foto dal web

Qual è l’identikit dell’Ufficiale e Gentiluomo, ovvero l’amante che, nonostante mille difficoltà, fa parte di quel 20% che lascia la moglie e costruisce una nuova coppia ufficiale con l’amante?

Me lo chiedete spesso, me lo chiedete tutte, in counseling o per iscritto, prima o durante il Codice del Silenzio: il mio lascerà mai la moglie per me? Tornerà mai con veri fatti finalmente, dopo tante promesse e dichiarazioni d’amore?

La Matematica del Cuore e la mia Epidemiologia di coppia soccorrono anche in questo caso, con una serie di caratteristiche che disegnano, almeno in buon parte, l’identikit dell’Ufficiale e Gentiluomo tipo.

Vediamo le caratteristiche salienti di chi ha fatto l’Ufficiale e Gentiluomo alla Richard Gere

  1. Quaglia fra il primo e il terzo anno di amantato massimo. Il tempo è un fattore importante. Contando che gli amantati che diventano nuovi matrimoni o coppia ufficiale attraversano i primi 6 mesi di amantato ludico (ci si diverte e basta), seguiti da un semestre di presa di coscienza (stiamo troppo bene insieme, è un casino, cosa facciamo? Meglio lasciarsi? Ma noi non vogliamo, andiamo avanti e vediamo), dal secondo anno speso in tira e molla per la sua lotta fra razionalità e cuore (che comprende un Codice del silenzio della durata media di 2-3 mesi) e, infine e finalmente, dall’ultimo anno di road map seria fino alla separazione. Oltre questa tempistica difficilmente vedo Ufficiale e gentiluomini, e più anni si aggiungono al fatidico triennio meno probabilità ci sono che succeda il miracolo.
  2. Non è mai un seriale irrecuperabile o simili. L’Ufficiale e Gentiluomo tipico non è mai un seriale irriducibile (per capirci uno che fa lo scemo con le altre anche quando sta con voi) o un narcisista. Spesso è un uomo al primo tradimento. Può essere un debole, cioè uno di quelli che si fa travolgere dai sensi di colpa e del dovere ma che poi, visto che è davvero innamorato, fa la grande mossa. Ho scritto debole, non brocco: il debole può riscattarsi, il brocco non ha il fisico per vincere in amore. Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare.
  3. È stato Hyde, mai Dorian Gray. Come sapete, io dico sempre che nel momento del bisogno molti dei vostri amanti si trasformano da dottor Jeckyll, l’uomo quasi perfetto del quale vi siete innamorate, in Mister Hyde, la faccia oscura e inedita del vostro uomo. Quindi non ha superato quella linea di demarcazione che lo rende un miserabile intoccabile senza via di ritorno, per intenderci uno che se anche tornasse io vi direi in counseling: ma tu lo vuoi al tuo fianco e come secondo padre dei tuoi figli uno che si è comportato così? Io non lo augurerei neanche alla mia peggior nemica. Dorian Grey diventa un mostro inesorabilmente, Hyde può sparire, se non si è trasformato in Dorian. Qualche esempio? Quello che, scoperto dalla moglie. vi ha ripudiato, svenduto e umiliato, azzerbinandosi al punto di consegnare telefono, vostra carta d’identità e chiamandovi davanti alla moglie in viva voce pregandovi di ammettere che lo avete sedotto come la Maga Circe. Oppure quello che vi ha trattato come una pezza da piedi, umiliandovi e accusando voi di essere non all’altezza della situazione e, spesso, di essere una poco di buono e di non meritarlo veramente. Insomma, da certe frasi e atteggiamenti non si torna più indietro.
