orsa o Vita, Key, Cossora, Elleelle e Viovio e tutte le altre ragazze. Sapere di potersi confrontare con chi ha vissuto +/- la tua esperienza è una cosa che aiuta alla guarigione. Grazie @Ale per questo spazio e ora aspettiamo di incontrarci dal vivo :).

  • Nina, 14 Ottobre 2020 @ 19:59 Rispondi

    @love io capisco quanto tu si innamorato, ma continuo a pensare che la tua lei sia davvero egoista ed egocentrica come purtroppo le peggiori tra noi sanno essere. Tu sei una persona evidentemente sensibile e pulita, trasparente, fatti un favore, lasciala al suo destino, c’è un mondo di donne sensibili pronte a trovarti!

  • Love, 14 Ottobre 2020 @ 20:38 Rispondi

    Dispersa rispondo a te perché hai fatto la domanda giusta, vorrei rispondere a tutte, a cossora, vita, orsa elleelle, ed Ariel, che per me è convenzionata con uno psicoterapeuta, perché ci vuole mandare tutti. Scherzo….
    Se ti sta bene, per come sono stato trattato, per il tempo che aveva, e per le briciole, come le definiamo tutti, mi ha fatto sentire amato, proprio come hai detto tu, “lo amavo davvero.”
    Grazie delle vostre risposte, mi avete illuminato molto anche di lei, e se mi permettete, anche se ho passato da un po’ I 40, io nell’amore, ci credo davvero, ed ancora.
    Grazie ancora

  • Nina, 14 Ottobre 2020 @ 23:43 Rispondi

    @love sei troppo tenero e ti auguro ogni bene. Si sentono spessore e sensibilità. Io sono sicura che troverai una persona capace di cogliere e valorizzare il tesoro che sei. E sono abbastanza sicura che non sarà lei..

  • Stella2, 14 Ottobre 2020 @ 23:52 Rispondi

    @Love sei una persona meravigliosa! Ti meriti una donna che ti ami di un amore vero e sincero, come sei tu!

  • Crocus, 15 Ottobre 2020 @ 08:06 Rispondi

    @Love, che bello sentirtelo dire, ti auguro tutto il meglio!

  • Vita, 15 Ottobre 2020 @ 08:11 Rispondi

    @love
    Anche io ho superato abbondantemente i 40 e ,nonostante questa brutta esperienza, all’amore credo ancora e non ho nessuna intenzione di rinunciarci. È andata male, ho commesso i miei errori, lui mi ha deluso moltissimo e mi ha spezzato il cuore, ma non ci penso nemmeno a rinunciare all’amore, in tutte le sue forme. Sei vivo, tornerai a sentire e amare, oltre lei. Grazie di essere qui, attorniato da donne piuttosto inc…te con gli uomini. Ma la differenza la fa la persona, non il genere.

  • Vita, 15 Ottobre 2020 @ 08:16 Rispondi

    @crocus
    Anche io corro qui per scoprire come state e che vi succede, ma anche per raccontarmi e condividere. Io sto bene, crocus, molto meglio. A volte sono un po’ inquieta rispetto al passato, un po’ preoccupata del futuro, ma guardò avanti e sono fiduciosa. Oggi In realtà un po’ in apprensione perché probabilmente dovrò vederlo (non è una scelta ma una circostanza necessaria). Quando l’ho saputo mi sono agitata ma oggi mi sono alzata con la schiena dritta. Sarò, come mi disse @maribel, un’algida regina delle nevi, anche se io, ragazze, algida non lo sono mai! 🙂

  • orsa, 15 Ottobre 2020 @ 09:37 Rispondi

    @ Love
    Ci incontriamo in uno dei prossimi meeting che @Ale organizzerà?
    Ha ha ha! Però non saresti il mio chiodo eh, sento di volerti già bene! Partiremmo da una bella amicizia.
    Sto scherzando, oggi ho bisogno di leggerezza.
    Ti auguro veramente il meglio, mi sembri un ragazzo sensibile ed empatico, ce ne fossero….

  • cossora, 15 Ottobre 2020 @ 10:06 Rispondi

    @orsa mi hai fatto da spunto. Io l’uomo con cui esco ora credo che per un certo (lungo) periodo della mia vita non lo avrei mai guardato.
    E’ una di quelle persone che vola basso, con lo sguardo anche un po’ amaro. Che ti si presenta come essere umano e quando entri in confidenza scopri delle parti del suo passato (anche spericolate, ma in gioventù si è convinti di essere eterni) e ripensi a quanto ti si era presentato figo l’ex: bella macchina, capace sul lavoro, doti di superpapino, riconosciuto come ‘giusto’ dai suoi amici, fedele e buono con la moglie arpìa..
    Peccato che poi arrivi tu e.. magia: esce la sòla!
    Probabilmente anche @love è un uomo che non punta su quanto spicca di primo acchito. Ma dentro è granitico. La sua tipa si perde molto.
    Meglio, lo lascia a donne che se lo meritano.

  • Crocus, 15 Ottobre 2020 @ 11:30 Rispondi

    @Cossora, però tutti si presentano allo stesso modo questi amanti: padre eccezionale, non ha mai tradito la moglie, sul lavoro super bravo, macchina figa, casa pure… E poi scopri che sono delle cacchette azzerbinate senza palle. Trovare un uomo che voli basso al giorno d’oggi non è così semplice mi sa. Sono felice per te @cossora, si percepisce da come ne parli che stai bene e che hai trovato una brava persona.

  • Love, 15 Ottobre 2020 @ 11:51 Rispondi

    Orsa….perche no, è giustamente non da chiodo, ho provato ad usarne uno, e sono stato tacciato da Elleelle, di essere uguale a tutti gli uomini.
    Cossora, si mi hai descritto, non sono un uomo che emerge, anche se ricopro una posizione extralavorativa, in vista.
    Non ho una macchina bella, perché ritengo un accessorio secondario, l’importante che vada e che non prenda l’acqua.
    Granitico fuori, hai ragione, ma, essendo del tuo stesso segno, ricordo che lhai scritto un giorno, una volta rotto il guscio, che è la parte più difficile, perché non do mai fiducia, puoi avere tutto ciò che vuoi, anche l’impossibile, e senza nemmeno chiedere.

  • cossora, 15 Ottobre 2020 @ 16:35 Rispondi

    si @Crocus, è veramente una persona brava, presente, disponibile. Questo dipende dall’educazione, dal’esperienza.
    Non è che se uno si innamora diventa così.
    Come non è automatico innamorarsene, per quanto lo si apprezzi.
    Ha capito che non mi ha dato la botta in testa ma sta facendo di tutto per conquistarmi e .. devo dire che ce la fa!
    Premetto che a letto è andata bene subito.
    Me lo godo si.
    Una volta che non mando giù fiele.. 🙂

  • cossora, 15 Ottobre 2020 @ 16:36 Rispondi

    Tieni duro @Love, sei raro.
    Ricordatelo, non darti a chi ha solo pezzi piccoli e ti dice ‘pagherò’.
    Non si fa, la qualità non è mai in saldo!

  • Crocus, 15 Ottobre 2020 @ 17:17 Rispondi

    @Love, che bella descrizione di te stesso che hai fatto. Ti meriti un amore puro e sincero e soprattutto un amore tutto TUO.

  • elleelle, 15 Ottobre 2020 @ 21:03 Rispondi

    @Love
    Devi ammettere che non avevo torto: hai detto tu stesso che hai usato questa donna ed è una cosa che alla nostra età non si fa.
    Il chiodo è una persona che si conosce, con cui fa piacere uscire ma se non scatta l’attrazione, si finisce lì o si resta amici. Non è una persona da portarsi a letto e poi tanti saluti.
    Cerchiamo di essere meglio degli amanti che popolano questo blog 🙂

  • Ariel, 16 Ottobre 2020 @ 20:49 Rispondi

    Prego caro

  • Disillusa, 19 Ottobre 2020 @ 20:21 Rispondi

    @Vita ma com’è finita la tua storia ? Perché è uguale uguale alla mia … io non mi riconosco più, sono sempre nervosa e arrabbiata e mi manca! Mi manca da morire, ma non posso e non devo cercarlo. Ammetto, vorrei che lo facesse lui ma poi per cosa ? Speravo che le settimane che passano mi aiutassero a stare meglio, ma non vedo miglioramenti. Arriveranno? Ditemi di sì….

  • Vita, 20 Ottobre 2020 @ 08:10 Rispondi

    @disillusa,
    È finita esattamente come @alessandro racconta finiscano le storie come la mia quando il tuo ex è uno zerbino e la moglie scopre tutto. È finita che mi ha gettato in acque gelide dall’oggi al domani, dopo avermi giurato amore immenso per anni, e come il peggiore degli scafisti ha girato la barca ed è tornato da dove era venuto. È finita che ha giurato a lei di non aver più alcun tipo di contatto con me e lei ha giurato che non mi avrebbe perseguitato. È finita che sono stata oggetto di uno scambio, misero. È finita che non ho mai avuto un confronto e mi ha lasciato sola a smazzarmi tutti i problemi anche di lavoro. È finita senza un saluto, due parole, un dignitoso addio. Io? Ero a pezzi, incredula e sconcertata, sconvolta e incredibilmente sofferente. Ho pianto per mesi in silenzio, per non trascinare le persone che amo nella tempesta. Mi è mancato da pazzi e mi è parso di non farcela. E invece ce l’ho fatta. Perché la vita vale più di un amore sbagliato e di una persona da poco. Perché mi voglio bene. Perché mi sono rotta le palle di star male. Perché ho mille ragioni, come tutte noi, per andare avanti, sorridere, gioire e godere. Perché quello fatto male è lui, non io e nemmeno il mondo. Perché gli ho regalato il meglio di me ma non gli lascerò il resto della mia vita. Riprenditi la tua. Non ne vale la pena. Davvero. Volta pagina. Sarà stupendo scoprire di aver vinto la tua battaglia. Ti abbraccio

    • alessandro pellizzari, 20 Ottobre 2020 @ 08:41 Rispondi

      Bella testimonianza

  • Vita, 20 Ottobre 2020 @ 08:28 Rispondi

    @disillusa
    Aggiungo: sono passati cinque mesi, non due giorni. Mi sono data tempo, ho resistito, perché questo bisogna fare quando si è in mezzo al mare. Mettersi a morto e respirare, riprendere fiato per poi, ad ampie bracciate, raggiungere la riva. Non viviamo nella stessa città (ma in città vicine) e non lavoriamo più assieme ma operiamo nello stesso settore. Capiterà di incontrarsi, prima o poi sarà inevitabile. Sarò una pietra, non lo avrei mai detto eppure tale mi ha reso, ma non nei confronti della vita, quella ancora mi emoziona moltissimo, grazie a Dio.

  • Vita, 20 Ottobre 2020 @ 08:57 Rispondi

    @alessadro grazie e grazie a tutte, perchè in mezzo al mare c’eravate anche voi a fare luce.
    Forza!

  • PuntiDiVista, 20 Ottobre 2020 @ 10:05 Rispondi

    brava @Vita

  • maribel, 20 Ottobre 2020 @ 10:24 Rispondi

    @vita che bello leggerti così propositiva! se ti va, ci racconti qualcosa della tua nuova fase? a me fa molto bene leggere i racconti di queste “rinascite”.

  • orsa, 20 Ottobre 2020 @ 10:29 Rispondi

    Ciao Ale, Ciao ragazze, vorrei nominarvi tutte ma nell’impossibilità vi abbraccio idealmente col pensiero. Spero che stiate ….meglio!
    Io sono entrata nel secondo mese (ma non di gravidanza eh !!!! :-)))))), di cds!!!!!!!! ha ha ha ci mancherebbe pure questa!
    A parte qualche mezza giornata di grande, grandissima crisi che mi coglie quando meno me l’aspetto, direi che va bene.
    Sono quasi riuscita a buttare giù dall’Olimpo il mio cialtrone! E credo di aver quasi dimenticato anche il nostro ultimo incontro, è tutto lontano e sfocato…

    @ love , il tuo ultimo intervento mi ha fatto pensare. Scrivi che non dai fiducia facilmente, eppure nonostante questo hai vissuto la tua bella delusione. Sai, per me è il contrario, io tendo a dare fiducia. E in questo periodo mi sono colpevolizzata tanto per questo. Evidentemente c’è qualcosa che a un certo punto va oltre il dare la fiducia più o meno facilmente, forse la nostra sensibilità, ci rende facili prede di persone opportuniste! Forse non c’è nemmeno una regola valida per tutti, dipende da chi hai di fronte, da come sa toccare i tasti delle tue fragilità.

  • elleelle, 20 Ottobre 2020 @ 10:48 Rispondi

    @Disillusa, @Vita
    Io sono stata fortunata perche’ da quando ci siamo lasciato non mi e’ mai mancato, non un secondo. Mi ha schifato cosi’ tanto che non ho mai avuto un momento in cui ho desiderato di condividere qualcosa con lui.
    Mi manca me stessa, quello si’.

  • leilei, 20 Ottobre 2020 @ 10:50 Rispondi

    Elleelle se davvero vuoi uscirne, devi smettere di pensare a loro due, ai perchè e ai percome. La tristezza se la devono gestire loro, tu cosa c’entri?

  • Crocus, 20 Ottobre 2020 @ 10:57 Rispondi

    Cara @vita, leggo dolore, sofferenza e rabbia nella tua testimonianza però anche tanta voglia di farcela e di andare avanti. “Perché gli ho regalato il meglio di me ma non gli lascerò il meglio della mia vita” me la stampo. Nel cervello prima di tutto. Quanto è vera e profonda questa frase. Che Grande donna che sei Vita, ti auguro tutto il meglio! <3

  • Disillusa, 20 Ottobre 2020 @ 11:19 Rispondi

    Grazie @Vita del tuo racconto, spero anche io tra cinque mesi di essere al tuo punto, di non alzarmi tutti i santi giorni con in testa solo domande senza risposta.
    Spero di tornare ad essere quella che ero, con i miei pregi e i miei difetti, ma sapendo che ho una cicatrice dentro che non andrà mai più via, perché io questa persona la conosco da decenni… non voglio odiare, ne’ dimenticare nessuno, voglio solo che mi diventi indifferente, come una persona sconosciuta. E soprattutto voglio tornare anche io a emozionarmi per le piccole cose, perché non è giusto che le persone accanto a me paghino per una colpa non loro, ma di una persona che nemmeno tale di può definire.

