Home » Amanti » Amanti: il codice del silenzio

Amanti: il codice del silenzio

Lasciarlo è come smettere di fumare - iStock kumeda
Lasciarlo è come smettere di fumare – iStock kumeda

Lui è sposato e tu sei l’amante. Lui è tornato dalle vacanze in famiglia per l’ennesima volta e nulla è cambiato: non lascia la moglie ma vorrebbe continuare così con te.

Non importa la longevità della vostra storia (spesso anni), non importa la quantità di volte che vi è stato detto “dammi tempo che la lascio ora non sono pronto”.

voi siete arrivate alla frutta perché lui parole tante e fatti zero.

O meglio, in molti casi lui ha deciso di non decidere, avanti così. O meglio, lui ha deciso di stare con la moglie, perché se non la lascia ha deciso che vince lei. Ha deciso, di fatto, anche se non lo ammetterà forse mai.

Insomma, siete ormai spossate da questo tira e molla e dovete, sentite che dovete VOI prendere una decisione.

E dovete prenderla anche se siete profondamente e a volte disperatamente innamorate del “tutto chiacchiere e distintivo”.

Dovete decidere fra due opzioni, semplici quanto terribilmente difficili da realizzare, me ne rendo conto.

E sono difficili da realizzare anche quando lui è stato corretto (questo dobbiamo dirlo, non cambiamo le carte in tavola solo per rabbia o delusione) e non ha mai promesso nulla, non ha mai detto che avrebbe lasciato moglie e famiglia, ha resistito anche quando sesso e passione gli hanno fatto pensare seriamente, anche per un periodo e basta, che avrebbe potuto costruire una vita con voi.

In ogni caso, dovrai decidere se continuare a fare l’amante o lasciarlo tu, perché lui non lo farà forse mai.

Non ti biasimo se scegli la prima opzione, e nessuno, che non sia nei tuoi panni o almeno lo sia stata dovrebbe farlo: essere innamorati di una persona significa spesso avere un legame fortissimo, una speranza che travalica i fatti, la disperazione, le delusioni e le mille promesse tradite.

Continuare a essere la sua amante in queste condizioni, conscia del prezzo da pagare, è una soluzione scelta da molte, così come molte mogli decidono di perdonare o tollerare in silenzio i tradimenti e andare avanti così. Per amore, per timore, per i figli, per mille ragioni spesso assolutamente comprensibili.

Non giudico quindi, solo ti dico che in questi casi, se una non ce la fa da sola, è il caso che si faccia aiutare, ci vogliono dei veri professionisti della mente in certi casi di sofferenza, psicologi, psicoterapeuti o psichiatri, scegliete voi.

No, non sei matta, tranquilla, sei come milioni di persone, in “buona” compagnia. Ma se non si riesce a fare una cosa che si riconosce come sbagliata e controproducente per se stesse e il buon senso, e i consigli degli amici, i milioni di lacrime versate non bastano e non basta l’evidenza della situazione ci vuole l’aiuto di un esperto titolato per spezzare quella che potrebbe essere diventata una “dipendenza” o comunque una catena troppo resistente.

Dunque, hai tu il termometro della tua febbre, non aspettare di superare i 40. E tu sai se hai la forza di spezzare la catena.

Ma torniamo al libero arbitrio e ipotizziamo che tu abbia trovato la forza, e magari non è la prima volta che lo fai, di lasciarlo. Sai già o immagini cosa ti aspetta.

Qualcuna di voi mi ha scritto “ho smesso di fumare, riuscirò a non rivederlo più”.

Non so se il paragone del fumo è sufficiente, certo è efficace. Fumare per anni per poi decidere che una cosa che ti piace, un gesto che ormai fa parte della tua vita, sapendo che ti fa male deve finire non è facile. E dovrai smettere tu, da sola.

E qui arrivo alla seconda parte del mio titolo, il valore del silenzio.

Se hai deciso di chiudere davvero con lui il silenzio deve essere assoluto.

Tutti i canali di comunicazione devono essere interrotti o resi impraticabili. Blocca la sua amicizia sui social. Blocca le messaggerie. Blocca anche il numero di telefono, così non avrai la tentazione (e relativa sofferenza) di rispondere alla sua inevitabile chiamata, perché molti chiamano.

Lo so, è durissima e sarà durissima, ma il silenzio assoluto è l’unica arma che hai a questo punto.

E deve essere assoluto: basta riaccendere una sigaretta per ritrovarsi a comprare il pacchetto di sigarette della solita marca.

Il silenzio serve a te per dimenticarlo. Solo non avendo la sua presenza anche sotto forma del solito messaggino quotidiano la tua ferita al cuore potrà rimarginarsi col tempo.

Non cadere nella tentazione di lasciare almeno un canale aperto, magari con la scusa, come mi raccontate in tante, che è da maleducate chiudere completamente. In questa fase dovete essere egoiste e l’educazione non c’entra nulla. Ogni post che vedrete sulla bacheca di un amico comune sarà come una coltellata al cuore, perché prolungare la tua agonia? Il silenzio deve essere totale.

Il silenzio servirà anche a lui per capire davvero se può vivere senza di voi. I casi sono due: o lui vi ama nonostante tutte le remore che si fa con la famiglia oppure voi siete e sarete sempre solo un ripiego.

Il silenzio ha effetti anche su di lui. Abituato ad avervi a disposizione, ad avere il boccino in mano anche solo attraverso un messaggio, ad avere il polso della vostra situazione anche con una semplice telefonata di fronte al silenzio, è solo questione di tempo, reagirà.

Perché il tuo silenzio lo manderà in tilt. Il tuo silenzio significa che puoi vivere senza di lui, che magari ti stai rifacendo una vita, che hai ricominciato a uscire con le amiche e magari altri uomini, lui non lo sa adesso non lo può sapere neanche se si informa tramite amici comuni, è diverso che avere il tuo polso, sentire il tuo polso.

È solo questione di tempo e cercherà di contattarti o di vederti. Gli uomini sono egoisti e semplici, dominati dai loro bisogni contingenti perlopiù. Prima o poi, se tu conti almeno un po’, la sua voglia di te, il motivo per cui ha tradito sua moglie con te, emergerà con forza.

E qui o si tratta di passione e amore o solo di voglia. Ci sono uomini che si accorgono, attraverso il distacco e il silenzio, che anche se tutte le ragioni del mondo confermano la loro scelta di non mollare la famiglia esse non sono sufficienti per farti dimenticare, per rinunciare a te, per vivere senza di te. E tornano.

Ma attenzione, come tornano? Questo è fondamentale.

Tu non puoi aver deciso di chiudere, non puoi aver sofferto giorni, settimane, mesi tutto quello che hai sofferto per far rientrare nella tua vita uno che ricomincia con le parole e niente fatti.

Se questa fase di silenzio, che io ritengo in media debba durare alcuni mesi (diciamo più di due e meno di sei, le vacanze canoniche estive e di Natale non si contano, sono una specie di limbo decisorio per gli uomini sposati) lo ha fatto tornare da te, non può essere per scopare e basta o prendere altro tempo. L’era dei progetti promesse è finita. La scelta sei tu e la realtà deve cambiare totalmente.

Non può più esserci “adesso glielo dico”. Non può più essere “adesso parlo con l’avvocato”. Non può più essere “le prossime vacanze le facciamo insieme”. Adesso o niente. Lui ti dice non ti fidi? Ha avuto tempo per dimostrare. Tempo scaduto. Se sei tornato è per restare. Punto. Altrimenti, se ricominciano le parole e le promesse, tu ricomincerai a fare l’amante.

E i secondi matrimoni non nascono dalle promesse, ma dai fatti.

Proverà a ricontattarti anche l’uomo che sa che non lascerà mai la moglie. Lo so, è ingiusto. Ma alcuni uomini sono deboli ed egoisti insieme, un mix che produce anche tentativi senza remore. Inutile odiarli, l’unica vera medicina è escluderli dalla tua vita, punto. Il silenzio assoluto in questi casi prelude alla chiusura tombale del rapporto. Ti sei sbagliata, forse vi siete sbagliati tutti e due (non tutti sono degli approfittatori aridi e lucidi), questa storia è finita. E, ascolta, anche se ora ti sembra impossibile, non può e non deve decretare la fine della tua vita sentimentale e sociale.

Ricorda
La storia con uno sposato
, ripulita del mistero e adrenalina del proibito che ha, è una storia come le altre. Può andare avanti o finire. È una storia d’amore, come tante altre storie. Inizia a vederla così. Avete deciso insieme di iniziare, decidi tu di finire. Un amante non ha un destino diverso di quello di una normale “fidanzata”. Punto.

Ricorda a quelli che ti dicono: “non dovevi andare con uno sposato finiscono tutte così te la sei cercata”.
Non è vero. All’inizio, sposati o no, capita di mettersi insieme seguendo un istinto o un’emozione, senza pensare al futuro o facendolo con la volontà di danneggiare qualcuno. Succede. C’è chi dice che la fedeltà non esiste, che non siamo fatti per vivere sempre e solo con lo stesso partner. Non lo so ma succede. E spesso, milioni di volte, non centinaia. Quindi inutile prendersi colpe che non esistono se non nella testa di chi non è nei vostri panni.

Oppure, tornando a lui di fronte al tuo silenzio, a parte qualche tentativo, sparirà. Il silenzio allora ti avrà dimostrato la perfezione della tua scelta. Non esiste uomo innamorato davvero che rinunci all’amore vero, spesso neanche di fronte all’amore filiale. Dunque la vostra storia doveva finire. E attenta, non colpevolizzarti. Non cadere nella trappola “ma sei tu che mi hai lasciato è quindi rovinato tutto”, “ma sei tu che sei andata con un altro provando il chiodo scaccia chiodo”. Non esiste. Tu hai preso una decisione inevitabile di fronte a una sua indecisione infinita che è una decisione, quella di non decidere apparentemente, avendo però nei fatti deciso a favore della moglie, se resta con lei.

Molte donne nei tuoi panni pensano o si sentono addirittura dire dall’amante “non hai saputo aspettare e hai rovinato tutto, non mi hai dato abbastanza fiducia e quindi non mi meriti”.

Troppo facile. Non esiste un’attesa per sempre. Fatti non parole. Se sei arrivata a chiederti “e adesso che faccio continuo a fare l’amante o lo lascio?” vuol dire che sei alla frutta, siete alla frutta.

Gli uomini possono tenersi un’amante per anni, una donna innamorata, a meno che anche lei non voglia lasciare la sua famiglia, no.

