Home » Amanti » Il bidone dell’ultimo momento

Il bidone dell’ultimo momento

I suoi bidoni sulle vostre vacanze insieme arrivano sempre all'ultimo
I suoi bidoni sulle vostre vacanze insieme arrivano sempre all’ultimo (foto Pixabay)

Tempo d’estate, tempo di vacanze, tempo di bidoni dell’ultimo momento. I suoi, quelli dell’uomo sposato che deve conciliare le ferie dedicate al 99% alla famiglia con una risicata fetta per voi amanti, ma anche quelle del fidanzato poco convinto che già si fa un bel pezzo di vacanze per conto suo (per carità, perché vado con gli amici, non temere, vado a Cuba a pescare) e che deve trovare il modo di elemosinarvi uno spazio per voi, fidanzata ormai prossima (fare fatica a stare con te è un sintomo grave) alla liquidazione.

In cosa consiste il bidone dell’ultimo momento?

Innanzitutto ha bisogno di un antefatto. Il bidonista, soprattutto in questo periodo, ha la necessità di compensare il tempo sottratto all’amante o alla fidanzata ormai di serie B con promesse di vacanze, se non numericamente all’altezza di quelle con la famiglia o gli amici, qualitativamente calmanti per voi

Quindi, se va al mare tre settimane con la moglie, però noi ci facciamo quel weekend da favola da soli a fine ferie. Ed ecco che saltano fuori le offerte Fly and drive, l’hotel 5 stelle romantico, le due notti di fuoco vista mare.

Insomma, promette un vostro spazio, esiguo forse, ma di grande qualità. Non a caso il suo motto è qualità, non quantità, che è poi il motto di quelli che non hanno voglia di stare con la propria donna.

Uno spazio temporale che diventa d’oro, fosse anche un’aperitivo, una serata, una notte finalmente insieme. Forse poco, ma sacro, intoccabile per voi.

Dovrebbe. Ma c’è spesso un ma. Perché il bidone dell’ultimo momento non è mai casuale, e ha sempre le stesse motivazioni inappellabili.

Se salta il famoso weekend, le poche vacanze con voi, la nottata, la serata, persino la cena o l’aperitivo rimandati magari già diverse volte è perché lui o lo ha promesso sapendo già che lo avrebbe fatto saltare o perché si è fatto sopraffare dai sensi di colpa o dalla paura di essere beccato o… dalla noia. Lui non ha voglia, banalmente, non ha più voglia di stare con voi. Ma sui perché ci torniamo.
Il bidone dell’ultimo momento assomiglia alle scuse che i liceali ti propinano per non studiare, non andare a scuola, saltare l’interrogazione. Hanno quasi tutte una caratteristica comune: sono inappellabili, devono cioè non lasciare modo di replicare o di trovare un’alternativa per vedervi e sono graduate in base alla dimensione del bidone: enormi per saltare una vacanza programmata (tipo mi sono venute le coliche renali, sono in ospedale mentre invece ti parlo dalla cabina spiaggia così non si sente il mare) e leggere per l’aperitivo (mi hanno tamponato sono qui con i vigili non posso muovermi). La somiglianza con le mie bugie del liceo c’è: la gomma a terra, la febbre, la nonna cagionevole. L’uomo studia da bugiardo già dall’adolescenza ma è già ripetitivo nelle scuse e negli atteggiamenti all’inizio della sua carriera di seriale.

Il bidone dell’ultimo momento si chiama così perché deve essere fatto all’ultimo, quando non si può più rimediare e voi non potete dare soluzioni alternative.

Gli argomenti sfruttati per tirare il bidone sono divisi in macroaree.

IL BIDONE SALUTE
Ai problemi di salute, si sa, non si comanda. Se lui fa saltare la vostra vacanza per il colpo della strega, il mal i pancia da parto o una carie da dentista d’urgenza voi come fate a obiettare? E non potete neanche controllare. Dovete solo abbozzare, di fronte alla di lui sofferenza, altrimenti sarete tacciate anche di insensibilità. Se lui poi ha già usato il bidone salute troppo spesso in passato e la sua tesi non può reggere alla osservazione “fatti curare non è possibile che ogni volta che dobbiamo vederci si risveglia l’ernia del disco” punterà sulla salute dei suoi parenti e affini. I figli innanzitutto, la mamma che rischia di morire ogni due per tre e, in mancanza di meglio, l’accondiscendente migliore amico. Anche qui lamentarsi sarebbe sconveniente, controllare la veridicità dei fatti difficile. Occorre rassegnarsi, con quella sensazione di vocina che ti sussurra “sarà, ma è la terza volta che non ci vediamo perché si ammala qualcuno”.

IL BIDONE LAVORO
Il lavoro è la seconda scusa più diffusa per far saltare il vostro appuntamento. Meno forte e inappellabile dei motivi di salute, è però abbastanza giustificativa da far saltare non dico una vacanza ma un weekend o una notte di passione almeno. Se poi lui è un imprenditore o libero professionista il lavoro vi farà saltare anche la vacanza programmata, tanto lui si è fatto rimborsare il rimborsabile in tempo utile per farlo, mica doveva aspettare il giorno del bidone per revocare la vacanza. Anzi, il più laido dei bidonisti vi dirà che ha perso tutti i soldi, dall’aereo all’hotel all inclusive: provate a chiedergli le pezze giustificative, vedrete come si infuria. Non ho mai visto infuriarsi nessuno di più di una persona che ha torto marcio: più ha la coda di paglia più il suo attacco contro le vostre perplessità sarà duro, fateci caso (salvo se un piagnone: i piagnoni mettono musi e fanno lacrimucce, loro sono sempre vittime delle ingiustizie, e adesso vi ci mettete anche voi uaaaaa…). Poi ci sono quelli che manco prenotano, tanto non ci andiamo e lo sanno dall’ora zero. Il bidone lavoro arriva spesso con il minimo di anticipo. Meno vi lascia tempo per pensare ad alternative meno rischia di dover venire via con voi.

IL BIDONE PERICOLO
Ha visto qualcosa sul mio telefono. Fa domande che non faceva. È sospettosa. Fino alla balla delle balle: ci ha scoperto ora devo contenere l’esplosione della bomba, abbi pazienza. Anche la più ignara delle mogli diventa Sherlock Holmes se lui vuole tirarvi il bidone vacanze. Se ha visto solo un messaggio la scusa è buona per evitare una cena o una serata, se vi deve bidonare su roba grossa tipo notte insieme weekend o più deve rincarare la dose. Più rincara la dose più vuole distaccarsi. Anche perché, se rende ufficiali i sospetti (anche se non reali) della moglie poi dovrà tenere viva la balla, e di solito decide di usare la moglie perché si vuole sganciare a breve. Preparatevi perché non salterà solo il weekend: nel giro di pochi mesi, dipende da quanto resisterete voi, gli appuntamenti mancati si moltiplicheranno fino a diventare zero.

IL BIDONE LITIGATA
Ottimo per far saltare appuntamenti a breve termine, come cene o serate. Che cosa fa il bidonaro? Al telefono o in chat manovra perché l’atmosfera fra voi si arroventi. Si parte anche da pretesti banali ma l’obiettivo è litigare. Perché farà in modo di portare la litigata al punto che la frase già pronta “a questo punto non me la sento di vederci” possa essere scodellata sul piatto della coppia a ragion veduta. E magari riesce pure a farvi sentire in colpa, spostando l’attenzione dal “ma non era più importante di tutto il vederci?”  Alle facezie che si sarà inventato per attaccar briga. Inutile anche un vostro arrendevole “dai vediamoci così facciamo pace”: o non vi risponderà facendo il muso del finto offeso oppure vi arriverà un “ormai ho disdetto e non sono dell’umore”. Se poi vi dice “c’è qualcosa che non va fra di noi dobbiamo rifletterci con calma e un po’ da soli” prendetela come un preavviso di licenziamento.

IL BIDONE FIGLI
Ho già detto delle febbri e delle malattie. Ma i figli si prestano a innumerevoli scuse che fanno saltare i programmi, sono il vero e proprio jolly del bidonista. È vero che la legge di Murphy dice che se lavi la macchina di lì a poco pioverà, e che i figli sono spesso una prova della sua veridicità, ma come è possibile che ogni volta, ultimamente, c’è una scusa per non vedersi e se non c’è una scusa salta fuori il jolly del figlio che ha fatto una scenata da adolescente? Una rondine non fa primavera, due…

Care amiche, scegliete il vostro bidone più frequente o, se state con un “campione” di frottole, i bidoni, anche tutti purtroppo, non me ne stupirei.

C’è un fatto: i bidoni dell’ultimo momento, se si susseguono temporalmente e hanno una frequenza che non è quella degli incidenti una tantum o vengono mixati e usati tutti fra di loro (una volta ha il Montezuma, poi si rompe l’auto, poi la moglie ha guardato un messaggio con la coda dell’occhio…) sono il sintomo grave di una dismissione della coppia. Lui vi sta dando il largo in modo graduale. In modo graduale perché sarete voi a dovervi arrendere di fronte all’evidenza e profferire il “io non vado più avanti”. L’uomo raramente si piglia la responsabilità di lasciare, ma è bravissimo a farvi passare tre mesi di waterboarding finché sarete voi a non poterne più. Potrà sempre dire il fatidico e indulgenza plenaria “sei tu che mi hai lasciato”.

L’ho scritto 100 volte: l’amore è semplice, anche quello complicato naturalmente dalla logistica degli amanti. L’amore vuole assiduità, il vedersi il più possibile. Chiedetevi come mai i primi mesi di amantato le scuse non c’erano o non erano così frequenti, e lui si sparava anche 100 km per stare con voi, o si scapicollava per quell’ora al motel in pausa pranzo, o si faceva bastare un aperitivo senza neanche potervi toccare, perché era bello stare con voi e basta. Come mai oggi non è più così. Non si chiama lavoro, salute, figli: si chiama noia.

