Home » Amanti » Amore fra amanti: chi sono, quanto dura e come finisce. I numeri

Amore fra amanti: chi sono, quanto dura e come finisce. I numeri

20140725-193142-70302988.jpg

Numeri numeri numeri! L’amore fra amanti non si misura solo con i numeri a letto (sono più del kamasutra) ma anche usando le cifre come indici di successo e di insuccesso della relazione.
E siccome questo blog è una via di mezzo ormai fra il confessionale (siete in centinaia di migliaia a raccontarvi, pubblicamente e non) e quella che io chiamo prodotto dell’epidemiologia di coppia (la rispiego a fondo articolo), accolgo con entusiasmo la richiesta di una delle commentatrici più assidue del mio blog rispondendo alle sue domande di statistica del cuore, argomento amanti.
Le mie risposte si basano sui seguenti fatti:
  1. gli amanti o ex amanti rappresentano il 70% dei lettori del blog (l’anno scorso 2018 siete stati più di un milione, fate voi i conti…)
  2. Fra pagina facebook e vari social, mail private e messaggi aggiungete alle migliaia di commenti qui moltissime testimonianze pubbliche e private
  3. Sempre più spesso incontro persone che mi raccontano di seguirmi e, live, mi fanno partecipe delle loro storie
Un bel campione ormai…
Ma veniamo al dunque: la nostra amica chiede…
Sarebbe interessante fare una statistica con le frequentatrici assidue del blog rispondendo a delle domande mirate.
Rispondo a queste domande e, ricordo, parlo di amanti:
1) da quanto tempo dura la relazione
La torta di questo blog è divisa in 4 parti. La fetta più grande è rappresentata da chi ha superato l’anno, cioè la fatidica boa che divide l’amantato ludico (ci divertiamo senza impegno) e l’amantato con innamoramento (qual è il nostro futuro insieme, leggi la road map degli amanti). Rappresenta il 60% circa delle amiche e amici (gli uomini scrivono poco ma leggono, saranno un 15% di voi lettori in globale). Alcune storie hanno superato i due anni, certe tre, altre cinque… Il restante 30 si colloca nel primo anno, ma con una netta maggioranza di amanti donne nella fase due, ovvero “non intendo fare l’amante ancora per molto”, della serie dobbiamo parlare. Ci sono non pochi casi oltre i 5 anni, certi superano i 10. C’è anche qualche ergastolo.
2) se si è sposate e con figli
La maggioranza di voi è sposata, spesso con figli piccoli o adolescenti. Però la quota di lui sposato e lei single separata o divorziata è alto, direi circa 4 su 10. Le coppie con gli amanti coniugati entrambi o conviventi e con figli sono le più tiratardi, nel senso che hanno una vita media oltre i due anni ma non a caso ho usato il termine tirartardi perché non si tratta di longevità felice se non in una minoranza dei casi (15% che decidono che va bene così perché i figli sono piccoli o per motivi economici o perché non vogliono rivoluzionare la vita). Si tratta di storie sofferte e inframmezzate da tentativi di distacco e riprese post vacanze, rimandi e navigazioni a vista. Non che le coppie dove lei è libera e lui no non soffrano, ma spesso il calvario è soprattutto di chi è libero, in perenne attesa delle mosse dell’altro. Ecco perché il Codice del silenzio è il trend delle coppie “spaiate” di amanti.
3) se sono state fatte promesse o meno
Solo nel 20% dei casi l’uomo della coppia non ha mai fatto promesse sul futuro passaggio da amanti a coppia ufficiale e, guarda caso, il dato ingloba almeno parte di quel 15% di amanti entrambi coniugati che sono stati chiari sull’assunto Non lascerò mai la famiglia. Il restante 5-10% sono uomini che vogliono divertirsi con patti chiari fin da subito. Sono pochi ma mi piacciono (a parte i seriali, che fanno patti chiari perché vogliono cambiare amanti più spesso possibile o averne più di una in parallelo), perché sono onesti e se voi decidete di andarci non ci sono finte separazioni o altre bugie raccontate per farvi cedere, bugie diffusissime purtroppo. Però … Molti magari iniziano così: non promettono nulla ma poi, col passare del tempo e il passaggio da gioco e basta a passione e sentimenti iniziano a promettere un futuro insieme, certi a parlare di figli insieme, di convivenza, di separazione, ma poi non si arriva a neanche uno straccio di vacanze insieme, a volte di notte insieme, il minimo sindacale.
4) la scusa utilizzata per non concretizzare più diffusa
Negli uomini amanti la formula che non cambia mai è che più sono le parole, le promesse e le dichiarazioni roboanti d’amore infinito meno saranno i fatti. Mi avete raccontato di uomini in ginocchio e in lacrime urlarvi il loro amore ma… non posso. C’è chi è arrivato a chiedere all’amante un figlio ma… hai preso la pillola Vero? Insomma, i grandi promettitori, i grandi adulatori non concretizzano con scuse anche valide, come quella dei figli piccoli, ma c’erano anche prima di promettere. E lui ha promesso sapendo in cuor suo che non avrebbe mai mollato i figli e solo per ottenere più tempo e più sesso con voi? La malafede è un dubbio lecito, anche se lui dice di essere stato sincero, forse troppo entusiasta? Voi gli avete creduto, e spesso siete andate avanti sulla base delle promesse. Più difficile da credere chi non concretizza per figli ormai grandi, cioè ormai diciottenni, che “danno fuori di matto alla parola separazione”. L’altra scusa più diffusa è quella di realizzare all’improvviso che la moglie poverina come faccio ha solo me forse devo provarci seriamente con lei dopo che per mesi, a volte più di un anno, era qualificata come ameba sessuale e insensibile a qualsiasi comprensione umana. Molti tarano e adeguano le scuse perché capiscono che non regge tirarne fuori una vecchia come se fosse nuova. E così l’ostacolo del figlio che prima non c’era lo diventa oggi perché ha dato fuori di testa al solo accenno di separazione o la moglie che non se lo filava improvvisamente si accorge di lui e per tenerselo minaccia di non fargli vedere più i figli (cosa non fattibile per legge). Insomma, sapete quanto io tenga in conto i figli ma vorrei vedere quanto è vera la storia dei figli riesumata all’ultimo momento. Ultima scusa molto di moda è quella economica. Che una separazione sia una cosa da ricchi può essere, soprattutto se lei la coniuge ha in mano il portafoglio e comunque moltiplicare per due case spese e mantenimento non è, oggi, da tutti. Ma se era la moglie ad avere in mano la cassaforte lui lo sapeva già. E se ci sono problemi economici veri non voglio vedere sui social foto del viaggio esotico con tutta la famiglia… ricordo, che per amor di statistica, la mia amica avvocato divorzista dice che solo il 10% degli amanti formano una nuova coppia ufficiale, io aggiungo ottimisticamente un altro 10% di quelli che non ufficializzano perché ormai refrattari al matrimonio ma si “fidanzano” con convivenza o meno.
5) se è finita da quanto tempo è in quali rapporti si è rimasti.
Il problema è se è finita, perché intanto il 90% degli amanti maschi non lascia ma si fa lasciare (leggi qui), e questo lo ottiene facendo passare spesso un tale calvario di tira e molla a lei che i rapporti si inacidiscono per forza. Poi un bel 30% di quelli che fanno in modo di farsi lasciare accusano lei di non averli aspettati (magari dopo più di due anni di tira e molla) o se hanno il sentore o la conoscenza che la povera ex frequenta un uomo, fosse anche un amico e basta, se ne vengono fuori con un ignobile “lo sapevo che ho fatto bene a non investire oltre su di te”… bleah! Potete capire che avere buoni rapporti dopo è leggermente difficile. Anche perché al 95% questi ritornano, ufficialmente per restare amici (leggi qui), ufficiosamente per farvi rifare le amanti o per farsi qualche altro giro di valzer, nudi però (leggi qui). Uno stillicidio di ritorno dove lui non tiene minimamente conto del vostro soffrire nell’interrompere un silenzio che vi è costato sangue e lacrime, il tutto solo per le loro voglie ed egoismo, sfruttando il fatto che nonostante il vostro silenzio siete ancora innamorate. Quindi i rapporti buoni fra amanti il giorno dopo sono più diffusi fra ex che non hanno superato i sei mesi, sposati entrambi, di solito rimangono trombamici.
6) quanto tempo in media è stato necessario per “dimenticare”
Che vi siate lasciati o tu debba aver lasciato adottando il Codice del silenzio ci vorranno dai tre ai sei mesi per stare benino. Dipende molto da quanto eravate innamorate e da quanto siete riuscite a rivivere una vita normale. Riuscire ad avere un chiodo, riuscire addirittura ad avere una storia che non sia imposta come decisione forzata tipo cura farmacologica ma come divertimento liberatorio dimezza i tempi di guarigione. Fra i 6 mesi e l’anno, a parte i flash back inevitabili , anche se lui ci riprova avrete la forza di mandarlo via. Dopo l’anno non vi farà effetto neanche se lavorate insieme. Chi durante i sei mesi e alla fine degli stessi vede che tutto è rimasto uguale e che basta un suo cenno per farlo entrare nel letto dovrebbe consultare al più presto uno psicoterapeuta perché forse ha sviluppato una dipendenza sentimentale.
Bene, ho risposto alle vostre domande spero in modo “scientifico” come piace a me. I numeri a favore della felicità degli amanti non sono bellissimi ma che emozioni straordinarie vivono molte di queste coppie, che scoprono l’amore magari dopo decenni. È sufficiente per trovarsi spesso nei casini e poi soffrire? Un italiano su sei ha tradito almeno una volta e, se lo ha rifatto, forse risponderebbe di sì. Ricordiamoci sempre che siamo tutti adulti e consenzienti (al netto delle balle di certi uomini…).
Sincerely yours
Due parole sull’epidemiologia di coppia
Io Applico i principi di quella che ho chiamato “epidemiologia di coppia”, concetto che deriva dal mio lavoro di giornalista nel campo della salute e nel passato di membro di un comitato etico di un grande ospedale universitario, dove l’epidemiologia delle malattie spiegava e spiega tante cose.
secondo il mio parere e l’epidemiologia di coppia ma soprattutto sulla base della somma di quello che vedo leggo e che mi raccontate ormai in centinaia di migliaia sul mio blog (centinaia di migliaia non 4 amici al bar) il ripetersi in generale di certi comportamenti maschili di fronte a uno stesso input femminile o situazionale dà delle risposte spesso uguali e maggioritarie, salvo più o meno rare eccezioni che qui non interessano
Un comportamento che diventa maggioritario e, appunto, ripetuto e riconoscibile.
 
I vostri racconti aiutano a costruire questo tipo di “epidemiologia”, aiuta anche l’esperienza ma aiutano anche gli uomini che, contrariamente alle donne, hanno in genere un modus operandi abbastanza semplice e ripetitivo, pur essendo bravissimi a “venderlo” come qualcosa di diverso.
Aiuta anche la statistica: il 60% di noi ha tradito almeno una volta nella vita. Nove uomini su 10 che dicono di non avere mai rapporti con la moglie li hanno. Solo il 10% degli amanti crea un nuovo matrimonio…
La statistica e la mia epidemiologia di coppia, come vedete, sono amanti

507 commenti

        • ciao Oldplum non ho resistito e cosí sono scesa un attimo da il mio lassù,tanto Chagall se ne frega perché mica mi vede!

          Il mio ex ha 7 e mezzo anni meno di me

          Eppure!!!!!!……….

          Qiesto trovo che sia un ottimo cambio di tendenza che via via prende campo e lo trovo una evoluzione positiva per noi Super Super Donne

          Proprio noi che non badano a nulla ,ma riescono ad tenere alto il loro Valore vero che è capace anche di fronte alla differenza di età,di scrivere
          dire e vivere concretamente il ”

          E chi se ne frega!!!!

          P.s. Piccola mia incursione speciale a te dedicata
          Con vera stima e affetto !
          ❤️

          • @Alice e vaiiii!!!

            e si ,le Donne Finalmente stanno dimostrando tutto il loro Grande Valore

            W Le Donne tutte di qualunque età!!!

            E Chagall lo sa pure se non mi vede
            dipinge entusiasta donne di ogni età a tutta forza!!!!

            W le Donne ,tutte!!!

      • Io ho davvero bisogno di aiuto. Sto da quasi due anni con un uomo di 27 anni più grande di me. Io mi rendo conto di rasentare la follia. Lui non mi vuole lasciare ma ha messo in chiaro che non lascerà mai la moglie (ricca) per via anche della figlia (ormai 14enne). Il problema è che io non riesco a fare tutto da sola, a lasciarlo o altro. Piango e soffro da quando lo conosco ma è l’unico uomo che io abbia mai amato e continuo a desiderare un futuro solo con lui.

        • @Berenice, assolutamente devi amare te stessa prima di poter dire che ami quest’uomo in maniera cosi’ totalizzante. Consulta uno psicoterapeuta, non hai idea di quanto starai meglio! Hai tante esperienze da vivere, non precluderti quella di un uomo che ama te e te soltanto, perche’ qui e’ evidente che lui ama solo se stesso!. Ti succhia solo energia e non lo meriti e lui non merita la tua giovinezza ed energia! Buona fortuna di cuore.

        • @Berenice c’è un momento di follia nell’amantato in cui si pensa che se finisce con lui finisce il nostro futuro. È una follia. Fatti aiutare da uno psicologo forse hai sviluppato una dipendenza da questo rapporto. L’amore non deve far piangere e se a lui non importano le tue lacrime ama solo se stesso.

    • Io, invece, non mi sono illusa….Gli uomini sempre si fanno capire nei modi di fare, nelle parole, nei messaggi, nei tempi. Dobbiamo ascoltare di piu la nostra anima, che parla molto piano dentro di noi, ma….parla! Quella vocina interiore che ti dice:” Stai attenta…non cadere….sta mentendo”…e cosi via.
      Mi sono fermata e sono sparita prima che la storia continuasse all’infinito sicuramente con la tremenda fine che sappiamo tutte. Anche per le calcolate e studiate statistiche di Alessandro.
      Se nessuna donna facesse l’amante, gli uomini sarebbero fregati. Quindi, sta a noi decidere.
      È prendere o……LASCIARE!

      • Ciao Ella, giusto mandare a spasso gli uomini disonesti, ingiusto generalizzare sul genere maschile, come ho già scritto qui… Se nessuna donna facesse l’amante, io personalmente non avrei incontrato una donna meravigliosa che ha illuminato la mia vita e per cui sono assolutamente incantato dalla sua dolcezza, e se non ho capito male, neanche Alessandro che qui ci ospita avrebbe i suoi attuali figli…
        Tra l’altro io credo che qui dentro ci siano donne felici di avere incontrato un uomo che illumina la propria vita pur nelle difficoltà di un rapporto clandestino, come la mia che mi dice sempre di “aver trovato un tesoro”, a prescindere da come andrà tra noi… Se ci siete battete un colpo!
        Un abbraccio Ella.

  1. @Alessandro
    Grazie per questo tuo articolo statistico
    Ciò che mi ha colpito maggiormente è che soltanto il 10/100
    Degli amanti forma una nuova coppia e nuova vita

    Questo trovo sia il dato più rilevante ad una riflessione per chi ci si trova dentro a vivere veramente nello scorrere del tempo più sofferenza che gioia di amare.

    Grazie ancora Caro Alessandro!

    Ti ho scritto e risposto,e ancora adesso
    Ti leggo e sempre mi ritrovo e ritroverò a leggerti!

    Bon voyage!

  2. Grazie!
    È bello fare una statistica .
    A me ha colpito molto il dato dei 2 anni. La maggior parte delle storie si chiude in questo lasso di tempo.
    Chi allunga lo fa a suo rischio e pericolo. Perché i casi sono due: o si diventa la moglie n. 2 (senza relative tutele) o ci si lascia (più lui che lei , in questo caso).
    È anche vero che se dopo 2 anni poco è cambiato nei fatti, è probabile che niente di sostanziale cambierà.
    A meno di vedovanza, ovvio.

    • Hai ragione !!! Io e lui un anno e mezzo di differenza, fudanzatini alle medie e ritrovati dopo 45 anni . Due anni e mezzo di amore da parte di entrambi io libera lui sposato ma non intenzionato a lasciare la moglie perché dice lei non ha colpa è non merita di soffrire. Da un po’ di tempo un inferno , una sofferenza! Niente cambierà come dici te e quindi non ci resterà altro da fare, lasciarci !

      • Che una moglie che ha un marito che arriva tradirla pur non sapendolo (ma il tradimento è sempre la conseguenza non la causa di un matrimonio decotto, seriali esclusi) non soffra è tutto da dimostrare. Non tutti sono in grado di fare i separati in casa e digerire una routine senza baci tenerezze o sesso. A meno che lui come molti non menta sulla situazione familiare. I seriali tradiscono in serie e tornano sempre dalla moglie ignara

  3. Dopo due anni si è bello che capito il destino della coppia di amanti. Quello che viene dopo sono strascichi, dipendenze, speranze dure a morire e tira e molla. Io ho preso coscienza dopo due anni si, quelli sono stati davvero belli, da là sei mesi per affrontare la cosa con lui e aprire la crisi. Un anno successivo di silenzi e ritorni ma ormai niente era come prima. È stato però un anno in cui ho incubato e preparato il distacco. Per chiudere completamente mi è bastato un piccolo pretesto attorno a cui ho costruito ragioni inattaccabili. Dopo pochi mesi di silenzio sto rinascendo, anche meglio di prima di averlo incontrato.
    Lui mi ha dato tanto ma si è comportato male. Non riesco a stimarlo più, non mi fiderei più.
    Ora vive come un automa tenendosi stretto tutto ciò da cui voleva evadere. So che non si gode nulla, neanche i figli che tanto erano la sua vita, non riesce a gioire dei loro successi, poi ormai sono grandi e il tempo lo passano con gli amici. Con la moglie che tanto non poteva perdere in virtù di decenni insieme ora potrà passarci i prossimi trenta anni, senza cambiAre una virgola delle sue giornate. Non mi importa più per me, io mi sento rinascere, al massimo col residuo affetto che provo per lui mi fa un po’ pena.:)

  4. Interessante l’articolo Alessandro, interessanti dati e spunti offerti. Sarebbe bello leggerlo pubblicato su una rivista femminile.

  5. Due anni comunque pare sia più o meno il temine della fase dell’innamoramento. Se nei due anni si sono costruite altre basi l’amore prosegue, trasformandosi. Se siamo ancora al punto “ti chiamo dopo quando mia moglie va al lavoro” direi che il disfacimento è assicurato

  6. Ammetto che è difficile per me commentare questo articolo. Le statistiche inchiodano, i numeri parlano ed io inevitabilmente mi chiedo…dove sto andando?
    Carissimi, io sono una persona estremamente positiva con entusiasmo ed energia, osservo, rifletto e mi sento abbastanza consapevole di ciò che faccio e vedo nella mia relazione. Poi di colpo mi dico che forse sto immaginando tutto. Leggo di donne come voi, Angelica e Oldplum e tante altre, e mi viene il dubbio che è tutto solo nella mia testa.
    Sto impazzendo?

    • Per quanto riguarda la mia esperienza posso dirti che anche io ho pensato di immaginare tutto. Perché era ed è talmente forte ed autentico che non mi riesco a spiegare come non si finisca diversamente che insieme.
      Però ad un certo punto arrivi oltre la soglia del dolore e la speranza (Che è alla base del proseguo sempre) si fa talmente sottile che non si riesce più. Un po per non impazzire, un po perché non si vuol rischiare di diventare per lui un dato di fatto, disponibile ad ogni solo suo schiocco di dita. Io non posso farmi dettare il tempo della mia vita dalle decisioni sue e della moglie, che conosco solo di vista. Non posso sopportare di essere messa lì. Per quanto lo ami, perché lo amo. Non posso consentirgli di vivermi come una mamma pronta al suo bisogno. Perché trasformerei tutto in una dipendenza sua verso di me. Che non è amore. Ho ragionato e pensato che nonostante il reciproco amore era meglio staccare per rispettare me stessa e la sua scelta di non cambiare. Se fossi rimasta si sarebbe adagiato su me come si è adagiato sulla sua vita matrimoniale. Gli sto dando l’opportunità di capire. La coglierà? Non v è un momento giusto per decidere. Un momento più opportuno. Io sono pronta ora.se non lo è lui io devo iniziare a camminare senza lui. Se vorrà potrà accelerare e provare a raggiungermi. Altrimenti sarò libera e lo ricorderò comunque sempre come una persona importante e unica . Non lo odiero’ mai.

        • @Alessandro vero oro colato

          @Oldplum
          La tua storia la sento veramente piena di sentimento vero e puro e mi commuove la tua forza la tua lucidità di vedute veramente non fa una piega tutto il tuo esprimere

          E non ti nascondo che a volte si vorrebbe avere la bacchetta magica per poter superare la sofferenza che indubbiamente è presente in te a maggior ragione trattandosi di una relazione sana,pur se complicata e non si può mai conoscere proprio futuro

          Giusto vivere il presente e raccogliere i buoni frutti dal passato che sempre esistono in barba a qualunque apparenza,
          Passato, qualunque esso sia stato.

          Ciao Cara @Oldplum ❤️

          • No @Ariel. Non sono sofferente. Sono anzi felice perché ho avuto molto e lo sento ancora con me. Sono certo dispiaciuta per come è andata a finire. Sono comunque stata fortunata perché ci siamo amati davvero tanto. Non mi aspetto nulla in particolare se non continuare la mia vita. Come ho già detto se mi vorrà al suo fianco potrà cercare di raggiungermi e se ci riuscirà e se io sarò ancora la stessa (perche la vita ti cambia) avremo un futuro. Altrimenti avremo almeno in comune entrambi un bellissimo passato.

          • @Oldplum bene! Mi fa molto contenta sapere che hai dentro a te stessa questa serenità che deduco dai tuoi scritti più antichi
            Hai conquistato come ,umanamente comprensibile ,
            nella sofferenza

            Quando scrivevi con vero dolore di quando ti svegliavi di notte e sentivi che lui non era lì con te ,ma con sua moglie.

            Brava Bravissima Oldplum sono certa che troverai sulla tua strada chi sappia Veramente Amare Concretamente fattivamente
            ti dimostri di Amarti per il tuo innegabile speciale valore di Donna

            E questo quello che ti auguro
            che sia Libero!!!!

        • Ma quando si lavora insieme. E per giunta….quando si è buttato via tutto per lui. Come si fa a vedere le così. Come si fa a solo respirare?

      • Grazie Oldplum.
        Ti ho spesso sentita vicina perchè sotto tanti aspetti la tua storia si è mostrata simile alla mia. Dai nostri confronti ho intuito che siamo donne con un diverso temperamento ma con una sensibilità affine perciò le tue parole mi arrivano sempre dritte al cuore. Queste di adesso…mi hanno commossa…le avverto tutte fin dentro le ossa.

        • Condivido la risposta di Franca e ringrazio Oldplum per i suoi scritti… e mi viene da pensare una cosa, uomo fortunato colui che starà al vostro fianco, a tempo pieno ovviamente!

          • Uomo fortunato e di una certa intelligenza e lungimiranza 😀
            A parte gli scherzi, chi è amabile viene amato.
            Bisogna avere una vita, interessi, gioia e nessun bisogno. Essere una luce.
            Gli uomini ammirano le donne audaci.

          • Oldplum, io lo ero una donna audace. Poi invischiata in questa storia stavo spegnendomi, ma la mia audacia infine è uscita fuori di nuovo:)) sono una lottatrice:)))

      • Ciao io non so scrivere bene come te cara Oldplum però quando leggo la tua storia e i sentimenti che provi per lui rivvo la mia storia. Ti ringrazio perché in te leggo ciò che io non so descrivere.

      • Belle le tue parole Oldplum, vorrei raggiungere le tue consapevolezze. Per favore scrivi sempre, scrivi tanto, le tue parole ci danno forza. Lui apprezzerà questo tuo modo di fare e sono sicura che capirà cosa sta perdendo. Se poi non avrà il coraggio di raggiungerti è un altro punto, ma sicuramente ti stimerà come donna. Il mio rammarico invece è che ormai con il mio atteggiamento ho dato a lui un’idea di me che non mi piace, sicuramente diversa da quella che aveva all’inizio e da quella che hanno tutti quelli che mi conoscono… non sono mai stata cosi’ “stupida” e “dipendente”… mi piacerebbe riavvolgere il nastro e ripartire, su una base diversa, piu’ sana, piu’ concreta. Vorrei farlo per me prima di tutto, perchè riacquistando autostima sicuramente mi sentirei meglio e di riflesso gestirei meglio questo distacco da lui. Se hai consigli sono sempre ben accetti!

        • @KK ti ringrazio. La mia fortuna è stata l’immensa consapevolezza del mio valore che ha anche lui , durante la storia, contribuito a rafforzare.
          In qualche modo sono diventata anche più bella, sono ringiovanita e mi accorgo di quanto gli uomini siano attratti da me.
          Sul mio valore come professionista non ho invece mai avuto dubbi.
          In tutto questo metti che ho sempre avuto uomini che non mi meritavano. E dopo 40 anni così mi sono leggermente stancata.
          L’amore va coltivato ed è fatto di rispetto. Gestire il mio tempo non è rispettoso.
          Se desidera il mio tempo deve condividere il suo. Se preferisce stare con una donna che non ha altro che lui per essere qualcosa e, conscia di questo , lo tiene con la catena, ciao.
          Mi spiace ma ciao.

    • Cara Franca, da poco ferquento questo blog e mi sento cosi coinvolta…. io sono “fresca”, siamo insieme da 4 mesi, io separata, con un figlio piccolo, lui sposato con due figli piccoli. E’ stato un colpo di fulmine, abbiamo provato per mesi ad evitarlo ma alla fine è successo. Lui non ha nessuna intenzione di lasciare la famiglia (lei non lavora e lui non è che sia miliardario, paura di perdere i figi, inoltre, prima di incontrare me, non aveva mai nemmeno pensato di poterla tradire, non pensava di essere in crisi, era iscuramente consapevole di un po’ di stanchezza dopo tanti anni ma….). Al momento non penso nemmeno che vorrei lasciasse la moglie, mi può star bene cosi, ma siamo davvero molto molto presi. ci vediamo praticamente tutti i giorni, anche solo per mezz’ora, per un bacio e un abraccio, poi quando mio figlio è da suo padre stiamo insieme a casa mia. Quanto mi potrà andare bene questa cosa? Cosa devo fare? a volte mi chiedo se sono davvero sicura che mi vada bene cosi e spero di incontrare qualcuno di LIBERO che mi ami senza restrizioni. Lui da parte sua dice che sa che mi merito qualcuno che sia solo mio e sa che un gorno gli dirò che ho incontrato qualcuno e dovrà con dolore lasciarmi andare. Ma è cosi?

      • Purtroppo non è così. Nel senso che finchè tu sarai legata a questo uomo nessun altro avra lo spazio per mettere piede nella tua vita. Lui ha detto che ti lascerà andare perchè non può darti più di una relazione clandestina ma sei tu che ti perderai tutte le occasioni. Perchè non le vedrai. Credo comunque sia molto presto per fare qualunque genere di discorso tra di voi. 4 mesi insomma…mi sembrano un pò pochi. Dovete superare quella fase iniziale, che qui oramai chiamiamo ludica, e vedere se questo trasporto è amore o una semplice evasione. Da parte sua, tua, di entrambi. Ci sono donne qui che dopo anni di relazione ancora non l’hanno capito. Lui comunque, a meno del dolore che dice che proverà, è stato chiaro…ti lascerà andare. Sei tu quella che si è incamminata su una strada tortuosa che potrebbre cambierti per sempre.
        Buona fortuna

        • Non so che dirti….. esco, vedo persone, ma non trovo nessuno di interessante, anche se SPERO di incontrare qualcuno, Lui si, dice che soffrirà tantissimo ma sarà costretto a farlo perche vuole solo che io ia felice e che trovi un uomo che sia solo mio.

  7. Ottimo articolo, la mia storia è durata 2 anni e ho impiegato meno di 8 mesi per la rinascita…il nessun contatto mi ha salvato la vita!

  8. Per quanto mi riguarda, ci avviciniamo al traguardo dei 3 anni.
    Io sono sempre stata una a cui piaceva pianificare. Da quando sto in questa storia, vivo assolutamente alla giornata, conscia che da domani tutto potrebbe cambiare…
    Strano vivere così a 50 anni, ma mi ci sto abituando.

