affection connected daylight engagement
Photo by Pixabay on Pexels.com

Voglio essere chiaro con te: io non lascerò mai mia moglie.

E dopo: ti avevo detto che non avrei lasciato la mia famiglia e sono sempre stato corretto, non ti ho mai promesso nulla.

GUARDA SUBITO ANCHE IL VIDEO:

Sono queste le due frasi classiche che molte amanti si sentono dire all’inizio di una storia con un uomo sposato, o comunque impegnato. E poi dopo, magari oltre un anno dal perdurare della storia.

Non poche di voi accettano comunque di iniziare una frequentazione, anche perché queste frasi vengono spesso pronunciate in una fase avanzata del corteggiamento, e cioè quando con lui, bello, simpatico ed empatico ormai ci siete già uscite diverse volte, avete superato alla grande caffè aperitivo e cena e vi siete baciati.

A questo punto manca solo il letto ma, non di rado, queste stesse frasi vengono pronunciate quando avete assaggiato già quanto bene fate l’amore con lui.

Certo, lui vi corteggia da molto tempo, magari è un ex di gioventù di ritorno, o un amico o un collega stimato che ha fatto outing improvvisamente (ma in cuor vostro avevate già capito che aveva un interesse, avete solo resistito): vi sembra di conoscerlo da sempre, o comunque da molto più tempo di quello che è nella realtà. Effetto anche delle chat lunghe, frequenti, mielose, che tanto piacciono quanto poco dicono nella verità dei fatti.

E allora perché non concedersi un sereno flirt e del buon sesso finalmente, con leggerezza, con un uomo che vi piace ed è piacevole: molte di voi fanno questa scelta di piacere in serenità, senza badare troppo al fatto che sia impegnato (molti di questi uomini non parlano della loro situazione matrimoniale, e voi all’inizio non chiedete, non vi interessa, al massimo siete un po’ curiose ma se lui glissa o è telegrafico, tanto basta).

Molte di voi accettano quello che sembra solo un flirt iniziale perché vengono da una storia precedente finita male, deludente o pesante, perché hanno voglia finalmente di un po’ di aria fresca, di buon sesso dopo mesi, a volte anni di zero orgasmi, perché il vostro matrimonio langue, si trascina, è decotto o addirittura conflittuale, perché semplicemente avete bisogno di sentirvi di nuovo belle e donne al centro dell’attenzione, e questo nuovo pretendente vi fa sentire delle regine.

Molte di voi, anche se sposate da tempo, hanno attraversato per anni un deserto sentimentale e fisico e adesso si vedono davanti l’acqua cristallina (apparentemente) di un’oasi mai vista.

E allora chi se ne frega del fatto che sia impegnato! Anzi, è anche corretto perché lo dice subito, con tutti quei cialtroni finti separati in casa è già uno migliore. E allora la storia inizia in allegria, numeri da circo a letto, risate all’insegna del carpe diem.

Della moglie/compagna/fidanzata? in questa fase non ve ne frega nulla, è una perfetta estranea, un’ombra, un ectoplasma, lui non ve ne parla o se ve ne parla (poco) si capisce che non siamo al primo tradimento per lui (anche se pochi lo ammettono) o si tratta di un matrimonio azienda (leggi qui di cosa si tratta)…

oppure semplicemente lui vi dice che a casa va tutto bene (sì certo la routine…) ma il sesso e il divertimento fanno parte della sfera personale delle persone, che lui non crede nella fedeltà fisica (quella sentimentale e familiare figli compresi è un’altra cosa), soprattutto dopo anni di matrimonio e vita in comune, e che quindi quello che succede fra voi è assolutamente naturale e lecito, anche se avrà delle regole ben precise, come scopriremo.

Bene, benvenute nel mondo degli uomini seriali: sono loro che fanno questi ragionamenti soprattutto all’inizio di una frequentazione (loro non la chiamano subito storia) e che ho descritto con ben tre profili dedicati nel mio nuovo libro Love Advisor che trovi qui.

Tutto bene dunque, siamo all’inizio di quello che io chiamo (non a caso) amantato ludico, che in media dura sei mesi.

Però, proprio perché le cose vanno così bene con lui (sesso stupendo, allegria, grande confidenza, tempo a te dedicato più che sufficiente, anzi abbondante) il tuo atteggiamento presto muterà in un coinvolgimento maggiore e, col passare dei mesi, la storia spensierata diventerà per te prima attaccamento, poi innamoramento e poi amore, se lui continuerà a stare con te.

E il “io non lascerò mia moglie” e “non ti prometto nulla?” dove sono andati a finire nella tua testa? Sono sempre lì, belli in evidenza, ma tu non osi chiedere se per lui la regola è sempre la stessa, o se lo chiedi incassi un “te l’ho sempre detto, io sono un uomo corretto, anche se…

…anche se per me è la prima volta che mi sento coinvolto con una donna come te, non ho mai conosciuto una come te, per me sei davvero importante, con te il sesso e la complicità intellettuali non hanno precedenti, sei la migliore…

Insomma, sia chiaro che lui non lascia la moglie e lo aveva detto, ma intanto lui dice queste cose che sanno di miele, voi vi frequentate, magari assiduamente, magari anche da fidanzatini mano nella mano cena fuori giornate fuori notti e forse qualche weekend, e lui vi riempie di parole dolcissime, carezze, regali, attenzioni.