E se lavorate insieme?
Non è che siete particolarmente sceme e ve lo siete cercato sposato e pure sul lavoro. Basta con le seghe mentali, soprattutto se indotte da facili giudizi altrui. Quante storie “normali” iniziano sul lavoro, per contatti di lavoro? Tantissime, molti di noi lavorano quasi e basta, quindi non biasimarti se è successo lì. Piuttosto sarà più difficile fare “silenzio assoluto” quando dovete sentirvi o incontrarvi per forza. Che fare allora? Mi appello alla tua grande professionalità. Quella che ti fa reggere e ha fatto reggere per anni il complicato intreccio di rapporti ed equilibri, compromessi e relazioni nella tua professione, che tu faccia l’impiegata o la manager non importa. La tua professionalità deve ritrasformare il tuo amante in quello che era, con una buona dose di distacco in più. Educata e professionale, nulla di più. Non un minuto di più che non sia per condividere quello che deve essere condiviso professionalmente, non un caffè da soli, una mensa, una passeggiata, un colloquio che non sia lavorativo. Diventate un robot. Non cadere nel tranello “ma dai è solo un caffè!”. No! Lo potete fare, lo sapete fare. Se è intelligente, capirà il messaggio, rispetterà e ammirerà la vostra personalità, forse il lavoro è una delle poche cose che capiscono davvero gli uomini. E se non capirà sarà lo stesso. Non cedete di un passo. Funzionerà. Sarà più difficile ma funzionerà. E vedrete che anche averlo sul lavoro a un certo punto non conterà nulla. Anzi, qualcuna di voi oggi ride dicendosi: ma cosa avrà avuto questo per prendersi tutte le mie attenzioni… Anche in questo una storia fra amanti non è diversa da quella di due “liberi”.

Dunque è vero che il silenzio è d’oro.

Ti aspetta un compito difficile ma non impossibile. Molte sono riuscite a smettere di fumare.

Il premio è riprenderti la tua vita, la tua libertà, un futuro uomo dedicato solo a te (finché fai l’amante ti sarà impossibile anche solo vedere altri uomini). Oppure lui scoprirà che ha sbagliato tutto e correrà da te.

In ogni caso vinci. Pagando un prezzo certo, ma vinci.

Sincerely yours


254 commenti

  1. Bellissimo articolo…io ho seguito alla !ettera tutti i passaggi e posso dire di essere quasi uscita da questo tunnel…Grazie Alessandro

      • Ciao Alessandro, sono capitata per caso nel tuo blog mentre vagavo in internet cercando una risposta ai miei tormenti.. la mia storia inizia circa un anno fa..io convivente con due figli piccoli, ero serena, forse non felice ma avevo un equilibrio. Incontro per lavoro lui, sposato, due bimbi..è passione pura, quella che da troppi anni mancava nella mia vita. La mia vita viene sconvolta, capisco dopo qualche mese che non sono in grado di reggere la storia con l’ altro, notando anche uno scarso interesse da parte sua. Chiudo con lui, tentando invano di tornare alla serenità col mio compagno, respingendo ogni tentativo da parte dell’ altro di rivederci. Non riesco più a vivere l’ intimità con il mio compagno e dopo un tentativo d’ approccio da parte sua, decido di essere onesta, e gli confesso di non amarlo più e di non desiderarlo già da tempo. Non è stata una decisione priva di ripensamenti, sensi di colpa e frustrazione, ma questo è quello che provavo e che purtroppo continuo a provare. A questo punto succede l’ impensabile: l’ altro mi dice che vuole provare a frequentarmi perché si è accorto di provare qualcosa, e che non vuole perdermi. Io da povera allocca naturalmente accetto, provando a frequentarlo senza avere rapporti..sono innamorata di lui Alessandro, non so perché e non so di cosa, ma lo amo. Qualche settimana fa facciamo l’ amore, dico ” amore ” perché è quello che ho fatto io..e sai lui cosa mi dice..” ti voglio bene, non devi avere paura “.. io mi sciolgo completamente. Dopo qualche giorno lo vedo per lavoro e lo vedo strano, freddo..non riesco a fare finta di nulla e il giorno dopo gli parlo e gli dico di quanto ci ero rimasta male. Lui naturalmente mi giura e spergiura che non aveva nulla, e forse era anche sincero, ma io ormai sono prevenuta nei suoi confronti, mi rendo conto che non mi renderà mai felice, che non lascerà mai la moglie e che devo voltare pagina completamente. Come se ciò non bastasse mi sto tormentando, dandomi della cretina per essermi arrabbiata l’ altro giorno. Sto vivendo un inferno Alessandro, sono consapevole di dover chiudere per sempre, ho paura perché dovrò vederlo se pur saltuariamente per lavoro, e sono una iena con tutti. Vivo in casa con un uomo che non amo, con cui ho rapporti civili e nulla più. Mi sembra un incubo, tutto. Scusa lo sfogo

        • Prima di chiudere in casa sii sicura che questo tuo grande amore non sia un grande amore a condizione che ma però

          • Grazie della risposta Alessandro, sei molto gentile. In che senso prima di chiudere in casa? Intendi col mio compagno.. se si, io sono sicura di provare un grande affetto per lui, e tanti sensi di colpa. Per quanto riguarda l’ altro, vorrei avere la forza di non avercela con lui, e di essere grata all’ universo che mi ha fatto provare qualcosa di così intenso se pur pieno di sofferenza. Mi ci vorrà tempo.

  2. Già trovare il coraggio di applicare il silenzio assoluto, è una forma di rivolta!! Portarlo avanti una conquista. Grazie Alessandro!!

  3. Stamattina mi sono svegliata con un messaggio sul mio telefono(ho bloccato tutto ma gli sms normali non si può)che diceva “stai facendo un grande errore….”. Sinceramente sono crollata un attimino e ho risposto,quale? E il mio ex sposato mi dice che lui non vuole assolutamente rompere con me.ho risposto che il grande errore è stato credergli e che lo sò che non vuole rompere con me ma che vuole tenermi come amante a vita ,e visto che di fronte ad un mio allontanamento preferisce perdermi invece di agire,mi hai sempre mentito e non mi ami.e lui mi dice che non è vero che non mi ama e che mi ha mentito.allora gli ho detto però non dici che non è vero che vuoi farmi fare l’amante a vita.e la sua risposta è stata,ma è sottinteso che non voglio farti fare l’amante a vita.si certo,come no.ora devo ripartire da zero con il mio silenzio,e stò facendo una fatica immensa,e in più vuole farmi passare per quella che sta sbagliando a non credergli con quella frase del cazzo ” stai facendo un grande errore”.dopo un anno e mezzo non ha ancora fatto un cavolo di tutte le promesse che ha fatto e io sbaglio a non credergli.

  4. Comunque è proprio dura portare avanti il silenzio quando si è innamorate…..però non ho proprio voglia di ricominciare a fare l’amante,mi distrugge troppo.

  5. Già, e poi visto che un’ora fa mi scrive ancora comunque ti amo,l’ultima mia risposta è stata mi ami e stai ancora con tua moglie dopo un anno e mezzo ora mi ci vuole molto di più per farmi ricredere e nel frattempo io vado avanti con la mia vita.non penso proprio di dovergli più nessuna risposta ora.inizia anche a darmi fastidio quel “comunque ti amo”….. Cioè comunque anche se non mi separo ti amo?è questo che sta dicendo secondo me.ma vai a cagare, son proprio nera.almeno disturbami con qualcosa di serio non con queste ennesime stronzate.

  6. Ciao Alessandro e ciao ragazze sono ripartita con il silenzio assoluto. Ora ho di fronte a me tutte le vacanze in cui sono sicura che non avremo possibilità ne di vederci ne di sentirci. Ho una paura folle che lui per le bambine trovi il suo benessere in famiglia e con le vacanze solo loro 4, tra l’altro in posti meravigliosi ed il mio silenzio mi dimentichi definitivamente. Direte voi…. non ti dovresti preoccupare di lui perché il silenzio serve a te…. ma lo amo così tanto che vorrei solo che mi dicesse che senza me non può stare. So che mi ama, ne sono certa….so anche che forse per il bene delle bimbe dovrei rassegnarmi e che in fondo è un bravo uomo a scegliere di non mancare con la sua presenza alle sue piccole….però che fatica…mi aiutate un pochino?

  7. @animatriste è difficile si….saperli non con te e immaginarli con la famiglia….esci il più possibile, anche quando non hai voglia.dimenticare non puoi,però cerca di resistere con il silenzio.non stare troppo da sola in questo momento. io però non mi ricordo come era la tua storia,la puoi raccontare di nuovo?

  8. Comunque il “mio” mi ha scritto ancora…mi manchi,con tanto di faccine tristi.se l’unica donna che ho amato davvero.non stare lontana da me.stò male perché non sono con te e tu non sei con me.non sò cosa sta succedendo sò solo che ti ho persa.ti amo da impazzire…. gli ho detto,nessuno ti dice di star male,muoviti invece di star lì. E lui,ora non posso….ma và, non lo avrei mai detto.allora gli ho detto,dovevi muoverti prima e adesso quando puoi e hai fatto chiama pure,non ti assicuro niente però visto che non sono nemmeno male e di proposte ne ho prima o poi ci sarà quello che mi colpisce.comunque ora non gli rispondo più, zero.e poi cosa cazzo continua se non può. Mentito dall’inizio, riempita di palle da far paura e ora mi fai star male apposta e nel frattempo sei ancora con la moglie.e poi alterna queste “parole dolci” con altre del tipo io non mi faccio ricattare,non mi piace sentirmi dire muoviti.ma chi ti ricatta,sarò libera di vivere felice o no.roba da matti.

      • Anche secondo me prova solo questo.e tutte le volte che arriva un messaggio mi ricorda quanto valgo per lui,zero.e mi fa star di un male.infatti sono in preda a crisi di pianto.@alessandro secondo te si rendono conto di quanto fan star male una persona anche dopo facendo così o lo fanno per far passare il tempo.io spero non mi arrivi più niente.oggi sono arrivata al punto di dirgli cattiverie che non penso per allontanarlo e alla fine chi sta male sono io,lui invece sarà là a casa sua pacifico e beato.

        • Non so se si rendono pienamente conto di quanto male fanno a farsi risentire in ogni caso se lo fanno il loro egoismo è più forte della loro coscienza

  9. Animatriste, è vero che è difficile ed è pure inutile dirti che ti fai solo del male a pensare a lui in vacanza felice con la sua famiglia. Inutile perchè lo penserai continuamente. È normale, sei innamorata e, se lui ha amato te come tu affermi in sicurezza, non credere che ti abbia dimenticato così da un giorno all’altro. Non conta però questo. Conta che non siete insieme. E allora tu cerca di distrarti ma vivi anche questo momento di dolore forte, quasi distruttivo. Posso immaginare come ti senti. È una fase che devi attraversare con tutte le sue avvilenti implicazioni ma vedrai che sarà anche illuminante e piano piano ne verrai fuori.