  9. E’ tutto maledettamente complicato,
    anche quando la luce sembra diradare le tenebre.
    Per esempio, recentemente pare che la mia amante sia rinsavita (chi ha seguito le mie vicende sa cosa ho passato), dopo tanto silenzio pare che il suo amore per me sia più forte che mai e pare determinata a rompere e ricominciare (per ora ha “solo” detto al marito che non lo ama più, in tutte le salse possibili).
    il punto è che ora ho immaginato una vita con lei. fatta così: lei che dal lun al ven sta con i figli, io da solo. lei che il weekend lascia i figli al marito e sta con me, che però sto anche con ma figlia (davvero piccola) e quindi non siamo soli. o, andando più in là, io che vivo con lei e i figli di lei, e non con mia figlia, che magari un giorno starà con la madre e il nuovo compagno di lei.
    E’ tutto così maledettamente complicato.

    • Anonimo, dopo si apre un capitolo che risucchia e prende energie come fosse una voragine, sappilo. Non impossibile ma molto lavorato. C’è bisogno, nelle famiglie allargate, di un impegno che chi sta insieme senza figli o con figli comuni neanche immagina. In palio un amore profondo ma molto reale, non immune da crisi litigi e contrasti. E no, non potete fare i fidanzatini, questa è una scelta adulta, necessaria se ci si ama davvero, improbabile altrimenti. Comunque i figli crescono:)

    • @and Leggendo questo post mi è venuto un tuffo al cuore, perché mi sono chiesta “Lui, invece, alla moglie lo ha detto che non l’ama più?” No, perché anche in questo blog ci saranno sicuramente donne che, dopo aver mandato in crisi il proprio matrimonio, confessato un tradimento o, addirittura, essersi separate sotto la pressione di un amante, si sono poi sentite dire che… in fondo stare insieme sarebbe stato troppo complicato e poi… “Forse dovrei riprovare a far funzionare le cose con mia moglie!”
      Legittimo qualche dubbio, ma sarebbe opportuno comunicarlo alla tua amante, per scioglierlo insieme… o decelerare un po’.

    • and scusami se te lo dico, ma non ci avevi pensato prima? Forse noi abbiamo corso troppo ma già nei primi sei mesi abbiamo ipotizzato come sarebbe stata la nostra vita insieme con i bambini, i weekend alternati, le vacanze, ecc. e questo ha acelerato la chiusura da parte di lui… piu’ concreto, razionale e, direte voi, sicuramente meno innamorato di me.

    • Questo @and si chiama farsela sotto.
      E ci sta, anche, per carità.
      Però attento, non si gioca con le persone e con i sentimenti.
      La figlia davvero piccola l’avevi anche prima di iniziare, l’avevi anche quando alcuni post fa ti dicevi disperato dell’assenza di lei.
      Ecco voglio solo dire, attenzione. Non è un gioco.
      Quì ci si fa male e si fa del male.

      Almeno comunica con lei, parla di queste tue paure, condividerle può aiutare.
      Magari trovare una compromesso temporaneo ma condiviso.

  10. Oldprum la tua testimonianza mi ha creato una stretta al cuore.
    Sono 8 anni che conosco quest’uomo (molto più grande di me) che ormai è diventato il mio tormento. Ci siamo lasciati diverse volte per le solite ed ovvie ragioni, siamo sempre ritornati anche dopo lunghi periodi. Ci siamo detti che ci amiamo ma io non sopporto di ingoiare “bocconi amari” che questo tipo di vita comporta.
    Lui andrebbe avanti all’infinito…”dobbiamo tutelare questo amore anche se impossibile” mi ha detto. Ma io non posso.
    Gli ho detto anche che non avrei mai creduto di dover rinunciare all’amore per amore ma ora è arrivato davvero il momento di farlo.
    Ma di farlo sul serio.
    La più grande dimostrazione di rispetto che potrebbe farmi ora è non cercarmi più.
    Spero che non lo farà, solo così capirò davvero che mi ha voluto bene.

  11. Ciao Alessandro, bell’articolo che dà spunto ad interessanti riflessioni!
    Quanto a me:
    1) 5 anni e mezzo.

    2) entrambi sposati con figli adolescenti.

    3) promesse nessuna da parte di entrambi, è sempre stato implicito che non avremmo cambiato le nostre vite. Tentativi, sempre da lui vanificati, di trascorrere un intero giorno per noi, anziché le solite due ore in hotel o a pranzo fuori.

    4) problemi di lavoro e fino a qualche anno fa i figli piccoli.

    5) non è finita ancora, nonostante lunghe pause e silenzi, rotti finora da lui.

    6) se dovesse chiudersi tra noi, come penso accadrà a breve, mi ci vorrà molto tempo per dimenticare, forse non ci riuscirò mai.

    Soffermandomi sul punto 3 ) ammetto le mie colpe nel non avere insistito più di tanto per vederlo fuori dai soliti orari e per almeno una notte o un giorno interi. Gli ho solo manifestato più volte questo disagio, e benché abbia compreso e ne sia rimasto costernato, non ha fatto nulla se non temporeggiare ad oltranza. Razionalmente so che se lui non trova più tempo per me è perché in fondo non lo vuole, nonostante mi abbia confessato che il poco spazio e tempo dedicatimi non hanno a nulla che vedere con l’intensità del suo sentimento.
    Francamente sono giunta al limite delle energie fisiche e psichiche. Ho pensato di dargli un ultimatum, pretendendo con determinazione di realizzare almeno quel piccolo sogno di una fuga insieme di un giorno, proposta da lui da anni e che mi deve,visto che ho accettato sempre le sue condizioni.
    Ma non lo farà, vero? In fondo non è neppure mai stato disponibile a vedermi all’uscita da lavoro, nonostante glielo abbia chiesto più volte.
    Necessità di tornare a casa al più presto? Se così fosse, non sarebbe una giustificazione plausibile, credo.
    E comunque stiano le cose, nulla cambierà, a meno che non realizzi di perdermi davvero, oppure è proprio quello che desidera.

  12. a me da tanta forza leggere le vostre testimonianze donne…

    a me è l’esatto contrario…io farei di tutto per stare anche solo dieci minuti con la mia lei…farei qualsiasi pazzia possibile e immaginabile…e sapete perché…?????

    Perché sono innamorato perso…

    se non vi vedono è per la stessa motivazione per la quale la mia lei non trova il modo di stare con me…o di costruire qualcosa con me…magari sono anche innamorati…ma fondamentalmente loro credono che a casa no sia finita…la loro vita la vedono ancora accanto alle loro mogli/mariti…

    Fondamentalmente ognuno di noi crede che la sua storia sia diversa da quella degli altri…che sia amore autentico…ma forse sono solo una serie di bla bla bla che ci costruiamo…

    dobbiamo ritornare a stare bene

    • Ciao @Anonimo sono al volo ein volo e ho letto il tuo raccontarti qui oggi

      Mi spice ,ma credo che Oldplum abbia ragione
      La tua lei ecco si potrebbe ipotizzare essere una Narcisita

      Il fatto che ti scriva la mia ipotesi chiaro va presa come ipotesi
      Non sono una psicologa

      ,ma come sai ne vengo da una relazione tossica e l’ex ha avuto
      Comportamenti simili a quelli raccontati qui da te su di lei

      Mi viene spontaneo dirti Coraggio il coraggio di perlomeno informarti tu direttamente

      Ciaoooo mi parte aereo,devo chiudere
      Unsaluto a tutti!!!

  13. Magari L anima sapesse ragionare…non sarebbe amore forse…magari fosse un pensiero…quello riusciremmo a indirizzarlo…st anima mia proprio non ne vuole sapere di rassegnarsi…come si uccide ciò che si è infilato nell’anima?

    • Non devi ucciderlo. Prova a trasformarlo. Osserva i limiti in modo distaccato.
      Non c’è nulla tu possa fare di diverso da quello che hai già fatto per convincerla; puoi solo darle il tempo di pensare.
      Per farlo devi chiuderla. Non devi guardarla. Devi bloccarla. Vivi. Non pensare a lei. Tu hai seminato. Stare a guardare il seme impaziente non lo farà germogliare.
      Vivi. Hai solo questo tempo. Non puoi privartene senza perdere un tesoro.
      Se è destino, se è vero, lei verrà da te.
      Se non verrà avresti solo sprecato tanto tempo a rimuginare.
      Vivi. Splendi. Prospera.
      È smettila di triturarti i maroni 😀

    • Già. Te invece giura di non brasarti più i cabasisi. Se fa gli squilli trattali come quello di chi vuol venderti quella fuffa dei bitcoin. Registrala così: sig.ra Bitcoin .
      Bloccala su whatsapp . Non darle la soddisfazione di vedere che la osservi. Bloccala su facebook. Resisti. Fallo per te e pure per lei. Se la guardi si monta la testa. Smontala. Te vali E dei bitcoin non ti fottesega.
      (Oh ragazzi, sta cosa è terapeutica pure per me!)

  14. Oldplum, dalle tue parole traspare ciò che hai provato e provi.
    Vorrei un giorno, riuscire ad accettare con la tua stessa serenità il fatto di non aver potuto vivere questo grande amore come avrei voluto.
    Vorrei riuscire a lasciarlo andare.

    • Autostima, Rosa.
      Quello che vali e varrai non dipende da lui. Se guardi con disincanto ti accorgerai che è lui ad averti perso, ad aver perso un’occasione speciale. È lui a dover accettare di non aver voluto sfruttare ciò che la vita, tu, gli stavi offrendo. Dai retta a me, tu hai dato tutto. Non c è nulla di cui debba rimproverarti . sei una donna meravigliosa. Bella, aperta.
      Sorridi.
      La vita va avanti con mille possibilità per te, se solo inizierai a volerle cogliere.

      • Vorrei anch’ io pensarla come te e dentro di me so che hai ragione.. ora mi da fastidio persino sentire la sua voce, mentre vorrei che mi fosse indifferente. Non ne sono ancora uscita. C’ e poco da dire

      • @Oldplum Buongiorno infatti qui alla mia colazione ti rileggo qui per caso scorrevo la pagina
        E ecco voglio ringraziarti perché leggere,ma rileggere
        Mi Aiuta tanto e pure tu sai esprimerti in un modo che
        Sta molto incisivo essenziale e dove a volte sento la tua vera dolcezza ,a volte nascosta ,ma traspare qui tutta

        Grazie Cara Oldplum!

        • @Ariel, Condivido pienamente quanto hai scritto ad @Oldplum, che ringrazio

          Come te, scorro e riscorro gli articoli, mi servono soprattutto per analizzare la mia storia, i miei sentimenti, capire finalmente cosa mi diceva con le sue frasi: “non ho niente da offrirti”; “perché non ti ho incontrato prima, molti anni fa?”; “ma dove eri?, “meriti di meglio”, “spero almeno tu possa ritrovare un pò di serenità”…

          Grazie ad Alessandro e a Voi, sto capendo cosa mi voleva dire e che quindi MAI avrebbe lasciato la sua famiglia …

          Voglio smetterla di pensarci …

          • @to the moon and back grazie per la condivisione serve tanto anche a me leggere e scrivere qui e soprattutto rileggere ciascuno di noi vive ed ha vissuto esperienze diverse e si reagisce in modo soggettivo.
            Così il fatto di potersi esprimere qui pure anche a volte emotivamente ci fa bene .

            Anche il mio ex mi diceva le stesse cose che qui tu hai scritto ,ma guarda sono pure sorpresa perché io ho avuto esperienza con un seriale fuori di testa mentre tu no almeno da ciò che è il tuo racconto non sembra eppure possibile che ci dicano le stesse identiche cose?

            Non ci resta che svoltare e finalmente pensare ad amare noi stesse
            Almeno di noi stessi possiamo sicuro fidarci e che questi soggetti veramente nocivi vadano un po la sempre con il solito vaffa
            Ci credi che da quando sto qua sul Blog ,meravigliosa creatura di Alessandro , non ho mai in vita mia scritto un numero considerevole di vaffan… mi fa persino ridere rileggendo qui noi tutti ,ma pure io non ho lesinato i miei vaffa!!!
            Un abbraccio !

  15. Ecco i miei numeri. Trovo molto della mia storia nei risultati dell’epidemiologia di coppia di Alessandro.

    1. È durata due anni e mezzo netti, con una pausa di silenzio assoluto di sei mesi dopo il primo anno. Il tutto preceduto da un rapporto di amicizia di circa un mese.

    2. Lui sposato, con figli alla scuola primaria. Io non sposata, no figli.

    3. Nessuna promessa. Nessuna illusione. Solo tanta voglia di stare insieme, di goderci ogni singolo giorno sapendo bene che, nonostante il mio grande Amore per lui, non sarei riuscita a restargli accanto a lungo, come amante.

    4. Tanta paura all’idea di rinunciare alla quotidianità con i suoi bambini, oltre ad una serie di preoccupazioni economiche. Nessuna situazione disastrosa nel matrimonio. Solo… fine dell’amore, con una sorta di insofferenza, rassegnazione e mancanza di interesse nella coppia. Abbiamo trascorso tanti we indimenticabili senza essere disturbati.

    5. È finita poco più di un anno fa. Tira e molla e disperazione per un mese e poi… silenzio assoluto.

    6. La mia vita è ricominciata subito, in maniera quasi naturale. In realtà ci ho messo un anno per rimettermi davvero, dentro. Lo ammetto: provo ancora una grande nostalgia. A volte mi sembra di sentire i suoi pensieri nell’aria ma… è andata così. Dopo tutto, un’esperienza piacevolmente indimenticabile.

    • “Nessuna promessa. Nessuna illusione. Solo tanta voglia di stare insieme….” Mi ci rivedo tanto in questo. In questo periodo, dopo le vacanze natalizie, mi sono presa una pausa perché ho paura che i sentimenti possano crescere, lui vorrebbe continuare. Sono molto combattuta e purtroppo ci vediamo spesso per lavoro. La vostra relazione si è conclusa di comune accordo?

      • Io ero assolutamente sicura dei sentimenti che provavo per Lui, dell’Amore, della stima e del desiderio e, forse proprio per quello, col tempo ho cominciato a stare male. Il rapporto dopo circa due anni e mezzo era diventato sempre più intenso e ogni volta era uno strazio lasciarsi andare via. Sapevo che non avrebbe lasciato sua moglie. Una volta, qualche giorno prima di una delle nostre vacanze, gli ho detto che per me sarebbe stata l’ultima. Quando ci siamo incontrati all’inizio non ne abbiamo parlato, ma l’ultimo giorno, inevitabilmente, sì, anche se in realtà non c’era molto da dire. Io sapevo, lui sapeva. Ci siamo salutati dopo un bel po’ di lacrime… ma il giorno dopo eravamo dinuovo al telefono insieme. È stata una giornata terribile, giuro. È andata avanti ancora un mese, durante il quale abbiamo parlato tanto… e urlato… e ci siamo accusati reciprocamente di non essere innamorati, ci siamo pregati di non andare, poi abbiamo ritrattato poi ancora da capo. Sembravamo completamente impazziti. Alla fine ci siamo scritti e ci siamo detti ciò che restava da dire, in sostanza cinque lettere, e abbiamo chiuso così. Ci ho messo un anno per rimettermi… e ora va meglio, anche grazie alla Pellizzari therapy!

        • Ha qualcosa di speciale questa storia. Inoltre dalle tue parole traspare che sei una grande donna, non so come spiegarlo con le parole, però da quello che scrivi percepisco tanta consapevolezza, una forza d’animo formidabile… grazie per aver condiviso la tua storia. Ma da quel dì non vi siete mai più sentiti?

          • Sì, forza d’animo. A volte temo che le mie parole possano essere fraintese e possa dare l’idea di una donna non innamorata, e invece non è affatto così. No, da quel giorno non ci siamo più sentiti. Come già detto, dopo il primo anno avevamo deciso di lasciarci ed eravamo riusciti per circa sei mesi… per poi riprendere ancora, in modo anche più intenso, per un altro anno e mezzo. Dall’ultima volta non l’ho più sentito, anche se un mese fa il destino lo ha riportato sulla mia strada in una maniera assurda, considerato che abitiamo in due città diverse, lontane, e l’ho incrociato in una terza città estranea ad entrambi. Lui non si è accorto di nulla. L’ho seguito con lo sguardo e contemplato letteralmente, col cuore stretto e la ragione che mi strattonava via. È assurdo. È tutto così assurdo, una delle cose più assurde che mi siano capitate. Sembra che il destino si prenda gioco di me. A volte ho come la sensazione fisica che lui mi pensi, ma questo non cambia i fatti. Questa storia mi ha dato tanto. La sto usando a mio vantaggio. Il suo Amore mi ha dato una spinta propulsiva in avanti. Non lo dimenticherò mai ma devo andare avanti, con passione, senza piangermi addosso. In fondo credo che lui mi amasse anche per il mio senso della dignità…

          • La vedo per molti aspetti simile alla mia. Come te mi voglio un gran bene. Ne voglio anche a lui ma perché mi amo io per prima. Sono stata anch’io disperata agli inizi. Poi mi sono resa conto che no…disperato doveva essere lui, perché era ed è l’unico a perderci. Poi ognuno può far le sue scelte. Basta non mi coinvolga.

  16. Io faccio proprio una gran fatica ad applicare il silenzio. Ogni giorno lotto contro me stessa. Ma possibile che dopo tutto questo tempo e tutto quello che mi ha detto io abbia ancora voglia di condividere cose con lui? Appena ho un attimo libero penso che vorrei sentirlo, appena ho un giorno libero pernso che vorrei passarlo con lui… ma lui non c’è! Continuo a sognarlo ogni notte e la mattina che ripiombo nella realtà è molto frustrante. Lo vorrei con me. La psicologa mi aiuta ma non posso andarci mica tutti i giorni? L’effetto dura poco e per grand parte del tempo mi ritrovo a combattere contro la me irrazionale che ha preso il sopravvento finora. Probabilmente non mi voglio bene, non so nemmeno cosa significa…

    • Cara KK.. è normale che sia così. NOn ti devi condannare x qst. E’ normale che tu voglia ancora condividere con lui e che ti manchi. Tu gli hai dato te stessa. Ma ora xò ti devi sforzare di tirare fuori l’orgoglio e la tua dignità anche controvoglia. Hai detto una cosa giusta: lui non c’è. X il semplice fatto che non vuole esserci. Di conseguenza non meriterebbe nemmeno un tuo pensiero. Continua la terapia , è già un traguardo che x un pò vedi le cose come stanno…mano mano diventerai sempre più lucida e forte. Un bacio

    • @KK per noi che li salutiamo ancora … ti racconto quello che sto facendo io … ogni volta che lo penso rigiro il pensiero su me stessa, mi faccio una coccola mentale amando me stessa. Cerca di uscirne al più presto e ti auguro che i soldi spesi per la terapia diventino presto soldi per un bel vestito … e ricordiamoci sempre che una donna serena e che ama se stessa è più bella e anche seducente. La mia e la tua forza deve stare nel non farci destabilizzare dai loro ricontatti ….

    • ti capisco KK…

      vale lo stesso anche per me…

      vorrei avere le parole giuste per aiutarti…

      se le avessi riuscirei ad aiutare anche me…

      posso solo dirti che non potremo stare così in eterno…sicuro finirà…o quantomeno si trasformerà in qualcosa di sopportabile

      • @anonimo ti posso assicurare che da quando l’ho bloccato telefonicamente sto molto meglio. Non vivo più in attesa di un messaggio o di una chiamata o non sto lì a guardare se è online. Vivo le mie giornate, trascorrono le ore senza angoscia. Un mese fa era per me cosa impensabile, aspettavo ogni istante in messaggio, anche se non rispondevo.

        Non è che lui non esista più per me. Non esisto più io, per lui, come vorrebbe lui.

        Forse @Oldplum direbbe “è maggiore L’amore per me stessa rispetto a quello che provo per lui, benché infinito.”

        Alessandro, mi è scattato il famoso relè?

    • @KK cara,quando la sofferenza è tanta e incessante occupa ciascun pensiero è naturale sentirsi come te,però in realtà ogni giorno stai avanzando nel meglio per te stessa e tutto fa compreso scrivere qui
      E poter leggere insieme condividere queste nostre sofferenze e le battaglie quotidiane che si fanno per riuscire a staccarsi da lui
      Quando lui già lo sentiamo ci ha fatto male o comunque più male che bene.

      Ogni cosa che tu scrivi la sento ,come sai io l’ho mollato da tanto tempo ,ma il vero Silenzio totale è poco tempo che lo attuato
      Pur non avendolo mai cercato in 10 mesi lui invece visto che si è sentito mollato da me mi ha scritto diverse volte
      E il solo fatto di leggere le sue mail mi ha fatto tornare indietro nella mia dipendenza interiore,ho resistito e non gli ho mai più risposto,ma ,caspita che fatica ,una voglia di lui ancora pure tanto fisica,lui mi ha agganciata a lui pure attraverso il sesso ottimo e coinvolgente e potente dipendenza da lui .Gia prima di mollarlo mi ha continuato a ripetere guardandomi fisso negli occhi ” che intanto noi due se anche lo mollavo lui stava certo che ci saremmo rivisti e che lui mi avrebbe presa ed io non avrei resistito …..”

      Queste sono veramente manipolazioni nefaste ,
      Ma evviva sono riusvita a mandarlo affanculooooooo!!!!

      ,ho capito così ,che devo assolutamente resistere e adesso pure se Faccio il Silenzio totale chiuso tutti i contatti
      Soffro ancora anche perché nel mio caso sto vivendo gli effetti negativi della dipendenza affettiva che ho vissuto come conseguenza dal mio ex seriale

      La terapia che faccio non fa l’effetto di bacchetta magica
      ,ma è aver fatto ordine e aver messo un buon seme che ogni giorno
      Cresce pure se non ce ne accorgiamo.

      Un abbraccio!

    • @KK non vedere tutto negativo, pensa che hai già realizzato che non apporta niente di buono alla tua vita questo rapporto, che non è sano, che devi liberartene… Un passo alla volta, in avanti, e qualcuno indietro purtroppo ogni tanto, ma se ne esce vedrai e sarai una donna ancora più forte e più consapevole. Ti abbraccio

  17. Io continuo ad elaborare il distacco, sono a buon punto. Ho capito che lui non lascerà mai la moglie ma neanche me. Io, invece, avrei messo tutto in discussione per lui. Forse da febbraio sarò libera. La mia roadmap è all’ultimo step. Mancano pochi giorni.

  18. non so come e se finirà ma posso dire che, allo stato attuale, mi sto un pò stancando. Mi sento un pochino nel difetto nel dirlo e nel pensarlo perché so che lui tiene molto a me ed al nostro rapporto. Io stessa devo capire cosa mi sta accadendo.. anche se credo che il problema sia la non evoluzione del rapporto, oltre al fatto che non lascia la moglie. Ok ci sono varie motivazioni dietro, tra cui il fatto che ha problemi con l’ingranare con il lavoro e quindi motivi legati ai soldi… ma l’altro giorno pensavo che forse sto diventando ripetitiva e magari noiosa per lui.. ma oggi mi accorgo che non è una paura ma, semplicemente,stavo proiettavo in lui un mio sentire. In ogni caso ieri sono stata bene e ho creduto che non fosse una cosa importante… mentre ora ne prendo maggiore consapevolezza. Che sia l’inizio della fine? Ho anche notato che ci sono cose che prima mi davano molto fastidio e quando gliele dicevo magari battibeccavo e proprio perché accadeva questo, e poi stavo male, ho iniziato a lavorare su me stessa. Impensabile continuare a stare male e combattere contro i mulini al vento. Da un lato mi sento come sollevata che forse inizio a non stare più male, addirittura il pensare magari di sentirlo non mi entusiasma tantissimo, tanto da pensare che oggi è giovedì e nel fine settimana starà con lei ed io sarò senza vincoli (per vincoli intendo anche una chiamata) però sono ancora legata a certe abitudini ed un pò mi manca un pò mi annoia. In tutta questa faccenda mi rattrista solo il pensiero che possa finire senza aver provato a stare veramente insieme a lui…Ovviamente è un uomo fantastico ma mi mancano tante altre cose che mi stanno spegnendo.
    Volevo condividere, con voi, questi miei pensieri

  19. Ciao a tutti, sono nuovo, trovo questo blog veramente pieno di sentimenti vivi e intensi rispetto a tutti noi che condividiamo questa condizione ognuno differentemente. Ecco, mi perdonerete vado un po’ controcorrente rispetto a questo cliché del maschio che non vuole decidere, vigliacco e un po’ bugiardo. Io parlo per esperienza personale e delle persone che mo sono vicine che hanno avuto un’esperienza simile. A mio avviso il problema è semplicemente nel fatto che una fetta grandissima di amanti è nella condizione lui impegnato e lei single, mentre il contrario è più raro. Si può discutere sul perché accada e sulla predisposizione differente che abbiamo uomini e donne, ma quella condizione resta sbilanciata e critica. Allora vorrei approfondire la mia condizione, evidentemente minoritaria visto che se ne parla poco tra queste righe, che è quella entrambi sposati con prole e, devo dirvi che a quel punto la condizione cambia tanto che non riesco a condividere il teorema che “una donna quando incontra un altro uomo può essere mamma, amica, ma non più moglie” mentre lui (ambiguamente) si. Per carità, non considero proprio i seriali, i bugiardi, sono lontanissimi dalla mia condizione (poi se vi interessa vi racconterò la mia storia).
    Adesso, io papà, marito e amante che vorrebbe tanto “coronare il sogno”, sarei un irresabile se non considerassi, andando via di casa, se con il mio reddito sarò in grado di mantenere l’attuale famiglia in maniera doverosamente dignitosa, continuare a pagare le rate del mutuo, garantirmi un nuovo alloggio e una vita dignitosa alla nuova compagna (che magari fa solo la mamma e non lavora). Allora, se sono in grado (e probabilmente tanti papà che vanno via di casa non sono in grado neanche di arrivare a fine mese da soli….) posso fare il passo, se non sono in grado, NON POSSO FARE IL PASSO, perché parliamo di cose importantissime e 2 cuori e una capanna al giorno d’oggi e in questo paese non esiste francamente… Teniamo anche conto dei nostri adorati figli (che sono tutta la nostra vita), le mamme che si separano continuano (giustamente) a crescere i figli nella “casa matrimoniale”, i papà escono di casa e li vedono una tantum, non è proprio una cosa da poco.
    Però voglio soffermarmi anche lato donna e mamma, visto che la mia meravigliosa lei è in questa condizione, non cosa da poco conto togliere il papà ai figli per la propria felicità, magari lei non lavora e fa la mamma a tempo pieno, magari c’è parentame e suocera che orbitano costantemente attorno al nucleo familiare, non è facile per una donna mamma dire a tutti arrivederci e grazie ho un altro uomo…. ma anche considerazioni economiche, giustamente, io mamma faccio il passo, ma al di la dell’amore indiscusso, saremo in grado io, il mio nuovo compagno e i miei figli ad avere un tenore di vita dignitoso? Se poi dovesse finire la nuova storia che succede? Scusate, mi sono dilungato, però secondo me è così e vi riporto anche l’esperienza diretta di un mio amico carissimo che si è separato da poco per coronare il sogno, è andato via di casa continuando a pagare il mutuo, ma la sua lei alla fine gli ha detto “scusa, non me la sento di fare questo ai miei figli”…. Io non trovo tutta questa differenza tra uomini e donne… Un abbraccio a tutti, soprattutto a chi soffre.

