Home » Amanti » Mio marito è tornato

Mio marito è tornato

Matrimonio: ricominciare è possibile?
Matrimonio: ricominciare è possibile?

 

Caro Alessandro, è passato un anno e mezzo da quando ti scrissi che trattavi sul tuo blog solo di amanti deluse, sedotte e abbandonate da uomini che, nella maggioranza dei casi, tornano dalle mogli per i figli o per lo status o per convenienza economica

Secondo le tue stime solo una minoranza torna a casa perché realmente innamorato della propria moglie. Ecco, io spero, e dico spero, di far parte di quella minoranza.

Uscito di casa due anni fa perché scoperto dopo più di due anni di relazione con un’altra donna si è vissuto finalmente quella storia alla luce del sole, niente più bugie libertà assoluta di frequentazione…

Non ha mai voluto andare fino in fondo, nessuna convivenza con lei, nessun salto di qualità per quel rapporto che non aveva più impedimenti.

Io moglie disperata (mai in sua presenza) ho capito i miei sbagli, ne ho fatto tesoro e ho iniziato un percorso dalla psicoterapeuta che seguo tutt’ora e che mi ha aiutata moltissimo a gestire la rabbia e a fortificare me stessa in previsione di una vita da reinventare.

Dopo 8 mesi di amantato ufficiale è tornato da me… Inutile dire che l’ho perdonato e che adesso, a distanza di quasi due anni, il nostro matrimonio funziona. Condividiamo molte più cose e dai nostri errori abbiamo imparato.

Una parte di me sarà sempre guardinga, la fiducia è difficile da regalare quando sei stata tanto ferita, ma ci proviamo.

Ho visto un film una volta in cui la madre della protagonista diceva alla figlia disperata perché tradita: lascialo andare… non c’è niente di meglio di una dose massiccia di amante per far tornare un uomo dalla propria moglie.

Ogni giorno per me è diverso: giorni belli e giorni di paura che lui possa ferirmi di nuovo. Non credo alla favoletta che è tutto rose e fiori… non sarà mai più così ma proprio perché si è consapevoli dei motivi che ci hanno allontanati si lavora insieme affinché non riaccada.

Se guardo al passato vedo i gravi problemi di famiglia, ma esterni alla coppia, che mi hanno necessariamente assorbito qualunque energia, io poi sono una madre troppo (ora l’ho capito) ossessivamente attenta alla crescita dei ragazzi.

Lui mi parlava del suo lavoro e io non lo ascoltavo più. Lui mi chiedeva di accompagnarlo nei viaggi e io dicevo sempre no. Ma lo amavo allora come adesso. Solo lo davo per scontato. Non era solo il sesso credi che poteva rappresentare un varco verso un’altra. Un uomo vuole sentirsi accolto, capito ascoltato

Vorrei che tante delle donne-amanti che ti seguono non si raccontassero solo la favoletta che il loro uomo torna a casa perché costretto da cause di forza maggiore ma perché a volte, credo molto più del 10% dei casi, si accorgono che spogliato del brivido del proibito, del sesso dei primi mesi una donna non sempre è la compagna di vita che sogni e che, nel mio caso, era già tua.

Non tutte le mogli sono donne avide che sarebbero pronte a tenersi un marito traditore solo per status o soldi.

Sono una donna indipendente economicamente e i figli sono grandi. Ci sono donne come me che potrebbero vivere benissimo del proprio stipendio ma che nonostante tutto amano e credono ancora nel proprio amore.

E spero di poter continuare a condividere un messaggio di concreta rinascita.

Ho anche un messaggio per le mogli in crisi che vogliono recuperare il rapporto anche di fronte a un tradimento.

In concreto ecco cosa ho fatto io:

 

1. Mai piangere davanti a quell’uomo che sta vivendo tutte le sfumature di grigio fuori casa con un’altra donna.

 

2. Mai ridere come se non aspettassi altro che liberarti anche tu di lui perché lo prenderebbe come alibi per scaricarsi la coscienza.

 

3. Mai senza trucco e tacchi a qualsiasi ora si presenti per fare salutini vari ai figli… questo ha funzionato tantissimo!!

 

4. Bene che sappia che non sei murata viva, che esci con amici che lui non conosce, ma senza esagerare.

 

La mia non è stata solo tattica, ero troppo a terra per avere quel tipo di energia strategica ma mentre io cercavo di rinascere lui mi ha riscoperta. Il resto ancora è da vivere.

Se tutta la sofferenza è servita a ritrovare una centratura allora ripiangerei tutte le lacrime che ho pianto.

 

Una lettrice

 

 Grazie cara lettrice. È vero, parlo spesso di amanti e le difendo soprattutto dai maneggi dei tanti uomini che si dichiarano innamorati sapendo che non lasceranno mai la famiglia, imponendo un calvario fatto di momenti entusiasmanti e attese da tossicodipendenza, come ha efficacemente detto nei commenti un’altra cara lettrice. Ma il tuo punto di vista è quello della moglie tradita, che ha perdonato e che ha vinto (dopo due anni puoi esserne quasi certa) o sta per vincere la sua riconquista del marito.

Un punto di vista interessante che dovrebbe far riflettere quelle mogli che per il tradimento del marito se la prendono con le amanti, magari perseguitandole, come se la febbre fosse colpa del termometro che la misura.

Un punto di vista interessante anche per le tante amanti che si chiedono perché lui è tornato dalla moglie o perché, ormai libero, non convive con loro.

Discutiamo sulle tue parole.

 

I mariti che tornano dalle mogli perché innamorati sono una minoranza.

Purtroppo è vero. Non sarà il 10, sarà anche il 20 per cento ma non di più. E sai perché? Perché tutte le amanti lasciate o più spesso costrette a lasciare se li vedono ritornare. Per sesso, certamente, a mani vuote, certamente, ma un uomo che ricerca un’amante (o altre) non si è di nuovo innamorato della moglie. È tornato per i soldi, per i figli, per paura, per coercizione, per debolezza. Ps: non vanno meglio gli amantati che diventano nuovi matrimoni, siamo sulle stesse cifre o meno. Rarità o, se preferisci, minoranze.

 

 

Lui una volta libero non è andato a convivere con lei

Questo è stato un tuo enorme vantaggio e dovrebbe far riflettere tutte quelle amanti che, finalmente ottenuta la separazione legale e fisica, vedono che invece di godersi la libertà ha un piede sul freno, non apre le porte della sua nuova casa, addirittura ci va sì e no con la scusa dei figli… Tanti uomini cedono alla voglia di libertà convinti al 60%, si vede proprio da, come dici tu, dal mancato salto di qualità importante con l’amante.

 

 

Ho capito i miei sbagli, gestito la rabbia.

È stato il tuo passo fondamentale, grazie anche alla terapeuta giusta. Gestire la rabbia, un sentimento normale di fronte al tradimento di chiunque, è importantissimo, perché finché c’è rabbia o rancore una donna non può capire se è ancora innamorata o se è davvero finita con lui.

 

 

Sarò sempre guardinga, la fiducia è difficile.

Altra reazione normale e purtroppo, ci vogliono in media almeno sei mesi dal perdono del tradimento per non avere più tanti flash di lui e l’amante a letto insieme quando fate l’amore voi, o non guardare con sospetto il suo indugiare sul telefono, o non soffrire ogni volta che torna tardi o è in trasferta. Molto dipende dal suo comportamento: un uomo veramente innamorato, veramente tornato da te si comporta in modo rasserenante. Se dopo due anni di rinascita hai ancora leggeri problemi di fiducia credo che sia normale. Il tradimento è una cicatrice che sente quando cambia il tempo.

 

 

Lascialo andare… Una dose massiccia di amante è la medicina giusta

Tenerlo per forza no di sicuro. Quindi sì, lasciarlo andare, ma che sia conscio che tu, seppur ancora innamorata, potresti trovare un altro. Che ne sia ben conscio. Mi ritengo libera anch’io… Senza esagerare, ovvio che non diventi la “vedova allegra”. 

 

 

Io non lo ascoltavo più, badavo ai figli, non viaggiavo più con lui…

La routine e la noia sono i nemici numeri uno dei matrimoni più longevi. Adagiarsi sugli allori è un veleno, sia che lo faccia lui sia che lo faccia lei. Togliere il sesso a un uomo lo manderà a cercarlo fuori, prima o poi. Trattarlo come l’ultimo dei figli lo fa sentire solo e incompreso. Togliere alla coppia degli spazi esclusivi come weekend da soli, cene o comunque spazi di privacy è letale nel medio lungo termine. Se poi, come sempre, si aggiungono casini esterni, la coppia non ha più la forza di tenere di fronte allo tsunami.