Per non parlare dei messaggi e delle telefonate o delle dediche sui social o foto dedicate! Su quello (che non costa nulla), gli uomini sono sempre prodighi, soprattutto quando sono sul divano di fianco alla moglie e si annoiano o hanno voglia alle due di notte di fare sexting con voi per una bella manovella assistita. Ma anche se il fumo è tanto come le belle parole, per ora non potete lamentarvi: vi vedete abbastanza e, quando siete insieme, tutto funziona (o quasi) a meraviglia.

Ma allora qual è il problema? Che passando il tempo avete passato un anno di “frequentazione”, voi siete ormai innamorate e lui? Credete di sì anche se solo ogni tanto gli scappa la parola amore, o più raramente ti amo (soprattutto mentre lo fate).

Ma lui vi aveva detto chiaramente, e magari ve lo ha anche ripetuto in questi 12 mesi e più, che non se ne parla di lasciare la moglie.

Però… però magari non è più così convinto di stare con la moglie, magari riuscirete voi a convincerlo, a farlo innamorare “come voi”, a cambiare idea. Io ti cambierò è alla base di quasi tutte le fregature che si prendono le donne che investono la loro vita sentimentale (e non solo) in un seriale o in un uomo impegnato che tradisce certo la moglie, ma che non la lascerà mai.

In fondo, come dico sempre, un uomo che ti dice che non mangia il cioccolato ma che poi lo consuma ampiamente ogni mese con te e per tanti mesi, magari anni, non può pensare di non illuderti che a lui, anche se dice il contrario, il cioccolato gli piace tantissimo. E da qui a pensare che con un po’ di pazienza lui la tua cioccolateria un giorno la comprerà vivendoci con te dentro a continuare a mangiare cioccolato il passo è breve.

Siete delle povere illuse? Vi siete costruite un castello di carte da sole? Eppure lui vi aveva avvertito, magari più volte…

No care amiche, non basta dire all’inizio “non lascerò mai mia moglie” per poi ribadire nel tempo “non ti avevo fatto promesse, sono sempre stato corretto con te”. E sapete perché? Perché questo forse può valere entro il primo anno, ma non dopo, magari in una storia che dura 2,3 4 anni e più e lui è ancora lì a farvi fare l’amante più o meno allegra. Non siete un’amante, siete un matrimonio parallelo ormai.

Perché il tempo e i fatti, il suo frequentarvi e stare con voi per molto tempo ILLUDE, al di là delle parole e dei contratti con le regole del gioco stipulati i primi tempi. Troppo comodo dire te l’avevo detto e poi vederti ogni settimana, fare l’amore con te, sentirti tutti i giorni, condividere ogni segreto, essere complici, e tu che fai la geisha, la psicologa gratis, l’infermiera, la consulente del lavoro, persino la discarica emotiva! Eh no, troppo comodo mangiare ogni settimana al ristorante stellato e poi non voler pagare il conto perché devo tornare alla mia solita trattoria, sto ancora pagando il mutuo!

Insomma, lui vi illude e vi ha illuso per tanto tempo, magari con frasette che ammiccano alla vostra speranza, come vorrei ma non posso, sei tu la migliore, il mio cuore è da te, se solo ti avessi conosciuto prima, sei la più importante, io ho questa intesa solo con te senza di te non so come farei…

te lo dico io come farebbe! Tornerebbe a casa per poi avanti un’altra amante stampella! Altro che corretto!

Insomma, hanno mille modi per illudervi: il tempo trascorso insieme, la sua qualità, far capire senza dirlo apertamente che “forse un giorno”, o che “magari lei è stufa e se ne andrà”, o che “ho comprato una nuova casa, certo è un investimento (per chi? Indovina!), ma chissà…”. Tutto fumo negli occhi, specchietti per voi allodole, illusioni premeditate e scorrette, altro che correttezza! Il tutto per farvi continuare ad aspettare, a stare al vostro posto, a fare l’amante stampella.

Ci sono poi qui grandi uomini “correttissimi” che vi presentano i parenti per illudervi di quanto stiate diventando importanti (poveri genitori, chissà a quante pantomime di questo tipo hanno partecipato, tipiche di certi seriali di bassa etica nei confronti persino dei parenti), che vi dicono che ne hanno parlato al fratello o al migliore amico (così tu pensi: beh allora sono importante!), che vi chiedono di conoscere i vostri figli o vi presentano i loro, usandoli per farvi credere che in futuro potreste… Non accettate queste cose, e non confondetele con aperture di credito: sono solo azioni irricevibili (i FIGLI non si coinvolgono MAI).

La dichiarazione “Io non ti ho promesso nulla” può, dunque, diventare molto dolorosa col tempo. Indigeribile.

Un primo sintomo di disagio viene proprio dalla vostra visione della moglie, che col tempo da ectoplasma si trasforma in concorrenza e presenza ingombrante, semplicemente perché più frequentate suo marito e meno capite e accettate che lui torni da lei dopo che sta così bene con voi, riempiendovi di complimenti fino a quasi vere dichiarazioni di amore (ti amo ma…). Semplicemente perché il vero amore, anche quello dell’amante (che non è da meno) pretende esclusiva, pretende un progetto per il futuro: Così inizierete a chiedere di lei, ha spiare i suoi social, a soffrire per la competitor…

Poi di solito avviene una cosa che fa crollare tutto il castello di carte: lui inizia a togliervi tempo.