  • Crocus, 20 Ottobre 2020 @ 14:25 Rispondi

    A me ragazze fa ancora un male cane. Sono quasi 4 mesi, non vedo la luce ancora anche se comunque mi sento diversa rispetto a quando ho iniziato il CDS. Le lacrime sono diminuite parecchio, la rabbia anche, però quella cosa che sono stata presa in giro e mi ha raccontato palle su palle non riesco a farmela passare. Vorrei urlargli in faccia che ho capito tutto il suo gioco e tutta la sua meschinità. Ma ahimè non si può fare. Quanto è dura farsene una ragione. Grazie per il vostro supporto. Siete preziose/i.

  • Vita, 20 Ottobre 2020 @ 14:58 Rispondi

    @crocus <3 grazie!!
    @maribel cara,
    sto rifiorendo: dopo un lungo inverno è tornata la primavera, splende il sole, se piove, dura poco.
    Sono di nuovo io ed è bellissimo, per mesi mi sono chiesta dove fossi finita.
    Ho ritrovato le energie, la passione, il piacere di condividere.
    Vivo. Godo, Rido. Di nuovo. Con i miei figli, prima di tutto.
    Ci sono sempre stata per loro, ma non ero più la stessa. Avevo perso smalto. La grande ne ha sofferto e io con lei.
    Il resto è un grande punto interrogativo, sono in cammino, quel che verrà lo affronterò.
    La mia scelta, quella di non confessare, qui è stata oggetto di accese discussioni e dure critiche, ci ho riflettuto a lungo ma io continuo a pensare di aver fatto bene.
    Sto dando una possibilità al mio matrimonio, perchè credo la meriti.
    Se è vero che l’amante non è la febbre ma il termometro (e lo penso anche io), è da noi che voglio ripartire e su di noi che voglio lavorare.
    Stiamo affrontando insieme la crisi e sappiamo entrambi che l’esito non è scontato.
    Siamo molto diversi ma lui si è rivelato speciale: mi ama e mi desidera moltissimo ma non mi vuole a tutti i costi.
    Se ha accettato in questi anni, più o meno consapevolmente, un compromesso, oggi non sarebbe più disposto a farlo. Non tutta la verità è stata detta ma il vaso è stato scoperchiato e ci stiamo guardando dentro, entrambi.
    Questo weekend ci siamo divertiti insieme senza figli (chiacchiere a letto, sport, pranzo con amici) poi, nel pomeriggio, la casa deserta, abbiamo fatto l’amore con l’ardore di un tempo ed è stato molto bello. Davvero molto.
    E’ solo una rondine? forse. Lo scopriremo strada facendo. Lui c’è, ma anche io ci sono, ora. Tutta.
    Non scappo, non mento, non più. E’ un nuovo inizio. La vivo cosi, Tanto il passato non posso cambiarlo. E forse nemmeno vorrei. Si impara sbagliando, si cresce vivendo, si evolve amando. Anche i cialtroni (:-)) !

  • Crocus, 20 Ottobre 2020 @ 15:37 Rispondi

    @Orda, eccoti! Mi chiedevo dove fossi sparita :-). Sono felice di saperti più serena. Il primo mese di CDS è il più duro in assoluto, dopo inizi piano piano ad abituarti a questo silenzio. Per quanto riguarda il tuo discorso sulla fiducia, anche io tendo a dare molta fiducia, ma credo che l’esperienza con l’ex amante (e tutto il contorno) mi abbia cambiata radicalmente. Ormai ho talmente paura delle persone che preferisco semplicemente non dire più nulla. E ho capito che specialmente nel mondo del lavoro bisogna stare molto attenti. Perché poi finisci in storie di questo tipo e ogni cosa che hai raccontato nella totale ingenuità, ti si ritorce contro. Un abbraccio!

  • Vita, 20 Ottobre 2020 @ 16:06 Rispondi

    @disillusa
    Per molti mesi la mattina è stato il momento peggiore. La notte, fatta qualche rara eccezione, dormivo bene ma al risveglio ero piena di angoscia e di pensieri. Una sensazione nuova e orribile perché, Anche nei momenti di maggiore difficoltà, io mi sono sempre svegliata piena di energie, fiduciosa e combattiva. Alzarsi in affanno, sperando di scrollarsi di dosso i brutti pensieri è stato faticosissimo. Datti tempo, una mattina ti sveglierai senza quel peso sul petto e sarà un buon giorno. Il resto verrà da se. Dal dolore, ahime, io temo ci Si debba passare, chi lo sfugge prima o poi ci fa i conti. I vigliacchi nemmeno quello sanno affrontare, la felicità ha un prezzo. Tieni duro.

  • Crocus, 20 Ottobre 2020 @ 16:31 Rispondi

    @Orsa *

  • Vita, 20 Ottobre 2020 @ 16:38 Rispondi

    @crocus
    Nel mio caso a 4 stavo già meglio ma ero ancora parecchio ammaccata. È come quando hai l’influenza: la sera hai la febbre alta e pensi che, mannaggia, non passa più, poi ti svegli e, a parte un po’ di stanchezza e i postumi del raffreddore, sei quasi nuova e puoi ripartire. Vedrai. Sarà così.
    Quanto al resto: lo capisco eccome il bisogno e il desiderio di urlargli in faccia tutto il tuo disprezzo. Ma pensi servirebbe? Sono muri di gomma: Sono dei gran conta cazzate. Come le raccontano a noi e alle mogli, le raccontano a se stessi. In questo sono democratici e coerenti. Ne usciresti ancora più frustrata. Pensa a star bene,@crocus, è davvero la migliore vendetta, anche se a quel punto non ti interesserà piu. Infine, ti prego: non chiuderti al mondo, non essere sfiduciata, non diventare cinica e disillusa, se mai critica, selettiva e accorta, che è diverso.
    Ti abbraccio forte.

  • elleelle, 20 Ottobre 2020 @ 16:43 Rispondi

    @leilei
    Scusa ma non ho capito, quando avrei detto che devo gestire io la loro tristezza? Non credo di aver mai detto una cosa del genere. Forse mi hai confusa con qualcun’altra…

  • Crocus, 20 Ottobre 2020 @ 17:20 Rispondi

    @Vita, il tuo caso lo trovo un po’ atipico, nel senso che tu hai avuto l’amante ma hai continuato ad avere rapporti anche con tuo marito. Scusa se mi permetto di chiedertelo ma come hai fatto? Non avevi questa strana sensazione di tradire l’amante? Per me ad esempio è inconcepibile fare l’amore con mio marito ora. Desiderio zero. Ma era diventato difficile già nei primi mesi del mio amantato. Non ti sto giudicando anzi, mi incuriosisce la tua situazione e vorrei sapere il tuo punto di vista in merito :-).

  • Crocus, 20 Ottobre 2020 @ 17:22 Rispondi

    @Vita @Disillusa per me invece la notte è sempre stata un incubo, lo è ancora anche se sono leggermente migliorata. La sensazione di non avere più le forze (per chi come me ne aveva sempre da vendere) è davvero brutta. Ora sto cercando di recuperarle tutte, si deve andare avanti, ma che dolore sapere di aver regalato del tempo prezioso a chi si meritava soltanto un calcio nel sedere.

  • Dispersa, 20 Ottobre 2020 @ 18:09 Rispondi

    @Vita sei splendida!!
    Che dire… Concordo con te, ad un certo punto ci si ritrova… Chi in un modo chi in un altro!!
    La vita è bella e va vissuta fino in fondo!!
    Io non rinnego nulla, ma come tutte le cose c’è un inizio e una fine, basta saperlo accettare!!
    Ti auguro il meglio… Un abbraccio!!

  • maribel, 21 Ottobre 2020 @ 09:11 Rispondi

    @vita sono tanto tanto contenta per te! un racconto, il tuo, pieno di voglia di vivere!

  • leilei, 21 Ottobre 2020 @ 09:15 Rispondi

    che bello quello che scrivi vita, spero tanto che davvero le cose tra di voi possano rinascere su nuove basi. Un grande in bocca al lupo!

  • orsa, 21 Ottobre 2020 @ 09:31 Rispondi

    @ cara Crocus, ci sono ! grazie per il tuo abbraccio virtuale.
    Sai, dicono che elaborare un abbandono è come elaborare un lutto. In parte non sono d’accordo. Ci sono alcune cose in comune, tipo la negazione e il senso di abbandono ma mi permetto di dire che, a mio parere, dover elaborare un abbandono è forse peggio, sicuramente diverso. In primo luogo perché la persona è ancora viva e vegeta e in secondo luogo, perché si prova una quota di rabbia verso chi ci lascia e soprattutto verso noi stesse che in un lutto normale non si prova. Urlare contro di lui, anche io avrei voluto farlo, ma temo che non avrebbe sortito nessun effetto, se non quello di aumentare il dolore e farci sentire ancora più frustrate. Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire e soprattutto non ci hanno mai amate, ci hanno solo sfruttate per i loro porci bisogni. E già che c’erano hanno dato un bel colpo alla nostra autostima. Perdonarmi per esserci caduta è dura, imparare a volermi bene ancora di più. L’unico sollievo è tenere la mente impegnata. Lavoro, studio, sport. Evitare di pensare e piano piano sperare che il tempo mi aiuti a fare pace con me stessa. L’unica via di uscita è rinascere, buttarsi alle spalle il passato, perdonarsi e rinnovarsi. Facile a dirsi, potessi avere la bacchetta di Harry Potter per togliere dalla mente i brutti ricordi! Ti abbraccio anche io, forza!

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 10:05 Rispondi

    @crocus
    Da un certo momento in poi soprattutto non l’ho fatto per piacere ma per dovere: non volevo dichiarare la crisi e sapevo che se mi fossi sottratta completamente ci saremmo arrivati, perché mio marito mi ha sempre desiderato. Avevo ridotto al minimo sindacale accampando scuse, ero sicuramente diversa ma lo facevo. Lui se l’è fatto bastare e non ha chiesto nulla. Non voleva sapere? Ne stiamo parlando. Senza confessare tutto, ho ammesso che le cose per me erano cambiate da un po’ e avevo mandato segnali chiari che però non aveva voluto cogliere. Perché? Paura? O bastaVa quello? io sono tanto di piu e lui avrebbe dovuto saperlo e volerlo. Ci stiamo lavorando e ragionando. Ho bisogno di un uomo che mi voglia tutta, anche le mie complicazioni.

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 10:06 Rispondi

    @dispersa
    Ti sento viva e positiva. Ti abbraccio anche io.

  • leilei, 21 Ottobre 2020 @ 10:54 Rispondi

    Ellelle perchè ho letto spesso, anche in altre discussioni, che ti chiedi come faccia la sua donna a riprenderselo e come facciano a stare bene insieme. e chi se ne frega, pensa a stare bene tu!

  • Crocus, 21 Ottobre 2020 @ 11:15 Rispondi

    @Vita, grazie mille per i tuoi consigli. Si so benissimo che non servirebbe a nulla urlargli in faccia la verità, tanto uno in grado di comportarsi così sarà in grado di negare tutto anche davanti all’evidenza. Lui quando mi ha lasciato mi ha aveva detto “la cosa che desidero di più è vederti di nuovo felice e solare come una volta” quindi non sarebbe una vendetta :P. Scherzi a parte devo stare bene per me stessa, ma mi sento bloccata, forse è un passaggio necessario, mi spiego meglio, ero partita dall’idea che lui povero cucciolo non poteva uscire di casa perché ha una moglie di merda, poi stando qui sul blog ho capito che questo ha usato la scusa della moglie stronza per non dire che è un codardo lui. E sempre qui grazie ad Ale e a voi ho scoperto anche tutte le altre menzogne. Quindi ora è come se non riuscissi a staccarmi da tutto lo schifo che mi ha fatto, sono qui che rimugino sul perché e per come. Capisco benissimo che è inutile ma al contempo mi rendo conto che se non metabolizzo il tutto per bene non ne uscirò mai. Speravo di farcela prima a dire il vero, però sai nel mio caso c’è stata anche moltissima violenza psicologica e verbale in mezzo che è molto più difficile da digerire… Ma ce la farò! Duri quel che duri, costi quel che costi! Grazie ancora cara @Vita <3

  • maribel, 21 Ottobre 2020 @ 11:15 Rispondi

    @crocus ogni storia è a sè e anche secondo me quella di @vita è una storia atipica, perchè penso che lei in fondo abbia amato tanto suo marito e per tanto tempo e quindi sempre saputo che sarebbe rimasta con lui… non posso sparare pareri, naturalmente, ma siamo qui per provare a parlarne da amiche…

    credo che @vita sia un bel mix di forza/amore/energia e una bella dose di sano egoismo, e te lo dico @vita come complimento, davvero, perchè da come racconti hai sempre tutelato una parte di te, l’hai tenuta “sul pezzo”, riuscendo a far convivere “due te stessa”. Dici di non essere risolta, ma secondo me lo sei più della maggior parte della gente che conosco.

    Poi la vita ha “deciso” qualcosa di non previsto nei piani e lei non si è certo persa d’animo. La trovo una donna molto forte e pronta a reagire a qualunque cataclisma. Resto dell’idea che abbia amato molto meno i suoi due uomini che se stessa, ma buon per lei. Una donna che vede obiettivi davanti a lei e non fallimenti è una grande combattente.

  • Ariel, 21 Ottobre 2020 @ 12:00 Rispondi

    @Vita
    “ Ho bisogno di un uomo che mi voglia tutta ,anche le mie complicazioni”
    Complimenti Cara Vita proprio così che FUNZIONA SEMPRE e ovviamente reciprocamente

    E cioè la difficoltà maggiore in una relazione affettiva di qualunque genere sia e cioè Amorosa Parentale Amicale
    FUNZIONA SOLTANTO se ciascuno di noi riesce a staccarsi dal pretendere da se stessi di essere perfetti
    Perchè nessuno lo è e quindi

    Più ACCETTIAMO NOI STESSI CON AMORE VERSO NOI STESSI PIÙ SI RIESCE A TRASMETTERE LA VOGLIA DI SCOPRIRE INSIEME CHE IL VALORE DEL PROPRIO SENTIRE È CIÒ CHE DAVVERO CONTA!!!!!!

