Home » I miei scritti » Lui non ti chiama, non scrive: poco invadente, pigro o egoista?

Lui non ti chiama, non scrive: poco invadente, pigro o egoista?

foto di Dirkriehele.com
foto di Dirkriehele.com

Selvaggia Lucarelli, ottima bacchettatrice dei malcostumi maschili imperanti, questa volta se la prende qui (leggi articolo) con l’uomo che, facendo finta di non voler disturbare, si fa beatamente i xxi suoi e non riesce mai a mettere al centro dei suoi interessi la donna.

Lei parla di ignavia, sciatteria e mediocrità: ci stanno. Ma sono solo l’espressione della massima caratteristica maschile, l’egoismo. Che si esprime alla massima potenza quando ce l’avete data, non prima.

Prima dobbiamo far finta di darci da fare, l’inattivo fa l’attivo, il silenzioso si sforza di essere ciarliero, l’infedele si mostra fedele, l’arido fa il coccolone passionale.

Ma, una volta varcata la soglia della vostra camera da letto, o ci accasiamo o torniamo in noi, dopo un momento ipnotico. E l’egoismo esplode in tutta la sua prepotenza.

C’è quello che è egoista con la moglie che ha appena avuto un bambino. Notti in piedi, faticate, pappa sputata a mitraglia: fa tutto lei, perché è la mamma e lui è stanco per il lavoro (però va fuori con gli amici, poverino deve tirare il fiato). L’ho fatto anch’io… Chiedo scusa, sono reo confesso e recidivo su tre figli.

C’è quello che è egoista sociale. Andiamo fuori? No sono stanco, stiamo tanto bene in casa. Uscirei con le mie amiche… Mi lasci sempre solo! Invitiamo Carlo e Diana? Uffa che palle, stiamocene per conto nostro, che palle sto buckingham palace. Mi accompagni a fare la spesa/shopping/prendere i bambini? Proprio oggi? In due versioni: pantofolaio e attivo. Il pantofolaio vi farà marcire a casa. L’attivo invece boccerà tutte le vostre proposte sostituendole con le sue: così vedrete per la prima volta San Siro, che è un bel vedere, ma sai che palle per chi non regge il calcio…

C’è l’egoista sessuale. Frequenza? La sua. Tempi? I suoi. Preliminari chi? Viva la sveltina. Meglio ricevere che dare. Fa e si gira dall’altra parte: dorme. Se poi è un eiaculatore precoce fate tesoro dei suoi pochi secondi perché Paganini non replica.

Siamo egoisti. Per questo motivo non vi chiamiamo. Non vi richiamiamo. Non è una strategia, è uno status. Non siamo tutti così ma molti di noi, se sono davvero innamorati di voi, vanno rieducati. E gli altri? Sostituiteli con uno più giovane: di solito sono più attenti e non ancora contaminati dal virus dell’egoismo. Che è come quello dell’herpes labiale. Torna sempre, e sempre nello stesso punto: basta un minimo calo delle vostre difese immunitarie. O meglio, della vostra voglia di dirci cosa dovremmo fare per rendervi più felici (ci vuole poco, ma l’egoista ha poco margine).


43 commenti

  1. wow…diagnosi perfetta. Il punto è che non è possibile cambiare nessuno e..dopo i primi anni, o addirittura i primi mesi ogni uomo si trasforma in ” ciò che è veramente “.Facciamocene una ragione, a parte qualche rara eccezion, uomini e donne sono troppo diversi per stare insieme, e condividere una vita insieme è un atto di fede.

    • No, bisogna che noi uomini facciamo di più. Spesso la diversità è il nostro alibi per non darci da fare. Voi ci venite troppo incontro

      • Ciao Ale, permettimi di contraddirti o cmq di dissentire in parte rispetto a quanto scrivi… “basta un minimo calo delle vostre difese immunitarie. O meglio, della vostra voglia di dirci cosa dovremmo fare per rendervi più felici” Non credo che noi dovremmo dirvi cosa dovete fare per renderci felici… non siete dei bambini che vanno rieducati, su su… non le posso sentire certe cose, manco si trattasse di ragazzini adolescenti alle prima armi con i sentimenti e le ragazzine.
        Qui si tratta di poche semplici regole: se una donna si trova davanti ad un uomo che fa chiaramente intendere coi suoi silenzi che non gli interessa c’è ben poco da far capire o rieducare, in quel caso sparire è l’unica soluzione.
        Ma nel caso dell’uomo indeciso, magari a causa della troppa disponibilità della donna, allora sì che possiamo fare qualcosa: NON CERCARVI, farvi capire che non esistete solo voi, e aspettare che siate voi a muovere le belle chiappette e cercarci… siete semplici e prevedibili… questo è proprio vero. Dovremmo svegliarci noi donne: la ricetta è più semplice di quanto sembri.

