Home » coppia » Lui ti “nasconde”? Fa stashing e… non ti amerà mai

Lui ti “nasconde”? Fa stashing e… non ti amerà mai

mai con i suoi amici o famiglia
mai con i suoi amici o famiglia

Lui ti nasconde? Non ti fa mai uscire in pubblico con lui, non conosci i suoi amici, men che meno i familiari, sai poco della sua vita?

No non siete amanti, che qualche ragione di segretezza c’è l’avrebbero: vi siete messi insieme da poco.

Gli anglosassoni lo chiamano stashing che vuol dire, appunto, nascondere, mettere da parte.

È bene per te riconoscere questo atteggiamento nel tuo nuovo partner perché se davvero sta facendo stashing con te, la possibilità che lui voglia costruire una storia vera, duratura, addirittura che ti ami (prima o poi) è pari a quella che avrebbe un pesce ferito di sopravvivere nella vasca dei piranha.

Quindi con lo “stasher” non hai futuro: o accetti le sue regole per stare con lui finché non si stuferà o gli dai tu il benservito subito, presto, prima che danneggi il tuo dna emotivo in modo faticosamente riparabile.

Stasher… come potremmo chiamarlo in Italiano? Stronzo egoista? Nooo ce ne sono troppi, si confonderebbe. Ci sono! Lo chiameremo l’uomo dell’organo! E sai perché (così ti anticipo cosa pensa lui di te veramente)? Perché quando parla di te con gli amici che gli chiedono “ma questa che ti scopi ultimamente ce la fai vedere” lui risponde: è solo un “organo”, uno strumento. Lo so, brutto ma realistico. Se vuoi usiamo passatempo, tappabuchi, ma sai che in certe cose preferisco essere cinico e diretto come… uno stasher.

Che cosa vuole realmente e solamente da te l’uomo dell’organo. Facile: l’organo. Che non è lo strumento musicale preferito da Bach. Vuole scoparti e basta.

All’inizio è gentile, sembra un corteggiatore normale (altrimenti col cavolo che ci stai), ma presto cambierà.

Tu non gli piaci veramente, o meglio hai qualcosa che gli piace (viso, culo, tette) ma non sarà mai abbastanza per farti indossare il tailleur da fidanzata ufficiale o compagna, quella che per intenderci si sfoggia con piacere in pubblico vantandosi anche della preda di livello con gli amici che sbavano per la tua bellezza.

Magari gli piace una tua forma di sensualità, qualcosa che gli trasmette un messaggio visivo (molti maschi non pensano IL sesso nel suo insieme, pensano a singole scene porno con macro inquadratura), come la bocca. Nel caso te ne accorgerai perché a letto ti chiederà di fare/usare soprattutto quella parte.

In ogni caso, tornando a bomba, oh scusa all’organo, a lui interessa scoparti e basta.

La tua intelligenza? Non importa. Dici cose sensate e interessanti? Va bene, copriranno il tempo breve che ti concederà prima o dopo averti scopato.. Il tuo cervello è un riempitivo, un accessorio sacrificabile dell’organo.

Ti chiederai: ma perché mai mi tiene con sé (tranquilla, al massimo qualche mese, fino a che non si stufa o trova una che lo coinvolge veramente)? Perché, una volta addestrata a fare quello che vuole lui, sei una scopata comoda e pronta, on demand.

Bene, abbiamo capito cosa vuole l’uomo dell’organo, ma come riconoscerlo?

Dicevamo che stashing significa nascondere, tenere da parte. In qualche modo lo stasher si comporta come un amante che ti deve nascondere per non farsi beccare dalla moglie, ma ci sono differenze fondamentali. L’amante può amare, lui no.

Intanto uscite in pubblico pochissimo. Perché lui si “vergogna” di te (non sei abbastanza mostrabile per lui, non importa se sei carina davvero, per lui non lo sei abbastanza o non gliene frega punto) quindi cinema di periferia (al buio non si vede), ristoranti fuori mano e a tarda ora quando i più se ne sono andati (meglio pizzerie, si spende meno) e ti chiede di raggiungerlo in un punto con i mezzi, così nessuno ti vede in auto con lui. Forse si vergogna davvero di te (il suo narcisismo ambisce a vette molto più alte secondo i suoi gusti ma si sa, non sono sempre disponibili), si vergogna ma non tanto da non venire a letto con te.

Lui preferisce venire a casa tua, magari mangiare qualcosa (se ha tempo) e scoparti. Niente coccole, gli danno fastidio (le chiama smancerie), sesso duro e puro, ti bacia pochissimo e non ha tenerezze, poche, centellinate perché gliele chiedi. Si preoccupa solo che tu usi precauzioni, ma spesso ci pensa lui perché non si fida di nessuno.

Dormire da te? No ti disturberebbe e non riuscirebbe a riposare, lui è abituato a dormire da solo.

Weekend insieme? Ritagli di weekend vorrai dire! Lui deve uscire con i suoi amici (che non ti presenta, le coppie moderne devono avere i loro spazi, sai che noia fare tutto insieme… peccato che voi manco lo shopping insieme) ti raggiunge prima o dopo. Passa a mezzanotte… a scoparti. Oppure ti scopa alle otto, mangia qualcosa e poi esce.