Mantiene (di solito, in maggioranza, questo dice la mia Epidemiologia di coppia, il metodo statistico che uso per profilare gli uomini e non solo) il love bombing, i messaggi e il virtuale (che non costa nulla) ma più o meno piano, gradualmente, inesorabilmente, da amante fidanzata al centro delle sue attenzioni vi ritroverete amante part time, con briciole del suo tempo e a fare sesso frettoloso in pausa pranzo in auto o a casa vostra che è tanto comoda e soprattutto al sicuro da sguardi indiscreti.

Come mai siete diventate amanti di serie B? Secondo la mia Epidemiologia di coppia, i motivi più frequenti sono questi:

  1. Siete diventata una rompiballe. Perché sei stufa di non avere un futuro e non ti basta più “te lo avevo detto”, lui ti ha illuso troppo e ora non vuoi più fare l’amante, o per farlo vuoi di più. Vuoi speranza, progetto, tutta roba che lui non ti può dare. E intanto non sei più così spensierata come prima, non sei più solo geisha e migliore amica. Sei una palla al piede, anche se ancora molto scopabile (ecco perché rimane ancora lì).
  2. La moglie ha drizzato le antenne (se lo avesse scoperto sareste già giù dalla torre in un secondo, lasciate con un messaggio) e lui ora rischia troppo e quindi deve ridimensionare il recinto nel quale vi faceva giocare. Il rischio è troppo alto e voi non valete la candela. Cercherà di tenervi buona col virtuale e i messaggi e le dichiarazioni d’amore al telefono. Mi manchi dal divano di casa.
  3. Ha in ballo una nuova potenziale amante sostituta e voi siete di troppo, perché ora deve gestire tre donne: voi, la nuova, la inossidabile moglie. Iniziano i bidoni e si moltiplicano scuse e bugie.
  4. Si è stufato: ormai siete insieme da un po’, il kamasutra lo avete fatto tutto tre volte, non ci state ad andare a fare i giochini a tre con lui o altre novità goderecce che si fa venire in mente per ravvivare la coppia e quindi lui cerca una exit strategy. Dura o soft dipende solo da quanto lui non voglia piazzate o casini da parte vostra, l’affetto e i sensi di colpa per voi non ci sono neanche se fa la scenetta del pianto per convincervi di quanto soffre.

Dunque, il dire te l’avevo detto che non l’avrei lasciata e non ti ho mai promesso niente non fa di lui un uomo corretto e di te una amante che ha rotto un patto pretendendo, magari dopo tre anni, qualcosa di diverso della trombamica un po’ più elevata socialmente.

Questo può far sentire l’amante tradita, usata e ferita. Giustamente. La sensazione di essere stata preso in giro o di essere stata oggetto di false speranze può causare una profonda delusione e un senso di fallimento personale. Qualunque sia la ragione per cui l’uomo dice “Io non ti ho promesso nulla”, l’amante ha il diritto di sentirsi ferita e tradita, prima o poi. Questa dichiarazione può essere un modo per l’uomo di evitare la responsabilità delle sue azioni e delle sue parole, ma ciò non significa che l’amante debba accettarlo come scusa.

Quindi, care amiche che soffrite ma “in fondo è stato corretto”, avete poche cose da fare da adesso, dopo aver letto questo mio articolo:

  1. Rendetevi conto che è stato tutt’altro che corretto, anzi dopo tutto questo tempo vi ha illuso e usato la vostra speranza per fare quello che voleva lui e tenervi attaccate. Da brave amanti stampella a disposizione.

2. Chiudere voi, adesso, subito questa storia. Non c’è prospettiva, state soffrendo abbastanza, lui non lascerà mai la moglie, questi sono i fatti. Quindi convocatelo, in presenza o a voce (meglio a voce, così non vi fate sedurre per l’ennesima), ditegliele tutte (anche per lettera se volete) e chiudete. Voi l’amante non la fate più.

3. Parte il Codice del silenzio o no contact. Come si fa? Leggete qui.

4. Bloccatelo se continua a scrivere, telefonare, insistere: non c’è nulla da dire, voi non ve la sentite più.

5. Vuole fare qualcosa che vi faccia cambiare idea? Attente a chiedergli di rifrequentarvi come una volta… Soprattutto se è stato quasi beccato dalla moglie lo farà per un po’, ma poi sarete d’accapo con la sveltina di mezzogiorno nella vostra cucina. Che torni fuori di casa (ma non buttato fuori dalla moglie, come sua scelta) e con la separazione in mano: ma tanto vi risponderà “te l’avevo detto che vorrei ma non posso”.

5. Non ce la fate a fare tutto questo da sole? Contattatemi, vi aiuterò io (anpellizzari@icloud.com).

Care amiche, non basta dire “te l’avevo detto” e poi vi ritrovate in un matrimonio parallelo ma recintato dalle sue regole e poi fatto di briciole. Il vostro tanto corretto e integerrimo uomo si è rivelato un cialtrone come tanti altri! Si vanti poco della sua correttezza, soprattutto se vi ha presentato figli e parenti (e magari vi ha convinto a farlo nel suo letto matrimoniale o a conoscere lei per “calmare i sospetti). La correttezza non illude per anni e anni di amantato.