    • Grazie a tutti/e per il supporto! @silvia provo a risponderti riassumendo anche se ci sarebbero molti dettagli importanti. La nostra storia è iniziata quasi 3 anni fa…. inizialmente è nata una bellissima amicizia, lavoriamo insieme ed eravamo entrambi in un particolare e difficile momento della nostra vita. Si è vero l’attrazione c’era ma a noi bastava parlare…. parlare e parlare… fino a che un giorno dopo quasi un anno è scattato quel bacio e da lì ci siamo lasciati travolgere da un amore folle, per me mai provato e a detta sua anche per lui. Più ci innamoravamo e più io lo lasciavo, scappavo… penso di averlo lasciato 200 volte nei due anni…per dopo pochi giorni riprenderci più forti ed innamorati di prima…. ora il problema è che io a 34 anni non ce la faccio più a vivere una storia a metà, vorrei la mia famiglia … ma lui ha due bambine piccole che se si dovesse separare andrebbero a vivere a 600 km di distanza e ad oggi da circa due mesi ogni volta che ci siamo visti è stato per fare dei lunghi pianti… non abbiamo fatto neanche più l’amore, forse perché speravamo entrambi che questo ci avrebbe allontanato ed invece io mi sento sempre più legata. Il silenzio assoluto mi è sempre sembrato crudele verso uno in una situazione come la sua ma oggi credo sia l’unica soluzione. Anche se ho quasi la certezza che così lo perderò davvero. Sono tanto triste e mi manca da morire, la mia metà, che in realtà non è mai stata mia. Grazie per i consigli, vi abbraccio.

      • No @animatriste non sei crudele ad aver iniziato il silenzio,è un’esigenza se no non ne esci più ne te ne lui.poi ti capisco quando dici che vuoi una famiglia tua,è comprensibile però per avere ciò che vuoi,e non intendo lui,devi sforzarti con il silenzio per poi ripartire.e poi piuttosto di rovinare una storia arrivando ad odiarsi meglio chiudere prima

  10. Devo dire Alessandro che il tuo blog è illuminante per moltissimi motivi.

    Frequento un uomo da circa 10 mesi, all’inizio eravamo entrambi impegnati, ma lui adesso è single dopo che la sua compagna lo ha scoperto e mandato al diavolo. Adesso mi chiede di lasciare il compagno per stare con lui.

    Non nego di essere molto combattuta e forse anche di aver desiderato che me lo chiedesse, lascerò a prescindere il mio compagno perché dopo esser stati scoperti (solo messaggi innocui in verità) il “gioco” è diventato reale e dunque anche il senso di colpa. Ma lasciare istantaneamente il mio compagno perché sento un certo senso del “dovere” nei confronti dell’amante mi fa pensare di essere davanti ad un uomo manipolavo nonostante le grandi dichiarazioni di amore.

    Hai qualche consiglio per fare chiarezza? Il silenzio potrebbe aiutare?

    Ultimi dettagli io ho 30 anni lui 49 (divorziato con due figli).

    • Io dico che se non sei convinta devi aspettare. Che poi una persona si separi dall’altra perché il matrimonio è decotto e a prescindere dalla presenza di altri è plausibile. Grazie e benvenuta

      • Grazie Alessandro, aspetterò ancora un po’..non mi piace essere pressata, se la pressione sarà troppa lascerò stare…in fondo non è vero che chi ti ama, ti aspetta? (almeno per un po’…)

        • È anche vero secondo me che chi ama non ti fa aspettare…. io fossi in te cercherei di capire meglio i sentimenti che hai per questo uomo. Un abbraccio

        • io il mio ex sposato lo amo da morire eppure l’ho lasciato perché non è che devo dimostrare il mio amore stando li ad aspettare che si muova.@elenazzi o lo ami e ti muovi o lo lasci perché lui di dimostrazioni te ne ha date eccome e il tuo ragionamento è ingiusto nei suoi confronti ed egoista.tu puoi immaginare come si può sentire una persona in sospeso?prova a leggere qui. Se lo ami non lo fai star male così visto che non hai impedimenti grossi.occhio che a tirare troppo,la corda si spezza

  11. Di solito è la moglie a scoprire l esistenza di un’amante. Capita anche che l’amante scopra dopo più di due anni di avere questo ruolo scomodo senza saperlo. Sono inciampata in un bugiardo patologico da oscar con doppia vita impeccabile. Gli ho sbattuto in faccia foto di moglie e figlioletta concepita e nata durante la nostra “relazione” …un po’ di ricerche ben fatte, l’ aiuto gentilmente offerto da qualcuno e ai social. Ora sono schiacciata dal dolore che mi auguro lasci presto posto ad altri sentimenti meno nobili, soprattutto nei suoi confronti .

  12. Una domanda Alessandro… cosa prova un uomo quando fa l’amore con una donna che non ama più? Io so cosa si prova da donna…. mi è capitato…. ma non capisco proprio come faccia un uomo a “fingere” il tutto… vorrei una delucidazione totalmente maschile

    • E’ Quello che mi chiedo anche io Anima triste.. come fa un uomo a farlo con la moglie dopo che ti ha detto che con te si sente totalmente coinvolto come mai prima e che la moglie non la desidera per nulla. Dopo che con te è finita…come fa a riandare con la moglie come se nulla fosse…

        • A questo punto allora penso che lui la moglie la desiderasse, nonostante molto diverse fisicamente io longilinea , tipo il fisico di tua moglie..lei invece per dimagrire è andata da dietologo… poi mettiamoci pure che da quando ha avuto il sospetto del tradimento dacchè dava prima il minimo sindacale…lei ha scoperto il mondo , proponendosi in tutto…quindi a lui ora , soprattutto che abbiamo chiuso, non mancherà sicuramente nulla… e sta bene!!… Altro che mentre lo faceva con lei ,pensava a me oppure non gli piaceva..oppure certe cose le faceva solo con me. Io posso dire e ribattere qst.
          Ma la stupida sono io che mi ci arrovello e mi faccio ancora domande!! Che lui se ne frega!
          Scusate lo sfogo

        • Alessandro..per carità …io non ce l’ho con la moglie, anzi è comprensibilissimo da parte di lei…ognuno giustamente si difende il suo e fa come può! E’ lui che immagino ora il suo menefreghismo..e figuriamoci se si rifiuta o si fa il minimo scrupolo nei miei confronti. Ma sono io, ti ripeto, la cretina che mi faccio sempre 1000 problemi…ma ci vorrà tempo e mi passerà!! A forza!
          Anima Triste..forse a te è stato più onesto…

  13. Anima triste il mio attuale compagno durante il primo anno della nostra relazione clandestina, iniziata da un grande feeling mentale a cui è seguito quello fisico, anno durante il quale ci siamo innamorati profondamente e durante il quale ha capito che non amava più la moglie come un uomo deve amare la propria compagna, ma per la quale provava e prova un grande affetto, grande stima, sentimenti profondi ma che nulla più hanno a che vedere con l’amore di coppia, ecco durante questo anno non aveva comunque sospeso i rapporti sessuali, diradatisi successivamente per gettare le basi all’uscita di casa. Gli ho fatto anche io l’anno stessa domanda con serenità. Come riusciva a farlo nonostante tutto. E partendo dal fatto che il sesso era quotidiano tra noi. La risposta sua è stata che era tra i suoi compiti di marito, tanto più nel momento in cui non era pronto ad uscire. Che l’affetto che comunque provava per la compagna di una vita lo portava a non negarsi.
    Io sono sicura che la sua non fosse una esigenza sessuale pura e semplice ma sono d’accordo con Alessandro. Per l’uomo dal punto di vista fisico è più facile avere comunque delle “reazioni”, anche davanti chi non ami più, anche e soprattutto soggiogato dai sensi di colpa.
    Anima triste non arrovellarti il cervello su quello. Lui ti ha amata, non ti ha ancora dimenticata, ma ci sta provando. Ha fatto una scelta. Anche se in ritardo è stato onesto. L’ha fatta per la famiglia, per i figli. Ci riuscirà? Nessuno lo sa per ora. Ma tu pur nel tuo dolore non puoi stare ad aspettare una risposta. Devi sforzarti di andare avanti.

    • Dovete pensare che l’uomo ma anche la donna, di più l’uomo, possono avere rapporti senza sentimento

      • Ti ringrazio Ema per la risposta esaustiva. Anche lui come il tuo compagno mi dice sempre che prova un grande affetto e stima per la madre delle sue bambine, ed in fondo anch’io nutro dei sensi di colpa verso quella donna che nulla può. Ed è vero devo andare avanti ma non ho mai provato queste emozioni ed è dura accantonarle. Hai ragione Alessandro anch’io l’ho fatto per diverso tempo senza sentimento ma ricordo bene la sensazione di vuoto del “subito dopo” che tutto era tranne che piacere… forse non sono fatta per questo genere di rapporti… ma so che c’è chi lo fa…. e per anni anche

        • Una cosa è sicura. Salvo patti chiari fare ancora sesso coniugale significa non aver ben chiarito che c’è una crisi conclamata e men che meno si è separati in casa

          • Io purtroppo o per fortuna non so se lo fa o meno ma posso immaginare di sì in quanto non credo che un uomo stia così tanto tempo senza rapporti. @annaura comunque anch’io sono diversa dalla sua donna e se si può dire lei è molto più bella ed in forma di me sicuramene ma mi spiace dirti che l’aspetto fisico non vale nulla e non dovresti nemmeno nominarlo se parliamo di sentimenti…. mio modestissimo parere! E poi come dice Alessandro il problema non è la moglie o compagna anzi… loro c’erano prima!!! Ricordiamocelo

          • A proposito di crisi coniugale e separazione in casa, io ho proposto al mio amante di dichiarare alla moglie la crisi e di fare, come me, la separata in casa, diciamo fino a tempi migliori (abbiamo figli che vanno dai 7 ai 14anni). Mi sono sentita rispondere che non ha mai preso in considerazione la cosa e che sua moglie non accetterebbe.
            Aggiungo che non ha mai fatto segreto di non essere pronto a lasciare la famiglia, ma dopo un anno e mezzo di relazione, in cui ho provato ad andarmene almeno 10volte, lui ora ha dichiarato che intravede una strada per noi. Già, chissà che significa…credo la solita sua frase ad effetto per trattenermi ahimè.
            Ora lui é lontano, con famiglia e amici, diciamo dall’altra parte del mondo. Non ci sentiremo per diverso tempo. Lui è sparito. Si è trincerato dietro l’assenza del wifi e alla fine mi ha portato a dirgli di non farsi sentire proprio (l’alternativa sarebbero stati tristi e sparuti wa in cui mi diceva i posti meravigliosi visti coi suoi, e magari da cui potessi sentire, perché abbiamo una sintonia davvero straordinaria, che lui stesse riavvicinandosi a lei? No thanks! Forse alle briciole preferisco il nulla).
            Da una parte sono felice che farò un vero trattamento detox, e mi daró la possibilità di riprendere in mano la mia vita senza di lui, dall’altra mi manca terribilmente. E vorrei urlagli che mi sta perdendo e che sento che sia l’amore della mia vita….
            Mi fa male se ripenso a quella frase sulla moglie che non accetterebbe…Mi chiedo se voglio un uomo che per me non ha le palle di mettere in discussione nulla…insomma tutte chiacchiere e distintivo…

