Home » I miei scritti » Lui non ti scrive? Non gli piaci abbastanza. Ecco le 5 regole d’oro della normalità in amore

Lui non ti scrive? Non gli piaci abbastanza. Ecco le 5 regole d’oro della normalità in amore

non parlo

Eliselle, amica di Facebook con la quale abbiamo spesso confronti molto diretti sul mondo maschile (Eliselle, come leggerete, non ha mezze misure), scrive per il mio blog questo pezzo al fulmicotone. A me la replica a fondo pagina e a voi i commenti.

Siamo ancora punto e a capo. Se lui non ti chiama, non ti scrive, sparisce da chat, facebook, whatsapp e se ne guarda bene dal mandarti anche solo un “ciao come stai?”, noi donne ci facciamo ancora spiazzare e finiamo ancora a chiederci che cosa vuol dire?!, lanciandoci in mille spiegazioni per evitare il confronto diretto con la realtà, ovvero: se non ti chiama, se non ti cerca, non gli piaci abbastanza. Dobbiamo proprio essere dure di comprendonio visto che ci hanno pure fatto un libro e poi un film di successo che sicuramente abbiamo visto anche più di una volta, e dato che ci scrivono sopra manuali di regole che impariamo a memoria e declamiamo alle amiche, ma non appena troviamo uno che poco poco ci piace ce ne dimentichiamo subito e facciamo le gnorri come se nulla fosse, ficcandoci irrimediabilmente nel circolo vizioso delle ipotesi: “se non chiama è perché la nonna starà male” o “se non scrive è perché sarà all’estero, lavora tanto poverino” o “se non si fa sentire è perché ha sicuramente paura di innamorarsi, di lasciarsi andare”. Fantasie. Idiozie. Cazzate. Tutte emerite cazzate.

Ho letto la risposta che Alessandro Nicolò Pellizzari ha dato sul fenomeno dell’uomo che non si fa sentire, partendo da una riflessione dell’incontenibile Selvaggia Lucarelli, che ha stroncato gli uomini “poco invadenti” accusandoli di aver trovato l’ennesima scusa per non mettere al centro del proprio universo le donne. Pellizzari si focalizza invece sul concetto dell’egoismo: non chiamare o non richiamare una donna non è una strategia, ma è determinato da uno status, e l’uomo, che è per sua natura egoista, non chiama, punto (leggi qui il post completo). Può essere un punto di vista interessante, ma secondo me bisogna semplificare molto di più: d’altra parte il cervello maschile è semplice, dopotutto gli uomini se ne vantano continuamente. “Ma quante menate: sì/no, on/off, non c’è molto da capire”:oh, lo dicono loro eh?, mica io. Io, come si dice, mi adeguo.

A me invece, che valuto i fatti e cerco di rimanere coi piedi per terra, sembra che si stia troppo a ragionare sul perché e percome un uomo non chiama: pigrizia, egoismo, beata voglia di farsi i cazzi propri, certo, tutte supposizioni e tutte plausibili. Ma fermiamoci un secondo ai fatti, per cortesia, e qua torniamo al concetto basilare con cui ho aperto la riflessione: se non ti cerca, allora non ti vuole, se non ti chiama allora non gli piaci abbastanza. Questo sì, è un fatto. Spiacevole o no, semplicistico o no, io trovo che sia onesto e veritiero, e alla lunga onestà e verità pagano sempre [sì be’, concedetemelo anche se siamo in Italia]. Pagano soprattutto chi non ha paura di riconoscerle e di accettarle, perché mettono al riparo da delusioni e da strascichi che una storia iniziata con curiosità [magari da entrambe le parti] e poi finita scemando [poiché non c’era la stessa spinta da tutti e due i soggetti coinvolti] potrebbe lasciare per sua stessa natura: il tarlo della non-risposta è quello più pericoloso, perché lascia aperti a innumerevoli scenari, tutti giusti, tutti “ragionevoli”, tutti possibili. Eppure c’è solo una motivazione dietro la non-risposta: il disinteresse.

Quando un uomo sparisce c’è solo un motivo: non gli piacciamo abbastanza da richiamarci, oppure ne ha altre che gli piacciono più di noi, dunque che senso ha stare ad aspettare, ipotizzare, giustificare? Basta tirare una riga e voltare pagina. Sì, anche se ci piace. A maggior ragione se ci piace. Perché tanto, noi a lui non piacciamo altrettanto, quindi è sostanzialmente tempo perso e tutta sofferenza inutile che coltiviamo per l’anima de li mortacci. Ha senso? Io dico di no.

Quindi per essere pratici, basta davvero valutare i fatti: tra la linea “stalker” [un messaggio al secondo] e la linea “menefregastocazzo” [manco un messaggio in settimane/mesi] c’è un mare in mezzo. Non esiste che un rapporto di qualunque tipo, fosse anche una scopata, non vada coltivato con qualche messaggio ogni tanto: per rompere la routine del silenzio, un sms alla settimana è il minimo sindacale, un saluto, una foto, un video, una cazzata, un “ti faccio vedere che ci sono, poi vedi tu” è sempre gradito e se l’interesse è ricambiato è bello per tutti, quindi se a un uomo tira il culo compiere un gesto che si risolve in 4 secondi netti [apri whatsapp, invia messaggio, chiudi whatsapp – apri chat, invia messaggio, chiudi chat] allora vuol dire che quest’uomo non si merita il nostro tempo, le nostre energie, i nostri sospiri, i nostri pensieri [che sono essi stessi energia]. E visto che con l’energia si smuovono montagne, be’, inviate un bel vaffanculo mentale e vedrete che prima o poi gli verrà recapitato. Con gli interessi.

Eliselle

Leggete qui un ulteriore approfondimento di Eliselle: http://lafacciagenerica.com/

Tocca a me. Belle e rudi riflessioni quelle di Eliselle che, senza peli sulla lingua, picchia duro sull’uomo “distratto” e anche un po’ su di voi, care amiche, che perdete tempo a chiedervi perché lui fa così, a trovargli VOI degli alibi, a chiedervi, ricadendo nel vostro grande peccato originale, che cosa VOI avete sbagliato…

Ribadendo la mia tesi sull’egoismo come forma mentis maschile “naturale” (leggete qui) aggiungo che, se questo può portarvi a sopportare l’atteggiamento non chiamo non scrivo MA SIETE SEMPRE VOI a dover fare il primo passo, come diceva Totò, ogni limite ha una pazienza.

Perché, come l’amicizia, molto più dell’amicizia, l’amore è una pianta che va innaffiata in due. Aggiungo quotidianamente. Basta poco: un sms, una telefonata carina, un minuto in chat. Oggi le tecnologie non lasciano scuse: danno mille modi di innaffiare la pianta. E se lui non lo fa mai, e continua a non farlo mai, ha ragione Eliselle: o avete a che fare con una delle tre famose scimmie della foto o, molto probabilmente, siete diventate uno dei suoi passatempi da letto (almeno in quello rende? Ditemi di sì altrimenti proprio non vi capisco).

Anche perché quando, non voglio esagerare, due si amano, o perlomeno si piacciono, stanno bene insieme, queste sono le 5 regole d’oro della normalità in amore:
1. la voglia è quella di stare insieme il più possibile, non il meno possibile
2. si tromba tanto, non poco e ogni tanto
3. ci si sente almeno tre volte, nel modo che volete, perché è bello salutarsi al mattino, alla sera e raccontarsi le cose che ci succedono, condividendole
4. ognuno ha i suoi spazi, ma li condivide raccontandoli, senza intenti di investigazione
5. non esiste fare le vacanze separati: ma come, avete finalmente la possibilità di dormire insieme, vedere cose insieme, farsi una cenetta lontani dalla routine e… trombare di più e non ne approfittate? Strano, molto strano.

Qualcuno mi darà dell’esagerato, del teorico dell’amore cozza: PALLE! Chi si ama, o sta per amarsi, cioè ha iniziato quel percorso magnifico che parte da un’intesa iniziale promettente a una meravigliosa passione vera, non ha che in mente una cosa, sia esso maschio o femmina: stare il più possibile insieme e condividere.

Il silenzio, anche digitale, non è sintomo di gioia coniugale o di coppia. Mai

PS: DIMENTICAVO UNA COSA IMPORTANTISSIMA! Se è buona regola sociale richiamare o rispondere quando una persona viene interpellata, figuriamoci se è la fidanzata (fa anche rima)! Siete sempre voi a richiamarlo? Beh, siamo oltre l’egoismo e la maleducazione, no?

Sincerely yours


301 commenti

  1. Condivido a pieno…giuste riflessioni da entrambi le parti….spesso le donne hanno bisogno di essere schiacciate per capire e spesso l’uomo rimane egoista perchè non se ne accorge……..

  2. “ho avete”?!?
    Comunque non condivido le tue considerazioni, in particolare le “regole” che dovrebbero stare alla base di una relazione. una relazione, invece, è particolare e unica come sono unici i due individui che la compongono: io non sono mai stata una ragazza che manda messaggi 2/3 volte al giorno e sente la necessità di telefonare ogni giorno al proprio partner. nemmeno, quindi, vedersi ogni giorno.
    Io credo che le regole siano solo due: essere onesti con se stessi e con l’altro; sapere cosa si vuole dalla relazione.
    La qualità di una relazione non si misura in base al numero di sms o minuti passati al telefono.
    Per quanto riguarda le vacanze separati, beh, se io sto pianificando un viaggio/vacanza/week end con le amiche o con mia sorella (con cui condivido interessi da prima che qualsiasi uomo arrivasse) non vedo perché non posso organizzarmi senza coinvolgere il mio ragazzo.
    Inoltre: l’egoismo esiste da entrambe le parti, non sono solo gli uomini che devono essere interpretati.
    E prima di essere etichettata: io sono una donna molto passionale e complice, che da tanto all’altro, intellettualmente, affettivamente e sessualmente; ma sono anche profondamente affezionata a me stessa, ai miei spazi, alla mia identità.
    Si aggiustano i propri ritmi per accogliere un’altra persona nella propria vita, ovvio, ma non si stravolge la propria personalità e le proprie abitudini in virtù di un’altra persona: così a mio avviso si commette un suicidio emotivo e intellettuale; e se la relazione finisce, ci si ritrova perduti e si deve ricominciare a ricostruire quella individualità che così facilmente abbiamo soppresso.

    • Usi molto la parola relazione e mai la parola amore. Che ci sia anche indipendenza e rispetto della propria individualità in una coppia è specificato in una delle regole, ma se l’indipendenza dell’uno è subita dall’altro (quello che ama “di più”) allora non parliamo di amore, parliamo di una quelle coppie dove c’è un soggetto prevalente, affezionato ma non innamorato, e l’altro che va a strascico, e subisce le regole dell’altro.

      Vacanze separati? Un sintomo di squilibrio di coppia, indubbiamente.

      Sulla comunicazione anche lì, il post nasce proprio dal fatto che è in altro sintomo importante di disagio di coppia: poi ogni coppia ha le sue modalità, ma passare una giornata senza neanche scriversi un rigo lo trovo davvero anomalo.

      Della serie, stiamo parlando di relazione, non soma che stadio, ma non di coppia innamorata. L’amore è un’altra cosa.

      • non mi rispecchio nelle tue regole, io continuo a credere che l’amore sia un sentimento unico come le persone che lo provano e ognuno conosce in cuor suo come esprimere questo sentimento. e, se si trova un’anima affine alla propria, si riesce a vivere il rapporto con serenità e gioia.
        non sentirsi per un giorno non fa finire il mondo. un individuo che vive appieno la propria vita non va in crisi per una giornata di silenzio, così come una relazione forte non vacilla.
        se io voglio fare un viaggio con mia sorella e godermi del tempo con lei, non vedo perché portarmi appresso il fidanzato.
        amarsi è una cosa, vivere in simbiosi è un’altra.

        • Ovviamente non si parla di un giorno di silenzio. Sarebbe ridicolo: il post descrive uomini che si fanno letteralmente i xxi loro e che sono li chiami tu non si fanno vivi per giorni. Ciò è normale? Sì ma non si chiama amore.

          Sulle vacanze separati sono rigido, but this is my point of view.

          Forse perché nulla come le vacanze sono sintomatiche dell’andamento di una coppia, facendola risorgere se oppressa dai problemi esterni, dalla routine o dai figli, o facendola decedere se zoppicante. Se vuoi leggi il mio post in proposito:
          http://www.alessandropellizzari.com/la-coppia-in-vacanza-scoppia/

  3. C’è da dire che un uomo rinuncia più facilmente a se stesso in virtù della donna che ama. Probabilmente è un retaggio culturale legato al corteggiamento e al ruolo di “Principe Azzurro” che ancora affligge molti uomini e che non è facile sradicare, in maniera analoga al ruolo di “Dama in pericolo” o “Sposa e Madre” a cui le donne erano educate fino a 50 anni fa e che tutt’oggi ancora condiziona il nostro comportamento e le nostre scelte in amore.
    Siamo ancora vittime, uomini e donne, di stereotipi, di ruoli obsoleti. La società è ancora in divenire e continuiamo a pensare a noi stessi come uomini e donne e non come individui.
    Non c’è stata inversione dei ruoli, c’è confusione di ruoli. Perché purtroppo ancora ci attacchiamo a stereotipi ammuffiti e castranti.

    • Io non trovo, nei racconti che mi fanno e nelle cose che vedo, confusione di ruoli. Io vedo che l’amore rimane una cosa semplice, governata da poche regole semplici. Chi si ama si cerca e si ricerca. Altrimenti non è amore, salvi rarissime eccezioni

      • Chi si ama ci cerca e si ricerca.
        Non fare mai che io mi abitui alla tua assenza perché in quelometto preciso capirai che io non sono più interessata e l hai voluto tu.
        Non fare mai che sia io a richiamati sempre perché in quel momento ,l ultimo in cui tu non rispondi,sarò già lontana che non vedrai più nemmeno la mia ombra di spalle…ecco
        Di una donna che ama si dice sempre che Ama troppo.
        Penso invece che gli uomini in quanto tali dovrebbero imparare L’a,,,b,,c.dell amore a scuola. ALESSANDRO HAI TUTTA LA MIA STIMA E APPROVAZIONE.
        NON HAI SBAGLIATO UNA VIRGOLA.
        E ALLA SIGNORINA DI PLASTICA Sally risponde dico con tristezza che NON SEI INNAMORATA Affatto.
        Se tu lo fossi stata anche solo la metà di quanto serve non penserete nemmeno per un minuto alla vacanza con tua sorella .
        ..

    • Grazie. Poi le categorie non sono abiti su misura. Ma se da ieri avete letto in 1000 questo post e solo una lettrice non è d’accordo vorrà dire qualcosa….

        • Io non cerco consensi cerco lettori. Sono un giornalista, un giornalista senza lettori non è nulla. Non si scrive per non essere letti. Detto questo io scrivo sul mio blog le mie opinioni, che possono essere condivise o no. Anzi, ben venga il dibattito, sai che noia sentirsi dare sempre ragione…

          In questo caso però l’osservazione sui numeri era epidemiologica, e la matematica non è un’opinione. Se su mille lettori solo uno la pensa in un modo, significa che la maggioranza la pensa come me.

          Ma non è questione di avere ragione o consensi, ci ho colto e basta. E mi fa piacere. E non mi dà fastidio la tua posizione, anche se non la definisco amore perché tu sei in una posizione dominante rispetto al tuo partner, mi sembra che tu lo sia da come descrivi il tuo rapporto.

          E l’amore è democrazia, non c’è una parte che decide per l’altra.

          Comunque, le eccezioni che confermano la regola co sono sempre. Io non faccio abiti su misura, sarei letto da tre persone in croce. Io faccio pret a porter, che lo mettono in tanti. Ma, ripeto, scrivendo sempre e solo non la verità, ma la mia verità. Questo non è un blog di cronaca, quella la faccio sul mio giornale.

          E, concludo, non c’è niente di male nel cercare lettori: sarei un giornalista cretino a scrivere per pochi.

  4. ma in amore, si diceva, non è tutto concesso? non voglio credere a regole prefissate… certo, fa piacere condividere i momenti salienti della giornata col proprio partner ma non sempre ci si riesce, e non intendo dire per mancanza di tempo! spesso si è inconsapevolmente incapaci; si impara ad amare ogni giorno, se lo si vuole veramente.
    buon proseguimento di discussioni…

    • Grazie Alessandra. In realtà qui parliamo dell’uomo che se non lo cerchi tu sparisce finché non ha di nuovo bisogno di te. Credo che la regola dell’amore che tiassume tutte sia stare il più possibile insieme

    • Le donne dofficilmente non comunicano. Se però assumono un atteggiamento di distacco, secondo me è più grave della situazione maschile. E’ contronatura per loro non avere un dialogo. Se non ce l’hanno o è sotto il minimo sindacale, nell’era della comunicazione digitale, vuol dire che non conti nulla per lei

      • e quando è ricomparso mi ha scritto solo ” mi manchi”, senza spiegare il motivo dell’assenza. Solo dopo, quando mi ha vista arrabbiata, ha spiegato che ha avuto problemi col lavoro. Ma a me sembra molto strana questa cosa.
        Comunque lui lo fa sempre, di non chiamare per tre o quattro giorni. E si giustifica sempre col fatto che ” lui deve lavorare” ” il lavoro è importante per lui” ,ecc…
        Ma quello che mi lascia perplessa è che mi sembra che ci soffro più io che lui, per l’assenza! E comunque, se non ha tempo per scrivere un messaggio a me in 15 giorni, perchè il tempo per aggiungere nuove amiche su facebook lo trova? Va be che ci vuole un secondo per cliccare un’amicizia, però, se uno sa di avere poco tempo per me a causa del lavoro, perchè cercare nuove amiche che possono portare via ancora più tempo? 🙁

        • Credo tu ti sia risposta da sola. Il silenzio è la non voglia di sentirsi spesso, o in modo almeno accettabile, a mio parere non è un segno di equilibrio nella coppia

          • si, ma se io gli dico che lo mollo, poi piange, dice che ci tiene moltissimo e che è colpa del lavoro se non ha mai tempo..continua a giustificarsi cosi..ma intanto il tempo per chattare con altre ce l’ha!

          • una volta gli ho detto che vorrei il buongiorno la mattina e la buonanotte la sera, e mi ha lasciata. E inoltre io vorrei che le cose le facesse perchè fa piacere a lui, e non perchè lo pretendo! 🙁

  5. Io sono molto ferita dal fatto che lui non mi voglia tra i suoi amici di facebook. Aggiunge sempre nuove amiche ma non accetta me che sono la fidanzata.Io temo che lo faccia per paura che faccio scenate di gelosia se scrive qualcosa che mi puo infastidire, o su altre donne , ecc.
    Ha ragione, o no? 🙁

    • Allora, a mio parere un conto è non scrivere mai alla fidanzata e sparire interi giorni senza farsi sentire, che trovo inaccettabile e ingiustificabile, e un conto è la propria privacy e zona franca di coppia.

      Ci sono coppie che fanno tutto insieme e coppie che si riservano degli spazi propri. Non so dirti qual è la formula vincente ma ogni coppia sceglie la sua modalità.

      E se uno dei due chiede uno spazio suo, che sia sui social o sia la partita di calcio o la serata poker con gli amici è la coppia che deve decidere insieme se sì, come e con che modalità.

