Pixabay

In questa diretta:

È meglio confessare un tradimento? E quando?

Cosa dicono gli psicologi sul web

Attenti a non scaricare la propria coscienza sul coniuge e alle conseguenze della confessione

Cosa ne penso io: dopo la fiducia è difficilissima da riconquistare se confessi per ripartire con la coppia

Cosa dicono gli avvocati sul web

Cosa hanno fatto le coppie che hanno ricostruito davvero

Assumersi la responsabilità del silenzio è anche accettare di portare da soli il fardello della non confessione

In questa diretta trovi le risposte:

Condividi:

81Commenti

  • Ariel, 9 Novembre 2020 @ 13:07 Rispondi

    @CaroAlessandro un tema di una importanza capitale ,bellissima diretta sarebbe da farne un bel mercoledì con ospite e le due tesi opposte a confronto.

    Secondo me ,
    Vale SEMPRE la VERITÀ TUTTA LA VERITÀ NIENT’ALTRO CHE LA VERITÀ

    perché ??
    Perché parto dal presupposto Scientifico e pure Psicologico o meglio Psicofisico del come funzionano le trasmissioni emotive reali

    Allora essere BUGIARDI non funziona mai e poi mai
    Ne per ricostruire un legame perché ovviamente per farlo entrambi si ha bisogno di tutta la luce di realtà vissuta
    E SICURO se si sta Bugiardi in bugia di omissione
    SICURO l’altro percepisce SICURO una DISCREPANZA tra il DIRE E L’ESSERE. Perché tutto passa attraverso la comunicazione del non verbale e con una preponderanza notevole attraverso il contatto fisico in tutto il suo insieme
    Con l’apice nel fare sesso .

    E quindi mai potrà funzionare una ricostruzione voluta alla insegna della omissione bugia di omissione della realtà vissuta

    Se poi pure cinsi separa non vedo proprio perché non dirlo
    Ma per lo stesso motivo un motivo che riguarda se stessi e amare se stessi è il primo atto di amore verso gli altri

    Perché sicuro si potrà dire sei uno stronzo o stronza ad avermi tradito nel aver tenuto il piede in due scarpe e magari scopato pure in staffetta di qua e di la

    Tutto verissimo ,ma nel tempo che scorre pure separati sicuro risulterà sempre un rispetto come un atto di vero ONORE E RISPETTO meglio tardi che mai
    Che NESSUNO MERITA UNA BUGIA DI OMISSIONE COSÌ GRAVE per la importanza che riveste proprio nel poter guardare negli occhi l’altro e almeno reciprocamente sentire che pur se straziarti dal dolore chi ci ha traditi è stato almeno capace di essere un VERO UOMO che Sa almeno Assumersi tutta la responsabilità del proprio agire anche se ci sarà separazione o meno

    Sicuro si viaggia a testa alta verso se stessi e un atto di vero rispetto umano verso l’altro

    Tutti possiamo sbagliare ,ma abbiamo ALMENO LA OPPORTUNITÀ DI essere UOMINI E DONNE VERE
    Alla LUCE DELLA TOTALE REALTÀ VERITÀ

    perché le BUGIE HANNO TUTTE LE GAMBE CORTE!!!!!

    E i primi a piangere disperati saremo noi stessi che omettiamo dietro a generosi scudi falsi di voler proteggere gli altri perché ad essere ONESTI LIMPIDI E CHIARI
    OCCORRONO DUE PALLE COSÌ

    Questa è verità è realtà pura!!!

    Inutili arrampicate sugli specchi pure che vengano da grandi professionisti della psiche sono comunque loro opinioni personali come le mie
    Ma appunto come fanno a risolvere il superamento scientifico della comunicazione non verbale che passa e DISTRUGGE nella percezione di chi riceve un contatto che contiene QUALUNQUE BUGIA DI OMISSIONE????

    I NON DETTI nuocciono gravemente alla salute psicofisica di tutti ,se stessi e gli altri .

    • alessandro pellizzari, 9 Novembre 2020 @ 15:55 Rispondi

      È un tema grosso, quasi quello dei figli

  • Ariel, 9 Novembre 2020 @ 16:37 Rispondi

    Si concordo è un tema grosso perché riguarda la relazione in genere e cioè la relazione affettiva e sociale
    L’incontro con l’altro

    Ecco che numerose nuovi aiuti terapeutici ad esempio si sono sviluppati nascendo come tentativi di poter dare aiuto ai reduci veramente seriamente ammaccati dalla guerra in Vietnam ,ad esempio

    Ecco che nacque quello che si chiama Il massaggio Californiano
    Una terapia basata esclusivamente con la messa a punto diciamo Scientifica terapeutica della sola comunicazione di contatto fisico tra terapeuta e paziente
    Appunto per superare quegli ostacoli in cui ci si trova in una impasse emotiva importante è che ad esempio rende difficoltà a esprimere a parole il proprio disagio il proprio racconto verbale

    Ecco che da allora si è sviluppata questa metodica che va ad aggiungersi a tanto altre metodologie terapeutiche che riguardano molto il proprio corpo e espressione del Non verbale

    Questo per dare una spiegazione in più sul perché sia e resti così convinta della mia tesi sulla VERITÀ REALTÀ TOTALE
    Perché tutta la nostra verità emozionale come una mappa unica della nostra storia personale tutta passa attraverso il nostro corpo e le reazioni verso l’altro

    La comunicazione per eccellenza che sempre funziona è quella sensoriale corporea.

    P.s. infatti le persone che vedono poco o nulla con gli occhi sono in grado di percepire attraverso ascolto degli altri sensi il tatto soprattutto e odorato leggono le vere emozioni degli altri prima ancora che parlino.

  • Vita, 9 Novembre 2020 @ 18:00 Rispondi

    @alessandro, @ariel,
    un tema grosso, delicato e complicatissimo.
    La verità vi renderà liberi (scomodo i Vangeli), su questo non vi è alcun dubbio, @ariel.
    Io però ho deciso di non dirla la verità: lo sapete bene, perchè se n’è discusso nel forum.
    Non è stata una decisione a posteriori, dettata dalla paura e dall’emotività, semplicemente di comodo. E’ una decisione che presi molti anni fa quando mi resi conto che quella verità avrei dovuta dirla prima e, non avendolo fatto, non mi restava che tacerla per sempre perchè non era più raccontabile.
    C’era una promessa fra me e me e il mio ex: nessuno avrebbe dovuto sapere ciò che eravamo stati, nemmeno se infine avessimo iniziato una vita insieme. Il passato lo avremmo taciuto.
    Perchè non dirlo?
    Non stiamo parlando di qualche mese, di un tempo ragionevole, parliamo di anni e anni.
    E’ una verità brutale, crudele e dolorosissima che distrugge il passato non solo il presente, mettendo a rischio quello che @ale chiama il DNA emotivo di una persona.
    E’ una verità che potrebbe avvelenare la vita di mio marito, quella dei miei figli e anche la mia. Io non la dirò.
    Ne ho dette molte altre, altrettante dolorose e scomode ma che riguardavamo noi, me e lui, la febbre, non il termometro.
    Lo faccio per me? E’ vigliaccheria? Egoismo? Sicuramente sto proteggendo anche me, ma non lo faccio semplicemente per restare in casa: quello è in discussione ed è chiarissimo a entrambi. E non lo faccio solo per me.
    D’altra parte non sono affatto convinta che confessare sia sempre un atto di coraggio. Dipende molto dalle situazioni e occorre domandarsi bene a che pro lo si fa, con quali obiettivi, per quali ragioni, se può portare del buono.
    A volte la verità la si dice per debolezza, per scaricarsi la coscienza, magari raccontandosi pure che si è probi.
    Il mio ex non ha confessato perchè è un uomo probo (non lo è, lo ha dimostrato con il suo agire): ha semplicemente pisciato nel letto (perdonate il francesismo) come un bambino di due anni e pazienza i danni collaterali. Ha sganciato la bomba atomica senza pensare alle conseguenze, semplicemente perchè se la faceva addosso. Quello che è successo a me dopo almeno un poco lo sapete, le conseguenze che ha avuto su sua moglie non le ho mai raccontate per una questione di privacy e pure di rispetto.
    E questo è amore? Perchè poi l’amore si ritrova d’incanto, da un momento all’altro, per il semplice fatto di confessare, presi dal panico e messi alle strette? Magari fosse cosi semplice.
    Se mai confessi (sempre che sia confessabile e ne valga la pena) se sei pentito. Ma ne io ne lui in quel momento eravamo pentiti. E nemmeno oggi potrei dire di essere pentita, nè posso raccontare di essermi sbagliata, perchè non ci si sbaglia per anni e anni. Oggi posso solo provare a rimediare. Essere una persona migliore. Non commettere gli stessi errori, mai più.
    Perchè sbagliare è umano, perseverare diabolico.
    Non confessero. Mi tengo il peso delle mia colpe e mi assumo pure la responsabilità di non aver lasciato scegliere mio marito e in cuor mio penso (e spero) di aver preso la decisione migliore.