Tutto ciò, d’ora in poi, vi farà sempre più male ed è tossico: liberatevene subito! E… mai più con gli impegnati e i seriali!

Il vostro Love Advisor

Condividi:

29Commenti

  • alessandro pellizzari, 29 Luglio 2023 @ 12:55

    Lui non è che non capisce ti vuole usare come amante stampella e alle sue regole. Il consiglio è farti aiutare subito. Se ti interessa il mio counseling scrivimi ad a anpellizzari@icloud.com
    E voi non siete amici siete amanti e tu se vai amanti così avrai vita grama. Reagisci non c’è amore in lui non ci sono prospettive

  • Lena, 29 Luglio 2023 @ 10:07

    Il mio ex amante mi molla sempre dopo una litigata, mi fa sentire colpevole del fatto che il nostro rapporto non va perché io non sopporto la nostra situazione che va avanti da tre anni. Lui dice che sua moglie non la lascia, eppure a me ci tiene e con me sta bene, ma poi deve finire lì, non devo aspettarmi niente da lui. Dieci giorni fa, dopo l’ennesima lite, visto che lui mi stava ignorando, gli ho detto basta e ho cancellato il suo numero per non essere tentata di richiamarlo in futuro. Io so che tornerà a ottobre dicendo che è colpa mia, che non capisce perché non possiamo restare amici, vederci se capita. Io davvero non so cosa rispondergli. Mi da troppo fastidio che lui pensi di essere la vittima e io la carnefice pazza e lunatica. Vuole farmi andare bene realtà che normali non sono, ovvero accettare di rimanere nascosta mentre lui si vanta con tutti della sua meravigliosa moglie. Possibile che non capisca cosa c’è dietro la mia rabbia e il mio sentirmi offesa? Potreste darmi dei consigli su cosa rispondergli quando si rifarà vivo?

  • Stefano, 4 Aprile 2023 @ 11:10

    @Sunflower
    “l’ho rivisto, ci frequentiamo ancora”

    Come sei riuscita dopo che ti è scaduto così tanto a tornare a frequentarlo a distanza di mesi? Se una cosa non ti andava bene prima e non è cambiata e se oltretutto le sensazioni belle non ci sono più e penso non lo ami ne stimi piu come prima, qual è il senso di riprendere sapendo che poi lo lascerai un’altra volta e dovrai ricominciare da capo con il distacco?

  • alessandro pellizzari, 4 Aprile 2023 @ 10:30

    dagli la pedata presto

  • sunflower, 4 Aprile 2023 @ 10:22

    complimenti Alessandro come sempre i tuoi articoli e le tue dirette sono puntuali e precisi e ci si stupisce sempre di come questi uomini siano tutti uguali in certe manifestazioni.

    Il mio ex dopo 2 anni di amantato alla mia richiesta di cosa ne facciamo della nostra storia……. dopo le sue innumerevoli frasi d’amore e i suoi ti amo che si sprecavano e del “ti avessi incontrato prima” , “io immagino un futuro per noi”…… “io sogno… “…e chi più ne ha più ne metta, ha solo saputo dire “io non ti ho mai promesso nulla”….al momento ci sono rimasta talmente male che non sono nemmeno riuscita a replicare… ma qualcosa ha cominciato a cambiare sia per me che per lui.

    In questo modo i cialtrones si sentono corretti. Dopo questa rivelazione che mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto capire che le parole stanno a 0 ma che solo i fatti contano, la storia è sempre andata peggiorando, si è logorata fino all’epilogo inevitabile.

    Assedio per mesi e mesi, l’ho rivisto, ci frequentiamo ancora, lui ha ammesso tutte le sue manchevolezze nei miei confronti… e ha cercato ancora di ricominciare con le solite frasi, con i suoi sogni… (fatti 0 naturalmente ancora aggrappato al suo matrimonio come una cozza) ma io non sono più la stessa, lo guardo e penso al rischio che ho corso desiderando investire il mio futuro con uno come lui…..non è rimasto nulla di quello che era e questa conferma mi ha fatto bene in un certo senso a breve gli darò una seconda pedata lasciandolo questa volta MOLTO volentieri a sua moglie

  • ilaria, 16 Marzo 2023 @ 12:36

    @ads riguardo all’evolvere come individui in qualsiasi situazione ci si trovi, lo reputo solo un segno di grande intelligenza.
    Ci sono cose che non si possono correggere adesso, magari tra anni si potrà, ok le mettiamo in una loro bolla e le teniamo distaccate dal resto della nostra vita. La spinta in avanti è sacrosanta.
    Se serve spegnere certe frequenze, si spengono.

