In questo video racconto e spiego perché se un uomo mente anche alla sua amante mente davvero su tutto tendenzialmente, in quel tipo di rapporto

Parto da un commento della community del mio blog, quella che commenta spesso e volentieri sotto ogni articolo: un uomo ha scritto che è paradossale parlare di correttezza in un blog di amanti

DISSENTO E REPLICO

Ci sono un sacco di cose corrette nelle dinamiche degli amanti se nessuno bara. Un esempio? Nessun bisogno di dirsi bugie se si è in buona fede. Trasparenza assoluta. Confidenza superiore a quella che hai con il miglior amico. E potrei andare avanti. Un rapporto fra amanti equilibrato può essere un esempio di correttezza estrema fra due persone 

Quale situazione è più trasparente di quella con l’amante se non ci sono bugie? Nessuna, neanche quella con il proprio miglior amico, al quale non racconto le cose più segrete intime profonde che racconto a un’amante

Dire bugie a un’amante significa essere in profonda malafede e doverle mentire da quel momento in poi

CI SONO 4 BUGIE CAPITALI CHE SI DICONO ALLE AMANTI

La prima bugia capitale all’amante è dirle che lascerai la moglie quando sai che non lo farai mai

La seconda bugia e mentire sull’assenza del sesso coniugale

La terza bugia riguarda la vera realtà del rapporto a casa: dire che è morto o conflittuale e invece non è così, è una situazione tranquilla, a tratti affettuosa

La quarta bugia è sono tornato dopo esserci lasciati perché ho scelto te, non posso vivere senza di te e questa sarà la volta buona

Se dice solo una di queste bugie dovrà mentire su tutto o quasi anche con voi

E un uomo che mente anche all’amante non è un partner affidabile neanche se fosse single

BUONA VISIONE

https://alessandropellizzari.com/blog/love-advisor-libro/
Condividi:

15Commenti

  • Tiziana, 13 Marzo 2023 @ 14:01

    Grazie davvero per le Vostre risposte che mi hanno fatto sentire meno sola in questo periodo. Scusate se non ho reagito subito, non volevo sembrare scortese ma mi mancavano le forze. Leggo da tempo i Vostri racconti e sapevo di essere compresa. Sto leggermente meglio e mi impegno per non ricadere nella trappola dei pensieri. Ho iniziato con qualche ora di terapia e mi trovo a mio agio, ho cambiato palestra, ho preso contatti con diversi gruppi che organizzano incontri nei fine settimana e mi vedo di nuovo con le amiche che mi avevano dato per dispersa negli ultimi mesi. Insomma, mi bombardo di nuove impressioni e ho la sensazione di liberarmi sempre di più da quel peso sul petto. Inizio a respirare più liberamente ed è una bella sensazione.

    Inizio a capire solo adesso, a distanza di mesi, che ho perso la mia autenticità in questa storia squilibrata. Ho voluto essere perfetta per lui. Mi sono persino sottoposta ad un intervento di rinoplastica e mi stavo già informando sull’ingrandimento del seno. Lui non mi ha mai chiesto di fare interventi di questo tipo, diceva che gli piacevo esattamente com’ero. Avevo l’ossessione per lo sport, per il trucco, per i capelli. Tutto doveva essere in ordine perfetto, direi maniacale, se no andavo in paranoia. E so che questo è il mio irrisolto. Ci sarà da scavare in profondità, anche in terapia. E mi devo liberare da queste superficialità e dalla mania del controllo per ritrovare me stessa. Qualche giorno fa dopo la doccia mi sono osservata senza trucco allo specchio con i capelli ancora bagnati. Avrei voluto indietro il mio vecchio naso. Forse significa che vorrei ritrovare la persona che ero. Per me è un segnale positivo.