Lo avete stufato. O è stufo di reggere il gioco pericoloso degli amanti, perché non gli conviene e il testosterone per voi non è più quello di una volta. Perché ha adocchiato un’altra che sembra corrispondere, e quindi il ti amo non vale più anche perché era falso.

Fatevene una ragione. E sparite voi se appena ne avete la forza. Togliendovi un’ultima soddisfazione personale se volete: quando si rifarà vivo perché l’altra non ci è stata o la moglie è più noiosa di voi e avrà fame, ditegli che non vi siete fate vive perché ormai siete annoiate. Non perché avete capito che il bidone è falso: lo sa che non siete stupide, ha sfruttato il vostro innamoramento. Siete stufe. Come lui. Più di lui. E andate oltre. Tanto la liquidazione sua è dietro al prossimo angolo, fatta la scopata che voleva: è solo questione di tempo. Ma che soddisfazione togliergli il boccino di mano e usare la sua stessa arma desolante. Se invece ne avete la forza perché vi è scattato il famoso relè è di lui non vi importa più niente o avete capito di che pasta e fatto e mai più vorreste un uomo così al vostro fianco fate calare un silenzio tombale, la migliore delle medicine. E dei contrappassi.

Ps: ringrazio la lettrice che, poverina, ha a che fare con i bidoni di un narcisista. Bidoni particolari, perché il narcisista non li tira per non vedervi, ma per godere del potere totale che ha su di voi. Ti faccio toccare il cielo con un dito promettendo la vacanza da sogno e poi ti faccio crollare tutto in un secondo. Dio ve ne scampi.

Commentate e scrivetemi a anpellizzari@icloud.com

Sincerely yours


156 commenti

  1. Consiglio un bel libro, senza fare concorrenza ad Alessandro: Alicia Gimenez-Bartlett “Vita sentimentale di un camionista” Sellerio

  2. Ah ah ah che bello ? Ma davvero Caro Alessandro stai finendo il libro per noi?
    Bene! Spero che tu almeno questo non lo getti nel bidone!!!
    Ah ah ah
    Pardon je suis en bareau et le vent
    Insomma ho dovuto rifugiarmi a poppa per riuscire a leggerti
    Qui ,ma tu pensa che lettrice !!!!

    Ecco ci credi mi hai stroncata letteralmente che a forza di seguire il crescendo dei tuoi bidoni scritti qui ,veramente
    Mi hai sconvolto nel senso che mi chiedo se abbia sempre vissuto in una campana di vetro per ciò che riguarda le mie relazioni affettive con gli uomini

    Il mio matrimonio impeccabile ,si lo so da fastadio scriverlo qui alle ragazze che se sono state amanti evidentemente non gli ha funzionato il matrimonio
    ,ma insomma non e colpa mia se NON È stato un bidone
    Et en plus il mio ex amante ecco non ha avuto tempo di dare bidoni del genere da te descritto
    Ha avuto più maniere forti e bugiardo patologico.

    Comunque mi chiedevo come sia possibile che un uomo diciamo normale possa arrivare ad essere così stronxxo??

    Illuminami Carissimo Alessandro
    Hai forse conosciuto qualche tuo amico o conoscente che si è comportano così???

    É veramente sempre un piacere leggerti e certo che adesso già sto prnsando al tuo libro che sento già essere il mio!!!
    UOMOTESORO❤️

      • Infatti proprio così
        Ma nel tuo libro hai scritto anche di noi?
        Spero bene ah ah ah ah ah

        Non so ci sono dei giorni in cui rido molto per nulla
        Oggi è uno di questi e certo che nonostante la distanza le onde che rovesciano le barche le maree ora è alta e poi è bassa e i gabbiani e cormorani che non puoi manco mangiare un boccone di pane che subito sono lì schierati ,ma li vedessi ! Sono tantissimi e finché non hai finito l’ultimo boccone mica se ne vanno no stanno lì

        Ecco Nonostante il mio viaggio sola in realtà sto qua a leggere a scrivere
        A vivere!

  3. Bello!!
    Il primo bidone …. Me lo ricordo come ‘fosse’ ieri, quanto ho pianto e quanto ci tenevo a quell’incontro …. Me l’ha tirato il gg prima, mille scuse lavorative e a forza di ‘dai’ era per i sensi di colpa (ma lo avevo capito da subito per una fatto accaduto) …. Poi le scuse …. I sensi di colpa nei miei confronti …. Anzi la paura ‘e se non me la dà più, cosa mi conviene??’ ….
    Un paio di settimane dopo …. ‘Non sò se arrivo, ho un problema di lavoro’ …. Non ho risposto, ho pensato ‘nooo di nuovo, ora chiudo!!” …. È arrivato di corsa …. ‘Caxxo non risponde, cosa mi conviene? Meglio se vado!!’.
    …..
    Ale attendo il tuo libro!!
    Non vedo l’ora!!

  4. Meraviglioso articolo! Ah, il tuo libro è gia mio! ;-). Ho letto con infinito interesse! Il “mio” parte con lei a fine Agosto (“Non ho assolutamente voglia di andare, ma come fa poverina ad andare da sola, ho già pagato aereo, hotel e tutti i gelati che le dovrò comprare…”. L’ho prenotato quando noi non ci eravamo ancora incontrati”. “Pensa che noia, visto che non la sento più sessualmente…” E menate varie. A me ha promesso 3 notti in montagna, hotel di lusso, notti che poi sono diventate due, che poi “non so come incastrarle”, ecc. Io lo osservo e sorrido. Avendo scoperto il tuo blog, sembra che tutte le sue azioni siano già state scritte e lette. Aspetto i famosi 6 mesi e poi “ciao”. O, forse, sparisco prima io…

    • Sparisci prima già fa i bidoni. Grazie sarebbe bello utilizzare la presentazione del libro per conoscervi tutte

    • La sua noia sessuale poverino. In vacanza in media si fa più sesso. Pensa che noia quando avrà l’erezione. Già perché le erezioni vengono se hai voglia anche se sbadigli. Gli uomini che rassicurano l’amante parlando male del sesso coniugale che continuano ad avere sono da mollare al più presto

      • Infatti, gli ho gentilmente augurato di “ritrovarsi” durante le ferie, visto che “si, iniziamo bene, lei mi fa tutto, però poi nella penetrazione la perdo, non la sento più!” 😉

        • No vabbè dai questo no… cioè i dettagli delle loro scopate??
          Da fuggire a gambe levate
          Giuro se mi avesse detto questo gli avrei vomitato addosso

          • Avrei dovuto (ha fatto e detto una cosa pessima), ma voglio leggere il finale della storia, cercando di non farmi troppo male. Ieri sera avevamo la nostra serata programmata, lei si è sentita male ed è stata ricoverata all’ospedale. Poteva usare la situazione come scusa, per annullare l’incontro. Invece, è uscito con me e l’ha lasciata sola, nonostante i miei consigli. Di male in peggio.

          • Ahahahahhaha, muoio!!! Ah, tra i vari controlli fatti alla tipa in ospedale, gli è “scappato” che le è stato fatto anche un test di gravidanza. Ma come, mi diceva che la “perdeva” durante la penetrazione? 😉

  5. buongiorno… qualcuno gia conosce la mia storia ho una storia con uomo sposato ancora senza figli coetaneo da piu di un anno e lui sposato dallo stesso tempo e tra pendere e lasciare siamo ancora qua … un po meno coinvolto lui lo vedo un po piu razionale rispetto a qualche mese fa … cmq a proposito di vacanze la moglie e partita da sola da alcuni parenti lui e a casa da solo e vuole che io mi trasferisco da lui , ma per me sta cosa e assurda ho rifiutato categoricamente mi fa male vedere quello che è il loro “nido d’amore” sbaglio? nonostante l’amore urlato e le tante promesse che mi ha fatto e tutti i momenti no con la moglie che mi racconta sta ancora la pronto a raggiungerla … e sopratutto mi ha appena scritto che dobbiamo allontanarci perche non vuole che qualche evento della sua vita mi possa deludere non vuole che soffro.
    come si fa a chiudere e non pensarci piu? ricominciare a vivere senza di lui

    • Un uomo che usa la sua casa come alcova per amanti lo trovo come minimo di pessimo gusto e irrispettoso per te. Può capitare per carità un momento di libidine ma addirittura trasferirsi…

      • Il “mio” più di una volta di ha chiesto di andare a casa “loro”, secondo me anche per vedere fino a che punto ero disposta a spingermi. Mi sono sempre rifiutata. Adesso che sono in CDS è nella fase che aggiunge sui social le mie amiche ma non quelle strette, quelle di seconda terza cerchia, per vedere se reagisco. Penso che quando hai bisogno di fare tutti questi giochetti per attestare la tua presenza, valore, non so che altro, di valore in realtà ce ne sia davvero molto poco. Io non reagisco ma dentro mi sento bruciare, mi sento accerchiata e le prepotenze non le ho mai potute accettare. So che sarò libera quando tutto questo mi lascerà indifferente. Intanto ci lavoro ogni giorno un po’ e lascio fare al lucidalabbra e a un top colorato (cit. @Cossora), il resto verrà.

        • Ci tengo a precisare che io l’ho bloccato ovunque. Ho cancellato tutto. Che lui le aggiunge lo so perché me l’hanno detto le suddette amiche, della serie: “Ma te lo conosci questo? Mi ha aggiunto, mi commenta tutto”. Però di venire a cercarmi non se ne parla, perché tanto non ha niente di nuovo da dirmi. E tra pochi giorni scattano i fatidici 12 mesi, cioè un anno dietro ai cocci e ai bidoni di un matrimonio che non è neanche il mio. NO.