Ti racconta il minimo indispensabile della sua vita. Sai poco della sua famiglia, del lavoro. Ti parla di cose generiche, magari di sport, del meteo, di un hobby. Ma niente mai di troppo personale. Meno sai meglio è, tanto lui sa che non durerà, quindi perché condividere? A te chiede poco (se chiede chiederai anche tu non va bene) e ti interrompe spesso perché si annoia quando parli. Inutile perdere tempo ad ascoltare quando vuoi solo scopare.

Scrive poco, risponde in ritardo ai messaggi (leggi l’articolo perché non mi risponde qui), si limita a monosillabi e faccine. Dopo ore, mezze giornate. Doveva lavorare, non disturbarlo.

Non siete amici sui social (al massimo ti ha contattato su messenger e non vuole che tu veda quello che fa, scrive e il suo entourage), non conosci i suoi amici (non ti piacerebbero dice) non vuole che frequentiate le tue amicizie: voglio stare da solo con te abbiamo già poco tempo, preferisco stare solo con te, è più bello dice. Ma non è vero, ti vende un’esclusività e un’attenzione che non è reale.

Ti sta addestrando a fare quello che vuole lui: non uscire, non condividere, aspettarlo, non sapere, non chiedere e scopare.

Perché accetti questa misera vita di coppia? Perché lui è bello e ti piace un sacco. Perché quel “voglio stare da solo con te” te lo fai suonare come un privilegio, non come quello che è, una scusa. Perché in fondo i bei tenebrosi silenziosi misteriosi che ti trattano un po’ male ti sono sempre un po’ piaciuti. Perché pensi che sia timido o un ferito da qualche donna che lo ha trattato male e il tuo spirito da crocerossina ti suggerisce “io ti salverò e cambierò”. Perché pensi che andando avanti migliorerà. E quindi fai quello che vuole, vivendo di speranze e di briciole di quello che ti sembra almeno affetto.

A qualche lettrice che ci legge potrai sembrare una schiava, una poveretta che non si accorge di essere usata.

Più a rischio stashing le donne che escono da una relazione lunga e importante, che pensano di viverne una leggera e di passaggio, per poi trovarsi coinvolte emotivamente e distrutte nell’autostima… Di solito all’inizio non si fa caso all’atteggiamento “isolante” di lui e si accetta perché si parte un po’ insieme con le stesse idee di puro divertimento… poi però la donna si lascia coinvolgere e non capisce perché per lui è sempre uguale se non peggio.

E poi, care amiche che vi stupite su come si possa cadere nella rete dell’uomo dell’organo, anche se cinicamente ho descritto come agisce e cosa pensa davvero questo tipo di maschio può davvero sembrare non egoista ma gentile a tratti, riservato ma non stronzo.

E poi è bello, ti scopa spesso (l’unico vantaggio, anche se come dicevo tende a usare solo quella parte di te che gli piace davvero, quindi poca varietà) e tu pensi di poter investire nel futuro. Ci sono stasher gentili che invece che aridi sembrano timidi e musoni. Confonderai i suoi egoismi per manie che magari puoi cambiare, migliorare nel tempo.

Quindi vai avanti, in fondo non sei ancora innamorata, però sei presa abbastanza da lui e speri che la situazione migliori.

Fermati qui. Perché i casi sono due.

O ti lascerà lui (lo stasher uomo organo è uno dei pochi che lascia, spesso solo con un misero messaggio e senza rivederti per spiegare, al massimo breve telefonata di congedo) perché si sarà stufato o, più probabilmente, perché ha trovato una che gli piace davvero o solo più di te…

Oppure…

Se già lo stai riconoscendo dalle mie parole affrontalo. Se ci tieni ribalta la situazione. Chiedigli quello che non ti dà. Se rimanda ponigli termini temporali per vedere i suoi amici, per uscire, per avere una storia NORMALE.

Si arrabbia, se la prende con te, dice che non lo capisci, lo vuoi soffocare, non hai capito il concetto di libertà nella coppia? Tutte balle. Mandalo a cagare!

Se mi sbaglio ti darà quello che chiedi e non è un suonatore d’organi, forse voleva farlo ma tu un po’ hai fatto breccia. Forse… Ma mi raccomando… fatti non parole!

Se sparisce avevo ragione e tu hai fatto bene a metterlo con le spalle al muro e mandarlo a cagare o, semplicemente, vedere che ci mette davvero un attimo ad andarsene, alle prime richieste legittime di normalità di coppia. E lo avrai fatto prima di sentirti dipendente nei suoi confronti, prima di innamorarti davvero.

Non si rifarà più vivo. Forse qualche tentativo per saggiare il terreno con messaggi interlocutori ma non farti fregare: forse c’è penuria di figa in giro e lui cerca un porto sicuro e conosciuto pret a porter. Non rispondere. Non cadere nella trappola per poi sentirti riusata e rivedere la stessa superficialità, una volta ottenuto quello che vuole.