  4. Ha paura di perdervi davvero. Lo dico sempre: l’amore vero, nella sua semplicità, ha una fottuta paura che a voi scatti il famoso relè del non ritorno (con relativa indifferenza) o, peggio, che decidiate di darla a qualche chiodo o, peggio, vi innamoriate di un altro. La gelosia di chi ama non può ammettere e digerire questo. Quindi non diventano Ufficiali e Gentiluomini quelli che dicono “prova a ricostruire con tuo marito”, “ti lascio libera perché voglio il tuo bene” e “capisco se incontrerai un altro”. Men che meno quelli che sentono puzza di bruciato e non fanno niente se non mandare messaggi fra il piagnisteo e la gelosia possessiva fine a se stessa.
  5. Non ci mette più di tre mesi per interrompere (seriamente) il vostro Codice del Silenzio. Se vi ha portato al CDS lo interrompe in media entro 3 mesi, non oltre. È possibile che faccia un orbiting preliminare per vedere se ci ricascate senza che lui debba mettere a soqquadro la sua vita (il famoso dammi ancora tempo, soprattutto se vi siete rimangiate già uno o due brevi CDS prima) ma, il vero Ufficiale e Gentiluomo, se vede che non funziona, siccome non vuole anche farvi ulteriormente soffrire perché ci tiene a voi e ha una vera paura fottuta di perdervi, lo interromperà per fare una vera nuova road map condivisa.
  6. Non tira troppo la corda. Così come non vi fa superare un CDS di più di tre mesi non è di quelli che si fa lasciare tirandovi sceme, anzi di solito è lui che ha il coraggio di dire basta, ma non vi fa ammattire finché non lo lasciate. Infine, se torna non tronerà più indietro, per esempio chiarendo finalmente con la moglie che è finita. I più coraggiosi dicono: mi sono innamorato di un’altra. E non ha bisogno di sputare nel piatto dove mangia, cioè sputtanare la moglie per ottenere la vostra benevolenza.
  7. È un debole, non un cialtrone o un brocco. Non è riuscito a quagliare con voi perché è combattuto fra l’amarvi e il razionale, quello che è giusto fare per i figli e la famiglia, il dovere e il piacere. Non per convenienza, e cioè soldi o “cosa dirà la società” o per far sopravvivere un matrimonio azienda, ma perché non vuole ferire i figli davvero e spesso anche la moglie che, per quanto ormai non più compagna, è comunque una persona alla quale vuole davvero bene, non ama più ma lei conta come ex amore e madre dei suoi figli. È un debole, non un brocco: il debole può cambiare e migliorare, il brocco non potrà mai giocare in campionato, neanche se ha il Mister migliore della piazza, voi, perché non ha la stoffa del campione, è solo una promessa deludente.
  8. Porta fatti, non parole. Torna con i fatti. La separazione avviata, è già fuori di casa. Nel peggiore dei casi inizia la road map con voi, seriamente e alle vostre condizioni. Quindi basta promesse e richieste di anticipi e poi farò. Quando torna, torna e basta, senza ripensamenti.
  9. Quando torna da voi è per sempre. Quando torna da Ufficiale e Gentiluomo non ha ripensamenti, sensi di colpa e si comporta in modo anomale, entrando e uscendo troppo spesso dalla casa di famiglia con la scusa dei figli. Cosa fanno due amanti che finalmente escono alla luce del sole? Stanno insieme sempre, scopano tantissimo, fanno vacanze, condividono amici e parenti, condividono anche la socialità. Se lui non si comporta così occhio, perché molti fuoriusciti di casa in realtà non lo hanno deciso ma sono stati sbattuti fuori dalla moglie, ve la vendono come una loro scelta ma stanno già trattando per un rientro in famiglia.