  • ilaria, 16 Marzo 2023 @ 12:30

    @stefano ma se non c’è intimità, siete parenti stretti che omettono quel che potrebbe ferire l’un l’altra. A tua moglie non interessa toccare le parti di te che potrebbero essere entrate in contatto intimo con un altro corpo (anche se non ci pensa/non ci vuole pensare) non ha intimità con te punto e basta.
    @ads diceva -mi pare di aver letto- che avrebbe iniziato il digiuno sessuale per la quaresima. Quindi fino a poco fa hanno avuto rapporti.
    Intanto vedeva se ne conosceva qualcuna che avrebbe potuto riaccenderlo.
    Eh dai, così la moglie è propio uno strumento. Vero anche che ci si può rifiutare.
    Lo so che è difficile per chi non ci vive dentro. Però questa cosa accade così, come l’ho scritta, come la descrivi tu @stefano.
    Non è un rapporto che si spegne o si accende per l’amante. E’ un rapporto che si è scaricato e non è più ricaricabile.

  • Francesca, 15 Marzo 2023 @ 20:55

    @Ads Si le donne manipolano le foto, una donna mediamente carina rimorchia quando vuole.. Invece gli uomini tutti sosia di Brad Pitt immagino,nonché simpatici, gentili, seri e affidabili

  • ads, 15 Marzo 2023 @ 17:25

    @ilaria è meglio che non racconti qui di qualche incontro platonico con qualcuna di loro,
    ne ho sentita piu di qualcuna , da quella che lo faceva in maniera consezionte al marito,
    a quella che si voleva vendicare delle corna del marito, a quella che aveva il marito in andropausa ,a quella che si era lasciata dopo 6 anni di amantato, a quella che si è poi separata,
    alla dirigente che si faceva mandare la foto e decideva.

  • ads, 15 Marzo 2023 @ 17:14

    @cara francesca, guarda che è pieno di donne single e non solo,
    mi annoiano si dopo un po questi siti,
    si le donne manipolano le foto,una donna mediamente carina, rimorchia quando vuole.
    @ilaria..mica è un mistero, leggi aritroso, e l’ho anche scritto, mo fingere in anonimato mi pare una cazz.ata.
    Ad ogni modo piu ‘ leggo il blog e piu mi sento in buona compagnia in quanto a lati oscuri-
    @cara ilaria e company, io sono una persona in continua evoluzione, ho delle spinte dentro di me,
    se leggessi quanto dicevo 2 anni fa,..ora non è che non le penso piu’ ma le vedo in un altra maniera e forse non le scriverei.
    sto riflettendo molto sia sul tema matrimonio da portare avanti per tutti quei motivi che spesso vengono citati, che su altri aspetti, è un viaggio personale vedremo dove porta-.
    Sicuramente non me ne sto a bagno maria perchè cosi mi posso comprare un paio di occhiali da sole al mese.

  • Stefano, 15 Marzo 2023 @ 17:03

    @Ilaria
    “@Ads […] App di incontri ..spero almeno non tocchi più tua moglie.”

    Porto la mia testimonianza di uomo. Io non uso app di incontri ma dopo che lei se n’è andata ho voglia di conoscere gente e svagarmi. Non parlo naturalmente del sesso, non lo farei mai con una sconosciuta perché per me deve scattare qualcosa. È sempre e solo stato così. La mia compagna non la tocco da 3 anni, da dopo 3 mesi del mio legame con la ex-amante. Nulla, nemmeno baci cosiddetti a stampo. L’unica vicinanza sono abbracci in qualche occasione. Le voglio comunque bene. È stata la mia compagna per oltre 30 anni e ancora adesso è qui perché anche solo la mia presenza la fa stare bene e non vorrebbe vedermi andare via. È una donna in gamba. Mi spiace non amarla più, ma come si dice al cuor non si comanda. E nemmeno voglio farlo. Anche se il mio cuore vorrebbe tornare a battere come negli ultimi tre anni. Perché stava bene ed era bello. Purtroppo la persona era sbagliata. Non so quale sarà il mio percorso. Vedremo

  • ilaria, 15 Marzo 2023 @ 15:05

    @ads.. la sacra inquisizione. Rido eh. Però anche tu dai.
    App di incontri ..spero almeno non tocchi più tua moglie.

  • Francesca, 14 Marzo 2023 @ 20:27

    @Ads Anche le app d’incontri, complimenti, non ti fai mancare proprio nulla.. E ti lamenti anche che sono deludenti…

  • ads, 13 Marzo 2023 @ 15:06

    io sulle ap di dating non ci vado piu, sono molte deludenti,
    con le foto si manipola un bel po’, poi ho beccato la mia collega single, che non si presenta alla stessa maniera in ufficio :d
    —ho letto la cosa di @giulia..beh è una situazione abbastanza squilibrata dal suo lato.
    non diciamo cosa avreste detto se fosse stato il contrario.

  • giulia, 13 Marzo 2023 @ 14:55

    @Molly, grazie per i tuoi messaggi, so che non si trattava di un giudizio o di “puntare il dito”.
    Faccio comunque mea culpa anche in questo caso, quello di cui parli in quest’ultimo tuo commento, che condivido!
    Mi rendo conto di essere molto debole di fronte al mio amante, anzi ti dirò di più: in queste relazioni definite tossiche, il rapporto è di codipendenza. Dopo i vari tentativi da parte mia, peraltro miseramente falliti, di blocco e allontanamento, lui mi ha descritto le sensazioni di vuoto, malessere, dispiacere, che ha provato: sono molto simili a quelle che provo anch’io. La differenza sta nel fatto che a causare tutto questo è la sua totale incapacità di gestire i suoi sentimenti e le sue relazioni, tutte le sue relazioni in generale, non solo la nostra.