    • Benvenuto innanzitutto e grazie per la tua testimonianza. Come entrambi sposati con figli fai parte di una maggioranza altroché. Le tue parole concrete non sono da sottovalutare: i soldi non fanno la felicità ma la povertà porta alla disperazione e sicuramente non aiuta l’amore anche quello più sincero. Sui figli io ho una posizione di tutela e di prudenza Fini al sacrificio, ma devo ammettere che non è brutta come la pensiamo e molti papà riscoprono i figli proprio separandosi perché la qualità vince sempre sulla quantità. Ciò che illustri ha portato a un’impennata dei separati in casa. Coppie che hanno molto da condividere ancora, non solo il mutuo e i figli, che non si amano più non scopano più ma si stimano e spesso hanno affetto. Questa coppie decidono in modo più i meno esplicito di continuare a vivere insieme finché ciò è necessario ma ognuno, fuori dagli impegni familiari, ha la sua vita privata. Molti vanno avanti così ma non tutto vi riescono e non può durare per sempre. Solo le coppie più evolute ci riescono e dall’altra parte di solito c’e Una situazione analoga

      • Grazie Alessandro, è proprio così, non è facile per noi sposati “coronare il sogno” e scopro allora di essere un uomo che non viene da Marte, che i miei amici condividono le stesse problematiche, sono presissimo mentalmente per la mia amante, non vorrei andasse mai via quando ci vediamo quelle 2 o 3 orette prima che debba correre a prendere la figlia a scuola, a Natale non ci vediamo, ma non per colpa mia che potrei liberarmi (come vedete non è sempre lui che sparisce a Natale…), ma solo perché per una mamma con una bimba in vacanza natalizia non è facile liberarsi e allora accade che ci vediamo dopo 20 lunghissimi e tristissimi giorni di festa, ci abbracciamo per minuti interminabili senza dire nulla e come per magia si scioglie la tensione, in estate uguale non c’è scuola, siamo partiti con la reciproca consapevolezza che l’età dei figli (6 e 10 anni) al momento non ci consente altro che queste meravigliose “briciole”, però sogniamo, mai dire mai, non c’è giorno che non ci contattiamo in un modo o nell’altro, magari solo per mandare un bacio veloce via whatsapp che significa non posso dedicarti tempo ma ti penso… di darsi la buonanotte, che reciprocamente siamo importanti nelle nostre vite! Poi, chi vivrà vedrà! Altro non possiamo fare!

    • La differenza fra noi e le donne? Che loro sono molto più oneste e decise. Non è impressione, è statistica

      • E’ vero, però Alessandro, è vero nella misura in cui purtrppo la maggioranza degli uomini si propone come un principe azzurro solo per fare sesso con la propria amante, Quando capita che noi (e credo che io e te siamo simili visto che siamo un po’ “femmina” sentimentalmente) invece siamo presi sentimentalmente allora secondo me le cose cambiano radicalmente! E perdonami, aggiungo anche una cosa, non mii sento un codardo, dicono di me che sono un altruista, ma il solo pensiero, al di la della crisi che è tangibile da entrambi, che non c’è più amore ma ci vogliamo un gran bene, di guardare negli occhi mia moglie e dirle dopo oltre 20 anni di vita vissuta assieme che la nostra storia finisce li, che non sarò io a invecchiare con lei, cavolo, ma ci vuole il cuore di pietra per farlo!! Forse si in questo le donne quando decidono sono più ciniche….

        • Sono più decise. Purtroppo i vostri figli sono davvero piccoli ma non troppo per non capire e non soffrire

  20. Leggervi è molto confortante, trovandosi dentro questi amori ‘scomodi’ ci si sente decisamente meno soli. Amori estremamente diffusi e così taciuti e viruperati (gli amici con condizioni normali, finiscono alla fine con l’alzare gli occhi al cielo… ). Le donne sono più decise. Non credo si debba chiamare in causa il cinismo, ma semmai il pragmatismo. L’amantato arriva di norma quando non si è più ragazzini e la voglia di vivere e di vivere pienamente l’amore, quando si ha la fortuna di vederlo bussare alla propria porta dovrebbe essere un imperativo. La logistica la si affronta col buon senso e in modo responsabile. Nessuno vuole finire sotto i ponti né tantomeno ferire figli. Il buon senso può accompagnare qualunque cambiamento.
    Il mio amante, diventato da poco il mio ex amante, dopo due anni mezzo di relazione (w le statistiche} innamoratissimo di me, si è arenato di fronte al terrore di ferire la compagna storica. Niente matrimoni da sfasciare (consuetudini consolidate si, certo) ma niente figli e difficoltà logistiche davvero scarsissime. Il racconto che così sinteticamente vi ho esposto è ovviamente spogliato da tutti i dolori laceranti, le angosce, i fuochi irrefrenabili, le tenerezze, le tante risate condivise, i tremori e l’amore che tanti di voi così bene descrivono e nei quali mi rivedo ahimè, pari pari. Con infinita malinconia.
    Non c’erano ostacoli al di fuori della propria testa e lì ugualmente si è insabbiato. In questi stessi due anni e mezzo io (femmina) ho avuto il tempo di constatare che il mio matrimonio era realmente arrivato al capolinea, iniziare ad accompagnare i miei figli con morbidezza, verso la prospettiva di futuri cambiamenti e iniziare a ragionare su come riorganizzare l’economia della mia esistenza.
    Riuscite a ragionare sull’accaduto senza mettere in dubbio la bontà dei suoi sentimenti per me?
    Forse Ie ansie maschili hanno sfaccettature più inesplorate che dietro il paravento degli argomenti più tradizionali non saltano fuori. Una maggiore propensione culturale alla bigamia? Meno sofferenza e meno sale sulla coda?

    • Ripeto: la differenza fra noi e voi è che voi siete oneste noi no. E se uno non è onesto sa un anno prima che ogni ti amo è parziale e che non lascerà mai. Gioca e rimanda il momento della verità perché giocare all’innamorato è bello. Ma dentro di lui sa e ha sempre saputo. Se poi non ci sono figli e problemi economici non ha neanche un alibi

  21. cari, io non scrivo da molto ma vi leggo sempre e mando un saluto a tutti, soprattutto alle “nuove”…io sono sempre in fase di stallo. lui è separato in casa da estate scorsa, io ho parlato a mio marito a natale. abbiamo da un paio di mesi un piccolo monolocale che paghiamo con estrema fatica. tutto a posto direte? no, perchè lui non riesce a fare il grande passo e a dirle che se ne va. notare che a suo dire dormono separati da sei mesi e che il rapporto è irrimediabilmente compromesso. situazione allucinante. per di più vorrebbe passare un periodo da solo nella casa nuova, per non balzare da una convivenza all’altra (non gli do torto), e quindi non vuole che ci vada a stare io per prima da sola. io non riesco a capire. non ci sono figli, abbiamo trovato casa, abbiamo parlato ai nostri compagni. e continua a essere fermo per ragioni economiche. io sto impazzendo, lui continua a chiedermi manciate di giorni, io minaccio di andarci a stare io ma lui non vuole. mi avessero detto che avremmo entrambi parlato ai partner per poi ritrovarci in questa situazione…ho fatto davvero tutto il possibile, rimosso ogni ostacolo, e adesso? ho una paura pazzesca di avere mandato tutto all’aria per lui e che faccia marcia indietro. “sogno proibito”, se posso permettermi, già solo la scelta del tuo nickname indica un non volere vivere davvero la tua storia…o non potere…ma anche lui è due anni che mi parla di sogni e io vi assicuro che di uomini sognatori non se ne può più…io tra i due sono quella più legata a mio marito, quello che tu dici di tua moglie lo capisco, ma ti assicuro non è cinismo il mio. ci vuole un cuore di pietra anche per tenere le persone in sospeso, non solo per dire a mogli e mariti che non li si ama. i suoceri e il parentame li ho anche io, non vi dico il delirio. però non si può avere tutto. io intanto sto andando verso una condizione in cui sarò certamente in difficoltà economiche. non sotto i ponti, ma da tenore medio si passa a basso. e va bene. ma lui? sono sconvolta, non capisco se finge di non capire.

    • Ipotesi. Finta separazione in casa. Esce ma vuole dimostrare alla moglie che andrà avanti e indietro tipo pausa di riflessione.

    • cioè … tu hai parlato con tuo marito, paghi a metà (o lo paghi tutto tu?) un monolocale che mi sembra di capire che stiate usando semplicemente come alcova, lui non vuole che tu ci vada a stare da sola perché nella sua testa vorrebbe prima o poi (o mai) andarci lui per primo per non passare da una convivenza all’altra (cosa che te invece non avresti problemi a fare, d’altronde sei innamorata), nel frattempo continuate a vivere ognuno a casa propria.
      allucinante, ma ancor più allucinante che lui continui a dettare i tuoi tempi, le tue azioni.
      hai parlato con tuo marito, hai un monolocale, hai già fatto considerazioni economiche … ma cazzo riprenditi in mano la tua vita, esci di casa, vai a vivere da sola, e lui faccia quel che gli pare. Cioè voglio dire, cosa stai aspettando???? E se lui non si decidesse mai? e se si decidesse ma ha bisogno di tempo per vivere da solo, di quanto tempo di “singletudine” avrà bisogno? quanto tempo te devi ancora vivere in casa con tuo marito in questa situazione? ma stiamo scherzando?

    • @nina
      Se fossi una tua amica e abitassi vicino a te, dopo aver letto queste righe verrei ad abbracciarti e ti chiederei quando esattamente hai deciso di valere così poco. La tua storia fa veramente stringere il cuore. Si sente che soffri, ma allo stesso tempo credo tu sia una persona molto forte e paziente. Eppure l’Amore, quello vero, non dovrebbe fare soffrire fino allo sfinimento. Secondo me il comportamento di quest’uomo non ha giustificazioni. Non perché le circostanze sono complicate, è normale arrivare a questo punto. Prenditi cura di te, Nina. Se pensi al bene di lui e lui pensa a se stesso, a te chi ci pensa? Se avessi una figlia trattata così dal “suo” uomo, non le ricorderesti che lei è una bellissima principessa, meritevole di amore come tutti? Che da qualche parte c’è anche un amore felice e libero, sereno e leggero, tutto per lei? Quello che diresti a lei, sussurralo a te stessa. Prenditi cura di te!!!

  22. Altra ipotesi (mi rendo conto certo non meno avvilente… ) non le ha proprio mai parlato.
    Magari si…. Le ha accennato un qualche vago ‘non mi sento troppo bene’ né più e ne meno come le stesse parlando dei postumi di una indigestione notturna, ma rispetto a te si trova ancora indietro di un paio di caselle. Che abbia sperato che il prendere casa gli conferisse, quasi per magia, il coraggio di strapparsi finalmente il cerotto?!
    Mamma mia però…. Dai racconti di questo blog, come la metti metti, anche con le angolazioni più bizzarre e fantasiose, il mondo maschile ne viene fuori a pezzi. Offrendo scenari di estrema pochezza. Ma non erano quelli che andavano in guerra?? Ma come accidenti facevano?! Il coraggio e la spina dorsale non erano gli ovvi attributi di virilità?
    Se mai dopo montagne di cleenex, borse del ghiaccio sulla testa e viaggi in India per il recupero della salubrità mentale e spirituale, noi squinternata amorose riuscissimo a ripigliarci, con quali occhi guarderemo i prossimi uomini sul nostro cammino?

      • Ottima risposta! e poi ora non è che siano tutti così gli uomini, è che a volte noi gli altri non li apprezziamo, quelli che ci guardano con occhi sognanti ma sinceri e che si sentono fortunati ad averci accanto. C’è chi lo capisce prima e chi lo fa dopo e chi non lo fa mai, direbbe mia mamma… io spero di averlo capito adesso, anche grazie a questo blog.

          • Anche sui single di oggi avrei da dire.. La voglia di impegnarsi anche un minimo pare sia ormai cosa dimenticata .

          • @Roberto spiegati meglio ,su coraggio vogliamo sapere di più
            Qui siamo tante ,ma attento a ciò che esprimi,perche Alessandro ci protegge giustamente,molto attento il Blog è suo e se lo gestisce alla grande !!

            Comunque fatti avanti su presentati dico sul serio
            Era solo per avvisarti che qui ci sta l’occhio viglie del padrone di casa a pieno suo diritto ovvio.

            @Robero allora stiamo curiose avanti raccontati qui la tua storia
            Sei single? E prima che ti era successo?

          • @Alessandro

            Sei troppo forte ,no ma nel senso è giustissimo consiglio che come sai condivido in pieno,

            Però anche leggendolo così scorrendo la pagina e ognuno a pieno diritto si sta qua giusto per esprimersi raccontare sfogarsi cheidere aiuto un consiglio

            Tutto occhei,
            E poi dopo scorro e leggo il tuo

            “sceglietevi uomini liberi per il futuro”

            Mi ha fatto sorridere l’ho visto da quassù nel mio sto nel quadro e quindi vagando ovvio si colgano molti punti di vista e diverse percezioni quando si legge
            All’improvviso mi era sembrato il tuo non solo un consiglio,ma come

            Una specie di stanchezza che ne so un
            Post-prandiale difficoltoso
            Non so cosa hai mangiato a pranzo oggi???

            E vabbè si fa per sdrammatizzare
            A volte penso che possa anche fare bene qui leggere le mie cazzate

            Dai facciamo una pausa qui insieme così

            Un sorriso da condividere qui tutti insieme !

          • Ariel..io sono single da sempre,svolgo un lavoro che vengo trasferito ogni anno, e questo non aiuta di certo.Quindi ho sempre avuto flirt di pochi mesi o al massimo qualche anno quando mi sono fermato di piu nello stesso posto.Di innamoramenti veri e propri di quelli che ti fanno stare 3 metri da terra 2+quello attuale ma con lei sposata e con 3 baby under 11.Credevo che l’amore potesse vincere questo ostacolo enorme ma non e’stato cosi,lei stanca dei continui sensi di colpa mi avra mollato e poi ripreso 12 volte in 5 mesi.Ora pero ho capito che non c’e’futuro quindi nonostante l’amore che provo mi faccio da parte.Eppure io avrei fatto il grande passo va be…Ora purtroppo ritorno alla mia vita di sempre,ma questa esperienza mi ha cambiato,mi ha fatto capire che la carriera,i flirt che non mi hanno lasciato niente fanno parte del passato dell’uomo che ha capito che in fondo quello che vorrei e di vivere la quotidianita di un rapporto anche con gli alti e bassi,con i momenti belli e brutti ma di viverlo un amore.Lo so che ora sono a terra moralmente e che capitera quando non provero piu la tachicardia pensando a lei.Quindi ora mi dedico al mio recupero emotivo ed a volermi piu bene..E cosi difficile trovare una persona che ti faccia sentire al settimo cielo..Trovata ma sposata e che non ha intenzione di saltare nel buio..Va be cosi doveva andare..In questo periodo evito di fare nuove conoscenze,non me la sento ancora,ho provato ma facevo paragoni e non mi sembrava rispettoso nei confronti della dama.Sul chiodo scaccia chiodo non sono troppo convinto..Prima devo guarire e poi si vedra..
            Non sono un ragazzino ma mi sono sentito come un teen ager in questo periodo..La cosa positiva e’che ho capito che so amare e pure tanto,ho messo del tempo ma meglio tardi che mai…

      • @Oldplum anche tu sei fortissima scusa ma sto ridendo da matti trovo qui il tuo esprimerti pieno si autoironia
        Cioè saresti tu Penelope

        Grazie perché ridere insieme fa solo che bene!!!

  23. Mamma quanto astio però per la “categoria”… Quoto tanto Confusa, evidentemente il “profumiere mestierante” che un giorno dice “tu sei la donna della mia vita, non ti preoccupare LEI E’ SOLO LA MADRE DEI MIEI FIGLI, E’ SOLO QUESTIONE DI TEMPO…” per poi sparire per qualche tempo…., trasuda un nettare afrodisiaco più di quello che vi ama davvero e che, essendo in questa condizione, inevitabilmente c’è, è li! non fa finta di scappare o di giocare perché se non si è spontanei con il/la propria amante davvero non ha senso stare insieme….
    @Nina: io vivo aspettando di poter incontrare la mia lei… non c’è un’ora del giorno che io non pensi a lei e la cosa è reciproca, io ho un lavoro impegnativo, spesso sono fuori e se non ci possiamo sentire per una giornata intera ne soffriamo entrambi. Però al momento per entrambi, l’ipotesi di fare “l’Upgrade” nel breve non è contemplata, è un discorso per entrambi molto forte e dalle conseguenze che devono per forza essere valutate per evitare vittime giovani. Però nessuna opzione è esclusa, sogniamo molto un futuro insieme e questo da un tocco magico al nostro rapporto.

    • Sogno Proibito, allora spiegami perché mi sento che a soffrire sia solo io. Perché lui , dopo essere stato scoperto, per paura mi ha tolto tutto. Mi chiama e mi dice le stesse cose che scrivi, che non c’è momento della sua giornata in cui non mi pensi, che adesso non può e asseconda la moglie in tutto anche nel mettere foto di loro sul suo profilo pur sapendo che mi fa malissimo. Mi dice che sogna un futuro con me, che il nostro e un rinvio per i bambini. Ma io spesso non gli credo, fuggo perché mi sembra di essere l’unica ad amare in questa storia. Pero’ sto male e non riesco ad andare avanti perché lui è la persona che amo e non so più quale strada intraprendere.

  24. Sogno Proibito, allora spiegamelo tu perché nel mio caso lui, dopo essere stato scoperto, mi diece le stesse cose che scrivi ma la paura lo sta mangiando. Mi sta togliendo tutto e assecondando lei in ogni suo dubbio e capriccio. È arrivato a mettere l’immagine di loro sul suo profilo e si giustifica con me dicendo che lo ha fatto lei. Si fa controllare telefono e chiamate ed anche sentirsi è ormai un’impresa. Mi chiede di panzientare e che devo apprezzare che rischia tutto chiamandomi ancora. Mi parla come te di un futuro insieme dicendo che è solo un rinvio per via dei piccoli ma ci sono giorni in cui stento a credergli , scappo ma sto male perché mi sembra di essere sola in tutto.

    • @Piccola mollalo all’istante,
      Possibile che non ti accorgi della presa in giro????

      Vanno mollati in tronco senza ritorno
      Sto drastica ,si,ok potete pure pensare che non capisco un caxxo,ma tesori miei tutte svegliarevi vi prego
      Soffro vi giuro soffro nel vedervi cieche e sentirvi da qui ,si,vi sento soffrire inutilmente

      Scusa @Piccola ,ma veramente svegliati mollalo
      Con affetto ti abbraccio

  25. Sogno Proibito, allora spiegarmelo tu come fare ancora a fidarsi di un uomo che dopo essere stato scoperto si è fatto mangiare dalla paura. Mi chiama dicendomi le stesse cose che scrivi però per paura non riesce a vedermi più, si fa controllare telefono, mail, orari e asseconda lei in tutto. Pensa che ha messo pure l’immagine di loro sul profilo e si giustifica con me dicendo che lo ha fatto lei che pretende rimanga tale. Mi dice che mi aspetterà , che è solo un rinvio per i piccoli, anche i miei, ma mi sento sola in tutto. Scappo, come in questi giorni, ma sto male e non riesco ad andare avanti. Cerco di non pretendere nulla e di capire la delicatezza della situazione soprattutto quando mi chiede di apprezzare che mi chiama mettendo a rischio tutto. Purtroppo anch’io non me la sento di fare l’Upgrade , come dici tu, ma ci sono giorni in cui il dolore è troppo grande,

    • Piccola, quanto dolore sento in te. In questi tuoi ultimi 3 commenti ho rivisto la mia storia ormai chiusa. Ho avuto il dubbio che era la stessa persona (ahahah). Xo cerca di essere obbiettiva e pensa che noi x stare con loro mettiamo a rischio la situazione dentro casa; loro x salvare la situazione a casa mettono in crisi il ns rapporto (tra amanti intendo). Alla lunga qst tira e molla porterà te all’esasperazione e lui a trovare il modo x farsi lasciare da te

  26. Aiuto! Mi sento un pochino in minoranza!! Piccola, il discorso è articolato e come vedi varia di caso in caso in base a tante variabili che ruotano attorno alla famiglia, alla condizione economica del papà e della mamma amanti. Io con questo non sto dicendo che noi uomini siamo in buonafede, anzi… concordo con Alessandro che purtroppo troppi si applicano in malafede, poi c’è una quota di uomini che non sa decidere, o non può decidere (perchè l’economia della famiglia ruota attorno a lei….). Purtroppo credetemi, e vi prego, non fraintendetemi, torniamo li è un mix di problematiche dove, al di la dei figli che sono tutta la nostra vita (ribadisco che io se facessi il passo mia figlia la vedrei il 10% rispetto ad oggi…), il lato economico resta un fattore fondamentale, allora se io ho autonomia per continuare a mantenere la famiglia e vivere in una bella casa con la nuova compagna forse il passo per tutti e due è più semplice, al contrario, se non posso permettermi il lusso di avere 2 case e difficoltà ad arrivare a fine mese, a volte in 4, lei stessa mi direbbe che forse è un po’ forzata come condizione… Ti abbraccio forte, capisco cosa stai passando e mi si stringe il cuore, grande rispetto da parte mia e non lo dico per dire credimi…

    @Annaura: non so risponderti con precisione, dal momento che il discorso a parte i sogni è off limits da entrambe le parti, però posso dirti…. noi tra l’altro siamo ancora “verdi” per affrontare discorsi veramente seri, anche se siamo legatissimi, io tra l’altro per lei ho una stima incredibile dal punto di vista personale e mi piacerebbe condividere con lei anche un progetto lavorativo dove lei sarebbe perfetta… scusa se mi dilungo, dicevo, posso dirti…. che l’idea che lei, che ha iniziato molto con i piedi di piombo e paura (per entrambi è la prima volta che accade….) e adesso vedo sempre più presa, un domani mi guardi negli occhi e mi chieda se avessi voglia di pianificare un percorso diverso mi attrae molto. Per certo ti dico che mi siederei a tavolino con lei e affronterei un discorso pragmatico, serio, responsabile, facendo tutte le ipotesi possibili per valutare la cosa, molto volentieri credimi, se fosse fattibile a quel punto stabilirei degli obiettivi temporali condivisi per entrambi… sogno tutti i giorni che lei un giorno sarà la mia compagna….

      • Corretto Alessandro, lo fai però quando ti guardi negli occhi e decidi insieme a lei che è arrivato il momento di fare un percorso differente. Se lo fai prima millantando che sei separato in casa, che stai per uscire, che lei è solo la madre dei tuoi figli finalizzato a mantenere lo status di amante, allora sei solo un cialtrone e della peggior specie se lo fai sulla pelle degli altri… lieto di sentirmi tanto, ma tanto distante da questa condizione…

        • @Sogno Proibito
          Credo che quando si ha un amante e quindi si è sposati con famiglia
          Questo fatto di avere un amante sia il segno inequivocabile che il matrimonio già prima certamente presentava problema di coppia marito moglie

          Ok quindi secondo me,
          Sono due cose separate e cioè
          se sussistono problemi e si ha un amante sussistono già da prima di avere la relazione extraconiugale per il solo fatto di aver scelto di tradire il proprio coniuge

          Questa è una situazione che chi la vive deve siatemare le cose prima
          Indipendentemente da cosa o meno fará sarà sceglierà dopo

          Cioè risolvo prima la mia crisi perché è la mia di casa mia e l’amante non c’entra affatto

          Dopo allora se la relazione con amante è sempre attivo l’interesse dell’amante si sarà in grado di presentarsi libero onesto nel poter scegliere tu stesso fino a che punto tu voglia lasciare la tua famiglia

          Essere libero tu stesso dalla tua amante
          Se sei sposato prima metti in ordine come ritieni tu fare casa,e cosa della tua famiglia

          E soltanto dopo potrai veramente scegliere che fare

          Questo secondo me è la vera serietà ,assunzione si responsabilità concreta cioè è un azione concreta,
          altrimenti tutto è soltanto una finzione verso tutti se stessi famiglia e amante.

          • Si Ariel, è tutto corretto quello che dici, però allora se dobbiamo essere onesti fino in fondo probabilmente sarebbe giusto chiudere il rapporto matrimoniale prima di tradire con l’amante… e allora non staremmo tutti qui a parlarne…
            E quindi la vita come vedi non è bianca o nera, come diceva anche Alessandro, ci sono coppie che, oltre ai figli, non si amano più ma hanno ancora un affetto che li unisce, oltre ai figli e, per un uomo, ripeto, non è una scelta a cuor leggero uscire di casa e salutare i propri figli rivedendoli un we si e uno no….

          • @Sogno Proibito grazie della tua risposta,
            Ti esprimo questa sensazione che ho avuto nel leggere la tua risposta e che credo veramente tu sia a buon punto per riuscire a scegliere ciò che senti tu autonomamente

            Questo è molto positivo e sono certa che veramente sei più che vicino a risolvere i tuoi leciti umanissimi dubbi perplessità
            Ovvio ci stanno tutti,

            Ma nota che continui a scrivere qui che non è una scelta da fare a cuor leggero lasciare la tua famiglia tua moglie tuoi figli la casa

            Ottimo nel senso che spontaneo e capace conosci già la risposta alla tua domanda
            La scrivi e quel che si scrive agli altri è parlare a cuore e pensiero aperto con se stessi.

            Buona vita ,Sogno Proibito
            Sei sulla tua buona strada,questa è la mia percezione leggendo la tua risposta qui a me e la tua storia scritta fino a qui

            Non è facile lo comprendo benissimo,ma ti leggo qui e sei pronto,
            Lo sai ,lo stai scrivendo ripetutamente

            Un abbraccio sincero da qui!

    • Grazie Sogno Proibito x avermi gentilmente risposto. Ti auguro che se tra di voi sia amore vero, abbiate la forza di poter stare insieme alla luce del sole. Di sogni ,soprattutto all’inizio, ce ne sono tanti ed io penso che soprattutto, nella fase verde come la definisci tu ,se si dovesse prendere una decisione ci sia più slancio. MI spiego meglio se uno dovesse decidere di andarsene con l’amante vedo che non si superano i due anni massimo. Dopo si allunga solo la storia tra amanti…

      • Grazie Annaura e Katrina, grazie di cuore, non è facile, non è facile per nessuno, sai, penso anche che è difficile conoscere veramente il/la tuo/a amante. Togliamo per un attimo i bluffatori scorretti, ti vedi in un contesto magico, poche ore, ognuno da il meglio di se, si sfrutta il tempo al massimo per amarsi e poco per confrontarsi. Credo che ci voglia tempo per conoscersi un po’ meglio e maturare decisioni importanti. L’importante è essere entrambi sulla stessa lunghezza d’onda in trasparenza senza prendere in giro nessuno e lo dico senza ombra di dubbio. Ciò non toglie che questo è vero e facile finchè entrambi sono in equilibrio e nella stessa condizione, basta che uno dei due cambia condizione (magari decide di separarsi) e le cose inevitabilmente virano su un altro binario.
        Un abbraccio di cuore, speriamo che la vita ci possa sorridere, cerco di godere del presente, senza traguardare troppo lontano se no sale l’ansia e ci sto male perché troppe variabili sono fuori dal mio controllo.

        • Sogno Proibito, sono sempre stata dell’opinione che le uniche persone che possono/devono essere sincere le une con le altre sono proprio gli amanti.Altrimenti non aveva senso stare insieme. Qst dicevo al mio ex. Un abbraccio

          • Annaura, quant’è bella e vera questa cosa che hai detto… è proprio il bello della mia attuale condizione, essere esattamente se stessi… Da parte mia l’augurio sincero che tu possa trovare presto la serenità che merita una persona sensibile e profonda come te. Un abbraccio.

    • Se davvero è così e siete entrambi sulla stessa lunghezza d’onda, tanto di cappello, anche io avrei preferito un’ ammissione di impossibilità a fare l’upgrade da parte del mio amante. Invece il mio uomo ha assurdamente confessato alla moglie per poi fare 10 passi indietro e uno avanti… adesso è pure in terapia perché “poverino” non riesce a capire cosa vuole davvero… nel frattempo innaffia un pò qua un pò la, si sa mai che resti con il sedere a terra.

  27. @Roberto

    grazie per la tua risposta aperta al tuo racconto della tua
    esperienza,

    capisco benissimo che sempre finita una storia ovvio occorra un tempo per poter riprendere se stessi e la propria vita.
    Condivido con te che non serva e neanche si possa aver voglia di un chiodo nel senso di un incontro relazione così superficiale

    Anche io non sono una ragazza, e ne vengo da una chiusura di relazione tossica con un uomo seriale che mi ha dato molta sofferenza e disagio
    Per fortuna adesso vado molto meglio e chiaro che comunque occorre tempo prima di sentirsi di nuovo aperti alla vita.

    Ti auguro veramente che il tuo nuovo percorso sia portatore di luce positiva per te in ogni aspetto della tua vita,
    E grazie ancora per questa tua ampia e valida risposta.