Ecco dunque, in 9 punti, l’identikit dell’Ufficiale e Gentiluomo targato #acasadiAle

Sincerely yours

per info e counseling anpellizzari@icloud

Condividi:

31Commenti

  • cossora, 15 Novembre 2020 @ 21:10 Rispondi

    Grazie @Ale. Grazie perchè se ne sentono tante, e tu riporti le cose a pochi semplici passi. Torna. Torna e basta, senza ripensamenti ed ogni giorno compie un passo (coi tempi e i modi che rispettano una famiglia che si divide) verso l’unione.
    Definitiva. Per sempre. E’ così che deve essere!

    • alessandro pellizzari, 15 Novembre 2020 @ 21:42 Rispondi

      Esatto

  • Lilly, 15 Novembre 2020 @ 21:12 Rispondi

    Bello questo articolo. Fa bene parlare di cose belle, ogni tanto. E questa è una cosa bella

    • alessandro pellizzari, 15 Novembre 2020 @ 21:42 Rispondi

      Grazie

  • Crocus, 15 Novembre 2020 @ 21:56 Rispondi

    Il mio ex ahimè non ha nessuna delle caratteristiche che hai elencato, ma detto questo gran bell’articolo! Grande Ale come sempre!

    • alessandro pellizzari, 15 Novembre 2020 @ 23:24 Rispondi

      grazie

  • Ariel, 15 Novembre 2020 @ 22:15 Rispondi

    @CaroAlessandro
    Hai fatto benissimo a fare questo articolo perché ci stava molta confusione secondo me molte Donne sperano inutilmente e si espongono alla dipendenza affettiva che purtroppo ha la caratteristica tipica di non riconoscersi da se facilmente proprio come na droga ti fa vedere lucciole per lanterne

    Soprattutto ho trovato molto valido il tuo ricordare che ci sono casi eclatanti dove i ritorni sono delle vere sole un rischio elevato di accopparsi con il CIALTRONZO puro che spesso dice ho lasciato la moglie amore che bello stiamo insieme finalmente!!!
    Invece poi è stato mollato dalla moglie che si è curata dalla dipendenza affettiva con una terapia psicologica adatta e la amante invece se lo sposa il CIALTRONZO

    Casi che ho conosco nella terapia di gruppo che feci!!
    Realtà vere altroché ufficiale e gentil CIALTRONZO!!!!

    Bravo @CaroAlessandro le Donne dipendenti affettiva sono molto di più della apparenza e hanno un bisogno massimo di essere aiutate anche con questi tuoi articoli che sicuro almeno le faranno riflettere seminare un dubbio che in questi casi soprattutto è una Buona luce prima di fare un passo nelle braccia del UFFICIALONZO !!!

    Il vero autentico non ha fatto mai un sola strategia nefasta mai fatto silenzi immotivati incomprensibili ad esempio
    Infatti sei statico chiarissimo non basta tornare e nemmeno sfondare i muri

    Occorre guardare prima come si è comportato????

  • Giada, 15 Novembre 2020 @ 22:45 Rispondi

    Purtroppo il più delle volte i ritorni rappresentano solo un tentativo di rientrare nella tua vita alle condizioni di prima, senza nessuna evoluzione…come giustamente sottolinei tu Ale, sono i fatti a parlare.

  • Ariel, 16 Novembre 2020 @ 03:24 Rispondi

    È notte fonda
    E i minori sono sicuro a letto
    E io ancora sveglia mi guardo beata la foto di Richard Gere
    Ebbene che dire ,mi sono detta ,ma voglio lasciare un commento pure su questa foto
    Ammazza quanto sta figooooo!!!

    Ah ah ah eh ,si eh già,mi pare quasi di fare come i soliti maschi che critico ah ah ah
    E h si perché me la ritaglierei la foto questa di Richard
    Quanto stai figooooo!

    E pure adesso vecchio ancor di più
    Si sa Che invecchiando si può essere come il vino buono
    Come un verre de Sauternes Chateau d ‘Yquem

    Che più invecchia e più è buono e
    E Kosta na fortuna prerche si vendemmia un acino per volta
    E che risultato sublime
    Accompagnato a fromage Roquefort si sposa eccellente tra il gusto stagionato con una punta di amarognolo e la dolcezza tutta strana fruttata del Sauternes

    Così mi ero comprata una bottiglia tanti anni fa ed era giovane e pure io e bianco di colore trasparente
    poi passarono gli anni e divenne quasi rosso Bruno
    Come Richard invecchiato rispetto a questa foto

    Un prosit ai vecchi che sanno invecchiare così come sono pieni di rughe e di macchie brune e quegli occhi pieni di umorismo antico e savoir – faire
    Nobili parole ormai desuete come dimenticate nei cassetti di una memoria antica affidata alla più bella eredità della scrittura su carta e la trasmissione orale di vecchi cantastorie famigliari
    Che vissero un tempo passato e che sopravvivono pure in queste notti piene di sconfinate stelle e foto di un tempo e sogni ancora tutti da sognare
    Anche qui nel mio rosso Bruno splendente Sauternes Chateau D’Yquem che sorseggio ancora un istante il mio verre , qui
    Richard e me

    Salut Richard!