 

 

Non c’entra solo il sesso, un uomo vuole sentirsi accolto, capito, ascoltato

Il sesso è il motivo numero uno di tradimento. Ma quello che dici sulla comprensione è vero. Quante “amicizie” fra sposati e donne single (che mai sarebbero andate con un uomo occupato!) sono diventate “migliori amicizie” toccando i vertici della confidenza per poi sforare nel sesso? Molte. E quante amanti si ritrovano a fare le psicologhe a gratis di uomini che non lasciano la moglie ma hanno bisogno di una spalla sulla quale piangere? Tantissime. Certi tornano dalle amanti e magari non chiedono sesso (all’inizio…), ma una seduta di terapia gratis. Perché solo tu mi capisci…

 

 

Non tutte le mogli vogliono tenerselo per avidità, status o per forza

Vero, però credimi, ce ne sono tante che perdonano perché conviene. Perché non vogliono rimanere sole. Perché nel paesino si parlerebbe male. Come sapete, l’unica vera ragione per una separazione in casa (vera, non finta) che io ritenga valida sono i figli piccoli o nella fase dell’adolescenza, salvo la guerra dei Roses. Per il resto una moglie che vuole tenersi il marito lo dovrebbe perdonare perché lo ama ancora nonostante tutto e vuole lottare per tenersi il partner.

 

 

Sui tuoi pratici consigli alle mogli

Sono d’accordo: fare la vittima piagnucolosa, fatti salvi i pianti fisiologici dell’inizio e qualche lacrima inevitabile in corso d’opera, è controproducente. Dignità trasmette sicurezza e struttura, e la sicurezza deve far pensare a lui che voi, fra un po’, potreste non più perdonarlo. O innamorarvi di un altro. O semplicemente andare a letto con un altro. Sul trucco e i tacchi sottoscrivo: à la guerre comme à la guerre, non esageriamo con le strategie ma la moglie compete sempre con una donna di base più sexy e novità e spesso più giovane.

Chiudo con un pensiero. L’ho già scritto: non esiste la vacca che rovina il pascolo degli altri, e non ci si può lamentare se il vento entra dalla finestra lasciata aperta e butta giù piatti e bicchieri lì belli impolverati da anni. L’amore è semplice, anche nella rinascita di un matrimonio: bada ai fatti. Non sarà mai quello di prima, ma un matrimonio che risorge è una casa quasi del tutto nuova, non basta una ristrutturazione.

Sincerely yours

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


139 commenti

  1. Sarò cinica. Io non credo alla resurrezione dei morti.
    Quando un uomo tradisce la moglie continuativamente ed esce pure di casa per viversi la cosa “alla luce del sole” e poi, stanco (o mollato perché magari non ha mai davvero concretizzato con l’altra) torna a casa…ecco per me c è una certa dose di…”E ora che faccio tutto solo?..beh dai, fine gita…torno a casa”.
    Sono cinica…ok.
    Boh.
    Io non me lo sarei mai ripreso.
    Chapeau.

    • Sono due anni che è tornato. Evidentemente i fatti ci sono. Succede. In casi di minoranza succede. Ne conosco diversi personalmente. Anch’io lo credevo impossibile

      • Due anni. Lo stesso periodo che ha impiegato l’uomo che frequentavo a trovare me dopo la sua precedente “distrazione”.
        Io ne ho impiegati molti di più. Ho confessato il mio precedente tradimento e ho avuto anche un figlio nel frattempo.
        Non ci credo.

    • @Oldplum sono d’accordo con te. Ma non é da escludere che anche la tradita/lasciata si sia raffreddata e se lo riprenda in casa dopo averlo stramaledetto.. perché crede sia sempre meglio che invecchiare da sola. L’amore è per i coraggiosi.
      E poi il sesso come torna? Mi serve desiderarlo un uomo, mi serve accettare il suo odore umano, sentirmi attratta dalle sue imperfezioni fisiche che su di lui diventano ‘bellezze oscene’.
      No, per me niente minestra, grazie.

      • Qui c’è stato un grande lavoro su se stessa e di coppia che ha portato alla vera riconciliazione e due anni di riconvivenza felice

      • @Cossora faccio mia la tua espressione “imperfezioni fisiche che diventano”bellezze oscene”
        Stupendo modo percettivo di esprimersi rende benissimo,il concetto

        Poi vero pure il tuo nuovo punto di vista in cui pure l’amante lasciata potrebbe riprenderselo per paura della solitudine o qualunque altro motivo suo psicologico
        Dipendenza rifiuto di accettare di essere stata rifiutata dopo però un lungo tempo in cui l’amante ci ha fatto vedere e abitare la luna e le stelle con le promesse e falso amore

        E qui ci tengo pure a lanciare nel Blog pure questa mia riflessione che ,forse tutte qui siamo amcora troppo dentro o da poco tempo fuori dal nostro cambiamento
        Allora mi e vi chiedo chi qui ha espresso il proprio no alla situazione di riconciliazione del marito e mogle

        È comunque di accordo sul fatto oggettivo che ciò che qui esprimiamo me compresa ovvio,è il nostro pensiero di adesso ,ma credo sia relativo al fatto che troppo poco tempo è passato dalle nostre esperienze di amanti
        Ci stiamo ancora dentro emotivamente temporalmente troppo vicine per riuscire ad essere proprio certe e convinte del no non è possibile o non mi va o non ci credo all ritorno in famiglia del marito e moglie.

        Avanti con i commenti
        Sono tutta orecchie no ma occhi per leggere col pensiero e il cuore sempre!!

    • Concordo con te. Io nemmeno credo alla resurrezione dei morti nè tanto meno di un sentimento come l’amore.
      Non credo alle minestre riscaldate.
      Quanto all’elenco dei consigli…beh…l’elogio della finzione e su tacchi e trucco poi…lì mi sono venuti i brividi.

      • Lei poi dice anche che ancora non si fida del tutto di lui.
        Dopo 2 anni?
        Dopo lavoro e riconvivenza felice?
        1. Non l ha perdonato davvero
        2. Non c è amore senza fiducia
        3. Chi nasce tondo non muore quadrato

        • Dice che ha ancora qualche problema di fiducia. Dopo un tradimento rimangono cicatrici. Puoi fidarti ma avere dubbi. All’inizio lo pedini poi quando dopo due anni hai solo degli sprazzi di mancanza di fiducia te lo risolvi da sola non mettendolo in discussione. È umano. Certe mogli sono umane

          • Io glielo auguro. A lei e a lui. Conosco personalmente delle coppie nelle quali uno o tutte e due hanno tradito e che ora sono più solide di prima. Anch’io non ci credevo ma lecho viste con i miei occhi. Ma contano i numeri. Bassi ma esistenti

        • @Oldplum molto interessante il tuo commento
          E mi fa sorgere due riflessioni immediate
          1 ) il tempo che si impiega per riconciliarsi non si può incasellare in nessun anno
          Soggettiva la ripreasa di tutto
          Fiducia compresa
          E tutto il resto
          È come scritto in altro mio commento la vita è cambiamento movimento
          Nulla è mai come prima
          Il passato non torna
          Si rinnova nasce il nuovo dal passato
          Quindi in pratica non siamo numeri ,ma esseri umani ognuno con la sua testa alcuni certo sono teste di cXxxxo , ma non fanno parte di questi che si vogliono riconciliare nel matrimonio

          2) non sono d’accordo sulla massima che chi nasce tondo non muore quadrato
          Per via sempre della natura e le sue leggi che governano tutto il funzionamento del universo e pure quello umano
          Dove si nasce e ci sembra di essere tondi ,ma invece siamo proprio a vivere per riusvire a scoprire la nostra vera essenza o forma il compito più fpdifgicile nella nostra vita
          Scoprire la nostra forma/sostanza vera quella che non si vede da fuori ,quella che sta coperta dai condizionamenti dalle esperienze dolorose traumi dalla nascita alla prima età adulta

          Tutto si trasforma in un continuo
          Fa paura pensarci perché l’ignoto fa paura
          Ed evolverci pure
          Allora a volte noi stessi tutti si preferisce pensare che tutto sia immutabile fermo univoco
          Perché questo da sicurezza
          ,ma la natura ci ha progettato per il contrario
          Cambiare nel corso della nostra vita
          A partire dalle nostre cellule che ora che chiudo qui scrivendoti un tot delle mie stanno morte e già sento le nuove formme di me stessa
          Come un bel abbraccione mio dedicato adesso a te e soltanto per te!!

    • È la prima volta che scrivo un mio commento su un sito quindi perdonatemi se non sarò chiara.Io ho vissuto entrambe le esperienze, moglie tradita e fidanzata lasciata per tornare dalla ex moglie. Posso dire da moglie tradita che lui è tornato, ha lasciato l’amante con la quale stava da diverso tempo. Non l’ho riaccettato, perché sapevo che avremmo solo allungato l’agonia, che c’erano molti validi motivi per restare insieme(ero incinta all’8 mese) ma che sarebbe stato in fondo sempre un accontentarsi reciproco. Ci saremmo abituati, ma no, non volevo questo. Da fidanzata lasciata dico solo che nonostante sia tornato con la sua compagna, dopo un breve periodo ha ricominciato a cercarmi perché in ogni caso qualcosa che si è rotto fino al punto da lasciare così tanto spazio da innamorarsi di un’altra persona non può essere aggiustato. Ci si può solo abituare per paura di cambiare. Questo è ciò che ho vissuto io, unicamente la mia esperienza.

