Di fronte al mercato di uomini disponibili le mie amiche e fonti dei miei post sulla coppia negli anni 2000 mi chiedono: esiste ancora l’uomo ideale? E, se esiste, come riconoscerlo?

Proviamoci, forse riusciamo a descriverlo, se pensiamo a quello che sicuramente non deve essere.

L’uomo ideale innanzitutto non è un egoista.
Voi non venite prima di lui, siete alla pari. E non venite mai dopo di lui e dei suoi interessi. L’uomo che non è egoista pensa sempre a voi, dalle piccole alle grandi cose. Può essere che voi reggiate di più la famiglia, ma lui aiuta, si offre di aiutarvi. Non aspetta che chiediate, agisce. Pensa a voi. Pensa se siete stanche. Se avete bisogno di distrarvi. Se avete bisogno di coccole. Ha i suoi interessi, le sue cose, ma le fa solo se non vi mettono in secondo piano o vi costringono a sopportarle. E mette sempre sulla bilancia, con lo stesso peso, le sue istanze e le vostre. E se proprio è in dubbio, fa il generoso e fa un passo indietro, accontentandovi.

L’uomo ideale vi assomiglia
Ho avuto donne che mi assomigliavano e donne diversissime da me. Vedo le coppie che mi circondano e adesso posso dirlo con un buon margine di sicurezza: se lui e lei sono troppo diversi non reggeranno sulla distanza. Lui timido lei estroversa: prima o poi lei soffrirà. Lui sportivo lei pantofolaia, o viceversa: ci saranno vacanze separate e pericolose. Lei passionale lui freddo. Lei romantica lui arido. Lei gelosa lui distratto. Tutto ciò non funziona. Dopo un po’, finita la luna di miele, la diversità uccide. Più vi somigliate, più condividerete e sarete felici.

L’uomo ideale vi stima
Molti uomini o sottovalutano il lavoro della partner o ne soffrono. Io sono orgoglioso dei successi di mia moglie. Non soffro se lei fa carriera e io no, sono felice per lei. Guadagna di più? È ricchezza per la famiglia! L’uomo che non gode dei trionfi della moglie non la considera alla pari. Inaccettabile!

L’uomo ideale è attento
Si ricorda il vostro compleanno. Gli anniversari. Vi consola se avete il muso, non importa se è per una cazzata, se è importante per voi deve essere importante per lui. Vi chiama spesso. Vi sogna. Vi chiede, vi ascolta senza interrompervi. E percepisce anche il leggero stormir di fronde tipico dei terremoti intimi femminili, li previene, li calma, li lenisce.

L’uomo ideale è geloso
Non è un pazzo. Non vi fa scenate inutili, perché si fida di voi, non mette in dubbio la vostra fedeltà. Però nessuno, nessun uomo può permettersi di fare il pirla con voi. Non perché siete una proprietà, ma perché siete sua, come lui è vostro. È una cosa profonda, non egoistica. Occhio a chi si avvicina troppo.

L’uomo ideale vuole stare con voi
È vero, ognuno può avere i suoi spazi, ma non esiste che il poco tempo libero che avete da condividere, le vacanze, siano ripartite in insieme e da soli. Chi si ama vuole stare il più possibile insieme. Altrimenti qualcosa non va.

L’uomo ideale fa l’uomo
Vi difende. È il vostro porto al riparo dalle tempeste della vita. È solido e ha le spalle larghe quando siete in crisi. Può essere stanco, vessato dal lavoro, preoccupato ma se voi avete bisogno, lui è il vostro scudo. Vi sorregge. Vi calma. Vi aiuta a vedere le vie d’uscita

L’uomo ideale è un padre
Non tutti hanno la fortuna di poter avere figli. Magari non li volete voi. Ma un uomo ideale li vorrà sempre. Vuole i vostri figli, fatti e cresciuti da voi.

L’uomo ideale è un amante
Nonostante il tempo passi, nonostante la passione cali, lui vi deve desiderare e ammirare. E un uomo che non fa più l’amore, lo fa meno e male, perde la fondamentale possibilitÀ di dirvi ti amo nel modo più profondo e naturale.