  14. Li ha anima triste anche perché vuol bene a sua moglie, come ne voleva il mio. Tanto più se ha scelto di rimanere.
    Ma ripeto non ha importanza il perché ma il fatto che abbia scelto. Ed è questo che devi accetTare

    • Ha ragione Ema…loro hanno scelto, facendo poi “prendere la decisione a noi” come dice Alessandro…
      Comunque devo dire che questo blog , leggendo gli articoli di Alessandro e le vs storie, mi sta aiutando molto. Rivedo me ed i mie sentimenti , le mie paure, i miei dubbi nella maggior parte di tutte voi. In alcune di voi vedo la forza e la tenacia che vorrei avere io per soffrire di meno o almeno reagire meglio, in altre invece tutta la fragilità che ho io…
      Sono in un momento ora che mi trascino in cui mi dico”…perchè?..se avessi fatto..se avessi detto…forse sarebbe andata diversamente”; però dico pure ” le dimostrazioni le ho date…lo sa che ci tengo.. gli ho detto determinate cose che hanno un peso…non posso essere sempre io a muovermi”. E lui, dopo 7 gg non lo ha fatto, lo so sono pochi…ma mai eravamo stati così tanto. E la risposta è una…ha scelto..e non me! Ma sapete, io spero che continui così alla fine…perchè più lui continuerà a non farlo..più io mi convincerò che il suo non era quel sentimento che diceva di non aver mai provato..xkè se un sentimento è sincero..non va via dall’oggi al domani( fino ad un mese fa mi chiamava , amore mio..mha!)
      Spero che tutta qst storia mi abbia insegnato qualcosa comunque …ad essere più risoluta, ad essere più forte e meno ingenua ..a non credere a tutto quello che dicono…vedremo…
      Stamattina, sto facendo svariati pensieri a caso…pardon!

      • @annaura mi sento precisa a te in questo momento, sei giorni e lui no ha mosso un dito.è solo capace a dire ti amo,sei l’unica, bla bla bla e io qui a farmi le stesse domande che ti fai tu….ma che vadano a cagare!!!scusa @alessandro se ogni tanto sono scurrile ma sono incavolata nera ora e ripenso a tutte le sue promesse, mai cercate da me,e le sue parolone da ballone consapevole di dirle….. @annaura,meritiamo di meglio

  15. Cari, ricompaio in una condizione strana…lui alla fine ha parlato alla sua donna, che ha reagito ovviamente malissimo, mi riesce difficile spiegarvi senza scendere in dettagli. il fatto è che pur avendole parlato tutto resta come prima, perchè sembra che non riescano ad arrivare a un accordo rispetto alla casa. ora, siccome lui non vuole parlarle di me, la situazione è praticamente uguale a prima, con lui che mi chiede un periodo dalla durata incalcolabile per provare ancora a separarsi in modo civile. io oscillo tra la sensazione che ci siamo e la sensazione che in fondo non sia cambiato molto. è difficile arrivare a un punto fermo, soprattutto in una situazione in cui né lui né lei sono disposti a uscire di casa anche se la relazione è (secondo lui) chiaramente interrotta. io non so bene cosa pensare. chi ci è passato, come ha vissuto questo periodo che è ancora più delicato? non posso più chiedergli nulla, lui le ha parlato ma la situazione patrimoniale è statica. e siamo in qualche modo da capo. non posso scrivervi qui di mio marito se non dicendovi che sto a mia volta separandomi e quindi vivendo un periodo difficilissimo anche qui. scusatemi è difficile essere chiari senza mettere dettagli.

    • Non so @nina. Mi pare l’ennesimo stallo sine die. Come ho già detto quando si decide si dovrebbe programmare già tutto prima. Uscire da casa e dove andare. Poi è solo poi si risolvono le questioni economiche. Prima è impossibile a meno che le parti non siano già entrambi d’accordo sul termine relazione. Anticipare verbalmente un’uscita è poco produttivo di effetti immediati se è questo che cercavi/ate. È impossibile uscire dopo aver risolto i problemi della separazione. Si tiene un piede in casa e uno fuori ma quello in casa sembra essere meglio piantato. Separarsi è prima di tutto farlo fisicamente. Cosa più semplice se come nel.vostro caso non ci sono figli.

    • Nina, per carità, il mio gli ha raccontato tutto ad aprile… sembrava che finalmente questa estate si fosse deciso a venire via di casa e invece niente, ha fatto dietrofront e lei se lo è tenuto. Dovevamo partire insieme per la nostra prima vacanza insieme dopo 3 anni e mezzo… mi ha fatto prendere le ferie… e niente, mentre io ero in vacanza con mia figlia (io mi sono separata per lui ad aprile dello scorso anno) lui mi ha lasciato come una stronza. Saremmo dovuti partire al mio rientro, nel frattempo avrebbe sistemato tutto. Invece ha riflettuto e mi ha lasciata.
      Almeno adesso posso aggrapparmi all’odio che provo per lui per ricominciare a vivere la mia vita.

      • C.v.d.
        Quando ci si separa, ci si separa uscendo di casa. Il semplice annunciare una crisi rimanendo dove si è significa dare una chanche alla coppia per riprendersi. Quello che fa funzionare queste storie è proprio il fatto che esiste un segreto, una crepa che la moglie di turno non vede. L’amante invece la conosce bene. Una volta che la crepa è resa evidente, una moglie che vuole tenersi il suo compagno farà ogni cosa per recuperare. Se lui rimane a casa e’ ovvio che la cosa sarà molto più semplice.
        Rimanere a casa= non essere convinti, voler essere smentiti. Un uomo che rimane è un uomo che inconsciamente non vuole andarsene.

    • È lui che vuole separarsi quindi è lui che deve uscire di casa, sempre che sia tutto vero. Non ci sono storie. Il resto son balle.

      • Oggi la tristezza mi fa da padrona…. anche volendo non ci sono possibilità ne di sentirci ne di vederci per altri 10 gg almeno.. ogni tanto mi chiedo magari ha deciso di tornare definitivamente ma in questo momento non avrebbe nemmeno la possibilità di comunicarmelo… booooo che difficile ragazzi vi abbraccio buon ferragosto

          • Non sono iscritta a nessun social ed ho bloccato tutti i contatti whatsapp, chiamate e messaggi come consigliato… la mia mail non gliel’ho mai data…. e non abbiamo amici in comune….in effetti credo sia impossibile anche volendo…. io mi trovo al nord e lui al sud ….ancora per 10 gg

    • Ragazze parlano non parlano… dipende tutto da voi avete l’arma del silenzio e dovrete essere voi ad agire altrimenti campa cavallo

  16. Ma infatti @alessandro,però dico io,dopo tutte le volte che dicono di fare e non fanno,vanno e tornano senza fatti,mesi passati così come ci si può fidare solo della parola?cioè chi ti dice @nina che lui ha parlato con lei?per di più calcolando che non è sposato e non ha figli ed è già più semplice e ti chiede lo stesso un tempo incalcolabile?io quando sento ho parlato con la moglie,compagna mi chiedo sempre,sarà vero?cosa ha detto di preciso?per questo dico fin quando non vedo il culo fuori casa dopo tutti i tira molla per me può fare a meno di farsi sentire.chi mi dice che quando parlano con la moglie compagna e poi stanno lì nel frattempo non si riappacificano o si adattano ad avere una a casa per dividere le spese e una fuori per divertirsi?sarò cattiva ma ora sono molto diffidente. Tu che pensi @nina?lui ha cambiato le sue abitudini?cioè passa più tempo con te o è come prima?perché comunque se ha parlato nel frattempo deve anche sbloccarsi un pò con te,penso

  17. Ciao a tutte,
    Ho letto i vostri commenti.
    Mi ci ritrovo molto.
    E oggi anche per me è una giornata strana.
    In 3 settimane di ferie (perché lavoriamo insieme) non si è fatto vivo.
    E prima di salutarci mi disse che non sarebbe sparito, che mi avrebbe scritto, che gli sarei mancata.
    Ora tutto questo mi pare faccia a cazzotti con il suo comportamento.
    E così sto cercando di applicare il silenzio.
    È difficile.
    E tutte le volte vorrei scrivergli che mi ha presa per il culo ancora. Che lui sta giocando alla famiglia felice del mulino bianco e che al rientro si comporterà come se nulla fosse.
    E mi devo pure sorbire i luoghi visti con la moglie? Ma anche no.
    Solo che sono delusa, vuota. E incavolata.
    E tutte le volte che provo a scrivere poi cancello perché gli direi di tutto e di più.
    Perché Alessandro siamo così deboli?
    A volte mi dico “cavolo sono tosta in tutti gli altri ambiti e con lui non riesco a far uscire le palle come si deve?” Scusa il francesismo.

    • Perché sei innamorata e non devi colpevolizzarti. Preparati piuttosto a dargli il due di picche per il ritorno

      • Mi sto preparando. Sto cercando di pensare a cosa dirgli.
        E sicuramente dirgli che non sono la scopata liberatoria, che anche io merito rispetto e che nella sua lista di priorità sono equiparata alla scuola delle scarpe.
        E mi colpevolizzo invece per essere così innamorata e per aver pensato che mi mancasse qualcosa.
        Ora sento il vuoto.

        • Non devi dirgli assolutamente niente. Questa è la migliore risposta che puoi dargli. Solo così forse capirà che pretendi rispetto o per lo meno sei tu che lo garantisci a te stessa. Inutile sfogarti perchè sa già tutto.
          Io comunque sarei incavolata nera con uno che mi dice che si fa sentire e che gli mancherò e poi sparisce per 3 settimane. Se vogliono il tempo per sentirsi e vedersi si trova anche durante le vacanze…
          È solo questione di intenti comuni.
          Mandalo a quel paese sparendo come sparisce lui.

          • Sto applicando la regola del silenzio infatti.
            E ho una rabbia!
            Sai la novità? Mi ha scritto ieri sera chiedendomi se fosse tutto ok. Pensa. Dici che gli sta iniziando ad arrivare il messaggio?
            Bè comunque non gli risponderò.

  18. Fai bene a non scrivere. Gli diresti solo cose che lui sa già benissimo. E vomitargliele addosso non ti porta a nulla di ciò che vorresti. Piuttosto sfrutta questo suo silenzio per renderti conto di quanto vali per lui e cominciare a pensare all’unica soluzione del problema.

