Home » Amanti » Amanti: dopo le feste non escludo il ritorno

Amanti: dopo le feste non escludo il ritorno

non escludo

Non escludo il ritorno. L’epitaffio del maestro Califano rende bene l’idea di che cosa vi aspetta, care amanti e amiche, dopo la Befana: il suo ritorno. Succede nell’80% dei casi.

Sparito (o quasi, qualche messaggio non si nega a nessuna e costa pochi secondi) dal 24 dicembre all’apertura delle calze dei figli, il nostro amante uomo aveva praticamente dichiarato forfait.

In vista delle feste in famiglia, i nostri uomini occupati si sono trasformati da separati in casa e mariti in crisi in buoni padri di famiglia e neocompagni rinvigoriti.

C’è chi vi ha dato (o, più spesso, ha fatto in modo di farvelo dare a voi) il benservito, dichiarando impossibile andare avanti (non posso darti di più e adesso devo stare in famiglia). Chi ha cercato un compromesso per tirarla alla lunga, della serie ne parliamo dopo il 6 gennaio e chi ha tentato di tenervi ancora in attesa con telefonate e messaggini rassicuranti quanto rari e veloci.

Se non è il primo tragico Natale che avete passato da amanti dovreste già essere cotte a puntino e aver realizzato, nonostante l’innamoramento, che lui torna sempre a casa come il cane Lessie.

Certo siete stati felici per un po’, ci mancherebbe: vivete di ricordi perché siete innamorate, mica stupide. Con lui vi siete sentite delle regine, questo è il problema, ma adesso la favola è finita.

Avete scoperto che il principe azzurro è sposato e che non siete voi che a mezzanotte dovete rientrare a casa, ma lui.

Però torna. Tornerà. Tornano quasi tutti, anche quelli che si sono fatti scoprire dalla moglie e che sono spariti nel panico totale e che ora hanno il telefono in ostaggio.

Tutti, passata l’abbuffata delle vacanze in famiglia, finita la full immersion di illusione del rinnovato matrimonio felice, si schianteranno con la realtà: il loro matrimonio non è stato guarito dal Natale. I problemi sono rimasti gli stessi, la moglie a letto è la stessa, e voi non siete la causa della fine ma solo il sintomo principale di qualcosa che ha disfunzionato prima del vostro arrivo.

Il termometro misura la febbre, non la produce.

Ed ecco che archiviata la befana e tornati alla routine, il nostro bravo marito inizia a essere divorato dai morsi della voglia.

Voglia di voi, perché se lui vi ha fatto sognare voi gli avete regalato il sesso migliore della sua vita e anche delle interminabili sedute di psicoterapia che lui se le scorda lontano da voi, miglior amico compreso.

Dunque, preparatevi a un rientro. Timido o deciso, perché per lui più del dolor poté il digiuno.

Che fare? Avete diverse opzioni, con pro e contro. Parto dal presupposto che tutte voi, per quanto deluse e distrutte dai suoi tira e molla, per quanto veterane (alcune di voi sono amanti da più di tre anni, che sono il limite dell’umana sopportazione), siate ancora innamorate. E quindi che fare?

APRIRGLI LA PORTA
Pro: dargli l’ultima chance ve lo farà rivedere, rifarete sesso alla grande e alimenterete l’illusione che sia tornato da voi, almeno fino all’estate. È come prendere un antidolorifico dopo un lungo periodo di dolore. Non cura ma fa star bene.
Contro: se avevate adottato il Codice del silenzio rispondendo alla sua latitanza con una vostra sparizione pressoché totale, riaprirgli la porta azzererà i progressi ottenuti (più indipendenza da lui, meno momenti di dolore, ripresa della vita sociale invece di vivere nella sua ombra) e, quando vi deluderà di nuovo (90% dei casi purtroppo), rimettersi a dieta sarà molto più difficile. Ma capisco che è meglio un uovo oggi, soprattutto se siete al vostro primo Natale da amanti. La speranza è l’ultima a morire e qualche volta bisogna toccare il fondo per risalire. Però qualche ufficiale e gentiluomo esiste: ma fa fatti, non parole. E lo riconosci in poco tempo.

TENETE LA PORTA SOCCHIUSA
Pro: di solito la tattica del wait and see viene applicata dalle amiche che di fatto l’avevano già applicata durante le vacanze natalizie, vivendo in un silenzio parziale fatto di messaggi per quanto rari esistenti, di incursioni sui suoi social alla ricerca di segnali d’amore (lui che posta frasi da poeta che la moglie non può o non vuole vedere e che più o meno giustamente accreditate a voi stesse, al netto delle tranvate sui denti quando vedete le foto da famiglia felice, che fanno malissimo). Aspettare e vedere come si comporta vi riporterà a letto con lui, pronto a spergiurare il suo amore eterno come un disco rotto, illudendovi che questa è la volta buona. Ossigeno puro dopo un Natale asfittico. Alcune di voi avranno il privilegio di vedere invece un uomo deciso a cambiare rotta, se non sono passati troppi Natali in attesa. Ma purtroppo sarete la minoranza, lo dicono le carte delle separazioni, non io.
Contro: la lenta agonia che vi siete imposte decidendo di lasciargli aperti i canali di comunicazione (ne basta anche uno solo) si trasformerà in malattia conclamata traghettandovi nei prossimi mesi in un lento calvario, fatto di promesse disattese, di tante parole e pochi fatti. Arriverà l’estate e lui ripartirà con la famiglia lasciandovi legate al guard rail in tangenziale. E forse per voi sarà finalmente abbastanza.

GLI CHIUDETE LA PORTA IN FACCIA
Pro: lo so, è come tagliarsi un braccio ma quel taglio spesso salva la vita sentimentale e preserva il vostro dna emotivo. È solo questione di tempo: se avete adottato il silenzio il fatto che si ripresenti vi manderà in crisi ma tenere il punto e la serranda abbassata vi darà una forza importante per continuare per voi, soprattutto se anche voi siete occupate (come vi avrà detto anche lui, tu non ti devi separarti per me, ma per te stessa). Una cosa è sicura: se vi ama davvero arriverà da voi e la porta chiusa potrà solo convincerlo a fare presto perché vi ha fatto soffrire e aspettare troppo, e quindi deve darsi una mossa passando dalle parole ai fatti.
Contro: vivrete l’enorme paura di non avergli dato un’ultima chance (anche se è la quinta volta che gliela date) e di averlo perduto per un vostro errore e per non aver avuto abbastanza pazienza. Tutte balle: un uomo che vi ama non vi rinfaccerà mai i “non mi hai saputo aspettare” o “mi hai messo con le spalle al muro” perché di solito voi chiudete la porta perché lui vi ha tirato sceme, perché ha abusato della vostra pazienza fino a farvi ammattire e perché ha tradito le sue molteplici promesse oltre ogni accettabilità umana. Ricordatevelo quando vi processerete all’insegna del “forse sono io che pretendo troppo”. Ma non vi biasimo se per questa paura riaprirete la porta.

Detto questo parliamoci chiaro: so che siete innamorate e che certi discorsi servono a riflettere ma non sono sempre decisivi.

Molte di voi si rendono benissimo conto di cosa sarebbe giusto fare e cosa no. Semplicemente non riescono a farlo. Quando voi mi scrivete “lo so sono stupida ci sono ricascata” io non mi arrabbio e rispondo: non sei stupida, sei innamorata, è diverso. E tu sei disposta a tutto, lui no.

Mi arrabbio molto invece con le donne poco solidali che vi danno delle stupide solo perché non sono mai state nei vostri panni e fanno le moraliste con i sentimenti degli altri, salvo poi scoprire sulla propria pelle che innamorarsi di un uomo sposato succede, non è questione di scarsa autostima o moralità (senza contare l’esercito di falsi separati in casa che si rivela dopo mesi, quando ormai siete cotte).

L’esercito di donne intelligenti e di successo innamorate di uomini che promettono e non mantengono non sono la prova della “stupidità e amoralità”, sono la prova che i sogni e i sentimenti sinceri albergano soprattutto nel cuore delle donne.

Quindi, quando ritornerà, devi essere pronta. Anche a cedere per l’ennesima volta. Non sei debole, sei innamorata e non ancora pronta per archiviarlo, anche se il tuo cervello te lo suggerisce. Verrà il tempo, non biasimarti.

Perché solo nelle donne il cuore domina la mente, ed è un miracolo, non un limite. Sono convinto che è per questo che siete state scelte per essere madri.

Sincerely yours

Ps: un favore. Se vi accorgete che l’amore per lui è diventato una dipendenza, cioè trascende ogni vostro controllo, non aspettate a farvi aiutare da uno psicologo, psicoterapeuta o psichiatra. Fa davvero la differenza. E se volete scrivetemi a anpellizzari@icloud.com


169 commenti

  1. Alessandro , quanta verità nelle tue parole e nei tuoi articoli in generale. MI hai aperto gli occhi sulla mia storia che sembrava unica ed invece è finita come è finita e come spesso descrivi tu. Se sto ricostruendo me stessa e la mia vita è stato dopo aver trovato qst blog dove tanti miei pensieri/dubbi/colpe sono stati smontati da realtà oggettive comuni anche ad altre che scrivono qui. E qst mi ha aiutato tanto. MI arrovellavo di domande ma le risposte erano semplici e non è che che non sapevo darmi delle risposte…non me le volevo dare, che è diverso! Se ne esce poi..la cicatrice c’è e rimarrà e a volte si farà sentire.
    Alessandro ti auguro un Buon Anno, se potessi ti abbraccerei anche 🙂
    Auguri di Buon Anno anche a tutte/i Voi che scrivete qui. MI avete aiutato tanto anche voi..soprattutto le più cazzute ahaha!!

  2. Veramente la tua analisi nelle diverse situazioni la trovo così vera e piena di sapiente sensibilità cosa rara in effetti per un maschio o forse no, credo che riuscire ad esprimersi come fai tu sulla anima femminile denoti un tuo equilibrio interiore condiviso nella tua vita con la tua famiglia e tua Cara Moglie e figli e la tua anima di scrittore che in fondo è un ricercatore del animo umano in senso ampio,ma ,non tutti sono capaci di saper raccogliere le voci altrui proporre le proprie idee e confrontarle con noi Donne
    Si,anime PIENE DI CUORE ,MANNAGGIA!!!!!!
    Lo ho sempre sentito e pensato che sia una fregatura questo cuore che a volte si ostina folle a lottare ,perdonare ,cercare di capire ,voler proteggere ,salvare proprio chi si ostina a vivere nel buio nascosto dalle sue azioni ambigue e falsità.
    Fragili Uomini che alcune Donne
    Ancora,si ostinano ad Amare
    Pure in ogni situazione silenzio o poco comunicare
    Non importa ,certi Uomini si accorgono da lontano pure a migliaia di kilometri pare che il cuore sia un pensiero quantico
    Viaggia oltre lo spazio tempo.
    Grazie Alessandro leggerti aiuta a uscire fuori per riuscire a vivere la gioia e bellezza della propria vita Libera e questo non è poco!