          • Scusa se mi permetto, ma secondo me lui aggiunge le tue amiche non per suscitare una tua reazione, ma semplicemente perché vuole farsele… Dicesi pescatore a strascico (o seriale che dir si voglia). Se nel contempo riesce pure a farti innervosire, tanto di guadagnato per lui… Tieni duro, uno così non si merita neanche la tua rabbia

        • Io lo bloccai sui social per questo, lui non mi contattava in nessun modo ma “esisteva” nei miei spazi. Mi sentivo invasa è impotente. Mi sembrai quasi cretina a bloccare uno che in teoria non ti caga. Poi chiusi ogni via. Strano che a due settimane dal mio blocco mi scrisse una mail (e con le mail o scrivi o niente)

          • Che mi fa innervosire lo sapete solo voi, nella vita reale sono un affascinantissimo iceberg. Grazie, non mi sento sola. ❤

    • Io non avrei mai accettato non solo di trasferirmi temporaneamente a casa sua ma nemmeno di andarci sporadicamente.
      Lo trovo di cattivo gusto sia pwr chi lo propone che per chi lo accetta.

      • non ho accettato infatti… ne trasferirmi li ne andarci per vedere un film come mi ha detto lui … se vuole ci vediamo altrove se poi non ci riusciamo nonostante ci stia male io sarebbe un bene magari sarà la volta buona che questa agonia finisce

  6. Ciao Alessandro .. ad ogni tuo nuovo articolo rido e piango allo stesso tempo…sei fantastico !! Mi hai aperto gli occhi ecdsti conferme chevdal diretto interessato non avrò mai. la persona che ho conosciuto e frequentato per anni è il tipo di uomo che ha le caratteristiche , gli atteggiamenti ed il modo di comportarsi che descrivi . Separati entrambi con figlie , lui ogni volta aveva una crisi, ciclica ,perché legato ancora all ex moglie che attualmente ha un compagno . Il pretesto questo 30 di giugno è stato che gli hanno diagnosticato freddezza emotiva e che spera un giorno di farmi sapere di star meglio .. in silenzio me lo dirà .. ora stanca son stanca bloccato l ho bloccato dopo aver visto che stava ORE ON LINE fino alle due di notte .. però avrei tanta voglia di sputtanarlo .. diciamo è un grandissimo farabutto . Ha approfittato della mia lealtà dopo aver concluso una separazione per me dolorosa dal mio ex marito che è già passato ad altre storie ( ho subito la separazione ) Attenzione so già che la colpa sarà mia perché l ho escluso così dalla mia vita e rovinato tutto. Ma voglio tener duro questa volta !! Per favore continua a scrivere!! Grazie

  7. Il mio ex amante usava il lavoro come scusa primaria oppure il malessere famigliare per la sua finta separazione. Una sera mi ha fatto aspettare due ore, vestita di tutto punto, senza dirmi nulla, inscenando una pseudo litigata in casa che gli avrebbe impedito di star fuori con me la notte. Io, imbambita, mi ero preoccupata del suo silenzio e quando si è presentato da me dicendo che non potevamo andare via la notte perché avrebbe peggiorato la sua posizione a casa, l’ho pure assecondato perdendo io i soldi dell’albergo. Quindi questi sono bidoni di uomini, uomini pacco, ti mettono alle strette e cambiano direzione in ultimo. Ripensando ha sempre fatto così, un colpo di scena dopo l’altro fino a mascherarsi causa esaurimento balle da raccontare. Ale aspetto il tuo libro autografato!

  8. ps. il mio per paccarmi aveva sempre qualche emergenza sanitaria di qualcuno (animali o persone, indifferentemente) che lui doveva soccorrere…il 118, lo chiamavo…

  9. Articolo interessante e veritiero, come sempre Alessandro! Perciò, grazie.
    Io di bidoni ne ho ricevuti tanti, diciamo che uno su due tentativi andava in fumo. I motivi erano quasi sempre professionali, alcuni probabilmente sinceri, altri no. Quante volte avrei voluto mandarlo a quel paese…ma poi, il desiderio
    è sempre stato vincente.
    L’amore ci rende sudditi e fragili e ,io mi dico, pure fessi.
    E loro quando capiscono che nemmeno bidonandoci “rischiano ” di essere cassati, hanno davvero il dominio totale su di noi.
    PS : un giorno mi lamentai delle sue assenze e mi rispose : “sarebbe un bidone se ti lasciassi andare al luogo dell’incontro e io non mi presentassi! Non se te lo dico prima!”
    Chapeau Monsieur per l’abilità con cui ti fai le tue ragioni! Ed io, ancora ad esserci per lui. Che idiota!

  10. A me ha chiesto di andare a vivere da lui appena avesse sbattuto fuori lei..vi dico solo questo. Cafone verso me e verso lei.

  11. Alessandro, è da un po’ che ti leggo e articolo dopo articolo mi stai aprendo gli occhi.
    Ho a che fare con un uomo bidone da tre anni.
    Dopo i primi sei mesi di suo dichiarato amore ha iniziato a bidonarmi.
    Vorrei iniziare il codice del silenzio e provare a rinascere ma da un paio di mesi è diventato il mi capo.

  12. Buongiorno a tutti. Ho iniziato il silenzio.. Chiuse tutte le porte. Dopo 3 tentativi di chiusura falliti adesso ci sono.. Sono uomini deboli chi tradisce senza coscienza. Davanti a tanta fragilità e debolezza un bel vaffa, vai a pagarti la psicologa e le scopate!!!! Forza e coraggio si cambia pagina!

  13. @angie è andata a finire che l’ho lasciato…io posso capire che amasse tanto la sua fottutissima villetta, ma io piuttosto che vivere con lui a casa loro sarei andata a stare (con lui) nel famoso monolocale di periferia vista tangenziale…notare la sua spregiudicatezza nel cercare prove del tradimento di lei (inesistente) per sbatterla fuori casa. io mio marito l’ho tradito e in questo non sono migliore, ma ecco non avrei mai cercato di fregargli tutto!!!

    • Nina, mi sembra di vedere il mio. Voleva uscire ma incastrando lei perché non voleva lasciarle nulla. Non trovando nulla ha deciso di recuperare. W l’amore. Ed io come una fessa ci sto ancora male.

    • Cara Nina la hai scampata grazie a te stessa che sei stata capace di capire che la tua salvezza è fatta proprio dal tuo percorso deciso da te con gli aiuti giusti che sempre ci occorrono proprio per aiutarci ad affrontare il grande dolore che provoca una relazione tossica
      Come sai ci sono passata e so cosa significa!!!
      Cara Nina secondo me sei davvero una Donna straordinaria perché non ti sei fatta condizionare dalla illusoria sua uscita di casa ma anzi hai aperto il cervello e il cuore verso te stessa
      Credo non sia affatto facile non piegarsi quando lui esce di casa ma facendo FINTA e in più ancora trattandoti male
      Carissima Nina ti sei salvata da un brutto Narcisista Stronzissimo!!!

      Guarda per adesso preferisco stare sola e credimi ho paura non mi fido ancora di nessuno
      Eppure pure qui qualcuno si è fatto avanti
      Ma la mia onda ha voglia di solitudine
      Spazio aperto
      Apertura d’ali DI libertà
      SENTO che adesso mi fa bene questo
      Meglio sola che male accompagnata
      Basta male!!!!!
      Ti ABBRACCIO!❤️️

    • @nina sul serio vedila come un pericolo scampato… sei troppo per un uomo così misero.
      “sbaglia ” lui e cerca di fregare la moglie per uscire pulito.
      Pessimo essere maschile senza un minimo di responsabilità per le sue azioni

  14. Ciao ragazze e ciao Alessandro.
    Seguo questo blog da parecchio e in questa calda e malinconica serata di Agosto mi è venuta voglia di “Consolarvi”.
    Dopo trent’anni di matrimonio con una narcisista patologico , ritrovo una vecchia fiamma “Che non è riuscito ad amare più nessuna come me”. Sposatissimo. Ovviamente dopo un’ anno di relazione lo mollo e lui a distanza di parecchi mesi si rifà vivo…..
    Banale e scontata situazione, vero Alessandro?
    Per dimenticarlo in fretta ho usato un chiodo : vedovo e fantastico. .. un sessantenne che darebbe i punti a parecchi giovinastri.
    E qui nasce la riflessione serale: dopo più di un anno di relazione , anche lui pone gli stessi paletti che porrebbe uno sposato, anzi di più :
    Ti amo ma non posso. .. sono vedovo da poco…che direbbe il paese. …che direbbero i figli…devo ritrovare la mia identità. …non credo più alla convivenza. …devi rispettare il mio desiderio di indipendenza. …
    Quando gli ho chiesto di cominciare a trasferirsi nella mia città, mi ha risposto che la nostra splendida storia non si può fermare di fronte “All’incompatibilità territoriale “.
    Hai capito Alessandro?
    INCOMPATIBILITÀ TERRITORIALE! !!!
    Ridendo ,gliel’ho detto che te lo avrei scritto!
    Alessandro, che dire? Ho cinquant’anni, ho voglia di amare e ci avevo creduto.
    Ormai ho la scorza dura, ma che tristezza stasera…..
    Un bacio

    • @grace…ma no dai! Anch’io vittima dell’incompatibilità territoriale!!! :-)) :-))
      Peccato che il mio LUI visto che io ero incompatibile territorialmente ha deciso di rimanere convenientemente cn la sua compagna che era più compatibile e libera di spostarsi dove lui meglio credeva ( nn so x qnt…xchè nn l’ho mica visto tanto bene l’ultima volta…forse si starà rendendo conto che “casa” nn sn i muri ma ciò che c’è dentro?)
      Scherzi a parte ma è proprio così importante x te la convivenza?
      L’Hai detto tu che la cosa è partita in modo leggero…doveva essere un chiodo! E che inaspettatamente si è rivelata una meravigliosa sorpresa (sotto tanti punti di vista 😉 )
      Ma dopo 30 anni di un uomo “ingombrante” in casa hai tutta sta voglia di riprovare l’ebbrezza?!?
      E poi effettivamente spostarsi di città a 60 anni nn è uno scherzo…magari dagli un po’ di tempo…del resto è lui che si sposta mica tu!
      Tu lo faresti?