  2. @Alessandro quanto ho trovato bello interessante e soprattutto come sempre utilissimo una vera chicca che completa il quadro coppia in ogni suo punto di vista e composizione

    Questa analisi credo veramente possa aiutare tutti i ruoli di esperienza in cui si vive ancora per alcuni qui
    O pure per chi ne è uscito

    Perché pure per chi ha già chiuso la esperienza il fatto di poter guardare da un altro punto di vista al proprio passato è molto utile e importante perché ci da la possibilità di essere consapevoli in modo completo più completo dei nostri meccanismi motivazioni e pure relative convinzioni verso l’altro e suoi comportamenti che ci hanno ferito ,ma che appunto non sempre si ha la capacità di mettersi dal punto di vista altrui e che significa esattamente guardare un insieme per poi riuscire a scomporlo in ogni particolare

    Un vero viaggio che trovo qui come sempre e ogni volta mi sorprendi per la tua capacità introspettiva ,ma leggera e cioè riuscire a trasmettere messaggi importanti che vengono impressi dentro in modo da generare le nostre riflessioni piano piano
    Come una BELLA CRESCITA di noi stessi!!
    E che dirti di più se non

    Caro Alessandro
    Grazie a te si rinnova con la costante emozione del cuore!

      • @Alessandro ,non farmi arrossire,…
        Quel che certo che riesci qui a farmi ridere ah ah ah
        E questo non è poco in effetti

        Si potrebbe pensare che… tra noi…

        Oltre alla Apparenza ridanciana
        ci sta nascosta la vera Sostanza
        Che sta tutta qua alla Luce del sole
        Del nostro scriverci in tandem spesso ,ma non è colpa mia se spesso sto n sintonia col tuo pensiero,
        Ok devo dirlo?

        Si lo so,sto sfacciata , galoppo nuda a pelo nel vento,e ti raccolgo in corsa,
        E allora????

        Ridiamo tutti insieme ,ma solo dopo averti letto e riletto
        Per crescere ancora meglio qui tra le tue righe e parole scritte apposta per tutte/ti noi!

  3. Io non concordo su “tacchi e trucco”, e dopo che fai? quando torna continui con tacchi e trucco perché altrimenti se ne va di nuovo per una con “tacchi e trucco”? Posto che la sciatteria non va mai bene in primis per se stessi, ma la libertà di farsi vedere dal proprio marito col pigiamone e spettinata ogni tanto senza aver paura che lui guardi altrove? mi sa di vita sempre sul “chi va là” dopo quello che è successo…

  4. Con qualche piccola differenza, è quello che è successo a me e a mio marito. E anche noi ci siamo ritrovati e sono due anni ormai. A differenza della lettrice però io non ho mai rinunciato ai viaggi con lui, il quale non è mai andato via, non mi ha mai lasciato, ma dopo tre anni e mezzo, ha lasciato lei.

  5. Se l’ha tradita per due anni non l’amava piu E non ne era innamorato.
    Quindi si è ri innamorato della moglie?

    Io non penso sia possibile ri innamorarsi e amare una seconda volta la stessa persona. Le potrai voler bene, anche infinito.

    Comunque bravi, se son sinceri e onesti con loro stessi. Lei la leggo frenata e strategica. Lui si fa trasportare dagli eventi.

    Mah…

    • @Luce credo che sia necessario distinguere tra luomo amante che dice a parole di non amare più sua moglie e invece pur tradendola la ama ancora

      Ok sembra dire una bestialità,ma mi chiedo quale sia la reale percezione del marito che si fa l’amante ,ma resta ben ancorato a casa sua
      Certo a parole può pure dire male della moglie alla amante
      Ma poi nella testa bacata maschile mi sa che sti maschi abbiano un concetto molto diverso dal nostro di cosa sia Amare veramente e se fosse così come esprimo qui allora cadrebbe il discorso del
      Ri – innamorarsi ,ma potrebbe sempre essere uguale innamorato lo stesso solo che si scopa la amante e ci sta bene pure come amica confidente, però Ama la moglie

      Da dibatterci su questo ,vorrei avere tue opinioni che rilancio qui a tutti

      Credo che ancora siano rimasti troppo al solito maschilismo che pure possibile si riflette sul modo in cui proprio sentono l’amore

      Sta Diversissimo dal nostro Se ti Amo non ti tradisco
      In generale credo che siano in molti maschi ad amare tipo
      Ti AMORONZO …

      Fanno confusione col Sesso
      @Alessandro
      Che ne dici su anche tu su questo ?

      • No anche noi uomini quando amiamo diamo l’esclusiva se amiamo davvero. Non esiste un amore parziale di genere

        • Si ok questo lo so pure perché per fortuna lo h vissuto nel mio matrimonio

          Ma ecco mi sorprende il dato e cioè immagino qui tu ti riferisca ad una indagine statistica
          E non solo di certo a te stesso o nel proprio entourage di amici e parenti che pure ovvio fanno pure un numero più che valido a contribuire ad una statistica.

          Quindi ti riferisci a un dato di maggioranza statistica che si è espressa in questo termini ?

          • Ma Ariel secondo te io metto i dati del bar o delle dieci persone che conosco? Ovvio che sono statistiche da varie fonti nella peggiore delle ipotesi stime ragionate sui grandi numeri

          • @Alessandro,cercherò di moderararmi
            Il Negroni è na vita che non lo bevo!!!
            Ora che lo hai nominato mi ci vorrebbe proprio un bel ripasso..!!!
            Ah ah
            Perdonoooo
            Sai pure tra fidanzati ci stanno questi scambi ah ah ah

          • Te lo offro io quando ci vediamo con le altre col bel tempo una serata Pellizzari ci sta

          • UAUUU mi è SCAPPATO LO STAMPATELLO MAIUSCOLO
            CHE STA PER ENTUSIASMO EMOZIONE BELLO BELLISSIMO
            GRAZIE !!!

            Stampatello EMOTIVOMPOSITIVO!!!!
            Hai idea almeno del mese perche sono una viaggiatrice o meglio vivo un po’ qua e un po’ la e possibilmente avrei bisogno di un poco almeno di anticipo per sapermi organizzare
            Al fine di esserci raggiungerti e vi tutti

            Sto complessa vita mia!!!
            Non vedo l’ora !! GRAZIE!!!!

          • @Oldplum ma vedrai che poi nella realtà non dovrai usarlo il Teaser
            Perché la Apparenza inganna

            Certo sento già la tua risposta quale potrebbe essere e rdo da matti
            Tu mi risponderesti sicuro :

            ” si ,ma la prudenza non è mai troppa”

            Seguito da

            “Meglio non rischiare”

            Ah ah ah ah!!

  6. Perché mi viene la pelle d’oca? Ma statisticamente quindi “torna” il 10% di quel 10% che se ne era andato, cioè l’1%, o ciò comprende pure coloro che non se ne sono mai andati?:))) e quelli che hanno da tornare se non se ne sono mai andati? Tornano col cuore? Sarà vero? Dopo anni che mentono ogni giorno?

    • Due su dieci tornano dalla moglie per amore gli altri, tanti, non la mollano neanche ma non la amano

      • Sono comunque molto pochi. Quindi potremmo dire che una vita di coppia soddisfacente, sincera e felice viene scelta da due, tre uomini su dieci, la maggior parte ha altre priorità. Eppure Alessandro io sono convinta che sia il motore di tutto, la vita è completamente diversa se condividi le cose con la tua persona speciale, anche e soprattutto le difficoltà. Da cui meglio sola che accoppiata male, in caso.

        • Attenzione: 2 uomini su 10 che tradiscono tornano per amore dal coniuge e rinasce una coppia. Il mondo di chi tradisce? Il 60% delle donne e il 50 degli uomini ha tradito almeno una volta

  7. Io continuo a non capire un concetto. Tradire, avere un periodo/momento di sbandamento e debolezza ok. Reagire alle disattenzioni in casa ok. Momento di crisi, scoperta, dolore, rimettersi in discussione, pentirsi, rilanciarsi come coppia ok. Ma dico io, anni di perfette bugie. Come mi fiderò mai più di una persona che per anni mi ha guardata negli occhi mentendomi. Due tre anni sono una vera e propria doppia vita, non è scopare in giro perché a casa non ti basta e sei incazzato perché ti senti l’ultima ruota del carro. Ho accanto una persona capace di mentire per anni, come cavolo glielo riapro il mio cuore, come gli permetto di farmi ancora male? Posso tenerlo con riserva, razionalmente facendo il conto dei benefici, ma mi sembra davvero strano reinnamorarsi.

    • Sicuramente una cosiddetta scappatella può capitare a tutti ma in media i tradimenti durano dai sei sei ai due anni. Su questi solo 2 su dieci producono nuovi matrimoni con l’amante e solo due su dieci mariti tornano dalla moglie per amore e vero pentimento

  8. sulle “regole” io sono invece d’accordo, semplificando stanno a significare che non bisogna mai darsi per scontate, è un classico che una volta sistemate ci si adagia. Non deve essere una strategia ma un modo di vivere, sempre sul pezzo, prima per se stesse e poi per gli altri che ci accompagnano nel percorso di vita. Quante di noi in fase di corteggiamento, fidanzamento, amantato si sognano di presentarsi non in “tiro”? E non per strategia, ma perché si sentono strafighe, si amano, si piacciono, amano prendersi cura di sè.
    E non è finzione quella che suggerisce la nostra scrittrice, è amor proprio, dignità,
    e sul recupero del matrimonio? beh io ci credo, come capita il 10% che molla la vecchia strada per la nuova, capita anche chi ricostruisce, attraverso dolorosi percorsi di rinascita e di riscoperta di se stessi e dell’altro. E ovviamente anche in questo caso bisogna essere in due per volerlo, non uno solo.
    pace e bene donne e tanto di cappello a Costanza.