      Perché in una coppia che funziona c’è libertà, ma nessuna libertà deve essere subita o imposta da uno dei due. Parlatene insieme e trovate una modalità che non faccia soffrire nessuno e che non obblighi nessuno neanche a essere monitorato come se fosse im galera

  6. io gli ho semplicemente chiesto perchè si fa sentire solo ogni 15 giorni con un breve messaggio e basta, e lui ha detto sempre che è per il lavoro…E quando gli ho chiesto se magari non è tanto convinto della storia, ha detto: ma noo! Cosa pensi! Certo che sei importante! Non ho tempo perchè lavoro molto! ” Ma invece adesso ho scoperto che non era vero. Si fa sentire ogni 15 giorni perchè ha tante amiche in chat. Secondo me è stato infantile, a inventare scuse di lavoro invece di avere il coraggio di dire la verità! Non lo trovi un comportamento codardo?

  7. Ciao Ale, permettimi di contraddirti o cmq di dissentire in parte rispetto a quanto scrivi… “basta un minimo calo delle vostre difese immunitarie. O meglio, della vostra voglia di dirci cosa dovremmo fare per rendervi più felici” Non credo che noi dovremmo dirvi cosa dovete fare per renderci felici… non siete dei bambini che vanno rieducati, su su… non le posso sentire certe cose, manco si trattasse di ragazzini adolescenti alle prima armi con i sentimenti e le ragazzine.
    Qui si tratta di poche semplici regole: se una donna si trova davanti ad un uomo che fa chiaramente intendere coi suoi silenzi che non gli interessa c’è ben poco da far capire o rieducare, in quel caso sparire è l’unica soluzione.
    Ma nel caso dell’uomo indeciso, magari a causa della troppa disponibilità della donna, allora sì che possiamo fare qualcosa: NON CERCARVI, farvi capire che non esistete solo voi, e aspettare che siate voi a muovere le belle chiappette e cercarci… siete semplici e prevedibili… questo è proprio vero. Dovremmo svegliarci noi donne: la ricetta è più semplice di quanto sembri.

    Ciao

  8. io ormai ho imparato che quando un uomo non si fa sentire mai e continua a dire di essere indaffarato, sta soltanto prendendo in giro. Mi spiace solo di non averlo capito prima 🙁

    • Purtroppo spesso è così o il preludio a un distacco che l’uomo non ha il coraggio di mettere in atto e allora cerca di provocarlo

      • Il mio ex ragazzo purtroppo ho scoperto che era si indaffarato, ma con le cam girl. Ecco perchè non aveva mai tempo per me 🙁

      • e quando l’ho lasciato ha accettato tranquillamente. Non ha fatto nulla per riparare o farsi perdonare. Mi aspettavo che mi cercasse e che facesse qualcosa per tornare con me, ma invece niente….Non so se è per orgoglio o menefreghismo.

      • quindi dici che non gli importa di essere mollato??? sul momento ha detto che io sto buttando via tutto, che lui non vuole troncare, e bla bla, ma poi alla fine non ha fatto nulla per recuperare:(

  9. cosa vuol dire quando un uomo ti dice: decidi tu se mi vuoi come amico, come fidanzato, amante o che altro. Per me va bene tutto. Amicizia o amore, quindi lascio scegliere a te quello che preferisci”

    che senso ha questa frase? Perchè lasciare scegliere alla donna e accettare passivamente? Un uomo, se innamorato, credo che per lui non sia uguale se la donna vuole amore o amicizia,no? E se invece, al contrario, non ama, non dovrebbe andargli bene che la donna voglia amore, giusto? ma allora, cosa vuol dire quando un uomo ti dice che per lui va tutto bene e che lascia decidere cosa vuoi tu?

    • Secondo me è che non gliene frega niente perché l’amore è una cosa molto precisa non è che scegli quello che ti gira

      • più che scegliere quello che gli gira, qui fa scegliere all’altra persona, come per dire: decidi tu perchè per me va bene tutto” 🙁

        • Gli uomini fanno sempre decidere alla donna o almeno fanno credere che sia così. Quasi tutti gli uomini lasciano le donne facendosi lasciare

  10. Mi e’ capitato un uomo di 43 anni(io32) che dice di non fare il primo passo, vuole lo faccia lei perche timido.
    Di solito sono molto distaccata con uomini che spariscono, o che non fanno nulla, ma con lui ho questo tarlo.

    Che dite? E’ una scusa?

    • È una solA. Un uomo di 43 anni che non sa ancora prendere l’iniziativa è una grandissima sola. Lascia perdere

  11. io però devo dire una cosa: in passato ho conosciuto un ragazzo che non prendeva mai l’iniziativa perchè era timido e si vergognava, però poi spiandolo l’ho sentito che parlava con l’amico e gli diceva che sperava che facessi io qualcosa perchè lui non aveva il coraggio. Allora io sentendo cosi ho fatto un passo verso di lui e lui ha esultato dalla gioia e vedendosi un po’ incoraggiato poi si è aperto 🙂
    Questa è la famosa eccezione alla regola? ^^
    Però se io casualmente non avessi sentito le sue confidenze all’amico, non avrei fatto nulla e nemmeno lui e avremmo perso una bella occasione!
    Cosa ne pesi Alessandro, in questo caso?

  12. Buongiorno a tutti,
    vorrei raccontare in breve ciò che mi è successo.Storia semplice:ragazzo conosciuto in chat,ci sentivamo tutti i giorni,piaciuti via foto.Quando ho fatto intuire che volevo approndire la conoscenza,ha cominciato ad indietreggriare,dicendoche la distanza era un elemento troppo determinante per lui in una relazione di coppia. (Lui ha sempre saputo che abitavano in due città diverse).Ha avuto,nel corso della conoscenza,anche degli strani comportamenti.Spariva ed appariva.Cercava,a suo dire,di allontanarmi,ma non riusciva.Ha proposto di provare a rimanere amici.Morale della favola:questo mi ha reso aggressiva,pressante e insicura per via del suo indietreggiare.Gli ho detto che volevo non sentirlo piu.All’inizio non voleva poi ha desistito e inoltre a cominciato ad sottolineare difetti (per me poco rilevanti)per raffreddare il rapporto,per far involvere il rapporto.Ci siamo sempre cercati fino a quando ultimamente l’ho cercato sempre io,Lui si mi rispondeva,ma in ritardo,a differenza di prima che era quasi simultanea la risposta.Ora si collega,ma non mi cerca piu.Sono 15 giorni.Come comportarsi?

  13. Grazie,direi che il primo esempio di procastinatore calza a pennello!I.Appartengono anche alla categoria:”A volte ritornano?Giusto per regolarsi..”

  14. Buona sera,
    dopo due anni di depressione per un ragazzo che mi ha presa in giro, un po’ di tempo fa il mio cuore ha dato un battito. Ho una lieve cotta per un ragazzo che, però, chiaro e sincero (e io lo apprezzo molto, perché non finge di avere interessi diversi), mi chiede soltanto sesso. Io sono stata gentile e gli ho spiegato che lo farei soltanto con una persona che amo. Gli ho detto che mi piace moltissimo ma che preferivo che fossimo amici, dato che cercavamo cose diverse. Lui non mi ha cercata per una settimana, ma io ero contenta lo stesso, perché mi sono accorta che riesco di nuovo a provare attrazione per qualcuno. Ho commesso forse l’errore di temere che si fosse offeso e l’ho cercato perché mi rassicurasse. Mi ha risposto in maniera secca di non preoccuparmi e ho pensato che non mi avrebbe più cercata. Pochi giorni dopo, è ricomparso con la stessa richiesta. Io sono stata affettuosa, gli ho detto che lo trovo molto bello, piacevole e intelligente, ribadendo che non posso dargli quello che cerca. So che sicuramente non avrà nessuna difficoltà ad avere una donna per una sera, se vuole questo (potrebbe anche essere impegnato e in cerca di distrazioni perché è veramente bello e sicuro di sé), e mi limito soltanto a sospirare davanti ai suoi occhi che mi guardano dalla foto che ho salvato sul pc mentre sorseggio il caffè, consapevole che a me in cam non rivolgeva quello splendido sguardo, ma sprizzava malizia e lussuria come se io fossi una prostituta… Però non riesco a non pensare a lui. Non gli scrivo anche per non affezionarmi troppo, mi limito a commentare di tanto in tanto quel che pubblica, a gioire per i suoi successi e a rispondere con gentilezza quando mi chiede scusa perché mi trascura… Non mi cerca da qualche giorno. Dati i presupposti, posso sperare in un’evoluzione? Che si accorga che dietro il mio aspetto c’è una ragazza che vorrebbe anche fargli conoscere i suoi pensieri o, se si farà vivo, sarà comunque sempre per quel motivo, quindi è meglio che non ci pensi più? Temo che, se gli fossi piaciuta davvero, avrebbe avuto timore a comportarsi da “maniaco”… vero? Grazie!

    • Un atteggiamento troppo invasivo sul fronte sessuale della serie o la va o la spacca non è mai un buon segno, ne sul fronte dell’interesse per te ne su quello della maturità di chi lo esercita. Quanti anni ha il personaggio?

      • conosco qualcuno che si comporta allo stesso modo. A volte questi uomini sembrano seccati per il tempo che gli facciamo ” perdere “…Addirittura una volta mi sono sentiita dire da un personaggio simile che io sono l’unica che fa la difficile mentre le altre ( che frequenta), invece,non gli fanno perdere tutto questo tempo come faccio io. mamma mia..che gente…non ho parole…

  15. Ora sono più serena grazie alla sua risposta (grazie anche a te, Vale). Vi confesso che un po’ mi spiace non essere la donna disinibita che si aspettava fossi. Io ho aspetto e carattere contrastanti: ho l’aria sensuale, ma non lo sono, sono timida. So che sono di nuovo disposta ad amare e a mettermi in gioco e sono tanto felice che la delusione passata mi abbia lasciato soltanto prudenza e non diffidenza. Ho imparato a mettere il cuore al riparo proiettandomi in un’eventuale catastrofe futura, non diventando cinica e forse riesco a capire meglio l’ottica maschile, non cercando di leggere fra righe che non ci sono. Ho ricevuto una bella lezione dall’ultimo dolore. Un ragazzo mi aveva fatto il lavaggio del cervello, mi ha convinta anche piangendo del suo amore fin quando, mesi dopo, non ho ceduto e poi mi ha mollata etichettandomi come “infantile” perché gli chiedevo una spiegazione (ero l’amore della sua vita; aveva parlato anche di me alla mamma, diceva…). Nessuno mi aveva mai fatto una cosa del genere. Quand’ho tirato troppo la corda, cercandolo in maniera ossessiva, mi sono sentita rispondere:”D’accordo, ti ho baciata e ti ho detto che ti amavo. Non rinnego nulla, ma mi vedessi con le donne che mi piacciono davvero!”. E quella frase, quel “Mi vedessi con le donne che mi piacciono davvero” è tornata come un incubo per mesi a straziarmi l’anima. Avevo perso da poco mia madre e scoperto che, nei giorni del mio lutto, il mio ex ragazzo usciva con altre ragazze, ma non sono crollata, sono crollata per l’inganno di un perfetto estraneo. Non capisco perché mi attragga sempre molto questo tipo d’uomo. Il ragazzo che mi ha ingannata, si è posto nello stesso modo di quest’altro, salvo poi mettersi a corteggiarmi “da signore” quando ha notato che il sesso per me era inscindibile dall’amore. A me i preamboli e i complimenti non piacciono, mi piace l’uomo così sicuro di sé da dirmi chiaramente che cosa vuole, anche che sia un po’ aggressivo com’è stato questo ragazzo… Per fortuna non è sensuale, lui, è soltanto fissato con il sesso, altrimenti con me avrebbe la strada spianata. Non mi accontento… 🙂 Grazie

    • Ce ne sono molti ma la tendenza è cercare un uomo con determinate caratteristiche e attirarli anche. Ma si può rimediare. Non accontentandosi, non fare compromessi

      • io non incontro soltanto questo tipo d’uomo, è semplicemente il solo tipo per il quale perdo la testa. Credo sempre che se un ragazzo ci voglia davvero non sia timido. Infatti, appena sanno che provi qualcosa per qualcun altro, scatta in loro qualcosa e si dichiarano.

  16. in che senso, siamo noi a cercare lo stesso tipo? anch’io trovo sempre tipi del genere, proprio come questi descritti da Sandy 🙁 ma non o se ce un motivo o è soltanto sfortuna..

  17. Ieri sera ho avuto un colloquio con lui. Tenendo sempre presente che seguirò il suo consiglio e non mi accontenterò, ho voluto provare a vedere se fosse possibile condurre la nostra conoscenza su un piano più elevato, perché lui mi piace davvero tanto e lo conosco molto poco. Per una volta, l’ho cercato io, parlandogli scherzosamente di un regalo buffo che mi avevano fatto. Lui ha voluto una foto del regalo e poi mi ha chiesto se avessi voglia di lui. Gli ho risposto che lo desidero sempre – è la verità – ma in maniera molto platonica. Ve l’ho detto: io guardo il suo viso, mi piace da morire, so che potrei innamorarmi di lui, ma non sogno di farci l’amore, ancora, anche perché la dimensione sessuale mi è quasi sconosciuta, quindi mi è difficile immaginare qualcosa che non conosco. Ma lui ha confermato che vuole quello e basta. Se mi propone di vederci in webcam, mi chiede subito di farmi vedere nuda, altrimenti non gli importa. Gli ho ribadito, sempre con gentilezza, senza offendermi e offenderlo, che non ci riuscirei, che non mi rapporto con gli uomini in quel modo. Lui non mi ha voluto vedere in webcam, ovviamente, e ha fatto finta di essere offeso, forse sperando che gli rispondessi :«No, ti prego! Non andar via: sono qui, mi spoglio». Invece gli augurato la buona notte, ribadendogli che lo desidero tanto. Non per tattica, non voglio tenerlo legato e civettare. Trovo brutto civettare: comprendo le sue aspettative perché non mi inganna, quindi sono anch’io onesta con lui. Però, ormai, è andato. Io ho anche un’anima e un cervello. Potrei amarlo, ma lui vuole una bambola gonfiabile! Vallo a capire! Siamo stati d’accordo che sia meglio lasciar perdere. C’est la vie.

  18. Il problema è che questa sciagurata scelta è talmente inconscia che a noi invece sembra proprio di cercare piuttosto il tipo amorevole e premuroso, ed è per quello che non ci capacitiamo poi delle improvvise sparizioni postume.
    Evidentemente ci sono tanti piccoli dettagli che sarebbero rivelatori e che ci ostiniamo a non voler cogliere o a giustificare troppe volte.
    Però se avete un antidoto a questa coazione a ripetere il danno, io mi offro volontaria anche per una cura sperimentale

  19. Sandy…da come descrivi questo ragazzo sembra proprio quello che avevo io! Peciso e identico! Anche a me è successo come te: voleva soltanto una che si spogliasse in cam e quando ha visto che io non sono cosi ha detto che preferisce solo amicizia:(
    Ma come si fa a essere amiche di uno che ci piace molto? io non ci riesco..:(
    Tu Sandy secondo me hai fatto bene a lasciar perdere….Io per esperienza so già che i tipi cosi, se gli diamo amicizia poi iniziano a parlarci delle ragazze che gli piacciono davvero, e per noi sarebbe una tortura. A questo punto meglio davvero lasciar perdere. Che amicizia si può avere con uno che ci vede solo come bambole gonfiabili?

    • Hai ragione da vendere! Però, sai, sto riuscendo a prendere il meglio da questa situazione. Da quando mi sono scoperta infatuata, mi godo questo bel sentimento, anche se non è corrisposto. Mi sveglio felice, mi vedo più carina, mi rendo conto di essere ancora giovane, anche guardandomi allo specchio (ho 30 anni, ma il dolore mi faceva vedere invecchiata e spenta); leggo di più e scrivo meglio. Ho ritrovato leggerezza e – stranamente – fiducia negli uomini. Non ho avuto paura di dirgli che mi piace molto, non mi sono fatta nessun problema e gli ho dato valore in maniera sincera. Sono stata carina e affettuosa, ho prestato soltanto una maggiore attenzione a me stessa mettendo i paletti dove potrei farmi male, senza far male a lui. Io non gli ho proposto amicizia perché hai ragione tu: sarebbe insincera da entrambe le parti e una tortura per noi che proviamo qualcosa per loro. Io mi limito ad esserci. Non mi allontano e non mi avvicino. 🙂 Sono lì e vivo e sono felice di incrociarlo qualche volta.

  20. Ciao cara Sandy..io a differenza tua invece mi sono proprio allontanata perche ci sono rimasta troppo male. Quando vedo che un uomo mi dice o ti spogli o siamo solo amici, io non riesco neanche a essere amica, La vedo come un ricatto psicologico, quasi che lui facendo cosi si aspettasse che noi per non perderlo ci spogliamo. Ma uno che si comporta cosi , è chiaro che non è innamorato e non gli interessa di noi. Io di fare l’amica dopo che uno mi illude che sono speciale, importante, e bla bla, non ce la faccio proprio. Mi ha colpito una cosa: tu hai detto che ti svegli felice e ti vedi carina. Io invece da quando è successo questo dormo male e mi vedo piu brutta..Perche mi ha fatto scendere l’autostima.

    • Ciao, Vale! Credo che dipenda dal fatto che questa mia ultima esperienza sia accaduta in un mese appena e perché fino a prima di conoscere questo ragazzo, io ero impegnata a conservare i brandelli dell’amore precedente. Quindi sono rifiorita, non perché mi sono illusa che il tipo avesse interesse sincero, ma perché quello che provo mi rende felice. Essere infatuati ci rende persone più belle. E credo che accadrà presto anche a te, quando avrai di nuovo qualcuno che ti fa battere il cuore come fa questo maniaco con me. Il dono più grande è provare sentimenti, non per forza essere ricambiati. Provo attrazione per lui e mi basta, mi godo questa luce interiore, questa leggerezza, questa nuova energia. Non ho aspettative, quindi non soffro. Cerco, anche, di volergli bene perché lui, anche se io ero ormai guarita dal vecchio dolore, è stato fondamentale per tagliare col passato e gli sono grata dei bei sentimenti che mi suscita.

      Poi capisco l’autostima, ma concentrati su una cosa, come faccio io: non hai ingannato, sei stata ingannata… La tua forza, credo, dovrebbe essere questa. Sei stata sincera, ti sei fidata e il tuo dolore dimostra che provavi sentimenti veri e bellissimi. Già per questo motivo sei bella! Loro che ci ingannano, magari non avranno rimorsi di sorta, ma sono brutti! Lo sono oggettivamente! Tu staresti bene sapendo che qualcuno piange perché hai giocato con la sua vita, sei stata disonesta e vigliacca? Magari non gliene importa, ma lo sanno e la loro punizione è già questa: fanno schifo! Fare consapevolmente male a qualcuno? È da vigliacchi e l’uomo vigliacco è perdente a prescindere perché la vigliaccheria condiziona ogni aspetto della sua vita. Chi è disonesto nel poco, è disonesto nel molto.

  21. Da 5 anni sto combattendo con questa realtà. … sembro la donna ideale per una notte… ma poi vedo che quel messaggio in cui spero non arriva…. magari arriva quando meno me lo aspetto e mi fa sperare che magari quando spariscono poi qualcosa scatti e li faccia tornare. Ma è assolutamente vero che se non ti cercano è inutile creare scuse per assecondare se stessi quando la realtà è chiara e lampante…. non gli interessi , non è scattata quella cosa che speravamo scattasse e ci ritroviamo a sperare in un messaggio che sappiamo non arriverà o arriverà a loro piacimento e nei loro tempi. Quello che mi dico è che io valgo di più del loro momento ok, che è magari quello in cui sono annoiati e ci dedicano 2 secondi del loro tempo. Perché diciamoci la verità un ciao come stai non è altro che due secondi del loro fottutissimo tempo. E dopo cinque anni a vivere queste cose sono ancora a sperare in un fottutissimo ciao come stai? Allora mi chiedo. … si riuscira mai ad accettare che puoi non aver destato interesse o semplicemente di non essere la persona giusta? Arriverà mai il momento in cui uno si rende conto che non è suo il problema e si riuscirà semplicemente a fare un sorriso e dire… vabbe è andata senza farsi mille lugubrazioni mentali ?