  15. @EP credo che tutte le storie d’amore nascano in maniera leggera, indipendentemente dallo stato civile delle persone. Poi si sviluppano a seconda del coinvolgimento .
    Ed è su questo aspetto che ponevo l’attenzione.
    Ho notato in tre tipologie di uomini (mio marito, il mio amante e ora il vedovo) la stessa determinazione a difendere il loro territorio e le loro esigenze .
    Rispettivamente sposati uno con il proprio ego, uno con la moglie e l’altro con la propria libertà.
    Bisognosi solo di coccole psicologiche e sconfinato erotismo.
    È questo l’universo maschile? Possibile che un istituzione come il matrimonio o la convivenza venga vissuto da loro come una gabbia ?
    Io ,dopo trent’anni di matrimonio tossico, non ho perso il desiderio di vivere accanto ad una persona. Una che diventi l’intimo sostegno nella condivisione delle gioie e delle avversità.
    E per essere “Compagni” in questa avventura che è la vita, non si può godere solo dell’aspetto ludico di una relazione. Ai miei uomini è mancato il senso di accudimento tipico della razza umana o non si sono mai veramente innamorati di me ?
    Cara EP , io mi sono trasferita a Milano a cinquant’anni, cambiando vita e lavoro.
    Avevo una motivazione forte: sfuggire al mio matrimonio.
    Il mio bellissimo vedovo pieno di complicazioni, forse non ne ha.

    • @grace…ma tu sei una DONNA DONNA!!! (cerca questa poesia di Alda Merini…Ci sono donne…ti piacerà!).
      Come ha scritto Cossora qualche GG fa…gli uomini intorno alla quinta decade iniziano le manovre di atterraggio! Noi…a 80 anni sm capaci di decollare ancora!
      Temo proprio che quello che tu hai visto in 3 uomini diversi sia proprio uno spaccato più che verosimile dell’universo maschile… ahimè!
      Tutti molto attenti a difendere il loro territorio e le loro esigenze! Tutti con un egoismo mediamente più accentuato rispetto all’universo femminile!
      Anche sul senso di accudimento della razza umana mi sento di essere dubbiosa…nn ho visto nella mia vita tanti uomini cn questa caratteristica! Ne nei confronti dei figli, ne dei genitori anziani e ne tantomeno delle mogli!
      Cm ha detto @Ale nn sarà un caso che solo noi donne possiamo partorire…e che il 90% dell’impegno tra le mura domestiche… è sempre nostro!
      X questo qnd dici che il tuo amante era sposato cn la moglie…mi si alza un sopracciglio! Bisognerebbe chiederlo a lei…che magari ti risponderebbe che è sposato SOLO cn il suo ego! E che da quella COMODA gabbia è uscito solo x noia o xchè poverino si sentiva trascurato ed è andato a prendere una boccata d’aria! Mentre lei si accollava tutto il resto!
      Insomma ragazze…nn si riesce a cavare un ragno dal buco qua !!!

      E x quanto riguarda il tuo bellissimo vedovo pieno di complicazioni… beh…anche lui è… SOLO un uomo 😉
      Tienilo x quello che è… se ti piace! Nn cercare di cambiarlo…nn ci riusciresti! Qnd ti sarai stancata di quello che ti può dare…lo lascerai dolcemente andare! Tanto difficilmente ti seguirà… è già cn il carrello di fuori…la pista naturalmente è quella rassicurante del luogo dove lui vive da sempre! Dove ci sn i suoi figli, qlche amico e le sue certezze! Un grosso abbraccio Grace
      Nn smettere mai di avere il coraggio di osare…tira su il carrello e riprendi quota…tu sei una DONNA DONNA!

  16. Stamattina ho subito un “bidone”. L’ho messo tra virgolette perche ho pensato che in realtà non è un bidone e dunque non lo devo prendere con rabbia ma come l’ennesima dimostrazione di come sia una relazione come la nostra. Come puoi arrabbiarti quando sai che le cose stanno così? Quando sai che un qualsiasi cambio di programma nella sua vita (quella a casa) rivoluziona i tuoi impegni? Dovevamo vederci per parlare di noi, di come e se andare avanti. Non è “colpa” sua. È così perché la sua vita non è sua nemmeno per un ora al giorno. Fosse venuto da me avrei capito meno di quanto ho capito con la sua impossibilità a farlo. È un cambio di prospettiva utilissimo alla comprensione. Non so se lo rivedrò. Per la prima volta non ne sento il bisogno.

    • @oldplum…realizzare che x qnt possano essere presenti, nn siamo mai la loro priorità finché continuano a scegliere di stare dove sono, è molto doloroso! Si rimane cmq appese…
      Intendo…può capitare anche in una coppia ufficiale che ci siano dei contrattempi e salta qlche appuntamento causa mamma che sta male, figlio che devi accompagnare alla partita di calcio nel tuo giorno libero e così via…ti girano le balle…ma poi sai che al di là del contrattempo…LUI è il TUO UOMO! Ha scelto te cm compagna…si litigherà…poi si farà l’amore e lui rimarrà abbracciato a te senza dover scappare a casa, togliersi il tuo profumo di dosso e nascondersi…Cambia di molto la prospettiva…
      Ti abbraccio Oldplum…

    • “La sua vita non è nemmeno sua un’ora al giorno”, si, Oldplum, ricordo la sensazione.
      Ricordo il relè che scattava al suo “non posso venire”.
      Fu un’ora fatale, in cui doveva esserci e non poté per un motivo familiare, immagino, anche banale.
      Fu il momento in cui smisi, ineluttabilmente, di aver bisogno di lui e lo deposi a terra.
      Ora ci sorrido, perché fu l’ora in cui mi si squarciò il velo, in cui lui perse il mio amore sincero. Mi sono sempre domandata cosa abbia praticamente fatto, in casa, di così importante, quale opera abbia messo sul piatto della bilancia mentre sull’altro c’era il mio amore.. non gliel’ho mai chiesto. Era altrove, è bastato.

      • Io non strepitai e neanche mi lamentai. Glielo spiegai con freddezza cosa mi era accaduto quella sera, pochi giorni prima del cds. È vero che quando una donna non si incazza più l’hai persa:)

        • Angelica! Uguale. Mi sento quasi “in colpa” per come un sentimento così forte in me possa ridursi così tanto per quello che appare, visto il contesto, quasi una cosa normale.
          Mi sta perdendo. Forse mi ha già persa. Non sono nemmeno arrabbiata, triste o chissà cosa. È la stessa sensazione che ho provato quando, dopo essermi separata, sono entrata nella mia nuova casa. Sollievo.

          • Se senti sollievo non hai solo voglia di sbarazzarti del rischio di bidoni vari. Hai voglia di sbarazzarti di lui. @Oldplum ascoltati bene potrebbe essere giunta l’ora..!

        • Più di due anni e niente di fatto concreto zero da parte sua

          Tu Cara Oldplium sei una Donna in gamba e sei riuscita a separarti e fare spazio nella tua nuova casa con intuoi figli

          Una cosa ottima e faticosa psicologicamente umanamente per chiunque

          Nonostante tutto ,come a alcune qui ancora gli stai dietro al tuo amante che significa colui che ama .. si potrebbe farlo se davvero avesse coraggio ma non ce lo ha

          Non si può restare amici e tu lo sai bene allora non ho capito ancora se ci scopi o no ancora
          Ma ho capito che COMUNQUE vi sentite e comunicate e che quindi la relazione con lui sta ancoraf aperta

          Aperta ma SEMPRE ALLE SUE CONDIZIONI STA CON LA MOGLIE

          MA ANCHE CON TE perché seppure non faceste sesso FINCHÉ COMUNICATE
          STATE INSIEME

          Allora OLdplum ti rendi conto che è mesi e mesi e mesi quasi un anno che qui scrivi più o meno le stesse cose

          E cioè alterni con la rabbia trattenuta ( vedi il tuo giustissimo scrivere che VALI MOLTO DI PIÙ!!

          A scrivere che tu NON SEI arrabbiata con lui e che infatti se ti capita la occasione te ne scopi un altro con cena prima e il resto della serata.

          Okkei ti chiedo scusa Cara Oldplum
          Ma non bastano a volte tre sedute dallo psicologo
          A risolvere la CHIARA dipendenza affettiva che ti impedisce da anni di mandarlo CONCRETAMENTE afan……..

          PERCHÉ Cara Oldplum qui tutte GIUSTAMENTE umanamente capisco ti danno la mano e sostengono ogni tua parola scritta,lo comprendo ,ma fortunatamente già intravedo dei commenti che cercano in ogni modo di SPINGERTI a FARE concretamente qualcosa che possa aiutarti a CHIUDERE la relazione che non funziona affatto

          Perché farsi sfruttare dal uomo così come fa lui SEMPRE e pure sta volta che scrivi dovevate vedervi per ancora vedere cosa fare ,lui ti ha tirato il pacco ,si PERMETTE DI FARTI QUESTO FA CIÒ CHE AXXXO GLI PARE te ne rendi conto????
          Questo naturalmente dovrebbe dare incazzatura per chiunque e la cosa naturale è la rabbia che tu scrivi travestita da “NON SONO ARRABBIATA MA HO VOGLIA DI MANDARTI A FANCULO SOLO CHE

          NON CI RIESCO ANCORA”

          Ci siamo passate tutte qui perché la dipendenza affettiva è una brutta bestia e quando passa tutto il tempo e ti sei resa sola indipendente dal tuo matrimonio che non funzionava

          Cara Oldplum fatti aiutare perché
          Sei in dipendenza affettiva dimostrata da ciò che scrivi

          Questa volta non sono brutale
          Voglio soltanto non girarci intorno e riportarti alla realtà della tua dichiarata per scritto storia e situazione

          Rileggiti tutta e troverai i tuoi scritti di tanti mesi fa
          Identici ad oggi

          Lo so ,,,,scusami cara Oldplum sto diretta sincera ma perché ti sento una grande Donna di valore e mi fa incazzare vedere da qui come ti ha ridotta quella specie di amante travestito da agnello sperduto

          Forza cara Oldplum ci sei quasi vicina !!!!!!
          Un abbraccio sentito!!!