        Ciao

        • Grazie per l’intelligente commento. In realtà siamo spesso molto bambini, e pure egoisti e capricciosi. Chi non scrive e non chiama non ama. Perché ho scritto questo post, che è il più letto da mesi? Perché il problema è reale ed è diffuso fra migliaia di coppie. Come facciate a sistere cin uno che non vi caga lo spaete solo voi. Io ho solo cercato di ragionare ad alta voce, come faccio sempre, conoscendo bene le dinamiche maschili

          • E allora caro Ale spiegami questa dinamica con cui ho a che fare da 1 anno e mezzo: grande coinvolgimento emotivo, passionale, sessuale, interessi comuni, volontà sua di far incontrare e fare diventare amici fra di loro i nostri rispettivi figli, voglia (anche sua) di fare evolvere il nostro rapporto, ma da parte sua i famosi 3 msg canonici (minimo sindacale?) al giorno di cui parli non ci sono quasi mai stati… spesso se non lo cerco io, passano anche 3-4 gg senza che ci si senta… adesso sono 4 giorni che non ci sentiamo… cosa dovrei fare? Rieducarlo? Non voglio e non credo sia giusto cambiare le persone… forse una bella scossa è l’unica cosa giusta da fare… cosa ne pensi? Vorrei ribaltare la situazione, da inseguitrice ad inseguita, come era all’inizio… Graditissimi i consigli 🙂

          • certo… sua risposta “ma lo sai che io sono fatto così… sono un po’ orso”… Me lo devo tenere così o posso fare qcosa secondo te?

          • Se ti ama deve venirti incontro: ci sarà una via di mezzo fra il non sentirsi per 4 giorni e sentitisi 5 volte al giorno.,,

          • Grazie! Cercherò di farglielo capire meglio 🙂
            Solo un ultimo tuo parere se puoi: lo so che le tattiche in amore fanno sempre un po’ sorridere, ma come si può ribaltare una situazione in amore (e non essere più quelle che inseguono/amano troppo o cmq non darlo a vedere)? La tattica del farsi desiderare un po’, con voi uomini funziona?

            Grazie!

          • Allora provo a non cercarlo finchè non lo fa lui… che dici? Senti, ma un po’ di lovecoaching me lo faresti? Sul serio dico eh 🙂

          • Non ti trovo… com’è il tuo nome su FB?
            Ah, io in realtà ho usato un altro nome, mi chiamo Linda

          • Ti ho trovato… Nicolo non Niccolo avevo messo una c di troppo 🙂
            Ti ho chiesto ora l’amicizia

  2. uauuuuu……..descritto l’uomo perfetto, che nonostante ti sforzi a fargli capire i tuoi punti di vista, vuole avere sempre ragione lui. Gli uomini innamorati sanno donare, ma ahimè quando capiscono che ci sei cascata è finita fanno proprio i c…i loro……….

  3. Allora lo sapete anche voi di essere egoisti?!? 😀 e stai anche dicendo che non vi è sotto nessuna tattica?… aiuto! Bè, almeno tu, Alessandro, lo ammetti…
    Io ho conosciuto un uomo da poco più di un mese (vivamo a 200 km di distanza e non ci siamo ancora rivisti)… allora, è venuto a conoscermi lui, ci siamo scambiati i numeri… è molto discontinuo il suo atteggiamento verso di me: ci sono giorni filati che mi messaggia e mi chiama, altri giorni che neanche risponde alle mie telefonate e ciò mi fa abbastanza arrabbiare, mi pare ovvio che si stia facendo i xxx suoi, come tutti appunto. Però quando chiama è così dolce… ci dobbiamo raddegnare oppure, come andreste rieducati? Perché sento spesso dire che voi uomini siete anche abbastanza insofferenti alla nostra voglia di dirvi cosa dovreste fare per renderci più felici… mah?!??? ciao, R.