  3. Come sempre unico! Sai cogliere tutte le più piccole sfumature dei nostri pensieri… buon anno Alessandro e buon anno a tutte voi!!!

  4. Annaura grazie! Mi unisco alle tue parole.
    Avevo bisogno di questo articolo come l’aria; ho trovato le risposte che mi occorrevano e la forza per proseguire il Silenzio
    Grazie infinite Alessandro ed un augurio di serenità da parte mia a tutti.
    Elisabetta

  5. Grazie Alessandro per la bellezza che riesci a vedere in noi donne. Per quel che mi riguarda nessuna tregua tra noi in questi giorni di festa. Chiamate come sempre, messaggi, tempo insieme anche nei giorni di festa. In che categoria lo metti un amante così?
    Buon anno a tutti.
    Dopo tutto quello che abbiamo passato in questo anno ci meritiamo di trovare la chiave giusta per iniziare nel migliore dei modi l’anno che sta per arrivare.
    Virtualmente…vi abbraccio tutti.

  6. Stendo un velo pietoso sugli ultimi contatti, sul suo esserci quando è solo e eclissarsi quando c’è lei, non mi do della stupida per averlo nuovamente accolto in un momento di sua crisi e non per riaverlo con me ma in piena mia onestà d’animo, abituata ad esserci per chi è in difficoltà. Non penso di averlo toccato io il fondo, ma lui… io ne esco a testa altissima e sono molto fiera di me, di non essere mai andata contro la mia natura, di averci messo cuore e anima ma anche di riuscire ora lavorare per farmi una nuova vita… e adesso per me ci sono solo io. Uno strepitoso anno nuovo a tutti voi.

  7. Esattamente la Consapevolezza apre alla Libertà
    E a proposito di prima ,Alessandro,
    Serenità certamente è quella che mi auguro di raggiungere insieme al augurio qui di Buon Nuovo Anno e che sia appunto portatore delle nuove idee pensieri consapevoli e sereni capaci di tradursi in nuove azioni buone per noi stessi.
    Auguri quindi a te di ogni bene e a tutte noi che scrivamo aprendoci qui,a volte si,
    Con fatica,
    Serenità appunto è ciò che sto cercando e sto certa che ogni istante sia nuovo e più vicina la meta
    Buon Anno E grazie Alessandro!

  8. Io ti vorrei bastare

    “Io te vurria vasa’ “, sospira la canzone
    ma prima e più di questi io ti vorrei bastare,
    io te vurria abbasta’,
    come la gola al canto come il coltello al pane
    come la fede al santo io ti vorrei bastare.
    E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
    in nessun altro odore addormentare,
    io ti vorrei bastare,
    io te vurria abbasta’.
    ” Io te vurria vasa’ “, insiste la canzone
    ma un pò meno di questo io ti vorrei mancare
    io te vurria manca’,
    più del fiato in salita
    più di neve a Natale
    di benda su ferita
    più di farina e sale.
    E nessun altro abbraccio potessi tu cercare
    in nessun altro odore addormentare,
    io ti vorrei mancare,
    io te vurria manca’.

    (Erri De Luca)

  9. Sono un uomo single e lei sposata con prole ma il tuo blog cambiando i sessi non ha fatto una piega,dopo 4 mesi mi ha detto le parole scritte da te dopo il natale pero..Che sceglieva la famiglia,sensi di colpa ecc.e che quindi puo’darmi solo amicizia.La mia risposta e’stata negativa,in quanto io volevo che lei si separasse.Dopo avermi detto i vari ti amo,sei l,uomo della mia vita ecc.,di punto in bianco mi molla.Ovviamente io la amo ma lei ha fatto una rinuncia di amore altruistica anteponendo l’armonia familiare al suo(forse) amore.Anche se sono pochi giorni io ho chiuso ogni contatto,una volta ho visto il profilo con una foto della famiglia al completo e mi sono sentito veramente una pugnalata al petto ,quindi evito di guardare per il mio bene.Pero’non sono forte attualmente che se eventualmente ritornasse a farsi sentire di tagliare completamente e penso che ci cadrei senza ombra di dubbio.
    I bambini sono piccoli e questo indubbiamente mi fa apporovare la sua decisione,non le porto rancore anzi apprezzo la sua rinuncia al sottoscritto.Inutile dire che con il marito funziona ad alti e bassi ed evidentemente il mio essere innamorato,romantico e dolce(sono dei pesci),le abbia fatto scattare la scintilla dell’amore ma poi il raziocinio ha prevalso sul sentimento.Vorrei aver fatto da collante per il suo matrimonio in crisi ma so che non e’cosi,non abbiamo un tasto on o off per disinnamorarci purtroppo,e mi dispiace infinitamente sapere che non e’felice ma,la vita non va sempre come vorremmo.
    Ho avuto centinaia di donne nella mia vita senza mai provare un sentimento cosi forte e con l’unica che amo devo distruggere tutto..pero meglio che soffrono due piuttosto che 5 persone..La mia forza e’ quella che almeno non ho contribuito a sfasciare una famiglia.
    Pero’ si soffre…accidenti se si soffre..Sto cercando di pensare ad altro,di conoscere nuove persone ma dopo 2 minuti di conversazione scatta in maniera automatica il paragone e non c’e’partita…Quindi meglio che resto da solo e accetto il dolore,facendomi invadere ed accettarlo.Da premettere che non sono un ragazzino ho 48 anni e lei 42 ma mi sento a tratti adolescenziale.Comunque..o passa o passa..
    Grazie e scusatemi per questo mio sfogo..

    • Grazie a te per la tua testimonianza. Lei ha scelto ma se ha fatto una cosa sacrosanta per i figli non servirà a salvare il matrimonio salvo miracoli. Quando si tradisce è perché si è arrivati ala frutta. Certo che sì soffre, eccome se si soffre.

    • Ciao Roberto, mi verrebbe da chiederti come ti sei comportato con le centinaia di donne che dici di aver avuto..
      Giulia

      • Ciao Giulia,mi sono comportato in maniera coerente,nel senso che non erano storie basate sull’amore ma impostate come flirt.Nella mia vita ho amato soltanto 2 volte piu’l’amore di oggi.Ho sempre chiuso le storie quando capivo che stava scattando qualcosa dall’altra parte e da parte mia no,perche ho sempre avuto rispetto per la persona anche se si trattava di una notte o di 6 mesi.Mai fatto lo spaccone,mai parlato in giro con nessuno..Se l’ho fatto sul blog e’solo perche’c’e’l’anonimato.Mi reputo un gentleman,questa e’la mia certezza,ed anche se sono storie che sono durate una serata,per quella serata e’come se fosse stata la mia compagna.
        Comunque,ritornando al mio primo intervento,Lei mi ha contattato ed io non ho fatto la minima resistenza…Credo che non abbia senso di fare barricate…Io la amo e sono felicissimo di rivederla,se poi dopo devo star male fino a quando non la rivedo..Be’accetto di pagare questo conto..Per me ne vale la pena…

        • Ciao Roberto scusa la mia franchezza, ma come fai a dire che consideri la storia di una serata come se fosse stata la tua compagna…io la considero un’altra cosa..fine a se stessa… e hai anche capito cosa. Sicuramente se metti in chiaro subito la situazione sei corretto perchè permetti all’altra persona di decidere se passare o no con te “l’unica” serata che gli concedi.
          Poi scusami, ma non ti viene in mente che magari lei abbia anche un pò paura di come sei?…sai centinaia di donne sono una bella media…Poi non puoi paragonare una donna che conosci appena con quella che ti ha fatto battere il cuore e che comunque conoscevi da 4 mesi e non avevi mai vissuto un quotidiano. Se le escludi subito per un paragone e non dai loro la possibilità di farsi conoscere farai fatica a trovare una vera compagna di vita. Le donne come anche gli uomini non sono tutti uguali per fortuna, altrimenti esisterebbero dei cloni e ognuno ha dei lati bellissimi da scoprire, ma questo non avviene nel giro di due – quattro – sei mesi..avviene nel tempo..Per quanto riguarda la persona di cui ti sei innamorato, vedrai che se ti ama torna. magari ci mette un pò ma lo fa.

  10. Buon anno Alessandro…e l’augurio che ci possiamo fare è “più uomini come te!” In queste ferie tante telefonate, pochi baci rubati, tante parole e mai la promessa di un futuro a breve….ci sarò, finché ne avrò voglia, finché non avrò toccato il fondo e finché crederò alle sue belle parole

  11. Letto e riletto questo post. Lo rileggerò ancora. Bellissimo
    Traspaiono la tua sensibilità e la tua sincerità, uniche. Grazie Alessandro.
    Io qui, con te e con tutte vuoi lettrici, mi sento protetta.

  12. 01/01/2019 apro gli occhi e mi rendo conto di aver amato così tanto un essere letteralmente senza cuore…. non mi capacito di come abbia potuto fingere così bene. Ben due anni e mezzo buttati letteralmente via. Non mi ha lasciato nulla di buono questa storia, nemmeno un ricordo bello riaffiora nella mia mente….solo tanto male gratuito. La mia salita inizia in questo mare di dolore. L’augurio per me e per tutte voi è quello di incontrare sempre persone che ci prendano per mano e non in giro. Un bacio grande a tutte voi e a te amico mio, Alessandro.