    Un abbraccione cara@Vita

  • maribel, 21 Ottobre 2020 @ 12:08 Rispondi

    @elleelle si capisce che ti da’ fastidio sentirtelo dire ma sono d’accordo con @leilei. ti leggo spesso concentrata su quella moglie e alla sua condizione di infelicità. Noi te lo diciamo perchè ci importa di te, e non di quella.

  • leilei, 21 Ottobre 2020 @ 12:14 Rispondi

    Se c’è una cosa che ho imparato dalla mia storia extra è smettere di chiedere spiegazioni. All’inizio ci ho provato tante volte, inutile spreco di energia. Dall’altra parte o c’era mutismo, o una domanda in risposta alla mia (domanda).
    E’ nella mia natura cercare il confronto, sviscerare, provare a capire. Nella sua no. Tanto è vero che nega a se stesso un sacco di cose pur di non affrontarle.
    Problemi suoi.
    Quindi ora decido per me, per quello che mi fa stare meglio.

  • maribel, 21 Ottobre 2020 @ 12:15 Rispondi

    @vita scusami se scrivo molto a te oggi…. “Avevo ridotto al minimo sindacale accampando scuse, ero sicuramente diversa ma lo facevo. Lui se l’è fatto bastare e non ha chiesto nulla” questo lo trovo segno di grande amore. dici che “accampavi scuse” e lui comunque ti credeva. ti accettava con le tue complicazioni, come dici tu.

    grazie di questo bel confronto… sono utili le storie per capirci qualcosa in questo caos che ho dentro in questo momento!!!

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 12:16 Rispondi

    @maribel
    dici cose molto giuste: si, lo riconosco, credo ci sia in me una buona dose di egoismo (sano/giusto non so) che ha equilibrato l’altrettanto forte senso del dovere e della responsabilità. Sono emotiva e impulsiva, sulle prime moltissimo, ma so essere anche incredibilmente razionale e lucida. Il mio amore più grande, @maribel. è la vita: è un dono pazzesco. La difenderò sempre. Ho amato più me stessa dei miei uomini? Sono convinta che se si è felici e realizzati venga più facile amare il prossimo. Se ne hai in eccesso per te, lo doni agli altri. L’ho sempre pensato e ne ho avuto conferma in questi mesi dove per la prima volta mi sono sentita a pezzi: pur continuando ad assumermi le mie responsabilita (in famiglia e nel lavoro) ero chiusa, distratta, meno accogliente. Stavo troppo male per occuparmi degli altri. Sono in risolta nella misura in cui fatico a tenere insieme componenti molto diverse del mio carattere.

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 12:26 Rispondi

    @maribel
    è un piacere. Non so se sono d’accordo. C’è stata vigliaccheria da ambo le parti, forse perchè nessuno dei due voleva arrivare alla rottura. Dobbiamo guardarci dentro di più, avremmo dovuto farlo prima, raccontarci le nostre paure, e le nostre miserie, non lo abbiamo fatto,, stiamo provando ora.

  • elleelle, 21 Ottobre 2020 @ 12:42 Rispondi

    @maribel @leilei
    Lo so che a voi dispiace per me e vi ringrazio ma credetemi, non mi spiace per lei.
    Quando scrivo, rifletto e penso a come reagirei io, a quello che sentirei io. Se trovo una cosa triste, lo dico, ma non vuol dire che sono triste per loro, non fraintendetemi. Troverei triste una situazione simile per me.
    Non ho alcun sentimento nei loro confronti, se ho una sentimento di pena e’ perche’ mi sono resa conto di come e’ lui e provo lo stesso che proverei per un malato di mente.
    Non mi faccio carico in alcun modo della loro situazione, ne’ a livello di azioni ne’ a livello psicologico.

  • Key, 21 Ottobre 2020 @ 12:48 Rispondi

    Cara Vita…che meraviglia leggerti! sono stata “fuori” in questi giorni e ho perso molti commenti, sto cercando di recuperarvi tutte! promesso. Il tuo commento però è il primo a cui voglio rispondere perchè è potente, energico, con tanta tanta VITA dentro (tu e la Vita). Un messaggio di speranza per noi tutte. Grazie di voler condividere il sole e la pioggia in egual misura. Molto felice per te mia cara! ti abbraccio forte

  • Love, 21 Ottobre 2020 @ 14:17 Rispondi

    Orsa, si è vero, non mi fido, e faccio fatica a dare fiducia, forse le esperienze passate.
    Hai ragione quando dici eppure ho vissuto la mia esperienza spiacevole.
    Ti posso garantire, che lei prima di avere la mia fiducia, ci ha messo un anno.
    Per prima cosa, già, forse per scarsa autostima, pensavo che una donna come lei, non guardasse affatto un tipo come me, poi, non volevo esserr preso in giro.
    Quando poi, abbiamo iniziato la nostra relazione, ci conoscevamo, bene.
    Vi ripeto sempre, lei non mi ha mai trattato mal, eppure la sua scelta, l’aveva fatta, si era sposare con lui ci sta bene.
    Orsa, oggi, nonostante, mi senta, di volermi vivere comunque la mia vita, la fiducia in un altra donna, faccio fatica, a porla, vero anche che è passato poco tempo.

  • Crocus, 21 Ottobre 2020 @ 14:41 Rispondi

    @maribel, condivido ogni singola parola che hai detto, anche a me @vita dà l’idea di essere forte e cazzuta. Siamo qui per prenderne esempio :-)!

  • cossora, 21 Ottobre 2020 @ 14:42 Rispondi

    @elleelle condivido un pensiero (oggi psycho-soap-opera inside) dopo aver letto tutti i tuoi interventi?
    Cioè cosa io (e sottolineo IO) evinco da ciò che ho -in senso figurato- evidenziato in giallo?
    Forse più o meno consciamente ti aspettavi un colpo di scena dopo il tuo scossone (aprire il vaso di Pandora davanti alla moglie) così come pensi che uno scossone potesse decider le sorti del tuo compromesso matrimonio.
    Il fatto che la reazione non sia stata a tuo favore ma, al contrario, si sia tramutata in una (finta? Tant’è) ricostruzione ti ha lasciata incredula, schiaffeggiata: ma come???
    Su questo -sempre giocando alla psycho da 2 lire- ti basi per la valutazione dei fatti, perchè il tuo scossone non ha generato i risultati sperati?
    La radice sembra non ci sia ma c’è, eccome. Sotto terra.
    Per non prendere in considerazione l’erroneità del tuo gesto (che oltre tutto non puoi recuperare, e questo fa la differenza) ti ‘scagli’ sulla loro coppia che non funzionerebbe e si baserebbe sulla finzione.
    Della serie: se non posso averti, almeno che le nostre situazioni matrimoniali siano parimenti compromesse.
    Colpo di scena: loro se la godono (fanno finta? Tant’è) e tu sei nella stessa situazione, ma peggiorata, di prima.

  • Crocus, 21 Ottobre 2020 @ 14:48 Rispondi

    @Vita, io anche per dovere non riuscivo più. Se ci ripenso all’ultima volta che l’abbiamo fatto (io e mio marito intendo) mi vengono i brividi. È stato tremendo (colpa mia comunque perché non ce la facevo) e lui non capiva cosa stesse succedendo. Un mese dopo è stato scoperto il tradimento e allora è diventato tutto molto chiaro.

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 15:00 Rispondi

    @crocus
    esempio?? no.
    Ho commesso tanti errori e in questa brutta storia ci sono stata per anni. Ero ridotta a uno straccio, parliamoci chiaro, e ho tanta tanta strada ancora da fare: nodi da sciogliere e ferite da curare ma, si può e si deve e andare avanti e possiamo farlo bene. Vi abbraccio

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 15:01 Rispondi

    @key!
    Ti ho pensato! come stai?

  • Ariel, 21 Ottobre 2020 @ 15:22 Rispondi

    @Cossora e @elleelle
    @Cossora la tua analisi non fa na piega hai perfettamente centrato e messo in evidenza IL COSA SIGNIFICA IN CONCRETO COSA PRODUCE SUBIRE INEVITABILMENTE LA MANIPOLAZIONE KATTIVA E PRIVA DI QUALSIASI EMPATIA MOSSA DA UN MANIPOLATORE DI TIPOLOGIA PIÙ CHE IPOTIZZABILE UN VERO NARCISISTA BRUTTO ,PERÒ,

    Infatti il Narci del xxxxxzo in questione qui nel vaso di @elleelle tesoro caro di Donna ha esattamente previsto tutte le azioni che ha messo in atto @elleelle

    Il manipolatore In genere e molto NARCI butta le esche e lascia la lenza molla sta ad aspettare con calma ha già previsto TUTTE LE MOSSE IN CUI LE PREDE CADRANNO E ABBOCCHERANNO esattamente come previsto

    INFATTI care ragazze queste dinamiche sono DISTRUTTIVE ENERGETICHE E NESSUNO SOTTOLINEO NESSUNA PERSONA caduta nella rete manipolazione poteva accorgersene prima
    Il prima NON DIPENDE DALLA PROPRIA ABILITÀ O VOLONTÀ ,ma soltanto da QUANTO LA PRESA DEL CIALTRONE È GRAVE DI SUO

    E quindi chi ha avuto relazioni meno impattante dentro significa che il Cialtrone era MENO GRAVE DI SUO e cioè un soggetto con meno danno al suo interno evolutivo o di disturbo

    E quindi Cara @elleelle la analisi di cara@Cossora è impeccabile
    Ma ti ripeto tu NON AVRESTI PITUTO FARE DIVERSO
    Perchè la DIPENDENZA AFFETTIVA LA GENERANO I NARCISISTA IN MODO PROFONDO e quindi non farti ancora disagi in merito al tuo aver agito in un modo piuttosto che in un altro
    Quello che sicuro ti aiuta tanto è seguire un percorso terapeutico adatto a uscire dal tunnel della dipendenza affettiva che ci ha fatto agire credere aspettare fare qualunque azione tipo ROBOT TELECOMANDATO DA LUI

    È roba di meccanismo scientifico
    E quindi sicuro cara@elleelle la via del proprio benessere e cura di se resta sempre necessaria
    Perchè il movimento è la nostra Danza del cambiamento verso Amare tutto di noi
    Luci e ombre!!!

  • elleelle, 21 Ottobre 2020 @ 15:25 Rispondi

    @cossora,
    quando ho scelto di fare quello che ho fatto, sapevo che non sarebbe stato in alcuno modo a mio vantaggio. Lui non l’avrebbe mai lasciata, lei non lo avrebbe mai lasciato. Lui pero’ avrebbe continuato a tenere il piede in due scarpe e io non potevo permettermelo. Sapevo che sarebbe tornato e che io non sarei stata abbastanza forte per dire di no, per cui con il mio gesto ho reso questa cosa impossibile e ci sono riuscita.
    Tutto il resto sono le stesse considerazioni che avete fatto voi per altrettanto tempo. Qui ci sono tante come me che faticano a capire certe dinamiche, non sono io l’unica e questo deriva anche dal tira e molla a cui ci hanno sottoposto.

  • elleelle, 21 Ottobre 2020 @ 16:02 Rispondi

    @cossora
    E chiedo per favore ad @Ale di pubblicare questo post.
    Se vuoi veramente sapere a cosa sto pensando in questi giorni, ti posso dire che mi sono informata sulla lobotomia e gli effetti che possono produrre le tecniche moderne a livello di depressione e ricordi.
    Mi sono informata sull’eutanasia in Belgio e in Olanda per motivi psicologici.
    Su cosa bisogna fare per rifiutare le cure in caso di malattia grave, sul testamento biologico e altre amenita’. Sto cercando di capire fino a che punto possono essere rispettate le volonta’ di una persona di non farsi curare, ad esempio in caso di coronavirus che richieda intubazione.
    Sto esplorando queste possibilita’ perche’ potrebbero essere una via di uscita per me da non disdegnare, perche’ i familiari si approcciano ad una perdita dovuta ad una malattia in un modo diverso.
    Credi che mi importi davvero di cosa succede in casa del mio ex? Ho molto, molto di peggio a cui pensare, non ne hai idea. Non si arriva al mio punto per motivi di personalita’, ci si arriva distrutti nella propria essenza, dopo una batostra dietro l’altra. Poi quando riesco vengo qui per fare due chiacchiere, con la speranza che quello che mi e’ successo serva come aiuto ad altre persone.

    • alessandro pellizzari, 21 Ottobre 2020 @ 16:11 Rispondi

      Consiglio vivamente uno psicaterapueta urgente se non psichiatra: non perdere tempo

  • Ariel, 21 Ottobre 2020 @ 16:30 Rispondi

    @Carissima elleelle leggo ora qui questo tuo post veramente grave la tua situazione in cui fai intuire appunto la tua disperazione e certamente e giustamente per privacy qui sul Blog non è permesso esprimere fino in fondo il proprio personale vissuto

    ,ma ecco se posso mi farebbe così umanamente piacere poter almeno sapere che tu magari almeno ti senta di avere una comunicazione privata e diretta con @CaroAlessandro che sicuro almeno potrà senon altro darti informazione e aiuto nella sua capacità di Uomo Vero prima di tutto e di consoulor professionale
    Che almeno tu possa in tempi brevi avere una comunicazione diretta con lui

    Cara@elleelle so benissimo che non serve scriverti fatti aiutare ma sicuro ti dico questo che sono una persona che ha una storia molto pesante e che nonostante tante difficoltà posso affermare con sicurezza che sono eternare grata a tutti i terapeuti che si sono presi cura di me tutti i medici che hanno,posato le loro mani care nel mio corpo per aggiustare le cose che non andavano
    Ecco e ogni persona che ho incontrato amico amica parente valido e libri che ho letto e che leggo sempre
    E poi qui questa casa calore umano così vero lo sento anche se virtuale

    E poi ecco @CaroAlessandro
    Insomma elleelle ti mando un abbraccione stretto dove in questo stretto possa tu percepire immaginando la tua Luce Stup nuda di Vita che ti Appartiene sempre e comunque

    Chiedi aiuto senza aspettare un minuto di più
    Noi comunque siamo qui tutte sicuro per te e con te
    E grazie GRAZIE PER OHPGNI TUA PAROLA È UN VERO AIUTO SICURO cosìPREZIOSO che NON POSSIAMO PIÙ FARNE A MENO!!!!
    Tienici al corrente

    Che esiste sempre una luce pure nella notte più buia
    Alzati e scrivi qui!!
    Ti risponderemo sempre!!!!❤️

  • elleelle, 21 Ottobre 2020 @ 16:33 Rispondi

    @Alessandro
    Grazie, non ce n’e’ bisogno, ho una psicologa con cui parlo ma sono tranquilla, so cosa devo fare quando si presentera’ l’occasione. Non sono una persona che evita certi discorsi, li ho sempre fatti e ho ben chiaro cosa comportano, tanto che non ne ho paura.
    Mi spiace che non sia stato pubblicato l’altro post, comunque era per far capire a @cossora che non mi manca il mio ex, di lui non me ne frega niente, ho cose ben piu’ serie a cui pensare.
    La mia vera preoccupazione e’ che ho perso la @elleelle che ero prima. Mi piaceva quella persona ma non c’e’ piu e non potra’ piu’ esserci perche’ non puo’ esistere, e’ la causa di quello che mi e’ successo. Se il lutto per la perdita di un’altra persona e’ doloroso, immaginate il lutto per la perdita di se stesse, quando non avete fatto niente di cosi’ tremendo per meritarvelo. Chi sono adesso, se quella che ero non esiste piu’? Chi potro’ essere, se chi ero prima e’ stata la calamita che ha attirato cosi’ tanto dolore? Lo scopriro’ col tempo, se sara’ possibile.

