Home » I miei scritti » Quello che le donne non sopportano a letto

Quello che le donne non sopportano a letto

Model Sara Schwarz, ph Gianfranco Giachetti
Model Sara Schwarz, ph Gianfranco Giachetti

Dopo il fortunatissimo post Quello che gli uomini non sopportano a letto (che trovate qui) è arrivata l’ora della vendetta: tocca a voi, care amiche, stilare i profili del peggio di noi fra le lenzuola.E lo avete fatto in tante, sulla mia pagina facebook (https://www.facebook.com/alessandronicolo.pellizzari) o scrivendomi in privato.

Per l’occasione Sara, bellissima, famosa modella (http://www.saraschwarz.net/) e Superdonna che mi onora della sua amicizia, mi ha concesso la foto che potete ammirare e che ho scelto per stigmatizzare la pochezza di certi uomini. Essi, di fronte alla vostra bellezza offerta su un piatto d’argento, riescono a rovinare il più sublime dei momenti, quello della scoperta profonda del vostro corpo e del vostro piacere, in tutte le sue sfaccettature.

Ma bando ai miei romanticismi erotici da pesce estimatore di Superdonne e passiamo ai profili degli uomini impossibili a letto.

Il trovatore
No, non canta, lui cerca. Cerca cerca cerca… Il clitoride. Più o meno sa dov’è, ma non ci azzecca quasi mai. Ravana di qua, ravana di là, gli hanno detto che l’ombelico non c’entra. Spesso combina danni, masturbandovi il condotto urinario finché non urlate, o l’uretra si trasforma in faretra. A volte si pone in quella terra di nessuno che è l’entourage del punto focale, passandoci sopra quel tanto da farvi sperare, per poi deludere esplorando zone attigue poco erogene. In certi casi è fortunato e ci azzecca ma, come dice una mia cara amica, se hai avuto il culo di trovarlo perché non ci rimani, invece di allargare il cerchio? Molti trovatori, visti gli insuccessi, desistono ficcandovi in modo poco sapiente un dito lì, con scarsissimi risultati in termini di gemiti. Vietategli di toccarvi. E attente: fa confusione anche fra dietro e davanti…

Lingua di legno e sexyfrullo
Baciare, secondo me, equivale a prescopare. Dal bacio si capisce moltissimo. Per esempio, che l’uomo lingua di legno, il limonatore a mo di tergicristallo rigido, sicuramente non farà di meglio sul fronte sesso orale. Anche sexyfrullo, quello che con la lingua riesce a farvi la pulizia dei denti a ultrasuoni alla massima velocità forse nasconde un rapporto da otto secondi. Chi non supera l’esame bacio non dovrebbe entrare nel vostro letto.

Il pedalino
Sarà la fretta, sarà il freddo, saranno le sue abitudini ma lui vi spoglia tutta, si spoglia tutto ma… Si tiene le calze. No, non è una figura mitologica, esiste davvero. Che ve ne accorgiate perché vi state avvicinando ai paesi bassi per fare quello che più piace a un uomo o mentre si consuma l’amplesso, rischiate una repentina secchezza vaginale. Attente però: facendoglieli togliere potreste avere sorprese più raccapriccianti. Avete mai visto le unghie a pettine? Se ha un buco nel calzino potrebbe avere una lama acuminata sull’alluce: occhio ai polpacci!

Lo spingitore
L’ho già detto: la fellatio (pompinus vulgaris) è la migliore amica dell’uomo, ma lui non dovrebbe farvelo capire svitandovi la testa e premendola come un tappo di sughero sulla bottiglia. State già andando giù e lui spinge con la mano la capoccia. State lavorando e niente, lui spinge. Mordetelo, capirà finalmente.

Il latrin lover
Fra le cose insopportabili che denunciate, care lettrici, c’è anche lui, il latRin lover. Se l’uccello si chiama uccello, non può sapere di pesce o altro. L’igiene intima non è il suo forte? Provate a spruzzargli del profumo sul prepuzio: mentre urla per il bruciore capirà.