  19. E poi @outlier dopo tre settimane nelle quali non si fa sentire perché è in ferie(i cellulari funzionano anche in ferie,per scrivere un messaggio non ci vuole una vita)si fa risentire con un messaggio e ti scrive tutto OK?è certo,stanno finendo le ferie e ora si fa risentire,non per nient’altro. intanto lui le sue tre settimane se le è godute.

  20. Pensa che il mio ieri mi ha chiamata, ho risposto.non avrei dovuto,lo sò però mi è servito.anche lui ha sempre avuto questa abitudine di raccontarmi le sue feste in famiglia,le sue cene di famiglia mentre io spesso ero a casa da sola ad aspettare i suoi comodi per poi sorbirmi i suoi racconti famigliari.ora vedo tutto questo come un grande egoismo da parte sua,una volta che stava bene lui gli altri possono anche star male…..comunque quest’anno a ferragosto dovevamo stare insieme,ma ieri dopo una settimana di silenzio quasi totale mi chiama e mi dice che lui mi ama e che non sapeva più cosa scrivere perché non sapeva come potevo prenderla che sarebbe già corso da me ma è restato bloccato con la schiena.gli succede sempre qualcosa quando devono fare qualcosa per noi,che strano.io non parlavo.e poi mi dice se potevo dirgli che lo amo,che mi manca.la mia risposta è stata posso anche pensarlo ma non mi và di dirtelo perché sarebbe un tornare indietro e non penso di volere questo.poi se l’è presa perché non gli dicevo cosa avrei fatto ieri sera.e non gli ho detto niente,non per vendetta ma non mi và più di dare spiegazioni ad una persona che non mi ha mai chiesto le altre volte che ero in casa a piangere mentre lui era a festeggiare le feste in famiglia cosa avrei fatto.ho capito che è un grande egoista,che se lui mi vede stare chiusa in casa a piangere ad aspettare è una prova che sono sua,che lui la pensa così. invece io penso che se ami una persona cerchi di farla star bene sempre,e vuoi vederla felice insieme a te sempre e non quando fa comodo,e non gli racconti o fai vedere foto di feste,ferie e tutto il resto che hanno passato con altre persone sapendo,perché lo sanno,che tu sei li a star male perché non erano con te.@outlier capisci quello che cerco di dire?non rispondergli più perché tanto non ti vuol far star bene te,vuole far star bene se stesso e noi innamorate e deboli in questo momento se non hai la mente più che lucida ti fanno passare pure da cattive e colpevoli se non siamo li a struggersi d’amore per loro.e dopo anni non va bene così

    • La schiena ma mollalo! E poi scusa digli che non te ne frega un cazzo di quello che fa con la famiglia

    • Non ci prova nemmeno a farmi vedere le foto. Io non le voglio vedere e se ci prova, giro la testa dall’altra parte. Allo stesso modo se prova a raccontarmi come ha viasuto le ferie da mulino bianco, io cambio discorso. Non me ne importa niente. Ed è una mancanza di rispetto.
      Quindi, in 3 settimane, ha avuto modo di scrivere. Ora siccome si avvicina il rientro, lunedì, sta verificando il territorio?
      No grazie.

  21. Buongiorno a tutti, ho 45 anni e dopo 13 anni di convivenza con la mia compagna mi sono innamorato di una collega coetanea, sposata e madre di due figli. Amore corrisposto tanto è vero che un anno e mezzo fa si è separata, io pur amandola ma non essendo padre ho avuto paura, dopo un breve distacco ci siamo riavvicinati, non potevamo stare lontano, il sesso era il completamento del nostro rapporto….l’inverno scorso si è allontanata perché non vedeva speranza per noi, ho recuperato il rapporto ho mandato via di casa la mia compagna per poterla vivere, a Natale ho chiesto di sposarmi e lei si sciolta, (mi a detto che non vedeva l’ora, e che da quando mi ha conosciuto sognava solo quello). Mi ha presentato i figli e la sua famiglia, tutto bene fino a febbraio quando si è ripresentata la mia ex compagna, che per motivi di salute e di altro si è piazzata nuovamente in casa. Ed io da stupido lo accolta, soffrivo all’idea di non poter frequentare liberamente la donna che amavo e soffrivo all’idea che anche lei soffrisse. Nuovamente la mia collega mi ha cercato e da quel momento abbiamo iniziato a vivere la quotidianità come una coppia vera, quindi ho deciso di tornare a casa una sera e dire chiaramente alla persona che stava con me che non l’amavo più, amavo un altra donna e non potevo vivere senza di lei. Alla mattina sono uscito di casa e non sono più tornato. Ero felice perché finalmente potevo vivere liberamente e serenamente con la donna che amavo, tutto bene? Per niente, dopo esserci parlati la collega, non ha voluto sapere, dice che non si fida e non mi crede, e che indipendentemente che Lei stia o no con qualcuno non mi vuole. Sono passati 4 mesi, io sono distrutto ,soffro, mi è venuta la depressione, non riesco a vivere senza di lei….mi hanno detto che anche lei sta soffrendo, ho provato a parlarle ma non vuole, ovviamente sono bloccato su qualsiasi contatto. Sinceramente non so più cosa fare, non perdo la speranza, io voglio viverla!

    • Beh diciamo che i tuoi precedenti non la rassicurano. Nelle donne c’è una fase di delusione nella quale scatta un relè dal quale non tornano indietro. Oltre un certo livello di delusione sono giustamente irrecuperabili

      • Ciao da donna ti posso dire di non mollare … adesso devi fare di tutto per riconquistarla…. e con i fatti non con le parole …. sicuramente lei è troppo delusa e ferita anche perché con due figli non si può sempre e solo ascoltare il cuore e pertanto capisco che abbia paura a lasciarsi andare di nuovo dopo essersi sicuramente sentita illusa. Impegnati davvero e dimostragli che sei un uomo e che sei deciso a costo di qualunque cosa. Sempre che lei come dice Alessandro non abbia superato il limite… allora non potrai più fare nulla… ma se la ami davvero non puoi stare fermo ma devi provare a fare di tutto. Buona fortuna

        • A parole pur essendo impossibile, non avrebbe senso, penso solo hai fatti (ma onestamente non so cosa fare). Fino ad ora, proprio perché è madre (i figli stanno con lei) e per rispetto ho voluto lasciarla tranquilla e non pressarla!

          • Sbagli secondo me Stefano, il non pressare di solito per noi donne equivale al poco interesse… agisci e subito!!!

          • Ho provato a parlare, ma non vuole, mi evita si chiude in ufficio, fuori mi sembra impossibile raggiungerla…però nel frattempo si informa, chiede e soffre! Vorrei fare qualcosa, voglio fare di più, ma non so cosa

      • Grazie della risposta, lotterò per Lei. Il mio cuore e la mia testa sono pronte ad accoglierla! La amo, ho sbagliato alcune scelte, ne sono consapevole.Voglio riconquistare la Sua fiducia.

        • Dei fiori ogni giorno consegnati a casa. Accompagnati da un biglietto. L’ultimo mazzo con un invito a cena. Dove le darai un anello di fidanzamento. Scommetto che non lo hai ancora comprato.

          • Fiori con biglietto scorsa settimana per suo compleanno (pur sapendo che era in vacanza) anello (importante, anzi, molto importante) scorso Natale

    • Capisco che lei abbia dei dubbi. Lei si è separata (due figli) e tu oltre a farla aspettare e dopo una richiesta di matrimonio hai raccolto in casa la tua ex. Cosa che non ha proprio senso. Sinceramente chiunque dopo tanti tira e molla e dopo promesse tanto grandi a cui seguono atti che paiono contrari (e che paiono passi indietro) perderebbe la fiducia. Considera che ha figli. La sua scelta eventualmente sbagliata coinvolgerebbe anche loro.
      Recuperarla? Forse si.

    • Più che altro @stefano lei ha anche due figli quindi lei ha anche il peso che se fai ancora così dopo ci vanno di mezzo pure i suoi figli che magari nel frattempo li hai conosciuti.lei non può più permettersi di sbagliare sopratutto per i suoi figli,almeno io da mamma la vedo così.non penso potrai far molto. Gli hai fatto fare una parte di mxxxx con la sua famiglia,i figli……..

  22. Ma io l’ho fatto di mollarlo,stò anche uscendo.ho notato una cosa però, che è infastidito dal fatto che Esco e non dal fatto che sono,perché con il cazzo che ora piango chiusa in casa,stata giorni in casa depressa mentre lui era alle grigliate famigliari.e in più ieri ha continuato a chiedermi dove andavo,perché non gli rispondevo su dove andavo.e non gli ho risposto e mi son goduta una serata tra amici e ora non ho nemmeno voglia di farmi rompere le palle da lui che mi vuol far sentire in colpa perché non sono qui tra fiumi di lacrime ad aspettare non so cosa nemmeno.perché @alessandro il brutto è che ti vogliono far sentire pure in colpa perché vuoi uscirne,gli egoisti.

  23. @outlier,il discorso non è che noi dobbiamo cambiare discorso se loro raccontano delle loro cene ferie e altre cazzate varie della loro famiglia, il discorso è che non dovrebbero farlo non per rispetto verso di noi ma perché lo sanno che noi ci stiamo male e se lo fanno è perché non gliene frega un cazzo di farci star male,punto.non bisognerebbe arrivare nemmeno al punto di dire mi da fastidio ma loro se amano non fanno soffrire.certo che ti ha mandato il mess ora per tastare il terreno, non sicuramente per te ma per lui se no trovava il modo di farsi sentire prima.esempio,il mio mercoledì mattina mi dice che aveva mal di schiena, bloccato da una settimana se no correva per parlare con me e bla bla bla.sai perché mercoledì, cioè ieri e non prima è saltato fuori con queste minchiate?perché ieri era festa e lui per farmi sentire in colpa se uscivo perché lui poverino ha mal di schiena è non può io son la stronza. La verità di quello che penso? Che lui non sapeva che cazzo inventarsi.ma io martedì ho toccato il Fondo,non me ne vergogno. Dopo una settimana di sbalzi umore martedì notte ho dovuto chiamare un’amica perché ero al culmine,tutta notte in piedi con lei che è corsa a casa mia.la morale è che questi non corrono mai,nemmeno se sei allo sfinimento, parlano parlano parlano per farci sentire in colpa appena stiamo meglio e spariscono appena iniziano a vedere che ce ne stiamo andando.ritornano quando fa comodo a loro.e questo non è amore che provano per noi.se inizia a raccontarti delle ferie non cambiare discorso,diglielo che è uno sxxxxx a farti star male parlando delle sue ferie felici e mandalo a cagare

    • Esatto e sai perché parlano della loro famiglia? Da una parte per “ricordarvi” che sono impegnati e dall’altra perché chi fa la geisha non fa solo sesso bene ma fa anche la psicologa on demand

      • No psicologa no. Non ho proprio voglia di sentire le sue storie.
        Ma non ho intenzione nemmeno di iniziare a riparlargli al mio rientro (e suo) se non per cose professionali.
        Può benissimo restare dove sta

      • Mah. Io l’ho sempre interpretato come un rendermi partecipe della sua vita. Certo niente foto della moglie…quelle mi provocherebbero l’essicazione istantanea delle ovaie.