    • Amica mia, qualcosa anche lui ti ha dato altrimenti no n ti saresti innamorata. Il problema è che tolgono molto di più di quello che vi danno

      • È vero Anima triste.
        Anche io mi rendo conto che sono sospesa e non so più chi sono fondamentalmente.
        È come se mi fossi incaponita. Ah ma forse se faccio così magari… Oppure se faccio così magari lui…
        Alla fine no, ogni tanto, poche volte, mi rendo conto che io sono così. Non so più chi sono perché tutto ciò che di bello avevo l’ho dato a lui, ma non posso fare nient’altro.
        Lo so che domani che torneremo a lavoro farò il solito distaccato per poi tornare a cercarmi. Questo articolo é esemplare.
        Come dice una mia amica “Se tu non gli rompi le scatole, quello continuerà così a vita… Se gli rompi le scatole fa lo str…”

  13. Outlier, buon anno. Quanto mi riconosco nelle tue parole e in ciò che stai vivendo. Solo alti e bassi, più bassi che alti. Talmente bassi che non so più nemmeno chi sono. Cerco di ricordare la donna che ero piu di 2 anni fa, ma non la riconosco più. Ho conosciuto un uomo una settimana fa ad una cena ed è scattato il corteggiamento, attrazione e mi sono sentita di nuovo leggera e vivace, ma qualche giorno dopo lui si fa sentire, neanche avesse un radar invisibile puntato su di me a 900 km di distanza. Poche parole le sue scelte con cura, dette in un momento di “calo” da parte di Lei che lo ha lasciato solo durante le feste, sono bastate a farmelo tornare fisso in mente. Poi é sparito di nuovo, ma so che tornerà. E credo che all’occasione buona cercherà anche un contatto fisico: lui crede di essere furbo, ma io so bene cosa rappresento per lui. La psicologa paziente che lo ascolta, l’amica che lo fa ragionare o spara cavolate divertenti, l’amante che lo intriga sotto le lenzuola. Non lo molla l’osso, anche se é già sentimentalmente impegnato. Anche se a volte lo tratto con freddezza, oppure gliele canto in malo modo mettendo a nudo quell’anima torbida che lui é ben consapevole di possedere. Anzi a volte più lo tratto male e più torna con una faccia tosta come se dalla mia bocca fossero uscite rose anziché lame d”acciaio. Mi sono sforzata anche questa volta di tenere alto il muro tra noi, per non dargli alcuna soddisfazione. Ma lui é come se sentisse tutto…questa mia debolezza che lui percepisce e manipola come e quando vuole mi fa infuriare. Dove sono finite le palle di porfido che avevo prima di conoscerlo? Lui ha la capacità di destabilizzarmi come nessuno. Anche a me una persona vicina che conosce nei dettagli tutta la nostra vicenda ha detto che questa storia non finirà mai. Confesso che una parte di me, quella malata, si aggrappa anche alle briciole più piccole pur di mantenere un legame perché a volte mi manca, ma la parte sana, quella che vuole vivere, quella che vuole un futuro, l’amore, si ribella e non ne può più. Sono stanca. Però in tutto ciò io penso anche a Lei, la donna con cui ha una relazione da poco. Dovrebbe essere il centro del suo mondo, le altre e io meno che meno, dovrebbero interessarlo. E invece regolarmente fa capolino con me e anche se lui crede di giocare la parte del buon amico, sappiamo benissimo entrambi che lui vuole sondare e, se ci fosse l’occasione, che fine farebbe “il buon amico”. Bei presupposti dopo pochi mesi di relazione. Sono stata prolissa e mi scuso, avevo il cuore gonfio e un gran bisogno di sfogarmi

    • Ciao Silvia, buon anno a te.
      Sai io ho capito che loro vogliono essere trattati male. Cioè, vogliono possedere il potere della conquista dopo. Se noi diciamo sempre si oppure non abbiamo reazioni, loro si scocciano. Se invece abbiamo reazioni anche forte loro si sentono il dovere di conquistare
      Io ho capito questo con il mio.
      E anche a me riesce a destabilizzarmi tantissimo.
      E so che domani che lo rivedrò da una parte mi sentirò meglio e dall’altra starò malissimo perché farà lo str… Devo riuscire a ignorarlo.
      Cioè io dico se uno è in un modo prima delle vacanze deve esserlo anche dopo.
      Il contrario, come fanno loro, é proprio da egoisti e str.

      • Naaaa è più semplice
        Se hai una reazione sanno che hanno ancora potere su di te e lo usano
        Quando arrivi ad ignorarli sanno di avere perso, ci provano per un po’ poi ci mollano
        E loro se ti ignorano è perché di base gli interessi relativamente

        • Ema concordo. Forse però per noi che ci lavoriamo insieme é più difficile ignorarli perché loro sanno che non possiamo farlo completamente e definitivamente. Almeno il mio ci gioca molto su questo: parte dalla scusa lavorativa palesemente banale per attaccare bottone. È come se non volesse farmi staccare. E in questo periodo lui ha avuto il dubbio, per altro fondato, che io mi fossi avvicinata a qualcun altro. Perciò ad intervalli regolari mi faceva sentire la presenza. Quando ci lavori insieme è dura perché non puoi applicare il silenzio totale e per loro é come se ci fosse sempre uno spiraglio. Io ho pensato che lui invece si staccasse perché preso dalla nuova relazione, sarebbe stato ovvio e normale, e invece a volte mi lancia messaggi ambigui e comunque ancora nega di avere una relazione. È sempre lui a farsi sentire per primo e se guardo la situazione con distacco, la mia opinione è solamente una: mi tiene in caldo.

          • Silvia ciao! hai ragione, per noi che ci lavoriamo insieme è più difficile, ma se ci vedono determinate e soprattutto non lanciamo segnali di apertura forse e dico forse dopo un po’ mollano, almeno il mio dopo 3 anni sembra abbia capito…ma, non escludo il ritorno!
            Incedibile…sono tutti un copia incolla l’uno dell’altro, questa cosa mi disarma! Leggendo su questo forum veramente mi si è spalancato un “BARATRO” , non so cosa pensare ….

  14. Dopo che avevo cancellato il suo nr (e non letto i suoi richiami attraverso stati) lei mi ha scritto dei messaggi, dopo Natale. Le ho chiesto chiaro e tondo che se non intendeva vedermi era meglio smetterla. Mi ha risposto che voleva vedermi. Il pomeriggio stesso. Non potevo. Allora abbiamo preso appuntamento per questa settimana. Prima della befana. Lei ha i suoi soliti problemi nel trovare uno spazio e il tempo ma mi appare determinata nel vedermi stavolya, dopo diversi mesi in cui io l ho rincorsa o aspettato invano. non vi nascondo che alla mia rassegnazione ora si è sostituito un sentimento di attesa che mi attanaglia. Temo che lei possa cambiare idea all’ultimo oppure temo di quel che potra succedere. Da ciò che mi ha detto in quel paio di conversazioni avute mi sembra palese il fatto che io sia ancora molto presente nei suoi pensieri. Che non ama lui. Che ama ancora me. Che vuole ancora me.
    Ma io ho paura.

    • Sono contento per te and…non avere paura e goditi anche quest’attesa

      Io sono al 26 esimo giorno di silenzio e non ci siamo fatti neanche gli auguri di niente…si è portata via un pezzo di me che mai nessuno mi tornerà…

  15. Lei tra le altre cose ha detto che vuole anche scusarsi per il comportamento di questi mesi, che sa che ha avuto un atteggiamento insopportabile, che però non sempre il comportamento dice che ciò che si prova davvero. Poi mi ha detto cose che mi lasciano intendere come anche nei giorni di silenzio e lontananza abbia provato a “controllarmi”. Ma in tutto questo io non so che comportamento adottare. Ho il terrore di sperare in qualcosa. E nel frattempo mi accorgo che conto le ore che mancano al nostro incontro.

      • È verissimo. Tornare a vedersi pero è un “fatto”. Quello che accadrà (o non accadrà) se ci vediamo sarà un fatto. Bisogna vedere ora che genere di fatto sara…

  16. Alle volte penso che, se non si è seriali e se c’è un sentimento reale che coinvolge gli amanti, lasciarsi davvero sia difficile tanto quanto stare insieme davvero. Chiudere per sempre con chi ami restando con una persona che non ami più mi sembra davvero complesso. È quasi come se ad ogni addio ci fosse sottinteso che in verità è un arrivederci. Ma non si sa quanto duri la pausa. Il sjlenzio. Lei stessa, che in questi mesi ha provato ad andare via e che poi non ci e mai riuscita a farlo davvero (finora) me lo ha detto l’altro giorno: io non ho nemmeno la forza di scriverlo che non voglio vederti mai più.
    Cavolo ragazze, cosa diavolo succederà quando la vedrò. Sono 4 mesi.

    • Probabilmente nulla di diverso. Nulla cambia così repentinamente. Se le sue intenzioni fossero diverse, se avesse deciso qualcosa, l’avrebbe anticipato in modo meno fumoso. In realtà non sa nemmeno lei probabilmente che cosa dirà. Vuole vederti per legarti dopo 4 mesi. Non lo fa per cattiva fede. Lo fa perché ne ha bisogno. Probabilmente sta male all’idea di non avere più nessuno che si prenda cura di lei emotivamente.
      Non so tu cosa abbia da dirle. La ami? Molleresti tutto per lei? Che cosa devi dirle?
      Ah. Il bisogno non è amore. Ricordalo.

      • e cosa dovrebbe fare? Ora che gli sta dimostrando di voler fare qualcosa per rivedersi…nel caso dovesse poi risparire prenderà decisioni differenti…perché dobbiamo sempre essere catastrofici..?.io lo invidio tanto…magari capitasse a me…io solo al pensiero di rivederla piango…sverrei se la rivedessi

  17. Noi abbiamo trascorso il primo dell’anno in chat, ci siamo detti cose pazzesche.
    Ieri mattina mi sono svegliata piena di energia ed entusiasmo, se mi avesse detto “scappiamo” lo avrei fatto. Ma per fortuna la ragione prevale sempre, e la necessità di preservare le nostre famiglie riesce ancora a prevalere sul nostro desiderio di viverci totalmente.
    Penso a mio marito che tra qualche mese compirà 60 anni, e capisco che non posso lasciarlo.

  18. Buongiorno Alessandro, è sempre bello leggerti. Sapevo che poteva essere un periodo probante quando si è amanti ma non pensavo potesse essere così difficile questo periodo di feste. E’ da dopo le vacanze che ho intrapreso con una collega una relazione clandestina (lei 36 anni sposata con 2 bambine – io 41 separato con 3 bambini). Ora con il periodo natalizio (ci si riavvicina e si è presi dal senso di colpa) lei ha iniziato ad indietreggiare e il 31 mi ha detto che è piena di pensieri, che la sua vita è una “M” e che almeno io che sono l’unico che la capisce debbo lasciarla tranquilla. Mi ha detto che mi cercherà quando sarà sicura. Si perchè fino a fine novembre / inizi di dicembre sventolava il suo amore per me dicendomi che ero quello che le è mancato in questi anni e ora mi ha detto che se è vero amore avrebbe già lasciato suo marito per me. Io non penso che sia così in quanto ci sono sul piatto tante questioni (2 bimbe – parenti – marito poco in grado di fare il padre – vissuto di 12 anni insieme)
    Ora io (innamorato) non so cosa fare. Quando ci vediamo in ufficio so solo che quando i nostri sguardi s’incrociano gli occhi sorridono.
    L’aspetto, la lascio per soffrire di meno.
    Lei dice di pensarmi ma mi ha anche detto che deve smetterla di seminare confusione in me e comportarsi da adulta.
    Ti auguro buon anno e attendo tuoi consigli in merito…

    • Sono passaggi normali nelle prime fasi dell’amantato. C’e Sempre uno dei due alle prese con la guerra fra razionalità e sentimenti. In questa fase wait and see. Inizia a leggere il codice del silenzio

    • Dici che vi frequentate da dopo le vacanze estive (immagino) e già parlate di amore? dopo pochi mesi?
      Io ci andrei piano, molto piano.
      È facile lasciarsi scappare parole importanti in un momento di debolezza senza rendersi conto del loro peso, impatto.
      Magari lei si è resa conto di questo…

      • Grazie del consiglio, ma la fase wait & see in ufficio come la attuo? Lascio da parte l’attrazione fisica e le do la mia empatia e comprensione oppure non la cerco?