  • cossora, 10 Novembre 2020 @ 12:01 Rispondi

    Per me bisogna fare quello che è necessario per non starci male la notte e non vivere una vita di cacca.
    Qualsiasi cosa sia.
    Non è questione di eroismo nel confessare o eroismo nel portarsi il fardello.
    E’ avere l’onestà di dire ‘se me lo tengo dentro mi rovina la vita e io non voglio vivere male’ oppure ‘se lo confesso mi rovina la vita e io non voglio vivere male’.
    Le altre (perdonatemi) son tutte cazzate che ci si racconta per star meglio.
    Raccontarsele è un segnale di necessità di ricevere approvazione dagli altri.
    Onesti con se stessi, ad ogni costo.

  • orso, 10 Novembre 2020 @ 15:33 Rispondi

    io ho confessato…e non lo rifarei.
    inutile e dannoso , per tutti

  • Lilly, 10 Novembre 2020 @ 23:33 Rispondi

    Una volta avrei detto “la sincerità in un rapporto è tutto, bisogna dirsi le cose, anche quelle brutte”. Ora dico… anche no. A che pro?se la cosa è stata superata e si vuole ricostruire il rapporto, lasciamo dietro di noi il tradimento. Portiamocelo nella tomba. Lavoriamo sulla ricostruzione della coppia e quello che stato è stato. Già sarà difficile così, figurarsi poi se si deve pure ricostruire una nuova fiducia da capo.Cinica come cosa? Certo. Ma la favola del rapporto incantato mi si è sgretolata quando è finito il mio matrimonio. Quindi traditori di italia…tenetevi per voi i vostri inciuci. Io sono per il non ferire più del dovuto le persone.

  • Ariel, 11 Novembre 2020 @ 00:08 Rispondi

    Si ,ma @Lilly come credi di riuscire a superare la realtà scientifica della trasmissione di ciò che si nasconde attraverso il non verbale la comunicazione senza parole
    Questo vale per ogni non detto
    I non detti fanno male alla propria e altrui salute psicofisica
    Lo sai che la ansia del venire scoperti si trasmette a tutti quelli a cui si tiene di più
    Marito col quale si vuole ricostruire
    E per chi ha figli un vero disagio che percepiscono tutto
    Semplicemente perché non si può affatto nascondere le proprie emozioni e quindi alla lunga la corda si spezza per l’altro riceve un messaggio negativo e non Sto arrivando! Spiegarsi il perché ma lo risente e si piazza dentro e si accumula poi scoppia in qualunque modo
    Relazione che salta comunque oppure ci si ammala

    Ecco che bugie di omissione del chi siamo stati e cioè capaci di avere una relazione esterna non si può omettere
    Mi pare così evidente perché l’abbraccio che l’altro riceve contiene la propria MEGABUGIA!!!!

    E l’altro SE NE ACCORGE prima o poi tutti i nodi vengono al pettine e questo è un bene prezioso per se stessi e gli altri che MERITANO DI POTERCI VEDERE CHIARO
    Che bello ricostruire NONOSTANTE QUALUNQUE ACCADIMENTO
    eccolo IL VERO AMORE

    Ma nella CHIAREZZA essere scelti NONOSTANTE TUTTO
    Ecco il riscatto evolutivo vero di se stessi di chi vuole ricostruire seriamente
    Almeno partire dalla VERITÀ REALTÀ

    altrimenti mai potrà funzionare

  • Orsa, 11 Novembre 2020 @ 04:55 Rispondi

    Per fortuna non ho confessato a mio marito! Lui sì che mi ha sempre voluto bene. Ancora è innamorato di me, si vede da come mi guarda quando parlo e da tante piccolezze di cui ora, dopo l’esperienza col Cialtronzo, mi rendo conto pure io. Certo, i problemi ci sono. Ma non posso avere sulla coscienza la serenità di una persona cui voglio un bene sincero e profondo, soltanto per togliermi un peso io. Sono io che sono incasinata ed io soltanto devo venirne fuori. Dopotutto l’amore, dopo 25 anni, è dato dalle piccole cose, no? Dall’affetto anche, dalla complicità, dalla tenerezza, se non dalla passione e dal sesso. Quelli li avevo con l’altro ma in una vita finta che vita non era. La vita vera è quella con mio marito, fatta di quotidianità e tranquillità e pazienza se non ci sono più le grandi emozioni che ti fanno battere il cuore, pazienza se le farfalle nello stomaco sono un lontano ricordo. Vivere e condividere alla luce del sole. Se questo non è amore, ci ca molto vicino. Io ragazze sono sempre più convinta che non confessare il tradimento sia la cosa migliore, a meno che, naturalmente, non ci siano ragioni più grandi, a meno che non ci si voglia separare.

  • Orsa, 11 Novembre 2020 @ 05:01 Rispondi

    @ cara Lully, la penso come te. E penso anche che la fiducia, una volta persa, è persa. Quindi a che pro confessare?

  • Vita, 11 Novembre 2020 @ 08:24 Rispondi

    @orsa cara,
    Grazie per queste tue parole in cui mi sono ritrovata completamente. Quel che dice @cossora è vero: si sceglie forse innanzitutto per il proprio bene che, infine, però è anche il bene degli altri perché quando si va a fondo, con se si portano anche le persone che si amano, soprattutto i più fragili. È altrettanto vero che, provando a spiegare le proprie ragioni, si cerca sicuramente l’approvazione degli altri per sentirsi meno soli in una scelta di cui, se si è consapevoli della sua portata, si porta comunque il peso e che non è mai semplice
    Pur avendo fatto una scelta, ormai da tempo, in me c’è sicuramente il bisogno di sentirmi capita e non condannata. Tu ci sei riuscita raccontandoti. Grazie!

  • Crocus, 11 Novembre 2020 @ 09:26 Rispondi

    @Orsa, @Vita quanto sono contenta per voi cioè per il fatto che sapete di poter ricostruire con i vostri mariti. Anche il mio è una persona splendida, ma se le farfalle nello stomaco non ci si sono ecco, per me è difficile poter andare avanti… 🙁 detto questo nel mio caso come ben sapete ci aveva pensato la moglie dell’ex ad informarlo quindi tra di noi i rapporti si erano incrinati alla luce di tutto ciò, però lui non sa che dopo quella scoperta la storia con l’ex è andata avanti. Se lo sapesse volerei via della finestra, ne sono convinta. Già per quel poco che ha saputo (che c’è stato solo un bacio, era la versione che l’ex aveva all’epoca detto a sua moglie ed io dovevo purtroppo proteggerlo e dire la stessa cosa) ha reagito malissimo (giustamente) figurati se sapesse la verità nuda e cruda. Non credo che mio marito abbia creduto a quella versione comunque… Ora a distanza di tot tempo, ci siamo riavvicinati ma intendo come rapporto umano, ma come marito e moglie, non abbiamo più rapporti da quasi due anni, lui non mi cerca in quel senso (e lo capisco, per lui il tradimento direi che è insuperabile) e nemmeno io. Però al contempo non ha nemmeno io coraggio di affrontare l’argomento. E io non ho la forza invece per via degli strascichi con l’ex che mi porto ancora addosso. Che situazione :-(. Che brutto vivere in questa situazione di limbo e di dolore.

  • Marina, 11 Novembre 2020 @ 09:26 Rispondi

    @Orsa e @Vita avete usato le mie parole, non confesserò, non ha senso e distruggerei la vita delle persone vicino a me per un esperienza con un Cialtronzo, mi porto questo peso che sono convinta che con il tempo si alleggerirà e sarà una piccola parentesi in una vita vissuta in modo vero e reale.