  24. Per rendermi partecipe della sua vita @oldplum dovrebbe mangiare con me,dormire con me,passare le feste con me e vivere con me e non raccontarmi le sue feste e cene di famiglia mentre io son stata qui a casa ad aspettare lui che mi girano solo le balle.

    • Quello che ancora non si è capito, nelle nostre storie è che il lui in questione non ama né sua moglie né noi. È sostanzialmente un egoista che tradisce entrambe, una con l’altra, al solo scopo di ottenere ciò di cui ha bisogno da entrambe. Non ama la moglie di cui tradisce la fiducia, né l’amante che fa soffrire nell’ombra. Consapevole di tale fatto personalmente ho iniziato a chiedermi se sia giusto amare chi non mi ama. Perché è così.
      Leggetevi la favola delle capre nuove e delle capre selvatiche di Esopo. Le capre selvatiche sono più intelligenti di noi.

    • Hai ragione. Non ti ama. Forse non è nemmeno capace di farlo in assoluto. Ma a te probabilmente non ama.
      Dovresti cancellarlo tu.

    • Che poi Silvia…Sei così cazzuta . Il tuo termine è scaduto. E tu ancora rispondi ai messaggi?
      E il silenzio?
      Bah.

      • Cazzuta fino ad un certo punto.purtroppo @oldplum io sono ancora innamorata,ho chiuso prima del termine perché ho capito che tanto non stava facendo niente e in questo momento sono molto debole specialmente quando mi arrivano questi messaggi. Ora però è un paio di giorni che stò un pochino meglio e penso proprio che ora riuscirò a non rispondere più a nessuna provocazione.

  25. E poi oggi ha continuato ancora con i messaggi del tipo se non mi rispondi più dovrò con molto dispiacere cancellare il tuo numero,per poi continuare,sò che hai ragione non di stò dando certezze ma tu hai fretta(dopo un anno e mezzo),sò che ti avevo promesso che questo natale eravamo insieme ma non sò dirti di preciso quando sarà, non sò come mai,non sono pronto con le carte ora,se vuoi andartene non posso darti torto ma tu non sai cosa stò provando ora a doverti lasciar andare ma non ti hi detto che non mi separo solo che non sono pronto……e dopo ore gli ho scritto basta che non si merita niente.e lui ancora dopo avergli detto così mi manda un ti amo con i cuoricini.ovviamente non ho più risposto,ora basta davvero.inizio a star bene ora.ma @alessandro ma secondo te sbaglio io dopo un anno e mezzo a volere di più?lui continua a dire che non gli stò dando abbastanza tempo,a me non sembra normale che dopo un anno e mezzo uno non è ancora pronto.e poi io non ce la faccio più a vivere nell’ombra

        • Infatti, questa frase è atroce.
          E nel frattempo che io sto una merda, gli dovresti dire, tu vieni rapito dagli alieni che ancora non ti separi?

      • Perché non gli rispondo allora con molto dispiacere dovrà cancellare il mio numero per non avere più la tentazione di scrivermi….praticamente vuol farmi arrivare al punto di pensare che la colpa è mia perché non gli stò dando tempo e che lui cancella il mio numero perché se no continua a cercarmi e mi fa star male.invece di fare qualcosa di concreto come separarsi per non perdermi cancella il mio numero,bè ha risposto a tutti i dubbi che avevo

        • SilviaR., In questi gg che sto adottando la pratica del silenzio, per quanto difficile, mi sta illuminando. Perché vedi cose che non pensavi. Essendo innamorate noi non ce ne rendiamo conto e accettiamo tutto, ma davvero tutto pur di non perdere nessuno.
          Vedi il mio tipo sposato? Mi dice se è tutto ok, ed io puntualmente non rispondo. Voglio dire, ho fatto tanto io. Se ti interesso adesso tocca a te. Fine.
          Il tizio che ti dice così facendoti sentire così è un insicuro del cavolo. Perché se tu te ne vai poi lui resta senza diversivo. Scusa il termine.
          Ma guarda questi. Cioè, loro non prendono decisioni e siamo noi ad avere colpe? No Silvia R, per favore non farti colpe che non sono tue.
          Al più se ci dobbiamo dare Delle colpe sono solo per aver creduto e aspettato tanto.

          • Ragazze ricordate che mantenere il silenzio in questa fase, di distacco quasi ovvio per via delle ferie è più facile. La parte difficile arriva dopo, quando si rientra tutti e si ritorna alla quotidianità.

  26. Come sempre l’anno colpa è tua. No non sbagli. Un anno e mezzo è sufficiente. E le sue parole sono chiare. Se chiudi lui è “costretto” a chiudere, lui. Ahahahahahahah
    Comunque vedi? È bastata la tua risposta per confermargli che stai male e che sei lì. Non rispondere più. Se ti vuole ti viene a prendere.

  27. Stavo riflettendo, in un attimo di attesa sul lavoro. la motivazione piu’ nobile e teoricamente accettabile che viene data per il fatto di non separarsi è la presenza di figli piccoli. Spesso in questi casi abbiamo una moglie inconsapevole (o che vuole esserlo) e nessuna crisi conclamata in casa. Vacanze insieme, immagine di famiglia che funziona, rapporti sessuali (anche sporadici), anniversari di matrimonio festeggiati etc..
    Il signorino in tutto questo proclama un amore mai provato prima e l’impossibilità di lasciare la famiglia per scopi alti: la serenità dei figli. Mettendosi così nel ruolo della vittima. Lui.
    Io credo che si debba essere onesti. Innamorarsi capita. Lasciarsi andare anche. Ma se la scelta è quella di santificare un progetto allora bisogna essere coerenti se davvero la scelta è etica e non puro comodo. Bisogna smettere di prendere in giro due persone prendendo tutto e regalando bugie alla moglie e briciole all’amante. Hai figli? Vuoi tenere in piedi la famiglia per loro? Fallo. Ma fallo sul serio. Impegnati . Recupera il rapporto. Provaci. Non coinvolgere altre persone che, alla fine, sono un ostacolo che soffre. Questo è essere uomini.

  28. Infatti @silviar hai già interagito abbastanza oltre il termine da te fissato e di cui lui era a conoscenza. Così come era a conoscenza dei motivi per cui tu lo avevi fissato.Non credo ci sia bisogno di spiegare. Ora non ti resta che proseguire con il silenzio se questa è la strada che vuoi percorrere e non hai tentennamenti.

  29. Il silenzio, il silenzio e basta. L’unica cosa che salva. Il silenzio cambia la prospettiva e scioglie le catene. Io ho penato allora per non romperlo, a volte per rabbia, a volte per nostalgia, a volte non so perché ma ogni tanto la tentazione c’era, ma poi passava. E più passa il tempo più vedo l’inconsistenza di ciò che mi veniva offerto in cambio del mio amore. Il mio amore, mica poco eh. Ma scherziamo? Chi ti vuole ti viene a prendere, chi non vuole o non può resta dove sta, e con sommo dispiacere sarà costretto a cancellare il numero, cordiali saluti:)

  30. @oldplum posso chiederti quanti anni hai? trovo il tuo punto di vista sempre molto lucido, così come quello di @ema che però ne è uscita. ragazze, e @alessandro, mi sono ritrovata a pensare che dialogare con voi sia una delle cose più belle legate a questa storia. davvero.
    @stefano: coraggio davvero, tifo per te, un uomo che cambia la statistica è comunque una vittoria per tutte!!!

  31. ps. comunque sto cercando per ora una sistemazione provvisoria per me, per un paio di mesi ospite, poi però voglio una casa, nostra o mia.

  32. Grazie a tutte,comunque visto che con molto dispiacere ieri ha cancellato il mio numero oggi mi è arrivato ancora un messaggio…. Ma grazie anche ai vostri commenti che ho letto e riletto cento volte son riuscita a non rispondere proprio più e a godermi la giornata con mio figlio e le mie amiche e penso proprio di essere un pochino più forte ogni giorno che passa.

  33. Si @alessandro,ma io non rispondo più. Può mandarne anche cento…..anche se spero che ora cancella davvero il mio numero.che poi nelle parole dei suoi messaggi interpreto tutte provocazioni per far muovere me quando io non devo proprio più fare un cazzo di niente.nemmeno a scrivere messaggi è capace

  34. infatti @alessandro secondo messaggio della giornata dove mi ricorda che oggi è venerdì 17 e che il nostro primo bacio è stato di venerdì 17,che sxxxxo.li è colpire dritto al cuore.e per fortuna ha cancellato il mio numero con molto dispiacere

  35. Buongiorno a tutte/i
    dopo 8 gg di silenzio lui mi fa uno sq alle 2e mezza di notte ed io lo vedo la mattina seguente.. io non rispondo e nè nulla! Premetto, che avevo cancellato i suoi numeri x non aver la tentazione di andare a spiare su wz e perchè ero sicura che non mi contattava perchè la moglie ,mi diceva , controllava i suoi accessi. Ieri mi manda un mess su wz chiedendomi come sto..io rispondo “tt ok”.. e lui specfifica che mi aveva mandato il messaggio solo per sapere come stavo . IO gli dico ” “ok, buona giornata”.. Alchè lui inizia ad insinuare dicendomi che mi ero fatta un secondo profilo,visto che lo avevo bloccato, su fb così potevo fare quello che volevo senza essere controllata . Gli rispondo che non avevo bisogno di crearmi altri profili e che soprattutto non devo chattare con nessuno. Poi mi chiede se con mio marito avevo risolto…da lì abbiamo preso il discorso che sono stata io a volermi allontanare ..azz!! Gli ho detto che quando gli mandavo i mess e lo cercavo e lo pregavo per chiamarmi..lui era sparito con la scusa del lavoro e della moglie. Lui mi ha detto che non so nulla dei suoi problemi..ed io, tutti abbiamo i problemi ma non x qst gli avevo voltato le spalle. Poi guarda caso ora il tempo c’è e su wz può chattare tranquillamente. Gli faccio presente ciò e mi risponde che ora la moglie è più tranquilla….ma và..?! Grazie al ca..o, nel vero senso della parola!
    Cmq, mi diceva qst e altro..tutto in tono non dico accusatorio ma quasi. Poi mi dice che mi augurava di trovare la serenità che ho sempre cercato, perchè secondo lui io c’ero quasi…mentre lui, non sapeva se l’avrebbe mai trovata.
    Stamattina su un numero suo mi ha bloccata…sull’altro no? Secondo voi xkè ha fatto così? Alessandro..secondo te ?