  • cossora, 21 Ottobre 2020 @ 16:43 Rispondi

    @elleelle, ricordati che hai donato la vita ai tuoi figli. E con questo discorso stai affermando che hai dato loro un dono che non ha valore. Senza quel dono loro non ci sarebbero.
    Prova a vederla anche in questo modo. Prova, poi mandami a quel paese.
    E prenditi cura di te stessa. Ti abbraccio.

  • Rosa, 21 Ottobre 2020 @ 17:46 Rispondi

    @Maribel e tu scusami se mi intrometto ma hai toccato un argomento a me caro.
    Se ci fosse un campionato mondiale di scuse per non farlo, beh io sarei sul podio al 1° posto.
    E non si è trattato di un breve periodo.
    Ma io non riesco a vederci tutto quella accettazione delle mie complicazioni da parte di mio marito.
    Io ci vedo, vabbè prendiamo ciò che passa al convento e non andiamoci a cercare grane con domande.
    Un marito che ti ama dopo un pò che lo rifiuti, ti attacca al muro ( in senso figurato sia ben chiaro) e ti chiede ehi, che succede?
    Sarò fatta male io probabilmente ma un atteggiamento come quello che tu dici esser positivo, per me è da struzzo.

  • Rosa, 21 Ottobre 2020 @ 17:54 Rispondi

    @Ale credo possa esserci un fraintendimento in ciò che ha scritto @ellelle.
    Non credo (e lo spero proprio) che stia vslutando quanto ha elencato sopra per se stessa,
    Io ho inteso che lo debba fare per una situazjone che sta vivendo immagino per una persona a lei vicina, o per lavoro.
    Almeno mi auguro sia così!

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 18:15 Rispondi

    @elleelle
    Le tue parole silenziano e spaventano. Ci hai raccontato che sei seguita da una psichiatra: le hai parlato di quanto ci racconti? Fatti aiutare. Tutto questo dolore può e deve essere attenuato. Ti abbraccio.

  • Dispersa, 21 Ottobre 2020 @ 18:37 Rispondi

    @Elleelle la tua esperienza serve… Ma credo tu abbia un demone interno da eliminare, prendine atto e come consigliato da @Ale fatti aiutare!!
    Certe esperienze devastano ma non possono e non devono ridurre le persone in questo stato… Per l’amor del cielo sei un persona indipendente (e non dipendi dal tuo ex, dal marito e altri) con due figli da crescere!!!!

  • Vita, 21 Ottobre 2020 @ 18:39 Rispondi

    @crocus
    Colpa? Ma quale colpa, crocus? Sei più normale tu di me, lo dicono le statistiche. L’unico momento in cui io non ce l’ho fatta è stata il lockdown e infatti ho capito che i nodi stavano venendo al pettine. E sai perché? Perché l’amore con mio marito era compensativo: non riuscivo, non potevo, non volevo negarmi a lui che mi amava, mi desiderava, con cui vivevo, che mi aveva regalato tre splendidi figli e donarmi all’altro, ma se non lo facevo con l’altro allora, si, potevo sottrarmi. Ho ragionato al contrario. Sbagliato? Stronzo? Opportunista?
    Poi, quando quell’equilibrio assurdo, incomprensibile forse, stava per saltare, tutto è cambiato. Destino? Chi lo sa. Sulle prime, pure nell’abbandono, si è replicato un meccanismo simbiotico: l’uni non poteva sopravvivere senza l’altro: mio marito e il mio ex come due gemelli siamesi che condividevano un cuore solo.
    Se avessi agito d’impulso avrei lasciato mio marito. Subito. Ma non si sceglie nel pericolo. Mi sono data tempo. Uno dei due gemelli era ancora vivo, respirava e aveva voglia di vivere e io quella vita la sentivo ne mai avevo desiderato davvero spegnerla. Sono rimasta. Me ne sto prendendo cura. Sopravviverà? Non lo so. C’è vita. E quindi speranza.

  • maribel, 21 Ottobre 2020 @ 18:44 Rispondi

    @elleelle non sappiamo quasi niente di te ma quello che hai scritto mi lascia senza parole. confidati con qualcuno, combatti, reagisci. Hai due bambini.

  • Nina, 21 Ottobre 2020 @ 18:48 Rispondi

    @elleelle io mi sono curata con psicofarmaci e terapia. Ho capito quanto stai male e quanto sei disperata. Se potessi incontrarti..ma fai x favore il tentativo di curarti, e resta qui. Ti voglio bene.

  • Key, 21 Ottobre 2020 @ 19:53 Rispondi

    Cara Vita, care Ragazze…anche io vi penso anche quando sono nell’altro mondo (quello reale :P) Sto abbastanza bene, il lavoro mi sta tenendo parecchio parecchio occupata e sono molto stanca ma cerco di non privarmi di nulla di quello che voglio fare nella vita privata. Quello che è successo ha smosso pezzi grossi della mia vita, nodi familiari che ora non posso più rimandare di mettere a posto e ci sto provando. Le mie amiche mi dicono che mi vedono invecchiata…brutto segno ma credo sia solo la mia anima ammaccata che fa capolino attraverso il viso. Ci sono momenti che non ci penso neppure a lui, altri che non riesco neppure a dormire dal dolore di quel vuoto che sento, altre ancora ho l’impressione di sentire il suo profumo…ragazze, le allucinazioni porca miseria! 🙂 non ho forza propulsiva in questo momento e quindi rimango semplicemente “aperta” e accolgo le cose che arrivano senza rifiutarle. Non sono più io ma non sono ancora io, non so se riesco a spiegare. Al giorno 19 di silenzio mi ha scritto, ha allungato la mano per sentire se c’era ancora tutto, se ero ancora lì. Era un suo bisogno, chissenefrega, il resto per loro non fa testo (scusate la rima!) Ha ragione @Ale, non cambieranno mai perchè è proprio quella la vita che vogliono. Per concludere ho optato per una cura a base di teatro amatoriale e corso di degustazione di vini…per la ciccia mi dò un altro po’ di tempo! hihihihi. Vi abbraccio e vi leggo

  • Ariel, 21 Ottobre 2020 @ 21:18 Rispondi

    @Key
    Uauu anche io voglio fare uguale il CORSO DI DEGUSTAZIONE DI VINI
    sono veramente adatta anzi APPASSIONATA ah ah ah
    E pure anche il teatro avevo fatto tanti tanti anni fa e mi ricordo mi fece benissimo perché è un molto terapeutico avevo scoperto moltissimo di me stessa e divertendomi tanto conoscendo tante persone diverse eravamo un gruppo di tutte le età

    Questo per dirti che SEI DAVVERO IN GAMBA cara@Key!!!!
    Naturali tutte le cose che scrivi riguardo alle reazioni che hai
    Sono comuni a chi ha vissuto simile esperienza
    Anche io ebbi le stesse reazioni

    Ma ti ASSICURO E RASSICURO che poi con la cura fantastica che stai mettendo già nella tua Nuova vita
    Ecco si,si guarisce e si vie poi in vera Rinascita
    Con tante nuove scoperte positive luci di se stesse !!!
    Un abbraccione cara FORZA @Key!!!!!

  • Rosa, 21 Ottobre 2020 @ 22:58 Rispondi

    @ellelle scusa, non avevo capito.
    Leggendo i commenti delle altre, qualcosa non tornava e sono andata a rileggere.
    Tutte noi qua abbiamo passato momenti e non solo momenti di disperazione e depressione e ognuna ha trovato, sta trovando il modo per uscirne.
    La vecchia te non c’è più, come non c’è più la mia e quella di tutte le persone che sono qua.
    E posso aggiungere che tutte le vecchie “noi” hanno lasciato spazio a delle donne migliori, è un percorso doloroso ma se ne esce , ognuna con i propri tempi.
    Abbandona questi pensieri per amor del cielo, ferma il cervello e smetti di pensare.
    Non devi trovare ora la soluzione a tutto.
    Un passo alla volta.
    Ti abbrsccio e continua a scrivere qua

  • Crocus, 22 Ottobre 2020 @ 00:00 Rispondi

    @Orsa, si ho letto anche io che il tradimento/la fine di una relazione vengono paragonati a un lutto. Da una parte condivido questa teoria e dall’altra no. Io ho perso mio padre l’anno scorso quindi ti lascio immaginare il dolore, però, anche se per tot tempo mi sono vergognata di ciò che sto per dire, ci ho messo di meno a metabolizzare quella perdita che non tutto questo schifo in cui sono piombata con la storia dell’amantato. Sarà perché come dici tu nel caso dell’abbandono la persona è viva e vegeta ma non solo, è serena e allegra (dopo che per tot tempo ha preso per il culo un’altra persona) quindi credo che si inneschino meccanismi diversi. Cioè si tratta di una perdita in entrambi i casi, ma in modo completamente diverso. Vorrei anche io la bacchetta magica, perché onestamente di restare incastrata nei vari pensieri brutti non ne posso più. Attendo fiduciosa il giorno del relè. Intanto scrivo qui. Un cuore per te cara Orsa <3.

  • Crocus, 22 Ottobre 2020 @ 00:05 Rispondi

    @Vita, grazie per ciò che scrivi e come lo scrivi. Ti auguro di cuore che tu possa risolvere il prima possibile tutto ciò che ti tormenta..grande Vita!

  • Crocus, 22 Ottobre 2020 @ 00:14 Rispondi

    @elleelle, eh no. Aspetta un attimo. Io capisco il dolore, capsico le difficoltà, capisco i tormenti, perché di pensieri grigi e fuori luogo ne ho fatti anche io, però fermati un attimo, fai in bel respiro profondo e pensa anche che hai la responsabilità di due figli. Loro hanno bisogno della loro mamma… Lo so che è dura perdere se stessi, lo so che ora sembra tutto irrecuperabile, ma datti tempo, arriverà l’arcobaleno anche sulla tua strada. Ti voglio bene, anche se non ci conosciamo di persona, mi sento di dirti che sei una persona speciale. Un mega super abbraccio. <3

  • elleelle, 22 Ottobre 2020 @ 04:26 Rispondi

    @Rosa e altre,
    Sì, quello che scrivo è per me.
    Non vado mica a buttarmi sotto al treno tra qualche ora, ma di certo coglierei l’occasione per rifiutare le cure in caso di malattia grave. Potrebbero volerci anni e miei figli ce la farebbero come tutti gli altri a cui capita di perdere un genitore.
    Per me si tratta di pensare e di fare il punto della propria vita. Deve esistere da qualche parte la libertà individuale di decidere quando quello che si è vissuto è sufficiente. Io sono arrivata a questo punto, magari a qualcuno sembra prematuro ma ho fatto tante cose nella mia vita e non mi interessa sperimentarne altre.
    Non mi serve uno psicologo che mi dica “ma no, hai tutta la vita davanti, sei tanto bella buona e cara, non pensare così”. Mi serve uno psicologo che accetti la mia decisione e che mi aiuti ad avere gli strumenti per capire cosa può succedere e per mantenerla.
    Nel momento in cui mi dovessi rendere conto che vuole farmi cambiare idea, non ci torno più.
    Questi non sono ragionamenti che escono dal nulla, sono frutto di anni e anni di riflessione e di esperienze. L’ultima esperienza non è la causa, è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso e in un certo senso è stata una benedizione: adesso sì che sono certa di poter dire basta.
    Non mi mancherà niente di quello che ho vissuto né di quello che potrei vivere.
    Non c’è niente di malato in questa decisione, non è nemmeno depressione, anche se è più facile interpretarla così per chi vede da fuori.
    È solo consapevolezza del fatto che qualcosa si è rotto e c’è solo un modo per rimetterlo a posto. Sarebbe bello che non fosse così ma è troppo tardi, non posso cambiare tutto quello che è stato. Posso accettarlo e fare l’enorme regalo a me stessa di non passarci mai più.

  • Vita, 22 Ottobre 2020 @ 08:11 Rispondi

    @key carissima,
    Ti leggo sempre con piacere e affetto, nelle tue parole, come disse @maribel, sento dolcezza, dolore ma anche voglia di ricominciare. Non so se sia vero che sei invecchiata, so che il nostro viso racconta la nostra storia e indossarla con fierezza è un merito. Forse, anzi certamente, anche la mia in questi mesi si è arricchita di rughe, segno delle sofferenze e dei pensieri ma io la penso come Anna Magnani: Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire! Alle fasulle perfezioni, preferisco di gran lunga gli umanissimi difetti che ci rendono unici. Certe ricostruzioni forzate non hanno nulla di bello, trasmettono una tristezza infinita. La nostra faccia dice chi siamo e la vita che abbiamo.