    Et merci @Alessandro anche per aver scelto questa bella foto!

  • Stella, 16 Novembre 2020 @ 07:06 Rispondi

    Buongiorno Ale,anche questo articolo è buon vademecum da rileggere soprattutto per chi ancora è nella fase della speranza…io sto oltre ormai, ,,e consapevole di aver amato e rovinato la mia famiglia per un miserabile.Putroppo alterno momenti di sconforto per i sensi di colpa soprattutto per le carognate che sua moglie mi ha fatto e anche perché ora sono lucida nel capire che indietro non si torna , bisogna fare un lavoro su se stessi molto ampio e guardare il futuro assolvendosi…

    • alessandro pellizzari, 16 Novembre 2020 @ 07:52 Rispondi

      Non si rovina un matrimonio già rovinato e un amante è il sintomo, non la causa della malattia

  • Crocus, 16 Novembre 2020 @ 08:15 Rispondi

    @Stella hai ragione, indietro non si torna e il lavoro da fare su stessi è infinito. Quanto ti capisco quando parli di momenti di sconforto e sensi di colpa e soprattutto come ti capisco quando parli della carognate della moglie… Coraggio casa! Un abbraccio!

  • Dispersa, 16 Novembre 2020 @ 08:26 Rispondi

    Non posso essere disonesta… A tratti lui c’è… Ma appunto a tratti.
    Per questo lo vedo un cialtronino, forse un debole… Lui ammettava di non ‘spingere’ perché io sarei crollata, ma in fondo era una paura anche sua.
    Io dalla mia avevo una paura folle di quello che mi stava accadendo, la stessa paura che forse provano gli uomini di perdere tutto!!
    Probabilmente rimarremo entrambi come una brace sotto la cenere.
    Grazie di cuore per tutto quello che fai per noi!!

    • alessandro pellizzari, 16 Novembre 2020 @ 09:21 Rispondi

      i tratti non bastano, l’amore è un’autostrada

  • Maddy, 16 Novembre 2020 @ 09:49 Rispondi

    Da leggere e rileggere questo articolo Ale, grazie davvero ❤️

    • alessandro pellizzari, 16 Novembre 2020 @ 09:52 Rispondi

      grazie a te

  • tata, 17 Novembre 2020 @ 08:52 Rispondi

    bellissimo articolo….
    …da… ce lha ce lha…..gli manca gli manca……il mio amantato dura ormai da troppi anni…e se pure è difficile ammetterlo…non cambierà da debole a ufficiale gentiluomo! grazie ale…anche se la sensazione di benessere dura poco i tuoi articoli fanno benissimo!

    • alessandro pellizzari, 17 Novembre 2020 @ 09:16 Rispondi

      grazie sei cara

  • orso, 17 Novembre 2020 @ 16:04 Rispondi

    bellissimo articolo Ale…mi pare di corrispondere a tutte le cose che hai detto. io sto gestendo il mio presente, ma per quanto abbia più volte ribadito di trovarmi di fronte ad una “seriale”, se fossi realmente pronto e libero, pulito dai casini che la fine del mio matrimonio sta generando, una volta percepita la capacità di far vivere i miei figli più serenamente possibile…penso che alzerei quel telefono e le direi “eccomi, se vuoi partiamo da zero”…prenderei questo rischio.
    Perché dentro di me continua ad esserci la speranza che anche i seriali possano innamorarsi e cambiare, e io qualche segno reale di quel sentimento l’ho visto sul serio.

  • Jes, 17 Novembre 2020 @ 20:15 Rispondi

    Ale.. io ho a che fare con un debole. La tua descrizione di una tua diretta sulla differenza tra debole e cialtrone lo rispecchia alla grande!! È giusto secondo te fare un CDS large nonostante tu consigli di farlo medium? (lui sa dove vivo, dove lavoro e insomma sa dove trovarmi) Se il large lo facesse impaurire ancor di più? Lui è anche seguito da uno specialista.. credi che possa trovare il coraggio anche con l’aiuto esterno prima o poi?