    Una cosa non ho raccontato sulla fine della mia storia. Dopo la famosa telefonata non ho avuto subito il coraggio di chiudere. Ero ancora in modalità zerbino innamorato ma incredulo. Ho voluto vedere con i miei occhi come stavano le cose e quindi ho deciso di osservare casa sua, in diversi orari, in diversi giorni. Lo so che è ridicolo ma in queste situazioni non si ragiona mica tanto bene. Mi sono camuffata e resa irriconoscibile. Lui abita al centro di una città dove è possibile nascondersi tra la folla. Non ho dovuto aspettare troppo. Una sera vedo uscire lui e lei, mano nella mano come due ragazzini innamorati! Felici e spensierati che chiacchieravano.

    Vedere la moglie dal vivo è stato devastante ma risolutivo per me. Ero in ansia per la paura di essere scoperta e allo stesso tempo mi sentivo piena di gelosia. Nota dolente sulla moglie: ha un nasino perfetto e non credo sia ritoccato. Non sembrava piatta e noiosa come descritta da lui. Tutto al contrario. Li ho visti brillare insieme. Ecco, questo è il vero momento del mio distacco. Ho realizzato di essere di troppo, di essermi imbattuta in una storia molto più grande di me che peraltro mi è stata nascosta. La telefonata ha rivelato che sotto c’è un rapporto consolidato e per niente morto e la verifica vicino casa sua ha confermato. Che lui non si faccia bastare il suo rapporto è evidente ma non capisco lo stesso. Io non sarei mai voluta finire in un casino del genere, né come semplice amica né come compagna di letto.

  • Lia, 28 Febbraio 2023 @ 11:31

    Ciao @Tiziana! Povera moglie con uno così! Certo che se era così abile non c’è neanche speranza che la moglie si sia accorta. Ed è un male per lei che viene e contunuerà ad essere, te lo assicuro, inconsapevolmente presa per i c…o.
    Tu gli hai creduto! Non ne hai nessuna colpa! Sei una persona integra. Lui no!
    La cosa che mi fa inc…re di queste storie è che sei finita tu a chiedere un aiuto professionale quando l’unico ad averne davvero bisogno è lui.
    Non preoccuparti dei 50 anni. Queste sono esperienze che arrivano per insegnarci qualcosa. Preoccupati di riprendere in mano la tua vita e i tuoi pensieri.
    Io non ho mai assistito ad una telefonata con sua moglie. Avrei voluto così probabilmente lo schifo sarebbe arrivato prima! Si tratta di rendersi conto della verità e prima succede, meglio è.

  • Elav, 28 Febbraio 2023 @ 11:17

    Ciao amica, siamo sfigate in due: sfiga comune, mezzo gaudio! Scherzo, il tuo messaggio mi ha colpita perché mi trovo più o meno nella tua stessa situazione: 49 anni, single, senza figli e appena uscita (lo spero!) da una relazione con uno sposato. Forse saremo sfigate, agli occhi di qualcuno, ma poi chi se ne importa, però abbiamo avuto il coraggio di mandare i nostri cialtroni a quel paese, ci siamo riprese la nostra dignità, non è già una bella botta di autostima? E poi adesso siamo libere, chissà che il futuro non ci riservi qualcosa di bello, magari un uomo non sposato! E poi ok, quasi 50, ma non siamo ancora delle vecchie carampane. 50 is the new 30. Cara Tiziana, penso sia normale che tu ancora rimugini dopo 7 mesi, 4 anni di relazione sono tanti, ci vuole tempo per elaborare il lutto. Datti tempo. Leggi il blog di Ale. Dedicati a te stessa. Attaccati a quella voglia di rinascita e di riscatto che inizi a sentire dentro di te. È l’energia positiva che si è liberata dentro di te adesso che ti sei disfatta di quella relazione tossica. Non sei sola. Un abbraccio forte.