  • maribel, 22 Ottobre 2020 @ 09:09 Rispondi

    @rosa cara, capisco cosa vuoi dire e ti assicuro che io mi ritrovo molto più nella tua storia che in quella di @vita-
    quindi capisco cosa intendi quando dici che un compagno innamorato deve ” appenderti al muro e farti dire cosa c’è”. però in qualche modo quando leggo i racconti di @vita chissà perchè vedo in loro qualcosa di diverso, forse mi sono immaginata questo marito “risolto” lei lo descrive così (un concetto a me carissimo, perchè io risolta non sono) e che alla fine accetta questa donna e i suoi cambiamenti e quello che lei gli dà. immagino una @vita convincente nel suo accampare scuse e non una donnicciola che si ritrae perchè “ha mal di testa”.
    Sicuramente sono letture parziali, perchè da quel poco che scriviamo ognuno può farsi solo un’idea. ma è per spiegarti il significato del mio post rivolto a @vita.

  • maribel, 22 Ottobre 2020 @ 10:27 Rispondi

    @key ti spieghi benissimo! e la cura a base di teatro e vini mi sembra azzeccatissima! ce la farai, un abbraccio forte.

  • maribel, 22 Ottobre 2020 @ 13:00 Rispondi

    e poi, per finire @rosa, ti aggiungo qua una seconda parte (avevo scritto sopra ma evidentemente @ale ha ritenuto che non fosse scritta in modo pubblicabile, sorry!)
    cerco di essere più sintetica: non è vero che un marito che chiede, anche con trasporto (“ti attacca al muro”), un maggior tuo coinvolgimento fisico e più frequente, allora è uno che vuole approfondire, capire e vuole amare “te e le tue complicazioni”.

    nel mio caso l’argomento è stato affrontato, perchè evidentemente a lui interessava tantissimo e a me meno, ma tanti discorsi sono serviti a poco tant’è vero che poi una donna comincia a considerare quei momenti come “doveri coniugali” da svolgere con una certa regolarità per evitare discussioni!!! E sia chiaro, non c’erano altre persone nella mia vita, assolutamente!
    Un marito che si fossilizza su quella sua necessità e che non valorizza tutto il resto che tu fai per la coppia (nonostante tu glielo faccia notare) è un immaturo.

  • Vita, 22 Ottobre 2020 @ 13:29 Rispondi

    @rosa @maribel,
    Anche io penso che mio marito avrebbe dovuto attaccarmi al muro. Glielo ho detto. Come ho scritto a @maribel credo che siamo stati vigliacchi entrambi: io trovandomi soluzioni altrove, lui fingendo di non capire. Essersi accontentato è la sua colpa, le mie sono molte di più. Ma guardo al presente, a crisi dichiarata entrambi stiamo lavorando sui nostri errori. Insieme e da soli.

  • Vita, 22 Ottobre 2020 @ 18:51 Rispondi

    @elleelle
    Ho letto ora il tuo post delle 16.33 di ieri rivolto ad @alessandro. Perché mai non potrebbe più esistere la ellelle di prima che pure ti piaceva e molto? Perché qualcuno non ha saputo apprezzarla, amarla e valorizzarla? Sei ancora troppo turbata da quanto accaduto. Sei un’anima pura, soffri più di altri. Ma non arrenderti. Tieniti stretta ciò che sei.

  • Ariel, 22 Ottobre 2020 @ 21:06 Rispondi

    @elleelle anche secondo me tu Cara come ti scrive @Vita sei una donna pura e ipersensibile e leggendoti oggi qua e là mi sono accorta che sempre secondo mio modesto e relativo vedere da qui ,ecco credo che tu non ti sia mai data “ il permesso” di sentire che AVEVI E HAI DIRITTO DI GRIDARE IL TUO DOLORE!!!!

    Trattieni in te come se ad ogni ferita che hai subito dagli altri o dal destino ,in caso di malanno ad esempio ecco che per autodifesa ti metti in modalità ROBOT che non sente non vede non parla direttamente a se stessa del proprio DIRITTO A METTERTI cito la cara@Nina @:

    MODALITÀ DA INCAZZO DA SCARICATORE DI PORTO

    È una efficacissima e perfetto funzionamento universale della unica possibilità che abbiano mo per riuscire a fare DAVVERO CON VERO AMORE DI SE COGNIZIONE DI CAUSA LUCIDITÀ

    Prima OCVORRE PER OGNI PIÙ PICCOLA FERITA

    ENTRARE UN MOMENTO NELLA FASE
    Della modalità suddetta copiyrait di @Nina che ho subito provveduto a fare mio e @CaroAlessandro lo Sto arrivando!….ah ah ah un attimo di umorismo buono aiuta tanto !!!

    Ecco cara @elleelle ti ho dato una riflessione se vorrai liberamente pensarci e se vorrai scambiare il tuo pensiero su questo metodo che il fatto di trattenersi dentro solitamente sono condizionamenti che abbiamo appreso nella crescita non fanno parte della propria essenza

    Infatti un buon metodo è ciò che stai facendo ecioe pure analisi fatta anche qui con tutti noi
    Lo dico sempre Bisogna scavare in profondità per riuscire a scoprire alcune cose che davvero aiutanomacscegliere nelle proprie scelte di vita.

    Buone riflessioni e scrivi che mi piace scambiare perché aiuta me !! È uno scambio di pensiero e di cuore che ce ne è così bisogno qui dentro e fuori di qui.

  • elleelle, 22 Ottobre 2020 @ 23:01 Rispondi

    @Vita e tutte le altre, grazie, vi abbraccio!

    @Ariel
    Capisco bene quello che dici però non sono sicura di non aver gridato il mio dolore. Per prima cosa, l’ho gridato in faccia a lui, gliene ho dette di tutti i colori, altro che scaricatore di porto! Non vi dico il resto perché poi @Alessandro non mi pubblica 😀
    Il mio dolore lo scrivo qui da mesi, assieme alle mie riflessioni.
    Vedi @Ariel, e tu mi puoi capire meglio di altre, so anche che tutto quel male che ho provato è stato per qualcosa che non esisteva. Ritorna la dissonanza cognitiva: tutto quello che mi ha detto era finto, non esisteva, eppure c’è ancora, scritto nero su bianco.
    Ho detto tante volte che non sto male per lui ma per me stessa, perché devo guardarmi e dirmi che per lui non esistevo come essere umano, anche se ero davanti a lui in carne ed ossa. Chi può aver piacere a non sentirsi trattare da essere umano?
    Ma in realtà quello che mi preme è la mia tranquillità, presente e futura. Se volessi avrei anche un chiodo, è single, è cinico come me e so che gli piaccio da tanto tempo ma no, non mi va. Si porta dietro anche lui un bagaglio pesante e io ho già dato.

  • Nina, 22 Ottobre 2020 @ 23:29 Rispondi

    @ariel ha ragione @elleelle, anche io ti percepisco tanto sensibile e con un dolore addosso che è esploso con questa ennesima mazzata.. comprendo anche che ti diano fastidio i messaggi troppo ottimisti. Stai qui. A me fa bene leggerti. Vorrei darti un abbraccio forte. Mi capita spesso di pensare a te durante la giornata. Un abbraccio caldo.

  • Crocus, 23 Ottobre 2020 @ 06:17 Rispondi

    @elleelle, “tutto quello che mi ha detto era finto, non esisteva, eppure c’è ancora scritto nero su bianco”. Ecco. Credo sia questo il nostro “problema”, non riusciamo a staccarci da questo concetto. Credo che sia questo il fantasma che non ci dà pace e non ci permette di andare avanti. “Chi può avere il piacere a non sentirsi come essere umano?”. Hai toccato tutti i tasti che fanno malissimo. Perché è quello che provo anche io. Però a una certa @elleelle dovremo in qualche modo liberarcene perché temo poi che diventi davvero un’ossessione come dice @Cossora.

  • Vita, 23 Ottobre 2020 @ 09:32 Rispondi

    @maribel
    quando anche il sesso diventa un dovere, quando finisce nella tabella di excel appesa al frigorifero, no, non va bene. E a me è successo. Per colpa di chi (mia, di mio marito, di entrambi?) oggi non mi interessa più, mi interessa scardinare quel meccanismo perchè altrimenti il piacere lo cerchero nuovamente altrove. Ho voluto essere, oltre a tutto il resto, anche la moglie perfetta che dopo anni di matrimonio fa felice il suo uomo. L’ho fatto con regolarità (fino a un certo momento almeno), perchè questo andava fatto, perchè questo ci si aspettava: probabilmente ciò rassicurava mio marito (che se l’è fatto bastare) lasciava in pace me che mi facevo i fatti miei. terribile e pure avvilente ma vero. Ora io, anzi noi, dobbiamo rinunciare alle certezze in cambio di vita vera, se ce n’è ancora e scopriremo che il desiderio se n’è andato ci faremo i conti. Ce lo siamo detti: io non garantisco più prestazioni regolari, mi regalo se c’è impeto, passione e senso. Se non c’è, amen, accetto la possibilità che l’altro possa cercarselo altrove e tutto quello che verrà. Ma che almeno il piacere non entri in agenda! A me l’amore piace troppo per ridurlo a un dovere, ne ho già troppi. piuttosto ci rinuncio.

  • maribel, 23 Ottobre 2020 @ 09:51 Rispondi

    @vita esatto. Non sono prestazioni da garantire. Proprio così!!!

  • maribel, 23 Ottobre 2020 @ 09:53 Rispondi

    @elleelle carissima continua a scriverci qui e a farci conoscere la vera te, quella che tu dici non esistere più… allenandola a farsi conoscere e apprezzare ricordare com’era magari tornerà! PROVACI!

  • elleelle, 23 Ottobre 2020 @ 10:07 Rispondi

    @Vita
    So che hai passato un periodo orribile ma stai facendo passi da gigante, spero che tu sia molto contenta di te stessa. In mezzo a questo casino, stai davvero arrivando a conclusioni che non possono che aiutare te e tuo marito a impostare una vita diversa, se necessario.
    Se tanti dei nostri ex avessero avuto la meta’ delle tue capacita’ di autocritica e di crescita, vivremmo in un modo migliore.
    Ti abbraccio.

  • elleelle, 23 Ottobre 2020 @ 10:17 Rispondi

    @crocus
    E’ impossibile liberarsi da queste sensazioni.
    Decenni fa ho avuto a che fare con un narcisista grandioso overt, maligno all’eccesso, lo sapevano tutti, suoi amici inclusi che si scusavano con me per il suo comportamento, mi facevano compagnia quando scompariva senza dire niente ecc.
    Ancora adesso se penso a quello che e’ successo, faccio fatica a crecerci e l’unica spiegazione e’ la sua patologia.
    Non si dimentica, ma ci si pensa sempre meno e si passa del dolore all’incredulita’, quella che ti fa storcere il naso, pero’, perche’ sai che la persona non e’ a posto.

  • Vita, 23 Ottobre 2020 @ 11:14 Rispondi

    @elleelle
    Grazie per queste tue parole. È questo che tutte noi dobbiamo e possiamo fare, anche tu. Non autodistruggerci, ma migliorarci per restituire senso alla vita vissuta. È stata un’esperienza orribile, Elleelle, hai detto bene. Lo è stata per tante ragioni ma oltre al dolore, al senso di abbandono, alla delusione immane, una domanda su tutte mi ha sempre angosciato: cosa me ne faccio io di tutti quei anni svaniti nel nulla, distrutti, annientati e privati di significato. Me ne approprio. Lui li ha distrutti, buttati in un sacco dell’immondizia assieme a me? Me li prendo io, ci rifletto, ne faccio tesoro, imparo, cresco e mi miglioro. Perché io, diversamente da lui, non rinnego. Per me era tutto vero. E delle cose, di me, in quella storia ne ho capite. Di lui e di noi evidentemente non Avevo capito un cazzo. Ma c’è tempo, di vita ce n’è ancora e sarà migliore, anche grazie a questa esperienza

  • Ariel, 23 Ottobre 2020 @ 12:26 Rispondi

    @Nina grazie davvero anche a me capita di pensarti tanto e sai come ti visualizzo ?
    Tu col tuo cagnolino a spasso a giocare ridendo su una bellissima immensa spiaggia piena si sole di luci gialle di sabbia e oceano turchese tu che corri in avanti insieme al tuo cane ecco vedere in orizzonti nuovi la Tua vera Rinascita completata dove ogni persona e cosa che ti trattiene per adesso
    Non fa parte più del tua vita
    Andare incontro al nuovo che sicuro viene quando meno ci si aspetta e si pensa soltanto a vivere con vera curiosità la scoperta nuova del proprio vero essere se stesse!!

    Sono una Donna emotiva molto emotiva e sono come un oceano fatto di onde diverse e maree ora basse e poi alle spiagge nascoste che si rivelano ad ogni bassa marea pur se dolorosa il mare si scopre nitide appaiono le emozioni e questo fa nascere le nuove soluzioni a qualunque problema

    Cara@Nina sto vivendo una onda di apertura nuova pure qui ,infatti me ne accorgo rileggendomi e mi fa bene solo che bene!!!
    Grazie ❤️

  • leilei, 23 Ottobre 2020 @ 12:54 Rispondi

    La cosa che mi fa più male a leggervi è sentirvi distrutte come persone, vedere quanto queste storie hanno minato l’immagine che avete di voi stesse.
    Ma quando Alessandro scrive del cialtrone, del debole, dello stronzo dovrebbe aiutarvi a capire che le sbagliate non siete voi. Voi potete aver sbagliato ad averci creduto troppo, a non ascoltare certi campanelli d’allarme, ad ostinarvi ad andare avanti quando la situazione vi dava più dolore che gioia. Ma questo non vuol dire che non valete nulla, significa solo che ci avete messo il cuore tutto intero. Iniziate ad amarvi di nuovo con pregi e difetti, e quello che accade nella loro vita ormai è solo affar loro.

  • leilei, 23 Ottobre 2020 @ 12:59 Rispondi

    Vita la penso esattamente come te ed anche io ho fatto sesso (non amore, non ci baciavamo nemmeno) per dovere, perchè dopo era più tranquillo e gentile, perchè volevo farlo contento. E questo già prima che arrivasse l’amante.
    Ovviamente ne ho parlato con lui, mi ha proposto terapia di coppia, ma purtroppo il suo corpo non ha più alcun richiamo per me, non amo più la sua pelle, il suo odore. E per quanto sia più prestante e dotato dell’amante, non riesco a desiderarlo.
    E anche io credo che abbia il diritto di cercare piacere da qualche altra parte, non potrei accusarlo di nulla. Non si può votare alla castità a causa mia.