Soffrirai un po’ ma non troppo. Ti mancherà ma non troppo. In due mesi sarà un non troppo brutto ricordo. Ma solo perché hai agito tu e per tempo. Prima di essere abbandonata in un autogrill. È diverso: sei tu che sei scesa dalla sua auto e hai preso un pullman in direzione opposta.

Come diceva il mitico Bracardi: stashing FANGALA!

Sincerely yours


14 commenti

    • Ma l’amante può amarti e ti nasconde per non farvi scoprire. L’amante è orgoglioso di te magari un giorno ti sposerà lo stasher sa già che fine farai e che gli interessi solo per quello

  1. Ho frequentato per circa due mesi un uomo conosciuto sui social, vedovo da un anno. Non aveva ancora avuto una donna dalla morte della moglie e quindi l’ho sentita subito come una situazione a rischio per me, però mi piaceva e sono andata avanti. Mi ha detto da subito che eravamo molto diversi e che non sapeva se la nostra avrebbe potuto diventare una relazione importante. E questo mi ha tenuto sempre con gli occhi aperti e sul chi vive, non ho mai parlato di lui alle mie amiche.
    Mi ha raccontato tantissimo di sé e di sua moglie della sua famiglia di sua madre di suo fratello. Una sera mi ha anche presentato ai suoi amici. Solo dopo alcuni giorni gli ho chiesto cosa avessero detto, e la risposta è stata che dicevano che io non sono la donna adatta a lui.
    Per lasciarmi prima mi ha mandato un messaggio dicendo che stava frequentando due donne contemporaneamente. Non l’ho bevuta.
    Mi ha lasciato con un messaggio di Whatsapp con grazia ed eleganza, dopo 3 giorni da una cena al giapponese in cui si è parlato di quel messaggio, di come potrebbe proseguire la relazione, ma ho anche avuto l’impressione che non fosse riuscito vis a vi a lasciarmi.
    Per fortuna non mi sono innamorata.
    Lo interpreto in questo modo: ho avuto sempre l’impressione che stesse resistendo al fatto di innamorarsi E quando uscivamo c’era sempre sua moglie nei suoi discorsi.
    Può essere giusta questa mia interpretazione?

  2. Non lo so. C’è sempre la risposta classica non gli piaccio abbastanza.
    Però in questo caso sua moglie era sempre presente nei suoi discorsi, potrei dire che siamo sempre usciti in tre.
    Un vedovo dopo un anno può ancora avere l’impressione di tradire la moglie?

    • Se ha amato la moglie Potrebbe avere dei sensi di colpa che però se ti ama davvero dovrebbe vincere ormai. Parlatene apertamente

  3. Ti voglio sottoporre un altro quesito che ho.
    Il famoso giorno del WhatsApp, dopo una telefonata in cui gli chiedevo ancora chiarimenti e gli dicevo di lasciarsi vivere, gli ho scritto ancora Alcuni messaggi, a cui lui ha risposto usando l’imperfetto che è un tempo comunque passato.
    ” non hai sbagliato nulla. Non ho sbagliato nulla. Non eri la donna che faceva per me. Tutto qua. Buona fortuna”.
    Ho risposto ” Buona fortuna anche a te”
    Questo uso del passato, mi deve far pensare che mentalmente mi ha già lasciata alle spalle?

  4. Carissimo Pellizzari, ho scoperto il tuo blog non da molto e non smetterò mai di ringraziarti per tutti i tuoi articoli che mi hanno fatto riflettere molto sulle relazioni nell’era 2.0. Questo calza a pennello proprio adesso: ho 43 anni e ho iniziato da poco una relazione con un uomo di 25. Per alcuni aspetti lui rispecchia proprio l’uomo-stasher. Quindi gli ho detto che dobbiamo vederci perché voglio chiarire la situazione. Non sarà chiaramente la storia della vita, vista la differenza d’età, ma finché dura esigo una relazione normale. Lui dice che gli piace il fatto che io sia più grande perché indipendente e disinibita. Bene, questo comporta anche il fatto che io ragioni con la testa e non mi faccia confinare (nel letto). Che ne pensi della situazione?

    • Intanto grazie onorato. Penso che lui sia davvero molto giovane. Non fraintendermi non ho nulla contro le relazioni con differenti età ma a 25 una maturità completa non c’è per reggere una relazione con una donna più grande che non sia eminentemente ludica, almeno credo nella maggior parte dei casi. Non è una questione di età ma di maturità

  5. Grazie dell’onestà! Quindi le soluzioni sono: proseguire solo sul versante ludico, se mi sta bene… oppure chiudere del tutto. Non so ancora cosa ne pensi lui, lo rivedo tra pochi giorni.

    • Non sono un indovino faccio il giornalista e racconto le vostre storie. Io credo molto nel vostro sesto senso e intuito. Ti guiderà

  6. Rieccomi qui. Ovviamente si è dileguato, o meglio non l’ho più cercato e lui neanche. Alla fine il mio intuito mi ha guidato… grazie per i tuoi sempre preziosissimi articoli!

Rispondi