  • ilaria, 13 Marzo 2023 @ 12:31

    @ads io non posso parlare di ‘mariti modello ads’ perchè non ho dovuto concedermi mai a nulla (forse qualche anno fa ma non avevo coscienza di questo stallo) quindi onestamente non mi sento una moglie modello la tua. Inoltre se non ho letto amle la tua nemmeno guida. Io mi muovo da sola. Io praticamente ‘vivo’ da sola. Pensa che un paio di volte l’anno raggiungo addirittura una mia carissima amica che non vive in Italia da un po’. Incredibile vero?
    La mia situazione mi da sicurezza, mi fa pensare che non ci saranno sorprese. Io ho bisogno di questo.

  • Molly, 13 Marzo 2023 @ 05:06

    @Giulia tu e @Ads mi avete menzionata per qualcosa che ho scritto davvero male.

    Volevo scrivere che anche nelle storie trascinate a lungo tra amanti (durata che non è sempre sinonimo di amore o bella storia felice) esiste il concorso di colpa.

    Nelle storie clandestine non ci sono figli da tirare su che giustifichino il non riuscire a prendere la decisione di lasciare chi ci rende infelici o la paura di affrontare la famiglia estesa o la scusa “cosa diranno gli amici, i conoscenti etc” (scuse di cui parla Alessandro e che a me sembrano per persone senza spina dorsale) quindi essere intrappolati è ancora più assurdo.

    Avevo scritto per far riferimento all’articolo qui sopra e intendevo dire che se un’amante viene trattata male, “peggio della moglie” non ha scuse a rimanere se non il proprio concorso di colpa. Questo volevo dire.

    Se quella stessa persona ha trovato “il coraggio” di tradire il coniuge, cioè ha preso una decisione, se la storia non rende felici deve trovare lo stesso “coraggio” di lasciarla andare.senza appioppare all’altra persona la colpa della propria indecisione ed eventuale sofferenza. Nulla osta!

  • Nina, 12 Marzo 2023 @ 21:28

    @giulia sento la tua situazione estremamente simile alla mia. Ti mando un forte abbraccio

  • alessandro pellizzari, 12 Marzo 2023 @ 20:59

    Sulle app di dating gli sposati ci sono eccome, anche quelle per i single

  • Marcelle, 12 Marzo 2023 @ 18:12

    si @ads.. Ieri ero a cena da una coppia di amici. Il mio amico mi aveva confidato mesi fa e solo perché alticcio che si concede scappatelle perche l’intimitá non é e non era mai stata granché con la partner. Stanno insieme da 6 anni, convivono da quasi subito ed io voglio molto bene a lei. Il mio amico non vede nulla di male nel suo agire.. perche l’amore, per lui, é compromesso. Quindi ció che manca, per non scoppiare, lo cerca fuori.
    Ebbene ieri si parlava di un’amica comune che, per un motivo che non posso dire, é uscita con uno sposato che sta sulle app (che non ha intenzione di rivedere). Comunque, la prima reazione di lei é stata: Ah ma la vostra amica esce con gli sposati?! Tradotto, é una poco di buono. Non, ah ma lo sposato sulle dating app non dovrebbe starci.. Cioé é facile vedere il nemico fuori e mai dentro casa.. Ed in questo io li vedo complementari e “perfetti” per mentalitá.
    Sono una coppia che sembra affiatata, magari davvero per i loro standard, forse un pó sbilanciata perché lei é tanto calma e lui irrequieto.. Il mio amico fa l’eploratore seriale e lei, credo, sia stanziale. Se dovesse sapere, ma solo perche evidente, penso darebbe la colpa al terzo (incomodo).

  • Rinascita, 12 Marzo 2023 @ 17:00

    AdS esatto, non osare, lamentarsi a prescindere, è come morire prima del tempo.

  • giulia, 12 Marzo 2023 @ 15:20

    @Molly fino a che non “ho peccato” anch’io, la pensavo esattamente come te. O bianco o nero, nessuna mezza misura: se ti innamori di un’altra persona al di fuori del matrimonio, avvia le pratiche di separazione. Invece, è tutto molto più complesso, le relazioni, le situazioni, i sentimenti. Quando ci sono situazioni pratiche, sia familiari che personali, complicate e difficili da risolvere (non solo economiche), quando hai costruito una famiglia e condiviso metà della vita con tuo marito, quando dopo tutti quegli anni arriva un altro uomo e scopri di amarlo, un uomo che è un disastro totale e non ha intenzione di impegnarsi in una relazione ufficiale.
    “Che cosa sto facendo”, me lo sono chiesta migliaia di volte. Il mio amante non vuole una relazione ufficiale con me? Chiudi. Ma non sono stata capace in questi anni. Allora chiudi con tuo marito. Per cosa? Solo per portare tanto dolore inutile a mio marito, ai figli e creare casini. A me degli altri (società, parenti) non me ne frega nulla! E in famiglia, a casa, non sto per comodità, vivo una situazione di grande sacrificio che in pochi sopporterebbero (non parlo dei sacrifici da madre, moglie, ecc. non li considero tali, parlo di ben altro). Quanto ai sentimenti, so solo che: in famiglia stiamo bene tra noi e i figli sono sereni; non amo più mio marito, a cui voglio però tantissimo bene; amo un altro uomo, che è un casino, da cui non riesco a slegarmi e che mi ha reso talmente debole di fronte a lui da andare contro tutti i miei principi morali.
    Inutile dirti che faccio mea culpa ora, se continuo a sbagliare con le mie azioni immorali.
    Ma non è una situazione piacevole, non si sta bene appieno da nessuna parte.
    Pagherò il resto del conto quando e se arriverà da pagare.