  • Crocus, 23 Ottobre 2020 @ 17:42 Rispondi

    @elleelle, no dai, non mi dire così uffaaa io spero invece di riuscire a liberarmene in qualche modo :-(. Sai @elleelle, chi semina raccoglie ma per raccogliere bisogna chinarsi e a quel punto è un attimo. Questi personaggi questo si meritano. Grazie per aver condiviso questa esperienza. Si scopre e si impara sempre qualcosa.

  • elleelle, 23 Ottobre 2020 @ 17:59 Rispondi

    @leilei
    Come fare per farti vedere che la tua relazione è stata molto diversa da quella che abbiamo vissuto io e altre qui sul forum?
    Hai sempre detto che tu e il tuo amante vi siete frequentati per anni, per piacere e per bisogno di una stampella, ma comunque più o meno di comune accordo sul non voler lasciare le famiglie. Poi il vostro rapporto si è sfaldato nel tempo, come capita spesso, ma dandovi modo di adattarvi a questi cambiamenti.
    La mia esperienza è stata brutta ma mai come quella di chi si è trovata con il contratto della casa in mano e l’amante che le molla su due piedi.
    Oltretutto varii di questi amanti sono più o meno disturbati a livello psicologico, per cui si creano dinamiche distruttive che ti pervadono la vita.
    Sono traumi veri e propri, paragonati alla sindrome da stress post-traumatico. È ovvio che se ne esce a pezzi e ci vuole tanto tempo.

  • Crocus, 23 Ottobre 2020 @ 18:45 Rispondi

    @leilei, @elleelle ti ha spiegato in modo molto chiaro perché ci siamo ridotte così. Sono traumi e in quanto tali lasciano il segno. È un meccanismo psicologico non è che ci si possa fare molto. E non è piacevole per nulla vedersi in determinate condizioni.

  • Vita, 24 Ottobre 2020 @ 10:57 Rispondi

    @crocus, @ellelle
    Concordo che ci vuole molta forza e molto coraggio, oltre a una buona dose di autostima per risollevarsi da una situazione così. Con le dovute differenze, Le nostre storie si somigliano tutte, il che le rende banali. E anche questo fa male a chi, per lungo tempo, le ha considerate eccezionali. Anche io. Ho prima salvato me stessa, poi un pezzo alla volta mi sto riprendendo la mia vita, questo non toglie che le domande me le faccia anche io e a volte mi tormentino. Altrove si dibatte sul senso dell’amore e dell’affetto, la verità è che il rispetto prescinde dai sentimenti, si deve a chiunque. Superata la fase critica, accantonato il rimpianto, resta da superare il trauma dell’inganno e rassegnarsi all’incomprensibile. Come si fa, come si può, perché? Sono interrogativi che non hanno risposte se non accettando che semplicemente sono dei miserabili. Il mio ex non ha avuto mai il coraggio di affrontarmi. Mai. Ed è il torto più grande che mi abbia fatto. Non so se quel coraggio lo avrà mai, ma metto in conto che prima o poi possa rispuntare, non per riprovarci, ma per sanare la sua coscienza, una volta avuto il benestare della moglie. Ed io cosa dovrei fare? Ascoltarlo? Non ho mai negato il confronto a nessuno. Mai. Il diritto di parola si concede a tutti ma per la prima volta in vita mia penso che a lui non spetti, io ne sono stata privata, lui ne ha abusato per anni.

  • Vita, 24 Ottobre 2020 @ 11:42 Rispondi

    @maribel
    Mi racconti qualcosa di te? La verità è che non conosco la tua storia perché probabilmente l’hai raccontata prima che io approdassi qui. Ho capito che hai un ex e che lo hai lasciato tu perché non riuscivo più a gestire la situazione. Il tuo stato d’animo attuale un po’ l’ho compreso. Ma quanto è durata con l’ex? Ne eri innamorata? Lo hai più sentito? Lo rimpiangi?

  • maribel, 24 Ottobre 2020 @ 12:45 Rispondi

    certo che sono tutte situazioni diverse. ha ragione @elleelle.
    c’è chi viene mollato e resta completamente solo e distrutto, che è il peggio.
    chi aveva comunque un compagno con il quale c’è ancora un margine di ricostruzione. e va già meglio.
    chi lascia un amante per capire come mai si è arrivati a tradire. e ci deve lavorare sodo per non ricaderci.
    e chi continua bellamente a tenere il piede in due scarpe fin che dura.
    ovvio che per alcune è più facile trovare energie e motivi per non sentirsi il peso di un fallimento e la delusione di un abbandono.
    siamo tutte diverse, ma tutte dobbiamo puntare a ricostruire noi stesse. non siamo le mezze mele di un uomo. siamo mele intere, belle, rosse e gustose, anche senza una metà!!! e forse la mela intera giusta per noi la troveremo quando ci accorgeremo che non abbiamo più bisogno di una metà!
    forza ragazze belle!!!

  • elleelle, 24 Ottobre 2020 @ 23:43 Rispondi

    @Vita
    Il mio ex non ha mai avuto il coraggio di parlarmi. Di fare due chiacchiere certo, ma non mi ha mai parlato di quello che era davvero importante e riguardava noi due.

    Posso dare a tutte un pochino di speranza? È da tre giorni che non ci penso. Avete letto bene, ho avuto il cervello libero per tre giorni!!
    Sono impegnata, ho tante cose da fare e osservo divertita il ritorno di un amico che ci aveva provato con me cinque anni fa e poi si era dato alla macchia. Ci ha provato sottilmente durante il primo isolamento Covid e l’ho spedito a fare un giro. Tre giorni fa ci ha riprovato e gli ho detto di no, che ho chiuso bottega. Oggi nuovo approccio, altro no.
    Perché no? Perché questo è un altro che le donne le massacra, lo so per certo (il “bello” di abitare in una città piccola).
    Visto che io ho la calamita per queste persone e sono tre giorni che il pensiero di quello che è successo con il mio ex non mi tormenta, ci manca solo che l’ex si rifaccia vivo 😀 😀

  • Crocus, 25 Ottobre 2020 @ 06:56 Rispondi

    @maribel le situazioni sono tutte diverse è vero. E noi siamo diversi, anche su quello concordo. Però esistono alcuni elementi, tipo la violenza sotto ogni forma, che quando ti capitano la diversità credo che non c’entri più nulla. La violenza, specialmente quella verbale è subdola e attacca chiunque (forti, deboli ecc) e poi uscirne è davvero molto ma molto difficile ma proprio perché sono cose ti segnano. Non si tratta solo di finire una relazione con una persona e smaltire il dolore legato all’abbandono, si tratta di dover smaltire tutto lo schifo che questa relazione ha prodotto. È un bel concetto quello di ricostruire noi stesse anche senza una metà, verissimo! Però è difficile dimenticare certi colpi subiti. Come giustamente ha detto @elleelle, sono traumi importanti e prima di a arrivare a pensare a te stessa (che trovo sia una cosa giustissima) devi superarli ed è questa la lotta più difficile in alcuni casi.

  • Crocus, 25 Ottobre 2020 @ 07:17 Rispondi

    @Vira, il rispetto, questo sconosciuto. A me risulta difficile anche acccettare che siano dei miserabili, cioè che io abbia avuto una relazione con un miserabile. Perché è da qui che nascono tutti i sensi di colpa. Nessuno di loro ha il coraggio di affrontarci perché alla fine ci vedono come una brutta parentesi della loro vita quindi è chiaro che non hanno più tempo da perdere con noi. Credo anche io che al tuo ex non devi concedergli la parola, doveva fare qualcosa quando in quel momento, ora non servirebbe più a nulla.

  • Vita, 25 Ottobre 2020 @ 08:34 Rispondi

    @crocus
    Fare i conti con l’idea di essermi donata a un miserabile non è facile nemmeno per me, per niente. Non sono Però così convinta che non averci affrontato non lasci segni anche su di loro e non per ciò che abbiamo o non abbiamo rappresentato ma per ciò che questo dice a loro di se stessi. Chi fa ghosting, e io questo ho subito, qualche problemino da risolvere ce l’ha. Non so se ti consoli, forse non dovrebbe perché come ci diciamo sempre l’importante sarebbe pensare a noi e guardare avanti.

    • alessandro pellizzari, 25 Ottobre 2020 @ 09:13 Rispondi

      i miserabili… prossima diretta

  • maribel, 25 Ottobre 2020 @ 09:26 Rispondi

    @vita si la avevo raccontata tempo fa e più di una volta. Mi.spiace annoiare ci ha gia’ letto ma cerco.di.essere sintetica…
    Diciamo che il.mio matrimonio era già un po’ “provato”. Da tempo.
    Poi in un momento per me molto difficile in cui ti posso solo dire che c’entrava la salute (non mia) mi sono resa conto che chi avevo accanto non mi.era d’aiuto. Non per cattiveria, forse per immaturità, per indole.. ma mi sentivo molto molto sola… insomma ho trovato conforto in un’altra persona che mi ha saputo stare vicino… non posso dire molto…ma da subito ho cominciato a farmi domande e avere dubbi… E poi quando cominci a chiederti se è troppo tardi.. È davvero troppo tardi!!! Ho alternato momenti molto belli a momenti di lacerazione.
    Ho provato a pensare seriamente alla separazione ma non ci sono riuscita. Quello che all’inizio mi faceva star bene diventava troppo troppo difficile. Lui voleva me al cento.per cento e io non ce la facevo!!! Mi.sentivo divisa in due.
    Mi.sembrava, ad un certo punto di cominciare ad avere allucinazioni.. mi immaginavo di essere seguita, di essere controllata. anche se non era vero. Nessuno.mi.ha mai seguita. Ma io stavo andando in corto circuito. Non riuscivo più a star bene. allora ho chiuso. Non facevo più felice nessuno. Nemmeno io lo ero.
    Ho chiuso mesi fa ma ogni tanto lo sento. Mi chiede come sto …mi dice che per lui non ci sarà nessun’altra. È più grande di noi @vita. So che mi vorrebbe ancora..pensa, @vita che mi vorrebbe sposare! E so che è la verità. Anche oggi.
    Una parte di me è ancora con lui e lo sogna ancora. Quella difettosa non riesce a cambiare. Per i figli? Perché sono borghese? Perché ho paura? Non lo so.

    • alessandro pellizzari, 25 Ottobre 2020 @ 09:38 Rispondi

      succede: era il tuo matrimonio ad avere falle. L’amante è un termometro che misura la febbre di una malattia pre esistente, non la provoca mai

  • Cristina, 25 Ottobre 2020 @ 10:29 Rispondi

    Buongiorno a tutte, ho trovato questo blog, dopo aver letto il libro del padrone di casa, che ho trovato davvero interessante.
    Mi è stato regalato da un amica che conosce la mia storia, e che vorrebbe, che decidessi qualcosa.
    Anch’io ho un amante, single, da anni, che sento, non ha parole, ma a fatti, che mi ama veramente, ed io lo amo.
    Mi direte: “se vi amate, il problema dove sta?”
    Anche il mio come @Mirabel, mi vorrebbe tutta per lui, ma…io ho scelto mio marito, anche se tra di noi, la passione, la sessualità, non esiste più da anni, tutto sommato, è un matrimonio sereno.
    Nella mia vita, di esperienze ne ho avute, e non sono al primo matrimonio, ma posso dire, che l’altro, è un uomo davvero raro, non so come descriverlo a voi, so solo, che potrebbe, veramente far felice una donna tutta sua, ma lui, non a occhi, se non per me.
    Io sono stata chiara, non lascerò mai mio marito, lho scelto come marito.
    Molte volte vorrei che il mio amante mi lasciasse, ma egoisticamente, mi dispiacerebbe, non averlo più, per come mi fa sentire, e non solo a letto.
    Trova sempre il modo di farmi ridere, se vede che sono giù, e…sembra, che legga dentro di me, se ho un problema.
    Se un giorno, decidesse di lasciarmi, accetterei, di lasciarlo andare, si merita una famiglia, ed io ne soffrirei tremendamente, anche questo, secondo me, vuol dire amare una persona.
    Si, sono un egoista, perché non prenderò mai una decisione.

    • alessandro pellizzari, 25 Ottobre 2020 @ 17:02 Rispondi

      Benvenuta. Fai conto che milioni di persone stampellano il proprio Matrimonio con l’amantato tanto che io scherzando ma non troppo dico che l’Italia era una Repubblica fondata sul lavoro e ora è una Repubblica fondata sulle amanti o sugli amanti. Visti i numeri c’è da chiedersi se il matrimonio la fedeltà e la dedizione a una persona sola nella vita abbiano ancoraUn senso nella realtà

  • Ariel, 25 Ottobre 2020 @ 11:40 Rispondi

    @elleelle che bello leggerti così con il sorrisone ! Ormai sei CONSAPEVOLE DI TUTTO IL MECCANISMO
    Stai FORTISSIMAAAAAAA con la ecooooo

    Infatti li sgami benissimo i Se Dicenti CORTEGGIATTORI delxxxxxzo ah ah ah ah
    Tipici che si fanno avanti proprio nel momento in cui stiamo a uscirne davvero ,ma ovviamente siamo come piante meravigliose che passano ogni tempo evolutivo
    SOTTO LA PIOGGIA DELLE LACRIME

    POI SORGE IL SOLE CHE LE ASCIUGA

    POI CI SCAPPA DA RIDERE DEI GUAI

    ED LÌ CHE SI CAPISCE che ORMAI
    LA SARACINESCA STA CHIUSA SOLTANTO PER QUESTI NUOVI DEJA VU DEJA TUTTO VISSUTO

    @elleelle PARTAGER LA VIE ANCHE QUI HA UN GRANDE VALORE DI RINASCITA PER NOI STESSE!!!

    W @elleelle e il tuo CRESCERE STUPENDO NUOVA VITA!!!!❤️

  • maribel, 25 Ottobre 2020 @ 11:53 Rispondi

    @ale si ne sono convinta… tant’è che non si è rianimato, dopo.
    il tuo articolo dove spieghi che il tradimento è “il termometro” è stato il primo tuo che ho letto. non esiste il tradimento, è l’amore che finisce, il primo che ho letto e quello che mi ha convinto che questo fosse un buon posto dove stare.
    grazie.