  28. Alessandro ti leggo sempre molto volentieri però leggo spesso storie molto tristi, perchè non fai mai menzione alle coppie di amanti che tali vogliono restare? Ce ne sono precchie, te lo posso assicurare.

    • Siii Alice, mi associo, porto il mio contributo quotidiano. Non vedo l’ora sia domani mattina dove ci siamo ricavati uno spazietto sospirato dopo due lunghe settimane, io arrivo presto al nostro luogo di incontro attendendo il suo arrivo verso le 9, le preparo la colazione e aspetto il messaggino “aprimi sono qui fuori” che spalanca le porte del paradiso! Siamo felici così, entrambi. Un caro saluto a tutti e buonanotte.

  29. Buongiorno a tutti
    Volevo dirvi che nonostante siano soltanto 3 giorni comincio già a vedere qualche effetto positivo del silenzio: ho io il comando. posso decidere se rincominciare o meno. Anche il non ricevere più telefonate e messaggi, si è spiazzante ma è una certezza,
    almeno per adesso il mio sentimento nei suoi confronti non è cambiato e sono stata fortunata ad averlo vissuto.
    Come dice @Ariel probabilmente non è seriale e non è narcisista è solo che gli piace vincere facile ma adesso posso fare io Cucù (lo farei mannaggia a me …ma non lo farò e soprattutto lui incomincia a non avere più certezze su cosa farò 😉 )
    so che stare ancora a scrivere di lui non è un buon sintomo ma so che sono capace a dirgli “grazie e addio”
    coraggio ragazze se ce la posso fare io potete tutte
    un abbraccio grande grandissimo
    e sempre grazie @alessandro per questo blog

    • Più dura il silenzio più fa bene e a un certo punto farà scattare il relè e guarisci. Dovrai respingere le sue avances

      • noo @alessandro per piacere io non sono capace a respingerlo non è proprio pensabile!!! ma come si può fare !!! non mi scrivere così che mi scoraggio subito, io credo sia finita qui non credo che ci sarà nessun prosieguo perchè dovrebbe rifar capolino nella mia vita …non avrebbe nessun senso

        • Avrai la forza anche di respingerlo…arriverà il momento.
          E sarai più forte di lui.

          Io ,ancora innamorata, quando mi sono accorta che il mio narcisista seriale da me voleva solo quello, l’ho lasciato a metà due volte…gli ho detto proprio di rivestirsi…
          fatto con intenzione e non dovuto a ripensamenti strada facendo…

  30. Confermo , col silenzio starai sempre meglio.
    Siamo forti , il difficile era decidere a cominciare.
    Continua così sei Bravissima!!!

  31. Torno a scrivere. un po’ per chiudere il cerchio, un po’ per rispondere a qualche commento rivoltomi. In realtà questo secondo punto forse diventa superfluo una volta chiarito il primo, dunque lo farò solo se ulteriormente richiesto da qualcuno:
    è finita. come succede sempre.
    ho fatto il passo definitivo. Se prima di Natale avevo avuto la forza di rimuovere il contatto ma non di bloccarla, adesso anche quest’ultimo step è stato aggiunto.
    Perché? perché da quando è ritornata, per quanto mi abbia detto che mi ama (e lo ha detto fino all’ultimo), per quanto abbia ripetuto più volte al marito che non lo ama più, che non c’è nulla che lui possa fare in tal senso, per quanto non abbia più rapporti sessuali con lui, non ha la forza per ricominciare. non ora. che sia per i figli piccoli, che sia per la pena o per l’affetto che prova per lui, che sia per comodità, fatto sta che non riesce.
    Una volta che lei ha ribadito questo concetto, io le ho scritto un messaggio e vi dirò: ho usato le stesse identiche frasi che ha scritto @oldplum su questo post, perché il suo concetto era praticamente il mio.
    Dopodiché le ho detto che mi restava una cosa da fare, non per rabbia, né per ripicca, ma perché è un male necessario, ad entrambi. E l’ho bloccata. Per la prima volta in due anni e mezzo. E l’ultima.
    Ora sono a pezzi. Inutile mentirvi: sogno che il mio cellulare squilli e che sia lei. Ma, razionalmente, so che non accadrà.

    • @and non credo di averti mai scritto ma ho seguito la tua storia e veramente mi dispiace che sia finita e immagino bene il dolore che provi adesso sei stato grande e forte Uomo vero nel mettere la parola fine bloccandola pure

      Inutile continuare a farsi del male quando sta chiara la impossibilità
      Di concretizzare il vostro rapporto
      Lei è stata chiara da ciò che scrivi qui ,non si sente,e basta.

      Carissimo @and percepisco il tuo dolore e l’inizio positivo però che tu stesso sei stato capace di Amare te stesso e credimi questa è una cosa o meglio la più difficile da avere e mantenere nella propria vita.

      Inutile farsi male ,però voglio scriverti questa cosa nella quale credo fermamente per me stessa e per tutti

      ” non tutte le persone vengono nella nostra vita per restarci accanto per sempre”

      Ecco ogni persona esperienza ci lascia un dono nascosto confuso in mezzo alla nostra disperazione perché non è andata come speravamo ,eppure vi stava amore … ma è finita.

      Ma queste persone sono venute soltanto per un altro motivo
      Per riuscire a farci scoprire qualcosa di noi stessi che ci serve proprio per riuscire ad amarci e ad amare trovando proprio la persona giusta per noi e cioè quella che smuove le montagne
      Pur di costruire insieme a noi una vita intera.

      Ti abbraccio Caro @and !

      • grazie Ariel.
        Non sono affatto un uomo vero. Avrei dovuto farlo prima e comunque ho ancora il mio matrimonio da risolvere.
        Però per lei – con lei – avrei fatto tutto.
        Sono d’accordo con te quando spieghi che ci si incontra per un motivo. Io resto convinto che lei davvero non ami più lui. E che non c’è nulla che lui possa fare per riaverla se non, al massimo, per un transitorio di tempo. E sono anche convinto che io e lei, alla luce del sole, avremmo funzionato.
        Ma i tempi sono sbagliati. Ed è questo che fa male. Perché immagino che fra tot anni, con i figli grandi, con il vaso che trabocca, lei troverà la forza di separarsi. Ma purtroppo io non ci sarò più. E avremmo perso, entrambi, un’occasione.

    • and, mi spiace tanto! Perdonami per quanto sto per scrivere….

      La motivazione quindi è che “non ha la forza per ricominciare” e preferisce stare con la sua famiglia?
      La risposta vera è che non ci amano!

    • @and mi dispiace. Non avevi piu’ scritto e speravo andasse meglio. Purtroppo come dici la fine era inevitabile, come sempre. Se solo lo sapessimo dall’inizio converrebbe non buttarsi proprio in queste situazioni, ma come dice Ariel ciascuno arriva nella nostra vita per un motivo ben preciso, queste storie tra tanta sofferenza ci portano a conoscere dei lati di noi stessi che prima ignoravamo e inevitabilmente ci costringono a migliorarci.
      Sono con te, soffro come te e attendo che passerà questo malessere che a giorni mi toglie il respiro. Coraggio!

      • KK, solo per dirti che anche io ti ho letto tanto. ho letto dei tuoi comportamenti ossessivi e autodistruttivi e sappi che non sei sola. io sono come te.

    • amico mio virtuale mi dispiace…anche se credo…te l’ho detto anche volte…che non è ancora finita qui…penso occorra ancora del tempo…penso che tornerà alla carica…le serve altro tempo…per metabolizzare…analizzando i suoi comportamenti ha sempre fatto così…

      se il tempo dovesse confermare invece la vostra separazione…la verità è che non ama nè il marito…ma questo lo sai…ma neanche te…

      Ti sono vicino amico mio…resisti…

      • caro amico, il problema principale sai qual è? é che quando tu scrivi “non è ancora finita” in me si accende una speranza, piuttosto che uno spavento. Perché, inutile negarlo, io vorrei che lei mi cercasse…

        • ti cercherà…quindi tieni accesa la speranza…sai quando non lo farà più…quando le dirai di non farlo almeno che non abbia qualcosa di concreto da proporti in ordine al futuro…come è accaduto a me prima dell’ultimo silenzio…che stavolta non sarà mai più rotto

          • Certo. lo so. codice del silenzio. principio del nessun contatto. freeze. ci sono tanti modi per chiamarlo. e so che lo si deve fare per sè stessi, non per l’altro/a. Ma forse puoi capire che anche se razionalmente ti ripeti questa cosa, in fondo tu non puoi far altro che sperare che l’altra impazzisca (o rinsavisca) e crolli in nome dell’amore che dice di avere.

    • @and Io invece credo a lei. Credo che non ce la faccia. È comprensibile. È possibile. Quando hai dei figli piccoli, quando tutto sommato in casa le cose non vanno male e pensi di essere una maledetta ingrata perché non riesci ad essere felice per quello che hai, compresa una casa e l’appoggio di due intere famiglie, cose che molti non hanno pur sognandole, quando non ti dai pace al pensiero di leggere la delusione e la paura negli occhi dei tuoi bimbi, quando (non so se è il suo caso) non lavori e stai per mettere tutto nelle mani di un uomo con cui non sai come andranno le cose… Io credo che lei ti ami perché, in tutti i tuoi post, non ho mai letto di una donna egoista, che ti ha fatto penare durante la vostra storia, che è stata sfuggente o ti ha lanciato messaggi contraddittori, eccetto nell’ultimo breve periodo, e ci sta. Ovviamente questo non cambia le cose. Lei non è con te, e tu devi andare avanti e devi concederti la possibilità di essere felice. Spero che anche lei possa ritrovare la felicità con suo marito. Probabilmente col tempo starà meglio, la sua vita non sarà così male… ma non avrà te. Probabilmente ti rimpiangera, o si innamorerà ancora e forse, allora, lei sarà più forte, i figli saranno più grandi, sentirà il tempo che stringe e sarà più coraggiosa. Io comunque le credo. Non è facile quando hai dei figli piccoli. Se tutti facessero le loro scelte pensando solo alla propria felicità, avremmo un mondo di adulti felici. A me non sembra che sia così. Parlo per me. Se avessi avuto dei figli piccoli, anch’io sarei rimasta lì, immobile… anche se il mio amante mi avesse chiesto di seguirlo. Con dei figli piccoli, in cincostanze di serenità in casa, non avrei fatto nulla… ed io dopo un anno rimpiango ancora il mio amante. Dubito che qualcuno possa dubitare dei miei sentimenti per lui.

      • ciao silvias. sei sempre molto lucida e comprensiva nei commenti. grazie. la sua situazione è complessa, lavora ma non si può dire che sia indipendente economicamente. vive in un contesto molto “a contatto” con i parenti di lui (che mal sopporta). l’unica versione che non è mai cambiata in due anni (quasi tre ormai) è che mi ama. quello in cui è stata contraddittoria sono gli addii e i ritorni. i vorrei ma non posso. capisco i figli, la pena per il marito al quale vuole bene (“ma l’amore è un’altra cosa” dice/diceva lei) , probabilmente la paura di un salto nel buio, ma fa male. e ancora adesso, non sono completamente certo se ci sarà un ritorno. anche se stavolta il gesto “eclatante” l’ho fatto io, anche se indotto.

      • Quant’è vera questa cosa che dici Silvia, la stessa cosa che ho scritto io qualche riga sopra, la paura per la reazione dei bimbi piccoli, due famiglie che gravitano sul nucleo familiare, le cose che non vanno poi così male visto che c’è una casa e un compagno che lavora e da cui dipendi economicamente che ti finanzia tutte le tue necessità dal parrucchiere ai vestiti alla palestra e tu devi metterti nelle mani di un altro uomo. In questo contesto non facile ragazzi per una mamma dichiarare “ho un altro uomo, arrivederci e grazie” con tutto un mondo bigotto che ti giudica una poco di buono…. ragazzi non è facile per niente….

        • Mah.. per me non sarebbe tanto difficile. E sai perché? Perché non voglio morire così come lascio decidere agli altri. Lascio, si. Perché se penso alle loro reazioni , le immagino e mi dico:”ok allora meglio morire come hanno deciso loro” allora lascio decidere l’immaginazione..
          Muoio senza offendere la sensibilità altrui. Ho cambiato idea? Non mi piace star qui?
          Eh però si offenderebbero. E la manicure? E le vacanze a Sharm? E la sicurezza di aver questi padroni? E se poi dicono che sono egoista?
          Ma no. Moriamo del loro di egoismo!
          È una roba da PECORE. Non da esseri umani.
          Una roba indegna . Da pecore.

    • Squillera’. Non rispondere. Ti ricatturerebbe nel nulla. Deve passare del tempo. Deve venire fisicamente da te. Io lo feci.

          • Oldplum, scusa la domanda: che intendi che era risoluto e tu no? Inoltre, ti riferisci alla tua relazione “storica” qui descritta più volte o stai parlando di una precedente relazione? Scusa le domande ma proietto ovviamente la mia storia.
            (una delle proiezioni é: se oldplum parla di una precedente relazione, allora anche la mia lei può reinnamorarsi di un altro, dato che il marito è chiaro che non lo ama più. io ho solo la maledetta sfortuna di esser capitato nel momento sbagliato?)

          • Possibile. Ma conta che il mio primo lui era davvero piccolo. Io avevo 10 anni in più e una figlia di 5 anni. Lui faceva l’università. Si. È arrivato nel momento sbagliato. Anche.

    • Se lei ha chiaramente detto che non ce la fa tu non puoi fare altro che andare oltre.
      Fatti forza e vai avanti per la tua strada.

    • Caro And, io le credo. Sono sicura che non potreste costruire la Vostra felicità su quella dei piccoli. Allora non puoi pensare che non ti ami, devi crederle. Leggo che anche tu sei sposato. Sei sicuro che avresti lasciato la tua famiglia per questo nuovo amore? Come Avresti fatto? Vorrei tanto saperlo. Io sono nella vostra situazione e con i bambini piccoli tutto si complica. Io mi sento in un vicolo cieco e ti assicuro di essere molto innamorata di lui.

      • Scusami ma lo devo scrivere e spero che Alessandro faccia passare il commento

        Stronzate…i bambini sono tutto…però chissà come mai non bastano…se ami sul serio affronti tutto…ma devi amare sul serio…quello è il punto

      • ciao piccola. anche io le credo (devo farlo) e posso dire che posso comprendere le sue difficoltà. e anche a me spaventa l’idea di perdere mia figlia. quello che posso dirti è che forse sono poco coraggioso e da solo non riuscirei. con lei, invece, insieme a lei invece, avrei fatto tutto. un po’ alla volta e con lei avrei fatto la rivoluzione.

  32. @And, hai dato tutto te stesso in questa relazione. Non c’è nulla su cui tu abbia posto freni, mi pare di capire. E dunque ne esci a testa alta!
    Mi sembri un uomo sensibile, empatico, maturo… tipologia non comune, credimi.
    Se ti ha lasciato andare, o non ti ama abbastanza da dare una svolta decisiva alla sua vita, oppure se ti ama, la sua famiglia ha purtroppo un appeal maggiore dell’amore per te.
    In ogni caso il risultato non cambia, perciò guarda oltre se puoi, e “vivi”.

  33. per completezza:
    dopo il mio commiato stile @oldplum, lei mi ha risposto dicendo che per rispetto dell’amore che c’è e che ci sarà sempre, non può vivermi nell’ombra, che non è giusto e che sa che questa sarà la scelta più difficile e dolorosa che lei abbia mai preso, ma non può tenermi legato in attesa. infine mi ha detto: Ti amo e questo non cambierà mai.
    Io le ho quindi scritto di perdonarmi per quello che stavo per fare, che non c’era rabbia nel farlo, ma lo ritenevo un male necessario, per tutti e due. e l’ho bloccata.
    cazzo se fa male.

    • Diffido sempre dei generosi che si prendono tutto il tempo per fare i fatti dopo mille parole e ti dicono non voglio tenerti legato…

    • Veramente sei tu che non puoi stare nell ‘ombra non lei che ” non può viverti”.
      Tutti questi “Ti amo” seguiti dal ma ..Sono cagate.
      Non c’è ma.
      Se davvero ti ama non ci starà dentro.
      Altrimenti hai fatto bene a dire ciao.

      • Cara Oldplum ..vorrei tanto conoscerti..ahahaha!!!
        Sebbene io su tante cose ora la penso come te e vedo le cose con più obbiettività, a volte cado ancora nei miei momenti bui. Alzeresti la mia autostima di parecchi punti. Non so se sei sposata e in che rapporti tu sia col tuo compagno/marito o quello che è, ma meriti un uomo con le palle. Un abbraccio

        • XD
          Sono sposata per modo di dire. Nel senso che siamo fratello e sorella.
          E, sia chiaro, anche io ho i miei momenti bui. Non sono un supereroe. Comunque anche lo fossi non potrei rivelare la mia seconda identità eroica (prima regola del super eroe)

  34. And sei stato coraggioso e coerente. Dote rara negli amanti uomo che in genere preferiscono fare in modo di esser lasciati.
    Nessun rimpianto per te, hai fatto e detto tutto quello che potevi.
    Se cambis idea, immagino sappia dove trovarti.
    Fa male da morire, certo, hai tutta la mia comprensione.

  35. Io sono arrivata a capirli quelli che non lasciano perché magari non innamorati ma in fondo non stanno male a casa anzi ci stanno molto bene. Magari la moglie non è la loro anima gemella però si va d’accordo si condividono momenti bello e brutti e abitudini. E anche se c’è un’altra persona all’esterno che se fossero stati soli avrebbero voluto frequentare in altri termini chi gli da garanzia che in coppia andrebbe bene? A quel punto meglio stare nella sicurezza.

  36. @alessandro credo di cogliere una contraddizione in un tuo pensiero e vorrei lo chiarissi: perché da un lato affermi che i figli – specie se piccoli – sono l’unica vera ragione per la quale ritieni comprensibile interrompere un rapporto di amore e di amanti, e poi dall’altro, nel mio caso, mi lasci intendere che lei un po’ mi percula, un po’ non è innamorata davvero quando adduce la medesima giustificazione? non ho un intento polemico: voglio davvero capire dove sta la differenza che non colgo.

    @anonimo le ns situazioni sono terribilmente analoghe. quel che non ho capito è perché non l’hai bloccata ancora o, se lo hai fatto, perché sei tornato indietro.

    @oldplum mi è parso di capire che tu sei incappata in almeno due situazioni di (innamor)amantato: quella dove lui single decise di sbatterti la porta in faccia e che tu hai dovuto subire e quella più recente dove invece la situazione è invertita. Come mai dopo la prima volta non hai deciso di chiudere il tuo matrimonio? E come mai ora sembri intenzionata a farlo?

    • I figli piccoli sono ostativi. Ma chi è conscio di questo non può continuare, se onesto, a dichiarare spassionato amore a chi soffre

      • nel mio caso specifico, ho notato che lei prendesse coraggio in due casi:
        -o subito dopo avermi visto, preda delle emozioni.
        – o tempo dopo non sentirmi, preda della mancanza.
        E in quei casi diceva, forse a sé stessa oltre che a me, “dopo un po’ di tempo anche il marito lasciato starà bene” “ora vado a dirgli che amo un altro così si metterà l’animo in pace” “non ce la faccio a stare senza te” ecc.
        Però poi, quando andiamo nella quotidianità, un po’ paradossalmente forse, il sentirmi ogni giorno senza vedermi, sembra le renda più sopportabile l’infelicità coniugale e quindi, come la pioggia che erode lentamente le rocce, il coraggio le viene a mancare, le incomprensioni aumentano e arriviamo al capolinea.

      • Si And. Concordo con Alessandro. Se io moglie e madre di una figlia piccola continuo a tenerti legato a me ( dicendoti “ti amo..ma non posso”, ti amerò x sempre e storie varie) sapendo che non mi muoverò in alcun modo, sono una debole egoista che vuole avere ancora la conferma che tu ci sia. Se io ti amo davvero invece non riuscirei a sopportare di tenerti sulla corda ma chiudo x il tuo bene ed il mio e dei figli. Altra alternativa è che mi presento da te con una valigia in mano. Pensa al contrario e vedi se non è come dico io.
        Chi ama davvero non vuol vedere l’altro soffrire

        • sono d’accordo.
          è quello che lei ha provato a fare da…luglio. senza riuscirci – finora – in modo netto e definitivo. addirittura ritornando dicendo, sinteticamente,”ti amo…e posso”. salvo poi ripiombare nel limbo dell’indecisione e indietreggiare.
          tempo fa alessandro stabilì la road map tipica da rispettare. lei è (era?) ferma a questi due step: non ti amo più-non è recuperabile-zero rapporti sessuali. da qui però poi non riesce a compiere il passo ulteriore.
          sul non volermi tenere sulla corda, beh, in fondo è quello che mi ha detto prima del commiato. il punto finale ormai è capire, visto che mi pare evidente che bene non stia dentro il suo matrimonio, se il mio bloccarla ucciderà le sue residue derive egoistiche o da innamorata, oppure no.

          • Non credo che lei non abbia rapporti. Nessuno di coloro che rimangono in casa non li hanno

    • And…l’ho cancellata…bloccarla non serve…lei quando chiama no lo fa dal numero ufficiale. Su quel numero è stata scoperta e quando chiama…lo fa da altri numeri…a volte anche diversi…e quindi non posso bloccare…oramai siamo a 20 giorni dall’ultima volta che ci siamo sentiti…e stavolta non si farà più sentire…perché le ho detto che quando non ce la farà più…quando sarà debole…deve pensare a dove si vede tra 1/2/3/5 anni e desistere…è quello il mondo in cui vuole stare

      • capisco. beh io non credo che lei arrivi a tanto, sinceramente. potrebbe tranquillamente chiamarmi dal suo nr, se volesse.
        la mia lei di due anni fa, o anche un anno fa, quella che non ammetteva che io la mollassi per una sciocca gelosia e che avrei dovuto dirglielo in faccia che non la volevo più, lo farebbe eccome. la lei di adesso dubito che lo farà. e pensare che sto parlando della stessa persona.

      • E le volte precedenti invece cosa le dicevi (o cosa facevi) da indurti a pensare di non essere “scoraggiante” come credi di essere stato l’ultima volta?

        • Questa volta L ho indotta a desistere con tutte le sue forze…le ho detto che lei risposte le ha…vuole stare con suo marito e che quindi le adcyssse anche lei quelle risposte quando è al limite della sopportazione…le ho detto di rispettarmi come io rispetto la sua scelta…mi rispose dicendo che era solo una codarda…non mi chiamerà piu…mi rispetterà

          • So bene che speri il contrario. Che speri che ti si dica “invece ti chiamera”, proprio come tu hai fatto con me. Io non lo so. Quello che so è che questi rapporti coniugali, quello della tua donna, della mia, il tuo, il mio, sono sostanzialmente terminati. I giorni che restano fanno solo volume. Siamo “divorced men walking”, parafrasando un vecchio film.

          • quel che però io ti chiedevo era: cosa gli hai detto quando hai provato a tagliare ma senza esito. E come/cosa ha detto/fatto lei quando invece è ritornata, nonostante tutto.

  37. @alessandro credo di cogliere una contraddizione in un tuo pensiero e vorrei lo chiarissi: perché da un lato affermi che i figli – specie se piccoli – sono l’unica vera ragione per la quale ritieni comprensibile interrompere un rapporto di amore e di amanti, e poi dall’altro, nel mio caso, mi lasci intendere che lei un po’ mi percula, un po’ non è innamorata davvero quando adduce la medesima giustificazione? non ho un intento polemico: voglio davvero capire dove sta la differenza che non colgo.
    @anonimo le ns situazioni sono terribilmente analoghe. quel che non ho capito è perché non l’hai bloccata ancora o, se lo hai fatto, perché sei tornato indietro.
    @oldplum mi è parso di capire che tu sei incappata in almeno due situazioni di (innamor)amantato: quella dove lui single decise di sbatterti la porta in faccia e che tu hai dovuto subire e quella più recente dove invece la situazione è invertita. Come mai dopo la prmia volta non hai deciso di chiudere il tuo matrimonio? E come mai ora sembri intenzionata a farlo?

    • Perché la prima volta, dopo mesi in cui cercai un contatto con lui invano, lasciai mio marito anche se con l’altro era finita. Mio marito mi riprese cambiando. Poi torno’ uguale a prima ma io ero ormai rassegnata.
      Ora perché non ne posso più .

      • quel che tu mi insegni dunque è che quando un rapporto è logoro non ce n’è… prima o poi finisce.
        si deve solo aspettare il cadavere che passa sul fiume. Il guaio è che possono passare anni. E finisce che il cadavere lo vede passare un altro, come succederebbe a te, se il tuo altro si decidesse…

        • Non credo che necessariamente prima o poi finisca.
          Con l’età che avanza, si dà maggior peso ale sicurezze, piuttosto che alle emozioni.

          • Quando però arriva l’amore nel mezzo del cammin della tua vita, tra i 30 e i 40, e quando quest’amore spazza via tutte le sicurezze finte che ti eri costruita negli anni della giovinezza, come fai a credere a quelle sicurezze per il resto della vita?

  38. @alessandro sulla questione “non credo che non abbia rapporti” ti riporto due osservazioni:
    1. è possibile, però quando lei aveva rapporti, me lo diceva. preferiva essere schietta. mi diceva quando li aveva interrotti perché non riusciva nemmeno a fingere, tanto era presa da me. mi diceva quando li aveva ripresi sporadicamente (l’apertura di cosce una volta al mese come descritta da @Lei d qualche parte nel blog) perché la situazione in casa era diventata insostenibile. mi diceva che li aveva ripresi quando mi ha lasciato, perché faceva parte della recita. le ho creduto. dunque le ho creduto quando invece mi diceva che non li aveva.

    2. io le ho detto che non ho rapporti con mia moglie da due anni. e le ho detto la verità: io non vado a letto con mia moglie da due anni.

    • @and sai penso che per un maschio sia ancora più difficile accettare la sconfitta di una relazione finita

      Oltre al dolore dato dal sentimento sincero che puoi provare di certo
      Ecco che chi non ha scelto ,ma subisce la scelta altrui già soffre di più in più sei un maschio e allora il maschio soffre al pensiero di essere stato rifiutato dalla sua donna per un altro uomo

      Esiste questa cosa che il maschio possiede la sua donna
      È qualcosa che fa parte della natura
      E quindi mi spiace ,ma nel tuo caso soffri anche questo di più che per noi donne la natura non prevede .

      Poi scusami ,ma dire che sei stato sincero nel dile che non hai fatto sesso con tua moglie da due anni ok sarà vero ,ma scusami
      Comunque lo avrai fatto con qualcun altra ,credo almeno risulti impossibile restare due anni in astinenza.

      Caro and mi spiace ,ma mi sa che sia meglio per te stesso rassegnarti giorno per giorno
      sono certa che questa esperienza ti porterà a scoprire e a vivere il vero Amore potendolo concretizzare reciprocamente.

      • Ariel, sarò più chiaro: non ho fatto sesso con altre donne al di fuori di lei. Né moglie né altre, nonostante sia un uomo attraente.

        • @and ti prego sarà cme scrivi,

          Però penso tu possa comprendere che sia veramente difficile crederti su questa tua scelta di
          astinenza di anni due.

          Non è mancanza di fiducia ,ma ,ecco non so
          Che dire ,sarà come scrivi…
          Però resta difficile crederci,
          Insomma neanche una femmina riuscirebbe
          A resistere tanto,

          Puo essere che mi sbagli ,non so
          Sto perplessa
          Sono ancora dentro alla Dotta Citazione

          Scusami ,ma sdrammatizziamo ridendo bonariamente!

          • Dubita di ciò che vuoi. Venire su un blog anonimo e mentire è da stupidi. Ed io non lo sono, non fino a questo punto. E cmq io non ho parlato di astinenza. Ho detto che facevo sesso solo con lei. Credo si chiami monogamia non astinenza. Se poi mi si vuol chiamare sciocco o scorretto perche sono stato fedele all amante e non alla moglie, lo accetto. Bugiardo no.

          • @And
            Scusami ,veramente non avevo capito nulla
            Abbi pazienza,ma veramente non avevo capito che fossi ancora in relazione,mea culpa,ci mancherebbe ovvio che se stanno così le cose la tua fedeltà è solo che ammirevole e di valore.