  • Molly, 27 Febbraio 2023 @ 21:51

    Mi sento ancora la povera sfigata che, a differenza di tutte le amiche, non ha saputo crearsi una famiglia alla soglia dei 50 anni. Autostima zero. Il cialtrone ha sfruttato abilmente la mia sete di amore e le mie fragilità. Ho chiuso ma la mia mente continua a girare. Dopo 7 mesi il dolore è ancora lì ma sta cambiando forma e sostanza. Il dolore per le bugie, per l’umiliazione, per la gelosia, per lo smarrimento lascia lentamente spazio ad una presa di coscienza e alla voglia di rinascere, stavolta con un aiuto professionale.

    Mi dispiace molto @ Tiziana del tuo dolore, del tuo scontro con la realtà della vita, del tempo che passa e la sensazione di aver buttato via il tuo tempo.

    Trova l’aiuto professionale che ti serve per affrontare questo momento doloroso della tua vita.

    Ricorda: a tutto c’ è rimedio e ogni esperienza ci insegna qualcosa. Una volta toccato il fondo davvero si risale. Non fare l’errore di dargli corda se dovesse rifarsi sentire, cosa che pare scontata. Vai avanti e non voltarti indietro. Riprenditi la tua vita e prenditi cura di te.

    Anche se sono stata una moglie tradita, il dolore non sta solo da una parte.

  • alessandro pellizzari, 27 Febbraio 2023 @ 20:43

    Non sei la prima che legge o ascolta la verità di molti finti separati in casa. Lui è un bugiardo assoluto

  • Tiziana, 27 Febbraio 2023 @ 19:59

    Solo la quarta bugia mi manca … dopo l’ennesima promessa di andare a convivere ha tirato fuori l’argomento soldi e i problemi legati alla futura sistemazione della moglie. Chiedeva altro tempo. Per me era inaccettabile e dopo quasi 4 anni insieme l’anno scorso gli ho detto addio. Le sue spiegazioni sempre meno logiche e una scoperta cruciale mi hanno dato la forza di chiudere.
    Sono sicura che con la moglie la storia non è mai finita come sosteneva lui. Anzi, direi che lei era completamente ignara di una presunta crisi. Il giorno della verità per me è arrivato quando ho ascoltato una loro telefonata. Parole dolcissime, una complicità molto inaspettata, accordi sui prossimi impegni e la voglia di fare sesso quando si sarebbero rivisti. Lei lo credeva in trasferta e lui, nel momento della telefonata, pensava di essere solo in casa mia. Io, tremante nell’altra stanza al buio, mi sentivo morire.
    Sono ripiombata nel tunnel di qualche anno fa. Mi sento ancora la povera sfigata che, a differenza di tutte le amiche, non ha saputo crearsi una famiglia alla soglia dei 50 anni. Autostima zero. Il cialtrone ha sfruttato abilmente la mia sete di amore e le mie fragilità. Ho chiuso ma la mia mente continua a girare. Dopo 7 mesi il dolore è ancora lì ma sta cambiando forma e sostanza. Il dolore per le bugie, per l’umiliazione, per la gelosia, per lo smarrimento lascia lentamente spazio ad una presa di coscienza e alla voglia di rinascere, stavolta con un aiuto professionale.
    Mi sembra tutto così assurdo. Ma davvero credevo di fare ingresso nella sua vita ufficiale? Dai racconti conoscevo tanti particolari della famiglia e vari aneddoti come se ne facessi già parte. Ora capisco che i dettagli della sua vita privata non erano altro che una tattica per legarmi a lui, per creare delle aspettative. Se sapessero…. la sua famiglia mi avrebbe sputato in faccia, altro che accoglienza! Quanto tempo perso, quante emozioni negative e meccanismi tossici. Penso alle continue chiamate tra di noi durante una sola giornata. Con un po’ di distanza mi sembrano comportamenti asfissianti. Dove stai? Cosa fai? Dove vai? Con chi stai? Cosa hai mangiato? Cosa hai pensato? Mi pensi ancora? Quando ci vediamo? Un continuo rassicurarsi sui sentimenti dell’altro. Adrenalina? Certo, a mille! Ma sempre mischiato ad emozioni estremamente dolorose. La definirei adrenalina negativa.