  19. Aie per te è più semplice buttarti a capofitto in questa storia perché sei libero, avresti poco da perdere..
    Lei deve ponderare, capire se è davvero giusto rivoluzionare la sua vita, ma soprattutto quella di altre 3 persone…
    Per esperienza personale posso dirti che se la decisione non viene presa entro il primo anno di amantato, poi ci si adatta alla situazione e si resta così.
    E’ ovvio che dal decidere al farlo concretamente passano almeno altri 6 mesi in cui si parla col coniuge, gli si lascia il tempo di metabolizzare la cosa, si inizia a pianificare il futuro stabilendo cosa fare.

    • Lo so che per me è più facile perchè sono libero e non ho paura, lei ha una paura immensa perchè le cose si sono fatte serie e quindi mette sulla bilancia tutto. Il 31 le scrissi nella mia lettera di buon anno:
      ” Più di una volta, i tuoi atteggiamenti altalenanti mi hanno ferito e forgiato allo stesso tempo, ed è anche per questo se siamo ancora vicini, perché la vita che abbiamo io senza te e te senza me sarebbe semplicemente insopportabile.
      Le ore più felici e più intense di tutta la mia Vita le sto passando con Te e non dico questo per far il colpo di teatro, lo dico perché ho raggiunto questa consapevolezza nel viverti, nello scoprirti e nel conoscerti. Nessuna e dico nessuna mi ha fatto vivere quello che ho vissuto in questi soli 5 mesi di Noi.
      Ci sono momenti in cui il desiderio e la tristezza di non essere insieme mi travolgono. So e sento che mi ami. So anche che ora la paura del cambiamento non ti fa essere pronta a darmi l’esclusiva e così mi vuoi nella tua Vita insieme a tutto ciò che hai già. So e capisco che la tua situazione è molto più complicata della mia (io non ho la paura di amarti perchè sono libero).
      Altre persone sopportano cose apparentemente insopportabili nella loro vita, quindi io posso sopportare questo, per il momento non ho altra scelta. Mi sono innamorato di una donna che ora non posso avere, e che non può stare con me libera. Forse tra qualche mese, quando capirai che per il bene di tutti sarà inevitabile la rottura l’idea di avere una relazione con me diventerà una possibilità ed un’opportunità per te.
      Fino ad allora, io ti aspetterò, ti vorrò e continuerò ad amarti”
      Sai cosa c’è dalla mia parte? La sensibiltà che non trova di la e soprattutto l’esperienza di essere stato tradito dalla mia ex moglie mi ha aiutato a comprendere l’infelicità femminile che si viene a creare in una coppia con bambini piccoli.

      • quanto è brutto questo messaggio…sembra quasi una rivincita la tua…una ripicca…e quanta presunzione poi nel dire che da te ha quello che di la no ha…questa tua lettera le avrà fatto venire più di qualche dubbio…senza astio…solo quello che penso…

        • Lo so che non c’è astio figurati. Lei ha detto che sono quello che le è mancato in questi anni. Non è una rivincita nei confronti di nessuno solo Vita…
          Grazie comunque per lo spunto di riflessione.

  20. Vero Alessandro, (quasi) sempre ritornano e se non è per amore lo è almeno per testare ancora il loro potere su di te.
    Ma tu nel frattempo hai (ri)provato l’agonia del loro “ritorno” all’ovile durante i periodi di feste e di vacanza.
    Anche io ho il mio ovile, e per quanto piacevole sia starci, non dichiaro forfait nei suoi confronti!
    Il punto è che questa agonia dovrebbe darci la forza di chiudere, ma spesso, paradossalmente, non fa che alimentare il desiderio di lui/lei.
    @ And, probabilmente sapevi anche tu che ti avrebbe cercato. Forse un tuo atteggiamento apparentemente più freddo e distaccato potrebbe consentirti di ottenere qualcosa di più concreto da parte sua…chissà!
    Grazie Alessandro per questo tuo articolo denso di riflessioni interessanti! Ci leggi dentro, nel cuore e nella mente eh!
    Buon anno a tutti!

  21. Buon anno a tutti!
    Torno dalle vacanze, da giorni intensi in cui mi sono mossa come una trottola dal mare alla montagna, dalla famiglia agli amici. Ci sono sati momenti difficili, ma mi sono svagata, ho fatto tante cose, ho avuto poco modo di pensare. Adesso torno a casa e ripiombo nello sconforto, sento un vuoto dentro e ho paura perchè passa il tempo ma lui no… e l’unico messaggio che ho desiderato in queste feste è proprio quello che non ho ricevuto.
    Vi abbraccio forte

    • KK, amica, fidati che anche se avessi ricevuto in messaggio staresti uguale.
      Io sono convinta che nel mio caso l’ha fatto per cortesia. Uno che ti dice che non ti può scrivere perché con la famiglia poi casualmente riesce a mandarti un messaggio per il buon anno alle 12:15 del 01.01? Dai, su.
      E comunque oggi mi incazzo con me perché al suo atteggiamento distaccato che durerà 2 gg, tempo di rivedersi tutti i gg, io ho pure chiesto spiegazioni. Quanto si è scemi da 1 a 10?
      Eh ma sta coglionaggine me la devo fare passare.

      • Beh alle 12,15 dopo aver baciato tutti i presenti a chi si nega un po’ di smanetto per fare gli auguri wa all’universo? Anche coi figli in braccio si può fare

      • Per come sto ora mi baterebbe anche un messaggio guarda, per farmi capire che c’è, che non mi ha rimosso, che ha un pensiero per me… invece è completamente sparito quindi…

        • siamo allo stesso punto…ho quasi completato il primo mese di silenzio…e in cuor mio questa volta so che è finita…magari tra un anno starò meglio…non credo che basteranno pochi mesi…

          • Io sono solo a 15 giorni di silenzio e barcollo ogni giorno. Ma sento che è finita da tempo perchè lui ha formalmente chiuso sei mesi fa anche se ci siamo sempre scritti e siamo stati insieme una sera e ci siamo incontrati un paio di volte per un caffè. In questi mesi sono stata quasi sempre io a cercarlo quindi sento che da parte sua è finita anche se quando mi incontra si emoziona e vedo che i suoi occhi brillano come sempre… ma con la ragione ha messo tutto da parte e se ci riesce cosi’ bene non mi ama. Forza e coraggio, ce la faremo!

  22. Salve a tutti.
    Ieri ho scritto un messaggio con le endorfine ancora in circolo ma forse non è andato a buon fine.
    Ci siamo visti, ieri sera. non era l’incontro che avevamo programmato ma abbiamo sfruttato una serie di coincidenze. è partito da lei.
    Ebbene, com è andata? io ho lasciato che parlasse lei. E lei ha parlato. Mi ha detto che è follemente innamorata di me. Che mi ama. Che ha provato in questi mesi a dimenticarmi ma senza riuscirci mai. Mi ha detto che si è posta una volta per tutte la domanda: con chi vuoi passare il resto della tua vita? E la risposta non è il padre dei suoi figli. La risposta sono io.
    Mi ha detto che sa che non può essere immediato ma che deve farlo il prima possibile, che non ha paura di ricominciare da zero e ha solo paura di far ricominciare i figli da zero.
    mi ha detto tutte queste cose. poi c è stato spazio per altro, come potete immaginare.
    E ora sono qui, confuso. Ovviamente anche io sono innamorato di lei, ma ho paura che quella di ieri sera sia un’illusione. Ma è stata splendida, devo ammetterlo.
    Ps grazie sempre a chi mi risponde fornendo il suo punto di vista.
    @anonimo siamo sulla stessa barca, non sentirti solo. Siamo solo in punti diversi dell’onda che ci investe.

    • Sono molto felice per te and… significa tanto! Non sarà facile e ci saranno molti scogli da superare, ma immagino come ti senti e un provo un po’ di sana invidia. Vi auguro di avere il coraggio di andare avanti in nome di questo sentimento che una volta tanto è corrisposto.

      • Grazie KK e quello che ho scritto per Anonimo vale anche per te al 100% e probabilmente per tutti.
        Sono felice ma sono anche diffidente ora. in 35 anni non ho mai ceduto così di schianto al sentimento come per lei, nonostante un matrimonio e una figlia, e dopo il dolore che ho provato in questi mesi, ho una paura fottuta di lasciarmi di nuovo andare. Del resto: “on n’echappe pas de la machine”.

    • Lasciale il tempo di elaborare, non è facile per una donna “togliere” un padre ai figli, e sono sicura che questo è il suo unico ostacolo. Ci ha provato a starti lontana, avrà provato a rimettere in piedi il suo matrimonio , ma ciò che conta è che lei è tornata da te

    • sono felicissimo per te And. Credici!!!! vai avanti e non aver paura che sia un’illusione. Si è spinta tanto…goditela!!!! Da quello che hai scritto sono molto fiducioso per te. Credo che andrà bene

      Io l’ho persa…e mi son perso anche io…si è portata via la mia parte migliore…

      • Caro Anonimo non hai perso la parte migliore di te, ce l hai ancora, è quella che adesso ti fa stare male per qualcuno che non sei te, ma è anche quella che ti consentirà di superare il dolore e di rimettere insieme i pezzi brillanti della tua persona. Ti abbraccio!

      • impossibile non aver paura, amico virtuale. sono stato troppo male questi mesi.
        quello che so è che comunque devo cercar di stare in disparte quanto più possibile io riesca. non voglio appesantire lei né me stesso. non è facile, ma non penso ci siano altre strade.