    • alessandro pellizzari, 25 Ottobre 2020 @ 17:07 Rispondi

      Grazie a te

  • Ariel, 25 Ottobre 2020 @ 11:56 Rispondi

    @Maribel cara ti ho letta molto volentieri qui e sai cara che vorrei scriverti questa mia impressione relativa ,
    Relativa lo è sempre per via che si può soltanto da qui e con anonimato esprimere pensiero limitato a ciò che si legge è quindi ovviamente SEMPRE POSSIBILE sbagliare perché non si può conoscere e non si conosce nessuno qui di persona e tantomeno la propria storia personale complessiva .

    Ma,
    Ecco cosa sento a leggerti qui
    Sento che ,forse,tu non sia affatto malata ,penso che le tue percezioni del essere seguita potessero essere vere o comunque INDOTTE
    Un MANIPOLATORE INDOSSA MOLTE MASCHERE E PUÒ PURE NASCONDERSI DENTRO A UN UOMO PURE DAVVERO SINGLE

    Infatti ciò che mi ha colpito anche è che tu TI SEI DESCRITTA INADEGUATA

    TU TI SEI DEFINITA CHE NON FUNZIONA

    TU TI SEI DESCRITTA CHE PERÒ LO PENSI OGNI TANTO

    TU HAI SCRITTO CHE LUI VORREBBE SPOSARTI

    ecco CARISSIMA TESORO DI DONNA @Maribel sei talmente una GRANDE DONNA SPECIALISSIMA che sei RIUSCITA in qualche modo a EVITARTI IL PEGGIO
    E cioè il tuo OTTIMO SESTO SENSO ti ha IMPEDITO SALVANDO TE STESSA DI SEPARARTI

    Ecco sento questo che ESISTONO PURE I SINGLE che sono manipolatori a caccia di MOGLI PAPABILI DA TESTARE SE SI SOTTOMETTONO DOCILMENTE

    Alcuni Manipolatori cercano compagne che siano MANSUETE
    Hanno bisogno della IMMAGINE SOCIALE DEL PUNTO DI RIFERIMENTO
    Della DONNA BELLA DA MOSTRARE AL PUBBLICO

    Altrimenti COME MAI PURE DONNE MOGLI SONO STATE VITTIME DI RELAZIONI DISFUNZIONALI E TOSSICHE

    Tu Cara secondo mio modesto sentire
    Sei stata ogggetto Di GASLIGHT SOPRAFFINO e cioè molto insidioso veleno a GOCCIA a GOCCIA

    E la PRESA MANIPOLAZIONE PERDURA DAL MOMENTO CHE LUI NON SPARITO AFFATTO
    STA LÌ A DIRTI TI AMO SONO PRONTO A SPOSARTI

    Questo è ciò che ho letto leggendoti qui
    Cara@Maribel se farai un percorso terapeutico MIRATO AL TRAUMA che hai subito da questa relazione TOSSICA credo davvero tu RISOLVA TUTTO BENISSIMO!!!

    Un abbraccione !❤️

    • alessandro pellizzari, 25 Ottobre 2020 @ 17:08 Rispondi

      Ma da quando ti ho scritto che usavi meno maiuscole le hai raddoppiate

  • maribel, 25 Ottobre 2020 @ 11:57 Rispondi

    @vita è durata circa due anni. spero di essere riuscita a farti capire meglio…. non ne sono mai veramente uscita. una parte di me è esattamente dov’era mesi fa.

  • Ariel, 25 Ottobre 2020 @ 12:12 Rispondi

    @Crocus
    IL TRAUMA ,LA VIOLENZA PSICOLOGICA

    ESATTAMENTE proprio così OCCORRE CURA DI SE STESSI e la base è FARE TERAPIA DI SUPPORTO
    Con psicologo psicoterapeuta specializzato in trauma da relazione tossica dipendenza affettiva abuso nascosto
    Si chiama così proprio perché il MECCANISMO DEL ABUSO NASCOSTO È FATTO DA REAZIONI NOSTRE DOLOROSE A SCOPPIO RITARDATO

    DOLORE A LENTO RILASCIO

    Occorre SUPPPORTO TERAPEUTA SPECIFICO SU TRAUMA DI RELAZIONI TOSSICHE!!!!!

    E ovviamente la VIA DELLA CURA passa in contemporanea per tantissime cose che possiamo fare in parallelo con la TERAPIA e cioè VIVERE NUOVA VITA
    FARE PROGETTI COSE NUOVE APRIRSI A TUTTO CIÒ CHE PIACE INCURIOSISCE
    PROVARE A FARE COSE MAI FATTE PRIMA

    Ecco tutto fa tagliarsi i capelli se ci gira aiuta a TAGLIARE COL PASSATO
    Divertirsi a visualizzare le NUOVE NOI STESSE
    Pure nel vestirsi se piace ovviamente si può SPAZIARE nel dipingere le NUOVE NOI STESSE

    Aprire ARMADIO E FARE A PEZZI I VESTITI CHE CI RICORDANO CERTI MOMENTI NOOO CON LUI

    Tipo serate in cui ci AVEVA ILLUSO PORTATE FUORI A CENE STUPENDE CON VINI FANTASTICIIIIIII
    UAUUU TUTTO UN TURBINE DI BELLEZZA

    E poi ,e Poi e POI subito dopo da il giorno dopo TRATTARCI DI MERDAAAA
    O SPARIRE SENZA MOTIVO

    O IMPROVVISAMENTE NEGARE TUTTO IL VISDUTO

    Ecco ho fatto A PEZZI QUEI VESTITI
    Poi in un campo fuori città ho bruciato tutto e sono stata a guardare “” ANDARE VIA PER SEMPRE IL MIO DOLORE”

    NUOVA STUPENDA DONNA CHE MI VESTO COME CAZZOOOOOOOO MI PARE
    E RIDOOOOOOO
    DEI GUAI
    COME NON AVEVO FATTO MAIIIIIIIO!!

    @Crocus AMORE SEI TU UN AMORE DI DONNA COME TUTTE NOI!!!!!

    FORZAAAA CARE RAGAZZE SPECIALIIII!!!

    C’è la FACCIAMO
    CE LA FAREMO
    SEMPRE AL MEGLIO!!!!❤️

  • Vita, 25 Ottobre 2020 @ 12:57 Rispondi

    @maribel
    Ti ho letto. Mamma mia.
    Quanto deve essere difficile.
    Scusa se ti ho chiesto di raccontarlo di nuovo.
    Ti abbraccio intanto. Torno. Sono al mare. Pedalo, mi godo il sole e cibo. Vivo. Facciamolo tutte, mentre ci curiamo le ferite.

  • Ariel, 25 Ottobre 2020 @ 17:16 Rispondi

    Chiedo Venia
    Rientrerò nei ranghi delle tue regole come riesco e posso
    A volta @CaroAlessandro non prenderla come a male non lo faccio apposta per disturbarti

    Cercherò di stare più contenuta possibile
    Capisco bene se queste sono le tue regole il Blog è tuo
    Anche se mi verrebbe da dite

    Che il Blog è nostro perché se va avanti a stecca è soprattutto grazie a noi
    Ragazze VIVACI TUTTE che qui ancora scriviamo!!!

    Prosit !!!!

    E scuse
    Ah ah
    TERRESTRI!!!

  • Ariel, 25 Ottobre 2020 @ 17:39 Rispondi

    @Crocus cara col tuo scrivere qui che ti resta difficile accettare di aver vissuto una relazione con un Miserabile
    BRAVA !!!
    Hai messo in evidenza una reazione COMUNE A TUTTE noi che abbiamo vissuto una relazione tossica con manipolazione ad alto impatto

    Ma quello che concretamente può sicuro confortare è questo dato scientifico di funzionamento della presa del uomo manipolatore
    Che ha DISTRUTTO TEMPORANEAMENTE la nostra capacità di essere le VERE NOI STESSE e quindi

    Noi NON ERAVAMO NOI in relazione a sopportare il loro comportamento da Miserabili approfittatori dei nostri MOLTEPLICI TALENTI DI NOI DONNE

    Quindi il fatto di non darsi pace alla idea del COME HO POTUTO SOTTOMETTERMI COSÌ????
    È Un Classica reazione che proviene dal TRAUMA SUBITO

    Si ha bisogno di ricostruire se stesse con CALMA AMOREVOLE VERSO DI NOI

    Appoggiarsi alla TERAPIA specialistica su questi traumi è FONDAMENTALE
    E poi vivere ogni sole fiore occasione di fare cose nuove per noi stesse progettare nuova vita
    Sicure che SICURO RINASCIAMO e meglio di prima
    Alla facciazza dei MISERABILI LUPI MARCI !!!!!

  • Cristina, 25 Ottobre 2020 @ 18:02 Rispondi

    La ringrazio per la sua risposta, mi ha strappato un sorriso.
    Non posso dire di star male con mio marito, ma il mio amore, riesce a darmi tutto ciò che mi manca.
    Soffro anch’io, pensando solo, nei week end, a volte vorrei essere con lui, ma la realtà è ben altra.
    Mi prendere per pazza, ma lui è il grande amore, che si aspetta per tutta la vita.
    E forse, non scelgo, perché solo in questo modo, ci possiamo vivere qualcosa di speciale.
    Lui è quello più equilibrato tra i due, nonostante a volte, sento la sua sofferenza, ed allora cerco di stargli più vicino, e di fargli capire, che lui, è solo lui, può avermi sempre

    • alessandro pellizzari, 25 Ottobre 2020 @ 19:11 Rispondi

      In realtà Non potrete andare a lungo avanti così perché questo equilibrio non è reciproco e quindi tu imponi sofferenza esattamente come fanno gli uomini di questo ti devi rendere conto

  • Lia, 25 Ottobre 2020 @ 18:03 Rispondi

    Bhe @Cristina, almeno @Maribel ha avuto il coraggio di lasciarlo andare.
    Perdonami, ma il tuo comportamento non lo giustifico neanche un pó.
    Stampellati quanto ti pare, ma non lo fare con qualcuno che ti ama e che è single. Tu sei quella più forte, che ha già una famiglia, che ha fatto una scelta. A te spetta la forza di fare la cosa più giusta, soprattutto per il tuo amante che dici di amare.

  • Lia, 25 Ottobre 2020 @ 18:44 Rispondi

    @elleelle sono andata indietro a leggere i tuoi precedenti post che non avevo letto perché ultimamente sono qui un pó meno.
    Ti considero una persona molto razionale, che ha deciso di fare un punto della situazione, e ha deciso di farlo in modo cinico ma soprattutto coraggioso. Mi ha colpito quando hai scritto altri uomini no, possibilità di cure no.. Forse questo ti da una sensazione di controllo in una condizione che consideri senza via d’uscita. Ma devo darti una brutta notizia. La vita fa quello che vuole. Potresti ritrovarti improvvisamente a dare fiducia a qualcuno quando meno te lo aspetti, a ritrovare quella carica che ti fa tornare la voglia di vivere.
    Le cose capitano e io sento che comunque dentro di te c’è tanta vita. Non staresti qui a scrivere e dare consigli a tutti, se non fosse così. Sento che la tua è una finta resa, una finta rassegnazione perché la voglia di decidere, di controllare non è di chi si è arreso, ma di chi reagisce, pur in una visione spietata e senza speranze come la tua.
    Ricordati che chi approda qui ha, per forza di cose, collezionato delusioni e ritrovarsi ad una certa età in una situazione del genere spesso vuol dire non vedere alternative. Anche per me è così, ma personalmente continuo a confidare nel destino e nella capacità che ha avuto la mia vita di sorprendermi. Un abbraccio

  • Crocus, 25 Ottobre 2020 @ 19:33 Rispondi

    @maribel, grazie per aver raccontato la tua storia. Avevo letto qualcosa ma non conoscevo i vari passaggi. Quanto dolore di legge nelle tue parole. Credo che tu abbia fatto bene a lasciarlo visto che hai capito che non saresti mai riuscita a lasciare tuo marito. Spero che tu riesca a trovare la tua “strada” prima o poi. Un super abbraccio!

  • maribel, 25 Ottobre 2020 @ 20:08 Rispondi

    @cristina in comune con me hai solo il fatto che il tuo amante è single. per il resto non ci somigliamo per niente. non è mai stato un divertimento per me. non ho mai pensato che fosse una stampella. io ho pensato seriamente a separarmi, ho due figli ancora piccoli… non ci sono riuscita. quando ho capito che non riuscivo a decidere e la cosa era diventata ingestibile ho dolorosamente chiuso.

    @ariel grazie mille. però quando ho scritto che mi sentivo seguita e controllata… credevo di essere seguita da mio marito. mi sembrava che mi chiamasse in orari strani per capire dove fossi e con chi. in realtà poi mi sono resa conto che era la mia testa a immaginarlo. non era vero niente.

  • Dispersa, 25 Ottobre 2020 @ 21:42 Rispondi

    @Cristina… Vedo più una sorta di equilibrio dove il marito è la stabilità e l’amante la passione!!
    I conti prima o poi li dovrai fare… Quando ti troverai un lui stanco che inizierà a guardarsi attorno o un marito che si farà delle domande!!
    Purtroppo la via di mezzo non è una soluzione! !

  • elleelle, 26 Ottobre 2020 @ 11:38 Rispondi

    @Lia
    Ho letto la storia di Cristina con molto dolore, perche’ mi rivedo in questo povero amante che non ha speranze. Sono d’accordo con te. E’ un comportamento che non riesco a giustificare ed e’ uno spreco di un sentimento sincero che il suo amante single le dedica e che lei infanga scegliendo comunque di restare con il marito che tradisce e che non ama.
    Non riesco neanche piu’ a pensare che una donna come Cristina sia fortunata, perche’ non mi sembra che lo sia.