Il narciso
La sua stanza è piena di specchi. Il motel è pieno di specchi. Lui ha lo specchio in tasca. No, non è per vedervi bene anche quando siete a quattro zampe sul letto, è per guardarsi lui. I suoi muscoli, la sua aereodinamicità durante l’amplesso, i suoi glutei mentre spinge (si volta come se dovesse fare retromarcia): sono loro i protagonisti, non voi. Provate a togliervi piano piano da sotto: non se ne accorgerà, andando avanti da solo. La mia donna ideale sono io.

Lo spazzino
Molte di voi si lamentano dell’incapacità di molti di noi di usare la lingua con la dovuta arte. Certi arrivano al punto di rinunciarvi, altri fanno gli schizzinosi (pretendendo però che voi non facciate altrettanto), ma i peggiori sono quelli che usano la lingua come una ramazza sul pavé. Usano la lingua come il trovatore usa le mani: a caso, random, qui e là. E vi fanno prendere freddo, dimenticandosi zone dove sono passati tipo pozzanghera. Fategli la mossa di Blade runner: sì, quella dove la replicante bambola acrobatica gli stringe la testa fra le gambe e gliela ritorce. Troppo cattivo? Vedete voi

Il deodorante
È di due tipi. La versione puzzone, che usa il deodorante al posto della doccia e la versione candeggina, che si profuma così tanto da non distinguerne la differenza con il reparto detersivi del super. Che dire… C’è un idrante sulle scale?

Il tantrasutrico
Se c’è una cosa bella, quando si fa l’amore con una nuova compagna, è poterla guardare negli occhi nel mentre. No, lui no. Lui ha due obiettivi: durare ore come un maestro di tantra, finché non vi viene la cistite, e provare tutte le pose del kamasutra per passare il tempo. Tutto il repertorio vi dovete subire. Bene, dirà qualcuna: se dura a lungo orgasmi plurimi garantiti! Eh no… Mentre ci siete quasi lui cambierà posizione. Un supplizio.

Buona la prima
Dopo aver magnificato a voce le sue capacità a letto, dopo qualche preliminare classico, appena siete leggermente lubrificate scatta come una formula uno. Zac, ve lo ritrovate dentro in un secondo. Otto secondi dopo è già venuto, più veloce del cambio gomme a Monza (un’amica è arrivata a cronometrarlo). Bene, direte voi, gli piaccio talmente tanto che era supereccitato. Si ricomincia? Eh no, buona la prima! Poi dorme magari.

Il muto e il troglodita
Come la muta, la versione maschile, il muto, non profferisce verbo neanche sotto tortura. Non parla. Non ansima. E quando viene… Tossisce. La sua controparte è il troglodita. Si eccita solo se vi affibbia gli epiteti più volgari e, quando viene, urla godi brutta troiaaaaaaaaaaaa. Come sapete bene, per me non esistono donne zoccole. Però per quel brutta un ceffone ci sta, o no?

Il penetratore
La masturbazione? È un formaggio spalmabile dolce. Il cunnilingus? Una galleria particolarmente lunga, anzi linga. Limonare? Raccolta stagionale di agrumi. I seni? La controparte geometrica dei coseni. I capezzoli? Verdura della famiglia dei broccoli. La vagina? Piccola 24 ore. Insomma, avete capito: per lui sesso significa penetrazione. E basta. A volte, per la fretta, non trova il “buco” e voi, prima che entri come un treno in quello sbagliato, lo dovete pure accompagnare per manina. Una volta divertitevi a mettere una paratia in kevlar: vediamo se riesce a violarla a colpi di ariete!

L’intervistatore
Stai godendo? Godi? Ti piace? Ti piace davvero? Vado più forte? Vado più lento? Cambio posizione? Sei venuta? Hai goduto? Ti è piaciuto? Sono durato abbastanza? Ce l’ho grosso? Come sono venuto? Sei venuto mosso caro. E taci. Please.

Questi, care ragazze, sono i profili di uomini da bannare dal vostro letto che mi avete segnalato di più. Ne manca qualcuno? Aggiungetelo nei commenti qui sotto.