Questo uomo esiste, credetemi. Molte di voi lo sanno, perché ce l’hanno al fianco e lottano perché lui rimanga così. Lo dovete fare!
Le altre? Se lo cercano bene lo troveranno. Come? Non accontentandosi mai!
Non perdete tempo con chi non se lo merita…

Condividi:

24Commenti

  • barbara, 20 Maggio 2014 @ 08:36 Rispondi

    Credo che l’uomo ideale,non esista,cosi come la donna ideale…. perche’ ognuno è differente (meno male ) credo che la felicita’ consista nell’accettarsi e nell’accettare l’altro per cio’ che è per i suoi pregi e per i suoi difetti
    la ricerca dell’ideale,a mio avviso, svia dal reale,perche’ poi dobbiamo metterci anche la componente piu’ importante,l’innamoramento,l’attrazione fisica,mentale, sentimentale. Credo quindi che sia importante sottolineare che l’uomo ideale,è tale per ogni singola donna, nel senso, che personalmente l’uomo ideale è mio marito, che non ricopre tutte le opzioni sopra descritte,ma che comunque per me è l’ideale.

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2014 @ 09:39 Rispondi

      Secondo me esiste e c’è un minimo sindacale sotto il quale non si può andare. E se ci si va un membro della coppia vuol dire che ha deciso di accontentarsi. Ma accontentarsi non è sempre una buona polizza vita… Della coppia. Parlo in generale chiaramente

  • Daniele Aiolfi, 20 Maggio 2014 @ 09:14 Rispondi

    si Barbara, va bene l’accettazione, se mancano molti di queste caratteristiche che il buon Pellizzari elenca, la convivenza non ha un futuro e difatti vediamo che strage di matrimoni e convivenze. Con l’accettazione vai avanti 2-3-5 anni, poi ti spacchi i maroni e lo mandi a quel paese o lo tradisci. Vala anche al maschile. Se ci son tutte o quasi, dura a lungo

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2014 @ 09:40 Rispondi

      Sottoscrivo

      • barbara, 20 Maggio 2014 @ 16:31 Rispondi

        verissimo

        • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2014 @ 20:51 Rispondi

          Ok

  • Grazia, 20 Maggio 2014 @ 10:06 Rispondi

    Mi piace Pellizzari!!

    • alessandro pellizzari, 20 Maggio 2014 @ 10:08 Rispondi

      Grazie, allora sono il tuo uomo ideale?

  • Cinzia Fiore Ricci, 21 Maggio 2014 @ 10:31 Rispondi

    Sono d’accordo con Barbara, non esiste l’uomo ideale, così come non esiste la donna ideale. Ogni individuo è un mondo che si è strutturato attraverso l’educazione che ha ricevuto e le varie esperienze di vita vissuta. Costruire un rapporto solido, perfetto richiede impegno, comprensione e una buona dose di buonsenso per saper affrontare i vari ostacoli che la vita ci mette davanti. Non sempre tutto questo accade e il rapporto spesso entra in crisi, i dubbi sulla scelta del compagno o della compagna viene messo in discussione e forse alcuni non ce la fanno e si lasciano.

    • alessandro pellizzari, 21 Maggio 2014 @ 10:39 Rispondi

      Secondo me ci sono dei fondamentali che vanno rispettati e io li ho descritti. Forse non ci devono essere tutti in una buona parte sì

      • Luce, 28 Febbraio 2019 @ 21:39 Rispondi

        Mio marito aveva tutte le caratteristiche tranne l’ultima, l’unica fondamentale e necessaria , venuta meno con gli anni.
        Anzi , non l’ha mai avuta.
        Purtroppo è finita.
        Nessuno ci crede.

  • » Il mio #blog fiorisce grazie alle amiche #donne Alessandro Nicolò Pellizzari, 31 Maggio 2014 @ 17:21 Rispondi

    […] principe azzurro esiste, può esistere, deve esistere. Aiutatemi ad aiutarvi a trovarlo, e a stare alla larga […]

  • Jo mason, 17 Luglio 2014 @ 18:17 Rispondi

    Uno così non esiste. Il punto uno poi è poco credibile. Io incontro spesso uomini che si sentono inferiori o che si mettono in competizione. L’ultimo ammiratore prima mi ha blandita poi ha cominciato a fare battutine, è stato frullato. Io non sono nessuno, pensa se facevo il ministro, ma come fanno i mariti delle ministre? Boh!