    • Grazie Roberta per il tuo commento. Ma come, vi siete appena messi insieme, siete lontani 200 km e lui sparisce ed è irreperibile per intere giornate? Nell’era dei messaggi e delle chat? Moooolto strano! E poi però quando ha tempo per te è dolce… Ci mancherebbe anche non lo fosse! Ho un solo consiglio: affronta subito con lui il perché di questi black out e digli che a te non stanno bene. È vero che non dovete romperci troppo le palle, ma c’è anche un minimo sindacale da rispettare. O no?

      • Eccomi qua Alessandro, ieri gliel’ho chiesto il perché di questa sensazione di distanza nei miei confronti e la sua risposta è stata: “tu mi piaci tanto, ma ho pensato che siamo troppo lontani. E’ troppo complicato, poi ci staremo ancora più male.”
        Lui è divorziato da qualche anno, senza figli, ed è più giovane di me, dice che ha imparato a vivere bene da solo e a momenti sta bene anche senza donne e dice anche che avere una relazione fa solo stare male e crea problemi e non ha voglia di stare male… che dire?!??…. penso che lascerò perdere. Ciao

  4. il mio commento è un aforisma stupendo, purtroppo non è mio ma che riassume ciò che ho imparato sugli uomini :Gli uomini sono come i francobolli per farli attaccare a te, prima devi sputarci un pò sopra.

  5. Ciao Paola, io rispondo a te. Dopo un po’ di anni che ho avuto una situazione simile alla tua, un mese fa ho provato a non cercarlo più, dandogli dell’egoista, beh, sto ancora aspettando che mi cerchi. Sarà orgoglio o puro menefreghismo??

  6. Ciao Alessandro, mi sono imbattuta nel tuo post, e devo ammettere che l’ ho trovato molto interessante, soprattutto per l onestà con cui é stato scritto. Trovo che tale onestà, per quanto significativa, non risolva il problema: dovremmo quindi entrare nell ottica delle idee che uomo e donna siano diversi di natura. Quale dovrebbe essere quindi il punto di incontro se percorriamo due vie parallele?!!
    Ma soprattutto, qual’è il segreto che fa stare voi uomini sempre così tranquilli e disposti a rinunciare, e noi donne sempre agitate in attesa?
    Lo status? Invidio decisamente la vostra forma mentis..

    • Abbiamo cervelli semplici e non riusciamo a fare due cose contemporaneamente. E poi noi non ci giudichiamo mai, voi tantissimo. Se qualcosa va male in una coppia voi dite: cosa avrò sbagliato? Lui non lo fa. Smettetela di colpevolizzarvi

      • Hai ragione. Questo é un errore che una donna commette molto spesso. Ogni donna se lo chiede. E ogni volta ci si chiede com’è che sia così difficile lasciare andare…gli uomini dimenticano più facilmente.

    • Anch’io invidio enormemente la forma mentis maschile, così maledettamente semplice eppure così efficace :-((((
      Vorrei tanto essere un uomo guarda…

  7. Secondo me da loro abbiamo molto da imparare! In effetti a pensarci bene quali sono gli uomini che ci sbavano dietro? Quelli con cui risultiamo essere perfette egoiste! Anziché spalmarci generosamente allora direi che mettere un freno all’emotivita’ e cercare di adottare un minimo di “tattica” se male non fa…potrebbe rendere le cose piu equilibrate.
    Gli uomini si innamorano molto dopo….fino a quel momento io direi che dovremmo essere delle stronze impeccabili!

    • Gli amanti indossano sempre delle maschere, lo sanno fin dall’inizio. Molto
      Matrimoni sono commedie dell’arte

  8. Infatti l’amantato è una promessa che viene mantenuta solo se alla base c’è un vero amore inteso come incontro di anime che tolgono la maschera con fiducia e desiderio reale di condivisione. I sotterfugi sono solo una finzione assurda perché tendono ad una conquista inautentica sin dai suoi prodromi. Se costruisci sulla menzogna non puoi pensare di ottenere verità. Può essere che l’incontro porti alla levata delle maschere iniziali. Ma user tattiche per far togliere la maschera non porta secondo me a risultati autentici.

  9. Tutto sta a vedere se l’amore permette ad entrambi di superare la paura e togliersele le maschere.
    Non con tattiche. È una finzione anche quella.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

@anpellizzari

La mia Rubrica su Panorama.it