  23. Wow, si è sbilanciata parecchio.
    Io e il mio amante ce lo diciamo sempre, ma alla fine nessuno dei due si decide a fare il passo…

  24. Vi capita mai di pensare al “vostro” lui fare sesso con la moglie…e addirittura immaginarlo che fa con lei gli stessi numeri che fa con voi?!! A me capita spessissimo e la loro immagine mi manda tremendamente in crisi!!!!! Non rispondetemi per favore che non lo fanno perché, come dice Alessandro, lo fanno eccome e ve lo posso confermare essendo stata in passato moglie cornuta. Anzi pensate la mia malsana e stupida idea: pensavo che mi bastasse dimostrargli di essere sessualemnte più brava della sua amante per far in modo che lui la lasciasse (poi alla fine l’ho lasciato io! ). E così ora mi chiedo: se la moglie del “mio” sposato stesse provando a tenerselo in questo modo? Ho paura che lui possa non volermi più perché ora viene appagato da lei. Che stupida che sono!!!

    • Confermo che anche le coppie in crisi lo fanno, anche se magari di rado, ma essendo in crisi è proprio il sesso a risentirne per primo come tempi e qualità quindi difficilmente lui fa quello che fa con l’amante. Detto questo non puoi basare il vostro rapporto su una gara a letto, non ha senso

    • In passato anche io mi facevo prendere da questi tormenti e mi avvelenavo al pensiero di loro a letto, alla paura che lei potesse riconquistarlo. Ora non è più così. Qualcosa dentro di me è cambiato. Non so, forse una maggiore consapevolezza di noi e del nostro semtimento…o forse semplicemente una maggiore consapevolezza di me stessa. Non mi tormento più. So cosa siamo insieme e non solo per come facciamo l’amore…che certo non e l’aspetto meno importante…anzi.
      Come dice Alessandro faranno sesso anche con la moglie? Bah…se le tradiscono, e non sono dei seriali, un gap relazionale tra loro ci sarà…non riesco ad immaginarmi niente di stellare.
      Per quel che mi riguarda ora non sono più gelosa di lei, non mi impegbo ad essere migliore, so o solo me stessa…e quando il mio amante si ritrova immerso nelle sue situazioni familiari ne viene fuori devastato, provato, affamato perchè non fa altro che notare quante cose gli mancano…
      Se la preferisce a me???
      Potrebbe sempre essere ma peggio per lui…ahahahah.

      • Io non vado tanto in crisi per il sesso che sicuramente, anche se di rado, fanno….io sono più gelosa della loro quotidianità, di ciò che condividono, dei sorrisi che lui fa a lei….sono gravissima vero?!?!

    • A me è capitato per la prima volta durante queste vacanze natalizie (è il secondo Natale da quando ci conosciamo). Lui è partito con la famiglia e quale migliore occasione per ritrovarsi un po’ tra coniugi??? E sono sicura di questo perché lui non è innamorato di me. All’inizio della storia mi ripromisi di chiudere con lui se mai avessi avuto pensieri di questo tipo perché per me non avrebbe avuto senso. E invece mi rendo conto che è successo proprio perché ora sono innamorata di lui.

  25. ragazzi sono felicissimo. Mi ha fatto una sorpresa…ed è venuta da me…è stato bellissimo…non me l’aspettavo…grazie a chi ha avuto parole di conforto…mi ha detto che è profondamente innamorata di me…tra un po’ rifinirò nel baratro e chissà quando la rivedrò…ma è stato bellissimo…

    • Sono felicissima per te !!!!! Mi raccomando, piedi ben piantati a terra, ma lasciati anche trasportare da questa emozione!
      Invece lui è in vacanza con la famiglia da 4 giorni, ne mancano ancora 10 a quando lo rivedrò e sto iniziando ad accusare un po’, visto che non possiamo neanche sentirci se non per qualche messaggio!

  26. Alessandro complimenti ! adoro il tuo modo di scrivere, fluido diretto e senza fronzoli, arrivi subito al punto… sei ILLUMINANTE, e cosa non da poco ci azzecchi sempre… 🙂 . devo dire che sei di conforto anche a me, così come lo sono tutte le persone che scrivono su questo blog. E’ sorprendente e assolutamente confortante leggere che tutto quello che sto vivendo è uguale per tutti. La mia esperienza (siamo entrambi sposati) in merito all’essere amante UN DISASTRO, io non ce la faccio a vivere una doppia vita, non sono la donna che sa stare nella terra di mezzo… non fa per me. Non riesco a condividere e essere condivisa….ma come si fa? come ci si riesce? come ci riuscite?? Il mio amante è il classico uomo che -come dice lui- ha il suo progetto di vita con la moglie, e io miglioro la sua routine famigliare, sono la sua ciliegina che migliora il suo mondo perfetto… il suo nuovo sesso … Lui la mia di vita invece la peggiora, più entra dentro il mio mondo e più spingo mio marito fuori, sessualmente poi, non ne parliamo… questo mi crea un forte malessere ed un disagio enorme, perché so perfettamente che il mio amante non è l’uomo giusto per me, e mai lascerei mio marito per lui, ci lega solo una potente chimica che purtroppo non è controllabile…
    Non me la sento di sparare a zero sulla categoria “maschile” sono così diversi da noi, loro riescono a stare così bene con i piedi in due scarpe… che invidia! beati loro! La scelta di accettare e di rimanere è solamente nostra, di nessun altro.
    Una cosa però l’ho capita e la sto pagando a mie spese, andava tutto bene finche’ nella coppia non è entrato l’elemento esterno, una volta inserito nulla è e sarà più uguale a prima. Sono arrabbiata, tanto arrabbiata, ho rovinato un amore con un uomo meraviglioso, mio marito, per un profumo buono, così potente al quale il mio corpo non ha saputo resistere, ed ora mi lecco le ferite…
    Mannaggia.

    • Grazie e benvenuta. Non sono d’accordo sul fatto che tu sia stata quella che ha rovinato o che sta rovinando il tuo matrimonio. Nella quasi totalità dei casi soprattutto per le donne l’arrivo di un amante non è un colpo di testa anche se sono possibili colpi di fulmine e colpi di ormoni ma vengono in più del 90% dei casi perché manca qualcosa nella coppia originaria. Non conosco matrimoni in cui si possa inserire un estraneo quando questi matrimoni sono felici quando tutto va bene. Gli amanti entrano in un matrimonio perché trovano almeno uno spiraglio Di insoddisfazione. Può essere la routine aggravata dal tempo, il fatto che ci sia messi insieme da giovani e quindi si è più amici e fratelli che coniugi, il sesso che non funziona più bene come una volta sia in qualità che in quantità. Insomma non conosco matrimoni felici in cui possono entrare altre persone conosco matrimoni che hanno delle falle e spesso recuperabili che incorrono in incidenti recuperabili dicevo prova a vedere se puoi recuperare il tuo ma devi rinunciare al tuo amante soprattutto perché lui è stato molto chiaro tu sei un divertimento

  27. Alessandro come sempre hai ragione, di sicuro lo spiraglio ci stava eccome ma prettamente sessuale … ho dato retta come dici tu all’ormone, non avevo considerato le ripercussioni nella coppia, e parlo solo di sessualità, che per ovvi motivi dopo anni di matrimonio è ben diversa dalla nuova…
    con l’amante ho già girato pagina, nonostante lui mi tartassi di messaggi strappalacrime hai quali non segue risposta, come dici tu…. tornano, tornano sempre.
    Grazie.

  28. Sono passati un paio di giorni dal nostro incontro e dalle frasi che ci siamo detti (che soprattutto lei ha detto a me). Ieri e oggi ci siamo sentiti in modo più o meno interlocutorio. nessun passo indietro da parte sua. Oggi però le ho detto una cosa. di rivederci per proseguire il discorso che, per la felicità di esserci rivisti e la voglia di averci, abbiamo forse interrotto troppo presto. Ossia, acclarato che non riusciamo a fare a meno dell’altro, appurato che vogliamo stare insieme (cosa che anche stamattina mi ha confermato) e appurato anche che non può accadere nè stasera nè domani, io voglio trovare – INSIEME – un modo per vivere al meglio possibile il tempo che serve prima che quel giorno arrivi. non abbiamo spazi condivisi, non lavoriamo insieme, ufficialmente non ci conosciamo, quindi per stare insieme dobbiamo per forza di cose andare a prenderci questo spazio
    insomma non voglio stare nel limbo in cui mi chiedo se faccio bene a scriverle, se devo stare sulle mie, se devo giocare di strategia.
    se vogliamo essere una coppia, non voglio fare strategie, voglio agire da tale, anceh se per ora dobbiamo esserlo in segreto. e quindi in coppia voglio trovare un modo per stare insieme ora, prima che il tempo arrivi.
    Pensate che abbia agito male? mii sono chiesto se dicendole questo le metto pressione ma poi mi sono detto che è stata lei a manifestare l’intenzione di “fare la rivoluzione”.

    • Secondo me una volta deciso insieme che si va avanti le strategie devono cessare ed essere sostituite da una road map fatta di tappe che vi porteranno al traguardo finale. L’unica cosa eviterei di subissarla subito con programmi a lunga scadenza e vivrei al meglio il presente

    • È assolutamente giusto mettere giù un piano d’azione condiviso e rispettoso dei tempi necessari a fare le cose nel modo giusto e con la giusta calma

  29. Questi uomini egoisti poco coraggiosi che ritornano, si rendono conto della sofferenza che creano in noi ?
    O meglio, è un’egoismo consapevole? O poveri … è più forte di loro…?

  30. Per me non ci siamo proprio… cerco di staccarmi ma dopo un po’ non ce la faccio e riappaio… lui dice che mi ama ma adesso non se la sente di fare il passo, a volte mi dice che devo aspettare… io credo sia arrivato il momento di sparire completamente ma non riesco a staccarmi da lui.. 🙁

  31. Io ho staccato e lui per risposta prima mi ha confermato tutto il suo enorme amore è visto che ciò non ha sortito effetto, che ha fatto? Il più grande errore della sua vita: ha cercato di farmi ingelosire.
    Se già ero spenta ora …

    Nemmeno alla scuola media.

  32. Vorrei un consiglio.
    Se io non avessi avuto una figlia, avrei fatto senza pensarci il grande passo senza nemmeno aspettare lei (lo dico per esperienza, mi è già capitato una cosa simile in passato).
    Mia figlia è molto piccola, se ora io e sua madre ci lasciassimo, se da un lato avrebbe una donna ferita, dall’altro vorrei darle almeno un padre più sereno. cosa intendo? che se io la privassi della “famiglia unita” per restare solo a mia volta, non glielo darei. Potrei esserlo solo se vivo l’amore per l’altra persona. Quindi la frase forse poco politically correct che vi potrebbe fare imbestialire è questa: sì, per ora, se non ho la garanzia di fare il passo INSIEME a lei, la mia amante, io non lo farei. vorrei pianificare quindi questa cosa insieme a lei (se non cambia idea) non da solo. La classica frase “ci si lascia perché non si sta bene insieme, non per un’altra/o” l’ho sempre rispettata, ma non sono sicuro valga in presenza di un figlio piccolo.
    Cosa ne pensate?