E voi maschietti che vi siete riconosciuti, per favore, per una volta non fate come quelli che quando una non gliela dà dicono: son tutte troie! La verità è che ci sono molti incapaci. Anche di imparare. Se continuate così non ve la RiDarà di sicuro.

Conosco la metà di voi solo a metà e nutro per meno della metà di voi metà dell’affetto che meritate

Sincerely yours


18 commenti

  1. Ma la cosa più divertente che , a differenza degli uomini che si creano problemi di ego a raccontare di donne poco performanti, noi donne ne parliamo eccome!!!

  2. Caro Alessandro, vorrei sottoporti una ulteriore condizione che unisce molte delle suddette. Ho 58 anni, molto ben portati ( dicono) ma non amo relazionarmi con uomini molto più giovani di me. Va da sé che la maggior parte di uomini miei coetanei o più grandi di ne, hanno già a che fare, a diversi livelli di gravità, con la temutissima ipertrofia prostatica, con tutto ciò che ne consegue.
    Tengo a precisare che, per educazione e sensibilità, non mi sono mai nemmeno sognata di assumere atteggiamenti irridenti o svalutanti, nemmeno di fronte alle peggiori defaillances, ma ho sempre cercato di avere un comportamento comprensivo e paziente, consapevole dell’esistenza di questi problemi e del fatto che, arrivati a una certa età, bisogna costruire la relazione su altro e non solo sul sesso, puntando magari a meno quantità e più qualità.
    Però, dico io, se mi mostro comprensiva io e non ti presso, ti metto comunque a tuo agio, mio caro sessantenne iperprostatico, perché non ti tranquillizzi e accetti serenamente i tuoi limiti anche tu, invece di intestardirti accampando false scuse ( di solito non mi succede mai….. forse dovresti metterti così, no cosà, magari ripriviamo tra un pò….) passando attraverso molte delle fasi che hai descritto tu dal turpiloquio ( La prima volta che facciamo l’amore mi dai della tr….????) Allo spingitore assatanato che ti costringe ad estenuanti performances da blocco della mandibola. Naturalmente l’attenzione alla malcapitata che incocciaibcappa in questi soggetti è prossima allo zero. Sono troppo presi dall’urgenza di svegliare il loro indisciplinato valter ( come lo chiama la Littizzetto) per prendere in esame le esigebze della poveraccia di turno. Quindi ti chiedo, caro Alessandri, di fronte a proliferare di questi siggetti, che rappresentano la stragrande maggioranza del pkafond di papabili, una donna della mia età, che fa? Se la cuce?

    • Sei troppo simpatica. Pensa che ci sono quelli che se la prendono pure con voi dicendo che non ci sapete fare abbastanza… non c’è niente da fare se non cambiare e mai accontentarsi. Ci si deve da fare in due sentimentalmente e non, sempre. L’amore ama la parità

  3. Quelli invece che baciano con la lingua moscia e dispenso saliva manco fossimo dal dentista con la bocca aperta da ore?
    Quelli che ti fanno stare sopra per comodità? Per carità, sono gli squat migliori… ma datti da fare anche tu!

  4. Oddio l’iperprostatico muoio!!! Avevo infatti già in mente di aprire a prospettive nuove di uomini più giovani, questa cosa mi ha definitivamente convinta per il futuro hahahaha (ora ho capito perché nelle coppie che conosco in cui lei ha anche una decina di anni più di lui c’è tanta gioia nell’aria)

  5. e quello che a tutti i costi spinge e spinge e spinge dietro ancora e ancora se non ci fosse un domani cercando di entrare nell’Antro della Sibilla nonostante il tuo divieto..salvo poi ammosciarsi in quattro e quattrotto dicendo che e ‘stanco e domattina deve alzarsi presto…ne vogliamo parlare!?!???

  6. Ti prego Alessandro mi fai morire
    E veramente tra tutti il paragrafetto sul Penetratore
    Non riesco a scrivere a fare null’altro che ridere sghignazzo irrefrenabile!
    Quella poi che la vagina = piccola ventiquattro ore
    Ah ah ah ah ahhhhhhhhhhhh

    Grazie,morta!!!!!!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.