    • @Oldplum amica mia. Ricomincia la vita dopo le vacanze e .. ricomincia anche quel tran-tran li.
      Non cé altro da aggiungere io ti capisco.
      Infatti nel week end non riservo mai tempo per lui. Troppo facile salti. Preferisco in settimana, che mi venga a prendere in moto e mi porti a fare l’aperitivo e la cena in posti sempre nuovi selezionati per me. Poi se è il caso durante la cena (come l’ultima volta) viro con ironia su cosa mi ha infastidito e mi tolgo i sassolini dalla scarpa, così è più bella la voglia di far pace ..

      • Ciao @Cossy. A me credo sia sceso. Se voglio andare a fare un giro in moto, lo faccio con qualcuno che dopo il giro, dopo la cena, rimanga da me a trombare tutta la notte.
        Gli faccio anche il caffè. <3

        • Beh che discorsi @Oldplum.. se stai con uno sposato lo sai che (se non previa organizzazione) non si ferma a dormire. Però fino alle 2 si. Deve fermarsi. Sennò non vale!!
          Il caffè appena svegli lo abbiamo preparato insieme tutte le volte che si é potuto. Vi dirò che a me un po’ però fa ancora specie avere qualcuno per casa più di 48 ore consecutive. Sono sola da un anno e in una fase in cui è bello che sia un’occasione speciale, me la godo ❤ ma sono abituata al mio spazio ora. Ascolto ogni sensazione e mi assecondo senza giudizio e senza fretta. Vediamo cosa succederà. Aloha!

          • Ah @Cossy, se è per quello lui è stato da me anche fino le 4 di notte ed è spesso venuto a colazione o a pranzo. È che a me non va più di restare appesa. Rimanda la discussione? Ok. Non c è niente più da discutere. Ho accettato l’invito a cena di un uomo libero, piacente, benestante e interessante. Cosa che non avrei mai fatto prima. Esco per svagarmi visto che stasera non ho altri impegni. Sono bella, ironica e ho bisogno di vivere alla luce del sole.

          • @Oldplum ma non era un’accusa. La differenza la fa sempre la nostra volontà: se non ti va più la sutuazione, che si fermi una notte o due o zero.. che differenza fa?
            E’ sempre quella la situazione.
            Ti è sceso, e fai bene a farne salire altri!

        • Nemmeno a farlo di proposito a meno di 24h da questo post ho accettato un appuntamento con un motociclista. Usciamo a cena.
          È una bella novità e sono contenta

          • Io dico che non è un caso, non che debba succedere per forza qualcosa con questa persona ma… Ti ricorda che non esiste solo l’altro!

          • Evvivaaaa!!!!
            Bravissima Oldplum e vai
            Che ogni giorno fai un passo avanti
            E goditi il tuo nuovo PRESENTE

            Perché come stai constatando
            Quel altro la ….è ASSENTE senza PALLE

            Buona giornata e serata !!!!
            Sulla moto si che ci può e ci si deve piegare ,ma dalla parte giusta mi raccomando!!!
            Sono pure stata una motociclista
            In gioventù
            E mi ricordo bene le mie pieghe in curva
            Una bellezza ,e chiaro guidavo io

            Bravissima!!!!!
            Forza Oldplum!!!!❤️

          • Non succederà nulla. Ceneremo, parleremo di noi e vivrò semplicemente una serata NORMALE.

    • il guaio @Oildplum è che in una relazione sbilanciata uno dui due è sempre di due passi più indietro dell’altro, matrimonio o amantato che sia.
      Niente di più facile che non sia venuto perchè ha capito che altre chiacchiere e promesse a vuoto fossero inutili e ha rinviato il problema piuttosto che affrontarlo, fa quasi tenerezza chiuso nella sua gabbia dalla quale non vuole uscire, immobile fermo nel credere che se non si muove lui anche noi restiamo li dove loro credono che siamo.

      • @hara sarà che io ormai sono gelida emotivamente ma che loro stiano in gabbia a soffrire non me li vedo proprio
        Anche io pensavo che il mio ex stesse così ( o meglio lui mi diceva spesso “ non sai cosa passo io a casa” “ non puoi capire come sono messo io”) mi raccontava che casa sua era un cesso, disordine perenne un caos continuo, lei non faceva nulla in casa ed in più non lo faceva uscire l’ Aveva isolato dalle sue amicizie sempre lei e lui e al massimo gli amici di lei… lui che correva come un deficiente per la famiglia di lei perché lei non faceva nulla per il papà malato… un dramma insomma, straziante…. e poi!!?? Ci ha fatto un altro figlio insieme!!
        Pensa quanta era la sofferenza 🙂
        Sono attori da Oscar e io credo che arrivino ad un certo punto che ci credano anche loro a tutto quello che raccontano
        Altrimenti non si spiega

          • Le stirava o lui o sua madre… il ferro da stiro non concepito dalla moglie, non serve basta piegare bene 🙂

        • @MIC1782 il mio non soffre, almeno non così tanto, è sui 60 e se non è in grado di gestirsi e di difendersi da questo eventuale strazio non posso certo aiutarlo io nonostante l’amore
          parto da questo presupposto: devo stimare la persona di cui mi innamoro se sta messo così male o non ha rispetto e stima di se stesso o mi sta perculando.
          Non crederci a tutta questa sofferenza, la coppia è fatta di due persone se la situazione a casa è così lui ha la metà del “merito” e se lascia la moglie stai attenta che non ricrei la stessa “aria” a casa tua!!!
          Il mio non ha mai parlato molto della moglie ne bene ne male, non ha mai fatto balletti strani dentro e fuori casa, ero in un momento in cui avrei voluto qualcuno al mio fianco e lui c’era poi le cose non sono andate come avrei sperato ci ho sofferto ci soffro ma passerà e…prima di quanto io immagini
          scappa, non crederci, lascia che sia solo lui a credere a tutto sto strazio perchè se resta li vuol dire che gli piace crederci e sta in fin dei conti a suo agio
          ti abbraccio

        • @MIC1782 Se proprio proprio la situazione è insostenibile consigliagli un’agenzia di quelle che gli torvino badante cameriera e assistente o quanto meno fatti pagare tu tre stipendi anzi anche 4 per la parte relativa al sesso!!!
          bacio

          • @hara no no io sono fuori dai giochi da quasi due mesi ormai …Codice del silenzio dopo l’ennesima presa In giro. Ciao Tutto ciò che mi ha raccontato in questi anni è stato notevolmente amplificato per farmi credere che lui fosse la vittima sacrificale e io fossi la sua salvatrice in modo Che io potessi dargli tutta la comprensione e il sostegno senza rompere le palle dato che aveva già una situazione difficile a casa. Purtroppo le cose le si scopre dopo quando sei in buona fede, ma quando le si scopre il sipario si chiude.

      • Al tuopunto di vista non avevo pensato @Hara.
        Chissà quante volte se li inventano gli imprevisti dell’ultimo momento per non affrontare le cose.

      • Credo anche io sia così. Da un lato voleva farmi calmare, dall’altro, visto che ero risoluta, a prender altro tempo. Il tempo è prezioso. Fosse venuto ieri io sarei qui ancora appesa a lui e avrei rifiutato l’invito. Sliding doors. Purtroppo se una ha giù la catena non è il caso di procrastinare ancora.

          • Beh onestamente di fronte all’improvviso impedimento a vedersi, quando avevano giá stabilito di chiarire e decidere se proseguire o meno, non ti va giù solo la catena, ti cascano proprio le balle.

          • Si. Perché mi rendo conto che non sono un ritaglio di tempo. Lo so. So che lui non mi considera così ma io mi sento come lo fossi. E questo alla lunga rovina le cose. Ho capito di non poter essere quella che lo tirerà fuori dalla melma, ma il materassino di gomma che gli permette di navigare sopra. Sai come si finisce? Diventi un’abitudine. Se rimango smetto di amarlo. Se vado via gli lascio qualcosa di buono su cui può lavorare, se crede. Magari non sarò io la donna dopo sua moglie. Per me l’importante è ciò che ci siamo dati e non diventare un placebo per la sua infelicità. Lo amo troppo per consentirlo.

          • Ps: se è vero, se è destino, verrà a prendermi. Altrimenti non ne valeva più la pena.

          • Però posso romperti le balle?
            Tre giorni fa @Oldplum hai detto ‘non gli metterò più l’outout’ e adesso sei scazzata perchè ti ha dato un bidone a una serata in cui avreste dovuto parlare di voi (immagino non di un nuovo taglio di capelli..)
            Ha annusato il pericolo e si è tirato indietro.. ma era prevEdibile.. lo dico perchè l’ho fatto giusto una 50ina di volte 🙂
            Ti voglio bene <3

          • Ma infatti nessun out out @cossy. Io mi sono tirata fuori e basta. Non so se lo voglio nemmeno da libero visto il modo in cui tiene appese due donne.
            Bacio <3

  17. Per assurdo a me sta succedendo il contrario. Più si avvicina la quotidianità e la fine delle vacanze e più sento l’esigenza di parlargli nonostante tutto. Sono un caso disperato.