  • ads, 12 Marzo 2023 @ 10:30

    @molly è chiaro che c’è un concorso di colpa,a mio avviso quando si rientra all’ovile, se si ha una coniuge modello” ilaria” o mia moglie, o il marito della mia amante, insomma quel genere li, sono tutte persone senza permettetimi remissive, che digeriscono tutto, anche corna conclamate e latenti senza reazione, senza amor proprio, io lo dico in maniera molto chiara se fossi dall’altra parte non ci passerei sopra, mai.
    non dimentico e perdono per molto meno.
    mi auguro che miei figli non vengano su cosi, senza dignità , senza amor proprio, pusillanimi intrinsecamente, senza coraggio.
    ultima cosa ho letto un post @marcelle, anche io provo a non essere stanziale, ad andare avanti,l’intento c’è sempre di osare in tutto, il che espone spesso a cadute.
    Ad ogni modo le persone” sedute” quelle che non osano , che stanno sempre li, che dicono sempre le stesse cose,immobili che si lamentano a prescindere ed hanno sempre scusa per ogni cosa le disprezzo interiormente.
    buona domenica

  • Molly, 12 Marzo 2023 @ 01:23

    Comunque so di dire cose controcorrente e fastidiose (per alcuni) ma qui sul blog ce ne sono donne che non lasciano affatto il proprio marito anche se sanno che continueranno a fargli le corna.

    Ci sono sicuramente comportamenti ambigui, belle parole e scopate fantastiche ma anche frasi del tipi “te l’ho sempre detto che non lascerò mia moglie o mio marito”.

    Alla fine capisco le speranze ma siamo adulti e vaccinati sia uomini che donne. Se le cose si trascinano in un matrimonio decotto si parla di concorso di colpa.

    Mi sembra che anche tra amanti quando le cose si trascinano bisogna imparare ad ammettere le proprie responsabilità e scelte. Lí no. Ci sono figli da tirare su o paura della reazione della famiglia o della società.

    Diventa colpa propria.

  • luciana, 11 Marzo 2023 @ 20:46

    aggiungo qualche aspetto sull’ambiguita’ del mio ex:

    era bugiardo o peccava di omissione.
    Un giorno venni a sapere da una sua ex – che frequentava a distanza in parallelo a me – che a lei parlava di me con una buona compagnia ma come una che “arriva solo fino li'” (come se lui fosse un intelligentone), mentre a me di lei diceva cha era una rompicoglioni insopportabile, in quanto gelosa e possessiva. Or dunque l’altra forse si comporto’ allora un po’ ossessivamente con tante telefonate e messaggi ma ho capito poi che aveva capito che lui teneva i piedi in due staffe e raccomtava balle. Era davvero lontana, non si vedevano tanto. Ma fino a che non raggiunse i livelli di guardia (che decise lei come raggiungere), lui voleva tenersi anche quella stampella li e quindi raccntava balle e diceva a lei che era una visionaria che vedeva altre donne che non c’erano.

    Per quanto io sia paziente e anche un po’ masochista, ho capito che non credevo piu’ a quel che diceva ormai.

  • Luciana, 11 Marzo 2023 @ 20:18

    “La correttezza non illude per anni e anni di amantato.“
    Cosa mi conviene e quanto mi costa.

    parole sante @Ale. Anche a me e’ successo un po’ quello che tu descrivi, con una differenza: il mio ex-pensionato era realmente separato in casa ma incollato alla casa di famiglia con colla al silicone. Certo aveva bisogno di me per la compagnia, il sesso, le chicchiere, il non stare da solo, ecc. ecc. Ma appena osavo chiedere se avremmo mai potuto avere un futuro insieme – visto che la moglie fa vita per conto suo e i figli sono adulti e vaccinati – mi rispondeva puntualmente che lui era stato chiaro fin dall’inizio. Che lui non mi aveva mai promesso niente perche’ una famiglia gia’ ce l’aveva e che anzi mi ritenessi libera di trovarmi qualcuno che un futuro come desideravo io, che lui ne sarebbe stato contento !!!
    Lui ai suoi non mi hai mai presentato – lo ammetto – pero’ lui si e’ fatto presentare ai miei figli, a mia madre (!) ed e’ venuto con noi ad alcuni compleanni e riunioni di famiglia. Per almeno 7 anni!
    Cosa dovevo pensare? io ci tenevo e per un po’ ho sperato che cambiasse idea. Poi la goccia che fece traboccare il vaso: la vendita di un suo appartamento rimasto vuoto dove avrebbe potuto traslocare dalla casa di famiglia, se avesse voluto, e senza dovere pagare l’affitto, dato che e’ suo.

