Home » Dr. House chi? » La depressione è come un’arpia 

La depressione è come un’arpia 


La depressione è come un’arpia. Sembra che se ne sia volata via ma può stare accovacciata nell’ombra aspettando di vederti debole per ghermirti di nuovo. Tu pensi di essere quasi guarito quando il cancro della mente ha già insinuato una nuova metastasi nel tuo cervello. Allora ecco di nuovo l’orlo dell’abisso la chemioterapia il senso di paura e di abbandono. La fragilità umana di chi si porta dietro il segno del cancro della mente da generazioni è pari a chi gioca con un cristallo di Murano usando delle tenaglie da fabbro. Non esiste forza interiore che possa aiutare in questi casi esistono solo gli amici veri e i parenti buoni. E i bravi medici. Il resto dà solo vento per sollevare l’aria che serve all’arpia per volare, né affila unghie e denti aguzzi del suo teschio sghignazzante. Ma il dolore provocato da nuove ferite può anche risvegliare il senno e aiutarlo a trovare la via smarrita, la luce in fondo all’abisso. Prego per tutti i depressi e chi gli sta accanto di avere la forza di risorgere. Anche se non fosse la prima volta alle prese col cancro della mente, che adora le menti brillanti e sensibili. E fragili. 


6 commenti

  1. La depressione può essere endogena (e allora te la tieni per tutta la vita e tiri avanti con gli psicofarmaci) o esogena (lutti,separazioni,ecc..), e allora svisceri la causa con il medico giusto e risorgi, PER SEMPRE… e impari ad affrontare la vita e i suoi tsunami, e impari che hai le risorse per risorgere ogni volta…..
    Io la fenice me la sono tatuata sulla pelle, perché sono morta e risorta mille volte, e mille volte ancora lo farò.