  18. Secondo me se c’è “amore” ci sono momenti in cui ci devi essere. La persona amata (e non altre) la pretendi accanto in alcuni significativi momenti. Altrimenti, fosse sostituibile da zia, amica, gatto o chiunque, di che staremmo parlando?
    Parliamo di compagnia, divertimento, schermaglia amorosa, piacevolezza, fuffa.
    Capisci invece che non ci sarà, che non verrà. Il motivo: evitare rotture di cazzo estemporanee con la donna trasparente solo madre dei suoi figli.
    Io ero sola, con uno spavento enorme che riguardava una delle persone a me più care, non volevo che risolvesse nulla, ma che stesse un po’ vicino a me perché ne avevo bisogno. Sono una donna forte ma avevo bisogno di lui.
    Se ami e sei amato fa parte del pacchetto.
    Il sostegno emotivo reciproco è il cuore di un rapporto d’amore.
    Poi ho risolto da sola, ma sono tornata sola.

    • Cara Angelica molto meglio sole che maleaccompagnate !!
      Amare se stesse attira senza che si cerchi nulla ,ma essere capaci di risolvere e stare sole è il modo migliore per amarce se stesse e rispettare la propria Dignità di persone e Donne

      Ed è questo che attira nella vita le esperienze nuove di chi sa riconoscere il nostro vero valore
      Come a dire che essere sole è darsi la opportunità di essere nella vita positiva quella che ancora sta davanti a noi con esperienze buone per essere vissute
      Tutte le esperienze e gli incontri che si possono fare proprio quando non si cercano ,ma capitano nella vera positività ed equilibrio

      Se ci si fa caso qui ognuna di noi ha iniziato una storia partendo da un vuoto o compunque un periodo di difficoltà interiore
      Questo fatto di fragilità attira inizialmente esperienze che non portano buone cose per noi stesse ,ma nel negativo ci fanno da traghetto al nostro stare un momento sole dandoci il tempo di sentire il nostro vero valore e che cosa possiamo sempre fare nella nostra vita.

      Sole si,ma per respirare un momento,aperte alla vita che verrà!
      Cara Angelica❤️

      • “Se ci si fa caso qui ognuna di noi ha iniziato una storia partendo da un vuoto o compunque un periodo di difficoltà interiore
        Questo fatto di fragilità attira inizialmente esperienze che non portano buone cose per noi stesse, ma nel negativo ci fanno da traghetto al nostro stare un momento sole dandoci il tempo di sentire il nostro vero valore e che cosa possiamo sempre fare nella nostra vita.

        Sole si, ma per respirare un momento, aperte alla vita che verrà!”

        Bellissima questa cosa che hai scritto Ariel, e molto vera. Sono esperienze negative ma che comunque ci hanno permesso d’imparare qualcosa su noi stesse, e -mi azzardo a dire- si vede che in quel momento lì ci voleva.

    • È che ti senti presa per il culo quando poi ti dicono che amano solo te e la loro paura piu grande è di perderti. Si, va bene. Oramai mi pare tutta fuffa davvero. Mi pare l’alcolizzato che nasconde la grappa nello stiletto aspettando che la moglie dorma per fare un sorso.
      Il problema è che non sono una bottiglia, io.

    • @Angelica 2.0 ti sono vicina ti abbraccio fortissimo.
      A leggerti si capisce che l’amore che per te c’era non potrà più esserci, forse stai soltanto perdendo tempo,
      lo dico perchè per me è stato impossibile superare questa assenza …si sono automaticamente e autonomamente declassificati a zia gatto o chiunque e amica è gia un gradino più su.

  19. @Oldplum, Angelica2.0, è purtroppo la “regola” di relazioni di questo tipo quella di venire dopo. Magari sono anche innamorati di noi ( non è il mio caso) ma nella loro mente ogni esigenza, ogni necessità della moglie ( sui figli non discuto) ha la priorità assoluta. E ciò è particolarmente vero se il legame con lei è ancora molto solido , se lei ha, come dire, un certo appeal, non necessariamente sessuale, su di lui.
    Poi, ci sono anche uomini che riescono a svincolarsi più facilmente perché hanno un matrimonio impostato su una maggiore autonomia e libertà. Non è questo il nostro caso purtroppo.
    Un impegno cancellato, soprattutto per motivi banali, è già abbastanza svilente. L’assenza di fronte ad un nostro bisogno è un non “sentire ” e crea una frattura insanabile. Ma a questo punto è forse anche salvifica per noi.

    • Guadagnare autonomia e libertà dovrebbe essere uno dei primi step quando si decide di cambiare… iniziare un distacco, aprire la crisi, il tempo per chiudere un matrimonio può essere anche lungo ma che sia proficuo, e non sia usato per palleggiarsi moglie ignara e amante perculata… dopo oltre due anni non accetto che lui passi la serata a casa solo perché non ha una scusa per uscire. Dopo due anni se la crisi è conclamata come dici, e a lei non importa di te, e a te non importa di lei, prendi le chiavi ed esci.
      All’inizio lo scenario è che le cose cambino, poi ti accorgi che non è mai cambiato nulla, e a quel punto non si può dire che conoscevamo le regole: quelle regole erano in partenza, con ben altri obiettivi.

      • @angelica2.0, uguale. Stesse dinamiche. Il problema è che dopo 2 anni (e mezzo) le parole d’amore suonano vuote quando ti rendi conto che nessuna crisi è aperta se non nell’amantato.

          • @Ange 2.0…pensavo…visto che tu hai aspettato una sua reazione x 1 anno, dopo che ti aveva prosciugato, asfaltato e preso ogni energia positiva che gli avevi gentilmente regalato…beh lui può attendere (senza certezza di risultato) che tu capisca se c’è ancora una, seppur microscopica scintilla…no? Eccheccax…mi pare oltremodo chiaro nn si tratti di ripicca, orgoglio o minchiate varie…
            Quindi ti direi…nn star lì a guardare pro e contro…la panza è sempre la panza…se c’è ancora il brividino da qlche parte dentro di te… ripartirà…ma stare a guardare nel mentre qnt pazienza ha il signorino…beh nn può che darti segnali fondamentali sul suo grado di interesse!
            Insomma…sn passate solo poche settimane (ricorda 7 Kili in 7 GG)…ma se fra qlche mese lui continua imperterrito a orbitarti intorno, mostrandoti che vuole TE e solo TE, nn molla la presa e nel frattempo le cose in famiglia si appianano…si normalizzano…beh…voglio vederti se la scintilla nn riaccende il fuoco! 😉
            Certo che se scintilla nn c’è più…allora nn c’è più nulla da.fare…ma x quel tempo credo sarà chiarissimo…

  20. Il bidone supremo, nel mio caso, l’ex se lo è dato da solo! Dieci anni di matrimonio in sfacelo, pur se in apparenza impeccabile, poi il primo innocuo tradimento, poi con me si innamora, io lo amo, i figli sono grandini, si può fare… e da bravo maschio che fa? Si adagia! Il matrimonio putrefatto non è poi così male se alle spalle ci sono io che gli rallegro la giornata! È così scorda (hahaha) i propositi iniziali di un futuro insieme, temporeggia, mi tira il collo, mi prende amorevolmente per il culo per due anni, mi propone gentilmente il posto ruolo di amante con vitalizio e si rigetta vigliaccamente negli avanzi decomposti di casa, credendo (lo stolto) che sarà in grado di galleggiarci forever. Io lo mando a cagare. Lui affoga. Ritorna. Ha perso la moglie, cavoli loro. Ha perso me. Probabilmente mi amava. Io lo amavo. Ora è là, col bidone in mano.

    • Mi dispiace.. si sente l’amarezza con cui scrivi @Angelica2.0.
      Mi permetto (e qui mi tireranno secchiate di merda addosso, ma risparmiatevi la fatica perchè non-me-ne-può-fregar-di-meno) di proporti una riflessione visto che hai scritto che probabilmente ti amava.
      E’ passato un anno, ti ha fatto soffrire ma è passato un anno.
      Non è uscito dal tuo cuore, forse.
      Se lo vuoi, non perdere tempo per chiedere un risarcimento.
      Non è detto tu, voi, abbiate tempo per viverlo dopo.
      Non è un dargliela vinta.
      Scusami se sono stata diretta, non c’è giudizio davvero, un bacio.

      • @cossora nessuna secchiata ma ti stai illudendo ! Non lo fare per te questo ragionamento, te lo dico perché credo che tu scriva senza remore ciò che senti, ti faresti solo del male

        • Ti ringrazio per essere preoccupata per me @Hara ma da tempo ho deciso di fare come ho fatto tutta la vita: seguire il mio intuito e il mio cervello.
          Invitavo soltanto @Angelica2.0 a una riflessione. È una donna compiuta non credo di averle dato un consiglio leggero ne cattivo. E comunque riflettere fa solo bene, no?

          • @cosaora forse mi sono espressa male, non mi sembrava un consiglio ne leggero ne cattivo, era il consiglio di una che cerca di tenere insieme tutto quasi a tutti i costi. Sono certa un consiglio dato con il cuore ma di testa non di pancia. Per esperienza so che è inutile sforzarsi di far andare le cose quando non vanno ed è difficile resuscitare un amore. Volevo soltanto consigliarti, leggendoti sincera, di non illuderti di poter rimettere i cocci assieme di un vaso ormai rotto

          • Io non ho rotto nessun vaso @Hara..tranquilla, anzi grazie.
            Non ce l’ho mai avuto un vaso con lui!
            Io ho il mio, dove ci sono i miei figli e il mio ex marito: le persone più importanti della mia vita, ancora attive nella mia vita, che rappresentano la priorità della mia vita.
            Lui è brivido, emozione, amore, adrenalina e chi più ne ha più ne metta.. ma assolutamente non è nel mio vaso!
            Ciò che conservo e difendo li dentro è troppo importante per me e comuqnue non è forzando le cose che potrei mai farcelo entrare <3
            Le cose succedono, se devono succedere.

