Home » coppia » Un uomo si vede già al primo caffè

Un uomo si vede già al primo caffè

su 10 caffè uno funziona
su 10 caffè uno funziona

Il primo incontro con un uomo è importante perché se usate il vostro sesto senso femminile, potete capire tante cose anche da un semplice caffè.

Sì, quel sesto senso femminile che già vi allerta sulle piccole cose che fa lui è che già non vi tornano, e che spesso lo fanno rivelare una fregatura dopo giorni, settimane, mesi, a volte anni di faticosa, persino tragica storia trascinata.

È quel sesto senso che mettete da parte sperando che questo sia “quello giusto” per poi dire: l’avevo capito già al primo caffè che questo non andava.

Vi svelo un segreto: oltre a usare e dare SEMPRE retta al vostro sesto senso già il solo offrirvi un caffè è un indizio negativo della personalità e approccio del nuovo pretendente.

Intendiamoci io il caffè lo adoro, lo considero la “malattia professionale” positiva di noi giornalisti (se non ci fosse il caffè…) ma, con le dovute eccezioni, economiche in primis (di questi tempi mica tutti possiamo offrire cene e champagne)…

… un uomo che ti offre il caffè è da radiografare ben bene, anche per accettare il solo caffè e non perdere tempo prezioso con pescatori a strascico, perditempo a scopo di F

Perché mai un innocuo caffè ha il potere di dirci tanto di un uomo?

“Intervistiamo” un pescatore a strascico di donne, uno di quelli che più ne conosce sui social più cerca di farsene, una botta (magari tre se ne vale la pena) e poi avanti la prossima.

Buongiorno signor pescatore a strascico di donne, lei come fa a conoscere una che le piace?
Semplice. Guardo la foto del profilo, magari ne cerco qualcuna che si veda il fisico o magari in costume (ma non ci investo più di tre minuti) vedo dove abita (escludo quelle che mi costino più di 5€ d benzina andata e ritorno) e, se in 5 minuti capisco che è scopabile chiedo l’amicizia magari previo messaggio carino (ormai sono un esperto, ne ho una decina già pronti, anche divisi per corporatura e colore dei capelli) e poi attacco discorso.

E come fa a conoscerla dal vivo?
Vedo dalle risposte come va: se non è ricettiva o è una rompiballe troppo impegnativa (tante domande, battute troppo intelligenti) chiudo la conversazione e spesso tolgo l’amicizia, non prima di aver guardato se ha amiche carine alle quali chiedo l’amicizia in serie. Altrimenti le chiedo di prendere un caffè.

Perché un caffè e non un aperitivo o una cena?
Perché costa poco e l’esperienza mi dice che una devi conoscerla per vedere se è carina e non è una rompipalle. Non basta la Chat. Non bastano soprattutto le foto, con tutti questi filtri che si usano oggi: su Facebook liceo e poi al caffè museo.

Solo questione di denaro?
No anche di tempo. Se è bruttina o prolissa con una scusa ti alzi e te ne vai. A volte arrivo persino a farle pagare il suo di caffè, tanto le porto tutte nello stesso posto e al barista ne pago uno solo. Se invece ne vale la pena la fai parlare tanto come piace alle donne, le dici due cose del tuo repertorio a memoria che sai che piacciono e le chiedi subito se ci si può vedere a breve, allora ci investi un aperitivo, sperando che basti per concludere. Se non basta cena: al terzo giro dovrebbe starci altrimenti divido la cena, lei si paga il suo, chissenefrega della figura, tanto chi la rivede più.

Non le sembra di trattare le donne male o da stupide?
In realtà non mi importa. Intanto già in chat evito quelle troppo esigenti e sospettose. Poi, spesso, anche loro preferiscono un caffè perché non vogliono perdere troppo tempo e poi magari hanno già incontrato dei miei “colleghi” pescatori a strascico che non ci sapevano fare abbastanza o che sono riusciti a portarsele a letto, ma poi le hanno mollate presto per una nuova. Non è che sono stupide, sono romantiche: pensano che magari io, siccome ci so fare e sono carino potrei essere quello giusto. Basta farglielo credere all’inizio.

Insomma qual è il segreto del suo successo?
Il segreto è il numero, su 10 una ne becchi. In fondo, alla fine, ti costa solo un caffè a testa.

Va bene, grazie signor pescatore a strascico per questa confessione. La avverto però che la pubblicherò sul mio blog, non ha paura che le rovini il mercato?
Ma no, tanto le donne fanno sempre i soliti errori: non ascoltano il loro sesto senso che non sbaglia mai, adorano gli str… mascalzoni come me e poi pensano che loro ci possono sempre cambiare in meglio.

Per redimersi un po’ se la sente di dare un consiglio alle lettrici per evitare tipi come lei?
Perché no, tanto un “caffè” su 10 entra comunque. Io non uscirei mai con uno che investe solo il tempo e il denaro per un caffè per conoscermi davvero.

Ecco voi direte: mica sono tutti così! Per fortuna no, ma sono tanti.

Sincerely yours


19 commenti

  1. Su dieci caffè che quell’unico ti vada di traverso e ti ustioni le corde vocali….pescatore a strascico dei miei stivali

  2. Il pescatore a furia di pescare pescherà uno squalo… e con le sue ossa ci farà gli stuzzicadenti. Scusate ma sto pescatore mi sta un tantino antipatico, non so se si è capito….ahahahahah

  3. Al mio amante il primo caffè l’ho proposto io, dicendo quando passi dal mio ufficio chiamami che ci prendiamo un caffè.
    Lo ha fatto un paio di mesi dopo. Subito non volevo andarci perché non mi sembrava di avere il look giusto, così gli ho detto che non riuscivo ad uscire. Poi ci ho ripensato e mi sono detta ogni lasciata è persa…gli ho messaggiato mentre lui, un po’ deluso, stava già andando via. fortunatamente ha riguardato il cellulare e ci siamo visti.
    Mi ha detto che è rimasto molto colpito dal mio sguardo, che ricordava bene da 19 anni prima (quando avevamo avuto una breve relazione).
    Trascorsi 4 mesi da quel breve incontro, ci siamo ritrovati a pranzo per scambiarci gli auguri di Natale. a me era sembrata una cosa abbastanza normale, in un affollatissimo ristorante del centro, abbiamo parlato dei nostri figli e della nostra vita.
    Invece lui mi ha confessato che fin dalla prima volta che ci siamo visti, ha provato il desiderio di baciarmi e che c’era rimasto un po’ male per il mio saluto non particolarmente caloroso.
    La nostra storia è ripartita da maggio dell’anno successivo….galeotto fu quel caffè proposto da me.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.