  • Ariel, 11 Novembre 2020 @ 11:01 Rispondi

    @CaraOrsa ci mancherebbe ho pieno rispetto lo ripeto per chi fa le scelte della bugia di omissione
    Ognuno deve essere libero di fare come meglio crede

    Però qui vorrei farti rilevare che in una coppia come da sempre giustamente ha scritto @CaroAlessandro se si arriva a tradire il proprio partner la responsabilità del come mai ??? Rivela un problema nella uninione di entrambi i coniugi e quindi ad esempio quando qui scrivi che uno dei motivi per cui taci la realtà verità del tuo vissuto trascorso come amante innamorata in una relazione tossica con CIALTRONZO ecco che ovviamente qualcosa non ha funzionato anche per responsabilità di tuo marito

    E quindi cade almeno questa motivazione del voler in buona fede assumersi la responsabilità tutta del aver avuto una relazione nascosta parallela

    No se si hanno esperienza fuori dal matrimonio nascoste occorre sicuro fare luce perché si Okkei chi ha tradito non è sicuro percepito li subito come un nulla ,ovvio ma se una coppia si ama davvero sempre il “ tradito” poi riflette e si riflette insieme portando e scoprendo insieme cosa non ha DAVVERO funzionato

    Come a dire non sentirti così in una bolla chiusa dove tu ti metti la etichetta di quella che ha sbagliato e che devi tu spazzarti la situazione col Silenzio

    Perché ti testimonio di aver vissuto 40 anni di matrimonio che hanno retto proprio perché MAI CI SIAMO FATTI MANCARE LA LUCE DELLA REALTÀ VERITÀ
    E questo ci ha aiutato in ogni difficoltà dove ho vissuto un vero Battito caldo di cuore
    La voglia sessuale sempre e comunque

    NON È VERO che una unione lunga nel tempo si perde in automatico nella Routine
    Una BALLA KOLOSSALE!!!

    Dipende sempre da noi
    Noi chi ????
    I due due protagonisti nella coppia

    È un mito questo della routine
    La routine diviene negativa quando NON SI COMUNICA

    Nè prima e allora si guarda altrove
    Nè dopo quando si decide che tutto va bene lo stesso e mi tengo il marito caro dolce anche se non mi da quella ebrezza che avevo con amante

    Ma ecco la ebrezza cara@Orsa dipende dal manico come si usa dire il manico di entrambi
    Mettere tutte le carte in tavola altrimenti è barare
    E questo non funziona mai.

  • cossora, 11 Novembre 2020 @ 14:20 Rispondi

    Infatti @orsa. A che pro? Anche perchè se gli amanti ci scegliessero, non avremmo problemi a confessare. Quindi mi sembra che il discorso si possa chiudere qui.
    Non lo si fa perchè una volta abbandonate non conviene a nessuna.

  • Vita, 11 Novembre 2020 @ 18:13 Rispondi

    @crocus cara,
    Non sono sicura, voglio darmi questa possibilità: provarci, capire se ne vale la pena, se è possibile recuperare e come. Tu non hai figli, @crocus, e anche questo incide: una separazione quando ci sono dei bambini/ragazzi di mezzo è sempre più dolorosa e difficile. Comunque vedremo. Tu ti riprenderai e quando starai meglio farai la scelta più giusta per te, non mollare. Ti abbraccio.

  • Ariel, 11 Novembre 2020 @ 20:04 Rispondi

    L’errore già è chiamarlo confessione
    L’errore è parlare di convenienza

    Da che pulpito viene la predica sul tema convenienza ???
    Come amanti che qui si sgolano a criticare ex o mai lasciati quando si parlava della loro convenienza
    Allora non andava bene e si scriveva
    Che schifo
    Il solito cialtrone che pensa alla convenienza

    Però adesso torna utile parlare di convenienza????

    Arrampicate sugli specchi
    Questo è altroché

    Non si tratta di confessare già definirla una confessione denota quanta POCA FIDUCIA ABBIATE IN VOI STESSE
    E mettersi già in modalità mi metto in un angolo da sola perché avendontradito non merito nulla perché sicuro il mio Marito o compagno sapesse ciò che ho vissuto con cxxxxo che continuerebbe ad amarmi

    Ma io dico scusatemi tanto giusto pour parler

    Come potete pensare che funzioni alla lunga una ricostruzione basata sulla FALSITÀ DELLA REALTÀ???????

  • Orsa, 12 Novembre 2020 @ 03:17 Rispondi

    @ Cossora, hai ragione. Una volta abbandonate non conviene a nessuna confessare….perché ti cadono le fette di prosciutto dagli occhi e capisci quanto sei stata propensa a credere all’esistenza del nulla. Non escludo che il risultato sia il medesimo, vale a dire la fine del mio matrimonio. Ma cambiano le modalità. Se deve essere sono contenta di avere la possibilità di gestire io le mie scelte di fronte a mio marito, me ne assumo la piena responsabilità in questo caso; sono contenta , se di contentezza si può parlare, di non far finire un matrimonio sull’onda di un grandissimo granchio preso da me, per sbaglio, perché di questo si è trattato, seppure indotto da grandissime mancanze anche da parte di mio marito. Un conto è dire a mio marito: “ti lascio perché non ti amo più “, e un conto è dirgli, a cose compiute, “ti lascio perché mi sono innamorata….(di un Cialtronzo)”. Da questo punto di vista non mi pento di non aver confessato e ringrazio che mio marito non mi abbia scoperta. Con l’altro è stato tutto un gran pasticcio che non avrebbe dovuto essere e, così come lui mi ha buttato me, presto anche io butterò lui nel dimenticatoio. Ma rispetto a mio marito, pur non essendo fiera né felice né orgogliosa di avergli mancato di rispetto, sono grata di poter avere la possibilità di gestire la fine del nostro rapporto, se così sarà, in un modo che ritengo più indolore, soprattutto per lui. Ovviamente non pretendo che ciò che penso sia condivisibile, cerco soltanto di limitare i danni oltre a quelli che già ci sono stati e per i quali sto pagando io, come è giusto che sia….

  • Orsa, 12 Novembre 2020 @ 08:42 Rispondi

    @ Cara Ariel di sicuro io non so se funzionerà il matrimonio con mio marito, se riuscirò a recuperare. So però che sono arrivata a tradire perché la comunicazione tra noi già mancava, c’erano grossi problemi su vari fronti, altrimenti non sarebbe successo. Una parte di responsabilità ce l’ha sicuramente anche mio marito. Io ho sbagliato, ho mentito, ma di sicuro non mi sento cialtrona. La “convenienza”, ora come ora, per me sta nel prendermi un attimo i miei tempi, nel fare chiarezza, nel capire bene cosa voglio. Poi, se sarà necessario, affronterò la separazione e potrò anche arrivare a dire a mio marito che l’ho tradito. Ma devo essere tranquilla io, altrimenti travolgo anche i figli, il lavoro, e non posso permettermelo.. È proprio perché questa volta ho fiducia in me stessa che voglio ragionare con calma, rispetto a un marito cui voglio bene ma che in passato non ha dimostrato poi così tanto di tenere a me e rispetto a un altro uomo che doveva di amarmi e invece veniva per sesso. Come dire, adesso mi riprendo un attimo e poi metto in fila tutto. Perché, al di là del fatto indubbio che ho tradito, non posso essere sempre io a pagare il conto più salato. Ho sbagliato e nella vita si sbaglia, si paga e si impara. Non voglio ricostruire nulla sulla menzogna ma non posso neanche attribuire la causa della fine del mio matrimonio al mio tradimento. Semmai il mio matrimonio era già finito anche prima e la menzogna è stata fingere, per tanti anni, che tutto andasse bene, prima di arrivare al tradimento.

  • maribel, 12 Novembre 2020 @ 08:51 Rispondi

    Alla fine il focus del discorso è: si rcostruisce veramente un rapporto o no? Tutto il resto non conta.

    Perché se il rapporto ricostruito è reale, può valere la pena di tenersi un segreto sulla coscienza. Una donna forte può custodire qualunque verità.
    Se capisci che ami ancora ed è’ stato un errore, tutta la tua esistenza futura sarà dimostrazione che ne è valsa la.pena.

    Se invece il rientro all’l’ovile è la conseguenza della grande batosta, della delusione e del senso di colpa allora non so…. Sembra un bel ripiego tornare in un posto tranquillo a leccarsi le ferite…

    Mi sento “una donna che in un certo momento della sua vita ha fatto una scelta che si e’ rivelata un errore perché il.mio vero amore è qua” o mi sento “una donna sbagliata, traditrice di chi non si.meritava questo trattamento e quindi devo rimediare “?

    Voi dove vi mettete?