      • Cossora, grazie ❤️
        È ciò su cui mi sono arrovellata tanto, e non credo davvero sia orgoglio.
        Mi ritrovo a fare i calcoli dei pro e dei contro col pallottoliere, la pancia non partecipa. Io non partecipo… credevo che il problema sarebbe stato non dargli troppa corda, non essere troppo prematuramente entusiasta, invece a sorpresa sono nella situazione opposta.

      • @Oldplum…anche il mio… spero a strettissimo giro!

        Il problema di molte donne è che qnd ci sm rotte i coglioni…ce li sm proprio rotti!
        Succede cn i mariti…e a maggior ragione può succedere cn gli amanti!
        La storia dice che Ange…io…te…e molte altre abbiamo già mandato a quel paese un marito e ne sm uscite alla fine con un sospiro di sollievo…figuriamoci se nn ci può succedere cn l’amante che, proclamandoci grande amore della vita, ci ha messo cmq all’ultimo posto x mesi o anni…spesso dopo il cane!
        E poi sm donne di passione…alla fine ragioniamo “de panza”…e se quella nn partecipa…ahia…forse è davvero troppo tardi!

        • Dici bene @EP però se ragionassimo tutte cervello e vendetta e fanculo maschi siete tutti uguali sarebbe peggio.
          Io vado fiera della mia capacità di rinascere.
          Poi certo, se un sentimento è spento.. è spento punto e basta.
          Ma finchè c’è un piccolo battito, non temo di essere mai troppo passionale e romantica!

          • I casi sono due @Cossy: o non ti fregacazzi, ora, di lui , di averci una relazione vera, o ti illudi che intuitivamente ci arriverà da solo.

          • Ti giuro che non mi faccio questa domanda.

            A volte mi espongo poco perchè mi sembra che non si aspetti altro che trovare un modo di darmi dell’illusa, della poveretta, della dipendente, della manipolata.
            Mi annoia dovermi sempre spiegare.. 🙂
            Non capisco l’accanimento, io amo gli esperimenti sociali e amo sentire davvero i vari punti di vista.
            Con lui sto bene in 4 fronti su 5.
            Di cui il quinto non risulta dannoso alla mia scelta di vita.
            Perchè non mi si può credere? Cosa mi interessa stare qui sotto l’anonimato a seguirvi, leggervi, rispondervi, immedesimarmi.. se poi è tutto finto?
            io sono vera e sono quella che scrivo. Se dopo tutto questo tempo qualcuno (non parlo di te) non mi vuole credere, sono problemi suoi.
            Io so chi sono.
            E questo è un blog sulla coppia, o sbaglio?

          • @Cossora ma perché illusa? Sei l’amante e ti stai divertendo ad esserlo! Le probabilità che tu sia un illusa o quanto altro sono le stesse per tutte mogli e amanti anzi, tu sai che c’è un’altra ! Divertiti più che puoi e sii felice

          • @cossora….nuoooo…x l’amordiddio!!!! Tt cervello,vendetta e gli uomini sn tutti uguali…nn ce la farei a vivere così! Troppa fatica!!!! :-)) ;-))

            Io ho una fortissima parte razionale (anch’io l’ho invocata quasi in ginocchio cm Ange 2.0 nell’ultimo anno) ma l’altro 50% è tutto #animaeccore…altrimenti nn sarei qui in mezzo a voi…la dinamica ricorrente è che di solito mi lascio travolgere dalle passioni e dalle emozioni. Perdo i lumi della ragione…e me la vivo fino in fondo… SEMPRE!
            Nn ho avuto miliardi di uomini…ma tutti erano diversi tra loro…il bello&dannato da giovanissima, il bravo ragazzo da sposare (ma nn l’ho sposato xchè alla fine era diventato cm un fratello) il narcisista cn cui sn stata 12 anni e ho fatto due figli… e poi LUI…l’uomo delle 3 “C” (cm lo chiamo io) Quello che ha messo d’accordo Cervello, Cuore e Corpo! …nn mi era mai successo…

            Anche oggi RAZIONALMENTE ritengo che lui sia x me il più calzante!
            Ma altrettanto RAZIONALMENTE mi faccio delle domande e mi rispondo che lui COSÌ nn è quello che voglio!

            Lo lascio andare…e lui lascia andare me…VOGLIAMO 2 COSE DIVERSE in questo momento! Io la leggerezza di una storia normale (anche se anomala cm potrebbe essere la nostra)…lui la tranquillità di una donna a casa…(ehhhh…che vuoi mai cossy… nn è più quello spavaldo di una volta… è in fase di atterraggio e il carrello è giù 😉 )
            Una volta capita la direzione bisogna solo trovare il mezzo x arrivate al risultato (santa razionalità in questo caso)…io li ho provati tutti…Rapunzel che dalla torre aspetta il principe, finta amicizia, trombamico, amante stop&go…mi mancava CDS estremo…e spero vivamente che funzioni xchè DEVO estirparlo dalla mia testa!
            Nn per questo ho bisogno di odiarlo x staccarmi…nn voglio odiarlo…voglio solo che si riduca ad un bellissimo ricordo! Punto! E x far questo devo toglierlo dalla mia routine…
            Se torna ora come lo voglio io…gli salto addosso! se torna tra un anno…potrebbe essere troppo tardi!

          • Ragazze ma infatti io sono consapevole che sia sposato, codardino, ovviamente preoccupato a non far saltar per aria la sua vita preimpostata (ma non a mie spese, io non ‘soffro’ questa cosa, se la smazza lui) e nello stesso momento investo OGGI la mia emotività, fedeltà e sessualità proprio nel rapporto che ho con lui per ciò che è.
            Evidentemente a mio giudizio l’essere umano ne vale la pena.

            Poi se qualcosa non va lo prendo, magari a cena, e sorridendo lo invito a fare una riflessione insieme.
            Basta “j’accuse”, con lui non servono, non è il mio fidanzato e non è nel mio stile ripetermi di continuo, ai miei figli dico le cose una volta.
            Deve fare, se vorrà, un cambiamento profondo perchè io gli dia accesso totale alla mia vita, perchè possa avvicinarsi a ciò che per me è importante. E’ ancora una persona che non vive bene, che ha bisogno di fughe, silenzi e coperture. Che non affronta, che si spaventa e si rifugia nelle sue piccole (in)certezze. Deve volersi bene come io ne voglio a me.

            L’intesa sessuale che irrompe ogni volta anche dopo certi confronti era ed è tutt’ora l’attaccatutto però. Non ci fosse quella la vedrei durissima..

      • Io credo che ognuno faccia il suo percorso, magari è una ruota che gira e ora va così, magari c’è altro che deve ancora macinare… si vedrà;)

    • Si lui è col bidone vuoto in mano
      E tu Cara Angelica sei stata capace di amare te stessa
      Penso che nessuno voglia un uomo incapace di mantenere la espressione di se e delle proprie iniziali intenzioni a costruire insieme
      Meglio averlo perso avendo avuto il GRANDE CORAGGIO di farlo
      Lo sai già sei una Superdonna
      Un TESORO prezioso che sicuro quando meno te lo aspetti saprà amarti e rispettarti come meriti
      Come persona e come Donna.

      Sei di buon ottimo esempio ed aiuto per tutte noi!❤️️

    • Io invece non sento amarezza nei tuoi interventi @angelica solo una forte consapevolezza e determinazione che mi auguro di riuscire ad avere anche io al più presto.
      Non con l’intento della vendetta o peggio della ripicca, lui ormai nonostante ciò che provo è fuori dai miei programmi futuri.
      Non aspetto più, niente. Nemmeno un messaggio, figurarsi una scelta che mai ci sarà e che se anche ci fosse ormai, dopo tutto questo tempo avrebbe uno strano retrogusto di stantio.

      • Forse l’amarezza traspare quando racconto, e ricordo, quello che ho provato prima di arrivare a questa consapevolezza.
        Ora però come dici tu Rosa, non sono più amareggiata, e forse è un brutto segno.
        Il “ritorno” dell’ex all’inizio mi ha provocato comunque un piacevole stupore, ci si fa un po’ cullare da sensazioni che riaffiorano… poi tutto ciò lascia il posto ai veri motivi per cui è finita.
        Lascio un po’ tutto in sospeso solo perché le sue condizioni sono cambiate, anche se nel frattempo sono cambiata anche io.

  21. Avendo esaurito negli ultimi tempi tutte le tipologie di bidoni descritte come sempre con grande lucidità dal nostro guru Alessandro, ha pensato bene di rispolverare il nc per “liberarsi” dall’impiccio di dovermi incontrare di nuovo, certo rivedersi dopo tanti mesi, regalarmi qualche ora di passione riesumata raccontando ogni tipo di scuse perfino alcune umilianti. E siccome sono stupida come tutte le donne innamorate, (sempre Alessandro docet) l’ho cercato io ma che fine hai fatto, sto per ripartire tra pochi giorni, non dovevamo approfittare per vederci più spesso in questo periodo? Parte la risposta che vi giuro, malgrado la mia età più che adulta e il decennio passato a farmi amare e schifare a seconda del suo piacere, quando mi ha risposto tesoro mi dici come potevo contattarti sai bene che avevo un impegno in un luogo chiuso e protetto… Mi sono sentita calpestata, maltrattata, umiliata, e sono corsa a rileggere per la millesima volta questo articolo sui bidoni. Che ora ho salvato nella cartella “alé pellizz”.

    • Alé Pellizz mi piace molto. Ma lui era nel bunker di Hitler a Berlino circondato dalle truppe sovietiche ?