    • alessandro pellizzari, 17 Novembre 2020 @ 20:42 Rispondi

      Bisognerebbe fare counseling per analizzare un caso specifico

  • Ariel, 17 Novembre 2020 @ 20:54 Rispondi

    @Jes io consiglio di fare un Cds unico stretto ape basta
    Come DICE LA SCIENZA
    Non esiste il Cds a declinazioni

    Se uno non è in grado di decidere e manipola trattenendo nel tempo la sua donna amante e rrendendola costretta a lasciarlo oe a chiedersi che Cds fare
    La risposta SCIENTIFICA CHE FUNZIONA SEMPRE È UNA SOLA

    NO CONTACT TOTALE CON BLOCCO TOTALE DELLA COMUNICAZIONE.
    E punto
    Poi se invece si vuole fare finta e illudersi ancora stare dipendenti nel tempo della ATTESA ILLUSORIA di fronte a Cialtroni evidenti

    LIBERI DI FARE COME SI VUOLE!!!!!!

  • Ariel, 18 Novembre 2020 @ 01:15 Rispondi

    Anche io sono cara?
    Come mai non me lo scrivi più che sono cara???
    Ah ah ah

    Si ,lo so ,non siamo d’accordo su tutto ,ma
    Resto cara lo stesso
    ,ecco volevo solo ricordartelo !!!
    Ah ah ah

    P.s. ti amo ,ma
    Ti ricordo che sono tanto cara
    Anche se sto con alcuni pensieri diversi dai tuoi

    Ah ah ah

    La Vita è bella quando ci si sente libere di essere come si è
    E cioè
    Tanto care!!!!

    Ah ah ah

    Buona notte
    E sogni d’oro!

  • Ariel, 20 Novembre 2020 @ 16:29 Rispondi

    @CaroAlessandro allora ho letto annuncio su Facebook che stasera ci fai la video diretta dedicata a questo
    Riuscire a scoprire di chi sia possibile davvero provare almeno a fidarsi del ritorno del Ufficiale e genti uomo

    Perchè in effetti sai cosa mi chiedevo?
    Se oltre al discorso che sempre valido è il tempo trascorso in mille azioni in cui lui ci ha fatto star male seriamente con lacrime e insonnie e emozioni negative una vera sofferenza in cui magari ci sono stati casi in cui la donna ha avuto altre esperienze o di chiodi o comunque di darsi totalmente a altro uomo

    Ecco che già da adesso ti pongo questa domanda
    I’amante che non ha mosso un dito prima di ritornare lasciando che la sua amante donna se la prendessero pure sessualmente altri uomini ecco che se non ricordo male nel vostro caso tu hai sempre scritto che la tua molla di scatto al ripresentarti per quagliare era stata la paura che la tipa amata se la fossero fatta altri uomini

    E non solo anche in altri articoli ti sei speso a ribadire che un vero Ufficiale e gentiluomo che veramente ama la sua donna amante non sopporta di certo che altri se la siano fatta nel frattempo infatti si muove prima che questo rischio possa attuarsi

    Ecco ti chiedo quindi stasera di tornarci su su questo punto perché intuisco molto importante indicazione che può essere utilissimo strumento di vera valutazione della affidabilità dei ritorni dopo anni passati a intortare la propria amante e pure la propria moglie

    Da seguirti sicuro stasera
    Il piatto è ricco e caldo penso per molte tue lettrici me compresa!

  • Ginger, 25 Novembre 2020 @ 11:13 Rispondi

    Buongiorno, vi leggo da un anno, ho trovato molti spunti di riflessione e molta consolazione in questo blog, ma sono timida e non ho mai avuto il coraggio di scrivere. Sono una donna over 40, siamo amanti da 19 mesi, entrambi con figli: io mi sono separata più di un anno fa, comunque con sofferenza, ma consapevole che innamorarmi di un altro significava la fine del rapporto con mio marito. Lui ha avuto più paura di me, ha figli più piccoli, ma dopo un breve CdS si è deciso: aveva già comunicato alla compagna l’intenzione di separarsi la scorsa estate, la scorsa settimana ha trovato casa in affitto, sembra procedere deciso verso l’uscita di casa.
    E io, dopo aver pianto tanto perchè non sceglieva me, adesso mi sento frastornata e spaesata, temo di non amarlo abbastanza, forse sono solo spossata da mesi di attesa?
    Avevo paura di trovarmi con un altro bambino da accudire, invece lui mi stupisce ogni giorno per la forza d’animo e la grande organizzazione, anche nelle cose pratiche di casa.
    Qualche fortunata tra voi che ha avuto un Ufficiale gentiluomo ha provato la mia stessa confusione nel passaggio da amante a compagna ufficiale?
    Forse ho molta paura dei giudizi della gente e dell’ira della sua compagna e di sua madre quando sapranno della mia esistenza. O forse la compagna lo ha intuito.
    Grazie del vostro aiuto, provo grande simpatia per cossora e oldplum in particolare.