            Avevo capito male ho sbagliato!
            Scusa ancora.

    • Sulla questione ” non credo non abbia rapporti” invece credici. Succede che anche se non si lascia , si abbia un rifiuto totale per tutto ciò che è fisico, nei confronti del proprio coniuge.
      Quanto possa durare, non lo so, ma succede, eccome.

    • @and scusa sai ,ma mi sono accorta adesso
      Di quanto hai riportato citando @Lei quella frase
      ” l’apertura di cosce ecc”
      Abbi pazienza ma sto ridendo da matti,

      Dai @ and ridi qui con me e con tutti noi
      Scusami ,ma mi ha fatto troppo ridere

      La Dotta Citazione!
      Ah ah ah ah
      Ridere in leggerezza fa bene credimi!

      • No oldplum. Anche io ho le mie contraddizioni e incoerenze. Le mie vigliaccherie. Sono ancora sposato. Nonostante tutto. Perché ho una figlia piccola. Perché ho un mutuo da pagare. Perché ho vissuto troppo in passato la solitudine e, lo ammetto, mi spaventa ritornarci, con l’aggiunta di un matrimonio distrutto in nome di…nulla.

    • Sì. Da brividi. Ovvio che questo mi crei problemi a casa. Ma io non riesco. Anzi a dire il vero non lo so se ci riuscirei, perché non ci ho nemmeno provato. Non sono mai stato uno stinco di santo. Mai. Anzi. Anche io come te un traditore incallito. Ma sono due anni e mezzo che non riesco a desiderare altra donna che lei. E non è perché sia una maga del sesso rispetto a mia moglie o a tutte le donne che ho avuto, sia chiaro. Semplicemente la amo.

  39. Io sono stanca. Mi piacerebbe innanorarmi, ricamata, di in uomo a cui possa dedicarmi tutta e che possa dedicarsi tutto a me.
    L’amore non dovrebbe essere una pena. Dovrebbe essere una gioia, una benedizione.
    Voglio quel tipo di amore.

    • Sospetta tantissimo e un po’ fa finta di non vedere. Di certo soffre molto. Ed ecco che io, da vittima dell’amore impossibile della mia amante, mi trasformo nel freddo carnefice della mia coniuge.

        • Dell’amante no. Della evidente crisi si. Del sesso solo un po’. Provo difficoltà nello spiattellarle in faccia che non mi attrae. Anche se poi i fatti dicono questo.

          • Ciao, sono nuovo, ma vivo quasi la tua stessa situazione… sposato da 25 anni, figli ormai grandi, sesso quasi assente per suoi molti no, tanto da non provare più eccitazione nei suoi confronti. Aggiungi un cambio sede di lavoro e nuove conoscenze tra cui una collega carina, e senza cercarlo, ci troviamo amanti….m sfigati in quanto mai “consumato” si direbbe…. però sentimentalmente presi entrambi… ora a chattare, al telefono, baci ed abbracci bellissimi, voglio di vivere che ti riprende… poi… screzi, litigi, incomprensioni e ora già tutto finito, benchè lei mi avesse dichiarato di non aver mai amato un uomo come me. Per me è stata la prima volta che ho “tradito” i sentimenti di mia moglie, stavo per far saltare tutto (famiglia, figli, mutuo, relazioni, lavoro, ecc.) ma forse è stato un bene che sia finita. Ora contatti zero per entrambi, destino ha voluto che lei cambiasse ufficio così posso non vederla più, sto male ma mi rendo conto che non è per colpa sua ma io che ho investito troppo in questa storia che non poteva aver futuro…. fa male, tanto, mi sembra di essermi schiantato a terra, ora pian piano cerco di ricostruire il rapporto con mia moglie che ignara di tutto si è sempre comportata bene nei miei confronti, cercando anche di darmi sostegno (sesso escluso in quanto con lei non ho nemmeno l’erezione)… chissà, per ora penso che il distacco totale e non seguirla più nei social sia la cosa migliore. P.S. leggervi mi ha fatto vedere le mie esperienze e mi ha dato aiuto nel vedere come sia stato affrontato da altri lo stesso problema, che quando lo si vive sembra “unico”.

          • Io ho dovuto dirlo a mio marito, ma la mia crisi era precedente al tradimento. Non me la sentivo di fingere un coinvolgimento che non c’era. Immagino che per lui non sia stato facile, ma ha voluto comunque continuare ad avere rapporti con me, nonostante la mia evidentissima assenza.

      • Possibile che in due anni non si sia mai affrontato il problema sesso?
        Intuisco da quello che racconti che sia possibile. E credo sia la dimostrazione che in certe relazioni, e qui parlo anche e sopratutto della mia, pur essendo storiche, pur avendo tanto percorso in comune manca un vero dialogo intimo, la base per il vero legame uomo donna. Ecco perchè poi uno si ritrova a guardare altrove.

        • Possibilissimo Franca , io ne sono un esempio (per mia volontà)sesso “stagionale” senza nessun entusiasmo e se potessi ne fare volentieri a meno. Eppure, nemmeno una domanda.
          Premetto che la traditrice sono io e su di lui metto non una ma tutte e due le mani sul fuoco.
          Se fosse, sarei solo contenta per lui sinceramente.
          Anche io matrimonio storico, dove il sesso ha sempre avuto un ruolo marginale

      • @And ,
        Faccio un po’ d’ordine lo dico a me stessa e lo faccio qui con te nel senso che ancora non ho capito la tua situazione e quindi se mi sbaglio mi fa piacere che tu mi corregga per evitare di scriverti cose sbagliate.

        Se ho capito giusto tu :

        Scrivi che sei innamorato della tua amante
        La tua amante però ti respinge nel senso che anche se dice di amarti continua a stare con il marito e comunque a vivere nella sua famiglia.

        Tu vivi sempre a casa tua con la tua famiglia

        Scopi con la tua amante

        Ti astieni dallo scopare tua Moglie da due anni!

        Qui scrivi che in effetti tua Moglie qualcosa sospetta
        Sottolineo da due anni se ho ben capito tu non te la scopi
        E lei sospetta o come sostieni qui fa finta di niente
        Ripeto da due anni

        Tu ti definisci innamorato in un amore impossibile da realizzare con la tua amante
        E ti definisci carnefice di tua moglie

        Allora @And
        Se ciò che qui ho scritto corrisponde a ciò che tu stai vivendo come situazione di vita concreta

        Vorrei tanto che tu riuscissi a darti una SVEGLIAAAAA
        perché @and stai MASSACRANDO la vita affettiva
        Di :

        Tua Moglie
        Amante
        Figli di riflesso
        E ultimo ,ma andrebbe messo per primo

        Stai Massacrando Te stesso!!!
        Hai idea della valanga di pietre che ti continui da solo autonomamente a buttarti addosso e coinvolgendo
        Tutte le persone che ruotano affettivamente intorno a te.?????

        Credimi se puoi,te lo scrivo senza alcun giudizio severo ,ma al contrario per cercare di lanciarti una speranza di luce per te stesso e tutti gli altri nella tua vita affettiva

        Se tu non riesci ancora a staccarti dentro a te stesso verso la tua amante
        Se tu non riesci a parlare chiaro a tua Moglie
        Se tu non riesci a deciderti nella tua vita
        E soffri e continui a soffrire e a far soffrirre tutti

        Chiedi aiuto a un terapeuta perché
        Sei ,secondo me,in una evidente Dipendenza affettiva
        E comunque tanto bene non stai ,
        Perché Soffri e stai immmobile.

        Inizia da oggi se puoi ,giusto scrivendo qui se le cose che qui ti ho scritto stanno così

        Coraggio @And
        so che significa dipendenza affettiva ,mi sto curando per questo e quanto mi è servito!
        Sono riuscita infatti a chiudere per sempre la relazione tossica sbagliata con l’ex

        Forza @And!!!!!!

        • Vado gia da una terapeuta. Da un bel po’. Diverse cose le ho capite ma nonostante ciò non ho ancora “saltato il fosso”. Ed hai probabilmente ragione quando parli di dipendenza affettiva. A volte me lo dico per darmi uno sprone “avanti, puoi farcela. È solo dipendenza affettiva, non amore”. Poi pero penso che il confine è molto labile e che etichettiamo con l’una o l’altra cosa una relazione magari solo in base alle possibilita che abbiamo. Perché quello che, per esempio, prova un marito per una moglie, magari non riamato ma che la ricatta con i figli o la compassione o l affetto abitudinario, dovrebbe essere amore e quello che invece c è tra due amanti una dipendenza?

          • @And grazie per la tua risposta
            Mi fa piacere per te sapere che sei già in aiuto terapeutico
            Questo è ottimo passo concreto verso la via positiva per riuscire a farti muovere nella direzione buona per te stesso e tutta la tua famiglia.

            Allora per rispondere alla tua domanda ti dico mi baso sulla mia esperienza diretta e quindi questo significa che soltanto il tuo Terapeuta insieme a te avrà potuto orientare la sua diagnosi e cioè se tu hai la Dipendenza affettiva derivata dalla relazione extraconiugale con questa amante
            Questa cosa la puoi sapere soltanto tu insieme al terapeuta.

            Detto ciò ti esprimo quetso ,nel mio caso
            Ho scoperto con il terapeuta che soffro di Dipendenza affettiva
            Questo lo ho scoperto perché a fronte della mia relazione in cui io amavo quet’uomo e nonostante tutta una serie di sue manipolazioni verso di me io mi sottomettevo a lui credevo a qualunque cosa mi dicesse ed ogni scusa sua era volta a stare per i fatti suoi nella sua famiglia di cui io ero ignara esistesse avendomi mentito col suo dichiararsi libero perché divorziato da anni.

            Ero già in terapia perché io passavo il mio tempo h24 a pensare solo a lui era diventato un qualcosa di inabbandonabile
            Continuavo a dire lo amo si lui si comporta male ma poverino non lo fa apposta sta male o qualunque scusa che lui mi raccontava io ci credevo

            Completamente persa per lui nonostante poi lo avessi mollato di brutto quando avevo scoperto la sua bugia e cioè che stava sposato con moglie e figlia

            Nonostante lo avessi mollato continuavo a comunicare con lui stavamo lontani parecchi kilometri e scrivevo e lui cercava di trattenermi in ogni modo

            La dipendenza affettiva mi ha spiegato il Terapeuta è una vera e propria Dipendenza e cioè ha lo stesso meccanismo a livello cerebrale di una qualunque droga
            Alcol droga ,gioco d’azzardo shopping compulsivo,tabacco

            Quindi viene lesa la volontà anche se io capivo razionalmente che dovevo staccarmi dentro capisci io lo avevo già mollato e non ci siamo mai più rivisti ,ma essendo dipendente ho dovuto curarmi con delle tecniche terapeutiche psicologiche le stesse che i terapeuti usano per qualunque dipendenza come sopra ti ho fatto ad esempio

            Il tempo che passa e quando non si riesce più a decidersi nella vita cosa fare di se stessi e magari della moglie famiglia
            E si resta a soffrire immobili ecco che quando passano due anni è già troppo significa che se non riusciamo a trovare una pace a rassegnarsi sel fatto che quella relazione è finita e punto
            Ecco che la terapia serve
            E non bisogna scoraggiarsi perché è un percorso
            Dove ogni giorno si impara qualcosa di nuovo di noi stessi
            Eche serve proprio per riuscire da soli a fare concretamente le scelte operative buone per noi stessi e per gli altri
            Trovare il coraggio buono di parlare a tua moglie ad esempio

            Insomma Caro @And non demordere e se continui con la terapia sarà solo che un bene ogni giorno un passo avanti verso l’Amare e perdonare te stesso.

            Un abbraccio sincero!

  40. Non mi è mai capitato per fortuna di “dover” fare sesso con qualcuno per altri motivi oltre che il desiderio e l’amore. Sono stata fortunata in questo pur nelle mie mille traversie.. Non conosco cosa sia l’atto pensando ad altri, o che finisca presto, o che vada fatto per non far insospettire chi si sta mescolando con me e magari fingendo pure. Perché questo mi chiedo, fare sesso non è solo infilare A dentro B o altre varianti (scusa Alessandro) ma il resto? Sguardi negli occhi, sorrisi abbracci gioco erotismo dove caxxo finiscono? Si fingono? È una moglie che si aspetta, e un marito? E se pure si riesce a fare questo, l’altro non capisce?

    • Esiste il sesso senza amore dove occhi sorrisi abbracci gioco e soprattutto baci non esistono.
      Non esiste però amore senza sesso.
      In questi tre anni di amantato me ne sono fatta una cultura. Ho capito tante cose, colto differenze che prima non notavo.
      Tu Angelica hai fatto sempre e solo l’amore. Fortunata tu.

      • @Franca
        A leggerti qui quanto mi fa male il solo pensiero del male che ti fai da così tanto tempo
        Credimi Cara Franca TI sento da qui sei una Donna meravigliosa e piena di sentimenti e profondita rare a trovarsi ,quindi sono lontanissima dal mettere parola sulle tue scelte di vita fino a qui
        Ma ti dico solo ciò che sento sento che ti stai Svilendo il Valore che hai immenso di te stessa Donna così sensibile profonda cara,

        Ma mi fa male leggere come stai buttando via
        Te stessa così

        Non posso certo fare nulla se non esprimerti che veramente ti auguro di risvegliarti in tutta la tua Luce di Donna,non farti prendere da un lato amante in giro
        Dall’altro marito con il quale fai sesso meccanico

        Franca Ti rendi conto quanto ti stai tu stessa SVALUTANDO???

        Veramente ti auguro il tuo buon risveglio tira fuori gli attributi che tu ce li hai eccome !!!
        AMA TE STESSA!!!!!!!

        TI voglio bene ,credimi pure da qui
        Ti abbraccio.

      • Si credo di esserlo. O forse è una esigenza, neanche una scelta. Mi ci trovo. Pur amando molto il sesso (o forse proprio per questo) ho passato lunghi periodi senza farlo, se non c’era la
        persona che mi significasse qualcosa.

    • Angelica ti parlo per la mia esperienza.
      Da prima che arrivasse l’amante, il sesso con mio marito si era intiepidito parecchio, perché mi ero allontanata sentimentalmente da lui. Lo facevo più che altro per farlo contento, senza grosse soddisfazioni. Erotismo? Gioco? Baci? Praticamente inesistenti…
      Ma a mio marito il mio benessere è sempre interessato relativamente.
      Però non ho mai finto. Doveva sapere che non era quello che volevo.
      Adesso spesso lo dichiara apertamente “non pensarci nemmeno…”

  41. Esiste anche il sesso “spento” che credi sia quello che fan tutti e che poi viene enfatizzato. E credi che sis così fino quando non incontri qualcuno con cui hai un’affinità pazzesca, qualcuno che sembra ti abbia sempre conosciuta, qualcuno che tira fuori dei lati di te che nemmeno sapevi di avere.
    E allora ti accorgi, tuo malgrado, che non sono solo idealizzazioni, che il sesso è il motore della coppia, che senza quello puoi esser sì uns coppia ma di amici, di parenti.

    • Ho avuto qualche uomo nella mia vita, diciamo piu di dieci meno di venti, ma credetemi che sesso come lo faccio con la persona con cui sto adesso non l’ho mai fatto …… anzi direi che sono sempre stata abbastanza disinteressata alla questione. E la cosa ancora piu pazzesca è che lui ha avuto solo la moglie in vita sua, sono la seconda persona con cui va a letto ma tra di noi c è questa cosa PAZZESCA………

  42. Quando non conoscevo ancora il mio ex amante il sesso con il mio compagno era diventato meccanico e spesso lo facevo controvoglia. Pensavo fosse fisiologico ma dopo averlo fatto la prima volta con l altro ho fatto sempre piu fatica ad andare a letto col mio compagno finche un giorno dopo un tentativo d”approccio l’ ho proprio rifiutato ed e’ stato l’ inizio della fine. L’ epilogo? Mi sono separata, con l’ amante e’ finita e non faccio l ‘ amore da tanto tempo. E mi manca tanto farlo…

    • @Antonella B,

      Complimenti,veramente Finalmente una Donna che ha tirato fuori
      Le sue P..le
      Cara @Antonella B.
      Sei stata Grande DONNA per aver difeso la tua Dignità
      Pure al costo innegabile elevato della tua sofferenza
      E del fatto che per adesso non sei accompagnata innamorata con quindi la possibilità concreta di fare Sesso appagante

      Però,ti ricordo che hai saputo essere TE STESSA e hai SAPUTO
      DIFENDERE LA TUA DIGNITÀ

      E credimi Non esiste maggior attrattiva sexi e globale per un Uomo Vero Sincero Libero che accorgersi della tua Forza luce di Vera SuperDonna

      E quindi,sono certa che prima di quanto tu speri
      Incontrerai un Veo Uomo Libero che saprà Amarti e Rispettarti come Meriti di vivere!!!

    • Tutte le storie hanno premesse diverse. Il mio sesso matrimoniale era già moscio prima dell’incontro con lei. Lei invece aveva un rapporto discreto sotto le lenzuola con il marito (unico uomo) ma che poi è diventato insopportabile dopo aver conosciuto la passione vera con me. Come detto ad anonimo, a me sembra che i destini di questi matrimoni siano già scritti. Cambia solo la data di scadenza.

    • Aggiungo: dopo tutti i suoi ritorni passati, quel che infatti a me ora rattrista non e tanto il pensarla felice e soddisfatta nel recuperare un rapporto con lui. ho avuto ttoppe prove nei due anni insieme e nei mesi di rottura anche, che non potrà mai amarlo. Quel che piu mi fa pensare e che tra qualche anno lei sarà finalmente pronta a mollarlo ed io purtroppo non ci sarò. Una donna una volta mi disse che le donne, rispetto agli uomini, in questi casi più difficilmente guardano avanti, piuttosto tornano indietro dall’amore impossibile lasciato. Ma i miei timori che arrivi un giorno un terzo che ne goda mi dà più fastidio del pensiero del marito che, dal punto di vista sentimentale, credo non abbia più chance.

      • @And è solo una mia constatazione che colgo nel tuo esprimerti qui e che già avevo notato nei maschi qui presenti
        Tutti i maschi tant’è non riescono ad accettare il rifiuto della lei che si sono fatti e che dopo lei li ha mollatati e non importa per quale motivo ,
        Cioè è così credo che sia qualcosa di atavico nel maschio
        La conquista il possesso il fatto di non poter pensare che qualcun altro possa avere la meglio sotto ogni aspetto compreso però e nn certo per ultimo ,ma per primo il possesso del corpo come una prova di simbolo e sostanza del essere meglio di quell’altro che nel tuo esprimerti qui addirittura è ipotetico
        Cioè il solo pensiero che possa un altro esterno al marito che riesci a farti una ragione perché ovvio preesistente a te
        Ecco il pensiero che verrà posseduta da un altro che non sei tu
        Ti fa stare in sofferenza

        Guarda che non sei tu solo,ma ê proprio qualcosa tipicamente maschile ,solo me lo hai ricordato oggi qui tu ,ma già lo avevo notato con altri commenti di maschi qui

        Competizione questo il condizionamento atavico
        Anche perché è vero che l’uomo è cacciatore
        ,ma chi decide è la Donna se farlo ” Entrare”
        Un principio della natura
        I maschi nel mondo animale ed umano si scontrano pur di avere quella femmina ,
        Ma se alla femmina non va
        Il maschio perde la partita
        E non ci sta nulla da fare che cambiare aria

        Le Femmine sono Fortissime a volte col prosciutto sugli occhi non si accorgono lì subito ,ma poi alla fine
        Tutto andrà bene e se lui non ci va

        Aria ….

        Caro @And sei simpatico e non perdere la fiducia in te stesso e nel valore del matrimonio o della coppia
        Ce la farai ,ti auguro il meglio!!!

      • Io e il mio amante facciamo esattamente il contrario: Il mio amante guarda sempre al passato, pensa a quello che potevamo essere 23 anni fa, quando ci siamo conosciuti. Io invece guardo sempre al futuro, visto che il passato non si può cambiare, cerco di aggiustarmi quello.

        • idem il mio, ma perche non puo lasciare la famiglia. dice sempre “dove eri vent’anni fa”.
          Io nvece guardo al futuro. chissà…..

  43. Non so se e come dici tu…non sono sicuro che finiranno i loro matrimoni…e comunque è vero che glielo chiesto io confermezza di non cercarmi più…però mi rende molto triste che non lo faccia più…significa che questa volta ce l’ha fatta e io invece sono ancora qui a sentire freddo…

    • ti capisco. a me oggi sono 6 giorni che l’ho bloccata e mi sembra di impazzire. il risveglio è il momento peggiore. ogni tanto mi pento di averla bloccata, mi dico che avrei dovuto resistere, stare sul bordo della strada ad aspettare perché la sua relazione coniugale non potrà durare per sempre, che forse più distaccato sarei stato e più sarebbe tornata. però stavo male…ma anche adesso. e mi manca, dannazione. ed io? ed io? la domanda suprema: io le sto mancando?

      • a volte la sbloccava per vedere se era ancora lì…e la ribloccavo…ma vederla lì mi rassicurava…voleva dire che era ancora ancorata a me…ora non c’è più…ora è andata…e ora è il momento più difficile…perché sento veramente il distacco…sento veramente la fine…la terapia non aiuta…l’amore non è una scienza…il confine tra dipendenza affettiva e amore quale è? Chi lo sa stabilire? Mi manca da morire

        • @Anonimo lo sanno stabilire i Medici e Psicoterapeuti che hanno studiato per anni la casistica la statistica le prove con metodo scientifico sul campione della popolazione che ha avuto schemi di reazione uguali

          Ecco chi lo stabilisce le prove inequivocabili evidenze scientifiche

          Nessuno possiede la bacchetta magica se tu ci stai male e ti stai curando in terapia
          Continua e ti accorgerai nel tempo
          Di quanto riuscirai da solo a superare tutto questo tuo star male e chiodo fisso su di lei

          Capisci il chiodo fisso equivale alla dipendenza
          Affettiva ,non è amore
          Lo sembra ,ma il Vero Amore è proprio il contrario
          Avere la capacità di autonomia e di riuscire a farsi una ragione guardando in faccia la propria realtà

          Indipendenza individuale è il Vero Amore

      • Ma si, un po’ le mancherai
        Ma non le manca l’aria come a te

        Ora boccheggi.
        Ti assicuro che tra non molto i tuoi polmoni cominceranno ad espandersi sempre più. E respirerai anche contro vento
        Sii forte, resisti

          • Io dopo due mesi e mezzo che non lo frequento sto molto meglio. Il primo periodo è stato molto difficile.
            Poi la stretta al cuore si allenta. Lo penso ancora parecchio nell’arco della giornata, ma riesco a dedicarmi anche ad altro .

            domenica, con un numero nuovo, sto stronzo tirchio totale, si è rifatto vivo dicendomi che gli piacerebbe portarmi a cena fuori.

            Alessandroooo
            è disposto ad offrire una cena pur di scoparmi di nuovo!!

            Si!! Hai letto bene . OFFRIREBBE sto tirchio… fa finta di fare il cavaliere…
            non mi ha detto però in che ristorante…forse uno spicchio di pizza al take away

            Ho risposto
            Non voglio vederti più
            Non voglio ricominciare la tiritera.

            Forse non dovevo nemmeno rispondere.

        • @Luce cara guarda che sono tremendi
          Riescono a scocciare pure con no contact e nuovo numero di telefono
          Che schifo ,certo che pur comprendo bnissimo la tua reazione di rispondergli per le rime,
          Ma vedi che tu stessa hai scritto che forse non avresti dovuto rispondergli

          Infatti loro giocano proprio sul effetto sorpresa
          Pure l’ex mio che ha fatto
          Stessa cosa mi ha inviato per posta normale il giorno di San Valentino il suo messaggio tutto zucchero e miele invitandomi a raggiungerlo perche noi stiamo lontano
          Giusto perché voleva parlarmi e spiegarmi che lui mi ama e cazzate varie

          I seriali si nutrono della nostra energia
          E a loro non gli interessa che cosa gli esprimiamo
          ,ma il solo fatto di rispondere sta a significare per loro che ancora possono scocciarci
          Che hanno presa su di noi visto che si risponde

          Comunque Luce vai alla grande non preoccuparti
          Tu stessa vedi che da sola hai capito che non bisogna proprio rispondere mai
          Ignorarli alla fine la smettono

          Cara Luce un abbraccio e vai a cena con Alessandro ,questo si che è un invito al quale
          Puoi rispondere affermativamente e ridere così
          Dei guai

          Un abbraccione!

          • Grazie @ariel hai sempre un pensiero gentile per tutti!

            sfacciato anche il tuo con il suo biglietto!!

            più passa il tempo, più devono affinare la tecnica, ridicoli egoisti
            Ma noi non abbocchiamo più …il loro …tiè!!

      • @and risposta alla tua domanda ” ma io le sto mancando?”

        Evidentemente non abbastanza
        Sta col marito ,la sua famiglia,
        Tutto il resto sono soltanto parole,manipolazioni verso di te
        Che stai a soffrire inutilmente
        Ti fai del male ,però ricordati
        Che ti stai facendo del bene se fai la tua terapia

        Questo è il modo concreto che tu metti in atto per amare te stesso

        E certo scrivere qui ti aiuta a sfogarti in questo percorso
        Di No Contact totale che so benissimo quanto faccia male
        Perché lo ho vissuto e continuo a viverlo e lui il mio ex stronzo
        Nonostante il mio blocco totale mi ha spedito per posta un suo messaggio affettuoso per San Valentino

        Mai festeggiato con lui ,manipolazione pura
        Il bisogno di controllare se ancora lui ha potere su di me
        Tipico del seriale stronzo disturbato

        Ovvio ho continuato a ignorare la sua provocazione
        ,ma certamente che essendo ancora nella mia ripresa in corso terapia mi ha disturbato un poco

        Sarò guarita del tutto quando riuscirò a mettere una pietrona sopra a questa esperienza con lui

        E quindi a non sentire più la necessità di domandarmi che farà mi penserà ,che avrà voluto dirmi col suo cercarmi a San Valentino?

        Tutte cazzate!!
        Ora per me si tratta di non demordere e guardare avanti a me così poi ,mi passa na volta per tutte.

        Ciao @And non demordere ,bravo che ti impegni così tanto
        La terapia da i suoi frutti e tu ogni giorno pur soffrendo ti accorgerai che stai cambiando verso l’Amare te stesso
        Che è l’unico modo per riuscire nella propria vita.

    • Non credo sai. Chi ce l’ha fatta (a farsi lasciare) e si ritrova tutti i giorni a fingere e a vivere tanto per, non credo se la passi bene. Chi rinuncia non sta mai bene completamente. Ma sono fatti suoi, scelte di vita, anche questioni caratteriali. In ogni campo, che sia amore, lavoro, realizzazioni, c’è chi si piange addosso e trova scuse per poi vivere male e chi fa, rischia, si mette in gioco. Non dipende solo dalla posta in palio ma da come si è fatti.

      • @Angelica ,si dici bene ,sono d’accordo con te
        Verissimo che indipendentemente dalle esperienze che si vivono le nostre reazioni al dolore e avversità in qualunque ambito della nostra vita
        Ognuno rivela il proprio essere la essenza
        E in generale vero. C’è chi è sempre vittima
        E chi invece si sveglia e pur soffrendo come bestie ferite
        Va avanti e volta non solo pagina,ma cambia proprio il libro
        Pur se a costo delle proprie lacrime se le asciuga da sola

        E guarda avanti che ti passa

        I detti popolari sono una grande fonte ispiratrice di verità

        E guarda avanti che ti passa
        Brava Angelica mi sento affine a te .

        • Si Ariel per me è così… e appunto per rispondere ad anonimo che immaginava la sua lei già consolata, ma che ci si vuol consolare, al massimo ci si anestetizza

        • @Anonimo siamo tutti sulla stessa barca figurati! E sappiamo bene quanto sia difficile però riflettiamo, come facciamo a chiamare amore relazioni simili? Non vuoi stare insieme a me? Non sono io che devo resistere in attesa che tu in tutta la tua magnanimità decida di concedermi una briciola di te, ma cosa me ne faccio? Una cordiale stretta di mano e tanti saluti, nemmeno la fatica di imparare come bloccarti sul teledono, dedichiamo quel tempo a altri o perché no a noi stessi.