    • Sottoscrivo. E come dice Daniela, la preziosa contributor di questo blog che ci mette in guardia dai narcisisti, io tacchi e trucco li metto naturalmente e per me prima di tutto

      • aggiungo che non sono i tacchi e il trucco che ti rendono gnocca, aiutano sì, ma si è femmine anche col pigiamone … dipende come lo indossi

      • Si certo. Questo è ovvio. Do rebbe essere la regola..ma se li metti dopo che scopri che tuo marito ti ha tradito…non li metti tanto per te. Mi sa di forzatura. Poi passa il momento, si entra nella comfort zone e tutto torna come prima.

        • @Franca di nome e di fatto. Dai, tranne l’eccezione è una forzatura anche per me. Te la fai andare bene e se la fa andare bene. Ma al netto della paura di non trovare più nessuno, a meno che la fiamma sia sempre rimasta accesa.. perché imporsi un impegno al fine di riesumare un sentimento? Perché se lo impone lei? Perché se lo impone lui? Io resto scettica.. uno dei due non ha mai smesso di desiderare e l’altro fa forza su quello.

    • @Ema sottoscrivo in totto il tuo commento ,ma proprio dalla A alla Z!!!

      Ok devo ammettere che sono di parte e cioè la mia convinzione ovviamente è condizionata dal fatto che ho vissuto il mio matrimonio lungo e positivo e non esente da crisi ,ma ,ci Amavamo Seriamente Sinceramente Profondamente così tanto da durare a lungo tempo ( sono vedova)

      Sono quindi convinta che se ci sta la voglia di entrambi,la voglia non riguarda il pensiero logico razionale ,ma è Amore e l’Amore non pensa agisce ci si corre incontro semplicemente per abbracciarsi toccarsi sentirsi dentro profondamente,la voglia di proseguire il cammino che sta nuovo perché nulla nella vita resta come prima
      La vita è movimento cambiamento continuo
      È la Bellezza del vecchio e del nuovo che nasce dal vecchio in un moto ondoso perpetuo ,il mare la mareggiata forte ,il vento di Libeccio ,la calma la Tramontana ecc.

    • Grazie Emy! Io comunque non sono mai stata trasandata, anche durante l’amantato di mio marito, tanto che lei cercava di convincerlo che anche io lo tradivo! Ma sono sempre stata così, fin da ragazza, se dovevo uscire anche solo per comprare il pane, mi truccavo e mi mettevo in tiro! Eppure…. mio marito ad un certo punto non mi ha visto più! E ora? Ragazze vi assicuro che non è una minestra riscaldata! È vero amore! È passione! Boh! Non so spiegarvelo, è come se lo vedessi di nuovo come i primi tempi della nostra storia e a giudicare da come mi guarda, mi tocca e mi bacia per lui è la stessa cosa! Non credevo potesse succedere ma è così. Sembriamo due ragazzini e spesso ci scambiano per amanti
      ( 54 anni io 52 lui) Forse non ci eravamo mai dimenticati veramente e il nostro amore è stato più forte di tutto.

      • @Costanza

        Bellissimo ,verissimo L’Amore vero non pensa Ama agendo nel nuovo tutto ,la vita scorre tutta nel nuovo
        Buon proseguimento!!!!!

      • E scusa Costanza…tuo marito ti ha raccontato quello che la sua amante diceva di te?
        Cmq…io faccio fatica a credere che possa succedere. Come si può rientrare in un matrimonio dopo anni che si è stato altro, con altro?
        Come fai a rivederlo come ai primi tempi della vostra storia. È un altra persona.
        È questo che non riesco a capire.
        È questo per me il senso della minestra riscaldata.
        Davvero faccio fatica.
        Davvero lo ritengo difficile.
        Ma se leggo te…beh…sembra tutto perfetto. E mi fa quasi paura tutta questa perfezione.
        Ad ogni modo…buona fortuna a voi.
        Il lieto fine è sempre qualcosa di magico.

        • @Franca l’errore di fondo comune ai più è pensare di poter tornare indietro credere alla minestra riscaldata è impossibile proprio perché il passato non ritorna mai

          Ma questo vale per tutto , noi stessi e ciascun essere vivente vive il cambiamento ogni istante di vita cellule comprese

          Quindi credo questo che se tra due marito e moglie scatta la voglia di scoprirsi così come si è al presente la voglia di farlo determina che ci sta ancora Amore nuovo che le basi antiche di quando ci si era sposati sono matrici che hanno conservato il meccanismo del riuscire a cambiare come natura vuole in ogni aspetto del universo

          Ecco perché è profonda verità impossibile la minestra riscaldata non esiste proprio è qualcosa di irreale

          Il passato non torna e ciscuno di noi è chiamato a vivere il presente vedendo il nuovo nel proprio passato

          Non so se sono riuscita a esprimermi
          A rendere l’idea della possibilità concreta di riconciliarsi se si ha la voglia di riconoscere che è reale fattibile provarci guardando avanti perché indietro non si torna ,e questo e solo che positivo !

          • @ Ariel
            Ti sei espressa benissimo! Ci sentiamo due persone nuove, che vogliono guardare avanti ma con le basi, e l’amore del nostro “primo” matrimonio. Ognuno di noi ha riconosciuto i propri errori: io come la lettrice dell’articolo non l’ho ascoltato più, mi sono chiusa nella non accettazione della mia menopausa e mi sono buttata a cdpofitto nel lavoro. Non ho più dato amore, lo rifiutavo.
            Lui ha trovato nella giovane collega la dolcezza e la comprensione che io non gli davo più.
            Ma contemporaneamente, come mi ha confessato dopo, passati i primi mesi in cui aveva davvero messo in dubbio il nostro matrimonio, l’idea di non vedermi più lo faceva star male.
            Chissà forse per un certo tempo ha amato tutte e due. In modo diverso, ma a questo punto credo sia andata così.

        • Anche io e il mio attuale marito dopo il mio tradimento avemmo due anni fantastici. Meglio di prima. Poi è decaduto tutto.
          Ad ogni modo, buona fortuna

          • Caspita…il “fattore fortwoyears” gira e rigira viene sempre fuori…è quello che determina tutto. È l apice della curva gaussiana delle relazioni…convenzionali e non.

  9. Angelica io credo che il dolore della scoperta di un tradimento sia identico indipendentemente da quanto sia durato, seriali a parte (quelli lo sono già prima che li sposi e lo sai)
    Lui mi ha mentito, la persona con la quale ho condiviso la mia vita, anni della mia vita mi ha mentito, anche solo per una volta, è entrato nel letto di un’altra donna, ha condiviso con lei parole, momenti, emozioni mentre io ero a casa ad aspettarlo. E rientrato a casa mi ha dato il bacio del bentornato, della buonanotte, si è seduto a tavola con me come se niente fosse, ha fatto l’amore con me dopo aver leccato la figa ad un’altra.
    come ha potuto guardarmi negli occhi senza batter ciglio?
    come ho potuto non accorgermene?
    è successo una volta sola? è successo per mesi? per anni?
    ma chi ho davanti a me?
    per me il dolore sarebbe uguale, e il percorso di recupero altrettanto difficoltoso.
    non so come reagirei, ma sono certa che il dolore sarebbe identico.

    • Beh insomma se ha una storia da due anni è come se avesse un’altra moglie, se si è scopato la collega in un viaggio di lavoro è sempre tradimento ma più digeribile no?

    • Ema…solo chi l’ha subito può usare le frasi che hai usato tu… per me è esattamente questo… assolutamente impossibile accettare tutto questo… a meno che… “…se solo potessimo tornare ad essere sconosciuti… ” (collateral beauty)

      • @Alessandro sai che forse ci credo? Se esco e poi rientro di fatto ricomincio dove prima ho tirato una riga. Fine. Nuovo inizio. Raro anzi rarissimo però.. bello pensarlo possibile!

        • Esco…rientro e parto da capo come se fosse una storia diversa ma con una persona che già conosco. O meglio…che pensavo di conoscere ma che poi ho scoperto che aveva lati nascosti che ha mostrato ad un’altra persona tradendomi. Ora che faccio…li dovrei amare quei lati? Li devo accettare? Li deve condividere con me? Metterli a tacere? Faccio finta che non li voglio conoscere? Che non lo conosco? O che lo conosco?
          Nooo…anche no.
          Io non ne sarei capace.
          Avrei troppe domande. Troppi dubbi. Sempre.
          Cossora…tu lo credi possibile?

          • @Franca ..non posso dire se lo credo, posso dire che mi piacerebbe crederlo, per come sono sognatrice e per come vivo l’amore come una cosa totalizzante capace di curare e risolvere ogni cosa. 24 anni con un fidanzato poi marito, avevo 17 anni e rifarei tutto. Quindi non ti nascondo che pensare di poterlo vedere con occhi diversi (è fuori casa da un annetto, in ottimi rapporti) oppure con gli occhi di prima una seconda volta.. avrebbe del miracoloso e io non sono certo il tipo che screditerebbe il miracolo. Io credo, è il bello della vita!