  • Ariel, 26 Novembre 2020 @ 22:56 Rispondi

    @Ginger,
    Ti rispondo ,nella attesa che lo facciano le care @Cossora e @Oldplum
    Tanto che aspettiamo che lo facciano ovviamente se vorranno liberamente risponderti
    Eccomi qua io me Ariel,

    Benvenuta allora!
    Certo che non ho esperienza di casi come il tuo ,
    Secondo me @Nina ha avuto esperienza del ex uscito di casa con appartamento preso in affitto
    Ecco @Nina se vorrà potrà risponderti ancora meglio di me e sicuro chi vorrà darti il suo parere

    Secondo me ,credo che sia da un lato naturale trovarsi in una emozione un poco di ansia così leggendoti traspare la tua ansia che trovo normalissima perché ovviamente non è uno scherzetto cambiare radicalmente vita in una nuova convivenza perdipiù con figli di due famiglie

    Ovviamente sempre occorre pensare che che alle seconde convivenze se entrambi si ha una propria famiglia alle spalle ex moglie ex marito figli e suocere tutto sta doppio e trovo veramente naturale averci un attimo di preoccupazione proprio perché lui si comporta benissimo mi pare da ciò che dici ,e ecco che non credo che basti amore a cuoricini di fronte al fatto della concreta situazione di tutto doppio suoceri figli genitori e famigliole allargate
    Non è mica na passeggiata di salute

    Quindi credo che non sia perché tu non lo ami abbastanza ma sei giustamente realista e si ha bisogno di capire sentire insieme a lui parlatene insieme questo dovrebbe aiutarti a capire se davvero lo ami così tanto da accogliere tutta la tribù in tanto amore e cuore !!

    Non facile credo intuitivamente non è affatto facile nel tuo caso con doppio tutto
    Certo amore è uno ,ma se oltre ai barattoli attaccati alla macchina delle prime nozze ci sta il codazzo ecco mi pare naturale e legittimo farsi due domandine

    Per me ti aiuta una cosa soltanto parlane con lui apriti totalmente con lui
    Allora sentirai davvero cosa sia il tuo Amore sentito.

    Benvenuta e sicuro @Cossora che sta innamorata astecca ah ah ,e @Oldplum lo era e @Nina anche ecco sicuro sapranno meglio di me darti aiuto.

  • Ginger, 27 Novembre 2020 @ 09:09 Rispondi

    Grazie mille @Ariel dei tuoi consigli.
    Specifico che per ora non andiamo a convivere io e lui: io continuo ad abitare nella casa dove vivevo con mio marito, assieme a mia figlia di 16 e mio figlio di 8 anni; lui va in affitto e sta facendo le cose con molta circospezione, perché la sua compagna non ha ancora metabolizzato l’idea.
    La fortuna è che tutto proceda lentamente, ma credetemi che la notte mi sveglio per la paura del cambiamento!
    I miei figli lo conoscono da 4 anni perché eravamo amici prima di diventare amanti. Il piccolo lo accetta, la grande un po’ meno perché teme che lui voglia farla da padre, e dice, giustamente, che lei ha già un padre.
    Qualche volta pranza insieme a noi, questo è l’unico contatto che per ora ha coi miei figli.
    I suoi figli non sanno nulla, né il resto della famiglia.