  • Crocus, 12 Novembre 2020 @ 10:26 Rispondi

    @maribel, poni un quesito molto interessante. “Se capisci che ami ancora”, però poi torniamo alla tanto fatidica domanda “ma se hai amato un’altra persona per tot tempo come fai a ri-amare chi avevi in casa?” Anche perché se gli amanti ci avessero scelte ovviamente avremmo costruito una vita con loro (parlo ovviamente della maggioranza dei casi) quindi in realtà non ci saremmo mai nemmeno ricordate di amare nostro marito, giusto? Stando qui ho capito che è tutto davvero molto complesso…

  • Crocus, 12 Novembre 2020 @ 10:30 Rispondi

    @Vita, immagino benissimo che con i figli le cose si possano complicare tanto di più. Però li hai Vita e puoi lottare per loro… Pensa che io li desideravo tanto e ora magari rischio anche di non averli… 🙁

  • Ariel, 12 Novembre 2020 @ 12:22 Rispondi

    @Maribel
    Bellissime domande e opzioni molto chiare e che sicuro aiutano molto a fare ordine
    In se stesse perché sicuro fare ordine si può e per essere valido cioè funzionare per stare meglio e se si sta meglio ovviamente si agisce con maggior lucidità emotiva ecco che è un Bene prezioso lasciar andar via il GIUDIZIO NEGATIVO che come una Kostante ci insegue
    Come un mantra dettato da tanti condizionamenti Maschilismo Ambiente Piccolo paese Gente Impicciona che mormora giudica nessuno che Sto arrivando! Farsi i xxxxzi propri insomma lo sappiamo bene che purtroppo pure coi social e tutto un gran Lasinondi GIUDICARE PERMANENTE IN MODO NEGATIVO

    Nooo non siamo sul banco degli imputati ma AL CONTRARIO SIAMO LA PARTE OFFESA
    Dalle CAVERNE AD OGGI!!!!

    Okkei quindi care ragazze il quesito posto da @Maribel lo trovo azzeccatissimo e che può aiutare a fare ordine con calma riflettere ognuna con i suoi pensieri di Alessio e motivazioni!!!

    Grazie @Maribel ottime domande!!!

  • cossora, 12 Novembre 2020 @ 13:24 Rispondi

    No @Orsa, non perchè ti cadono le fette di prosciutto dagli occhi, ma perchè se perdi pure tuo marito rimani con niente in mano.
    La verità fa male, si sa. Ma questa è.
    Credo solo a chi dice ‘ci siamo riscoperti innamorati persi’ .. tutto il resto è quel che passa la mutua.

  • Ariel, 12 Novembre 2020 @ 13:31 Rispondi

    Secondo me,si potrebbe pure fare un ulteriore passo avanti nella consapevolezza che in realtà le relazioni manipolative da CIALTRONZO
    Ci eravamo innamorate di un “FANTASMA”
    Infatti la manipolazione del CIALTRONZO è un abuso
    Gente Maschilista bieca dei peggiori che si attaccano alle nostre fragilità del momento e cioè chi veniva da matrimonio che non andava bene
    Si soffriva
    Chi ne veniva dal essersi appena separate,ovvio stato di stress psicofisico
    Chi come me ero vedova da poco tempo due anni

    Ecco che noi sicuro ci eravamo innamorate ,ma dopo la relazione Tossica ci si è accorte poco alla volta che lui era solo una ILLUSIONE OTTICA nel senso più ampio del termine

    Una manipolazione fatta apposta a scopo mi faccio la amante e poi la voglio si per sempre ma tu amante devi stare a cuccia come dico io
    E se poi vuoi di più ti faccio vedere che sono solo Mr Hyde e ti faccio un xxxxlo così se solo mi contrasti se solo non ti pieghi come dico io

    Allora diciamo che sicuro inizialmente resta un percorso a gradini da fare la consapevolezza di essersi innamorate di un FANTASMA
    Ma è la realtà!!!!

    Quindi ovviamente la unica cosa da fare per salvare ed amare se stesse e chiudere la porta del tutto verso la esperienza tutta con tutti gli attori e il protagonista principale CIALTRONZO MAXIMO

    E rinascere piano piano a NUOVA VITA ARIA PURA

    Può capitare a chiunque di cadere nella rete di un CIALTRONZO
    Non è una colpa!!!!
    Non significa affatto essere stupide o qualsiasi altra negatività

    Occorre amore compassione solo verso se stesse
    E riuscire dentro se stessi a mandarli tutti afaanculo ,ma senza rancore
    Riporre la scatola nel armadio del passato

    Che bello il passato se ci pensate
    E già passato!!!!
    Vivi nel presente dove puoi volare verso la libertà interiore
    Ama te stessa@ che sei Donna Stupendaaaa!!!

  • Vita, 12 Novembre 2020 @ 13:39 Rispondi

    @orsa per quel che può valere, condivido gran parte del tuo discorso. Nel mio caso non voglio parlare di errore, perché è durato troppo a lungo per definirlo tale, ma certamente anche io, come te, vorrei evitare un dolore ulteriore a mio marito e ricondurre a noi, e non ad altro, la fine del nostro matrimonio se dovesse essere. Aggiungo che non tutto capita per caso e che nella mia esperienza se l’ex ha mostrato il lato peggiore di se, al punto da domandarmi a chiedere con chi sono stata, mio marito ha saputo sorprendermi. Le persone si scoprono o riscoprono anche nei momenti di difficoltà e non solo per comodo, perché lo avevo già scritto, di comodo, semplice e divertente c’è pochissimo in queste storie. Baci

  • Vita, 12 Novembre 2020 @ 13:42 Rispondi

    @crocus
    Se averli è un tuo desiderio non rinunciare, è un’ottima ragione per lottare: torna a vivere pienamente, innamorati nuovamente e prenditi ciò che ti spetta. Ce la farai! Ti abbraccio.

  • Vita, 12 Novembre 2020 @ 13:52 Rispondi

    @maribel cara
    Poni domande giuste. Nel mio caso scarto l’opzione B, tengo la A e considero la C: ossia la possibilità di restare anche se capissi che non lo amo più, non di quell’amore che suscita le farfalle nello stomaco, ma che gli voglio molto bene, che me ne vuole, che abbiamo un rapporto che funziona da molti punti vista (compreso per il momento quello sessuale se pure senza le fiammate di un tempo) e sono disposta a far pace con me stessa e accettare che questo, anche alla luce delle esperienze vissute, è ciò che più si avvicina comunque alla felicità. O invece no. Se dovessi capire che rientro nell’opzione C ma che la mia natura è un’altra (ho bisogno delle farfalle e non posso farne a meno) allora dovrò mollare il colpo e affrontare le conseguenze, sperando di essere capace.) Prima capisco e poi lavoro sulla soluzione! 🙂

  • maribel, 12 Novembre 2020 @ 15:20 Rispondi

    @crocus, certo. ma sai, vista la complessità delle varie storie ci sta anche che alcuni “amori” fossero infatuazioni, dipendenze, bisogni momentanei o non amori… non lo so … ne abbiamo lette di ogni. ma io intendo dire: o vedi che ricostruisci e stai bene tu, oppure raccontati pure quel che vuoi ma dentro lo sai che stai facendo un lavoro. Stai rispondendo a una qualche tua ingIunzione interna che ti dice: “Bambina, sei stata cattiva e ingrata e adesso devi stare lì!!” ecco.

  • Oldplum, 12 Novembre 2020 @ 19:53 Rispondi

    Chiedo il conforto dei colleghi che curano la rubrica dell’avvocato sul tuo blog.
    Io sono abbastanza sicura che sia “pericoloso ” non dire la verità. E sapete perché? Perché se a casa avete finto sempre bene, che tutto era nella routine e che il vostro coniuge nemmeno poteva immaginare lo tradiste e poi lo venisse a scoprire , allora si che partirebbe una bella separazione con addebito. Diversa la situazione di una casa in cui volano coltellio in cui non ci siano più rapporti sessuali…in questo caso l’amante non sarebbe il motivo della fine del rapporto ma un effetto dello stesso.
    Meditate.

    • alessandro pellizzari, 13 Novembre 2020 @ 11:57 Rispondi

      Penso che per addebitare la colpa alla presenza di un amante la situazione sia multifattoriale per esempio la mancanza di sesso più o meno assoluta o con una frequenza è una qualità terrificanti in pratica credo che l’addebito venga dato in casi specifici e rari

  • Oldplum, 13 Novembre 2020 @ 13:24 Rispondi

    L’addebito c’è se la rottura dipende dall’infedelta. Non se l’infedeltà dipende dalla rottura. Se fingi che tutti sia ok, hai rapporti e sei il coniuge perfetto e poi il tuo rispettivo scopre che lo tradisci, allora c è richiesta giustificata di addebito.

    • alessandro pellizzari, 13 Novembre 2020 @ 15:19 Rispondi

      non è facile provare ciò credo

  • leilei, 13 Novembre 2020 @ 13:25 Rispondi

    Confermo quello che dice Alessandro, l’addebito è difficilissimo da dimostrare e qualsiasi avvocato consiglia una consensuale.
    Imbarcarsi in una giudiziale implica spendere un sacco di soldi (ad esempio per incaricare un investigatore).
    Basta che un figlio, un conoscente o un parente testimonino che la coppia discuteva, o che uno dei due si sia confidato sulla crisi, che l’addebito decada subito. Come dice Alessandro, l’amante è il termometro non la febbre.