    Mi fa rabbia che i miei pensieri sono ancora impegnati in questa faccenda. Vorrei essere libera per pensare ad altro. Razionalmente so che sto parlando di un uomo che non vale nulla. Non merita neanche che IO sto ancora qui a chiedermi quale diabolico disturbo della personalità LUI possa avere. Sarà semplicemente cretino, seriale, furbo, cialtrone. Problemi suoi (e della moglie)

  • alessandro pellizzari, 30 Gennaio 2023 @ 09:58

    Ho due domande a completamento del tuo video, secondo te un bugiardo che si dice pentito può davvero cambiare?
    E si può tornare ad avere fiducia in chi l’ha tradita?

    Un bugiardo pentito lo deve dimostrare con i fatti e per lungo termine, cioè devi vedere un comportamento lineare e positivo credo per almeno un anno. La fiducia può tornare se davvero il colpo inferto non è mortale, se si ama ancora chi ha tradito e se lui dimostra di riamare veramente, non perché ha paura di perdere comodità soldi o di essre sbattuto fuori. Su questi aspetti può essere illuminante il caso di Molly

  • sunflower, 30 Gennaio 2023 @ 08:48

    Grazie Alessandro per l’ottimo articolo che mi trova, per esperienza personale, d’accordo su tutto, infatti è assurdo mentire all’amante se sei stufo della storia non ti inventi bugie, semplicemente chiudi. Ho due domande a completamento del tuo video, secondo te un bugiardo che si dice pentito può davvero cambiare?
    E si può tornare ad avere fiducia in chi l’ha tradita?

  • Ariel, 28 Gennaio 2023 @ 12:49

    @Noel se ci si cura la propria dipendenza affettiva ecco che cosa cambia concretamente nelle esperienze di proprie relazioni affettive

    Due cose fondamentali

    SUPERATA la dipendenza affettiva NON SI VIENE PIÙ ATTRATTE DA CIALTRONI

    Perché è il meccanismo stesso contenuto nella dipendenza che ci fa notare ed essere attratte e attaccarsi proprio a Cialtrone!
    ( per scoprire il perché di questo meccanismo invito sempre a documentarsi con fonti accreditate ed attendibili in primis contattare psicoterapeuta specializzato in relazioni con dipendenza affettiva e manipolazione negativa.)

    Poi superata la Dipendenza affettiva si sta in grado di riconoscere da lontanissimo i veri soggetti CONTABALKE A STECCA!!!

    Ovviamente più che naturale e comprensibile in questo percorso DI CONQUISTA E SCOPERTA DEL COME FARE A RIACQUISTARE LA FIDUCIA

    QUALE FIDUCIA????

    La PIÙ IMPORTANTE ,
    QUELLA IN SE STESSE!!!!!!

    Infatti state esperienze tossiche nascono da MANCANZA DI FIDUCIA IN SE STESSE!!!!
    La dipendenza affettiva!

    perché occorre
    IMPEGNO PERSONALE A CURARSI
    PAZIENZA
    PERSEVERANZA
    NON ABBATTERSI
    NON MOLLARE MAI SE STESSI!,

    Ecco che dopo il percorso mai più viene da mettersi in analoga situazione

    Sto con mio partners esiste amore reciproco
    Ovviamente litighiamo pure come naturale quando ci si ama si resta vivantes

    Ma MAI MI CHIEDO CON DUBBIO MI DIRÀ LA VERITÀ O BUGIA???

    Non ho BISOGNO DI QUESTO

    BADO AI FATTI CONCRETI!!!

    A parole come vedi cara @Noel siano tutti capaci di raccontarci palle galattiche!!!!

    Via della cura personale
    E CAMMINARE NELLA NUOVA CONQUISTA DEL VERA TE STESSA !!!

