20140630-234857-85737901.jpg

Leggo oggi che le coppie più felici e longeve dormono nude. Un’abitudine che mi ha insegnato mia moglie, costringendomi a rinunciare ai miei bellissimi pigiamini blu antistupro. Devo dire che non tornerei indietro, per molti motivi, ovvi e meno ovvi.

Questa regola basta a tenere in piedi una coppia? Beh il sesso è importante, la vicinanza e il contatto fisici, oltre che mentali idem, ma non basta. Non esiste un mansionario della longevità della coppia, ma qualcosa si può fare e, nella mia esperienza, funziona ed è ripetibile. Vediamo.

Mai spegnere la luce senza aver fatto pace. Si può litigare, è normale litigare, ma non lasciamo che lo scontro si incancrenisca e si fissi nella notte. Facciamo pace prima di dormire. Il sesso è un ottimo modo, va oltre le parole.

Litighiamo furiosamente. Esclusa la violenza fisica buttiamo fuori tutto. Le litigate fredde, fatte di silenzi e faccette sono più corrosive e letali di urlate e piatti rotti (per terra). Pianti, urla sono liberatori. Non credo alle coppie che non litigano mai.

Alla larga dai figli. Non devono invadere tutta la nostra vita. Per quanto li adoriamo, possono essere letali per la coppia. Mai farli dormire al posto del coniuge, mai permettergli di rimanere alzati con voi fino a tardi, mai portarseli sempre dietro (anche alle cene con adulti), mai rinunciare ai vostri spazi, gli ultimi rimasti, per loro.

I weekend da soli, almeno due all’anno, sono obbligatori. Lontano dai figli, dalla routine e dal lavoro riscoprirete perché vi siete innamorati.

Mai contraddirvi davanti i figli, i genitori devono fare blocco unico. Non solo per loro, ma per voi. Non c’è niente di più umiliante, per lui o per lei, essere contraddetto dal partner mentre parla con i figli, anche se ha torto. Se ne parla poi fra coniugi, in privata sede. Mai davanti i figli.

Preservare il sesso. Il nemico numero uno è la stanchezza e la routine. E la tv. Non lasciare che le voglie scappino per il telefilm di turno. A letto presto e la tv dopo. Magari a letto su invito…

Non sottovalutate la gelosia. Una donna che vi parla degli ex o di come viene ammirata da tizio e caio vuole provocare in voi una reazione di gelosia, perché essere gelosi significa amare, ed è una reazione normale che lei si aspetta. Inutile e controproducente far finta di nulla: interrogatela, è quello che vuole. E che dovreste volere voi, indipendentemente dalla fiducia.

Occhio se lui inizia a guardare le altre donne. Certi uomini, anche i più fedeli, iniziano a guardarsi in giro naturalmente, se qualcosa non va. Fatevi delle domande: lo state trascurando per i figli? Avete troppo da fare? Il sesso si è fatto frettoloso e parco? Resettatevi insieme.

Non trascuratevi. Lui barba lunga e tuta da carcerato. Lei struccata in pantofole. Non dico che dobbiate essere vestiti per uscire in casa, ma lui sbarbato e profumato e lei scollata e in ordine possono fare la differenza fra un telefilm di george e mildred e una coppia felice e attenta reciprocamente.

Fatevi dei regali di coppia. Cose che possa indossare lei e che voi potete poi ammirare ( e togliere). Viaggi, oggetti che rappresentano un plus per il suo hobby preferito. E non fatelo solo alle feste comandate.

Fantasia. Le coppie tendono a ripetere, a letto, una specie di rituale che rappresenta un mix di quello che piace di più a lui e a lei. Benissimo, ciò serve per mantenere vivo il rapporto sessuale sulle lunghe distanze. Ma conditelo di sorprese. Tu sai cosa piace a lei, e tu a lui. Osate e usate.

Ultimo consiglio: fate squadra sul lavoro. Il lavoro è fatto di successi e insuccessi. Chi sta godendo di un momento di successo deve supportare al massimo il coniuge che non ha la stessa fortuna. Supportare, consigliare, condividere. E ammirare sinceramente i successi dell’altro, che sono anche i vostri. Non c’è niente di più triste e terminale di una coppia in cui uno dei due soffre dei successi dell’altro, o rimane impassibile di fronte alle problematiche dell’altro, liquidandole con frasi di circostanza.

Basterà tutto questo? Me lo chiedo guardando il mio pigiama dimenticato in fondo a un cassetto.

Il cuore nella foto è stato realizzato per noi dall’amica Evelyn Adamo. Le manine che lo sorreggono sono del mio amore Rebecca.

Condividi:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.