    Non ha mai pensato nemmeno per un secondo di vivere con me o anche solo di andare a vivere per conto suo per rendere poi ufficiale la relazione con me. Io ero una stampella per non restare solo (parliamo di un uomo di 64 anni che non ha tonnellate di amicizie). A me lui diceva sempre quanto stesse bene in compagnia con me! ah che soddisfazione.
    Non ci frequentiamo piu’ anche se non c’e’ codice del silenzio perche’ non co soffro molto piu’. Ho capito che cosa ero: un passatempo, una brava stampella che chiedeva poco e faceva quel che doveva fare.
    fosse stato per lui avremmo potuto andare avanti cosi’ in eterno. In fondo, io ero poca spesa e molta resa.
    Mi viene da ridere. Ma ho superato anche questa. Per fortuna ci sono la mia famiglia e miei amici 🙂

  • Ariel, 11 Marzo 2023 @ 13:08

    “La correttezza non illude per anni e anni di amantato.“

    “Tutto ciò, d’ora in poi, vi farà sempre più male ed è tossico: liberatevene subito! E… mai più con gli impegnati e i seriali!”

    @CaroAlessandro complimenti,davvero perché questo tuo articolo è veramente BEN SCRITTO ,cosa diversa dallo scritto bene di cui sicuro è scontato nel leggerti ,

    Hai fatto una analisi perfetta del cosa significhi LA TRUFFA EMOTIVA!!!!!
    IL PLAGIO che si ancora in modo incagliato e a volte perverso su soggetti che presentano alla fine del troppo tempo trascorso a CREDERE a costoro il famoso “ SONO CORRETTO” che subito mi ha richiamato una immagine di caffè corretto si ma alla CICUTA@!!!

    Ho virgolettato le frasi che mi hanno particolarmente soddisfatto per via Scienza che unisce i pensieri più diversi e traccia la cosa FONDAMENTALE la esistenza del effettiva esistenza di curarsi per uscire per sempre LIBERE dal farsi truffare ,da gente senza scrupoli che GIOCA RIMESTANDO IL COLTELLO NELKA PIAGA SOCIALE della condizione svantaggiata della Donna in generale ridotta a obbedienza cieca ed assoluta.

    Il TEMPO DEL ESSERE AMANTI DIMOSTRA LA PRESENZA O MENO DI VERE REALTÀ TOSSICHE!!!

    Ovviamente dopo si impara la lezione se solo CI SI AFFIDA AL VERO AIUTO CHE DAVVERO TERAPEUTICO PUÒ MUOVERCI VERSO IL PROPRIO CAMBIARE COMPORTAMENTO affettivo e sociale!,,

    @Stefano

    Non si nasce esperti affatto caro @Stefano
    Le esperienze ci rivelano non soltanto chi sono gli altri

    ,MA ANCORA DI PIÙ SCOPRIRE IN SE STESSI IL PERCHÉ VERO CI SI SIA ILLUSI PER TANTO TEMPO….!!!

    @CaroAlessandro
    Grazie davvero perché secondo me questo in particolare resta un articolo così efficace

    Così

    BEN SCRITTO!!!

  • alessandro pellizzari, 11 Marzo 2023 @ 11:47

    Cosa mi conviene e quanto mi costa

  • Stefano, 11 Marzo 2023 @ 10:46

    Direi perfetto @Ale! È per il 90% quello che è successo a me, frasi comprese. Mancano se ti può servire per la tua epidemiologia le canzoni con testi che rafforzano la tua sensazione di essere unico, speciale: “è solo per te”. Ti fanno sentire una persona talmente unica che pensi che non possa andare diversamente. E tu ci metti dentro tutto te stesso. Nel mio caso devo dire onestamente che c’è stato un momento in cui forse ci ha creduto e ha creato una crisi che poteva sfociare in altro. Ma non è riuscita ad andare oltre al primo step che è quello di accettare la sofferenza del marito e le difficoltà della gestione della famiglia. Che è solo uno degli aspetti che devi affrontare se vuoi fare il salto. Ce ne sono altri 100. “Cerca di capirmi, non è semplice per me!”. Come se invece per me fosse semplice a casa mia. Ma se non superi il primo ostacolo fisiologico allora non lo vuoi fare. Pensi che non ne valga la pena. Senti che il legame con tuo marito (o moglie) è ancora forte. Allora ne prendi atto e saluti l’amante. Non lo tieni in ballo per altri due anni facendoti i fatti tuoi a casa. Anzi alla fine riconsolidando il rapporto col marito al punto che quando finisce la storia invece di prenderti 6 mesi sabatici per smaltire la sofferenza di aver perso “l’amore della tua vita” dopo 1 mese ci esci a San Valentino e magari riscopri cose con lui che non facevi più da anni (per esempio finire la serata con del sesso in macchina visto che a casa hai i figli. È stato così divertente e trasgressivo con l’amante, perché non proseguire con colui che dicevi di non amare più ma con cui invece stai festeggiando? Perché poi non concludere in bellezza con dei bei selfie insieme vicini e sorridenti? La ferita di aver perso il tuo amante/amore è veramente profonda!!! Ma per piacere!!! Che disgusto!!). Tanti segnali sono quelli che hai detto tu e io non sono stato in grado di interpretarli. Ero inesperto e comunque veramente innamorato. Per me era la prima amante vera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.