  22. Giusto sono troppi… e spero che questa ennesima mia delusione a sperare in qualche cosa che non arriva mi serva finalmente da lezione… quindi lo scrivo anche per autoconvincermi… meritiamo tutti un ciao come stai… meritiamo tutti un sono stato bene e mi andrebbe di rivederti…. e basta a questi uomini vili che prendono la strada più facile per loro in quel momento…. so che è più facile sparire e non dover essere nella posizione di dare spiegazioni ma a volte si è più apprezzati se si prende il coraggio su due mani e si affronta il problema. .. e basta a questi mezzi uomini che sono capace a portarti a letto per poi fare fare marcia indietro senza sentire il peso della responsabilità di quello che fanno. È vero che si è in due a fare determinate cose… ma io almeno ho il coraggio di affrontare un interesse o un non interesse nei confronti di qualche persona almeno questa coerenza ce l’ho… il problema secondo me è che a volte non si pensa alle conseguenze che questo atteggiamento in generale può portate ad altre persone. Cmq leggere questo articolo mi ha fatto bene… ed è giusto ricominciare da se stessi
    Quindi davvero grazie

  23. il problema, nel mio caso, non è tanto stare ad aspettare quel maledetto ” ciao come stai ” che non arriva, ma riuscire ad entrare nell’ottica di idee che se quel messaggio non arriva non è detto che la colpa sia per forza mia: potrebbe essere l’altro ad essere una brutta persona. Adesso sto lavorando su questa cosa, perchè non è giusto che i messaggi mancati ci portino via l’autostima portandoci a dubitare del nostro valore. Questo non dovremmo mai permetterlo. Io ci sto provando.

      • Esatto, Alessandro..Il mio ex trovava troppo faticoso ed impegnativo anche solo mandare un sms con scritto buonanotte o buongiorno. Ed infatti lo concedeva come se mi stesse facendo la grazia. ( quando lo faceva). Qua la colpa forse è anche mia che ho sopportato questo comportamento umiliante.

          • Me ne sono accorta dopo due anni e mezzo 🙁
            Ma forse più che non accorgermene è che dentro di me credevo che fossi io a non meritare un sms di buonanotte, e quindi lo giustificavo
            Continuavo a giustificarlo e nel mentre passavo in rassegna ogni mia parola ed ogni mio comportamento che potesse giustificare la sua scarsa ” concessione ” di un misero buongiorno. E quando ( finalmente) ho capito che non era colpa mia, gli ho detto addio e ho proseguito per la ma strada.

            P.S: il signore in questione non ha mai avuto una fidanzata in passato, e da alcune voci ho saputo che continua a non averne.

            Non sarà forse che nessuna è disposta a farsi mettere sotto i piedi??

          • Sai,Sandy, il discorso nel mio caso è piu complesso. Io non volevo che mi mandasse l’sms di buongiorno per sensibilità o per educazione: volevo che lo facesse FELICE di farlo, perchè lo desiderava e per suo piacere, capisci?
            se un uomo sente come un dovere il dover dare il buongiorno a una donna, secondo me ce qualcosa che non va. E infati alla fine mi ha quasi rinfacciato di costringerlo a essere gentile. Roba da non credere…..

            Ti rispondo anch’io alla tua domanda, ( anche se attendiamo la risposta di Alessandro): no, per me non ci può essere amicizia. 🙁

          • Hai perfettamente ragione, Alessandro! Questi tipi vanno mandati a raccogliere broccoli. Sai, penso che la chiave di tutto sia volerci più bene e smetterla di tollerare cattivi comportamenti. Forse Sandy, me ed altre ragazze abbiamo bisogno soltanto di credere di piu in noi stesse. Personalmente, per mie antiche insicurezze, tendo sempre a giustificare chi mi maltratta, pensando inconsciamente che hanno ragione a farlo.

          • Anni fa ho avuto una storia con un tipo che non voleva che ci vedessimo più di due volte a settimana, e se gli dicevo “ti amo” gli suonava l’allarme. Ci siamo mollati perchè la nostra storia non poteva avere un futuro, lui non era pronto ad impegnarsi.
            A distanza di 20 anni ci siamo rincontrati, e nonostante le rispettive famiglie, stiamo insieme.
            Ci scriviamo continuamente. anche a due metri dai rispettivi partner, anche mentre siamo al lavoro e i colleghi ci guardano malissimo.
            Si fa anche 50 chilometri per vedermi mezz’ora, mi posta canzoni e cuori. Ogni giorno ci auguriamo il buongiorno e la buonanotte….
            Prima non mi amava, ora forse si….

    • 🙂 io non riesco a capire… La persona è così maleducata da non scrivere più e l’autostima viene meno a chi è corretto? Non dovresti considerarlo un essere totalmente privo di sensibilità, Vale?

      Io ogni tanto scrivo a quel “maniaco” che non mi cerca dalla notte fra 8 e 9 dicembre! Ho rifiutato di nuovo le sue avances, ma gli ho scritto la mattina dopo che l’affetto che provo per lui mi permette di lavorare meglio. È vero e ne ero felice! È un dolore, certo, ma è stranamente fecondo… Prima era feconda l’euforia data dall’infatuazione; ora lo è questo lieve dolore (dato che grazie a voi ho messo il cuore al riparo evitando aspettative!).

      Lui ha visualizzato il mio messaggio e non mi ha risposto! Neanche un “ciao”… Mi do della scema beota perché fingo con me stessa che non mi importi, ma ne sto soffrendo… Io rispondo a un amico; rispondo a chi mi scrive, se non mi ha fatto niente di male! Perché non mi costa nulla un atto di gentilezza e perché non voglio ferire i sentimenti degli altri.

      Che sia tattica? che mi voglia dire:”Dato che non ci stai, non ti parlo”? Magari aspettando che capitoli? Credo di avere il fondato sospetto che, se cedessi, non cambierebbe niente e mi ignorerebbe comunque. Sicuramente c’è chi gli piace di più. Ma che cosa fare in questi casi, dottor Pellizzari? Basta evitarli come la peste sul piano sentimentale, ma cercare di coltivarli mostrando interesse per la loro persona, o sono da evitare in toto? magari è un mio problema la sofferenza che mi suscita… È il fatto che tenga a lui a farmi star male; se fosse un caro amico, non penserei nemmeno che mi ignora, non mi offenderei! Però rapportandomi con gentilezza con lui, a quanto pare, gioco con il fuoco… Non ci può essere amicizia?

      • Non chiamarmi dottore, non sono medico e mi fai sentire più vecchio di quello che sono. Ragazze la risposta è semplice: maleducati, manipolatori, stronzi… Chi non vi chiama non vi ama. Mandateli a cagare, scusate l’inglesismo

        • ^__^ scusami! “Dottore” era dovuto al fatto che dici le cose con una tale chiarezza da farmi pensare:”Certo! È logico e chiaro quel che dice!”, quindi ti sento quasi come un medico che sa dare cure definitive al male che sono anche semplici da applicare! 🙂

          • Sono lusingato e ti ringrazio ma in realtà cerco solo di fare il mio mestiere di giornalista anche quando parlo di dinamiche di coppia

  24. esatto, ho sofferto di una forma di sudditanza psicologica, e no, non mi sono mai confrontata con un esperto. Ma so da dove deriva questa cosa: quando ero piccola in famiglia mi ripetevano come un mantra: tu non vali niente, ricordati sempre che sei uno zero, e se vorrai che qualcuno ti voglia dovrai pagarlo ” Mi hanno ripetuto questa tiritera per anni, fino ad inculcarmela nel profondo.
    Ed inoltre, se qualcuno si azzardava a mancarmi di rispetto od essere violento anche fisicamente, lo giustificavano, invece di difendermi, sostenendo che: se uno ti prende a calci vuol dire che ha buoni motivi per farlo” 🙁

    Poi, crescendo, ho mandato tutta la famiglia a fan..brodo, ma comunque sento che dentro di me, in un angolino, ancora credo a quelle parole. E gli uomini ” lo sentono ” e capiscono che possono aproffittarsene. Oltre a questo, perdono anche rispetto perchè mi vedono come una ragazza facilmente calpestabile.

    • oh, cara Vale! 🙁 Mi dispiace moltissimo. Anch’io ho vissuto certe vessazioni in famiglia. Mia madre mi picchiava per ogni sciocchezza, mi umiliava e offendeva in continuazione fino all’età adulta. Anch’io reagisco come te, forse anch’io desto le stesse impressioni in un uomo… Mi manca mettere i paletti agli altri, quelli che servono a creare il giusto limite oltre il quale mi si sta ledendo… Anche perché nessuno ha mai curato le mie ferite fisiche e morali e l’odio di una madre ti ghiaccia l’anima in maniera irreparabile. Io le ho risposto con sudditanza, non ho mai pensato di denunciarla (una volta mi ha ferita alla testa senza motivo e non mi ha uccisa per miracolo), anche perché subivo molte violenze psicologiche sul senso del comandamento “Onora il padre e la madre”. Io non so se quel dolore abbia condizionato il mio modo di rapportarmi con gli uomini, perché ho avuto la fortuna – per contraltare – di avere un rapporto bellissimo con le figure maschili della mia famiglia, però davanti agli aggressivi mi blocco come davanti a mamma; davanti a chi mi tratta male, lascio correre. Per fortuna non capita spesso, per fortuna ho imparato a stare con gli occhi aperti e a fidarmi del mio istinto, ma quasi capisco chi non mi ama; quasi mi sembra naturale…

      • I genitori sono fondamentali anche nella crescita sentimentale. Pensate che, dopo due figli maschi, a 50 anni mi sono ritrovato con una figlia femmina, che ora ne ha sei. Io la amo e la riempio di complimenti. Ammiro la su bellezza e intelligenza. Una volta ho chiesto a una mia amica: esagero con Rebecca? Mi ha risposto: un po’, come tutti i papà, ma fai bene a farla sentire una regina, perché quando cercherà il suo uomo lo cercherà come te, cioè un re che la tratti da regina. Amiche, scegliete solo uomini che vi trattino da regine.

        Ps: una volta le ho detto… Sì però Rebecca se mi porti un fidanzato che almeno sia ricco! E lei mi ha risposto: ma cosa me ne faccio se poi mi tratta male?

        • 🙂 mio padre è stato sempre un amore con me. Solo due pecche gravi: mi metteva sempre in confronto schiacciante con gli altri e io ero sempre perdente e non ha mai difesa da mia madre. Si limitava a voltarsi in là, chiedendomi di non irritare mia madre che, vi assicuro, non aveva di certo bisogno di pretesti per farmi del male. Credo che per questo motivo mi attragga l’uomo aggressivo e indifferente. Forse mi sembra capace di difendermi da chi mi ferisce? Boh… Io non so più se esista qualcuno così capace di amare un’altra persona da voler costruire una famiglia con lei. mia zia mi diceva:”Basta che una persona ci voglia bene!”… e a me sembra che parli di chimere! una persona che vuol bene a un estraneo? Può esistere? Eppure le famiglie si formano…

        • Letto, Alessandro! È la descrizione del mio ex ragazzo… Stessi interessi, in sette anni non è mai successo che non avessimo qualcosa da raccontarci, eravamo attratti fisicamente l’uno dall’altra e ancora adesso mi scrive ogni giorno e mi chiama. Però non mi ama! Andiamo d’accordo e siamo affiatati, ma gli ho dato troppa fiducia e lui, ho scoperto mentre soffrivo per la morte di mamma, usciva con altre ragazze proprio nei giorni del mio lutto e si era fatto fotografare con una ragazza in abiti succinti tre giorni prima del mio compleanno, sempre in quei giorni per me terribili (mia madre era morta all’inizio di quell’anno, io compio gli anni a maggio)… Lui ne ha sofferto molto e io ero a pezzi soprattutto perché, anche oggi, so e capisco che lui non si è pentito: gli bruciava l’essere stato scoperto! Per questo motivo è diventata una ferita insanabile

  25. Cara Sandy, mi spiace moltissimo anche per te! Anche a me una volta mi ha ferita alla testa, procurandomi un trauma cranico, e per quale motivo? perchè non accettavo che un amico di famiglia mi prendesse a botte !!

    Comunque adesso io ho tagliato i ponti completamente con la famiglia, li ho proprio cancellati e per fortuna non ho piu loro notizie. Fingo che non siano mai esistiti. E’ dura, perchè a volte mi trovo ad invidiare chi i genitori li ha, li frequenta e si augura che vivano a lungo. Io non ho avuto la stessa fortuna. Auguro a te ogni fortuna e felicità, e mi racomando, fatti valere sempre!!!! Ripeti a te stessa: io sono una principessa e come tale mi devono trattare 🙂

    • 🙂 sì… Io ho reagito in maniera diversa e ne sono felice. Ho voluto bene a mia madre e sono felice di non essermene andata, di non averla quasi mai detestata, di aver forse rimosso il male, almeno in parte. Perché quand’è morta, io ero con lei, l’ho aiutata e l’ho stretta a me in quegli ultimi istanti… Per quanto male mi abbia fatto, io non gliel’ho reso e l’ho amata; così non mi sento debitrice di niente: è tutto dimenticato e superato.

  26. Complimenti Alessandro, sicuramente sei un bravissimo papà con la tua piccola principessina ^^-

    Ti ammiro Sandy, io non ci sono riuscita, anche perche per i suoi parametri perdonarla significava piegarmi completamente alla sua volontà e accettare di essere schiacciata in eterno, senza scampo. Allora mi è scattato un briciolo di istinto di sopravvivenza e ho detto: no grazie, voglio vivere.

  27. Riconosco un ragazzo più giovane ci guardiamo e si ci piaciamo…dopo un anno lui ritorna per le ferie ci avviciniamo cm una scusa…finiamo la serata in discoteca lui è sempre dietro di me…mi accompagna persino in bagno..e palese che le piaccio….iniziamo a massaggiare sino a che nn decidiamo di vederci io e lui da soli .
    Cmq finiamo a letto lui più piccolo di me…cmq devo dire che era da molto che nn vivevo una cosa del genere un coinvolgimento di dolcezza coccole …si mi è piaciuto! A differenza di uomini più grandi di lui è stato bravo!…ma aimè il giorno dopo..pur! Se nn lo cercavo io molto probabilmente nn si sarebbe fra sentire lui….ora oggi metterò il silenziatore io…ma stasera credo che se uscirò lo vedrò in giro…..premetto che domani riparte ….cm mi devo comportare??…ps…nn ci sono stati discorsi seri sullo stare insieme…il mio fastidio è solo x una mancanza di considerazione…essendo più grande nn sono stupida voglio solo che possa capire questo…

      • Si..ma se oggi lo dovessi incontrare…(xk io so chei n cuor suo sa di nn avermi cercata …xk diciamolo gli uomini lo sanno bene quando smettono di cercare nn e un bel attegiamento….) cs dovrei fare ? Salutarlo cm se nulla fosse …?cm se a me importasse ancora di meno del ft che lui nn si e ftt piu sentire…qual e il vantaggio? Chi mi dice che faccendo cosi ritorna sui suoi passi o si rende conto della stronzata,,,perche quando le mie amiche adottano questo attegiamento loro dp livedi sbavare dietro….mentre io qualsiasi attegiamento che sia indiferenza o che dica cio che penso ..faccio terra brucciata?….cs nn va in me….

        • Tutte le donne si giudicano troppo. In te non ha nulla è lui che è egoista e ramazza avventure. Una non basta

  28. Ciao ale! Mi scuso in anticipo, ma vorrei un opinione maschile.
    Circa un mese fa ho conosciuto un tipo su fb. Abbiamo iniziato a parlare e in men che non si dica , dopo un paio di giorni è venuto a trovarmi ( lui sta in toscana e io in sicilia).
    Ti dico che è partito subito in quarta, baci, abbracci, coccole e non siamo mai andati oltre ( io ero restia dl farlo subito).
    Una sera mi ha presa su di se abbracciandomi stretta e mi ha fatto ascoltare always di bonjovi baciandomi. Mai fu momento più dolce! L indomani l ho trovato più distaccato. Ne un abbraccio, solo un bacio veloce. Sabato ancora più freddo nei miei confronti , tanto che accompagnandolo domenic in aeroporto mi ha salutato con una freddezza indescrivibile. ( dalla sua dice di odiare i saluti)
    Ci siam sentiti per messaggi, mai una chiamata. Sempre monosillabico, ciao come stai per poi non farsi sentire più la sera. Adesso è da una settimana che non ci sentiamo. Io gli avevo mandato una fotp di me vestita per carnevale, per essere scherzosa e recuperare quantomeno un briciolo di rapporto, ma lui ha visualizzato e mai più risposto.
    Premetto che mi han regalato una conchiglia rarissima e scritto una lettera quando stava con gli amici prima che venisse a trovarmi.
    Cosa significa tutto ciò? Perché questo atteggiamento? Ero già presa di lui prima del nostro incontro e lo sapeva.
    Ti prego illuminami!

    • Secondo me voleva concludere subito ed è uno di quelli molto diffusi che se non gliela dai nel giro di due volte si stufano e vanno in cerca subito di altri lidi

  29. be leggendo questa lettera penserei che lui è un perfetto idiota(rivolto a Vale)….cmq io forse:-) ho anche rinunciato all’ amore ma nn al sesso e sono consapevole di nn dover aspettarmi nulla….ma protesto a questi atteggiamenti che hanno certi uomini-bambini..e ci metto in mezzo qualsiasi età…che nn sono in grado oltre ad amare che a portare avanti una relazione..nemmeno fare un buon sano sesso..temono anche quello…!!!la continuità del rapporto sessuale…ne ho conosciuto uno che era chiaro(secondo lui) di non volere storie serie..ma solo sesso…ok x me nessun problema..ma dopo un po anche lui sparito…e quando mi vede mi guarda anche male…cm se io le avessi fatto chi sa cs…(premetto che lui dal momento che ha messo i paletti sulla storia seria..io mi sono comportata cn molto distacco senza chiedere nulla)..quando alla fine le regole le ha fatte lui è io ho solo rispettato …quindi meglio che vengano scopati da noi donne per una notte e poi mollati….credo che sia l’unico modo x avere un Po di Pottere su di loro…questo lo dico perche un giorno ho ragionato da maschio…un altro ragazzo nn si decideva e io sempre dietro di lui…un giorno mi sono rotta!Dopo essere sparito x mesi,mi ricerca chiedendomi di vederci..ho rifiutato dicendo che ero per i cazzi miei…ne non sono stata li a dare spiegazioni…un altro giorno lo ritrovo..e ho detto “adesso lo uso io!”…gli ho chiesto di vederci ha accettato…abbiamo scopato..be!..questa volta sn sparita io nel nulla!…dopo quasi una settimana mi ha ricercata con tanto di” nn vorrei disturbare se sei impegnata” “OVVIO che sono impegnata! Che credevi che fossi a casa ad aspettare te?! E’ martedi grasso e sono mascherata in giro a divertirmi! lo liquidato e poi ho continuato la mia latitanza…cmq questa cosa mi ha fatto sentire bene!…ovviamente nn ho la certezza che lui si possa esser sentito usato..ma il fatto che lui si sia abbassato a cercarmi e gia qualcosa…

      • Princess, devo dire che capisco in pieno il tuo ragionamento. E’ verissimo che sc…e poi sparire da potere!!! Pensa che quel tipo di cui ho parlato io, con me ha fatto il furbo, ma prima è stato sempre duepiccato e mollato da TUTTE! E da come parla di quelle, sembra che ancora le rimpiange e le vorrebbe. Vedi? Quelle che lo hanno usato una notte le rimpiange, e a me che l’ho trattato come un re mi ha trattato da schifo. A questo punto penso proprio che hai ragione tu!