    • la penso come te…fare il passo da solo a cosa serve…ad andare a scopare a destra e a manca liberamente…

      io amo lei…se non c’è lei non sono felice…stare da solo non allevierebbe la mia infelicità ma la acuirebbe per la sofferenza bambini…

    • Ho anch’io figli piccoli e pure lui. Non riusciamo per adesso a stravolgere la loro serenità per la nostra felicità. È giusto che sia così. Io non sarei serena dopo il grande salto, sarei felice finalmente di vivere con lui ma sono sicura che soffriemmo per i bambini.

  33. Beh perdonatemi se vado controcorrente. Bella merda che si ritrovano tra le mani le/i vostri consorti. se rimanete a casa per convenienza (perché di questo si tratta) abbiate per lo meno le palle di impegnarvi a recuperare il rapporto in casa, se vi manca quello di dichiararvi infelici.
    Sempre che l’infelicitá non sia reciproca e pertanto vada bene a entrambi sta situazione

    • evidentemente eri così presa dal tuo giudizio – insulto, anzi – che hai dimenticato una parte del ragionamento. Etichettare come “convenienza” una serie di complesse dinamiche relazionali lo trovo insensato, ma se ti piace assegnare delle etichette, fai pure…

  34. Dipende secondo me da quanto riuscite a dare uns parvenza di serenità a tua figlia.
    Per intenderci se deve assistere a continui litigi è meglio un genitore separato ma felice.
    Diversamente posso dirti cosa ho fatto io.
    Io mi sono fermata. Non me la sono sentita di anteporre la mia felicità a discapito di quella degli altri.
    Non giudico chi lo fa ma credo sia una questione molto personale.

  35. Gentilissime amiche e amici,sono Roberto ed avevo scritto alcuni giorni fa della mia situazione di io single e lei sposata con figli tutti piccoli,la nostra storia va avanti da 5 mesi,ci amiamo tantissimo e vi risparmio le sensazioni che proviamo..Purtroppo lei ha continui sensi di colpa verso il marito e verso i figli,quindi decide di lasciarmi per poi ritornare dopo un massimo di 2 giorni,questo circa una decina di volte.Ovviamente io resistenza zero..Per me non e’un flirt,la amo da impazzire,per vederla percorro circa 900 km ma non mi pesano affatti anzi..Due giorni fa ci siamo rivisti dopo 20 giorni e lei mi dice che non lascera’mai suo marito,non se lo merita,hanno costruito insieme,hanno avuto dei figli e progettato insieme il futuro..Inoltre si e’resa conto che i bambini non potranno mai vedere la famiglia sgretolarsi ne soffrirebbero troppo,in piu non ha la forza di mettersi contro genitori,suoceri ecc.Quindi mi chiede di aiutarla,mi dice che mi ama e che si rende conto che lei non ha la forza di lasciarmi perche ogni volta non resiste e mi ricerca di nuovo ed io,che sono debole come lei,continuo a risponderla e riprendiamo di nuovo con questo eterno tira e molla..Mi dice che si rende conto che si sta comportando egoisticamente nei miei confronti e che merito una persona single come me.Io le dico di vederci l’ultima volta,lei non voleva ed ho dovuto insistere parecchio,perche ripeteva che avremmo solo prolungato l’agonia ma,poi ha accettato con il patto che dopo quando lei mi cerchera’,io dovro’non rispondere piu,ne ai messaggi,ne alle chiamate che mi fara’.Io ho accettato ma,non credo che ce la faro’…Ecco questa e’in linea di massima la situazione,ci amiamo,lei mi ama questo e’sicuro,storie parallele non ne vuole perche’non potrebbe vivere con questi sensi di colpa continui,quindi in effetti vuole che sia io a lasciarla…Mi sento in confusione totale,la parte della mente mi dice di sparire ma la mia anima no..Non so cosa fare,il pensiero di non vederla piu mi manda in panico ma,la parte razionale di me soffre come un cane a vivere briciole di amore ed attimi rubati,io vorrei viverla sempre..Ogni volta che prende queste decisioni posta foto con famiglia al completo..,credo che voglia farsi forza e superare questi momenti..Ci sentiamo 3/4 volte al giorno e la media di 30/50 messaggi al giorno,mi ripete che sono l’uomo che le ha sconvolto la vita,pero’ha fatto prevalere la ragione al sentimento.Io ho capito benissimo che non abbiamo futuro e che lei ha fatto la scelta migliore per il bene dei suoi cari ma il fanciullo che c’e’in me non vuole sentire ragioni…Che devo fare..?sparire..?Vorrei che mi deste una mano con un vostro consiglio..,ve ne sarei grato…

    • @ Roberto, tu sei nella nostra stessa situazione. Noi in senso di noi altre/i.
      Ti ha già detto che non lascerà la famiglia. A molte di noi non è stato detto dall’inizio.
      É stata chiara.
      Anche se sei innamorato, e ti capisco, cerca di distaccarti.
      Tipo, noi donne che siamo state amanti e poi ci hanno lasciato perché hanno scelto la famiglia, abbiamo iniziato ad attuare il codice del silenzio. Un giorno funziona, due no, poi tre si, poi 2 no. E così via.
      Noi abbiamo aspettato tanto. Siamo andate avanti anni e ora risulta difficilissimo.
      Provaci. 5 mesi sono tanti, ma non tantissimi.

    • Ciao Roberto, è successo anche a noi cosi’, pero’ eravamo entrambi sposati con bambini piccoli. Dopo 6 mesi, abbiamo provato varie volte ad allontanarci, lui piu’ motivato di me perchè non riusciva a vivere questa situazione, diceva che non voleva dividermi e detestava di vedermi con mio marito (amici in comune quindi capitava spesso). All’inizio non ci siamo riusciti e tornavamo dopo 2/3 giorni. Lui mi diceva che anche se mi amava non me lo avrebbe piu’ detto e mi chiedeva di fare lo stesso. Quando io gli chiedevo cosa avremmo fatto se non sarebbe passata mi rispondeva che l’importante era che l’altro non veniva a saperlo altrimenti non avremmo smesso mai. Diceva che la nostra situazione era molto complicata (vero) e che non avremmo mai potuto fare il salto. Non voleva continuare a vivere nella menzogna e nascondersi. Un giorno, credimi di punto in bianco, ha completamente cambiato atteggiamento. Ha smesso di cercarmi e quando lo facevo io non mi rispondeva o rispondeva malissimo. Mi ha allontanato in questo modo. Quando capitava di incontrarci riuscivo a scorgere nei suoi occhi quello che ho sempre visto dall’inizio ma lui da quel momento ha sempre negato. Ha detto che si era sbagliato, non provava amore e dovevo lasciarlo in pace. Sono 6 mesi adesso che non stiamo piu’ insieme. Io soffro molto, lui non si smuove, anche se ci siamo visti una volta in questi mesi e siamo stati insieme, benissimo come sempre, ma dal giorno dopo ha alzato di nuovo il muro. Sono sicura che mi tiene a distanza perchè sa che basta poco per cedere e ricominciare. La cosa che mi fa piu’ male è questa “violenza”, questo atteggiamento completamente diverso da quello che aveva all’inizio. Dice che la persona che ho conosicuto all’inizio non esiste piu’ e devo farmene una ragione. Forse è un suo modo per farsi forza, non lo so. Posso solo dirti quanto sto male e quanto in questi mesi abbia cercato disperatamente di ritrovare quella persona di cui mi sono innamorata, ma che non ho piu’ trovato.

      • Impazzire per una persona che si sforza di non amarti.
        Prima domanda. Può una persona seriamente innamorata con il puro sforzo uccidere il sentimento? Forse si. Secondo me se uno ci riesce però significa che non era amore autentico.
        Seconda domanda. Può una donna accettare che un uomo le dica una cosa del genere continuando ad amarlo?
        Forse è più bisogno che amore.
        Io per esempio mi sto chiedendo se il mio ormai ex (almeno per me) Lui provi una cosa del genere. Bisogno. Non proprio amore. Perché mi avesse amata in modo autentico non mi avrebbe trattata così. Io l’ho sempre messo al primo posto. L’ho rispettato sempre. Lui per tenersi una moglie che non ama mi ha relegato (Me, l’ “amore della sua vita) nel ” quando e se trovo spazio “.
        Io non discuto lui pensi di amarmi. Solo che forse confonde il bisogno di me con l’amore.
        Ora mi è scattata la nausea per il suo comportamento doppio (con me e con la moglie). Non credo mi passerà . Certo mi manca. Sono però consapevole di ciò che voglio, di ciò che merito. Non posso accettare più certe cose. Proprio nel profondo. Non riesco più a vederlo con gli stessi occhi. Forse mi sorprenderà. Non so se possa riuscire. Non con i soliti modi. Ormai quelli non mi fanno più effetto. Non so nemmeno se esista un modo. Ora mi dico che se tornasse con proposte di futuro avrei comunque dei dubbi. Quindi non so se sia riparabile . Per l’amore che c è stato spero solo che lui possa trovare la felicità. Io non piango per chi non mi ha voluto completamente nella sua vita ben sapendo cosa potevamo offrirci. Ho fatto tutto quel che potevo. Se non è bastato significa che non è l’uomo per me. O forse lo era ma non l’ha colto per motivi suoi. A questo punto è lui a dover piangere. Non io.
        Il sorriso non me lo tolgo.
        Succede a chi ha dato davvero tutto e non ha nulla da rimpiangere.

  36. Solo io sono la pazza che ha fatto il grande pssso senza che l amante avesse la.minima intenzione di stare con me. Io non riuscivo piu a fingere e ad avere rapporti e un giorno sono scoppiata

      • Infatti @Oldplum anche per te vale il mio pensiero positivo e veramente ti e vi ammiro SuperDonne veramente come dice Alessandro!
        Ci vuole coraggio e tanta fatica e tutto il vostro cammino in cui si percepisce la vostra sofferenza.
        Credo di capire ,se ho ben compreso,che pure tu @Luce abbia fatto la stessa scelta
        Che dirvi,vi ammiro e vi abbraccio Tutte e tre!!!