  44. Esattamente @Angelica.
    Mi ritrovo in una situazione di amantato che si trascina da anni. Entrambi impegnati ed entrambi troppo maturi ormai per poter prendere delle decisioni.
    Anche se io a dire il vero le prenderei ancora.
    Ma il fatto è che lui non riesce nemmeno a vivere questa cosa per quello che è e per quello che potrebbe darci.
    Ha rinunciato su tutti i fronti, a vivere, a lasciare,a restare, ad andare.
    A forza di rinunciare perdi interesse per tutto e continui a trascinarti in una vita piatta e monotona senza nemmeno accorgerti più delle opportunità.
    Soffrirò a lasciarlo, è stato l’amore di una vita. Ma lo devo fare. Questa cosa mi sta consumando.
    Lui resterà lì nel suo limbo, forse senza nemmeno essere in grado di provare qualcosa.
    Ma di una cosa sono certa: il rimpianto sarà il suo compagno di viaggio.
    @And non è una consolazione, ma se ha provato qualcosa per te, il rimpianto non la lascerà mai più.

    • Non sei idiota. Ti capisco. Forse non eri ancora stanco a sufficienza. Ti assicuro che arriva un momento in cui ti senti stremato e in cui non riesci più a pensare di vivere così. È come se fosse meglio lasciar andare che trattenere: troppa fatica.
      Io credo che quel momento arrivi per chi ha scelto e vede che dall’altra parte scelta non c è .
      Tanti preferiscono vivere una vita insulsa per mille ragioni. Rinunciano al rischio, ad una nuova opportunità per rimanere ancorati alla stessa vita da cui cercano di continuo vie di fuga.
      In realtà non si può fare molto per loro. Si può aspettare sanguinando o andar via nella speranza di qualcosa di migliore per noi. Perché questo non è amore. L’amore non è sofferenza, bisogno. L’amore è vivere insieme uno per l’altro. Benessere. Non è sofferenza.
      Se stai male perché lei non c è e ti conforta sapere che le manchi, ecco non è amore.
      Non è amore perché lei non vuole esserci e non è amore perché vorresti lei soffrisse per questo.
      Non è amore per entrambi.
      Accetta che non è la donna per te. Non ti rende felice. Ti ha dato attimi, una speranza . Poi te l’ha tolta, di continuo. Per vigliaccheria, per calcolo.
      L’amore è per coraggiosi ma non è una battaglia.
      Accanto a te meriti una donna con le palle cubiche. Non una che promette e non mantiene. Una che calcola cosa le conviene. Una che lega la propria vita alla consuetudine . Una che si nasconde dietro mille motivi. Cosa te ne fai di una cosi ?
      Che cosa ti può dare?
      È egoista.non ama nemmeno sé stessa.
      Non sa scegliere.
      Lasciala al suo destino incompiuto.
      Creati il tuo.

          • @rosa, inutile farlo presente.
            Io lo.amo ancora. Non come prima, non dopo tutto quello che mi ha fatto patire con la mia indiscutibile collaborazione. Spero che con il passare dei giorni questa fettina di amore che e’ rimasta in me, scompaia del tutto. In un’eclissi eterna. Non rimpiango nulla. Se non è accaduto significa che non eravamo ben assortiti, nonostante la grandissima intesa di testa, carne e cuore.
            Devo recuperare il mio tempo e la mia serenità. Spero che anche lui, un giorno , possa essere felice. Con sua moglie o con un altra. Ma felice.
            Il bene che gli voglio è invariato.

          • @Oldplum ti stimo

            rispondo qui al tuo commento sottostante, con delle parole che usò Alessandro con me, una volta

            “sei innamorata ma non suicida”

            un forte abbraccio, meriti davvero un vero uomo libero

          • @Oldplum credo che quando come sicuro per te il tuo amore per lui è stato veramente sentito completa espressione del tuo animo profondo e sincero

            Ecco ovvio quando ,purtroppo,una storia finisce chi ha amato così tanto
            Vive un lutto e quindi logicamente
            L’amore per lui è vivo ancora
            Stai nella tua nuova strada ,ma è all inizio
            Ogni storia è unica vero come ogni persona e ecco volevo semplicemente dirti che ti sono accanto perché pure per me persona diversa esperienza diversa
            Lo amavo veramente così tanto che non mi vergogno a dirti che adesso ancora
            Fatico a trattenere le lacrime
            Buona strada nuova cara Oldplum
            Meriti il meglio per te stessa!!

          • @Oldplum, anche io lo amo ancora.
            Ma tu con lui ne hai parlato? Non senti la necessità di chiudere dicendo delle cose?
            Io avevo già chiuso con lui molti anni fa. Ma era stato un spegnersi da parte sua e un’esaurimento di forze e volontà da parte mia, senza nessun chiarimento, spiegazione.
            Io vorrei almeno dirgliele certe cose, perchè lui nemmeno sembra renderesi conto del male che fa.

  45. Ci sono anche quelle persone che si nutrono di ricordi e rimpianti, rinunciando alla quotidianità dell’amore. E in fondo stanno bene così. Si crogiolano nel loro martirio.

    • Condivido quanto scrive Alessandro, ossia se hanno scelto la moglie è proprio perchè hanno avuto più paura di perdere Lei che non Noi…hanno capito che è la moglie/famiglia a contare più di noi”…
      Questo mi fa soffrire tantissimo, ma mi aiuta ad andare avanti.

  46. Ci vuole tempo, purtroppo non bastano giorni o settimane….
    ci vuole più tempo….
    Ci vogliono 1000 domande senza risposta per poi capire che sono domande inutili….
    Che quelle domande non avranno mai risposta… Come “chissà se le sto mancando”?
    Lo dico solo perché ci sono passata e so cosa vuol dire….
    il tempo aiuta e aiuta stare alla larga…..
    hai fatto bene @and a bloccarla così non ti viene sempre l’istinto di andare a vedere….

  47. Per dire… la sfiga vera su è abbattuta più volte su di me, ho tanto lottato nella mia vita MA sempre a testa alta, sempre con forza, mai arrendendomi. Posso non avere ciò che molti hanno, beni materiali, famiglie Mulino Bianco, ma ho un bene prezioso, io sono fiera di quello che sono, sono caduta e mi sono rialzata, sono di esempio per i miei figli che mi adorano lo stesso, anzi di più:)) ho amato davvero, poi basta, lui, il mio ex sposato, è rimasto la paralizzato dalla paura e zerbino della moglie (figli ormai 17 e 19, che dite, potevano capire ormai?). io non devo trovare un altro, anzi per un po’ farò la solitaria, ci sto bene, sola sono sempre stata bene. Non ho bisogno più di credere alle bugie altrui perché non desidero ora avere un uomo costi quel che costi. Del resto, e qui sorrido, l’unico uomo veramente in gamba e innamorato e propositivo e sano che ho avuto nella mia vita (mio marito, che purtroppo il destino mi ha portato via) l’ho conosciuto quando degli uomini non me ne importava niente, ero troppo occupata in altre faccende:))

  48. il problema sai qual è…che puoi anche leggerlo…rileggerlo…ma dopo un po’ ti viene come la sensazione di averli messi alle strette…di aver fatto pressione…che in fondo a te quel poco andava comunque bene….sbagliato naturalmente….completamente sbagliato…ma se no hai qualcuno che ti sproni continuamente è dura…e dal terapeuta non è che si ha il tempo di andarci tutti i giorni

    • Ti sproniamo noi! Ora sei solo nel momento più merdoso. Passerà. E a te fa più male perché tu ci hai creduto, ci hai costruito attorno. Lei anche quando ti dichiarava eterno amore parlava col freno a mano tirato, evidentemente non credendoci fino in fondo che si potesse realizzare qualcosa. A te si è distrutta una aspettativa fortissima, a lei no, che già sapeva. Ma a lungo termine tu starai bene

  49. @Oldplum, grazie
    Non so se ti rendi conto di quanto le tue parole possano aiutare ed esser di conforto.
    Grazie davvero, di cuore.

    • @Rosa ti rispondo qui anche per ciò che hai scritto oggi
      Comprendo benissimo il tuo soffrire dato dal fatto che ancora vorresti chiarire esprimere a lui il fatto che comportarsi come ha fatto con te è ferirti
      Ti dico che pure a me con l’ex è stata una frande sofferenza il non riuscire manco a dirgli le cose che avrei voluto dirgli e oggi mi rendo conto che era il mio dolore a volergli parlare per potermi sfogare giustamente quando si viene trattati male
      ,ma purtroppo non solo non ho mai potuto farlo perché lui era assente in ogni senso e modo ,ma pure adesso capisco che non sarebbe servito a nulla,
      Hai presente parlare a un sordo che peggio è sordo e pure senefrega di tutto e di me.

    • @Rosa ah aggiungo nota bene pure lui era tornato in vari modi messaggi lettere e tutta na serie di espressioni tese a trattenermi lo stesso

      Eh no,adesso io ho detto basta ,si lo ho detto a ma stessa
      Forse la persona a cui dovevo proprio dirlo
      Sono proprio io!!!

    • Non ho pubblicato i tuoi precedenti perché sei stato molto scortese con una lettrice e in altre occasioni hai usato parole che non mi piacciono. Ti pubblico questa è mi riservo di pubblicare altro

  50. @Oldplum
    Non posso darti torto quando dai la tua interpretazione di amore o, conseguentemente, quella di dipendenza affettiva. Anche se, come ho detto, credo che il confine sia molto labile (tant’è che se non erro non è stata ancora definita univocamente una sindrome/malattia al riguardo sebbene vi siano molti elementi a sostegno).
    Se ci pensi, spesso, la stessa relazione nel tempo può mutare da amore a dipendenza affettiva. Oppure, se una dipendenza ha la fortuna di essere soddisfatta in maniera più o meno costante, la chiamiamo semplicemente amore. Del resto è anche curioso osservare come, quando le cose vanno bene, non ci preoccupiamo mai di definire una relazione. Lo facciamo piuttosto quando iniziano ad andare male, cercando di sviscerarne ogni singolo dettaglio.
    La mia (ex?) amante quando l’ho conosciuta credeva per esempio di sapere cosa fosse l’amore, in virtù della sua unica esperienza relazionale (l’uomo che poi ha sposato) salvo scoprire poi, con me, che esistevano picchi di emozione, di passione, di intesa e complicità, che non conosceva. E scommetto che vale così per molti che scrivono qui, me compreso.
    Da parte mia ho vissuto due anni intensi, ci siamo dati supporto, passione e complicità e non abbiamo mai avuto una discussione che durasse più di 24 ore. Per me quello è stato amore. Poi, per i successivi mesi, hanno vinto altre cose. Hanno vinto per mille motivi, che sono tutti e nessuno validi. Hanno vinto per ora, probabilmente per sempre, o magari, un giorno, lei capirà, ed io capirò che i nostri rapporti coniugali non hanno più tanto senso di esistere.
    Tuttavia, è’ inutile girarci intorno, i tempi non sono uguali per tutti, la cosa più probabile che possa avvenire, e che quasi certamente avverrà, è che i nostri tempi non corrisponderanno e uno di noi due si libererà prima dell’altro dal proprio passato, dentro e fuori la propria testa, mentre l’altro dovrà combattere ancora per un po’. e dunque non si potrà mai stare insieme. Ci si perderà, così come già è avvenuto.
    Non possiamo far altro che accettarlo. In tal caso sappiamo che, al di là di chi ameremo in futuro – se mai ameremo in futuro – in questo preciso momento della nostra vita, abbiamo compiuto un gesto – o siamo stati costretti a compierlo – che avrà dato all’altro gli elementi per capire come vivere un amore ed amare come merita, anche se non più per noi.
    E se un giorno il dolore farà meno male, non significa che l’amore sarà terminato o vissuto invano.
    Significa che quell’amore è stato investito tutto per far star bene quella persona, anche se non più con noi, e a star bene noi, ma non più con lei.

    vorrei avere la forza di provare ogni giorno queste ultime righe scritte, a volte ce l’ho, ma solo per brevi momenti.
    Altri momenti soffro. Soffro come un cane. Soffro a contare i giorni senza di lei. Soffro per la dipendenza da lei o per l’amore, fate voi.
    E, leggendo i tuoi interventi, provo a resistere. Un giorno. Uno in più.

    • Ciao and,vivo la tua stessa situazione ma io sono sigle e lei sposata con figli piccoli…Che dirti…mi sono rivisto in quello che hai scritto ed in quello che stai provando..Hai tutta la mia comprensione caro amico virtuale..

    • and desidero esprimerti il mio pensiero che non si basa su mie personali opinioni ,ma visto che ho letto qua il tuo domandarti poco convinto di fino a che punto si possa parlare sella esistenza della dipendenza affettiva ecco per fugare tutti i tuoi dubbi qui espressi
      Sui confini del amore che quando le cose vanno allora e amore e quando male allora e dipendenza

      Allora ti dico come ho scoperto con il terapeuta di avere la mia dipendenA affettiva
      Già qui sul Blog ho tante volte espresso sempre lastessa cosa
      Che viene non da me ma dalla Scienza medica Psicologica Psichiatrica che ha studiato apposta i casi di dipendenza affettiva
      Quindi non opinioni personali ,ma vissuti scientifici

      Ecco la mia esperienA con l’ex seriale Borderline
      Dirante la nostra relazione mi sono fatta manipolare con tutta una serie di suoi comportamenti dove giustificava le sue mancanze verso di me che sono avvenute dopo la prima fase di bombardamento di amore di ti amo i suoi subito detti a me dopo neanche un mese e progetti da subito costruiamo insieme
      Mai na,litigata tra noi sottolineo mai

      Lui è stato prima Dott Jakill poi di colpo Mister Hyde
      Un mostro di abilità nel farsi compatire presentarmi motivazioni plausibili ai suoi silenzi e vessazioni
      La nostra relazione,e stata divisa in due parti

      Prima parte di persona in continuo vedersi fare sesso fantastico
      Una,sua potenza di trasmissione emotiva entusismante e straordinaria motivata dal suo disturbo di Seriale di,tipo,Borderline che appunto non controlla le emozioni e le vive al massimo sempre non è capacedi riflettere su ciò che fa ma passa direttamente a agire purtroppo in modo nefasto grande bugiardo sempre traditore plurirelazioni,pure,in contemporanea
      Tutto ciò lo ho scoperto nel tempo della nostra relazione più a distanZa intervallata pure da nuovi nostri incntri

      Non posso per la privacy e a mia tutela raccontare nello specifico che cosa mi diceva se non dirti manipolazione,in un continuo

      Ho scoperto di soffrire di dipendenza affettiva quando ho iniziato a vivere h24 col suo pensiero tipo chiodo fisso
      Accettare da lui l’inaccettabile scusarlo sempre trovare una giustificazione au suoi comportamenti farmi di continuo domande su cosa avrà voluto dire stava sempre ambiguo nel esprimersi
      Tornavo a casa e mi chiedevo una miriade di dubbi e domande senza risposta

      Questa dipendenza mi aveva ridotto nel non riuscire a vivere la mia vita tutto il mio pensiero e le mie energie stavano polarizzate verso di lui che mi aveva in pugno poteva manovrarmi come voleva

      Stravolta ho chiesto aiuto in terapia e lí il terapeuta mi ha detto che stavo con la dipendenza affettiva perchè lo schema e sempre lo stesso
      Il tempo passa e chi ne soffre resta invischiato, nella relazione
      Pure con i tira e molla continui
      Mentalmente e emotivamente non ci si riesce a staccarsi mai
      Non si riesce ad accettare la realtà
      Non si riesce a capacitarsi di come sia stato,possibile sottomettersi a tutta la manipolazione
      In balia del altro pure se lontano la manipolazione agsce dentro a se stessi ed io stavo così

      Allora purtroppo esiste uno schema che identifica inesorabile inconfutabile la dipendenza affettiva che il terapeuta mi ha detto
      È come una droga e il metodo per riuscire a stare liberi dentro e guarire è lo stesso che i psicoterapeuti specializzati usano per chi è dipendente da droga,alcol,shopping ecc

      È circa sei mesi che faccio la terapia e mi sono salvata in tempo riuscendo a mandarlo a quel paese,ma senza farlo arrabbiare
      Ho seguito il consiglio del terapeuta,ma questo riguarda il mio caso specifico,perché con un Borderline grave come è diagnosticato l’ex
      È il caso di anadarsene senza polemica scontro nulla
      Soft altrimenti si rischiano reazioni imprevedibili e sicuramente aggrassive e negative per me .

    • Chiamiamo amore uno stato di benessere totale. Di fusione fisica e mentale.
      Se non stai bene in una relazione di sicuro non c’è amore.

  51. caro anonimo,
    non so tu come e cosa le abbia detto/scritto l’ultima volta. ti sono vicino. quel che posso dirti è che io, una volta che, a dispetto del suo amore per me, del non amore (comunicatogli) per lui, mi ha detto di non avere la forza di fare il passo, le ho scritto un ultimo messaggio.
    Le ho detto che la soglia del dolore aveva ormai superato quella della speranza. E non volevo arrivare a rovinare il ricordo. Le ho aggiunto che non ero più in grado di sopportare di essere messo in panchina, in attesa, con la paura che il marito potesse un giorno tirare il coniglio fuori dal cilindro e trattenerla – magari soltanto un altro po’ di tempo – a sé. Per quanto la amassi e proprio perché la amavo. E dunque, in virtù di queste considerazioni, le ho scritto: finisce qui. è meglio staccare.
    Per rispettare me stesso e la sua scelta di non cambiare. O di non poterlo fare in questo momento, confermandole che restavo dell’idea che non esiste un momento giusto per decidere, non esiste un momento più opportuno di un altro e che forse un giorno lo capirà.
    A quel punto le ho anticipato che avrei fatto un gesto (che odio e ho reputato puerile quando lei lo fece nei miei riguardi) che avrebbe aiutato anche lei ad andare avanti (quindi stavolta mi sono pure preso la responsabilità formale della chiusura, liberandola magari da un ulteriore senso di colpa), dopodiché l’ho bloccata.
    Fine dei giochi. (anche se ho appena scoperto che il bloccarla, almeno per ora, non mi impedisce di vedere lei che cambia foto profilo…maledetti social).
    Si sta, come d’autunno, gli alberi le foglie.

    • @and infatti il blocco sui social prevede Ti blocco e ti Elimino dai contatti allora non vedi nulla e si sa che funziona il vecchio detto

      “Occhio non vede cuore non duole”

      and si capisce che ci sei dentro ancora tanto ,lo so e ripeto per un maschio è più difficile il rifuto e pure la terapia per lo stesso condizionamento atavico la competizione e la difficoltà ad accettare che un altra persona terapeuta,possa aiutarti a guardarti dentro la introspezione è tipicamente femminile perché madre natura ha dotato le donne a questo per il fine che divengono Madri e quindi per capire il figlio c’è bisogno di essere introspettivi

      E poi per il maschio la sconfitta Sempre per lo stesso motivo competizione significa voglio vincere e non rinuncio facilmente non accetto la sconfitta,
      guarda te lo esprimo proprio come a tuo favore e consapevolezza che in effetti riconosco che per un maschio sia ancora più difficile riuscire ad accettare che un altro maschio se la stia prendendo vivendo amando condividendo la vita.

      Comprendi?
      Fai bene a scrivere qui perché fra noi ci si aiuta pure se alcune volte si ricevono e leggono messaggi diversi e magari opposti a ciò che si vorrebbe ricevere

      Nella mia vita ho cercato come ho potuto umilmente di fare attenzione proprio a chi mi esprimeva qualcosa che lì subito mi metteva in crisi o meglio che non cndividevo affatto

      Ecco che ho sempre riscontrato che proprio quelle voci che mi parevano contrarie ed ostili erano proprio ciò di cui avevo bisogno
      Per crescere muovermi nella mia vita per riuscire a viverla al meglio in un equilibrio che tiene conto di me stessa e pure degli altri.

      Ogni giorno è diverso e migliore quando il tuo impegno è vivo attivo e ti nasce dal cuore vero e per adesso tu dimostri questo tuo positivo impegno.

      Ciao @and ,vai al meglio!

      • ariel, come ho detto ad artemisia, la rimozione dai contatti è stata precedente al blocco.
        detto ciò, sinceramente mi sento sconfitto, ma non da lui – l’altro maschio – il marito. l’uomo che lei ha detto di non amare più? di non desiderare più? oh, certo, lei ora ha deciso di restare con lui. ma lo ha tradito troppo profondamente, e con tutta sé stessa. per considerarlo vincitore.
        piuttosto, il mio rammarico è per quando avverrà quel momento in cui la loro relazione finirà e un altro uomo, di passaggio, più fortunato, più tempista, coglierà l’attimo.

        • @and ti capisco come maschio è naturale questa tua sofferenza riguardo a ciò che scrivi ,ma se potesse esserti di aiuto ti ricordo e nel farlo lo dico a me stessa per prima che quando si soffre si sta in ansia e l’ansia non riesce a farci stare nel presente e quindi si arriva a farsi tutte idee sul futuro che veramente se ci si pensa sono soltanto congetture dettate dal nostro soffrire
          Perché ciò che veramente certamente si vive è il presente il passato è passato
          E il futuro bo ? E chi lo sa?
          È adesso che dopo essersi giustamente e ottima cosa potersi sfogare ecco beviamoci un rosé non so se ami un bicchiere di buon vino magari accompagnato da stuzzichinintartine buone
          Caro and brinda a te stesso che ti stai impegnando tanto e veramente ti guardo da qui e provo quella tenerezza che sempre viene spontaneo riservare di fronte alla sofferenza sincera ,una condizione così umana alla quale si deve rispetto .
          Allora prosit!!

  52. @and lo sai che la tua ultima frase, nonchè meravigliosa poesia è il mio motto, purtroppo per me ormai da anni?
    Sto solo aspettando il momento giusto per fare quello che hai fatto tu.
    Noi ci siamo già persi una volta, e ci siamo ritrovati dopo 10 anni.
    Purtroppo io speravo che potesse essere la volta giusta, ma non è stato così. Ancora tentennamenti, ancora indecisioni, o diciamo forse che non ho voluto vedere la realtà perchè troppo amara.
    Ora, a distanza di altri 5 anni, devo lasciare.
    Lo devo a me stessa, prima che come dici tu che anche gli ultimi bei ricordi, vengano sopraffatti dall’amarezza e dalla delusione.
    Avrei creduto di meritare almeno l’onestà di esser lasciata, sarebbe bastato anche un chiudiamo qui.
    Invece devo dedurre, dalle sue assenze, dai suoi silenzi, dalle attenzioni sempre più centellinate.
    Io credo che a maggior ragione nelle relazioni non ufficiali, ci dovrebbero esserci molti meno problemi ad essere sinceri. Non ci sono contratti stipulati, ci si sceglie ogni giorno.
    Non capisco questa vigliaccheria.

  53. @And, il gesto decisivo è cancellare il suo numero dalla rubrica (anche se ormai lo avrai imparato a memoria!), almeno così ti risparmi anche questo supplizio dei profili…

    • cancellare il suo numero l’ho fatto prima ancora del bloccarla. prima di natale e prima del suo ultimo ritorno. lo feci per evitare di vedere i suoi dannati stai wapp. ora l’ho bloccata. e non l’ho più ri-registrata, nemmeno quando è ritornata dicendo di volere me e solo me.
      tuttavia basta digitare qualche cifra del suddetto numero – che, inevitabilmente, conosco a memoria – per far ricomparire la chat con lei, e foto profilo. et voilà.

      • @and ,comprendo benissimo scusa ,ma sorrido bonario perché sapessi quanto mi riconsco in questi tuoi comportamenti relativi ai contatti

        A leggerti mi pare di vedere me stessa tempo fa
        È proprio così ho attraversato tutte le fasi
        Prima blocco e elimino però poi com dici tu ci stavano le vecchie chat e l foto e le lettere e i libri con dedica che mi aveva regalato

        Insomma comprendo benissimo,ma ti incoraggio vedrai che tu stesso poco a poco riuscirai a non guardare più il passato ma guardare davanti a te e ti garantisco che s continui così cn questo tuo innegabile concreto impegno
        Sarai così soddisfatto di te stesso ti sentirai Vero Uomo
        Quale sei già nel tuo agire di adesso deciso a farti del bene

        Con solidarietà e simpatia!
        Caro and sei nel tuo nuovo inizio e dovrai cambiare il tuo pseudonimo perché and sa di fine
        E invece tu stai già nella tua NEW ROAD !

  54. Io, come raccontato giorni fa, sono nella fase del superamento del silenzio.
    Constato che è tutto profondamente cambiato, soprattutto dentro di me.
    Mi cerca lui, ogni tanto, io non ne sento bisogno, e questo fa saltare qualsiasi sua vecchia strategia.
    Era abituato ad assentarsi, poi tornare facendo oscillare appena appena la corda, appena lo sentivo io lo tiravo subito a me.
    Ora non succede mai.
    Ora se vuole avvicinarmi ancora di più deve stupirmi, e soprattutto esporsi… perché davvero, quello che ho già vissuto con lui non lo desidero più.
    Ricordo tutto nitidamente, non ho rancore, ma so bene cosa non voglio.
    Da lui prendo solo ciò che mi fa stare bene, che adesso è solo un saluto ogni tanto.
    Non mi chiedo neanche più cosa prova per me, sono concentrata su ciò che provo io e che mi fa stare bene.
    Sono abbastanza sicura che se c’era dipendenza ora non c’è più, non si insinua più nelle mie ferite aperte perché si sono cicatrizzate, erano dovute ad altro, non riempie più i miei vuoti perché, quelli che sono rimasti e che ora comprendo meglio, so benissimo ora che non sarà lui a riempire.
    Le sue debolezze non si incastrano più con le mie, che ora so gestire: non fa più presa.
    Non so che relazione avremo da qui in poi, è tutta da costruire. O da lasciare.

    Sono sempre seguita in terapia, sono sicura di ciò che dico.

    È davvero così, credetemi.
    Cambia tutto col tempo e col silenzio: si impara a bastare a se stessi, ad amarsi davvero

    • @Verdeaazurra da ciò che scrivi certo che mi fa piacere per te di queste tue sicurezze che senti verso di lui
      Ora il mio dubbio dovuto al non essere certa di aver capito la tua situazione ,è questo

      Ma tu hai avuto una relazione tossica? E cioè questo lui è un seriale
      Disturbato Narcisita o quant’altro ?

      Allora ti chiedo questo perché se tu hai sviluppato una dipendenza affettiva sta chiaro a livello terapeutico che il metodo per uscirne è il no contact totale ,il ti mollo per sempre senza ritorno

      Allora non ho capito tu che tipo di relazione hai vissuto
      Perché se lui sta normale e tu non hai la dipendenza affettiva
      Ok mi è chiaro logico qui il tuo esprimerti

      Ma se invece stai in dipendenza affettiva e continui ad accettare i saluti il contatto di comunicazione allora ti fai del male
      Torni indietro

      Non so mi farebbe piacere che mi scrivessi o ricordassi
      Come è stata questa tua relazione e soprattutto se hai una dipendenza affettiva magari pure in via di guarigione,ma se fosse così è assolutamente controproducente restare in comunicazione pure per un solo ciao.

      Spero che sia io ad aver capito male sbagliato e che tu veramente non abbia sofferto per la dipendenza affettiva che ha dei canoni precisi comuni a tutte le persone che ne soffrono.

      Un abbraccio!

      • Ariel, scusa se mi permetto.
        Capisco che è quasi impossibile, per tutti, osservare le storie senza la lente delle nostre esperienze che inevitabilmente distorce e piega le vite degli altri per farle somigliare alle nostre, però – perdona la franchezza – stai diventando troppo monotematica nel descrivere ogni relazione qui descritta come dipendenza affettiva.
        Passi per la tua, passi anche per la mia se vuoi, ma non è tutto e sempre così. Il continuare a commentare in questo modo, per me, fa soltanto sorgere mille dubbi alle persone anche laddove non ce ne sono.

        • @and infatti dato che non ricordo sinceramente la situazione di esperienza vissuta da Verdeazzurra proprio per evitare di fare come giustamente dici tu le ho chiesto di spiegarmi come stanno le cose.

          Purtroppo però sta realtà vera che molte di noi qui hann avuto a che fare con Seriali la statistica parla chiaro e certo per fortuna non esistono solo persone disturbate che sono quelle che mettono le persone con cui ntrattengono una relazione nella situazione di manipolazione cosciente dalla quale sta inevitabile per il partner la dipendenza affettiva conseguente.