  30. Quanta tristezza in queste tue parole! Ma non è meglio amare e soffrire senza dare male che cercare di rendere la pariglia? A che pro? Soltanto per far pagare al prossimo il male che ci ha fatto il precedente? La lezione che io ho imparato dall’atteggiamento meschino di qualcuno è non mancare di rispetto mai! Se un ragazzo che ho amato o che mi ero illusa mi amasse sparisce, io mi limito a ringraziarlo per quello che mi ha dato, per aver condiviso con me anche soltanto un breve tratto di vita e vado avanti! Gli uomini non mentono, in fondo: se non ci vogliono non vi fanno perdere tempo. E comunque, Princess, se sei qui con noi a parlare di questo, temo che tu ti senta ferita e non serve fare l’uomo! Come dice Alessandro, il nostro è il sesso nobile! Non siamo portate per fare le bestie in calore e possiamo esserne fiere! 🙂

      • ma non c’è motivo di comportarsi come loro… Sbaglio? Il ragazzo da “evitare come la peste” di cui vi ho parlato a lungo qui, nell’ultimo colloquio di un mesetto fa mi ha chiesto se avessi fantasie su di lui. Io gli ho risposto.”Tu sei la prima persona a cui penso d’istinto quando apro gli occhi al mattino”.

        Lui non mi ha capita! Non ha capito che io penso a lui perché è nel mio cuore, perché sono felice che sia al mondo e voglio che stia bene e sia felice. Ovviamente, mi ha chiesto che cosa pensassi di fare, intendendo desideri sessuali… Gli ho dovuto spiegare che a me interessa la sua persona non il suo corpo.Penso a lui perché mi scalda il cuore e questo mi basta! Certo, lo amerei da morire, se potessi, ma non soffro perché lui non mi vuole. Perché l’amore è gratuito o non è amore.

        Se restiamo deluse, forse c’è una componente egoistica anche in noi, che abbiamo troppo presto aspettative anziché andare caute? L’altro è sempre un nemico, fin quando non lo mettiamo alla prova! Se non lo mettiamo alla prova e ci andiamo subito a letto, sbagliamo noi perché gli diamo una fiducia che non ha guadagnato. Se è nella loro natura comportarsi così, noi che lo sappiamo non siamo capaci di difenderci?

        E se lui è scorretto, poi stiamo male, ma se apriamo la porta al “nemico”, non lo autorizziamo noi a farci male e andarsene? Io non riesco a farmi passare la gioia che mi deriva dai sentimenti che provo, anche se non sono ricambiati.

        Anche adesso che frequenta un’altra, se ho un dolore fisico di notte e mi viene in mente lui, mi passa ogni dolore. È l’antidolorifico più efficace che conosca, se non supero le dosi consigliate, dato che ha un’altra, non è bello né giusto che mi soffermi su di lui più di tanto.

        Gli uomini sono egoisti ed è vero, ma non avremo perso un po’ tutti la capacità di amare, di volere esclusivamente la felicità dell’altro, anche se l’altro trova la felicità fra le braccia di un’altra persona? Non credo sia un discorso ingenuo… Io credo che imparare a comportarsi con generosità gioverebbe a entrambi i sessi.

  31. Mia cara sandy lui ha capito e come…il punto e chefa finta di nn capire….poi per quando riguarda il pensare al maschile…ho solo servito alla stessa persona cio che lui facceva a me…ecredimi nn mi avrebbe cercato sennfosse stato un minimo interessato…il punto e che lui vuole gestire ilraporto a modo suo…e ionnci sto…cs le ho solodimostratto che se vogliosono brava anchio a prendere x il culo….x quanto riguarsail rispetto…sn gli altrichelo mancano a me…

  32. Vale ieri ho rivisto l uomo usato in un locale..be io ero in formissima e mi divertivo alla grande…lui passava piu di una volta e mi grattava
    A schiena…io faccevo finta di nn accorgermi…sino a che nn mi ha trovato in un momento che potteva salutare…e mi fa…ciaooo..io gli rispondo oh ciaoo..cm se mi fossi accorta di lui in quel momento…e sai che mi ha detto? Sn tre ore che ti tocco ma nn mi hai cagato…ma daiii nn mi ero accorta!!….questo per fargli capire che io senza di lui sto bene….quando mi avevi nn mi hai aprezzata…ora sno io he nn aprezzo te!

  33. Anzitutto, a costo di sembrare banale, complimenti per l’articolo!
    Nonostante la tematica affronti una grande incapacità (o comportamento innato?) del genere maschile, alla fine, ahimè, la situazione si ribalta, ed è sempre invece molto triste per noi donne…
    Diciamo che, la maggior parte delle volte, nemmeno di fronte all’evidenza siamo in grado di capire quanto poco sia virile l’atteggiamento di un uomo nel non prendere in mano la situazione, e parlarci chiaro. La sapete l’ultima? Sì, è VERO che gli uomini hanno una visione molto semplicistica della vita; e sì, è VERO che noi donne tendiamo a guardare costruzioni (miraggi?) dove invece, probabilmente, non ce ne sono. Si tratta di istinto naturale per entrambi i sessi. Maschi, ce ne volete dare una colpa? No. Gliene dobbiamo fare un colpa? Forse…ma solo perché noi glielo permettiamo…
    Capisco che è difficile vedere l’evidenza, soprattutto se si è coinvolte, e vulnerabili, ma i paletti dei limiti ci sono, stanno su strada, e se anziché chiudere gli occhi li aprissimo, forse non sbatteremmo il muso ogni singola volta! Aprite gli occhi, e anche le orecchie: davvero per i maschi 2+2=4! Non commettiamo l’errore di credere di intravedere spiragli di luce dove il nostro Lui ha spento l’interruttore da tempo, e capite fin dove potete arrivare prima di spingervi oltre in una situazione difficile. Credetemi, ci facciamo solo del male… Provare e vedere va bene, si tratta di crescita interiore, ma affossarsi in un qualcosa che non esiste è ridicolo…!
    Ultima mia esperienza, un esempio che calza a pennello. Anche se non si tratta di storia amorosa, non è mai partita come storia amorosa, mi sembra comunque inerente alla tematica, e permettetemi di scriverne.
    Conosco questo tizio in chat, e, come in tutti i casi, si inizia a parlare. Con lui ho trovato dell’originalità pura, riscontrata solo in poche altre conversazioni virtuali. Sono molto poco romantica, non la classica principessa educata che pretende il buon giorno e la buona sera, e che inizia la conversazione in chat coi saluti, e si abbassa ad usare il “come va?” asettico (e spera che nemmeno il Lui si abbassi a tanto). Anche se ci sentivamo con uno o due messaggi al giorno, quando io mi collegavo e potevo rispondere, la conversazione era come se non interrompesse mai, un flusso continuo, originale, privo di frasi fatte, spontaneo, ironico, naturalmente “malizioso”, scherzoso, curioso, vivo. Insomma, inutile dire che il fatto che lui ricorresse a questo tira e molla con me, e non fosse l’usuale viscido e incapace che è bravo solo a parole (scontate) e poi per niente ai fatti (mamma mia, che categoria di perdenti…), mi faceva davvero molto piacere. Sicuramente mi incuriosiva, e, semmai lo avessi incontrato, sarebbe stato semplicemente perché il suo modo mi intrigava, non perché partivo con gli occhi a cuoricino, e spero che sia stato lo stesso per lui, visto che c’è stata molta sintonia riguardo l’approccio usato. Dopo qualche battuta, e tanti giorni di conversazione, lui tira fuori il discorso “chiacchierata di presenza”, e io non potevo che esserne felice, visto che, col suo modo di fare, già mi incuriosiva, ed ero ancora più curiosa di vedere che effetto mi avrebbe fatto dal vivo. Premetto poi che lui è più grande di me di circa dieci anni (io 25 lui 35), e il fatto che possa averlo incuriosito semplicemente attraverso una tastiera, non poteva che rendermi gioiosa. Mi viene da pensare che sentivamo che valeva finalmente la pena di vedersi. Senza prefissarsi alcunché.
    Purtroppo la distanza, in questo caso, non ha aiutato moltissimo. Lui faceva avanti e indietro tra la capitale e casa al Sud, e visto che viaggia parecchio, per vacanze, a volte era addirittura all’estero. Non appena potevamo incontrarci cercava magari di scrivermi, o di avvisarmi per tempo, ma anche io ho avuto la mia dose di impegni e non è stato possibile. Non nego che non mi sono fatta il problema di cercarlo anche io a volte, sempre per capire dove fosse, e se fosse stato possibile vedersi, ma, ogni volta che provavamo, ci separavano centinaia di km. Essendo, poi, estate, ognuno, giustamente, stava proseguendo la sua vita (anche il fatto di non sentirlo come un OBBLIGO, quello di vedersi, rendeva tutto ancora più piccante e alimentava la fiamma della curiosità…).
    Passano pochi mesi, e finalmente riusciamo a vederci. Non è stata una uscita impegnativa (per fortuna!) ma un caffè in un locale verso il pomeriggio tardi. Sintonia non solo virtuale, ma anche dal vivo. Battute, sciocchezze, risate, argomenti più o meno seri: feeling. Esatto, il tizio avrebbe meritato di essere conosciuto ancora di più per vedere cosa poteva succedere, ma non sapevo se per lui fosse stato lo stesso. Ci siamo lasciati quella sera con due baci sulla guancia, io me ne sono tornata a casa, che dista un bel po’ di km, e la notte ricevo un suo messaggio nel quale mi chiede se ero tornata ed era tutto a posto. Poteva non significare nulla, ma ho pensato “Almeno non è sparito!”. E ho messo da parte…
    Tre giorni dopo, con una banalità (“scusa”, forse, rende meglio?) mi riscrive. Anche se non è proprio da lui, conoscendolo quel poco, usare una banalità. Rispondo al suo messaggio, e ne nasce una breve conversazione di battute, nella quale a me viene naturale anche mettere giusto un pochino di nascosta malizia, tanto per salire di livello e cominciare a lanciare qualche segnale.
    L’intenzione è quella di vedersi di nuovo, anche se io non posso conoscere le sue finalità. Lui parte in viaggio (di nuovo…), stavolta però anche io, così passano intere settimane prima che finalmente ci rivediamo e lui…mi inviti a passare qualche ora a casa sua. Tana del lupo? No. Piacendo a lui l’alcool, e avendo io una azienda vinicola, gli avevo promesso di fargli assaggiare del vino. Già ho detto, poi, che non sono una tipa romantica, piuttosto cerco di vivere l’attimo senza farmi problemi. Due persone mature fanno come vogliono, e se poi al momento non avessi voluto farlo accadere, avrei fatto in modo che non sarebbe successo. Non parliamo mica di un maniaco…
    Casa nella quale, ahimè, sono presenti anche i coinquilini stessi, che, seppure se ne stanno chiusi nelle loro stanze per fatti loro, sono comunque in casa, e questa cosa un po’, a dire la verità, mi frena. Del resto, serata piacevole, chiacchiere su chiacchiere, ci si conosce un po’ di più, battute, io provoco un pochino senza esagerare, lui se ne esce con qualche frase allusiva (che però poteva significare tutto come niente…), tocchiamo argomenti intimi, anche argomenti profondi, si parla di tutto, e le ore passano veloci. Un gruppo di amici sarebbe passato a prendermi per riportarmi a casa, visto che abito un bel po’ lontano. A causa di inconvenienti tecnici, succede che il gruppo tarda, e io e lui ci ritroviamo a combattere l’attesa conversando in camera sua, precisamente sul letto, in penombra, tv accesa. Non succede assolutamente nulla. Né una carezza, né un tocco, né un bacio, né uno sguardo di intesa… Non che dovesse succedere qualcosa, ma diciamo che, per mostrare interesse, migliore di quella occasione, non penso che ci sarebbe potuta essere. Così la serata finisce, lui scende in strada con me, ci salutiamo con due baci sulla guancia, e io raggiungo i miei amici. Morale? Quella sera provavo immenso piacere per avere conosciuto lati di lui che non sapevo (pur rimanendo lui un tizio avvolto in un alone di mistero…e questo mi ha sempre intrigato…), ma anche delusione perché fatidica arriva la domanda “Se non mi ha baciata/sfiorata/toccata, allora non gli interesso?”
    Anche perché, va bene che sarei uscita di casa da un momento all’altro, ma quale UOMO sta sul letto con una ragazza conosciuta in chat e non prova a fare nulla? Hmm…ammetto che se fosse successo, non so quanto sarei andata in fondo ma non mi avrebbe disgustata.
    La mattina seguente lui mi scrive se fossi tornata a casa, e se fosse tutto a posto, e, di nuovo, ho pensato “Per lo meno mi ha riscritto, anche se non significa granché…”. Lo ringrazio dell’ospitalità, e gli chiedo scusa per il disturbo delle tante ore passate a casa sua, ma lui (educatamente, mi viene da credere…) replica di non preoccuparmi, che il mio “vino ha ampiamente ripagato il “disturbo””; un modo scherzoso.
    Vabbè, si vedrà se deve succedere qualcosa! – mi sono detta.
    Invece, mi sono chiesta, nei giorni a seguire, se il fatto che non fosse scattato l’approccio fisico, significava che non gli interessavo, e se fosse stato così, al livello di conoscenza al quale stavamo, eravamo ancora in tempo per dirci ciao per sempre. Così, essendo arrivato Natale giusto qualche giorno dopo, gli mando un messaggio di auguri. Lui mi risponde tranquillamente e scherzosamente, e io ne ho approfittato per mandargli un input, scrivendogli “aggiungo, sarà stato il vino rosso, ma da un certo momento quella sera avrei voluto solo assaggiare le tue labbra…”. L’input era: sappi che ho passato delle ore piacevoli l’ultima volta, e se ci fosse stato qualche approccio fisico, di qualunque tipo, anche innocente, sai che non mi avrebbe fatto schifo?
    Alla fine non è stato un approccio troppo osato, è stato come un vedo-non-vedo-letterale, più che visivo…
    Lui mi risponde al messaggio dicendomi “ahah ma se hai bevuto solo mezzo bicchiere? Comunque, cara, non mancheranno occasioni future…”
    E di nuovo, prendo e metto da parte, non replico, e mi dico “vediamo cosa succederà, se mai succederà!”
    Arriva Capodanno, e anche il suo messaggio di auguri. Rispondo semplicemente.
    Circa una settimana dopo, mi contatta sempre per messaggio così da invitarmi nuovamente a vederci: scusa del vino, di nuovo a casa sua. A causa di impegni, e malintesi, e partenze (stavolta esclusivamente le mie), finiamo per incontrarci, con tanta fatica, solo un mese dopo. Ora, calcoliamo che io lo stavo per rincontrare dopo avergli detto quelle parole sulle labbra, il che non mi faceva stare benissimo. O meglio, quando le avevo mandate, mi erano servite per percepire un minimo le sue intenzioni, perché, a quel punto, pensavo che avrei ricevuto picche e sarebbe finita lì. Quindi, non avevo fatto i conti con quanta aspettativa si era creata a causa di quella stessa allusione. Pensieri che svaniscono nel momento in cui lo vedo e mi saluta coi soliti due baci sulla guancia, accompagnati, però, stavolta, da un intenso ma breve abbraccio (considerata la sua presunta chiusura ai sentimenti, io, donna (pazza?) ho subito associato quel gesto inaspettato a un qualcosa di davvero sentito da parte sua, meglio ancora se gli sia venuto spontaneo nonostante sia chiuso).
    Beh…serata diversa dal solito. Solita casa, soliti coinquilini (anche se appartati), solito vino, soliti piacevoli discorsi, solito feeling… Io e lui, però, a modo nostro, diversi. Io poco più disinibita ma più misteriosa (già mi ero sbilanciata troppo con la storia delle labbra…). Lui, poi non so, lo avverto un po’ più provocatore, che avesse l’intenzione di conoscermi di più, di capirmi, di vedermi sotto diversi aspetti. Mi dicevo che almeno c’era qualche progresso. Ora, non posso interpretare le sue frasi, può anche darsi che le abbia dette in amicizia, o per conversare semplicemente, ma il più delle volte diceva che era curioso della volta dopo che ci saremmo visti perché voleva “scoprire le mie carte”, oppure “guarda che se fai la misteriosa non usciamo più assieme”. Riferimenti al rivederci ce ne sono stati, e tanti, assieme a sguardi, imbarazzi da parte sua, i miei, arrossimenti, vergogna, occhi che si abbassavano quando lo guardavo, sorrisi, prese in giro, argomenti profondi, ma anche giochi…semplicemente, in quel momento io stavo più che bene in sua compagnia.
    A una certa io sono dovuta scappare perché, di nuovo, di lì a poco sarebbero passati a prendermi. Lui non se lo aspettava, e mi ha trattenuta ancora con la scusa di preparargli una sigaretta. A quel punto, nella penombra, seduto l’uno di fronte l’altra, argomenti intimi, voci basse, sorrisi imbarazzati, io che civetto con classe, il suo sguardo che si abbassa rapidamente dopo che io lo guardo di sfuggita, ormai riesco a trattenere il suo sguardo per soli pochi secondi…e…NIENTE! Finisco di rollare la sigaretta, facciamo la strada assieme, ci “stuzzichiamo” verbalmente, io inciampo e faccio finta di aggrapparmi brevemente a lui ottenendo uno spintone da parte sua dopo uno sguardo di intesa, mi indica due locali carini dove passare la serata, addirittura una serata letta su un cartellone per strada, dopo un breve silenzio mi ringrazia del vino, io della cena improvvisata…, tempo di telefonare agli amici che li avrei raggiunti, “ciao”, (anche se io un pochino preposta al kiss lo ero), e lui, forse in imbarazzo, mi dà due baci sulla guancia. Stop!
    Beh, passano giorni interi, e lui non si fa sentire.
    Non ci siamo mai sentiti in quel modo, io addirittura lo odio, ma quando la situazione non si capisce, quando non comprendi come l’uomo voglia impostare il rapporto, se mai per lui ci sia qualcosa, è abbastanza frustrante. Perché io mi sono esposta, e lui è rimasto celato nel mistero… Questo non è carino!
    Nemmeno, appunto, per un saluto, una stupidaggine, una faccina, un “ti va di rivederci quando siamo liberi?”, un bel nulla!! Cosa più curiosa, la sera stessa che io ho mostrato, a parole e a gesti, un chiaro interesse per lui. Beh ennesimo caso di sparizione di un “uomo”, signore! Chiamate la Sciarelli e riferitele che un altro tizio senza attributi è sparito dalla circolazione, qualcuno lo ritrovi…
    Ora le ipotesi sono parecchie, a me la sola che viene in mente è quella che sia interessato al sesso e che vedendo un non coinvolgimento tanto libertino da parte mia (dovevamo farlo in cucina??) ha lasciato stare. A parte che, a me sarebbe stato bene che ci avesse provato la prima sera a casa sua, non avrei avuto problemi, e poi…te la devo creare io la situazione intima nella tua stessa? Vuoi la donna che ti “zompi addosso” perché tu non ne sei capace? Ma dove sarebbe il tu orgoglio maschile nel cacciare una preda?
    Preda, che, aggiungo, ha detto che avrebbe assaggiato le tue labbra! Capisci?
    Oppure, “la verità è che non gli piaci abbastanza”, ma sarebbe anche gradito “la verità è che un uomo originale parlerebbe chiaro e tondo”, e non ci farebbe restare con la testa alimentata dai dubbi!
    Gli piaccio, non gli piaccio, ho detto qualcosa di sbagliato, c’è un’altra migliore di me, non sono come lui mi vuole, vorrà solo del sesso, non è capace a comportarsi da uomo…ma siamo impazzite? Non meritiamo tutto questo!
    Ma un uomo al quale non piaci, verrebbe a dirti “non mancheranno occasioni future?”, o farebbe discorsi, per una sera intera, sul rivedersi? Si imbarazzerebbe? Abbasserebbe lo sguardo quando tu lo guardi negli occhi e state a distanza ravvicinata? Si metterebbe a dire certe cose che vengono spontanee durante un flirt?
    Signori e signore, lui lo sa.
    Io so solo che, probabilmente, non merita tutta l’attenzione che gli sto dedicando, a meno che non si mostri almeno più coinvolto e mi faccia capire che tipo di conoscenza vuole stabilire. E, una volta che avrà cantato…a me la libertà di scegliere se seguitare sulle montagne russe, o scendere!