    • @Antonella B.ce ne fossero di più persone come te che hanno la forza di animo la capacità fattiva di fare la scelta in base a ciò che senti tu indipendentemente da tutto,
      Perché credo che se le cose non funzionano nella propria relazione a casa sia un problema che va affrontato indipendentemente se si ha un amante
      Forse questa è la difficoltà maggiore tra gli amanti?
      Non so ,non essendo amante non posso avere una opinione più precisa,ma tu secondo me,sei avanti ,veramente il tuo coraggio ti aprirà veramente le porte alla vera libertà di scegliere cosa vuoi per te stessa,è un modo di amare te stessa!

  37. Antonella io credo che il passo fatto indipendentemente dall’amante, si fa quando in casa si sta veramente troppo male. Altrimenti si resiste per tanti motivi, sicurezza economica, consuetudini, ma soprattutto per il bene dei figli.

  38. Chi rinuncia a te è perché in fondo non ti ama, o se preferite non ti ama abbastanza.
    Chi non rinuncia a te ma vuole l’uovo e la gallina e lo dichiara (l’importante è non essere scoperti e quindi a casa cerco bene o male di far funzionare le cose per non destare sospetti) ama se stesso.
    Chi non rinuncia a te ma sta a casa raccontando quanto è in crisi e incompreso che non scopa più ma non può proprio per i figli per la nonna e il gatto e che devi capirlo, è un paraculo

  39. Caro Roberto già veramente hai avuto il vantaggio non da poco di sapere da lei che sincera chiara e diretta ti ha detto che ha fatto la sua scelta e cioè la sua famiglia ,i suoi figli.
    Capisco che tu soffra tanto perché il sentimento sincero che provi e che evidentemente era reciproco non aiuta a trovare la forza e la lucidità matura per renderti conto che se la ami il tuo modo di aiutarla è sparire dalla sua vita.
    Sicuro capisco non siano queste le parole che avresti voluto ascoltare come suggerimento,credimi so pure io che significa soffrire per amore e per un amore impossibile ,ma sto convinta di questo che se tu sparisci dalla sua vita e cerchi piano piano di farti una ragione ecco che nella vita nulla si può prevedere e chissà quanto di bello e buono ti arriverà nella tua vita.
    E quello che sta certo è che te lo auguro tanto di cuore!!!
    Lo so adesso è troppo difficile capire il mio pensiero,ma è questo che penso e ti incoraggio tanto a questo aiuto che davvero le occorre che arrivi da te,sparire dalla sua vita adesso!

  40. Ciao a tutte/tutti,abbiamo deciso di vederci ancora e di goderci ancora i momenti che riesce a ritagliarsi.Pero’ci sono alcune cose che mi mandano in confusione..un giorno e’amorevole mi riempe di attenzioni dolcissime e di frasi bellissime,poi dopo il week end(non abbiamo nessun contatto ovviamente) di solito cambia e mi tratta in maniera fredda,distaccata per poi ritornare la persona amorevole dopo un paio di giorni..Secondo me,quando e’a casa e vede la famiglia al completo le prenderanno i sensi di colpa e cosi il giorno dopo inizia a trovarmi mille difetti per convincersi che non sono adatto per una vita familiare stabile,credo poi non so..
    La mia confusione attuale nasce anche perche’ mi rendo conto che questo e’un rapporto a tempo determinato ma che non conosco la data di fine rapporto,i week end e le feste sono una mazzata,perche’ inevitabilmente penso a lei con marito e mi sale una gelosia che mi fa stare proprio male,sono sempre nervoso,per un nonnulla ho degli scatti di ira con persone che non c’entrano niente ma basta una telefonata per farmi cambiare umore,un”forse ci vediamo il..”e mi si rischiara il mondo intero..In questa coppia(sic!)la parte debole sono io,mi sento a tratti come una barca senza remi o vele in balia della corrente,non ho nessun potere decisionale,mi adeguo solo ai suoi tempi.Certi giorni sto bene e certi giorni sono a terra..
    Ed oggi e’un giorno no..Io vorrei vivere questa situazione con distacco ma non ci riesco purtroppo,ho provato ma non ci riesco..Mi chiedo ma,se in un mese 2 o 3 giorni mi sento al settimo cielo e 27 sto male ne vale la pena?Non poter vivere alla luce del sole,non poter passeggiare mano nella mano,non poter passare un week insieme,le ferie,programmare nulla se non un prossimo incontro ne vale la pena?Se ragiono con la mente la risposta me la do da solo ma se interviene la mia anima la risposta cambia radicalmente..
    Io sono consapevole che lei mi ama,altrimenti non metterebbe tutta la sua vita a rischio per un’avventura ma alla fine torna all’ovile ed io ritorno nel mio letto ad una piazza..
    A tratti vorrei che scattasse in me il rele come dice Alessandro..La colpa e’anche mia,al sentore che ho avuto del colpo di fulmine,infatuazione,amore dovevo sparire perche avevo messo in conto che dopo soffrivo ma,avevo avuto l’illusione di averla con me per sempre ed ho continuato..Ora,questa illusione non c’e’piu..In fondo lei la sua scelta l’ha fatta,mi posso struggere per una donna che sceglie il marito continuamente a me?Mi sento proprio uno stupido…

    • Roberto sai cosa mi diceva? “Non voglio stare un giorno bene per poi vivere un inferno le settimane successive, sto male fisicamente ed emotivamente. Ti voglio tutta per me, non so gestire questa situazione, mi sento una merda perchè non posso avere quello che voglio e ho mille sensi di colpa verso gli altri perchè sto facendo male a tante persone”. Ma il fatto è che lui sapeva che non mi avrebbe potuto avere tutta per sè non perchè io avevo deciso e scelto la mia famiglia (di fatto non eravamo nemmeno arrivati a questa decisione), ma perchè lui non se la sentiva di affrontare tutto, c’erano in ballo figli, rispettivi moglie e marito, ruoli lavorativi, amici, ecc. Ha messo da parte con la forza della ragione e io penso che probabilmente i sentimenti non erano cosi’ forti perchè di fatto riesce a fare a meno di me, anche se in fondo non ci siamo mai staccati veramente. Certo sono piu’ io che in questi mesi non ho mollato la presa, ma lui mi ha sempre richiamato, risposto a messaggi e email anche se in modo diverso rispetto all’inizio e piu’ distaccato. Non vuole che ci vediamo da soli, ma forse è giusto che sia cosi’ dal momento che ha deciso.

      • Accidenti….le stesse identiche parole che mi ha detto lei…solo che io sono single..ed avrei affrontato tutta la situazione,solo che ora e’un mesetto che non le dico piu di vivere insieme,da quando mi ha detto che ha scelto ed io non sono la sua scelta..

      • Carissima Oldplum,ho pensato anche io a questa cosa sai,ho riflettuto..Ora sono stanco di essere passivo,di non aver voce in capitolo,di aspettare un messaggio o una chiamata o di non poter vivere la quotidianita’..Mi chiedo a volte..mica ho la peste che devo nascondermi e non farmi vedere..Lei spesso mi racconta i suoi sogni che siamo insieme,che vivremo insieme..tutti e se e se ma..poi credo che oggi o perche’ho accusato il colpo diretto della sua scelta del marito non perche l’ama ma perche hanno costruito insieme e gli vuole bene,dicevo non mi lancerei piu come un mese fa a dirle di vivere insieme..Io capisco i suoi sensi di colpa,che non vuole far soffrire nessuno a casa ma,evidentemente cosi male in fondo non ci sta..Poi stranamente oggi mi sono venuti a me i sensi di colpa,che mi sono sentito un meschino a cercare di sfasciare una famiglia per un mio egoismo..Cioe io mi sento che so al 100% che non sara’mai mia ma continuo a accettare i suoi tira e molla..Forse non sono forte da chiudere pero’mi chiedo sempre piu spesso perche continuo a voler credere in una cosa impossibile..e come se ci fossero due persone in me,una che ha capito e l’altra che non accetta..Potrei vivere questa relazione vedendoci due volte al mese,andare in hotel e poi?Qui mi stancherei cara Oldplum,sarebbe squallido..Credo che forse sia giunto il momento di provare a distaccarmi anche se sono consapevole che oggi basterebbe di guardare i suoi occhi e farei dieci passi indietro..

        • Mi ritrovo molto in quello che racconti e ritrovo molto il “mio” lui. Anche io mi sento sdoppiata e anche lui mi diceva sempre “non possiamo far soffrire 4 persone per il nostro egoismo, la gioia che porterebbe questa cosa non puo’ superare il male che farebbe ai bambini e alle persone con cui abbiamo costruito qualcosa negli ultimi 10 anni”. Alla fine lui è stato forte, ce l’ha fatta a staccarsi da me e credo si senta anche liberato. Con la moglie non mi sembra che le cose vadano benissimo da quello che so, ma alla fine a prescindere da loro non ha voluto continuare con me, non voleva sostituirsi al papà di mio figlio e magari vivere con lui e non con suo figlio perchè i figli restano con la madre… posso capire anche se fa male averlo incontrato solo adesso.

          • Dice che a noi passerà col tempo, ai bambini crea ferite che a quell’età restano per sempre. Quando si hanno bambini non si puo’ anteporre la propria felicità alla loro, non si puo’ essere egoisti. Non lo giustifico, attenzione. E’ difficile giudicare e io non sono lucida in questo momento per farlo. Tutti, anche su questo blog, dicono che passerà, bisogna far passare il tempo e si puo’ stare meglio, quindi non ha tutti i torti. Io intanto vivo un giorno alla volta e spero che un giorno mi voltero’ indietro a guardare la strada che ho percorso col sorriso di chi ha ormai superato.

  41. @Roberto, sì in effetti ho sperimentato anche io questo “distacco “dopo le reunion familiari e non solo… sebbene nel mio caso si sia trattato di relazione paritaria, entrambi sposati cioè.
    Ma la tua situazione non è tanto diversa dalla mia: sono sempre stata io quella in attesa, quella dipendente dai suoi tempi e disponibilità.
    Tempi e disponibilità che io invece riesco, pur avendo una vita altrettanto impegnata, a ritagliarmi con più facilità. Ma a soffrire per l’attesa è certamente chi è più coinvolto nei sentimenti, non c’è dubbio.
    Anche io ho provato, come te, l’euforia per pochissimi giorni, quelli in cui lo sentivo, quelli in cui lo vedevo, per poi ripiombare nello sconforto per diverse settimane. Ma quando la gioia è assai minore della sofferenza per non avere accanto come vorremmo la persona che amiamo, allora vuol dire che non c’è equilibrio e questo in fondo non fa bene, né al cuore, né alla psiche, né all’anima.