  • elleelle, 26 Ottobre 2020 @ 11:47 Rispondi

    @Lia
    Anche io ti abbraccio, apprezzo sempre tantissimo i tuoi interventi e i tuoi commenti ai miei post.
    Sento molto forte la necessita’ di recuperare il controllo su me stessa e sull’opinione che ho di me. Da dicembre dell’anno scorso ho vissuto mesi davvero pesanti, ho fatto tutto quello che era nelle mie possibiita’ e mi sono ritrovata con un pugno di mosche, calpestata come non avrei mai creduto possibile.
    Per fortuna i momenti di lucidita’ sono sempre di piu’ e mi rendo conto che alla fine andra’ sempre meglio. Pero’ sono stata orgogliosa di me stessa per aver rifiutato un approccio da un “potenziale chiodo” che comunque non mi puo’ dare niente. Come si era comportato 5 anni fa, cosi si e’ comportato ieri. Questo “chiodo” non ha imparato niente, ma io si’. Ho rivisto il suo atteggiamento passato e ho chiuso il telefono. Non solo so che riesco a scappare in fretta e bene da chi so che e’ in grado di fare del male a una donna, ma ormai riesco ad idenficare e contrastare le sensazioni “da zerbino” che mi vengono quando qualcuno si mostra improvvisamente freddo nei miei confronti, dicendomi che il mio e’ solo un meccanismo psicologico.
    In tutto questo, ho degli amici che mi fa piacere vedere di persona e sentire virtualmente. Persone che conosco da tanto tempo e non c’e’ il rischio che succeda qualcosa.
    Mi va bene una vita cosi’, non e’ una vita spenta e riesco a rispettarmi. E’ la cosa che mi interessa di piu’ perche’ ogni giorno ci sono momenti in cui una morsa mi stringe il cuore perche’ mi sento stupida e senza valore. Saltano fuori dal nulla ed e’ una lotta continua per contrastarli e ricacciare indietro le lacrime.

  • Cristina, 26 Ottobre 2020 @ 12:01 Rispondi

    Elleelle, avevo risposto a dispersa, ma forse non andava bene la risposta immagino.
    Provo a farti capire la mia parte.
    Non sono al primo matrimonio, ma anche questo, è caduto nella routine, nella mancanza, come il primo.
    Ora, da anni il mio amore, lo posso vivere, così, solo nei momenti belli, siamo come una coppia, ma i problemi quotidiani rimangono fuori,
    Lui, con me, si godrà solo quelli, e ti garantisco, che con lui, sono molto presente.
    Capisco, che il mio ragionamento, possa sembrare più a quello di un uomo, che a quello di una donna, però l’amore ha molte sfaccettature, è non tutti lo viviamo allo stesso modo.
    Io lo amo, e ci sarò in qualsiasi modo per lui.

  • Ariel, 26 Ottobre 2020 @ 14:16 Rispondi

    @Crisrina
    Fossi in te mi farei due domande che sicuro servono sempre a tutte le persone che falliscono le relazioni affettive
    Chiamarle col nome corrispondente al fatto che NON HANNO FUNZIONATO ecco che come fossero legami appunto falliti

    Resta coi di aiuto chiamare le cose col loro vero nome perché serve non per giudicare moralmente un comportamento come erroneamente la massa sicuro fa la gente di paese mormora e non pensa mai ai cazzi suoi ,pardon ,
    Nonno va chiamato fallimento perché aiuta a farsi le domande sul COME MAI ?
    Scoprire i propri perché che sempre sono nascosti a noi stessi in modo profondo aiuta a STARE MEGLIO NEL VERO SENSO DELLA PAROLA STO MEGLIO e sto bene e riesco a mantenere un legame affettivo con un uomo ad esempio

    Ogni esperienza infatti va vista come una OCCASIONE DI APPRENDIMENTO di quelle cose che ci servono a apstare meglio nel senso della evoluzione che ci serve ad esempio quando si sta in chiara difficoltà a mantenere una relazione con l’altro

    Se già sei a due matrimoni che non ti funzionano ognuno avrà la sua responsabilità sicuro quando un legame non va
    Salvo in caso di MANIPOLAZIONE RELAZIONALE A DANNO DI UNO DEI DUE
    Fatto salvo i casi di manipolazioni a scopo del faccio i cazzi miei a danno tuo e chissen

    Ecco che potresti farti domande e scoprire come mai non sei fino ad ora e per adesso riuscita a fare un legame in un equilibrio e cioè un legame funziona a due persone e non a tre o quattro perché resta evidente che sicuro nessuno dei tre o quattro persone possano mai risultare alla fine in equilibrio del dare ed avere e quindi tutti i legami continueranno a crollare .

    Rifletti sui tuoi perché
    Perché credo che sia il modo oggettivamente più butile ed efficace per amare gli altri come te stessa
    Qualcosa ovvio non funziona
    Puoi fare sempre qualcosa per superare le tue difficoltà e così di conseguenza tutti gli altri ne staranno benissimo.

  • Cristina, 26 Ottobre 2020 @ 16:27 Rispondi

    Ariel, mi sono fatta più di due domande, è ti posso dire, che è brutto dire a se stesse, di aver fallito, non uno, ma due matrimoni, e so, cosa ho sofferto, quando mi sono separata con il primo.
    Forse la battuta del padrone di casa, al mio ingresso, dove ha scritto, che l’Italia è una repubblica fondata sugli amanti e sulle amanti, è solo uno spaccato, di ciò che c’era in passato, ma si faceva finta di nulla, e si continuava pur nell’infelicita’.
    Oggi grazie a i social, vedi questo blog stesso, ed a noi donne, con più indipendenza, non siamo più disposte a subire.
    Io, non voglio subire altra sofferenza, e non voglio che mio marito sappia, perché so com’è il suo carattere, che non è dei più morbidi.
    Forse, il tempo, farà decidere ad uno dei due qualcosa, io non voglio assolutamte farlo, ma non ho mai detto, al mio amante, che un giorno lascerò mio marito.
    Tra me e lui, c’è sincerità ed onestà fin dall’inizio.

  • MP, 26 Ottobre 2020 @ 18:45 Rispondi

    Cristina, tu sei la voce della controparte. Tante volte mi sono chiesta sè le belle parole che mi venivano dette erano dette con sincerità e credendoci, e tu mi sembri davvero sincera. “Tu sei il mio unico amore” “io ci sarò sempre”. Ma non è così. Se decidi di mantenere il tuo matrimonio, implicitamente metterai sempre tuo marito davanti a chiunque altro, a meno che tuo marito non sia consapevole della presenza dell’altro. A te va bene perché giustamente tu hai una miriade di altre cose, matrimonio e passato alle spalle, ma a lui? Lui non ha che i vostri “momenti”. Che mi dispiace, ma non sarà mai come dedicare completamente se stessi all’altro. Io voglio essere messa al primo posto. Tutti lo meritiamo.

  • Cristina, 27 Ottobre 2020 @ 10:09 Rispondi

    MP Mio marito, qualche dubbio l’ha avuto, in quanto, ho fatto entrare in casa l’altro, come un amico comune di amiche, in casa nostra.
    Più volte, mi ha chiesto, ma io, ho sempre negato.
    Sulle parole, se siano vere, per il mio amore, da parte mia, ti posso assicurare che sono più che vere.
    Ho avuto dubbi, dopo un anno e mezzo, se fossi veramente innamorata, gli ho chiesto una pausa, dove lui, da uomo maturo, è mi chiedo perché nessuna donna, lo abbia notato, non mi ha chiesto nulla.
    Due mesi, dove ho sperato, in uno sbaglio, ed invece ero innamorata davvero.
    Lho chiamato e sono corsa da lui, ma, con onestà gli ho detto che non lo avrei mai lasciato, e da allora quando ho un attimo corro da lui, perché per me, lui è importante.
    Il mio per lui, è un amore incondizionato, consapevole, che un giorno mi possa dire di essere stufo, accetterei con dolore, ma lo lascerei andare.

  • elleelle, 27 Ottobre 2020 @ 18:07 Rispondi

    @Cristina
    Purtroppo non riesco a dirti che sono d’accordo con te e ti capisco. Al contrario, se fossi in te mi fermerei un attimo a pensare al tuo comportamento e alla mancanza di limiti in quello che hai fatto.
    Ho un amico seriale di cui ho parlato alcune volte e lui ha fatto proprio questo e piu’ di una volta: ha portato l’amante in casa, come amica di famiglia. Secondo me e’ una grossa mancanza di rispetto e un segnale che si e’ diventati talmente spudorati da non temere piu’ niente, nemmeno davanti ai sospetti di tuo marito.
    Guardati dentro e cerca di capire perche’ fai cosi’, perche’ il rischio e’ che prima o poi ci sia un grosso prezzo da pagare per tutte le persone coinvolte.

  • Vita, 27 Ottobre 2020 @ 18:38 Rispondi

    @cristina
    Il fatto che siate “sbilanciati” rende tutto un po’ più ingiusto. Portarlo in casa viceversa mi pare un affronto e una crudeltà nei confronti di tuo marito. forse è solo ipocrisia ma mi pare che ci siano limiti che non bisognerebbe superare. Io ho tradito per anni e anni, non ho mai nè confessato nè lasciato mio marito, non l’ho fatto nemmeno ora che sono stata abbandonata perche l’ex è stato scoperto. Questo per dirti che non sono certo un esempio di correttezza, moralità e integrità. Però ti confesso che Portarlo a casa nostra, così come nei luoghi cari alla nostra famiglia, mi sarebbe sembrato davvero troppo: oltre l’inganno la beffa.

  • Oldplum, 27 Ottobre 2020 @ 19:45 Rispondi

    @cristina, ma ti leggi? Amore INCONDIZIONATO?
    Per chi scusa?
    Ne metti un milione di paletti, mi pare
    Nel cuore di tutti. Tranne nel tuo.
    Dimmi che sei un troll, ti prego

  • Ariel, 28 Ottobre 2020 @ 02:57 Rispondi

    @Cristina leggendo la tua risposta mi è venuto da ridere quando hai scritto che fai le corna a tuo marito ,ma non glielo dici perché “Non È DEI PIÙ MORBIDI”
    Ah ah ah mortaaaaa!
    Scusami ,ma volevi forse dire che SI INCAZZEREBBE GIUSTO DUE RIGHINE DI VAFFA VERSO DI TE??????
    Ah ah ah
    Mandai @Cristina seriamente per me i casi sono due
    O tu sei un troll come spera @Old

    Oppure azzardo una ipotesi che sottopongo alle atre care ragazze
    E cioè potrebbe essere che @Cristina tu stessa sia stata una vittima temporanea di abuso Narcisistico da parte del primo e pure secondo marito

    Questo spiegherebbe il come mai non te ne frega un cazzo del tradirlo
    E del perché hai paura a dire la verità ,nel senso che quel tuo scrivere che non è tanto morbido potrebbe nascondersi peggio e cioè un Narcista possessivo e vendicativo ,maltrattante?????

    Non sto scherzando perché ho ricordato un caso di cronaca di Donna che sposata con Narcisista affatto morbido ma violento psicologicamente e pure fisicamente ecco che questa siua moglie ha vissuto un inferno
    Ha conosciuto poi un uomo divenuto il suo amante e si amavano
    Lei per sopravvivere totalmente manipolata soggiogata sopravvisse psichicamente con amare amante
    Poi però il marito mori ucciso e questa Donna è stata accusata di omicidio e si dichiara innocente
    Un caso intervista della a Giornalista Franca Leosini

    Ecco che forse mi è sorto questo dubbio
    @Cristina i tuoi mariti ex e attuale sono stati e sono violenti psicologicamente o fisicamente verso di te???

    Solo in questo caso potrei capire il perché ti comporti così con questa tua situazione così sballata dove pari accettare un destino come sicura non poterti separare e tantomeno dire a tuo marito ho un amante che amo
    Infatti è quel tuo scrivere
    “Non è tanto morbido “ che mi ha colpito e poi che sai già che durerà come potrà durare
    Insomma spiegati meglio
    Perché non si capisce nulla di questi mariti ex e quello secondo marito di adesso
    Ti hanno trattato male e pure questo secondo marito ti tratta male ???

  • Cristina, 28 Ottobre 2020 @ 06:29 Rispondi

    Oldplum, non non sono un troll, sono una donna, che ha sofferto tanto, ed oggi, se mi prendo, quella felicità, che mi è mancata, è cerco, in tutti i modi, perché sia tale, penso di meritarmelo.
    È difficile da spiegare, non sono una seriale, il mio amore, è lui e solo lui, non ci penso nemmeno, a cercarne un altro, ed un altro ancora.
    Forse, non sono stata in grado, di gestire i miei matrimoni, e questo me lo riconosco.

    • alessandro pellizzari, 28 Ottobre 2020 @ 07:20 Rispondi

      Benvenuta

  • Ariel, 28 Ottobre 2020 @ 09:45 Rispondi

    @Cristina

    Benvenuta @Cristina

  • Cristina, 29 Ottobre 2020 @ 06:48 Rispondi

    Ariel, il primo mi ha trattato bene, ci credevo, poi mi tradisce, ed io lho lasciato.
    Il mio secondo marito, è geloso e possessivo, ho subito per anni, fino a quando è arrivato il mio amore.
    I suoi atteggiamenti, non li subisco più, nelle discussioni dove verbalmente è abbastanza aggressivo, ora gli tengo testa.
    Tutto ciò, lo devo, a chi, in questi anni, mi ha insegnato, cosa vuol dire essere amate, cosa riesce a fare un uomo, se ti ama davvero.
    Ariel, so, che in parte hai ragione.

  • Ariel, 29 Ottobre 2020 @ 08:59 Rispondi

    @Cristina
    Ti fa bene scrivere e intuisco in quel tuo esprimermi che sai che in parte ,forse,ho scritto qualcosa che è vero che hai vissuto .
    Ecco che giustamente fai bene a scrivere ciò che sentì meglio e possibile spiegare qui con lo scopo proprio di poterti sfogare e trovare una sorta di aiuto e conforto.
    Importante che in ogni caso tu sappia a chi rivolgerti se avessi bisogno di aiuto
    Uno Psicologo sicuro potrebbe darti sostegno comunque è aiutarti in questo tuo vivere una situazione comunque complessa e che evidentemente naturale ti crea un disagio interiore altrimenti non saresti qui .

    E quindi ti incoraggio a scrivere se ti senti e a chiedere aiuto per tempo per te stessa e la tua serenità di vita totale .
    Grazie di aver risposto
    Sono certa che qui potrai trovare risposte ai tuoi perché da parte di tante di noi.
    Un abbraccione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.