    • @Artemisia il tradimento è sicuro uno sbaglio verso il proprio partenrs e verso se stessi ,ma,il fatto che ci si sbagli nella vita è dovuto al fatto semplice che la si vive

      Mi spiego ,se facciamo altri tipi di sbagli ,magari provocando dolore agli altri non è che siamo così drastici nel dire
      Che se si fa un errore pure grave questo non significa affatto che in futuro sarà ripetuto lo stesso
      Altrimenti al primo errore non potremmo più vivere
      La vita si vive proprio per imparare che
      Sbagliando si impara
      Ogni esperienza va valutata a sè e nel momento in cui si verifica lo sbaglio si potrà capire e sentire che cosa sia meglio per noi stessi.

  10. Io ho una amica che è diventata seriale. Primo tradimento sofferto dopo anni di problemi col marito, molto coinvolgimento per l’altro, sensi di colpa. Finita la relazione, col marito è tornato tutto uguale, dopo un primo momento di “rivalutazione”. Da là tradimenti come capita, a passatempo, e non torna più indietro. Lui lo tiene la, tanti motivi per non lasciarsi, ma l’amore è andato. La sento molto rassegnata e vuota, non sta né bene né male. Sta. Da fuori sono una splendida coppia che ha risolto i suoi problemi.

    • La differenza tra il primo e i tradimenti successivi è nel coinvolgimento emotivo. Del primo lui se ne è accorto, ora dorme beato. Lei gestisce alla perfezione.

  11. parlo da moglie tradita, è molto più facile mollare e iniziare una nuova vita che restare credendo che nella si può anche sbagliare una volta, perdonando con il cuore e credendo nel “vero amore”, l’importante è che lui non faccia parte dei “seriali” , in questo caso la scelta più sensata è di liberarsene al più presto se non si è autolesionisti.

    • Sono d’accordo con @Franca. Mollare tutto e iniziare una nuova vita fa davvero paura, al punto da farsi star bene anche un tradimento. Sono molto dura, scusate, ma se il tuo compagno di vita ti tradisce per anni non andando di fiore in fiore ma sempre con la stessa persona vuol dire che ha amato sul serio questa persona. E non c’è da colpevolizzare il fatto di aver provato altro altrove. Tornare poi chissà, personalmente non sarei capace di dimenticare, non potrei dimenticare gli inganni, la sofferenza. Meglio prendere strade diverse e continuare a volersi bene in maniera amichevole, rispettandosi. Mi torna sempre in mente un libro molto bella ma il cui finale mi ha turbato profondamente, Lacci. Un tradimento, il sogno di una nuova vita, il coraggio di lasciare la famiglia e viverla quella vita, le recriminazioni di chi resta solo, l’arma dei figli usata per ferire e infine il ritorno, quasi obbligato. Per poi sentirsi dire, ormai vecchi ma al riparo da pettegolezzi, che in fondo non c’era mai stato amore ma solo rivalsa. Terribile.

  12. Le persone, ad una certa età, sono strutturate anche nelle loro disfunzioni . Sono dentro, latenti. Se non ci si impegna a risolverle riesploderanno.
    Non parlo del tradimento. Anche. Parlo dei motivi per cui si arriva al tradimento. Il matrimonio è bollito. La coppia è bollita. Se tradisci e lo fai per anni tornando a casa e’ perché l’amore per tua moglie/marito è semplicemente esaurito. Non rinasce l’amore. Il tradimento (quello sentimentale ) lo uccide . Per chi lo commette e per chi lo subisce. Nella vita anche senza matrimonio, finito un amore non si torna dall’ex fidanzato.
    Parlo per mia esperienza. Ho scelto un uomo sulla base delle mie disfunzioni giovanili. Un uomo che non era esattamente ciò che ora cercherei, per quello che sono diventata. Caratteri diversi, interessi diversi, bisogni diversi. Credevo l’amore fosse sopportare per amore. Poi ho capito quanto fosse diverso. Ho tradito per amore.
    Mi sono sentita amata . Ho capito cos’era. Ave vo troppa paura allora per mollare tutto. Piangevo al buio facendo l’amore con mio marito. Il mio amante mi lasciò.
    Dissi a mio marito tutto. È che volevo lasciarlo, aldilà del fatto che il mio amante non sarebbe mai tornato.
    Lui divenne tutto ciò di cui gli dissi aver bisogno. Attento, romantico, gentile amorevole. Scimmiotto’ una parte . Quello che non era mai stato e che non è . Duro ‘ circa due anni. Poi tornò quel che era. Perché era quello. Punto. Non si cambia. Se due non sono assortiti puoi scimmiottare ma non dura. La vera natura riesplode.
    Sarò negativa. Non so. Ma io la vedo cosi.

    • Oldplum… questa parte la sento molto mia

      “Ho scelto un uomo sulla base delle mie disfunzioni giovanili. Un uomo che non era esattamente ciò che ora cercherei, per quello che sono diventata. Caratteri diversi, interessi diversi, bisogni diversi. Credevo l’amore fosse sopportare per amore. Poi ho capito quanto fosse diverso. Ho tradito per amore.
      Mi sono sentita amata . Ho capito cos’era. Ave vo troppa paura allora per mollare tutto. Piangevo al buio facendo l’amore con mio marito. Il mio amante mi lasciò.”

      Solo che il mio amante mi ha lasciato perchè lui non ha avuto il coraggio di andare avanti, non io.

      Una volta se non erro hai scritto che sei tornata dal tuo primo amante e lo hai cercato disperatamente senza successo…o sbaglio?

      Come sapete io l’ho cercato tanto in questi mesi, non c’è stato verso… ho trovato un muro, uno che mi diceva che mi voleva come amica con mille paletti. Ovviamente non ho accettato. Ora basta, sto andando avanti soffrendo molto ma con la consapevolezza che non serve a niente cercarlo e non serve a niente la sua amicizia. Io volevo altro e lui lo sa bene.

      • Si. L’ho cercato ma lui ha chiuso davvero ogni comunicazione. Mi ha chiamata una volta, di notte dopo 3 anni. Ma non ho fatto in tempo a rispondere. E ovviamente non l ho richiamato .

    • Oldplum…io la penso esattamente come te. Non si cambia. L’indole di una persona non può cambiare. Concordo anche con quanto detto da and…bisognerebbe sentire la testimonianza del marito.

      • Perche non può cambiare? Se non può cambiare voi aspettate tutte uomini che non arriveranno mai perché aspettate? Anche nel caso delle amanti circa il 10% di voi riesce a costruire una nuova famiglia con l’amante

        • @Alessandro esatto!
          Credo che qui si faccia un poco di confusione tra la propria natura che NOTA BENE siamo in vita per scoprire chi siamo in effetti
          E cioè io mi comporto scelgo qualunque cosa persona situazione perché sono fatta così oppure perché ESISTE una parte di me che sta coperta condizionata da educazzione ambiente e dolori e traumi che ognuno ha avuto i suoi?

          Questo stesso principio è IL NOSTRO CAMBIARE ogni istante

          Allora CAMBIARE FA PAURA ed è sensazione universale

          In più se l’uomo non si fosse lanciato in ipotesi scientifiche di ricerca di filosofia le piu considerate IMPOSSIBILI DA RAGGIUNGERE
          Non staremmo qui sul BLOG TELEMATICA TECNOLOGIA!!!!!!!!! Ecc!!!!!!

          GALiLILEO si è sentito dire di tutto e di più
          LA TERRA È PIATTA urlavano i più
          Ma che cazzate vai a dire GALILEO!!!!???!!!
          Così povero Galileo ,un tesoro d’uomo qualcosa forse di te Alessandro??!!

          Secondo me ripeto il CAMBIAMENTO fa parte delle leggi della natura e natura umana non ha leggi diverse
          Si nasce si cresce e crescendo SI CAMBIA
          poi si muore MOLTO DIVERSI da quando eravamo appena nati

          sono Convinta che la RESISTENZA a CAMBIARE sia umanamente comprensibile quando si vive al presente una esperienza affettiva dolorosa dove la Nostra EMOTIVITÀ È FORTISSIMA e messa a dura prova

          Ecco secondo il perché molte di voi è naturale che non riescano a credere possibile il cambiamento

          Perché Ciò che vi ostacola adesso ora è il dolore
          Aggiunto al pensiero che voi stesse non credete di poter cambiare voi stesse e quindi perché dovrebbe essere possibile per gli altri?