      • Ciao Caro Alessandro
        Sono in una coda noiosa per riuscire a mollare il peso del mio bagaglio

        Valige pesanti da portare che mi ha richiamato questo tuo esempio di guerra MAI spenta
        In attesa di tua risposta
        Buona giornata

  22. Piccolo sfogo e considerazioni sparse. L’ultimo bidone è stato quello che mi ha aperto gli occhi, del tipo non è “riuscito” a venire a un concerto dove c’erano migliaia di persone, figuriamoci a rivoluzionare la sua vita. Prima però c’erano stati dei mini-bidoni, di quelli che potevo capire solo io tipo non aspettarmi più in quei 5 minuti in cui potevamo parlare, poi non rispondere alle domande, poi non rispondere ai messaggi poi non farsi trovare più. Ora sono a 2/3 mesi di no contact totale, mi sono resa conto che tra poco ricomincerà la passione che avevamo in comune e per cui ci siamo incontrati seppur con ruoli diversi e lui non ci sarà, e io non ci sarò. E fa male. Perché stavolta non ci incroceremo per sbaglio, stavolta non rimane niente. In questi mesi di assenza non mi sono sentita più libera, più bella, più sexy, più me stessa. Io mi sentivo così con lui. Adesso è tutto sordo, tutto ovattato, tutto neutro. Lo so che non tornerò più quella del “prima” e neanche ci voglio tornare, ma per quelle che sono al “dopo”, passa? Dopo passa? Dopo arriva il momento in cui ci si sente di aver schivato un proiettile in petto? A me sembra solo di aver schivato la felicità, un miracolo che non abbiamo avuto la forza o la fede di proteggere.
    P.s.: Rassicuro tutte Ale compreso che non sono vittima di nessuna dipendenza, ci sono già passata, ne conosco tutte le facce, questa non ci assomiglia neanche un po’. È solo un cuore spaccato coi punti ancora in vista.

    • @Eva tornerai a sentirti bella e sexy da togliere il fiato. E succederà all improvviso. Lo sei già. Devi solo vederti come ti vedono tutti!

      • Intanto grazie. ❤ Sai cosa? Io mi ci sento lo stesso per carità, ce li ho gli specchi a casa e li vedo gli sguardi degli uomini, però ecco quel senso di liberazione, quel “ommiodio sono rinata!”, quello no. Ecco volevo solo essere sincera con me stessa.

        • È presto. E la mortificazione ha degli strascichi. Piccole contrazioni del cervello che stringono lo stomaco appena qualcosa di meraviglioso ti torna in mente e immediatamente ti rendi conto che non si ripeterà più. Poi un giorno verso sera ti accorgi che per diverse ore di seguito non ci hai pensato. E li rinasci. Il suo ricordo è un’àncora che ti radica. Ma è da li che inizi a risalire e arrivi al sole.

    • Anche a me sarebbe piaciuto andare ad un concerto con lui. Non gli chiesi nulla e andai con un’amica. Fu lui a mandarmi messaggi tutta la sera dicendomi che avrebbe voluto essere lì e mille altre cose
      Io li ho letti al ritorno a casa perché al concerto ho cantato, saltato, bevuto, mi sono STRA DIVERTITA. lui a casa credo di no.
      Basta cambiare il punto di vista.
      Forse dipende anche da come ti fai trattare. Anche lui all’inizio mi faceva tribolare. Così gli ho semplicemente detto che così non mi andava e lui è cambiato. Ci ha messo impegno, tanto, e lo riconosco. Ecco, io mi sento sexy, meravigliosa anche senza di lui. Ed è lui ad avermi mostrato quanto lo fossi. Questa cosa mi è rimasta. È stato un bel regalo. Per questo dico che l’ho sentito autentico. Perché mi è rimasto tutto il bello, nonostante tutto.

      • Io invece sono andata da sola. Lo rifarei mille volte, me lo sono goduto senza ansie di chi ci poteva vedere o di cosa poteva succedere. Ansie sue (mai esternate ma alla fine non è venuto) perché io sono libera, ma le sue erano diventate le mie perché di lui mi sono presa tutto perché lo amavo. Sulla faccenda del farmi tribolare hai ragione, non va bene. E infatti sono sparita. Però con lui ero una sinfonia, adesso sono un assolo. Per carità sempre bello eh, ma non è la stessa cosa. Ci tengo a dire che la mia percezione di me non dipendeva da lui, però trovare qualcuno che accende l’interruttore e ti fa vibrare in tutte le stanze di te, anche quelle che pensavi non avresti mai più aperto, è un’altra cosa. Non cambia il mio valore, quello me lo do io, ma la qualità della mia vita sí. Ecco come si torni indietro da questo vorrei capirlo. Penso non si possa, e quindi vado avanti.

        • Lui è stato un miracolo. È così che lo percepisci adesso. Tutto ciò che di spettacolare cé stato prima di lui, lo ha ridimensionato. E succederà anche con il prossimo, ridimensionerà lui.
          Si ripete @Eva. Se le cose non le fissi, entrano in un ciclo. Devi andare avanti per forza, è la vita.. non è previsto il rewind. Menomale!!

    • Capisco quello che scrivi e anche io mi sento uno schifo e aspetto con ansia il dopo. Non mi sento più libera, più sexy ma più forte, quello sì. Sento di aver avuto finalmente la forza di rispettare me stessa, di non cedere più ai “suoi” compromessi. La felicità non è solo provare emozioni forti, stare bene con qualcuno ma è anche sentirsi rispettate. Non ti accontentare, non cedere a questi dubbi…hai fatto qualcosa di grande per te.

      • Hai detto una cosa importantissima nella sua semplicità
        La felicità viene spesso scambiata per emozioni forti e piacevoli che ci fanno provare queste storie ma purtroppo senza il rispetto non ci può essere mai felicità.
        Barattiamo l’entusiasmo e la gioia di frammenti di benessere provati per la felicità…
        Ad oggi per me felicità é sinonimo di serenità

      • Cara LIA Bravissima puoi dirlo forte a te stessa!:

        “La felicità non è solo provare emozioni forti, stare bene con qualcuno ma è anche sentirsi rispettate. Non ti accontentare, non cedere a questi dubbi…hai fatto qualcosa di grande per te.”

        Applausi sei vicina ad uscirne completamente!!!
        Secondo me questa è la consapevolezza che da la spinta finale!!!
        Bravissima!!!!!

        È una vera RINASCITA una conquista personale e come ogni rinascita si attraversa una fase dolorosa inevitabile!!

    • @Eva capisco benissimo come ti senti, perchè la stessa cosa succede a me. Sette mesi fa il mio lui mi ha lasciata, dopo tre anni. Nel giro di due settimane sono passata da lui che diceva “ti amo da morire” a “mi dispiace, ho i sensi di colpa, meglio se ci lasciamo” a “mi dispiace sei stai male, non posso farci niente, non ti amo più”. Lui mi faceva sentire sexy e interessante, adesso non provo più quelle emozioni. Però sono sicura che ne verrò fuori, ci vorrà solo del tempo. E anche tu ne verrai fuori, ne sono sicura

  23. Eva, a me lui ha detto che “tanto tra un po’ passa” gli ho risposto di parlare per sé. Mi sento come te e non per dipendenza. Con lui per la prima volta mi sono sentita me stessa, libera, bella, solare. Non riesco ad andare oltre, non perché sia dipendente, e anch’io non lo incrocero’ nemmeno per sbaglio. “Meglio perderlo un uomo così ” mi ripetono tutti ma non sono più io, non mi sento felice e nessuno lo capisce. Fa male anche pensare che per lui, dopo 2 anni, tutto sia svanito nel nulla. Ha scritto @Vento nell ‘altro post che non si dimentica così in fretta, peccato che sia smentito dagli uomini raccontati in queste pagine.

    • Piccola qui siamo in tante così, cerchiamo di dimenticare qualcuno che ci ha stravolto la vita, ci ha fatte innamorare e poi, per ragioni diverse, non ci ha scelte. Per alcuni aspetti è peggio di un lutto perché ad andar via è la persona che nell’ultimo tempo ti è entrata più dentro. Ti capisco benissimo e trovare la forza non è semplice. Il tempo ha un doppio vantaggio. Per fortuna siamo animali abitudinari, ci abitueremo anche alla loro assenza e col tempo riusciremo anche a vedere e analizzare quello che abbiamo vissuto col giusto distacco. Datti tempo e poniti l’obiettivo di uscirne il prima possibile. Uscirne presto è quello che merita uno che ti ha detto “tanto tra un pó passa”.

  24. Cara Eva2.0
    “stavolta non rimane niente. In questi mesi di assenza non mi sono sentita più libera, più bella, più sexy, più me stessa. Io mi sentivo così con lui. Adesso è tutto sordo, tutto ovattato, tutto neutro. ”

    Ecco si dopo passa ti assicuro e rassicuro che passa e sai quando effettivamente passa?

    Quando facendo la giusta terapia da dipendenza affettiva NON ancora risolta sarai riuscita a Amare te stessa smettendo di giudicarti negativamente ,sentendoti inadeguata
    E riuscendo così poco a poco a riempire il vuoto che tu stessa scrivi senti dovuto a lui che non è con te ,ma che evidentemente si è aprofittato di te ha saputo individuare il tuo vuoto e ci si è messo finché è piaciuto a lui

    Amare se stesse significa riempire il nostro vuoto con l’unico Amore capace di essere sentito pienezza permanente dentro a noi stesse
    Allora il prossimo Uomo che sicuro si accorgerà del tuo pieno sara quello Sano e Rispettoso di te del tuo GRANDE VALORE DI PERSONA E DONNA MAI SPENTO!!!

    Esiste già dalla tua nascita!!!
    Cara Eva chi cerca trova
    Scava meglio in te stessa fatti aiutare se vorrai completa il tuo grande e valido percorso già fatto manca ancora qualcosa per completarlo

    Amare meglio te stessa potrai Amare ed essere Amata corrisposta da chi sa Riconoscere il tuo vero Valore già presente da sempre.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ecco La matematica del cuore, il mio nuovo libro

Ci siamo finalmente! Ve lo avevo annunciato, molte lettrici lo aspettavano e ora posso dirvi, rivelarvi tutto: il mio nuovo libro si intitola La matematica del cuore e Dal 21 novembre 2019 potete acquistarlo direttamente su Amazon

@anpellizzari

Premax Shop