  • Ariel, 13 Novembre 2020 @ 15:10 Rispondi

    @CaroAlessandro comunque mi pare molto interessante la richiesta di @Oldplum
    Sarebbe utile sentire proprio il parere del Avvocato che hai messo tu stesso a disposizione per rispondere a eventuali quesiti
    In modo che non si basino più solo su propri convincimenti

    Come a dire
    COSA DICE LA LEGGE e soprattutto se esiste una risposta nei casi di sentenze che notoriamente fa legge interpretativa il modus della casista nei casi portati in causa di separazioni .

    Quindi ,
    Ben venga la Risposta del ESPERTA AVVOCATESSA della tua sezione
    Risponde l’Avvocato

    Ecco aspettiamo la sua risposta alla più che legittima domanda di @Oldplum ,anche lei stessa Avvocato e quindi ancora più interessante ascoltare una sua collega esprimersi in merito alla questione da lei posta.

    • alessandro pellizzari, 13 Novembre 2020 @ 16:07 Rispondi

      mandatemi i quesiti via mail che glieli giro e pubblico la risposta sul blog (non risposte personali, solo di interesse generale).

  • Lolly, 13 Novembre 2020 @ 15:33 Rispondi

    A casa mia non volavano coltelli, si faceva sesso senza fiamme, c’erano coccole, affetto e stima e c’era pure l’amante..ma non ho chiesto la separazione con addebito per evitare ulteriori contatti con lui e liquidarmelo consensualmente con la pace di tutti. Io credo che l’amore inteso come innamoramento sia sempre un illusione, sia quando ci sposiamo, sia quando siamo amanti. Entrambe le situazioni vengono disilluse dalla realtà…quando questo sentimento brucia nella quotidianità, nella routine nella sicurezza, finisce. C’è poco da fare. Ed ecco che compare l’amante che rappresenta la via della libertà, una via di fuga, che finché resta tale è la donna migliore del mondo. Ma che succede se la super femmina avanza pretese?…succede che viene vista come la rompipalle della moglie e pertanto mal sopportata…finché mantiene il suo ruolo di amante/ fidanzata, ok…dopodiché il panico!!…è solo una questione di ruoli, a mio avviso, ogni moglie può essere la migliore delle amanti e viceversa. Bisogna solo capire da che parte vuoi stare e scegliere di vivere secondo la tua indole che ti porta o verso la dimensione di sicurezza( matrimonio) o verso la libertà (amantato). Per amare ci vogliono un gran paio di PALLE…pertanto è un altra storia!!

  • maribel, 13 Novembre 2020 @ 16:08 Rispondi

    @vita, cara amica di blogni, ho capito bene la.tua situazione e sai che ti sono vicina!
    Io vorrei ritrovare qualcosa che mi ridia un certo slancio ma non riesco. Mal sopporto alcune cose. Ti chiedo se per caso danno fastidio anche a te: il rapporto con i soldi (io sono piuttosto generosa, mi piace fare regali) e mi dà fastidio la sua poca esigenza di vita sociale, l’ essere un po’ pantofolaio. Cose che cominciano a darmi sui nervi molto spesso. Nei limiti della privacy mi piacerebbe sapere se tuo marito è generoso, se ti fa tanti regali… Se avete tanti amici in comune… Sono cose che possono aiutare a ritrovare armonia, ecco.

  • Vita, 13 Novembre 2020 @ 17:27 Rispondi

    @maribel cara,
    Mi assumo il rischio di sembrare pazza e proverò a spiegarmi. Il mio matrimonio funziona, ha sempre funzionato per molti aspetti. Io e mio marito insieme stiamo bene, lui è una persona generosa, divertente, molto sportiva, socievole, mi desidera e mi ama molto (forse troppo? Forse avevo bisogno di sentirmi più a rischio e che anche lui si sentisse più a rischio) e non lo ha mai nascosto. Sulle cose pratiche siamo cresciuti insieme e forse anche per questo abbiamo una filosofia di vita molto simile: io sono molto maschile e a lui piace molto: sono spiccia, pratica, una pessima casalinga ma un’ottima e avventuriera compagna di viaggio, sono organizzata e autonoma. Un po’ ne ha anche aproffittato della mia indipendenza. Certamente io sono più intraprendente ma ho quasi un eccesso di energie per cui, non a lui, ma a tutti in genere, viene spontaneo dire: fai tu! Quello che ha funzionato meno è l’intesa intellettuale, sono anche (sembra una contraddizione) parecchio cerebrale, amo leggere, scrivere, parlare moltissimo , è un bisogno prima ancora che un piacere. Sono più complicata e meno lineare di lui. Un groviglio, mi definisce. Su questo è mancato un confronto vero, forse ho avuto timore di aprirmi per paura che non capisse, forse ancora non sapevo chi ero con esattezza quando l’ho conosciuto e dopo non è stato facile recuperare. È stato più facile scappare. In mezzo si è infilato l’altro: un grande narratore e un grande auditore. Nell’ultima seduta il mio psicologo mi ha fatto notare che la mia vitalità e la mia energia si nutrono di stimoli e obiettivi continui, in assenza dei quali rischio di scivolare nella depressione, come se mi spegnessi. Forse è questo che successo? Ho sentito che mi stavo spegnendo e ho cercato un gioco che mi accendesse? Non lo so. Poi potremmo approfondire. Mi farei tanto volentieri due chiacchiere con te, non sai quanto! Un abbraccio

  • Vita, 13 Novembre 2020 @ 17:39 Rispondi

    @maribel
    Non un gioco (maledetto correttore) un fuoco

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 18:00 Rispondi

    @Cossora, totalmente d’accordo con ciò che hai scritto. Triste, doloroso, ma assolutamente vero. Io comunque credo poco anche a chi si è ritrovato innamorato perso dopo un tradimento. Però va beh, questo è il mio parere…

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 18:03 Rispondi

    @Vita, vista la mia età la vedo davvero dura. Ma visto che la vita ci può sorprendere a volte, speriamo bene. Però ecco, capisci che la rabbia nei confronti di chi stava progettando una famiglia con me e poi mi ha liquidatoa con un “mi spiace ma non voglio più due famiglie” sale in maniera esponenziale, perché doveva lasciarmi in pace anziché farmi perdere 18 mesi preziosi della mia vita :-(.

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 19:10 Rispondi

    @Lolly, verissimo quello che dici. Finché noi amanti siamo quelle che stanno zitte e danno solo piacere va tutto alla grande, poi quando inizi a chiedere qualcosina di più ecco che finisce la poesia. Quindi fammi capire Lolly tu hai scoperto il tradimento di tuo marito e non te lo sei tenuto? Perché se così fosse saresti forse la prima che conosco che ha agito in questo modo. A tal proposito pongo una domanda ad @Ale, esistono dati statistici su quanti matrimoni finiscono subito con la scoperta del tradimento? Stando qui sul blog mi pare di capire che tutti perdonano, oppure si rimane insieme per il famoso matrimonio azienda ecc, ma mi incuriosisce sapere quanti sono quelli che una volta scoperto il tradimento, accompagnano il traditore alla porta. Subito senza voler chiarire per che e per come. Ci sarà pure qualcuno che non riesce a superarlo quindi non ne vuole sapere di chiarire perché è accaduto?! Grazie Ale.

    • alessandro pellizzari, 13 Novembre 2020 @ 20:56 Rispondi

      20-30%

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 19:12 Rispondi

    @maribel, io se dovessi restare con mio marito rientrerei nella categoria di chi sta facendo un lavoro. E in questi casi il rischio poi di ricaricarci un’altra volta è altissimo (dico tradire un’altra volta). Per questo secondo me sono scelte che vanno calibrate molto bene. Un abbraccio!

  • maribel, 13 Novembre 2020 @ 19:19 Rispondi

    @vita spero veramente do poterti conoscere un giorno! Grazie per la tua risposta… si diciamo che dall’idea che mi sono fatta di te siete due tipi dinamici e aperti, vivaci… Tu vulcanica e piena di interessi e tuo marito più protettivo , rassicurante, adulto insomma. .. non ti vedo come una mamma chioccia che cura anche lui, ecco. Io invece mi sento così è non riesco a trovare una chiave nuova per rilanciare un rapporto più adatto alla maribel donna adulta.(E non solo madre) Vedremo. Intanto un grande abbraccio!