      • Ah qst gliel’ho detto! ahaha
        Secondo me è stato un tentativo, il suo, per vedere se ritornavo da lui…bhu…non lo so! :/

        • Vorrei capire come mai ii fase di rientro dalle ferie sono tutti li a scrivere e farsi vivi. Prima erano stati mandati su qualche altro pianeta lontano?

          Per esempio, il tipo mi disse che sarebbe andato all’estero in vacanza e che li non avrebbe scritto .poi mi dice che non ci e andato più ed era contento perché così potevamo scriverci. Ma dai! Peccato che è sparito uguale

  36. Oggi il “mio” mi ha detto per la milionesima volta che basta, che devo essere felice e non pensare a lui. Perché o si fa come in ufficiale e gentiluomo oppure è inutile continuare così. C’è stato un periodo in cui mi sentivo forte e sicura, non lo sentivo, non mi mancava….. invece adesso ci sono ricascata e queste parole fanno male.

  37. Ma tutti questi uomini che ci vogliono così bene,che ci vogliono vedere felici,che rompono i coglioni quando iniziamo a star bene se stanno così male dalle mogli che le lascino invece di rompere le palle quando non li si cerca più. E poi lo vogliono far passare come un favore che stanno facendo a noi.l’unico favore è, ho molli la moglie e stai con me o la pianti di rompere con messaggi,messaggino,cuoricini e altre minchiate.già si fa fatica a continuare con il silenzio se poi ci si mettono pure loro,e tutto perché gli manca una scopata.Pamela SVEGLIA.pensi che perché ti mandano i messaggi gli manchiamo?per mandare un messaggio o telefonare ci vuole un minuto e zero rischi,sai che sforzo.

      • Ma…io non generalizzerei. Io credo che siano uomini molto egoisti (alcuni lo ammettono anche) che comunque fanno una scelta di campo. Perché rimangono a casa. Poi, ovviamente, tentano di tenersi anche il salvagente: l’amante. Perché spesso ne hanno bisogno per vivere la loro scelta. È un po come l’aria condizionata in auto. Serve quando fa particolarmente caldo. Senza si sta male ma si resiste. Si abbassano i finestrini, si soffre un po ma si riesce a viaggiare lo stesso, pur con comfort minore. Sono uomini che soffrono davvero perché io credo che comunque dopo anni di frequentazione perlomeno un forte affetto ci sia, se non l’amore. Alcuni dimenticano con una new entry (Non subito..di solito passa almeno un anno) altri (pochi) decidono di far qualcosa sul serio. Sono pochi, pochissimi. La separazione fa paura. È un mostro. Finché le cose sono gestibili abbassando il finestrino o cambiando l’auto, questi vanno avanti . Per una donna è già difficile. Per un uomo ancor di più. È ammettere un fallimento, cambiare le abitudini, vedere meno i figli, dover dare spiegazioni a tutto il parentato. Un salto nel vuoto. Ci arrivano tutti prima o poi. Come ho già detto il rapporto con la moglie deve essere già assai pregiudicato e di amanti sotto i ponti ne devono essere passate parecchie. Altrimenti è davvero difficile . Parlo dei casi di uomini con figli sotto i 14 anni.
        Gli altri senza figli o neppure sposati o con figli oramai che hanno a loro volta famiglia sono solo degli inqualificabili bastardi.

  38. Ragazze eppure è così ovvio, sono così ovvi. E voi continuare a rispondere. E loro vincono. E voi così scontate e prevedibili. Spezzate il giochino

    • Sai @ema qual’è il problema?e che quando continuano a mandare messaggi tutti i giorni è come se dobbiamo fare uno sforzo doppio tutti i giorni,non è facile.però è vero,non bisogna rispondere se no diventa una cosa infinita.

  39. Si l’offesa è dietro l’angolo… quando sono rinsavita ho iniziato a riflettere, e dire semplicemente cosa non mi andava più bene, anche senza polemiche, era offendere e ferire, perché non sai come sto io, perché non ti sei messa nei miei panni, perché i figli (più alti di lui) perché perché ecc ecc.

  40. A volte penso al livello di ipocrisia che c’è in questa situazione e giuro: mi vien da vomitare.
    Capita sopratutto durante le ferie.
    Immagino le situazioni medio borghesi, la falsità e il perbenismo ostentato da bella famiglia del mulino bianco (che darei a fuoco con le mie mani). E mi sale una nausea terribile. Essere parte di questo teatrino penoso mi fa sentire una deficiente.
    Il fatto è che è un ruolo proprio da macchietta questo. Un ruolo ingrato. Da minus habens. Non me lo sento addosso. Che tristezza.

    • La famiglia non c’entra nulla. Il problema è che gli amanti partono sempre giocando poi il fico diventa una cosa seria ed è meglio interromperlo a tempo debito se non si è in due ad andare nella stessa direzione

      • La famiglia non c’entra perché queste non sono famiglie. Sono ponti di cemento armato tenuti insieme con lo scotch. Sono crateri di falsità e bugie. La famiglia è un’altra cosa.

      • Noi non siamo affatto partiti giocando. Mesi di amicizia senza mezza allusione, io mia storia e lui altra, ci siamo scoperti innamorati profondamente e abbiamo iniziato subito sul serio a progettare insieme. Lui più convinto di me, che mai avrei preso iniziative oltre il divertimento. La fase ludica è coincisa con suoi importanti passi. Poi suo stallo e si torna indietro. Tutto ciò che lo soffocava di colpo è diventato imprescindibile, e via verso la fine.

  41. Per non parlare di quando ti fanno sentire in colpa solo perché magari esci con le amiche o vai a ballare…. sai com’e Ho 26 anni e tu sei un deficiente…. cosa dovrei fare…. ma roba da matti

  42. Ma non glielo dite proprio dove andate!…se loro scompaiono senza spiegazioni sarete autorizzate anche voi a fare lo stesso o sbaglio?
    In una storia d’amore la reciprocità è fondamentale…vale anche per queste cose?

    • Ricordate ragazze, un uomo può anche sbagliare,può mentire alla moglie, all!amante ma non a se stesso, credetemi…può tornare sui suoi passi, lasciare tutto alle spalle e correre da Voi…..

      • E poi Stefano… quando arriva quel momento può essere che sia troppo tardi. Voglio dire…e’ difficile dar spazio nella tua vita ad una persona che ti ha deluso più e più volte. Spesso queste cose fanno proprio consumare il sentimento.
        Può capitare che ad un certo punto anche una cosa che pare minuscola diventi enorme sotto il peso di ciò che si è passato.

        • Infatti questo è il problema, almeno per me. Non il disamore, ma la delusione, non riuscirei più a fidarmi. Scegliere una persona come compagna di vita è cosa seria, almeno per me, il resto sono prove e leggerezza. Non riesco con chi fa avanti e indietro oltre un limite, la fiducia, sapere che ci posso contare, vale più di tutto.

  43. Chi fa avanti e indietro… quello che sostanzialmente fanno con voi. Quindi? Secondo questo ragionamento avreste già dovuto darci all’alta da tempo.

  44. Io credo che certi processi non vadano proprio a braccetto ecco. Io non sono una dipendente affettiva, ero solo profondamente innamorata. E dal capire che lui non si stava più muovendo all’accettare che la nostra storia non aveva futuro il mio cuore ci ha messo un anno. In questo anno si che ci sono stati avanti e indietro, prove disattese, era un tempo per me fisiologico per non morire di dolore bello strappo. Avevo bisogno di sbatterci ecco. La ragione già mi diceva da tempo di andare, il cuore voleva aspettare, credo di aver fatto al momento giusto.

  45. A me succede quando capisco di venire dopo tutto il resto. Nei fatti. Quando me ne accorgo faccio fatica a definirmi innamorata. Non ho piu tempo per rapporti così. Voglio una relazione sana a questa età. Se no preferisco stare per i fatti miei. Ogni volta mi lascia sola per motivi famigliari il mio amore scende. Si sta esaurendo.

    • A me è andata così. Ho avuto bisogno, sul serio, di una presenza reale accanto e non ci poteva essere. La mia vita “vera” anche in casi estremi rimaneva il fanalino di coda, dietro all’ultima minima esigenza della vita di là. Mi è servito per dare le giuste priorità. Non mi sono neanche più posta il problema “lo amo o no” perché ho capito che qualunque cosa fosse non andava più bene per me.

      • Il problema non è ” lo amo o no”.
        Il problema è che io a questo punto non so neppure se la vorrei davvero una vita con lui.

        • Il mio problema è che nonostante tutto, nonostante il silenzio, la rabbia, i pianti, la disperazione, il provare in tutti i modi a distrarmi, il fatto di non essere tutto come lui lo è per me, mi manca come fosse ossigeno…. e nei giorni che passano anziché mancarmi di meno mi manca sempre di più. Vorrei sentirmi dire solo che domani sarà qui con me pronto ad iniziare una vita insieme…. ed invece devo continuare a ripetermi che non mi ha mai amato quanto io amo lui

  46. Nel mio caso è successo che al tipo non gli ho più risposto. Lui mi scrisse “tutto ok” e nulla.
    Oggi mi ha scritto dicendo che domani mattina ci saremmo visti direttamente in ufficio anziché a colazione.
    Ora, va bene così che non ci vediamo. Da donna innamorata mi dispiace ovviamente.
    Ma da realista mi chiedo:
    Questa è la persona che mi disse prima delle vacanze che gli sarei mancata?
    Questa è la stessa persona che è sparito 3 settimane?
    Ora che sta facendo? Si vuole far desiderare e magari farmi passare per quella che ha rovinato tutto?

    • Poi ovviamente, se ti proponesse felice una festosa colazione ti offrirebbe l’occasione di devastarlo su un piatto d’argento, mica è fesso… così si mette in posizione superiore ti fa rosicare ti toglie l’arma, si mostra a scelta contrito o scocciato e tra un po’ (considera) ti ripesca. Il mio ex amante, ho capito dopo un po’, faceva così quando era in difficoltà

  47. @outllier vedrai che la vorrà far passare come se hai sbagliato tu,non cedere.mandalo a quel paese.il “mio” non ha ancora smesso con i messaggi.io ieri sera sono uscite con amiche e in un bar,come può capitare uno si è avvicinato ed ha cominciato a provarci. io in questo momento non ho voglia di uscire con un uomo in maniera seria,comunque abbiamo parlato,riso tantissimo e questo mi mancava da molto tempo.una bella serata.il mio ex sposato che è venuto a conoscenza di tutto ciò mi scrive che la colpa è mia se uno si è avvicinato perché io sono uscita con le amiche in un bar probabilmente di uomini invece di essere in pianti e lacrime e che almeno ora gli passano i sensi di colpa nei miei confronti (per le sue bugie).non sua che è ancora sposato e in fatti non ha fatto un cazzo.che non si è presentato a casa mia perché dice che lo odio.ma pensa un pò. Ma almeno ora la smetterà con i suoi messaggi assurdi.e io non mi sento per niente in colpa perché stò ricominciando a vivere,ridere, star bene.anche se lo amo ancora ma ora stò iniziando ad uscirne e chi me lo fa fare di ricascare in una situazione che distrugge.con che coraggio poi lui scrive certe cose.