        • Ma noi mica aspettiamo il cambiamento…aspettiamo una scelta. Quello che intendo io è che trovo strano reinnamorarsi della stessa persona che già si è amata e che si è allontanata.
          Un amore nuovo tra le stesse persone lo trovo difficile proprio perchè gli attori sono gli stessi. Ma ovvio è la mia idea. Io non potrei mai reinnamorarmi di mio marito e rientrare nel mio matrimonio…

          • @Franca capisco il tuo ragionamento,ma non bisogna comunque dimenticare due cose
            Uno che anche se tu non senti possibile un rinnovamento con tuo marito
            Ciò non significa che per altre persone questo sia comunque possibile
            Giustamente ognuno fa come sente per se stesso ,ci mancherebbe

            Due ogni giorno pure se tutto ci sembra uguale in realtà stiamo cambiando tutti esattamente come le piante
            Cambiare avviene come l’alba che nasce dopo ogni notte

            E quindi sembra che noi stessi e il marito sia sempre uguale ,ma veramente non è così ne per se stessi ne per gli altri lui compreso

            Ogni giorno è nuovo e contiene la totalità delle possibilità
            Bellezza pura a disposizione per tutti nella nostra vita

            Difficilissimo crederci qua do ciascuno proviene da storie magari dolorose e difficoltà di ogni tipo

            ,ma la Vera Speranza non è qualcosa di aleatorio e soggettivo si basa tutta sul principio esistente del Cambiamento
            Terra cieli mari idee persone noi stessi

            Un viaggio un passo in avanti senza voltarsi mai mentre si cammina
            Altrimenti ci sta il palo della luce e la piedata con dolore ci risveglia
            Per dirci guarda avanti canta che ti passa,

            Verissimo vale per tutti e me per prima!!!

          • Io non ce l’ho fatta. O non ho voluto? Non mi sono impegnata?
            Mancava solo intesa e attrazione, il resto c’era tutto.
            Ditemi che era perciò impossibile…

        • credo che molto dipenda dal tipo di tradimento. Se è stato un tradimento di testa e non solo per sesso, la vedo dura ritornare.
          Se ti innamori di un’altra persona, per quanto questa possa poi in un futuro deluderti, rivelarsi ciò che non pensavi, di fatto tu hai smesso di essere innamorata del tuo coniuge, questo molto prima di incontrare l’altro.
          Diversamente tu dell’altro nemmeno te ne saresti accorto.

          • @alessandro ma da uomo secondo te, anche in caso di relazioni molto lunghe, la molla è il.sesso?
            Posso capire che sia la scintilla che scatens il tutto, ma dopo 5, 6,7 e anche oltre anni, non posso credere che sia solo sesso.
            Cos’è, bigamia?

          • Ok …i tradimenti maschili sono per sesso. E amano dunque chi esattamente dopo anni che scopano con una donna che non è la moglie? Amano chi?
            La moglie? Loro stessi? Chi?

          • ancora non capisco…
            ma anche non volendo parlare di amore e solo di scopare, ma dopo tot anni l’amante non viene a noia esattamente come la moglie? Capisco i seriali, hanno uno scopo, scopare! Elo perseguono cambiando amante in continuazione
            Ma gli altri, gli omuncoli, quelli che si professano innamorati dell’amante ma non abbastanza da lasciare, se lo fanno per sesso e per piangere sulla nostra spalla (non era questo il mio caso, le nostre vite familiari sono sempre rimaste fuori dalla nostra storia), ma perchè? Visto che poi si riduce quasi ad un peso?

      • Io non penso che non si possa cambiare. Ma è che quando una cosa come il matrimonio viene violata cosi in intimità ci saranno sempre componenti che non potranno più far tornare quello che c’era prima.

        • @Annina, ma nessuno credo riprenda da dove aveva interrotto. E’ altro probabilmente. Io lo vedo più come un ‘nonostante tutto’ ..se ci mettessero in un’altra circostanza e avessimo un’altra possibilità, ci sceglieremmo comunque. E’ la conseguenza del discorso ‘volere è potere’. Se non vuoi, anche le migliori condizioni non bastano, ma quando vuoi non ti ferma nessuno.

          • Una cosa è certa. In questi casi si riparte da quasi zero. Reset. Anche per dimenticare. Come ho scritto non è una ristrutturazione ma una rifondazione quella che fa rinascere dal tradimento una coppia

          • Non so, io mi baso su mia esperienza personale. ho un ottimo rapporto col mio ex marito e sicuramente ancora intesa emotiva nel senso che condividiamo un figlio e abbiamo condiviso 15 anni quindi certi interessi e idee le condivideremo sempre. Ma al pensiero di farci sesso a me prende l’ansia solo al pensiero non potrei MAI 🙂

          • @Annina ma infatti si sta parlando di tornare ‘insieme’ come coppia, non come coppia di amici. Mica ti metti insieme o ti sposi o fai un figlio col tuo migliore amico, l’amore è imprescindibile, e chi ama desidera. Le altre son cazzate che la gente si racconta per starci dentro.

        • @Annina verissimo,
          Infatti nulla è come prima
          In nessun aspetto della nostra vita compresi noi stessi e quindi è inutile continuare a voler guardare al passato come se fosse il presente
          Perché non lo è proprio come legge di natura

          Mi ripeto verissimo ciò che dici ,ma se si ha voglia entrambi di provare a proseguire la strada interrotta prima ciò che veramente ci serve è guardare avanti

          Legge di natura Fisica
          Se cammino guardando indietro non mi accorgo che davanti a me ci sta un palo della luce
          E ci vado a sbattere con il piedone un dolore pazzesco,

          Che è quello che mi serve per ricordarmi che mi conviene guardare avanti e lasciar andare ciò che non può più tornare ,

          E meno male che non torna!!!!!

          Mi sorprende LA Bellezza Perfetta del funzionamento di tutto l’universo uomanità compresa, meccanismi geniali ognuno corrisponde alle stesse regole
          Uomo Natura scienza!

    • Oldplum ” Dissi a mio marito tutto. È che volevo lasciarlo, aldilà del fatto che il mio amante non sarebbe mai tornato.
      Lui divenne tutto ciò di cui gli dissi aver bisogno. Attento, romantico, gentile amorevole. Scimmiotto’ una parte . Quello che non era mai stato e che non è . Duro ‘ circa due anni. Poi tornò quel che era. Perché era quello. Punto. Non si cambia. Se due non sono assortiti puoi scimmiottare ma non dura. La vera natura riesplode.
      Sarò negativa. Non so. Ma io la vedo cosi.”

      Qualcosa di simile a quello che ti è successo e sta succedendo a me. Mio marito ha provato a cambiare, ma certe cose non fanno proprio parte di lui, e non si può vivere sforzandosi di essere quello che non si è. Non gliene faccio una colpa, è solo una costatazione.
      Non si cambia perché lo vogliamo, non si cambia perché ce lo chiede qualcuno. Il cambiamento è qualcosa che avviene senza che nemmeno ce ne accorgiamo, un processo sotterraneo e sottile, di cui ci stupiamo noi stessi.

      • @LEI infatti cambiamo pure se non volessimo cambiare
        Tipo sto vecchissima ,quanto vorrei essere giovane
        Eppure gli anni passano e addio gioventù
        Però in realtà ti dico questo che se ripenso a come stavo da giovane evviva!! Mi sento molto meglio adesso proprio come evoluzione riferita alla maggior scoperta del mio vero se essere i veri se stessi poter scoprire ciò che si è e che si vuole dalla vita.

        E poi credo che ci voglia tempo il proprio tempo in una coppia per scoprire veramente le novità dell’altro che proprio perché nuovi comportamenti ci possono apparire non possibili

        Ma ci dovremmmo chiedere e noi come ci vedono gli altri?
        Siamo,tutti sulla stessa barca mariti mogli

        La differenza sta soltanto nella spinta spontanea che entrambi possono sentire come la coppia in esempio che si è riconciliata

        E cioè la molla è stata data dal fatto che lui nonostante fosse con l’amante e pur trovandosi bene con lei
        Ad un certo punto ha sentito la mancanza di sua moglie
        Il pensiero di perderla di perdere l’amore che ha sentito lo ha fatto scegliere

        È questo secondo me la vera dimostrazione della possibilità di proseguire in un nuovo cammino una tappa nuova nel proprio matrimonio,non è ragionamento
        No è la paura di perdersi unicamente perché si sente ancora l’Amore reciprocamente

        Tutto il seguito come per ogni cosa nel futuro non si conosce
        Ciò che si sa è la voglia il desiderio autentico non conosce ostacoli
        Se li incontra li risolve insieme dandosi la mano

  13. La vedo difficile, lo vivo adesso sulla mia pelle. Mi sembra complicatissimo ritornare nel mio matrimonio felice e innamorata… e la mia storia extra-coniugale è durata molto meno di 2 anni. Tanto di cappello a chi ci riesce!

  14. Mi dispiace ma non credo a questa testimonianza. Nel senso che credo a ciò che dice la lettrice, ma per poterla ritenere affidabile servirebbe la testimonianza del marito, non la sua. In ogni caso le auguro la serenità che merita.

  15. Mi dispiace ma adesso parlo da tradita e non da amante. Io non sarei mai tornata con mio marito. Non ce l’avrei fatta, avrei avuto dubbi ad ogni ritardo, non avrei creduto a una sola parola. Ho provato fastidio anche solo quando, una volta scoperto tutto, ho pensato alle volte che lui si è avvicinato a me e quando gli ho chiesto il perchè la sua risposta è stata “Perche pensavo potessimo ricominciare”.
    Per me la minestra riscaldata è no.

  16. Concordo con Franca, poi dipende molto anche dall’età e dalla condizione sociale, dall’indipendenza economica ed emotiva, troppe variabili, ogni caso è a sé.
    Ema non credo che un tradimento di 2 mesi ed uno di 2 anni possano essere considerati alla stessa stregua…
    Cossora mio marito ha usato la stessa frase “tirare una riga” per ricominciare…sono io che non ci riesco.