  • Vita, 13 Novembre 2020 @ 19:37 Rispondi

    @crocus
    Mi dispiace e capisco. Non so quanto anni tu abbia. Pensa a riprenderti, ora. Sistemata una cosa, mettendo anche da parte la rabbia (soprattutto alla luce di quanto ci hai raccontato) penserai a tutto il resto e spero tanto tu possa realizzare i tuoi sogni.

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 21:27 Rispondi

    @Vita, grazie di cuore! Sei una bella persona e ti auguro con tutto il cuore di ritrovare la tua felicità. Un abbraccio!

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 21:37 Rispondi

    @Ale, non pochi alla fine dai, io ormai pensavo che non esistessero proprio quelle casistiche :-). Grazie mille come sempre Ale!

  • Ariel, 13 Novembre 2020 @ 22:11 Rispondi

    @Orso leggo solo ora questo tuo intervento
    Ecco se hai voglia mi farebbe molto piacere sapere qualcosa di più circa questa tua esperienza credo che potrebbe aiutare molto noi tutti in questa bella positiva discussione perché appunto ogni intervento fa luce aggiunge un particolare o più particolari che restano sicuro utili al confronto delle idee e esperienza

    Ecco certamente penso che molto occorrerebbe sempre allo scopo del sentirsi meglio del funzionare meglio in se stessi fare caso allo scopo e aspettative che chi sceglie di esprimere in luce di confidare al proprio partner la esperienza vissuta extra con amante ecco forse conti cosa ci si aspettava come reazione ?
    Che cosa ha scatenato in se stessi e nel partner?

    Come stanno le cose adesso ?

    Credo che in ogni caso tu possa essere invece molto soddisfatto di te stesso come individuo come uomo capace di scoprire tutte le carte del tuo vissuto che certamente umano pensare possa esistere una reazione che non ci si aspettava o negativa ,ma invito te e chi come te ha AVUTO UN VERO CORAGGIO che dimostra a te stesso la tua Grandezza di Uomo vero

    Questo tuo gesto resta un tuo patrimonio personale indelebile conquista del vero amare te stesso
    Che senza paura della realtà del tuo vissuto ti sei aperto
    Non mi piace chiamarla confessione è un termine che Sto arrivando! Di peccato inteso come un giudizio negativo severo tout court solito condizionamento atavico “ Vaticano” che non significa affatto religioso

    Ecco che nonostante il tuo dire che non lo rifaresti ti dico
    Se hai voglia racconta meglio ,ma credimi sei GRANDE UOMO e una tua conquista personale che ti resta dentro come una vera conquista tua evolutiva importante base di nuova rinascita per te stesso .
    Bravissimo @Orso!!

  • Lolly, 13 Novembre 2020 @ 23:11 Rispondi

    Crocus…ebbene si…io appartengo a quella piccola percentuale di mogli che scoperto l’amantato lo ha accompagnato alla porta. Una relazione clandestina che dura da 5 anni con una mia conoscente…non erano necessari ulteriori chiarimenti. E ti dirò di più il giorno dopo ero dall’avvocato, ad un mese separata. Non me ne sono mai pentita. L’amore può finire, ma il rispetto e la fiducia sono valori indiscutibili.

  • Crocus, 13 Novembre 2020 @ 23:59 Rispondi

    @Lolly, applausi! Rispetto e fiducia, ecco due valori che molti purtroppo non hanno eppure dovrebbero stare alla base di qualsiasi tipo di rapporto umano. Ti abbraccio Lolly, non oso immaginare il dolore che hai provato, il tradimento con una conoscente poi… ma lui in tutto ciò? Ha “pianto” come fanno in tanti chiedendo di essere perdonato? Se ti va di raccontarlo naturalmente. Se no tranquilla. :*

  • Ariel, 14 Novembre 2020 @ 03:47 Rispondi

    @Lolly

    cara per me sei un esempio molto positivo come Donna con un ottimo equilibrio di autostima e Dignità che appunto non è aasolutamente possibile poter tollerare uma scoperta del genere fatta da se stesse
    Un vero abuso ingiusto e ingiustificato assolutamente
    Infatti l’amore può pure finire ma non certo il rispetto umano e la fiducia è intollerabile venire abusati così

    Per questo tanto rest convinta che mai possa funzionare il tacere
    Se un partner ha una relazione parallela se non lo dice in un tempo più che ragionevole e cioè molto presto non resta veramente più nulla da dirsi
    E sono solo che cavoli amari per chi ha taciuto

    La bugia di omissione resta gravissima perché appunto è un rimestare il coltello nella piaga senza nessuna pietà umana

    E tutti i nodi prima o poi vengono al pettine e quindi non funziona affatto tacere pura illusione un danno che si fa a se stessi e agli altri che non meritano mai
    Un trattamento del genere.

    Ti auguro davvero di poter rinascere a nuova vita è sicuro sarà così per quanto sei Donna equilibrata nella tua Difesa della Dignità umana di cui tutti nessun escluso abbiamo diritto e bisogno,venga rispettata.

    Un caro abbraccio!

  • Vita, 14 Novembre 2020 @ 09:10 Rispondi

    @maribel,
    No, non lo sono una mamma chioccia: i miei figli ,con ironia, mi definiscono “mamma satana”, io mi ritengo una mamma attenta. Ho sempre le antenne alzate (tranne quando stavo male): li ascolto, ci parlo, li osservo ma intervengo solo se li vedo realmente in difficoltà e incapaci di risolvere autonomamente il loro problema. Non lo sono e non avrei potuto esserlo: non tanto perché sono 3 ed esistono limiti oggettivi, ma anche e sopratutto perché ho bisogno di indipendenza, di spazi miei, senza i quali mi sento soffocare. Spero di aver fatto di necessità virtu regalando anche a loro spazi di autonomia e di crescita personale, senza per questo negargli il mio amore. D’altra parte credo che la ricerca di uno spazio mio, tutto mio, indipendente dalla famiglia e oltre i ruoli imposti, sia stata una delle ragioni che mi hanno portato a tradire. Mi piace moltissimo condividere e amo la mia famiglia ma sento ancora forte il bisogno di soddisfazioni legati al raggiungimento di obiettivi solo miei, la necessità di vivere emozioni non riconducibili al mio ruolo di madre, moglie e figlia ma alla mia persona. Come nel lavoro, ad esempio. Anche la perdita del lavoro credo di manderebbe in profonda crisi. Come in tutte noi, convivono in me tante anime, probabilmente alcune sono rimaste schiacciate dal matrimonio e anziché trovare il modo di esprimerle, ho cercato altrove. Ho sbagliato sicuramente il modo e la persona (che si è rivelata così misera) ma ho imparato molto di me stessa e non volendo buttare tutto, perché la storia deve sempre avere un senso, è questo che conservo di quegli anni. Spero di farne tesoro.

  • Lolly, 14 Novembre 2020 @ 11:49 Rispondi

    Carissime….per rispondere a te Crocus…il mio matrimonio durava da 20 anni…ci conoscevamo da 30 non è stato facile chiudere questo capitolo della mia vita. Ancora oggi dopo quasi due anni dico tra me e me…perché?…perché non ho meritato il suo rispetto. Lui oggi vive solo, e lei resta la sua fidanzata…non è mai tornato indietro pur chiedendo scusa, perché come vi dicevo l’amantato è la via della libertà, una vita adesso nuova per lui, senza sacrifici, obblighi, se nonché per i figli, nessun compromesso…ma vive per se stesso seguendo le sue emozioni. La scelta è questa…la libertà invece della sicurezza. Lui è un anima inquieta sempre alla ricerca della felicità…avrebbe voluto farlo chissà quante volte di scappat via…ma il senso di responsabilità e la mancanza di scuse lo tenevano in casa. Eravamo una bella famiglia ed una coppia di coniugi legati da un profondo affetto. Lei vorrebbe la convivenza, ma lui desiste…giustamente mi dice passerei dalla padella alla brace con una famiglia e dei figli che non sono i miei. Pertanto lei si accontenta nella speranza che lui cambi idea. Ma ragazze…ho imparato a mie spese che bisogna guardare i fatti,le chiacchiere stanno a 0…lui non ha scelto lei, non lo ha fatto in passato e non lo sta facendo adesso….lui ha scelto la LIBERTÀ…le azioni ci dicono chi siamo, le parole chi vorremmo essere!!!!

  • Ariel, 14 Novembre 2020 @ 13:30 Rispondi

    @Lolly sei GRANDISSIMA DONNA
    CHAPEAU!!!!!