  • cossora, 27 Novembre 2020 @ 11:04 Rispondi

    @Ginger desiderare moltissimo l’impossibile e desiderare qualcosa che si ha.. danno due sensazioni diversissime.
    L’unico consiglio che ti do è ascoltati. Era la lotta per averlo che ti alimentava? Oppure vuoi e apprezzi ogni sua umanità?
    Questo devi capire. Ne hai l’occasione.
    Sdrammatizzo: l’alito cattivo al mattino ce lo abbiamo tutti, ma di alcune persone non ti da fastidio!!
    Non scendere in analisi troppo profonde, senti coi sensi, giorno dopo giorno.
    Auguri, quasliasi sia la tua scoperta!

  • Ariel, 27 Novembre 2020 @ 11:22 Rispondi

    @Ginger
    Grazie per aver raccontato ancora di più perché certo che se la situazione per adesso è questa e cioè che sai già che andate per gradi e mi pare la cosa migliore
    In considerazione di entrambe le vostre situazioni di figli suoi che non sanno nulla della vostra relazione di Amore

    Poi la sua compagna lo Sa,ma deve abituarsi ,te lo ha detto lui questo?
    Ai suoi figli deve ancora dire la realtà del vostro Amore e immagino intenzione reciproca di comunque condividere la nuova vita insieme

    Poi le tue figlie ecco ovviamente occorre tempo perché i figli possano accettare o meglio accogliere la nuova vita che comprende il fatto di condividere un uomo al tuo fianco e che non è il loro Padre

    Secondo ,mio pensiero,occorre calma e soprattutto parlare con lui e vedere di fissare come un piano di azione da percorrere insieme e cioè definire dei tempi in cui ad esempio vi potete dire
    Non ci impegniamo per un anno e in questo anno ognuno separatamente e insieme voi due create delle occasioni di stare con i figli poco a poco
    Perché potrebbe essere ,a tua decisione ,se ad esempio non ti sentissi in corso del anno di convivere insieme
    Non è affatto obbligatorio farlo soprattutto se ci sono problemi tra i figli suoi che ancora non sanno nulla

    Se vi date una data di scadenza tipo un anno che mi parrebbe un lungo tempo nel quale entrambi possiate verificare come procede tra voi per tutto

    Mi pare molto prematuro poter essere certe che lui sia a breve tempo già con risolto problemi della sua famiglia compagna e figli suoi

    E in più i figli tuoi

    Mi concentrerei su questo pensiero
    Vi Amate ,benissimo
    Lui si sta attivando con nuova casa e nuova sua libertà fuori dal matrimonio

    Ma starei un attimo attenta a questa cosa che la sua compagna ex ha bisogno di abituarsi
    Ma ovviamente è lui che ti ha detto così

    Ecco che mi si drizzano le antenne proprio su questo particolare che la compagna ha bisogno Di abituarsi
    Non so magari mi sbaglio di grosso ,ma è la unica cosa che mi da una sensazione di deja vu o meglio qui in tante storie dove a volte il proprio amante diciamo tende a fare
    Il procrastinatore…

    Importante è che tu riesca insieme a lui a scrivere tracciare insieme delle tappe con data di verifica e scadenza per ogni tappa in modo da darvi la concreta misura delle vere vostre intenzioni e cioè Amore si ,ma come davvero resterà per ciascuno la voglia di viverlo e in che modo?

    Convivenza un giorno? E in che data ?

    Oppure non non mi sento di convivere e quindi in questo caso stabilire insieme su come fare
    Cosa vuoi tu davvero per sentirti serena e contenta?
    Idem per lui

    In fondo mi dico nella situazione attuale siete liberi entrambi e fatevi un piano con date di verifica tappe su tutto
    Tipo lui che parla e si muove verso la compagna e inizia a parlare con i figli
    Vi vedete insieme piano piano create situazioni comuni

    Ecco poi vedrete come va ma CON DATA DI SCADENZA PER OGNI TAPPA

    Perché già fare questo dialogo tra voi ti da la misura delle effettive difficoltà che magari ce le ha lui capisci?

