Sono stato ospite a Radio 24 a Obiettivo salute di Nicoletta Carbone e sono intervenuto sul tema Come impostare il dialogo di coppia. Ecco il video che trovate anche sulla pagina Facebook a questo indirizzo: https://www.facebook.com/ObiettivoSaluteRadio24/videos/391175839982889

COME IMPOSTARE IL DIALOGO DI COPPIA – I FIGLI CI GUARDANO

In caso di crisi di coppia, uno dei primi elementi su cui lavorare è migliorare la comunicazione, fra i partner certo, ma tenendo conto che, se ci sono figli, indipendentemente dall’età, ci guardano ma soprattutto ci ascoltano.

Ecco allora alcuno consigli che possono essere utili:

  1. Lo dicevano le nostre mamme ma anche le nonne: non si va a dormire senza esserci chiariti prima
  2. Mai discutere o litigare di fronte ai figli ma ricordiamoci che le anche le porte hanno orecchie e i più piccoli hanno lo sguardo lungo anche sulle chat dei genitori
  3. Quando si sta per accendere il litigio meglio rimandarlo a un momento più sicuro per orecchie e sguardi indiscreti. Come? Almeno uno dei due partner deve disinnescare la miccia e dare un appuntamento all’altro (sempre entro al giornata, altrimenti è buttare la polvere sotto il tappeto) a più tardi. Serve non solo a evitare scenate di fronte ai figli ma anche a darsi il tempo di far scendere la rabbia.
  4. Concordare un gesto o una password che funzioni come stop alle conversazioni che degenerano per poi riaffrontarle in momenti migliori
  5. Non dimenticarsi mai di ritagliare per la coppia dei momenti da soli come si faceva all’inizio quando non c’era il mutuo e i figli non erano ancora arrivati.
  6. Smorzare i toni: se l’altro alza la voce o si sta irritando essere gentili ed educati con atteggiamento opposto; calma molto gli animi
  7. Non litigare via chat: i messaggi sono come le mail; troppo freddi e interpretabili spesso male. Il divano seduti vicini (la vicinanza corporea è segno di pace, non state distanti, sedetevi accanto all’altro) quando i figli dormono o sono a scuola è il posto giusto per il confronto
  8. Chiedere facciamo la pace: farlo per primi, non importa chi ha ragione. E ricordiamo che il sesso è il linguaggio più profondo, non ha bisogno di parole e spesso è più efficace di un’ora di botta e risposta.
  9. Chiedere scusa per primi.

Consiglio, in caso di problemi reiterati con i figli, di considerare l’ausilio di uno psicoterapeuta esperto in questo campo.

Buona visione!

Condividi:

5Commenti

  • alessandro pellizzari, 2 Febbraio 2024 @ 12:06

    Grazie Ariel

  • Ariel, 2 Febbraio 2024 @ 11:57

    Bravo! @CaroAlessandro !
    Davvero ottimi punti appunti e spunti per imparare cosa significhi in primis la vera comunicazione assertiva e cioè esattamente la unica forma di comunicazione che accende di vera luce costruttiva evolutiva qualsiasi relazione sociale ed affettiva.

    Questi tuoi punti infatti non funzionano solo in relazione con presenza di figli ,ma sono sicuro scientificamente unico modo per far funzionare qualsiasi vera relazione con gli altri indipendentemente da chi siano gli altri.

    In più certo che verso i figli in particolare resta sicuro un metodo ottimo perché crea un indotto apprendimento e cioè se i miei genitori li sento e vedo saper comunicare il più possibile in quei modi
    Di conseguenza io bimbo imparerò a farà uguale!!

    La VERA EDUCAZIONE si attua per tutti esattamente mettendo in pratica questi punti fondamentali a far funzionare al meglio le relazioni sociali ed affettive tutte!

  • Leilei, 1 Febbraio 2024 @ 21:54

    Il vasetto di una coppia che funziona.

  • Molly, 1 Febbraio 2024 @ 18:47

    Molto bello il decalogo eccetto per il sesso che secondo me non bisogna mai fare prima di essersi chiariti.

    Altrimenti soprattutto le persone che tendono a gettare tutto sotto il tappeto hanno la scusa che tanto ormai non si è più arrabbiati e quindi non vale la pena parlarne, la cosa è superata.

  • Nara, 1 Febbraio 2024 @ 15:25

    Che prezioso questo vademecum sulla comunicazione di coppia, grandi spunti, grazie @ale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.