    Qui ti cito per quanto questa tua frase sia così piena di realtà è verità:

    “ LE AZIONI CI DICONO CHI SIAMO

    LE PAROLE CHI VORREMMO ESSERE”

    Grazie cara@Lolly
    Per questi tuoi scritti così cari e preziosi li sento !!!

  • Crocus, 14 Novembre 2020 @ 18:55 Rispondi

    @Lolly, chapeau! Mi inchino! Che grandissima donna che sei! Hai tutta la mia stima e tutta la mia ammirazione. Grazie per avermi risposto. Ti abbraccio.

  • Viovio, 14 Novembre 2020 @ 21:42 Rispondi

    @Crocus un passo per volta… prima devi riprenderti dalla batosta con il cialtronzo, dopo di che potrai affrontare la situazione con tuo marito.
    Dopo tanto tempo non sentire più le farfalle nello stomaco è normale, credo che non sia semplice nemmeno per lui chiudere.
    Spero tu possa trovare un po’ di serenità:-)

  • Lolly, 14 Novembre 2020 @ 22:46 Rispondi

    Grazie ragazze..sono una donna di 46 anni con due ragazzi adolescenti, per natura avete detto bene, sono una persona equilibrata e so sempre dove andare, non perché sono una donna forte e decisa, non lo sono, ma fanno parte del mio patrimonio genetico grandi valori e principi di vita che mi tengono ben salda e sono un faro nel mio cammino. Ma non vi nascondo che la paura dell’ignoto e la solitudine mi creano timore ed ansia, la paura di non potermi più fidare di un uomo mi rende disillusa e disincantata…insomma ho perso la serenità di un porto sicuro e non so cosa mi attende..ma non avrei potuto accettare altri compromessi..chi vivrà vedrà!!!

  • Crocus, 15 Novembre 2020 @ 09:09 Rispondi

    @Viovio, grazie amica virtuale. Si, ne ho di cose ancora da affrontare. Certo che non è semplice nemmeno per lui, figurati. Ma ora, voglio pensare solo a me stessa, ho pensato per troppo tempo a tutti gli altri tranne che a me. Step by step. Ti abbraccio!

  • Crocus, 15 Novembre 2020 @ 09:16 Rispondi

    @Lolly, brava! Capisco molto bene la tua paura quando parli di fiducia. Io purtroppo sono quella che è stata dall’altra parte (e non sai quanto mi fa piacere confrontarmi in maniera serena con una donna-moglie che ha subìto una cosa così dolorosa come il tradimento). Sono le stesse paure che ho anche io. Fidarsi dopo che si prendono certe batoste è davvero difficile, a volte mi sembra impossibile. Però sai Lolly il fatto che abbiamo dei valori così forti che ci guidano e ci fanno da faro come giustamente hai detto tu è una cosa molto bella e anche molto importante quindi io direi che se restiamo fedeli a noi stesse e a questi valori prima o poi un altro porto sicuro lo troveremo!

  • Lolly, 15 Novembre 2020 @ 13:23 Rispondi

    Cara Crocus…ci vuole una gran botta di culo per ritovare un porto sicuro…però chissa se stavolta con la maturità e l’esperienza vissuta non si riesca ad investire su un uomo che si dimostri tale, evitando i cialtroni o cmq ubicandoli nella giusta collocazione..maschi con i quali vivere semplici emozioni e salutarsi al momento opportuno. Ricordiamo come il padre nostro per i cristiani che i fatti contano più delle parole e avremmo più possibilità di non ricadere negli stessi errori. Un abbraccio…

  • Lolly, 15 Novembre 2020 @ 13:29 Rispondi

    Poi c’è da dire che non tutti gli uomini sono uguali, ci.sono quelli che ci credono veramente, e si impegnano pure…ma siamo esseri viventi e come tali in continua evoluzione, pertanto il cambiamento ti porta a non riconoscerti più con quella persona sigillando cosi la parola fine a quel rapporto. Rapporto che finché è durato si è basato sulla volontà e l’impegno di entrambi…poi con cautela sarà riposto tra i ricordi nei ns cuori.

  • Crocus, 15 Novembre 2020 @ 15:53 Rispondi

    @Lolly, i fatti si, le belle parole servono anche quelle ma solo se corredate da fatti. Io purtroppo ho fatto il grosso errore di basarmi sulle parole e quando ho iniziato a pretendere i fatti ormai era troppo tardi (per me per salvarmi intendo dire). I cialtroni ora saprei riconoscerli lontano un km e @Ale in questo mi è stato di grandissimo aiuto. Aspettiamo questa botta di culo cacchio, ce la meritiamo! 🙂 Un abbraccio Lolly e resta qui, che bello confrontarsi con chi condivide i tuoi stessi valori.

    • alessandro pellizzari, 15 Novembre 2020 @ 17:18 Rispondi

      dai meglio tardi che mai

  • cossora, 15 Novembre 2020 @ 19:14 Rispondi

    Cara @Lolly.. anche io e il mio ex marito stavamo insieme da oltre 20 anni. Ma 3 anni fa ho posto io fine alla cosa. Per esaurimento d’amore. Niente di strano. Lui sta con l’amante che si trovò allora, io lasciai subito il mio Caronte.
    Sono innamorata dell’uomo di cui sono stata l’amante (ma che sposato non accetto più) e se si liberasse prenderei lui e il figlio domani mattina.
    Il mio ex marito è libero, lei è libera, hanno entrambi due figli che vengono egualmente gestiti da noi ex, eppure.. nemmeno la nomina. A nessuno. e sono tre anni ormai.
    Vai a capire, non è certo uno che ama la libertà.. lui ama.. farsi i fatti suoi. Stare nel suo brodo, con poche responsabilità, pochi doveri, pochi sbattimenti. Si è ‘educato’ da poco a gestirsi da solo due fgili, figuriamoci se ne gestirebbe 4.. si ciao.
    Io invece prenderei subito tutti e due con noi. Siamo diversi. Siamo tutti diversi. Solo l’amore -io credo- ci fa fare le stesse cose.
    A tutti!

  • Lolly, 15 Novembre 2020 @ 22:06 Rispondi

    Esatto Cossora…noi donne quando amiamo, prendiamo tutto il pacchetto..invece il maschietto se può tiene solo quello che gli conviene. Il mio ex marito, se la porta in giro con la moto, passano i loro momenti da soli, escludendo tutti i figli, sia quelli nostri che quelli suoi. Non vuole saperne..per lui il rapporto si basa solo su loro due, come se quando sono insieme non sono genitori. Contento lui…si sente come un.adolescente..e lei glielo consente..quindi non mi patr abbia una maturità superiore alla sua…che facciano ciò che gli pare, l’importante è che fanno i genitori quando sono tenuti a farlo…

  • cossora, 16 Novembre 2020 @ 11:43 Rispondi

    Certo @Lolly e poi i figli crescono e si fanno, grazie al cielo, le loro idee.
    Mi interessa che il mio ex marito faccia dei passi importanti con i suoi figli.
    Se con lei non decolla, se la vivono come fossero ancora clandestini..si vede che va bene ad entrambi, sennò dopo 3 anni non si spiega (sono certa che lei se lo volesse saprebbe come ottenere almeno una ufficializzazione pubblica della loro storia) quindi una volta che i miei ragazzi hanno la loro vita con il papà, quello che va bene a lui, va bene a me.
    L’ho amato 25 anni e mi fido di lui.

  • leilei, 16 Novembre 2020 @ 12:21 Rispondi

    Bello parlare di “pacchetto completo” ma bisogna sempre rispettare i figli. Quanti figli sarebbero d’accordo ad avere in casa un uomo/una donna non scelto da loro ma imposto dal genitore? Quanti figli vorrebbero condividere il week end quindicinale con un estraneo/estranea? Ci sembra tutto un bel sogno, la famiglia allargata felice, forse i figli preferiscono che il nuovo compagno rimanga assolutamente nell’ombra.