    Ecco che fare una road maps serve anche in questi casi in cui siete già liberi e fuori dalla casa del precedente legame matrimonio o convivenza ,ma ancora ci sta da fare molta strada per capire bene dentro te stessa quali sono le sue difficoltà e questo lo puoi scoprire strada facendo la road maps

    Nel frattempo spero che possiate ugualmente avere tempo per voi e vivervi il vostro Amore

    Road maps condivisa vi aiuta a capire dove state andando??
    Che fare?

    Buona giornata buoni progetti cara @Ginger

  • Oldplum, 27 Novembre 2020 @ 13:13 Rispondi

    Ciao @ginger, grazie per la simpatia.
    Credo sia normale un po di strizza.
    Ti consiglio una cosa che magari può esserti utile per non averla più (o quasi).
    Basta fare proiezioni sul futuro. Su cosa farai te, lui, la sua ex, tua figlia.
    Stai calma e prendi ogni giorno in modo fresco .
    Andrà bene se non ti farai troppe menate, stai sicura.
    Un bacio

  • Oldplum, 27 Novembre 2020 @ 13:34 Rispondi

    Posto una cosa molto bella di Alan Watts (l’audio lo trovate su YouTube anche; ascoltarla in lingua originale è fantastico). Per @Ginger
    LA VITA NON E’ UN VIAGGIO
    L’esistenza, l’universo fisico è fondamentalmente giocoso. Non risponde a nessuna necessità. Non va da nessuna parte. Voglio dire, non ha una destinazione da raggiungere.
    Questa cosa può essere meglio compresa attraverso l’analogia con la musica. Perché la musica come forma d’arte è essenzialmente ludica.
    In inglese diciamo infatti, “you play the piano” non “you work the piano”.
    Perché? La musica è diversa per esempio dai viaggi in macchina. Quando guidi infatti stai cercando di arrivare da qualche parte. Nella musica invece non si crea la ‘fine della composizione’, il termine della composizione. Se fosse così, gli interpreti migliori sarebbero i più veloci. E ci sarebbero compositori che creerebbero solo finali. La gente andrebbe ai concerti solo per sentire gli accordi di chiusura, perché questa sarebbe la fine e il fine della musica!
    La stessa cosa accade con la danza. Non stai mirando ad un punto particolare della stanza, dove vuoi arrivare. Il punto centrale del danzare è la danza stessa.
    Non ci accorgiamo che in questo modo di vedere c’è qualcosa che ci portiamo appresso dal nostro sistema educativo.
    Abbiamo un sistema scolastico infatti che ci da un impressione completamente differente.
    E’ tutto graduato e quello che facciamo è mettere i bambini nel corridoio di questo sistema graduato e richiamarli come si fa con i gattini “vieni bel micino”.
    E tu passi attraverso gli anni dell’asilo ed è una gran cosa perché alla fine sei ammesso alle elementari.
    Il primo “vieni avanti” conduce al secondo grado e così via. Così concludi le scuole primarie ed entri alle superiori. A colpi di acceleratore ci avviciniamo, è ora di andare all’Università. E alla fine con la laurea sei finalmente pronto ad entrare nel mondo.
    Poi magari ti introduci in qualche giro d’affari dove devi vendere assicurazioni. E loro hanno quelle quote da raggiungere, tu devi raggiungerle.
    E tutto il tempo la cosa sta per arrivare, sta per arrivare eccola quella grande cosa che aspetti. Il successo per il quale stai lavorando.
    Così ti svegli un giorno a quarant’anni e dici “O mio Dio sono arrivato. Sono là, finalmente”. E non ti senti molto diverso da come ti sei sempre sentito.
    Guardate alle persone che vivono per il pensionamento, per mettere da parte i risparmi. E arrivati a 65 anni non gli rimane altra energia. Sono impotenti. E si vanno a rinchiudere in qualche comunità di anziani.
    Ci siamo presi in giro per tutto il tempo.
    Se abbiamo pensato alla vita in analogia ad un viaggio in macchina, ad un pellegrinaggio, che ha nella meta il suo scopo, il suo scopo è proprio quello di raggiungere la fine. Il successo, o qualsiasi altro scopo, anche il paradiso oltre la morte.
    Ma ci siamo persi il senso di tutto questo lungo la strada.
    Era qualcosa che aveva a che fare con la musica, e avresti dovuto suonare o ballare finché la musica veniva suonata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.