    • alessandro pellizzari, 17 Luglio 2014 @ 18:28 Rispondi

      Ma sono io ed esisto!

  • Jo mason, 17 Luglio 2014 @ 18:18 Rispondi

    Pellizzari e questo me lo chiami ‘minimo sindacale’???????????

    • alessandro pellizzari, 17 Luglio 2014 @ 18:29 Rispondi

      Per me si

  • roberta denti, 17 Luglio 2014 @ 20:04 Rispondi

    Ancora con il Principe Azzurro nel 2014??? Sarà mica un po’ gaio il nostro principino dalla tuta di nylon lucente azzurro turchese tutta attillata con tanto di simil tutù in vita? Suvvia, curiamo il cervello ‘slavato’ dalle storielle di Walt Disney. Esistono persone che s’incontrano, s’innamorano e se fortunate e intelligenti si tengono per tutta la vita. Non idealizzo mai nulla, né nessuno. E di certo non aspetto il bacio per svegliarmi, darmi una mossa e uscire a ballare da sola per le strade del mondo.

    • alessandro pellizzari, 17 Luglio 2014 @ 20:05 Rispondi

      Amazzone

  • roberta denti, 17 Luglio 2014 @ 20:28 Rispondi

    Mo’ mi asporto una tettina, monto su un arabo (cavallo) e vado a scoccare l’arco (della Pace)!

    • alessandro pellizzari, 17 Luglio 2014 @ 20:29 Rispondi

      Hai fatto bene a specificare cavallo

  • » Cerco donne intelligenti, non belle: il marketing da cucco al maschile #marketingalmaschile Alessandro Nicolò Pellizzari, 8 Febbraio 2015 @ 22:15 Rispondi

    […] addirittura per un matrimonio. Non c’è donna che non sogni il principe azzurro (esiste? Leggi qui) e di sposarsi. E non c’è donna che non detesti la precarietà dei rapporti di coppia, salvo […]

  • fenice, 6 Luglio 2016 @ 07:13 Rispondi

    Questo è un sogno..e se gli uomini non sono così è quasi sempre colpa delle madri che li hanno cresciuti e dei padri che non hanno dato l’esempio..e lo dico da madre di figlio unico maschio….
    Alessandro ci descrivi anche la donna ideale? Così proviamo a migliorare…

  • Lory, 10 Ottobre 2019 @ 04:20 Rispondi

    Sono daccordo, questo è il minimo sindacale. Non accetto niente di meno!

  • Mela, 30 Marzo 2020 @ 09:11 Rispondi

    Concordo con Barbara! Purtroppo l’uomo ideale è e rimane un. Ideale di uomo perfetto, il classico principe azzurro sempre pronto a salvarci ma come dicevo un ideale è e rimane un. Ideale perfetto e irraggiungibile, perché abbiamo bisogno di sognare e mantenere vivo il ricordo che avevamo da bambine poi nella realtà ovviamente solo un 0,1%incontra questa uomo che si avvicina al modello di uomo ideale, ma un ideale è rimane tale perché troppo perfetto e quindi non realistico ed umano, ci piace sognarlo e cercare di plasmare i nostri fidanzati e mariti ma ahimè con scarso successo in tal senso! Per questo si da adolescenti noi donne abbiamo il dovere soprattutto verso noi stesse di non crearci false illusioni rimanere coi piedi per terra certo nemmeno accontentarsi del primo che capita perché poi la rottura o del fidanzamento o della convivenza è inevitabile come sarà inevitabile un divorzio, quindi il prototipo di uomo ideale è e rimarrà sempre un nostro sogno inconscio infantile irraggiungibile e direi sacro che mantiene vive in noi il sacro fuoco dell’amore, ci fa sentire vive, io pensereaddirittura che è il famoso lato maschile che ogni donna ha e tiene nascosto a livello caratteriale!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.