    • Grazie per la tua interessante testimonianza. Perché lui non ti è saltato addosso? Tutto ciò non ha nulla di normale. Perché da un lato se non gli fossi piaciuta la cosa sarebbe finita subito, ma non è così. Invece, dopo tutte le volte che ha avuto occasione di scoparti, altro che baciarti, non fa nulla. Patologia psicologica, fisica? Boh. Tutto ciò per un maschio sano non esiste. E tu non c’entri nulla. Mollalo. A meno che tu non voglia un amico che, per qualche motivo, ha fatto voto di castità

        • …Un anno fa ho conosciuto un ragazzo del mio stesso posto lo ricordo quando era piccolo poi avevo perso le tracce…io sono più grande di 12 anni…comunque l’anno scorso dopo molti anni lo rivedo la verità ci siamo guardati e ci siamo piaciuti…poi lui e ripartito…questo anno ci siamo rivisti…siamo usciti con amici qualche volta..devo dire che io me lo sono trovata tante volte intorno….sapevo che c’era attrazione e non indifferenza da parte sua…ma non riusciva a fare nessuna mossa nemmeno dopo che con la scusa di aver lasciato il telefono in macchina ho chiesto a lui di fare il numero…poi con una scusa le ho mando mandato il messaggio dicendogli che mi ero registrata il suo numero… dopo molti giorni si percepiva che doveva succedere qualcosa…ma lui niente non si sbilanciava…allora da donna ho preso io l’iniziativa e ho cercato di farlo arrivare a chiedermi di vedermi…. alla fine si siamo stati insieme devo dire che non mi sono sentita cosi da molto tempo..ha saputo coinvolgermi meglio di qualche altro uomo….il giorno prima la sua partenza ci siamo rivisti e anche li è stato meraviglioso che dentro me pensavo…a quanto fosse ingiusta la vita quando ti mette davanti a certe tentazioni… gli ho detto che mi piaceva e lui mi ha risposto che e io lo prendevo (non so come interpretare questa frase) poi mi ha rivelato che lui è molto timido da quando ha avuto la figlia(è padre da 4 anni) e che non riesce a provarci con le ragazze…(mah!) Alla fine lui è ripartito pensavo davvero che anche per lui ci fosse qualcosa. E ciò che avevo percepito fosse reciproco…solo che non si fa mai sentire e io non voglio passare per quella presa da lui…non voglio sbagliare di nuovo…non voglio aver percepito cose che in realtà non ci sono…allora mi chiedo..cosa vuol dire ” tu mi prendi”…era una frase detta in quel momento?…Capisco che lui su abbia un altra vita essendo padre a ben altro per la testa….ma mi chiedo… perchè essere donna è cosi difficile…? ma non gli sono nemmeno rimasta almeno un impressa nella mente?…sono tutti cosi menefreghisti? sono passati 5 giorni e lui non ha sentito un minimo di desiderio nel dirmi solamente ciao….

    • Bellissima questa tua testimonianza. È bello vedere che sei stata così assennata, lucida e che non ti sei lasciata andare alla disperazione (io sono crollata, quando è successo a me!),o alla tentazione di vendicarti o prendertela più del dovuto. Io non riesco a capire. A me per esempio, gli ultimi incontri sono andati malissimo per colpa di facebook. Io non cervo l’amore su fb, faccio i fatti miei: sono lì per i.miei amici. Ho conosciuti due ragazzi piacevoli che.mi hanno costretta a una frequentazione e a un incontro, ma che mi consideravano niente più che una foto su facebook! Questo mi sgomenta; Di conoscermi non importava niente a nessuno dei due: mi sono saltati addosso e io – solo per puro caso non sono caduta in trappola con uno di loro che.mi aveva corteggiata per.mesi per poi mollarmi il giorno dopo il.nostro incontro. A me sono saltati addosso, ma è finita nello stesso modo e penso che sia peggio di quello che è capitato a te. Magari ti ha vista così giovane rispetto a lui e non ha voluto comportarsi da carogna? Oppure credo che sia colpa della rete: la scintilla non si accende attraverso un pc perché l’attrazione credo dipenda da tanti fattori che vengono meno. Magari, se fossero nelle nostre città, fra i nostri amici o conoscenti non.li avremmo neanche mai notati e vale anche per loro! Il pc crea aspettative, ma soltanto vedersi in un locale, per strada, all’università, piacersi e conoscersi con una frequentazione costante può davvero far scattare qualcosa di vero fra due persone.

      • Ciao Sandy, non saprei dirti, in questo caso non è una chat qualsiasi, l’ho conosciuto proprio su un sito d’incontri, e questo presuppone che dopo essersi visti, e (magari) piaciuti, i due possano avere interesse l’uno per l’altra. Se poi non funziona, va bene, ma non penso che Lui sia stato così “educato” da volermi vedere altre volte solo per il gusto di passare qualche ora assieme in mia presenza…se poi lo ha fatto, pur sapendo che per me era diverso, colpa sua! E se dopo il mio messaggio sull’ “assaggiare le labbra” lui ha risposto a quel modo, quando invece non era interessato, allora è lui che deve fare pace con se stesso. Io sono abbastanza pragmatica e concreta, e mi sono basata sui fatti, e sulla base di quella risposta ho seguitato a volerlo sentire e vedere anche la volta dopo. Chi lo sa, magari non esistono solo le isteriche, ma ci sono anche tanti isterici in giro… Vedremo cosa vuole!
        Nel tuo caso, diciamo che non è poi molto difficile beccare il genere “maiale”, sappiamo che la maggior parte dei maschi, per natura, pensano alla donna nuda già al primo incontro. Questo non deve spaventarci. Prendila in questo modo, se non sono riusciti andare oltre la foto profilo facebook, non prendendosi un minimo il tempo di scavare un po’ dentro la tua persona, naturalmente non erano giusti per te, punto. Il mondo è pieno di pesci. Lo hai detto tu stessa, la scintilla scatta dal vivo (ed è per questo che io non mi sono aspettata nulla di che e ho preferito vederlo la prima volta per un caffè). Certo, magari a una donna può non fare piacere l’uomo lupo, ma è grazie a questo approccio che possiamo distinguere il ragazzo serio, o semplicemente il ragazzo con cervello che vuole vedere come può procedere e se vale la pena di procedere, da chi invece non lo è. Quindi, Sandy, mi viene da pensare che forse è stato peggiore nel mio caso, visto che se l’uomo non prova nemmeno a toccarti, sfiorarti, avvicinarsi, baciarti…ti assicuro che come donna puoi arrivare a sentirti proprio zero. Fortuna che nel frattempo mi sono presa la libertà di conoscere, in uscite davvero brevi, altri due ragazzi ( che non rivedrò perché con loro non è scattata), i quali mi hanno riempito di complimenti per la mia bellezza, interiore ed esteriore. E anzi, quando li ho “liquidati”, mi hanno addirittura detto che, col modo che ho di fare, maturo, ironico, spontaneo, curioso, sono una persona meravigliosa, e addirittura mi hanno fatto gli auguri, dando del “fortunato” al prossimo che mi starà accanto. Perciò, capisco che possano esserti piaciuti, lo capisco davvero, ma…vogliamo davvero disprezzare un intero raccolto per qualche mela marcia? No, se non ci piace la mela rovinata, la scartiamo, e ne assaporiamo una migliore. 

        • Io trovo che voler fare sesso e desiderare una bella donna sia normale, procrastinare l’evento per mesi quando lei dà chiari segnali anormale. Preferisco uno che ci prova subito

          • Esattamente. Sarò molto poco femminile a riguardo, infatti rientro un bel po’ nella logistica maschile, e quando un uomo non prova a creare la situazione per un minimo contatto fisico, anche innocente…diciamo che quest’uomo può fare sentire la donna una non donna. Finisce che ci sentiamo rifiutate come se avessimo la lebbra, e non è affatto bello! E sfido chiunque a pensarla diversamente: anche la ragazza/donna più romantica e pura sulla faccia della Terra sa che…a lungo finisce il tempo di guardarsi in faccia. Mi sembra un decorso naturale…
            Non prendiamoci in giro…

          • Voi però esagerate nel,giudicarvi troppo. Imparate a mandarci a quel paese più in fretta e senza tante domande su di voi è che cosa avete sbagliato o cosa non va

  34. Scusate, volevo chiedervi ( a proposito di uomini non uomini): cosa ne pensate di uno che vi dice: un giorno ti inviterò a cena , e dopo mesi e mesi e mesi ancora non ha detto una data precisa ma dice che un giorno lo farà? Che razza di invito è questo? e se ( la stessa persona) dice che vi ha comprato dei regalini e giura che un giorno ve li darà ma dopo quasi un anno non li vedete neanche in sogno?? ( io non dico male per i regali in sè, ma per la presa in giro). E se quando voi sbottate e gli date del pagliaccio e lui afferma che i regali li ha presi davvero e che la cena vuole farla davvero ( ma continua invece a rimandare), cosa pensate di una persona cosi??? E’ un buffone o è pazzo???
    ( gli ho detto che avrei accettato solo per amicizia perchè a me NON piace per niente e lui ha detto si si va bene va bene) .

    Tengo a specificare che a me NON me ne importa nulla della sua cena o dei suoi regaliini..
    ma mi secca passare da stupida con un idiota simile

    • No Vale, non è né un buffone, né un pazzo, né qualsiasi altro aggettivo ci venga in mente per descriverlo.
      Semplicemente, non gliene importa più di tanto, altrimenti non avrebbe fatto passare tutto questo tempo.
      Già l’ho detto, non aggrappiamoci a speranze fantasma: viviamo all’inizio seguendo l’istinto e seguendo la filosofia del “mi vivo il momento senza farmi troppe aspettative”, e poi…dopo tutto quel tempo, valutiamo i fatti. Niente cena, niente regali: ciao bello, passa a ingarbugliare la mente di qualcun’altra, se ci riesci.
      Se posso permettermi di dare un consiglio a riguardo, ignorarlo è la soluzione migliore, così non gli si dà nemmeno la soddisfazione di fargli credere che la sua persona possa suscitare in noi un probabile interesse…anche perché, su, ammettiamolo, la situazione invece di evolvere si smoscia, e noi donne abbiamo bisogno di continui stimoli.
      Esatto, penso che non esista cosa peggiore per un ragazzo/uomo ripagarlo con sua stessa moneta: lui ignora te, allora tu ignora lui.

  35. La cosa più grottesca è che vengo sempre presa in giro da persone che NON mi piacciono, che non voglio e con chi non mi metterei mai!!!! Non è che sono io che sono stupida??
    Quando uno non mi piace glielo dico chiaramente, gli dico che non è il mio tipo e che non sono interessata, sia perchè mi piace qualcun altro sia perchè non mi attira per niente, ma dico comunque, povera scema, che se vogliono semplice amicizia allora quattro chiacchere possiamo farle. Quindi mi prendono in giro pure questi che sono brutti come la morte e che mai mi piacerebbero!!!!!

    Tantovale che almeno mi faccio prendere in giro da uno che almeno mi piaceva, no?

    • Credo che il punto sia, che se davvero non ti piacciono, sarebbe meglio non dirgli “facciamole comunque quattro chiacchiere tranquille a cena”, perché per i maschi (2+2=4) è comunque avere una sorta di possibilità con te, otterrebbero del tempo assieme a te. E se ti desiderano, ovviamente cercano di non lasciarsi scappare quell’occasione, ma la inseguiranno, come nel tuo caso il ragazzo la insegue rimandando e rimandando e rimandando e promettendo…
      Meglio non rimanerci amica, se non fa parte del gruppo che frequenti quotidianamente.
      Io l’ho imparato a caro prezzo con una persona in particolare: questo tizio è rimasto ad aspettare una mia mossa per tantissimo tempo, nonostante io gli avessi detto che forse non era il caso di seguitare a vederci; quando, dopo interi mesi, è tornato a farsi sentire con una sciocchezza, mi ha lasciata spiazzata, e ci sono rimasta male per lui. Se fossi stata diretta (gentile ma diretta), essendo, poi, lui, abbastanza sensibile, nessuno dei due sarebbe ci avrebbe rimesso…
      Parola d’ordine: chiarezza. Chiarezza fino in fondo. Se tanto sai che lui non è la persona giusta per te, ricorri alla chiarezza, e non cercare di restargli amica, programmando eventuali uscite con lui. Se un ragazzo/uomo ti dicesse che a lui NON interessi, e che se capitasse di andare una volta a cena con te verrebbe…con quale animo andresti a quell’incontro, tu che sai che lui non ti corrisponde per niente e ti vede nient’altro che un’amica?
      Sicuramente tu avrai la tua cerchia di amicizie, e non ti serve anche la sua.
      Per lasciarlo andare, non dargli “false speranze”, soprattutto se per lui non sarà mai e poi mai solo amicizia…

      • Ciao, mi spiego meglio: non è che do false speranze: io ho molti amici maschi con i quali condivido alcuni interessi culturali, e con loro si chiacchera tranquillamente del più e del meno, e nessuno di noi ha altre intenzioni. Anzi piu di una volta sono stata io a far conoscere a questi amici delle donne. Proprio perche il rapporto è molto trasparente.
        Questo ” signore ” di cui ho parlato adesso, per me è solo qualcuno con cui chiaccherare del piu e del meno, ed anzi anche a lui volevo presentare una donna. A me questo non piace, non è assolutamente il mio genere e non vorrei mai uno cosi, ma essendo che sono chiaccherona, se uno ha una buona cultura ci parlo volentieri. Ti faccio un esempio. Prendiamo Alessandro ( scusa se ti prendo a esempio), metti che ci incontriamo per strada e ci mettiamo a parlare di temi di psicologia. Se lui mi dicesse: Vale, fa freddo per strada, sediamoci al bar che almeno fa caldo, io accetterei perche non vedo alcuna malizia in una frase cosi innocua, e quindi sorseggerei un tè in un bar con una persona di buona cultura parlando di cose interessanti, e STOP. Tutto alla luce del sole, proprio perchè in buona fede. Questo signore aveva detto che sono una buona amica, ma abbiamo parlato solo in chat e poi appunto ha tergiversato dicendo tremila volte che un giorno chiacchereremo seduti in un locale ecc. Io ho detto ok con nonchalance perchè ho preso la frase con tranquillità, e anzi lui se voleva poteva anche portare qualche sua eventuale ragazza!
        Ma mi urta che un povero fesso cosi deve prendere in giro dicendo di continuo: poi, poi, poi. Ma non per lui, ( figuriamoci), ma proprio per una questione di principio, capisci? Perche odio passare per stupida.

        (P.S: io al momento sono innamorata di uno che abita un po’ lontano)
        Questo per dire che di questo signore non me ne puo fregare di meno:)

        • Credevo che questo signore avesse mostrato interesse nei tuoi confronti, facendoti regali e promettendoti di uscire fuori a cena…
          Beh allora, diciamo che è un signore…che non sa bene quello che dice!
          Chi passa per stupido, quindi, sarebbe proprio LUI, che a mio avviso dovrebbe chiarire le idee…
          Vale la pena prendersela per qualcuno di un certo rilievo, mentre il suo comportamento mi sembra più una barzelletta! Lascia che si cuocia nel suo brodo…di parole a vanvera!

          • No, no, questo signore non ha interesse nemmeno lui. I regalini erano semplici souvenirs di viaggi che ha fatto, cose prese in mercatini, ma che comunque continua a dire che poi mi darà ma non ho ancora visto. Solo che piu di una volta mi ha tirato bidone facendomi aspettare alle dieci di sera con il freddo, per poi scusarsi in seguito. E questo più volte. Secondo me è indice di maleducazione dare appuntamenti e non presentarsi! Quindi l’avevo bloccato su skype dicendogli che non mi interessa la sua amicizia. Poi ha chiesto scusa e l’ho sbloccato, ma adesso l’ha fatto di nuovo, ed io ho annullato un altro impegno per colpa sua! proprio il colmo della maleducazione!!!!!!!! Quindi adesso lo voglio bloccare di nuovo e stavolta per sempre. Secondo me è solo un pagliaccio di cui faccio volentieri a meno . Ho già tanti amici!

        • Non posso conoscere l’intera dinamica, ma stando a quanto scrivi, non solo il suo comportamento non è normale, ma sembra che ci sia qualcosa sotto…
          Insomma, qualcosa non torna, a mio avviso. Spero di sbagliarmi.
          Ad ogni modo, oltre ad essere un maleducato DOC, ho l’impressione che si stia rendendo piuttosto ridicolo.
          Fanne a meno…da subito!
          Devo dire che è sin troppo bello restare circondati da persone vere, le quali, alla fine, possono anche valere…un ritardo! Lui, non è fra queste. Decisamente.

  36. salve volevo sapere una cosa…un anno fa ho conosciuto un ragazzo del mio stesso posto lo ricordo quando era piccolo poi avevo perso le tracce…io sono più grande di 12 anni…comunque l’anno scorso dopo molti anni lo rivedo la verità ci siamo guardati e ci siamo piaciuti…poi lui e ripartito…questo anno ci siamo rivisti…siamo usciti con amici qualche volta..devo dire che io me lo sono trovata tante volte intorno….sapevo che c’era attrazione e non indifferenza da parte sua…ma non riusciva a fare nessuna mossa nemmeno dopo che con la scusa di aver lasciato il telefono in macchina ho chiesto a lui di fare il numero…poi con una scusa le ho mando mandato il messaggio dicendogli che mi ero registrata il suo numero… Dopo molti giorni si percepiva che doveva succedere qualcosa…ma lui niente non si sbilanciava,nemmeno quando l’ho accompagnato a casa per due volte…allora da donna ho preso io l’iniziativa e ho cercato di farlo arrivare a chiedermi di vedermi…. alla fine?!. si siamo stati insieme devo dire che non mi sono sentita cosi da molto tempo..ha saputo coinvolgermi meglio di qualche altro uomo….Ha persino rinunciato all’orgasmo pur di far venire me…(diciamo che durava molto e che mi sono anche messa il problema che non fossi capace)il giorno prima la sua partenza ci siamo rivisti e anche li è stato meraviglioso che dentro me pensavo…a quanto fosse ingiusta la vita quando ti mette davanti a certe tentazioni… gli ho detto che mi piaceva e lui mi ha risposto che e io lo prendevo(non so come interpretare questa frase) poi mi ha rivelato che lui è molto timido (lui ha una figlia di 4 anni )e che non riesce a provarci con le ragazze…(mah!) comunque alla fine lui è ripartito pensavo davvero che anche per lui ci fosse qualcosa che quello che io avevo percepito fosse reciproco…solo che da quando è partito non si fa mai sentire e io non voglio passare per quella presa da lui…sono passati 5 giorni è in questi 5 giorni porca miseria non ha sentito la voglia di cercarmi.Mi sono presa per l’ennesima volta una tegola in faccia??…ho di nuovo sbagliato con le mie sensazioni??…allora mi chiedo..cosa vuol dire ” tu mi prendi”…ha mentito? o pure centra il fatto della lontananza…e non vuole affezionarsi …non so…non so nemmeno se ne vale la pena chiederlo….io di mio nn farò nulla….l’unica cosa che so….che quando ritornerà sarò molto fredda..