          Allora dato che qui la maggior parte di esperienze è nell’ambito del amantato purtroppo
          È molto elevato il fenomeno ci sta pure una logica
          Che è molto più facile manipolare una persona da Seriali finti agnelli se si sta in relazione come amanti

          Ecco i miei perché fermo restando che ti ringrazio di ricordarmi che fortunatamente non tutti sono così e che riconosco che certo sono ancora io stessa condizionata dalla mia recente esperienza devastante per cui leggere della sofferenza di molte di noi qui mi fa scattare la voglia di mettere in evidenza i rischi a cui si va incontro soprattutto le donne se ci si piega senza rendersene conto alla manipolazione dei Seriali che mietono vittime a non finire non solo psicologicamente,ma se non si fugge allora le cronache parlano chiaro sono i numeri di donne ferite fisicamente psicologicamente e pure uccise
          Il Femminicidio è quotidiano in Italia ,non è una teoria ,ma nasce e si sviluppa attraverso il sottostare alle relazioni con Seriali disturbati.

          Faccio tesoro comunque dei tuoi suggerimenti
          Sto ancora coinvolta ma coinvolta nella paura
          Capisci???
          Grazie And apprezzo moltissimo il fatto che mi espsrimi sincero il tuo pensiero di cui tengo conto
          Per meglio prestare attenzione.

      • Ho raccontato più volte la mia storia, provo a fare sintesi.
        Non so se lui avesse patologie, certamente non è mai stato capace di innamorarsi davvero.
        Tutte le sue donne hanno sofferto di disattenzioni, erano tutti rapporto tira e molla, mai vissuti davvero ma mai neanche tagliati.
        Mi ha sempre raccontato tutto del suo passato, avevamo convenuto che il suo forse era un attaccamento evitante… ma chi lo sa…
        Ero io quella che usciva da legami famigliari e matrimonio tossici, sicuramente qualche patologia c’era nella mia storia, ero io che ripetevo gli stessi schemi.
        Sono io quella che aveva bisogno di lui.
        Ero io che avevo sviluppato una dipendenza, anche perché vivevo una situazione durissima con ex marito e figli. Ora, in tre anni di terapia, dopo un anno e mezzo che ho chiuso con lui, sono rinata.
        Non ho più bisogno di difendermi da lui.
        Non ha più potere su di me, non mi sento più debole con lui.
        Ho lavorato su di me, l’unica cosa in mio potere. E ha funzionato. Lui non so.

        • @Verdeazzura grazie ti sono molto grata per la pazienza nel tuo ricordare qui la tua storia,soprattutto lo apprezzo tanto perché è una tua attenta e cara risposta alla mia memoria labile del momento

          Sono così contenta per te e veramente ti comprendo perché come sempre umanamente accade chi ha vissuto esperienze psicologicamente simili ,mi riferisco alla dipendenza affettiva dovuta alla relazione tossica col tuo ex marito ,Ecco che ovvio che sia naturale provare dentro per me una immediata comprensione
          E altrettanto una vera gioia nel saperti finalmente uscita dal incubo

          Cara Verdeazzurra grazie di cuore sono sicura da cio che hai raccontato che ormai il peggio lo hai superato tu con la tua forza che hai saputo agire autonomamente grazie anche al supporto terapeutico che nel nostro caso specifico è importante via di libertà di noi stesse.

          Un abbraccio speciale!

  55. Anche io mi permetto @Ariel, sembra quasi che tu ti senta in dovere di rispondere a tutti.
    Non è obbligatorio, delle volte basta ascoltare.
    Anche perchè chi scrive magari lo fa come sfogo e non per ottenere delle risposte che nella maggior parte dei casi ha già trovato suo malgrado.

    • @Rosa anche io mi permetto di esprimerti che avrai già letto la mia risposta ad and contiene le mie motivazioni e spiegazioni

      Sul fatto di rispondere a tutti ,il fatto che io possa essere assidua nel mio rispondere vuole semplicemente essere di conforto e sostegno e di potermi io stessa attraverso lo scambio di commenti poter guardare me stessa ,credo però che non ci sia proprio nulla di male a scrivere e rispondere se questo viene vissuto cme un qualcosa di buono e reciproco

      Non ho certo io le soluzioni da dispensare agli altri ,ma semmai il contrario portando la mia esperienza esattamente come tutti facciamo qui

      E poi credo pure che ci stia sempre l’occhio vigile e pure caro che stimo moltissimo del moderatore Alessandro
      Che sono certa potrà cassarmi quando e meglio lo riterrà opportuno e ti assicuro che avrô solo che da imparare da lui.

  56. Io non riesco a catalogare questi amori come dipendenza affettiva solo perchè di amantato, diversi da quelli convenzionali nè riesco a pensare che si tratti sempre di uomini seriali, narcisisti etc etc. Certo anche questo ci può essere ma sono più propensa a pensare che in molti casi si tratta di relazioni complicate, che fanno fatica a decollare per vincoli, abitudini, convenzioni. In altri casi non decollano perchè il sentimento non è forte per entrambi e non si è onesti al punto da dirselo. In tanti altri casi è ancora più semplice…si ha a che fare con degli stronzi.

    • Concordo perfettamente Franca, parliamo di storie complicate, dove in condizioni normali ci si vede a cadenza e non quando si vuole come nelle storie “normali”, regolate da una quantità di variabili enorme che rende inevitabilmente diversa ogni storia, difficilmente assimilabile ad un cliche’ prestabilito anche in caso di forti analogie. Tra l’altro queste variabili, le differenti condizioni dei partner, molto facilmente fanno si che ci sia una parte più forte perchè interpreta più a suo agio il rapporto e una parte debole che vorrebbe di più dalla storia e dunque arriva a soffrire perchè le manca il partner nel quotidiano. Aggiungo anche che non tutti siamo in grado di interpretare il ruolo di amante, che prevede ahimè di stare ai margini della coppia ufficiale, molti di noi partono in quarta rapportandosi come se fosse iniziata una nuova storia tra due single, perchè non siamo in grado di essere amanti, voliamo 2 metri da terra quando fruiamo del nostro amore part time, ma poi non siamo in grado di attendere una settimana prima di rivederla, non accettiamo che in casa lei/lui abbia rapporti con l’ufficiale. Questo genera una insoddisfazione, voglia di vivere di più il partner, che è fisiologica a mio avviso e non parlerei di dipendenza affettiva tranne nei casi in cui il rapporto è così logorato che è diventato a senso unico…. Baci a tutti.

    • @ Franca non era questo affatto il mio pensiero non è una equazione Essere Amanti = relazioni tossiche
      Affatto,mai pensato intendevo dire che ammesso che ci possa essere una relazione tossica e la maggior parte sono maschi che fanno male alle donne ,ecco ammesso che esista è innegabile che se uno è seriale stronzo gli è più facile nascondersi dietro alle indecisioni,procrastinare ,trovare le scuse la moglie malata il bambino con la febbre che ne so ovvio che ci si nasconde facilmente e in maniera convincente tutte scuse plausibili più facile ingannare se si è amanti proprio perché esiste una famiglia ciascuno la sua con i suoi problemi e quindi è un terreno più propizio ed ottimo per il Seriale.

      Questo però non significa e mai detto nè pensato che tutte le relazioni di amantato siano tossiche cioè dove lui è un Seriale Narcisita sttronzo

      Ma no ..,certo che esistono fortunatamente relazioni di amanti sani di comportamento in buona fede coi loro problemi,

      Ma qui almeno da quando ho scoperto questo Blog
      Caspita vogliamo fare l’appello e contare quante di queste nostre compagne qui stanno soffrendo portando qui scritta la loro testimonianza di vittime di relazioni tossiche e che chiedono,aiuto ad Alessandro che quante ne ha consigliato così in modo efficace caro e quante lo ringraziano per essere riusvite a salvarsi
      E pure a trovare la terapia per la dipendenza affettiva

      Ciò non significa che tutti gli amanti stanno in relazioni tossiche
      Per nulla no tante qui siete state o vivete ancora in una ottima relazione di amore con la voglia di costruire o almeno provarci
      E meno male dico io guai se non potessimo consolarci avere la speranza nel meglio del essere umano

      Quindi cara Franca non è affatto il mio,pensiero affermare che tutti gli amanti siano in relazioni con Seriali,
      Ma un buon numero pare di si almeno a giudicare proprio da chi scrive qui oltre a me.

      Ti auguro il meglio ,e lo sai che faccio il tifo per te e il tuo amante amore da concretizzare!!

      • Lo so @Ariel…ho capito cosa volevi dire e non ti accusavo di generalizzare. Come diceva anche @And in un commento stamane scaviamo tanto piu a fondo in queste storie perchè spesso non hanno il convenzionale lieto fine e sono accompagnate da tanto dolore. Io sono dell’idea che anche tanti matrimoni si reggono su numerose nevrosi…e comprendo che non è questo il luogo per analizzare questo tema ma è anche vero che in generale da nessuna parte se ne parla. Come mai?

    • Concordo pienamente con te .. Lui non è uno stronzo né un narcisista né un seriale . Lui è realmente innamorato di me e me lo dimostra in tutti i modi possibili . Me lo dimostra nell’onesta ‘di raccontami cosa sta accadendo nel suo percorso di coppia, nella sua legittima paura di non vivere le figlie quotidianamente ma nella sua impossibilità a fare a meno di me, me lo dimostra nelle fughe quotidiane per vedermi nonostante la moglie sappia, nelle corse nel week end per vedermi o sentirmi, me lo dimostra nelle attenzioni continue e in molto altro .. E se lui nn può fare a meno di me io non posso fare a meno di lui e mi è impossibile aprirmi ad altre relazioni nonostante la possibilità .. Sono passati 9 mesi di cui 3 settimane di no contact ed evolute tante cose..mi faccio il pieno di tutto ciò che viviamo insieme tutti i giorni senza obiettivi particolari ed entrambi sappiamo bene che verrà un tempo in cui capire che ne sarà di noi .. É una relazione talmente vera e naturale che sono convinta che anche quello verrà da sé .. Come altrettanto siamo convinti che il nostro è un Amore che in realtà sentiamo da anni e che se non sarà facile da vivere altrettanto non è facile rinunciarci ..

    • Ogni persona è unica, come ogni relazione.
      Io credo che quelle extraconiugali in fondo non siano molto diverse da quelle “regolari” in tema di due universi che si incontrano.
      Ogni storia è a sé. Si possono trovare caratteri comuni ma questi non esauriscono la storia in sé.

    • Sono d’accordo con te Franca. Io non sto ne’ con un seriale, ne’ con un narcisista ne’ altro. Semplicemente ci siamo innamorati, non aveva mai tradito la moglie, nemmeno pensava di essere in crisi ma semplicemente ci siamo innamorati. Da parte sua c’è il piccolissimo problema di due figli piccoli e una moglie a casa che non lavora e lui non è certo miliardario, è una persona normale. Sentir dire che è un rapporto tossico a prescindere, onestamente anche no, io non mi sento dipendente da lui in maniera tossica. Semplicemente ci siamo incontrati nel momento sbagliato, ma la nostra è una storia bellissima fatta di amicizia, comprensione, interessi comuni e una grandissima attrazione. Se non fosse sposato la staremmo vivendo alla luce del sole esattamente come la stiamo vivendo di nascosto, ne piu ne meno.
      e per il futuro, come ci diciamo io e lui: vedremo.

  57. Ho un problema, ne ho tanti, ma oggi espongo questo: do molto peso alle parole. Non soltanto alle parole dette o scritte, ma anche e forse soprattutto a quelle non dette. Soprattutto quelle che riguardano la sfera emotiva.
    Sono un traditore, ho tradito corpo e anima mia moglie, quindi sono anche un bugiardo. Però ci sono cose su cui non riesco proprio a mentire (a meno che non lo faccia anche con me stesso inconsapevolmente). Per esempio: non riesco a dire ti amo se non lo provo. Non riesco a dire mi manchi se non lo provo. Se mai l’ho fatto, in rare occasioni, è perché davvero costretto per motivi di “vivibilità” ma mi usciva vuoto, puzzava di menzogna lontano un miglio.
    Dunque, qui viene la domanda, che probabilmente ha puro spirito didascalico e non apporta nulla alla conversazione.
    Quanti/e di voi, in questa o un’altra relazione, si sono lasciati – per motivi contingenti – dicendo e sentendosi dire:
    <>
    Sia chiaro: non ti voglio bene, mi sei dentro, non ti dimentico, ecc ma: Ti. Amo. Ancora.

    E come sono andate le cose dopo quel “ti amo” vicendevole?

        • Non si può legare senza essere legati a propria volta, però. Se il Ti amo è un mezzo per legare è anche un mezzo per sentirsi legati. Che poi questo ovviamente non significhi la fioritura ufficiale della relazione, bensì una nuova sequela di addii e ritorni, sono d’accordo.
          Il punto è che vorrei capire quanti di noi se lo sono sentiti dire fino alla fine. Ovvio che il mio retropensiero sia: può davvero terminare così una storia d’amore, con un ti amo?

          • Quante sovrastrutture sull’amore che è un sentimento semplice. Ti voglio e sei l’unica. Tutto il resto è noia. E scusa

          • @Alessandro
            Parole Sante
            E scusa con un buon sorriso per allegerire il mio dolore
            ,a per me le tue sono parole Sante pure se sono atea.

            Verissimo w l’ Amore semplice ti voglio tu mi vuoi si ci amiamo FACCIAMO!

  58. oldplum
    L’amore non termina quando viene a mancare il benessere. Del resto tu ne sei la dimostrazione. Dici di amarlo ancora eppure non stai bene.
    Il benessere termina con l’inizio delle aspettative, specie in questo tipo di relazioni. Finché si pensa all’ “ora e adesso” non c’è nulla che possa scalfire. Né lei che torna a casa da lui, addirittura lei che scopa con lui, né il non vedersi per diverso tempo.
    La gelosia del partner ufficiale, il desiderio di tornare a casa e trovare il tuo/latua amante non sono altro che aspettative formatesi nella tua testa.Ti aspetti che se ama te, non può tornare da “quella/o là” a casa.
    E inizia il circolo vizioso che porta ad una fine. Quasi sempre della relazione extraconiugale. A volte del matrimonio. A volte di entrambe le cose.
    Però non è l’amore che necessariamente viene a mancare

    • Amore c è se si è uno è si sta bene entrambi . Se uno fa star male l’altro non lo ama davvero. Chi ama e sta male non è amato. Questo il senso.

      • Cerco di trarre delle conclusioni da ciò che ho capito della tua relazione, quindi correggimi se commetto errori.
        Tu hai lasciato lui perché lui non ha avuto il coraggio di scegliere tra te e la sua famiglia. Ergo tu, ora, pur stando male in prima persona perché lo ami, stai facendo star male anche lui perché sei tu ad aver preso questa decisione. Ma seguendo il tuo pensiero, se fai stare male lui significa che non lo ami. C’è un corto circuito in questo ragionamento.

          • Ha scelto. Di rimanere dove sta. Passando dal “mai” (lascerò la famiglia) ad “ora” (non posso).
            Alea maxima

          • Era un ragionamento per paradosso.
            Pensa: se ci fosse un blog parallelo in cui il tuo lui scrive, magari potrebbe dire “mi ha lasciato perché non ha saputo aspettare, e se non mi ha aspettato, non mi ama veramente”.
            Volevo solo indicare che, forse, non è vero che è mancato l’amore, ma è mancato il coraggio. quello che anche noi, in altre occasioni, non abbiamo avuto in passato. E che non abbiamo ancora la certezza di avere in futuro.

          • Nella road map degli amanti co devono essere delle scadenze. Il primo che non le rispetta ha torto. Se doveva decidere entro poi non può dire non mi hai aspettato. Sono tutti alibi bugiardi. L’amore o è più forte della paura o è amore di serie b

        • @And secondo me non ha nemmeno senso proseguire una relazione che non ti appaga più: accontentarsi dei soli attimi alla fine diventa frustrante. È questione di amor proprio, meglio soffrire una volta sola piuttosto che calpestare il proprio IO adeguandosi ad un amore che non ti fa star bene.

        • @and cerca se puoi di farti una ragione rassegnati pure senza ravanare nelle storie altrui pur di riuscire a trovare una ragione che possa giustificare il tuo resistente attaccamento al non voler lasciar andare di una virgloa questa lei che ti ricordo ha scelto il marito punto.
          Adesso le cose sono così e smettila di pensare a chi si scopa o si scoperà come fanno alcuni maschi feriti nel orgoglio e senso del possesso
          Due aspetti che poco hanno a che fare con l’Amore
          Che sta semplice come giustamente ha sceitto qui @ Alessandro

          Ok avrei potuto starmene zitta e pensare ai miei dolori errori ed orrori presenti nella mia vita e storia personale invece ho preferito esprimerti sincera ciò che penso adesso qui che ti ostini a scavare tu nelle storie altrui
          Pur di trovarti le risposte che già sai bene nel tuo profondo stanno impossibili e negative per te stesso.

          Smettila di compatirti e rassegnati un po’ di più oggi adesso cresci
          Onesto guarda in te stesso
          Che ognuno guarda a se stesso.

  59. Ora che ho saputo che con la moglie sta andando avanti per il divorzio mi ha preso una gelosia pazzesca, penso a quando incontrerà un’altra, perchè finchè stava con la moglie sapevo che anche se mi diceva il contrario le cose non andavano e non sarebbero andate anche se per vari mesi si è sforzato di farle funzionare. Ora me lo immagino libero di conoscere persone, di vivere storie alla luce del sole, di innamorarsi… mentre io sono ancora impantanata in questa melma che mi fa soffrire.

    • Io credo alla fine vada sempre così, o perché trovano il coraggio o più spesso perché lo trovano le mogli, si lasciano veramente e guarda casa non corrono dall’amante ma da un’altra. Sai che ti dico però? che in questi casi dopo il periodo iniziale in cui tutto va a gonfie vele la nuova fa la fie della moglie, e magari hanno anche nuovamente il coraggio di venire da te per farti fare ancora una volta la seconda scelta.

    • Scusa kk ma se si sta lasciando con la miglie petche’ non puo stare con te,? Ad ogni modo mi dispiace molto e ti capisco. Sarei anch’ io molto gelosa

      • L’ho scritto in un’altra sezione. E’ tornato nei giorni scorsi, in un modo strano, abbiamo pranzato insieme, ci siamo scritti per qualche giorno, mi ha chiamato e abbiamo parlato un’ora e piu’ al telefono. Mi ha raccontato che si sta lasciando con la moglie, che ci ha provato ma le cose non vanno, che non la desidera e litigano soltanto. Nessuna menzione a me e a noi, anzi mi ha fatto capire che mi vuole molto bene ma mi vorrebbe nella sua vita come amica. Dopo qualche giorno abbiamo litigato perchè a me questo trattamento non sta bene e ora siamo punto e a capo.
        Non c’è amore, non c’è piu’ niente da parte sua, ma non capisco a cosa gli servo come amica. Anche perchè non mi vuole vedere da sola in un contesto che non sia quello lavorativo o pseudo-tale.
        Continua a ripetermi che sono sposata, con una persona a lui vicina e devo ricordarmelo.

          • @Alessandro e Kk
            E magari una quarta…
            Non so ma Veramente il suo comportamento è da Seriale ,non so a me pare così,ma forse vedo Seriali ovunque ,lo ammetto per prima forse sono condizionata dalla mia esperienza ma anche l’ex seriale mi faceva cose così comparire all’improvviso,ma poi quando ci sentivamo o vedevamo allora metteva i muri problemi di vita suoi insomma mi tratteneva pur respingendomi
            Ecco questa cosa vedo in ciò che racconti Kk
            Ti cerca ti vede state insieme a parlare ,ma non importa per quali motivi lui tiene le distanze insieme alle presenze
            Insomma a me alla fine m’è scaturito dentro
            Il maffanculo ,ma proprio di cuore !!!

    • @KK fregatene di quello che fa, dice o pensa … a volte mi capita (tipo oggi) di pensarlo troppo e mi spavento perché questi uomini non possono diventare la nostra ossessione … se non ci vogliono, non ci vogliono. È questione di smettere di vivere nella speranza che qualcosa cambi. Le cose hanno fatto il loro corso ed è andata così, chissà cosa succederà nel futuro ???

      • Hai ragione, alcuni giorni per me è proprio un’ossessione. Ho sempre la sensazione che ci sia qualcosa in sospeso, non so perchè.

  60. E chi non ama e fa star male il non amato, perchè allora non sparisce?
    Perchè torna anche solo per un caffè, anche solo per un cinema, anche solo per una telefonata?
    Cos’è pena, senso di colpa?
    Non credo. Gliel’ho chiesto apertamente, gli ho detto che non ho bisogno dell’elemosina
    Eppure torna, con le sue modalità ma c’è.
    Ma il suo modo di esserci fa male, più male di un’assenza.

  61. “L’altra scusa più diffusa è quella di realizzare all’improvviso che la moglie poverina come faccio ha solo me “, Alessandro cito questa tua frase perché nel caso della mia relazione extra, sono io quella che fa notare a lui questa cosa, quando parte per i suoi voli pindarici…
    Mi spiego meglio, ogni tanto parla di un ipotetico futuro, al che io prontamente gli faccio notare che il problema non sono tanto i figli e mio marito, quanto la sua compagna emotivamente instabile, che ad una loro eventuale separazione, potrebbe andare alla deriva.. Pensa un po’ come sono messa.
    Addirittura gli ho detto ti lascio sognare, perché ti è necessario per sopravvivere, ma nella mia testa so realmente come stanno le cose.

  62. Infatti mi rendo conto che l'”incanto” sta progressivamente svanendo. Non tanto per un futuro insieme impossibile, ma perché un futuro con una persona che vive con così poca consapevolezza…anche no.

  63. @Ariel, ti ringrazio delle tue parole.
    Un abbraccio sincero anche a te… dai tuoi scritti traspare tanta passione per la vita e tanta empatia… cose preziosissime, non fartele portare via.
    Ma volevo dire… è giusto pensare alle possibili patologie del partner, cercare di capire se e quali sono… è giusto, all’inizio è indispensabile rendersi conto che siamo caduti in un tranello volontario (è un egoista) o involontario (ha turbe sue).
    Ma fino a un certo punto.
    Quando, qualsiasi sia la ragione, soffriamo troppo a lungo intensamente, è a noi stessi che dobbiamo guardare.
    Concediamoci il tempo della rabbia e delle recriminazioni… ma poi bisogna saper andare oltre. Sennò significa che potremmo avere anche noi seri problemi, forse più del partner… che spesso è solo un gran ca##one (maschio o femmina che sia).

    • Credo fino a un certo punto ai disturbi del comportamento e molto all’egoismo personale. Un seriale è in cacciatore, se poi è compulsivo cambia poco per quella di turno

      • Sì, è vero.
        Magari ci sono anche tante sfumature… per carità, tutto si può comprendere e spiegare, ma l’importante è recuperare se stessi e una propria idea di serenità e benessere, a costo di lasciare.
        Poi, se ti riprendi in mano, se torni sereno per te solo, stando solo nella tua vita, le cose belle succedono.
        Non bisogna, a mio avviso, temere troppo la solitudine, al punto da cadere in questi buchi neri.
        Bisogna saperla percorrere quando è l’unica strada possibile, solo così la superi.
        E comunque non c’è solitudine più grande di stare con una persona che ti fa soffrire

        • tutto vero @verdeazzurra
          non temo la solitudine, la apprezzo proprio, in questo periodo.
          Mi sento leggera. Sto risalendo dal buco nero. e son quasi tre mesi che gli ho detto ciao ciao

          è lui, egoista, che non mi lascia andare. non accetta la mia “ribellione”?
          dopo aver cambiato nr di telefono, ora si fa prestare il telefono da un suo amico, con la scusa del lavoro ..complici egoisti? sicuramente ridicoli, lui e l’amico

          • @Cara Luce come ti capisco !!! Senza palle e poi mi viene da aggiungere una frase che spesso a volte serve almeno come sfogo dopo aver ascoltato letto tutti gli ottimi commenti suggerimenti
            Poi a volte viene a tutti umanamente da pensare o meglio qui voler scrivere:

            “Facile dire….”…..

            Una frase nella quale se ci si riflette bene ci sono contenuti diversi significati che possono adattarsi a molte situazioni e pure a molti punti di vista a seconda del ruolo di chi la pronuncia

            E che sia un buon sorriso a caratterizzare il nostro adesso!
            ❤️

          • Banalmente… un giorno tutto questo ti farà sorridere. Lo sai già ma te lo dico lo stesso…
            È davvero un comportamento da piccolo uomo

        • C’è un detto che è riferito ai matrimoni ma credo si possa estendere a qualsiasi relazione:
          più triste di un matrimonio in cui non ama nessuno dei due c’è solo una cosa: un matrimonio in cui ama soltanto uno dei due.

      • Concordo, disturbo o meno sempre di egoismo e egocentrismo si tratta. Narcisista overt, covert, seriale o quant’altro il risultato è che non instaurano con te una relazione sana. Questo secondo me è uno degli aiuti più grandi dello scambio di opinioni su questo blog, riflettere sul fatto che non ci siamo sognate tutto, che non abbiamo fatto noi qualcosa di sbagliato, che non siamo noi a non saperli capire e pretendere troppo. Che non sbagliamo ad amare solo dobbiamo interrompere il prima possibile queste relazioni insane perché l’amore è altro e meritiamo di viverlo.

        • Certi uomini contano molto sui vostri sensi di colpa. Non mi hai saputo aspettare. Non rispetti i miei spazi. Non capisci i miei obblighi. Mentre gliela davi i primi mesi dov’erano i problemi ?

          • Provano a farti sentire in colpa persino quando non te la vogliono più dare loro e tu non sei più disponibile quanto prima a fargli da psicologa!

          • @alessandro io con una vena neanche tanto sottile di cinismo sento di condividere il tuo pensiero. però caspita.. qui è un campo minato. uno ha voglia a dire che se non ci si ama più nel matrimonio bisogna lasciarsi modo di vivere la propria seconda vita (cosa che ho fatto, pur avendo un rapporto stupendo con mio marito, conosciuto poco dopo l’adolescenza e rimasto 24 anni con me, sesso bello, intenso ma .. passione ormai consumatissima)
            ma in giro.. (non voglio generalizzare l’essere maschile) è come farsi una passeggiata in un campo di addestramento di cecchini!!
            ok, niente sposati/in crisi etc.. solo separati.. ma se non si separano mai perchè tendono tutti a mantenere moglie e amante.. chi resta?
            come si fa? meglio sole?

          • Grande Cossora!!!
            È come farsi una passeggiata in un campo di addestramento di cecchini!!!
            Anch’io a volte mi sento così… ma penso che sia perché sono ancora un po’ più attratta dalle stesse persone… ma cambierà, sta già cambiando, lo sento

          • Fiamma, un uomo che si sposa nello stesso momento in cui si innamora di un’altra ha le idee confuse, e una patologica incapacità di prendere in mano la propria vita.
            Qualsiasi cosa, con lui in questo stato, non può essere amore.
            Può essere fuga, ma non amore.
            Potrebbe esserlo solo dopo che lui si fosse liberato dei suoi fantasmi.
            E se vuole liberarsene, tu non devi esserci, altrimenti non li affronta.
            Ma soprattutto, tu nel frattempo devi vivere.
            Questo il mio pensiero

          • @Cossora quoto ogni parola. Non ci sono maschi decenti liberi in giro. e se ancora sono liberi facciamoci una domanda :-DDDD

        • @Confusa concordo su tutto e mi piace molto perché hai messo in evidenza proprio questa reazione che in generale molte se non tutte di noi in relazioni con questi uomini negativi abbiamo quello di farci noi le domande se siamo noi quelke che sbagliano se ci sia qualcosa di sbagliato in noi verissimo e infatti dici bene perché reagire così è perché crediamo di non meritare di essere noi stesse e non meritare di essere amate.
          Brava @Confusa hai veramente evidenziato qualcosa di fondamentale e importante per riusvire a scegliere sempre di Amare noi stesse e quindi mai più trovarsi ad accettare
          ” caramelle dagli sconosciuti” mio Padre quando ero piccola me lo diceva sempre
          Un bel concetto sul quale riflettere un momento

          Un abbraccio caro per te!