  • Lolly, 16 Novembre 2020 @ 12:27 Rispondi

    Cossora…l’importante è che siamo sereni tutti. Lei vorrebbe una convivenza, lui no…ed usa come schermata il fatto che i miei figli non gradirebbero e si inclinerebbe ulteriormente il rapporto con il padre. Il tradimento è stato scoperto dai miei ragazzi, pertanto hanno perso fiducia e stima nei confronti del padte. Cmq…non è questo il motivo reale…la verità è che lui non lo vuole..poche chiacchiere…cara mia…è più comodo così..solo divertimento e nessuna responsabilità…

  • cossora, 16 Novembre 2020 @ 13:57 Rispondi

    Si tutto può essere @Lolly, poi sai.. io ho modo di affermare che i nostri figli hanno un riferimento forte e ‘colmo’ sia in me che nel loro papà.
    I figli fino a che non sono in grado di farlo da soli (parlo per i miei) si fidano molto del filtro dei genitori. Se amano papà e mamma ed hanno in loro un esempio chiaro e sereno di amore nel quotidiano.. se va bene a papà e a mamma, si sentono sicuri.
    Non ho figli che tiranneggiano sui legami, perchè ne io ne il loro papà è abbiamo mai tiranneggiato.
    Per questo ultimamente ho detto al mio ex marito “parla di lei, perchè la tieni nascosta come fosse una cosa sbagliata? Tuo figlio grande non è mica stupido, si chiede cosa non vada in lei se suo padre non la può neanche nominare”
    Credo che chi ha tante paure per i propri figli semplicemente non sia in grado di gestire il rapporto con loro.
    Da quando sono nati.

  • Ariel, 16 Novembre 2020 @ 14:08 Rispondi

    @Lolly Cara che brutta situazione perchè la scoperta la hanno fatta i vostri figli
    Pesantissimo e grave ancora peggio per via logicamente del fatto che se lo avessi scoperto solo tu avresti sicuro potuto parlarne ai tuoi figli con il tuo garbo e intelligente Madre sensibile e attenta

    Così invece capisco intuisco ovviamente non sorprende affatto che possano esserci incrinature di rapporto temporaneee tra tuo ex marito e i figli adolescenti!!!

    Ragione di più tu porti questa tua testimonianza di esperienze veramente importante aiuto per questo gruppo di Blog perché non ricordo caso analogo al tuo e cioè dove la scoperta sia avvenuta dai figli

    Se vorrai raccontare meglio pur ovviamente nella privacy ma come sia avvenuto la dinamica successiva cosa hai vissuto tu Cara che esperienza brutta ,ma sei una Vera Donna coraggiosa e valida su tutto ,ti leggo e ti sento veramente matura capace di saper distinguere chi sta affidabile e chi no

    Hai tutta la mia ammirazione e guarda hai veramente tutte le probabilità concrete di poterti innamorare di nuovo ma stavolta di un vero uomo

    Perchè molte qui se non ci si cura ricadono in relazione disfunzionale .

    Quindi se avrai voglia questo tema dei figli che scoprono la verità del tradimento del genitore credo possa far riflettere ancora di più le care Donne ex amanti che tacciono la verità realtà al marito una volta mollate brutalmente che significa senza nessuna empatia pure in modi s poche APPAIONO SOFT solo alle care dipendenti affettive che con un colpo di spugna dimenticano in buona fede giustificano tutto il male che hanno ricevuto scritto qui nel tempo passato
    Ecco credo che chi vuole ricostruire nel matrimonio possa trarre una riflessione sul fatto che i figli soprattutto i figli
    HANNO OCCHI CHE NOI NON ABBIAMO!……..

    Cara@Lolly puoi davvero aiutare qui moltissimo!!!
    Grazie!

  • Crocus, 16 Novembre 2020 @ 15:30 Rispondi

    @Cossora, pur non avendo figli, è ciò che penso anche io ossia se hai così tante paure per i tuoi figli è perché non sei in grado di gestire la tua relazione con loro da sempre. Per quanto riguarda il tuo caso specifico dico solo chapeau, bravi tu e tuo marito. Ci vuole intelligenza per gestire i figli nel modo in cui lo state facendo voi e soprattutto sono convinta che se gestiti bene non accusano tutto quel trauma della separazione. Per carità, immagino che i primi tempi non sia stata una passeggiata di salute, ma credo che la cosa più importante è far capire loro che mamma e papà li amano come prima e questo non cambierà mai.

    Non riuscirò a capire mai chi usa i figli come armi. Lo trovo squallido, grave e di una tristezza infinita.

    Brava Cossy!

  • Maddy, 16 Novembre 2020 @ 16:46 Rispondi

    @cossora: per prima cosa trovo che i tuoi commenti siano sempre molto centrati.
    Posso chiederti quanti anni hanno i tuoi figli?

  • cossora, 16 Novembre 2020 @ 17:12 Rispondi

    @Crocus la vita intera non è una passeggiata di salute. Se i nostri ragazzi sapranno, nei diversi momenti della loro crescita, affrontare una fidanzata che li lascia, un amico che li delude, un collega che li ostacola.. credo che parte del ‘merito’ sia dei suoi genitori.
    Genitori che con calma e determinazione hanno dimostrato loro che non va tutto come pare giusto a loro, che anche le ragioni degli altri vanno rispettate e che se c’è rispetto si possono trovare soluzioni che non scontentino nessuno.
    Il mio ex marito ed io ragioniamo così per i nostri figli (lui era un po’ più spaesato ma si è fidato di me e si è fatto guidare in questo percorso) e sia a livello scolastico che sociale sono in gamba e hanno le loro idee.
    Poi gli incidenti ci sono (difficile comunque recuperare la scoperta di un tradimento, se sono piccoli, si deve mandar giù il rospo e ‘proteggerli’ dalla verità .. anche se si vorrebbe fare il culo in piazza al traditore.. però loro vengono prima di tutto) e si affrontano man mano.
    Ma è come imparare le basi di matematica, se le conosci i problemi man mano li sai risolvere.
    Nessuno ha detto che sia facile.

  • cossora, 16 Novembre 2020 @ 17:17 Rispondi

    *sia dei loro genitori.

  • Crocus, 16 Novembre 2020 @ 17:48 Rispondi

    @Lolly, che brutto il fatto che siano stati i tuoi ragazzi a scoprirlo :-(… Beh tuo marito non è stato un buon partito per l’amante, non vuole responsabilità, solo divertimento, nessuna voglia di impegnarsi seriamente. Se a lei sta bene così, dovrebbe capire che uno che ha queste priorità in questo momento, difficilmente farà una scelta seria. Insomma, non possiamo parlare di amore. Quello è poco ma sicuro.

  • Crocus, 16 Novembre 2020 @ 19:12 Rispondi

    @Cossora, se tutti ragionassero come te il mondo sarebbe un posto migliore. Il rispetto è tutto, il pilastro su cui si basa la vita in generale, se manca quello per me tutto ciò che provi a costruire prima o poi si sgretola. Io mi rendo conto di essere molto fortunata per essere cresciuta in una bellissima famiglia. Una famiglia che ha saputo darmi davvero tanto spiritualmente parlando. La vita non è semplice, hai ragione. Però se abbiamo gli strumenti giusti a disposizione, possiamo affrontarla senza alcun problema. Ti abbraccio e complimenti per l’ottimo lavoro che state facendo tu e tuo marito in quanto genitori.

  • cossora, 16 Novembre 2020 @ 20:49 Rispondi

    @Maddy sette e quasi tredici, due maschi.

  • Lolly, 17 Novembre 2020 @ 19:32 Rispondi

    Cara Ariel..i miei figli hanno scoperto il tradimento del padre tramite telefonino. Lo hanno comunicato a lui e poi tutti seduti in salotto lo hanno detto a me. Una doccia fredda, la donna in questione la conoscevamo tutti perché madre di un compagno di classe di mio figlio. Era da anni che notavo una simpatia da entrambi ma il mio caro marito diceva che ero pazza. Lei a quanto ne so ha avuto anche altri amanti, pertanto alla fine notando come svolazzava da fiore in fiore mi ero convinta che mi sbagliavo. Errore…il sesto senso di una donna è infallibile!!..cmq.. una volta appresa la notizia i miei ragazzi mi hanno detto” mamma non pensare a noi, scegli ciò che è meglio per te”..a quel punto con un pugnale nel petto ho accompagnato mio marito alla porta. Da quel giorno sono passati quasi due anni, lui vede i figli regolarmente come deciso in sentenza di separazione, loro sono sfiduciati ma gli vogliono bene e ci vanno volentieri. Non vogliono vedere lei quindi trascorrono il tempo loro tre insieme, creando tensione fra i due perché lei vorrebbe la famiglia allargata. Chi può dirlo cosa succederà..speriamo di mantenere un equilibrio tra le parti per il bene dei ns figli.

  • Crocus, 17 Novembre 2020 @ 23:06 Rispondi

    @Lolly, che situazione la tua… Brava tu che sei stata una signora, hai messo da parte la tua sofferenza per mettere al primo posto la serenità dei tuoi figli. Fare guerre è inutile, non serve a nulla se non a creare disagi su disagi. E bravi anche i figli che continuano a volere bene al papà.

    Hai tutta la mia ammirazione @Lolly anche perché posso immaginare lo shock e soprattutto immagino la tua sofferenza. Ti abbraccio!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.