  37. Ooookkkk. E invece quello che apre la chat e chiude la chat per rispondere?.. significa che ha un po d ‘interesse? Sono iona scrivergli per prima ma lui risponde sempre sempre sempre sempre. Io penso di si altrimenti non risponderebbe neanche no? E non risponde per mandare a cagare…. risponde carinamente… eheheh

    • Ciao Aurora, esprimo una semplice opinione, spero che tu possa apprezzarla.
      Il fatto che un uomo risponda prontamente, e anche in modo carino, ai messaggi, sicuramente non è una negatività.
      Credo, però, che tra la semplice educazione (e amicizia) e l’interesse vero, ci passino molti treni nel mezzo…
      Perché si sa, il genere maschile è semplice e cavernicolo, e quando è interessato ad una cosa, fa di tutto pur di ottenerla.
      Io non escludo il feeling, ma perché non passare alla prova del nove? Prova a non farti sentire tu per prima, e vedi se lui ti cerca, sia con un messaggio, sia con una chiamata, sia con un saluto in chat, sia anche con una scusa… Se davvero prova interesse per te, allora ti scriverà!
      Se lo cerchi sempre tu per prima, finisce che gli poni ogni occasione su un piatto d’argento!
      Gioca su questa cosa, fallo stare un po’ sulle spine 🙂

          • Mi sa di si. Non riesco ad accettare il fatto che la donna debba essere “effetto” del piacere o meno ad un uomo. Così come l’uomo corteggia e può far innamorare una donna.. non può farlo anche una donna ad un uomo? Siamo ancora nel 1800?.. non riesco a arrendermi a questa cosa… ma se a me piace uno e lo voglio perché devo aspettare lui… io ho sempre fatto così ma a volte ho perso occasioni con uomini validi che magari erano solo in un momento no della vita e non se la sentivano in quel momento.. una mia amica ha scritto tutti i giorni ad un uomo che amava e lui non voleva stare con lei..lei è stata un martello e ora sono fidanzati e tra poco si sposano e sono sicura che saranno una di quelle coppie che lo saranno per lungo tempo.. non come me che ho sposato uno che mi cercava e corteggiava e poi dopo sposati mi ha pure messo le mani addosso e ora siamo divorziati.. non credo esistano verità assolute a tavolino su come il mondo debba essere..o andare

          • Hai ragione una donna deve fare le sue mosse ma non al punto di diventare una omologatrice di materassi. E poi se lui non risponde oli fa solo di input non va bene

          • Ma infatti la mia domanda iniziale era: che significa che risponde di input?… ma sempre sempre… domenica scorsa si è fatto 90 km solo per aggiustarmi lo schermo del pc..

        • Parere mio, soprattutto se parli di sentimenti amorosi, perché sembri davvero presa, l’uomo va SEMPRE tenuto un po’ sulle spine. Ce ne vogliono di tempi, e di fatti, prima che un rapporto possa dirsi cementificato, e si arrivi al punto nel quale entrambi si cercano allo stesso modo.
          All’inizio, ci si cede, mai abbastanza, è un tira e molla: serve a noi per non sembrare delle disperate, e a loro per rientrare perfettamente nel ruolo di cacciatori…

          • Non c’e ‘ niente di male a essere davvero prese secondo me, la disperazione è ben altro. Io sono presa, ma non bisognosa. Io gli do amore quando lo cerco, non chiedo niente e prendo solo quello che lui può dare. Per il resto non ho bisogno di un uomo o altro per riempire vuoti perche vuoti non ne ho. Al limite ci perde lui. Io sono dell’idea che esistano due strade per l’amore ( che se deve essere sarà e se non deve essere puoi fare tutte le tattiche del mondo e farti desiderare quanto vuoi, ma non ti amerà mai): 1. La strada del piccolo principe e la volpe. 2. La strada del farsi desiderare , solo che in questa strada, così come ti desidera lui, anche tu che ti fai desiderare soffri a non vederlo, e lo desideri ancora di più. Allora la prima strada sembra quella ottimale.. dove piano piano dai, senza chiedere, ma godendo di quello che l’universo ti ha portato… che magari alla fine si rivelerà solo una storia di sesso… e allora..? Non tutte le storie devono diventare matrimoni .. dove è scritto?… l’importante e’ che ci sia rispetto tra i due poi quel che sarà sarà ( e per rispetto non intendo chiamare quante volte la donna pensa che l’uomo debba chiamare)… non mi chiama mai ma quando lo vedo mi trattta come una regina dentro e fuori dal letto..mi ha fatto piacere leggere i vostri pareri e opinioni. Questa è la mia..

        • Odio la tecnologia, e non stimo le persone dipendenti da internet e smartphone , ma devo dire che, se usata correttamente, a volte possono emergerne dei lati positivi…
          Ad esempio, avere la possibilità di accrescersi e confrontarsi su un blog come questo, perché la vita non va vissuta attraverso la visione di un angolo ottuso, ma con una panoramica di 360 gradi, dal momento che solo in questo modo possiamo vedere tutte le sfumature della vita. Ed è indice di crescita, quello di non soffermarsi sulla propria sfumatura preferita…
          Cara Aurora, io ho 25 anni, ma non credo che sia l’età a categorizzare una persona come adolescente, ragazza o donna. Ho vissuto tante di quelle esperienze, strane o meno, che quasi rimango ancora instupidita e sgomenta di fronte al grado si semplicità col quale i miei coetanei, o anche persone più grandi di me, affrontano certi passaggi, anche banali, della vita. Non sto qui a raccontare tutte le mie vicissitudini, ci mancherebbe…. Posso, però, dirti che un pochino lo so come funziona il mondo, forse perché la vita è complessa, e vedere oltre l’apparenza aiuta ad ampliare gli orizzonti, e nei miei pareri metto sempre quello che è stato il mio vissuto concreto e interiore. Cerco semplicemente di regalarlo al prossimo, è un processo che arricchisce anche la mia persona. Col tempo, aggiungo, ho anche imparato che noi abbiamo solo il potere di aiutare noi stessi, ed è un compito già molto difficile. Possiamo stare accanto, ascoltare, indicare le vie che ci appaiono buone, ma sta all’altro decidere cosa fare della propria vita. Ognuno sceglie come agire, e che persona essere.
          Ovviamente, nessuno sta qui a dirti cosa devi o non devi fare.
          Ricordo solo una cosa, che la maggior parte di noi si è trovata nel minimo comune denominatore di provare a interpretare perché un uomo non cerchi, magari si è ritagliata dieci minuti di tempo, ha tralasciato il bucato, il lavoro, i figli, la lavatrice in centrifuga, pentola a bollire, il cane ad abbaiare alla porta, il tablet acceso, il telefono a squillare…ha acceduto a un social network…ed è scivolata fra le parole crude dell’articolo di questo blog, che si intitola “Lui non ti scrive”. Perciò permettimi di dirti che è naturale che il tuo istinto di donna ti abbia fatto venire dei dubbi sul suo comportamento. È logico: siamo donne, ci piacerebbe andare fino in fondo nelle cose quando sentiamo che ne vale la pena. Non abbandonare MAI quell’istinto primordiale di donna, ascoltalo sempre. Questa è la mia…
          Se continuerete a vedervi e a condividere bei momenti assieme, programmati e voluti da entrambi, lo spero per voi, evidentemente l’affetto/l’interesse/l’attrazione/l’amore c’è, e questo alla lunga paga. Ti faccio i miei migliori auguri! In bocca al lupo! Un saluto e baci!

    • Sei troppo presa. In amore vince chi fugge. Aspetta che sia lui a scriverti. E se non ti scrive vuol dire che non gli interessi inutile impazzire cara

  38. Sono due mesi e mezzo che ci vediamo. Abbiamo iniziato a fare l’amore 3 settimane fa. È una roba da fuochi d’artificio da parte di tutti e due. Ci vediamo una volta a settimana perché lontani…. l’interesse ci sarà. …no?..

    • Se davvero anche per lui sono fuochi d’artificio…l’interesse non potrà non esplodere!
      Se, invece, non si fa sentire: l’ennesimo caso di un uomo tutto fumo niente arrosto…
      Così fai presto a depennarlo, e a passare ai fuochi d’artificio con uno più competente! 😉

      • Si si però da quello che mi dite. .. questa cosa di non cercarlo non può essere per una volta sola.. deve diventare routine… l’ho gia fatto di non cercarlo e lo ha fatto lui ma poi la ruota riprende con me che cerco. Se devo fare come dite voi deve essere cosi fino a che la cosa non si stabilizza. .. non so se mi sono spiegata bene..

        • Cara aurora un consiglio? Qui non si tratta di quante volte cerchi tu o quante volte cerca lui per prima. Un uomo interessato questi pensieri non li ha. Un uomo che ti vuole perché è realmente interessato non gliene frega se tu non lo cerchi. Un uomo interessato ti manda il messaggio a prescindere ti chiama a prescindere perché sia solo per una scopata o un interesse vero ti cerca senza troppe Pippe mentali come ci facciamo noi. Non ti accontentare della risposta carina perché a mio avviso è semplicemente educato ma il vero interesse ahimè io non lo vedo. Quindi accanna. una cosa che ho imparato a mie spese che gli uomini sono esseri piuttosto semplici. Mi piaci ti cerco… non mi interessi? Non sei una mia priorità? In maniera educata o in maniera brutale te lo dimostro. Morale… scappa dai mezzi messaggi che ti fanno stare bene per solo mezza giornata o anche meno. .. dicono che gli uomini non hanno più le palle… mah abbastanza soggettivo semplicemente non hanno le palle quando non c’è un interesse…

  39. ciao, sono una ragazza di 16 anni. Ho un problema e vorrei un consiglio. Un giorno mentre ero a scuola una mia amica si avvicinò e mi chiese se un ragazzo mi aveva chiesto l’amicizia su FB. io le ho detto di si, e lei mi ha raccontato che il giorno prima,quando sono scesa dall’autobus, questo ragazzo aveva chiesto di me ad una ragazza che è sia sua amica che mia. quando ho compiuto gli anni lui mi ha fatto gli auguri su Facebook e io l’ho ringraziato. dopo un paio di giorni ci siamo rivisti in autobus e ho notato che mi stava fissando, appena sono tornata a casa ho visto che mi aveva chiesto l’amicizia su Instagram e che aveva messo mi piace ad una mia foto. passata una settimana gli ho chiesto anche io l’amicizia su Instagram, e lui me l’ha richiesta e ha messo mi piace ad un’altra foto. passati alcuni giorni gli ho messo mi piace ad una foto, lui ha ricambiato e siamo andati avanti così, finché mi ha scritto su direct (messenger di Instagram). abbiamo parlato un po’, lui mi ha chiesto se ero fidanzata e io gli ho detto di no, io gli ho chiesto come faceva a conoscermi e lui mi ha risposto così ” ma se ti guardo sempre in autobus”…dopo un po’ gli ho detto ciao e lui mi fa ” ciao bella”. dopo un’ora che non mi scriveva più gli ho scritto io dicendogli ” hai intenzione di chiedermi il numero o continui a fissarmi?” e lui mi ha detto ” te cosa preferisci?” e io ” che ragazzo complicato ahah,(numero) fanne buon uso”.
    sono due settimane che ha il mio numero ma non mi ha ancora scritto, però in autobus ogni tanto lo becco a fissarmi. che mi consigli di fare? so che dovrebbe fare lui il passo ora ma non ce la faccio più ad aspettare, ma scrivendogli non vorrei sembrare insistente.

      • Ciao Ale.. non è una critica o altro.. ma mi spieghi perché DEVE essere luo il primo? Da quale prova scientifica antropologica (o da quale credenza o convinzione o esperienza ecc) arriva questo arbitrario..?

          • secondo me è meglio non essere cosi dirette, chiedendo quando ci vediamo, perche poi un uomo capisce il tuo interesse e si adagia, non si da piu da fare.
            E’ vero che alla tua domanda ” quando ci vediamo ” ha risposto ” oggi “, ma se tu non avessi chiesto niente, lui che faceva???

          • Lusingata, Alessandro ah ah!
            Il fatto è che sono sempre disposta a scambiare opinioni e a fomentarmi in nuove tematiche, oltre a potere condividere la mia esperienza qualora fosse necessario.
            Il suo blog è “semplicemente” una agorà d’incontro: la bellezza sta nel permettere che una tematica ci faccia scendere in questa piazza virtuale e incontrarci, per poi notare che la diversità di opinioni ha il potere di diramare la conversazione addirittura verso nuove poleis.
            Il tutto, se mi è concesso, per merito del suo lavoro. Complimenti.

        • Esattamente, il fatto che la partner programmi tutto, finisce che lo fa adagiare sugli allori…
          Ripeto, noi siamo donne, facciamo le donne. Loro sono uomini, e in quanto tali debbono fare gli uomini, e tirare fuori le ***!
          Io condivido lo stesso pensiero di Vale.
          Purtroppo è semplice: se lui non programma, non c’è abbastanza interesse; quando invece c’è interesse ma lui non riesce a comunicare e a cercare la donna, è un inetto.
          In ogni caso, la procedura sarebbe di mollare un po’ la presa, prima di restare…scottate!
          Questa è la triste realtà.

        • Perché un uomo deve essere lui a fare il primo passo??? Semplicemente perché è un uomo ed è giusto che si sbilanci che ci prenda per mano e che ci dica non ti preoccupare ci penso io a te. Che prenda un cavolo di decisione che ci porti su un piatto di argento. Che ci conquisti e ci corteggi. E attenzione sono perfettamente d’accordo con la parità dei sessi. Ma sto solamente dicendo che a volte ci lamentiamo che sti benedetti uomini che non prendono iniziative che sono senza palle e che sono innetti. .. ma forse una mano sulla coscienza dovremmo mettercela anche noi. .. se fossimo meno dirette e meno consenzienti apprezzemo di più quanto può essere bello ricevere quel messaggio che è solo un messaggio ma ci fa sorridere tutto il giorno. Io lo dico perché ho già scritto su questo blog disperata perché per l’ennesima volta era sparito l’ennesimo uomo…. sapete che c’è. … e mi sono trovata ad elemosinare per un messaggio… a mettere da parte la mia dignità di donna solo per stare bene per una giornata e già stare subito dopo perché poi sapevo sarebbe sparito subito dopo fino al mio prossimo messaggio. Quindi che dire… non condivido assolutamente che sia solo l’uomo che debba sempre cercare ma porca vacca facciamogli fare almeno il primo passo… facciamoci conquistare e corteggiare che fa bene a noi e anche a loro
          E buona domenica a tutti

          • Eva. parole sante! Sono daccordo su tutto. Gli inetti dobbiamo scartarli e tenere in gioco solo uomini con le p…e

          • Stiamo davvero ricorrendo a vocaboli come “elemosinare” e “dignità” e “disperazione” in materia di sentimenti verso un uomo? D’accordo. Allora forse è arrivato il momento di fermarsi e prendere un respiro profondo, chiudere gli occhi, scrollare le spalle e fare mente locale sulla situazione.
            Lasciate pure che il telefono squilli (tanto non è Lui…). Permettete pure che la vostra anziana vicina bussi insistentemente alla porta, vuole solo ammazzare il tempo, e voi non volete ammazzare lei, giusto? Non azzardatevi a farvi distrarre da quelle meravigliose scarpe che avete intravisto nella vetrina di quel negozio. Fate finta di non sentire le chiacchiere inutili del vostro collega in pausa pranzo. Persino il suono assordante dei clacson impazziti nel traffico all’ora di punta non deve distrarvi.
            Rebirthing spirituale. Rinascita interiore. Prendetevi tutto il tempo necessario.
            Riavvolgiamo il nastro, e siamo sicure di farlo ripartire solamente quando nella nostra testa avremmo stampate le parole “lui mi fa ridere”, “dolcezza”, “capirsi”, “dolce imbarazzo”, “fiamma”, “complicità”, “sogno”.
            Solo a questo punto aprite piano piano gli occhi: con grande sorpresa davanti a voi non c’è l’immagine di quell’uomo che non ha richiamate, che non vi ha ricercate, che non si è fatto sentire per giorni. Questo perché, non è quello giusto per voi…
            Vogliatevi bene, ma un bene vero.

          • ERasmak, queste parole voglio stamparle ed appenderle allo specchio, in modo che siano la prima cosa che guardo al mattino quando mi sveglio

    • Il tuo numero lo ha, se vuole conoscerti e andare oltre il gli sguardi sul bus…lo userà!
      Aspetta lui! In bocca al lupo 😉

  40. Ho fatto una cosa migliore rispetto a sparire o continuare a scrivere.. tanto lo so che mi cerca se smetto.. lo ha già fatto. Ho solo scritto “quando ci vediamo?” (Così da dover far uscire lui un po allo scoperto) e lui ha risposto che se potevo “oggi”. Quindi l’interesse c’è. .

  41. Parole sante erasnak. È esattamente quello il mio concetto. Io per troppo troppo tempo l’ho dedicato a qualcuno umiliandomi a volte nella speranza di far capitolare qualcuno che di capitolare non ne ha aveva la benché minima intenzione. E siccome la mia dignità arriva prima… ho chiuso con queste cose maniacali che fanno solo male e ci umiliano. E sai qual’è la novità? Si vive bene … anzi molto meglio… ecco quello che vorrei trasmettere. .. iniziamo a volerci più bene..a coccolarci…. e non essere il contentino di nessuno. .. il mezzo interesse si spegne in un attimo

    • Amiche, e cosa mi dite di quella categoria ancora peggiore di uomini che dopo avere manifestato il loro palese NON interesse ed essere partiti per ” altri lidi ” tornano sui loro passi ( quindi da voi) dopo avere constatato che altrove ” non c’è trippa per gatti ” e quindi piuttosto che niente si ” accontentano ” di voi? Secondo me, sono i peggiori.

      • Ovviamente quella categoria di uomini è speciale e va trattata con i guanti, la si fa tornare per il solo gusto…di lasciarla a bocca asciutta! Rispediti a cercare trippa scadente lontano da noi…

        • Hai ragione! Infatti non dobbiamo essere la seconda scelta di nessuno! Non devono ” accontentarsi ” di noi finchè non trovano chi gli piace davvero!!

          • a me è successo proprio da poco. L’ometto di turno si è sentito certo che altrove poteva trovare di meglio, salvo il tornare con la coda tra le gambe, della serie ” meglio poco che niente”. Ovviamente è rimasto a bocca asciutta!

    • Non permettere che una telefonata rovini il vostro incontro. Mi sembra di avere capito che abitate lontano e già non riuscite a vedervi spessissimo… So bene che vuol dire….
      Non sta a letto con un’altra mente tu stai in cucina, è un maschio…sta al telefono con un altro maschio…voglio dire…nulla di strano…non è che una telefonata conclude un rapporto…ma forse l’atteggiamento non è molto principesco.
      Non pensarci troppo, non lasciare che la mente vaghi pensando a…tutti quei film che noi donne sappiamo bene come produrre: attrice, regista e produttrice.
      Insomma, goditi il momento, e la sua presenza.
      Per ora…
      Poi, quando arriverà il momento opportuno (tempo massimo: prima che vi separiate nuovamente, quando tu lo hai ancora di fronte e non dietro il display di un telefono), e tu saprai quando è quel momento, almeno fagli presente il fastidio che ti ha procurato nel non dedicarti la giusta attenzione. Non con tono arrabbiato, ma un tono che lo lasci senza potere di replica.
      Tanto per lanciargli una frecciatina; servirebbe per non passare sopra l’evento come se nulla fosse, ma nemmeno farlo diventare una questione di stato.
      Almeno io farei così…

      • E già che c’ero gli ho anche detto del fatto che sparisce e che sono sempre io a cercarlo e fare le mosse.. col sorriso ho fatto capire…datti una mossa.. vedremo

        • A questo punto, siccome glielo hai anche espresso chiaramente, se gli verrà spontaneo restare su questa linea di atteggiamento, non è la persona più adatta per una relazione.
          Gli uomini sono menefreghisti per natura, non stupidi.
          Capiscono. Eccome se capiscono. Ricordiamocelo.