    • @Lei Beh no. Ci deve riuscire chi la tira ed impegnarsi ‘a fondo perduto’. Se l’altro non riesce onestamente ad impegnarsi.. non è una colpa. È come sono andate le cose. Punto. E poi la seconda volta si deve essere più convinti e delicati della prima. Perché ci si muove su un terreno già ferito.

  17. Caro Alessandro credo che una donna riesca a perdonare solo dopo il suo riscatto, solo dopo che ha capito quanto vale.
    Il mio uomo mi ha tradita aveva un amante da un anno. Mandato via di casa sono stata malissimo avevamo una bimba di un anno. Il suo tradimento é stato causato da dopo la nascita della bimba, non ha accettato di crescere forse non era pronto. Perché stare a casa con la moglie che deve accudire la neonata pulire la casa eccetera e non ha tempo di curare se stessa come prima. Meglio andare fuori, a divertirsi con l’amante, più giovane bella fresca e senza pensieri promettendo mari e Monti. Peccato che una volta uscito di casa tutte bugie e quelle promesse si sono rivelate fasulle: altro che convivenza, si sono lasciati e lei ha trovato un altro.
    Nel frattempo ho iniziato ad uscire a farmi bella e mi sono accorta di quanto valgo e di quanta scarsa autostima avevo…uomini che mi desideravano e che mi desiderano tuttora….ho avuto un amante per quasi due anni. Il mio uomo? è tornato in ginocchio a chiedere di ricominciare ma al suo ritorno si è ritrovato una moglie molto diversa: una donna bella,che si cura, con tanti amici che non conosce, resto sempre sul “vago”, furba , che lo fa stare sul filo del rasoio, se ti va bene così bene altrimenti è stato un piacere , il mare è pieno di pesci marito mio.
    Non sono indipendente economicamente purtroppo e oggi non punto più ad avere un uomo per forza nella mia vita ma a rendermi indipendente il più possibile e a salvaguardare mia figlia. Degli uomini in generale non mi fido più, tanto chi vuole tradire lo fa senza problemi. In realtà quasi nessuno vuol costruire qualcosa per davvero con i amante, alla maggior parte va bene così perché l amante ha un altro ruolo: quello di farti sentire desiderato, vivo, evadere dai problemi, ti da la libertà la spensieratezza ma se lo trasformi in ufficiale tutto FINISCE. Chi capisce questo capisce tutto. Solo chi è innanorato davvero lascia il coniuge.

  18. a settembre è andato via di casa convinto di essere in grado di sistemare le cose a casa e poi stare insieme noi ed è andato dai suoi, ad ottobre per volontà della moglie e alla ricerca di una motivazione che potesse convincerla che il loro matrimonio era finito iniziano la terapia di coppia ma la terapista non riscontra gravi problemi ma i classici di ogni coppia, non cambia nulla tra noi fino a quando decidono di parlare con il prete che li ha sposati ( mi dice che il prete gli dice le stesse cose della terapista) peccato che non abbia “confessato” a nessuno la nostra relazione durata in tutto 6 anni ( 4 di amicizia “amorosa” due di amanti veri e propri).
    Oggi rientra a casa, l’ultima volta che ci siamo visti è stato una settimana fa a casa mia, abbiamo pianto e siamo rimasti abbracciati per 7 ore prima che lui andasse via.
    Torna a casa per i figli, perchè non riesce a stare con loro partime, dice che forse partendo da loro e cambiando lui alcuni atteggiamenti può tornare a stare bene con la moglie che dice nel frattempo essere cambiata molto.
    i suoi genitori non sono d accordo con la sua scelta di tornare a casa, me lo ha detto proprio lui, la madre dice che la terapista e il prete gli hanno fatto il lavaggio del cervello…io non sono mai intervenuta nelle sue scelte ne l’ho mai spinto ne da una parte ne dall’altra credo che ad una certa età uno è in grado di fare le proprie scelte e pagarne le conseguenze.
    sono l’unica donna che abbia amato ha detto sei giorni fa, peccato che le parole e i fatti non corrispondano.
    sono sicura che è andato via da casa perchè voleva stare con me, lo so perchè ho letto di nascosto alcune sue mail inviate ad una sua amica ma gli è mancato il coraggio di tenere duro. Se pensava che il passo più difficile fosse andare via da casa si sbagliava di grosso, tutto il resto, i momenti di solitudine, la sofferenza di un fallimento, i sensi di colpa verso i figli sono la parte peggiore ed io lo so perchè li ho affrontati tutti. ma io sono una donna e lui purtroppo soltanto un uomo ( senza offesa).

    • @Silvia.. è un’agonia. Silenzio, scrivi qui, lobotomizzati piuttosto ..ma seppelliscilo. Questo ‘debole’ ti uccide..guarda sono sconvolta. Non giudico le ragioni uno può anche cambiare idea..ma non con il piede in due scarpe costante e consapevole. Che persona brutta!

      • Definitivamente chiusa la cosa per entrambi. Lui ha detto che per capire se veramente le cose possono rifunzionare deve tornare a casa e provare.
        Non funzionerà non puoi rinnamorarti di qualcuno che a tuo dire non hai mai amato e sbagliato a sposare…avrei avuto piu possibilità io con mio marito…almeno mi sono sposata per amore

  19. Sono stata per due anni l’amante single di un uomo sposato; le ultime notizie che ho di lui risalgono a 4 mesi fa quando scoprii che viveva separato di giorno ma si “risposava” ogni notte facendo ritorno a casa dalla moglie; però mi collego al precedente articolo, “La speranza è l’ultima a morire”, per augurarla anche a queste due persone, qualunque sia il loro percorso.
    Se sapranno perdonarsi ed affrontare il cambiamento potranno partire per costruire qualcosa di nuovo per forza diverso da prima.
    Non sono ovviamente felice di essere stata solo il catalizzatore di un altrui cambiamento perché ho sofferto molto.
    Ma non provo rancore e se loro saranno in grado di riprendere il cammino sarà un matrimonio in meno che si chiude, e questo mi rincuora.
    In cuor mio li ho già dimenticati, per me la speranza è altrove, lo so.

  20. Non posso essere come te ed augurare loro il meglio…lei si riprende in casa uno che non conosce (forse l’unica vittima qui è proprio lei), che ha iniziato una terapia e non è riuscito ad essere sincero nemmeno con la terapista nelle sedute da solo per paura di essere giudicato.
    Questo nuova unione rinasce su sei anni di bugie.

  21. Mai come in questa occasione vorrei sentire la versione di lui.
    Non so se mi sia sfuggito o se proprio non l’ha spiegato ma… chi ha lasciato chi tra i due amanti? Perché se è stato lui a non portare avanti la storia con l’amante ok. Ma se è stata lei a lasciarlo, come prima cosa penserei che questo si è guardato intorno e, spaventato, ha detto “Sai com’è? Io torno a casina mia”

    Una storia extra di due anni non è la scappatella che ti fa divertire e poi scatena i sensi di colpa pensando a ciò che rischi di perdere per una scopata. In due anni siamo ben oltre….

    • L’amante l’ha lasciata lui dopo otto mesi di rapporto alla luce del sole. Da notare che in quegli otto mesi il rapporto con l’amante non ha avuto salti di qualità tranne la libertà di vedersi. Nessuna convivenza

      • C’è anche da dire che ha avuto la possibilità di viversi la storia con l amante perchè è stato scoperto e non per una scelta maturata, ponderata. Credo che sis una circostanza da non sottovalutare. I sensi di colpa fanno brutti scherzi.

      • Personalmente credo che, soprattutto dopo una certa età, non è necessario convivere per formare una nuova coppia.
        A parole, ad esempio, il mio amante (se ci fossero le condizioni, cioè se la sua compagna decidesse di lasciarlo ah…ah…) vorrebbe una convivenza.
        Per me invece, il massimo sarebbe ognuno in una propria abitazione, e stare insieme quando se ne ha voglia, senza obblighi e forzature.
        Ma io non potrei mai farlo, perché non ho l’indipendenza economica che me lo permette.

  22. Da tradita e da traditrice, posso solo dirti auguri e credici: tutto è possibile e nessuno è immune da colpe. Se sei convinta vai avanti e non sentire chi, forse per aver sofferto troppo o forse troppo pronta a dare soluzioni, ti dice di non fidarti. Le donne hanno un istinto quasi animale per queste cose. E raramente sbagliamo, cioè quando vogliamo farlo. Brava e ricordati che sei forte!