    • @Verdeazzurra ,ma grazie sei molto cara e preziosa sempre in ogni tua espressione qui ti leggo e sento pure tu molto empatica e pure così ricca interiormente ,sai esprimerti in un modo molto bello
      E mi piace usare questo aggettivo perche per me la Bellezza racchiude tutta la importanza che riveste l’aggettivo per poter vivere in un equilibrio,Bellezza quindi che è grazia profondità di animo gentilezza…

      Mi piacerebbe molto che scrivessi di più qui,ti sento capace di trasmettere le cose essenziali e così utili per noi tutti qui

      Si sto luuunga qui e ormai sento tu mi comprenda perché ho la sensazione con te che tu pure abbia capito chi sono non certo il mio nome ,ma dentro che è giustamente il significato del nome proprio che ciascuno di noi ha e che segna il nostro percorso di vita.

      Ci tengo particolarmente quindi a ringraziarti
      E condivido in pieno ciò che mi hai qui scritto
      Verissimo è, che chi come me ha accettato per un tempo di stare in relazione con chi sta, chiamiamolo come si vuole ,un uomo negativo egoista o quant’altro chiaro che se si è vissuta la propria dipendenza affettiva è perché qualcosa di antico non funzionava dentro,la terapia infatti serve pure per scoprire quel gancio di cui tu avevi scritto così efficacemente
      Si ,qualcosa nella mia storia personale ha prodotto una ferita perfetta per agganciarsi a una relazione tossica

      Andare oltre ,pensa è un mio modo di esprimermi,
      Perché io stessa vengo provengo da questo concetto
      Sono nata perché mio Padre è riuscito ad andato oltre

      Ho avuto la fortuna di avere la sua guida positiva e così ricca di luci
      Piene di vera Bellezza
      Un VERO UOMO per questo sto fortunata
      Per questo ho vissuto il mio matrimonio lungo e così armonico e positivo malgrado ogni ostacolo umano sia sempre presente in ogni relazione affettiva

      Credo che la morte improvvisa di Mio Caro Marito abbia minato la mia capacità di stare nella vita in modo equilibrato il saper distinguere ,malgrado la mia empatia ,un uomo buono da uno negativo

      Ancora ho paura,ma sto tenace e sento già di essere a buon punto
      Per potermi sentire libera dentro da quel mio gancio antico
      E tu lo sento mi comprendi bene

      Cara @ Verdeazzurra grazie un abbraccio entusiasta per essere ancora capace almeno di provare a scegliere sempre di vivere grata alla vita comunque per il solo fatto di svegliarsi ancora vivi e spero tantodi leggerti più spesso.

  64. Punto primo.
    Abbiate pazienza: sono appena 9 giorni che ho iniziato il silenzio. E’ piuttosto normale (credo) che io sia monotematico e che ancora abbia tutta una serie di speranze/scorie. E’ altresì vero che è da luglio che proviamo a staccarci e finora il periodo maggiore di distacco è stato di 3 settimane (in cui però vigeva sempre un sottile e strisciante contatto fatto di visualizzazioni stati wapp, anche se non direttamente rivolti l’uno all’altro).
    Questo è per rispondere a chi, sicuramente con saggezza e spirito di soccorso, mi dice “taglia”.

    Punto secondo.
    Oldplum, sono d’accordo con te: non aspetterei. Specie se lei è tornata – senza che io gliel’ abbia chiesto – dicendo voglio te, amo te, dammi solo un po’ di tempo. Ho aspettato 40 giorni, 40 giorni in cui non preendevo certo che lei mollasse tutto e subito. 40 gg in cui desideravo semplicemente pianificare la famosa road map. Lei si è fermata allo step 2: step 1 dire al marito non ti amo piu e non c’è rimedio. step 2 no sesso. 2 step però raggiunti nel nostro periodo di lontananza. avanti non è andata. mi sono arreso.
    Non so se il tuo lui abbia adottato più o meno lo stesso modus operandi ma credo si discosti di poco.

    • Io ci ho messo un anno And… avoja!!!
      E ancora ci devo lavorare, non è ancora automatico.
      Prenditi tutto il tempo che ti serve

      • Mi sono espresso male. Quando è tornata da me i due step li aveva già compiuti (sempre sia vero, certo). Nei successivi 40 GG di ri-contatto quotidiano (ma vedendoci solo un paio di volte) non ha fatto null altro fino appunto a dirmi alla fine che non poteva. Te la cito testuale: “vorrei poter tornare indietro nel tempo e prendere altre decisioni (ndr non sposarlo ecc) ma ho paura che per alcune sia troppo tardi”.

        • @Angelica
          Esatto!!! Concordo in toto!

          @and a parole sono capaci tutti a dire qualunque cosa compreso non faccio mica sesso con mio marito noooooo,ma figurati
          Però intanto dove vive e dove sta a letto ?
          A casa col marito
          Svegliati caro @And!

    • Infatti non sarebbe poco. Però boh pure il mio ex è partito a razzo e poi si è arenato al non ti amo più e niente sesso (almeno diceva). Oltre lo step due manco mezzo passo, e devo dire con la lucidità del poi che sono due step fondati esclusivamente sulla parola quindi non hanno molta attendibilità se poi non segue qualche mossa più incisiva. Invece la vita in casa sua scorreva tranquilla

  65. Mi ripeto: lo so che si puo mentire sul sesso coniugale ecc. Ma so che io non le mentivo – sia quando lo facevo ancora sia quando ho deciso di non farlo piu. E so che lei, quando riprese a farlo, perché faceva parte del suo tentativo di lasciarmi e “reggere” la vita coniugale, me lo disse.
    Quindi per me non ha mentito. È immatura (io sono il suo primo lutto sentimentale), è incoerente, è irascibile, è tante cose ma non credo sia bugiarda. Non con me. E nemmeno con il marito se gli ha detto ciò che conta: non lo ama piu e forse non lo ha mai amato.
    Dieci giorni dal blocco. Combattiamo.
    Oldplum
    Nn sono single. Anche io ho la mia dose di tristezza quotidiana e coniugale. Se la domanda successiva è “perché non ti lasci prima tu”? La risposta è : sto cercando di trovare il coraggio di farlo a prescindere da lei. Pero, per farlo a prescindere da lei, devo farla uscire dalla mia testa e dal mio cuore, oltre che dalla mia vita.

    • @and Io ti credo e condivido spesso ciò che scrivi, forse per questo mi viene più spontaneo commentare i tuoi post. Anch’io, pur avendo un compagno, per tre anni circa ho fatto sesso solo con il mio amante. Ovviamente questo, come da copione, evidenziava in primis la grave crisi del mio rapporto di coppia. Eppure certe situazioni esistono e, a giudicare da ciò che leggo e mi raccontano le persone con cui interagisco per motivi di lavoro, i matrimoni bianchi sono più di quanto non si pensi. Per motivi facilmente intuibili, la gente non ne parla. Certo, questo non significa che qualcuno non possa mentire a riguardo, anzi. Sono sicura che molti assolvono in toto i loro doveri coniugali e si guardano bene dal comunicare la cosa ai propri amanti, soprattutto per quieto vivere. In ogni caso, quanto a me, in questo blog, coperta da assoluto anonimato, non avrei motivo di mentire.

    • And, penso che tu abbia scelto la strada migliore.
      La più dura adesso, ma quella che ti porterà più serenità nel lungo periodo.
      Io ho avuto la fortuna di lasciare mio marito quando non ero innamorata di nessuno: nella durezza e nel dolore (ci sono due figli preadolescenti) ho potuto fare la scelta più pulita e incondizionata. È necessario.
      In bocca al lupo And, di cuore. Arriverà il momento in cui vedrai con chiarezza dentro di te, ne ho certezza.
      Un abbraccio

  66. Il mio problema ora e’ il pensiero, sempre fisso su di lui. Posso non cercarlo, evitarlo ma come si fa a non pensarci? Qualcuno ha qualche trucco

    • @Antonella B segui il consiglio di Alessandro e leggi bene e più volte il suo articolo sul chiodo
      Perché è molto efficace nel suo concetto applicabilissimo in vari modi,non è soltanto ciyche potrebbe apparire un farsi un amante a scopo melo scopo,
      Ma no,affatto ogni giorno si possono trovare o attribuire magari già a chi si conosceva prima o nuove persone tutti possono essere visti da un altro punto di vista e farci da chiodi chiodino

      Io ad esempio sto piena di corteggiatori ovunque
      Baristi nei miei negozi abituali pure il postino che fa lo scemo ed io con lui mi diverto e pure lui e ci facciamo un sacco di risate

      Cose così LA LEGGEREZZA della vita e che meraviglia pure questo mi serve per riusvire non soltanto a levarmelo dalla testa dal cuore e pure dal pennsiero del corpo perché almeno per me a volte lui sta ancora dentro a me ,non mi vergogno affatto a dire ciò che è e che credo sia comune sentire per molte di noi
      Perché come dice il maestro @Alessandro

      Il Sesso c’entra sempre ,ah ah ah (@ Alessandro questa battuta è per te e noi con te dai @ Antonella B ridiamocela tutti insieme)

      Cara ti capisco tanto ,prova quindi a cercare nel tuo quotidiano i tuoi chiodini o chiodi o chiodoni!!!
      Buona Ricerca chiodo!!!

    • I trucchi sono due provati sulla mia pelle, ma come base c’è il tempo, che aumenta la consapevolezza: primo, silenzio totale, anche bloccando. Io ho bloccato per non vedere non per punire. Secondo, trovare qualcosa nella propria vita ( o riscoprire) che sia un nutrimento emotivo Positivo, di soddisfazione. Nel mio caso il mio lavoro che mi sta dando grandissimi ritorni a livello umano e di apprezzamento. All’inizio è più un provare a colmare vuoti, col pensiero fisso là, da quando si aprono gli occhi a quando ci si mette a dormire. Poi il miracolo. Mi accordo che gli dedico il primo pensiero della giornata in tarda mattinata.. e mi dico ma davvero??? Poi basta un niente per distrarmi ormai.

  67. Quando si ama nn ci sono scuse che tengano,sono solo alibi…. Per citarne qualcuna:non posso lasciarla perché mia moglie ha fatto tanto per me,se la lasciassi ne morirebbe! Non posso per imiei figli, (i figli sono adulti e convivono con i rispettivi compagni) non posso per mia madre le spezzerei il cuore (ha due sorelle separate) separandosi lui spezzerebbe il cuore alla mamma!! Ridicolo, banale. Ho una lista così lunga di scuse banali che mi vien il mal di stomaco! Basta, basta basta !

  68. e da un po che mi ritrovo tutto il giorno sue queste pagine leggendo e rileggendo sia gli articoli che le vostre storie cercando di trovare una soluzione al mio caso ormai disperato.
    sono anche io ” l’amante “di un ragazzo sposato l’ho conosciuto un settimana prima del matrimonio ci siamo piaciuti subito ci siamo visti quasi tutti i gironi e ci siamo dati un buona fortuna entrambi nel suo giorno piu importante, ma cosi non è stato sono passati ormai quasi 10 mesi da quel giorno e io mi trovo in un tunnel senza via d’uscita .
    lui mi ha cercato subito il giorno dopo abbiamo iniziato a sentirci e poi a vederci io ero molto razionale e consapevole della situazione anzi io ero una di quelle che lo spingeva a comportarsi bene visto il grande passo che aveva fatto, ma niente lui correva ogni giorno (evito di elencare le tante promesse fatte perche sono sempre le stesse) da me ormai si diceva innamorato e da li me ne innamorai perdutamente anche io. Inizia la storia d’amore piu bella della mia vita ci siamo visti ogni giorno per 6 mesi senza staccarci mai lui mi diceva che era confuso che mi amava che ormai li era solo affetto( stanno insieme da 15 anni) noi siamo entrambi trentenni e lui per ora non ha figli. Arriva un giorno in cui le dice che forse non si amano piu lei lo manda via di casa ,ma il girono dpo chiude con me dicendomi che la famiglia e troppo importante che aveva fatto tanti sacrifici e che doveva ritrovarsi.
    io mi sono ridotta ad un ok lo sapevo gia . Solo che purtroppo non è finita continua a cercarmi a piangere e a dire che mi ama ,che forse ama entrambe ,che non riesce ad accettare la fine che non ha le palle di mollare tutto , la casa , i soldi ecc. ho provato anche ad allontanarmi ,ma ogni volta mi fa sentire in colpa per qualche motivo ed io stupida che sono mi ci sento pure …ho sofferto tanto ho perso tutto cio che avevo sono 9 mesi che non esco mi manca da morire e ho paura di perderlo e non so piu che fare. ora ci vediamo e sentiamo con meno frequenza perche proviamo a mettere dei paletti entrambi ,litighiamo ,ma io non riesco a chiudere anzi ad accettare che si antepongono tante cose davanti all’amore . Se l’amasse davvero non le farebbe questo . dice di non provare sensi di colpa per lei
    spero di essere stata chiara ci sarebbero tante cose da dire
    grazie cmq per le vostre testimonianze

    • Raccomando aiuto psicoterapeutico perché se ti senti anche in colpa hai davvero toccato il fondo. Lui comunque sarà disperato ma non abbastanza evidentemente. Io questi uomini che piangono e non decidono vabbè

  69. cosa puo farlo restare la? sono solo 9 mesi di matrimonio gli stessi della nostra storia … non ha figli dice solo non odiarmi saro infelice a vita che gli ho stravolto la vita che non ha le cazzo di palle che odia questa “scelta” o meglio la non scelta perche continua a cercarmi e io a caderci

    • sembra perfino impossibile questa storia e chissà quante così
      Perché perché l’uomo è così codardo?
      Con una vita davanti, tra l’altro

      @fiamma, ascolta i consigli di Alessandro

      Un forte abbraccio

      • Mi unisco al coro Fiamma. È un braccio di ferro tra te e lui che ti fa credere sia tra te ed altro. È lui che si oppone al cambiamento.

    • Fiamma ti dico una cosa, lascialo andare ora, staccati veramente, cosi’ che lui possa capire come si sta senza di te. So che è difficile, ma pensa che è l’unico modo per capire se è amore. Forse lui solo patendo la tua assenza potrà realizzare di non sopportare una vita senza te e si darà una mossa.

  70. so che dovrei chiudere ,ma non ne ho il coraggio anche se ho tanta paura di ricevere qualche notizia che mi farebbe molto male (come un figlio)

    • e la forza che mi manca…
      e la paura di perderlo
      io so che mi ama
      e vorrei che lui trovasse questo coraggio … siamo giovani potremmo essere davvero felici
      lui lascia fare tutto al caso ..lascia scegliere sempre gli altri per lui, ma perché?

      • Perdonami se insisto ma… l’amore è un’altra cosa.
        Come si è detto più volte qui, non può far soffrire così, se non per tempi ragionevolmente brevi, e non può mai portare alla disperazione.
        Se deve capire qualcosa lui, non è restando che lo aiuterai a capirlo.
        Inoltre, se il vostro è vero amore come dici tu, non lo perderai

        • Grazie @verdeazzurra
          X me è vero amore è
          Spero davvero di non perderlo (lui non mi sceglierà mai lo so in cuor mio anche se dice di amarla x abitudine dopo 15 anni )
          Riprovo ad allontanarmi speriamo che lui non mi venga a cercare ovunque

          • Ti dice di amarla per abitudine. Ma che significa?
            Lo trovo orribile, scorretto, ambiguo e anche molto immaturo.

      • Tesoro perché ama più se stesso di te. E agevolare il compimento del vostro amore implica complicazioni che rifiuta. Si sente come soffri. Tanto.

          • @Fiamma prima di iniziare il silenzio ho preso il coraggio e ho fatto la domanda che lasciamo sempre per ultima: ma tu dichiareresti la crisi con tua moglie? Ha tergiversato ed ha detto che non lo vede proprio possibile.
            Spesso capita che proteggiamo la nostra speranza dalla verità che sappiamo non ci darebbe scampo.
            Ti stai autosabotando.

    • lui ha paura del cambiamento
      ma credo davvero non ami nessuno nemmeno se stesso
      non rispetta lei
      non rispetta me
      e nemmeno se stesso se dice di amarmi e nel frattempo continua la sua vita con lei

  71. Ricordati che anche non scegliere è una scelta.
    E se non ti ha scelta e perchè non ti ama abbastanza (ad esser ottimisti) perchè potrebbe essere anche il caso della teoria del 20%.
    Vatti a leggere su “la speranza è l’ultima a morire” l’intervento di C. sul 20%

  72. @Fiamma,
    passerà ma devi assolutamente trovare la forza di reagire…… lascialo e riprendi in mano la tua vita…. e verrà sicuramente a cercarti, bloccalo sparisci. solo così riuscirai a riprenderti e a capire quanto sei importante per lui. Quello che scrive Alessandro quando dice che con il codice del silenzio si vince comunque, è assolutamente verissimo…… Ci vorrà tempo, ma alla fine ti rialzerai. Un abbraccio

    • il problema sta la torna
      torna sempre
      ma se ha deciso di dare una possibilista al suo matrimonio perche non mi lascia in pace

  73. Ma che vi importa di come sta con la moglie? Del perché non la lascia? Non sta con voi punto. Qualunque sia il motivo cosa cambia? soffre in una relazione che gli sta stretta oppure in casa sta benissimo… E quindi? Tanto voi soffrite lo stesso. Se e quando si presenterà da voi libero allora ci penserete nel frattempo occupate la mente con pensieri più utili, ovvero qualunque pensiero… Anche decidere il colore dello smalto è un pensiero più utile.

    • @Cnfusa sei fortissima pure tu mi hai fatto morir dal ridere
      ” Anche decidere il colore dello smalto è un pensiero più utile”
      Telepatia? Era proprio quello che stavo pensando adesso
      Ah ah ah
      Grazie sei forte fortissima!!!!

  74. Conoscete la mia storia. All’improvviso, dopo avermi detto da quando sto con te sono resuscitato, sono rinato… un paio di giorni di raffreddamento e poi puff…legge i messaggi e non risponde, e io non so cosa è successo, questa è la cosa che non digerisco. non si sparisce senza spiegazioni.

      • Scoperto l’arcano: mi ha detto che i miei discorsi estremamente razionali, in cui sottolineo che nulla può cambiare in questa storia, soprattutto per la sua condizione familiare, gli sbattono in faccia la realtà e lo mandano in crisi. Mi continua a dire ma come facciamo a stare separati? Gli dico facciamo, nessuno dei due può cambiare le cose. Quindi evitiamo i voli pindarici e stiamo con quello che possiamo.

        • @LEI ma scusa.. “gli sbattono in faccia la realtà e lo mandano in crisi” ..
          Vuoi dire che stava con te per vivere una realtà fittizia? Un sogno irrealizzabile?
          C’è premeditazione (per tutti, direi) sin dall’inizio: mi faccio l’amante sapendo che tanto è una cosa parallela. La vita è un’altra cosa. E nella mia vita ci sono mia moglie e i miei figli, con i quali ho un impegno, che mi costa. QUINDI per sopportare tale impegno mi creo un mondo parallelo e perfetto.
          @Alessandro, tu confermi?

          • Fondamentalmente lui non avrebbe mai deciso. Aspettava che la situazione precipitasse per mano di altri, o perché riferissero alla compagna del tradimento o ancora meglio che anche lei lo tradisse.
            Mi ha proprio detto che non avrebbe le PALLE per parlarle.
            E si, si è creato una vita parallela, piangendosi addosso perché 23 anni fa mi ha lasciata andare…

  75. buongiorno ragazze
    ieri l’ho visto e ho chiuso ho detto che finche sta con lei a me non mi vede piu!
    mi disse che capiva la mia scelta , che ora era difficile per lui tornare in quel letto che non debba mai pensare che non mi abbia amAto e che io non andro mai via da lui. MI CHIESE SCUSA PERCHE NON HA IL CORAGGIO DI LASCIARLA … finita cosi.
    oggi sto male perche so che lo perdero , ma va bene cosi in questa storia sono l’unica a soffrire

  76. @fiamma ma scusa cosa???? scusa lo chiedi quando versi un bicchiere d’acqua su tua zia inciampando al pranzo di natale o ti dimentichi di restituire un libro…anche quando chiedono scusa io li odio.

      • Magari crepasse!! Oggi ancora a dirmi che non ha coraggio e tante altre cose gli ho detto tranquillo ci penso io a trovare la soluzione (l’ho detto apposta) improvvisamente in meno di qualche minuto è cambiata la versione che forse non ha coraggio perché infondo infondo il suo cuore vuole stare con la moglie che skifo due minuti prima amava me invece ora ama lei che delusione che stupida sono stata a credergli e a stargli vicino

        • @Fiamma bloccalo. Toglilo dalla tua vita. Ma scusa, uno che ti vuole farebbe così? E uno che non ti vuole cambierebbe idea perché prendi posizione? Solo nel silenzio e nel tempo emergono le verità. Mi sembra, scusa se mi permetto, che tu semplicemente ti rifiuti di credere che non scelga te.

  77. In questi giorni facevo delle considerazioni…Giunti quasi alla boa dei 3 anni di amantato, sono giunta alla conclusione che nemmeno il mio amante è l’uomo giusto per me.
    Dolce, premuroso, romantico ma…leggermente ossessivo-compulsivo (controlla le cose centomila volte), sostanzialmente pessimista e tendente alla melanconia, permaloso e perfezionista.
    Mi rifarei una vita con lui? Direi proprio di no.
    Continuerò a stare con lui? Direi di si, perché a piccole dosi è comunque piacevole e fisicamente c’è ancora una bella attrazione.
    A volte le storie tra amanti finiscono anche perché si è preso un abbaglio.

  78. Mi dispiace LEI ma non capisco come una donna intelligente come te possa accettare tutto questo.
    Lui è “SENZA ATTRIBUTI”, non gli piace che tu gli sbatta in faccia la realtà, è pessimista e VUOLE STARE CON LA SUA COMPAGNA.
    Lui fa i suoi voli pindarici, tu lo riporti alla realtà credendo di avere in mano la situazione ma alla fine sei tu a fare il suo gioco, è lui a condurti sulla SUA strada.
    E’ un po’ contraddittorio il tuo discorso…l’unica cosa che spero è che tu sia davvero distaccata e pragmatica come dici (io personalmente non ci credo).
    Io fossi in te lo manderei a stendere alla velocità della luce.

  79. Purtroppo nella vita sono sempre incappata in uomini che inizialmente mi sembravano forti, poi alla fine si sono rivelati molto più deboli di me. Ho commesso molti errori di valutazione, e la colpa è solo mia. Mi sono indurita parecchio, ho assolutamente smesso di sognare e sto cercando di prendermi il meglio da ogni situazione.
    Non faccio programmi, non mi pongo obiettivi. Seguo la strada e non so cosa mi aspetta dopo la prossima curva, ma va bene così.

    • @Lei penso uguale a C
      Mandalo a stendere cosa aspetti?
      A me pari veramente giù di morale insoddisfatta di te stessa e della tua vita di relazioni affettive

      Credo veramente che fare una terapia per riuscire a fare poi da sola
      A stare meglio perché veramente se leggo e rileggo i tuoi commenti sono,pieni di contraddizioni,e,di amarezza sfiducia in te stessa
      Dici che non hai più sogni ,ma insomma Cara LEI cerca di porti un obbiettivo al giorno che possa aiutarti a stare meglio
      Fai terapia pensando come è in realtà che la terapia ci serve per riuscire a fare ordine a stare meglio a trovare da sole il modo di evolverci
      L’età non conta nulla niente conta conti tu
      E se vivi significa che puoi e devi Vivere sempre senza mollare mai
      Avendo sempre un sogno un progetto da perseguire
      Ok adesso sei stanca inizia a toglierti proprio la situazione che non va bene altrimenti se il tuo amante ti andasse saresti felice serena
      Allora cosa aspetti

      Non accontentarti Ama Te stessa
      Fai terapia
      Mandalo a fanculo
      Sogna di nuovo ciò che vorresti da te stessa
      Perché sei una donna intelligente e lo sai
      Che tutto dipende da noi
      E va bene ci siamo sbagliate okkei
      Adesso volta tutto aria fresca
      La tua Luce ,forza Coraggio
      Fai qualcosa di buono per te stessa
      Mandaloafanculo
      Comprati un gelato evai dal terapeuta
      E sogna visualizzati già NUOVA TE STESSA
      buona ricerca
      Un abbraccio da qui!!!

  80. Il problema è che lui mi prende tantissimo fisicamente, mi basta immaginare la sua pelle per accendermi. Nella mia vita ho avuto solo 3 uomini (gli unici che ho baciato) perché davvero faccio fatica a trovare qualcuno che mi piaccia.
    E dire che è sempre in lotta con la bilancia, che ogni tanto ha qualche défaillance, mentre io in confronto a lui ho il fisico di una trentenne (mi chiama la sua gazzella) , addominali scolpiti, lato B da urlo e nemmeno un capello bianco.
    Potrei avere chi voglio, anche più giovane.
    Il problema è che desidero lui, quando mi bacia non capisco più nulla.
    E ormai è così da 3 anni. Ma quando mi stuferò?

  81. A quasi un mese di distanza, vi racconto che ieri abbiamo trascorso insieme la giornata, come facciamo di solito una volta al mese, nella stessa casa.
    E mi è venuto in mente un altro post di Alessandro, che racconta di quando la relazione extra si trasforma in un altro matrimonio.
    Beh, ieri ho avuto proprio questa sensazione.
    Ci siamo trovati alla solita ora, fatto spesa nel solito supermercato.
    Invece di saltarci addosso come al solito, ce la siamo presa comoda.
    Per tutta la mattinata ha ricevuto e fatto telefonate di lavoro e mail varie (periodo molto impegnativo per lui), fatto l’amore e guardato un film.
    Poi abbiamo cucinato insieme, pranzato, sistemato la cucina e tornati a letto.
    Abbiamo rifatto l’amore.
    Senza particolari romanticherie, tutto molto tranquillo.
    Ecco, è questa “tranquillità” che mi suona malissimo.
    Se deve diventare come l’uomo che ho a casa, ma anche no…
    Alessandro, cosa ne pensi?
    Mi piacerebbe sentire anche il parere degli altri maschietti.

  82. Infatti per il giovedì insieme del prossimo mese, gli ho proposto giornata in parco termale all’aperto. quindi nessuna possibilità di fare sesso…così vediamo quanto ci desideriamo ancora…
    Siamo alla scadenza dei 36 mesi, cosa succederà ora secondo le tue teorie?

  83. Ale ma…. Due numeri sulle relazioni con forti differenze di età tra gli amanti non le hai postate da nessuna parte? Baci a tutte/i e buona serata

          • Wow, interessante… E quante rientrano nella percentuale delle storie finite bene?in generale… Cosa pensi dell’uomo che cerca un’amante molto più giovane? Tipo 28 anni in meno? Ciao!

          • La media è 10/15 anni in meno. Sono quelli poi propensi a rifarsi una vita dopo i 50

        • 20/48 forse anche anche anche.. ma oltre non ti sembra tuo nonno?? Forse è perché un padre giovane ma oltre i 5 anni non riuscivo neanche a considerarli

          • @whiterabbit, il mio ex marito l’aveva scelta così giovane… Che te devo dì? Ma anche in quel caso… Progettualità zero… Perché a lui stava bene così, si sentiva gratificato. La povera ragazza, invece, dopo soli due mesi proferiva ti amo a tutto spiano. Per me la crisi di mezz’età c’era tutta…ma non posso giudicare e ormai non mi interessa nemmeno farlo… Psicoterapeuta docet. Abbracci.

  84. Salve. vi racconto in sintesi la mia storia,. avevo una relazione con una donna da circa 6 anni ,siamo tutti e due sposati con figli, tra alti e bassi siamo andati avanti anche se lei qualche volta aveva cercato di lasciarmi, poi è ritornata di nuovo. Ora è più di un mese che mi ha lasciato e che non ne vuole sapere più nulla, ho provato in tutti i modi di riprenderla ma niente .., lei dice di essere innamorata di me e di soffrire tanto ma questa storia fatte di bugie non vuole portarla avanti e questa gli sembra la soluzione giusta… io sto male non so cosa fare.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

@anpellizzari

La mia Rubrica su Panorama.it

Premax Shop

Commenti recenti