    Nuova vita !
    Si acquisisce la Sicurezza del RIUSVIRE A SUPERARE QUALSIASI OSTACOLO!!!

    Questa è il vero meccanismo di CERTEZZA NELLA NOSTRA VITA!!!

    Buon camino!

  • Noel, 28 Gennaio 2023 @ 10:22

    Dopo tante bugie non è facile tornare ad avere fiducia nel prossimo in generale.
    Le piccole bugie bianche le diaciamo tutti, per coprirci su delle stupidaggini o per non ferire il prossimo. Ci inventiamo scuse, piccole o grandi. Vabbè non è bellissimo ma esiste e ce ne faremo una ragione, cercando ovviamente di limitarci il più possibile e di non entrare nel circolo vizioso del “mi è andata bene” o “sono più furbo”.
    La questione è che se io inizio a frequentarti e so che cmq sei sposato, so benissimo di camminare sulle uova, quindi so che è così anche per te. Io sto attenta tu stai attento. Mi dici che ti piaccio ma, mi dici che con me stai bene ma, mi dici che non sai stare senza di me e invece ci riesci, mi scrivi ma non mi rispondi dopo, non ti faccio domande eppure mi menti gratuitamente.
    Quando sono entrata nel tunnel profondo delle sue menzogne costanti e di ogni tipo, ho fatto fatica a riconoscere la realtà attorno a me. Persino le mie amiche mi mentivano, le sue anche peggio.
    E come si fa dopo, anche quando ne sei fuori, a credere a qualcun altro che dice sto bene con te, mi manchi…

  • alessandro pellizzari, 28 Gennaio 2023 @ 09:04

    Vero purtroppo i maschi sono dei gran bugiardi molto più delle donne in amore

  • Ilaria, 27 Gennaio 2023 @ 22:15

    Mi sembra che tu prenda tutte le idee diverse dalla tua come affronti o smentite alla tua esperienza @molly. Voi non fate statistica, è chiaro. Il resto dei matrimoni o amantati che approdano qui è fatto di ‘miserabili’ traditori/traditi e imbroglioni/imbrogliati ..lasciaci dire semplicemente come stanno le cose, almeno qui.

  • Molly, 27 Gennaio 2023 @ 20:51

    Ma gli amanti corretti e che si amano veramente non si dicono bugie

    Sai, @Ale se si ama in qualunque relazione non si dicono bugie, non si tengono nascoste cose, ci si mostra per quello che si è. “Amanti” in quanto persone che amano. Ma come hai dimostrato tu, in quelle relazioni di amantato, relazioni extraconiugali, che arrivano a te le bugie abbondano, perché quando arrivano a te, evidentemente qualcosa non sta funzionando a gonfie vele. Abbiamo visto menzogne maschili e femminili, con le tue statistiche a vantaggio dei maschi col naso più lungo.

  • alessandro pellizzari, 27 Gennaio 2023 @ 18:34

    Se tutto va bene non ci sono bugie in amore. Ma gli amanti corretti e che si amano veramente non si dicono bugie

  • Molly, 27 Gennaio 2023 @ 13:35

    “Ci sono un sacco di cose corrette nelle dinamiche degli amanti se nessuno bara. Un esempio? Nessun bisogno di dirsi bugie se si è in buona fede.”

    Scusa @Alessandro ma queste cose che descrivi non sono caratteristiche tipiche di una relazione tra amanti (extraconiugali). Se tutto sta andando bene, non ci sono bugie nemmeno tra coniugi o fidanzati e si è se stessi al 100%.

    La gente inizia a non essere autentica, a fingere quando qualcosa non sta funzionando. Non provare a vendere l’amantato come la vera relazione perché nasce in un momento di menzogne in cui si è smesso di essere genuini. Sembrano frasi di chi si arrampica sugli specchi a giustificare l’ingiustificabile. È conveniente l’amantato per tenere capre e cavoli ma di sicuro non è l’ideale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.