    • Si infatti. Alla fine dirà che ho sbagliato io, che lo sapevo, che dovevo dargli il tempo, che è normale che in ferie con la famiglia si distacchi, che è normale che al rientro sia più freddo.
      Che minchiata. Cioè dopo 3 settimane se davvero avessi sentito la mia mancanza e non vedevi l’ora di vedermi, altro che colazione!

  48. infatti, io come consiglio a chi c’è dentro posso dire uscite,divertitevi,conoscete gente, anche se pesa all’inizio uscire,senza farvi venire sensi di colpa.stare in casa ad aspettare loro non serve,se si vogliono muovere lo fanno anche se cominciate a vivere.e se poi rinfacciano perché si inizia a star bene non lo fanno per amore.uno per amore si muove,se uno ci prova si muove.non rinfaccia,non pensiamo che se ci vedono sofferenti iniziano a far qualcosa. Nel mio caso non ha fatto niente in dieci giorni che ero in casa a piangere e come Esco a divertirmi e uno si avvicina scappa.ma io se sono innamorata non scappo,anzi corro ai ripari,faccio di tutto.morale,questi non amano.vogliono solo il controllo assoluto solo per i loro comodi, non per amore.

  49. Lui parte oggi per le vacanze e torna tra una settimana. Gli ho detto che in questi giorni non dobbiamo scriverci.
    Mi manderebbe foto delle vacanze, mi racconterebbe cosa sta facendo, e io morirei di gelosia.
    Dice di amarmi, ma io non ci vedo chiaro. Credo che provi ancora dei sentimenti per lei.
    E allora non voglio soffrire, e lui potrà godersi questi giorni e capire cosa prova.
    Lui sostiene che sia io ad avere dubbi, ma non è cosi.
    Pensavo proprio di bloccarlo, cosa ne pensate?

    • Io trovo che queste foto di famiglia che ti impone siano di un egoismo totale. Oppure pensa che ti facciano piacere? O ti racconta la balla del con te condivido tutto? Ma tu vuoi un uomo così ?

  50. Si è offeso parecchio. .Esatto Ale, “con te condivido tutto”, ma sinceramente lo faccio anche io, non è questo il punto. Io ho una gelosia che non riesco a gestire, forse per una vocina che mi dice che tra loro non è tutto finito. Oggi è andato a vedere un’auto che vorrebbe prendere per lei. Se non ami più una donna, non le compri un’auto, o no?
    Nel frattempo l’ho bloccato, vedremo.

    • Ma cosa c’entra la macchina? Magari serve sul serio. Cosa deve fare? Lasciare a piedi moglie e figlia per fare un piacere all’amante?

      • L’assurdità è fare partecipe l’amante di tutto ciò. E poi ti farebbe piacere un “sai ho deciso di regalare a mia moglie, quella che non amo più e con la quale non faccio più sesso un’auto”. Aspettiamo il trilogy per affetto

  51. È normale che provi dei sentimenti per lei, è la madre delle sue figlie. L’affetto ci sarà sempre e la serenità di vedere la famiglia riunita e felice fa vacillare le certezze e i sentimenti di qualsiasi uomo in una società, la nostra, dove l’uomo è visto ancora come il capofamiglia da cui dipende il benessere e la stabilità di tutti.
    Non capisco questa cosa delle foto…davvero la trovo di cattivo gusto. Come si può pensare solo di farlo…bah…mi sfugge. Non si dovrebbe proprio arrivare a dirlo ma io, qualora il mio amante si azzarderebbe, chiarirei subito che non me ne frega un bel niente di cosa fa quando è nella sua altra vita.

    • Io credo che la cosa peggiore, o per lo meno che a me fa soffrire di più siano i rimpianti… ovvero chiedersi, se avessi fatto così, se non mi fossi arrabbiata in quel modo…se fossi stata piu paziente.. credo siano sintomi di grande insicurezza..

        • Ecco me lo sto domandando.
          Questa mattina ho cercato di essere fredda, glaciale.
          Lui non ha nemmeno fatto un cavolo di niente. Per lui è così, è normale.
          Vi prego, ditemi che non sono io in difetto, che non mi perdo niente e che è un gran deficiente.
          Perché a me fa venire i dubbi.

          • Grazie Alessandro.
            Sono davvero arrabbiata con me stessa per permettere a quest’uomo di avere ancora questi effetti su di me.
            A volte vorrei dirgli “Guarda che dei 10 anni di amore che dici di avere verso tua moglie, gli ultimi 5 gli hai passati venendo a letto con me”

          • Si ma ora basta.
            A questo punto direi che di 10 anni, 5 con me, sono chiacchiere che ama sua moglie.
            Altrimenti non si spiega.
            Direi che ama più se stesso.

      • No Antonella, non devi rimpiangere queste cose. In una relazione bisogna essere autentici. La coppia deve creare uno spazio sacro dove ognuno sa cosa serve all’altro per stare bene e lo fa, agisce in virtù di questo. Se arriviamo a chiedere e a chiederci se abbiano sbagliato a chiedere qualcosa non va nella relazione non in noi.

        • Hai perfettamente ragione. La mia è solo insicurezza. È un anno che ci conosciamo e in tutto questo tempo ho dato il meglio di me, anche dal punto di vista professionale. Adesso solo perché mi sono permessa di fargli notare una cosa del suo comportamento che mi ha fatto male mi sto autoflagellando e colpevolizzando e tormentando. Mi sto facendo del male, molto male.

  52. Sono rientrata a lavoro oggi. C’era anche lui.
    Si è comportato come se nulla fosse. Io invece ho cercato di essere non fredda, glaciale.
    Ha iniziato a chiedermi se fosse tutto ok.
    Poi, come se nulla fosse, mi dice che non dovrà esserci più nessun coinvolgimento (è la 350sima volta che lo dice) per ora.
    Eh no caro. Che sono un oggetto?

  53. Lei, bloccalo perché se no non ne vieni più fuori! Anche il mio faceva così e mi diceva che questo ci legava ancora di più! Tutte balle, io soffrivo e volevo condividere con lui momenti di vita vera, non estratti della sua vita familiare di facciata!

  54. @alessandro, nel mio commento precedente che non hai pubblicato ho forse scritto qualcosa che Non dovevo? In caso posso riformulato perché vorrei avere il vostro punto di vista

    • Io non pubblico vostri post se troppo lunghi o con dettagli di privacy vostra e altrui. Concise e non dettagliate grazie mille

  55. Perdonami, pensavo di essere stata abbastanza prudente.
    Dicevo che dopo una brutta lite con sua moglie, in cui lei l’ha cacciato di casa, lui sia pronto a fare il passo. Dice che la forza la trova nell’amore che prova per me. Io ovviamente fino a che non vedo qualcosa di concreto sto sulle mie. Rimarremo completamente da soli e di questo ne sono consapevole, ma un uomo può rinunciare a stabilità economica, figlie e il resto per……. amore?

  56. Pamela io credo che un uomo che va dall’amante perchè la moglie lo ha cacciato di casa non ha maturato nessuna decisione circa la sua relaziome extraconiugale. Io a queste condizioni non me lo prenderei…manco fosse l’ultimo uomo sulla.terra.Ti chiedi se lui possa rinunciare a tutto quello che ha per amore…ma nel vostro caso lui non sta rinunciando ad un bel niente…è la moglie che lo ha fatto fuori. Conoscendo poi i vostri trascorsi a me viene il dubbio che sia l’ennesima messa in scena…lei lo caccia, poi se ne va pure lei di casa, poi tornano insieme…ma a te non viene il dubbio? Come fai ad essere ancora così accecata?

  57. Si insomma… sono d’accordo con Ema e Franca. A meno che il farsi cacciare come il farsi lasciare sia l’unico modo per tirarsi fuori, certo io non sarei proprio rilassata

  58. No infatti ragazze, io non gli credo o meglio, gliel’ho anche detto poco fa al telefono, che secondo me è l’ennesimo fuoco di paglia, e che fino a che non vedrò non crederò. Stavolta mi tutelo per prima io

  59. io oggi ho rivisto il mio,da stamattina alle sette sono iniziati i messaggi. Con poi per favore ti devo vedere. OK,non a casa mia,vengo con la mia macchina in un bar ho detto e così è stato.lui era sconvolto e allora ha iniziato con,quanto sei bella,non ce la faccio senza di te,son passato davanti casa tua tutti i giorni. E io gli ho detto che mi ha delusa, credevo in lui e alla mia domanda non sei pronto mentalmente o con le carte(quando lui aveva detto che non era pronto solo per una questione di carte)mi dice,tutte e due.e poi mi dice tu staresti lontana dai tuoi figli?e allora ho risposto che i suoi figli quasi quarantenni sono grandi,vaccinati e hanno una loro vita e che gli può vedere lo stesso,magari all’inizio sarà un pò dura.e poi aggiungo il problema non è questo, tu mi vorresti vedere da sola alle feste,ferie,notti…non penso.e lui mi dice,hai ragione e io non ti stò dicendo che non vengo da te.allora a quel punto gli ho detto,devi scegliere, non ce ne sono di storie.mi dice quanto tempo ho?e io gli dico le tue carte sin pronte quando.sicuro al cento per cento per potermi separare entro la fine dell’anno. Ecco,questo è il tuo tempo,poi se non ci sei sei morto per me però ora non ti voglio vedere tutti i giorni come prima,ora voglio tenermi quello che mi stò creando .poi si vedrà.ma a me non chiedere più niente.ricordati che io sò cosa vuol dire non risponderti più, non cercarti più e iniziare a star meglio quindi ora che ho provato son sicurissima che poi ce la faccio.almeno una volta per tutte ha detto come stanno le cose che è quello che volevo di più, le cose chiare per aver diritto di scelta.avrei preferito all’inizio.

  60. Ciao a tutti e ciao Alessandro! Vi scrivo perché non capisco. Impegnata io, sposato lui. Entrambi abbiamo un figlio. Va avanti da due anni. Mai nessuna promessa, mai nominata la parola amore, solo qualche ti voglio bene. Passiamo del tempo insieme anche solo “in amicizia”. Lui è felice con lei, io non lo sono più con il mio compagno. Quello che mi chiedo è: possibile che lui sia davvero innamorato della moglie come sembra? Come riesce a fare finta di nulla? Stanno insieme da una vita, e va bene, ma…come fa? Cosa vorrei io? Forse semplicemente vorrei non essere solo un riempitivo dei suoi ritagli di tempo. E non riesco a rinunciare alla sua presenza nella mia vita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

@anpellizzari

La mia Rubrica su Panorama.it