  42. Non riesco a capire perche sono due giorni che mi tratta come una nullita’..che ho una vita monotona,che penso solo ai vestiti,alla palestra,a perdere tempo mentre lei e’super impegnata tra lavoro,famiglia,impegni ecc.Le ho risposto che io sono single e lei ha una famiglia..questa e’la differenza tra noi..Ha avuto un cambiamento in due giorni incredibile,certo che cosi non posso andare avanti..tra un paio di giorni dovremmo vederci ma,se questi sono i presupposti sarebbe meglio evitare..non mi sento sereno ma,se vuole troncare perche’non lo fa?perche mi tratta malissimo e poi dopo ritorna come un’adolescente innamorata?Ho abolito messaggi dolci,anzi a dir il vero rispondo solo se mi scrive ma,sto vivendo male questa storia..Capisco i sensi di colpa ma,essere trattato male non mi va..Lei fara’cosi per autoconvincersi a mollarmi..Forse,mi conviene sparire..Caos totale!!!

  43. Roberto … tu che la ami la tratteresti male?
    Condivido il pensiero di Alessandro … una narcisista e stronza come tutti i narcisisti

    • C’è una cosa che mi atterrisce, la riscontro ormai in tante persone e la respingo con tutte le mie forze. Quel comportamento improvviso di qualcuno che ami che spiazza, che non si riconosci, che ti ferisce. Non si avverte subito che sta partendo un tentativo di controllo e manipolazione da parte dell’altro che è a corto di argomenti e azioni.
      Per me amore è anche affidarsi, vuol dire che scelgo di fidarmi di te, so che non ti approfitterai di me. Vuol dire che accetto anche una pugnalata ma se mi guardi negli occhi e non se ti do le spalle. Se non mi posso più affidare a te l’amore non c’è più.

  44. Non la tratterei mai male Ema…,cara Oldplum ce ne avrei ma non le guardo nemmeno purtroppo..,Eh si Angelica avrei preso il pacchetto completo ma ora non me la sentirei piu..
    Comunque,ho sostituito il noi con l’io…ci mettero un po di tempo ma,ora viene al primo posto la mia serenita’..poi l’amor proprio e per finire io…grazie ragazze…grazie Alessandro…

  45. Buongiorno @Alessandro, mi daresti un consiglio? Sto cercando di fare come mi hai consigliato e ai suoi vari tentativi prendo tempo. Domani sera invece lo incontrerei ad una associazione: sono indecisa cosa faccio? Vado, mi metto giu da gara e lo ignoro (immagino che trattarlo come un semplice conoscente sia meglio ma non sono proprio proprio certa di riuscire) o rinvio l’appuntamento che ho con una delle signore senza dirlo a lui? Mi sono fatta la domanda che si fa @Lei “cosa mi fa stare meglio?” mi farebbe stare meglio vederlo. Voi signore che fareste? Noi non si lavora insieme: o accetto un appuntamento o questa associazione.

  46. Da quando è rientrato dalle vacanze ho notato in lui una “sofferenza”, quasi un disagio, cercava di evitare il mio sguardo, quasi il contatto. Oggi l’apice…mi dice che durante i 15 giorni di vacanza lui e lei non hanno mai fatto sesso (e non vedo perché dirmelo se non fosse vero, io non ho chiesto niente) ma i sensi di colpa verso i figli lo hanno fatto vacillare, ha avuto paura di perderli. E stasera piangendo mi dice che mi ama ma ha paura, si sente debole, non pensava che sarebbe stato così tanto coinvolto da me da rischiare di perdere i figli, che ha paura che lei ci scopra e non sa più come gestire la nostra relazione, che impazzisce a pensarmi con mio marito ma allo stesso tempo non lascerà mai la sua famiglia, che questa è una storia parallela, troppo difficile da mandare avanti….e io impazzisco di dolore… la ragione mi dice di chiuderla, ma il cuore proprio non ce la fa

    • Ora se lo sganci con freddezza lui torna. Poi si risgancia e via…un loop infinito. finché tu non reggerai piu. Va così

    • Benny, come ti capisco… Anche io mi trovo nella tua stessa situazione… Questi uomini che si fanno prendere dalla paura perché sono troppo coinvolti e quindi si mostrano distaccati…. Però hanno paura di perderci e sono gelosi… Mi sembra un controsenso!!!!

    • @benjy …Excusatio non petita, accusatio manifesta ma hai ragione il cuore proprio non ce la fa …speriamo di riuscire a farcela presto!

  47. @Benjy MOLLALO!!!!
    Sara sempre un avanti e indietro e ritorno
    Care ragazze Svegliatevi
    Hai presente LUI ECCO COSA AMA SICURO
    TENERE IL PIEDE ,VABBÈ,CHIAMIAMOLO PIEDE IN SUE SCAPRE ,E VABBÈ CHIAMIAMOLA SCARPA..

    SCUSATE ,MA POSSIBILE CHE NON VI RENDIATE CONTO DELLA CHIARA PRESA PER IL C….!!!!

    DONNA FUGGI GALOPPA LONTANO NEL VENTO DELLA TUA LIBERTÀ LIBERA DI INCONTRARE CHI SAPRÀ AMARTI VERAMENTE TUTTA RISPETTANDOTI TUTTA!!!

    CORAGGIOOOOOOOOO!!!!!

  48. Carissime amiche e amici,ci siamo rivisti d’accordo che e’l’ultima volta e che dobbiamo tagliare tutti i ponti o almeno provarci,non ha voluto fare l’amore(dopo che eravamo in hotel all’improvviso si e’bloccata e si e’rivestita) perche mi dice che sta cercando di rimuovere dalla mente che siamo stati insieme e farlo ancora poi non l’aiuta anzi la fa stare male per altre settimane,che ha i sensi di colpa,che i suoi cari soffrono ecc.Io ci sono rimasto malissimo ma nemmeno per la cosa in se ma,per la frase che vuole rimuovere tutto dalla mente..
    Siamo andati ad un ristorante e ci siamo lasciati con un “proviamo a staccarci”ma,poi la sera mi ha richiamato,messaggi il giorno dopo ecc.
    Le dico che visto che il problema sono io,mi faccio da parte,cosi puo’riprendersi la sua vita di sempre.Mi sto rendendo conto che:non ha intenzione di dare una svolta,vuole provare a cancellare quello che e’stato ed e’tra di noi,non vuole piu fare l’amore quindi sta scattando in me un allontanamento me ne accorgo quando la rispondo e da come mi sento..Le dico che non andro piu da lei che e’inutile vedersi se non c’e’futuro..Forse questo e’anche dovuto all’orgoglio maschile che e’venuto fuori quando non abbiamo fatto l’amore ma,se e’cosi forse e’stato un bene ma,da precisare che io non andavo da lei solo per quello anzi molte altre volte non l’abbiamo fatto ma,quest’ultima volta mi sono sentito veramente ferito ripeto non per l’atto in se ma per la frase..
    Le dico che ci rivedremo solo se riesce a superare questi sensi di colpa altrimenti nulla ed in piu le dico che spero che riesca a rinnamorarsi del marito…
    Ora lei e’partita per una vacanza con la famiglia ed io?In attesa di un messaggio o di una telefonata?Ma sarebbe da stupidi..vedere le foto con la famiglia al completo in vacanza prima mi facevano stare malissimo per giorni ora stranamente per pochi minuti..che stesse scattando il Rele??Speriamo…

  49. Buongiorno, vi leggo sempre con piacere se non scrivo perché quello che ho dentro non si è sedimentato e raccontarlo mi è difficile.
    Quando mi ha visto ha avuto un sussulto, si è preso qualche minuto per respirare e poi è venuto a salutare.
    Nel mentre ho fatto in tempo a smaltire l’emozione anche io. (sono timida mentre diventavo rossa ho baciato con calma tutte le signore presenti) Sono riuscita ad essere abbastanza distaccata, ho ringraziato ai complimenti e stroncato I suoi tentativi di allontanarsi un attimo dagli altri per due parole o anche una sigaretta (perché alla fine qualunque sia il motivo
    per il quale siamo a questo punto non cambia ne la situazione ne la sofferenza).
    Si è seduto vicino alla signora con la quale avevo accordi per far due parole così io sono andata a sedermi accanto ad un altro che mi ha raccontato novità sul suo lavoro, con la signora siamo rimaste che prenderemo un caffè insieme da sole per poter parlare con calma.
    Sono venuta via contenta, il giorno dopo però ero gia li che mi angustiavo per essere stata troppo stringata e non avergli dato opportunità, avevo addirittura sensi di colpa (ingiustificati lo so senza bisogno di psicoterapeuta). Passato un giorno mi ha chiamato, non ho risposto, mi ha messaggiato e come scrisse Manzoni “…la Sventurata rispose!” (o forse nel caso in questione la tonta 🙂 ) da allora abbiamo ripreso contatti regolari e ieri tra una risata e l’altra mi è uscito un si di troppo ad un invito a cena… è di troppo perché in sostanza (credo anche che sia stato preso alla sprovvista) non c’è una data, è di troppo perché già una volta io mi sono illusa su un suo ritorno che invece si è rivelato essere una 🙂 partenza per le vacanze, è di troppo perché forse stavo riuscendo a venirne fuori…non perché stessi poi così bene senza ma comincio a vedere tutto il ridicolo di questa Soap opera
    Il guaio è che ha scritto @Oldplum : Ora se lo sganci con freddezza lui torna. Poi si risgancia e via…un loop infinito. finché tu non reggerai piu. Va così
    e allora dovrei scappare per non scoprire di essermi innamorata di un noiso prevedibile che mi tratta da tonta ma in questo momento non ho la forza perchè se dovesse tentare di concretizzare la data mi verrebbe da rispondergli che stavolta sto partendo io per le vacanze …e con l’idraulico! (poi però già so che il giorno dopo altro che sensi di colpa uno sturbo mi verrà!!!)

  50. Il mio uomo invece mi ha spiazzato, non è la prima volta che tra noi finisce e puntualmente mi ritrovo con me che gli mando sdolcinati messaggi su wa in cui da grande eroina gli dico che questa volta non mi rivedrà più e lui che li ignora altamente oppure mi chiede di lasciarlo in pace. Stavolta , dicevo mi ha spiazzato perchè di fronte all’ultima sviolinata devo dire però sincera perchè veramente questa volta voglio smetterla di inseguirlo e di spingere. Sono stanca e delusa, patapaffete lui mi contatta dopo una giornata ringraziandomi e scusandosi per il suo atteggiamento. Non so cosa pensare, rimorso? Desiderio di lasciare una porta aperta? Ha avvertito la mia determinazione nel voler abbandonare la partita? Non so che pensare… a parte quel essere sentirmi per una volta al piano superiore ma allo stesso tempo destabilizzata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

@anpellizzari

La mia Rubrica su Panorama.it

Commenti recenti