          • Ok.. mi ha scritto oggi lui, mi ha mandato un video carino di una cosa che ci piace… ma sinceramente si capisce che lo ha fatto per tenermi li… così… diciamo… buona… visto la mia “lamentela. Ho preso la decisione di dirgli che io voglio di piu e siccome lui non vuole non ci vedremo piu. Erasmak l’unica cosa che mi blocca dal dirgli questo è il dubbio che sia “troppo presto” ma credo che sia proprio questo pensiero ad avermi ben fregata fin’ora? … che ne pensate?

          • Esatto. .. proprio quello che pensavo.. diciamo che ho paura a farlo perché so che lo perderò. … e allora preferivo tenermelo anche cosi….dio sembro una mendicante… ma non ho il.coraggio…sono dipendente da lui… lui è arrivato in un momento molto difficile della mia vita e mi ci sono proprio attaccata a mo’ di piattola.. non riesco… ma so che è la cosa giusta. Come faccio?

          • No nessuno ti può biasimare anche se sai anche tu che stai subendo e che non è un rapporto in equilibrio

          • La mia domanda è : per cercare di farlo innamorare è meglio: opzione 1. Non cercarlo mai piu e far fare tutto a lui. Opzione 2. Mollare.

          • L’unico problema nel non cercarlo più è di perdere la sua stima verso la mia persona ( di cui al momento godo per la mia spontaneità e sincerità). Come si può giustificare una mia sparizione dopo averlo tampinato alla grande negli ultimi due mesi e avergli detto negli ultimi 15 gg che sono innamorata di lui, senza passare per una buffona?..

          • Bene. Qua ti volevo… e allora non faccio prima a mandargli l’ultimo messaggio dove gli dico che visto che non sono corriposta non lo vedrò più? ? Qual’è la differenza con invece lasciarmi cercare.. ?

          • Mi raccomando: qual è senza apostrofo… Se ti lasci cercare vi date una chance

          • Cara aurora … informarlo che hai deciso di chiudere tutto è semplicemente un’ennesima scusa per risentirlo con la speranza che magari possa cambiare qualcosa… e magari con l’aggravante che lui ti risponda va bene e allora li non puoi più tornare indietro. Molla la presa..tanto se lui non si fa più sentire ti ha dato già la risposta che magari messo alle strette ti darà comunque. Evitati questa umiliazione … almeno potrai dire sono sparita io…. e se poi magari lui se vede che non scrivi una domanda se la fa. Non inventare scuse a te stessa per risentirlo è controproducente

          • Mandargli un messaggio d’addio non è risentirlo.. mica lo chiamo! Se dice va bene, ok, almeno posso uscire con un altro, cosa che finché non è definita non ho il coraggio di fare.. e poi anche per coerenza mia… sparire lo facevo a 20 anni .. ma ora mi sembra una gran cavolata. . D’altronde io non voglio sedurlo, ma far si che mi ami per quella che sono.. così come sono.. e se non mi faccio conoscere come fa a conoscermi… e a odiarmi, schifarmi, amarmi o qualunque altra cosa?…all’ inizio nelle mie storie importanti sono sempre stata autentica e infatti poi sono diventate serie. Le cose iniziano per gioco e solo in un secondo momento possono o meno diventare serie.. ma come fanno a diventare serie se si fonge finge di essere qualcun’altro..?

  42. Gli ho mandato un mess cn scritto..”spero solo tu nn mi abbia presa in giro”…lui ha visualizzato e n ha risposto…..ma davvero merito questa poca considerazione? Non mi sembra di aver mandato un messaggio aggressivo ….la nn risposta e chiaramente un “SI” ti ho presa in giro!ho mentito in ogni momento e in ogni atteggiamento…per una scopata….?

    • Te lo sei detto da sola, anche se in forma di domanda.
      Formuliamola, invece, in asserzione: tu non meriti questa poca considerazione.
      Il genere maschile mette la coda tra le gambe quando deve definire le situazioni, soprattutto se si parla di relazioni.
      Purtroppo non c’è altra interpretazione al suo silenzio.
      Resta la persona meravigliosa che sei senza di lui.
      Non cercarlo e volta pagina più in fretta che puoi.

  43. Se pensi che mandare un messaggio di addio ti possa far chiudere definitivamente con lui e non speri in una sua risposta che ti chiede il perché o comunque che lui non vuole perderti allora fai bene. Ma ricorda che il rischio che ti dica che anche per lui la vostra storia sia giunta al capolinea è decisamente alto. Ma questo lo devi valutare solo tu. Impara ad essere la persona autentica che sei con chi se lo merita veramente. Mi auguro di sbagliarmi … ma su questo purtroppo sono davvero seriali… in bocca al lupo

    • Eva l’unica cosa che chiedo è di non insultare lui. Lui non è il ragazzo che vi ha trattate male. Lui non è uno stronzo solo perché non mi ama. (Dove è scritto che mi deve amare?)
      Un uomo non è uno stronzo solo perché non ci ama. Inoltre lui è un uomo fantastico, molto buono, fa molto volontariato, si dedica agli altri, aiuta, dall’inizio è stato sincero sul fatto che non cercasse una partner al momento .. solo perché non mi ama non significa che non si meriti il mio rispetto che ha alla grande.

  44. Ma infatti nessuno lo insulta..sto semplicemente dicendo che siete su due piani molto diversi. E il fatto che lui sia chiaro e che dica che non voglia una relazione non lo giustifica dal tenerti appesa. Semplicemente questo. Ma se tu senti davvero il bisogno di avere una chiusura allora il messaggio mandalo senza aspettarti un finale da cenerentola che quello ahimè è solo nei film. Ti ripeto spero di sbagliarmi. Quando dico che sono seriali non intendo stronzi… intendo troppo prevedibili. Mi auguro per te che il finale sia diverso

    • Eva dire ” sii autentica con chi lo merita” implica che lui non lo meriti.. e quindi è un insulto. Sarà che io di stronzi ne ho conosciuti e lui non lo è. . Ed è per questo che mi sono innamorata come non mai. Non mi tiene affatto appesa. Magari è confuso.. avrà il diritto anche lui…. smettiamo di essere troppo vittime e pensare sempre che gli uomini siano lì per ferirci. È vero ce ne sono tanti, ma a 40 anni li so riconoscere e non ci esco proprio. Non so, quando si danno consigli bisogna chiedere più informazioni sulle due persone protagoniste e non cadere nell’errore di giudicare sulla base delle persone che si sono conosciute in prima persona. Lui non mi tiene appesa, appesa ci sto io. Lui è stato sincero, sono io che ho preso le mie decisioni. Lui è ancora qua, magari è solo confuso. Solo il tempo lo dirà. L’unica cosa sicura è che io non voglio fare del male ne a lui ne a me e sto cercando di schiarirmi le idee

  45. Io la penso come Eva…magari mi sbaglio ma ho la sensazione che tu Aurora inconsciamente metta in atto una sorta di auto-inganno, nel senso che forse vedi lui con gli occhiali rosa dell’amore, e questo sentimento magari te lo fa vedere migliore di quanto non sia davvero. E’ normale che chi ama tenda a giustificare tante cose, e chi invece vede le cose a freddo sia piu razionale. Ma nessuno insulta lui…Secondo me è solo questione di guardare le cose con lucidità.

  46. E su questo potrei anche darti ragione… ma i consigli si danno anche su esperienze vissute sulla propria pelle e magari il distacco che non ci fa vivere il tuo rapporto che tu hai con lui ci fa vedere le cose come sono nella realtà. Io agirei diversamente. .. ma semplicemente per esperienze passate… e se si arriva ad un messaggio di chiusura allora è perché le cose come stanno andando non ci stanno più bene. .o semplicemente per attaccarsi alla falsa speranza che le cose possano cambiare… te lo ripeto questa è solo una tua valutazione anche perché sembra che in cuor tuo tu abbia già deciso. Da quello che leggo e ti ripeto solo da quello che leggo vedo un rapporto molto sbilanciato e continuare a logorarsi per una storia che fa male non è sano
    Te lo dico davvero spassionatamente. .. fai ciò che ti senti… se quel messaggio di chiusura per te è importante fallo non sentire consigli di persone che non sono all’interno del vostro rapporto perché è quello che ti senti di fare e questa è una priorità. Ma nel momento che tu scrivi e chiedi consigli devi essere anche aperta a ricevere commenti che possono essere discordanti da quello che vuoi veramente

  47. Ma inftt guarda…nn lo cerco piu…aspetto che ritorni in vacanza…dovrà pur salutarmi…e li diró ció che penso….qualche messaggio nn fa una relazione….soprattutto se io nn ho mai chiesto nulla di serio….parlare in faccia e la cs migliore….

  48. Aurora, cerco di esprimere un semplice concetto.
    Una volta che il vaso è caduto e si è rotto, è comunque frantumato.
    I pezzi possono essere rimessi assieme ma quelle brutte crepe saranno comunque visibili, e, soprattutto, il vaso adesso gode di una consistente fragilità.
    Ascolta il tuo istinto di donna. Lo so che non fa piacere, ma dentro di te una voce sussurra che questo rapporto è andato in frantumi ed è fragile. Te lo ha gridato ad alta voce quando hai preso la decisione di scrivere qui che oramai non vale la pena seguitare e tanto siete destinati a prendere strade diverse. Non perché lui sia una cattiva persona, non perché tu ti comporti in modo sbagliato, non perché il destino è beffardo o gli astri avrebbero dovuto farvi incontrare tra un anno anziché adesso. Semplicemente perché le cose tra voi due non si incastrano. Ciò che si è rotto, è comunque rotto.
    Prima chiudi i contatti con lui, prima seguiterai per la tua strada.
    Bisogna vedere sempre il lato positivo: questa persona è stata presente in un periodo della tua vita ed è stato bello, vi siete vissuti per qualche mese, regalando ciascuno qualcosa all’altra. Ora la vita continua.

    • Concordo. È difficile trovare le persone giuste nella vita. Guarda me: sono al secondo matrimonio, ma c’è chi è al terzo o al quarto. E sono rapporti formalizzati

  49. penso cmq che gli uomini abbiano paura….e cm un circolo vizioso…certi atteggiamenti sn la conseguenza di paura è insicurezza…non è vero che gli uomini non la pensano come noi..ci sono uomini stronzi ,donne stronze…e le brave persone!!!!
    Il punto è che qualcuno nel rapporto sente l’esigenza di prevalere sull’altro….solo per tenere il controllo…penso che molti uomini che si sono allontanati da me….e per semplice paura…non penso che siano scapati perchè io sono affetta da peste o altro…dovrebbero solo levare fuori un po piu le palle per affrontare la donna…e nn solo per svuotarle….

    • Secondo me non è avere paura.
      Piuttosto, è che gli uomini non vogliono complicarsi la vita, e noi donne invece lo facciamo nemmeno senza rendercene conto.
      Ecco perché noi gli diciamo di essere più coinvolti, e ascoltarci e di parlarci chiaro; cose che, per natura, non riescono proprio a fare. Non possiamo fargliene una colpa.
      Ed ecco perché gli uomini pensano che siamo complicate; a chi non è successo di sentire dire da un uomo “Io le donne non le capisco!”.
      Eppure, in questa diversità antropologica e sociale, non manca quell’occasione di incastro tra due persone. Un uomo e una donna che riescono ad andare oltre questi limiti di sesso esistono.
      Basta non soffermarsi su un uomo o su una donna che abbiamo conosciuto e vissuto, solamente perché, avendo lui o lei delle caratteristiche che ci attraggono, ci arroghiamo nell’ardore che sia la persona “giusta” per noi. Indubbiamente lui/lei può avere delle qualità che ci “vanno bene”, ma è solo dopo essersi conosciuti e vissuti, e dopo avere avuto una visione d’insieme, che passiamo ad analizzare i fatti: se la cosa funziona, tanto meglio; se iniziano a starci delle difficoltà evidenti, non è la persona adatta. Punto.
      Questo non deve scoraggiarci, perché ogni persona che ci è piaciuta ha valso la pena (nei limiti del possibile) di essere vissuta. La maturità sta nel fermarsi e fare un passo indietro quando ci rendiamo conto che così non si può continuare.
      Quindi, non incolpiamoli di non essere diversi da come potrebbero essere: non è giusto cambiare una persona per il solo gusto di averla accanto a noi.
      E non incolpiamoci se non gli andiamo bene: non abbiamo nessun difetto, non è che un’altra sia migliore di noi, non è che se ci comportiamo in un altro modo allora lui improvvisamente cambia e sono tutte rose e fiori.
      Semplicemente, le cose tra QUELL’uomo e QUELLA donna non si incastrano.
      Il bel capitolo con lui è stato letto, ci è piaciuto, ora cerchiamo di passare alla stesura del prossimo! Ti ho conosciuto, mi sei piaciuto, ti ho vissuto, è stato bello condividere momenti fantastici, e non rimpiango di potere dire di averli passati con te. Ma ora, per il mio bene, devo seguitare in quel mio percorso che si chiama VITA, girare pagina e stendere un altro paragrafo. Chi lo sa…magari è anche più intrigante del precedente…! 🙂

  50. Ok… siam partiti da ” smetti e vedi se ti scrive anche una scusa, un messaggino ecc” al “molla tutto ecc”. Facciamo un passetto indietro. Domenica sera ci siamo visti, ho cenato e dormito da lui. Poi lunedi mi ha scritto lui ( che era quello che stavamo aspettando)… io ho risposto al suo messaggio. E ora?.. davvero non devo più scrivergli.. ?

  51. Secondo me devi continuare a vivertela per come ti senti….un giorno ti stancherai da sola….succederà quando meno te lo aspetti…fasciarsi la testa non serve.chiedere le motivazioni?non serve manco quello..xk gli uomini non sono sinceri al 100%…un uomo sincero e un uomo che ti desidera che già da subito sa se stare con te..e te lo fa sapere…non tira la corda in modo che tu ti ci avvolgi tanto da restare legata..che per liberarti chi sa quanti nodi bisogna sciogliere…degli uomini ”elastico”dopo un po ci si stanca..anche perchè non si hanno più le forze di sopportare certi atteggiamenti incomprensibili….vivila senza troppe domande..ma senza dare troppo di lui…per quello io preferisco dire che bisogna trattarli allo stesso modo …quello che mi dai..io ti do…nn mi cerchi dopo una notte insieme…bene!..non lo faccio nemmeno io!!!!….bisogna nn aspettars nulla da loro….credimi….l’uomo veramente interessato..lo vedi da subito…!quando partono in quarta e poi frenano…bene!! frenati e sparisci anche tu…chi ti vuole ti cerca!…

      • Sempre mio modesto parere? Qui c’è molta confusione. Oramai sei tirata in ballo da questa situazione, e ti conviene ballare…in un modo, o in un altro.
        Tu stessa hai scritto “Ho preso la decisione di dirgli che io voglio di più e siccome lui non vuole non ci vedremo più”. Questo significa che partite già da due situazioni praticamente diverse, e ciò rende la situazione traballante…fragile come un vaso rotto appena ricomposto e tornato sulla credenza in bella vista. Per come la vedo io, se questa diversità fosse emersa all’inizio, magari, e sottolineo il magari, non ci avrei dato peso. Credo, infatti, che per conoscere una persona si debba continuare a vederla (non cercarla, attenzione), e fissarsi dei limiti. Almeno io ragiono così, o mi sarei giocata l’occasione, ogni volta, di fare entrare nella mia vita persone più o meno degne.
        Sostieni che lui ti abbia scritto. Non penso che tu sia veramente dell’idea che basta questa sola occasione per dire che lui ha dell’interesse. Vero? Occasione che, tra l’altro, gli hai offerto su un piatto d’argento, perché, fra i sorrisi, l’ultima volta lo hai incitato tu stessa a farsi sentire. Sono dell’idea che è meglio che un uomo non si faccia sentire più e non mi voglia (non esiste solo lui), piuttosto che stare nel dubbio che lo faccia per “tenermi buona”. Gli deve venire spontaneo. Quel messaggio che mi arriva, lui deve mandarlo con un intento vero. Deve venirgli naturale dall’ego di uomo semplice e cavernicolo qual è. Rimarrei davvero delusa se dovessi ricevere quel messaggio perché lui mi sta facendo un piacere…
        Quindi, visto e considerato che tu stessa non sei convinta del “noi” in questa faccenda, le strade da prendere sono due. O entri nell’ottica che devi lasciarti desiderare, evitando ogni volta di cercarlo tu per prima, così che lui ti dimostri, facendosi sentire, se veramente abbia interesse e attenzione verso la tua persona…oppure cominci a capire che lui non va bene per te e non dovete seguitare a sentirvi e a vedervi.
        Sono parole fredde, ma, purtroppo, chi la vede dall’esterno, e non è coinvolto e vulnerabile, gode della razionalità, quell’elemento che permette di valutare i fatti per come sono oggettivamente.
        Cosa hai da perdere? Gioca su questa cosa. Abbi un pochino di coraggio. Coraggio che spenderesti per una persona che tu ritieni valida, perciò non sarà mai coraggio invano!
        Vuoi davvero capire se lui abbia un interesse per te?
        Vuoi toglierti ogni dubbio?
        Vuoi evitare di approfondire la conoscenza con lui all’insegna dell’incertezza?
        Io credo proprio di sì…
        O la va…o la spacca!

  52. Comunque Alessandro: io non so che roba sia questa storia…e probabilmente non gli scrivo più.. ma ti posso dire che mi sento Anastasia di 50 sfumature di grigio.. il mio cervello è in pappa… ho i flash durante la giornata di quello che facciamo… dico solo che l’altra sera, già nudi, mi ha teso la mano, gli ho dato la mano, lui con gentilezza mi ha portata fino al tavolo dove avevamo mangiato… poi mi ha presa e messa lì sopra con sopra ancora tutti i piatti della cena e la tovaglia…. e la nostra musica preferita che suonava forte nella stanza e guardandomi e baciandomi mi ha fatto strillare più forte di tutte le canzoni che avremmo mai potuto mettere… e poi la notte io ho dormito sul mio cuscino e lui ha dormito sul MIO cuscino e non si è mai mosso. Io non riesco a fare più niente..lui è il mio Christian Gray… aiuto.

    • Erasmak lo so che hai preso il via a commentare come se fossi una 90enne che ha vissuto in tutto il mondo e con laurea in filosofia e psicologia…. ( scherzo non ti offendere ), però datti una ridimensionata…. allora magari a lui non gli frega niente di me, ok. Però lo saprò io che tipo è e non tu. Ha 43 anni, mai sposato e mai convissuto con nessuna e neanche un coinquilino uomo. Ha le sue abitudini radicate è single da circa 13 anni. Ok magari non gli importa di me e hai ragione te.. ma è un uomo duro che si autocontrolla molto perché, ha detto lui, HA PAURA. Ciao!