  23. Io penso che sia possibile, se prima la relazione era basata su errori o non detti, su una comunicazione insufficiente, su un’intimità incompleta e un po’ recitata, ma non profonda.
    Se eliminando tutte queste distanze e questi errori si riesce a entrare in un nuovo contatto, e questo funziona, allora è possibile, altrimenti secondo me no.
    Quindi non si tratterebbe di rifondazione o restaurazione, ma correzione, in un certo senso.
    Ma bisogna avere una grande capacità di mettersi in discussione e di evolvere, cosa rarissima, e bisogna averla in due… molto difficile ma possibile

  24. Quante storie tutte piene di passione, spesso dolore e amarezza ma anche amore! Io a volte leggo questo blog e vorrei partecipare, ma il fatto è che non ho niente da raccontare, a me non capita nulla.
    Sono sposata, ho una figlia meravigliosa, una bella casa con giardino. Ho amato mio marito per anni, ma da un po’ di tempo sento la mancanza dei brividi e i batticuore delle prime fasi dell’innamoramento. Ma non trovo un amante: un po’ forse perché non sono una gran bellezza, un po’ perché non mi è facile trovare un amante all’altezza di mio marito. A parte qualche bacio non l’ho mai tradito. Lui non mi mai mai tradita (neanche baci). Con lui mi sento protetta, sicura di essere apprezzata (anche quando non ho i tacchi), libera di rilassarmi, ma anche spronata a crescere.
    Dovrei essere contenta e lo sono.
    Però piacerebbe anche a me avere una storia piena di passione. Mi piacerebbe innamorarmi. Magari re-innamorarmi di mio marito. Ma come si fa?
    Oppure avere una storia breve ma intensa con qualche uomo affascinante… e poi tornare da mio marito.Ma anche questo: come si fa? E dove sono gli uomini affascinanti?

    • Interessante la tua testimonianza. Se sei felice con tuo marito non cercarti “guai”. E se cerchi un brivido in più perché non farlo con tuo marito? A volte basta ritagliarsi il tempo per un viaggio da soli per riscoprire quel tocco in più dei primi tempi. Provaci

      • ok, però faccio una precisazione perché rileggendo il mio commento mi rendo conto che qualcuno potrebbe farsi un’idea sbagliata di me: non sarò una gran bellezza, però sono abbastanza carina. E ho sempre avuto un bel… ehm, fondoschiena.

    • @Teresa prova a parlare con tuo Marito createvi momenti nuovi apritevi tra voi
      Ti snto innamorata di tuo Marito di cui parli benissimo
      Avere un matrimonio che funziona nelle sue basi di sicuro altrimenti non avresti scritto così bene della tua vita matrimoniale
      Si tratta appunto di aprorsi rdciprocamente e trovare insieme
      Occasioni di novità a qualunque livello un viaggio da fare insieme
      Un piatto nuovo in cucina e pure nella ca,era da letto perché non provarci dopo essersi parlati insieme

      Non perdere il tempo prezioso ,la gioia che hai e avete nel poter godere ogni istante di Amore con tuo marito
      Nulla è più Caro e Prezioso Insostituibile Esperienza quando
      Come scrivi ci stai bene con lui

      La vita è breve non sprecare un minuto di più per abbracciare adesso tuo marito e parlagli della tua voglia di provare nuove emozioni insieme a lui.

      Scusa se ti incoraggio tanto ,ma non resisto non posso farne a meno ,
      Io sono vedova dopo un matrimonio positivo
      Mio Marito è morto improvvisamente e no vi sta più nessun ritorno nessun rimedio niente di niente e ancora il nulla.

      A volte e sta u,ano per tutti me compresa non ci si accorge dei doni che già abbiamo nella nostra vita
      Si perde soltanto del tempo prezioso in vere cazzate
      Quando in un attimo si muore e allora ecco
      Non trovò più le parole scusami.
      Ti abbraccio e viviti con Amore il vostro Vivo Amore.

      • Ariel grazie. Hai ragione, a volte penso di essere solo una ragazzina viziata e non mi rendo conto delle cose meravigliose che ho. Non voglio rischiare di apprezzarle quando è troppo tardi. Lo farò: seguirò il tuo consiglio. Anzi il vostro consiglio, grazie anche ad Alessandro e Annaura che mi hanno risposto… buffo, mi avete risposto tutte persone con nome e pseudonimo che inizia per A!
        Ariel, quando torno a casa (adesso sono via per lavoro), abbraccerò mio marito e ti prometto che almeno per un attimo, mentre l’abbraccio penserò a te. A te e tuo marito.

    • Tereza, concordo con Alessandro ed Ariel. Parlane con tuo marito e proponi qualsiasi cosa. Non c’è cosa migliore che sentirsi libera col proprio partner e tu qst ce l’hai con tuo marito. Sarà ben disposto sicuramente. Forse non ti senti più corteggiata come un tempo…
      Ti consiglio di ascoltare la canzone degli Ex-otago, “E’ solo una canzone”

  25. Io non sono “tornata” da mio marito, perché non mi sto rinnamorando e credo che non possa accadere, ma stiamo passando dei bei momenti insieme, grazie soprattutto ad una vita sociale molto attiva e varia.
    Da quando ha scoperto il mio tradimento, ha fatto davvero di tutto per riportarmi a sé e adesso come adesso, davvero non avrei motivi per lasciarlo. Il problema è che i pochi momenti che trascorro con l’altro sono davvero magici, e non parlo solo di sesso.
    La cosa più difficile è proprio questa: quando sto a casa mia sto bene, quando sono con l’altro sto bene.

    Diversa è la situazione del mio amante: LA sua compagna non sa della nostra storia, ma sicuramente è evidente la loro crisi, tanto che lei ha confidato ad una sua amica che la loro vita scorre ormai su binari paralleli, e che hanno davvero poco in comune.
    Egoisticamente e con una punta di competizione, sono felice di questo, d’altro canto il mio amante fantastica spesso di stare con me per avere una vita piena e soddisfacente.

    Ma se metto sul piatto della bilancia le due situazioni, con molta razionalità mi dico che la mia attuale situazione familiare (al di là del fatto che non desidero fisicamente mio marito e per lui nutro tanto affetto ma non amore passionale) potrebbe essere considerata invidiabile.

    • Se vuoi ricucire con tuo marito davvero, soprattutto se vedrai che lui guadagna terreno e non è impossibile un rilancio della coppia dovrai essere limpida col tuo amante e dirglielo

    • Osservazioni sparse su quanto tu hai scritto:
      – tuo marito è cambiato davvero o è un transitorio dovuto alla scoperta del tradimento? Tendenzialmente ti direi che non si cambia, specie a una certa età.
      – la vita sociale attiva aiuta ma è appunto, vita sociale. E’ su quella privata che forse si dovrebbe valutare quanto sia salda la coppia. Quando tutti gli altri sono fuori e restate tu e lui.
      – sei in una situazione di “comodo”. hai due uomini e praticamente prendi il meglio da/di entrambi. Ti auguro di protrarla il più possibile, nella speranza che non faccia male però a nessuno dei due però, credo, che prima o poi, almeno uno di loro verrà a presentarti il conto.

      • Ricordo che due coppie si dieci rinascono dopo il tradimento. Finché si tengono i piedi in due scarpe il recupero è zoppo. A un certo punto occorrerà scegliere fra marito che cresce in positivo e amante che non molla la famiglia. Succederà nei prossimi mesi

      • Mio marito me la aveva proposta, ma sinceramente gli “esercizi” che ti suggeriscono di fare mi sembrano ridicoli e pilotati.
        e pensare che mio marito è anche molto più dotato, ma è completamente sparita la chimica, mentre con l’altro mi basta uno sguardo per accendermi.

        • Non tutte le terapie di coppia sono uguali. Se però ti propongonovqialcosa che trovi ridicolo dillo ed eventualmente cambia terapeuta

  26. Probabile. L’estate può servire a molto.

    Per quanto riguarda le domande di And, non credo che mio marito sia cambiato nella sostanza, cioè nel fatto di essere comunque una persona fondamentalmente fragile di fronte alle situazioni difficili della vita e abbastanza abituato a pensare principalmente a se stesso.
    Ma soprattutto per questo secondo aspetta, ha cercato di migliorare molto.
    In entrambi l’aspetto giocoso e godereccio della vita è molto presente, e questo ci aiuta a organizzare cose che ci fanno stare bene.
    E la vita sociale per noi è molto importante, abbiamo tantissime amicizie in ambiti diversi e varie occasioni per fare molte cose.
    E ovvio che dopo 20 anni di matrimonio non è che abbiamo più grandi cose da dirci quando siamo a quattr’occhi.
    Per quanto riguarda la sua fragilità, si è palesata già all’inizio del nostro rapporto, per cui in 20 anni io sono dovuta crescere molto e adesso non mi viene proprio spontaneo appoggiarmi a qualcuno. Di base ho comunque un carattere molto forte e la capacità di affrontare di petto le situazioni.

    A casa del mio amante la situazione non migliora, la sua compagna pur essendo conscia dei problemi, non ha voglia o capacità di tentare di ricondurlo a sé.
    Lui vive una situazione di grossa insofferenza perché si rende conto che sta sprecando la sua vita, e non so quanto abbia percepito di star perdendo terreno con me.
    Mentre due anni fa davvero sarei stata disposta a mollare tutto per lui, adesso riconosco anche in lui grosse fragilità (mentre all’inizio mi sembrava una persona forte e risoluta).

    E allora penso che fin quando ci sarà questa grossa attrazione fisica, la cosa potrà andare avanti, ovviamente in situazioni in cui il rischio di essere scoperta deve essere veramente basso, perché non ho intenzione di cambiare la mia vita.
    Mi dispiace per lui, ma tutte le sue indecisioni hanno dato a mio marito la possibilità di riguadagnare terreno.
    Come ha rimpianto di avermi lasciata 23 anni fa, probabilmente rimpiangerà di non essere stato deciso quando era il momento in questi anni, e di avermi persa ancora.

    Non lascio un uomo fragile per un altro che preferisce sopravvivere a vivere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.