      • Ciao Aurora,

        Io sono in una situazione che credo simile alla tua. Esco con un uomo di 50 anni mai sposato, mai convissuto e single praticamente da sempre uniche due storie di non più di 2 anni da liceale. Qualche storia di sesso in epoche più recenti. Io lo capisco che dopo essersi costruiti una vita rinunciando a tutto è difficile ricominciare a desiderare una storia e tutto il resto. Posso chiederti se la tua storia sta continuando, se sei ancora dell’opinione che avevi a febbraio, se pensi ancora che si possa avere pazienza o se non c’è nulla da fare. Il tuo lui si sta lasciando andare? Avete fatto progressi?

  53. CIAO,io invece ho avuto una relazione con una persona che all inizio sembrava volesse stare con me.
    All inizio era presente,parole dolci,attenzioni.
    Sino a un giorno che ha smesso del tutto. Se lo cercavo io mi rispondeva subito,se no mi cercava lui una volta quando le andava.
    Ho chiesto le sue intenzioni e lui mi ha risposto che voleva andare piano,ma in cuor mio sapevo che mentiva.cosi decisi di ess4re fredda dicercarlo solo per sesso e basta ,ma questo non è bastato a farlo sentire usato o con il dubbio se io fossi ancora presa da lui.
    Continua a non cercarmi! Mi chiedo solo comefanno certe donne a riuscire a far cambiare oppinione su di loro a quegli uomini che prima le trattano senza importanza…forse sono gia presi?

    • Oddio, cioè questo anche davanti al sesso continua a non cercarti??? secondo me ha qualcosa che non va! Già quando uno dice che vuole andare piano, mi sa tanto di scusa…

      ah, questi uomini….!!!!!

  54. che lui non sia interessato a me è palese…io sono un buco cm tanti .
    Molto probabilmente ha tante altre d cercare…o forse ha capito il mi gioco!

  55. Salve, sto frequentando un ragazzo da poco e ho bisogno di un consiglio. Io sono più grande di lui di 6 anni, e abbiamo un livello culturale diverso, ma anche una grande passione in comune (facciamo musica).Fatto sta che tramite un social e amici comuni ci siamo conosciuti. Siamo andati d’accordo ed è scattata una simpatia. Lui essendo un tipo diretto e istintivo, mi ha invitata subito a uscire e dopo tante chiacchiere, mi ha baciata. Io ho contraccambiato anche se mi è sembrato affrettato. ebbene, lui ha mantenuto questo andamento veloce e passionale e le volte successive man mano ci siamo spinti più avanti. C è compatibilita di pelle e molta passione ma anche tenerezza ed emozioni speciali. A me è piaciuto più nell’evolversi della situazione che all’inizio e ora mi ritrovo a non sapere cosa fare, perché lui mi ha detto che stare con me la vedrebbe una “responsabilita’”per le differenze tra noi, e quindi vorrebbe stare con me senza avere la storia seria…però poi dice che vuole esclusività, se gli parlo di altri è geloso marcio, e dice che tra noi non è solo passione ma c’è qualcosa di più che non riesce a spiegarsi. In tutto cio pur avendo contatti fisici non abbiamo mai fatto l’amore…e lui dice che appunto non sarebbe semplice sesso ma qualcosa di piu. A me non era mai capitata una situazione simile, e sentirmi voluta ma non completamente mi fa irrigidire con lui….poi mi lascio andare un po, poi mi irrigidisco di nuovo. Ovviamente se fosse per lui avremmo già fatto sesso da un po ma io gli ho detto sempre di no…e i nostri incontri sono comunque carichi di passionalità e trasporto intenso. Per quanto riguarda i messaggi, le chat etc…beh mi cerca sempre lui, tutti i giorni. Ci raccontiamo tutto e ci sentiamo sempre vicini. Per questo sono un po confusa e non so come vedere questa relazione…dura da quasi un mese ormai. Ho paura di innamorarmi e non essere ricambiata…lui dice che mi desidera e che non mi lascerebbe…ma per ora…mi sentirei sempre sul ‘chi va la’ oltre che non considerata una vera compagna per lui…le cose a metà le ho sempre evitate e questo ragazzo ha avuto la capacita di coinvolgermi comunque, a prescindere. Che fare?

  56. Ciao Alessandro, grazie per il testo è veramente simpatico.
    Da circa sette mesi sono uscita di un rapporto che è durato nove anni, ho una figlia di quattro.
    Per suggerimento di una amica mi sono scritta in un sito di incontri, devo dire che mi sono fatte belle risate, ma ho conosciuto una persona che mi ha colpito molto anche se non abiamo tante cose in comune.
    Abbiamo parlato circa un mese perchè lui era all’estero, anche se in verità abitiamo nella stessa provincia.
    Dopo essere rientrato ci siamo incontrati…devo dire che un quindici giorni mi ha fatto inumerevoli dichiarazioni d’amore…
    Nel secondo appuntamento abbiamo fatto “amore”…dopo abbiamo continuato a vederci spesso ma i messaggi diminuirono..
    Devo dire che ero abbastanza incerta su questa relazione, non avevamo tanti argomenti da condividere, lui che mi aveva detto tutte quelle cose molto profonde, voleva conoscere mi figlia, portarmi a cena dei suoi…
    Niente, lui inizia a “raffredare” ed io sono stata “spiazzata” inizio a sofrire (terribile ametterlo!).
    Le dico che così a me non va bene e praticamente finisco tutto dopo um mese di frequentazione…
    Lui dice che sono molto importante, una ottima persona e non vuole che tutto finisca, ma che non può darmi tutto ciò che vorrebbe darmi e dobbiamo trovare un compromesso…dice che mi chiamerà nel fine settimana e nulla io ero a pezzi…tre giorni dopo mi invia un messaggio dice stava lavorando molto che pensava a me in continuazione e che dovevamo vederti…nel giorno la macchina si rompe…destino (peró era vero a condiviso la sua posizione con me)? A quel punto vengo io a casa sua, passiamo a serata insieme come se fossemo fidanzati…
    Una settimana dopo, mi chiede di vederlo nel giorno del suo compleanno stiamo insime e bene…dopo silenzio tombale…lo vedo sempre online…questo mi fa male…
    Vorrei ribaltare il tavolo…credo che mi innamorando di lui ma non so come agire…

    PS: Ultima cosa…nel sesso praticamente non vengo quasi mai penetratta praticamente faciamo sempre tutto senza la penetrazione, è quasi come se lui provasse dolore o non gli piacesse, anche se vedo `che è molto eccitato…Grazie e scusami se mi sono allungata troppo!

  57. Vorrei chiedere una cosa: come mai tanti uomini quando è il momento che gli conviene dicono ” siamo una coppia ” e quando poi invece gli conviene fare i fatti propri dicono ” Siamo solo amici “? Questo giochetto l’ho visto fare tante volte, quando vogliono scuotersi da ogni responsabilità. E spesso aggiungono: sei tu che hai frainteso. -_-

      • Addirittura mi è successo che mentre escono con me, che in teoria sarei la loro fidanzata, si mettono addirittura a parlare di quelle che gli piacciono, dicendo ” voglio uscire con quella “, quell’altra non mi vuole, ecc..

        ed una volta che a uno ho rinfacciato di essere infedele, questo mi ha risposto: Non sono cosi tante come pensi tu ” ed una volta ha pure aggiunto, con tono lamentevole: dopo un paio di volte si stufano e si allontanano “.

        Io sono rimasta allibita: ero la fidanzata o la migliore amica sorella???? Roba da non credere..ancora adesso mi sembra irreale!!! 🙁

  58. Ciao Alessandro, spero,nonostante sia passato un po’ di tempo dalla data dell’articolo, di ricevere un tuo consiglio su quanto mi è successo, ne ho davvero bisogno…ti racconto e cercherò di essere breve nonostante mi risulti difficile : giugno del 2015 …conobbi ALE (lo chiamerò così..come vedi ho molta fantasia ) in un bar, tramite amici in comune. Quello stesso giorno Ale insistette mollto nell’organizzare un’uscita in comitiva dove lui arrivò tardi E anche un po’ brillo (dettagli ) cominciammo a parlare e cominciava a piacermi!!(Non che non lo avessi già notato)

    (Tengo a scriverti che sono una ragazza abbastanza timida con pochissima stima di me stessa… cosa che mi ha sempre molto frenata in tutto ..o quasi!! )
    …insomma, ci rivediamo, mi dice di sentirsi strano con me, non sono come le altre e …col senno di poi… bla bla bla… ma, credimi, in quel momento era dolcissimo ed io beh…beata!! Ancora non sicuro di cosa pensassi io mi confessa di aver tanta voglia di baciarmi…ci baciamo… mi riaccompagna a casa e cominciamo a sentirci come se ci conoscessimo da una vita!! Ci rivediamo, usciamo e stavolta da soli… tutto bello, bellissimo …una, due, tre sere…due settimane, io e lui,nessun’ altro!!

    Luglio del 2015 … per lavoro dovetti allontanarmi …cominciavano mesi duri per me, una situazione abbastanza particolare, non per lui che riuscì a darmi della piacevolissima serenità anche il quel caso, anche essendo lontano!! Ci rivedemmo due volte a luglio tra casini vari e lui fu di una dolcezza unica!!

    Agosto del 2015… i dubbi quasi ce li avevo io!! Tra stanchezza (soprattutto) lontananza e problemini vari mi cominciarono a venire mille perplessità.. più che altro complessi …esistenziali, mah! Ma conoscendomi mi comportai il più normale possibile in attesa di rincontrarlo!!

    Settembre del 2015…metà settembre finalmente parto!! Primi giorni bellissimi mi passò tutto, tutto!! Ma, ahimè, durò poco questo stato!! ai complessi si stavano facendo già largo i presentimenti!! Quanto sono brutti!! Cominciarono così, non so nemmeno spiegare cos’è che avevo notato all’inizio!! C’erano solo loro,i presentimenti, e l’ansia!! Ma infatti non mi sbagliavo!! Cominciai a sentirlo e a vederlo strano…meno affettuoso, meno presente, meno!!
    Cominciò a dirmi che non si sentiva pronto, era uscito da una storia di tanti, troppi anni!! Non voleva che mi aspettassi da lui chissà cosa e …bla bla bla… gli risposi che dagli altri non ho mai voluto niente, che io stavo cercando semplicemente di prendere la relazione per come veniva, con tutta la tranquillità di questo mondo (aveva sempre detto e fatto tutto lui) … mi allontanai un pochino dopo quel giorno, ci rimasi male … inutile dirvi che si riavvicinò lui fino a farmi ricadere completamente!!

    Ottobre 2015 … di nuovo distante, alti e bassi continui …novembre, dicembre ….”mi porti su e poi mi lasci cadere” questa è la frase giusta!! Ed io a furia di cadere mi stavo facendo sempre più male!!

    Dal Febbraio del 2016… niente più alti, solo bassi!! Niente più!!

    Maggio del 2016 …io, brilla riesco ad aprire un dialogo… Ale mi confessa allora che la sua era stata una decisione difficile perchè più piccola (dimenticavo) perchè “troppo una brava ragazza”, non poteva prendermi in giro, mi voleva troppo bene, mi apprezzava… ecc ecc e …bla bla bla!!! Tante tante cose belle!! Tanto tanto tempo a parlare!! …

    Aah!! Io fino a quel momento, nonostante lo vedessi tutti i giorni (purtroppo per me!! per il semplice fatto di non riuscirmelo a togliere dalla testa ) non ero riuscita a parlargli per paura, paura di essere… non so… forse rifiutata, di non piacergli più!! gli davo ragione, lo capivo, non mi piacevo nemmeno io!! Non lo meritavo forse….

    Insomma quella serata cmq finì a casa sua!! Ci sono da specificare alcune sue frasi:” ma perchè non ci vediamo quando ci và?!? Che ci frega?? Stiamo bene, ci piace, a chi dobbiamo dar retta?!? Però mi raccomando poi non fare la gelosa!!” io si, ho acconsentito… chi tace acconsente, no??!! Stavo così maledettamente bene con lui , pensavo a come ero stata in quei mesi senza e non riuscii a dirgli nulla!! Solo un sorriso!! (Non al “non fare la gelosa “che è stata la frase che più ho odiato!!)

    Giugno …. lui il geloso dopodichè ( non sto qui a raccontarvi anche quest’altro episodio ma abbastanza soddisfacente ) altri “incontri.”…

    c’è ancora da dire che io mi ero ancora più chiusa … non riuscivo più ad essere come ovviamente i primi mesi!! Paura di dire una parola in più… dopotutto ti considera solo una trombamica!! Paura di cercarlo, non vuoi, Non puoi dar fastidio, orgoglio, paura, Boh!! Non sei effettivamente una semplice amica ma non sei nemmeno nient’altro di più… fatto sta che tutto era difficile, pensato e ripensato…pensato e ripensato!!!
    Luglio …. mi riallontano per lavoro…mi viene a trovare!! Sembra quello del luglio dell’anno prima!!! Mah!!

    Agosto…. ci sentiamo…. massimo due giorni senza sentirci e mi ricontatta quasi sempre lui …anche perchè doveva chiedermi alcune cose

    Settembre…. messaggio in cui mi ringrazia per alcune cose ..lo rispondo, lo percepisco strano.. nervosa cancello il suo numero e sono 6 giorni che non si fa sentire … mi manca tanto!!! non so che fare!! Ti ringrazio in anticipo

  59. Concordo sulla tesi del”se non si fa vivo è perché non gli piaci abbastanza “ma non si può generalizzare.Io conosco un uomo da anni,ci siamo incontrati poche volte ,intervallati da periodi di assenza e altri di contatti assidui.Premetto che viviamo a 900 km di distanza…La cosa che mi fa impazzire è che è lui a cercarmi e poi sparisce!Ma fa sempre lui la prima mossa.Ci si sente ,si programma un incontro,come accaduto recentemente, si sta due mesi in contatto e poi x una cazzata, una frase fuori luogo,lui sparisce!Non risponde e magari passano altri due mesi per rifarsi vivo.Questa storia dura da anni… È un disturbato mentale?

  60. Certo che l’ho pensato…lui ha una sua vita, come tutti i comuni mortali.È cmq single.So che la distanza rende tutto più complicato ma è proprio questo che non quadra: lui mi dice che non è semplice gestire un rapporto a distanza ma che non è vero che non gliene frega niente…C’è grande contraddizione in questa storia.Siamo troppo lontani,che senso ha tenermi nella sua vita?vivessimo nella stessa città potrei mettere nel conto che lo fa per farsi una scopata quando gli va ma cosi lontani è praticamente impossibile.Potrebbe chiudere i ponti definitivamente eppure prima o poi riappare. L’ultima volta che ci siamo visti ,ha cercato di mantenere i contatti ma poi si finisce sempre col silenzio.Proprio non riesce a starmi dietro ,eppure gli ho detto che per me va bene vedersi quando si può e che vogluo nulla di che,anche perche mi rendo conto che sarebbe imposdibile conciliare le nostre vite…Sono stata chiara nel dirgli,allo stesso tempo ,che vorrei essere ” curata” di piu,non posso pensare di sentirlo una volta al mese ,scoparci e aspettare il prossimo incontro …Gli ho detto che per me basta un minimo,un “tutto bene”…ti vorrei qui adesso…È sparito x 3 mesi,agli inizi di maggio mi ha cercata…era diverso,messaggi,telefonate…insomma ha capito che doveva dare qualcosa in più …A fine giugno ,quando eravamo prossimi alla data dell’incontro, dopo un mio vaffanculo ,mi ha scritto: ho cercato di venire incontro alle tue esigenze in tutti i modi,adesso basta! Sparito! Illuminano tu perché io sono basita.

    • Sembra un atteggiamento che segue l’andamento di eventuali incontri. Quando c’è carestia tu torni in auge quando c’è una locale o vicina sparisci

  61. So che probabilmente è così ma non trovo un senso a tutto questo…Ripeto,siamo a km di distanza ,che senso ha mantenere un “rapporto “del genere?Anche in periodo di carestia non è che può avermi a portata di mano…Mah!Cmq grazie per aver risposto almeno tu…:)
    P.s. I suoi silenzi mi logorano più di un vaffanculo!

  62. Che ne pensi di un uomo che sta insieme a te tutta la sera vi baciate ( e niente altro) ti chiede di rivederti due settimane dopo ( non era ina casa ma fuori città)ma tu hai già un altro impegno e gli rispondi : ci vedremo la settimana sono libera prox e lui perfetto. Mi tel ogni 3- 4 giorni mi parla di sua mamma dei suoi figli grandi ridiamo ..boh,mi messaggia quasi quotidianamente,ma di uscire passato quasi 1 mese ,più nulla.In alcune chat mi ha detto mi fai paura perchè una donna che ti piace solo fisicamente ci vai 2-3 volte, ma tu mi prendi di testa ,mi fai battere il cuore e mi fa paura ..in altre baci molto bene mi piaci ecc..( ha avuto una convivenza di 6 anni finita male) ha 54 anni e io 50. A me sembrano una marea di caxxate …la paura di che?Per me è ancora preso di testa dalla ex. Vorrei un tuo parere,grazie.

    • Leggi lui vuole solo fare sesso in chat secondo me ci siamo vicini oppure la storia di quello che arriva a un certo punto è torna indietro, l’indeciso

  63. Ha sfiorato argomenti a sfondo sessuale ma quando ha visto che non gli davo corda ha smesso subito , però ho perso l’entusiasmo anche di parlargli per telefono o in chat o di eventualmente vederlo.Infatti programmo i miei fine settimana già dal mercoledì, se lui mi inviterà gli dirò che ho un altro impegno .Grazie Alessandro per la risposta esaustiva e molto veloce. P.S Leggerò l’articolo che mi hai suggerito, penso che sia proprio così.

  64. Ciao ,la storia di quello che arriva a un certo punto è torna indietro, l’indeciso non riesco a trovarla ,l’altra si puoi darmi indicazioni? Grazie

  65. Ho finito di leggere adesso l ‘articolo di cui mi hai gentilmente passato il link .Lo reputo veritiero ed interessante.Credo che lui sia un misto tra questa tipologia di uomo e quello delle chat che hai descritto nell’altro.Esistera mai un uomo che sia una via di mezzo da poter frequentare?O ti saltano addosso come cinghiali o sono carini e premurosi e non concludono nulla…oppure sono sposati e ti danno un misto di tutte queste cose …ma ti fanno soffrire come non mai ( mi é toccato pure questo 6 anni di nulla buttati insieme a lui nella spazzatura)…ergo…sono alla canna del gas!

    • Ti sembrerà impossibile ma conosco persone che riescono a costruire rapporti normali con uomini normali. Purtroppo nell’era delle conoscenze virtuali si conoscono più persone ma anche, per la legge dei grandi numeri, anche più “sole”, che sono sempre maggioritarie

  66. Donne, non vi è mai passato per quella mente brillante che se noi (che ci piacete e vorremmo instaurare una relazione con voi) non vi scriviamo è semplicemente perché vogliamo vedere se almeno per una volta, voi prendete l’iniziativa di mandarci anche uno stupidissimo sms??? Fatevele due domande se dopo una settimana che vi scriviamo sempre per primi a un certo punto non ci facciamo più sentire. Magari vorremmo vedere se anche voi ci tenete a sentirci. Quindi non venitemi a dire che se un uomo non vi scrive è perché non gli piacete, che mica è vero sempre. Mettete da parte l’orgoglio per uma volta, e fatevi sentire per prime ogni tanto.

    • È ovvio che qui si parla di uomini che non rispondono neanche se ripetutamente interpellati. È ovvio e chiaro nell’articolo, se non nella logica della storia

  67. Daniele io mi faccio sentire e anche lui , ci messaggiamo quotidianamente e telefoniamo ma l’invito a cena non parte e di invitarlo io dopo che avevamo annullato 2 settimane fa per motivi di entrambi che non potevamo non mi va, onestamente ho perso anche entusiasmo dopo quasi 1 mese che non lo vedo.

Rispondi